Sei sulla pagina 1di 6

1.940.

000 lettori (dati Audipress 2017/I)

GRANDI IDEE - IL LIBRO DELLA PSICOLOGIA IN EDICOLA A 12,90 IN PI

VENERD 28 LUGLIO 2017 | 1,50 | Anno 159 - Numero 206 | Anno 18 - Numero 206 | www.lanazione.it FIRENZE

FIRENZE, LA SUA VERSIONE NON CONVINCE FIRENZE


Basta furti
Bimba ustionata e degrado
Via Tornabuoni
Dubbi sulla mamma In sala operatoria sulle barricate
Servizio Nel Fascicolo regionale per salvarle la vita
In cronaca

LO TIRA IN BALLO LEX LEGIONARIO


Mostro di Firenze,
lombra del mandante
Indagato un medico

BROGIONI Alle pagine 2 e 3

SOLUZIONE A TEMPO. SI TRATTA ANCORA


Fincantieri, lo schiaffo di Macron
Parigi nazionalizza Stx
Padoan furioso: decisione grave

GOZZI e SERAFINI Alle pagine 6 e 7

Fermate
gli stupratori
di Urbino

Dopo il sacco di Urbino, compiuto dallarchitetto De Carlo,


attraverso molti inserti devastanti in edifici storici con il
cemento armato, ancora oggi il ministero non intervenuto
per rimuovere unincongrua scultura nel cortile di Palazzo
Ducale, nellarmonia compiuta cui lo port Francesco di
Giorgio. Il meraviglioso palazzo fu iniziato probabilmente tra
il 1454 e il 1455. Nel 1466 interviene con una nuova visione
Luciano Laurana, che lascia Urbino nel 1472 a lavori
incompiuti. Francesco di Giorgio che chiamato a
completarlo, proprio a partire dal limpido cortile per cui
disegn le sopralogge e inser il meraviglioso fregio. Onore a
y(7HA3J1*QSQPTQ( +/!z!_!$!: Francesco di Giorgio, contro gli stupratori.
IL GIORNO
VENERD
2 28 LUGLIO 2017
il Resto del Carlino
LA NAZIONE
GIALLO INFINITO

Le prime vittime I casi dell81-82 Le ultime coppie


Il 21 agosto 1968, a Il 6 giugno 1981 uccisi Il 9 settembre 83,
Signa, vengono trovati Giovanni Foggi a Giogoli, assassinati i
i corpi di Antonio Lo e Carmela De Nuccio, a tedeschi Horst Wilhelm
Scia di sangue

Bianco e Barbara Locci, Scandicci e il 22 ottobre Meyer e Jens-Uwe


freddati in auto da colpi dopo, a Calenzano, Rsch; il 29 luglio 84,
calibro 22; identici Stefano Baldi Claudio Stefanacci e
a quelli che il 14 e Susanna Cambi. Pia Rontini, a Vicchio.
settembre 74 uccidono Il 19 giugno 1982 L8 settembre 1985,
a Borgo San Lorenzo muoiono Paolo i francesi Jean-Michel
Pasquale Gentilcore Mainardi e Antonella Kraveichvili e Nadine
e Stefania Pettini Migliorini, a Baccaiano Mauriot, a Scopeti (foto)

Un medico ordinava i delitti


Firenze, indagato anche un 86enne coinvolto nellinchiesta dallex legionario.
di STEFANO
BROGIONI
I compagni
di merende
FIRENZE
Pietro Pacciani
IL LEGIONARIO e il medico. La
svolta della nuova inchiesta sui Il Vampa Pacciani (foto
delitti del mostro di Firenze ruo- sopra) fu inquisito nel 1991,
ta attorno a questi due nomi. En- mentre era in carcere per
trambi sono formalmente iscritti lo stupro delle figlie. Nel 51
sul registro degli indagati per la aveva ucciso lamante della
lunga scia di sangue e terrore che fidanzata in modo simile a
ha macchiato, dal 1968 al 1985, le quello dei delitti del Mostro
colline intorno al capoluogo tosca-
no. Ma la cautela, trentadue anni
dopo gli ultimi colpi assassini spa- Mario Vanni
rati contro le coppiette, dobbli-
go. Giampiero Vigilanti, nei Vanni viene arrestato per
suoi interrogatori fiume, a tirare concorso in duplice omicidio
in ballo il suo dottore, France- e vilipendio di cadavere,

