Sei sulla pagina 1di 57
CC ORSOORSO DIDI RADIAZIONIRADIAZIONI corso di formazione per gli esperti di protezione dalle radiazioni nel

CC ORSOORSO DIDI RADIAZIONIRADIAZIONI

corso di formazione per gli esperti di protezione dalle radiazioni nel campo della

Tipo B e C aree di lavoro

editore

:: CHUVCHUV

Institute of Radiation Physics

Rue du Grand Pré 1 CH - 10071007 LosannaLosanna http://www.chuv.ch/ira

corso di formazione per gli esperti di protezione dalle radiazioni

sommario

11

RadioattivitàRadioattività

99

1.

Introduzione

9

2.2.

TerminologiaTerminologia nuclearenucleare

1010

2.1.2.1. NuclidiNuclidi

1010

2.2.2.2. II radionuclidiradionuclidi

1010

2.3.2.3. TabellaTabella didi nuclidinuclidi

1010

2.4.2.4. DimensioneDimensione dell'atomodell'atomo

1212

2.5.2.5. vincolantivincolanti NuclearNuclear energiaenergia

1212

2.6.2.6. forzaforza nuclearenucleare

1313

3.3.

RadioattivitàRadioattività

1313

3.1.3.1. costantecostante didi decadimentodecadimento didi unauna sorgentesorgente radioattivaradioattiva

1313

3.2.3.2. lala metàmetà radioattivoradioattivo

1414

3.3.3.3. AttivitàAttività didi unauna sorgentesorgente radioattivaradioattiva

1515

4.4.

TerminiTermini disgregazionedisgregazione

1515

4.1.4.1. decadimentodecadimento radioattivoradioattivo

1515

4.1.1.4.1.1. DisintegrazioneDisintegrazione alfaalfa

1616

4.1.2.4.1.2. decadimentodecadimento BetaBeta almenoalmeno

1717

4.1.3.4.1.3. PiùPiù decadimentodecadimento betabeta ee catturacattura elettronicaelettronica

1919

4.1.4.4.1.4. fissionefissione spontaneaspontanea

2020

4.2.4.2. kernel-eccitazionekernel-eccitazione

2020

4.2.1.4.2.1. raggiraggi gammagamma

2121

4.2.2.4.2.2. transizionetransizione isomericaisomerica

2121

4.2.3.4.2.3. conversioneconversione internainterna

2222

4.3.4.3. StabilizzazioneStabilizzazione delladella nuvolanuvola didi elettronielettroni

2323

5.5.

EserciziEsercizi

2525

22

sorgentisorgenti didi radiazioniradiazioni

2727

1.1. RadioattivitàRadioattività naturalenaturale

 

2727

 

1.1.1.1. radionuclidiradionuclidi terrestriterrestri

2727

1.2.1.2. raggiraggi cosmicicosmici ee radioattivitàradioattività naturalmentenaturalmente indottaindotta

2727

2.2. radioattivitàradioattività artificialeartificiale

 

2828

 

2.1.2.1. AttivazioneAttivazione

2828

2.2.2.2. FissionFission

2828

2.3.2.3. FiliazioneFiliazione ee generatoregeneratore

2828

3.3. GliGli acceleratoriacceleratori didi particelleparticelle

 

2929

 

3.1.3.1. tubotubo radiogenoradiogeno

2929

3.2.3.2. acceleratoreacceleratore linearelineare didi elettronielettroni

3030

3.3.3.3. CiclotroneCiclotrone

3030

4.4. EserciziEsercizi

 

3232

33

InterazioneInterazione delledelle particelleparticelle carichecariche concon lala materiamateria

3333

1.1. LeLe radiazioniradiazioni ionizzantiionizzanti

 

3333

2.2. SeSe elettronielettroni

3434

3.3. positronipositroni didi casicasi ee didi schermaturaschermatura unauna fontefonte

3737

 

3.1.3.1. SeSe positronipositroni

3737

3.2.3.2. SchermaturaSchermatura didi unun ββ sorgentesorgente emettitriceemettitrice

3838

4.4. elettronielettroni calcolocalcolo deldel percorsopercorso inin terminitermini

3838

5.5. CasoCaso didi particelleparticelle carichecariche pesantipesanti (protoni(protoni oo alfa)alfa)

 

4040

 

5.1.5.1. TraiettoriaTraiettoria delledelle particelleparticelle carichecariche pesantipesanti

4040

5.2.5.2. PercorsoPercorso

4242

5.3.5.3.

BraggBragg piccopicco

4343

 

5.4.5.4.

ProtezioneProtezione

4444

6.6.

EserciziEsercizi

4646

44

L'interazioneL'interazione deidei fotonifotoni concon lala materiamateria

4747

1.

L'interazione dei fotoni con la materia

 

47

1.1.1.1. effettoeffetto fotoelettricofotoelettrico

4747

1.2.1.2. effettoeffetto ComptonCompton (o(o anelastica)anelastica)

4848

1.3.1.3. CreazioneCreazione didi coppiacoppia

4949

1.4.1.4. Diffusione-ThomsonDiffusione-Thomson RayleighRayleigh (o(o diffusionediffusione elastica)elastica)

5050

1.5.1.5. EffettoEffetto fotonuclearifotonucleari

5050

2.2.

interazioniinterazioni predominanzapredominanza ee attenuazioneattenuazione didi fotonifotoni nelnel materialemateriale

5151

2.1.2.1. DominataDominata daglidagli effettieffetti

 

5151

2.2.2.2. attenuazioneattenuazione esponenzialeesponenziale deidei fotonifotoni nelnel materialemateriale

5151

2.3.2.3. ComponentiComponenti deldel coefficientecoefficiente didi attenuazioneattenuazione ee CDACDA

5252

3.3.

EserciziEsercizi

5555

55

DosimetriaDosimetria

5757

1.1. KermaKerma

5757

2.2. dosedose assorbitaassorbita

 

5757

3.3. DoseDose equivalenteequivalente

5858

 

3.1.3.1. efficaciaefficacia biologicabiologica relativarelativa

5959

3.2.3.2. DoseDose equivalenteequivalente

5959

3.3.3.3. grandezzegrandezze operativeoperative

6060

 

3.3.1.3.3.1. ICRUICRU sferasfera

6060

3.3.2.3.3.2. DosimetriaDosimetria umoreumore

6060

3.3.3.3.3.3. dosimetriadosimetria personalepersonale

6161

3.3.4.3.3.4. dosedose equivalenteequivalente neinei pressipressi didi unauna sorgentesorgente radioattivaradioattiva

6161

4.4. LaLa dosedose efficaceefficace

 

6262

 

4.1.4.1. LaLa determinazionedeterminazione delladella dosedose efficaceefficace

6262

4.2.4.2. CollegamentoCollegamento tratra grandezzegrandezze operativeoperative ee lala dosedose efficaceefficace

6363

5.5. EserciziEsercizi

 

6666

66

lala misuramisura didi radiazioneradiazione

6767

1.

Introduzione

 

67

2.2.

RivelatoriRivelatori sullasulla basebase ionizzantiionizzanti

6868

2.1.2.1. PrincipiPrincipi didi funzionamentofunzionamento

6868

2.2.2.2. cameracamera didi ionizzazioneionizzazione

6969

2.3.2.3. contatorecontatore proporzionaleproporzionale

7070

2.4.2.4. contatorecontatore Geiger-MüllerGeiger-Müller

7272

2.5.2.5. rivelatorerivelatore aa semiconduttoresemiconduttore

7373

3.3.

RivelatoriRivelatori basanobasano susu luminescenzaluminescenza

7474

3.1.3.1. Luminescenza:Luminescenza: lala fluorescenzafluorescenza ee fosforescenzafosforescenza

7474

3.2.3.2. LuminescenzaLuminescenza ee misurazionemisurazione delledelle radiazioniradiazioni

7575

3.3.3.3. scintillatoriscintillatori solidisolidi

7575

3.4.3.4. scintillatoriscintillatori liquidiliquidi

7676

3.5.3.5. dosimetridosimetri termoluminescentitermoluminescenti (TLD)(TLD)

7676

4.4.

RivelatoriRivelatori basanobasano susu calorimetriacalorimetria

7777

5.5.

rilevatoririlevatori chimicichimici

7777

5.1.5.1.

emulsioneemulsione fotograficafotografica

7777

6.6.

MisureMisure perper l'effettol'effetto biologicobiologico

 

7878

7.7. LeLe misuremisure fondamentalifondamentali richiesterichieste inin materiamateria didi radioprotezioneradioprotezione

7878

 

7.1.7.1. MonitoraggioMonitoraggio didi irradiazioneirradiazione esternaesterna individualeindividuale

7878

7.2.7.2. MisurareMisurare lala radiazioneradiazione ambienteambiente

7979

7.3.7.3. MisuraMisura delladella contaminazionecontaminazione superficialesuperficiale

7.4.7.4. lala contaminazionecontaminazione didi misuramisura

7.5.7.5. LaLa misurazionemisurazione dell'attivitàdell'attività didi campionicampioni solidisolidi oo liquidiliquidi

ariaaria

8080

7979

8080

8.8.

ProprietàProprietà importantiimportanti didi unouno strumentostrumento didi misuramisura

8181

 

8.1.8.1.

sensibilitàsensibilità

8181

8.2.8.2.

RumoreRumore

8282

8.3.8.3.

LimiteLimite didi rilevazionerilevazione

8282

8.4.8.4.

RispostaRisposta inin energiaenergia

8282

8.5.8.5.

rispostarisposta direzionaledirezionale

8282

8.6.8.6.

SpessoreSpessore delladella finestrafinestra didi immissioneimmissione nelnel rivelatorerivelatore

8383

9.9.

II requisitirequisiti legalilegali susu strumentistrumenti didi misuramisura delledelle radiazioniradiazioni

8383

10.10. EserciziEsercizi

 

8585

 

77

basibasi radiobiologiciradiobiologici

8787

1.1. effettieffetti cellularicellulari

 

8888

 

1.1.1.1. curvacurva didi sopravvivenzasopravvivenza

 

8888

1.2.1.2. intrinsecaintrinseca radiosensibilitàradiosensibilità cellularecellulare

 

8989

1.3.1.3. ParametriParametri cheche influenzanoinfluenzano gligli effettieffetti delledelle radiazioniradiazioni sullasulla cellulacellula

 

8989

2.2. EffettiEffetti sulsul DNADNA

 

9292

 

2.1.2.1. GliGli effettieffetti direttidiretti

 

9292

2.2.2.2. EffettiEffetti indirettiindiretti

9292

2.3.2.3. TipiTipi didi cambiamentocambiamento

 

9393

 

2.4.2.4. RepairRepair SystemSystem

9393

3.3. EffettiEffetti sulsul corpocorpo

9494

 

3.1.3.1. reazionireazioni tissutalitissutali (effetti(effetti deterministici)deterministici)

9494

3.2.3.2. effettieffetti stocasticistocastici

9797

3.3.3.3. AltriAltri effettieffetti somaticisomatici

102102

3.4.3.4. L'esposizioneL'esposizione prenataleprenatale

 

102102

4.4. DosimetriaDosimetria biologicabiologica

103103

4.1.4.1. dosimetriadosimetria citogeneticacitogenetica

103103

4.2.4.2. dosimetriadosimetria molecolaremolecolare

103103

5.5. rischiorischio radiologicoradiologico

104104

5.1.5.1. NozioneNozione didi pregiudiziopregiudizio

104104

5.2.5.2. IlIl concettoconcetto didi dosedose efficaceefficace

106106

6.6. RiassuntoRiassunto

107107

7.7. EserciziEsercizi

109109

88

NozioniNozioni didi basebase didi radiazioniradiazioni

111111

1.

Introduzione

 

111

1.1.1.1.

DefinizioneDefinizione

111111

2.2.

GiustificazioneGiustificazione principioprincipio

 

112112

3.3.

principioprincipio didi ottimizzazioneottimizzazione

113113

4.4.

limitazionelimitazione principioprincipio delledelle dosidosi individualiindividuali

113113

5.5.

dosidosi sistemasistema didi controllocontrollo delladella ICRPICRP

114114

5.1.5.1. IlIl concettoconcetto didi limitelimite didi dosedose

114114

5.2.5.2. radiazioniradiazioni occupazionaleoccupazionale

114114

 

5.2.1.5.2.1. LimitazioneLimitazione perper ilil rischiorischio stocasticostocastico

 

114114

5.2.2.5.2.2. LimitazioneLimitazione perper ilil rischiorischio deterministicodeterministico

116116

 

5.3.5.3. L'irradiazioneL'irradiazione delladella popolazionepopolazione generalegenerale

 

116116

 

5.3.1.5.3.1. LimitazioneLimitazione perper ilil rischiorischio stocasticostocastico

 

116116

5.3.2.5.3.2. LimitazioneLimitazione perper ilil rischiorischio deterministicodeterministico

117117

 

5.4.5.4. irradiazioneirradiazione

 

117117

6.6.

dosaredosare concettoconcetto didi vincolovincolo

118118

7.7.

RiassuntoRiassunto

119119

8.8.

EserciziEsercizi

120120

99

L'irradiazioneL'irradiazione delladella popolazionepopolazione

121121

1.1.

IlIl sorgentisorgenti didi radiazioniradiazioni

popolazionepopolazione

121121

1.1.1.1.

radiazioneradiazione naturalenaturale

121121

 

1.1.1.1.1.1. LaLa radiazioneradiazione cosmicacosmica

121121

1.1.2.1.1.2. lala radiazioneradiazione terrestreterrestre

122122

 

1.1.3.1.1.3. proprioproprio radiazioniradiazioni

122122

1.1.4.1.1.4. RadonRadon

123123

 

1.2.1.2.

radiazioniradiazioni artificialiartificiali

124124

 

1.2.1.1.2.1. radiazioniradiazioni occupazionaleoccupazionale

124124

1.2.2.1.2.2. irradiazioneirradiazione medicamedica

125125

1.2.3.1.2.3. L'irradiazioneL'irradiazione dada altrealtre sorgentisorgenti artificialiartificiali

127127

2.2.

DosiDosi ricevutericevute dalladalla popolazionepopolazione inin SvizzeraSvizzera

 

128128

3.3.

RiassuntoRiassunto

130130

4.4.

EserciziEsercizi

131131

 

radioprotezioneradioprotezioneradioprotezione operativaoperativaoperativa

132132132

1.1.

limitilimiti secondariesecondarie ee valorivalori guidaguida

132132

 

1.1.1.1.1.1. IntroduzioneIntroduzione

132132

1.1.2.1.1.2. limitelimite didi esenzioneesenzione -- ILIL

133133

1.1.3.1.1.3. limitelimite dell'autorizzazionedell'autorizzazione -- ILIL

133133

1.1.4.1.1.4. ValoreValore direttoredirettore didi contaminazionecontaminazione dell'ariadell'aria -- CACA

134134

1.1.5.1.1.5. ValoreValore direttoredirettore delladella contaminazionecontaminazione superficialesuperficiale -- CSCS

134134

1.1.6.1.1.6. LimitiLimiti ee valorivalori guidaguida

135135

Tutti i limiti, LE e LA, così come valori guida, CA e CS, è indicato nell'allegato 3 dell'ordinanza di protezione dalle radiazioni:

 

135

2.2.

MetodiMetodi mostremostre

135135

 

2.1.2.1. esposizioneesposizione esternaesterna

 

135135

2.2.2.2. esposizioneesposizione internainterna

135135

3.3.

II metodimetodi didi protezioneprotezione controcontro l'esposizionel'esposizione esternaesterna

135135

3.1.3.1. SelezioneSelezione delladella sorgentesorgente

 

136136

3.2.3.2. RiduzioneRiduzione dell'orariodell'orario didi lavorolavoro

 

136136

3.3.3.3. MantenereMantenere unauna distanzadistanza

136136

3.4.3.4. UtilizzandoUtilizzando scudiscudi

137137

3.5.3.5. ControllandoControllando lala radiazioneradiazione ambienteambiente

 

138138

3.6.3.6. SegnoSegno didi pericolopericolo legatilegati allealle radiazioniradiazioni ionizzantiionizzanti ee lala marcaturamarcatura areearee controllatecontrollate

141141

4.4.

II metodimetodi didi protezioneprotezione controcontro l'esposizionel'esposizione internainterna

142142

4.1.4.1. rischirischi didi contaminazionecontaminazione

142142

4.2.4.2. SelezioneSelezione delladella sorgentesorgente

 

143143

4.3.4.3. strutturestrutture didi protezioneprotezione

143143

4.4.4.4. dispositividispositivi didi protezioneprotezione individualeindividuale

 

146146

4.5.4.5. metodimetodi didi protezioneprotezione didi lavorolavoro

147147

4.6.4.6. DecontaminazioneDecontaminazione

 

148148

 

4.6.1.4.6.1. ValoriValori guidaguida

148148

4.6.2.4.6.2. MisuraMisura delladella contaminazionecontaminazione superficialesuperficiale

148148

4.6.3.4.6.3. DecontaminazioneDecontaminazione delledelle superficisuperfici didi lavorolavoro ee oggettioggetti

148148

4.6.4.4.6.4. DecontaminazioneDecontaminazione didi personepersone

149149

5.5.

