Sei sulla pagina 1di 3

POLITECNICO DI TORINO

ESONERO FISICA 2 (Modulo Elettromagnetismo classico)

Cognome:
Nome:

Matricola:

1) Quali delle seguenti affermazioni è corretta:


 
a) Il campo elettrico dà luogo ad una circuitazione
L
  dl  0 se è generato da cariche
E
 
statiche, mentre il campo magnetico  B  dl  0 se è generato da cariche in movimento
L
 
b) Il campo elettrico dà luogo ad una circuitazione   dl  0 se è generato da cariche statiche
L
E
 
c) Il campo elettrico dà luogo ad una circuitazione
L
 E  dl  0 se è generato da una variazione
 
di flusso di campo magnetico  B   B  dS , dove la superficie S è racchiusa da L
S
d) Se considero campi elettrostatici e campi magnetici arbitrari, segue che le circuitazioni
   
rispetto a una linea chiusa L si annullano (  E  dl  0 e  B  dl  0 ) per cui il campo
L L

elettrico risulta conservativo, a differenza di quello magnetico


 
e) Il campo magnetico dà luogo ad una circuitazione  B  dl  0 se e solo se sulla linea chiusa
L
L sono disposte cariche elettriche in movimento, che seguono L come traiettoria
f) Se considero campi elettrostatici e campi magnetici arbitrari, segue che le circuitazioni
   
rispetto a una linea chiusa L si annullano (  E  dl  0 e  B  dl  0 ) per cui entrambe i
L L
campi sono conservativi

2) Supponendo che una spira circolare contenuta nel piano del foglio sia percorsa da una corrente
circolante, quali delle seguenti affermazioni è esatta (N. B. non si consideri il fenomeno di
autoinduzione):
a) Se la corrente circola in senso orario, viene prodotto un campo magnetico con verso uscente
rispetto alla superficie piana racchiusa dalla spira
b) Se la corrente circola in senso orario e la sua intensità aumenta nel tempo, viene prodotto un
campo magnetico con verso uscente rispetto alla superficie piana racchiusa dalla spira, la cui
intensità aumenta nel tempo
c) Se la corrente circola in senso anti-orario e la sua intensità aumenta nel tempo, viene
prodotto un campo magnetico con verso entrante rispetto alla superficie piana racchiusa
dalla spira, la cui intensità aumenta nel tempo
d) Il verso del campo magnetico rispetto alla superficie piana racchiusa dalla spira, dipende
esclusivamente dalla variazione nel tempo dell’intensità di corrente circolante ed è
indipendente dal verso di circolazione (orario o anti-orario)
e) Se la corrente circola in senso orario e la sua intensità aumenta nel tempo, viene prodotto un
campo magnetico entrante rispetto alla superficie piana racchiusa dalla spira, la cui intensità
aumenta nel tempo
f) Se si conosce solo l’intensità e il verso della corrente che circola nella spira, non ci sono
sufficienti informazioni per determinare il verso del campo magnetico prodotto rispetto alla
superficie piana racchiusa dalla spira
i anti-oraria i oraria

spira

B uscente
B entrante

3) La resistività elettrica  di un sistema conduttore dipende:


a) Dalla geometria e dal tipo di materiale
b) Esclusivamente dalla geometria
c) Esclusivamente dal materiale
d) Esclusivamente dalla geometria, come per la resistenza elettrica
e) Esclusivamente dal tipo di materiale, come per la resistenza elettrica

4) Un condensatore a facce piane parallele viene caricato da una batteria; successivamente le


armature vengono avvicinate ad una distanza ridotta a 1/3 rispetto alla precedente. Quale delle
seguenti affermazioni è corretta:
a) La differenza di potenziale ai capi del condensatore si riduce a 1/3 rispetto al valore
precedente, se la batteria è mantenuta connessa.
b) L’energia immagazzinata tra le piastre del condensatore si riduce ad 1/3 rispetto al valore
precedente, se la batteria è mantenuta connessa
c) L’energia immagazzinata tra le piastre del condensatore si riduce ad 1/3 rispetto al valore
precedente, se la batteria viene sconnessa prima di avvicinare le piastre
d) La differenza di potenziale ai capi del condensatore triplica, se la batteria viene sconnessa
prima di avvicinare le piastre.
e) La differenza di potenziale ai capi del condensatore si riduce a 1/6 rispetto al valore
precedente, se la batteria viene sconnessa prima di avvicinare le piastre
f) L’energia immagazzinata tra le piastre del condensatore non varia, se la batteria viene
sconnessa prima di avvicinare le piastre

5) Il flusso del campo elettrico:


a) E’ sempre nullo se riferito ad una superficie chiusa
b) Dipende solo dalle cariche elettriche interne alla superficie chiusa a cui è riferito, anche se tali
cariche interne non sono le uniche sorgenti del campo elettrico
c) Dipende solo dalle cariche elettriche interne alla superficie chiusa a cui è riferito, se tali cariche
interne sono le uniche sorgenti del campo elettrico
d) E’ proporzionale alla somma algebrica delle correnti elettriche che passano attraverso la
superficie chiusa a cui è riferito il flusso
e) Dipende solo dalle cariche elettriche esterne alla superficie chiusa a cui è riferito, se le cariche
interne alla superficie sono le uniche sorgenti del campo elettrico
f) E’ sempre nullo se le cariche elettriche esterne alla superficie chiusa di riferimento eguagliano le
cariche interne a tale superficie
1) Una coppia di piastre piane parallele di estensione infinita sono poste ad una differenza di
potenziale V=10 V. Un elettrone di carica q=1,6 10-19 C e massa m=10-31 kg si sposta dalla piastra
negativa a quella positiva sottoposto unicamente all’azione del campo elettrostatico interno alle
piastre. La piastra positiva presenta un foro attraverso il quale l’elettrone può direttamente uscire.
Supponendo che all’esterno delle piastre vi sia un campo magnetico di modulo B=10 T, orientato
perpendicolarmente alle linee del campo elettrostatico interno (vedi figura), calcolare la massima
distanza dal foro che la carica può assumere durante la deflessione successiva all’uscita dalla
piastra positiva.

Per calcolare la velocità all’uscita del foro della seconda piastra si applichi il principio di
conservazione dell’energia (qV=1/2 mv2). All’uscita dal foro l’elettrone è sottoposto alla
forza magnetica e viene deviata su una traiettoria circolare; la massima distanza dal foro è
pari al diametro della traiettoria circolare rispetto alla quale avviene la deflessione (caso di
carica dotata di velocità perpendicolare al campo magnetico)
- +
- +
- + B
- +
- +
-
- +
- +
- +
- +
- +
- +

2) Un solenoide costituito da un filo di lunghezza complessiva l=30 m di sezione circolare


(diametro d=5 mm) e resistività elettrica =1 mohm·cm, è connesso ad un generatore di tensione
variabile nel tempo con la legge V(t)=Vosin(t); Vo= 100V, =10 rad/s. Calcolare il valore di
corrente autoindotta massima iindMAX sapendo che il coefficiente di autoinduzione del solenoide è
L=1 mH.

V(t)

L’esercizio è stato svolto in aula (lezione 19 videoregistrata)

N. B. I candidati sono pregati di scrivere per esteso le procedure adottate per ottenere i singoli
risultati in modo chiaro e leggibile.