Sei sulla pagina 1di 31
N.34/354 @i protillov= RAPPORTO GIUDIZIARIO pppeeress ALLA PROCURA DELLA REPUBSLIGA DI? ~DrvAntonino Caponnetto Sost,— 7 Gy See UEGIONE TERRITORIALE CARABINIERI DI FIRENZE GRUPPO DI FIRENZE + REPARTO OPERATIVO NU CLEO INVESTIGATIVO Firenze,li 2tfeettembrev68in sreletivo alla denuncia in stato di ar- resto di: Stefano di Palmerio e fu Mur ia Pietrinanato a Pordongia nus(Cagliari) i2 I3T:19I9,- residente in Iastra 2 Signa - Via 24 Mageio niI77;menovale a)-del delitte di cui agii artt 575 e - S17 Pipine3 e cpviC.Piper averejnel- rs notte dal 21 al 22 agosto 1968,me Gisnte colpi di arma da fuoco,cagio= nato,con promeditazione,la morte del ia Proprin moglie LOCCI Barbara,in = localita Castelletti di Signa d)-del delitto ai cui agli artt. 15 e = -" 577 p.p.n.3 C.P. per avera. nelle cir costanze di tempo e di luogo ai cui al capo che precede,cagionato,aen — premeditazione e mediante colpi ai arms da fuoco,la morte di 10 BIANCO- Antonio. Seguito segnalazione n.288/2-datate 22Jegosto.68 ~ della Tenenza Carabinieri di Signa ~e Zogli ai questo Ufficio nny 69/42 datato 23,8.1968 - 69/421 datato 24.8:1968 - 69/42-2 Gateto 2576.1968 - 69/42-3 datato 25.6.1968 - 69/42-4 date- to 25:8.1968 - 69/42-6 datato 30.8.1968.= oo ang 99080 00D SG Alle ore 2 del giorno 22vagosto.I968 squilla il camps nello dell'abitazione del muratore DE FELICE Francesco, posta in Campi Bisenzio-frazione Scangelo a Lecore -Via Vingone nu mero 154/1:-Nonostente l'ora tarde i1 De Felice & sveglio,co si pure la di lui moglie,ed ha la luce della camera da letto accesa perch? un suo figliolo ha chiesto dell'acaua da bere’ Il muratore istintivamente,anche perch? non aspetta nessuno, guarda l'orologio e constata che sono le ore 02,00 precise. Anzich® aprire la porta come & suo intento,il De Felice si - affaccia alla finestra e nota che avanti all'tuscio vi & un - ragazzino che appena lo scorge gli dice:-"APRIMI LA PORTA PER CHE HO SONNO ED HO IL BABBO AMMALATO A LETTO.-DOPO MI ACCOM- PAGNI A CASA PERCHE' C'E! LA MI! ManMA E LO 210 CHE SONO MOR+ TI IN MACCHINA" = Temendo che sia accaduto un incidente d'auto,il De Felice fa entrare il bambino in casa.-Il Biccolo,di circa sei anni,indos Sa un maglione grigio,panteloni corti marrone scuro,calzini - gialli e non calza scarpe.= Dato il particolare racconto viene svegliato l'inquilino del piano superiore ,MANETTI Mercello,e con questi si cerca di otte nere ulteriori notiziesIl fenciullo perd si limita a dire che 1a mamma e lo zio eono proprio morti,ma che non sa come sono A questo punto,dopo evere lesciato 11 bambino a case,i due si recano al comando delle stazione Carabinieri di S¢Piero # Ponti dove mettono al corrente dei fatti 41 Cerabiniere G4 servizio alle Cesermet-Successivamente assieme al banbi Ro,che nel frattempo aveva detto di chiamarai Natalino,e se guendo le sue indicezioni giungono,depo alcuni giri vizios, al bivio per Comeahs ove,e cirea cento metri sulla destra, in una strede interpodergle,con la parte anteriore rivolta verso Svangelo a Iecore,® parcata una Giulietta Alfa Romeo TI targata Arezzo,con il lampeggiatore destro in funzione% il Garabiniere scende,si avvicina all'autovettura e nota che effettivamente nell'interno vi sono due cadaveri:-un uomo ed une donna con i vestiti scompostii+ T tre non toccano nulla e lasciano 1o stato delle cose imuu= tato Si portano quindi al comando della tenenza Carabinieri ai Signa ed avvisano quel conmsndante ,Maresciallo Maggiore Ca- rica Speviale Gactane Ferrerow Hi De Felice precisa anche che quando si 8 affacciato alle finestra non ha visto altre persone all'infuori di Natali- no(vedasi allegato nist) ts Alle ore 3,30 -sempre del 22cagostol1968:-giunge sul posto il Comandante della Tenenza di Signa;ii quale rileva che:— ~TMautovettura,una Alfa Romeo Ciulietta I targata Aw53442, ® ferma,con il motore spento,sulle streda interpoderale che costeggia il fiume Vingone - in localit& "Castelletti* ai Signaya circa centocinquenta metri della cominale Signa — Tecore,con direzione di marcia StAngelo a Lecorej= ~le freceia destra dell'autovettura &-4W funzione; wet 4 ~le portiere sono tutte chiuse all'infuori di quelle poste- riore destra che 2 semi aperta; wi cristalli sono tutti alzati,trenne quelli della fianceta sinistra che si presentano:~l'anteriore abbassato di circa tre centimetri ed il posteriore abbassato_e meta; -la zona & completamente al buio'\t Il cielo % coperto,vi 8 una leggera foschia e molta umidita; L'qutovettura,cosparsa di rugiada,presenta i vetri appannati? Nessun segno utile viene rilevato su queste parti; ~il Comandante delle Tenenze;per ispezionare 1'interno della autovettura,e rendersi conto dell'accaduto,apre con cautela lo sportelmo anteriore sinistro ma,appena inizia l'aperture, una Scarpa da uomo cade per terra proveniente dall'interno dell'autovettura; “per cercere di identificare i due cadaveri viene anche aper to lo sportello anteriore destro e tra questo ed il sedile ei rinviene un borsellino da donna ed un fazzoletto,materig le che non viene manomesso; walla fine i due cadaveri vengono identificati per :-10 BIAN CO Antonio e LOCCI Barbara,entrambi residenti a Iastra a Si, gna I corpi non vengono toccati.