Sei sulla pagina 1di 269

APPUNTI DI TEORIA DEI GRUPPI

Mario Mainardis
2
Indice

I Richiami e teoria elementare dei gruppi 9


1 Richiami 11
1.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18

2 Estensioni di gruppi e serie di sottogruppi 21


2.1 La Legge Modulare di Dedekind . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
2.2 Estensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
2.2.1 Estensioni spezzanti e complementi . . . . . . . . . . . . . 24
2.2.2 Endomorfismi idempotenti e fattorizzazioni . . . . . . . . 25
2.3 Serie di composizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
2.4 Sottogruppi subnormali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2.5 Teorema di Jordan-H older . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
2.6 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32

3 Gruppi abeliani finiti 35


3.1 Decomposizione primaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
3.2 Decomposizione di un p-gruppo abeliano finito . . . . . . . . . . 38
3.3 Il reticolo dei sottogruppi di Cph Cp . . . . . . . . . . . . . . . 40
3.4 La struttura dei gruppi abeliani finiti . . . . . . . . . . . . . . . . 42
3.5 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45

4 Gruppi liberi e presentazioni 47


4.1 Gruppi liberi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
4.1.1 Semigruppi e monoidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
4.1.2 Esistenza di monoidi liberamente generati . . . . . . . . . 49
4.1.3 Esistenza e unicit` a di gruppi liberamente generati . . . . 49
4.2 Presentazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
4.3 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54

5 Gruppi simmetrici 55
5.1 Richiami . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
5.2 Struttura normale dei gruppi simmetrici . . . . . . . . . . . . . . 58
5.3 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60

3
4 INDICE

6 Commutatori e interderivato 63
6.1 Commutatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
6.2 Linterderivato di due sottogruppi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
6.3 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66

7 Gruppi risolubili e gruppi nilpotenti 69


7.1 Serie abeliane e gruppi risolubili . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
7.1.1 La serie derivata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
7.2 Serie centrali e gruppi nilpotenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
7.2.1 La serie centrale ascendente . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
7.2.2 La serie centrale discendente . . . . . . . . . . . . . . . . 74
7.3 La serie delle chiusure normali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
7.4 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77

II Teoria generale delle azioni di gruppi 79


8 Strutture e loro automorfismi 83
8.1 Strutture algebrico-relazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
8.2 Endomorfismi ed automorfismi di strutture . . . . . . . . . . . . 84
8.3 Il gruppo degli automorfismi di una struttura . . . . . . . . . . . 85
8.3.1 Il gruppo degli automorfismi di un gruppo ciclico . . . . . 85
8.3.2 Il gruppo degli automorfismi di un p-gruppo abeliano ele-
mentare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
8.4 Grafi e Geometrie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
8.4.1 Grafi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
8.4.2 Le geometrie di Tits . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
8.4.3 La Geometria Proiettiva e lo Spazio delle Bandiere . . . . 89
8.5 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94

9 Azioni di gruppi 95
9.1 Azione di un gruppo su se stesso . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
9.1.1 Azione di un gruppo sul suo supporto per moltiplicazione
a destra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
9.1.2 Azione di un gruppo su se stesso per coniugio . . . . . . . 97
9.1.3 Azione per coniugio sulle sezioni normali . . . . . . . . . . 98
9.1.4 Sottogruppi caratteristici . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
9.2 Prodotti semidiretti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
9.2.1 Gruppi diedrali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
9.3 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104

10 Azione di un gruppo su un insieme 107


10.1 G-insiemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
10.1.1 G-sottoinsiemi e orbite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
10.1.2 G-omomorfismi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
INDICE 5

10.1.3 Quozienti di G-insiemi e primo teorema di omomorfismo


per G-insiemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
10.2 Orbite, stabilizzatori e punti fissi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
10.2.1 Stabilizzatori puntuali e globali . . . . . . . . . . . . . . . 111
10.2.2 Punti fissi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
10.2.3 Orbite e stabilizzatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
10.2.4 Lequazione delle orbite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
10.3 Azioni transitive e primitive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
10.4 Decomposizione di unazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
10.4.1 Decomposizione di unazione non transitiva . . . . . . . . 118
10.4.2 Azione trasposta e prodotti intrecciati . . . . . . . . . . . 119
10.4.3 Prodotto intrecciato di azioni . . . . . . . . . . . . . . . . 120
10.4.4 Decomposizione di unazione transitiva e non primitiva . . 122
10.5 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125

11 I Teoremi di Sylow e di Schur-Zassenhaus 131


11.1 Il Teorema di Sylow . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
11.1.1 p-gruppi e gruppi nilpotenti finiti . . . . . . . . . . . . . 136
11.2 Il Teorema di Schur-Zassenhaus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
11.3 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142

III Azioni di gruppi su gruppi 147


12 Larchitettura di un gruppo finito 151
12.1 Il Teorema di Fitting . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
12.1.1 Il p-radicale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
12.1.2 Il Sottogruppo di Fitting . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
12.1.3 Il Teorema di Fitting . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
12.2 Componenti e Fitting Generalizzato . . . . . . . . . . . . . . . . 153
12.2.1 cc-sottogruppi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
12.2.2 Componenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
12.2.3 Il Sottogruppo di Fitting Generalizzato . . . . . . . . . . 156
12.3 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157

13 Azioni coprime e unipotenti 159


13.1 Azione Coprima . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
13.2 Controllo dellazione coprima . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
13.3 Azioni sulle serie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
13.3.1 Normalizzanti e centralizzanti di una serie . . . . . . . . . 165
13.3.2 Azione Unipotente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
13.4 Azione coprima su un gruppo abeliano . . . . . . . . . . . . . . . 168
13.4.1 Punti fissi nei gruppi abeliani . . . . . . . . . . . . . . . . 169
13.4.2 Azione su End(B) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170
13.4.3 Teorema di Maschke . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170
13.5 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
6 INDICE

IV Gruppi Lineari e Simplettici 173


14 Gruppi lineari 175
14.1 Il Gruppo Generale Lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
14.2 Il Gruppo Speciale Lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
14.3 Alcune azioni di GL(V ) e SL(V ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
14.3.1 Lazione di GL(V ) su P G(V ) e F(V ) . . . . . . . . . . . 178
14.3.2 Lazione duale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
14.3.3 Azione di GL(W1 ) GL(W2 ) su Hom(W1 , W2 ) . . . . . . 182
14.4 Sottogruppi parabolici in GL(V ) e in SL(V ) . . . . . . . . . . . 182
14.5 Trasvezioni e Sottogruppi Radice . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
14.6 Il criterio di Iwasawa e semplicit`a di PSL(V) . . . . . . . . . . . 191
14.6.1 Il criterio di Iwasawa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 191
14.6.2 Semplicit`a di P SL(V ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
14.7 La Decomposizione di Levi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
14.7.1 La Decomposizione di Levi nei parabolici di GL(V ) . . . 194
14.7.2 La Decomposizione di Levi nei parabolici di SL(V ) . . . . 195
14.7.3 Complementi di Levi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
14.8 Azione sul radicale di un parabolico massimale . . . . . . . . . . 196
14.8.1 Azione sul radicale di un parabolico massimale . . . . . . 197
14.9 Il reticolo dei sottogruppi contenenti un Borel . . . . . . . . . . . 199
14.10Sottogruppi parabolici in P GL(V ) e P SL(V ) . . . . . . . . . . . 200
14.11Caratteristica Locale e Teorema di Borel-Tits per P SL(V ) . . . 201
14.12Elementi di ordine coprimo con la caratteristica . . . . . . . . . . 204
14.12.1 Cicli di Singer I . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
14.12.2 Cenni di rappresentazioni di anelli . . . . . . . . . . . . . 205
14.12.3 Cicli di Singer II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
14.12.4 Automorfismi coprimi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210
14.13Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212

15 Forme bilineari e isometrie 215


15.1 Forme bilineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
15.1.1 Forme bilineari riflessive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
15.1.2 Forme bilineari alternanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
15.2 Isometrie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
15.2.1 Il Lemma di Witt per gli spazi simplettici . . . . . . . . . 225

16 Gruppi Simplettici 229


16.1 Il Gruppo Simplettico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
16.2 Conseguenze del Lemma di Witt . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230
16.3 La geometria simplettica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 232
16.3.1 Bandiere e telai simplettici . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
16.4 Sottogruppi parabolici di Sp(V ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
16.5 Sottogruppi radice simplettici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
16.5.1 Gruppi di radici lunghe e trasvezioni simplettiche . . . . . 241
16.5.2 Gruppi di radici corte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
INDICE 7

16.6 Semplicit` a di P Sp(V ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244


16.7 La Decomposizione di Levi nei parabolici di Sp(V ) . . . . . . . . 246
16.8 Azione sul radicale di un parabolico massimale di Sp(V ) . . . . . 246
16.9 Il reticolo dei sottogruppi contenenti un Borel in Sp(V ) . . . . . 246
16.10Sottogruppi parabolici di P Sp(V ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
16.11Teorema di Borel-Tits per P Sp(V ) . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
16.12Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247

17 Sistemi di Tits 249


17.1 Sistemi di Tits . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
17.1.1 Sistemi di Tits per i gruppi lineari . . . . . . . . . . . . . 250
17.1.2 Sistemi di Tits per i gruppi simplettici . . . . . . . . . . . 254
17.2 Gruppi di Weyl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
17.2.1 Gruppi di riflessioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
17.2.2 Gruppi di Coxeter . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
17.2.3 Gruppi di Coxeter di rango 2 e gruppi diedrali . . . . . . 260
17.3 esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263
8 INDICE
Parte I

Richiami e teoria
elementare dei gruppi

9
Capitolo 1

Richiami

In questo capitolo riassumiamo brevemente le principali definizioni e risultati


che dovrebbero essere noti dal corso di Algebra. Le dimostrazioni sono lasciate
per esercizio.
Sia X uninsieme. Unoperazione su X `e unapplicazione : X X X.
Se a e b sono elementi di X, limmagine tramite della coppia (a,b) si dice
prodotto di a e b e si indica con ab o, pi` u semplicemente, con ab. Per indicare
le operazioni useremo di solito i simboli , .
Un gruppo `e una terna (G, , 1) dove G `e un insieme (detto supporto del
gruppo), `e unoperazione su G e 1 `e un elemento di G che verificano le seguenti
propriet`
a:
1. loperazione `e associativa , cio`e per ogni a, b e c in G, risulta
a (b c) = (a b) (c);

2. per ogni a in G risulta


1 a = a 1 = a;

3. per ogni elemento a di G esiste un elemento x in G tale che


ax = xa = 1

Lelemento 1 si dice identi`


a del gruppo, lelemento x `e unico (dipendente da
a) e si dice inverso dellelemento a e si indica di solito con a1 . Per comodit`a,
dora in poi, quando non sar` a necessario specificare loperazione e lelemento
neutro, scriveremo G al posto di (G, , 1).
Esempi
1. Se Z `e linsieme dei numeri interi, la terna (Z, +, 0) `e un gruppo.
2. Sia X un insieme, SX linsieme di tutte le permutazioni di X (cio`e delle
applicazioni biiettive di X in s`e). Sia la composizione di applicazioni e
idX lapplicazione identica. Allora la terna (SX , , idX ) `e un gruppo.

11
12 CAPITOLO 1. RICHIAMI

La cardinalit`a dellinsieme G si indica con |G| e si dice ordine di G. Un


gruppo si dice finito se il suo ordine `e un numero naturale. Se x `e un elemento
di G, definiamo x0 := 1 e, per induzione,

xn := x xn1

per ogni n N \ {0}. Se z `e un intero negativo poniamo

xz := (xz )1 .

Questa notazione `e compatibile con quella usata per definire linverso e valgono
le regole delle potenze: per ogni n, m Z ed x, y G,

xn+m = xn xm e (xy)1 = y 1 x1 .

Attenzione linverso del prodotto `e il prodotto degli inversi presi nellordine


inverso, cosa che si sperimenta ogni giorno vestendosi (prima si mettono i calzetti
e poi le scarpe) e spogliandosi (prima si tolgono le scarpe e poi si mettono i
calzetti) [?].
Un gruppo X si dice abeliano o commutativo se per ogni x, y in X risulta

xy = yx.

In tal caso, per ogni n N vale anche:

(xy)n = xn y n

Z `e un gruppo abeliano, SX , se |X| > 2, non `e abeliano.


Se G `e un gruppo abeliano, a volte `e comodo usare la notazione additiva:
in tal caso loperazione di gruppo si indica con il simbolo + e non si omette,
lelemento neutro si indica con il simbolo 0 e, per ogni z Z ed ogni x G si
scrive zx al posto di xz .
Se (G, , 1) `e un gruppo, un sottogruppo di G `e un sottoinsieme H di G
tale che per ogni a, b in H lelemento ab1 sia ancora in H. Per indicare che
H `e un sottogruppo di G scriveremo H G (H < G se H `e un sottogruppo
proprio, cio`e H G e H 6= G).
Esempi
1. Per ogni n N, linsieme nZ = {nz | z Z} `e un sottogruppo di Z.
2. Se Y `e un sottoinsieme dellinsieme X, allora

CSX (Y ) = {| SX e y Y y = y}

`e un sottogruppo di SX .
Se H `e un sottogruppo di un gruppo G e g G, il sottoinsieme Hg, definito
da
Hg = {hg|h H},
13

si dice classe laterale destra di H in G di rappresentante g. Analogamente


linsieme
gH = {gh|h H}
si dice classe laterale sinistra di H in G di rappresentante g.
{classi.lat}
Proposizione 1.0.1 Sia G un gruppo ed H G. Ogni classe laterale di H in
G ha la stessa cardinalit`
a di H.

Indicheremo linsieme delle classi laterali destre di H in G con G/H.


{partizione}
Proposizione 1.0.2 Se G ed H sono come nella proposizione precedente, G/H
`e una partizione di G.
la cardinalit`
a di G/H si dice indice di H in G e si indica con

|G : H|.

In particolare, da 1.0.1 e 1.0.2, si ottiene immediatamente il seguente risultato.


{Lagrange}
Teorema 1.0.3 (Teorema di Lagrange) Sia G un gruppo ed H un suo sotto-
gruppo. Se G oppure |H| e |G : H| sono finiti, allora

|G| = |G : H||H|

Proposizione 1.0.4 Se H e K sono sottogruppi di un gruppo G allora H K


`e un sottogruppo di G.

Si osservi che lunione di sottogruppi invece non `e in generale un sottogruppo


(esercizio 1.1.4).
Se S `e un sottoinsieme di G lintersezione hSi di tutti i sottogruppi di G
contenenti S `e un sottogruppo di G che si dice sottogruppo generato da S.
In particolare se G = hSi diremo che S `e un sistema di generatoridi G oppure
che G `e generato da S (o dagli elementi di S). Un gruppo generato da un solo
elemento si dice ciclico.
{ciclico}
Proposizione 1.0.5 Se G `e ciclico generato dallelemento x, allora G = {xz |z
Z}.
Il minimo intero k tale che xk = 1 si dice periodo o ordine dellelemento
x, se tale intero esiste, altrimenti si dice che x ha periodo (ordine) infinito.
Un elemento di ordine 2 si dice involuzione. Un gruppo in cui ogni elemento
ha periodo finito si dice di torsione.
{annullatori}
Lemma 1.0.6 Se g ha ordine finito n e k `e un intero tale che g k = 1, allora n
divide k.

Dimostrazione. Facciamo la divisione con resto di k per n:

k = nq + r con q Z e 0 r < n.
14 CAPITOLO 1. RICHIAMI

Da questo segue che

1 = g k = g nq+r = (g n )q g r = 1g r = g r ,

da cui segue che r = 0 per la minimalit`a di n.

Un gruppo G si dice di esponente finito se esistono interi k tali che g k = 1


per ogni g G, in tal caso il minimo di questi interi si chiama esponente di
G. Se per ogni intero positivo k esiste un elemento g di G tale che g k 6= 1
diremo che G ha esponente infinito. Si osservi che esistono gruppi di torsione
con esponente infinito.
Dalla definizione segue immediatamente il seguente
{mcmordine}
Lemma 1.0.7 Se G `e di esponente finito, exp(G) `e il minimo comune multiplo
degli ordini degli elementi di G.

Per il lemma 1.0.6, segue immediatamente che


{anncor}
Corollario 1.0.8 Se G ha esponente finito n e k `e un intero tale che g k = 1
per ogni g G, allora n divide k.

In particolare, se |G| `e finito, per il teorema di Lagrange, |g| divide |G| per
ogni g G, quindi:
{expordine}
Lemma 1.0.9 Se G `e finito exp(G) `e finito e divide |G|.

In generale non `e detto che lesponente di un gruppo coincida con il suo


ordine, ad esempio, se G `e il gruppo di Klein, il suo ordine `e 4, mentre il suo
esponente `e 2. Abbiamo visto per`o che nei gruppi ciclici questo `e vero e dimo-
streremo alla fine di questa nota che questa propriet`a caratterizza i gruppi ciclici.
Vediamo ora il comportamento dellesponente dei sottogruppi e dei quozienti:
{expfac}
Lemma 1.0.10 Sia G di esponente finito.
1. Se H `e un sottogruppo di G, H `e di esponente finito e exp(H) divide
exp(G).
2. Se N `e un sottogruppo normale di G. Allora G/N `e di esponente finito e
exp(G/N ) divide exp(G).

Dimostrazione. Sia n = exp(G), quindi xn = 1 per ogni x G. Per il il


corollario 1.0.8, basta provare che se h H, oppure h = xN , hn = 1. Nel primo
caso questo segue immediatamente perche H G. Nel secondo caso perche
(xN )n = (xn )N = 1N = 1G/N .

Anche in questo caso osserviamo che non `e affatto detto che, con le notazioni
del lemma precedente, lesponente di H, o di G/N , sia un divisore proprio
dellesponente di G. E questo neppure nel caso in cui H sia un sottogruppo
15

proprio o N sia diverso da {1}: ad esempio se G `e di nuovo il gruppo di Klein,


ogni suo sottogruppo di ordine 2 ha esponente 2 ed il quoziente di G su un suo
sottogruppo di ordine 2 ha ancora esponente 2.
Nellinsieme L(G) di tutti i sottogruppi di G definiamo le operazioni e
nel modo seguente:
per ogni H, K in L(G) sia

H K = hH, Ki
e
H K = H K.

Con tali operazioni L(G) `e un reticolo.


Se H e K sono sottogruppi di G, con il simbolo HK indichiamo il seguente
insieme:
HK = {hk | h H, k K}.

HK `e chiaramente contenuto in hH, Ki ma in generale non coincide con hH, Ki.


Vale infatti il seguente risultato.
{prodotto di sottogruppi}
Proposizione 1.0.11 Siano H e K sottogruppi di un gruppo G. Allora HK =
KH se e solo se hH, Ki = HK.

Si osservi inoltre che


{ordine del prodotto}
Proposizione 1.0.12 Se H e K sono sottogruppi finiti di un gruppo G, allora

|HK||H K| = |H||K|.

Se G `e un altro gruppo, un omomorfismo tra G e G `e unapplicazione


: G G tale che per ogni a, b in G risulta

(ab) = a b .

Esempio Lapplicazione exp: R R>0 definita per ogni x R da xexp = ex


`e un omomorfismo dal gruppo (R, +, 0) al gruppo (R>0 , , 1).
Linsieme {g G|g = 1H } `e un sottogruppo di G. Si chiama nucleo di
e si indica con ker().

Proposizione 1.0.13 Sia : G G un omomorfismo di gruppi. Allora `e


iniettivo se e solo se ker() = {1}.
{Aschpres}
Proposizione 1.0.14 Siano G ed H gruppi, R un sottoinsieme di G tale che
G = hRi e sia : R H unapplicazione. Allora esiste al pi`
u un omomorfismo
di gruppi : G H tale che |R = .
16 CAPITOLO 1. RICHIAMI

Dimostrazione. Supponiamo che 1 : G H e 2 : G H siano omomor-


fismi di gruppi tali che i |R = e sia T linsieme

{g G|g 1 = g 2 }

Si vede facilmente che T `e un sottogruppo di G che contiene R. Poiche G = hRi,


segue che G = T , da cui 1 = 2 .

Osserviamo che non `e detto che in generale lapplicazione esista: per esem-
pio lapplicazione da {1, 0} Z che associa 1 a 1 e 0 a 1 non si pu`o estendere
ad alcun omomorfismo di gruppi da Z in se stesso.
Se a e g sono elementi di G e S G, allora indichiamo con ag lelemento
1
g ag e con S g il sottoinsieme {sg |s S}. Si vede facilmente che S g `e un
sottogruppo di G se e solo se S `e un sottogruppo di G. ag (S g ) si dice coniugato
di a (S) tramite g e gli elementi a e ag (i sottoinsiemi S e S g ) si dicono coniugati
in G.
Linsieme {z G|z g = z, g G} `e un sottogruppo di G. Si chiama centro
di G e si indica con Z(G).
{normali}
Proposizione 1.0.15 Sia G un gruppo, N un sottogruppo di G. Allora le
seguenti affermazioni sono equivalenti:
1. per ogni g G N g = gN ;
2. per ogni g G N g = N .

Un sottogruppo N di un gruppo G che soddisfa una delle condizioni della


proposizione 1.0.15 si dice sottogruppo normale e si indica questo con N G.
Siano H e K sottogruppi di un gruppo G. Diremo che K normalizza H se
H  hH, Ki. Si osservi che un sottogruppo N di G `e normale in G se e solo se
`e normalizzato da G.
Si noti che se K normalizza N , allora N K = KN per ogni sottogruppo K
di G. In particolare, per la proposizione 1.0.11, N K `e un sottogruppo di G.

Proposizione 1.0.16 Il nucleo di un omomorfismo `e un sottogruppo normale


del dominio.

Ricordiamo che se H G allora nellinsieme quoziente G/H possiamo definire


unoperazione nel modo seguente:

Hg Hg 0 = Hgg 0 .

Con tale operazione G/H `e un gruppo il cui elemento neutro `e la classe laterale
H1 = H e si dice gruppo quoziente di G modulo (su) H. Lapplicazione

: G G/H
g 7 Hg
17

`e un omomorfismo suriettivo e si chiama proiezione canonica di G su G/H.


Se H non `e normale in G la 1) non definisce unoperazione (vedi esercizio
5.3.5.9)).
orema di omomorfismo}
Teorema 1.0.17 (Primo teorema di omomorfismo) Sia : G G un omo-
morfismo di gruppi e K = ker . Allora
1. K  G;
2. Se `e la proiezione canonica di G su G/K, esiste un unico omomorfismo
: G/K G tale che per ogni g G si abbia g = g (cio`e = );
3. `e iniettivo;
4. `e biiettivo se e solo se `e suriettivo.

Un omomorfismo iniettivo si dice monomorfismo, un omomorfismo suriet-


tivo si dice epimorfismo ed un omomorfismo biiettivo si dice isomorfismo.
Due gruppi si dicono isomorfi se esiste un isomorfismo tra di loro. Un omomor-
fismo da un gruppo G in se stesso si dice endomorfismo, unendomorfismo
biiettivo si dice automorfismo.
{teorema di corrispondenza}
Teorema 1.0.18 (Teorema di Corrispondenza) Sia : G H un omomorfi-
smo di gruppi e K = ker . Sia L il reticolo dei sottogruppi di G contenenti K
e L0 il reticolo dei sottogruppi di H che sono contenuti in G . Allora lappli-
cazione che ad ogni H L associa H = {h | h H} `e un isomorfismo di
reticoli tra L e L0 . Inoltre, se N L e N  G, allora H  G .

Consideriamo il caso in cui H sia il quoziente G/N del gruppo G modulo un


sottogruppo normale N e sia la proiezione canonica. Dal Teorema di Corri-
spondenza si ottiene che esiste un isomorfismo tra lintervallo dei sottogruppi di
G contenenti N ed il reticolo dei sottogruppi di G/N , inoltre tale isomorfismo
manda sottogruppi normali in sottogruppi normali.
Se N `e un sottogruppo normale proprio, cio`e {1} < N < G, allora N e
G/N sono due gruppi il cui ordine `e minore di quello di G e quindi, in teoria,
pi`u facili da studiare. Teoremi come quello di corrispondenza permettono di
ottenere, dalle informazioni su questi gruppi pi` u piccoli, delle informazioni su
tutto G. Ad esempio se G/N contiene un sottogruppo normale proprio T , per
1
il teorema di corrispondenza, la sua antiimmagine T tramite la proiezione
canonica di G su G/N `e un sottogruppo normale proprio di G contenente
propriamente N .
Applichiamo ora il Teorema di Corrispondenza per classificare tutti i sotto-
gruppi di un gruppo ciclico. Sia C un gruppo ciclico e sia c un suo generatore.
Consideriamo lapplicazione

: Z C
z 7 cz
18 CAPITOLO 1. RICHIAMI

Si verifica immediatamente che `e un omomorfismo suriettivo di gruppi dal


gruppo additivo degli interi nel gruppo C. Se C `e ciclico infinito, il nucleo di
`e {0} e quindi C `e isomorfo a Z. Se C `e finito, allora il nucleo di `e |C|Z.
Quindi, per il Primo Teorema di Omomorfismo, o C = Z, oppure |C| `e finito
ed `e isomorfo a Z/|C|Z. Supponiamo ora che C sia finito. Per il Teorema
di Corrispondenza, i sottogruppi di C sono in corrispondenza biunivoca con i
sottogruppi di Z che contengono il sottogruppo |C|Z. Questi sono tutti e soli i
sottogruppi del tipo mZ, dove m divide |C|. Osserviamo che mZ `e generato da
m e quindi il sottogruppo di C corrispondente a mZ `e generato da m , cio`e da
cm . Osserviamo inoltre che se t `e un intero primo con |C|, allora esistono degli
interi r e s tali che r|C| + st = 1. Tenendo presente che c|C| = 1, segue che, per
ogni t primo con |C| e per ogni intero m,
cm = cm(r|C|+st) = cmr|C| cmst = cmst hcmt i.
Poiche, ovviamente, cmt hcm i, otteniamo hcm i = hctm i, per ogni intero t
primo con |C|. Riassumendo,
{gruppi.ciclici}
Proposizione 1.0.19 (Teorema di Struttura dei Gruppi Ciclici) Sia C un grup-
po ciclico generato dallelemento c, allora
1. se C `e infinito, C `e isomorfo a Z ed i suoi sottogruppi sono tutti e soli
del tipo hcm i dove m Z;
2. se C `e finito C `e isomorfo a Z/|C|Z ed i suoi sottogruppi sono tutti e soli
del tipo hcm i dove m divide |C|, inoltre per ogni intero t primo con |C|,
hcm i = hctm i;
3. in particolare, se |C| = pk dove p `e un numero primo e k `e un numero
h
naturale, allora i sottogruppi di C sono tutti e soli del tipo hcp i dove h `e
un numero naturale minore di k, quindi linsieme dei sottogruppi ordinato
per inclusione `e una catena di lunghezza k 1. Inoltre, per ogni numero
h h
naturale h ed ogni numero intero t non divisibile per p, hcp i = hctp i.

1.1 Esercizi
{puntsom}
Esercizio 1.1.1 Sia G un gruppo, T un insieme e GT linsieme di tutte le
funzioni da T a G. Per ogni f1 , f2 GT sia f1 f2 la funzione da T a G
definita, per ogni t T , da
(f1 f2 )(t) = (f1 (t))(f2 (t)).
f1 f2 si dice prodotto puntuale delle funzioni f1 e f2 .
1. Si provi che GT con il prodotto puntuale `e un gruppo.
2. Si provi che se T `e finito di ordine n, allora GT `e isomorfo al gruppo
G G ... G.
| {z }
nvolte
1.1. ESERCIZI 19

{cicop}
Esercizio 1.1.2 Siano Ch e Ck due gruppi ciclici di ordine ripettivamente h
e k. Si provi che il prodotto diretto Ch Ck `e ciclico se e solo se h e k sono
coprimi.
{expalquoz}
Esercizio 1.1.3 Sia G un gruppo di esponente t e sia N un sottogruppo nor-
male di G. Si provi che lesponente di G/N `e minore od uguale a t.
{union}
Esercizio 1.1.4 Siano H e K sottogruppi di un gruppo G. Si provi che H K
`e un sottogruppo di G se e solo se H K oppure K H.
{reticolo}
Esercizio 1.1.5 Sia G un gruppo

1. Si provi che lintersezione di una famiglia qualsiasi di sottogruppi di G `e


ancora un sottogruppo di G;

2. Si provi che lintersezione di una famiglia qualsiasi di sottogruppi normali


di G `e ancora un sottogruppo normale di G.

3. Si deduca da 1) che linsieme L(G) dei sottogruppi di G ordinato per


inclusione `e un reticolo di G avente G come elemento massimo e {1}
come minimo.

4. Si deduca da 2) che linsieme N (G) dei sottogruppi normali di G ordinato


per inclusione `e un sottoreticolo di L(G) avente G come elemento massimo
e {1} come minimo.
{centro!}
Esercizio 1.1.6 Si provi che il centro di un gruppo G `e un sottogruppo normale
di G.
{normabel}
Esercizio 1.1.7 In un gruppo abeliano tutti i sottogruppi sono normali.
{generators}
Esercizio 1.1.8 Sia G un gruppo ed H un suo sottogruppo. Sia R un insieme
di generatori di H. Si provi che H `e normale in G se e solo se per ogni g G
ed ogni r R risulta
rg H.
{generators2}
Esercizio 1.1.9 Sia G un gruppo ed H un suo sottogruppo. Sia S un insieme
di generatori di G. Si provi che H `e normale in G se e solo se per ogni s S
ed ogni h H risulta
hs H.

Un sottogruppo H di un gruppo G si dice quasinormale in G se e solo se


per ogni altro sottogruppo K di G risulta

HK = KH.

Esercizio 1.1.10 (Ore) Si provi che un sottogruppo massimale di un gruppo G


`e normale se e solo se `e quasinormale.
20 CAPITOLO 1. RICHIAMI

Esercizio 1.1.11 (Ore) Sia G un gruppo e H, K due suoi sottogruppi tali che
G = HK. Si provi che per ogni g G \ H Hg K 6= .
{norm,cent}
Esercizio 1.1.12 Sia G un gruppo, H un suo sottogruppo e siano

NG (H) = {g|g G e g 1 hg H h H}

e
CG (H) = {g|g G e g 1 hg = h h H}.
Dimostrare che

1. NG (H) e CG (H) sono sottogruppi di G;


2. CG (H)  NG (H);
3. CG (H) H = Z(H);
4. H  NG (H);

5. H  G se e solo se G = NG (H).
Il sottogruppo NG (H) si dice normalizzante di H in G. Il sottogruppo CG (H)
si dice centralizzante di H in G e, se g `e un elemento di CG (H), diremo che
g centralizza H. .

Esercizio 1.1.13 Siano a e b due elementi di un gruppo G con ab = ba e


hai hbi = {1}. Si provi che se a ha ordine r e b ha ordine s allora lordine di
ab `e il minimo comune multiplo di a e di b.
{emaldi}
Esercizio 1.1.14 Si provi che se G `e un gruppo finito di ordine pari, allo-
ra G contiene uninvoluzione (suggerimento: se ogni elemento non identico di
un gruppo G `e diverso dal suo inverso, G conterrebbe un numero dispari di
elementi).
Capitolo 2

Estensioni di gruppi e serie


di sottogruppi

Sia G un gruppo ed N un sottogruppo normale di G. Nel primo capitolo abbiamo


ricordato due risultati, il Teorema di Lagrange ed il Teorema di Corrispondenza,
che permettevano di ottenere informazioni su G dalla struttura di N e di G/N .
Questo `e il problema centrale della teoria delle estensioni. Ed `e un problema
del tutto naturale: spesso abbiamo maggiori informazioni su N e G/N che su
tutto G (per esempio nel caso di dimostrazioni per induzione sui gruppi finiti
con ipotesi che si ereditano ai quozienti ed ai sottogruppi normali).
La teoria delle estensioni porta naturalmente allo studio delle serie di sot-
togruppi: supponiamo di trovare dei sottogruppi normali in N e G/N . Allora
possiamo ripetere lo stesso ragionamento con N e G/N e cos` via. Per il teo-
rema di corrispondenza otteniamo in questo modo una serie (cio`e un insieme
totalmente ordinato)

N0 = G N1 N2 . . . Nk = {1}

di sottogruppi di G ciascuno normale dentro il precedente. Se il gruppo `e


finito (ma questo vale anche una situazione pi`
u generale, come vedremo) questo
procedimento termina dopo un numero finito di passi. Si ottiene cos` quella che
si dice una serie di composizione. Con laumentare del numero dei sottogrup-
pi che compongono una serie, da un lato si semplifica la struttura dei gruppi
quoziente
Ni /Ni+1
e questo `e bene, dallaltra per`
o le difficolt`a nellapplicare la teoria delle esten-
sioni aumentano esponenzialmente, per cui la strategia di studiare un gruppo
attraverso le serie di composizione si `e rivelata finora di difficile applicazione.
Strategie pi`
u efficaci verranno introdotte nei capitoli sulle azioni di gruppo.
La prima sezione di questo capitolo introduce due strumenti fondamentali:
il Secondo Teorema di Omomorfismo e la Legge Modulare di Dedekind. Questi
due risultati permettono di determinare degli isomorfismi tra fattori di serie

21
22 CAPITOLO 2. ESTENSIONI DI GRUPPI E SERIE DI SOTTOGRUPPI

subnormali distinte e saranno usati costantemente in seguito. In particolare,


la dimostrazione del Teorema di Jordan Holder `e una classica applicazione del
Secondo Teorema di Omomorfismo. La legge Modulare di Dedekind verr`a usata
nella generalizzazione al caso non abeliano del Teorema di Schur-Zassenhaus.

2.1 La Legge Modulare di Dedekind


{secondo teorema}
Teorema 2.1.1 Sia G un gruppo. N e K sottogruppi di G con N normale in
G. Allora
1. KN `e un sottogruppo di G;
2. K N `e un sottogruppo normale di K
3. KN/N
= K/(K N ) (Secondo teorema di omomorfismo).

KN
r
@
@
Kr @r N
@
@
@r
K N

Dimostrazione. I punti 1. e 2. sono lasciati come esercizio. Dimostriamo


il punto 3. utilizzando il primo teorema di omomorfismo. Sia

: K G/N

lapplicazione definita dalla posizione

k 7 kN

per ogni k K. Osserviamo che si ottiene restringendo a K il dominio della


proiezione canonica di G su G/N . In particolare `e un omomorfismo. Inoltre
la sua immagine `e KN/N . Infatti ogni elemento di KN `e del tipo kh con k K
e h N , inoltre per ogni h N ed ogni k K risulta khN = kN , quindi

KN/N = {khN |k K, h N } = {kN |k K, } = K .

Mostriamo ora che ker = K N . Sia k N K, allora k = kN = N ,


quindi K N ker ; viceversa se k ker , allora N = k = kN e quindi
k ker N K N . Per il primo teorema di omomorfismo risulta

K/(K N ) = K/ ker
= KN/N.
2.1. LA LEGGE MODULARE DI DEDEKIND 23

Il Secondo Teorema di Omomorfismo permette di ottenere, dalla struttura


di N e K, informazioni sulla struttura del sottogruppo generato da N e da K.
Questo avviene, ad esempio, nei seguenti due corollari. Si osservi per`o che se N
non `e normale (o, pi`u precisamente, se KN non `e un sottogruppo), la struttura
di hK, N i non `e affatto controllata dalle strutture di N e di K: per esempio,
il gruppo diedrale di ordine infinito D costruito nellesercizio ?? ha ordine
infinito ed `e generato da due sottogruppi H e K di ordine 2.
Corollario 2.1.2 Nelle ipotesi del teorema precedente, N `e un sottogruppo nor-
male massimale in KN se e solo se K N `e un sottogruppo normale massimale
di K.
Dimostrazione. Esercizio.

Corollario 2.1.3 Nelle ipotesi del teorema 2.1.1 risulta


|KN | = |K||N ||K N |1
Dimostrazione. Esercizio (usare il Teorema di Lagrange).

{legge modulare di Dedekind}


Teorema 2.1.4 (Legge Modulare di Dedekind) Sia N un sottogruppo normale
di un gruppo G e siano H e K due sottogruppi di G con H K. Allora
(HN ) K = H(N K).

Kr r HN
@ @
@ @
@r @r N
@
@
Hr @r N K
@
@
@r
H N

Dimostrazione. Chiaramente H(N K) `e contenuto in HN e K, quindi


(HN ) K H(N K).
Viceversa se hn (HN ) K, con h H e n N , allora, posto k = hn risulta
n = h1 k N K,
da cui segue linclusione opposta.
24 CAPITOLO 2. ESTENSIONI DI GRUPPI E SERIE DI SOTTOGRUPPI

2.2 Estensioni
SianoN , G e H gruppi. Diremo che G `e unestensione di N con H se G
contiene un sottogruppo normale N tale che

N
= N e G/N
= H.

Come abbiamo gi` a accennato, il problema delle estensioni di gruppo `e quello


di studiare quali informazioni sul gruppo G si possono ottenere dalla coppia
(N, H) Osserviamo, per`o, che, in generale, la coppia (N, H) non individua in
modo unico il gruppo G: ci sono essenzialmente due situazioni critiche in cui G
non `e individuato dalla coppia (N, H) ed i seguenti sono gli esempi pi`
u semplici
di queste due situazioni.

Esempio 1. Z/2Z Z/2Z e Z/4Z sono due estensioni non isomorfe di Z/2Z
con Z/2Z (entrambi i gruppi hanno un sottogruppo normale isomorfo a Z/2Z
ed il quoziente modulo questo sottogruppo `e isomorfo a Z/2Z).

Esempio 2 S3 (il gruppo simmetrico sullinsieme {1, 2, 3}) e Z/6Z sono


due estensioni non isomorfe di Z/3Z con Z/2Z (come sopra, entrambi i gruppi
hanno un sottogruppo normale isomorfo a Z/3Z ed il quoziente modulo questo
sottogruppo `e isomorfo a Z/2Z).

2.2.1 Estensioni spezzanti e complementi


Sia G unestensione del gruppo N per un gruppo K e sia, come nella sezione
precedente, N un sottogruppo normale di G tale che

= N e G/N
N = K.

Se G possiede un sottogruppo K tale che

{comp} N K = G e N K = {1}, (2.1)

allora G si dice estensione spezzante di N con K o che G si fattorizza come


prodotto semidiretto interno del sottogruppo N con il sottogruppo K. Si
osservi che, dal Secondo Teorema di Omomorfismo, segue che

K
= G/N
= K.

Se G `e un gruppo ed N `e un suo sottogruppo (non necessariamente normale),


un complemento di N in G `e un sottogruppo K che verifica le condizioni 2.1.
In particolare se N `e un sottogruppo normale di G, G `e unestensione spezzante
di N con G/N se e solo se N ha un complemento in G.
Si osservi che in generale il complemento non `e unico: nellesempio 1 della
sezione precedente gli insieme A := {(a, 0)|a Z/2Z}, B := {(0, b)|b Z/2Z}
e D := {(a, a)|a Z/2Z} sono sottogruppi di Z/2Z ed A ha B e D come
2.2. ESTENSIONI 25

complementi. Inoltre non sempre esistono complementi, sempre nellesempio 1


della sezione precedente il sottogruppo 2Z/4Z non ha complementi.
Vedremo in seguito, con i prodotti semidiretti, che tutte le estensioni spez-
zanti di un gruppo N per un gruppo H possono venire, in pratica, determinate
quando si conoscono il gruppo Aut(N ) degli automorfismi di N e gli omomorfi-
smi di H in Aut(N ). Studiare le estensioni non spezzanti `e molto pi`
u difficile, in
questo corso mostreremo solo che se N e H sono finiti ed hanno ordine coprimo,
allora ogni estensione di N per H `e spezzante. Questo `e una parte del teorema
di Schur-Zassenhaus, un risultato fondamentale nella teoria dei gruppi finiti.

2.2.2 Endomorfismi idempotenti e fattorizzazioni


{Endimpefatt}
Concludiamo questa sezione mostrando come le fattorizzazioni di un gruppo G
come prodotto semidiretto di due suoi sottogruppi corrispondano a particolari
endomorfismi di G. Osserviamo che questo risultato, elementare ben noto, che
qui enunciamo e dimostriamo per i gruppi vale molto pi`
u in generale.
Sia G un gruppo. Un endomorfismo di G si dice idempotente se

= .

Se G `e il prodotto di due suoi sottogruppi K e N con N normale in G e


K N = {1}, allora ogni elemento g di G si scrive in modo unico come prodotto
di un elemento kg di K e di un elemento ng di N . Lapplicazione

: G G
g 7 kg

`e un endomorfismo idempotente di G il nucleo e la cui immagine coincidono


con N e K rispettivamente. Chiameremo tale endomorfismo proiezione di G
su K associata alla decomposizione di G come prodotto semidiretto dei sotto-
gruppi K e N . Chiaramente la restrizione di al sottogruppo K coincide con
lapplicazione identica di K.
Viceversa, se `e un endomorfismo idempotente di G, allora

ker() G = {1} e G = ker()G

Infatti, se t ker() G , allora t = h per qualche h G. Poiche `e


idempotente, segue che
t = h = h = t = 1,
da cui ker() G = {1}. Inoltre, per ogni g G, risulta

g = (g(g )1 )(g )

e g(g ) ker(), infatti

(g(g )1 ) = g ((g )1 ) = g ((g ) )1 = g (g )1 = 1,

da cui la tesi.
26 CAPITOLO 2. ESTENSIONI DI GRUPPI E SERIE DI SOTTOGRUPPI

2.3 Serie di composizione


Sia G un gruppo e supponiamo che N1 sia un sottogruppo normale massimale
di G, cio`e N1  G e se N1 M G con M  G, allora M = N1 o M = G. Per il
teorema di corrispondenza il gruppo quoziente G/N1 non possiede sottogruppi
normali propri. Un gruppo non identico privo di sottogruppi normali propri si
dice semplice. Abbiamo cos` dimostrato il seguente risultato:
{normali massimali}
Lemma 2.3.1 Se N `e un sottogruppo normale massimale di un gruppo G,
allora il gruppo quoziente G/N `e semplice.

Sia ora N2 un sottogruppo normale massimale di N1 . Allora, per il lemma


precedente anche il gruppo quoziente N1 /N2 `e semplice (si osservi che in generale
non `e vero che N2 sia ancora normale in G (esercizio 5.3.5)).
Se il gruppo G `e finito, esiste un intero positivo l tale che, procedendo in
questo modo, dopo l passi si ottiene una catena di sottogruppi

{serie} N0 > N1 > > Nl (2.2)

tali che, per ogni i {0, ..., l 1}, tali che

1. N0 = G e Nl = {1};

2. Ni+1  Ni e

3. i gruppi quoziente Ni /Ni+1 sono semplici e non triviali.

Una catena di sottogruppi che verifica la condizione 1. si dice serie sub-


normale del gruppo G, una serie subnormale che verifica anche la condizione
2. si dice serie di composizione del gruppo G. Il numero l si dice lunghezza
della serie.
Pi`u in generale, se N e H sono sottogruppi di di G con N H ed esiste una
catena di sottogruppi

{serie subnormale} N0 = H > N1 > > Nr = N (2.3)


tali che, per ogni i {0, ..., r 1}, Ni+1  Ni , diremo che N `e un sottogruppo
subnormale di H e la serie si dice serie subnormale da H a N . Il minimo
delle lunghezze delle serie subnormali da G a G si dice difetto di subnormalit` a
di N in H, in particolare N `e normale in H se e solo se ha difetto di subnormalit`a
in H uguale a 1. Una serie subnormale da H a N che verifica anche la condizione
2. si dice serie di composizione da H a N . Se H = G diremo semplicemente
che N `e subnormale. Date due serie subnormali da H a K

H: H0 = H > H1 > > Hl = N

e
K: N0 = H > K1 > > Km = N
2.4. SOTTOGRUPPI SUBNORMALI 27

di un gruppo G, diremo che H contiene la (`e un raffinamento della) serie K


se {Ki |i = 1, ..., m} {Hi |i = 1, ..., l}.
Abbiamo dimostrato che ogni gruppo finito possiede una serie di composizio-
ne. In generale non `e vero che un gruppo infinito possieda serie di composizione.
Ad esempio, il gruppo additivo dei numeri interi `e privo di sottogruppi minima-
li (e quindi privo di serie di composizione). Nellesercizio 2.6.10 viene dato un
esempio di un gruppo infinito abeliano privo di sottogruppi massimali.
I gruppi quoziente Ni /Ni+1 si dicono fattori della serie. Nel caso di una
serie di composizione essi si dicono fattori di composizione. Pi` u avanti ve-
dremo che i fattori di composizione dipendono solo dal gruppo G e non dalla
serie di composizione. Essi costituiscono gli atomi di cui `e costituito il gruppo
G. Per questo motivo un problema centrale nella teoria dei gruppi finiti `e stato
quello di determinare i gruppi semplici. La Classificazione dei Gruppi Semplici
Finiti (CSFG) `e stata finalmente raggiunta negli anni 80. Per la sua enorme
complessit`a, la dimostrazione di questo teorema `e unica in matematica. Per
questo motivo `e tuttora in corso un processo di revisione il cui scopo `e di rior-
ganizzare ed eventualmente semplificare questa dimostrazione. Molto facile `e
invece determinare quali sono i gruppi semplici abeliani. Si ha infatti il seguente
risultato.
{gruppi semplici abeliani}
Proposizione 2.3.2 Se G `e un gruppo semplice abeliano, allora il suo ordine
`e un numero primo p e G `e isomorfo a Z/pZ.

Dimostrazione. Sia x G, x 6= 1. Allora hxi `e un sottogruppo di G ed


`e normale perche G `e abeliano (esercizio 1.1.7). Dunque G = hxi perche G `e
semplice. Ne segue che G `e ciclico e quindi per 1.0.19 isomorfo ad un quoziente
di Z. Poiche Z possiede sottogruppi propri e Zn non ha sottogruppi propri se e
solo se n `e un numero primo, segue la tesi.

I gruppi alterni An con n 5 sono semplici; daremo pi` u avanti una dimo-
strazione di ci`o. Questi costituiscono una delle due famiglie infinite di gruppi
semplici finiti. Laltra famiglia `e costituita dai gruppi di tipo Lie che sono dei
particolari gruppi di matrici. Oltre ai gruppi appartenenti a queste due famiglie
ci sono 26 gruppi semplici detti sporadici.

2.4 Sottogruppi subnormali


Nel paragrafo precedente abbiamo dato la definizione di sottogruppo subnorma-
le. La propriet`a principale della subnormalit`a `e che, a differenza della normalit`a,
questa `e una relazione transitiva nellinsieme dei sottogruppi di un gruppo. La
subnormalit` a `e una condizione pi` u debole della normalit`a; si vede immediata-
mente che un sottogruppo normale `e subnormale mentre in generale il viceversa
non `e vero (esercizio 5.3.5). Vale per`o il seguente risultato (la dimostrazione `e
facile e viene lasciata per esercizio).
{subnormale massimale}
Lemma 2.4.1 Sia G un gruppo. Allora
28 CAPITOLO 2. ESTENSIONI DI GRUPPI E SERIE DI SOTTOGRUPPI

1. un sottogruppo subnormale di un sottogruppo subnormale di G `e subnor-


male in G (essere subnormale in `e una relazione transitiva);

2. un sottogruppo subnormale massimale di G `e normale;

3. un sottogruppo normale massimale di G `e anche subnormale massimale.

Nel gruppo simmetrico S3 il sottogruppo generato dalla trasposizione (1, 2)


`e massimale (ha indice 3) ma non `e normale quindi non `e subnormale.
Si vede facilmente (esercizio 2.6.11) che un epimorfismo di gruppi manda
sottogruppi subnormali del dominio in sottogruppi subnormali dellimmagine.
In particolare, se H `e un sottogruppo normale ed N `e un sottogruppo subnor-
male di un gruppo G, per il teorema di corrispondenza HN `e un sottogruppo
subnormale di G. Supponiamo ora che H sia normale massimale e non contenga
N . Allora, HN `e un sottogruppo subnormale di G che contiene propriamente
H. Per il punto 2. di 2.4.1, HN coincide con G. Per il secondo teorema di
omomorfismo,
G/H = HN/H = N/H N
poiche H `e normale massimale in G, G/H e N/H N sono gruppi semplici e
quindi H N `e normale massimale in N . Abbiamo cos` dimostrato il seguente
risultato
{normale massimale}
Lemma 2.4.2 Sia N un sottogruppo subnormale di un gruppo G ed H un
sottogruppo normale massimale di G non contenente N . Allora N H `e un
sottogruppo normale massimale di N .

Osserviamo che se N non `e subnormale il lemma in generale non `e pi`


u vero.
Ad esempio il gruppo alterno A5 , come abbiamo gi`a detto, `e semplice e quindi
{1} `e un sottogruppo normale massimale di A5 . Daltra parte A5 contiene un
sottogruppo isomorfo a S3 (esercizio 2.6.14). Se N `e questo sottogruppo, allora
N ha ordine 6 e possiede un sottogruppo normale di ordine 3. Ne segue che
{1} = {1} N non `e normale massimale in N .

2.5 Teorema di Jordan-H


older
Osserviamo che un gruppo pu`o avere diversi sottogruppi massimali normali e
quindi pu`
o avere diverse serie di composizione, lesempio pi`
u semplice `e il grup-
po Z6 . G possiede esattamente due sottogruppi propri: 2Z6 e 3Z6 che sono
massimali, minimali e normali. Quindi G possiede le due serie di composizione

Z6 > 2Z6 > {1}


e

Z6 > 3Z6 > {1}.


Si osservi che entrambe le serie hanno la medesima lunghezza (cio`e 2), inoltre

2.5. TEOREMA DI JORDAN-HOLDER 29

Z6 /2Z6
= 3Z6
e

Z6 /3Z6
= 2Z6 ,
cio`e i fattori di composizione sono a due a due isomorfi. Questo fatto vale in
generale. Pi` u precisamente definiamo una relazione dequivalenza tra le serie
subnormali da un gruppo G ad un suo sottogruppo subnormale N nel modo
seguente:
se
R: R0 = G > R1 > > Rl = N
e
S: S0 = G > S1 > > Sm = N
sono due serie subnormali da G a N allora diremo che sono equivalenti se sono
soddisfatte le seguenti condizioni
1. l = m
2. esiste una permutazione di 0, ..., l 1 tale che

Ri /Ri+1
= Si /Si +1 .
{J-H}
Teorema 2.5.1 (Teorema di Jordan-H older) Sia G un gruppo. Se G possiede
una serie di composizione, allora tutte le serie di composizione sono tra loro
equivalenti

In questi appunti non faremo uso del teorema di Jordan-Holder. Si `e voluto


comunque includere questo risultato e la sua dimostrazione perch`e in questa
vengono applicati molti dei risultati finora ottenuti.
Premettiamo alla dimostrazione del teorema di Jordan-Holder i seguenti
lemmi. I primi due dovrebbero essere, a questo punto, evidenti e la dimostra-
zione viene lasciata per esercizio.
{unione di serie}
Lemma 2.5.2 Sia G un gruppo ed N un suo sottogruppo subnormale.
Siano
G0 = G > G1 > ... > Gr = N (2.4) {GN0serie}
una serie subnormale da G a N e

N0 = N > N1 > ... > Nt = {1} (2.5) {Xserie}

una serie subnormale di N . Allora la serie

G0 = G > G1 > ... > Gr = N0 = N > N1 > ... > Nt = {1} (2.6) {GN00serie}

`e una serie subnormale di G. Inoltre se le serie 2.4 e 2.5 sono di composizione,


anche la 2.6 `e di composizione.
30 CAPITOLO 2. ESTENSIONI DI GRUPPI E SERIE DI SOTTOGRUPPI

{equivalenza di se
Lemma 2.5.3 Sia G un gruppo ed N un suo sottogruppo subnormale. Siano

G0 = G > G1 > ... > Gr = N (2.7) {GN1serie}

e
H0 = G > H1 > ... > Hr = N (2.8) {GN2serie}
due serie subnormali equivalenti da G a N e

{N1serie} Gr = N > Gr+1 > ... > Gt = {1} (2.9)

e
{N2serie} Hr = N > Hr+1 > ... > Ht = {1} (2.10)
due serie subnormali equivalenti di N . Allora le serie

{GN11serie} G0 > G1 > ... > Gt (2.11)

e
{GN22serie} H0 > H1 > ... > Ht (2.12)
sono due serie subnormali equivalenti di G.
{serie e massimale}
Lemma 2.5.4 Sia G un gruppo con una serie di composizione G di lunghezza
r e sia H un sottogruppo normale massimale di G. Allora G ha una serie di
composizione equivalente alla G il cui primo termine `e H.

