Sei sulla pagina 1di 13

LINFORMATORE

ENDODONTICO
Estratto dal Vol. 6 n 3, 2003

Luso del Mineral Trioxide


Aggregate in Endodonzia Clinica e
Chirurgica
ARNALDO CASTELLUCCI, DDS

IL TRIDENTE
EDIZIONI ODONTOIATRICHE
Luso del Mineral Trioxide
Aggregate in Endodonzia
Clinica e Chirurgica
Dr. Arnaldo Castellucci

Una grossa difficolt in odontoiatria in di fini triossidi (ossido tricalcico, ossido


generale ed in Endodonzia in particolare di silicio, ossido di bismuto) ed altre
sempre stato lisolamento del campo particelle idrofile (silicato tricalcico,
operativo dallumidit circostante. Per alluminato tricalcico, responsabili delle
poter essere otturato, il sistema dei propriet chimiche e fisiche di questo
canali radicolari deve essere ben asciutto aggregato 23), che indurisce in presenza
se vogliamo ottenere un buon sigillo e di umidit. Lidratazione della polvere
deve essere assolutamente evitata la con- risulta nella formazione di un gel colloi-
taminazione con il sangue. Durante un dale con pH 12,5, che solidifica in una
intervento di incappucciamento diretto struttura dura in circa tre-quattro ore.
pulpare, lemorragia deve essere tenuta Questo cemento si differenzia da tutti
sotto controllo. Quando ci si accinge a gli altri materiali attualmente esistenti
sigillare una perforazione, essenziale grazie alla sua biocompatibilit, alle sue
lottenimento di un campo asciutto. propriet antibatteriche, al suo adat-
Infine, durante un intervento di endo- tamento marginale e alle sue capacit
donzia chirurgica la cavit retrograda sigillanti ed infine grazie alla sua natura
deve essere completamente asciutta. idrofila.42
Recentemente, Torabinejad e coll. 42 In termini di biocompatibilit, Koh
hanno sviluppato un nuovo cemento e coll.19,21 e Pitt Ford e coll.26 hanno
chiamato Mineral Trioxide Aggregate dimostrato lassenza di citotossicit del
(MTA; ProRoot MTA, Dentsply Tulsa materiale quando questo viene messo a
Dental) (Fig. 1), che sembra possede- contatto con fibroblasti ed osteoblasti
re tutte le caratteristiche richieste al e la formazione di un ponte dentinale
cemento ideale per sigillare le comuni- quando il materiale viene utilizzato
cazioni esistenti tra il sistema dei canali nellincappucciamento pulpare diretto.
radicolari e la cavit orale (esposizioni Altri ricercatori 16,40,46,49 hanno dimo-
pulpari da carie o da trauma) o il paro- strato la crescita di cemento, legamento
donto (perforazioni iatrogene, apici parodontale ed osso a contatto dellMTA
immaturi, riassorbimenti radicolari e quando questo viene usato per sigillare
apicali, cavit retrograde). una perforazione o come materiale per
LMTA un cemento endodontico estre- otturazione retrograda in endodonzia
mamente biocompatibile, capace di chirurgica.
stimolare la guarigione e losteogenesi Torabinejad e coll.44 hanno dimostrato
ed idrofilo. Consiste di una polvere che le propriet antibatteriche dellMTA
sono superiori a quelle dellamalgama,
dellIRM (cemento a base di ossido di
zinco-eugenolo rinforzato con polime-
tilmetacrilato) e SuperEBA (cemento a
base di ossido di zinco-eugenolo rinfor-
zato con ossido di alluminio ed acido
etossibenzoico). Ciononostante, il suo
spettro non illimitato, per cui se si
sospetta una contaminazione batterica o
se presente uninfiammazione acuta,
Figura 1
Il ProRoot MTA (Dentsply Tulsa consigliabile aumentare il pH e disinfet-
1
Dental, Tulsa Oklahoma). tare il sistema canalare utilizzando una

