Sei sulla pagina 1di 293

POLITECNICO DI MILANO

Facoltà di Ingegneria Civile


Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Strutturale

Analisi statiche e sismiche


di una diga a gravità a speroni

Relatore: Prof. Umberto PEREGO


Co-relatore: Prof. Giorgio NOVATI

Tesi di Laurea di:


Martina COLOMBO Matr. 771204

Anno Accademico 2012 – 2013


Indice

INDICE

ABSTRACT ___________________________________________________________________ 23
INTRODUZIONE _______________________________________________________________ 25
1. OPERE DI SBARRAMENTO __________________________________________________ 27
1.1. FUNZIONI DELLE DIGHE _________________________________________________ 29
1.1.1. IRRIGAZIONE ______________________________________________________ 29
1.1.2. ENERGIA IDROELETTRICA ___________________________________________ 29
1.1.3. RACCOLTA D’ACQUA PER USO DOMESTICO ED INDUSTRIALE ____________ 30
1.1.4. NAVIGAZIONE NELL’ENTROTERRA ____________________________________ 30
1.1.5. CONTROLLO DELLE INONDAZIONI ____________________________________ 31
1.2. FUNZIONI DELLE DIGHE IN ITALIA _________________________________________ 31
1.3. CLASSIFICAZIONE DELLE DIGHE SECONDO D.M. 24 MARZO 1982 _____________ 32
1.3.1. DIGHE A GRAVITÀ _________________________________________________ 36
1.3.2. DIGHE A VOLTA ___________________________________________________ 37
1.3.3. DIGHE IN MATERIALI SCIOLTI ________________________________________ 38
1.4. ESEMPI DI DIGHE NEL MONDO ___________________________________________ 39
1.5. DEFINIZIONI SECONDO D.M. 24 MARZO 1982 ______________________________ 42
2. DESCRIZIONE DELLA DIGA DI SAN GIACOMO __________________________________ 45
2.1. CARATTERISTICHE AMBIENTALI DEL SITO __________________________________ 45
2.2. CARATTERISTICHE GEOMETRICHE ________________________________________ 47
2.3. CARATTERISTICHE DEL BACINO __________________________________________ 48
2.4. ULTERIORI DETTAGLI COSTRUTTIVI DELL’OPERA_____________________________ 50
2.4.1. IL SISTEMA DI DRENAGGIO __________________________________________ 50
2.4.2. ORGANI DI SCARICO _______________________________________________ 50
2.4.3. DIAFRAMMA ______________________________________________________ 51
2.4.4. SOLETTONE _______________________________________________________ 51
2.4.5. SCHERMO IMPERMEABILE DI VALLE __________________________________ 53
2.4.6. RIVESTIMENTO PROTETTIVO DEI CALCESTRUZZI PARIETALI _______________ 54
2.4.7. NUOVE INSTALLAZIONI STRUMENTALI PER IL CONTROLLO DELL’OPERA _____ 55
2.4.8. ATTIVITÀ COLLATERALI PER LO SFRUTTAMENTO DEL SALTO IDRAULICO ____ 56
2.5. CARATTERISTICHE DEI MATERIALI ________________________________________ 57

3
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

3. GENERAZIONE DEL MODELLO SOLIDO DEL SISTEMA DIGA-FONDAZIONE-TERRENO ___ 61


3.1. MODELLAZIONE DELLO SPERONE DI MASSIMA ALTEZZA _____________________ 61
3.2. MODELLAZIONE DEL TERRENO CHE CIRCONDA LA DIGA DI SAN GIACOMO _____ 68
3.3. DIFFICOLTÀ INCONTRATE NELLA GENERAZIONE DEL MODELLO SOLIDO DIGA-
FONDAZIONE-TERRENO _______________________________________________________ 77
4. MODELLO TRIDIMENSIONALE AD ELEMENTI FINITI DI UN MODULO CENTRALE DELLO
SBARRAMENTO DI SAN GIACOMO _______________________________________________ 79
4.1. MODELLO DELLO SPERONE DI MASSIMA ALTEZZA __________________________ 79
4.2. MODELLO DEL TERRENO ________________________________________________ 86
5. ANALISI STATICHE ________________________________________________________ 89
5.1. VERIFICHE DI SICUREZZA PER LE DIGHE A GRAVITÀ__________________________ 89
5.1.1. LA FUNZIONE DI AIRY ______________________________________________ 90
5.1.2. APPLICAZIONE ALLE DIGHE A GRAVITÀ ALLEGGERITE ___________________ 93
5.2. VERIFICHE DI SICUREZZA DELLA DIGA DI SAN GIACOMO _____________________ 97
5.3. PESO PROPRIO _________________________________________________________ 98
5.4. SPINTA IDROSTATICA __________________________________________________ 100
5.5. SPINTA DEL GHIACCIO _________________________________________________ 103
5.6. SOTTOSPINTA ________________________________________________________ 103
5.7. VERIFICHE DI SICUREZZA _______________________________________________ 109
5.7.1. VERIFICA DI STABILITÀ ALLO SCORRIMENTO __________________________ 109
5.7.2. VERIFICA DI RESISTENZA ___________________________________________ 111
5.7.3. VERIFICA DEI RISULTATI OTTENUTI MEDIANTE ABAQUS _________________ 119
6. ANALISI TERMICHE _______________________________________________________ 129
6.1. GENERALITÀ _________________________________________________________ 129
6.2. DATI DI TEMPERATURA ________________________________________________ 132
6.3. DATI DEI LIVELLI DI INVASO _____________________________________________ 141
6.4. CONDIZIONI AL CONTORNO ____________________________________________ 144
6.5. ANALISI TERMICA TRIDIMENSIONALE ____________________________________ 146
6.5.1. DEFINIZIONE DI GRUPPI DI NODI _____________________________________ 146
6.5.2. DEFINIZIONE DELLE CONDIZIONI AL CONTORNO _______________________ 146
6.5.3. CREAZIONE DEL FILE CON LE VARIAZIONI DI TEMPERATURA _____________ 146
6.5.4. RISULTATI DELL’ANALISI TERMICA TRIDIMENSIONALE IN REGIME TRANSITORIO
147
6.5.5. SUBROUTINE ESTRAITEMP __________________________________________ 162
6.5.6. PROGRAMMA TEMPMEDIA ________________________________________ 162
6.5.7. SUBROUTINE CREADT _____________________________________________ 163

4
Indice

6.6. ANALISI TERMO-ELASTICA IN PRESENZA DI DEFORMAZIONI TERMICHE NOTE ___ 163


7. ANALISI SISMICHE _______________________________________________________ 173
7.1. INTRODUZIONE _______________________________________________________ 173
7.1.1. STATI LIMITE _____________________________________________________ 174
7.1.2. CRITERI GENERALI PER LE AZIONI SISMICHE ___________________________ 175
7.1.3. METODI DI ANALISI SISMICA PER LE DIGHE IN CALCESTRUZZO ___________ 177
7.1.4. AZIONI SISMICHE PER DIGHE ESISTENTI _______________________________ 179
7.1.5. SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO ____________________________________ 180
7.1.6. DEFINIZIONE DELLO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO PER LA DIGA DI SAN
GIACOMO _______________________________________________________________ 182
7.2. COMBINAZIONE DELL’AZIONE SISMICA CON LE ALTRE AZIONI _______________ 184
7.2.1. VERIFICHE DA EFFETTUARE PER LA COMBINAZIONE SISMICA ____________ 185
7.3. ESEMPIO DI ANALISI SISMICA BIDIMENSIONALE SU UNA DIGA A GRAVITÀ _____ 185
7.3.1. ANALISI SISMICA DEL MODELLO DI KOYNA SOGGETTO ALLO SPETTRO DELLA
DIGA DI SAN GIACOMO ___________________________________________________ 190
7.3.2. ANALISI SISMICA DEL MODELLO DI KOYNA SOGGETTO AGLI
ACCELEROGRAMMI COMPATIBILI DELLA DIGA DI SAN GIACOMO ________________ 193
7.4. ANALISI SISMICA DELLA DIGA DI SAN GIACOMO __________________________ 206
7.4.1. PARTICOLARITÀ SULL’ANALISI CON SPETTRO DI RISPOSTA ______________ 206
7.4.2. SCELTA DEL TIPO DI ANALISI SISMICA PER LA DIGA DI SAN GIACOMO ____ 208
7.4.3. ANALISI PSEUDOSTATICHE _________________________________________ 212
7.5. DETERMINAZIONE DEGLI SFORZI VERTICALI TOTALI _________________________ 218
CONCLUSIONI _______________________________________________________________ 249
APPENDICE _________________________________________________________________ 251
A.1. PROCEDURA ANALITICA PER LA SOLUZIONE IN CAMPO DI SFORZI PER DIGHE A
GRAVITÀ IN CALCESTRUZZO ______ 251
A.2. PROGRAMMI E SUBROUTINE NECESSARI PER L’ANALISI TERMICA_____________ 255
A.2.1. SUBROUTINE “DISP” ________________________________________________ 255
A.2.2. SUBROUTINE “ESTRAITEMP” _________________________________________ 256
A.2.3. PROGRAMMA “TEMPMEDIA” ________________________________________ 259
A.2.4. SUBROUTINE ”CREADT” ____________________________________________ 261
A.3. ELEMENTI FINITI A 4 NODI IN SAP ________________________________________ 264
A.3.1. EQUAZIONI DEFORMAZIONI – SPOSTAMENTI E SFORZI – DEFORMAZIONI ____ 266
A.3.2. TRASFORMAZIONE DELLE ROTAZIONI RELATIVE IN ASSOLUTE _____________ 267
A.4. STORIE NEL TEMPO DELLO SPOSTAMENTO NEL NODO 7 ____________________ 268
A.5. ANALISI PSEUDO-STATICHE_____________________________________________ 286

5
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

BIBLIOGRAFIA _______________________________________________________________ 289


RINGRAZIAMENTI ____________________________________________________________ 293

6
Indice

INDICE DELLE FIGURE

Figura 1.1 – Lago di Cancano_____________________________________________________ 27


Figura 1.2 – Distribuzione territoriale delle dighe in Italia ______________________________ 28
Figura 1.3 – Coltivazioni di prodotti in campi irrigati __________________________________ 29
Figura 1.4 – Generatori in una centrale idroelettrica __________________________________ 29
Figura 1.5 – Industria la cui acqua è fornita da dighe limitrofe__________________________ 30
Figura 1.6 – Grandi carichi di prodotti si spostano lungo il canale nei pressi della diga e della
chiusa ________________________________________________________________________ 30
Figura 1.7 – Esempio di alluvione__________________________________________________ 31
Figura 1.8 – Producibilità idroelettrica massima determinata per i vari bacini idrografici del
territorio ______________________________________________________________________ 32
nazionale _____________________________________________________________________ 32
Figura 1.9 – Esempi rispettivamente di diga ordinaria (Grande Dixence – Svizzera), diga a
speroni (Fedaia – Trentino-Alto Adige) e diga a vani interni (Gioveretto – Trentino-Alto Adige)_
_________________________________________________________________________ 33
Figura 1.10 – Esempi rispettivamente di diga ad arco semplice (Lei – Lombardia), diga ad arco-
gravità (Cancano – Lombardia) e diga a cupola (Speccheri – Trentino-Alto Adige) _________ 33
Figura 1.11 – Esempio di diga sostenuta da contrafforti (Venina – Lombardia) ____________ 33
Figura 1.12 – Esempi rispettivamente di diga in terra (Resia – Trentino-Alto Adige), diga in terra
con manto (Zoccolo – Trentino-Alto Adige) e diga in pietrame (Lago Verde – Trentino-Alto
Adige) ________________________________________________________________________ 34
Figura 1.13 – Esempi rispettivamente di diga di tipo vario (Almendra - Spagna) e sbarramento
per laminazione delle piene ______________________________________________________ 34
Figura 1.14 – Esempio rispettivamente di traversa fissa, traversa mobile e briglia di
consolidamento ________________________________________________________________ 34
Figura 1.15 – Esempio di dighe in blocchi di pietra annegati in strati di malta: diga Roosevelt in
Arizona (1) e diga di Salarno in Val Camonica (2) ____________________________________ 35
Figura 1.16 – Esempi rispettivamente di diga a speroni (Fedaia – Trentino-Alto Adige) e di diga
a vani interni (Bau Muggeris - Sardegna) ___________________________________________ 37
Figura 1.17 – Esempi rispettivamente di diga ad arco (Ridracoli – Emilia Romagna) e di diga a
cupola (Vajont – Friuli-Venezia Giulia) ______________________________________________ 37
Figura 1.18 – Diga ad arco semplice (1), a cupola (2), ad arco-gravità (3) _________________ 38
Figura 1.19 – Esempio di diga in terra: diga di Assuan sul Nilo (Egitto) ___________________ 38

7
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura 1.20 – Diga in terra (1), in terra e/o pietrame con nucleo di tenuta (2) o con manto di
rivestimento (3), in pietrame (4) ___________________________________________________ 39
Figura 1.21 – Diga di Nurek (1) e diga Grande Dixence (2) rispettivamente _______________ 39
Figura 1.22 – Diga delle Tre Gole__________________________________________________ 40
Figura 1.23 – Diga di Itaipù ______________________________________________________ 40
Figura 1.24 – Diga di Owen Falls __________________________________________________ 41
Figura 1.25 – Diga di Hoover _____________________________________________________ 41
Figura 1.26 – Esempi di parti costituenti una diga ____________________________________ 43
Figura 1.27 – Definizioni delle caratteristiche di una diga ______________________________ 43
Figura 2.1 – Comune di Valdidentro _______________________________________________ 45
Figura 2.2 – Bacino di Cancano e di San Giacomo in Valle di Fraele _____________________ 45
Figura 2.3 – Dighe secondarie laterali ______________________________________________ 47
Figura 2.4 – Vista da valle degli speroni della diga principale ___________________________ 47
Figura 2.5 – Panoramica dei serbatoi di Cancano e di San Giacomo _____________________ 49
Figura 2.6 – Solettone in cemento armato __________________________________________ 53
Figura 2.7 – Vista dall’alto di un vano interno alla diga ________________________________ 54
Figura 2.8 – Lavori di idropulitura e di posa della rete elettrosaldata _____________________ 55
Figura 2.9 – Profilo longitudinale del nuovo impianto idroelettrico ______________________ 56
Figura 2.10 – Particolare del pozzo e della centrale in sotterraneo ______________________ 57
Figura 3.1 – Sezioni di partenza e solido generato da esse mediante comando “loft” ______ 61
Figura 3.2 – Posizione dello sperone di massima altezza nello sbarramento di San Giacomo _ 62
Figura 3.3 – Sezioni orizzontali principali dello sperone di massima altezza _______________ 63
Figura 3.4 – Realizzazione delle superfici di raccordo e dei rispettivi volumi _______________ 63
Figura 3.5 – Inclinazione del paramento di valle e del paramento di monte _______________ 64
Figura 3.6 – Vista da valle delle discontinuità di 40 cm tra una sezione e l’altra____________ 64
Figura 3.7 – Fotografie e modello della parte superiore dello sperone (coronamento) ______ 65
Figura 3.8 – Pendenza del 2% del nuovo solettone___________________________________ 65
Figura 3.9 –Vista laterale del modello finale dello sperone di massima altezza_____________ 66
Figura 3.10 – Vista da valle del modello finale dello sperone di massima altezza ___________ 66
Figura 3.11 – Vista sud-ovest del modello finale dello sperone di massima altezza _________ 67
Figura 3.12 – Eliminazione dei gradini tra una sezione e l’altra _________________________ 67
Figura 3.13 – Rimozione della pendenza del 2% del solettone orizzontale _______________ 68
Figura 3.14 – Esempio di tavola realizzata in seguito ai lavori di manutenzione della diga di San
Giacomo ______________________________________________________________________ 69
Figura 3.15 – Rilievi batimetrici del bacino di San Giacomo (1995) ______________________ 70

8
Indice

Figura 3.16 – Andamento delle isoipse in prossimità della diga di San Giacomo ___________ 71
Figura 3.17 – Andamento delle isoipse in pianta (2D) _________________________________ 71
Figura 3.18 – Andamento delle isoipse in 3D ________________________________________ 72
Figura 3.19 – Esempio di suddivisioni di due isoipse adiacenti __________________________ 72
Figura 3.20 – Generazione del primo tratto di superficie tra due isoipse adiacenti _________ 73
Figura 3.21 – Generazione dell’intera superficie di terreno compresa tra due isoipse adiacenti _
_________________________________________________________________________ 73
Figura 3.22 – Particolare del modello solido del terreno _______________________________ 74
Figura 3.23 – Modello solido del terreno ___________________________________________ 74
Figura 3.24 – Andamento del terreno in prossimità degli speroni di massima altezza _______ 75
Figura 3.25 – Modulo di terreno scelto per la meshatura ______________________________ 75
Figura 3.26 – Vista laterale del modulo centrale della diga di San Giacomo _______________ 76
Figura 3.27 – Vista laterale del modello finale speroni-terreno__________________________ 76
Figura 3.28 – Incongruenze sull’andamento del contatto tra fondazione e roccia __________ 77
Figura 3.29 – Geometria degli speroni che costituiscono lo sbarramento di San Giacomo ___ 77
Figura 3.30 – Unica rappresentazione grafica della fondazione della diga di San Giacomo __ 78
Figura 4.1 – Modulo centrale della diga di San Giacomo per la discretizzazione ad elementi
finiti _________________________________________________________________________ 79
Figura 4.2 – Metà sperone, modulo utilizzato per la discretizzazione ____________________ 80
Figura 4.3 – Presenza di elementi esaedrici fortemente distorti in prossimità dell’attacco tra
solettone e sperone _____________________________________________________________ 80
Figura 4.4 – Mesh poco regolare in corrispondenza della fondazione ____________________ 81
Figura 4.5 – Divisione del solettone in più sottovolumi ________________________________ 81
Figura 4.6 – Zona in prossimità dell’attaccatura tra solettone e sperone __________________ 82
Figura 4.7 – Zona in prossimità delle teste degli speroni _______________________________ 82
Figura 4.8 – Mesh completa del coronamento _______________________________________ 83
Figura 4.9 – Mesh completa del solettone __________________________________________ 83
Figura 4.10 – Vista dall’alto della mesh completa dello sperone centrale _________________ 84
Figura 4.11 – Vista laterale della mesh completa dello sperone centrale __________________ 84
Figura 4.12 – Vista laterale della mesh completa dello sperone centrale __________________ 85
Figura 4.13 – Presenza di nodi non coincidenti in prossimità del cambiamento di quota ____ 86
Figura 4.14 – Presenza di nodi non coincidenti in prossimità del cambiamento di quota ____ 86
Figura 4.15 – Cucitura dei nodi mediante comando “merge” __________________________ 86
Figura 4.16 – Mesh completa del blocco di terreno scelto per le analisi __________________ 87
Figura 4.17 – Mesh della parte di terreno a contatto con gli speroni ____________________ 87
Figura 4.18 – Mesh della parte di terreno a contatto con gli speroni vista lateralmente _____ 88

9
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura 4.19 – Vista laterale della mesh completa del modello diga-terreno _______________ 88
Figura 5.1 – Distribuzione delle sottopressioni per serbatoio pieno a monte e serbatoio pieno o
vuoto a valle e/o in presenza di drenaggi ___________________________________________ 89
Figura 5.2 – Porzione di serbatoio presidiato da una diga a gravità ______________________ 90
Figura 5.3 – Schema del cuneo indefinito ___________________________________________ 92
Figura 5.4 – Imposizione delle condizioni al contorno _________________________________ 92
Figura 5.5 – Distribuzione schematica dei carichi nelle dighe alleggerite__________________ 94
Figura 5.6 – Diga alleggerita schematica con spessore variabile linearmente con la profondità _
_________________________________________________________________________ 95
Figura 5.7 – Inclinazione dei lati di estremità della parte di sezione a contatto con l’invaso di S.
Giacomo _____________________________________________________________________ 101
Figura 5.8 – Suddivisione solettone per la determinazione della spinta idrostatica di valle __ 101
Figura 5.9 – Andamento delle sottopressioni in prossimità della sezione di base __________ 104
Figura 5.10 – Risultanti delle sottopressioni agenti sulla sezione di fondazione ___________ 106
Figura 5.11 – Modello di progetto della sottospinta _________________________________ 106
Figura 5.12 – Distribuzione delle sottopressioni in asse sperone e lungo lo sviluppo trasversale
dello stesso ___________________________________________________________________ 107
Figura 5.13 – Quota delle sezioni scelte per la verifica allo scorrimento _________________ 111
Figura 5.14 – Convenzione di segno per le sollecitazioni _____________________________ 113
Figura 5.15 – Tensioni verticali a serbatoio pieno____________________________________ 114
Figura 5.16 – Tensioni principali a serbatoio vuoto __________________________________ 115
Figura 5.17 – Tensioni principali a serbatoio pieno a monte ___________________________ 116
Figura 5.18 – Tensioni principali a serbatoio pieno sia a monte, sia a valle _______________ 118
Figura 5.19 – Azione assiale e momento flettente alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di
carico 1 ______________________________________________________________________ 119
Figura 5.20 – Azione assiale e momento flettente alla quota 1878,20 m s.l.m. per la
condizione di carico 1 __________________________________________________________ 119
Figura 5.21 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di carico 1 _______ 119
Figura 5.22 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la condizione di carico 1 _____ 120
Figura 5.23 – Azione assiale e momento flettente alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di
carico 2 ______________________________________________________________________ 121
Figura 5.24 – Azione assiale e momento flettente alla quota 1878,20 m s.l.m. per la
condizione di carico 2 __________________________________________________________ 121
Figura 5.25 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di carico 2 _______ 121
Figura 5.26 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la condizione di carico 2 _____ 122
Figura 5.27 – Azione assiale e momento flettente alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di
carico 3 ______________________________________________________________________ 123

10
Indice

Figura 5.28 – Azione assiale e momento flettente alla quota 1878,20 m s.l.m. per la
condizione di carico 3 __________________________________________________________ 123
Figura 5.29 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di carico 3 _______ 123
Figura 5.30 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la condizione di carico 3 _____ 124
Figura 5.31 – Spostamenti dello sperone dovuti al carico idrostatico nel caso di invaso massimo
da monte ____________________________________________________________________ 125
Figura 5.32 – Spostamenti dello sperone dovuti al carico idrostatico nel caso di invaso massimo
da monte e controinvaso massimo da valle ________________________________________ 126
Figura 5.33 – Spostamenti dello sperone dovuti al carico idrostatico nel caso di invaso minimo
da monte e controinvaso minimo da valle _________________________________________ 126
Figura 6.1 – Propagazione del calore monodimensionale per condizioni al contorno oscillanti _
________________________________________________________________________ 130
Figura 6.2 – Disposizione dei termometri automatici nello sperone n.2 (TC=cls; TA=aria;
TA(H2O)=aria-acqua)___________________________________________________________ 132
Figura 6.3 – Superfici di interfaccia con gli altri speroni (in rosso) sulle quali è stato imposto
flusso di calore nullo ___________________________________________________________ 145
Figura 6.4 – Condizioni al contorno imposte allo sperone di massima altezza ____________ 145
Figura 6.5 – Temperature medie di input (step stazionario) ___________________________ 148
Figura 6.6 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel primo mese del sesto anno _______ 149
Figura 6.7 – Temperature input (a) e risultanti (b) nel secondo mese del sesto anno _______ 150
Figura 6.8 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel terzo mese del sesto anno _______ 151
Figura 6.9 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel quarto mese del sesto anno ______ 152
Figura 6.10 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel quinto mese del sesto anno _____ 153
Figura 6.11 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel sesto mese del sesto anno ______ 154
Figura 6.12 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel settimo mese del sesto anno ____ 155
Figura 6.13 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nell’ottavo mese del sesto anno _____ 156
Figura 6.14 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel nono mese del sesto anno ______ 157
Figura 6.15 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel decimo mese del sesto anno ____ 158
Figura 6.16 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nell’undicesimo mese del sesto anno 159
Figura 6.17 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel dodicesimo mese del sesto anno _ 160
Figura 6.18 – Nodi scelti per diagrammare l’andamento delle temperature all’interno e in
superficie dello sperone ________________________________________________________ 161
Figura 6.19 – Spostamenti dello sperone dovuti al carico termico all’istante t1 (corrispondente
al massimo invaso) _____________________________________________________________ 164
Figura 6.20 – Spostamenti dello sperone dovuti al carico termico all’istante t2 (corrispondente
al minimo invaso)______________________________________________________________ 165
Figura 6.21 – Sforzi principali alla quota 1922 m s.l.m. per carico termico all’istante t1 ____ 166

11
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura 6.22 – Sforzi principali alla quota 1878,20 m s.l.m. per carico termico all’istante t1 _ 166
Figura 6.23 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per carico termico all’istante t1 _____ 166
Figura 6.24 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per carico termico all’istante t1 ___ 167
Figura 6.25 – Sforzi principali alla quota 1922 m s.l.m. per carico termico all’istante t2 ____ 168
Figura 6.26 – Sforzi principali alla quota 1878,20 m s.l.m. per carico termico all’istante t2 _ 168
Figura 6.27 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per carico termico all’istante t2 _____ 168
Figura 6.28 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per carico termico all’istante t2 ___ 169
Figura 6.29 – Sforzi massimi principali agenti all’istante t1 sulla sezione esterna (1), sulla zona
coperta dal solettone (2) e sulla sezione di mezzeria (3) ______________________________ 170
Figura 6.30 – Sforzi massimi principali agenti all’istante t2 sulla sezione esterna (1), sulla zona
coperta dal solettone (2) e sulla sezione di mezzeria (3) ______________________________ 171
Figura 7.1 – Diga di Koyna (India) ________________________________________________ 186
Figura 7.2 – Caratteristiche geometriche della diga di Koyna __________________________ 186
Figura 7.3 – Configurazione iniziale in SAP del modello diga-fondazione di Koyna ________ 187
Figura 7.4 – Configurazione inziale in Abaqus del modello diga-fondazione di Koyna _____ 189
Figura 7.5 – Discretizzazione in Abaqus del modello diga-fondazione di Koyna __________ 189
Figura 7.6 – Configurazione deformata del modello diga-fondazione di Koyna nel caso
Ef/Ed=1/8 (1° modo) ____________________________________________________________ 190
Figura 7.7 – Configurazione iniziale con dimensioni della fondazione raddoppiate ________ 191
Figura 7.8 – Posizione del nodo 7 nel modello ad elementi finiti _______________________ 192
Figura 7.9 – Configurazione deformata del modello diga-fondazione di Koyna nel caso
Ef/Ed=1/8 con valori del massimo spostamento______________________________________ 193
Figura 7.10 – Schermata di lavoro di REXEL per l’elaborazione degli accelerogrammi
compatibili con lo spettro della diga di San Giacomo ________________________________ 194
Figura 7.11 – Rappresentazione dell’intervallo di valori di magnitudo da considerare per
l’accelerogramma _____________________________________________________________ 195
Figura 7.12 – Richiesta del target per la componente verticale ________________________ 195
Figura 7.13 – Primo modo di vibrare T=0,3262 _____________________________________ 209
Figura 7.14 – Secondo modo di vibrare T=0,1838 ___________________________________ 210
Figura 7.15 – Terzo modo di vibrare T=0,1511 _____________________________________ 210
Figura 7.16 – Quarto modo di vibrare T=0,0792 ____________________________________ 210
Figura 7.17 – Spostamenti dovuti alla combinazione delle risposte dell’analisi modale _____ 211
Figura 7.18 – Spostamenti dello sperone dovuti al carico sismico ______________________ 211
Figura 7.19 – Sforzi verticali dedotti dall’analisi pseudostatica per il modello diga-terreno __ 214
Figura 7.20 – Sforzi verticali dedotti dall’analisi modale per il modello diga-terreno _______ 215
Figura 7.21 – Sforzi verticali dedotti rispettivamente dall’analisi pseudostatica (1) e da quella
modale (2) sulla sezione a quota 1922 m s.l.m. _____________________________________ 216

12
Indice

Figura 7.22 – Spostamenti dello sperone dovuti al carico sismico ______________________ 217
Figura 7.23 – Spostamenti dello sperone dovuti al carico sismico ______________________ 217
Figura 7.24 – Sforzi agenti sull’elementino infinitesimo dl paramento di monte __________ 218
Figura 7.25 – Sforzi verticali dovuti al solo peso proprio per il modello del singolo sperone _ 219
Figura 7.26 – Sforzi verticali dovuti al solo peso proprio per il modello diga-terreno _______ 220
Figura 7.27 – Presenza di concentrazioni di sforzi verticali dovuti al solo peso proprio per il
modello diga-terreno __________________________________________________________ 221
Figura 7.28 – Sforzi verticali dovuti al peso proprio e al carico idrostatico all’istante t1 per il
modello del singolo sperone_____________________________________________________ 222
Figura 7.29 – Sforzi verticali dovuti al peso proprio e al carico idrostatico all’istante t1 per il
modello diga-terreno __________________________________________________________ 223
Figura 7.30 – Presenza di concentrazioni di sforzi verticali dovuti al peso proprio e al carico
idrostatico all’istante t1 per il modello diga-terreno __________________________________ 224
Figura 7.31 – Sforzi verticali nel solettone dovuti al peso proprio e al carico idrostatico
all’istante t1 per il modello del singolo sperone e della diga-terreno ____________________ 224
Figura 7.32 – Sforzi verticali dovuti al peso proprio e al carico idrostatico all’istante t2 per il
modello del singolo sperone_____________________________________________________ 225
Figura 7.33 – Sforzi verticali dovuti al peso proprio e al carico idrostatico all’istante t2 per il
modello diga-terreno __________________________________________________________ 226
Figura 7.34 – Sforzi verticali dovuti al carico termico all’istante t1 per il modello del singolo
sperone ______________________________________________________________________ 227
Figura 7.35 – Sforzi verticali dovuti al carico termico all’istante t1 per il modello diga-terreno __
________________________________________________________________________ 228
Figura 7.36 – Sforzi verticali dovuti al carico termico all’istante t2 per il modello del singolo
sperone ______________________________________________________________________ 229
Figura 7.37 – Sforzi verticali dovuti al carico termico all’istante t2 per il modello diga-terreno __
________________________________________________________________________ 230
Figura 7.38 – Presenza di concentrazioni di sforzi verticali dovuti all’azione sismica per il
modello diga-terreno __________________________________________________________ 231
Figura 7.39 – Sforzi verticali dovuti alla prima combinazione di carico per gli speroni centrali __
________________________________________________________________________ 232
Figura 7.40 – Sforzi verticali dovuti alla seconda combinazione per gli speroni centrali ____ 233
Figura 7.41 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 2 ____________ 233
Figura 7.42 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 2 __________ 234
Figura 7.43 – Sforzi verticali dovuti alla terza combinazione per gli speroni centrali _______ 235
Figura 7.44 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 3 ____________ 235
Figura 7.45 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 3 __________ 236
Figura 7.46 – Sforzi verticali dovuti alla quarta combinazione per gli speroni centrali ______ 237

13
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura 7.47 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 4 ____________ 237
Figura 7.48 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 4 __________ 238
Figura 7.49 – Sforzi verticali dovuti alla quinta combinazione per gli speroni centrali ______ 239
Figura 7.50 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 5 ____________ 239
Figura 7.51 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 5 __________ 240
Figura 7.52 – Sforzi verticali dovuti alla sesta combinazione per gli speroni centrali _______ 241
Figura 7.53 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 6 ____________ 241
Figura 7.54 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 6 __________ 242
Figura 7.55 – Sforzi verticali dovuti alla settima combinazione per gli speroni centrali _____ 243
Figura 7.56 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 7 ____________ 243
Figura 7.57 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 7 __________ 244
Figura A.1 – Azioni agenti su un’arbitraria sezione trasversale di una diga a gravità _______ 251
Figura A.2 – Azioni pseudo-statiche in una diga a gravità ____________________________ 252
Figura A.3 – Direzioni principali degli sforzi agenti sulle sezioni di monte e di valle ________ 253
Figura A.4 – Sforzi principali agenti sulle sezioni di monte e di valle ____________________ 254
Figura A.5 – Passi necessari per passare da un elemento a 9 nodi ad un elemento a 4 nodi 264
Figura A.6 – Lato tipico di un elemento quadrilatero_________________________________ 265
Figura A.7 – Modo traslazionale ad energia nulla ___________________________________ 267

14
Indice

INDICE DELLE TABELLE

Tabella 2.1 – Categorie di sottosuolo ______________________________________________ 46


Tabella 2.2 – Categorie topografiche ______________________________________________ 46
Tabella 2.3 – Dati principali della diga di San Giacomo ________________________________ 48
Tabella 2.4 – Dati principali del bacino di San Giacomo _______________________________ 49
Tabella 2.5 – Dati principali delle opere di scarico ____________________________________ 51
Tabella 2.6 – Volumi, pesi e sezione di verifica dello sperone di massima altezza (sperone 2) 52
Tabella 2.7 – Resistenza a compressione del calcestruzzo degli speroni e della berma di valle 57
Tabella 2.8 – Caratteristiche del calcestruzzo per la diga di San Giacomo ________________ 58
Tabella 2.9 – Caratteristiche dl calcestruzzo per il solettone ____________________________ 58
Tabella 2.10 – Caratteristiche dell’acciaio per il solettone ______________________________ 58
Tabella 2.11 – Proprietà dei materiali ______________________________________________ 58
Tabella 2.12 – Caratteristiche del cemento per lo spritz beton__________________________ 59
Tabella 5.1 – Costanti delle espressioni delle tensioni _________________________________ 93
Tabella 5.2 – Valori estremi delle caratteristiche dello sperone da quota 1940,51 a quota
1892,00 m s.l.m. _______________________________________________________________ 98
Tabella 5.3 – Valori estremi delle caratteristiche dello sperone da quota 1892,00 m s.l.m. alla
fondazione ____________________________________________________________________ 98
Tabella 5.4 – Caratteristiche dei sottovolumi dello sperone n. 2 ________________________ 99
Tabella 5.5 – Peso proprio dei sottovolumi dello sperone n. 2 __________________________ 99
Tabella 5.6 – Valori delle spinte idrostatiche di monte e loro punti di applicazione ________ 102
Tabella 5.7 – Valori delle spinte idrostatiche di valle e loro punti di applicazione __________ 102
Tabella 5.8 – Parametri necessari per la determinazione delle sottopressioni agenti sulla sezione
di fondazione _________________________________________________________________ 105
Tabella 5.9 – Valori massimi e minimi della sottopressione agente sulla sezione di base ____ 105
Tabella 5.10 – Valori delle risultanti delle sottopressioni e coordinate dei loro punti di
applicazione __________________________________________________________________ 106
Tabella 5.11 – Sottospinta nelle sezioni di verifica nel caso di invaso a monte ___________ 108
Tabella 5.12 – Sottospinta nelle sezioni di verifica nel caso di invaso a monte e controinvaso d
valle ________________________________________________________________________ 108
Tabella 5.13 – Verifica allo scorrimento nel caso di invaso da monte ___________________ 109
Tabella 5.14 – Verifica allo scorrimento nel caso di invaso da monte ___________________ 110

15
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Tabella 5.15 – Verifica allo scorrimento nel caso di invaso da monte e controinvaso da valle 110
Tabella 5.16 – Verifica allo scorrimento nel caso di invaso da monte e controinvaso da valle 110
Tabella 5.17 – Sollecitazioni agenti nelle sezioni di verifica per la condizione di carico 1 ___ 112
Tabella 5.18 – Sollecitazioni agenti nelle sezioni di verifica per la condizione di carico 2 ___ 112
Tabella 5.19 – Sollecitazioni agenti nelle sezioni di verifica per la condizione di carico 3 ___ 112
Tabella 5.20 – Parametri necessari per la valutazione degli sforzi principali per la condizione di
carico 1 ______________________________________________________________________ 115
Tabella 5.21 – Sforzi principali nelle sezioni di monte e valle per la condizione di carico 1 __ 115
Tabella 5.22 – Parametri necessari per la valutazione degli sforzi principali per la condizione di
carico 2 ______________________________________________________________________ 117
Tabella 5.23 – Sforzi principali nelle sezioni di monte e valle per la condizione di carico 2 __ 117
Tabella 5.24 – Parametri necessari per la valutazione degli sforzi principali per la condizione di
carico 3 ______________________________________________________________________ 118
Tabella 5.25 – Sforzi principali nelle sezioni di monte e valle per la condizione di carico 3 __ 118
Tabella 6.1 – Valori del decadimento dell’ampiezza _________________________________ 131
Tabella 6.2 – Parametri necessari per l’analisi termica tridimensionale __________________ 131
Tabella 6.3 – Parametri necessari per le funzioni sinusoidali approssimanti ______________ 133
Tabella 7.1 – Probabilità di superamento al variare dello stato limite di riferimento _______ 176
Tabella 7.2 – Vita nominale e coefficiente d’uso per le diverse tipologie di dighe (1=dighe di
dimensioni contenute; 2=grandi dighe) ___________________________________________ 176
Tabella 7.3 – Periodo di riferimento per le diverse tipologie di dighe (1=dighe di dimensioni
contenute; 2=grandi dighe) _____________________________________________________ 176
Tabella 7.4 – Periodo di ritorno per l’azione sismica (1=dighe di dimensioni contenute;
2=grandi dighe) _______________________________________________________________ 177
Tabella 7.5 – Vita nominale e coefficiente d’uso per dighe esistenti ____________________ 179
Tabella 7.6 – Periodo di riferimento minimo per dighe esistenti ________________________ 179
Tabella 7.7 – Probabilità di eccedenza per dighe esistenti_____________________________ 179
Tabella 7.8 – Espressioni di SS e CC _______________________________________________ 181
Tabella 7.9 – Valori massimi del coefficiente di amplificazione topografica ST ____________ 181
Tabella 7.10 – Valori dei parametri dello spettro di risposta elastico della componente verticale
________________________________________________________________________ 182
Tabella 7.11 – Parametri necessari per la definizione dello spettro di risposta orizzontale __ 182
Tabella 7.12 – Parametri necessari per la definizione dello spettro di risposta verticale _____ 183
Tabella 7.13 – Caratteristiche del calcestruzzo per la diga di Koyna ____________________ 188
Tabella 7.14 – Valori dei periodi del sistema diga-fondazione calcolati con SAP __________ 190
Tabella 7.15 – Valori dei periodi del sistema diga-fondazione (dimensioni maggiori della
fondazione) calcolati con SAP ___________________________________________________ 191

16
Indice

Tabella 7.16 – Spostamento massimo del nodo 7 ___________________________________ 191


Tabella 7.17 – Valori dei periodi del sistema diga-fondazione calcolati con Abaqus _______ 192
Tabella 7.18 – Parametri necessari per la definizione dello spettro di risposta ____________ 194
Tabella 7.19 – Valori dei periodi propri del sistema diga-terreno per sisma da monte verso valle
________________________________________________________________________ 208
Tabella 7.20 – Parametri necessari per la determinazione delle azioni inerziali dell’acqua __ 214
Tabella 7.21 – Combinazioni lineari dei carichi agenti ________________________________ 232
Tabella 7.22 – Sforzi principali sul paramento di monte in prossimità delle due sezioni per la
combinazione 2 _______________________________________________________________ 246
Tabella 7.23 – Sforzi principali sul paramento di monte in prossimità delle due sezioni per la
combinazione 4 _______________________________________________________________ 246
Tabella 7.24 – Sforzi principali sul paramento di monte in prossimità delle due sezioni per la
combinazione 6 _______________________________________________________________ 246
Tabella 7.25 – Sforzi principali sul paramento di valle in prossimità delle due sezioni per la
combinazione 2 _______________________________________________________________ 246
Tabella 7.26 – Sforzi principali sul paramento di valle in prossimità delle due sezioni per la
combinazione 4 _______________________________________________________________ 246
Tabella 7.27 – Sforzi principali sul paramento di valle in prossimità delle due sezioni per la
combinazione 6 _______________________________________________________________ 246

17
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

INDICE DEI GRAFICI

Grafico 1.1 – Distribuzione delle dighe nel mondo ___________________________________ 28


Grafico 1.2 – Funzione delle dighe in Italia __________________________________________ 31
Grafico 1.3 – Ripartizione tipologica delle dighe in Italia_______________________________ 35
Grafico 1.4 – Validità delle leggi regionali e nazionali per le opere di sbarramento _________ 36
Grafico 5.1 – Volumi unitari di calcestruzzo per le dighe a gravità massicce ed alleggerite __ 94
Grafico 5.2 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di
carico 1 ______________________________________________________________________ 120
Grafico 5.3 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la condizione di
carico 1 ______________________________________________________________________ 120
Grafico 5.4 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di
carico 2 ______________________________________________________________________ 122
Grafico 5.5 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la condizione di
carico 2 ______________________________________________________________________ 122
Grafico 5.6 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di
carico 3 ______________________________________________________________________ 124
Grafico 5.7 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la condizione di
carico 3 ______________________________________________________________________ 124
Grafico 6.1 – Penetrazione di un’onda termica sinusoidale all’interno di un muro di spessore
infinito ______________________________________________________________________ 131
Grafico 6.2 – Temperatura misurata dal termometro TC1 e relativa funzione approssimante134
Grafico 6.3 – Temperatura misurata dal termometro TC2 e relativa funzione approssimante134
Grafico 6.4 – Temperatura misurata dal termometro TC3 e relativa funzione approssimante135
Grafico 6.5 – Temperatura misurata dal termometro TC4 e relativa funzione approssimante135
Grafico 6.6 – Temperatura misurata dal termometro TC5 e relativa funzione approssimante136
Grafico 6.7 – Temperatura misurata dal termometro TC6 e relativa funzione approssimante136
Grafico 6.8 – Temperatura misurata dal termometro TC7 e relativa funzione approssimante137
Grafico 6.9 – Temperatura misurata dal termometro TC8 e relativa funzione approssimante137
Grafico 6.10 – Temperatura misurata dal termometro TC9 e relativa funzione approssimante _
________________________________________________________________________ 138
Grafico 6.11 – Temperatura misurata dal termometro TA1 e relativa funzione approssimante _
________________________________________________________________________ 138
Grafico 6.12 – Temperatura misurata dal termometro TA2 e relativa funzione approssimante _
________________________________________________________________________ 139

18
Indice

Grafico 6.13 – Temperatura misurata dal termometro TA3 e relativa funzione approssimante _
________________________________________________________________________ 139
Grafico 6.14 – Temperatura misurata dal termometro TA4 e relativa funzione approssimante _
________________________________________________________________________ 140
Grafico 6.15 – Temperatura misurata dal termometro TA5 e relativa funzione approssimante _
________________________________________________________________________ 140
Grafico 6.16 – Andamento dell’invaso di San Giacomo e relativa funzione approssimante _ 141
Grafico 6.17 – Andamento delle temperature misurate dal termometro TC2 e TA(H2O)7 in
fase con l’andamento del livello di invaso del bacino di San Giacomo___________________ 142
Grafico 6.18 – Andamento dell’invaso di Cancano __________________________________ 143
Grafico 6.19 – Andamento dell’invaso di Cancano e relativa funzione approssimante _____ 143
Grafico 6.20 – Andamenti degli invaso di San Giacomo e Cancano e relative funzioni
approssimanti_________________________________________________________________ 144
Grafico 6.21 – Temperature di tre punti interni (N1, N3 e N4) e uno esterno (N2) dello sperone
n. 2 ________________________________________________________________________ 162
Grafico 6.22 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per carico termico
all’istante t1 __________________________________________________________________ 167
Grafico 6.23 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per carico termico
all’istante t1 __________________________________________________________________ 167
Grafico 6.24 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per carico termico
all’istante t2 __________________________________________________________________ 169
Grafico 6.25 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per carico termico
all’istante t2 __________________________________________________________________ 169
Grafico 7.1 – Esempio di accelerogramma _________________________________________ 178
Grafico 7.2 – Esempio di spettro di risposta elastico _________________________________ 178
Grafico 7.3 – Spettri di risposta orizzontali per i diversi stati limite _____________________ 183
Grafico 7.4 – Spettri di risposta verticali per i diversi stati limite ________________________ 184
Grafico 7.5 – Combinazione di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta
orizzontale ___________________________________________________________________ 197
Grafico 7.6 – Combinazione di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta verticale
________________________________________________________________________ 198
Grafico 7.7 – Combinazione 1 di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta
orizzontale ___________________________________________________________________ 199
Grafico 7.8 – Combinazione 2 di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta
orizzontale ___________________________________________________________________ 199
Grafico 7.9 – Combinazione 3 di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta
orizzontale ___________________________________________________________________ 200
Grafico 7.10 – Combinazione 4 di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta
orizzontale ___________________________________________________________________ 200

19
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Grafico 7.11 – Combinazione 5 di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta


orizzontale ___________________________________________________________________ 201
Grafico 7.12 – Combinazione 6 di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta
orizzontale ___________________________________________________________________ 201
Grafico 7.13 – Combinazione 7 di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta
orizzontale ___________________________________________________________________ 202
Grafico 7.14 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la prima
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 202
Grafico 7.15 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la seconda
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 203
Grafico 7.16 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la terza
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 203
Grafico 7.17 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quarta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 204
Grafico 7.18 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quinta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 204
Grafico 7.19 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la sesta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 205
Grafico 7.20 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la settima
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 205
Grafico 7.21 – Valori dei fattori di partecipazione dei primi 10 modi del modulo speroni-
terreno ______________________________________________________________________ 209
Grafico 7.22 – Valutazione dell’accelerazione da impostare come forza statica equivalente sul
sistema speroni-terreno_________________________________________________________ 212
Grafico 7.23 – Confronti degli sforzi verticali dovuti all’azione sismica, valutati mediante due
analisi differenti _______________________________________________________________ 216
Grafico 7.24 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 2
________________________________________________________________________ 234
Grafico 7.25 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la
combinazione 2 _______________________________________________________________ 234
Grafico 7.26 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 3
________________________________________________________________________ 236
Grafico 7.27 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la
combinazione 3 _______________________________________________________________ 236
Grafico 7.28 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 4
________________________________________________________________________ 238
Grafico 7.29 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la
combinazione 4 _______________________________________________________________ 238
Grafico 7.30 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 5
________________________________________________________________________ 240

20
Indice

Grafico 7.31 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la
combinazione 5 _______________________________________________________________ 240
Grafico 7.32 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 6
________________________________________________________________________ 242
Grafico 7.33 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la
combinazione 6 _______________________________________________________________ 242
Grafico 7.34 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 7
________________________________________________________________________ 244
Grafico 7.35 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la
combinazione 7 _______________________________________________________________ 244
Grafico A.1 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la prima
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 268
Grafico A.2 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la seconda
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 269
Grafico A.3 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la terza
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 269
Grafico A.4 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quarta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 270
Grafico A.5 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quinta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 270
Grafico A.6 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la sesta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 271
Grafico A.7 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la settima
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 271
Grafico A.8 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la prima
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 272
Grafico A.9 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la seconda
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 272
Grafico A.10 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la terza
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 273
Grafico A.11 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quarta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 273
Grafico A.12 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quinta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 274
Grafico A.13 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la sesta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 274
Grafico A.14 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la settima
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 275
Grafico A.15 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la prima
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 275

21
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Grafico A.16 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la seconda
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 276
Grafico A.17 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la terza
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 276
Grafico A.18 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quarta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 277
Grafico A.19 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quinta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 277
Grafico A.20 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la sesta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 278
Grafico A.21 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la settima
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 278
Grafico A.22 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la prima
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 279
Grafico A.23 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la seconda
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 279
Grafico A.24 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la terza
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 280
Grafico A.25 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quarta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 280
Grafico A.26 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quinta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 281
Grafico A.27 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la sesta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 281
Grafico A.28 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la settima
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 282
Grafico A.29 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la prima
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 282
Grafico A.30 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la seconda
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 283
Grafico A.31 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la terza
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 283
Grafico A.32 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quarta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 284
Grafico A.33 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quinta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 284
Grafico A.34 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la sesta
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 285
Grafico A.35 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la settima
combinazione di accelerogrammi ________________________________________________ 285

22
Abstract

ABSTRACT

La tesi è il risultato del lavoro svolto in questi mesi sulla modellazione e sulle analisi statiche e
simiche di una diga esistente in calcestruzzo a gravità a speroni (San Giacomo in provincia di
Sondrio), gestita da un’azienda di servizi di pubblica utilità operante nei settori di produzione
di elettricità (A2A).
L’attività è stata svolta sotto la guida di alcuni docenti del Dipartimento DICA del Politecnico di
Milano che da tempo coltivano il tema dell’analisi strutturale di grandi dighe in calcestruzzo.
Il lavoro ha comportato la realizzazione di un modello tridimensionale ad elementi finiti di un
modulo centrale dello sbarramento (due speroni di massima altezza con relativa fondazione
sottostante) e lo svolgimento di analisi elastiche lineari del sistema mediante un codice di
calcolo commerciale (Abaqus). Il modello realizzato ha una buona rispondenza con la
geometria reale e con l’attacco roccia-fondazione.
Inizialmente si è proceduto ad effettuare verifiche di stabilità allo scorrimento; successivamente
sono stati valutati gli sforzi dovuti ai carichi statici, inclusa l’azione termica,
Infine, sono state eseguite analisi sismiche con spettro di risposta allo stato limite di
salvaguardia della vita.
Le verifiche sono state condotte in accordo alla normativa vigente (D.M. 24.03.1892), anche se
le azioni sismiche sono state adeguate alle prescrizioni della “Proposta di Aggiornamento delle
Norme Tecniche per la Progettazione e la Costruzione degli Sbarramenti di Ritenuta (Dighe e
Traverse)”, che è formulata secondo l’approccio del D.M. 14.01.2008.

