Sei sulla pagina 1di 24

1

FORMULARIO
DI
ACUSTICA AMBIENTALE

ANNO 2012-2013

PROF. ING. RICCARDO FANTON


2

VERSIONE 03-2014
3

FORMULARIO
Equazione di un’onda armonica piana : y  Asen[k ( x  Vt )]

senkr  t 
A
Equazione di un’onda armonica sferica: y
r

V
Lunghezza d’onda:   VT 

2
Numero d’onde: k

 E 
Densità di energia: D  bA 2
Vol

 E  W
Intensità di un’onda: I I I  bA2V  b  A2 c
St S

 E 
potenza : W
t

p   RT
velocità di un’onda sonora nell’aria: c c
 M

formule sperimentali per la velocità del suono:

Per la temperatura T in Kelvin: [m/s]

Per la temperatura t in Celsius: [m/s]

Per i solidi: [m/s]

pressione efficace di un suono:

costante b delle onde sonore ( densità dell’aria):

intensità di un’onda sonora:

densità di energia media di un onda piana:

densità di energia di un’onda sferica:


4

frange d’interferenza costruttiva di due sorgenti di onde sferiche in fase:

r  n con n = 0,1,2,3…

Frange d’interferenza distruttiva di due onde sferiche in fase:


r  2n  1 con n = 0,1,2,3…
2


Onde stazionarie: Ln con n = 1,2,3,….
2

sen iˆ V1
Rifrazione, formula di Snell:   n12
sen rˆ V2

2
Il decibel, livello di pressione sonora: L  10  lg P 2 dB 
P0
Vari tipi di livelli sonori:

W D
LW  10 log LD  10 log
W0 D0

I P2
LI  10 log LP  10 log 2
I0 P0

W0  10 12W 1
10 log  11
Dove 4
I 0  10 12 W
m2 10 log r  2  20 log r

Collegamento LI con LW per onde sferiche:

LI  LW  20 log r  11
Pressione minima percepibile: P0  2 10 5 Pa

Intensità minima percepibile:


P2
I0  0 

2 105 2

 1012W / m3
0c 400

p
Impedenza acustica: z  0c =400 in condizioni normali
v

I 0 10 12 j
Densità di energia minima percepibile: I  Dc  D0    2.94 10 15 3
c 340 m
5

Con queste costanti si ha: LI  LD  LP

Curva di ponderazione A

10
dB

-10

-20

-30

-40

-50

16000
10000

12500

20000
200
100

125

160

250

315

400

500

630

800
31.5

1000

1250

1600

2000

2500

3150

4000

5000

6300

8000
25

40

50

63

80

Frequenza (Hz)

Tabella 1: Ponderazione A
6

Fattore di direttività: Q = I  / Io

Indice di direttività: D = 10 log Q (dB) (non confondere con la densità di energia)

Per la propagazione in campo libero di una sorgente puntiforme si ha:


LI = Lp = LW - 20 log r - 11 + 10 log Q (dB)

ONDE CILINDRICHE
Dati:
Lwi= livello di potenza prodotto da un veicolo
n = numero di veicoli transitati nell’intervallo di tempo t
t = intervallo di tempo di transito degli n veicoli
v = velocità media di transito della colonna di n veicoli
l = vt lunghezza della colonna di n veicoli
r = distanza dalla colonna di veicoli del punto in cui si vuol conoscere il livello di
pressione.

ONDE SEMICILINDRICHE
Dati: stessi significati dei simboli di quelle cilindriche
7

Coefficienti di assorbimento acustico dell'aria in dB/km (dalla Norma ISO 9613-1) per alcune
combinazioni di temperatura e umidità relativa dell'aria,

Frequenze centrali di banda di ottava

T(°C) U,R,(%) 63 125 250 500 1000 2000 4000 8000

10 70 0,12 0,41 1,04 1,93 3,66 9,66 32,8 117,0

15 20 0,27 0,65 1,22 2,70 8,17 28,2 88,8 202,0

15 50 0,14 0,48 1,22 2,24 4,16 10,8 36,2 129,0

15 80 0,09 0,34 1,07 2,40 4,15 8,31 23,7 82,8

20 70 0,09 0,34 1,13 2,80 4,98 9,02 22,9 76,6

30 70 0,07 0,26 0,96 3,14 7,41 12,7 23,1 59,3

BARRIERE ACUSTICHE

=A+B-C

2 2f
N 
 c

a) In caso di sorgenti puntiformi:

L = 10 log(3  20 N )

b) In caso di sorgenti lineari:

L  10 log(2  55
. N)

Numeri di Fresnel
8

FORMULA DI KURZE PER LE BARRIERE

2N
L  5  20 log
tanh 2N

Limiti di rumore
La legge italiana stabilisce dei limiti di rumore per tutelare la salute dei cittadini. Sia sul
posto di lavoro che nell’ambiente esterno esistono dei limiti che è obbligatorio rispettare se non si
vuole incorrere in pesanti sanzioni.

