Sei sulla pagina 1di 1326

MECCATRONICA

Moduli 1 - 4
conoscenze fondamentali
competenze interculturale,
gestione del progetto
tecnica pneumatica
azionamenti elettrici e
controlli automatici

Manuale
(concetto)

Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di


personale esperto nella produzione industriale globalizzata

Progetto UE no. 2005-146319 „Minos“, durata dal 2005 al 2007


Progetto UE no. DE/08/LLP-LdV/TOI/147110 „MINOS++“, durata dal 2008
al 2010

Il presente progetto è finanziato con il


sostegno della Commissione europea.
L´autore è il solo responsabile di questa
pubblicazione (comunicazione) e la
Commissione declina ogni responsabilità
sull´uso che potrà essere fatto delle
informazioni in essa contenute.

www.minos-mechatronic.eu
Partners per la creazione, valutazione e diffusione dei progetti
MINOS e MINOS**.

- Chemnitz University of Technology, Institute for Machine


Tools and Production Processes, Germany
- np – neugebauer und partner OhG, Germany
- Henschke Consulting, Germany
- Corvinus University of Budapest, Hungary
- Wroclaw University of Technology, Poland
- IMH, Machine Tool Institute, Spain
- Brno University of Technology, Czech Republic
- CICmargune, Spain
- University of Naples Federico II, Italy
- Unis a.s. company, Czech Republic
- Blumenbecker Prag s.r.o., Czech Republic
- Tower Automotive Sud S.r.l., Italy
- Bildungs-Werkstatt Chemnitz gGmbH, Germany
- Verbundinitiative Maschinenbau Sachsen VEMAS, Germany
- Euroregionala IHK, Poland
- Korff Isomatic sp.z.o.o. Wroclaw, Polen
- Euroregionale Industrie- und Handelskammer Jelenia Gora,
Poland
- Dunaferr Metallwerke Dunajvaros, Hungary
- Knorr-Bremse Kft. Kecskemet, Hungary
- Nationales Institut für berufliche Bildung Budapest, Hungary
- Christian Stöhr Unternehmensberatung, Germany
- Universität Stockholm, Institut für Soziologie, Sweden

Articolazione del materiale didattico

Minos : moduli 1 – 8 (manuale, soluzioni e esercizi): Conoscenze


fondamentali/ competenze interculturale, gestione del progetto/
tecnica pneumatica/ azionamenti elettrici e controlli automatici/
componenti meccatronici/ sistemi meccatronici e funzioni/ attivazione,
sicurezza e teleservizio/ manutenzione remota e diagnosi

Minos **: moduli 9 – 12 (manuale, soluzioni e esercizi):


Prototipazione Rapida/ robotica/ migrazione/ Interfacce

Tutti i moduli sono disponibili nelle seguenti lingue: tedesco, inglese,


spagnolo, italiano, polacco, ceco e ungherese

Per ulteriori informazioni si prega di contattare


Dr.-Ing. Andreas Hirsch
Technische Universität Chemnitz
Reichenhainer Straße 70, 09107 Chemnitz
Tel.: + 49(0)0371 531-23500
Fax.: + 49(0)0371 531-23509
Email: minos@mb.tu-chemnitz.de
Internet: www.tu-chemnitz.de/mb/WerkzMasch oder www.minos-mechatronic.eu
MECCATRONICA
Modulo 1: conoscenze
fondamentali

Manuale
(concetto)

Matthias Römer

Università Tecnica di Chemnitz,


Germania

Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di


personale esperto nella produzione industriale globalizzata

Progetto UE no. 2005-146319 „Minos“, durata dal 2005 al 2007


Progetto UE no. DE/08/LLP-LdV/TOI/147110 „MINOS++“, durata dal 2008
al 2010

Il presente progetto è finanziato con il


sostegno della Commissione europea.
L´autore è il solo responsabile di questa
pubblicazione (comunicazione) e la
Commissione declina ogni responsabilità
sull´uso che potrà essere fatto delle
informazioni in essa contenute.

www.minos-mechatronic.eu
Conoscenze fondamentali
Minos

Contenuto:

1 Matematica tecnica......................................................................................................................................7

1.1 Tipi di operazione aritmetiche..................................................................................................................7


Ordine di operazioni
Calcoli con numeri di segni diversi
Riferimenti generali alla moltiplicazione di parentesi

1.2 Calcolo con frazioni ................................................................................................................................. 10


Definizioni di frazioni
Riduzioni e ampliamenti di frazioni
Addizione con frazioni
Moltiplicazione e divisione di frazioni
Calcoli di frazioni con l‘uso di calcolatrici

1.3 Tipi di calcoli elevati ................................................................................................................................ 14


Calcoli con potenze a base dieci
Calcoli di potenze con calcolatrici
Moltiplicazione e divisione di esponenti
Addizione e sottrazione di esponenti
Calcolo di radici

1.4 Numeri binari.............................................................................................................................................. 20


Conversione di binari
Addizione di binari
Sottrazione di binari

1.4.1 Numeri binari nel computer.................................................................................................................. 22

1.5 Calcoli con variabili .....……………………………………………………………………24


Regole di mettere ed risolvere parentesi
Calcolare equazioni

1.6 Calcolo della percentuale....................................................................................................................... 25


1.6.1 Calcolo degli interessi ............................................................................................................................. 26

1.7 Geometria ................................................................................................................................................... 28


1.7.1 Angolo........................................................................................................................................................... 28
1.7.2 Quadrangolo .............................................................................................................................................. 30
1.7.3 Triangolo ...................................................................................................................................................... 32
1.7.4 Funzioni trigoniometriche..................................................................................................................... 35
1.7.5 Cerchio.......................................................................................................................................................... 37
1.7.6 Corpo ............................................................................................................................................................ 38

3
Conoscenze fondamentali
Minos

2 Fisica tenica ................................................................................................................................................ 41

2.1 Conoscenze fondamentali fisici….....……………………………………………………..41


2.1.1 Grandezze e unità fisiche........................................................................................................................ 41
2.1.2 Equazioni fisiche........................................................................................................................................ 43

2.2 Forza............................................................................................................................................................... 44
2.2.1 Addizione di forze..................................................................................................................................... 45
2.2.2 Decomposizione di forze........................................................................................................................ 49

2.3 Momento di una forza (momento torcente) .................................................................................. 50

2.4 Equilibrio delle forze e dei momenti torcenti................................................................................. 52

2.5 Principio di leva.......................................................................................................................................... 53

2.6 Pressione....................................................................................................................................................... 54
2.6.1 Trasmissione di forza................................................................................................................................ 56
2.6.2 Trasmissione di pressione....................................................................................................................... 58
2.6.3 La legge del gas......................................................................................................................................... 59
2.6.4 Materie correnti.......................................................................................................................................... 61

2.7 Tensione ....................................................................................................................................................... 62

2.8 Frizione ......................................................................................................................................................... 64

2.9 Distanza, velocità e accelerazione....................................................................................................... 66


2.9.1 Moto uniforme .......................................................................................................................................... 66
2.9.2 Moto accelerato......................................................................................................................................... 67
2.9.3 Forze su corpi mobili................................................................................................................................ 70

2.10 Rotazione ..................................................................................................................................................... 72


2.10.1 Velocità angolare....................................................................................................................................... 74
2.10.2 Accelerazione angolare........................................................................................................................... 75

2.11 Lavoro, energia e potenza...................................................................................................................... 76


2.11.1 Lavoro............................................................................................................................................................ 76
2.11.2 Energia .......................................................................................................................................................... 79
2.11.3 Principio della conservazione dell‘energia....................................................................................... 81
2.11.4 Potenza.......................................................................................................................................................... 82
2.11.5 Coefficiente di efficienza........................................................................................................................ 83

2.12 Termodinamica ......................................................................................................................................... 84


2.12.1 Temperatura................................................................................................................................................ 84
2.12.2 Dilatazione di corpi solidi....................................................................................................................... 85
2.12.3 Dilatazioni dei gas .................................................................................................................................... 86
2.12.4 Energia termica e capacità termica..................................................................................................... 87

4
Conoscenze fondamentali
Minos

3 Disegno tecnico......................................................................................................................................... 89

3.1 Fondamenti del disegno tecnico......................................................................................................... 89


3.1.1 Il disegno tecnico come mezzo della comunicazione ................................................................ 89
3.1.2 Tipi di disegni.............................................................................................................................................. 90
3.1.3 Formati della carta.................................................................................................................................... 92
3.1.4 Campo tipografico e liste dei pezzi..................................................................................................... 94
3.1.5 Scale............................................................................................................................................................... 96

3.2 Descrizioni in disegni ............................................................................................................................. 97


3.2.1 Vedute........................................................................................................................................................... 97
3.2.2 Tipi e spessori di linea ............................................................................................................................. 98
3.2.3 Sezioni ......................................................................................................................................................... 99

3.3 Indicazione di misure in disegni ...................................................................................................... 101


3.3.1 Linee di misure, linee ausiliare di misure e i valori delle misure............................................ 101
3.3.2 Particolarità di dimensionamento.................................................................................................... 102

3.4 Proprietà della superficie..................................................................................................................... 104


3.4.1 Rappresentazione delle proprietà della superficie nel disegno............................................ 106

3.5 Tolleranze di forme e posizione......................................................................................................... 107


3.5.1 Tolleranze dimensionali.........................................................................................................................111
3.5.2 Accoppiamenti......................................................................................................................................... 114

3.6 Disegni tecnici e computer.................................................................................................................. 116


3.6.1 CAD.............................................................................................................................................................. 116
3.6.2 Macchine col controllo numerico..................................................................................................... 118

5
Conoscenze fondamentali
Minos

1 Matematica tecnica

1.1 Tipi di operazioni aritmetiche

Le operazioni aritmetiche tradizionali includono l’addizione, la sottrazione,


la moltiplicazione e la divisione.


   
   
    -
 
      
  

Moltiplicazione sta per moltiplicazione dei numeri. Mentre la divisione è


l’operazione inversa di essa, consiste infatti nel dividere un numero da
un’altro. La moltiplicazione e la divisione hanno un ordine di priorità più
rispetto all’addizione e la sottrazione, per questo devono essere eseguiti
per primi.

Importante La moltiplicazione e la divisione devono essere eseguiti prima


dell’addizione e la sottrazione!

La moltiplicazione si esegue addizionando più volte lo stesso numero. In


questo modo 3 + 3 + 3 + 3 è uguale a 4 · 3. In molti documenti si utilizza
il simbolo * al posto del punto (·) per la moltiplicazione.

Ripetendo la moltiplicazione dello stesso numero si giunge alla potenza.


Per esempio 3 · 3 · 3 · 3 è uguale a 34.

Il calcolo della potenza ha un ordine di priorità più alta rispetto a quello


della moltiplicazione e della divisione, per questo va eseguito per primo.

Importante La calcolazione della potenza deve essere eseguita prima della moltipli-
cazione e la divisione!

Nell’oerdine di priorità le parentesi hanno una priorità maggiore. I valori


all’interno delle parentesi devono essere calcolati sempre per primi.

Importante I valori nelle parentesi devono essere calcolati sempre per primi.

Esempio 3+5=8

12 – 5 = 7

3 · 5 = 15

20 : 4 = 5

4 + 2 · 3 = 4 + 6 = 10

(4 + 2) · 3 = 6 · 3 = 18

7
Conoscenze fondamentali
Minos

Consigli Problemi semplici possono essere svolti a mente. Spesso però ci servia-
mo dell’ausilio di una calcolatrice. Va notato però che molte calcolatrici
sono in grado di calcolare operazioni soltanto in maniera separata, ovvero
un’operazione alla volta, mentre in altre si possono inserire le formule
complete e lasciare che sia la macchina ad eseguirle. Ad ogni modo è
sempre la persona il responsabile circa le formule matematiche. Usando
      
     
 
macchina sia in grado di distinguire l’ordine di priorità: ovvero moltiplica-
zione e divisione prima dell’addizione e della sottrazione.

Esercizio Risolvete il problema 1 dell’eserciziario!

Facendo la sottrazione può succedere che il secondo valore sia maggiore


al primo. Il risultato è un numero negativo preceduto dal segno meno. Il
simbolo positivo invece, va collocato dinanzi ai valori positivi, ma di solito
viene omesso. Per evitare il susseguirsi di due simboli algebrici, si usa
mettere il numero con il rispettivo segno in una parentesi.

Quando si addiziona o si sottrae, i simboli e i segni algebrici simili,


vengono sostituiti dal segno più . Mentre, il simbolo meno sostituisce
differenti simboli e segni di operazione. Questo deve essere eseguito
individualmente per ogni singola parentesi.

Esempio 8 – 14 = – 6

4+(+5)=4+5=9

4–(–5)=4+5=9

5–(+4)=5–4=1

5+(–4)=5–4=1

Esercizio Risolvete il problema 2 dell‘eserciziario!

Se in una parentesi si trovano diversi addendi, bisogna individuare di


  
 
        


Esempio – ( 5 + 6 ) = – 5 + ( – 6 ) = – 5 – 6 = – 11

–(5–6)=–5+(+6)=–5+6=1

–(a+b+c)=–a+(–b)+(-c)=–a–b–c

–(–a+b–c)=+a+(–b)+(+c)=a–b+c

Esercizio Risolvete il problema 3 dell‘eserciziario!

8
Conoscenze fondamentali
Minos

La regola della sostituzione dei segni e simboli simili e non, vale anche
per la moltiplicazione e la divisione.

Esempio ( + 5 ) · ( + 6 ) = + 30

( – 5 ) · ( – 6 ) = + 30

( + 5 ) · ( – 6 ) = – 30

( – 18 ) : ( – 6 ) = + 3

( – 18 ) : ( + 6 ) = – 3

Esercizio Risolvete il problema 4 dell’eserciziario!

Nell’addizione e nella moltiplicazione l’ordine di successione dei due ad-


dendi, cioè i fattori, può essere cambiato. Questa regola viene chiamata
la legge commutativa, che può essere descritta nella modo seguente:

a+b=b+a

a·b=b·a

Inoltre va aggiunto che l’ordine di successione di operazioni aritmetiche


simili, non è importante per l’addizione e per la moltiplicazione. Questa
       

   
 
  

possono essere anche omesse.

a+(b+c)=(a+b)+c

a·(b·c)=(a·b)·c

Se viene moltiplicato un valore con una parentesi contenente una som-


ma, allora ogni valore all’interno della parentesi deve essere moltiplicato
per il valore al di fuori di essa. Questo processo viene chiamato, legge
di distribuzione.

a·(b+c)=a·b+a·c

Se all’interno di due parentesi moltiplicate si trovano più addendi, allora


ognuno di essi deve essere moltiplicato per tutti gli altri. Il simbolo della
moltiplicazione viene omesso di solito se si calcola con le variabili.

( a + b ) · ( c + d ) = a · ( c + d ) + b · ( c + d ) = ac + ad + bc + bd

 

 
 
         "-
gine 1). La moltiplicazione di due segmenti (a+b) e (c+d) è uguale alla

      #
   
  
 

costituiti da due parti a e b, come anche c e d. Componendo insieme i
quattro elementi dell’area, si ottiene di nuovo un rettangolo.

9
Conoscenze fondamentali
Minos

a+b

a ·d b ·d

d
c+ d
a ·c b ·c

c
a b


    

Quando si usa la legge di distribuzione da destra a sinistra, quest‘operazione


viene chiamata esclusione, cioè mettere fuori dalla parentesi. Se addendi
diversi hanno un fattore comune, quest’ultimo può essere posizionato
fuori dalle parentesi.

Esempio ab + ac = a ( b + c )

15x – 5y = 5 ( 3x – y )

Esercizio Risolvete il problema 2 dell‘eserciziario!

1.2 Calcolo con le frazioni

Dividendo una cifra in gruppi di identici, non è sempre possibile ottenere


un risultato composto da numeri interi. Ad esempio possiamo dividere
sei mele in tre gruppi, ogni gruppo riceve due mele. Mentre se si intende
dividire una mela in tre parti uguali, essa deve essere tagliata. Questo
tipo di operazione può essere descritta in forma di frazione:

Il numero sopra la barra di frazione è chiamato numeratore, mentre il


numero sottostante denominatore.

Il denominatore indica in quante parti deve essere diviso il totale. Il nu-


meratore invece indica quante di queste parti sono presenti.

10
Conoscenze fondamentali
Minos

Adesso è possibile dividere la mela anche in sei pezzi e distribuire ad


       #

      -
tore e il denominatore per due. La moltiplicazione del numeratore e del
denominatore per lo stesso numero viene chiamata anche ampliamento
di frazione. L’ampliamento di frazione si usa quando le frazioni devono
essere addizionate o sottratte.

Esempio

   $


    
     -
minatore per lo stesso numero. L’ampliamento e la riduzione delle frazioni
non cambia il loro valore. Attraverso la riduzione si possono rendere le
cifre più piccole e in questo modo più facili da calcolare.

Importante L’ampliamento o la riduzione delle frazioni non può essere eseguito con
il numero 0.

Esercizio Risolvete il problema 6 dell’eserciziario!

Le frazioni possono essere addizionate o sottratte solo quando hanno un


denominatore comune. Se si devono addizionare o sottrarre frazioni che
hanno denominatori diversi, quest’ultimi dovranno essere portati prima
allo stesso valore attraverso l’ampliamento di una o entrambe le frazioni.
I numeri interi devono essere convertiti in frazione con il denominatore
uguale a 1 e il valore del numeratore uguale a quello del numero intero.

Ora è possibile addizionare o sottrarre i numeratori delle frazioni. Il de-


nominatore rimane invariato.

11
Conoscenze fondamentali
Minos

Se il denominatore comune non è immediatamente riconoscibile, può es-


sere calcolato moltiplicando i due denominatori. Il risultante denominatore
comune non deve essere necessariamente il minore dei denominatori
comuni possibili. Il risultato è comunque corretto.

Esempio

Nel primo caso la prima frazione è stata ampliata con 2, con il risultante
denominatore comune 4. Nel secondo caso invece, il denominatore
comune 8 è stato ricavato moltiplicando entrambi i denominatori 2 e 4
con l’ampliamento relativo delle due frazioni. Finalmente il risultato della
frazione è stato ridotto. Entrambi i calcoli dimostrano che la metà di una
mela e un quarto di una mela formano insieme tre quarti di una mela.

Esercizio Risolvete il problema 7 dell‘eserciziario!

La moltiplicazione e la divisione tra frazioni è più semplice rispetto


all’addizione perché non c’è bisogno di calcolare il comune denominatore.

Per moltiplicazione di frazioni si intende semplicemente la moltiplicazione


di entrambi i numeratori e denominatori. Le frazioni possono essere col-
  
    $ %    

 &  
  


     $ '
i numeri così ridotti il calcolo diventa più facile.

Esempio

Esercizio Risolvete il problema 8 dell‘eserciziario!

Per eseguire una divisione tra frazioni, si deve prima trasformala in una
moltiplicazione. Per fare questo è necessario trovare il valore reciproco
con il quale si andrà a dividire la frazione. Quest’ultimo si ottiene scam-
biando il denominatore con il numeratore. La divisione avviene quindi
dalla moltiplicazione della frazione reciproca.

Esempio

Esercizio Risolvete il problema 9 dell‘eserciziario!

12
Conoscenze fondamentali
Minos

Se si calcolano le frazioni con una calcolatrice si deve fare attenzione


che i calcolatori non consentano l’esecuzione diretta delle frazioni.
L’esecuzione dovrà essere svolta separatamente, una ad una.

Esempio

Si ottiene un risultato sbagliato calcolando la frazione in questo modo:

3 : 2 · 5 = 7,5

La differenza è chiara invece se l’operazione viene introdotta come una


frazione:

Per calcolare quest’esempio correttamente con la calcolatrice, le oper-


azioni devono essere scritte in questo modo:

3 : 2 : 5 = 0,3

La divisione per 5 deve essere successiva perchè il numero 5 appartiene


al denominatore.

Ovviamente è possibile calcolare il valore del denominatore prima di


dividere il numeratore per quest’ultimo. Questo calcolo è necessario
anche quando il denominatore contiene un’addizione o una sottrazione:

Esempio

L’addizione nel numeratore deve essere calcolata con la stessa priorità


come se trovasse all´interno di una parentesi. Quindi facendo il calcolo
l ´addizione deve essere eseguita prima della divisione:

3 : ( 2 + 5 ) = 0,428571...

La formula calcolata è chiamata frazione decimale. In questa forma la



 
    
    $  
Nella parte sinistra della virgola si trovano le unità, le decine, le centin-
aia. Nella parte destra invece i decimi, i centesimi, i millesimi e così via.

Nel caso di frazioni, come nell`esempio, il numero dei posti dopo la vir-
gola che si vedono sullo schermo della calcolatrice, è limitato soltanto
  
     & 

  
Se si calcolano altri posti ci si rende subito conto che i primi sei dopo la
 
   

13
Conoscenze fondamentali
Minos

Le frazioni decimali continue/periodiche sono rappresentate da una linea


posta al di sopra i numeri che si ripetono in modo periodico.

A seconda della richiesta precisione la frazione può essere arrotondata.


L‘ultima cifra che deve essere mantenuta, rimane immutata se seguita
dal numero 0, 1, 2, 3 o 4. Mentre bisognerà aggiungere all´ultima cifra il
numero 1 se seguita dai numeri 5, 6, 7, 8, 9.

Qui un´esempio della frazione soprastante arrotondata da due o tre cifre


dopo la virgola:

L‘arrotondamento causa sicuramente un´errore di calcolazione. In genere


i numeri arrotondati dovrebbero avere uno o due cifre in più rispetto ai
numeri usati all‘inizio del calcolo. Un arrotondamento di più cifre fa acc-
rescere il tempo di calcolazione.

1.3 Tipi di calcoli elevati

Già come mostrato nelle operazioni aritmetiche di base, l´addizione


multipla di un determinato valore equivale alla moltiplicazione. Le mol-
tiplicazioni ripetute per uno stesso valore conducono alla calcolazione
potenziata.

Nella calcolazione potenziata, il numero che deve essere moltiplicato è


chiamato numero di base o cardinale. L‘esponente, che viene scritto in
apice alla base, indica per quante volte il numero deve essere moltiplicato.

In geometria, per calcolare l`area A di un quadrato, devono essere


moltiplicati tra loro entrambe i lati uguali di a. Nel caso di un cubo viene
moltiplicata la base quadrata

A = a · a = a2

V = a · a · a = a3

Di conseguenza, le unita sono moltiplicate. L´area viene indicata con m2


, il volume con m3.

14
Conoscenze fondamentali
Minos

Esempio La lunghezza del lato di un cubo è 3m. Qual‘è il volume?

V = 3 m · 3 m · 3 m = 33 m3 = 27 m3

L‘esponente può anche prendere la forma di una frazione decimale.


Questo conduce al calcolo delle radici. Nel caso che un esponente sia
negativo, lo si può trasformare in esponente positivo posizionando l´ intera
potenza nel denominatore di una frazione, 3-2 = 1/32 = 1/9

Importante Un numero qualunque con l‘esponente uguale a 0 è sempre uguale a 1.

Importante Un numero qualunque con l‘esponente uguale a 1 da sempre uno, perchè


esiste soltanto una volta come fattore della moltiplicazione.

Esempio 26 = 2 · 2 · 2 · 2 · 2 · 2

62 = 6 · 6

60 = 1

61 = 6

6–2 = 1/62 = 1/36

Esercizio Risolvete il problema 10 dell‘eserciziario!

15
Conoscenze fondamentali
Minos

Le potenze con il numero 10 alla base hanno una certa importanza. Ven-
gono chiamate potenze a base dieci (potenze di dieci) e vengono usate
soprattuto per esprimere numeri molto grandi o molto piccoli.

Il calcolo delle potenze a base dieci è molto facile. L’esponente indica


  
  
   ; <

  
    -
ro di volte che il punto decimale deve essere spostato alla del numero 1 .

L’esponente negativo mostra di quante posizioni deve essere spostata


la virgola a sinistra del numero 1.

106 = 1000000

102 = 100

100 = 1

10–2 = 0,01

10–3 = 0,001

È più facile esprimere numeri grandi e piccoli in combinazione con le po-


tenze decimali. In questo caso il numero viene espresso come una cifra

   >   $         

quante volte si deve spostare la virgola.

C’è anche la possibilità di usare le potenze a base dieci con 3 esponenti


di divisione, quali 3, 6 e 9, e così -3, -6 e -9. Questi si possono sostituire
  

  X  
  

  X 
   
e giga, oppure mili, micro e nano.

Esempio 125000 = 1,25 · 105 = 125 · 103

0,000125 = 1,25 · 10–4 = 125 · 10–6

1 km = 103 m = 1000 m

1 nm = 10–9 m = 0,000000001 m

16
Conoscenze fondamentali
Minos

Esercizio Risolvete i problemi 11 e 12 dell’eserciziario!

Non tutte le calcolatrici hanno l’opzione del calcolo della potenza. Le


calcolatrici che offrono la possibilità di fare calcoli elevati, sono chiamate
  
 

Per calcolare potenze alla seconda o alla terza di solito nelle calcolatrici
ci sono pulsanti separati x2 e x3. Il pulsante xy si usa per calcolare altre
potenze.

Per le potenze a base dieci si usa il tasto EXP. A seconda del modello
della calcolatrice, nel display viene riservata una posizione per indicare
le potenze a base dieci..........

Esercizio %     


          
e digitando i numeri dell’esercizio precedente.

17
Conoscenze fondamentali
Minos

L‘addizione delle potenze è possibile soltanto nel caso in cui la base e


l‘esponente delle potenze che devono essere addizionate, sono uguali.
Questo addizioni vengono eseguite spesso quando la base è una va-
riabile.

2x2 + 5x2 = 7x2

1,5a7 + 3,6a7 = 5,1a7

La moltiplicazione di una potenza è possibile soltanto quando la base


o l‘esponente sono uguali. Quando le basi sono uguali, gli esponenti
vengono addizionati, mentre con esponenti uguali le basi vengono mol-
tiplicate .

an · am = a(n+m)

an · bn = (a · b)n

Allo stesso modo, quando si dividono potenze con la stessa base, gli
esponenti vengono sottratti. Quando si dividono le potenze che hanno
gli stessi esponenti, una basa viene divisa dall’altra.

Facendo il calcolo delle potenze, entrambi gli esponenti vengono moltipli-


cate fra loro. Così si possono rappresentare anche numeri molto grandi
o molto piccoli in maniera abbreviata.

(am)n = aZ

Esempio x2 · x3 = (x · x) · (x · x · x) = x(2+3) = x5

x5 · x–2 = x(5–2) = x3

x5 · y5 = (x · y)5

(1010)10 = 10";[ Z ;[\ = 10100, una1 con 100 volte zero.

18
Conoscenze fondamentali
Minos

Esercizio Risolvete il problema 13 dell‘eserciziario!

Se vogliamo conoscere la lunghezza di un lato di un quadrato di cui co-


nosciamo l’area, allora cacolaremo la sua radice. Questo tipo
di calcolo viene anche chiamato estrazione della radice o radicale. Per
esempio, se un quadrato ha un area di 4 m2, la lunghezza del lato è 2m.
In questo caso è stata calcolata la radice quadrata. Questo calcolo viene
rappresentato nel modo seguente:

%          


     
valore numerico che se moltiplicato per se stesso ci risulta questo numero.
Siccome questo calcolo non è così facile, ogni calcolatrice possiede un
tasto per la individuazione della radice.

La radice può essere anche rappresentata sotto forma di potenza utiliz-


zando l’esponente nella forma di frazione, invece di utilizzare il segno
della radice. Anche altre frazioni possono essere rappresentate come
esponenti. Bisogna prendere ora in considerazione la radice cubica. Con
essa è possibile calcolare la lunghezza di un lato con il volume conosciuto.

Esercizio Risolvete il problema 14 dell´eserciziario!

19
Conoscenze fondamentali
Minos

1.4 Numeri binari

Nel nostro sistema numerico decimale vengono utilizzate dieci cifre da


0 a 9.Le cifre grandi sono composte dall’insieme di più numeri, quindi la
posizione di ogni numero è molto importante.

Le posizioni da destra a sinistra sono chiamate unità, decina, centinaia,


etc. La cifra nella posizione delle centinaia viene moltiplicata con 100, la
cifre del posto decino con 10. Insieme all‘unità, si riceve il numero totale.
Dunque, si può scrivere:

325 = 3 · 100 + 2 · 10 + 5 = 3 · 102 + 2 · 101 + 5 · 100

Questo modo di calcolare è per noi normale.Tutto sommato abbiamo


dieci dita con le quali contare. Oltre al sistema numerico decimale però
ci sono altri tipi di sistemi di numerazione. La dozzina ad esempio, consiste
in dodici parti uguali. Un giorno consiste a due volte 12 ore e un‘ora
è composta da 60 minuti, così un minuto da 60 secondi. Prima che un
minuto nuovo comincia, devono essere passati 60 secondi.
I computer utilizzano il sistema numerico binario che utilizza soltanto due
stati o cifre, 0 e 1. Per evitare confusione il numero 1 viene sostituito a
volte con la lettera L.
Il vantaggio di questo sistema numerico è che i due stati possono essere
rappresentati facilmente con la corrente elettrica che può essere
presente o assente, oppure con un chip di memoria, attivo o passivo.
Altre possibilità non sono ammesse.
Siccome i numeri binari utilizzano soltanto due cifre, questi diventano
velocemente più lunghi dei numeri decimali. Qui sotto vengono riportati
alcuni numeri decimali con il loro corrispondente valore binario:

Decimale Binario

0 0
1 1
2 10
3 11
4 100
5 101
6 110
7 111
8 1000
9 1001
10 1010
11 1011
12 1100
13 1101
14 1110
15 1111

20
Conoscenze fondamentali
Minos

 
   

   
     
Ad ogni modo viene utilizzata una potenza a base 2. Per questo
viene chiamato sistema binario.

Per esprimere il numero decimale 6 nella forma binaria, si scrive:

110 = 1 · 22 + 1 · 21 + 0 · 20 = 1 · 4 + 1 · 2 + 0 · 1

Come si può vedere, da destra a sinistra le cifre binarie hanno il valore di


1, 2, 4, 8, 16, etc. Per convertire un numero da decimale a binario, esso
deve essere diviso per 2 e tenendo in considerazione il resto. La divisione
 

       [ ] 


  -
nente in un ordine di successione inverso, otteniamo il numero binario.

Conversione del numero decimale 29 in un numero binario:

29 diviso per 2 14 Resto 1


14 diviso per 2 7 Resto 0
7 diviso per 2 3 Resto 1
3 diviso per 2 1 Resto 1
1 diviso per 2 0 Resto 1

 
          
in questo caso sono 11101.

È chiaro che quando vengono convertiti numeri decimali dispari in nu-


meri binari, l´ultima cifra è sempre uguale a 1, perchè dividendo i numeri
dispari per 2 il loro valore residuo equivale sempre a 1.

Esercizio Risolvete il problema 15 dell‘eserciziario!

Mentre, per trasformare un numero binario in un numero decimale, si


deve determinare il valore di ogni cifra del numero binario. Tutti i valori
con il numero binario 1 vengono addizionati tra loro, mentre gli altri valori
vengono ignorati. Come già menzionato, questi valori sono potenze con
la base 2. La prima cifra sulla destra ha il valore di 20, quindi 1.

La conversione del numero binario 11001 si calcola come segue:

1 24 = 16 16
1 23 = 8 8
0 22 = 4 0
0 21 = 2 0
1 20 = 1 1

Somma: 25

Esercizio Risolvete il problema 16 dell‘eserciziario!

21
Conoscenze fondamentali
Minos

1.4.1 Numeri binari nel computer

Di solito la persona che utilizza il computer non ha a che fare direttamente


con i numeri binari. Ma quando si vuole scrivere un programma oppure
si vuol programmare una memoria abile/logica o SPS, la situazione è
diversa.

Ad ogni modo è sempre un vantaggio possedere una conoscenza base,


circa il funzionamento del computer.

Un numero binario a una sola cifra è chiamato bit. Un bit ha il valore di


0 oppure di 1. 8 bits formano insieme un byte. Queste otto cifre binarie


 
    [   ^__     { 
volte zero, otto volte uno.

All´interno del computer ogni carattere e ogni cifra del sistema decimale
viene rappresentato con un byte. Quale numero binario determina un
         ]' "  ] '
for Information Interchange). La A maiuscola per esempio, è equivalente
alla successione di 01000001 o al numero decimale 65.

Siccome i numeri binari possono essere molto lunghi, nell’informatica si


utilizza un altro sistema numerico. Un byte viene diviso in due gruppi da
quattro bit. Questi gruppi da quattro bit vengono chiamati anche „nibbles“.
Un nibble o quattro bits, possono rappresentare 16 valori diversi.

Per esprimere un nibble con un carattere, si usa il sistema esadecimale.


Il sistema esadecimale è a base 16, al contrario del sistema numerico
decimale, il quale la base è costituita dal numero. Siccome nel sistema
esadecimale sono necessari ben 16 caratteri diversi, vengono disposte
accanto alle cifre da 0 a 9 le lettere da A a F. Per evitare confusioni con
altri sistemi numerici, si aggiunge spesso la h minuscola dopo il numero
esadecimale.

I numeri che si possono rappresentare con un byte, possiedono un dif-


ferente
settore espresso da un differente sistema numerico:

]
  [[[[ [[[[   ;;;; ;;;;
]
 
  [[  | }}
]
   [   ^__

22
Conoscenze fondamentali
Minos

Attraverso l´utilizzo dei numeri binari, nel computer si vanno a formare


determinati numeri che sono il risultato di potenze a base 2. Per esempio:

26 = 64
27 = 128
28 = 256
29 = 512
210 = 1024

Questi numeri si possono trovare specialmente nei chip di memoria(memoria


elettronica). Quindi è per via dei numeri binari quando se scheda ha una
capacità di 512 MByte di memoria e non di 500.

~  X


  

   
  
numerici. Nel sistema decimale un chilo equivale al valore di 1000, cosi
come 1000 metri equivalgono a un chilometro. Nell‘elaborazione dati
invece 1024 byte formano un kilobyte.

%  $


  
  
  

 € "‚\ 
 "ƒ ‚\  
 

      -


  
  
  
  

 €  
valore 1000 o 1024.

]



     
 

    ;[[[


mentre il valore bytes è di 1024.

Esempio La velocità di trasmissione di un canale telefonico ISDN è di 64 kbit/s, cioè


esattamente 64.000bit/s e non 65.536 bit/s, che sarebbe il risultato di 64
x 1024. Un Hard disk moderno di 400 Gigabyte equivale a 400 miliardi
di byte. Ma siccome il computer utilizza il sistema numerico binario, ci
risulterà una capacità di 372,5 Gb. I produttori di hard disk preferiscono
usare il valore 400Gb invece di 372,5.

23
Conoscenze fondamentali
Minos

1.5 Calcoli con variabili

Con le variabili si possono rappresentare (regole valide generali) sotto


forma di formula. Per rappresentare le variabili vengono utilizzate le
lettere dell´alfabeto. Sostituendo una variabile con un valore concreto,
sarà possibile calcolare il risultato per qualsiasi caso singolo.

Ad esempio la formula per il calcolo dell´ area di un rettangolo è la se-


guente:

A=a·b


  
 „   
         
]
       
 &   
  
rettangolo.

Viariabili come a e b possono essere gestite allo stesso modo dei numeri.
Si possono eseguire con le stesse regole dei numeri, come ad esempio,
l´esecuzione della moltiplicazione e la divisione prima dell´addizione e la
sottrazione, o anche per eseguire le regole per l‘inclusione e l‘esclusione
delle parentesi. Ovviamente si può calcolare il risultato solo sostituendo
le variabili con dei valori concreti.

Se si deve calcolare un‘equazione, solo un valore dev‘essere sconosciuto


per ottenere un risultato determinato. Nelle equazioni ad esempio per
calcolare l’area di un rettangolo, dobbiamo conoscere la lunghezza di
tutte e due i lati di esso.

Ma può accadere anche che si conosce soltanto l´area e la lunghezza


di un solo lato del rettangolo e quindi l´altro lato dovrà essere calcolato.
In questo caso l’equazione deve essere trasformata così che il valore
sconosciuto rimanga isolato in un lato del simbolo dell´uguale.

La combinazione dei numeri, delle variabili e dei segni di operazione


aritmetica in un lato del segno uguale sono chiamati „termini“.

Il valore sconosciuto di solito viene rappresentato con la lettera x. La


trasformazione di un equazione viene anche chiamata soluzione di x.
La trasformazione avviene svolgendo la stessa operazione aritmetica su
entrambi lati del simbolo dell ´uguale, quindi sui termini. Quest‘operazione
viene scritta a destra dell’equazione e viene separata con una barra
verticale.

Dopo la trasformazione, il valore x che deve essere calcolato, deve ri-


manere a sinistra del simbolo uguale.

24
Conoscenze fondamentali
Minos

Esempio a =b+x |–b


a–b =x
x =a–b

a =b–x |+x
a+x =b |–a
x =b–a

x:a =b |·a
x =b·a

a:x =b |·x
a =b·x |:b
a:b =x
x =b

Esercizio Risolvete il problema 17 dell’eserciziario!

1.6 Calcolo della percentuale

Nella vita quotidiana trattiamo spesso con valori che vengono espressi
   '   
 


   † 
             
di persone che appartengono ad una determinata fascia di età nella
popolazione.

Qui il valore di riferimento è 100, e il valore della percentuale è parte di


100, senza il menzionamento del valore assoluto.

Esempio ~          ‡[ ˆ ~


   
 ^   
  ‰[ˆ Š     
 

 
seconda bottiglia contiene di più rispetto alla prima bottiglia.

%         ;[[ˆ  &  ‡[ˆ   
a 0,6 litro.
;  { ;[[ ˆ ‹ [‡  { ‡[ ˆ


       ^   
   ‰[ˆ 

         ;[[ˆ  &   
 ‰[ˆ    

  [Ž 

^  { ;[[ ˆ ‹ [Ž  { ‰[ ˆ

‘     


   ;[[ˆ 
 

Dipende dalla formulazione del problema, uno degli altri tre valori è sco-
nosciuto e può essere calcolato dopo aver eseguito appropriatamente
la conversione dell‘equazione.

Esercizio Risolvete il problema 18 dell‘eserciziario!

25
Conoscenze fondamentali
Minos

1.6.1 Calcolo degli interessi

Se una persona si fa concedere un prestito, di solito si devono pagare gli


interessi. Gli interessi sono rappresentati in percentuale. Ia percentuale
determina il tasso di interesse di 100 € che una persona deve pagare
in un`anno.

Esempio A quanto ammonta la percentuale del tasso d´interesse se si devono


pagare 12 000 euro di interessi per un credito di 100 000 euro? 100 000

  ;[[ˆ 
  
 “ 

   
percentuale dei 12 000 euro.

;[[ ˆ { ;[[[[[  ‹ ” ˆ { ;^[[[ 

Dopo la conversione dell‘equazione si può calcolare il valore degli inter-




  ;^ ˆ

  
 &
    ;[[ ˆ   
si calcola dividendo il valore degli interessi per la somma del prestito.

x = 12000 euro : 100000 euro = 0,12

#
 

        

  ;[[ˆ 
   

  ;^ˆ

% 
          ;[[ˆ  
 
percentuale deve essere premuto dopo aver eseguito la divisione, invece
di premere il tasto dell´uguale. Se si esegue il calcolo con una calcolatrice
che non conosciamo, si deve prima controllare il funzionamento di essa,
eseguendo esempi facili.

Facendo il calcolo degli interessi composti, si deve prendere in consider-


azione che gli interessi devono essere pagati in parecchi anni.

Esempio Se ci sono 1000 euro su un libretto di risparmio e il risparmio rimane in-



  _    

  

   •ˆ   


gli interessi di un anno e moltiplicando poi il risultato per gli altri 5 anni,

  
    ;;_[ –
   
 

26
Conoscenze fondamentali
Minos

Ma dopo un´anno si troveranno nel libretto di risparmi 1030 Euro, e gli


interessi nel secondo anno devono essere pagati corrispondentemente a
questa somma. La formula seguente viene utilizzata di solito per questo
tipo di calcolazione, in cui G0 sta per il capitale d‘avviamento e Gn è il
prestito dopo gli anni n . Z sta per il valore di interesse e n per il numero
degli anni.

Gn = G0 (1 + z/100)n

%     

  •ˆ 
  $ 
il seguente risultato:

G5 = 1000 euro · (1 + 3/100)5


G5 = 1000 euro · (1 + 0,03)5
G5 = 1000 euro · 1,035
G5 = 1159,27 euro

La differenza del risultato del calcolo precedente non è molto grande.


Ma con un lasso di tempo maggiore e un tasso d´interesse più alto, la
differenza è naturalmente più grande.

'  

  •ˆ     ^‰   ˜ 



versata si raddoppi. Se invece non venissero compresi nella calcolazione
i dovuti interessi, allora basterebbero circa 33 anni per ottenere il doppio
della somma.

Se il credito venisse ripagato costantemente con rate di uguale porzione,


la maggior parte della prima rata ci servirà per coprire gli interessi, e sol-
tanto la parte rimanente ridurrà il credito. Soltanto attraverso i pagamenti
si ridurrà la parte degli interessi e grossa parte del credito sarà ripagata.

Esercizio Risolvete l´esercizio 19 nell’eserciziario!

27
Conoscenze fondamentali
Minos

1.7 Geometria

Prima di introdurre concetti geometrici, occorre menzionare alcune de-




Un corpo possiede tre direzioni di misura: lunghezza, larghezza ed al-


tezza. Quindi è tridimensionale. Un piano ha soltanto due dimensioni.

      
  
  >  ~ 
è il bordo del cubo ed ha soltanto una dimensione. Un punto invece non


 

 
      %& 

 

come punto d‘intersezione di due linie.

Oltre a il punto anche la retta appartiene ai fondamenti geometrici. Una


  
™     

 
      
    

In un piano due rette possono intersecarsi tra loro al massimo in un punto,


ad eccezione in cui le rette venissero sovrapposte l´un l´altre.In questo
caso tutti i punti coincidono tra loro. Se due rette su di un piano non si
intersecano allora queste vengono chiamate parallele.

              &   


   †  
    † 

Un segmento, come una retta, viaggia attraverso due punti (estremi),


ma questi ne determinano la sua lunghezza. Un segmento è quindi la
connessione più breve tra due punti.

1.7.1 Angolo

Nel caso in cui due raggi partono da un punto in comune, essi vanno
a formare un angolo. Se ruotiamo uno di questi raggi intorno al punto,
$  ˜

      
  
  
indicherà l’angolo.

Un cerchio è diviso in 360 settori, che si chiamano gradi. Un angolo di


360° è un angolo completo, e si chiama angolo giro.

Un angolo con un valore di 0° e 90° si chiama angolo acuto. Un angolo


ottuso ha un valore di 90° e 180°.

Se tutti e due i raggi sono perpendicolari tra loro, vanno a formare il così
chiamato angolo retto. Il suo valore è di 90°.

Nel caso che i due raggi si trovino in direzione direttamente opposta tra
di loro, essi formano un angolo piatto col valore di 180°. Angoli dal valore
tra 180° e 360° vengono chiamati angoli concavi.

28
Conoscenze fondamentali
Minos

angolo acuto
spitzer
Winkel angolo retto
rechter Wink
el angolo ottuso
stum pfer Wink
el

angolo
gestre piatto Wink
ckter el angolo
überstconcavo
um pfer Wink
el angolo
Voll giro
w inkel

     

angolo a
Stufenwink
el
gradini

angolo alterni
W echselwinkel

angoli
Winkeltraan
rette
sich
intersecate
schneidenden Gerad angolo opposto
entgegengesetzt
lie
gende W inke

Immagine 3: Angoli a rette lineari

Se due rette vengono intersecate tra loro, vanno a formarsi quattro angoli.
    


  „       
insieme sempre il valore di 180°.

Se una retta attraversa due linee parallele, si formano in totale otto angoli
separati. La gradazione di questi angoli è uguale. Questo vale anche per
gli angoli alterni.

La somma degli angoli in posizione opposta tra di loro è sempre di 180°.

29
Conoscenze fondamentali
Minos

1.7.2 Quadrangolo

Un quadrangolo è determinato da quattro punti. Su una retta si possono


trovare non più di due punti. A seconda della posizione e la lunghezza
dei loro lati, si possono distinguere diversi tipi di quadrangoli.

Un quadrato possiede quattro lati uguali. I lati opposti sono paralleli. Ogni
angolo di un quadrato è di 90°.

L’area del quadrato si calcola con la lunghezza dei suoi lati.


Qui di seguito A rappresenta l’area e a la lunghezza del lato.

A = a2

Il perimetro di un quadrato è la somma della lunghezza dei quattro lati


uguali.

U=4·a

Nel rettangolo, a differeza del quadrato, soltanto i lati opposti sono uguali.
L’area del rettangolo si calcola moltiplicando lunghezza per larghezza.

A=a·b

Il perimetro si calcola sommando le lunghezze dei quattro lati. Siccome


due lati hanno sempre la stessa lunghezza, possiamo calcore il perimetro
in questo modo:

U = 2a + 2b

Esempio Il pavimento di una stanza deve essere tappezzato. La stanza è lunga


6m e larga 4m. Quanti metri quadrati dovranno essere rivestiti? Quanti
metri di bordo del tappeto ci servono per tutta la stanza ignorando le
   
š

A=a·b
A=6m·4m
A = 24 m2

U = 2a + 2b
U=2·6m+2·4m
U = 12 m + 8 m
U = 20 m

Abbiamo bisogno di 24 m2 di rivestimento del pavimento. Il bordo del


tappeto deve avere una lunghezza totale di 20m.

30
Conoscenze fondamentali
Minos

quadrato- rettangolo rombo romboide


Quadrat Rechteck Rhomb us Rhombo id

trapezio
Trapez aquilone
D rachenviereck quadrangolo
konkaves Viereck
concavo

       

Oltre al quadrato ed al rettangolo, esistono altri tipi di quadrangoli.

I parallelogrammi sono dei quadrangoli e i loro lati opposti sono uguali


e paralleli tra di loro. Per questo anche il quadrato e il rettangolo sono
considerati parallelogrammi. Il rombo, come il quadrato, ha quattro lati
uguali, ma i suoi angoli non sono angoli retti e quindi possiedono un valore
diverso da 90°. Il romboide, come il rettangolo, possiede due lati opposti
di uguale lunghezza, ma anche i suoi angoli non sono di 90°.

Il trapezio dispone di due lati paralleli e tutti i suoi lati possono avere
lunghezze diverse. Invece l’ aquilone possiede due lati adiacenti di ugu-
ale lunghezza e nessun lato è parallelo con un altro. La sua forma è la
stessa di un acquilone per bambini.

<

    

 ]     
  
è spostato verso all’interno.

La maniera più conveniente per calcolare l´area di questi quadrilateri è


quella di divedere l‘area in triangoli e calcolare separatamente l´area di
ogni triangolo. Il perimetro si calcola sommando le lunghezze dei quattro
lati.

Esercizio Risolvete il problema 20 dell’eserciziario!

31
Conoscenze fondamentali
Minos

1.7.3 Triangolo

Un triangolo è determinato da tre punti, i quali non possono trovarsi su di


una retta. Questi tre punti vengono chiamati A, B e C, mentre i lati opposti
di questi tre punti vengono indicati con a, b e c. Gli angoli di un triangolo
sono rappresentati dalle lettere greche α (alpha), β (beta) e γ (gamma).

Importante La somma dei tre angoli interni di un triangolo è 180°.

I triangoli hanno forme differenti. Un acutangolo (triangolo acuto) ha tutti


gli angoli interni minori di 90°. Un ottusangolo (triangolo ottuso) ha un
angolo interno maggiore di 90°. Un rettangolo retto (triangolo rettangolo)
ha un angolo di 90° (angolo retto). Per questi angoli valgono delle formule

  

Un triangolo con due lati di uguale lunghezza è chiamato isoscele. Nel


caso di un triangolo con tutti e i tre lati di uguale lunghezza, il triangolo è
chiamato triangolo equilatero. In questo caso, anche i suoi angoli interni
sono pari a 60°.

L’altezza h è una linea dritta che parte da uno dei vertici di un angolo e
perpendicolare ai lati opposti. Siccome in un triangolo ci sono tre tipi di
altezze differenti esse sono indicate con ha, hb e hc, , in conformità del
loro lato corrispondente.

angolo angolo angolo angolo angolo


acuto retto ottuso isoscele equilatero

      

32
Conoscenze fondamentali
Minos

L’altezza in un triangolo isoscele, è perpendicolare al lato con una lung-


hezza differente, divide questo lato in due parti uguali.

L´area di un triangolo equivale alla metà del prodotto dell’altezza e del


lato sul quale sta l’altezza:

Esempio Qual’è l’area di un triangolo che ha la lunghezza di un lato pari a c = 5


cm e l´altezza hc = 4 cm?.

Siccome l’altezza è sempre perpendicolare ad un lato, essa divide il tri-


       '
  
      
di un triangolo rettangolo, per questo è preferibile trasformare il triangolo
in due triangoli retti, se si vuole eseguire la calcolazione dell´area.

Importante In un triangolo rettangolo, il lato opposto all´angolo retto è chiamato ipo-


tenusa. E gli altri due lati del triangolo sono chiamati cateti.

Per i triangoli retti vale il teorema di Pitagora, ovvero, che in ogni triangolo
rettangolo, l‘area del quadrato costruito sull‘ ipotenusa è pari alla somma
delle aree dei quadrati costruiti sui cateti. La formula viene scritta così:

c2 = a2 + b2

Esempio I due cateti di un triangolo rettangolo hanno una lunghezza di 3 cm e di


4 cm. Qual è la lunghezza dell’ipotenusa?

c2 = a2 + b2
c2 = 32 cm2 + 42 cm2
c2 = 9 cm2 + 16 cm2
c2 = 25 cm2
c = 5 cm

L’ipotenusa ha una lunghezza di 5 cm.

Esercizio Risolvete il problema 21 dell’eserciziario!

33
Conoscenze fondamentali
Minos

b2
2
a

a b
c

c2

      

Esempio Un triangolo isoscele ha due lati, lato a e lato b, pari a 13 cm. Il lato c ha
una lunghezza di 10 cm. Qual è l’area del triangolo?

Prima si deve calcolare l’altezza del triangolo, dividendo il triangolo isosce-


le in due triangoli rettangoli. La lunghezza dell’ipotenusa di ogni angolo
rettangolo è 13 cm e un cateto è uguale alla metà della lunghezza del
lato c, cioè 5 cm. Questa parte del lato viene chiamata d. Ora è possibile
calcolare l´altezza eseguendo il teorema di Pitagora.

a2 = hc2 + d2
hc2 = a2 – d2
hc2 = 132 cm2 – 52 cm2
hc2 = 169 cm2 – 25 cm2
hc2 = 144 cm2
hc = 12 cm

Con l’altezza e la lunghezza del lato è possibile ora calcolare l’area.

34
Conoscenze fondamentali
Minos

1.7.4 Funzioni trigonometriche

Per il calcolo del triangolo rettangolo, si possono usare le funzioni trigo-


nometriche seno, coseno e tangente. Se si vogliono calcolare altri tipi di
triangolo utilizzando le funzioni trigonometriche, essi devo essere divisi
in triangoli retti.

Accanto all’ipotenusa entrambi i cateti hanno una denominazione spe-


ciale. L`adiacente è il cateto che forma con l’ipotenusa l’angolo al quale
vengono eseguite le calcolazioni. Il lato opposto o cateto è invece il cateto
opposto a quest’angolo.

Il seno di un angolo equivale al lato opposto diviso dall´ipotenusa.

Glato opposto
egenkathete
sin α =
Hipotenuso
ypotenuse
Per ottenere dal seno di un angolo di nuovo l´angolo, prima venivano
utilizzate tabelle speciali. Oggi questo calcolo è più semplice grazie alle
   
    
 
  $
trigonometriche.

Per calcolare il seno di un angolo di 30° digitiamo il valore 30 e premi-


amo il tasto SIN. Se il calcolo è corretto il risultato è 0,5. Per eseguire
l’operazione inversa si trovano nelle calcolatrici tasti differenti. Nella
maggior parte delle calcolatrici c’è un tasto che attiva più funzioni, indi-
cato come ARC SIN oppure SIN-1. Digidando 0,5 e premendo il tasto
appropriato otterremo il risultato di 30°.
G egenkathete
opposto

ssae
en
tt eunu
ippoo
Hy
lato

α
lato adiacente
Ankathete

 !    "   

35
Conoscenze fondamentali
Minos

Esempio Un triangolo rettangolo ha un’ipotenusa con una lunghezza di 5 cm. Il lato



   ›      •  '  †  ›
cateto
Gegenkathete
sin α =
ipotenusa
Hypothenuse
3 cm
sin α =
5 cm
sin α = 0,6
α ≈ 36,9°

Un triangolo rettangolo ha un angolo di 50°. Il lato opposto ha una lung-


hezza di 8 cm. Qual è la lunghezza dell’ipotenusa?
lato opposto
Gegenkathete
sin α =
Hypothenuse
ipotenusa
8 cm
sin 50° =
c
8 cm
c =
sin 50°
c ≈ 10,44 cm

Un’altra funzione trigonemetrica, la funzione del coseno, può essere


calcolata dall’adiacente e dall’ipotenusa.
lato adiacente
Ankathete
cos α =
Hipotenusa
ypotenuse

La terza importante funzione trigonometrica è la tangente. La tangente


di un´agolo si ottiene dividendo i lati opposti con l´adiacente.

lato oppposto
G egenkat hete
tan α =
lato adiacente
Ankathete

Esercizio Risolvete il problema 22 nell´eserciziario!

36
Conoscenze fondamentali
Minos

1.7.5 Cerchio

Il cerchio viene determinato dal suo raggio. Il raggio viene misurato dal
punto centrale della circonferenza. Il diametro del cerchio misura esatta-
mente il doppio del raggio.

Il rapporto tra la circonferenza e il diametro di un cerchio equivale al


valore π. Questa lettera viene pronunciata pi. Questo valore è un nu-
 
    

 $       


non contengono nessuna regolarità. Le prime cifre del numero π œ
{
•;‰;_^‡_•_ ‘   
  
  
con le cifre 2 o 4.

La formula per il calcolo della circonferenza è:

U = π ⋅ d = 2⋅π ⋅r

Anche il valore π νεχεσσαριο περ χαλχολαρε λ αρεα δι υν χερχηιο.


La formula è la seguente:

Esempio Un cerchio ha una circonferenza di 20 cm. Calcolate il diametro e l’area


di questo cerchio.Arrotondate il risultato di 2 cifre dopo la virgola.

U = π ⋅d
U
d =
π
20 cm
d =
3,1416
d ≈ 6,37 cm

1
A = ⋅ π ⋅ d2
4
1
A = ⋅ 3,1416 ⋅ 6,372 cm 2
4
A ≈ 31,87 cm 2

Esercizio Risolvete il problema 23 dell’eserciziario!

37
Conoscenze fondamentali
Minos

1.7.6 Corpo

~ 
 
        
   
contenuto del corpo rappresenta il volume di esso.

Un cubo è formato da sei quadrati della stessa grandezza. Per questo


 
        {

A = 6 · a2

Siccome tutti i lati del cubo hanno la stessa lunghezza, il volume può
essere calcolato con la formula seguente:

V = a3

    $


         
 
opposta sono rettangoli della stessa grandezza. Perciò la misura equivale
alla somma di tutte e sei le aree.