23
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

This thesis reports on the work carried out in these months on the modelling and the static
and seismic analyses of an existing concrete gravity buttress dam (San Giacomo located in
Sondrio), managed by a public corporation that operates in the field of power generation
(A2A).
The work was conducted at the Department of Civil and Environmental Engineer of Politecnico
di Milano where there is a team of researchers/professors who have been working on
structural aspects of dam engineering for some time.
A three-dimensional finite element model of a central module of the dam (two buttresses of
maximal height and their underlying foundation) was generated and appropriate analyses
were performed. The solid model of the system in point reflects the real geometry of the dam
and of the rock-foundation interface.
At first a sliding stability analysis was performed followed by a stress analysis under external
actions represented by self-weight, hydrostatic load and thermal loads; such stress analyses are
based on linear elasticity and have been performed using a commercial finite element software
(Abaqus).
Finally, seismic analyses were also performed using a response spectrum technique.
All analyses were performed in agreement with current regulations (D.M. 24.03.1892). even if
the seismic forces follow the prescriptions contained in “Proposta di Aggiornamento delle
Norme Tecniche per la Progettazione e la Costruzione degli Sbarramenti di Ritenuta (Dighe e
Traverse)”, coherent with the D.M. 14.01.2008.

24
Introduzione

INTRODUZIONE

Così come in altri Paesi europei, in Italia ci sono poche possibilità di progettare e costruire
nuove dighe, mentre è molto sentita l’esigenza di garantire la sicurezza degli sbarramenti
esistenti. Infatti, una vita di esercizio che spesso raggiunge o supera i 5/6 decenni può
determinare eventuali deterioramenti strutturali.
Le dighe esistenti vengono controllate attraverso sistemi di monitoraggio ed ispezioni
periodiche, con lo scopo di individuare prontamente eventuali situazioni o comportamenti
anomali dell’opera che devono essere successivamente interpretati, al fine di individuarne le
cause.
Per indicare le attività e gli strumenti che possono essere messi in campo per monitorare sullo
“stato di salute” di un’infrastruttura esistente quale una diga (o un ponte per fare un altro
esempio), viene spesso utilizzato il termine “Structural Health Monitoring” (SHM) [1]. La SHM
intende tenere sotto controllo le azioni esterne che agiscono, oltre alla risposta strutturale a
tali azioni (es. lenti movimenti della spalla rocciosa di una diga a volta causati da fenomeni
geologici).
Anche la modellizzazione fisico-matematica di un sistema diga-fondazione-bacino rientra nelle
indagini della SHM. Sotto azioni esterne note, il confronto tra la risposta strutturale del
modello ad elementi finiti (che predice gli effetti attesi) e la risposta effettiva dell’opera
descritta in termini delle grandezze rilevate da monitoraggio rappresenta un elemento di
conoscenza fondamentale per l’interpretazione di fenomeni reali.

Rispetto ad una diga esistente a gravità a speroni realizzata in calcestruzzo questa tesi intende
mostrare:
- come procedere per generare un modello ad elementi finiti del sistema diga-
fondazione;
- come utilizzare tale modello al fine di determinare la risposta strutturale della diga
sotto i carichi di servizio;
- come effettuare le analisi statiche, termiche e sismiche previste dalla normativa.

La diga presa in considerazione è quella di San Giacomo, situata nel Comune di Valdidentro
(So), in Valle di Fraele. Tale sbarramento è controllato dalla società A2A che ha fornito tutta la
documentazione necessaria per lo svolgimento del lavoro.
La normativa delle dighe tuttora in vigore è quella riportata nel D.M. 24.03.1982 “Norme
tecniche per la progettazione e la costruzione delle dighe di sbarramento” [2]. Esiste però una
“Proposta di Aggiornamento delle Norme Tecniche per la Progettazione e la Costruzione degli
Sbarramenti di Ritenuta (Dighe e Traverse)”, elaborata nel 2009 e approvata nel dicembre
dello stesso anno dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, ma attualmente non ancora resa
cogente. Tale Proposta di Aggiornamento Norme (denotata nel seguito mediante l’acronimo
PAN per brevità) è stata formulata secondo l’approccio agli stati limite e tiene conto della
nuova classificazione del territorio nazionale in ambito sismico, come prescritto nelle Norme
Tecniche per le Costruzioni (D.M. 14 gennaio 2008) [3,4].

25
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Nel lavoro di tesi le analisi sono state effettuate secondo quanto specificato nel D.M. 1982,
adeguando le azioni sismiche e le corrispondenti verifiche a quanto prescritto dalle PAN.

La tesi è stata strutturata nel modo seguente:


- nel capitolo 1 si riportano le caratteristiche e lo scopo di utilizzo delle diverse tipologie
di dighe, classificate secondo la normativa vigente;
- nel capitolo 2 si propone una descrizione delle proprietà geometriche e meccaniche
della diga in esame, del territorio nel quale è situata e del bacino su cui insiste;
- i capitoli 3 e 4 descrivono rispettivamente la realizzazione del modello solido di un
modulo centrale dello sbarramento (e della corrispondente porzione di fondazione)
mediante un software CAD e quella del relativo modello tridimensionale agli elementi
finiti;
- il capitolo 5 è dedicato alle analisi statiche, alle verifiche di stabilità allo scorrimento e a
quelle di resistenza;
- nel capitolo 6 viene riportato lo studio degli effetti termici che la diga subisce durante
l’anno;
- nel capitolo 7 vengono illustrate le analisi dinamiche lineari. Dapprima, per discutere
l’impiego di metodologie alternative per lo sbarramento in esame, si prende in
considerazione una situazione bidimensionale (diga di Koyna); successivamente viene
illustrata l’applicazione dell’analisi modale con spettro di risposta al modulo centrale
(modello tridimensionale) della diga di San Giacomo.

26
Capitolo 1 – Generalità sulle opere di sbarramento

1. OPERE DI SBARRAMENTO

Gli sbarramenti permanenti di un corso d’acqua si distinguono in dighe e traverse.


Indipendentemente dall’importanza dell’opera, la distinzione tra i due tipi è essenzialmente
funzionale:
- con il termine diga si intende uno sbarramento destinato alla creazione di un invaso
artificiale a monte, che accumula temporaneamente una parte delle acque defluenti
nel fiume;
- la traversa è uno sbarramento che regola principalmente il livello dell’acqua a monte,
solitamente di volume modesto. Tale regolazione generalmente è necessaria per il
funzionamento ottimale di un’opera di presa, realizzata direttamente nello
sbarramento stesso.
Pertanto, le dighe possono essere definite come sbarramenti finalizzati alla formazione di un
volume di invaso, utile per la regolazione delle portate necessarie ad uno o più utilizzatori
dell’acqua [5].

Wu(h) h

Dighe di Cancano e S. Giacomo


(Valtellina)

Figura 1.1 – Lago di Cancano

La legislazione italiana indica con il termine “grandi dighe” quelle che superano i 15 metri di
altezza o che determinano un volume di invaso superiore a 1˙000˙000 di metri cubi [3]. In Italia
i grandi sbarramenti risultano essere 541 (aprile 2012); la maggior parte di essi sono in
muratura, mentre oltre 200 sono in terra [6].
Tutte le grandi dighe sono di competenza statale, nel senso che l’autorità preposta al loro
controllo è la “Direzione Generale per le Dighe e le Infrastrutture idriche ed elettriche”,
facente capo al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Ai fini della tutela della pubblica
incolumità, tale autorità provvede all'approvazione tecnica dei progetti delle grandi dighe,
tenendo conto anche degli aspetti ambientali e di sicurezza idraulica derivanti dalla gestione
del sistema costituito dall'invaso, dal relativo sbarramento e da tutte le opere complementari e

27
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

accessorie. Tra i suoi compiti rientrano anche la vigilanza sulle operazioni di controllo e
gestione delle dighe spettanti ai concessionari e la predisposizione della normativa tecnica.

In Italia le grandi dighe risultano abbastanza diffuse sul territorio nazionale, in particolare nelle
zone alpine e prealpine, in Sardegna e in Sicilia (Figura 1.2) [6], mentre nel mondo la
distribuzione è maggiormente concentrata in Cina, come si evince dal Grafico 1.1.

Legenda:

= 10 dighe

NORD = 46 %

CENTRO = 32 %

SUD E ISOLE = 32 %

Totale 541 dighe

Figura 1.2 – Distribuzione territoriale delle dighe in Italia

America - 21% Africa - 2% Australia - 1%


Europa - 11% Asia - 12% Cina - 53%
Grafico 1.1 – Distribuzione delle dighe nel mondo

I dati appena riportati sono forniti dai rapporti tecnici emanati dal “Comitato Nazionale
Italiano per le Grandi Dighe (ItCOLD)”, associazione culturale e scientifica che si propone di
promuovere e agevolare lo studio dei problemi connessi alle dighe del territorio, alla loro
realizzazione e al loro esercizio. Tali rapporti risultano di notevole utilità per tutti coloro che si
occupano di sbarramenti fluviali, quali gestori degli impianti idroelettrici, autorità di controllo,
ingegneri progettisti, ecc [7].
Inoltre, il comitato ItCOLD partecipa a gruppi di lavoro internazionali organizzati
dall’International on Large Dams (ICOLD), al quale si farà riferimento nel paragrafo seguente
[8].

28
Capitolo 1 – Generalità sulle opere di sbarramento

1.1. FUNZIONI DELLE DIGHE

In passato le dighe venivano costruite per la raccolta d’acqua e l’irrigazione. Con lo sviluppo
della civilizzazione tali bisogni si estesero anche al governo delle piene, alla navigazione, al
supporto di acquedotti, al controllo dei sedimenti, alla ricerca di potenza idroelettrica…
Infatti, la diga multifunzione rappresenta un progetto molto importante per lo sviluppo dei
paesi, in quanto la popolazione sarebbe in grado di ricevere benefici sia domestici, sia
economici da un unico investimento.
Di seguito vengono riportate le caratteristiche di alcune tra le funzioni più diffuse nel mondo.

1.1.1. IRRIGAZIONE

Attualmente i terreni irrigati coprono circa 277 milioni di ettari, che corrispondono al 18%
delle terre arabili nel mondo. Con l’aumento della popolazione prevista per le prossime decadi,
l’irrigazione dovrà senz’altro crescere. Infatti, è stato stimato che l’80% della produzione
aggiuntiva di cibo entro l’anno 2025 dovrà provenire da terreni irrigati [9].

Figura 1.3 – Coltivazioni di prodotti in campi irrigati

1.1.2. ENERGIA IDROELETTRICA

L’elettricità generata dalle dighe rappresenta da sempre la più grande risorsa di energia
rinnovabile nel mondo. Più del 90% dell’elettricità rinnovabile del pianeta proviene dalle dighe
[9]. Le centrali idroelettriche permettono di produrre 2,3 trilioni kW/h di elettricità ogni anno
(24% dell’elettricità nel mondo).

Figura 1.4 – Generatori in una centrale idroelettrica

29
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

1.1.3. RACCOLTA D’ACQUA PER USO DOMESTICO ED INDUSTRIALE

La maggior parte dell’acqua è utilizzata a scopi civili. Gran parte delle piogge precipita sul
mare, mentre la quantità rimanente che cade sulla terra si disperde. Solo il 2% delle piogge
totali viene filtrata per riempire di nuovo la falda acquifera. Per soddisfare i cambiamenti nel
ciclo idrologico sono richieste dighe e serbatoi per immagazzinare acqua e per fornire scorte
più coerenti durante i periodi di siccità [9].
Centrali complesse come quella riportata in Figura 1.5 richiedono milioni di litri al giorno.
L’acqua non potrebbe essere fornita senza l’aiuto delle dighe.

Figura 1.5 – Industria la cui acqua è fornita da dighe limitrofe

1.1.4. NAVIGAZIONE NELL’ENTROTERRA

Le condizioni naturali di un fiume creano enormi problemi e ostacoli alla navigazione


nell’entroterra, che potenzialmente possiede vantaggi straordinari, soprattutto per quanto
riguarda il trasporto di merci pesanti e di grandi dimensioni. La crescita della navigazione
fluviale è il risultato di piani di sviluppo riguardanti l’utilizzo più frequente di dighe e bacini,
che vengono regolamentati per offrire maggiori benefici economici regionali e nazionali. Un
fiume che è stato sviluppato attraverso dighe e serbatoi per la navigazione potrebbe anche
provvedere al controllo delle piene, alla riduzione dell’erosione e alla stabilizzazione dei livelli
della falda freatica [9].

Figura 1.6 – Grandi carichi di prodotti si spostano lungo il canale nei pressi della diga e della chiusa

30
Capitolo 1 – Generalità sulle opere di sbarramento

1.1.5. CONTROLLO DELLE INONDAZIONI

Le dighe e i serbatoi possono essere usati per regolare i livelli dei fiumi ed evitare alluvioni a
valle, immagazzinando acqua per poi rilasciarla. Il metodo più efficace per il controllo delle
piene si realizza mediante un piano integrato di gestione delle risorse idriche per la regolazione
del deposito e degli scarichi di ognuna delle principali dighe situate in un bacino idrografico.
Ogni diga è gestita da uno specifico piano attraverso il governo del bacino, che comporta
l’abbassamento del livello del serbatoio, per generare più spazio di raccolta prima della
stagione delle piogge. Questa strategia permette di eliminare il pericolo delle piene. Il numero
di dighe e dei loro piani di gestione delle piene vengono stabiliti dalla pianificazione globale
per lo sviluppo economico dei singoli territori [9].

Figura 1.7 – Esempio di alluvione

1.2. FUNZIONI DELLE DIGHE IN ITALIA

L’utilizzo delle grandi dighe in Italia è principalmente quello idroelettrico, secondariamente vi è


l’irrigazione, il supporto ad acquedotti e in minima parte il controllo delle piene [5]:

Energia elettrica - 60% Irrigazione - 25,8%


Acquedotti - 13,2% Controllo piene - 1%

Grafico 1.2 – Funzione delle dighe in Italia

31
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

L’idroelettrico ha sicuramente una forte vocazione ambientale, di particolare attualità se


relazionato al tema del contenimento delle emissioni di inquinanti. Infatti, tale fonte di energia
è in linea con quanto sottoscritto nei trattati internazionali, poiché il “combustibile” utilizzato
non provoca emissioni di gas serra nell’atmosfera. Benché in talune circostanze le dighe siano
osteggiate, perché comportano un impatto ambientale non indifferente, in Italia il fenomeno
risulta più modesto, dato il potenziale idrico complessivo in termini di potenza virtualmente
producibile [6,10].

GWh/anno
0
0 – 50
50 – 100
100 – 150
150 – 300
300 – 500
500 – 700
700 – 1000
1000 – 1500
1500 – 2000
2000 – 2500
2500 – 3000
3000 – 3500
> 3500

Figura 1.8 – Producibilità idroelettrica massima determinata per i vari bacini idrografici del territorio
nazionale

1.3. CLASSIFICAZIONE DELLE DIGHE SECONDO D.M. 24 MARZO 1982

La normativa attualmente in vigore è il Decreto Ministeriale 24 Marzo 1982 “Norme tecniche


per la progettazione e la costruzione delle dighe di sbarramento”, che si basa su un approccio
alle tensioni ammissibili [2].
Tuttavia, esiste in bozza una “Proposta di Aggiornamento delle Norme Tecniche per la
Progettazione e la Costruzione degli Sbarramenti di Ritenuta (Dighe e Traverse)”, elaborata nel
2009 e approvata nel dicembre dello stesso anno dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.
Questa normativa è stata formulata secondo l’approccio agli stati limite presente nelle Norme
Tecniche per le Costruzioni (D.M. 14 gennaio 2008), ma non è ancora in vigore [3].

32
Capitolo 1 – Generalità sulle opere di sbarramento

Secondo la normativa vigente le dighe vengono classificate come segue [2]:

- a gravità: ordinarie (a gravità massiccia), a speroni o a vani interni (a gravità


alleggerita);

(1) (2) (3)


Figura 1.9 – Esempi rispettivamente di diga ordinaria (Grande Dixence – Svizzera), diga a speroni (Fedaia –
Trentino-Alto Adige) e diga a vani interni (Gioveretto – Trentino-Alto Adige)

- a volta: ad arco, ad arco-gravità e a cupola (a doppia curvatura);

(1) (2) (3)


Figura 1.10 – Esempi rispettivamente di diga ad arco semplice (Lei – Lombardia), diga ad arco-gravità (Cancano
– Lombardia) e diga a cupola (Speccheri – Trentino-Alto Adige)

- a volte o solette, sostenute da contrafforti;

Figura 1.11 – Esempio di diga sostenuta da contrafforti (Venina – Lombardia)

- in materiali sciolti: in terra omogenea, in terra e/o pietrame con nucleo di tenuta in
terra e in terra e/o pietrame con manto di tenuta a monte o con nucleo di tenuta in
materiali artificiali;

33
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

(1) (2) (3)


Figura 1.12 – Esempi rispettivamente di diga in terra (Resia – Trentino-Alto Adige), diga in terra con manto
(Zoccolo – Trentino-Alto Adige) e diga in pietrame (Lago Verde – Trentino-Alto Adige)

- sbarramenti di tipo vario: dighe di tipo misto, dighe di subalveo e sbarramenti per
laminazione delle piene (briglie a bocca tarata o a finestra);

(1) (2)
Figura 1.13 – Esempi rispettivamente di diga di tipo vario (Almendra - Spagna) e sbarramento per laminazione
delle piene

- traverse fluviali: fisse, mobili o briglie;

(1) (2) (3)


Figura 1.14 – Esempio rispettivamente di traversa fissa, traversa mobile e briglia di consolidamento

Le prime tre tipologie costituiscono il gruppo delle dighe murarie e si riferiscono sia a dighe in
calcestruzzo, sia a dighe costruite con l’utilizzo di altri materiali, quali blocchi di pietra annegati
in strati di malta di cemento.

34
Capitolo 1 – Generalità sulle opere di sbarramento

(1) (2)
Figura 1.15 – Esempio di dighe in blocchi di pietra annegati in strati di malta: diga Roosevelt in Arizona (1) e
diga di Salarno in Val Camonica (2)

Nel grafico seguente viene mostrata la ripartizione tipologica delle dighe nel territorio italiano.
Le dighe a gravità ordinaria in calcestruzzo hanno avuto una più vasta diffusione rispetto a
tutte le altre tipologie [6].

Gravità ordinaria in calcestruzzo


Gravità ordinaria in muratura
Gravità a speroni
Arco semplice
Arco-gravità
Cupola
Volte o solette sostenute da contrafforti
Terra omogenea
Terra e/o pietrame con nucleo
Terra con manto
Pietrame con manto
Muratura in pietrame a secco
Blocchi di calcestruzzo
Traversa in calcestruzzo
Traversa in muratura di pietrame con malta

0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 110 120 130

Grafico 1.3 – Ripartizione tipologica delle dighe in Italia

La progettazione, la costruzione, l’esercizio e la vigilanza degli sbarramenti sono regolate da


norme e leggi emanate a livello nazionale e regionale, in relazione alle dimensioni dell’opera
[5].

35
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Legenda:
H [m]
N = norme nazionali [D.P.R. n. 1363 del
01/11/59 (parte 1) e D.M.LL.PP. del
N 24/03/82]

R = norme regionali [per la Regione


15 Lombardia L.R. n. 8 del 23/03/98]
R, N
10 R H = altezza dello sbarramento

V = volume d’invaso
0.1 1 V [106 m3]

Grafico 1.4 – Validità delle leggi regionali e nazionali per le opere di sbarramento

1.3.1. DIGHE A GRAVITÀ

Le dighe a gravità sfruttano il peso proprio della struttura per opporsi alla spinta idrostatica
esercitata dall’acqua invasata nel lago artificiale da loro creato a monte. L’effetto di tale peso è
quello di indirizzare verso il basso la risultante delle forze agenti, in modo che la verifica allo
slittamento sia soddisfatta.
Esse si suddividono in dighe a gravità ordinaria e dighe a gravità alleggerite.

Nel primo caso la struttura è


composta da elementi massicci
affiancati e indipendenti, detti conci,
murari o in calcestruzzo e separati da
giunti permanenti secondo piani
verticali.

Invece, nel secondo caso i conci sono


sagomati in modo da ricavare
all’interno della struttura dei vani più
o meno ampi. Nella maggior parte dei
casi i conci diventano contrafforti con
espansioni a monte e/o a valle.

L’andamento planimetrico di queste dighe è generalmente rettilineo, raramente risulta arcuato


con la concavità verso valle.
La forma della sezione trasversale è tipicamente triangolare, come è possibile osservare dalle
immagini precedenti, con la pendenza del paramento di valle maggiore del paramento di
monte, che in molti casi è assunto verticale.

36
Capitolo 1 – Generalità sulle opere di sbarramento

Il profilo teorico di ogni sperone deve rendere stabile la struttura al ribaltamento e allo
slittamento, ma anche soddisfare la verifica tenso-deformtiva.
Tra le dighe a gravità alleggerite vi sono quelle a speroni e quelle a vani interni.
Nelle prime i conci sono sagomati in modo da formare dei contrafforti con le estremità di
monte, che allargandosi formano il paramento di monte.
Nelle seconde i conci sono alleggeriti da cavità che formano dei vuoti interni.
Il minor peso della struttura è compensato dalla diminuzione delle sottospinte dovuta alla
presenza delle aperture tra i contrafforti. In alcuni casi il minor peso è anche compensato
dall’aumento della componente verticale della spinta idrostatica, che è ottenuto diminuendo la
pendenza del paramento di monte [11].

(1) (2)
Figura 1.16 – Esempi rispettivamente di diga a speroni (Fedaia – Trentino-Alto Adige) e di diga a vani interni
(Bau Muggeris - Sardegna)

1.3.2. DIGHE A VOLTA

Le dighe spingenti scaricano la spinta idrostatica sulle sponde della valle, sfruttando la
curvatura della struttura. Tale curvatura può interessare solo le sezioni orizzontali o anche
quelle verticali. Nel primo caso si parla più propriamente di dighe ad arco, mentre nel secondo
caso di dighe a volta o a cupola.

(1) (2)
Figura 1.17 – Esempi rispettivamente di diga ad arco (Ridracoli – Emilia Romagna) e di diga a cupola (Vajont –
Friuli-Venezia Giulia)

La struttura ha spessori molto sottili e generalmente il suo peso ha un effetto trascurabile sulla
stabilità rispetto all’effetto arco.

37
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Nelle dighe a volta o a piastre la struttura è costituita da una serie di contrafforti affiancati, ai
quali è affidata la stabilità dello sbarramento, collegati a monte da volte o piastre.
Trattandosi di strutture molto leggere, la componente verticale della spinta idrostatica è
esaltata diminuendo molto la pendenza del paramento di monte. Nei casi più estremi tale
pendenza risulta uguale o minore di quella del paramento di valle.
Esistono anche dighe ad azione combinata denominate dighe ad arco-gravità, in cui la
resistenza è affidata sia al peso proprio, sia all’effetto arco [12].

(1) (2) (3)


Figura 1.18 – Diga ad arco semplice (1), a cupola (2), ad arco-gravità (3)

1.3.3. DIGHE IN MATERIALI SCIOLTI

Le dighe in materiali sciolti sono costituite da un rilevato in materiali terrosi e/o lapidei
compattati, senza l’aggiunta di leganti. Esse hanno il compito di garantire la stabilità statica in
relazione alle azioni agenti sul rilevato e la tenuta idraulica attraverso l’uso di nuclei
impermeabili e/o setti artificiali. Si possono dividere in dighe in terra omogenee, in terra zonate
o in pietrame.

Figura 1.19 – Esempio di diga in terra: diga di Assuan sul Nilo (Egitto)

38
Capitolo 1 – Generalità sulle opere di sbarramento

Avendo una notevole capacità di assecondare gli assestamenti della fondazione e di distribuire
uniformemente gli sforzi, le dighe in materiali sciolti sono indicate quando la roccia non è
compatta e particolarmente resistente.
Sono strutture non tracimabili, in quanto sono facilmente erodibili e soggette a conseguente
crollo [12].

(1) (2)

(3) (4)
Figura 1.20 – Diga in terra (1), in terra e/o pietrame con nucleo di tenuta (2) o con manto di rivestimento (3),
in pietrame (4)

1.4. ESEMPI DI DIGHE NEL MONDO

Di seguito viene riportato un repertorio di sbarramenti più importanti al mondo, tra i quali:

- le dighe più alte. Tra queste figurano la diga di Nurek sul fiume Vakhsh in Tajikistan e
la diga Grande Dixence in Svizzera nel Canton Vallese. La prima è una diga in terra,
avente un’altezza di 300 m dal piano di fondazione e realizzata intorno agli anni
Settanta. Essa rappresenta la diga più alta del mondo [5]. La seconda, invece, è la diga
a gravità più alta del mondo con i suoi 285 m di altezza. Essa è stata costruita in otto
anni (1953-1961) e dà origine al Lago Dix [5].

(1) (2)
Figura 1.21 – Diga di Nurek (1) e diga Grande Dixence (2) rispettivamente

39
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

- la diga più grande. Si tratta della Diga delle Tre Gole (prende tale nome dalle tre gole
attraversate dal fiume), costruita sul fiume Yangtze e inaugurata nel 2006. Essa
rappresenta l’impianto con la maggior capacità di produzione idroelettrica mai
realizzato. La diga ha una lunghezza complessiva di 2335 m ed è alta 185 m [5].

Figura 1.22 – Diga delle Tre Gole

- la seconda diga al mondo per potenza idroelettrica installata. La diga di Itaipù è situata
sul fiume Paranà, al confine tra Paraguay e Brasile (è un progetto comune), e prende il
nome da un’isola situata vicino al sito. La potenza installata nello sbarramento è di
14000 MW in totale, con 20 turbine che generano 700 MW di potenza ciascuna.
Perciò, esso fornisce il 25% della potenza richiesta da tutto il Brasile e il 90% di quella
richiesta da tutto il Paraguay. La diga di Itaipù è lunga 7,7 km e ha un’altezza di 196 m
[5].

Figura 1.23 – Diga di Itaipù

- la diga col maggiore volume d’invaso a monte. Si tratta della diga di Owen Falls sul
Nilo Vittoria, in uscita dal Lago Vittoria, in Uganda. Essa è una diga a gravità massiccia,
alta solo 34 m, e fu completata nel 1954. Il volume di regolazione risulta enorme,
intorno a 69 miliardi di metri cubi, e la potenza totale fornita dalle diverse turbine
presenti raggiunge anche i 400 MW [5].

40
Capitolo 1 – Generalità sulle opere di sbarramento

Figura 1.24 – Diga di Owen Falls

- la diga più famosa. La diga di Hoover è una diga di tipo ad arco-gravità in calcestruzzo
armato, costruita tra il 1931 e il 1936 nel Black Canyon lungo il fiume Colorado, sul
confine tra lo stato dell’Arizona e quello del Nevada. Al momento del suo
completamento era il più grande impianto di produzione di energia idroelettrica (2100
MW di potenza) e la più grande struttura in calcestruzzo negli Stati Uniti (221 m di
altezza). Questa diga fu considerata rivoluzionaria in alcuni aspetti tecnici, come ad
esempio la centrale disposta su due edifici longitudinali, le opere di presa a torre e la
dissipazione a getto incrociato [5].

Figura 1.25 – Diga di Hoover

41
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

1.5. DEFINIZIONI SECONDO D.M. 24 MARZO 1982

Altezza della diga


Dislivello tra la quota del piano di coronamento e quella del punto più basso della
superficie di fondazione.
Altezza di massima ritenuta
Dislivello tra la quota di massimo invaso e quella del punto più depresso dell’alveo
naturale in corrispondenza del paramento di monte.
Fetch
Massima lunghezza dello specchio liquido del serbatoio alla quota del massimo invaso.
Franco
Dislivello tra la quota del piano di coronamento e quella di massimo invaso.
Franco netto
Dislivello tra la quota del piano di coronamento e quella di massimo invaso, aggiunta a
questa la semiampiezza della massima onda prevedibile nel serbatoio.
Impianto di ritenuta
Insieme dello sbarramento, delle opere complementari e accessorie, dei pendii
costituenti le sponde e dell’acqua invasata.
Opere complementari e accessorie
Opere direttamente connesse alla sicurezza e alla funzionalità degli impianti di
ritenuta, compresi gli interventi di sistemazione, impermeabilizzazione e
consolidamento delle sponde del serbatoio, gli impianti e i sistemi di sorveglianza,
allarme ed illuminazione, la casa di guardia, la viabilità di servizio, le opere di
adduzione di derivazione del serbatoio.
Opere o organi di scarico o scarichi
Opere civili e impiantistiche necessarie per lo scarico, libero o volontario, dell’acqua
invasata.
Quota di massimo invaso
Quota massima a cui può giungere il livello dell’acqua dell’invaso ove si verifichi il più
gravoso evento di piena previsto.
Quota massima di regolazione
Quota del livello d’acqua al quale ha inizio lo sfioro degli appositi dispositivi.
Sponde del serbatoio
Complesso dei pendii naturali o artificiali costituenti il serbatoio e i pendii a quota
superiore a quella di massimo invaso.
Volume di invaso
Volume del serbatoio compreso tra la quota massima di regolazione e la quota del
punto più depresso del paramento di monte.
Volume di laminazione
Volume compreso tra la quota di massimo invaso e la quota massima di regolazione.
Volume morto
Volume del serbatoio compreso tra la quota del punto più depresso del paramento di
monte e la più bassa tra la quota dell’imbocco dell’opera di presa o dello scarico di
fondo.
Volume totale di invaso
Capacità del serbatoio compresa tra la quota di massimo invaso e la quota minima di
fondazione.

42
Capitolo 1 – Generalità sulle opere di sbarramento

Volume utile di regolazione


Volume compreso fra la quota massima di regolazione e la quota minima del livello
dell’acqua alla quale può essere derivata l’acqua invasata [2,3].

Scarico di
superficie in corpo
diga Galleria di
Scarico di fondo derivazione

Opera di presa Galleria dello scarico di


fondo

Avanguardia
DIGA
Scarico di
esaurimento
Scarico di superficie
a calice
Galleria dello scarico di
superficie

Figura 1.26 – Esempi di parti costituenti una diga

Figura 1.27 – Definizioni delle caratteristiche di una diga

43
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

44
Capitolo 2 – Descrizione della diga di San Giacomo

2. DESCRIZIONE DELLA DIGA DI SAN GIACOMO

2.1. CARATTERISTICHE AMBIENTALI DEL SITO

La diga di San Giacomo oggetto delle analisi che verranno esposte in seguito si trova nel
comune di Valdidentro (provincia di Sondrio, zona 4 per sismicità da NTC 2008, altitudine di
1350 m s.l.m.), che è situato su un deposito alluvionale, in una conca delimitata dalle Prealpi e
dal Lago Lario [4,13].

Figura 2.1 – Comune di Valdidentro

Lo sbarramento in calcestruzzo costruito tra il 1938 e il 1950 è ubicato esattamente alle


sorgenti del fiume Adda, alla testata dell’ampia e pianeggiante valle glaciale di Fraele, che si
estende dal passo di Fraele fino alla stretta di Cancano.
Il serbatoio di San Giacomo utilizza la parte più alta ed estrema della valle fino al passo di
Fraele, che costituisce lo spartiacque tra il bacino del fiume Adda e quello dell’Inn, quindi tra il
versante del Po e quello del Danubio.
Il bacino interessa un’ampia distesa di origine glaciale costituita da calcari marnosi
impermeabili. Il fondo è ricoperto da depositi alluvionali e morenici che assumono spessori
rilevanti in corrispondenza del passo di Fraele. I caratteri geologici tipici di tale formazione
sono i calcari marnosi scuri e le sottili laminazioni parallele disposte in strati regolari,
attraversati da un fitto reticolo di calcite ed argille nere [13].

Figura 2.2 – Bacino di Cancano e di San Giacomo in Valle di Fraele

45
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Dal punto di vista morfologico, l’area in esame appartiene al Complesso Australpino superiore,
che rappresenta la porzione più elevata della catena Alpina. Dall’alto verso il basso tale
complesso è costituito dalle seguenti quattro falde di ricoprimento:
- Falda di Campo (rocce scistose e cristalline del basamento);
- Falda dell’Ortles (successione sedimentaria);
- Falda di Quattervals (successione sedimentaria triassica);
- Falda di Scarl-Umbrial (scisti cristallini del basamento e dei lembi di copertura
sedimentaria permo-triassica) [14].
In particolare, la diga di San Giacomo è fondata sulle rocce di età retica della Falda dell’Ortles.
Ai fini della classificazione della categoria del sottosuolo è necessario prendere in
considerazione i valori della velocità equivalente VS,30 di propagazione delle onde di taglio nei
primi 30 m di profondità. Nei casi in cui questo parametro non sia disponibile la classificazione
viene effettuata rispetto al numero equivalente di colpi della prova penetrometrica dinamica
NSPT,30 nei terreni a grana grossa e della resistenza non drenata equivalente cu,30 nei terreni a
grana fine [4].

Tabella 2.1 – Categorie di sottosuolo

Nel caso in esame il terreno è considerato di categoria A, ossia facente parte degli ammassi
rocciosi affioranti o terreni molto rigidi, caratterizzati da valori di VS,30 superiori a 800 m/s con
spessore massimo pari a 3 m (Tabella 2.1).
Inoltre, la superficie ha inclinazione media i ≤ 15°, perciò nella valutazione dell’azione del
vento e di quella sismica agenti sullo sbarramento, la categoria topografica da utilizzare è T1.

Tabella 2.2 – Categorie topografiche

46
Capitolo 2 – Descrizione della diga di San Giacomo

2.2. CARATTERISTICHE GEOMETRICHE

Lo sbarramento di San Giacomo di Fraele è composto da tre corpi:


- una diga principale a speroni rettilinea, realizzata con 25 speroni affiancati;
- due dighe secondarie laterali a gravità massicce rettilinee, la diga di Val Pens e la diga
di Vallone, che sbarrano due depressioni vallive [15].

Figura 2.3 – Dighe secondarie laterali

Gli speroni della diga principale hanno altezza differente a seconda della posizione che
ciascuno di essi occupa nel profilo della stretta: quello di massima altezza ha il piano medio di
fondazione alla quota 1865 m s.l.m. e la sommità a quota 1951,50 m s.l.m. Inoltre, tali
speroni hanno una larghezza alla base di 63,30 m, una pendenza del paramento di monte del
3% e di quello di valle variabile.
In sezione orizzontale ogni sperone è formato dalla testa di spessore di 15 m, a forma
poligonale; dal gambo che presenta spessore variabile da 4,80 m a 8,60 m con riseghe ogni 10
m di altezza e, nella parte inferiore, da un allargamento che riporta i contrafforti a contatto
dalla quota 1888,3 m s.l.m. fino in prossimità della fondazione.
Il contatto di ogni concio con la roccia di fondazione è stato realizzato mediante due taglioni
(uno a monte e uno a valle) e a gradoni lungo tutta la superficie [13,16].

Figura 2.4 – Vista da valle degli speroni della diga principale

47
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

La parete verso monte è protetta da un paramento in bolognini di granito con spessore


variabile immorsati ad una muratura di pietrame e malta. Invece, la parete verso valle è
protetta da un rivestimento in pietrame di granito a mosaico, inglobato anch’esso in muratura
e malta di uno spessore di 0,50 m.
I giunti di contrazione estesi a tutta l’altezza della diga sono situati in corrispondenza della
superficie di contatto tra le teste degli speroni, quindi ad un interasse di 15 m. La tenuta tra i
giunti è assicurata sia da una trave a Y in cemento armato, sia da un pozzetto riempito di
sostanze bituminose [13]. I giunti sono ispezionabili per tutta la loro altezza mediante pozzi
accessibili di diametro di 0,90 m.
In Tabella 2.3 vengono riportati i principali dati riguardanti lo sbarramento in esame, desunti
dal progetto approvato [15]:

QUANTITÀ VALORE UNITÀ DI MISURA


Altezza della diga 91,5 m
Altezza di massima ritenuta 81 m
Quota del coronamento 1˙951,50 m s.l.m.
Quota max del controinvaso 1˙901,00 m s.l.m.
Franco 2,5 m
Sviluppo del coronamento 970,5 m
Volume della diga 616˙000 m3
Volume della diga principale 516˙000 m3
Tabella 2.3 – Dati principali della diga di San Giacomo

Le due dighe secondarie a gravità massiccia sono costituite da un paramento a monte in


bolognini di calcare, dal coronamento fino alla quota 1929 m s.l.m. e in bolognini di granito
da tale quota alle fondazioni; mentre il paramento di valle risulta rivestito da pietrame di
granito a mosaico.
Le inclinazioni dei due paramenti sono le medesime già definite per il corpo principale e i
giunti sono disposti ad interasse di 15 m, in analogia alla diga a speroni [13].

2.3. CARATTERISTICHE DEL BACINO

Il bacino imbrifero sotteso dallo sbarramento di San Giacomo di Fraele comprende le sorgenti
del fiume Adda situate nella Valle Alpisella alla quota di 2300 m s.l.m. ed è delimitato da cime
montuose alte fino a 3000 m s.l.m. L’altitudine media del bacino è di circa 2288 m s.l.m.
Le sponde dell’invaso sono caratterizzate da formazioni di calcari marnosi impermeabili
ricoperti da depositi alluvionali-morenici, in spessore rilevante verso la testata del serbatoio che
è sbarrata da un diaframma in calcestruzzo.
La pendenza delle sponde varia a seconda che si tratti di depositi fluvioglaciali (debole
pendenza) o di materiali di piede delle pareti rocciose (media pendenza).
Non sono presenti insediamenti abitativi sulle sponde, tranne alcune costruzioni isolate nelle
vicinanze della Val Pettini [16].
Nella tabella seguente vengono forniti alcuni dati principali del serbatoio, desunti dal progetto
approvato e da atti successivi [15]:

48
Capitolo 2 – Descrizione della diga di San Giacomo

QUANTITÀ VALORE UNITÀ DI MISURA


Quota di max invaso 1˙949,00 m s.l.m.
Quota max di regolazione 1˙949,00 m s.l.m.
Quota min di regolazione 1˙883,00 m s.l.m.
6
Volume totale di invaso 64·10 m3
Volume di invaso 64·106 m3
6
Volume utile di regolazione 63,67·10 m3
Volume utile di regolazione invernale 59,31·106 m3
Volume di laminazione 0 m3
Portata di progetto 150 m3/s
Portata di piena per T=1000 anni 190 m3/s
Superficie bacino sotteso 18,7 km2
Superficie bacino allacciato 255,6 km2
Tabella 2.4 – Dati principali del bacino di San Giacomo

L’utilizzo del serbatoio di San Giacomo è esclusivamente finalizzato alla produzione di energia
idroelettrica. Esso ha una capacità di 64 Mm3 che unitamente ai 124 Mm3 dell’adiacente
invaso di Cancano costituiscono il polmone della riserva idrica stagionale dell’intero sistema
idroelettrico della zona.
La diga di San Giacomo ha la particolarità di essere contro invasata per circa 35 m di altezza
sul piano di fondazione dal sottostante serbatoio di Cancano, costruito negli anni 1953 -1956.
Tale situazione prevede quale unico vincolo di gestione, il mantenimento del livello delle acque
di Cancano sempre al di sotto di quello di San Giacomo.

Figura 2.5 – Panoramica dei serbatoi di Cancano e di San Giacomo

La gestione ciclica annuale dei due serbatoi è tale per cui da ottobre a marzo, quando il bacino
di Cancano si trova ai massimi invasi, la struttura muraria della diga di San Giacomo resta
invasata da valle. Questo implica l’allagamento dei vani fra gli speroni e dei cunicoli della diga
con conseguente inaccessibilità.
Ai sensi del D.M. 1982, verso la metà degli anni ’80 sono state eseguite delle verifiche statiche
della diga, i cui calcoli hanno evidenziato la non rispondenza della struttura allo scorrimento. È
per tale ragione che è stata sviluppata una soluzione progettuale ottimale per recuperare la
capacità di invaso.

49
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Gli obiettivi del progetto di manutenzione straordinaria per il recupero di questa capacità sono
stati raggiunti attraverso una serie di interventi finalizzati alla riduzione delle sottopressioni e
all’appesantimento strutturale dell’opera [17].

2.4. ULTERIORI DETTAGLI COSTRUTTIVI DELL’OPERA

Per definire le caratteristiche dimensionali di ciascun elemento, nelle pagine successive


vengono riportati alcuni dettagli costruttivi scelti per la realizzazione dello sbarramento e per la
successiva manutenzione.

2.4.1. IL SISTEMA DI DRENAGGIO

Per tutti e tre i corpi della diga il sistema drenante è costituito da una serie di tubi verticali in
cemento poroso di diametro di 0,30 m.
Nel corpo centrale essi sono posti nelle testate degli speroni, ad interasse di 3 m e collegati
mediante quattro cunicoli orizzontali di ispezione alle quote 1948,50, 1931, 1912 e 1892 m
s.l.m. Invece, nelle due dighe laterali essi sono disposti verticalmente, ad interasse sempre di 3
m, e sono collegati da un cunicolo periferico lungo le fondazioni.
Inoltre, la diga principale è fornita di un nuovo sistema drenante costituito da canne di
diametro di 12 cm ogni 2,35 m di sviluppo longitudinale e da canne di diametro di 20 cm ogni
2,50 m in fondazione.
All’atto della costruzione, mediante iniezioni cementizie è stato realizzato uno schermo di
tenuta spinto fino a 25 m nella roccia.
Un cunicolo esplorativo ricavato 15 m sotto il piano di fondazione, di lunghezza pari a 240 m e
parallelo all’asse della diga, assolve funzione drenante e di ispezione visiva delle rocce di
fondazione. Esso viene mantenuto asciutto con continuità mediante il sollevamento meccanico
delle limitate filtrazioni [13,15].

2.4.2. ORGANI DI SCARICO

Le opere di scarico consistono nello scarico di superficie ed in tre scarichi profondi: intermedio
o di alleggerimento, di fondo e di esaurimento.
Lo scarico di superficie è ricavato in sponda sinistra nella spalla massiccia della diga a speroni e
consta di una luce, con soglia a quota 1947 m s.l.m., intercettata da una paratoia a ventola
autolivellatrice a bilanciere di 14,00 x 2,00 m. Un canale di scarico nella roccia raccordato a
mezzo di uno scivolo alla soglia sfiorante allontana l’acqua dalle fondazioni della diga.
Lo scarico intermedio ha la funzione di ausilio allo scarico di superficie nello smaltimento della
massima piena e di adeguare lo svaso del serbatoio di San Giacomo alle necessità del
sottostante serbatoio di Cancano. Anch’esso è ricavato in sponda sinistra ed è costituito da
due ampi cunicoli affiancati, posti al di sotto dello scivolo dello scarico di superficie, con soglie
di imbocco a quota 1930,70 m s.l.m. Le acque scaricate vengono raccolte e trasportate a valle
dal canale dello sfioratore. Ciascun cunicolo è intercettato da due paratoie piane in serie, una
a ruote ed una a strisciamento di dimensioni 2,3 x 3 m, azionabili volontariamente mediante
servomotore oleodinamico dalla cabina posta sul coronamento a sinistra dello scarico. La

50
Capitolo 2 – Descrizione della diga di San Giacomo

centralina oleodinamica, comune per tutti gli organi dello scarico intermedio, è attivata
mediante elettropompa alimentata dalla rete elettrica o mediante pompa a mano.
Lo scarico di fondo è costituito da due gallerie parallele circolari destinate allo scarico e
all’erogazione al sottostante serbatoio di Cancano. Le due gallerie (diametro 3 m)
sottopassano la diga nella sponda a destra e sono scavate nella roccia.
Infine, gli scarichi di esaurimento consistono in tre tubazioni metalliche: la prima (diametro 80
cm) è annegata nell’elemento centrale della diga con asse a quota 1972,70 m s.l.m., munita
allo sbocco di saracinesca e valvola a fuso; le altre due (diametro 30 cm) sono annegate
rispettivamente in corrispondenza del piede della diga secondaria a sinistra con asse a quota
1929,80 m s.l.m. e della diga secondaria in sponda destra con asse a quota 1915,15 m s.l.m.
A seguito dei lavori di manutenzione straordinaria eseguiti nel 2003 sono state sostituite tutte
le centraline oleodinamiche a servizio degli organi di scarico [15,16].
I dati principali relativi alle opere di scarico sono i seguenti:

QUANTITÀ VALORE UNITÀ DI MISURA


Portata scarico di superficie 74 m3/s
Portata scarico di alleggerimento 143 m3/s
Portata scarico di fondo 75 – 60 m3/s
Portata scarico di esaurimento 12 m3/s
Tabella 2.5 – Dati principali delle opere di scarico

2.4.3. DIAFRAMMA

Nella zona a monte del serbatoio è presente un diaframma in calcestruzzo dello sviluppo di
522,50 m e avente altezza di 59,70 m e spessore variabile (da 2,90 m alla base a 2,40 m in
sommità). Esso è incastrato nella roccia impermeabile mediante un taglione di base in
calcestruzzo su cui appoggia con l’interposizione di un giunto perimetrale in materiale plastico.
All’estremità sud, in corrispondenza del passo di Fraele, si è disposto sopra il diaframma un
argine di terra, munito di nucleo centrale in calcestruzzo, appoggiato alla sommità del
diaframma attraverso una trave in calcestruzzo con un giunto orizzontale in materiale plastico.
Nel diaframma, in corrispondenza delle facce, sono incorporate delle lastre prefabbricate in
calcestruzzo ad elevata dosatura di cemento con aggiunta di bentonite.
Un sistema di cunicoli paralleli e sovrapposti distanti tra loro 6,75 m e collegati da pozzi
verticali consente l’ispezione dell’opera.
Nel diaframma sono disposti dei giunti di costruzione verticali, alternativamente ad interasse di
5,00 e 13,00 m, sigillati a ritiro avvenuto con iniezioni cementizie [13].

