Sei sulla pagina 1di 45

Tecnologie delle Costruzioni

Aerospaziali

COMPOSITI

PARTE 1

Prof. Claudio Scarponi


Ing. Carlo Andreotti
GENERALITA
GENERALITA’

{ Sotto il nome di compositi vengono


indicati una classe innumerevole di
materiali costituiti da più fasi intime e
connesse
connesse, ma distinguibili su scala
macroscopica.
{ Nonostante la conservazione delle proprie
p p
caratteristiche, l’unione di più componenti
porta ad un nuovo materiale che può
esaltare alcune proprietà dei singoli
costituenti, mitigandone parallelamente
effetti meno desiderabili.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 2
CLASSIFICAZIONE DEI COMPOSITI

I compositi
iti possono essere classificati
l ifi ti nell seguente
t modo:
d

Compositi fibrosi:
{ Fase
F continua
ti t idi
tridimensionale
i l (
(matrice)
t i ) che h i l b
ingloba
rigidamente una fase discontinua unidimensionale (fibra).
{ Fasi costituite da materiali metallici, plastici e ceramici.

{ A fibra discontinua (whisker)

{ A fibra continua (fiber)

Compositi laminati:
{ Stratificazione di lamine di almeno due distinti materiali.

{ Esempi tipici: termostati, termocoppie, metalli rivestiti,


vetri di sicurezza.
sicurezza

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 3
CLASSIFICAZIONE DEI COMPOSITI

Compositi i i particellari:
i ll i
{ Costituiti da particelle di un materiale
sospeso ini una matrice
t i di un secondod
materiale.
{ Materiali metallici e non metallici.
metallici
{ Esempi tipici: calcestruzzo,
propellenti solidi,
solidi cermets per palette
di turbine.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 4
CLASSIFICAZIONE DEI COMPOSITI

Le tipologie di compositi sono riassunte nella seguente


figura:

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 5
CARATTERIZZAZIONE DEI COMPOSITI
Lo studio del comportamento di un composito si conduce su due
diversi livelli:

Livello “microscopico” (micromeccanica):


{ Si considera il materiale come “non omogeneo”.
{ Le fasi sono considerate singolarmente omogenee.
{ Si valutano le caratteristiche che derivano dalle mutue
interazioni.
{ Si definisce l’Elemento Rappresentativo di Volume (E.R.V.) che
può essere schematizzato nel modo seguente (cilindri coassiali):

Le proprietà meccaniche di questo elemento dipendono dalle


percentuali volumetriche relative tra fibra e matrice, nonché dalla
loro natura.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 6
CARATTERIZZAZIONE DEI COMPOSITI

Livello “macroscopico”
(macromeccanica):
{ Il composito è studiato attraverso una
visione “globale”.
{ La struttura è considerata
macroscopicamente omogenea.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 7
GENERALITA’ SULLE
G SU MATRICI
C
La matrice assolve ad alcune tipiche funzioni:
{ Funzione di collegamento delle fibre (le fibre
sono mantenute stabili nella loro geometria
e posizione).
posizione)
{ Funzione di separazione delle fibre (le fibre
lavorano come elementi separati).
{ Protezione delle fibre dall’ambiente
circostante.
{ Bloccaggio
Bl i di eventuali
t li cricche
i h insorte
i t nelle
ll
fibre (si realizza implicitamente il concetto
di fail-safe).

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 8
GENERALITA’ SULLE
G SU MATRICI
C

Le matrici possono essere divise in tre gruppi:

1. Matrici
i i plastiche:
l i h
{ E’ il gruppo più variegato e attualmente più
impiegato.
{ Sono impiegate fino a 150°C.

{ Si dividono in due tipologie fondamentali:


Termoindurenti e Termoplastiche.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 9
GENERALITA’ SULLE
G SU MATRICI
C

Matrici
M t i i Teromindurenti:
T i d ti
{ Sono liquidi densi a temperatura ambiente.

{ Assumono lo stato solido quando sono portate ad


una certa temperatura, detta temperatura di
polimerizzazione.
{ La somministrazione di un certo quantitativo di
energia e l’azione di un catalizzatore consentono la
reazione tra i vari gruppi insaturi, dando origine a
catene polimeriche nelle tre direzioni.
{ Resine termoindurenti più impiegate: epossidiche,
poliestere, vinilestere, fenoliche, siliconiche,
poliimmidiche.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 10
GENERALITA’ SULLE MATRICI
GENERALITA

Matrici
M t i iTTermoplastiche:
l ti h
{ Sono allo stato solido a temperatura ambiente.