Dimostrazione. Sia G la serie

{Gserie} G0 = G > G1 > ... > Gr = {1} (2.13)

u grande intero tale che Gt 6 H. Allora per ogni 0 < i t risulta


e sia t il pi`

{quozienti 0} Gi1 = Gi (Gi1 H) e Gi H = Gi (Gi1 H). (2.14)


Infatti, per 2.4.2, essendo H normale massimale in G e Gi1 subnormale
in G, Gi1 H `e normale massimale in Gi1 . Per 2.4.1, essendo Gi  Gi1 e
Gi 6 Gi1 H, risulta Gi1 = Gi (Gi1 H). La seconda uguaglianza `e ovvia
essendo Gi Gi1 . Per il secondo teorema di isomorfismo, otteniamo dalla 2.14

Gi1 /Gi = Gi (Gi1 H)/Gi


= (Gi1 H)/(Gi (Gi1 H))
= (Gi1 H)/(Gi H),

cio`e
{quozienti} Gi1 /Gi
= (Gi1 H)/(Gi H) (2.15)
Infine, ancora per il secondo teorema di isomorfismo,

Gi1 /(Gi1 H) = Gi (Gi1 H)/(Gi1 H)


= Gi /(Gi (Gi1 H))
= Gi /Gi H.

2.5. TEOREMA DI JORDAN-HOLDER 31

o vale per ogni 0 < i t, si ottiene


Poiche ci`

{quozienti 2} Gi /(Gi H)
= Gi1 /(Gi1 H)
= ...
= G0 /(G0 H) = G/H. (2.16)

Osserviamo che Gt+1 (Gt H). Daltra parte, poich`e Gt+1 `e normale
massimale in Gt e (Gt H) `e un sottogruppo normale proprio di Gt risulta
Gt+1 = Gt H.
Consideriamo ora la serie

H0 = G > H1 > . . . > Ht+1

dove Hi = Gi1 H per ogni 0 < i t + 1 (in particolare si osservi che H1 = H


e Ht+1 = Gt+1 ). Sia la permutazione di {0, 1, . . . , t} che manda i in i + 1 per
0 i < t e t in 0. Per le 2.15 e 2.16 risulta Gi /Gi+1 = Hi /Hi +1 per ogni
0 i t + 1 e quindi questa serie `e equivalente alla serie

G0 > G1 > . . . > Gt+1 .

Per il lemma 2.5.3 la serie

H0 = G > H1 = H > . . . > Ht+1 = Gt+1 > Gt+2 > . . . > Gr = {1}

`e equivalente alla serie G ed H1 = H.

Dimostriamo ora il teorema di Jordan-Holder. Siano

G0 = G > G1 > ... > Gr = {1} (2.17) {GGserie}

e
H0 = G > H1 > ... > Hs = {1} (2.18) {HHserie}
due serie di composizione del gruppo G. Dimostriamo, per induzione su r che
sono equivalenti. Se r = 1, il gruppo G `e semplice ed il risultato `e immediato.
Sia r > 1. Per il lemma 2.5.4 esiste una serie di composizione

K0 = G > K1 = H1 > ... > Kr = {1} (2.19) {KKserie}

equivalente alla 2.17. Per ipotesi induttiva le serie

K1 = H1 > ... > Kr = {1}

e
H1 > ... > Hs = {1}
sono equivalenti essendo serie di composizione del gruppo H1 . Quindi, per il lem-
ma 2.5.3, le serie 2.19 e 2.18 sono equivalenti. Per la transitivit`a dellequivalenza
anche la 2.17 e la 2.18 sono equivalenti.
32 CAPITOLO 2. ESTENSIONI DI GRUPPI E SERIE DI SOTTOGRUPPI

2.6 Esercizi
{noint}
Esercizio 2.6.1 Sia G il prodotto di due suoi sottogruppi N ed K. Si provi
che N K = {1} se e solo se ogni elemento di G si pu`
o scrivere in modo unico
come prodotto di un elemento di N e di un elemento di K.

Esercizio 2.6.2 Sia G un gruppo abeliano di ordine nk con n, k interi naturali


di ordine coprimo. Si provi che G `e estensione spezzante di un gruppo N in cui
ogni elemento ha ordine che divide n con un gruppo K in cui ogni elemento ha
ordine che divide k.

Esercizio 2.6.3 Con le ipotesi e le notazioni dellesercizio precedente, si provi


che |N | = n e |K| = k.

Esercizio 2.6.4 Si provi che se G `e un gruppo ciclico finito ed N `e un sot-


togruppo di G, allora N ha un complemento se e solo se |N | `e coprimo con
|G : N |.

Esercizio 2.6.5 Sia V un gruppo abeliano finito in cui ogni ogni elemento ha
ordine p. Si provi che ogni sottogruppo possiede un complemento e che tale
complemento non `e unico.
{comp1}
Esercizio 2.6.6 Sia G un gruppo, N un sottogruppo normale di G e K un com-
plemento di N in G. Si provi che, per ogni n N , anche K n `e un complemento
di N in G.
{comp2}
Esercizio 2.6.7 Sia G un gruppo, N un sottogruppo normale di G e K un
complemento di N in G. Si provi che se K `e lunico complemento di N in G
allora K  G.

In alcuni testi viene data la seguente definizione di estensione. Siano N e H


gruppi, un gruppo G si dice estensione di N con H se esistono due omomorfismi
: N G e : G H tali che
1. `e iniettivo;
2. `e suriettivo;
3. N = ker().
Inoltre G si dice spezzante se esiste unomomorfismo

: H G

tale che
h = h
per ogni h H.

Esercizio 2.6.8 Si provi che queste definizioni di estensione ed estensione spez-


zante sono equivalenti a quelle che abbiamo date.
2.6. ESERCIZI 33

{compos}
Esercizio 2.6.9 Sia G un gruppo finito. Si provi che ogni serie subnormale di
G `e contenuta in una serie di composizione.
{Pruefer}
Esercizio 2.6.10 Sia p un numero primo indichiamo con Zp linsieme dei
n
numeri complessi z tali che z p = 1 per qualche n N .
1. Si dimostri che Zp `e un sottogruppo del gruppo moltiplicativo dei numeri
complessi;
2. Si dimostri che gli unici sottogruppi di Zp sono i sottogruppi
k
Zpk = {z|z C, z p = 1}

al variare di k in N.
3. Si dimostri che L(Zp ) `e totalmente ordinato e non ha elementi massi-
mali.

{subnormali2}
Esercizio 2.6.11 Sia : G H un omomorfismo suriettivo di gruppi. Si pro-
vi che se N `e un sottogruppo subnormale di G, allora N `e un sottogruppo
subnormale di G .

Esercizio 2.6.12 Sia G un gruppo con una serie di composizione. Siano H1 e


K1 sottogruppi normali massimali di G. H un sottogruppo normale massimale
di H1 e K un sottogruppo normale massimale di K1 . Si provi che hH, Ki `e un
sottogruppo subnormale di G. (Suggerimento: per induzione sulla lunghezza di
una serie di composizione di G. Se hHKi `e contenuto in H1 oppure in K1 la
tesi segue per induzione. Altrimenti G = HK1 = H1 K. Ne segue che per ogni
g G esistono h H, h1 H1 , k K e k1 K1 tali che g = h1 k = k1 h. Si
deduca da ci`o che hH g K g i hH, Ki).

Esercizio 2.6.13 Si provi che se G `e un gruppo con una serie di composizione


e H, K sono sottogruppi subnormali di G, allora anche H K e hH, Ki sono
subnormali in G.(Suggerimento: per H K si consideri una serie subnormale da
G a H e la serie da H a H K che si ottiene intersecando con H i sottogruppi
di una serie subnormale da G a K. Per hH, Ki si considerino due serie di
composizione da G a H e da G a K e, per induzione sulla somma delle loro
lunghezze, ci si riduca alla situazione dellesercizio precedente).
{A5.S3}
Esercizio 2.6.14 Si provi che per ogni n > 3 il gruppo alterno An contiene
un sottogruppo isomorfo al gruppo simmetrico Sn2 (suggerimento: si consideri
linsieme delle permutazioni del tipo ove lascia fissi n 1 ed n e `e la
permutazione identica oppure la permutazione (n 1, n) a seconda che sia di
segno pari o dispari).

Esercizio 2.6.15 Sia : G H un omomorfismo suriettivo di gruppi.


34 CAPITOLO 2. ESTENSIONI DI GRUPPI E SERIE DI SOTTOGRUPPI

1. Si dimostri che se G0 = G > G1 > . . . > Gr = {1G } `e una serie subnor-


male di G allora la serie G0 = H G1 . . . Gr = {1H } `e una serie
subnormale di H.

2. Si provi che, per ogni O i < r, se il gruppo Gi /Gi1 `e semplice, allora


il gruppo Gi /Gi1 `e semplice oppure identico.
3. si dimostri che se G possiede una serie di composizione, allora anche H
possiede una serie di composizione.

Esercizio 2.6.16 Sia G un gruppo con una serie di composizione ed N un suo


sottogruppo normale.
1. Si provi che esiste una serie di composizione di G contenente la serie
G > N > {1}.
2. Si dimostri che ogni serie subnormale di G `e contenuta in una serie di
composizione (suggerimento: si trovi una serie di composizione da G a N
con il teorema di corrispondenza e lesercizio precedente, si trovi poi una
serie di composizione di N in modo analogo alla dimostrazione del lemma
2.5.4).
Capitolo 3

Gruppi abeliani finiti

In questo capitolo vogliamo studiare la struttura dei gruppi abeliani finiti. Esem-
pi di gruppi abeliani sono il gruppo additivo dei numeri interi ed i suoi quozienti.
Questi, come si `e detto nel primo capitolo, sono tutti gruppi ciclici e, viceversa,
ogni gruppo ciclico `e isomorfo ad uno di questi. Osserviamo poi che la somma
diretta di gruppi abeliani `e ancora un gruppo abeliano. Quindi, in particolare,
ogni somma diretta di gruppi ciclici finiti `e un gruppo abeliano finito. Nelle pa-
gine seguenti dimostreremo il viceversa, cio`e che ogni gruppo abeliano finito `e
somma diretta di gruppi ciclici. Questo `e il Teorema di Frobenius-Stickelberger.
La dimostrazione `e divisa in due parti: nella prima mostreremo che un grup-
po abeliano finito `e somma diretta di gruppi primari, gruppi cio`e in cui ogni
elemento ha ordine potenza di un numero primo; nella seconda parte mostre-
remo che ogni gruppo primario `e, a sua volta, somma diretta di gruppi ciclici.
Il seguente risultato dovrebbe essere noto dal corso di Algebra (si dimostra
comunque facilmente per induzione su |n|).
{Zmodulo}
Lemma 3.0.17 Sia G un gruppo, a e b elementi di G e m, n numeri interi
allora:
1. am+n = am + an ;
2. se G `e abeliano, allora (ab)n = an bn .
(Si osservi che se G non fosse abeliano in generale la 3.0.17.2 non sarebbe pi`u
vera, nel capitolo precedente abbiamo visto ad esempio che il gruppo D8 possiede
due elementi di ordine due il cui prodotto `e un elemento di ordine quattro).
Dovrebbe essere ormai evidente come informazioni sulla struttura di Z e dei
suoi quozienti siano fondamentali per lo studio dei gruppi abeliani finiti. In
particolare sar`a utile il seguente risultato noto dal corso di Algebra.
{MCD}
Lemma 3.0.18 Siano n1 , . . . , nh numeri interi non tutti nulli e sia d un loro
massimo comun divisore. Allora esistono degli interi x1 , . . . , xh tali che
h
X
d= ni xi
i=1

35
36 CAPITOLO 3. GRUPPI ABELIANI FINITI

Come `e uso indicheremo il massimo comun divisore positivo tra m ed n con


il simbolo (m, n).
Ricordiamo che, se p `e un numero primo, un gruppo P si dice p-primario
o p-gruppo, se ogni elemento di P ha ordine una potenza di p.
{exppg}
Corollario 3.0.19 Se P `e un p-gruppo abeliano finito, allora |P | `e una potenza
di p.

Dimostrazione. Proviamo la tesi per induzione sullordine di P . Se


|P | = 1 non c`e nulla da dimostrare perche 1 = p0 . Supponiamo che |P | > 1.
Sia g P , g 6= 1 e N = hgi. Se N = G, allora |G| = |N | = exp(N ) per quanto
osservato sullesponente dei gruppi ciclici. Per il lemma 1.0.10 N e G/N sono
p-gruppi finiti. Inoltre, poiche N un sottogruppo proprio non identico di G, N
e G/N hanno ordine strettamente minore di |G|, quindi, per ipotesi induttiva,
hanno ordine una potenza di p. Per il teorema di Lagrange |G| = |G/N ||N | e
quindi |G| `e una potenza di p.

Questo risultato `e vero in generale per ogni p-gruppo finito, non necessaria-
mente abeliano, ma la dimostrazione `e pi` u difficile e si vedr`a in seguito come
conseguenza dei Teoremi di Sylow.
{GXH}
Lemma 3.0.20 Siano A e B due gruppi di esponente rispettivamente h e k.
Allora exp(A B) `e il minimo comune multiplo di h e k.

Dimostrazione. Sia d il minimo comune multiplo di h e k. Allora d = hd1


e d = kd2 con d1 , d2 in Z. Ne segue che, per ogni (a, b) A B con a A e
b B, risulta
(a, b)d = (ad , bd ) = (ahd1 , bkd2 ) = (1, 1),
dunque exp(A B) d. Daltra parte, per il lemma 1.0.10, h e k dividono
exp(A B), da cui la tesi.

3.1 Decomposizione primaria


In questa sezione sia A un gruppo abeliano di esponente finito n. Se t `e un
intero, indichiamo con At linsieme {at |a A}.
{At}
Lemma 3.1.1 Siano t, h e k interi con h e k coprimi e n = hk.

1. At `e un sottogruppo di A.

2. exp(At ) = n/d dove d `e il massimo comun divisore tra t e n.

3. A = Ah Ak e Ah Ak = {1} (dunque A = Ah Ak ).

4. Ak `e linsieme degli elementi di A che hanno ordine che divide h.


3.1. DECOMPOSIZIONE PRIMARIA 37

Dimostrazione. La prima affermazione segue immediatamente dalle re-


gole delle potenze tenuto conto che A `e abeliano. Sia l = exp(At ) e siano
n = n/d e t = t/d. Poiche d `e il massimo comun divisore tra n e t, n e t sono
coprimi. Proviamo che l divide n. Sia x At . Allora esiste a A tale che
x = at e quindi
xn = (at )n = atdn = (an )n = 1,
da cui la tesi per il corollario 1.0.8. Viceversa, poiche at At per ogni a A,
segue che atl = 1 per ogni a A. Dunque n divide tl, cio`e

dn divide dtl.

Dividendo per d, otteniamo


n divide tl,
da cui, essendo n e t coprimi,
n divide l,
il che prova la seconda affermazione. Da questo segue in particolare che

exp(Ah ) = k e exp(Ak ) = h (3.1) {expah}

Proviamo la terza affermazione. Poiche h e k sono coprimi, esistono r e s in Z


tali che
hr + ks = 1.
Da questo segue che, per ogni a A,

a = a1 = ahr+ks = (ah )r (ak )s Ah Ak ,

da cui segue che


A = Ah Ak .
Infine, sia x Ah Ak . Allora, per (3.1), xh = xk = 1, da cui

x = x1 = xhr+ks = (xh )r (xk )s = 1.

Infine, se a Ak , ah = 1, quindi, per il lemma 1.0.6, lordine di a divide h.


Viceversa, sia x un elemento di ordine l con l che divide h. Allora l `e coprimo
con k (perche k `e coprimo con h) e quindi, come sopra esistono degli interi r ed
s tali che 1 = lr + ks, da cui x = x1 = xlr+ks = (xl )r (xk )s = (xk )s Ak .

Sia p un numero primo, indichiamo con Ap linsieme degli elementi di A il


cui ordine `e una potenza di p. Ap si dice componente p-primaria di A.
Dalle regole delle potenze segue immediatamente che Ap `e un p-sottogruppo
di A, quindi, per il il corollario 3.0.19, si ottiene
Lemma 3.1.2 Se |Ap | `e finito, |Ap | `e una potenza di p.
t
Lemma 3.1.3 Sia pt la massima potenza di p che divide n. Allora Ap = An/p
38 CAPITOLO 3. GRUPPI ABELIANI FINITI

Dimostrazione. Segue immediatamente dal punto (4) del lemma 3.1.1 tenen-
do presente che pt e n/pt sono interi coprimi.

{decprim}
Teorema 3.1.4 (Decomposizione primaria) Sia A un gruppo abeliano finito
di esponente n e sia n = pk11 pk22 . . . pkt t la fattorizzazione di n come prodotto di
potenze dei numeri primi distinti p1 , p2 , . . . , pt . Allora A = Ap1 Ap2 . . .Apt .

Dimostrazione. Per induzione su t. Se t = 1, allora A = Ap1 e non c`e


t
nulla da dimostrare. Sia p = p1 e K = Ap . Per il lemma 3.1.1, K `e un gruppo
di esponente pk22 pk33 . . . pkt t e
A = Ap K.
Per ipotesi induttiva
K = Kp2 Kp3 . . . Kpt ,
dunque
A = Ap1 Kp2 . . . Kpt .
Per il punto (4) del lemma 3.1.1, KPi = APi per ogni i {2, . . . , t}, da cui segue
la tesi.

Concludiamo questa sezione osservando che il Teorema di Decomposizione


Primaria pu` o essere generalizzato a qualsiasi gruppo abeliano di torsione (per
la definizione vedi esercizio 3.5.1). Il lettore pu`o provarci per esercizio.

3.2 Decomposizione di un p-gruppo abeliano fi-


nito
In questa sezione p `e un numero primo e P `e un p-gruppo abeliano finito.
{compXY}
Lemma 3.2.1 Siano X e Y sottogruppi ciclici di P e supponiamo che |X|
|Y |. Allora esiste un sottogruppo ciclico K di X, Y tale che XY = XK e
X K = 1 (quindi XY = X K).

Dimostrazione. Siano x un generatore di X, y un generatore di y e


T = X Y . Se T = {1} lasserto `e dimostrato con K = Y . Supponiamo che
T 6= {1}. Poiche X e Y hanno ordine una potenza di p, per il Teorema di
Lagrange esistono degli interi a e b tali che

|X : T | = pa e |Y : T | = pb .

Osserviamo che, poich`e |X| |Y |, a b, in particolare

a b `e un intero maggiore o uguale a 0.

Per quanto visto sui sottogruppi dei p-gruppi ciclici,


a b
hxp i = T = hy p i
3.2. DECOMPOSIZIONE DI UN P -GRUPPO ABELIANO FINITO 39

e quindi esiste un intero m coprimo con p tale che


b a
y p = xmp .

Poich`e m `e coprimo con p, e x genera X, anche xm genera X, quindi, a meno


di sostituire x con xm possiamo supporre che
b a
y p = xp . (3.2) {genxy}
ab
Sia k = y 1 xp e K = hki. Allora K XY . Daltra parte X XK e,
pab 1
poiche y = x k , anche Y = hyi K, dunque XY = XK. Per il Secondo
Teorema di Omomorfismo

|K/(X K)| = |XK/X| = |XY /X| = |Y /(X Y )| = |Y /T | = pb ,

quindi, per provare che X K = {1}, basta provare che K ha ordine minore di
pp e infatti, per (3.2),
b ab b b a
k p = k = (y 1 xp )p = (y p )1 xp = 1.

{compXP}
Lemma 3.2.2 Sia X un sottogruppo ciclico di ordine massimo in P . Allora
esiste un sottogruppo H tale che P = XH e X H = {1}

Dimostrazione. Sia K il sottoinsieme dei sottogruppi di P che hanno


intersezione identica con X. Chiaramente K `e non vuoto ({1} K). Sia H un
elemento massimale, rispetto allinclusione, di K. In particolare

X H = {1}.

Proviamo che P = XH. Supponiano per assurdo che P > XH e sia y P \XH.
Poniamo Y = hyi, X := XH/H e Y := Y H/H. Per il Secondo Teorema di
a di |X| ed il fatto che X K = {1} otteniamo
Omomorfismo, la massimalit`

|Y | = |(Y H)/H| = |Y /(Y H)| |Y | |X| = |X/(X H)| = |(XH)/H| = |X|.

Per il lemma 3.2.1 esiste un sottogruppo K di XY tale che XY = XK e


X K = {1}.
Per il Teorema di Corrispondenza esiste un sottogruppo K di XY H conte-
nente H tale che K/H = K. Poich`e XK = XY e X K = {1}, per il Teorema
di Corrispondenza segue che

XY H = XKH = XK e X K H.

Quindi K > H, perche Y 6 XH e

X K = (X X) K = X (X K) X H = {1},

in contraddizione con la scelta massimale di H.


40 CAPITOLO 3. GRUPPI ABELIANI FINITI

r XY H = XK r XY = XK
@ @
XH @ X @
r r Y H@ r rY @
@ @ @ @
@ @ @ @
@r @ @r @
@ @ @ @
@ @ @ @
X r @ @r K @ @r K
@ @ @
@ @ @
@r @r
H H = {1}
@
@
@
@
@
@
@r
{1}
Fig. 1

{strp}
Teorema 3.2.3 (Decomposizione dei p-gruppi abeliani finiti) Sia p un
numero primo e P un p-gruppo abeliano finito. Allora P `e isomorfo ad un
prodotto diretto di p-gruppi ciclici.

Dimostrazione. Per induzione sullordine di P . Se P = {1} non ce


nulla da dimostrare. Supponiamo che |P | > 1 e sia X un sottogruppo di ordine
massimo di P . Per il lemma 3.2.2 esiste un sottogruppo H di P tale che P =
X H. H `e un p-gruppo di ordine |P |/|X| e quindi, per ipotesi induttiva,
H `e isomorfo ad un prodotto diretto di p-gruppi ciclici. Ma allora, come nella
dimostrazione del Teorema 3.1.4, anche P `e isomorfo ad un prodotto di gruppi
ciclici.

3.3 Il reticolo dei sottogruppi di Cph Cp


La situazione descritta nel lemma 3.2.1 pu`o essere chiarita dallo studio del reti-
colo dei sottogruppi di Cph Cp . Per semplificare le notazioni, consideriamo il
caso in cui p sia un numero primo e P sia un gruppo generato da due sottogruppi
normali ciclici X e K di ordine rispettivamente ph e p (quindi P = Cph Cp ).
Sia x un generatore di X e k un generatore di K.
Per prima cosa studiamo il caso in cui h = 1.
{cpxcp}
3.3. IL RETICOLO DEI SOTTOGRUPPI DI CP H CP 41

Lemma 3.3.1 Se P = Cp Cp , allora P possiede esattamente p+1 sottogruppi


diversi da P e da {1}. Se Ti e Tj sono due sottogruppi distinti di P e diversi
da P e da {1}, allora Ti Tj = P e Ti Tj = {1}

Dimostrazione. P ha ordine p2 , dunque ogni sottogruppo proprio non


identico di P ha ordine p e quindi `e ciclico. Inoltre due qualsiasi sottogruppi
propri distinti hanno intersezione identica ed il sottogruppo da essi generato `e
tutto P . Per contare quanti sono i sottoguppi ciclici, osserviamo che P contiene
p2 1 elementi diversi dallidentit`
a. Poiche ogni elemento di P \ {1} `e contenuto
in un sottogruppo ciclico e ciascun sottogruppo ciclico non identico contiene
esattamente p 1 elementi, devono esserci esattamente ((p2 1)/(p 1) =)p + 1
sottogruppi ciclici diversi dal sottogruppo identico.

In particolare il diagramma di Hasse del reticolo dei sottogruppi di P `e come


nella figura 2:

P
r
@
 @
  @
  @
X = T1 r T3 r
r T2  r r @r K = Tp+1
@ T D
@ T D
@T D
@T D
@ TDr
{1}

Fig. 2

Supponiamo ora che h > 1 e proviamo, per induzione su h che il diagramma


di Hasse del reticolo dei sottogruppi di P `e
42 CAPITOLO 3. GRUPPI ABELIANI FINITI

P =r XK
@
 @
  @
  @ hxph2 iK
hxi = X r r r r r @r
@ T D
@ T D
@T D
ph2
hx iK
@T D
hxp i @TDr r
@
 @
  @
ph1
r @rhx iK
h2
  @
hxp i r r r r
@ T D @
@ T D  @
@T D   @
h1
@T D   @
hxp i @ TDr r r r r @r K
@ T D
@ T D
@T D
@T D
@ TDr
{1}

Fig. 3
h1
Sia X0 = hxp i ed osserviamo che il gruppo quoziente P/X0 `e generato da
X/X0 e da KX0 /X0 che sono ciclici e di ordine rispettivamente ph1 e p. Per
ipotesi induttiva e per il Teorema di Corrispondenza, il diagramma di Hasse del
reticolo dei sottogruppi di P che contengono X0 `e come nella figura 3. Per il
lemma 3.3.1 basta allora dimostrare che ogni sottogruppo di P che non contiene
X0 `e contenuto in X0 K. Sia T un sottogruppo di P che non contiene X0 e sia
t T . Proviamo che t X0 K, da cui seguir`a la tesi.Poiche T P = hx, ki,
esistono degli interi m e n tali che t = xm k n . Osserviamo che, poiche x e k
commutano e k p = 1,
tp = xpm k pn = xpm
Daltra parte hxpm i `e un sottogruppo di X che non contiene X0 e quindi (poiche
X0 `e contenuto in tutti i sottogruppi non identici di X) hxpm i = {1}, cio`e
xpm = 1. Ne segue che ph1 divide m, dunque xm X0 e quindi t X0 K.

3.4 La struttura dei gruppi abeliani finiti


{strabfin}
{frst}
Teorema 3.4.1 (Struttura dei gruppi abeliani finiti) Ogni gruppo abe-
liano finito `e isomorfo ad un prodotto diretto di gruppi ciclici.
3.4. LA STRUTTURA DEI GRUPPI ABELIANI FINITI 43

Dimostrazione. Sia A un gruppo abeliano finito. Allora A `e anche di espo-


nente finito, quindi, per il Teorema di Decomposizione Primaria, A `e isomorfo
al prodotto diretto delle sue componenti primarie:

A = Ap1 Ap2 . . . Apt .

Daltra parte, ciascuna componente primaria Api `e un pi -gruppo abeliano finito


per un opportuno numero primo p e quindi, per il Teorema di Decomposizione
dei p-gruppi finiti, `e isomorfa ad un prodotto diretto di gruppi ciclici:

Api = Ci,1 Ci,2 . . . Ci,si ,

da cui la tesi.

Sia ora, per ogni i {1, . . . , t} ed ogni j {1, . . . , si }, Ci,j definito come
della dimostrazione del teorema precedente. Ordiniamo gli indici in modo che,

se j1 < j2 , allora |Ci,j1 | |Ci,j2 | e quindi |Ci,j2 | divide |Ci,j1 |. (3.3) {cicdec}

Inoltre, se s `e il massimo degli si e sl < s, poniamo, per comodit`a, Cl,m = {1}


per ogni m {sl + 1, . . . s}. Consideriamo la seguente tabella:

Ap 1 = C1,1 C1,2 ... C1,k


Ap 2 = C2,1 C2,2 ... C2,k
. . . . . . . . .
. . . . . . . . .
. . . . . . . . .
Ap t = Ct,1 Ct,2 ... Ct,k
Daltra parte avremmo potuto fare prima il prodotto diretto lungo le colonne:
siano C1 , C2 , . . . , Ck rispettivamente i prodotti delle colonne di indice 1, . . . k,
cio`e

C1 = C1,1 C2,1 ... Ct,1


C2 = C1,2 C2,2 ... Ct,2
. . . . . . . . .
. . . . . . . . .
. . . . . . . . .
Ck = C1,k C2,k ... Ct,k
Poiche il prodotto diretto `e commutativo ed associativo, risulta anche

A = C1 C2 . . . Ck .

Ora, se i 6= j, Ch,i e Ck,j sono gruppi ciclici di ordine coprimo perche sono
contenuti rispettivamente nelle due distinte componenti primarie Api e Apj ,
quindi, per il lemma 3.0.20

ciascun Ch `e ciclico.
44 CAPITOLO 3. GRUPPI ABELIANI FINITI

Inoltre, per la 3.3

|Ck | divide |Ck1 | divide . . . divide |C1 |.

Abbiamo cos` dimostrato il seguente

{divel}

Teorema 3.4.2 (Divisori elementari) Sia A un gruppo abeliano finito, al-


lora esistono dei sottogruppi ciclici C1 , C2 , . . . , Cn di A tali che

1. A = A = C1 C2 . . . Ck , e

2. se j1 < j2 , allora |Cj2 | divide |Cj1 |.

Gli interi |C1 |, |C2 | . . . |Ck | si dicono divisori elementari di A, gli interi
|Ci,j | diversi da 1 si dicono fattori invarianti di A.

Chiaramente |A| = |C1 | |C2 | . . . |Ck | e exp(A) = |C1 |, in particolare A `e


ciclico se e solo se |A| = exp(A). Inoltre due gruppi abeliani finiti A e B sono tra
loro isomorfi se e solo se hanno gli stessi divisori elementari (o, equivalentemente,
gli stessi fattori invarianti con la stessa molteplicit`a).
3.5. ESERCIZI 45

3.5 Esercizi
{toro}
Esercizio 3.5.1 Un gruppo G si dice di torsione se ogni elemento di G ha
ordine finito. Chiaramente un gruppo di esponente finito `e di torsione, ma il
viceversa non `e vero. Sia infatti

T := {z C|zk = 1 per qualche k N \ {0}}

(T `e linsieme di tutte le radici complesse di 1)

1. Provare che T `e un sottogruppo del gruppo moltiplicativo dei numeri com-


plessi diversi da 0.

2. Provare che se z T esiste un intero positivo k tale che z k = 1, dunque


z ha periodo finito per ogni z T e quindi T `e di torsione).

3. Provare che, fissato comunque un intero positivo n, esistono elementi z di


T tali che z n 6= 1 (dunque T non `e di esponente finito).

Esercizio 3.5.2 Con le notazioni del lemma 3.1.1, provare che

1. Se t non `e coprimo con n, exp(At ) = n/d dove d `e il massimo comun


divisore tra t e n.

2. Se t `e coprimo con n, At =A.

Esercizio 3.5.3 Con le notazioni del lemma 3.3.1, se P = Cp Cp determinare


p+1 elementi distinti t1 , t2 , . . . , tp+1 di P tali che ht1 i, ht2 i, . . . , htp+1 i siano p+1
sottogruppi distinti di ordine p

Esercizio 3.5.4 Si consideri la figura 3.

1. Provare che i sottogruppi


h2 h1
P, hxiK, hxp iK, . . . , hxp iK, hxp iK

non sono ciclici, mentre tutti gli altri lo sono.

2. determinare i generatori dei sottogruppi ciclici

3. determinarei sottogruppi ciclici di ordine massimo ed i sottogruppi ciclici


massimali.

4. determinare i sottogruppi T che ammettono un complemento, cio`e tali che


esista un sottogruppo H di P con T H = P e T H = {1}
{complementi}
Esercizio 3.5.5 Sia G un p-gruppo ciclico.

1. Mostrare che linsieme dei suoi sottogruppi `e totalmente ordinato per in-
clusione.
46 CAPITOLO 3. GRUPPI ABELIANI FINITI

2. Dedurre che gli unici sottogruppi di G che ammettono un complemento


sono G e {1}.

Esercizio 3.5.6 Provare le osservazioni alla fine della sezione (4).

Esercizio 3.5.7 Si dimostri che il gruppo Z2 Z2 `e abeliano ma non `e ciclico.

Esercizio 3.5.8 Si dia un esempio di p-gruppo infinito.


{maxabel}
Esercizio 3.5.9 Si provi che se G `e un p-gruppo abeliano elementare, allora
lintersezione dei sottogruppi massimali di G `e il sottogruppo identico.
{comp5}
Esercizio 3.5.10 Sia G un gruppo abeliano finito. Si provi che ogni sottogruppo
di G ha un unico complemento se e solo se |G| `e prodotto di numeri primi
distinti.

Esercizio 3.5.11 Si dia un esempio di gruppo finito non ciclico il cui ordine
coincide con lesponente.
{lucchini}
Esercizio 3.5.12 Sia F un campo e sia T un sottogruppo finito del gruppo
moltiplicativo di F . Si provi che T `e ciclico. Suggerimento, sia n lesponente di
T , allora ogni elemento di T `e soluzione del polinomio xn 1

Esercizio 3.5.13 Si dia un esempio di gruppo abeliano, ovviamente infinito,


in cui nessuna componente primaria sia identica.
Capitolo 4

Gruppi liberi e
presentazioni

In questo capitolo introduciamo i gruppi liberamente generati da un insieme.


Se G `e liberamente generato da un suo sottoinsieme R, allora R si comporta
in modo analogo a quello di una base di uno spazio vettoriale nel senso che
ogni applicazione da R su un gruppo H pu`o essere estesa in modo unico ad un
omomorfismo di gruppi da G ad H. Proveremo che, per ogni insieme R, esiste
un gruppo liberamente generato da un insieme di cardinalit`a pari a quella di R.
Per questo definiremo il concetto analogo di monoide liberamente generato da
un insieme ed otterremo il gruppo libero come quoziente di un monoide.

4.1 Gruppi liberi


Sia G un gruppo (risp. monoide) e R un sottoinsieme di G. Diremo che G `e un
gruppo (monoide) liberamente generato da R se soddisfa la seguente
Proprieta` universale dei gruppi (monoidi) liberamente generati:
Per ogni gruppo (monoide) H ed ogni applicazione

: R H,

esiste un unico omomorfismo di gruppi (monoidi)

: G H

tale che
|R = .

Sia G un gruppo liberamente generato da R e H un gruppo generato da


un sottoinsieme T . Se |T | |R| allora esiste una funzione : R H tale che
T = R . Sia
: G H

47
48 CAPITOLO 4. GRUPPI LIBERI E PRESENTAZIONI

lomomorfismo di gruppi tale che |R = . Poiche

H = hT i hR i G ,

segue che `e suriettivo, in particolare:

Teorema 4.1.1 Se G `e un gruppo liberamente generato da un insieme di car-


dinalit`
a , allora ogni gruppo generato da elementi `e immagine omomorfa di
G.

4.1.1 Semigruppi e monoidi


Ricordiamo che un semigruppo `e una coppia

(S, )

dove S `e un insieme e `e unoperazione associativa su S. Un monoide `e una


tripla
(M, , 1)

dove M, ) `e un semigruppo e 1 `e un elemento di M tale che, per ogni m M ,


1 m = m 1 = m. Dato un semigruppo S, ), esiste un modo ovvio per ottenere
da questo un monoide (cfr. [10] es. 5 Cap. 1.1): sia 1 un oggetto non contenuto
in S (per esempio potremmo scegliere 1 = S), sia

M := S {1}

ed estendiamo loperazione di S ad unoperazione (che continuiamo a chiamare


) su tutto M ponendo, per ogni w S,

1 w := w, w 1 := w e 1 1 := 1.

Si verifica immediatamente che, con tale operazione, (M, ) `e un monoide. Come


per i gruppi possiamo definire i sottosemigruppi (sottomonoidi) come i sottoin-
siemi non vuoti chiusi per loperazione (e, nel caso dei monoidi, contenenti anche
lelemento 1), possiamo definire il sottosemigruppo (sottomonoide) generato da
un sottoinsieme, le equivalenze compatibili con le operazioni e, come nel caso
dei gruppi, si dimostra che se (X, ) `e un semigruppo ((X, , 1) `e un monoide)
e `e una relazione dequivalenza compatibile con loperazione, allora linsieme
quoziente X/ eredita in modo naturale unoperazione, ponendo, per ogni [x] ,
[y] X/ ,
[x] [y] := [x y]

e, con tale operazione (X/ , ) `e un semigruppo ((X/ , , [1] ) `e un monoide).


Lasciamo al lettore il (facile) compito di adattare ai semigruppi ed ai monoidi
le dimostrazioni fatte per i gruppi.
4.1. GRUPPI LIBERI 49

4.1.2 Esistenza di monoidi liberamente generati


Sia R un insieme. Una parola di lunghezza h nellalfabeto R `e una succes-
sione
(r1 , r2 , . . . , rh )
di elementi di R. Sia S linsieme delle parole nellalfabeto R. Se

(r1 , r2 , . . . , rh ) e (s1 , s2 , . . . , sk )

sono due parole in S, di lunghezze rispettivamente h e k, il loro prodotto `e la


successione
(r1 , r2 , . . . , rh , s1 , s2 , . . . , sk )
di lunghezza h + k. Si vede immediatamente che loperazione `e associativa
e quindi (S, ) `e un semigruppo. Sia (M, ) `e il monoide che si ottiene da S
aggiungendo lidentit`a costruito come nel paragrafo precedente.
{exfreemon}
Teorema 4.1.2 Siano R ed M come sopra, allora
1. M = hRi;
2. M `e un monoide liberamente generato da R.

Dimostrazione. La prima affermazione discende direttamente dalla co-


struzione di M . Sia : R H una funzione. Poniamo 1 := 1H e, se
(r1 , r2 , . . . , rh ) `e una parola in M , poniamo

(r1 , r2 , . . . , rh ) := (r1 , r2 , . . . , rh ).

Allora `e un omomorfismo di monoidi che estende ed `e lunico per la (versione


per monoidi della) proposizione 1.0.14.

4.1.3 Esistenza e unicit`


a di gruppi liberamente generati
Siano R ed M come nel paragrafo precedente e supponiamo che R sia lunione
disgiunta di due insiemi T e T equipotenti. Sia

inv: R R

una permutazione di ordine 2 tale che T inv = T . Definiamo ora una relazione
dequivalenza su M nel modo seguente. Se u e w sono due parole in M diremo
che u e w sono adiacenti se esistono degli elementi a, b in M ed x R tali che

u = ab e w = axxinv b

o viceversa. La relazione di adiacenza `e una relazione simmetrica. Sia la


sua chiusura transitiva: date due parole u e w, u w se e solo se esiste una
successione
u1 , . . . un+1
50 CAPITOLO 4. GRUPPI LIBERI E PRESENTAZIONI

di parole in M tali che u1 = u, un = w e ui `e adiacente a un+1 per ogni


i {1, . . . n}. Il minimo intero n per cui esiste una successione con tali propriet`a
si dice distanza tra le parole u e w. Per induzione sulla distanza si vede
facilmente che la relazione `e una relazione dequivalenza compatibile con
loperazione di M . Sia F il monoide quoziente di M modulo la relazione . F
`e un gruppo perch`e se
(r1 , r2 , . . . , rh )
`e una parola in M con ri R, allora
[(rhinv , . . . , r2inv , r1inv )]
`e linverso in F di
[(r1 , r2 , . . . , rh )]
{exfree}
Lemma 4.1.3 Siano R T , M e F come sopra, allora
1. F = hT i;
2. F `e un gruppo liberamente generato dallinsieme T .
Dimostrazione. La prima parte segue dal fatto che F `e un quoziente di
M e che M = hT, T inv i. Sia ora H un gruppo e
: T H
unapplicazione. Estendiamo ad unapplicazione
: R H,
ponendo, per ogni tinv T inv ,
(tinv ) := (t )1 .
Per il Teorema 4.1.2 esiste un omomorfismo di monoidi
: M H
che estende . Proviamo ora che se u e v sono elementi di M , allora
u v implica che u = v . (4.1)
Possiamo restringerci al caso in cui u e v sono adiacenti. Siano a, b in M ed
x R tali che
u = ab e w = axxinv b,
allora
u = ab = a b = a x (x )inv b = (axxinv b) = w .
Da questo segue che induce un omomorfismo dal monoide quoziente F
(= M/ ) a H definito da
[w] = w
che, per costruzione, coincide con su T . Lunicit`a di segue dalla proposizione
1.0.14.
4.2. PRESENTAZIONI 51

{exuniqfree}
Teorema 4.1.4 Esistenza ed Unicita ` dei gruppi liberamente generati
Per ogni cardinale , esiste, a meno di isomorfismi, un unico gruppo liberamente
generato da un insieme di cardinalit`a

Dimostrazione. Siano T e T inv due insiemi di cardinalit`a tali che


T T inv = , R := T T inv e inv una permutazione di ordine 2 di R che scambia
T con T inv (lasciamo al lettore provare lesistenza di T inv e della permutazione
inv). Lesistenza di un gruppo F liberamente generato da T segue dal Lemma
4.1.3. Proviamo lunicit`
a di F . Sia S un altro insieme di cardinalit`a e sia H
un gruppo liberamente generato da S. Dal fatto che |T | = |S|, segue che esiste
una biiezione
: T S.
Poiche F e H sono liberamente generati rispettivamente da T ed S, e 1 si
estendono rispettivamente a due omomorfismi

: F H

e
: H F.
Ora `e un endomorfismo di F che induce lapplicazione identica su T . Daltra
parte, poich`e F `e liberamente generato su T , lapplicazione identica su F `e
lunica estensione dellapplicazione identica su T e quindi `e lapplicazione
identica su F . Ne segue che `e un isomorfismo e quindi la tesi.

Con le notazioni precedenti, se x `e un elemento non identico di F , definiamo


la lunghezza di x la minima lunghezza delle parole (r1 , r2 , . . . , rh ) in M tali
che [(r1 , r2 , . . . , rh )] = x; diremo inoltre che 1F ha lunghezza 0. .

4.2 Presentazioni
Sia F un gruppo liberamente generato da un insieme T , sia W un sottoinsieme
di F e sia N := hW F i il sottogruppo di F generato dallinsieme

W F := {wf |w W e f F }.

Chiaramente N E F . Come in [1] indichiamo con Grp(T : W ) il gruppo quoziente


F/N . Il gruppo Grp(T : W ) dice gruppo generato da T con le relazioni
{w = 1|w W }.
Se G `e un gruppo, una presentazione di G `e una copia (T, W ), tale che
T `e un insieme di generatori di G, W `e un sottoinsieme di G e, se F `e il
gruppo libero generato da T e N = hW F i, allora N coincide con il nucleo
dellomomorfismo : F G che estende lapplicazione identica su T (e quindi
induce un isomorfismo tra F/N e G). Anche per le presentazioni esiste una
propriet`
a universale analoga a quella dei gruppi liberamente generati:
52 CAPITOLO 4. GRUPPI LIBERI E PRESENTAZIONI

Teorema 4.2.1 (Proprieta


` universale delle presentazioni) Sia

G := Grp(T : W )

e sia una funzione da T in un gruppo H. Supponiamo che


1. H = hY i e
2. per ogni
r11 r22 . . . rkk W
con ri T e i {1, 1} per ogni i {1, . . . , k}, risulta

(r1 )1 (r2 )2 . . . (rk )k = 1,

allora esiste un unico omomorfismo di gruppi

: G H

che estende , cio`e tale che, per ogni r T , r = r . In particolare H `e


isomorfo ad un quoziente di G.

Dimostrazione. Sia F il gruppo liberamente generato da T . Per la Pro-


priet`
a universale dei gruppi liberamente generati esiste ununico omomorfismo
: F H che estende . Per la condizione 2. W ker(). Ne segue che,
posto N := hW F i, anche N ker() e quindi induce un omomorfismo

: F/N H,

(ben) definito da
(N h) := N (h )
(per ogni N h F/N , con h F ), da cui la tesi poich`e G = F/N e, per ogni
r T , r = r .

Ad esempio, se T `e un insieme, ogni gruppo abeliano generato da |T | elementi


`e immagine omomorfa del gruppo

Grp(T : {[x, y]|x, y T }),

perch`e ogni gruppo abeliano generato da |T | elementi ha un insieme di generatori


T tali che [x, y] = 1 per ogni x, y T .
Dato un gruppo G con unoperazione , esiste un modo ovvio per costruire
una presentazione di G: poich`e G come gruppo `e certamente generato dallin-
sieme G stesso, segue che lapplicazione identica su G induce un omomorfismo
suriettivo tra il gruppo F liberamente generato dallinsieme G ed il gruppo G
e quindi Grp(G: ker()) `e una presentazione di G. Per fissare le notazioni, F `e
un quoziente del monoide liberamente generato dallinsieme R := G Ginv dove
Ginv `e un insieme disgiunto da G e inv `e una permutazione di R di ordine 2
4.2. PRESENTAZIONI 53

che manda G in Ginv . Indichiamo con loperazione di F . Si presti attenzione


al fatto che la restrizione di a G non coincide affatto con loperazione di
G: infatti, mentre G `e un gruppo rispetto alloperazione , non lo `e rispetto
alloperazione : infatti (G, , 1G ) pu`o essere un gruppo finito, mentre (F, , 1F )
`e generato da G ma non `e mai finito; in particolare G non `e chiuso rispetto
alloperazione . Si noti inoltre che

1G 6= 1F

e, se g G,
g g inv = 1F
ma, se h `e linverso di g rispetto alloperazione ,

g inv 6= h.

Nel seguito, se g G, riserveremo il simbolo g 1 solo per linverso di g nel


gruppo (G, , 1G ). Sia ora

W := {a b (a b)inv | a, b G}.

e
N := hW F i.
Chiaramente N ker(). Proviamo che ker() = N . Supponiamo infatti per
assurdo che N < ker() e sia x un elemento di lunghezza minima in ker \ N .
Sia r la lunghezza di x. Poich`e 1F N , r 1. Siano x1 , x2 , . . . , xr G tali che

x = x1 x2 , . . . xr .

Poiche N `e un sottogruppo normale di F , possiamo supporre che x1 G. Se


r = 1, allora, poich`e la restrizione di a G `e lapplicazione identica e x ker(),

1G = x1 = x1

e
1G = 1G 1G 1inv
G = 1G 1G (1G 1G )
inv
W N.
Supponiamo ora che r 2. Allora esiste un elemento u di F di lunghezza r 2
tale che
x = x1 x2 u.
Se x2 Ginv , poniamo
1
z := (x1 (xinv
2 ) ),
se x2 G, poniamo
z := (x1 x2 )
Osserviamo che in entrambi i casi

z xinv
2 xinv
1 N,
54 CAPITOLO 4. GRUPPI LIBERI E PRESENTAZIONI

infatti, nel primo caso


1
z xinv
2 xinv
1 = (x1 (xinv
2 ) ) xinv
2 xinv
1

che appartiene a W per definizione e, nel secondo caso, `e linverso dellelemento


x1 x2 (x1 x2 )inv che appartiene ancora a W . Dunque anche

z xinv
2 xinv
1 x ker() \ N.

Ma
z xinv
2 xinv
1 x=zu
che ha lunghezza r 1, una contraddizione. Riassumendo:

Proposizione 4.2.2 Con le notazioni precedenti, se G `e un gruppo, allora

{finpres} G
= Grp(G : {a b (a b)inv | a, b G}). (4.2)

Osserviamo che le relazioni

a b (a b)inv | a, b G

equivalgono alla tabella moltiplicativa del gruppo G, infatti lelemento a b


corrisponde nella tabella moltiplicativa di G allentrata di riga e colonna corri-
spondenti rispettivamente agli elementi a e b di G.
Un gruppo G si dice finitamente presentato se G ha una presentazione
(T, W ) tale che |T | + |W | `e finito.

Corollario 4.2.3 Ogni gruppo finito `e finitamente presentato

4.3 Esercizi
Esercizio 4.3.1 Provare che il gruppo additivo degli interi `e libero sullinsieme
{1}.

Esercizio 4.3.2 Si enunci e si dimostri il Teorema di Esistenza ed Unicit`


a per
monoidi finitamente generati
Capitolo 5

Gruppi simmetrici

5.1 Richiami
In questo capitolo richiamiamo alcuni risultati elementari sulla generazione e
sulla fusione degli elementi dei gruppi simmetrici e proveremo che i gruppi alterni
An sono semplici e non abeliani se n 5
Sia X un insieme, ricordiamo che una permutazione di X `e una biiezione
di X in se stesso e linsieme SX di tutte le permutazioni di X `e un gruppo
rispetto alla composizione di applicazioni. Se X `e finito possiamo scegliere una
permutazione di X in esattamente |X|! modi distinti. Dunque

|SX | = |X|!.

Se n `e un numero naturale, indichiamo con In linsieme {t N|1 t n} e


con Sn il gruppo SIn delle permutazioni di In .

Proposizione 5.1.1 Se X `e un insieme finito con n elementi, allora SX `e


isomorfo a Sn .

Se `e una permutazione in SX indichiamo con

mov()

linsieme
{x X|x 6= x}
e, se Y `e un sottoinsieme di X, indichiamo con

CY ()

linsieme
{y Y |y = y}.
Si osservi che, in particolare X `e lunione disgiunta di mov() e di CX ().
Due permutazioni e si dicono disgiunte se mov() mov( ) =

55
56 CAPITOLO 5. GRUPPI SIMMETRICI

{disgcomm}
Proposizione 5.1.2 Siano e due permutazioni disgiunte in SX . Allora
[, ] = 1SX

Sia k un intero maggiore o uguale a 2. Una permutazione in SX si dice


ciclo di lunghezza k se esistono degli elementi distinti x1 , . . . , xk in X tali che

mov() = {x1 , . . . , xk },
xk = x1 e, per ogni i {1, . . . , k 1}, xi = xi+1

In tal caso, per indicare useremo il simbolo

(x1 , x2 , . . . , xk ).

I cicli di lunghezza 2 si dicono trasposizioni o scambi.


{deccicli}
Proposizione 5.1.3 Ogni permutazionesi fattorizza come prodotto di cicli di-
sgiunti. Inoltre questa fattorizzazione `e unica a meno dellordine dei fattori. In
particolare Sn `e generato dai suoi cicli.

Sia una permutazione in Sn , siano

1 , . . . , k

cicli disgiunti in Sn tali che


= 1 . . . k
e sia li la lunghezza del ciclo i . Per la proposizione 5.1.2 possiamo supporre
che
l1 l2 . . . lk .
In tal caso diremo che la k-upla (l1 , . . . , lk ) `e il tipo della permutazione .
{dectrasp}
Proposizione 5.1.4 Ogni permutazione si fattorizza come prodotto di trasposi-
zioni. Tale fattorizzazione non `e unica, ma se una permutazione si scrive come
prodotto di k trasposizioni ed anche come prodotto di n trasposizioni, allora
k n (mod 2).

Una permutazione di dice di classe pari (dispari) se `e prodotto di un


numero pari (dispari) di trasposizioni. Osserviamo che se (x1 , x2 , . . . , xk ) `e un
ciclo di SX , allora

(x1 , x2 , . . . , xk ) = (x1 , x2 )(x1 , x3 ) . . . (x1 , xn1 )(x1 , xn ).

In particolare

Proposizione 5.1.5 Cicli di lunghezza pari hanno classe dispari e, viceversa,


cicli di lunghezza dispari hanno classe pari
5.1. RICHIAMI 57

Dalla proposizione 5.1.4 segue immediatamente che linsieme delle permu-


tazioni di classe pari SX `e un sottogruppo normale di indice 2 in SX . Tale
sottogruppo si dice gruppo alterno su X e si indica con AX o AltX . Come
sopra, se X = In scriveremo An o Altn al posto di AX . Osserviamo che AX `e
generato dalle permutazioni (a, b)(c, d) al variare di a, b, c, d in X con a 6= b e
c 6= d. Chiaramente,
{tretrasp}
Lemma 5.1.6 Siano a, b, c, d in X con a 6= b e c 6= d. Allora
1. se {a, b} = {c, d}, allora (a, b)(c, d) = 1,
2. se {a, b} {c, d} = , allora (a, b)(c, d) `e di tipo (2, 2),
3. infine, se {a, b} {c, d} contiene un solo elemento (diciamo b = d), allora
(a, b)(c, d) = (a, c, b) `e un ciclo di lunghezza 3.
{genAX}
Proposizione 5.1.7 1. AX `e generato dai cicli di lunghezza 3 di SX .
2. Se |X| 5, AX `e generato dalle permutazioni di tipo (2, 2) di SX .
Dimostrazione. Se |X| {1, 2}, allora AX = {1} e non c`e nulla da
dimostrare. Siano a, b, c tre elementi distinti di X. Se X = {a, b, c} allora
AX = h(a, b, c)i ed anche qua abbiamo finito. Sia |X| 4 e d X \ {a, b, c},
allora
(a, b)(c, d) = (a, d, c)(a, d, b)
e quindi ogni permutazione di tipo (2,2) `e prodotto di cicli di lunghezza 3.
Supponiamo infine che |X| 5 ed e X \ {a, b, c, d}. Allora
(a, b, c) = (a, b)(a, c) = (a, b)(d, e)(a, c)(d, e)
e quindi, se |X| 5, ogni ciclo di lunghezza 3 `e prodotto di permutazioni di
tipo (2, 2). La tesi segue allora dal Lemma 5.1.6.

Sia
(x1 , x2 , . . . , xk )
un ciclo di lunghezza k in SX e sia SX . Allora
1 (x1 , x2 , . . . , xk ) = (x1 , x2 , . . . , xk ). (5.1) {fusSnc}

Infatti, posto := (x1 , x2 , . . . , xk ), risulta, per ogni i {1, . . . , k 1},


1
(xi )
= x
i = xi+1 ,

e 1
(xk )
= x
k = x1 ,
Infine, se x 6 {x1 , . . . , xk }, allora
1
(x )
= x = x
cio`e x f ix( 1 ).
Da questo segue immediatamente
58 CAPITOLO 5. GRUPPI SIMMETRICI

{fusSn}
Corollario 5.1.8 1. Due cicli di SX sono fusi in SX se e solo se hanno la
medesima lunghezza.
2. Due permutazioni di SX sono fuse in SX se e solo se hanno lo stesso tipo.