+Si lascia tutto allo stato primi ‘tivo e si provvede ad avvisare il Megistrato(vedasi allegato ns2) Alle ore 6,30 del 22 detto giunge sul posto il Sigv Sosti tuto Procuratore della Repubblica ,Drintonino Gaponnetto, il quale,resosi conto delltaccaduto,eutorizza i rilievi fotografi Ze ci che vengono eseguiti da personale specializzato del Gruppo Kanne Carabinieri di Firenze,effettue le constatezioni di legge 4i sua competenza ed ordina le rimozione cadavericat— Si precisa che i due corpi si trovano nelle sguente posizio ner~ ~premettendo che il sedile anteriore destro & ribaltato,si afferma che sdraiato - in posizione supine - giace lo Bim co Antonio con le mani che reggono i pantaloni,come nello atto di chi vuole abbassarli o calzarli‘- Gli stessi sono sbottonati a met& con le cinghie slacciates Ti Le Bianco veste:-canottiera di cotone bianco,casacca chiara,slips bienchi,pantaloni scuri,calaini scuri e calza Solamente la scarpa destra Sui suoi vestiti,all'altezza delle spalla cinistra © sul - Gincechio sinistro,si notano delle macchie di sanguel= ~Al posto di guida,sedile anteriore,trovaei Locci Barbera,in posizione semi-sdraiata,con ii capo reclinato verso la spal da sinistra e gli arti superiori pensoloni lateralmente gl bust Je vesti della locei sono scomposte tanto che embedue le cosce sono scoperte quasi all'altezca dell'inguines Ta Toced veste:-abito di stoffa variopinta,sottovesto chig ra,Feggiseno nero,mutendine biencke e non calza le scarpe che si trovano invece al di sotto del sedile anterioret> Evidenti fori prodotti da colpi ai armada fucco oi notano Sul petto delle donne,con macchie di sangue alltaltezza dell'ombelicos— Al_collo della donna & poste una oi (Spezzata/in due punti e lo spezzone,di circa tre centimetri ees He . , ening in oro giallo, derivato dalla rottura,atteccato alle pellev+Ie catenina Viene repertata e rimessa come corpe-di reato(vedasi allega— < to nv3) c= ee j ben “ Continuando nella sommaria ispezione delltinterno si rinvig ne,posta nello spazio esistente tra il @edile anteriore e — quello posteriore destrojune pallottola esplosa, presumibil~ mente de cartuccia calibro 22,che viene repertate dal Magi- stratom Nell'iepesionare le zone laterali ove 2 Parcata l'autovetty Ya,sulle parte Sinistra,in relezione alla direzione di mar cle delle macchina,si rinvengono tre bo: ss0li recenti stampi_ ad essere ispezionato & quello della Gonnas-Nello spogliare ia Tocci,dalla parte posteriore dei vestiti,alltaltezza del la schiena,viene fuori una Pailottola sempre di presumibile calibro 22 ed anche questa vione repertata diret Magistrato tamente dal Sui due corpi si noteno svariati fori prodotti de colpi ai arma da fuocot— riticiale Sanitario competente per ‘erritorio,constata la morte dei due attribuendola ad:aEN0R RAGIA INTERNA PROVOCATA DA cOLPT pz ARMA DA FUOCON Su ordine del Megistrato i due o, tati,a mezzo ai carri funebri edaveri vengono quindi traspoz rPTess0 1"Istituto di medicina +Per essere sottoposti ad esame autopticoy— Di quento sopra esiste documentazione legale di Firenze fotografica(vedasi al tegato ni4-gia trasmesso alla Procure delle Repubblica ai Fi Yenze in data 30! 8°1968,con foglio 2769/42-6 di questo UEfi_ cio) te . Mautovettura Alfa Romeo Giulietta TI, targata ARV53442,vime Timossa trasportata nel cortile della Caserma Carabinieri di © Sottoposta a sequestro(vedasi allegato n35)v= Tn Gh seconde tempo Se Frode ed une pit * Es? rPresso le Tenenza Carsbinieri ai Signa,si accurate ispezions dell'autovettura ed al ~N = T = G3 sotto del sedile posteriore,posti tre 1a Spalliera ed i2 Sedile vero e proprio,si rinvengono due bossoli,sempre ai pre sumibile calibro 22,con la lettere "Hm Stampigliata sul fon- dello.-Vengonofotogrefati,repertati e trasmesai al Magistrato bossoli sono stati trasmes Si con foglio di questo Ufficio 2s69/42-2 datato 2538.68) te inguirente.~(vedasi allegato n.6 -4 Per ricercare eventuali altri bossoli,pallottole ed inri- aa eee inuziosa bonifica del ‘te il punto ove & parcata 1! ne l'arma del delitto,si provvede ad una la zona circostan: eutovetturam operazione prendono parte,oltre a militari dell Arma, Vigiti del fuoco di Firenze militari della Compegni: a Genio Pionieri della Caserms *Predieri* ai Rovezzano =Lfoperazione stessa 4& perd eSito negative e nulla Viene rinvenuto?-(vedasi allegato 7) Allo stato dei fatti rieulta quindi che unico testimone cculare accertato & il figliolo delltuccisa a nome Mele Bata 4 Questi perd afferma di non avere visto o senti-~ de di ami 67 =a OS to nella perch’ dormiva sul sedile Posteriore dell'autovetiuray Svegliatosi ed accortosi che 1a momma ere morta, spay Segue a piedi 1a streda fino a giungere all! Felice.= ventato pro abitazione del De - Ja strada in argomento & lunga circa tre chilometri.= Sulla base degli elementi fin qui raccolti si iniziano le indg ini di Polizia Giudiziaria diret: te alle identiFicazione dello autore o degli autori del duplice omicidio.— Ci si porta in Lastra a Signa,ove nella Caserna Carabinie wi viene assunto a verbale il marit 0 dell'uccisa a nome iE - Stefano ai anni 49 sQuesti dichiara che la moglie ed i1 figiio 10 sono usciti ai ca: Sa verso le ore 22 del giorno 2ivagosto6d "nitamente 2 tale "Enrico* Hon me, DF Proprietario di una Givlietta bian- @lio da lui conosciuto:-Dich: ara anche di andare d'ag 200n 1a moglie nonostante 1a differenza di eth e nonosten “) +! / wet sons in? su te Fosse a concscenza che 1a moglie stessa ha sempre un aman te fissovtIn proposito fornisce anzi alcuni nomé dei presun- +4 amanti:-Vined Giovanni,Vinci Salvetore,Vinei Francesco e per ultino 1'"Enrico" dalla Giulietia bianca FIl Mele afferma che 8 rimasto tutta le notte sveglio,in at- tesa della moglie e del figlio,ma che non 2 uscito a cercare 1i perch’ si sentiva mele,e che al mattino,alle sette,quendo i Carabinieri suonano =1 campanello dell'inquilino del piano di sotto,pur non essendo l'interessato,lui oi affaccia egual mente alla finestra per vedere,chi fosse,perch® dice:-"ASPED TAVO CHE MI PORTASSERO LA NOTIZIA SE DEL CASO POSSE CAPITATO QUALCHE cosan Si_comunica el Mele che le moglie,unitamente all'amico “Enri- co", identificato poi per Lo Bianco antonio,® state uccisa du- rante 1a notte,in localit& "Castelletti" ai Signa,mentre tro- Vavasi a convegno amorosoy= Ie reazione dell 'nomo.8-relative ® poco genuine ; weoccupa di sapere come 8 successo, — bens immediatamente precisa che lui per tutta la notte non Si @ mosso da casa.-Dichiara di non sapere dove le moglic do Vesce andare con l'amico nd se vi fosse qualche persona che avesse interesse ad uccidere i duevParla delle visite rice- vute a casa durante il giorno 21 ¢ nomina il Io Bianco ed un tale "Virgilio",giovane siciliano non meglio “bbaioedaris atl termando che anche questi & stato amante della moglie cirea SB anno prima.-Non fornisce altre indicazioni e preciea nug Vamente che lui non si 8 mosso da casa perch® anmalato.