A = 2 (a · b + a · c + b · c)

Il volume equivale al prodotto della lunghezza dei lati.

V=a·b·c

 
  
   
    <   

     
 
     
-
     
        

    & 

         


l´altezza del cilindro. Per poter calcolare Il volume del cilindro è necessario
conoscere l’area di un cerchio e l´altezza del cilindro.

Esempio Un cilindro ha un diametro di 5 cm ed un’altezza di 20 cm. Qual’ è l’area


ed il volume del cilindro? Per prima cosa bisogna calcolare l’area e il
perimetro del cerchio.

1
A = ⋅ π ⋅ d2
4
1
A = ⋅ 3,1416 ⋅ 52 cm 2
4
A = 19,635 cm 2

U = π ⋅d
U = 3,1416 ⋅ 5 cm
U = 15,708 cm

38
Conoscenze fondamentali
Minos

Con la circonferenza del cerchio e l’altezza del cilindro è possibile cal-


 
  

AM = U · h
AM = 15,708 cm · 20 cm
AM = 314,16 cm2


    
        

 
    

AZyl = 2 · A + AM
AZyl = 2 · 19,635 cm2 + 314,16 cm2
AZyl = 353,43 cm2

Il volume si calcola moltiplicando l’area del cerchio per l’altezza.

VZyl = A · h
VZyl = 19,635 cm2 · 20 cm
VZyl = 392,7 cm3

 $$     


  

 


 
  
  $     >   '
-
temente il cuboide è una specie di prisma.


$        
 

 



       


  
   
centro viene chiamata raggio. La formula seguente è usata per calcolare

   
$

A = 4 · π · r2

Il volume della sfera viene calcolato con la formula seguente:

4
V = ⋅ π ⋅ r3
3
Esercizio Risolvete il problema 24 dell’eserciziario!

Oltre a questi corpi ne esistono anche numerosi altri tipi, ma ad ogni


modo non sono il soggetto di discussione in questo libro.

39
Conoscenze fondamentali
Minos

40
Conoscenze fondamentali
Minos

2 Fisica tecnica

 
    


    




 
   
    
 
  

  #
    
 $$ 
 
~ 
  

  
     X

‘ 


   X  

 
 

X    
  #
 X ] "$ 
{ ]‚

 ~˜
\
 
 
  {

Grandezza Nome dell‘unità Simbolo dell‘unità


Basisgröße Basiseinheit Einheitszeichen
 
 SI
 
Länge metroMeter m

massa Masse 

Kilogramm kg
intervalloZeit
di tempo secondo
Sekunde s

intensità di corrente
Stromstärke ampere
Ampere A
temperatura kelvinKelvin
Temperatur
assoluta K

quantità di sostanza mole


Stoffmenge Mol mol

intensità luminosa
Lichtstärke candela
Candela cd

Tabella 1: SI-unità

“ 
 
   

   

Esempio   X    


     
   
   
 X  
  ž


       X    


  X  
  ž
^

41
Conoscenze fondamentali
Minos

]      

 




    


      

  



  X
 $   

 
 
  $  


   
  

 > 

  
Vorsatz VorsSimbolo
atzzeichen Decimale
Faktor

Nano n 0,000 000 001

Mikro μ 0,000 001

Milli m 0,001

Chilo
Kilo k 1000

Mega M 1 000 000

Giga G 1 000 000 000

#    $ %

Esempio ~
    _Ž € ~  
  ;[[[ #

    _Ž[[ 

 
       

 
 
$    

Esercizio Ÿ
   ^_ 
 ¡

] 

    


   X  
 

   $   %   

$   
     

   

  } 
  $  ƒ
  

 ]  $
   $  ƒ 
  

  X  

      


    

 $
    
  

                X 

   

‘ 
  
  X  

  
    
  ; ~ 
   

  $   

 

‰^
Conoscenze fondamentali
Minos

   




<   


  
 
 -
   X  $  

  { $ ‹


 Z  


    X
   

  
con dei caratteri

} ‹  ¢ 

]
       

  
  X  $ “   
 


  X  
 #
    

  
       
 

Esempio } ‹  ¢ 

} ‹ ; € ¢ ;[ ž
^

} ‹ ;[ € ¢ ž
^

} ‹ ;[ ‘

‘
   

  
 X  
    -


     ]   X  


 $       
    


  $     ;[ 

  

$
  |   € |

43
Conoscenze fondamentali
Minos

2.2 Forza

  } 
  $ X  
  |  ‘

~ $
     

 #
 & 

 
-
 
  ${

} ‹  ¢ 

 $   |   

     

   -
          
   

} ‹  ¢ 

} ‹ ; € ¢ ; ž
^

} ‹ ; ‘

Esempio #      

     $   -


    |
  
  š  

  £
    Ž; ž
^

 ‹ } ž 

 ‹ ; ‘ ž Ž; ž
^

 ‹ [;[; €

Importante %    $    

 

   
   

F1 F2

F3 F1 = F2

F1  F3

 & '      

44
Conoscenze fondamentali
Minos

 $  




 
     $  
   $  
 
   
 
$           $ 

%  


  $
 $    $   -


   } ‘    

 $


  }

   $ & 



   
   
   $  ~

    


        



‘ 
   $ }; nella sua azione 
  $-
 }^  ˜   $



 
  
comune  $ }•  
   
  };  ˜ 
     

2.2.1 Addizione di forze


] 
 $  

   

 

 

 -
 
   
   $  #
 $ 
   $



 
    $   


   
 
 
    & 


  
   
     $  
 

 $   ¤ 
¥

]  $    


  $ >   

  $ >  % &  $  
  > 

  $   
  $  

F3 F3

F3 = F1 +F2

 ( )   

‰_
Conoscenze fondamentali
Minos

]           



  
   
  
   



'
  

X      


 $  
    

~ 

X        


  -

     
      
'           
 

  $    
   
  
  $

‘
  

X     


  
   $   
X    ¦    -
     $ 
  

    $ 



      
        
     
     
 
     
 
$ 
     $

F1 F1 F2

F3
F2

F1

F3 = F1 +F2
F3
F2


* )     

46
Conoscenze fondamentali
Minos

]   $  



      $$  

  † 
  



     
      †   “ 
 &

  †  



“ $  


  
   

 

    > $ 
  
  $-
$ }      $  $   


            


 

 $ 
 

        †
   
        $
< 
™     
   $

§
    
      $ 
$   
  
  
  $  


 

 > 
  $     
$ 

    


 $

F3 F3
F1 F1

F1,2

F2 F2

F1,F2,F3 F1,2 = F1 +F2

F3 F1,2,3

F1,2

F1,2,3 = F1 +F2 + F3



)      

47
Conoscenze fondamentali
Minos

‘  


  †  $    

 
       

  



%
    $    

 
  
 $ #
  $ ¤¥¤


¥   



   

 
    <

    


     $  ]    $ 


      
 


 
   
“ 
  
   



    $    


 $  
'
™ $ 
     $ ]  
  $

 
 >        † 

   †
    

  


  


‘ 
  >   $  

    


 
   

  

    $ 


-
     $ '
    †

 $   
    
    


   

F1 F2 F1 F2

Fh Fh

F1,2

F1,h F2,h

Immagine 12:     $ 

‰Ž
Conoscenze fondamentali
Minos

2.2.2 Decomposizione di forze

 
   $    

  
 
       $ 
         


 
 X      $     

~   $  

    
  


¨ "

  


\   

 © "

  \ ]   -


    $    ¨    ©

% 
  $    

 ¨  ©  



 
™
 

 
         $ 
'
 $ 
          $ 



        


      

 
      

  $    ¨  ©
      $ 
 $     $
   


Esercizio Ÿ
   ^‡  ^ª 
 ¡

asse Y asse Y
Y-Achse Y-Achse

F1 FY F1

FX

asse X
X-Achse asse X
X-Achse


+ ,     

‰
Conoscenze fondamentali
Minos

2.3 Momento di una forza (momento torcente)

~ $ &  


     
 

  

 #
   X  

]   †   $  

 
    
-

      
 X   
          
  
  $

 $      $   


   
  
  
   

      
       $     

   

X  
  $ 
    
  -
   $   
 % 
 †X  
 
     ‘|   "| 
\  
& 

   
  
  ${

ƒ   ‹ $ ”    $

ƒ ‹ } ¢ 

Immagine 14: Momento torcente

_[
Conoscenze fondamentali
Minos

Esempio ~   


   
  ‰[ ‘    -
      ^[[  #   $  
  
 
  

š

ƒ ‹ } ¢ 

} ‹ ƒ ž 

} ‹ ‰[ ‘ ž [^ 

} ‹ ^[[ ‘

      


   $  ^[[ ‘

'       ‰[[   $  

X

 ;[[ ‘  
  

  $   ‰[[ ‘






     ;[[ 

   

   


  > $   
 #
  

  





 

% 
 
            
   
            ƒ-
           †  



    
  
  
 
 



Esercizio Ÿ
   ^Ž  •[ 
 ¡

F
M


 )    

_;
Conoscenze fondamentali
Minos

2.4 Equilibrio delle forze e dei momenti torcenti

]    

   


 $     



     
    $  


 
   
#
    & 

 
  
 {

 
      $  

    

}; « }^ «  ‹ [


      

    

ƒ; « ƒ^ «  ‹ [

~    ˜  


 † ˜ 
  


  $ 
-

   
 
 
   ~    

 X     
   $

  
  

   

    X  X


   

 

   -




  

FA

FG


 .#    

_^
Conoscenze fondamentali
Minos

2.5 Principio di leva

        &    

 '  

 &          $

    & 

  
   
$  

   ¦  $   $   
  

     


       
   $
   

Esempio ~ 
          
  ^[   
       
   
  _ ‘  

  _[      #   
    š

FL ¢ L ‹ }G ¢ G

FL ‹ }G ¢ G ž L

FL ‹ _ ‘ ¢ [_  ž [^ 

FL ‹ ;^_ ‘

      
  ;^_ ‘

Compito Ÿ
   •; 
 ¡

lL lG

FL FG


! /0   #   0 


Conoscenze fondamentali
Minos

2.6 Pressione

¬
       
   



     


  
   $   


  
  #
 $       %
{
 ‹ } ž 

%

 ‹ $ ž
 

‘ ]
   X  
 "]­~
\  

 
   ‘ž^   
  $  † %
-
  X  
  

   X  %




; % ‹ ; ‘ž^

 

   %
   

    




 
  
  ;[[ [[[    

   %
 % &    





   

   


; [[[ % ‹ ; €%
; [[[ [[[ % ‹ ; [[[ €% ‹ ; ƒ% ‹ ; ‘ž^


& /  


Conoscenze fondamentali
Minos

 ž  X ]  X       
   ~  
 

  

 

  


;  ‹ ;[[ [[[ % ‹ ;[ ‘ž ^




 

   


$   

 

  

 

 

 %  

 
 
 

  
   
 
$  

 
  ‡[   ;[‰[  
    

 

 
        


 



  X  
 e 
 
  ” 

 šž 

  
  



  



]

  
    

    


-

   

 

 
  
  
 

%   
  

   

  

 
  




  

 

   

4
p
[bar]
pe = 2bar pabs =3 bar
3

pam b =ca.1 bar


1

pe =– 0,4 bar pabs =0,6 bar

Immagine 19: Pressione assoluta e sovrapressione

__
Conoscenze fondamentali
Minos

     X   ® X  


   
 

  

 

  

 

   


 ]  
      

  
 
 $

 



Esempio ~    
    •^   

  


   ‡  #   $  
 
  š

~ 
     •^   
     Ž ^

 ‹ } ž 

} ‹  ¢ 

} ‹ ‡  ¢ Ž ^

} ‹ ‡[ ‘ž ^ ¢ Ž ^

} ‹ ‰Ž[ ‘

  &   $  ‰Ž[ ‘



  

 
‡ 

Compito Ÿ
   •^  •• 
 ¡

2.6.1 Trasmissione di forza

 


  $  †       %


 ~ 

  
  †    
  


    


 
     
 





   $  


   

 
   %  †    
   -

  $    
  
  >    


  
  
 
  >  

 


  $  

     $


 
 >  
 †       

>    ' 
     
    


 

Š        


     
 >   
  
 >       

  

 

    


    

  X 
       

   X       †


Conoscenze fondamentali
Minos


  $ 
  


  ${

 ‹ }1 ž 1 ‹ }^ ž ^

    
 & 
  
 ” #
 
-
 & 
    

 
  
% &
          
 





  
 
  

   
  


   
  
 

Esempio  
    
   _ ^   
   

   _[ ^ ] 
    
  $  ;[[ ‘ #
  $ † 

 
   š

F1 ž 1 ‹ }^ ž ^

;[[ ‘ ž _ ^ ‹ }^ ž _[ ^

F^ ‹ ";[[ ‘ ž _ ^\ ¢ _[ ^

F^ ‹ ;[[[ ‘

' 
  ;[   
   $ ;[   -
  
 > 

F1 < F2

A1 < A2

 *     


Conoscenze fondamentali
Minos

2.6.2 Trasmissione di pressione

~  
    $  %
   


  

-
  
 

   
     

   
 
 
 
  
    " ž
ž\
 

        $ 




  

%  †  $  


 

   



   
 >    

   
  
  


   
 

'
  

    


  >
  
$$     

  

 
>  

 $
        


 


{

} ‹ 1 ¢ 1 ‹ ^ ¢ ^

 


  

    


  †


   


  
      -
  
 

  


  >  
  

   £  

A1 > A2
p1 < p2

F F

 
    


Conoscenze fondamentali
Minos

Esempio  
   
   _[ ^     
  
_ ^ ] 
    
  

   _ 


#   


 
 š     



  

1 ¢ 1 ‹ ^ ¢ ^

_  ¢ _[ ^ ‹ ^ ¢ _ ^

^ ‹ _  ¢ _[ ^ ž _ ^

^ ‹ _[ 


  ;[       

  ;[   -
  _[ 

  

Esercizio Ÿ
   •‰ 
 ¡

2.6.3 La legge del gas

         



 $$


   
    

 
     
$  
  
  $
† & 

 
   
$  

p1 V1 p2 V2
=
T1 T2

~
 
 $  

 
    



   

 Š     -


 


     
   

 
  
    

   & 


    

  -
      
     


]    
  $  
 
™{

1 ¢ ²1 ‹ ^ ¢ ²^

]   
     {

1 ž Š1 ‹ ^ ž Š^

< 
™
   

   
{

²1 ž Š1 ‹ ²^ ž Š^


Conoscenze fondamentali
Minos

Esempio Ž 3 † †  


   

     ;
m3   † ¤

¥   ^[ ³¶'  



 †      _[¶' #   


 

p1 V1 p2 V2
=
T1 T2

1bar 8 m 3 p2 1m 3
=
(273+ 20)K (273 + 50)K

1bar 8 m 3 (273+ 50)K


p2 =
(273+ 20)K 1m 3

8 m 3 323 K
p2 = bar
1m 3 293 K

p2 = 8,82 bar

 

      

 ]  

 $




    




   
ªŽ  

]   † 

 
   
†  
 ^[¶' X   
 

 #  


     š


   

1 ž Š1 ‹ ^ ž Š^

ŽŽ^  ž •^•  ‹ ^ ž ^• 

^ ‹ ŽŽ^  ¢ ^•  ž •^• 

^ ‹ Ž 

 $$ † 

 
  

 

 
Ž  #
  


  ª 

‡[
Conoscenze fondamentali
Minos

2.6.4 Materie correnti

#     

 
     X
 £

      


 

 
 ƒ  
  
X   X  £

 $ 
 

     X  £

  
 

  -

     X       $
 {

; Z ; ‹ ^ Z ^

~  £

  
  X   X   

 

] 
    

  
  
   

        £

   ]   >


  X   †        



 


 

 &  


    
 >   

 ]    
$$  
     
  

  




A1 A2
v1 v2

  .#   $

61
Conoscenze fondamentali
Minos

2.7 Tensione

  
  

    


 ‘  

  
  

'    

    $   


   
-

   
 
   
     

-
no deformarsi 
  

 ƒ 
 

  

     
    
Xž  

  

 

   
  


 
 $  
   
    
 
$

$
  
   $  
  

   

 


 

  {

Š
 ‹ $ ž
   X  
 ‘ž^

] 
    $  
   
 
  ¸  
  

  ¤
¥
#

   
  
 ]

 
    

      


 

 

     £

  $ {

¸ ‹ } ž ]

  
$    ¹  




   l area di
sezione ¬
$   
 

 {

¸ ‹ } ž ]

¦  


  
 


 

   $ 


   


‡^
Conoscenze fondamentali
Minos

Esempio ~ 
  ‡[[ €  

 
        
    ƒŽ ‘   
    


 &    
 

      -


 ƒŽ  ‰[[ ‘ž^ 
 >
  •[ ^ %& 
  

σ ‹ } ž ]

} ‹ σ ¢ ]

} ‹ ‰[[ ‘ž^ ¢ •[ ^

} ‹ ;^[[[ ‘

“ ] 
      $  ;^[[[ ‘

       $  ;^[[[ ‘ “


    

 ]      ;[ ž
^ # 
$  
  {

} ‹  ¢

} ‹ ‡[[ € ¢ ;[ ž
^

} ‹ ‡[[[ ‘

 
  

 ž   $  ‡[[[ ‘ #
 $ 
^  >    $ 
 % &  
  

 

 
     
 
  $ 
 
  

  ‡[[€     ^

63
Conoscenze fondamentali
Minos

2.8 Frizione

#       


    

$  $ †   #
 $  
   

     $     
 
 

 $       }R     


 $
 $   $       
  
 #
 $  
  

   
  & 
  $  }N  $     $
         $  X  

‘|

  $       


  
-
  $   œ º  
   $  
    
 
 
  
 


  &    ¤


¥ 

 

 $      


 
 
 
~  $   
 
    $ 
 

    

  
   X  


 $   & 

    


  ${

FR ‹ º ¢ }N

  
     £

 
†      

     $    -



  $  
  $  
 <

 $ 

†
     

FN

direzione di movimento
Bew egungsr ich
tung

FR

 
   
Reibfl
äche

 +     

64
Conoscenze fondamentali
Minos

~ $
   †
  ] $    
  

    
 †
   
 -
    $   
   
  º[

Ԡ
   »       
$  


   % &


      
   

 

~ $    †       


  
  
 
†   
 
   
  $   $ œ ¼

†   
 >   
 †
  %

   

        
& > $


   


  
      
   
 " š\ #
    


$ 
  
 

†        


 ‘ 
  
 
    $          

   †  


Esempio “          $ 


™    

  >     
  Ž[ €‘  

 
 
“   

   $   $  
  
[;_      
   [; #   $ 

         $     š

FR ‹ º[ ¢ }N FR ‹ º ¢ }N

FR ‹ [;_ ¢ Ž[ €‘ }R ‹ [; ¢ Ž[ €‘

FR ‹ ;^ €‘ }R ‹ Ž €‘

]        $  ;^ ‘     “




  $  Ž €‘   

Compito Ÿ
   •_ 
 ¡

‡_
Conoscenze fondamentali
Minos

2.9 Distanza, velocità e accelerazione

           



 
   X    X     
 
   
 †   
 
   X

2.9.1 Moto uniforme

  $       $  



    X 
 <    
    
 

]        


    
   $   

       ~ 
$ 


         


   

 

%     X


   $
 {

² X ‹  ž 

 ‹
ž 

‘
     
 
   
   %

      X
   X  
 ž
 
 ž


‘       X


 
  €ž   X  -

  žƒ  

 ‘
  &  X 
 



 $ •‡ & 

 
       X  ž

   €ž

; ž
‹ ‡[ ž ‹ •‡[[ ž ‹ •‡ €ž

% 
$   
  ž
   €ž 

 


       •‡    


   -

  €ž  ž

      •‡

66
Conoscenze fondamentali
Minos

Esempio ~     


  •‡[€  ‰  #    X
 
  $š  
 

    €ž  ž




 ‹
ž 

 ‹ •‡[ € ž ‰ 

 ‹ [ €ž

 ‹ [ €ž ž •‡ ‹ ^_ ž

  
     X  [ €ž  
 
^_ ž
 ' 
 
    X   ^_ ž

Compito Ÿ
   •‡ 
 ¡

2.9.2 Moto accelerato

#  $  



   
  X & 
#
    X
     
&     X       X
    


 >
 
   †     
       <

   


$   
 &   
  {

  ‹    X ž 

 ‹ ½ ž ½

]    X  


  
  ž
^  X
 
  

~ $
        Xž -
 ]  
  
  
    ]

  
 †       Ž; ž
^ 

            


 
   -
   X   
™    

67
Conoscenze fondamentali
Minos

Esempio ~  



      #  X X  

 
 
  

 š     -
       ;[ ž
^    X 


   ž
 €ž

 ‹ ½ ž ½

½ ‹  ¢ ½

½ ‹ ;[ ž
^ ¢ •

½ ‹ •[ ž
‹ ;[Ž €ž

“ 
    
    X  •[ ž
 ;[Ž
€ž ƒ  
  

 † 
 X 
 

 
 
  
    X 
          X
 & 
    

  X       
       X     

 †
    X ] &        X

Esempio ~ ¤ ‚ ”

¥     X  ;‰‰ €ž  ‰[ ž


  
      [_ 
^  ^[
  #   X š

½ ‹  ¢ ½

½ ‹ [_ ž
^ ¢ ^[

½ ‹ ;[ ž
‹ •‡ €ž

  X     ;[ ž


 •‡ €ž    X
   _[ ž
 ;Ž[ €ž

Compito Ÿ
   •ª 
 ¡

‡Ž
Conoscenze fondamentali
Minos

#   X      †   $


    X     


 

 
   †       
 
  X      {

 ‹  ž 

 
™{

 ‹  ¢ 


  $      ${

 ‹
ž 

%  
{


‹  ¢ 

]      $   X  $


      X  
†  & 

 
-
     
     
$ & 

    


 {


‹ ;ž^ ¢  ¢ 

]



   X         
{


‹ ;ž^ ¢  ¢ ^

Esempio ~      [  ;[[ €ž  ;[


  ' 

 X     
 š


‹ ;ž^ ¢  ¢ 


‹ ;ž^ ¢ ;[[ €ž ¢ ;[


‹ ;ž^ ¢ ^ªŽ ž
¢ ;[


‹ ;• 

    X  


  ;•   
  -


Esercizio Ÿ
   •Ž 
 ¡

‡
Conoscenze fondamentali
Minos

2.9.3 Forze su corpi mobili

   $    


     ‘|
 $ 
 ‘| $   
 
  

           ‘| <


 {

'&
     

 $ 
  

   
 

 X  
   $   
 X #  ¤ ¥      X  
#
   & 

    


{

 
          †£
 $

 
  

    †   

¤ $$ ¥   $ }   

    




  
  $    $ †

   †    $  £   



 
     ‘|{

      


  $$ 
$ ¤ ¥   

     †   



  $ ¤ 

š¥

#

     $        -
   

 $  X     $      


 
     #
    

  
' 

   ${

ƒ

 ‹ $ ž  

 ‹ } ž 

} ‹  ¢ 

   
{

; ‘ ‹ ; € ¢ ; ž
^

ª[
Conoscenze fondamentali
Minos

% &
X  $   ‘|       


  ; €  ; ž
^  #
       
 

 $  


        
% 
         -
 


           


      #
     
 Ž; ž
^

  
 %
    
 &
 
   ;[ ž
^ 

 
    
   ¬   $ -
   

 
      

   
   

FG ‹  ¢

‘     


 


 
 
-
   

 †X  
  

 €  



 

  
   

 
     

  ; €

-
  
   
  Ž; ‘

FG ‹  ¢

FG ‹ ; € ¢ Ž; ž
^

FG ‹ Ž; ‘

 
 
     

  ; €    ;[ ‘

Esempio #  
      

  ;[[ €

  
       ;‡ ž
^ š

FG ‹  ¢

FG ‹ ;[[ € ¢ ;‡ ž
^

FG ‹ ;‡[ ‘

]
     

 ;‡[ ‘

Esercizio Ÿ
   • 
 ¡

71
Conoscenze fondamentali
Minos

2.10 Rotazione

#             




           
 
      "   \       
ƒ             ž 
$         

†   
  
   & 

  
 
       

 ‹
ž 

#
      X  

  †
†  
  †   
  

 X  -



        
    "\
] 
  †   
 


      


†      ;  '$   %   
1rad intorno al centro di rotazione quando il segmento dell´arco circolare
 


      

frammento dell‘arco
ück s s
Kreisbogenst
r

punto P
Punkt P
raggio
Radiusr r
asse di rotazione
D rehachse

  5    

ª^
Conoscenze fondamentali
Minos

%          


 -
            ^ ¢ π ¢ 
$    % &        ^ ¢ π 
]



 π     •;‰
      
   ‡^Ž 


  $          {


‹ ^ ¢ π ¢ 

Esempio        [_  #   


  
  


     

    



š

“ ‹ [_   ‹ [^_ 


‹ [ª_ ¢ ^ ¢ π ¢ 


‹ [ª_ ¢ ^ ¢ π ¢ [^_ 


‹ ;;Ž 

     


  ;;Ž 

      

 

 
    †X  

  #     
  •‡[ 
 “ 
 
              [¶

  X         



  
 ] ' †     


# 
    
  $  ¡¡  {

;¶ ‹ ^ ¢ π ž •‡[¶ ¾ [[;ª_ 

;  ‹ •‡[¶ ž "^ ¢ π) ¾ _ª•¶

Compito Ÿ
   ‰[ 
 ¡

73
Conoscenze fondamentali
Minos

2.10.1 Velocità angolare

‘     X 


  
  
  
 X   ]    
 ¥ š¥


  
   

  X   ω œ   $    


dell‘angolo di rotazione        '  $ 
 X  † 
 
 
 “ ½   $$ 
  
   

ω ‹ ½ ž ½

X  
    X    ž
 ]     

    X     X  
 ;ž


Esempio ~       X     ª_[   
#   X  š

ω ‹ ½ ž ½

ω ‹ ª_[ ¢ •‡[¶ ž ‡[

ω ‹ ‰_[[¶ ;ž

ω ‹ ^π ¢ ;^_ ;ž

     X    ^π ¢ ;^_ ;ž




74
Conoscenze fondamentali
Minos

2.10.2 Accelerazione angolare

†     


 
 %&   -
   

     X    


   

†    $      X -


    X  

 
 
 †    & 

    



 {

α ‹ ½ω ž ½

X  
      ž
^  ;ž
^

†     


       
  
     †   
  

Esempio 

      

   



   
   
    X    •
ž
 #    š

α ‹ ½ω ž ½

α ‹ • ž
ž [•

α ‹ ;[ ž
^

%   


X      X   

     ;[ ž
^

Esercizio Ÿ
   ‰; 
 ¡

ª_
Conoscenze fondamentali
Minos

2.11 Lavoro, energia e potenza

2.11.1 Lavoro

‘
 
 
          


 †
   $     % &  


 †
  
  

   




#

   


 
 
    



    
   
   >   
 
    >
X    $  



 
    
 {

 ‹ $ Z  




¿ ‹ } ¢

†X  
   ‘|  ‘   
 
  

†  
 À À    ‘| 

#   


  ;    $  ; ‘|


      ; À

‘          À     

 %

    


 X  
 €|
€¿ # 
  

   


    X{

; €¿ ‹ •‡ Z ;[‡ À ‹ • ‡[[ [[[ À

; €¿ ‹ •‡ ¢ ;[6 À ‹ • ‡[[ [[[ À

; À ‹ ^ªªŽ ¢ ;[–7 €¿

Esempio ~         


 ;[[ €  “



  
  ^[        †  
     [_ #  $    

š #
    
š

} ‹ º ¢ }N ‹ º ¢  ¢ ‹ [_ ¢ ;[[ € ¢ Ž; ž


^

} ‹ ‰[_ ‘

]X  

  $    ‰[_ ‘

¿ ‹ } ¢

¿ ‹ ‰[_ ‘ ¢ ^[ 

¿ ‹ Ž;[ À

~   Ž;[ À  Ž; €À  


 

76
Conoscenze fondamentali
Minos

]

    
 †    
 
   

  
 
  $     

    

     

 &    

    
 
   
 
    
 


¿ ‹ }G ¢ 

¿ ‹  ¢ ¢ 

Esempio ~      

    ;[[[ €  <

 



   ^_    #  $ 
 
 š

¿ ‹  ¢ ¢ 

¿ ‹ ;[[[ € ¢ Ž; ž
^ ¢ ^_ 

¿ ‹ ^‰_^_ €À

#
      $   

  
    
      $ 
   $  


% &
   
 {

¿ ‹ ;ž^ ¢ }” ¢

Esempio ] 

 $ 
 
 
 
     
 

  [‡   $  

  


 
  ‰[[ ‘ 
 


  _[  #  

 
 š

¿ ‹ ;ž^ ¢ }” ¢

¿ ‹ ;ž^ ¢ ‰[[ ‘ ¢ [‡ 

¿ ‹ ;^[ À

%     


      ;^[ À
   
  _[   



¿ ‹ _[ ¢ ;^[ À

¿ ‹ ‡[[[ À ‹ ‡ €À

77
Conoscenze fondamentali
Minos

%     

 
  $  {

} ‹  ¢ 

  
  

 $         X


& 

     $ 


 {


‹ ;ž^ ¢ ^ ž 

~
 
  $
 &      {

¿ ‹ } ¢

¿ ‹ ;ž^ ¢  ¢ ^

  
           -
 X 
  

    X  

‘        ]      


   X       X  “  -

     
 


 $   >  


>
    
   Á 

 £    $  


 
    



~     

  ;[[  

     


 X  [ €ž #  
š

¿ ‹ ;ž^ ¢  ¢ ^

¿ ‹ ;ž^ ¢ ;[[  ¢ "[ €ž\^

¿ ‹ ;ž^ ¢ ;[[[[[ € ¢ "^_ ž


\^

¿ ‹ ;ž^ ¢ ;[[[[[ € ¢ ‡^_ ^ž


^

¿ ‹ •;^_ ƒÀ ‹ Ž‡Ž €¿

%   


    •;^_ ƒÀ  Ž‡ €¿

Esercizio Ÿ
   ‰^ 
 ¡

ªŽ
Conoscenze fondamentali
Minos

2.11.2 Energia

%     


     #  
         % &      X
  

‘
 & 
 †     
™ 

 & 


calcolata

   


 X  
     ]  

  À ƒ
      


  €¿

'
  $ 
     $ >  
   

 
        

% 
     $   

     #
      
 $         
 
  

E ‹  ¢ ¢ 

†   ž  & 

    


     ]       
 
  
        
    


Esempio              

 
  -
  #
†    ;_[  >  
    


#         š

~       

  ;[[[ € 

E ‹  ¢ ¢ 

E ‹ ;[[[ € ¢ Ž; ž


^ ¢ ;_[ 

E ‹ ;‰ª ƒÀ

E ‹ [‰[ €¿

      


   ;‰ª ƒÀ  [‰[ €¿
  

ª
Conoscenze fondamentali
Minos

] 
    
   

   “


     
      
        
    

   

            ]   



 {

E€ ‹ ;ž^ ¢  ¢ ^

'         


   
-
   X   '     
  X     

     


    
   

Esempio ~     

  ;_[[ €     X  [ €ž


#       š #
  
        X  ;Ž[ €žš

E€ ‹ ;ž^ ¢  ¢ ^

E€ ‹ ;ž^ ¢ ;_[[ € ¢ ^_^ m^ž


^

E€ ‹ ‰‡Žª_ €À

<  
   X{

E€ ‹ ;ž^ ¢ ;_[[ € ¢ _[^ m^ž


^

E€ ‹ ;Žª_ €À

“   X  [ €ž         ‰‡Ž ª_ €À


 ;Ž[ €ž X ;Žª_ €À

    


          -
 

ƒ 
             
     <     
   
-
  
   
        
       
      

<       


    
#
 $     

   >

Esercizio Ÿ
   ‰• 
 ¡

Ž[
Conoscenze fondamentali
Minos

2.11.3 Principio della conservazione dell‘energia

‘  
    
     † 
     

 
$ †    $
† }  
™ †     


    


       

  dice
 
          
{

< ‹ < + E€ ‹ 




‘ $

 »  
  $ †

$   †   

%>       


  
  
 
     $     

 

 


  

 †   &  

   



 & 
 
$   $ †    


 

     

   
ž  
    $    
  
-
  » 

   †

Esempio ~   


    

    X  [ €ž
] 


     


   

  X      š # 
 
†ž †   
 
$    

E ‹ <€

 ¢ ¢  ‹ ;ž^ ¢  ¢ ^

¢  ‹ ;ž^ ¢ ^

 ‹ ;ž^ ¢ ^ ž

 ‹ ;ž^ ¢ ^_^ m^ž


^ ž Ž; ž
^

 ‹ •;Ž 

     X   •;Ž   

   
 £  


Ž;
Conoscenze fondamentali
Minos

2.11.4 Potenza

#       


  
-
    
   ]     

      
      

  X     

] &     


        
¤ ¥  



% ‹  ž X  

% ‹ ¿ ž ½

X  
      À 
    

X
 
   X ¿ ¿ ]X  

  


  ¿       À  
 

               €|


    
          
 |

X  
 %]   

 X 
 -
 ] & 


 
    
 
$  
    
 X{

; %] ‹ [ª•_ €¿

; €¿ ‹ ;•‡ %]

]
          $   


   
  $     {

% ‹ } ¢ 

      $    X

Esempio %        X  [ €ž 


  $
 _[[ ‘ #    
š

% ‹ } ¢ 

% ‹ _[[ ‘ ¢ ^_ ž

% ‹ ;^_ €¿

'
    ;^_ €¿

Esercizio Ÿ
   ‰‰ 
 ¡

Ž^
Conoscenze fondamentali
Minos

  
   
  

  $   $ 


       
$    

  $   $     


    <

η ‹ % ž %auf

 $   $     


 %   
        ;[[

 $   $   & 

   [    ; 


 ;[[ ˆ      
 
  
 
X 
 
$        #
  



 
$  

#      


  
  
 $   $     
  $ 

  
 >   
  >    $ 
 $ 

‘ 
       
  

 & 

 
   $   
 
 
 #
     $   $ -
 |  
  
$ ‚ $  ‚ $   



Esempio ~        


  [[ ¿  -
    _‰[ ¿ #  $   $  

  š

η ‹ % ž %auf

η ‹ _‰[ ¿ ž [[ ¿

η ‹ [‡

 $   $      [‡   ‡[ ˆ

Ž•
Conoscenze fondamentali
Minos

2.12 Termodinamica

2.12.1 Temperatura

    
       
  
      
   
    ‘  -
    
 †X  
   "'

\ ¶'

‘  [ ¶'     $


  ;[[ ¶'    -
 †  #
 
$ 

 

  
  
 


   $$ 
 

  ;[;•^_  #


 

    




 

      $


       
  

 
   
     



 

‘

 X 
 ]
    
 Š  $
†X  
   


    ~ -


  [    > 

  

     

     
     
 
    

~     


     Â^ª•;_ '
% & 
       > 

 
 '



< 
 

 


 $$   Š 


  $
      †    $$
   ;[[       $
  
^ª•;_         •ª• ;_  # 
  


  $  
{

Š ‹  « ^ª•;_

Š
      ¶' % 
       

&     ^ª•

‘
        


   ƒ  
     †


   

       


  $
  ' 
 X  
   
  -
 
 †   ¶'    & 
 



Ž‰
Conoscenze fondamentali
Minos

Esempio †     $


  ­;_Ž ¶' #   
š

Š ‹ Â;_Ž ¶' « ^ª•;_

Š ‹ ªª•_ 

†
 
$ 
  
 


  
 ªª•_ 

2.12.2 Dilatazione di corpi solidi


    

 
 $   
 ƒ


    


   
   

  
  ž
ž$


  $
        {

½ ‹ α ¢ [ ¢ ½Š

α   $   ž



----------- [    
   ½Š  $$  

 $     $$ ž  


 &
   †X  
  ;ž

Esempio ~       ^[  


 
  -
  •[   $     $  [[[[[;^• “ 
X   š

½ ‹ α ¢ [ ¢ ½Š

½ ‹ [[[[[;^• ;ž ¢ ^[  ¢ •[ 

½ ‹ [[[ª‰  ‹ ª‰ 

  
 †     ª‰   

Ž_
Conoscenze fondamentali
Minos

2.12.3 Dilatazione dei gas

   
& 

 
  
 $

 

 -
 
  ] 
   
  


 
X

     

 
 & 

  

       
 

  {

½² ‹ γ ¢ ²[ ¢ ½Š

    & 

     $ 


         $$  -
š  $$  
  

  
  
  % & 
     $     -
 & 

       

γ ‹ ;ž^ª•;_ ;ž ‹ [[[•‡‡; ;ž

#
 
        [      

    % &    γ  
   
$ž
   
 $  

 $
  

 

     #


  
  †

Esempio ~
  _[ 3      ^[ 
}       
 
  $
  


 
 #    †  $

½² ‹ γ ¢ ²[ ¢ ½Š

½² ‹ [[[•‡‡; ;ž ¢ _[ 3 ¢ ^[ 

½² ‹ •‡‡; 3

Ÿ
   ^[    
  •‡‡; 3

'  X 


 
    

 
&   

 X #


 & 

 



 
  ${

½ ‹ γ ¢ [ ¢ ½Š

#
   
   
$

Ž‡
Conoscenze fondamentali
Minos

2.12.4 Energia termica e capacità termica

]    
 

  ¤$¥     #


 
          

 ƒ   
 $$   

             


#   X  
          À  €¿


     

  
    -
     

      


   %   
 
 
  {

# ‹ ¢  ¢ ½Š


    X         
   À ž "€ Z\

  X   ' 


 
     


    €      X  

 Àž %& 

 



 
  ${

' ‹ # ž ½Š ‹ ¢ 

Esempio #  
 
       ^[ ¶'
 ª[¶'š 
    X      ^[ ¶'  ‰;Ž[ Àž€ 

# ‹ ¢  ¢ ½Š

# ‹ ‰;Ž €Àž€  ¢ ; € ¢ _[ 

# ‹ ^[ €À

%  

 ^[ €À

Esercizio Ÿ
   ‰_ 
 ¡

Žª
Conoscenze fondamentali
Minos

ŽŽ
Conoscenze fondamentali
Minos

3 Disegno tecnico

3.1 Fondamenti del disegno tecnico

3.1.1 Il disegno tecnico come mezzo della comunicazione

Oggi giorno i prodotti non vengono più realizzati dalla singola persona,
ma in larga misura il lavoro viene diviso tra un gruppo di collaboratori.
Infatti, già nella fase di design di un prodotto, il lavoro viene diviso in
sezioni/settori e workshops differenti.

  &       


 $   $  
tutto il mondo. Molti elementi di costruzione sono componenti standart
oppure possono essere comprati da imprese ausiliarie.

%    


   

    $  



tra personi ed AZIENDE differenti. Malgrado la modernità dei computers,
le conoscenze di disegno tecnico sono ancora molto importanti per la
comunicazione e lo scambio di informazioni.

Il disegno tecnico offre la possibilità di rappresentare pezzi lavorati


tridimensionali a misura esatta e soltanto in due dimensioni. Tutte le in-
formazioni necessarie per la produzione possono essere contenute nel
disegno tecnico, ad esempio:

- scala e tolleranza
­   
 
- materiali usati
- trattamenti termici
- protezioni anticorrosive
- istruzioni di assemblaggio.

Nella preparazione del disegno tecnico, dovranno essere seguite determi-


nate regole, che serviranno a far capire al tecnico o all´artigiano il lavoro
da svolgere. Queste leggi sono chiamate norme di disegno.


  
    †  -
zione dei processi di creazione.
Questi compiti includono:

- la creazione di disegni tecnici,


­    $    
  

­    

  

­       
­       † 

89
Conoscenze fondamentali
Minos

Nel campo della tecnica le norme sono le regole. Esse permettono lo


scambio e le informazioni dei prodotti. Esistono norme differenti per
differenti campi di utilizzo.

Norma DIN

Le norme DIN sono rilasciate dalla „Deutsche Institut für Normung“


(l’Istituto tedesco per la standardizzazione). I contenuti sono sviluppati
da singoli comitati, che sono i rappresentanti dall´industria, il campo della
      X    
  
-
sioni delle norme specialisti. Rappresentanti dell’industria, della ricerca,
della rappresentanza degli interessi e dell’autorità fanno parte di queste
commissioni. Si possono comprare le norme DIN alla casa editrice Beuth.

Norme ISO

Le norme ISO vengono riconosciute in tutto il mondo. Esse vengono


rilasciate dall´Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione
(International Organization for Standardization). L’istituto tedesco per la
standardizzazione è membro dell’ISO.

Le norme ISO sostengono la collaborazione mondiale nel campo della


tecnica. Oltre alle norme tecniche, ci sono anche altre norme, come per
esempio la norma ISO 9000 per la gestione della qualità.

Norme EN

Il Comitato Europeo per la standardizzazione è responsabile per


l´emissione delle norme europee. Le norme DIN e EN sono valide soprat-
tutto nell’Europa occidentale. Queste norme sono emesse in considera-
zione dello Standart ISO, e vengono usate in tutti i campi della tecnica,
eccetto l´elettrotecnica e la comunicazione.

Sono responsabili per quest´ultimi settori il Comitato Europeo per la


standardizzazione dell´elettrotecnica e l’Istituto Europeo per le norme/
standarts della telecomunicazione.

3.1.2 Tipi di disegni

Le esigenze a secondo del disegno/progetto possono variare. Come


risultato, esistono diversi tipi di disegno. Queste tipi sono descritti nella
parte 1, DIN 199.

Ci sono aspetti differenti per la determinazione del tipo di disegno. I piu


utilizzati sono descritti qui a seguito, ma senza entrare nel dettaglio circa
la spiegazione del concetto.

90
Conoscenze fondamentali
Minos

Tipi di illustrazione

Ci sono due tipi di illustrazione, che sono: lo schizzo e il disegno. Gli


schizzi non vengono realizzati in scala, essi spesso disegnati a mano
libera, utilizzando una matita.

Invece i disegni sono illustrazioni (visive) che consistono in linee.


Tutti i disegni che servono per la rappresentazione o produzione di un
oggetto sono riassunti in un set di disegni.

Tipi di creazione del disegno

Qui abbiamo un disegno originale e una copia. L´originale viene usato da


modello per le altre copie e rappresenta una certa versione del disegno.

I metodi classici per la realizzazione dell´originale, sono la matita o


l´inchiostro di china. Ma oggi, per la realizzazione di un disegno, molto
diffuso è l´utilizzo del computer. Progettazione e cambiamenti del design
possono essere applicati soltanto sull´originale.

Contenuti del disegno

Un disegno descrive una macchina, un sistema o un meccanismo nella


sua forma/funzione completa.
Mentre la „subassembly“ di un disegno mostra le misure reali della posi-
zione delle tre dimensioni e la forma dei pezzi di lavoro che appartengono
ad un determinato gruppo.

I singoli pezzi sono rappresentati in maniera singola o parziale senza


mostrare la loro allocazione concerne agli alri pezzi di lavoro.

Funzione del disegno

Il disegno preliminare viene usato per descrivere un pezzo di lavoro,


  
 
      
   
  
produzione include informazioni circa la fabbricazione o l´assemblaggio
del prodotto/pezzo di lavoro.

I disegni di produzione si dividono a loro volta nella lavorazione e


nell´assemblaggio, il quale descrive le procedure di assemblaggio.

 
   
 
   

  
non contiene tutte le informazione complete sul prodotto.

91
Conoscenze fondamentali
Minos

3.1.3 Formati della carta

La DIN 476 stabilisce il formato della carta. Il formato „di partenza“ AO


     
   ;^      
  ; { Ã^      &  ;‰;‰^  >    
corto. I formati sono stabiliti nella DIN 67771 T6.

Se si dimezza il formato AO in due parti uguali, si ottiene il formato A1.


Dividendo ulteriormente il formato, otteniamo formati ancora più piccoli
come A2, A3, A4, A5, A6. Il formato di una pagina normale per scrivere
o stampare è A4.

I formati delle singole pagine vengono arrotondati per millimetri. Le sin-


gole grandezze sono:

A0 841 x 1189 mm
A1 594 x 841 mm
A2 420 x 594 mm
A3 297 x 420 mm
A4 210 x 297 mm
A5 148 x 210 mm
A6 105 x 148 mm
A7 74 x 105 mm.

A0 841x1189 mm

A2

A1

A4

A3

A6
A5
A7

Immagine 25: Formati

92
Conoscenze fondamentali
Minos

Tutti i formati possono essere usati come formati verticali o orizzontali.


L`utilizzo più diffuso del formato A4 è in posizione verticale.

Oltre ai formati della carta serie A, esistono anche le serie B, C e D.

I formati della serie B si calcolano nel modo geometrico dei formati della
seria A. Il formato BO si ricava dal formato AO e il formato 2AO che ha
la doppia grandezza. Perciò, si ottiene per BO

§[ ‹ Ã[ ” Ã^[
§[ ‹ Ã"Ž‰;  ” ;;Ž \ ” Ã";;Ž  ” ;‡Ž^ \
B0 = 1000 mm x 1414 mm.

La serie C, invece, si forma dal mezzo geometrico dei lati uguali dai
formati uguali della riga A e della riga B.

'[ ‹ Ã" \ [ ” §[\ ” Ã"  \ [ ” §[\


'[ ‹ Ã"Ž‰;  ” ;[[[ \ ” Ã";;Ž  ” ;‰;‰ \
C0 = 917 mm x 1297 mm.

La serie D si ricava invece nel modo geometrico dei valori dai valori del
formato A ed il prossimo formato più piccolodella serie B.

“[ ‹ Ã[ ” ç;
“[ ‹ Ã"Ž‰;  ” ;;Ž \ ” Ã"ª[ª  ” ;[[[ \
D0 = 771 mm x 1091 mm

In generale, i formati B sono più grandi rispetto ai formati A. I formati C


si trovano tra i formati B e A. I formati della serie D sono i più piccoli.

Esempio B0 = 1000 x 1414 mm


C0 = 917 x 1297 mm
A0 = 841 x 1189 mm
D0 = 771 x 1091 mm

B4 = 250 x 353 mm
C4 = 229 x 324 mm
A4 = 210 x 297 mm
D4 = 192 x 272 mm

In Nordamerica l´unità di misura dei formati della carta si calcolano in


pollici.

93
Conoscenze fondamentali
Minos

!" 
     

I disegni tecnici possiedono un „title block“, il quale viene sempre posi-


zionato in basso e a destra.

La base del campo ha un’ampiezza di 187 mm e un’altezza di 55 mm.


Queste misure ed il volume sono determinati nella DIN 6771, Parte 1.
Dall’anno 2004, questa DIN è stata sostituita dalla DIN EN ISO 2700.

Nella parte sinistra, s’immette cambiamenti. Si può aggiungere il dato


del cambiamento ed il nome del rielaboratore. La parte sopra è libera.

Nella parte centrale si immette il nome della ditta, e lì sopra il dato ed il


nome del rielaboratore del controllo del disegno. Sopra, ci sono appositi

  

   
     

‘  
      

    
-
gni. A destra d’accanto, s’iscrive da quante pagine appartenute consiste
il disegno.

(Verwendungsbereich) (Zul. bw.


A ) (O berfläche) M aßstab (G ewicht)

(W erkstoff ,H albzeug)
(R ohteil-N r)
(M odell-oderG esenk-N r)

Datum N am e (Benennung)

Bearb.

G epr.

N orm

(Fir
ma des Zeichnun
gsers
tell
ers) (Zeichnun
gsnumm er) Blatt

Zust Änderung Datum N am e (U rspr.) (Ers.f.:) (Ers.d.:) Bl.

Immagine 26: Testo

94
Conoscenze fondamentali
Minos

Più sopra, si trascrive il titolo del pezzo rappresentato nel disegno. Il


materiale del pezzo sta nel quadretto al di sopra.

Nella parte destra, più sopra del campo di tipologico, si registra la riga e
accanto di destra si aggiunge il peso del pezzo da lavorare.

]  
        
$    $
si può aggiungarlo tramitte altri posti.

I singoli pezzi di un elemento costruttivo o di un prodotto intero ven


gono elencati tra liste dei pezzi. Vengono aggiunti ai disegni di
montaggi o i gruppi sopra il campo da scrivere o rappresentati
separati. Le liste dei prezzi contengono un simile campo da scrivere
che i disegni.

Per le liste di pezzi della forma A, si usano pagine da disegnare del


formato A4 o A3 nel modo verticale. Nella tabella, si registrano i segu
enti valori:

- posizione
- massa
- unità
- titolo
- numero del prodotto
- commento.

Le seguenti liste dei pezzi della forma B esistono solo nel oblungo
formato A4. Si registrano i seguenti valori nella tabella:

- posizione
- massa
- unità
- titolo
- numero del prodotto
- materiale
- peso misurato in kg
- commento.

95
Conoscenze fondamentali
Minos

3.1.5 Scale

Di solito non è possibile rappresentare a grandezza originale un pezzo


di lavoro, ad esempio non possiamo disegnare un´intero palazzo su di
un foglio. Mentre le parti di un`orologio possono essere molto piccole da
vedere in misura originale. Perciò, non ha molta importanza rappresentare
o meno i pezzi a grandezza naturale.

Per rappresentare pezzi grandi in un disegno, la loro misure viene ridotta,


al contrario invece avviene nei pezzi piccoli. C´è un determinato modo
per ingrandire e ridurre una misura. Per esempio possiamo utilizzare la
stessa forma e riprodurla in scale di grandezza differenti.

La graduazione della scala viene stabilita dalla DIN ISO 5455 e ha sempre
un valore multiplo decimale dei valori 1, 2 e 5.

Disegni realizzati a grandezza naturale sono eseguiti in scala 1:1. Il che



        
  
   
dell´originale.

Una diminuzione dei pezzi grandi può essere fatta con la misura di 1:2.
Ogni millimetro nel disegno corrisponde a due millimetri dell’originale.
Perciò il disegno ha la meta di grandezza rispetto al pezzo originale.

Oggetti larghi possono essere disegnati ad esempio in scala 2:1. Ogni


millimetro del disegno equivale a 2 millimetri dell´originale. Di conseguen-
za il disegno è due volte più piccolo dell’originale.

Si possono usare per esempio le seguenti misure:

Grandezza originale: 1:1

Diminuzione: 1:2 1:5 1:10


1:20 1:50 1:100
1:200 1:500 1:1000

Ingrandimento: 2:1 5:1 10:1


20:1 50:1 100:1
200:1 500:1 1000:1

Esercizio Risolvete il problema 46 dell’eserciziario!

96
Conoscenze fondamentali
Minos

3.2 Descrizioni in disegni

3.2.1 Vedute

‘ 
  
  
$  
    
visto da un solo lato. In questo modo è impossibile rappresentare tutte
le informazioni necessarie. Un pezzo di lavoro deve essere disegnato
da diverse angolature.

La rappresentazione delle diverse vedute viene eseguita ribaltando sen-


satamente il pezzo da lavorare sul foglio. Dipendendo come il pezzo è
postato, si disegna la veduta dall’alto.

 
 $  $        
rappresentati girando il pezzo sulla sinistra e sulla destra. La visione
dall´alto viene rapppresenta in basso nel foglio.

All’inizio, si disegna la veduta di fronte. Entrambe le due vedute laterale


vengono create ribaltare il pezzo a destra o a sinistra. Sotto di questo
disegno, la veduta dall’alto viene rappresentata.

Se queste vedute non sono abbastanza, si può rappresentare a destra


la lato posteriore dell´oggetto e sopra la veduta interrata/. Ad ogni veduta
aggiuntiva si devono aggiungere informazioni ulteriori che non erano
introdotte nelle altre vedute.

Ogni deviazione nel disegno deve essere dichiarata.

Immagine 27: Vedute

97
Conoscenze fondamentali
Minos

3.2.2 Tipi e spessori di linea

Nel disegno tecnico vengono utilizzate linee di differente tipo e spessore.


Questo rende la visione del disegno più chiara e comprensibile.

Un singolo disegno non devo contenere più di due spessori di linea,


dipende dal formato del disegno. Un terzo può essere utilizzato per
etichettare il disegno.

Il gruppo di linee 1 viene utilizzato per disegni nel formato A1. Linee



 

   ;[    


  [_ 
I caratteri invece hanno un’ampiezza di 0,7 mm.

Il gruppo di linee 0,5, viene utilizzato per disegnare sul formato A4. Qui
le inee piu spesse equivalgono a 0,5, mentre quelle sottili a 0,25 mm. I
caratteri invece hanno uno spessore di linea di 0,35mm.

Una linea spessa e continua viene utilizzata per tracciare i bordi visibili..
~       $X        

Mentre le linee sottili continue, vengono utilizzate per disegnare/tracciare


le linee di dimensione e linee ausiliari.............................

Le linee irregolari sono anche sottili, esse vengono utilizzate

Con le linee a tratto e punto, si disegnano canti che sono rivestiti e quindi
invisibili. Anche queste linee sono sottili.

Le linee centrali vengono anche disegnate tra una linea a tratto e punto
come pure i cerchi graduati da dentature o cerchi perforati. Le linee sono
strette.

Una grossa linea a tratto e punto, invece, contrassegna un richiesto


trattamento termico per esempio.

Inoltre, anche le strette linee a tratto e due punti sono possibili. Rappresen-
tano per esempio quale posizione limita i pezzi mobili possono attestarsi.

98
Conoscenze fondamentali
Minos

3.2.3 Sezioni

Non tutte le dimensioni di un oggetto sono visibili dall´esterno. Per poter


disegnare i contorni/bordi/spigoli all´interno, sarà necessario sezionare

     


      
  
  continua?.
Siccome gli spigoli della sezione visibile sono i bordi del corpo, essi ven-
gono rappresentati con una linea spessa continua.

Il tratteggio/incisione viene sempre eseguito con un angolo di 45°. Se piu


sezioni entrano in collisione tra loro, allora le linee di tratteggio dovranno
o essere rappresentate con un ´apertura angolare opposta, oppure uti-
lizzando una distanza differente tra le linee di tratteggio.

     
  
    



oggetto, devono essere tratteggiate in maniera identica.

Se non si distingue chiaramente dove è stato sezionato /tagliato il pezzo


da lavoro, allora le linee di taglio dovranno essere mostrate . Per questo
processo di taglio si utilizza il Tratto-Punto-Linea.

Le frecce sono disegnate nella linea di sezione al di fuori del pezzo di


lavoro(oggetto). Queste indicano da quale direzione viene vista la su-
   ž
 ¦  $    ž   
maiuscola. Se l’intersezione non è continua, l´interruzione deve essere
disegnata.

Immagine 28: Tratteggio

99
Conoscenze fondamentali
Minos

La direzione del punto di osservazione/vista viene mostrata sopra la



 
 
 ­§  

     
-
dente disegno di sezione mostra l’oggetto di lavoro tagliato alla linea di
sezione, che viene rappresentata dalle lettere A e B.

Ma non tutti pezzi di lavoro/oggetti riportano i disegni di sezione. Alcuni


di questi per esempio sono:

- vite, dadi e piastrine,


- chiodi e bulluni,
- alberi,
- sfere e rulli dei cuscinetti,
- chiavette ad incastro e perni,
- denti degli ingranaggi,
- alette o costole.