{ Assumono uno stato gommoso (elevata


deformabilità) se riscaldate ad una certa
temperatura Tg, detta temperatura di transizione
vetrosa.
{ La struttura micromolecolare è costituita da legami
di Van der Waals (l’aumento della temperatura ne
provoca la rottura)
{ Sono impiegate per temperature di esercizio molto
inferiori a quelle delle termoindurenti.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 11
GENERALITA’ SULLE MATRICI
GENERALITA

2. Matrici metalliche:
{ Possono essere impiegati tutti i metalli (Alluminio,
Nickel, Titanio, Magnesio, ecc.) e le loro leghe.
{ Compatibilmente con il tipo di fibra, la temperatura
massima di impiego è di circa 700°C.

3. Matrici ceramiche:
{ Sono impiegate per temperature dell
dell’ordine
ordine dei
1000°C.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 12
GENERALITA’ SULLE MATRICI
GENERALITA
La seguente figura mostra la classificazione della matrici:

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 13
GENERALITA’ SULLE FIBRE
GENERALITA

Un materiale
i l si intended strutturalmente
l
valido se è caratterizzato da:
{ Elevata
El t resistenza
i t meccanica.
i
{ Rigidezza.

{ Resistenza al calore.

{ Resistenza all’attacco chimico.

{ Bassa densità (soprattutto in campo


aerospaziale).

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 14
GENERALITA’ SULLE FIBRE
GENERALITA

Queste prerogative si possono considerare soddisfatte da elementi


quali:
{ Litio.
{ Berillio.
{ Boro.
{ Carbonio.
{ Alluminio.
{ Silicio.

La diversità di comportamento tra un materiale massivo e lo stesso


materiale considerato come un insieme di fibre è dovuto al fatto
che la fibra è p
praticamente indenne da difetti: infatti,, se una fibra
di un insieme si spezza, la cricca non necessariamente si propaga
ulteriormente e le fibre circostanti rimangono intatte.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 15
GENERALITA’ SULLE FIBRE
GENERALITA

Una prima classificazione


f delle
fibre può essere la seguente:
{ Amorfe.f
{ Organiche: aramidiche.

{ Policristalline: carbonio, grafite.

{ Multifasi: boro, alluminio, titanio.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 16
GENERALITA’ SULLE FIBRE
GENERALITA

Una seconda
U d classificazione
l ifi i può
ò essere fatta
f tt sulla
ll base
b
della temperatura alla quale interviene una degradazione
delle caratteristiche:
{ Temperatura bassa (<150 (<150°C):
C): aramidiche.
aramidiche
{ Temperatura intermedia (150÷400°C): vetro, boro.

{ Temperatura media (400÷700°C): metalliche.

{ Temperatura alta (>700 (>700°C):


C): grafite,
grafite ceramiche.
ceramiche

Nelle applicazioni aerospaziali si tende verso materiali


caratterizzati da rapporti E/ρ e σ/ρ sempre più elevati.

Alcune caratteristiche meccaniche sono determinate


essenzialmente dalle fibre: resistenza a torsione,
compressione, flessione, urto, ecc.
Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni
Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 17
GENERALITA’ SULLE FIBRE
GENERALITA
La tabella seguente mostra le caratteristiche di alcuni tipi di fibra e matrici:

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 18
PROPRIETA’
O MECCANICHE
CC C
I materiali compositi hanno proprietà direzionali (anisotropia).
La resistenza è legata alla disposizione delle fibre nel pezzo che si
considera. La seguente figura mostra l’andamento della
resistenza allo sforzo in funzione dell’orientazione delle fibre per
un composito a fibre unidirezionali.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 19
PROPRIETA’
O MECCANICHE
CC C

La resistenza del pezzo in una


determinata direzione può essere
notevolmente influenzata anche da
piccole variazioni dell’orientazione
d li strati.
degli t ti Pertanto
P t t è necessaria i la
l
massima attenzione nel rispettare
la direzione e ll’angolazione
angolazione degli
strati.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 20
MODALITA’ DI OTTENIMENTO E DISPOSIZIONE DELLE FIBRE
MODALITA

Le fibre p
possono essere disposte
p
come mostrato in figura:

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 21
MODALITA’ DI OTTENIMENTO E DISPOSIZIONE DELLE FIBRE:
ROVING

Il “roving” è un prodotto ottenuto dall’avvolgimento parallelo su


bobina di vari “strands” (insiemi di filamenti).