2.4.4. SOLETTONE

Per ridurre gli effetti dell’invaso del bacino di Cancano, sul paramento di valle della diga
principale a speroni è stata realizzata la chiusura parziale dei vani mediante un solettone
inclinato in calcestruzzo armato dalla berma a quota 1884,25 m s.l.m. fino alla quota 1902,75
m s.l.m.

51
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Tabella 2.6 – Volumi, pesi e sezione di verifica dello sperone di massima altezza (sperone 2)

52
Capitolo 2 – Descrizione della diga di San Giacomo

Inoltre, al fine di evitare l’ingresso delle acque meteoriche sotto forma di pioggia e neve e di
assicurare un ulteriore contributo di appesantimento alla struttura, sono stati disposti anche
dei solettoni orizzontali in calcestruzzo armato alla quota 1902,75 m s.l.m., che chiudono i
vani tra gli speroni.
Il solettone inclinato è lungo 19,2 m e ha una larghezza di 15 m, uno spessore costante di 1,5
m e un ispessimento nella zona della berma superiore fino a 3,5 m [17,18].

Figura 2.6 – Solettone in cemento armato

Il solettone è stato reso solidale agli speroni tramite adeguate barre di ancoraggio ed è stato
giuntato in corrispondenza dei giunti esistenti della diga, mediante profili mater stop in
neoprene di 44 cm di larghezza, in modo da garantire l’indipendenza strutturale degli speroni.
La piastra è stata ipotizzata incastrata in corrispondenza della berma esistente di valle a quota
1884,25 m s.l.m., dove presenta un tratto orizzontale, mentre gli altri tre lati sono considerati
liberi.
Invece, per quanto riguarda i solettoni orizzontali, le riseghe sono state adeguatamente
risanate e risagomate allo scopo di fornire al piano di appoggio del solettone stesso una
pendenza verso l’esterno del 2%, che consente lo smaltimento delle precipitazioni meteoriche.
Inoltre, sono stati disposti opportuni appoggi continui in neoprene che consentono i naturali
spostamenti, anche per variazioni termiche, dei solettoni orizzontali e preservano
l’indipendenza strutturale degli speroni.
Per garantire la possibilità di accesso ai vani che restano segregati al di sotto dei solettoni, sono
state lasciate ampie botole in corrispondenza della convergenza dei vani verso le teste degli
speroni.
Grazie alla continuità della struttura del solettone sul lato di valle della diga, a quota 1902,75
m s.l.m. è presente una nuova berma superiore, che consente l’accesso di autoveicoli anche al
piano costituito dai solettoni orizzontali ed alle botole di accesso ai vani sottostanti, rendendo
agevoli le operazioni di ispezione e manutenzione sia sul paramento di valle dell’intera diga, sia
all’interno dei vani [18].

2.4.5. SCHERMO IMPERMEABILE DI VALLE

Per rendere impermeabili i calcestruzzi del paramento di valle e le rocce di fondazione sono
state effettuate iniezioni di miscele cementizie in perforazioni opportunamente predisposte al
piede degli speroni della diga.

53
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura 2.7 – Vista dall’alto di un vano interno alla diga

Allo scopo di realizzare una continuità dello schermo impermeabilizzante anche in


corrispondenza dei giunti tra gli speroni, salvaguardando lo stesso la loro indipendenza, sono
state eseguite perforazioni a carotaggio all’interno delle quali è stato iniettato un riempimento
sigillante di malta reoplastica. Le iniezioni di tale miscela hanno efficacemente intasato le
porosità locali esistenti in precedenza nella roccia e nel calcestruzzo, realizzando un adeguato
rivestimento impermeabile verso valle.
Oltre allo schermo di permeabilizzazione sono stati eseguiti getti di calcestruzzo di
regolarizzazione al piede degli speroni esterni alla berma di valle per consentire l’agevole
esecuzione delle perforazioni.
Inoltre, sono state effettuate le chiusure di tutte le penetrazioni (come cunicoli e scarichi) che,
collegando il bacino di Cancano con i vani tra gli speroni, avrebbero vanificato gli interventi
attuati per evitare l’allagamento dei vani stessi [17].

2.4.6. RIVESTIMENTO PROTETTIVO DEI CALCESTRUZZI PARIETALI

Per risanare e proteggere le superfici interne dei vani dagli agenti atmosferici è stato realizzato
un rivestimento in calcestruzzo proiettato (spritz beton), di spessore di 10 cm, sostenuto da
rete elettrosaldata ancorata alla struttura con un ancoraggio ogni 0,5 m2 di superficie.
Prima di aver eseguito tale strato, le superfici sono state trattate con idrogetti ad alta pressione
e risanate nelle parti ammalorate, in modo da asportare tutti i depositi carbonatici e le parti
non solidali con il sottofondo [17].

54
Capitolo 2 – Descrizione della diga di San Giacomo

Figura 2.8 – Lavori di idropulitura e di posa della rete elettrosaldata

2.4.7. NUOVE INSTALLAZIONI STRUMENTALI PER IL CONTROLLO DELL’OPERA

Il progetto di manutenzione conservativa della diga comprende un aggiornamento ed un


ampliamento della strumentazione di controllo dello sbarramento. Infatti, l’intervento
manutentivo implica modifiche alle condizioni di esercizio del serbatoio che permettono un
sensibile miglioramento delle condizioni di monitoraggio dell’opera, essendo garantita
l’accessibilità completa con qualunque condizione di invaso.
Il riesame della strumentazione attualmente installata, in termini di grandezza controllata, tipo
di strumento e frequenza di acquisizione, ha permesso di identificare la strumentazione da
abbandonare (in quanto non ritenuta indispensabile per il monitoraggio futuro), quella da
sostituire (perché non più confacente con le tecnologie attuali) e quella aggiuntiva (ritenuta
necessaria per ottimizzare il controllo dell’opera).
Per l’aggiornamento della rete di monitoraggio si è ritenuto necessario ridurre la
strumentazione agli elementi essenziali, privilegiando invece gli aspetti legati all’analisi ed
all’interpretazione dei dati raccolti. In particolare, numero e ubicazione degli strumenti sono
stati scelti in modo da semplificarne l’interpretazione, garantirne l’affidabilità e permettere
l’analisi del comportamento dell’opera mediante un modello deterministico.
Le modifiche previste dal progetto hanno comportato la messa in servizio di strumentazioni
che consentano un monitoraggio costante ed una lettura automatica delle misure,
accompagnata da riscontri manuali.
Operativamente è stata effettuata la sostituzione di tutti i pendoli rovesci con 5 nuovi ancorati
ad una profondità tale che la loro base non risulti influenzata dalle condizioni di esercizio
dell’opera. Annegati nella massa muraria sono inoltre stati installati termometri dotati di
sistema di lettura automatica che in fase di analisi del comportamento della diga permettono
di interpretare gli spostamenti dovuti alle escursioni termiche del calcestruzzo rispetto a quelli
da attribuire alla spinta idrostatica.
Il sistema di misura delle infiltrazioni è stato manutenuto ed automatizzato nei punti più
significativi ed è tale da discernere i contributi di perdita dovuti all’invaso di monte ed a quello
di valle, nonché i diversi contributi spondali.
Per quanto riguarda la rete piezometrica, è stato previsto un intervento generale di controllo e
manutenzione che prevede di smontare tutti i sensori automatici e pulire accuratamente i fori,
in modo da escludere una loro eventuale occlusione durante i lavori di perforazione ed
iniezione. Questa attività è stata eseguita subito al termine dei lavori di realizzazione dello

55
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

schermo impermeabile di valle e di realizzazione del nuovo sistema drenante in corpo diga ed
in fondazione [17].
Il dimensionamento degli interventi di manutenzione è stato effettuato a seguito del riesame
completo delle condizioni di sicurezza dell’opera dal punto di vista idraulico, geologico,
geotecnico e strutturale [15].

2.4.8. ATTIVITÀ COLLATERALI PER LO SFRUTTAMENTO DEL SALTO IDRAULICO

Attività secondaria, ma non di minor importanza rispetto alla manutenzione della diga ed il
recupero della capacità di invaso, è la realizzazione di una centrale idroelettrica in sotterraneo
per utilizzare il salto esistente fra il serbatoio di San Giacomo ed il sottostante serbatoio di
Cancano.
Dalla galleria dello scarico di fondo destro della diga è stato creato un collegamento dal quale
si diparte la condotta forzata del nuovo impianto. Alla centrale si accede attraverso un pozzo
scavato in roccia con imbocco a quota 1903,60 m s.l.m. e collegato alla sottostante centrale in
caverna che raggiunge una profondità dalla sommità del pozzo pari a 45,85 m (fino a quota
1857.75 m s.l.m.).
Il pozzo ha diametro pari a 8,05 m e la caverna di centrale ha dimensioni di 25 x 10 m in
pianta, con un’altezza di circa 25 metri. Tali strutture sono interamente rivestite in
calcestruzzo. Alla testa del pozzo vi è un fabbricato di servizio destinato ad alloggiare i
trasformatori, i quadri elettrici, i servizi ausiliari, i carri-ponte, ecc.
Il canale di scarico nel serbatoio di Cancano della nuova centrale è costituito da una galleria
lunga circa 100 m, con quota di restituzione a 1874, 50 m s.l.m. Il materiale di risulta degli
scavi è stato utilizzato per la produzione del calcestruzzo necessario ai lavori in diga.

Figura 2.9 – Profilo longitudinale del nuovo impianto idroelettrico

Alla base del pozzo, con asse a quota 1865 m s.l.m., è stato installato un gruppo di
produzione da 10 MW, costituito da una girante a doppia regolazione (in grado di ottimizzare
i rendimenti in funzione delle portate e dei salti disponibili tra i due serbatoi) e da un
generatore sincrono.
Mediante tale macchina l’energia idraulica che viene dissipata nel transito tra l’invaso di San
Giacomo e quello di Cancano è convertita in energia elettrica con un rendimento medio
superiore al 90% [16].

56
Capitolo 2 – Descrizione della diga di San Giacomo

Figura 2.10 – Particolare del pozzo e della centrale in sotterraneo

2.5. CARATTERISTICHE DEI MATERIALI

Per definire le caratteristiche fisico-meccaniche dei materiali utilizzati per la costruzione della
diga di San Giacomo, sono stati effettuati diversi studi circa le condizioni di sicurezza
strutturale: essi partono dall’esame critico di tutte le informazioni e dei dati disponibili.
La dosatura del cemento usato all’epoca (Portland normale) fu compresa tra 150 – 200 kg/m3
d’impasto. Il rapporto acqua-miscela cementizia risultò pari a circa 0,40 (impasto
sufficientemente plastico e lavorabile senza difficoltà).
Nel laboratorio di cantiere e presso laboratori universitari, tra i quali il Politecnico di Milano,
venne costantemente controllata la qualità del calcestruzzo impiegato, che risultò avere un
peso specifico medio di 2514 kg/m3.
Dall’epoca della realizzazione della diga ad oggi sono state eseguite molteplici indagini per la
caratterizzazione fisico-meccanica dei calcestruzzi dell’opera.
Ad esempio, nel 1990 furono realizzate dall’ISMES (Istituto Sperimentale Modelli e Strutture)
una serie di accurate campagne conoscitive che interessarono sia il calcestruzzo degli speroni,
sia quello della berma di valle, con i seguenti risultati [19]:

VALORE MEDIO VALORE MASSIMO VALORE MINIMO


CLS ELEMENTO
[MPa] [MPa] [MPa]
Speroni 37,4 59,6 18,35
Berma di valle 28,9 43,7 18,56
Tabella 2.7 – Resistenza a compressione del calcestruzzo degli speroni e della berma di valle

Ulteriori prove, condotte ancora dall’ISMES nel 1998, hanno fornito risultati ancora più
accurati circa le caratteristiche del calcestruzzo utilizzato per la testa e i gambi degli speroni e
per quello della berma di valle.
Complessivamente il materiale indagato è risultato un calcestruzzo di buona qualità. Le
caratteristiche fisico-meccaniche rilevate nel tempo attraverso misure della resistenza a
compressione e di quella a trazione, del modulo di elasticità e della velocità dell’onda sonica,
sono risultate soddisfacenti.
Considerando le prove di laboratorio eseguite dopo il 1990, il valore medio della resistenza a
compressione monoassiale si avvicina a 38,9 Mpa [20].

57
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

MATERIALE QUANTITÀ VALORE UNITÀ DI MISURA


Densità 2˙514 kg/m3
Cemento Portland fck 40 MPa
a/c 0,40 -
Tabella 2.8 – Caratteristiche del calcestruzzo per la diga di San Giacomo

Invece, per il solettone in cemento armato realizzato nel 2003, sono stati utilizzati i seguenti
materiali [18]:

MATERIALE QUANTITÀ VALORE UNITÀ DI MISURA


fck 25 MPa
Rck 30,12 MPa
C25/30
fcd 15,6 MPa
fct 2,6 MPa
Tabella 2.9 – Caratteristiche dl calcestruzzo per il solettone

MATERIALE QUANTITÀ VALORE UNITÀ DI MISURA


fyk 431,2 MPa
FeB44k
fyd 375 MPa
Tabella 2.10 – Caratteristiche dell’acciaio per il solettone

In fase di progettazione, come da DM 14‐01‐08, si possono assumere convenzionalmente i


seguenti valori nominali delle proprietà dei materiali [4]:

E C  9500  f ck  81/ 3 [MPa]

E
G  [MPa]
2  1   

dove:
Ec è il modulo di elasticità del calcestruzzo;
fck è la resistenza caratteristica cilindrica a compressione del calcestruzzo a 28 giorni;
G è il modulo di elasticità trasversale;
ν è il coefficiente di Poisson.

MATERIALE PROPRIETÀ
E G ν 
2 2
[N/mm ] [N/mm ] [ ] [kg/m3]
C40/50 35˙220 14˙675 0,2 2˙514
C25/30 31˙476 13˙115 0,2 2˙500
FeB44k 210˙000 80˙769 0,3 7˙850
Tabella 2.11 – Proprietà dei materiali

58
Capitolo 2 – Descrizione della diga di San Giacomo

Infine, a conclusione dell’analisi dei materiali impiegati per le diverse parti costituenti la diga, di
seguito vengono riportate le proprietà dello sprizt beton utilizzato per rivestire gli speroni [19].

MATERIALE QUANTITÀ VALORE UNITÀ DI MISURA


Rck 35 MPa
Rcm 3,25 MPa
Rmt 2,71 MPa
CEM II/A-L 42,5
E 34˙000 MPa
a/c 0,50 -
 2˙291 kg/m3
Tabella 2.12 – Caratteristiche del cemento per lo spritz beton

59
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

60
Capitolo 3 – Generazione del modello solido del sistema diga-fondazione

3. GENERAZIONE DEL MODELLO SOLIDO DEL SISTEMA DIGA-


FONDAZIONE-TERRENO

L’obiettivo preliminare dell’analisi della diga di San Giacomo è stato quello di realizzare il
modello solido del corpo diga, della fondazione corrispondente e del terreno circostante. Tale
modello è stato generato basandosi sulle tavole del progetto costruttivo dello sbarramento
fornite dalla A2A, società nata dall’incontro delle ex aziende municipali di Milano (AEM e
AMSA) e di Brescia (ASM). Esse permettono di ricostruire correttamente la sezione trasversale
dello sperone centrale, corrispondente a quello di massima altezza della diga, mediante la
geometria delle sezioni orizzontali principali che lo costituiscono.
Il modello solido non include elementi quali opere drenanti, cunicoli di ispezione e cunicolo in
roccia, infatti si ritengono poco influenti sul comportamento globale dell’opera e
implicherebbero difficoltà aggiuntive nella discretizzazione ad elementi finiti del sistema.
Invece, per quanto riguarda la modellazione del terreno è stato deciso di utilizzare solamente
le tavole realizzate prima dei lavori di manutenzione straordinaria del 2003, in quanto risultano
più precise e decifrabili. Dalle tavole relative a tali interventi è stata desunta la geometria del
nuovo solettone (descritto in § 2.4.4), realizzato per ridurre gli effetti di invaso del bacino di
Cancano (a valle del corpo diga); tale solettone è stato introdotto nel modello solido finale.

3.1. MODELLAZIONE DELLO SPERONE DI MASSIMA ALTEZZA

Per la realizzazione del modello solido dello sperone di altezza maggiore (Figura 3.2) sono
state utilizzate le rispettive sezioni orizzontali principali, rappresentate in Figura 3.3.
Il modello è stato predisposto mediante un software CAD, che permette di definire il disegno e
l’ingegnerizzazione bidimensionale e tridimensionale. Le sezioni orizzontali dello sperone
centrale fornite da A2A sono state posizionate in modo corretto alle quote di pertinenza,
utilizzando un sistema di riferimento globale valido per l’intero modello solido.
In Figura 3.1 è mostrato come a partire da due di queste sezioni (considerate come due regioni
dal software usato), vengano generate le superfici di raccordo (comando “loft”) ed i volumi
racchiusi da tali superfici.

Figura 3.1 – Sezioni di partenza e solido generato da esse mediante comando “loft”

61
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura 3.2 – Posizione dello sperone di massima altezza nello sbarramento di San Giacomo

62
Capitolo 3 – Generazione del modello solido del sistema diga-fondazione

Figura 3.3 – Sezioni orizzontali principali dello sperone di massima altezza

Questa operazione consente di modellare la parte centrale dello sperone, mentre risulta più
complesso definire la geometria del coronamento e della parte inferiore dello sperone,
caratterizzata da superfici curve che non possono essere generate dal comando “loft”.

Figura 3.4 – Realizzazione delle superfici di raccordo e dei rispettivi volumi

63
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

In questo modello, chiamato “modello A”, i particolari geometrici si avvicinano il più possibile
alla realtà, nella fattispecie:
- sia il paramento di monte, sia quello di valle sono inclinati, anche se il primo in modo
meno accentuato (3%). Infatti, il paramento di monte ha una leggera inclinazione,
costante lungo tutta l’altezza dello sperone (dalla quota di coronamento 1951,50 m
s.l.m. fino al piano di fondazione 1965 m s.l.m.), mentre quella di valle risulta variabile;

Figura 3.5 – Inclinazione del paramento di valle e del paramento di monte

- nel passare da una sezione orizzontale all’altra cambiano gli spessori e la geometria;
ciò risulta evidente in Figura 3.6, che rappresenta una vista da valle dello sperone nella
quale sono ben visibili le discontinuità di 40 cm nello spessore lungo lo sviluppo
verticale;

Figura 3.6 – Vista da valle delle discontinuità di 40 cm tra una sezione e l’altra

64
Capitolo 3 – Generazione del modello solido del sistema diga-fondazione

- si è cercato di interpretare la geometria complessa del coronamento dello sperone,


utilizzando sia le fotografie scattate durante i sopralluoghi effettuati, sia le tavole
disponibili;

Figura 3.7 – Fotografie e modello della parte superiore dello sperone (coronamento)

- per la generazione del modello in AutoCAD è stato considerato anche il solettone,


realizzato una decina di anni fa allo scopo sia di ridurre gli effetti d’invaso del bacino di
Cancano (solettone inclinato), sia di evitare l’ingresso delle acque meteoriche sotto
forma di pioggia e neve e di assicurare un ulteriore contributo di appesantimento alla
struttura (solettone orizzontale). Nel modello A è stata mantenuta la pendenza del 2%
del solettone orizzontale.

Figura 3.8 – Pendenza del 2% del nuovo solettone

65
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

La versione definitiva del modello A dello sperone centrale della diga di San Giacomo che
comprende anche il solettone e la fondazione è riportato nelle figure seguenti.

Figura 3.9 –Vista laterale del modello finale dello sperone di massima altezza

Figura 3.10 – Vista da valle del modello finale dello sperone di massima altezza

66
Capitolo 3 – Generazione del modello solido del sistema diga-fondazione

Figura 3.11 – Vista sud-ovest del modello finale dello sperone di massima altezza

Ai fini delle analisi strutturali che devono essere effettuate è stato deciso di semplificare il
modello A appena descritto con lo scopo di rendere più semplice la successiva fase di
discretizzazione ad elementi finiti. Pertanto, si è definito un modello solido, detto “modello B”,
nel quale sono state eliminate la discontinuità di 40 cm tra una sezione principale e l’altra.
Precisamente, partendo dalla geometria della sezione presente in corrispondenza del solettone
si è regolarizzato l’andamento in verticale dello sperone (Figura 3.12).

Figura 3.12 – Eliminazione dei gradini tra una sezione e l’altra

67
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Inoltre, è stata rimossa la pendenza del solettone orizzontale, in quanto dava origine a zone di
dimensioni molto piccole che risultavano difficili da discretizzare con elementi esaedrici. Si noti
che con questo provvedimento scompare una piccola componente verticale della spinta
idrostatica. Questo risulta a favore di sicurezza per le successive analisi strutturali.

Figura 3.13 – Rimozione della pendenza del 2% del solettone orizzontale

È stato ritenuto opportuno realizzare il solo modello dello sperone di massima altezza, in
quanto ad esso si possono riferire tutti gli altri speroni della diga principale: infatti, essi
differiscono da quello centrale oltre che per l’altezza, per la quota alla quale ha inizio
l’espansione a valle e per l’attacco fondazione-roccia.
Inoltre, i giunti presenti tra due speroni adiacenti non presentano riseghe ma veri e propri
piani, perciò è possibile analizzare un singolo concio, distaccato dal resto dello sbarramento.
Per la fase successiva di discretizzazione ad elementi finiti è stato deciso di considerare un
modulo rappresentativo dell’intero sbarramento, costituito dai due speroni centrali (1 e 2), che
risultano identici tra loro sia per geometria, sia per attacco roccia-fondazione.

3.2. MODELLAZIONE DEL TERRENO CHE CIRCONDA LA DIGA DI SAN


GIACOMO

Come già accennato all’inizio del capitolo, per la realizzazione del modello solido del terreno
sono state utilizzate principalmente le tavole precedenti ai lavori di manutenzione straordinaria
dello sbarramento di San Giacomo, che hanno avuto inizio a Marzo 2003.
A seguito di tale manutenzione, le tavole fornite da A2A risultavano incomplete e di non
immediata interpretazione (Figura 3.14). Pertanto, è stato necessario impostare il lavoro in
modo da ottenere una ri-modellazione del terreno.

68
Capitolo 3 – Generazione del modello solido del sistema diga-fondazione

Figura 3.14 – Esempio di tavola realizzata in seguito ai lavori di manutenzione della diga di San Giacomo

69
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Per quanto riguarda l'ammasso roccioso, si è trattato in primo luogo di generarne la superficie
topografica. I dati disponibili a questo scopo sono stati dedotti da varie fonti:
- la carta tecnica regionale (CTR) in scala 1:10000, in cui le isoipse hanno equidistanza
10 m;
- un rilievo batimetrico del lago di San Giacomo eseguito nel 1995, la cui precisione è
stata tale che le mappe risultanti sono state disegnate con isoipse equidistanti 2 m
(Figura 3.15);
- la planimetria e il profilo longitudinale dello sbarramento in scala 1:1000, entrambi
caratterizzati da isoipse distanti tra loro 5 m (Figura 3.16).
Poiché nella CTR le isoipse sono rappresentate con equidistanza 10 m, si è ridotta le precisione
degli altri dati, utilizzando solamente le linee di livello ogni 10 m. Inoltre, ogni cartografia è
stata ruotata e centrata in modo che fosse orientata nel sistema globale scelto inizialmente.

Figura 3.15 – Rilievi batimetrici del bacino di San Giacomo (1995)

70
Capitolo 3 – Generazione del modello solido del sistema diga-fondazione

Figura 3.16 – Andamento delle isoipse in prossimità della diga di San Giacomo

Successivamente sono state costruite in 3D le linee di livello corrispondenti alle quote di


interesse. In Figura 3.17 è possibile osservare la disposizione delle isoipse nel piano
bidimensionale, mentre in Figura 3.18 viene riportata una loro vista tridimensionale.

Figura 3.17 – Andamento delle isoipse in pianta (2D)

71
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura 3.18 – Andamento delle isoipse in 3D

Con riferimento alla porzione di superficie compresa tra due isoipse adiacenti, non è risultato
possibile generare tale superficie con un solo passaggio, ma è stato necessario procedere ad
una suddivisione a tratti delle suddette isoipse. Ciò ha consentito, sfruttando due tratti
adiacenti su isoipse contigue, la generazione della corrispondente porzione di superficie. Le
fasi della procedura di suddivisione e di creazione del modello del terreno compreso tra due
isoipse contigue sono riportate nelle figure seguenti.

Figura 3.19 – Esempio di suddivisioni di due isoipse adiacenti

72
Capitolo 3 – Generazione del modello solido del sistema diga-fondazione

Figura 3.20 – Generazione del primo tratto di superficie tra due isoipse adiacenti

Figura 3.21 – Generazione dell’intera superficie di terreno compresa tra due isoipse adiacenti

73
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Procedendo con questa modalità si è ottenuta l’intera superficie del terreno contemplato nel
modello. La modellazione definitiva del terreno in prossimità della diga di San Giacomo è
rappresentata nelle immagini seguenti.

Figura 3.22 – Particolare del modello solido del terreno

Figura 3.23 – Modello solido del terreno

74
Capitolo 3 – Generazione del modello solido del sistema diga-fondazione

Figura 3.24 – Andamento del terreno in prossimità degli speroni di massima altezza

Per quanto riguarda la discretizzazione ad elementi finiti, la roccia attorno al modulo centrale
della diga preso come riferimento per la meshatura è stata riprodotta fino ad una distanza tale
che le condizioni al contorno imposte al modello non influenzino sforzi e deformazioni nella
diga. Alcuni autori consigliano di descrivere l'ammasso roccioso di fondazione in modo che sia
esteso tre volte la dimensione planimetrica maggiore della diga [21]. Per le stesse ragioni la
riproduzione dell'ammasso roccioso non necessita di un livello di dettaglio accurato come
quello utilizzato nel riprodurre la diga, la fondazione e il solettone.
Inoltre, anche per quanto riguarda lo spessore di terreno per il modello solido è consigliabile
far riferimento a tre volte l’altezza massima della diga (in questo caso tre volte l’altezza dello
sperone 2) [21].

Figura 3.25 – Modulo di terreno scelto per la meshatura

75
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura 3.26 – Vista laterale del modulo centrale della diga di San Giacomo

Figura 3.27 – Vista laterale del modello finale speroni-terreno

76
Capitolo 3 – Generazione del modello solido del sistema diga-fondazione

3.3. DIFFICOLTÀ INCONTRATE NELLA GENERAZIONE DEL MODELLO SOLIDO


DIGA-FONDAZIONE-TERRENO

L’insieme delle tavole a disposizione era numeroso e ha permesso di realizzare il modello solido
della parte centrale della diga e del terreno circostante in modo accurato. Ciononostante, sono
sorti alcuni problemi in quanto esistono tavole che, pur rappresentando lo stesso soggetto,
possiedono caratteristiche differenti. Queste diversità sono riscontrabili sia per quanto riguarda
le proprietà geometriche della diga, sia nell’andamento delle isoipse del terreno (in particolar
modo nelle vicinanze dello sbarramento). A tale proposito, nelle pagine successive vengono
riportate le incongruenze che sono state rilevate nelle tavole e le conseguenti scelte assunte
per portare a termine il modello tridimensionale e proseguire con le rispettive analisi.
Come si osserva dalle immagine proposte, il profilo che rappresenta il contatto tra la roccia e la
fondazione della diga, in corrispondenza degli speroni 1 e 2, risulta diverso a seconda della
tavola che si considera. Anche la distanza di tale profilo dal cunicolo di ispezione in roccia
presenta incongruenze in entrambe le rappresentazioni.

Figura 3.28 – Incongruenze sull’andamento del contatto tra fondazione e roccia

Inoltre, nelle tavole originarie viene fornita la sezione trasversale solo dello sperone centrale
numero 2: non si hanno informazioni sulla geometria dei restanti. Osservando l’intero sviluppo
della diga di San Giacomo da valle, gli speroni risultano identici, ma si suppone che essi
abbiano un andamento differente per quanto riguarda la fondazione (cioè l’attacco cls-roccia).

Figura 3.29 – Geometria degli speroni che costituiscono lo sbarramento di San Giacomo

77
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Infine, l’unica sezione trasversale delle fondazioni della diga fornita da A2A è quella del concio
centrale di massima altezza, mentre non si conoscono tutte le rimanenti.

Figura 3.30 – Unica rappresentazione grafica della fondazione della diga di San Giacomo

Per le analisi svolte in questo lavoro di tesi, si è deciso di utilizzare la sezione verticale dello
sperone numero 2, in quanto il modulo analizzato comprende i due conci di massima altezza
(identici in geometria e attacco con la roccia).

78
Capitolo 4 – Modello tridimensionale ad EF di un modulo centrale dello sbarramento di San Giacomo

4. MODELLO TRIDIMENSIONALE AD ELEMENTI FINITI DI UN


MODULO CENTRALE DELLO SBARRAMENTO DI SAN GIACOMO

4.1. MODELLO DELLO SPERONE DI MASSIMA ALTEZZA

La diga di San Giacomo è costituita da una successione di speroni, identici in materiali e


geometria; gli unici aspetti che li differenziano sono l’altezza e l’attacco tra la fondazione e la
roccia. Per questo motivo si è scelto di effettuare la rappresentazione ad elementi finiti di un
modulo centrale della diga, determinato dai due speroni di massima altezza (Figura 4.1) in
quanto completamente uguali anche per quanto riguarda il contatto roccia-fondazione.

Figura 4.1 – Modulo centrale della diga di San Giacomo per la discretizzazione ad elementi finiti

Inoltre, poiché ciascun sperone (compreso solettone e fondazione) risulta simmetrico rispetto
al proprio piano verticale di mezzeria, si è proceduto ad effettuare la discretizzazione ad
elementi finiti solo di una metà dello stesso, in modo da semplificarne la procedura (Figura 4.2)
e utilizzare in un secondo tempo un principio di riflessione per la meshatura della parte
restante.
È stato scelto di impiegare prevalentemente elementi esaedrici isoparametrici lineari a 8 nodi
(detti anche “brick element"), in quanto per una mesh molto laboriosa sono preferibili agli
elementi tetraedrici.
Per effettuare la meshatura di metà sperone si è operato in modo automatico per sottovolumi
(parti evidenti in Figura 4.2), imponendo su ciascuno di essi alcuni vincoli in termini di numero
di elementi (e rapporto di infittimento) lungo gli spigoli. L’uso di mesh coincidenti in

79
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

corrispondenza dei giunti verticali tra gli speroni è stato un criterio guida: la discretizzazione di
due zone adiacenti separate da un giunto è stata realizzata imponendo alle mesh il raccordo
preciso lungo le interfacce.

Figura 4.2 – Metà sperone, modulo utilizzato per la discretizzazione

Le prime discretizzazioni non sono risultate soddisfacenti in quanto la necessità di adottare un


diverso numero di elementi lungo l'altezza confliggeva con la difficile geometria delle parti
costruttive. Infatti, tali discretizzazioni presentavano zone di elementi fortemente distorti, in
quanto la riduzione o l’aumento del numero di elementi finiti lungo l'altezza doveva avvenire
all'interno dei singoli sottovolumi (Figura 4.3).

Figura 4.3 – Presenza di elementi esaedrici fortemente distorti in prossimità dell’attacco tra solettone e sperone

80
Capitolo 4 – Modello tridimensionale ad EF di un modulo centrale dello sbarramento di San Giacomo

Figura 4.4 – Mesh poco regolare in corrispondenza della fondazione

Per migliorare la mesh è stato deciso di dividere in parti più ridotte ciascun sottovolume
costituente lo sperone, in modo da far coincidere le zone perimetrali delle parti create con i
sottovolumi non modificati; ad esempio, nel caso di Figura 4.5 si avrà coincidenza tra la nuova
parte di solettone e il sottovolume di sperone sottostante.

Figura 4.5 – Divisione del solettone in più sottovolumi

81
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Purtroppo, non è stato possibile realizzare la mesh completa con l’utilizzo del solo programma
di calcolo Abaqus, soprattutto in prossimità dell’attaccatura tra solettone (Figura 4.6) e
sperone e delle teste delle sezioni, dove i sottovolumi cambiano le pendenze (Figura 4.7). È
stato adottato un processore per analisi CAE (Patran) che facilita la creazione di modelli per
altri solutori ad elementi finiti, in quanto le mesh vengono generate a partire da superfici o
solidi già creati (come nel caso in esame).

Figura 4.6 – Zona in prossimità dell’attaccatura tra solettone e sperone

Figura 4.7 – Zona in prossimità delle teste degli speroni

82
Capitolo 4 – Modello tridimensionale ad EF di un modulo centrale dello sbarramento di San Giacomo

Le parti che hanno comportato maggiori difficoltà sono state quelle in corrispondenza del
coronamento dello sperone e del solettone (soprattutto nel punto in cui quest’ultimo è stato
suddiviso in modo da far coincidere i suoi nodi con quelli dei sottovolumi che lo sostengono).
Dopo vari tentativi è stata ottenuta la seguente mesh completa:

Figura 4.8 – Mesh completa del coronamento

Figura 4.9 – Mesh completa del solettone

83
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura 4.10 – Vista dall’alto della mesh completa dello sperone centrale

Figura 4.11 – Vista laterale della mesh completa dello sperone centrale

84
Capitolo 4 – Modello tridimensionale ad EF di un modulo centrale dello sbarramento di San Giacomo

Figura 4.12 – Vista laterale della mesh completa dello sperone centrale

Dopo aver creato la maglia di elementi finiti si è proceduto a controllarla eliminando nodi ed
elementi che si sovrapponevano. Inoltre, in corrispondenza dei giunti verticali risultano presenti
nodi doppi (nodi geometricamente coincidenti): essi sono essenziali per poter descrivere lo
scorrimento relativo tra le superfici del giunto.
Contemporaneamente nodi ed elementi sono stati rinumerati in modo da facilitarne
l'individuazione: la mesh risulta costituita da 54447 elementi di tipo C3D8 (elementi finiti
esaedrici tridimensionali a 8 nodi = eight-node brick elements) [22]. Una quantità di questi
elementi risultano distorti a causa della geometria complicata dello sperone e del solettone.
Una volta realizzato il modello dello sperone centrale, è stato possibile procedere con le analisi
statiche e dinamiche come prescritto nella normativa vigente, ma con adeguamento delle
azioni sismiche secondo quanto riportato nelle PAN.

85
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

4.2. MODELLO DEL TERRENO

La discretizzazione del modulo di terreno è risultata abbastanza onerosa soprattutto nelle zone
di cambiamento di quota delle isoipse (Figure 4.13 e 4.14). Mediante il comando “merge” di
ABAQUS i nodi che non risultavano coincidenti sono stati “cuciti” tra di loro in modo da avere
una mesh completa e senza sovrapposizioni errate di nodi (Figura 4.15).

Figura 4.13 – Presenza di nodi non coincidenti in prossimità del cambiamento di quota

Figura 4.14 – Presenza di nodi non coincidenti in prossimità del cambiamento di quota

Figura 4.15 – Cucitura dei nodi mediante comando “merge”

86
Capitolo 4 – Modello tridimensionale ad EF di un modulo centrale dello sbarramento di San Giacomo

La mesh è stata infittita in prossimità dei due speroni cosicché essa fosse compatibile con
quella del modulo scelto precedentemente per le analisi.
Nella figura seguente viene riportato il blocco di terreno che circonda gli speroni caratterizzato
dalla mesh completa e corretta.

Figura 4.16 – Mesh completa del blocco di terreno scelto per le analisi

Figura 4.17 – Mesh della parte di terreno a contatto con gli speroni

87
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura 4.18 – Mesh della parte di terreno a contatto con gli speroni vista lateralmente

Figura 4.19 – Vista laterale della mesh completa del modello diga-terreno

88
Capitolo 5 – Analisi statiche

5. ANALISI STATICHE

5.1. VERIFICHE DI SICUREZZA PER LE DIGHE A GRAVITÀ

Come accennato nel primo capitolo, le dighe a gravità sono impiegate per lo sbarramento dei
corsi d’acqua nei quali la larghezza della sezione è maggiore dell’altezza di ritenuta.
Gli sbarramenti a gravità massicci presentano un profilo fondamentale triangolare e sezioni
orizzontali piene; invece, le dighe a gravità alleggerite, come nel caso in esame della diga di
San Giacomo, sono costituite da una successione di elementi indipendenti, anch’essi con
profilo fondamentale triangolare, a reciproco contatto lungo il paramento di monte ed
all’occorrenza anche lungo quello di valle. Ogni elemento risulta così costituito da un
contrafforte, pieno o cavo, con un’espansione a monte ed eventualmente a valle.
Le verifiche di stabilità vengono sempre condotte per le sezioni di fondazione e per ogni altra
sezione orizzontale con riferimento alle seguenti condizioni di carico:
- a serbatoio vuoto con l’azione del solo peso proprio;
- a serbatoio pieno con peso proprio, spinta idrostatica, sottospinta, spinta del ghiaccio
e nel caso azioni sismiche.

Figura 5.1 – Distribuzione delle sottopressioni per serbatoio pieno a monte e serbatoio pieno o vuoto a valle
e/o in presenza di drenaggi

89
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Quando lo sbarramento è munito di drenaggi le sottopressioni determinanti la sottospinta


vengono assunte linearmente decrescenti da un valore pari alla pressione idrostatica in
corrispondenza del paramento di monte, alla frazione n di questa pressione in prossimità dei
drenaggi e al valore zero sul paramento di valle.
Qualora esista un carico idrostatico anche a valle (è il caso del bacino di Cancano per la diga di
San Giacomo), le sottopressioni vengono considerate:
- pari ai rispettivi carichi idrostatici in corrispondenza dei paramenti di monte e di valle;
- pari a quest’ultimo aumentato della frazione n della differenza tra i due in
corrispondenza dei drenaggi (se esistono);
- variabile linearmente fra un valore e l’altro nei tratti intermedi.
In relazione alle caratteristiche di permeabilità della roccia di fondazione e alla distanza tra i
drenaggi, n viene assunto compreso tra 0,3 e 0,5.
Nel caso non siano presenti opere di drenaggio, la sottopressione si assume variabile
linearmente dal valore uguale a quello del carico idrostatico a monte, a quello del carico
idrostatico a valle, oppure a zero se esso non esiste.
Come prescritto dalla normativa vigente, per ogni sezione orizzontale deve risultare:
- a serbatoio vuoto: le sollecitazioni principali ai lembi non devono superare il carico di
sicurezza del materiale, se di compressione, e 300 kPa se di trazione;
- a serbatoio pieno: il rapporto tra la somma delle forze orizzontali e la somma delle
forze verticali, compresa la sottospinta, non deve superare il valore 0,75; per la sezione
di fondazione tale limite deve essere ulteriormente ridotto qualora lo richieda la natura
della roccia, cioè quando le sue condizioni sono sfavorevoli nei riguardi della sicurezza
allo scorrimento. Le sollecitazioni principali ai lembi devono essere positive (di
compressione) e non devono superare il carico di sicurezza del materiale [2,23,24].

5.1.1. LA FUNZIONE DI AIRY

Gli sbarramenti a gravità derivano la loro sezione trasversale da un profilo triangolare, il cui
vertice superiore coincide con il livello di massimo invaso. Il coronamento completa la parte
superiore della struttura (Figura 5.2).

Figura 5.2 – Porzione di serbatoio presidiato da una diga a gravità

90
Capitolo 5 – Analisi statiche

Per rispettare la condizione per la quale a serbatoio pieno per ogni sezione orizzontale non si
abbia trazione nel materiale (a serbatoio vuoto non si possono avere trazioni superiori a 300
kPa), è necessario stabilire il rapporto tra la larghezza B della base e l’altezza H della diga,
immaginando la struttura sottoposta al peso proprio, alla pressione idrostatica e alle
sottopressioni.
L’assegnazione delle dimensioni ad una diga a gravità è un problema difficile da risolvere, ma
risulta ancora più complesso lo svolgimento delle sue verifiche. Infatti, si dovrebbe analizzare il
comportamento statico della struttura a tre dimensioni, omogenea ed isotropa in ogni sua
parte, limitata da superfici di contorno sulle quali sono da soddisfare particolari condizioni
riguardanti le tensioni sui paramenti di monte, di valle ed un vincolo di appoggio alla base.
La considerazione del vincolo alla base porta a tenere in conto gli spostamenti della roccia,
definita come un continuo elastico nel suo contatto con la struttura.
Il ricorso a soluzioni numeriche con il metodo delle differenze finite o degli elementi finiti
rappresenta l’unico modo di affrontare il problema [23].
Tuttavia, fino a prima dell’avvento dei metodi numerici per l’analisi elastica di mezzi continui (e
dei computer su cui implementare tali approcci), la stima degli sforzi che nascono in una diga a
gravità (assunta in stato piano di deformazione) veniva condotta introducendo opportune
idealizzazioni che consentivano l’adozione di soluzioni analitiche.
Di seguito viene riportata la soluzione ottenibile utilizzando una funzione delle tensioni
(funzione di Airy), quando la diga viene schematizzata come un settore, o cuneo indefinito,
delimitato da rette disposte lungo i paramenti di monte e di valle della diga, caricato dal peso
proprio e dal carico idrostatico sul paramento di monte. Pertanto, la soluzione di questo
problema non tiene conto degli effetti del vincolo alla base che è presente in ogni diga reale
(vincolo che può essere considerato un incastro a terra se si trascura la deformabilità della
roccia di fondazione). Ciononostante la soluzione ottenuta con la funzione di Airy è stata per
lungo tempo adottata come soluzione di riferimento per condurre le verifiche di resistenza
nelle dighe a gravità.
Si consideri il sistema piano in Figura 5.3, definito come un settore limitato da due rette
(paramenti della diga) di equazioni:

x  k 1  y x  k2  y

Indicando con  la funzione delle tensioni o di Airy vengono richiamate di seguito le relazioni
valide quando le forze di massa sono dovute alla sola gravità:

 4  4  4
Condizione di congruenza:  4   2  0
x 4 x 2 y 4 y 4

 2
Tensioni: x  m  y
y 2

 2
y  m  y
x 2

 2
 
xy

91
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura 5.3 – Schema del cuneo indefinito

Lo sforzo normale di trazione è assunto positivo; se il suo verso è concorde con quello dell’asse
al quale è parallelo, il verso della tensione tangenziale è concorde con quello dell’altro asse e
viceversa.
Prendendo due elementi dei paramenti che costituiscono il cuneo di partenza (Figura 5.4), è
necessario che essi soddisfino le condizioni al contorno:

    y
 x    k 1  
 0
A monte ( x   y  k 1 ): 
  k       y  k 1
 y 1 
 0

 x    k 2  0
A valle ( x  y  k 2 ): 
 y  k 2    0

Figura 5.4 – Imposizione delle condizioni al contorno

92
Capitolo 5 – Analisi statiche

I termini noti   y e    y  k 1 , presenti nelle condizioni al contorno del paramento di


monte, riguardano il caso di serbatoio pieno; infatti, essi si annullano con serbatoio vuoto, in
quanto si ha azione del solo peso proprio.
Come funzione delle tensioni che soddisfi il problema così assegnato si utilizza il seguente
polinomio:

  C1  x 3  C 2  x 2  y  C 3  x  y 2  C 4  y 3

Le espressioni delle tensioni dedotte per derivazione sono:

 x  2  C 3  x  6  C 4  y   m  y

 y  6  C 1  x  2  C 2  y   m  y

  2  (C 2  x  C 3  y )

Sostituendo le funzioni  x ,  y e  nelle condizioni al contorno si ottengono i valori delle


costanti, diversi a seconda delle condizione di carico e da calcolare di volta in volta
considerando separatamente la spinta idrostatica e il peso proprio [23].

COSTANTI PESO PROPRIO SPINTA IDROSTATICA


k 2  k1 k1  (3  k 2  k1)  2
C1 m  
6  (k 2  k1)2 6  (k 2  k1)3

k 2  k1  2  k1  k 22  k 2  k1
C2 m  2 
(k 2  k 1 ) 2  (k 2  k1)3

k 2  k 1  (k 2  k 1 ) k1  k2  [k 2  (k 2  k1)  2]
C3 m  
2  (k 2  k 1 ) 2 2  (k 2  k1)3

 2  k 22  k12  (k 2  k1)2 k 22  [2  k12  k 2  (3  k1  k 2 )]


C4 m  2

6  (k 2  k1) 6  (k 2  k1)3
Tabella 5.1 – Costanti delle espressioni delle tensioni

5.1.2. APPLICAZIONE ALLE DIGHE A GRAVITÀ ALLEGGERITE

Il calcolo delle dighe alleggerite non differisce da quello delle dighe a gravità massicce, però
esso risulta molto più laborioso in quanto la forma delle sezioni orizzontali non è rettangolare
a causa dell’espansione di monte ed eventualmente di quella di valle e a causa del variare degli
spessori con la profondità.
L’insieme di queste circostanze limita la possibilità d’indagare le condizioni di stabilità
dell’elemento singolo in modo semplice come per le dighe massicce.
Nelle dighe alleggerite vi è un vantaggioso risparmio di calcestruzzo, dovuto ad una diversa
distribuzione dei carichi verticali e alla riduzione delle sottopressioni rispetto alla
corrispondente diga massiccia.

93
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Il risultato si può ottenere modificando la forma della struttura in modo che sia il peso proprio,
sia la componente verticale della spinta, operino a vantaggio della stabilità, contrastando
l’azione dovuta alla componente orizzontale della spinta stessa.
A tal fine, si attribuisce un valore elevato alla scarpa del paramento di monte ed uno dello
stesso ordine di grandezza a quello di valle. Si hanno allora i seguenti vantaggi (1):
- il peso proprio risulta centrato rispetto al baricentro delle varie sezioni orizzontali,
portando ad una distribuzione uniforme degli sforzi normali;
- a serbatoio pieno, il momento della componente verticale della spinta svolge un’azione
stabilizzante in contrasto con quella ribaltante dovuta alla componente orizzontale.
Una seconda soluzione consiste nell’attribuire al paramento di monte un valore della scarpa
più modesto di quello richiesto, ma sufficiente per rendere apprezzabile il valore della spinta
verticale, tenendo conto anche del peso G2 della struttura di tenuta vera e propria collocata a
monte (2).

(1) (2)
Figura 5.5 – Distribuzione schematica dei carichi nelle dighe alleggerite

Il risparmio che l’adozione di una diga a gravità alleggerita consente rispetto ad una massiccia,
per quanto riguarda il volume di calcestruzzo a parità d’altezza di ritenuta, è funzione
dell’altezza dello sbarramento stesso, come è possibile osservare in Grafico 5.1.

Grafico 5.1 – Volumi unitari di calcestruzzo per le dighe a gravità massicce ed alleggerite

94
Capitolo 5 – Analisi statiche

Pertanto, si considera un elemento triangolare di altezza H appoggiato lungo la base ed avente


i lati con i valori k1 e k 2 della scarpa a monte e a valle con s  s 0  k  y lo spessore alla
generica profondità (Figura 5.6).