= A uO dire ha avuto sul posto di lavoro dei conati di vomite ‘-Chiede infine noticia del fi, Macon tale fare che lescia chiaramente intendete che Qnosce di gik le sortie (vedaad oe ee yee Petes roar o q Vinei Francesco,gia menzionato come aMante della donna,fre quentava con assiduit& la Locci,lo si invita in Caserme e dichiara:—"In passato ho amoreggiato effettivanente con 1a Jocci Barbazas-Sono in buoni rapporti con tutta la famiglia Mele.-Ho visto per l'ultima volte la Berbara la settimane — Peorsas= Da ieri sera alle ore 22 a quests mettina,quando — Bono stato chiamato dai Carabinieri,jnon mi sono mosso da ca Sa.- Insieme a me 8 rimasta sempre mia moglie."(vedasi alle Bato nv9) = Ja moglie del Vinci Francesco,a nome Muscas Vitalia, - conferma l'alibi del marito affermando che dalle ore 21,30 Gel 21,6,68 alle ore 7 del 22.8268 1tuomo non si 8 mosso ad casa‘-Aggiunge di essere a conoscenza che la Loced Barbara Per un periodo di tempo 2 stata 1'emante del marito:-(veda- Si allegato n.10)t= Viene quindi sentito a verbale il noto "Virgilio" iden ‘ifteato per CUTRONA Carnelo,che ammette la conoscenza del- la femigiia Mele esclude una eua Felazione con la Locei e — Widiiars che la sen dei 21% stato a einem: @ Taian «Ei Ga con lo aio Cannizzaro Antonio ed 8 rincasato verso le - ore 24 senza pik uscire fino al matting successivo.-Sia 41 Gennizzaro Antonio che i familiari del giovene,sentiti ver- Yalmente,confermano 1'elibi fornito.-(vedaci allegato avitye Sempre in date 22.2g08t0.1968,presso la caserma Carabi, nieri di Tastra @ Signa,si procede alle prova del guanto & Pareffina sui sottonotati individui,con i seguenti risultati: | TU-HtR EB Stotenos-mito destra — cndoveciona snsurte in | una Zone di circa tre millimetri in corrispon, denze della piega delle pelle tra il pollice e lindice; ~ 2°)-CUTRONA Carmel: entrambe le mani - colorazione azzur ra di tipo puntiforme estesa per quasi tutta - le parte interna dei due calchi(destra e sini- stra); 3°)-V INC I Francesco :-mano destra -esito negativo Ia colorazione assunta non raggiunge tuttavie toni assai proé fondi per cui la prova & indicativa della presenza di nitrat Gicva comunque ricordare che la prova & condotta a circa sedi- ei ore dal fatto,che sulle mani dei prevenuti esistono ampie ~ zone callose e che i soggetti possono essere venuti a contat to con prodotti nitrati(come polveri esplosivi,fertilizzanti ae OE eee ene bane soa coe tee trae Za relazione di cui sopra $ stata trasmessa direttamente alia Procura della Repubblica di Firenze dalle Questure omonima, con foglio n¥65515/Sq.Mob.Sez.I" datato 4Tsettembre.I968v= Ia perquisizione domiciliare eseguita nelle abitazioni a Mele Stefano,Vinci Francesco e Cutrona Carmelo,per la ri, cerca dell'arma del delitto,non rinvenuta sul posto,da esito negativo.-(Vedansi allegati nn.12 - 13 - 14 )v= Alle ore 11,35 del giorno 23:agosto.1968,viene interro- gato nuovamente Mele Stefano che,modificando la precedente - versione,indica tale Vinci Salvatore come autore del duplice Omicidio,-Il Vinei avrebbe agito per estinguere un debito ai lire trecentomila circa che aveva con il Mele e per liberare Quest'ultimo dalla moglie infedele.-(vedasi allegato nv15) Il Mele perd in una continua altelena di emmissioni e — Titrattezioni fornisce particolari tali da convincere che non & estraneoai fattic+ Io si sottopone nuovamente ad interroga- enti contraddizioni,finisce per con 4 fessare’ Rell infetti ripete che le moglis ed i1 tigiig Rg talino le sera del giorno 21 sono usciti in macchina con tg je "Enrico" e che egli & rimasto a casa perchd indispestos Alle ore 23,30 perd,stanco di stare solo,esce per fare ung Passeggiata in paese e,giunto in Piazza 4 Novembre ,incontra tale Vinci Salvatore vecchio amico ai femiglia,e gid amante della moglie,il quale chiede notizie delle Barbara e di Na- falinow Il Mele risponde che i due sono usditi con tale coe rico" @ precisa che sono andati a cinema a Signa?-a questo dire il Vinci Salvatore, conoscendo le vicende amorose delle donna, consiglia: *PERCHE' NON LA PAT FINIPA?* ed il Mele ai imando:-"COME FACCIO SENZA NULLA IN MANO SAPENDO CHE ENRI+ CO HA PRATICATO La BOXE *,-Salvatore replica:-"I0 HO UNA + PICCOLA ARMA?" A questo punto,di comune accordo, i due sal Giulietta di "Enrico"i-Aspetteno l'uscite dei tre dal cine Aspettano Ltuscits dei tz Le: SONO 0970 COLPI*.—11 ¥ele ragciunta la Giuliette occupata Gai due amanti ¢ ecortili in atteg.iamento intimo secondo ie sue dichiarazioni la donna si trova al di sopra dello “emo che giace supino sul sedile anteriore destra appositg Bente ribaltato ~ esplode contro questi tutti i colpi con~ *enuti ne2l'arma:- Si sofcerma poi ad aggiustere i corpi Scomposti, dei due amanti ed & in questo lasso di tempo che Ratalino si oveglia Jocehiama:—"babbo" .-Il Mele sentendo i chiamare e visto che il figliolo lo ha riconosciuto,pre Bo dal panico scappa Via imnedigtamente.- Mentre si allon- ‘ane si disfa della pistola lenciendola lateralente elle ~ Strada ove & parcata l'autovetturat+ Rasgiunge i1 Vinei,che nel frattempo 2 rimasto aé aspettarlo in macchina,al quale Gicei- "SONO BELLI E SISTEMATI"3e lo rassicura circa i1 ba Pino comunicandogli che 2 salvoi~ Viene quindi accompagnato dal Vinci,sempre in macchina,fino al ponte ai Signa e de qui Prosegue poi a piedi fino alla propria abitezione'- Ti Mele dunque si dichiare autore del auplice omicidio,chia- mando in correit® Vinvi Salvatore™(vedasi allegato niI6)i= Ricevuta la confessions i1 Mele viene fatto satire in macchina ed accompagnato a Signa,ove seguendo le cue indicg zioni ci si ferma aventi al cinema "Arena Wichelacei* che i1 a chiesa®: Mele indica come 41 cinematografo posto difronte alt Pa questo punto,e seguendo sempre le sue indicazioni, si ri- costruisce il percorso effettuato durante la notte dad 21 al +1968,sia da lui che dai due amanti‘- Dopo diversi giri viziosi si arriva al cimitero ai Signa ove viene fatta fermare lteutovettura e si prosegue a piedi.- Fer evitare che il Mele possa essere influenvato degli ingki~ renti,viene fatto camminare avanti,ad una certa distanze,e da Solov-Gli inquirenti seguono 4 suod passiz. 