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 22
MODALITA’ DI OTTENIMENTO E DISPOSIZIONE DELLE FIBRE:
ROVING

Schema:
{ Il materiale di partenza in forma fine viene introdotto in
un forno ad induzione (1600°C).
{ A causa dell’elevata temperatura il materiale rammollisce
e comincia ad effluire per gravità attraverso una filiera di
platino, sulla quale sono disposti centinaia di fori.
f
{ Una testa rotante ad elevata velocità provvede alla
trafilatura delle fibre.
{ Prima
P ima dell’avvolgimento,
dell’a olgimento le fibre
fib e sono ricoperte
icope te da una na
guaina protettiva (sizing), il cui compito è di impedire il
danneggiamento delle singole fibre nel reciproco contatto,
di favorire l’unione in uno strand,, di p proteggere
gg
dall’umidità e di favorire una corretta adesione nel
momento dell’unione tra fibra e matrice.
{ Le caratteristiche di questo materiale variano a seconda
d ll composizione
della i i d l bagno,
del b d ll temperatura,
della t t ecc.
Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni
Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 23
MODALITA’ DI OTTENIMENTO E DISPOSIZIONE DELLE FIBRE:
NASTRO TFT

La sigla TFT sta per “Transverse Filament Tape”.


E’ un nastro di lunghezza diversa (2.40 m e sottomultipli), le cui fibre
di rinforzo sono disposte trasversalmente (nel senso della
larghezza del nastro).
Le fibre sono tenute in posizione equidistante mediante un filo che le
fissa ad una garza poliestere o ad un MAT di sostegno (il MAT è
un materiale che si ottiene tagliando il “roving” in fibre corte).
Esempio di MAT:

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 24
MODALITA’ DI OTTENIMENTO E DISPOSIZIONE DELLE FIBRE:
NASTRO TFT

Esempio di nastro TFT con relative caratteristiche:

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 25
MODALITA’ DI OTTENIMENTO E DISPOSIZIONE DELLE FIBRE:
TESSUTO

Il tessuto è prodotto organizzando secondo una trama


e un ordito più “rovings” o “yarns” (uno “yarn” è un
filo ottenuto avvolgendo ad elica più “strands”).

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 26
MODALITA’ DI OTTENIMENTO E DISPOSIZIONE DELLE FIBRE:
TESSUTO

Se si parte da “roving” si ottengono “woven rovings”, stuoie


(molto impiegate nell’industria nautica), ecc.
I tessuti e gli unidirezionali sono ottenuti mediante tessitura
di “yarns”.
Questi materiali sono disponibili in rotoli la cui geometria è
riportata nelle seguenti figure:
f

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 27
MODALITA’ DI OTTENIMENTO E DISPOSIZIONE DELLE FIBRE:
TESSUTO

Nei tessuti le fibre in ordito tengono insieme le fibre di


trama, disposte
di nell senso di avvolgimento
l i d l rotolo
del l
(direzione longitudinale).
Se il numero di fibre in ordito è uguale a quelle in trama, si
ottiene un tessuto bilanciato,
bilanciato con caratteristiche uguali a
0° e 90°.
Se le fibre in ordito sono in numero inferiore a quelle in
trama, si ottiene un tessuto sbilanciato con caratteristiche
a 0° superiori.
I tessuti sono differenziati, oltre che dalla percentuale di
trama-ordito, anche dallo stile. Esso dipende dallo
spessore e dald l percorso cheh seguono i fili di ordito
dit rispetto
i tt
a quelli di trama. Se il passaggio avviene attraverso ogni
filo, si ottiene un tessuto “plain wave”; se avviene ogni 2,
3 o n fili si p
parla di “satin 2,, 3,, n”.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 28
MODALITA’ DI OTTENIMENTO E DISPOSIZIONE DELLE FIBRE:
TESSUTO

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 29
MODALITA’ DI OTTENIMENTO E DISPOSIZIONE DELLE FIBRE:
TESSUTO

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 30
MODALITA’ DI OTTENIMENTO E DISPOSIZIONE DELLE FIBRE:
TESSUTO

Al tipo di periodicità del percorso è legato il


drappeggio, cioè la capacità del tessuto di
seguire le forme dello stampo.
stampo
I materiali ottenuti con il procedimento
descritto sono utilizzabili secchi o si inviano
alla torre di impregnazione per ottenere i
preimpregnati.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 31
PREIMPREGNATI (PREPREGS)

In molte applicazioni la spalmatura della resina


sulle fibre avviene direttamente in fase di
produzione. Sullo stampo si depositano le fibre
asciutte sotto forma di filo,, nastro o tessuto e
poi, per mezzo di pennelli, rulli o altro, si
procede all’imbibitura della resina (liquido con
una certa viscosità).
)
Un preimpregnato, invece, è un materiale (fibra
nastro o tessuto) già imbevuto di resina portata
al cosiddetto “stadio
stadio B
B” di polimerizzazione
(cioè, con fase abbastanza vicina allo stato
solido).