Figura 5.6 – Diga alleggerita schematica con spessore variabile linearmente con la profondità

Adottando uno stato piano di tensioni ed indicando con X e Y le forze di volume, l’analisi di
un elemento della diga conduce alle seguenti relazioni indefinite dell’equilibrio:

 ( y  s ) (  s )
  Y  s  0
 y x

 ( x  s )  (  s )  X  s  0
 x y

A queste relazioni è necessario aggiungere l’equazione di congruenza:

2 2  2
( y     x )  ( x     y )  2  (1   ) 
x 2 y 2 xy

Se le forze di massa derivano da un potenziale V, in modo che si possa assumere


X  s  V / x e Y  s  V / y , le relazioni di equilibrio sono soddisfatte se le tensioni
dipendono da una funzione  ( x , y ) , tale che:

95
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

1   2  1   2  1  2
x    2 V  y    2 V    
s  y  s  x  s xy
 

Come per la diga di San Giacomo in esame, nel caso in cui la forza di massa sia dovuta al peso
proprio, cioè X  s  0 e Y  s   m  s , si ha:

 y 2  s 0  s 
V   m   s 0  y  k     m  y 
 2  2

Le espressioni delle tensioni in funzione di  ( x , y ) diventano:

 1   2 s0  s 
 x    2   m  y  

 s  y 2


 1   2 s s 

 y   m  y  0 
 s  x 2 2 

   1   
2

 s xy

Di conseguenza l’equazione di congruenza permette mediante integrazione di determinare la


funzione  ( x , y ) da utilizzare per ottenere le tensioni.

k  2 k2  2  2  s 02
 4  2      2 2    (1   )    m  (1   )  k 
s y s  x 2  s2

Le costanti arbitrarie, dovute al processo di integrazione di questa equazione differenziale,


vengono valutate mediante le condizioni al contorno. Indicando con l l’interasse tra gli
elementi di Figura 5.6 sui paramenti di monte e valle, valgono le seguenti condizioni:

  l
    k    
s
y
 x 1 
 0
A monte ( x   y  k 1 ): 
  l
 y   k1
 y  k 1     s
 0

 x    k 2  0
A valle ( x  y  k 2 ): 
 y  k 2    0

Per le condizioni di base, cioè per y  H , valgono le stesse considerazioni fatte per la diga a
gravità massiccia: infatti, le condizioni statiche coincidono con quelle di un cuneo triangolare
indefinito nel senso dell’altezza [2].

96
Capitolo 5 – Analisi statiche

Di seguito vengono riportate le espressioni delle tensioni per i due casi principali di peso
proprio e spinta idrostatica.

Peso proprio:

m
x    12  s 0  (k 2  k 1 )  x  2  k 1  k 2  y   k 1  k 2 
12  (k 2  k 1 ) 2  s
 
 k  5  (k 1  k 2 ) 2  6  (k 12  k 22 )  x 2  18  k  k 1  k 2  (k 2  k 1 )  x  y  24  k  k 12  k 22  y 2 

y 
m
12  (k 2  k 1 ) 2  s
  
 12  s 0  (k 2  k 1 )  x  (k 12  k 22 )  y  6  k  (k 2  k 1 )  x  y 

  
 k  (k 1  k 2 ) 2  6  (k 12  k 22 )  y 2

 
m

  12  s 0  k 1  k 2  2  x  (k 2  k 1 )  y   3  k  (k 2  k 1 )  x 2 
12  (k 2  k 1 ) 2  s

 
 2  k  5  (k 1  k 2 ) 2  6  (k 12  k 22 )  x  y  9  k  k 1  k 2  (k 2  k 1 )  y 2 
Spinta idrostatica:

x 
 l k2
(k 2  k 1 ) 3  s

 k 1  (k 22  k 1  k 2  2)  x  k 2  (k 2  2  k 12k 2  3  k 1 )  y 

y 
 l
(k 2  k1)3  s

 (k12  3  k1  k 2  2)  x  (2  k 22k1  k 2  k1)  y 

 
 l
3
(k 2  k 1 )  s

 (2  k 1  k 22  k 2  k 1 )  x  k 1  k 2  (k 22  k 1  k 2  2)  y 

Le espressioni date consentono di calcolare le tensioni, note k1, k2, k, l e s0, che risultano
fondamentali per le verifiche di sicurezza.

5.2. VERIFICHE DI SICUREZZA DELLA DIGA DI SAN GIACOMO

Le analisi statiche sono state eseguite per lo sperone di massima altezza n.2, al quale si
possono riferire tutti gli altri speroni della diga principale che da esso differiscono per l’altezza
e per la quota alla quale ha inizio l’espansione a valle.

97
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Per quanto riguarda le verifiche di sicurezza da effettuarsi per le dighe a speroni (come lo
sbarramento di San Giacomo), esse sono indicate a §E.1 del D.M. 24 marzo 1982 come segue:
“se il valore del rapporto tra l’interasse di due elementi affiancati e lo spessore minimo tra essi,
o la somma degli spessori minimi se trattasi di elementi cavi, è compreso tra 2 e 4 per almeno
2/3 dell’altezza dell’elemento, le verifiche di sicurezza sono da condurre secondo le indicazioni
relative alle dighe a gravità ordinaria. Se il rapporto predetto è minore di 2 valgono
integralmente le norme per le dighe a gravità ordinaria, mentre se è superiore a 4 la struttura è
da considerarsi speciale”.
Lo sperone n.2 in esame può essere suddiviso in tre parti:
- da quota 1951,50 a quota 1940,51 m s.l.m., tratto in cui lo sperone assume la tipica
forma di una diga a gravità ordinaria;
- da quota 1940,51 a quota 1892,00 m s.l.m., dove lo sperone si presenta in sezione
orizzontale con forma a T. Lo spessore del gambo ed il rapporto regolamentare
variano tra i valori estremi seguenti:

SPESSORE INTERASSE/SPESSORE
[m] [-]
4,80 3,12
7,20 2,08
Tabella 5.2 – Valori estremi delle caratteristiche dello sperone da quota 1940,51 a quota 1892,00 m s.l.m.

- da quota 1892,00 m s.l.m. al piano di fondazione, zona in cui lo sperone è costituito


da sezioni orizzontali a doppia T. Lo spessore dell’anima e il rapporto regolamentare
variano tra i valori estremi seguenti:

SPESSORE INTERASSE/SPESSORE
[m] [-]
7,80 1,92
8,60 1,74
Tabella 5.3 – Valori estremi delle caratteristiche dello sperone da quota 1892,00 m s.l.m. alla fondazione

Si evidenzia che il tratto in cui il rapporto tra l’interasse e lo spessore minimo dell’elemento è
compreso tra 2 e 4 ha un’altezza pari a 48,51 m contro il valore minimo previsto da
regolamento di 57,67 m (2/3 dell’altezza dell’elemento).
Perciò, le verifiche di sicurezza dello sperone di massima altezza sono state eseguite secondo
quanto disposto per le dighe a gravità ordinaria [25].

5.3. PESO PROPRIO

Il peso proprio per unità di volume da utilizzare per il calcestruzzo nei calcoli di verifica è stato
assunto pari a:
 c  24,80 kN / m 3

Tale valore è stato ottenuto riducendo il valore medio dei risultati delle prove condotte
dall’ISMES nel 1998 dell’1,3% per tener conto delle cavità interne (cunicoli, pozzetti, canne

98
Capitolo 5 – Analisi statiche

drenanti, ecc.) esistenti nello sperone n. 2. Per questo motivo il valore definito per il peso di
volume del materiale viene considerato costante ed uguale, sia per la diga principale a speroni,
sia per le dighe laterali a gravità ordinaria.
Per quanto riguarda il solettone, si utilizza un peso specifico leggermente maggiore, come
descritto in § 2.5 (  cs  25,00 kN / m 3 ).

SOTTOVOLUMI XG YG ZG V
[-] [m] [m] [m] [m³]
Fondazione 0 35,92 1863,8376 3750,9077
1 0 31,5425 1869,9614 2845,8398
2 0 34,1306 1875,0500 3963,5084
3 0 35,8200 1879,9400 2092,3100
4 0 35,9215 1882,9713 1496,9117
5 0 41,0169 1887,9985 3597,7902
6 0 44,7155 1896,8553 3862,6354
7 0 47,9168 1906,8331 3203,7833
8 0 50,6474 1916,8269 2611,8767
9 0 53,0492 1927,478 2378,5068
10 0 54,2148 1936,3467 1097,1013
Coronamento 1 0 54,5496 1939,8881 218,5859
Coronamento 2 0 55,4600 1944,8000 1305,5500
Coronamento 3 0 55,7932 1902,6759 256,2456
Solettone orizzontale 0 36,3301 1902,4494 133,7654
Solettone inclinato 0 18,3523 1893,2988 631,3926
Tabella 5.4 – Caratteristiche dei sottovolumi dello sperone n. 2

SOTTOVOLUMI PESO PROPRIO


[-] [kN]
Fondazione 93022,51096
1 70576,82704
2 98295,00832
3 51889,288
4 37123,41016
5 89225,19696
6 95793,35792
7 79453,82584
8 64774,54216
9 58986,96864
10 27208,11224
Coronamento 1 5420,93032
Coronamento 2 32377,64
Coronamento 3 4872,35184
Solettone orizzontale 3344,13500
Solettone inclinato 15779,77750
Tabella 5.5 – Peso proprio dei sottovolumi dello sperone n. 2

99
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

In Tabella 5.4 sono riportate le proprietà di ciascun sottovolume costituente lo sperone di


massima altezza.
Successivamente, conoscendo le coordinate del baricentro dei sottovolumi dello sperone
centrale e i rispettivi volumi, è possibile determinare il loro peso proprio moltiplicando
semplicemente il volume per il peso specifico opportuno (  c per lo sperone e  cs per il
solettone).

5.4. SPINTA IDROSTATICA

Dal momento che la diga di San Giacomo di Fraele risulta interessata da due bacini, è
necessario valutare separatamente la spinta idrostatica proveniente da monte (bacino di San
Giacomo) e quella proveniente da valle (bacino di Cancano).
Il peso per unità di volume dell’acqua che viene utilizzato nei calcoli è pari a:

 w  10,00 kN / m 3

In primo luogo si è proceduto a determinare separatamente le componenti orizzontale e


verticale della spinta idrostatica sul paramento di monte. Di fondamentale importanza risulta la
definizione della quota di massimo invaso a monte: essa è stata considerata pari a 1949,00 m
s.l.m., secondo quanto riportato in [4].
La componente orizzontale della spinta risultante per ogni sezione di verifica è stata calcolata
mediante la seguente espressione:

1
S ow   w  h 2  L
2

dove:
h è l’affondamento della sezione di verifica rispetto alla quota di invaso;

L è la larghezza del paramento bagnato di monte.

Invece, il calcolo della componente verticale della spinta idrostatica è stato eseguito tenendo
conto della scarpa del paramento di monte (  m ).
La spinta idrostatica verticale agente sulla sezione di verifica è stata valutata come risultante
delle spinte verticali agenti sulla proiezione orizzontale della superficie del paramento bagnato
tra le sezioni orizzontali estreme di ogni singolo tronco definito in precedenza:

1
Svw   w  h 2  m  L
2
dove:
 m  0,03 è l’inclinazione del paramento di monte rispetto alla verticale.

Inoltre, a causa della particolare geometria delle sezioni orizzontali dello sperone è stato
necessario calcolare anche la spinta idrostatica che agisce lungo i lati inclinati definiti nella
seguente figura:

100
Capitolo 5 – Analisi statiche

Figura 5.7 – Inclinazione dei lati di estremità della parte di sezione a contatto con l’invaso di S. Giacomo

Considerando solamente la componente orizzontale della spinta idrostatica (quella verticale


non rientra nelle verifiche), essa può essere stimata mediante la seguente formula:

1
S ow ,lat   w  h 2  L  
2

Anche il peso per unità di volume dell’acqua da valle è stato assunto pari a:

 w  10,00 kN / m 3

La quota di massimo invaso a valle per il bacino di Cancano è stata considerata pari a 1901,00
m s.l.m. L’inclinazione del paramento di valle, contrariamento a quanto definito per quello di
monte, non risulta costante, ma varia da un sottovolume al successivo.
Il metodo di calcolo utilizzato è identico a quello descritto precedentemente per la spinta
idrostatica da monte. L’unica difficoltà incontrata per la valutazione della spinta idrostatica di
valle è quella relativa alla geometria del solettone; per ovviare a tale problema il solettone è
stato diviso in tre parti differenti a seconda della diversa inclinazione rispetto all’asse verticale
(1 = solettone verde, 2 = solettone azzurro, 3 = solettone giallo).

Figura 5.8 – Suddivisione solettone per la determinazione della spinta idrostatica di valle

Nelle tabelle seguenti vengono riportati i valori delle componenti orizzontale e verticale delle
spinte idrostatiche che lo sperone centrale deve sopportare, sia sul paramento di monte, sia su
quello di valle, oltre alle coordinate dei loro punti di applicazione.

101
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

SPINTA IDROSTATICA DI MONTE


SOTTOVOLUMI ZG h inclinata h verticale S.I.O. S.I.V. S.I.L.
[-] [m] [m] [m] [kN/m] [kN/m] [kN/m]
Fondazione 0 0 0,0000 0 0 0
1 1895,00 81,04 81,00 32805,00 984,15 33742,28
2 1897,67 77,04 77,00 29645,00 889,35 30491,10
3 1901,80 70,83 70,80 25063,06 751,89 25779,14
4 1904,13 67,33 67,30 22646,32 679,39 23293,35
5 1905,83 64,78 64,75 20962,81 628,88 21561,75
6 1911,00 57,03 57,00 16245,00 487,35 16709,14
7 1917,67 47,02 47,00 11045,00 331,35 11360,57
8 1924,33 37,02 37,00 6845,00 205,35 7040,57
9 1931,00 27,01 27,00 3645,00 109,35 3749,14
10 1938,62 15,58 15,57 1212,12 36,36 1246,76
Coronamento 1 1942,52 9,73 9,72 472,39 14,17 485,89
Coronamento 2 1943,34 8,49 8,49 360,40 10,81 370,70
Coronamento 3 0 0 0 0 0 0
Solettone orizzontale 0 0 0 0 0 0
Solettone inclinato 1 0 0 0 0 0 0
Solettone inclinato 2 0 0 0 0 0 0
Solettone inclinato 3 0 0 0 0 0 0
Tabella 5.6 – Valori delle spinte idrostatiche di monte e loro punti di applicazione

SPINTA IDROSTATICA DI VALLE


SOTTOVOLUMI ZG h inclinata h verticale S.I.O. S.I.V.
[-] [m] [m] [m] [kN/m] [kN/m]
Fondazione 0 0 0 0 0
1 1879,00 50,29 33,00 5445,00 6261,75
2 1881,67 34,37 29,00 4205,00 2691,20
3 1885,80 23,63 22,80 2599,20 709,31
4 1888,13 19,31 19,30 1862,41 0,00
5 1889,83 19,70 16,75 1402,81 869,74
6 1895,00 10,58 9,00 405,00 251,10
7 0 0 0 0 0
8 0 0 0 0 0
9 0 0 0 0 0
10 0 0 0 0 0
Coronamento 1 0 0 0 0 0
Coronamento 2 0 0 0 0 0
Coronamento 3 0 0 0 0 0
Solettone orizzontale 0 0 0 0 0
Solettone inclinato 1 1899,68 16,75 16,75 1402,81 0
Solettone inclinato 2 1890,83 17,94 15,25 1162,81 720,94
Solettone inclinato 3 1889,83 1,98 1,98 19,64 0
Tabella 5.7 – Valori delle spinte idrostatiche di valle e loro punti di applicazione

102
Capitolo 5 – Analisi statiche

5.5. SPINTA DEL GHIACCIO

In conformità alle norme vigenti è stata considerata una spinta orizzontale per effetto del
ghiaccio corrispondente alla pressione di 150 kPa.
Lo spessore della lastra di ghiaccio viene considerato pari a 0,80 m, massimo valore di punta
osservato durante la vita dello sbarramento.
La spinta unitaria del ghiaccio risulta pari a:

S g  p g  h g  150  0,80  120 kN / m

dove:
p g è la pressione esercitata dal ghiaccio sul paramento, assunta pari a 150 kPa;

h g è l’altezza della proiezione verticale della superficie di contatto tra la lastra che si
prevede possa formarsi ed il paramento superiore a 20 cm.

Tale risultante è stata applicata considerando il ghiaccio alla quota di massimo invaso,
coincidente con la quota massima di regolazione.
Non viene considerata la possibilità di un’azione spingente del ghiaccio da valle per l’esistenza
di un impianto di sgelamento, predisposto dall’A2A., che fa ricorso all’irrorazione delle
formazioni di ghiaccio in grado di realizzarsi nei vani degli speroni con acqua sorgiva a
temperatura leggermente superiore allo zero.

5.6. SOTTOSPINTA

Ai fini delle verifiche di stabilità allo scorrimento, è necessario tenere in conto una sottospinta
agente nelle sezioni di fondazione e di ripresa dei getti, definita come risultante delle
sottopressioni idriche agenti sulle sezioni stesse con distribuzione convenzionale. Sia per i
tronchi a gravità massiccia, sia per lo sperone di massima altezza la sottospinta viene calcolata
considerando le sottopressioni agenti su tutta la sezione di verifica.
La sottospinta è dovuta ai fenomeni di infiltrazione dell'acqua da monte a valle della struttura,
non solo nel terreno sotto la fondazione, ma anche all'interno dell'ammasso murario che non
può mai considerarsi assolutamente impermeabile. Tale situazione può creare problemi in
quanto la struttura in esame lavora a gravità: infatti, la spinta data dalle sottopressioni
diminuisce il peso del corpo diga.
Per l'attenuazione dell'entità del fenomeno, la normativa prescrive la costruzione di opportuni
drenaggi in vicinanza del paramento di monte per tutta la lunghezza del concio fino alla
sezione di fondazione. In corrispondenza di tali drenaggi si ha una riduzione delle
sottopressioni (Figura 5.1).
Le PAN prescrivono che per le dighe di calcestruzzo le sottospinte dovute alle pressioni
interstiziali devono essere valutate in corrispondenza delle discontinuità (superficie e ammasso
di fondazione, riprese di getto) e in particolare in ogni altra superficie tracciata nel corpo diga
e/o nel terreno di fondazione in funzione dei dispositivi di drenaggio [3].

103
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Per il diagramma delle sottopressioni si considera una situazione convenzionale lineare,


definita dal Regolamento Dighe, il quale autorizza ad utilizzare un valore delle sottopressioni a
livello delle canne di drenaggio pari a 0,3  0,5 . In ogni caso la pressione lungo la linea dei
drenaggi non è mai da assumere inferiore alla pressione idrostatica di valle, aumentata di 0,35
volte la differenza tra la pressione idrostatica di monte e quella di valle.
A causa della presenza di un invaso anche a valle, per la diga di San Giacomo il valore delle
sottopressioni non sarà nullo in corrispondenza del paramento di valle, quindi si avrà un
cambiamento di pendenza nei due tratti separati dalle canne di drenaggio. Si è scelto un
coefficiente 0,4 , in modo da rispettare la limitazione definita precedentemente ( 0,4  0,35 ).

Figura 5.9 – Andamento delle sottopressioni in prossimità della sezione di base

Le risultanti delle sottopressioni agenti sulla sezione di base possono essere determinate
mediante le seguenti formule (Figura 5.9):

104
Capitolo 5 – Analisi statiche

S 1   w    (h1  h2 )  h2   L1

1
S2    w    h2  h1   h1  h2   L1
2

S 3   w  h2  L2

1
S4    w    (h1  h2 )  L2
2

dove:
 w è il peso per unità di volume dell’acqua;

 è il coefficiente di riduzione delle sottopressioni in prossimità dei drenaggi;

h1 è l’affondamento della sezione considerata (fondazione) rispetto alla quota di


massimo invaso a monte (1949,00 m s.l.m.);

h 2 è la distanza della sezione considerata (fondazione) rispetto alla quota di massimo


invaso a valle (1901,00 m s.l.m.);

L1 è l’estensione del tratto compreso tra il paramento di monte e i drenaggi;

L2 è l’estensione del tratto compreso tra i drenaggi e il paramento di valle.

Nelle tabelle seguenti vengono riportati i valori dei parametri appena definiti:

PARAMETRO VALORE UNITÀ DI MISURA


W 10 kN/m3
Coefficiente drenaggi 0,4 -
h1 81 m
h2 33 m
L1 7,5 m
L2 55,66 m
Tabella 5.8 – Parametri necessari per la determinazione delle sottopressioni agenti sulla sezione di fondazione

POSIZIONE PRESSIONE UNITÀ DI MISURA


Monte 810 kN/m2
Valle 330 kN/m2
Drenaggi 522 kN/m2
Tabella 5.9 – Valori massimi e minimi della sottopressione agente sulla sezione di base

105
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

RISULTANTE VALORE X Y
[-] [kN/m] [m] [m]
S1 3915,00 0 3,75
S2 8015,04 0 2,50
S3 18367,80 0 35,33
S4 5343,36 0 26,05
Tabella 5.10 – Valori delle risultanti delle sottopressioni e coordinate dei loro punti di applicazione

S1 S3
S4

S2

Figura 5.10 – Risultanti delle sottopressioni agenti sulla sezione di fondazione

A seguito degli interventi di manutenzione, nel 2003 sono state disposte nuove canne di
drenaggio anche nelle code degli speroni verso valle, in modo da ridurre ulteriormente la
sottopressione agente su ciascuna sezione critica degli stessi (in prossimità di essi si utilizza un
coefficiente di riduzione pari a 0,5).
Per questo motivo nelle verifiche di sicurezza sono stati utilizzati i valori di sottopressione
ottenuti tenendo in conto anche questi nuovi sistemi di drenaggio, oltre a quelli definiti
precedentemente (presenti nella testa degli speroni) [17,26].

Figura 5.11 – Modello di progetto della sottospinta

106
Capitolo 5 – Analisi statiche

Figura 5.12 – Distribuzione delle sottopressioni in asse sperone e lungo lo sviluppo trasversale dello stesso

107
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Il nuovo modello progettuale di distribuzione della sottospinta (Figura 5.11 e Figura 5.12) è
caratterizzato dunque da:
- sottopressioni massime PM e PV , corrispondenti ai livelli degli invasi ai bordi di monte
e di valle della fondazione;
- sottopressioni ridotte da normativa all’intersezione tra l’asse dello sperone e lo
schermo di drenaggio di monte;
- sottopressioni ridotte a 0,5  PV in corrispondenza del punto terminale dei gambi degli
speroni, ove le code si collegano fra loro a delimitare i vani interni (dove è stato
disposto il nuovo sistema di drenaggio);
- sottopressioni nulle al perimetro dei vani interni.
Rispetto a quanto emerso dalle analisi, l’assunzione di 0,5  PV si è dimostrata conservativa alle
differenze finite svolte ad integrazione del progetto esecutivo. Tale analisi è basata sull’ipotesi
di un ammasso di fondazione omogeneo ed isotropo e tiene conto anche della presenza del
cunicolo esplorativo in roccia disposto longitudinalmente lungo lo sviluppo della struttura,
mediamente 15 m sotto il piano di fondazione degli speroni [17].
Nelle sezioni che verranno utilizzate nel paragrafo successivo per le verifiche, le sottopressioni
assumono i seguenti valori:

Invaso da monte:

SEZIONI SOTTOSPINTA
[m s.l.m.] [kN/m]
1939,28 6708,70
1922,00 22132,60
1902,00 50367,52
1892,00 68888,80
1878,20 105882,67
1868,00 137968,25
Tabella 5.11 – Sottospinta nelle sezioni di verifica nel caso di invaso a monte

Invaso da monte e controinvaso da valle:

SEZIONI [m s.l.m.] SOTTOSPINTA


[m s.l.m.] [kN/m]
1939,28 6708,70
1922,00 22132,60
1902,00 50367,52
1892,00 77450,92
1878,20 142996,39
1868,00 199505,36
Tabella 5.12 – Sottospinta nelle sezioni di verifica nel caso di invaso a monte e controinvaso d valle

108
Capitolo 5 – Analisi statiche

5.7. VERIFICHE DI SICUREZZA

Il Regolamento Italiano Dighe (R.I.D.) stabilisce precise norme per la verifica statica di ogni
tipologia. In particolare, per le dighe a gravità essa prescrive due verifiche di sicurezza:
- verifica di stabilità allo scorrimento;
- verifica di resistenza.
La verifica a scorrimento deve essere effettuata per la condizione di serbatoio pieno. Nella
sezione di fondazione e in tutte le sezioni di ripresa dei getti il rapporto tra la somma delle
componenti parallele e la somma di quelle normali non deve essere superiore a 0,75. Agli
effetti di tale verifica non si possono considerare pendenze valle-monte delle sezioni maggiori
di 0,05 (nel caso della diga di San Giacomo, le sezioni principali sono tutte orizzontali).
Il limite di 0,75 è da ridurre convenientemente per la sezione di fondazione, quando le
condizioni della roccia sono sfavorevoli nei riguardi della sicurezza allo scorrimento [2].
Invece, la verifica di resistenza deve essere effettuata per le seguenti condizioni di carico:
- a serbatoio vuoto considerando solo le azioni del peso proprio;
- a serbatoio pieno considerando le azioni del peso proprio e la spinta idrostatica [2].

5.7.1. VERIFICA DI STABILITÀ ALLO SCORRIMENTO

Le verifiche sono state condotte per lo sperone di massima altezza in due diverse condizioni di
carico di esercizio della diga:
- solo invaso da monte. La condizione di carico più severa per la verifica allo scorrimento
si ottiene considerando agenti sulle strutture il peso proprio, la spinta idrostatica con
livello del serbatoio pari al massimo invaso (1949,00 m s.l.m.), la spinta del ghiaccio e
la sottospinta;
- invaso da monte e controinvaso da valle contemporanei. In questo caso la condizione
più gravosa per la stabilità allo scorrimento dipende dalla quota del controinvaso da
valle in rapporto alla quota della sezione di verifica [27].
In Figura 5.13 vengono indicate le sezioni scelte per la verifica allo scorrimento in entrambe le
condizioni di carico appena definite. I valori delle azioni agenti su ciascuna di queste sezioni,
sia con solo invaso da monte, sia con controinvaso da valle, permettono di definire il
coefficiente di scorrimento e valutare il soddisfacimento della verifica.

QUOTA SEZIONE DI VERIFICA


AZIONE 1939,28 m s.l.m. 1922,00 m s.l.m. 1902,00 m s.l.m.
Peso proprio 42670,92 129460,63 279515,70
Peso proprio aggiuntivo 0,00 0,00 4372,79
Spinta orizzontale San Giacomo 7085,88 54675,00 165675,00
Spinta verticale San Giacomo 212,58 1640,25 4970,25
Sottospinta -6708,70 -22132,60 -50367,52
Spinta del ghiaccio 1800,00 1800,00 1800,00
Somma azioni orizzontali 8885,88 56475,00 167475,00
Somma azioni verticali 36174,80 108968,28 238491,22
Coefficiente di scorrimento 0,246 0,518 0,702
Tabella 5.13 – Verifica allo scorrimento nel caso di invaso da monte

109
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

QUOTA SEZIONE DI VERIFICA


AZIONE 1892,00 m s.l.m. 1878,20 m s.l.m. 1868,00 m s.l.m.
Peso proprio 383993,48 570163,18 739035,02
Peso proprio aggiuntivo 12091,55 19123,91 19123,91
Spinta orizzontale San Giacomo 243675,00 375948,00 492075,00
Spinta verticale San Giacomo 7310,25 11278,44 14762,25
Sottospinta -68888,80 -105882,67 -137968,25
Spinta del ghiaccio 1800,00 1800,00 1800,00
Somma azioni orizzontali 245475,00 377748,00 493875,00
Somma azioni verticali 334506,49 494682,87 634952,93
Coefficiente di scorrimento 0,734 0,764 0,778
Tabella 5.14 – Verifica allo scorrimento nel caso di invaso da monte

QUOTA SEZIONE DI VERIFICA


AZIONE 1939,28 m s.l.m. 1922,00 m s.l.m. 1902,00 m s.l.m.
Peso proprio 42670,92 129460,63 279515,70
Peso proprio aggiuntivo 0,00 0,00 4372,79
Spinta orizzontale San Giacomo 7085,88 54675,00 165675,00
Spinta verticale San Giacomo 212,58 1640,25 4970,25
Spinta orizzontale Cancano 0,00 0,00 0,00
Spinta verticale Cancano 0,00 0,00 0,00
Sottospinta -6708,70 -22132,60421 -50367,52246
Spinta del ghiaccio 1800,00 1800,00 1800,00
Somma azioni orizzontali 8885,88 56475,00 167475,00
Somma azioni verticali 36174,80 108968,28 238491,22
Coefficiente di scorrimento 0,246 0,518 0,702
Tabella 5.15 – Verifica allo scorrimento nel caso di invaso da monte e controinvaso da valle

QUOTA SEZIONE DI VERIFICA


AZIONE 1892,00 m s.l.m. 1878,20 m s.l.m. 1868,00 m s.l.m.
Peso proprio 383993,48 570163,1847 739035,02
Peso proprio aggiuntivo 12091,55 19123,91 19123,91
Spinta orizzontale San Giacomo 243675,00 375948,00 492075,00
Spinta verticale San Giacomo 7310,25 11278,44 14762,25
Spinta orizzontale Cancano -6075,00 -38988,00 -81675,00
Spinta verticale Cancano 3766,50 10639,83 93926,25
Sottospinta -77450,9213 -142996,3887 -199505,36
Spinta del ghiaccio 1800,00 1800,00 1800,00
Somma azioni orizzontali 239400,00 338760,00 412200,00
Somma azioni verticali 329710,86 468208,97 667342,08
Coefficiente di scorrimento 0,726 0,724 0,618
Tabella 5.16 – Verifica allo scorrimento nel caso di invaso da monte e controinvaso da valle

110
Capitolo 5 – Analisi statiche

Figura 5.13 – Quota delle sezioni scelte per la verifica allo scorrimento

Nelle tabelle precedenti si è tenuto conto anche del carico offerto dal nuovo solettone e dal
rivestimento in spritz beton nella voce “peso proprio aggiuntivo”.
Come è possibile osservare dai risultati ottenuti, il massimo coefficiente di scorrimento si
ottiene in corrispondenza delle sezioni critiche a quota 1878,20 m s.l.m. e 1868,00 m s.l.m.,
molto prossime a quella di fondazione. Il valore supera di poco il limite prescritto da normativa.
Per le altre sezioni considerate il limite allo scorrimento di 0,75 viene sempre rispettato, sia con
invaso da monte, sia nel caso di invaso da monte e controinvaso da valle.

5.7.2. VERIFICA DI RESISTENZA

Per la ricerca dei valori dello stato tensionale sui paramenti e all’interno dello sbarramento si è
adottato un metodo classico di analisi statica, basato sulla determinazione delle tensioni in
alcune sezioni orizzontali. L’analisi viene effettuata determinando le risultanti di tutti i carichi
agenti sulla struttura superiormente alla sezione di verifica e calcolando lo stato tensionale
nella sezione attraverso equazioni di equilibrio [28].
Le caratteristiche di sollecitazione (momento flettente, taglio ed azione assiale) vengono
calcolate per le sezioni considerate nella verifica allo scorrimento con l’ipotesi di stato piano di
sforzo (plane stress), in quanto si trascura la direzione principale ortogonale al piano. Come

111
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

momento flettente viene determinato quello baricentrico della risultante dei carichi agenti sulla
sezione.
Per lo sperone di verifica sono state analizzate tre diverse condizioni di carico:
- serbatoio vuoto, quindi solo peso proprio;
- solo invaso a monte, cioè peso proprio e spinta dell’acqua (con livello di massimo
invaso a 1949,00 m s.l.m.);
- invaso a monte e controinvaso a valle contemporanei; quindi sono stati considerati
agenti sulla struttura peso proprio, spinta dell’acqua da monte (con livello di massimo
invaso a 1949,00 m s.l.m.) e spinta dell’acqua da valle (con livello di massimo invaso a
1901,00 m s.l.m.).

Serbatoio vuoto:

SOLLECITAZIONI
SEZIONI [m s.l.m.] Azione assiale [kN] Taglio [kN] Momento flettente [kNm]
1939,28 42670,92 0,0 -43195,29
1922,00 129460,63 0,0 -277434,14
1902,00 278494,76 0,0 -1307411,18
1892,00 382268,79 0,0 -2293454,99
1878,20 570170,89 0,0 -5598979,04
1868,00 739042,73 0,0 -8988423,18
Tabella 5.17 – Sollecitazioni agenti nelle sezioni di verifica per la condizione di carico 1

Invaso da monte:

SOLLECITAZIONI
SEZIONI [m s.l.m.] Azione assiale [kN] Taglio [kN] Momento flettente [kNm]
1939,28 42883,50 7085,88 -20972,8
1922,00 131100,88 54675,00 199495,3
1902,00 288858,74 165675,00 1513413,9
1892,00 403395,28 243675,00 2199068,9
1878,20 600565,54 375948,00 2973072,3
1868,00 772921,18 492075,00 3825263,0
Tabella 5.18 – Sollecitazioni agenti nelle sezioni di verifica per la condizione di carico 2

Invaso da monte e controinvaso da valle:

SOLLECITAZIONI
SEZIONI [m s.l.m.] Azione assiale [kN] Taglio [kN] Momento flettente [kNm]
1939,28 42883,50 7085,9 -20972,8
1922,00 131100,88 54675,0 199495,3
1902,00 288858,74 165675,0 1513413,9
1892,00 407161,78 237600,0 2264447,0
1878,20 611205,36 336960,0 2893020,3
1868,00 866847,43 410400,0 5017442,5
Tabella 5.19 – Sollecitazioni agenti nelle sezioni di verifica per la condizione di carico 3

112
Capitolo 5 – Analisi statiche

Le sollecitazioni appena definite sono state determinate facendo riferimento alla convenzione
di segni riportata in Figura 5.14; il momento flettente per ciascuna sezione di verifica è stato
calcolato rispetto al baricentro.

Figura 5.14 – Convenzione di segno per le sollecitazioni

Ai lembi di tutte le sezioni orizzontali dovranno risultare:


- tensioni principali di compressione (negative) non superiori al carico di sicurezza del
materiale determinato in base alla resistenza caratteristica a compressione R ck
(desunta da prove sperimentali su carote di calcestruzzo, realizzate nel 1998);
- tensioni principali di trazione (positive) non superiori a 0,3 MPa.
Per questo motivo la verifica di resistenza è soddisfatta se gli sforzi principali sono in tutta la
sezione di calcolo compresi nell’intervallo:

 R  15 
ζ c   ck  6   7,75 MPa  ζ  ζ t  0,3 MPa
 4 

Ciascuna azione esterna provoca uno stato di sforzo nel corpo della diga, che in campo
elastico lineare sulla sezione di verifica può essere espresso come:

N M
z    y
A J

dove:
N è la forza assiale data dall’azione esterna centrata;

A è l’area della sezione di calcolo, considerando il concio di larghezza unitaria;

M è il momento flettente prodotto dall’eccentricità dell’azione assiale N rispetto al


baricentro della sezione di verifica;

J è il momento d’inerzia rispetto al baricentro della sezione di calcolo;

y è la distanza delle fibre della sezione di calcolo dal baricentro.

Ciò significa che l’andamento del diagramma degli sforzi verticale è dato da due contributi:
- uno costante, dovuto all’azione assiale centrata;
- uno avente andamento a farfalla con asse neutro sul baricentro, dovuto al momento
flettente.

113
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura 5.15 – Tensioni verticali a serbatoio pieno

In campo elastico lineare vale il principio di sovrapposizione degli effetti e quindi gli sforzi
verticali complessivi  m e  v sui paramenti rispettivamente di monte e di valle sono dati dalla
somma algebrica dei corrispondenti singoli sforzi di tipo  z originati da ciascuna delle varie
azioni esterne.
Per poter applicare i criteri di verifica di resistenza, propri della Scienza delle Costruzioni, al
materiale che costituisce il manufatto occorre individuare gli sforzi principali (  1 e  2 ) per le
fibre più sollecitate, che sono quelle di monte e di valle. In tali punti di estremità, sia nella
condizione di lago pieno, sia in quella di lago vuoto, le direzioni principali di sforzo sono quelle
rispettivamente parallele e ortogonali ai paramenti, in quanto risultano associate a sforzi
tangenziali nulli. Infatti, nella condizione di lago vuoto le facce dei paramenti sono entrambe
completamente scariche, mentre nel caso di lago pieno il paramento bagnato è soggetto solo
alla pressione idrostatica, ma non a sforzi tangenziali.

Serbatoio vuoto:

Nella situazione di lago vuoto scompaiono tutti i termini legati alle spinte idrostatiche, perciò le
grandezze da introdurre nella formula  z diventano solamente i pesi propri dei sottovolumi
che costituiscono lo sperone di massima altezza. Gli sforzi principali sono valutati mediante le
seguenti espressioni:

 1m  0  2m   m  (1  m2 )

 1v  0  2v  v  (1  v2 )

dove:
 m è la scarpa del paramento di monte, costante e pari a 0,03;

v è la scarpa del paramento di valle, variabile a seconda della sezione di verifica


considerata;

114
Capitolo 5 – Analisi statiche

 m è lo sforzo verticale sul paramento di monte in corrispondenza della sezione di


verifica;

 v è lo sforzo verticale sul paramento di valle in corrispondenza della sezione di


verifica.

Figura 5.16 – Tensioni principali a serbatoio vuoto

SEZIONI N A M J ym yv σm σv
2 4
[m s.l.m.] [kN] [m ] [kNm] [m ] [m] [m] [MPa] [MPa]
1939,28 42670,9 183,7 -43195,3 2325,4 6,53 -6,14 -0,262 -0,204
1922,00 129460,6 234,9 -277434,1 9479,0 9,51 -14,39 -0,616 -0,453
1902,00 278494,8 353,3 -1307411,2 40551,7 15,53 -21,39 -1,059 -0,352
1892,00 382268,8 420,4 -2293455,0 74969,9 19,36 -24,04 -1,157 -0,578
1878,20 570170,9 608,3 -5598979,0 179431,5 27,34 -26,86 -1,468 -0,416
1868,00 739042,7 752,7 -8988423,2 288655,0 32,80 -30,25 -2,003 -0,040
Tabella 5.20 – Parametri necessari per la valutazione degli sforzi principali per la condizione di carico 1

SFORZI PRINCIPALI
SEZIONI [m s.l.m.] σ1m [MPa] σ2m [MPa] σ1v [MPa] σ2v [MPa]
1939,28 0,00 -0,2623 0,00 -0,2828
1922,00 0,00 -0,6168 0,00 -0,6267
1902,00 0,00 -1,0602 0,00 -0,4878
1892,00 0,00 -1,1578 0,00 -0,8004
1878,20 0,00 -1,4690 0,00 -0,4473
1868,00 0,00 -2,0051 0,00 -0,0928
Tabella 5.21 – Sforzi principali nelle sezioni di monte e valle per la condizione di carico 1

115
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Invaso da monte:

Nella situazione di invaso a monte vengono introdotti, oltre alle grandezze definite nel caso
precedente, i termini legati alla spinta idrostatica: Gli sforzi principali sono definiti come segue:

 1m   w  y m  2m   m  (1  m2 )   1m   m2

 1v  0  2v  v  (1  v2 )

dove:
 w  10 kN / m 3 è il peso per unità di volume dell’acqua;

y m è la differenza tra la quota di massimo invaso del serbatoio di San Giacomo


(1949,00 m s.l.m.) e la quota della sezione di verifica;

 m è la scarpa del paramento di monte, costante e pari a 0,03;

v è la scarpa del paramento di valle, variabile a seconda della sezione di verifica


considerata;

 m è lo sforzo verticale sul paramento di monte in corrispondenza della sezione di


verifica;

 v è lo sforzo verticale sul paramento di valle in corrispondenza della sezione di


verifica.

Figura 5.17 – Tensioni principali a serbatoio pieno a monte

116
Capitolo 5 – Analisi statiche

SEZIONI N A M J ym yv σm σv
2 4
[m s.l.m.] [kN] [m ] [kNm] [m ] [m] [m] [MPa] [MPa]
1939,28 42883,5 183,7 -20972,8 2325,4 6,53 -6,14 -0,248 -0,220
1922,00 131100,9 234,9 199495,3 9479,0 9,51 -14,39 -0,511 -0,629
1902,00 288858,7 353,3 1513413,9 40551,7 15,53 -21,39 -0,504 -1,249
1892,00 403395,3 420,4 2199068,9 74969,9 19,36 -24,04 -0,722 -1,254
1878,20 600565,5 608,3 2973072,3 179431,5 27,34 -26,86 -0,706 -1,264
1868,00 772921,2 752,7 3825263,0 288655,0 32,80 -30,25 -0,592 -1,428
Tabella 5.22 – Parametri necessari per la valutazione degli sforzi principali per la condizione di carico 2

SFORZI PRINCIPALI
SEZIONI [m s.l.m.] σ1m [MPa] σ2m [MPa] σ1v [MPa] σ2v [MPa]
1939,28 -0,0972 -0,2480 0,00 -0,3044
1922,00 -0,2700 -0,5116 0,00 -0,8707
1902,00 -0,4700 -0,5041 0,00 -1,7296
1892,00 -0,5700 -0,7225 0,00 -1,7364
1878,20 -0,7080 -0,7057 0,00 -1,3581
1868,00 -0,8100 -0,5920 0,00 -3,4537
Tabella 5.23 – Sforzi principali nelle sezioni di monte e valle per la condizione di carico 2

Invaso da monte e controinvaso da valle:

Nella situazione di invaso da monte e controinvaso da valle vengono introdotti anche i termini
legati alla spinta idrostatica offerti dal lago di Cancano. Gli sforzi principali diventano:

 1m   w  y m  2m   m  (1  m2 )   1m   m2

 1v   w  y v  2v  v  (1 v2 )   2v  v2

dove:
 w  10 kN / m 3 è il peso per unità di volume dell’acqua;

y m è la differenza tra la quota di massimo invaso del serbatoio di San Giacomo


(1949,00 m s.l.m.) e la quota della sezione di verifica;

y v è la differenza tra la quota di massimo invaso del serbatoio di Cancano (1901,00


m s.l.m.) e la quota della sezione di verifica;

 m è la scarpa del paramento di monte, costante e pari a 0,03;

v è la scarpa del paramento di valle, variabile a seconda della sezione di verifica


considerata;
 m è lo sforzo verticale sul paramento di monte nella sezione di verifica;

117
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

 v è lo sforzo verticale sul paramento di valle nella sezione di verifica.

Figura 5.18 – Tensioni principali a serbatoio pieno sia a monte, sia a valle

SEZIONI N A M J ym yv σm σv
2 4
[m s.l.m.] [kN] [m ] [kNm] [m ] [m] [m] [MPa] [MPa]
1939,28 42883,5 183,7 -20972,8 2325,4 6,53 -6,14 -0,248 -0,220
1922,00 131100,9 234,9 199495,3 9479,0 9,51 -14,39 -0,511 -0,629
1902,00 288858,7 353,3 1513413,9 40551,7 15,53 -21,39 -0,504 -1,249
1892,00 407161,8 420,4 2264447,0 74969,9 19,36 -24,04 -0,724 -1,272
1878,20 611205,4 608,3 2893020,3 179431,5 27,34 -26,86 -0,731 -1,274
1868,00 866847,4 752,7 5017442,5 288655,0 32,80 -30,25 -0,581 -1,677
Tabella 5.24 – Parametri necessari per la valutazione degli sforzi principali per la condizione di carico 3

SFORZI PRINCIPALI
SEZIONI [m s.l.m.] σ1m [MPa] σ2m [MPa] σ1v [MPa] σ2v [MPa]
1939,28 -0,0972 -0,2480 0,0000 -0,3044
1922,00 -0,2700 -0,5116 0,0000 -0,8707
1902,00 -0,4700 -0,5041 0,0000 -1,7296
1892,00 -0,5700 -0,7244 -0,0900 -1,7264
1878,20 -0,7080 -0,7308 -0,2280 -1,3519
1868,00 -0,8100 -0,5813 -0,3300 -3,5895
Tabella 5.25 – Sforzi principali nelle sezioni di monte e valle per la condizione di carico 3

Le verifiche di resistenza nelle sezioni considerate risultano soddisfatte per tutte e tre le
condizioni di carico.

118
Capitolo 5 – Analisi statiche

5.7.3. VERIFICA DEI RISULTATI OTTENUTI MEDIANTE ABAQUS

Per dimostrare la correttezza dei risultati ottenuti precedentemente vengono determinate le


azioni agenti su due sezioni orizzontali dello sperone di massima altezza (quota 1922 e
1878,20 m s.l.m.) mediante il programma ad elementi finiti Abaqus. Inoltre, vengono riportati
gli andamenti degli sforzi verticali.

Serbatoio vuoto:

Figura 5.19 – Azione assiale e momento flettente alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di carico 1

Figura 5.20 – Azione assiale e momento flettente alla quota 1878,20 m s.l.m. per la condizione di carico 1

σ VERTICALI [MPa]

+1,703e-01
+0,000e+00
-2,544e-01
-5,087e-01
-7,631e-01
-1,017e+00
-1,272e+00
-1,526e+00
-1,781e+00
-2,035e+00
-2,289e+00
-2,544e+00
-2,798e+00
-3,052e+00
Figura 5.21 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di carico 1

119
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Quota 1922 m s.l.m.


0.1
0
-0.1 0 5 10 15 20 25
[MPa]

-0.2
-0.3
Sforzi verticali

-0.4
-0.5
-0.6
-0.7
-0.8
-0.9
L [m]
Grafico 5.2 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di carico 1

Figura 5.22 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la condizione di carico 1

Quota 1878,20 m s.l.m.


0.2
0
-0.2 0 10 20 30 40 50 60
[MPa]

-0.4
-0.6
Sforzi verticali

-0.8
-1
-1.2
-1.4
-1.6
-1.8
L [m]

Grafico 5.3 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la condizione di carico 1

120
Capitolo 5 – Analisi statiche

Invaso da monte:

Figura 5.23 – Azione assiale e momento flettente alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di carico 2

Figura 5.24 – Azione assiale e momento flettente alla quota 1878,20 m s.l.m. per la condizione di carico 2

σ VERTICALI [MPa]

+1,677e+00
+1,266e+00
+8,553e-01
+4,443e-01
+3,323e-02
-3,778e-01
-7,888e-01
-1,200e+00
-1,611e+00
-2,022e+00
-2,433e+00
-2,844e+00
-2,255e+00

Figura 5.25 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di carico 2

121
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Quota 1922 m s.l.m.


0
-0.1 0 5 10 15 20 25
-0.2
[MPa]

-0.3
-0.4
Sforzi verticali

-0.5
-0.6
-0.7
-0.8
-0.9
-1
L [m]

Grafico 5.4 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di carico 2

Figura 5.26 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la condizione di carico 2

Quota 1878,20 m s.l.m.


0
-0.2 0 10 20 30 40 50 60

-0.4
[MPa]

-0.6
-0.8
Sforzi verticali

-1
-1.2
-1.4
-1.6
-1.8
L [m]
Grafico 5.5 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la condizione di carico 2

122
Capitolo 5 – Analisi statiche

Invaso da monte e controinvaso da valle:

Figura 5.27 – Azione assiale e momento flettente alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di carico 3

Figura 5.28 – Azione assiale e momento flettente alla quota 1878,20 m s.l.m. per la condizione di carico 3

σ VERTICALI [MPa]

+1,547e+00
+1,149e+00
+7,512e-01
+3,535e-01
-4,425e-02
-4,420e-01
-8,397e-01
-1,237e+00
-1,635e+00
-2,033e+00
-2,431e+00
-2,828e+00
-3,226e+00
Figura 5.29 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di carico 3

123
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Quota 1922 m s.l.m.


0
-0.1 0 5 10 15 20 25
-0.2
[MPa]

-0.3
-0.4
Sforzi verticali

-0.5
-0.6
-0.7
-0.8
-0.9
-1
L [m]

Grafico 5.6 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la condizione di carico 3

Figura 5.30 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la condizione di carico 3

Quota 1878,20 m s.l.m.