Sul posto di lavoro, come detto, il livello viene misurato come livello di esposizione
personale e la legge stabilisce 4 fasce di rumorosità:

Sotto 80 dBA il rumore è considerato tollerabile senza che il lavoratore subisca


danni permanenti;

Tra 80 dBA e 85 dBA sono obbligatorie visite periodiche per i lavoratori e controlli
costanti sul rumore per tentare di ridurlo;

Tra 85 dBA e 90dBA obbligo di intervento sui macchinari in quanto la legge proibisce
l’utilizzo di macchine che producono un livello di rumore
superiore a 85 dBA. Inoltre sono obbligatorie visite ogni anno per
i dipendenti;

Oltre 90 dBA in questo caso è necessaria una denuncia entro 60 giorni alle
autorità competenti. In mancanza di una denuncia, la fabbrica
può incorrere nella chiusura e in una multa (intorno ai € 30000)
per ogni giorno successivo al 60.

Tabella Errore. L'argomento parametro è sconosciuto.: Limiti di rumore nell'ambiente di


lavoro
In ambiente esterno invece esistono limiti diversi. La legge stabilisce 6 zone con limiti di
rumore diversi per il periodo diurno e per quello notturno.
9

Le zone sono riassunte nella tabella seguente:

Zona Limite diurno (dBA) Limite notturno (dBA) Nome zona

1° 50 40 Alta cautela (ospedali, scuole, ...)

2° 55 45 Residenziale

3° 60 50 Campagna

4° 65 55 Centri storici

5° 70 60 Industriale normale

6° 80 70 Esclusivamente industriale

Tabella A Limiti di rumore in ambiente esterno

Campo riverberante
Densità di energia diffusa nel campo riverberante

Tempo di riverberazione Tc=0.161V/A* A*=SaiSi+SAi

VALORI DI PROGETTO PER IL TEMPO DI RIVERBERAZIONE DI UN’AMBIENTE:

Dove le costanti K ed n valgono nei vari casi:


- Parola K=0.3-0.4 n=6-9
- Musica leggera K=0.5-0.6 n=6-9
- Musica classica K=0.7-0.8 n=6-9

LIVELLO SONORO IN CAMPO RIVERBERANTE

Dove costante di sala


10

LIVELLO SONORO IN CAMPO SEMIRIVERBERANTE

Ambienti chiusi
Coefficienti di assorbimento, riflessione e trasmissione

W = Wr + Wa + Wt .

Dividendo per W si ottiene: 1 = r + aS + t


Coefficiente di assorbimento apparente: a= 1 - r;
potere fono isolante: R = 10 lg 1/ t

Curva ISO717-1

f 100 125 160 200 250 325 400 500 630 800 1000 1250 160 200 2500 3150
Rw 33 36 39 42 45 48 51 52 53 54 55 56 56 56 56 56

Per determinare il valore di R’w si deve traslare la curva ISO 717-1 rispetto a quella die valori
sperimentali per bande diterzi di ottava fino a che è soddisfatta la condizione:

Dove i termini tra parentesi sono gli scarti solo positivi, n il numero di scarti positivi N=16 cioè le
frequenze considerate per le bande di terzi di ottava.

Legge di massa
11

- PARETI SEMPLICI

Formula del CEN (Centro Europeo Normative) valida per m’> 150 kg/m 2 che da valori molto
attendibili.

Rw= 37.5log m’ – 42

- PARETI DOPPIE

Per pareti in laterizio con intercapedine >5 cm riempita di materiale fibroso e densità
superficiale 80<m’<400 kg/m 2:

- PARETI IN LASTRE DI GESSO RIVESTITE

Per pareti con almeno 5 cm di intercapedine riempita di lana minerale sperimentalmente si


ottiene:

- SOLAI IN LATERO-CEMENTO

Per solai in latero-c.to con 250<m’<500 kg/m2 si può utilizzare con buona approssimazione:

- VETRI MONOLITICI E VETRO-CAMERA

Rw=12 log m’ + 17
- VETRI STRATIFICATI
Rw= 12 log m’ +19
- VETRO CAMERA CON LASTRA STRATIFICATA

Rw=12 log m’ +22


- POTERE FONOISOLANTE COMPOSTO
La relazione che segue consente di calcolare tale valore in funzione del potere fonoisolante (R i)
e delle superfici (Si) delle singoli parti che costituiscono la parete:
12

- CALCOLO DELL’INDICE DI VALUTAZIONE DEL POTERE FONOISOLANTE APPARENTE DI


UNA PARETE. Norme UNI EN 12354.
Per ogni percorso si deve calcolare :

Dove

è l’indice di valutazione di potere fonoisolante della struttura i priva di elementi di


rivestimento (pavimenti galleggianti, contropareti, controsoffitti)

è l’indice di valutazione del potere fonoisolante della parete j con gli stessi criteri.

è l’incremento dell’indice di valutazione di potere fonoisolante dovuto ad eventuali


rivestimenti lungo il percorso ij (pavimenti galleggianti, contropareti, controsoffitti)

Kij è l’indice di riduzione delle vibrazioni del percorso ij

S è l’area della partizione

è la lunghezza del giunto tra le strutture ij considerate.