È anche possibile disegnare solo una sezione di una parte del pezzo da
lavorare. I margini della sezione sono delimitati da una linea mediana
oppure con una linea irregolare.

Sezione A-B

Immagine 29: Sezioni

100
Conoscenze fondamentali
Minos

3.3 Indicazione di misure in disegni

Un disegno deve rappresentare un pezzo di lavoro e provvedere circa


le informazioni sulle sue misure. Le regole di dimensione sono stabilite
nella DIN 406.

Le misure generali indicano la lunghezza, la larghezza e l’altezza


dell´oggeto. Le misure di produzione, invece, sono le misure che servono
per la produzione.

Le misure per la funzione e per le dimensioni di collegamento sono ne-


cessarie per l´interazione di più pezzi di lavoro. Le dimensioni che devono
  
  
 

3.3.1 Linee di misura, linee ausiliare di misure e i valori delle dimensioni

Le linee di misura vengono utilizzate per immettere le dimensioni nel dise-


gno. Queste linee sono sottili e continue. Linee medie e linee di contorno
di un oggetto non possono essere utilizzate come linee di misura. Le linee
di misura vengono tracciate ad una distanza di 10 mm dall´oggetto. Altre
linee di misura possono disegnate con una distanza di 7 mm.

Le linee di misura terminano con la freccie di misura. Queste sono sottili e


continue. La dimensione della lunghezza di una freccia equivale a cinque
volte la larghezza della linea. Ad ogni modo è possibile usare anche la
      ž    
 
 
   & 

    
 

   
   
    ž
  † 
Nel caso non fosse possibile ottenere queste misure ci serviamo delle
linee di misura ausiliari. Queste linee servono per spostare la linea di
misura in maniera parallela. Le linee ausiliarie devono sporgere appena
di 2 mm fuori dalle linee di misura, ma non possono disegnate da una
veduta all´altra.

Lo standart circa l´immissione delle misure è stabilito nel DIN 6776. I


valori delle grandezze sono scritti nelle linee di misura. Tutte le misure
sono descritte principalmente in mm. Perciò non occorre menzionare nel
disegno il tipo di unità di misura.

I valri di grandezza devono essere scritti alla destra o al di sotto delle


  
  
  

     
più corrispondenti alla scala di misura, devono essere sottolineate. Le
misure prova/campione vengono accerchiate da un ovale.

Disegni prodotti attraverso l´utilizzo di CAD le linee di misura potrebbero


essere interrotte dai valori di grandezza. Quindi le frecce di misura pot-
rebbero consistere di sole due linee. Inoltre, le linee ausiliarie di misura
non devono sporgere dalle linee di misura.

101
Conoscenze fondamentali
Minos

3.3.2 Particolarità di dimensionamento

Contorni lineari possono essere facilmente misurati/dimensionati attra-


verso le linee di misura e le linee ausiliari di misura. Per cerchi e sfere
però sono occorrono altre regole di dimensione/misura.

Per indicare/differenziare il raggio, . La freccetta della misura addita


    $   

   


cerchio.

. Se la rappresentazione della forma circolare non è riconoscibile, si deve


premettere il segno del diametro Ø della misura.

Se il centro del cerchio dell’arrotondamento è troppo lontano per poter


disegnarlo, si deve diminuire la linea di misura che succede tra la corta
ripiena rettangolare.

Se ci sono i diametri piccoli, lo spazio tra il centro del cerchio e il diame-


  
$    
  $   
    
loro. In quel caso, si deve disegnare la freccetta con la misura esterna
al diametro.

I diametri dei canti non sono spesso riconoscibili nei disegni. Perciò sono
disegnati senza centro. Solo la freccetta di misura con la quota per il
diametro del canto addita al canto che dev’essere indicato.

Nel caso di sfere, il segno del diametro Ø viene premesso la misura. Se


il centro non è anche indicato, si usa per contro la lettera R.

Immagine 30: Misure agli arrotondamenti

102
Conoscenze fondamentali
Minos

]     $   

 

   


una croce diagonale.
#
 
  


  $   
 
dev’essere riconoscibile, ma non è evidente nel disegno. Per la croce
diagonale si usa una sottile linea ripiena.

]  

   $  
 
  
pezzo arrotondo per immettere una chiave per dadi a questo posto, si può
indicare l’apertura della chiave. Quella viene indicata con le lettere SW.

   

    


  

“  
        $
 
-
versale di sezione circolare.

~   



  


 
ugualmente questa rastremazione ad una sezione prismatica. Si può
trattare di un corpo con una forma prismatica per esempio.

~   



   
   -
zione si cambia solo unilaterale.

Il dimensionamento può succedere con l’indicazione del angolo o del


rapporto d’inclinazione. Conformemente alla DIN 254, si devono usare
i seguenti coni:

coni solubili facilemente:

1:3 9° 27´ 44´´


1:5 5° 42´ 38´´

cono a bloccaggio automatico:

1:10 2° 51´ 45´´


1:20 1° 25´ 56´´
1:30 0° 57´ 17´´
1:50 0° 34´ 23´´

Con la titolazione del rapporto d’inclinazione, un triangolo premette i


numeri. Questo triangolo deve additare l’inclinazione.

103
Conoscenze fondamentali
Minos

!"     




Durante la lavorazione di un pezzo di lavoro vanno a formarsi sulla



   † 
  
   X 
 
dipende dalla quantità e la profondità di queste irregolarità. La qualità

     
 

~
  
   
   
  
loro profondità e larghezza rendono migliore o peggiore la qualità della

 

 $X   X


     
X  
rappresentata da Rt. Essa rappresenta la distanza tra il punto più alto e
  > 

  
  †X  
   
X 
      
  

Questa rappresentazione di rugosità si riferisce solo ad una singola pro-


$X ƒ
  
   
    X 
differenti valori di rugosità vengono combinati insieme in un unico valore
comune. Nella DIN 4768 sono contenuti due indicatori di misura della
rugosità.

Il valore Ra indica il valore medio aritmetico di tutte le ruvidità lungo un


pezzo misurato. Tutti i valori di irregolarità vengono addizionati insieme
e divisi per il loro numero. Ad ogni modo solchi molto profondi, ma non
 $

        
il risultato della misurazione.

Il valore modio di rugosità Rz, viene diviso in cinque parti parziali uguali.
Le profondità di rugosità di ogni singolo frammento misurato vengono
addizionate e divise per il numero di misura.

Il valore di rugosità Ra può essere introdotto anche nella forma di rugosità




 ‘ ]    
    

    
X
Qui a seguito vengono riportati alcuni valori di rugosità con il loro corris-
pondente grado:

Valore medio di rugosità Ra (in μm) Grado di rugosità nr.

50 N12
25 N11
12,5 N10
6,3 N9
3,2 N8
1,6 N7
0,8 N6
0,4 N5
0,2 N4
0,1 N3
0,05 N2
0,025 N1

104
Conoscenze fondamentali
Minos

A seconda dei metodi di lavorazione si ottengono risulatati diversi di


X 
  # 
       
 
valore di rugosità Ra . I valori nelle parentesi vengono raggiunti soltanto
da una elavata ed accurata lavorazione.

Prototipo:

Colata in sabbia 12,5 - 50


Pressofusione 3,2 - 50
'   "[Ž\ ;‡ ­ •^ "‡•\

Formazione:

Fucinatura a stampo (0,8) 3,2 - 12,5 (25)


Imbutitura (0,2) 1,6 - 3,2 (6,3)
Estrusione (0,8) 3,2 - 12,5 (25)

Aie:

Tornitura longitudinale (0,2) 0,8 - 12,5 (50)


Sfacciatura (0,4) 0,8 - 12,5 (50)
Limatura (0,4) 1,6 - 12,5 (25)
Alesaggio (1,6) 6,3 - 12,5 (25)
Lisciatura (0,1) 0,4 - 3,2 (12,5)

105
Conoscenze fondamentali
Minos

!" #         


   

La DIN ISO 1302 stabilisce i simboli da utilizzare circa le proprietà della



  #

 
   
X    

 
 
    

Il simbolo principale, il quale non sarebbe „ragionevole“ utilizzarlo senza


il suo corrispondente simbolo complementare, è rappresentato da un
simbolo a forma di uncino. Se il lato superiore dell´uncino fosse chiuso

      

 ¤  ¥  


 


necessarie la fresatura, alesatura, fucinatura o altri tipi di trattamento.


   

 
 
   
        
   $  
cilindratura, la fucinatura o tramite la fusione.


  
    
     
-
stati a diverse posti del simbolo principale.

 ²    
Xœ Ÿ  º   

   
X ‘
     
   
c segmento di riferimento
d direzione di scanalatura
e sovrametallo
f altre misure di rugosità

“

    
   
X  
 
indicata, ma non è sempre possibile. In quei casi, una stretta linea ripiena
 
  
   X 
   
  
pezzo da lavorare, fornita con una freccetta.

b
a c (f)
e d

 
G eschliff
en
R z 0,8

 +
%#    $   

106
Conoscenze fondamentali
Minos

Ma è anche possibile aggiungere solo il simbolo principale senza speci-




       
 #


contrappone il simbolo completo direttamente sopra il campo da scrivere
nel disegno.

3.5 Tolleranze di forma e posizione


  X 
 
 $

   
X 
-
 
         

  
provoca più o meno variazioni tra la forma teorica e la posizione di un
elemento di costruzione di un pezzo di lavoro.

   $   

 $
   ž
costellazione comune di diversi oggetti. Esse determinano quanto piana
 

 
  †   
  
 
foratura si trova nella posizione esatta.

Ad ogni modo le tolleranze di forma e di posizione vengono utilizzate nel


disegno soltanto se fondamentali per la produzione o la lavorazione di un
pezzo. Inoltre le tollerenze sono importanti anche per l intercambiabilità
di un pezzo.

Rettilineità
G eradheit 0.02 A Perpendicolarità
R echtw inkli
chkeit 0.02 A

Ebenheit
Planarità 0.02 A Inclinazione
N eigung 0.02 A

Rundheit
Circolarità 0.02 A Localizzazione
Position 0.02 A

Cilindricità
Zylinderfor m 0.02 A Concentricità
Konzentri
tät 0.02 A

$ Simmetria
Profil einer Linie 0.02 A Symm etrie 0.02 A

Forma di una Oscillazione


Profil einer
 
 Fläche 0.02 A Lauf 0.02 A

Parallelismo
Paralleli
tät 0.02 A Oscillazione
G esam tlauf totale 0.02 A

Immagine 32: Simboli per proprietà tollerate

107
Conoscenze fondamentali
Minos

Le tolleranze di forme determinano la deviazione/abberrazione consentita


  $
    
   X X
 X  X $      $ 
 

Le tolleranze sono indicate con un frame. Il simbolo delle tolleranze di


forma è posizionato a sinistra. A destra troviamo il valore di abberrazio-
ne/deviazione concesso. Una freccia indica a che cosa si riferisce la
tolleranza.

    X  


  
    
reale di un pezzo da lavoro da due cerchi concentrici. La distanza tra
questi due cerchi rappresenta la tolleranza.

 X
 
  
 
   

 
  
   
    


   

 

 X  
       ž-
   

     
    


     


  



squadro di tolleranza
Toleranzrahmen
valore tollerabile
Toleranz w ert
simbolo
Sym bol
 
0.25 tollerata
Toler ierte 0.16
rapporto
Bezug
Fläche

sezione
Toler circolare
ier tollerata
ter Kreisq uerschnitt

Immagine 33: Tolleranza di rotazione concentrica e di rotazione in piano

108
Conoscenze fondamentali
Minos

Le tolleranze di direzione includono le tolleranze di parallelismo, rettan-


golarità e inclinazione. Il carattere al lato destro del „frame“ di tolleranza
  
   $

La tolleranza di parallelismo determina la posizione di una linea riguardo



   $ % &  $ž
   & 
-

    
  
     

La tolleranza di direzione determina la tolleranza massima di abberrazio-


ne/deviazione dell asse di un foro da trapano dalla linea ideale. Nel „title
block“ due linee parallele simboleggiano la tolleranza di parallelismo. Il
¤ ¥        
   $
è indicata con una lettera.

La tolleranza di rettangolarità determina in quale „settore“ settore la su-


     

    †  


dalla rettangolarità. Il simbolo rispettivo è rappresentato da due segmenti
rettangolari.

La tolleranza di inclinazione è simile a quella di rettangolarità, ma è data/


per un certo tipo di angolo. Il simbolo relativo consiste in due segmenti
che formano un angolo acuto.

0.2 C

A 0.4 A

Immagine 34: Tolleranze di parallelismo e di rettangolarità

109
Conoscenze fondamentali
Minos

Le tolleranze di posizione includono la posizione di tolleranza di poun


punto. Per esempio il punto centrale di un foro da trapano deve essere
collocato all´interno del cerchio, con il diametro corrispondente al valore
di tolleranza. Il punto centrale della tolleranza di un cerchio è situato
esattamente alla posizione ideale, determinata dal disegno.

Le tolleranze di posizione includono inoltre le tolleranze concentricità e


di coassilità. Si riferiscono all’asse di un albero che dev’essere postato
in un campo determinato.

Anche la tolleranza di simmetria è una tolleranza di posizione/localizza-


 <

       
 


Le tolleranze di movimenti vengono usate per i pezzi di lavoro rotanti. Dalla


rotazione di un albero attorno all’asse di riferimento A-B, lo scostamento
della rotazione concentrica non deve sormontare il valore dichiarato. La
     
   
 
       

Le tolleranze totale di movimenti si differenziano dalle tolleranze di movi-


menti apportando una traslazione assiale o radiale del pezzo addizionale
al movimento rotante.

12.0 0.3
8.0

0.06 A-B 0.06 C

B
A C

Immagine 35: Tolleranze di luogo e di movimento

110
Conoscenze fondamentali
Minos

3.5.1 Tolleranze dimensionali

La produzione di pezzi da lavorare non può essere eseguita con dimen-


sioni esatte per ragioni tecniche ed economiche. Determinate valori di
deviazione sono concessi a seconda delle esigenze di produzione. Questi
valori sono chiamato tolleranze dimensionali.

Una possibilità semplice consiste nell´indicazione dei valori generali di


tolleranza stabiliti nella DIN 7161. In questo caso i valori di deviazione
sono validi per tutto il disegno.

Il „set“ di dimensione nel disegno è chiamato dimensione nominale N


con la deviazione nominale A. La tabella contiene valori dei limiti dimen-
sionali più grandi e più piccoli, per differenti dimensioni nominali e classi
di tolleranza.

Esempio Nel quadro indicatorio del disegno per un pezzo da lavorare, si trovano
le tolleranze generali concesse/permesse. Un pezzo da lavorare ha una
dimensione di 150 mm. Il set di dimensioni S perciò è 150 mm ± 5 mm
= 149,5 ... 150,5 mm.

I valori vengono calcolati nel modo seguente:

Dimensione nominale+ misura limite superiore = quota massima


150 mm + 0,5 mm = 150,5 mm

Dimensione nominale + misura limite inferiore = quota minima


150 mm + (–0,5 mm) = 149,5 mm

Quota massima – quota minima = tolleranza di misura


150,5 mm – 149,5 mm = 1,0 mm

über
Campo di dimensione 0,5 più di 3 über
più di 6 über
più di 30 über
più di über
più di 400
nominale,
Nennma ßbereich 0,5 bi 3 bi
s 
a 3  s6 6 bi
s
 30 bi
 s 120 bi
s
120 400
 bi
s
misurato in mm 6 30 120 400 1000
in mm 3 120 a 400 1000
 %&
Livello di tolleran-

f(f
ein) 0,05 0,05 0,1 0,15 0,2 0,3
asse

% &
Toleranzkl

m (mittel) 0,1 0,1 0,2 0,3 0,5 0,8

%'&
g (grob) 0,15 0,2 0,5 0,8 1,2 2

 %'&
sg (sehrgrob) – 0,5 1 1,5 2 3
za

Immagine 36: Misure limiti per misure di lunghezza senza indicazione di tolleranza

111
Conoscenze fondamentali
Minos

Quando non tutte le dimensioni in un disegno hanno un valore di toller-


anza, questi valori sono scritti alla destra della dimensione nominale.
Mentre il limite di dimensione maggiore vie scritto in alto e la dimensione
minore in basso.

misura
oberes limite superiore
Grenzma ß
+0,3
78 –0,2
unteres
misura Grenzma
limite ß
inferiore

Ndimensione
ennmaß nominale

Questo metodo permette di fare molte indicazioni differenti di tolleranza.


Perciò il numero possibile dei valori di tolleranza è ristretto. Questo è stato
fatto in accordo con il sistema di tolleranza ISO corrispondente con la
DIN 7151. Qui 20 classi di tolleranza e 13 classi di dimensioni nominali
vengono determinate a seconda della dimensione nominale.

Nella tabella seguente vengono elencate le più importanti tolleranze


principali/di base ISO. Il valore viene espresso in μm.

Esempio Un albero ha il diametro di 60 mm. La tolleranza deve essere determinata


secondo la IT6. Il valore 19 può essere ottenuto dalla tabella/dalla tabella
possiamo ottenere il numero 19.

Quindi la tolleranza ha un valore di 19 μm = 0,019 mm.

Livelloanzklasse
ISO-Toler di tolleranza 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

Riga dianzre
ISO-Toler tolleranza
ihe IT2 IT3 IT4 IT5 IT6 IT7 IT8 IT9 IT10 IT11
da 10 10
über
  ;Ž 2 3 5 8 11 18 27 43 70 110
bis 18
N ennm aßbereichnimm

da 18 18
über
  •[ 2,5 4 6 9 13 21 33 52 84 130
bis 30
da 30 30
über
2,5 4 7 11 16 25 39 62 100 160
  _[
bis 50
da 50 50
über
  Ž[ 3 5 8 13 19 30 46 74 120 190
bis 80
da 80 80
über
4 6 10 15 22 35 54 87 140 220
  ;^[
bis 120
da 120120
über
5 8 12 18 25 40 63 100 160 250
bis 180
  ;Ž[

Immagine 37: Tolleranze principali ISO (parte)

112
Conoscenze fondamentali
Minos

     

      


      
      

 
 #

     

    
entrambe le direzioni abbiano una grandezza diversa.

La posizione dei campi di tolleranza è determinata anche in classi. Le


classi sono indicate da una lettera. La lettere maiuscole vengono usate
per tolleranze di misure interne come per i buchi del trapano ad esempio,
mentre le minuscole indicano le dimensioni esterne, like a dimension of
spindle.

Per la posizione dei campi di tolleranze delle misure interne valgono:

Posizione del campo di tolleranze:


   ¬ 
  Å 
 
Æ 
  Ç 
 
À   À] 
  É  Å 
 
   Ê' 
  É 
 

Quanto segue è valido per la posizione del campo di tolleranze delle


misure esterne:

Posizione del campo di tolleranze:


   
 
 É 
 
 
 
 Ë 
 
Ì   Ì

 
 Å  É 
 
€    
 
 Å 
 

misura interna
Innenmaß (Bohrung) misura
Außenmaesterna
ß (W ell
e)
(alessaggio)
(albero)

N enn-
ma ß

A H T a h t

Immagine 38: Posizione dei campi di tolleranze

113
Conoscenze fondamentali
Minos

La piena appresentazione delle tolleranze consiste nella dimensione


nominale, la tolleranza di base e la posizione del campo di tolleranza.

Per evitare qualche confusione, le dimensioni interne di tolleranza sono


rappresentate con la lettera esponenziale maiuscola, mentre le dimensioni
di tolleranza esterne con la lettera esponenziale minuscola.

I valori delle tolleranze rappresentate e la appartenente serie di dimensioni


possono essere presi dalla tabella di riferimento.

Esempio Le seguenti indicazioni delle tolleranze valgono per esempio per un


alesaggio e un albero di un diametro di ogni 45 mm:

45H7 45h6

Entrambi i valori di 45 mm sono la dimensione nominale. L’esponente H


e la piccola h a basso determinano la posizione del campo di tolleranze.
Dalla tolleranza principale, l’alesaggio ha la cifra 7 e l’alberi la cifra 6.

Facendo un alesaggio di 45 mm, la posizione del campo di tolleranze



       




  [   «^_  
dimensione nominale. In corrispondenza a questi valori, l’alesaggio quindi
&     ‰_[[[   ‰_[^_ 

Dall’albero con un diametro di 45 mm, il valore reale si può scostare dalla



   [    ;‡œ % 
 
   
diametro tra 44,984 a 45,000 mm.

3.5.2 Accoppiamenti

I valori di tolleranza sono validi prima di tutto per un singolo pezzo da


lavoro. Se vengono collegati insieme più pezzi, bisognerà prendere in
considerazione la conformità di una singola tolleranza. Quindi due valori
di tolleranza formano un’ accoppiamento.

Nell’esempio dell’albero, è ovvio che esso sia quasi sempre più piccolo
rispetto al foro di un trapano a tutti valori di tolleranza possibile, soltanto
in un caso l’ albero e il foro hanno lo stesso diametro.


 X   $ X     >   
dipende dalla combinazione di tolleranze singole. Gli accoppiamenti
sono divisi in: accoppiamento con gioco (o mobile), accoppiamento con
interferenza (o stabile) e accoppiamento incerto.

Nell’ accoppiamento con gioco, il foro è sempre più largo rispetto all’
albero. Nell’ accoppiamento incerto, l’albero può essere più grande o
>   
  $    

   # 
albero ha una dimensione effettiva maggiore di quella del foro, si parla
di accoppiamento di interferenza o forzato.

114
Conoscenze fondamentali
Minos

foro
Bohr>ung
albero
> Welle foro
Bohr=ung
albero
 Welle foro
Bohr<ung
albero
< Welle

accoppiamento
Spielpassung accoppiamento
Ü bergangspassung accoppiamento
Preßpassung
con gioco incerto di interferenza

Immagine 39: Accoppiamenti

Siccome da un numero elevato di tolleranze si ottengono molte com-


     $   
  
  
vengono utilizzati un numero limitato di accoppiamenti. Questi possono
essere consultati anche nella tabella di riferimento.

Esempio Accoppiamenti con giochi sono:

D10/h9 gioco molto largo, utilizzato nella macchine agricole


F8/h6 gioco percettibile, corsoi in conduzioni
H7/h6 le parti possono scivolare solo quando spostati a mano

Un accoppiamento di transizione è:

H7/n6 le parti possono scivolare attraverso l’ applicazione di una


piccola forza, utilizzando uno „spinotto“

Un accoppiamento forzato è:

H7/r6 Serve un impiego di forza maggiore per il collegamento di


pezzi, uso da bronzine
H8/u8 L’ accoppiamento è possibile soltanto con distensione o
contrazione

115
Conoscenze fondamentali
Minos

3.6 Disegni tecnici e computer

3.6.1 CAD

CAD è l’abbreviazione di Computer Aided Design, cioè Progettazione As-


sistita da Elaboratore. A causa dello sviluppo della tecnica dei Computers,
oggi giorno si utilizzano sempre più raramente le tecniche classiche del
disegno tecnico, ovvero attraverso l’ utilizzo di strumenti come la matita
e l’ inchiostro.

La „CAD-Workstation“ consiste in un PC con un Monitor. Sono preferibili


schermi larghi, perchè rendono possibile la visuale di una larga parte del
disegno.

Oltre ad apparecchi solidi/dispositivi come la tastiera e il mouse, esistono


  
   
     ¤¬ Š-
blet“, che offre la possibilità di disegnare con il mouse oppure utilizzando
una penna speciale.

I dati vengono immagazzinati nell’ Hard Disk (disco rigido). Molti compu-
ter sono connessi ad un Network (rete), questo consente la possibilità di
effettuare un Backup al server conrispondente.

I disegni possono essere stampati attraverso stampanti di grande formato


oppure attraverso Plotter. I cambiamenti non possono essere eseguiti
su disegno stampato ed devono essere apportati usando il computer.

L’uso del programma CAD rende l’ esecuzione del disegno molto più
facile. Punti, linee e curve possono essere disegnate con pochi „clic“ del
mouse. Anche per i „Bending“ possono essere generati velocemente.

Disegni completi oppure parti di un disegno possono essere rimpicciolite o


ingrandite in scala, spostate o raddoppiate, rotate o cancellate in maniera
molto semplice. Se si commette un errore si può tornare indietro senza
problemi. Ciò permette anche la possibilità di provare soluzioni diverse.

 
X   
   
   

in maniera considerevole . La tratteggiatura può essere eseguita anche
in modo automatico. L’ applicazione dei valori di misura e il dimensiona-
mento dell’ oggetto viene eseguito dal programma. Si possono inserire
nel disegno pezzi st5andart di una certa compagnia.

Ad ogni modo, la semplice creazione di disegni, non è l’ unico vataggio


del moderno CAD. Infatti è anche possibile eseguire una costruzione a tre
dimensioni. Dal disegno tridimensionale a sua volta è possibile ottenere
un disegno a due dimensioni. Modelli 3D rendono capace l’ esecuzione
di parecchie calcolazioni.

116
Conoscenze fondamentali
Minos

Per esempio, è possibile calcolare la massa di un pezzo di lavoro. Il com-


portamento sotto carico/pressione viene calcolato utilizzando il metodo
    ‘ 
    
   
vengono sperimentati al computer.

La possibilità di osservazione da diversi punti è anche molto utile. Questo


  
  £   $$  
tra componenti differenti può essere osservata attraverso modelli mobili
nel computer.

I programmi 2D CAD lavorano orientati verso il vettore. Con questo,


                % 
programma esegue la linea tra i due punti. Perciò l’ ingrandimento più
grande di linee, vengono rappresentate ancora come linee.

Mentre i programmi di processo di immagine, orientati verso Pixels,


funzionano in maniera differente. Se una linea viene ingrandita molto, è
possibile vedere la sua struttura in Pixels.

I programmi CAD lavorano su piani differenti o livelli. La possibilità di


 
   > 
      
disegno tecnico molto complesso. Per esempio, il dimensionamento di
un disegno può essere eseguito su di un livello separato.
Finchè non sarà necessario mostrare il dimensionamento eseguito, pos-
siamo tenere nascosto questo livello.

I programmi CAD con 2 1/2 D sono utilizzati soprattutto in architettura. Le

 
 
   
 
  ] 


ottenere risultati simili a disegni prodotti attraverso l’utilizzo di programmi
3D, ma in compenso, è necessaria minore capacità del computer.

Programmi CAD 3D generano modelli tridimensionali. I modelli più sem-


plici sono „lattice models“ e i modelli wireframe, che sono necessari per
   
     ž
 
 
calcolazioni matematiche. Mentre nei modelli tridimensionali è necessario
      

   
 

La „Computer Aided Manufacturing“ (fabbricazione assistita da compu-


ter), abbreviato CAM, permette di inserire informazioni aggiuntive in un
disegno, richieste per la produzione. Queste informazioni possono essere
trasmesse direttamente attraverso l’utilizzo di macchine di produzione.

117
Conoscenze fondamentali
Minos

3.6.2 Macchine col controllo numerico

Macchine col controllo numerico sono chiamate macchine NC, (Nume-


  '\ ]            
ad esempio dimensioni e velocità di reazione, passano attraverso la
macchina sottoforma di numeri.

Le macchine eseguono ogni tipo di operazione in accordo all’ordine


determinato nel programma. Nei vecchi sistemi di controllo numerico, i
programmi venivano immagazzinati su di un nastro di carta.

Nei moderni CNC, (Computerized Numerical Control), non vengono più


usati i nastri di carta. I dati necessari possono essere visti nel Display
e immessi o caricati direttamente nella macchina attraverso l’utilizzo di
un „data carrier“.

Macchine con il sistema DNC sono connesse con altri computers ad un


|€ “‘'
   ¤“
 ‘  '¥   $ 

che i computers possono essere collocati in posti differenti.

Siccome i programmi di controllo sono preparati appositamente per il di-



     
    
  
  

Sistemi di coordinate

L’indicazione di punti singoli su un pezzo da/di avviene attraverso le


coordinati. Esistono due sistemi di coordinate fondamentali.

coordinate polare coordinate cartesiane


Polarkoordinaten Karte
sische Koordinaten

Immagine 40: Sistemi di coordinate

118
Conoscenze fondamentali
Minos

Entrambi i sistemi di coordinate hanno un punto zero. Le coordinate di


un punto hanno come riferimento il punto 0. La differenza tra i sistemi di
coordinate consiste nel metodo di determinazione della distanza di un
certo punto.

Nel sistema di coordinate polare, vengono date la distanza dal punto


zero, l’apertura angolare tra i due segmenti di connessione e gli assi.

Mentre nel sistema cartesiano o sistema rettangolare di coordinate, la


distanza del punto 0, viene determinata con la distanza di tutte e due
gli assi.

Il punto zero deve essere piazzato in un posto appropriato concerne il


pezzo di lavoro. Questo potrebbe essere ad esempio una linea di bordo/
contorno oppure l’asse centrale di un foro.

Nel dimensionamento assoluto, tutte le misure partono dal punto zero.


Perciò, i valori di dimensione rappresentano sempre la distanza dal punto
di origine.

Se una certa visuale/veduta contiene soltanto un punto di coordinata


zero, non è necessario disegnare interamente la linea di dimensione al
punto zero.

Immagine 41: Dimensionamento assoluto

119
Conoscenze fondamentali
Minos

Nel dimensionamento crescente tutte le dimensioni possono essere


disegnate al di fuori dell’oggetto di lavoro. Tutte le dimensioni partono
anche dal punto zero. Questo metodo permette di risparmiare spazio. I
valori di dimensione vengono ruotati di/a 90°.

‘ 
  

        


dimensione precedente è il punto di inizio della prossima dimensione.
Questo viene eseguito nella forma di dimensionamento seriale o a catena.

 
 & 


    

a catena contiene parecchie distanze uguali. In questo caso la misura può
essere digitata una volta soltanto in addizione dei numeri di ripetizione.

Ad ogni modo un disegno dovrebbe contenere possibilmente sempre gli


stessi tipi di misurazione. In certi casi, invece, è anche utile usare diversi
sistemi di dimensionamento.

Immagine 42: Dimensionamento crescente

120
Conoscenze fondamentali
Minos

Immagine 43: Dimensionamento progressivo

Quando si riportano delle misure, è anche possibile usare sistemi di coor-


dinamento diversi di misure indpendenti. Le frecce di misura/dimensione,
rendono evidente a quale punto zero si riferisce una misura.

Ad ogni modo, sarebbe bene evitare l’utilizzo di diversi sistemi di coor-


dinazione all’interno di un disegno, perchè questo rende il programma
molto più complicato.

121
Conoscenze fondamentali
Minos

]   $



$       
 
sarà possibile usare le tabelle di coordinate o „item numebers“ numeri
di dimensione?

Un numero di cordinata consiste di due numeri separati con un punto. Il


primo valore indica il numero del sistema di coordinate, mentre il secon-
do indica un numero consecutivo per i punti singoli di questo sistema di
coordinate. Per esempio, il numero di posizione/item 2.4 si riferisce al
quarto punto „di coordinata“ nel secondo sistema di coordinate. che si
tratta del quarto punto nel secondo sistema di coordinate.

Questi numeri di posizione/item sono scritti in una tabelle. Gli assi di co-
ordinata sono indicati dalle lettere maiuscole A, B e C, per tre coordinate.
Quando si usa più di un sistema di coordinate, la cifra viene collocata
dopo la lettera: A1, B1, A2 e B2.

Oltre alle coordinate di punti singoli, le tabelle possono contenere ulteriori


informazioni, come ad esempio il diametro di un foro, „screw threads“ la
  

I sistemi di coordinate sono divisi in sistemi e sottosistemi. I sistemi che


rientrano nella prima categoria sono indipendenti tra loro; ognuno di loro
ha un proprio punto di origine. I sottosstemi sono associati con i sistemi
normali attraverso una determinata/certa misura/dimension. Perciò il
punto di origine di un sottosistema deve essere misurato con riferimento
alla categoria dei sistemi principali.

Esercizio Risolvete i problemi 47 e 48 dell‘eserciziario!

122
Conoscenze fondamentali
Minos

Tabella di coordinate (misure in mm)


coordinate del foro
punto zero filettatura

Immagine 44: Tabella di coordinate

123
Conoscenze fondamentali
Minos

124
MECCATRONICA
Modulo 2: competenze
interculturale (parte 1)

Manuale
(concetto)

Christian Stöhr

Christian Stöhr Unternehmensberatung


Germania

Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di


personale esperto nella produzione industriale globalizzata

Progetto UE no. 2005-146319 „Minos“, durata dal 2005 al 2007


Progetto UE no. DE/08/LLP-LdV/TOI/147110 „MINOS++“, durata dal 2008
al 2010

Il presente progetto è finanziato con il


sostegno della Commissione europea.
L´autore è il solo responsabile di questa
pubblicazione (comunicazione) e la
Commissione declina ogni responsabilità
sull´uso che potrà essere fatto delle
informazioni in essa contenute.

www.minos-mechatronic.eu
competenze interculturale
Minos

Índice

1 Introduzione formazione interculturale 9


1.1 Introduzione 9
1.2 Obiettivi del corso 9

2 Che cosa è la cultura? 10


 +  
        /
2.2 Elementi della cultura 11
2.2.1 La cultura materiale come elemento della cultura 11
2.2.1 Istituzioni sociali come elemento della cultura 11
2.2.3 L’uomo e l’universo come elementi della cultura 12
2.2.4 Estetica come elemento della cultura 12
2.2.5 La lingua come elemento della cultura 13
2.3 Il modello iceberg 13

3 Le basi della cultura 15


3.1 Stereotipi e generalizzazioni di cultura 15
3.2 Generalizzazioni di cultura – Le dimensioni di cultura di Geert Hofstede
16
3.2.1 Indice di individualismo (IDV) 17
3.2.2 Indice della differenza di potere (PDI) 19
3.2.3 Indice di insicurezza (UAI) 21
3.2.4 Indice di mascolinità (MAS) 23
3.2.5 Indice di orientamento nel tempo (LTO) 25
3.3 I limiti del modello di Hofstede 25
3.4 La scala delle dimensioni culturali di Geert Hofstede – Sintesi dei paesi
26
4 Caratteristiche di cultura 28
4.1 La percezione del tempo e le priorità 28
4.1.1 Il concetto del tempo monocromo 28
4.1.2 Il concetto policrono del tempo 29
4.2 L’origine dello stato sociale 31
4.2.1 Lo stato acquistato 31
4.2.2 Lo stato attribuito 32
4.3 Comunicazione diretta e indiretta 33
4.3.1 La comunicazione diretta / Culture con un contesto basso 34
4.3.2 Comunicación indirecta / culturas con alto contexto 34

5 Lavorare all’estero 36
5.1 Vivere lo shock culturale 36
5.1.1 Shock culturale 36
5.1.2 Metodi per superare lo shock culturale 36
5.2 Il processo del adattamento culturale 37
5.3 Evitare l’uso del criterio di autoriferimento 38
5.4 Osservazioni 38

7
competenze interculturale
Minos

“La cultura rappresenta la più grande barriera contro il successo economico.”

Edward T. Hall e Mildred Reed Hall

“La cultura è uno strato sottile ma importante che va trattato con attenzione per non danneggiarlo. Per-
sone di culture diverse in fondo sono uguali e reagiscono nella stessa maniera. Renda sicuro che com-
prende gli usi elementari e faccia vedere interesse e la voglia di comprendere le differenze fra le culture.”

Mike Wills

8
competenze interculturale
Minos

1 Introduzione formazione interculturale

1.1 Introduzione

Con l’aumento della globalizzazione cambia in maniera fondamentale il


modo di governare, del commercio, dell’organizzazione e della conviven-
za delle nazioni. Le persone non agiscono più dentro le frontiere di un
paese, perché sono diventate parte di una rete internazionale. Oggi più
che mai il successo economico si basa su una conoscenza interculturale
e la capacità di comunicare fra le culture.
La conoscenza culturale fa parte dei campi del sapere più importanti
che le persone e le imprese che lavorano all’estero hanno da imparare
se aspirano alla crescita, al successo e ad un’integrazione nel mercato.
Lavorare con colleghi o clienti di altre culture, incontrarsi, vendere, trattare
 $  
 & 

 $   ¥ 


Î ~ $

sbagliata o un malinteso può rinviare il lavoro di mesi o anzi rovinarlo.
La comprensione e la percezione di differenze interculturali promuovono
   $       
orizzonti e portano a risultati concreti, cioè successo nel lavoro e per
l’impresa.

1.2 Obiettivi del corso

L’obiettivo del corso è aumentare la capacità di comprensione dei parteci-


panti nell’arena globale e di prepararli per soggiorni in altri paesi. Questo

        
 {

­    £         


delle persone,
- quali problemi nascono se persone di diverse culture interagiscono fra
di loro,
- come la cultura può essere analizzata per il soggiorno all’estero e come
può essere studiata
­        

 £   


professionale e interculturale può essere ridotto,
- come trattare lo choc culturale.

           

, La competenza interculturale è la capacità di comunicare con succes-


so con persone di altre culture, cioè la capacità di stare bene con loro.
Questa capacità la si può possedere già da giovane o svilupparla con
l’aiuto di sforzi consapevoli e sistematici. Le basi per una comunicazione
interculturale di successo sono la competenza emotiva e la sensibilità
interculturale.

9
competenze interculturale
Minos

2 Che cosa è la cultura?

 +  




  ‘       ¡

, '  ¥


$|  Î        $ -
sare, parlare, agire e sentire nella maniera in cui lo facciamo. (Hofstede,
1989)

, Cultura consiste in codici imparati che stanno in rapporto fra di loro e i

     

      
società. Messi insieme questi orientamenti offrono soluzioni possibili
per problemi che hanno da affrontare tutte le società per continuare ad
esistere. (Terpstra e David, 1985)

, Cultura è una certa misura di standard o prospettive che vengono con-
divise da un gruppo di persone. Aiutano la persona singola a capire che
cosa c’è, che cosa si sente, che cosa c’è da fare e come qualcosa va
fatto. (Goodenought, 1996)

, '         


 

basano su di essa, i cui elementi singoli vengono divisi e trasmessi dai
membri di una certa società. (Linton, 1945)

Š 
  
 

     
cultura come un sistema di comportamenti e abitudini che vengono
trasmessi da una generazione all’altra. Regole, lingue, religioni, strutture
della famiglia, reazioni e educazione offrono sicurezza e prevedibilità
nella vita quotidiana di un gruppo di persone. Se si incontrano persone
con le stesse convinzioni e gli stessi modi di agire si capiscono e il modo
   ¥ 

Î

   


 

         {

; ¥'Î  & 
 ¡
^  ¥ Î   
 Â 

   

 
  $  

   ¡

10
competenze interculturale
Minos

2.2 Elementi della cultura

2.2.1 La cultura materiale come elemento della cultura

,    



   {

1. il grado delle capacità tecnologiche di una cultura e


2. la sua redditività o come le persone usano le loro capacità e conquiste

Ci sono cose che persone in un paese con un alto standard di tecnica


percepiscono come ‘normali’, che però in altri paesi con un livello basso

     
  
 
  
   

-
riamente hanno familiarità con concetti come p.es. lavori di manutenzione
preventivi.
    
 & £      

 
un luogo. Qualche volta alcuni prodotti non si possono trovare perché
la gente non potrebbe permetterseli o semplicemente non sarebbe in
grado di usarli

. Rudolf, un meccanico tedesco in Romania, era contento di aver trovato


    
   $      
 &        $
 ¥'


Î  ¥# $    ¡ '  

  
 
šÎ    
    Ÿ$ 
sorpreso perché i lavori di manutenzione che conosceva in Germania lì
non esistevano.

2.2.1 Istituzioni sociali come elemento della cultura

,      


  
 $      
all’altra e fra i paesi. La formazione, l’organizzazione sociale e le strutture
politiche hanno un ruolo non da sottovalutare durante l’interazione.

 
  £      

 
e l’importanza e la struttura della famiglia. Le donne in paesi diversi hanno
ruoli e diritti diversi.

Anche il grado e la qualità della formazione variano fra le culture. Alcuni


paesi offrono una formazione primaria, secondaria e terziaria a buon
   
    $     
lo stato e la qualità della formazione di una persona dipendono molto
dalla ricchezza e dallo stato sociale dei genitori.

.    


  

       


e si trova una percentuale di donne in posizioni alte molto più elevata che
in altri paesi, dove gli uomini con una donna come capo molto probabil-


        $  
specializzati in alcuni paesi come in Germania tradizionalmente è di una
qualità buona e ha ottenuto un stato sociale abbastanza alto, mentre in
altri paesi studi universitari sono più o meno obbligatori per raggiungere
uno stato simile.

11
competenze interculturale
Minos

2.2.3 L’uomo e l’universo come elementi della cultura

, Di questa categoria fanno parte le religioni come anche credenze, valori
e superstizioni.

Opinioni religiose e qualche volta addirittura le superstizioni possono




  $   £ $     


azioni delle persone. Mentre le religioni in qualche paese promuovono
l’uguaglianza di tutte le persone, in altri favoriscono più la disuguaglianza.
 
 
 

       
 

 


      
         
  
       %&  
religione di una persona quali cibi sono permessi (p.es. non maiale o
bovino), o come ci si veste (le donne coprono la testa, uomini portano
la barba). Questi aspetti in alcune religioni sono più visibili che in altri
(islam, ebrei ortodossi).

Altre concezioni possono avere la stessa importanza, come i valori delle


persone. Come valutano il tempo? Con che facilità si adattano a cambia-
š               

 
  
 
 £   
persone in quel luogo. Naturalmente deve anche sapere come questi
$ £ 


. Thomas è cattolico. Vive in una città grande e tutte le domeniche va in



 %    

      


  
sua chiesa non si bada tanto a queste cose. Durante un soggiorno in un
altro paese Thomas viene invitato da amici a partecipare con loro alla
messa. Si danno un appuntamento in chiesa. Visto che in questo paese
fa molto caldo e che non ha mai visto nessuno vestito molto elegante-
    

         &


non può entrare in chiesa, perché quando i suoi amici lo vedono con i
pantaloni corti, lo mandano via. Non sarebbe adatto entrate in chiesa
vestito in quella maniera.

2.2.4 Estetica come elemento della cultura

, Questa categoria comprende le arti, il folklore, la musica, il teatro ed


     

       


d’aiuto dedicarsi a questi aspetti visto che attraverso di loro si può avere
conoscenze importanti.

, 
  

 &  
  
    
cultura. Tramite il teatro si può sapere qualcosa delle convinzioni e degli
aspetti che vengono considerati importanti. E attraverso le tradizioni
£ 
 



 


      

12
competenze interculturale
Minos

2.2.5 La lingua come elemento della cultura

,      $       
  
  

 
   
 
     ¦     
 ¥

 Î  
  
        
  
 $
Non sapere come le si usa può portare a frustrazione e insoddisfazione.

.   ¥ ‚Î   


   &
      



      $  % &    



 
 

      

 
 
numero altissimo di parolacce e i portoghesi hanno la tendenza a usarle
spesso. Nello svedese invece si trovano poche parole sconvenienti e la
comunicazione in generale è molto più cortese.

2.3 Il modello iceberg

  & 

        ~   



 
    

 
       
visibile sotto. Allo stesso modo la cultura; alcuni aspetti sono visibili, ma
esiste una parte più grande che rimane invisibile all’occhio.

Nonostante ciò la parte visibile e la parte invisibile stanno in rapporto fra di


loro. Gli aspetti visibili o le caratteristiche di una cultura che determinano
   
   £   

p.es. dai valori, le idee, i pensieri, i sentimenti e la fede.

Durante un’interazione interculturale le persone spesso analizzano il


comportamento degli altri con le loro categorie, le loro idee e valori. Così
     

 %&  
scordato che questo comportamento per gli altri sarà normale, semplice-
mente perché corrisponde ai loro valori e idee. Se dunque diciamo che
    ¥

Î  X   
questo comportamento contraddice a quello che noi pensiamo creda
questa persona.

%           ˜ 


persone si comportano così si deve imparare qualcosa sui loro valori e
convinzioni.

13
competenze interculturale
Minos

parte visibile della cultura

(comportamento evidente, lingua,


aspetto)

parte invisibile della cultura

(aspettative, impostazione, valori, norma)


  #    

. Ÿ$  ¬  ¬ 



   
19.00. Lui arriva puntuale nel luogo dell’incontro, ma Gaia non c’è. Arriva
un’ora più tardi. Rudolf valuta il suo comportamento come mancanza
 
  ­$ X  ˜  
  

     X  
    
‘comprensione’ del tempo e Gaia si è comportata soltanto secondo i suoi
valori, convinzioni e abitudini.

14
competenze interculturale
Minos

3 Le basi della cultura

3.1 Stereotipi e generalizzazioni di cultura

Stereotipi culturali e generalizzazioni sono due concetti che descrivono


cosa si può pensare di altre persone. Anche se sembrano simili, ci sono
delle differenze importanti che per la comunicazione interculturale sono
di importanza straordinaria.

, ~
   
    $ 
 
 
    
 
    
    ~

          ¥
$   
Î "§ ;Ž\

, La generalizzazione culturale è la tendenza della maggior parte delle


persone di un gruppo culturale a possedere certi valori e convinzioni e di
 
  

    
 
 

su esperienze fatte con comportamenti dominanti o preferenze centrali
di un gruppo di persone.

. ]{ ¬{


¬  
  
   Š  
  
  
fritte. fritte.
 $ 
    Š $ 
   
formaggio. formaggio.
 


   
    
essere puntuali.

  Anche se abbiamo bisogno di generalizzazioni per avere un’idea di altre
 
 
  
 Â 

 
prospettive diverse, altri comportamenti e convinzioni. Generalizzazione

  
  

  

X    -


sone di una cultura agiscano o pensino in un certo modo, ma mai tutti.
Nessuno rappresenta l’insieme delle caratteristiche che vengono attribuite
  
¡ '


  
  "  
 

sul sesso, sull’età, sui gruppi etnici e professionali) le cui caratteristiche
culturali non corrispondono con quelle della maggior parte della società.

Ci sono alcuni altri concetti che in questo contesto sono importanti.

, ' ¥ 


Î
        
 
cultura di una persona è la soluzione naturale e migliore di fare le cose.

,  
 
 

     

 


valutate da un‘unica prospettiva assoluta, sia etica o morale. Valutazioni


 

 $
   
$    
valori, l’etica o la morale di una cultura non possono mai essere valutati
del tutto migliori o peggiori di quelli di altre culture.

15
competenze interculturale
Minos

,  
      

 >   
  
 X %
   
    
di persone con diverse forme di pensare e vivere. Nel caso ideale questo
      $
      $
  
  
tradizioni culturali di altre persone.

3.2 Generalizzazioni di cultura – Le dimensioni di cultura di Geert Hofstede

   ­  
     Â  $ -
lesso con numerosi aspetti e sfaccettature. Visto che per un soggiorno
all’estero è necessaria una preparazione per adattarsi alla cultura del
posto è necessario un modo semplice per pensare alla cultura che
 
      #

   

ha bisogno di un modello di cultura che offre le informazioni corrette in
maniera comprensibile.

~    



  ¬ Æ$
  
ricerca su differenze culturali fra le più grandi mai fatte in maniera empi-
rica intervistava in numerosi paesi gente sulle sue convinzioni e valori.
Considerando i risultati è riuscito a ridurre la complessità di una cultura
in 5 dimensioni fondamentali.

; 

2. Distanza nel potere
3. Evitare insicurezza
4. Mascolinità
5. Orientamento a lungo termine

Secondo Hofstede le culture si distinguono fra di loro più fondamentalmen-


te nella maniera in cui considerano questi concetti e come reagiscono su
  #
 &

{ ' &    

_ 

 & 
   š    {
 
fondamentali. Spesso sono la fonte di un vasto spettro di valori concreti
e convinzioni e normalmente i comportamenti delle persone possono
essere spiegate con uno di questi aspetti (o una combinazione fra di loro).

²
  
 




    
  £ -
 

 

 
    £ $
individui o gruppi con diversa origine culturale. Come primo approccio
offrono una struttura per l’analisi di culture che può essere usata per la
preparazione di un soggiorno all’estero.

#
  

   
 {


{
     
    
   
altri e che le loro famiglie o organizzazioni, a cui appartengono, dovreb-
bero prendersi cura di loro.

16
competenze interculturale
Minos

“
  {

   
   $  
      

considera normale.

< 
 {

    
   
 $


 
prevedibili piuttosto che situazioni non strutturate.

ƒ
X{

La forza con cui una cultura favorisce dominanza, autostima e l’accumulo


di possesso materiale. rispetto a questo sta una cultura che si basa di
più sulle persone, i sentimenti e la qualità della vita.

¦    {

     


   $ 
  
  


       
   

  
presente, così p.es. il rispetto di fronte a tradizioni e l’adempimento ai
doveri sociali.

Se si programma un soggiorno lavorativo in un paese straniero aiuta uno


sguardo sui valori e punti del paese nella sintesi delle dimensioni culturali
per farsi una prima idea di quello che ci si può aspettare da persone di
quel paese.

‘
     
  
  
   

 $X
   $  

 


   

   $$
inoltre alcuni consigli per persone che lavorano in un paese con valori
molto diversi dal proprio.

3.2.1 Indice di individualismo (IDV)

, L’individualismo è il grado in cui le persone preferiscono agire più come


        $ 
 

 
di individui o di gruppi? Le persone tendono a prestare attenzione sol-
tanto a se stesse e alla loro famiglia? O c’è una ‘cornice’ sociale, in cui
le persone applicano differenze fra il ‘gruppo proprio’ ed altri gruppi e
aspettano che il proprio gruppo li rispetti?

%
        
 

  
     ¥Î ƒ  
   

 
 

      -



    
 

    ‚  X
e le persone di queste culture trovano normale realizzarsi e scoprire le
proprie qualità.

. 

  
   ] ~  
  ¬ §-
  %
 §

  '  ¬   

17
competenze interculturale
Minos

Le società collettivistiche si trovano dall’altra parte di questa dimensione.


¬   
 
 
 >    ¥Î  


della comunità è di grande importanza. Nelle culture collettive le persone
si sentono meglio in un gruppo e vogliono stare in rapporto con gli altri.
Verso la famiglia c’è un forte rapporto di responsabilità. Le persone
tendono a vedersi come membri di diversi gruppi. Si aspetta e apprezza
la conformità.

. '

    

      ' §-
garia e Romania.

  /? ?0  

Note riferite sul lavoro in paesi con un altro IDV:

% 
   “²  {

- Si aspetta dalla persona che lavori autonomamente e di propria inizia-


tiva. Non si deve aspettare aiuto dal gruppo.
- Lo stile di comunicazione è molto diretto e orientato ai compiti.

- Vita lavorativa e vita privata possono essere separate senza problemi.

- Addetti o persone in posizioni gerarchicamente più basse spesso si


aspettano che sia possibile lavorare in progetti e risolvere i problemi au-
tonomamente. Mischiarsi troppo col loro compito può essere interpretato
in maniera negativa.

­ %  
  
 $ $        #
 
per gli incontri, le presentazioni e i lavori di gruppo.

- Si dovrebbe capire che viene tollerato un certo grado di individualità,


p.es. per quanto riguarda il modo di vestirsi e alcuni comportamenti.

18
competenze interculturale
Minos

% 
   “² 

   {

- Le persone spesso mettano al centro la famiglia, ancora prima del lavoro.


­   


    £     -


niera cortese.
­ ~   

      


 
perché imbarazzante per la persona.
- Le promozioni si basano sugli anni passati in azienda e le esperienze
   
   
 


- Trovare una soluzione può essere un processo molto lento visto che
interpellate tante personedi diverso livello gerarchico.

3.2.2 Indice della differenza di potere (PDI)

, La differenza di potere include la gerarchia e la posizione di individui


nella società. Si riferisce al grado di disuguaglianza che viene accettato
dalle persone. Sono tutti uguali o le differenze di potere vengono visti
  
 š  $
 
   
 
     

   ¦   
la propria opinione, che va valutata in modo equo, o una persona di grado
più alto ha diritto a decidere da sola?

]  
 " \      %“   
riconosciuto come una parte normale della società e la posizione di un
individuo ha meno a che fare con le proprie capacità. Le persone non
trovano strano che esistono delle grande differenze nello stato sociale,
nei redditi e nella divisione del potere. Spesso le religioni favoriscono
la disuguaglianza e il potere più della legge. Le istituzioni tendono a
dimostrare apertamente il loro potere.

. Esempi sono tanti paesi arabi, latinoamericani e africani, la Russia, la


]   Ÿ    %  }    §  
un valore abbastanza alto.

 
   
   

 

   
-
      $$      
imposto dalla natura, ma deve avere ragioni pratiche. Eccetto questo
aspetto si tende ad avere l’opinione secondo cui tutti dovrebbero avere
gli stessi diritti ed una posizione sociale in rapporto alle proprie capacità
e competenze.

.     $$  


 

19
competenze interculturale
Minos

 +         

Note per il lavoro in paesi con un altro PDI:

% 
   %“    {

- Addetti di livello gerarchico più alto dovrebbero essere trattati con rispetto
e non dovrebbero essere contraddetti troppo spesso.
­   $    

 $ 
  $
ai propri subalterni dovrebbero assumere un comportamento piuttosto
autoritario. Non tutte le decisione vanno necessariamente discusse.
- Le istruzioni per le persone con cui si lavora dovrebbero essere precise
e chiare.
­ “ 



  

      "


 
risolvere un problema)
- Non ci si aspetta che addetti di un livello più basso prendano l’iniziativa.
- Ci sia molta burocrazia.

% 
   %“ 

    {

- Capi vengano trattati con meno rispetto, paragonato ai paesi con un


%“ 
- Non è strettamente necessario comportarsi in maniera formale e le
persone vogliono conoscersi in un modo più amichevole.
­   
  

 >

- Nel prendere una decisione vanno coinvolte altre persone.
­ ¬ 
 

   
   


‚
vanno evitati.

20
competenze interculturale
Minos

3.2.3 Indice di insicurezza (UAI)

,    


  
     
  
certa cultura preferiscono situazioni con regole chiare, leggi e prescrizioni
davanti a situazioni non strutturate. ‘Evitare insicureza’ si riferisce p.es. sul
grado di essere pronto di assumersi un rischio delle persone o descrive
in che maniera membri di un gruppo di coordinazione preparerebbero un

     
 †    
-
ne e se le cose vanno da sé (e vengono aspettati poi meglio o peggio).

 
       
  
   
 
qualcosa di negativo. Cose che sono diverse vengono valutate pericolo-
se. Le persone in queste società si vedono minacciati da situazioni non
chiare e cercano di evitargli con regole e altre misure di sicurezza. Le
persone tendono a preferire struttura, precisione e formalità.

Questi paesi spesso sono molto omogenei e chiusi verso cambiamenti


e innovazione.

. ~     


 
   
   
Ÿ

  ¬  ¬   %    


    


Se l’indice è basso l’insicurezza viene considerata come qualcosa di nor-


male e naturale. Molto probabilmente si incontreranno persone rilassate
e non molto rigide. Tendono a non evitare i rischi e ad essere più aperte
    “
     
questi paesi spesso sono abbastanza giovani e vengono caratterizzati
  
X  
  £

  

. %
     


 
  ] ~  ¬ § 
Danimarca, la Svezia, la China e Singapore.

21
competenze interculturale
Minos

  /? ?   