5.2 Struttura normale dei gruppi simmetrici


In questo capitolo determiniamo la struttura normale dei gruppi simmetrici.
Questo capitolo segue essenzialmente la dimostrazione in [?].
Le strutture normali di S2 , S3 e S4 sono facili da verificare a mano: S2 `e
ciclico di ordine 2 i suoi sottogruppi sono S2 e {1} e sono normali, i sottogruppi
normali di S3 sono S3 , A3 e {1} e i sottogruppi normali di S4 sono S4 , A4 , il
sottogruppo di A4 generato dalle permutazioni di tipo (2, 2) (il sottogruppo di
Klein) e {1}. Si osservi che in questi tre casi i sottogruppi normali coincidono
con i termini della serie derivata. In particolare S2 , S3 ed S4 sono gruppi
risolubili. Per n 5 proveremo invece che Sn non `e risolubile perch`e contiene
il sottogruppo An che `e semplice e non abeliano. Questo `e il punto critico
nella dimostrazione di Galois che non esistono formule risolutive generali per le
equazioni polinomiali di grado maggiore o uguale a 5, cio`e che, per tali equazioni,
non `e possibile esprimere le radici a partire dai coefficienti con delle espressioni
che coinvolgano le quattro operazioni e lestrazione di radice n-esima.
{norAnSn}
Lemma 5.2.1 Sia n 5 ed N un sottogruppo non identico di An e normale
in Sn . Allora N = An .

Dimostrazione. Sia un elemento non identico di N . Per lesercizio 5.3.4


esiste una trasposizione di Sn che non commuta con . Per il corollario 5.1.8
1 `e una trasposizione e quindi 1 1 `e un elemento non identico di
N che `e prodotto di due trasposizioni. In particolare per il Lemma 5.1.6 e la
Proposizione 5.1.7, segue che

N h[, ] | Sn i = An

da cui la tesi.

{simplAn}
Teorema 5.2.2 Se n 5, An `e un gruppo semplice non abeliano.

Dimostrazione. Sia per assurdo S un sottogruppo normale proprio di An .


Sia una trasposizione in Sn . Per lesercizio 5.3.3

{hur} Sn = hAn , i. (5.2)

Per il lemma 5.2.1 e lesercizio 1.1.12, segue che non normalizza S e quindi S
`e un sottogruppo normale di An diverso da S. Osserviamo che

{hurAn} SS e S S sono sottogruppi normali di An (5.3)


5.2. STRUTTURA NORMALE DEI GRUPPI SIMMETRICI 59

perche prodotto e risp. intersezione di sottogruppi normali di An . Inoltre

{hurjoin} (SS ) = S S = S S = SS (5.4)

e, similmente,
{hurcap} (S S ) = S S = S S = S S . (5.5)
Da 5.2, 5.3, 5.4, 5.5 e lesercizio 1.1.12 segue che

SS e S S sono normali in Sn . (5.6) {hurra}

Poich`e {1} < S < SS An e {1} S S < S < An , da 5.6 e dal Lemma
5.2.1, segue che

per ogni trasposizione , SS = An e S S = {1}. (5.7) {kruks}

Per il Secondo Teorema di Omomorfismo segue che

|An | = |S||S | = |S|2 ,

in particolare S ha ordine pari, quindi, per lesercizio 1.1.14, S contiene uninvo-


luzione . Per lesercizio 5.3.2 esiste una trasposizione tale che

e quindi
1 6= = S S ,
in contraddizione con 5.7.

Corollario 5.2.3 Se n 5, gli unici sottogruppi normali di Sn sono {1}, An


ed Sn .

Dimostrazione. Sia N un sottogruppo normale di Sn . Se N contiene


An , allora N {An , Sn } perch`e An `e massimale in Sn . Se N non contiene An
allora N An `e un sottogruppo normale di Sn strettamente contenuto in An .
Per lemma 5.2.1
N An = {1}.
Se, per assurdo, N 6= {1}, allora

Sn = N An

e quindi, per il Secondo Teorema di Omomorfismo

N
= Sn /An
= Z/2Z.

In particolare N `e abeliano e quindi

N CSn (N ). (5.8) {sme}


60 CAPITOLO 5. GRUPPI SIMMETRICI

Daltra parte
[An , N ] An N = {1}
e quindi anche
An CSn (N ) (5.9) {pre}
Quindi, per lesercizio 1.1.12, N Z(Sn ) = {1}, in contraddizione con lesercizio
5.3.4

5.3 Esercizi
Esercizio 5.3.1 Si provi che se `e una permutazione di tipo (l1 , l2 , . . . , lk ),
allora lordine di `e il minimo comune multiplo di l1 , l2 , . . . , lk .
{servepersempl}
Esercizio 5.3.2 Si provi che se `e uninvoluzione di Sn , allora esiste una
trasposizione di Sn tale che = .
{genSnAntau}
Esercizio 5.3.3 Sia X un insieme e una trasposizione in SX . Si provi che
SX = hAX , i.
{centroSn}
Esercizio 5.3.4 Sia X un insieme. Si provi che, se |X| 3, Z(SX ) = {1}. In
particolare si deduca che se `e un elemento non identico di SX , allora esiste
una trasposizione tale che 6= .
{A4}
Esercizio 5.3.5 Sia A4 il gruppo alterno (cio`e delle permutazioni di classe
pari) sullinsieme {1, 2, 3, 4}. Sia N = h(1, 2)(3, 4), (1, 3)(2, 4)i e sia U =
h(1, 2)(3, 4)i. Si dimostri che:
1. N = {(1), (1, 2)(3, 4), (1, 3)(2, 4), (1, 4)(2, 3)};
2. N `e un gruppo abeliano isomorfo a Z2 Z2 ;
3. N  A4 ;
4. U = {(1), (1, 2)(3, 4)};
5. U e un gruppo abeliano isomorfo a Z2 ;
6. U  N ;
7. U (1,2,3) 6= U dunque U 6 A4 ;
8. si determinino tutti i sottogruppi, i sottogruppi subnormali ed i sottogruppi
normali di A4 e si rappresenti graficamente L(A4 );
9. si trovino degli elementi g1 , g2 , h1 , h2 di A4 tali che gi U = hi U (i = 1, 2),
ma g1 g2 U 6= h1 h2 U .
{subnormali1}
Esercizio 5.3.6 Nel gruppo simmetrico S4 consideriamo le permutazioni =
(1, 2, 3, 4) e = (1, 3).
5.3. ESERCIZI 61

1. Si provi che 2 = 4 = 1.
2. Si provi che linsieme D8 = {1, , 2 , 3 , , , 2 , 3 } `e un sottogruppo
di S4 .

3. Si determinino tutti i sottogruppi, i sottogruppi subnormali ed i sottogrup-


pi normali di D8 e si rappresenti graficamente L(D8 ). In particolare si
osservi che il sottogruppo formato dagli elementi 1 e `e subnormale ma
non normale.
Il gruppo D8 si dice gruppo diedrale di ordine 8. Esso viene usualmente
definito come gruppo delle simmetrie di un quadrato di vertici (in senso oantio-
rario) 1, 2, 3, 4: `e la rotazione (in senso antiorario) di /2 attorno al centro
e `e il ribaltamento attorno allasse passante per i vertici 2 e 4.
62 CAPITOLO 5. GRUPPI SIMMETRICI
Capitolo 6

Commutatori e
interderivato

In questa sezione introduciamo due strumenti per misurare la non commutati-


vit`
a tra elementi (il commutatore) e, elemento per elemento, tra due sottogrup-
pi (linterderivato). Linterderivato e le sue propriet`a sono costantemente usate
nella teoria dei gruppi; in particolare in questo capitolo sui gruppi risolubili
e nilpotenti useremo le propriet` a dellinterderivato per costruire la serie delle
chiusure normali, la serie derivata e la serie centrale discendente e dimostrarne
le propriet`a. Inoltre il lemma 6.2.1 ed il Lemma dei Tre Sottogruppi (esercizio
6.3.9) saranno centrali nello studio delle azioni dei gruppi sui gruppi.

6.1 Commutatori
Sia G un gruppo, a, b elementi di G. Ovviamente a e b non commutano, cio`e
ab 6= ba, se e solo se
a1 b1 ab 6= 1.
Lelemento a1 b1 ab si dice commutatore degli elementi a e b e si indica con

[a, b].

Si osservi che

ab = ba(ba)1 ab = baa1 b1 ab = ba[a, b]

quindi il commutatore di a e b pu` o essere visto certo senso come il residuo che
si ottiene quando li si commuta.
Si osservi inoltre che lapplicazione

[ , ]: GGG
(a, b) 7 [a, b]

63
64 CAPITOLO 6. COMMUTATORI E INTERDERIVATO

definisce unoperazione su G. In generale per`o [a, [b, c]] 6= [[a, b], c] (esercizio
6.3.7), quindi tale operazione non `e associativa.
Nel lemma seguente riassumiamo le principali regole di calcolo dei commu-
tatori. Sono tutte immediate conseguenze della definizione di commutatore; la
prima labbiamo appena dimostrata, la verifica delle altre `e lasciata per esercizio.
{commutatori}
Lemma 6.1.1 Siano a, b e c elementi di un gruppo G. Allora valgono le
seguenti identit`
a:

1. ab = ba[a, b];

2. [a, b] = [b, a]1 ;

3. [ab, c] = [a, c]b [b, c];

4. [a, bc] = [a, c][a, b]c ;


1
5. [a, b1 ] = ([a, b]b )1 ;
1
6. [a1 , b] = ([a, b]a )1 ;

Unimportante propriet`a dei commutatori `e che essi sono conservati dagli


omomorfismi di gruppo; si ha infatti il seguente risultato (anche qua la verifica
`e lasciata per esercizio).
{commutatoriemorfismi}
Lemma 6.1.2 Sia : G H un omomorfismo di gruppi e siano a, b elementi
di G. Allora
([a, b]) = [a , b ].
In particolare, se g G, allora

([a, b])g = [ag , bg ].

6.2 Linterderivato di due sottogruppi


Siano H e K due sottoinsiemi di un gruppo G. Linterderivato [H, K] `e il
sottogruppo di G generato dai commutatori [h, k] dove h H e k K.

[H, K] = h[h, k]|h H, k Ki.

Le principali propriet`a dellinterderivato sono le seguenti:

{interderivato} Lemma 6.2.1 Siano H e K sottogruppi di un gruppo G, allora

1. [H, K] = {1} se e solo se ogni elemento di H commuta con ogni elemento


di K.

2. se H1 H e K1 K, allora [H1 , K1 ] [H, K];

3. [H, K] = [K, H];


6.2. LINTERDERIVATO DI DUE SOTTOGRUPPI 65

4. [H, K]  hH, Ki;


5. H  hH, Ki se e solo se [H, K] H
u piccolo sottogruppo normale di hH, Ki che contiene H.
6. H[H, K] `e il pi`
Dimostrazione. 1.e 2. Discendono immediatamente dalla definizione di
interderivato.
3. Segue da 6.1.1(2) e dal fatto che H, K e [H, K] sono sottogruppi.
4. Siano a, b H e c K. Dal lemma 6.1.1(3.) si ottiene che,

[a, c]b = [ab, c][b, c]1 [H, K].

Poiche [H, K] `e generato dagli elementi [a, c] dove a H e c K, per lesercizio


1.1.8 segue che
H NG ([H, K]).
Daltra parte [H, K] = [K, H] quindi, scambiando i ruoli di H e K, si ottiene
anche
K NG ([H, K]),
da cui segue la tesi.
5. Sia h H e k K. Dal lemma 6.1.1.1. risulta

hk = h[h, k],

quindi hk H se e solo se [h, k] H da cui si ottiene 5.


u piccolo sottogruppo normale di hH, Ki che contiene H allora
6. Sia N il pi`

[H, K] [N, K] N

per il punto precedente. Viceversa si osservi che, poich`e [H, K]hH, Ki,H[H, K]
`e un sottogruppo di hH, Ki. Quindi basta mostrare che per ogni a K risulta
(H[H, K])a = H[H, K]. Ora se r, h H e k K, allora per 6.1.1.1. risulta

(r[h, k])a = ra [h, k]a = r[ra][h, k]a

che appartiene a H[H, K] per il punto 3., da cui 6. essendo H[H, K] generato
dagli elementi r[h, k] con r, h H e k K.

Dal fatto che i commutatori sono conservati dagli omomorfismi, segue che
anche linterderivato `e conservato dagli omomorfismi:
{autedint}
Lemma 6.2.2 Sia : G H un omomorfismo di gruppi e siano H, K sotto-
gruppi di G, allora [H, K] = [H , K ].

Dimostrazione. Esercizio.

Se N `e un sottogruppo normale di un gruppo G allora si pu`o caratterizzare


linterderivato [N, G] nel modo seguente:
66 CAPITOLO 6. COMMUTATORI E INTERDERIVATO

{interderivato1}
Lemma 6.2.3 Sia G un gruppo e N  G. Allora

N/[N, G] Z(G/[N, G]).

Inoltre se K `e un sottogruppo normale di G contenuto in N e tale che N/K


Z(G/K) allora
[N, G] K.

Dimostrazione. Per ogni h N e g G risulta hg = gh[h, g], da cui,


passando al quoziente modulo [N, G], si ottiene

h[N, G]g[N, G] = (hg)[N, G] = (gh)[h, g][N, G] = (gh)[N, G]

da cui N/[N, G] Z(G/[N, G]). Infine sia K un sottogruppo normale di G


contenuto in N e tale che N/K Z(G/K). Allora per ogni h N e g G
risulta
(hg)K = hKgK = gKhK = (gh)K
e quindi [h, g] = h1 g 1 hg K da cui la tesi essendo [N, G] = h[h, g]|h N, g
Gi.

In particolare, se G `e un gruppo il sottogruppo [G, G] si chiama derivato o


commutatore di G e si indica con G0 o anche con G(1) . Dal lemma 6.2.3 segue
immediatamente che
{fondamentalederivato1}
Corollario 6.2.4 Il derivato G0 di un gruppo G `e il pi`
u piccolo sottogruppo
normale di G tale che il quoziente G/G0 sia abeliano.

Si osservi inoltre che, dal lemma 6.2.2, segue che, se : G H un omomor-


fismo di gruppi, allora
(G0 ) = (G )0 ( H 0 ).

6.3 Esercizi
{comp3}
Esercizio 6.3.1 Siano N e K due sottogruppi normali di G tali che N K =
{1}. Si provi che [N, K] = {1}.
{comp4}
Esercizio 6.3.2 Sia G un gruppo in cui ogni sottogruppo ha un unico comple-
mento.
a) Si provi che se H `e un sottogruppo di G e K `e un suo complemento, allo-
ra H normalizza K e K normalizza H. b) Si deduca che [H, K]={1}. c) Si
provi che ogni sottogruppo abeliano `e centrale. d) Si provi che G `e abeliano.
suggerimento: per provare a) usare lesercizio 2.6.7
{comp6}
Esercizio 6.3.3 Sia G un gruppo finito. Si provi che ogni sottogruppo di G ha
un unico complemento se e solo se G `e abeliano ed il suo ordine `e prodotto di
numeri primi distinti. suggerimento: usare gli esercizi 3.5.10 e 6.3.2
6.3. ESERCIZI 67

{bastardo}
Esercizio 6.3.4 Siano A, B e C sottogruppi di un gruppo G e supponiamo che
[A, C] sia normale in h[A, C], Bi. Si provi che [AB, C] = [A, C][B, C].
{bastardino}
Esercizio 6.3.5 Siano A, B e C sottogruppi di un gruppo G e supponiamo che
A e C siano normali in hA, B, Ci. Si provi che [AB, C] = [A, C][B, C].

Osserviamo che, in generale, se A e C non sono normali in hA, B, Ci, allora


il risultato non `e pi`
u vero (vedi esercizio 10.5.33.
{mostardo}
Esercizio 6.3.6 A, B e C sottogruppi di un gruppo G con [A, B] = {1}. Si
provi che [A, BC] = [A, C].
{trecommutatori}
Esercizio 6.3.7 Siano a, b e c elementi di un gruppo G. Si provi con un esem-
pio che non `e vero che in generale [[a, b], c] = [a, [b, c]], (cio`e loperazione in G
che ad una coppia di elementi associa il loro commutatore in generale non `e
associativa).

Analogamente si pu` o dimostrare che, se H, K ed L sono sottogruppi di G,


in generale [[H, K], L] `e diverso da [H, [K, L]]
Per indicare lelemento [[a, b], c] si usa di solito il simbolo [a, b, c] e per indicare
linterderivato [[H, K], L] si usa il simbolo [H, K, L].

Esercizio 6.3.8 Si provi lidentit`


a di Hall-Witt:

[a, b1 , c]b [b, c1 , a]c [c, a1 , b]a = 1.


{tresottogruppi}
Esercizio 6.3.9 Si provi il Lemma dei Tre Sottogruppi: Siano H, K, L tre
sottogruppi di un gruppo G. Si provi che se

[H, K, L] e [K, L, H]

sono contenuti in un sottogruppo normale N di G, allora anche

[L, H, K]

`e contenuto in N .
68 CAPITOLO 6. COMMUTATORI E INTERDERIVATO
Capitolo 7

Gruppi risolubili e gruppi


nilpotenti

In questo capitolo introduciamo due importanti classi di gruppi: la classe dei


gruppi risolubili e la classe dei gruppi nilpotenti. Un gruppo risolubile `e un
gruppo che possiede una serie i cui fattori sono abeliani. Lorigine del nome
discende dal criterio di risolubilit`a di Galois: un polinomio `e risolubile per ra-
dicali se e solo se il suo gruppo di Galois `e risolubile. Osserviamo che la classe
dei gruppi risolubili `e la pi`
u piccola classe chiusa per le estensioni che contiene
i gruppi abeliani.
La classe dei gruppi nilpotenti `e una sottoclasse propria della classe dei grup-
pi risolubili. In questo capitolo definiremo la classe dei gruppi nilpotenti usando
delle particolari serie abeliane (le serie centrali). Una propriet`a fondamentale
dei gruppi nilpotenti che mostreremo in questo capitolo `e che ogni sottogruppo
`e subnormale (vedremo piu avanti che questa propriet`a addirittura caratterizza
i gruppi nilpotenti finiti).
Pi`u avanti, nel capitolo sulle azioni di gruppo, dimostreremo che ogni p-
gruppo finito, cio`e ogni gruppo il cui ordine `e una potenza di un numero primo
p `e nilpotente e, viceversa, ogni gruppo nilpotente `e prodotto di p-gruppi per
primi p distinti. Quindi, sostanzialmente, lo studio dei gruppi nilpotenti finiti
si riduce allo studio dei p-gruppi finiti.
Esiste un importante legame tra gruppi risolubili e gruppi nilpotenti che
verr`a chiarito nel capitolo sulle azioni di un gruppo su un gruppo. Per ora
anticipiamo che negli esercizi (e piu avanti come conseguenza del Teorema di
Sylow) dimostreremo che ogni gruppo finito possiede un sottogruppo normale
nilpotente massimo: il radicale nilpotente o sottogruppo di Fitting. Nel capitolo
sulle azioni di un gruppo su un gruppo vedremo un fondamentale risultato sui
gruppi risolubili: il Teorema di Fitting che mostra come ogni gruppo risolubile
finito sia sostanzialmente controllato dal suo sottogruppo di Fitting.

69
70 CAPITOLO 7. GRUPPI RISOLUBILI E GRUPPI NILPOTENTI

7.1 Serie abeliane e gruppi risolubili


Sia G un gruppo finito, H e K sottogruppi normali di G con K H. Una serie
subnormale da K a H

G0 = H G1 . . . Gk = K (7.1) {abser}

si dice abeliana se Gi1 /Gi `e un gruppo abeliano per ogni i {1, . . . , k}. Un
gruppo G si dice risolubile se possiede una serie abeliana da G a {1}. Se G `e
un gruppo finito, per lesercizio 2.6.9 esiste una serie di composizione

{abserc} H0 = H H1 . . . Hl = K (7.2)

contenente la serie 7.1. Poich`e i sottogruppi ed i quozienti di gruppi abeliani


sono abeliani anche la serie 7.2 `e abeliana e quindi i quozienti Hi1 /Hi sono
ciclici di ordine primo. In particolare

Proposizione 7.1.1 Un gruppo finito G `e risolubile se e solo se possiede una


serie
H0 = G H1 . . . Hl = {1}
i cui fattori sono ciclici di ordine primo.

7.1.1 La serie derivata


Sia G un gruppo e G0 il suo derivato. Definiamo per ogni n N il derivato
n-esimo G(n) di G per induzione nel modo seguente:

G(0) = G, G(1) = G0 , e per induzione, G(n+1) = (G(n) )0 .


La serie
G(0) = G G(1) . . . G(n) G(n+1) . . .
si dice serie derivata. Per il corollario 6.2.4 G(n+1)  G(n) e G(n+1) /G(n) `e un
gruppo abeliano per ogni n N. La serie derivata `e quindi una serie abeliana.
Mostreremo ora che tra le serie abeliane la serie derivata `e quella che scende pi`
u
rapidamente nel senso che preciseremo ora:
{seriederivata}
Proposizione 7.1.2 Sia G un gruppo e

G = G0 G1 . . . Gn

una serie abeliana di G. Allora per ogni i {0, . . . , n}, risulta

G(i) Gi .

Dimostrazione. Per induzione su i. Se i = 0, allora G(0) = G = G0 .


Supponiamo la tesi vera per i 1, allora G(i1) Gi1 , e quindi per il Lemma
6.2.1.2
G(i) = (G(i1) )0 (Gi1 )0 .
7.2. SERIE CENTRALI E GRUPPI NILPOTENTI 71

Daltra parte, poich`e Gi1 /Gi `e abeliano, per il corollario 6.2.4

(Gi1 )0 Gi ,

da cui la tesi

Corollario 7.1.3 Un gruppo G `e risolubile se e solo se G(k) = {1} per qualche


k N.

Dimostrazione. Se esiste k N tale che G(k) = {1}, allora la serie

G(0) = G G(1) . . . G(k) = {1}

`e una serie abeliana da G a {1}, da cui la tesi per lesercizio 6.2.1.4. Viceversa
se G `e risolubile, allora G possiede una serie abeliana

G0 = G G1 . . . Gk = {1}.

Per la proposizione precedente

G(k) Gk = {1},

da cui la tesi.

{sottoris}
Corollario 7.1.4 Un sottogruppo di un gruppo risolubile `e risolubile.

Dimostrazione. Sia G un gruppo e H G. Per induzione su i si vede


facilmente che
H (i) G(i)
per ogni i N. Se G `e risolubile, per il corollario precedente esiste k N tale
che
H (k) G(k) = {1},
e quindi H `e risolubile.

u piccolo intero k tale che G(k) = {1} si dice


Se G `e un gruppo risolubile, il pi`
lunghezza derivata di G. Per il corollario precedente la lunghezza derivata `e
lestremo inferiore delle lunghezze delle serie abeliane da G a {1}.

7.2 Serie centrali e gruppi nilpotenti


Sia G un gruppo e siano H e K sottogruppi normali di G con H K. Una
serie da H a K
H = G0 G1 . . . Gk = K
si dice centrale se per ogni i {1, . . . , k}
72 CAPITOLO 7. GRUPPI RISOLUBILI E GRUPPI NILPOTENTI

1. Gi  G e
2. Gi1 /Gi `e contenuto nel centro di G/Gi
Un gruppo che possiede una serie centrale da G a {1} si dice nilpotente.
Pi`
u avanti mostreremo che ogni gruppo il cui ordine `e una potenza di un nu-
mero primo `e nilpotente e, viceversa, lo studio dei gruppi nilpotenti si riduce
essenzialmente allo studio dei gruppi il cui ordine `e una potenza di un primo.
Ovviamente una serie centrale `e abeliana, quindi
{nil<ris}
Teorema 7.2.1 Ogni gruppo nilpotente `e risolubile.
Non vale il viceversa, infatti S3 `e un gruppo risolubile ma non `e nilpotente
(il suo centro `e identico). Dunque la nilpotenza `e una condizione pi` u forte
della risolubilit`
a. Lo studio dei gruppi nilpotenti `e fondamentale per i gruppi
risolubili. Il motivo di ci`o `e che (come vedremo pi`
u avanti) ogni gruppo risolubile
finito possiede un sottogruppo normale nilpotente (il sottogruppo di Fitting) che
ne controlla la struttura.

7.2.1 La serie centrale ascendente


Esiste un modo ovvio, che si basa sul teorema di corrispondenza, per costruire
una serie centrale in un gruppo G. Poniamo infatti
Z0 (G) = {1}
e
Z1 (G) = Z(G).
Supponiamo ora di aver definito il sottogruppo normale Zi1 (G) e consideriamo
il gruppo quoziente
G/Zi1 (G)
ed il suo centro
Z(G/Zi1 (G)).
Per il teorema di corrispondenza esiste un unico sottogruppo H di G tale che
H/Zi1 (G) = Z(G/Zi1 (G)).
Definiamo allora
Zi (G) = H.
Dunque Zi (G) `e lunico sottogruppo di G tale che
Zi (G)/Zi1 (G) = Z(G/Zi1 (G)).
Si vede facilmente, usando il teorema di corrispondenza, che la serie
Z0 (G) Z1 (G) . . . Zi1(G) Zi (G) . . .
`e una serie centrale. Questa serie si dice serie centrale ascendente ed `e
caratterizzata dal fatto che tra le serie centrali `e quella che sale pi`
u rapidamente.
7.2. SERIE CENTRALI E GRUPPI NILPOTENTI 73

Lemma 7.2.2 Sia

G0 = {1} G1 . . . Gi1 Gi . . .

una serie centrale. Allora per ogni i N

Gi Zi (G)

Dimostrazione. Per induzione su i. Se i = 0 allora Z0 (G) = {1} = G0 .


Sia i 1 e supponiamo per ipotesi induttiva che

Gi1 Zi1 (G) Zi (G).

Consideriamo la proiezione canonica

: G/Gi1 G/Zi1 (G).

Allora

(Gi /Gi1 ) (Z(G/Gi1 )) (Z(G/Gi1 ) ) =


= Z(G/Zi1 (G)) = Zi (G)/Zi1 (G) =
= (Zi (G)/Gi1 ) .

Quindi
Gi /Gi1 Zi (G)/Gi1

e
Gi Zi (G).

Corollario 7.2.3 Un gruppo G `e nilpotente se e solo se la serie centrale ascen-


dente termina con G.
{ascendente}
Corollario 7.2.4 Se G `e un gruppo nilpotente e

Z0 (G) = {1} < Z1 (G) < . . . < Zk (G) = G

`e la sua serie centrale ascendente, allora ogni serie centrale ha lunghezza mag-
giore o uguale a k.

Se G `e un gruppo nilpotente, allora la lunghezza della serie centrale ascen-


dente si dice classe di nilpotenza di G.
74 CAPITOLO 7. GRUPPI RISOLUBILI E GRUPPI NILPOTENTI

7.2.2 La serie centrale discendente


Definiamo per induzione una serie di sottogruppi

0 (G) = G 1 (G) . . . i1 (G) i (G) . . .

nel modo seguente:


1. 0 (G) = G e
2. i (G) = [i1 (G), G]
Per i punti 4. e 5. del lemma 6.2.1 e linduzione su i, si ottiene

i (G) = [i1 (G), G] i1 (G)

e, per il lemma 6.2.3,

i1 (G)/i (G) Z(G/i (G)).

Dunque questa `e una serie centrale e si chiama serie centrale discendente.


Come abbiamo gi` a anticipato, analogamente alla serie derivata, la serie centrale
discendente `e, tra le serie centrali che partono da G quella che scende nel modo
pi`
u rapido.

Lemma 7.2.5 Sia

G0 = G G1 . . . Gi1 Gi . . .

una serie centrale. Allora per ogni i N

Gi i (G)

Dimostrazione. Per induzione su i. Se i = 0 allora 0 (G) = G = G0 . Sia


i 1 e supponiamo per ipotesi che i1 (G) Gi1 . Allora per il lemma 6.2.3

Gi [Gi1 , G]

e per il lemma 6.2.1.2

[Gi , G] [i1 (G), G] = i (G)

da cui la tesi.

Corollario 7.2.6 Un gruppo G `e nilpotente se e solo se la serie centrale di-


scendente termina con il sottogruppo identico

Dimostrazione. Esercizio
7.3. LA SERIE DELLE CHIUSURE NORMALI 75

Corollario 7.2.7 Se G `e un gruppo nilpotente allora la sua classe di nilpotenza


coincide con la lunghezza della serie centrale discendente.
Dimostrazione. Esercizio

Corollario 7.2.8 Se G `e un gruppo nilpotente, allora ogni suo sottogruppo `e


nilpotente
Dimostrazione. La dimostrazione `e del tutto analoga a quella del corollario
7.1.4

7.3 La serie delle chiusure normali


Sia N un sottogruppo di un gruppo G. Il sottogruppo N [N, G] si dice chiusura
normale di N in G. Definiamo per induzione una serie
N (G,0) = G N (G,1) = N [G, N ] N (G,2) . . . N (G,i) . . . (7.3) {subnorserie}
ponendo, per ogni i N \ {0},
N (G,i) = N [N (G,i1) , N ]. (7.4) {troc}
La serie 7.3 si dice serie delle chiusure normali di N in G.
Si osservi che, per il lemma 6.2.1 ciascun termine della serie delle chiusure
normali `e normale nel precedente, quindi la serie delle chiusure normali `e una
serie subnormale. Se N `e un sottogruppo subnormale di G, la serie delle chiusure
normali `e, tra le serie subnormali da G a N quella che scende pi`
u rapidamente.
{velosub}
Teorema 7.3.1 Sia N un sottogruppo subnormale di G. Sia
N0 = G N1 . . . Nk = N
una serie subnormale da G a N . Allora
Ni N (G,i)
per ogni i {1, . . . , k}.
Dimostrazione. per induzione su i. Se i = 1, la tesi segue dal lemma
6.2.1.6. Sia i > 1 e supponiamo che
Ni1 N (G,i1) .
Per il lemma 6.2.1.6 e .2 segue allora
Ni N [Ni1 , N ] N [N (G,i1) , N ] = N (G,i) .

Dalla definizione di difetto di subnormalit`a segue immediatamente che


76 CAPITOLO 7. GRUPPI RISOLUBILI E GRUPPI NILPOTENTI

Corollario 7.3.2 Sia N un sottogruppo subnormale di un gruppo G. Allora


il difetto di subnormalit`
a di N in G `e uguale alla lunghezza della serie delle
chiusure normali di N in G.

Torniamo ora alla 7.4. Poniamo [G,1 N ] = [G, N ] e, per induzione su i,


definiamo
[G,i+1 N ] = [[G,i N ], N ].
Attenzione a non confondere [Gi , N ] con [G,i N ]
{civuole}
Lemma 7.3.3 Sia G un gruppo e N un sottogruppo di G, allora, per ogni intero
positivo i,

1. [G,i N ]  hN, [G,i N ]i;

2. [G,i N ] i (G);

3. N (G,i) = N [G,i N ].

Dimostrazione. La 1) e la 2) sono lasciate per esercizio (seguono imme-


diatamente per induzione su i). Proviamo la 3) ancora per induzione su i. Se
i = 1 la tesi segue dalla definizione. Supponiamo i > 1 e la tesi vera per i 1.
Per lesercizio 6.3.4, tenendo presente che [N, N ] N , abbiamo

N (G,i) = N [N (G,i1) , N ] = N [N [G,i1 N ], N ] = N [[G,i1 N ], N ] = N [G,i N ].

La propriet`
a pi`
u importante dei gruppi nilpotenti finiti `e la seguente
{nilsub}
Teorema 7.3.4 Sia G un gruppo nilpotente di classe k, allora ogni sottogruppo
di G `e subnormale di difetto minore od uguale a k.

Dimostrazione. Sia N un sottogruppo di G. Allora k (G) = {1} e quindi,


per il lemma 7.3.3,

N (G,k) = N [G,k N ] N k (G) = N

Pi`
u avanti vedremo che la propriet`a appena dimostrata caratterizza i gruppi
nilpotenti finiti, cio`e un gruppo finito `e nilpotente se e solo se ogni suo sotto-
gruppo `e subnormale. Il teorema 7.3.4 pu`o essere formulato anche nel modo
seguente:
{nilnorm}
Corollario 7.3.5 Sia G un gruppo nilpotente finito e H un sottogruppo non
identico di G. Allora H 6= G se e solo se esiste un sottogruppo K di G tale che
H  K e H 6= K.
7.4. ESERCIZI 77

7.4 Esercizi
Esercizio 7.4.1 Un gruppo G si dice perfetto se G = G0 . Si provi che
1. Ogni gruppo semplice non abeliano `e perfetto;
2. se G `e un gruppo perfetto e N `e un sottogruppo normale massimale di G,
allora il quoziente G/N `e un gruppo semplice non abeliano.

Esercizio 7.4.2 Siano a e b elementi di un gruppo G. Si provi che se ab


Z(G), allora
ab = ba.

Esercizio 7.4.3 Si provi che D8 `e un gruppo nilpotente.


{nilris}
Esercizio 7.4.4 Siano G un gruppo ed N un sottogruppo normale di G tale che
N e G/N siano risolubili. Si provi che G `e risolubile.
Si deduca che il prodotto diretto A B di due gruppi risolubili A e B `e risolubile

Esercizio 7.4.5 Si dia un esempio di un gruppo non nilpotente G che possiede


un sottogruppo normale N tale che N e G/N sono nilpotenti.
{nildir}
Esercizio 7.4.6 Si dimostri che il prodotto diretto A B di due gruppi nilpo-
tenti A e B `e nilpotente (suggerimento: si provi che Z(A B) = Z(A) Z(B)
e si proceda per induzione sulla somma delle classi di nilpotenza di A e B).

Esercizio 7.4.7 Sia G un gruppo finito e sia Z lunione di tutti i termini


della serie centrale ascendente di G. Si provi che:
1. Z `e un sottogruppo normale di G;
2. Z `e un sottogruppo nilpotente di G;
3. Z(G/Z ) = {1}.
Il sottogruppo Z si dice ipercentro di G.

Esercizio 7.4.8 Sia G un gruppo finito. Indichiamo con G() lintersezione


di tutti i termini della serie derivata di G. Si provi che:
1. G() `e un gruppo perfetto;
2. G/G() `e risolubile;
3. se N `e un sottogruppo normale di G tale che G/N `e risolubile, allora
N G() ;
4. si deduca che se N1 e N2 sono sottogruppi normali di G tali che G/N1 e
G/N2 sono risolubili, allora anche G/(N1 N2 ) `e risolubile.
Il sottogruppo G() si dice residuo risolubile di G
78 CAPITOLO 7. GRUPPI RISOLUBILI E GRUPPI NILPOTENTI

Esercizio 7.4.9 Sia G un gruppo finito. Indichiamo con (G) lintersezione


di tutti i termini della serie centrale discendente di G. Si provi che:
1. [ (G), G] = (G);

2. G/ (G) `e nilpotente;
3. se N `e un sottogruppo normale di G tale che G/N `e nilpotente, allora
N (G);
4. si deduca che se N1 e N2 sono sottogruppi normali di G tali che G/N1
G/N2 sono nilpotenti, allora anche G/(N1 N2 ) `e nilpotente.

Il sottogruppo (G) si dice residuo nilpotente di G

Esercizio 7.4.10 Sia G un gruppo nilpotente di classe k. Si dia una dimostrazio-


ne alternativa del teorema 7.3.4 nel modo seguente: Sia N = N0 un sottogruppo
di G e si ponga Ni = N Zi (G). Si provi che la successione

N0 N1 . . . Nk

`e una serie subnormale da N a G.


Parte II

Teoria generale delle azioni


di gruppi

79
81

Nel capitolo 2 si `e visto come Z sia un esempio fondamentale per la teoria dei
gruppi abeliani finiti; questi infatti erano tutti quozienti di potenze di Z. Pur-
troppo non `e possibile aspettarsi qualcosa di analogo per tutti i gruppi, anche
quelli non abeliani. Osserviamo per`o che anche in questo caso gi`a nella costru-
zione dei primi esempi di gruppi non abeliani, S3 e D8 , traspare uno strumento
di indagine fondamentale in teoria dei gruppi, di cui ci occupermo nei prossimi
capitoli. Quello cio`e di rappresentare un gruppo come gruppo di automorfismi
(chiariremo tra poco cosa si intende con ci`o) di unopportuna struttura e da
questa struttura derivare poi informazioni sul gruppo. S3 e D8 si definiscono
normalmente infatti non astrattamente ma come insiemi di permutazioni di un
insieme in se stesso; S3 `e linsieme di tutte le permutazioni di {1, 2, 3} mentre
D8 pu` o essere definito come sottogruppo di un gruppo di permutazioni (come
`e stato fatto nellesercizio 5.3.6), oppure come linsieme delle simmetrie di un
quadrato cio`e delle permutazioni dei punti di un quadrato che ne conservano la
struttura. Val la pena osservare che il procedimento inverso, quello cio`e di de-
scrivere le propriet`a di una struttura attraverso il suo gruppo di automorfismi,
`e una delle applicazioni principali della teoria dei gruppi, anche in discipline
diverse dalla matematica (in chimica fisica, ad esempio, per determinare le pro-
priet`
a delle molecole si usano i loro gruppi di simmetria). In matematica forse
lapplicazione pi`u conosciuta `e in Teoria di Galois, con la quale, allinizio del
XIX secolo, `e nato il concetto di gruppo. Lidea di Galois `e proprio quella
appena descritta: Galois studia il campo di spezzamento di un polinomio f at-
traverso il suo gruppo di automorfismi come algebra sul sottocampo generato
dai coefficienti di f (gruppo di Galois del polinomio f ) e dimostra che questo
campo `e unestensione radicale (e quindi il polinomio `e risolubile per radicali)
se e solo se questo gruppo `e risolubile.
82
Capitolo 8

Strutture e loro
automorfismi

Saremo interessati soprattutto in rappresentazioni su insiemi, gruppi, spazi vet-


toriali, grafi e reticoli. Per poter trattare in modo uniforme queste rappre-
sentazioni, evidenziarne gli aspetti comuni ed evitare ripetizioni, introduciamo,
nella prima sezione di questo capitolo, una versione semplificata del concetto
di struttura algebrico-relazionale. Osserviamo che, a differenza della definizione
di struttura comunemente usata in teoria dei modelli, quella che daremo non
permette di definire gli omomorfismi tra strutture diverse, ma solo gli endomor-
fismi di una struttura data che comunque sufficiente per trattare le azioni di
gruppi.

8.1 Strutture algebrico-relazionali


Sia X un insieme ed n unintero positivo, ricordiamo che unoperazione (risp.
relazione) n-aria, su X `e unapplicazione f : X n X (risp. un sottoinsieme r
di X n ). Lintero n si dice tipo delloperazione (risp. relazione).
Esempi:

1. Laddizione negli interi `e unoperazione di tipo 2.

2. In uno spazio vettoriale su un campo K, ogni elemento k di K `e unopera-


zione di tipo 1.

3. In un grafo la relazione di adiacenza `e una relazione binaria sullinsieme


dei vertici.

Una struttura algebrico-relazionale X `e una quadrupla (X, F, R, C) dove

1. X `e un insieme, detto il supporto di X ;

2. F `e un insieme di operazioni su X;

83
84 CAPITOLO 8. STRUTTURE E LORO AUTOMORFISMI

3. R `e un insieme di relazioni su X;

4. C `e un sottoinsieme di X (le costanti).

Esempi

1. Un insieme X `e una struttura del tipo (X, , , ) .

2. Un gruppo `e una struttura (G, {}, , ), dove G `e un insieme non vuoto


`e unoperazione binaria.

3. Un anello con unit`a `e una struttura (R, {+, }, , {1}), dove R `e un insieme
non vuoto + e sono operazioni binarie e 1 `e un elemento di R (lidentit`a
moltiplicativa).

4. Uno spazio vettoriale V su un campo K `e una struttura

(V, {+} {fk |k K}, , , )

dove V `e un insieme non vuoto + `e unoperazione binaria e, per ogni


k K, fk `e unoperazione 1-aria.

Quando non `e necessario specificare gli insiemi F, R, C si indica una struttura


X = (X, F, R, C) semplicemente con X.

8.2 Endomorfismi ed automorfismi di strutture


Diamo ora una definizione generale di endomorfismo ed automorfismo per strut-
ture algebrico-relazionali, nei casi particolari che a noi interessano (insiemi,
gruppi, grafi, spazi vettoriali) mostreremo che gli endomorfismi e gli automorfi-
smi di strutture sono esattamente quelli soliti.
Un endomorfismo di una struttura X `e una applicazione di X in s`e che
conserva le operazioni e le relazioni, cio`e tale che per ogni intero positivo n, per
ogni f F , per ogni r R di tipo n ed ogni x1 , . . . , xn X sia

1. ((x1 , . . . , xn )f ) = (x f
1 , . . . , xn ) ,

2. se (x1 , . . . , xn ) r allora (x
1 , . . . , xn ) r.

3. c = c per ogni c C.

Un endomorfismo di X si dice automorfismo se `e una permutazione


di X tale che

(x1 , . . . , xn ) r se e solo se (x
1 , . . . , xn ) r.

Si osservi che se linsieme R delle relazioni `e non vuoto esistono degli endo-
morfismi biiettivi che non sono automorfismi.
Esempi
8.3. IL GRUPPO DEGLI AUTOMORFISMI DI UNA STRUTTURA 85

1. Se X `e un insieme non vuoto, ogni applicazione di X in s`e `e un endomor-


fismo ed ogni permutazione di X `e un automorfismo.
2. Se X = (X, ) `e un insieme parzialmente ordinato, un automorfismo di X
`e una permutazione di X tale che per ogni a, b X sia a b se e solo
se a b .
3. Se X `e uno spazio vettoriale sul campo K, un endomorfismo di X `e una
applicazione di X in s`e tale che, per ogni a, b X e per ogni k K,
risulti (a + b) = a + b e (ka) = k(a ).

8.3 Il gruppo degli automorfismi di una struttu-


ra
Si vede facilmente che linsieme degli automorfismi di una struttura X `e un
gruppo rispetto alla composizione di applicazioni. Infatti la composizione di
applicazioni `e associativa, la mappa identica `e lelemeno neutro e lapplicazione
inversa di un automorfismo `e ancora un automorfismo. Tale gruppo si chiama
gruppo degli automorfismi della struttura X e si indica con Aut(X ). Os-
serviamo che diverse strutture algebriche possono avere lo stesso supporto: ad
esempio lo spazio vettoriale (V, +, K) sul campo K, il gruppo abeliano (V, +)
e linsieme V sono tre strutture algebriche distinte aventi tutte linsieme V co-
me supporto. Si vede immediatamente che i gruppi di automorfismi di queste
strutture sono sottogruppi del gruppo degli automorfismi del supporto. Nel no-
stro caso Aut(V, +, K) e Aut(V, +) sono sottogruppi di Aut(V ). Inoltre, poich`e
ogni automorfismo dello spazio vettoriale (V, +, K) `e anche un automorfismo
del gruppo abeliano (V, +), risulta

Aut(V, +, K) Aut(V, +)

cio`e pi`
u ricca `e una struttura, pi`
u piccolo `e il suo gruppo di automorfismi.
Nelle prossime due sottosezioni calcoleremo i gruppi degli automorfismi ri-
spettivamente di un gruppo ciclico e di un gruppo abeliano elementare. So-
no due esempi importanti perche, come si vedr`a in seguito nel capitolo delle
azioni di un gruppo su un gruppo, essi compaiono costantemente nello studio
dellarchitettura di un gruppo finito.

8.3.1 Il gruppo degli automorfismi di un gruppo ciclico


{autcyc}
Se G `e un gruppo abeliano linsieme degli endomorfismi di G `e dotato in modo
naturale di una struttura di anello: se e sono endomorfismi di G, la loro
somma + `e definita per ogni g G da

g + = g g ,

mentre il loro prodotto `e la composizione di applicazioni. Questo anello si chia-


ma anello degli endomorfismi di G e si indica con End(G). Il gruppo degli
86 CAPITOLO 8. STRUTTURE E LORO AUTOMORFISMI

automorfismi di G coincide con il gruppo degli elementi invertibili di End(G).


In generale non `e facile calcolare gli automorfismi di un gruppo. Nel caso di
un gruppo abeliano G `e pi` u facile determinare End(G) e quindi i suoi elementi
invertibili che determinare direttamente gli automorfismi. Come esempio cal-
coliamo il gruppo degli automorfismi di un gruppo ciclico e di un p-gruppo
abeliano elementare.
Sia G = hgi un gruppo ciclico generato dallelemento g. Allora ogni elemento
di G `e del tipo g k con k Z. Per ogni intero n sia n lapplicazione da G in s`e
definita da
n : g k 7 g kn

per ogni g k G. Si vede facilmente che n `e un omomorfismo da G in se stesso.


Possiamo quindi definire una applicazione

: Z End(G)
n 7 n .

` facile verificare che `e un omomorfismo di anelli ed `e suriettiva infatti


E

se End(G), allora g = g n per un opportuno intero n . Inoltre, per

ogni g k G risulta (g k ) = (g )k = g n k = (g k )n , cio`e = (n ) . Sia ora
m ker() Allora g m = 1 e quindi, se |G| `e finito, m `e un multiplo di |G|,
altrimenti m = 0. Per il primo teorema di omomorfismo per anelli risulta:

Proposizione 8.3.1 Sia G un gruppo ciclico. Se G `e infinito

End(G)
= Z,

se G `e finito
End(G)
= Z|G| .

Si noti che End(G) `e commutativo essendo isomorfo ad un quoziente dellanello


Z, quindi anche Aut(G) `e abeliano. Gli elementi invertibili di Z sono 1 e 1,
quindi se G `e infinito, i suoi automorfismi sono lidentit`a e la mappa che manda
ogni elemento nel suo inverso. Questi formano un gruppo abeliano di ordine 2.
Se G `e finito, gli elementi invertibili di Z|G| sono le classi n + |G|Z dove n `e
primo con |G|, in particolare |Aut(G)| = (|G|) ove `e la funzione di Eulero.
Abbiamo cos` dimostrato il seguente risultato:

Proposizione 8.3.2 Sia G un gruppo ciclico. Allora

Se G `e infinito, Aut(G) `e isomorfo a Z2 .

Se G `e finito, Aut(G) `e isomorfo al gruppo moltiplicativo degli elementi


invertibili dellanello Z|G| .
8.4. GRAFI E GEOMETRIE 87

8.3.2 Il gruppo degli automorfismi di un p-gruppo abelia-


no elementare
Sia p un numero primo un p-gruppo finito G si dice abeliano elementare se
G `e isomorfo al prodotto diretto

Zp Zp . . . Zp
| {z }
nvolte

per un opportuno numero naturale n diverso da 0. Chiaramente |G| = pn e


lintero n si dice rango di G.
Sia (G, +) un p-gruppo abeliano elementare (per comodit`a, in quanto segue
useremo la notazione additiva). Sia z + pZ Zp . Definiamo unapplicazione

: Zp G G
(z + pZ, g) 7 zg

Poich`e G `e un p-gruppo abeliano elementare, `e ben posta e, come si verifica


immediatamente, definisce su G una struttura di spazio vettoriale sul campo Zp .
Si verifica facilmente che gli endomorfismi di G come gruppo sono anche endo-
morfismi di G come spazio vettoriale su Zp . Poiche G `e finito, G ha dimensione
finita su Zp . Sia questa n. Allora |G| = pn . Fissata una base v1 , . . . , vn di G, si
pu`o definire un isomorfismo di anelli tra End(G) e lanello delle matrici n n a
coefficienti in Zp (ricordiamo che questo
Pn isomorfismoPn associa
Pn alla matrice (ai,j )
lendomorfismo di G definito da ( i=1 bi vi ) = j=1 i=1 bi ai,j vj . Il gruppo
degli automorfismi di G `e quindi isomorfo al gruppo moltiplicativo delle matrici
invertibili n n a coefficienti in Zp . Il gruppo degli automorfismi di G come
spazio vettoriale su Zp si indica con GL(G, Zp ), il gruppo delle matrici n n
invertibili a coefficienti in Zp si indica con GL(n, Zp ). Abbiamo dimostrato il
seguente risultato:
{automorfismi di abeliano ele
Proposizione 8.3.3 Se G `e un p-gruppo finito abeliano elementare, allora
|G| = pn per un opportuno intero n e risulta:

Aut(G)
= GL(G, Zp )
= GL(n, Zp ).

8.4 Grafi e Geometrie


In questa sezione introduciamo due strutture, forse meno conosciute degli in-
siemi, dei gruppi e degli spazi vettoriali, delle quali faremo uso pi`
u avanti per
rappresentare un gruppo. Questa parte `e essenzialmente presa dalla sezione 3
del testo Finite Group Theory di M. Aschbacher.

8.4.1 Grafi
Un grafo `e una coppia (V, R) dove V `e un insieme i cui elementi si dicono
vertici ed una relazione simmetrica R i cui elementi si dicono lati. Se x e y
88 CAPITOLO 8. STRUTTURE E LORO AUTOMORFISMI

sono vertici con (x, y) R diremo che x e y sono adiacenti. Spesso useremo
anche simboli come oppure per indicare la relazione simmetrica in un grafo
e, come `e usuale, scriveremo xRy per (x, y) R. Dati due vertici x e y nel
grafo (V, R), un cammino di lunghezza n nel grafo (V, R), `e una successione
di vertici
(u1 , . . . un )
tali che u1 = x, un = y e, per ogni i {1, . . . , n 1}

ui `e adiacente a ui+1 .

Se x `e un vertice di (V, R), linsieme dei vertici y V tali che esista un cammino
tra x e y si dice componente connessa di (V, R) contenente x. Linsieme
delle componenti connesse di (V, R) `e una partizione di V . Se x e y sono
due vertici contenuti nella medesima componente connessa del grafo (V, R) la
distanza tra x e y `e il minimo delle lunghezze dei cammini tra x e y. Se x e y
appartengono a distinte componenti connesse diremo che la distanza tra x e y
`e infinita. In entrambi i casi indicheremo con d(x, y) la distanza tra x e y.
Se (V, R) e (W, S) sono grafi, unapplicazione

: V W

che conserva ladiacenza, cio`e tale che, per ogni (x, y) R, (x , y ) S,


si dice omomorfismo di grafi tra (V, R) e (W, S). Un isomorfismo tra
(V, R) e (W, S) `e un omomorfismo biiettivo, tale che anche il suo inverso sia un
omomorfismo. Un automorfismo di (V, R) `e un isomorfismo tra (V, R) e se
stesso.

8.4.2 Le geometrie di Tits


Sia I un insieme finito. Una geometria di Tits su I `e una tripla (, , )
dove (, ) `e un grafo e una funzione da a I tale che, per ogni u, v con
(u) = (v), risulta u v se e solo se u = v. Se u diremo che (u) `e il tipo
di u. La relazione si dice relazione dincidenza della geometria (, , )
e due vertici adiacenti si dicono anche incidenti. Se (1 , 1 , 1 ) e (2 , 2 , 2 )
sono geometrie sullo stesso insieme I, unapplicazione

: 1 2

tale che
1. conserva i tipi, cio`e 1 (u) = 2 (u ) per ogni u 1 e
2. conserva lincidenza, cio`e u 2 v per ogni u, v 1 con u v,
si dice omomorfismo di geometrie (si osservi che un omomorfismo di geometrie
`e, in particolare, un omomorfismo di grafi). Un isomorfismo di geometrie `e
un omomorfismo biiettivo di geometrie e tale che anche il suo inverso sia un
omomorfismo di geometrie. Se (, , ) `e una geometria, un automorfismo
8.4. GRAFI E GEOMETRIE 89

di(, , ) `e unapplicazione g: che `e un isomorfismo di geometrie. Come


al solito linsieme degli automorfismi di una geometria (, , ) `e un gruppo e lo
indicheremo con Aut(). Come al solito, scriveremo per la geometria (, , ).
Data una geometria una bandiera in `e un sottoinsieme F di in cui ogni
coppia di vertici `e incidente. In particolare, ogni bandiera contiene al pi` u un
vertice per ciascun tipo e quindi lapplicazione induce unapplicazione iniettiva
tra F e I. Il sottoinsieme (F) di I si dice tipo della bandiera F. Il residuo
della bandiera F di F `e linsieme dei vertici di \ F che sono incidenti con
ogni elemento di F. F eredita in modo naturale la struttura di geometria su
I \ (F)

8.4.3 La Geometria Proiettiva e lo Spazio delle Bandiere


Sia V uno spazio vettoriale di dimensione n su un campo K. Linsieme dei
sottospazi di dimensione 1 di V si dice spazio proiettivo associato a V e lo
indicheremo con P (V ). La geometria proiettiva associata a V `e linsieme
di tutti i sottospazi propri di V e la indicheremo con P G(V ). I sottospazi di
dimensione 1 di V si dicono punti di P G(V ). Due elementi U e W di P G(V ) si
dicono incidenti se U W oppure W U e scriveremo U W . Chiaramente
la coppia (GP (V ), ) `e un grafo. Allora Sia ora In = {1, . . . , n 1} e

dim: P (V ) In

la funzione che a ciascun sottospazio W di V associa dim(V ). Allora la tripla


(P (V ), dim, ) `e una geometria di Tits su I, e si chiama la geometria proiet-
tiva su V . Gli automorfismi di (P (V ), dim, ) come geometria di Tits si dicono
anche collineazioni.
Un insieme non vuoto {P1 , P2 , . . . , Pl } di punti di P G(V ) si dice indipen-
dente se dim(P1 + P2 + . . . + Pl ) = l. Chiaramente un insieme indipendente di
punti proiettivi contiene al pi`u n punti (n = dim(V )) ed ogni suo sottoinsieme
non vuoto `e indipendente. Un insieme indipendente di n punti si dice telaio
(frame in inglese). Una serie

V1 < V2 < . . . < Vs

di sottospazi propri di V si dice bandiera di V . Se F `e la bandiera

V1 < V2 < . . . < Vs

di V , lintero positivo s si dice rango di F e linsieme

{dim(V1 ), dim(V2 ), . . . , dim(Vs )}

si dice tipo di F (si noti che il rango di una bandiera coincide con la cardinalit`a
del suo tipo). Una bandiera di V si dice bandiera massimale o camera se
il suo rango coincide con dim(V ) 1. Chiaramente il tipo di una bandiera
massimale `e linsieme {1, 2, . . . , n 1}. Una bandiera di V di rango n 2 dice
90 CAPITOLO 8. STRUTTURE E LORO AUTOMORFISMI

muro. Linsieme delle bandiere di V si indica con F(V ) e si chiama spazio


delle bandiere di V . Se H `e una bandiera

W1 < W2 < . . . < Wl

di V tale che
{V1 , V2 , . . . , Vs } {W1 , W2 , . . . , Wl },
diremo che F `
e contenuta nella bandiera H e scriveremo

F H.