SANGUE
sco Caccamo. messo in atto secondo
laccusa con Pacciani.
IL DOTTORE oggi ha 86 anni. Vi- Vanni coni lespressione
ve a Dicomano, in Mugello, ma compagni di merende
ha lavorato anche in un ambulato-
rio a Prato. Non a caso, era il me-
dico curante dellex combattente Giancarlo Lotti

E MISTERI
della Legione straniera. Sarebbe,
secondo il teorema Vigilanti, un Lotti fu condannato a 30 anni
anello del cosiddetto secondo li- per i delitti del Mostro.
vello, ovvero i mandanti che Mentre Vanni e Pacciani
avrebbero commissionato gli omi- professarono sempre la loro
cidi delle coppiette. Ma la perqui- innocenza, Lotti confess
sizione a casa sua non avrebbe tut- il delitto del 1983 e accus
tavia offerto elementi a supporto gli altri due compagni
di questa tesi. Gli inquirenti conti-

periodo in cui lItalia era stretta sivo. Rimettendo in discussione due elementi che finora manca-
I VERBALI nella morsa della strategia della
IL FARMACISTA anche il lavoro svolto in questi an- no: il primo la pistola, la Beretta
Le coppie trucidate tensione. La pista mandanti si aren ni. Un po come quando dallidea calibro 22 con cui sono stati firma-
non furono scelte a caso con il proscioglimento americana del killer solitario e ti gli otto duplici omicidi termina-
Ma la pistola non si trova MA LE DICHIARAZIONI di Vigi- di Calamandrei nel 2008 deviato sessualmente, vennero ri- ti nel 1985, dopo luccisione della
lanti sono attendibili? la do- lette le carte seguendo limposta- coppia di francesi che avevano
manda con cui iniziata lindagi- zione del gruppo. montato la loro tenda nella piazzo-
nuano per a ritenerlo un nome stati cercati riscontri, laddove era
ne, nel lontano 2013. Di mitoma- la degli Scopeti, a San Casciano.
che necessita molti approfondi- possibile, visto che quasi tutti i Laltro il dna. Non un segreto
menti. Il tempo che passato, dal- ni, depistatori, personaggi in cer- protagonisti di questo intrigo E ANCHE secondo i racconti di
Vigilanti che in alcuni frangenti che sia in corso una rivisitazione
tronde, un alleato di chi, in que- ca di notoriet, la storia della cac- (Pietro Pacciani, ma anche i com- di tutti i reperti alla luce delle tec-
sti lunghi anni, rimasto nellom- cia alla verit sul mostro di Firen- pagni di merende Mario Vanni e farebbe dichiarazioni contro se
niche investigative che allora non
bra. ze piena. Ma le deposizioni di Giancarlo Lotti), non ci sono pi. stesso, ma non chiaro riguardo a cerano. Proprio riguardo allulti-
La pista dei mandanti era gi sta- Vigilanti, seppur nelleccentricit cosa i delitti delle coppiette sa- mo delitto si cercano tracce utiliz-
ta battuta dalla procura fiorenti- del personaggio e nella particolari- E QUALCOSA stato trovato, tan- rebbero stati compiuti da pi per- zabili sulla canadese di Nadine
na, ma si arenata davanti al pro- t del suo vissuto, non si sono fer- to da spingere i carabinieri del sone. E le vittime non sarebbero Mauriot e Jean Michel Kraveich-
scioglimento, al processo in abbre- mate. Segno che la figura di Vigi- Ros a scavare ancora. I pubblici state del tutto casuali, ma sarebbe- vili. Cos, con laiuto della scien-
viato, del farmacista di San Cascia- lanti interessante, al di l di quel- ministeri Paolo Canessa e Luca ro state scelte secondo unincredi- za, si potrebbero inconfutabil-
no Francesco Calamandrei. Ades- le due perquisizioni con cui di fat- Turco hanno lavorato a lungo, in bile e talvolta banale logica degli mente collocare sul luogo del de-
so, con la nuova inchiesta, tutto to venne sfiorato dalla procura silenzio, sotto traccia. In quel lim- esponenti della banda. litto i responsabili. Il dna di Pac-
torna in discussione. Anche gli nel passato. bo tra lennesima pista da buttare Linchiesta non ancora chiusa e ciani conservato al sicuro, pron-
scopi dei delitti, tutti collocati nel Ai ricordi dellex legionario sono e qualcosa di nuovo, forse di deci- potr essere blindata soltanto da to allutilizzo.
IL GIORNO VENERD
GIALLO INFINITO il Resto del Carlino
LA NAZIONE 28 LUGLIO 2017 3

