Sei sulla pagina 1di 14

Formulario di Onde

O.1 Proprietà elastiche dei solidi (per piccole deformazioni)

Legge di Hooke: F = k|∆l|


1
Energia potenziale elastica: U= k(∆l)2
2
F la forza F è applicata perpendicolar-
Carico specifico o sforzo: σ= ,
A mente alla superficie A
∆l
Allungamento lineare o deformazione specifica: ε =
l0
σ l0
Modulo di Young o modulo di elasticità: Y = =k
ε A
σ
∆l = εl0 = l0
l0 = lunghezza a riposo
Y σ
l = l0 + ∆l = l0 1+ ∆l = allungamento sotto l’effetto di σ
Y
Un solido che, sottoposto alla forza F , subisce una deformazione longitudinale ∆l, subisce
anche una deformazione trasversale ∆r tale che: ∆r/r = −ν(∆l/l), dove ν è il coefficiente
di Poisson (0 < ν < 0.5, caratteristico di ogni materiale).
Y
Modulo di rigidità o di taglio: G=
2(1 + ν)
Deformazione per scorrimento:

F F è applicata tangenzialmente alla superficie A


σ= = Gθ
A θ = angolo di deformazione

Deformazione (di una sbarra cilindrica) per torsione:

M = momento torcente
π r4
M = kθ k= G θ = angolo di torsione
2 l r, l = raggio e lunghezza della sbarra

Y
Modulo di compressibilità isoterma: βT =
3(1 − 2ν)
∆V ∆p
Compressione uniforme (a temperatura costante): =−
V βT

O.2 Equazione delle onde (equazione di d’Alembert) in tre dimensioni

∂2ξ ∂2ξ ∂2ξ 1 ∂2ξ


+ + =
∂x2 ∂y 2 ∂z 2 v 2 ∂t2
v è la velocità di propagazione.
Vale il principio di sovrapposizione: una qualsiasi combinazione lineare di soluzioni è, a sua
volta, una soluzione dell’equazione delle onde.
Soluzione generale in una dimensione:

ξ1 = onda progressiva
ξ(x, t) = ξ1 (x − vt) + ξ2 (x + vt)
ξ2 = onda regressiva

1
O.3 Propagazione delle onde nei mezzi materiali
Onde elastiche longitudinali in una sbarra solida sottile
s
Y Y = Modulo di Young
velocità di propagazione: v=
ρ ρ = densità di massa

Onde elastiche trasversali/torsionali in una sbarra solida


s
G G = Modulo di rigidità
velocità di propagazione: v=
ρ ρ = densità di massa

Onde elastiche in una corda tesa


s
T T = Tensione
velocità di propagazione: v=
ρl ρl = densità lineare di massa

Onde elastiche in una membrana tesa


T = Tensione superficiale (forza per
s
T
velocità di propagazione: v= unità di lunghezza)
ρΣ ρΣ = densità superficiale di massa

Onde in un gas

p0 = pressione media ρ0 = densità di massa media


T = temperatura assoluta V = volume
R = costante dei gas A = massa molare
γ = costante adiabatica n = numero di moli

dp dp
Modulo di compressibilità: β = −V =ρ
dV dρ
Per un gas ideale (pV = nRT ):

isoterma: βT = p
Modulo di compressibilità
adiabatica: βS = γp
s
β
velocità di propagazione dell’onda: v=
ρ0
Nelle situazioni più comuni la propagazione di un’onda in un gas avviene in condizioni
adiabatiche, quindi β → βS :
s r
βS γp0 γRT
r
v= = =
ρ0 ρ0 A

Onde sulla superficie di un liquido


velocità di propagazione:

λ = lunghezza d’onda
ρ = densità del liquido
s 
gλ 2πτ 2πh
v= + tanh h = profondità del liquido
2π ρλ λ
τ = tensione superficiale
g = accelerazione di gravità

2
O.4 Onde armoniche
Onda piana armonica progressiva

ξ(x, t) = ξ0 sin k(x − vt) + φ = ξ0 sin(kx − ωt + φ)