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 32
PREIMPREGNATI (PREPREGS)

Caratteristiche della preimpregnazione:


p p g
{ Macchine molto complesse e costose (con
le quali è possibile ottenere una tolleranza
del quantitativo di resina del ±2%).
±2%)
{ Spalmatura della resina sul materiale base,
che scorre attorno a numerosi rulli.
{ Barre raschiatrici, che hanno il compito di
rendere costante lo spessore della resina
depositata.
depositata
{ Si ottiene un’ottima costanza degli
p o
spessori.
Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni
Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 33
PREIMPREGNATI (PREPREGS)
{ Impregnazione con ausilio di solventi: le fibre passano in
un bagno di resina in soluzione con un solvente e
successivamente tra rulli che ne regolano la quantità
applicata; il solvente viene rimosso in un essiccatore.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 34
PREIMPREGNATI (PREPREGS)
{ Impregnazione a caldo: la resina in forma di film viene
applicata sulle fibre (in genere tapes) tramite rulli
riscaldati.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 35
PREIMPREGNATI (PREPREGS)

Trattamento del preimpregnato:


{ Deve essere tenuto in frigorifero a -18°C (in
questo modo è garantita una vita di 6 mesi).
{ Dopo 6 mesi il materiale è considerato scaduto
e può essere utilizzato ancora per un certo
tempo solo se una serie di prove dimostra che
non si è verificato un decadimento delle sue
caratteristiche. Altrimenti va declassato (magari
usato per interni).
{ Per polimerizzare necessita di somministrazione
di calore e di pressione (è impiegato
regolarmente nei processi di laminazione ed
autoclave).
t l )
Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni
Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 36
PREIMPREGNATI (PREPREGS)

Caratterizzazione dei preimpregnati:


{ Dimensioni.
{ Ti
Tipo di resina
i e di fibra.
fib
{ Disposizione delle fibre.
{ Gel time: rappresenta il tempo necessario affinché il materiale gelifichi
ad una fissata temperatura.
p
{ Tack level (“appiccicosità”): è la capacità di adesione del
preimpregnato; dipende dall’invecchiamento della resina e dal rapporto
resina/fibre.
{ Drape ((“formabilità”):
formabilità ): è la capacità di adattarsi a forme complesse;
dipende dall’invecchiamento della resina, dal rapporto resina/fibre, dal
tipo di tessuto.
{ Viscosità della resina: è una misura della capacità della resina di fluire
per effetto
ff tt d ll
della pressione
i applicata
li t nell ciclo
i l di cura e della
d ll
temperatura; è misurata a temperatura costante.
{ Contenuto di resina: è dato dal contenuto atteso e dall’eccesso di
resina eliminato durante la cura per favorire l’espulsione di aria e
volatili (tracce di solvente, monomeri o altri additivi di basso peso
molecolare).
Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni
Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 37
PREIMPREGNATI (PREPREGS)

La presenza
p di vuoti riduce le p
proprietà
p meccaniche del
preimpregnato.

L’uso
L uso del preimpregnato consente:
{ Buona riproducibilità in produzione.

{ Costanza della quantità di resina del laminato.

{ Costanza
C t d l rapporto
del t resina/indurente.
i /i d t
{ Costanza dello spessore del laminato.

{ Facilità di stratificazione di laminati con forme


complesse e diverse orientazioni delle fibre.
{ Pulizia e igiene dell’ambiente di lavoro.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 38
PREIMPREGNATI (PREPREGS):
ESEMPIO DI CLASSIFICAZIONE DEI PREIMPREGNATI GR/EP
(Carboresine)

La classificazione è suddivisa in 4 gruppi:


{ Tipo.

{ Classe.

{ Grado.
Grado
{ Stile.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 39
PREIMPREGNATI (PREPREGS):
ESEMPIO DI CLASSIFICAZIONE DEI PREIMPREGNATI GR/EP
(Carboresine)
Suddivisione in tipi

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 40
PREIMPREGNATI (PREPREGS):
ESEMPIO DI CLASSIFICAZIONE DEI PREIMPREGNATI GR/EP
(Carboresine)
Suddivisione in classi

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 41
PREIMPREGNATI (PREPREGS):
ESEMPIO DI CLASSIFICAZIONE DEI PREIMPREGNATI GR/EP
(Carboresine)
Suddivisione in gradi

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 42
PREIMPREGNATI (PREPREGS):
ESEMPIO DI CLASSIFICAZIONE DEI PREIMPREGNATI GR/EP
(Carboresine)
Suddivisione in stili

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 43
ORIENTAZIONE NELLE STRUTTURE IN MATERIALI COMPOSITI
Le seguenti figure mostrano le orientazioni e le disposizioni degli
strati di preimpregnato nelle strutture in materiali compositi.

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 44
ORIENTAZIONE NELLE STRUTTURE IN MATERIALI COMPOSITI
Sull’attrezzo che si usa per la stratificazione va, in genere, indicata la
convenzione dell’orientazione degli strati che mostra le direzioni
d ll’ dit a 0°,
dell’ordito 0° 90°,
90° +45°,
45° -45°.
45°

Materiale curato da: Tecnologie delle Costruzioni


Ing. Carlo Andreotti Aerospaziali 45