Per il Teorema del Completamento delle Basi, ogni bandiera `e contenuta in una
camera.
{thickcplx}
Lemma 8.4.1 Ogni muro di F(V ) `e contenuto in almeno tre camere.

Dimostrazione. Sia F la camera

V1 < . . . < Vn1

e poniamo V0 := {0} e Vn := {V }. Poiche ogni spazio vettoriale di dimensione


2 contiene almeno tre sottospazi di dimensione 1, per ogni i {0, . . . , n 1}
esistono almeno tre sottospazi distinti W tali che Vi1 < W < Vi+1 e, per
ciscuno di questi sottospazi,

V1 < . . . < Vi1 < W < V1+1 < . . . < Vn1

`e una camera che contiene il muro

V1 < . . . < Vi1 < V1+1 < . . . < Vn1

Se F 1 e F 2 sono due camere, diremo che F 1 e F 2 sono adiacenti se esiste


un muro contenuto sia in F 1 che in F 2 . Se F1 e F2 sono due bandiere, diremo
che F1 e F2 sono adiacenti se esistono due camere F 1 e F 2 adiacenti tali che
Fi contenuta in F i (i {1, 2}). Chiaramente la relazione di adiacenza tra le
bandiere `e una relazione simmetrica e definisce una struttura di grafo su F(V ).
Se `e il telaio
{P1 , P2 , . . . , Pn }
e F `e la bandiera
(V1 < V2 < . . . < Vs ),
diremo che supporta F se per ogni i {1, . . . , s} esiste un sottoinsieme i
di , tale che Vi `e generato dai punti in i . Linsieme delle bandiere supportate
dal telaio si dice appartamento associato a e si indica con ().
{thincplx}
Lemma 8.4.2 Se `e un telaio ogni muro in () `e contenuto in due sole
camere di ()
8.4. GRAFI E GEOMETRIE 91

Dimostrazione. Sia il telaio

{P1 , P2 , . . . , Pn }

e sia, per ogni i {1, . . . , n 1}

Vi := hP1 , . . . , Pi i.

Sia j {1, . . . , n 1} e

Wj = hP1 , . . . , Pj1 , Pj+1 i.

Allora le uniche camere di () che contengono il muro

V1 < . . . < Vj1 < Vj+1 < . . . < Vn1

sono
V1 < . . . < Vj1 < Vj < Vj+1 < . . . < Vn1
e
V1 < . . . < Vj1 < Wj < Vj+1 < . . . < Vn1 .

{bilocale}
Lemma 8.4.3 Siano F e F 0 due bandiere, allora esiste un appartamento che
le contiene entrambe.

Dimostrazione. Per induzione su n = dim(V ). Poniamo

Wn := V.

Poiche ogni bandiera `e contenuta in una camera, possiamo supporre che F e F 0


siano rispettivamente le camere

V1 < . . . < Vn1 e W1 < . . . < Wn1 .

Sia i il massimo intero in {1, . . . , n 1}, tale che

Wi Vn1

e sia vn Wi+1 \ Vn1 . Poniamo

Uj := Wj+1 V1 , se j > i

e
Uj := Wj V1 , se j < i.
92 CAPITOLO 8. STRUTTURE E LORO AUTOMORFISMI

r Wn = V
@
@
Vn1 r @r Wn1
@ @
@
Un2@r
@
@
@r Wi+1 = hUi , vn i
@
@r U = W
i i

r Ui1 = Wi1

Allora
Wj+1 = hUj , vn i
per ogni j > i e
V1 < . . . < Vn2 e U1 < . . . < Un2
sono due camere di Vi1 . Per ipotesi induttiva esiste un appartamento In
F(Vn1 ) che le contiene entrambe. Sia

{hv1 i, . . . hvn1 i}

un telaio che supporta , allora

{hv1 i, . . . hvn1 i, hvn i}

`e un telaio in F(V ) che supporta F e F 0 , da cui la tesi.

{Suzflag}
Lemma 8.4.4 Siano U e W sottospazi di V e sia un telaio che supporta sia
U che W . Allora supporta anche U W e hU, W i.

Dimostrazione. Sia := {hvi i|1 i n}, dove (v1 , . . . , vn ) `e una base


di V . Ordiniamo gli indici in modo che

{v1 , . . . , vr } U W,

hv1 , . . . , vs i = U
8.4. GRAFI E GEOMETRIE 93

e
hv1 , . . . , vr , vs+1 , . . . , vt i = U.
Chiaramente
hU, W i = hv1 , . . . , vt i,
e quindi supporta hU, W i. Inoltre

r dim(U W ) = dim(U ) + dim(W ) dim(hU, W i) = s + (r (t s)) t = r,

quindi r = dim(U W ) e

hv1 , . . . , vr i = U W,

da cui la tesi.

Il grafo delle classi laterali


Sia G un gruppo, H e K due sottogruppi di G e sia H,K il grafo il cui insieme
dei vertici `e linsieme di tutte le classi laterali destre di H e K in G e due classi
laterali sono adiacenti se e solo se sono distinte ed hanno intersezione non vuota.
Si osservi che una classe laterale di H pu`o essere adiacente solo ad una classe
laterale di K. Pi` u in generale, se S `e una famiglia di sottogruppi di G, il grafo
S `e il grafo il cui insieme dei vertici `e linsieme di tutte le classi laterali degli
elementi di S e, come sopra, due classi laterali sono adiacenti se e solo se sono
distinte ed hanno intersezione non vuota: per ogni H, K S e x, y G, da

Hx Ky se e solo se Hx Hy 6= .

Il grafo S si dice grafo delle classi laterali dei sottogruppi di S.


Sia G = GL(V )
F := (V1 , V2 , ..., Vn )
una bandiera di sottospazi di V tali che i = dim(Vi ), quindi

Vn = V e V1 V2 . . . Vn

e sia , per ogni i {1, . . . , n 1},


1
NG (Vi ) := {g G|v g Vi e v g Vi per ogni v Vi }.

Allora, per ogni i {1, . . . , n 1}, NG (Vi ) `e un sottogruppo di G e vedremo in


seguito che, posto

SF = {NG (Vi )|i {1, . . . , n 1}},

la geometria delle classi laterali (G, SF ) `e isomorfa alla geometria proietti-


va associata a P (V ) e G si pu`o rappresentare in modo equivalente sulle due
geometrie (esercizio ??).
94 CAPITOLO 8. STRUTTURE E LORO AUTOMORFISMI

Questo `e un fatto importante perch`e, se K `e un campo finito di caratteristica


p, la famiglia di sottogruppi propri SF , pu`o essere caratterizzata intrinsecamen-
te in GL(V ) (cio`e senza far uso della rappresentazione naturale di GL(V ) su
V ) come la famiglia dei sottogruppi p-locali massimali di G contenenti un dato
p-sottogruppo di Sylow. Le definizioni di p-sottogruppo di Sylow e di sotto-
gruppo p-locale saranno date pi` u avanti, per ora vogliamo solo osservare come
la struttura di questi sottogruppi influisca sulla struttura di tutto gruppo. Lo
studio delle relazioni tra la struttura p-locale (cio`e riguardante i sottogruppi
p-locali) e la struttura globale di un gruppo si chiama Analisi Locale ed `e uno
strumento molto importante per lo studio dei gruppi finiti: nel caso di GL(V )
ad esempio, possiamo ricostruire la geometria proiettiva dalla struttura p-locale
di G.

8.5 Esercizi
{amalgam1}
Esercizio 8.5.1 Sia G un gruppo finito e S una famiglia di sottogruppi di G.
Dimostrare che il grafo S `e connesso se e solo se G = hH|H Si.
{sara vero?}
Esercizio 8.5.2 Siano d k ed n interi positivi, con d < k < n e k > n/2, e sia
k il grafo i cui vertici sono i sottoinsiemi di ordine k dellinsieme {1, . . . , n} e
due vertici sono adiacenti se e solo se la loro intersezione ha ordine d. Si provi
che k `e connesso.
{daLyons}
Esercizio 8.5.3 Siano d, k ed n interi, con o d < k < n, e sia V uno spazio
vettoriale di dimensione n su un campo K e sia k,d il grafo i cui vertici soni
i sottospazi di dimensione k di V e e due vertici sono adiacenti se e solo se la
loro intersezione ha dimensione d. Si provi che k `e connesso.
{residuo}
Esercizio 8.5.4 Sia V uno spazio vettoriale di dimensione n su un campo K e
siano U e W sottospazi di V con U < W . Si provi che il residuo della bandiera
(U, W ) in GP (V ) `e isomorfo a GP (W/U ).
Capitolo 9

Azioni di gruppi

Sia X una struttura e G un gruppo. Un omomorfismo

: G Aut(X)

si dice azione di G su X (o rappresentazione) di G come gruppo di auto-


morfismi di X. Diremo anche che G agisce su X via . Sia x X e g G.
Quando non sar` a necessario specificare lazione , scriveremo semplicemente xg

per indicare limmagine xg di x tramite lautomorfismo g . Per il primo teore-
ma di omomorfismo G/ker() `e isomorfo ad un sottogruppo di Aut(X). Quindi
da informazioni sulla struttura X, che determina il suo gruppo degli automor-
fismi, si ottengono informazioni sul quoziente G/ker() di G. In particolare la
rappresentazione si dice fedele se il suo nucleo `e identico. In questo caso G `e
isomorfo ad un sottogruppo di Aut(X).
Esempio
Sia una rappresentazione di G su un insieme X con n elementi. Allora
Aut(X) = Sn e quindi |G/ker()| deve essere un divisore di n! = |Sn |. In
particolare, se |G| non `e un divisore di n! e la rappresentazione non `e triviale
(cio`e ker() 6= G), G non `e semplice perch`e possiede il sottogruppo normale
prorio non identico ker().

9.1 Azione di un gruppo su se stesso


Per mettere in pratica la strategia descritta nella sezione precedente `e necessario
trovare delle strutture opportune su cui rappresentare un gruppo G. Ovviamen-
te G stesso (sia come insieme che come gruppo) `e una struttura e quindi `e uno
dei principali candidati su cui cercare una rappresentazione. Nelle prossime
sottosezioni presenteremo due azioni fondamentali di un gruppo G su se stesso:
una `e per moltiplicazione a destra sul suo supporto, laltra `e per coniugio. Si
tenga presente che la prima `e unazione su un insieme, la seconda `e unazione
su un gruppo.

95
96 CAPITOLO 9. AZIONI DI GRUPPI

9.1.1 Azione di un gruppo sul suo supporto per moltipli-


cazione a destra
{azcay}
Sia G un gruppo. Per ogni g G consideriamo lapplicazione
g : G G
definita, per ogni x G, da

xg = xg.
Si vede facilmente che g `e una permutazione del supporto di G.
Teorema 9.1.1 Sia G un gruppo, SG il gruppo delle permutazioni del supporto
di G e
: G SG
la funzione che associa a ciascun elemento g di G la permutazione g . Allora
`e unazione di G sul suo supporto ed il nucleo di questa azione `e {1}.
Dimostrazione. Per quanto appena visto `e unapplicazione da G in SG .
Mostriamo che `e un omomorfismo di gruppi. Siano g1 e g2 elementi di G, allora
per ogni x G risulta

x(g1 g2 ) = x(g1 g2 ) = (xg1 )g2 = (xg1 )g2 = (xg1 )g2 = x(g1 g2 ) ,
cio`e
(g1 g2 ) = g1 g2 .
Infine ker() = {g G|xg = x, x G} = {1}.

{cayley}
Corollario 9.1.2 (Teorema di Cayley) Ogni gruppo `e isomorfo ad un gruppo
di permutazioni. Pi`
u precisamente ogni gruppo G `e isomorfo ad un sottogruppo
di SX dove X `e un insieme tale che |X| = |G|.
Pi`
u in generale sia H un sottogruppo di G e G/H linsieme delle classi
laterali destre di G su H. Per ogni g G consideriamo lapplicazione
g G/H : G/H G/H
definita, per ogni Hx G/H da
G/H
(Hx)g = H(xg).
{7.3}
Teorema 9.1.3 Sia G un gruppo, SG/H il gruppo delle permutazioni di G/H
e
G/H : G Aut(G/H)
la funzione che ad ogni g G associa la permutazione g G/H . Allora G/H `e
unazione di G su G/H. Il nucleo di questa azione `e linsieme
\
coreG (H) := Hx
xG
9.1. AZIONE DI UN GRUPPO SU SE STESSO 97

Dimostrazione. La dimostrazione che G/H `e un omomorfismo di gruppi


`e analoga a quella del teorema precedente e viene lasciata per esercizio. Infine

ker(G/H ) = {g G|Hxg = Hx, x G} =


\
{g G|g x1 Hx, x G} = H x.
xG

{cayley-generalizzato}
Corollario 9.1.4 (Teorema di Cayley generalizzato) Sia G un gruppo ed H un
sottogruppo di G. G/coreG (H) `e isomorfo ad un sottogruppo di SG/H .

Il sottogruppo coreG (H) si chiama cuore di H in G ed `e, come si vede


facilmente, il pi`
u grande sottogruppo normale di G contenuto in H.

9.1.2 Azione di un gruppo su se stesso per coniugio


{azcon}
Sia G un gruppo. Per ogni g G consideriamo lapplicazione

g : G G

definita, per ogni x G, da



xg = g 1 xg.
Allora g `e un automorfismo di G. E ` chiaro infatti che g `e unapplicazione da G
g g
in se stesso. Inoltre se x = y , allora g 1 xg = g 1 yg e quindi, moltiplicando
a sinistra per g ed a destra per g 1 ambo i membri si ottiene x = y, dunque g
`e iniettiva. Inoltre `e suriettiva, perche per ogni y G risulta

y = g 1 gyg 1 g = (gxg 1 )g

Infine se x, y G allora

(xy)g = g 1 xyg = g 1 xgg 1 yg = xg y g

cio`e g `e un omomorfismo di gruppi.


Se g G, lautomorfismo g definito nellesempio precedente si dice coniu-
gio per lelemento g oppure automorfismo interno indotto da g.
{AutG}
Teorema 9.1.5 Sia G un gruppo e : G Aut(G) la funzione che a cia-
scun elemento g di G associa lautomorfismo (interno) g di G. Allora `e
un omomorfismo di gruppi.

Dimostrazione. Siano g, h G, dobbiamo mostrare che g h = (gh) ,



cio`e che per ogni x G risulta x(g h ) = x(gh) . Infatti

h )
x(g = (xg )h = (g 1 xg)h = h1 g 1 xgh = (gh)1 xgh = x(gh) .
98 CAPITOLO 9. AZIONI DI GRUPPI

Lazione definita come nel teorema 9.1.5 si dice azione di G su se stesso


per coniugio. Limmagine G di si dice gruppo degli automorfismi
interni di G e si indica con Inn(G). Il nucleo ker() si dice centro del gruppo
G e si indica con Z(G). Gli elementi del centro di G si dicono elementi centrali
di G. Ovviamente un elemento z G `e centrale in G se e solo se zx = xz per
ogni altro elemento x G. In particolare G `e abeliano se e solo se coincide con
il suo centro. Per il primo teorema di omomorfismo risulta

Inn(G)
= G/Z(G).

In particolare, se Z(G) = {1} G `e isomorfo ad un sottogruppo di Aut(G).

Proposizione 9.1.6 Inn(G)  Aut(G)

Dimostrazione. Sia g Inn(G), con g G e definita come in 9.1.5, e


sia Aut(G). Mostriamo che 1 g = (g ) e quindi `e ancora un elemento
di Inn(G). Infatti, per ogni x G,
1 1 1 1
x( g )
= (x )g
= (g 1 x g) = (g 1 ) (x ) g

= (g 1 ) xg = x(g )
.

Il gruppo quoziente Aut(G)/Inn(G) si dice gruppo degli automorfismi


esterni di G e si indica con Out(G). Un gruppo si dice completo se Z(G) =
{1} e Out(G) = {1}. Se G `e un gruppo semplice finito Aut(G) `e completo
(esercizio 9.3.16). Chiaramente, se G `e un gruppo completo, G `e isomorfo al
suo gruppo di automorfismi. E ` interessante osservare lanalogia con un risultato
simile sulle algebre di Lie ([7] Theorem 5.3 pag. 23) dove si prova che unalgebra
di Lie semplice e di dimensione finita sui numeri complessi `e isomorfa alla sua
algebra delle derivazioni. A differenza delle algebre di Lie, per`o, un gruppo
semplice finito G pu` o avere automorfismi esterni, anche se Out(G) `e un gruppo
risolubile e molto piccolo. Questo risultato `e noto come la Congettura di
Schreier. Lunica dimostrazione che si conosca della Congettura di Schreier usa
il Teorema di Classificazione dei Gruppi Semplici Finiti (CGSF). Sarebbe molto
bello riuscire a dare una dimostrazione della Congettura di Schreier indipendente
dalla CGSF. Tra i gruppi semplici finiti, i gruppi speciali lineari sono quelli che
hanno gruppo degli automorfismi esterni pi` u grande. Determineremo questo
gruppo nella sezione ??.

9.1.3 Azione per coniugio sulle sezioni normali


{esempio3}
Sia G un gruppo e K ed N sottogruppi normali di G con K N . Il gruppo
quoziente N/K si dice sezione normale di G. Mostriamo ora come lazione
9.1. AZIONE DI UN GRUPPO SU SE STESSO 99

di G su se stesso per coniugio induce in modo naturale unazione N/K su una


sua sezione normale N/K di G.
Sia N/K una sezione normale di G e sia g G. Consideriamo lapplicazione

g N/K : N/K N/K

definita, per ogni xK N/K (con x N ), da


N/K
(xK)g = xg K.

Lapplicazione g N/K `e ben definita. Infatti, poich`e K  G, risulta


N/K
(xK)g = (xK)g

e quindi non dipende dalla scelta del rappresentante x di xK. Inoltre, poiche
N  G lelemento xg appartiene ancora a N e quindi (xK)g
N/K
= xg K N/K.
N/K
Infine g `e un automorfismo di N/K (la verifica `e lasciata per esercizio).
Come prima si vede facilmente che lapplicazione

N/K : G Aut(N/K)

che ad ogni elemento g di G associa lautomorfismo g N/K `e unazione di G sul


gruppo N/K e si dice azione di G su N/K per coniugio. Il nucleo di questa
azione si dice centralizzante di N/K in G e si indica con

CG (N/K).

Riassumiamo

Proposizione 9.1.7 Se N/K `e una sezione normale di G allora CG (N/K) `e


un sottogruppo normale di G e G/CG (N/K) `e isomorfo ad un sottogruppo di
Aut(N/K).

9.1.4 Sottogruppi caratteristici


Dovrebbe essere a questo punto evidente quanto sia importante trovare sotto-
gruppi normali N o, pi` u in generale delle sezioni normali di G. Infatti questo
permette da un lato, come abbiamo visto nel primo capitolo, di ridurre la strut-
tura di G in quella pi`u semplice di G/N , N/K e K, dallaltro attiva il gruppo
G che agisce per coniugio su N/K e quindi, modulo CG (N/K) si immerge in
Aut(N/K). Il problema diviene allora quello di trovare delle sezioni normali
N/K che abbiano una struttura abbastanza semplice e di cui sia noto il gruppo
degli automorfismi (come ad esempio i gruppi abeliani elementari, o i gruppi
ciclici). La tentazione sarebbe quella di procedere per induzione, cio`e, trovata
una sezione normale N/K, se questa ha una struttura troppo complicata, pas-
sare alle sezioni normali di N/K e cos` via. Il difetto di questa strategia `e che
la normalit`a, come si `e gi`
a osservato, non `e una relazione transitiva e quindi
non `e detto che il sottogruppo che troviamo alla fine sia una sezione normale
100 CAPITOLO 9. AZIONI DI GRUPPI

di tutto G. Questo ostacolo pu`o essere aggirato considerando una relazione pi` u
forte della normalit`a che `e quella di essere caratteristico in che ora definiamo.
Sia un automorfismo di un gruppo G e sia N un sottogruppo di G. N
si dice -invariante se N N . Un sottogruppo di G si dice caratteristico
se `e -invariante per ogni Aut(G). Per indicare che N `e un sottogruppo
caratteristico di G scriveremo N <char G.
Esempi
Sia G un gruppo.
1. Z(G) <char G;
2. G0 <char G;
3. sia (G) lintersezione di tutti i sottogruppi massimali di G. (G) si dice
sottogruppo di Frattini di G ed `e un sottogruppo caratteristico;
4. Se G `e un p-gruppo, i sottogruppi
i
i (G) := hg G|g p = 1i

e i
fi (G) := hg p |g Gi
sono caratteristici.
5. Se G `e abeliano e S `e una componente primaria di G, allora S `e caratte-
ristico.
Osserviamo che un sottogruppo H di un gruppo G `e normale se e solo se
H g = H per ogni g G, cio`e se e solo se H = H per ogni Inn(G). Poiche
Inn(G) Aut(G) ne segue che
Proposizione 9.1.8 Un sottogruppo caratteristico `e normale.
Il viceversa in generale non `e vero (vedi esercizio 9.3.7).
Mostriamo ora la propriet`a pi` u importante dei sottogruppi caratteristici
cio`e che un sottogruppo caratteristico di un sottogruppo caratteristico `e ancora
caratteristico: pi`
u precisamente:
{caratteristicotransitivo}
Proposizione 9.1.9 Siano K e H sottogruppi del gruppo G con K H.
1. Se K <char H e H <char G, allora K <char G.
2. Se K <char H e H  G, allora K  G.

Dimostrazione. Dimostriamo il primo asserto, lasciando il secondo per


esercizio. Supponiamo che K <char H e H <char G. Sia Aut(G). Allora
H = H e quindi la restrizione |H di ad H `e un automorfismo di H. Ne
segue che K = K |H = K e quindi K <char G.

Una conseguenza importante di ci`o `e la seguente.


9.1. AZIONE DI UN GRUPPO SU SE STESSO 101

Corollario 9.1.10 Ogni termine della serie derivata di un gruppo `e caratteri-


stico
Sia G un gruppo risolubile di lunghezza derivata k. Allora A := G(k1) `e un
gruppo abeliano. Sia Ap una componente primaria non identica di A. Allora
Ap `e caratteristico in A e quindi anche in G. Sia ora V := 1 (Ap ). Ovviamente
{1} =6 V , inoltre risulta
V <char Ap <char A = G(k1) <char G,
da cui segue che
V <char G.
Abbiamo dimostrato il seguente
{carattabelianoinris}
Corollario 9.1.11 Se G `e un gruppo risolubile, allora G possiede un sottogrup-
po caratteristico abeliano elementare non identico.
La seguente proposizione `e un supplemento al teorema di corrispondenza e
descrive una situazione duale della proposizione 9.1.9
{caratteristicotransitivodual
Proposizione 9.1.12 Sia K un sottogruppo caratteristico di un gruppo G e sia
N un sottogruppo di G contenente K. Allora, se N/K `e caratteristico in G/K,
N `e caratteristico in G.
Dimostrazione. Supponiamo che N/K sia caratteristico in G/K. Sia
un automorfismo di G. Allora si verifica facilmente che lapplicazione
: G/K G/K
gK 7 g K
`e ben definita ed `e un automorfismo di G/K. Poich`e N/K `e caratteristico
in G/K risulta
N/K = (N/K) = N /K
e quindi, per il teorema di corrispondenza N = N

Osserviamo che il viceversa non `e vero infatti nel gruppo diedrale D8 esiste
un unico sottogruppo ciclico N di ordine 4 che `e chiaramente caratteristico in
D8 . Se K = 1 (N ) allora K `e caratteristico in D8 ed il gruppo quoziente D8 /K
`e abeliano elementare e quindi i suoi unici sottogruppi caratteristici sono D8 /K
e K/K (esercizio 9.3.7) in particolare N/K non `e caratteristico in D8 /K.
Corollario 9.1.13 Se G `e un gruppo finito risolubile, allora esiste una serie
G0 = G G1 . . . Gk = {1}
di sottogruppi caratteristici di G tali che Gi /Gi+1 `e un gruppo abeliano elemen-
tare per ogni i {0, . . . , k 1}
Dimostrazione. Discende facilmente per induzione dal corollario 9.1.11 e
dalla proposizione 9.1.12.
102 CAPITOLO 9. AZIONI DI GRUPPI

9.2 Prodotti semidiretti


Chiudiamo questo capitolo con unimportante applicazione delle azioni di gruppi
sui gruppi: il prodotto semidiretto. Questa costruzione `e una generalizzazione
del prodotto diretto di due gruppi che ci permette
1. di classificare le estensioni spezzanti,
2. di costruire nuovi gruppi e, infine,
3. di trattare le azioni di un gruppo su un altro gruppo come se questa azione
fosse il coniugio in un gruppo pi`u grande che li contiene entrambi.
Sia G un gruppo ed N un suo sottogruppo normale. Ricordiamo che G
`e unestensione spezzante di N se esiste un complemento K di N in G. In
questa sezione mostreremo come sia possibile determinare la struttura di G
dalla struttura di N , del suo complemento K e dallazione indotta da K su N
per coniugio.
Ad esempio nel caso particolare in cui gli elementi di K centralizzano N si
vede facilmente che G `e isomorfo al prodotto diretto di K per N via la mappa
che manda la coppia (k, n) nellelemento kn di G. Se K non centralizza N , `e
possibile generalizzare la costruzione del prodotto diretto di gruppi definendo
unoperazione in KN (che dipende dallazione che K induce su N per coniugio)
in modo che K N con questa operazione risulti isomorfo a G.
Consideriamo dunque G un gruppo, non necessariamente finito, che sia une-
stensione spezzante di un suo sottogruppo normale N e sia K un complemento
di N . Allora G = N K e quindi ogni elemento g G si scrive come prodotto di
un elemento di K per un elemento di N :
g = kn
(si osservi che poiche N K = {1} questa scrittura `e unica, nel senso che se
hk = h0 k 0 , allora h = h0 e k = k 0 ). Sia ora g 0 un altro elemento di G allora
esistono degli elementi h K e m N tali che
g 0 = hm.
Poiche G(= KN ) `e chiuso rispetto al prodotto, anche gg 0 si scrive come prodotto
di un elemento di N per un elemento di K. Infatti
{prodotto semidiretto interno} gg 0 = knhm = khh1 nhm = khnh m (9.1)
e, essendo N  G, nh m `e un elemento di N . Si osservi che se K e N si centra-
lizzano, allora nh = n e gg 0 = khnm, cio`e G `e isomorfo al prodotto diretto di
K e N.
Luguaglianza 9.1 suggerisce come debba essere definita loperazione che stia-
mo cercando. Siano infatti A e B due gruppi e sia : A Aut(B) unazione di
A su B. Definiamo nel prodotto diretto AB unoperazione nel modo seguente:
0
{prodotto semidiretto} (a, b) (a0 , b0 ) = (aa0 , b(a ) b0 ). (9.2)
9.2. PRODOTTI SEMIDIRETTI 103

Si verifica facilmente che (A B) con loperazione `e un gruppo. Questo


gruppo si chiama prodotto semidiretto di B con A via lazione e si indica
con A B o semplicemente con A B. Si osservi che, se `e la mappa che
manda ogni elemento di A nellautomorfismo identico (cio`e se lazione di A su
B `e triviale), il prodotto semidiretto di A per B coincide con il prodotto diretto
di gruppi. Si osservi che, a differenza del prodotto diretto, i ruoli dei due gruppi
A e B nel prodotto semidiretto sono distinti: A `e attivo nel senso che agisce su
B mentre B `e passivo. Il seguente teorema caratterizza le estensioni spezzanti.
{estensioni spezzanti}
Teorema 9.2.1 Sia G unestensione spezzante di N . Sia K il complemento di
N in G e sia : K Aut(N ) lazione che K induce per coniugio su N . Allora
G `e isomorfo al prodotto semidiretto di N per K via .

Dimostrazione. Si consideri la mappa da K N in G che a (k, n)


associa nk. Si vede facilmente che `e un isomorfismo di gruppi.

Unaltra importante applicazione dei prodotti semidiretti `e che essi ci per-


mettono di ridurre i problemi delle azioni di un gruppo su un gruppo allazione
indotta per coniugio. Sia infatti : A Aut(B) unazione di un gruppo A su
un gruppo B. Sia G il prodotto semidiretto di B per A via lazione , e siano

H := {(a, 1)|a A}

e
N := {(1, b)|b B}.
Ora H `e isomorfo ad A via lapplicazione A che ad ogni a A associa la coppia
(a, 1) cos` come N `e isomorfo a B via lapplicazione B che ad ogni b B associa
la coppia (1, b). Inoltre N  G, quindi H G = NG (N ) e lazione di A su B
`e equivalente allazione indotta dal coniugio di H su N , cio`e, per ogni a A ed
ogni b B, risulta:
(b(a ) )B = (a, 1)1 (1, b)(a, 1).
Useremo spesso questo fatto nel capitolo sulle azioni dei gruppi sui gruppi.

9.2.1 Gruppi diedrali


Come applicazione dei prodotti semidiretti classificheremo unimportante classe
di gruppi.
Un gruppo diedrale `e un gruppo generato da due involuzioni distinte.
Sia G un gruppo generato da due involuzioni distinte r ed s e sia k lordine
dellelemento rs. Poiche r ed s sono involuzioni,

(rs)r = (rs)s = sr = (rs)1 .

Da questo segue che hrsi `e un sottogruppo normale di indice minore o uguale


a 2 in G. Poiche G possiede due involuzioni distinte, G non `e ciclico, quindi
|G : hrsi| = 2 e |G| = 2k oppure infinito se k `e infinito. Quindi G `e lestensione
104 CAPITOLO 9. AZIONI DI GRUPPI

spezzante del gruppo hrsi, che `e ciclico di ordine k, con il gruppo hri (o hsi) che
ha ordine 2 e r (o s) induce per coniugio su hrsi lautomorfismo che manda ogni
elemento nel suo inverso. Il fatto che un gruppo diedrale sia estensione spezzante
di un gruppo ciclico C con un gruppo di ordine 2 il cui generatore opera come
linversione su C ci suggerisce un modo per costruire un gruppo diedrale di
ordine infinito o di ordine 2k per ogni intero k 2. Infatti se hci `e un gruppo
ciclico di ordine k (k 2) oppure di ordine infinito, ed `e lautomorfismo di
hci che manda ogni elemento nel suo inverso, allora, nel prodotto semidiretto G
di hci per hi, gli elementi (, 1) e (, c) hanno ordine 2, generano G e G ha
ordine infinito oppure 2k a seconda che lordine di c sia infinito o k.
{maindih}
Teorema 9.2.2 1. Un gruppo `e diedrale se e solo se `e lestensione spezzante
di un sottogruppo ciclico C normale con un sottogruppo di ordine 2 e, per
ogni a G \ C, a agisce su C per coniugio come lautomorfismo di C che
inverte ogni elemento.

2. Per ogni intero k maggiore o uguale a 2, esistono, a meno di isomorfismo,


un unico gruppo diedrale di ordine 2k ed un unico gruppo diedrale di ordine
infinito;

Se k `e un intero positivo, indicheremo con D2k il gruppo diedrale di ordine


2k e con D il gruppo diedrale infinito.
Unimportante conseguenza del Teorema 17.2.8 `e che, in un gruppo sempli-
ce finito G, ogni sottogruppo generato da due involuzioni distinte `e risolubile
(in particolare `e un sottogruppo proprio). Al contrario, come conseguenza del
teorema di Classificazione dei Gruppi Semplici Finiti, `e stato dimostrato che,
se p `e un numero primo che divide lordine di G, la probabilit`a che due elemen-
ti distinti di ordine p generino tutto G tende a 1 al crescere dellordine di G.
Questo, insieme al fatto che per il Teorema di Feit e Thompson ogni gruppo
semplice finito non abeliano possiede involuzioni, `e uno dei motivi per cui il
primo 2 ha un ruolo privilegiato nella dimostrazione originale del Teorema di
Classificazione e negli attuali progetti di revisione.
Pi`u avanti daremo una costruzione geometrica dei gruppi diedrali come
gruppi generati da due riflessioni di uno spazio euclideo.

9.3 Esercizi
Esercizio 9.3.1 Dimostrare il corollario 9.1.4.
{smallest prime}
u piccolo divisore primo di |G|.
Esercizio 9.3.2 Sia G un gruppo finito e p il pi`
Dimostrare che se H `e un sottogruppo di indice p in G allora H  G.
{proprieta gruppali}
Esercizio 9.3.3 Sia G un gruppo e Aut(G). Siano H, K G con K H,
si provi che:

1. H
= H;
9.3. ESERCIZI 105

2. |H : K | = |H : K|
3. se K  H allora K  H e H /K
= H/K
4. se S G allora hS i = (hSi)

Esercizio 9.3.4 Determinare il centro dei gruppi S3 e D8 .

Esercizio 9.3.5 Dimostrare che un gruppo semplice non abeliano ha centro


identico.

Esercizio 9.3.6 Sia G un gruppo e sia G/Z(G) abeliano, si provi che:


1. per ogni a G, lapplicazione

[, a]: G G

definita, per ogni g G, da

g [,a] = [g, a]

`e un endomorfismo di G la cui immagine `e contenuta in Z(G).


2. il nucleo di questo endomorfismo `e CG (a).
3. G/CG (a) `e isomorfo ad un sottogruppo di (Z(G).
{normali non caratteristici}
Esercizio 9.3.7 Dimostrare che in un p-gruppo abeliano elementare G tutti i
sottogruppi sono normali ma gli unici sottogruppi caratteristici sono {1} e G.

Esercizio 9.3.8 Calcolare lordine di GL(n, Zp ).


{Derivatop}
Esercizio 9.3.9 Si provi che se in un gruppo G risulta G0 G allora per ogni
primo p che divide |G/G0 | esiste un sottogruppo caratteristico G(p) tale che
G/G(p) `e un gruppo abeliano di ordine pk dove pk `e la massima potenza di p
che divide |G/G0 |.

Esercizio 9.3.10 Si provi che se H `e un sottogruppo di un gruppo G allora


esiste un G-insieme (X, ) ed un elemento x X con H = Gx .

Esercizio 9.3.11 Si provi che se N `e un sottogruppo normale di un gruppo G,


allora esiste un G-insieme (X, ) con N = ker().

Sia G un gruppo. Un elemento g di G si dice non-generatore se per ogni


sottoinsieme X di G tale che hX, gi = G, risulta hXi = G.
{nongeneratori}
Esercizio 9.3.12 Sia G un gruppo finito, si provi che il sottogruppo di Frattini
di G coincide con linsieme dei non-generatori.

Esercizio 9.3.13 Sia G un gruppo e supponiamo che G possieda un p-sotto-


gruppo abeliano elementare, normale e non identico V di ordine pn . Supponiamo
che |G/V | sia coprimo con |GL(n, p)|. Allora V Z(G).
106 CAPITOLO 9. AZIONI DI GRUPPI

Dimostrazione. Infatti abbiamo visto che V pu`o essere considerato come


uno spazio vettoriale sul campo Zp e gli automorfismi di V come spazio vetto-
riale coincidono con gli automorfismi di V come gruppo. Poiche V `e normale
in G, G agisce per coniugio come gruppo di automorfismi su V . Lazione che G
induce per coniugio su V `e una rappresentazione di G nel gruppo GL(V ) che, se
lordine di V `e pn , `e isomorfo a GL(n, p). Per il primo teorema di omomorfismo
il gruppo quoziente di G sul nucleo di questa rappresentazione `e isomorfo ad un
sottogruppo del gruppo lineare GL(n, p). Il nucleo di questa rappresentazione
`e il centralizzante CG (V ) di V in G. Quindi G/CG (V ) `e isomorfo ad un sotto-
gruppo di GL(n, p). In particolare |G/CG (V )| divide |GL(n, p)|. Chiaramente
V , essendo abeliano, `e contenuto nel suo centralizzante. Poiche |G/V | `e coprimo
con |GL(n, p)|, lunica possibilit`a `e che G = CG (V ), cio`e che V sia contenuto
nel centro di G.

Le rappresentazioni di G come gruppo di automorfismi di uno spazio vetto-


riale si dicono rappresentazioni lineari. In questo corso non ci occuperemo di
rappresentazioni lineari ma soprattutto di rappresentazioni di un gruppo come
gruppo di permutazioni di un insieme. Abbiamo voluto accennare alle rappre-
sentazioni lineari perche esse sono uno strumento fondamentale nello studio dei
gruppi. Lesempio precedente mostra come queste compaiano in modo natura-
le. Per esempio se G `e un gruppo risolubile allora esiste sempre un sottogruppo
normale abeliano elementare non identico. Per questo, la teoria delle rappre-
sentazioni lineari `e uno strumento fondamentale nellindagine sulla struttura dei
gruppi risolubili (e non solo).

Esercizio 9.3.14 Sia G un gruppo e si consideri lazione che G induce su se


stesso per coniugio. Sia H il prodotto semidiretto di G per G via . Si provi
che H `e isomorfo al prodotto diretto G G.

Esercizio 9.3.15 Sia G un gruppo con Z(G) = {1}. Si provi che

CAut(G) (Inn(G)) = {1}.

Si deduca che Z(Aut(G)) = {1}.


{sempleto}
Esercizio 9.3.16 Sia G un gruppo semplice finito. Si provi che Aut(G) `e
completo (suggerimento: sia Aut(Aut(G)), provare che

G
= Inn(G)
= Inn(G) / Aut(G).

Dedurre che hInn(G), Inn(G) i = Inn(G) Inn(G) . Per lesercizio preceden-


te, Inn(G) = Inn(G) e quindi Inn(Aut(G).)
Capitolo 10

Azione di un gruppo su un
insieme

In questo capitolo studieremo le rappresentazioni di un gruppo G nel gruppo


SX delle permutazioni di un insieme X. Introdurremo a questo scopo la nozione
di G-insieme. Un G-insieme pu` o essere interpretato come il prototipo di uno
spazio vettoriale su un campo K o, pi` u in generale, di modulo destro su un
anello R. Un modulo destro su un anello R `e infatti una coppia (M, ), dove M
`e un gruppo abeliano e `e un omomorfismo di anelli da R nellanello End(M )
degli endomorfismi di M (si osservi che, nel caso particolare in cui R sia un
campo, (M, ) `e esattamente uno spazio vettoriale su R). Analogamente un
G-insieme `e una coppia (X, ), dove X `e un insieme e , in questo caso, `e
una rappresentazione di G su X. In quanto segue cercheremo di sviluppare
la teoria dei G-insiemi in modo da evidenziarne le analogie con la teoria dei
moduli destri su un anello R (o degli spazi vettoriali). In particolare, come R
stesso pu` o essere visto come modulo destro su se stesso per moltiplicazione a
destra (o un campo come spazio vettoriale di dimensione 1 su se stesso), cos`
un gruppo G ha una struttura naturale di G-insieme via lazione regolare a
destra : il G-insieme (G, ) si dice G-insieme regolare destro. Definiremo
i G-sottoinsiemi, gli omomorfismi ed i quozienti di G insiemi e proveremo che i
quozienti del G-insieme regolare a destra sono tutti e soli gli insiemi delle classi
laterali destre di G modulo un suo sottogruppo. Vedremo che ogni G-insieme si
decompone come unione disgiunta di G-orbite, cio`e di G-sottoinsiemi minimali
non vuoti e, analogamente a quanto accade per i sottomoduli ciclici, ogni G-
orbita `e isomorfa ad un quoziente del G-insieme regolare a destra. Questo `e il
risultato pi`u importante di tutto il capitolo. Lo useremo in seguito per provare la
nilpotenza dei p-gruppi, il Teorema di Sylow ed il Teorema di Schur-Zassenhaus.
Negli spazi vettoriali, uno spazio vettoriale di dimensione 1 non ha quozienti
propri, ma, in generale, un modulo destro ciclico su un anello R pu`o avere
quozienti propri. Cos` una G-orbita pu`o avere quozienti propri. Un G-insieme
privo di quozienti propri si dice primitivo, questi sono gli elementi semplici

107
108 CAPITOLO 10. AZIONE DI UN GRUPPO SU UN INSIEME

della teoria dei G-insiemi. Proveremo che se X `e un G-insieme primitivo, allora


X `e isomorfo allinsieme delle classi laterali destre di G modulo un sottogruppo
massimale.

10.1 G-insiemi
In questa sezione sia G un gruppo, X un insieme e : G SX unazione di G su
X. Chiameremo la coppia (X, ) un G-insieme. Quando non sar`a necessario
specificare lazione , diremo semplicemente che X `e un G-insieme. In questo
caso inoltre, se x X e g G, scriveremo semplicemente xg al posto di x(g) .
Se `e lazione regolare a destra di G sul suo supporto, il G-insieme (G, ) si
dice G-insieme regolare destro

10.1.1 G-sottoinsiemi e orbite


Un G-sottoinsieme di X (o un sottoinsieme G-invariante) `e un sottoinsieme
Y di X tale che per ogni y Y ed ogni g G risulti y g Y . In questo caso
diremo che G agisce su Y perche, come si vede facilmente, lapplicazione che
ad ogni g G associa la mappa g |Y `e unazione di G su Y . Per comodit`a,
continueremo a chiamare questa nuova azione.
ESEMPI
1) Se X = G e `e lazione di G per coniugio, allora i sottogruppi che sono
sottoinsiemi G-invarianti sono esattamente i sottogruppi normali.
2) Se X = G e `e lazione di G su se stesso per moltiplicazione a destra,
allora G `e lunico sottoinsieme G-invariante non vuoto di G.
Si vede facilmente che lunione e lintersezione di G-sottoinsiemi sono ancora
G-sottoinsiemi, cio`e i G-sottoinsiemi di X formano un sottoreticolo del reticolo
delle parti di X ordinato per inclusione. Gli elementi minimali di questo sot-
toreticolo si dicono G-orbite. Le propriet`a fondamentali delle G-orbite sono
riassunte nella seguente proposizione (la dimostrazione `e lasciata per esercizio).

{orbite} Proposizione 10.1.1 Sia G un gruppo ed X un G-insieme.

1. Le G-orbite di X sono tutti e soli i sottoinsiemi del tipo

xG = {xg |g G}

al variare di x in X.

2. Per ogni x, y X, xG = y G se e solo se y xG .

3. Le G-orbite di X formano una partizione di X ed ogni G-sottoinsieme `e


unione (disgiunta) di G-orbite.

Se O `e una G-orbita e x O, diremo che O `e la G-orbita di x.


10.1. G-INSIEMI 109

10.1.2 G-omomorfismi
Se (Y, ) `e un altro G-insieme un G-omomorfismo tra X e Y `e unapplicazione
: X Y tale che per ogni g G ed ogni x X risulti

(xg ) = ((x))g

(o, pi`u precisamente (xg ) = ((x))g ). Come al solito i G-omomorfismi
iniettivi, suriettivi e biiettivi si dicono rispettivamente G-monomorfismi, G-
epimorfismi e G-isomorfismi. X e Y si dicono G-isomorfi se esiste un
G-isomorfismo tra X e Y .

10.1.3 Quozienti di G-insiemi e primo teorema di omo-


morfismo per G-insiemi
Richiamiamo ora brevemente alcuni risultati elementari sulle equivalenze e le
partizioni.
Sia f : X Y unapplicazione tra due insiemi. Sia f la relazione su X
definita da
x f y se e solo se f (x) = f (y).
La relazione f `e una relazione dequivalenza e si dice equivalenza associata
allapplicazione f .
Se una relazione dequivalenza su X. Per ogni x X indichiamo con [x]
la classe dequivalenza di x secondo la relazione , quindi

[x] := {y X|y x}.


Linsieme delle classi di equivalenza `e una partizione di X, si chiama insieme
quoziente di X modulo e si indica con X/ .
Viceversa se P `e una partizione su X la relazione P su X definita da

x P y se e solo se esiste P, tale che {x, y}

`e una relazione di equivalenza e si dice equivalenza associata alla par-


tizione P, inoltre, per ogni equivalenza su X ed ogni partizione P di X,
risulta

X/ P = P e X/ = .
Se P `e una partizione di X, lapplicazione P : X P che ad ogni elemen-
to x X associa lunico elemento di P cui x appartiene si dice proiezione
canonica di X su P e risulta

X/f =f .
In questo modo si vede che per ogni equivalenza su X esistono un insieme
Y ed unapplicazione f tali che =f
110 CAPITOLO 10. AZIONE DI UN GRUPPO SU UN INSIEME

Tutto ci`o pu`o essere specializzato per qualsiasi struttura algebrica, basta
sostituire le applicazioni con gli omomofismi, le equivalenze con le equivalenze
che sono compatibili con la struttura, cio`e le congruenze ed analogamente per
le partizioni. In particolare questo vale per i G-insiemi.

Sia infatti (X, ) un G-insieme, dove G `e un gruppo e : G SX unazione


di G su X.
Una relazione dequivalenza su X si dice compatibile con lazione di G
(G-compatibile, G-congruenza) se per ogni x, y X ed ogni g G, risulta

x y x(g) y (g)

Si vede facilmente che le G-congruenze sono tutte e sole le equivalenze


associate agli omomorfismi di G-insiemi.
Se `e una G-congruenza, si verifica immediatamente che, per ogni x X,
e per ogni g G,

[x] = [xg ] oppure [x] [xg ] = .

Diremo che una partizione P di X `e compatibile con lazione di G (G-


partizione) se `e associata ad una G-congruenza. Per quanto appena visto, P
`e una G-partizione se e solo se per ogni P e per ogni g G risulta

{G-compatibile} g P. (10.1)

La relazione precedente mostra che se P `e una G-partizione, lazione di G


su X induce in modo naturale unazione, che per il momento chiamiamo P , di
G su P definita, appunto, come segue:

()P (g) := g .

In particolare, se P `e linsieme quoziente X/ modulo la G-congruenza ,


il G-insieme (X/ , X/ ) si dice G-insieme quoziente di X modulo .
Osserviamo che {X} e {{x}|x X} sono due G-partizioni di G e si dicono
G-partizioni banali. Se X non ha altre G-partizioni diremo che lazione di G su
X `e primitiva (G `e primitivo su X, oppure X `e un G-insieme primitivo).
{primoGinsiemi}
Teorema 10.1.2 (Primo Teorema di omomorfismo per G-insiemi) Sia G un
gruppo, X ed Y due G-insiemi e f : X Y un omomorfismo di G-insiemi. Sia
la relazione dequivalenza associata a f e sia la proiezione canonica di X
sul G-insieme quoziente X/ . Allora esiste ununica applicazione f: X/ Y
tale che, per ogni x X, sia

{styx} f (x) = f((x)). (10.2)

Inoltre f `e un monomorfismo di G-insiemi ed `e suriettivo se e solo se f lo `e.


10.2. ORBITE, STABILIZZATORI E PUNTI FISSI 111

Dimostrazione. Il primo teorema di omomorfismo per insiemi prova che


esiste ununica applicazione f che soddisfa la 10.2 e tale applicazione `e (ben)
definita ponendo
f([x] ) = f (x)
per ogni [x] X/ . Inoltre f `e iniettiva ed `e anche suriettiva se e solo se f lo
`e. Resta quindi solo da dimostrare che f `e un omomorfismo di G-insiemi. Sia
dunque g G e [x] X/ . Allora

f([x]g ) = f([xg ] ) = f (xg ) = f (x)g = (f([x] )g .

Nella prossima sezione proveremo che ogni G-orbita di un G-insieme X `e


isomorfa ad un quoziente del G-insieme regolare a destra. Chiudiamo questa
sezione determinando tutti i quozienti del G-insieme regolare a destra.
{quoreg}
Proposizione 10.1.3 Sia P una G-partizione del G-insieme regolare a destra.
Sia Y P con 1 Y . Allora Y `e un sottogruppo di G e P = G/Y .

Dimostrazione. Per ogni y Y , poiche y = 1y = 1(y) e 1 Y , risulta


y Y Y (y) . Poiche Y P e P `e una G-partizione, segue che Y = Y (y) e
quindi Y `e un sottogruppo per lesercizio 10.5.3. Ne segue che G/Y = {Y (g) |g
G} P. Daltra parte anche G/Y `e una partizione di G, e quindi G/Y = P.

10.2 Orbite, stabilizzatori e punti fissi


Il punto 3. della proposizione 10.1.1 mostra il ruolo privilegiato che hanno le
G-orbite. Ora mostreremo come le G-orbite sono tutte isomorfe a quozienti del
G-insieme regolare a destra. Questo risultato ha importantissime conseguenze,
in particolare (ma non solo) per dimostrare lesistenza di punti fissi. Avvertiamo
che le notazioni adottate in questo capitolo sono leggermente diverse da quelle
in [1].
In tutta questa sezione G `e un gruppo finito e (X, ) un G-insieme.

10.2.1 Stabilizzatori puntuali e globali


Sia x un elemento di X, linsieme degli elementi g di G tali che xg = x, (cio`e
che lasciano fisso lelemento x) si dice stabilizzatore o centralizzante di un
elemento in G di x e si indica con StG (x), o con CG (x) o, pi`u semplicemente
con con Gx . Se Y `e un sottoinsieme di X, indicheremo con GY lo stabilizzatore
globale del sottoinsieme Y cio`e:
1
GY := {g G|y g Y e y g Y per ogni y Y }.
112 CAPITOLO 10. AZIONE DI UN GRUPPO SU UN INSIEME

Si osservi che GY `e esattamente lo stabilizzatore di Y come elemento di P(X)nellazione


indotta di G su P(X). Infine indichiamo con CG (Y ), oppure con G[Y ] , lo
stabilizzatore puntuale o centralizzante di Y , cio`e

G[Y ] := {g G|y g = y per ogni y Y }.


{stab}
Proposizione 10.2.1 Sia X un G-insieme, x X e Y X. Allora
1. Gx , GY e G[Y ] sono sottogruppi di G;
2. G[Y ] GY .

Dimostrazione. Esercizio 10.5.11

10.2.2 Punti fissi


Sia g un elemento di G, indichiamo con Xg linsieme dei punti fissi di g, cio`e:

Xg = {x X|xg = x}.

Similmente, se H `e un sottogruppo di G, indichiamo con CX (H) o con XH


linsieme degli elementi di X che sono punti fissi per ogni elemento di H, cio`e:

XH = {x X|xh = x per ogni h H}.