Piste iniziali
Nell81 arrestato
Vincenzo Spalletti,
poi scagionato, come
Francesco Vinci nell82.
Si segue dunque la
pista sarda: inquisiti
e scagionati il marito
della Locci, Stefano
Mele, il fratello
Giovanni e suo cognato
Piero Mucciarini

del Mostro
Perquisita la sua abitazione IERI E OGGI Giampiero Vigilanti (foto Germogli) e, sotto, Pietro Pacciani (Pressphoto)
A lato, le vittime francesi dellultimo delitto, nel 1985, e la loro tenda agli Scopeti

Quel dottore nellombra


ORRORE Il luogo in cui
furono ritrovati i corpi
di Pia Rontini e Claudio
Stefanacci a Vicchio, il
29 luglio 1984
Conosceva i potenti
Vigilanti lo aveva tirato in ballo gi nel 1985
FIRENZE
IL DOTTORE. Un bravo dottore. Nellimmaginario
collettivo, la figura perfetta. Cos perfetta che di
Francesco Caccamo, classe 1931, lultimo a finire nel
novero dei sospettati di avere avuto un ruolo negli
otto duplici omicidi, non c nulla. Il suo nome spun-
ta dagli elenchi delle logge massoniche fiorentine. E
basta. Per il resto, pare non aver mai vissuto neppure
sulle Balze tra Vicchio e Dicomano che sovrastano
i campi di un altro luogo noto alle cronache, il Forte-
to: nessuno lo conosce, neanche di vista o per sentito
dire. Anonimo, quasi troppo.
Per rammentarsi del medico, sotto torchio come lui
da mesi e perquisito, Vigilanti prende la cartina del-
la Sicilia e indica il nome del paese in provincia di
Palermo Caccamo, appunto e, con laiuto della
moglie, ricorda che aveva uno studio in viale Monte-
grappa. Peccato che sia lo stesso Vigilanti, nel 1985,
allepoca della perquisizione, a tirarlo in ballo per la LE INDAGINI
prima volta. I carabinieri, che gli hanno trovato rita- Quel legame tra i due personaggi
gli di giornali che parlano dei delitti del mostro, gli e i contatti con i compagni di merende
chiedono se sia mai stato alla Boschetta, la localit
di Vicchio in cui il 29 luglio dellanno prima sono passpartout che apre ogni porta, anche quella dei
stati trucidati Pia Rontini e Claudio Stefanacci. So- sardi, un altro mondo collegato quanto meno alla
no stato a vedere quel luogo dopo aver fatto visita al Beretta che uccide. Gli inquirenti hanno infatti rico-
Focus/1 Focus/2 dottor Caccamo. struito che l86enne ha abitato nella stessa strada, a
Vaiano, di Salvatore Vinci, uno dei primi sospettati
TUTTO MOLTO STRANO, tanto per cambiare. Per- per il delitto che nel 1968 inaugurer la serie.
La Beretta sparita, ch fare quel nome, in quel momento, sembra quasi
Test del Dna, superfluo. Invece, oggi come trentadue anni fa, Vigi- NEGLI ANNI 70, in quel paese che guarda lappenni-
elemento decisivo pu essere la svolta lanti lo chiama in causa. E affronta a testa alta anche no toscoemiliano, si tessono trame nere. Sono gli an-
gli interrogatori. Come se sapesse spendere ogni pa- ni degli attentati ai tralicci, per esempio. Vigilanti
Il pi grande quesito dei Entrer in gioco ora anche appartiene alla destra pi estrema. E pure Caccamo
delitti del Mostro di Firenze la scientifica, con i mezzi rola, e se ogni parola fosse spesa per qualcun altro o
per un futuro incasso. Forse, la chiave di questa pi- non sembra essere stato molto distante da questo
resta che fine abbia fatto la che 32 anni fa non cerano: mondo. Vigilanti, davanti alle telecamere che in que-
pistola, una Beretta calibro in particolare, decisivo sta, se davvero porter da qualche parte, sta proprio
22, che firm tutti gli otto sti giorni sono sfilate dalla sua casa, nel quartiere pra-
potrebbe essere il test nel legame tra questi due personaggi. Apparente-
duplici omicidi sulle colline tese del Cantiere, ha raccontato di aver conosciuto
del dna sulle tracce mente cos distanti, eppure cos legati. proprio in pure Vanni e Lotti. Ma tanta esposizione appare, an-
di Firenze. proprio questo ritrovate sopra alla tenda questo rapporto che hanno tentato di inserirsi oggi
il motivo per cui Vigilanti cora una volta, sospetta. Come quella volta che fin
dei due francesi assassinati le indagini. Vigilanti potrebbe essere il contatto tra in televisione, a raccontare delleredit dello zio
nel mirino: nel 1994 nellultimo delitto
furono ritrovati a casa sua il mondo potente e misterioso a cui sarebbe apparte- dAmerica. Gi, ma i contatti per agganciare o essere
del Mostro. Il dna di nuto il medico, e quello dei compagni di merende,
176 proiettili uguali a quelli Pacciani, morto nel 1998, agganciato dalla trasmissione, al vecchio legionario,
che uccisero le 16 vittime stato conservato assassini secondo le sentenze passate in giudicato. A chi glieli ha forniti?
sentire le sue dichiarazioni, lex legionario pare il ste. bro.
www.lanazione.it/firenze
e-mail: cronacafi@lanazione.net - spe.firenze@speweb.it

