Sei sulla pagina 1di 4

Tiffany & Co.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Questa voce o sezione sull'argomento aziende statunitensi non cita le fonti
necessarie o quelle presenti sono insufficienti.
Commento: solo fonti autoreferenziali
Tiffany & Co., nota comunemente come Tiffany's, è un'azienda statunitense
Tiffany and Co.
fondata nel 1837 a New York, che si occupa della vendita di gioielli tramite
migliaia di punti vendita situati in molti paesi.
Stato Stati Uniti
Forma public company
Indice societaria
Borse NYSE: TIF (https://ww
Storia
valori w.nyse.com/quote/XNY
Diamanti
S:TIF)
Tiffany Yellow Diamond
ISIN US8865471085 (http://
Ecosostenibilità
www.isin.org/isin-previe
Designer
w/?isin=US886547108
Cinema e letteratura
5)
Curiosità
Fondazione 18 settembre 1837 a
Note
New York
Voci correlate
Fondata da Charles Lewis Tiffany
Altri progetti
Collegamenti esterni
John B. Young
Sede New York
principale
Storia Persone Michael J. Kowalski,
chiave presidente e AD
L'azienda è stata fondata da Charles Lewis Tiffany e John B. Young a Manhattan.
Inizialmente il negozio vendeva una gran varietà di articoli, comprendenti quelli James E. Quinn,
da cancelleria e operava soltanto col nome di Tiffany. Successivamente, quando presidente
John B. Young divenne socio di Charles Lewis Tiffany, il nome mutò in Tiffany & Settore gioielleria e argenteria
Co.
Prodotti diamanti
Il primo negozio venne inaugurato il 14 settembre 1837 al n°259 di Broadway[1]. monili

Nel 1848, Charles Lewis Tiffany acquista i gioielli della Corona di Francia e nel servizi da tavola
1845 viene pubblicato il primo Blue Book che, da allora, viene pubblicato regali ed accessori
annualmente per presentare la collezione autunnale di Tiffany & Co. articoli d'argento

Nel 1878, Tiffany partecipa all'Esposizione Universale di Parigi e, qualche anno Fatturato $2,6 miliardi (2006)
dopo, grazie alla collaborazione del gemmologo George Kunz, introduce nuovi Dipendenti 7.000 (2004)
materiali per la creazione dei suoi gioielli: la Kunzite, la morganite, la tanzanite Slogan «Diamonds by the
blu, la tsavorite. Nel 2012, ricorrenza del 175º anniversario, Tiffany presenta una Yard»
nuova lega metallica chiamata rubedo.
Sito web www.tiffany.com/ (http://
Durante il corso della sua storia, Tiffany & Co. vanta di aver: www.tiffany.com/)

prodotto spade da cerimonia durante la guerra civile;


creato, nel 1968, il servizio di porcellana della Casa Bianca commissionato dal presidente Lyndon B. Johnson;
ridisegnato, nel 1880, lo stemma degli Stati Uniti, riprodotto sulla banconota da un dollaro;
prodotto, dal 1900 al 1910, la spilla American Flag ;
disegnato, dal 1917 al 1942, la Medaglia d'Onore del Congresso, nota come Tiffany Cross;
dal 1860 a oggi, creato trofei sportivi per gare come il campionato mondiale di baseball, la 500 Miglia di Indianapolis, la
NASCAR Sprint Cup, il Super Bowl, la PGA Tour e gli Us Open di Tennis.