XH si dice anche centralizzante di H in X. Si noti la differenza con il cen-


tralizzante di un sottoinsieme di X definito nel paragrafo precedente: mentre
GY `e un sottogruppo di G, cio`e loggetto che agisce su X, XH `e un sottoinsie-
me di X, cio`e loggetto che subisce lazione di G. Abbiamo scelto la medesima
notazione (ed il medesimo nome) per i due centralizzanti per due motivi: uno
`e che nellazione di un gruppo su se stesso per coniugio, queste due definizioni
coincidono; laltro motivo `e per sottolineare la simmetria dei loro ruoli nella
corrispondenza, tra i sottogruppi di G ed i sottoinsiemi di X, che a ciascun
sottogruppo associa linsieme dei suoi punti fissi e a ciascun sottoinsieme di X
associa il suo centralizzante in G. Questa corrispondenza `e alla base della Teoria
di Galois (e non solo). Si osservi che, in generale, questa corrispondenza non `e
una funzione. Nella proposizione che segue sono riassunti i risultati elementari
di questa corrispondenza.
{Galois}
Proposizione 10.2.2 (Corrispondenza di Galois) Sia G un gruppo che agisce
su un insieme X. Sia L(G) il reticolo dei sottogruppi di G e P(X) linsieme
delle parti di X. Allora
1. se H K allora XH XK ;
2. se Y Y allora G[Y ] G[Y ] ;
3. H GXH e Y XGY ;
10.2. ORBITE, STABILIZZATORI E PUNTI FISSI 113

4. XH = XG[XH ] e G[Y ] = G[XG[Y ] ] ;

5. Se Y `e G-invariante, allora GY  G.
6. Se H `e un sottogruppo normale di G, allora XH `e G-invariante.
Dimostrazione. Esercizio 10.5.12

10.2.3 Orbite e stabilizzatori


Veniamo ora al risultato principale di questa sezione. Sia x X e poniamo
H = Gx .
Nel Teorema 9.1.3 abbiamo definito lazione di G sullinsieme G/H delle
classi laterali destre di un suo sottogruppo H per moltiplicazione a destra. Sia
x X e consideriamo lazione di G quando H = Gx . Allora (G/Gx , ) `e un
G-insieme. Un risultato fondamentale, che dimostreremo adesso, `e che questo G-
insieme `e G-isomorfo a (Ox , ). Questo risultato permette di tradurre problemi
sulle azioni transitive di un gruppo G a problemi sullazione per moltiplicazione
a destra di G sui suoi sottogruppi. Negli esercizi 10.5.16 e 10.5.17 mostreremo
come questa strategia possa essere utilizzata.
{Stabilisatoren}
Teorema 10.2.3 Sia G un gruppo, X un G-insieme, Ox la G-orbita dellele-
mento x di X,
: G Ox
lapplicazione definita da
(g) = xg
per ogni g G e lequivalenza associata a . Allora
1. `e un omomorfismo tra il G-insieme regolare a destra e Ox ;
2. [1] = Gx ;
3. induce un isomorfismo di G-insiemi tra G/Gx e Ox .
Dimostrazione. Per ogni h G, risulta
(g (h) ) = (gh) = xgh = (xg )h = ((g))h ,
il che prova che `e un omomorfismo di G-insiemi ed `e chiaramente suriettivo.
Il punto 2 segue dal fatto che g [1] se e solo se

xg = (g) = (1) = x1 = x,
cio`e se e solo se g Gx . Infine il punto 3 segue dal punto 2 e dalla proposizione
10.1.3

Il numero degli elementi di una G-orbita si dice lunghezza dellorbita. Il


numero delle classi laterali di un sottogruppo in un gruppo `e lindice di questo
sottogruppo. Il teorema 10.2.3 ha il seguente importante corollario.
114 CAPITOLO 10. AZIONE DI UN GRUPPO SU UN INSIEME

{Index vom Stabili


Corollario 10.2.4 Se G `e finito e con le ipotesi del teorema precedente, la
lunghezza dellorbita dellelemento x `e uguale allindice dello stabilizzatore di x
in G.

Questo risultato `e dovuto a Lagrange ([12] pag. 84). Si osservi che quello
che `e comunemente noto come il Teorema di Lagrange 1.0.3 altro non `e che un
caso particolare del corollario 10.2.4 (esercizio 10.5.15).
Val la pena impararsi a memoria lenunciato di questo corollario, come se
fosse una formula magica.

10.2.4 Lequazione delle orbite


{equazionedelleorbite}
Sia G un gruppo, X un G-insieme finito. Siano Ox1 , . . . , Oxn le G-orbite distinte
di X (xi X per ogni i {1, . . . n}). Nel paragrafo precedente abbiamo
mostrato che X `e lunione disgiunta di Ox1 , . . . , Oxn e quindi
n
X
{equazione.delle.classi.1} |X| = |Oxi |. (10.3)
i=1

Un elemento x di X tale che per ogni g G sia xg = x si dice punto fisso


sotto lazione di G. Chiaramente x `e un punto fisso se e solo se Ox = {x}.
Supponiamo che X abbia l punti fissi (ovviamente l {1, . . . n}). Ora, a meno
di riordinare gli indici, possiamo supporre che questi siano x1 , . . . , xl . Il secondo
membro dellequazione 10.3 pu`o essere quindi scomposto nel modo seguente:
n
X l
X n
X
|Oxi | = |Oxi | + |Oxi |.
i=1 i=1 i=l+1

Per ogni i l Gxi = G e quindi la prima sommatoria del secondo termine `e


uguale a l.
La 10.3 diviene
Xn
{equazione.delle.classi.3} |X| = l + |Oxi | (10.4)
i=l+1

dove, ripetiamo, l `e il numero dei punti fissi di X e |Oxi | > 1 per ogni i
{l, . . . , n}. Per il corollario 10.2.4 |Oxi | = |G : Gxi | e quindi la 10.3 diviene
n
X
{equazione.delle.classi.2} |X| = |G : Gxi | (10.5)
i=1

e la 10.4 diviene
n
X
{equazione.delle.classi.4} |X| = l + |G : Gxi |. (10.6)
i=l+1

Lequazione 10.6 viene detta equazione delle orbite. Essa assume un


significato particolare nel caso di gruppi di ordine potenza di un primo. Infatti
10.3. AZIONI TRANSITIVE E PRIMITIVE 115

per il teorema di Lagrange |G : Gxi | divide |G|. Supponiamo ora che G abbia
ordine pk per un numero primo p ed un intero positivo k. Allora, per ogni
i {l, . . . , n} p divide |G : Gxi |. In particolare se p non divide |X|, allora l > 0
e X ha punti fissi. Abbiamo dimostrato il seguente risultato:
{pfondamentale}
Proposizione 10.2.5 Sia p un numero primo, k un intero positivo. Se G `e un
gruppo di ordine pk che opera su un insieme X di ordine coprimo con p, allora
X ha punti fissi.
{pfondamentale1}
Corollario 10.2.6 Sia p un numero primo e siano G e P gruppi di ordine pk
e pt rispettivamente. Sia unazione di G su P e supponiamo che limmagine
di sia contenuta in Aut(P ). Allora P contiene punti fissi diversi da 1.

Dimostrazione. Poiche, per ogni g G, (g) `e un automorfismo di


a di P `e un punto fisso per lazione di G. Ma allora P \ {1} `e G-
G, lidentit`
invariante ed il suo ordine `e coprimo con p, da cui segue la tesi per la proposizione
precedente.

10.3 Azioni transitive e primitive


Sia X un G-insieme e supponiamo che per ogni x, y X esista un elemento
g G tale che xg = y. In questo caso X = Ox per ogni x X. Una tale
azione si dice transitiva e diremo che G opera transitivamente (o che G
`e transitivo) su X . Per il teorema 10.2.3 X `e G-isomorfo allinsieme delle
classi laterali di Gx in G dove x `e un qualsiasi elemento di X. Daltra parte,
se H G lazione di G su G/H per moltiplicazione a destra `e ovviamente
transitiva. Abbiamo mostrato il seguente risultato:

Proposizione 10.3.1 I G-insiemi su cui il gruppo G opera transitivamente


sono tutti e soli quelli G-isomorfi ad insiemi del tipo G/H con H G ove
lazione di G `e quella indotta per moltiplicazione a destra.

La transitivit`
a si eredita ai quozienti, infatti
{quozienti di transitivi}
Proposizione 10.3.2 Sia G un gruppo ed X un G-insieme. Se G `e transitivo
su X, allora G `e transitivo su ogni G-insieme quoziente di X.

Dimostrazione. Sia P una G-partizione di X e 1 , 2 P. Per i {1, 2},


sia
xi i P.
Poich`e G `e transitivo su X, esiste un elemento g di G tale che xg1 = x2 . Ne
segue che
x2 g1 2
e quindi g1 = 2
116 CAPITOLO 10. AZIONE DI UN GRUPPO SU UN INSIEME

Sia G un gruppo ed X un G-insieme. Osserviamo che linsieme delle G-orbite


di X `e una G-partizione di G, quindi
{tran e prim}
Lemma 10.3.3 Sia unazione del gruppo G sullinsieme X. Se `e primitiva
allora `e transitiva.

Sia P una G-partizione di X. Osserviamo che, dalla 10.1, segue che per ogni
P e per ogni g G

{dominio dimprimitivita} g = oppure g = . (10.7)


In particolare da questo si ottiene che
{ptwise e setwise stab}
Proposizione 10.3.4 Se X `e un G-insieme e P `e una G-partizione allora, per
ogni P ed ogni x , risulta

Gx G .

In generale un sottoinsieme proprio del G-insieme X che contenga almeno


due elementi e che verifichi la condizione 10.7 di dice dominio dimprimitivit`
a di
X. La 10.7 mostra che se G non `e primitivo allora esiste un dominio dimprimi-
a in X. Viceversa, sia un dominio dimprimitivit`a e Y := gG (X \ g ).
T
tivit`
Allora {g |g G} {Y } `e una G-partizione non banale di G; dunque

Proposizione 10.3.5 Sia G un gruppo ed X un G-insieme. G `e primitivo su


X se e solo se X non possiede domini dimprimitivit`
a.

Osserviamo inoltre che se G `e transitivo ma non primitivo su X e `e un


dominio dimprimitivit`a allora, dalla proposizione 10.3.2, segue che {g |g G}
`e una G-partizione di X.
Dalla proposizione 10.3.3 segue che le azioni primitive non banali sono tran-
sitive. Supponiamo che G sia un gruppo transitivo su X. Per il teorema 10.2.3
lazione di G su X `e equivalente allazione di Cayley di G sulle classi laterali
dello stabilizzatore Gx di un (qualsiasi) elemento x di X. Osserviamo che, se P
`e una G-partizione di G, allora, per la proposizione 10.3.2, G `e transitivo su P
e, per la proposizione 10.3.4, se x P risulta Gx G G. In particolare
se Gx `e un sottogruppo massimale di G allora G coincide con Gx oppure con
G. Nel primo caso, dal teorema 10.2.3 si ottiene che, come G-insiemi,

X
= G/Gx
= G/G
= P,

quindi
|X| = |G/Gx | = |G/G | = |P|,
da cui si ottiene che P = {{x}|x X}. Nel secondo caso

G/G = G/G
=P
10.4. DECOMPOSIZIONE DI UNAZIONE 117

e quindi 1 = |G/G| = |P| da cui si ottiene P = X. Dunque se G `e transitivo su


X e Gx `e massimale (x X), allora G `e primitivo. Viceversa supponiamo G sia
transitivo su X e che Gx non sia massimale in G. Per il teorema 10.2.3 lazione
di G su X `e equivalente allazione di Cayley a destra di G su G/Gx ; basta
quindi provare che questultima azione non `e primitiva. Sia Gx < H < G e sia
= {Gh|h H}. Si vede immediatamente che `e un dominio dimprimitivit`a
di G/Gx da cui segue che lazione di Cayley a destra di G su G/Gx non `e
primitiva. Questo prova
{ Stabilizzatori}
Teorema 10.3.6 Sia G un gruppo transitivo su un insieme X e x X. G `e
primiitivo su X se e solo se Gx `e un sottogruppo massimale di G.

10.4 Decomposizione di unazione


Questo capitolo `e dedicato alla decomposizione di unazione. Sia G un gruppo,
(X, , G) un G-insieme ed Y un sottoinsieme G-invariante di X. Chiaramente
lazione di G su X induce per restrizione unazione Y su Y . Poich`e Y `e
G-invariante, anche X \ Y `e G invariante, quindi induce per restrizione anche
unazione X\Y di G su X\Y . Nella prima sezione di questo capitolo mostreremo
(Teorema 10.4.1) come si pu` o controllare attraverso le azioni Y e X\Y . In
questo modo possiamo ridurci a considerare le azioni transitive.
Sia quindi (X, ) un G-insieme e G transitivo e supponiamo che sia una
G-congruenza non banale su X. Sia
1. x X,
2. = [x] ,
3. W linsieme quoziente X/ ,
4. W lazione di G su W indotta da ,
5. H lo stabilizzatore G in G di sotto lazione W ,
6. lazione di H su indotta dalla restrizione di ad H.
Analogamente a quanto fatto per le azioni non transitive, vogliamo controllare
attraverso le azioni W di G su W e di H su .
Poiche G `e transitivo, se x X e U = Gx , possiamo supporre, per il teorema
10.2.3, che
1. x = U ,
2. X = G/U e
3. sia lazione di Cayley a destra di G su G/U .
Inoltre, se scegliamo x , allora
1. U H = G ,
118 CAPITOLO 10. AZIONE DI UN GRUPPO SU UN INSIEME

2. = H/U = {U h|h H} e

3. W = {(H/U )g|g G} = {{(U h)g|h H}|g G}.

Ora la corrispondenza che ad ogni (H/U )g W associa la classe laterale Hg di


H in G `e, come si verifica facilmente, un ben definito isomorfismo di G-insiemi
tra (W, W ) e (G/H, G/H ), dove G/H `e lazione di Cayley a destra di G su
G/H.
Ci siamo ridotti quindi a controllare lazione di Cayley a destra di G su
G/U attraverso le azioni G/H di G su G/H e H/U di H su H/U .
A questo scopo introdurremo due strumenti, utili anche indipendentemente
da questo contesto: il prodotto semidiretto, ed il prodotto intrecciato.
Fissata unazione di un gruppo K su un gruppo N , il prodotto semidiretto
di N con K via `e unestensione spezzante di N con K e, viceversa, ogni
estensione spezzante di N con K `e isomorfa ad un prodotto semidiretto di N
per un gruppo K via lazione che K induce su N per coniugio.
Se A `e un gruppo, (Y, Y ) un A-insieme e B `e un altro gruppo, linsieme
B Y delle applicazioni da Y in B con la somma puntuale (esercizio 1.1.1) `e un
gruppo. A partire dallazione di A su Y definiremo una rappresentazione
Y di A sul gruppo B Y . Il prodotto intrecciato A oY B di B con A via Y `e
prodotto semidiretto di B Y con A via Y . Se (Z, Z ) un B-insieme si pu`o definire
unazione Y o Z del prodotto intrecciato A oY B sul prodotto cartesiano Y Z.
Torniamo ora al gruppo G. Proveremo che esiste un omomorfismo di gruppi
di G nel prodotto intrecciato G o H ed una biiezione
G/H

: G/U G/H H/U

che sia un isomorfismo tra i G-insiemi (G/U, ) e (G/H H/U, ( G/H o H/U )).
Per definire e `e conveniente studiare, al posto dellazione G/H , lazione equi-
valente indotta da G/H su un sistema di rappresentanti T delle classi laterali
destre di H in G.
Le tecniche di decomposizione introdotte in questo capitolo permettono, in
linea di principio, di ridurre un problema sulle azioni di gruppo al caso delle
azioni primitive. I gruppi di permutazione primitivi sono classificati dal Teorema
di ONan-Scott che, a sua volta, dipende dal Teorema di Classificazione dei
Gruppi Semplici Finiti.

10.4.1 Decomposizione di unazione non transitiva


mposizione di azioni transitive}
Teorema 10.4.1 Sia G un gruppo, (X, , G) un G insieme ed Y un sottoinsie-
me G-invariante di X. Allora X \ Y `e G-invariante e lapplicazione

: G/ker() G/ker(Y ) G/ker(X\Y )


ker()g 7 (ker(Y )g, ker(X )g)

`e ben definita ed `e un monomorfismo di gruppi.


10.4. DECOMPOSIZIONE DI UNAZIONE 119

Dimostrazione. Siano g, h G tali che ker()g = ker()h. Allora gh1


ker(). Poich`e ker(Y ) ker(X\Y ) = ker(), segue che gh1 ker(Y )
ker(X\Y ) e quindi ker(Y )g = ker(Y )h e ker(X\Y )g = ker(X\Y )h, cio`e
`e ben definita. Si vede facilmente che `e un omomorfismo di gruppi. Sia ora
ker()g ker( ) allora g induce lidentit`a su Y e su X \ Y e quindi su tutto X.
Ne segue che g ker() e quindi ker( ) = {1}, cio`e `e iniettiva.

Si osservi che in generale non `e suriettiva. Infatti sia X = {1, 2, 3, 4}, G


il sottogruppo di S4 generato dallelemento (1, 2)(3, 4) e limmersione di G in
S4 . Allora Y := {1, 2} `e un sottoinsieme G-invariante di X, e (1, 2)(3, 4) induce
lo scambio (1, 2) su Y e lo scambio (3, 4) su X \ Y , cio`e

Y ((1, 2)(3, 4)) = (1, 2) e X\Y ((1, 2)(3, 4)) = (3, 4).

Ne segue che

(G) = h(1, 2)(3, 4)i = h((1, 2), (3, 4))i < h((1, 2), 1), (1, (3, 4))i
= G/ker(Y ) G/ker(X\Y ).

10.4.2 Azione trasposta e prodotti intrecciati


Vediamo ora un tipo particolare di prodotto semidiretto. Sia T un insieme,
H un gruppo ed H T linsieme delle applicazioni da T in H. Ricordiamo che
(esercizio 1.1.1) se f1 , f2 H T , il prodotto puntuale di f1 e f2 `e lapplicazione

f1 f2 : T H

definita, per ogni t T , da

(f1 f2 )(t) = (f1 (t))(f2 (t))

e H T con il prodotto puntuale `e un gruppo.



Sia ora una permutazione dellinsieme T e, per ogni f H T , sia f
T
lapplicazione di H definita, per ogni t T da
1
f (t) = f (t( )
) (10.8)

Si verifica facilmente che lapplicazione

: H T H T

f 7 f

`e un automorfismo di H T . Chiameremo applicazione trasposta dellazione


f.
In particolare se G un gruppo e (T, ) `e un G-insieme, allora lapplicazione

: G Aut(H T )
g 7 (g )
120 CAPITOLO 10. AZIONE DI UN GRUPPO SU UN INSIEME

`e, come si verifica facilmente, una rappresentazione di G come gruppo di auto-


morfismi del gruppo H T che chiameremo rappresentazione trasposta di G
su H indotta da . Indichiamo con
G o H
il prodotto semidiretto di H con G via lazione . G o H si dice prodotto
T

intrecciato di H con G via lazione . Si osservi che


{wrorder} |G o H| = |G||H||T | . (10.9)
Nel caso particolare in cui T = G e `e lazione regolare a destra di G sul suo
supporto, il prodotto intrecciato Go H si dice prodotto intrecciato standard
di G con H e si indica semplicemente con G o H.

10.4.3 Prodotto intrecciato di azioni


Siano, come nella sezione precedente, G ed H gruppi, (T, T ) un G-insieme e
sia (, ) un H-insieme. Per semplicit`a scriviamo, per ogni (t, ) T ed
ogni (g, h) G H,
T
tg al posto di tg e h al posto di h .
Definiamo unazione T o di G oT H sul prodotto cartesiano T ,
ponendo, per ogni (t, ) T ed ogni (g, f ) G oT H
T o g
{wraction} (t, )(g,f ) := (tg , f (t ) ) (10.10)
T o
Lasciamo per esercizio la dimostrazione che (g, f ) `e una permutazione di
T . Proviamo invece che
T o : G oT H Aut(T )
`e un omomorfismo di gruppi. Siano (t, ) T e (g1 , f1 ), (g2 , f2 ) G oT H,
allora
T o T o g1
) (g2 ,f2 )T o
((t, )(g1 ,f1 ) )(g2 ,f2 ) = (tg1 , f1 (t )
g1 ) g1 g2
= (tg1 g2 , ( f1 (t )f2 (t )
)
g
g1 g2 f1 2 (tg1 g2 )f2 (tg1 g2 )
= (t , )
g
g1 g2 (f1 2 f2 )(tg1 g2 )
= (t , )
g
(g1 g2 ,f1 2 f2 )T o
= (t, )
T o
= (t, )((g1 ,f1 )(g2 ,f2 )) ,
da cui (g1 , f1 )T o (g2 , f2 )T o = ((g1 , f1 )(g2 , f2 ))T o .
Chiameremo lazione T o di G oT H su T prodotto intrecciato
delle azioni T e .
Vogliamo ora determinare il nucleo di T o in funzione dei nuclei di T e
. Per i nostri scopi sar`a sufficiente trattare il caso in cui `e fedele, mentre
il caso generale viene lasciato per esercizio.
10.4. DECOMPOSIZIONE DI UNAZIONE 121

{treukranz}
Lemma 10.4.2 Siano G ed H gruppi, (T, T ) un G-insieme e (, ) un H-
insieme. Allora T o `e fedele se e solo se sia T che sono fedeli.

Dimostrazione. Osserviamo che (g, f ) ker(T o ) se e solo se, per


ogni (t, ) T , risulta
T o g
(t, ) = (t, )(g,f ) = (tg , f (t ) )

e questo `e vero se e solo se g ker(T ) e, per ogni t T , f (t) ker( ), da


cui segue la tesi.

Supponiamo ora che T non sia fedele. Indichiamo il gruppo G/ker(T )


Se g G indichiamo con g la classe laterale destra di ker(T ) di
con G.
su T indotta da T .
rappresentante g e con T lazione di G
{embeto}
Teorema 10.4.3 Siano G ed H gruppi, (T, T ) un G-insieme e (, ) un
H-insieme. Sia
o H
: G oT H G T

lapplicazione definita, per ogni (g, f ) G oT H, da

(g, f ) = (
g , f ).

Allora
1. `e un omomorfismo suriettivo di gruppi,
2. T o = (
T o ),
3. Se `e fedele allora T o `e fedele e ker() = ker(T o )

Dimostrazione. Si osservi che se f H T e g G allora, per ogni t T ,


1 1
f g (t) = f (tg ) = f (tg ) = f g (t) (10.11) {factio}

da cui f g = f g . Siano ora (g1 , f1 ) e (g2 , f2) in G oT H. Allora

((g1 , f1 )(g2 , f2 )) = (g1 g2 , f1g2 f2 ) = (


g1 g2 , f1g2 f2 ) =
g1 g2 , f1g2 f2 ) = (
( g2 , f2 ) = (g1 , f1 ) (g2 , f2 ) ,
g1 , f1 )(

da cui segue che `e un omomorfismo ed `e ovviamente suriettivo.


Ora, per ogni (t, ) T ed ogni(g, f ) G oT H, risulta
T o g g
T o
T o )
(
(t, )(g,f ) = (tg , f (t ) ) = (tg , f (t ) ) = (t, )(g,f ) = (t, )(g,f ) ,

da cui segue la 2..


Infine la 3. discende facilmente dal Lemma 10.4.2 e dalla 2..
122 CAPITOLO 10. AZIONE DI UN GRUPPO SU UN INSIEME

10.4.4 Decomposizione di unazione transitiva e non pri-


mitiva
In questa sezione G `e un gruppo, U ed H sono sottogruppi di G con U H.
`e lazione di Cayley a destra di G su G/U , G/H `e lazione di Cayley a destra
di G su G/H e H/U `e lazione di Cayley a destra di H su H/U .

Trasversali
Un trasversale destro (o sistema di rappresentanti delle classi laterali destre di
H in G) `e un sottoinsieme T di G tale che per ogni g G

|Hg T | = 1.

Si osservi che se t = Hg T , allora Hg = Ht e quindi T `e un trasversale destro


se e solo se
1. per ogni t, s T , Ht = Hs se e solo se t = s e
2. per ogni g G esiste un unico t T tale che Hg = Ht.
Per ogni g G indichiamo con tg lunico elemento di Hg T . Chiaramente
lapplicazione

: G/H T
Hg 7 tg

`e una biiezione tra G/H e T . Si osservi che Hg = Htg e quindi

gt1
g H.

Definiamo unazione T di G su T in modo che (G/H, G/H ) e (T, T ) siano


G-insiemi isomorfi. Siano a in G e t T . H(ta) `e una classe laterale destra di

H in G e quindi esiste un unico elemento ta T di T tale che
T
{trasversali} H(ta) = Hta . (10.12)

Si verifica facilmente che, per ogni a G, aT `e una permutazione di T e


: G ST
lapplicazione T `e unazione di G su T . Inoltre, per il modo in
a 7 aT
cui `e stata costruita lazione T , il G-insieme (T, T ) `e isomorfo a (G/H, G/H .

Le applicazioni e
Chiaramente, per ogni g G, U g Hg e Hg `e lunica classe laterale di H
contenente U g. Possiamo quindi definire unapplicazione

{psi} : G/U (T H/U ) (10.13)


U g 7 (tg , U gt1
g ). (10.14)
10.4. DECOMPOSIZIONE DI UNAZIONE 123

Si verifica facilmente che `e una biiezione tra G/U e (T H/U ).


Sia G = G/ker(T ), e T lazione di G su T indotta da T . Vogliamo ora

costruire un omomorfismo da G in G oT H in modo che sia un isomorfismo
tra i G-insiemi (G/U, ) e (G/H H/U, G/H o H/U ).
Per ogni a G ed ogni t T , poniamo
T 1
{fat} fa (t) := (t(a )
a)t1 ; (10.15)
T
Dalla 10.15, scambiando t con ta segue immediatamente che
T T T T
fa (ta ) = ta(ta )1 e quindi ta = fa (ta )ta . (10.16) {fut}

Dalla 10.12 segue che, per ogni t T , fa (ta T ) `e un elemento di H quindi,
tenendo presente che aT `e una permutazione di T , per ogni a in G, possiamo
definire unapplicazione

fa : T H
1
t 7 (t(a T ) a)t1 .

Siano ora a, b G. Vogliamo vedere in quale relazione sono fa , fb e fab . Sia


t T , dalla 10.15 segue che
T T T
b T T
bT
t(ab) = f(ab) (t(ab) )t(ab) = f(ab) (ta )ta . (10.17) {ft(ab)}
Daltra parte

T T T T
t(ab) = (ta)b = (fa (ta )ta )b = fa (ta )(ta b)
T T T T T
a a b a b
= fa (t )(fb (t ) (t ) )
aT aT bT aT bT
= (fa (t )fb (t )t

b T
aT b T T
bT T
b T
= (fa ) (t )fb (ta ))ta

b T T T
bT T
bT
= ((fa ) fb (ta )(ta ))ta (10.18) {f(ta)b}

Dalle 10.15 e 10.17 si ottiene

T T T
bT T
bT T
bT
fab (t(a,b) ) = fa (ta )fb (ta ) = (fab T
(ta )fb (ta ))

(ab)T
= (fabT
fb )(t ),

per ogni t in T , da cui segue



fab = (fab T
fb ) (10.19) {fab}

Sia ora
o H
: G G T
124 CAPITOLO 10. AZIONE DI UN GRUPPO SU UN INSIEME

Lapplicazione definita, per ogni a in G, da

a = (
a, fa ).

Proviamo che `e un omomorfismo di gruppi. Per ogni a, b G dalla 10.19


risulta infatti:

T
ab, fab ) = (
(ab) = ( ab, (fa )b T fb ) = (
ab, (fa )b fb ) = (
a, fa )(b, fb ) = a b .

T o H/T ). Per quanto appena visto `e


Sia lapplicazione composta (
unazione di G su T H/U . Proviamo ora che `e un omomorfismo di G-
insiemi tra (G/U, ) e (T H/U, ). Siano a, g G, Ug G/U , ed h = gt1
g
allora, dalla 10.16 si ottiene

((U g)a ) = ((U htg )a ) = (U (htg )a)) = (U h(tg a))

T
T
T
T
= (U h(fa (tag )tag )) = (tag , U h(fa (tag )))
T T oH/U

T
a (fa (ta )) H/T
= (tg , (U h) g ) = (tg , U h)(a,fa )

= ((U htg ) )a .

Decomposizione di unazione transitiva non primitiva


{decompost}
Teorema 10.4.4 Siano
U ed H sottogruppi di un gruppo G, con U H,
T un trasversale destro di H in G,
lazione di Cayley a destra di G su G/U ,
T lazione di G su T indotta dallazione di Cayley a destra di G su
G/H,
G il gruppo quoziente G/ker(T ),
per ogni a G, sia a = ker(T )a,
T lazione di G su T indotta da T
H/U lazione di Cayley a destra di H su H/U ,
lapplicazione da G in G o H che a ciascun elemento a di G
T
associa la coppia ( a, fa ), dove fa `e lapplicazione da T in H
definita in 10.15
lapplicazione composta ( T o H/U )
lapplicazione da G/U in T H/U che manda ciascuna classe
laterale U g di U in G nella coppia (tg , U gt1
g ).

Allora
1. `e un omomorfismo di gruppi
2. `e una azione di G su T H/U ,
3. `e un isomorfismo di G insiemi tra (G/U, ) e T H/U, ,
4. se coreH (U ) = {1}, allora `e iniettivo.
10.5. ESERCIZI 125

Dimostrazione. I punti 1., 2. e 3. sono stati dimostrati nella sottosezione


precedente, il punto 4. discende immediatamente dal teorema 10.4.3

{S}
Corollario 10.4.5 ia H un sottogruppo normale di un gruppo G. Allora G `e
isomorfo ad un sottogruppo del prodotto intrecciato standard G/H o H

Dimostrazione. Usiamo le notazioni del teorema 10.4.4 con U = {1}. Al-


lora `e lazione regolare a destra, ed `e quindi fedele. Per il teorema 10.4.4, `e
iniettiva inoltre
ker() = ker(T ) = coreG (H) = H.
Segue allora che
G
= G G/H oT H
= G/H o H.

10.5 Esercizi
Sia G un gruppo e sia (X, ) un G-insieme

Esercizio 10.5.1 Provare che, se G `e transitivo su X, allora G `e transitivo su


ogni G-insieme quoziente di X.

Esercizio 10.5.2 Sia (Y, ) un G-insieme ed f : X Y un omomorfismo di


G-insiemi. Provare le seguenti affermazioni:

1. se W `e un G-sottoinsieme di X e f `e suriettiva, allora (W ) `e un G-


sottoinsieme di Y ;

2. laffermazione precedente non `e vera se si lascia cadere lipotesi che f non


sia suriettiva;

3. se Z `e un G-sottoinsieme di Y , allora f 1 (Z) `e un G-sottoinsieme di X;


1
4. se
= `e una G-congruemza su Y , allora la relazione =f su X, definita
da
1
x1
=f x2 se e solo se f (x1 ) = f (x2 ),
`e una G-congruenza su X.

5. se f `e suriettiva e
= `e una G-congruemza su X, allora la relazione
=f su
Y , definita da

y1
=f y2 se esistono xi f 1 (yi (i {1, 2}) tali che x1
= x2 ,

`e ben definita ed `e una G-congruenza su Y .


126 CAPITOLO 10. AZIONE DI UN GRUPPO SU UN INSIEME

{suraction}
Esercizio 10.5.3 Sia G un gruppo e lazione regolare a destra di G su se
stesso. Si provi che un sottoionsieme Y di G `e un sottogruppo se e solo se per
ogni y Y risulta Y (y) = Y .
{sottogruppi di in
Esercizio 10.5.4 Sia G un gruppo finito e sia p il pi` u piccolo divisore primo
del suo ordine. Si dimostri che se H `e un sottogruppo di G di indice p, allora
H `e normale in G (suggerimento: si consideri lazione di G per moltiplicazione
a destra sullinsieme G/H).

Esercizio 10.5.5 Siano G e p come nellesercizio precedente. Sia N un sotto-


gruppo normale di G di ordine p. Si dimostri che N Z(G).
{coniugio degli stabilizzatori}
Esercizio 10.5.6 Sia G un gruppo, X un G-insieme, g G e x X. Si provi
che
Ggx = Gxg .
Si deduca che, se G `e transitivo su X, il nucleo dellazione `e
\
(Gx )g .
gG
{Frattini Generale}
Esercizio 10.5.7 (Argomento di Frattini) Sia G un gruppo e : G S unazio-
ne di G su un insieme . Sia N un sottogruppo di G e supponiamo che la
restrizione di a N sia unazione transitiva di N su . Dimostrare che per
ogni risulta
G = G N
(suggerimento: se g G allora, poich`e N `e transitivo su , esiste n in N tale
che g = n da cui segue che gn1 G e g = (gn1 )n G N ).
{frattiniquasinormale}
Esercizio 10.5.8 Sia G un gruppo, H e K sottogruppi di G. Si provi che
H agisce transitivamente per moltiplicazione a destra sullinsieme delle classi
laterali di K in hH, Ki se e solo se K agisce transitivamente per moltiplicazione
a destra sullinsieme delle classi laterali di H in hH, Ki. Suggerimento: usare
la proposizione 1.0.11
{Wiel}
Esercizio 10.5.9 Sia G un gruppo che agisce transitivamente su un insieme
X. Si provi che, se x X, NG (Gx ) agisce transitivamente su XGx .
{Witt}
Esercizio 10.5.10 Sia G un gruppo di permutazioni transitivo su un insieme
X. Sia x X, U un sottogruppo di G contenuto in Gx . Si provi che NG (U ) `e
transitivo su XU se e solo se per ogni g G tale che U g Gx esiste h Gx
con U g = U h
{esstab}
Esercizio 10.5.11 Si provi la proposizione 10.2.1
{esGalois}
Esercizio 10.5.12 Si provi la proposizione 10.2.2
10.5. ESERCIZI 127

{cuore}
Esercizio 10.5.13 Sia H un sottogruppo di un gruppo G si consideri lazione di
G per moltiplicazione a destra sullinsieme G/H. Si provi che, per ogni g G,
risulta
GHg = H g .
Dallesercizio precedente il nucleo di questa azione `e
\
Hg.
gG

Dimostrare che questo `e il pi`


u grande sottogruppo normale di G contenuto in H.
(Questo sottogruppo si dice cuore di H in G e si indica con coreG (H) oppure
con HG .
Esercizio 10.5.14 Sia G un gruppo, dimostrare che le seguenti affermazioni
sono equivalenti:
1. G agisce transitivamente su un insieme di ordine n;
2. esiste un omomorfismo da G in Sn tale che limmagine di G sia transitiva
su {1, . . . , n};
3. G ha un sottogruppo di indice n.
{Lag}
Esercizio 10.5.15 Provare il Teorema di Lagrange (teorema 1.0.3) usando il
teorema 10.2.4 (suggerimento: Se H G H coincide con lo stabilizzatore in G
della classe laterale destra H nellazione per moltiplicazione a destra).
{Classi}
Esercizio 10.5.16 Provare che se G `e un gruppo finito e H `e un sottogruppo
proprio di G, allora [
|G| > | H g |,
gG

in particolare G non `e unione di classi di coniugio di un suo sottogruppo. (sug-


gerimento: poiche H NG (H) e |H H g | 1, lunione delle classi di coniugio
u |G : H| (|H| 1) elementi)
di H contiene al pi`
{Clara}
Esercizio 10.5.17 Provare che se un gruppo G agisce transitivamente su un
insieme X, allora esiste un elemento g di G che agisce senza punti fissi su
X, cio`e xg 6= x per ogni x X (suggerimento: tradurre il problema allazione di
G sulle classi laterali di un suo sottogruppo H ed usare lesercizio precedente).
{Wielandt}
Esercizio 10.5.18 Sia G un gruppo che agisce transitivamente su un insieme
X. Provare che X
|Xg | = |G|,
gG

cio`e ogni elemento di G lascia fisso in media un elemento di G (suggerimento:


contare le coppie (x, g) in due modi diversi: il primo termine si ottiene contando
per ogni g G la cardinalit` a di |Xg | e sommando queste cardinalit` a al variare
di g G; il secondo termine si ottiene calcolando per ogni x X la cardinalit` a
di Gx e sommando queste cardinalit` a per tutti gli x X).
128 CAPITOLO 10. AZIONE DI UN GRUPPO SU UN INSIEME

Esercizio 10.5.19 Provare lesercizio 10.5.17 usando lesercizio10.5.18 (sug-


gerimento: si osservi che lidentit`
a di G lascia fissi tutti gli elementi di X).
{amalgam}
Esercizio 10.5.20 Sia G un gruppo {Hi }iI una famiglia di sottogruppi di G.
Sia V linsieme delle classi laterali destre dei sottogruppi Hi , cio`e

V = {Hi g|i I, g G}.

Definiamo una relazione di adiacenza nellinsieme V nel modo seguente:

{G-hom} Hi g1 Hj g2 se e solo se Hi g1 6= Hj g2 e Hi g1 Hj g2 6= . (10.20)

La coppia = (V, ) `e un grafo (semplice, non orientato e privo di cappi), gli


elementi di V si dicono vertici e gli elementi , cio`e le coppie non ordinate
(, ) tali che , V e si dicono lati. Il grafo si dice connesso se
per ogni coppia di vertici , esiste un intero positivo n ed un insieme {i |i
V , 0 i n} tali che = 0 , n = e i1 i per ogni i = 1, . . . , n.
Dimostrare che

1. Se Hi g1 Hj g2 allora Hi 6= Hj .
2. Il gruppo G agisce per moltiplicazione a destra su , cio`e se , V con
e g G, allora g g.
3. Il nucleo di questa azione `e il pi`
u grande sottogruppo normale di G conte-
nuto in ogni {Hi }, i I.
4. Se = Hi g, allora G = Hig .
5. Ogni vertice (lato) `e coniugato in G con un elemento di {Hi }iI ed ogni
lato `e coniugato con un lato del tipo (Hi , Hj ), i, j I.
6. In particolare se |I| = 2 allora G `e transitivo sui lati e se `e un vertice
G agisce transitivamente per moltiplicazione a destra sullinsieme

G(1)
= {| }.

7. `e connesso se e solo se G = hHi |i Ii.


{trasversix}
Esercizio 10.5.21 Sia N un sottogruppo normale di un gruppo G. Si provi che
un sottogruppo K `e un complemento di N in G se e solo se K `e un trasversale
destro di N in G.
{maxprim}
Esercizio 10.5.22 Sia G un gruppo. Si provi che G `e isomorfo ad un gruppo
di permutazioni primitivo se e solo se G ha un sottogruppo massimale M tale
che coreG (M ) = {1}.
{daLyons3}
Esercizio 10.5.23 Sia un grafo e : Gtoaut() una rappresentazione di G
su . Si provi che, per ogni , ed ogni intero non negativo d, linsieme
(d) dei vertici a distanza d da `e G -invariante.
10.5. ESERCIZI 129

{daLyons2}
Esercizio 10.5.24 Sia un grafo connesso e : Gtoaut() una rappresenta-
zione di G su . Supponiamo che G sia transitivo su e, per ogni , G
sia transitivo sullinsieme dei vertici adiacenti a . Allora G `e primitivo su .

Sia G un gruppo e un G insieme. Diremo che G agisce in modo 2-


transitivo (o, semplicemente, che G `e 2-bf transitivo su ) se per ogni qua-
drupla (x1 , x2 , y1 , y2 ) con x1 6= x2 e y1 6= y2 , esiste un elemento g di G tale che
xg1 = y1 e xg2 = y2 .
{2transprim}
Esercizio 10.5.25 Si provi che se G `e 2-transitivo su , allora G `e primitivo
su .
{2transtranstrans}
Esercizio 10.5.26 Si provi che G `e 2-transitivo su se e solo G `e transitivo
su e, per ogni x , Gx `e transitivo su \ {x}.

Esercizio 10.5.27 Sia G un gruppo che agisce in modo primitivo e fedele su


un insieme . Sia N un sottogruppo normale non identico di G. Si provi che
CG (N ) agisce in modo regolare su . In particolare |CG (N )| = ||.

Esercizio 10.5.28 Si provi che ogni gruppo semplice finito `e isomorfo ad un


gruppo di permutazioni primitivo.
{normiwasawa}
Esercizio 10.5.29 Sia G un gruppo che agisce in modo primitivo su un insieme
. Sia N un sottogruppo normale di G. Si provi che se N non `e contenuto nel
nucleo dellazione, allora N `e transitivo su

Nei prossimi esercizi vogliamo dimostrare una prima riduzione del Teorema
di ONan-Scott per i gruppi finiti risolubili.

Esercizio 10.5.30 Sia G un gruppo di permutazioni finito, primitivo e risolu-


bile. Sia M un sottogruppo massimale di G con coreG M = {1}. Si provi che
esiste un sottogruppo abeliano elementare V tale che G = V T e V T = {1}.

Esercizio 10.5.31 Siano G, M e V come nellesercizio precedente. Si provi


che A = CG (V ).

Esercizio 10.5.32 Si provi che un gruppo risolubile finito `e primitivo se e solo


se e isomorfo ad un prodotto semidiretto di uno spazio vettoriale V finito con
un sottogruppo risolubile M di GL(V ), tali che V sia privo di sottospazi M -
invarianti propri.

Dallesercizio precedente segue che, per determinare i gruppi primitivi riso-


lubili finiti, basta determinare, per ogni spazio vettoriale finito V , i sottogruppi
risolubili di GL(V ) che sono irriducibili su V .
{ABCom}
Esercizio 10.5.33 Sia G il prodotto intrecciato standard di D8 per C2 . Si provi
che in G esistono tre sottogruppi A, B e C tali che [AB, C] 6= [A, B][A, C].
130 CAPITOLO 10. AZIONE DI UN GRUPPO SU UN INSIEME
Capitolo 11

I Teoremi di Sylow e di
Schur-Zassenhaus

In questo capitolo applicheremo il metodo delle azioni di gruppo per dimostrare


alcuni risultati fondamentali della teoria dei gruppi: i teoremi di Sylow, Schur-
Zassenhaus e la nilpotenza dei p-gruppi finiti. In ognuna di queste dimostrazioni
dato un gruppo G si cercher` a un opportuno insieme X ed una azione di G su
X. Dalla struttura di X otterremo le informazioni su G che serviranno per
concludere la dimostrazione.
Nel caso dei teoremi di Sylow e di Schur-Zassenhaus (per la parte che ri-
guarda lesistenza di certi sottogruppi), la scelta, fondamentale, del G-insieme
X pu o apparire non del tutto naturale ad una prima lettura. Per questo motivo
vogliamo ora dare alcune indicazioni per tale scelta.
Osserviamo innanzitutto che, come se visto nel capitolo sulle azioni di un
gruppo su un insieme, sottogruppi e stabilizzatori sono la stessa cosa, nel senso
che se H `e un sottogruppo di un gruppo G, allora esiste un G-insieme X ed
un elemento x X tale che H = Gx e, viceversa, dato un G-insieme X ed un
elemento x X lo stabilizzatore Gx di x in G `e un sottogruppo di G. Dovremo
quindi
1) costruire un insieme X in modo che il sottogruppo di cui vogliamo provare
lesistenza sia lo stabilizzatore di un elemento di X.
Abbiamo visto inoltre che, dato un elemento x di un G-insieme X, allora
lorbita xG , come G-insieme, `e isomorfa allinsieme G/Gx delle classi laterali
destre di Gx in G con lazione regolare a destra, dunque
2) il candidato naturale per lazione `e lazione regolare a destra ed il candidato
per X sar` a scelto tra i sottoinsiemi G-invarianti dellinsieme delle parti di G.
Infine, poiche un sottogruppo `e lo stabilizzatore di se stesso nellazione
regolare a destra di G sullinsieme delle parti di G,
3) gli elementi di X dovranno essere sottoinsiemi di G che abbiano la pro-
priet`
a del sottogruppo cercato.

131
132 CAPITOLO 11. I TEOREMI DI SYLOW E DI SCHUR-ZASSENHAUS

In pratica, nel Teorema di Sylow, dato un gruppo G di ordine pn m (con pn


potenza di un numero primo p ed m un intero primo con p) vogliamo provare
lesistenza di un sottogruppo S di G con la seguente proprieta:

|S| = pt .

Il candidato naturale per X `e quindi linsieme dei sottoinsiemi di ordine pt di


G.
Analogamente, nel caso del Teorema di Schur-Zassenhaus, dato un sotto-
gruppo di Hall (cio`e un sottogruppo il cui ordine sia coprimo col suo indice)
normale N di G vogliamo provare lesistenza di un complemento K di N in G.
Per lesercizio 10.5.21 un complemento di N in G `e un sottogruppo K con la
seguente propriet`a:

H `e un trasversale destro di N in G.

Quindi, in questo caso, il candidato per X sar`a linsieme dei trasversali destri
di N in G (o, pi` u precisamente, un suo G-insieme quoziente).
Come abbiamo gi` a osservato in precedenza, la teoria delle rapprsentazioni
permette di ottenere informazioni sul gruppo dalle informazioni sulloggetto su
cui il gruppo agisce. Ovviamente strutture diverse daranno informazioni di tipo
diverso. Poiche lunica informazione che la struttura di insieme fornisce `e la sua
cardinalit (nel senso che due insiemi sono isomorfi se e solo se hanno la stessa
cardinalit`a), le rappresentazioni di un gruppo su un insieme forniscono informa-
zioni aritmentiche sullesistenza di sottogruppi o di punti fissi (come nei casi,
rispettivamente, dellesistenza dei sottogruppi di Sylow, oppure dellesistenza di
elementi centrali non identici nei p-gruppi finiti). Daltra parte, per dimostrare
il coniugio dei p-sottogruppi di Sylow (cos` come dei complementi di Hall nel
Teorema di Schur-Zassenhaus), useremo invece lazione per coniugio sullinsieme
parzialmente ordinato dei p-sottogruppi, in particolare sar`a essenziale il fatto
che se un p-sottogruppo H normalizza un p-Sylow S, allora H S.

11.1 Il Teorema di Sylow


{Sylowssatz}
Teorema 11.1.1 (Teorema di Sylow - esistenza) Sia G un gruppo finito. |G| =
pn m con p un numero primo, m ed n numeri naturali e (p, m) = 1 (cio`e pn `e
la massima potenza di p che divide |G|). Allora esistono dei sottogruppi S di G
con |S| = pn .

Dimostrazione. Consideriamo linsieme X dei sottoinsiemi di ordine pn


di G. Allora

{coprimo} p non divide |X|. (11.1)


(vedi esercizi 11.3.1 e 11.3.2). Inoltre

{azsyl1} G opera per moltiplicazione a destra su questo insieme. (11.2)


11.1. IL TEOREMA DI SYLOW 133

Infatti se K X e g G, allora Kg = {kg|k K} `e ancora un sottoinsieme


di ordine pn .
Per la proposizione 10.1.1.3. X `e unione disgiunta delle sue G-orbite. Per il
punto 11.1 e per lequazione delle orbite (10.3 del paragrafo 10.2.4)

esiste unorbita O tale che p non divide |O|. (11.3) {orbita critica}
Sia K O, per il corollario 10.2.4, |O| = |G : GK | e quindi

p non divide |G : GK |, in particolare |GK | pn . (11.4) {stabilizzatore critico}

Mostriamo ora che GK `e il sottogruppo cercato, cio`e che

|GK | = pn .

Poniamo per comodit`


a GK = S. Per 11.4 basta mostrare che |S| pn .
Osserviamo che

S agisce per moltiplicazione a destra su K. (11.5) {azsyl2}

Infatti se k K e g S(= GK ) allora kg K, inoltre kg = k se e solo se g = 1.


Quindi
per ogni k K, Sk = {1}. (11.6)
Per il corollario 10.2.4 segue che se Ok `e una S-orbita di K, allora

|S| = |Ok | |K| = pn . (11.7) {prima disuguaglianza}

Se G ed S sono come nel teorema precedente allora S si dice p-sottogruppo


di Sylow di G, o semplicemente p-Sylow di G. Linsieme dei p-Sylow di un
gruppo G si indica con Sylp (G). In generale Sylp (G) contiene pi`
u di un elemento
(p.es S3 possiede tre 2-sottogruppi di Sylow distinti). Vedremo pi` u avanti che
un gruppo finito G `e nilpotente esattamente quando |Sylp (G)| = 1 per ogni
divisore primo p di |G|.
Si verifica immediatamente che G agisce per coniugio su Sylp (G); la seconda
parte del Teorema di Sylow ci da informazioni su questazione.
Il lemma seguente `e il punto centrale della dimostrazione.
{sylcrux}
Lemma 11.1.2 Sia S un p-Sylow di un gruppo finito G. Sia T un sottogruppo
di G di ordine pt che normalizza S. Allora T S. In particolare se anche
T Sylp (G), allora S = T .

Dimostrazione. Per lesercizio 1.0.12 ST ha ordine una potenza di p.


Poiche |S| `e la massima potenza di p che divide |G| e, per il teorema di Lagrange,
|ST | divide |G|, segue che |ST | = |S| e quindi T S
134 CAPITOLO 11. I TEOREMI DI SYLOW E DI SCHUR-ZASSENHAUS

{crucisyldue}
Corollario 11.1.3 Sia R Sylp (G). Allora {R} `e lunica R-orbita in Sylp (G)
di lunghezza 1.

Dimostrazione. Che {R} sia una R-orbita `e ovvio, poich`e R normalizza


se stesso. Mostriamo che `e lunica di lunghezza 1. Infatti se {S} fosse unaltra
R-orbita di lunghezza 1, allora R normalizzerebbe S e quindi, per il lemma
11.1.2 R = S,

{Sylowssatzc}
Teorema 11.1.4 (Teorema di Sylow - coniugio e numero dei Sylow) Sia G un
gruppo finito. |G| = pn m con p un numero primo, m ed n numeri naturali e
(p, m) = 1 (cio`e pn `e la massima potenza di p che divide |G|).
1. il numero dei sottogruppi di G di ordine pn `e congruo a 1 modulo p;
2. se T `e un sottogruppo di G di ordine pk con k {1, . . . , n}, allora esiste
un p-Sylow S di G che contiene T ;
3. G agisce transitivamente per coniugio su Sylp (G).

Dimostrazione. Sia R Sylp (G). R agisce per coniugio su Sylp (G). Per
il corollario 11.1.3 {R} `e lunica R orbita di Sylp (G) di lunghezza 1. Daltra
parte, se O `e unaltra R-orbita di Sylp (G), per il corollario 10.2.4,|O| divide pn
e quindi p divide |O|. Per lequazione delle orbite segue immediatamente che

|Sylp (G)| 1(mod p).

Sia ora T un sottogruppo di G con |T | = pk ( k {1, . . . , n}). Anche T agisce


per coniugio su Sylp (G). Per il punto 1. e lequazione delle orbite, esistono degli
elementi Sylp (G) che sono lasciati fissi da T . Sia S uno di questi, allora T S
per il lemma 11.1.2.
Infine, supponiamo per assurdo che G non sia transitivo su Sylp (G). Allora
Sylp (G) `e lunione disgiunta di due sottoinsiemi G-invarianti non banali Y e W .
Sia S Y e R W . Ora S agisce per coniugio su W e S 6 W , quindi, per il
lemma 11.1.2, S non normalizza nessun elemento di W . Di nuovo per il corollario
10.2.4 e per lequazione delle orbite, segue che p divide |W |. Analogamente,
invertendo i ruoli di S ed R, si prova che p divide |Y |, da cui segue che p divide
|Y | + |W | = |Sylp (G) il che contraddice la 1..

Osservazione Se G `e un gruppo di ordine una potenza del numero primo


p, allora, per il teorema di Lagrange, ogni suo sottogruppo ha per ordine una
potenza di p, in particolare questo vale per i sottogruppi ciclici e quindi G `e
un p-gruppo. Viceversa sia G un p-gruppo finito e q un divisore primo di |G|.
Per il teorema 11.1.1 esiste un q-Sylow di G. Per quanto appena visto Q `e un
q-gruppo e quindi ogni elemento di Q ha ordine una potenza di q. Daltra parte
Q P che `e un p-gruppo e quindi q = p. Abbiamo dimostrato il seguente
risultato.
11.1. IL TEOREMA DI SYLOW 135

Proposizione 11.1.5 Sia G un gruppo finito e p un numero primo. Allora G


`e un p-gruppo se e solo se |G| `e una potenza di p.
In particolare, dal Teorema di Sylow, segue che
Corollario 11.1.6 Se G `e un gruppo finito, allora i p-sottogruppi massimali di
G sono esattamente i p-sottogruppi di Sylow di G.

Osservazione Spesso per affrontare un problema `e utile cercare di ridurlo


ad altri pi`u facili da trattare. Nelle rappresentazioni, ad esempio, un problema
su un gruppo viene ridotto ad uno sulla struttura su cui questo gruppo viene
rappresentato. Un altro metodo `e quello di cercare ridurlo a problemi sui suoi
sottogruppi; cos`, ad esempio, si `e fatto per la struttura dei gruppi abeliani dove
il problema `e stato ridotto ai sottogruppi primari. Per poter applicare questo
metodo dindagine sono essenziali teoremi che garantiscano la possibilit`a di ot-
tenere queste riduzioni, nel nostro caso, teoremi che garantiscano lesistenza di
rappresentazioni o di sottogruppi con determinate propriet`a. Abbiamo gi`a os-
servato come lesistenza di particolari sottogruppi sia a volte utile nello studio
di un gruppo: nel primo capitolo abbiamo accennato come, ad esempio, possa
essere utilizzata lesistenza di un sottogruppo normale; nella dimostrazione della
proposizione 2.2 il punto fondamentale era lesistenza in un gruppo di sottogrup-
pi ciclici non triviali. Il teorema di Sylow `e un teorema di esistenza (in questo
caso dei p-sottogruppi di Sylow) e da inoltre informazioni sullinsieme dei suoi
Sylow e sullazione dellintero gruppo su questo insieme. Queste informazioni,
in un certo senso, compensano il fatto che non sempre i sottogruppi di Sylow
sono normali (si vedano ad esempio gli esercizi 11.3.3 e 11.3.14).
A questo punto ci sono due sviluppi naturali nellindagine sulla struttura di
un gruppo finito G:
1. Studiare le propriet`
a dei p-sottogruppi di G o, pi`
u in generale, studiare le
propriet`
a dei p-gruppi;
2. studiare le propriet`
a di immersione dei p-sottogruppi in G.
Nella prossima sezione dimostreremo alcune propriet`a fondamentali dei p-
gruppi. Il problema delle immersioni presenta diversi aspetti che non riusciremo
a trattare. Vogliamo per` o sottolinearne uno che ha origine da una facile, ed
estremamante utile, applicazione dellargomento di Frattini.
{FRAT}
Proposizione 11.1.7 Sia N un sottogruppo finito e normale di un gruppo G.
Sia S Sylp (N ). Allora G = N NG (S).
Dimostrazione. Poich`e N  G, G agisce per coniugio su Sylp (N ). Per il
teorema di Sylow N `e transitivo su Sylp (N ) e quindi, per largomento di Frattini
G = N NG (S).