71 Mele raggiunta 1a estremit& delle mura del cimitero si *erma,si orienta © quindi prosegue diritto tino « fermarsi allo | inigio della strada interpoderale Signa-S.angelo a Lecore.— i Dopo un attimo la imbocca,percorre circa centocinguahta metri © si ferma quasi sul Punto preciso ove & stata rinvenuta l'auto Vettura con i due cadaveriy~ e glio ricostruire 1a scena viene fatta portare sul posto una Giulia Alfa Romeo 1300 di colore biancot Al Mele viene anche consegnata una pistola "Beretta" calix bro 9 regolarmente scario Inizia a questo punto la vera e propria ricostruzione:- T1 Mele,con le pistols in pugno,camzinanéo con passi felpa ti percorre il tratto di strada che separa 1a Ciulietta — dalla commale Signa-Lecore.-Raggiunta le macchina dalla — parte posteriore destra rispetto a chi guida,gette uno sguar do cirecospetto alltinterno dell'autovettura,indi si abbassa al Gi sotte delltaltezca dei finestrini © quasi cerponi reg giunge la parte anteriore dell'autovettura‘té questo punto effettua una seconde sosta,prosegue poi fino a giungere al- italtezza del finestrino sinistro enteriore,si alza di scat to e puntando 1a pistola verso l'interno dell'autovettura — finge di sparere+ Vengono quindi fat:i salire a bordo della macchina due sot- tufticiali e si invite il Mele a disporli nella stessa posi zione in cui si trovavano la moglie e 1'Enrico quando lui ii trovd.-Senza alcuna esitezicne il Mele chiede che venga ebbassato il sedile anteriore destro e vi fa sdraiare il pr: mo uomo,quindi invita il secondo a sdraiarsi sul corpo del primowAggiunge poi che il figliolo si trovava séreiato sul Sedile posteriore dell'autovettura con il capo rivolto verso la parte ove alloggia il volante’ inizia quindi l'opera di ricomposizione dei due cor d a, 0 Tl Mele apre lo sportello ante allunge la mano destra verso il corpo della moglie e poggia Quella sinistra sul cruscotto,cosi facendo perd urtea la leva della freccia di direzione,che automaticamente si sccend “ANCHE LA RO2 TL digig.a questo punto vedendo le luce esclama ENE Cas SS & ;HO MBSSO LA MANO SU QUEST Et POSTO E SI gt ACCESA LA LUCE."- Rimessa quindi la donna quest seduta, te aggiusta appena le vesti,efferma anche di averle tirate su le mutandine,quindi rickiude lo sportelle,agsira le meg ltezza dello sportello enteriore china ed arrivato «2 gestro lo apre e poichd le gamba deli'uomo,quelle sinistra si trova nello spezio riservato per chi guida,ai di sotto della gamba delle donna, tire con forza ltarto che nell'ef- fettuare il passaggic si libera della scarpa che fimisce - verso lo sportello sinistrov-Inizia ed agsiustere 4 vestiti de1i'uoho,ma non completa 1'opera perchd & a questo punto che Natalino si sveglia,lo chiema e lui impaurito scappa view Aggiunge che i due non ebbero a dire neanche une parola e guindi pensa di averli ammazzati sul colpov Premesso quanto sopre,considereti i fattie le dichiarazio- ni rese,il Hele Stefeno viene fermato per motivi di polizia giudiziaria,perchd gravemente indizisto quale autore del az plice omicidic in persona ai fo Bisnco Antonio e della Ing, ci Berbera ¢ tradotto presco le carcert giudizierie di Fi- renze.(Vedasi allegato m17)-= I] Magistrate inguirente,presa vieione ded primk ttt assunti,emette ordine di cattura nei confronti del Mele Ste fano perché responsebile di duplice omicidio premeditato.(ve dasi allegato n.18)* Rintracciato,nel frattempo VINCI Salvatore,lo si essi_ me a verbale contestandogli le chiamata in correith fatte net Buoi confronti dal Mele Stefano.- Il Vinci perd nega la sua Pertecipazione al duplice omicidic dichiarandosi completamcn te estraneo alltaccaduto.- Afferma che le sera del 21% rin GFR at. verso le ore 24 e non ® pill uscito da casa fino al mt weal dee 15 tino successivo.- Prima di rincasare & rimasto per tutta la sereta in compagnia di tale dutenucci Nicole. Afferma inol — ees tre di non avere mai posseduto wha pistolal-(Vedasi allege to n.19) = ‘tenucei Nicola,sentito e verbale,conferma l'alibi del Vinei,dichiarando di essere stato con lui per tutte la sera ed indicando i posti preci: avevano visto e cosa ave- vaho fattow-(Vedasi allegato nv20)ie ta perquisizione domiciliare,come pure quella effettug, ta a bordo dellteutovetture del Vinci Salvatore ,d& esito ne gativo.(Vedansi allegati nnv21 e 22). In data 24%agosto.68,presso le Carceri Giudiziarie di Firenze,il Sig.Sostituto Dr.Caponnetto procede all'interro @atorio del Mele Stefano e del Vinci Salvatore ,appositamen te inviteto e comparire in quegli uffici t1 Mele,dopo avere reso une piena confessione,raccontando i fatti in modo minuzioso,caduto in contraddizione cirea il correo,finisce col dichierare che non si tratta del Vinci Salvatore,bensi del Vinei Francesco,fratello ai quest ti, mow Afferma di avere agito in tal modo per peura del Fran~ esco e chiede di poter vedere il Salvatore per chiedergli Sousa. Considerati gli sviluppindelle Situacione il Giudice dispo Re immediatamente il fermo di Vinci Francesco per motivi ai Polizia Giudiziaria,perch® fortemente indiziato 4i reatoM Tl Vinei Francesco viene fermato nei pressi di Signa ed ace SoMpagnato alle Carceri Giudiziarie di Pirenze(Vedasi alle. Bato n523) ye ? sere stato nuovamente interrogato del Giudice ,scegiona anche 4l Vinei Francesco dalle accuse di correit& nel duplice omi-~ cidio e chiama in causa tale CURRONA Carmelo,noto "Virgilio" Il Vinci Francesco viene rimesso in livert& e viene accompa— gnato dinanei 21 Giudice,sempre nelle Carceri Giudiziarie,il Cutrona Carmelof= Il Magistrato esegue quindi un confronto tre il Mele Stefano ed il Cutrona Carmelo,alla fine perd nes~ sun provvedimento ristrettivo viene edottate nei confronti del Cutrona il quale,come gid fatto nei nostri uffici,nega ogni addebito escludendo 1a sue partecipazione al duplice omi cidios Poich$ inizialmente il “ele,indicando il Vinci Salveto re come correo,parle delle somma di lire trecentomile data a questtultimo,si procede al sequestro,dietro ordine del Magistrg to,delle fotocopia del conto bancario del Vinci presso le-Cas Sa di Risparmio di Preto -Agenzia di Ie Briglia,ma niente di particolare viene rilevato dal documento stesso:-(Vedasi al- legato nv24)' Viene