Pag. - 34
LInformatore
Endodontico

Vol. 6, Nr. 3 2003

medicazione intermedia a base di idros- con la polpa dentale. La dentinogenesi


sido di calcio per una settimana prima stimolata dallMTA pu essere dovu-
di introdurre lMTA.39 Inoltre, ladatta- ta alle sue capacit sigillanti, alla sua
mento marginale e le capacit sigillanti biocompatibilit, alla sua alcalinit.26
di questo nuovo materiale sono di gran Faraco e Holland 10 hanno dimostrato
lunga superiori a quelle dellamalgama, che nei denti trattati con MTA tutti i
dellIRM e del SuperEBA.2,3,11,49,54 Come ponti dentinali erano di struttura morfo-
stato gi detto, per, la caratteristica che logica tubulare e in alcuni preparati era
distingue pi di ogni altra cosa lMTA da presente un sottile strato di tessuto pul-
ogni altro materiale usato fino ad oggi pare necrotico nella zona pi superficiale
in Endodonzia rappresentata dalla sua di questi ponti. Questo fatto suggerisce
idrofilia. I materiali usati per riparare le che il materiale, cos come lidrossido di
perforazioni, per sigillare le cavit retro- calcio, inizialmente provoca una necrosi
grade in endodonzia chirurgica, per chiu- coagulativa quando messo a contatto
dere gli apici immaturi o per proteggere con il tessuto connettivale pulpare. Tale
il tessuto pulpare negli incappucciamenti reazione pu essere spiegata con lalta
diretti vengono inevitabilmente in con- alcalinit del materiale, il cui pH 10,2
tatto con il sangue o con altri fluidi tissu- durante la sua manipolazione e sale a
tali. Lumidit pu essere sicuramente un 12,5 dopo 3 ore.42 In un precedente arti-
fattore importante per i suoi potenziali colo, Holland e coll.16 hanno dimostrato
effetti sulle propriet fisiche e sulle capa- la presenza di cristalli di calcite a con-
cit sigillanti dei materiali restaurativi.40 tatto con lMTA impiantato nel sotto-
Come dimostrato da Torabinejad e cute del ratto. Questi cristalli di calcite
coll.40 infatti, lMTA lunico materiale attraggono la fibronectina, responsabile
che non influenzato dallumidit o dalla delladesione cellulare e della differen-
contaminazione con il sangue: la presenza ziazione. Pertanto possiamo pensare
o lassenza del sangue, infatti, sembra non che il meccanismo dazione dellMTA
aver alcun effetto sulle capacit sigillanti simile a quello dellidrossido di calcio,
del Mineral Trioxide Aggregate. Infatti, ma in pi lMTA garantisce un miglior
lMTA indurisce solo in presenza di sigillo contro i batteri. 10 Per questo
acqua.23 motivo lMTA da preferirsi allidros-
sido di calcio. Si deve tuttavia tenere
Incappucciamento diretto con MTA presente che lMTA stato introdotto
Tra i materiali oggi disponibili per esegui- sul mercato solo recentemente e che a
re un incappucciamento diretto,26 sicura- tuttoggi non sono stati ancora pubbli-
mente lMTA il materiale di scelta. cati studi a lungo termine sulla sua effi-
Lincappucciamento diretto indicato cacia. Pertanto, necessario richiamare i
nei denti con apice immaturo ed espo- pazienti a regolari controlli radiografici
sizione pulpare, privi di qualsiasi segno e clinici per accertarsi che la terapia ese-
di pulpite irreversibile.39 In tali casi, guita sia andata incontro a successo o se
il mantenimento della vitalit pulpare invece diventa necessario intervenire con
estremamente importante e lMTA una terapia canalare.
sicuramente da preferirsi allidrossido
di calcio. Recenti studi infatti hanno Sequenza operativa
dimostrato che lMTA stimola la for- Dopo aver ottenuto lanestesia ed aver
mazione del ponte dentinale a contatto applicato la diga di gomma, si deterge la

Pag. - 35
PROFILO DELLAUTORE. Il Dr. Arnaldo Castellucci si laureato a Firenze nel 1973 e
specializzato nel 1977. Dal 1979 esercita la professione limitatamente allEndodonzia.
Attualmente Professore a Contratto di Endodonzia Clinica presso il Corso di Laurea
in Odontoiatria e Protesi dellUniversit di Firenze. Past President della International
Federation of Endodontic Associations (IFEA) e della Societ Italiana di Endodonzia
(SIE), anche Active Member della American Association of Endodontists (AAE) e

zona dellesposizione pulpare con ipoclo- quindi la polvere di MTA con acqua ste-
rito di sodio e si controlla che sia cessato rile e si posiziona il cemento a contatto
leventuale sanguinamento. Si miscela della polpa esposta con laiuto dellappo-
sito carrier di Dovgan (Fig. 2). Con una
pallina di cotone bagnata si condensa
delicatamente il cemento, si posiziona
al di sopra unaltra pallina di cotone
bagnata (il cemento infatti indurisce
solo in presenza di umidit), si ottura
provvisoriamente la cavit con Cavit e
si dimette il paziente. Dopo un minimo
Figura 2
I carrier di Dovgan (Quality di 4 ore si rivede il paziente, si isola di
2
Aspirators, Duncanville, Texas). nuovo il campo con la diga, si rimuove

3a 3b

Figura 3a
Particolare della radiografia panora-
mica della paziente di anni 6: il primo
molare inferiore di destra erotto
solo parzialmente con le sue cuspi-
di mesiali e gi presenta una carie
destruente con interessamento pul-
pare. Il dente completamente asin-
tomatico e risponde positivamente ai 3c 3d
vari test di vitalit pulpare.

Figura 3b
Radiografia post-operatoria: pulita la
carie, stato messo MTA sulla polpa
esposta e al di sopra una pallina di
cotone bagnata e Cavit.

Figura 3c-f
Radiografie di controllo rispettiva-
mente dopo 7, 15, 22 e 40 mesi: si noti
la maturazione degli apici e la mancan-
za di segni di calcificazioni pulpari. La
polpa continua a rispondere positiva-
3e 3f
mente ai test di vitalit pulpare.