ξ0 = ampiezza (costante)
k = numero d’onda [unità di mis.: rad/m]
ω = pulsazione [unità di mis.: rad/s]
kx − ωt + φ = fase (φ = costante arbitraria)
1
f = frequenza T = = periodo
f
2π 2π v λ
ω = kv λ= T = ω = 2πf λ = vT = v= = λf
k ω f T
Altre espressioni equivalenti:
   
x t
ξ(x, t) = ξ0 sin(kx − ωt + φ) = ξ0 sin 2π − +φ =
λ T
   
2π 2π  x 
= ξ0 sin (x − vt) + φ = ξ0 sin −t +φ
λ T v

Le espressioni per un’onda armonica regressiva si ottengono dalle precedenti con la sostitu-
zione (x − vt) → (x + vt)

Onda armonica piana in tre dimensioni


ξ(~r, t) = ξ0 sin(~k · ~r − ωt) ~k · ~r = kx x + ky y + kz z λ=
|~k|

Potenza di un’onda armonica


In una corda tesa:
spostamento: s = A sin(kx − ωt)
∂s ∂s
potenza istantanea (T = tensione) : P = −T = T A2 ωk cos2 (kx − ωt)
∂x ∂t
dUmecc 1
densità lineare di energia meccanica: wl = = ρl ω 2 A2
dx 2
1 1 1
potenza media: Pm = T ωkA2 = v 2 ρl ωkA2 = ρl ω 2 A2 v = wl v
2 2 2
Intensità: I = Pm = wl v [unità di mis.: W]
In una sbarra solida o in un gas (Σ = sezione della sbarra o del tubo di gas)
spostamento: s = A sin(kx − ωt)
potenza istantanea: P = ρω 2 A2 vΣ cos2 (kx − ωt)
1
densità (volumica) di energia meccanica: wτ = ρω 2 A2
2
1 2 2
potenza media: Pm = ρω A vΣ = wτ vΣ
2
 
1 dUmecc Pm W
Intensità: I = = = wτ v [unità di mis.: ]
Σ dt m Σ m2
Su una superficie (membrana elastica o superficie di un liquido)
potenza media: Pm = wΣ vl (wΣ = densità superficiale di energia meccanica, l = sezione
lineare dell’onda)
 
1 dUmecc Pm W
Intensità: I = = = wΣ v [unità di mis.: ]
l dt m l m

3
Onda sonora in un gas
Onda di spostamento: s = A sin(kx − ωt)
1 1
potenza media: Pm = βωkA2 Σ = ρ0 ω 2 A2 vΣ = wτ vΣ
2 2
Onda di pressione:
∂s  π
∆p = −β = ρ0 vωA sin kx − ωt − = −ρ0 vωA cos(kx − ωt)
∂x 2
(∆p)max = ρ0 vωA = 2πρ0 f vA
1 (∆p)2max
Intensità: I = wτ v = ρ0 ω 2 A2 v =
2 2ρ0 v
I I0 = soglia di udibilità
livello sonoro: B = 10 log
I0 log = logaritmo decimale.
Velocità del suono in aria (p = 1 atm, T = 20◦ C): cs = 343 m/s

Onde sferiche (armoniche)

ξ0
ξ(r, t) = sin(kr − ωt) (onda progressiva)
r

Potenza media: Pm = I(r)Σ(r) = 4πCξ02 C = costante, dipende


dalla natura dell’onda
Pm Pm I0 Pm
Intensità: I(r) = = = 2 I0 =
Σ(r) 4πr2 r 4π
Onda sferica sonora:
ρ0 vωA 1 2 A2
∆p = cos(kr − ωt) I(r) = ρω 2 v
r 2 r

Onde cilindriche (armoniche)

ξ0
ξ(r, t) = √ sin(kr − ωt) (onda progressiva)
r

Potenza media: Pm = I(r)Σ(r) = Cξ02 2πh C = costante, dipende


dalla natura dell’onda
Pm I0
Intensità: I(r) = =
Σ(r) r

O.5 Analisi di Fourier


Funzione di una variabile f (u) periodica con periodo U : f (u + U ) = f (u).
∞ 
X  2π
f (u) = a0 + am cos(mwu) + bm sin(mwu) w=
m=1
U