Note riferite al lavoro con un altro UAI:

% 
   ~  {

- Se si cerca di essere innovativo sul posto di lavoro e di provare metodi



X  

    ˜ &


   %  -
getti molto probabilmente avrà bisogno di tanta fatica e pazienza, prima
che le proposte verranno accettate dagli altri.
- Si dovrebbe essere preparati ad aver a che fare con un sistema molto
burocratico.
- Nel progetto dovrebbero collaborare quanto più possibile connazionali
per poter sviluppare conoscenza e abbassare il grado di insicurezza.
- struzioni, proposte, presentazioni e risposte a domande dovrebbero


    

X   
- Tutte le dichiarazioni dovrebbero essere avvalorate da fatti oggettivi e
statistiche.

% 
   ~ 

{

­ ² 
 £

X    $     -


zioni.
- Si dovrebbe essere pronti a realizzare accordi presi in precedenza,
perché ci si aspetta che vengano realizzati.
- Gli addetti dovrebbero essere autonomi e avere a disposizione spazi
liberi, metodi e mezzi adatti a compiere i compiti.

22
competenze interculturale
Minos

3.2.4 Indice di mascolinità (MAS)

, Mascolinità e femminilità non dovrebbero essere fraintesi con i sessi



  $ %

 $
  
    
che rappresentano persone in una società. Certi valori vengono conside-
rati ‘mascolini’, p.es. successo, capacità di imporsi, ambire a ricchezza
e l’orientamento verso buone prestazioni. Altri sono ‘femminili’, come

X     X        

   


  $  
   
   
X   


 
    X  


  

 
rendimento, competizione, possesso e crescita. Si vive per lavorare.
~   
 X   
       £
vengono risolti prevalentemente in maniera aggressiva.

. %
    ]   ¬ 
 ~  
la Svizzera hanno un alto valore di mascolinità, come anche il Giappone.

 
 $ "    

\
 X >   $  -
porti sociali e qualità della vita. Si lavora per vivere. A uomini e donne
   


   £   


    
trattative evitando aggressività.

.  

  %
 §

   ]     

 
tale indice.

  /?  $  

23
competenze interculturale
Minos

Note per un lavoro nei paesi con un altro MAS:

­ “    
 
X
  
$ 
-
ordinari, brevi vacanze e viaggi di lavoro.
- La vita lavorativa sarà presente dappertutto, anche negli incontri infor-
mali.
- Tutte le questioni personali dovrebbero esulare dalle situazioni lavo-
rative.
- Le persone non sempre sono interessate a coltivare amicizie strette.
­  
     > $      

breve e priva di emozioni.
­ %     X    >  

professionale che la famiglia o i contatti sociali.
­ % X 



          



sulla concorrenza.

% 
   ƒ] 

 {

- Le persone apprezzano il tempo libero, mettono in primo piano la famiglia


e fanno vacanze lunghe.
- Gli straordinari non sono la regola.
- Le conversazioni nel tempo libero o durante le pause di lavoro si base-
ranno più su vita e interessi delle persone che su questioni dell’impresa.
- Domande personali vengono considerate normali e non invadenti.
­ “   $  
  >       

­  ‘
       
 
 
persone dimostrano apertamente la loro preferenza a rapporti stretti.

24
competenze interculturale
Minos

3.2.5 Indice di orientamento nel tempo (LTO)

Questa dimensione non è stata sviluppata sistematicamente da Hofstede.


 $   
  
 
  '      

    
  
  
 


importanti per un confronto fra mondo occidentale e orientale, ma non
  
  % &  
   X  
maniera approfondita.

, “    


 $
       -
sioni di una società si basano sulla tradizione, su avvenimenti nel passato
o su obiettivi a breve o lungo termine.

~           


     
  
         

 
-
ranti, parsimoniose e che abbiano senso di vergogna. Coltivano relazioni
secondo lo stato sociale e rispettano tale gerarchia.

. ¬ '  


 
  
  

~  

  
  
     

 


             
avvengono più velocemente i cambiamenti perché tradizioni e doveri non
rappresentano una barriera.

. ] ~ $     ¬ § 

3.3 I limiti del modello di Hofstede

   Æ$
 
   
 
   % 

      
 
   -
dello non spiega però, perché devono esistere proprio cinque dimensioni
      
    
   
 >
        

a spiegare su che base si sviluppano le diverse culture. Hofstede è stato
criticato per aver guardato alla cultura come una caratteristica di un paese
e non alla diversità culturale come causa di sottogruppi etnici, regionali
e generazionali. La descrizione delle dimensioni ha anche il pericolo di
valutare alcune culture più sviluppate di altre. Nonostante ciò il modello
può essere considerato utile per la preparazione di un soggiorno all’estero.
% 
    
  
   Æ$

vengono di seguito riportati e offrono così uno strumento d’aiuto per chi
è diretto in un paese straniero.

25
competenze interculturale
Minos

3.4 La scala delle dimensioni culturali di Geert Hofstede – Sintesi dei paesi

%“ Ï    $$  

“² Ï    




ƒ] Ï    
X

~ Ï    
 

Š¦ Ï      

Paese PDI IDV MAS UAI LTO


Il mondo arabo 80 38 52 68
Argentina 49 46 56 86
Australia 36 90 61 51 31
Belgio 65 75 54 94
Brasile 69 38 49 76 65
Cile 63 23 28 86
China 80 20 66 30 118
Costa Rica 35 15 21 86
Danimarca 18 74 16 23
Germania 35 67 66 65 31
Ecuador 78 8 63 67
El Salvador 66 19 40 94
Finlandia 33 63 26 59
Francia 68 71 43 86
Grecia 60 35 57 112
Gran Bretagna e 35 89 66 35 25
Irlanda Nord
Guatemala 95 6 37 101
Hong Kong 68 25 57 29 96
India 77 48 56 40 61
Indonesia 78 14 46 48
Iran 58 41 43 59
Irlanda 28 70 68 35
Israele 13 54 47 81
Italia 50 76 70 75
Giamaica 45 39 68 13
Giappone 54 46 95 92 80
Canada 39 80 52 48 23
Columbia 67 13 64 80
Malaysia 104 26 50 36

26
competenze interculturale
Minos

Paese PDI IDV MAS UAI LTO


Mexico 81 30 69 82
Paesi Bassi 38 80 14 53 44
Nuova Zeelanda 22 79 58 49 30
Norvegia 31 69 8 50 20
Pakistan 55 14 50 70 0
Panama 95 11 44 86
Peru 64 16 42 87
Filippine 94 32 64 44 19
Polonia 68 60 64 93
Portogallo 63 27 31 104
Africa dell´est 64 27 41 52 25
Austria 11 55 79 70
Svecia 31 71 5 29 33
Svizzera 34 68 70 58
Singapore 74 20 48 8 48
Spania 57 51 42 86
África del Sud 49 65 63 49
Corea del Sud 60 18 39 85 75
Taiwan 58 17 45 69 87
Tailandia 64 20 34 64 56
Repubblica Ceca 35 58 45 74
Turchia 66 37 45 85
Ungheria 46 80 88 82
Uruguay 61 36 38 100
Stati Uniti 40 91 62 46 29
Venezuela 81 12 73 76
Africa del ovest 77 20 46 54 16

27
competenze interculturale
Minos

4 Caratteristiche di cultura

Dopo la spiegazione dell’approccio generale di Hofstede il quarto capitolo


si dedicherà alle caratteristiche concrete di cultura, che si presuppone
£ 
  
 
   %  
ciò va rispettato quando ci si muove in un altro paese.

   


        
   

Le diverse caratteristiche tipiche per le dimensioni potrebbero non essere
sempre consistenti. Tutte le caratteristiche però tendono verso l’uno o
l’altro polo del continuo

4.1 La percezione del tempo e le priorità

         



  <
T. Hall. A prima vista il tempo sembra un concetto molto semplice. Nono-
stante ciò tutte le culture hanno una concezione unica del tempo e del
modo di usarlo. Alcune culture tendono ad adorare il tempo e a trattarlo
 
      
     >
£

             


si preferisce parlare degli affari solo dopo un certo tempo iniziale.

Le culture possono essere distinte, in base all’uso del tempo, in culture


monocrone (sequenziale) e policrone (sincrone).

  &    


   & 

 



  X Â          
     
   
   
 
 {

4.1.1 Il concetto del tempo monocromo

, ]      


   
  
 -
razioni in sequenza, in serie, cioè un’azione segue un‘altra e i per ogni
      
    
   
$   
    
   
  

    Â 
     
una risorsa limitata. Si fa una cosa in un dato momento e nonostante le
circostanze è necessario concluderla prima di iniziarne un‘altra.

%              ] 


 

 

   

{     
 
      
 
    
passato, presente e futuro. Viene utilizzato per strutturare la giornata per

 X %


 
       

28
competenze interculturale
Minos

Le persone con un concetto di tempo monocrono tendono


d a:

- fare una sola cosa alla volta


- concentrarsi sul lavoro
- prendere sul serio promesse (termini, appuntamenti)
- avere poco ‘contesto’ e avere dunque bisogno di tante informazioni
- essere ‘legate’ al lavoro
- rispettare programmi
- essere preoccupate di non disturbare gli altri, di seguire le regole della
privacy e del rispetto
- dimostrare grande rispetto per la proprietà privata, e prestare qualcosa
raramente
- essere rapide
- essere abituate a rapporti a breve termine

. Paesi tipici, in cui le persone hanno concetti di tempo monocroni, sono
la Germania, gli Stati Uniti, la Svizzera, la Svezia, la Norvegia e la Da-
nimarca.

4.1.2 Il concetto policrono del tempo

, Il termine divisione policrona del tempo descrive il contrario di monocrona:


tanti si assolve a più compiti per volta e le persone si sentono molto più
   &    
    >   
 
scadenze. Il tempo viene considerato ‘servo’ e ‘mezzo’ e viene adattato
ai bisogni delle persone. C’è sempre tempo a disposizione e non si ha
mai troppo da fare. Le persone spesso hanno – secondo le circostanze
 
 
  $ 


  ‘   

 
qualcosa prima di iniziarne un’altra, e nemmeno concludere qualcosa
con una persona prima di dedicarsi ad un‘altra.

Il tempo policrono viene considerato meno come risorsa e può essere


paragonato più ad un punto che ad una linea.

Persone con un concetto di tempo policrono tendono a:

- fare tante cose in un momento,


- non essere concentrate e ad interrompere gli altri,
- fare promesse in relazione ad un concetto di tempo indicativo da ris-
pettare solo se se possibile
- avere un contesto e tante informazioni,
- sentire molto i doveri verso gli altri e nei rapporti sociali
- cambiare i programmi spesso e con facilità
- rispettare più le persone che sono vicine (famiglia, amici, colleghi) che
la privacy
- prestare le proprie cose con facilità,
- prontezza nel relazionarsi
- costruire rapporti che durano a lungo.

29
competenze interculturale
Minos

. Concetti policromi del tempo si trovano soprattutto in Asia, negli stati
  
    ]   ] < }   


Note riferite al lavoro in paesi che hanno un altro concetto


del tempo:

¥ 


  €| | ‚ 


$ 
  
 
 


 
    ‚   
 
        |
  $$ 

‚

”
¥ "<Š Æ  ƒ Æ ;[\

Se fra membri di diverse culture ci sono diversi modi di concepire il tempo


  a causa di diverse valutazioni vengono ‘prodotte’ diverse emozioni che
possono portare ad equivoci.

‘ 
        {

- appuntamenti, programmi, tempi di preparazione ecc. di solito sono


molto preciso. Si dovrebbe p.es. arrivare in tempo e programmare incontri
con un po’di anticipo. La puntualità è importante.
­     
 
       Â 
rapporti che sembrano inutili per il futuro vengono interrotti.
- aumenti di livello si basano spesso su prestazioni recenti e probabili
successi nel futuro,
- spesso si trovano anche diverse valutazioni del tempo nei diversi reparti
 


  %
    X   Š
spesso pensano in maniera monocroma e orientata al presente. Queste
persone spesso hanno problemi in competizione legate a gruppi lavorativi
indipendenti dal reparto.

‘ %
        {

- si è molto meno precisi riguardo ad appuntamenti, programmi, tempi


di preparazione ecc.
- le persone tendono a orientarsi al gruppo. Vedono i rapporti come le-
gami profondi a lungo termine che includono passato, presente e futuro.
Anche nel lavoro si cercano rapporti con questo orientamento.
- anche i lavoratori tendono a preferire contratti a lungo termine. Aumenti
 
 

 
  Â     
personali,
- spesso anche nella stessa azienda si trovano diverse concezioni di
tempo. Reparti come marketing e pubblicità spesso pensano in maniera
policrona perché hanno una funzione policrona. Si integrano meglio in
un gruppo di persone provenienti da diversi riparti perché riescono a
trattare meglio più cose contemporaneamente.

. “ ¥;^[[Î &


   
  ;^    ;^•[  >
tardi. Lo stesso vale per le scadenze.

30
competenze interculturale
Minos

4.2 L’origine dello stato sociale

L’origine dello stato sociale si riferisce al modo in cui le perso-


ne ottengono il proprio ruolo o il proprio status in un paese o in
un’organizzazione; ma anche ai doveri legati ad un certo status.

Questo concetto è collegato ad alcune caratteristiche dell’indice di


differenza di potere e dell’indice di individualismo di Hofstede. Nonos-
tante ciò ci sono alcuni aspetti che non vengono presi in considerazio-
  
  
 % &   

  X
trattato in un capitolo separato.

Lo stato sociale esiste in tutte le società, ma il modo in cui viene


percepito, raggiunto e le diverse reazioni variano da cultura a cultura.
  



   


  
   

 $
   ¥     
all’essere (Kluckholm e Strodtbeck, 1961).

4.2.1 Lo stato acquistato

,    



   ­     $


 Â 


 

 X       
 
classe sociale, il grado di formazione, l’età, il patrimonio, la formazione
o il sesso. Qualità di successo nell’ambito del lavoro contano più delle
qualità esterne e le persone vengono rispettate in base alla propria
capacità e prestazione professionale. Lavorando duramente e con
  
    X
   
 £  
 ~ 
    $   
 
 

  
e molto meno in base ai rapporti sociali personali o familiari o la fama
della propria formazione.

  

       & 

 

 
vengono mantenuti risultati adeguati. Ognuno guadagna il proprio sta-
to e a seconda delle circostanze questo può cambiare velocemente.

  
  >   
  

  > 
non si comportino da superiori, quando messi a confronto con persone
 

  > 

    


  
non è molto diffuso parlare di stato sociale, sottolinearlo o dedicargli
attenzione.

}   


 
  ] ~  

 ¬
§   

31
competenze interculturale
Minos

4.2.2 Lo stato attribuito

,  
     

 
 <
-
stono poche possibilità di raggiungere un determinato stato sociale con
prestazioni e successi. Se qualcuno ha le caratteristiche esterne giuste,
gli viene attribuito automaticamente lo stato sociale corrispondente che
$  X

Si è molto consapevoli del proprio stato e non si dovrebbero assumere


  
  
     
 
importanti e dovrebbero essere utilizzati sempre. Esistono poche pos-
sibilità di ottenere uno stato sociale con successo o buone prestazioni.

. 
 
  
    }   '  ¬

Note riferite al lavoro in paesi che hanno un‘altra origine dello


stato sociale:

‘ 
  

   {

- esistono delle gerarchie, ma sono meno formali e evidenti,


- le norme sul posto di lavoro possono essere meno formali, p.es. le

 
 
  ¥Î  ˜  
   


essere formali con i colleghi di livello più alto,
- i manager possono avere il ruolo di mentore. Sono punto di riferimento
e guidano i subalterni per garantire che possano sviluppare lo proprie
capacità e assolvere ai vari compiti con una minima supervisione.
- i subalterni possono mettere in questione le decisioni del proprio capo,
­    £

  $ $  


     '
™
p.es. è possibile parlare ad una persona di un livello superiore di un altro
reparto per coordinamenti o ottenerne un feedback.

32
competenze interculturale
Minos

‘ 
  
 {

­      
      






>   % 
     
 



propri compiti e a non avanzare proposte a lavoratori di livello superiore.
- sul posto di lavoro spesso si è molto formali, p.es. ci si chiama con
titolo e cognome. Ordini professionali come dottori, architetti e giudici si
aspetteranno di essere chiamati con i loro titoli.
- dai manager ci si aspettano indicazioni chiare e in grado di rispondere
a tutte le domande. Vengono considerati esperti e sempre capaci di ri-

    $   ~   

  
il ruolo di mentore.
- Normalmente i lavoratori non criticano le decisioni di un capo.
­  £

 $   
    & 
-
tanto con il proprio capo e non p.es. con persone di un livello superiore
neanche di un altro reparto.

4.3 Comunicazione diretta e indiretta

'  Â        ­   


fondamentale della cultura. Durante qualsiasi processo di comunicazione

 &      

Quando si ‘manda’ un messaggio è quasi impossibile non aggiungere


contenuto culturale, nelle parole stesse, nella pronuncia o in segnali non
verbali, che accompagnano la comunicazione.

      

       -


  #

    


   


interpretata da diverse persone in modi diversi, a sua volta differente
magari dalle intenzione del mittente di tali informazioni.

, Le informazioni intorno ad un avvenimento ne rappresentano il contesto.


Descrivono la misura di comprensione innata e, nella maggior parte dei
casi, non consapevole che ci si aspetta da una persona in una certa
situazione di comunicazione.

 
 & 

     

    

di comunicazione, il quale può variare da cultura in cultura.

33
competenze interculturale
Minos

4.3.1 La comunicazione diretta / Culture con un contesto basso

, Culture con un contesto basso tendono ad essere lineari, logiche, ori-
entate all’azione, spesso eterogenee e individualistiche. Logica, fatti e
linearità vengono apprezzati. Le decisioni si basano più spesso su fatti
   
  


   $

Le persone di solito non ne sanno molto e esistono soltanto poche ipotesi


possibili su di un‘altra persona. La gente non si può riferire al contesto -
cioè a qualcosa che in una certe situazione viene detta o fatta sempre - o
       
 
   
 

         


 -
pretazione verbale. Lo scopo principale della comunicazione spesso è
    $ % &
   
   
  
 
        
  $ 

%
     
 


  ] ~  ¬ 
. Svizzera e i paesi scandinavi.

4.3.2 Comunicación indirecta / culturas con alto contexto

, Culture con un contesto alto tendono ad essere orientate ai rapporti inter-

 
   £

 


   #



culture preferiscono l’armonia del gruppo e il consenso di fronte a buone
prestazioni dei singoli. Le persone di queste culture si lasciano guidare
>   
   X '&
   
 
      
 
   
è un passo importante per qualsiasi cooperazione.

%
      
    
reti d’informazione molto vaste e tanti contatti personali. Visto che que-
ste culture tendono ad essere collettivistiche la gente collabora in modo
molto stretto e conosce l’opinione generale. Lo scopo principale dello
scambio d’informazione è mantenere l’armonia ed evitare a chiunque
  

Le parole non sono così importanti come il contesto, il suono della voce,
la mimica, i gesti e la postura dell’interlocutore, piuttosto che la storia
della famiglia di una persona o il suo stato sociale. Le persone hanno idee
molto evolute sui comportamenti in diverse situazioni. Le informazioni
fornite in un certo momento sono essenziali poiché molto è già noto alle
persone che comunicano.

34
competenze interculturale
Minos

% & 


 
     ‘  -


 

 
    
  

  
 $ 
>        
    
 
parole dette.

.  ¬  


    
 $     
considerati culture con un contesto alto.

Note riferite al lavoro in paesi con un altro contesto e stile di


comunicazione:

  Qualche volta il modo in cui viene detto qualcosa è più importante di ciò
che viene detto. Se una persona, che solitamente usa una comunica-
zione diretta, si trova per motivi di lavoro in un paese con una comuni-
cazione indiretta, sembrerà sempre che parli un‘altra lingua anche se
utilizza quella corrente. Diversi modalità di comunicazione aumentano
 

X     


  % &  -
nicazione interculturale è molto importante prestare attenzione sia alee
$ 
       % 

  
  
un alta misura di attenzione.

% 
   
 

 ž     {

­ % 


  
   
  
 & 
 
essere preso alla parola.
- Su trattamenti normalmente seguono contratti espliciti.
­ %    
    
    $ ²

  ~ 
   
 

 
   

con un contesto alto può essere percepito come qualcuno che parla trop-
po, che è troppo preciso e che mette a disposizione troppe informazioni.

‘ 
    {

- possono nascere equivoci dal fatto che i diversi modi di comunicare


non vengono considerati.
- Le persone tendono a decidere sulla base di meno informazioni visto
vi è un aggiornamento continuo sui fatti.
­ %      

 

 
 
-
   {

; ~    


   ‘
^ %$
   ‘    
3. Cambiare argomento per evitare di dire No.
4. Rispondere con una domanda in cenno di dissenso.
5. Tornare ad un punto della discussione per segnalare una diversa
opinione.

35
competenze interculturale
Minos

5 Lavorare all’estero
L’ultimo capitolo sarà dedicato a problemi di motivazione che potrebbe chi
si trova a lavorare in un paese straniero. Vengono offerti alcuni consigli
 
   $ X   

5.1 Vivere lo shock culturale

5.1.1 Shock culturale

      X  


     -
  

   

      


      >  
      
comportarsi eventualmente vanno imparato nuovamente. Geert Hofstede

 
 
    
 €  ¥   

    Î

,  



   
       
se una cultura sembra molto simile alla cultura del proprio paese ci pos-
sono essere differenze notevoli che possono portare a stati di solitudine,
paura, preoccupazione, isolamento, di impotenza e di odio nei confronti
   #
   ¥
 € Î

]
$$  ¥
 € Î    
     -
chie prospettive su all’improvviso vengono a mancare (non sono più utili).

5.1.2 Metodi per superare lo shock culturale

Ci sono diversi metodi e strategie di contrasto allo shock culturale, con cui

   $   ]
  
{

1. si renda conto che lo shock culturale è un processo normale


durante l’adattamento ad un nuova cultura. Ci sono tante persone
che soffrono, non hanno sofferto e soffriranno tale situazione.
^   



     Â 


culturale ha bisogno di tempo.
3. impari la lingua e non sia imbarazzato di portare un vocabolario con
sé. Se le persone sanno che prova di parlare la loro lingua la aiuteranno
più volentieri.
‰ } 
   
 
        
ad un corso. Questo aiuterà ad entrare in contatto con altre persone.
5. Sia realista. Non tutte le emozioni negative si basano sulla cultura.
   
  

  $ 


6. Si metta in contatto con persone che possono essere d’aiuto.
7. Si informi già prima del viaggio sulla nuova cultura.
8. Si goda ogni passo che va avanti nel suo processo di adattamento. An-
che piccoli successi servono a sentirsi bene e facilitare i passi successivi.

36
competenze interculturale
Minos

5.2 Il processo del adattamento culturale

  

       Â     





   >   $ Â
 & 
   

 $
 ¬ Æ$
  
 
 {

}
 ;{

Nella prima fase si è entusiasti di vivere in un‘altra cultura e di percepire


differenze. Le sensazioni sono paragonabili a quelli che si hanno durante
una vacanze in un paese straniero.

}
 ^{

 $
       $
  $
-
  
       
nuova cultura. A questo punto inizia lo shock culturale. Non ci si sente
 
  $ X  
  
 >  ‘
  >
trattati come ospiti ma ci si aspetta che si affrontino le diverse situazioni
normalmente. Le frustrazioni possono portare velocemente a sentimenti
di ansia e di isolamento.

}
 •{

  '


    $ 

 >
 &
   
  %
 
 $




è necessario molto impegno.

}
 ‰{

Questa fase viene raggiunta quando si riesce a raggiungere uno stato


emotivo stabile, segno di adattamento alla nuova cultura. Ciò non deve

    
 $
    
  
 -
prendono le ragioni della maggior parte dei comportamenti. Si è in grado
di interagire con abbastanza successo rispettando le regole della nuova
cultura.

37
competenze interculturale
Minos

5.3 Evitare l’uso del criterio di autoriferimento

La tendenza ad usare le proprie convinzioni ed i propri valori per valutare


 

  
     $   $$

che l’antropologo J.A. Lee per descriverlo ha sviluppato l’espressione
‘criterio di autoriferimento’. Questa tendenza può essere talmente forte
da disturbare il processo di adattamento culturale.

Lee descrive un processo in quattro passi che aiuta a riconoscere le


differenze culturali che probabilmente possono portare a dei problemi.
~        
 

   -


  


 
 {

1. Analizzi la situazione in riferimento a i suoi valori culturali, usanze e


particolarità.
2. Analizzi la situazione in riferimento a valori culturali, usanze e partico-
larità del nuovo paese.
• ¦ 
 £    $     -

  & £ 
   

‰ ¦

  
  
 
 £
del criterio di autoriferimento e si comporti in maniera di cui possono
  

5.4 Osservazioni

 

 >  


     

 
attenta osservazione aiuterà ad ottenere informazioni e prospettive ne-
cessarie per capire un‘altra cultura e adattare il proprio comportamento
alla situazione.

Le seguenti domande aiuteranno a trovare le risposte che permettono di


 
    {

Comportamento di fronte al potere

- Come gli addetti trattano i propri capi?


- Come i capi trattano gli addetti?
- Si percepisce che i capi deleghino la propria autorità o la chiedono
soltanto per se stessi?
- Normalmente i lavoratori prendono l’iniziativa o aspettano istruzioni?
- Con chi vanno a pranzo le persone? Mangiano soltanto con persone di
pari livello gerarchico o anche con altre?

38
competenze interculturale
Minos

L’uso del tempo

- Le persone arrivano puntuali a lavoro? Chi è puntuale e chi no?


- Che cosa succede quando uno degli interlocutori riceve una chiamata?
- Come si comporta una persona che incontra altre due persone che
stanno già parlando?
- Le riunioni di lavoro iniziano puntuali?
- Quanto bisogna aspettare persone con cui si ha un appuntamento?

Modi di comunicazione

­ '     £š


- Come viene espressa una diversa opinione?
- Come vengono comunicati dubbi e brutte notizie?
­ #    $  š
- Durante un discorso le persone sono più dirette o più indirette?
- Sembra che sul posto di lavoro ci sia un contesto alto o basso?

Comunicazione non verbale

- Com’è vestita la gente?


- Come ci si saluta di mattina?
­ #   
 
  $      

esce?
- Quando si parla ci si guarda direttamente negli occhi?
- Che distanze mantengono le persone quando stanno in piedi?

Norme al posto di lavoro

- Quando interagiscono le persone parlano direttamente del compito o


parlano più di fatti generali?
- Si lavora insieme o in modo indipendente?
­ ~        
š ]
   š
- Quale comportamento viene tenuto dai colleghi?
- Come si confrontano le persone con il rispetto di regole?

39
competenze interculturale
Minos

Riferimenti
§ ƒ "<\ ";Ž\{ §
 ' 
$   ' 
© ƒ   %

¬ % ‘ „ ~
 À ' "<
\{  §


‘ 

¦”$ Ÿ| §€

Æ < Š „ Æ ƒ Ÿ ";Žª\ Æ “$$ 


{ “ §


|
 À
 ‘| ©€ “‚

Æ < Š „ Æ ƒ Ÿ ƒ Ÿ ";[\{ ~


 '
“$$ 
 ¬
 }    
 © ƒ
  %

Æ$
 ¬ ";ª\{ '
 ¦ 
{ ]$| $  ƒ
"^ \ ‘| ©€ ƒ ¬|­Æ

Æ$
 ¬ "^[[;\{ '†
'
 
"^ \{ '
²
 §
 

 ¦ 
 

‘

Thousand Oaks. Sage

 € } „ ] € Ÿ ";‡;\{ ²


  

<
 Ÿ| %


 À
";‡‡\{  ' ‚

 ¦

¦
 Æ
§


Ÿ| "ƒ ­\ ;[‡­;;‰

 Ÿ ";‰_\{ Š ' § €  $ %


‚ ‘| ©€

Š
 ² „ “ ] ";;\{ Š ' < $ 
§


"‰ \ ]|


 %


ƒ­ ƒ€$ } "<\ ";Ž\{ % 

$  ‘ 

¿
| %

 §

%  '
"\{ ' ƒ
 ¿
  '<

{žž||| ­$
 

{žž|||€|

 €

40
competenze interculturale
Minos

Ringraziamento
Comportamento sociale, competenza interculturale è un modulo autono-
  
   
    ƒ‘¦] 


dalla Commissione Europea.

L’autore ringrazia Andre Henschke, Geert Hofstede, Macus Garson,


Š §
 ~€ '  ² ‚
€      
correzioni del materiale.

~          

  
 
materiale e di migliorarlo sfruttando la loro esperienza pratica. Si ringrazia
  %  '
 
  
    
Commissione Europea per il contributo economico.

41
MECCATRONICA
Modulo 2: gestione del progetto
(parte 2)

Manuale
(concetto)

Andre Henschke

Henschke Consulting Dresden


Germania

Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di


personale esperto nella produzione industriale globalizzata

Progetto UE no. 2005-146319 „Minos“, durata dal 2005 al 2007


Progetto UE no. DE/08/LLP-LdV/TOI/147110 „MINOS++“, durata dal 2008
al 2010

Il presente progetto è finanziato con il


sostegno della Commissione europea.
L´autore è il solo responsabile di questa
pubblicazione (comunicazione) e la
Commissione declina ogni responsabilità
sull´uso che potrà essere fatto delle
informazioni in essa contenute.

www.minos-mechatronic.eu
gestione del progetto
Minos

Índice

1. Il lavoro in un progetto oggigiorno


1. 1 Il lavoro in un progetto nel passato 5
1. 2 Le fasi dello sviluppo del lavoro nel progetto 5
1. 3 Origine di principi di organizzazione di progetti 6
1. 4 I nove campi del sapere nel management del progetto 7
2. Un progetto – condizioni e caratteristiche 8
2. 1 DIN 69901 8
3. Tipi di progetti 9
3. 1 Progetti di investimenti 10
3. 2 Progetti di ricerca e di sviluppo 10
3. 3 Progetti di organizzazione 11
3. 4 Programma della struttura del progetto 12
3. 5 Particolarità nel management internazionale del progetto 12
3. 5. 1 Scopi dell’internazionalizzazione 12
3. 5. 2 Tipi di obiettivi di internazionalizzazione 13
3. 5. 2. 1 Scopi economici e non economici dell’internazionalizzazione 13
3. 5. 2. 2 Scopi difensivi e offensivi dell’internazionalizzazione 15
3. 5. 2. 3 Scopi orientati alle risorse, ai prodotti e alla vendita 15
• _ • £

 
          ;‡
4. Programmazione e scopi nel management del progetto 17
4. 1 Management del progetto operativo 17
4. 2 Management del progetto tattico 17
4. 3 Management del progetto strategico 17
5. Un progetto e le sue fasi 18
5. 1. Idee sul progetto e fase iniziale 19
_ ^ “         ;
5. 3 Analisi sulla realizzabilità 19
5. 4 Incarico e Kick Off 20
_ _ ]          ^[
_ ‡ ]  ^[
5. 7 Programmazione del progetto 21
5. 8 Sorveglianza del progetto 22
5. 9 Valutazione del progetto 22
5. 10 Management del progetto in gruppi responsabili per i diversi processi 22
5. 10. 1 Gruppo responsabile per la fase iniziale 23
5. 10. 2 Gruppo responsabile per la programmazione 23
5. 10. 3 Gruppo responsabile per lo svolgimento 24
5. 10. 4 Gruppo responsabile per il comando 24
5. 10. 5 Gruppo responsabile per il compimento 24
6. Organizzazione del progetto 25
6. 1 Pura organizzazione del progetto 25
6. 2 Coordinazione del progetto 26
6. 3 Organizzazione in forma di matrice 26
6. 4 Conclusione: caratteristiche dell’organizzazione del progetto 27
7. Guida del progetto 28
7. 1 Il capo del progetto 28

3
gestione del progetto
Minos

7. 1. 1 Ambiti di responsabilità del capo 28


7. 1. 2 Compiti del capo 29
7. 1. 3 Richieste personali al capo 29
7. 1. 4 Competenze necessarie del capo 30
7. 2 Il team del progetto 31
8. Programmazione del progetto 31
8. 1 Programmazione degli obiettivi 31
8. 2 Aspetti della programmazione 33
8. 3 Strutturazione di progetti 33
8. 4 Tipi di strutturazioni del progetto 34
8. 5 Tecniche della programmazione del progetto e strumenti 34
8. 6 Tecnica di programmazione in forma di rete 36
8. 6. 1 Scopi della programmazione reticolare 36
8. 6. 2 Storia della programmazione reticolare 37
8. 6. 3 Parole centrali della programmazione reticolare 38
8. 6. 4 Altri concetti della programmazione reticolare 40
8. 6. 5 Esempi della programmazione reticolare 41
8. 6. 6 Tipi di programmazioni in rete 42
8. 6. 7 Vantaggi della programmazione reticolare 43
8. 6. 8 Svantaggi della programmazione reticolare 44
8. 7 Pietre miliari 45
9. Passi verso il successo 46
10. Management del rischio 48

§   ‰

4
gestione del progetto
Minos

1 Il lavoro in un progetto oggigiorno


1.1 Il lavoro in un progetto nel passato

Quando si parla della costruzione di tempi antichi, della scoperta di conti-


nenti sconosciuti, o dello sviluppo di strategie e tecnologie innovative - si
tratta sempre di progetti coraggiosi, di cervelli che ottenevano un risultato
in un certo arco di tempo avendo a disposizione risorse limitate.

Non senza motivo nell’ambito militare si trova una precisa strutturazione


di processi per raggiungere uno scopo. Lo spostamento di materiale, delle

     X   
 
 



I compiti, metodi, strumenti e livelli del management del progetto in gene-


rale sono conosciuti e documentati. Dovrebbe essere un obiettivo però,
elaborare e far conoscere una terminologia unica e di promuoverla. Tale
obiettivo è quello degli istituti di normalizzazione e di associazioni PM.

È da ricordare specialmente il Project Management Institute negli USA


(PMI) che con il suo PMBOK (Project Management Body of Knowledge)
ha pubblicato il libro standard in lingua inglese per il management del
progetto. Numerose delle seguenti informazioni, sono state tratte dal
PMBOK, visto che con la sua rappresentazione molto strutturata infor-
ma bene sulle particolarità di progetti e del management di progetti. Per
informazioni che riguardano la Germania vengono usati soprattutto le
 “‘ ‡[[­^ “‘‡[;   ‡[_

Come guida per il management di qualità in progetti è stata pubblicata


la norma ISO 10006:2003.

1.2 Fases del desarrollo de la dirección de proyectos

Le grandi fasi dello sviluppo del management del progetto sono tre:

- la fase del management del progetto non consapevole


" X   X \

- la fase della programmazione consapevole di progetti particolari


"  
 X     ^[¶
 \

- la fase della programmazione dettagliata dei progetti, management


organizzato di progetti, dal 1980.

5
gestione del progetto
Minos

Esempio: Già le legioni dell’Impero Romano, per quanto riguarda l’organizzazione


e l’abilità superavano i suoi avversari e così potevano vincere un gran
numero di battaglie.

Durante le battaglie l’utilizzo mirato e ben studiato delle forze, aiutava a


superare anche un numero più alto di avversari. La battaglia di Alessia, 52
avanti Cr. , nella quale Gaius Iulius Caesar resisteva con soltanto 50. 000
persone a 320. 000 combattenti e dalla quale usciva vincente, è soltanto
un esempio per le possibilità che può offrire il giusto impiego dei mezzi.
Il 5 dicembre del 1757 Federico il Grande vinse la forza armata tre volte
più grande degli austriaci. Questa vincita non fu resa possibile grazie
al numero maggiore di combattenti, ma grazie all’ ottimo impiego delle
forze a disposizione.

1.3 Origine di principi per l’organizzazione del progetto

Importante: Come primo libro per la programmazione di operazioni complesse


nell’ambito militare dell’età moderna, può essere valutata l’opera “Dalla
Î
  ;Ž•^ $  

 '  '


|

Oggigiorno quasi tutte le idee nell’ambito dell’economia, dell’amministrazione


pubblica, della ricerca, della politica e della formazione vengono realizzate
sotto forma di progetti. Anche compiti più piccoli nell’interno delle azien-
de vengono realizzati da gruppi responsabili per i progetti. Soprattutto
problemi complessi interculturali possono essere risolti nel miglior modo,
con il metodo del lavoro del progetto.

Il numero dei progetti negli anni passati è aumentato moltissimo. Il ma-


nagement del progetto però non fa miracoli. È un attrezzo complesso che
 
   $          
prende vita prima di tutto nella testa. I punti deboli o i fattori di rischio nei
progetti sono costituiti spesso, dalle persone stesse.

Questo perché la conclusione di un progetto ed il suo relativo successo,


dipendono soprattutto dal responsabile del progetto e della sua compe-
tenza (sociale).

6
gestione del progetto
Minos

1.4 I nuovi campi del sapere del management del progetto

Il management del progetto ha da coprire sopratutto i seguenti campi di


lavoro o di sapere (secondo il Project Management Institute):

Management di integrazione:

Qui si coordinano i diversi elementi di un progetto. Questo viene facilitato


dall’osservanza di standard di management del progetto.

Management di contenuto e della mole (anche Scope Management):

Il management della cornice del progetto (anche management del conte-


nuto e della mole) fa che gli obiettivi del progetto vengano raggiunti. Non
guarda però soltanto gli obiettivi riferiti a quelli originali, ma cerca anche di
integrare nuovi obiettivi nel progetto e di indurre programmazioni nuove.

Management di deadline:

}
      

   -


tegrare tutti i gruppi. La pianta del progetto serve fra l’altro come mezzo
di comunicazione.

Management dei costi:

Favorisce l’adempimento del budget. Qui è da riprendere lo sviluppo delle


spese. Nel caso necessario sono da avviare contromisure.

Management di qualità:

    X


         
-
zazione di processi del management del progetto, la documentazione
dei lavori e degli obiettivi raggiunti come anche un management delle
misure adatte.

Management del personale:

] $
 $     


    X  
nel progetto, ma anche allo sviluppo del gruppo.

Management della comunicazione:

 


   _[ˆ           -


tecipanti, è da considerare anche nel management dei cambiamenti
(change management).

Management del rischio:

ƒ   



         
 
rischio, misure preventive e concetti per emergenze. È di importanza
soprattutto nel caso di progetti complessi.

7
gestione del progetto
Minos

Management della fornitura:

Riguarda l’integrazione e la collaborazione con partner e fornitori.

Consiglio importante:

Gli ambiti del sapere si assomigliano, come gli equivalenti del manage-
  & 
 
   
     

  
 
   
  
 
  
del progetto (unicità del prodotto, limitazione del tempo, orientamento
stakeholder e modo di lavorare iterativo) con processi speciali (vedi ma-
nagement del progetto, gruppi di processi), che possono essere diversi
dai campi di sapere del management generale.

8
gestione del progetto
Minos

2 Un progetto – Condizioni e caratteristiche

2.1 DIN 69 901

, Secondo la DIN 69901 un progetto è:

“Un’ attività prevista che in generale si contraddistingue per l’unicità


delle condizioni nel loro complesso. ”

È il successore della DIN 69900 “Netzplantechnik” che prima includeva



      “‘ ‡[^ ‡[•  ‡[_  
  
del management di progetti. Segue un piccolo riassunto:

Condizioni:

- Ci deve essere un obiettivo previsto.

­        

- Un progetto deve essere limitato nel tempo, economicamente e limitato


per quanto riguarda il personale.

- Deve essere un progetto singolo e limitato di fronte ad altri progetti.

­   
  

- Il compito da affrontare deve essere nuovo e unico.

- Sono incluse diverse discipline.

<  


=

­   
    
  

- Un progetto consiste in più attività collegate fra di loro, chiamate anche


task o processi.

I processi sono da svolgere per raggiungere un certo obiettivo o sotto-


obiettivi. Pertanto, essi vengono svolti secondo il loro ordine (e le priorità)
e con l’aiuto delle risorse a disposizione come persone o mezzi di lavoro,

™   

    &    


   
          

9
gestione del progetto
Minos

Caratteristiche:

- limitazione del tempo

- indicazione dell’obiettivo (indicazione dei mezzi, di deadline, di


misurazione e obiettivi speciali)

- unico (non un lavoro di routine)

- strutturazione (fasi, passi parziali, processi/pacchetti di lavoro)

­  
  

3 Tipi di progetti
Per scopi pratici spesso si dividono i progetti in:

- progetti d’investimento

- progetti di ricerca e di sviluppo

- progetti d’organizzazione

Questa divisione è vantaggiosa, perché per questi tipi di progetto si può


fare riferimento a diversi modelli di fasi di progetti standard già esistenti.

, Un modello di una fase di un progetto standard è la rappresentazio-


ne standardizzata dello svolgimento del progetto, diviso in sezioni
temporali, che possono essere chiamate precisamente e che sono
una parte importante del risultato del progetto.

Un‘altra divisione possibile è:

- progetti legati ad un sistema di lavoro ( tipo di organizzazione)


p. es. : Introduzione di un sistema di management di qualità o di un
nuovo impianto EDV

- progetti legati ad un oggetto di lavoro (di tipo tecnico) p. es. : sviluppo


di un prototipo

- progetti legati al posto di lavoro (impianti di produzione, fabbrica) p.


es. : trasformazione di un sistema di immagazzinamento ad un sistema
totalmente automatico.

10
gestione del progetto
Minos

3.1 Progetti di investimento

I progetti di investimento si contraddistinguono per le somme elevate che


sono necessarie per comprare i prodotti.

, Questi prodotti di solito possono essere usati per un lungo periodo
e vengono comprati normalmente soltanto una volta.

Ambiti tipici per progetti di investimento sono pertanto immobili, grandi


impianti tecnici e tutte le costruzioni speciali con un grande riferimento al
cliente. I progetti di investimento, a causa della loro grandezza e della loro
importanza economica per l’impresa, vanno programmati e realizzati con
grande cautela. Al contrario, per i progetti di ricerca e di sviluppo, presso
i quali il gruppo del progetto decide soltanto di variazioni di proposte,
si tratta sempre di soluzioni d’acquisto. Un cambiamento dell’ oggetto
di investimento non è previsto. I progetti di investimento richiedono un
team esteso.

3.2 Proyectos de investigación y de desarrollo

I progetti di ricerca e di sviluppo rappresentano la forma di programma-


zione e di comando più complessa del management del progetto.

, Un progetto di ricerca e di sviluppo è caratterizzato dallo sviluppo


di un nuovo procedimento, un nuovo sistema o un nuovo utilizzo
di un oggetto.

In questo caso è prevista la realizzazione dell’oggetto come prodotto


industriale, come procedimento, come software o come struttura. I pro-
getti di ricerca o di sviluppo, molto spesso vengono svolti negli ambiti di
ricerca e di sviluppo delle imprese. Nell’industria ne possono far parte la
costruzione di nuove macchine come anche lo sviluppo di nuovi materiali
per costruzioni.

Specialmente negli istituti specializzati della ricerca applicata (in Germania


negli Istituti Fraunhofer) spesso con un collaboratore, vengono realizzati
più progetti di ricerca o di sviluppo. In questo caso, un collaboratore in
diversi progetti può avere svariati ruoli. Specialmente nel caso di pro-
getti di ricerca e di sviluppo è importante una votazione regolare sullo
svolgimento del progetto.

Visto che l’interno team del progetto (vedi capitolo 7, “Team del progetto”),
sfrutta i risultati di altri partecipanti al progetto, le decisioni importanti
vanno prese con l’intero team. Un cambiamento di indirizzo è possibile
ma molto dispendioso

11
gestione del progetto
Minos

3.3 Progetti di organizzazione

I progetti di organizzazione sono i progetti più numerosi.

, I progetti organizzativi sono progettati per essere svolti in una strut-
tura, con lo scopo di guidare le risorse per un certo arco di tempo.

Le risorse usate durante l’arco di tempo del progetto, vengono tolte alla
struttura dell’organizzazione esistente. I progetti di organizzazione si
dedicano ad attività concrete di persone. Dunque, si può trattare della

       
    $ 
  
palazzo ad un altro. I progetti di organizzazione di solito possono essere
ben programmati .

Al contrario dei progetti di ricerca e di sviluppo, in quelli di organizzazione


c’è un bisogno di coordinazione sin dall’inizio del progetto. Se agli albori
del progetto stesso, si riesce a programmare bene (vedi capitolo 5, “Un
progetto e le sue fasi”), durante lo svolgimento basta chiarire lo stato del
progetto poche volte.

Questi incontri servono per far conoscere lo stato della realizzazione e


£
  
    
    
Nei progetti d’organizzazione il fattore economico spesso non è il punto
debole, perché prima del progetto ci sono già offerte e promesse vincolanti
sulle spese necessarie.

Importante Importante è l’integrazione della direzione se si tratta di progetti che


si svolgono includendo diversi o tutti i reparti della ditta.

Tramite l’integrazione spesso vanno evitati problemi di votazione fra di-


verse istituzioni e ambiti. Nel team del progetto perciò, andrebbero incluse
persone di tutti gli ambiti e tutte le istituzioni che hanno la competenza
di decidere anche se queste persone poi non sono responsabili per la
realizzazione operativa del progetto.

12
gestione del progetto
Minos

3.4 Pianta della struttura del progetto


La programmazione di un progetto è una parte fondamentale per il suo
successo. Spesso lavoratori degli ambiti più diversi, si incontrano per la
prima volta nel team del progetto e contemporaneamente dispongono
di poca esperienza per quanto riguarda lo svolgimento di un progetto.
% & 

 
      
  
progetto. Certe fasi del progetto possono dipendere da altre fasi che si
svolgono prima. In questo caso la chiusura della prima sezione rimanda
l’ultimazione della sezione seguente (vedi capitolo 8, “Programmazione
del progetto”).

Immagine 1: Pianta della struttura del progetto

3.5 Particolarità nel management di progetti internazionali

3.5.1 Obiettivi di una internazionalizzazione

Quando un’impresa decide di fare il passo all’estero e dunque di allar-


gare la produzione oltre le frontiere del proprio paese, avere obiettivi
ben precisi, è decisivo. Gli obiettivi di internazionalizzazione – come gli
obiettivi dell’impresa in generale - possono essere soltanto la base di
una valutazione del successo delle attività internazionali quando esse
divengono operative, per quanto riguarda:

- il content (che cosa c’è da raggiungere con il lavoro all’estero?)

- la mole (Quanto è desiderato?),

- integrazione temporale (in quale momento è da raggiungere


l’obiettivo?),

- riferimento al segmento (in quali gruppi di paesi va raggiunto l’obiettivo,



   
      
  š\

13
gestione del progetto
Minos

3.5.2 Tipi di obiettivi di internazionalizzazione

 
 

 

    X 


 
gruppi. I criteri possono essere presupposti come segue:

- la suddivisone in obiettivi economici e non come

- divisione di obiettivi in quelli di origine difensiva o oggettiva e

- la delimitazione fra scopi di internazionalizzazione orientate alle risorse,


alla produzione e al mercato.

3.5.2.1 Scopi economici e non economici di un’ internazionalizzazione

~
      $$       

che tramite la vendita all’estero si cerca di compensare effetti negativi di
cicli di congiuntura nel proprio paese. Le seguenti attività si basano su
    {

- export all’estero, se la produzione nella propria nazione è a buon


mercato.

- Spostare la produzione in paesi dove si produce a prezzo più basso



      
      

- Produzione di serie più alte tramite vendita all’estero, seguono effetti


di regressione nella produzione, riduzione del prezzo possibile.

- Assorbimento del residuo del consumatore nei paesi in cui il prodotto


è una innovazione.

- Stabilizzazione del volume d’affari totale attraverso la fornitura di più


mercati che non sono sottoposti agli stessi cicli di congiuntura.

14
gestione del progetto
Minos

Altri obiettivi economici sono quelli dell’assicurazione e della crescita o


della partecipazione alla crescita dinamica di mercati all’estero, causati
dunque da un orientamento all’espansione degli affari.

Gli obiettivi orientati al successo dell’impresa si esprimono come


segue:

- Pericolo di perdita nella propria nazione, p. es. a causa della riduzione


imprevista della durata di vita del prodotto.

- Allargamento di posizioni del mercato già esistente all’estero tramite


un impegno più forte.

- Così si crea un compenso nei confronti della concorrenza che è res


ponsabile di una riduzione di mercato nella propria nazione.

- Il cliente principale segue all’estero.

Gli obiettivi orientati alla crescita si fanno vedere:

- nell’allargamento e prolungamento del ciclo di vita dei prodotti,

- nella partecipazione alla crescita dinamica di mercati all’estero,

- nel raggiungere obiettivi di crescita che p. es. a causa di obblighi


nella propria nazione non possono essere raggiunti.

Obiettivi importanti non economici dell’internazionalizzazione consistono



  
    
   £

   

15
gestione del progetto
Minos

3.5.2.2 Obiettivi difensivi e offensivi dell’internazionalizzazione

Obiettivi difensivi

L’internazionalizzazione ha un carattere difensivo quando un’impresa, per


la stabilizzazione della sua posizione (in pericolo), nel mercato, si mette
a produrre all’estero o segue la concorrenza all’estero, per compensare
gli svantaggi della concorrenza.

Obiettivi offensivi

Obiettivi offensivi di internazionalizzazione sono invece perseguiti da


quelle imprese che vogliono sfruttare i vantaggi del mercato, p. es. van-
taggi tecnologici, o quando ambiscono ad un prolungamento del ciclo di
vita dei loro prodotti.

3.5.2.3 Orientati alle risorse, alla produzione e alla vendita

Obiettivi di internazionalizzazione orientati alle risorse li troviamo nei


servizi di sicurezza di supporto della materia prima.

Abbiamo a che fare con aspetti orientati alla produzione, quando si parte
con l’idea che i processi di produzione all’estero si potrebbero svolgere
a prezzo più basso.

   


    

  

clienti principali all’estero.

16
gestione del progetto
Minos

!!>@   


        

Nel dialogo fra diverse culture la comprensione delle differenze è una


base importante per lo svolgimento del progetto con successo. A questo
campo si avvicina l’ambito della sociologia (vedi anche il modulo MINOS
“Comportamento sociale, Competenze interculturali”).

, La sociologia (parola d’arte che deriva dalla parola latina ‘socius’:
compagno e quella greca ‘lógos’: parola) descrive e analizza i col-
legamenti nella struttura, del funzionamento e dello sviluppo nella
società.

La conoscenza delle condizioni sociologiche è una componente impor-


tante integrativa per il management del progetto, così p. es. :

- la partenza di macchine e impianti

- compiti legati alla ricerca degli sbagli nel caso di emergenza

- la coordinazione di gruppi di progetti internazionali

- coordinare trattamenti

Accanto alle richieste professionali è necessaria anche un’alta misura


di tolleranza della frustrazione, cioè la capacità individuale di compen-
sare delusioni o di rinunciare a bisogni, senza entrare in depressione o
diventare aggressivi.

Però il management di un progetto internazionale include anche la pos-


sibilità di un contorno sempre attuale e molto interessante.

Al problema del dialogo fra diverse culture si dedica il campo della ricerca
delle mentalità.

, Il concetto della mentalità (lat. mens, mente) descrive modi predo-
minanti di pensare o comportarsi in un gruppo di persone (p. es. di
un gruppo della popolazione o un gruppo professionale).

'
™   & 

  
   $ 
realistico ecc. La percezione di questi modi di pensare attraverso persone
non incluse, spesso è la base per generalizzazioni che si esprimono in
clichè, pregiudizi e stereotipi. Dall’ altro lato il concetto di mentalità può
essere usato come base per descrivere un comportamento ‘normale’ in
gruppi sociali.

17
gestione del progetto
Minos

4 Programmazione e obiettivi del management del progetto


4.1 Management del progetto operativo

, Il management operativo è il management classico che è riferito al


progetto e al suo svolgimento.

La programmazione e gli obiettivi sono uguali ad altri compiti e processi


nella ditta. Normalmente nell’ambito del management operativo del pro-
getto, vengono realizzati tre tipi di progetti (progetto di in vestizione, di
organizzazione e di ricerca).

4.2 Management tattico del progetto

Al contrario del management operativo, gli iniziatori del management


tattico sono da trovare nel management medio.

, Il management tattico dunque favorisce cambiamenti sul livello


dei reparti e non si dedica soltanto alla realizzazione di obiettivi
operativi della ditta.

Nel centro può starvi dunque, l’uso di un nuovo EDV in un ambito della
ditta, la fusione di due reparti o la ristrutturazione dell’organizzazione
della ditta.

4.3 Management strategico del progetto

Il management strategico del progetto rappresenta uno strumento im-


  
      
 

, Il management strategico del progetto è un anello di congiunzione


fra obiettivi strategici della ditta e il management operativo del pro-
getto. Il management strategico crea così la cornice in cui un grande
  J   '
  K   

Scopo del management strategico è il superamento della mancanza di


organizzazione convenzionale e gerarchica tramite un avvicinamento
sistematico p. es. :

- la reazione su problemi non organizzativi,

- decisioni e

­ £

18
gestione del progetto
Minos

5 Un progetto e le sue fasi


I progetti spesso vengono suddivisi in fasi, che sottolineano il modo ite-
rativo di procedere nel management. Normalmente le fasi del progetto

      ƒ  $




 

           


,   '   


 '  
        <   W 
con una deadline. Se gli obiettivi parziali non sono stati raggiunti
in tempo o i risultati contengono errori secondo il programma, la
      '     
ZK  
stati risolti.

Le pietre miliari dunque, sono uno strumento molto importante durante


la programmazione del progetto. Un uso esagerato di pietre miliari può
disturbare lo svolgimento del progetto a causa della grande necessità di
consultazioni. Poche pietre miliari, invece, portano all’errore non perce-
pito. Piani di progetti on-line, cioè piani di progetti in cui ogni giorno può
essere controllato lo stato dei lavori dei singoli partecipanti per la guida
  
  $ >
   
  $  

%

 

    $


    {

, Una fase del progetto è una sezione temporale di un percorso del
progetto, che per il suo contenuto può essere separato da altre
sezioni.

- idea del progetto e inizio

­        

- ricerca sulla realizzabilità

- Incarico e Kick Off

­
         

­
     

- programmazione del progetto

- sorveglianza del progetto

- valutazione del progetto

19
gestione del progetto
Minos

In seguito vengono meglio spiegate le singole fasi del progetto. Non tutti
i progetti devono contenere tutte le fasi. Anche l’impronta delle singole
fasi varia tra un progetto e un altro. La strutturazione delle fasi dunque è
da intendere come direttiva che nella sua successione non può essere
cambiata, però può esserlo nella sua impronta. La piena elaborazione di
tutte le fasi però, è il modo più sicuro per svolgere il progetto.

È importante che la programmazione del progetto vada svolta da parte


della guida del progetto. Nelle singole fasi, p. es. durante la program-
mazione di deadline, vanno integrati tutti i partecipanti nel progetto.
Specialmente il management del rischio, rappresenta uno strumento per
la prevenzione degli errori.

5.1 Idea del progetto ed inizio

Importante Il progetto viene fatto partire con un’idea, un problema, una richiesta o
in seguito alla necessità di realizzare un progetto più grande. Anche in
questa fase hanno luogo dibattiti sul senso e sull’utilità. I primi contatti
con futuri partner nel progetto e responsabili nascono in questo frangente.