Pag. - 36
della European Society of Endodontology (ESE). Relatore di fama internazionale, auto-
re del testo Endodonzia, edito dalla Casa Editrice Martina, direttore responsabile
del Giornale Italiano di Endodonzia, Direttore Responsabile e Scientico della rivista
LInformatore Endodontico, Presidente del Warm Gutta-Percha Study Club ed fonda-
tore del Centro per lInsegnamento della Micro-Endodonzia, con sede in Firenze, dove inse-
gna e tiene corsi teorico-pratici di Endodonzia Clinica e Chirurgica al microscopio.
LInformatore
Endodontico

Vol. 6, Nr. 3 2003

Figura 4a
Linserimento della vite ha causato lo
stripping della radice mesiale di que-
sto primo molare inferiore sinistro.
E evidente la compromissione della
biforcazione.

Figura 4b
4a 4b Dopo la rimozione della vite, i canali
distale e mesiolinguale sono stati
ritrattati ed otturati con guttaperca
calda. Il canale mesiovestibolare
stato otturato in guttaperca calda nel
terzo apicale, fino al livello pi apicale
della perforazione.

Figura 4c
Il canale mesiovestibolare stato ora
riempito con MTA dallinizio della per-
forazione fino allimbocco del canale.

Figura 4d
Radiografia di controllo
4c 4d
dopo due anni.

il cemento provvisorio e la pallina di lestrusione di materiale nei tessuti


cotone sottostante e ci si accerta dellav- circostanti veniva ottenuto con la pre-
venuto indurimento dellMTA. A questo parazione di una barriera. Daltra parte,
punto il dente pu essere restaurato tutti i materiali fino ad oggi utilizzati
definitivamente, per essere ricontrollato (amalgama, IRM, SuperEBA, compositi)
a distanza di tempo (Figg. 3A-F). richiedevano la presenza di un campo
asciutto e non stimolavano la neoforma-
Riparazione delle perforazioni zione di tessuto.
Recentemente, la prognosi delle per- Per i suddetti motivi, ma principal-
forazioni notevolmente migliorata, mente per la sua idrofilia, lMTA pu
grazie allutilizzo del microscopio ope- oggi essere considerato il materiale di
ratorio 30 e allintroduzione sul mercato elezione per la terapia delle perforazioni.
dellMTA.6 Infatti, stato dimostrato che il cemen-
La terapia delle perforazioni comporta il to radicolare cresce al di sopra dellMTA,
superamento di due ostacoli:31 consentendo il ripristino di un normale
1 - lottenimento di una buona emostasi legamento parodontale.27 Inoltre, lMTA
ed il controllo apicale non richiede la presenza di una barriera,
2 - la scelta di un materiale restaurativo non influenzato dallumidit o dalla
che sia facile da usare, che sigilli bene, contaminazione col sangue e infine sigil-
che non si riassorba, che sia biocompati- la meglio di ogni altro materiale attual-
bile e che infine stimoli la neoformazio- mente in uso (Figg. 4 A-D).
ne di tessuto.
In genere, lottenimento dellemostasi Sequenza operativa
ed il controllo apicale per impedire La sequenza operativa per il trattamento

Pag. - 37
Luso del Mineral Trioxide Aggregate
in Endodonzia Clinica e Chirurgica

di una perforazione radicolare o del pavi- del legamento circostante.