0
-0.2 0 10 20 30 40 50 60

-0.4
[MPa]

-0.6
-0.8
Sforzi verticali

-1
-1.2
-1.4
-1.6
-1.8
L [m]

Grafico 5.7 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la condizione di carico 3

124
Capitolo 5 – Analisi statiche

I risultati non sono perfettamente coincidenti con quelli calcolati nel paragrafo precedente, in
quanto Abaqus effettua le analisi su una mesh molto fitta. Ciò significa che i valori appena
ottenuti sono più accurati.
Inoltre, soprattutto per la sezione a quota 1878,20 m s.l.m. (vicina alla fondazione)
l’andamento degli sforzi verticali non risulta lineare a causa della presenza dei vincoli che sono
stati definiti in Abaqus prima di effettuare le verifiche.

Per comprendere l’entità degli effetti prodotti dal carico idrostatico, nelle figure seguenti
vengono riportati gli spostamenti causati nel caso di:
- invaso da monte;
- invaso da monte e controinvaso da valle.
Non si considerano gli spostamenti dovuti al peso proprio in quanto essi sono già presenti una
volta che la diga è stata costruita (i pendoli vengono installati a costruzione terminata e non
risentono delle eventuali deformazioni iniziali).
Ai fini delle analisi termiche che verranno affrontate nel capitolo successivo risulterà
indispensabile avere a disposizione i risultati in termini di spostamento anche nel caso di
minimo invaso dei due bacini: essi avvengono rispettivamente a quota 1890 m s.l.m. per il
serbatoio di San Giacomo e a quota 1870 m s.l.m. per quello di Cancano.

U1 [m]

+4,317e-06
-7,455e-04
-1,495e-03
-2,245e-03
-2,995e-03
-3,745e-03
-4,494e-03
-5,244e-03
-5,994e-03
-6,744e-03
-7,494e-03
-8,243e-03
-8,993e-03

Figura 5.31 – Spostamenti dello sperone dovuti al carico idrostatico nel caso di invaso massimo da monte

125
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

U1 [m]

+4,058e-06
-7,343e-04
-1,473e-03
-2,211e-03
-2,950e-03
-3,688e-03
-4,426e-03
-5,165e-03
-5,903e-03
-6,642e-03
-7,380e-03
-8,118e-03
-8,857e-03

Figura 5.32 – Spostamenti dello sperone dovuti al carico idrostatico nel caso di invaso massimo da monte e
controinvaso massimo da valle

U1 [m]

+2,043e-06
-6,488e-06
-1,502e-05
-2,355e-05
-3,208e-05
-4,061e-05
-4,914e-05
-5,767e-05
-6,620e-05
-7,474e-05
-8,327e-05
-9,180e-05
-1,003e-04

Figura 5.33 – Spostamenti dello sperone dovuti al carico idrostatico nel caso di invaso minimo da monte e
controinvaso minimo da valle

126
Capitolo 5 – Analisi statiche

Le immagini permettono di determinare l’escursione in termini di spostamento che il


coronamento dello sperone subisce a cause degli effetti idrostatici:
- con spinta solamente dal bacino di monte (massimo invaso) il coronamento è soggetto
ad uno spostamento pari a 9 mm verso valle, come atteso (Figura 5.31);
- se è presente anche l’invaso massimo del serbatoio di Cancano, il coronamento si
sposta di quasi 9 mm sempre verso valle, in quanto la spinta idrostatica da monte è
maggiore di quella proveniente da valle. Nonostante sia presente una forza contraria a
quella del caso precedente, gli spostamenti subiti dallo sperone sono comparabili
(Figura 5.32);
- se il livello dei due invasi è pari al minimo ammissibile lo spostamento dei nodi in
sommità risulta pari a 0,08 mm (quantità praticamente impercettibile), sempre verso
valle per gli stessi motivi appena esposti (Figura 5.33).
Ciò porta alla conclusione che tra la situazione di massimo invaso dei due bacini e quella di
minimo invaso nasce un’escursione in termini di spostamento pari a 9 mm circa, dettata
solamente dal primo caso (il secondo viene considerato ininfluente).

Una volta controllate le verifiche di stabilità e di resistenza, è stato possibile proseguire con le
altre analisi termiche riportate nel capitolo successivo.

127
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

128
Capitolo 6 – Analisi termiche

6. ANALISI TERMICHE

In questo capitolo viene illustrata l’analisi termo-elastica disaccoppiata che consente di valutare
quali siano gli effetti strutturali indotti nello sbarramento a causa delle azioni esterne di tipo
termico. Preliminarmente vengono discussi i dati di monitoraggio che servono per definire le
storie di temperatura da assegnare come condizioni al contorno; poi si illustra l’analisi termica
dello sperone tridimensionale oggetto dello studio e infine si descrive l’analisi elastica che
fornisce gli effetti che vengono indotti nella struttura quando si impongono distribuzioni note
di deformazioni termiche.

6.1. GENERALITÀ

Lo studio dei fenomeni termici che si svolgono all’interno di una massa muraria di grandi
dimensioni come una diga a gravità e lo studio degli “effetti” (spostamenti, deformazioni e
auto-tensioni o coazioni), prodotti dalle variazioni di temperatura e deducibili da un’analisi
termoelastica della struttura, rappresentano argomenti di notevole interesse concettuale e
pratico.
Lo stato termico di una diga esistente in calcestruzzo, nella quale si sia esaurita la reazione
esotermica di idratazione del cemento, è ovviamente determinato dalle azioni termiche
ambientali che si esercitano sulla superficie dell’opera.
Si osserva che la trasmissione del calore all’interno del corpo diga avviene per conduzione e
risulta facile da modellare; invece, una descrizione rigorosa e realistica delle condizioni al
contorno da imporre è piuttosto complessa. Infatti occorrerebbe tener conto oltre che della
evoluzione della temperatura dell’aria e dell’acqua anche di fenomeni quali la trasmissione di
calore per irraggiamento e per convezione (i fenomeni convettivi all’interfaccia aria-paramento
diga risentono del grado di ventilazione).
Spesso si aggirano queste difficoltà accettando l’idea di imporre direttamente delle condizioni
al contorno in termini di temperatura su tutte le superfici che delimitano il solido oggetto dello
studio termico. Anche nel presente lavoro si adotta questo modo di procedere [23].
Lo studio della trasmissione del calore per conduzione è svolto mediante l’equazione di Fourier
(o della diffusione). Riferendosi al caso tridimensionale l’equazione di trasmissione del calore è:

 2
 T  T2
 T 2  T
k   2  2  2   ρ c 
 Q  0
 x y z  t

dove:
k è la conduttività termica, cioè la misura dell’attitudine di un materiale a trasmettere
il calore (rapporto tra il flusso di calore e il gradiente di temperatura che provoca il
passaggio del calore) [J/m·s·°C];

c è il calore specifico [J/kg·°C];

129
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

ρ è la densità [kg/m3];

T  T ( x , y , z ) è la temperatura [°C];

t è il tempo [s];

Q è il calore generato all’interno della struttura [J/m3·s].

Essa può anche essere riscritta nel modo seguente: (kT )  Q  ρ  c T

Nel caso di flusso monodimensionale l’equazione si semplifica:

 2T
k  Q  ρ  c T
x 2

Questa equazione può essere risolta analiticamente sotto opportune ipotesi e condizioni al
contorno, che possono essere definite mediante le storie di temperatura sulle due facce
estreme della diga.
In particolare Legér and Leclerc (2007) hanno determinato la soluzione della propagazione del
calore in un muro (omogeneo ed isotropo) sulle cui pareti sono applicate delle temperature
con andamento armonico (Figura 6.1).

Figura 6.1 – Propagazione del calore monodimensionale per condizioni al contorno oscillanti

Nel grafico seguente è riportata l’ampiezza dell’oscillazione della temperatura in funzione della
profondità all’interno di un muro di spessore infinito, sulla cui faccia si ha una variazione
sinusoidale di temperatura di ampiezza unitaria (1 °C) per differenti periodi [29].

130
Capitolo 6 – Analisi termiche

[°C]
1 anno
Ampiezza dell’oscillazione di temperatura
1 mese
1 settimana
1 giorno

Profondità all’interno di un muro infinito [m]


Grafico 6.1 – Penetrazione di un’onda termica sinusoidale all’interno di un muro di spessore infinito

In Tabella 6.1 vengono definiti i valori dell’ampiezza ottenuti mediante un calcolo analitico per
due differenti profondità all’interno del muro. Nei primi centimetri di profondità l’oscillazione
annuale subisce un’attenuazione del 3 – 4%. Tale differenza è minore o uguale
all’approssimazione con cui è stata stimata la curva tipica per ciascun termometro [29].

PROFONDITÀ PERIODO TEMPORALE


[m] 1 anno 1 mese 1 settimana 1 giorno
0,10 0,972 0,903 0,816 0,584
0,17 0,959 0,859 0,737 0,446
Tabella 6.1 – Valori del decadimento dell’ampiezza

Ciò significa che è possibile considerare anche le temperature misurate da eventuali


termometri posti all’interno dello sperone ad una distanza non eccessiva dalla superficie
esterna.
Considerando il caso della diga di San Giacomo, nella tabella seguente vengono riportati i
parametri necessari per lo studio della trasmissione del calore per lo sperone di massima
altezza. Si ricorda che per la parte di sperone appesantita da spritz beton è stata aumentata
leggermente la densità.

MATERIALE k c ρ
[-] [J/m·gg·°C] [J/kg·°C] [kg/m3]
Cls sperone 345600 950 2480
Cls solettone 345600 950 2500
Cls parte sprizt beton 345600 950 2505
Tabella 6.2 – Parametri necessari per l’analisi termica tridimensionale

131
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

6.2. DATI DI TEMPERATURA

Nella diga di San Giacomo di Fraele è installata una rete di termometri manuali ed automatici
che permette di ricostruire la storia di temperatura in numerosi punti.
La temperatura è registrata fin dal 1971 con cadenza giornaliera attraverso la rete di
termometri manuali. A partire dal 2007 fino a luglio 2012 sono disponibili i dati di
temperatura rilevati dalla rete di termometri automatici (Figura 6.2) con frequenza di 3
registrazioni giornaliere (alle ore 8:00, 16:00 e 24:00) [30].
Mediante i dati di monitoraggio dei termometri automatici è stato possibile definire
l’andamento delle temperature dal 2007 al 2012, sia per la superficie dello sperone che
delimita il vano protetto dal solettone, sia per quella in contatto con l’acqua e/o l’aria [31].
Sono queste le misure utilizzate come condizioni al contorno per l’analisi termica descritta di
seguito. Questo perché la posizione dei termometri automatici, a pochi centimetri dal
paramento, permette di assumere la temperatura da loro rilevata come quella imposta sul
contorno. Questa assunzione è giustificabile in via teorica, oltre che intuitivamente come
dimostrato in § 6.1.

Figura 6.2 – Disposizione dei termometri automatici nello sperone n.2 (TC=cls; TA=aria; TA(H2O)=aria-acqua)

132
Capitolo 6 – Analisi termiche

Nel caso in esame è stato deciso di rappresentare le temperature sulla superficie esterna dello
sperone tramite funzioni approssimanti sinusoidali (con l’aggiunta di un termine costante) che
si avvicinino il più possibile all’andamento reale:

T  T med  A  sen (  t   )

dove:
T  T ( x ,t ) è la temperatura, espressa in gradi centigradi;

T med  T med ( x ) è il valor medio della temperatura sull’anno;

A  A( x ) è l’ampiezza della sinusoide;

η  2 π / ω è il periodo, posto uguale ad un anno (8760 ore);

ω  2 π / η è la pulsazione o frequenza circolare, pari a 0,000717 1/ore;

 =  ( x ) è la fase della funzione sinusoidale.

Sono stati calibrati i parametri Tmed , A e  della funzione approssimante in modo da


rappresentare al meglio l’andamento annuale tipico della temperatura reale rilevata da ciascun
termometro (Tabella 6.3). Come già anticipato, la calibrazione è stata effettuata considerando
i dati di monitoraggio dal 2 Maggio 2007 al 18 Luglio 2012.

PARAMETRI FUNZIONI APPROSSIMANTI


TERMOMETRI Tmed [°C] A [°C]  [1/ore]  [-]
TC1 7,0 -10 0,000717 3440
TC2 5,4 -5,0 0,000717 3440
TC3 7,0 -3,0 0,000717 3440
TC4 4,7 -1,3 0,000717 3440
TC5 4,5 -0,5 0,000717 3440
TC6 6,5 -8,0 0,000717 3440
TC7 5,3 -1,5 0,000717 3440
TC8 5,0 -0,5 0,000717 3440
TC9 5,3 -0,4 0,000717 3440
TA1 5,5 -12 0,000717 2850
TA2 4,8 -11 0,000717 2850
TA3 4,8 -11 0,000717 2850
TA4 5,5 -2,1 0,000717 3000
TA5 4,8 -1 0,000717 3440
Tabella 6.3 – Parametri necessari per le funzioni sinusoidali approssimanti

I grafici seguenti mostrano il buon accordo tra le temperature reali e le funzioni approssimanti
determinate come appena descritto.

133
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

TC1
20

15
[°C]

10
Temperatura

0
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560

-5

Tempo dal 2/5/2007 al 18/7/2012 [ore]


Grafico 6.2 – Temperatura misurata dal termometro TC1 e relativa funzione approssimante

TC2
12

10
[°C]

8
Temperatura

0
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560

Tempo dal 2/5/2007 al 18/7/2012 [ore]


Grafico 6.3 – Temperatura misurata dal termometro TC2 e relativa funzione approssimante

134
Capitolo 6 – Analisi termiche

TC3
12

10
Temperatura [°C]

0
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560

Tempo dal 2/5/2007 al 18/7/2012 [ore]


Grafico 6.4 – Temperatura misurata dal termometro TC3 e relativa funzione approssimante

TC4
7

5
[°C]

4
Temperatura

0
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560

Tempo dal 2/5/2007 al 18/7/2012 [ore]


Grafico 6.5 – Temperatura misurata dal termometro TC4 e relativa funzione approssimante

135
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

TC5
6

4
[°C]

3
Tempertura

0
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560

Tempo dal 2/5/2007 al 18/7/2012 [ore]


Grafico 6.6 – Temperatura misurata dal termometro TC5 e relativa funzione approssimante

TC6
16

14

12

10
[°C]

8
Temperatura

0
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560
-2

-4
Tempo dal 2/5/2007 al 18/7/2012 [ore]
Grafico 6.7 – Temperatura misurata dal termometro TC6 e relativa funzione approssimante

136
Capitolo 6 – Analisi termiche

TC7
8

5
[°C]

4
Temperatura

0
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560

Tempo dal 2/5/2007 al 18/7/2012 [ore]


Grafico 6.8 – Temperatura misurata dal termometro TC7 e relativa funzione approssimante

TC8
6

4
[°C]

3
Temperatura

0
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560

Tempo dal 2/5/2007 al 18/7/2012 [ore]


Grafico 6.9 – Temperatura misurata dal termometro TC8 e relativa funzione approssimante

137
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

TC9
6

5
[°C]

4
Temperatura

0
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560

Tempo dal 2/5/2007 al 18/7/2012 [ore]


Grafico 6.10 – Temperatura misurata dal termometro TC9 e relativa funzione approssimante

TA1
25

20

15

10
[°C]

5
Temperatura

0
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560
-5

-10

-15

-20
Tempo dal 2/5/2007 al 18/7/2012 [ore]
Grafico 6.11 – Temperatura misurata dal termometro TA1 e relativa funzione approssimante

138
Capitolo 6 – Analisi termiche

TA2
25

20

15

10
[°C]

5
Temperatura

0
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560
-5

-10

-15

-20

-25
Tempo dal 2/5/2007 al 18/7/2012 [ore]
Grafico 6.12 – Temperatura misurata dal termometro TA2 e relativa funzione approssimante

TA3
25

20

15

10
[°C]

5
Temperatura

0
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560
-5

-10

-15

-20

-25
Tempo dal 2/5/2007 al 18/7/2012 [ore]
Grafico 6.13 – Temperatura misurata dal termometro TA3 e relativa funzione approssimante

139
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

TA4
9

6
[°C]

5
Temperatura

0
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560

Tempo dal 2/5/2007 al 18/7/2012 [ore]


Grafico 6.14 – Temperatura misurata dal termometro TA4 e relativa funzione approssimante

TA5
7

5
[°C]

4
Temperatura

0
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560

Tempo dal 2/5/2007 al 18/7/2012 [ore]


Grafico 6.15 – Temperatura misurata dal termometro TA5 e relativa funzione approssimante

140
Capitolo 6 – Analisi termiche

6.3. DATI DEI LIVELLI DI INVASO

Per stabilire la storia delle temperature sui paramenti bagnati (monte e valle) occorre studiare
l’andamento dei livelli di invaso dei due bacini che competono allo sbarramento.
Sono disponibili i dati relativi al livello di invaso di San Giacomo a partire dal 1943 fino a luglio
2012 compreso, con frequenza giornaliera delle registrazioni.
Diagrammando le rilevazioni da maggio 2007 a luglio 2012 (stesso intervallo temporale delle
registrazioni di temperatura utilizzate per le analisi) si nota che il livello ha un andamento
stagionale, in cui il minimo avviene nei mesi di aprile e maggio, mentre il livello massimo, quasi
sempre vicino al massimo livello di invaso ammissibile, si realizza nella stagione autunnale
durante i mesi che vanno da settembre a novembre [31].
Anche in questo caso si è deciso di sostituire l’andamento reale con una funzione sinusoidale
approssimante:

Z  1920  30  sen (0,000717  t  1900)

Invaso San Giacomo


1960

1950

1940

1930
[m s.l.m.]

1920

1910
Quota invaso

1900

1890

1880

1870
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560

Tempo dal 2/5/2007 [ore]


Grafico 6.16 – Andamento dell’invaso di San Giacomo e relativa funzione approssimante

141
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

TA(H2O) 7
15 1960

10 1940

1920
5
[°C]

1900 TC2
0
TA(H2O) 7
Temepratura

0 8760 17520 26280 35040 43800 52560


1880
-5 Invaso monte
1860
-10
1840

-15 1820

-20 1800
Tempo dal 2/5/2007 [ore]
Grafico 6.17 – Andamento delle temperature misurate dal termometro TC2 e TA(H2O)7 in fase con
l’andamento del livello di invaso del bacino di San Giacomo

Invece, per il bacino di Cancano sono disponibili i dati relativi al livello di invaso dal 1956 fino a
giugno 2012 compreso, sempre con frequenza giornaliera delle registrazioni.
In questo caso il livello ha un andamento stagionale caratterizzato da valore minimo nei mesi
di aprile e maggio e valore massimo tra i mesi di settembre e gennaio [32,33].
Nel Grafico 6.18 viene indicato l’intervallo di quote dell’invaso di Cancano che devono essere
considerate per l’analisi termica della diga di San Giacomo: quota maggiore uguale a quella di
massimo invaso (1901 m s.l.m.) e quota minore prossima a quella di fondazione (1870 m
s.l.m.).
L’utilizzo di una funzione approssimante risulta più oneroso, ma sempre utile per le future
analisi elastiche (nelle zone in cui il livello non può essere più basso di 1870 m s.l.m., si
sostituisce l’andamento reale con una retta, come mostrato in Grafico 6.19).

T  1880  19  sen (0,000717  t  1900)

142
Capitolo 6 – Analisi termiche

Invaso Cancano
1920

1900

1880
[m s.l.m.]

1860
invaso valle
1840 quota 1901
Quota invaso

quota 1870
1820

1800

1780
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560

Tempo dal 2/5/2007 [ore]


Grafico 6.18 – Andamento dell’invaso di Cancano

Invaso Cancano
1905

1900

1895

1890
[m s.l.m.]

1885

1880
Quota invaso

1875

1870

1865
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560

Tempo dal 2/5/2007 [ore]


Grafico 6.19 – Andamento dell’invaso di Cancano e relativa funzione approssimante

143
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Invasi Cancano e San Giacomo


1960
1950
1940
[m s.l.m.]

1930
1920
invaso valle reale
1910
Quota invaso

invaso valle approx


1900
invaso monte reale
1890 invaso monte approx
1880
1870
1860
0 8760 17520 26280 35040 43800 52560

Tempo dal 2/5/2007 [ore]


Grafico 6.20 – Andamenti degli invaso di San Giacomo e Cancano e relative funzioni approssimanti

6.4. CONDIZIONI AL CONTORNO

In relazione a quanto detto in precedenza, l’analisi termica tridimensionale dello sperone può
essere condotta assumendo le seguenti condizioni al contorno in termini di temperatura:
- si è deciso di utilizzare la funzione approssimante rappresentativa del termometro TC1
per tutte le zone a contatto con l’atmosfera (le temperature rilevate dagli altri
termometri TA1, TA2 e TA3 sono simili a quelle di TC1 sia in termini di andamento
periodico, sia per quanto riguarda i valori massimi);
- si è assunta una temperatura costante pari a 5 °C su tutta la superficie di contatto con
la roccia (le funzioni approssimanti dei termometri TC5, TC8, TC9 e TA5 presentano
solo piccole oscillazioni nel corso dell’anno attorno ad un valor medio di 5 °C);
- nelle parti superficiali protette dal nuovo solettone (nel seguito tali zone vengono
richiamate con il termine “vano_interno”) si è utilizzata la funzione approssimante
rappresentativa di TC7 (simile a TA4); la misura delle temperature ha permesso di
verificare la riduzione dell’escursione termica del calcestruzzo nei gambi mediante la
copertura e la chiusura dei vani;
- sul paramento di monte si è imposta una temperatura che dipende dal livello di invaso.
Sia il valor medio, sia l’ampiezza della funzione approssimante sono state considerate
variabili linearmente lungo l’altezza, interpolando le letture dei termometri posti sul
paramento stesso (TC2, TC3, TC4 e TC5);
- sul paramento di valle è stata assunto lo stesso criterio appena descritto per il
paramento di monte, considerando le temperature di termometri TC2 e TC9;

144
Capitolo 6 – Analisi termiche

- si è ipotizzato flusso di calore nullo nella direzione longitudinale (della diga) sulle
superfici di interfaccia tra lo sperone esaminato e quelli adiacenti (Figura 6.3).

Figura 6.3 – Superfici di interfaccia con gli altri speroni (in rosso) sulle quali è stato imposto flusso di calore
nullo

Figura 6.4 – Condizioni al contorno imposte allo sperone di massima altezza

145
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

6.5. ANALISI TERMICA TRIDIMENSIONALE

L’obiettivo dello studio è quello di determinare il ciclo termico annuale a regime nei punti
interni dello sperone a partire dalle condizioni al contorno definite precedentemente, che
rappresentano il ciclo annuale delle temperature esterne. Tale ciclo si ripete ogni anno.
L’analisi è stata svolta in regime transitorio, assegnando un’opportuna condizione iniziale in
termini di temperature nei punti interni (Figura 6.5). L’integrazione nel tempo dell’equazione
governante è stata eseguita su sei anni considerando un passo temporale di 5 giorni.
Lo studio permette la determinazione della funzione T ( x ,t ) (che rappresenta il ciclo annuale
stabilizzato delle temperature) nei punti interni dello sperone. Ai fini dell’analisi termoelastica
occorre definire la variazione di temperatura ΔT ( x ,t ) dalla quale dipendono le deformazioni
termiche che si impongono allo sperone. Come suggerito dalla letteratura, si è deciso di
assumere ΔT ( x ,t )  T ( x ,t ) T media( x ) , cioè di considerare come temperatura di riferimento
il valor medio sull’anno in ogni punto interno x .
Si descrivono ora alcuni aspetti operativi per lo svolgimento dell’analisi termica mediante
Abaqus e subroutine esterne in Fortran.

6.5.1. DEFINIZIONE DI GRUPPI DI NODI

A seconda delle condizioni termiche da imporre vengono creati i seguenti gruppi (set) di nodi:
- BASE, che racchiude i nodi presenti sulla sezione di fondazione a contatto con la roccia
ai quali è stata imposta una temperatura costante pari al valor medio della TC8;
- TERMICO_ESTERNO, che comprende i nodi a contatto con l’atmosfera soggetti alla
temperatura TC1;
- TERMICO_VANO_INTERNO, coperti dal nuovo solettone e sottoposti alla temperatura
TC7;
- TERMICO_MONTE, che include tutti i nodi caratterizzati da una variazione lineare delle
temperature in funzione della quota del paramento;
- TERMICO_VALLE per tutti i nodi a valle compresi tra la quota di massimo invaso e
1870 m s.l.m. (quota scelta come quella di minimo invaso), perciò soggetti ad una
temperatura variabile con la quota del paramento.

6.5.2. DEFINIZIONE DELLE CONDIZIONI AL CONTORNO

Le condizioni al contorno sui diversi set di nodi vengono imposte attraverso una subroutine
DISP (§ A.3.1). In particolare per i paramenti di monte e valle essa permette di attribuire un
andamento lineare a tratti delle temperature.

6.5.3. CREAZIONE DEL FILE CON LE VARIAZIONI DI TEMPERATURA

Per creare il file contente le variazioni di temperatura ΔT ( x ,t ) si procede nel modo seguente:
- si estrae la storia di temperatura di ogni nodo della mesh tridimensionale;
- si calcola la temperatura media di ogni nodo nel sesto anno dell’analisi transitoria;
- si calcola per ogni nodo il ΔT ( x ,t ) rispetto alla temperatura media;

146
Capitolo 6 – Analisi termiche

- le variazioni di temperatura devono essere scritte in modo tale da poter essere lette
nelle analisi elastiche successive da Abaqus.
Il primo passo viene effettuato mediante il file Fortran EstraiTemp (§ A.3.2) che legge le
temperature nodali in un file con estensione *.fil (tipo di file associato al software Abaqus) e le
scrive in un file di output.

>abaqus estraitemp

Il programma EstraiTemp è stato creato a partire dalla subroutine ABQMAIN con il comando:

>abaqus make j=estraitemp

Per calcolare la temperatura media di ogni nodo si utilizza il programma TempMedia (§ A.3.3).
Di questo programma esiste una versione che calcola la temperatura media a partire da quella
del sesto anno (TempMedia 6anno).

>TempMedia_6anno

Gli ultimi due passi vengono realizzati contemporaneamente dal programma CreaDT (§ A.3.4).
Il programma calcola per ogni nodo le variazioni di temperatura rispetto alla temperatura
media e li scrive in un file *.fil che viene letto nelle analisi strutturali elastiche.

>abaqus CreaDT

6.5.4. RISULTATI DELL’ANALISI TERMICA TRIDIMENSIONALE IN REGIME TRANSITORIO

Le analisi sono state eseguite realizzando un primo passo fittizio stazionario in cui sono state
imposte le temperature medie sul contorno dello sperone di massima altezza (Figura 6.5 a). Si
è scelto di assegnare 7 °C sul paramento di monte, sul paramento di valle e sulle zone dello
sperone a contatto con l’atmosfera; 5 °C sulla sezione di fondazione; 5,5 °C nel vano interno.
Successivamente è stato avviato un secondo step transitorio durante il quale sono stati
applicati alle superfici che delimitano lo sperone gli andamenti periodici delle temperature
definiti mediante le funzioni approssimanti discusse in precedenza.
Le superfici esterne della mesh del singolo sperone utilizzata per le analisi termiche (Figura
4.12) sono in parte a contatto con gli speroni limitrofi ed in parte esposte agli agenti esterni
(aria all’esterno e all’interno del vano; acqua negli invasi). Sulle prime si impongono le
condizioni di flusso di calore nullo, mentre sulle seconde si applicano le funzioni approssimanti
di competenza.
Di seguito vengono riportate le temperature su due superfici significative per i dodici mesi del
sesto anno (quando ormai le storie di temperature si sono assestate):
- superficie esterna dello sperone (vista laterale), sulla quale è imposta la storia di
temperatura (cicli annuali) assegnata e la “risposta” sulle porzioni a flusso nullo. Nelle
figure seguenti tale superficie viene indicata con “a”;
- sezione di mezzeria, che fornisce la temperatura risultante dalle analisi (nelle figure è
indicata con “b”).

147
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

TEMPERATURE [°C]

+7,000e+00
+6,833e+00
+6,667e+00
+6,500e+00
+6,333e+00
+6,167e+00
(a)
+6,000e+00
+5,833e+00
+5,667e+00
+5,500e+00
+5,333e+00
+5,167e+00
+5,000e+00

(b)
Figura 6.5 – Temperature medie di input (step stazionario)

148
Capitolo 6 – Analisi termiche

TEMPERATURE [°C]

+9,875e+00
+8,964e+00
+8,054e+00
+7,143e+00
+6,233e+00
+5,322e+00
(a)
+4,411e+00
+3,501e+00
+2,590e+00
+1,680e+00
+7,692e-01
-1,414e-01
-1,052e+00

(b)
Figura 6.6 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel primo mese del sesto anno

149
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

TEMPERATURE [°C]

+8,674e+00
+8,092e+00
+7,509e+00
+6,926e+00
+6,343e+00
+5,761e+00
(a)
+5,178e+00
+4,595e+00
+4,012e+00
+3,429e+00
+2,847e+00
+2,264e+00
+1,681e+00

(b)
Figura 6.7 – Temperature input (a) e risultanti (b) nel secondo mese del sesto anno

150
Capitolo 6 – Analisi termiche

TEMPERATURE [°C]

+1,119e+01
+1,052e+01
+9,852e+00
+9,184e+00
+8,516e+00
+7,847e+00
(a)
+7,179e+00
+6,511e+00
+5,843e+00
+5,174e+00
+4,506e+00
+3,838e+00
+3,169e+00

(b)
Figura 6.8 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel terzo mese del sesto anno

151
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

TEMPERATURE [°C]

+1,513e+01
+1,414e+01
+1,315e+01
+1,216e+01
+1,117e+01
+1,018e+01
(a)
+9,197e+00
+8,209e+00
+7,221e+00
+6,233e+00
+5,245e+00
+4,257e+00
+3,269e+00

(b)
Figura 6.9 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel quarto mese del sesto anno

152
Capitolo 6 – Analisi termiche

TEMPERATURE [°C]

+1,694e+01
+1,564e+01
+1,434e+01
+1,304e+01
+1,173e+01
+1,043e+01
(a)
+9,129e+00
+7,827e+00
+6,524e+00
+5,222e+00
+3,919e+00
+2,616e+00
+1,314e+00

(b)
Figura 6.10 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel quinto mese del sesto anno

153
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

TEMPERATURE [°C]

+1,641e+01
+1,508e+01
+1,375e+01
+1,242e+01
+1,108e+01
+9,752e+00
(a)
+8,419e+00
+7,087e+00
+5,754e+00
+4,422e+00
+3,089e+00
+1,757e+00
+4,240e-01

(b)
Figura 6.11 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel sesto mese del sesto anno

154
Capitolo 6 – Analisi termiche

TEMPERATURE [°C]

+1,520e+01
+1,402e+01
+1,284e+01
+1,166e+01
+1,048e+01
+9,298e+00
(a)
+8,117e+00
+6,936e+00
+5,755e+00
+4,574e+00
+3,393e+00
+2,212e+00
+1,031e+00

(b)
Figura 6.12 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel settimo mese del sesto anno

155
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

TEMPERATURE [°C]

+1,335e+01
+1,253e+01
+1,170e+01
+1,087e+01
+1,004e+01
+9,216e+00
(a)
+8,389e+00
+7,561e+00
+6,734e+00
+5,906e+00
+5,079e+00
+4,251e+00
+3,424e+00

(b)
Figura 6.13 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nell’ottavo mese del sesto anno

156
Capitolo 6 – Analisi termiche

TEMPERATURE [°C]

+1,207e+01
+1,133e+01
+1,059e+01
+9,853e+00
+9,115e+00
+8,378e+00
(a)
+7,641e+00
+6,903e+00
+6,166e+00
+5,428e+00
+4,691e+00
+3,954e+00
+3,216e+00

(b)
Figura 6.14 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel nono mese del sesto anno

157
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

TEMPERATURE [°C]

+1,021e+01
+9,288e+00
+8,365e+00
+7,443e+00
+6,520e+00
+5,598e+00
(a)
+4,675e+00
+3,753e+00
+2,830e+00
+1,908e-01
+9,852e-01
+6,267e-02
-8,598e-01

(b)
Figura 6.15 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel decimo mese del sesto anno

158
Capitolo 6 – Analisi termiche

TEMPERATURE [°C]

+9,373e+00
+8,351e+00
+7,330e+00
+6,308e+00
+5,286e+00
+4,265e+00
(a)
+3,243e+00
+2,221e+00
+1,199e+00
+1,778e-01
-8,439e-01
-1,866e+00
-2,887e+00

(b)
Figura 6.16 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nell’undicesimo mese del sesto anno

159
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

TEMPERATURE [°C]

+1,035e+01
+9,280e+00
+8,210e+00
+7,140e+00
+6,071e+00
+5,001e+00
(a)
+3,931e+00
+2,861e+00
+1,792e+00
+7,217e-01
-3,480e-01
-1,418e+00
-2,488e+00

(b)
Figura 6.17 – Temperature di input (a) e risultanti (b) nel dodicesimo mese del sesto anno

160
Capitolo 6 – Analisi termiche

Imponendo le condizioni al contorno sulla superficie esterna dello sperone, si ottiene come
risultato una storia di temperature anche per ciascun punto interno. Tale storia risulterà
leggermente sfasata e di ampiezza inferiore rispetto a quella dei punti esterni, in quanto il
materiale calcestruzzo all’interno risente del ciclo termico in ritardo e in modo meno influente
rispetto all’esterno.
Per dimostrare tale fenomeno, vengono riportati in grafico gli andamenti delle temperature di
quattro nodi (sia interni, sia esterni) nei sei anni considerati.

Figura 6.18 – Nodi scelti per diagrammare l’andamento delle temperature all’interno e in superficie dello
sperone

La funzione approssimante in nero rappresenta il ciclo termico del nodo a diretto contatto con
la temperatura esterna; infatti, essa è caratterizzata da un’ampiezza maggiore rispetto alle
altre tre curve rappresentate.
Gli andamenti dei nodi N1, N2 e N4 risultano, come aspettato, sfasati rispetto a quello
precedente e con valori massimi più piccoli. Inoltre, il ciclo termico al quale è soggetto il nodo
N1 dimostra che la scelta presa a proposito delle condizioni al contorno da imporre alla
superficie a contatto con la roccia risulta corretta: il suo andamento presenta piccole
oscillazioni intorno al valore di 5 °C (quindi è opportuno imporre T = 5 °C costante).

161
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Temperature interne ed esterne


20

15

10 N1
[°C]

N2
N3
T

5
N4

0
0 500 1000 1500 2000 2500

-5
t [giorni]
Grafico 6.21 – Temperature di tre punti interni (N1, N3 e N4) e uno esterno (N2) dello sperone n. 2

6.5.5. SUBROUTINE ESTRAITEMP

Questa subroutine ha il compito di leggere il file binario *.fil e scrivere i risultati in un file ASCII
(temperature.dat), permettendo così il calcolo della temperatura media di ogni nodo dalle
storie termiche appena riportate.

6.5.6. PROGRAMMA TEMPMEDIA

Questo programma legge il file "temperature.dat" e calcola per ogni nodo la temperatura
media dell'ultimo anno.
Letta tutta la storia di temperatura del nodo è possibile calcolare la temperatura media
dell'ultimo anno dividendo la sommatoria dei valori relativi a tale anno per il numero degli
incrementi avvenuti in esso, ossia:

i T i (t )
N

T med  T (t ) : t  t 0
N

Calcolata così la temperatura media di un nodo si passa al nodo successivo.

162
Capitolo 6 – Analisi termiche

6.5.7. SUBROUTINE CREADT

Questa subroutine ha il compito di scrivere nel file binario *.fil la differenza tra la temperatura
letta e la temperatura media. Successivamente essa viene imposta su ogni nodo dello sperone
per poter determinare lo stato di sforzo al quale è soggetto.

6.6. ANALISI TERMO-ELASTICA IN PRESENZA DI DEFORMAZIONI TERMICHE


NOTE

Nel paragrafo precedente si è determinata la variazione di temperatura ΔT ( x ,t ) che induce


delle deformazioni termiche nello sperone definite mediante la seguente espressione:

ε ijterm ( x, t)  α  ΔT( x, t)  δ ij

dove:
α è il coefficiente di dilatazione termica;

δ ij è il delta di Kronecker (uguale a 1 se i=j; uguale a 0 se i diverso da j).

Le equazioni discretizzate del metodo agli elementi finiti (usato nelle analisi di questo lavoro),
dedotte dal principio degli spostamenti virtuali, permettono di esprimere il lavoro virtuale
interno (sul singolo elemento) come [35]:


Li  δu T B T D  (B  u T  εterm )dΩ
Ω

dove:
u è il vettore degli spostamenti nodali;

B è la matrice delle derivate delle funzioni di forma;

D è la matrice di rigidezza elastica del materiale;

ε term è il vettore delle deformazioni termiche.

Quindi la presenza di deformazioni termiche note dà luogo ad un termine (portato a secondo


membro) che rappresenta le forze nodali equivalenti al carico termico:

B D ε
T term

Ω

L’analisi elastica sotto deformazioni termiche note è stata eseguita considerando due istanti
temporali t1 e t2 particolarmente significativi nell’anno tipico in termini di livello di invaso:

163
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

- t1 (step 383, corrispondente al giorno 1915 nell’arco dei sei anni considerati)
caratterizzato dal massimo invaso sia del bacino di San Giacomo, sia di quello di
Cancano (si ricorda che gli andamenti assunti dei livelli dei due serbatoi sono in fase);
- t2 (step 418, corrispondente al giorno 2090 nell’arco dei sei anni considerati) che
rappresenta la situazione di minimo invaso per i due serbatoi.

Per stabilire la vera entità degli effetti provocati dai carichi termici sulla diga di San Giacomo, di
seguito si riportano gli spostamenti che ne derivano e li si confrontano con quelli determinati
al Capitolo 5 per il solo carico idrostatico.

U1 [m]

+6,254e-03
+5,711e-03
+5,169e-03
+4,626e-03
+4,083e-03
+3,540e-03
+2,997e-03
+2,455e-03
+1,912e-03
+1,369e-03
+8,261e-04
+2,833e-04
-2,595e-04

Figura 6.19 – Spostamenti dello sperone dovuti al carico termico all’istante t1 (corrispondente al massimo
invaso)

164
Capitolo 6 – Analisi termiche

U1 [m]

+4,167e-04
+2,394e-04
+6,213e-05
-1,152e-04
-2,925e-04
-4,698e-04
-6,471e-04
-8,244e-04
-1,002e-03
-1,179e-03
-1,356e-03
-1,534e-03
-1,711e-03

Figura 6.20 – Spostamenti dello sperone dovuti al carico termico all’istante t2 (corrispondente al minimo
invaso)

L’escursione in termini di spostamento che subiscono i nodi del coronamento (punti che, come
si può notare dalle figure, sono soggetti al massimo spostamento) tra i due istanti considerati
raggiunge quasi 8 mm.
In § 5.7.3 sono stati determinati gli spostamenti generati dalla spinta idrostatica per massimo
invaso del solo bacino di San Giacomo, massimo invaso di entrambi i serbatoi e minimo invaso
degli stessi. Se si confrontano tali spostamenti con quelli appena definiti per il carico termico si
nota che risultano comparabili come ordine di grandezza perché si aggirano intorno agli 8 – 9
mm.
In realtà, ci si aspettava degli effetti termici minori rispetto a quelli calcolati, in quanto i
fenomeni legati alla temperatura sono di solito più gravosi nelle dighe ad arco. Questo
significa che la diga di San Giacomo è soggetta ad un ciclo annuale termico tale da provocare
spostamenti simili a quelli dovuti al carico idrostatico.

Per completezza vengono riportati gli sforzi verticali e principali dedotti dalle analisi termiche
elastiche per le sezioni orizzontali a quota 1922 e 1878,22 m s.l.m. Gli sforzi verticali vengono
anche diagrammati in modo da poter essere verificati con quelli dedotti precedentemente dalle
analisi statiche (peso proprio e carico idrostatico).

165
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

+3,942e+00
+3,437e+00
+2,932e+00
+2,427e+00
+1,922e+00
+1,417e+00
+9,123e-01
+4,074e-01
-9,750e-02
-6,024e-01
-1,107e+00
-1,612e+00
-2,117e+00
Figura 6.21 – Sforzi principali alla quota 1922 m s.l.m. per carico termico all’istante t1

Figura 6.22 – Sforzi principali alla quota 1878,20 m s.l.m. per carico termico all’istante t1

+2,022e+00
+1,563e+00
+1,103e+00
+6,440e-01
+1,846e-01
-2,747e-01
-7,341e-01
-1,193e+00
-1,653e+00
-2,112e+00
-2,571e+00
-3,031e+00
-3,490e+00
Figura 6.23 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per carico termico all’istante t 1

166
Capitolo 6 – Analisi termiche

Quota 1922 m s.l.m.


2.00
1.50
1.00
[MPa]

0.50
0.00
Sforzo verticale

-0.50 0 5 10 15 20 25 30

-1.00
-1.50
-2.00
-2.50
L [m]

Grafico 6.22 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per carico termico all’istante t 1

Figura 6.24 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per carico termico all’istante t1

Quota 1878,20 m s.l.m.


0.60
0.40
[MPa]

0.20
0.00
0 10 20 30 40 50 60
Sforzo verticale

-0.20
-0.40
-0.60
-0.80
-1.00
L [m]

Grafico 6.23 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per carico termico all’istante t1

167
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

+7,111e+00
+6,455e+00
+5,800e+00
+5,145e+00
+4,489e+00
+3,834e+00
+3,179e+00
+2,523e+00
+1,868e+00
+1,213e+00
+5,575e-01
-9,786e-02
-7,532e-01
Figura 6.25 – Sforzi principali alla quota 1922 m s.l.m. per carico termico all’istante t2

Figura 6.26 – Sforzi principali alla quota 1878,20 m s.l.m. per carico termico all’istante t2

+4,035e+00
+3,544e+00
+3,053e+00
+2,562e+00
+2,071e+00
+1,580e+00
+1,089e+00
+5,984e-01
+1,075e-01
-3,834e-01
-8,743e-01
-1,365e+00
-1,856e+00
Figura 6.27 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per carico termico all’istante t 2

168
Capitolo 6 – Analisi termiche

Quota 1922 m s.l.m.


2.00
1.50
[MPa]

1.00
0.50
Sforzi verticali

0.00
0 5 10 15 20 25 30
-0.50
-1.00
-1.50
-2.00
L [m]

Grafico 6.24 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per carico termico all’istante t 2

Figura 6.28 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per carico termico all’istante t2

Quota 1878,20 m s.l.m.


0.200
0.150
0.100
[MPa]

0.050
0.000
-0.050 0 10 20 30 40 50 60
Sforzi verticali

-0.100
-0.150
-0.200
-0.250
-0.300
-0.350
L [m]

Grafico 6.25 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per carico termico all’istante t2

169
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Infine, vengono riassunti nelle seguenti figure gli sforzi principali dovuti ai carichi termici di tre
sezioni verticali significative dello sperone di massima altezza:

σ MAX PRINCIPALI [MPa]

+3,942e+00
+3,437e+00
+2,932e+00
+2,427e+00
+1,922e+00
+1,417e+00
+9,123e-01
+4,074e-01
-9,750e-02
-6,024e-01
-1,107e+00
-1,612e+00
-2,117e+00

(1)

(2) (3)

Figura 6.29 – Sforzi massimi principali agenti all’istante t1 sulla sezione esterna (1), sulla zona coperta dal
solettone (2) e sulla sezione di mezzeria (3)

170
Capitolo 6 – Analisi termiche

σ MAX PRINCIPALI [MPa]

+7,111e+00
+6,455e+00
+5,800e+00
+5,145e+00
+4,489e+00
+3,834e+00
+3,179e+00
+2,523e+00
+1,868e+00
+1,213e+00
+5,575e-01
-9,786e-02
-7,532e-01

(1)

(2) (3)

Figura 6.30 – Sforzi massimi principali agenti all’istante t2 sulla sezione esterna (1), sulla zona coperta dal
solettone (2) e sulla sezione di mezzeria (3)

171
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Tali sforzi non potranno essere utilizzati nelle verifiche future, in quanto si adotterà un metodo
di analisi sismica basato sullo spettro di risposta: tale scelta non permette di determinare gli
sforzi principali, perciò si farà riferimento solamente agli sforzi verticali (che verranno
combinati con quelli derivanti dall’azione degli altri carichi).

Le sezioni scelte per l’analisi tensionale non presentano il tipico andamento lineare degli sforzi
a causa della funzione approssimante sinusoidale sia delle temperature imposte al contorno,
sia di quelle interne che risultano dall’analisi termica inziale. Infatti, gli sforzi tendono ad avere
valori elevati o nei punti di estremità della sezione o in quelli interni. Questo comportamento è
legato all’escursione termica che si genera tra la superficie esterna e i nodi interni allo sperone.
Questo è il motivo per il quale la diga di San Giacomo risente in modo elevato degli effetti
termici annuali.

172
Capitolo 7 – Analisi sismiche

7. ANALISI SISMICHE

Nel presente capitolo si analizza l'effetto delle azioni sismiche sulla diga di San Giacomo di
Fraele, attenendosi ai contenuti delle PAN per le forze sismiche (coerenti con le NTC) e a quelli
del D.M. 1982 per le conseguenti verifiche [2,3,4].
Lo studio del comportamento sismico delle dighe rappresenta un tema di notevole interesse
scientifico ed ingegneristico; in quest'ambito, nel corso degli ultimi vent'anni vi sono stati
importanti sviluppi sia con riferimento ai metodi di calcolo, sia con riferimento alle normative
tecniche di molti paesi avanzati.
Anche in Italia si è sentita l'esigenza di dotarsi di una più moderna normativa sismica per le
dighe; il documento “linee guida per la valutazione della sicurezza sismica delle dighe in
esercizio" a cura del Registro Italiano Dighe (RID), pur rappresentando solamente una proposta
di nuova normativa, delinea gli aspetti salienti che probabilmente caratterizzeranno norme
tecniche future [14,34].
Secondo le PAN, le azioni sismiche sono definite in termini di accelerazione di picco a g su
suolo rigido con superficie topografica orizzontale e allo spettro di risposta elastico al 5% di
smorzamento per prefissate probabilità di eccedenza PVR nel periodo di riferimento V R [3].

7.1. INTRODUZIONE

I casi riportati nella letteratura internazionale di crolli o danni di dighe causati da eventi sismici
sono piuttosto rari. Essi riguardano principalmente rilevati di materiali sciolti, non compattati
meccanicamente, realizzati per sedimentazione idraulica, suscettibili, allorché saturi, di
repentine riduzioni della resistenza al taglio in presenza di sollecitazioni dinamiche.
Nonostante la statistica confermi un buon comportamento delle dighe di fronte a terremoti
anche violenti, la verifica della sicurezza sismica delle dighe costituisce uno dei problemi di
maggior interesse in considerazione dell’importanza socio-economica di queste opere e della
gravità di un possibile crollo con conseguente rilascio incontrollato dell’acqua invasata.
Il problema assume una rilevanza particolare nel caso di dighe esistenti, come quella di San
Giacomo, per le quali si rende necessario eseguire una nuova verifica. In questo caso la
struttura, progettata quando le conoscenze sul comportamento sismico e la disponibilità di
mezzi di calcolo erano scarse o senza tener conto di possibili sollecitazioni dinamiche perché il
sito non era classificato fra le aree sismiche al momento della costruzione, potrebbe non
risultare pienamente rispondente ai criteri di accettabilità richiesti dalla normativa vigente per
la progettazione di nuove dighe, senza che, alla luce delle conoscenze più avanzate, debba
essere considerata pericolosa e debba essere sottoposta a interventi di manutenzione.
Per le dighe esistenti è lecito porsi il problema se sia corretto invocare una validità retroattiva
della normativa oppure se non sia più opportuno far riferimento allo stato dell’arte. Infatti è
noto che i progressi degli ultimi anni sull’inquadramento concettuale del problema sismico,
l’introduzione di metodi di calcolo in grado di considerare il comportamento nonlineare dei

173
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

materiali e dell’integrazione con il terreno e il serbatoio e l’adozione di un approccio


probabilistico hanno superato gli approcci di valutazione previsti nelle normative vigenti.
Le installazioni di misura e sorveglianza sismica comprendono dispositivi che dipendono dalle
caratteristiche sismiche del sito sul quale insiste l’opera da controllare. Anche quando i livelli di
sismicità naturale non sono elevati, tali installazioni possono essere necessarie, come nel caso
di invasi estesi o di situazioni particolari o quando nei pressi della diga hanno luogo attività,
che potrebbero essere soggette a forti vibrazioni durante i terremoti (cave, miniere, ecc.).
Il progetto di un’installazione di misura e sorveglianza sismica comprende le seguenti fasi:
- scelta del numero e delle posizioni dei sensori da installare;
- scelta del tipo di sensori in relazione sia alle caratteristiche sismologiche del sito, sia al
tipo di sbarramento;
- scelta del tipo e caratteristiche del sistema di registrazione dei dati [35,36].