U U
1 2
Z Z
a0 = f (u)du am = f (u) cos(mwu)du
U 0 U 0
U
2
Z
bm = f (u) sin(mwu)du
U 0
Z ∞ h i
Funzione non periodica: f (u) = a(w) cos(wu) + b(w) sin(wu) dw
0
∞ ∞
1 1
Z Z
a(w) = f (u) cos(wu)du b(w) = f (u) sin(wu)du
π −∞ π −∞

4
O.6 Battimenti:
Sovrapposizione di due onde armoniche con diversa frequenza (stessa ampiezza)

s1 = A sin(ω1 t) s2 = A sin(ω2 t)
   
ω1 − ω2 ω1 + ω2
s = s1 + s2 = 2A cos t sin t = 2A cos(Ωt) sin(ωt)
2 2
Frequenza di battimento (modulazione di ampiezza percepita da un osservatore quando le
frequenze sono molto simili tra loro):

|ω1 − ω2 |
fb = |f1 − f2 | =

O.7 Effetto Doppler

cs : velocità del suono nel mezzo


vT velocità del trasmettitore (sorgente), diretta verso destra
vR velocità del ricevitore (osservatore), diretta verso destra
Per vT < cs , vR < cs :
cs − vR ~vT ~vR
Se il ricevitore precede il trasmettitore: fR = fT Tr - Rr -
cs − vT
cs + vR ~vR ~vT
Se il trasmettitore precede il ricevitore: fR = fT Rr - Tr -
cs + vT
Per velocità dirette verso sinistra basta cambiare il segno nelle formule precedenti.
Se le velocità ~vR e ~vT non sono dirette lungo la congiungente trasmettitore-ricevitore, nelle
formule precedenti bisogna usare le componenti delle velocità lungo la congiungente stessa.

O.8 Onda d’urto


cs
Per vT > cs , angolo di semiapertura del cono sonico: sin θ =
vT
vT
numero di Mach =
cs

O.9 Pacchetti d’onda

∆k∆x ≥ 2π ∆ω∆t ≥ 2π ∆f ∆t ≥ 1
Si definisce la relazione di dispersione (relazione tra la frequenza angolare e la lunghezza
d’onda: ω(k) = vf (k)k
Velocita’ di fase: vf = ω/k.
Se vf è costante (cioè indipendente da k), il mezzo è non dispersivo: tutte le onde,
indipendentemente da λ, hanno la stessa velocità di propagazione.
Se vf dipende da k il mezzo è dispersivo. Il pacchetto si deforma e avanza con la velocità
di gruppo:
dω dvf dvf dvf
vg = = vf + k = vf − λ = vf + f
dk dk dλ df
In un mezzo non dispersivo vg = vf .

O.10 Interferenza
Nel punto P giungono due onde emesse (stessa frequenza e lunghezza d’onda), rispettiva-
mente, da una sorgente a distanza x1 e da un’altra a distanza x2 da P ,
ξ1 (P, t) = A1 cos(ωt − kx1 − φ1 ) = A1 cos(ωt + α1 )

5
ξ2 (P, t) = A2 cos(ωt − kx2 − φ2 ) = A2 cos(ωt + α2 )

ξ(P, t) = ξ1 (P, t) + ξ2 (P, t) = A cos(ωt + α)


q q
A = A21 + A22 + 2A1 A2 cos(α1 − α2 ) = A21 + A12 + 2A1 A2 cos δ
A1 sin α1 + A2 sin α2
tan α =
A1 cos α1 + A2 cos α2
Interferenza costruttiva: δ = α1 − α2 = 2nπ n = 0, ±1, ±2, . . .
Interferenza distruttiva: δ = α1 − α2 = (2n + 1)π n = 0, ±1, ±2, . . .