mento di una camera pulpare pu essere In mancanza anche di uno solo di questi
cos schematizzato: requisiti siamo costretti a fare diagnosi
a) prima visita di insuccesso della terapia.
1 - isolamento del campo operatorio con
la diga di gomma; Terapia degli apici immaturi
2 - detersione dellarea della perforazione; Sebbene la tecnica di apecificazione con
3 - in caso di contaminazione batterica, idrossido di calcio abbia avuto un gran-
medicazione con idrossido di calcio per de successo da quando stata descritta
una settimana. fino ad oggi, innegabile che essa pre-
In questo caso il paziente viene dimes- senta anche degli svantaggi.15 Non si ha
so e alla visita successiva si procede dal sempre lo stesso tipo di chiusura apicale
punto 4 al punto 7; e il tipo che si former non prevedi-
4 - applicazione dellMTA fino ad otte- bile. Il tempo richiesto per ottenere la
nere uno spessore di 2-3 mm; maturazione dellapice talvolta molto
5 - controllo radiografico dellavvenuto lungo, non pu mai essere programmato
posizionamento; in anticipo 7,29 e se si sta trattando un
6 - applicazione di una pallina di cotone paziente adulto, questa chiusura pu
bagnata in diretto contatto con il materiale; anche non verificarsi mai. Sono richieste
7 - otturazione provvisoria pi sedute per cambiare o comunque per
b) seconda visita controllare la medicazione ed ogni sedu-
1 - dopo un minimo di 24 ore rientro ta dista almeno tre mesi dalla preceden-
operatorio e controllo dellindurimento; te, con la possibilit che venga perduto
2 - completamento della terapia. il sigillo coronale e che si abbia quindi
una contaminazione del canale. In questi
Criteri per la valutazione casi pu subentrare una riacutizzazione
del successo della sintomatologia ed un ritardo nella
Per poter parlare di successo dopo la guarigione. Per questi motivi si sentita
terapia di una perforazione, necessario da alcuni anni lesigenza di poter ottura-
che il dente trattato risponda ai seguenti re i canali dei denti ad apice immaturo
requisiti:36 senza dover prima stimolare la forma-
- assenza di sintomi, quali dolore spon- zione di una barriera apicale natura-
taneo o provocato dalla palpazione o le.8,14,28,33,34,52 Lidea di otturare i denti
percussione con apice immaturo senza lottenimento
- assenza di mobilit eccessiva della barriera naturale, in effetti, non
- mancanza di comunicazione tra laper- una novit: numerosi ricercatori 9,12,24,35
tura della perforazione e la cavit orale avevano da tempo indicato che si poteva
attraverso il solco gengivale (tasca) ottenere il successo anche senza dover
- mancanza di fistola ricorrere alle numerose medicazioni con
- perfetta funzionalit idrossido di calcio per indurre la forma-
- mancanza di segni radiografici di zione della barriera apicale.
demineralizzazione dellosso adiacente Lapice deve essere visto come una
alla perforazione struttura dinamica, capace di autori-
- spessore del legamento parodontale parazione.24,55 La crescita radicolare e
adiacente al materiale da otturazione la maturazione apicale che talvolta si
non superiore al doppio dello spessore osservano in presenza di una radiotraspa-

Pag. - 38
LInformatore
Endodontico

Vol. 6, Nr. 3 2003

renza apicale si spiegano con la presenza Pi recentemente il Mineral Trioxide


di residui tissutali ancora vitali.4 Una Aggregate stato indicato come mate-
tecnica che richiede numerosi appunta- riale ideale per eseguire la formazione di
menti e che comporta frequenti rinnovi una barriera apicale in ununica seduta.39
del medicamento e della strumentazione Secondo recenti ricerche, esso infatti,
pu causare un insulto a quel tessuto, paragonato allidrossido di calcio e alla
anzich portare a guarigione. Il tessuto proteina osteogenica (OP-1), induce la
rimasto allinterno della barriera calcifi- stessa quantit apicale di tessuto duro
ca o coronale ad essa sembra destinato a calcifico senza la minima infiammazio-
soccombere sotto lirritazione causata da ne.33 E stata inoltre dimostrata la neo-
questi rinnovi della medicazione o dal- formazione di osso, cemento e legamen-
lotturazione finale.50,51 to parodontale a diretto contatto con
Pertanto, tenendo conto di tutto ci e lMTA.40,46 Pertanto, viste le sue buone
delle precedenti esperienze di Koenigs 18 capacit di sigillo (superiori a quelle
e di Roberts e coll.29 del 1975 (che ave- dellamalgama, dellIRM e del Super-
vano dimostrato lefficacia del fosfato EBA),1,3,11,25,38,40,47-49,54 le sue capacit
tricalcico nellindurre la chiusura apicale antibatteriche,44 la sua elevata biocom-
rispettivamente nella scimmia e nel- patibilit 17,19,20,41,43-46 e soprattutto la
luomo), Coviello e Brilliant 8 nel 1979 sua idrofilia, visti i numerosi casi clinici
hanno suggerito una tecnica per otturare gi riportati in letteratura,6,13,32,39,53 per
in una sola visita i denti permanenti con tutti questi motivi lMTA da consi-
polpa necrotica ed apice immaturo: essi derarsi oggi senza ombra di dubbio il
suggerivano luso di fosfato tricalcico da materiale di elezione per la tecnica della
utilizzare come barriera apicale contro barriera apicale nella terapia degli apici
cui poter condensare immediatamente immaturi con polpa necrotica.
la guttaperca. Nei casi da loro trattati
gli autori notarono la stessa percentuale Sequenza operativa
di successi rispetto alla terapia tradizio- Dopo aver applicato la diga di gomma
nale, con la differenza che non ebbero ed aver eseguito una corretta cavit
mai sovrariempimenti, la metodica era daccesso, si deterge il canale radico-
estremamente pi rapida, comportava lare con lavaggi di ipoclorito di sodio,
un minore numero di radiografie, mino- meglio se attivato dallazione degli
re disagio per i pazienti e dava risultati ultrasuoni. Questi canali richiedono
sempre prevedibili.8 una strumentazione minima e date le
Buchanan 5 in un suo articolo del 1996 loro dimensioni e la sottigliezza delle
suggeriva luso di osso liofilizzato demi- pareti canalari, devono essere detersi
neralizzato da condensare al termine di pi che sagomati, per non indebolirli
un canale radicolare immaturo, per crea- ulteriormente. Per migliorare la loro
re in ununica visita una matrice apicale disinfezione, Torabinejad 39 suggerisce
biocompatibile. In questi casi luso del anche una medicazione intermedia con
microscopio operatorio era di estremo idrossido di calcio per una settima-
aiuto, se non addirittura indispensabile, na. Dopo aver rimosso lidrossido con
per vedere letteralmente allinterno del lavaggi di ipoclorito ed aver asciugato
canale i tessuti periapicali ed il posizio- il canale con coni di carta sterile, si
namento della matrice fatta dallinnesto miscela la polvere di MTA con soluzione
osseo. fisiologica o acqua sterile e si posiziona