VENERD 28 luglio 2017 | Numero verde: 800.863.243 (dalle 11 alle 13)

LA PICCOLA ANCORA GRAVE IN OSPEDALE

Bimba bruciata
con la benzina
Dubbi sul racconto
della madre
Nel Fascicolo Regionale

SCIPPI E CAOS NELLA STRADA DELLA MODA


Lurlo di via Tornabuoni
Chiediamo alle autorit
di fermare il degrado

Alle pagine 6 e 7

FINCOSIT SVOLTA A SORPRESA


Fondi sbloccati Consorzi,
Finiremo anche il Pd
la tramvia ora chiede
il 14 febbraio di cambiare

A pagina 8 Alle pagine 4 e 5


2 PRIMO PIANO FIRENZE VENERD 28 LUGLIO 2017

LINCHIESTA CHOC SUL MOSTRO


Lex legionario che la Procura
ha indagato nellambito delle
indagini sul Mostro di Firenze

LA SCHEDA
Sedici morti,
quattro inchieste
e ancora
troppi misteri
IL PRIMO omicidio ci fu
nel 1968, quasi 50 anni fa.
Lultima sentenza datata
2008. La vicenda del mostro
di Firenze si snodata negli
anni portando a una serie di
indagati, a sentenze definiti-
ve, a inchieste ancora in cor-
so, come quella in cui inda-
gato ora lex legionario 86en-
ne Giampiero Vigilanti.
In un primo momento gli in-
vestigatori seguirono la pista
del killer solitario. Poi passa-
rono a indagare su un gruppo
di persone. Infine, la pista dei
mandanti. Il mostro di Firen-
ze ha colpito otto volte, ucci-
dendo 16 giovani, tra il 1968
e il 1985. La verit giudizia-
ria ha portato alle condanne
di Mario Vanni, ergastolo, e
Giancarlo Lotti, 26 anni, qua-
li autori materiali di almeno
quattro degli otto duplici de-
litti, quelli di Montespertoli
(82), Giogoli (83), Vicchio
(84) e Scopeti (85). Pietro
Pacciani, laltro compagno di
merende, morto in attesa di
Dalla pistola ai delitti a orologeria: le tracce
giudizio, dopo una condanna
in primo grado, unassoluzio- di STEFANO BROGIONI orchestrato ed eversivo, sempre se Mele, che negli anni successivi
ne in appello e un annulla- i primi sospetti venissero compro- render dichiarazioni altalenanti
MA QUALE sarebbe il ruolo del vati. sui responsabili, chiamando in
mento della Cassazione. medico mugellano Francesco Cac-
Gli investigatori, all inizio, Lavvocato Vieri Adriani, nel suo causa pure i Vinci. E quello del
camo nella nuova ricostruzione esposto del 2013 che innesca la 1974? E un altro duplice omicidio
imboccarono la cosiddetta pi- suggerita dai lunghi verbali
sta dei sardi, con pi di un ar- nuova inchiesta culminata nelle dai dettagli strani, visto che i vesti-
dellex legionario Giampiero Vigi- ti vengono trovati piegati fuori dal-
resto e successive scarcerazio- due iscrizioni sul registro degli in-
lanti? la vettura in cui si erano appartati
ni: il maniaco tornava a colpi- dagati, suggerisce alcune chiavi di
E una versione che tutto somma- Stefania Pettini e Pasquale Gentil-
re con gli indagati in carcere. rilettura dei delitti e dei passag-
to si sposerebbe, seppur con alcu- core. La Pettini, che era figlia di
Poi ci fu lingresso del conta- gi della pistola.
ni aggiustamenti, con le verit un partigiano, verr oltraggiata an-
dino di Mercatale Pietro Pac- A cominciare dal 1968: quello di
giudiziarie raggiunte finora. Non che con un tralcio di vite nella va-
ciani, primo condannato; era bisogna dimenticare, infatti, che
il 1994. Intanto linchiesta gina, un dettaglio che si ritrova ne-
allipotesi del mandante o dei man- LA TESI gli eccidi nazifascisti, ad esempio
era diventata bis: in scena en-
trarono i compagni di meren- danti, la procura aveva gi pensa- Secondo i racconti di Vigilanti quello di Vinca, sulle Alpi Apua-
de di Pacciani, Vanni e Lotti, to. Solo che il processo allunico i delitti sarebbero stati ne.
