Sei sulla pagina 1di 1

Dalla radio, una canzone sciocca e spigliata

ci invecchia. Il suo gioco sottile di allusioni

falsifica la percezione e i ricordi,

partecipa al nostro dramma ben pronunciato,

tutt’altro che inconsueto,

di creature sole.