Pag. - 39
Luso del Mineral Trioxide Aggregate
in Endodonzia Clinica e Chirurgica

5a 5b 5c 5d

Figura 5a nella zona apicale con gli appositi car- Quando laspetto radiografico soddi-
Radiografia preoperatoria dellincisivo rier di Dovgan precedentemente tarati sfacente, si posiziona a diretto contatto
centrale superiore sinistro. Il paziente
ha 55 anni e il suo apice immaturo allo scopo. Il posizionamento dellMTA con lMTA un cono di carta bagnato
non risponde alle precedenti terapie deve avvenire esattamente al forame api- e si sigilla la cavit daccesso con un
con idrossido di calcio. cale, in quanto il materiale deve venire a cemento provvisorio, affinch il mate-
Figura 5b contatto diretto con i tessuti periapicali, riale indurisca nelle successive 3-4 ore.
Radiografia intraoperatoria con il car- senza debordare. Allappuntamento successivo si rimette
rier di Dovgan in sede. In genere, la resistenza opposta dai la diga, si rimuove il cemento provviso-
Figura 5c tessuti stessi sufficiente a prevenire rio e il cono di carta, si controlla lavve-
Sono stati posizionati tre millimetri di lestrusione, ma se si teme ci, non nuto indurimento del materiale e quindi
MTA per costruire la barriera apicale. c alcuna controindicazione alluso di si pu procedere al completamento della
Figura 5d una matrice di materiale riassorbibile terapia, otturando il resto del canale con
Dopo che il materiale si era comple- (Collacote) contro cui condensare lMTA. guttaperca calda secondo le metodiche
tamente indurito, nel corso della visita La sua condensazione pu essere eseguita tradizionali (Figg. 5 A-D).
successiva il canale stato otturato
con guttaperca termoplastica. con i tradizionali plugger manuali di Nel caso di pareti canalari particolar-
Schilder o con dei coni di carta e lo mente sottili e fragili, alcuni autori sug-
spessore del materiale posizionato deve geriscono di riempire il resto del canale
raggiungere i 3-4 mm. anzich con guttaperca, con una resina
Per evitare lincorporamento di bolle composita adesiva, allo scopo di rinfor-
daria, si consiglia di appoggiare una zare la radice.15
punta da ultrasuoni al plugger mentre Come gi accennato in precedenza, per
questo sta delicatamente condensando una corretta esecuzione di questa terapia
lMTA in direzione apicale. Si esegue il microscopio operatorio , secondo il
quindi una radiografia per controllare parere dellautore, indispensabile. Per
lesattezza della profondit e dello spes- facilitare il posizionamento del mate-
sore raggiunti. Se la barriera apicale da riale, inoltre, secondo lesperienza del-
noi costruita non appare soddisfacente lautore, preferibile posizionare solo la
al nostro primo tentativo, si rimuove polvere e non il materiale gi miscelato,
lMTA con un semplice lavaggio fatto per poi andarlo a toccare con un cono
con soluzione fisiologica e si ripetono i di carta bagnato: per capillarit lMTA
vari passaggi. assorbir lumidit che gli necessaria.

Pag. - 40
LInformatore
Endodontico

Vol. 6, Nr. 3 2003

La tecnica della barriera apicale con Un altro metodo per portare comoda-
MTA sicuramente indicata nei denti mente in cavit lMTA consiste nelluti-
ad apice immaturo di pazienti adulti, lizzare il carrier descritto da Edward
nei quali la terapia con idrossido di Lee 23 (Figg. 6 A-G) con il quale il
calcio rappresenterebbe solo una perdita materiale rimane aderente ad una pic-
di tempo, in quanto non si formerebbe cola spatolina, come eravamo abituati a
alcuna barriera calcifica apicale. Tali fare utilizzando il SuperEBA.
pazienti hanno spesso anche problemi Questo metodo presenta il vantaggio
di tempo e giuste richieste estetiche, per di comportare un minore ingombro e
cui la terapia tradizionale con idrossido quindi un pi facile accesso anche in
di calcio sarebbe ancora di pi controin- cavit piccole di denti posteriori, senza
dicata. La medesima terapia con MTA la lunga attesa necessaria per lo spato-
indicata anche nel bambino, a patto che lamento e quindi per lindurimento del
la tradizionale cavit daccesso consenta SuperEBA (che in genere si aggirava
la perfetta visualizzazione del forame sugli 8-12 minuti in totale, prima di
apicale sotto il microscopio operatorio. poter eseguire la rifinitura).
Se questo non possibile e richiedereb- Il materiale deve essere mantenuto
be unulteriore asportazione di struttura relativamente asciutto, in maniera che
coronale, lautore suggerisce di ricorrere non scivoli via troppo facilmente, ma
alla terapia tradizionale con idrossido di al tempo stesso sufficientemente umido
calcio. per poter essere manipolato con relativa
facilit.
Otturazione retrograda Se lassistente tocca con il manipolo
Per le sue capacit sigillanti, biocompa- degli ultrasuoni il plugger con cui noi
tibilit e idrofilia, lMTA considerato
il materiale di elezione anche per lottu-
razione retrograda in corso di endodon-
zia chirurgica.2,3,6,11,17,37-42,44-49,54 Le sue
caratteristiche di manipolabilit sono
considerate eccellenti e il materiale pu
tranquillamente essere utilizzato anche
in presenza di sangue.37