GestioneGestione didi sorgentisorgenti radioattiveradioattive

 

149149

5.1.5.1. RegistrazioneRegistrazione eded etichettaturaetichettatura

149149

5.2.5.2. StoccaggioStoccaggio didi sostanzesostanze radioattiveradioattive

150150

5.3.5.3. controllicontrolli didi contaminazionecontaminazione

 

150150

5.4.5.4. EliminazioneEliminazione delledelle fonti,fonti, allaalla finefine dell'usodell'uso

150150

6.6.

TrasportoTrasporto didi sostanzesostanze radioattiveradioattive

151151

6.1.6.1. TrasportiTrasporti neinei localilocali aziendaliaziendali

151151

6.2.6.2. L'attualeL'attuale legislazionelegislazione perper ilil trasportotrasporto susu suolosuolo pubblicopubblico

151151

6.3.6.3. LaLa confezioneconfezione

151151

6.4.6.4. LaLa marcaturamarcatura ee l'etichettatural'etichettatura deidei pacchipacchi

 

152152

6.5.6.5. IlIl documentodocumento didi trasportotrasporto

155155

6.6.6.6. L'istruzioneL'istruzione didi sicurezzasicurezza

155155

6.7.6.7. II requisitirequisiti perper ilil veicoloveicolo

155155

6.8.6.8. LaLa formazioneformazione deidei conducenticonducenti

 

156156

6.9.6.9. RequisitiRequisiti perper l'aziendal'azienda cheche trasportanotrasportano materialemateriale radioattivoradioattivo

156156

 

autorizzazioneautorizzazione

156156

6.9.2.6.9.2. consulenteconsulente perper lala sicurezzasicurezza

156156

7.7.

GestioneGestione deidei rifiutirifiuti radioattiviradioattivi

157157

7.1.7.1. rifiutirifiuti HarvestHarvest

157157

7.2.7.2. EmissioniEmissioni nell'ambientenell'ambiente

158158

7.2.1.7.2.1. SmaltimentoSmaltimento didi rifiutirifiuti solidisolidi ee liquidiliquidi 7.2.2.7.2.2. laboratorilaboratori didi acqueacque refluereflue 7.2.3.7.2.3. EvacuazioneEvacuazione didi laboratorilaboratori ariaaria

159159

158158

159159

8.8. RiassuntoRiassunto

161161

9.9. EserciziEsercizi

163163

11.11.11. singolisingolisingoli controllicontrollicontrolli radioprotezioneradioprotezioneradioprotezione

165165165

1.1. RuoloRuolo didi sorveglianzasorveglianza individualeindividuale radioprotezioneradioprotezione

165165

2.2. controllocontrollo individualeindividuale didi esposizioneesposizione esternaesterna

165165

2.1.2.1. quantitàquantità controllatacontrollata

165165

2.2.2.2. MisurazioneMisurazione TecnologiaTecnologia

166166

2.2.1.2.2.1. distintivodistintivo DosimeterDosimeter

166166

2.2.2.2.2.2. Dosimetro-ringDosimetro-ring

167167

2.2.3.2.2.3. DosimetroDosimetro concon letturalettura direttadiretta oo didi allarmeallarme

167167

3.3. controllocontrollo individualeindividuale didi contaminazionecontaminazione esternaesterna

168168

4.4. controllocontrollo individualeindividuale didi contaminazionecontaminazione internainterna

168168

4.1.4.1. IntroduzioneIntroduzione

168168

4.2.4.2. DeterminazioneDeterminazione delladella dosedose relativarelativa aa incorporazioneincorporazione

168168

4.2.1.4.2.1. CalcoloCalcolo delladella dosedose aa unun organoorgano

168168

4.2.2.4.2.2. NumeroNumero didi decadimentidecadimenti inin unauna fonte-corpofonte-corpo perper 5050 annianni

169169

4.3.4.3. tecnichetecniche didi misuramisura didi contaminazionecontaminazione internainterna

170170

4.3.1.4.3.1. VIVOVIVO misurazionimisurazioni

170170

4.3.2.4.3.2. MisureMisure vitrovitro

170170

4.4.4.4. DeterminazioneDeterminazione delladella dosedose dall'incorporazionedall'incorporazione

171171

4.4.1.4.4.1. GeneraleGenerale

171171

4.4.2.4.4.2. MisurazioneMisurazione ProceduraProcedura

171171

4.4.3.4.4.3. intervalliintervalli didi misurazionemisurazione

171171

4.4.4.4.4.4. CalcoloCalcolo delladella dosedose efficaceefficace impegnataimpegnata

172172

4.4.5.4.4.5. MisureMisure inin casocaso didi incorporazioneincorporazione cheche superanosuperano ilil limitelimite didi dosedose

173173

4.4.6.4.4.6. CasiCasi particolariparticolari

173173

4.4.7.4.4.7. II valorivalori deidei parametriparametri perper ilil calcolocalcolo didi costituzionecostituzione

173173

5.5. LaLa sorveglianzasorveglianza sanitariasanitaria

173173

6.6. DocumentareDocumentare dosimetriadosimetria personalepersonale

174174

7.7. RiassuntoRiassunto

174174

8.8.

EserciziEsercizi

12.12.12. InterventoInterventoIntervento ininin incidentiincidentiincidenti conconcon rischiorischiorischio dididi radiazioniradiazioniradiazioni ionizzantiionizzantiionizzanti

1.1. NozioniNozioni didi basebase didi gestionegestione didi unun incidenteincidente didi radiazioniradiazioni

176176

177177177

177177

1.1.1.1.

IntroduzioneIntroduzione

177177

1.2.1.2.

SituazioneSituazione generalegenerale

177177

1.3.1.3.

prevenzioneprevenzione

178178

1.4.1.4.

MitigazioneMitigazione

178178

1.5.1.5.

InterventionIntervention

178178

2.2. LocalLocal RiskRisk ManagementManagement ee radiologicaradiologica IncidenteIncidente

181181

2.1.2.1. IntroduzioneIntroduzione

 

181181

2.2.2.2. MisureMisure preventivepreventive

2.3.2.3. PianoPiano interventointervento

2.4.2.4. ProcedureProcedure didi allarmeallarme

2.5.2.5. ProceduraProcedura consigliataconsigliata

181181

182182

182182

183183

2.5.1.2.5.1. MisureMisure didi emergenzaemergenza

184184

Indagine

2.5.2.2.5.2. Indagine

184184

2.6.2.6. metodimetodi didi dosimetriadosimetria

184184

2.6.1.2.6.1. dosimetriadosimetria fisicafisica didi esposizioneesposizione

184184

2.6.2.2.6.2. DosimetriaDosimetria didi contaminazionecontaminazione internainterna

185185

2.6.3.2.6.3. DosimetriaDosimetria biologicabiologica

185185

2.7.2.7. PrimoPrimo soccorsosoccorso

2.8.2.8. AzioniAzioni didi recuperorecupero delladella situazionesituazione

186186

185185

2.9.2.9. Follow-upFollow-up misuremisure delledelle conseguenzeconseguenze dell'incidentedell'incidente

186186

2.10.2.10. AnalisiAnalisi dell'incidentedell'incidente ee dell'azionedell'azione correttivacorrettiva

186186

3.3.

RiassuntoRiassunto

188188

4.4.

EserciziEsercizi

189189

RuoloRuoloRuolo l'espertol'espertol'esperto dididi radioprotezioneradioprotezioneradioprotezione

191191191

1.1.

AttrezzatureAttrezzature

191191

2.2.

OrganizzazioneOrganizzazione ee gestionegestione

192192

3.3.

ControlliControlli ee monitoraggiomonitoraggio

192192

4.4.

AmministrazioneAmministrazione

192192

5.

Informazioni fornite dalla autorità di vigilanza

193

6.6.

RadiationRadiation SafetySafety TrainingTraining

193193

6.1.6.1. ScopoScopo delladella formazioneformazione

193193

6.2.6.2. modalitàmodalità didi allenamentoallenamento

193193

6.3.6.3. II livellilivelli didi istruzioneistruzione

194194

6.4.6.4. CentriCentri didi formazioneformazione

194194

7.7.

RiassuntoRiassunto

195195

8.8.

EserciziEsercizi

196196

normativanormativanormativa dididi radioprotezioneradioprotezioneradioprotezione

197197197

1.1.

SituazioneSituazione generalegenerale

197197

2.2.

SituazioneSituazione svizzerosvizzero

198198

3.3.

LeggeLegge ee ordineordine sullasulla radioprotezioneradioprotezione

202202

4.4.

RiassuntoRiassunto

203203

5.5.

EserciziEsercizi

204204

CCC CAPITOLOCAPITOLOCAPITOLO ••• 111

RR ADIOACTIVITEADIOACTIVITE

Obiettivi del corso discussi in questo capitolo

Descrivere le diverse possibilità di decadimento di un nucleo radioattivo ei concetti di attività e decadimento.

Usa la mappa di radionuclidi per determinare le caratteristiche di una parentela radioattivo.

Interpretare uno schema di decadimento radioattivo.

1.1. radioattivitàradioattività

1.1. introduzioneintroduzione

Quattrocento anni prima di Cristo, il Democrito greco chiede di battezzare cosa nell'Universo, sono più piccoli. Supponendo che tutto è divisibile, si tratta inevitabilmente quando la più piccola entità non sarà più diviso. DemocritoDemocritoDemocrito chiamatochiamatochiamato atomoatomoatomo 1.1.1. NelNelNel 1808,1808,1808, JohnJohnJohn DaltonDaltonDalton confermaconfermaconferma lalala definizionedefinizionedefinizione dididi atomiatomiatomi DemocritoDemocritoDemocrito sonosonosono lelele particelle finali della natura, indivisibile ed eterna".

L'errore di Democrito durato 22 secoli: l'atomo stesso è divisibile. Nel 1895, Roentgen scoprì i raggi X, un anno dopo, Becquerel dimostra che i sali di uranio emettono raggi "spontaneamente e senza motivo." Più tardi, Pierre e Marie Curie radioattività chiamano questa proprietà. Nel 1902, Marie Curie isolato il primo decigramme di un organismo che aveva annunciato l'esistenza teoricamente 45 mesi prima: il radio.

l'esistenza teoricamente 45 mesi prima: il radio. Figura 1.1: Pioneer della fisica nucleare: Democrito, Henri
l'esistenza teoricamente 45 mesi prima: il radio. Figura 1.1: Pioneer della fisica nucleare: Democrito, Henri
l'esistenza teoricamente 45 mesi prima: il radio. Figura 1.1: Pioneer della fisica nucleare: Democrito, Henri
l'esistenza teoricamente 45 mesi prima: il radio. Figura 1.1: Pioneer della fisica nucleare: Democrito, Henri
l'esistenza teoricamente 45 mesi prima: il radio. Figura 1.1: Pioneer della fisica nucleare: Democrito, Henri
l'esistenza teoricamente 45 mesi prima: il radio. Figura 1.1: Pioneer della fisica nucleare: Democrito, Henri

Figura 1.1: Pioneer della fisica nucleare: Democrito, Henri Becquerel, Marie e Pierre Curie, Ernest Rutherford, Albert Einstein.

Organismi come l'uranio, torio o radio emettono radiazioni che sono anche l'energia. Restava da capire da dove proviene. Nel 1903, Ernest Rutherford mostrato che "la radioattività è una prova e una misura della volatilità degli atomi e gli atomi di uranio e torio subire una serie di trasformazioni spontanee". Nel 1905, Albert Einstein pubblicò tre articoli in cui si espone la teoria della relatività: il materiale può essere trasformata in energia e viceversa.

11 etimologiaetimologia "A-""A-" ee privataprivata "Tomos""Tomos" == "tagliare""tagliare"

2.2. terminologiaterminologia nuclearenucleare

2.1.2.1. nuclidinuclidi

ililil termineterminetermine nuclidenuclidenuclide èèè usatousatousato perperper descriveredescriveredescrivere ililil nucleonucleonucleo atomicoatomicoatomico comecomecome entitàentitàentità individualeindividualeindividuale ininin contrapposizionecontrapposizionecontrapposizione adadad ununun singolosingolosingolo costituentecostituentecostituente dell'atomo.dell'atomo.dell'atomo. UnUnUn nuclidenuclidenuclide èèè compostocompostocomposto dadada nucleoni:nucleoni:nucleoni: neutronineutronineutroni eee protoni.protoni.protoni. IlIlIl numeronumeronumero dididi protoniprotoniprotoni nelnelnel nucleo è normalmente rappresentato dal simbolo Z e il numero di neutroni dal simbolo N. Il numero totale di nucleoni, chiamato numero di massa è di per sé generalmente rappresentato dal simbolo A. Abbiamo quindi il rapporto prossimo:

AZN.= +

(1,1)

UnUn elementoelemento EE aventeavente ZZ protoniprotoni ee neutronineutroni NN puòpuò essereessere rappresentatorappresentato comecome AZAZ NN

E. da

esempio,esempio, unun atomoatomo didi carboniocarbonio contenentecontenente 88 neutronineutroni puòpuò essereessere scrittoscritto nellanella formaforma 146146 88

C. uno

rileva che tale modo di scrivere è ridondante in quanto simbolo dell'elemento indica in modo inequivocabile il numero di protoni. Questo è il motivo per cui un nuclide di solito è indicato solo per il suo simbolo e il suo numero di massa. Nell'esempio precedente, un anello di carbonio contenente 8 neutroni potrebbe indicare sia:

14

C, C o C 14.

6 agosto

14

-

(1,2)

2.2.2.2. radionuclidiradionuclidi

unununun nuclidenuclidenuclidenuclide instabileinstabileinstabileinstabile aventeaventeaventeavente lalalala proprietàproprietàproprietàproprietà didididi poterpoterpoterpoter spontaneamentespontaneamentespontaneamentespontaneamente inininin unununun nuclidenuclidenuclidenuclide sisisisi èèèè dettodettodettodetto stabilestabilestabilestabile oooo instabileinstabileinstabileinstabile radionuclide.radionuclide.radionuclide.radionuclide. Per definizione, una trasformazione spontanea può avvenire se il livello finale di energia è inferiore al livello iniziale di energia. Questa trasformazione si traduce in un elemento diverso o lo stesso elemento in un livello di energia inferiore. Un radionuclide è anche chiamato nuclide

radioattivo.

2.3.2.3. TabellaTabella didi nuclidinuclidi

NuclidiNuclidiNuclidi aventiaventiaventi ununun determinatodeterminatodeterminato numeronumeronumero dididi protoniprotoniprotoni ZZZ mamama ununun numeronumeronumero dididi neutronineutronineutroni NNN sonosonosono variabilivariabilivariabili isotopiisotopiisotopi ununun elementoelementoelemento (vedi(vedi FiguraFigura 1.2).1.2). Viceversa,Viceversa, nuclidinuclidi concon lolo stessostesso numeronumero didi neutronineutroni mama diversodiverso numeronumero didi protoniprotoni sonosono isotonica.isotonica. NuclidiNuclidiNuclidi aventiaventiaventi lololo stessostessostesso numeronumeronumero dididi massamassamassa sonosonosono chiamatichiamatichiamati isobare.isobare.isobare. AdAdAd esempio,esempio,esempio, sisisi considericonsidericonsideri l'orol'orol'oro dididi cuicuicui cicici sonosonosono 323232 isotopi del 173-Au-204. Questi isotopi 32, solo uno di essi (Au-197) è stabile. Tutti gli altri sono radionuclidi.

Tutti gli atomi neutri di tutti gli isotopi dello stesso elemento hanno lo stesso numero di elettroni e le stesse proprietà chimiche e sono rappresentati nella stessa posizione della Tavola Periodica. Ma, come vedremo in seguito, le proprietà nucleari di questi isotopi possono variare notevolmente e quindi la tavola periodica ha un uso molto limitato per qualsiasi studio nucleare della materia.

isotonica

isobare

Numero di protoni Z

Z isotopi

N

Figura 1.2: Mappa di nuclidi cui ciascun nuclide è tracciata contro il numero di neutroni (N) e protoni (Z). Nuclidi con lo stesso numero di protoni ma diverso numero di neutroni sono isotopi.

Al contrario, nuclidi con lo stesso numero di neutroni ma diverso numero di protoni sono isotoniche. Nuclidi aventi lo stesso numero di massa sono chiamate isobare.