accertato comunque che il Mele Stefeno in data 21 ae giugno 1968 ha riscosso la somma di lire 480000-( a1 attroc: tottantamila) dalle Societ& Assicuratrice Tirrenia sede di Fi renze,quqle rimborse spese per sinistro stradale’ Imnediatamente dopo i fatti in narrativa l'unica somme rinve— nuta 8 quelle ai lire 24.625-(ventiquattromilaseicentoventi- eee cingue)-nel borsellino della donna,reperito a borde delltauto vettura,somma che viene consegnata al Mele Stefano-:- Questi non fornisce chiare giustificazioni cirea il modo in cui & Jai veniveno Stato speso il danero;si limite a dire che i re Leet =e 17 Si accerte,comunque,che le uniche spese da lui sostenute consistono in lire cinquentemile pegate a tale LISI Lionel EIST Lionel lo per un debito relative ad ecquisti di generi elinenterd (Vedasi allegato n+25) Casamento Ignacio, detore ai lavoro del “ele,dichiara che 10 hha assunto nell prima decade del mese di agosto uss. in qualith di manovele muratores-Lo definisce buon levorato- re anche se utile soltanto per levori non impegnativi.~ Afferma di avere approso da voci comuni che 1a moglie del Me - le si concede molto facilmentes~ Dichiera ai non sapere se il Mele possiede wna pistoda.(Ve- dasi allegeto n+26)* Pik volte si % parlato della Piazza 4 Novembre e del locale Bar ivi ubicato’ Sentito e verbale il gestore ,Gazzer zi Stelio,questi dichiara che la sera del 21vagosto.68 non ha visto n& all'interno,né all'esterno del suo locale,le per sone implicate nei fatti in narrativat(Vedasi allegato n527)4 Vinei Prancesco,precedentemente incriminato e poi scagio neto,durante un colloquio ha accennato 2d altri emanti dells ocei Barbaras-Viene percid nuovamente interrogate e si vie~ ne in possesso dei sottonotati nominativic(Vedasi allegato — 28) i= Drago Prancesco,che abita nella stessa strada del Mele, non solo dichiara di essere atxtm estraneo ei fatti e lo di- nostra Gicendo di essere stato in Sicilia,facendo vedere biglietti del treno-(d4i anata e ritorno),ma asserisce #1 non avere mai avuto rapporti intimi con la Locci Barebara+~ Non fornisce particolari utili ai fatti in questione’(Vedesi sl- ee Cannizzero Giuseppe,altro presunte amante delle Iecci; residente in Signa,sentito a verbale,dichiere di conoscere tutta la famiglia Mele,esclude ogni sua relazione con la ~ donna ,dichiara di essere estraneo’ai fatti accaduti ed af- tto era rimasto a casa con la - ferma che la notte del del: legato 30) noglie.-(Vedasi Frangipeni Emilio dichiera di conoscere il Mele da ciz ca quindici anni,di averlo evuto alle dipendenze,sin de quan do era ancora celibe,in qualit& di operaio agricole. -Afferma di avere conosciuto bene la locci Barbara,ma esclude di ave- re avuto rapporti amorosi con la stessa.+ Esclude che il Mele possa essere geloso della moglie.— Non 8 a conoscenza se il Mele possiede untarma da fuoco.- Afferma che il Kele ¢ la sua famiglia sono vissuti sempre in condizioni economiche disagiate.-(vedasi allegato n.31)te Sentita a verbale BARRANCA Rosalia,vedova di Lo Bianw Antonio,questa dichiare che le sera del 21 il marito usci-~ to di casa verso le ore 21,30 senza farwi pil ritorno.-Anche se preoccupata per il ritardo,non esce a cercarlo perché non pud ferlo,ha tre figli in tenera et& che non pud lasciare ao 1: Al mattino avvisa i fratelli i quali perd hanno gik p- preso 1s notizia dell'accaduto dai Carabinier Afferma di non essere a conoscenza della relazione esistente tra il marito e la Locei Barbara ed aggiunge di non conosce— re affatto questa donna. Non avanze alcuna lamentela circa il comportamento del marito in vita,dicendo che non le faceva mancare nientes- Afferma che la Giulietta targata Arezzo 8 di propriet® dol ma vito che l'ha acquistata facendosi fare un prestito dak suo KENT Cap, & D> &, (f 19 datore @i lavoro,prestito che estingue con regelare trattg nuta mensiles(Vedasi allegato n¥32). Si sente infine e verbale il proprietario del locale cinematografico “Arena Michelacci" di Signa, nome RUGI ~ Blio,che la sere del delitto ere alla casaa,e costui dichig ra che effettivamente ha visto entrare il Ie Bianco e la Ing 4g cinema verso le ore 22,15,che non li ha perd visti used re e che non he notato in loro compagnie il bambino veaggiun ge che la sere del 21 presso il suo locale veniva proiettato ailegeto 1.33)" il film "Nuda per un pugno ai eroi"s-(Vedasi Vengono inoltre controllati i movimenti dei fratelli delle Barranca Rosalia,relativamente alla notte dal 21 0122 agosto 68,ma nulla di irregolare risults e loro cerico.~Gli stessi sono:-Barranca Giuseppe e Colombo Antonio(fratellastro) Barxenca, Giuserys © oe ambedue residenti in Iastra a Signe’ I medesimi accertamenti vengono anche fatti sul conto dei fratelli delle locci Barbera,ma sempre con esito negath Pietrino residente a 5.Casciano Vel di Pesa,Locct re@idente ad Imprineta e locei Vincenzo residente a San Casciano Val di Fesay: Presso tutti i rivenditori i ermi,di Firenze e provin cia,vione eseguito un accurate controllo per stabilire se 2 stata venduta ung pistole calibro 22 con relative munizio~ ni direttamente al Mele od a persone con lui in contattowtle operazione @& comunque esito negativo.= Vengono infine controllate tutte le pistole calibro 22 in possesso delle persone reeidente in Signe 6 Jastra 2 Siena 1esta operazione non dA alcun risultate positive’ A questo punto,nonostante il Mele Stefano sia reo confesso,ci troviamo c! hiarazione piene ¢i lacune ineredibili e sconcertanti:- Egli infatti asserisce di essere scappato via dalla zona del delitto non appena il figliolo lo ha riconosciuto.- Il Figliolo,a sua volta,dichiara che non ha visto o sentito nulla,ma che,svegliatosi e vista la scene,avuto sentore che le mamma e lo “zio" sono morti scappa vie fino ad arrivare da solo a case del De Felice.