Intensità: p
I(P ) = I1 + I2 + 2 I1 I2 cos δ
Nel caso particolare di due onde di uguale ampiezza A1 = A2 = A0 :

δ α1 + α2 δ
A = 2A0 cos α= I = 4I0 cos2
2 2 2

O.11 Onde stazionarie


Onde stazionarie unidimensionali

s(x, t) = A sin kx cos ωt


Corda tesa di lunghezza L con gli estremi entrambi fissi, colonna di gas chiusa ad
entrambe le estremità (o aperta ad entrambe le estremità):
v 2L π
Serie armonica: fm = m = mf1 , λm = , km = m m = 1, 2, . . .
2L m L
Se la corda (o colonna di gas) ha gli estremi in x = 0 e x = L:

λ π
posizione dei ventri: x = (2m′ + 1) = (2m′ + 1)


4 2k m′ = 0, 1, 2, . . .
λ π
posizione dei nodi: x = m′ = m′ 

2 k
Corda tesa di lunghezza L con un’estremità libera ed una fissa, colonna di gas con
un’estremità chiusa ed una aperta:
Serie armonica:
v 4L
fm = (2m + 1) = (2m + 1)f1 , λm = , m = 0, 1, 2, . . .
4L 2m + 1
Onde stazionarie in due dimensioni
Membrana rettangolare tesa, tensione T (forza per unità di lunghezza, [N/m]), densità
superficiale di massa σ. All’equilibrio la membrana è ferma sul piano xy (z = 0), investita
da un’onda vibra in direzione z. p
La velocità di propagazione è v = T /σ
Onde stazionarie:
π π
kx = nx , ky = ny
z(x, y, t) = A sin(kx x) sin(ky y) sin(ωt) Lx Ly
nx , ny = 1, 2, 3 . . .

(Lx e Ly sono le lunghezze della membrana in direzione x e y)


s
q n2x n2y 2π
Vettori d’onda: knx ,ny = kx2 + ky2 = π + =
L2x L2y λnx ,ny
s
v v n2x n2y
Frequenze di vibrazione: fnx ,ny = knx ,ny = 2
+ 2
2π 2 Lx Ly

6
Formulario di Fluidi
F.1 Pressione
F
p= F = forza perpendicolare alla superficie S.
S
Z
Lavoro della pressione: W = p dV V = Volume

~ = ρf~ ρ = densità di massa del fluido


Equilibrio statico di un fluido: ∇p
f~ = forza sull’unità di massa
Se la forza è conservativa: f~ = −∇U
~ 1 U1 = en. pot. dell’unità di massa

F.2 Legge di Stevino


Equilibrio in presenza della forza peso per un fluido incompressibile:

p(h) = p0 + ρgh

dove: h =profondità (misurata dalla superficie, h crescente verso il basso)


p0 = pressione sulla superficie (pressione esterna)
ρ = densità di massa del fluido, costante
g = accelerazione di gravità, costante
Pressione atmosferica isoterma (p/ρ =costante, g = costante):
p0 z = altezza, crescente verso l’alto
p(z) = p0 e−z/α α=
gρ0 p0 , ρ0 = pressione e densità a z = 0
Unità di misura: 1 atm = 101325 Pa = 760 Torr=760 mmHg, 1 bar = 105 Pa

F.3 Spinta di Archimede o spinta idrostatica

F~A = −ρfluido Vcorpo ~g

F.4 Liquido in rotazione


ω = velocità angolare
ω2 2
Superficie di equilibrio: z= r +h r = distanza dall’asse di rotazione
2g
h = profondità del liquido a r = 0
∂p ∂p
Gradienti di pressione: = −ρg = ρω 2 r
∂z ∂r

F.5 Forza di attrito interno

kg
dv η = viscosità [unità di mis.: 1 poise=0.1 ms = 0.1 decapoise]
F = ηS S = superficie di contatto
dn dv
dn = gradiente di velocità in direzione ortogonale a S

Fluido ideale: η=0

F.6 Portata
v = velocità del fluido
Portata in volume: Q = vS
S = sezione del tubo di flusso
Portata in massa: Qm = ρvS
Regime stazionario per un fluido ideale: Q = vS = costante