L'importanzaL'importanzaL'importanza dididi NNN eee ZZZ perperper descriveredescriveredescrivere lelele proprietàproprietàproprietà dididi ununun nuclidenuclidenuclide hahaha datodatodato allaallaalla luceluceluce tavolatavolatavola dididi nuclidinuclidinuclidi ininin cuicuicui ciascunciascunciascun nuclide è mostrato in una casella orizzontale definito dal numero di neutroni e verticalmente per il numero di protoni. Figura 1.3 mostra la mappa dei nuclidi può esistere in natura con nero, nuclidi stabili e grigio, radionuclidi. Si noti che i nuclidi masse bassi hanno circa lo stesso numero di protoni che neutroni. Tuttavia, i nuclidi più pesanti tendono chiaramente ad avere più neutroni che protoni. Ad esempio, A-197 ha 118 neutroni; che corrisponde ad un eccesso di neutroni 39. Si noterà anche che, ad eccezione di tecnezio (Z = 43) e promezio (Z = 61) tutti nuclidi avente un valore Z inferiore o uguale a 82 (piombo ) presentano noto almeno un isotopo stabile. Per valori di Z maggiore o uguale a 83 (bismuto), il n ' non sono noti isotopo stabile. Infine, è interessante notare che i radionuclidi sono presenti su entrambi i lati della banda relativamente ben definita dei nuclidi stabili e in alto a destra della mappa. Fino ad ora non è stato possibile identificare nuclidi aventi il ​​numero di protoni che Z = 118.

100

80

60

40

20

0

Z = N

120 100 80 60 40 20 0

il numero di neutroni N

Stabile

instabile

140

Figura 1.3: Mappa di nuclidi esistenti. In nero, rappresentati i nuclidi stabili, mentre in grigio sono rappresentati radionuclidi. Dei circa 2659 nuclidi noti, solo 264 sono stabili.

corso di formazione per gli esperti di radioprotezione nel campo di tipo B e C aree di lavoro

2.4.2.4. DimensioneDimensione dell'atomodell'atomo

Il nucleo, come l'atomo, non è un oggetto "solido" con un'area ben definita, nel senso che esso è solitamente compreso.compreso. dimensionidimensioni atomicheatomiche sono,sono, tuttavia,tuttavia, dell'ordinedell'ordine didi 10-10- 1010

metermetermeter mentrementrementre quelliquelliquelli deldeldel nucleonucleonucleo sonosonosono approssimativamenteapprossimativamenteapprossimativamente 10-10-10- 151515 metro.metro.metro. QuesteQuesteQueste dimensionidimensionidimensioni sonosonosono estremamenteestremamenteestremamente piccoli, è interessante descrivere i componenti dell'atomo di una scala più umana. Se un atomo di carbonio posizionato nel centro di Parigi, è stato ampliato fino a 2000 km di diametro, il suo nucleo sarebbe una sfera di 80 m di altezza (altezza di Notre Dame). Le 6 protoni e 6 neutroni nel nucleo sarebbero 30 m di diametro e palle in ciascuno di essi, tre quark, non più grandi di formiche porterebbero una sarabanda folle. Non più grande di minuscoleminuscole formiche,formiche, o,o, sarebberosarebbero ii 66 elettronielettroni didi questoquesto atomoatomo gigantegigante 2.2.

2.5.2.5. energiaenergia didi legamelegame nuclearenucleare

Le masse atomiche possono essere misurate con grande dettaglio utilizzando gli spettrometri di massa o fare reazioni nucleari. L'unità di massa atomica (amu) è tale che la massa di un nucleo a C 12 è esattamente 12 uma.uma.uma. InInIn unitàunitàunità internazionaliinternazionaliinternazionali ooo convertendoconvertendoconvertendo l'energial'energial'energia totaletotaletotale (E(E(E === mcmcmc 2)2)2) significasignificasignifica

1uma 1.661 10 kg 931.5MeV. =

=

-

27

(1.3)

L'energia richiesta per separare un dato nuclide in ciascuno dei suoi nucleoni è detta energia di legame del nuclide. Se dividiamo questa energia dal numero di massa A si ottiene l'energia di legame per nucleone. Figura 1.4 mostra l'energia di legame per nucleone a seconda del numero di massa. Si noti che l'energia di legame ritardo fino ai valori di A situati intorno 60.

Il fatto che l'energia nucleone legame è inferiore per grandi masse significa che nucleoni sono più saldamente vincolati quando coesistono entro due nuclei di media delle masse che quando risiedono in una grande massa

didi nucleonucleo

ÈÈ perper questoquesto cheche l'energial'energia vieneviene rilasciatarilasciata perper lolo svolgimentosvolgimento didi unun fissionefissione nucleare.nucleare.

All'altra estremità del grafico, si vede che l'energia viene rilasciata quando due nuclei di piccola massa sono combinaticombinati insiemeinsieme perper formareformare unun nucleonucleo mediamedia didi massa.massa. IlIl processoprocesso inversoinverso èè chiamatochiamato fissionefissione lala fusionefusione

nucleare.

Ni-62

H-He-4 8 U-238 X-273 6 Be-9 Li-6 4 3 2 H-2 0 0 50 100
H-He-4
8
U-238
X-273
6
Be-9
Li-6
4
3
2
H-2
0
0
50
100
150
200
250
Energia di legame per nucleone [MeV]

numero di massa A [-]

Figura 1.4: energia di legame per nucleone a seconda del numero di massa A. Il nuclide Ni-62 ha la massima energia di legame.

22 QuestaQuesta analogiaanalogia èè statastata presapresa dalladalla pubblicazionepubblicazione didi RafelRafel CarrerasCarreras "Quando"Quando l'energial'energia diventadiventa materia",materia", pubblicatopubblicato daldal CERNCERN nelnel gennaiogennaio 2000.2000.

2.6.2.6. forzaforza nuclearenucleare

LaLa forzaforza cheche governagoverna ilil movimentomovimento elettroneelettrone atomicoatomico èè forzaforza elettromagnetica.elettromagnetica. Sapendo che un nuclide contiene solitamente più protoni della stessa carica positiva, ne consegue che deve esistere all'interno del nucleo di una forza maggiore della forza elettromagnetica che è in grado di confinare i nucleoninucleoninucleoni ininin unounouno spaziospaziospazio piccolopiccolopiccolo comecomecome VolumeVolumeVolume nucleare.nucleare.nucleare. ililil forzaforzaforza nuclearenuclearenucleare checheche legalegalega insiemeinsiemeinsieme iii nucleoninucleoninucleoni nonnonnon èèè unaunauna forzaforzaforza fondamentalefondamentalefondamentale delladelladella natura,natura,natura, mamama piuttostopiuttostopiuttosto ununun effettoeffettoeffetto collaterale,collaterale,collaterale, ooo costante,costante,costante, lalala forteforteforte forzaforzaforza checheche sisisi legalegalega quarkquarkquark per formare neutroni e protoni. Questo effetto collaterale della forza forte è paragonabile al fatto che due atomi elettricamente neutri possono legarsi all'interno di una molecola come effetto collaterale di forze elettriche Coulomb.

Il fatto che ci sia concorrenza tra la forza forte (attraente) e la forza elettromagnetica (repulsione tra protoni) in un nuclide spiega perché la grande massa di nuclidi tutti hanno un eccesso di neutroni. Infatti, in un nuclide avente più neutroni che protoni, l'effetto della forza elettromagnetica è ridotta.

3.3. radioattivitàradioattività

UnaUnaUna quantitàquantitàquantità dididi materialematerialemateriale contenentecontenentecontenente ununun insiemeinsiemeinsieme dididi nucleinucleinuclei instabiliinstabiliinstabili èèè chiamatochiamatochiamato sorgentesorgentesorgente radioattiva.radioattiva.radioattiva. InInIn questaquestaquesta sezione, noi ora concentrarsi sulla descrizione di una sorgente radioattiva dal punto di vista del numero di nuclei instabili o il numero di particelle che emette nel tempo. Gli aspetti fisici alla base della disintegrazione e tipo di particelle emesse processo sarà discusso nella sezione 4.

3.1.3.1. costantecostante didi decadimentodecadimento didi unauna sorgentesorgente radioattivaradioattiva

Il decadimento radioattivo di un radionuclide è un processo casuale la cui realizzazione descrive un punto di

vistavistavistavista probabilistico.probabilistico.probabilistico.probabilistico. DefiniamoDefiniamoDefiniamoDefiniamo lalalala costantecostantecostantecostante didididi decadimentodecadimentodecadimentodecadimento λλλλ unununun radionuclideradionuclideradionuclideradionuclide inininin unounounouno statostatostatostato energeticoenergeticoenergeticoenergetico inininin quozientequozientequozientequoziente

di

on dP dt, dove dP è la probabilità che un dato nucleo subisce trasformazione nucleare spontanea del livello

di

energia durante l'intervallo di tempo dt:

λ

=

dP s

dt

[

-

1

]

.

(1,4)

Se la sorgente radioattiva contiene N nuclei instabili, il numero medio di nuclei sottoposti decadimento durante l'elemento tempo dt è dato da:

- =dNλ Ndt

.

(1,5)

Il segno negativo davanti dN si spiega con il fatto che il numero di nuclei instabili N diminuisce e quindi dN è negativo.negativo.negativo. QuestaQuestaQuesta equazioneequazioneequazione differenzialedifferenzialedifferenziale èèè facilmentefacilmentefacilmente risoltorisoltorisolto considerandoconsiderandoconsiderando checheche abbiamoabbiamoabbiamo NNN 000 nucleinucleinuclei instabiliinstabiliinstabili alalal tempo t = 0. Il numero di nuclei instabili per ogni tempo t è:

()

N N e t

=

0

t

.

(1.6)

Il numero di nuclei instabili nel tempo è descritto da una legge di decadimento

esponenzialeesponenziale (( vedivedi figurafigura 1.5).1.5). SiSi trovatrova cheche lala rappresentazionerappresentazione semilogaritmica,semilogaritmica, NN (t)(t) èè unauna linealinea retta.retta.

FiguraFiguraFigura 1.5:1.5:1.5: NumeroNumeroNumero dididi nuclidinuclidinuclidi instabiliinstabiliinstabili nelnelnel
FiguraFiguraFigura 1.5:1.5:1.5: NumeroNumeroNumero dididi nuclidinuclidinuclidi instabiliinstabiliinstabili nelnelnel

FiguraFiguraFigura 1.5:1.5:1.5: NumeroNumeroNumero dididi nuclidinuclidinuclidi instabiliinstabiliinstabili nelnelnel tempo.tempo.tempo. SiSiSi considericonsidericonsideri checheche alalal tempotempotempo ttt === 0,0,0, alloraalloraallora NNN 000 nuclidinuclidinuclidi eee ililil periodoperiodoperiodo èèè T.T.T. (A) scala lineare; (B) scala semi-

logaritmica.

3.2.3.2. lala metàmetà radioattivoradioattivo

La diminuzione esponenziale del numero di nuclei instabili è spesso espressa come funzione del tempo T necessarionecessarionecessario perperper ridurreridurreridurre ililil numeronumeronumero dididi ununun fattorefattorefattore due.due.due. QuestaQuestaQuesta voltavoltavolta sisisi chiamachiamachiama emivitaemivitaemivita ededed èèè espressoespressoespresso ininin terminiterminitermini delladelladella costantecostantecostantecostantecostante dididididi decadimentodecadimentodecadimentodecadimentodecadimento λλλλλ notandonotandonotandonotandonotando chechechecheche alalalalal tempotempotempotempotempo ttttt ===== T,T,T,T,T, ililililil numeronumeronumeronumeronumero dididididi nucleinucleinucleinucleinuclei instabiliinstabiliinstabiliinstabiliinstabili èèèèè perperperperper definizionedefinizionedefinizionedefinizionedefinizione pariparipariparipari aaaaa NNNNN 00000 ///// 2:2:2:2:2:

()

NT

1

= ⇔

2

NN e

0

⇔ λ =

0

T

1

= ⇔ -λ = -

2

N

0

ln 2 T

[]

s

.

T

ln 2

(1,7)

= 0 -λ T 1 = ⇔ -λ = - 2 N 0 ln 2 T

Figura 1.6: Distribuzione dei periodi di radionuclidi. Si trova che i periodi più lunghi tendono ad essere vicino ai nuclei stabili.

Figura 1.6 mostra che nella tabella dei nuclidi più lunghi periodi sono vicine nuclei stabili. Viceversa, periodi più brevi corrispondono

nuclei più lontane.

3.3.3.3. AttivitàAttività didi unauna sorgentesorgente radioattivaradioattiva

PuòPuòPuò essereessereessere definitodefinitodefinito affariaffariaffari unaunauna sorgentesorgentesorgente radioattivaradioattivaradioattiva comecomecome ililil numeronumeronumero dididi disintegrazionidisintegrazionidisintegrazioni checheche avvengonoavvengonoavvengono nell'unitànell'unitànell'unità dididi tempo. Specificamente, l'attività di una certa quantità di radionuclide in uno stato particolare di energia in un dato momento è definito come il quoziente di dN su dt, ove dN è il numero di trasformazioni nucleari spontanee da tale stato di energia durante intervallo di tempo dt:

dN

=

-

la

dt

[

s

-

1

]

[

=

bq

] .

(1,8)

L'unità di attività è l'inverso di un tempo. Data l'importanza di tale portata è stato assegnato un nome specifico perperperper lalalala suasuasuasua unità,unità,unità,unità, becquerelbecquerelbecquerelbecquerel CortoCortoCortoCorto [Bq][Bq][Bq][Bq] 3.3.3.3.

La relazione (1.6) viene utilizzato per esprimere l'attività nel corso del tempo:

()

Una t

= λ

()

N t

.

(1,9)

PerPerPer unaunauna sorgentesorgentesorgente conconcon Un'attivitàUn'attivitàUn'attività 000 alalal tempotempotempo ttt === 0,0,0, l'attivitàl'attivitàl'attività nelnelnel tempotempotempo èèè quindiquindiquindi espressoespressoespresso da:da:da:

()

Una t A e

=

0

t

=

A e

0

lnln 22 TT tt

-

.

(1.10)

In pratica, l'intensità di una sorgente radioattiva è descritta dalla attività, non dal numero di nuclidi instabili. Spesso è più facile misurare le particelle di effetto di disintegrazione che misurano nuclidi instabili che possono potenzialmente disintegrarsi.

4.4. CondizioniCondizioni didi disgregazionedisgregazione

Nella sezione precedente, abbiamo cercato di descrivere l'evoluzione del numero di nuclidi nel tempo attraverso l'attività e grandezze derivate. In questa sezione, descriveremo i tipi di trasformazioni più comuni. Questi si dividono in tre categorie:

• Processi spontaneamente trasformare un nuclide in un altro nuclide emettendo una o più particelle (s).

• Il processo di trasformazione di un nuclide in molti altri nuclidi.

Il processo di trasformazione di un nuclide in un determinato stato di energia in un nuclide in un altro stato energetico.

4.1.4.1. decadimentodecadimento radioattivoradioattivo

Decadimenti più comuni sono quelli per cui il nuclide emette un nucleo di elio (particelle alfa) o di un elettrone (particella beta). Nel caso di nuclei pesanti, il nuclide può anche essere diviso in diversi nuclei e neutroni (fissione). Questi cambiamenti danno luogo un cambiamento nella composizione dei nuclei. Spesso, dopo l'elaborazione, con conseguente nuclide è in uno stato energetico eccitato. esso

333333 L'exL'exL'exL'exL'exL'ex businessbusinessbusinessbusinessbusinessbusiness unit,unit,unit,unit,unit,unit, chechechechecheche hahahahahaha corsocorsocorsocorsocorsocorso legalelegalelegalelegalelegalelegale inininininin SvizzeraSvizzeraSvizzeraSvizzeraSvizzeraSvizzera daldaldaldaldaldal 111111 stststststst GennaioGennaioGennaioGennaioGennaioGennaio 199719971997199719971997 èèèèèè lalalalalala CuriaCuriaCuriaCuriaCuriaCuria [CI].[CI].[CI].[CI].[CI].[CI]. 111111 CiCiCiCiCiCi ====== 3,73,73,73,73,73,7 101010101010 101010101010 bqbqbqbqbqbq

stabilizza rilasciando la sua energia sotto forma di uno o più fotoni (particelle gamma) o nel trasferimento sua energia alla sfilata degli elettroni. Questo diseccitazione non cambia la composizione del nucleo.

La condizione fondamentale per un nuclide subisce una disintegrazione spontanea è che i componenti finali sono in uno stato di energia inferiore rispetto al componente iniziale. disintegrazione spontanea si verifica solo se conduce a dissipazione di energia.