Sequenza operativa Figura 6a-g


6a
Dopo aver completato la preparazione Utilizzo del carrier descritto da Lee.
della cavit retrograda con le apposite
punte da ultrasuoni, si posiziona il mate-
riale con il carrier prescelto e quindi si
condensa delicatamente con un piccolo
plugger. I migliori strumenti per questo
scopo comprendono lutilizzo del por-
tatore di amalgama tipo Messing Gun
(R. Chige, Inc., Boca Raton, Florida), o
i nuovi carrier di Dovgan, reperibili sia
diritti che curvi o precurvabili (Quality
6b
Aspirators, Duncanville, Texas).

Pag. - 41
Luso del Mineral Trioxide Aggregate
in Endodonzia Clinica e Chirurgica

6c 6d

6e 6f

La rifinitura dellMTA si esegue sempli-


cemente grattando via leccesso con un
escavatore o con una spatolina tagliente
appoggiata alla superficie del bisello.
Lumidit necessaria al materiale per
raggiungere il completo indurimento
deriva dal sangue che andr a riempire la
breccia ossea immediatamente dopo che
la nostra chirurgia sar terminata (Figg.
6g
7 A-D).

stiamo compattando il materiale, si eli- Conclusioni


mina la formazione di vuoti, si ottiene Il Mineral Trioxide Aggregate (ProRoot
una maggiore densit ed una maggiore MTA) un materiale relativamente
radiopacit. nuovo che diventato il materiale di
Il tempo di lavorazione dellMTA elezione in numerose applicazioni nel
addirittura di circa due ore, per cui campo dellEndodonzia. Questo articolo
vengono ad essere cos eliminati tutti ha descritto queste applicazioni, pren-
i problemi derivanti dallindurimento dendo in esame dettagliatamente anche
talvolta troppo rapido tipico degli altri le procedure operative per ciascuna di
materiali. esse.

Pag. - 42
LInformatore
Endodontico

Vol. 6, Nr. 3 2003

Figura 7a
Radiografia preoperatoria del primo
premolare inferiore sinistro. La pre-
cedente chirurgia non ha avuto buon
7a 7b esito.

Figura 7b
E presente un tragitto fistoloso.

Figura 7c
Radiografia postoperatoria dopo il
ritrattamento chirurgico. La vecchia
amalgama stata rimossa e la cavit
retrograda stata riempita con MTA.

Figura 7d
Il controllo dopo un anno mostra la
completa guarigione, con la lamina
dura che circonda lestremit della
7c 7d
radice.

BIBLIOGRAFIA

1) - Adamo, H.L., Buruiana, R., Rosenberg, Longitudinal sealing ability of mineral trioxi-
P.A., Schertzer, L., Kahn, F.F., Boylan, R.: de aggregate as a root-end filling material. J.
Bacterial assay of coronal microleakage: MTA, Endod. 22:575, 1996.
SuperEBA, composite, amalgam retrofillings 4) - Bayirli, G.S.: Traumatized maxillary central
(abstract 33). J. Endod. 22:196, 1996. incisor. J. Endod. 1:35, 1975.
2) - Adamo, H.L., Buruiana, R., Schertzer, L., 5) - Buchanan, L.S.: One-visit endodontics: a
Boylan, R.J.: A comparison of MTA, SuperEBA, new model of reality. Dentistry Today.Vol. 15,
composite and amalgam as root-end filling 5:36, 1996.
materials using a bacterial microleakage 6) - Cantatore, G., Castellucci, A., DellAgnola,
model. Int. Endod. J. 32:197, 1999. A., Malagnino,V.A.: Applicazioni cliniche del-
3) - Bates, C.F., Carnes D.L., Del Rio C.E.: lMTA. G. It. Endod. 16:29, 2002.

