Sei sulla pagina 1di 98

Of O S TY cO RSY

G6C9: 76GG :G6 8DG6AA C6 E6IG BDC D BDC9 6A: 6G:6 6 Q ZaS RW RW W T cZOkW WS

YO POdS aSc YO Q dScgOkW S RSYYS daSQWS ac UcOZZO SYYO cO RS 7OccWScO 8 cOYYW O BOcW S EOc

6feV cWe H:8DC96 :9 N DC:

Tony Stokes *, Kirstin Dobbs *, Philippa Mantel ** e Sarah Pierce *


* Specie programma di conservazione
Conservazione, biodiversità e del Gruppo Patrimonio Mondiale

* * James Cook University

© Autorità Grande Barriera Corallina Parco Marino 2004

ISBN 1 876945 25 7.

Publicato marzo 2005 da parte dell'Autorità Grande Barriera Corallina Parco Marino

Questo lavoro è protetta da copyright. A parte qualsiasi uso consentito ai sensi del Copyright Act del 1968, Nessuna parte può essere riprodotta con
qualsiasi procedimento, senza la previa autorizzazione scritta della Grande Barriera Corallina Marine Park Authority. Le richieste e le richieste di
informazioni in materia di riproduzione e diritti dovrebbero essere indirizzate al Direttore, Specie programma di conservazione, Grande Autorità Barriera
Corallina Marine Park, PO Box 1379, Townsville Qld 4810, Australia.

disconoscimento

Mentre ogni tentativo è stato fatto per includere specie Grande barriera corallina che sono elencati in base alla legislazione,
convenzioni, accordi e altri documenti, per la certezza dovrebbe essere esaminato i documenti di origine originali.

COeW OY AWPcOc T 6fdecOYWO W ROeW 8OeOY UOkW S)W )afPPYWQOkW S5


Fauna e flora della Grande Barriera Corallina World Heritage Area: un compendio di
informazioni e la base per il programma di conservazione delle specie nella Grande Barriera
Corallina Marine Park Authority.

2 ND ed.
Bibliografia Includes
index ISBN 1 876.945
25 7

1. Gli animali della barriera corallina - Queensland - Grande barriera corallina. 2. Gli impianti di barriera
corallina - Queensland - Grande barriera corallina. 3. Barriera corallina biologia - Queensland - Grande
barriera corallina. I. Stokes, Tony. II. Grande Barriera Corallina Ente Parco Marino.

591,994
HDBB6G D

CIGD9JN DC:************************************************* ************************************************** ***** .

Scopo della presente relazione .............................................. .................................................. ............. 3

JG6 ,* B6EE6 9:A G6C9: 76GG :G6 GSST BOcW S EOc S Q TW W 6G:6 G6C9:
76GG :G6 8DG6AA C6 LDGA9 :G I6 : ******************************* ***

D77A 6 cOcS S daSQWS ZW OQQWOeS *************************************** 0

Internazionale ................................................. .................................................. ........................... 6

................................................. nazionale .................................................. .................................. 7

Queensland ................................................. .................................................. ........................... 11

IScZW Y UWO5 WZaOeeW SUOeWgW( : :II : JB6C: cSYOeWgS ZW OQQS ****************************************


************************************************** ********************** ,-

HaSQWS SYYO k O RW G6C9: 76GG :G6 8DG6AA C6 E6IG BDC D BDC9 6A: *************** ,0

9 H8JHH DC:************************************************* ************************************************** ******** ,2

:A:B:CI E:G EGD G6BB6 9 A6KDGD ROcS acW cWel ******************************************** -,

HE:8 : 8DCH:GK6N DC: EGD G6BB6 9:A 7GBE6 ************************* --

G C G6N 6B:CI ************************************************* *************************************** -.

G :G B:CI ************************************************* ************************************************** ****** -

6EE:C9 8: , ) J8C :A:C8D 9:AA: 86I: DG : EG C8 E6A 9:AA6 B C688 6 ************** .,

6EE:C9 8: - ) dQcWee daSQWS ZOcW S ******************************************** **************** .-

SEA-SERPENTI ............................................... .................................................. ......................... 33

SIGILLI ................................................. .................................................. .................................... 35

COCCODRILLI ................................................. .................................................. ...................... 36

DUGONGO................................................. .................................................. ............................. 38

MARINE TARTARUGHE ................................................ .................................................. .............. 41

Cavallucci marini, SEA-DRAGHI, PIPEFISH ........................................... .............................. 44

UCCELLI ................................................. .................................................. .................................... 48

6EE:C9 8: . ) HE:8 : 9 E6GI 8DA6G: CI:G:HH: ******************************************* ***** 0,

Balene e delfini ............................................... .................................................. 51

6EE:C9 8: ) 6AIG: HE:8 : 9 8DCH:GK6N DC: EG:D88JE6N DC: ********************* 0.

Squali, razze e pattini ............................................. ............................................... 53

ALTRE pesci marini ............................................... .................................................. .... 55

Invertebrati marini ................................................ ................................................. 58

Ascidie ................................................. .................................................. .......................... 61

Briozoi ................................................. .................................................. ....................... 62

CROSTACEI ................................................. .................................................. .................. 63

1
ECHINODERMI ................................................. .................................................. ................. 64

ORLATURA REEF CORALLI E ALTRI ELEMENTI REEF ........................................ 65

Coralli duri ................................................ .................................................. ................... 66

MOLLUSCHI ................................................. .................................................. .......................... 67

Ottocoralli ................................................. .................................................. .................... 68

Platelminti ................................................. .................................................. .......... 69

Vermi policheti ................................................ .................................................. ..... 70

SPUGNE ................................................. .................................................. ............................. 71

Piante marine ................................................ .................................................. ............... 72

6EE:C9 8: 0 ) HDA6 ADG6 : 6JC6 ******************************************* ************* 2

ISOLA DI FLORA ................................................ .................................................. ................... 75

ISOLA DI FAUNA ................................................ .................................................. .................. 77

I67:AA6 ,* daSQWS ZW OQQWOeS dQ dQWfeO SYYO cO RS 7OccWScO 8 cOYYW O E6IG BDC D


BDC9 6A: 6G:6 : SYS QOeW d ee YO 8 gS kW S RW 7 D 8 I:H 688DG9D W QYfRS CDI: * 24
I67:AA6 -* J88:AA dQ dQWfeO SYYO cO RS 7OccWScO 8 cOYYW O E6IG BDC D BDC9 6A: 6G:6
: SYS QOeW d ee Y#688DG9 OZPO : 8OZPO ************************** **************************************************
**************************** 3-

I67:AA6 .* daSQWS ZW OQQWOeS dQ dQWfeO SYYO cO RS 7OccWScO 8 cOYYW O E6IG BDC D


BDC9 6A: 6G:6 S bf eOeO ROW ROeW J8C A 7GD GDHHD( D HDIID FJ::CHA6C9 RSY
8 ZZ hSOYeV A: HA6N DC:
******************************************************************************************************************************** * 30

I67:AA6 8DCH:GK6N DC: 8DCH A 6ID 96 ED DCDH Se OY* - - E:G HMC C6I 9H
IGDK6ID C:A G6C9: 76GG :G6 8DG6AA C6 **************** 4.

I67:AA6 0 8DCH:GK6N DC: 8DCH A 6ID 96 ED DCDH Se OY* - - aSc UYW dbfOYW S cOkkS
IGDK6ID C:AA6 G6C9: 76GG :G6 8DG6AA C6 ******* 4

I67:AA6 1 8DCH:GK6N DC: 8DCH A 6ID 96 ED DCDH Se OY* - - E:G aSdQW ddSW IGDK6ID
C:AA6 G6C9: 76GG :G6 8DG6AA C6 ********************** 40

I67:AA6 2* # KJAC:G67 A: #B6G C: ZOQc OYUVS C:AA6 76GG :G6 8DG6AA C6 G6C9: 8DB:
RScWgOe RO f C6N DC6A: 9 K6AJI6N DC: 8 :H G: :I 6A*
- *********************************************** ************************************************** ********************** 41

I67:AA6 3* # KJAC:G67 A Q f O UOZZO cWdecSeeO #B6G C: ZOQc OYUVS C:AA6 G6C9:


76GG :G6 8DG6AA C6 8DB: RScWgOe RO f O gOYfeOkW S OkW OYS 96 8 :H G: :I 6A* -
************************************************* ********* 42

2
CIGD9JN DC:

La Grande Barriera Corallina è più grande ecosistema barriera corallina del mondo e uno dei pochi Aree del patrimonio mondiale
che include valori marine e costiere che soddisfano tutti e quattro naturali
criteri Patrimonio Mondiale . Il grande parco marino Barriera Corallina (GBRMP) è anche la più grande area marina protetta del
mondo (344 400 m 2; più di 2000 km di lunghezza e diverse centinaia di chilometri di larghezza in alcuni punti). La Grande Barriera
Corallina Parco Marino incorpora un gran numero di habitat diversi (ad esempio, più di 2900 barriere coralline e circa 900 isole e
atolli di corallo che comprende 30 reef e 40 bioregioni non Reef) a causa delle sue dimensioni. Questa dimensione è alla base
della grande diversità di vita marina che si verificano nella regione e la vicinanza della regione al centro globale della biodiversità
marina. Circa 99,3 per cento del World Heritage Area è all'interno del GBRMP, il restante 0,7 per cento essendo le acque e le
isole del Queensland, la maggior parte dei quali è contenuto all'interno di un sistema complementare di parchi marini gestiti dal
governo del Queensland.

La legge Grande Barriera Corallina Parco Marino ha anche stabilito la Grande Barriera Corallina Marine Park Authority (
'l'Autorità'). Obiettivo dell'Autorità è: ' Per garantire la protezione, uso sapiente, la comprensione e la fruizione del Grande
Barriera Corallina in perpetuo attraverso la cura e lo sviluppo di Great Barrier Reef Marine Park '.

Gli obiettivi dichiarati dell'Autorità comprendono proteggere le qualità naturali della Grande Barriera Corallina, fornendo per
l'uso ragionevole della Regione Reef, e riducendo al minimo regolazione dei, e l'interferenza in, le attività umane, coerente
con il raggiungimento Obiettivo ed altri scopi dell'Autorità. Coerentemente con tali obblighi, l'Autorità è responsabile della
conservazione delle specie di alto valore di conservazione (ad esempio rare, minacciate) nella GBRMP. Questo risultato è
ottenuto attraverso la gestione delle attività umane e gli impatti associati che si verificano nel GBRMP, tra cui entrambe le
attività in corso e previsto le attività future. Nella misura in cui essa sia coerente con la tutela dei valori naturali della Grande
Barriera Corallina, l'Autorità prevede l'uso ecologicamente sostenibile del Parco Marino.

HQ a RSYYO acSdS eS cSYOkW S


Il modo in cui la Grande Barriera Corallina Marine Park Authority (GBRMPA) gestisce per la conservazione delle
specie nella GBRMP è determinata principalmente da strumenti legislativi e le decisioni politiche, che sono supportate
da l'educazione e l'applicazione. Data la natura migratoria di molte specie, il GBRMPA lavora a stretto contatto con
altre agenzie governative australiane e del Queensland per garantire approcci di gestione complementari per quanto
possibile. La presente relazione è un compendio di informazioni sulla fauna e la flora del GBRWHA e spiega la logica
alla base delle priorità di lavoro della specie programma di conservazione del GBRMPA, che si concentra sulla
gestione delle specie minacciate. La relazione sarà rivisto e aggiornato come rendano disponibili ulteriori informazioni
e alla luce delle modifiche alle priorità di conservazione.

3
JG6 ,* YO ZOaaO RW IVS cSOe 7OccWSc GSST BOcW S EOc : G6C9: 76GG :G6 8DG6AA C6
LDGA9 :G I6 : AWZWeW OcSO

4
D77A 6 G6G: , S ZW OQQWOe - HE:8 :

(GBRMPA) L'obiettivo dell'Autorità Grande Barriera Corallina Parco Marino è ' Per garantire la protezione, uso sapiente, la
comprensione e la fruizione del Grande Barriera Corallina in perpetuo attraverso la cura e lo sviluppo di Great Barrier Reef
Marine Park '. Sotto il Atto Grande Barriera Corallina Parco Marino 1975 , (Legge) piani di zonizzazione sono uno strumento
primario per la gestione del GBRMP. in preparazione piani di zonizzazione , Il GBRMPA è tenuto sotto S.32 (7) per tener conto,
tra le altre cose, alla ' la conservazione della Grande Barriera Corallina '. Piani di Gestione può essere considerato come un
requisito gestione più specifico per aree specifiche, e sotto s.39Y (b) della legge, un oggetto di piani di gestione è, ' per garantire
una gestione per il recupero e la protezione continua e la conservazione delle specie e delle comunità ecologiche che sono, o
possono diventare: estinto; o estinta in natura; o in pericolo critico; o pericolo; o vulnerabili; o la conservazione dipendente '.

Un altro strumento di gestione del Parco Marino è il requisito che il permesso essere acquisita dal GBRMPA prima
dell'impegno di alcune attività, in particolare l'uso commerciale. Nel considerare le richieste di permessi pertinenti, la
GBRMPA deve tenere conto in
s.74 (5) del Great Barrier Reef Marine Regolamento del Parco 1983 per, tra le altre cose, ' la conservazione delle
risorse naturali del Parco Marino; 'E sotto s.74 (6) rispetto al tradizionale uso delle risorse marine che comportano il
prelievo di animali, piante o prodotti marini,' la necessità di conservazione delle specie protette e, in particolare, la
capacità della popolazione rilevante di quella specie di sostenere la raccolta '. Per un elenco di specie protette, vedi
regolamento 29.

Oltre ai requisiti di legge, un obiettivo di 5 anni sotto la 25 Anno Piano Strategico


per la Grande Barriera Corallina World Heritage Area: 1994-2019 (Great Barrier Reef Marine Park Authority 1994) è ' di
prestare particolare attenzione alla conservazione delle specie rare e minacciate '. le strategie di massima sono
raccomandati che coinvolgono l'identificazione delle specie minacciate e le minacce legate umani alla loro sopravvivenza,
e lo sviluppo e l'attuazione di adeguate azioni di gestione coordinata. Logicamente, forse, l'identificazione delle specie e le
minacce legate umani ci si aspetta di far precedere le azioni di gestione per la loro conservazione. Tuttavia, per le specie
marine non è così facile. Anche se si sa molto su alcune grandi specie di vertebrati (ad es cetacei, dugonghi, tartarughe
marine), ci sono stati pochi studi descrittivi di inter-barriera corallina e lagunari comunità bentoniche della Grande Barriera
Corallina. Come tale, ci sono poche informazioni sullo stato e di popolazione l'evoluzione delle specie in quelle zone
(Wachenfeld 1998).

Di seguito è riportato un elenco dei principali strumenti di conservazione delle specie che la GBRMPA deve prendere in considerazione
nel determinare la sua risposta a problemi di conservazione delle specie. Questo elenco non è completo, ma piuttosto fornisce un
contesto per alcuni degli obblighi del GBRMPA a varie convenzioni, accordi e atti legislativi.

• Internazionale
• Nazionale
• Queensland

1 la fauna selvatica rara è definita nel Queensland Nature Conservation Act 1992 come comprendente fauna selvatica la cui popolazione è rappresentata by-(a) una

popolazione relativamente grande in un intervallo ristretto; o (b) le popolazioni più piccole sottilmente distribuite su una gamma più ampia.

2 Una specie minacciate è uno che è elencato in una categoria di messa in pericolo a livello internazionale, nazionale o regionale (Australian Stati e
Territori).

5
eSc OkW OYS

• 8 gS kW S aSc YO ac eSkW S RSY aOecWZ W QfYefcOYS S OefcOYS Z RWOYS 8 gS kW S RSY EOecWZ W


B RWOYS

• 8 gS kW S dfYYO RWgScdWel PW Y UWQO

• 8 gS kW S dfYYS daSQWS ZWUcOe cWS 8 gS kW S RW 7

Specie presenti nella Grande Barriera Corallina World Heritage Area (GBRWHA) e quotata alla convenzione di Bonn
sono nella tabella 1.

• 8 gS kW S dfY Q ZZScQW W eSc OkW OYS RSYYS daSQWS RW TY cO S TOf O dSYgOeWQVS ZW OQQWOeS RW SdeW kW S 8 I:H

Specie presenti nella GBRWHA ed elencate sotto CITES sono in Tabella 1.

• AO 8 gS kW S dfYYS k S fZWRS RW WZa ceO kO W eSc OkW OYS d acOeefee Q ZS VOPWeOe RSUYW fQQSYYW OQbfOeWQW
8 gS kW S RW GOZdOc

I seguenti zone umide RAMSAR elencati verificano nel GBRWHA :


• Bowling Green Bay
• Shoalwater e Corio Bays Area

Inoltre :

• YW OQQ cRW ecO WY U gSc RSYY#6fdecOYWO S OW U gSc W RSY WOaa S S YO 8W O aSc YO ac eSkW S RSUYW fQQSYYW
ZWUcOe cW S fQQSYYW W gWO RW SdeW kW S S WY Y c OZPWS eS5 6B76 S 86B76

Tavolo 2 elenca gli uccelli che si verificano nel GBRWHA che sono inclusi sugli accordi.

• AO L cYR 8 dScgOeW J W J8C


Una funzione importante di IUCN è di compilare liste di specie minacciate a livello internazionale nel Red Data Book .
Specie Tabella 3 elenca Grande barriera corallina che si verificano nel GBRWHA che sono inclusi nel Red Data Book.

6
COkW OYS

• Atto Grande Barriera Corallina Parco Marino 1975

• La protezione dell'ambiente e della biodiversità Act 1999

Il GBRMPA deve avere anche per quanto riguarda l'Australia di:

• Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile ecologicamente

• Strategia nazionale per la conservazione della diversità biologica in Australia

• Politica oceanica in Australia

• Strategia nazionale per la conservazione della specie in Australia e Comunità in via di estinzione

6ee cO RS 7OccWScO 8 cOYYW O EOcQ BOcW ,420

Il Atto Grande Barriera Corallina Parco Marino 1975 permesso l'instaurazione e il funzionamento del Grande Barriera Corallina
Marine Park Authority (GBRMPA) e la Grande Barriera Corallina Parco Marino (GBRMP).

L'obiettivo del GBRMPA è:


Per garantire la protezione, uso sapiente, la comprensione e la fruizione del Grande Barriera Corallina in
perpetuo attraverso la cura e lo sviluppo del Parco Marino della Grande Barriera Corallina.

Il finalità del GBRMPA comprendono proteggere le qualità naturali della Grande barriera corallina prevedendo uso
ragionevole della Regione Reef, e minimizzando regolazione e dell'interferenza in attività umane coerenti con
allObiettivo ed altri scopi della GBRMPA.

Il Legge prevede la protezione della Grande barriera corallina attraverso azzonamento , Emissione di
permessi , E la realizzazione di Piani di Gestione che consentono collettivamente gestione delle attività umane. La legge
stabilisce un requisito per i sostenitori di una serie di attività per ottenere prima un permesso di operare nel GBRMP. Ai
sensi dei regolamenti, il GBRMPA non deve concedere un permesso di entrare, utilizzare o esercitare un'attività in
GBRMP meno che la valutazione è stata effettuata l'impatto che l'ingresso, l'uso o l'attività rischia di avere sul Parco
Marino, compresi gli animali, come specie minacciate o rare. Zonizzazione definisce anche le attività ammissibili nel
GBRMP.

Inoltre, la sezione 39Y della legge stabilisce che, quando lo sviluppo di piani di gestione, specie minacciate devono
essere gestiti per la loro 'recupero e hanno continuato la protezione e la conservazione'. Analogamente, nel considerare il
problema di uso tradizionale delle risorse marine GBRMPA è richiesto dalla Great Barrier Reef Marine Regolamento del
Parco 1983 , Per tener conto della conservazione delle specie protette.

7
Ai sensi della legge, il GBRMPA deve avere per quanto riguarda la protezione dei I valori del patrimonio mondiale del
GBRMP e al principio di precauzione nella preparazione dei piani di gestione. Il 'principio di precauzione' è definito nella
legge GBRMP dal Accordo intergovernativo per l'ambiente 1992 , In cui si afferma che l'applicazione del principio di
precauzione, le decisioni pubbliche e private dovrebbero essere guidati da:

(I) la valutazione attenzione ad evitare, ove possibile, danni gravi o irreversibili all'ambiente; e,

(Ii) una valutazione delle conseguenze di rischio ponderate delle diverse opzioni.

8
AO ac eSkW S RSYY#OZPWS eS S RSYYO PW RWgScdWel 6Qe ,444

Scopo della La protezione dell'ambiente e della biodiversità Act 1999 (EPBC Act) è ' di provvedere alla tutela
dell'ambiente, in particolare quegli aspetti dell'ambiente che sono
questioni di rilevanza ambientale nazionale' . L'atto individua sei questioni di rilevanza ambientale nazionale: beni del Patrimonio
Mondiale; zone umide Ramsar di importanza internazionale; quotata a livello nazionale le specie minacciate e le comunità
ecologiche; elencati specie migratorie; aree marine del Commonwealth e le azioni nucleari (tra cui l'estrazione dell'uranio). Un
altro scopo della legge è quello di ' promuovere la conservazione della biodiversità'. Specie elencate come minacciato ai sensi
della legge EPBC e ha trovato nella Grande Barriera Corallina World Heritage Area (GBRWHA) sono riportati nella tabella 3.

Specie che sono elencati a livello nazionale come specie minacciate o sono elencati in determinate convenzioni che
proteggono specie migratorie (tra cui la Convenzione di Bonn) ricevono una protezione supplementare sotto le
corrispondenti disposizioni della legge EPBC. Inoltre, entro dieci anni l'inizio della legge EPBC il 16 luglio del 2000, le
scorte devono essere preparati che identificano e affermare l'abbondanza di queste specie in aree marine del
Commonwealth.

La legge EPBC fornisce un quadro per la protezione delle specie elencate come minacciate e vulnerabili, e le comunità
ecologiche elencati come in via di estinzione. La legge EPBC prevede la preparazione di recupero o conservazione piani per
tutte le specie di linea e comunità ecologiche. I piani di ricostituzione devono specificare le azioni di ricerca e di gestione
necessarie per fermare il declino, e sostenere il recupero delle, specie o comunità in modo che le sue possibilità di
sopravvivenza a lungo termine in natura sono massimizzati. In qualità di agenzia del Commonwealth, la Grande Barriera
Corallina Marine Park Authority (GBRMPA) non deve compiere alcuna azione che contravviene un piano di recupero o di un
piano di abbattimento minaccia. La legge EPBC stabilisce inoltre una serie di reati relative, ad esempio, uccidendo, ferendo o
prendendo specie elencate minacciate, migratori o marine e cetacei, e prevede il rilascio dei permessi per queste specie.

La legge EPBC consente anche per l'identificazione di processi minacciosi chiave . Un processo è definito come un processo
minaccioso chiave se essa minaccia o può minacciare la sopravvivenza, abbondanza o sviluppo evolutivo di una specie
autoctona o comunità ecologica. processi minacciosi chiave che sono attualmente elencati e che hanno un impatto sulle
specie minacciate nel GBRWHA includono:

• catture accidentali (bycatch) di Sea Turtle durante le operazioni di pesca a strascico a divergenti-costiere nelle acque
australiane a nord di 28 gradi Sud
• catture accidentali (o bycatch) di uccelli marini durante le operazioni di pesca con palangari oceanica
• Predazione da Feral Cats
• Predazione da parte del Red Fox europea ( Vulpes vulpes)
• Predazione, Habitat degradazione, concorrenza e delle malattie di trasmissione da Feral Pigs
• Perdita di habitat climatico causato dalle emissioni antropiche di gas a effetto serra
• Lesioni e fatalità della fauna marina causati da ingestione e groviglio di fauna selvatica in rifiuti marini

Il seguente processo minaccioso è stato nominato ed è attualmente in corso di valutazione (dicembre 2004):

• Morte o lesioni alle specie marine in seguito alla cattura nella spiaggia di meshing (reti) e drumlines utilizzato in
Shark programmi di controllo

9
La valutazione di un'attività come processo minacciosa chiave è il primo passo per affrontare, in base al diritto del Commonwealth, l'impatto di
una particolare minaccia. Una volta che un processo minacciosa è elencato ai sensi della legge EPBC, un Piano di abbattimento delle minacce può
essere messo in atto se si è dimostrato di essere "un modo fattibile, efficace ed efficiente" per abbattere il processo minacciosa.

• Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile ecologicamente

Questa strategia definisce il quadro per la cooperativa decisionale nel governo e la promozione dello
sviluppo ecologicamente sostenibile in tutta l'Australia. La strategia, che è stato approvato dal
Commonwealth e Stato Capi di governo in
1992, è rilevante per i gruppi industriali, commerciali e comunitarie anche. L'obiettivo della strategia è ' sviluppo
che migliora la qualità della vita, sia ora che in futuro, in modo da preservare i processi ecologici su cui
dipende la vita.

• Strategia nazionale per la conservazione della diversità biologica in Australia

Questa strategia mira a colmare il divario tra attività in corso e l'identificazione efficace, conservazione e la
gestione della diversità biologica dell'Australia. obiettivo primario della strategia è la diversità biologica
nativo dell'Australia. L'obiettivo della strategia è ' a tutelare la diversità biologica e mantenere i processi e
sistemi ecologici '.

• Politica oceanica in Australia

Questa politica del governo australiano (1998) mette in atto il quadro per la pianificazione integrata e basata sugli
ecosistemi e la gestione per tutte le giurisdizioni marine dell'Australia. Esso comprende una visione, una serie di
obiettivi e principi, e orientamenti politici per una politica nazionale oceani. Basandosi su settoriale efficace e
meccanismi giurisdizionali esistenti, promuove uno sviluppo ecologicamente sostenibile delle risorse dei nostri oceani
e la promozione di industrie marine competitivi a livello internazionale, garantendo nel contempo la protezione della
diversità biologica marina.

• Strategia nazionale per la conservazione della specie in Australia e Comunità in via di estinzione

L'obiettivo generale di questa strategia 1992, è ' per garantire che le specie in pericolo e vulnerabili e le comunità ecologiche
possono sopravvivere e prosperare, e mantenere la loro diversità genetica e il potenziale di sviluppo evolutivo nel loro
habitat naturale, e per prevenire ulteriori specie e comunità ecologiche di diventare in via di estinzione. 'Mentre l'obiettivo
primario è specie, l'attenzione deve inoltre essere diretto alla conservazione di sottospecie o distinte popolazioni che
possono essere in pericolo anche se la specie stessa possono essere sicuro. Manutenzione di sottospecie e popolazioni
distinte è essenziale se la gamma di diversità genetica all'interno di una specie deve essere mantenuta.