4.1.1.4.1.1. disintegrazionedisintegrazione alfaalfa

NelNelNelNel corsocorsocorsocorso didididi unaunaunauna disgregazionedisgregazionedisgregazionedisgregazione alfaalfaalfaalfa (((( α)α)α)α) unununun compostocompostocompostocomposto nuclidenuclidenuclidenuclide E:E:E:E: ZZZZ protoniprotoniprotoniprotoni eeee NNNN neutronineutronineutronineutroni (e(e(e(e unununun numeronumeronumeronumero didididi massamassamassamassa AAAA ==== Z + N) viene trasformato in un nuclide E 'emettendo un nucleo di elio, chiamato alfa particelle e composto di neutroni 2 e 2 protoni. Questa disintegrazione porta ad un nuclide contenente Z-2 protoni e 2 neutroni N. Il nucleo di partenza, chiamato nucleonucleo genitore,genitore, dàdà vitavita adad unun nuovonuovo kernel,kernel, "figlia-core.""figlia-core." Formalmente,Formalmente, èè scritto:scritto:

la

ZN

E

A 4

-

E '

Z 2 N 2

-

+

4

2

lui

α

2

.

(1.11)

La posizione relativa del nucleo madre e figlia nucleo nella tabella dei nuclidi è mostrato in Figura 1.7.

Z

Z m f N
m f N
m
f
N

Figura 1.7: Alpha decadimento nella tabella di nuclidi. La madre-core (m) decade in un nucleo di figlia (f), perdendo due neutroni e due protoni.

disintegrazionedisintegrazionedisintegrazionedisintegrazionedisintegrazione ααααα nucleinucleinucleinucleinuclei prevalentementeprevalentementeprevalentementeprevalentementeprevalentemente pesanti.pesanti.pesanti.pesanti.pesanti. L'analisiL'analisiL'analisiL'analisiL'analisi delledelledelledelledelle energieenergieenergieenergieenergie delledelledelledelledelle particelleparticelleparticelleparticelleparticelle ααααα emessoemessoemessoemessoemesso dadadadada ununununun datodatodatodatodato nuclidenuclidenuclide mostramostramostra checheche essiessiessi formanoformanoformano ununun insiemeinsiemeinsieme discretodiscretodiscreto eee finito.finito.finito. LoLoLo spettrospettrospettro dididi radiazioneradiazioneradiazione ααα èèè formataformataformata dadada linee,linee,linee, dovedovedove ognuno corrisponde ad uno stato energetico del nucleo figlia.

Informazioni sulla disgregazione sono spesso dato in uno schema di decadimento. Figura 1.8 mostra lo schema decadimento del radio-226 (Ra-226). Convenzionalmente, l'asse verticale rappresenta il potere e l'asse orizzontaleorizzontaleorizzontale èèè ililil numeronumeronumero dididi protoni.protoni.protoni. NelNelNel casocasocaso dididi disintegrazionedisintegrazionedisintegrazione α,α,α, ililil nucleonucleonucleo figliafigliafiglia èèè mostratomostratomostrato aaa sinistrasinistrasinistra deldeldel nucleo-madre, perché ha due protoni meno. Esso è rappresentato al di sotto del nucleo madre, perché il suo livello di energia è più basso.

T = 1.622 ha

226Ra 88

αα 11 (98,8%;(98,8%; 4,794,79 MeV)MeV)

T = 1.622 ha 226Ra 88 αα 11 (98,8%;(98,8%; 4,794,79 MeV)MeV) αα 22 (1,2%(1,2% 4,614,61 MeV)MeV)

αα 22 (1,2%(1,2% 4,614,61 MeV)MeV)

0.18 MeV

0

222Rn

86

Figura 1.8: decadimento schematica di radio-226 (Ra-226) con un periodo di 1.622 anni. Due canali di decadimento alfa sono

possibili.possibili.possibili. IlIlIl primoprimoprimo modomodomodo riguardariguardariguarda 98,8%98,8%98,8% delledelledelle disintegrazioni:disintegrazioni:disintegrazioni: unaunauna particellaparticellaparticella ααα 4,794,794,79 MeVMeVMeV vienevieneviene emessa;emessa;emessa; ililil nucleonucleonucleo figliafigliafiglia èèè radon-222radon-222radon-222

(Rn-222) direttamente al suo stato energetico terra. Nel secondo modo (che riguarda 1,2% decadimenti), una particella α di 4,61

MeV è rilasciato. Il nucleo figlia è la stessa come per il primo canale (Rn-222) in un più alto stato energetico di 0,18 MeV (4,79 -

4,61). Questa energia viene rilasciato come un fotone di 0,18 MeV. Questo porta alla fine ad un nucleo figlia in stato di energia a

terra.

4.1.2.4.1.2. DecadimentoDecadimento betabeta menomeno

DuranteDuranteDuranteDuranteDurante lalalalala disintegrazionedisintegrazionedisintegrazionedisintegrazionedisintegrazione betabetabetabetabeta menomenomenomenomeno ((((( β-),β-),β-),β-),β-), nucleonucleonucleonucleonucleo instabileinstabileinstabileinstabileinstabile emetteemetteemetteemetteemette ununununun elettroneelettroneelettroneelettroneelettrone (particella(particella(particella(particella(particella β-)β-)β-)β-)β-) eeeee ununununun anti-neutrinoanti-neutrinoanti-neutrinoanti-neutrinoanti-neutrino ((((( ν).ν).ν).ν).ν). IlIlIlIlIl nucleonucleonucleonucleonucleo

figlia ha lo stesso numero di nucleoni che il nucleo madre; un neutrone viene convertito in un protone all'interno del nucleo. Siamo in grado di rappresentare il processo nel modo seguente:

la

ZN

E

la

Z 1 + N 1

E '

-

-

+ Β + ν

.

(1.12)

La posizione relativa del nucleo madre e figlia nucleo nella tabella dei nuclidi è mostrato in Figura 1.9. Il decadimentodecadimentodecadimento βββ --- riguardariguardariguarda iii nucleinucleinuclei ininin cuicuicui ililil numeronumeronumero dididi neutronineutronineutroni èèè relativamenterelativamenterelativamente elevatoelevatoelevato rispettorispettorispetto allaallaalla stabilitàstabilitàstabilità delladelladella zona nuclei.

Z

Z f m N
f m N
f
m
N

FiguraFiguraFigura 1.9:1.9:1.9: RappresentazioneRappresentazioneRappresentazione dididi ununun decadimentodecadimentodecadimento betabetabeta almenoalmenoalmeno ((( β-)β-)β-) nellanellanella tabellatabellatabella dididi nuclidi.nuclidi.nuclidi. LaLaLa frecciafrecciafreccia rappresentarappresentarappresenta lololo spostamentospostamentospostamento

dovuto alla disintegrazione. Il nucleo madre (m) decade in un nucleo figlia (f) sostituzione di un neutrone per protone.

L'anti-neutrino è l'anti-particella del neutrino. Il neutrino è una particella neutra massa prossima a zero (o zero). Il tasso di interazione tra neutrini e la materia è estremamente basso in quanto ha calcolato che il libero camminocamminocammino mediomediomedio ininin acquaacquaacqua èèè dell'ordinedell'ordinedell'ordine dididi diversediversediverse migliaiamigliaiamigliaia dididi anniannianni luceluceluce 4.4.4. IlIlIl neutrinoneutrinoneutrino èèè lalala particellaparticellaparticella piùpiùpiù abbondanteabbondanteabbondante nell'universo. Ogni secondo, il nostro corpo è attraversata da diversi miliardi di neutrini. L'energia resa disponibile dalla disintegrazione è distribuita secondo una legge statistica tra particelle β- e neutrino. E particelle beta non sempre hanno la stessa energia: lo spettro di radiazione β- è continuo, l'energia zero (tutta l'energia disponibile viene trasferita al neutrino) la potenza massima disponibile (zero energia neutrino ); un esempio di spettro β- La Figura 1.10. La massima energia della radiazione β- è tra pochi keV a qualche MeV. In generale, uno spettro β- è caratterizzato da due valori: la massima energia e l'energia media. Il rapporto tra queste due grandezze è di circa 1/3.

P-32 e.max 1.71 0 0.2 0.4 0.6 0.8 1.0 1.2 1.4 1.6 β-Numero Numero di
P-32
e.max
1.71
0
0.2
0.4
0.6
0.8
1.0
1.2
1.4
1.6
β-Numero
Numero di
di particelle
particelle relative
relative β-

energiaenergiaenergia delladelladella radiazioneradiazioneradiazione β-β-β- [[[ MeV]MeV]MeV]

Figura 1.10: beta energia Spectrum emessi dal fosforo-32 (P-32). Si noti che questo spettro è continuo con energie comprese tra

0 e 1,71 MeV.

Un esempio di decadimento β- La Figura 1.11. Fosforo-32 (P-32) è un trasmettitore β- puro perché la disgregazione conduce direttamente allo stato fondamentale zolfo-32 (S-32).

direttamente allo stato fondamentale zolfo-32 (S-32). Figura 1.11: Schema di disgregazione della P-32. Il periodo

Figura 1.11: Schema di disgregazione della P-32. Il periodo di questo elemento radioattivo è 14,3 giorni. C'è solo un disintegrante conduce direttamente al S-32 nel suo stato energetico terra. L'energia mostrato nel diagramma (1,71 MeV)

4444 UnUnUnUn annoannoannoanno luceluceluceluce èèèè lalalala distanzadistanzadistanzadistanza nelnelnelnel vuotovuotovuotovuoto dalladalladalladalla luceluceluceluce (circa(circa(circa(circa 9454945494549454 10101010 15151515 m).m).m).m). AdAdAdAd esempio,esempio,esempio,esempio, lalalala luceluceluceluce deldeldeldel solesolesolesole impiegaimpiegaimpiegaimpiega circacircacircacirca 8888 minutiminutiminutiminuti perperperper raggiungerci.raggiungerci.raggiungerci.raggiungerci.

corrispondecorrispondecorrisponde allaallaalla massimamassimamassima energiaenergiaenergia possibile;possibile;possibile; energiaenergiaenergia effettivamenteeffettivamenteeffettivamente ricevutoricevutoricevuto dalladalladalla particellaparticellaparticella βββ èèè compresocompresocompreso tratratra 000 eee 1,711,711,71 MeV.MeV.MeV.

4.1.3.4.1.3. PiùPiù decadimentodecadimento betabeta ee catturacattura didi elettronielettroni disindisindisindisin tttt égrationégrationégrationégration piùpiùpiùpiù betabetabetabeta

DuranteDuranteDuranteDurante lalalala disintegrazionedisintegrazionedisintegrazionedisintegrazione piùpiùpiùpiù betabetabetabeta (((( ββββ +),+),+),+), nucleonucleonucleonucleo instabileinstabileinstabileinstabile emetteemetteemetteemette unununun positronepositronepositronepositrone (β(β(β(β ++++ particellaparticellaparticellaparticella elettroneelettroneelettroneelettrone positivo)positivo)positivo)positivo) eeee unununun neutrinoneutrinoneutrinoneutrino (((( ν).ν).ν).ν). Il nucleo figlia ha lo stesso numero di nucleoni che il nucleo madre; un protone viene convertito in un neutrone all'interno del nucleo. Siamo in grado di rappresentare il processo nel modo seguente:

la

ZN

E

la

Z 1 - N 1

E '

+

+

+ Β + ν

.

(1.13)

La posizione relativa del nucleo madre e figlia nucleo nella tabella dei nuclidi è mostrato in Figura 1.12. I nuclei disintegrazione beta + relazione, il numero di protoni è relativamente elevata rispetto alla stabilità della zona nuclei.

Z

Z m N f
m N f
m
N f

Figura 1.12: Rappresentazione di un decadimento beta più (β +) o la cattura di elettroni nella tabella di nuclidi. La freccia rappresenta lo spostamento dovuto alla disintegrazione. Il nucleo madre (m) decade in un nucleo figlia (f) sostituendo un protone con un neutrone. Nel caso di β + decadimento, un positrone e un neutrino sono emessi. Nel caso di cattura di elettroni, un elettrone dell'atomo viene assorbito e un neutrino viene emesso.

Il β + particella non esiste nel materiale stabile. Dopo frenatura nel materiale (meccanismo descritto in una sezione successiva), il positrone bassa energia incontra un elettrone e si annulla con esso, vale a dire che le due particelle scompaiono, dando luogo alla trasmettere in direzioni opposte (180 °) di due fotoni di energia pari alla massa di energia degli elettroni, cioè 0.511 MeV ciascuno. E la firma di una disintegrazione β + è gamma emissione di radiazioni di 0.511 MeV.

β + è gamma emissione di radiazioni di 0.511 MeV. corso di formazione per gli esperti

Figura 1.13: Schema di disintegrazione di fluoro-18 (F-18). Il periodo di questo elemento radioattivo è di 109 minuti. Ci sono due canali di decadimento per questo nuclide che entrambi portano allo stato fondamentale di ossigeno 18 (O-18). Il primo percorso è presa nel 97% dei casi, si tratta di una disintegrazione β + quale l'energia massima è di 0,63 MeV. Il secondo percorso è presa nel 3% dei casi v'è una cattura di elettroni.

Come nel caso della disintegrazione del β- β spettro della radiazione + è continuo. L'energia massima è compresa tra pochi keV a qualche MeV.

cattura elettronica

ililil catturacatturacattura elettronicaelettronicaelettronica ((( IngleseIngleseInglese CE:CE:CE: catturacatturacattura dididi elettroni)elettroni)elettroni) èèè ununun processoprocessoprocesso competitivocompetitivocompetitivo perperper lalala disintegrazionedisintegrazionedisintegrazione βββ +.+.+. InInIn questoquestoquesto caso,caso,caso, ununun elettroneelettroneelettrone dididi unounouno stratostratostrato profondoprofondoprofondo dididi ununun atomoatomoatomo (e),(e),(e), ininin generalegeneralegenerale dellodellodello stratostratostrato K,K,K, vienevieneviene assorbitoassorbitoassorbito nelnelnel nucleonucleonucleo eee ununun neutrinoneutrinoneutrino ((( ν)ν)ν) vienevieneviene rilasciato. Siamo in grado di rappresentare il processo nel modo seguente:

la

e e

ZN

+

-

la

Z 1 N 1

E '

-

+

+ ν

.

(1.14)

La posizione relativa del nucleo madre e figlia nucleo nella tabella di nuclidi è lo stesso per la disintegrazione β

+ (Figura 1.12).

La cattura di elettroni è più economico in termini energetici che l'emissione di un positrone, in modo che quando c'è poca energia disponibile per la disintegrazione si possono verificare. Questa modalità di decadimento è difficile dimostrare perché il neutrino prende la maggior parte dell'energia rilasciata. L'evento passerebbe inosservato se il nucleo e nube di elettroni non sono riorganizzate. Come notato sopra, l'elettrone catturato solito appartiene a K. Lo strato atomico che è lasciato con un "buco" a questo strato è disturbato. Si riorganizza a emettendo fluorescenza a raggi X o di elettroni Auger (vedi sotto).

Questa modalità di radioattività è quindi difficile da rilevare e non è stato scoperto fino al 1937, 40 anni dopo il

decadimentodecadimentodecadimento βββ --- eee pochipochipochi anniannianni dopodopodopo lalala disintegrazionedisintegrazionedisintegrazione βββ +.+.+. UnUnUn esempioesempioesempio dididi catturacatturacattura dididi elettronielettronielettroni nelnelnel casocasocaso dididi fluoro-18fluoro-18fluoro-18

(F-18) La Figura 1.13. Entrambi i meccanismi disintegrazione (β + e cattura di elettroni) coesistere per lo stesso

nuclide.

4.1.4.4.1.4. fissionefissione spontaneaspontanea

Durante fissione nucleare, un nuclide instabile di alto numero atomico, si divide in due modi nuclei (prodotti di fissione). Durante questo processo, diversi neutroni sono emessi. Lo schema generale di una fissione è:

AZ N

E

la

Z

1

1

E '

N

1

+

la

Z

2

2

E ''

N

2

+ ⋅ X n,

(1.15)

dovedovedovedovedovedovedovedovedove ZZZZZZZZZ ========= ZZZZZZZZZ 1+1+1+1+1+1+1+1+1+ ZZZZZZZZZ 222222222 eeeeeeeee NNNNNNNNN ========= NNNNNNNNN 1+1+1+1+1+1+1+1+1+ NNNNNNNNN 2+2+2+2+2+2+2+2+2+ X.X.X.X.X.X.X.X.X. IlIlIlIlIlIlIlIlIl numeronumeronumeronumeronumeronumeronumeronumeronumero dididididididididi neutronineutronineutronineutronineutronineutronineutronineutronineutroni (X)(X)(X)(X)(X)(X)(X)(X)(X) emesseemesseemesseemesseemesseemesseemesseemesseemesse dadadadadadadadada fissionefissionefissionefissionefissionefissionefissionefissionefissione èèèèèèèèè dell'ordinedell'ordinedell'ordinedell'ordinedell'ordinedell'ordinedell'ordinedell'ordinedell'ordine dididididididididi 222222222 aaaaaaaaa 3.3.3.3.3.3.3.3.3. LoLoLoLoLoLoLoLoLo stessostessostessostessostessostessostessostessostesso

nucleo madre può dar luogo ad una serie di coppie di prodotti di fissione, generalmente a sua volta radioattivo.