7
F.7 Legge di Bernoulli (fluido ideale, incompressibile)

p, v = pressione e velocità del liquido


1
p + ρv 2 + ρgz = costante ρ = densità del liquido (uniforme)
2
z = altezza, crescente verso l’alto

F.8 Fluido reale (η 6= 0)


Moto laminare in regime stazionario:
Profilo di velocità del fluido in un condotto cilindrico di lunghezza L e raggio R:
p1 = pressione del fluido in entrata
p1 − p2 2
v(r) = (R − r2 ) p2 = pressione del fluido in uscita
4ηL
r = distanza dall’asse del cilindro
πR4 p1 − p2
Legge di Hagen-Poiseuille: Q =
8η L
Q R2 (p1 − p2 )
Velocità media sulla sezione del condotto: vm = 2
=
πR 8ηL
∆p p1 − p2 8η
Caduta di pressione per unità di lunghezza: = = 2 vm
L L R

Moto vorticoso
vdρ
Numero di Reynolds: R =
η
Transizione da regime laminare a vorticoso: in generale dipende dalla geometria;
per condutture cilindriche: Rc ∼ 2000
Caduta di pressione per unità di lunghezza (conduttura cilindrica, regime turbolento):
∆p ρ 2
=k v
L 2R m (k = coeff. di resistenza)

Moto di un corpo in un fluido


Resistenza del mezzo per un oggetto sferico (raggio R), in regime laminare:
Legge di Stokes: Fres = 6πηRv
A = superficie alare (parallela al moto)
v = velocità relativa media
Portanza: F = 2Aρv∆v
v + ∆v = velocità del fluido sopra l’ala
v − ∆v = velocità del fluido sotto l’ala

F.9 Fenomeni di superficie (liquidi)


Tensione superficiale (energia per unità di superficie libera): τ, caratteristica del liquido
[unità: N/m]
Lavoro per modificare superficie libera di un liquido: dW = τ dS

Pressione di una superficie sferica (raggio R): pτ =
R

Bolla di sapone: ∆p = pint − pest =
R
Altezza del liquido in un tubo capillare:
R = raggio del tubo
2τ cos α
h= α = angolo di contatto
ρgR (α = 0 se il liquido bagna le pareti)

8
Formulario di Termodinamica
Punto triplo dell’acqua: Ttriplo = 273.16 K.
Conversione tra gradi Celsius e gradi Kelvin (temperatura assoluta): t(◦ C) = T (K) − 273.15
Conversione tra Caloria e Joule: 1 cal = 4.186 J

T.1 Calorimetria
d̄Q
Capacità termica di un corpo: C=
dT
C 1 d̄Q
Calore specifico: cm = = (capacità termica dell’unità di massa)
m m dT
1 d̄Q
Calore specifico molare: c= (capacità termica di una mole di sostanza)
n dT
m = massa che cambia fase
Cambiamenti di fase: Q = mλ
λ = calore latente
NB: il simbolo d̄ indica un differenziale non esatto, infatti la quantità di calore scambiato
ed i calori specifici dipendono dal tipo di trasformazione.

T.2 Conduzione del calore


k = conducibilità termica
dT dT /dx = gradiente di temperatura
Legge di Fourier: ∆Q = −k S∆t
dx S = superficie attraversata dal calore
∆t = intervallo di tempo
Passaggio di calore da un solido ad un fluido
(Solido a temperatura T , fluido a temperatura T0 )
h = conducib. termica esterna
Legge di Newton: ∆Q = h(T − T0 )S∆t S = superficie di contatto
∆t = intervallo di tempo
Irraggiamento
Potere emissivo ε: energia emessa dall’unità di superficie nell’unità di tempo.
e = emissività (0 < e < 1)
(e = 1: superficie nera)
Legge di Stefan-Boltzmann: ε = σeT 4 2
σ = 5.67 · 10−8 J/(m sK4 )
T = temperatura assoluta

T.3 Dilatazione termica di solidi e liquidi


1 ∆l
Coefficiente di dilatazione lineare: λ =
l ∆T

∆l = λl∆T l = l0 1 + λ(T − T0 )
1 ∆V
Coefficiente di dilatazione volumica: α =
V ∆T

∆V = αV ∆T V = V0 1 + α(T − T0 )

Per materiali isotropi: α = 3λ.

