Sei sulla pagina 1di 1

Il bovarismo di FLAUBERT

Nasce a Rouen nel 1821 da una famiglia di buona borghesia, padre chirurgo
Persona schiva, chiusa, non riesce a socializzare
Studia a Parigi, contatti con l’ambiente letterario
1846, colpito da una grave crisi si ritira sulla Senna, rifugio totale nell’arte
1857, esce Madame Bovary, successo dopo il processo per immoralità
Dal romanticismo al naturalismo
Dare al prodotto letterario il valore di un documento umano e sociale
Cogliere la realtà senza più il filtro dell’emozione personale
Emma Bovary, simbolo, madame Bovary c’est moi!
Bovarismo, malattia dell’anima
Madame Bovary è testimonianza storica e denuncia di tutta una società

Estremo realismo, si immedesima in modo completo nei personaggi


Bovarismo, vita fatta di sogni irraggiungibili , ideale diverso dal reale
Madame Bovary incarna per la società la figura della cattiva moglie che tradisce il marito, un
esempio da non imitare ma attraverso la scrittura di Flaubert il lettore si personifica in lei

Impersonalità
Punto d vista interno, il lettore vede le cose attraverso gli occhi di Emma
BALZAC
Descrive con realismo e sistematicità l’intera società francese dell’epoca
Visualizza personaggi tipo, spesso caratterizzati da un’ossessione, da un vizio
Papa Goriot, La pensione Vaquercommenti personali, interviene nel racconto