 +    [K '   

Importante  
 $
            
 
costi, gli deadline ed eventualmente obiettivi speciali. Nasce un program-
               
così precisa, che è possibile fare un elenco di compiti e risorse necessarie
"
   \ ]

     


5.3 Ricerca sulla realizzabilità

Importante Specialmente se si tratta di progetti più grandi, è importante chiarire prima



      
    

  
realizzabile. L’impresa può dare l’ incarico di uno studio sulla realizzabilità
o potrebbe fare una inchiesta fra esperti e capire così che cosa potrebbe
funzionare e che cosa no.

Questa fase è molto importante perché in questo momento ancora ini-


 & 

      £   

X
per raggiungere lo scopo.

20
gestione del progetto
Minos

5.4 Incarico e Kick Off

Importante Il committente ora dà l’incarico. Poi la ditta nomina la guida del progetto
e stabilisce che fa parte del team. Nel cosiddetto Kick off tutte le informa-
zioni che riguardano il progetto vengono date al gruppo. Tutte le persone
incluse, elaborano una strategia vincolante.

 ]        


  

Importante l’intero progetto viene ora suddiviso in singoli passi. A secondo della
grandezza del progetto si tratta di progetti parziali o di processi raccolti.
    X   

    
  X      “ 
-
razione, la guida del progetto deve prestare attenzione che non ci siano
interferenze per quanto riguarda il personale o i contenuti.

^ ]   

Importante I processi raccolti in questa fase vengono suddivisi in singole unità di


lavoro, i cosiddetti processi. Se questa suddivisione va fatta più dettagliata
o meno dipende dal tipo del progetto, dai collaboratori e dalle possibilità
di controllo durante lo svolgimento del progetto.

La programmazione del percorso e degli deadline fornisce dunque la


schedulazione per lo svolgimento del progetto. Inoltre la programmazione
del percorso e degli deadline con le informazioni incluse fornisce la base
decisiva per altre programmazioni e possibili risposte su tante domande
durante la valutazione del progetto. Alcune di esse sono:

- A quali punti del progetto ci sono delle libertà nel percorso tecnico o
insicurezze e quali conseguenze ne potrebbero nascere?

- Dove e in quale misura ci sono delle incertezze di tempo che


potrebbero avere conseguenze, e quali?

- Quali avvenimenti importanti (le cosiddette pietre miliari) sono da


rispettare durante lo svolgimento del progetto a fronte di quali obblighi
temporali?

­ #    


 "\ 
   
   
ne sono da dedurre?

- Quando e in quale misura vanno messe a disposizione delle risorse


(come p. es. personale, macchine, attrezzi, impianti ecc. ) per poter
       

š

21
gestione del progetto
Minos

Il piano con gli deadline è la direttiva più importante per gli impiegati
nel progetto. Contemporaneamente serve per valutare il progresso nel
progetto durante lo svolgimento.

5.7 Programmazione del progetto

Importante 

 

      $ 


  

 
lavoro.

_    ' 

- Così p. es. il processo numero quattro si può svolgere soltanto quan


     

      

 
 
 $
   

    
 
 
impatta sui seguenti aspetti:

- Durata temporale per ogni passo

_   

- risorse necessarie (personale e mezzi produttivi)

_ Programmazione delle risorse

- I costi che ne risultano.

_ Programmazione dei costi

- In questa fase della programmazione possono nascere i seguenti


£   

 
{

- Coincidenze di deadline

- Mancanza di risorse a causa dell’assegnazione doppia di compiti

Il responsabile per la programmazione del progetto, dovrebbe preve-


dere tempi di riserva per possibili problemi imprevisti. Un risultato della
programmazione del progetto potrebbe essere anche l’adattamento o la
variazione degli obiettivi se le conoscenze da parte della “programmazi-
one” lo rendono necessario.

22
gestione del progetto
Minos

5.8 Sorveglianza del progetto

Importante Dopo l’inizio della realizzazione, il compito della guida del progetto è
sorvegliarne il progresso. Nel caso di imprevisti o cambiamenti di costi,
la guida deve rielaborare il programma del progetto. Regolarmente han-
no luogo e votazioni. La guida del progetto dopo archi di tempo stabiliti,
$     

    “


 £

 


  
 $
  
  $    
del progetto.

5.9 Valutazione del progetto

#      


    

un esame completo del progetto secondo i seguenti aspetti:

- Sono stati raggiunti gli obiettivi (la cosa, la durata e i costi)?

- Quanto forti erano le deroghe dal programma del progetto?

- La programmazione era troppo ottimistica?

- Lo svolgimento era ottimo?

­  
     
 £š

- Come si è svolta la comunicazione nel gruppo e con il committente?

- Come era il clima di lavoro?

- La documentazione del progetto come base di esperienze è utile?

5.10 Management del progetto in gruppi

Se si separa i processi del management del progetto dalle sue fasi, i


processi del management possono essere descritti in gruppi:

Possono essere formati i seguenti gruppi di processi:

- Gruppo iniziale

- Gruppo di programmazione

- Gruppo di svolgimento

- Gruppo di comando

- Gruppo di conclusione

23
gestione del progetto
Minos

5.10.1 Gruppo di star-up

, Nel gruppo responsabile per l’start up questo processo è al centro


dell’attenzione. Viene eseguito all’inizio del progetto e poi all’inizio di
ogni fase del progetto.

Importante Obiettivi importanti dell’start up sono:

- Diffusione delle informazioni necessarie per poter lavorare in maniera


$  

­ ‘    $
 X
    $ X "  
 \
perciò vengono chiariti gli obiettivi e il modo di lavoro in ogni fase del
progetto.

- L’informazione relativa al progetto viene cambiata e adattata allo


strakeholders.

- Il progetto o la prossima fase del progetto viene considerata in tutte


le sue parti (non dettagli) e collegamenti.

- Dovrebbe essere raggiunta un’armonia di tutti i partecipanti per quanto


riguarda tutte le questioni.

Come in tutti i gruppi i processi si ripetono e interagiscono fra di loro. La



 
  
 

5.10.2 Gruppo di Programmazione

, La programmazione include tutti i passi per la programmazione del


progetto o quelli per una fase. Eventualmente si approva o si scelgono
alternative. I processi più importanti del management del progetto nel
gruppo ‘Programmazione’ sono:

- Programmazione di contenuto e mole


­ “     
­ “    


- Fissare le conseguenze dei processi
- Programmazione dei mezzi
- Stimare la durata dei processi
- Stimare i costi
- Programmazione del management del rischio
- Sviluppare il piano con deadline
- Programmazione dei costi
- Mettere insieme il programma del progetto

Inoltre ci sono processi ausiliari, come la programmazione di qualità,


programmazione della fornitura, ecc.

24
gestione del progetto
Minos

5.10.3 Gruppo Realizzazione

, #     


 
    
K   
risorse e la loro attribuzione ai processi nel piano del progetto, per
poter raggiungere l’obiettivo del progetto. Ne fanno parte processi
come lo svincolo del pacchetto di lavoro. La realizzazione viene
sostenuta da processi ausiliari, come l’assicurazione di qualità, il si-
stema d’informazione, lo sviluppo del gruppo o la scelta dei fornitori.

5.10.4 Gruppo comando

, Questo gruppo si dedica alla continua sorveglianza del raggiungi-


mento dell’obiettivo nel progetto. Nel PMBOK viene usata la parola
“control processes”. Nel gruppo ‘comando’ ci sono due processi
principali:

- informazione, per la raccolta e la distribuzione (orientazione



€¡\ $     

- il comando integrato di cambiamenti, per coordinare i cambiamenti

I processi principali vengono sostenuti da un grande numero di processi


ausiliari, ne fanno parte processi di collaudo, manutenzione programmata
e analisi dei costi e monitoraggio del rischio.

/ 

, >


   
  
  
amministrativa del progetto.

Nel primo caso è importante fare attenzione che tutti i contratti venga-
      
 
       
 
 ‘ $      



Learned Workshop e – secondo PMI molto importante – la compilazione
della banca dati con “dati storici del progetto”, per mettere a disposizione
il sapere ottenuto anche per progetti (e manager) futuri.

25
gestione del progetto
Minos

6 Organizzazione del progetto


La scelta dei responsabili per il progetto e dei membri del progetto è
importante per il successo del progetto. Ci vuole anche decisione sulla
forma d’organizzazione del progetto.

Le seguenti forme dell’organizzazione sono:

6.1 Organizzazione vera e propria del progetto

, Questa forma di organizzazione spesso viene usata se si tratta di pro-


getti molto grandi. Il team del progetto viene messo insieme dai reparti
di organizzazione della linea. Questi collaboratori sono sottoposti alla
guida del progetto. Questi ha il pieno potere di decidere e la piena res-
ponsabilità per il progetto.

Vantaggi:

La guida del progetto ha tutte le competenze. Perciò la responsabilità


 
    
 &
    $   ‘ 
 
£    
 

 $  


 
    
  Š     
  -
cano fortemente con il progetto. Una conseguenza è la forte motivazione.

Svantaggi:

Durante la scelta dei membri del progetto la guida dipende dalla volontà
di cooperazione dell’organizzazione della linea. di produzione. Devono
 

 

    



 “
la reintegrazione dei collaboratori al progetto nell’organizzazione della
         
  #


  { “            €|­|
“         
 



 
problemi a reintegrarsi nell’organizzazione della linea. Inoltre c’è il pericolo
che il team rimanga isolato e che ci sia una mancanza di collaborazione
con i reparti.

direzione
dell‘impresa

acquisto produzi- distribu- amministra- progetto progetto


one zione zione A B

  @      

26
gestione del progetto
Minos

6.2 Coordinazione del progetto

, La struttura funzionale dell’organizzazione rimane invariata con questo


approccio. Si aggiunge soltanto un coordinatore del progetto. Il coordi-
natore però ha soltanto una funzione di consigliere.

Vantaggi:

~ £

X     


  
 
  
collaboratori possono essere utili in più progetti contemporaneamente. Lo
scambio di informazioni ed esperienze funziona in maniera relativamente
semplice. Spesso i cambiamenti non sono necessari nell’organizzazione.

Svantaggi:

Nessuno si sente responsabile dell’intero progetto. Il tempo di reazione


 
      '
  $ X  

che interessano trasversalmente più reparti perché nessuno si sente
responsabile.

direzione
dell‘impresa

progetto A progetto B

acquisto produzione distribuzione amministrazi-


one

Immagine 3: Coordinamento del progetto

27
gestione del progetto
Minos

6.3 Organizzazione in forma di matrice

, Questa forma è un’interazione fra l’organizzazione pura e la coordina-


zione del progetto della linea d’organizzazione. È chiaro che la respon-
sabilità viene divisa fra la guida del progetto e il capo del reparto. Così la
guida del progetto ha la piena responsabilità per il progetto stesso, ma
non il pieno diritto di impartire ordini ai collaboratori. Questi rimangono
nei loro reparti dell’ …. (Linienorganisation-) e vengono integrati nel pro-
getto soltanto momentaneamente.

Vantaggi:

 
   
 ž    £

 % &  


& 
 

         
-
guenza è un effetto di sinergia visto che collaborano addetti di diversi
reparti. Inoltre c’è una sicurezza più grande per i collaboratori, visto che
  
     #

   
        
     
doversi integrare di nuovo nel loro reparto. La responsabilità viene sud-
divisa secondo la responsabilità per il progetto e quella per la qualità.

Svantaggi:

'£   $         -


      X   

 %

  
 
riferimento ai compiti del progetto da risolvere ed ai lavori ordinari. I col-
 


  £  ˜   


  
al responsabile della linea e quindi si sentono responsabili di mansioni
ordinarie, . dall’altro sono integrati nell’organizzazione del progetto. I
processi del progetto dunque vanno svolti in un arco di tempo limitato.

direzione
dell‘impresa

acquisto produzione distribuzione


sistema decisionale basato su

progetto B
un progetto

progetto A

sistema decisionale basato su funzioni

  @       


28
gestione del progetto
Minos

6.4 Conclusione: Caratteristiche dell’organizzazione di un progetto

Importante Diverse caratteristiche sono tipiche dell’organizzazione del progetto:

- La durata dell’organizzazione è limitata sulla durata del progetto.

- Membri del team responsabile per il progetto vengono


(parzialmente) liberati da altri compiti.

- La posizione nella gerarchia del team del progetto non dipende


dalla posizione nella ditta.

- La costituzione qualitativa e quantitativa del gruppo può cambiare.

29
gestione del progetto
Minos

7 Guida del progetto

7.1 La guida del progetto

, Ambiti di responsabilità e compiti della guida del progetto: Il capo è una
persona nominata dal committente (p. es. amministrazione, committente
esterno) per l’intera durata del progetto, ed ha numerose responsabilità.
I compiti e le competenze dipendono sempre dal progetto, dalla struttura
della ditta o dal committente. Il seguente conteggio parte da una organiz-
zazione del progetto in forma di matrice nella quale il capo ha soltanto
una competenza professionale.

7.1.1 Ambiti di responsabilità della guida del progetto

L’ambito di responsabilità della guida del progetto include:

- sorveglianza di costi e budget

­    

- raggiungere l’ obiettivo (riferito alla cosa)

­    £

- la responsabilità professionale e obiettiva per il team del progetto

- la guida delle attività del progetto

- rispettare le direttive, indicazioni su procedimenti e lavori

- la comunicazione nel team e con il committente

- preparazione, discussioni sul progetto e

- mettere a disposizione e attualizzare la pianta del progetto.

30
gestione del progetto
Minos

7.1.2 Compiti della guida del progetto

Fanno parte dei compiti della guida del progetto:

-       

- indicare un rappresentante per la coordinazione del gruppo

- la collaborazione durante la costituzione del team

- la divisione dei compiti nel gruppo

- la sorveglianza dei progressi nel progetto

­         

- un continuo controllo dei costi e deadline

- la rappresentazione del progetto fuori della ditta

- organizzare la votazione necessaria nell’interno e nell’esterno

- la responsabilità di corsi di formazione necessari

- se necessario ricorso all’istanza di decisione

- redigere informazioni sullo stato del progetto

- la documentazione del progetto e gestione di atti

- il calcolo dopo la chiusura del progetto.

7.1.3 Requisitos personales del director del proyecto

Richieste personali alla guida del progetto

I compiti e responsabilità si basano su un gran numero di capacità della


guida del progetto che questo nel caso ideale dovrebbe avere:

- competenza professionale

- competenza di guida

- competenza sociale

- capacità di comunicazione

- capacità di motivazione

- capacità di delegare

31
gestione del progetto
Minos

- capacità di cooperazione

- riconoscere collegamenti

- talento di organizzazione

­  X  


   $ 

- iniziativa propria

- creatività

- voglia di decidere

- capacità di trattare

- capacità d’imporsi

- dinamicità

7.1.4 Competenza minima della guida del progetto

Importante Visto che il successo del progetto dipende in gran misura dalla personalità
della guida del progetto, la ditta dovrebbe sceglierla bene. Per evitare
equivoci va stabilito se la guida del progetto opera soltanto in via profes-
sionale o ha anche il potere di decidere per via disciplinare.

Competenze minime:

Per uno svolgimento del progetto senza problemi, la guida del progetto,
però, deve avere almeno le seguenti competenze:

­ %&         

- Ottiene la possibilità di votare per la scelta dei responsabili.

- Ha il diritto di informare e di decidere.

- Può delegare compiti per l’ elaborazione.

32
gestione del progetto
Minos

7.2 Il team del progetto

Il team che lavora in un progetto normalmente è disposto da:

- la guida del progetto

­ 

   

- membri variabili

- persone o ditte che lavorano per il progetto (servizi).

Inoltre, si parla di gruppi di progetti aperti o chiusi. Nel caso di un gruppo




    

      $-


no parte del progetto. Nel caso di team aperto, i collaboratori cambiano
secondo lo stato del progetto. P. es. la collaborazione di programmatori
nel gruppo può essere necessaria soltanto in una certa fase.

33
gestione del progetto
Minos

8 Programmazione del progetto

, Per programmazione del progetto si intende la produzione sistematica di


informazioni sul percorso futuro del progetto e l’anticipazione del lavoro
necessario. Una mansione di successo nel progetto si basa sulla pro-
     '    ¬{ ' $

durante la programmazione, programma il proprio fallimento. ” Il piano
    
   
 
  
basi del controllo e supervisione del progetto riconoscendo le differenze
e introducendo le misure di correzione.

8.1 Planeación del objetivo

, La programmazione dell’obiettivo include il percorso che va dalla con-


           ¬
obiettivi vanno dedotti dalle richieste di mercato misurandone gli effetti in
questo ambito. (analisi dell’ambito del progetto e stakeholder (stakeholder:
partecipanti, interessati). Soltanto quando c’é una visione chiara della

 

 


 

      ¬


obiettivi di tutte le attività del progetto sono regolati da norme.

A loro possono essere attributi quattro funzioni basilari:

1. funzione di orientamento

2. funzione di selezione

3. funzione di coordinazione

4. funzione di controllo

Gli obiettivi del progetto consistono di tre componenti:

1. resa
2. data di conclusione del progetto
3. costi del progetto

Le tre componenti stanno in un rapporto di concorrenza fra di loro e


perciò vanno visti in un collegamento. Questo collegamento si lascia
rappresentare in un triangolo ‘magico’.

34
gestione del progetto
Minos

attività

progetto

   costo del


progetto

Immagine 5: Tre poli del management del progetto

Gli obiettivi si riferiscono al contenuto del progetto ed al suo percorso:

_`K ' 


   %K '&

_ Obiettivi riferiti al percorso del progetto (obiettivi del


processo)

Normalmente è utile una separazione in obiettivi necessari e obiettivi


desiderati.

Obiettivo necessario: È impensabile non raggiungerlo!

Obiettivo desiderato: Nice to have!

I gruppi di obiettivi vengono descritti in un catalogo opportuno. All’inizio


del progetto non possono sempre essere nominati in tutti i dettagli. Sol-
tanto durante il percorso del progetto, quando ci sono già dei risultati, gli
obiettivi possono e devono essere chiari.

Importante Le richieste più importanti all’espressione di un obiettivo sono:

- L’espressione di un obiettivo dovrebbe svolgersi indipendentemente


dalla soluzione.

- Gli obiettivi dovrebbero essere misurabili.

35
gestione del progetto
Minos

8.2 Aspetti della programmazione

% 
   $  
$  
 #

però, nel caso di progetti nuovi, è possibile soltanto in maniera limitata.
Il pericolo di fare sbagli è grande. Un procedimento molto approfondito
perciò è necessario. Si consiglia di rispettare i seguenti aspetti:

­ “ 
  
    "    \

- Prepari documenti in cui il progetto viene analizzato in maniera


dettagliata

- Programmi in maniera dinamica (aggiornamenti continui, di


documenti cambiamenti, risultati ecc. )

8.3 Arreglos de los proyectos

Ci sono due possibilità di strutturare progetti:


Il metodo Top-Down e il metodo Bottom-Up. Secondo il tipo del progetto
     
  

   
 
utilizzare una delle due tecniche.

Metodo-Top-Down

, ]  


    
      
(Top=sopra).
“  
­     

  ˜
  
 
   

 "“|­
  

\  
 

il progettista crea per prima cosa l’arrangiamento che successivamente
verra riempito con le procedure.

Metodo Bottom-Up

, Questo metodo funziona all’incontrario, cioè da giù in su. È adatto quando
tutti o quasi tutti i processi singoli sono conosciuti in forma di un elenco
sottoposto. In questo caso il responsabile deve soltanto cercare una
struttura di per lo svolgimento dei processi. La struttura nasce dai singoli
processi esistenti.
Spesso sono necessari arrangiamenti ausiliari p. es. secondo reparti,
costi o tipi di prodotti.

36
gestione del progetto
Minos

progetto

progetto progetto
parte 1 parte 2
strategia „Top-Down“

subprogetto subprogetto subprogetto subprogetto

strategia „Bottom-up“
1.1 1.2 2.1 2.2

fase di lavoro fase di lavoro


1.1.1 2.1.1

fase di lavoro fase di lavoro


1.1.2 2.1.2

fase di lavoro fase di lavoro


1.1.3 2.1.3

Immagine 6: Le strategie Top-Down e Bottom-Up

8.4 Piani di progetti

I seguenti piani sono necessari e devono essere documentati in un


piano del progetto:

Piano della struttura (piano delle fasi e della struttura del progetto)

Ò Come è strutturato il progetto?

Piano delle date e del percorso

Ò Come si deve svolgere il progetto?

Ò Quali deadline valgono per il progetto?

Piano dei mezzi usati:

Ò Quali risorse sono necessarie?

Piano dei costi

Ò Quali costi sono previsti?

Piano della programmazione

Ò '     š

37
gestione del progetto
Minos

8.5 Tecniche e strumenti per la programmazione del progetto

I metodi più usati per programmare il progetto:

, Il piano della struttura del progetto (strutturazione): Una strutturazione


utile del progetto, cioè la strutturazione in sottoprogetti, processi raccolti
(Sammelprozesse) e processi singoli, è la base per una programmazione
trasparente del progetto e la sua sorveglianza. Lo strumento più utile è il
piano della struttura del progetto (PSP). In inglese questo procedimento
viene chiamato Work Breakdown Structure (WBS). Ci sono piani ori-
entati all’oggetto, alla funzione e quelle orientate sia all’oggetto sia alla
funzione (vedi immagine). Con un PSP orientato all’oggetto è intesa la
programmazione sulla base di soluzioni, con “orientamento alla funzione”
la programmazione sulla base di processi.

Durante la costruzione di una casa il progettista chiamerebbe la fase


“scavare i fondamenti” nel PSP orientato all’oggetto “fondamento”, nel
PSP orientato alla funzione “gettare le fondamenta”.

creazione di un
 
000

creazione di costruzi- creazione di installazione creazione di lavoro del


one grezza prime falegname
100 200 300

muraglia linea elettrica telaio della





impermeabiliz- conduttura costruzione del


zazione dell‘acqua tetto

basamento

Immagine 7: PSP orientato all’oggetto

38
gestione del progetto
Minos

creazione di un
 
000

progettazione realizzazione attivazione


100 200 300

attuazione collaudo
indagine 201 301
101


    - procacciamento test di funzionamento
cazione 202 302
102
licenza edilizia monitoraggio inizio d‘uso
103 203 303

   detrazione


realizzazione 204
104

 &            

creazione di un
 
000

creazione di creazione di installazione creazione di lavoro del


costruzione grezza prime falegname
100 200 300

progettazione progettazione progettazione


101 201 301

realizzazione procacciamento procacciamento


102 202 302
monitoraggio realizzazione
103 203 installazione
detrazione 303
installazione
104 204
collaudo
collaudo test di funzionamento 304
105 205

Immagine 9: Pianta della struttura del progetto orientata all’oggetto e


 

39
gestione del progetto
Minos

8.6 Tecnica di programmazione

, Il concetto della tecnica di programmazione reticolare include “tutti i


   
    
  
 


 
      
    

i mezzi e risorse e altre misure” (DIN69900, parte 1). Un piano di rete
“è la rappresentazione di processi o dipendenze in forma di tabella o di
 Î "“‘ ‡[[  ;\

La tecnica “network” serve soprattutto per programmare progetti, dunque


nell’ambito del management del progetto è un metodo di programmazione.

8.6.1 Obiettivi della tecnica di programmazione reticolare

, Obiettivo della programmazione reticolare è la programmazione dei rap-


porti logici fra i processi e la situazione temporale di queste procedure,
come base degli accordi dell’ obiettivo e per la mediazione di orientamento
all’azione nel progetto. Il piano in rete fornisce la base per la messa a
disposizione di strumenti di comunicazione, come p. es. pietre miliari,
“bar charts o net bar charts”.

L’uso della tecnica di programmazione reticolare deve portare alla risposta


di quattro domande importanti:

- Quanto durerà tutto il progetto?

­ # 

 

  š

- Quali attività critiche del progetto possono prolungare la durata del


 
 

   š

­       



X    > š

­ ]
 
    

  $  
la velocità con costi bassi?

Importante La tecnica della programmazione reticolare si basa sull’esperienza che


le attività che formano il ramo di rete più lungo decidono lo sviluppo del
progetto. Se queste attività critiche vengono riconosciute presto, possono
essere effettuate anche contromisure. Il management si può concentrare
sulle attività critiche. Attività non critiche possono essere programmate
  
 £    

40
gestione del progetto
Minos

Importante La tecnica della rete rappresenta un mezzo che serve soprattutto


per i seguenti obiettivi:

- Le connessioni logiche di un progetto possono essere rappresentate


     

- Per tutti i processi del progetto con l’aiuto della tecnica della pro
grammazione reticolare, può essere sviluppato un piano del tempo.

- Il percorso critico e le risorse che potrebbero mettere in pericolo


la chiusura del progetto nei tempi previsti devono essere facilmente
 

- I piani reticolari formano la base per il controllo permanente del


progetto.

Nella tecnica della rete si parla di quattro compiti parziali:

Importante - La programmazione della struttura:


Analisi dei processi e rapporti di sistemazione

- Programmazione del tempo:


Ai processi vengono attribuiti tempi, si calcola la durata del
progetto

- Programmazione dei costi


Analisi dei costi del processo e del progetto

- Programmazione della capacità


Programmazione dei mezzi di produzione necessari

La base per la programmazione del percorso e delle date può essere il


piano della struttura del progetto.

41
gestione del progetto
Minos

8.6.2 Storia del “network plan”

¬X    ;¶


 

 
  
   
-
ne dei progetti. Non esistevano ancora tecniche reticolari, però median-
te il diagramma di Gantt durante la gestione dei progetti è stata utilizzata
  
   ƒ
     -
corso critico (Critical path method, CPM) e il PERT (Program Evaluation
an Review Technique), sviluppato nel 1956, si è cominciato a parlare di
tecniche di gestione reticolari.

         ˜  


  
mediante archi e nodi dà l’idea di una rete. Dopo il loro sviluppo, queste
tecniche avevano un grande successo. Così p. es. la US-Navy durante
la preparazione e la sorveglianza del progetto di missili Polaris usan-
do il nuovo procedimento poteva risparmiare due anni di lavoro. Prima
della diffusione del computer i reticoli venivano elaborati con la penna
o prodotti con lamelle di acciaio smaltato e magneti. Questi avevano il
vantaggio che i cambiamenti nel progetto potevano essere rappresen-
tati velocemente nella programmazione, senza dover ridisegnare tutto il
piano del progetto.

8.6.3 Concetti di base della tecnica di programmazione reticolare

, Un processo nell’ambito della tecnica di programmazione reticolare è


 X           
 
un altro che segue. Detto più in generale: Un processo è un elemento
nel suo svolgimento, che descrive un certo avvenimento. ” (DIN 69900,
parte 1).

Nella tecnica di programmazione reticolare si parla di “processi”, al con-


trario della terminologia del management del progetto, nella quale si
preferisce chiamare l’unità di programmazione “pacchetto di lavoro”.

I processi normalmente, sono partiti dello svolgimento del progetto; In


caso di attesa però non c’è uno svolgimento. Un processo può essere
     

{  
  

    

 ¥-
tersi le calze” prima che può iniziare il processo “mettersi le scarpe”.
Queste dipendenze vengono descritte in dettaglio in seguito.

42
gestione del progetto
Minos

Un tale processo ha una caratteristica decisiva: la durata. È compito


della tecnica di programmazione reticolare calcolare quando si svolgo-
no i diversi processi, considerando naturalmente la durata dei singoli
processi e le dipendenze fra di loro. Il processo di calcolo inizia con i
processi iniziali, e pone così la data iniziale al più presto dei processi
successivi (programmazione in avanti) o inizia con gli ultimi processi
della rete (che non vengono più seguiti da altri), e pone poi le date al
al più tardi di chiusura dei processi che lo anticipano (programmazi-
one all’indietro). Con la combinazione dei due metodi, partendo da
             


  
quattro caratteristiche importanti (oltre la durata):

- Inizio al più presto (IPP) (da programmazione in avanti)


- Fine più presta (FPP) (da programmazione in avanti e la durata)
- Inizio al più tardi (IPT) (da programmazione indietro e durata)
- Fine al più tardi (FPT) (da programmazione indietro)

Deadline di un processo Vi, j:

FAZ: Earliest start time of a procedure Vi, j = FZi

FEZi, j: Earliest end-time of a procedure Vi, j = FAZi, j + Di, j

SEZi, j: Latest end-time of a procedure Vi, j = SZj (under adherence to


the project completion date)

Float

, Con più direttive nel piano di rete possono essere calcolati più tipi di
tempi di Puffer:

, The total buffer GPi of a procedure i is calculated by the difference of


SAZi (latest start time of i) and FAZi (earliest start time of i), or for SEZi
(latest end-time of i) and FEZi (earliest end-time of i). That shows, how
much the procedure the gives a shift without that the project end is
endangered:

GPi = SAZi - FAZi = SEZi - FEZi

43
gestione del progetto
Minos

, Il percorso libero è il tempo che non mette in pericolo l’inizio al più presto
   
 

 "}{ Š   


  


essere svolti soltanto nella loro posizione al più presto. ) Può nascere
soltanto quando almeno due processi svolti hanno lo stesso successo-
re.

²    


   ¥ Î " ­\ $-
  $$     > 
   

 
 
l’inizio al più presto del successivo. Vengono paragonate nel caso di
iniziale (inizio-inizio) le date del inizio al più presto e nel caso del seguire
   " ­ \    > 
   



A
FP= FAZ(past) - FEZ

bij = temporal minimum distance between procedure i and procedure j


SI = quantity of the successors of procedure i

$  €|
 £
FRPi, j = SZj - SZi- Di, j

, Maximum time interval the procedure may be shifted that does not
endanger the whole project, in case all preceding procedures end to the
last possible date.

>   @
UPi, j = max {0, FZj - SZi - Di, j}

, Maximum time interval the procedure may be shifted; if all preceding
procedures are to end to the last possible date and all following
procedures should begin to the earliest possible date. Of practical means
the GP (for critical Path) is primarily and FP is second of importance.

44
gestione del progetto
Minos

8.6.4 Further terms of net planning method

Event

,   
  $       ” <

represent dates, at which certain partial procedures are terminated or
are others to begin; therefore the beginning and the end of a procedure
are events. An event does not have temporal expansion.

Relationships:

, Relationships mark logical dependence between events or procedures.


With the sequence of two procedures A and B there are four possibilities:

End- start: B can be begun, as soon as A began


(I/O relationship or normal sequence).

Start- start: B can be begun, as soon as A began


(AA relationship or initial sequence).

Start- end: B can be terminated, as soon as A began


(AE relationship or jump sequence).

End- end: B can be terminated, as soon as A was terminated


"<< 
  
 \

Expiration structure:

The expiration structure of a network plan is represented by the whole


of the relationships.

45
gestione del progetto
Minos

8.6.5 Examples of the net planning method

Il lavoro con “network plans” può essere suddiviso in:

Un abbozzo che rispecchia la divisione del compito del progetto in pro-


cessi o avvenimenti rispettando nessi logici o causali. L’abbozzo è la
 > $   >    
   X 
risultato dipende soltanto da lui.

Analisi del tempo in forma di una valutazione delle durate dei processi
(p.es. le durate fra due avvenimenti). Una buona valutazione è il compi-
 
     $  
  
abbozzo e la valutazione del tempo sono molto più grandi che il segu-
    ¥|€ Î  

       



del tempo.

Sorveglianza del progetto con correzioni al “network plan” e sorvegli-


anza del progresso del progetto. Nel caso del uso esteso sono possibili
anche analisi di costi e di mezzi necessari. Prima di redigere il “network
plan” vero e proprio spesso le dipendenze dei singoli processi e le loro
durate vengono ripresi in una tabella.

Numero del processo durata predecessore successore


processo
1 inizio 0 2 e 3
2 compito AA 1 1 4
3 compito BB 4 1 5
4 compito CC 5 2 5
5 punto d´arrivo 0 3 e 4

Dopo viene elaborato il “network plan” , e ogni processo viene rappre-



      

 "  ¥|€ Î 



  

  
     > 

  >    >     > 
 Ó |
Felder für Gesamtpuffer und Freien Puffer reserviert.

Nome

46
gestione del progetto
Minos

Le singole cassettine per ogni processo vengono collegati con frecce,


che rappresentano le dipendenze fra i processi. Visto che non sono per-
messi concatenazioni ciclici i singoli processi si lasciano sistemare nella
loro successione temporale dalla sinistra verso la destra, vie parallele
vengono posizionati sotto gli altri.


*           ?   

Ora vanno calcolati i tempi. Per farlo si inizia con l’inizio al più presto
del primo evento e si somma la sua durata. Il risultato è contempora-
neamente il punto di chiusura al più presto del procedimento attuale e
l’inizio al più presto del successivo. Quando con questo calcolo in avanti

    


   ™        
> 
    

  
    >   
risulta con la durata del processo il suo inizio più tardi. Dalla differenza
fra l’inizio al più presto e l’inizio al più tardi risulta il percorso totale.

In seguito, dal piano di rete che si trova qua come esempio si pos-
sono estrarre le seguenti informazioni:

Importante ­       > 


  ‡ 
- La percorso critico include i processi AA e CC.
- Il processo BB può essere iniziato anche soltanto dopo un tempo per-
corsodi due giorni senza mettere in pericolo il progetto

47
gestione del progetto
Minos

€^^   Z  


 


, Ci sono diversi tipi e varianti di piani di reti.

Si differenzia fra i seguenti tipi di piani di reti:

- procedura “arrow network plan” (VPN)


Nel caso del “arrow network plan” i processi vengono rappresentati
come freccia, l’ordine logica risulta dalla sistemazione dei nodi (inizio /
   

\ "<
  
   "'%ƒ\\

- “Event multipoint network plan” (EKN)


Nel caso del “event multipoint network plan” gli avvenimenti (stati) ven-
gono rappresentati come nodi e dipendenze di tempo vengono rappre-
sentati come freccia. (Esempio: Program Evaluation and Review Tech-
nique (PERT)).

- procedura „multipoint network plan“ (VKN)

Un „multipoint network plan“ è un diagramma per un piano in forma di


rete nel cui i singoli processi vengono rappresentati come quadratino
che sono segnati con le dati principiali del processo (inizio prima pos-
sibile, inizio al più tardi possibile). I processi sono collegati con frecce
che simbolizzano le dipendenze logiche. La denominazione ‘diagram-
ma PERT’ che viene usata spesso non è giusta del tutto perché il PERT
originale usa “Event multipoint network plan”.

GERT (graphical evaluation and review tecnique)

I programmi di tecnica di programmazione reticolare attuali, tali metodi


vengono combinati. VPN, p. es. CPM, dovrebbero essere usati se il
progetto ha dei rapporti di sistemazione semplici che vanno cambiati
raramente. Piani in rete CPM sono meno adatti per la programmazione
di costi o mezzi. VKN, p. es. MPM, hanno il vantaggio che ai nodi di pro-
cessi possono essere attributi tante informazioni diverse. Un altro van-
taggio è che possono essere cambiati in maniera relativamente veloce.
EKN come il PERT dovrebbero essere usati in progetti in cui processi
 
  

 

      " 


piano in rete stocastico.

A causa del loro uso relativamente semplice CPM e MPM sono più dif-
fusi.

48
gestione del progetto
Minos

8.6.7 Vantaggi della tecnica di programmare in rete

Importante La pianta in rete è una rappresentazione molto comprensibile, chiara


e informativa, visto che fornisce un buon insieme dei processi parziali
di un progetto e le dipendenze fra i processi. A causa della rappresen-
     

   

X      


progetto e non focalizzarsi solo su un progetto parziale. Il piano in rete
è da comprendere velocemente e perciò anche facilmente da attuare e
permette una prognosi relativamente esatta di date intermedie impor-
     
   
 $   
che formano il percorso critico visto che con un software di gestione dei
progetti possono essere assegnati p. es. colori diversi per i processi del
percorso critico.

 $$             


programmazione reticolare può essere separata fra la programmazione
del percorso e di deadline. A causa della possibilità della rappresentazi-
      $   
  ¥£|  Î & 


sviluppato indipendente dalle deadline previste. In breve si può dire:

I piani in rete sono una forma comprensibile, chiara e informativa dello


sviluppo del progetto.
Sono facilmente da comprendere e da attuare (in quanto i dati vengono
elaborati in maniera elettronica).
Processi critici e mancanze di materiale sono facili da riconoscere.
Durante la loro redazione è necessario (ri-)pensare tutto il progetto.
Una grande parte del software disponibile per il management di progetti
appoggia la tecnica di programmazione reticolare.

8.6.8 Svantaggi della tecnica della programmazione reticolare

La rappresentazione reticolare spesso viene usata per progetti più gran-


di; progetti più piccoli invece si possono rappresentare bene mediante
un diagramma di Gantt più user-friendly. Alternative alla tecnica di pro-
grammazione reticolare sono l’appena menzionato diagramma Gantt o
la tecnica plannet (sviluppato dalla tecnica Gantt).

Importante Se il piano in rete è troppo dettagliato aumenta la necessità di cont-


 
   

     ^[[


 

 -
temporaneamente, per evitare distorsioni nella programmazione. Se il
piano in rete è troppo astratto e i passi rimangono poco comprensibili,
è alta la possibilità che non possa essere compreso dalle persone che
lo utilizzano. Attività di programmazione reticolare che sono sottoposte
ad un forte processo di cambiamento, non possono essere comprese.
Questo porta a programmi non realizzabili e il progettista non riesce più
a seguire i piani.

49
gestione del progetto
Minos

8.7 Pietre miliari

,       


    #

 

(t=0) che costituiscono la base per decisioni. Nella pianta del progetto,
     

    $
    
data di svincolo.

Svolgimento cronologico:

Di seguito è riportato un riassunto dello svolgimento cronologico du-


rante la programmazione del progetto:

Programmazione dell’obiettivo:
- gerarchia dell’obiettivo (obiettivi: risultati e procedimenti)

Programmazione delle fasi e della struttura:


- porre pietre miliari come punti di controllo (liberazione)
- strutturare il progetto in funzioni e oggetti
­

          

Programmazione del percorso e degli deadline:


­

    $   "   


\
­

    

Programmazione dei mezzi e dei costi


- correlare costi e risorse
- pareggiare le capacità

Memorizzare la programmazione basilare come base per la sorvegli-


anza

] 
 


           
target-deviazione la guida del progetto che si basa sulla target-deviazi-
one

50
gestione del progetto
Minos

9 Passi verso il successo nel progetto


, In seguito si trova un riassunto per la programmazione e lo svolgimento
del progetto in 21 passi. Questo metodo si riferisce al capitolo 6 (orga-
nizzazione del progetto). I contenuti tramite i compiti vengono approfon-
diti e provati nella realtà.

Passo nel progetto (metodo)

Incarico del progetto

1. Fissare l’oggetto del progetto.


Chiarire lo sfondo e la situazione di base.
"“    \

^ “       "     \

3. Chiarire le condizioni (organizzazione del progetto)

Programmazione approssimativa

4. Dividere il progetto intero in pacchetti di lavoro e descriverne conte-


nuto e grandezza

5. Fissare chi è coinvolto nella collaborazione a quale progetto

‡ ] 

   X   


 "  
    X\

ª “        


 

(pianta delle pietre miliari)

8. Valutazione di rischi, revisione della programmazione (dintorni del


progetto, analisi stakeholder, rischi e conseguenze)

9. Organizzazione dell’informazione e della documentazione del proget-


to (feed-back)

51
gestione del progetto
Minos

Programmazione dettagliata

10. Divisone dei pacchetti di lavoro in attività e la distribuzione alle


persone (elenco delle attività)

11. Fissare la capacità necessaria e la durata delle attività (pianta delle


capacità)

12. Analisi delle dipendenze (struttura del percorso)

;• }

      X "  


rete)

;‰ }

  X  ž         -


ro (pianta interna delle pietre miliari)

;_ '  ž

  
  

    X "  


\

Programmazione / Sorveglianza

16. Programmazione del metodo di controllo (parametri di controllo,


forma di controllo, feed-back)

17. Informazione su avvenimenti non programmati (informazione su


cambiamenti)

18. Raccogliere e rappresentare le informazioni su cui ci si era messi


d’accordo

52
gestione del progetto
Minos

10 Management del rischio


, Include tutte le attività che servono per limitare la probabilità e /o le con-

   £

  
    ž     
 
£

 


Elementi del management del rischio

­    



- valutazione del rischio
- sviluppo di misure per affrontare il rischio
- inseguimento del rischio
- uso di misure per affrontare il rischio, tabella con esempi

Rilevanza

Dal 1998 è in vigore la legge per il controllo e la trasparenza nell’ambito


delle imprese (KonTraG) in Germania!

rischio rischio- conseguenza provvedimento


A- alto ragione
N- normale
B- basso

tempo decentrate disabilità nel analisi delle


di risposta stampanti con- concetto giorni performance
poveri cetto progetto di so-
stegno



, G  

53
gestione del progetto
Minos

Referencias
Internet

o.V.a. (2007): Netzplantechnik, Phasen des Projektmanagements: www.wiki-


pedia.org

o.V.a. (2007): Projektmanagement-Methode: www.prokoda.de

o.V.a. (2007): MS-Project - Ablauforganisation: www.iou.unizh.ch (Institut für


Organisation undUnternehmenstheorie)

o.V.a. (2007): MS-Project - Ablauforganisation: www.idd.tu-darmstadt.de

o.V.a. (2007): Netzplantechnik: www.plesk-modules.com

o.V.a. (2007): PM-Werkzeuge und Prozessgruppen: www.pmqs.de

o.V.a. (2007): Projektmanagement - Phasenmodell:


www.sd-webconsult.com

o.V.a. (2007): Deutsche Gesellschaft für Projektmanagement e.V.:


www.gpm-ipma.de

o.V.a. (2007): DIN 69900-1: www. din.de

o.V.a. (1978-08): DIN 69900-1, Projektwirtschaft; Netzplantechnik; Begriffe,


Beuth, (Berlin-Wien-Zürich)

Ilsch, Dr.-Ing. Heinz-Jürgen, (2003), Projektmanagement - kompakt

54
gestione del progetto
Minos

Libri e riviste

Angermeier, Georg: Projektmanagement-Lexikon, Projekt Magazin, CD, 2005,


ISBN 3-00-018114-8

Bartsch-Beuerlein, Sandra: Qualitätsmanagement in IT-Projekten. Hanser, München 2000, ISBN


3446213597

§| „ %®  <{ %Ì€  $® Š­§$ ]Š


$ ^ £
2004, ISBN 3-8237-1177-6

Bohinc, Tomas: Projektmanagement, Soft Skills für Projektleiter, GABAL-Verlag,


Offenbach 2006, ISBN 3-636-01305-X

Burghardt, Manfred: Projektmanagement. Publicis Corporate Publishing,


<  ª £  ^[[‡ ]§‘ •­Ž_ªŽ­^ª‰­^

Börjeson, Lena: Handbuch für Projektkiller - Projekte verzögern, blockieren,

 ; £  ^[[ª ]§‘ ªŽ­•­•Ž‰Ž‡­[_­‰

Caupin, Gilles; Knöpfel, Hans; Morris, Peter; Motzel, Erhard; Pannenbäcker,


Olaf (Hrsg.): ICB-IPMA Competence Baseline, Version 2.0.IICB/EPMA-Eigenverlag,
ISBN 3-00-004057-9

Croenenbroeck, Wolfgang: Internationales Projektmanagement. Cornelson, 2004,


ISBN 3-589-23600-0

DeMarco, Tom: Der Termin. Ein Roman über Projektmanagement. Hanser, München,
ISBN 3-446-19432-0 (Zusammenfassung)

DeMarco, Tom; Lister, Timothy: Wien wartet auf Dich! Hanser, München 1998,
ISBN 3-446-21277-9

Fischer, Joachim; Spiekermann, Markus: Grundlagen von Projektmanagementsystemen - Mit ei-


 <$®  ]% Ÿž• %] _ £  % §  ^[[‡
ISBN 3-937-96897-0

Füting, Ulrich Chr.: Troubleshooting im Projektmanagement, Überlastung vermeiden, Risiken er-


kennen, Krisen bewältigen, Widerstand abfangen. Ueberreuter, 2003,
ISBN 3-8323-1038-X

Gareis, Roland; Happy Projects! ISBN 3214082590

Gärtner, Johannes: Realistisches Projektdesign, Projektarbeit in einer wenig berechenbaren Welt.


2004, ISBN 3-7281-2934-8

Günther, Hans-Jörg; Legrand, Bob: Project Review, edditrex mini für „Q-Course Quality and Orga-
nisation“ Heche, Dirk: Praxis des Projektmanagements., Springer, Berlin 2004,
ISBN 3-540-20548-9

Heimbold, Roman: Endlich im grünen Bereich! Projektmanagement für


jedermann. mitp-Verlag, Bonn 2005, ISBN 3-8266-1547-6

55
gestione del progetto
Minos

Hindel, Bernd; Hörmann, Klaus; Müller, Markus; Schmied, Jürgen: Basiswissen Software-Projekt-
management., dpunkt, 2006, ISBN 3-89864-390-5

Hobbs, Peter: Professionelles Projektmanagement. Moderne Verlagsgesellschaft, 2002,


ISBN 3478860148

Hoelzle, Philipp: Projektmanagement, Professionell führen - Erfolge präsentieren. Haufe Verlag,


2002, ISBN 3-448-04945-X

Holert; Renke: Projektmanagement mit Microsoft Project. MS Press, 2003, ISBN 3-860-63596-4

Jankulik, Ernst; Kuhlang, Peter; Piff, Roland: Projektmanagement und Prozessmessung - Die Ba-
lanced Score Card im projektorientierten Unternehmen. Publicis Corporate Publishing, Erlangen
2005, ISBN 3-89578-251-3

Kairies, Peter; Moderne Führungsmethoden für Projektleiter. expert-verlag 2005,


ISBN 3-8169-2404-2

Kerzner, Harold: Projektmanagement, Ein systemorientierter Ansatz zur Planung und Steuerung.
mitp-Verlag, Bonn 2003, ISBN 3-8266-0983-2


 §€{ %Ì€| €  • £  ^[[^ ]§‘ •ª[‡‰[_^[^

Ô Š
{ ­%Ì€  ; £  ^[[^ 
­¿
‚
ISBN 3827318378 (Rezension + Interview m. d. Autor über Internetprojekte)



 ¿$  { %Ì€  %Ì€ $    $   
 ^[[^
ISBN 3589219033

Legrand, Bob: Q-Course Quality and Organization. 2004, ISBN 1-4116-1020-2

Litke, Hans-Dieter: Projektmanagement: Methoden, Techniken, Verhaltensweisen.


Æ
 ƒ®  _ £  ^[[ª ]§‘ •­‰‰‡­‰[ª­;

Litke, Hans-Dieter: Projektmanagement- Handbuch für die Praxis. Konzepte - Instrumente - Um-
setzung.Hanser, München, 2005, ISBN 3-446-22907-8

€ Æ­“„ | €{ %Ì€  Æ$ ƒ®  _ £  ^[[‡
ISBN 3-448-07745-3

Lück-Schneider, Dagmar, Wissensmanagement im Rahmen von Projektmanagement, in Lück-


Schneider, Dagmar und Maninger, Stephan (Hrsg.): Wissensmanagement - Eine interdisziplinäre
Betrachtung, Brühl 2006, ISBN 3-938407-14-X

Madauss, Bernd J.: Handbuch Projektmanagement. Schäffer-Poeschel, 2000,


ISBN 3-7910-0694-0

ƒ‚
$ “„ Ô  Æ
{ %Ӏ   %Ì€ ¿® ²-
lags GmbH, 1999, ISBN 3-922789-68-4

56
gestione del progetto
Minos

ƒ <
„ ¿ Š
{ <$ 
%Ì€ 
Erfolgreich Konzepte entwickeln und realisieren, Econ Verlag, Berlin 2002,
ISBN 3612212176

Möller, Thor; Dörrenberg, Florian, E.: Projektmanagement, Wirtschaftsund


Sozialwissenschaftliches Repetitorium. Oldenbourg, München 2003, ISBN 3486273329

Oltman, Iris: Projektmanagement, Zielorientiert denken, erfolgreich zusammenarbeiten. Rowohlt,


Berlin 1999, ISBN 3499607638

PMI (Hrsg.): PMBOK - Project Management Body of Knowledge. ISBN 1-930699-21-2 (Deutsch)

PMI (Hrsg.): PMBOK - Project Management Body of Knowledge. ISBN 1-880410-23-0 (Englisch)

%Ó ‘„ ] Ô  § "^[[‡\{ Ÿ <


  } ‚ ƒ  ­ 
]   '
-
 ”
 ] ­²  § ‘| ©€ ‰•_ ] ^ 
 ®  | £ ]§‘
3-540-42003-7

Renz, Patrick S.: „Project Governance.“ Heidelberg: Physica, 2007. (Contributions to Econo-
mics); ISBN 978-3-7908-1926-7

RKW-GPM (Hrsg.) „Projektmanagement Fachmann.“ 2 Bände, 1340 Seiten, 650 Abb.(Deutsch)


2004; ISBN 3-926984-57-0

Schelle, Heinz; Ottmann, Roland; Pfeiffer, Astrid: Projektmanager. 560 Seiten, GPM - Deutsche
¬

$ $® %Ì€  ^ £  ^[[_„ ]§‘ •^‰Ž‰;^‡Ž

Schelle, Heinz: Projekte zum Erfolg führen, Projektmanagement systematisch und kompakt. dtv,
ƒ®  _ £  ^[[ª ]§‘ •­‰^•­[_ŽŽŽ­

Seifert, Josef W.: Projektmanagement für kleinere Projekte - Erfolgreiche Führung und Moderati-
  %Ì€
¬§ ¦$$  ^ £  ^[[‡ ]§‘ •­Žª‰­‡__­[

Slaghuis, Bernd: Vertragsmanagement für Investitionsprojekte, Quantitative Projektplanung zur


Unterstützung des Contract Managements unter Berücksichtigung von Informationsasymmetrie.
2005, ISBN 3631542100

Tiemeyer, Ernst: Projekte erfolgreich managen., 2002, ISBN 3407363907

Tumuscheit, Klaus D.: Überleben im Projekt, 10 Projektfallen und wie man sie umgeht., 2002,
ISBN 3-478-81296-8

Š
 
“{ <
­Æ$­$$ $® %Ì€ •• Ô
  $®  Õ
 %
2004, ISBN 3280050340

Tumuscheit, Klaus D.: Immer Ärger im Projekt. Wie Sie die Projektkiller austricksen., 2001, ISBN
3280026822

57
gestione del progetto
Minos

Projektcontrolling, Projektleitung, Projektmanagement allgemein, Internationales Projektmanage-


ment, Projektorganisation in Das Deutsche Ingenieur-Handbuch. Der Ingenieur als Manager,
Deutscher Ingenieur Verlag, 2005, ISBN 3-8125-0553-3

VDI-Berichte/ VDI-Tagungsbände: Projektmanagement - eine Zeitreise - Projektmanagement


Praxis 2006, VDI-Verlag, Immenstaad, 12./13.10.2006, ISBN 3-18-091974-4

Volkmann, Walter: Projektabwicklung - für Architekten und Ingenieure, Verlag für Wirtschaft und
²| Æ ¿  ^ £  <

 ^[[• ]§‘ •­Ž[^Ž­[_;•­_

Winkelhofer, Georg: Management- und Projekt-Methoden.“, Springer, Berlin 2004,


ISBN 3-540-22912-4

Wieczorrek, Hans W.; Mertens, Peter: Management von IT-Projekten. Von der Planung zur Reali-

  ^ £ ]  § ^[[ª ]§‘ ªŽ­•_‰[‰Ž‰ª[ª

Zimmermann, Jürgen; Stark, Christoph; Rieck, Julia: Projektplanung - Modelle, Methoden, Ma-
nagement., Springer, Berlin 2006, ISBN 3-540-28413-3

58
MECCATRONICA
Modulo 3: tecnica pneumatica

Manuale
(concetto)

Matthias Römer

Università Tecnica di Chemnitz, Istituto di


macchine utensili e dei processi produttivi
Germania

Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di


personale esperto nella produzione industriale globalizzata

Progetto UE no. 2005-146319 „Minos“, durata dal 2005 al 2007


Progetto UE no. DE/08/LLP-LdV/TOI/147110 „MINOS++“, durata dal 2008
al 2010

Il presente progetto è finanziato con il


sostegno della Commissione europea.
L´autore è il solo responsabile di questa
pubblicazione (comunicazione) e la
Commissione declina ogni responsabilità
sull´uso che potrà essere fatto delle
informazioni in essa contenute.

www.minos-mechatronic.eu
tecnica pneumatica
Minos

Inhalt:

1 Pneumatica....................................................................................................................... 7

1.1 Introduzione ...................................................................................................................... 7


1.1.1 Storia dell‘aria compressa ................................................................................................ 7
1.1.2 Vantaggi e svantaggi dei pneumatici ................................................................................ 8
1.1.3 I campi di utilizzo della pneumatica .................................................................................. 9

1.2 Generazione dell‘aria compressa ................................................................................... 10

1.3 Preparazione dell‘aria compressa .................................................................................. 12


1.3.1 Essiccazione dell‘aria compressa................................................................................... 13
1.3.2 Essiccazione a freddo .................................................................................................... 14
1.3.3 Essiccatore ad assorbimento ......................................................................................... 15
1.3.4 Altri metodi d‘essiccazione dell‘aria compressa ............................................................. 15

1.4 Unità di mantenimento.................................................................................................... 16


1.4.1 Filtro e separatore d‘acqua ............................................................................................. 16
1.4.2 Regolatore di pressione.................................................................................................. 17
1.4.3 Oliatore a spruzzo .......................................................................................................... 18
1.4.4 Altre componenti............................................................................................................. 20
1.4.5 Simboli delle componenti delle unità di mantenimento................................................... 21

1.5 Pneumatica..................................................................................................................... 23
1.5.1 Cilindri a singolo effetto .................................................................................................. 23
1.5.2 Cilindri a effetto doppio ................................................................................................... 25
1.5.3 Forme speciali di costruzione dei cilindri ........................................................................ 28

1.6 Valvole di controllo di direzione ...................................................................................... 34


1.6.1 Simbolizzazione delle valvole di controllo di direzione ................................................... 34
1.6.2 Valvole di controllo di direzione in stato operativo .......................................................... 36
1.6.3 La denominazione delle connessioni.............................................................................. 39
1.6.4 I principi di costruzione delle valvole di controllo di direzione ........................................ 40
1.6.5 I tipi di costruzione delle valvole di controllo di direzione ............................................... 42
1.6.6 Comandi di controllo per le valvole di controllo di direzione ........................................... 49
1.6.7 Unità terminali delle valvole ............................................................................................ 51

1.7 Le valvole di blocco ........................................................................................................ 54


1.7.1 Le valvole di ritegno........................................................................................................ 54
1.7.2 Le valvole di scappamento rapido .................................................................................. 54
1.7.3 Le valvole di ritegno alternate......................................................................................... 55
1.7.4 Le valvole a pressione doppia ........................................................................................ 56

1.8 valvole di flusso .............................................................................................................. 58


1.8.1 flow control valves .......................................................................................................... 59

1.9 Valvole di pressione ........................................................................................................ 60

1.10 Altri tipi di valvole ............................................................................................................ 61

1.11 Denominazione dei simboli di un diagramma ................................................................. 63

3
tecnica pneumatica
Minos

1.12 Tecnica del vuoto ............................................................................................................ 65


2 Idraulica .......................................................................................................................... 67

2.1 Introduzione .................................................................................................................... 67


2.1.1 Vantaggi e svantaggi dell‘idraulica ................................................................................. 68
2.1.2 I settori di utilizzo dell‘idraulica ....................................................................................... 68
2.1.3 La costruzione di un dispositivo idraulico ....................................................................... 69

2.2 Aggregato idraulico......................................................................................................... 70


2.2.1 Serbatoio idraulico .......................................................................................................... 71
2.2.2 Valvole di controllo di pressione ..................................................................................... 72
2.2.3 Filtri idraulici.................................................................................................................... 72

2.3 Fluidi idraulici .................................................................................................................. 73


2.3.1 Viscosità ......................................................................................................................... 73
2.3.2 Altre caratteristiche dei fluidi idraulici ............................................................................. 75
2.3.3 Materie estranee, aria e acqua nei fluidi idraulici ........................................................... 77
2.3.4 Tutela ambientale ........................................................................................................... 78

2.4 Pompe idrauliche. ... ....................................................................................................... 80


2.4.1 Pompe ad ingranaggi ..................................................................................................... 81
2.4.2 Pompe a vite................................................................................................................... 84
2.4.3 Pompe a paletta ............................................................................................................. 85
2.4.4 Pompe a pistoni seriali ................................................................................................... 86
2.4.4 Pompe a pistoni radiali ................................................................................................... 87
2.4.4 Pompe a pistoni assiali ................................................................................................... 88

2.5 Cilindri e motori............................................................................................................... 91


2.5.1 Cilindro ad azione singola .............................................................................................. 92
2.5.2 Cilindro ad azione doppia ............................................................................................... 94
2.5.3 Fissaggio dei cilindri ....................................................................................................... 96
2.5.4 Motori idraulici ................................................................................................................ 98

2.6 Condotti e tubi flessibili ................................................................................................. 100

2.7 Valvole di controllo di direzione .................................................................................... 102


2.7.1 Indicazione della valvole di controllo di direzione ......................................................... 103
2.7.2 Posizioni di cambio sovrapposte .................................................................................. 104
2.7.3 L‘uso delle valvole di controllo di direzione .................................................................. 106

4
tecnica pneumatica
Minos

2.8 Valvole di blocco ........................................................................................................... 108

2.9 Valvole di pressione ....................................................................................................... 111


2.9.1 Valvole di controllo della pressione ............................................................................... 111
2.9.2 Valvole di riduzione dell pressione ................................................................................115

2.10 Valvole a flusso ..............................................................................................................117


2.10.1 Valvole a farfalla (choke) ...............................................................................................118
2.10.2 Valvole di regolazione di portata ....................................................................................119
2.10.3 Divisori di portata .......................................................................................................... 120

2.11 Idro accumulatori .......................................................................................................... 122


2.11.1 La funzione di un idro accumulatore............................................................................. 122
2.11.2 Pistone accumulatore ................................................................................................... 123
2.11.3 Accumulatori a sacca e a membrana ........................................................................... 124
2.11.4 Riempimento degli idro accumulatori con gas sottopressione ..................................... 125

5
tecnica pneumatica
Minos

6
Tecnica pneumatica
Minos

1 Pneumatica

1.1 Introduzione

Il termine pneumatica deriva dal termine greco pneuma, che significa re-
spirare o trasmettere. Nella pneumatica viene utilizzata la compressibilita
d’aria come forma d’energia, ovvero l’aria compressa. Il termine aria in
pressione è un termine vecchio che oggi non dovrebbe essere più usato.