10
FfSS dYO R

Il preside della legislazione del Queensland in materia di marina e l'isola di conservazione e gestione della fauna selvatica
sono il Nature Conservation Act 1992 , il Parchi Marini Act 1982 e il
Fisheries Act 1994 e le normative correlate. Sotto il Queensland Conservazione della Natura (fauna selvatica) Il regolamento
1994 , Proposto intento di gestione del governo del Queensland per la fauna selvatica è minacciata:

ESc YS daSQWS SYS QOeS Q ZS W gWO RW SdeW kW S( gfY ScOPWYW cOc ( Y#W eS e RW USdeW S ac a de
m5
• per monitorare ed esaminare regolarmente lo stato di conservazione della fauna selvatica e del suo habitat;

• per stabilire la comunicazione formale con il Commonwealth e altri enti statali sullo stato di gestione e la
conservazione delle specie selvatiche;
• per incoraggiare programmi di ricerca e di inventario scientifica in grado di contribuire alla comprensione della
fauna selvatica, le sue esigenze di habitat e di gestione;
• per monitorare e verificare l'adeguatezza delle procedure di valutazione di impatto ambientale per garantire che
tengano conto della necessità di valutare con precisione l'entità del impatto sulla fauna selvatica rara e sviluppare
misure di mitigazione efficaci; e
• a riconoscere che l'habitat di specie animali protette, vulnerabili o rara è probabile che sia un habitat critico o area di
maggiore interesse.

OUUWf eWg aSc W gWO RW SdeW kW S gfY ScOPWYS TOf O dSYgOeWQO Y#W eS e RW USdeW S ac a de m5
• di stabilire un database di record e informazioni sulla fauna selvatica;
• di mettere in piani di recupero effetto o piani di conservazione per la fauna selvatica e del suo habitat;
• a cercare finanziamenti per contribuire alla realizzazione degli obiettivi dei piani di recupero e piani di conservazione;

• a prendere provvedimenti per garantire popolazioni vitali di fauna selvatica in natura sono conservati o ristabilito;

• per avviare programmi di formazione per la comunità e gestori di suolo pubblico sui processi di estinzione e
la conservazione delle specie minacciate e di habitat.

OUUWf eWg aSc cOc TOf O dSYgOeWQO Y#W eS e RW USdeW S ac a de m5


• per il trattamento di nuove specie descritte vegetali e animali vertebrati, o di specie vegetali o animali vertebrati riclassificati
come un identificabile diverse specie, come fauna selvatica rara fino valutazione formale del suo stato di conservazione è
completa;
• per raccogliere informazioni sui requisiti di gestione per la fauna selvatica e del suo habitat; e

• se un significativo processo minaccioso sta interessando la fauna selvatica, per curare la fauna selvatica come in pericolo o
vulnerabili fino a quando non è incluso nella Tabella 2 o 3.

Specie minacciate elencati in questa legislazione e che si verificano nella Grande Barriera Corallina World Heritage Area
(GBRWHA) sono nella tabella 3.

11
IScZW Y UWO5 STTSeeW SUOeWgW( : :II : JB6C: cSYOeWgS ZW OQQS

• impatti negativi
• effetti
• minacce correlate umani

Le attività umane possono influenzare la fauna marina in molti modi. Tali effetti sono causati da urti specifici o una
combinazione degli impatti. Nel valutare le possibili conseguenze delle attività umane per gli organismi marini e lo
sviluppo di misure di gestione, è importante identificare gli impatti, gli effetti e le minacce correlate umani. Questi
termini sono utilizzati in tutto il rapporto e sono definiti come segue:

WZaOeeW SUOeWgW
Un impatto negativo è un'azione o un evento che ha un'influenza sfavorevole (o effetto) su un individuo o di una
popolazione.

Le attività umane sulla terra e in mare possono causare diversi tipi di impatti sulle specie marine. Gli impatti possono influenzare
direttamente la specie. Gli impatti variano in ambito geografico da localizzata, che colpisce le specie in una piccola area, al
globale, per le specie di tutto il mondo. La durata di un particolare impatto potrebbe essere a breve termine, cessando in pochi
minuti o ore di l'evento causale o attività, o lungo termine, persiste per mesi o anni. Gli effetti possono essere a breve termine, a
lungo termine o permanente (ad esempio, la morte o lesioni permanenti).

La suscettibilità della fauna marina ad urti varia a seconda della specie e la natura degli impatti. Ad esempio, specie o
popolazioni con alcuni individui, o che sono limitati alle aree geografiche limitate, sono generalmente più vulnerabili di
quelle che sono comuni o distribuzione cosmopolita. Inoltre, le specie possono essere più vulnerabili in certi momenti del
loro ciclo di vita (per esempio quando sono molto giovani), in certi periodi dell'anno come durante le stagioni di
nidificazione, o quando sono impegnati in particolari comportamenti come l'alimentazione. Specie possono anche essere
più vulnerabili a certi impatti a causa delle fisiologiche, comportamentali, o di altri fattori, come ad esempio aggregazioni
di allevamento.

Inoltre, l'esposizione ad alcuni impatti può portare ad assuefazione, in modo che l'effetto di un impatto sul animali
diminuisce con il tempo come l'animale diventa 'abituato' per l'impatto. Tuttavia, assuefazione non si verifica sempre
ed è difficile da misurare.

Mentre gli impatti che interessano uno o pochi individui sono di preoccupazione, particolare attenzione dovrebbe essere
rivolta a impatti che colpiscono molte persone, minacciando così intere popolazioni o di stock genetici ed eventualmente a
rischio estinzione delle specie.

Non tutte le attività possono essere regolate dalla Grande Barriera Corallina Marine Park Authority (GBRMPA). Alcune attività che
possono minacciare le specie all'interno della Grande Barriera Corallina World Heritage Area (GBRWHA) si verificano al di fuori
del proprio perimetro e la responsabilità diretta per la gestione dell'impatto di tali attività spetta ai governi statali o locali. Ad
esempio, le pratiche di uso del suolo che interessano bacini che sfociano nel GBRWHA sono generalmente regolati da uno Environmental
Protection Agency Queensland , Dipartimento delle Risorse Naturali, miniere e dell'energia o tramite piani del governo locale (Wachenfeld
1998). In alternativa, alcuni problemi sono di natura globale (ad esempio i cambiamenti climatici) e richiedono la cooperazione
internazionale. gli impatti a livello globale non sono meno gravi di quelli che operano su scala più piccola e, anzi

12
essi possono essere più così. Tuttavia, l'intento principale di questo lavoro è quello di fornire una base per la conservazione delle
specie Programma della GBRMPA per la gestione delle attività umane che, o sono suscettibili di, colpiscono le specie che si verificano
dentro e intorno alla World Heritage Area.

Molti impatti possono operare in una sola volta ed è difficile valutare fino a che punto un particolare impatto influirà, o sta
interessando, singole specie o di una popolazione. Le principali categorie di impatti all'interno del GBRWHA sono, in
ordine alfabetico:
• ingestione accidentale di intrappolamento e in detriti marini
• Catturare
• uccisione intenzionale o imprudente e ferendone
• Malattia
• esplosioni
• molestia
• catture accidentali in attrezzi da pesca

• Rumore

• spostamento fisico
• il degrado degli habitat fisico o la distruzione (ad esempio, gli effetti a valle di uso del suolo)
• Inquinamento

• Predazione da animali selvatici


• deplezione preda
• scioperi nave

STTSeeW
Un effetto è il risultato di un impatto negativo su un individuo o di una popolazione.

Possibili effetti di impatti comprendono la mortalità, lesioni o malattie, ridotto successo riproduttivo, e la modifica del
comportamento. Molte attività umane possono causare un animale a cambiare il suo comportamento. Eventuali
modifiche comportamentali includono:
• cambiare la velocità di nuoto o la direzione (ad esempio per avvicinarsi o evitare un'imbarcazione);
• cambiando profondità di immersione e di durata;

• variazioni dei tassi di respirazione;

• cambiando posizione di nidificazione;

• cessando attività particolari (ad esempio l'alimentazione, allevamento, nesting); e

• lasciando una superficie.

Questi tipi di cambiamenti comportamentali potrebbero non essere significativa se si verificano raramente, ma possono diventare
una seria minaccia per gli animali se sono frequenti o persistente. Ad esempio, interruzioni periodiche di alimentazione e altre
attività potrebbero minacciare la sopravvivenza dei singoli animali e in definitiva delle popolazioni. Allo stesso modo, se le attività
umane provocano animali a lasciare habitat chiave, come baie riparate utilizzate per foraggiare ( vale a dire se gli animali né per
abituarsi né tollerare gli effetti), questo potrebbe avere gravi conseguenze per la popolazione.

Inoltre, è importante prendere in considerazione non solo gli impatti potenziali delle singole attività, ma anche il potenziale
impatto cumulativo di attività che possono influenzare le popolazioni, sia a breve e lungo termine. Ciò è particolarmente vero
per le specie di allevamento lente di lunga durata che potrebbero essere sotto pressione da una varietà di impatti.

Tenendo conto della grande varietà di impatto e gli effetti, e in conformità con il principio di precauzione, così come definito
ai sensi della legge GBRMP, dovrebbero essere prese le azioni ragionevoli per evitare o minimizzare gli effetti
potenzialmente gravi o irreversibili. decisioni di gestione

13
deve tener conto ragionevoli previsioni di probabili effetti delle attività umane sulle specie, nonostante la mancanza di
prove a sostegno scientifico. Una valutazione regolare degli effetti delle attività umane sugli animali marini, così come la
determinazione e il monitoraggio dello stato di conservazione delle varie popolazioni, sono essenziali per consentire la
diagnosi precoce dei problemi e consentire lo sviluppo, la valutazione e la modifica delle misure di gestione.

BW OQQS fZO W YSUOeW


Una minaccia è un'azione o un evento, o la raccolta cumulativa di impatti negativi che l'effetto di un individuo o di una
popolazione a tal punto che si trova di fronte, rispettivamente, con la morte o l'estirpazione.

L'effetto di un impatto può o non può costituire una minaccia per un animale o di una popolazione. Ad esempio, un delfino può essere
spaventato dal rumore di una nave. Il rumore ( impatto) provoca la reazione di trasalimento ( effetto), ma questo non può costituire una
minaccia per la sopravvivenza o il benessere degli animali. Se il rumore si verifica ripetutamente e continua a causare una reazione di
trasalimento, comportamento dell'animale può essere interrotto sufficientemente minacciare la sopravvivenza. Se un numero sufficiente di
animali in una popolazione sono minacciati, allora la popolazione stessa può essere minacciata.

Appendice 1 è una lista di minacce per le specie che è stata adottata dal World Conservation Union
(IUCN) nel febbraio 2000. Queste minacce si applicano principalmente per l'ambiente terrestre e sono difficili da estrapolare
le specie all'interno del GBRWHA.

Le principali categorie di attività legate umane che possono minacciare le specie all'interno del GBRWHA sono, in ordine
alfabetico:
• movimento degli aeromobili

• acquacoltura
• Il movimento di barche, navi e altri motorizzata
• lo sviluppo costiero e le pratiche a terra che lo scarico di acque marine
• Comportamento di esercizi di difesa in ambienti marini
• Deterioramento della qualità dell'acqua marina

• Pesca
• Caccia e la raccolta
• L'introduzione di parassiti marini
• dragaggio marino e delle costruzioni
• ricerca e monitoraggio Marine
• turismo basato Marine e la ricreazione
• programmi di controllo Shark

In generale, la direzione dovrebbe sforzarsi di eliminare o ridurre al minimo gli impatti negativi al fine di eliminare o ridurre al
minimo gli effetti conseguenti e le minacce legate umani. Va notato, tuttavia, che non tutte le conseguenze o effetti sono
necessariamente negativi.

14
HaSQWS SYYO k O RW G6C9: 76GG :G6 8DG6AA C6 E6IG BDC D BDC9 6A:

Per facilità di considerazione di tutte le specie di Grande Barriera Corallina World Heritage Area (GBRWHA), in questa
relazione il programma di conservazione delle specie ha raggruppato le specie di interesse conservazionistico secondo le
seguenti divisioni:

• 'Listed Minacciato, o migratore o Marine Species'


• Specie di particolare interesse
• Altre specie marine di interesse conservazionistico
• flora e fauna dell'isola

#AWdeSR BW OQQWOe ( ZWUcOe cS BOcW S HaSQWSd#

Queste specie sono dati protezione speciale di conservazione da parte del La protezione dell'ambiente e della
biodiversità Act 1999 (Atto EPBC).

Specie elencate come minacciato ai sensi della legge EPBC, sezione 178, hanno uno stato di conservazione classificate come
estinte, estinte allo stato selvatico, in pericolo critico, in pericolo, vulnerabili, più basso rischio, o dati carente (Tabella 3).

specie migratrice compresa , Sezione 209 della legge EPBC, sono quelli che si verificano sulle appendici della convenzione
di Bonn o sono elencati sotto JAMBA e CAMBA come indicato nelle tabelle 1 e 2.

Le specie sono anche classificati come ' specie marine elencate 'Nella legge EPBC, Sezione 248. Le specie marine elencate, descritte
in dettaglio nell'appendice 2, includono:
• serpenti di mare (Famiglie Hydrophiidae e Laticaudidae)
• Guarnizioni (Famiglie Phocidae e Otariidae)
• Coccodrilli (Genus Crocodylus)
• Dugonghi (Genus Dugongo)
• Le tartarughe marine (Famiglie Cheloniidae e Dermochelidae)
• Cavallucci marini, Sea-draghi, pesci ago (Famiglie Syngnathidae, Solenostomidae)
• Uccelli (Aves classe)

HaSQWS RW aOceWQ YOcS W eScSddS

cetacei richiedono particolare attenzione in Division 3 della legge EPBC. All'interno del GBRMP, ciò è previsto sotto la
GBRMPA del Documento Programmatico per la Whale and Dolphin Conservation a Great Barrier Reef Marine Park (Autorità
Great Barrier Reef Marine Park
2000) (Allegato 3).

La legge stabilisce un EPBC Whale Sanctuary australiano ' al fine di dare un riconoscimento formale del livello elevato di
protezione e di gestione offerto ai cetacei nelle zone marine del Commonwealth e le acque prescritti '. Essa stabilisce inoltre
una serie di reati relative, ad esempio, uccidendo, ferendo, o prendendo cetacei, e prevede il rilascio dei permessi di
condurre whalewatching.

Il Santuario delle Balene australiano comprende la maggior parte della Grande Barriera Corallina World Heritage Area, tranne le acque
costiere di Stato (3 miglia nautiche dalla costa del Queensland o uno Stato di proprietà dell'isola).

15
6YecS daSQWS ZOcW S RW W eScSddS Q dScgOkW WdeWQ

Seppur non compresi nei precedenti due categorie, le specie marine in appendice 4 sono considerati anche della
conservazione preoccupazione all'interno del GBRMP.

TY cO S TOf O RSYY#Wd YO

Le specie non marine discussi nell'appendice 5 si verificano sulle isole continentali e atolli corallini nel GBRWHA. La
loro gestione è in primo luogo il ruolo del Queensland Parchi e
Wildlife Service (QPWS) nell'ambito del giorno per giorno la gestione del Grande Barriera Corallina Parco Marino, Cantone Marine
Parchi e Isola di parchi nazionali.

HQVSZO RW W T cZOkW W SYYS OaaS RWQW -)0


Per ciascuna delle specie o gruppi di specie in appendici 2, 3, 4, 5 le informazioni sono presentate su:

• SdeS dW S RSYYO Q dQS kO comprese le informazioni sulle tendenze biologia, ecologia, storia di vita e di popolazione
nel GBRWHA. Questa informazione non è un resoconto esaustivo di tutte le conoscenze disponibili sul gruppo di specie o
specie. Piuttosto si mette in evidenza la diversità delle specie e la conoscenza sulle tendenze demografiche in GBRWHA.
Ulteriori informazioni sono contenute all'interno di Il valore universale eccezionale della zona di Grande Barriera Corallina
Patrimonio (Lucas et al. 1997), e Stato del Rapporto Grande Barriera Corallina (Autorità Great Barrier Reef Marine Park
2003).

• deOe RW Q dScgOkW S specie di singoli. Questo è lo stato delle specie elencate in Queensland e del
Commonwealth legislazione e gli accordi internazionali e ha notato nelle tabelle 1, 2, 3, 4, 5, 6 e Appendice 2.

• ZW OQQS Q ccSYOeS OYYS a a YOkW W fZO S comprendono sia le minacce potenziali e reali e quelli indicati come Processi
minacciose chiave ai sensi della legge EPBC; e

• 6kW W attualmente in corso o della Specie programma di conservazione del GBRMPA e dalle agenzie associate
e le parti interessate per affrontare i problemi di conservazione per le specie di gruppi / specie.

16
9 H8JHH DC:

Specie sono persi a tassi allarmanti in tutto il mondo. Innumerevoli specie marine vengono spazzati via da una serie di attività
connesse umani, tra cui la pesca eccessiva, l'inquinamento, la perdita di habitat e l'invasione di specie esotiche (Jackson et al. 2001).
Anche se l'obiettivo della maggior parte dei programmi di conservazione è quello di mantenere specie e popolazioni ben lontano
dalla “zona di pericolo” di estinzione (Powles et al. 2000), la mancanza di fondi, l'interesse o la conoscenza può spesso significare
che relativamente poche specie marine ed insulari siano adeguatamente protetti.

Capitolo 15 di Lo Stato del Rapporto Ambiente Marino per l'Australia o SOMER (1996) riassume le difficoltà nel
determinare lo stato di conservazione delle specie marine come:
• popolazioni marine hanno caratteristiche che rendono il rilevamento di depletions difficili.
• Le fluttuazioni nel reclutamento e l'allevamento dimensioni della popolazione possono oscurare le tendenze a lungo termine.

• distribuzioni chiazze possono fare stime attendibili di densità o dimensioni della popolazione difficili da ottenere. Spesso solo le
modifiche quantistica nei numeri possono essere rilevati.
• metodologie adeguate per rilevare e determinare approssimativamente in abbondanza di specie rare sono
generalmente carenti. Elevata biodiversità viene generalmente con una percentuale di rarità in specie.

E conclude che ' gran parte della teoria corrente sviluppata nella biologia conservazione terrestre non può essere acriticamente
applicata a specie e habitat marini ', e quello ' in questa fase iniziale di conservazione marina, qualsiasi tentativo di specie di grado
in base al grado di minaccia rischia di rivelarsi inutile '. Di conseguenza, un sistema alternativo è stato suggerito di riconoscere le
caratteristiche delle specie che sono almeno 'potenzialmente minacciate' di estinzione, e di sviluppare misure di gestione per loro
come precauzione. sono stati proposti i seguenti nove caratteristiche (non priorità):

• specie con limiti geografici ristretti


• specie con siti di riproduzione insolitamente restrizioni
• specie che sono molto grandi, longevo e / o di bassa fecondità
• specie soggette alla mortalità massa su larga scala
• specie soggette a periodi di mancato reclutamento prolungati
• specie altamente sensibili a stress ambientale
• specie che sono esperti habitat estremi
• obbligare supratidale, intertidale, specie di estuario e costiere embayment
• specie soggette a sfruttamento eccessivo

Una caratteristica aggiuntiva non menzionata nel SOMER, ma che è una caratteristica fondamentale di molte delle specie di alto
profilo sulla Grande Barriera Corallina è un comportamento di attraversare molti confini giurisdizionali (regionali, nazionali ed
internazionali) nel corso della sua storia di vita della specie.

SOMER concluso che una varietà di approcci è necessaria per massimizzare le possibilità di protezione a lungo termine delle
specie marine. Questi includono concentrandosi su:
• specie meritevoli stato di conservazione speciale - indicatore ecologico, trapezoidale, ombrelli, punta, vulnerabile
- notando che le specie vulnerabili sono i più difficili da identificare in ecosistemi marini, mentre specie di punta
sono i più identificabile;
• reti di aree marine protette (AMP); e
• altri strumenti di conservazione quali le normative contro la raccolta, le quote, i divieti di dimensioni e la conservazione degli habitat.

17
Nel 1998, un politica marittima globale è stato adottato congiuntamente dal WWF (WWF) e il World Conservation
Union (IUCN) . Sotto un obiettivo di conservare e recuperare specie marine minacciate, la politica vede una
duplice sfida di conservare e gestire entrambe le specie che sono chiaramente collegati ad aree specifiche e
quelli che sono altamente migratorie. Le sue attività prioritarie sono:

• sostenere il continuo sviluppo e l'applicazione della Lista Rossa IUCN , Così come liste regionali e nazionali di
specie minacciate;
• sostenere l'elaborazione e l'attuazione di specie azione e I piani di recupero ;
• riducendo lo sfruttamento delle specie minacciate controllando e regolando commercio internazionale
utilizzando meccanismi globali quali CITES e il Commissione baleniera internazionale ; e

• dimostrando l'uso sostenibile attraverso attività, tra cui il whale-watching e forme tradizionali di uso di
sussistenza.

Nel 1998-99 una serie di workshop internazionali si sono svolti sotto gli auspici del Specie Commissione Sopravvivenza della
IUCN di rivedere il sistema di IUCN per iscrivere taxa sotto le sue categorie Lista Rossa. Uno di questi laboratori hanno valutato
specificamente l'applicazione dei criteri nell'ambiente marino. Nella sua relazione finale al Consiglio IUCN, la Commissione ha
mantenuto le specie marine all'interno del sistema attuale di classificazione delle specie a rischio di estinzione a livello mondiale.

Un articolo del Bollettino IUCN da Brautigam (2001) nota in relazione alla IUCN List 2000 Red che:

• completamenti di rilievo nella Lista Rossa 2000 sono l'aumento del numero di squali e le razze, elencati come
minacciato. Queste valutazioni sono il risultato di diversi anni di raccolta dei dati, l'analisi e la consultazione ampia.

• Anche se i cetacei sono tra i più noti di specie marine, la maggior parte piccoli cetacei sono stati classificati come
Dati insufficienti. C'è un grande bisogno di dati molto di più e di migliore qualità su queste specie e le minacce che
devono affrontare, in particolare lo sfruttamento diretto e indiretto di pesca del mondo.

• La tartaruga liuto, Dermochelys coriacea, è stato riclassificato come in pericolo critico nella Lista Rossa. Le popolazioni
sono diminuite drasticamente negli ultimi decenni, soprattutto a causa di catture accidentali nella pesca con palangari
commerciali.
• Sebbene la maggior parte degli organismi marini sono invertebrati, solo poche decine di queste specie sono stati valutati e
inclusi nella lista rossa (per esempio, le vongole giganti Tridacna sp.). Queste specie, forse meno attraente sono spesso vittime
di una mancanza di interesse e di finanziamenti.
• Oltre al miglioramento della copertura delle specie marine, la Lista Rossa fornisce la prova che la pesca bycatch è
una grave minaccia per un certo numero di specie marine, molti di loro in pericolo critico. Questa scoperta dovrebbe
fornire maggiore impulso agli sforzi volti a ridurre le catture accidentali di pesca, in particolare attraverso la creazione di
zone 'no-take' e lo sviluppo di metodi di pesca più selettivi e gli attrezzi per ridurre tale impatto. Powles et al. ( 2000)
gestione della pesca rispetto avvicina con la gestione delle specie in pericolo e ha concluso che quest'ultimo può
essere un potente strumento per la protezione degli organismi marini in pericolo o vulnerabili, se applicato ampiamente
in gestione della pesca.

Negli ultimi anni c'è stato un crescente consapevolezza che parco marino manager dovrebbero essere identificando e
proteggendo esempi rappresentativi della diversità di habitat e processi da cui dipendono tutte le specie, piuttosto che
concentrarsi su singole specie o habitat specifici. La ricerca ha messo in evidenza l'interconnessione delle specie che
condividono lo stesso habitat, nonché la dipendenza di molte specie su una vasta gamma di habitat in tutta

18
diverse fasi del loro ciclo di vita e ha trovato che gli effetti di ricaduta della tutela giuridica di una specie possono
inavvertitamente beneficiare gli altri all'interno di tale habitat (Ando 2001).

Blue Highway Poster : clicca per ingrandire.

La Grande Barriera Corallina Marine Park Authority (GBRMPA) ha formalizzato un programma rappresentativi Aree, che ha
migliorato la protezione di tutta la gamma di biodiversità della Grande Barriera Corallina World Heritage Area (GBRWHA).
Questo programma fa parte dell'Australia del
Nazionale sistema rappresentativo di zone marine protette Programma .

Il programma Rappresentante Aree aiuta:


• mantenere la diversità biologica;
• permettono specie di evolvere e la funzione indisturbati;
• fornire un margine di sicurezza contro ecologico disastri umani indotta;
• fornire una base solida da ecologica che ha minacciato specie o habitat in grado di ripristinare o riparare se stessi;
e
• mantenere i processi ei sistemi ecologici.

Un'adeguata protezione delle aree rappresentative degli ecosistemi è ampiamente accettato, in Australia e in tutto il
mondo, come il modo migliore per raggiungere gli obiettivi di cui sopra. Particolarmente rappresentativa è una zona che è
tipica degli habitat circostanti o ecosistema a scala prescelta. Le caratteristiche fisiche, processi oceanografici e modelli
ecologici all'interno di un'area rappresentativa riflettono quelle del habitat circostante. Questo approccio è stato
recentemente attuato dal GBRMPA sotto forma di un sistema di bioregione a base di aree marine protette. Maggiori
informazioni sulla Aree rappresentative del programma si possono trovare sul sito GBRMPA.

Come accennato in precedenza, la necessità di approcci complementari tra le varie agenzie che hanno la responsabilità
legislativa per i diversi aspetti dell'ecosistema Grande Barriera Corallina è importante per la gestione basata sugli ecosistemi
per avere successo. Ad esempio, il governo del Queensland ha implementato un sistema in gran parte complementare di
aree marine protette per la Grande Barriera Corallina Coast Marine Park che corrispondano a quelli stabiliti nel corso del
programma Rappresentante aree. Questa parte è stata della loro piattaforma elezioni del 2004 impegnandosi 'alla tutela
della diversità biologica in Australia attraverso l'istituzione di un sistema nazionale di parchi nazionali complete, adeguate e
rappresentative e delle riserve (tra cui una gamma rappresentativa di ecosistemi terrestri e marini'. Essi hanno mappato
intertidal habitat e valutato lo stato di protezione per ciascuno di questi habitat per informare le loro decisioni di proteggere
esempi rappresentativi nel loro nuovo Piano Regolatore (Banche e Skilleter 2002).

In termini di conservazione delle specie, diversi approcci sono stati proposti per la definizione delle priorità. Il
governo australiano Advisory Council Biodiversità ha suggerito che un 'triage ecologica' dovrebbe essere applicato
a specie minacciate, per cui essi sono posti in tre gruppi:

• Specie che possono estinguersi anche con una spesa enorme;


• Specie minacciate che possono essere recuperati rapidamente per un costo ragionevole; e
• Le specie che sono minacciate, ma non immediatamente in via di estinzione (Ando 2001).

19
Il Consiglio ha concluso che la maggior parte i finanziamenti dovrebbero essere assegnati al secondo gruppo e che le analisi
costi-benefici deve essere applicato a specie minacciate, al fine di stabilire le priorità per la conservazione.