questultimo morto nel 2002. identificato, il farmacista di San Gi perch in questa nuova rilettu-
Casciano Francesco Calamandrei
compiuti da pi persone
Fu Lotti a far partire linchie- ra, le vittime non sarebbero solo
sta ter, sul secondo livello. si chiuso con lassoluzione e la delle coppiette, ma persone finite
procura ha preferito non insistere Signa un delitto che matura in qualche modo nel mirino di
Nel 1996 raccont che i reper-
su questa strada. Dunque, lipotesi nellambiente dei sardi - la vitti- questo gruppetto del fuoco di cui
ti asportati ad alcune vittime
sarebbero finiti, in cambio di della regia riaffiora, nelle deposi- ma, Barbara Locci, era la moglie certamente avrebbe fatto parte il
soldi, a un dottore. La procu- zioni di Vigilanti (sentito a lungo di Stefano Mele, e aveva una rela- Pacciani. Con questa impostazio-
ra il dottore lo identific come persona informata sui fatti, zione extraconiugale con un sici- ne, inquietante il dettaglio, riba-
nellex farmacista di San Ca- prima che gli venisse formulata liano, Antonio Lo Bianco ma dito pi volte al processo, secondo
sciano, Francesco Calaman- limputazione), solo che rispetto al che proprio per le origini dei due cui Pia Rontini, uccisa nel 1984 al-
drei, assolto per dallaccusa passato potrebbe variare sugli sco- protagonisti necessit di un sica- la Boschetta di Vicchio con il fi-
nel 2008. pi. Dai mandanti gaudenti, rio esterno o quanto meno di danzato Claudio Stefanacci, aveva
schiavi del sesso, a qualcosa di pi qualcuno che armi la mano del rivelato alle persone a lei vicine di
VENERD 28 LUGLIO 2017 PRIMO PIANO FIRENZE 3

SUL WEB
Vuoi restare sempre
aggiornato su quello
che accade nella tua citt?
Clicca su
www.lanazione.it/firenze

Il punto Investigatori

Il sospettato Da Perugini a Giuttari


Il dottore oggi ha 87 anni La prima svolta
Vive a Dicomano, in Mugello, nellinchiesta dopo
ma ha lavorato anche un periodo durante il quale
in un ambulatorio a Prato. successe di tutto arriv
Non a caso, era il medico da Ruggero Perugini (nella
curante dellex combattente foto) che scopr il
della Legione straniera coinvolgimento di Pacciani.
Sarebbe, secondo il teorema La seconda arriv
Vigilanti, un anello del da Michele Giuttari
cosiddetto secondo livello che nel 1995 divent
capo della squadra
Mobile di Firenze
Le ricerche
La pista dei mandanti IL CASO VANI I TENTATIVI DEGLI INQUIRENTI DI SALIRE DI LIVELLO
era gi stata battuta
dalla procura fiorentina
negli anni scorsi
ma si arenata davanti
al proscioglimento,
I mandanti rimasti senza volto
al processo in abbreviato,
del farmacista
di San Casciano Francesco
Dal farmacista al ginecologo
Calamandrei

Luomo chiave
tanti sospetti mai diventati prova
LASPETTO che riguarda i man-
Le deposizioni di Vigilanti danti dei delitti del mostro, il fami-
seppur nelleccentricit gerato secondo livello, non di cer-
del personaggio e nella to meno complicato e meno miste-
rioso della prima parte dellinchie-
particolarit del suo vissuto sta quella cio che ha portato alla
non si sono fermate. Segno scoperta di Pacciani, Lotti e Vanni.
che la sua figura E che si conclusa con una verit
interessante, al di l processuale un po zoppa. Lotti e
di quelle due perquisizioni Vanni sono, per la giustizia, mo-
stri. In teoria complici di uno un
con cui di fatto venne po pi mostro di loro, Pacciani, la
sfiorato dalla procura cui posizione per si chiusa per
morte del reo mentre era in stallo.
Sotto revisione. Quindi senza cer-
tezza di colpevolezza o innocenza.