L’aria è composta dal 78 % di azoto e dal 21 % di ossigeno. L‘aliquota


rimanente è costituita da in altri tipi di gas o gas rari. Inoltre l’aria contiene
anche una percentuale di vapore acqueo.

La pressione atmosferica della terra è di circa 1 bar, un valore che varia


a seconda delle condizioni metereologiche. Il valore normale della pres-
sione atmosferica, in accordo con la DIN 5450, ammonta a 101,325 kPa
ad una temperatura di 15 °.

Nel settore industriale si utilizza l’aria compressa ad una pressione che


varia dai 3 fino ai 10 bar. Spesso vengono utilizzate pressioni di 6 bar,
ma anche pressioni superiori ai 10 bar non sono del tutto inusuali. Per
operazioni di controllo e di funzionamento vengono utilizzate pressioni
che variano dai 0,2 ai 0,5 bar. Oggi giorno, nella gamma delle basse
pressioni, i controlli elettronici vanno a sostituire sempre di più i controlli
pneumatici.

L’aria compressa possiede una bassa viscosità, che permette all´aria di


essere trasportata attraverso tubature a lunga distanza. La compressibilità
dell´aria compressa è una caratteristica molto importante, essa rende
rende facilmente possibile l’immagazinamento di energia.

1.1.1 Storia dell´aria compressa

L´aria compressa è una forma di energia molto antica. Già più di 2000
anni fà si cercava di sviluppare un sistema per lanciare proiettili attraver-
so l´utilizzo dell aria compressa. L`aria, attraverso il suo riscaldamento,
veniva utilizzata anche per muovere le porte. I soffietti, utilizzati per
aumentare la temperatura del fuoco, possono considerarsi come i primi
compressori.

Alla fine del 19. secolo l´aria compressa veniva usata per azionare i freni
di un treno. In questo periodo nacquero anche i primi „sistemi di posta
pneumatica“

Nel 1890 venne construita a Parigi una rete di aria compressa. I segnali di
un orologio centrale venivano trasmessi a lunga distanza. Ad ogni modo
negli anni anni seguenti in molti settori fuzano preferiti congegni elettrici
invece di quelli ad aria compressa.

7
Tecnica pneumatica
Minos

Negli anni 50 e 60 molti problemi di sistema di controllo venivano risolti


utilizzando pneumatici. Questi controlli utilizzavano una bassa pressione
di qualche millibar. Oggi giorno, attraverso lo sviluppo di „Transistors„ e
microprocessori, la maggior parte dei sistemi di controllo sono realizzati
per mezzo di trasmettitori o „controlli logici programmabili“.

Molti controlli pneumatici vengono usati oggi nei processi di automazione.

1.1.2 Vantaggi e svantaggi dei sistemi pneumatici

I sistemi pneumatici vengo utilizzati in diversi settori dell´industria. Essi,


come ogni forma di energia, presentono degli vantaggi e dei svantaggi.
Essi devono essere confrontati prima di tutto con i congegni/dispositivi
idraulici, elettronici e meccanici.

I vantaggi dei congegni pneumatici sono:

– L´illimitata disponibilità dell´aria. Visto che lo scarico dell´aria può


essere disperso liberamente, non c´è bisogno di nessuna condotta
di ritorno.
– L´aria compressa può essere immagazzinata molto facilmente
all´interno di un serbatoio, per questo quindi non c´è bisogno di
azionare continuamente il compressore. In caso di una mancanza
di energia, attraverso l´energia immagazzinata nel compressore, si
potranno sicuramente completare le operazioni iniziate. L´aria com-
pressa può essere anche trasportata all´interno di un contenitore.
– L´aria compressa può essere trasportata per lunghe distanze attra-
verso delle condutture. Ciò rende possibile la generazione centrale
d´aria compressa.
– L´aria compressa è pulita e stabile rispetto ai i cambiamenti di
temperatura. Le fughe d´aria non mettono in pericolo l´ambiente ed
essa può essere utilizzata in aree con rischio di esplosione. Il suo
utilizzo può arvenire senza pricolo in ambienti aperti ed umidi.
– Gli elementi dei sistemi pneumatici sono costruiti in maniera sempli-
ce, robusta e sono a basso costo. Spesso anche più leggeri rispetto
ad altri elementi simili.
– I sistemi dei controllo pneumatici fossono funzionare a velocita
varziabile. I cosichi de azionano gli arresti fossono essere impiegati
facilimente jeiche non risentano dei sovraccorichi. Velocita di molti
metri al secondo essere sorggiunte senza difficolta.
– Il movimento lineare e rotazionale è facile da eseguire. Comandi di
trasporto possono essere realizzati con ventose oppure „con pin-
ze“.

8
Tecnica pneumatica
Minos

Ci sono anche i seguenti svantaggi:

– In paragone la fonte d´energia dell´aria compressa è molto costosa.


La compressione provoca una grande perdita di calore.
– La preparazione dell´aria compressa è molto costosa, infatti è ne-
cessario rimuovere da essa polvere ed acqua.
– Per alcuni componenti, come ad esempio le lamelle di un motore,
devono essere provati con l´aria compressa contenete olio lubri-
ficante. Anche l´aria di scarico include l´olio. Ad ogni modo, oggigio-
rno la maggior parte dei componenti pneumatici non necessitano
più della lubrificazione.
– Data la compressibilità dell´aria compressa, movimenti regolari
sono quasi impossibili, così anche il posizionamento delle guide
pneumatiche. Ad ogni moto un semplice „stop“ può essere realizza-
to senza problemi.
– L´emissione dell´aria di scarico provoca molto rumore. Ma esso può
essere ridotto attraverso l´utilizzo dei silenziatori.
– Le forze e i momenti sono minori/più piccoli nella pneumatica che
nell´idraulica.

1.1.3 I campi di utilizzo della pneumatica

L´aria compressa ha molti usi. Sempre più settori nell´industria vengono


automatizzati, per questo motivo sono spesso richiesti movimenti lineari
e rotazionali.

Le parti in lavorazione possono essere transportate, deformate o afferrate.


Prima di tutto possono essere semplicemente eseguiti con i sistemi
pneumatici movimenti periodici.

È possibile anche il trasporto di elementi grani attraverso tubazioni. Nella


pittura spray il colore viene emesso per mezzo dell´aria compressa.

I sistemi pneumatici vengono utilizzati anche per lavori eseguiti a mano.


Avvitatori , trapani e smerigliatrici possono funzionare in ventose pneu-
matic.

Il trattamento e la lavorazione di pezzi o di altri oggetti vengono eseguiti


spesso per mezzo di coppe di aspirazione oppure „con pinze ad azione-
mento pneumatico“.

9
Tecnica pneumatica
Minos

1.2 Generazione d´aria compressa

L´aria compressa viene generata per mezzo dei compressori. I comppres-


sori sono disponibili in di9versi tipologie. Principalmente si possono diffe-
renziare due tipi di compressore: turbomacchine e soffianti volumetriche.

Le turbomacchine vengono usate soprattutto per grandi portate.


Con queste l´aria viene portata ad alta velocità, che successivamente
essa viene utilizzata per aumentare la pressione.

L´innalzamento della pressione non è particolarmente alto, è per questo


motivo che l´incremento della pressione viene eseguito più volte. I così
delli turbocompressori, accelerano l´aria verso l´esterno spesso in ma-
niera radiale. Un´altra forma è il compressore assiale, ad esempio nelle
turbine di un aereo.

Le soffianti volumetriche producono una piccola massa di aria compressa.


L´aria viene aspirata dentro una cella, che infine ridotta di volume. I com-
pressori alternativi/a pistone e a vite rappresantano molto bene questo
principio. Ma esistono anche molte altre forme e modalità costruttive di
compressori.

Foto 1: Compressore alternativo

10
Tecnica pneumatica
Minos

Un compressore alternativo a pistoni è costituito da un pistone che


si muove avanti e indietro all‘interno di un cilindro per mezzo di una
biella-manovella. Durante il movimento all‘indietro l‘aria viene succhiata
all´interno del cilindro attraverso la valvola di aspirazione. Nel successivo
movimento in avanti il pistone riduce il volume all´interno del cilindro, pro-
vocandone l´aumento della pressione. Con l´eccedere della pressione si
apre la valvola di sfogo e l´aria compressa viene spinta verso l´esterno.

I compressori a pistoni possono generare una pressione superiore ai


10 bar in un solo stadio. „I compressori multistadio“ permettono di rag-
giungere la pressione di parecchie centinaia di bar. A causa dell´elevato
riscaldamento dell´aria durante la compressione, essa deve essere
raffreddata durante i diversi stadi di compressione. A seconda della
costruzione, il sistema di raffredamento può essere ad aria o ad acqua.

Siccome il basamento di un compressore a pistoni deve essere lubrificato,


vengono a trovarsi tracce di olio anche nell aria compressa. In molti casi
l´olio all´interno dell‘aria compressa deve essere filtrato, per esempio nel
settore dell´industria alimentare.

Il compressore a membrana viene utilizzato per lavorare con piccole


quantità volumetriche di aria compressa. Il pistone muove la membrana
che separa l´aria compressa dal basamento.

Il compressore a vite è composto da due rotori a spirale. Attraverso la


loro rotazione, si riduce il volume tra le pareti e i rotori, comprimendo
l´aria e provocandone la sua espulsione.

In molti compressori a vite viene utilizzato l´olio per il raffredamento e


l´incapsulamento. Ma ci sono anche compressori a vite senza olio. È
anche possibile utilizzare l‘iniezione ad acqua.

Il flusso d‘aria nel compressore a vite, ha meno pulsazioni di un com-


pressore a pistoni. L´alta pressione può essere generata utilizzando la
compressione in due tempi.

In generale i compressori a vite producono un grossa quantità d´aria


compressa, mentre i compressori a pistone sono in grado di generare
una pressione più elevata.

11
Tecnica pneumatica
Minos

Foto 2: Compressore a vite (Foto: AtlasCopco)

1.3 Preparazione dell´aria compressa

Dopo aver compresso l´aria, essa viene immagazzinata in un serbatoio,


dove viene raffreddata e deumidificata. L‘acqua di condensa frodotta
deve venir eliminata dal serbatoio regolarmente.

Il serbatoio serve prima di tutto per la compensazione variabile di consu-


mo. Se il volume dell´aria compressa viene regolato soltanto per mezzo
dell interruttore on and off, allora è necessario utilizzare un serbataio
piuttosto grande. Questo riduce infatti la frequenza con cui il compressore
entra in funzione.

Nei dispositivi moderni i tubi e condotti sono costruiti per distruibuire


l´aria compressa, in modo che venga utilizzata come serbatoio tutta la
rete d´aria compressa. Pertanto si evitano variazioni della pressione
causate da un differente consumo d‘aria. Le utenze che dirado fanno uso
di una grande quantità di aria compressa, si servono della connessione
di sotto-serbatoi, i quali le riforniscono della aria compressa necessaria.

12
Tecnica pneumatica
Minos

1.3.1 Essiccazione dell´aria compressa

L´aria che entra nel compressore contiene acqua in forma di vapore.La


quantità assoluta di vapore viene qui misurata in g/m³.

La quantità di vapore contenuta nell´aria dipende dalla temperatura. Un


metro cubo d´aria, con una temperatura di 20°C, può contenere al mas-
simo 17 g d´acqua. Ad una temperatura d´aria di 50°C, possono essere
contenuti al massimo 82 g/m³.

Se il contenuto dell acqua è superiore ai valori menzionati, essa non può


più rimanere in forma di gas, quindi cadrà giù in forma di goccie d´acqua.
Il contenuto d´acqua massimo viene rappresentato graficamente nella
curva di condensazione.

Il rapporto tra il vapore contenuto nell‘aria e la quantità massima possi-


bile viene chiamato umidità relativa. Questo valore è espresso in forma
di percentuale e dipende dalla temperatura dell´aria.

Per esempio, se viene riscaldata l´aria, con una umidità relativa del 100%
Esempio da una temperatura di 20°C a 50°C, l´umidità relativa si abbassa con un
valore fino al 20%.

100
90
80
70
60
[g/m3]

50
40
30
20
10
0
-30 -20 -10 0 10 20 30 40 50
[°C]

Foto 3: curva di condensazione

13
Tecnica pneumatica
Minos

La compressione porta alla diminuzione del volume dell´aria, ma allo


stesso tempo ne aumenta la temperatura, il che rende possibile all´acqua,
che si trova nell aria prima della compressione, di rimanere sotto forma
di gas. L´aria viene raffreddata all´interno di un serbatoio. Una parte
dell´acqua, che supera il massimo stabilito nella curva di condensazione,
si condensa e gocciola fuori in forma di fluido.

Per questo l´aria compressa nel serbatoio possiede un‘umidità quest


a‘aria d‘acqua relativa del 100%.Se quest‘aria entrasse nel sistema, e
continuasse il suo raffreddamento, provocherebbe una maggiore fuori
uscita d‘acqua. Questo potrebbe provocare la corrosione delle componenti
di costruzione e il loro danneggiamento. Il congelamento dell´acua, ad una
temperatura sotto i 0° C, provoca l‘ostruzione dei tubi di fuoriscita. Questo
problema viene risolto attraverso l´essiccazione dell‘aria compressa.

L´essiccazione rimuove una maggiore quantità d‘acqua contenuta nella


aria compressa. A seconda del livello d´essiccazione, l´aria compressa
può essere raffreddata maggiormente o meno, in maniera tale che ac-
qua non venga condensata. La temperatura, alla quale l acqua nell´aria
essiccata dopo il suo raffreddamento inizia di nuovo la sua condesazione,
è chiamata punto di condensazione o punto di rugiada?

Una possibilità dell‘essiccazione dell´aria consiste in una maggiore com-


pressione dell´aria. Dopodichè l´aria viene raffreddata dalla temperatura
circostante, in cui un pò d‘acqua viene condensata. Infine la pressione
dell‘aria compressa viene ridotta in parte incrementandone il suo volume.

Ora il vapore rimanente viene contenuto in un volume sufficientemente


ampio e diminuisce l umidità relativa. Il metodo di essiccazione viene
utilizzato raramente, perchè una compressione aggiuntiva riechede
molta energia.
1.3.2 Essiccatore a freddo

L´essiccazione a freddo, come suggerisce il nome stesso, essicca l´aria


compressa raffreddandola.

L´aria compressa viene fatta passare prima in uno scambiatore di calore.


Dopodiche essa raggiunge un serbatoio con serpentine di raffreddamento,
come quelle utilizzate per i frigoriferi. L´aria compressa viene raffreddata
qui ad una temperatura di 2-3 °C.

Infine l‘aria compressa passa di nuovo nello scambiatore di calore. Questo


riscalda lo scambiatore e allo stesso tempo raffredda l´aria compressa.

L´essiccatore a freddo permette di raggiungere punti di condensazione


di pressione di circa 2-3 °C. Raffreddamenti ulteriore non sono possibili,
perchè l‘acqua all‘interno dell‘essiccatore a freddo potrebbe congelarsi.

14
Tecnica pneumatica
Minos

1.3.3 Essiccatore ad assorbimento

Un altro congegno d‘essiccazione d‘aria compressa, usato molto spes-


so, è l´essiccatore ad assorbimento. L‘aria compressa passa attraverso
uno o due serbatoi. La materia d´assorbimento all‘interno del serbatoio,
assorbe il vapore acqueo essiccando l´aria compressa.

Dopo un certo numero di volte, la materia di assorbimento diviene attra-


verso l‘umidità satura e l‘essiccatore si spegne. Mentre l‘aria compressa
successivamente passa attraverso il secondo serbatoio, il primo serbatoio
viene rigenerato attraverso il passaggio di aria calda o fredda, la quale
rimuove l‘umidita al suo interno. L‘utilizzo d‘aria calda è più eonveniente,
in quanto è capace di assorbire più umidità.

Utilizzando essiccatori ad assorbimento possono essere raggiunti alti


livelli di essiccazione dell‘aria compressa. Il punto di condesazione di
pressione è considerabilmente più basso di 0 °C.

1.3.4 Altri metodi di essiccazione dell´aria compressa

Un ´altra possibilità d‘essiccazione d‘aria compressa avviene per mezzo


dell‘assorbimento chimic del vapore. L´aria compressa viene fatta passare
attraverso un sale di polvere, il quale si miscela con il vapore e a sua
volta lo elimina dall´aria. Le nuove polveri devono essere regolarmen-
te aggiunte nei così detti metodi d´essiccazione ad assorbimento. Per
questo motivo questo metodo viene usato soltanto per piccole quantità
d‘aria compressa.

Ad ogni modo, gli essiccatori a membrana sono i più adatti per piccole
quantità d aria‘compressa. Essi vengono sistemati in maniera decentrata.
Siccome questi essiccatori necessitano di aria filtrata, essi vengono posti
spesso dopo dopo le unità di manutenzione.

Negli essiccatori a membrana l´aria compressa passa attraverso piccoli


elementi cavi. Il vapore si diffonde attraverso le pareti di questi cavi. Dopo
diche, una parte dell´aria compressa essiccata si dirama per essere utiliz-
zata come aria di scarico. L´aria di scarico viene utilizzata per rimuovere
la diffusione del vapore dalla membrana d‘essiccazione.

Oltre al compressore, che viene usato come scarico d‘aria, l‘essiccatore


a membrana non necessita di forme aggiuntive di energia.

Aria compressa ben preparata ed essiccata, può essere distribuita attra-


verso ogni tipo di tubo di pressione. I tubi hanno spesso una pendenza, in
maniera tale che nessuna condensa d‘acqua può accumularsi nel punto
più basso del circuito.

I tubi che forniscono ogni utenza, si diramano dal tubo principale, vesso
l‘alto, poi sonc ripiegati vesso il basso. Questa soluzuione serve anche
per prevenire che l‘acqua, che può essere contenuta all‘interno di un
tubo, raggiunga l‘utenza.

15
Tecnica pneumatica
Minos

1.4 Unità di manutenzione

Nella pneumatica l´aria compressa viene prodotta in modo centralizzato.


Dopo la distribuzione ad ogni singolo macchinario, l´aria compressa viene
di nuovo adoperata in una unità di manutenzione per il suo trattamento.
Le unità di manutenzione consistono in componenti differenti, a seconda
del campo di utilizzo.

Le unità di manutenzione hanno una direzione di flusso, di solito che va


da sinistra a destra. L´unità di manutenzione deve essere ricostruita, se
è richiesto il flusso in direzione opposta.

1.4.1 Filtro e separatore d´acqua

Prima di tutto l´aria compressa passa attraverso un filtro, per rimuovere


ogni impurità in essa contenuta. Attraverso piccole guide viene portata
l´aria a muoversi in maniera circolare. La forza centrifuga spinge le par-
ticelle di polvere verso l´esterno, dove esse vengono poi accumulate.

L´aria esterna viene filtrata verso l´interno attraverso dei filtri, entrando
successivamente nella componente di unità di manutenzione. Per com-
ponenti particolarmente delicati, vengono utilizzati dei pre-filtri raffinati.
L´aria passa dall´interno verso l´esterno attraverso questi pre-filtri. Il
filtraggio raffinato deve essere eseguito soltanto per il flusso d‘aria, che
effettivamente richiede questo tipo di filtraggio.

Figura 4: Filtro con separatore d´acqua (Figura: BoschRexroth)

16
Tecnica pneumatica
Minos

Il filtraggio deve essere eseguito nei limiti del necessario, non nei limiti
del possibile.

Un‘altra funzione del filtro è di separare eventuali presenze d´acqua che


possono essere contenute nell´aria compressa. Le particelle d´acqua
vengono accumulate insieme alla polvere, nella parte inferiore del filtro.
Il serbatoio è trasparente, quindi rende possibile il controllo di acqua
accumulata nel suo interno.

L´acqua deve essere rimossa dal filtro regolarmente. Questa operazione


può essere eseguita aprendo a mano la chiusura a vite del filtro. Nel
caso di una eccessiva accumulazione d´acqua, possiamo servirci di un
condensatore di scarico automatico. Dipendentemente dalla costruzione,
può essere usato un galleggiante che, una volta raggiunto un certo livello
d´acqua, e attraverso l´utilizzo dell´aria compressa, apre automaticamente
la valvola o il condensatore di scarico.

1.4.2 Regolatore di pressione

Oltre al filtro, l´unità di manutenzione deve mantenere una certa pres-


sione dell´aria compressa. Per assicurare un corretto funzionamente, la
pressione, all´ingresso dell´unità di manutenzione, deve essere maggiore
rispetto a quella del regolatore di pressione.

Se non c`è pressione, il regolatore è aperto. Quando l´aria compressa vie-


ne azionata, essa passa attraverso il regolatore fino ad andare all´interno
del dispositivo. All´interno del dispositivo viene a verificarsi un continuo
aumento di pressione. La pressione agisce su una piccola membrana,
situata all´interno del regolatore. Sull´altro lato di questa membrana, si
trova una molla con una forza di pressione variabile.

Cambiando la pressione della forza esercitata dalla molla, cambia anche


la forza necessaria per spostare la membrana. Se la forza esercitata dalla
molla è maggiore a quella di pressione, la membrana viene spostata e il
passaggio attraverso il regolatore di pressione viene bloccato. In questo
modo la pressione non può aumentare.

Se in questa configurazione la forza esercitata dalla molla viene ridotta


oppure se a causa di altri motivi la pressione all´interno del sistema conti-
nua ad aumentare, anche la membrana continua ad essere spostata. Ma
la connessione dal lato della pressione al sistema, è già chiusa. Perciò
la deviazione attuata dalla membrana, permette all´aria compressa di
trapelare al di fuori del sistema attraverso le aperture del regolatore di
pressione.

La pressione, all´interno del sistema, si abbassa fino a che la molla spinge


all´indietro la membrana andando a chiudere l´apertura di aerazione.

Il controllo di pressione è agevolato da un manometro, il quale misura la


pressione a valle della valvola di controllo.

17
Tecnica pneumatica
Minos

Figura 6: Regolatore di pressione (Figura: BoschRexroth)

1.4.3 Oliatore a spruzzo

Molte unità di manutenzione sono provviste di oliatori a spruzzo, che


vanno ad arricchire l´aria compressa di olio, che serve per la lubrificazione
dei componenti pneumatici.

Nell´oliatore a spruzzo vi è installata un condotto Venturi. L´aria compres-


sa viene fatta passare attraverso un‘area ristretta. Questo accelera l´aria
fino a raggiungere un‘alta velocita e riduce la sua pressione. L´olio viene
risucchiato all´ interno di un serbatoio di immagazzinamento attraverso
un piccolo tubo e spruzzato, in forma di gocce di piccolissime dimensioni
nel flusso d´aria.

La quantità dell´olio aggiunto può essere valutat dal numero di gocce


viste attraverso un „monoloco“. Questa quantità può essere modificata
per mezzo di un regolatore.

Il livello dell´olio nel serbatoio deve essere regolarmente controllato e


riempito se necessario. Per una appropriata lubrificazione delle parti
pneumatiche, è richiesta una certa quantità regolare d‘olio.

Ma si incontrano anche problemi causati dalla lubrificazione. Qualche


parte viene inssuficientemente lubrificata, mentre altre parti vengono
lubrificate in maniera eccessiva.

18
Tecnica pneumatica
Minos

Molte unità pneumatiche moderne non necessitano più di aria con olio
lubrificante. Inffatti esse sono pre-lubrificate con un grasso lubrificante
che è molto duraturo nel tempo. Quindi l´aria compressa non deve essere
oliata con ulteriori dispositivi.

Da notare che una volta che delle i componenti vengono lubrificate con
l´olio, esse non possono essere più utilizzate successivamente se non
senza essere lubrificate. L´olio lava via il grasso lubrificante, e in que-
sto modo, ulteriori lubrificazion, possono essere eseguite solo con aria
compressa oleata.

I motori a lamella appartengono a quella categoria di componenti pneu-


matici che devono essere lubrificati per mezzo di aria compressa oleata.
Per questi vengono installati oldatori, che vengono piazzati vicino al
motore.

Figura 6: Olificatori a spruzzo (Figura: BoschRexroth)

19
Tecnica pneumatica
Minos

1.4.4 Altre componenti

L´unità di manutenzione può contenere anche altre componenti, dipende


dal campo di utilizzo. Valvole di controllo direzionale vengono usate per
regolare l´aria compressa in condizioni di sistema acceso o spento. Ci
sono diversi principi di costruzione. Per esempio, le valvole a sfera in
stato aperto non comportano quasi nessuno tipo di resistenza all´aria
compressa.

Tutte le valvole di controllo devono disporre di un foro di ventilazione,


che, in stato di blocco, può rilasciare l´aria compressa dal sistema. Se per
un errore venisse chiuso il foro di ventilazione e venisse bloccata l´aria
fornita, il sistema non può essere operativo senza la pressione. Soltanto
dopo il rilascio della pressione il sistema può lavorare senza rischi.

Molte delle valvole di blocco possiedono uno o più fori per assicurare
il mantenimento della posizione di blocco. Questo viene utilizzato ad
esempio per prevenire l‘azionamento dell ´area compressa, nel caso una
persona si trovasse all´interno dell´area di sistema.

È anche possibile accendere o spegnere l´aria compressa per mezzo di


valvole di blocco elettriche.

Un ´altra componente è l´interruttore della pressione.Esso controlla se la


regolazinoe della pressione à attivata, ed invia in questo caso un segnale
ai controlli. Questo previene che il sistema entri in azione con una forza
insufficiente, per cui ai cilindri non verrebbe portata la forza necessaria
di cui hanno bisogno.

In alcune unità di manutenzione, vengono utilizzate valvole a persiana


per azionare l´aria compressa. Queste valvole vengono chiamate anche
avviatori progressivi, perchè esse permettono all´aria compressa di pas-
sare gradualmente attraverso il sistema. Questo permette ai cilindri di
muoversi lentamente dalla loro posizione. Una volta raggiunta la metà
della pressione operativa le valvole a persiana si aprono completamente
e forniscono al sistema la pressione completa.

I distributori/separatori nell´unità di mantenimento, dividono il flusso del


volume d‘ario. Questo rende possibile la filtrazione di una parte dell´aria
compressa e cosi , successivamente, quella di un altra parte. Questa
aria compressa specialmente trattata può essere utilizzata per operare
su valvole ad elevata sensibilità, dal momento che non è necessaria con
altre valcole una filtrazione spinta.

20
Tecnica pneumatica
Minos

1.4.5 Simboli delle componenti delle unità di manutenzione

Per gli schemi dei circuiti idraulici e pneumatici si utilizzano simboli de-
terminati dalla ISO DIN 1219. La prima parte di questa norma descrive la
simbologia. La seconda parte spiega le regole e le istruzioni per tracciare
la schema di un circuito.

L´aria compressa è rappresentata con un triangolo. In molti diagrammi


si trova i vecchio simbolo, un cerchio con un punto al centro. Questo
simbolo non deve essere più usato. Nell´idraulica la pressione viene
rappresentata con un triangolo pieno.

Molti simboli, nella pneumatica e nell‘idraulica, hanno la forma di una


piccola cassetta. Il filtro è rappresentato con un quadrato ruotato di 45°.
La linea verticale tratteggiata rappresenta il filtro.Due linee incrociate
simboleggiano i separatori d´acqua. La direzione del flusso, come in molti
altri simboli, va da sinistra a destra.

La valvola di controllo di pressione viene rappresentata anche con un


quadrato. Il simbolo di una molla e di una linea tratteggiata vengono
disegnati su due lati opposti. La freccia sul simbolo della molla significa
che la pressione della molla è modificabile.La linea tratteggiata è un
controllo interno che agisce dall´esterno del regolatore di pressione in
contrasto alla spinta della molla.

sorgente di pressione

filtro con separatore


d’acqua

valvola che controlla


la pressione

manometro

lubrificatore ad olio
nebulizzato

Figura 7: Simboli dell´aria compressa

21
Tecnica pneumatica
Minos

La freccia all´interno del quadrato simboleggia la membrana. Ess può


essere considerat come dislocabile. Con l´aumento e della pressione il
flusso attraverso la valvola di controllo della pressione viene bloccato.
Il triangolo piccolo rappresenta il foro di ventilazione, il quale permette
di raggiungere pressioni molto elevate.

Un manometro viene rappresentato da un cerchio con una freccia


all´interno che simboleggia l´indicatore. Manometri utilizzati per la mi-
surazione di pressioni differenti, dispongono di due connessioni nella
parte inferiore.

Il simbolo di un oliatore a spruzzo è un quadrato ruotato di 45°, come


il simbolo del filtro. La linea piccola rappresenta l‘alimentazione d´olio.

I simboli delle componenti dell´unità di manutenzione, possono essere


disegnati anche in dettaglio.Siccome le componenti singole appartengono
ad un modul, il suo contorno fuio essere individuato con una linea, tratto
e punto.

In molti casi è sufficiente rappresentare l´unità di manutenzione con un


simbolo semplificato.

dettaglio dell’unita di servizio

simbolo semplificato dell’unita di servizio

Figura 8: simboli dell´unità di manutenzione

22
Tecnica pneumatica
Minos

1.5 Pneumatica

Il moto lineare, frequentemente usato nella pneumatica, viene ottenuto


per mezzo di cilindri. Ci sono cilindri a effetto singolo o a doppio effetto.

Il moto rotazionale può essere generato dai cilindri eon appositi mecca-
nismie. Esistono anche altri sistemi rotanti.

Il moto rotazionale continuo può essere realizzato per mezzo di motori


pneumatici. Ad esempio i motori a lamella vengono utilizzati come tras-
missione. Frequenze di rotazione molto elevate, come quelle dei trapani
da dentista, possono essere raggiunte con le turbine.

I sistemi pneumatici, caratterizzati da più componenti, vengono rappre-


sentati in blocchi o in unità di modulo. A d esempio i cilindri possono
essere combinati con le unità di guida, in maniera tale anche da ricevere
la forza radiale.

1.5.1 Cilindri a singolo effetto

Cilindri a singolo effetto possono svolgere un lavoro soltanto in una di-


rezione. Essi hanno una sola connessione per l´aria compressa, dove
passa l´aria compressa che serve a spingere il pistone.

Il pistone (a camera stelo tuffante) hanno un foro di ventilazione. Esso


previene il „Contraccolpo“ di pressione che compare nel pistone, quando
viene guidato verso l´esterno. In questo foro passa l´aria che dall´esterno
va all´interno della camera, prevenendo la formazione di pressione nega-
tiva. Il foro di ventilazione è completato anche da un elemento di filtraggio,
che serve a proteggere la camera del pistone dalla polvere esterna.

Figura 9: pistone a effetto singolo (figura: BoschRexroth)

23
Tecnica pneumatica
Minos

La corsa di ritorno viene eseguit per mezzo della reazione di una molla.
Il valore della molla è tarato per permettere al cilindro di ritornare senza
problemi nella sua posizione inziale, senza influire considerevolmente
sulla forza opposta impiegata per guidare il pistone verso l´esterno.

In altre soluzioni, quando non è presente alcuna pressione, la forza ela-


stica mantiene il cilindro completamente all‘esterno. L´applicazione della
pressione guida il cilindro verso l´interno.

I cilindri a effetto singolo hanno corsa massima di 100mm. Essi servono


per bloccare, alimentare o espellere pezzi durante la lavorazione.

I martinetti ad aria rappresentano una soluzione speciale per i cilindri a


effetto singolo. La grande area della sezione permette di generare una
forza molto grande rispetto a quelle che di solito vengono usate nella
pneumatica. Esse vengono usate per sollevare grandi masse e allo
stesso tempo assorbono le vibrazioni.

Figura 10: soffietto (Figura: BoschRexroth)

24
Tecnica pneumatica
Minos

1.5.2 Cilindri a dopio effetto

I cilindri a dopio effetto possono operare in tutte e due le direzioni. La forza


all´entrata è più piccola di quella all´uscita, perchè il pistone possiede
una area di superficie a forma di anello più piccola.

Esiste un grande numero di soluzioni costruttive differenti. La grandezza


del diametro di un pistone varia da pochi millimetri fino a circa 250mm.
La corsa può essere più lunga o più corta del diametro del pistone.

Molti cilindri sono provvisti di un interruttore. Questi interruttori determi-


nano la posizione del pistone. Gli interruttori sono situati alla fine del
cilindro.

Per l´attivazione senza contatto degli interruttori per cilindri, i pistoni sono
provvisti di un magnete ad anello. Quando il pistone si avvicina all inter-
ruttore del cilindro, esso viene attivato per mezzo dell campo magnetica.

Figura 11: Cilindro a doppio effetto (Foto: BoschRexroth)

25
Tecnica pneumatica
Minos

Gli interruttori per cilindro più semplici sono quelli a lamine. Essi consisto-
no in piccoli tubi di vetro con due lamine di metallo. Attraverso il campo
magnetico si congiungono le lamine tra loro.

I contatti a lamine sono economici e possono sopportare differenti tipi


voltaggio. Ad ogni modo un elevata quantità di corrente potrebbe distrug-
gere i contatti oppure saldarli insieme. Per questo motivo viene utilizzato
un circuito di protezione aggiuntivo. Inoltre essi sono dotati di un LED
che serve a segnalare quando il contatto è attivo.

Esistono anche interruttori elettrici per cilindri. Siccome essi lavororano


senza alcun tipo di contatto meccanico, sono praticamente senza fili. Gli
interruttori elettrici per cilindri sono più costosi e disponibili soltanto per
determinati voltaggi.

I pistoni con magneti ad anello possono attivare anche interruttori pneu-


matici per cilindri. Questi interruttori hanno un piccolo consumo d´aria e
possono essere operativi utilizzando una piccola pressione.
Questi interruttori possono essere utilizzati per area a rischio di esplo-
sione. Ad ogni modo essi vengono difficilmente utilizzati.

Foto 12: contatti reed

26
Tecnica pneumatica
Minos

L´utilizzo di un cilindro per muovere grandi masse può causare un forte


impatto alla posizione finale. Per prevenire questo, viene utilizzato, alle
due estremita del pistone, uno smorzatore di fine corsa.

Uno smorzatore di fine corsa può essere realizzato attraverso la chiusura


del foro di ventalazione appena prima che il pistone raggiunga la posizione
finale. L´aria rimanente crea un cuscinetto, che permette un rallentamento
del pistone. L´aria rimanente fuoriesce attraverso una valvola regolabile,
cosìcche il pistone raggiunge lentamente la sua posizione finale.

La smorzatore di fine corsa ha lo svantaggio di richiedere un lungo tem-


po perché il pistone possa raggiungere la posizione finale. La distanza
necessaria per ottenere la smorzamento non può essere modificata. Si
può anche verificare un contraccolpo del pistone sul cusciono d‘aria.

Un‘alternativa allo smorzatore di fine corsa può essere un paracolpi mon-


tato all‘esterno del cilindro. Esso può essere costituito da un tampone di
materiale sintetico o da un ammortizzatore idraulico. Nei cilindri di piccole
dimensione, per attenuare gli urti, possone essere inseriti al loro interno
dei dischi di materiale sintetico.

Bild 13: smorzatore di fine corsa (figura: BoschRexroth)

27
Tecnica pneumatica
Minos

1.5.3 Soluzioni costruttive speciali per cilindri pneumatici

Come suggerisce il nome, i cilindri senza stelo non ne dispongono. Il


pistone si muove all´interno del cilindro e trasmette il suo movimento ad
un cursore situato all´esterno.

Le forze possono essere trasformate utilizzando tre principi costruttivi


diversi. Nel cilindro a bandella il pistone muove una bandella d´acciaio,
che è collegata alla slitta per mezzo di una trasmissione a pulegge. In
questo tipo di cilindro il pistone si muove in direzione opposta al carrello.
Questo trasmettore deve essere preso in considerazione specialmente
quando si installa uno smorzatore di fine corsa.

In altre tipologie si trova una fessura lungo il cilindro. Un sistema di te-


nuta a nostro isola il cilindro dall‘interno e tiene chiusa guida. Attraverso
il movimento del pistone viene sollevato di poco il nastro. L´apertura va
a creare una connessione meccanica tra il carrello esterno ed il pistone
all´interno.

Una terza possibilità di accoppiamento tra pistone e carrello, consiste


nell´utilizzare un potente magnete permanente. Per un normale fun-
zionamento il campo magnetico è sufficente a trasmettere le forze dal
pistone al carrello.

Figura 14: cilindro a banda (figura: BoschRexroth)

28
Tecnica pneumatica
Minos

Ad ogni modo, la connessione tra il pistone ed il carrello può interrompersi


a causa di un impatto esterno, alla quale il carrello può essere esposto.
Essa può essere ripristinata facilmente muovendo il pistone.

Il vantaggio più grande di un pistone senza stelo è la sua corsa. Essa è in


grado infatti di raggiungere diversi metri. Allo stesso tempo la lunghezza
intera di questi tipi di cilindri è appena maggiore di quella di corsa, perciò
essi possono essere installati in posti con spazio limitato.

In questi cilindri l´asse del pistone non rischia di piegarsi, per via della loro
costruzione. Ad ogni modo, soltanto quando viene fissato all‘estremità
del pistone un cilindro lungo può curvarsi a causa del proprio peso. In
questo caso deve essere provvisto di un adeguato supporto.

Siccome i pistoni in cilindri senza stelo hanno la stessa area di superficie


su entrambi i lati, essi possono generare le stesse forze da tutte e due
i lati. Se venissero esposte alla pressione tutte e due le superfici del
pistone in maniera equivalente e contemporaneamente, allora il cilindro
rimarrebbe fermo.

I cilindri senza stelo sono più costosi rispetto a quelli con lo stelo, a causa
della loro costruzione complicata e del loro costos sistema di tenuta..

Cilindri con pistone a stelo che passa attraverso il pistone hanno la stessa
area di superficie. Quando sono operativi, una parte del pistone sporge
verso l´esterno, l‘altra invece verso l interno.

La seconda parte del pistone a stelo può essere usata per attivare
l´interruttore. Questo potrebbe essere necessario nel caso non ci fosse
abbastanza spazio nell‘altra parte del pistone.

Alcuni pistoni a stelo sono costruiti cavi. Liquidi, per il raffreddamento e


cavi elettrici possono essere fatti passare all‘interno dello stelo, invece
di essere posizionati all‘esterno del cilindro.

I cilindri in tandem vengono usati per incrementare la forza del cilindro


per asseguati valori della pressione e del diametro. Due o quattro cilindri
sono combinati uno dopo l‘altro, cosicche i cilindri in posizione inferiore
spingono i pistoni situati di fronte. Le forze dell´intero gruppo crescono
in modo conseguente.

È possibile generare una forza anche con due cilindri paralleli. Questi
possono essere applicati al carrello, dove il cilindro e le unità di guida
sono combinate in un solo gruppo. La lunghezza del carrello può essere
ridotta attraverso l‘utilizzo di due pistoni.

29
Tecnica pneumatica
Minos

Le unità di guida proteggono anche i pistoni a stelo dalla torsione. Questo


è possibile anche con pistoni di forma non circolare. Tutte le forme dei
pistoni, da quelle ovali fino a quelle rettangolari, sono protette dal rischio
di torsione. Lo stesso vale per i pistoni di forma ottagonale, che hanno
l´area del pistone piu larga e di conseguenza trasmettono una forza
maggiore rispetto ai pistoni circolari.

Un‘altra forma speciale di cilindri sono i cilindri ad „impatto“. Essi dispon-


gono di una piccola camera nel punto inferiore del pistone. Questa viene
preriempita con aria compressa. Quando i cilindri iniziano a muoversi
l´aria compressa scorre velocemente nella camera del pistone, il che
porta i cilindri a spostarsi con ad elevata velocità.

I cilindri si muovono molto spesso dalla posizione iniziale alla posizione


finale. Al fine di permettere una sosta in un punto possibile, mentre il pi-
stone compie la sua corsa,, vengono utilizzati cilindri a posizione multipla.
Per questo due cilindri a corsa differente vengono combinati insieme nella
parte inferiore del pistone.

Entrambe le posizioni finali possono essere raggiunte quando tutti e due


i cilindri corrono verso l‘esterno o l´interno allo stesso tempo. Quando si
muove un pistone singolo soltanto una posizione intermedia può essere
raggiunta.

A B C D

Figura 15: cilindri a posizione multipla

30
Tecnica pneumatica
Minos

Il cilindro può essere anche fermato in posizione intermedia rispetto alle


posizioni finali se entrambe le connessioni vengono bloccate. Siccome
l´aria compressa all´interno del cilindro è comprimibile, il pistone a stelo
è ancora in grado di compiere piccoli movimenti.

Le unità di blocco vengono usate per fissarelo stelo del pistone. Quest
ultimo deve essere più lungo per poter passare attraverso di loro. Il pistone
a stelo viene bloccato per mezzo di un eccentrico o un disco a euneo.

Il pistone può muoversi di nuovo mediante l´aria compressa. Il blocco


può essere eseguito anche usando l´aria compressa oppure attraverso
l´ausilio di una molla regolabile. La forza di blocco deve essere modificata
così de lo stelo del pistone sia aucora impedito a munoversi.

Accanto al blocco del pistone, che può essere eseguito ad ogni posizione
della corsa, può essere installato anche un blocco nella posizione finale.
Questo può essere usato per impedire che cilindri poisizionati verso il
basso possono essere spostati da una forza esterna senza nessuna
pressione applicata. con questo accorgimento fossono anche essere
evitati sfostamenti non desiderati del cilindro per cadute di pressione.

Figura 16: unità di blocco (figura: BoschRexroth)

31
Tecnica pneumatica
Minos

Oltre ai cilindri utilizzati per movimenti lineari, vi sono anche quelli a


movimento oscillante e rotazionale.

Per esempio è possibile azionare una ruota dentata utilizzando due cilindri
ed uno o due ingranaggi a cremagliera. Per questo possono essere usati
cilindri ad effetto singolo, così che ogni cilindro possa spingere l´altro
nella sua posizione di partenza. È possibile utilizzare anche cilindri ad
effetto doppio. La maggior parte delle costruzioni possono compiere un
angolo di rotazione superiore a 360°.

I cilindri oscillanti hanno un elemento a cremagliera che aziona una


ruota e che si muove avanti ed indietro all‘interno della sua camera. La
soluzione costruttiva è compatta. La geometria delle parti è tale che non
sono consentite rotazioni superiori a 270°. Le rotazioni normalmente
sono di 90° o di 180°.

Angoli più piccoli possono essere ottenuti mediante un fermo regolabile


esterno.

Le guide rotanti sono anche note come motori ad aria compressa. I più
diffusi sono i motori a lamelle. Queste sono portate da un rotore eccentrico
e sono mobili radialmente. La forza centrifuga che agisce su di esse le
mantiene aderenti alla cassa.

Figura 17: leve rotazionali (figura di: BoschRexroth)

32
Tecnica pneumatica
Minos

L‘aria compressa passa in un piccolo spazio tra le lamelle. Il movimento


ruotante è generato da forze impari che spingono le lamelle. La direzione
di rotazione viene cambiata attraverso l‘inversione del flusso di direzione.

I motori a lamella sono di piccola dimensione e hanno una costruzione


semplice. Questi vengono utilizzati per macchine smerigliatrici e potenti
avvitatori. Come altre macchine penumatiche, i motori a lamella sono
impenetrabili da sovratensioni e possono essere usati senza problemi con
carichi che possono portarli ad una interruzione di attività. La frequenza
di rotazione può essere continuamente modificata. I motori a lamella
appartengono a quei pochi dispositivi pneumatichi che utilizzano aria
compressa oliata.

Meno frequente oggi è l‘utilizzo di motori a pistoni radiali, a pistoni assiali


ed a ruota dentata. Uno dei loro vantaggi è che possono essere usati in
aree ad alto rischio di esplosione. Per questo vengono utilizzati spesso
nelle miniere.

Con i motori a turbina si può raggiungere una frequenza di rotazione


molto alta. L‘aria compressa adoperata in un trapano dentato raggiunge
una frequenza di rotazione superiore ai 400000 giri al minuto.

Figura 18: macchina smerigliatrice ad aria compressa (foto: AtlasCopco)

33
Tecnica pneumatica
Minos

1.6 Valvole di controllo di direzione

Valvole di controllo di direzione vengono usate per accendere o spegnere


l‘aria compressa e per regolare la direzione della portata. Nella pneuma-
tica queste valvole possono essere usate come generatori di segnale.
Come „attuatori“, esse regolano i cilindri ed altri apparecchi/sistemi. Nei
dispositivi pneumatici elettrici esse vengono utilizzati solo come attuatori.

Le valvole di controllo di direzione variano a seconda del loro numero di


connessioni, delle posizioni di cambio e del loro tipo di esecuzione. La
simbolizzazione di una valvola di controllo di direzione deriva dal numero
di connessioni e dalla posizione degli interruttori. Questi due valori si
separano con uno slash.

Esempio Un controllo 5/2 ha cinque connessioni e due posizioni.

Altre caratteristiche importanti sono la loro portata e la loro durata nel


tempo. Altre note specifiche variano a seconda dei modelli, che non
vengono specificati nelle tabelle grafiche relative a questi pistoni .

1.6.1 Simbolizzazione delle valvole di controllo di direzione

I simboli delle valvole di controllo di direzione è composta da piccole


cassette. Queste possono essere quadrate o rettangolari, dipende dal
numero di connessioni. Il numero delle cassette conforma il numero di
posizione degli interruttori.

Le valvole di controllo di direzione pneumatiche sono a due o tre posizio-


ni. Qualche volta è possibile che alcune valvole siano quattro posizioni.
Si tratta di valvole di controllo di direzione a tre posizioni di cambio che
possiedono una quarta posizione d‘emergenza, che può servire in caso
di malfunzionamento del dispositivo.

La direzione del flusso è rappresentata da una freccia all‘interno della


cassetta. La direzione della freccia può essere rivolta verso l‘alto o verso
il basso. Una singola freccia sta a signidicare che la direzione del flusso
è possibile soltanto nella direzione da lei indicata. Due freccie, invece,
rappresentano la possibilità di scorrimento in due direzioni.

Linee corte con un trattino orizzontale rappresentano un blocco. Nella


connessione non è possibile applicare un fluido.

Le connessioni delle valvole di controllo di direzione possono essere


mostrate soltanto in una delle cassette. Nella pneumatica il loro numero
varia dalle due fino alle cinque connessioni.

34
Tecnica pneumatica
Minos

Io spostamento da una cassetta all‘altra indica lo spostamento delle


posizioni delle valvole di controllo. Le connessioni rappresentate da una
piccola linea esterna, non possono essere dislocate.

Nei simboli a due posizioni le connessioni sono sempre indicate sulla


cassetta di destra. Mentre in quelle a tre posizioni sono indicate nella
cassetta centrale. Una eccezione è possibile soltanto nel caso in cui la
connessione della valvola venga collocata su una posizione di partenza
differente.

Se si trovano più di due connessioni in una posizione di comando, le


freccie vengono congiunte da un punto. Ma nella pneumatica questo
avviene raramente.

Le valvole di controllo di direzione, nella pneumatica, si spostano solita-


mente da una posizione all‘altra. Ma ci sono anche valvole proporzionali,
che provvedono alla continua transizione tra le posizioni. Queste vengono
indicate da una linea sottile nella parte superiore ed accanto al controllo
valvolare di direzione. Le valvole proporzionali vengono regolate sem-
pre elettricamente. Queste possiedono quattro posizioni di comando e
vengono usate raramente.

Figura 19: elementi dei simboli delle valvole di controllo di direzione

35
Tecnica pneumatica
Minos

Figura 20: ventilazione canalizzata e non canalizzata

Nella maggior parte dei casi l‘aria di scarico delle valvole di controllo di
direzione, fuorisce nell‘ambiente circostante. Quando l‘aria viene espulsa
da una semplice apertura, viene chiamata aria di scarico non canalizzata.
Mentre, l‘aria canalizzata, passa attraverso un‘apertura filettata, dove è
possibile applicarvi, ad esempio, un silenziatore.

La ventilazione indiretta (non canalizzata) viene rappresentata da un


triangolo collocato direttamente nei simboli delle valvole di controllo di-
rezionali. Questo simbolo lo troviamo spesso con le valvole a direzione
del flusso unica. La ventilazione diretta viene rappresentata invece con
un triangolo un pò rimosso e connesso con le valvole direzionali da una
piccola linea. Se viene utilizzato anche un silenziatore, viene utilizzato il
suo simbolo al posto del triangolo.

1.6.2 Valvole di controllo di direzione in stato operativo

Quando le valvole di controllo di direzione entrano in funzione viene


indicato sulla destra e sulla sinistra del suo simbolo. L‘azionamento è
rappresentato a sinistra del simbolo delle valvole di controllo. Mentre lo
spostamento all‘indietro, che molto spesso viene eseguito da una molla,
è indicato a destra.

L‘azionamento delle valvole è suddiviso genericamente in quattro gruppi.


Il primo gruppo include l‘azionamento muscolare. Queste forze vengono
esercitate da persone umane; esse vengono generalmente indicate con
due linee ed una piccola linea di intersezione. Il semicerchio nella linea di
intersezione rappresenta il bottone di azionamento. La leva d‘azionamento
viene rappresentata da una linea diagonale con un piccolo cerchio, che
rappresenta la connessione. È possibile rappresentare l´azionamento
anche con una pedale.

36
Tecnica pneumatica
Minos

L‘azionamento meccanico viene eseguito da componenti meccaniche.


Il tipo più semplice è il pestello, che serve a tirare fuori le valvole. I mo-
vimenti trasversali delle operazioni di direnzione delle valvole possono
essere azionate per mezzo di leve a rullo. Un caso speciale è la leva a
rullo uni-direzionale. Essa aziona le valvole di controllo di direzione in
una unica direzione. In direzione opposta il rullo reclina. La giuntura viene
rappresentata da un piccolo cerchio.

La molla che respinge indietro le valvole di controllo viene indicata sulla


destra del simbolo. La molla è combinata spesso con un bottone.

Mentre, le valvole che non devono essere respinte in modo automatico,


sono fornite di una „tacca“. Le tacche possono essere simboleggiate o alla
destra del simbolo delle valvole oppure conbinate con il simbolo della leva.

Gli attuatori pneumatici appartengono al terzo gruppo, nel quale la val-


vola viene spostata attraverso l‘aria compressa. L‘azionamento ad aria
compressa viene rappresentato da un triangolo vuoto diretto al corpo
delle valvole. Una cassetta aggiuntiva con un triangolo al suo interno
rappresenta il pilota di controllo. Si tratta di un amplificatore, il quale
incrementa i segnali pneumatici, a bassa pressione, al fine di assicurare
gli scambi delle valvole di controllo.

Figura 21: attuatori delle valvole di controllo di direzione

37
Tecnica pneumatica
Minos

Le valvole che vengono azionate pneumaticamente possono essere


riportate alla loro posizione di partenza attraverso l‘ausilio di una molla.
Oppure usando un secondo controllo di connessione d‘aria nel lato destro.
Le valvole che possiedono due posizioni di cambio e due connessioni
d‘aria, vengono chiamate valvole ad impulso.

Entrambi i controlli di connessione di solito hanno la stessa priorità.


Qualche volta è necessario che un solo controllo di connessione d‘aria
necessiti di una maggiore priorità rispetto all‘altro. Queste vengono chia-
mate valvole ad impulso a pistoni differenziati. I rettangoli che si trovano
a destra e a sinistra del simbolo, hanno un‘area di superficie diversa tra
loro. Il rettangolo più grande agisce sulle valvole di controllo che pos-
siedono una forza maggiore. Per questo che gode di maggiore priorità.

Di solito, le valvole di direzione vengono ripristinate nella loro posizione


di partenza tramite l‘ausilio di una molla meccanica. Altre volte, invece,
vengono utilizzate molle ad aria. Queste molle vengono rappresentate
sul lato destro da un triangolo rivolto verso l‘interno.

Nell elettropneumatica i controlli valvolari di direzione vengono spostati


spesso per mezzo di segnali elettrici. I solenoidi, necessari per questo
tipo di operazione, vengono rappresentati da rettangoli con una barra
diagonale al loro interno. Le valvole più piccole vengono comandate in
maniera diretta dai solenoidi.