In applicazione di un'analisi costi-benefici per la definizione delle priorità per i problemi di conservazione di specie, è spesso difficile
da disaggregare e quantificare i benefici ei costi effettivi. I vantaggi di specie di conservazione includono sia i fattori oggettivi e
soggettivi, mentre i costi sono spesso dipinti esclusivamente in dollari. Ad esempio, non si può contestare che specie minacciate
hanno un ruolo nel mantenimento della più ampia funzionamento degli ecosistemi in virtù della loro, tra l'altro, foraggiamento abitudini
e di essere preda di altri animali. Specie Tuttavia, minacciate hanno anche un valore intrinseco, valorizzando esperienze per gli
utenti di ricreazione e turisti che si immergono o fare snorkeling sulla Grande Barriera Corallina, il mantenimento della cultura
dell'isola proprietari aborigena e Torres Strait tradizionale vive in prossimità della costa e solo di essere una parte del ecosistema
naturale.

I costi associati con la ricerca e il monitoraggio delle popolazioni minacciate o le misure di gestione introdotte per affrontare i
fattori associati con il declino delle popolazioni sono spesso considerati in modo inaccettabile grande o richiedono troppo
tempo per mostrare i risultati. Ancora i costi di perdere specie threatend ei loro ruoli funzionali all'interno di un ecosistema
raramente quantitativi e data la stessa considerazione dettagliata.

Alla fine, una serie di fattori deve essere utilizzato per dare priorità problemi di conservazione delle specie.

20
:A:B:CI E:G EGD G6BB6 9 A6KDGD ROcS acW cWel

Gli elementi che sono considerati per lo sviluppo della specie programma di conservazione della Grande Barriera Corallina Marine
Park Authority (GBRMPA) sono:

HeOe RW Q dScgOkW S

Fa GBRMPA hanno l'obbligo di conservare le specie o taxon perché è elencato come minacciato ai sensi della
legislazione del Commonwealth o Queensland, dalla World Conservation Union, o sotto altri accordi internazionali
(ad es Convenzione di Bonn, Jamba, Camba, CITES, IUCN)?

8 dQS kO

Come si sa molto sulla biologia, storia di vita, l'ecologia, le tendenze demografiche e movimenti di e le
minacce legate umani alle popolazioni presenti nel GBRMP?

HeOe W RWQOe cS OZPWS eOYS

E 'la specie o taxon utile come indicatore di salute della grande barriera corallina?

Ec POPWYWel RW dfQQSdd USdeW S

Come facilmente / facilmente può azioni specifiche mirate essere sviluppate e attuate per migliorare lo stato di
conservazione delle popolazioni / taxon specie sulla Grande Barrer Reef?

YO aScQSkW S RSYYO 8 Zf Wel

È la specie o taxon tenuti in grande considerazione dai membri e / o di interesse per il pubblico? È la specie o il
taxon di particolare interesse in campo politico?

cWd cdS

Il numero del personale e attività per la conservazione delle specie e la gestione da parte del GBRMPA. conservazione e gestione
delle specie è parte integrante di tutte le aree di programma del GBRMPA e non limitato al personale del programma di
conservazione delle specie; tuttavia essi forniscono un ruolo di coordinamento nello sviluppo delle politiche. Ad esempio, la Aree
rappresentative del programma avrà benefici a livello di barriera-to conservazione delle specie attraverso una serie di iniziative tra
cui la suddivisione in zone, zone di gestione speciale e disposizioni standard per le attività (ad esempio uso tradizionale delle
risorse marine).

21
HE:8 : 8DCH:GK6N DC: EGD G6BB6 9:A 7GBE6

Il programma di conservazione delle specie è attualmente focalizzata su iniziative per migliorare la conservazione dei dugonghi,
tartarughe e cetacei. Il programma ha un coinvolgimento minore con uccelli marini e di un 'guardare brevi' e il coinvolgimento,
se necessario, con le questioni riguardanti le altre specie. V'è, tuttavia, la flessibilità nel programma per affrontare i problemi
emergenti su base asneeds.

dugonghi rischiano di rimanere una priorità lavoro di alta nel prossimo futuro come una conservazione accettato imperativo
e in considerazione del livello di preoccupazione scientifica, pubblica e politica. Il GBRMPA ha fornito notevoli finanziamenti
dal 1980 alla ricerca Grande barriera corallina popolazioni dugongo. Tuttavia, mentre v'è una migliore comprensione della
specie e delle sue esigenze di habitat all'interno del Grande Barriera Corallina World Heritage Area (GBRWHA), v'è anche
la necessità di rivedere periodicamente le priorità di ricerca e di monitoraggio per affrontare i problemi di gestione.

tartarughe rischiano di rimanere una priorità lavoro di alta nel prossimo futuro come una conservazione accettato
imperativo e in considerazione del livello di preoccupazione scientifica, pubblica e politica. A causa della straordinaria
ricerca dal 1970, il Queensland Parchi e Wildife Service ha acquisito un grande database sulle tartarughe del
Queensland, che viene utilizzato come base per le decisioni di gestione. È scientificamente provato che le popolazioni
del Queensland di almeno tre specie di tartarughe sono in difficoltà e tutte le sei specie sono minacciate.

Balene e delfini questioni politiche sono state affrontate nel Whale and Dolphin Politiche di conservazione (Great Barrier
Reef Marine Park Authority 2000). Tuttavia, alcuni problemi di gestione sono ancora da affrontare, come la risposta ai
rischi che affrontano i delfini costieri della Grande Barriera Corallina.

Gli uccelli marini rischiano di rimanere una priorità di lavoro più bassa.

Il coinvolgimento del programma di conservazione delle specie con altre specie sarà considerato come i rapporti e le nuove
informazioni diventano disponibili, e come requisiti dettano e le risorse lo consentono. Lo stato di conservazione della maggior
parte degli altri gruppi di specie e / o taxon non è noto con certezza sulla Grande Barriera Corallina o altrove. Come
informazioni diventano disponibili e le misure per le specie e / o taxon di alto profilo può essere sviluppato, verranno prese in
considerazione azioni di gestione specifiche a tali specie.

La stragrande maggioranza di Great Barrier Reef specie / taxa continuerà a dipendere, come in passato, sulla conservazione
delle comunità ecologiche attraverso strumenti di gestione come la zonizzazione e di gestione progetti, e permessi. Il
GBRMPA Aree rappresentative del programma è stato implementato e aiuterà immensamente l'efficacia di tale conservazione
attraverso una nuova rete di zonizzazione all'interno di Parco Marino della Grande Barriera Corallina.

Una varietà di altre attività si sta verificando all'interno del Parco Marino del GBR che fanno parte della conservazione delle
comunità ecologiche. Questi includono il:
Audit East Coast pesca al traino di gestione
Ne consentono la ripartizione, la latenza e il possesso per il turismo sul Piano di Tutela Qualità dell'acqua Grande
barriera corallina d'azione Qualità dell'acqua Piano Reef

22
G C G6N 6B:CI

Gli autori ringraziano le tante persone che hanno fornito informazioni e commenti che sono stati utilizzati nella
presente relazione, in particolare il Comitato Conservazione della barriera consultivo dell'Autorità Grande Barriera
Corallina Parco Marino, Maria Byrne, Rob Coles, Jon Day, Leanne Fernandes, Pat Hutchings , Leane Makey,
Helene Marsh, Keith Martin-Smith, Laurence McCook, Peter Ogilvie, Paul O'Neil, Mark Read e Janet Slater.

23
G :G B:CI

1. Ando, ​AW 2001, economie di scopo in pericolo-Protezione delle specie: Prove da Behavior gruppi di interesse, Journal
of Economics e di Gestione Ambientale, 41, 312-
332.

2. Arnold, PW & Birtles, RA 1999 Verso una gestione sostenibile del settore turistico in via di sviluppo Balenottera
minore di Minke nel Nord Queensland, Technical Report No. 27, CRC Reef Research Center, Townsville.

3. Stato australiano della commissione ambiente del 2001. Coste e oceani, australia Regione
del Rapporto Ambiente 2001 (Tema Report), CSIRO Publishing per conto del Ministero dell'Ambiente e
del Patrimonio, Canberra.

4. Bakus, GJ 1973, 'La biologia ed ecologia delle oloturie tropicali', in Biologia &
geologia delle barriere coralline Volume 2 Biologia 1, a cura di OA Jones & R. Endean, Academic Press, New York.

5. Banche, SA & Skilleter, GA 2002, la mappatura degli habitat intertidali e una valutazione del loro stato di conservazione nel
Queensland, in Australia, Ocean & Management costiera, 45, 485-509.

6. Bannister, JL, Kemper, CM & Warneke, RM 1996 Il piano d'azione per l'australiano
cetacei , Australian Nature Conservation Agency, Canberra.

7. Barnes, RD del 1987, Invertebrati Zoologia 5 ° edizione, Saunders College di editoria,


Philadelphia.

8. Birtles, RA, e Arnold, PW 1988 'Distribuzione dei gruppi trofici di echinodermi e molluschi epifaunal nelle aree
sedimenti molli della centrale di Grande Barriera Corallina',
Atti del sesto internazionale Coral Reef Symposium, 3, 325-332.

9. Birtles, A., San Valentino, P., Curnock, M., Arnold, P. & Dunstan, A. 2002 Incorporando esperienze di visita nel
turismo Balenottera minore di Minke ecologicamente sostenibile nel nord della Grande Barriera Corallina,
Technical Report No. 42 , CRC Reef Research Center, Townsville.

10. Brautigam, A. 2001, 'specie marine: vittime di compiacenza', World Conservation IUCN Bollettino n ° 3 del
2001.

11. Butler, A. & Jarnakoff, P. 1999, Seagrass in Australia: Strategic Review & Sviluppo di un
R & D Progetto, CSIRO Publishing, Collingwood, Victoria.

12. Cannone, LRG 1993 'Worms'. pp. 80-83, in Un Reef Handbook Corallo: Una guida per la
Geologia, Flora e Fauna della Grande Barriera Corallina, a cura di P. Mather & I. Bennett, Surrey Beatty & Sons Pty. Ltd.,
Chipping Nord.

13. Cheshire, AC, Collings, GJ, Edyvane, KS & Westphalen G. 2000 Panoramica dello stato di conservazione di
Australian Marine Macroalghe: Un rapporto per l'ambiente in Australia. http://www.reefwatch.asn.au/cosema/cosema.html
.

24
14. Coles, RG, Lee Long, WJ, McKenzie, LJ & Roder, CA 2002, Seagrass e marine
risorse nella protezione Aree Dugong di Upstart Bay, Newry Regione, Sand Bay, Llewellyn Bay, Ince Bay e il
Clairview Regione Aprile / maggio 1999 e ottobre 1999 , Ricerca Pubblicazione N. 72, Grande Autorità Barriera
Corallina Marine Park, Townsville.

15. Colin, PL & Arneson, AC 1995, Pacifico tropicale Invertebrati: A Field Guide al Marine
Invertebrati che si verificano sul Pacifico tropicale barriere coralline, praterie di fanerogame e mangrovie, Coral Reef Press, Beverly
Hills, California.

16. Corkeron, PJ, Morrissette, NM, Porter, P., & Marsh, H. 1997, 'Distribuzione e status dei delfini a schiena d'asino, Sousa
chinensis, in acque australiane, Asian Biologia Marina, 14, 49-59.

17. Dawson CE del 1985, Indo-Pacifico Pesci lancere (Mar Rosso per le Americhe), La costa del Golfo
Laboratorio di Ricerca, Ocean City, Mississippi, Stati Uniti d'America.

18. Ambiente: Australia, 2003 Piano di recupero per tartarughe marine in Australia , Ambiente Australia, Canberra.

19. Eros, C., Marsh, H., Bonde, R., O'Shea, T., Beck, C., Recchia, C. & Dobbs, K. 2000
Le procedure per il recupero e la necroscopia del dugongo (Dugong dugon) , Ricerca Pubblicazione N. 64, Grande
Autorità Barriera Corallina Marine Park, Townsville.

20. Fry, GC, Milton, DA & Wassenberg, TJ 2001, la biologia riproduttiva e la dieta di catture accessorie serpente di mare di
gamberetti a strascico nel nord dell'Australia: Caratteristiche importanti per la valutazione degli impatti sulle popolazioni. Pacific
Biologia della conservazione, 7, 55-73.

21. Garnett, ST & Crowley, GM del 2000, il piano d'azione per gli uccelli australiani, Ambiente Australia, Canberra.

22. Gosliner, TM, Behrens, DW e Williams, GC 1996 Coral Reef Animali della indo
Pacifico. La vita animale dall'Africa alle Hawaii esclusiva del vertebrati s, Mare Challengers, Monterey,
California.

23. Grande Barriera Corallina Marine Park Authority, del 1994, La Grande Barriera Corallina - Tenendolo grande, A
Piano strategico di 25 anni per la Grande Barriera Corallina World Heritage Area , Grande Barriera Autorità Reef Marine
Park, Townsville.

24. Grande Barriera Corallina Marine Park Authority, 1997, Linee guida per la gestione delle visite a
isole uccelli marini nidificanti , Grande Barriera Autorità Reef Marine Park, Townsville.

25. Grande Barriera Corallina Marine Park Authority, 2000, Whale & Dolphin Politiche di conservazione per
il Parco marino della Grande barriera corallina , Grande Barriera Autorità Reef Marine Park, Townsville.

26. Grande Barriera Corallina Marine Park Authority, del 2003, Stato del Rapporto Grande Barriera Corallina ,
Grande Barriera Autorità Reef Marine Park, Townsville.

27. Hale, P. 1997, 'Conservazione dei delfini costieri in Australia', Asian Biologia Marina, 14, 83-91.

25
28. Harris, A. 1994, 'revisione Specie: l'olive ridley' pp 63-67, in. Atti del australiana
Marine Turtle Conservation Workshop, Sea World Nara Resort, Gold Coast, 14-17 Novembre
1990 compilatore R. James, Queensland Department of Environment & Australian Nature Conservation Agency.

29. Heatwole, H. 1987 Sea Snakes, Il New South Wales University Press, Kensington.

30. Heatwole, H. & Burns, G. 1987, Relazione finale per ANPWS Consulenza sul serpente di mare
popolazioni 1984-1987, rapporto non pubblicato per la Parks & Wildlife Service Nazionale.

31. Heatwole, H., O'Neill, P., Jones, M. & Preker, M. 1996 ' tendenze a lungo termine della popolazione di
uccelli marini sulle Swain Reefs, Grande barriera corallina', Technical Report No. 12 , Townsville, CRC Reef Research Centre
Ltd, 50 pp.

32. Heppell, S., Limpus, CJ, Crouse, D., Frazer, N. & Crowder, L. 1996 'analisi del modello di popolazione per tartaruga
marina, Caretta caretta, nel Queensland', Ricerca della fauna selvatica, 23, 143-159.

33. Houston, W., Porter, G. & O'Neil, P. 2003 Conservazione Valutazione della Chat Giallo (Dawson), Epthianura
crocea macgregori, sulla pianura Marine a Curtis Island, Central Queensland. Inedito Relazione finale al
Uccelli Queensland.

34. Ikuta, LA & Blumstein, DT del 2003, fare recinzioni proteggere gli uccelli dal disturbo antropico ?,
Biological Conservation, 112 (3), 447-452.

35. IUCN Species Commissione Sopravvivenza, 2002 Lista Rossa IUCN Categorie , Rapporto non pubblicato al Consiglio IUCN.

36. Jackson, JBC, Kirby, MX, Berger, WH, Bjorndal, KA, Botsford, LW, Bourque, B.
J., Bradbury, RH, Cooke, R., Erlandson, J., Estes, JA, Hughes, TP, Kidwell, S., Lange, CB, Lenihan, HS,
Pandolp JM, Peterson, CH, Steneck, RS Tegner, MJ e Warner, RR, 2001 ' pesca eccessiva storico e il
recente crollo degli ecosistemi costieri ', Scienza, 630-638.

37. Kikkawa, J. 2003, il Capricorno Bianco-eye Zosterops chlorocephalus, Sunbird, 33 (2), 64-76.

38. Re, BR 1993, lo stato di uccelli marini Queensland, Corella, 17 (3), 65-92.

39. Kott, P. 1982 Replica nella Ascidiacea: una strategia adattativa per l'ambiente barriera corallina, pp 725-733,
in. Atti del IV Simposio Internazionale sulle barriere coralline, Università delle Filippine, Manila.

40. Kuiter, RH 2000 I cavallucci marini, pesci ago e dei loro parenti. Una guida completa per le
Singnatiformi, TMC Publishing, Chorleywood, Herts.

41. Kuiter, RH 2001 'Revisione dei cavallucci marini australiani del genere Ippocampo
(Singnatiformi: Syngnathidae) con le descrizioni di nove nuove specie, Atti del Australian Museum 53 (3),
293-340.

42. Ultimo, PR & Stevens, JD 1994 Squali & Raggi di Australia, CSIRO, Australia.

26
43. Lawler, I. & Andrea, J. 2001 L'analisi del contenuto dello stomaco di dugonghi bloccati nella centrale
regione della Grande Barriera Corallina Marine Park: Maggio - Agosto 2000 , Relazione finale all'Autorità Grande Barriera
Corallina Parco Marino, Townsville.

44. Leis, JM, e Rennis, DS 1983 Le larve di Indo-Pacifico della barriera corallina Pesci, NSW
University Press e University of Hawaii Press.

45. Lightowler, M. 1998, Modalità di gestione proposte per Syngnathids prese in


acque Queensland, QFS., Brisbane.

46. ​Limpus, CJ 1975 'costiere serpenti di mare delle acque subtropicali del Queensland (23 0 a 28 0
latitudine sud)', pp. 173-182, in The Biology of Sea Snakes, Ed WA Dunson, University Park Press, London.

47. Limpus, CJ 1999 Tartaruga verde, Chelonia mydas , Nel Queensland: lo stato della popolazione e il raccolto sostenibile,
settembre 1999 recensione, rapporto non pubblicato al Queensland Parchi e Wildife servizio, Brisbane.

48. Limpus, CJ & Limpus, DJ 1999, Relazione di sintesi sullo stato della Australian orientale
tartarughe marine, Caretta caretta 1999 rapporto non pubblicato al Queensland Parchi e Wildife servizio,
Brisbane.

49. Limpus, CJ & McLachlan, N. 1994 'Lo stato di conservazione della tartaruga liuto,
Dermochelys coriacea, in Australia', pp. 68-72, in Atti degli Australian Marine Turtle Conservation Workshop, Sea
World Nara Resort, Gold Coast, 14 - 17 Novembre 1990, compilatore R. James, Queensland Department of
Environment & Australian Nature Conservation Agency.

50. Limpus, CJ & Miller, JD 2000 Relazione Finale australiano tartaruga embricata Popolazione
Progetto Dynamics. rapporto non pubblicato alla Bekko Associazione giapponese e parchi del Queensland
and Wildlife Service, Parks and Wildlife Service Queensland, Brisbane.

51. Limpus, CJ & Reimer, D. 1994' La tartaruga caretta, Caretta caretta, nel Queensland: un
popolazione in declino', pp. 34-48, in Atti degli Australian Marine Turtle Conservation Workshop, Sea World Nara
Resort, Gold Coast, 14 - 17 Novembre 1990, compilatore R. James, Queensland Department of Environment &
Australian Nature Conservation Agency.

52. Limpus, CJ, Miller, JD, Parmenter, CJ, Reimer, D., McLachlan, N. & Webb, R. 1992, 'La migrazione di verde ( Chelonia
mydas) e caretta ( Caretta caretta) tartarughe da e per rookeries australiani orientali, Ricerca della fauna selvatica, 19,
347-358.

53. Lourie, SA Vincent, ACJ & Hall, HJ 1999 Ippocampi Una guida alla identificazione
le specie del mondo e la loro conservazione. Progetto Seahorse, Londra, Regno Unito.

54. Lucas, PHC, Webb, T., Valentino, PS e Marsh, H. 1997 L'eccezionale universale
Valore dell'area Grande Barriera Corallina Patrimonio , Grande Barriera Autorità Reef Marine Park,
Townsville.

27
55. Marsh, H. 1995, 'La storia di vita, modello di allevamento e della dinamica demografica della dugongo', pp. 75-83, in La
biologia delle popolazioni della Florida Manatee Tecnologia & Informazione Report 1, a cura di TJ O'Shea, BB
Ackerman & HF Percival, Dipartimento degli Interni, Servizio Nazionale biologico, Washington, DC.

56. Marsh, H., Corkeron, PJ, Lawler, I. Preen, A. & Lanyon, J. 1996, Lo stato del dugongo
nel sud Great Barrier Reef Marine Park, Ricerca Pubblicazione No. 41, Grande Autorità Barriera Corallina
Marine Park, Townsville.

57. Marsh, H., Corkeron, PJ, Limpus, CJ, Shaughnessy, PD, & Ward, TM 1993 'La conservazione dei
mammiferi e rettili marini in Australia e Oceania', pp. 225-244, in
Biologia della conservazione in Australia e Oceania, a cura di C. Moritz & J. Kikkawa, Surrey Beatty & Sons, Chipping Nord.

58. Marsh, H., De'ath, G., Gribble, N. & Lane, B. 2001 record di controllo Shark hindcast grave
diminuire in numero dugong al largo della costa del Queensland urbano , Ricerca Pubblicazione N. 70, Grande Autorità
Barriera Corallina Marine Park, Townsville.

59. Marsh, H, C. Eros, H. Penrose e J. Hugues. 2001 Il Dugongo (Dugong dugon): Stato
azione rapporti ands piani per paesi e territori nella sua gamma , IUCN (World Conservation
Union), Svizzera.

60. Marsh, H. & Lawler, I. 2001 la distribuzione dugongo e abbondanza nella Grande sud
Parco Barriera Reef Marine e Hervey Bay: risultati di un aereo in ottobre - dicembre 1999 , Ricerca Pubblicazione
N. 70, Grande Autorità Barriera Corallina Marine Park, Townsville.

61. Marsh, H. e Lawler, I. 2002. la distribuzione dugongo e abbondanza nel nord della Grande
Barriera Reef Marine Park novembre 2000 , Ricerca Pubblicazione n 77, Grande Autorità Barriera Corallina Marine
Park, Townsville.

62. Marsh, H. & Penrose, H. 2001 distribuzione stagionale del dugongo nella Grande sud
Barriera Corallina Parco Marino , Relazione finale all'Autorità Grande Barriera Corallina Parco Marino, Townsville.

63. Massin, C. 1982 'Food e il meccanismo di alimentazione: Holothuroidea'., Pp 43-55, in Echinoderma


Nutrizione, a cura di M. Jangoux, JM Lawrence. Balkema, Rotterdam.

64. Mather, P. & Bennett, I. 1993 Un Reef Handbook Corallo: Una guida per la Geologia, Flora e Fauna
della Grande Barriera Corallina, Surrey Beatty & Sons Pty Limited, Chipping Nord.

65. Miller, JD, 1994 'La tartaruga embricata, Eretmochelys imbricata: una prospettiva sulla
Specie, pp. 25-38, in Atti degli Australian Marine Turtle Conservation Workshop, Sea World Nara Resort, Gold
Coast, 14-17 novembre 1990 compilatore R. James, Queensland Department of Environment & Australian Nature
Conservation Agency.

66. Miller, JD & Bell, IP 1997 'Coccodrilli nella Grande Barriera Corallina World Heritage Area', pp.248-255, in Stato della
Grande Barriera Corallina World Heritage Area. Atti di un seminario tecnico tenutosi a Townsville, Queensland,
Australia, 27-29 novembre 1995 a cura di D. Wachenfeld, J. Oliver, & K. Davis, Officina Series No. 23, Great Barrier
Reef Marine Park Authority, Townsville.

28
67. Miller, JD, Dobbs, KA, picconi, N., Limpus, CJ & Landry, AM, Jr., 1998, 'a lunga percorrenza migrazioni da parte della
tartaruga embricata, Eretmochelys imbricata, da Australia nord-orientale', Ricerca della fauna selvatica, 25, 89-95.

68. Moller, LM e Beheregaray, LB 2001 'tursiopi costiere dell'Australia sud-orientale sono Tursiops aduncus secondo
sequenze della regione di controllo del DNA mitocondriale in', Marine Mammal Science, 17 (2) 249-263.

69. O'Neil, P., Minton, C., Ozaki, K. & White, R. 2003, 'Tre popolazioni di non allevamento Roseate Terns Sterna
dougallii nelle barriere Swain, Southern Great Barrier Reef', In Press,
EMU.

70. Parmenter, CJ 1994 'revisione Specie: la tartaruga flatback - Natator depressus ',. pp. 60-62, in
Atti degli Australian Marine Turtle Conservation Workshop, Sea World Nara Resort, Gold Coast, 14 - 17 Novembre
1990, compilatore R. James, Queensland Department of Environment & Australian Nature Conservation Agency.

71. Perrin, WF, Reeves, RR, Dolar, MLL, Jefferson, TA, Pantano, H., Wang, JY, e Estacion, J. Relazione del 2 ND Workshop
sulla Biologia e conservazione dei piccoli Cetceans e dugonghi di SE Asia. 24-26 Luglio 2002 Informazione
sull'università Siliman, Dumaguete City, Filippine

72. Pogonoski, JJ, Pollard, DA, e Paxton, JR 2002 Conservazione Panoramica e piano d'azione
per australiano minacciato e potenzialmente minacciate Marine & Estuarine Fishes , Ambiente Australia, Canberra.

73. Poiner, I., Glaister, J., Pitcher, R., Burridge, C., Wassenberg, T., Gribble, N., Hill, B., Blaber, S., Milton, D., Brewer, D ., & Ellis,
N. 1998, Relazione finale sugli effetti della pesca a strascico in Estremo parte settentrionale della Grande Barriera Corallina:
1991-1996, Divisione CSIRO di Marine Research, Cleveland.

74. Powles, H., Bradford, MJ, Bradford, RG, Doubleday, WG, Innes, S., & Levings, CD
2000 'Valutazione e proteggere le specie marine in pericolo', CIEM Journal of Marine Science, 57, 669-676.

75. Preen, T. 2000 Dugonghi, barche, delfini e tartarughe nel Townsville - regione di Cardwell e
raccomandazioni per un piano di gestione del traffico di barche per l'Area Hinchinbrook Dugong di protezione , Ricerca
Pubblicazione N. 67, Grande Autorità Barriera Corallina Marine Park, Townsville.

76. Queensland Parks and Wildlife Service, 2000, aree marine protette in Queensland - a
progetto quadro di pianificazione , QPWS, Brisbane.

77. Ross, GJB, Weaver, K. & Greig, JC (eds). 1996 Lo stato di uccelli marini d'Australia: Atti della National
Seabird Workshop, Canberra, 1-2 novembre 1993 Ambiente Australia, Canberra. [Anche in allegato tecnico
1 della comunicazione del 1996 Stato del Rapporto Ambiente Marino ].

78. Shelley, CC 1981 aspetti della distribuzione, la riproduzione, la crescita e 'pesca' il potenziale di oloturie
(Bêche-de-mer) nella laguna costiera Papua, Master Tesi, Università di Papua Nuova Guinea.