Occorre distinguere fissione spontanea e fissione indotta (solitamente da neutroni) che viene usato come una

reazione a catena nei reattori nucleari.

4.2.4.2. DiseccitandoDiseccitando ilil nucleonucleo

Dopo la disintegrazione, il nucleo figlia si trova di solito in uno stato energetico eccitato. Il core-eccitazione può essere realizzata in diversi modi:

• raggi gamma.

transizione isomerica.

conversione interna.

4.2.1.4.2.1. emissioneemissione didi radiazioneradiazione gammagamma

emittenteemittenteemittenteemittente radiazioneradiazioneradiazioneradiazione gammagammagammagamma (((( γ)γ)γ)γ) èèèè quelloquelloquelloquello didididi rilasciarerilasciarerilasciarerilasciare l'energial'energial'energial'energia inininin eccessoeccessoeccessoeccesso deldeldeldel nucleonucleonucleonucleo figliafigliafigliafiglia dadadada emissioneemissioneemissioneemissione didididi unununun fotone.fotone.fotone.fotone. SiamoSiamoSiamoSiamo inininin grado di rappresentare il processo nel modo seguente:

la

ZN

E

** →→ γγ ++

la

ZN

E

,

(1.16)

dovedovedove l'asteriscol'asteriscol'asterisco indicaindicaindica unounouno statostatostato eccitato.eccitato.eccitato. LaLaLa maggiormaggiormaggior parteparteparte deideidei decadimentidecadimentidecadimenti ααα eee βββ èèè seguitoseguitoseguito dadada emissioneemissioneemissione dididi

radiazioneradiazioneradiazioneradiazioneradiazioneradiazioneradiazione γ.γ.γ.γ.γ.γ.γ. LaLaLaLaLaLaLa radiazioneradiazioneradiazioneradiazioneradiazioneradiazioneradiazione chechechechechecheche emetteemetteemetteemetteemetteemetteemette γγγγγγγ successivosuccessivosuccessivosuccessivosuccessivosuccessivosuccessivo delledelledelledelledelledelledelle particelleparticelleparticelleparticelleparticelleparticelleparticelle ααααααα ooooooo βββββββ (durata(durata(durata(durata(durata(durata(durata dellodellodellodellodellodellodello statostatostatostatostatostatostato eccitatoeccitatoeccitatoeccitatoeccitatoeccitatoeccitato inferioreinferioreinferioreinferioreinferioreinferioreinferiore aaaaaaa

10-10-10-10-10- 1010101010 s).s).s).s).s). L'energiaL'energiaL'energiaL'energiaL'energia delladelladelladelladella radiazioneradiazioneradiazioneradiazioneradiazione γγγγγ corrispondecorrispondecorrispondecorrispondecorrisponde allaallaallaallaalla differenzadifferenzadifferenzadifferenzadifferenza dididididi energiaenergiaenergiaenergiaenergia tratratratratra iiiii livellilivellilivellilivellilivelli figlia-nucleo.figlia-nucleo.figlia-nucleo.figlia-nucleo.figlia-nucleo.

era T = 5.26 Co 60 27 ββ (( 99,8%;99,8%; 0,310,31 MeV)MeV) 11 2.51 MeV
era
T = 5.26
Co 60 27
ββ (( 99,8%;99,8%; 0,310,31 MeV)MeV) 11
2.51
MeV
ββ (( 0,2%;0,2%; 1.491.49 MeV)MeV) 22
γγ 11
MeV
1.33
γ
2
0.0 MeV
60 Ni
26

FiguraFiguraFigura 1.14:1.14:1.14: EsempioEsempioEsempio emettonoemettonoemettono radiazioniradiazioniradiazioni gammagammagamma dopodopodopo averaveraver discioltodiscioltodisciolto β-β-β- dididi cobalto-60cobalto-60cobalto-60 (Co-60).(Co-60).(Co-60). AAA causacausacausa deideidei dueduedue possibilipossibilipossibili modimodimodi dididi disintegrazionedisintegrazionedisintegrazione β-β-β- Co-60,Co-60,Co-60, dueduedue fotonifotonifotoni hannohannohanno unaunauna certacertacerta probabilitàprobabilitàprobabilità dididi essereessereessere rilasciatarilasciatarilasciata adadad ogniogniogni disintegrazione.disintegrazione.disintegrazione. NelNelNel 99,8%99,8%99,8% deideidei casi,casi,casi, ununun fotone di 1,18 MeV (2,51-1,33) viene rilasciato. Nel 100% dei casi, un fotone

1.33 MeV viene emesso.

LoLoLo spettrospettrospettro dididi radiazioneradiazioneradiazione γγγ èèè unounouno spettrospettrospettro dididi righe,righe,righe, ciascunaciascunaciascuna delledelledelle qualiqualiquali corrispondecorrispondecorrisponde lalala transizionetransizionetransizione dadada unounouno statostatostato eccitatoeccitatoeccitato ad un altro stato del nucleo figlia. Lo schema di decadimento del cobalto-60 (Co-60) è mostrato in Figura 1.14.

fondamentale del nucleo figlia da raggi gamma.

4.2.2.4.2.2. transizionetransizione isomericaisomerica

Questo è un emettitore β- terminante

ililililil transizionetransizionetransizionetransizionetransizione isomericaisomericaisomericaisomericaisomerica differiscedifferiscedifferiscedifferiscedifferisce daldaldaldaldal singolosingolosingolosingolosingolo emettitoreemettitoreemettitoreemettitoreemettitore dididididi radiazioneradiazioneradiazioneradiazioneradiazione γγγγγ daldaldaldaldal fattofattofattofattofatto chechechecheche ililililil nucleo-figlianucleo-figlianucleo-figlianucleo-figlianucleo-figlia rimanerimanerimanerimanerimane ununununun tempotempotempotempotempo significativo nello stato eccitato.

Come con altro processo di decadimento, la transizione isomerica è un fenomeno statistico cui evoluzione nel tempo è descritta da un esponenziale decrescente caratterizzato dalla sua durata. L'esempio più importante in radiologia medica è quella di tecnezio-99m (Tc-99m). Suo schema decadimento è presentato in Figura 1.15. il

letteraletteralettera "m""m""m" nelnelnel simbolosimbolosimbolo Tc-99mTc-99mTc-99m significasignificasignifica checheche questoquestoquesto èèè Tc-99Tc-99Tc-99 ininin unounouno statostatostato metastabile;metastabile;metastabile; valevalevale aaa dirediredire ununun instabile,instabile,instabile, mamama nonnonnon abbastanza per rimanere per sempre in questo stato.

99mTc (6 ore)

99mTc (6 ore) 999999 434343 TcTcTc (2.12.(2.12.(2.12. 101010 555 a)a)a) 0.1405 MeV 0.0

999999 434343 TcTcTc (2.12.(2.12.(2.12. 101010 555 a)a)a)

0.1405 MeV

0.0

FiguraFiguraFigura 1.15:1.15:1.15: EsempioEsempioEsempio dididi isomericaisomericaisomerica transizionetransizionetransizione tecnezio-99mtecnezio-99mtecnezio-99m (Tc-99m)(Tc-99m)(Tc-99m) conconcon ununun periodoperiodoperiodo dididi 666 ore.ore.ore. QuestoQuestoQuesto isotopoisotopoisotopo daldaldal decadimentodecadimentodecadimento β-β-β- molibdeno-99molibdeno-99molibdeno-99

(Mo

99).

essoessoessoessoesso emetteemetteemetteemetteemette γγγγγ 140,5140,5140,5140,5140,5 keV.keV.keV.keV.keV. IlIlIlIlIl nucleonucleonucleonucleonucleo figliafigliafigliafigliafiglia èèèèè Tc-99,Tc-99,Tc-99,Tc-99,Tc-99, chechechecheche èèèèè praticamentepraticamentepraticamentepraticamentepraticamente invariatoinvariatoinvariatoinvariatoinvariato daldaldaldaldal suosuosuosuosuo periodoperiodoperiodoperiodoperiodo èèèèè 2.12.102.12.102.12.102.12.102.12.10 55555 anni.anni.anni.anni.anni.

4.2.3.4.2.3. conversioneconversione internainterna

DuranteDuranteDurante lalala conversioneconversioneconversione interna,interna,interna, competizionecompetizionecompetizione perperper l'emissionel'emissionel'emissione dididi radiazioniradiazioniradiazioni γ,γ,γ, ililil nucleonucleonucleo figliafigliafiglia vienevieneviene diseccitatodiseccitatodiseccitato trasmettendotrasmettendotrasmettendo la sua energia ad un elettrone della nuvola di elettroni emesso dal dell'atomo. Siamo in grado di rappresentare il processo nel modo seguente:

la

ZN

E

*

la

ZN

e e

+

-

.

(1.17)

conversione interna avviene preferibilmente per nuclei pesanti (alto Z). Lo schema decadimento del cesio 137 (Cs-137) che ha conversioni interne e transizione isomerica, è riportato nella Figura 1.16.

T = 30.15 137 Cs ha 55 β - (94,6%; 0,51 MeV) 1 β -
T = 30.15
137 Cs ha 55
β -
(94,6%; 0,51 MeV) 1
β -
(5,4% 1,18 MeV) 2

T = 2.55 min

0,66 MeV K (2,8%) L γγ (( 95,6%)95,6%) (1,3%) M (0,3%) 0
0,66 MeV
K (2,8%) L
γγ (( 95,6%)95,6%)
(1,3%) M
(0,3%)
0

137 Ba

137 Ba

56

56

FiguraFiguraFigura 1.16:1.16:1.16: decadimentodecadimentodecadimento schematicaschematicaschematica dididi cesiocesiocesio 137137137 (Cs-137),(Cs-137),(Cs-137), trasmettitoretrasmettitoretrasmettitore β-β-β- 30.1530.1530.15 periodoperiodoperiodo dididi ununun annoannoanno lalala cuicuicui figlia-corefiglia-corefiglia-core èèè dididi bario-137 (Ba-137). Nel 5,4% dei casi, il nucleo figlia è direttamente nel suo stato fondamentale. Nel 94,6% dei casi, Ba-137 rimane in uno stato eccitato allo 0,66 MeV (Ba-137m). Questo eccitato stato metastabile Ba-137 verso il basso per lo stato di energia a terra con un tempo di 2,55 minuti. Nel 95,6% dei casi, questa discesa allo stato fondamentale avviene l'emissione di radiazioniradiazioniradiazioni γγγ 0,660,660,66 MeV.MeV.MeV. 4,4%4,4%4,4% neineinei restantirestantirestanti casi,casi,casi, lalala discesadiscesadiscesa alloalloallo statostatostato fondamentalefondamentalefondamentale èèè eseguitaeseguitaeseguita dadada conversioneconversioneconversione interna.interna.interna. L'elettroneL'elettroneL'elettrone riceve i 0,66 MeV disponibili sono quelle dello strato K (2,8%) di strato L (1,3%), o dello strato M (0,3%).

4.3.4.3. processioneprocessione didi stabilizzazionestabilizzazione elettronicoelettronico

In seguito alla cattura di elettroni o conversione interna, l'atomo figlia ha un vacante elettroni in un livello profondo. Questo vacante è riempito da discesa di un elettrone da uno strato esterno. La vacanza appena creato a sua volta sostituito da un elettrone più esterno. Questa cascata elettronica si traduce nella stabilizzazione della nuvola di elettroni.

La disposizione energia durante il passaggio di un elettrone in uno strato più profondo può essere rilasciato in 2 modi:

ConCon l'emissionel'emissione didi unun fotone,fotone, chiamatochiamato fluorescenzafluorescenza aa raggiraggi X.X.

Dal trasferimento dell'energia disponibile all'elettrone nube di elettroni viene espulso dall'atomo; questo elettroneelettrone èè chiamatochiamato ElettroniElettroni Auger.Auger.

I processi di emissione si presentano durante la cascata, risultando in un complesso spettro (linee) di radiazione di fluorescenza ed elettroni Auger. Questi due meccanismi sono diagrammed nella Figura 1.17.

(A) elettrone vacante RX nucleo orbitale
(A)
elettrone
vacante
RX
nucleo
orbitale
(B) e
(B)
e

Figura 1.17: Stabilizzazione della nuvola di elettroni. In seguito alla cattura di elettroni o conversione interna, il vacante viene nuovamente occupato da un elettrone più esterno. L'eccesso di energia dell'elettrone può essere liberata da emissione di raggi X fluorescenti (a), oppure emettendo un elettrone Auger (b).

riassunto

I nuclei atomici o nuclidi sono composti da neutroni e protoni legati tra loro, a causa della forza forte. Il numero di neutroni tende ad essere maggiore del numero di protoni per nuclidi stabili.

nuclei radioattivi o radionuclidi decadimento spontaneo. Nel tempo, il numero N decresce esponenzialmenteesponenzialmenteesponenzialmenteesponenzialmenteesponenzialmenteesponenzialmenteesponenzialmente conconconconconconcon lalalalalalala costantecostantecostantecostantecostantecostantecostante dididididididi decadimentodecadimentodecadimentodecadimentodecadimentodecadimentodecadimento λ:λ:λ:λ:λ:λ:λ: NNNNNNN ======= NNNNNNN 0000000 expexpexpexpexpexpexp (-(-(-(-(-(-(- λλλλλλλ t).t).t).t).t).t).t).

Il periodo di un radionuclide T è il tempo necessario per ridurre il numero di nuclei radioattivi di

un fattore due.

decadimentodecadimentodecadimento èèè λλλ === ln2ln2ln2 /// TTT

Il rapporto con costante

L'attività A di una sorgente radioattiva è il numero di disintegrazioni per unità di tempo. L'unità è il Becquerel:Becquerel:Becquerel: 1BQ1BQ1BQ === 1s-1s-1s- 1.1.1. NelNelNel corsocorsocorso deldeldel tempo,tempo,tempo, l'attivitàl'attivitàl'attività diminuiscediminuiscediminuisce conconcon ililil numeronumeronumero dididi nucleinucleinuclei radioattivi:radioattivi:radioattivi:

AAAAA ===== AAAAA 00000 expexpexpexpexp (-(-(-(-(- λλλλλ t).t).t).t).t).

Durante il decadimento radioattivo, un nucleo - chiamato nucleo madre - rilascia energia mediante emissione di uno o più particelle. La composizione del nucleo risultante - detta nucleo-girl - diverso dal nucleo genitore. Spesso, il nucleo-figlia stabilizza radiazione gamma emissione il cui spettro di energia è uno spettro linea.

Decadimento alfa comporta l'emissione di una particella alfa (nucleo di elio: 2 protoni + 2 neutroni). Lo spettro di energia è uno spettro linea. Nuclidi in questione sono piuttosto quelli con un gran numero di nucleoni.

Decadimento beta meno consiste nella trasformazione, all'interno del nucleo, un protone neutroni causando l'emissione di un elettrone (beta particelle inferiore) e un anti-neutrino. Lo

spettro di energia è continuo. Nuclidi interessate sono piuttosto quelli il cui numero di neutroni

è relativamente elevata (sotto la zona di stabilità).

Il decadimento beta più consiste nella trasformazione, all'interno del nucleo, un neutrone protone provocando l'emissione di un positrone (più beta particelle) e un neutrino. Lo spettro di energia è continuo. Nuclidi interessate sono piuttosto quelli che il numero di protoni è relativamente elevata (sopra la zona di stabilità).

La cattura di elettroni è un processo competitivo e molto simile al decadimento beta più. La

differenza risiede essenzialmente nel fatto che il nucleo assorbe un elettrone atomico invece

di emettere un positrone.

fissione spontanea è un frazionamento di un nucleo pesante in due nuclei e mezzi di trasmissione simultanea di più neutroni. Girls-nuclei sono prodotti di fissione radioattivi in ​​generale.

Dopo la disintegrazione, il nucleo figlia è spesso in uno stato energetico eccitato. Stabilizzazione può essere realizzata mediante raggi gamma (chiamato transizione isomerica se è in ritardo) o mediante trasmissione dell'energia in eccesso agli elettroni di base (conversione interna).

5.5. EserciziEsercizi

1. Determinare il numero di neutroni e protoni dei seguenti atomi:

9

4

Be, Xe, e la Rn.

54

79

132

197

222

86

2. CompletareCompletare lele seguentiseguenti relazioni:relazioni: (a)(a) 239239

(B)(B) 1616

94

Pu

O n+

8

+

1

0

1

0

n

+

1

1

H

.

3. Calcolare il numero di periodi necessari a ridurre l'attività di un fattore 2.

4. Calcolare il numero di periodi necessari a ridurre l'attività di un fattore di 16.

5. Calcolare l'attività di una sorgente di Co-60 (T = 5,26 anni) dopo 2 anni di utilizzo, sapendo che la sua attività iniziale di 300 TBq.