Dunque il gruppo G `e controllato, modulo il sottogruppo normale N , dal


normalizzante di un p-Sylow S di N .
Nel caso in cui S sia un p-Sylow di G, allora
136 CAPITOLO 11. I TEOREMI DI SYLOW E DI SCHUR-ZASSENHAUS

1. S `e normale in NG (S) e
2. |S| `e coprimo con |NG (S) : S|.
{sn=n}
Corollario 11.1.8 Sia S un p-sottogruppo di Sylow di un gruppo G. Se S `e
subnormale allora S `e normale

Dimostrazione. Per induzione sul difetto di subnormalit`a d di S in G.


Se S  G non c`e nulla da dimostrare. Altrimenti sia N la chiusura normale di
S in G. Chiaramente S `e un p-sottogruppo di Sylow di N ed il suo difetto di
subnormalit`a in N `e d 1. Per ipotesi induttiva S  N , da cui la tesi per la
proposizione 11.1.7.

11.1.1 p-gruppi e gruppi nilpotenti finiti


In questa sezione proveremo che ogni gruppo primario `e nilpotente e, viceversa,
ogni gruppo nilpotente `e prodotto diretto dei suoi sottogruppi di Sylow. Questo
risultato permette di ridurre lo studio dei gruppi nilpotenti finiti allo studio dei
p-gruppi finiti.

Propriet`
a elementari dei p-gruppi finiti
Anche in questo caso il punto di partenza `e una facile applicazione delle azioni
di gruppo.
{ZP}
Teorema 11.1.9 Sia p un primo, n un intero positivo e G un gruppo di ordine
pn . Sia N un sottogruppo di G. Allora N Z(G) 6= {1}. In particolare il centro
di G non `e identico.

Dimostrazione. Per il teorema di Lagrange |N | divide pn e quindi `e una


potenza di p. Si consideri lazione di G su N per coniugio (vedi il paragrafo 9.1.3)
e si osservi che N Z(G) `e esattamente linsieme dei punti fissi. Ovviamente
1 `e un punto fisso, e G agisce quindi anche sullinsieme N \ {1} che ha ordine
coprimo con p. Per la Proposizione 10.2.5 esistono punti fissi in N \ {1} e quindi
N Z(G) 6= {1}.

Sia G un p-gruppo finito e consideriamo la serie centrale ascendente di G:

Z0 (G) = {1} Z1 (G) = Z(G) Z2 (G) . . . < Zi (G) Zi+1 (G) < . . . .

Per il Teorema di Lagrange, per ogni intero i 0, il quoziente G/Zi (G) ha ordine
una potenza di p. Per il teorema 11.1.9, se G > Zi (G), allora Z(G/Zi (G)) non
`e identico e quindi
Zi+1 (G) > Zi (G).
Poich`e |G| `e finito esiste un intero k tale che G = Zk (G). Abbiamo cos`
dimostrato che
11.1. IL TEOREMA DI SYLOW 137

{nilpopi}
Teorema 11.1.10 Se G `e un p-gruppo finito, allora G `e nilpotente.

Corollario 11.1.11 Se G `e un p-gruppo finito, allora ogni sottogruppo di G `e


subnormale.

Dimostrazione. Segue dal teorema 11.1.10 e dal teorema 7.3.4. {snpgr}

Sia M un sottogruppo massimale di un p-gruppo finito G. Per lesercizio


11.3.9 M ha indice p ed `e normale. Quindi il gruppo quoziente G/M `e un
gruppo di ordine p, isomorfo quindi al gruppo Zp . In particolare G/M `e abeliano
e quindi, per lesercizio ??, G0 M . Poich`e questo vale per ogni sottogruppo
massimale di G, segue che il sottogruppo di Frattini (G) contiene G0 e quindi
G/(G) `e abeliano. Inoltre se g G allora g p M perch`e, essendo G/M di
ordine p, g p M = M . Poiche anche questo vale per ogni sottogruppo massimale
M , risulta g p (G) e quindi G/(G) `e abeliano elementare. Viceversa, se N `e
un sottogruppo di G tale che G/N `e abeliano elementare, allora, per il teorema
di corrispondenza e per lesercizio 3.5.9, N `e lintersezione di tutti i sottogruppi
massimali di G che lo contengono e quindi (G) N . Abbiamo cos` dimostrato
il seguente teorema:

Teorema 11.1.12 Sia G un p-gruppo finito. Allora (G) `e il pi` u piccolo


sottogruppo normale di G tale che il quoziente sia abeliano elementare.

Caratterizzazione dei gruppi nilpotenti finiti


Il seguente teorema riduce lo studio dei gruppi nilpotenti finiti essenzialmente
allo studio dei p-gruppi finiti.
{caranil}
Teorema 11.1.13 Sia G un gruppo finito. Allora le seguenti affermazioni sono
equivalenti:
1. G `e nilpotente;
2. per ogni sottogruppo H di G, H `e un sottogruppo proprio di G se e solo
se H `e un sottogruppo proprio di NG (H);
3. ogni sottogruppo di G `e subnormale;
4. ogni sottogruppo di Sylow `e normale
5. G `e il prodotto diretto dei suoi sottogruppi di Sylow.

Dimostrazione. 2. e 3. sono equivalenti perche G `e finito. 1. implica 3..


per il teorema 7.3.4. 3. implica 4. per il corollario 11.1.8. Supponiamo sia vera
la 4.. Siano Sp un p-sottogruppo di Sylow ed Sq un q-sottogruppo di Sylow, con
Sp 6= Sq . Per il Teorema di Sylow p 6= q, da cui SP Sq = {1}. Per il lemma
6.2.1 risulta
hP, Qi = P Q
138 CAPITOLO 11. I TEOREMI DI SYLOW E DI SCHUR-ZASSENHAUS

da cui segue facilmente 5.. Infine 5. implica 1. per il teorema 11.1.10 e per
lesercizio 7.4.6.

11.2 Il Teorema di Schur-Zassenhaus


{SZ}
Sia G un gruppo ed N un suo sottogruppo. Ricordiamo che un complemento di
N in G `e un sottogruppo K di G tale che
1. G = KN
2. K N = {1}.
Si osservi che
|G| = |N ||K|/|N K| = |N ||K|
e quindi
{indicecomplemento} |K| = |G : N |. (11.8)
Non sempre dato un sottogruppo N di G esistono complementi di N (esercizio
3.5.5).
Dato un gruppo finito G un sottogruppo N di G tale che

(|N |, |G : N |) = 1

si dice sottogruppo di Hall.


u precisamente, se = (N ) `e linsieme dei numeri primi che dividono |N |
Pi`
diremo anche che N `e un -sottogruppo di Hall. Si osservi che i p-sottogruppi
di Sylow sono esattamente i p-sottogruppi di Hall.
A differenza dei sottogruppi di Sylow, non sempre esistono -sottogruppi
di Hall per ogni sottoinsieme di (G); ad esempio, il gruppo alterno A5 non
possiede {2, 5}-sottogruppi di Hall (vedi esercizio 11.3.4).
Supponiamo ora che N sia un sottogruppo di G e K un altro sottogruppo
di G tale che
1. G = N K
2. N K = {1}
diremo allora che K `e un complemento di N .
Si osservi che in questo caso |G : N | = |K|, quindi se N `e un sottogruppo di
Hall di G, anche il suo complemento K `e un sottogruppo di Hall

Teorema 11.2.1 (Teorema di Schur-Zassenhaus caso generale) Sia G un grup-


po finito e N un suo sottogruppo di Hall normale. Allora
1. esiste un complemento di N in G e
2. se K1 e K2 sono due complementi di N in G, esiste un elemento n di N
tale che K2 = K1n .
11.2. IL TEOREMA DI SCHUR-ZASSENHAUS 139

Di questo teorema daremo solo la dimostrazione nel caso in cui N sia abe-
liano. Nell esercizio 11.3.14 viene data una traccia della dimostrazione dellesisten-
za dei complementi nel caso generale e negli esercizi 11.3.15 e 11.3.16 del coniugio
dei complementi sotto lipotesi che N o, rispettivamente, G/N siano risolubi-
li. Lipotesi che N o G/N siano risolubili in realt`a `e sempre verificata: `e una
conseguenza del Teorema di Feit e Thompson (uno dei risultati pi` u importanti
e difficili sui gruppi finiti) che afferma che ogni gruppo di ordine dispari `e riso-
lubile. Infatti, poiche N `e di Hall, |N | e |G/N | sono coprimi e quindi uno dei
due `e di ordine dispari. Al momento non si conosce alcuna dimostrazione del
Teorema di Schur-Zassenhaus, nella sua forma pi` u generale, che non faccia uso
del Teorema di Feit e Thompson.
Come abbiamo detto nellintroduzione, nella dimostrazione del Teorema di
Schur-Zassenhaus cercheremo di costruire il sottogruppo cercato come stabiliz-
zatore di un elemento sotto lazione indotta dallazione regolare a destra di G
sullinsieme T dei trasversali destri di N in G. In effetti non sar`a esattamente
questazione che useremo, ma quella indotta su un G-insieme quoziente di T .
Per comodit` a in quanto segue scegliamo gli indici i {1, . . . , n} in modo che
se
{g1 , g2 , . . . , gk } e {h1 , h2 , . . . , hk }
sono trasversali di N in G, allora

N gi = N hi per ogni i {1, . . . , k}.


{trasv}
Lemma 11.2.2 Sia G un gruppo finito ed N un sottogruppo di G. Sia T linsie-
me dei trasversali destri di N in G e {g1 , g2 , . . . , gk } T . Allora lapplicazione

: N k T

(n1 , . . . , nk ) 7 {n1 g1 , . . . , nk gk }
`e una biiezione. In particolare

|T | = |N |k . (11.9) {cardtrasv}

Dimostrazione. Se (n1 , . . . , nk ) `e un elemento di N k , allora

N ni gi = N gi

per ogni i {1, . . . , k} e quindi anche

{n1 g1 , n2 g2 , . . . , nk gk }

`e un trasversale destro di N in G. Dunque `e ben definita e, come si vede


facilmente, `e iniettiva. Viceversa sia

{h1 , h2 , . . . , hk }
140 CAPITOLO 11. I TEOREMI DI SYLOW E DI SCHUR-ZASSENHAUS

un trasversale destro di N in G. Poich`e

N gi = N hi per ogni i {1, . . . , k},

esistono degli elementi


n1 , n2 , . . . , nk
di N tali che
hi = ni gi per ogni i {1, . . . , k},
cio`e
{h1 , h2 , . . . , hk } = (n1 , . . . , nk )
e `e suriettiva.

Con le notazioni del lemma precedente, sia g G e

{h1 , h2 , . . . , hk } T .

Allora anche
{h1 g, h2 g, . . . , hk g}
`e un elemento di T , infatti

N h1 g N h2 g . . . N hk g = (N h1 N h2 . . . N hk )g
= Gg = G.

Dunque possiamo definire unazione per moltiplicazione a destra di G su T .


Nella dimostrazione del Teorema di Schur-Zassenhaus definiremo unequivalenza
su T compatibile con lazione di G ed useremo lazione indotta sullinsieme
quoziente. Il punto fondamentale di questa dimostrazione `e che se N `e un
gruppo e k `e un elemento di ordine coprimo con |N |, allora `e sempre possible
estrarre la radice k-esima degli elementi di N , cio`e per ogni m N esiste un
elemento n N tale che nk = m (vedi esercizio 11.3.12).
{SchurZassenhaus}
Teorema 11.2.3 (Teorema di Schur-Zassenhaus, caso N abeliano) Sia G un
gruppo finito e N un suo sottogruppo di Hall abeliano e normale. Allora
1. esiste un complemento di N in G e
2. se K1 e K2 sono due complementi di N in G, esiste un elemento n di N
tale che K2 = K1n .

Dimostrazione. Sia T linsieme dei trasversali destri di N in G. Definiamo


una relazione dequivalenza su T nel modo seguente

{h1 , h2 , . . . , hk } {h01 , h02 , . . . , h0k }

se esistono degli elementi


n1 , n2 , . . . , nk
di N tali che
11.2. IL TEOREMA DI SCHUR-ZASSENHAUS 141

1. h0i = hi ni per ogni i {1, . . . , k} e


Qk
2. i=1 ni = 1.

Si vede facilmente che `e compatibile con lazione di G per moltiplicazione a


destra su T . Sia infatti g G e

{h1 , h2 , . . . , hk } {h01 , h02 , . . . , h0k }

e siano
n1 , n2 , . . . , nk
elementi di N tali che

1. h0i = hi ni per ogni i {1, . . . , k} e


Qk
2. i=1 ni = 1.

Allora
h0i g = hi ni g = hi g(g 1 ni g)
e, essendo N  G per ogni i {1, . . . , k}, risulta

(g 1 ni g) N

e
k
Y k
Y
g 1 ni g = g 1 ( ni )g = g 1 1g = 1,
i=1 i=1

cio`e
{h1 g, h2 g, . . . , hk g} {h01 g, h02 g, . . . , h0k g}.
Ne segue che possiamo definire unazione di G sullinsieme quoziente T /
nel modo seguente:
se g G e [{h1 , h2 , . . . , hk }] T / , allora

[{h1 , h2 , . . . , hk }]g = [{h1 g, h2 g, . . . , hk g}] . (11.10)

Si osservi inoltre che


|T / | = |N |. (11.11) {ordinet}
Studiamo ora lazione di N su T / , mostriamo che

N opera transitivamente su T / , (11.12) {tran}

cio`e che se
[{h1 , h2 , . . . , hk }] e [{g1 , g2 , . . . , gk }]
sono elementi di T / , allora esiste un elemento n N tale che

[{h1 n, h2 n, . . . , hk n}] = [{g1 , g2 , . . . , gk }] . (11.13) {transitivo}


142 CAPITOLO 11. I TEOREMI DI SYLOW E DI SCHUR-ZASSENHAUS

Per il Lemma 11.2.2, esistono degli elementi

n1 , n2 , . . . , nk

in N tali che
hi = ni gi per ogni i {1, . . . , k}. (11.14) {T1}
Posto mi = ngi i risulta mi N perch`e N  G ed inoltre

hi = ni gi = gi gi1 ni gi = gi mi . (11.15) {T2}

Sia
k
Y
m= mi .
i=1

Poich`e (|N |, k) = (|N |, |G : N |) = 1, per lesercizio 11.3.12, esiste n N tale


che
nk = m1 .
Poich`e N `e abeliano risulta
k
Y k
Y
mi n = ( mi )nk = mm1 = 1
i=1 i=1

e quindi

{g1 , g2 , . . . , gk } {g1 m1 n, g2 m2 n, . . . , gk mk n}
= {h1 n, h2 n, . . . , hk n},

da cui segue la 11.13. Da 11.12 e 11.11, si ottiene, Per il corollario 10.2.4, che,
se T / ,
|N : N | = |{ n |n N }| = |T / | = |N |,
e quindi N = {1}. Per 10.5.7 G = G N e G N = N = {1}, quindi G `e il
complemento cercato.
Siano ora K1 e K2 due complementi di N in G. Si osservi che K1 e K2 sono
anche due trasversali di N in G e G[Ki ] = Ki per ogni i = 1, 2. Per 11.12 esiste
n N tale che [K1 ]n = [K2 ] , quindi, per lesercizio 10.5.6,

K2 = G[K2 ] = G[K1 ]n = Gn[K1 ] = K1n .

11.3 Esercizi
{Syl1}
Esercizio 11.3.1 Sia A un insieme di ordine t e X linsieme dei sottoinsiemi
di ordine k di A dove k `e un intero positivo minore di t. Si provi che |X| =
t!/(t k)!k!.
11.3. ESERCIZI 143

{Syl2}
Esercizio 11.3.2 Sia t un intero e t = pn m con p un numero primo, m ed
n numeri naturali e (p, m) = 1. Si provi che p non divide t!/(t pn )!pn !.
Suggerimento, si confrontino le volte che p appare come fattore del numeratore
e del denominatore).
{pq}
Esercizio 11.3.3 Sia G un gruppo di ordine pq dove p e q sono numeri primi.
Si dimostri che G ha un sottogruppo di Sylow normale.
{halla5}
Esercizio 11.3.4 Si dimostri che un gruppo semplice di ordine 60 non ha
sottogruppi di ordine 20.

Esercizio 11.3.5 Sia G un gruppo e H un sottogruppo subnormale di G. Si


provi che se P Sylp (G) allora (P H) Sylp (H) (suggerimento: usare
linduzione sul difetto di subnormalit`a di H).
{daschb}
Esercizio 11.3.6 Sia G un p-gruppo finito che agisce su un insieme finito e
tale che, per ogni esiste un sottogruppo G() di G tale che sia lunico
punto fisso di G in . Si provi che
1. G `e transitivo su ;
2. || 1 mod p.

Esercizio 11.3.7 Sia G un gruppo, p un numero primo e P Sylp (G). Si


provi che se P `e normale in G allora P `e caratteristico in G.

Esercizio 11.3.8 Sia G un p-gruppo finito. Si provi che esiste un sottogruppo


caratteristico L di G tale G/L sia abeliano non identico.
{tantisott}
Esercizio 11.3.9 Sia G un p gruppo finito e sia H un sottogruppo di G. Allora
per ogni potenza pk di p tale che |H| P k |G| esiste un sottogruppo K di G
tale che H K G e |K| = pk . In particolare un sottogruppo massimale di G
ha indice p (ed `e normale)
{PUP1}
Esercizio 11.3.10 Sia P un p-sottogruppo di un gruppo G. Si provi che P
Sylp (G) se e solo se P Sylp (NG (P )).

Un sottogruppo H di un gruppo G si dice p-locale se esiste un p-sottogruppo


D tale che H = NG (D). H si dice p-locale massimale se H non `e contenuto pro-
priamente in nessun sottogruppo p-locale. Un problema importante per lo studio
dei gruppi semplici `e quello di provare che un sottogruppo p-locale massimale
H di un gruppo G contiene un p-sottogruppo di Sylow di G o, in caso contrario,
di determinare la struttura di H. Questo problema `e noto come pushing up
problem. Il seguente esercizio `e il punto dattacco di questo problema.
{PUP2}
Esercizio 11.3.11 Sia D un p-sottogruppo di un gruppo finito G ed H =
NG (D). Sia P Sylp (H). Si provi che se esiste un sottogruppo un sotto-
gruppo caratteristico di P che `e normale in H e P 6 Sylp (G), allora H non `e
locale massimale.
144 CAPITOLO 11. I TEOREMI DI SYLOW E DI SCHUR-ZASSENHAUS

{kroot}
Esercizio 11.3.12 Sia N un gruppo finito, k un intero coprimo con |N |. Si
dimostri che per ogni m N esiste un unico n N tale che nk = m. Suggeri-
mento: Poich`e (|N |, k) = 1 esistono degli interi , tali che |N | + k = 1. Si
ponga n = m e si concluda.

Si risolva direttamente, senza usare il teorema di Schur-Zassenhaus, il se-


guente esercizio.
{complemento1}
Esercizio 11.3.13 1. Sia G = hgi un gruppo ciclico di ordine n per ogni
h, k N tali che n = hk e (h, k) = 1, allora posto H = hg k i e K = hg h i
risulta G = HK e H K = {1}.
2. Pi`
u in generale, sia A un gruppo abeliano, Ap1 , . . . , Apk le sue componenti
primarie. Mostrare che dato un qualsiasi sottoinsieme X di {1., , , .k} il
sottogruppo Y
H= Ap i
iX

ha come complemento il sottogruppo


Y
K= Ap j .
j{1,...,k}\X

Nei tre esercizi che seguono si dimostra il teorema di Schur-Zassenhaus mo-


dulo il Teorema di Feit-Thompson. Vogliamo fare alcune osservazioni sulle
dimostrazioni.
In ciascun esercizio si ragiona per assurdo: si suppone falsa la tesi e si
considera un controesempio G di ordine minimo, quindi la tesi `e verificata in
tutti i sottogruppi e tutti i quozienti di G che soddisfano le ipotesi e si cerca di
derivare una contraddizione. Questo `e un tipo di ragionamento per induzione che
viene usato costantemente in teoria dei gruppi. Ovviamente uno degli strumenti
principali in questo caso `e il secondo teorema di omomorfismo (`e tutto quello
che si usa per lesercizio 11.3.15).
Nellesercizio 11.3.14 il punto fondamentale `e quando si utilizza largomento
di Frattini per ridursi allo studio del normalizzante di un p-Sylow di N . Questo
`e un esempio di ragionamento locale: nella teoria locale dei gruppi, dato un
gruppo G si cerca di dedurre informazioni di tipo globale, che riguardano cio`e
la struttura dellintero gruppo, da informazioni di tipo locale, che riguardano
la struttura dei sottogruppi p-locali (vedi premessa allesercizio 11.3.11), dove
p `e un primo che divide |G|. Largomento di Frattini `e una chiave per poter
applicare la teoria locale.
Infine una spiegazione sullesercizio 11.3.16). Se il quoziente G/N fosse un q-
gruppo, allora K1 e K2 sarebbero due q-Sylow di G e quindi sarebbero coniugati
per il teorema di Sylow. Lidea della dimostrazione `e quella di cercare di ridursi
a questa situazione. Sfruttando la minimalit`a di G si riesce a dimostrare che K1
e K2 sono in un certo senso coniugati a meno dei loro q-Sylow e si mostra poi
che i q-Sylow sono coniugati da un elemento di G che lascia fisso tutto il resto.
11.3. ESERCIZI 145

{SCHUR-ZASS1}
Esercizio 11.3.14 Sia G un gruppo finito ed N un suo sottogruppo di Hall
normale. Allora esistono complementi di N in G.

Supponiamo falso lasserto e sia G un controesempio di ordine minimo, cio`e


se H `e un gruppo finito con |H| < |G|, ed M `e un sottogruppo di Hall di H e
normale, allora esistono dei complementi.
Passo 1 Si provi che se L `e un sottogruppo proprio di N (cio`e {1} < L < N ),
allora L non `e normale in G (suggerimento: Se L  G, si studi il quoziente G/L
che ha ordine strettamente minore di G).
Passo 2 Sia p un divisore primo di |N | e P Sylp (N ). Si dimostri che
G = N Ng (P ).
Passo 3 Sia G = NG (P ) e N = N NG (P ). Si provi che N `e un sottogruppo
di Hall di G e normale.
Passo 4 Si provi che esiste un complemento K di N in G. (Suggerimento:
si distinguano i due casi G < G e G = G. Nel primo caso la tesi segue dalla
minimalit`a di G. Nel secondo caso si deduca dal passo 1 che N `e un p-gruppo
privo di sottogruppi caratteristici. In particolare (N ) = {1} e quindi N `e
abeliano elementare. Si applichi quindi il teorema 11.2.3).
Passo 5 Si provi che K `e un complemento di N in G. (Suggerimento: si
applichi il secondo teorema di omomorfismo e si calcolino gli ordini e gli indici
dei gruppi trovati).
{SCHUR-ZASS2a}
Esercizio 11.3.15 Sia G un gruppo finito ed N un suo sottogruppo di Hall
normale e risolubile. Allora, se K1 e K2 sono complementi di N in G, esiste
un elemento n di N tale che K2 = K1n .

Passo 1 Si supponga G un controesempio minimo e, come nellesercizio


precedente, si dimostri che nessun sottogruppo proprio di N `e normale in G.
Passo 2 Per lesercizio ?? N `e abeliano e si concluda per il teorema 11.2.3.
{SCHUR-ZASS2b}
Esercizio 11.3.16 Sia G un gruppo finito ed N un suo sottogruppo di Hall
normale tale che G/N sia risolubile. Allora, se K1 e K2 sono complementi di
N in G, esiste un elemento n di N tale che K2 = K1n .

Sia G un controesempio di ordine minimo.


Passo 1 Sia q un divisore proprio di |G/G0 | e sia G = G0 (q) (cfr. es 9.3.9).
Allora |G| < |G| e N `e un sottogruppo di Hall di G e normale in G.
Passo 2 Sia K i = Ki G (i = 1, 2). Si provi che per ogni i {1, 2}

1. K i  Ki ;

2. K i `e un complemento di N in G;
146 CAPITOLO 11. I TEOREMI DI SYLOW E DI SCHUR-ZASSENHAUS

s
3. per la minimalit`
a di G, esiste un elemento s di N tale che K 1 = K 2 .

Passo 3 Sia K3 = K1s . Si provi che


1. K3 G = K 2 e quindi K 2  K3 ;
2. esistono Q2 , Q3 Sylq (G) tali che Ki = K 2 Qi .

2 )).
Passo 4 Si deduca dal passo 2.1 e dal passo 3 che Q2 , Q3 Sylq (NG (K
2 ) tale che Qt = Q2 .
Passo 5 Esiste t NG (K 1

Passo 6 Posto g = st, si provi che K1g = K2 .


Passo 7 Si concluda mostrando che, poiche G = K1 N , esiste un elemento
n N tale che K1n = K2 .
Parte III

Azioni di gruppi su gruppi

147
149

Largomento di questa sezione sono le azioni di un gruppo A su un gruppo


B, cio`e le rappresentazioni : A Aut(B). Abbiamo visto nella sezione sui
prodotti semidiretti che possiamo sempre ridurci al caso in cui A e B sono sot-
togruppi di un gruppo G, A normalizza B e `e lazione indotta dal coniugio.
Le prime due sezioni di questo capitolo sono dedicate al Teorema di Fitting per
i gruppi risolubili finiti ed alla sua generalizzazione, dovuta a Bender, ai gruppi
finiti generici. Il Teorema di Fitting mostra come un gruppo risolubile sia con-
trollato dal suo massimo sottogruppo normale nilpotente F (G) (il sottogruppo
di Fitting). Infatti le informazioni contenute nel nucleo dellazione di G su
F (G) per coniugio (che vengono perdute nella rappresetazione) sono recuperate
dal fatto che ker()(= CG (F (G))) `e contenuto in F (G) (Teorema di Fitting). In
un gruppo qualsiasi al sottogruppo di Fitting `e necessario aggiungere un altro
sottogruppo caratteristico che si indica con E(G). Modulo la sua intersezio-
ne col Fitting, E(G) `e un prodotto diretto di gruppi semplici. Il sottogruppo
di Fitting generalizzato F (G) `e il sottogruppo di G generato da F (G) e da
E(G). Proveremo che in un gruppo G qualsiasi F (G) contiene CG (F (G)) e,
come esercizio es. 12.3.9 proveremo che in un certo senso F (G) `e il migliore
sottogruppo di G con tale propriet`a e lo studio di un gruppo G attraverso la
sua rappresentazione per coniugio su F (G) si `e rivelato particolarmente effi-
cace. Nelle restanti sezioni studieremo le azioni coprime e le azioni unipotenti
che corrispondono alle azioni di un gruppo di automorfismi semisemplici (risp.
unipotenti) di uno spazio vettoriale.
150
Capitolo 12

Larchitettura di un gruppo
finito

12.1 Il Teorema di Fitting


12.1.1 Il p-radicale
Sia G un gruppo e P1 , P2 due p-sottogruppi normali di G. Allora, per le pro-
posizioni 1.0.11 e 1.0.12 hP1 , P2 i = P1 P2 `e ancora un p-sottogruppo normale di
G. Segue da ci`o che se Op (G) `e il sottogruppo generato da tutti i p-sottogruppi
normali di G, Op (G) `e ancora un p-sottogruppo normale di G. Op (G) si dice
p-radicale di G.
Esempi

O3 (S3 ) = A3 ,

O2 (S3 ) = {1},

O2 (D8 ) = D8 ,

O5 (D30 ) `e ciclico di ordine 5,

O3 (D30 ) `e ciclico di ordine 3,

O2 (D30 ) = {1}.

Diamo alcune propriet`


a elementari del p-radicale:
{opcar}
Proposizione 12.1.1 Op (G) `e un sottogruppo caratteristico di G.

Dimostrazione. Segue immediatamente dal fatto che ogni automorfismo


di G manda p-sottogruppi normali in p-sottogruppi normali.

151
152 CAPITOLO 12. LARCHITETTURA DI UN GRUPPO FINITO

{Opered}
Corollario 12.1.2 Se N `e un sottogruppo normale di G, allora Op (N )
Op (G).

Dimostrazione. Op (N ) char N  G, da cui Op (N )  G e quindi la tesi.

{Opalquoz}
Proposizione 12.1.3 Op (G/Op (G)) = {1}

Dimostrazione. Segue immediatamente dal Teorema di Corrispondenza


e dal Teorema di Lagrange

{OpOq}
Proposizione 12.1.4 Se p e q sono primi distinti [Op (G), Oq (G)] = {1}.

Dimostrazione. Segue immediatamente dal Lemma 6.2.1, tenendo presen-


te che Op (G) ed Oq (G) sono sottogruppi normali ed hanno intersezione identica.

12.1.2 Il Sottogruppo di Fitting


Sia ora
F (G) = hOp (G)|p divide |G|i.

Per la proposizione 12.1.4 e il teorema 11.1.13 F (G) `e un sottogruppo nilpotente.


F (G) si dice sottogruppo di Fitting o radicale nilpotente di G.

Proposizione 12.1.5 F (G) `e il pi`


u grande sottogruppo normale nilpotente di
G

Dimostrazione. Abbiamo gi`a visto che F (G) `e un sottogruppo nilpotente


ed `e normale (anzi caratteristico) perch`e `e generato da sottogruppi caratteristici.
Sia ora N un sottogruppo normale nilpotente di G. Dal teorema 11.1.13 segue
che, per ogni divisore primo p di N , Op (N ) `e un p-sottogruppo di Sylow di N
e quindi, per il corollario 12.1.2,

N = hOp (N )|p divide |N |i F (G).


12.2. COMPONENTI E FITTING GENERALIZZATO 153

12.1.3 Il Teorema di Fitting


{teoremadifitting}
Teorema 12.1.6 (Teorema di Fitting) Sia G un gruppo risolubile finito. Allora

{fitris} CG (F (G)) F (G) (12.1)

Dimostrazione. Poniamo F = F (G), C = CG (F ) e Z = F C. Sup-


poniamo per assurdo che C 6 F . Osserviamo che Z = Z(F ) e quindi Z `e
il gruppo G/Z e, per ogni sottogruppo H di G con
caratteristico in G. Sia G

Z H, indichiamo con H il sottogruppo H/Z di G. Ora C `e risolubile perche

sottogruppo del gruppo risolubile G. Per il corollario 9.1.11 esiste un sottogrup-
po A di C contenente Z tale che A `e un sottogruppo caratteristico abeliano
elementare non identico di C. Ne segue che A `e normale in G. Poich`e A/Z `e
abeliano, si ottiene

[[A, A], A] [Z, A] [F, C] = {1},

e quindi A `e nilpotente. Ma allora A F = F (G), da cui, essendo A C,


risulta A Z, cio`e A = {1}, che contraddice la scelta di A.

12.2 Componenti e Fitting Generalizzato


12.2.1 cc-sottogruppi
Sia G un gruppo finito ed H un sottogruppo di G, non necessariamente nor-
male. Diremo che H `e un cc-sottogruppo1 di G se H contiene il proprio
centralizzante, in simboli
CG (H) H. (12.2) {centclo}
Se F `e un cc-sottogruppo normale di un gruppo G, allora F controlla
G. Infatti G/ker() `e controllato da F attraverso Aut(F ), nel senso che se
: G Aut(F ) `e la rappresentazione di G su F indotta dal coniugio, G/ker()
`e isomorfo ad un sottogruppo di Aut(F ). Daltra parte anche ker() `e control-
lato da F , perch`e ker() `e esattamente CG (F ) e quindi, essendo contenuto in
F , coincide con Z(F ). Per esempio, se sappiamo che un gruppo G possiede un
cc-sottogruppo normale F , lordine di G non pu`o essere maggiore di |F |(|F |!)
(perche?).
Ovviamente G `e un cc-sottogruppo normale di se stesso, e questo non ci
porta alcun vantaggio. Inoltre se H `e un cc-sottogruppo di G, ogni sottogruppo
di G contenente H `e un cc-sottogruppo. Il problema `e quello di trovare dei
cc-sottogruppi normali la cui struttura sia il pi`u semplice possibile. Il Teore-
ma di Fitting, per esempio, mostra che in un gruppo risolubile G, F (G) `e un
cc-sottogruppo caratteristico. Questo permette, in linea di principio, di ridurre
1 Attenzione, la definizione di cc-sottogruppo non `
e di uso comune, anzi, alcuni autori
definiscono un CC-sottogruppo come un sottogruppo che contiene i centralizzanti di tutti i
suoi elementi una condizione evidentemente molto pi`u forte della nostra.
154 CAPITOLO 12. LARCHITETTURA DI UN GRUPPO FINITO

questioni sui gruppi risolubili ai gruppi nilpotenti ed ai loro gruppi di automor-


fismi. Per questo il Teorema di Fitting `e forse il pi` u importante risultato sui
gruppi risolubili finiti.

12.2.2 Componenti
Vogliamo ora generalizzare il Teorema di Fitting ad un gruppo finito G qualsiasi.
In generale, se G non `e un gruppo risolubile, la 12.1 non `e vera: ad esempio se
G `e un gruppo semplice non abeliano, F (G) = {1} e quindi G = CG (F (G)) 6
F (G). Se, per`o, si osserva la dimostrazione del Teorema di Fitting, si noter`a che
lunica propriet`a dei gruppi risolubili che abbiamo usato `e che un sottogruppo
caratteristico minimale di un gruppo risolubile `e abeliano elementare. Questo
ci permetteva di provare lesistenza del sottogruppo A di C(F (G))/Z(G). Se
G non `e risolubile, un sottogruppo caratteristico minimale di G `e un prodotto
diretto di gruppi semplici (vedi esercizio 12.3.6), quindi in questo caso A `e un
prodotto diretto di gruppi semplici:

A = S1 S2 . . . St .

Se Si `e lantiimmagine di Si in G, allora, dal teorema di corrispondenza si vede


facilmente che
1. Si /Z(Si ) `e semplice e
2. Si  A  G.
Questo ci suggerisce cosa dobbiamo aggiungere al sottogruppo di Fitting per
generalizzare la 12.1.
Sia K un gruppo. K si dice quasisemplice se K `e perfetto e K/Z(K) `e
semplice.
{kov}
Proposizione 12.2.1 Sia K un gruppo quasisemplice ed N un sottogruppo
normale proprio di K. Allora N Z(K).

Dimostrazione. Supponiamo che N 6 Z(K). Poich`e K/Z `e semplice,


segue, per il Teorema di Corrispondenza, che K = N Z. Dal Lemma 6.2.1 e
dallesercizio 6.3.6 segue allora

N [K, N ] [K, N Z] = [K, K] = K,

da cui la tesi.

{granco}
Proposizione 12.2.2 Sia K un gruppo tale che K/Z(K) sia semplice non abe-
liano. Allora K = K 0 Z(K) e K 0 `e quasisemplice.

Dimostrazione. Poich`e K non `e risolubile,

K 0 6 Z(K),
12.2. COMPONENTI E FITTING GENERALIZZATO 155

quindi K 0 Z(K)/Z(K) `e un sottogruppo normale non identico di K/Z(K). Ma


K/Z(K) `e semplice, quindi K 0 Z(K)/Z(K) = K/Z(K), da cui

K 0 Z(K) = K.

Segue allora che

[K 0 , K 0 ] = [K 0 Z(K), K 0 Z(K)] = [K, K] = K 0

e quindi K 0 `e perfetto. Per il Secondo Teorema di Omomorfismo

K 0 /(K 0 Z(K))
= K 0 Z(K)/Z(K) = K/Z(K).

Poich`e K/Z(K) `e semplice, segue che K 0 Z(K) = Z(K 0 ) e quindi K 0 `e


quasisemplice.

Sia G un gruppo. Una componente di G `e un sottogruppo quasisemplice


e subnormale. La propriet`
a pi`
u importante delle componenti `e la seguente:
{komp}
Teorema 12.2.3 Sia K una componente di un gruppo G ed H un sottogruppo
subnormale di G non contenente K. Allora [H, K] = {1}.

Dimostrazione. Possiamo supporre G = hK, Hi. Sia N la chiusura


normale di H in G. Allora G = hK, Hi = KN e, poich`e H `e subnormale
in G, N < G; in paticolare K 6 N . Proviamo, per induzione sul difetto di
subnormalit` a n di K in G, che [N, K] = {1}. Se K  G, allora, per il lemma
6.2.1 e la proposizione 12.2.1, risulta

[N, K] N K Z(K),

da cui
[K, N, K] = [N, K, K] [Z(K), K] = {1}.
Dal Lemma dei Tre Sottogruppi (esercizio 6.3.9), segue infine che

[K, N ] = [K, K, N ] = {1}.

Supponiamo ora che K non sia normale in G. Sia G0 la chiusura normale di K


in G e N0 = G0 N . Allora

[K, N ] [G0 , N ] N0 .

Poich`e K ha difetto di subnormalit`a n1 in G0 ed N0 `e un sottogruppo normale


di G0 non contenente K, per ipotesi induttiva risulta

[N0 , K] = {1},

da cui
[N, K, K] = [K, N, K] [N0 , K] = {1}.
156 CAPITOLO 12. LARCHITETTURA DI UN GRUPPO FINITO

Ancora dal lemma dei Tre Sottogruppi segue che

[K, N ] = [K, K, N ] = {1}.

Dunque [K, N ] = {1}, da cui la tesi essendo H N .

Corollario 12.2.4 1. Se K1 e K2 sono due componenti distinte di un gruppo


G, allora [K1 , K2 ] = {1}.
2. Se K `e una componente di G, allora [F (G), K] = {1}.

Dimostrazione. Segue immediatamente dal teorema 12.2.3.

12.2.3 Il Sottogruppo di Fitting Generalizzato


Sia G un gruppo finito. Poniamo

E(G) := hK|K `e una componente di Gi

e
F (G) = F (G)E(G).
Il sottogruppo F (G) si dice sottogruppo di Fitting generalizzato di G.
Osserviamo che E(G) `e un sottogruppo caratteristico di G, e quindi anche F (G)
`e un sottogruppo caratteristico di G.
{genfit}
Teorema 12.2.5 Sia G un gruppo finito, allora

CG (F (G)) F (G).

Dimostrazione. Come nella dimostrazione del Teorema di Fitting, po-


niamo F = F (G), C = CG (F ), Z = F C e, se H `e un sottogruppo di G
contenente Z, indichiamo con H il sottogruppo H/Z di G/Z. Sia A G tale
che A sia un sottogruppo caratteristico minimale di C. Per lesercizio 12.3.6
esistono dei sottogruppi K1 , K2 , . . . , Kt di G contenenti Z, tali che K i `e un
gruppo semplice non abeliano per ogni i {1, . . . , t} e

A = K
1 K
2 . . . K
t.

Sia K {K1 , . . . Kt }. Poich`e K C, Z = Z(K), quindi, per la proposizione


 A,
12.2.2, K 0 `e quasisemplice. Daltra parte, poich`e K per il Teorema di
Corrispndenza K  A  G. Segue che K `e una componente di G e quindi `e
0

contenuta in E(G). Per il lemma 12.2.2

K = K 0 Z(K) = K 0 Z E(G)F (G) = F (G),

che `e una contraddizione.


12.3. ESERCIZI 157

12.3 Esercizi
Esercizio 12.3.1 Sia G un gruppo. Si provi che se H `e un p-sottogruppo
subnormale di G, allora H Op (G)

Esercizio 12.3.2 Un sottogruppo N di un gruppo G si dice p-locale se esiste


un p-sottogruppo non identico T tale che N = NG (T ). Si provi che:
1. se N `e un sottogruppo p-locale, allora NG (N ) `e un sottogruppo p-locale;

2. se N `e un sottogruppo p-locale massimale, allora N = NG (N ).

Esercizio 12.3.3 Sia G un gruppo. Si provi che se H `e un sottogruppo sub-


normale nilpotente di G, allora H F (G)

Esercizio 12.3.4 Si determinino tutti i gruppi finiti risolubili G con |F (G)| = 5

Esercizio 12.3.5 Si determinino tutti i gruppi finiti risolubili con F (G)


= C2
C2 .
{carmin}
Esercizio 12.3.6 Si provi che se A `e un sottogruppo caratteristico minima-
le di un gruppo finito G allora esistono dei sottogruppi semplici subnormali
S1 , S2 , . . . , St tali che

1. A = S1 S2 . . . St e
2. G agisce transitivamente per coniugio su {S1 , S2 , . . . , St }.

Esercizio 12.3.7 Sia N un sottogruppo subnormale di un gruppo G e K una


componente di N . Si provi che K `e una componente di G.

Esercizio 12.3.8 Si provi che un sottogruppo subnormale minimale di un grup-


po finito G `e contenuto in F (G).
{fitopt}
Esercizio 12.3.9 Sia G un gruppo finito, si provi che se H `e un cc-sottogruppo
normale di G contenente F (G), allora H contiene F (G)

Esercizio 12.3.10 Sia G un gruppo finito, si provi che le seguenti condizioni


sono equivalenti:
1. F (G) `e un p-gruppo;

2. F (G) = Op (G);
3. CG (Op (G)) Op (G).
158 CAPITOLO 12. LARCHITETTURA DI UN GRUPPO FINITO
Capitolo 13

Azioni coprime e unipotenti

Sia un endomorfismo di uno spazio vettoriale V di dimensione finita su un


campo K e supponiamo che K contenga tutti gli autovalori di . Per un impor-
tante risultato di algebra lineare, si decompone in modo unico come somma
di un endomorfismo semisemplice (cio`e diagonalizzabile) s e di uno nilpotente
(cio`e tale che una sua potenza sia lendomorfismo nullo) n . La decomposizione

= s + n .

`e nota come decomposizione additiva di Jordan. Se `e in particolare un


automorfismo di V , anche lo `e e, posto

u := 1 + s1 n ,

risulta che u `e un automorfismo unipotente (cio`e il cui unico autovalore `e 1)


di V e si decompone in modo unico come prodotto di s per u :

= s u . (13.1) {jordan}

La decomposizione 13.1 si chiama decomposizione moltiplicativa di Jor-


dan. Le decomposizioni additiva e moltiplicativa di Jordan sono un utile
strumento per studiare gli endomorfismi (risp. gli automorfismi) di V .
Se campo K `e finito e di caratteristica p, V ha ordine una potenza di p e,
se || = ps m con (m, p) = 1, si pu`
o provare (e seguir`a comunque dai risultati di
questa sezione) che s
s = ap e u = bm , (13.2) {jordangen}
dove a e b sono interi tali che aps + bm = 1. Questo comporta che
`e semisemplice se e solo se il suo ordine `e coprimo con p ed `e unipotente
se e solo se il suo ordine `e una potenza di p
Losservazione precedente permette di estendere la decomposizione di Jor-
dan ad automorfismi di un qualsiasi p-gruppo finito B e suggerisce di studiare
separatamente il comportamento degli automorfismi che hanno ordine coprimo
con p e quelli che hanno ordine una potenza di p. Come ci si pu`o aspettare,

159
160 CAPITOLO 13. AZIONI COPRIME E UNIPOTENTI

gli automorfismi di ordine coprimo con p hanno un comportamento analogo a


quello degli automorfismi semisemplici mentre gli automorfismi di G di ordine p
si comportano come gli automorfismi unipotenti. Pi` u precisamente, osserviamo
che se `e un automorfismo semisemplice di V , allora CV () `e lautospazio di
autovalore 1 mentre [V, ] `e la somma degli autospazi di autovalori diversi da 1
e V si decompone nel modo seguente:

{zassvect} V = CV ()[V, ], (13.3)

in particolare
[V, ] = [[V, ], ].
Daltra parte, se `e un automorfismo unipotente di V , esiste un intero positivo
k tale che
[V,k ] = {0}.
Questa differenza fondamentale tra il comportamento di un automorfismo se-
misemplice ed uno unipotente sussiste anche tra gli automorfismi di ordine
coprimo e gli automorfismi di ordine una potenza di p di un p-gruppo B.
Nella prossima sezione studieremo lazione coprima, cio`e lazione di un
gruppo A su un gruppo B il cui ordine sia coprimo con quello di A. Non sar`a
necessario supporre che B sia un p-gruppo ma, poiche il punto di partenza `e
il teorema di Schur-Zassenhaus, baster`a supporre solo che A o B sia risolubile
(condizione comunque garantita dal teorema di Feit e Thompson). Il risultato
centrale dellazione coprima `e il Teorema di Decomposizione di Zassenhaus: se
|A| e |B| sono coprimi, allora

B = [B, A]CB (A).

Un altro risultato importante sullAzione Coprima `e il teorema 13.1.5 che essen-


zialmente riduce lo studio dellazione coprima di un gruppo A su un gruppo B
al caso in cui B sia un p-gruppo. Conseguenze importanti della Decomposizione
di Zassenhaus sono
1. Due teoremi sul controllo dellazione coprima:
(a) Se a A centralizza B/(B), allora a centralizza tutto B e
(b) Se a A centralizza un cc-sottogruppo subnormale di B, allora A
centralizza tutto B (Teorema P Q di Thompson).
2. La caratterizzazione delle azioni unipotenti.
Chiudiamo la sezione sulle azioni coprime con le azioni coprime abeliane, cio`e
quando A e B sono di ordine coprimo e o A o B `e abeliano. Se B `e abeliano
proveremo il Teorema di Maschke sullesistenza di complementi A-invarianti.
Una conseguenza del Teorema di Maschke `e che in questo caso, esattamente
come succede per gli automorfismi di spazi vettoriali, la Decomposizione di
Zassenhaus si spezza: se |A| e |B| sono coprimi e B `e abeliano, allora

B = [A, B] CB (A).
13.1. AZIONE COPRIMA 161

Nel caso in cui invece A sia abeliano proveremo che, se A non `e ciclico, B `e
generato dai centralizzanti dei sottogruppi massimali di A (Primo Teorema di
Generazione) oppure dai centralizzanti degli elementi di A (Secondo Teorema
di Generazione).

13.1 Azione Coprima


{cop}
Consideriamo ancora la situazione del teorema di Schur-Zassenhaus. Nella sezio-
ne precedente abbiamo visto che la struttura di un gruppo G con un sottogruppo
normale N `e determinata completamente dalle strutture di N , di un suo com-
plemento K e dallazione che K induce su N per coniugio. Si osservi che questa
azione, che vogliamo studiare in questa sezione, `e caratterizzata dal fatto che
|K| ed |N | sono coprimi.
In generale unazione : A Aut(B) di un gruppo A su un gruppo B si dice
coprima se

1. |A| e |B| sono finiti e primi tra loro,

2. A o B `e risolubile.

Osserviamo che la condizione 2. `e sempre assicurata dal Teorema di Feit-


Thompson.
Come abbiamo gi` a notato lambiente naturale per lazione coprima `e nella
situazione del teorema di Schur-Zassenhaus. Infatti se B `e un sottogruppo di
Hall normale di un gruppo G e A `e un suo complemento, allora lazione che A
induce su B per coniugio `e coprima. Viceversa se : A Aut(B) `e unazione
coprima, allora B = {(1, b)|b B} `e un sottogruppo di Hall normale di A B.
{ca}
Lemma 13.1.1 Siano A ed B due sottogruppi di un gruppo G con [A, B] A =
{1}. Allora NB (A) = CB (A).

Dimostrazione. Sia N = NB (A) e C = CB (A). Chiaramente C N .


Viceversa, per il lemma 6.2.1.5 risulta

[A, N ] A.

Daltra parte, per ipotesi,


[A, N ] [A, B]

e quindi
[A, N ] [A, B] A = {1},

da cui la tesi per il lemma 6.2.1.1.

Il seguente risultato `e centrale per lo studio delle azioni coprime:


162 CAPITOLO 13. AZIONI COPRIME E UNIPOTENTI

{hebesatz}
Teorema 13.1.2 (Sollevamento dei Centralizzanti) Siano A un gruppo che agi-
sce su un gruppo B. Sia H un sottogruppo normale di B, A-invariante e di
ordine coprimo con quello di A e supponiamo che A o H sia risolubile. Allora

CB/H (A) = CB (A)H/H.

Dimostrazione. Possiamo, come al solito, supporre che A e B siano


sottogruppi del prodotto semidiretto G di B con A ed A B = {1}. Sia C B
tale che H C e C/H = CB/H (A). Chiaramente

CB (A) C

cio`e, equivalentemente,
{orinoco} CB (A) = CC (A). (13.4)
Viceversa proviamo che
C = HCB (A).
Poiche A centralizza C/H, per il Lemma 6.2.3, [A, C] H. Per il Lemma
6.2.1.5, segue che
AH  AC.
Ora H `e un sottogruppo di Hall normale in AH ed A `e un suo complemento.
Per il Teorema di Schur-Zassenhaus, essendo A o H risolubile, H `e transitivo
sui complementi di H in HA. Per lArgomento di Frattini

C = HNC (A)

da cui, per il lemma 13.1.1 e la 13.4,

C = HNC (A) = HCC (A) = HCB (A).

{deczas}
Corollario 13.1.3 (Decomposizione di Zassenhaus) Sia A un gruppo che agisce
su un gruppo B e supponiamo che lazione sia coprima. Allora

B = [A, B]CB (A).

Dimostrazione. Segue immediatamente dal Teorema di Sollevamento dei


Centralizzanti con H = [A, B].

{deczascor}
Corollario 13.1.4 Sia A un gruppo che agisce su un gruppo B e supponiamo
che lazione sia coprima. Allora

[B, A] = [B, A, A].


13.1. AZIONE COPRIMA 163

Dimostrazione. Dalla Decomposizione di Zassenhaus segue

[B, A] = [[A, B]CB (A), A] = [[A, B], A] = [B, A, A].

{Glauberman}
Teorema 13.1.5 Sia : K Aut(N ) unazione di un gruppo K su un gruppo
N . Supponiamo che |K| coprimo con |N | e K oppure N sia risolubile. Sia p
un divisore primo di N , allora
1. esistono dei p-sottogruppi di Sylow K-invarianti di N .
2. (Teorema di transitivit`a di Glaubermann) CN (K) agisce transitivamente
per coniugio sullinsieme dei p-sottogruppi di Sylow K-invarianti di N .

Dimostrazione. Per quanto osservato sopra possiamo considerare N come


sottogruppo di Hall normale di un gruppo G e K il suo complemento. Sia S
un p-sottogruppo di Sylow di N . Allora, per largomento di Frattini, G =
N NG (S). Poich`e N NG (S) `e un sottogruppo di Hall normale di NG (S), esiste
un complemento H di N NG (S) in NG (S). Ora

N H = N (N NG (S))H = N NG (S) = G

e
N H = N (H NG (S)) = (N NG (S)) H = {1}
quindi H `e un complemento di N in G. per il Teorema di Schur-Zassenhaus H
e K sono coniugati in N , esiste dunque un elemento n di N tale che

K = H n (NG (S))n = NG (S n )

cio`e S n `e un p-sottogruppo di Sylow di N K-invariante, il che prova 1). Siano


ora S1 ed S2 due sottogruppi di Sylow K-invarianti. Per il Teorema di Sylow
esiste un elemento h N tale che

S1h = S2

e quindi
K NG (S1 ) NG (S1h ) = NG (S1 ) (NG (S1 )h .
Da ci`
o segue che
hK, K h i NG (S1h ) = NG (S2 ). (13.5) {norm}
Sia
T = hK, K h , S2 i.
Poich`e S2 Sylp (N ) = Sylp (G), per 13.5, S2 `e un p-sottogruppo di Sylow
normale di T e K e K h sono due suoi complementi. Per il teorema di Schur-
Zassenhaus esiste un elemento g S2 tale che

Kh = Kg
164 CAPITOLO 13. AZIONI COPRIME E UNIPOTENTI

e quindi, per il lemma 13.1.1

hg 1 NN (K) = CN (K)

da cui la tesi essendo


(hg 1 ) 1 1
S1 = (S1h )g = S2g = S2 .

13.2 Controllo dellazione coprima


Siano A e B gruppi e : A Aut(B) unazione di A su B. Sia H/K una
sezione di B con H e K A-invarianti (questo accade, ad esempio, se H e K sono
sottogruppi caratteristici di B). Come abbiamo gi`a visto altre volte, lazione
di A su B induce in modo naturale unazione |H/K di A su H/K, ponendo,
per ogni A ed ogni Kh H/K,
|H/K
Kh( )
= Kh .

In generale avremo che

ker() ker(|H/K );

questo significa che |H/K perde qualche informazione rispetto a .


Nel caso in cui
ker() = ker(|H/K ),
diremo che la sezione H/K controlla . Si osservi che H/K controlla se e
solo se, per ogni A

[H, ] K se e solo se ker().

Diremo che H/K controlla lazione coprima se controlla ogni azione


coprima.
Se H/K controlla , tutte le informazioni che possiamo ottenere su A da
le possiamo ottenere anche da |H/K . Questo pu`o essere vantaggioso se la
struttura di H/K `e pi` u semplice da trattare di quella di B, come accade nei
due seguenti risultati.
{fitcontr}
Teorema 13.2.1 Sia B un gruppo finito. Allora B/(B) controlla lazione
coprima.

Dimostrazione. Sia A := hi e supponiamo che A centralizzi B/(B).


Allora
[A, B] (B)
13.3. AZIONI SULLE SERIE 165

e quindi, per la Decomposizione di Zassenhaus,

B = [A, B]CB (A) (B)CB (A),

da cui B = CB (A) per lesercizio 9.3.12.

{PXQ}
Teorema 13.2.2 (Teorema P Q di Thompson) Sia B un gruppo finito, i
cc-sottogruppi subnormali controllano lazione coprima.