29
79. Smiley, S., McEuen, C., Chaffee, C., & Khrishnan, S. 1991, Echinodermi: Holothuridae.
La riproduzione di Marine Invertebrati, Vol. VI, Il Bosso Press, Pacific Grove, in California.

La deposizione delle uova aggregazioni gruppo di lavoro 80. 2002, Trasformare Conservazione della barriera corallina: Barriera

Pesce deposizione delle uova aggregazioni Component, Rapporto del Gruppo di lavoro.

81. Stokes, T., Hulsman, K., Ogilurie, P. & O'Neill, P. 1996 ' Gestione delle risorse umane
visita alle isole di uccelli marini della Grande Barriera Corallina Parco Marino Regione ', Corella, 20 (1), 1-13.

82. Stokes, T., Dobbs, K. & Recchia, C. 2002 'Gestione dei Mammiferi Marini Tours sulla Grande Barriera Corallina', Australiana
Mammalogy, 24, 39-49.

83. Vincent, A. 1996, Il commercio internazionale di cavallucci marini, Traffico internazionale, Cambridge.

84. Vincent, A. & Sadler, LM del 1995, 'legami di coppia Fedeli in cavallucci marini selvatici, Ippocampo
whitei', Comportamento animale, 50 (6), 1557-1569.

85. Wachenfeld, D. 1998, Stato dello Spazio Grande Barriera Corallina Patrimonio 1998 , grande Barriera
Reef Marine Park Authority, Townsville.

86. Walker, TA 1994, 'la distribuzione Seabird sulla Grande Barriera Corallina'. pp. 24-36, in,
Workshop sulla oliato Seabird pulizia e riabilitazione, GBRMPA Laboratorio Series No. 15, a cura di
J. Lash & S. Raaymakers, Great Barrier Reef Marine Park Authority, Townsville.

87. Wassenberg, TJ, Salini, JP, Heatwole, H. & Kerr, JD 1994 'catture accidentali di seasnakes (Hydrophiidae) da
pescherecci da traino gamberetti nel Golfo di Carpentaria', Australiano ufficiale della ricerca marina e d'acqua dolce, 45,
429-443.

88. Wilkinson, CR & Cheshire, AC 1989, 'Patterns nella distribuzione delle popolazioni di spugne in tutto il centro
Grande Barriera Corallina', Barriere coralline, 8, 127-134.

89. Legno, EJF 1940, 'The conserve di pesce e prodotti ittici in Australia' Consiglio di Scientific &
Divisione Industriale La ricerca delle industrie della pesca circolare, 2, 1-55.

30
6EE:C9 8: , ) J8C :A:C8D 9:AA: 86I: DG : EG C8 E6A RW ZW OQQWO
Adattato dal Lista Rossa IUCN Categorie (Commissione di sopravvivenza IUCN Species 2002).

La natura delle minacce varia considerevolmente, ma dove possibili assessori di specie minacciate viene chiesto di utilizzare
le seguenti principali categorie di minaccia (più di uno può essere indicato), con note aggiuntive, se necessario:

EScRWeO RW VOPWeOe fZO )W R eeO


rimozione habitat (sostituito da agricoltura arabile) rimozione
habitat (sostituito da piantagioni forestali)
rimozione degli habitat (sostituito da insediamenti umani, l'industria, le strade, lo sviluppo costiero) rimozione Habitat
(sostituito da allevamento) la rimozione degli habitat (sostituito da rifiuti-terra) Le attività minerarie

9WZW fkW S RSYYO bfOYWel RSUYW VOPWeOe


erosione
pascolo
Perdita sotterranee estrazione
di prede
la rimozione selettiva di non legnose vegetazione rimozione selettiva del legno
(registrazione commerciale) rimozione selettiva del legno (raccolta legna da ardere)
rimozione selettiva del legno (diversi, compresa la raccolta di carbone) Shifting agricoltura
fuoco

A#fd RWcSee RW IOi W FfSdeW


catture accessorie

Illegal utilizzo commerciale legale l'uso


commerciale di sussistenza / uso
tradizionale

W gOdWgS
cambiamenti di habitat causa di specie invasive
concorrenti invasive ibridatori invasive
agenti patogeni invasivi predatori invasivi

TOee cW W ecW dSQW


la mortalità giovanile Alta Poor
dispersione / l'impollinazione
Povero rigenerazione / assunzione / riproduzione

6Yec
Cambiamento climatico Aumento della predazione Malattia vulcani
avvelenamento intenzionale Disturbo Inquinamento esplosivi
Siccità tempeste inondazioni

C Q dQWfe

31
6EE:C9 8: - ) dQcWee daSQWS ZOcW S
Queste specie sono classificati come ' specie marine elencate 'Nel Commonwealth La protezione dell'ambiente e
della biodiversità Act 1999 .

• serpenti di mare

• sigilli
• coccodrilli
• dugonghi
• Le tartarughe marine

• Cavallucci marini, Sea-draghi, Pipefish


• Uccelli

32
H:6)H:GE:CI
(Famiglie: Hydrophiidae, Laticaudidae)

• Conoscenza
• Stato di conservazione
• minacce correlate umani
• Azioni

8 dQS kO
• Fare riferimento P.187 di Il valore universale eccezionale della zona di Grande Barriera Corallina Patrimonio
(Lucas et al. 1997)
• 17 specie nella Grande Barriera Corallina World Heritage Area (GBRWHA), anche se nessuno sono endemiche per la Grande
Barriera Corallina
• Associata con le comunità bentoniche (ad eccezione pelamis, una specie pelagica)
• reefal distinto e soft-bottom assemblaggi apparente
• I modelli di abbondanza e la distribuzione poco conosciute
• Fare riferimento p.62, Stato dello Spazio Grande Barriera Corallina Patrimonio 1998 (Wachenfeld 1998)

• Diminuendo abbondanza con l'aumentare della latitudine (Limpus 1975a)


• Prendere 3-4 anni per raggiungere la maturità sessuale (Heatwole e Burns 1987)
• Lunga vita (~ 10 anni) (Heatwole 1987)
• Bassa fecondità (8-25 prole) (Heatwole 1987 Lucas et al. 1997 )
• Abbondante in bassa (<30m) o profonda (30-50m), caldo e torbide acque e barriere coralline costiere (Heatwole
1987 Lucas et al. 1997 )
• Le stime di mortalità da pesca a strascico gamma tra 30 000 e 67 000 serpenti di mare nel Golfo di Carpentaria
(Wassenberg et al. 1994)
• La pesca a strascico di aggregazioni di allevamento può essere un problema (Fry et al. 2001). Nel Golfo di Carpentaria pesca a strascico
catture accidentali dimostra che i serpenti marini femminili sono catturati più spesso rispetto ai maschi e una percentuale elevata di serpenti
maturi vengono catturati, “ suggerendo c'è poco impatto sulle reclute " (Friggere et al. 2001).

• Sotto il La protezione dell'ambiente e della biodiversità Act 1999 (EPBC Act), l'esportazione richiede una
licenza rilasciata dal Ministero dell'Ambiente e del Patrimonio (ex Ambiente Australia), che è oggetto di un
piano di gestione approvato. Attualmente sono stati rilasciati titoli.

• studente CRC Reef / James Cook University, V. Lukoschek, sta studiando la genetica e le abitudini della Grande
barriera corallina serpenti di mare.
http://www.reef.crc.org.au/media/seasnakes.htm

HeOe RW Q dScgOkW S
• serpenti marini sono considerati 'comune' sotto del Queensland Conservazione della Natura (fauna selvatica) Il regolamento 1994 , E
sono un specie marine elencate ai sensi della legge del Commonwealth EPBC.
• Nessuna delle specie elencate nella Red Data Book della World Conservation Union (IUCN) sono noti a
verificarsi nel GBRMP.
• ' Nessuna specie di serpenti di mare sono considerati ad essere minacciata '(Marsh et al. 1993 Lucas et al.
1997 ).

JZO W cSYOeWgS ZW OQQS


• Pesca, programmi di controllo di squalo e dell'acquacoltura
• Caccia e la raccolta

33
6kW W
• L'introduzione di dispositivi di riduzione delle catture accessorie (BRDS) nella East Coast pesca al traino può aiutare a
ridurre la mortalità serpente di mare. Tuttavia, ci sono preoccupazioni che BRDS può essere meno efficace per serpenti di
mare che per i pesci, perché i serpenti sono morfologicamente diverso e si comportano in modo diverso pesci al nuoto con
forza che le BRDS sono progettati per escludere. La questione richiede ulteriori indagini.

• Il programma di conservazione delle specie funziona con il Fisheries Group Issues della GBRMPA per monitorare e
preoccupazioni di indirizzo. L'Audit East Coast pesca al traino di gestione raccomanda che vi sia ulteriore monitoraggio e
ricerca sul catture accessorie accidentali di serpenti di mare nella costa orientale pesca al traino.

34
H AA
(Famiglie: Otariidae, Phocidae)

• Conoscenza
• Stato di conservazione
• minacce correlate umani
• Azioni

8 dQS kO
• Raramente si trovano in Parco Marino della Grande Barriera Corallina (GBRMP)

• A pochi record da vivo incagli o carcasse

HeOe RW Q dScgOkW S
• Sigilli sono elencati come 'comune' sotto del Queensland Conservazione della Natura (fauna selvatica) Il regolamento 1994 e
sono un specie marine elencate sotto del commonwealth La protezione dell'ambiente e della biodiversità Act 1999 .
Nessuna delle specie elencate nella Red Data Book della World Conservation Union (IUCN) sono noti a verificarsi nel
GBRMP (Tabella 3).

JZO W cSYOeWgS ZW OQQS


• Non conosciuti all'interno della GBRMP.
• Potenzialmente la pesca, la concorrenza per il cibo con i pescatori, i programmi di controllo di squalo e dell'acquacoltura.

6kW W
• Vivere spiaggiamenti e carcasse sono recuperati quando possibile ed esaminati in modo più dettagliato
possibile.
• Il Environmental Protection Agency Queensland si riassume tutti i record di tenuta per Queensland.

35
8D88D9G AA
(Genere Crocodylus)

• Conoscenza
• Stato di conservazione
• minacce correlate umani
• Azioni

8 dQS kO
• A seguito di istituzione di un divieto 1974, coccodrilli caccia nel Queensland, numeri di coccodrillo si pensa di essere in
aumento, sulla costa orientale del Queensland. Tuttavia, la mancanza di habitat di nidificazione sulla costa sviluppato è un
fattore limitante per la crescita della popolazione.
• Solo coccodrilli estuari ( Crocodylus porosus) comunemente si verificano nella Grande Barriera Corallina World Heritage
Area (GBRWHA). coccodrilli d'acqua dolce ( Crocodylus johnstoni) sono raramente registrati nel GBRWHA (Mark Read,
Queensland Parks and Service Wildife, comunicazione personale 2000).

• Fare riferimento p.124 di Il valore universale eccezionale della zona di Grande Barriera Corallina Patrimonio
(Lucas et al. 1997); che dice che reefal coccodrilli isola estuario è improbabile avere alcun contributo significativo
di nuovo ai principali popolazioni; tuttavia, essi formano parte dell'ecosistema reefal. Vedi anche Miller e Bell
(1997).
• Fare riferimento p.59, Stato dello Spazio Grande Barriera Corallina Patrimonio 1998 (Wachenfeld 1998), che dice che i
coccodrilli sono considerati migranti temporanei da sistemi fluviali costiere. Sebbene si trovano su una vasta area a
bassa densità nel GBRWHA, è stato riportato alcun nidificazione nelle GBRWHA.

• Queensland Parks and Service Wildife record di coccodrillo di avvistamento informazioni e conduce le indagini
fluviali regolari da Rockhampton a nord fino alla punta della penisola di Cape York e ad ovest fino al confine
Northern Territory.
• Queensland Parks and Service Wildife sta preparando un manoscritto per la pubblicazione sui dati del censimento
Coccodrillo è principalmente desunti dalle indagini fiume costiero.

HeOe RW Q dScgOkW S
• coccodrilli estuari sono elencati come la fauna selvatica e di acqua dolce coccodrilli 'vulnerabili' sono elencati come la fauna selvatica 'comune'

sotto del Queensland Conservazione della Natura (fauna selvatica) Il regolamento 1994 (Tabella 3).

• Né le specie sono elencate come minacciate sotto il Commonwealth La protezione dell'ambiente e della
biodiversità Act 1999 (EPBC Act) o nella Red Data Book della World Conservation Union (IUCN) (tabella 3).

• Tuttavia, entrambe le specie sono specie marine elencate , E il coccodrillo estuario è un specie migratorie elencate ai sensi
della legge EPBC.

JZO W cSYOeWgS ZW OQQS


Poco si sa di processi che possono minacciare coccodrilli nel GBRMP. Tuttavia, è probabile che comprendono:

• lo sviluppo costiero e le pratiche a terra


• Pesca, programmi di controllo di squalo e dell'acquacoltura
• Caccia e la raccolta
• Turismo e tempo libero

36
6kW W
• A GBRMPA Reef Note foglio informativo è disponibile.
• La regione settentrionale di QPWS ha istituito un'unità di gestione di coccodrillo per rispondere ai problemi della regione.

• informazioni avvistamento significativa è raccolte dalla QPWS (ad esempio attacco a una persona in Estremo parte settentrionale
della GBRMP nel 1999) e la valutazione del rischio approcci alla gestione di coccodrillo sono in fase di sviluppo come richiesto (ad
esempio, Burdekin Shire ).
• QPWS trasferisce coccodrilli problema secondo la Conservazione della Natura (Problema coccodrilli) Piano di
conservazione 1995 e 'Classificazione e rimozione del problema Coccodrilli' il procedurale Guida. Lo scopo della
normativa è di garantire un livello di protezione della popolazione contro coccodrilli consentendo problema
coccodrilli da prendere sotto un permesso e che acquistino monitorati mantenendo popolazioni selvatiche di
coccodrilli tutti i campi di corrente. La legislazione è somministrato con il ac UcOZZO RW USdeW S aSc YO
Q dScgOkW S S YO USdeW S RSYYS 8c Q R Yfd a c dfd SY FfSS dYO R*

Questo programma è stato esaminato in consultazione con i gruppi di interesse della comunità. Attualmente
specifica chi può prendere coccodrilli problemi e limitazioni connesse e condizioni.

• Il programma di conservazione delle specie fornisce consulenza su richiesta e mantiene i contatti con la QPWS come richiesto.

37
9J DC D
(Genere Dugongo)

• Conoscenza
• Stato di conservazione
• minacce correlate umani
• Azioni

8 dQS kO
• Fare riferimento al recente rapporto IUCN su Dugong Status Report e piani d'azione per paesi e territori ( Palude
et al. 2002).
• Fare riferimento p.160 di Il valore universale eccezionale della zona di Grande Barriera Corallina Patrimonio
(Lucas et al. 1997 e Marsh 1995);
• Dugong ( Dugong dugon) è uno dei soli quattro membri esistenti della mammiferi sireni (mucche di mare)

• Unico membro esistente della famiglia Dugongidae


• Lunga durata (70 anni o più)
• Bassa fecondità (1 vitello ogni 3-5 anni)
• Maturazione tardiva (tra i 9-17 anni)
• A rigor di erbivori, foraggiamento su alghe quasi esclusivamente
• L'importanza dei movimenti episodici su larga scala da parte di individui della popolazione dugongo è stato
recentemente riconosciuto solo ed è ancora essere pienamente valutata
• Consultare pagine 65 e 101, Stato dello Spazio Grande Barriera Corallina Patrimonio 1998
(Wachenfeld 1998) e la Dugong Kit informativo (4 esimo Edition, 2002), pubblicato dalla Grande Barriera Corallina
Marine Park Authority (GBRMPA)
• Recenti importanti GBRMPA ricerca Pubblicazioni includono:
La ricerca di pubblicazione # 58
Una strategia di ricerca Dugong per la Grande Barriera Corallina World Heritage Area e Hervey Bay

La ricerca di pubblicazione # 64
Le procedure per il recupero e Necropsy del Dugongo (Dugong dugon)
La ricerca di pubblicazione # 66
Una rassegna di acqua Problemi di qualità Influenzare Habitat di qualità nelle zone di protezione Dugong

La ricerca di pubblicazione # 67
Dugonghi, barche, delfini e tartarughe nella regione Townsville-Cardwell e raccomandazioni per un piano di
gestione del traffico in barca per il Dugongo Area Hinchinbrook di protezione

La ricerca di pubblicazione # 70
Controllo Shark Records hindcast declino serio in Numbers Dugong al largo della costa del Queensland
Urbano & Dugong distribuzione e l'abbondanza nel Great Southern Parco Marino Barriera Corallina e
Hervey Bay: risultati di un'indagine aerea in ottobre-dicembre 1999

La ricerca di pubblicazione # 72
Seagrass e Risorse Marine nella protezione Aree Dugong di Upstart Bay, Newry Regione, Sand
Bay, Llewellyn Bay, Ince Bay e il Clairview Regione Aprile / maggio 1999 e ottobre 1999

38
La ricerca di pubblicazione # 77
la distribuzione dugongo e abbondanza nel nord della Grande Barriera Corallina Parco Marino novembre 2000.

• rapporti GBRMPA sono disponibili anche on:


o distribuzione stagionale del dugongo nel sud Grande Barriera Corallina
Parco Marino
o Analisi del contenuto dello stomaco di dugonghi bloccati nella regione centrale
Grande Barriera Corallina Parco Marino: Maggio-Agosto 2000

HeOe RW Q dScgOkW S
• Dugong sono elencati come 'a rischio di estinzione' sotto del Queensland Conservazione della Natura (fauna selvatica) Il
regolamento 1994 e sia specie marine elencate e specie migratorie elencate
sotto il Commonwealth La protezione dell'ambiente e della biodiversità Act 1999
(Tabella 3).
• Dugonghi sono elencati come 'vulnerabili' nella IUCN Red Data Book .

ZW OQQS Q ccSYOeS fZO W


• Imbarcazioni, navi e altre macchine motorizzate
• sviluppo costiero
• Il calo della qualità delle acque

• esercizi di difesa
• Pesca, programmi di controllo di squalo e dell'acquacoltura
• Caccia e la raccolta
• dragaggio marino e delle costruzioni

6kW W
• Dichiarazione di Aree di protezione Dugong nel 1997 dal Consiglio dei Ministri Grande Barriera Corallina, realizzate
nell'ambito di legislazione Queensland pesca e rinforzato sotto la
Piano Grande Barriera Corallina Parco Marino Zonizzazione 2003 .

• Moratoria sulla concessione di permessi per la caccia tradizionale di dugonghi sud di Cooktown. lavori di
ampliamento con le comunità indigene per garantire che la caccia dugongo adiacente a Capo York, a nord di
Cooktown, è sostenibile.
• Sintesi delle raccomandazioni alla riunione del Consiglio dei Ministri Grande Barriera Corallina il 30 luglio 1999 in relazione
al recupero e alla conservazione dugongo.
• Una campagna multi-media è aumentata la consapevolezza del pubblico sui problemi di conservazione dugonghi, in particolare la
necessità di andare piano in barca e di segnalare gli animali dal vivo incagliati e carcasse. Media e prodotti utilizzati includono la
pubblicità televisiva, adesivi distribuiti con certificati di registrazione barca, Dugong Informazioni Kit, opuscoli per Dugong
Protezione Areas, segni rampa barca, manifesti e volantini per negozi, ecc, e le comunicazioni stampate su tabelle località di
maree a distribuzione gratuita.

• Il GBRMPA ha finanziato gran parte della ricerca sulla dugonghi nella Grande barriera corallina dal 1980. Vedi
rapporti pubblicati di cui sopra.
• Il Dipartimento della Difesa è la ricerca di intraprendere sui meccanismi uditivi dugong e gli effetti di acustica
subacquea su dugonghi.
• Il Cairns Area , Hinchinbrook e Whitsundays Piani di Gestione provvedere alla conservazione dei dugonghi non
permettendo alle persone di prendere o di interferire con un dugongo in quelle zone. Questo include molesto, caccia,
pastorizia, tagging, marcatura o di branding dugonghi.

• Un tri-agency (Queensland Parks and Wildlife Service, Department of Primary Industries, GBRMPA) approccio sta
permettendo un attento esame del dugongo carcasse per stabilire la

39
cause di mortalità e ottenere ulteriori informazioni.
• Il sito GBRMPA permette al grande pubblico di sottoscrivere un Listserver e-mail
che pubblicano avvisi circa ogni spiaggiamento subito dopo che sono indagati.
• QPWS pubblicare relazione annuale riassumendo live-spiaggiamenti e carcasse di dugonghi.

40
B6G C: I6GI6GJ :
(Famiglie: Cheloniidae, Dermochelyidae)

• Conoscenza
o tartarughe verdi
o caretta tartarughe
o tartarughe marine
o flatback Turtles
o Olive Ridley tartarughe
o leatherback Turtles
• Stato di conservazione
• minacce correlate umani
• Azioni

8 dQS kO
• Fare riferimento p.162 di Il valore universale eccezionale della zona di Grande Barriera Corallina Patrimonio
(Lucas et al. 1997); che dice la Grande Barriera Corallina World Heritage Area (GBRWHA) contiene a livello
globale importante di nidificazione e alimentazione di caretta, verde, embricate e tartarughe flatback.

• Consultare le pagine 59, 63 e 102, Stato dello Spazio Grande Barriera Corallina Patrimonio 1998
(Wachenfeld 1998).
• Sei dei mondiali sette specie di tartarughe marine si verificano a Great Barrier Reef Park Marino (GBRMP):
caretta, verde, embricata, flatback, liuto e olive ridley.
• Le spiagge di nidificazione delle tartarughe caretta australiani orientali sostengono l'unico significativo riproduttori della
specie nell'Oceano Pacifico meridionale.
• più grande popolazione al mondo di tartarughe verdi nidificazione avviene a Raine Island, nella parte settentrionale della
Parco Marino.
• La Grande Barriera Corallina Parco Marino ospita una delle più grandi popolazioni embricata nidificazione delle tartarughe del
mondo nel nord Grande Barriera Corallina, in primo luogo a Milman Island.
• tartarughe flatback sono endemiche in Australia e non nota avventurarsi al largo della piattaforma continentale australiana.

• Poco si sa dei movimenti e degli habitat chiave di olive ridley e tartarughe nel parco marino.

• Ulteriori informazioni e pubblicazioni su tartarughe marine possono essere trovate cliccando Qui .

HeOe RW Q dScgOkW S
Tutte le tartarughe marine che si verificano nel Parco Marino della Grande Barriera Corallina sono elencate come minacciate sotto del Queensland Conservazione

della Natura (fauna selvatica) Il regolamento 1994 , repubblica


La protezione dell'ambiente e della biodiversità Act 1999 (Atto EPBC) (Tabella 3) e la
IUCN Red Data Book .

JZO W cSYOeWgS ZW OQQS


• Il piano di ripresa per le tartarughe marine in Australia (Ambiente: Australia 2003) delinea i principali impatti
associati a ogni specie di tartarughe in Australia. L'informazione si basa su impatti di varie attività su ogni stock
genetica nota per la specie in Australia. fattori di mortalità legati umani fondamentali sulla Grande Barriera
Corallina sono i seguenti:

• scioperi in barca

41
• sviluppo costiero e la perdita di habitat
• Il calo della qualità delle acque

• esercizi di difesa
• Malattia
• animali selvatici
• attività di pesca e di squalo cattura per la protezione dei bagnanti
• Caccia e la raccolta
• attività illegali
• dragaggio marino e delle costruzioni
• Inquinamento e detriti marini

• Processi minacciose chiave che sono stati elencati ai sensi della legge EPBC e che hanno un impatto sulle tartarughe marine
includono:
• Predazione da parte del Red Fox europea con impatti sui nidi di tartaruga verde, caretta e liuto. Un piano di
abbattimento delle minacce è stato sviluppato per questo processo minaccioso chiave.

• Predazione, Habitat degradazione, concorrenza e delle malattie di trasmissione da Feral Pigs


con impatti sui nidi delle tartarughe flatback. Un piano di abbattimento minaccia è considerata desiderabile, anche se si deve
ancora essere sviluppata.
• catture accidentali (bycatch) delle tartarughe marine durante le operazioni costiere lontra-pesca a strascico in acque australiane a
nord di 28 gradi Sud . Un piano di abbattimento minaccia non era giustificato in questa fase dato azioni in corso da parte
dell'industria per implementare i dispositivi di mitigazione catture accidentali (per esempio dispositivi Excluder tartaruga). TED di
sono ora obbligatorie in Parco Marino della Grande Barriera Corallina.

• Lesioni e fatalità alla vita vertebrato marino da ingestione di, o in entanglement, detriti marini nocivo con impatti
sulle tartarughe marine. Un piano di abbattimento minaccia è considerato un modo fattibile, efficace ed efficiente
per abbattere il processo di minaccioso.

6kW W
• UN Turtle Kit informativo ( Seconda edizione 2002) è stato pubblicato dalla GBRMPA.
• Migliori pratiche ambientali per osservare le tartarughe che nidificano sono stati preparati e pubblicizzata.

• Sviluppo di un modello per la popolazione del sud Grande Barriera Corallina verde tartaruga stock (Ricerca Pubblicazione #
81) ha fornito nuove informazioni sulla situazione delle popolazioni del sud del Grande Barriera Corallina tartaruga verde
riproduttori.
• Sviluppo di un progetto di politica per la gestione tartaruga nel Parco Marino della Grande Barriera Corallina.

• Continuazione del monitoraggio a lungo termine di numeri tartaruga in Shoalwater Bay, una delle principali aree di foraggiamento
per le tartarughe verdi (contratto GBRMPA con Queensland Parks and Wildlife Service ).

• lavori di ampliamento al fine di garantire che la caccia tradizionale delle tartarughe verdi in GBRMP è ecologicamente
sostenibile.
• Il Whitsundays Piano di Gestione fornisce una protezione per la tartaruga caretta vietando la gente dal
prendere o interferire con gli animali. Questo include molesto, caccia, pastorizia, tagging, la marcatura e il
branding.
• Un tri-agency (Queensland Parks and Service Wildife, Dipartimento di Primary Industries e della pesca, GBRMPA)
approccio sta permettendo un attento esame delle tartarughe marine
cordatura e carcasse incidenti per stabilire le cause di mortalità e ottenere ulteriori informazioni.

• Il sito GBRMPA permette al grande pubblico di sottoscrivere un Listserver e-mail

42
che pubblicano avvisi circa ogni spiaggiamento subito dopo che sono indagati.
• QPWS pubblicare relazione annuale riassumendo live-spiaggiamenti e carcasse di tartarughe marine.