Diamanti
La tradizione dei diamanti di Tiffany risale al 1848, quando i giornali di New York incoronano Charles Lewis Tiffany come "The
King of diamonds", il re dei diamanti (gioco di parole intraducibile in Italiano in cui "diamonds", che significa letteralmente
"diamanti", è altresì usato per indicare il seme dei Quadri nelle carte francesi; potremmo quindi interpretare l'epiteto anche nel
senso di "Re di Quadri"), grazie all'acquisto dei Gioielli della Corona francese. Nel 1886 Charles Lewis Tiffany introduce un classico
anello di fidanzamento usato tuttora, il "Tiffany Setting", l'anello di diamanti. La Tiffany & Co. dispone di un laboratorio
periodicamente certificato (Laboratorio Gemmologico di Tiffany) per la valutazione dei diamanti. Il laboratorio gemmologico si
affida a professionisti diplomati in gemmologia che devono superare un corso formativo prima di poter procedere alla valutazione
di un diamante Tiffany. La valutazione di un diamante viene effettuata in base alle "4 C":

1. Cut (taglio);
2. Color (colore);
3. Clarity (purezza);
4. Carat weight (peso in carati)...
Inoltre, per una qualità superiore, Tiffany valuta i diamanti anche in base alla "presenza", ossia la simmetria e la lucidatura
della pietra. Il taglio serve ad ottenere la massima luminosità e lo scintillio dal diamante, a scapito della grandezza. Il colore è
dovuto alle impurità che possono essere presenti all'interno del diamante ed è classificato su una scala da D a Z, dove "D", "E" ed
"F" stanno per incolore, "G", "H" e "I" stanno per quasi incolore e da "L" a "Z" abbiamo le gradazioni "giallo tenue", "giallo molto
chiaro" e "giallo chiaro". Tiffany accetta solamente i diamanti che rientrano nella fascia da D a I. Per purezza si intende l'assenza di
imperfezioni in un diamante; gli standard Tiffany vietano i miglioramenti dei diamanti con tecniche artificiali come il trattamento
termico e la regolazione del colore. Tiffany & Co., oltre ad uno standard elevato dei prodotti di cui si occupa, ha uno standard
elevato anche per quanto riguarda l'etica: le compagnie minerarie con cui collabora devono garantire rispetto dell'ambiente e
responsabilità sociale. Inoltre, Tiffany & Co. acquista diamanti solo dagli Stati che partecipano al Kimberley Process Certification
Scheme (KPCS), creato per certificare la provenienza dei diamanti e, di conseguenza, eliminare il loro contrabbando dalle zone di
guerra.

Tiffany Yellow Diamond


Il diamante giallo di Tiffany venne trovato nel 1878 a Kimberley, in Sud Africa. Con i suoi 287,2 carati è uno dei più grandi
diamanti gialli mai scoperti. Il diamante fu tagliato da George Frederick Kunz nella forma "a cuscino" fino a raggiungere il peso di
128,54 carati con un totale di 90 sfaccettature. Il diamante è stato esposto allo Smithsonian National Museum of Natural History a
Washington D.C. dal 18 aprile 2007 al 23 settembre 2007. Eccetto eventi particolari, come l'esposizione al museo di Washington
nel 2007, il diamante giallo è esposto nel negozio Tiffany & Co. di New York. Il diamante è stato indossato solamente due volte nella
sua storia: dalla signora Sheldon Whitehouse al Tiffany Ball nel 1957 montato, per l'occasione, in una collana di diamanti bianchi e
da Audrey Hepburn nel 1961 per pubblicizzare il film Colazione da Tiffany. Nel 1995, il diamante venne montato su "Bird on a
Rock", una creazione di Jean Schlumberger e rimase così per 17 anni. Nel 2012, il Tiffany yellow diamond è stato montato su di una
collana per celebrare il 175º anniversario della nascita di Tiffany & Co.

Ecosostenibilità
Nel 1996, Tiffany & Co. si è opposta allo scavo di una miniera d'oro che minacciava il parco nazionale di Yellowstone. Per
preservare le barriere coralline, dal 2002, Tiffany & Co. non vende coralli poiché non vi è alcun modo sostenibile per raccogliere
coralli rossi e rosa senza compromettere l'ecosistema marino; nel 2004, con un annuncio pubblicato sul Washington Post ha
esortato il servizio forestale degli Stati Uniti a negare il permesso per lo sviluppo di una miniera nel Montana che avrebbe messo a
rischio l'acqua e la fauna selvatica del Paese. Inoltre, Tiffany & Co., insieme alla Bristol Bay Protection Pledge, si occupa di
salvaguardare la Bristol Bay, in Alaska[2] opponendosi allo sviluppo di una miniera di oro e rame a cielo aperto, la miniera Pebble.
Per aumentare la consapevolezza su questo problema, nel 2010, Tiffany & Co. pubblicò sul National Geographic Magazine un
annuncio di un'intera pagina e, firmando il Bristol Bay Protection Pledge, ha dichiarato che se la miniera Pebble fosse stata
sviluppata, non l'avrebbe sfruttata[3].