Dimostrazione. Sia un automorfismo di B il cui ordine sia coprimo


con lordine di B e sia F un CC-sottogruppo subnormale di B. Proveremo solo
il caso in cui F `e normale in B, il caso generale segue poi per facile induzione
sul difetto di subnormalit`a. Poniamo A = hi. Poich`e A centralizza F , risulta
[A, F ] = {1} e quindi
[A, F, B] = {1}.
Poich`e F  B, si ha [F, B] F e quindi, come sopra,

[F, B, A] = {1}.

Per il Lemma dei Tre Sottogruppi si ottiene

[B, A, F ] = {1},

cio`e [B, A] centralizza F e quindi, poich`e F `e un CC-sottogruppo, [B, A] F .


Da ci` o e dallAzione Coprima, segue che

[B, A] = [B, A, A] [F, A] = {1}.

13.3 Azioni sulle serie


{seriaction}
In questa sezione A e B sono gruppi e : A Aut(B) `e unazione di A su B.
Studieremo lazione di A sui fattori di una serie subnormale A-invariante (cio`e
una serie subnormale di B i cui membri sono anche A-invarianti) e proveremo
che se A centralizza tutti i fattori di questa serie, allora A/ker() `e nilpotente,

13.3.1 Normalizzanti e centralizzanti di una serie


Siano B una serie subnormale

B0 / B1 / . . . / Bk

dal sottogruppo B0 al sottogruppo Bk di B.


166 CAPITOLO 13. AZIONI COPRIME E UNIPOTENTI

Lintersezione dei normalizzanti in A dei sottogruppi Bi si dice normaliz-


zante della serie B e si indica con NA (B); dunque

k
\
NA (B) = Bi .
i=0

Diremo che un sottogruppo P di A normalizza la serie B se P NA (B).


La restrizione di a NA (B), induce, per ogni i {0, . . . , k 1}, unazione
i di NA (B) su Bi /Bi+1 , ponendo, come al solito, per ogni NA (B) ed ogni
B1+1 g Bi /Bi+1 ,
i
(B1+1 g) = B1+1 (g ).

Lintersezione in NA (B) dei nuclei delle azioni i si dice centralizzante della


serie B e si indica con CA (B); dunque

k
\
CA (B) = ker(i ).
i=0

Diremo che un sottogruppo F di A centralizza la serie B se F CA (B).


Osserviamo che F centralizza la serie B se e solo se la normalizza e, per ogni
i {1, . . . , k},
[Bi , A] Bi1 .

Inoltre, dalle definizioni, segue immediatamente che

{CnormN} CA (B)  NA (B) (13.6)

13.3.2 Azione Unipotente


{unipaction}
Diremo che lazione di A su B `e unipotente (o che A `
e unipotente su B) se
A centralizza una serie subnormale

{1} = B0 / B1 / . . . / Bk = B

di B. Si osservi che, se B `e uno spazio vettoriale e (A) GL(B), questo


equivale a dire che, per ogni a A, 1 `e lunico autovalore di (a).
{nilact}
Teorema 13.3.1 Sia : A Aut(B) unazione di un gruppo A su un gruppo
B. Allora le seguenti affermazioni sono equivalenti:

1. `e unipotente;

2. esiste un intero positivo n tale che [B,n A] = {1};

3. A centralizza una serie normale di B;


13.3. AZIONI SULLE SERIE 167

Dimostrazione. Supponiamo che A centralizzi la serie subnormale

B0 = B B1 . . . Bk = {1}.

Proviamo, per induzione su i {1, . . . , k} che

[B,i A] Bi ].

Ora, per ogni i {o, . . . , k},

{i1} [Bi , A] Bi+1 ] (13.7)

o segue in particolare che [B, A] B1 . Suppo-


perch`e |Bi /Bi+1 `e triviale. Da ci`
niamo ora che [B,i A] Bi , allora, per la 13.7

[B,i+1 A] = [[B,i A], A]] [Bi , A] Bi+1 .

Dunque 1. implica 2.. Da 2. segue 3. perch`e la serie

B [B, A] [B,2 A] . . . [B,n A] = {1}

`e una serie normale di B (esercizio 13.5.1) ed `e centralizzata da A. Infine 3.


implica 1. perch`e ogni serie normale `e subnormale.

{pgrgen}
Lemma 13.3.2 Sia A un p-gruppo di automorfismi di un p-gruppo B. Allora
CB (A) 6= {1}

Dimostrazione. Segue dal teorema 11.1.9 applicato al prodotto semidi-


retto di B con A.

Il seguente teorema `e il risultato principale sullazione unipotente su un


p-gruppo.
{basicunip}
Teorema 13.3.3 Sia : A B unazione di un gruppo A su un gruppo B e
supponiamo che B sia un p-gruppo. Allora `e unipotente se e solo se A/ker()
`e un p-gruppo.

Dimostrazione. Supponiamo che sia unipotente, allora esiste un intero


positivo n tale che [B,n A] = {1}. Sia a un elemento di A di ordine coprimo con
p. Per il Corollario 13.1.4,

[B, a] = [B, a, a] = [B,n a] [B,n A] = {1},

cio`e a ker(). Il viceversa, segue per induzione su B in modo analogo alla


dimostrazione di 11.1.10

Se si lascia cadere lipotesi che B sia un p gruppo,


168 CAPITOLO 13. AZIONI COPRIME E UNIPOTENTI

{Hallnilp}
Teorema 13.3.4 (Teorema di Hall sullazione unipotente) Sia : A B una-
zione unipotente di un gruppo A su un gruppo B. Allora A/ker() `e nilpotente.

Dimostrazione. Possiamo ridurci al caso in cui `e fedele e dimostrare


che A `e nilpotente. Poiche `e unipotente, per il teorema 13.3.1 esiste un intero
positivo n tale che
[B,n A] = {1}.
Per ogni intero non negativo i, poniamo Bi = [B,i A], allora la serie

B0 = B B1 . . . Bn = {1}

`e una serie normale di B centralizzata da A (si osservi che Bi = {1} per ogni
i n). Proviamo, per induzione su i + j che

{trgr} [Bi , j (A)] Bi+j+1 . (13.8)

Se j = 0, allora la 13.8 diviene [Bi , A] Bi+1 che `e vera per la definizione di


Bi+1 . In particolare questo prova il caso k = 0. Supponiamo ora che j 1 e
la 13.8 sia vera per ogni coppia di interi non negativi i, j con i + j < k. Siano
l, m interi non negativi con l + m = k. Allora, per il caso m = 0 e per ipotesi
induttiva, si ottiene

[Bl , A, m1 (A)] = [Bl+1 , m1 (A)] B(l+1)+(m) = Bl+m+1

e
[Bl , m1 (A), A] [Bl+m , A] = Bl+m+1 ,
da cui, per il Lemma dei Tre Sottogruppi, segue

[Bl , m (A)] Bl+m+1 .

In particolare
[B, n (A)] Bn = [B,n A] = {1}.
Poich`e `e fedele, segue da ci`o che n (A) = 1 e quindi A `e nilpotente.

Corollario 13.3.5 Sia A un sottogruppo del gruppo di automorfismi di un


gruppo B. Sia B una serie subnormale da B a {1}, Allora CA (B) F (NA (B)).

13.4 Azione coprima su un gruppo abeliano


In questa sezione A `e un gruppo finito che agisce tramite una rappresentazione
su un gruppo abeliano B. Il fatto che B sia abeliano permette di costruire fa-
cilmente dei punti fissi per lazione di A e, se lazione `e coprima, il gruppo B am-
mette utili fattorizzazioni come prodotto diretto di sottogruppi A-invarianti di
cui faremo uso in seguito: la Decomposizione di Zassenhaus per gruppi abeliani
ed il teorema di Maschke.
13.4. AZIONE COPRIMA SU UN GRUPPO ABELIANO 169

13.4.1 Punti fissi nei gruppi abeliani


Il modo ovvio per costruire in B punti fissi sotto lazione di A `e prendere le
somme di tutti gli elementi di una A-orbita in B: infatti, per ogni b B
lelemento Y
ba (13.9) {fixab}
aA

`e un punto fisso per lazione di A perche ogni elemento di A induce una permu-
tazione sui fattori di 13.9 e B `e abeliano. Si osservi che se b `e un punto fisso di
A, allora Y
ba = b|A| .
aA

Ne segue che, se, lesponente di B `e coprimo con |A| (in particolare, se lazione
`e coprima), la funzione

: B CB (A)
1 (13.10) {media}
( aA ba )|A|
Q
b 7

`e idempotente e, come si vede facilmente, `e un endomorfismo di B la cui


immagine `e CB (A). Inoltre, per ogni b B ed ogni x A

(bx ) = (b) (13.11) {mosquito}

(si osservi che lelemento (b) pu`


o essere interpretato come la media delle im-
magini di b tramite gli elementi di A). Per quanto visto sugli endomorfismi
idempotenti (cf. 2.2.2),
B = CB (A) ker(). (13.12) {fixab2}
Ora, dalla 13.11, segue che, per ogni b B ed ogni x A,

([x, b] = (bx )(b)1 = 1,

cio`e
[A, B] ker(). (13.13) {fixab3}
Daltra parte, per la Decomposizione di Zassenhaus,

B = [A, B]CB (A), (13.14) {fixab4}

quindi, da 13.12 e 13.13, segue che, se B `e abeliano, la Decomposizione di


Zassenhaus diventa:
B = [A, B] CB (A),
in particolare A agisce senza punti fissi come gruppo di automorfismi su [A, B]
(cio`e lunico punto fisso di [A, B] sotto lazione di A `e lidentit`a).
{copab}
Teorema 13.4.1 Sia A un gruppo finito e B un gruppo abeliano di ordine
coprimo con A, e sia come sopra allora:
170 CAPITOLO 13. AZIONI COPRIME E UNIPOTENTI

1. `e un endomorfismo idempotente di B;
2. per ogni b B, b CB (A) se e solo se b = (b);
3. B = [A, B] CB (A),
4. A agisce senza punti fissi come gruppo di automorfismi su [A, B].

13.4.2 Azione su End(B)


Lazione di A su B si estende in modo naturale ad unazione si A su End(B).
Ricordiamo che B `e un gruppo abeliano, End(B) con la somma puntuale e la
composizione di applicazioni `e un anello. Il gruppo degli elementi invertibili di
End(B) `e Aut(B) e Aut(B) agisce per coniugio su End(B). Infatti, se
AutB e End(B), lapplicazione 1 `e un endomorfismo di B (perche
composizione di endomorfismi), lapplicazione

: End(B) End(B)
7 1

`e un automorfismo dellanello End(B) e lapplicazione che ad ogni in Aut(B)


associa `e una rappresentazione di Aut(B) su End(B) (le verifiche sono
lasciate al lettore).
Componendo lazione di A su B con lazione per coniugio di Aut(B) su
End(B) otteniamo unazione di A su End(B): se a A e End(B), per ogni
b B, risulta
a 1
{suEnd} b = ba a . (13.15)
Chiameremo questazione azione indotta da su End(B).
La dimostrazione dei seguenti risultati `e elementare e lasciata per esercizio:
{coprend1}
Lemma 13.4.2 Sia A un gruppo che agisce via su un gruppo abeliano B e sia
un endomorfismo di B. Allora fissato dallazione indotta da su End(B)
se e solo se per ogni a A, (a) commuta con .
{coprend2}
Corollario 13.4.3 Sia A un gruppo che agisce su un gruppo abeliano B e sia
un endomorfismo di B fissato dallazione indotta di A su End(B). Allora
ker() e B sono sottogruppi A-invarianti di B.
{coprend}
Lemma 13.4.4 Se B `e un gruppo abeliano, i fattori primi di |End(B)| sono
gli stessi di |B|. In particolare, se un gruppo finito A agisce su B e lazione `e
coprima, anche lazione indotta su End(B) `e coprima.

13.4.3 Teorema di Maschke


Lemma 13.4.5 Sia A un gruppo finito che agisce su un gruppo abeliano B di
esponente coprimo con |A|, sia un endomorfismo idempotente di B tale che
B sia A-invariante e sia : End(B) End(B) definita come sopra. Allora
B = B () e () `e idempotente.
13.5. ESERCIZI 171

Dimostrazione. Poiche B `e A-invariante e induce lidentit`a su B ,


segue che, per ogni b B ,
1
a
P
b() = b|A| aA =
a1 a |A|1
P
= (b )
aA =
Y 1
a a |A|1
= ( b ) =
aA
Y 1 1
= ( (ba ) )a )|A|
aA
1
a |A|1
Y
= ( (ba ) = b,
aA

a su B , da cui segue la tesi perch`e B `e A-invariante.


cio`e () induce lidentit`

{Maschke}
Corollario 13.4.6 (Teorema di Maschke) Sia A un gruppo finito che agi-
sce su un gruppo abeliano B. Sia H un sottogruppo A-invariante di B. Se esi-
stono complementi di H in B, allora esistono anche complementi A-invarianti
di H in B.
Dimostrazione. Sia K un complemento di H in B e sia la proiezione
di B su H rispetto alla decomposizione di B come prodotto di H e K. Per il
corollario precedente () `e idempotente ed ha H come immagine. Dunque G si
decompone come prodotto diretto H ker(()) e ker(()) `e un complemento
A-invariante di H in G.

13.5 Esercizi
{serieBN}
Esercizio 13.5.1 Sia A un gruppo che agisce su un gruppo B. Si provi che la
serie
B [B, A] [B,2 A] . . . [B,n A]
`e una serie normale di B centralizzata da A.
{mediaes}
Esercizio 13.5.2 Si provi che la funzione definita in 13.10 `e un endomorfi-
smo di B.
{coprendes}
Esercizio 13.5.3 Si dimostrino i lemmi 13.4.2, 13.4.4 ed il corollario 13.4.3
{PXQ}
Esercizio 13.5.4 Sia p un primo, A un p0 -gruppo e B un p-gruppo. Sup-
poniamo che il prodotto diretto AxB agisca sul p-gruppo p. Si provi che se
[A, CP (B)] = {1}, allora [A, P ] = {1}.
{PXQ}
Esercizio 13.5.5 Usando lesercizio precedente, si provi che in un p-gruppo i
cc-sottogruppi controllano lazione coprima.
172 CAPITOLO 13. AZIONI COPRIME E UNIPOTENTI
Parte IV

Gruppi Lineari e Simplettici

173
Capitolo 14

Gruppi lineari

In questo capitolo p `e un numero primo, K `e un campo di caratteristica p, V


`e uno spazio vettoriale di dimensione finita n su K. Indichiamo con GL(V )
linsieme degli automorfismi di V , cio`e delle applicazioni lineari biiettive di V
in se stesso. GL(V ) si dice gruppo generale lineare su V .
Il gruppo generale lineare GL(V ) ed alcune sue sezioni che definiremo tra
poco sono esempi importanti di gruppi per almeno due motivi: innanzitutto
perche descrivono le simmetrie di uno spazio vettoriale. Inoltre, per il Teorema
di Classificazione dei Gruppi Semplici Finiti, un gruppo semplice finito pu`o
essere ciclico di ordine primo, alternante, un gruppo finito di tipo Lie oppure
uno dei 26 gruppi semplici sporadici. La famiglia dei gruppi semplici finiti di
tipo Lie `e in un certo senso la pi`u importante e si divide a sua volta in diverse
sottofamiglie, una delle quali `e quella costituita dai P SL che si ottengono come
quoziente del derivato di un GL modulo il centro. I gruppi appartenenti alle
varie famiglie di gruppi semplici finiti di tipo Lie, presentano delle analogie nelle
loro strutture che permettono una trattazione unificata e la sottofamiglia in cui
queste strutture sono pi` u evidenti e facili da studiare `e quella dei P SL.
In questo capitolo cercheremo di limitare il pi` u possibile luso delle matrici.
Questo soprattutto perche nei gruppi di matrici la simmetria del gruppo non `e
evidente: ad esempio, se p `e un numero primo, per i Teoremi di Sylow, tutti
i p-Sylow sono coniugati, e quindi giocano il medesimo ruolo. Daltra parte
se p `e la caratteristica del campo, le matrici unitriangolari costituiscono un p-
sottogruppo di Sylow privilegiato rispetto agli altri p-Sylow. Inoltre i conti con
le matrici spesso nascondono la struttura de gruppo: ad esempio per dimostrare
che gli insiemi delle matrici triangolari o unitriangolari a blocchi sono dei sotto-
gruppi, si possono fare conti piuttosto noiosi con le matrici, oppure considerarli
come normalizzanti e centralizzanti di bandiere (serie) di sottospazi ed ottenere
il risultato immediatamente dalla teoria delel azioni sulle serie vedi sezione 13.3.
Ci sono due eccezioni in cui faremo uso delle matrici: una `e per il calcolo
dei determinanti, e questo perche la definizione di determinante attraverso la
matrice associata ad unapplicazione lineare `e spesso lunica che viene presentata
ai corsi di algebra lineare. Laltra `e come aiuto per visualizzare, quando `e

175
176 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

possibile, la struttura dei sottogruppi che vengono definiti (ad esempio nella
decomposizione di Levi dei parabolici).
Nella prima sezione calcoleremo lordine di GL(V) e mostreremo che possiede
un sottogruppo normale di indice |K| 1: il gruppo speciale lineare SL(V ) su
V . Introdurremo due strutture associate allo spazio V su cui GL(V ) e SL(V )
agiscono in modo naturale: lo spazio proiettivo P (V ) e lo spazio delle bandiere
F(V ). Mostreremo che i nuclei di queste azioni (sia sullo spazio proiettivo che
sullo spazio delle bandiere) `e dato dalle applicazioni scalari e definiremo i gruppi
proiettivi P GL(V ) e P SL(V ). Proveremo infine che P SL(V ) `e 2-transitivo su
P (V ).
Nella seconda sezione introdurremo le trasvezioni: questi sono degli elementi
di SL(V ) che hanno un ruolo analogo a quello dei 3-cicli nei gruppi alterni.
Proveremo infatti che SL(V ) `e generato dalle trasvezioni,
Nella terza sezione proveremo che P SL(V ) `e semplice salvo i casi in cui
dimV = 2 e |K| {2, 3}.
Nella quarta sezione studieremo la struttura p-locale di P SL(V ): proveremo
che ogni p-locale di P SL(V ) `e contenuto in un sottogruppo parabolico massi-
male e proveremo il teorema di Borel-Tits per P SL(V ): Se P `e un parabolico
massimale di P SL(V ), F (P ) = Op (P ) e determineremo le strutture di F (P ),
di P/F (P ) e lazione di P su F (P ).
Nella quinta sezione studieremo gli elementi di ordine coprimo con p.
Chiudiamo questa introduzione ricordando due risultati elementari di alge-
bra lineare ed una loro immediata conseguenza che pu`o essere interpretata come
una versione per GL(V ) del Teorema di Witt sullestensione delle isometrie.

Teorema 14.0.6 (Teorema del Completamento della Base)


Se (v1 , . . . , vs ) `e un s-upla ordinata di elementi linearmente indipendenti di V ,
allora s n ed esistono dei vettori vs+1 , . . . , vn di V tali che (v1 , . . . , vn ) sia
una base di V .

Teorema 14.0.7 (Teorema di Estensione per Linearita `)


Se (v1 , . . . , vn ) `e una base di V e w1 , . . . , wn sono elementi di V , allora esiste
un unico endomorfismo f di V tale che vif = wi per ogni i {1, . . . , n}.
{WittGL}
Teorema 14.0.8 Siano V1 e V2 due spazi vettoriali di dimensione n sul campo
K, siano U1 ed U2 sottospazi rispettivamente di V1 e di V2 e sia f : U1 U2 un
isomorfismo. Allora esiste un isomorfismo g: V1 V2 tale che g|U1 = f .

14.1 Il Gruppo Generale Lineare


{regbas}
Lemma 14.1.1 GL(V ) agisce in modo regolare sullinsieme delle basi (ordina-
te) di V .

Dimostrazione. Per il Teorema di Estensione per Linearit`a, se (v1 , . . . , vn )


e (w1 , . . . , wn ) sono basi di V , allora esiste un endomorfismo g di V tale che
vig = wi per ogni i {1, . . . , n}. Poiche g manda una base di V in unaltra base
14.2. IL GRUPPO SPECIALE LINEARE 177

di V , segue che g GL(V ). Inoltre se vig = vi per ogni i {1, . . . , n}, allora
v g = v per ogni v V e quindi g = 1.

{ordGLcor}
Corollario 14.1.2 Se |K| = pk , allora
|GL(V )| = pk(1+2+...+(n2)+(n1)) (pkn 1)(pk(n1) 1) . . . (pk2 1)(pk 1).
(14.1) {ordordGL}

Dimostrazione. E ` un facile esercizio di algebra lineare provare che lin-


sieme delle basi ordinate di V ha esattamente
(pkn 1)(pkn pk )(pkn p2k ) . . . (pkn p(k2) n)(pk p(k1)n ).
elementi. Raccogliendo le potenze di p di ciascun fattore nellequazione prece-
dente, otteniamo la tesi.

{p-sylowGL}
Corollario 14.1.3 Se S `e un p-sottogruppo di Sylow di GL(V ), allora S ha
ordine pk(1+2+...+(n2)+(n1)) .
Dimostrazione. Segue immediatamente dal corollario 14.1.2 e dal fatto
che pi 1 `e coprimo con p per ogni i N.

14.2 Il Gruppo Speciale Lineare


Indichiamo con GL(n, K) linsieme delle matrici di n righe ed n colonne a coef-
ficienti in K ed a determinante diverso da zero. GL(n, K) `e un gruppo rispetto
al prodotto righe per colonne. Fissata una base (v1 , . . . , vn ) di V , per ogni
elemento g di GL(V ) esiste un unica matrice (gi,j ) in GL(n, K) tale che
vig = gi,1 v1 + gi, 2v2 + . . . + gi,n vn .
La matrice (gi,j ) si dice matrice associata a g rispetto alla base (v1 , . . . , vn ).
Lapplicazione : GL(V ) GL(n, K) che a ciascun g GL(V ) associa la ma-
trice (gi,j ) `e un isomorfismo di gruppi. Se (w1 , . . . , wn ) `e unaltra base di V e
(g i,j ) `e la matrice associata a g rispetto alla base (w1 , . . . , wn ), allora le matrici
(g i,j ) e (gi,j ) sono coniugate in GL(n, K) e quindi hanno lo stesso determinante.
Posto, per ogni g GL(V ), det(g) := det(gi,j ), segue che det(g) `e indipenden-
te dalla base scelta. det(g) si dice determinante di g. Dalle propriet`a del
determinante segue immediatamente che lapplicazione det: GL(V ) K che
ad ogni elemento di GL(V ) associa il suo determinante `e unomomorfismo di
gruppi e, come si vede facilmente, suriettivo. Il nucleo dellapplicazione det `e
un sottogruppo normale di GL(V ), si chiama gruppo speciale lineare su V
e si indica con SL(V ). Chiaramente gli elementi di SL(V ) sono tutti e soli gli
elementi g di GL(V ) che hanno determinate 1. Per il Primo Teorema di Omo-
morfismo, GL(V )/SL(V ) `e isomorfo al gruppo moltiplicativo K degli elementi
di K diversi da zero.
178 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

{ordSLlem}
Lemma 14.2.1 Se |K| = pk , allora
|SL(V )| = pk(1+2+...+(n2)+(n1)) (pkn 1)(pk(n1) 1) . . . (pk2 1). (14.2) {ordordSL}

Dimostrazione. Segue immediatamente dal corollario 14.1.2 e dal fatto


che K = pk 1.

{pSL}
Corollario 14.2.2 Se |K| `e finito, Sylp (GL(V )) = Sylp (SL(V ))
Dimostrazione. Segue immediatamente dai Teoremi di Sylow, dal corol-
lario 14.1.2 e dal lemma 14.2.1 .

{regSL}
Lemma 14.2.3 SL(V ) agisce in modo regolare sullinsieme delle n-uple
(hv1 i, v2 , . . . , vn )
dove (v1 , v2 , . . . , vn ) `e una base di V .
Dimostrazione. Siano (v1 , . . . , vn ) e (w1 , . . . , wn ) due basi di V . Per
il lemma14.1.1, esiste un elemento GL(V ) tale che vi = wi . Scegliendo
opportunamente il generatore w1 di hw1 i, possiamo supporre che abbia de-
terminante 1, il che prova la transitivit`a. Lazione `e anch regolare perche se
SL(V ) fissa i vettori v2 , . . . , vn e fissa il sottospazio hv1 i, allora fissa
anche v1 e quindi `e lidentit`a.

14.3 Alcune azioni di GL(V ) e SL(V )


14.3.1 Lazione di GL(V ) su P G(V ) e F(V )
In questo paragrafo V `e uno spazio vettoriale di dimensione n su un campo K.
Chiaramente ogni applicazione lineare biiettiva di V in s`e manda sottospazi
in sottospazi conservandone la dimensione, e quindi induce in modo naturale
una collineazione su P G(V ), ponendo, come al solito, per ogni W P G(V ),
W := {w |w W }.
Analogamente ogni collineazione di P G(V ) conserva le bandiere di F(V ) indu-
ce un automorfismo di F(V ), ponendo per una bandiera F := (W1 , W2 , . . . , Wt ),

F := (W1 , W2 , . . . , Wt ).
Ne segue che GL(V ) agisce in modo naturale su P G(V ) e su F(V ) e, chiara-
mente, il nucleo di queste azioni `e, in entrambi i casi, costituito dagli elementi
di GL(V ) che fissano ogni sottospazio di V . Queste sono precisamente le
applicazioni scalari, cio`e gli elementi GL(V )per i quali esiste un elemento
non nullo di a di K (dipendente da ) tale che, per ogni v V , v = av, infatti:
14.3. ALCUNE AZIONI DI GL(V ) E SL(V ) 179

{kerGL(V)}
Proposizione 14.3.1 Sia V uno spazio vettoriale su un campo K e sia
GL(V ) tale che W = W per ogni sottospazio di dimensione 1 di V . Allora
`e unapplicazione scalare. In particolare, se Z `e il nucleo dellazione di G su
P G(V ) (o su F(V )). Allora Z `e linsieme delle applicazioni scalari.
Dimostrazione. Chiaramente un elemento di GL(V ) fissa ogni sotto-
spazio di dimensione 1 se e solo se fissa ogni sottospazio di V , cio`e se e solo
se Z. Supponiamo che, per ogni sottospazio W di dimensione 1 in P (V ),
W = W,
in particolare, se w `e un generatore di W , esiste un elemento aw K tale che
w = aw w. (14.3) {w}
Se V = W abbiamo finito. Supponiamo che W < V e sia u V \ W . Come
sopra esiste un elemento au K tale che
u = au u. (14.4) {u}
Poiche devessere anche hu + wi = hu + wi, esiste un elemento au+w K tale
che
(u + w) = au+w (u + w). (14.5) {u+w}
Da 14.3, 14.4 e 14.5, per la linearit`a di g segue
au u + aw w = u + w = (u + w) = au+w (u + w) = au+w u + au+w w,
da cui, essendo u e w linearmente indipendenti,
au = aw = au+w ,
il che prova la tesi.

Se Z `e come sopra, il gruppo quoziente GL(V )/Z si chiama gruppo gene-


rale lineare proiettivo e si indica con P GL(V ).
{ord Z}
Lemma 14.3.2 Z
= K , in particolare, se |K| = pk , Z `e ciclico di ordine
k
p 1.
Dimostrazione. Se Z, allora esiste un elemento () K tale
che v = ()v per ogni v V . La tesi segue immediatamente dal fatto
che lapplicazione : Z K `e, come si verifica facilmente, un isomorfismo di
gruppi.

Chiaramente, se n = dim(V ), SL(V )Z `e linsieme delle applicazioni scalari


g tali che v g = av dove a `e una radice n-esima di 1 in K. Poiche il gruppo
moltiplicativo K `e ciclico di ordine pk 1, linsieme degli elementi a K tali
che an = 1 `e ciclico di ordine d dove d `e il massimo comun divisore di n e pk .
Il gruppo quoziente SL(V )/(SL(V ) Z) si chiama gruppo speciale lineare
proiettivo e si indica con P SL(V ). Per il Secondo Teorema di Omomorfismo
P SL(V ) `e un sottogruppo normale di P GL(V ).
180 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

{ord ZSL}
Proposizione 14.3.3 Se |K| = pk , allora
1. |P GL(V )| = pk(1+2+...+(n2)+(n1)) (pkn 1)(pk(n1) 1) . . . (pk2 1);
2. |P SL(V )| = pk(1+2+...+(n2)+(n1)) (pkn 1)(pk(n1) 1) . . . (pk2 1)/d
dove d `e il massimo comune divisore tra pk e n.

Osserviamo che

|GL(V )|p = |SL(V )|p = |P GL(V )|p = |P SL(V )|p .

Un sottogruppo H di GL(V ) o di P GL(V ) si dice transitivo sulle ban-


diere di F(V ) se, per ogni coppia di bandiere dello stesso tipo

V1 V2 . . . Vl

e
W 1 W 2 . . . Wl
in F(V ), esiste in H tale che

Vi = Wi .
{transaction}
Proposizione 14.3.4 SL(V ) (e quindi P SL(V )) `e transitivo sulle bandiere di
F(V ) e, se dim(V ) 2, `e anche 2-transitivo sui punti di P (V ).

Dimostrazione. Siano

F1 = (V1 , V2 , . . . , Vl ) e F2 = (W1 , W2 , . . . , Wl )

due bandiere dello stesso tipo in F(V ). Si osservi che, per ipotesi,

dim(Vi ) = dim(Wi ).

Sia ri = dim(Vi ) e siano (v1 , v2 , . . . , vn ) e (w1 , w2 , . . . , wn ) due basi di V tali


che
hv1 , . . . , vri i = Vi e hw1 , . . . , wri i = Wi
per ogni i {1, . . . , l}. Per il lemma 14.2.3 esiste SL(V ) tale che

hvi i = hwi i per ogni i {2, . . . , n}

e quindi
Vi = hv1 , . . . , vri i = hw1 , . . . , wri i = Wri .
Infine, se (P1 , P2 ) e (Q1 , Q2 ) due coppie di punti di P (V ), tali che P1 6= P2
e Q1 6= Q2 allora gli insiemi {P1 , P2 } e {Q1 , Q2 } sono indipendenti. Siano
v1 , v2 , w1 , w2 generatori rispettivamente di P1 , P2 , Q1 , Q2 . Per il Teorema del
Completamento della Base ed il Teorema di Estensione per Linearit`a esiste un
elemento di GL(V ) tale che vi = wi (i {1, 2}). A meno di scambiare w1
14.3. ALCUNE AZIONI DI GL(V ) E SL(V ) 181

con un suo multiplo, possiamo supporre che det() = 1 e quindi SL(V ). Ne


segue che, per i {1, 2},
Pi = hvi i = hwi i = Qi .

Terminiamo questa sezione osservando che in generale P GL(V ) `e un sotto-


gruppo proprio del gruppo delle collineazioni di P G(V ). Infatti, ogni applica-
zione biiettiva di V in s`e tale che
1. per ogni v, w V , risulta (v + w) = v + w e
2. esiste un automorfismo di campi di K tale che, per ogni a K e ogni
v V , (av) = a v
induce una collineazione su P (V ). Le applicazioni che soddisfano queste due
condizioni si dicono semilineari e quelle biiettive formano un gruppo che si
indica con L(V ). Chiaramente, `e lapplicazione identica su K se e solo se
`e lineare, quindi GL(V ) `e un sottogruppo di L(V ) e, si pu`o vedere facilmente, `e
un sottogruppo normale ed il quoziente L(V )/GL(V ) `e isomorfo al gruppo degli
automorfismi di K. Per il Teorema Fondamentale della Geometria Proiettiva
([14] Theorem 3.1, pag. 14), se dim(V ) 3, ogni collineazione di P (V ) `e
indotta da un elemento di L(V ). In particolare, posto P L(V ) il gruppo
quoziente di L(V ) modulo il sottogruppo delle applicazioni scalari, risulta che,
se dim(V ) 3, allora P L(V ) = Aut(P (V )).

14.3.2 Lazione duale



Sia V lo spazio duale di V . Per ogni in G e per ogni V , sia
lapplicazione

: V K
1
v 7 (v )
`e lineare e quindi un elemento di V , inoltre lapplicazione
: V V

7
`e un elemento di GL(V ) e lapplicazione
: GL(V ) GL(V )
(14.6) {dualrap}
7
`e una rappresentazione di GL(V ) su V (le verifiche sono facili e lasciate al
lettore).
Da questo segue, in generale, che data una rappresentazione lineare : G
GL(V ) di un gruppo G su V , lapplicazione
: G GL(V )
(14.7) {linetra}
g 7 (g))
182 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

`e una rappresentazione di G su V e si chiama rappresentazione duale


della rappresentazione . In particolare `e la rappresentazione duale della
rappresentazione naturale di GL(V ) su V .
In termini di matrici si vede facilmente che se M `e la matrice associata ad
un elemento di GL(V ) rispetto ad base (e1 , . . . , en ) di V , allora la matrice
associata a rispetto alla rispettiva base duale (e1 , . . . , en ) `e linversa della
trasposta della matrice M (esercizio ??).

14.3.3 Azione di GL(W1 ) GL(W2 ) su Hom(W1 , W2 )


{azhom}
Proposizione 14.3.5 Siano W1 e W2 spazi vettoriali sul campo K, siano G1
e G2 gruppi e, per i {1, 2} sia i : Gi GL(Wi ) una rappresentazione di Gi
su Wi . Allora
1. per ogni G1 e G2 e per ogni Hom(W1 , W2 ),
( 1 )1 2 Hom(W1 , W2 );

2. per ogni G1 e G2 lapplicazione


(,) : Hom(W1 , W2 ) Hom(W1 , W2 )
7 ( 1 )1 2
`e un automorfismo di Hom(W1 , W2 ) come gruppo abeliano (anzi, come
K-spazio vettoriale);
3. lapplicazione
: G1 G2 Aut(Hom(W1 , W2 ))
(, ) 7 (,)
`e unazione di G1 G2 su Hom(W1 , W2 ).
Dimostrazione. Esercizio

14.4 Sottogruppi parabolici in GL(V ) e in SL(V )


In questa sezione G {GL(V ), SL(V )} e F `e la bandiera
V1 < V2 < . . . < Vs1
di V . Poniamo inoltre
V0 := {0} e Vs := V.
Il normalizzante della serie V1 < V2 < . . . < Vs1 si dice normalizzante della
bandiera F e lo indicheremo con NG (F). Questo `e, ricordiamo, lintersezione
degli stabilizzatori dei sottospazi V1 , V2 , . . . , Vs1 . I normalizzanti delle came-
re si dicono sottogruppi di Borel di G, i normalizzanti delle bandiere non
massimali si dicono sottogruppi parabolici di G.
14.4. SOTTOGRUPPI PARABOLICI IN GL(V ) E IN SL(V ) 183

{controv}
Lemma 14.4.1 Se H `e una bandiera di V , con H F allora NG (F) NG (H).

Dimostrazione. NG (F) normalizza ciascun sottospazio di F da cui la


tesi, poich`e H F.

{thick}
Lemma 14.4.2 Sia F come sopra. Se W `e un sottospazio proprio di V non
contenuto in F, allora esiste NG (F) tale che W 6= W .

Dimostrazione. Supponiamo innanzitutto che F sia una camera (quindi


s = n). Sia i massimo tale che Vi1 W e sia U := W Vi+1 . Per la Legge
Modulare di Dedekind,

Vi+1 = U + Vi e Vi1 = U Vi ,

in particolare U e Vi sono iperpiani distinti di Vi+1 . Siano

u U \ Vi e v Vi \ U

e sia una trasvezione di Vi+1 di centro hvi ed asse Vi . Allora

Vj = Vj per ogni j i.

Per il Teorema del Completamento delle Basi ed il Teorema di Estensione per


a, si estende ad un elemento di NG (F). Poiche v U + U , segue
Linearit`
che
U = U 6= U,
ma
U = W Vi+1 e Vi1 = Vi+1 ,
quindi W 6= W .
Supponiamo ora che F non sia una camera. Per il Lemma 8.4.1 esiste una
camera F contenente F e non contenente W . Per la prima parte di questa
dimostrazione, esiste un elemento NG (F) tale che W 6= W . Per il Lemma
14.4.1, NG (F) NG (F), da cui la tesi.

{serveperQ}
Teorema 14.4.3 Siano V e G come sopra e sia P linsieme dei sottogruppi
parabolici di G. Lapplicazione

: F(V ) P
H 7 NG (H)

`e biiettiva e inverte le inclusioni. In particolare, i sottogruppi parabolici massi-


mali sono tutti e soli i normalizzanti dei sottospazi propri di V .
184 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

Dimostrazione. Se F `e come sopra, per il Lemma 14.4.2, V1 , . . . , Vs1 sono


tutti e soli i sottospazi propri di V normalizzati da NG (F), da cui segue che
`e biiettiva. Per il Lemma 14.4.1 inverte le inclusioni.

Proposizione 14.4.4 G agisce transitivamente per coniugio sullinsieme dei


suoi sottogruppi di Borel.

Dimostrazione. Segue immediatamente dalla Proposizione 14.3.4e dal-


lEsercizio 10.5.6.

Il radicale unipotente
Il centralizzante di F `e il centralizzante della serie

V0 < V1 < V2 < . . . < Vs

e lo indicheremo con CG (F). CG (F) si dice anche radicale unipotente del


gruppo NG (F).
{flagcentr}
Proposizione 14.4.5 CG (F) `e un p-sottogruppo normale di NG (F).

Dimostrazione. Segue dal teorema 13.3.1

{Kolchin}
Lemma 14.4.6 Se T `e un p-sottogruppo di G, allora T centralizza una bandiera
di V .

Dimostrazione. Segue per induzione su n dal lemma 10.2.5

Osserviamo che, a differenza del normalizzante, il funtore che ad ogni ban-


diera associa il suo centralizzante non inverte le inclusioni:
{Epsyl}
Lemma 14.4.7 Se F e H sono bandiere di V , allora

H F se e solo se CG (H) CG (F).

Dimostrazione. Segue immediatamente dalle definizioni.

Corollario 14.4.8 I p-sottogruppi di Sylow di G sono tutti e soli i centralizzanti


delle camere, pi`u precisamente lapplicazione che a ciascuna camera di V associa
il suo centralizzante in G `e una biiezione tra linsieme delle camere e linsieme
dei p-sottogruppi di Sylow di G
14.5. TRASVEZIONI E SOTTOGRUPPI RADICE 185

Osserviamo che, se G, e (F) `e una camera in V , allora

CG ((F) ) = (CG (F)) ,

ne segue che la proposizione 14.3.4 poteva essere dedotta come conseguenza dei
Teoremi di Sylow. Viceversa il coniugio dei p-sottogruppi massimali di G segue
dai lemmi 14.4.6 e 14.4.7 e dalla proposizione 14.3.4. Si pu`o anche provare che
il centralizzante di una camera ha per ordine la massima potenza di p che divide
G e quindi dedurre da 14.4.6, 14.4.7 e 14.3.4, il teorema di Sylow per il gruppo
G relativamente al primo p (dove p = char(K)!).

14.5 Trasvezioni e Sottogruppi Radice


Un elemento non identico di GL(V ) si dice trasvezione se

1. [V, ] `e un sottospazio di dimensione 1 di V ,

2. CV ( ) `e un iperpiano di V e

3. [V, ] CV ( )

Se `e una trasvezione di GL(V ) i sottospazi [V, ] e CV ( ) si dicono rispet-


tivamente centro e asse della trasvezione .
{firsttrans}
Proposizione 14.5.1 Le trasvezioni di GL(V ) hanno determinante 1, quindi
sono elementi di SL(V ).

Dimostrazione. Sia una trasvezione. Per il teorema del Completamento


delle Basi esiste una base (v1 , .., vn ) di V tale che

1. v1 `e un generatore del centro di

2. (v1 , v2 , . . . , vn1 ) `e una base dellasse di .

Inoltre, a meno di scambiare vn con un suo multiplo scalare, possiamo supporre


che vn = v1 + vn . Rispetto a tale base, la matrice associata alla trasvezione `e

1 0 0 . . 0
0 1 0 . . 0

0 0 1 . . 0
. . . . . . , (14.8) {mattrasv}


. . . . . .
1 0 0 . . 1

che ha determinante 1.

Pi`
u avanti avremo bisogno della seguente caratterizzazione delle trasvezioni.
La dimostrazione `e immediata e lasciata per esercizio.
186 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

{secondtrans}
Proposizione 14.5.2 Sia una trasvezione di GL(V ) e w un generatore di
[V, ]. Allora esiste una forma lineare : V K tale che CV ( ) ker() e,
per ogni v V , v = v + v w. Viceversa, se : V K `e una forma lineare e w
`e un vettore non nullo in ker(), allora lapplicazione : V V , definita, per
ogni v V , da v = v + v w, `e una trasvezione di centro hwi ed asse ker().

Se e sono elementi di GL(V ), allora

[V, ] = [V , ] = [V, ] e (CV ( )) = CV ( ).

Da ci`
o segue che

CGL(V ) ( ) NGL(V ) [V, ] NGL(V ) CV ( ).

In particolare, se `e una trasvezione di centro Z ed asse W , poiche conserva


le dimensioni e le inclusioni tra i sottospazi di V , segue che `e una trasvezione
di centro Z ed asse W . Inoltre poiche GL(V ) `e transitivo sulle basi di V , e per
ogni trasvezione esiste una base la cui matrice associata `e del tipo (14.8), segue
che GL(V ) agisce transitivamente per coniugio sullinsieme delle sue trasvezioni
e inoltre, posto,
P := NGL(V ) (Z) NGL(V ) (W ),
abbiamo che P contiene CGL(V ) ( ) e quindi

CGL(V ) ( ) = CP ( ).

Sia ora P . Poich`e normalizza Z e W e Z e V /W hanno dimensione


1, induce una moltiplicazione per uno scalare su Z e V /W . Siano a e b in K
tali che

w = aw per ogni v Z e (v + W ) = bv + W per ogni v V.

In particolare, per ogni v V , esiste w W tale che

v = bv + w,

quindi
v = (bv + w) = bv + w = bv + b[v, ] + w,
e
v = (v + [v, ]) = v + [v, ] = bv + w + a[v, ],
da cui segue che CP ( ) se e solo se a = b.
Riassumiamo quanto provato sopra nella seguente proposizione:
{CGTAU}
Proposizione 14.5.3 Sia una trasvezione in GL(V ) di centro Z ed asse W
e sia GL(V ). Allora
1. `e una trasvezione di centro Z ed asse W .
14.5. TRASVEZIONI E SOTTOGRUPPI RADICE 187

2. Un elemento di GL(V ) centralizza se e solo se normalizza Z e W


ed induce la stessa applicazione scalare su Z e V /W nel senso che, se
a, b K sono tali che w = aw per ogni v Z e (v + W ) = bv + W per
ogni v V , allora a = b.

3. GL(V ) `e transitivo sullinsieme delle sue trasvezioni.


{cmmtrans}
Lemma 14.5.4 Siano 1 e 2 due trasposizioni tali che [V, 1 ] CV (2 ) e
[V, 2 ] CV (1 ). Allora [1 , 2 ] = 1 e 1 2 `e o lidentit`
a, o una trasposizione di
centro contenuto in h[V, 1 ], [V, 2 ]i.

Dimostrazione. Per ogni v V , posto {i, j} = {1, 2}, risulta

v i j = (v + [v, i ])j = v j + [v, i ]j = v + [v, i ] + [v, j ],

da cui la tesi.

Il radicale unipotente in un parabolico massimale


Sia W un sottospazio proprio di V . Indichiamo con QW il sottogruppo

CGL(V ) (W ) CGL(V ) (V /W ).
{unipradical1}
Proposizione 14.5.5 Sia W un sottospazio proprio di V e sia QW come sopra.
Allora

1. QW `e un p-sottogruppo normale di NGL(V ) (W );

2. QW SL(V );

3. per ogni QW , lapplicazione

: V /W W
v+W 7 [v, ]

`e un omomorfismo ben definito di spazi vettoriali;

4. lapplicazione
: QW Hom(V /W, W )
7
`e un isomorfismo di gruppi (loperazione in Hom(V /W, W ) `e la somma
puntuale),

5. QW `e abeliano elementare di ordine

|K|dim(W )dim(V /W ) .
188 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

Dimostrazione. Poniamo H := NGL(V ) (W ). Per 13.6 QW `e normale


in H e, per 13.3.3 QW `e un p-gruppo. Il punto 2 segue dal Corollario 14.2.2.
Poiche [V, ] W e W `e abeliano, per il Lemma 6.1.1, lapplicazione

V W
v 7 [v, ]

`e un omomorfismo di gruppi il cui nucleo contiene W , da cui segue 3. Proviamo


il punto 4. Per il Lemma 6.1.1 ed il fatto che

[V, QW ] W CV (QW ),

lapplicazione `e un omomorfismo di gruppi, inoltre `e iniettivo perch`e


ker() se e solo se [v, ] = 0 per ogni v V , che implica = 1, poiche `e un
automorfismo di V . Inoltre `e suriettiva perche, se

: V /W W

`e un omomorfismo di spazi vettoriali, allora lapplicazione : V V , definita,


per ogni v V da
v := v + (v + W )
`e, come si vede facilmente, un elemento di QW tale che = . Il punto 5 segue
immediatamente. Infine, se N = Op (H), allora Q N e, posto U := CV (N ),
segue che U W . Daltra parte, poiche H normalizza N e V , H normalizza
anche CV (N ) e quindi H NGL(V ) (U ).

Dalla proposizione 14.5.5 segue, in particolare, che gli elementi di QW sono


tutte e sole le applicazioni del tipo

: V V
v 7 v + (v + W )

al variare di in End(V /W, V ). Inoltre, se `e un altro elemento di QW , allora

{transprod} v = v + [v, ] + [v, ], (14.9)

in particolare questo vale per le trasvezioni di centro contenuto in W ed asse


contenente W (che sono evidentemente elementi di QW ).
{unipradical}
Lemma 14.5.6 QW `e generato dalle trasvezioni di centro contenuto in W ed
asse contenente W .

Dimostrazione. Siano e come sopra e siano (v1 , . . . vt ) una base di


W e (v1 , . . . vt ) la sua base duale. Per ogni i {1, . . . , t} le applicazioni

i V V

v 7 v + ((v + W ) )vi vi
14.5. TRASVEZIONI E SOTTOGRUPPI RADICE 189

sono trasvezioni di centro hvi i (quindi contenuto in W ) ed asse contenente W


e, per 14.9,
t
X Qt
v = v + (v + W ) = v + ((v + W ) )vi vi = v i=1 i ,
i=1

cio`e
t
Y
= i ,
i=1

da cui la tesi.

Sottogruppi Radice
Supponiamo ora che U sia un sottospazio massimale di V e sia Z un sottospazio
di dimensione 1 contenuto in U . Sia T linsieme di tutte trasvezioni di centro Z
ed asse U e poniamo
R(Z,U ) := T {1}.
Chiaramente R(Z,U ) QU , quindi, per la dimostrazione della proposizione
14.5.6, R(Z,U ) `e un p-sottogruppo, inoltre, fissato v V , lapplicazione

v : V Z

che a R(Z,U ) associa [v, ] `e un omomorfismo di gruppi. Si vede facilmente


che v `e biiettivo e quindi, poiche Z `e uno spazio di dimensione 1, R(Z,U ) `e
isomorfo al gruppo additivo (K, +), che `e un p-gruppo abeliano elementare di
ordine pk . R(Z,U ) si dice sottogruppo radice associato alla bandiera Z < U .
{transroot}
Proposizione 14.5.7 SL(V ) agisce transitivamente sullinsieme dei suoi sot-
togruppi radice.

Dimostrazione. SL(V ) agisce transitivamente per coniugio sui gruppi ra-


dice e lazione `e transitiva perch`e, per la proposizione 14.3.4, SL(V ) `e transitivo
sulle bandiere.

{propedeutic}
Lemma 14.5.8 Siano v1 , v2 , . . . , vl , v, w vettori di V . Se v e w sono linear-
mente indipendenti e v 6 hv1 , v2 , . . . , vl , w vi, allora esiste una trasvezione
di V tale che hv1 , v2 , . . . , vl , w vi CV ( ) e v = w.

Dimostrazione. Per ipotesi e per il Teorema del Completamento delle


Basi, esiste un iperpiano U contenente hv1 , v2 , . . . , vl , w vi e non contenente v.
Ma allora esiste una trasvezione di asse U tale che v = v + (w v) = w.
190 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

{gensltrasv}
Proposizione 14.5.9 SL(V ) `e generato dalle sue trasvezioni (e quindi dai suoi
sottogruppi radice).

Dimostrazione. Possiamo supporre che dim(V ) 2, altrimenti SL(V ) =


{1} e non c`e nulla da dimostrare. Sia T il sottogruppo generato dalle trasvezioni
di SL(V ). Per la proposzione 14.5.1, T SL(V ). Proviamo, per induzione su
t, che, per ogni t {1, . . . , n},
T `e transitivo sullinsieme delle t-uple (hv1 i, v2 , . . . , vt ), dove v1 , v2 , . . . , vt
sono t vettori linearmente indipendenti.
Siano (hv1 i, v2 , . . . , vt ), e (hw1 i, w2 , . . . , wt ), due t-uple come sopra. Sia t = 1.
Se hv1 i = hw1 i non c`e nulla da dimostrare, altrimenti, per il lemma 14.5.8,
esiste una trasvezione tale che v1 = w1 . Supponiamo ora che t > 1 e la tesi vera
per t 1. Questo implica che esiste un elemento T tale che

(hv1 i, v2 , . . . , vt1 vt ) = (hw1 i, w2 , . . . , wt1 , vt ).

In altre parole possiamo supporre che

vi = wi per ogni i {1, . . . , t 1}.

In questa situazione, poiche v1 , v2 , . . . , vt sono linearmente indipendenti, per il


lemma 14.5.8 esiste una trasvezione 1 di centro contenente v1 vt , v2 , . . . , vt1
tale che vt1 = v1 . Analogamente esiste una trasvezione 2 di centro contenente
v1 vt , v2 , . . . , vt1 tale che wt2 = v1 , cio`e

(hv1 i, v2 , . . . , vt1 , vt )1 = (hui, v2 , . . . , vt1 , v1 )

e
(hv1 i, v2 , . . . , vt1 , wt )2 = (hzi, v2 , . . . , vt1 , v1 )
per degli opportuni vettori u e z non contenuti in hv1 , v2 , . . . , vt1 i. Resta quindi
da dimostrare che
esiste un elemento in CT (hv1 , v2 , . . . , vt1 i) tale che hu i = hzi.
Ovviamente, possiamo supporre che hui =
6 hzi. Poniamo

U := hu, v1 , v2 , . . . , vt1 i, Z := hz, v1 , v2 , . . . , vt1 i, e W := hv1 , v2 , . . . , vt1 i.

Se u 6 hz u, v1 , v2 , . . . , vt1 i, la tesi segue dal lemma 14.5.8. Altrimenti U = Z


e W `e un iperpiano di U . Ne segue che esiste uno scalare a K tale che
u az W . Ma allora u 6 hz u, v1 , v2 , . . . , vt1 i e, per il lemma 14.5.8, esiste
una trasvezione che fissa U e manda u in az, e dunque hui in hzi. Questo
prova che T `e transitivo su . Daltra parte SL(V ) `e regolare su e quindi
T = SL(V ).

Osserviamo che, alternativamente, questo risultato si sarebbe potuto ottene-


re dimostrando che ogni matrice n n a determinante 1 pu`o essere trasformata
` DI PSL(V)
14.6. IL CRITERIO DI IWASAWA E SEMPLICITA 191

nella matrice identica tramite operazioni elementari sulle righe o sulle colon-
ne (ad una riga (colonna) sostituire la medesima riga sommata ad un multiplo
di unaltra riga(colonna)). Infatti queste operazioni corrispondono alla molti-
plicazione a destra o a sinistra per matrici elementari associate a trasvezioni.
Coerentemente con il proposito di evitare il pi`
u possibile i conti con le matrici,
abbiamo preferito dimostrarlo usando le azioni.

Matrici associate
` comunque utile visualizzare le matrici associate ai sottogruppi introdotti: sia
E
una trasvezione in GL(V ) di centro Z ed asse W e sia (v1 , v2 , . . . vn ) una base
di V come nella dimostrazione del lemma 14.5.1. Allora le matrici associate agli
elementi di NGL(V ) (Z) NGL(V ) (W ) sono del tipo:

a 0 0
X2,1 A 0 , (14.10) {Normtrasv}
c X3,2 b
le matrici associate agli elementi di CGL(V ) ( ) sono del tipo:

a 0 0
X2,1 A 0 , (14.11) {Centrasv}
c X3,2 a
le matrici associate agli elementi di R(Z,W ) sono del tipo:

1 0 0
0 I 0 , (14.12) {root}
c 0 1
dove a, b, c K con a, b 6= 0, A, I GL(n 2, K) con I matrice identica,
X2,1 una matrice con una colonna e n 2 righe e X3,2 una matrice con una riga
e n 1 colonne.