Nelle valvole piu grandi la forza dei solenoidi viene amplificata dal pilota
di controllo. Il suo simbolo è collocato tra i simboli dei solenoidi. Il trian-
golo vuoto significa che il pilota di controllo è azionato attraverso l‘utilizzo
d‘aria compressa.

In molte valvole di controllo di direzione il pilota di controllo è fornito d‘aria


compressa attraverso le valvole stesse. Questo però non è sempre pos-
sibile. Quindi il pilota di controllo delle valvole deve essere fornito d´aria
compressa per mezzo di una sorgente esterna. Essa viene rapresentata
da una piccola linea che rappresenta la connessione dell‘aria compressa
al bottone del triangolo del pilota di controllo.

Valvole a funzione elettrica hanno un attuatore manuale aggiuntivo,


che offre la possibilità di azionarle manualmente in caso di mancanza
di energia elettrica oppure di problemi relativi al dispositivo. Siccome
l´azionamento manuale deve essere eseguito dall‘operatore, il suo simbo-
lo è lo stesso adoperato per le valvole che utilizzano la forza muscolare.
Questo viene indicato sul simbolo del pilota di controllo, mentre, in quelle
senza, viene indicato direttamente sulle valvole.

„A locking version“ del pilota di controllo puo essere anche implementato.


Esso viene indicato con una piccola tacca nel simbolo.

Nelle valvole a tre posizioni di cambio, la posizione intermedia puo essere


occupata da una molla centrata. Percio vengono aggiunte due molle sulla
destra e sulla sinistra delle valvole di controllo direzionale.

38
Tecnica pneumatica
Minos

1.6.3 La denominazione delle connessioni

Nel passato, le connessioni delle valvole venivano rappresentate in let-


tere. Mentre, nella DIN ISO 5599 vengono utilizzate le cifre. Tutte le altre
valvole devono essere designate con i numeri corrispondenti alle valvole
di controllo di direzione. Poichè le componenti pneumatiche hanno una
lunga durata, è necessario denotare le lettere.

La connessione dell‘aria compressa viene indicata con il numero 1. Le


connessioni operative hanno il numero 2. Se abbiamo più connessioni
operative, esse verranno designate, seguentemente al loro valore, con
un numero pari, vale a dire 4. Lo stesso vale anche per le connessioni
di scarico d‘aria, ma attraverso l‘utilizzo di numeri dispari, quindi 3 e 5.

La freccia all‘interno del simbolo indica il flusso di direzione. In un con-


trollo valvolare di direzione 5/2, in posizione di partenza, l‘aria compressa
passa sempre dalla connessione 1 alla connessione 2. Questo passaggio
è valido anche quando viene applicata la pressione sul controllo destro
di connessione. Quindi il controllo destro della connessione d‘aria viene
rappresentato con 12.

La connessione di controllo situata a sinistra muove la valvola di controllo


di direzione su un‘altra posizione di cambio. Così facendo la connessione
d‘aria compressa 1, e la connessione operativa 4, vengono connesse
insieme. La connessione di controllo viene indicata con 14.

In una valvola di controllo di direzione 3/2 la posizione sinistra connette


l‘aria compressa 1 con la connessione singola operativa 2. Perciò sulla
connessione sinistra apparirà il numero 12. Nella posizione destra l‘aria
compressa rimane sconnessa. Il controllo destro dell‘aria viene designato
con 10.

A 2
Y Z 12 10

P R 1 3

A B 4 2
Y Z 14 12

R P S 5 1 3

Figura 22: denominazione delle connessioni

39
Tecnica pneumatica
Minos

1.6.4 I principi di costruzione delle valvole di controllo di direzione

Ci sono diversi modelli di costruzione delle valvole di controllo di direzione


pneumatiche. È possibile distinguere due principi base di costruzione.

L‘otturazione delle valvole con sede viene eseguita con delle piastre,
sfere o corpi a sfera. Le superfici degli otturatori vengono molto spesso
corredate in plastica.

L´aria compressa spinge l‘otturatore verso la superficie di otturazione.


When the sealing wears out it will be pressed more towards the
sealing surface. Le valvole con sede sono considerate per questo ottimi
„sigilli“. Esse richiedono una forza lavorativa relativamente grande, che
richiede anche l‘utilizzo della pressione.

Le posizione di blocco e le posizioni di passaggio necessitano di una


costruzione differente rispetto alle valvole, a causa dell´influenza della
pressione.

Quando vengono azionate le valvole con sede esse accumulano ra-


pidamente una larga area di sezione del flusso. „The switching step is
short“. Costruzioni semplici hanno un intersezione e permettono all‘aria
compressa di passare direttamente nel foro di ventilazione per un breve
periodo di tempo.

3 (R)

2 (A)

1 (P)

Figura 23: valvola con sede (immagine di: BoschRexroth)

40
Tecnica pneumatica
Minos

Le valvole ad otturatore hanno una dimensione costruttiva relativamente


piccola. Esse vengono usate maggiormente con flussi di bassa portata,
come ad esempio nei trasmettitori di segnali. Esistono diversi tipi di so-
luzioni costruttive che riducono molti degli svantaggi prodotti da queste
valvole.

Le valvole a spola hanno un cursore a forma di pistone o piatto. Esse


hanno di solito due o tre posizioni di commutazione. La tenuta può av-
venire sia tra l‘elemento mobile di metallo e la sede, sia mediante quelli
di tenuta interni alla cassa o montati sull‘elemento mobile.

Valvole di controllo di direzione a spola in acciaio resistono a lungo nel


tempo. La spola a pistone può muoversi molto facilmente. Nelle valvo-
le di controllo di direzione senza molla di ritorno la resistenza d‘attrito
viene incrementata dagli anelli di tenuta. Queste serve a prevenire
un‘azionamento indesiderato delle valvole.

I costi di fabbricazione delle valvole a controllo di direzione con spola


in acciaio sono maggiori, a causa della loro accurata fabbricazione.
L‘otturatore di metallo permette all‘aria compressa di passare nella
connessione bloccata.

2 (A)

3 (R) 1 (P)
1 (P) 3 (R)

Figura 24: valvole a spola (immagine di: BoschRexroth)

41
Tecnica pneumatica
Minos

Le valvole a spola con anelli elastici di tenuta vengono utilizzati fre-


quentemente. Questi vanno lubrificate con il grasso e necessitano d‘aria
compressa senza olio.

Le impurità all‘interno dell‘aria compressa causano il deterioramento


degli anelli. L‘utilizzo dell‘aria compressa deve adempiere alle specifici-
tà necessarie alle valvole di direzione. L´aria compressa che contiene
polvere diminuisce la vita operativa delle valvole a direzione moderne.

Le valvole a spola non hanno intersezioni per via della loro morfologia
costruttiva. Il carrello deve coprire una corsa relativamente lunga per ap-
rire o bloccare le connessioni. Attraverso un‘attività lenta le connessioni
possono essere sbloccate soltanto in modo graduale.

Le forze operative per le valvole a spola sono molto piccole e indipen-


denti dalla pressione. Nelle valvole che dispongono della molla di ritorno
la loro forza deve prevalere prima di tutto sulla forza elastica. In altre
valvole invece, che non possiedono la molla, soltanto la forza di attrito
deve essere superata.

L‘intercambiabilità delle connessioni nelle valvole a spola consente che


esse siano utilizzate in posizione di blocco o in posizione di passaggio.

1.6.5 Tipi di costruzione delle valvole a controllo di direzione

Le valvole a controllo di direzione vengono contrassegnate dal numero


di connessione e dal numero delle posizioni di commutazione. Il tipo più
semplice è la valvola di controllo di direzione 2/2.

Queste valvole di solito si arrestano in posizione di riposo. Attraverso la


loro attività il flusso d‘aria passa dalla connessione di entrata a quella
d‘uscita. Il ritorno alla posizione di partenza avviene per mezzo di una
molla. La maggior parte delle valvole di controllo di direzione 2/2 sono
valvole a sede sferica o piana.

Le valvole con sede lavorano come le valvole di controllo in posizione di


riposo, ed è per questo che a volte viene utilizzato il simbolo nel riquadro
della posizione bloccata invece che bloccare entrambe le connessioni.

Le valvole di controllo di direzione di tipo 3/2 operano su cilindri a sem-


plice effetto. Quando la valvola è bloccata, quindi in posizione di riposo,
il cilindro a semplice effetto si trova in posizione di partenza. L‘attività
delle valvole di controllo di direzione permette all‘aria compressa di fluire
e di muovere il cilindro. Quando le valvole di tipo 3/2 vengono disattivate
l‘aria compressa rifluisce dal cilindro verso le valvole, e infine fuoriesce
passando attraverso il foro di ventilazione.

42
Tecnica pneumatica
Minos

Le valvole di tipo 3/2 vengono utilizzate spesso come elementi per tras-
mettere segnali. In questo caso l‘aria compressa agisce sul controllo
d‘aria di una valvola pneumatica di direzione, invece che su di un cilin-
dro. Questo permette alle valvole di tipo 3/2, di piccole dimensioni, di
azionare valvole a controllo di direzione di dimensioni maggiori. Questo
tipo di valvole possono essere collocate distanti dalle valvole principali.

Le tubazioni sulle connessioni di controllo dell‘aria, delle valvole principali,


vengono indicate come tubazioni di controllo. Nei diagrammi vengono
rappresentate con una linea tratteggiata. Esse non devono essere più
lunghe di 10 metri.

Le valvole a controllo di direzione 3/2 sono disponibili come valvole con


sede o a bobina. Una costruzione speciale è la valvola a bobina manuale,
che può essere usata per azionare l‘aria compressa. Per questo viene
usato un manicotto che può essere spostato su una valvola. A seconda
della posizione di commutazione le connessioni comunicano tra di loro,
attraverso un condotto di scarico, oppure la connessione dell‘aria com-
pressa è bloccata e l‘altra connessione viene aperta alla circostante area.

3 (R)

1 (P) 2 (A)

Figura 25: valvola a bobina manuale (immagine di: BoschRexroth)

43
Tecnica pneumatica
Minos

Per poter operare su cilindri ad effetto doppio con due connessioni d‘aria
compressa sono necessarie due valvole di controllo di direzione con due
connessioni operative. Nelle valvole di controllo di tipo 4/2, una delle due
connessioni d‘uscita è la pressione diretta. La pressione viene applicata
sulla seconda uscita quando la valvola di controllo viene spostata sull‘altra
posizione.

Le valvole del tipo 4/2 hanno un solo foro di ventilazione comune. Queste
di solito sono le valvole con sede. Esse rappresentano in generale una
combinazione di due valvole del tipo 3/2, una con la posizione di blocco
inattiva e l‘altra in posizione di riposo. Le valvole di controllo di direzione
4/2 sono provviste di interruttori simultanei su entrambe le valvole.

È chiaro che un cilindro a effetto doppio può funzionare anche usando


due controlli di valvole di direzione del tipo 3/2. Quando entrambe le
valvole a controllo di direzione vengono azionate simultaneamente, esse
operano su di un cilindro ad effetto doppio come le valvole a controllo di
direzione del tipo 4/2.

Ad ogni modo, ci sono due ulteriori connessioni possibili quando si im-


piega con un cilindro ad effetto doppio, usando due valvole di controllo
di direzione 3/2. Si applica la pressione a ciascuna delle due valvole di
direzione 3/2, che aziona lo spostamento del cilindro a doppio effetto con
una forza di piccola entità dovuta alla differente superficie dei pistoni.

2 (B) 4 (A)

1 (P) 3 (R)
3 (R) 1 (P)

Figura 26: valvole a controllo di direzione 4/2 (immagine di: BoschRexroth)

44
Tecnica pneumatica
Minos

Oppure entrambe le valvole 3/2 vengono commutate senza pressione. In


questo caso il cilindro può muoversi liberamente. Questo procedimento
viene usato anche in alcuni tipi speciali di connessione.

Le valvole a controllo di direzione pneumatica 4/2 hanno spesso la costru-


zione di una valvola con sede. Esse non vengono usate quasi mai nella
pneumatica a causa della rilevante forza di azionamento che richiedono.

Nella pneumatica, si azionano di solito cilindri a doppio effetto per mezzo


delle valvole di controllo di direzione 5/2. Queste sono valvole a bobina
con due connessioni di adduzione dell‘aria. In molte di queste valvole
l‘aria di scarico di ognuna delle connessioni di adduzione dell‘aria può
essere azionata separatamente.

Le valvole 5/2, così come altri tipi, possono essere riportate alla posizione
di partenza attraverso una molla. Queste valvole vengono chiamate anche
valvole di controllo di direzione monostabili. Ma vi sono anche alcuni tipi
in grado di mantenere tutte e due le posizioni di commutazione. Nella
pneumatica, queste valvole sono chiamate valvole ad impulso, perchè
il loro azionamento viene eseguito da un breve impulso su di una delle
due connessione di controllo.

Le valvole ad impulso non hanno una vera e propria posizione di riposo.


Esse mantengono la posizione ultima durante il loro utilizzo. Per questo
vengono chiamate anche memorie pneumatiche.

14 5 4 1 2 3 12

Figura 27: valvole a controllo di direzione 5/2 (immagine di: BoschRexroth)

45
Tecnica pneumatica
Minos

Le valvole a controllo di direzione con molla di ritorno di tipo 5/2 e le val-


vole ad impulso, sono anche usate nell‘elettropneumatica. Queste valvole
possiedono uno o due solenoidi, e per questo sono anche più costose.

Siccome la funzione di immagazzinaggio di segnali, nei sistemi di controllo


elettropneumatici, viene svolto in prevalenza dal circuito elettronico del
sistema, si privilegiano le valvole di controllo di direzione con molla di
ritorno. Le valvole ad impulso vengono usate soltanto se la valvola deve
mantere la sua posizione in mancanza di energia. Questo è necessario,
ad esempio, se si utilizza un cilindro per bloccare un pezzo in lavorazione.

Il problema della sovrapposizione di segnale si riscontra anche nelle


valvole ad impulso, che operano sui sistemi elettronici. Questo deve
essere preso in considerazione durante la costruzione di sistemi di con-
trollo elettrici.

Le valvole di controllo 5/3, a differenza delle 5/2, possiedono una ulteriore


posizione di commutazione, ovvero la posizione intermedia. Le valvole di
controllo operanti sui sistemi pneumatici ed elettrici, del tipo 5/3, si spo-
stano sulla posizione intermedia attraverso l´attivazione delle due molle.
Il fermo su una sola posizione di commutazione è possibile solo con una
valvola a controllo direzionale del tipo 5/3 a leva.

14 5 4 1 2 3 12

Figura 28: valvole a controllo di direzione 5/3 (immagine di: BoschRexroth)

46
Tecnica pneumatica
Minos

La memorizzazione dei segnali nelle valvole ad impulso è molto impor-


tante in moltissimi sistemi pneumatici di controllo. Pertanto, le valvole ad
impulso non sono solo impiegate per l‘azionamento diretto dei cilindri ,
ma anche negli stessi sistemi di controllo. Poichè i sistemi di controllo,
di solito operano con piccole portate, per essi, in generale, s‘impiegano
valvole ad impulso di piccole dimensioni.

Quando la commutazione dell‘aria viene aperta, la valvola ad impulso


può trovarsi in una posizione che provoca lo spostamento immediato
del cilindro. Perciò può essere necessario, specialmente in sistemi di
controllo di rilevanti dimensioni, mandare una serie di impulsi alla valvola
per portarla nella richiesta posizione di partenza dopo aver inviato l‘aria
compressa ai cilindri.

Nelle valvole ad impulso entrambe le superfici dei pistoni nelle connes-


sioni di controllo dell‘aria sono uguali. Perciò in essa l‘applicazione di
un segnale di controllo ad entrambe le connessioni d‘aria può causare
problemi. In questo caso la valvola ad impulso può rilevarsi impossibilitata
di commutare la posizione.

La sistuazione che si verifica quando il segnale viene inviato ad entrambe


le connessioni d‘aria in una valvola ad impulso viene definita sovrappo-
sizione di segnale. Questa condizione può essere evitata mediante un
opportuno controllo. In ogni modo vengono impiegate valvole ad impulso
con area dei pistoni leggermente diverse sulla connessione di controllo
dell‘aria.

In questo caso il segnale applicato alla connessione con area del pistone
maggiore ha una priorità maggiore. Le valvole ad impulso con aree disu-
guali dei pistoni sulle connessioni di controllo dell‘aria vengono definite
valvole differenziali. Tali valvole si adoperani di solito solo come valvole
pneumatiche comandate ad impulsi.

Bisogna considerare che nelle valvole pneumatiche a controllo direzio-


nale che impiegano una molla di riposizionamento, la pressione nelle
connessioni di controllo dell‘aria dovrebbe essere sufficientemente alta
per spostare il cursore superando la resistenza della molla.

Nelle valvole a controllo direzionale 5/2 la pressione viene applicata ad


una delle due connessioni. Se il cilindro nella posizione di partenza deve
essere ulteriormente spostato, è sufficiente scambiare le due posizioni
operative. Pertanto le valvole a controllo direzionale di tipo 5/2 non
vengono chiarificate in base alla posizione di riposo (posizione di riposo
bloccata e posizione di riposo aperta).

Le valvole a controllo direzionale 5/2 possono anche essere usate per


azionare i cilindri a semplice effetto. IN questo caso una delle connessioni
di uscita della valvola è chiusa da un tappo cieco e l‘altra è collegata al
cilindro. Questa soluzione può essere adottata per sostituire una valvola
direzionale di tipo 3/2.

47
Tecnica pneumatica
Minos

Tutte e due le posizioni esterne, nelle valvole di controllo di direzione


5/3, hanno la stessa funzione di quelle 5/2. Le posizioni intermedie ven-
gono usate ad esempio per poter chiudere la pressione di entrambe le
connessioni in modo da arrestare i cilindri.

Generalmente si trovano tre posizioni intermedie differenti, nelle valvole


di controllo 5/3. La posizione intermedia di blocco viene usata più fre-
quentemente, mentre tutte e cinque le connessioni sono bloccate l’una
con l’altra. Questo rende possibile l’arresto del cilindro durante la sua
corsa, tra tutte e due le posizioni.

Un‘altra posizione intermedia unisce le connessioni operative con quelle di


ventilazione. In questo caso non viene applicata la pressione sul cilindro,
in grado di muoversi liberamente.

La terza posizione applica in modo simultaneo la pressione completa


su entrambe le connessioni. In questo caso un cilindro normale con un
pistone a stelo riesce a funzionare con l’applicazione di una leggera forza.
Cilindri con uguali superfici dei pistoni, come ad esempio i cilindri a banda
o i cilindri con lo stelo che agisce attraverso il pistone, non si muovono
poichè la pressione è applicata ad entrambe le camere.

In molte serie di costrzttive vengono prodotte soltanto le valvole del tipo


5/3 con la posizione di blocco intermedia. Le altre due posizioni intermedie
vengono realizzate di solito con le valvole del tipo 3/2.

Figura 29: posizioni intermedie delle valvole 5/3

48
Tecnica pneumatica
Minos

1.6.6 Controllo pilota per le valvole a controllo di direzione

Valvole di grandi dimensioni necessitano anche di grandi forze per


l‘azionamento. Il controllo pilota permette a queste valvole di operare
normalmente e di garantire il loro corretto funzionamento, attraverso
l’amplificazione della forza.

È possibile trovare il controllo pilota anche nelle valvole meccaniche di


controllo di direzione, ma viene usato maggiormente nelle valvole ad
azionamento elettrico, perchè capaci di lavorare utilizzando piccoli sole-
noidi. Essi infatti consumano meno energia e producono meno energia
di residuo.

Il controllo pilota è una piccola valvola di controllo di direzione del tipo


3/2. Essa è collegata direttamente con la connessione di controllo d’aria
compressa della valvola principale. La messa in moto della valvola di
controllo pilota applica la pressione sulla valvola principale, cambiandone
la sua posizione.

L’aria compressa necessaria per le valvole di controllo pilota, viene


erogata attraverso un piccolo condotto, che si dirama dalla connessione
d’aria compressa della valvola principale. Perciò, l’attivazione di questa
valvola è possibile soltanto applicando la pressione alla connessione
d’aria compressa.

2 (B) 4 (A)

3 (S) 1 (P) 5 (R)

Figura 30: valvola a controllo di direzione con controllo pilota (immagine di: BoschRexroth)

49
Tecnica pneumatica
Minos

Le valvole, che ricevono l’energia dalla connessione d’aria compressa


della valvola principale, sono chiamate valvole di autocontrollo. Utiliz-
zando queste valvole è impossibile applicare una piccola pressione,
oppure il vuoto, sulla valvola principale, perchè una minima pressione è
necessaria alla connessione di controllo d’aria per assicurarne il corretto
azionamento.

Nelle valvole a controllo di direzione, controllate dall‘esterno, il controllo


pilota eroga area compressa da una fonte esterna, così da permettere
che la fuoriscita della pressione sia indipendente dalla pressione della
valvola principale. Perciò, la valvola può essere azionata anche, quando
la pressione non viene applicata dalla valvola principale. E‘ possibile la
applicazione di una piccola pressione o di un vuoto.

Un piccolo trattino sul simbolo del controllo pilota delle valvole, indica
che la pressione viene erogata da una fonte esterna.

Ad ogni modo, le valvole ad auto controllo, sono usate frequentemente.


In molte serie costruttive è possibile la ricostruzione del sistema che for-
nisce pressione al controllo pilota. Tale ricostruzione però deve essere
ben documentata, in maniera da permettere una corretta sostituzione
delle valvole.

14 4 2

5 1 3

Figura 31: valvole esterne a controllo di direzione (immagine di: BoschRexroth)

50
Tecnica pneumatica
Minos

1.6.7 Unità terminali delle valvole

Ci sono due possibilità, per il posizionamento delle valvole di controllo


all‘interno di un sistema. Da una parte, le valvole di controllo vengono col-
locate vicino ai cilindri, in modo da ridurre la lunghezza della connessione.

Le condutture più corte permettono il risparmio dell‘aria compressa, nella


azione di svuotamento e riempimento.

Dall‘altra invece le valvole a controllo di direzione vengono posizionate


in posizione centrale all‘interno di un sistema. Questo viene fatto per
una migliore manutenzione di esse ed un miglior controllo degli errori.
Ma per questo occorreranno condutture molto lunghe per connettere le
valvole ai cilindri.

I cilindri vengono montati prima su un terminale d‘assemblaggio, sul


quale sono già predisposte le connessioni dell‘aria compressa e dell‘aria
di scarico. Il terminale possiede un supporto comune d‘aria compressa e
una connessione comune d‘aria di scarico fornita di silenziatore.

I conduttori elettrici dei solenoidi sono connessi ad un unico distributore,


che è connesso a sua volta, attraverso un conduttore multiplo, con una
centralina.

Foto 32: Sistema terminale delle valvole

51
Tecnica pneumatica
Minos

Il terminale rende possibile l‘utilizzo di una sola alimentazione di aria


compressa per più valvole. Inoltre si risparmia tempo, circa il montaggio,
e le valvole possono essere sostituite in maniera semplice.

Se è necessaria l‘espansione del terminale, in modo da permettere la


connessione di più valvole, è possibile collegare ulteriori connessioni al
terminale. Gli attacchi vuoti vengono sigillati mediante piattine

Le valvole vengono generalmente ordinate, secondo il sistema terminale,


in valvole con attacco a tubo e con attacco flangiabile. Le valvole con
attacco flangiabile hanno tutte le loro connessioni dirette verso il basso.
Esse possono essere smontate senza disconnettere i tubi e le condutture.

Le valvole con gli attacchi a tubo hanno le loro connessioni rivolte verso
l‘alto. Prima di essere smontate entrambe le connessioni devono esse-
re liberate e riconnesse in un secondo momento. Poichè, nella valvola
con attacco a tubo, l‘aria compressa non viene disturbata, essa ha una
portata maggiore di quella delle valvole con attacco con flange della
stessa misura.

Foto 33: terminale con le valvole con attacco flangiabile

52
Tecnica pneumatica
Minos

Nei sistemi terminali moderni non vengono integrate soltanto connessio-


ni d‘aria compressa, ma anche le connessioni elettriche dei solenoidi.
Questo riduce il tempo d‘istallazione e di smontaggio.

Nei terminali, i contatti dei solenoidi vengono connessi con cavi multipo-
lari. Il terminale delle valvole può essere connesso facilmente con una
centralina utilizzando un conduttore multipolare.

Ia connessione del cavo multipolare può essere sostituita da un sistema


bus di connessione. Questo permette di connettere il terminale diretta-
mente con SPS via segnale digitale.

Il terminale delle valvole può essere classificato per differenti valori di


pressione. L‘alimentazione dell‘aria compressa può essere bloccato per
mezzo di separatori. Queste permette di applicare pressioni differenti a
ciascun lato del terminale.

Nei terminali che possiedono tre livelli di pressione deve essere installata,
una piastradi alimentazione al posto di una valvola di livello intermedio.
Questo permettedi alimentare la pressione dal lato superiore. Le piastre
di supporto vengono usate anche quando una grande quantità d‘aria
compressa deve essere applicata allo stesso tempo al terminale delle
valvole o quando l‘aria di scarico deve fuoriscire più velocemente.

Foto 34: terminale con le valvole con connessione a tubo

53
Tecnica pneumatica
Minos

1.7 Le valvole di blocco

Le valvole di blocco vengono utilizzate per arrestare il flusso in una dire-


zione, per dirigerlo verso un‘altra direzione. Raramente queste valvole
vengono combinate insieme ad altre.

1.7.1 Valvole di ritegno

Una valvola di ritegno (non-return valve) è composta da un corpo che


viene premuto verso il centro attraverso una molla. Queste valvole si
arrestano in mancanza di pressione. Una valvola di ritegno di tipo sem-
plice possiede due connessioni e l‘aria compressa può passare soltanto
in una direzione.

Tuttavia ci sono anche valvole di ritegno di tipo sbloccabile. Esse pre-


dispongono di una terza connessione per il controllo d‘aria, alla quale,
se viene applicata la pressionele valvole di ritegno si spostano nella
direzione di blocco.

Le valvole di ritegno sbloccabili possono essere utilizzate ad esempio per


prevenire l‘improvviso movimento di un cilindro a carico in caso di guasto
nelle condutture. Per poter connettere le valvole di ritegno sbloccabili ai
cilindri, senza l‘ausilio di condutture, vengono utilizzate giunture speciali.
Il cilindro può correre soltanto quando viene applicato un segnale sulla
connessione di controllo d‘aria.

1.7.2 Valvole di scappamento rapido

Le valvole di scappamento rapido vengono utilizzate per aumentare la


velocità del cilindro e del pistone. Esse devono essere collocate il più
vicino possibile ai cilindri. Esse danno il loro massimo quando vengono
avvitate direttamente sulla connessione cilindri.

Quando l‘aria compressa arriva ai cilindri, „leak-proof element“ chiude


il foro di ventilazione e l‘aria passa attraverso l‘uscita. Durante la venti-
lazione del cilindro „the leak-proof element“ viene spostato su un‘altra
posizione. Il foro di ventilazione è aperto e l‘aria compressa passa dal
cilindro verso l‘esterno attraverso il foro di ventilazione delle valvole di
scappamento rapido.

Poichè l‘aria compressa non deve passare più attraverso le valvole di


controllo di direzione permette al cilindro di lavorare in maniera più veloce
aumentandone la velocità del suo pistone.

Lo scappamento rapido dell‘aria produce un rumore sottile. Il problema


è risolvibile istallando un silenziatore.

54
Tecnica pneumatica
Minos

1.7.3 Valvole di ritegno alternate

Una valvola di ritegno alternata possiede due connessioni di entrata


equivalenti e una connessione d‘uscita. Esse vengono usate per la com-
binazione logica del segnale.

Se viene applicata la pressione su di una di queste entrate essa arriva


fino alla connessione d‘uscita. L‘altra connessione d‘entrata vieneviene
bloccata da un „leak-proof body“, in modo che la pressione non fuoriesca
dalla seconda entrata.

Quando la pressione viene applicata su tutte e due l‘entrate simulta-


neamente, lo stato del „leak-proof body“ è indefinito. Questo condotta
corrisponde ad una funzione logica OR.

Se venissero applicate due pressione differenti nelle connessioni di


entrata, sarà la pressione più grande ad essere apllicata all‘uscita. È
possibile connettere insieme più valvole di ritegno, in modo da poter
combinare diversi segnali.

Queste valvole non dispongono di un foro di ventilazione. Una volta


spento il segnale la pressione deve essere rilasciata attraverso le valvole
di controllo di direzione.

2 (A)

1 (P) 3 (R)

Figura 35: valvole di scappamento rapido (immagine di: BoschRexroth)

55
Tecnica pneumatica
Minos

1.7.4 Valvole a pressione doppia

Le valvole a pressione doppia possiedono due connessioni d‘entrata,


equivalenti tra loro, ed una d‘uscita. Anch‘esse, come le valvole di ritegno
alternate, vengono usate per la combinazione dei segnali.

Applicando la pressione su di una delle due entrate, essa preme „the


leak-proof body“ verso la superficie „sealing“ e blocca la valvola. Se il
segnale (la pressione) viene applicata sull‘altra connessione la valvola
bloccherà l‘altra entrata.

Soltanto apllicando simultaneamente la pressione su tutte e due l‘entrate,


la pressione raggiungerà l‘uscita. Questo processo viene definito funzione
AND.

La funzione AND non rappresenta una funzione sicura. Quindi è neces-


sario l‘ausilio di un „two-hand safety“, dove due bottoni devono essere
premetu a distanza di mezzo secondo.

Le valvole a pressione doppia possono essere usate soltanto per le


combinazioni logiche di segnale.

2 (A)

1 (E 1 ) 1 (E 2 )

Figura 36: valvola di ritegno alternata (immagine di: BoschRexroth)

56
Tecnica pneumatica
Minos

Se vengono applicate due pressioni di valore differente, sulle valvole a


pressione doppia, soltanto la pressione minore verrà applicata all‘uscita.
Questo potrebbe essere un problema quando vengono combiati insieme
più segnali.

Quindi è necessario ricorrere all‘utilizzo delle valvole pneumatiche di


controllo di direzione 3/2, per combinare i segnali a pressione differente. Il
segnale più piccolo viene utilizzato per spostare sulla valvola di controllo
di direzione, quello più grande viene applicato sull‘uscita di queste.

Quando si utilizzano le valvole a pressione doppia per operare sulle val-


vole ad impulso, una pressione bassa è sufficiente per per poter azionare
le valvole ad impulso. In questo caso devono essere utilizzate valvole a
doppia pressione con interruttori piccoli e veloci.

2 (A)

1 (E1) 1 (E1)

Figura 37: valvole a pressione doppia (immagine di: BoschRexroth)

57
Tecnica pneumatica
Minos

1.8 Flow valves

The flow valves control the volume flow and consequently the speed of
pneumatic drives. In a choke the section area decreases continuously.
This allows to decrease the flow continuously in a simple way, which is
considered advantageous in the pneumatics.

Chokes have two connections. They can be installed inside the pipelines
or screwed directly in the threaded holes of the valves. Chokes have the
same working in both flow directions.

In directional control valves with two separated exhaust air holes two
chokes can affect the exhaust flows separately. This allows to adjust the
cylinders speed individually in each direction. In many directional control
valves the chokes are installed permanently in the exhaust air holes.

A choke is represented with a rectangle. Two curved lines symbolize the


narrowed area. An arrow on the symbol means that the choke is adju-
stable.

1 (A) 2 (B)

Bild 38: Drosselrückschlagventil (Bild: BoschRexroth)

58
Tecnica pneumatica
Minos

1.8.1 Check choke valves

The chokes must be placed as close as possible to the cylinder, otherwise


the pipelines will act as additional volume. Especially suitable is to
screw the chokes directly in the compressed air connections of the cy-
linder. A check valve is installed parallel to the choke in order to make it
work in one direction only.

In a check choke valve the volume flow is throttled in the blocking direction
of the check valve. In the other direction the check valve is open and
the compressed air can pass through the check choke valve without
throttling.

The symbols of a choke and a check valve are surrounded with a dash-
point line. This indicates that both components represent one structural
unit. The throttling direction is usually from connection 1 to connection 2.

There are two principle methods for throttling. The incoming air throttling
means that the compressed air that flows into the cylinder is throttled. A
slip-stick effect can appear at slow motion speeds. This means that the
cylinder runs out a little then stops until enough compressed air flows in
again.

Because of this irregular motion the incoming air throttling should be


used only with very small cylinders and single-action cylinders. The return-
spring in these cylinders damps the jerks.

The outgoing air throttling is the throttling of the compressed air that
flows out of the cylinder. Since full pressure is applied to the other piston
side the piston is pneumatically fixed. This makes the cylinders motion
considerably smoother.

Because of this smooth motion the outgoing air throttling should be used
as far as possible. Only very small cylinders with short strokes doesn’t
have enough pressure buildup for throttling at the ventilation side.

When installing screw-in constructions of check choke valves the throttling


direction must match the desired throttling type. In order to avoid
any possibility of confusion, different constructions for incoming and
outgoin gair throttling are available.

Check choke valves for Incoming and outgoing air throttling should be
never used together at both compressed air connections of a doubleaction
cylinder. In this case both chokes will work in the same direction
while the other direction will be without throttling.

59
Tecnica pneumatica
Minos

1.9 Valvole di pressione

Le valvole di pressione influenzano la pressione e di consequenza la forza


dei pneumatici. Una delle valvole di pressione, che può essere trovata in
ogni unita di mantenimento, e la valvola di controllo di pressione. Questa
valvola permette di modificare la pressione dell intero sistema.

Se qualche parte del sistema richiede una pressione minore allora e pos-
sibile usare le valvole di pressione. In effetti esse sono valvole di riduzione
della pressione. Esse hanno bisogno di una determinata pressione che
viene ridotta e applicata all uscita.

Le valvole di riduzione di pressione vengono utilizzate anche nella pneu-


matica come valvole di risparmio energetico. Specialmente nei cilindri a
effetto doppio, che possiedono un largo volume, non e sempre necessa-
rio generare una forza completa in entrambe le direzioni.Nella maggior
parte dei casi il cilindro ha bisogno di fuoriuscire con una grande forza ,
mentre per il suo rientro (corsa di ritorno) e necessaria una forza minore.

In questo caso, la pressione utilizzata per la corsa di ritorno viene ridotto


delle valvole di risparmio energetico. Poiche il cilindro viene riempito
con aria compressa a bassa pressione il consumo e di conseguenza
piu basso. Ad ogni modo le valvole di riduzione di pressione possono
passare soltanto in una direzione, percio una valvola di ritegno parallela
deve essere installata per passare il flusso in direzione opposta.

Le valvole di limite di pressione vengono usate nella pneumatica prima di


tutto usate come valvole di sicurezza ...“at containers“.Esse normalmente
sono chiuse, si aprono soltanto quando viene raggiunta la giusta pressio-
ne. Le valvole di protezione rilasciano la pressione nell‘area circostante.

Le valvole di regolazione di pressione di sequenza hanno un simile


funzionamento. Esse sono valvole di controllo di direzione che cambia-
no soltanto quando viene applicata una determinata pressione.Questa
pressione, necessassaria per la loro attivazione, puo essere installata
da una molla regolabile.

Le valvole di pressione di sequenza possono eesere usate, ad esempio,


per controllare la pressione all interno di un cilindro. La forza richiesta si
puo ottenere da un cilindro soltanto quando la pressione e abbastanza
alta. Percio, il cilindro puo compiere il suo rientro soltanto dopo che viene
generata la forza necessaria.

Nell elettropneumatica questa funzione viene eseguita dai regolatori di


pressione. La forza agisce su di un diaframma, il quale preme una molla
regolabile. Quando la pressione viene raggiunta il diaframma attiva un
piccolo contatto che produce un segnale elettrico.Percio i regolatori di
pressione vengono chiamati anche: convertitori P/E.

60
Tecnica pneumatica
Minos

1.10 Altri tipi di valvole

Gli elementi di tempo vengono usati con i sistemi di controllo dipendenti


dal tempo (time-dependent). Un elemento di tempo in un controllo di
sistema pneumatico assoluto consiste in una valvola di ritegno choke,
un controllo di direzione 3/2 ed un piccolo serbatoio/contenitore. Dal
momento che questi componenti vengono combinati in una unità, i loro
simboli saranno indicati con una linea tratteggiata (dash-doted line).

Quando la pressione è applicata alla connessione di controllo d‘aria,


l‘aria compressa strozzata passa nel contenitore. La valvola di controllo
di direzione cambia dopo che la pressione ha raggiunto un determinato
valore e l‘elemento di tempo genera un segnale all‘uscita.

L‘elemento di tempo può essere usato anche per spegnere i segnali. La


valvola di direzione, in questo caso, viene usata in posizione di arresto
di passaggio. Dopo lo scadere del tempo, regolato in precedenza, la val-
vola di controllo spegne la connessione tra la porta dell‘aria compressa
e l‘uscita.

Il tempo può essere modificato con il choke. È possibile regolare periodi


di tempo di circa 30 secondi. ÈPossibile attaccare un manometro alla vite
di connessione del contenitore, questo permette di osservare l‘icremento
della pressione. Questo è molto sensato per quanto riguarda la partenza
e il controllo degli errori.

12 (Z) 1 (P) 2 (A) 3 (R)


3 (R) 1 (P)

Figura 38: elementi di tempo (immagine di: BoschRexroth)

61
Tecnica pneumatica
Minos

Gli elementi di tempo pneumatici non sono di precisione ottimale. Quan-


do si necessita di alta precisione e per lavorare per un lungo periodo di
tempo, essi non dovrebbero essere usati. Questi elementi dispongono un
sistema a rotore meccanico. Una volta trascorso un determinato periodo
di tempo, questi elementi iniziano a generare impulsi d‘aria compressa.

Il tempo può essere osservato attraverso un apposito disply analogico.


I contatori pneumatici hanno un principio di lavorazione molto simile.
Gli impulsi pneumatici vengono addizionati insieme e poi mostrati sul
contatore meccanico.

Nell‘elettropneumatica il controllo del tempo avviene attraverso dei relè.


D‘altra parte, però, quando si usano degli SPS, il periodo di tempo ed il
conteggio viene determinato dal sistema di controllo.

Molti sistemi di controllo, come le presse, sono pericolosi per l‘uomo.


Quindi è necessario l‘utilizzo di „two-hand protection“.

Per questo bisogna premere due bottoni, uno dopo l‘altro, a distanza di
0,5 secondo. Questi bottoni devono essere premuti fino alla fine, e per
non rischiare di premeri i due bottoni contemporaneamnete, occorrerà
posizionarli a distanza di sicurezza l‘uno dall‘altro.

Poichè gli „elementi di tempo“ sono molto sensibili alla polvere e


al‘eccesso d‘olio nell‘area compressa, non è possibile garantire opera-
zioni senza errori.Quindi le protezioni „two-hand“ non sono sufficienti per
garantire un corretto procedimento.

Tuttavia la combinazione logica dei segnali dei bottoni è ancora possibile.


Nell‘elettropneumatica la combinazione logica viene eseguita di solito
nella parte elettrica del sistema di controllo, oppure nella SPS.

Questo vale anche per l‘indice pneumatico a catena, che veniva adope-
rato per operazioni di sistema di controllo sequenziale. In questi sistemi
le uscite venivano azionate una ad una. Ancora oggi è possibile trovare
questi vecchi sistemi di controllo.

62
Tecnica pneumatica
Minos

1.11 Denominazione dei simboli in un diagramma

Ogni elemento pneumatico corrisponde ad un simbolo all´interno di un


diagramma. Il supporto dell´aria compressa è situato nella parte inferi-
ore del diagramma ed il cilindro nella parte superiore. I cilindri devono
protendersi verso destra.

Tutti gli elementi devono trovarsi in uno stato di „pressione applicata“. I


cilindri che hanno una posizione di partenza estesa vengono rappresentati
in stato di espansione.

I pulsanti e le valvole che operano sui cilindri devono essere collocati nella
parte inferiore del diagramma, in quanto la direzione del loro segnale si
muove dal basso verso l´alto. Gli interruttori dei cilindri vengono rappre-
sentati da trattini molto piccoli collocati al di sopra dei simboli raffiguranti
i cilindri.

L`etichette e le indicazioni di ogni singolo componente sono definite nella


DIN 1219-2. Essa utilizza numeri per definire il circuito del diagramma,
e lettere per l´identificazione ed il numero dei componenti.

Le lettere riportate qui riportate vengono usate per i componenti singoli:

A Actuators (attuatori)
S Signal sensor (sensori di segnale)
V Valves (valvole)
Z altri componenti

Gli attuatori vengono numerati da sinistra a destra: 1A, 2A, 3A etc.

Tutte le valvole che appartengono al primo cilindro vengono numerate


dal basso verso l´alto e da sinistra a destra: 1V1, 1V2, 1V3 etc. Così,
in maniera conforme, per quanto riguarda il secondo cilindro: 2V1, 2V2,
2V3 etc.

The Follower rolls adoperano lo stesso numero che utilizza il cilindro al


quale essi vengono fissati. Essi vengono indicati con 1S1, 1S2, 1V3 etc.
mentre per il secondo cilindro 2S1 e 2S2.

È il cilindro a determinarne la loro denominazione. In altre sistemi di


etichettatura essi vengono identificati con i cilindri che operano sul loro
segnale d uscita.

Poichè le componenti di unità di mantenimento ed i supporti d`aria


compressa non possono venir associati con un determinato cilindro,
essi vengono preceduti da uno 0. Facendo parte della categoria Z (altri
componenti), questa unità, ad esempio, può essere indicata così: 0Z1.

63
Tecnica pneumatica
Minos

In altri tempi venivano usati altri tipi diagrammi o gestori di etichette. È


possibile, ad esempio, numerare componenti in ordine di serie.

I cilindri vengono designati spesso con Z1, Z2 etc. Altri componenti che
appartengono ai cilindri vengono indicati da due cifre separate da un
punto.

Tutti i componenti che a loro volta appartengono al primo cilindro vengono


etichettati con 1.1, 1.2, 1.3 etc. Inoltre la numerazione viene eseguita
anche dal basso verso l‘alto, e da sinistra verso destra. La servo valvo-
la, che rifornisce il cilindro d‘aria compressa, può essere specialmente
„pointed out“. Essa può essere indicata con 1.1 per il primo cilindro indi-
pendentemente dalla sua posizione nel diagramma.

I componenti che servono a fornire di energia un sistema, vengono indicati


con 0.1, 0.2, 0.3 etc. L‘ordine di numerazione corrisponde alla direzione
del flusso di energia.

La denominizione degli interruttori dei cilindri e la loro posizione deve


essere presa in considerazione, indipendentemente dal sistema di ge-
stione etichette, in modo da garantirne un‘accurata categorizzazione.

1A 1S2

1V2 1 1V3 1

2 2

1V1 4 2
14 12

5 1 3
1S1 2 1S2 2

1 3 1 3
0Z1

Figura 39: Numerazione dei componenti in un diagramma

64
Tecnica pneumatica
Minos

1.12 Tecnica del vuoto

Le ventose vengono usate per il trasporto di differenti pezzi da lavoro.


Esse possono trasportare pezzi da lavoro dalla superficie liscia, piana e
dura. I pezzi non devono essere permeabili all‘aria.

Le ventose servono per trasportare pezzi difficili da „afferrare“ meccani-


camente, come „car glass, pezzi di carta in printing plants“.

Le ventose lavorano con pressione negativa. Poichè la pressione atmos-


ferica sulla superficie terrestre è di circa un Bar, la pressione negativa
massima aumenta teoricamente anche di un Bar. In pratica, la pressione
negativa è di circa 0,6 e 0,8 Bar. Essa può essere rappresentata anche
in percentuale, quindi 60% e 80%.

Un pezzo di lavoro può aderire alla ventosa soltanto se la pressione


dell‘aria circostante è più alta della pressione tra la superficie e la ventosa.
La forza che sostiene il pezzo di lavoro varia a seconda del valore della
pressione negativa e della superficie efficiente dell‘area della ventosa.

„Neps“ sono applicate sulle ventose in modo da prevenire che esse non si
attacchino in maniera radente al pezzo di lavoro, il quale ne diminuirebbe
la superficie . Questo provaca facilmente anche l´allentamento del pezzo
di lavoro dopo aver spento la pressione negativa.

La forza della ventosa deve essere per lo meno due volte superiore a
quella necessaria. Alla alta accelerazione di un pezzo di lavoro saranno
necessarie misure di sicurezza.

Le ventose possono suddividersi in piane e telescopiche. Le prime sono


più adatte per lavorare su superfici verticali, in quanto meno flessibili di
quelle telescopiche, che invece sono più adatte a lavorare su superfici
smussate.

Quando si utilizzano le ventose telescopiche, attraverso l‘azionamento


della pressione negativa, può verificarsi il cosi chiamato „effetto-lifting“,
dovuto dalla contrazione della parte telescopica. Durch das anheben
kann somit möglicherweise auf eine zusätzliche Hubbewegung verzichtet
werden.

Con l‘azione di più ventose connesse in modo parallelo tra loro, si corre
il rischio di rottura di una queste, che potrebbe provocare il fallimento
dell‘intera pressione negativa e del distacco del pezzo di lavoro. In que-
sto caso si possono usare valvole di flusso, che si bloccano attraverso
forti flussi.

Le valvole di flusso vengono assemblate di seguito alle ventose. In caso di


separazione di una ventosa il flusso d‘aria chiude la valvola mantenendo
la pressione negativa all‘interno del sistema.

65
Tecnica pneumatica
Minos

La pressione negativa può essere generata per mezzo di una pompa a


vuoto oppure da un eiettore. La prima viene usata quando è necessaria
una grossa quantità di pressione negativa, la quale viene applicata alle
valvole per mezzo di valvole appropriate.

Gli eiettori vengono per generare pressione negativa „nel luogo“. Essi
vengono azionati con aria compressa e lavorano secondo il principio di
Venturi. Poichè gli eiettori non contengono nessuna parte mobile, essi
possono lavorare anche senza fili e non hanno bisogno di manutenzione.

L‘aria compressa all‘interno degli eiettori passa attraverso una bocchetta.


La pressione negativa si manifesta a causa dell‘alta velocità del flusso.
Essa viene applicata alle ventose per mezzo di una conduttura. Eiettori
semplici sono in grado di generare pressione negativa soltanto quando
l‘aria compressa passa attraverso di essi.

Una valvola di controllo di direzione può essere integrata all‘interno di un


eiettore in modo da azionare l‘aria compressa. Mentre un‘altra valvola di
controllo di direzione può essere utilizzata per condurre l‘aria compressa
all‘interno del sistema di conduttura delle ventose. Questa valvola genera
un impulso che in grado di provocare un rapido allentamento del pezzo
di lavoro. In altri modelli di eiettori l‘impulso può essere prodotto utiliz-
zando un piccolo contenitore, il quale in grado, in maniera automatica,
di introdurre l‘aria compressa nel sistema di conduttura delle ventose
dopo il loro spegnimento.

Eiettori forniti di sistemi automatici di salvataggio d‘aria possiedono anche


un interruttore. Esso controlla lo stato attuale della pressione negativa
e quindi in grado di spegnere il supporto d‘aria compressa. Attraverso
l‘abbassamento di pressione negativa, l‘interrutore aziona nuovamente il
supporto d‘aria compressa al fine di rifornire l‘eiettore di nuova pressione.

66
Tecnica del £uido
Minos

2 Idraulica

2.1 Introduzione

Nell‘idraulica i £uidi vengono usati come mezzo di trasmissione. Il termine


idraulica deriva dal greco hydor, che signi ca acqua. L‘olio è il principale
medio di trasmissione, anche se tuttavia è possibile utilizzare l‘acqua.

Nell‘idraulica è possibile distinguere due settori: l‘idrodinamica e


l‘idrostatica. Nell‘idrodinamica viene sfruttato soprattutto il £usso d‘energia
del £uido di trasmissione. Attraverso di esso vengono a manifestarsi
pressioni relativamente basse. Essendo il £usso di energia un‘energia
cinetica, è possibile introdurre il termine Idrocinetica. Un esempio pratico
è la conversione delle frequenze dei momenti torcenti e rotazionali „in
£ow drives“.

Nell‘idrostatica, invece, la pressione dei £uidi viene sfruttata in un „ambi-


ente chiuso“, dove essi rimangono senza movimento oppure in grado di
scorrere lentamente. Un esempio tipico è la generazione della pressione
attraverso una pompa e la sua conversione in una forza in grado di agire
su di un cilindro.

Le valvole vengono usate per il controllo della pressione; esse possono


operare manualmente o elettricamente. L‘utilizzo dell‘idraulica negli
aereoplani deve attenersi a speciali requisiti di sicurezza.

2.1.1 Vantaggi e svantaggi dell idraulica

L idraulica è una delle numerose forme d‘energia usate nell‘industria.


Essa può essere comparata con la pneumatica, l‘elettronica e con i
dispositivi meccanici.

– Grandi forze e momenti torcenti possono essere generati per mez-


zo dell‘idraulica, anche se i suoi componenti di costruzione sono di
misura molto piccola.
– Movimenti lineari possono essere ottenuti molto facilmente.
– „Starting from standstill is possible even with loads“
– È possibile modi care ampliamente la velocità di moto e le frequen-
ze di rotazione.
– La direzione di moto può essere invertita molto semplicemente.
– Con l‘ausilio di appositi dispositivi è possibile misurare il valore delle
forze.
– Sovraccarichi si possono prevenire per mezzo di valvole di limite di
pressione.
– Singoli componenti possono essere ordinati in stanze diverse e
connessi per mezzo di condutture £essibili.
– I sistemi idraulici possono essere facilmente integrati con sistemi
elettrici e di regolazione.

67
Tecnica del £uido
Minos

Gli svantaggi dell‘idraulica sono:

– i componenti idrazlici richiedono un‘estrema accuratezza e precisio-


ne per il loro utilizzo, questo ne aumenta automaticamente anche il
costo.
– I dispositivi necessitano di un ltro per prevenire la formazione di
sporcizia nei £uidi idraulici.
– I liquidi idraulici devono essere ricondotti sempre all‘interno del ser-
batoio.
– A seconda della temperatura varia la viscosità dei £uidi, perciò oc-
corre molto spesso raffreddare i £uidi.
– La lunghezza delle condutture è limitata.
– È possibile la formazione di bolle d‘aria all‘interno dei £uidi che pot-
rebbero comportare una scorretta circolazione dei £uidi.
– Alcuni oli idraulici sono in ammabili.
– La perdita dell‘olio è molto pericolosa.
– È dif cile depositare l‘energia della pressione.

2.1.2 I settori d’utilizzo dell’idraulica

L‘idraulica viene utilizzata in diversi settori. Nell‘industria si impiega al


tornio „with feeders and spindle drives“.The moulds in the injection moul-
ding machines for plastic processing are opened and closed hydraulically,
and the plastic is also pressed hydraulically. The hydraulic presses can
generate very large forces.

Al contrario, „idraulici mobili“ vengono utilizzati per macchine a movimen-


to. Numerose macchine sono fornite di supporto idraulico. Questo non
solo per ciò che riguarda il processo di funzionamento, ma anche per la
„trasmissione a trazione“ (action drives).

Molte macchine agricole dispongono di motori idraulici.

I meccanismi idraulici vengono utilizzati principalmente per le navi e


aeroplani.

68
Tecnica del £uido
Minos

2.1.3 La costruzione di un dispositivo idraulico


I meccanismi idraulici possono essere costruiti in maniera diversa. Tut-
tavia gli elementi base sono molto simili tra di loro.

„L‘aggregato idraulico“ è composto da una pompa, quale genera la


pressione e produce il £usso di volume. Con l‘eccedere della pressione
le valvole di controllo di pressione si aprono e reintroducono il £uido nel
serbatoio. L‘energia meccanica viene trasformata in pressione.

Le valvole di controllo di direzione controllano la quantità del £usso ge-


nerato, la direzione del moto dei cilindri e la direzione di rotazione dei
motori idraulici.

Le valvole a pressione in£uenzano la forza dei cilindri. Più alta è la pres-


sione, maggiore sarà la forza dei cilindri. Attraverso le valvole a £usso
è possibile modi care la portata. Nelle costruzioni più semplici vengono
utilizzati le farfalle „chokes“. La quantità del £usso in£uenza la velocità di
trasmissione „Drives“. Le valvole di blocco dirigono il £usso in un‘unica
direzione. Esse possono essere usate per guidare i „chokes throttle“ in
una sola direzione (la direzione di blocco delle valvole di blocco).

In ne i cilindri trasformano nuovamente la pressione energetica in en-


ergia meccanica.

Figura 40: meccanismo idraulico (immagine di: BoschRexroth)

69
Tecnica del £uido
Minos

2.2 Aggregato idraulico

I meccanismi idraulici producono pressione energetica. Essi sono carat-


terizzati da molteplici componenti di costruzione che è possibile ritrovare
in quasi tutti meccanismi idraulici.

Le pompe immettono ed alimentano il £uido idraulico. I tubi d‘aspirazione


non devono essere esposti ad energia negativa molto elevata, perchè
potrebbero formarsi nel £uido bolle di gas che attraverso l‘alta pressione
protebbero implodere bruscamente. Questo processo è chiamato cavita-
zione. L‘impatto può causare corrusioni e distruggere la pompa.

I motori elettrici vengono usati per guidare le pompe nelle macchine


stazionarie. Mentre i motori a combustione vengono usati molto spesso
con le macchine mobili.

Le pompe vengono costruite in modi molto differenti. Le pompe ad in-


granaggi sono molto utilizzate. Queste generano una quantità costante di
£usso in una determinata velocità rotazionale. Altri tipi di pompe forniscono
una portata che può essere modi cata. Altre invece non sono in grado
d‘aspirare il £usso. Esse devono essere posizionate accanto il livello del
£uido oppure devono essere equipaggiate di una pompa ad ingranaggi.

Pompa
Pumpe

Figura 41: aggregato idraulico

70
Tecnica del £uido
Minos

2.2.1 Serbatoio idraulico

I £uidi idraulici vengono immagazzinati nel serbatoio, che deve essere


abbastanza grande da contenere l‘intero £uido usato dal meccanismo.
Il £uido deve essere abbastanza anche per rifornire tutti i cilindri; speci-
almente i cilindri ad azione singola necessitano di una grande quantità
d‘olio idraulico. Tuttavia, nei cilindri ad azione doppia, la camera del
pistone è più grande di quella dei pistoni a stelo. Quindi essi richiedono
una determinata quantità d‘olio idraulico.

Il sebatoio deve possedere un‘apertura di ventilazione necessaria per


l‘equalizzazione della pressione. Quest‘apertura lascia passare l‘aria
all‘interno del serbatoio in modo da prevenire la formazione di pressione
negativa nei £uidi idraulici. L‘apertura è fornita di un ltro per la preven-
zione d‘impurità all‘entrata del serbatoio.

Un secondo ingresso viene utilizzato per il riempimento del serbatoio.


Anche questo è provvisto di un ltro, necessario per ltrare l‘olio idraulico
prima di riempire il serbatoio.

Il serbatoio è diviso in sezioni da una piastrella. La prima sezione serve


a calmare i liquidi che ri£uiscono all‘interno del serbatoio e a separare
le bolle d‘aria formatesi all‘interno del £uido. Anche le impurità vengono
immagazzinate qui. L‘olio idraulico passa alla seconda sezione attraverso
dei fori sulla piastrella dove verrà pompato di nuovo.

