Sei sulla pagina 1di 8

Il suo circuito equivalente sar quello indicato in figura, ed il valore dellinduttanza

sar una funzione dellangolo ,


essendo massimo per =
0, , 2, ecc., e minima per =
3 5
, , , ecc.
2 2 2

Lequazione del circuito :

6.5.1

che in termini di potenza diventa:

6.5.2

Daltra parte lenergia accumulata nel campo magnetico per un generico valore di
corrente i vale:
1
= 2
2
e la potenza istantanea (cio la variazione di energia) :

6.5.3

E quindi la 6.5.3 pu essere riscritta, mettendo in evidenza il significato dei vari


termini:
1. Potenza elettrica entrante
2. Perdite
3. Potenza scambiata col campo magnetico
4. Potenza meccanica

Mettendo ora in evidenza il fatto che linduttanza varia ciclicamente con la rotazione
si ha :

La coppia motrice vale quindi:


(parte trasformatore trifase)

Adesso pu sorgere spontaneamente una


domanda: Per quale motivo stiamo
rappresentando tali terne?

Ci che vogliamo fare determinare le tensioni


e le correnti che interessano gli avvolgimenti
secondari qualora fossero connessi a stella. Gli
avvolgimenti della stella equivalente saranno
sottoposti alle tensioni stellate e attraversati
dalle correnti di linea.

Disponiamo i tre fasori


2 ,
2 ,
2 in modo tale che la punta di ognuno coincida
con la coda di un altro. Si ottiene cos un triangolo equilatero. In tal modo sono
facilmente ricavabili le corrispondenti grandezze stellate.



2 = 3 2 6

E in modo analogo:


2 = 3 2 6


2 = 3 2 6

Per quanto riguarda le correnti basta scrivere la LKC nei nodi. Con riferimento alla
fase A:


= 2 6

3

In modo analogo:

2

= 6
3

= 6
3
A questo punto possiamo riscrivere le equazioni del trasformatore stella-triangolo
nel seguente modo facendo riferimento alla fase a:

Relazioni analoghe si ottengono per le altre fasi.


In conclusione, il trasformatore trifase pu essere rappresentato come una scatola
nera al cui interno pu esserci un trasformatore stella-stella, un trasformatore
stella-triangolo o un trasformatore triangolo-triangolo. Poich stato dimostrato
che un avvolgimento trifase pu essere sostituito da un avvolgimento equivalente a
stella, possibile determinare i parametri del circuito equivalente complesso del
trasformatore stella-stella equivalente. Dunque in ogni caso ci si pu ricondurre allo
studio di un trasformatore stella-stella.

Lavvolgimento trifase a stella equivalente allavvolgimento trifase a triangolo


equivalente equivalente ai morsetti, ma non lo dal punto di vista costruttivo.
Esaminiamo ora le sostanziali differenze.

La tensione primaria di fase (stellata) impone il flusso di colonna (ovviamente si


trascurano le cadute di tensione sui parametri longitudinali del primario). Per cui la
tensione secondaria di fase nel caso di collegamento a stella e a triangolo risulta (se
ovviamente si trascurano le cadute di tensione sui parametri longitudinali del
secondario):

Di conseguenza possiamo osservare che:


3 = => = 3

Possiamo osservare che lisolante posto tra due spire adiacenti sottoposto ad una
tensione media pari al rapporto tra la totale tensione applicata allavvolgimento
diviso il numero totale di spire. Appare evidente che la tensione media tra due spire
la stessa sia se lavvolgimento connesso a stella sia se connesso a triangolo;
infatti:

3
= =
3

Ci implica uguali costi disolamento. Per quanto riguarda le correnti lavvolgimento


trifase con le fasi connesse a stella attraversato dalla corrente di linea ,
mentre lavvolgimento trifase con le fasi connesse a triangolo attraversato dalla

corrente di fase . Risulta quindi che, a parit di densit di corrente = ( se
3
uniforme):

= => = <=> = => = 3
3

Possiamo concludere che a parit di servizio esterno, se volessi fare un


collegamento a triangolo vorei prendere un numero di spire maggiore, ma a sezione
minore rispetto al collegamento a stella.

Il volume di rame dellavvolgimento a triangolo e di quello a stella si calcolano come


prodotto lunghezza per sezione:

= = 3 = =
3
con lunghezza media di una spira (dipende dalla sezione trasversale del nucleo
ferromagnetico). Il volume dellavvolgimento secondario a stella equivalente a
quello del secondario a triangolo.

Le perdite per effetto Joule possono essere valutate attraverso la seguente

relazione:

Essendo il materiale e il volume degli avvolgimenti lo stesso, a parit di densit di


corrente, le perdite per effetto Joule sono le stesse per entrambi i tipi di
collegamento. Dallespressione delle perdite per effetto Joule si ritrova la relazione
che vi tra 2 e 2 . Infatti :

, = , =>

In modo del tutto equivalente tale relazione la si pu determinare nel seguente


modo:
1 1 2
2 = = = = =
3 3 3 3

e 2
Dalla conoscenza della relazione tra e si ritrovano le relazioni tra 2 e
e
le relazioni tra nel seguente modo:

1 1 1 1
2
= 2 (
2 + ) = ( )2 ( + )=
2 3 2 3

1 2 1 2 1
=
= =
3 3
essendo la riluttanza del nucleo ferromagnetico indipendente dallavvolgimento.

Dalle considerazioni fatte sembra che non vi sia alcuna differenza nel realizzare
lavvolgimento a stella e a triangolo dal punto di vista economico, tuttavia cos non
. Valutiamo la superificie laterale dellavvolgimento del secondario a stella e del
secondario a triangolo nel caso in cui i conduttori abbiano sezione circolare.

= 2 = 2


Ricordando che = 2 => =


Quindi si ha : = 2

= 2 = 2


Ricordando che = 2 => =


Quindi si ha : = 2

Valutiamo ora il rapporto:

3 1 1 1
1 1
= =
= 3 = 3 1 = 3 4 = 1 = 0,76
4
3 3 32 34
Dunque la superficie laterale dellavvolgimento a stella inferiore di circa il 25%
della superficie laterale dellavvolgimento a triangolo.

Cosa implica ci? Maggiore la superficie laterale, maggiore sar la quantit di


materiale isolante necessario allisolamento degli avvolgimenti e di conseguenza
maggiori saranno i costi. Per risparmiare sullisolamento, nel caso di trasformatori
che lavorano ad alte tensioni (380kV/220kV) , conveniente usare un trasformatore
stella-stella.

Come gi detto invece, i trasformatori presenti nelle cabine di distribuzione hanno il


lato AT connesso a triangolo, mentre quello BT connesso a stella. Per poter
comprendere le motivazioni di tale scelta necessario introdurre prima alcuni
concetti.