Pag. - 43
Luso del Mineral Trioxide Aggregate
in Endodonzia Clinica e Chirurgica

BIBLIOGRAFIA

7) - Corpron, R.E., Dowson, J.: Pulpal therapy ceramic. J. Endod. 1:102, 1975.
for the traumatized immature anterior tooth. 19) - Koh, E.T., Mcdonald, F., Pitt Ford, T.R.,
J. Mich. Dent. Assoc. 52: 224, 1970. Torabinejad, M.: Cellular response to mineral
8) - Coviello, J., Brilliant, J.D.: A preliminary trioxide aggregate. J. Endod. 24:543, 1998.
clinical study on the use of tricalcium pho- 20) - Koh, E.T., Pitt Ford, T.R., Torabinejad, M.,
sphate as an apical barrier. J. Endod. 5:6, 1979. McDonald, F.: Mineral trioxide aggregate sti-
9) - Duell, R.C.: Conservative endodontic mulates cytokine production in human osteo-
treatment of the open apex in three dimen- blasts. J. Bone Min. Res. 10:406, 1995.
sions. Dent. Clin. North Am. 17:125, 1973. 21) - Koh, E.T., Torabinejad, M., Pitt Ford T.R.,
10) - Faraco, I.M., Holland, R.: Response of Brady, K.: Mineral trioxide aggregate stimula-
the pulp of dogs to capping with mineral tes a biological response in human osteobla-
trioxide aggregate or a calcium hydroxide sts. J. Biomed. Mater. Res. 37:432, 1997.
cement. Dent. Traumatol. 17:163, 2001 22) - Lee, E.S.: A new Mineral Trioxide
11) - Fisher, E.J., Arens, D.E., Miller, C.H.: Aggregate root-end filling technique. J Endod,
Bacterial leakage of mineral trioxide aggrega- 26:764, 2000.
te as compared with zinc-free amalgam, inter- 23) - Lee, S.J., Monsef, M., Torabinejad, M.:
mediate restorative material and SuperEBA Sealing ability of a mineral trioxide aggrega-
as a root-end filling material. J. Endod. 24:176, te for repair of lateral root perforations. J.
1998. Endod. 19:541, 1993.
12) - Friend, L.A.: The treatment of immature 24) - Moodnik, R.M.: Clinical correlations of
teeth with non-vital pulps. J. Br. Endodont. the development of the root apex and sur-
Soc. 1:28, 1967. rounding structures. Oral Surg. 16:600, 1963.
13) - Germain, L.P.: Mineral Trioxide 25) - Nakata, T.T., Bea, K.T., Baumgartner, J.C.:
Aggregate: a new material for the new millen- Perforation repair comparing mineral trioxide
nium. Dentistry Today, 66-71, January 1999. aggregate and amalgam using an anaerobic
14) - Goodell, G.G., Mork, T.O., Hutter, J.W., bacterial leakage model. J. Endod. 24:184,
Nikoll, B.K.: Linear dye penetration of a 1998.
calcium phosphate cement apical barrier. J. 26) - Pitt Ford, T.R., Torabinejad, M., Abedi,
Endod. 23:174, 1997. H.R., Bakland, L.K., Kariyawasam, S.P.: Using
15) - Hachmeister, D.R., Schindler, W.G., mineral trioxide aggregate as a pulp-capping
Walker III, W.A., Thomas, D.D.: The sealing material. J. Am. Dent. Assoc. 127:1491, 1996.
ability and retention characteristics of mineral 27) - Pitt Ford, T.R., Torabinejad, M.,
trioxide aggregate in a model of apexification. McKendry, D.J., Hong, C.U., Kariyawasam, S.P.:
J. Endod. 28:386, 2002. Use of mineral trioxide aggregate for repair
16) - Holland, R., De Souza,V., Nery, M.J., of furcal perforations. Oral Surg. 79:756, 1995.
Otoboni Filho, J.A., Bernabe, P.F., Dezan 28) - Pitts, D.L., Jones, J.E., Oswald, R.J.: A
Junior, E.: Reaction of rat connective tissue histological comparison of calcium hydroxide
to implanted dentin tubes filled with mineral plugs and dentin plugs used for the control
trioxide aggregate or calcium hydroxide. J. of gutta-percha root canal filling material. J.
Endod. 25:161, 1999. Endod. 10:283, 1984.
17) - Kettering, J.D., Torabinejad, M.: 29) - Roberts, S.C. Jr., Brilliant J.D.: Tricalcium
Investigation of mutagenicity of mineral trio- phosphate as an adjunct to apical closure in
xide aggregate and other commonly used pulpless permanent teeth. J. Endod. 1:263,
root-end filling materials. J. Endod. 21:537, 1975.
1995. 30) - Ruddle, C.J.: Endodontic perforation
18) - Koenigs, J.F., Heller, A.L., Brilliant, J.D., repair: using the surgical operating microsco-
Melfi, R.C., Driskell, T.D.: Induced apical closu- pe. Dentistry Today, 13:48, 1994.
re of permanent teeth in adult primates using 31) - Ruddle, C.J.: Retreatment of root canal
a resorbable form of tricalcium phosphate system. C.D.A. Journal 25(11): 765-799, 1997.