• Il GBRMPA è rappresentata nel Turtle Gruppo Nazionale Recupero coordinato dal Dipartimento dell'Ambiente
e del Patrimonio (ex Ambiente Australia).
• SEAMAP (Spatial Analysis ecologica della Megavertebrate Popolazioni) cerca i dati sui mammiferi marini, uccelli e
tartarughe del sistema d'informazione biogeografico Ocean (OBIS). I dataset saranno elaborate per un sistema
web-based a disposizione del pubblico che permetterà l'analisi del database. Per saperne di più sull'iniziativa,
visitare il loro sito:
http://obismap.env.duke.edu/

43
H:6 DGH:H( H:6)9G6 ( E E: H

(Famiglie: Syngnathidae, Solenostomidae)

• Conoscenza
• Stato di conservazione
• minacce correlate umani
• Azioni

8 dQS kO
• Specie nella Grande Barriera Corallina World Heritage Area (GBRWHA) sono i seguenti (Dr K. Martin-Smith,
comunicazione personale, 2003):
• Pipefish: 49 specie

Kuiter (2000)
Nome comune Nome scientifico
Short-pouch pigmeo Pipehorse Acentronura breviperula
Davao pughead pipefish Bulbonaricus davaoensis
Tre-keel pesci ago Campichthys tricarinatus
pipefish di Tryon Campichthys tryoni
Pacific pesce ago short-bodied Choeroichthys brachysoma
Barred pesce ago short-bodied Choeroichthys cinctus
pipefish Sculptured Choeroichthys sculptus
pesce ago Pig-snouted Choeroichthys Suillus
-bands rotti pesci ago Corythoichthys sp. 1
Red-spot pesci ago Corythoichthys sp. 2
pesce ago White-faced Corythoichthys sp. 3
pipefish reticolata conspicilatus Corythoichthys
pipefish Messmate australiano intestinalis Corythoichthys
pesce ago Orange-macchiato ocellatus Corythoichthys
pipefish di Paxton paxtoni Corythoichthys
pipefish di Schultz schultzi Corythoichthys
D'Arros pipefish Cosmocampus darrosanus
pipefish di Maxweber Cosmocampus maxweberi
pipefish banded Dunkerocampus dactyliphorus
Barriera corallina pesce ago doryrhamphus sp. 1
Cleaner pipefish doryrhamphus janssi
Qld doryrhamphus doryrhamphus malus
pipefish girdled Festucalex cinctus
pipefish di Gibb Festucalex gibbsi
pipefish di Brock Halicampus Brocki
Nose-ridge pesci ago Halicampus sp. 2
fango pipefish Halicampus grayi
pipefish whiskered Halicampus macrorhynchus
Samoan pipefish Halicampus mataafae
Glittering pipefish Halicampus nitidis
Coperto di spine-muso pesci ago Halicampus spinirostris
pipefish di Booth Halicampus boothae
Seadragon ribboned Haliichthys taeniophorus

44
pesce ago Blue-maculato Hippichthys cyanospilus
Madura pipefish Hippichthys heptagonus
pipefish Beady Hippichthys Penicillus
pesce ago Belly-escluso Hippichthys spicifer
pipefish di Anderson Micrognathus andersoni
pigmeo pipefish Micrognathus pygmaeus
pipefish Offshore natans Micrognathus
fiume pesce ago coda corta Microphis brachyurus
Lindeman pipefish Nannocampus lindemanensis
pesce ago Pale-blotched Phoxocampus diacanthus
pesce ago Soft-corallo breviceps Siokunichthys
Pipehorse di Dunker Solegnathus dunckeri
Qld spinosa Pipehorse Solegnathus sp. 1
pipehorse doppio attacco Syngnathoides biaculeatus
pipefish bastone Bent Trachyrhamphus bicoarctatus
pipefish bastone dritta Trachyrhamphus longirostris

• I cavallucci marini: 9 specie

Kuiter (2001)
Nome comune Nome scientifico
cavalluccio marino spinosa Orientale Hippocampus hendricki

pigmeo Hippocampus bargibanti


cavalluccio marino Sad Hippocampus tristis
cavalluccio marino comune Hippocampus taeniopterus
Low-corona cavalluccio marino Hippocampus dahli
-Alta corona ippocampo Hippocampus procerus
Queensland cavalluccio marino Hippocampus queenslandicus
cavalluccio marino alato Hippocampus alatus
cavalluccio marino spinosa Orientale Hippocampus hendriki

• Circa la metà delle specie syngnathid del mondo vive nelle acque australiane.
• Le popolazioni del Sud Est Asiatico sono diminuite del 15-50% (Vincent 1996).
• Anche se poco ricerca è stata condotta in specie syngnathid Queensland, in seguito sono commenti
generali sulla loro biologia, provenienti soprattutto da Lightowler (1998) e Vincent (1996):

• Fissare a Seagrass, gorgonie, alla deriva detriti dopo le tempeste o inondazioni, corallo vivo e radici di mangrovia,
con galleggiante Sargassum, o nuotare liberamente a mezz'acqua.
• Esiste in basse densità, patchily distribuito;
• bassa mortalità adulta
• Piccolo home range
• ricolonizzare lentamente

• Bassa mobilità
• Trovato tipicamente in acqua da 1 a 15m profondo; Tuttavia, alcune specie si presentano a 45 a 60m.

• Di breve durata (1-4 anni)


• Nutrono di piccoli crostacei e piccoli pesci
• I giovani cavallucci marini sono estremamente vulnerabili ai pesci predatori

• coppie monogame forma per tutta la vita, con i maschi covando le uova (Vincent e Sadler
1995)

45
• La riproduzione cronometrato con eventi ambientali
• Informazioni dettagliate sullo stato del mondo e il commercio è stata fornita nella proposta per il 12 esimo Conferenza
delle Parti della CITES nel novembre 2002 della messa in vendita Syngnathids su tale convenzione. (Si veda la
proposta a http://www.cites.org/eng/cop/12/prop/E12-P37.pdf )

HeOe RW Q dScgOkW S
• del Queensland Conservazione della Natura (fauna selvatica) Il regolamento 1994 : Syngnathids non sono elencati come minacciato.

• Queensland Regolamento per la pesca 1995 elenca specie di pesci che possono essere preso sotto ogni tipo di pesca (per esempio
ricreativa, al netto, a strascico, la linea). Se la specie non è presente nell'elenco, non può essere preso. Queste liste non contengono
informazioni sullo stato di conservazione di eventuali syngnathids.

• La protezione dell'ambiente e della biodiversità Act 1999 : Syngnathids non sono elencati come minacciato
tuttavia sia syngnathids e solenostomids sono specie marine elencate .
• Conservazione Descrizione e piano d'azione per australiano minacciato e potenzialmente minacciate marini e
di estuario Fishes: 12 specie di syngnathids verificano nella GBRWHA sono elencati (Tabella 4).

• IUCN: sei (6) specie note dalla GBRWHA sono elencati (Tabella 3).
• CITES: Nel novembre 2002, il Genere: Hippocampus ( cavallucci marini) è stato elencato nell'Appendice II, che è
entrato in vigore il 15 esimo Maggio 2004.

JZO W cSYOeWgS ZW OQQS


• Pesca:
• Due specie di pesci ago ( Solegnathus hardwckii e Solegnathus dunckeri ) sono autorizzati a essere tenuto per il
commercio da operazioni di pesca a strascico lungo la costa del Queensland. Questo introito è stato
approvato ai sensi della legge EPBC ad operare dal luglio 2002-luglio 2005 una dichiarazione secondo la
quale appare disposizioni sostenibili e di accompagnamento per il suo funzionamento continuo (Click Qui per il
rapporto). Il GBRMPA audit ogni anno la sostenibilità di questa pesca al traino nella Grande Barrer Corallina e
ha rilasciato il Audit della Direzione del Queensland East Coast pesca al traino a Great Barrier Reef Marine
Park . Il Dipartimento dell'Ambiente e del Patrimonio (ex Ambiente Australia) è necessario anche per
controllare l'operazione di pesca. Queensland Fisheries Service ha riferito nel 2001 che lo sbarco annua
registrata di queste due specie era 7394 individui. attuale livello di introito per le altre specie di pesci ago e
cavallucci marini non è disponibile.

• acquacoltura
• Caccia e la raccolta
• dragaggio marino e delle costruzioni

6kW W
• dispositivi di riduzione delle catture accessorie sono ora obbligatorie in East Coast pesca al traino, anche se l'efficacia
questi saranno nel prevenire la cattura di syngnathids è sconosciuto.
• Tutti syngnathids sono soggetti a controlli sulle esportazioni ai sensi della legge EPBC e possono essere esportati solo sotto
un permesso rilasciato dal Dipartimento dell'Ambiente e del Patrimonio (ex Ambiente Australia). I permessi sono concessi
soltanto per gli esemplari allevati in cattività o quelli adottati nell'ambito di un piano di gestione approvato. Le autorizzazioni
per l'esportazione syngnathids derivati ​come bycatch dalla pesca al traino del Queensland e la pesca syngnathid acquario
sono stati concessi dal Ministero dell'Ambiente e del Patrimonio (in precedenza

46
Ambiente Australia) a esportatori autorizzati dal Dipartimento del Queensland of Primary Industries e della
pesca nell'ambito di un piano di gestione.
• ReefHQ acquario, il Reef Centro di Educazione del GBRMPA, ha studiato esigenze nutrizionali e le esigenze
di allevamento generali di cavallucci marini in cattività.
• Il programma di conservazione delle specie funziona con il Fisheries Group Issues del GBRMPA per monitorare e affrontare le
preoccupazioni per quanto riguarda la conservazione del pesce.

47
J88:AA
(Class Aves)

• Conoscenza
• Stato di conservazione
• minacce correlate umani
• Azioni

8 dQS kO
• Fare riferimento p.112 di Il valore universale eccezionale della zona di Grande Barriera Corallina Patrimonio
(Lucas et al. 1997):
• bassa fecondità
• Altamente migratorie con alcune aree di foraggiamento separati dalle aree di riproduzione del 100 di a 1000 di
chilometri, che collega con gli altri paesi della regione sud-ovest del Pacifico.
• stagioni di riproduzione coincidono con le stagioni o la disponibilità di cibo.
• La Grande Barriera Corallina World Heritage Area (GBRWHA) è all'estremità della distribuzione di
alcune specie.
• Le aree che sono di importanza internazionale per uccelli limicoli migratori sono adiacenti o incluse nella
GBRWHA.
• Il GBRWHA contiene popolazioni di specie minacciate.
• Uccelli svolgono un ruolo importante in sostanza nutritiva aggiunta a isolotti, e la creazione di flora terrestre.

• Significativo valore estetico derivato da grandi colonie di nidificazione.


• Il 25% delle isole Grande barriera corallina hanno uccelli marini nidificanti. Ci sono un certo numero di isole molto
significativi all'interno della Grande Barriera Corallina, tra cui Raine Island, moulter Cay, Bramble Cay, Michaelmas Cay
North West Island, Lady Elliot Island, a est di Fairfax Island e vari isolotti nelle barriere Swain.

• Tra 1,4 e 1,7 milioni di uccelli marini di 22 specie si riproducono nel GBRWHA (re del 1993, Lucas et al. 1997).

• E 'stato recentemente scoperto che la maggior parte della popolazione migratoria del sud-est asiatico di Roseate Terns
svernano nelle barriere Swain (O'Neill et al. 2003).
• Consultare le pagine 57 e 103, Stato dello Spazio Grande Barriera Corallina Patrimonio 1998
(Wachenfeld 1998).

HeOe RW Q dScgOkW S
• Nel 2002, due specie di specie di uccelli Grande Barrer Reef-allevamento sono elencati sotto il Commonwealth La
protezione dell'ambiente e della biodiversità Act 1999 (Atto EPBC) come 'in pericolo critico':

• Herald Petrel ( Pterodroma Heraldica), che è stato registrato solo l'allevamento in Australia il Raine
isola; e
• Giallo Chat (Dawson sub-specie), che è noto a verificarsi in una zona di < 25 km 2 di vegetazione palustre,
all'angolo nord-est di Curtis Island, nei pressi di Gladstone (Garnett & Crowley 2000). Una recente indagine
sull'isola fornito una stima della popolazione compresa tra 40 e 50, ma solo 30 di individui di età di allevamento.
Una piccola popolazione aggiuntivo è stato scoperto nella zona di Broad Sound di 2003 (P. O'Neill, QPWS,
comunicazione personale 2003; fare riferimento anche a Houston et al. 2003).

• Certi altri uccelli terrestri e uccelli limicoli sono elencati in altre categorie di messa in pericolo (tabella 3). Ad
esempio, ai sensi della legislazione del Queensland il fraticello

48
( Sterna albifrons) è in via di estinzione e la tropicbird dalla coda rossa ( Phaethon rubricauda)
vulnerabile.
• Tabella 2 elenca gli uccelli registrati dalla Grande Barriera Corallina che sono inclusi sull'accordo
JapanAustralia uccelli migratori ( JAMBA ) E l'accordo di uccelli migratori cinese-Australia ( CAMBA ). Il Roseate
Tern è stato recentemente presentato per l'inclusione in entrambe le liste.

• Predazione da Feral Cats è stato indicato come una chiave Processi minacciose ai sensi della legge EPBC come una minaccia nota
per il fraticello. Un piano di abbattimento delle minacce è stato sviluppato per questo processo minaccioso chiave.

• Pelagic pesca lungo la linea sembra essere una minaccia minima per gli uccelli Grande barriera corallina, ma possono essere
prese alcune berte codacuneate. La pesca è anche elencato come un processo minaccioso chiave ed è stato sviluppato un piano
di abbattimento minaccia.
• Negli ultimi dieci anni ci sono stati cali significativi nelle popolazioni nidificanti del fuligginosa Tern (25% in
calo), Noddy comune (45% in calo) e la Crested Tern a Michaelmas Cay. sono stati riportati anche i declini ( Rapporto
CRC Reef Tecnico n ° 12
Heatwole et al. 1996) nella popolazione Brown Booby nidificazione dei Reefs Swain. Tuttavia, ulteriori informazioni
censimento recente di questo specie nei Reefs Swain, e per Black Noddys e berte codacuneate allevamento sulle isole
Capricorno-Bunker della Grande Barriera Corallina, suggeriscono che essi possono subire una ciclica variazione della
popolazione possibilmente correlate ai cambiamenti la disponibilità di cibo a causa di diverse condizioni climatiche (P.
O'Neill & R. White, Queensland Coastal Uccello Atlas).

• Una recente ricerca potrebbe aver riconosciuto una nuova specie di uccelli unici per la Grande Barriera Corallina. Studi di
bianco-occhio Capricorno rivelano la sua particolare morfologia e isolamento genetico da altre forme di bianco-occhio,
indicando il suo trattamento come specie separata (Kikkawa 2003).

• Due aree significative riconosciuti a livello internazionale per uccelli limicoli si verificano nel GBRWHA (Bowling
Green Bay e Shoalwater Bay); uccelli terrestri si trovano sulle isole e isolotti nel GBRWHA sono simili per
composizione a quelle che si trovano sulla terraferma adiacente. Tuttavia, il GBRWHA è particolarmente importante
per le popolazioni di ducula bicolor, Silvereyes (endemica sottospecie si verifica nel gruppo Capricorno-Bunker), e
endemica sottospecie della Chat giallo che si verifica solo su Curtis Island e su alcuni marino pianure della zona
Broad Sound.

JZO W cSYOeWgS ZW OQQS


• Turismo e tempo libero (vedi Stokes et al. 1996 per una panoramica di questi impatti sulla uccelli marini Grande barriera
corallina; Ikuta e Blumstein 2003)
• esercizi di difesa
• Pesca, programmi di controllo di squalo e dell'acquacoltura
• raccolta delle uova tradizionale

6kW W
• Un Piano d'azione per gli uccelli australiani 2000 (Garnett e Crowley 2000) è stato sviluppato per fornire una panoramica
nazionale, dello stato di conservazione di tutti gli uccelli australiani, identificare le minacce e raccomandare azioni per
ridurre al minimo tali rischi.
• chiusure annuali e stagionali per visite, nonché restrizioni sul numero di visitatori sono istituiti per molte isole
Grande barriera corallina e isolotti per proteggere gli uccelli marini nidificanti.

• Le reti GBRMPA con altre agenzie e le persone interessate (Queensland Parks and Service Wildife,
Dipartimento dell'ambiente e del patrimonio, scienziati,

49
ambientalisti) per il monitoraggio degli uccelli marini e per rivedere le informazioni e la gestione degli uccelli marini.

• Consigli è previsto per quanto riguarda il programma di monitoraggio degli uccelli marini-isola condotta da Giorno per
giorno il personale di gestione. L'alto livello di variabilità naturale del loro numero di uccelli marini richiede un'alta frequenza
di monitoraggio per rilevare trend (Wachenfeld 1998
p.58).
• Il GBRMPA (1997) ha finanziato la preparazione e pubblicazione del mondo di prima
Linee guida per la gestione della Visitazione a Seabird Isole Allevamento e gli atti di un
Workshop sulla oliato Seabird pulizia e riabilitazione (Laboratorio Serie 15) (Walker 1994), così come volantini uccelli
marini-informazione e di Reef Note.
• Migliori pratiche ambientali per gli uccelli marini osservazione sono stati anche preparati e pubblicizzata.

• Il Cairns Area , Whitsundays e Hinchinbrook Piani di Gestione e il Piani di gestione di Stato per parchi nazionali
del Cays Capricornia , Isole Brook e Family Islands prevedono la conservazione degli uccelli nel GBRWHA
impostando distanze di avvicinamento minime e le velocità per le navi e gli aeromobili a importanti siti di uccelli.

• Queensland Parks and Service Wildife (ufficio di Rockhampton) mantiene una Queensland Coastal Uccello Atlas,
tra cui tutti i record di uccelli marini dalle isole del GBRWHA. (Vedi P. O'Neill, QPWS, Rockhampton).

• SEAMAP (Spatial Analysis ecologica della Megavertebrate Popolazioni) cerca i dati sui mammiferi marini, uccelli e
tartarughe del sistema d'informazione biogeografico Ocean (OBIS). I dataset saranno elaborate per un sistema
web-based a disposizione del pubblico che permetterà l'analisi del database. Per saperne di più sull'iniziativa,
visitare il loro sito:
http://obismap.env.duke.edu/
• A. Lashko sta svolgendo uno studio di dottorato presso CRC Reef e James Cook University per studiare la
composizione genetica di Roseate greggi Tern sulla Grande Barriera Corallina e altrove.

• P. O'Neill sta svolgendo uno studio di dottorato presso Griffith University per studiare la composizione genetica di
Brown e mascherato Bobby popolazioni nidificanti sulla lunga costa orientale dell'Australia.

50
6EE:C9 8: . ) HE:8 : 9 CI:G:HH: HE:8 6A:

Cetacei richiedono particolare attenzione in vista dei requisiti per la loro gestione sotto divisione 3 del
Commonwealth La protezione dell'ambiente e della biodiversità Act 1999 . Il Documento Programmatico per la
Whale and Dolphin Conservation a Great Barrier Reef Marine Park (Great Barrier Reef Marine Park Authority
2000) fornisce una rassegna completa dei cetacei nel Grande Barriera Corallina.

7OYS S S RSYTW W

• Conoscenza
• Stato di conservazione
• minacce correlate umani
• Azioni

8 dQS kO
• Fare riferimento p.159 di Il valore universale eccezionale della zona di Grande Barriera Corallina Patrimonio
(Lucas et al. 1997), che dice che la Grande Barriera Corallina World Heritage Area (GBRWHA) è un rifugio importante
per la biodiversità dei cetacei nel tropicale Indo-Pacifico le specie costiere come il delfino Irrawaddy ( Orcaella
brevirostris) e l'Indo-Pacifico a schiena d'asino delfino ( Sousa chinensis) è improbabile che sopravvivere al di fuori
dell'Australia.
• Fare riferimento p. 67 e 103, Stato dello Spazio Grande Barriera Corallina Patrimonio 1998 (Wachenfeld
1998).
• Come da (GBRMPA del) l'Autorità del Grande Barriera Corallina Parco Marino Documento Programmatico sulla conservazione
Whale and Dolphin nel Parco Marino della Grande Barriera Corallina ( GBRMPA 2000), specie prioritarie per la gestione sono:

- Megattera ( Megaptera novaeangliae)


- delfino Irrawaddy ( Orcaella brevirostris)
- Indo-Pacifico delfino a schiena d'asino ( Sousa chinensis)
- balene Minke (Nano Balaenoptera acutorostrata), considerata una specie separata ai fini della gestione.

• Il personale GBRMPA recentemente riassunta informazioni sul mammifero marino a guardare sulla Grande Barriera
Corallina (Stokes et al. 2002).
• 'I più recenti studi genetici indicano che tursiopi costiere dell'Australia sud-orientale sono Tursiops aduncus ( Moller
& Beheregaray 2001), come quelli del Western Australia (Connors et al. 2000). record ci sono geneticamente
confermata di T. truncatus DALL'AUSTRALIA.' (Perrin et al. 2002).

• I rapporti sono disponibili sulla gestione sostenibile del nuoto con nano minke industria balena sulla
Grande Barriera Corallina.
- Fare riferimento Birtles et al. ( 2002) , e Arnold & Birtles (1999)

HeOe RW Q dScgOkW S
• Il delfino Irrawaddy a schiena d'asino e Indo-Pacifico sono elencati come 'rara' e la megattera come 'vulnerabili' sotto
il Queensland Conservazione della Natura (fauna selvatica) Il regolamento 1994 (Tabella 3).

• A 1996 Piano d'azione per l'australiano Cetacei riassume le informazioni allora disponibili sulla biologia e lo status di
tutte le specie (Bannister et al. 1996).
• Hale (1997) e Corkeron et al. ( 1997) riassumere i dati esistenti sulla distribuzione, lo stato e la conservazione
dei delfini costieri in Australia.

51
JZO W cSYOeWgS ZW OQQS
• Le attività umane rischia di avere un impatto negativo sui cetacei sono elencati nel documento di supporto al GBRMPA
del Whale and Dolphin Politiche di conservazione.

6kW W
• Il GBRMPA Whale and Dolphin Politiche di conservazione è stato approvato e pubblicato nel febbraio 2000.

• Attuazione della politica sta procedendo, in particolare in materia di whale watching e requisiti piscina
con-balena.
• Liaison continua con i ricercatori a studiare nano balenottere minori e delfini costieri.
• Migliori pratiche ambientali per il whale watching sono stati preparati e pubblicizzata.
• sia la Cairns Area e il Whitsundays I piani di gestione prevedono la protezione delle balene, stabilendo
distanze minime di avvicinamento alle balene e la regolazione della quantità di Whalewatching e
nuoto-con-balene attività che si verificano nelle aree di pianificazione.

• Un tri-agency (Queensland Parks and Wildlife Service, Department of Primary Industries e della pesca, GBRMPA)
approccio sta permettendo un attento esame dei cetacei carcasse per stabilire le cause di mortalità e ottenere
ulteriori informazioni.
• Il sito GBRMPA permette al grande pubblico di sottoscrivere un Listserver e-mail
che pubblicano avvisi circa ogni spiaggiamento subito dopo che sono indagati.
• QPWS pubblicare relazione annuale riassumendo live-spiaggiamenti e carcasse di cetacei.
• SEAMAP (Spatial Analysis ecologica della Megavertebrate Popolazioni) cerca i dati sui mammiferi marini, uccelli e
tartarughe del sistema d'informazione biogeografico Ocean (OBIS). I dataset saranno elaborate per un sistema
web-based a disposizione del pubblico che permetterà l'analisi del database. Per saperne di più sull'iniziativa,
visitare il loro sito:
http://obismap.env.duke.edu/
• Nel 2003 il Ministero dell'Ambiente e del Patrimonio (ex Ambiente Australia) ha commissionato la preparazione
di un piano di risanamento nazionale per balene, e una revisione nazionale, dello stato di conservazione delle
balene più piccole e delfini.
• Il GBRMPA è rappresentata nel balena Gruppo Nazionale Recupero coordinato dal Dipartimento dell'Ambiente
e del Patrimonio (ex Ambiente Australia).

52
6EE:C9 8: ) 6AIG: HE:8 : 9 8DCH:GK6N DC: EG:D88JE6N DC:

Pur non inclusi nelle precedenti due categorie di specie minacciate o marine quotate, o specie di particolare interesse, queste
specie marine sono di conservazione preoccupazione all'interno Grande Barriera Corallina Parco Marino (GBRMP).

HbfOYW( cOkkS S aOeeW W

• Conoscenza
• Stato di conservazione
• minacce correlate umani
• Azioni

8 dQS kO
• Fare riferimento p.132 di Il valore universale eccezionale della zona di Grande Barriera Corallina Patrimonio
(Lucas et al. 1997), che sottolinea che ' posizioni specifiche importanti per i pesci della Grande Barriera Corallina World
Heritage Area sono difficili da identificare '.
• Fare riferimento p.53 del Stato dello Spazio Grande Barriera Corallina Patrimonio 1998 (Wachenfeld 1998 ) , Che sottolinea che ' informazioni
sullo stato delle popolazioni di pesci pelagici è scarsa, anche per coloro che vengono sfruttati commercialmente '.

• Da ultimo e Stevens (1994):


• la diversità delle specie australiana

• Squali: 166
• Raggi / Skates: 117
• Più del 50% di squali e razze australiane sono endemiche in Australia
• Lunga durata (10-70 anni)
• Maturazione tardiva (6-7 anni)
• Bassa fecondità (2-50 cuccioli)
• Occupare vasta gamma di habitat, dalle costiero, acque poco profonde per una profondità superiore a 2000m

• Carnivori e spazzini
• Pogonoski et al. ( 2002) Lista 28 squali e razze nella Grande Barriera Corallina.
• Taronga Zoo (NSW) mantiene un Australiano Shark Attack File che fornisce fino a data fatti, statistiche e consigli
sugli attacchi. A partire dal febbraio 2003, era stato di 70 attacchi mortali registrati dal europei arrivarono in
Queensland: 9 negli ultimi 20 anni, 13 negli ultimi 30 anni, 14 negli ultimi 40 anni, e 21 negli ultimi 50 anni. Le
statistiche sul sito mostrano chiaramente che, rispetto ai decessi da altre forme di attività dell'acqua, il rischio di
attacco di squalo è molto basso.

HeOe RW Q dScgOkW S
• Il Commonwealth La protezione dell'ambiente e della biodiversità Act 1999
(EPBC Act) elenca lo squalo grigio Nurse (East Coast popolazione) come 'in pericolo critico' e lo squalo bianco
grande come 'vulnerabile' e un specie migratorie elencate . Queensland
Conservazione della Natura (fauna selvatica) Il regolamento 1994 non elenca alcun squali, raggi o di una specie di skate come minacciato.

• Lo stato di conservazione di Australasia Condritti - Un rapporto della IUCN Shark Specialist Group Australia e
Oceania regionale Lista Rossa Workshop.
• Queensland Regolamento per la pesca 1995 elenca specie di pesci che possono essere preso sotto ogni tipo di pesca (per esempio ricreativa, al

netto, a strascico, la linea). Se la specie non è presente nell'elenco, non può essere

53
prese. Queste liste non contengono informazioni sullo stato di conservazione di qualsiasi specie.