T.4 I principio della Termodinamica


In un sistema che compie una trasformazione vale la relazione seguente tra: variazione di
energia interna ∆U , calore scambiato Q e lavoro scambiato W :
Q > 0 se ceduto dall’esterno al sistema
Q = ∆U + W
W > 0 se compiuto dal sistema sull’esterno

9
T.5 Energia interna U
• In una trasformazione A → B: ∆U non dipende dal tipo di trasformazione ma solo dagli
stati A e B: ∆U = UB − UA (funzione di stato).
• In una trasformazione in cui il sistema torna nello stato iniziale: ∆U = 0
• Trasformazione infinitesima: d̄Q = dU + d̄W
• Trasformazione adiabatica: d̄Q = 0, Q = 0, ⇒ W = −∆U
• Trasformazione reversibile: in ogni stato intermedio il sistema è in equilibrio termico e
meccanico con l’esterno.
• Trasformazione irreversibile: il sistema passa attraverso stati di non equilibrio.

T.6 Gas ideali


Numero di Avogadro: NA = 6.02214 · 1023 molecole/mol
Costante dei gas: R = 8.314 J/mol K
R
Costante di Boltzmann: kB = = 1.3807 · 10−23 J/K
NA

p = pressione del gas V = volume T = temperatura assoluta


n = numero di moli N = numero di molecole m = massa di una molecola
A = massa molare M = massa del gas ρ = densità del gas
A = mNA N = nNA M = mN ρ = mN M
V = V

Equazione di stato dei gas ideali:

pV = nRT pV = N kB T pA = ρRT

Lavoro compiuto dal gas in una trasformazione


Z
pest =pressione esterna, cioè la forza per unità
W = pest dV
di superficie che si oppone dall’esterno al gas

Se la trasformazione è reversibile: pest = p(V ) = pgas

nRT
Z Z
Wrev = p(V )dV = dV
V

Se la trasformazione è irreversibile ma la pressione esterna è nota e costante:

W = pest ∆V

Calore specifico molare di un gas ideale


 
1 d̄Q
volume costante (trasf. isocora): cV =
n dT V
   
1 d̄Q 1 dH
pressione costante (trasf. isobara): cp = =
n dT p n dT p
3 5
gas ideali monoatomici: cV = R = 12.47 J , cp = R = 20.79 J
2 mol K 2 mol K
5 7
gas ideali biatomici: cV = R = 20.79 J , cp = R = 29.10 J
2 mol K 2 mol K
Relazione di Mayer: R = cp − cV
cp R γR
Costante adiabatica: γ= γ>1 cV = cp =
cV γ−1 γ−1

10
5 7
gas ideali monoatomici: γ = gas ideali biatomici: γ =
3 5
1 1 dV
Coefficiente di compressibilità β: =−
β V dp
Compressibilità isoterma di un gas ideale: βT = p
Compressibilità adiabatica di un gas ideale: βS = γp

Energia interna di un gas ideale


1 dU
dU = ncV dT cV = U = ncV T + cost.
n dT

Trasformazioni
• Trasformazione adiabatica dallo stato A allo stato B:
pA VA − pB VB
Q=0 ⇒ W = −∆U = −ncV ∆T = −ncV (TB − TA ) =
γ−1

Trasformazione adiabatica reversibile:


1−γ
T V γ−1 = cost. pV γ = cost. Tp γ = cost.