La prima sezione è situata al punto più basso del serbatoio. Essa pos-
siede anche un tubo di scarico. Le impurità e la condesazione dell‘acqua
depositatesi in questa sezione, possono essere rimosse quando si cambia
l‘olio idraulico.

Le perdite all‘interno di un meccanismo idraulico causano il riscaldamento


dell‘olio. Un‘altra funzione del serbatoio è quella di raffreddare il £uido
idraulico. Perciò le pareti esterne di solito sono provviste di alette di
raffredamento. Se il meccanismo viene utilizzato a bassa temperatura,
possono essere utilizzati anche elementi „riscaldati“. Prima di azionare
il meccanismo l‘olio idraulico deve essere riscaldato e portato a tempe-
ratura di operazione.

Sul serbatoio vengono installati dei termometri per controllare la tem-


peratura. Inoltre vi troviamo anche un‘indicatore di livello dell‘olio. La
marcatura mostra la capacità minima e massima di riempimento d‘olio.

Un apposito manometro mostra invece la pressione generata dalla pom-


pa. Il livello di pressione, di temperatura e del £uido sono fattori importanti
e devono essere controllati regolarmente.

71
Tecnica del £uido
Minos

2.2.2 Valvole di controllo di pressione

Un‘altro componente fondamentale, utilizzato da tutti meccanismi idraulici,


è la valvola di controllo della pressione.

Questa valvola si apre e si chiude soltanto quando viene raggiunta una


determinata pressione (pre-modi cata), permettendo all‘olio idraulico
di ri£uire nel serbatoio. La pressione nel meccanismo rimane costante.

Queste valvole inoltre proteggono il meccanismo da pressioni troppo


elevate, che sono in grado di danneggiare e distruggere il meccanismo
stesso. L‘intera quantità del £usso, rilasciata dalla pompa, deve esse-
re in grado di ritornare al serbatoio attraverso le valvole di controllo di
pressione.

Le valvole di controllo diretto della pressione vengono adoperate per


quantità di £usso relativamente piccole. Mentre le valvole con pilota di
controllo sono usate per maggiori quantità di £usso. Tali operazioni ven-
gono controllate da valvole più piccole.

2.2.3 Il filtro

Le componenti di costruzione dei meccanismi idraulici possono essere


facilmente danneggiati dalle impurità all‘interno dei liquidi; per cui è op-
portuno l‘utilizzo del ltro.

I ltri vengono posizionati, solitamente, in tre posizioni pricipali. Ognuna


di queste ha i propri vantaggi e svantaggi.

Il ltro d‘aspirazione viene usato per proteggere la pompa da ogni tipo di


impurità quando i liquidi vengono immagazzinati nel serbatoio. Questo
ltro però rappresenta anche una resistenza al £usso. Un olio idraulico
troppo freddo oppure un‘eccessiva viscosità del ltro, potrebbero dimi-
nuire considerabilmente la pressione provocando la cavitazione del £uido,
quale in grado di distruggere la pompa. Per questo che vengono usati i
„wire screen lters“.

Filtri di pressione vengono posizionati dopo la pompa. Poichè viene appli-


cata la pressione completa su questi ltri, essi devono avere una costru-
zione robusta. Questi ltri sono molto costosi e vanno adoperati insieme
a componenti di costruzione molto sensibili, ad esempio le servovalvole.

Il terzo tipo è il ltro di ritorno. È situato nella linea di ritorno del serbatoio
e ltra il £usso dopo che esso sia passato attraverso tutto il meccanismo.
Si suppone che un singolo ciclo del £uido non provochi nessun danno
alle parti di costruzione.

72
Tecnica del £uido
Minos

I ltri di ritorno sono costruiti in modo semplice e quindi non molto costosi.
Le valvole di blocco con Bypass sono connesse parallelamente a questi
ltri. Se i ltri sono molto sporchi e costituiscono una considerevole re-
sistenza al £usso, i „bypass“ si aprono e lasciano passare l‘olio idraulico
dal ltro.

È possibile anche l‘utilizzo di ltri più piccoli, dove può passare una sola
parte del £uido. L‘intera quantità d‘olio viene ltrata soltanto dopo diversi
cicli.

Indicatori di pressione differenziali mostrano la perdita di pressione cau-


sata dai ltri. Un aumento di pressione indicata da questi indicatori sta a
signi care che il ltro è otturato. Gli indicatori devono essere controllati
regolarmente e così i rispettivi ltri. I ltri senza indicatori devono essere
cambiati regolarmente.

2.3 Fluidi idraulici

Il £uido idraulico trasforma l‘energia dalla pompa al cilindro. Principal-


mente quasi ogni tipo di £uido può essere usato per questa funzione; a
volte viene utilizzata l‘acqua. L‘acqua è quasi sempre a disposizione e
costa poco. D‘altra parte però essa non è in grado di lubri care le parti
meccaniche e quindi causa di corrusioni.

Nell‘idraulica vengono utilizzati di solito oli minerali per via delle loro
caratteristiche di lubri cazione, essenziale per i componenti movibili del
meccanismo e per la locro capacità di prevenzione dalla corrusione e
dalla dispersione di calore.

Esistono numerosi tipi di oli idraulici con caratteristiche differenti.Quan-


do si seleziona un olio, bisogna essere sicuri che le sue caratteristiche
corrispondano al campo in cui verrà utilizzato.

2.3.1 Viscosità

La viscosità è una delle caretteristiche più importanti degli oli idraulici. La


viscosità deriva dal fatto che singole molecole di un £uido si muovono
a velocità differenti. Maggiore è la resistenza delle velocità, più elevato
sarà il grado di viscosità del £uido.

L‘acqua è meno viscosa dell‘olio. Questo può essere osservato facil-


mente. Basti agitare una tanica con dentro acqua ed una con dentro
olio. Occorrerà senza dubbio minor forza per scuotere la tanica d‘acqua.

Le componenti idrauliche sono caratterizzate sempre dal loro grado di


viscosità. I £uidi idraulici utilizzati devono corrispondere a questi valori.

73
Tecnica del £uido
Minos

I misuratori del grado viscosità sono chiamati viscosimetri. Ne esistono


diversi tipi. Nel viscosimetro capillare il £uido scorre in un tubo sottile,
in£uenzato dalla forza di gravità, misurandone il tempo impiegato dal
£uido per raggiungere un certo valore.

La viscosità è divisa in cinematica e dinamica. La cinematica è il risultato


della divisione della viscosità dinamica alla densità del £uido. La viscosità
dinamica è generalmente utilizzata nella tecnica. La sua misura di unità
è mm²/s. Unità di misura più vecchie, come centistokes e stokes, non
vengono più utilizzate.

La viscosità è altamente dipendente dalla temperatura. A temperatura


elevata i valori della viscosità sono sempre bassi. Questa relazione viene
de nita nel diagramma viscosità-temperatura.

Come già menzionato, le parti idrauliche sono adatte soltanto per de-
terminati valori di viscosità. Perciò i „parametri di operazione“ devono
essere presi in considerazione durante la selezione di un £uido idraulico.

Con un valore di viscosità molto basso possono presentarsi problemi di


lubri cazione o „sealing“. Mentre, al contrario, un valore elevato di vis-
cosità, potrebbe appensantire molto il lavoro della pompa e dei motori.

I valori di viscosità degli oli idraulici sono stabiliti a 40 °C e classi cati


nella classe ISO-viscosità. I valori numerici indicano la viscosità. Ad
esempio, l‘olio idraulico con ISO-VG 46 possiede un valore viscoso pari
a 46 mm²/s alla temperatura di 40 °C.

La DIN 2209 stabilisce l‘indice di viscosità. Questo valore de nisce la


relazione tra la proprietà dei £uidi idraulici e la temperatura. Quando i
valori sono alti signi ca che sono meno dipendenti dalla temperatura.
Questi valori coprono un raggio che sta tra 100, per i normali oli idraulici,
e 150 per £uidi speciali.

In ne il grado di viscosità non dipende soltanto dalla temperatura ma


anche dalla pressione. Questo fattore può essere osservato semplice-
mente con valori di pressione che superano i 200 bar. Il valore di viscosità
raddoppia a 400 bar.

74
Tecnica del £uido
Minos

2.3.2 Altre caratteristiche dei fluidi idraulici

La densità dell‘olio idraulico normalmente è di 0,9 kg/dm³. Esso è più


leggero dell‘acqua. Perciò l‘acqua si deposita nel fondo del serbatoio
idraulico, ed è possibile rimuoverla attraverso aperture apposite. Tuttavia
le impurità possono aumentare la densità dell‘olio no a portarla ad un
valori di 1,4 kg/dm³.

Con l‘aumento della temperatura aumenta anche il volume dei £uidi idrau-
lici. Un aumento di dieci gradi accresce il volume di circa 0,7%. Perciò il
serbatoio dovrà essere abbastanza grande da contenere questi valori.

Un‘altra caratteristica dei £uidi è la loro capacità di compressione. Al


contrario dei gas questi valori sono di gran lunga più piccoli. Essi raggiun-
gono un valore di 0,7 % per un aumento di pressione pari a 100 bar. Col
diminuire della pressione il volume del £uido torna al suo valore originale.

Malgrado la bassa capacità di compressione dei £uidi, essi in£uiscono


sulla precisione delle macchine idrauliche. Attraverso una giusta regola-
zione è possibile raggiungere un‘elevata precisione. Bisogna prendere in
considerazione anche un altro fattore, ovvero che i tubi e le connessioni
sottopressione tendono ad ingrandirsi, e questo aumenta in maniera
considerevole l‘effetto di compressione.

Il „pour point“ di un £uido idraulico è la temperatura, sotto la quale l‘olio


per via della forza di gravità, non riesce più a £uire. A volte gli aggregati
idraulici devono essere in grado di lavorare a basse temperature, in
questo caso è corretto l‘utilizzo di oli a bassa percentuale di viscosità.

Per molti tipi d‘oli idraulici l‘elevata temperatura è la causa della loro
in ammabilità. La temperatura, sotto la quale i vapori dell‘olio potrebbe-
ro in ammarsi, è chiamata £ash point. Il £ash point per oli idraulici più
comuni, normalmente si aggira intorno ai 180 e i 200 °C. Al di sopra di
questi valori l‘olio potrebbe in ammarsi.

In posti dove la temperatura è molto alta, dovranno essere utilizzati £uidi


a bassa percentuale d‘in ammabilità oppure non in ammabili.

75
Tecnica del £uido
Minos

La lubri cazione delle parti mobili dei meccanismi idraulici è una funzione
molto importante dei £uidi. Un sottile rivestimento protegge le parti me-
talliche dal loro contatto. Allo stesso tempo diminuisce l‘attrito tra le parti.

La bassa capacità di lubri cazione di un olio, conseguente, ad esempio,


al loro basso grado di viscosità, comporta problemi ai rivestimenti me-
tallici. Questo fattore è in grado di logorare e persino distruggere le parti
meccaniche di un meccanismo idraulico.

Attraverso il confronto di diversi tipi d‘olio è possibile osservarne il loro


grado di capacità di lubri cazione.

La durata nel tempo di un olio idraulico si distingue dalla loro capacità di


resistenza. L‘olio idraulico invecchia attraverso il contatto dell‘ossido con
l‘ossigeno. Il processo d‘invecchiamento prende soprattutto a tempera-
ture superiori ai 70 °C. Gli additivi di lubri cazione aumentano la durata
dell‘olio. Un‘olio invecchiato assume un colore scuro. Poichè è dif cile
stabilire il tempo esatto di durata di un‘olio, esso deve essere cambiato
regolarmente.

Oltre alla lubri cazione i £uidi idraulici prevengono le parti meccaniche


dalla formazione di ruggine. L‘olio idraulico non deve venire a contatto
con „sealings“ e i tubi. Nel cambiare i £uidi idraulici è oppurtuno prestare
attenzione alla loro compatibilità. Potrebbe essere necessaria la pulizia
del meccanismo dopo la rimozione di £uidi invecchiati.

In molte valvole il £uido idraulico passa attraverso una bobbina magne-


tica al ne di dissiparne il calore. In caso di corto circuito o rottura di cavi
elettrici il £uido deve lavorare come mezzo di isolamento, questo signi ca
che il £uido idraulico non deve passare sulla corrente elettrica.

76
Tecnica del £uido
Minos

2.3.3 Materie estranee, aria e acqua nei fluidi idraulici

I £uidi idraulici devono contenere il minor numero possibile di impurità.


Più alta è la pressione operativa all‘interno di un meccanismo, più rigido
sarà il lavoro necessario di „sealings“ , come ad esempio nelle valvole
di controllo di direzione. Le impurità possono danneggiare „sealings“ e
portare alla rottura dell‘impianto idraulico.

Le impurità che vengono a presentarsi durante il lavoro del meccanismo,


dovranno essere rimosse. I £uidi idraulici devono prendere queste par-
ticelle per ricondurle poi all‘interno del serbatoio, dove potranno essere
ltrate.

Il livello di pulizia per i £uidi idraulici è stabilito nella ISO 4406, quale de-
termina il massimo della quantità di particelle in un volume di 100 ml. Tre
valori de niscono il numero massimo permesso di particelle più larghe di
4 ºm, 6 ºm e 14 ºm.Un valore tipico di pulizia riguardante i meccanismi
idraulici, ad una pressione di 160 bar, è di 21/18/13.

Otre ai corpi solidi è possibile la presenza d‘aria all‘interno dei £uidi. L‘aria
disciolta non in£uisce sui meccanismi operativi.

All‘interno del £uido possono formarsi piccole bolle d‘aria. Si deve evitare
la loro formazione. Essa provaca l‘aumento della compressibilità del £ui-
do, perchè le bolle d‘aria sono compressibili come i gas. Questa causa
il movimento irregolare (a scatti) ed un forte rumore del meccanismo.

La temperatura all‘interno delle bolle d‘aria compresse aumenta. Questo


comporta ad un veloce deterioramento dell‘olio ed alla formazione del
vapore, derivante dall‘olio, nel loro interno.

Attraverso le bolle d‘aria viene a formarsi una schiuma, che viene separata
da una lastra all‘interno del serbatoio, così da permettere il pompaggio
dell‘olio pulito. Pompare l‘olio contenente bolle d‘aria può portare alla
cavitazione, quale in grado di distruggere il meccanismo idraulico.

Il riempimento del dispositivo idraulico può portare alla formazione del


cuscino pneumatico. Per questo gli ingressi di ventilazione vengono po-
sizionati alla stessa altezza del dispositivo, quale permette la rimozione
d‘aria dai tubi del sistema.

77
Tecnica del £uido
Minos

Un altro ingrediente indesiderato dell‘olio idraulico è l‘acqua, perchè pro-


voca corrosione e impedisce la formazione di rivistimento di lubri cazione.

L‘acqua può in ltrarsi nei liquidi idraulici in diversi modi. A volte può esse-
re contenuta già all‘interno dell‘olio fresco oppure formarsi nel serbatoio
come acqua condensata. Inoltre essa può penetrare nei liquidi anche
attraverso la sua perdita dalla ventola di raffredamento.

L‘acqua intorbidisce l‘olio idraulico. Essa è più pesante dell‘olio. e per


questo si deposita nel fondo del serbatoio, ove può essere rimossa at-
traverso l‘apertura della vite di scarico.

Tuttavia è possibile utilizzare olio sintetico, il quale possiede un valore


di densità più vicino a quello dell‘acqua. In questo caso l‘acqua non è in
grado di depositarsi sul fondo del serbatoio. Questo effetto è desiderato
dai £uidi a bassa in ammabilità. Per questo viene usata l‘emulsione
d‘acqua ed olio.

2.3.4 Tutela ambientale

Una piccola quantità d‘olio idraulico è abbastanza da inquinare una


grande quantità d‘acqua, ed è per questo che l‘utilizzo dei £uidi idraulici
deve essere il più ecologico possibile.

I £uidi idraulici vengono classi cati in tre classi, riguardanti i rischi per
l‘acqua:

WGK1 pericolo d‘inquinamento d‘acqua: basso


WGK2 pericolo d‘inquinamento d‘acqua: medio
WGK3 pericolo d‘inquinamento d‘acqua: alto

Oli vegetali inquinano meno. I cosi chiamati bio-oil sono facilmente bio-
degradabile e possono essere usati ad esempio in zone di protezione
d‘acqua. Oltretutto ci sono alcuni £uidi idraulici, quali non rappresentano
alcun pericolo per l‘acqua.

È ovvio che i £uidi idraulici devono essere possibilmente non tossici e


non debbano provocare irritazioni della pelle ed essere inodore.

D‘altra parte i costi dei £uidi idraulici devono essere abbastanza bassi. Il
costo complessivo include il prezzo diretto e la sua durata. In ne bisogna
prendere in considerazione anche le spese di spedizione.

78
Tecnica del £uido
Minos

Esistono numerosi tipi di £uido idraulico. La differenza del tipo viene


de nita da una lettera.

Alcuni tipi importanti di oli minerali sono:

H olio minerale senza additivi, essi vengono utilizzati appena


nell‘idraulica
HL olio minerale con additivi, che aumentano la prevenzione di
corrusione ed hanno lunga durata
HLP sono come quelli HL, ma possiedono ulteriori additivi per la
prevenzione di deterioramento
HVLP sono come quelli HLP, con un grado di viscosità più elevato

Alcuni £uidi importanti a bassa in ammabilità sono:

HSA olio in emulsione d‘acqua, max. 20 Vol.% di parte in ammabile


HSB acqua in emulsione d‘olio, max. 60 Vol.% di parte in ammabile
HSC soluzione-acqua-glicol
HSD £uido sintetico senz‘acqua

Alcuni £uidi importanti per il rispetto dell‘ambiente:

HETG olio vegetale


HEPG Poliglicol
HEES estere sintetico

79
Tecnica del £uido
Minos

2.4 Pompe idrauliche

Le pompe trasformano l‘energia meccanica dei motori in energia idrau-


lica. Viene generata una quantità di £usso ed allo stesso tempo i £ussi
idraulici vengono sottoposti a pressione.

Le pompe lavorano conformemente a due principi base di funzione. Nei


compressori di tipo meccanico l‘aumento di pressione si genera attraverso
l‘incremento della velocità del £usso, che verrà convertita poi in pressione.
Questo processo è in grado di produrre qualche bar di pressione.

Poichè nell‘idraulica vengono usati anche valori d‘energia molto elevati,


saranno necessarie le pompe volumetriche „positive-displacement“. Il
£uido di aspirazione scorre in uno spazio molto ampio, quale riduce le
sue dimensioni dopo il passaggio del £uido. Poichè i £uidi sono quasi
incompressibili, „it will be steadily put back under pressur“. Attraverso
questo principio la pompa idraulica è in grado di produrre una quantità
di pressione superiore ai cento bar.

Esistone numerose forme di costruzione delle pompe volumetriche. A


seconda delle necessità operative di un meccanismo vengono prodotte
pompe sotto diversi principi di costruzione.

Le pompe si sottodividono generalmente in pompe a pistoni rotanti e


pompe a pistoni reciproci. Alcuni modelli più rappresentativi di pompe a
pistoni rotanti sono quelle ad ingranaggi, a vite ed a palette scorrevoli.
Riguardo alle pompe a pistoni reciproci troviamo invece la pompa a pi-
stoni reciproci seriali, a pistone radiale e quella a pistone assiale. Tuttavia
esistono ulteriori tipi di costruzione.

Nei diagrammi le pompe vengono indicate con un cerchio. La direzione


del £usso mentre da un triangolo. La direzione del £usso nel diagramma
generalmente va dal basso verso l‘alto. Se la direzione è possibile da
entrambe i lati, allora la direzione viene simbolizzata da due triangoli
collocati in direzione opposta.

Il motore della pompa è rappresentato da una doppia linea. Una freccia


curva può essere utilizzata per mostrare la direzione del £usso. Una
freccia che attraversa il simbolo della pompa signi ca che la quantità di
£usso è modi cabile; ad essa viene mostrato anche quale tipo di modi ca.
Many pumps have an over£ow oil line connection, wich is indicated with
a small reservoir symbol.

Al contrario delle pompe nei motori il simbolo del triangolo è rivolto verso
l‘interno.

80
Tecnica del £uido
Minos

2.4.1 Pompe ad ingranaggi

Di pompe ad ingranaggi vi troviamo quelle di tipo interno e di tipo esterno.


Quelle di tipo esterno sono tra le più comuni.

La costruzione di una pompa di tipio esterno è molto semplice. La pompa


è robusta e relativamente invulnerabile allo sporco. Essa è adatta a lavo-
rare ad alte frequenze di rotazioni e con valori di viscosità molto elevati.
Oltretutto queste pompe sono relativamente economiche.

Le pompe ad ingranaggi mantengono costante la quantità del £usso. Que-


sta può essere cambiata soltanto attraverso la modi ca della frequenza
di rotazione. A causa delle fuoriuscite provocate dall‘alta pressione tende
a diminuire il volume del £usso, anche se in maniera irrilevante.

Le pompe ad ingranaggi sono composte da due ruote dentate che ruo-


tano in direzione opposta all’interno del loro involucro. Il £uido idraulico
passa tra le ruote e le pareti del loro involucro, raggiungendo il portello
di pressione. Nella parte centrale i denti delle ruote si ingranano tra di
loro e prevenendo il ri£usso del £uido.

Figura 42: pompa ad ingranaggi (immagine di: BoschRexroth)

81
Tecnica del £uido
Minos

Una piccola quantità del £uido idraulico rimane tra i denti, riducendone
lo spazio che intercorre tra loro. Questo comporta all’incremento della
pressione. Per impedire che questo avvenga è opportuno utilizzare
„squeezed oil“ alimentato da piccoli canali disposti sul lato della pres-
sione. Questo permette alla pompa di lavorare in maniera più silenziosa
e sof ce.

Le guarnizioni premeno le ruote dentate da un lato. La forza della pres-


sione è generata dalla pressione che agisce sulle guarnizioni allo sbocco
della pompa. Attraverso l’incremento della pressione, al momento della
sua emissione, aumenta anche la forza esercitata dalle guarnizioni.
Questo tipo di costruzione speci ca qual’è l’entrata delle due connessioni
e il lato della pressione. Quindi la direzione del £usso dipende dal tipo
di costruzione e non può essere cambiata.

Le perdite di pressione in una pompa determinano il fattore volumetrico


di ef cienza. Questo fattore descrive il rapporto tra la quantità attuale
del £usso con la quantità possibile teorica. La frizione all’interno della
pompa viene descritta con il fattore di ef cienza meccanico.

Alcuni svantaggi delle pompe ad ingranaggi di tipo esterno riguardano le


pulsazioni del £uido e il loro rumore. La causa delle pulsazioni è dovuta
dall’ingranamento e il rilascio dei singoli denti della ruota. Le pulsazioni
si possono ridurre attraverso l’utilizzo di due pompe, „so that the teeth
of the gearwheel of one pump are shifted by a half tooth relative to the
other pump.“ Possono essere usate anche ruote dentate „with sloped
teeth“. Esse però producono una forza assiale che deve essere assorbita
attraverso l’ausilio di cuscinetti.

Le pompe ad ingranaggi di tipo interno sono costituite da due ruote


dentate di grandezza differente. I denti della ruota più grande sono diretti
verso l’interno. La ruota più piccola è costruita in maniera tale da poter
da un lato di essa ingranare con quella più grande. Dall’altra parte lo
spazio a forma di falce è riempito parzialmente da un corpo solido sso.
Questo corpo a forma di falce ricopre lo spazio tra i denti delle due ruote.

Attraverso la rotazione degli ingranaggi viene a formarsi in modo crescen-


te uno spazio tra di loro, che viene riempito dal £uido idraulico. Gli spazi
intermedi tra i denti della ruota passano vicino al corpo separato a forma
di falce. Il volume dello spazio non cambia. Soltanto dopo il corpo sepa-
rato ingranano di nuovo i denti ed il volume decresce nuovamente. In
questa sezione il £uido viene espulso di nuovo dalla pompa.

82
Tecnica del £uido
Minos

Poichè la sezione tra il punto di immissione ed espulsione è molto lunga,


„l’alimentazione“ è libera dalle pulsazioni e dal rumore. Tuttavia i costi
sono relativamente alti se comparati alle pompe di tipo esterno.

La pompa ad ingranaggi ad anello ha una costruzione molto simile a quelle


qui nora descritte. L’ingranaggio al suo interno possiede esattamente
un dente in meno di quello esterno. Le ruote sono sempre in contatto tra
di loro, senza dover ricorrere all’ausilio del compenente a forma di falce.
Poichè l’ingranaggio interno si trova in posizione eccentrica rispetto a
quello esterno, i denti ingranano su un punto laterale di essa. Mentre
dall’altra parte le ruote sono popsizionate in direzione opposta tra di loro.
Durante la rotazione aumenta inizialmente il volume, per poi diminuire
nuovamente.

Ci sono tipi di costruzione caratterizzate da ruote esterne che sono ent-


rambe sse e ruotanti. Nelle costruzioni con ruota esterna ssa, la ruota
interna ulteriormente alla sua normale rotazione muove su di una guida
di forma circolare. Questo principio di funzione viene chiamato Gerotor.
Il vantaggio consiste che nella sua piccola frequenza rotazionale è in
grado di generare un elevato volume del £usso.

Figura 43: pompa ad ingranaggi di tipo interno (figura di: BoschRexroth)

83
Tecnica del £uido
Minos

2.4.2 Le pompe a vite

Una pompa a vite è composta da due o tre mandrini a forma di vite con
la rispettiva lettatura inversa.

Quando il mandrino gira „a closed volume moves to the pressure side


per thread pitch.“Con il suo moto rotazionale uniforme la pompa a vite è
in grado di produrre costantemente un determinato £usso di volume ed
è molto silenziosa.

Il numero dei letti varia a seconda della quantità di pressione desiderata.


Più è alta la pressione desiderata maggiore saranno i numeri dei letti.
Con questo le perdite tra i singoli letti vengono diminuite. La forza as-
siale che agisce sui mandrini viene intercettata dai cuscinetti esterni. La
forza radiale invece è insigni cante, in quanto i mandrini sono esposti a
pressione da tutte le direzioni.

Le pompe a vite, come quelle ad ingranaggi, alimentano una quantità


costante di £uido per giro. La quantità può essere cambiata soltanto mo-
di cando la sua frequenza di rotazione. Tuttavia le pompe a vite possono
lavorare a frequenze rotazionali molto elevate.

Figura 44: pompa a vite (figura di: BoschRexroth)

84
Tecnica del £uido
Minos

2.4.3 Pompe a palette

Le pompe a palette hanno un rotore che gira all‘interno di un involucro. Al


rotore sono predisposte molte palette che attraverso la forza centrifuga si
dirigono verso l’esterno. Le palette possono essere spinte anche contro
le pareti dell’involucro, per mezzo di molle oppure utilizzando l’espulsione
della pressione di una pompa.

La posizione eccentrica del rotore permette l’aumento dello spazio tra


l’involucro e risucchia i £uidi al suo interno. Dopodichè diminuisce di
nuovo la misura dello spazio e attraverso ciò il £uido viene alimentato
dalla parte della pressione.

In alcune costruzioni, che possiedono l’involucro a forma di ovale, il pro-


cesso qui sopra descritto viene implementato due volte per giro. L’asse
viene allo stesso tempo appesantita perchè le forze radiali opposte si
compensano l’una con l’altra.

Le pompe a palette hanno un livello di rumore relativamente basso,


perchè la loro alimentazione è quasi libera dalle pulsazioni. Esse vengono
usate prima di tutto per ottenere un grande volume di £usso oppure per
una piccola quantità di pressione. Sono possibili anche le costruzioni a
due tempi. Poichè le palette slittano lungo le pareti dell’involucro queste
pompe sono più vulnerabili allo sporco.

Figura 45: pompa a paletta (figura di: BoschRexroth)

85
Tecnica del £uido
Minos

Le pompe a paletta hanno costruzioni dove la quantità del £uido può


essere costante o variabile. Il volume viene cambiato attraverso lo spo-
stamento del rotore, al contrario delle pompe a volume costante dove
esso è sso. Anche nelle pompe a doppia alimentazione lo spostamente
è impossibile.

A seconda del tipo di costruzione il rotore può essere cambiato manu-


almente oppure idraulicamente. Quando esso ruota al centro del suo
involucro lo spazio tra le palette rimane invariato e non ci sarà nessua
alimentazione. Più il rotore si sposterà dalla sua posizione centrale ori-
ginaria, maggiore sarà la portata del £usso. In molti tipi di costruzione la
direzione del volume può essere invertita spostando il rotore alla parte
opposta della sua posizione eccentrica attuale.

Nelle pompe a paletta è possibile regolare anche la pressione. Una volta


raggiunta la pressione desiderata il rotore viene spostato inella posizio-
ne intermedia. In questa posizione non viene più alimentata la quantità
del volume, ma la pressione rimane costante. Non appena la pressione
diminuisce il rotore verrà spostato dall posizione intermedia e riinizierà
di nuovo il processo di alimentazione.

I controlli della pressione, sotto questo principio, devono reagire veloce-


mente per prevenire o vaporizzare ogni tipo di „oscillazione“ o problema
nel sistema.

2.4.4 Pompe a pistoni seriali

Le pompe a pistoni seriali appartengono alle reciproche macchine a


pistoni. Esse sono caratterizzate da numerosi cilindri ordinati in serie.
I pistoni all’interno dei cilindri vengono mossi da una camma/albero.La
corsa di ritorno dei pistoni viene eseguita per mezzo di una camma o di
una molla.

L’aspirazione e l’alimentazione vengono controllate dalle valvole, cosic-


chè la la direzione dell’alimentazione sia independente dalla direzione
di rotazione.

La quantità del volume può passare attraverso il pistone. I pistoni han-


no un „sloped boarder“ che a seconda della sua posizione, permette di
connettere un maggior o minor numero di sezioni dello „stroke“ attraverso
la loro apertura, attraverso la quale il £uido è in grado di tornare.

86
Tecnica del £uido
Minos

2.4.4 Pompe a pistoni radiali

Si distinguono due tipi fondamentali di costruzione di pompe a pistoni


radiali. Nelle pompe pressurizzate internamente i pistoni che vengono
costruiti a forma di stella, puntellano l’involucro dall’esterno. Esse ruotano
con i cilindri posizionati eccentricamente nell’involucro. Il pistone immette
il £uido idraulico dall’interno espellendolo nuovamente dopo una mezza
ruotazione dal centro.

Il numero dei pistoni è disparo, rendendo l’alimentazione più regolare.


Essi puntellano le pareti dell’involucro direttamente oppure „via rolls“ o
„seating shoe“. La frizione può essere ridotta usando il £uido idraulico
pressurizzato.

La corsa del pistone e consequentemente l’alimentazione del volume


possono essere cambiati spostando l’anello dell’involucro. Posizionan-
do il pistone esatamente al centro non risulta nessuna alimentazione.
In alcune costruzioni la direzione d’alimentazione può essere invertita
spostandola nella direzione opposta. La posizione dell’anello può essere
modi cata manualmente oppure idraulicamente.

Figura 46: pompa a pistoni radiali (figura di: BoschRexroth)

87
Tecnica del £uido
Minos

Nelle pompe a pistoni radiali pressurizzate esternamente anche i pistoni


sono costruiti a forma di stella. Tuttavia essi sono ssi e vengono mossi da
un meccanismo eccentrico situato in una posizione intermedia. Per poter
mantenere i pistoni in contatto con „l‘elemento eccentrico“ essi vengono
pressati da una molla. La regolazione dell’aspirazione e dell’emissione
viene svolta svolta per mezzo di „slitte“/guide o valvole.

Le pompe a pistoni radiali sono applicabili a pressioni molto elevate di


diverse centinaia di bar. Esse possiedono connessioni di supporto per le
perdite d‘olio, attraverso le quali l‘olio ri£uisce nel serbatoio. Non deve
accumularsi pressione all‘interno delle condutture d’olio.

2.4.4 Pompe a pistoni assiali

Nelle pompe a pistoni assiali i pistoni sono paralleli o leggermente inclinati


gli uni con gli altri. Queste pompe hanno un numero disparo di pistoni
rendendo l‘alimentazione più stabile.

Le pompe a pistoni assiali si dividono in quelle: a pistone assiale inclinato


e a piatto inclinato. Nelle prime l’involucro e il pistone sono posizionati
angolarmente all’albero di uscita. D’altra parte, nelle pompe a piatto
inclinato, i pistoni sono mossi per mezzo di un piatto „sloped-arrenged“.

Figura 47: Pompa a pistoni assiali, pistone assiale inclinato (immagine di: BoschRexroth)

88
Tecnica del £uido
Minos

I pistoni nelle pompe a pistoni assiali inclinati, vengono ordinati all’interno


di un tamburo rotante. Essi sono ssati su di un piatto rotante per mezzo
di giunte a forma sferica. La rotazione viene trasformata dal piatto al
tamburo attraverso i pistoni, oppure usando giunti cardanici.

A causa dell’angolo tra il piatto e il tamburo le giunte sferiche si muovono


su una via ellittica che facilita il movimento avanti e indietro dei pistoni
durante un giro. La loro forma conica permette l’esecuzione di questo
movimento. È possibile la presenza nel pistone di una ulteriore giuntura
a sfera.

Durante il compimento di un giro il tamburo i pistoni passano atrraverso


due aperture „drusy-shaped“. Attraverso di esse è possibile regolare
anche l‘alimentazione e l‘aspirazione.

Le pompe a pistoni assiali con angolo sso sono pompe costanti. Nelle
pompe modi cabili può essere cambiata l’angolazione del tamburo e
consequentemente la quantità del £usso.Le possibilità di modi ca in tutte
e due i lati della posiztione intermedia permette anche l’inversione della
direzione del £usso.

Figura 48: pompa a pistoni assiali, piatto inclinato (immagine di:


BoschRexroth)
89
Tecnica del £uido
Minos

Nelle pompe a piatto inclinato anche i pistoni ruotano dentro al tamburo.


Essi vengono pressati in un piatto inclinato per mezzo di molle oppure
ssati sul piatto con giunte a sfera. Tuttavia sono i pistoni che attraverso
i loro cuscinetti ruotano sul piatto.

La regolazione dell’aspirazione e dell’alimentazione in queste costruzioni,


viene regolata anch’essa attraverso le due aperture „drusy-shaped“. Il
tamburo passa attraverso queste aperture durante la rotazione.

Modi cando l’inclinazione del piatto è possibile cambiare la corsa del


pistone e di consegueza l’espulsione del £usso.

Nelle pompe a pistoni assiali con piatto oscillante il tamburo non ruota
insieme al pistoe. È il piatto a ruotare, invece di premere i pistoni uno
dopo l‘altro all‘interno del tamburo.La corsa di ritorno viene effettualta per
mezzo della forza elastica, la quale respinge i pistoni al piatto.

La posizione inclinata del piattello non può essere modi cata. Di conse-
guenza queste pompe sono in grado di supportare soltanto una quantità
costante di £usso.

Figura 49: pompa a pistoni assiali, a piatto oscillane (immagine di: BoschRexroth)

90
Tecnica del £uido
Minos

2.5 Cilindri e motori

Le pompe trasformano l’energia meccanica in pressione energetica. I


meccanismi idraulici trasformano quest’energia nuovamente in mecca-
nica. I dispositivi che generano un moto lineare sono chiamati cilindri
o idro-cilindri. D’altra parte, i motori vengono usati per generare moti
rotazionali.

Le valvole vengono utilizzate per controllare i dispositivi. Essi sono


connessi alle pompe per mezzo di tubi.

I cilindri idraulici vengono utilizzati per muovere carichi pesanti, che ne-
cessitano di forze molto grandi. Usi tipici sono la fresatura e l’iniezione. In
questo caso le velocità richieste sono decisamente basse. I cilindri idraulici
possono lavorare anche con alte velocità, ad esempio per chiudere una
pressa attraverso macchine a stampaggio ad iniezione.

I dispositivi idraulici hanno una elevata potenza di densità. Essi sono


perciò de nitivamente più piccoli di altri dispositivi che capaci di una simile
prestazione. I dispositivi elettrici ad esmpio richiedono troppo spazio. I
meccanismi pneumatici sono collocati in una posizione intermediaria tra
i meccanismi idraulici o elettrici.

Dispositivo
Elektromotorelettrici (motore asincrono a tre fasi )
(Drehstrom-Asynchronmotor)
Dispositivo pneumatici
Druckluftmotor (motore a lamella)
(Lamellenmotor)
Dispositivo idraulico
Hydraulikmotor (motore ad ingranaggi)
(Zahnradmotor)

Figura 50: comparazione della misura dei dispositivi

91
Tecnica del £uido
Minos

2.5.1 Cilindro ad azione singola

I cilindri si dividono in due principali forme di costruzione: ad azione


singola e ad azione doppia. I cilindri ad azione singola trasporta le forze
in una sola direzione. La corsa di ritorno viene svolta una molla o una
forza esterna.

In generale i cilindri consistono in pistoni con pistoni a stelo, il tubo ci-


lindrico con due „tappi“, i quali chiudono i tubi del cilindro da tutte e due i
lati. I cilindri ad azione singola possiedono soltanto ua connessione per
immettere e espellere il £uido idraulico.

Il £uido idraulico entra nella camera del pistone pressando quest’ultimo.


Questa forza viene trasformata verso l’esterno attraverso i pistoni a
stelo- La forza del cilindro dipende consequentemente dalla super cie del
pistone e la pressione del £uido idraulico. Mentre la velocità di fuoriuscita
del £uido dipende dalla quantità del £usso.

Il pistone può essere anche a forma di disco, come nei cilindri a doppia
azione. La posizione di partenza ritratta oppure estesa del cilindro è
possibile senza l‘ausilio della pressione. I cilindri con una molla reversa
hanno una corsa breve. La molla infatti necessita di un determinato spazio
e la forza elastica varia durante la sua corsa.

I cilindri plunger possiedono soltanto un pistone a stelo. Quando questi


cilindri sono operativi, non è permesso al pistone di uscire in maniera
completa, in£uenzato dal pesante impatto.

Per questa costruzione non ci sono accorgimenti speciali, riguardo l‘area


della super cie interna. Il pistone a stelo deve essere installato nella parte
superiore del cilindro, verso le pareti dell‘involucro.

I cilindri plunger vengono utilizzati su dispositivi di sollevamento o su


carrelli elevatori.Ma possono essere usati anche come ruote nei cilindri
d‘arresto. „Shear forces“ non deveno agire sui pistoni a stelo. Unità di
guida vengono utilizzate quando queste forse vengono a manifestarsi.

Un‘altro cilindro speciale, ad azione singola, è il cilindro a telescopio. Al


suo interno si trovano più pistoni situati uno dentro l‘altro, che scorrono
verso l‘esterno uno alla volta.La lunghezza di questi cilindri è molto lunga.

I cilindri a telescopio „have uo to 5 steps“. La loro corsa di ritorno è molto


lunga ed essi non generano „shear forces“

92
Tecnica del £uido
Minos

I cilindri a telescopio necessitano di molti „sealings“. Per questo richiedono


un‘accurata precisione nel trattamento, ed i loro costi sono molto elevati.

L‘estensione dei cilindri a telescopio inizia sempre dal pistone più grande.
Esse genera maggior forza rispetto agli altri. Gli altri pistoni escono in
maniera progressiva a seconda della loro grandezza. La forza esercitata
dai pistoni diminuisce relativamente alla loro grandezza.

D‘altra parte però, aumenta la velocità man mano che i pistoni di diame-
tro inferiore compiono il loro movimento, se la portata rimane costante.
Durante la loro corsa di rientro, ovviamente la velocità tende a diminuire.
Durante quest‘ultimo movimento la portata deve essere ad effetto oscil-
lante, in modo da prevenire il duro impatto tra un pistone e l‘altro.

I cilindri a telescopio vengono tilizzati ad esempio negli „skips“ e nei solle-


vatori idraulici. Il decrescere della forza durante la loro estensionenon
è di grande importanza per gli „skips“, perchè essi richiedono maggiore
forza dzurante la fase di sollevamento. È bene ricordare che quando
l‘ultimo pistone, il più piccolo, compie la sua estensione, il cilindro esercita
il massimo della sua forza.

Ci sono anche cildri a telescopie ad azione doppia. I pistoni di questi cilin-


dri compiono il loro movimento di ritorno attraverso la pressione, che viene
applicata sulla parte dello stelo, quindi senza l‘ausilio di forze esterne.

I cilindri a telescopio, che possiedono tutti i pistoni di uguale grandezza,


vangono chiamati cilindri a telescopio di bilanciamento della corsa.Poichè
la grandezza della loro super cie è uguale, essi corrono verso l‘esterno
in modo similtaneo. Questo previene dagli impatti di transizione intermedi
tra un pistone e l‘altro.

93
Tecnica del £uido
Minos

2.5.2 2.5.2.Cilindri ad azione doppia

I cilindri ad azione doppia sono di uso molto frequente. Essi sono in gra-
do di espellere la forza in tutte e due le direzioni di corsa. Entrambe le
connessioni del £uido idraulico possono essere pressurizzate o connesse
al serbatoio, a seconda del moto di direzione.

I cilindri idraulici possono espellere forze molto grandi grazie alla loro
elevata capacità di pressione. Per permettere questo il pistone a stelo del
cilindro possiede un diametro più largo di quello del cilindro pneumatico.

Molti cilindri idraulici hanno la super cie del pistone due volte più larga
di quella a forma di anello die pistoni a stelo. Perciò le forze generate da
un cilindro idraulico, durante la sua estensione, sono due volte più grandi
di quelle d‘espulsione, durante il rientro del pistone.

Le grandezze delle camere di un cilindro, in tutte e due i lati, variano a


seconda della grandezza della super cie del pistone. Quindi, a volume
costante, il cilindro si estende due volte più lentamente di quando si ritira.

Figura 51: cilindro ad azione doppia (immagine di: BoschRexroth)

94
Tecnica del £uido
Minos

Un „coupling“ speciale permette il passaggio del £uido idraulico dallo


stelo al pistone. Questo avviene mentre il cilindro compie la sua corsa
verso l‘esterno, aumentandone la velocità di uscita, ma riducendone la
forza generata. Un‘alta velocità d‘uscita e necessaria per una rapida
„alimentazione“.

È possibile utilizzare le differenti aree di super cie per trasformare la


pressione. Nel caso il £uido idraulico non fosse in grado di fuoriuscire
dalla camera del pistone a stelo, a seconda del rapporto tra le aree del-
la super cie del pistone una determinata quantità di pressione verrà a
crearsi all‘interno della camera dei pistoni a stelo.

Un‘elevata quantità di pressione potrebbe crearsi anche nel caso che


il £uido idraulico, emesso dalla camera del pistone a stelo, fosse forte-
mente soffocato/strozzato. Questo fattore è importante e da prendere in
considerazione nel momento della scelta delle valvole e le loro apposite
connessioni.

I cilindri con pistone a stelo singolo sul lato vengono chiamati anche ci-
lindri differenziati, a causa delle diverse misure delle aree delle super ci
dei pistoni. Mentre i cosi chiamati cilindri „balanced running cylinder“
possiedono un pistone a stelo su ognuno dei due lati.

Questi cilindri hanno la stessa super cie d‘area. Perciò essi producono
la stessa quantità di forza su tutte e due le direzioni e hanno la stessa
velocità di moto direzionale.

Alcuni cilindri idraulici hanno una „end position damping“. Questa am-
morbidisce l‘impatto del pistone una volta raggiunta la posizione nale.
Inoltre sono necessari quando si lavora a velocità molto elevate, oppure
quando devono essere spostati carichi molto pesanti e rallentati non
appena raggiunta la posizione nale.

L‘apertura necessaria per far fuoriuscire il £uido idraulico verso l‘esterno,


viene chiusa da una parte del pistone, leggermente prima che esso
raggiunga la posizione nale. Un‘apertura ulteriore, connessa ad un
„adjustable choke“, rimane libera, permettendo di regolare il „throttling“-
-soffocamento/strozzamento--. La valvola di controllo viene connessa
parallelamente con il „choke“, in modo da posizionare a propria scelta la
direzione dello strozzamento.

La sezione del pistone, la quale chiude l‘apertura libera del tubo di sca-
rico, può essere supportata da scanalature oppure da fori da trapano.
Questo previene da un‘improvviso inizio dello strozzamento, ma potrebbe
causare un impatto indesiderato.

95
Tecnica del £uido
Minos

Oltre ai cilindri a doppia azione, qui sopra descritti, esistono molti altri
tipi di costruzione.

Due cilindri possono essere connessi in serie in modo da aumentare la for-


za generata. La lunghezza complessiva di questi cilindri „tandem“ è quasi
due volte maggiore a quella di un cilindro con una corsa comparabile. La
forza loro esercitata è quasi il doppio se si confronta con un cilindro con
lo stesso diametro del pistone. Questa costruzione viene usata quando
il diametro del pistone non puo superare una determinata misura.

I cilindri a moto rapido sono usati se si necessita di alte velocita. La costru-


zione è simile a quella di un cilindro a telescopio ad azione doppia. Nella
prima parte della corsa fuoriesce il pistone a moto rapido, generando una
piccola forza e un‘alta velocita. Dopodichè „the working stroke starts“ e la
pressione viene applicata sull‘intera area della super cie. L‘intera forza
viene espulsa a bassa velocità. I cilindri a moto rapido vengono usati ad
esempio nelle presse.

Costruzioni ad alette vengono utilizzate per generare un moto oscillante.


Le alette vengono montate su di un albero e possono ricevere la pres-
sione da tutte e due i lati. L‘involucro determina l‘amplitudine del moto.
È possibile raggiungere valori superiori ai 300°.

Il cilindro a pistone rotante ha una costruzione simile a quella die cilindri


per l‘oscillazione. Esso ha una forma ricurva e muove all‘interno del tubo
curvo del cilindro.

2.5.3 Fissaggio dei cilidri

Ci sono molti metodi per ssare un cilindro idraulico. In genere il ssaggio


puo essere di tipo £essibile o in£essibile. Cilindri a montaggio in£essibile
vengono riforniti con £uido idraulico attraverso tubi e canali, mentre quelli
£essibili richiedono l‘ausilio di manichette.

La „forma costruttiva con piedi“ appartiene al metodo di ssaggio di tipo


in£essibile. Il cilindro viene ssato su tutte e due le estremità inferiori.
Tuttavia un montaggio in£essibile può essere eseguito per mezzo di una
£angia, che puo essere annessa alla testa oppure allo stelo del pistone.
Nel caso che il pistone venisse usato per applicare le forze nel momento
d‘uscita della sua corsa, allora la £angia deve trovarsi sulla testa del pi-
stone. Al contrario, la £angia verrà applicata allo stelo nel caso il cilindro
dovrà generare la forza al momento del suo rientro.

Per un ssaggio £essibile viene applicata una testa a forca nella parte
inferiore del pistone. Il ssaggio £essibile nella parte intermedia del cilindro
viene chiamata „center pin“.

96
Tecnica del £uido
Minos

Il „rod eye“ permette la realizzazione di altri piccoli movimenti, oltre a quelli


oscillanti. La testa a due punte o un „rod eye“ possono essere montati
sul lato dello stelo del pistone. Ma è possibile che lo stelo disponga di
una unica lettatura.

Durante il ssaggio di un cilindro, con una corsa molto lunga, il pistone


potrebbe piegarsi. Per prevenire questo problema bisognerà calcolarne
il peso (buckling load). Il carico di lavoro è impostato al fattore 3,5.

Per de nire il carico „buckling“ dobbiamo ricorrere al calcolo Euler ser-


vedoci dell‘ausilio delle colonne „buckling“. Il tipo di carico si de nisce
a seconda del tipo di ssaggio. Il calcolo viene eseguito per il cilindro
insieme al pistone a stelo.

Il calcolo del carico „buckling“ è multiplo. Tuttavia è anche possibile ser-


virci del diagramma di supporto distribuito dal produttore.

Figura 52: cilindro idraulico con testa a forca

97
Tecnica del £uido
Minos

2.5.4 Motori idraulici

Il principio di costruzione dei motori idraulici è simile a quello delle pom-


pe. A volte è possibile utilizzare queste pompe direttamente in funzione
di motori e senza dover ricorrere a nessun tipo di modi ca. Ma in altre
costruzioni questo non è possibile. Ciononostante è consigliabile di non
adoperare queste pompe in funzione di motori idraulici, perchè i motori
sono in parte diversi nella loro struttura e conseguentemente più ef cienti.

A differenza delle pompe, la quantità del £usso, che passa attraverso i


motori, è chiamata capacità di assorbimento. Alcuni motori idraulici questa
capacità è costante per ogni giro. La velocità di rotazione di questi motori
può essere cambiata soltanto attraverso la quantità del £usso. In motori
con capacità di assorbimento variabile può essere cambiata anche la
frequenza di rotazione.

I motori idraulici sono divisi in alta e bassa velocità, a seconda della loro
velocità di rotazione. Motori che raggiungono una velocità inferiore ai 500
giri per minuto appartegono alla fascia bassa velocità.

I motori ad ingranaggi possono sopportare frequenze rotazionali molto


elevate di diversi rpm. Essi hanno una capacità di assorbimento costante
e la loro costruzione e il loro principio di funzionamento è simile a quello
delle pompe ad ingranaggi.

Motori a ingranaggi possono avere una o due direzioni di rotazione. Quelli


a doppia direzione di rotazione vengono chiamati anche reversibili, e sono
caratterizzati da una forma di costruzione interna di tipo simmetrico. Mo-
tori a direzione unilaterale hanno „otturatori di pressione“ (pressure ratio
sealing)al loro interno. In questo caso non è permesso di intercambiare
i lati della alta e bassa pressione.

Per iniziare la rotazione viene applicata la pressione alla connessione di


pressione ad alta velocità, e di conseguenza alla ruota di ingranaggio,
esercitando un movimendo torcente sull‘albero. La perdita d‘olio £uisce
all‘interno della riserva attraverso connessioni separate.

I motori a pistoni assiali sono anch‘essi paragonabili a quelli delle pompe


a pistoni assiali. Anche i principi del piattello (swashplate) e dell‘asse
inclinato (bent axis) sono usati anche per questi motori. La frequenza di
rotazione e il momento torcente possono essere cambiati modi cando
l‘inclinazione. Anche la direzione di ruotazione può essere invertita.

I motori a pistoni assiali sono molto compatti e possono essere usati ad


esempio come motori da trazione per macchine a lento movimento. In
questo esempio il motore guiida le ruote senza l‘intermediazione degli
ingranaggi.

98
Tecnica del £uido
Minos

I motori a pistoni radiali, come le pompe, possono essere pressurizzati


dall’interno o dall’esterno. Se i pistoni spingono un „Eccenter“ all‘interno,
verrà compiuta una corsa per giro e per pistone.

Nelle costruzioni inverse i pistoni premono dall‘interno le pareti a forma


d‘onda dell’involucro. Nelle estremità inferiori dei pistoni vengono as-
semblati dei rulli che permettono di moderare la forza d’attrito. I pistoni
compiono diverse corse per giro. Perciò questi motori sono più adatti per
frequenze di rotazione non molto grandi.

I motori a pistoni radiali hanno una capacità di assorbimento costante. È


possibile accorciare sino a metà la lunghezza di corsa dei pistoni. Questo
raddoppia la frequenza di rotazione e diminuisce la forza torcente.

Un’altro motore a bassa velocità è il cosi chiamato gerotor. Esso può


essere comparato alle pompe ad ingranaggi interni, all’interno della quale
gli ingranaggi possiedono un dente in meno rispetto a quelle esterne. La
pressione fa girare la ruota interna „lurching“ su quella esterna. L’albero
motore connette le ruote interne con l’albero di trasmissione. Un giro
completo della ruota corrisponde al giro completo di un dente che ruota
intorno all’albero di trasmissione.

Figura 53: motore Gerotor (immagine di: BoschRexroth)

99
Tecnica del £uido
Minos

I motori gerotor sono compatti e robusti. La loro capacità di assorbimento


è molto elevata e costante e permette loro di generare una grande forza
torcente per una frequenza di rotazione molto bassa.

Alcuni produttori propongono differenti tipi di motori idraulici. Alcune


costruzioni sono simili a quelle delle pompe rotative a palette, che ven-
gono pressurizzate per ottenere la torsione. In altre costruzioni dei „rotary
slide“ funzionano da sigilli per coprire lo spazio che intercorre tra le palette.

2.6 Condotti e tubi flessibili

Il £uido idraulico viene trasportato dalla pompa al „consumatore“ per


mezzo di tubi idraulici, stabili e molto resistenti. I tubi £essibili vengono
utilizzati per connettere componenti mobili.

Per diminuire l’uso di condotti e tubi £essibili, molti componenti, come le


valvole, possono essere connessi l’uno con l’altro. Questo metodo viene
chiamato „chaining“ (seriale, a catena). Attraverso questo metodo i £uidi
scorrono attraverso l’apertura di un primo componente no a raggiungere
l’altro.

Condutture e tubi £essibili vengono tesi da forze interne e forze esterne.


Il compito primario è quello di trasportare la pressione generata dalla
pompa, la quale necessita di un derminato spessore e solidità delle pareti.
Bisogna prendere in considerazione che possono accumularsi pressioni
più elevate di quelle generate dalla pompa durante la loro trasformazione.

L’estensione, causata dal calore o dall’oscillazione, comporta una ulte-


riore tensione dei tubi. Quindi è opportuno prevenire i tubi da eventuali
deformazioni e inclinamenti del raggio. In generale è bene prevenire
ogni tipo di piegatura, perchè possono riscontrarsi sempre perdite di
pressione. Apposite aperture di ventilazione, nella parte superiore della
pompa, servono a rimuovero l’aria al’interno dei tubi.

Per determinare il diametro dei tubi è necessario calcolare la media della


velocità del £usso. Molti tubi devono far scorrere l‘intero £usso del volu-
me alimentato dalla pompa. In questo caso, la velocità del £usso deve
essere di circa 4 e 6 m/s. Velocità superiori devono essere raggiunte
soltanto con la ressione.

Per prevenire la fomazione di cavitazioni la media della velocità del £usso


non deve superare 1 m/s. Perciò il dametro del tubo di immissione è più
largo di quello della pressione. I tubi che riconducono al serbatoio devono
essere appropriati a bassa velocità, equivalente circa a 3 m/s.

100
Tecnica del £uido
Minos

Connessioni separabili delle tubatura vengono fabbicrate con connessioni


a dado o ad anello. Il bordo appuntito dei sigilli ad anello viene pressato
verso il tubo formando una connessione compatta. Per tubi molto larghi
vengono usate delle £ange.

Giunte oscillanti permottono di conettere due parti mobili. Le forze svi-


luppate vengono assorbite da un cuscinetto. Piccole forze sono quindi
suf cienti per il movimento attuale.

I tubi fessibili sono fatti di gomma resistente all‘olio, rivestiti da un reticolato


di tela o d‘acciaio, per aumentarne la resistenza. Sottopressione il tubo
si estende di poco, facendo crescere la resiliensa totale dell‘intero dispo-
stivo draulico.Questo effetto viene utilizzato per attenuare l‘oscillazione.

Separatori rapidi vengono usati con tubi di connessione separabili. Essi


possono essere disconnessi soltanto in mancanza di pressione.

Le connessioni devono essere costruite senza creare dei nodi. Essi non
non devono presentare contorsioni. Per prevenire piccole piegature de-
vono pendere possibilmente verso il basso.

Figura 54: connessioni per tubi flessibili

101
Tecnic