~ Inpresa questa impossibile te nuto conto,come minimo,delle asperit& del terreno e del fat- tore luce,la notte @ buia e non vi 8 alcung illuminazione,per un bambino di sei annit+ Tanto pik se si tiene presente che dopo avere corso senza searpe lungo il viottolo pieno di ses, si il bambino non presente alcuna ferite o graffio ai pied. Si tenga presente che il percorso 8 lungo circa tre chilome- tri intervallato da alti mucchi di chiaia’— Finalmente,perd, dopo altri interrogatori il Mele finisce per chiarire questo punto ed ammette che & stato lui ad ac- emmpagnere il figliolo a casa del De Felice immediatamente dopo avere sparato e sistemato i corpi: Successivamente,anche il bambino,dopo che ha parlato con il genitore -negli uffici del Gruppo Carabinieri di Firenze ed in presenza del Magistrate - finisce con 1'ammettere che p casa del De Felice vi 2 stato accompagnato dal padre.~ Il Mele dichiara anche ai ied edie Qucompaguate i3. beubine 4 un vicino cascinale,posto circa duecento metri in linea d'aria dal luogo del delitto,perchd q suo dire non avrobbe poi avuto il tempo di allontanarsi dal luogo del delitto.- Questa ultima dichiarazione @ molto importante perch’, tenuto conto anche delle diverse chiamate in correit& con eonseguen J 24 Fj te scagionamento,ci lascia chiaramente capire coms il Mele mon avesse a sta disposizione un mezzo veloce per allonta~ narei dalle zona.- Cerca quindi di portere 41 figliolo quan to pil lontano possibile su di une strade che evidentenente Sa non transitebile,per poinallontanrsi comodamente:= Si @ del parere che addirittura i1 Mele si & receto da dolo sul posto,in bicicletta,e dopo avere lasciato il bambino, ri percorso lo stesso tratto di strada fatto per l'endata,ha - ripreso le bicicletta ed 8 ritornato a cass’ A giustificare questa ipotesi stamo anche alcune macchie | fresche di grasso,tipico grasso di catena di biciclette, che ino del 22:8,68, il Mele presenta su ambedue le mani al ma: Quando viene accompagnato in Caserms e per le quali,a nostra richiesta, non sa dare alcuna giustificaziones-Le stesse infatti pud essersele procurate nel rimettere in sesto la cg tena della bicicletta evidentemente seltata dagli appositi ingranaggi.- Si precisa che il Mele non % idoneo a condurre motomezzi di sorta. In velazioue ell'arma adoperata per conmettere 11 de- iitto,il perito balistico,Colomnello di artiglieria ZUNTINI Tnnocenzo,in servizio presso il Comando artiglieria del VIIe Comiliter di Birenze,accerta,dali'esame dei bossoli rinvenu- ti,che trattasi di pistola,presumibilmente "Beretta" ,colibro 22,vecchia,arruginite ed usurata.—Questo lascia pensare che Se l'arma & di propriet& del Mele questi la possiede gid da SVariati anni:- Te cartucce adoperate,e recnti sul fondelio Ip lettera "HM Sono cartucce costruite dalle Ditta Giulio Fiocchi di lee ce ed in vendita presco tutte le armerie.- a relazione all'esame necroscopico,i primi dati pre- EMEA +t 22 tee eisi riferiscono che i1 numero dei colpi sparati s ai otte sto, quattro contro l'uomo e quattro contro 1, donna.~ 4A parte 1a premessa gid fatta,bisogna tenere,comunque, presenti i seguenti punti:— -I1 Mele,al amttino del 22,agosto.1968,quando i Carabinieri suonano alla porte dell‘inquilino del piano di sotto si af faccia imnediatemente e dice che lo ha fatto perchd aspet- | ta le notiz ~Iq versione del figlio che dice i avere lesciato in auto, mentre poi amnette di averlo accompagnate personalmente por tendolo sulle spalle,fino alle abitazione del De Felice. -Il Mele,da solo,senza alcuna indicezione ha acconpagnato gli inguirenti sul posto preciso dove 8 stata rinvenuta le macchine del Lo Bienco.- El Mele ha ricostruito con estrema precisione le dinamica del delitto,fornendo particolari che non sono noti neanche a noi inqvirenti.-Si noti che non si conosce ancora l'esito dell'autopsia,come il numero dei colpi sparati(otto).— -Il. Mele indica im che posizione ha trovate la moglie e lo amico e come ha rimesso a posto i cadaveri.—Ricostruzione questa tanto precisa che solo un protegonista del delitto pud fare sla leva ~Ie freccia destra della Giulietta rimesta acces: & stat urtate de lui nel rimettere a posto i cadaveri,pre cisamente il corpo delle moglie:-E' stato dimostrato duran te la ricostruzion Za posizione delle scerpe sinistra del Lo Bianco nell!inter no.deile mecchina.-Ie scerpa si t sfilata dal piede del - Le Bianco quando i] Mele lo ha rimosso3~ ~te prove del guento alle pareffina indicano infine lieyi reazioni sulla meno destra del Mele 4 questo punto, concludiano cercando il movente che ha Spinto il Mele Stefano a simile comportanento.- Sembra indiscutibile aifermere che il Mele ha agito solo ed esclusivemente per motivi di interesse e non gi& come sembre rebbe pik logico per motivi di onore.— Ltonore in questo caso ha un velore puramente relatives. Tl Mele stesso ci dice infatti che le moglie ha frequentato al tri vomini sin dell'epooa dellloro fidanzemento che risale a circa nove anni.- manti® che si sono succedgti in questo Quanti sono poi gli "a jasso di tempo? Un numero impreciseto,ma sicuremente altov- 71 Mele quindi volendo eliminare 1a moglie per questi motivi io avrebbe fatto anni eddietro e non oggiwe Togico,comprensibile e giustificabile invece 41 moti- vo di interesse.—Eseminiamo per un attimo la figure del Me- lei-da giovane e fino a circa quindici ann: orsono,lo vedig mo "servo pastore™ in Sardegna ove guadagna il tanto suffi_ clente per sopravvivere.- Ben seppiamo quanto guadagni anche eget quella categoria 4i levoretori Isolani,de permetterci Gi dire che 2 umanamente impossibile risparmiere:+ Affescinato ed attratto da un facile Suadagno il Mele raggiun ge il Continente,ma anche in questa zona 1!uomo,si tengano presenti le sue possibilita e qualitA,semi-anelfabeta e senza un mestiere,non riesce ad imporsi ed e procurersi un buon javoros Si dedica infine all'agricoltura.-lavera come mano- herico nei campi guadegnendo anche questa volta lo indispensebile ere. Tenta un nuovo mestiere ed ini zie la vendite caglieria.- Neanche questa volta perd il Mele riesce a sfondare e ritorna nuovemente all'agricol- ‘ura fino a quando non incontra dei peceani-muratéri- che io essumono come menovale e lo avviano al nucvo mestiereie Ti Mele perd non fe progressi,rinane sempre 1'uomo dalle x buone braccia ¢ dal cervello piccolo.- I suoi datori ai le Voro sono contenti di lui percht 2 educate e levoratore assiduoyma si guardano bene dall'affidargli incarichi ai une certa delicatezza.