• EPBC Act: Il grande squalo balena e squalo bianco sono elencati come 'vulnerabili', e la popolazione costa orientale del
squalo nutrice grigio come 'in pericolo critico' (tabella 3). Tutti sembrano essere raro nel GBRWHA in quanto la loro
gamma in genere non si estende così lontano nord.
• Conservazione Descrizione e piano d'azione per australiani minacciati e potenzialmente minacciate marini e di estuario
Fishes (Pogonoski et al. 2002) elenca le 28 di squali e razze specie presenti nella Grande Barriera Corallina, un certo
numero di loro sono 'dati carenti' (Tabella 5).

• IUCN: Diverse specie sono riportati nella tabella 3.


• Le deliberazioni della Shark Specialist Group dell'IUCN per quanto riguarda lo stato di conservazione degli squali mondo
sono disponibili sul sito:
http://www.flmnh.ufl.edu/fish/Organizations/SSG/SSG.htm

JZO W cSYOeWgS ZW OQQS


• esercizi di difesa
• Pesca, programmi di squali di controllo (ad esempio compensazione squalo) e dell'acquacoltura

• Caccia e la raccolta
• Turismo e tempo libero

6kW W
• Il Conservazione Descrizione e piano d'azione per australiani minacciati e potenzialmente minacciate
marini e di estuario Fishes compilato per l'ambiente Australia (ora Ministero dell'Ambiente e del Patrimonio)
dalla Australian Museum e NSW pesca è stata perfezionata nel 2000.

• La World Conservation Union (IUCN) ha sviluppato linee guida per l'applicazione di Lista Rossa Criteri per pesci
marini.
• UN Piano nazionale d'azione per gli squali in Australia è stato rilasciato nel maggio 2004.
• Nel marzo 2003, un seminario regionale a Brisbane del Shark Specialist Group dell'IUCN (SSG) ha valutato lo stato
di conservazione di 201 specie di Condritti (156 squali, 41 batoids e 4 chimere) che si verificano in Australia e
Oceania. 14 sono stati classificati come minacciato usando criteri IUCN (4 pericolo critico, 1 estinzione e 9 vulnerabile),
66 come quasi a rischio, 84 come poco preoccupante e 37 Dati insufficienti. I risultati devono essere prese in
considerazione dal SSG globale prima della presentazione al Lista Rossa IUCN . Il rapporto workshop è disponibile Qui .

• Piani nazionali di ripresa sono stati finalizzati per Grande squalo bianco e il squalo infermiera grigio .

• Il GBRMPA mantiene i contatti di routine con la Programma Queensland Shark controllo .


• Le condizioni in permessi di raccolta scientifiche impediscono la cattura di grande bianco, infermiera grigio, e squali balena. Il
programma di conservazione delle specie raccomanda inoltre ai ricercatori che, come pochi campioni devono essere raccolti il
​più possibile di specie elencate come minacciate nella Conservazione Descrizione e piano d'azione per australiani minacciati e
potenzialmente minacciate marini e di estuario Pesci.

• Il GBRMPA Fisheries Group Issues coordina con il Queensland Department of Primary Industries e della
pesca e pescatori sulla sostenibilità delle catture di squali in Queensland.

• Il programma di conservazione delle specie funziona con il Fisheries Group Issues del GBRMPA per monitorare e affrontare le
preoccupazioni per quanto riguarda la conservazione del pesce.

54
6AIG: aSdQW ZOcW W

• Conoscenza
• Stato di conservazione
• minacce correlate umani
• Azioni

8 dQS kO
• Fare riferimento p.131-133 di L'eccezionale valore universale della Grande Barriera Corallina World Heritage Area ( Lucas et al. 1997),
che dice: ' non ci sono pesci Grande Barriera Corallina Patrimonio Mondiale zona riconosciuta come minacciato (Williams, D. 1996, pers.
comm.) p.132' .
• Conservazione Descrizione e piano d'azione per australiani minacciati e potenzialmente minacciate marini e di
estuario Fishes (Pogonoski et al. 2002) Dettagli 114 specie di specie circa 4.100 pesci marini e di estuario noti a
verificarsi in acque australiane. Le principali cause di calo dei pesci marini e di estuario hanno incluso la pesca
eccessiva (sia bersaglio e non-bersaglio o di catture di specie), il degrado degli habitat (dallo sviluppo urbano e
delle attività connesse, la pesca a strascico, draghe, inquinamento delle acque, ecc), e , in misura molto minore,
specie esotiche introduzioni.

• Diverse specie di pesci nella Grande Barriera Corallina sono noti per formare grandi aggregazioni riproduttive, tuttavia
resta molto da imparare sulle diverse caratteristiche di aggregazione specie ( La deposizione delle uova aggregazioni
Working Group, 2002).
• pescatori commerciali e ricreative bersaglio specie di pesci di barriera direttamente e tra l'altro su siti di aggregazione di pesce di
riproduzione ( FSAS ).
• Circa 1500 specie di pesci nella Grande Barriera Corallina World Heritage Area (GBRWHA).

• Low endemismo come la maggior parte dei pesci sono distribuiti in tutta la regione Indo-Pacifico occidentale

• Cross-shelf, variazione temporale e latitudine in ricchezza di specie: maggiore sulle barriere midshelf; più basso sulle
barriere costiere.
• Abbondanza e la diversità di pesci variazioni in un intervallo di scale spaziali e temporali.

• Occupare tutti gli habitat (bentonici, pelagici, di substrato duro e morbido, mangrovie, praterie di fanerogame).

• le specie più grande ricchezza in habitat della barriera corallina, seguita da ambienti di mangrovie e di estuario.

• Grandi e piccoli home range.


• Gamma di strategie riproduttive: in onda riproduttori, allevatrici
• Alta fecondità.
• Gamma di strategie di alimentazione: planktivores, erbivori, onnivori, carnivori.
• La migrazione verso vicino a riva o aree offshore per la connettività deposizione delle uova spettacolo tra habitat.

• Fare riferimento p.51-56, Stato dello Spazio Grande Barriera Corallina Patrimonio 1998 (Wachenfeld 1998), il quale osserva che ' numeri
pesci di barriera variano notevolmente da barriera alla barriera corallina e di anno in anno a causa di fluttuazioni di assunzioni '.

• Ci sono turni regolari ontogenetico (fasi della vita correlata) e movimento quotidiano dentro e fuori epibenthos. Durante il
giorno, un gran numero di pesci di barriera corallina sono nella colonna d'acqua sopra habitat bentonici ( Lucas et al. 1997 ).

55
HeOe RW Q dScgOkW S
• Queensland Conservazione della Natura (fauna selvatica) Il regolamento 1994 : Non specie ittiche marine nella Grande Barriera
Corallina è elencato come minacciato. Tuttavia molti sono protetti ai sensi della legislazione del Queensland pesca.

• Queensland Regolamento per la pesca 1995 elenca specie di pesce che può essere preso sotto ogni tipo di pesca (es
diporto, netto, traino, riga) e specifica le dimensioni massime e minime per alcune specie cod. Se la specie non è presente
nell'elenco, non può essere preso. Tuttavia, prendere incidentale si verifica, ed in alcuni tipi di pesca, la quantità assunta
supera quella della specie bersaglio. Queste liste non contengono informazioni sullo stato di conservazione di qualsiasi
specie.

• La protezione dell'ambiente e della biodiversità Act 1999 : Non specie ittiche marine nella Grande Barriera Corallina è
elencato come minacciato.
• Conservazione Descrizione e piano d'azione per australiano minacciato e potenzialmente minacciate marini e di estuario
Fishes: 16 del pesce (non-squali, razze, e syngnathids) si verificano nella Grande Barriera Corallina. Un certo numero di loro
sono 'basso rischio' (Tabella 6) e la maggior parte sono di merluzzo e cernie della Famiglia Serranidae.

• IUCN: diverse specie di pesci ossei sono elencate dalla IUCN Red Data Book (Tabella 3).

JZO W cSYOeWgS ZW OQQS


• Imbarcazioni, navi e altre macchine motorizzate
• sviluppo costiero
• Il calo della qualità delle acque

• esercizi di difesa
• Fishing (pesca eccessiva), programmi di controllo squalo e dell'acquacoltura
• Caccia e la raccolta
• Turismo e tempo libero

6kW W
• UN Conservazione Descrizione e piano d'azione per australiani minacciati e potenzialmente minacciate
marini e di estuario Fishes ( Pogonoski et al. 2002) è stato compilato per l'ambiente Australia (ora Ministero
dell'Ambiente e del Patrimonio) dalla Australian Museum e NSW pesca. Il programma di conservazione delle
specie raccomanda ai ricercatori che, come pochi esemplari possibili devono essere raccolti di specie
elencate nella conservazione Panoramica.

• La World Conservation Union ha sviluppato linee guida per applicare i criteri della Lista Rossa IUCN per pesci
marini.
• Il Governo del Queensland ha introdotto il Pesca (Coral Reef Pesce Pinna pesca) Piano di gestione 2003 a prevedere
la sostenibilità a lungo termine degli stock di pesci a pinne barriera corallina.

• Piano Regolatore per il GBRMP proibisce l'adozione di merluzzo patate, barramundi merluzzo e wrasse maori senza
previa autorizzazione dal GBRMPA. Questo rispecchia regolamenti da parte del Dipartimento del Queensland of
Primary Industries e della pesca. Il Piano di Zonizzazione vieta anche la presa senza l'autorizzazione scritta dell'Autorità
di tutti Epinephelus spp. pesce (es: cod) superiore a 100 cm.

• Il GBRMPA prevede anche la tutela delle specie ittiche minacciate attraverso condizioni sui permessi di ricerca,
che vieta la raccolta di alcune specie attraverso il Great Barrier Reef Marine Regolamento del Parco 1983 e la
protezione delle singole specie in alcuni punti alta uso (es Cod Hole a Ribbon Reefs).

• La posizione e la protezione delle zone di riproduzione è ora anche in fase di studio.

56
• Il programma di conservazione delle specie funziona con il Fisheries Group Issues del GBRMPA per monitorare e affrontare le
preoccupazioni per quanto riguarda la conservazione del pesce.

57
B6G C: CK:GI:7G6I

• Conoscenza

o Ascidiacei
o briozoi
o crostacei
o echinodermi
o coralli barriera corallina e altri elementi di barriera
o Coralli duri
o molluschi
o ottocoralli
o platelminti
o vermi policheti
o spugne

• Stato di conservazione
• minacce correlate umani
• Azioni

8 dQS kO
• Fare riferimento p.71-75 di Stato dello Spazio Grande Barriera Corallina Patrimonio 1998 (Wachenfeld 1998) che sottolinea
che ' nonostante l'estensione geografica e l'importanza biologica del --- [ inter-reefal e benthos lagunare] ---, solo un piccolo
numero di studi descrittivi sono stati effettuati.
• Il Faunistica Directory australiano del Australian Biological Resources Study (ABRS) è una fonte di informazioni
tassonomiche e biologiche su tutti i fauna australiana. Fare riferimento alle tabelle dal titolo 'I numeri stimati della
fauna australiana' e 'Dettagli di taxa Databased'.

HeOe RW Q dScgOkW S
• invertebrati marini non sono elencati sotto del Queensland Conservazione della Natura (fauna selvatica) Il regolamento 1994 e non
sono elencati sotto il Commonwealth La protezione dell'ambiente e la conservazione della biodiversità Act del 1999.

• Il Queensland Fisheries Act del 1994 include alcuni invertebrati marini come “pesce” ai fini della legge. l'associato Regolamento
per la pesca 1995 elenca specie di pesci che possono essere preso sotto ogni tipo di pesca (per esempio ricreativa, al netto,
a strascico, la linea). Se la specie non è elencato, non può essere presa (es tritoni, conchiglie casco). Tuttavia, prendere
incidentale si verifica, ed in alcuni tipi di pesca, la quantità assunta supera quella della specie bersaglio. Queste liste non
contengono informazioni sullo stato di conservazione di qualsiasi specie.

• Brautigam (2001) osserva che 'anche se la maggior parte degli organismi marini sono invertebrati, a pochi ... sono
stati valutati e inclusi nel Lista rossa (per esempio, le vongole giganti
Tridacna spp.)'. Le vongole giganti sono elencate anche sotto il Convenzione sul commercio internazionale delle specie di fauna
selvatica Flora e Fauna (CITES) in pericolo.
• UN Panoramica la conservazione degli invertebrati marini in Australia è stata finalizzata nel 2002 e pubblicato sul sito
internet Australian Museum. Una sintesi dei principali risultati sono:
• Qc deOQSW5 per la maggior parte delle specie, vi sono informazioni sufficienti per determinare se qualsiasi specie
sono minacciate.
• Taxa dipende da altri gruppi di invertebrati o vertebrati:

58
• Pyrgomatidae (dipendente da coralli tropicali duri)
• Archaeobalanidae (dipendente spugne, gorgonie)
• Chelonibiidae, Coronulidae, Platylepadidae (epizoitic sulle tartarughe, balene, delfini,
dugonghi)
• Z YYfdQVW5
• ostriche Pearl ( Pinctada Maxima, P.margaritifera) possono essere considerati commercialmente minacciato.

• Sovrasfruttati: Tridacnidae, capesante


• Potenzialmente vulnerabili attraverso raccolta di shell: Cypraeidae (cowries), Volutidae (volute),
conidae (Coni), Muricidae (muricids)
• Taxa dipende da altri gruppi di invertebrati:
• Eulimidae (su enchinoderms),
• Magilidae (sul disco e coralli molli),
• Cerithiopsidae e triphoridae (su spugne),
• Mitridae (su sipunculans)
• dafU S5 Cup Spugna di Nettuno ( Poerion neptuni conosciuto anche come Cliona patera), è stato recentemente
riscoperto al largo di Capo York, dopo che è stato creduto di essere estinte nei primi anni del 1900. La specie è
rara e molto sensibili alla pesca a strascico bentonici. Stato è considerato minacciato.

• 6YecW aV YO5 Non sufficientemente noto per fare una valutazione

JZO W cSYOeWgS ZW OQQS


• sviluppo costiero
• Il calo della qualità delle acque

• Pesca, programmi di controllo di squalo e dell'acquacoltura


• Caccia e la raccolta
• specie introdotte
• dragaggio marino e delle costruzioni
• Turismo e tempo libero

6kW W
• Disposizioni all'interno della legge GBRMP e la Cairns Area , Whitsundays e Piani Hinchinbrook di gestione vietare
la gente di danneggiare corallo. 'Non ci sono ancoraggio' zone sono state istituite presso i seguenti punti:

• Whitsundays : Manta Ray Bay, Bait Reef, Blue Pearl Bay, Langford Isola, Farfalla Bay, baia di Maureen,
Luncheon Bay, Pinnacle Bay, Cateran Bay, di Sunlover Bay, Nord Stonehaven Bay, Sud Stonehaven
Bay e False Nara (allegato 5, Piano Whitsundays di Gestione)

• Hinchinbrook Area: Isole Brook


• Cairns Area: Piano di Gestione della pianificazione 8 liste reef ancoraggi che sono destinati a incoraggiare l'uso di
luoghi che sono meno probabilità di causare danni al corallo.
• Ormeggi sono stati installati in molte aree Grande barriera corallina per ridurre al minimo i danni anche di ancoraggio.

• Migliori pratiche ambientali per l'ancoraggio sono stati preparati e pubblicizzata.


• La conservazione degli invertebrati marini viene affrontato mediante requisiti di autorizzazione.

• iniziative di conservazione di habitat, come ad esempio il recente implementato Aree rappresentative del programma , Protegge
una rete rappresentativa di una serie di habitat nell'ambito del sistema reefwide zonizzazione rivisto.

59
• parassiti marini sono una minaccia per la biodiversità marina e industrie marine come la pesca e l'acquacoltura ( Stato
australiano della Commissione Ambiente 2001). Ci sono un certo numero di modi in cui i parassiti marini possono essere
introdotti in acque australiane, tra cui scarico delle acque di zavorra delle navi e organismi incrostanti sulla catena nave
scafo e di ancoraggio. Dal luglio del 2001, disposizioni obbligatorie in gestione dell'acqua di zavorra sono in atto per le navi
internazionali entrare nelle acque australiane. Un sondaggio di base del porto di Townsville e aree marine adiacenti è stata
realizzata da James Cook University & CRC Reef scienziati nel novembre 2000. Nessun obiettivo specie infestanti sono
stati identificati fino ad oggi. Ulteriori informazioni possono essere richieste inviando una email a
<info@townsville-port.com.au>.

• Il Dipartimento dell'Ambiente e del Patrimonio (ex Ambiente Australia) sta prendendo in considerazione regolamenti per
l'accesso alle risorse biologiche nelle aree del Commonwealth comprese le autorizzazioni di accesso e le modalità di
ripartizione dei benefici.
• Dal 1 st Gennaio 2003 un divieto globale l'uso di composti organostannici nei sistemi antivegetativi delle navi è in
vigore attraverso la Convenzione internazionale sul controllo dei sistemi antivegetativi nocivi sulle navi, del 2001.

• L'Australian Institute of Marine Science sta intraprendendo un progetto di valutazione della biodiversità dei fondali marini per
migliorare la conoscenza della biodiversità marina nel nord dell'Australia.
• Ulteriori informazioni relative invertebrati marini è disponibile presso i seguenti siti web:

• http://www.austmus.gov.au/invertebrates
• http://www.qmuseum.qld.gov.au/search/thesaurus.asp?subject=Invertebrates

60
6dQWRWOQSW

• Il Faunistica Directory australiano del


Australian Biological Resources Study
(ABRS) ha identificato 736 specie di ascidie che si
verificano in Australia 536 dei quali sono stati descritti.

• Fare riferimento a Il valore universale eccezionale della zona di Grande Barriera Corallina Patrimonio
(Lucas et al. 1997). Sintesi Da p.110:
• Almeno 330 specie di ascidie (noto anche come ascidie) si verificano sulla Grande Barriera Corallina, per lo più su una
vasta gamma con la Grande Barriera Corallina in qualità di un ponte per il flusso di geni da temperato a zone tropicali.
flusso genico avviene probabilmente da una complessa rete di reclutamento tra le popolazioni affollati che occupano la
profusione di habitat nella vasta regione corallina Indo-Pacifico occidentale.

• Da Barnes (1987): ascidie si riscontrano in tutti i tipi di habitat marini tropicali attaccato agli scogli, conchiglie,
e palificazioni in acque poco profonde, e su fondali nave o, talvolta, fissati nel fango e sabbia da filamenti o un
gambo. Esistono come forme sia solitari e coloniali con dimensioni corporee variano da 1mm-10cm di
diametro.
• Sono non selettivi filtratori e affaticano grandi quantità di acqua per particelle di cibo adatti.

• Ascidie sono ermafroditi (con poche eccezioni), tuttavia la fecondazione incrociata è più tipico di
autofecondazione. avviene la riproduzione sia attraverso erba (una piccola replica del form padre che alla
fine si libera dal genitore) o attraverso il rilascio di sperma e uova nella colonna d'acqua ( Barnes 1987 Kott
1982). L'uovo fecondato si sviluppa in un girino larva nuoto libero con un tubo, strutture che mostrano la
sinergia tra i cordati notochord e neurale. Entro un breve periodo di tempo (da minuti a ore a seconda della
specie) le larve girino si attaccano ad un substrato e trasformarsi in ascidie in miniatura. L'ascidia una
metamorfosi perde notocorda e il tubo neurale (Colin e Arneson

1995).

61
PcW k W

• Il Faunistica Directory australiano del


Australian Biological Resources Study
(ABRS) stima che 2.500 specie di briozoi si
verificano in Australia, di cui
1.000 sono stati descritti.
• Fare riferimento a Il valore universale eccezionale di il
Grande barriera corallina Area Patrimonio Mondiale (Lucas et al. 1997). Sintesi Da p.118:
• Mal gruppo noto, circa 300-500 specie si presentano sulla Grande barriera corallina (8-12% di fauna
mondiali) formante naturale 'isola' che forniscono la struttura e habitat importanti per altre specie. E
'probabile che la fauna degli ambienti briozoo reefal e scaffali sono distinte e che l'Indo-Pacifico
occidentale contiene la più alta diversità di briozoi.

• Cross-shelf variazione è evidente nella Grande Barriera Corallina Parco centrale Marine (Birtles e Arnold 1988).

• Da Barnes (1987): briozoi sono animali coloniali sessili composte da zooids. Sono bentonici, che si verificano
in ambienti criptici, in grotte e sotto le piastre di corallo e generalmente presenti in barriera e morbidi aree di
piattaforma di sedimento. Briozoi incrostanti sono o, epifauna mobile o colonie ancorate collegati al disco,
substrato stabile. Sono appariscente, formando relativamente piccole colonie vanno da millimetri a decine di
centimetri di diametro.

• Briozoi sono sospensivori filtrano la colonna d'acqua per piccoli organismi


fitoplanctonica.
• Riproduzione avviene sia attraverso il rilascio di uovo e spermatozoo nella colonna d'acqua o uova
fecondate sono covata internamente. Una fase larvale è di solito presente con liquidazione su superfici
dure (rock, conchiglie, coralli e legno), con alcune specie noioso substrato calcareo.

62
Qc deOQSW

• Il Faunistica Directory australiano del Australian Biological


Resources Study (ABRS) stima che
9.871 specie di crostacei si presentano in Australia, di cui
7.111 sono stati descritti.
• Fare riferimento a Il valore universale eccezionale della zona di Grande
Barriera Corallina Patrimonio (Lucas et al.
1997). Sintesi Da p.126:
• gruppo poco studiato con elevata diversità e
bassa endemismo. L'ampia gamma di habitat che si verificano sulla grande barriera corallina è importante per la
diversità crostacei. Vivono all'interno di tutti gli habitat nella Grande Barriera Corallina World Heritage Area
(GBRWHA), da ambienti reefal alle costiere di mangrovie e fanerogame habitat intertidali.

• Endemismo è a basso contenuto di fauna di barriera, ma altri habitat potrebbe avere livelli più alti.

• Molto diversi all'interno maggior parte dei gruppi con una cosmopolita fauna Indo-Pacifico occidentale.

• GBRWHA specie diversità riportata come segue:


• Balani: 100 specie provenienti da più di 50 generi
• Isopodi: più di 150 specie
• Mysids: 50 specie
• Anfipodi: più di 6000 specie conosciute provenienti da più di 1100 generi
• Canocchia, Krill e Granchi: 1030 specie provenienti da 358 generi in 81 famiglie; questo rappresenta circa il
50% della fauna australiana
• dati raccolti risulta che le barriere interno-shelf potrebbero avere maggiore diversità di barriere esterno scaffale.

• Crostacei sono ecologicamente importanti come erbivori, spazzini, i predatori e prede (Stato australiano
della Commissione Ambiente, 2001).
• Da Barnes (1987): crostacei hanno una vasta gamma di diete e possiedono una varietà di meccanismi di alimentazione
comprese alimentazione sospensione, predazione o raccogliere cibo.
• Riproduzione avviene attraverso l'accoppiamento, e le uova vengono covate per periodi di tempo diversi a
seconda della specie. Crostacei hanno nuoto libero planctonici larve che subiscono diverse fasi larvali prima
di sviluppare in crostacei adulti.

63
SQVW RScZW

• Il Faunistica Directory australiano del


Australian Biological Resources Study
(ABRS) stima che 1.406 specie di echinodermi si
verificano in Australia, di cui
1.165 sono stati descritti.
• Fare riferimento a Il valore universale eccezionale della zona di Grande Barriera Corallina Patrimonio
(Lucas et al. 1997). Sintesi Da p.128:
• 630 specie, tra cui molti rari taxa di echinodermi si verificano nel Grande barriera corallina ad alta diversità
filogenetica ben espresso. La Grande Barriera Corallina è suscettibile di avere la più grande diversità di
specie di echinodermi per qualsiasi area marina protetta in tutto il mondo. Il gruppo contiene distinte reefal e
non reefal suite di specie con molto forti modelli zonazione che sono associati con caratteristiche fisiche
dell'ambiente. Occupano tutti gli habitat e hanno un ruolo importante nella strutturazione alcune comunità. Ad
esempio, oloturie sedimenti bioturbate, con conseguente destabilizzazione della stratificazione dei sedimenti,
maggiore aerazione e il rilascio di materiale organico e nutrienti dall'acqua interstiziale nella colonna d'acqua.

• Echinodermi possiedono una gamma di alimentazione strategie:

• La maggior parte di alimentazione mediante raschiatura alghe, organismi incrostanti e detriti da superfici dure
tuttavia alcuni echinodermi, come i ricci, sono mobili, erbivori bentonici
( Barnes 1987).
• Crinoidi sono alimentatori di plancton notturne, gli asteroidi sono carnivori, opportunista e spazzini e
ophiuroids sono filtratori (Gosliner et al. 1996 ) .
• Oloturie sono limitate a substrato duro sedimenti del fondo (Birtles e Arnold, 1988) compreso sabbia
pulita (non fango sabbia based), coralli, sedimenti limosi, alghe e scogliera appartamenti. Si trovano in
acque 10 m per 40 m di profondità e la loro principale fonte di cibo è segnalato per essere batteri e
detriti ( Bakus 1973 Massin 1982 Poiner et al. 1998).

• Echinodermi presentano riproduzione sessuale ( Smiley et al. 1991); larve sono alimentatori di plancton che si
depositano sul substrato adatto dove si sviluppano per i giovani adulti. echinodermi minorenni sono da ritenersi
altamente criptico, con alti numeri riportati in habitat di fanerogame (Shelley 1981 ).

64
Q cOYYW POccWScO Q cOYYW O S OYecW SYSZS eW RW POccWScO

• Fare riferimento a Il valore universale eccezionale della zona di


Grande Barriera Corallina Patrimonio (Lucas et al. 1997). Sintesi Da p.137:

• La maggior parte delle barriere coralline nella Grande Barriera


Corallina World Heritage Area si trovano intorno alle isole continentali
con importanti siti ubicati
intorno arcipelaghi complessi, come ad esempio il gruppo di Whitsunday Island e il gruppo di Palm Island.
Un numero minore di barriere coralline confine costa continentale.
• barriere coralline esibiscono la diversità delle specie di alta e contengono alcune delle più grandi e antiche colonie di
corallo nella Grande Barriera Corallina; genotipo di alcune colonie può essere stata presente sulla scogliera per 1000s di
anni. comunità coralline costiere del sud Grande barriera corallina possono offrire nuove intuizioni formazione barriera
corallina e l'evoluzione.
• scogliere affioranti hanno un alto valore estetico, in particolare quelle aree che presentano un elevato grado di
eterogeneità, elevata diversità corallo e copertura di corallo alto.
• Fare riferimento a reefed per una panoramica su barriere coralline e altri tipi di barriera .

65
8 cOYYW RfcW

• Per una panoramica sui coralli, visitare reefed-GBR Explorer .

• Fare riferimento a Il valore universale eccezionale della zona di Grande


Barriera Corallina Patrimonio (Lucas et al.
1997). Sintesi Da p.152:
• Alta diversità di habitat nella Grande
Barriera corallina World Heritage Area permette la grande diversità di coralli duri incontrati nella
zona; 359 specie di coralli duri sono stati registrati, tuttavia endemismo del gruppo è basso.