Pag. - 44
LInformatore
Endodontico

Vol. 6, Nr. 3 2003

BIBLIOGRAFIA

32) - Schwartz, R.S., Mauger, M., Clement, D.J., T.R., Kettering J.D.: Antibacterial effects of
Walker III, W.A.: Mineral trioxide aggregate: some root-end filling materials. J. Endod. 21:
a new material for endodontics. J. Am. Dent. 403, 1995.
Assoc. 30:967, 1999. 45) - Torabinejad, M., Pitt Ford, T.R., Abedi,
33) - Shabahang, S., Torabinejad, M., Boyne, H.R., Tang, H.M.: Tibia and mandible reac-
P.P., Abedi, H., McMillan, P.: A comparative tion to implanted root-end filling materials
study of root-end induction using osteogenic (abstract 56). J. Endod. 223:263, 1997.
prtotein-1, calcium hydroxide, and mineral
trioxide aggregate in dogs. J. Endod. 25:1, 46) - Torabinejad, M., Pitt Ford, T.R.,
1999. McKendry, D.J., Abedi,H.R., Miller, D.A.,
34) - Schumacher, J.W., Rutledge, R.E.: An Kariyawasam, S.P.: Histologic assessment of
alternative to apexification. J. Endod. 19:529, mineral trioxide aggregate as a root-end filling
1993. in monkeys. J. Endod. 23:225, 1997.
35) - Stewart, D.: Root canal therapy in inci- 47) - Torabinejad, M., Rastegar, A.F., Kettering,
sor teeth with open apices. Br. Dent. J. 114: J.D., Pitt Ford, T.R.: Bacterial leakage of mine-
249, 1963. ral trioxide aggregate as a root-end filling
36) - Stromberg, T., Hasselgran, G., Bergstedt, material. J. Endod. 21:109, 1995
H.: Endodontic treatment of traumatic root 48) - Torabinejad, M., Smith, P.W., Kettering,
perforations in man: a clinical and roentgeno- J.D., Pitt Ford, T.R.: Comparative investigation
logical follow-up study. Sven. Tandlak. Tidskr. of marginal adaptation of mineral trioxide
65:457, 1972. aggregate and other commonly used root-
37) - Stropko, J.: Surgical endodontics. end filling materials. J. Endod. 21: 295, 1995.
In Castellucci A. ed. Endodontics, 2nd ed. 49) - Torabinejad, M., Watson, T.F., Pitt FORD,
Florence, 2002. In press T.R.: Sealing ability of mineral trioxide aggre-
38) - Tang, H.M., Morrow, S.G., Kettering, gate when used as a root-end filling material.
J.D., Torabinejad, M.: Endotoxin leakage of J. Endod. 19:591, 1993.
four root-end filling materials (abstract 42). J.
Endod. 23:259, 1997. 50) - Torneck, C.D., Smith, J.S., Grindall, P.:
39) - Torabinejad, M., Chivian, N.: Clinical Biologic effects of endodontic procedures
applications of mineral trioxide aggregate. J. on developing incisor teeth. 3. Oral Surg. 35:
Endod. 25:197, 1999. 532, 1973.
40) - Torabinejad, M., Higa, R.K., McKendry, 51) - Torneck, C.D., Smith, J.S., Grindall, P.:
D.J., Pitt Ford T.R.: Dye leakage of four root- Biologic effects of endodontic procedures
end filling materials: effects of blood contami- on developing incisor teeth. IV. Oral Surg. 35:
nation. J. Endod. 20:159, 1994. 541, 1973.
41) - Torabinejad, M., Hong, C.U., Lee, S.J., 52) - Weisenseel, J.A., HICKS, M.L., Pelleu,
Monsef, M., Pitt Ford, T.R.: Investigation of G.B.: Calcium hydroxide as an apical barrier. J.
mineral trioxide aggregate for root end filling Endod. 13:1, 1987.
in dogs. J. Endod. 21:603, 1995.
53) - Witherspoon, D.E., Ham, K.: One-visit
42) - Torabinejad, M., Hong, C.U., McDonald, apexification: technique for inducing root-end
F., Pitt Ford, T.R.: Physical and chemical pro- barrier formation in apical closures. Pract.
perties of a new root-end filling material. J. Proced. Aesthet. Dent. 13:455, 2001.
Endod. 21:349, 1995.
43) - Torabinejad, M., Hong, C.U., Pitt Ford, 54) - Wu, M.K., KontakiotiS, E.G., Wesselink,
T.R., Kariyawasam, S.P.: Tissue reaction to P.R.: Long term seal provided by some root-
implanted SuperEBA and mineral trioxide end filling materials. J. Endod. 24: 557, 1998.
aggregate in the mandible of guinea pigs: a 55) - Zeldow, L.L.: Endodontic treatment of
preliminary report. J. Endod. 21:569, 1995. vital and non-vital immature teeth. N.Y. State
44) - Torabinejad, M., Hong, C.U., Pitt Ford, Dent. J. 33:327, 1967.

Pag. - 45