6. Una soluzione iniettabile di Tc-99m (t = 6,02 ore) deve essere preparato a 11:30 e deve contenere quell'ora 100 MBq. la preparazione viene effettuata prelevando 10:00 da un'attività specifica soluzione di 70 MBq / ml a 8:00. Calcolare il volume da campionare.

7. Possiamo trovare nella tabella di nuclidi, un emettitore beta meno direttamente che porta ad un trasmettitore più beta?

8. Qual è l'energia della radiazione gamma emessa nel decadimento di Ra-226. Ciò che emerge da questo nuclide radiazioni?

9. Indicare il numero totale medio di fotoni emessi a 1000 disintegrazioni Co-60.

10. Sapendo che l'energia di legame degli elettroni dello strato K di Ba-137 è 37.4 keV, calcolare l'energia cinetica degli elettroni di conversione K il decadimento di Cs

137.

11. 1000 Cs-137 decade, quanto il risultato medio delle emissioni di un fotone di 660 keV?

CCC CAPITOLOCAPITOLOCAPITOLO ••• 222

SS ONTIONTI RADIAZIONIRADIAZIONI

Obiettivi del corso discussi in questo capitolo

Citare origini di radionuclidi e importanti mezzi artificiali di produrre radiazioni ionizzanti.

Calcolare le attività coinvolte nel caso di parentela radioattivo.

2.2. FontiFonti didi radiazioneradiazione

1.1. radioattivitàradioattività naturalenaturale

1.1.1.1. radionuclidiradionuclidi terrestriterrestri

Nuclidi componente pianeta sono stati in gran parte preparato in occasione di uno o più cicli stellari, e hanno condensato ci sono circa 4 o 5 miliardi di anni. Da quel momento, la terra era composto da una moltitudine di nuclidi con una percentuale più alta di adesso era radioattivo. I decadimenti di questi radionuclidi originali hanno portato alla composizione del suolo attuale. Si stima che la radioattività totale della terra produce la metàmetàmetà deideidei circacircacirca 424242 101010 121212 WattWattWatt InternamenteInternamenteInternamente pianeta.pianeta.pianeta. CiCiCi sonosonosono quattroquattroquattro famigliefamigliefamiglie radioattiveradioattiveradioattive naturalinaturalinaturali dididi moltimoltimolti dididi massamassamassa ad alta le cui caratteristiche principali sono riportati nella tabella 2.1. In aggiunta, ci sono anche potassio-40 (K-

40) il cui periodo è grande abbastanza per essere ancora presenti sulla terra in questo momento (vedi Tabella

2.2).

Tabella 2.1: Le quattro famiglie radioattive naturali si distinguono per il numero di massa (modulo 4) del primo elemento. Si osserva che solo la famiglia 4 n + 1 non include radon isotopo e non termina con un isotopo di piombo. L'ultimo elemento di ogni famiglia è stabile.

 

casato

prima voce

Periodo [anni]

radon

ultimo elemento

 

4 n (n = 58)

Th-232

1010 1.391.39 1010

Rn-220

Pb-208

 

4

n + 1 (n = 60)

Pu-241

14.4

-

Bi-209

4

n + 2 (n = 59)

U-238

1010

4.514.51 99

Rn-222

Pb-206

4

n + 3 (n = 58)

U-235

1010

7.137.13 88

Rn-219

Pb-207

1.2.1.2.

raggiraggi cosmicicosmici ee radioattivitàradioattività naturalmentenaturalmente indottaindotta

 

Entrando nell'atmosfera, radiazione cosmica interagisce con i componenti dell'atmosfera, fornendo una serie

complessa di particelle secondarie (protoni, neutroni,

nell'atmosfera (3H) e carbonio-14 (C-14) le cui caratteristiche sono indicate nella Tabella 2.2.

) e fotoni. Ciò provoca la formazione del trizio

Tabella 2.2: Caratteristiche dei tre isotopi naturali di potassio (K) e trizio (3H) e carbonio-14 (C-14) (Riferimento:

http://www.dne.bnl.gov).

isotopo

Abbondanza [%]

Periodo [anni]

disintegrazionedisintegrazione PresenzaPresenza [%][%] figliafiglia nuclidenuclide

K-39

93,2581

stabile

-

-

-

K-41

6,7302

stabile

-

-

-

K-40

0,0117

12771277 1010 99

β-

89.28

Ca-40

 

CE

10.72

Ar-40

H-3

12.33

β-

100

He-3

C-14

1.31.3 10-10- ** 1010

5730

β-

100

N-14

* Nell'atmosfera

2.2. radioattivitàradioattività artificialeartificiale

I radionuclidi possono anche essere prodotti artificialmente da altri nuclidi. Tre meccanismi sono alla base della loro produzione e renderli disponibili agli utenti: attivazione, fissione e discendenza.

2.1.2.1. attivazioneattivazione

ililil attivazioneattivazioneattivazione consisteconsisteconsiste nelnelnel bombardarebombardarebombardare unaunauna sostanzasostanzasostanza conconcon particelleparticelleparticelle adadad altaaltaalta energiaenergiaenergia eee quindiquindiquindi indurreindurreindurre reazionireazionireazioni nucleari che nuclei uscenti sono radioattivi. attivazione Ci sono neutroni e che le particelle cariche.

L'attivazione neutronica avviene in un reattore nucleare in cui il flusso di neutroni è molto alta. I nuclei ottenuti concon taletale metodometodo sonosono ricchiricchi didi neutronineutroni ee tipicamentetipicamente decadonodecadono perper emissioneemissione β-.β-.

L'attivazione di un nuclide può anche essere realizzata usando particelle cariche positivamente. A differenza di neutroni, una particella carica positivamente può interagire con un kernel se succede per superare la barriera di potenziale coulombiano prodotto dalla protoni dal nucleo. Ciò può essere ottenuto accelerando particelle cariche ad un'energia cinetica di circa 10 MeV (ad esempio con un ciclotrone; vedi Figura 2.3). I nuclei così prodottiprodotti hannohanno un'altaun'alta probabilitàprobabilità didi essereessere trasmettitoritrasmettitori ββ +.+.

2.2.2.2. scissionescissione

durantedurantedurante meccanismimeccanismimeccanismi scissionescissionescissione indottoindottoindotto conconcon neutronineutronineutroni neineinei reattorireattorireattori nucleari,nucleari,nucleari, iii prodottiprodottiprodotti dididi fissionefissionefissione (massa(massa(massa mediamediamedia dididi nuclei dal frazionamento di nuclei pesanti) sono generalmente radioattivi e possono essere utilizzati come radioelements. Si noti che in un reattore, una vasta gamma di prodotti di fissione si forma, il che significa che il radionuclide desiderato deve essere separato e purificato.

2.3.2.3. FiliazioneFiliazione ee generatoregeneratore

Il nucleo formato durante disintegrazione è spesso si radioattivo. Mentre l'attività del nucleo genitore segue semplicemente la legge del decadimento radioattivo, l'attività del nucleo-figlia è determinata dall'accumulo del nucleo madre decadimenti e proprio decadimento. Se assumiamo che al momento periodo T = 0 Attività T-figlia nucleinucleinucleinucleinuclei fffff èèèèè zero,zero,zero,zero,zero, alloraalloraalloraalloraallora possiamopossiamopossiamopossiamopossiamo dimostraredimostraredimostraredimostraredimostrare chechechecheche lalalalala loroloroloroloroloro attivitàattivitàattivitàattivitàattività alalalalal tempotempotempotempotempo ttttt èèèèè perperperperper unaunaunaunauna madremadremadremadremadre dididididi periodoperiodoperiodoperiodoperiodo TTTTT mmmmm UnUnUnUnUn businessbusinessbusiness M0M0M0 alalal tempotempotempo ttt === 0:0:0:

()

A t A

f

=

M0

ln2

T

(

e

-

m T

m

TT

m

f

- -

e

-

ln2 t

T

f

t

)

.

(2,1)

fenomeno parentela viene utilizzato nel caso di generatori. Viene estratto (di solito per eluizione) atomi-ragazze breve periodo da molto tempo fonte. in Figura

2.1, la crescita dell'attività di figlia nucleo e il risultato della eluizione quotidiano sono mostrate per il caso del generatoregeneratoregeneratoregeneratoregeneratore 9999999999 Mo-Mo-Mo-Mo-Mo- 99m99m99m99m99m Tc.Tc.Tc.Tc.Tc.

MB-99 Tc-99m senza eluizione eluizione Tc-99m con 0.1 1 0 24 48 72 96 120
MB-99
Tc-99m senza
eluizione
eluizione Tc-99m
con
0.1 1
0
24
48
72
96
120
attività relativa [-]

Tempo [h]

Figura 2.1: come un isotopo generatore di Tc-99m. Il periodo del MB-99 è maggiore di quella di Tc-99m, l'attività di aumenti Tc-99m, poi diminuisce con quella dei nuclei genitore. Nel normale funzionamento di un generatore di Tc-99m, è permesso di crescere la sua attività per 24 ore e poi estratta (eluita); l'attività di Tc-99m può quindi crescere di nuovo per l'uso il giorno successivo.

3.3. AcceleratoriAcceleratori didi particelleparticelle

3.1.3.1. tubotubo radiogenoradiogeno

In un tubo a raggi X viene prodotto in uno spazio vuoto un fascio di elettroni applicando una differenza di potenziale tra il catodo (filamento riscaldato: elettrodo -) e l'anodo (+ elettrodo). Figura 2.2 mostra lo schema a blocchi. Gli elettroni vengono accelerati dalla differenza di potenziale poi rallentato nel anodo. La maggior parte dell'energia cinetica degli elettroni è convertita in calore, ma una parte (tipicamente 1%) viene convertito in alta energia fotoni (bremsstrahlung) o fluorescenza a raggi X (vedere Figura Sezione 1.17).

- + e catodico anodo
-
+
e
catodico
anodo

Figura 2.2: Schema del tubo a raggi X

X fotoni sono dalla frenatura di elettroni nel anodo.

3.2.3.2. acceleratoreacceleratore linearelineare didi elettronielettroni

Gli acceleratori di elettroni lineare sono le strutture più diffuse nei servizi di radioterapia oncologica. Un acceleratore lineare si basa sul principio di accelerazione degli elettroni da onde elettromagnetiche ad alta frequenza attraverso un tubo lineare. Il fascio di elettroni ad alta energia può essere utilizzata direttamente o convertito in X dalla produzione di fotoni bremsstrahlung bombardando un bersaglio materiale di alta Z.

3.3.3.3. ciclotroneciclotrone

InInIn ununun ciclotrone,ciclotrone,ciclotrone, lalala particellaparticellaparticella accelerazioneaccelerazioneaccelerazione (protone,(protone,(protone, deutonedeutonedeutone (p(p(p +++ n),n),n), α,α,α,

accelerato utilizzando un campo elettrico. Al fine di accelerare la particella più volte con lo stesso campo elettrico è mantenuto, da un campo magnetico perpendicolare al suo percorso, su un cerchio. Lo spazio in cui le particelle

si muovono è formata da due cavità sagomate D tra i quali è applicata una tensione alternata; e ad ogni passaggio della particella sarà accelerato. Quando la velocità aumenta, il raggio del cerchio si espande e il percorso ha infine la forma di una spirale. quando le particelle arrivano al di fuori del sistema, il fascio viene estratto e inviato al bersaglio. Il bersaglio contiene un materiale che si desidera cambiare la natura attivando le particelle cariche.

) ) )

vienevieneviene dapprimadapprimadapprima ionizzatoionizzatoionizzato eee quindiquindiquindi

"D" deflettore elettrostatico c bersaglio
"D"
deflettore
elettrostatico
c
bersaglio
vuoto magnete S magnete
vuoto
magnete
S
magnete

"D"

Figura 2.3: Schema di ciclotrone. Target contiene il materiale che si desidera cambiare la natura attivando le particelle cariche.

riassunto

radionuclidi naturali derivati ​​da decadimenti successivi (patrimonio) di radionuclidi presenti nella formazione della terra (famiglie radioattive e K-40), ma anche di raggi cosmici che continua tra l'altro per creare il trizio e C-14.

radionuclidi artificiali sono prodotte dall'attivazione, fissione e discesa.

L'attivazione neutronica avviene nelle centrali nucleari e produce meno emettitori beta.

Per quanto riguarda le particelle cariche viene eseguita utilizzando acceleratori di particelle e produce più emettitori beta.

prodotti di fissione possono essere utilizzati dopo la separazione e purificazione.

prodotti progenie radioattivi sono spesso radioattivi e hanno diverse proprietà chimiche dei nuclei principali. Essi possono quindi essere separate per l'utilizzo.

Un prodotto tubo a raggi X dei fotoni X seguenti elettroni frenatura messo in moto da una differenza di potenziale.

Un acceleratore lineare di elettroni produce elettroni ad alta energia o fotoni a raggi X frenando in un bersaglio; gli elettroni vengono accelerati da un campo elettromagnetico.

Un ciclotrone accelera particelle cariche energia sufficiente per attivare nuclei stabili.

4.4. EserciziEsercizi

1. QualQualQualQualQual èèèèè lalalalala quantitàquantitàquantitàquantitàquantità dididididi potassiopotassiopotassiopotassiopotassio nelnelnelnelnel corpo,corpo,corpo,corpo,corpo, datodatodatodatodato chechechecheche l'attivitàl'attivitàl'attivitàl'attivitàl'attività ininininin K-40K-40K-40K-40K-40 èèèèè 44444 kBq?kBq?kBq?kBq?kBq? Promemoria:Promemoria:Promemoria:Promemoria:Promemoria: NNNNN AvAvAvAvAv ===== 6.022.106.022.106.022.106.022.106.022.10 2323232323 ininininin molimoli 11

2. Nel naturale radioattivo 4n famiglia + 2, che cosa è il discendente diretto più probabile del Po-218 e quello che fornisce l'accesso disintegrazione esso?

e quello che fornisce l'accesso disintegrazione esso? 3 . Calcolare l'attività di Tc-99m (t = 6,02

3. Calcolare l'attività di Tc-99m (t = 6,02 ore) ad una fonte di Mo-99 (T = 2,74 giorni) dopo 3 giorni a un'attività iniziale di 600 MBq. Nota: Mo-99 attraverso il canale di Tc-99m in 87,5% dei casi (12,5% nel restante Mo-99 è trasformata direttamente in Tc-99).

CCC CAPITOLOCAPITOLOCAPITOLO ••• 333

ioio CARICOCARICO concon lala materiamateria l'interfaccial'interfaccia delladella particellaparticella

Obiettivi del corso discussi in questo capitolo

Descrivere la perdita di energia e il percorso di particelle cariche in materia.

3.3. InterazioneInterazione delledelle particelleparticelle carichecariche concon lala materiamateria

1.1. radiazioniradiazioni ionizzantiionizzanti

LaLaLa radiazioneradiazioneradiazione èèè dettodettodetto ionizzantiionizzantiionizzanti sesese èèè ininin gradogradogrado dididi estrarreestrarreestrarre ununun elettroneelettroneelettrone dadada ununun atomoatomoatomo (vale(vale(vale aaa dirediredire perperper produrreprodurreprodurre ionizzazione). L'energia richiesta per raggiungere questo dipende dalla composizione della materia, ma per i fotoni ed elettroni, è generalmente accettato che la radiazione ionizzante è se la sua energia è maggiore di circa 10 eV.

A livello della cellula, le particelle cariche interagiscono continuamente con la materia attraverso la forza di Coulomb. Questo porta ad una perdita di energia per ionizzazione ed eccitazione lungo il percorso della radiazione.radiazione.radiazione. PerPerPer questoquestoquesto motivo,motivo,motivo, lelele particelleparticelleparticelle carichecarichecariche sonosonosono chiamatichiamatichiamati direttamentedirettamentedirettamente ionizzanti.ionizzanti.ionizzanti. NelNelNel trascinamentotrascinamentotrascinamento dididi questi ionizzazione ed eccitazione, il materiale ritorna generalmente al suo stato originale ricombinazione o diseccitazione. L'energia viene trasformata in energia termica (calore), che porta ad un leggero aumento della temperatura. L'energia che non viene convertita in calore può quindi portare ad effetti permanenti caratterizzati da cambiamenti chimici o biologici.

A differenza delle particelle cariche, i fotoni possono navigare distanze casuali e molto variabili nel materiale prima della fase di interazione. Quando si verifica un'interazione, spesso porta a trasferire una quantità significativa di energia ad un elettrone del materiale. E poi rilascia la sua energia cinetica effettuando ionizzazione e di eccitazione, come descritto nel paragrafo precedente. Poiché l'energia del fotone viene rilasciatarilasciata nelnel materialemateriale attraversoattraverso l'elettronel'elettrone avviatoavviato dopodopo un'interazione,un'interazione, radiazioneradiazione fotonicafotonica èè descrittodescritto comecome indirettamentindirettament ionizzantiionizzanti (( vedivedi figurafigura 3.1).3.1).

fotone

effetti

fotone-materia permanenti ricombinazione ionizzazione elettrone eccitazione
fotone-materia
permanenti
ricombinazione
ionizzazione
elettrone
eccitazione

eccitazione

calore

Figura 3.1: Trasporto di energia della radiazione con la materia. Fotoni primo subiscono un'interazione rilasciando una particella carica (solitamente un elettrone) che poi ionizzare e / o eccitare la materia.