Per determinare Kij si procede nel seguente modo:

Dove : è la densità superficiale dell’elemento ortogonale all’elemento i con esso connesso


nel giunto considerato è la densità superficiale dell’elemento i nel percorso ij considerato.

Il potere fonoisolante apparente della parete risulta dalla:

Nelle tabelle seguenti sono riportati, in funzione di M, i valori di K ij in base al tipo di giunto ed al
tipo di percorso considerati.
13
14
15

- CALCOLO SEMPLIFICATO DELL’INDICE DI VALUTAZIONE DEL POTERE


FONOISOLANTE APPARENTE DI UNA PARETE.

- I valori di CL si trovano nelle seguenti tabelle:


16

- CALCOLO DELL’ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA

Norma UNI EN 12534-3

D2m,nT = L1,2m - L2 + 10 lg (T/ 0.5)

dove T é il tempo di riverberazione dell'ambiente ricevente (s) e 0.5 s un valore di riferimento. (i


pedici significano: 2m-> misurato a due metri dalla facciata, nT normalizzato rispetto al tempo di
riverberazione T0=0.5) che diventa:

- CALCOLO DEL LIVELLO DI RUMORE DA CALPESTIO

- L’indice del livello di rumore da calpestio viene calcolato con la seguente formula:

Dove:
17

- è il livello di rumore da calpestio equivalente riferito al solaio “nudo”, privo dello


strato di pavimento galleggiante (se esiste);
- è l’indice di valutazione relativo alla riduzione dei rumori di calpestio dovuto alla
presenza del pavimento galleggiante ;
- K è la correzione da apportare per la presenza di trasmissione laterale di rumore. Il suo
valore dipende dalla massa superficiale del solaio “nudo” e dalla media delle densità di
massa superficiale delle strutture laterali.
-
Valore di Lnweq del solaio “nudo”:

- Pavimento galleggiante

Con s’ rigidità dinamica in MN/m3 del materiale resiliente impiegato nel pavimento ed m’ la
densità di massa superficiale dello stesso.

I valori di K si ottengono dalla seguente tabella:

Valutazione da dati sperimentali:


n.b. Si procede nella stessa maniera vista per la ISO717-1 TRANNE CHE IL SEGNO QUESTA VOLTA è
CAPOVOLTO infatti:
18

CURVA ISO 717-2


f 100 125 160 200 250 325 400 500 630 800 1000 1250 160 200 2500 3150
Rw 62 62 62 62 62 62 61 60 59 58 57 54 51 48 45 42

NORMATIVA -TABELLA A: CLASSIFICAZIONI DEGLI AMBIENTI ABITATIVI (art. 2)

Categoria A: edifici adibiti a residenza o assimilabili;

Categoria B: edifici adibiti ad uffici e assimilabili;

Categoria C: edifici adibiti ad alberghi, pensioni ed attività assimilabili

Categoria D: edifici adibiti ad ospedali, cliniche, case di cura e assimilabili

Categoria E: edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli e assimilabili

Categoria F: edifici adibiti ad attività ricreative o di culto o assimilabili

Categoria G: edifici adibiti ad attività commerciali o assimilabili

TABELLA B: REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI, DEI LORO COMPONENTI E DEGLI IMPIANTI
TECNOLOGICI

Categorie Parametri
di cui alla
Tab. A Rw (*) D2m,nT,w Ln,w LASmax LAeq

1. D 55 45 58 35 25

2. A, C 50 40 63 35 35

3. E 50 48 58 35 25

4. B, F, G 50 42 55 35 35

(*) Valori di Rw riferiti a elementi di separazione tra due distinte unità immobiliari.”

Materiali fonoassorbenti
2
DL (f) = 10 lg (A2/ A1) con A = a iSi ( m )

dove Si ed ai sono rispettivamente l'area ed il coefficiente di assorbimento acustico apparente


della porzione “iesima” della superficie che delimita l'ambiente.
19

NORMATIVA

Livello continuo equivalente di pressione sonora ponderata "A" relativo al tempo a lungo termine TL (L Aeq,TL):

1 N

LAeq ,TL  10 log  10
0.1( L Aeq ,TR ) i
 dB(A)
N i 1 

Livello sonoro di un singolo evento LAE, (SEL)

 1 t2 p 2 (t ) 
SEL  LAE  10 log   A 2 dt  dB(A)
 t0 t1 p0 
PROPRIETA’ DEI LOGARITMI

I logaritmi godono di una serie di proprietà tra le quali interessano le seguenti:

N.B. con “ log” si intende logaritmo in base 10 (cioè log 10)

1) il logaritmo di un prodotto di fattori positivi è uguale alla somma dei logaritmi dei singoli fattori:

log(b.c.d….) = log b + log c + log d+…..

2) il logaritmo di un quoziente di due numeri positivi è uguale alla differenza tra il logaritmo del
dividendo ed il logaritmo del divisore:

3) il logaritmo della potenza di un numero positivo, ad esponente reale qualunque, è uguale al


prodotto dell’esponente per il logaritmo della base della potenza:

4) la funzione inversa del logaritmo in base 10 è:


20

CARATTERISTICHE DEI MATERIALI


21
22
23
24