7.1.1. STATI LIMITE

In generale, la valutazione della sicurezza dei serbatoi deve essere effettuata con riferimento
alle seguenti condizioni caratteristiche:
- normale funzionamento;
- danni riparabili, senza rilascio incontrollato di acqua;
- danni non riparabili, senza rilascio incontrollato di acqua;
- danni che determinano il rilascio incontrollato di acqua, o comunque rischio di perdite
di vite umane;
- collasso della struttura.
L’uscita o l’entrata nelle varie condizioni caratteristiche definiscono quattro stati limite, due di
esercizio (Stato Limite di immediata Operatività, SLO, e Stato Limite di danno, SLD) e due ultimi
(Stato Limite di Salvaguardia della Vita, SLV, e Stato Limite di Collasso, SLC).
Nei confronti delle azioni sismiche gli stati limite, sia di esercizio sia ultimi, sono individuati
riferendosi alle prestazioni della costruzione nel suo complesso, includendo gli elementi
strutturali, quelli non strutturali e gli impianti.
Gli stati limite di esercizio sono:
- Stato Limite di Operatività (SLO): a seguito del terremoto la costruzione nel suo
complesso, includendo gli elementi strutturali, quelli non strutturali, le apparecchiature
rilevanti alla sua funzione, non deve subire danni ed interruzioni d'uso significativi;
- Stato Limite di Danno (SLD): a seguito del terremoto la costruzione nel suo complesso,
includendo gli elementi strutturali, quelli non strutturali, le apparecchiature rilevanti
alla sua funzione, subisce danni tali da non mettere a rischio gli utenti e da non
compromettere significativamente la capacità di resistenza e di rigidezza nei confronti
delle azioni verticali ed orizzontali, mantenendosi immediatamente utilizzabile pur
nell’interruzione d’uso di parte delle apparecchiature.
Gli stati limite ultimi sono:
- Stato Limite di salvaguardia della Vita (SLV): a seguito del terremoto la costruzione
subisce rotture e crolli dei componenti non strutturali ed impiantistici e significativi
danni dei componenti strutturali cui si associa una perdita significativa di rigidezza nei
confronti delle azioni orizzontali; la costruzione conserva invece una parte della
resistenza e rigidezza per azioni verticali e un margine di sicurezza nei confronti del
collasso per azioni sismiche orizzontali;

174
Capitolo 7 – Analisi sismiche

- Stato Limite di prevenzione del Collasso (SLC): a seguito del terremoto la costruzione
subisce gravi rotture e crolli dei componenti non strutturali ed impiantistici e danni
molto gravi dei componenti strutturali; la costruzione conserva ancora un margine di
sicurezza per azioni verticali ed un esiguo margine di sicurezza nei confronti del
collasso per azioni orizzontali [4].
Lo stato limite di danno deve essere considerato con riferimento ad eventi sismici
relativamente frequenti, mentre gli stati limite ultimi e di collasso sono da riferire
rispettivamente ad eventi sismici poco frequenti e rari.
La valutazione della sicurezza sismica deve riguardare il serbatoio nel suo complesso; devono
pertanto essere presi in considerazione tutti i componenti critici nei riguardi di ciascuno stato
limite. Nel definire la criticità dei diversi componenti, particolare attenzione va posta nei
confronti degli organi necessari per lo svaso. Anche un modesto danneggiamento della diga
può infatti comportare la necessità di uno svaso rapido del serbatoio, ancorché temporaneo
e/o per motivi precauzionali, e a tal fine deve essere garantita l’efficienza degli scarichi
profondi (fondo e mezzofondo) [3,35].

7.1.2. CRITERI GENERALI PER LE AZIONI SISMICHE

Le azioni sismiche di progetto, in base alle quali valutare il rispetto della sicurezza nei diversi
stati limite, si definiscono a partire dalla “pericolosità sismica di base” del sito di costruzione.
In assenza di specifici studi sismotettonici e di pericolosità sismica, si fa riferimento a quanto
definito nelle NTC [4].
Le azioni sono definite in termini di accelerazione orizzontale massima attesa a g in condizioni
di campo libero, su sito di riferimento rigido con superficie topografica orizzontale, nonché di
ordinate dello spettro di risposta elastico in accelerazione ad essa corrispondente, con
riferimento a prefissate probabilità di eccedenza PVR nel periodo di riferimento V R .
E’ ammesso l’uso di accelerogrammi, purché correttamente commisurati alla pericolosità
sismica del sito, nei limiti e con le prescrizioni di cui alle stesse NTC.
Ai fini della presente normativa le forme spettrali sono definite, per ciascuna delle probabilità
di superamento nel periodo di riferimento PVR , a partire dai valori dei seguenti parametri su
sito di riferimento rigido orizzontale:
- a g accelerazione orizzontale massima al sito;
- F 0 valore massimo del fattore di amplificazione dello spettro in accelerazione
orizzontale;
- TC* periodo di inizio del tratto a velocità costante dello spettro in accelerazione
orizzontale.
Per le dighe ubicate in aree per le quali l’azione sismica di progetto per un tempo di ritorno
T R  475 anni deve essere riferita ad un valore a g  0,15  g , è necessario lo studio
sismotettonico del sito, da cui fare derivare l’azione sismica di progetto, i cui effetti non
devono comunque risultare meno gravosi di quelli corrispondenti all’azione sismica definita
nelle normative vigenti, relativamente a sito di riferimento rigido con superficie topografica
orizzontale.

175
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Il periodo di riferimento, V R , per l’azione sismica è definito in funzione della vita nominale V N
e del coefficiente d’uso C U dalla relazione:

VR  V N  CU

Si definiscono dighe di dimensioni contenute gli sbarramenti che non superano i 15 metri di
altezza e che determinano un volume di invaso non superiore a 1.000.000 di metri cubi,
altrimenti si parla di grandi dighe.
Ai fini della determinazione del periodo di riferimento per l’azione sismica si definiscono:
- dighe di importanza strategica, la cui funzionalità durante e a seguito di eventi sismici
assume rilievo fondamentale per le finalità di protezione civile o che realizzano serbatoi
a prevalente utilizzazione idroelettrica o potabile;
- dighe rilevanti per le conseguenze di un eventuale collasso;
- dighe di importanza normale, non appartenenti alle categorie precedenti (si tratta solo
di dighe di dimensioni contenute).
Le tabelle seguenti riportano i valori che possono assumere i parametri necessari per la
definizione dell’azione sismica:

Tabella 7.1 – Probabilità di superamento al variare dello stato limite di riferimento

Tabella 7.2 – Vita nominale e coefficiente d’uso per le diverse tipologie di dighe (1=dighe di dimensioni
contenute; 2=grandi dighe)

Tabella 7.3 – Periodo di riferimento per le diverse tipologie di dighe (1=dighe di dimensioni contenute;
2=grandi dighe)

176
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Tabella 7.4 – Periodo di ritorno per l’azione sismica (1=dighe di dimensioni contenute; 2=grandi dighe)

7.1.3. METODI DI ANALISI SISMICA PER LE DIGHE IN CALCESTRUZZO

Le analisi sismiche delle dighe di calcestruzzo potranno essere eseguite con riferimento ai
metodi di seguito specificati.

Analisi pseudostatiche.

Nel caso dell’analisi pseudostatica si applicano alla diga, in aggiunta agli altri carichi già
presenti, le forze d’inerzia prodotte dal sisma, rappresentate da carichi statici equivalenti, e la
sovrappressione dinamica.
La risultante delle forze di inerzia orizzontali è calcolata come prodotto del coefficiente sismico
per la massa della struttura. Il valore del coefficiente sismico dipende dal periodo
fondamentale di vibrazione della struttura e si ricava dallo spettro elastico.
Nella valutazione del periodo proprio della struttura si terrà conto delle caratteristiche del
corpo diga, del livello di invaso e dell’interazione con i terreni di fondazione.
Lo spettro elastico potrà essere ridotto per tener conto dello smorzamento complessivo, che
può assumersi pari al 5% per il corpo diga; eventuali incrementi per tener conto del livello
dell’acqua di invaso e dell’interazione con i terreni di imposta devono essere adeguatamente
motivati.
Al fine della valutazione della risposta, è possibile scalare lo spettro elastico per tener conto di
eventuali deformazioni residue nell’ammasso di fondazione e nel corpo diga, se compatibili
con la condizione di verifica dello stato limite della diga stessa, mediante metodi di
comprovata validità.
Si terrà conto di un adeguato criterio della gerarchia delle resistenze, incrementando in modo
opportuno le azioni di verifica del corpo diga rispetto a quelle di verifica della fondazione,
come conseguenza di possibili sovraresistenze della fondazione rispetto ai valori dei parametri
assunti per la verifica.
Nella verifica, se il corpo diga può considerarsi rigido per l’azione sismica verticale e qualora
possa ritenersi che l’interazione con il terreno non modifichi la risposta all’azione verticale,
quest’ultima può assumersi pari alla accelerazione verticale di picco del terreno, come definita
nelle NTC al §3.2.3.2.2. Quando l’interazione con il terreno dà luogo ad un periodo proprio
del moto verticale maggiore di 0.03 s, si valuterà la forza d’inerzia verticale con le stesse
metodologie utilizzate per valutare la forza d’inerzia orizzontale.
Per le dighe a gravità ordinarie, ove adeguatamente giustificato, è consentito l’uso di modelli
piani riferiti ai singoli conci (come verrà mostrato nel paragrafo 7.2).
Particolare attenzione dovrà essere rivolta ai casi per i quali il comportamento tridimensionale
può essere significativo, quali conci adiacenti tra loro interconnessi (ad esempio quando i
giunti non sono estesi a tutta l’altezza della diga), curvatura significativa della diga in pianta,

177
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

valle profonda e stretta. La diga di San Giacomo, come verrà affrontato successivamente,
rappresenta un esempio di sbarramento che non può essere studiato mediante analisi
bidimensionali a causa della difficile geometria.
Gli effetti delle discontinuità nelle strutture, quali ad esempio la presenza del giunto tra la
struttura e il pulvino, bruschi cambiamenti di sezione, di rigidezza o di allineamento,
richiedono particolari valutazioni [3].

Analisi dinamiche.

Con l’analisi dinamica si calcola la risposta sismica della diga utilizzando modelli numerici
lineari o non lineari della struttura e dell’ammasso roccioso di fondazione.
Il moto sismico può essere definito mediante accelerogrammi o, nelle analisi lineari, come
spettro di risposta; se specifiche analisi prevedono che differenti zone della fondazione
possano essere soggette a differente scuotimento, si può ricorrere all’analisi con eccitazione
multipla, utilizzando procedimenti adeguati alla complessità del problema [3].

El Centro Earthquake
North-South Component
4
3
Acceleration [m/s²]

2
1
0
-1 0 1 2 3 4 5 6
-2
-3
-4
Time [s]
Grafico 7.1 – Esempio di accelerogramma

a [m/s2]
Smorzamento viscoso equivalente 5%
Smorzamento viscoso equivalente 10%
Smorzamento viscoso equivalente 20%
Smorzamento viscoso equivalente 30%
Smorzamento viscoso equivalente 40%
Smorzamento viscoso equivalente 50%

T [sec]

Grafico 7.2 – Esempio di spettro di risposta elastico

178
Capitolo 7 – Analisi sismiche

7.1.4. AZIONI SISMICHE PER DIGHE ESISTENTI

E’ definita diga esistente quella che abbia, alla data della redazione della valutazione di
sicurezza e/o del progetto di intervento, la struttura completamente realizzata, come nel caso
dello sbarramento di San Giacomo.
Nella definizione delle azioni sismiche vale quanto riportato nei precedenti punti per le dighe di
nuova costruzione, salvo assumere per le dighe esistenti una vita nominale pari a 50 anni; in
situazioni particolari potranno motivatamente assumersi valori di V N maggiori.
Ai fini delle verifiche sismiche per le dighe esistenti, si può ammettere che l’opera o qualcuno
dei suoi componenti critici non soddisfino i requisiti dimensionali e costruttivi minimi e le
prescrizioni di verifica stabilite per le dighe di nuova costruzione, purché siano effettuate con
esito positivo tutte le analisi e le verifiche secondo le norme citate.
Il periodo di riferimento dell’azione sismica è definito in funzione della vita nominale e del
coefficiente d’uso secondo la relazione valida per le dighe di nuova costruzione. I valori che
possono assumere i precedenti parametri nel caso di dighe esistenti sono riportati nelle tabelle
seguenti:

Tabella 7.5 – Vita nominale e coefficiente d’uso per dighe esistenti

Tabella 7.6 – Periodo di riferimento minimo per dighe esistenti

Per la diga di San Giacomo si ha una vita nominale di 50 anni e un coefficiente d’uso pari a 2,
essendo uno sbarramento strategico, da cui segue che V R = 100 anni. Scegliendo di fare
riferimento ad azioni sismiche corrispondenti allo stato limite di salvaguardia della vita, il
periodo di ritorno per la diga di San Giacomo è di 950 anni.

Tabella 7.7 – Probabilità di eccedenza per dighe esistenti

179
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

7.1.5. SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO

Il moto del terreno durante un fenomeno sismico è rappresentato da uno spettro di risposta
elastico orizzontale e da uno verticale.
Lo spettro di risposta elastico in accelerazione è espresso da una forma spettrale (spettro
normalizzato) riferita ad uno smorzamento convenzionale del 5%, moltiplicata per il valore
della accelerazione orizzontale massima a g su sito di riferimento rigido orizzontale. Sia la
forma spettrale, sia il valore di a g variano al variare della probabilità di superamento nel
periodo di riferimento PVR .
Lo spettro di risposta orizzontale è definito, secondo la normativa, dalle seguenti espressioni
[4]:

T 1  T 
0  T  TB S e (T )  a g  S    F 0     1  
T
 B   F0  T B 

T B  T  TC S e (T )  a g  S    F0

T C 
TC  T  T D S e (T )  a g  S    F 0   
T 

T T 
TD  T S e (T )  a g  S    F 0   C 2 D 
 T 

dove:
S e (t ) è lo spettro di risposta elastico;

T è il periodo proprio di vibrazione;

a g è l’accelerazione del terreno di progetto;

T B è il periodo corrispondente all’inizio del tratto dello spettro ad accelerazione


costante (T B  TC / 3 );

TC è il periodo corrispondente all’inizio del tratto a velocità costante dello spettro (


TC  CC TC* );

C C è un coefficiente, funzione della categoria del sottosuolo;

T D è il valore che definisce l’inizio dell’intervallo di risposta a spostamento costante


dello spettro (T D  4  a g / g  1,6 );

180
Capitolo 7 – Analisi sismiche

S è il fattore che tiene conto della categoria del sottosuolo e delle condizioni
topografiche mediante la relazione S  S S  ST ;

S S è il coefficiente di amplificazione stratigrafica;

ST è il coefficiente di amplificazione topografica;

 è il fattore che altera lo spettro per coefficienti di smorzamento viscosi


convenzionali  diversi dal 5%, mediante la relazione seguente:

  10 /(5   )  0,55

Di seguito vengono riportati i valori dei parametri S S , ST e C C definiti dalla normativa


vigente:

Tabella 7.8 – Espressioni di SS e CC

Tabella 7.9 – Valori massimi del coefficiente di amplificazione topografica ST

A questo punto si definisce lo spettro di risposta elastico della componente verticale mediante
le seguenti espressioni [4]:

181
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

T 1  T 
0  T  TB Sve (T )  a g  S    FV     1  
T B   FV  TB 

T B  T  TC Sve (T )  a g  S    FV

T 
TC  T  T D Sve (T )  a g  S    FV   C 
T 

T T 
TD  T Sve (T )  a g  S    FV   C 2 D 
 T 

dove:
Sve (t ) è lo spettro di risposta elastico verticale;

FV è il fattore che quantifica l’amplificazione spettrale massima, in termini di


accelerazione massima del terreno su sito di riferimento rigido orizzontale, mediante la
relazione:
0,5
 ag 
FV  1,35  F 0   
 g 

Tabella 7.10 – Valori dei parametri dello spettro di risposta elastico della componente verticale

Per tener conto delle condizioni topografiche, in assenza di specifiche analisi si utilizzano i
valori del coefficiente topografico ST riportati in Tabella 7.9.

7.1.6. DEFINIZIONE DELLO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO PER LA DIGA DI SAN


GIACOMO

Utilizzando le espressioni definite al § 7.1.5. è possibile definire gli spettri di risposta elastici,
orizzontale e verticale, relativi allo sbarramento di San Giacomo. Nelle tabelle seguenti
vengono riportati i valori di tutti i parametri necessari per la costruzione di tali spettri associati
a ciascun stato limite preso in considerazione:

S.L. PVR TR ag F0 TB TC* TC TD S 


[-] [%] [anni] [g] [-] [s] [s] [s] [s] [-] [-]
SLO 81 60 0,051 2,409 0,071 0,213 0,213 1,804 1 1
SLD 63 101 0,065 2,430 0,077 0,231 0,231 1,860 1 1
SLV 10 949 0,152 2,559 0,088 0,265 0,265 2,208 1 1
SLC 5 1950 0,190 2,595 0,092 0,275 0,275 2,360 1 1
Tabella 7.11 – Parametri necessari per la definizione dello spettro di risposta orizzontale

182
Capitolo 7 – Analisi sismiche

S.L. PVR TR ag F0 Fv TB TC TD S 
[-] [%] [anni] [g] [-] [-] [s] [s] [s] [-] [-]
SLO 81 60 0,051 2,409 0,873 0,050 0,150 1,000 1 1
SLD 63 101 0,065 2,430 0,980 0,050 0,150 1,000 1 1
SLV 10 949 0,152 2,559 1,349 0,050 0,150 1,000 1 1
SLC 5 1950 0,190 2,595 1,590 0,050 0,150 1,000 1 1
Tabella 7.12 – Parametri necessari per la definizione dello spettro di risposta verticale

Spettri orizzontali
0.6

0.5

0.4
[g]

SLV
0.3
SLC
Sa(T)

SLO
0.2
SLD

0.1

0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4
T [s]

Grafico 7.3 – Spettri di risposta orizzontali per i diversi stati limite

183
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Spettri verticali
0.35

0.3

0.25

0.2
[g]

SLV
SLC
Sa(T)

0.15
SLO
SLD
0.1

0.05

0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4
T [s]

Grafico 7.4 – Spettri di risposta verticali per i diversi stati limite

7.2. COMBINAZIONE DELL’AZIONE SISMICA CON LE ALTRE AZIONI

Le combinazioni di carico da considerare ai fini delle verifiche devono essere stabilite in modo
da garantire la sicurezza in conformità a quanto prescritto nel D.M. 1982. Nel caso delle
costruzioni civili e industriali le verifiche devono essere effettuate per la combinazione
dell’azione sismica con le altre azioni mediante l’espressione seguente [2]:

G1  G 2  P  E  j Qkj
dove:
G1 rappresenta il peso proprio della diga e le spinte dell’acqua (carichi permanenti);

G 2 è il peso proprio di tutti gli elementi non strutturali (carichi permanenti);

E è l’azione sismica;

Q kj sono i carichi variabili (di lunga o breve durata).

184
Capitolo 7 – Analisi sismiche

7.2.1. VERIFICHE DA EFFETTUARE PER LA COMBINAZIONE SISMICA

Per la verifica della permanenza in campo lineare si farà riferimento ad un criterio sullo stato
tensionale uguale a quello già utilizzato nelle verifiche statiche di resistenza. In particolare gli
sforzi verticali (ed eventualmente quelli principali) dovranno soddisfare la seguente
disuguaglianza:

 R  15 
ζ c   ck  6   7,75 MPa  ζ  ζ t  0,3 MPa
 4 

Il valore di resistenza caratteristica cubica a compressione del calcestruzzo è stato valutato sulla
base dei risultati delle numerose prove di laboratorio su carote di calcestruzzo e fornite da A2A
[19,20]. Invece, il valore della tensione a trazione ammissibile è definito a priori dalla normativa
vigente. Essa può essere aumentata fino ad un limite pari a 5 MPa nel caso in cui il supero di 3
MPa sia indotto unicamente dalle zioni sismiche [2].
Qualora le analisi non risultino soddisfatte, non si può considerare corretta l’ipotesi di elasticità
lineare del materiale, riconducendosi al caso non lineare.

7.3. ESEMPIO DI ANALISI SISMICA BIDIMENSIONALE SU UNA DIGA A


GRAVITÀ

La progettazione sismica di sistemi in calcestruzzo diga-fondazione-serbatoio deve garantire la


sopravvivenza di queste strutture a terremoti di elevata magnitudo per i quali può essere
previsto un comportamento non lineare.
La diga di Koyna probabilmente è lo sbarramento più studiato in relazione alle analisi sismiche.
Per questo motivo è stata scelta come esempio per dimostrare la possibilità di eseguire
un’analisi dinamica in campo elastico lineare bidimensionale nel caso di dighe a gravità aventi
semplice geometria, sotto l’azione di accelerazioni imposte compatibili con lo spettro di
risposta prescritto dalle normative. In virtù della complessità delle proprietà geometriche degli
speroni, questo procedimento non potrà essere utilizzato per la diga di San Giacomo.
L’analisi viene eseguita su un opportuno modello discretizzato utilizzando i due software SAP e
Abaqus, che si basano sul metodo agli elementi finiti. Tale metodo è uno dei più importanti
sviluppi nelle analisi strutturali. Ogni continuo strutturale con un numero infinito di gradi di
libertà può essere approssimato mediante l’assemblaggio di elementi finiti aventi un numero
finito di gradi di libertà. Perciò, le equazioni differenziali parziali che governano il
comportamento del continuo strutturale vengono ridotte ad un sistema di equazioni
differenziali ordinarie, tante quante i gradi di libertà del nuovo sistema ad elementi finiti.
Il numero di elementi da scegliere per l’assemblaggio dipende dall’accuratezza desiderata. Con
una scelta opportuna degli elementi finiti, il risultato ottenuto converge alla soluzione esatta a
seguito della riduzione della dimensione degli elementi. Ciò significa che più si aumenta il
numero degli elementi di discretizzazione più la soluzione sarà precisa [37].

185
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura 7.1 – Diga di Koyna (India)

Le caratteristiche geometriche del profilo trasversale della diga di Koyna, utilizzate per i modelli
ad elementi finiti in SAP e in Abaqus, sono definite in Figura 7.2.
I parametri principali utilizzati nell'analisi sono il rapporto tra il modulo elastico della
fondazione e quello dello sbarramento.

Figura 7.2 – Caratteristiche geometriche della diga di Koyna

186
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Nelle analisi effettuate la roccia di fondazione è stata considerata priva di massa (tecnicamente
“massless region”) e connessa alla diga. Questa decisione porta innanzitutto ad una riduzione
del numero dei gradi di libertà dinamici del sistema. Secondariamente, l’assenza di massa
rende la roccia di fondazione equivalente ad una molla, cioè viene presa in considerazione solo
la sua flessibilità [38,39].
Nel modello in esame, il moto rigido alla base della fondazione viene trasmesso
istantaneamente attraverso la roccia fino allo sbarramento, senza alcun effetto di
propagazione d’onda.
Lo smorzamento della roccia di fondazione in assenza di massa è di solito preso pari a zero.
Sono state valutate le storie temporali dei parametri di danno locali come gli spostamenti dei
nodi e le accelerazioni, generalmente utilizzati per la valutazione dei modi critici e dei
parametri di danno globale, per diversi rapporti dei moduli elastici della diga e della
fondazione.
I dati di ingresso richiesti per l’analisi sismica del sistema diga-fondazione-serbatoio sono:
- il moto del terreno;
- la pressione dell’acqua indotta dal sisma (forze idrodinamiche);
- la geometria della struttura e della fondazione;
- le proprietà dei materiali (calcestruzzo e roccia);
- le condizioni al contorno.
La Figura 7.3 mostra il sistema diga-fondazione analizzato in SAP, che corrisponde ad un
singolo monolite della diga di Koyna.

Figura 7.3 – Configurazione iniziale in SAP del modello diga-fondazione di Koyna

187
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Il calcestruzzo della diga è assunto lineare-elastico. Inoltre si introduce l’ipotesi di stato piano di
sforzo, in quanto i monoliti possono essere considerati separatamente l’uno dagli altri come
strutture indipendenti per la tipica forma a sperone. Infatti, essi sono separati dai vani interni
che non permettono il trasferimento degli sforzi ai monoliti limitrofi. Ciò significa che una delle
tensioni principali e le componenti degli altri due sforzi nel relativo piano principale sono nulle.
Di seguito vengono riportate le caratteristiche del calcestruzzo della diga di Koyna:

MATERIALE QUANTITÀ VALORE UNITÀ DI MISURA


Ec 24˙000 MPa
 2640 Kg/m3
Calcestruzzo
νc 0,20 -
c 5% -
Tabella 7.13 – Caratteristiche del calcestruzzo per la diga di Koyna

Invece, la roccia di fondazione è stata assunta in stato piano di deformazione, in quanto in


questo caso la deformazione in direzione longitudinale è uguale a zero. È stato possibile
utilizzare gli stessi elementi finiti sia per la diga, sia per la fondazione, in quanto dalla
letteratura si evince che le relazioni sforzi-deformazioni dei due problemi chiamati in causa
differiscono in termini di modulo di Young E e coefficiente di Poisson ν [40]:

ε x   1 ν 0   σx 
  1    σ 
Plane stress:  ε y     ν 1 0   y 
  E 0 0 2  1  ν   τ xy 
 γ xy    

ε x  1  ν  ν 0 ζ x 
  1 ν  
Plane strain: ε y      ν 1  ν 0  ζ y 
  E
 0 0 2  η xy 
γ xy   

Di conseguenza, nel programma di calcolo sono stati inseriti:


- i valori assegnati inizialmente di E c e di ν c per il calcestruzzo della diga di Koyna;
-  
il valore di E f , ridotto di un termine 1 ν 2 , e il valore di ν f , moltiplicato per 1  ν  ,
per la roccia di fondazione.

Questo ha permesso di utilizzare elementi quadrilateri a 4 nodi (tipici del caso di stato piano di
sforzo) per tutto il modello considerato (§ A.3).
Il modulo di elasticità della fondazione viene fatto variare in modo che Ef/Ed = 1/8, 1/4, 1/2, 1,
2 e 4. Inoltre, è stato supposto un vincolo di incastro alla base della fondazione (nessuno
spostamento possibile), mentre lungo i lati sono stati disposti dei carrelli orizzontali, in modo
da impedire qualsiasi traslazione verticale.

188
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Figura 7.4 – Configurazione inziale in Abaqus del modello diga-fondazione di Koyna

Figura 7.5 – Discretizzazione in Abaqus del modello diga-fondazione di Koyna

189
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

7.3.1. ANALISI SISMICA DEL MODELLO DI KOYNA SOGGETTO ALLO SPETTRO DELLA
DIGA DI SAN GIACOMO

Considerando il modello diga-fondazione di Koyna, viene effettuata l’analisi sismica utilizzando


lo spettro di risposta orizzontale allo SLV (e la combinazione di accelerogrammi compatibili)
della diga di San Giacomo.
Di seguito vengono riportati i valori dei periodi (in secondi) ottenuti per il sistema diga-
fondazione per i diversi rapporti Ef/Ed definiti precedentemente.

Ef/Ed 1/8 1/4 1/2 1 2 4


T1 0,775091 0,60091 0,493152 0,431441 0,398252 0,380962
T2 0,356266 0,263324 0,209522 0,180996 0,161663 0,149777
T3 0,287381 0,238039 0,194107 0,155575 0,131877 0,118928
T4 0,142525 0,125228 0,108546 0,095141 0,085264 0,078622
T5 0,072196 0,068906 0,065757 0,062161 0,057589 0,053212
T6 0,068228 0,066721 0,063254 0,058692 0,054537 0,051211
Tabella 7.14 – Valori dei periodi del sistema diga-fondazione calcolati con SAP

Come è possibile osservare dalla tabella precedente, aumentando il rapporto tra i due moduli
elastici il sistema diga-fondazione diventa più rigido, quindi si riduce il suo periodo proprio
come atteso.

Figura 7.6 – Configurazione deformata del modello diga-fondazione di Koyna nel caso Ef/Ed=1/8 (1° modo)

Si dimostra che incrementando le dimensioni del blocco di roccia connesso al monolite, come
in Figura 7.6, l’influenza della fondazione sulla risposta globale dell’intero sistema diventa via
via meno incisiva, fino a scomparire (Tabella 7.15 mostra che i periodi propri sono
praticamente simile a quelli precedenti).

190
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Figura 7.7 – Configurazione iniziale con dimensioni della fondazione raddoppiate

Ef/Ed 1/8 1/4 1/2 1 2 4


T1 0,812323 0,624018 0,506266 0,438245 0,401611 0,382604
T2 0,402506 0,293602 0,221509 0,186703 0,165210 0,151715
T3 0,301489 0,250012 0,211312 0,168864 0,139408 0,122816
T4 0,144465 0,127717 0,111256 0,097756 0,087392 0,080006
T5 0,072519 0,069477 0,066798 0,063738 0,059483 0,054803
T6 0,068454 0,067048 0,063644 0,059215 0,055168 0,051812
Tabella 7.15 – Valori dei periodi del sistema diga-fondazione (dimensioni maggiori della fondazione) calcolati
con SAP

Inoltre, per poter confrontare i risultati con un eventuale modello ad EF in Abaqus, viene
valutato lo spostamento massimo del nodo 7, collocato sulla sommità del monolite (Figura
7.8).

Ef/Ed u7 [m]
1/8 0,03488
1/4 0,02875
1/2 0,02500
1 0,02210
2 0,02001
4 0,01871
Tabella 7.16 – Spostamento massimo del nodo 7

191
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura 7.8 – Posizione del nodo 7 nel modello ad elementi finiti

A questo punto viene considerato il modello ad elementi finiti realizzato mediante Abaqus e si
confrontano i risultati ottenuti con quelli esposti precedentemente.

Ef/Ed 1/8 1/4 1/2 1 2 4


T1 0,782963 0,606097 0,496278 0,433088 0,398963 0.381156
T2 0,358487 0,264571 0,209837 0,181291 0,161880 0.149849
T3 0,288326 0,238601 0,194924 0,156040 0,132100 0.119038
T4 0,142205 0,125019 0,108353 0,094967 0,085128 0.078505
T5 0,071705 0,068587 0,065703 0,062174 0,057620 0.053231
T6 0,068190 0,066582 0,062937 0,058387 0,054256 0.050942
Tabella 7.17 – Valori dei periodi del sistema diga-fondazione calcolati con Abaqus

I periodi propri risultano molto prossimi a quelli ottenuti con il modello realizzato in SAP,
quindi le analisi sono state eseguite correttamente.

Per quanto riguarda lo spostamento del nodo 7 in sommità, i valori che si ottengono mediante
l’analisi in Abaqus sono confrontabili con quelli ottenuti mediante l’analisi precedente,
dimostrando l’affidabilità dei due modelli (Figura 7.9). Tuttavia, non risultano perfettamente
coincidenti in quanto gli elementi finiti delle due discretizzazioni sono differenti: SAP utilizza
elementi a 4 nodi, ciascuno dei quali possiede 3 gradi di libertà (2 traslazionali e 1 drilling =
rotazione intorno ad un asse ortogonale al piano di un elemento finito bidimensionale, come
definito in § A.3); invece per Abaqus la mesh è realizzata mediante elementi finiti a 8 nodi.

192
Capitolo 7 – Analisi sismiche

+3,329e-02
+3,051e-02
+2,774e-02
+2,497e-02
+2,219e-02
+1,942e-02
+1,664e-02
+1,387e-02
+1,110e-02
+8,322e-03
+5,548e-03
+2,774e-03
+0,000e+00

Figura 7.9 – Configurazione deformata del modello diga-fondazione di Koyna nel caso Ef/Ed=1/8 con valori del
massimo spostamento

7.3.2. ANALISI SISMICA DEL MODELLO DI KOYNA SOGGETTO AGLI ACCELEROGRAMMI


COMPATIBILI DELLA DIGA DI SAN GIACOMO

È stato utilizzato il programma “REXEL”, che permette la ricerca di combinazioni di


accelerogrammi naturali compatibili con gli spettri di risposta delle Norme Tecniche per le
Costruzioni, dell'Eurocodice 8 o definiti dall'utente arbitrariamente. Gli accelerogrammi
possono anche rispecchiare caratteristiche di sorgente di interesse in termini di magnitudo,
distanza epicentrale e misure d'intensità del terremoto.
Le registrazioni accelerometriche contenute in REXEL sono quelle dell'European Strong Motion
Database (ESD), al quale si è fatto riferimento per la definizione dell’accelerogramma per la
diga di San Giacomo, quelle dell’Italian Accelerometric Archive (ITACA) o del database con
records da tutto il mondo (SIMBAD).
La ricerca di combinazioni di accelerogrammi naturali compatibili con gli spettri delle NTC o
dell’EC8 avviene secondo 4 passi, definiti come:

Definizione dello spettro di risposta.

È necessario innanzitutto costruire lo spettro di risposta elastico in accelerazione per il sito di


interesse. A tale scopo, nel caso si voglia effettuare la selezione secondo le NTC, è necessario
inserire le coordinate geografiche del sito (longitudine e latitudine) in gradi decimali e
specificare la categoria di sottosuolo e topografica, vita nominale, classe d’uso e stato limite.
Mediante il comando “Build code spectrum”, vengono disegnati sulla schermata principale i
due spettri della diga di San Giacomo, ai quali sono collegati dei file contenenti tutte le
coordinate. Naturalmente, essi risultano identici a quelli calcolati alla sezione 7.1.6 (Grafico 7.3
e Grafico 7.4).

193
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

PARAMETRO DEFINIZIONE
Longitudine 10,277777
Latitudine 46,536944
Classe sito A
Categoria topografica T1
Vita nominale 100
Classe funzionale IV
Stato limite SLV
Tabella 7.18 – Parametri necessari per la definizione dello spettro di risposta

Figura 7.10 – Schermata di lavoro di REXEL per l’elaborazione degli accelerogrammi compatibili con lo spettro
della diga di San Giacomo

Disaggregazione.

La disaggregazione è una procedura che permette di conoscere il contributo alla sismicità


(pericolosità) di un dato sito di qualsiasi variabile del problema (condizionatamente al
superamento della misura di intensità corrispondente al periodo di ritorno di interesse): in
questo caso si fa riferimento alla magnitudo (M) ed alla distanza (R). Tali contributi dipendono
dall’ordinata spettrale e dal valore di pericolosità associato al sito studiato, oppure,
equivalentemente, dal periodo di ritorno considerato.
Al fine di stabilire quale intervallo di valori è necessario considerare per ciascun parametro per
una stima discreta dell’accelerogramma compatibile, si utilizza un opportuno comando (“Look
at disaggregation”), che riporta per via grafica tali set.
A questo punto l’utente deve specificare gli intervalli (valore minimo e massimo) dei parametri
di intensità di interesse. Inoltre, è necessario definire se si intende considerare accelerogrammi

194
Capitolo 7 – Analisi sismiche

provenienti dalla stessa geologia locale del sito in esame (cioè dallo stesso tipo di suolo
utilizzato per la costruzione dello spettro target) o da una qualsiasi classe di suolo.
Una volta forniti tali valori il software restituisce il numero di records disponibili in questi
intervalli e tra cui opererà la successiva selezione (nel caso in esame risultano più di 100).

Figura 7.11 – Rappresentazione dell’intervallo di valori di magnitudo da considerare per l’accelerogramma

Specifiche della selezione.

In questa fase è necessario specificare la tolleranza con cui lo spettro medio della
combinazione deve rispettare il target in un arbitrario intervallo di periodi, comunque
compreso tra 0 e 4 secondi. Più precisamente, è necessario definire la sottostima e la
sovrastima massime (in termini percentuali) rispetto allo spettro di riferimento e l’intervallo di
periodi (in secondi) di interesse.

Figura 7.12 – Richiesta del target per la componente verticale

195
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Il programma consente di effettuare analisi mirate ad ottenere combinazioni di


accelerogrammi compatibili con lo spettro di normativa che, essendo stati normalizzati rispetto
alla propria PGA (peak ground acceleration), sono compatibili con lo spettro se scalati
linearmente. In questo caso è necessario selezionare l’opzione “Non-dimensional” e specificare
il massimo fattore di scala medio che si desidera utilizzare.

Ricerca delle combinazioni.

A questo punto, definendo le componenti di accelerazione, il programma combina tutte le


informazioni che sono state fornite e realizza l’accelerogramma.
Nel caso di analisi spaziali, dove si applicano tutte e tre le componenti dell’azione sismica, la
selezione automatica avviene secondo due passi successivi: dapprima vengono cercate le
combinazioni compatibili relativamente alla componente orizzontale dello spettro (7 coppie);
successivamente, il programma analizza le combinazioni trovate e ne verifica la compatibilità
anche relativamente alla componente verticale, chiedendo di specificare anche per tale
componente i vincoli di tolleranza con lo spettro target e l’intervallo di periodi di interesse.

196
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Grafico 7.5 – Combinazione di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta orizzontale

197
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Grafico 7.6 – Combinazione di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta verticale

198
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Nel caso in esame si effettua un’analisi considerando sette combinazioni di accelerogrammi


relative allo spettro di risposta orizzontale della diga allo SLV (Grafico 7.3), i cui valori e
andamenti sono riportati nelle immagini seguenti.

Combinazione 1
0.8

0.6

0.4

0.2
[m/s²]

0
0 5 10 15 20 25 30
-0.2
a

-0.4

-0.6

-0.8
T [s]
Grafico 7.7 – Combinazione 1 di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta orizzontale

Combinazione 2
0.8

0.6

0.4
[m/s²]

0.2

0
a

0 5 10 15 20 25 30
-0.2

-0.4

-0.6
T [s]
Grafico 7.8 – Combinazione 2 di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta orizzontale

199
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Combinazione 3
0.25

0.2

0.15

0.1

0.05
[m/s²]

0
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
-0.05
a

-0.1

-0.15

-0.2

-0.25
T [s]
Grafico 7.9 – Combinazione 3 di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta orizzontale

Combinazione 4
0.6

0.4

0.2
[m/s²]

0
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
a

-0.2

-0.4

-0.6
T [s]
Grafico 7.10 – Combinazione 4 di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta orizzontale

200
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Combinazione 5
0.3

0.2

0.1
[m/s²]

0
0 5 10 15 20 25 30
a

-0.1

-0.2

-0.3
T [s]
Grafico 7.11 – Combinazione 5 di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta orizzontale

Combinazione 6
0.3

0.2

0.1
[m/s²]

0
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
a

-0.1

-0.2

-0.3
T [s]
Grafico 7.12 – Combinazione 6 di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta orizzontale

201
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Combinazione 7
0.3

0.2

0.1
[m/s²]

0
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
a

-0.1

-0.2

-0.3
T [s]
Grafico 7.13 – Combinazione 7 di accelerogrammi compatibili con lo spettro di risposta orizzontale

Nelle figure seguenti vengono riportate le storie di spostamento del nodo 7 per tutte le
combinazioni di accelerogrammi applicati alla base della fondazione (Figura 7.3) in riferimento
al caso di Ef/Ed = 1/2, ottenute rispettivamente con l’analisi elastica lineare mediante SAP (blu)
e Abaqus (azzurro).

Combinazione 1
0.02

0.01

0
0 2 4 6 8 10
[m]

-0.01
U_x

-0.02

-0.03

-0.04
T [s]

Grafico 7.14 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la prima combinazione di
accelerogrammi

202
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Combinazione 2
0.020

0.015

0.010

0.005
[m]

0.000
0 2 4 6 8 10
U_x

-0.005

-0.010

-0.015

-0.020

-0.025
T [s]
Grafico 7.15 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la seconda combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 3
0.008

0.006

0.004

0.002
[m]
U_x

0
0 2 4 6 8 10
-0.002

-0.004

-0.006
T [s]
Grafico 7.16 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la terza combinazione di
accelerogrammi

203
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Combinazione 4
0.03

0.02

0.01

0
[m]

0 2 4 6 8 10
U_x

-0.01

-0.02

-0.03

-0.04
T [s]
Grafico 7.17 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quarta combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 5
0.015

0.010

0.005

0.000
[m]

0 2 4 6 8 10
U_x

-0.005

-0.010

-0.015

-0.020
T [s]
Grafico 7.18 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quinta combinazione di
accelerogrammi

204
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Combinazione 6
0.015

0.010

0.005

0.000
[m]

0 2 4 6 8 10
U_x

-0.005

-0.010

-0.015

-0.020
T [s]
Grafico 7.19 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la sesta combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 7
0.010

0.005

0.000
0 2 4 6 8 10
-0.005
[m]
U_x

-0.010

-0.015

-0.020

-0.025
T [s]
Grafico 7.20 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la settima combinazione di
accelerogrammi

205
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

I grafici ottenuti negli altri casi (Ef/Ed = 1/8, 1/4, 1, 2, 4) vengono riportati in § A.2 alla fine
della relazione.
Le storie di spostamento appena determinate presentano andamenti molto simili nei primi 4 –
5 secondi (con l’eccezione della combinazione 7), mentre risultano leggermente diverse o
sfasate tra loro nell’ultima parte dell’intervallo temporale scelto. Questo fenomeno può essere
considerato ragionevole in quanto una struttura risente degli effetti sismici (cioè della
trasmissione delle onde) nei primi secondi di propagazione, mentre successivamente l’influenza
diminuisce fino a stabilizzarsi.
Inoltre, le curve rappresentate non sono esattamente coincidenti anche nella parte iniziale a
causa dei diversi elementi finiti utilizzati nella discretizzazione dai due programmi di calcolo: in
SAP sono stati scelti elementi finiti a 4 nodi, mentre in Abaqus si è optato per elementi
quadratici a 8 nodi (CPS8). Entrambe le scelte rientrano nell’ipotesi di stato piano di sforzo.
Bisogna ricordare che nel caso si utilizzino almeno 7 combinazioni di accelerogrammi gli effetti
sulla struttura (spostamenti, deformazione, ecc) sono rappresentati dalle medie dei valori
massimi ottenuti dalle analisi. Questi valori medi andrebbero poi utilizzati per le verifiche di
normativa discusse al § 7.2.

7.4. ANALISI SISMICA DELLA DIGA DI SAN GIACOMO

7.4.1. PARTICOLARITÀ SULL’ANALISI CON SPETTRO DI RISPOSTA

L’analisi modale utilizza una rappresentazione dei moti sismici mediante spettri di risposta per
calcolare la risposta massima di una diga soggetta a carichi sismici. Questo metodo
approssimato fornisce una procedura efficace per le analisi preliminari di dighe nuove ed
esistenti. Esso può anche essere utilizzato per analisi finali qualora i valori massimi di sforzo
calcolati risultino sufficientemente inferiori a quelli ammissibili del calcestruzzo. Utilizzando
questa procedura la risposta massima della diga è ottenuta combinando le risposte massime
per ogni modo di vibrazione determinate separatamente.
Il primo passo che viene effettuato nell’analisi è la valutazione delle forme modali e delle
frequenze di vibrazione per il sistema diga-serbatoio-fondazione. Successivamente viene
determinata la risposta dinamica massima della diga, che include gli spostamenti nodali e gli
sforzi negli elementi. Questi valori sono ottenuti combinando le massime risposte sviluppate in
ciascun modo di vibrazione attraverso la combinazione SSRS (Square Root of the Sum of
Squares) o la CQC (Complete Quadratic Combination).
Ogni qualvolta tutte le risposte modali principali possano essere considerate come indipendenti
tra loro, il valore massimo di un effetto dovuto all’azione sismica può essere valutato con la
seguente espressione (regola di combinazione SRSS):

EE  E Ei2
dove:
E E è l’effetto dell’azione sismica in considerazione;

206
Capitolo 7 – Analisi sismiche

E Ei è il valore dell’effetto dell’azione sismica dovuto all’i-esimo modo di vibrazione.

Se la condizione di indipendenza delle risposte modali non è soddisfatta, si devono adottare


procedure più accurate come ad esempio la “Combinazione Quadratica Completa” (CQC):

E  i  j ρ i,j  E i  E j
dove:
E è il valore totale di risposta sismica che si sta considerando;

E i è il valore della medesima componente dovuta al modo i;

E j è il valore della medesima componente dovuta al modo j;

ρ i,j è il coefficiente di correlazione tra il modo i e il modo j.

8 ξ 2
 
 1  β i,j  β i,j3 / 2
ρ i,j 

1 
β i,j2
2
4 ξ 2

 β i,j  1  β i,j2 
dove:
ξ è il coefficiente di smorzamento equivalente;

β i,j  ωi /ωj è il rapporto tra le frequenze di ciascuna coppia di modi i e j.

Infine, le risposte massime risultanti valutate indipendentemente per ogni componente del
moto del terreno sono ulteriormente combinate con il metodo SRSS in modo da includere gli
effetti di tutte tre le componenti del terremoto, due orizzontali e una verticale.
La valutazione del comportamento di una diga sotto effetto sismico effettuata mediante
l’analisi con spettro di risposta prevede il confronto degli sforzi totali dovuti ai carichi statici e
sismici con la resistenza del calcestruzzo. Per ottenere lo sforzo totale, le tensioni dinamiche
 d devono essere combinate con gli effetti dei carichi statici  st . Quest’ultimi includono il
peso proprio, la pressione idrostatica e le variazioni di temperatura che si prevedono durante le
condizioni normali di funzionamento dell’opera.
La combinazione di sforzi statici e dinamici è definita dalla seguente espressione:

ζmax  ζst  ζd

Tale combinazione risulta appropriata se ζ st e ζ d hanno lo stesso verso. Questo generalmente


non è vero per le tensioni principali. In realtà non è possibile calcolare gli sforzi principali
mediante un’analisi con spettro di risposta, in quanto gli sforzi massimi non avvengono
contemporaneamente. Per questo motivo gli sforzi principali devono essere determinati
utilizzando un’analisi ad elementi finiti basata su una storia di accelerazioni nel tempo
(acceleration time-history = accelerogramma) [41,42].

