Sei sulla pagina 1di 42

L umi n escenza 


Christian Perra
“…E io vi servo con amore e compassione
rendendo vostre le mie parole i miei sentimenti;
per chi ne ha bisogno e
per chi non ha parole per esprimere ciò che sente”

Christian

Luminescenza

6
I

7
Quando ci separammo dimenticammo
dimenticando soffrimmo 
e divenimmo compimento della materia


8
Non seppimo di dove fummo
e non vedemmo la verità 
perché non alzammo lo sguardo


9
Come colui che emerse dalle acque 
ingannammo noi stessi
credemmo di essere unici
e confondemmo la materia con lo spirito


10
L’inganno è di questo mondo
guardammo il riflesso sulle acque
e credemmo che fosse il vero
generammo miriadi di pensieri 
che soffiarono nei tempi
e perdemmo il contatto con ciò ch’è vivente


11
Precipitati nell’ultima sfera
abbiamo reso casa l’eone della materia
idolatrando i sensi e i pensieri ci allontanammo
trovammo un inganno che fu verità
e così uccidemmo noi stessi


12
La verità non è di questo eone
ciò ch’è immortale non t’abbandona
le spoglie il ricordo il respiro sono le vesti
strada sono il silenzio intimo la conoscenza
l’accesso è la sorella con la chiave d’oro
così la porta non è il fine 
ma colui che vede oltre si fa occhio e forma


13
Quando accettammo ci prostrammo
quando ci prostrammo rinunciammo
quando rinunciammo ci svuotammo
quando ci svuotammo fummo colmati
quando fummo colmati ascendemmo
quando ascendemmo divenni


14
II


15
Colui chӏ perfetto ha donato se stesso
il dono la rinuncia l’amore universale
l’Unità è il dono per colui che si fa bimbo ignudo


16
le discipline che separano sono frutto della materia
la verità non è in bocca all’uomo 
non è parola ma simbolo


17
il cercatore di morte verrà ridestato
dalla morte dell’illusione
il mondo vivente che diviene opera


18
chi non abbandona la propria forma
non potrà tornare alla forma


19
aceto fiele privazione e silenzio
farsi ultimo e piccolo
l’ascesi è nella morte


20
Conclude il ciclo colui ch’è buono
poiché viene chiamato ad essere perfetto
Il ciclo perituro del transeunte giunge a compimento
laddove s’incarna in un essere simile agli angeli


21
III


22
E venne simile alla notte
portando nel mondo pentimento
si spogliò delle vesti in preghiera
a tutti fu concesso ma pochi la udirono
coloro che udirono si genuflessero in pianti
riscoprirono il proprio sé ignudo
a motivo della propria emanazione


23
gli abbandonati furono ritrovati
riscoprirono il dentro del fuori
ed essi stessi abbandonarono
ciò che loro fu dato


24
furono diminuiti da sé stessi in sé stessi
estranei in ciò ch’è estraneo
furono adoratori della porta
guardando ciò ch’essa cela
il grande abisso il cosmo interiore


25
essi videro la consumazione dell’eone
conobbero e all’immutabile si unirono


26
tornarono al luogo del primo eone 
ch’è il dentro e il fuori di ogni cosa 
per tornare uscirono nel dentro
furono rinuncia e abbandono
la casa è l’origine.


27
III


28
Dio del silenzio luogo del riposo 
senza forma tra i senza forma
gloria incommensurabile
tutto inconoscibile
forma dell’ingenerato
bisbiglio di quiete
acqua di pace

29
Il momento che nessuno ricorda 
siamo polvere in cerca della luce
non si può trarre la verità dall’ordinamento del mondo
autogoverno provvidenza predestinazione;
vuoto insensatezza mancanza di discernimento


30
La verità è la liberazione dalle catene
pensiero io tu
Colui che diviene immortale è armonia
armonia di fronte alla morte


31
l’ingenerato non ha inizio 
colui ch’è generato perisce
colui che ha nome è generato


32
Egli è innominabile
la forma senza forma
le sembianze senza se e senza ma


33
la vista è un inganno del cuore
stranieri nelle proprie sembianze
colui che è infinito incomprensibile
le sembianze del sempre


34
invisible inconosciuto inimmaginabile
essenza al di sopra dell’intelletto conoscibile
Egli è l’intelletto inarrivabile
pensiero riflessione saggezza 
ragione potere conoscenza


35
colui che genera non crea
Egli è il generatore delle forze immortali
l’eone primo autogenerato
ciò ch’è creato perisce
ciò ch’è generato non perisce
i figli periscono perché creati 
non generati
perché il loro padre è una forza inferiore
ciò che non è rivelato è la fede


36
la creazione imperfetta e peritura
creata a somiglianza di ciò 
ch’è perfetto e immortale
il padre creatore non generatore
l’immagine è somiglianza di qualcosa ch’è infinito
il corpo e la materia trascendono ciò ch’è vero


37
Egli si guarda e si conosce
la forma immanifesta del preesistente
colui che vuole ascendere trascende
inganno della vista dei nomi 
tutto ciò ch’è manifesto
la diminuzione del sé
la chiave d’oro
la porta dell’inconoscibile
luminescenza dell’ascesa.

38
39
Settembre 2019

christianperrawriter@gmail.com

christianperrawriter.blogspot.com


40
Luminescenza 1

I 7

II 15

III 22

III 28

41
42