Designer
Louis Comfort Tiffany, figlio del fondatore Charles Lewis Tiffany, diventa il primo direttore creativo dell'azienda nel 1902 e crea
il laboratorio Gioielli Artistici Tiffany nel negozio di Fifth Avenue.
Jean Schlumberger è uno dei designer di Tiffany & Co. Dall'anno 1956; le sue creazioni hanno vestito donne come Jaqueline
Kennedy, Diana Vreeland ed Elizabeth Taylor.
Elsa Peretti è una dei designer di Tiffany & Co. Dall'anno 1974;
Paloma Picasso presenta la sua prima collezione di gioielli firmata Tiffany & Co. Nell'anno 1980;
Frank Gehry avvia la sua partnership con Tiffany & Co. nel 2004, nel 2006 viene presentata la sua prima collezione.

Cinema e letteratura
Nel romanzo Colazione da Tiffany, di Truman Capote, la protagonista Holly Golightly si
riferisce alla gioielleria Tiffany come "il miglior posto del mondo, in cui non può
accadere niente di brutto". Dal romanzo è stata tratta la sceneggiatura del film omonimo
del 1961, con Audrey Hepburn.

Curiosità
Nel 1851, Tiffany & Co. è la prima azienda ad istituire il titolo 925/1000 per l'argento.
Nel 1926 gli Stati Uniti fissano come titolo di purezza ufficiale il platino di Tiffany (95%)
Entrata principale di Tiffany a New In occasione del suo insediamento alla Casa Bianca, il presidente Lincoln regala alla
York moglie Mary una collana di perle firmata Tiffany

Note
1. ^ Tiffany & Co. (http://www.tiffany.it/About/TheTiffanyStory/default.aspx#p+1-n+6-cg+viewPaged-c+-s+0-r+-t+-ri+-ni+1-x+-pu+-f
+/5/0/0)
2. ^ http://www.tiffany.com/csr/responsiblesourcing/PDF/National%20Geographic_Dec_2010_cropped.pdf
3. ^ Tiffany & Co. | Corporate Responsibility (http://www.tiffany.com/csr/responsiblesourcing/preservation.aspx)

Voci correlate
Blu Tiffany

Altri progetti
Wikimedia Commons (https://commons.wikimedia.org/wiki/?uselang=it) contiene immagini o altri file su Tiffany & Co. (http
s://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Tiffany_%26_Co.?uselang=it)

Collegamenti esterni

Sito ufficiale, su tiffany.com.


VIAF (EN) 154771285 (https://viaf.org/viaf/154771285) · ISNI (EN) 0000 0001 2035 0145 (http://i
sni.org/isni/0000000120350145) · LCCN (EN) n80118439 (http://id.loc.gov/authorities/names/n8
0118439) · GND (DE) 4232546-8 (https://d-nb.info/gnd/4232546-8) · BNF (FR) cb136036527 (ht
Controllo di autorità
tp://catalogue.bnf.fr/ark:/12148/cb136036527) (data) (http://data.bnf.fr/ark:/12148/cb13603652
7) · ULAN (EN) 500330306 (https://www.getty.edu/vow/ULANFullDisplay?find=&role=&nation=&
subjectid=500330306) · NLA (EN) 35789136 (https://nla.gov.au/anbd.aut-an35789136)

Estratto da "https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Tiffany_%26_Co.&oldid=96920117"
Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 10 mag 2018 alle 13:56.

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono applicarsi condizioni
ulteriori. Vedi le condizioni d'uso per i dettagli.