207
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

7.4.2. SCELTA DEL TIPO DI ANALISI SISMICA PER LA DIGA DI SAN GIACOMO

Per lo sbarramento di San Giacomo è stato deciso di effettuare un’analisi sismica con spettro di
risposta allo SLV, in quanto una time-history avrebbe richiesto maggior onere computazionale
(bisognerebbe considerare sette combinazioni di accelerogrammi per ciascuna componente
orizzontale ed altrettanti per la componente verticale).
Il modello utilizzato è composto dai due speroni centrali di massima altezza e dal modulo di
terreno corrispondente, le cui caratteristiche dimensionali sono descritte in § 3.2.
Effettuando l’analisi modale con spettro di risposta agente da monte verso valle si ottengono i
seguenti valori dei primi 30 modi di vibrare:

MODO FREQUENZA PERIODO


[-] [cicli/s] [s]
1 3,0657 0,3262
2 5,4415 0,1838
3 6,6203 0,1511
4 12,619 0,0792
5 14,919 0,0670
6 19,902 0,0502
7 19,931 0,05017
8 20,595 0,0486
9 21,415 0,0467
10 21,865 0,0457
11 22,443 0,0446
12 23,133 0,0432
13 25,712 0,0389
14 27,673 0,0361
15 29,170 0,0343
16 29,719 0,0336
17 32,729 0,0306
18 33,541 0,0298
19 33,578 0,02978
20 35,231 0,0284
21 36,155 0,0277
22 36,361 0,0275
23 36,450 0,0274
24 37,665 0,0265
25 37,815 0,0264
26 40,425 0,0247
27 40,548 0,02466
28 40,983 0,0244
29 41,960 0,0238
30 43,572 0,0229
Tabella 7.19 – Valori dei periodi propri del sistema diga-terreno per sisma da monte verso valle

208
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Leggendo i risultati ottenuti dall’analisi nel Grafico 7.21, si evince che i primi due modi sono
rappresentativi del comportamento della struttura per quanto riguarda rispettivamente il moto
orizzontale e il moto verticale, in quanto prendono in causa gran parte della massa
partecipante in direzione X e Z. Il primo modo rilevante in direzione Y è invece il 7.
Non sono stati riportati i fattori di partecipazione degli altri 20 modi, in quanto sono tutti
vicino a valori molto bassi.
Per completezza si riportano le deformate modali dei primi quattro modi caratterizzate da
risposte meno articolate rispetto alle successive.

Masse effettive
1.80E+08
1.60E+08
1.40E+08
1.20E+08
Masse effettive

1.00E+08
Massa in X
8.00E+07
Massa in Y
6.00E+07
Massa in Z
4.00E+07
2.00E+07
0.00E+00
0 2 4 6 8 10

Modi
Grafico 7.21 – Valori dei fattori di partecipazione dei primi 10 modi del modulo speroni-terreno

Figura 7.13 – Primo modo di vibrare T=0,3262

209
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura 7.14 – Secondo modo di vibrare T=0,1838

Figura 7.15 – Terzo modo di vibrare T=0,1511

Figura 7.16 – Quarto modo di vibrare T=0,0792

210
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Gli spostamenti dedotti dall’analisi sismica con spettro di risposta, come combinazione delle
risposte modali, sono rappresentati nelle figure seguenti:

Figura 7.17 – Spostamenti dovuti alla combinazione delle risposte dell’analisi modale

U1 [m]

+1,988e-02
+1,849e-02
+1,711e-02
+1,572e-02
+1,433e-02
+1,294e-02
+1,155e-02
+1,016e-02
+8,775e-03
+7,387e-03
+5,999e-03
+4,610e-03
+3,222e-03

Figura 7.18 – Spostamenti dello sperone dovuti al carico sismico

211
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

7.4.3. ANALISI PSEUDOSTATICHE

Un metodo per controllare la correttezza dei risultati ottenuti mediante l’analisi sismica con
spettro di risposta (od eventualmente con gli accelerogrammi compatibili) è quello di
effettuare delle analisi pseudostatiche. Il procedimento consiste nell’applicazione di forze
statiche “equivalenti” alle forze d’inerzia prodotte dal sisma: ad ogni unità di volume è
associata una forza pari al prodotto del coefficiente sismico per la massa del sottovolume. Il
valore di tale coefficiente è rappresentato dall’ordinata dello spettro di risposta elastico in
accelerazione corrispondente al periodo fondamentale di vibrazione della struttura. Tale
periodo è valutato tenendo conto dell’interazione dell’opera con la roccia di fondazione.
La regola con cui vengono combinate le forze statiche equivalenti agenti nelle tre direzioni è
indicata al § 7.3.5 delle NTC e nella Nota 13 delle PAN [3,4].
Poiché la risposta dello sbarramento viene valutata mediante analisi statiche in campo lineare,
essa può essere calcolata separatamente per ciascuna delle tre componenti; la risposta a
ciascuna componente è combinata con gli effetti pseudo-statici indotti dagli spostamenti
relativi prodotti dalla variabilità spaziale della componente stessa, utilizzando la radice
quadrata della somma dei quadrati. Gli effetti sulla struttura (sollecitazioni, deformazioni,
spostamenti, ecc.) sono combinati successivamente, applicando la seguente espressione:

1 ,00  E x  0 ,3  E y  0 ,3  E z

con rotazione dei coefficienti moltiplicativi e conseguente individuazione degli effetti più
gravosi. Nel caso in esame si è considerato solamente lo spettro di risposta orizzontale, perciò
le componenti nelle altre due direzioni ( E y e E z ) sono assunte pari a zero. Tuttavia il segno
dell’unica componente adottata è arbitrario, quindi occorre eseguire le verifiche per entrambe
le condizioni di tale forza sismica.

Spettro orizzontale SLV


0.45
0.4
0.35
0.3
0.25
[g]

SLV
0.2
T=0,3262 s
Sa(T)

0.15
Sa(T)=0,306497 g
0.1
0.05
0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4

T [s]
Grafico 7.22 – Valutazione dell’accelerazione da impostare come forza statica equivalente sul sistema speroni-
terreno

212
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Le analisi vengono svolte confrontando gli sforzi massimi di trazione e/o compressione con i
valori di riferimento riportati nelle norme e con quelli valutati mediante analisi modale.
Si considera il primo modo di vibrare, in quanto dà origine ad una traslazione nella direzione
dell’azione sismica (Figura 7.13): il periodo proprio legato al primo modo è pari a 0,3262 s.
Introducendo tale valore nello spettro di risposta orizzontale allo SLV si ricava direttamente il
valore di accelerazione da imporre al sistema diga-fondazione come forza statica equivalente:

ag  0.306497 g  3,0067 m / s 2

Per quanto riguarda le azioni inerziali dell’acqua contenuta nei serbatoi, da aggiungere a quelli
di inerzia della massa muraria, in accordo con §C.7.7.3 delle PAN esse vengono assimilate ad
una distribuzione di pressione sui paramenti bagnati che valgono [3]:

p  a  ρ c  y0

dove:
a è l’accelerazione orizzontale massima al sito [m/s2];

ρ è la massa per unità di volume dell’acqua [N·s2/m4];

y 0 è la differenza tra la quota dell’acqua presente nella combinazione sismica e la


quota del punto più depresso dell’alveo naturale al piede del paramento considerato;

cm  y  y  y  y 
c    2     2   ;
2  y 0  y 0  y0  y 0  
 

y è la differenza tra la quota dell’acqua presente nella combinazione sismica e la


quota del punto generico del paramento a cui è associata la pressione p;

c m  0 ,0073  α  0 ,7212 , in cui α è l’angolo di inclinazione del paramenti rispetto


alla verticale espresso in gradi sessagesimali. Per α  60 si assume c m  0 ,3 .

Nelle analisi pseudostatiche queste pressioni sono state tenute in conto sia quando l’azione
sismica è diretta da monte verso valle, sia viceversa (rispettivamente direzione positiva e
negativa dell’asse x).
Se i paramenti hanno inclinazione non costante si definisce c m come il valore medio pesato in
base all’estensione dei singoli tratti di diversa inclinazione con riferimento alla sezione maestra
(come nel caso del paramento di valle); per le eventuali zone con inclinazione negativa (a
strapiombo) si introduce per c m il valore 0,74 [3].
Il valore del coefficiente “c” viene determinato mediante una subroutine (§ A.5).
Nella tabella seguenti si riportano i parametri necessari per la determinazione delle azioni
inerziali dell’acqua agente sui due paramenti dello sperone:

213
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

PARAMENTO cm y0 a ρ
2
[-] [-] [m] [m/s ] [N·s2/m4]
Monte 0,72624 1875 3,00673557 1000
Valle 0,55125 1875 3,00673557 1000
Tabella 7.20 – Parametri necessari per la determinazione delle azioni inerziali dell’acqua

σ VERTICALI [MPa]

+2,016e+00
+1,667e+00
+1,333e+00
+1,000e+00
+6,667e-01
+3,333e-01
+1,875e-05
-3,333e-01
-6,667e-01
-1,000e+00
-1,333e+00
-1,667e+00
-2,000e+00

Figura 7.19 – Sforzi verticali dedotti dall’analisi pseudostatica per il modello diga-terreno

214
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Gli sforzi verticali riportati nelle figure precedenti devono essere utilizzati come confronto con i
risultati dell’analisi sismica con spettro di risposta. Essi permettono di verificare se i valori
ottenuti con un’analisi modale possono essere considerati accettabili oppure è necessario
procedere con un’analisi time-history (con accelerogramma). Le tensioni ottenuti con lo spettro
di risposta orizzontale sono le seguenti:

σ VERTICALI [MPa]

+2,016e+00
+1,667e+00
+1,333e+00
+1,000e+00
+6,667e-01
+3,333e-01
+1,875e-05
-3,333e-01
-6,667e-01
-1,000e+00
-1,333e+00
-1,667e+00
-2,000e+00

Figura 7.20 – Sforzi verticali dedotti dall’analisi modale per il modello diga-terreno

215
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Osservando le figure precedenti, gli sforzi verticali determinati dalle due differenti analisi
sembrano comparabili tra loro. Per meglio definire tale confronto, si rappresentano gli stati
tensionali sulle sezioni orizzontali di due speroni a quota 1922 m s.l.m. (stessa sezione
considerata nelle analisi statiche e termiche).

(1) (2)
Figura 7.21 – Sforzi verticali dedotti rispettivamente dall’analisi pseudostatica (1) e da quella modale (2) sulla
sezione a quota 1922 m s.l.m.

Confronto pseudostatica e modale


1.80
1.60
1.40
[MPa]

1.20
1.00
Sforzo verticale

0.80 Analisi psudostatica


0.60 Analisi modale
0.40
0.20
0.00
0 5 10 15 20 25 30

L [m]

Grafico 7.23 – Confronti degli sforzi verticali dovuti all’azione sismica, valutati mediante due analisi differenti

216
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Tale confronto permette di affermare che l’analisi modale porta a dei risultati abbastanza
accurati e lo si dimostra anche riportando gli spostamenti causati dalle forze statiche
equivalenti ed inerziali dello stesso ordine di grandezza di quelli dedotti dall’analisi modale.

U1 [m]

+2,123e-02
+2,009e-02
+1,991e-02
+1,829e-02
+1,668e-02
+1,507e-02
+1,346e-02
+1,185e-02
+1,024e-02
+8,630e-03
+7,020e-03
+5,410e-03
+3,602e-03

Figura 7.22 – Spostamenti dello sperone dovuti al carico sismico

U1 [m]

+1,988e-02
+1,849e-02
+1,711e-02
+1,572e-02
+1,433e-02
+1,294e-02
+1,155e-02
+1,016e-02
+8,775e-03
+7,387e-03
+5,999e-03
+4,610e-03
+3,222e-03

Figura 7.23 – Spostamenti dello sperone dovuti al carico sismico

217
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

7.5. DETERMINAZIONE DEGLI SFORZI VERTICALI TOTALI

Naturalmente non rientra nell’interesse del lavoro considerare il solo carico sismico agente sul
modello diga-terreno, perciò si effettua l’analisi lineare combinando gli effetti generati dai
carichi definiti fino ad ora:
- peso proprio;
- carico idrostatico di monte e di valle;
- carico termico;
- azione sismica (da monte verso valle).
Dal momento che si è dimostrato che non è possibile valutare gli sforzi principali mediante
un’analisi con spettro di risposta (§ 7.4.1), si studiano le sole tensioni verticali.
Per prima cosa è necessario determinare tali sforzi causati da ciascun carico separatamente, in
modo da definire se l’analisi rientra in campo elastico lineare. Una volta valutati tali sforzi e
dimostrata la linearità dei diversi passi di analisi, è possibile combinare gli effetti per stabilire il
comportamento finale del modello.
Gli sforzi principali verranno valutati solamente sui punti di estremità di due sezioni orizzontali
significative (1922 e 1878,22 m s.l.m.), in quanto in prossimità dei paramenti è possibile
calcolarli facilmente con metodi manuali. Tale affermazione è considerata accettabile perché
sui paramenti degli speroni sono note la tensione verticale (mediante analisi in Abaqus) e la
tensione dovuta alla pressione idrostatica (sforzo principale). Mediante l’applicazione
dell’equilibrio si ottiene la tensione principale agente nella direzione ortogonale a quella della
pressione idrostatica (queste due rappresentano le direzioni principali).

Figura 7.24 – Sforzi agenti sull’elementino infinitesimo dl paramento di monte

Di seguito vengono riportati gli stati di sforzo verticale sul modello diga-terreno per ogni
condizione di carico, che vengono confrontati con i risultati ottenuti precedentemente nel caso
di sperone singolo privo di terreno (Capitolo 5 e 6).
A causa della difficile geometria degli speroni e dell’attacco tra essi ed il terreno circostante
(che avviene mediante la sovrapposizione di nodi) possono nascere concentrazioni di sforzi
elevati non aspettate. Viene mostrato qualche esempio nelle figure di rappresentazione delle
tensioni verticali.

218
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Peso proprio:

σ VERTICALI [MPa]

+1,703e-01
-9,823e-02
-3,668e-01
-6,354e-01
-9,039e-01
-1,172e+00
-1,441e+00
-1,710e+00
-1,978e+00
-2,247e+00
-2,515e+00
-2,784e+00
-3,052e+00

Figura 7.25 – Sforzi verticali dovuti al solo peso proprio per il modello del singolo sperone

219
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Nel caso in cui si considera anche il terreno circostante, gli sforzi verticali ai quali è soggetto il
modello diventano:

σ VERTICALI [MPa]

+1,703e-01
-9,823e-02
-3,668e-01
-6,354e-01
-9,039e-01
-1,172e+00
-1,441e+00
-1,710e+00
-1,978e+00
-2,247e+00
-2,515e+00
-2,784e+00
-3,052e+00

Figura 7.26 – Sforzi verticali dovuti al solo peso proprio per il modello diga-terreno

220
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Figura 7.27 – Presenza di concentrazioni di sforzi verticali dovuti al solo peso proprio per il modello diga-
terreno

Nelle figure precedenti è possibile sottolineare la presenza di concentrazione di sforzi verticali


in entrambi i casi:
- per il modello dello sperone singolo, tali fenomeni si verificano in particolar modo sulla
sezione di base. Gli sforzi (di compressione) dedotti in quella zona si aggirano intorno
ai 3 MPa e sono dovuti alla geometria complicata dello sperone;
- per il modulo diga-terreno si hanno tensioni concentrate di compressione (blu e nero)
in prossimità dell’attaccatura a monte tra speroni e terreno circostante. Tale presenza è
considerata ragionevole, in quanto il contatto crea dei vincoli di incastro tra i nodi dello
sperone e quelli del terreno, tali da generare sforzi più elevati di quelli attesi (lo
sperone deve seguire gli spostamenti subiti dal terreno sotto i carichi imposti e
viceversa).
Inoltre, è possibile osservare una differenza tra i due casi esposti:
- nel primo modello i nodi di base sono stati vincolati in modo da impedirne qualsiasi
traslazione lungo gli assi di riferimento globali. Per questo motivo non si hanno
spostamenti in quella zona;
- al contrario, nel secondo modello la presenza del terreno e le sue caratteristiche di
cedevolezza determinano un cambiamento degli sforzi in prossimità della base dello
sperone.
Questa particolarità si ripeterà anche per le successive condizioni di carico.

Carico idrostatico all’istante t1 (massimo invaso dei due bacini):

221
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

In questo caso risulta opportuno considerare direttamente la combinazione di peso proprio e


carico idrostatico in modo da avere pronto già il primo step di calcolo che servirà a sommare
gli effetti di tali carichi con i rimanenti (carico termico e azione sismica) in termini di sforzi
verticali.

σ VERTICALI [MPa]

+1,547e+00
+1,149e+00
+7,512e-01
+3,535e-01
-4,425e-02
-4,420e-01
-8,397e-01
-1,237e+00
-1,635e+00
-2,033e+00
-2,431e+00
-2,828e+00
-3,226e+00

Figura 7.28 – Sforzi verticali dovuti al peso proprio e al carico idrostatico all’istante t1 per il modello del singolo
sperone

222
Capitolo 7 – Analisi sismiche

σ VERTICALI [MPa]

+1,547e+00
+1,149e+00
+7,512e-01
+3,535e-01
-4,425e-02
-4,420e-01
-8,397e-01
-1,237e+00
-1,635e+00
-2,033e+00
-2,431e+00
-2,828e+00
-3,226e+00

Figura 7.29 – Sforzi verticali dovuti al peso proprio e al carico idrostatico all’istante t1 per il modello diga-
terreno

223
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura 7.30 – Presenza di concentrazioni di sforzi verticali dovuti al peso proprio e al carico idrostatico
all’istante t1 per il modello diga-terreno

Anche per peso proprio e carico idrostatico nascono concentrazione di sforzi verticali:
- per il modello dello sperone singolo, gli sforzi concentrati hanno luogo sulla zona a
monte della parte finale. In questa condizione di carico le tensioni sono di trazione e
dell’ordine di 1 – 1,5 MPa;
- per il modulo diga-terreno si hanno tensioni concentrate di compressione (blu e nero)
al contatto tra speroni e terreno circostante a valle degli stessi. Come già affermato
precedentemente, tali sforzi sono considerati accettabili per le analisi che seguiranno.
Tuttavia, ci sono anche delle somiglianze tra i due modelli: gli sforzi del solettone e della zona
di sperone al quale è appoggiato sono confrontabili (Figura 7.25)

Figura 7.31 – Sforzi verticali nel solettone dovuti al peso proprio e al carico idrostatico all’istante t1 per il
modello del singolo sperone e della diga-terreno

224
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Carico idrostatico all’istante t2 (minimo invaso dei due bacini):

Si segue la stessa scelta fatta per il carico all’istante t1: si effettua direttamente la
combinazione di peso proprio e spinta idrostatica.

σ VERTICALI [MPa]

+1,547e+00
+1,149e+00
+7,512e-01
+3,535e-01
-4,425e-02
-4,420e-01
-8,397e-01
-1,237e+00
-1,635e+00
-2,033e+00
-2,431e+00
-2,828e+00
-3,226e+00

Figura 7.32 – Sforzi verticali dovuti al peso proprio e al carico idrostatico all’istante t 2 per il modello del singolo
sperone

225
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

σ VERTICALI [MPa]

+1,547e+00
+1,149e+00
+7,512e-01
+3,535e-01
-4,425e-02
-4,420e-01
-8,397e-01
-1,237e+00
-1,635e+00
-2,033e+00
-2,431e+00
-2,828e+00
-3,226e+00

Figura 7.33 – Sforzi verticali dovuti al peso proprio e al carico idrostatico all’istante t2 per il modello diga-
terreno

226
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Carico termico:

Per gli effetti termici si considerano entrambi gli istanti t1 e t2, corrispondenti rispettivamente
alla condizione di massimo invaso e di minimo invaso dei due bacini.

σ VERTICALI [MPa]

+2,022e+00
+1,563e+00
+1,103e+00
+6,440e-01
+1,846e-01
-2,747e-01
-7,341e-01
-1,193e+00
-1,653e+00
-2,112e+00
-2,571e+00
-3,031e+00
-3,490E+00

Figura 7.34 – Sforzi verticali dovuti al carico termico all’istante t1 per il modello del singolo sperone

227
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

σ VERTICALI [MPa]

+2,022e+00
+1,563e+00
+1,103e+00
+6,440e-01
+1,846e-01
-2,747e-01
-7,341e-01
-1,193e+00
-1,653e+00
-2,112e+00
-2,571e+00
-3,031e+00
-3,490E+00

Figura 7.35 – Sforzi verticali dovuti al carico termico all’istante t1 per il modello diga-terreno

228
Capitolo 7 – Analisi sismiche

σ VERTICALI [MPa]

+4,035e+00
+3,544e+00
+3,053e+00
+2,562e+00
+2,071e+00
+1,580e+00
+1,089e+00
+5,984e-01
+1,075e-01
-3,834e-01
-8,743e-01
-1,365e+00
-1,856E+00

Figura 7.36 – Sforzi verticali dovuti al carico termico all’istante t2 per il modello del singolo sperone

229
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

σ VERTICALI [MPa]

+4,035e+00
+3,544e+00
+3,053e+00
+2,562e+00
+2,071e+00
+1,580e+00
+1,089e+00
+5,984e-01
+1,075e-01
-3,834e-01
-8,743e-01
-1,365e+00
-1,856E+00

Figura 7.37 – Sforzi verticali dovuti al carico termico all’istante t2 per il modello diga-terreno

230
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Azione sismica (spettro di risposta orizzontale allo SLV da monte verso valle): l’andamento
degli sforzi verticali è già stato riportano in § 7.4.3.
Per completezza si mostra un ulteriore esempio di presenza di concentrazione di sforzi dovute
all’attacco tra terreno e speroni.

Figura 7.38 – Presenza di concentrazioni di sforzi verticali dovuti all’azione sismica per il modello diga-terreno

La presenza del terreno che circonda i due speroni centrali influisce leggermente sullo stato di
sforzo: infatti, si hanno concentrazioni di tensioni di trazione soprattutto in prossimità
dell’attacco a monte tra i nodi dei conci e quelli del terreno. Tuttavia, tale fenomeno non
risulta così importante.
Le tensioni verticali appena determinate nei confronti dell’azione sismica sono ottenute come
combinazione (CQC o SRSS) di quelle di ciascun modo di vibrazione della struttura: ciò
significa che esse rappresentano la situazione più gravosa alla quale può arrivare l’opera
durante un terremoto.

Dopo aver determinato l’andamento degli sforzi verticali per le diverse condizioni di carico è
possibile combinare gli effetti (direttamente utilizzando il software ad elementi finiti) e
dimostrare il soddisfacimento dell’ipotesi fatta inizialmente: poiché è stato deciso di effettuare
le analisi in campo elastico lineare, è bastato sovrapporre i risultati ottenuti per i carichi
considerati singolarmente. La combinazione finale viene plottata sulle due sezioni significative,
in modo da definire se il range nel quale ricadono è accettabile.
In funzione dei carichi considerati, si hanno le seguenti combinazioni:

231
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

COMBINAZIONI DEI CARICHI


Combinazione PP ΔT(t1) ΔT(t2) Idro (t1) Idro (t2) Sisma + Sisma -
1 x - - - - - -
2 x x - x - - -
3 x - x - x - -
4 x x - x - x -
5 x - x - x x -
6 x x - x - - x
7 x - x - x - x
Tabella 7.21 – Combinazioni lineari dei carichi agenti

1. La prima combinazione considera gli sforzi verticali generati dal solo peso proprio:

ζtotale  ζ _ PP

σ VERTICALI [MPa]

+3,000e-01
-3,917e-01
-1,083e+00
-1,775e+00
-2,467e-01
-3,158e-01
-3,850e+00
-4,542e+00
-5,233e+00
-5,925e+00
-6,617e+00
-7,308e+00
-7,750e+00

Figura 7.39 – Sforzi verticali dovuti alla prima combinazione di carico per gli speroni centrali

232
Capitolo 7 – Analisi sismiche

2. La seconda combinazione considera gli sforzi verticali dedotti dalla presenza


contemporanea di peso proprio, carico idrostatico e carico termico all’istante t1
(massimo invaso per entrambi i bacini):

ζ totale  ζ _ PP  ζ _ IDRO (t1 )  ζ _ ΔT(t1 )

σ VERTICALI [MPa]

+5,000e-01
-2,083e-01
-9,167e-01
-1,625e+00
-2,333e-01
-3,042e-01
-3,750e+00
-4,458e+00
-5,167e+00
-5,875e+00
-6,583e+00
-7,292e+00
-7,750e+00

Figura 7.40 – Sforzi verticali dovuti alla seconda combinazione per gli speroni centrali

Come accennato in precedenza, vengono riportati gli andamenti degli sforzi di due sezioni
significative, già considerate per le analisi effettuate nei capitolo 5 e 6.

Figura 7.41 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 2

233
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Combinazione 2 - quota 1922 m s.l.m.


2

1
[MPa]

0
0 5 10 15 20 25 30
-1
Sforzi verticali

-2

-3

-4
L [m]
Grafico 7.24 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 2

Figura 7.42 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 2

Combinazione 2 - quota 1878,20 m s.l.m.


0
0 10 20 30 40 50 60
-1
[MPa]

-2

-3
Sforzi verticali

-4

-5

-6
L [m]
Grafico 7.25 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 2

234
Capitolo 7 – Analisi sismiche

3. La terza combinazione considera gli stessi carichi precedenti, ma all’istante t2 che


coincide con il minimo invaso per i serbatoi di San Giacomo e Cancano:

ζ totale  ζ _ PP  ζ _ IDRO (t 2 )  ζ _ ΔT(t 2 )

σ VERTICALI [MPa]

+3,000e+00
+2,083e+00
+1,167e+00
+2,500e-01
-6,667e-01
-1,583e+00
-2,500e+00
-3,417e+00
-4,333e+00
-5,250e+00
-6,167e+00
-7,083e+00
-7,750e+00

Figura 7.43 – Sforzi verticali dovuti alla terza combinazione per gli speroni centrali

Figura 7.44 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 3

235
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Combinazione 3 - quota 1922 m s.l.m.


3

2
[MPa]

0
Sforzi verticali

0 5 10 15 20 25 30
-1

-2

-3
L [m]
Grafico 7.26 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 3

Figura 7.45 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 3

Combinazione 3 - quota 1878,20 m s.l.m.


1

0.5

0
[MPa]

0 10 20 30 40 50 60
-0.5
Sforzi verticali

-1

-1.5

-2

-2.5
L [m]
Grafico 7.27 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 3

236
Capitolo 7 – Analisi sismiche

4. La quarta combinazione consiste nella somma delle tensioni ottenute mediante l’analisi
sismica modale con gli sforzi definiti nella seconda combinazione:

ζ totale  ζ _ PP  ζ _ IDRO (t1 )  ζ _ ΔT(t1 )  ζ _ SISMA

σ VERTICALI [MPa]

+5,000e+00
-2,083e-01
-9,167e-01
-1,625e+00
-2,333e+00
-3,042e+00
-3,750e+00
-4,458e+00
-5,167e+00
-5,875e+00
-6,583e+00
-7,292e+00
-7,750e+00

Figura 7.46 – Sforzi verticali dovuti alla quarta combinazione per gli speroni centrali

Figura 7.47 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 4

237
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Combinazione 4 - quota 1922 m s.l.m.


2

1
[MPa]

0
0 5 10 15 20 25 30
-1
Sforzi verticali

-2

-3

-4
L [m]
Grafico 7.28 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 4

Figura 7.48 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 4

Combinazione 4 - quota 1878,20 m s.l.m.


2
1
0
0 10 20 30 40 50 60
[MPa]

-1
-2
Sforzi verticali

-3
-4
-5
-6
-7
L [m]
Grafico 7.29 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 4

238
Capitolo 7 – Analisi sismiche

5. La quinta combinazione è uguale alla precedente, però con riferimento agli sforzi
dell’istante t2:

ζ totale  ζ _ PP  ζ _ IDRO (t 2 )  ζ _ ΔT(t 2 )  ζ _ SISMA

σ VERTICALI [MPa]

+4,000e+00
+3,000e+00
+2,000e+00
+1,000e+00
+0,000e+00
-1,000e+00
-2,000e+00
-3,000e+00
-4,000e+00
-5,000e+00
-6,000e+00
-7,000e+00
-7,750e+00

Figura 7.49 – Sforzi verticali dovuti alla quinta combinazione per gli speroni centrali

Figura 7.50 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 5

239
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Combinazione 5 - quota 1922 m s.l.m.


4

2
[MPa]

1
Sforzi verticali

0
0 5 10 15 20 25 30
-1

-2

-3
L [m]
Grafico 7.30 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 5

Figura 7.51 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 5

Combinazione 5 - quota 1878,20 m s.l.m.


1

0.5
[MPa]

0
0 10 20 30 40 50 60
-0.5
Sforzi verticali

-1

-1.5

-2
L [m]
Grafico 7.31 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 5

240
Capitolo 7 – Analisi sismiche

6. La sesta combinazione tiene in conto gli sforzi verticali degli effetti sismici con segno
opposto rispetto ai casi precedente. Questo comporta un cambiamento nello stato di
tensione, nonostante gli altri sforzi mantengano inalterati i segni.

ζ totale  ζ _ PP  ζ _ IDRO (t1 )  ζ _ ΔT(t1 )  ζ _ SISMA

σ VERTICALI [MPa]

+5,000e-01
-2,083e-01
-9,167e-01
-1,625e+00
-2,333e-01
-3,042e-01
-3,750e+00
-4,458e+00
-5,167e+00
-5,875e+00
-6,583e+00
-7,292e+00
-7,750e+00

Figura 7.52 – Sforzi verticali dovuti alla sesta combinazione per gli speroni centrali

Figura 7.53 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 6

241
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Combinazione 6 - quota 1922 m s.l.m.


2

0
0 5 10 15 20 25 30
[MPa]

-1

-2
Sforzi verticali

-3

-4

-5

-6
L [m]
Grafico 7.32 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 6

Figura 7.54 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 6

Combinazione 6 - quota 1878,20 m s.l.m.


0
0 10 20 30 40 50 60
-1

-2
[MPa]

-3
Sforzi verticali

-4

-5

-6

-7
L [m]
Grafico 7.33 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 6

242
Capitolo 7 – Analisi sismiche

7. La settima e ultima combinazione è uguale alla precedente, però con riferimento agli
sforzi dell’istante t2:

ζ totale  ζ _ PP  ζ _ IDRO (t 2 )  ζ _ ΔT(t 2 )  ζ _ SISMA

σ VERTICALI [MPa]

+2,000e+00
+1,167e+00
+3,333e-01
-5,000e-01
-1,333e+00
-2,167e+00
-3,000e+00
-3,833e+00
-4,667e+00
-5,500e+00
-6,333e+00
-7,167e+00
-7,750e+00

Figura 7.55 – Sforzi verticali dovuti alla settima combinazione per gli speroni centrali

Figura 7.56 – Sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 7

243
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Combinazione 7 - quota 1922 m s.l.m.


1.5
1
0.5
0
[MPa]

-0.5 0 5 10 15 20 25 30

-1
Sforzi verticali

-1.5
-2
-2.5
-3
-3.5
L [m]
Grafico 7.34 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1922 m s.l.m. per la combinazione 7

Figura 7.57 – Sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 7

Combinazione 7 - quota 1878,20 m s.l.m.


0
0 10 20 30 40 50 60
-0.5

-1
[MPa]

-1.5

-2
Sforzi verticali

-2.5

-3

-3.5

-4
L [m]
Grafico 7.35 – Andamento degli sforzi verticali alla quota 1878,20 m s.l.m. per la combinazione 7

244
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Gli sforzi verticali minimi (a compressione) rispettano sempre il limite previsto da normativa per
entrambe le sezioni considerate ((1) = 1922 m s.l.m.; (2) = 1878,20 m s.l.m.), in quanto non
sono mai inferiori a -6,26 MPa: tale tensione si verifica sul paramento di valle a quota 1878,20
m s.l.m. per la sesta combinazione.
Invece, per quanto concerne la verifica in termini di sforzi di trazione, la situazione risulta
maggiormente complicata:

- gli sforzi agenti sulla sezione (2) rispettano sempre la condizione di non superamento
di 0,5 MPa;
- la terza e la settima combinazione presentano il caso particolare di sforzi di trazione
superiori al valore ammissibile per la sezione (1), ma solo per un tratto piccolissimo a
partire dal paramento di monte: la dimensione di tale tratto è pari a 17 cm per la terza
combinazione e 11 cm per l’ultima (rispettivamente Grafico 7.26 e Grafico 7.34).
Perciò questa particolarità rappresenta il tipico esempio di fenomeni localizzati, dovuti
ad eventuali fessure presenti nel calcestruzzo o ad elevate escursioni termiche tra il
nodo esterno (a contatto con l’atmosfera o l’acqua) e il più vicino nodo interno;
- nel caso della quinta combinazione il valore di estremità è assai elevato. Le cause sono
quelle definite precedentemente.
- i problemi maggiori si presentano nella sezione (1) per le combinazioni rimanenti
(seconda, quarta e sesta). In questo caso il picco di trazione non avviene ai punti di
estremità della sezione, come definito nel punto precedente, ma più o meno nella
mezzeria: essi raggiungono valori intorno all’1,2 – 1,5 MPa, anziché 0,5 MPa (Grafico
7.24, Grafico 7.28 e Grafico 7.32). Ciò accade sempre all’istante t1, cioè in presenza di
massimo invaso per entrambi i bacini, portando alla conclusione che rappresenta la
situazione più gravosa alla quale è esposto lo sbarramento in esame.

Un aspetto molto importante che deve essere sottolineato è quello legato agli effetti provocati
dal carico termico. In tutte le combinazioni considerate, ad eccezione della prima che si basa
solo sul peso proprio della struttura, gli sforzi verticali presentano un andamento più o meno
parabolico: i valori massimi (trazione) e minimi (compressione) sono sempre localizzati o alle
estremità o nella mezzeria delle sezioni. Questo fenomeno ripetuto è generato proprio
dall’escursione termica tra le superfici esterne e i punti interni degli speroni.

Una volta determinati gli sforzi verticali sulle sezioni di interesse (in particolare quelli alle
estremità delle stesse) è possibile determinare mediante il semplice equilibrio verticale le
tensioni principali sugli elementi infinitesimi dei paramenti di monte e di valle (Figura 7.24).
Ai fini delle verifiche, si riportano gli sforzi principali sui paramenti di monte e di valle in tre
combinazioni di esempio per entrambe le sezioni.

245
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Paramento di monte:

SECONDA COMBINAZIONE
SEZIONE (1) SEZIONE (2)
θm σv σ1 σ2 θm σv σ1 σ2
0,03 -0,27 -3,135 -3,138 0,03 -3,577 -0,708 -3,580
Tabella 7.22 – Sforzi principali sul paramento di monte in prossimità delle due sezioni per la combinazione 2

QUARTA COMBINAZIONE
SEZIONE (1) SEZIONE (2)
θm σv σ1 σ2 θm σv σ1 σ2
0,03 -0,27 -2,822 2,824 0,03 -1,055 -0,708 -1,056
Tabella 7.23 – Sforzi principali sul paramento di monte in prossimità delle due sezioni per la combinazione 4

SESTA COMBINAZIONE
SEZIONE (1) SEZIONE (2)
θm σv σ1 σ2 θm σv σ1 σ2
0,03 -0,27 -4,942 -4,946 0,03 -4,715 -0,708 -4,719
Tabella 7.24 – Sforzi principali sul paramento di monte in prossimità delle due sezioni per la combinazione 6

Paramento di valle:

SECONDA COMBINAZIONE
SEZIONE (1) SEZIONE (2)
θm σv σ1 σ2 θm σv σ1 σ2
0,62 0,0 -1,534 -2,124 0,273 -4,898 -1,352 -5,162
Tabella 7.25 – Sforzi principali sul paramento di valle in prossimità delle due sezioni per la combinazione 2

QUARTA COMBINAZIONE
SEZIONE (1) SEZIONE (2)
θm σv σ1 σ2 θm σv σ1 σ2
0,62 0,0 -2,750 -3,807 0,273 -6,301 -1,352 -6,669
Tabella 7.26 – Sforzi principali sul paramento di valle in prossimità delle due sezioni per la combinazione 4

SESTA COMBINAZIONE
SEZIONE (1) SEZIONE (2)
θm σv σ1 σ2 θm σv σ1 σ2
0,62 0,0 -3,181 -4,404 0,273 -6,259 -1,352 -6,624
Tabella 7.27 – Sforzi principali sul paramento di valle in prossimità delle due sezioni per la combinazione 6

246
Capitolo 7 – Analisi sismiche

Gli sforzi principali calcolati manualmente sfruttando l’equazione di equilibrio verticale hanno
un valore superiore al minimo ammissibile: sono tutte tensioni di compressione che,
confrontate con σc  7,75 MPa , soddisfano interamente le verifiche in campo elastico
lineare da D.M. 1982.

247
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

248
Conclusioni

CONCLUSIONI

Questo lavoro di tesi ha permesso di realizzare con estrema accuratezza in termini di


geometria un modulo centrale di una diga a gravità a speroni (San Giacomo di Fraele) e di
eseguirne le analisi in campo elastico lineare.
Per realizzare un modello che rispondesse il più possibile alle caratteristiche reali dello
sbarramento, sono stati scelti i due speroni centrali, in quanto essi ritraggono le proprietà
globali dell’opera (dimensioni, particolari costruttivi, attacco roccia-sezione di base, ecc). Per il
terreno si è proceduto con la modellazione di quello che circonda l’intera diga e solo in un
secondo momento è stato scelto un blocco opportuno.
Inizialmente è stato creato il modello tridimensionale di uno dei due speroni mediante
software CAD (in quanto identico all’altro), che successivamente è stato semplificato
geometricamente per lo sviluppo della maglia ad elementi finiti (mesh) utile per le analisi.
Questo passaggio è stato ritenuto di fondamentale importanza perché la natura iniziale dello
sperone presentava zone difficili da discretizzare con elementi finiti esaedrici (§ 3.1).
Una volta definita la mesh completa, sono state effettuate le seguenti analisi:
- statiche: esse consistono nelle verifiche di stabilità allo scorrimento e di resistenza. Le
prime impongono che il rapporto tra forze orizzontali ed azioni verticali sia non
superiore a 0,75; le secondo richiedono che gli sforzi principali di ogni sezione
significativa (ad esempio le sezioni di ripresa di getto) siano compresi nell’intervallo
ζ c  R ck  15 / 4  6  ζ  ζ t  0,3 MPa , prescritto da normativa. Tali verifiche
sono risultate interamente soddisfatte;
- termiche: è stato definito il ciclo annuale di temperature esterne e quello dei livelli di
invaso di competenza della diga in esame. A partire da tali andamenti sono state
determinate le temperature dei punti interni dello sperone e la differenza tra la
temperatura letta e quella media (presa come riferimento), che imposta all’elemento
ha permesso di valutarne gli effetti in termini di spostamento e tensioni. Anche in
questa fase i risultati sono stati ritenuti accettabili, anche se sono maggiori di quelli che
ci si aspetta per le dighe a gravità;
- sismiche: è stata adottata un’analisi con spettro di risposta orizzontale allo SLV che ha
portato alla determinazione degli sforzi verticali necessari a definire le combinazioni
finali.
Tutte le analisi sono state eseguite con riferimento a quanto prescritto dalla normativa vigente,
rappresentata dal D.M 24 Marzo 1984. Per le azioni sismiche sono state prese in
considerazione le PAN; in quanto si attengono a quanto definito nelle NTC per la suddivisione
territoriale e le verifiche agli stati limite.
Le combinazioni finali degli sforzi verticali hanno portato alla valutazione dello stato di tensioni
agenti sul modulo speroni-terreno. Si è dimostrato che l’ipotesi fatta inizialmente riguardo
l’esecuzione delle analisi in campo elastico-lineare è risultata corretta e soddisfacente in
relazione allo sforzo massimo di compressione ammissibile. Invece, per quanto riguarda la
tensione di trazione i risultati non sempre hanno rispettano i limiti prescritti, soprattutto se
correlati alla condizione di carico termico. Infatti, esso ha provocato tensioni più elevate di

249
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

quelle attese a cause delle escursioni termiche tra la superficie esterna e i punti interni, del
contatto tra speroni e terreno e della presenza di due serbatoi.
Esistono situazioni in cui gli elevati sforzi di trazione sono concentrati in una porzione limitata
di sezione (in questo caso potrebbe essere dovuto a fenomeni localizzati quali presenza di
fessure nel materiale); tuttavia per alcune combinazioni di carichi gli effetti termici generano
picchi di trazione superiore al valore nominale ammissibile, anche se il calcestruzzo riesce a
resistere a tali valori di sforzo.
Al contrario, gli sforzi principali rientrano tranquillamente nell’intervallo di verifica definito per
la tesi.

250
Appendice

APPENDICE

A.1. PROCEDURA ANALITICA PER LA SOLUZIONE IN CAMPO DI SFORZI PER


DIGHE A GRAVITÀ IN CALCESTRUZZO

Le soluzioni analitiche sono di grande interesse per i progettisti di dighe in calcestruzzo. Anche
se è possibile risolvere questo problema con metodi numerici, è innegabile il contributo di una
soluzione totalmente analitica in termini di sforzi interni. La facilità di progettazione
computazionale e interpretazione del presente procedimento, oltre alla velocità e alla qualità
dei risultati ottenuti rispetto alle soluzioni numeriche, giustificano l'uso di questo metodo per
l'analisi preliminare delle sollecitazioni nelle dighe a gravità in calcestruzzo.
Lo sviluppo analitico proposto si basa su formulazioni classiche della meccanica dei solidi e di
equilibrio delle sezioni trasversali lungo la struttura per un problema bidimensionale in plane
strain. I carichi sismici associati alle forze d’inerzia e idrodinamiche vengono valutati attraverso
una procedura pseudo-statica e vengono applicati come forze statiche equivalenti, in modo da
ottenere più facilmente la soluzione analitica di questo problema.
È ben noto che una soluzione in forma chiusa per il campo degli sforzi nel caso di dighe a
gravità in calcestruzzo è ancora una sfida per ingegneri strutturisti. La forma arbitraria e i
carichi applicati in questa geometria trasforma il progetto in un problema con molte variabili.
Sono disponibili soluzioni numeriche per questo problema, ma una procedura analitica è di
grande interesse per i progettisti strutturali.
In condizioni normali le dighe sono sottoposte a tre importanti azioni esterne:
- peso proprio;
- pressioni idrostatiche;
- sottopressioni.
Durante un terremoto devono essere tenuti in conto anche i carichi sismici, che includono gli
effetti idrodinamici e inerziali (stimati mediante un’opportuna analisi sismica, come quella
pseudo-statica) [43].

Figura A.1 – Azioni agenti su un’arbitraria sezione trasversale di una diga a gravità

251
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Figura A.2 – Azioni pseudo-statiche in una diga a gravità

Le formulazioni usate dal metodo analitico vengono riportate nei punti successivi. Esse si
basano sulla teoria classica della elasticità 2D per alcune ipotesi semplificate e sull’equilibrio
globale delle forze agenti.
La soluzione in campo di sforzi si basa sulle seguenti proprietà:
- distribuzione lineare delle sollecitazioni normali e distribuzione parabolica per gli sforzi
di taglio sulla sezione di analisi;
- la diga è costruita con materiale omogeneo, isotropo, elastico e lineare;
- la diga è analizzata come una trave a sbalzo con larghezza unitaria;
- il corpo diga è diviso in giunti che hanno proprietà uniformi lungo la lunghezza e sono
uniformemente elastici;
- non c'è interazione tra nodi adiacenti. Ognuno è trattato in modo indipendente.
Assumendo che le tensioni normali sono distribuite linearmente sulla sezione, dalla teoria
classica delle travi si ha [43]:

N M
z    y
A I

dove:
N è la somma di tutte le forze verticali agenti sulla sezione di verifica;

M è la somma di tutti i momenti agenti sulla sezione di verifica;

J è il momento d’inerzia rispetto al baricentro della sezione;

y è la distanza delle estremità della sezione dal baricentro.

Una volta determinati gli sforzi verticali agenti sulle sezioni di monte e di valle, occorre valutare
gli sforzi principali: nel caso di plane stress, le direzioni principali degli sforzi sono quelle
evidenziate in Figura A.3 (non si considera la direzione perpendicolare al piano del foglio).
A questo punto è necessario definire le espressioni degli sforzi principali utilizzando sia le forze
note agenti sulla diga, sia le equazioni di equilibrio.

252
Appendice

Figura A.3 – Direzioni principali degli sforzi agenti sulle sezioni di monte e di valle

Si considera il caso di invaso a monte e controinvaso a valle (Figura A.4). Gli sforzi agenti sulle
facce a diretto contatto con i bacini (  1m e  1v ) sono funzione della sola pressione idrostatica,
quindi risultano noti se si conoscono le caratteristiche geometriche della diga e le proprietà del
bacino (  w ).
 1m   w  hm  1v   w  hv

dove:
hm è la distanza tra la quota di massimo invaso a monte e la quota della sezione di
verifica;

hv è la distanza tra la quota di massimo invaso a valle e la quota della sezione di


verifica.

Inoltre, sono noti anche i due sforzi verticali  m e  v in quanto determinati mediante la
formula di presso-flessione introdotta precedentemente.
I restanti sforzi principali (  2m e  2v ) vengono calcolati attraverso semplici equilibri locali nei
rispettivi conci triangolari visibili nelle figure.

Monte:

 m  s   2m  s  sen  sen   1m  s  cos  cos

dove:
s è la lunghezza del tratto su cui agisce  m ;

253
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

 1m   w  h ;

 è l’inclinazione del paramento di monte rispetto al tratto su cui agisce  m .

Si ottiene:

 
 m  cos2   sen 2   2m  sen 2   1m  cos2 

   
 2m   m  1 cot2    1m  cot2    m  1  m2   1m   m2

Figura A.4 – Sforzi principali agenti sulle sezioni di monte e di valle

Applicando lo stesso ragionamento anche per il concio di valle, si ottiene:

   
 2v  v  1 cot2    1v  cot2   v  1 v2   1v  v2

dove:
 è l’inclinazione del paramento di valle rispetto al tratto su cui agisce  v .