• Trasformazione isoterma dallo stato A allo stato B:

TA = TB ⇒ ∆U = 0 Q=W pA VA = pB VB = nRT

Trasformazione isoterma reversibile:


B
VB
Z
W = pdV = nRT log
A VA

• Trasformazione isocora dallo stato A allo stato B:


pA pB nR
VA = VB ⇒ W =0 Q = ∆U = ncV (TB − TA ) = =
TA TB V

• Trasformazione isobara dallo stato A allo stato B:

pA = pB ⇒ Q = ncp (TB − TA ) W = pA (VB − VA ) = nR(TB − TA )


VA VB nR
∆U = Q − W = ncV (TB − TA ) = =
TA TB p
Entalpia: H = U + pV dH = ncp dT H = funzione di stato.
• Trasformazione ciclica:
∆Uciclo = 0 Qciclo = Wciclo
Qciclo = Qassorbito + Qceduto = Qassorbito − |Qceduto |
Wciclo = Wcompiuto + Wsubito = Wcompiuto − |Wsubito |
Wciclo Qciclo |Qced |
Rendimento di una macchina termica: η= = =1− 0<η<1
Qassorb Qassorb Qassorb
Qassorb
Efficienza (o coefficiente di prestazione) di un ciclo frigorifero: ξ =
|Wciclo|
NB: l’efficienza di un ciclo frigorifero è anche detta “coefficiente frigogeno” e indicata, oltre
che con la lettera ξ, anche con ε o K.
• Ciclo di Carnot ABCDA (T2 > T1 ):
AB: espansione isoterma reversibile a T = T2 : QAB = WAB = nRT2 log VVB
A
= Qassorb

11
BC: espansione adiabatica reversibile: QBC = 0 , T2 VBγ−1 = T1 VCγ−1
CD: compressione isoterma reversibile a T = T1 : QCD = WCD = nRT1 log VVD
C
= Qced
DA: compressione adiabatica reversibile: QDA = 0 , T2 VAγ−1 = T1 VDγ−1
T1
Rendimento: ηCarnot = 1 −
T2
T1
Efficienza a funzionamento inverso (frigorifero): ξCarnot =
T2 − T1

Teoria cinetica dei gas ideali


N m v2 2N
pressione: p= = Ek
V 3 3V
1 3
Energia cinetica media di una molecola: Ek = m v 2 = kB T
2 2
1
Equipartizione dell’energia: ogni grado di libertà ha energia media = kB T
2
P RT P
Legge di Dalton per le miscele di gas: p= i pi = i ni
V
Distribuzione delle velocità di Maxwell
N0 = numero di molecole di gas, T = temperatura assoluta
Distribuzione di una componente della velocità:
r
m 2
dN (vx ) = N0 e−mvx /2kB T dvx
2πkB T

Distribuzione del modulo della velocità:


 3/2
m 2
dN (v) = N0 4πv 2 e−mv /2kB T dv
2πkB T
r
2kB T
Velocità più probabile: vp =
rm
2 8kB T
Velocità media: vm = √ vp =
π πm
r r
p 3 3kB T
Velocità quadratica media: vq = v 2 = vp =
2 m
Libero cammino medio:
N0
(d = diametro delle molecole, n = V = num. di molec. nell’unità di volume)

1 kB T
λ= √ = √
2π n d2 2π p d2
1 mvq
Viscosità: η = nmvq λ = √
3 3 2πd2

T.7 Gas reali

Equazione di stato dei gas reali (Van der Waals)

n2
 
n = numero di moli
p + a 2 (V − nb) = nRT
V a, b = parametri tipici del gas
 a V
p + 2 (ν − b) = RT ν= = volume specifico molare
ν n
Tc , pc , νc = coordinate termodinamiche del punto critico
pc νc = 83 RTc a = 3 νc2 pc b = νc /3
Formula di Clapeyron :

12
(trasform. da stato 1 a stato 2, νi = vol. spec. mol., λ = calore latente)
dT T (ν2 − ν1 ) dp λ
= =
dp λ dT T (ν2 − ν1 )
Teoria cinetica dei gas reali
a = αNA2 , α = coeff. dipendente da forze intermolecolari
√ 3
b = 4 2πNA r r = raggio delle molecole
Energia interna di un gas reale:
na na
dU = ncV dT + 2 dV U = ncV T − + cost.
V V