• coralli massicci a lunga vita in grado di fornire informazioni storiche delle condizioni ambientali.

• coralli duri svolgono un ruolo importante nell'ecologia di mari tropicali con la costruzione di barriere altamente
produttivi e massicci (Colin e Arneson 1995).
• Da Barnes (1987): coralli più duri si alimentano di notte, tuttavia molte specie si nutrono anche di giorno con i
loro tentacoli per catturare qualsiasi cosa, da zooplancton a piccoli pesci. I tentacoli sono utilizzati anche
durante gli incontri competitivi con altri coralli. Coralli privi tentacoli sono sospensivori catturando prede in fili
mucose. (ermatipici) coralli di barriera-dimora contengono alghe simbiotiche zooxanthellae che trasferisce una
gran parte del loro carbonio fissa (prodotto durante la fotosintesi) al corallo per l'utilizzo in crescita. Il corallo a
sua volta, fornisce probabilmente la zooxantelle con azoto ottenuto da particelle catturate dal corallo.

• coralli duri presentano sia riproduzione asessuale e sessuale, con diverse varianti a seconda della specie. Possono
essere ermafroditi o hanno sessi separati, con la fecondazione essendo sia interno (sperma viene rilasciato nella
colonna d'acqua nel quale trova una femmina con uova) o esterna (entrambe le uova e spermatozoi vengono
rilasciati nella colonna d'acqua). Una larva planule viene prodotto ed è capace di lunga distanza dispersione prima
che si deposita sul fondo, dove inizia a creare uno scheletro di carbonato di calcio (Colin e Arneson 1995). Questo
scheletro in seguito funge da protezione e supporto per il corallo.

66
Z YYfdQVW

• Il Faunistica Directory australiano del


Australian Biological Resources Study (ABRS) stima che
12.472 specie di molluschi si verificano in Australia, di cui
9.512 sono stati descritti.

• Fare riferimento a Il valore universale eccezionale della zona


di Grande Barriera Corallina Patrimonio (Lucas et al. 1997).
Sintesi Da p.165:
• 5000-8000 specie di molluschi si verificano nella Grande Barriera Corallina che rappresenta una parte
significativa della diversità molluschi mondo. Ci sono quattro componenti principali di fauna molluschi con la
più speciose essendo i reefal fauna poco profonde a bassissima endemismo.

• Endemismo è più alta in componenti condivisi con il sud Qld e NSW; la famiglia voluta ha il più alto grado
di endemismo.
• Alcuni bivalvi svolgono un ruolo importante nel bioerosione di substrati di corallo.
• Mal esistono gruppi noti, in particolare minore taxa, in acque costiere con grandi ingressi terrigene e
attenuano con l'aumentare della latitudine.
• La maggior parte dei gasteropodi hanno un unico guscio e occupano la maggior parte delle nicchie in ambiente marino.

• Essi presentano una vasta gamma di strategie di alimentazione (alimentazione deposito, erbivori, carnivori,
parassitosi); bivalvi sono prevalentemente filtratori e hanno due gusci, molti sono scavatori endobionti o si
attaccano al substrato; cefalopodi sono nuotatori efficienti, predatori (carnivori) e alcune hanno un guscio
completo (nautilus), mentre altri non hanno alcun guscio (polpo).

• Da Barnes (1987): Modalità di riproduzione variano tra classi; alcuni sono ermafroditi mentre altri rilasciano
sperma in acqua corrente con la fecondazione si verificano in mare o in cavità del mantello delle femmine.
Una larva senza il nuoto è tipico di alcuni molluschi bivalvi (ad esempio).

67
ee Q cOYYW

• Fare riferimento a Il valore universale eccezionale della zona


di Grande Barriera Corallina Patrimonio (Lucas et al. 1997).
Sintesi Da p.174:
• Scarsamente indagato gruppo, 80 generi che possono verificarsi
sulla Grande Barriera Corallina di 270 in tutto il mondo. Il gruppo è
costituito da penne di mare,
coralli molli e gorgonie e si verificano in tutti gli habitat; nella Grande Barriera Corallina patrimonio mondiale zona sono
noti per occupare entrambi gli habitat reefal e inter-reefal. coralli molli sono una componente importante della fauna
bentonica sessili e contribuiscono in modo significativo al valore estetico dell'ambiente reefal.

• Da Colin e Arneson (1995): Ottocoralli possiedono otto tentacoli e spicole calcaree (spesso utilizzate per
l'identificazione) che aiuti il ​supporto e la manutenzione di forma in grandi colonie.

• Essi sono concorrenti opportunistiche di spazio sulla barriera e rapidamente coprono substrato disponibile. Sono
filtratori di plancton e abitano le aree in cui scorrono le correnti. Diverse specie contengono zooxantelle simbionti
che aumentano l'assunzione di nutrienti.
• Ottocoralli presentano entrambe le strategie di riproduzione asessuale e sessuale compreso deposizione onda,
fecondazione interna, e cova (comunicazione personale P. Alderslade citato da Panoramica conservazione degli
invertebrati marini 2002 ).
• reefed fornisce una panoramica su coralli molli e gorgonie .

68
aYOeSYZW eW

• Il Faunistica Directory australiano del


Australian Biological Resources Study (ABRS) stima che
10.806 specie di platelminti si verificano in Australia, di cui
1.506 sono stati descritti.

• Fare riferimento a Il valore universale eccezionale della zona


di Grande Barriera Corallina Patrimonio (Lucas et al. 1997).
Sintesi Da p.135:
• Migliaia di specie di platelminti si verificano nella Grande Barriera Corallina a basso endemismo, elevata
diversità in macro a vita libera e forme meiofauna e molto alta diversità di forme parassitarie. Ci sono suscettibili
di essere distinti reefal e inter-reefal faune attraverso la piattaforma.

• turbellari policlade con colori vivaci e modelli contribuiscono al valore estetico del Reef e la composizione
cosmopolita con ambienti Indo-Pacifico occidentale.
• Quattro gruppi di vermi piatti: macrofauna (grande freeliving), meiofauna (piccola freeliving), interstiziali
(meno di 1 mm) e simbiotici (Cannon 1993).
• Da Barnes (1987): platelminti possono essere predatori, spazzini, erbivori, commensali o parassiti
e si nutrono di una vasta gamma di prede.
• La maggior parte dei platelminti sono ermafroditi, con l'eccezione di alcune specie parassite specializzate.
Riproduzione avviene attraverso l'accoppiamento e fecondazione interna. Sviluppo delle uova è diretta o lattina
in alcune specie si sviluppano in larve indirettamente planktotrophic.

69
gScZW a YWQVSeW

• Il Faunistica Directory australiano del


Australian Biological Resources Study (ABRS) stima che
3.239 specie di policheti si verificano in Australia, di cui
1.139 sono stati descritti.

• Fare riferimento a Il valore universale eccezionale della zona


di Grande Barriera Corallina Patrimonio (Lucas et al. 1997).
Sintesi Da p.178:
• fauna tropicale è poco conosciute. Policheti sono macrofauna dominanti nei sedimenti reefal e substrati corallo con
80 specie registrate nella Grande Barriera Corallina, tuttavia si possono verificare> 500 specie. La diversità è un
prodotto di estensione latitudinale, diversità degli habitat e buone condizioni della Grande Barriera Corallina.

• policheti svolgono un ruolo importante nell'ecosistema, per esempio, sono importanti nella catena
alimentare sia come predatore e preda; dominano macrofauna sia in termini di numero di individui e
numero di specie. Essi bioturbate sedimenti e sono uno dei primi colonizzatori delle colonie di corallo
morto, facilitando regolamento di altri invertebrati.

• Policheti probabilmente mostrano variazioni di latitudine e scaffale croce; alcune con distribuzioni
limitate.
• Policheti si verificano in tutti gli habitat di mangrovie, praterie di fanerogame, sedimenti inter-reefal e all'interno
della struttura di barriera come trivellatori, nestlers e encrusters; alcuni sono pelagici. composizione specifica è
determinata dalle caratteristiche sedimenti, movimento dell'acqua e stabilità dei sedimenti.

• strategie di alimentazione includono: alimentatori deposito, erbivori, filtratori, alimentatori di sospensione e


onnivori. Policheti sono o opportunistica, selettivo o non selettivo, alimentando in batteri, alghe, detriti, altri
invertebrati e carogne (Barnes
1987 Lucas et al. 1997).
• Policheti hanno una gamma di strategie riproduttive, tra cui incubatrici e riproduttori di trasmissione, esibendo
riproduzione sessuata e asessuata. Cicli di vita durare da poche settimane a diversi anni.

70
dafU S

• Il Faunistica Directory australiano del


Australian Biological Resources Study (ABRS) stima che
3.500 specie di spugne si verificano in Australia, di cui
1.416 sono stati descritti.
• Fare riferimento a Il valore universale eccezionale della zona
di Grande Barriera Corallina Patrimonio (Lucas et al. 1997).
Sintesi Da p.191:
• 1500 specie di spugne si verificano nella Grande Barriera Corallina (c. 30% della fauna spugna australiani),
endemismo è probabile che sia bassa, ma manca di studio. Relitti di spugne ermatipici dal Ordoviciano periodo sono
stati registrati e le tendenze scaffale croce in abbondanza spugna e la diversità sono esposti.

• Spugne giocano un ruolo significativo nei processi degli ecosistemi; alcune spugne vive dei prodotti
fabbricati da cianobatteri simbiotico mentre altre spugne vive dei detriti e rifiuti che filtrano giù nella
colonna d'acqua. Essi sono una fonte di cibo per la tartaruga embricata minacciati e funzionano anche
come un host per una moltitudine di altri organismi, tra cui crostacei, molluschi, vermi, echinodems e
microrganismi (Stato australiano della commissione ambiente

2001).
• Ricchezza di specie diminuisce con l'aumentare della distanza dalla riva (Wilkinson e Cheshire 1989).

• Da Barnes (1987): Le spugne sono sessili, che si verificano su substrati bentonici ovunque rocce, conchiglie, travi o
corallo sommerse forniscono un substrato adatto, anche su fondi morbidi sabbia o fango. Disponibilità di spazio,
inclinazione del substrato e della velocità corrente influenzano la crescita di spugne. Una varietà di forme di crescita
esiste da scavando a incrostanti a coloro che attacca alle un'area relativamente piccola e crescere in posizione
verticale con rami o in grandi forme urna. Spugne abitano acque costiere poco profonde a profondità di 200 e
1000m.

• Le spugne sono sedentari filtratori; acqua entra la spugna attraverso canali inhalent e si filtra per particelle
di cibo e ossigeno (Colin e Arneson 1995 ) .
• Esporre riproduzione sia sessuale e asessuale, con molte spugne essendo ermafroditi producono sia
uova e sperma. Una larva nuoto libero si sviluppa dall'uovo fecondato. riproduzione asessuale può
avvenire attraverso gemmazione o frammentazione dalla spugna adulto.

71
aWO eS ZOcW S

• Conoscenza
• Stato di conservazione
• minacce correlate umani
• Azioni

8 dQS kO
• Fare riferimento a Il valore universale eccezionale della zona di Grande Barriera Corallina Patrimonio
(Lucas et al. 1997) come segue per riepiloghi relativi alla Grande barriera corallina:
• 6YUVS p.108) e Halimeda banche (P.149): 400-500 specie di macroalghe (20 specie di Halimeda), elevata
diversità e bassa endemismo, mostrando latitudinale, cross-shelf altamente variabile e intra-barriera variazione
nella composizione e abbondanza, importante per cementare strutture barriera, collaboratori a sedimenti,
produttori primari e come alimento. alghe rosse sono il gruppo più diverse, e sono più abbondanti e diversificata
costiera, così come lo sono le alghe brune. alghe verdi e rosse dominano aree offshore. La Grande Barriera
Corallina è la più ampia, accumulando attivamente Halimeda letti del mondo.

• Il Australiana Alghe Marine Nome Indice (AMANI) è un progetto congiunto del


Australian Biological Resources Study (ABRS) e Murdoch University. Il suo scopo è quello di fornire un accesso
semplice alle informazioni sui nomi attualmente accettate per le alghe marine australiana, i loro sinonimi e la
distribuzione su larga scala.
• ZO Uc gWS p.155): 37 specie (54% della flora mondiale), diversità paragonabile e complementare ad
altre aree ad alta diversità, fattore importante per processi ecologici.

• TO Sc UOZS ZOcW S p.183): 15 specie e altri non descritte, almeno due sembrano essere endemica, diverse
specie sono al limite di latitudine, ampi prati acque profonde, importanti processi ecologici e come pesce e
gamberi vivai; di solito si trovano nelle località riparate dai venti prevalenti del commercio sud-est; trovato in
luoghi intertidali e subtidali, da 2.2m sopra a 60 m sotto il livello medio del mare. Importante fonte di cibo per
molti animali, soprattutto pesci, e minacciato dugongo e la tartaruga verde; diversità diminuisce con
l'aumentare della latitudine (Leis e Rennis 1983).

• Consultare anche le pagine 35-36 del Stato dello Spazio Grande Barriera Corallina Patrimonio 1998
(Wachenfeld 1998), il quale osserva che ' nonostante le preoccupazioni che le alghe possono essere prendendo su alcune scogliere costiere, non ci

sono prove forti sul fatto che la copertura di macroalghe è generalmente in aumento nelle barriere 'P.36.

HeOe RW Q dScgOkW S
• piante marine non sono elencati sotto del Queensland Conservazione della Natura (fauna selvatica) Il regolamento 1994 e
non sono elencati sotto il Commonwealth La protezione dell'ambiente e della biodiversità Act 1999 .

• UN Conservazione Panoramica di macroalghe in Australia è stato completato (Cheshire et al.


2000). IUCN 1994 Lista Rossa categorie sono stati usati per identificare lo stato di conservazione delle specie nel modo seguente:

• KfY ScOPWYS
• 26 specie si verificano all'interno della Grande Barriera Corallina World Heritage Area (GBRWHA) (Tabella 7).

• KfY ScOPWYS Q W eScgOYY cWdecSee ) registrati da cinque o meno posizioni non più di 500 km di distanza;

72
• 10 specie si verificano all'interno del GBRWHA (Tabella 8).
• KfY ScOPWYS( a eS kWOYZS eS W aScWQ Y ) trovato in una sola posizione o in alternativa in una serie di posizioni
separate di 50 km o meno;
• specie nil all'interno GBRWHA.
• piante marine sono protetti sotto il Queensland Fisheries Act 1994 .

JZO W cSYOeWgS ZW OQQS


• Imbarcazioni, navi e altre macchine motorizzate
• sviluppo costiero
• Il calo della qualità delle acque

• esercizi di difesa
• Pesca
• dragaggio marino e delle costruzioni
• Turismo e tempo libero

6kW W
• Aree di protezione Dugong sono stati stabiliti per la conservazione dei dugonghi e la protezione degli habitat di
fanerogame.
• Aree Pesce Habitat istituito ai sensi del Queensland Fisheries Act 1994 fornire un elevato livello di protezione
per piante marine e habitat associati.
• Il GBRMPA e la CRC Reef hanno finanziato linea di base sondaggi di fanerogame in molte aree della Grande Barriera Corallina.

• Una recente revisione di ricerca e sviluppo nel settore della pesca Corporation di alghe in Australia (Butler e Jernakoff
1999 ) ha portato alla formulazione di un piano di ricerca e sviluppo posidonie (R & S). Un aspetto importante del piano
di ricerca e sviluppo è stato quello di formare una rete inter-agenzie ' per facilitare la cooperazione tra le agenzie di
finanziamento e il coordinamento della ricerca, l'uso efficace dei risultati della ricerca e il miglioramento della gestione '.
Questa rete dovrebbe quindi facilitare progetti di ricerca individuati nella revisione.

• Il Dipartimento del Queensland of Primary Industries e della pesca gestisce fanerogame, le mangrovie e altre piante
marine. Il Dipartimento del Queensland of Primary Industries e della pesca richiede permessi essere ottenuti prima
della rimozione di piante marine.
• La conservazione delle piante marine nel GBRWHA sarà raggiunto principalmente attraverso iniziative di
conservazione degli habitat, come ad esempio la Aree rappresentative del programma , Che assicura una protezione
completa, adeguata e rappresentante di esempi di tutta la gamma di habitat compreso piante marine associati.

73
6EE:C9 8: 0 ) HDA6 ADG6 : 6JC6

Queste specie non marine si verificano sulle isole continentali e atolli di corallo nella Grande Barriera Corallina World Heritage
Area. La maggior parte delle isole e isolotti sono al di fuori della Grande Barriera Corallina Marine Park e molti sono Queensland
parchi nazionali. La gestione è in primo luogo il ruolo del Queensland Parks and Wildlife Service (QPWS) attraverso il giorno per
giorno programma di gestione .

• Isola Flora
• Isola Fauna

74
HDA6 9 ADG6

• Conoscenza
• Stato di conservazione
• minacce correlate umani
• Azioni

8 dQS kO
• Il Australian Plant Name Index (APNI), dal Centro per la biodiversità vegetale Ricerca e Australian National
Botanic Garderns , È una lista di tutti i nomi pubblicati di piante vascolari australiani ed i loro dettagli
bibliografici e tipizzazione.
• Le famiglie di piante fiorite in Australia : Un'identificazione Guida interattiva (Revised Edition) è un pacchetto di
identificazione e di informazione per tutte le famiglie di piante, autoctone e naturalizzate, in Australia.

• Fare riferimento a p.193-194 di Il valore universale eccezionale della zona di Grande Barriera Corallina Patrimonio (Lucas
et al. 1997) per le sintesi relative alla Grande Barriera Corallina:
• 2195 specie vegetali conosciute sulle isole continentali; tre endemica
• Alcune isole continentali rappresentano località tipo per collezioni botaniche
• 300-350 specie conosciute sulla banchi di corallo nel nord della Grande barriera corallina - due endemica; ~ 120
specie nel sud del Grande barriera corallina
• Area Whitsundays la regione più diversi (1141 specie vegetali registrato)
• limite meridionale di distribuzione a livello mondiale per un certo numero di specie pantropical (ad esempio, Pisonia grandis trovato a
Lady Elliot Island)

• cambia la composizione delle specie da altre piante legnose del nord per le piante erbacee più
a sud.
• Uccelli importanti nella dispersione di alcune specie sui banchi di corallo e isole continentali.

• Consultare anche le pagine 29-30 del Stato dello Spazio Grande Barriera Corallina Patrimonio 1998
(Wachenfeld 1998).

HeOe RW Q dScgOkW S
• Più di 70 Grande barriera corallina specie vegetali dell'isola sono elencati come rare o minacciate secondo la
legislazione del Queensland e del Commonwealth e nel IUCN Red Data Book
(Tabella 3).

JZO W cSYOeWgS ZW OQQS


• sviluppo costiero
• regimi fuoco controllato (ad esempio patch di residuo della Hoop Pino su Lizard Island; Lucas et al.
1997 )
• specie vegetali introdotte: il 15% delle specie presenti nel nord della Grande Barriera Corallina, il 55% nel sud Grande
Barriera Corallina ( Wachenfeld 1998 ).
• Inquinamento

• Turismo

6kW W
• Queensland Parchi e Servizio Wildife sono responsabili della giorno per giorno la gestione di Island National Parks
nella Grande Barriera Corallina World Heritage Area (GBRWHA)

75
• Conservazione Species Programme del GBRMPA mantiene un diritto di esame sulle informazioni pubblicate su
flora terrestre GBRWHA e lavora con l'unità di gestione giorno per giorno.

76
HDA6 9 6JC6

• Conoscenza
• Stato di conservazione
• minacce correlate umani
• Azioni

8 dQS kO
• Il Faunistica Directory australiano del Australian Biological Resources Study (ABRS) funge da fonte di informazioni
tassonomiche e biologiche su tutte le specie conosciute a verificarsi in Australia. Fare riferimento alle tabelle dal
titolo 'I numeri stimati della fauna australiana' e 'Dettagli di taxa Databased'.

• Fare riferimento a Il valore universale eccezionale della zona di Grande Barriera Corallina Patrimonio
(Lucas et al. 1997) come segue per riepiloghi relativi alla Grande Barriera Corallina:
• 6 TWPW5 Almeno sette specie di rane sono conosciute dalla Grande Barriera Corallina World Heritage Area
(GBRWHA), anche se il numero reale è probabilmente superiore.
• OcTOYYS p.121): 118 specie nelle GBRWHA- 2 sottospecie endemica; questo rappresenta il 30% delle specie
conosciute in Australia; verificano parecchie specie rare o poco conosciute.

• 6YecW W gSceSPcOeW Mather e Bennett 1993): Gli studi hanno trovato gli invertebrati sui banchi di corallo
Grande barriera corallina e le isole continentali sono: pseudoscorpioni, acari, ragni, millepiedi, isopodi e 36
famiglie di insetti in dieci ordini. Tuttavia molti taxa non sono stati identificati e ci sono state alcune indagini
sistematiche.
• ZOZZWTScW5 Proserpina petrogale ( Petrogale persephone) ( p.182). Conosciuto solo dalla zona di
Proserpine e alcune isole al largo del Whitsundays. Queensland Parks and Service Wildife (QPWS)
hanno studiato l'petrogale Proserpina per diversi anni. koala ( Phascolarctos cinereus), echidnas, opossum,
topi d'acqua e volpi volanti sono noti anche da isole GBRWHA.

• cSeeWYW p.124, Mather e Bennett 1993): specie Nove serpente e lucertola 31 sono conosciuti dalle isole / isolotti della
GBRWHA; ricchezza di specie diminuisce con l'aumentare della latitudine e all'aumentare della distanza dalla terraferma.
specie di serpente includono: amethystine python ( Morelia amethistina), vipera della morte ( Acanthophis sp.), un serpente
cieco ( Ramphotyphlops polygrammicus), due serpenti albero (Brown albero di serpente - irregularis Boiga,

albero serpente comune - Dendrelaphis punctulata), ardesia grigio-serpente ( Stegonotus cucullatus),


faccia gialla biacco ( Demansia Psammophis), biacco dal collare ( D. torquata),
capo marrone serpente ( Furina tristis) ed un undescribed Cacophis sp. Lucertole includono sei specie di gecko,
una lucertola senza gambe, due goannas e 22 specie di scinchi. Tuttavia molti taxa non sono stati identificati e
ci sono state alcune indagini sistematiche.

• Vedi anche pagina 57, di Stato dello Spazio Grande Barriera Corallina Patrimonio 1998
(Wachenfeld 1998).

HeOe RW Q dScgOkW S
• Tabella 1

• Tabella 3

77
JZO W cSYOeWgS ZW OQQS
• sviluppo costiero
• Specie invasive
• Inquinamento

• Turismo

6kW W
• Queensland Parchi e Servizio Wildife sono responsabili della gestione giorno per giorno di isola Parchi nazionali nel
GBRWHA.
• Conservazione Species Programme dell'Autorità Grande Barriera Corallina Parco Marino mantiene un diritto di esame
sulle informazioni pubblicate su GBRWHA fauna dell'isola e lavora con l'unità di gestione giorno per giorno.

• Proserpine wallaby delle rocce allevati in cattività da QPWS a Townsville sono stati dal 1998 pubblicato con successo su
Hayman Island (come parte del loro piano di recupero), dove l'allevamento ha continuato. Ulteriori azioni del piano di
ricostituzione comprendono la mappatura degli habitat e la protezione, riflettori sul ciglio della strada e il monitoraggio dei siti di
colonia. Il piano di ricostituzione per Proserpina petrogale è disponibile sul seguente sito web:

http://www.epa.qld.gov.au/

78
I67:AA6 ,* daSQWS ZW OQQWOeS dQ dQWfeO SYYO cO RS 7OccWScO 8 cOYYW O E6IG BDC D
BDC9 6A: 6G:6 : SYS QOeW d ee YO 8 gS kW S RW 7 D 8 I:H 688DG9D W QYfRS CDI:

disconoscimento Mentre ogni tentativo è stato fatto per includere specie Grande barriera corallina che sono elencati in base alla Convenzione di
Bonn o CITES accordo, per la certezza dovrebbero essere esaminati i documenti di origine originali.

8 gS kW S RW 7 8 I:H
C ZS Q Zf S C ZS dQWS eWTWQ 6aaYWQOkW W BW ' 6aa '' 6aaYWQOkW W BW 6aa

GSeeWYS
tartaruga Flatback Natator depressus X
tartaruga verde Chelonia mydas X X X
tartaruga embricata Eretmochelys imbricata X X X
tartaruga liuto Dermochelys coriacea X X X
tartaruga Caretta caretta X X X
Tartarughe marine Olive Ridley Lepidochelys olivacea X X X
coccodrillo Crocodylus porosus X X
coccodrillo d'acqua dolce Crocodylus johnstoni X
YW fQQSYYW ZOcW W

Albatross testa grigia Dionedea chrysostoma X


fraticello Sterna albifrons X
albatros fuligginoso Phoebetria fusca X
Southern petrel gigante Macronectes giganteus X
albatro urlatore exulans Diomedea X
BOZZWTScW ZOcW W
arctocephalus tropicalis Arctocephalus tropicalis X
Dugongo Dugong dugon X X
Balena Blu Balaenoptera musculus X X
Delfino tursiope Tursiops truncatus X
balena del Bryde Balaenoptera edeni X X
zifio cavirostris Ziphius X
Nano capodoglio Kogia simus X
False killer whale crassidens Pseudorca X
Balenottera comune Balaenoptera physalus X X X
delfino di Fraser Lagenodelphis Hosei X
Megattera Megaptera novaeangliae X X
Indo-Pacifico delfino a schiena Sousa chinensis X X
d'asino
delfino Irrawaddy Orcaella brevirostris X X
Killer whale (orca) Orcinus orca X
Pinne lunghe globicefalo Globicephala melas X
ziphiidae di Longman Indopacetus pacificus X
Peponocephala Electra Peponocephala electra X
Minke whale Balaenoptera acutorostrata X
Stenella attenuata Stenella attenuata X

Pigmeo killer whale Feresa attenuata X


Pigmeo capodoglio breviceps Kogia X
grampo Grampus griseus X
Sei balena Balaenoptera borealis X X X
Delphinus delphis Delphinus delphis X

Globicephala macrorhynchus Globicephala macrorhynchus X


Capodoglio Physeter macrocephalus X X X

79
8 gS kW S RW 7 8 I:H
C ZS Q Zf S C ZS dQWS eWTWQ 6aaYWQOkW W BW ' 6aa '' OaaYWQOkW W BW 6aa

Stenella Stenella longirostris X


stenella striata Stenella coeruleoalba X

HbfOYW( cOkkS
Squalo balena Rhincodon typus X X
Grande squalo bianco Carcharias carcharas X X
ESdQS

Maori wrass Cheilinus undulatus X


QOgOYYfQQW ZOcW W

Hippocampus spp. X
ZOcW S gSceSPcOeW
Hippopus hippopus X
Tridacna crocea X
Tridacna derasa X
Tridacna gigas X
Tridacna maxima X
Tridacna squamosa X
coralli duri X
d YO Of O X1
otarda australiano australis Ardeotis X
Hobby australiano Falco longipennis X
gheppio australiano cenchroides Falco X
Australiano mascherato-owl Tyto novaehollandiae X
barbagianni Tyto alba X
Nibbio bruno spalle Elanus axillaris X
Brahminy Kite Haliastur Indus X
Brolga grus rubicunda X
Brown falcon Falco berigora X
astore Brown Acciptiter fasciatus X
Farfalla Danao plexippus X
gray falcon hypoleucos Falco X
astore Grey Accipiter novaehollandiae X
l'aquila del Gurney Aquila gurneyi X
riflebird magnifico Ptiloris magnificus X
Falco pescatore Pandion haliaetus X X
Pacific Baza aviceda subcristata X
Falco pellegrino Falco peregrinus X
Arcobaleno lorikeet Trichoglossus haematodus X
Rastern erba-owl Tyto capensis X
Calyptorhynchus banksii Calyptorhynchus banksii X
gufo Rufous Ninox rufa X
boobook Southern Ninox novaeseelandiae X
zolfo crestato Cockatoo Cacatua galerita X
Swamp Harrier approximans Circo X
Tromba manucode Manucodia keraudrenii X
riflebird di Victoria Ptiloris victoriae X
Aquila Audax Aquila audax X
Whistling aquilone Haliastur sphenurus X
Bianco- Poiana dagli occhi Butastur Teesa X
1 Appendice III - CITES: airone guardabuoi ( Ardea ibis), airone bianco ( Ardea alba), garzetta ( Egretta garzetta)

80
Appendice I * della Convenzione di Bonn elenca le specie migratorie che sono in pericolo. Appendice II elenca ** specie migratorie che
hanno uno status di conservazione sfavorevole e che necessitano di accordi internazionali per la loro conservazione e gestione, così come
quelli che hanno uno stato di conservazione che potrebbero beneficiare in modo significativo dalla cooperazione e accordi internazionali.