-Pertanto,il Mele rimane l'eterno ma- novale ed ovviemente con unapaga de menovale' Ora,se da celibe non 8 riuscito a risparmiare,figuriencci on una moglie ed un figlio a earico e con un guadagno sempre minimoy Si tenga presente che la casa ove abiteno & stata loro acqui- Stata dal genitore del Mele. i1 Mele non he mei posseduto une soma di da- Concludendo: Baro tutta sua,anche se piccola,durante i suoi quantanove - anni di eta. Imneginianocelo perd adesso con una disponibilita Piena del- te soma di cirea mezzo milione.-Anche se per molti questa cifra ai tempi attuali raprresenta ben poco,per 41 Mele & in Yece ltinverosimile.-E! il raggiungimento ai un Sogno che aveva accarezzato per tutte unavita. Riprendiamolo ora in esame mentre impotente assiste gallo sve sire di questa tanto agogneta ¢ dolce realta. Peli stesso ci dice che la moglie quando esce con gli amanti ® sempre lei a Pagare+-Questo particolare vééne anche confer, mato daaltri teatimoni'~ Te moglie stessa,donna abituate ad une vite di stenti,perchd QT oltretutto non si @ mei concessa per danaro,fa presto ad abituarsi ad una vite facile e nuova ed in breve tempo di apida il capitale del maritov- Che le sfortune del “ele iniziino con la riscossione della famosa soma senbre non vi siano dubbi.- Di giomo in gior no,ogni qualvolta la moglie spende una parte dei soldi,nel Mele si fa sempre pil viva le volont& di agire.-Egli comun que riesce sempre e frenarsi fino a quando la fatidica se- ra del 21 agosto 68 non si eccorge che la moglie,per usci- re con l'amante di turno,he prelevato l'ultima parte dei Soldiv+ E' questa le goccia che fa treboccare il vasov-L'ug mo perde il lume della ragione.- Ha sopportato per tanti an nila moglie infedele,ma non riesce a pessare sopra al fat- to che & stata le causa prima che ha distrutto il suo sogno finglmente realizzato e si vendica uccidendola unitamente al suo ultimo amantes Il Mele,che ha cosi compiuto la sua prima vendetta,non si ferma.-Vuole essere soddisfatto.~ I Suoi danari non sono stg ti spesi tutti dali'ultimo amante della moglie,ma anche da eltri,egli infatti non ha fornito nomi di uomini che hanno anoreggiato con la donna in tempi lontani,ma molto recente mente.-Egli sicuranente chiama in causa,direttamente od indi rettamente,questi individui,non con la speranze di avere una diminuzione di pena ma solo ed esclusivamente per scopo di Eo- vendetta.+ Vuole fere del male a chi lo ha fatto a lui co percht,uno dopo l'altro,dopo averli accusati,dopo che ha fatto pendere sul loro capo la possibilit& di une terribile punizione,li scagiona arrivando al punto di chiedere loro - scusay QGP poi si potredbe chiedere se il Mele,individuo chiuso Be Pits 2 elie alec aa amente insignificante,fosse idoneo @ commettere una tale carneficina.—Ebbene,si ritiene di si Uomini come lui,forgiati e messi a dura prova sui monti dello alto Nuorese,il Mele stesso dichiara di avere vissuto~ quale"servo-pastore" in quelle zone,sono capaci di agire con tale straordinaria freddezza e decisione’- Premesso quanto sopra,anche se sono molti gli elementi strani e sconcertanti di questa sanguinosa vicenda, si ritiene di potere concludere effermando che & stato so lo ed unicamente il Mele a Premeditare e mettere poi -— in atto il duplice omiciaiot Rapporto del Erigadiere MATASSINO Gerardo del Nucleo In vestigativo Carabinieri Gruppo Firenzei+ Henno preso parte alle indagini: TRENEE t+ -Tenente DELL'ANICO Olinto; ~Brig.s MATASSINO Gerardo; -C.re: GENO Pietro =Comm: — SCOLA Vincenzo; -Comm, DELFINO i MARTINI -Brig) = AMATI FERRERO Gaetano; RONOUCCI Ilio; ~Brige “Cre, 27 POLI Bvaristo; GIACOMINI Mariows= IL MARESCIALLO MAGGIORE COMANDANTE DEL NUCLEO 4 ey Giomini- GA TECIONZ TE:RITORUALE CARABINIERT DI FIRENZE cap. ge - TRNENZA-DI_STc 7 {é PROCESO VERBALE relative al Séprélluogo sommario ¢ successiva iepee zione del percorso compiuto nella notte oul 22 agosto Is6¢ de MELE Natale di Stefano ¢ tu Locor Berberaynato 2 S26 sciane Val ai Pesa il 25.227196I, residente 2 lastra a ga, Via IOV Megeio eil77,dove avvenne bella stessa note Sava ii duphice onicidio delle madre BOCCL Barbara e 10 BIANCO Antonio, quello in cui s4 present® per richiedere Bea L Shee a ete ea Sie ete see eas mee Lianno millenovecentosessantotto, addi 25 dei nese di agosto, nellty- ficio della Tenenza Carabinier! 4 Signa; alle ore 9.. - - ’. Noi M.M.c.ssFERRERO Gaetano, comandante della fenenze suddetta Brigd POLL Evaristo,della nedesina, r apportiane a ehi di dovere quanto 5 gue Premesso che durante il brimo sopralluogo effettuate alle ore 3,30 22 agosto I968 da noi 1.u, FERRERO Gaetano, upitamente ai dipendenti, garabinieri PANELLI Alberto, GIACOMELLT Corrado © GIACOMINI Mario,in jocalita Castelletii ai Signa, dove-si era Verificato i1 duplice onic © Golle persone in oggetto ivi in Sosta eu autovettura , & stato. accertato ohe: ~~ — — = waa eee eee LL -- ~ltautovettura stessa si trovava nella Posizione rilevata successiva= mente dal Dottore CéRoW. »S-ostituto Procuratore dsl. pabblica in sede di-sopralluogo e fotografata dagli specialisti del Nucleo 1: ZeeHgativo,del Gruppo Oc. di Firenzegualmente discod per i caday. Te greta ie cee eee ee hes t eadere ‘re era in funzione ai lampeggioy - - -- — _ 0 chiuse, tranne quella pos teriore @estra che ~tutti ivcristelli delle portiere erano alzati in possione di chiasura Sotele,tranne cueilo della portiera posterior sinistra che-ea abbas= gato & meth e quello della portiera anterione Sinistra pure abbasato Si eires tre centimetri; — _ — _ _ Se se eer ee erie enc ante eee wla localit& era completenénte buia, cielo coperto con leggera foachia © molta amiditévi I vetri del *iunottor Posteriore erano completamen= Se appannati; qielli delle portiere e det Parabrezza si presentavano dence penneti. La superficie dell*autovertara era ricoperta da an ieggero strato di rugiada Nessun segno si rilevavano salle parti ba= Se Se Se ett erie eel ee eC - te db\eg- re sinistra; durante ltoperazione ltapertura ai getta Portiera, una scarpa da uono SB5 2PPOggiava nelltintemo contro la portiera stessa, scivokaya a terra all “Gop Lausilko di.una torcia elettrica attraverso la pertiera aperta Yeoiva esegaito'un sommario esame per accertane Lteventuale esisten 2a ¢i arni, con esito p @ il sedile alle bass peggiava un portamonete $0 42 m@s0 che non sono stati rinossi; iva identificato da una "situazione ai £2 8 intestate a Lo esta porta, fr: verds © un fazz0 Tutto cid premesso ficarsi nelle person trambi da Lestra a § vettura @ mezzo dei il M.MieystFERRERO, ¢ dove veniva interrogate il mente dante della Stazione accertare la posizio essere a casa annal: certare “per identif. comungue coi - predet va l*'accaduto a chi Poicht sin dal primo seriva che-Ja manma che il babbo.si trovava a tutta le strada che ta a S.Angelo a Leco larme,ritenendo che correre quel tragitt: che, lasciate sullta: strava ai: essere soc. gai di ferite o gra gli occhi, pit marca ne di effettuare une Natale stessot.