La differenza di perdita di energia tra le particelle cariche e fotoni ha un impatto diretto sulla loro corso nella materia. Le particelle cariche hanno durata limitata ed è possibile dimensione adeguata schermatura per interrompere completamente radiazione. Al contrario, per la caratteristica casuale del fotone-materia, i fotoni vengono attenuati esponenzialmente. Un fotone ha sempre una probabilità non nulla di attraversare un certo spessore di materiale.

Queste caratteristiche diverse per le particelle cariche e fotoni sono riassunti nella Tabella 3.1. Lo scopo di questo capitolo è di descrivere l'interazione di particelle cariche con la materia. Il prossimo capitolo farà lo stesso con i fotoni.

Tabella 3.1: Sintesi delle principali differenze tra le interazioni delle particelle cariche e scarica in materia.

 

particelle caricate

particelle non cariche

esempio tipico

Gli elettroni, protoni, α

I neutroni, raggi X, γ

frenata

continuo

meccanismo casuale

FrequenzaFrequenza didi interazioneinterazione MolteMolte piccolepiccole interazioniinterazioni LungoLungo viaggioviaggio senzasenza interazioneinterazione

LaLa quantitàquantità didi energiaenergia persapersa BassaBassa interazioneinterazione concon ogniogni

Percorso

finito

cambiamento principale (produzione di particelle cariche)

decadimento esponenziale

2.2. SeSe gligli elettronielettroni

Ad energie che in genere ci interessa radioprotezione (fino a diverse decine di MeV), una radiazione particella carica interagisce principalmente con gli elettroni del materiale. Sapendo che protoni, particelle alfa o ioni sono significativamente più massa di elettroni (la massa di un nucleone è approssimativamente uguale a 1800 volte quella di un elettrone), è naturale distinguere il comportamento degli elettroni a quello di particelle pesanti cariche in materia. Questa sezione riguarda pertanto l'interazione di elettroni mentre la sezione 5 processerà particelle cariche pesanti.

Le interazioni elettrone-materia costituiti essenzialmente collisioni tra particelle delle stesse masse. Come illustrato in Figura 3.2, gli elettroni che interagiscono con la materia hanno percorsi zigzag e una grande dispersione di tracce è possibile. In alcuni casi, il trasferimento di energia dell'elettrone incidente ad un mezzo di elettroni può essere abbastanza grande in modo che l'elettrone spostato percorre la distanza considerevole e quindiquindiquindi esegueesegueesegue unaunauna serieserieserie dididi ionizzazioneionizzazioneionizzazione eee dididi eccitazione.eccitazione.eccitazione. UnUnUn taletaletale elettroneelettroneelettrone vienevieneviene chiamatochiamatochiamato deltadeltadelta elettronielettronielettroni ((( δ).δ).δ).

fascio

incidente

1 2 3 δ 4 materiale
1
2
3
δ 4
materiale

Figura 3.2: Esempi di traiettorie elettroni tipici in materia. Il numero di elettroni 1 termina la sua

sentiero

molto

vicino la superficie di ingresso, mentre il

numero di elettroni 2 è difficilmente deviato e penetra

relativamente

in profondità nel materiale. Il numero di elettroni 4 creato un elettrone abbastanza energia secondaria per creare il proprio record (elettrone delta δ).

Attraverso la frazione di millimetro, si può considerare che le particelle cariche vengono rallentati continuamente nel materiale causa di interazioni tra carica elettrica e quelli di mezzo. Queste interazioni comportano trasferimento di energia dalle particelle di elettroni atomici e (in misura minore) nel materiale di carbonio. Come era prevedibile, più materiale è denso, più elettroni sono rallentati in modo efficace. Il rapporto con l'energia dell'elettrone è meno intuitivo, perché non si osserva sistematicamente frenata più efficiente ad alta energia bassa energia. Per descrivere ciò che accade, dobbiamo prima comprendere che un elettrone può principalmente essere frenato in due modi: o dall'interazione coulombic con gli elettroni del materiale, sia attraverso l'interazione radiativo con il campo elettromagnetico dei nuclei del materiale. Nel primo caso (Coulomb(Coulomb(Coulomb(Coulomb(Coulomb(Coulomb interazione)interazione)interazione)interazione)interazione)interazione) parlaparlaparlaparlaparlaparla ------ unununununun popopopopopo 'ingiustamente'ingiustamente'ingiustamente'ingiustamente'ingiustamente'ingiustamente ------ didididididi crash.crash.crash.crash.crash.crash. NelNelNelNelNelNel secondosecondosecondosecondosecondosecondo caso,caso,caso,caso,caso,caso, sisisisisisi chiamachiamachiamachiamachiamachiama frenaturafrenaturafrenaturafrenaturafrenaturafrenatura radiativoradiativoradiativoradiativoradiativoradiativo oooooo bremsstrahbremsstrahbremsstrahbremsstrahbremsstrahbremsstrah per riprendere la parola teutonica generalmente utilizzato.

Figura 3.3 mostra i componenti frenanti elettrone in acqua utilizzando una quantità chiamata massa potere d'arresto. Inutile ricordare i dettagli, ma la massa potenza di frenata è la forza frenante esercitata dal materiale su una densità elettronica normalizzata nel materiale.

Si osserva che l'energia di collisione di frenata è relativamente bassa importanza. Questo perché gli elettroni si muovono piuttosto lentamente e avere il tempo per interagire. Quando la loro energia aumenta, gli elettroni hanno meno tempo per interagire. Sulla sommità di un'energia cinetica di circa 1 MeV, hanno una velocità molto vicina a quella della luce e frenatura collisione tende a stabilizzarsi.

frenata radiativo è quasi inesistente a bassa energia. Questo deriva principalmente dal fatto che a bassa velocità, un elettrone ha poche possibilità di essere vicino ad un nucleo di interagire con il campo elettromagnetico. Egli, infatti, ha più opportunità di fare una collisione con un elettrone del materiale. Quando all'aumentare della velocità degli elettroni, è più probabile che "forzare la porta" degli elettroni atomici ed essere vicino al nucleo. Figura 3.3 mostra che in acqua, frenatura radiativo supera di collisione superiore a circa 100 MeV.

radiativo supera di collisione superiore a circa 100 MeV. Figura 3.3: frenatura elettroni in energia all'acqua

Figura 3.3: frenatura elettroni in energia all'acqua (in termini di peso potenza off). A bassa potenza, la collisione frenatura domina, mentre ad alta energia, la radiazione di frenatura (bremsstrahlung).

Frenata collisione dipende poco dalla composizione della materia. È essenzialmente proporzionale alla quantità totale di elettroni nel materiale per unità di volume - in pratica, questo spesso semplicemente la densità della materia.

Cose sono leggermente più complessi di frenatura radiativo, perché questo non fa proprio dipende dal numero complessivo di elettroni per unità di volume, ma il numero di elettroni attorno ad ogni atomo. Concretamente, il più elettroni per atomo (cioè maggiore è il numero atomico Z è alto), l'effetto frenante più radiativo. La spiegazione intuitiva è semplice. Se Z è alto, significa che elettroni avvicinarsi con successo il nucleo in presenza di un campo elettromagnetico ad alta: la perdita di energia dalla frenata radiativa sarà più alto.

La seguente formula è una buona approssimazione del rapporto tra la frenata e collisione radiativo:

E MeV S

[

]

RAD

S

al

700

Z

(2,2)

dove E è l'energia dell'elettrone incidente in MeV, e Z è il numero atomico del materiale penetrato. Come mostrato nella Figura 3.4, questa approssimazione è relativamente buona per un intervallo di energia ampio.

è relativamente buona per un intervallo di energia ampio. Figura 3.4: Relazione radiativo frenata e collisione

Figura 3.4: Relazione radiativo frenata e collisione (rapporto tra poteri arresto collisionali e radiativi). Confronto tra la misura e la formula semplificata (2.2) nel caso di acqua. Il numero atomico considerato per la molecola d'acqua (Z = 7.1) è il valore medio ponderato di ciascun atomo con la massa.

Applicando la formula (2.2), si osserva che in acqua di circa 1% dell'energia viene persa in forma radiativo da un elettrone di 1 MeV. Come notato sopra, è solo un'energia di 100 MeV della frenatura radiativo supera la collisione frenata. In un materiale ad alto numero atomico, la situazione è diversa. Ad esempio, in tungsteno (Figura 3.5), la frenatura radiativo supera la collisione di frenatura da circa 10 MeV già. Questo spiega perché si impiega un materiale ad alto Z per rendere l'anodo di un tubo a raggi X Infatti, cosiddetta perdita da bremsstrahlung Bremsstrahlung o quando si considera la frenatura di elettroni, s è chiamato a raggi X durante l'esecuzione di una radiografia medica.

FiguraFiguraFiguraFiguraFigura 3.5:3.5:3.5:3.5:3.5: PercentualePercentualePercentualePercentualePercentuale dididididi

FiguraFiguraFiguraFiguraFigura 3.5:3.5:3.5:3.5:3.5: PercentualePercentualePercentualePercentualePercentuale dididididi perditaperditaperditaperditaperdita dididididi energiaenergiaenergiaenergiaenergia (S(S(S(S(S radradradradrad ///// SSSSS EL)EL)EL)EL)EL) sottosottosottosottosotto formaformaformaformaforma radiativoradiativoradiativoradiativoradiativo dadadadada ununununun elettroneelettroneelettroneelettroneelettrone nelnelnelnelnel tessutotessutotessutotessutotessuto (Z(Z(Z(Z(Z ===== 7.1)7.1)7.1)7.1)7.1) eeeee tungstenotungstenotungstenotungstenotungsteno (Z(Z(Z(Z(Z =====

74).

3.3. scudoscudo didi positronipositroni CasoCaso ee unauna fontefonte

3.1.3.1. SeSe positronipositroni

La forza di Coulomb alla base della frenatura degli elettroni nel materiale agisce in modo simile, il carico della particella incidente è positivo o negativo. Positroni aventi una carica + e massa e identico a quello degli elettroni, il loro comportamento, e in particolare la loro traiettoria caotica in materia, ha le stesse caratteristiche di quelle degli elettroni. Per radiativo mentre frenatura avviene anche per gli elettroni. Il fatto che il positrone ha una carica positiva indurrà una forza repulsiva con il nucleo mentre la forza sarà interessante nel caso dell'elettrone. Ciò non significa che l'elettrone entrerà nel nucleo (in virtù della sua carica negativa) e positrone saranno spinti (in virtù della sua carica positiva). In entrambi i casi, il elettrone o positrone deviate vedere loro traiettoria e sarà rallentato da trasferire parte della loro energia cinetica in un fotone. Da qui il termine perdita radiativo. Si noterà di passaggio che per un elettrone o positrone possono cambiare stato kernel, è necessario che la sua energia è almeno un ordine di grandezza dell'energia di legame di nucleoni, cioè, dire circa 10 MeV.

Alla fine del loro traiettorie, gli elettroni e positroni hanno quasi perso la loro energia cinetica da collisioni o frenando radiativo. La loro velocità è quindi dell'ordine di grandezza di quello del carbonio presente nel materiale. Dicono che stanno termalizzato perché questa velocità corrisponde a quella che è associato con l'agitazione termica. In questa situazione, gli elettroni così frenate possono proseguire la loro carriera collaborando ad esempio con atomi loro disposti.

Per positroni, il futuro è meno roseo dal momento che un basso consumo di energia cinetica significa per loro che la probabilità è grande che stanno pericolosamente avvicinando un elettrone. Questo porta quindi in ultima analisi alla distruzione di positroni con elettroni del materiale. Poiché l'energia è conservata, ci sono due energie dei fotoni pari a 511 keV emessa in direzioni opposte.

3.2.3.2. SchermaturaSchermatura didi unun emettitoriemettitori ββ sorgentesorgente

Come frenatura radiativa è ancora più debole rispetto allo schermo è piccolo numero atomico è generalmente utilizzato schermatura numeri atomici bassa di protezione contro fonti beta-emittenti. Ciò rallenta gli elettroni o positroni riduce l'emissione bremsstrahlung. In pratica, tali piastre sono utilizzati in plexiglas trasparente con uno spessore di un centimetro.

Se è una fonte beta ad alta energia, è possibile che il passaggio di elettroni nelle plexiglas producono ancora una quantità significativa di bremsstrahlung. Come discusso nel prossimo capitolo, si utilizzano in genere un materiale ad alto Z per ridurre un fascio di fotoni: principalmente piombo.

Allo stesso modo, se v'è una fonte più beta, la fine del percorso nei risultati plexiglas l'emissione di due fotoni di 511 keV. Anche in questo caso, la presenza del materiale di alta Z come piombo permette mitigazione efficiente.

Figura 3.6 mostra lo schema a blocchi di un tipico schermatura una sorgente beta.

fontefonte ββ basso Z Top Z
fontefonte ββ
basso Z
Top Z

Figura 3.6: Esempio di radiazione efficace mitigazione beta. La schermatura partire Z inibisce particelle beta per collisione. Lo scudo permette un'elevata Z quindi mitigare eventuali fotoni che avrebbero potuto essere prodotte.

4.4. percorsopercorso elettronielettroni nellanella materiamateria didi calcolocalcolo

Si consideri una sorgente di elettroni monoenergetici poste faccia a un sensore, e portare un esperimento mitigazione come mostrato nella Figura 3.7. Poiché gli elettroni possono essere deviati dalla loro traiettoria nella loro prima interazione, la velocità di conteggio diminuisce quando un piccolo spessore filtro è posto di fronte alla sorgente. Elettroni penetrano più profondamente sono quelli per cui la direzione iniziale è stata modificata meno durantedurantedurantedurante lelelele varievarievarievarie interazioniinterazioniinterazioniinterazioni (vedi,(vedi,(vedi,(vedi, adadadad esempio,esempio,esempio,esempio, ilililil numeronumeronumeronumero didididi elettronielettronielettronielettroni 2222 nellanellanellanella FiguraFiguraFiguraFigura 3.2).3.2).3.2).3.2). IlIlIlIl concettoconcettoconcettoconcetto didididi PercorsoPercorsoPercorsoPercorso (((( oooo ranghiranghiranghiranghi Inglese) caratterizza la profondità alla quale una parte significativa degli elettroni sono ridotti. Essa è definita da una curva di trasmissione come quello mostrato nella Figura 3.7, come lo spessore corrispondente alla estrapolazione della parte lineare della curva.

FiguraFiguraFigura 3.7:3.7:3.7: DeterminazioneDeterminazioneDeterminazione delladelladella gammagammagamma

FiguraFiguraFigura 3.7:3.7:3.7: DeterminazioneDeterminazioneDeterminazione delladelladella gammagammagamma elettronielettronielettroni monoenergeticimonoenergeticimonoenergetici ininin materia.materia.materia. UnoUnoUno schermoschermoschermo dididi spessorespessorespessore ttt variabilevariabilevariabile èèè postopostoposto tratratra unaunauna sorgente di radiazioni e un rivelatore. Il percorso è definita come lo spessore corrispondente alla estrapolazione della parte lineare della curva di trasmissione.

Il percorso degli elettroni nel materiale dipende direttamente l'energia della particella (maggiore è l'energia, maggiore è il percorso è grande) e viceversa dalla densità elettronica orbitale del materiale boccola (maggiore è la densità, maggiore il corso è di piccole dimensioni). Figura 3.8 mostra che i corsi sono uguali per tutti gli elementi relativamente leggeri per cui i nuclei contengono altrettanti protoni come neutroni (N = Z). Questa condizione non è ovviamente completata per l'idrogeno (Z = 1 e N = 0) o per nuclei pesanti in cui il numero di neutroni è molto più importante del numero di protoni (Z piombo = 82 e N = 126) . Ma attenzione! Figura 3.8 rappresenta il percorso standard rispetto alla densità. Ciò significa che il percorso di un fascio di elettroni sarà lololo stessostessostesso nelnelnel sesese questiquestiquesti dueduedue materialimaterialimateriali hannohannohanno lalala stessastessastessa densità.densità.densità. InInIn pratica,pratica,pratica, questoquestoquesto nonnonnon èèè ililil caso,caso,caso, eee questoquestoquesto sisisi tienetienetiene conto correggendo densità relativa. In questo caso, il percorso degli elettroni in alluminio è circa 2,7 volte più piccolo in acqua (perché la densità di alluminio è 2,7 volte superiore a quella dell'acqua).

alluminio è 2,7 volte superiore a quella dell'acqua). FiguraFiguraFigura 3.8:3.8:3.8: NavigandoNavigandoNavigando

FiguraFiguraFigura 3.8:3.8:3.8: NavigandoNavigandoNavigando elettronielettronielettroni nelnelnel materialematerialemateriale (in(in(in ggg /// cmcmcm 2)2)2) aaa secondasecondaseconda dell'energiadell'energiadell'energia normalizzatinormalizzatinormalizzati rispettorispettorispetto allaallaalla densitàdensitàdensità deldeldel materiale.materiale.materiale. IlIlIl percorso in unità di lunghezza (in cm) si ottiene dividendo per

lala densitàdensità deldel materialemateriale (g(g // cmcm 3).3). http://physics.nist.gov/PhysRefData/Star/Text/ESTAR.html.

fonte:

Nel caso in cui il materiale è acqua, v'è una relazione empirica tra il percorso (cm) e l'energia del fascio elettronico monoenergetico (in MeV):

cm

e

[

]

R E MeV

[

]

2

.