sulla pista del dottore La prima svolta allinchiesta dopo


un periodo durante il quale succes-
se di tutto famosa la frase del pre-
sidente Ognibene ricostruendo in
aula un sopralluogo mancavano so-
lo i brigidini poi sembrava di esse-
re alla fiera dunque arriv da
Ruggero Perugini che scopr Pie-
troPacciani. La seconda arriv da
Michele Giuttari che nel 1995 di- Mario Vanni durante il processo a suo carico difeso dallavvocato
vent capo della squadra Mobile di Nino Filast. In alto: Ruggero Perugini della squadra antimostro
Firenze e con questo incarico prese rono scoperti i cadaveri di una cop-
anche le chiavi della stanza blinda- IL TESORO DI PIETRO pietta trucidata dal mostro. Lom-
ta della Sam. bra del sospetto si allung anche su
Giuttari si lesse tutte le carte del Pacciani risult avere beni
un diplomatico che abitava in una
mostro. Migliaia e migliaia di rap- per un miliardo di lire: di qui bellissima villa nellhinterland fio-
porti, segnalazioni e via via prese partirono le indagini rentino. Giuttari indag su entram-
decine di appunti per approfondi- bi questi personaggi lipotesi era
menti. E stato lui ad arrivare ai te- che avessero fatto parte del livello
sti Alfa, Beta, Gamma e Delta e Troppe per un contadino della ter- dei mandanti ma fu presto ferma-
allindividuazione dei compagni di ra agricola, come si defin lui al to. Ben nota, e pi recente, la pista
merende. Definizione che nasce processo. della massoneria perugina che
Il delitto Gentilcore-Pettini nel 1974 a Scandicci. A sinistra: il giudice dalle prime parole della deposizio- Nessuno, a parte Giuttari che ha
Paolo Canessa che sta indagando su questa nuova pista avrebbe avuto come elemento di
ne in aula di Mario Vanni: Io co i una memoria prodigiosa, probabil- unione con i delitti del mostro lex
aver avuto limpressione di essere prio davanti alla piazzola dove i Pacciani andavo solo a fa delle me- mente sa quante persone hanno farmacista di San Casciano France-
stata pedinata, forse avvicinata. due omosessuali tedeschi avevano rende sfiorato questa inchiesta entrando sco Calamandrei, poi assolto con
Ma Giuttari non si era fermato qui e uscendone pi o meno bene. formula piena dalle accuse, e il gine-
Nel 2015, i carabinieri del Ros parcheggiato il loro Volkswagen. Cera un medico fiorentino accusa-
e aveva continuato a lavorare par- cologo perugino Francesco Narduc-
batterono insistentemente Pra- Anche lui perquisito nellimme- tendo dai soldi di Pacciani. Un pa- to dalla convivente straniera di esse- ci. Per la morte del medico ufficial-
to sulle tracce delle conoscenze di diatezza, gli vennero trovate pisto- trimonio tra case, buoni postali cu- re rientrato a casa un giorno allal- memte suicida nel lago Trasimeno
Rolf Reinecke, tedesco dalle mar- la ma non la calibro 22. Il pi gran- stoditi dalla suora privata di Pac- ba, tutto sfregiato da rovi o da graf- Giuttari chiese e ottenne da Giulia-
cate simpatie neonaziste, amico di de mistero nel mistero: come sia ciani, suor Elisabetta, che prestava fi. Era terreo, spieg lei agli inqui- no Mignini la riesumazione. Il que-
Vigilanti, che dopo la separazione passato di mano, se passata di ma- la sua opera anche in carcere, conto renti, mi disse tu non sai cosa suc- store, il comandamte dei carabinie-
dalla moglie si era trasferito da Pra- no, e dove sia finita. Forse nemme- correnti bancari e altro. Il tutto per cesso. Le fece capire che quanto- ri e decine di persone furono inda-
to a Giogoli. Aveva affittato una no questa seconda indagine riusci- un valore allepoca del processo di meno sapeva o aveva visto qualcosa gate, poi tutto si dissolto.
porzione di una villa situata pro- r a far luce su questo aspetto. quasi un miliardo di vecchie lire. di terribile. Poche ore pi tardi fu- am ag