Sei sulla pagina 1di 4

Avv.

Andrea Colli
Consigliere comunale delegato alla comunicazione, lo
sviluppo economico e le politiche del lavoro.
Capogruppo di maggioranza
Solidarietà e Progresso – Patto per la Sabina.
P.zza Martiri della Libertà, n. 40, Poggio Mirteto (RI).
Tel. +39 0765 4051 | Mob. +39 320 3724900
E-mail: a.colli@comune.poggiomirteto.ri.it

Alla c.a. di:


Dott. Giancarlo Micarelli,
Sindaco di Poggio Mirteto
giancarlomicarelli@yahoo.it
e
Sig. Lanfranco Santini,
Presidente dell’Associazione Gemellaggi
lanfrancosantini8@gmail.com

OGGETTO: INCONTRI A NAGYKOVÁCSI (H) DAL 9 AL 12 AGOSTO.

Il sottoscritto Andrea Colli, nella qualità di consigliere comunale delegato, in

riferimento agli incontri tenutesi a Nagykovácsi dal 9 al 12 agosto 2018, rappresenta

quanto segue.

Nell’ambito del programma di scambi culturali fra comuni dell’Unione Europea, una

delegazione di quattro cittadini di Poggio Mirteto si è recata nella città ungherese di

Nagykovácsi.

L’Associazione gemellaggi di Poggio Mirteto, attraverso l’ambasciata ungherese,

aveva manifestato dal 2015 la volontà di stringere un gemellaggio con una comunità

affine, per posizione geografica, per vocazione territoriale ed analogia demografica.

Successivamente, in data 8/12/2015, presso la Casa comunale di Poggio Mirteto, si è

provveduto alla firma di un primo accordo tra il sindaco Giancarlo Micarelli e la sua

omologa ungherese Kiszelné Mohos Katalin.


L’anno successivo, nell’occasione della 25° edizione della Rassegna del Grande

Cinema Italiano, la Città di Poggio Mirteto ha ricevuto una delegazione proveniente

da Nagykovácsi ed ha istituito, nell’ambito della kermesse, una serata ad hoc per

celebrare il nascente gemellaggio, consistente nella proiezione del film ungherese

Liza, la Principessa Volpe di Károly Ujj Mészárose e nel servire prodotti tipici.

Nell’estate del 2018, dal 9 al 12 agosto, una delegazione di cittadini di Poggio Mirteto

si è recata nella città ungherese di Nagykovácsi.

Nagykovácsi, è una cittadina ungherese sita a 15 km da Budapest, posizionata in una

valle protetta e circondata da colline e foreste, a circa 340 metri sul livello del mare,

che fa della sua vicinanza alla capitale ungherese e della sua altissima qualità della

vita le caratteristiche principali.

Infatti, in controtendenza con il trend europeo, si registra un sostanziale incremento

della natalità e del numero delle famiglie che la scelgono per stabilirsi.

La città ospita inoltre l’American International School of Budapest, che ospita, circa 850

studenti da 57 paesi diversi, garantendo uno stimolante scambio culturale.

L’impeccabile organizzazione ungherese ha proposto un programma ricco di spunti,

che ha permesso ai partecipanti di vivere quattro giorni all’insegna della cultura,

enogastronomia e, soprattutto, dell’ospitalità.

In particolare il programma prevedeva:

Il 9 agosto una crociera sul Danubio, nell’occasione i partecipanti hanno potuto

apprezzare la magnificenza della capitale ungherese attraverso una accurata

descrizione dei luoghi.

Il giorno seguente, la delegazione ha visitato il Castello Nagykovácsi (19° Secolo),

dapprima utilizzato come residenza di caccia, ora, dopo un’accurata ristrutturazione,

è stato adibito a moderna struttura polifunzionale.

Nel pomeriggio, visita guidata alla pittoresca città di Szentendre, dove i partecipanti

hanno potuto inoltre visitare il museo che ospita l’importantissima collezione

Pag. 2
ceramiche di Margit Kovács (1902-1977), ceramista e grafica, che fu una delle artiste

che per prime si stabilì a Szntendre.

Infatti, una delle peculiarità della città, che la rende unica nel suo genere, è la

presenza, nel corso del ventesimo secolo di numerosi artisti, soprattutto pittori e

scultori, che trovarono in Szentenre un luogo ideale ove dedicarsi alla propria arte.

L’11 agosto, dopo l’inaugurazione ufficiale del nuovo parco fitness e la

piantumazione simbolica di un albero da parte dei ragazzi partecipanti alle iniziative,

il programma è entrato nel vivo.

Infatti, i ragazzi provenienti dalla città di Nagykovácsi (H), Poggio Mirteto (I), Linum

(G), Andovce (SK) e Bolatice (CZ) hanno presentato i loro elaborati.

In particolare, il metodo adottato consisteva nel descrivere come era, come è, e –

soprattutto – come immaginano nel prossimo futuro la propria città.

Da ciò ne sono derivati importati spunti di riflessione, che hanno permesso ai ragazzi

provenienti da tutta Europa di mettere a frutto la propria creatività immaginando

uno stimolante avvenire per le proprie cittadine.

Ha inoltre rappresentato un momento di grande crescita personale per gli

amministratori presenti che hanno potuto capire cosa si aspettano i propri ragazzi

dall’attività amministrativa.

Nel pomeriggio, i rappresentanti della varie comunità hanno tenuto un breve speech

per fare il punto sulle giornate trascorse.

Nell’occasione, il sottoscritto, nella qualità di rappresentante della Città di Poggio

Mirteto, una volta ringraziata la cittadinanza di Nagykovácsi, ha focalizzato la

propria attenzione sul lungo periodo di pace che vive l’Europa, da quando, nel 1950,

con la dichiarazione Schuman, la guerra in Europa è stata debellata e i popoli aderenti

all’Unione possono, finalmente, vivere una nuova stagione contraddistinta da un

reciproco rispetto per le diverse sensibilità ed identità che non rappresentano mai un

limite ma un valore aggiunto.

Pag. 3
Il messaggio era rivolto soprattutto ai ragazzi presenti, per fare in modo che non

sottovalutassero l’importanza del risultato raggiunto e potessero apprezzare l’azione

europea nonostante le attuali ed innegabili criticità – soprattutto – di tipo economico

e sociale che attanagliano il vecchio continente.

Seguiva uno scambio di doni ed un momento conviviale con concerti, teatro di strada,

mercatini dell’artigianato e degustazione di prodotti tipici.

Lo scrivente ringrazia il sindaco Micarelli e il presidente Santini per avergli concesso

il privilegio di rappresentare la Città di Poggio Mirteto.

Poggio Mirteto, 25/8/2018

Il consigliere delegato

Avv. Andrea Colli

Pag. 4