(2.3)

Questa formula è molto conveniente per una prima approssimazione, naturalmente, non solo in acqua, ma anche in altri materiali correggendo la densità come sopra indicato. Ad esempio, un fascio di elettroni di 10 MeV avrà una distanza di circa 5 cm di acqua (= 10/2). In alluminio (densità 2.7), il percorso sarà circa

2.2 cm (= 5 / 2.3). Tuttavia, in aria (0,0013 densità), il corso sarà di circa 38,5 m (= 5 / 0.0013).

Figura 3.9 mostra che la relazione (2.3) è ragionevolmente corretto tra 1 MeV e 30 MeV. Al di fuori di questo intervallo, la formula empirica sopravvaluta il corso. Questo non è un problema dal punto di vista della radioprotezione verrà arrestato perché gli elettroni su una distanza più breve di quello che è stimato.

su una distanza più breve di quello che è stimato. Figura 3.9: Corsi elettroni in acqua

Figura 3.9: Corsi elettroni in acqua secondo la semplice formula (2.3) ed in funzione del valore corretto misurato dal laboratorio primario Americano (NIST).

Quando la sorgente contiene non solo l'energia, ma uno spettro, i rapporti presentati in precedenza non possono essere applicati direttamente. Questo è il caso per esempio di elettroni emessi dalla sorgente beta meno. Il percorso previsto è quindi valutando contemporaneamente più livelli di energia.

5.5. CasoCaso didi particelleparticelle carichecariche pesantipesanti (protoni(protoni oo alfa)alfa)

5.1.5.1. TraiettoriaTraiettoria delledelle particelleparticelle carichecariche pesantipesanti

Le particelle pesanti cariche (per esempio protoni o particelle alfa) interagiscono con la materia principalmente attraverso la forza di Coulomb. Sono quindi costretti a causa di collisioni e non dalla perdita radiativa come per gli elettroni.

Entrando nel materiale, particelle cariche pesanti interagiscono contemporaneamente con più elettroni che vengono poi sottoposti a ancor più forza che la distanza tra la particella carica è piccola. In un'interazione coulombianacoulombianacoulombiana tratratra unaunauna particellaparticellaparticella caricacaricacarica pesantepesantepesante eee elettronielettronielettroni mezzo,mezzo,mezzo, solosolosolo piccolapiccolapiccola dell'energiadell'energiadell'energia delladelladella particellaparticellaparticella incidente possono essere trasmesse ad un elettrone in ogni interazione. Inoltre, data la

grande differenza di massa e il fatto che le interazioni avvengono contemporaneamente in tutte le direzioni, si può ritenere che la particella non viene deviata. Quindi procede attraverso il materiale lungo una traiettoria rettilinea (vedi Figura 3.10). Solo quando la particella è vicino a "stop" che la sua traiettoria non è più diritta.

elettrone particella alfa materiale Figura 3.10: traiettorie tipiche di un elettrone e una particella alfa
elettrone
particella alfa
materiale
Figura 3.10: traiettorie tipiche di un elettrone e una particella alfa nel materiale. I punti neri rappresentano la posizione di

un'interazione con la materia.

Figura 3.11 mostra i vari frenatura particelle cariche in acqua (sempre in termini di peso potenza giudizio). Si è trovato che minore massa e carica della particella, maggiore è la potenza frenante. Osserviamo inoltre che la porzione decrescente della potenza ad alta energia di arresto dalle collisioni con gli elettroni del materiale è spostato ad alte energie rispetto agli elettroni. Ciò si spiega con il fatto che la velocità delle particelle pesanti a unaunauna datadatadata energiaenergiaenergia cineticacineticacinetica èèè moltomoltomolto inferioreinferioreinferiore 5.5.5. BassaBassaBassa energiaenergiaenergia tuttaviatuttaviatuttavia lelele particelleparticelleparticelle carichecarichecariche positivepositivepositive comecomecome protoniprotoniprotoni ooo particelle alfa tendono a perdere meno energia per unità di distanza, come sono progressivamente neutralizzatineutralizzati catturandocatturando elettronielettroni eded eventualmenteeventualmente formareformare atomiatomi neutrineutri comecome elioelio oo idrogenoidrogeno (fenomeno(fenomeno pick-up).pick-up). Queste particelle vengono progressivamente neutralizzati, interagiscono efficacemente con meno materiale e quindi meno smorzato.

1000 alfa 100 protone elettroni 10 0.1 1 10 1]S 1]S 1]S 1]S 1]S S
1000
alfa
100
protone
elettroni
10
0.1
1
10
1]S
1]S
1]S
1]S
1]S
S / / / / / / ρ ρ ρ ρ ρ ρ [ [ [ [ [ [ MeV
MeV
MeV cm
MeV
MeV
MeV
cm
cm
cm
cm
cm 2 2 2 2 2 2 g-
g- 1]
g-
g-
g-
g-

Energy [MeV]

Figura 3.11: arresto potenza della massa della particella alfa, protoni ed elettroni in acqua come funzione dell'energia.

55 RicordiamoRicordiamo cheche aa bassebasse velocità,velocità, l'energial'energia cineticacinetica èè proporzionaleproporzionale allaalla massamassa delladella particellaparticella eded unun nucleonenucleone èè didi circacirca 18001800 voltevolte piùpiù massamassa didi unun

elettrone.

corso di formazione per gli esperti di radioprotezione nel campo di tipo B e C aree di lavoro

5.2.5.2. PercorsoPercorso

particelle cariche pesanti con un percorso quasi rettilineo, tendono da frenare contemporaneamente mantenendo la caratteristica spettro monoenergetico man mano che penetrano nel materiale. In un esperimento di attenuazione, come illustrato nella figura 3.12, ciò comporta che il numero di particelle rilevate rimane costante per i primi strati filtranti. Da un certo spessore, la maggior parte delle particelle vengono frenate e contemporaneamente la velocità di conteggio diminuisce molto rapidamente. Questa zona di

transizionetransizionetransizione puòpuòpuò definiredefiniredefinire ililil percorsopercorsopercorso liberoliberolibero mediomediomedio (R(R(R m)m)m) lololo spessorespessorespessore ininin cuicuicui ililil numeronumeronumero dididi particelleparticelleparticelle èèè ridottaridottaridotta allaallaalla metà.metà.metà.

Si può anche definire un percorso estrapolato dallo spessore intercettata dalla retta estende la porzione lineare

della zona di transizione. Si noti che per particelle positive pesanti cariche, la zona di transizione e circa il percorso medio è dove si verificano fenomeni di ritiro.

il percorso medio è dove si verificano fenomeni di ritiro. Figura 3.12: Determinazione del corso di

Figura 3.12: Determinazione del corso di particelle cariche pesanti in materia. Uno schermo spessore variabile viene posizionato tratratra unaunauna sorgentesorgentesorgente dididi radiazioneradiazioneradiazione èèè ununun rivelatore.rivelatore.rivelatore. IlIlIl percorsopercorsopercorso mediomediomedio (R(R(R m)m)m) corrispondecorrispondecorrisponde adadad unaunauna trasmissionetrasmissionetrasmissione deldeldel 50%.50%.50%. IlIlIl percorsopercorsopercorso estrapolataestrapolata (R(R e)e) è lo spessore corrispondente alla estrapolazione della parte lineare della curva di trasmissione.

Di energia e un dato materiale, il corso fortemente dipendente dal tipo di particella. La Figura 3.13 mostra il

percorso del protone e α particella in acqua rispetto a quella dell'elettrone. Si è osservato che particelle cariche pesanti hanno un percorso 10-1000 volte inferiore a quello degli stessi elettroni energetici. Quando si

confrontano protone e α particelle, si è constatato che sopra 1 MeV, tipicamente richiesto uno spessore dieci volte inferiore ad arrestare particelle alfa per fermare protoni.

Figura 3.13: Percorsi poche particelle cariche in acqua (fonte: http://physics.nist.gov/cgi-bin/Star). 5.3.5.3. BraggBragg

Figura 3.13: Percorsi poche particelle cariche in acqua (fonte: http://physics.nist.gov/cgi-bin/Star).

5.3.5.3. BraggBragg piccopicco

Come mostrato nella Figura 3.11, a particelle cariche pesanti che penetrano il materiale perde una quantità crescente di energia per unità di distanza. Ad esempio, per un protone 62 MeV (vedi Figura 3.14) all'inizio della sua penetrazione nel materiale, la sua velocità è molto vicina a quella della luce e l'energia persa a distanza aumenta esponenzialmente fino unitari arresto della particella. Questo ha l'effetto di depositare energia terminare principalmenteprincipalmenteprincipalmente termine;termine;termine; lalala creazionecreazionecreazione dididi quelloquelloquello checheche vienevieneviene chiamatochiamatochiamato ununun BraggBraggBragg picco.picco.picco. Tipicamente,Tipicamente,Tipicamente, ililil rapportorapportorapporto tratratra lalala quantità di energia rilasciata all'ingresso e uno vicino al picco è di circa uno su quattro.

Questo fenomeno è utilizzato in radioterapia in cui si desidera depositare energia in un determinato tessuto profondità risparmio situato subito dopo il volume da trattare.

Bragg picco Bragg picco 00 0 55 5 1010 10 1515 15 2020 20 2525
Bragg picco
Bragg picco
00 0
55
5
1010
10
1515
15
2020
20
2525
25
3030 mmmm
30 mm
diionizzazione
materialeionizzazione
ionizzazione nel
nel materiale
nel
materiale
di

Figura 3.14: alta Bragg esempio di fotoni di 62 MeV in acqua (secondo www.lns.infn.it/CATANA/latest.htm dati).

5.4.5.4. protezioneprotezione

È infine notato che la figura 3.13 mostra che il percorso delle particelle alfa emesse da una sorgente radioattiva (energia tipica di circa 5 MeV) nel tessuto molle è circa 0,03 mm. Questa distanza è molto piccole corrisponde a una dozzina di cellule. È quindi relativamente facile proteggersi da una fonte esterna utilizzando ad esempio un foglio di carta o un guanto. Al contrario, quando α sorgente di radiazione è direttamente in contatto con il tessuto (ad esempio, per ingestione o inalazione), tutta l'energia delle particelle viene rilasciato in un piccolo numero di cellule. In questo caso, gli effetti delle radiazioni sui tessuti possono essere significative.

riassunto

Le particelle cariche vengono rallentati continuo nella materia. Producono di eccitazione e ionizzazione lungo il loro percorso.

Le particelle cariche hanno un limite di profondità di penetrazione nel materiale: il corso. Più piccola è la particella è pesante e caricato, sul suo corso è piccola.

Nel caso di particelle cariche pesanti (massa maggiore o uguale a quella del protone)

Il percorso rettilineo.

La frenata è principalmente dovuto alle collisioni con elettroni mezzo.

La forza frenante aumenta a bassa energia (picco di Bragg).

LaLaLa forzaforzaforza frenantefrenantefrenante èèè proporzionaleproporzionaleproporzionale allaallaalla densitàdensitàdensità ρρρ deldeldel mezzomezzomezzo attraversato.attraversato.attraversato.

Nel caso degli elettroni:

La traiettoria è caotico (zigzag).

La forza frenante da collisione aumenta bassa energia.

La collisione con la forza frenante è proporzionale alla densità del mezzo attraversato.

La forza frenante collisione non è sempre trascurabile. Aumenta alle alte energie e con il numero atomico centrale.

Il positrone (o più particelle beta) ha lo stesso comportamento dell'elettrone. La differenza sta nel fine naturalmente, quando si annulla con un mezzo di elettroni per creare due fotoni 511 keV.

Le principali differenze tra fotoni e particelle cariche dal punto di vista della interazione sono:

I fotoni sono indirettamente ionizzanti quando le particelle cariche vengono ionizzanti direttamente.

I fotoni trasportano un piccolo numero di interazioni liberando una grande quantità di energia quando le particelle trasportano un gran numero di interazioni rilasciando una certa energia ogni volta.

6.6. EserciziEsercizi

1. In un tubo a raggi X, gli elettroni vengono frenati in anodo ed una porzione della loro energia viene persa in forma bremsstrahlung. Per una rassegna del torace (U = 125 kV) e un anodo tungsteno (Z = 74), per stimare la proporzione di energia persa dagli elettroni come radiazione X.

2. DeterminareDeterminareDeterminareDeterminareDeterminareDeterminareDeterminare ililililililil percorsopercorsopercorsopercorsopercorsopercorsopercorso massimomassimomassimomassimomassimomassimomassimo deglideglideglideglideglideglidegli elettronielettronielettronielettronielettronielettronielettroni emessiemessiemessiemessiemessiemessiemessi daldaldaldaldaldaldal P-32P-32P-32P-32P-32P-32P-32 (E(E(E(E(E(E(E maxmaxmaxmaxmaxmaxmax ======= 1,711,711,711,711,711,711,71 MeV)MeV)MeV)MeV)MeV)MeV)MeV) ininininininin ariaariaariaariaariaariaaria ((((((( ρρρρρρρ ======= 0.00130.00130.00130.00130.00130.00130.0013 ggggggg /////// cmcmcmcmcmcmcm 3)3)3)3)3)3)3) eeeeeee neineineinei tessutitessutitessutitessuti mollimollimollimolli (((( ρρρρ ==== 1111 gggg //// cmcmcmcm 3).3).3).3).

3. Stimare l'energia depositata da una particella media alfa 16 MeV attraverso un nucleo cellulare avente un diametro di 10 nm.

4. Gli stessi dati come sopra, ma per un protone 1 MeV. Cosa dedurre circa gli effetti relativi del protone e alfa particella di materia?

CCC CAPITOLOCAPITOLOCAPITOLO ••• 444

ioio L'interfacciaL'interfaccia didi PHOTONPHOTON concon lala materiamateria

Obiettivi del corso discussi in questo capitolo

Descrivere il comportamento di fotoni in materia.

Confrontare le interazioni delle particelle cariche e particelle prive di carica.

Per valutare le capacità di schermatura materiali relativi con le loro interazioni con la radiazione.

4.4. L'interazioneL'interazione deidei fotonifotoni concon lala materiamateria

1.1. L'interazioneL'interazione deidei fotonifotoni concon lala materiamateria

Un fotone inserendo il materiale può interagire con gli elettroni atomici, il nucleo o dei campi elettromagnetici presenti in tutto l'elettrone o nucleo. Dall'interazione, il fotone può "rimbalzare" senza perdita di energia (diffusione elastica), "rimbalzo" con perdita di energia (anelastica), o "scompare" con la perdita della sua energia (assorbimento).

1.1.1.1. effettoeffetto fotoelettricofotoelettrico

ililil effettoeffettoeffetto fotoelettricofotoelettricofotoelettrico consisteconsisteconsiste nellanellanella assorbimentoassorbimentoassorbimento dididi ununun fotonefotonefotone dadada ununun elettroneelettroneelettrone dadada ununun atomo.atomo.atomo. IlIlIl fotonefotonefotone scomparescomparescompare nell'interazione e dà tutte le sue energie per l'elettrone. L'atomo risultante da questa interazione viene ionizzato (vedi Figura 4.1).

da questa interazione viene ionizzato (vedi Figura 4.1). Figura 4.1: effetto fotoelettrico. Un fotone viene assorbito

Figura 4.1: effetto fotoelettrico. Un fotone viene assorbito da un elettrone (a), che viene poi espulso dall'atomo (b).

Per l'effetto fotoelettrico si verifichi, il fotone deve avere un'energia almeno uguale all'energia di legame degli elettroni atomici con cui interagisce. Come qualsiasi interazione fotone-materia, si tratta di un processo casuale. L'effetto fotoelettrico è la probabilità massima quando l'energia del fotone è esattamente uguale all'elettrone energia di legame con cui interagisce. Più energia aumenta, questa probabilità diminuisce (questo diminuzione è dovuta al cubo inverso l'energia del fotone).

il K Probabilità di interazione [-]
il
K
Probabilità di interazione [-]