Specie elencate nell'appendice I della CITES includono quelli in via di estinzione che sono o possono essere interessati dallo scambio. Il
commercio di esemplari di tali specie è soggetta alle particolarmente rigorosa regolamentazione al fine di non mettere in pericolo ulteriormente la
loro sopravvivenza e può essere autorizzato solo in casi eccezionali. Specie elencate nell'appendice II includono: (a) specie che, anche se non
necessariamente ora minacciate di estinzione, possono diventare quindi a meno che il commercio di esemplari di tali specie è soggetta a una
rigorosa regolamentazione al fine di evitare uno sfruttamento incompatibile con la loro sopravvivenza; e (b) altre specie che devono essere soggetti
a regolamentazione per il commercio di esemplari di talune specie di cui al punto (a) del presente paragrafo possono essere portati sotto controllo
efficace.

81
IOPSYYO -* J88:AA dQ dQWfeO SYYO cO RS 7OccWScO 8 cOYYW O E6IG BDC D BDC9 6A: 6G:6
: SYS QOeW d ee Y#688DG9 OZPO : 8OZPO

disconoscimento Mentre ogni tentativo è stato fatto per includere specie Grande barriera corallina che sono elencati in base agli accordi
Jamba e Camba, per la certezza dovrebbero essere esaminati i documenti di origine originali.

HaSQWS C ZS dQWS eWTWQ 6B76 86B76


Asiatic sterna comune Sterna hirundo X X
Limosa Lapponica Limosa lapponica X X
mignattino Chlidonias niger X
Sterna Sumatrana Sterna sumatrana X X
pittima reale Limosa limosa X X
onychoprion anaethetus Sterna anaethetus X
Brown booby Sula leucogaster X X
piviere Caspian charadrius asiaticus X
sterna Caspian Sterna caspia X
airone guardabuoi Ardea ibis X X
Noddy Comune Anous stolidus X X
Piro piro hypoleucos Actitus X X
Tern Crested Sterna bergii X
Sandpiper Curlew Calidris ferruginea X X
chiurlo orientale Numenius madagascariensis X X
garzetta reef orientale Egretta sacra X
Shearwater carnosa zampe carneipes puffinus X
mignattaio Plegadis falcinellus X
grande egret Ardea alba X
grande nodo Calidris tenuirostris X X
Grande frigatebird minore fregata X X
Maggiore dotterel sabbia charadrius leschenaultii X X
Greenshank Tringa nebularia X X
pivieressa Pluvialis squatarola X X
Tringa brevipes brevipes Heteroscelus X X
Thalasseus bengalensis Sterna bengalensis X
Fregata Ariel Fregata ariel X X
Lesser piviere dorato Pluvialis dominica X X
Minore plover sabbia charadrius mongolus X X
poco Curlew Numenius minutus X X
fraticello Sterna albifrons X X
Marsh Sandpiper Tringa stagnatillis X X
Booby mascherato Sula dactylatra X
cuculo orientale Cuculus saturatus X X
GALLINAGO STENURA gallinago stenura X
nodo Rosso Calidris canutus X X
sula sula Sula sula X X
stint dal collo rosso Calidris ruficollis X X
Voltapietre Arenaria interpres X X
Sanderling Calidris alba X X
Calidris acuminata Calidris acuminata X X

82
HaSQWS C ZS dQWS eWTWQ 6B76 86B76
snipe dello Swinhoe gallinago Megala X
Terek Sandpiper Xenus cinereus X X
Wandering tattler brevipes Heteroscelus X
PUFFINUS PACIFICUS puffinus pacificus X
Whimbrel Numenius phaeopus X X
airone bianco Egretta alba X
Haliaeetus leucogaster Haliaeetus leucogaster X
Tropicbird dalla coda bianca Phaethon lepturus X X
hirundapus hirundapus caudacutus X X
caudacutus
Alibianche sterna nera Chlidonias leucopterus X X
uccello delle tempeste di Wilson Oceanites oceanicus X
Sandpiper di legno Tringa glareola X X

83
Dugong
Mesoplodon
dugon
cavirostris
Balaenoptera
densirostris
tronca
Ziphius
Balaenoptera
Tursiops
edeni exulans
musculus
Macronectes
Diomedea
Phoebetria
Phaethon
giganteus
Macronectes
fusca
rubricauda
Sterna
Pterodroma
albifrons
Halli
Dionedea
Heraldica
chrysostoma
Crocodylus
Lepidochelys
Caretta
porosus
Dermochelys
caretta
olivacea
Eretmochelys
Chelonia
coriacea
Natator
imbricata
mydas
depressus C ZS dQWS eWTWQ

AO
In pericolo critico

cSafPPYWQO
In via di estinzione
Vulnerabile di estinzione
In viaVulnerabileVulnerabile Vulnerabile In viaIn
di via di estinzione
estinzione
Vulnerabile Vulnerabile
VulnerabileVulnerabile

lma lma lma


NS NS NS NS NS ac eSkW S

di responsabilità. Mentre ogni tentativo è stato fatt

RSYY#OZPWS eS S RSYYO PW RWgScdWel 6Qe ,444

FfSS dYO R

Vulnerabile VulnerabileIn viaIn estinzione


di via di estinzione In viaIn
Vulnerabile di via
estinzione
In estinzione
di via di estinzione
VulnerabileVulnerabile
Vulnerabile
ComuneComune
Comune
Comune
Comune Comune Comune Comune
Comune Comune

8 dScgOkW S

RSYYO COefcO TOf O dSYgOeWQO Y cSU YOZS e ,44

Pericolo

9OeW
Vulnerabile In Vulnerabile In In In In AO .* daSQWS ZW OQQWOeS dQ
LR
DD balena
ziphiidae
balena NS NS NS Tropicbird
NS NS NS DD L cYR

8 dScgOeW J W J8C

85
Dasyatis
Psudocarcharias
fluviorum
Carcharhinus
Brachaelurus
Carcharinus
kamoharai
limbatus
Taeniura
colcloughi
Hypogaleus
leucas
lymma
Dalatias
Orectolobus
hyugaensis
lichaI Rhincodon
ornatus
Arctocephalus
Stenella
typusMesoplodon
coeruleoalba
tropicalis
Stenella
Physeter
layardii
longirostris
Globicephala
macrocephalus
Balaenoptera
bredanensis
macrorhynchus
Grampus
borealis
Feresa
Steno
griseus
Stenella
attenuata
Balaenoptera
attenuata
pacificus
Orcinus
acutorostrata
Mesoplodon
Orcaella
orca brevirostris
SousaMegaptera
chinensis
Lagenodelphis
Balaenoptera
novaeangliae
Hosei C ZS dQWS eWTWQ
physalus

Indo-Pacifico
AO

cSafPPYWQO

Vulnerabile
Vulnerabile Vulnerabile VulnerabileVulnerabile

NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS ac eSkW S

RSYY#OZPWS eS S RSYYO PW RWgScdWel 6Qe ,444

FfSS dYO R

Vulnerabile
Comune
Comune Comune
Comune Comune Comune
Comune Comune
Comune Comune
Comune Comune
Comune ComuneComune
Raro Raro
NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS 8 dScgOkW S

RSYYO COefcO TOf O dSYgOeWQO Y cSU YO

GSR 9OeO 7
Vulnerabile VulnerabileIn VulnerabileIn AO
LR (nt)
LR LR LR LR LR LR LR LR LR LR
squalo DD squalo NS squalo delfino DD delfino
delfino DD DD DD DD L cYR

8 dScgOeW J W J8C

86
Epinephelus
Cromileptes
Epinephelus
daemelii
altivelis
Hippocampus
ergastularius
doryrhamphus
Syngnathoides
bargibanti
Hippocampus
dactyliophorus
Hippocampus
biaculeatus
Hippocampus
whitei
Hippicampus
trimaculatus
Hippocampus
kuda
Solegnathus
angustus
Solegnathus
spinossissimus
hardwickii
Triaenodon
dunckeri
Rhynchobatus
Rhincodon
obesus
Galeocerdo
djiddensis
Aetobatus
typusbrevipinnas
cuvier
sfalciformis
narinari
Isurus
Carcharinu
Sphyrna
Carcharinu
oxyrinchus
Carcharhinus
lewini
Urogymnus
Manta
plumbeus
amblyrhynchos
Asperrimus
birostris
carcharias
carcharias
Carcharinus
Sphyrna
Tauruscarcharias
mokarran C ZS dQWS eWTWQ

AO
In pericolo critico

cSafPPYWQO

Vulnerabile

lma lma lma lma lma lma lma lma lma lma
NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS ac eSkW S

RSYY#OZPWS eS S RSYYO PW RWgScdWel 6Qe ,444

FfSS dYO R

NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS 8 dScgOkW S

RSYYO COefcO TOf O dSYgOeWQO Y cSU YO

GSR 9OeO 7
Vulnerabile Vulnerabile
Vulnerabile
Vulnerabile
Vulnerabili
Vulnerabile
Vulnerabile
Vulnerabile Vulnerabile
Vulnerabile AO
LR LR (lc)
LR LR LR LR LR LR LR LR LR LR LR LR
DD DD DD DD DD L cYR

8 dScgOeW J W J8C

87
Epthianura crocea
Collocalia Haematopus
Casuariusmacgregori
NinoxTadorna
rufa
spodiopygius fuliginosus
casuarius Petrogale
Radjah persephone
Heteromyias
pettorale Accipiter
Rallus albispecularis
novaehollandiae
Numemius
hypoleucosColluricincla
Falco madagascariensis
boweri
Erythrura esacus neglectus
Ephipporhynchus
trichroa Xiphias
Halophryne
gladius
asiaticus Epinephelus
Epinephelus
queenslandiae
Epinephelus
lanceolatus
Ogilbynia
cyanopodus
Epinephelus
tukula
novaehollandiae
Bolbometopon
Cheilinus
malabaricus
Epinephelus
muricaturn
undulatus
Epinephelus
coioides
tauvina
Epinephelus
fuscoguttatus
Epinephelus C ZS dQWS eWTWQ
polyphedakion

AO
In pericolo critico

cSafPPYWQO
In via di estinzione In via di estinzione

lma lma lma lma lma lma lma lma lma lma lma lma lma
NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS ac eSkW S

RSYY#OZPWS eS S RSYYO PW RWgScdWel 6Qe ,444

FfSS dYO R

In via di estinzione
VulnerabileIn via di estinzione Vulnerabile
Vulnerabile
Comune Comune
Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro
NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS 8 dScgOkW S

RSYYO COefcO TOf O dSYgOeWQO Y cSU YO

GSR 9OeO 7
Vulnerabile In Vulnerabile AO
LR (nt) LR LR LR LR LR LR LR LR LR LR LR LR LR
NS cassowary
NS NS NS robin Averla-Tordo
NS cicogna DD DD DD L cYR

8 dScgOeW J W J8C

88
Crotone
Corchorus
magneticus
Comesperma
Combretum
hygrophilus
Cleistanthus
praecelsum
Cerbera
trifoliatum
Cerbera
myrtianthus
inflatadumicola
Cassia
Cassia queenslandica
Capparis
mangoides
Brachychiton
Bonamia
Buchanania
Berrya
Compactus
dietichiana
banksia
rotundifolia
Austromyrtus
plagiocarpa
Austromyrtus
Atalaya
pubiflora
Aristolochia
rigida
lucida
Arenga
Archidendron
chalmersii
australasica
Aphyllorchis
pallidiflorus
hirsutum
Albizia
queenslandica
Actephilasubsp.
Amaranthus
retusa
Acmenosperma
sessilifolia
Acaciaretusa
Acacia
polyadenia
Acacia
pringlei
jackesiana
homaloclada C ZS dQWS eWTWQ

sp. (Gloucester
sp. (Paluma Gamma Island,
G., Sankoswky Batianoff 920.912)
+ 450)

AO

cSafPPYWQO

Vulnerabile Vulnerabile

NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS ac eSkW S

RSYY#OZPWS eS S RSYYO PW RWgScdWel 6Qe ,444

FfSS dYO R

Vulnerabile Vulnerabile

Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro
8 dScgOkW S

RSYYO COefcO TOf O dSYgOeWQO Y cSU YO

GSR 9OeO 7
Vulnerabile AO

Raro Raro Raro Raro Raro Australiana Raro Raro Raro Raro Raro
NS NS NS NS NS NS NS NS Rae Raro Raro Raro NS NS NS NS NS L cYR

8 dScgOeW J W J8C

89
Psychotria
Peristylus
Peripleura
coelospermum
banfieldii
Ozothamnus
Omphalea
scabra
myrmecodia
Eriocephalus
Muellerargia
Celata
Macropteranthes
beccarii
Macaranga
timorensis
Livistona
Leucopogon
polyadenia
fitzalanii
drudei
Larsenaikia
Kunzea
cuspidatus
Ipomoea
jardinei
graniticola
Huperzia
saintronanensis
Habenaria
phlegmaria
Habenaria
Gymnostoma
xanthantha
gymnema
divaricata
Grewia
australianum
brevifolium
Gahnia
graniticola
Eucalyptus
insignis
Elaeocarpus
Ehretia
xanthope
Drosera
grahamii
carolinae
littoralis
adelae
Dipodium
Dischidia
campane
ensifolium
Dendrobium
Didymoplexus
Johannis
blechnoides
phalaenopsis
Dendrobium C ZS dQWS eWTWQ
pallenscrystal
Ctenopteris

AO

cSafPPYWQO

Vulnerabile
Vulnerabile
Vulnerabile Vulnerabile Vulnerabile Vulnerabile Vulnerabile
Vulnerabile
Vulnerabile

NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS ac eSkW S

RSYY#OZPWS eS S RSYYO PW RWgScdWel 6Qe ,444

FfSS dYO R

Vulnerabile
VulnerabileIn via di estinzione
Vulnerabile VulnerabileVulnerabile
Vulnerabile In via di estinzione
Vulnerabile Vulnerabile Vulnerabile Vulnerabile
Vulnerabile

Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro
8 dScgOkW S

RSYYO COefcO TOf O dSYgOeWQO Y cSU YO

GSR 9OeO 7
Vulnerabile Vulnerabile
Vulnerabile In via di estinzione
Vulnerabile Vulnerabile Vulnerabile
Vulnerabile AO

Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro


NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS L cYR

8 dScgOeW J W J8C

90
Xylosma
Wrightia
ovatum
Tinospora
versicolor
Tiliacora Fell
angusta 1224)
GD australiana
Tetramolopium
Tephrosia sp.
Syzygium (Mt Bowen,
savannicola
Stenocarpus
alatoramulum
Stackhousia
Spathoglottis
cryptocarpus
Solanum
tryonii
Rhodamnia
plicata
sporadotrichum
Quassia
Psychotria
pauciovulata
bidwillii lorentzii C ZS dQWS eWTWQ

AO

cSafPPYWQO

Vulnerabile Vulnerabile

NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS NS ac eSkW S

RSYY#OZPWS eS S RSYYO PW RWgScdWel 6Qe ,444

FfSS dYO R

Vulnerabile

Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro
8 dScgOkW S

RSYYO COefcO TOf O dSYgOeWQO Y cSU YO

GSR 9OeO 7
AO

Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro Raro


NS NS NS NS NS L cYR

8 dScgOeW J W J8C

91
I67:AA6 8DCH:GK6N DC: dfUUScWe RO ED DCDH :I 6A* - - E:G HMC C6I 9H
IGDK6ID C:A G6C9: 76GG :G6 8DG6AA C6
Esclusione di responsabilità. Lo stato di conservazione è secondo categorie e criteri IUCN.

C ZS Q Zf S C ZS dQWS eWTWQ HeOe


pipefish banded doryrhamphus dactyliophorus Rischio più basso, almeno preoccupazione

Low-corona cavalluccio marino Hippocampus dahli Rischio più basso, quasi a rischio
cavalluccio marino alato Hippocampus alatus carente di dati
cavalluccio marino Gorgonian Hippocampus bargibanti carente di dati
cavalluccio marino spinosa Orientale Hippocampus hendriki carente di dati
cavalluccio marino Highcrown Hippocampus procerus carente di dati
Queensland cavalluccio marino Hippocampus queenslandicus carente di dati
cavalluccio marino comune Hippocampus taeniopterus carente di dati
Zebra cavalluccio marino Hippocampus zebra carente di dati
pipefish di Duncker Solegnathus dunckeri carente di dati
pipefish pallid Solegnathus hardwickii carente di dati
Alligator pipefish Syngnathoides biaculeatus carente di dati

93
I67:AA6 0 8DCH:GK6N DC: dfUUScWe RO ED DCDH :I 6A* - - E:G dbfOYW S cOkkS
IGDK6ID C:AA6 G6C9: 76GG :G6 8DG6AA C6
Esclusione di responsabilità. Lo stato di conservazione è secondo categorie e criteri IUCN.

C ZS Q Zf S C ZS dQWS eWTWQ HeOe


infermiere squali grigio Carcharias taurus In via di estinzione

Grande squalo bianco carcharias carcharias Vulnerabile


squalo di Colclough Brachaelurus colcloughi Vulnerabile
squalo coccodrillo Pseudocarcharias kamoharai Minor rischio - almeno preoccupazione

mako Isurus oxyrinchus Minor rischio - almeno preoccupazione

Blacktip Topeshark Hypogaleus hyagaensis Minor rischio - almeno preoccupazione

squalo grigio scogliera amblyrhyncos Carcharhinus Minor rischio - almeno preoccupazione

squalo Spinner carcharias brevipinna Minor rischio - almeno preoccupazione

squalo seta Carcharias falciformis Minor rischio - almeno preoccupazione

Squalo toro Carcharias leucas Minor rischio - almeno preoccupazione

squalo tigre Galeocerdo cuvier Minor rischio - almeno preoccupazione

squalo pinna bianca Triaenodon obesus Minor rischio - almeno preoccupazione

martello smerlato Sphyrna lewini Minor rischio - almeno preoccupazione

grande Hammerhead Sphyrna mokarran Minor rischio - almeno preoccupazione

Whitespot Giant Guitarfish Rhynchobatus djiddensis Minor rischio - almeno preoccupazione

ray Bluespotted ribbontail Taeniura lymna Minor rischio - almeno preoccupazione

raggio di aquila chiazzato Aetobatus narinari Minor rischio - almeno preoccupazione

manta Manta birostris Minor rischio - almeno preoccupazione

estuario Stingray Dasyatis fluviorum Basso rischio nei pressi minacciato

ray Porcupine Urogymnus Asperrimus Basso rischio nei pressi minacciato

squalo grigio Carcharhinus plumbeus Minor rischio - quasi a rischio


baleniera nero Carcharhinus obscurus Minor rischio - quasi a rischio
wobbegong banded Orectolobus ornatus carente di dati
Squalo balena Rhincodon typus carente di dati
squalo di Blacktip Carcharhinus limbatus carente di dati
squalo Gulper Centrophorus granulosus carente di dati
Black Shark Dalatias Licha carente di dati

94
I67:AA6 1 8DCH:GK6N DC: dfUUScWe RO ED DCDH :I 6A* - - E:G aSdQS ddS
IGDK6ID C:AA6 G6C9: 76GG :G6 8DG6AA C6
Esclusione di responsabilità. Lo stato di conservazione è secondo categorie e criteri IUCN.

C ZS Q Zf S C ZS dQWS eWTWQ HeOe


sawfish d'acqua dolce Pristis microdon In pericolo critico
sawfish Nano Pristis clavata In via di estinzione

Narrow sawfish Anoxypristis cuspidata Vulnerabile


rockcod nero Epinephelus daemelii Vulnerabile
Barramundi cod Cromileptes altivelis Rischio più basso, conservazione dipendente

Queensland cernia Epinephelus lanceolatus Rischio più basso, conservazione dipendente

Potato merluzzo Epinephelus tukula Rischio più basso, conservazione dipendente

Cheilinus wrasse maori Cheilinus undulatus Rischio più basso, conservazione dipendente

frogfish scolpiti Halophryne queenslandiae Rischio più basso, quasi a rischio


estuario cod coioides Epinephelus Rischio più basso, almeno preoccupazione

Viola rockcod Epinephelus cyanopodus Rischio più basso, almeno preoccupazione

multicolore dottyback Ogilbyina novaehollandiae Rischio più basso, almeno preoccupazione

fiorito cod Epinephelus fuscoguttatus Rischio più basso, almeno preoccupazione

Malabar cernia Epinephelus malabaricus Rischio più basso, almeno preoccupazione

Camouflage cod Epinephelus polyphekadion Rischio più basso, almeno preoccupazione

Greasy cod Epinephelus tauvina Rischio più basso, almeno preoccupazione

pappagallo Humpheaded Bolbometopon muricatum carente di dati


Bar rockcod Epinephelus ergastularius carente di dati
Pesce spada Xiphias gladius carente di dati

95
I67:AA6 2* # KJAC:G67 A: #B6G C: ZOQc OYUVS C:AA6 76GG :G6 8DG6AA C6 G6C9: 8DB:
RScWgOe RO f C6N DC6A: 9 K6AJI6N DC: 8 :H G: :I 6A*
-

OZWUYWO C ZS dQWS eWTWQ dSRW W GO US E dWkW W SY 7GL 6


6fdecOYWO
Z
Divisione: Chlorophyta

Udoteaceae Avrainvillea ridleyi 2 1793 Capricornia

Cladophoraceae Cladophorella calcicola 4 1224 Capricornia, Hinchinbrook


Isola
Halimedaceae Halimeda magnidisca 2 967 Heron Island, Green Island

Cladophoraceae Rhizoclonium capillare 5 1392 Capricornia, Townsville,


Hinchinbrook Island, Cape Tribulation

Divisione: Heterokontophyta; Classe Phaeophyceae Dictyotaceae


Dictyopteris crassinervia 4 2074 Keswick Isola
Dictyotaceae Dictyota bifurca 2 2178 Port Denison
Ralfsiaceae Mesopora schmidtii 2 808 Capricornia, Hinchinbrook
Isola
Dictyotaceae Padina tetrastromatica 4 1866 Townsville, Hinchinbrook
Isola, Cooktown
Divisione: Rhodophyta
Areschougiaceae eucheuma sonderi 2 968 Dunk Island
Ceramiaceae grandis Balliella 5 1166 One Tree Island, Heron
Isola, Isola del Nord Ovest, Wistari
Reef
Ceramiaceae Gymnophycus hapsiphorus 2 1124 One Isola Albero

Ceramiaceae Rhipidothamnion secundum 3 1759 One Isola Albero

Ceramiaceae Seirospora orientalis 3 3848 One Isola Albero

Corallinaceae Amphiroa crassa 3 2589 Lady Elliot Isalnd, Lizard


Isola
Dumontiaceae Dudresnaya Capricornia 4 4333 One Isola Albero

Halymeniaceae Cryptonemia caliculata 2 1716 Heron Island

Halymeniaceae Halymenia lacerata 2 558 Cape York

Halymeniaceae Thamnoclonium tissotii 2 922 Dunk Island

Hypneaceae Hypnea rugulosa 2 1561 Port Denison

Rhodomelaceae Bostrychia binderi 4 2088 Townsville, Hinchinbrook


Isola, Cooktown
Rhodomelaceae Laurencia moretonensis 3 1224 Palla Bay, Hinchinbrook
Isola
Rhodomelaceae Laurencia pinnatifida 2 1222 Cape Upstart

Rhodomelaceae Melanamansia daemelii 2 2455 Cape York

Rhodomelaceae Polysiphonia opaca 2 907 Cannonvale

Rhodymeniaceae Gelidiopsis acrocarpa 3 1443 Port Denison, Cape York

Affinity Uncertain Dicranemarosaliae 2 1833 Townsville

96
I67:AA6 3* # KJAC:G67 A Q f O UOZZO cWdecSeeO #B6G C: ZOQc OYUVS C:AA6 76GG :G6
8DG6AA C6 G6C9: 8DB: RScWgOe RO f C6N DC6A: 9 K6AJI6N DC: 8 :H G: :I 6A* -

OZWUYWO C ZS dQWS eWTWQ dSRW W GO US E dWkW W SY


6fdecOYWO
Z 7GL 6
Divisione: Rhodoph YTA Cladophoraceae Cladophora
aokii 2 266 Hinchinbrook Island,
Cape Tribulation
Udoteaceae Rhipiliopsis echinocaulis 2 392 Heron Island
Divisione: Rhodoph YTA Rhodomelaceae Chondria
rainfordii 2 117 Townsville, Hinchinbrook Island

Rhodymeniaceae Gelidiopsis scoparia 3 189 Townsville, Magnetic Island,


Nord Barnard Isola

Gelidiaceae Gelidium Crinale var perpusillum 2 117 Townsville, Hinchinbrook Island

Gracilariaceae purpurascens Gracilaria 3 117 Townsville, Magnetic Island,


Isola di Hinchinbrook

Gracilariaceae Gracilaria rhodotricha 2 116 Townsville, Britomarti Reef

Corallinaceae Mesophyllum mesomorphum 4 55 Lady Elliot Island


Corallinaceae Neogoniolithon laccadavicum 2 191 Low Island, Lizard Island
Sebdeniaceae Sebdenia ceylanica 3 280 Port Denison, isola Brampton, Port
Bowen

97