254
Appendice

A.2. PROGRAMMI E SUBROUTINE NECESSARI PER L’ANALISI TERMICA

A.2.1. SUBROUTINE “DISP”

Questo programma legge le coordinate dei nodi della mesh e scrive le condizioni al contorno e
le curve di amplitude relative ad un determinato set di nodi. I dati necessari al programma
vengono letti da un file ASCII che viene creato a partire dal file di input generato da
Abaqus/CAE (in questo caso “sg_termica.inp”).

subroutine DISP (u, KSTEP, KINC, TIME, NODE, NOEL, JDOF, COORDS)
C
include 'ABA_PARAM.INC'
C
C PARTE DICHIARATIVA
double precision giorno_anno, livello, quota, xrif
double precision T2,T3,T4,T5,T9,DH
dimension u(3), TIME(2), COORDS(3)

C CODICE
xrif=5. !valore di riferimento per discriminare monte e valle
giorno_anno = TIME(2)-int(TIME(2)/365)*365
quota = COORDS(3)

if(coords(1).lt.xrif) then !VALLE


cccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccc

C determino il livello di invaso


!if ((giorno_anno.gt.157).and.(giorno_anno.lt.405)) then
livello = 1880.d0 - 19.d0*sin(0.017208*(giorno_anno+143.33))
if(livello.le.1870.) then
livello=1870.d0
endif
!endif !giorno...
C determino la temperatura in funzione del livello
if (livello.gt.quota) then ! il nodo è sommerso
if ((quota.le.1902).and.(quota.ge.1892)) then !termometro
T2 (valle)
temp =5.4-5.0*sin(0.017208*TIME(2)+143.33)
elseif ((quota.le.1892).and.(quota.ge.1865)) then ! T lin.
T2 e T9
T2=5.4-5.0*sin(0.017208*TIME(2)+143.33)
T9=5.3-0.4*sin(0.017208*TIME(2)+143.25)
DH=1892.-1865.
temp =T9+(T2-T9)/DH*(quota-1865)
else
temp = 5. !condizione al contorno di fondazione
sotto quota 1865
endif !quota...
else ! il nodo è esposto all'aria
temp = 7.0-10.0*sin(0.017208*(TIME(2)+143.33)) !T1
endif !livello

255
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

cccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccc

elseif(coords(1).gt.xrif) then !MONTE


C determino il livello di invaso
livello = 1920. - 30.0*sin(0.017208*TIME(2)+143.33)
C determino la temperatura in funzione del livello
if (livello.gt.quota) then ! il nodo è sommerso
if ((quota.gt.1931)) then
temp =5.4-5.0*sin(0.017208*TIME(2)+143.33) !T2
elseif((quota.le.1931).and.(quota.ge.1912)) then
! T lin. T2 e T3
T2=5.4-5.0*sin(0.017208*TIME(2)+143.33)
T3=7.0-3.d0*sin(0.017208*TIME(2)+143.33)
DH=1931.-1912.
temp =T3+(T2-T3)/DH*(quota-1912.)
elseif((quota.lt.1912).and.(quota.ge.1892)) then
! T lin. T3 e T4
T3=7.0-3.d0*sin(0.017208*TIME(2)+143.33)
T4=4.7-1.3d0*sin(0.017208*TIME(2)+143.33)
DH=1912.-1892.
temp =T4+(T3-T4)/DH*(quota-1892.)
elseif((quota.lt.1892).and.(quota.ge.1870)) then ! T lin. T2
e T9
! T lin. T4 e T5
T4=4.7-1.3d0*sin(0.017208*TIME(2)+143.33)
T5=4.5-0.5d0*sin(0.017208*TIME(2)+143.33)
DH=1892.-1870.
temp =T5+(T4-T5)/DH*(quota-1870.)
elseif(quota.le.1870) then
temp = 5. !condizione al contorno di fondazione
sotto quota 1892
endif !quota...
else ! il nodo è esposto all'aria
temp = 7.0-10.0*sin(0.017208*(TIME(2)+143.33)) !T1
endif !livello
cccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccccc

endif ! coords(1).gt.xrif

C la condizione imposta è la temperatura


u(1)=temp
return
end

A.2.2. SUBROUTINE “ESTRAITEMP”

Come indicato nel manuale di Abaqus il file da leggere viene prima aperto tramite la routine
INITPF e poi viene data la possibilità di leggerne il contenuto tramite il richiamo della routine
DBRNU. Subito dopo vengono creati i file con estensione *.dat e *.log che conterranno,
rispettivamente, i dati di temperatura e informazioni utili su quanto processato.
Dopo aver inizializzato le variabili si entra in un ciclo, la cui uscita avviene al raggiungimento
della fine del file. All'interno di questo ciclo si legge un record del file *.fil tramite la routine
DBFILE.

256
Appendice

Quando si raggiunge la fine del file la routine DBFILE pone la variabile JRCD nulla. Se ciò
accade viene comandata l'uscita dal ciclo ponendo la variabile FINEFILE di tipo logico pari a
TRUE.
Invece, se è stato letto un record di dati si passa a discriminare che informazione viene
contenuta. In questo caso vengono analizzate solamente due tipologie:
- inizio di un nuovo incremento (KEY=2000);
- temperatura di un nodo (KEY=201).
Se il record contiene l'indicazione dell'inizio di un nuovo incremento si pone l'istante
temporale del passo nel vettore STEP e si incrementa il “totincr”, che è il contatore degli
incrementi di tempo letti, mentre viene azzerata la variabile “inodo”, ossia il contatore dei
nodi letti.
Invece, se nel record è presente la temperatura di un nodo si pone il nome del nodo nel
vettore “listanodi” e la temperatura (attributo 2) del nodo nella matrice “temp”. Inoltre, si
incrementa il contatore dei nodi letti.
Dopo l'uscita dal ciclo viene scritta per ogni nodo la storia di temperatura nel file *.dat
precedentemente creato.

subroutine ABQMAIN
c
c **********************************************************
c **********************************************************
c
c programma che estrae temperature nodali
c
c *********************************************************
c
c elenco variabili:
c INCREM:dopo loop ultimo valore di incremento nello step
c SPOSTI:spostamento da imporre in direzione x al punto
c di trazione
c
c *********************************************************
c *********************************************************
c
INCLUDE 'aba_param.inc'
c
C Variabili 'obbligatorie'
c
CHARACTER FNAME*80
DIMENSION ARRAY(513),JRRAY(NPRECD,513),LRUNIT(2,1)
EQUIVALENCE (ARRAY(1),JRRAY(1,1))
c
C VARIABILI LOCALI
INTEGER inodo,numnodi
INTEGER,ALLOCATABLE :: listanodi(:)
REAL,ALLOCATABLE :: temp(:,:),step(:)
c DIMENSION STEP(1000),temp(1000,1000)
LOGICAL FINEFILE
INTEGER stepnumber, totincr
REAL timestep
INTEGER record

numnodi=120000

257
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

numstep=1000
c
c
c lettura del file .fil di ABAQUS
c
c write(*,*) 'Inserire il nome del file di input:'
c read(*,'(a)') fname
c
c fname=trim(fname)
c write(*,*) fname
allocate(listanodi(numnodi))
allocate(step(numstep))
allocate(temp(numstep,numnodi))
C Apro il file *.fil per la lettura
write(*,*) 'START'
fname = 'sg_termica'
write(*,*) fname
NRU=1
LOUTF=0
LRUNIT(1,1)=8 !Al file *.fil è associata l'unità 8
LRUNIT(2,1)=2 !E' un file binario
write(*,*) 'INITPF'
CALL INITPF(FNAME,NRU,LRUNIT,LOUTF)
JUNIT=8 !Al file *.fil è associata l'unità 8
write(*,*) 'DBRNU'
CALL DBRNU(JUNIT)
C Creo il file su cui si scriveranno le temperature
write(*,*) 'Opening temperature.dat'
OPEN(12,FILE='temperature.dat',STATUS='UNKNOWN')
C Creo il file di log
write(*,*) 'Opening temperature.log'
OPEN(13,FILE='temperature.log',STATUS='UNKNOWN')
c
temp=0.0
totincr=0
inodo=0
record=0
FINEFILE=.FALSE.
c CALL POSFIL(0,0,ARRAY,JCRD)
c do record=1, 10000000
DO WHILE (.not.FINEFILE)
record=record+1
CALL DBFILE(0,ARRAY,JRCD) !Legge il prossimo record
c
IF(JRCD.NE.0)THEN !La sub DBFILE ritorna 0 se EOF
c write(13,*) 'fine lettura'
FINEFILE=.TRUE.
ENDIF
c
KEY=JRRAY(1,2) !Leggo il codice della variabile letta
c write(13,'(a,i6)') 'key= ', key
c
IF(KEY.EQ.2000)THEN !step number
totincr=totincr+1
stepnumber=JRRAY(1,8) !Numero del passo
timestep=ARRAY(3) !Total time
c write(13,'(a,i6)') 'leggo
step:',stepnumber,timestep,totincr
STEP(totincr)=ARRAY(3)

258
Appendice

inodo=0 !Bisogna rileggere tutti i nodi


ELSEIF(KEY.EQ.201)THEN ! key=201 --> variable=NT
inodo=inodo+1
c write(13,*) 'leggo nodo'
c write(13,'(a,i6)') 'nodo= ',JRRAY(1,3)
nodo=JRRAY(1,3)
c write(13,*) 'leggo temp'
c write(13,'(a,f12.5)') 'temp= ',ARRAY(4)
c write(13,'(a,i6)') 'passp= ', stepnumber
listanodi(inodo) = JRRAY(1,3) !if di controllo?
temp(totincr,inodo)=ARRAY(4) !temperature
ENDIF

END DO
c
c scrittura dei risultati
c
c informazioni sul numero dei risultati
write(13,*) 'Numero di nodi letti:',inodo
write(13,*) 'Numero di incrementi temporali:',totincr
write(13,*) 'Numero di record letti:',record
c scrive temperature nodo 1
c do i=1,400
c write(12,*) STEP(i), temp(i,1)
c enddo
C Scirve temperature
DO 10 J=1,inodo
write(12,'(I8)') listanodi(j)
DO 10 I=1,totincr
c write(13,*) 'scrivo...'
c write(13,*) i,j
WRITE(12,*) STEP(i), temp(i,j)
10 CONTINUE
CLOSE(12)
close(13)
deallocate(listanodi)
deallocate(step)
deallocate(temp)

STOP
END

A.2.3. PROGRAMMA “TEMPMEDIA”

Viene prima aperto il file da leggere e poi creato il file che conterrà la lista dei nodi e delle
rispettive temperature medie.
Dopo aver inizializzato le variabili si entra in un ciclo, la cui uscita avviene al raggiungimento
della fine del file. All'interno di questo ciclo si legge il nome del nodo a cui si riferiscono i dati
seguenti. Quando si raggiunge la fine del file il comando “read” pone la variabile “rdstat”
negativa. Se ciò accade viene comandata l'uscita dal ciclo ponendo la variabile “finefile”, che è
di tipo logico, pari a true. Invece se è stato letto effettivamente un nodo si passa a leggerne la
storia di temperatura un incremento alla volta. Se questo incremento avviene nell'ultimo anno
allora si aggiunge alla sommatoria dei valori dell'ultimo anno.

259
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Letta tutta la storia di temperatura del nodo è possibile calcolare la temperatura media
dell'ultimo anno.

program TempMedia
! Programma che legge la storia di temperatura di un nodo e ne calcola
!la temperatura media per un dato periodo

!PARTE DICHIARATIVA
implicit none
integer :: i, j, k, rdstat
!Variabili legate all'IO
character*255 :: nomefile
integer :: tempfile, midfile
logical :: finefile
!Variabili che sono dati del problema
integer :: ultimo_anno, inizio_ultimo_anno
!Variabili legate alle proprietà del nodo
integer :: nodo
double precision :: giorno, temp, sum, temp_media

!CODICE
!Dati
ultimo_anno=6
inizio_ultimo_anno=(ultimo_anno-1)*365
!Apertura file con i risultati dell'analisi
nomefile='temperature.dat'
tempfile=1
open(UNIT=tempfile, FILE=nomefile, FORM='FORMATTED', ACTION='READ')
finefile=.false.
!Apertura file che conterrà le temperature medie
midfile=2
open(UNIT=midfile, FILE='Tempmedie.dat', FORM='FORMATTED',
ACTION='WRITE')
do while(.not.finefile)
read(tempfile,*,IOSTAT=rdstat) nodo !lettura nome del nodo
!ogni volta che si legge un nodo bisogna azzerare queste variabili
temp_media=0.0
sum=0.0
j=0
if (rdstat.lt.0) then !Fine del file
close(tempfile)
close(midfile)
finefile=.true.
endif
do i=1, 438
read(tempfile,*) giorno, temp
if (giorno.gt.inizio_ultimo_anno) then
sum = sum+temp
j=j+1 !numero di temperature lette
endif
enddo
temp_media=sum/j !calcolo temperatura media dell'ultimo anno
write(midfile,*) nodo, temp_media
write(*,*) 'nodo ',nodo,',temp_media ',temp_media
enddo
end program TempMedia

260
Appendice

A.2.4. SUBROUTINE ”CREADT”

Come indicato nel manuale di Abaqus il file da leggere viene prima aperto tramite la routine
INITPF e poi viene data la possibilità di leggerne il contenuto tramite il richiamo della routine
DBRNU. Subito dopo viene aperto il file TempMedie.dat che contiene la temperatura media di
ogni nodo e viene creato il file DT.log che contiene informazioni utili su quanto processato.
Successivamente vengono lette le temperature medie di ciascun nodo scritte nel file
TempMedie.dat con un ciclo che termina quando il file è terminato..
Dopo aver inizializzato le variabili si entra in un ciclo, la cui uscita avviene al raggiungimento
della fine del file. All'interno di questo ciclo si legge un record del file *.fil tramite la routine
DBFILE.
Quando si raggiunge la fine del file la routine DBFILE pone la variabile JRCD nulla. Se ciò
accade viene comandata l'uscita dal ciclo ponendo la variabile FINEFILE di tipo logico pari a
TRUE. Invece se è stato letto un record di dati si passa a discriminare che informazione viene
contenuta. Le informazioni contenute possono essere:
- inizio di un nuovo incremento (KEY=2000);
- temperatura di un nodo (KEY=201):
- informazione diversa dalle due precedenti.
Se il record contiene l'indicazione dell'inizio di un nuovo incremento si pone il l'istante
temporale del passo nel vettore STEP e si incrementa il “totincr”, che è il contatore degli
incrementi di tempo, mentre viene azzerata la variabile “inodo”, ossia il contatore dei nodi
processati. Invece se nel record è presente la temperatura di un nodo si incrementa il contatore
dei nodi processati. Si calcola poi il ΔT come differenza tra la temperatura del nodo letta dalla
routine DBFILE e la temperatura media del nodo (contenuta nell'array TempMedia nella
posizione “inodo”).

subroutine ABQMAIN

**********************************************************************
******
**********************************************************************
******
*
*
* programma che crea un file con gli incrementi di temperature nodali
*
* riferiti alla temperatura media
*
*
*
**********************************************************************
******
**********************************************************************
******

INCLUDE 'aba_param.inc'

C Variabili 'obbligatorie'

261
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

CHARACTER FNAME*255
DIMENSION ARRAY(513),JRRAY(NPRECD,513),LRUNIT(2,1)
EQUIVALENCE (ARRAY(1),JRRAY(1,1))

C VARIABILI LOCALI

INTEGER inodo,maxnodi
INTEGER,ALLOCATABLE :: listanodi(:)
REAL,ALLOCATABLE :: TempMedia(:)
INTEGER rdstat
LOGICAL FINEFILE
INTEGER totincr
INTEGER record

*
* lettura del file .fil di ABAQUS
*
! write(*,*) 'Inserire il nome del file di input:'
! read(*,'(a)') fname

! fname=trim(fname)
! write(*,*) fname
maxnodi=60000
allocate(listanodi(maxnodi))
allocate(TempMedia(maxnodi))
C Apro il file *.fil per la lettura
fname = 'cancano_7conci'
NRU=1
LOUTF=0
LRUNIT(1,1)=8 !Al file *.fil è associata l'unità 8
LRUNIT(2,1)=2 !E' un file binario
CALL INITPF(FNAME,NRU,LRUNIT,LOUTF)
JUNIT=8 !Al file *.fil è associata l'unità 8
CALL DBRNU(JUNIT)
C Apro il file contenente le temperature medie
OPEN(12,FILE='Tempmedie.dat',STATUS='OLD',ACTION='READ')
C Creo il file di log
OPEN(13,FILE='DT.log',STATUS='UNKNOWN')

C Leggo il file con le temperature medie


FINEFILE=.FALSE.
do while(.not.FINEFILE)
inodo=inodo+1
read(12,*,IOSTAT=rdstat) listanodi(inodo), TempMedia(inodo)
if (rdstat.lt.0) then
inodo=inodo-1
FINEFILE=.TRUE.
endif
enddo
write(13,*) 'Sono state lette le temperature medie di',inodo,
1'nodi.'
totincr=0
inodo=0
record=0
FINEFILE=.FALSE.
! CALL POSFIL(0,0,ARRAY,JCRD)
! do record=1, 1000000
DO WHILE (.not.FINEFILE)
record=record+1

262
Appendice

CALL DBFILE(0,ARRAY,JRCD) !Legge il prossimo record

IF(JRCD.NE.0)THEN !La sub DBFILE ritorna 0 se EOF


c write(13,*) 'fine lettura'
FINEFILE=.TRUE.
ENDIF

KEY=JRRAY(1,2) !Leggo il codice della variabile letta


c write(13,'(a,i6)') 'key= ', key

IF(KEY.EQ.2000)THEN !step number


totincr=totincr+1
inodo=0 !Bisogna rileggere tutti i nodi
call DBFILW(1,ARRAY,JRCD)
ELSEIF(KEY.EQ.201)THEN ! key=201 --> variable=NT
inodo=inodo+1
c write(13,*) 'leggo nodo'
c write(13,'(a,i6)') 'nodo= ',JRRAY(1,3)
c write(13,*) 'leggo temp'
c write(13,'(a,f12.5)') 'temp= ',ARRAY(4)
c write(13,'(a,i6)') 'passp= ', stepnumber
nodo=JRRAY(1,3) !if di controllo?
ARRAY(4)=ARRAY(4)-TempMedia(inodo) !incremento di
temperatura
call DBFILW(1,ARRAY,JRCD)
if(JRRAY(1,3).eq.3161) then !controllo dt su di un
nodo del coronamento
write(3161,*) array(4)
endif
if(JRRAY(1,3).eq.2032) then !controllo dt su di un nodo
del coronamento
write(2032,*) array(4)
endif
if(JRRAY(1,3).eq.2055) then !controllo dt su di un
nodo del coronamento
write(2055,*) array(4)
endif
if(JRRAY(1,3).eq.3218) then !controllo dt su di un nodo
del coronamento
write(3218,*) array(4)
endif
if(JRRAY(1,3).eq.3219) then !controllo dt su di un nodo
del coronamento
write(3219,*) array(4)
endif
ELSE
call DBFILW(1,ARRAY,JRCD)
ENDIF

END DO
!Chiusura dei file
close(9)
CLOSE(12)
close(13)
deallocate(listanodi)
deallocate(TempMedia)
STOP
END

263
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

A.3. ELEMENTI FINITI A 4 NODI IN SAP

La complessa natura di molti edifici e di altre strutture di ingegneria civile richiede che gli
elementi di trave e di piastra, a comportamento flessionale e membranale, coesistano nello
stesso modello. L’elemento trave tridimensionale possiede normalmente 6 gradi di libertà per
nodo (3 traslazionali e 3 rotazionali). L’elemento flessionale di piastra ha due rotazioni nel suo
piano e uno spostamento ortogonale allo stesso. Invece, l’elemento standard in stato piano di
sforzo possiede solo due spostamenti nel piano e non può sopportare momenti applicati in
direzione normale.
La ricerca di un elemento membranale con rotazioni normali al piano fu sviluppata nei primi 30
anni dalla nascita del metodo agli elementi finiti. Negli ultimi 15 anni, fu introdotta l’idea di un
elemento a quattro nodi. Le analisi effettuate con il programma SAP2000 fanno riferimento
all’utilizzo di tale elemento.
Lo sviluppo di elementi a comportamento membranale è molto simile a quello dell’elemento
flessionale. Esso può essere suddiviso nei seguenti quattro passi:
- si parte da un elemento quadrilatero a 9 nodi, avente 16 gdl (a);
- si ruotano gli spostamenti relativi di nodi posti a metà lato affinché diventino
ortogonali e tangenziali al lato stesso e si pongono nulli gli spostamenti tangenziali,
riducendo i gradi di libertà a 12 (b);
- si introducono vincoli in termini di spostamenti normali per eliminare le traslazioni
ortogonali nei nodi di mezzeria e per introdurre 4 rotazioni relative normali ai nodi (c);
- si convertono le rotazioni relative in assolute e si modificano le funzioni di forma (d).

Figura A.5 – Passi necessari per passare da un elemento a 9 nodi ad un elemento a 4 nodi

264
Appendice

Gli spostamenti nel piano x-y sono definiti dalle seguenti equazioni:

4 8
u x (r,s)  
i1
Ni (r,s)  u xi   N (r,s)  Δu
i5
i xi

4 8
u y (r,s)  
i1
Ni (r,s)  u yi   N (r,s)  Δu
i5
i yi

Le otto funzioni di forma sono:

N1  (1 r)  (1 s) / 4 N2  (1 r)  (1 s) / 4

N3  (1 r)  (1 s) / 4 N4  (1 r)  (1 s) / 4

N5  (1  r 2 )  (1 s) / 2 N6  (1 r)  (1  s 2 ) / 2

N7  (1  r 2 )  (1  s) / 2 N9  (1  r)  (1  s 2 ) / 2

Le prime quattro funzioni di forma sono quelle bilineari per un elemento quadrilatero a 4 nodi
e sono diverse da zero dal nodo 5 al 8. Le rimanenti sono le funzioni per i nodi di mezzeria e
per il nodo centrale e sono denominate funzioni gerarchiche.

Il lato di un tipico elemento finito è mostrato in Figura A.6:

Figura A.6 – Lato tipico di un elemento quadrilatero

Se si assume che lo spostamento relativo ortogonale del lato è parabolico, deve essere
soddisfatta la seguente equazione:

265
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

L ij
Δuij 
8

 Δθj  Δθi 

Poiché lo spostamento tangenziale in mezzeria è nullo, gli spostamenti globali relativi sono
definiti come segue:

L ij
Δux  cos αij  Δuij  cos αij 
8

 Δθj  Δθi 

L ij
Δuy  senαij  Δuij  senαij 
8

 Δθj  Δθi 

Tali espressioni possono essere applicate ai quattro lati e gli spostamenti globali possono
essere riscritti come:

4 8
u x (r,s)   N (r,s)  u  M (r,s)  Δθ
i1
i xi
i5
xi i

4 8
u y (r,s)  
i1
Ni (r,s)  u yi  M (r,s)  Δθ
i5
yi i

Con tale procedimento, il sistema si riduce a 12 gdl.

A.3.1. EQUAZIONI DEFORMAZIONI – SPOSTAMENTI E SFORZI – DEFORMAZIONI

Le relazioni che lega le deformazioni agli spostamenti adesso possono essere definite mediante
le seguenti espressioni:

u x u y u x u y
εx  εy  γ xy  
x y y x

Alternativamente, esse possono essere riscritte nella forma seguente:

ε x 
  u 
 ε y   B11 B12    
   Δθ
 γ xy 

Invece, il legame tra gli sforzi e le deformazioni per materiali ortotropi in stato piano di sforzo
può essere scritto come:

266
Appendice

 σx  D11 D12 D13   ε x 


    
 σy   D 21 D22 D23    ε y 
  D D32 D33   γ xy 
 τ xy   31  

L’unico vincolo imposto alla matrice sforzi-deformazioni è che essa deve essere simmetrica e
definita positiva.

A.3.2. TRASFORMAZIONE DELLE ROTAZIONI RELATIVE IN ASSOLUTE

La matrice di rigidezza 12 x 12 di un elemento quadrilatero con rotazioni normali è ottenuta


usando un’integrazione numerica a quattro punti oppure è definita come:


K  (B T DB)dV

La matrice di rigidezza per elementi a comportamento membranale ha quattro rotazioni


relative incognite ai nodi. La matrice possiede un modo ad energia nulla in aggiunta ai tre
modi di corpo rigido. Tale deformata modale spuria è mostrata in Figura A.7:

Figura A.7 – Modo traslazionale ad energia nulla

Il modo traslatorio ad energia nulla è caratterizzato da rotazioni uguali in tutti i nodi e


spostamenti nulli nella mezzeria dei lati. Per eliminare tale modo è necessario solamente
aggiungere una riga alla matrice di rigidezza associata a tale modo. Dalla teoria dell’elasticità,
la rotazione assoluta al centro dell’elemento può essere calcolata mediante la seguente
espressione:

1  u x u y 
θ0      b0  u
2  y x 

La differenza tra la rotazione assoluta e quella relativa al centro dell’elemento è pari a:

267
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

4
d  θ0   N (0,0)  Δθ
i1
i i  b0  u

Per creare la riga nuova della matrice può essere assegnata a questa deformazione una
rigidezza k0:

T T

K 0  b0 k 0 b0 dV  k 0  V  b0 b0

Gli elementi membranali in stato piano di sforzo possono essere usati accuratamente per
modelli strutturali molto complessi dove gli elementi a piastra membranali e flessionali sono
coesistenti. L’elemento quadrilatero produce risultati eccellenti [44,45].

A.4. STORIE NEL TEMPO DELLO SPOSTAMENTO NEL NODO 7

Di seguito vengono riportati i grafici che rappresentano le storie di spostamento del nodo in
sommità (diga di Koyna) per i diversi valori del rapporto Ef/Ed.
Come già accennato nel capitolo 7, i risultati ottenuti con SAP e con Abaqus sono simili
(soprattutto nei primi secondi dell’intervallo scelto), ma non coincidenti in quanto le due
discretizzazioni sono caratterizzate da elementi finiti differenti.

CASO Ef/Ed=1/8:

Combinazione 1
0.03

0.02

0.01

0
0 2 4 6 8 10
[m]

-0.01
U_x

-0.02

-0.03

-0.04

-0.05
T [s]
Grafico A.1 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la prima combinazione di
accelerogrammi

268
Appendice

Combinazione 2
0.04

0.03

0.02

0.01
[m]

0
0 2 4 6 8 10
U_x

-0.01

-0.02

-0.03

-0.04

-0.05
T [s]
Grafico A.2 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la seconda combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 3
0.020

0.015

0.010

0.005
[m]
U_x

0.000
0 2 4 6 8 10
-0.005

-0.010

-0.015
T [s]
Grafico A.3 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la terza combinazione di
accelerogrammi

269
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Combinazione 4
0.05

0.04

0.03

0.02

0.01
[m]

0
U_x

0 2 4 6 8 10
-0.01

-0.02

-0.03

-0.04

-0.05
T [s]
Grafico A.4 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quarta combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 5
0.020

0.015

0.010

0.005
[m]

0.000
0 2 4 6 8 10
U_x

-0.005

-0.010

-0.015

-0.020

-0.025
T [s]
Grafico A.5 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quinta combinazione di
accelerogrammi

270
Appendice

Combinazione 6
0.015

0.010

0.005

0.000
[m]

0 2 4 6 8 10
U_x

-0.005

-0.010

-0.015

-0.020
T [s]
Grafico A.6 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la sesta combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 7
0.010

0.005

0.000
0 2 4 6 8 10
[m]

-0.005
U_x

-0.010

-0.015

-0.020
T [s]
Grafico A.7 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la settima combinazione di
accelerogrammi

271
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

CASO Ef/Ed=1/4:

Combinazione 1
0.02

0.01

0
0 2 4 6 8 10
-0.01
[m]
U_x

-0.02

-0.03

-0.04

-0.05
T [s]
Grafico A.8 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la prima combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 2
0.025

0.020

0.015

0.010

0.005
[m]

0.000
U_x

0 2 4 6 8 10
-0.005

-0.010

-0.015

-0.020

-0.025
T [s]
Grafico A.9 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la seconda combinazione di
accelerogrammi

272
Appendice

Combinazione 3
0.010

0.008

0.006

0.004
[m]

0.002
U_x

0.000
0 2 4 6 8 10
-0.002

-0.004

-0.006

-0.008
T [s]
Grafico A.10 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la terza combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 4
0.04

0.03

0.02

0.01
[m]
U_x

0
0 2 4 6 8 10
-0.01

-0.02

-0.03
T [s]
Grafico A.11 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quarta combinazione di
accelerogrammi

273
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Combinazione 5
0.010

0.005

0.000
0 2 4 6 8 10
[m]

-0.005
U_x

-0.010

-0.015

-0.020
T [s]
Grafico A.12 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quinta combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 6
0.015

0.01

0.005

0
0 2 4 6 8 10
[m]

-0.005
U_x

-0.01

-0.015

-0.02

-0.025
T [s]
Grafico A.13 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la sesta combinazione di
accelerogrammi

274
Appendice

Combinazione 7
0.01

0.005

0
[m]

0 2 4 6 8 10
U_x

-0.005

-0.01

-0.015
T [s]
Grafico A.14 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la settima combinazione di
accelerogrammi

CASO Ef/Ed=1:

Combinazione 1
0.02

0.01

0
0 2 4 6 8 10
[m]

-0.01
U_x

-0.02

-0.03

-0.04
T [s]
Grafico A.15 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la prima combinazione di
accelerogrammi

275
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Combinazione 2
0.025

0.020

0.015

0.010
[m]

0.005
U_x

0.000
0 2 4 6 8 10
-0.005

-0.010

-0.015

-0.020
T [s]
Grafico A.16 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la seconda combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 3
0.012

0.010

0.008

0.006

0.004
[m]

0.002
U_x

0.000
0 2 4 6 8 10
-0.002

-0.004

-0.006

-0.008
T [s]
Grafico A.17 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la terza combinazione di
accelerogrammi

276
Appendice

Combinazione 4
0.04

0.03

0.02

0.01
[m]
U_x

0
0 2 4 6 8 10
-0.01

-0.02

-0.03
T [s]
Grafico A.18 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quarta combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 5
0.015

0.010

0.005
[m]

0.000
U_x

0 2 4 6 8 10

-0.005

-0.010

-0.015
T [s]
Grafico A.19 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quinta combinazione di
accelerogrammi

277
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Combinazione 6
0.006

0.004

0.002

0.000
0 2 4 6 8 10
[m]

-0.002
U_x

-0.004

-0.006

-0.008

-0.010

-0.012
T [s]
Grafico A.20 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la sesta combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 7
0.010

0.005

0.000
0 2 4 6 8 10
-0.005
[m]
U_x

-0.010

-0.015

-0.020

-0.025
T [s]
Grafico A.21 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la settima combinazione di
accelerogrammi

278
Appendice

CASO Ef/Ed=2:

Combinazione 1
0.03

0.02

0.01

0
0 2 4 6 8 10
[m]

-0.01
U_x

-0.02

-0.03

-0.04

-0.05
T [s]
Grafico A.22 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la prima combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 2
0.03

0.02

0.01
[m]

0
U_x

0 2 4 6 8 10

-0.01

-0.02

-0.03
T [s]
Grafico A.23 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la seconda combinazione di
accelerogrammi

279
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Combinazione 3
0.006

0.004

0.002
[m]

0
U_x

0 2 4 6 8 10

-0.002

-0.004

-0.006
T [s]
Grafico A.24 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la terza combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 4
0.05

0.04

0.03

0.02
[m]

0.01
U_x

0
0 2 4 6 8 10
-0.01

-0.02

-0.03

-0.04
T [s]
Grafico A.25 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quarta combinazione di
accelerogrammi

280
Appendice

Combinazione 5
0.010

0.005

0.000
0 2 4 6 8 10
[m]

-0.005
U_x

-0.010

-0.015

-0.020
T [s]
Grafico A.26 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quinta combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 6
0.006

0.004

0.002

0.000
0 2 4 6 8 10
-0.002
[m]

-0.004
U_x

-0.006

-0.008

-0.010

-0.012

-0.014
T [s]
Grafico A.27 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la sesta combinazione di
accelerogrammi

281
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Combinazione 7
0.010

0.005

0.000
0 2 4 6 8 10
[m]

-0.005
U_x

-0.010

-0.015

-0.020
T [s]
Grafico A.28 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la settima combinazione di
accelerogrammi

CASO Ef/Ed=4:

Combinazione 1
0.02

0.01

0
0 2 4 6 8 10
[m]

-0.01
U_x

-0.02

-0.03

-0.04
T [s]
Grafico A.29 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la prima combinazione di
accelerogrammi

282
Appendice

Combinazione 2
0.015

0.010

0.005

0.000
[m]

0 2 4 6 8 10
U_x

-0.005

-0.010

-0.015

-0.020
T [s]
Grafico A.30 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la seconda combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 3
0.008

0.006

0.004

0.002
[m]
U_x

0
0 2 4 6 8 10
-0.002

-0.004

-0.006
T [s]
Grafico A.31 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la terza combinazione di
accelerogrammi

283
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

Combinazione 4
0.05

0.04

0.03

0.02
[m]

0.01
U_x

0
0 2 4 6 8 10
-0.01

-0.02

-0.03

-0.04
T [s]
Grafico A.32 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quarta combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 5
0.006

0.004

0.002

0.000
0 2 4 6 8 10
[m]

-0.002
U_x

-0.004

-0.006

-0.008

-0.010
T [s]
Grafico A.33 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la quinta combinazione di
accelerogrammi

284
Appendice

Combinazione 6
0.006

0.004

0.002

0.000
0 2 4 6 8 10
-0.002
[m]

-0.004
U_x

-0.006

-0.008

-0.010

-0.012

-0.014
T [s]
Grafico A.34 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la sesta combinazione di
accelerogrammi

Combinazione 7
0.010

0.005

0.000
0 2 4 6 8 10
[m]

-0.005
U_x

-0.010

-0.015

-0.020
T [s]
Grafico A.35 – Sovrapposizione delle storie di spostamento del nodo 7 per la settima combinazione di
accelerogrammi

285
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

A.5. ANALISI PSEUDO-STATICHE

Come definito in § 7.4.3 il coefficiente “c” che compare nell’espressione delle forze inerziali
dell’acqua viene determinato mediante un’opportuna subroutine, che richiede come parametri
di input i valori di c m e y o per i bacini di San Giacomo e di Cancano.

Sovrappressioni paramento di monte (bacino di San Giacomo):

SUBROUTINE DLOAD(F,KSTEP,KINC,TIME,NOEL,NPT,LAYER,KSPT,
1 COORDS,JLTYP,SNAME)

! OUTPUT <required>: F Magnitude of the distributed load.


! Units are FL^2 for surface loads and FL^3
for body forces.
! F will be passed into the routine as the
magnitude of the load specified
! as part of the element-based or surface-
based distributed load definition.
! If the magnitude is not defined, F will be
passed in as zero.

! NOTE: For a static analysis that uses the modified Riks method
(Static stress analysis, Section 6.2.2)
! F must be defined as a function of the load proportionality
factor, lambda.
! The distributed load magnitude is not available for output
purposes

INCLUDE 'ABA_PARAM.INC'

CHARACTER*80 SNAME
dimension u(3), TIME(2), COORDS(3)
real*8 quota

quota = COORDS(3)
pelolibero = 1949.0

if (quota.LT.pelolibero) then
!CoeffSismico = (6.0-2.0)/100.0
CoeffSismico = +0.306497
gammaacqua = 9800.0 !N/m^3
y = pelolibero - quota !Differenze di quota col pelo libero
yzero = pelolibero - 1875.0

Funzionec = 0.72624/2.0*(y/yzero*(2.0-
y/yzero)+sqrt(y/yzero*(2.0-
1y/yzero)))

C determino la pressione come somma delle azioni inierziali e del


carico idorstatico
pressure = CoeffSismico * gammaacqua * Funzionec *
1 yzero
else
pressure = 0.
endif

286
Appendice

! la pressione e' assegnata al punto di integrazione


F = pressure * time(1)

return
end

Sovrappressioni paramento di valle (bacino di Cancano):

SUBROUTINE DLOAD(F,KSTEP,KINC,TIME,NOEL,NPT,LAYER,KSPT,
1 COORDS,JLTYP,SNAME)

! OUTPUT <required>: F Magnitude of the distributed load.


! Units are FL^2 for surface loads and FL^3
for body forces.
! F will be passed into the routine as the
magnitude of the load specified
! as part of the element-based or surface-
based distributed load definition.
! If the magnitude is not defined, F will be
passed in as zero.

! NOTE: For a static analysis that uses the modified Riks method
(Static stress analysis, Section 6.2.2)
! F must be defined as a function of the load proportionality
factor, lambda.
! The distributed load magnitude is not available for output
purposes

INCLUDE 'ABA_PARAM.INC'

CHARACTER*80 SNAME
dimension u(3), TIME(2), COORDS(3)
real*8 quota

quota = COORDS(3)
pelolibero = 1901.0

if (quota.LT.pelolibero) then
!CoeffSismico = (6.0-2.0)/100.0
CoeffSismico = +0.306497
gammaacqua = 9800.0 !N/m^3
y = pelolibero - quota !Differenze di quota col pelo libero
yzero = pelolibero - 1875.0

Funzionec = 0.5512/2.0*(y/yzero*(2.0-y/yzero)+sqrt(y/yzero*(2.0-
1y/yzero)))

C determino la pressione come somma delle azioni inierziali e del


carico idorstatico
pressure = CoeffSismico * gammaacqua * Funzionec *
1 yzero
else
pressure = 0.
endif

! la pressione e' assegnata al punto di integrazione

287
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

F = pressure * time(1)

return
end

288
Bibliografia

BIBLIOGRAFIA

Introduzione

[1] J. M. W. Brownjohn, structural health monitoring of civil infrastructure, Philosophical


Transactions of the Royal Society A (2007), vol. 365 (13 Dicembre), pp. 589 – 622
[2] Decreto Ministeriale 24 Marzo 1982 – Norme tecniche per la progettazione e la
costruzione delle dighe di sbarramento, Gazzetta Ufficiale n. 212, 4 Agosto 1982
[3] Proposta di Aggiornamento delle Norme Tecniche per la Progettazione e la Costruzione
degli Sbarramenti di ritenuta (Dighe e Traverse), Ufficio Strutture e Geotecnica, 18
Dicembre 2009
[4] Decreto Ministeriale 14 Gennaio 2008 – Norme Tecniche per le Costruzioni, Il Ministro
delle Infrastrutture di concerto con Il Ministro dell’Interno e con Il Capo del
Dipartimento della Protezione Civile

Capitolo 1

[5] A. Paoletti, G. Becciu, Dighe e traverse: Introduzione, Corso di Costruzioni idrauliche,


Politecnico di Milano, a.a. 2011 – 2012
[3] Proposta di Aggiornamento delle Norme Tecniche per la Progettazione e la Costruzione
degli Sbarramenti di ritenuta (Dighe e Traverse), Ufficio Strutture e Geotecnica, 18
Dicembre 2009
[6] AA. VV., Riabilitazione delle dighe, ItCOLD, Maggio 2012
[7] www.itcold.it, ItCOLD: Comitato Nazionale Italiano per le Grandi Dighe
[8] www.icold-cigb.org, ICOLD: International Commission on Large Dams
[9] AA. VV., Role of Dams, www.icold-cigb.org
[10] Emanuele Candiani, Introduzione all’analisi statica di dighe in calcestruzzo, Tesi di
Laurea in Ingegneria Civile, Politecnico di Milano, Relatore Prof. Umberto Perego, a.a.
2011 – 2012
[2] Decreto Ministeriale 24 Marzo 1982 – Norme tecniche per la progettazione e la
costruzione delle dighe di sbarramento, Gazzetta Ufficiale n. 212, 4 Agosto 1982
[11] G. Becciu, Dighe a gravità, Corso di Costruzioni idrauliche, Politecnico di Milano, a.a.
2011 – 2012
[12] G. Becciu, Dighe a volta e in materiali sciolti, Corso di Costruzioni idrauliche,
Politecnico di Milano, a.a. 2011 – 2012

Capitolo 2

[4] Decreto Ministeriale 14 Gennaio 2008 – Norme Tecniche per le Costruzioni, Il Ministro
delle Infrastrutture di concerto con Il Ministro dell’Interno e con Il Capo del
Dipartimento della Protezione Civile
[13] AA. VV., Diga di San Giacomo di Fraele: scheda storica. Rapporto Tecnico, Ismes, 15
Settembre 1986

289
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

[14] AA. VV., Diga di San Giacomo di Fraele (So): caratterizzazione geomeccanica della
roccia di fondazione, Ismes per conto AEM S.p.A. Milano, 5 Febbraio 1997
[15] AA. VV., Diga di San Giacomo di Fraele: intervento di manutenzione conservativa,
Direzione Generale per le Dighe e le Infrastrutture Idriche ed Elettriche, Ministero delle
Infrastrutture e dei Trasporti, Concessionario e Gestore A2A S.p.A., Marzo 2001
(integrazione 2006)
[16] AA. VV., Diga di San Giacomo di Fraele, comune di Valdidentro (So): foglio di
condizioni per l’esercizio e la manutenzione, Direzione Generale per le Dighe e le
Infrastrutture Idriche ed Elettriche, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti,
Concessionario e Gestore A2A S.p.A., 14 Aprile 2011
[17] P. Valgoi, Manutenzione straordinaria della diga di S. Giacomo di Fraele, AEM S.p.A.
[18] AA. VV., Diga di San Giacomo di Fraele: intervento di manutenzione conservativa.
Aggiornamento del progetto approvato. Verifica di sicurezza-allegato-verifiche speciali,
AEM S.p.A., 15 Luglio 2003
[19] AA. VV., Diga di San Giacomo di Fraele: intervento di manutenzione conservativa.
Allegato n. 2: Solettone inclinato, solettone orizzontale, calcestruzzo proiettato per
rivestimento degli speroni, Direzione Generale per le Dighe e le Infrastrutture Idriche ed
Elettriche, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Concessionario e Gestore A2A
S.p.A., Marzo 2001 (integrazione 2006)
[20] AA. VV., Diga di San Giacomo di Fraele: intervento di manutenzione conservativa.
Allegato n. 1: verbali delle visite di Collaudo in corso d’opera, Direzione Generale per le
Dighe e le Infrastrutture Idriche ed Elettriche, Ministero delle Infrastrutture e dei
Trasporti, Concessionario e Gestore A2A S.p.A., Marzo 2001 (integrazione 2006)

Capitolo 3

[21] AA. VV., Time-History Dynamic Analysis of Concrete Hydraulic Structures, US Army
Corps of Engineers, numero 1110-2-6051, 22 Dicembre 2003

Capitolo 4

[22] ABAQUS 6.10 Documentation

Capitolo 5

[2] Decreto Ministeriale 24 Marzo 1982 – Norme tecniche per la progettazione e la


costruzione delle dighe di sbarramento, Gazzetta Ufficiale n. 212, 4 Agosto 1982
[23] C. Datei, Introduzione allo studio delle dighe. Sbarramenti in muratura, Edizione
libreria Cortina, Padova, 1998
[24] G. Evangelisti, Impianti idroelettrici, Pàtron Editore, Bologna, Novembre 1982
[25] AA. VV., Diga di San Giacomo di Fraele: verifiche di sicurezza (D.M. 24.03.82).
Relazione, Ismes, 15 Settembre 1986
[3] Proposta di Aggiornamento delle Norme Tecniche per la Progettazione e la Costruzione
degli Sbarramenti di ritenuta (Dighe e Traverse), Ufficio Strutture e Geotecnica, 18
Dicembre 2009
[17] P. Valgoi, Manutenzione straordinaria della diga di S. Giacomo di Fraele, AEM S.p.A.
[26] Dott. Ing. Alberto Piazza, Dott. Ing. Roger Bremen, Manutenzione Conservativa Diga di

290
Bibliografia

San Giacomo. Esecuzione dei lavori di seconda fase. Misure piezometriche del triennio
2003-2005 e analisi aggiornata delle condizioni di stabilità della diga, Lombardi SA
Ingegneri Consulenti, Dicembre 2005
[27] AA. VV., Rapporto Tecnico. Diga di San Giacomo di Fraele: verifiche di sicurezza (D.M.
24.03.82). Sperone di massima altezza (n. 2), Ismes, 15 Settembre 1986
[28] Prof. Butera, a cura dell’Ing. Filippo Miotto e dell’Ing. Ilenia Cotto Esercitazioni,
Esercitazioni. Diga a gravità ordinaria

Capitolo 6

[23] C. Datei, Introduzione allo studio delle dighe. Sbarramenti in muratura, Edizione
libreria Cortina, Padova, 1998
[29] Pierre Legér and Martin Leclerc, Hydrostatic, Temperature, Time-Displacement Model
for Concrete Dams, Journal of Engineering Mechanics (2007), Volume 133 n. 3
(Marzo), pp. 267 - 277
[30] AA. VV., Comune di Valdidentro. Provincia di Sondrio. Fiume Adda. Diga di San
Giacomo di Fraele. Bollettino dei dati e delle misure mese di Maggio 2012, A2A, 2012
[31] AA. VV., Storico San Giacomo luglio 2012, file Excel
[32] AA. VV., Storico Cancano luglio 2012, file Excel
[33] AA. VV., Comune di Valdidentro. Provincia di Sondrio. Fiume Adda. Diga di Cancano
(1° fase). Bollettino dei dati e delle misure mese di Maggio 2012, A2A

Capitolo 7

[3] Proposta di Aggiornamento delle Norme Tecniche per la Progettazione e la Costruzione


degli Sbarramenti di ritenuta (Dighe e Traverse), Ufficio Strutture e Geotecnica, 18
Dicembre 2009
[4] Decreto Ministeriale 14 Gennaio 2008 – Norme Tecniche per le Costruzioni, Il Ministro
delle Infrastrutture di concerto con Il Ministro dell’Interno e con Il Capo del
Dipartimento della Protezione Civile
[14] AA. VV., Diga di San Giacomo di Fraele (So): caratterizzazione geomeccanica della
roccia di fondazione, Ismes per conto AEM S.p.A. Milano, 5 Febbraio 1997
[34] Linee Guida per la valutazione della sicurezza sismica delle dighe in esercizio, Consiglio
Superiore dei Lavori Pubblici, 16 Novembre 2007
[35] AA. VV., La verifica sismica delle dighe. Criteri generali e confronto con le normative,
ItCOLD, Roma, 1998
[36] AA. VV., Tecniche e realizzazioni italiane per il monitoraggio delle dighe e delle loro
fondazioni, ItCOLD
[19] AA. VV., Diga di San Giacomo di Fraele: intervento di manutenzione conservativa.
Allegato n. 2: Solettone inclinato, solettone orizzontale, calcestruzzo proiettato per
rivestimento degli speroni, Direzione Generale per le Dighe e le Infrastrutture Idriche ed
Elettriche, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Concessionario e Gestore A2A
S.p.A., Marzo 2001 (integrazione 2006)
[20] AA. VV., Diga di San Giacomo di Fraele: intervento di manutenzione conservativa.
Allegato n. 1: verbali delle visite di Collaudo in corso d’opera, Direzione Generale per le
Dighe e le Infrastrutture Idriche ed Elettriche, Ministero delle Infrastrutture e dei
Trasporti, Concessionario e Gestore A2A S.p.A., Marzo 2001 (integrazione 2006)

291
Analisi statiche e sismiche di una diga a gravità a speroni

[37] Anil K. Chopra, Dynamics of structures. Theory and Applications to earthquake


Engineering, Third Edition, Prentice Hall, 2007
[38] P. Lèger and M. Boughoufalah, Earthquake input mechanisms for time-domain analysis
of dam-foundation systems, Eng. Struct. (1989), vol. 11 (Gennaio), pp. 37 – 46
[39] Z. Heirany, M. Ghaemian, The effect of foundation’s modulus of elasticity on concrete
gravity dam’s behaviour, Indian Journal of Science and Technology (2012), vol. 5 num.
5 (May), pp. 2738 – 2740
[40] Alberto Corigliano e Alberto Taliercio, Meccanica Computazionale. Soluzione dl
problema elastico lineare, Progetto Leonardo, Bologna, Settembre 2005
[41] AA. VV., Arch Dams Design, US Army Corps of Engineers, num. 1110-2-2201, 31
Maggio 1994
[42] AA. VV., Gravity Dams Design, US Army Corps of Engineers, num. 1110-2-2200, 30
Giugno 1995

Appendice

[43] P. M. V. Ribeiro and L. J. Pedroso, Analytical procedure for stress field solution in
concrete gravity dams, Brazilian Society of Mechanical Sciences and Engineering
(2007), pp. 469 – 483
[44] Edward L. Wilson, Three dimensional static and dynamic analysis of structures. A
physical approach with emphasis on earthquake engineering, Third Edition, Computers
and Structures, Inc., 2002
[45] Ibrahimbegovic, Adnan, R. Taylor and E. Wilson, A Robust Membrane Quadrilateral
Element with Drilling Degrees of Freedom, International Journal of Numerical Method,
1990

292
Ringraziamenti

RINGRAZIAMENTI

Un grazie particolare ai Professori Umberto Perego e Giorgio Novati per la disponibilità


manifestata ed il prezioso aiuto fornito durante il presente percorso di lavoro.
Ringrazio il Prof. Ing. Aldo Ghisi, che mi ha guidato in questi mesi permettendomi di svolgere
l’attività di studio con le sue indicazioni nell’uso dei programmi CAD e ad elementi finiti, e
l’Ing. Marco Domaneschi per i suoi consigli.
Infine, grazie alla mia famiglia per l’appoggio che non mi hanno fatto mai mancare durante il
mio percorso di studi e in particolare in questi ultimi mesi.

293