T.8 II principio della Termodinamica


Teorema di Carnot: data una macchina termica che lavora scambiando calore con due
sorgenti termiche a temperatura T1 e T2 > T1 :
T1
ηrev = ηCarnot = 1 − ηirrev < ηCarnot
T2

Teorema di Clausius: data una macchina termica che lavora scambiando calore con n
sorgenti termiche (sia Qi il calore scambiato con l’i-esima sorgente a temperatura Ti ):
n
X Qi
≤0 (l’uguaglianza vale per cicli reversibili)
i=1
Ti

Nel limite in cui il numero di sorgenti diventa infinito:


d̄Q d̄Q
I I
=0 (rev.) <0 (irrev.)
T T

T.9 Entropia S
S = funzione di stato. In una trasformazione dallo stato A allo stato B:
Z B
d̄Q
∆S = SA − SB =
A T

NB: qualunque sia la trasformazione tra lo stato A e lo stato B, l’integrale nella formula
precedente va calcolato lungo una trasformazione reversibile qualsiasi che lega i due
stati.
In una trasformazione adiabatica reversibile: ∆S = 0 (per l’universo od un sistema isolato).
(ciclo)
In una trasformazione ciclica il sistema torna nello stato iniziale: ∆Ssist = 0, mentre
(ciclo) (ciclo)
l’ambiente esterno può avere ∆Samb = 0 (trasf. rev.) oppure ∆Samb > 0 (trasf. irrev.),
quindi 
(ciclo) (ciclo) (ciclo) (ciclo) = 0 trasf. rev.
∆Suniverso = ∆Ssist + ∆Samb = ∆Samb
> 0 trasf. irrev.

Scambio di calore Q tra due sorgenti a temperature T1 e T2 > T1 :


Q Q
∆S1 = ∆S2 = − ∆Suniverso = ∆S1 + ∆S2 > 0
T1 T2
Corpo di massa m e calore specifico cm a temperatura iniziale T1 messo a contatto con
sorgente di calore a temperatura T2 :
Z T2
dT T2 mcm (T2 − T1 )
∆Scorpo = mcm = mcm log ∆Ssorgente = −
T1 T T1 T2
∆Suniverso = ∆Scorpo + ∆Ssorgente > 0

Cambiamento di fase: ∆S = (λ = calore latente)
T

13
Entropia di un gas ideale: S = ncV log T + nR log V + cost.
Variazione di S in una trasformazione tra lo stato A e lo stato B (tutte le espressioni seguenti
sono equivalenti):

TB VBγ−1
Z B 
d̄Q TB VB
∆S = SB − SA = = ncV log + nR log = ncV log
A T rev TA VA TA VAγ−1
pB VB pB VBγ
= ncV log + ncp log = ncV log
pA VA pA VAγ
(1−γ)/γ
TB pB T B pB
= ncp log − nR log = ncp log (1−γ)/γ
TA pA T A pA

In particolare, per una trasformazione


VB pB
isoterma: SB − SA = nR log = −nR log
VA pA
TB pB
isocora: SB − SA = ncV log = ncV log
TA pA
TB VB
isobara: SB − SA = ncp log = ncp log
TA VA

Entropia di un gas reale:


(b = parametro dell’eq. di Van der Waals)

S = ncV log T + nR log(V − b) + cost.

Energia inutilizzabile
Temperatura minima delle sorgenti
Einut = Tmin ∆Suniverso Tmin =
coinvolte nel processo

Formula di Boltzmann

S = kB log N + cost. N = numero di configurazioni del sistema

T.10 III principio della Termodinamica

lim ∆Srev = 0 S(T = 0) = 0


T →0
   
1 d̄Q 1 ∂S
Calore specifico molare (cX = cV o cp ): cX = =
n dT X n ∂ log T X

lim cX (T ) = 0
T →0

T.11 Potenziali termodinamici

Entalpia libera: G = U + pV − T S (equilibrio: G minima)


Energia libera: F = U − TS (equilibrio: F minima)
Entalpia: H = U + pV (equilibrio: H minima)

14