~- — Si dB atto cx vo alle ore 16,30 éa Natale Il percorso ai servizio, parvend DESCRI2ZIONE DELIAESP: pag di scarpe, indi, © accertato e del Lo igoe, veri carabi 01 O/re, FEN Nate to 42 Scia @i Lestra a Signa, atti ne de: 0 della LOCC ato) ¢ famili: ‘icere © persol tie dic zlicin ca aid mttaer ee nonen ccolo MELE ro morta, letto, e di 0 in 66-Pistoies: e a 0 ila notte e perche ate stenco, ne # essivan. gnello destro, ai. prova del-percorso a p: et& Don poteya da solo per= «+ Be uD rossore marcato alla periferia d. arbera,ene ientovanento d61l*auto: COKINI suddé@tti »men tre Ttavano in queste caserma, lee, quindi, telefonicas 218 FUNARI Filippo coman= dandogli l'incerico ai I(owi il figiio asseriva ari del LO BIANCO e ai ac ne che ebbero rapporsi Serma e, quindi, segnala Natale spontaneamenie ag che eravo. proprio morti, aver percorso a piedi localith. Castelletid por= @) dove aveva dato ltal= baia e senza scarpe pert apparentemente non dim i piedi presentavano. sex agdiveniva nella decision edi, unitamente al MELE. | parte oi. vervalizza: veniva inizieto a bordo 0 dal luogo del delitto, -ERIMEN TO Gignti sul luogo-del delitto il MELE Natale, cava la posizione in cud ie prova stessa veniva effettuata 41 giorno .24 succesi * nti, upitamente al MELE ai autovettura,Fiat 600 fe eee ree Sy | che oalzava on regolare | si troveva a dormire sul ja macchina e cio’ con le testa riversa verso la parte destra delltau vettura,disteso 1: si svegliato trove Li Gestra,disteso, loz: © "Zi0™3 Che: erano a@ per suonere il ol: quindi apri la porti ealgini a: tri di i osta diffico neu ngo il sedile posteriore mamma morta al posto a: io", moMtre prima, al po nortiv.;morti proprio, geson. mapovrando delle manovelle eul cruscotto,- era pesteriore destra ¢ i avvid a piedi lungo la ibile pass sperd erano..,le OPO aver superato una cu: coli formati da mucehi feta di detti mucchi di ghiaia 41 bambino,tutto soaad Y aver preventivato il percorso diseva tage e che jon si pud passare con la macchina 2 s! Supe= [ L it2 si proseguiva finon perabili, MA poco & Precisava che dopo esser= i. guida e sul sedile 4 sto di guida si trovava Che spaventato si allun= da solo, senza scarps stradicciola in avant ava Lfautovettura;-i-e— are - ci sono le monta v8 e, pertanto le marcia montagne; Infatti percor Twa, si presentavano egi=! i ghisia al centro della/_ isto che ci @ gli eetacoli stessi pon Lert pit grossi (3) tagliente a3 poco Scaricata Stradale? 11 brigadiere POLT ind intenti pes Tessi nei Vettura dai Si ¢ di peso ron Pabovra, invertiya 1g marcia ¢ io FERRERO prosesui ys 8 Strada facengo Shisis 43 nonge @Psa sul piang @2 elouns conte eert00li, dicincagisava ltantor Ssendo in quel pante POSsibile 1p Sormava indistro, mentre il maresgjay. 28 Strada unitensn ge al pi Ferrero nosirano 16 aepri te dissermusen ys Ketalino, come vedi aa esi bile canminare sense eoerpe, forse ha fattg 280D questa%.i 77 pant nePlicava: "questa 2 te Stroada si T-tree il Maree Ge, rivolgendosi a1 yp questa strada 8 altra streda che. quelle ja _ ei regeiongeva up Popticelig “_ _ terra bettuta che _ ®- In qnel panto eva per quale = nto, da s0lo, aveva z Suineta sulla strada sin. 1 Mele Natale, Giunti e circa 100 mated indiod, tallegrandosi, ‘af 5 ftla rintracciata oon si Gimostrare che oid oni Yero indied che cola, puntang al ditino, vi eranom una fila ai canpa: nelii; Eegsiunta la casetta & PEES0 atte che al portoncine suits festra a circa > ‘dal suolo ¢ esistevano,in posint 43 sed boy pelli, ben y = Porta ai notte @iamo ~ nop = stro ‘ila i.Uba 1, Upadina Sopra la ge e-Tl Mele disse; Han Tenn ltt casat*. Pers nog °Sitd al nox wT pee tattivamente S15 91 braccio senza wisante perchd ena Posto troppo alto egli itnediatanente mise il piede sin ella porta, 3] |Ppoggid allo spigolo dei 1 otlungandosi; suons gs Primo canpane *t0 che gli alty campanelg anbino anche BRFO 2 con Lo partendo daz tati ra, syberenb troppo in alts Fe 17,25ePer cui per compiere - & Stato impiegato 45 inti. del canpanello renceseo, si Presentd supi= to a Poggio Marino > Frazione ScAngele 220 044° 42 qual-a, Unitamente ale ; Sgiunta, riconobys subito 41 piccolo tele Natale. ans . iconobbe dinostrs subito ZaniWanita ¢ as mise a ' a dei Predetti oo, om mw Geel tes ys lo Sauillo det Porta 41 murators 41 29.10.1942, ne sone, né intesi ramori Gel ragazzo solo, scalzo, nel grave doveva effettivaneste 93 to il suo padrone di casa scan da dove insieme partirono S.Piero a Ponti; che in ca, 20 ACOMINE Mario il quale si accompagnd lor. lever rattempo rima= sto in casa e con 1"autove 1 as pe del bambino che parlava diffi." vicino Vero", rintracciarono ltautovettura s vieibile infatti dalla sé: porta el Cimitero di Signa, perone’ - aveva la freccia ai diregione (quella destra} accesa ad intermitenza si illuminava. Cosi localizzata iiautovettuza 2 notati nelllintemne idue | caaveri, tutti i predetti raggiungevane questo Comando di Tenenza da do: Leose te tbformato 11 M.Mvc.ssFZRRERD che fen te reggiungeva il: iuogo, ¢ iniziava le indagini cone GSttoge Se Del ché e perch eonsid abbdiano redatto il presente processo verbaleyda — Ellegare al rapporto Gludiziario,in date e luogo ai sud sopra ~ 1 = Fatto,letto,perconferma ci ee See eee sek & |