14.6 Il criterio di Iwasawa e semplicit`


a di PSL(V)
14.6.1 Il criterio di Iwasawa
{Iwascrit}
Teorema 14.6.1 (Criterio di Iwasawa) Sia G un gruppo finito tale che

1. G `e perfetto;

2. G agisce in modo primitivo su un insieme ;

3. Se , esiste un sottogruppo risolubile R normale in G tale che


RG = G;

Allora ogni sottogruppo normale proprio di G `e contenuto nel nucleo dellazione.


192 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

Dimostrazione. Sia N un sottogruppo normale di G non contenuto nel


nucleo dellazione. Per lesercizio 10.5.29 N `e transitivo su e quindi, per
lArgomento di Frattini,
G = G N.
In particolare, poiche G normalizza N ,

G = RG = RG N = RN N R.

Poiche N R/N `e isomorfo a R/N R che `e un gruppo risolubile, ne segue che

G = G = (N R) N,

da cui N = G.

14.6.2 Semplicit`
a di P SL(V )
{perfsl}
Proposizione 14.6.2 SL(V ) `e perfetto tranne i due casi in cui dim(V ) = 2 e
|K| ha ordine 2 o 3.

Dimostrazione. Poiche ogni trasvezione `e contenuta in un gruppo radice e


SL(V) agisce transitivamente sui suoi gruppi radice (14.5.7), per la proposizione
14.5.9 basta provare che esiste un gruppo radice generato da commutatori. Se
dim(V ) 3, esistono due iperpiani distinti U e W con intersezione non nulla.
Sia 0 6= z U W , w W \ U e u U \ W . Sia la trasvezione di asse W e
centro hzi tale che u = u + z e, per ogni a K, sia a la trasvezione di asse
U e centro hui tale che w a = w + au (o lapplicazione identica se a = 0). Se
u U,
1
1 a 1
u[a ,] = ua = u a
= (u z)a = (u z) = u

Dunque [a , ] centralizza U . Daltra parte,


1
1 a 1
w[a ,] = wa = (w au) a
= (w auaz)a = (w az) = w az.

Quindi [a , ] `e una trasposizione in R(U,Z) dove Z = hzi e, al variare di a K


si possono ottenere in questo modo tutti gli elementi di R(U,Z) .
Supponiamo ora che dim(V ) = 2. Sia (u, w) una base di V , sia U = hui
e, per ogni a, b K siano a la trasvezione di centro ed asse U che manda
w in w + au e sia b lapplicazione lineare che manda u in bu e w in b1 w.
Chiaramente a e b sono elementi di SL(V ) e
1 1 1
u[b ,a ] = ub a b a
= b1 ua b a
= b1 ub a = ua = u.

e
1 1 1
w[b ,a ] = wb a b a = bwa b a = (bw abu)b a = (w ab2 u)a =
= u + aw ab2 w = w + a(1 b2 )u.
14.7. LA DECOMPOSIZIONE DI LEVI 193

Come sopra, segue che [b , a ] `e un elemento di R(U, U ) e, se b non `e radice


quadrata di 1 (ed un tale elemento esiste se K ha pi` u di tre elementi), al variare
di a in K si ottiene tutto il gruppo radice R(U, U ).

Anche in questo caso pu` o essere utile (e lo si lascia per esercizio) visualizzare
le matrici associate alle applicazioni , a , a , b rispetto a delle basi opportune
di V e calcolare le matrici associate ai commutatori [a , ] e [b , a ].

Teorema 14.6.3 Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita su un campo


K. Se dim(V ) 3 oppure |K| > 3, ogni sottogruppo normale proprio di SL(V )
`e contenuto nel centro di SL(V ). In particolare P SL(V ) `e semplice.

Dimostrazione. Applichiamo il Criterio di Iwasawa allazione di SL(V )


sullinsieme dei punti di P (V ). Per la proposizione 14.6.2, SL(V ) `e perfetto. Per
la proposizione 14.3.4 SL(V ) `e 2-transitivo sui punti di P (V ) e qundi `e primitivo
per lesercizio 10.5.25. Infine, sia Z un punto di P (V ). Per la proposizione
14.5.6, CSL(V ) Z CSL(V ) V /Z `e un p-sottogruppo normale abeliano diNSL(V ) (Z)
e contiene ogni sottogruppo radice R(Z, W ) con Z W . Per le proposizioni
SL(V )
14.5.7 e 14.5.9 SL(V ) = QW e quindi, per il Criterio di Iwasawa, ogni
sottogruppo normale proprio di SL(V ) `e contenuto nel centro di SL(V ). La
seconda affermazione segue immediatamente dal Teorema di Corrispondenza.

14.7 La Decomposizione di Levi


In questa sezione G = GL(V ), H0 := NG (F) `e un sottogruppo parabolico di G,
dove F `e la bandiera
V1 < V2 < . . . < Vs1 ,

e Q `e il radicale unipotente di H. Poniamo inoltre V0 = {0} e Vs = V e, per


ogni i {1, . . . , s}, sia Wi sia un complemento di Vi1 in Vi e sia

s
\
L0 := NG (Wi ).
i=1

Infine sia
M
Zi := Wj
j{1,...,s}\{i}

e sia
Gi := NG (Wi ) CG (Zi ).
194 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

14.7.1 La Decomposizione di Levi nei parabolici di GL(V )


{WicongViVi}
Teorema 14.7.1 Con le notazioni precedenti, posto H := H0 e L := L0 , per
ogni i {1, . . . , s}, valgono le seguenti affermazioni:

1. Wi
= Vi /Vi1 ;

2. Vi = W1 W2 . . . Wi ;

3. Gi induce, per restrizione su Wi , tutto il gruppo GL(Wi );

4. Gi induce sul quoziente Vi /Vi1 tutto GL(Vi /Vi1 );

5. L = G1 G2 . . . Gs ;

Dimostrazione. I punti 1 e 2 seguono immediatamente dalle definizioni e


per induzione su i. I Punti 3, 4 seguono, per induzione su i, dal Teorema di
Estensione per Linearit`a. Infine, per come sono stati definiti i Gi , il prodotto
dei Gi `e diretto e contenuto in L. Dal punto 3 segue che, per ogni L, esiste
un elemento
G1 G2 . . . Gs

tale che, per ogni i {1, . . . , s},

[Wi , ] = {0},

da cui = 1 G1 G2 . . . Gs .

{Levi3}
Corollario 14.7.2 L `e un complemento di Q in H.

Dimostrazione. Per il punto 2,

LH

e, per ogni i {1, . . . , s},

[Wi , Q H] Wi Vi1 = {0},

e quindi
Q H = {1}.

Per i punti 4 e 5 del Teorema 14.7.1, per ogni H esiste un elemento L


tale che induce lidentit`a su ciascun quoziente Vi /Vi1 , e quindi Q, da
cui la tesi.
14.7. LA DECOMPOSIZIONE DI LEVI 195

14.7.2 La Decomposizione di Levi nei parabolici di SL(V )


Siano H0 , Q, L0 ed i Wi come sopra. Sia questa volta L := (L SL(V )) e
H := (H0 SL(V )). Inoltre, per ogni i {1, . . . , s}, sia

i : L0 Gi

la proiezione di L0 su Gi associata alla decomposizione

L0 = G1 G2 . . . Gs .
{Levi4}
Teorema 14.7.3 Con le notazioni precedenti,
1. (L)i = Gi per ogni i {1, . . . , s};
2. L0 /L `e isomorfo al gruppo moltplicativo K ;
3. L `e un complemento di Q in H SL(V ).
Dimostrazione. Sia Gi , sia j {1, . . . , s} \ {i} e (w1 , . . . , wt ) una
base di Wj . Sia lautomorfismo di V che manda w1 in det()1 w1 , e induce
a su hw2 , . . . , wt i e su ciascun Wl con l {1, . . . , s} \ {j}. Allora
lidentit`

L SL(V )

e
()i = ,
che prova 1. Il punto 2 segue dal fatto che, per il punto 5 del Teorema 14.7.1
il determinante `e un omomorfismo suriettivo di gruppi da L a K il cui nucleo
`e (L SL(V )). Infine, il punto 3 segue dal Corollario 14.7.2 e dalla Legge
Modulare di Dedekind (2.1.4.

14.7.3 Complementi di Levi


Continuiamo con le notazioni precedenti e poniamo ora R {GL(V ), SL(V )},
H := H0 R e L := L0 R. Il sottogruppo L si dice complemento di Levi
di Q in H e la decomposizione
H = QL
si dice decomposizione di Levi di H. Ovviamente L dipende dalla scelta dei
sottospazi W1 , . . . , Ws e quindi non `e unico. Osserviamo che se, in particolare,
F `e una camera, allora

L
= (K )n se R = GL(V ) e L
= (K )n1 se R = SL(V )
` possibile determinare lazione
e quindi i sottogruppi di Borel sono risolubili. E
di L su CG (F), quindi la decomposizione di Levi determina completamente
la struttura dei sottogruppi parabolici di GL(V ) e di SL(V ); lo faremo nella
sezione 14.8 nel caso dei parabolici massimali.
196 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

Matrici associate
Fissiamo, per ogni Wi una base (vi,1 , vi,2 , . . . , vi,ni ). Rispetto alla base

(v1,1 , v1,2 , . . . , v1,n1 , v2,1 , v2,2 , . . . , v2,n2 , . . . , vs,1 , vs,2 , . . . , vs,ns )

le matrici associate agli elementi di NR (F) sono del tipo:



A1 0 0 . . . 0 0
X2,1 A2 0 . . . 0 0

X3,1 X3,2 A3 . . . 0 0

. . . . . . . . ,

. . . . . . . .

. . . . . . . .
Xs,1 Xs,2 Xs,3 . . . Xs,s1 As
le matrici associate agli elementi di CR (F) sono del tipo:

I1 0 0 . . . 0 0
X2,1 I 2 0 . . . 0 0

X3,1 X3,2 I3 . . . 0 0

. . . . . . . . ,

. . . . . . . .

. . . . . . . .
Xs,1 Xs,2 Xs,3 . . . Xs,s1 Is
le matrici associate agli elementi di L sono del tipo:

A1 0 0 . . . 0 0
0 A2 0 . . . 0 0

0 0 A3 . . . 0 0

. . . . . . . . ,

. . . . . . . .

. . . . . . . .
0 0 0 . . . 0 As
dove Xi,j `e una matrice nj ni , Ii `e la matrice identica ni ni e Ai `e una
matrice invertibile ni ni , con det(A1 )det(A2 ) . . . det(As ) = 1 se R = SL(V ).

14.8 Azione sul radicale di un parabolico mas-


simale
{strparmax}
In questa sezione vogliamo completare lo studio della struttura di un para-
bolico massimale, cio`e dello stabilizzatore H di un sottospazio proprio W di
V . Di solito questa viene definita tramite lazione di un complemento di Le-
vi L sul prodotto tensore (V /W ) W (dove (V /W ) `e il duale dello spa-
zio V /W ). Per evitare di introdurre i prodotti tensoriali, qui useremo invece
la nozione equivalente di azione su Hom(V /W, W ). Definita unazione del
14.8. AZIONE SUL RADICALE DI UN PARABOLICO MASSIMALE 197

complemento di Levi su Hom(V /W, V ), proveremo che lisomorfismo naturale


: Q 7 Hom(V /W, W ) definito nella Proposizione 14.5.6 `e un isomorfismo di
L-insiemi tra (Q, ) e (Hom(V /W, W ), ) (dove `e lazione per coniugio di L
su Q). Chi preferisce i prodotti tensori pu`o tradurre tutto usando lisomorfismo
canonico tra (V /W ) W e Hom(V /W, W ).

14.8.1 Azione sul radicale di un parabolico massimale


Poniamo G {GL(V ), SL(V )} e Z = Z(G). Sia inoltre W un sottospazio
proprio di V , H := NG (W ) e Q := QW = CG (W ) CG (V /W ).
{Ulrich}
Lemma 14.8.1 CG (Q) = QZ.
Dimostrazione. Per la Proposizione 14.5.5 Q `e un pgruppo abeliano
elementare normale in H. Per il Lemma 14.5.6, Q `e generato dalle trasvezioni
di centro contenuto in W ed asse contenente W . Sia CH (Q). Per il punto
2 della Proposizione 14.5.3 fissa tutti i sottospazi di dimensione 1 di W e
tutti gli iperpiani contenenti W , quindi induce unapplicazione scalare su W ed
unapplicazione scalare su V /W . Daltra parte, se w = aw per ogni w W
e (v + W ) = bv + W per ogni v + W V /W , sempre per il punto 2 della
Proposizione 14.5.3, devessere b = a, da cui segue che `e contenuta in Z.

Fissiamo un complemento U di W in V , siano

GW := NGL(V ) (W ) CGL(V ) (U ),

GU := NGL(V ) (U ) CGL(V ) (W )
e sia
L := (GW GU ) G.
Per i teoremi 14.7.1 e 14.7.3 L `e un complemento di Levi di Q in H. Ovviamente
GW GU normalizza W e V /W e, per il Teorema 14.7.1, G(W ) induce tutto
GL(W ) su W e centralizza V /W mentre GU centralizza W ed induce tutto
GL(V /W ) su V /W . Sia lazione per coniugio di G1 G2 su Q e sia lazione
definita nella Proposizione 14.3.5, con

W1 := V /W, W2 := W, G1 = GU e G2 = GW

e dove i `e lazione indotta da Gi su Wi (i {1, 2}). Per il Lemma 14.5.6, Q `e


generato dalle trasvezioni di centro contenuto in W ed asse contenente W . Sia
`e una di queste trasvezioni, per la Proposizione 14.5.2, esistono V , con
W ker(), e w W tali che, per ogni v V ,

v = v + v w.
{actontrans}
Lemma 14.8.2 Con le notazioni precedenti, per ogni per ogni v V ,
1
1. se G1 , allora v = v + (v ) w = v + v w;
198 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI


2. se G2 , allora v = v + v w
Dimostrazione. Se G1 , allora centralizza W , quindi, per ogni
v V,
1 1 1 1
v = v = (v + ((v ) w) = v + (v ) w,
Supponiamo ora che G2 . Poich`e centralizza V /W e, W ker(), segue
che, per ogni v V ,
1
(v ) = v ,
dunque
1 1 1
v = v
= (v + (v ) w) = v + v w

{akzoom}
Teorema 14.8.3 Con le notazioni precedenti, lisomorfismo naturale
: Q 7 Hom(V /W, W )
definito nella Proposizione 14.5.6, `e un isomorfismo di L-insiemi tra (Q, ) e
(Hom(V /W, W ), )
Dimostrazione.
Poich`e Q `e generato dalle trasvezioni di centro contenuto in W ed asse
contenente W , basta provare che, se `e una di queste trasvezioni e Gi ,
allora
{tg} ( ) = ( ) (14.13)
dove, ricordiamo,
= 1
e
( ) = 1 se G1 ,
oppure
( ) = se G2 .
Come nel Lemma 14.8.2 siano V , con W ker(), e w W tali che, per
ogni v V ,
v = v + v w
e quindi
(v + W ) = [v, ] = v w.
Se G1 , dal punto 1 del Lemma 14.8.2, segue che
1 1 1
(v + W )( )
= (v ) w = (v + W ) = (v + W )
= (v + W )( )
,
che prova 14.13 nel caso G1 . Supponiamo ora che G2 . Dal punto 2 del
Lemma 14.8.2, segue che

(v + W )( )
= v w = (v w) = ((v + W ) ) = (v + W )( )
= (v + W )( )
,
da cui la tesi.
14.9. IL RETICOLO DEI SOTTOGRUPPI CONTENENTI UN BOREL 199

14.9 Il reticolo dei sottogruppi contenenti un


Borel
In questa sezione G {GL(V ), SL(V )}, B := NG (F) `e un sottogruppo di Borel
di G, dove F `e la camera

V1 < V2 < . . . < Vn1 ,

e S `e il radicale unipotente di B (quindi S Sylp (G)). Vogliamo studiare il


reticolo dei sottogruppi H con B H G. Mostreremo che questi sono, oltre
a B e G, tutti e soli i sottogruppi parabolici di G contenenti B ed il reticolo di
questi sottogruppi `e isomorfo al reticolo dei sottoinsiemi di {V1 , V2 , . . . , Vn1 }
ordinato per inclusione (cio`e X Y se e solo se Y X).
{Lyons2}
Lemma 14.9.1 Sia k un intero positivo con k < n. Sia k linsieme dei
sottospazi di V di dimensione k. Allora lazione indotta da G su k `e primitiva.

Dimostrazione. Sia un sottoinsieme di k tale che, per ogni g G,


g {k , }. Proviamo che se contiene almeno due elementi distinti, allora
= k , da cui seguir` a la tesi. Siano U e W due elementi distinti di e sia
d := dim(U W ). Sia k,d il grafo il cui insieme dei vertici `e k e due vertici sono
adiacenti se e solo se la loro intersezione ha dimensione d. Chiaramente lazione
indotta da G su k conserva le dimensioni delle intersezioni, quindi G induce
un gruppo di automorfismi del grafo k,d . Per il Teorema del Completamento
delle basi ed il Teorema di Estensione per Linearit`a, G `e transitivo su k e
lo stabilizzatore di un vertice X `e transitivo sullinsieme dei vertici adiacenti
a X. Per lEsercizio 8.5.3 k,d `e connesso quindi, per lEsercizio 10.5.24, G `e
primitivo su G su k .

{maxpar}
Corollario 14.9.2 Se G {GL(V ), SL(V )}, ogni sottogruppo parabolico mas-
simale di G `e un sottogruppo massimale di G.
{retpar}
Corollario 14.9.3 Sia G {GL(V ), SL(V )} e siano F1 e F2 due bandiere
in GP (V ) con F1 F2 e |F1 | = |F2 | 1. Allora NG (F2 ) `e un sottogruppo
massimale di NG (F2 )

Dimostrazione. Sia F2 la bandiera

W1 < . . . Wi1 < Wi < Wi+1 . . . < Wk ,

sia F1 la bandiera
W1 < . . . Wi1 < Wi+1 . . . < Wk
e sia, per j {1, 2},
Hj := NG (Fj ).
200 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

Per il Teorema 14.7.1 H1 induce tutto GL(Wi+1 /Wi1 ) sul quoziente Wi+1 /Wi1 .
In particolare, per il Lemma 14.9.1 e per il Teorema di Corrispondenza per spa-
zi vettoriali, H1 `e primitivo sui sottospazi Z tali che dim(Z) = dim(Wi ) e
Wi+1 < Z < Wi1 . Ma allora H2 = NH1 (F2 ) `e un sottogruppo massimale di
H1

Sia ora
I := {1, . . . , n 1},
J un sottoinsieme di I e

{t1 , . . . , tk } := I \ J con ti < ti+1 i I \ J.

Sia FJ la bandiera
Vt1 < . . . < Vtk
e
PJ := NG (FJ ),
con la convenzione che P = G. Per definizione PJ `e un sottogruppo parabolico
di G se e solo se J `e un sottoinsieme proprio di I. Inoltre PI = B e, per il
lemma 14.4.1, se J K I, allora PK PJ .

Corollario 14.9.4 Con le notazioni precedenti i sottogruppi PJ al variare di


J tra i sottoinsiemi di I sono tutti e soli i sottogruppi di G contenenti B.
Inoltre, se [G : B] `e il reticolo dei sottogruppi di G contenenti B ordinato per
inclusione e P(I) `e il reticolo dei sottoinsiemi di I ordinato per inclusione,
allora lapplicazione
: P(I) [G : B]
J 7 PJ
`e un isomorfismo di reticoli.

14.10 Sottogruppi parabolici in P GL(V ) e P SL(V )


Anche in questa sezione K `e un campo finito di caratteristica p e V `e uno
spazio vettoriale di dimensione n su K. Sia inoltre G {GL(V ), SL(V )} e
Z = Z(G) (in particolare G/Z {P GL(V ), P SL(V )}). Il fatto che Z fissi
tutti i sottospazi di V , e quindi tutte le bandiere, ci permette di definire i
sottogruppi parabolici di G/Z anchessi come stabilizzatori di bandiere. Si vede
immediatamente che H `e un parabolico di G se e solo se H/Z `e un sottogruppo
parabolico di G/Z e lapplicazione che manda H in H/Z `e una biiezione tra
linsieme dei parabolici di G e linsieme dei parabolici di G/Z. Se H `e un
parabolico di G, la decomposizione di Levi di H si conserva in H/Z. Poich`e Z `e
coprimo con H i p-radicali di H e di H/Z sono isomorfi e, se L `e un complemento
di Levi in H, L/Z `e un complemento di Levi in H/Z.
Purtroppo in G/Z si perde lazione sui vettori di V e questo crea qualche
difficolt`
a nello studiare G/Z: ad esempio i p-sottogruppi di G/Z non possono p`u
14.11. CARATTERISTICA LOCALE E TEOREMA DI BOREL-TITS PER P SL(V )201

essere definiti direttamente come centralizzanti di bandiere. Invece, se T `e un


psottogruppo di G/Z ogni volta dovremo considerare lintersezione T0 della sua
antiimagine con un p-Sylow di G. Fortunatamente il fatto che |Z| sia coprimo
con p ci facilita molto. In particolare faremo uso dei seguenti risultati che sono
elementari tranne il punto 2 del Lemma 14.10.2 che segue dal Teorema 13.1.2.
{hebesatz1}
Lemma 14.10.1 Sia H un sottogruppo di GL(V ), sia N H Z(GL(V ) e
sia W V . Allora

1. NH/N (W ) = NH (W )/N ;

2. CH/N (W ) = CH (W )N/N.
{hebesatz2}
Lemma 14.10.2 Sia H un gruppo, sia N E H e sia T un sottogruppo normale
di H di ordine coprimo con |N |. Allora

1. NH/N (T N/N ) = NH (T )/N ;

2. se T o N `e risolubile, allora CH/N (T N/N ) = NH (T )/N .


{Ulrich2}
Corollario 14.10.3 Sia K un campo finito di caratteristica p e sia V uno spa-
zio vettoriale di dimensione n su K. T un parabolico massimale in P GL(V ) o
P SL(V ). Allora
F (T ) = Op (T ).

Dimostrazione. Sia G {GL(V ), SL(V )} e Z = Z(G), sia W V tale


che T = NG (W )/Z e sia Q il p-radicale di NG (W ). Allora Op (T ) = QZ/Z e,
per il Lemma 14.8.1 ed il Lemma 14.10.2

CT (Op (T )) CG/Z (QZ/Z) = CG (Q)Z/Z ZQ/Z = Op (T ),

da cui la tesi.

14.11 Caratteristica Locale e Teorema di Borel-


Tits per P SL(V )
Quando abbiamo introdotto le rappresentazioni di gruppi, abbiamo osservato
che uno strumento fondamentale, per studiare un gruppo astratto G, `e quello di
rappresentarlo come gruppo di automorfismi di una data struttura. Il problema
`e trovare la struttura giusta e, in mancanza daltro, trovarla allinterno del
gruppo G stesso: ad esempio, per dimostrare lesistenza di p-sottogruppi Sylow
in un gruppo G abbiamo usato la rappresentazione di G su una famiglia di certi
suoi sottoinsiemi indotta dallazione regolare a destra.
Un tipico problema nella classificazione dei gruppi semplici finiti `e provare
che un certo gruppo G `e isomorfo ad un certo sottogruppo R del gruppo di
automorfismi di una certa struttura X. Una metodo `e quello di cercare di
202 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

costruire una struttura Y possibilmente isomorfa a X ed una rappresentazione


fedele di G su Y che sia simile a quella di R su X. Lisomorfismo tra X e Y
induce un monomorfismo da G in Aut(X). A questo punto siamo ridotti a
confrontare i due sottogruppi R e G di Aut(X). Pu`o benissimo accadere che
R e G non siano isomorfi, ma eventuali informazioni ulteriori sulla struttura di
G possono permetterci di identificare i due sottogruppi.
Una strategia per costruire la struttura Y `e

1. costruire una struttura X isomorfa alla struttura X allinterno del gruppo


R;

2. caratterizzare astrattamente (cio`e senza far uso dellazione di R su X) la


struttura X;

3. usando la caratterizzazione astratta di X, costruire una struttura analoga


in G.

Per esempio, sia X lo spazio proiettivo associato ad uno spazio vettoriale V


di dimensione finita su un campo finito K, e sia R = P SL(V ). R `e un gruppo di
permutazioni transitivo sullinsieme X, quindi X `e isomorfo come R-insieme al-
linsieme X delle classi laterali dello stabilizzatore in R di un elemento di X. Gli
stabilizzatori L dei punti di R soddisfano, ad esempio, la propriet`a |R : L|=|X|.
Quindi i candidati per la struttura Y sono gli insiemi del tipo G/ M delle classi
laterali destre dei sottogruppi M di G tali che |G : M | = |X|. Purtroppo, come
osservato sopra, questo non basta per concludere che G `e isomorfo a R; infatti
il gruppo SX contiene diversi sottogruppi non isomorfi che sono transitivi su X:
AX , per esempio, che non `e isomorfo a P SL(V ). Le cose vanno meglio se si con-
sidera lazione di P SL(V ) sulla geometria proiettiva P G(V ) che `e una struttura
pi`u complessa dello spazio proiettivo. Infatti P SL(V ) agisce su P G(V ) conser-
vando le dimensioni dei sottospazi e le inclusioni. Per lesercizio ??, la geometria
proiettiva P G(V ) `e isomorfa1 alla geometria delle classi laterali dei parabolici
massimali di P SL(V ) contenenti un fissato sottogruppo di Borel, lincidenza
tra sottospazi si traduce nel fatto che le due classi laterali corrispondenti hanno
intersezione non vuota e due sottospazi hanno la medesima dimensione se e so-
lo se corrispondono a due classi laterali del medesimo parabolico. Quindi, per
caratterizzare astrattamente la geometria basta caratterizzare astrattamente
in P SL(V ) i sottogruppi parabolici massimali contenenti un dato sottogruppo
di Borel. Il seguente lemma permette di individuare i parabolici massimali una
volta che si conosca la caratteristica del campo.
{BorelTits1}
Lemma 14.11.1 Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita su un cam-
po finito K di caratteristica p e sia G {GL(V ), SL(V ), P GL(V ), P SL(V )}.
I sottogruppi parabolici massimali di G sono tutti e soli i sottogruppi p-locali
massimali di G
1 Per la definizione astratta di geometria (geometria di Tits) e di isomorfismo di geometrie

si veda la sezione 16.3


14.11. CARATTERISTICA LOCALE E TEOREMA DI BOREL-TITS PER P SL(V )203

Dimostrazione. Se H `e un sottogruppo parabolico di G, allora

Op (H) 6= {1} e H NG (Op (H)),

quindi ogni sottogruppo parabolico `e contenuto in un sottogruppo p-locale. Ba-


sta allora dimostrare che ogni sottogruppo p-locale di G `e contenuto in un
sottogruppo parabolico di G. Sia G {GL(V ), SL(V )}, sia Z Z(G) e sia
T un p-sottogruppo non identico di G. Poiche T `e un p-gruppo che agisce sul
p-gruppo V , per il Corollario 10.2.6,

{0} < CV (T ) < V.

Poiche p `e coprimo con |Z|, per il Lemma 14.10.1 ed il Lemma 14.10.2,

NG/Z (T Z/Z) = NG (T )/Z NG (CV (T ) = NG/Z (CV (T ),

da cui la tesi.

A questo punto resta il problema di dare una caratterizzazione (o, meglio,


approssimazione) astratta della caratteristica di K cosa faremo adesso. Se H `e
un gruppo e r `e un numero primo, diremo che H ha caratteristica r se

F (H) = Or (H).

Per esempio, dal Lemma 14.10.3 segue che i sottogruppi parabolici massimali
di P SL(V ) hanno caratteristica p Un gruppo G si dice di caratteristica lo-
cale r (in Inglese characteristic-r-type) se ogni sottogruppo r-locale di G ha
caratteristica r. Per il Teorema di Borel-Tits [2], che tra poco dimostreremo
nel caso di P SL(V ), ogni gruppo semplice finito di tipo Lie su un campo di
caratteristica p ha caratteristica locale p. Sarebbe bello se fosse vero anche
il viceversa, cio`e che un gruppo semplice finito di caratteristica locale p `e un
gruppo semplice finito di tipo Lie su un campo di caratteristica p, ma non lo
`e. Infatti, ad esempio, ogni gruppo alterno Ap ha caratteristica locale p, molti
dei gruppi sporadici hanno caratteristica locale 2. Inoltre esistono gruppi che
hanno una doppia caratteristica locale (per esempio A5 , P SL(2, 4) e P SL(2, 5)
sono isomorfi tra loro e quindi hanno caratteristica locale sia 2 che 3). Cionon-
dimeno, in tutti i controesempi i p-Sylow hanno sottogruppi abeliani elementari
di ordine minore a 3. Purtroppo non si conoscono dimostrazioni di questo fatto
che non facciano uso del Teorema di Classificazione dei Gruppi Semplici Finiti
anche se `e al momento in corso un progetto per dimostrarlo [9].
{appAXB}
Lemma 14.11.2 Sia H un gruppo di caratteristica p, allora H `e di caratteri-
stica locale p. In particolare un gruppo G `e di caratteristica locale p se e solo se
i suoi sottogruppi p-locali massimali hanno caratteristica p.

Dimostrazione. Sia F = Op (H), T un p-sottogruppo non identico di H,


L = NH (T ) e Q = Op L. Allora
204 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

1. T Q,

2. T CF (T ) T (F L) Q

3. T CF (T ) contiene il proprio centralizzante in T F .

Ne segue che se A `e un sottogruppo di CL (Q) di ordine coprimo con p, allora


A centralizza T CF (T ) e dunque, per il teorema P Q di Thompson (13.2.2),
A centralizza T F e quindi F . Ma CH (F ) F che `e un p-gruppo, e quindi
A = {1}. Dunque CL (Q) non ha elementi di ordine coprimo con p da cui segue
la tesi.

Possiamo adesso dimostrare il Teorema di Borel-Tits per P SL(V ).


{BT}
Teorema 14.11.3 (Teorema di Borel-Tits per P SL(V )) Sia K un campo
finito di caratteristica p e sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita su K.
Allora P SL(V ) ha caratteristica locale p.

Dimostrazione. Sia H un sottogruppo p-locale massimale di P SL(V ).


Per il Lemma 14.11.1, H `e un sottogruppo parabolico massimale di G. Per il
Lemma 14.10.3, H ha caratteristica p, da cui segue la tesi per il Lemma 14.11.2

14.12 Elementi di ordine coprimo con la carat-


teristica
14.12.1 Cicli di Singer I
In questa sezione studiamo gli elementi di GL(V ) ordine coprimo con la carat-
teristica di K. Ovviamente tutti gli elementi dello stabilizzatore di un frame
hanno ordine che divide |K| 1, e quindi coprimo con la caratteristica di K.
Daltra parte si vede facilmente che questi non esauriscono gli elementi di ordine
coprimo (almeno nel caso in cui K sia finito. Consideriamo infatti la seguente
situazione:
Sia F unestensione di un campo finito K di grado n. E ` ben noto che
la moltiplicazione per elementi di K induce sul gruppo additivo (F, +) una
struttura di spazio vettoriale su K di dimensione n (quindi isomorfo a V come
K-spazio). Indicheremo questo spazio con VKF . Per ogni elemento a di F sia

a : VKF VKF

lapplicazione definita, per ogni v VKF , da

v a = av
14.12. ELEMENTI DI ORDINE COPRIMO CON LA CARATTERISTICA205

(in parole povere, a `e la moltiplicazione per a). Per la propriet`a distributiva,


a `e un endomorfismo di VKF come spazio vettoriale su K e, come si verifica
facilmente, lapplicazione

: F End(VKF )
{singer} (14.14)
a 7 a

`e un omomorfismo iniettivo di anelli, in particolare End(V ) (che `e isomorfo a


End(VKF )) contiene un sottoanello isomorfo a F e quindi GL(V ) contiene un
sottogruppo isomorfo al gruppo moltiplicativo F .
Poich`e F `e finito, per lesercizio 3.5.12, F `e ciclico. Ricordando che F `e
anche linsieme degli elementi non nulli di VKF , questo equivale a dire che F
agisce transitivamente sullinsieme dei vettori non nulli di VKF , in particolare, per
ogni generatore g di F , VKF `e g -irriducibile, cio`e gli unici suoi sottospazi g -
invarianti sono VKF e lo spazio nullo. Gli elementi di Aut(VKF ) (rispettivamente,
i loro corrispondenti in Aut(V )) del tipo g dove g `e un generatore di F si
dicono cicli di Singer di GL(VKF ) (di GL(V )). Si osservi che, per definizione,
ogni coniugato in GL(V ) di un ciclo si Singer di GL(V ) `e ancora un ciclo di
Singer di GL(V ).
Viceversa, mostreremo, usando le rappresentazioni di anelli, che, se `e un
automorfismo di V tale che V sia -irriducibile, allora `e un ciclo di Singer
di GL(V ); la classificazione degli elementi di ordine coprimo di GL(V ) seguir`a
quindi dal Teorema di Maschke (13.4.6).

14.12.2 Cenni di rappresentazioni di anelli


Abbiamo definito una rappresentazione di un gruppo G su una struttura alge-
brico relazionale X come un omomorfismo di gruppi da G ad Aut(X), che `e un
gruppo un gruppo rispetto alla composizione. Ora, se X `e un gruppo abeliano
(o uno spazio vettoriale) V , linsieme End(V ), degli endomorfismi di V , `e un
anello rispetto alla somma puntuale ed alla composizione di applicazioni. Que-
sto ci permette di definire le rappresentazioni di anelli e svilupparne la teoria in
modo analogo a quanto fatto con i gruppi. In questa sezione ci limiteremo ad
introdurre i risultati elementari di questa teoria limitandoci (pi` u o meno) ad i
risultati di cui avremo bisogno per caratterizzare i cicli di Singer.
Sia V un gruppo abeliano ed R un anello con identit`a. Una rappresen-
tazione di R su V `e un omomorfismo di anelli con identit`a da R nellanello
degli endomorfismi di V :
: R End(V ).
Come per gli automorfismi, anche per gli endomorfismi useremo la notazione
esponenziale: limmagine di un elemento v tramite un endomorfismo f sar`a
indicata con v f . La coppia (V, ) si dice R-modulo (destro); quando non
sar`
a necessario specificare la rappresentazione indicheremo, come al solito, il
modulo (V, ) semplicemente con V e, per ogni r R e v V scriveremo v r al
posto di v (r) .
Esempi
206 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

1. Se V `e un gruppo abeliano, R un sottoanello di End(V ) e `e limmersione


di R in End(V ), allora (V, ) `e un R-modulo.
2. Se V `e uno spazio vettoriale su un campo K, V `e un K-modulo, dove la
rappresentazione di K su V `e quella che a ciascun elemento k di K associa
la moltiplicazione per lo scalare k.
3. Sia V un gruppo abeliano e sia z Z. Lapplicazione
z : V V
v 7 vz
`e un endomorfismo di V e lapplicazione
: Z End(V )
r 7 z
`e una rappresentazione di Z su V . In questo modo, ogni gruppo abeliano
ha una struttura naturale di Z-modulo, ogni omomorfismo di gruppi abe-
liani `e un omomorfismo di Z-moduli e quindi la teoria dei gruppi abeliani
coincide essenzialmente con la teoria degli Z-moduli.
4. Sia V uno spazio vettoriale sul campo K e un endomorfismo di V . Per
ogni polinomio
p(x) := a0 + a1 x + . . . + an xn
in K[x] sia p() la valutazione di p(x) su :
p() := a0 + a1 + . . . + an n .
Allora lapplicazione
: K[x] End(V )
{nualpha} (14.15)
p(x) 7 p()

`e una rappresentazione di K[x] su V . Vedremo in seguito come la struttura


di V come K[x]-modulo via qui descritta sia molto utile per studiare
le propriet`
a dellendomorfismo .
Analogamente a quanto fatto per le rappresentazioni di gruppi su insiemi,
se V `e un R-modulo, un sotto-R-modulo `e un sottogruppo W di V tale che,
per ogni r R, risulti
W r W.
Se X V , anche lintersezione hXi dei sotto-R-moduli di V che contengono
X `e ancora un sotto-R-modulo di V e si dice sotto-R-modulo di V generato
da X. Un sotto-R-modulo W di V si dice finitamente generato se esiste un
sottoinsime finito X di V tale che W = hXi. In particolare, se |X| = 1, il
sottomodulo hXi si dice ciclico e, se X = {v}, come al solito, lo indicheremo
con hvi invece che con h{v}i. Si vede facilmente che,
{modcic} hvi = {v r |r R}. (14.16)
14.12. ELEMENTI DI ORDINE COPRIMO CON LA CARATTERISTICA207

Se U e W sono sottomoduli di V , il sottomodulo generato da U e V coincide


con il sottogruppo U + V generato da U e V . Se U e W sono R-moduli, la
somma diretta di gruppi abeliani U W eredita naturalmente da U e W una
struttura di R-modulo ponendo, per ogni (u, w) U W ed r R,

(u, w)r := (ur , wr ).

Con tale rappresentazione lR-modulo U W si dice somma diretta (esterna)


degli R-moduli U e W . Come per i gruppi abeliani, se U e W sono sotto R-
moduli di V tali che V = U + W e U W = {0}, allora U `e isomorfo (come
R-modulo alla somma diretta U W . In tal caso diremo che V `e somma
diretta (interna) di U e W .
Una congruenza sul gruppo V tale che, per ogni v, w V ed ogni r R,
risulti
v w se e solo se v r wr
si dice compatibile con la rappresentazione di R o semplicemente R-
congruenza di V . Le R-congruenze sono tutte e sole le congruenze di V asso-
ciate ai sottogruppi di V che sono anche sotto-R-moduli. Se W `e un sotto-R-
modulo di V , il gruppo quoziente V /W eredita naturalmente da V una struttura
di R-modulo ponendo, per ogni v + W V /W ed r R,

(v + W )r = v r + W ;

il fatto che W sia un sotto-R-modulo garantisce che questa definizione non


dipende dalla scelta del rappresentante v di v + W . Con tale rappresentazione
V /W si dice modulo quoziente di V modulo il sottomodulo W (a parziale
giustificazione della cacofonia, si noti che la parola modulo `e usata con due
significati diversi nella definizione precedente).
Se U e V sono R-moduli, un omomorfismo di gruppi

: U V

tale che, per ogni u U e r R, risulti

(ur ) = ((u))r

si dice omomorfismo di R-moduli. Due U e V si dicono isomorfi se esiste


un isomorfismo (cio`e un omomorfismo biiettivo di R-moduli) tra U e V . In
seguito avremo bisogno del seguente risultato:
{equivalrap}
Lemma 14.12.1 Sia V uno spazio vettoriale sul campo K, siano e en-
domorfismi di V e siano e definite come in 14.15. Se (V, ) e (V, )
sono isomorfi come K[x]-moduli, allora esiste un elemento di GL(V ) tale che
= 1 .

Dimostrazione. Supponiamo che sia un isomorfismo di K[x]-moduli tra


(V, ) e (V, ), allora GL(V ) e, per ogni v V ,

v = (v ) = (v (x) ) = (v ) (x) = (v ) = v ,
208 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

quindi, per ogni v V ,


1
v = v ,
da cui la tesi.

Vale il Primo Teorema di Omomorfismo per R-moduli (lasciamo al letto-


re il compito di enunciarlo e dimostrarlo). Osserviamo che per ogni r R,
lapplicazione
r : R R
s 7 sr
`e un endomorfismo del gruppo abeliano (R, +) e lapplicazione
: R End(R, +)
r 7 r
`e una rappresentazione di R su R e si chiama rappresentazione regolare
(destra) di R su se stesso e lR-modulo (R, ) si dice R-modulo regolare
(destro). Si verifica immediatamente che i sotto-R-moduli del modulo regolare
sono esattamente gli ideali destri di R.
Se v V , posto
AnnR (v) := {r R|v r = 0}
risulta che AnnR (v) `e un ideale destro di R (quindi un sottomodulo del modulo
regolare) e, se V `e ciclico generato da v, vale il seguente risultato (che come
il teorema sullindice dello stabilizzatore (10.2.4) `e una conseguenza immediata
del Primo Teorema di Omomorfismo):
{firstring}
Teorema 14.12.2 Sia R un anello e (V, ) un R-modulo destro ciclico generato
da v (v V ). Allora lapplicazione
: R V
r 7 vr

`e un omomorfismo tra gli R-moduli (R, ) e (V, ). In particolare (V, ) `e iso-


morfo al modulo quoziente R/AnnR (v). e induce una biiezione tra gli ideali
destri di R contenenti AnnR (v) ed i sottomoduli di (V, ).
Anche per gli omomorfismi di R-moduli vale il Teorema di Corrispondenza:

{corrmod} Teorema 14.12.3 (Teorema di Corrispondenza per Moduli) Sia R un


anello e M ed N due R-moduli. : M N un omomorfismo di gruppi e
K = ker . Sia L il reticolo dei sottomoduli di M contenenti K e L0 il reticolo
dei sottomoduli di N che sono contenuti in (M ). Allora lapplicazione che ad
ogni H L associa (H) `e un isomorfismo di reticoli tra L e L0 .

Analogamente a quanto accade nelle rappresentazioni di gruppi, se (V, ) `e


un R-modulo, il nucleo di coincide con
\
AnnR (V ) := AnnR (v)
vV
14.12. ELEMENTI DI ORDINE COPRIMO CON LA CARATTERISTICA209

e questo `e anche il massimo ideale bilatero contenuto in ciascun AnnR (v) al


variare di v in V . In particolare, se R `e un anello commutativo e V `e ciclico
generato da v, allora
AnnR (v) = AnnR (V ).
Si noti per`
o anche che, a differenza di quanto accade nelle azioni transitive di
gruppi, un R-modulo ciclico pu` o avere sottomoduli ed essere anche decomponi-
bile come somma diretta di sottomoduli (ad esempio il gruppo ciclico di ordine 6
ha sottogruppi propri e si decompone come somma diretta di un gruppo ciclico
di ordine 2 ed uno di ordine 3), infine un R-modulo pu`o essere indecomponibile
in somma diretta di sottomoduli propri e, ciononostante, possedere sottomoduli
propri (ad esempio un sottogruppo ciclico di ordine 4).
Un R-modulo V si dice semplice o irriducibile se possiede esattamente
due sotto-R-moduli: questo significa che {0} e V sono gli unici sottomoduli e
che V 6= {0}. Il seguente risultato `e una conseguenza immediata del Teorema
14.12.2 e del Teorema di Corrispondenza.
{irridmod}
Corollario 14.12.4 Sia R un anello e sia V un R-modulo. Allora V `e irridu-
cibile se solo se AnnR (V ) `e un ideale massimale di V .

14.12.3 Cicli di Singer II


Sia K un campo, V uno spazio vettoriale di dimensione n su K e un endo-
morfismo di V tale che V sia -irriducibile.

Lemma 14.12.5 Se `e definita come in 14.15, il K[x]-modulo (V, ) `e


irriducibile

Dimostrazione. Segue immediatamente dal fatto che = (x)

Per il Teorema 14.12.2 ed il Corollario 14.12.4 (e ricordando che K[x] `e


commutativo), esiste un ideale massimale M di K[x] tale che

V `e isomorfo, come K[x]-modulo, a K[x]/M.

Daltra parte, poiche M `e massimale, lanello quoziente K[x]/M `e un campo,


anzi, pi`
u precisamente `e unestensione di K di grado n (cio`e, ha dimensione n
come spazio vettoriale su K) (questo `e un risultato facile, ma fondamentale,
sulle estensioni di campi, vedi, ad esempio [6], Teorema 5.3.1). Indichiamo con
F il campo K[x]/M e sia a := x + M . Allora a genera il gruppo moltiplicativo
F e quindi, se `e definita come in 14.14,

a `e un ciclo di Singer di VKF .

Ne segue che VKF `e uno spazio vettoriale a -irriducibile di dimensione n su K e,


di nuovo, esiste un ideale massimale M di K[x], tale che

VKF `e isomorfo, come K[x]-modulo, a K[x]/M .


210 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

Poiche la funzione manda ogni elemento di M nellendomorfismo nullo di VKF ,


segue che M M , cio`e VKF `e isomorfo ad un quoziente di V . Poiche V e VKF
hanno la medesima dimensione come spazi vettoriali su K segue che

(V, ) e (VKF , a ) sono isomorfi come K[x]-moduli.

In particolare, per il Lemma 14.12.1, `e coniugato ad un ciclo di Singer di


GL(V ), e quindi `e un ciclo di Singer. Abbiamo cos` dimostrato il seguente
teorema:
{Thsinger}
Teorema 14.12.6 Sia n un intero positivo, K un campo finito e sia V uno
spazio vettoriale di dimensione n su K. Sia un elemento di GL(V ) tale che
V sia -irriducibile. Allora `e un ciclo di Singer di GL(V ).

14.12.4 Automorfismi coprimi


Teorema 14.12.7 Sia K un campo finito, sia V uno spazio vettoriale di di-
mensione finita su K e sia un automorfismo di V di ordine coprimo con
la caratteristica di K. Allora V si decompone in somma diretta di sottospa-
zi -irriducibili e, su ciascuno di questi, la restrizione di induce un ciclo di
Singer.

Dimostrazione. Per induzione su dim(V ). Sia V1 un sottospazio -


irriducibile e non nullo di V . Se V1 =V la tesi segue dal Teorema 14.12.6. Sup-
poniamo che V1 6= V . Per il Teorema di Maschke (13.4.6), esiste un sottospazio
W di V -irriducibile tale che

V = V1 W.

Per ipotesi induttiva, W `e somma diretta di sottospazi irriducibili -invarianti

W = V2 . . . Vk ,

e quindi
V = V1 V2 . . . Vk .
Per il Teorema 14.12.6 |Vi `e un ciclo di Singer di Vi per ogni i {1, . . . , k}

Moduli su domini a ideali principali


Finiamo questa sezione con un breve cenno alla struttura dei moduli finitamente
generati su domini ad ideali principali. Non useremo nel seguito del libro i
risultati citati in questo paragrafo, e per le dimostrazioni rimandiamo a [6] o
[10]. Tuttavia questi risultati sono fondamentali per lo studio dei gruppi lineari
(e non solo) e, per questo motivo li segnaliamo al lettore.
Se R `e un dominio ad ideali principali (in particolare se R = Z oppure R
`e lanello K[x] dei polinomi a coefficienti in un campo K), ogni R-modulo V
14.12. ELEMENTI DI ORDINE COPRIMO CON LA CARATTERISTICA211

finitamente generato `e isomorfo ad una somma diretta di R-moduli ciclici (e


quindi di quozienti dellR-modulo regolare R); questo `e il Teorema di Struttura
dei Moduli Finitamente Generati su Domini ad Ideali Principali ([10] sezione
3.8).
La decomposizione di V come somma diretta di sotto-R-moduli ciclici

V
= V1 V2 . . . Vt (14.17) {modulisupid1}

in generale non `e unica, nemmeno a meno di una permutazione degli indici, ma


ci sono due tipi di decomposizione particolarmente utili:
Una si ottiene scegliendo i sotto-R-moduli ciclici V1 , V2 , . . . , Vt in modo tale
che,
AnnR (V1 ) AnnR (V2 ) . . . AnnR (Vt ).
In questo caso i generatori degli ideali AnnR (V1 ), AnnR (V2 ), . . . , AnnR (Vt ) si
dicono divisori elementari dellR-modulo V . Si osservi che,

AnnR (Vt ) = AnnR (V ). (14.18) {minann}

Inoltre, posto Vi = hvi i, poiche R `e commutativo, risulta

AnnR (Vi ) = AnnR (vi )

Laltra decomposizione si ottiene scegliendo i sottomoduli ciclici V1 , V2 , . . . , Vt


in modo tale che gli ideali AnnR (Vi siano primari e, in questo caso i generato-
ri degli ideali AnnR (V1 ), AnnR (V2 ), . . . , AnnR (Vt ) si dicono fattori invarianti
dellR-modulo V .
Si osservi che i sottomoduli che compaiono nelle due decomposizioni non
sono ovviamente gli stessi, ne il numero di fattori nelle due decomposizioni `e lo
stesso.
Abbiamo gi` a parlato di divisori elementari e di fattori invarianti nella se-
zione 3.4 sulla struttura deii gruppi abeliani e una facile riflessione dovrebbe
convincere il lettore che i fattori invarianti ed i divisori elementari di un gruppo
abeliano A sono rispettivamente i fattori invarianti ed i divisori elementari dello
Z-modulo (A, ). E, infatti, il Teorema di Struttura dei Gruppi Abeliani Finiti
`e un caso particolare del Teorema di Struttura dei Moduli Finitamente Gene-
rati su Domini ad Ideali Principali (ogni gruppo abeliano finito `e finitamente
generato come Z-modulo!).
Chiaramente sia la successione dei fattori invarianti sia quella dei divisori
elementari di un R-modulo V individuano V a meno di isomorfismi e viceversa
queste successioni sono determinate da V a meno di una permutazione e della
moltiplicazione per elementi invertibili di R, in particolare due R-moduli U e
V sono isomorfi se e solo se hanno le stesse successioni di divisori elementari
(di fattori invarianti), a meno di una permutazione e del prodotto per elementi
invertibili di R.
Il seguente risultato discende immediatamente dal Teorema di Struttura dei
Moduli Finitamente Generati su Domini ad Ideali Principali:
212 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI

{equivend}
Teorema 14.12.8 Siano e due endomorfismi di uno spazio vettoriale V sul
campo K. Allora e sono coniugate tramite un elemento di GL(V ) se e solo
se i K[x]-moduli (V, ) e (V, ) hanno gli stessi divisori elementari (fattori
invarianti).

Sia un endomorfismo di uno spazio vettoriale V sul campo K, sia

V
= V1 V2 . . . Vt
una decomposizione del K[x]-modulo (V, ) come somma diretta di sottomoduli
ciclici tali che

AnnK[x] (V1 ) AnnK[x] (V2 ) . . . AnnK[x] (Vt )

e, per ogni i {1, . . . , t}, sia mi (x) un generatore monico di AnnK[x] (Vi ).
Poniamo
m (x) := mt (x)
e
t
Y
(x) := mi (x).
i1

Il polinomio m (x) si dice polinomio minimo di . Si vede facilmente che


m (x) `e il polinomio monico di grado minimo che annulla lendomorfismo ,
cio`e tale che
v m () = 0
per ogni v V . Inoltre ogni polinomio che annulla `e un multiplo di m (x).
Il polinomio (x) si chiama polinomio caratteristico di (ed `e proprio
il solito polinomio caratteristico).
{irridirrid}
Teorema 14.12.9 Sia un endomorfismo di uno spazio vettoriale V sul campo
K. Il K[x]-modulo (V, ) `e ciclico se e solo se il polinomio minimo di coincide
con il polinomio caratteristico di .

14.13 Esercizi
{nullrang}
Esercizio 14.13.1 Sia GL(V ). Provare che lapplicazione : V V
definita, per ogni v V da
(v) = [v, ]
`e un omomorfismo di spazi vettoriali di nucleo CV () e immagine [V, ]. In
particolare dim([V, ]) + dim(CV ()) = dim(V ).

Esercizio 14.13.2 Con le notazioni della Proposizione 14.5.6, per ogni K


ed ogni QW , definiamo lapplicazione nel modo seguente:
: V V
.
v 7 v + [v, ]
14.13. ESERCIZI 213

1. Si provi che QW ;
2. si provi che lapplicazione K QW : QW che alla coppia (, ) associa la
funzione definisce una struttura di spazio vettoriale sul campo K su
QW ;

3. si provi che, con tale struttura di spazio vettoriale su QW , lapplicazione


`e un isomorfismo di spazi vettoriali;
4. si provi che se `e una trasvezione di centro Z ed asse U con Z W U ,
allora QW ed il sottogruppo radice RZ,U `e il sottospazio di W generato
da .

Esercizio 14.13.3 Sia un telaio in P (V ) dimostrare che ogni bandiera in


() `e contenuta in una camera di ()

Esercizio 14.13.4 Provare che il sottografo () del grafo F(V ) `e connesso

Esercizio 14.13.5 Provare che, date due bandiere F1 e F2 , esiste un telaio


che le supporta entrambe.

Esercizio 14.13.6 Provare che il grafo F(V ) `e connesso

Esercizio 14.13.7 Siano F1 e F2 due bandiere di V e siano e due telai


che supportano entrambe sia F1 che F2 . Provare che esiste un elemento
NP GL(V ) (F1 ) NP GL(V ) (F2 ), tale che =

Esercizio 14.13.8 Provare che P GL(V ) `e transitivo sulle coppie (, F), dove
`e un telaio in V e F `e una bandiera supportata da

Esercizio 14.13.9 Sia G {GL(V ), SL(V )} e F una bandiera in V . Provare


che NG (F) = NG (CG (F)) (suggerimento: usare linduzione sul rango di F).
{traseq}
Esercizio 14.13.10 Sia SL(V ). Si provi `e una trasvezione se e solo se
CV ( ) `e un iperpiano;
214 CAPITOLO 14. GRUPPI LINEARI
Capitolo 15

Forme bilineari e isometrie


{sedici}

15.1 Forme bilineari


In quanto segue, K `e un campo, V , `e uno spazio vettoriali su K e f `e una
forma bilineare su V , cio`e una funzione

f: V V K

tale che, per ogni a K ed ogni v1 , v2 , w1 , w2 V , le seguenti condizioni sono


soddisfatte:

1. f (v1 + v2 , w1 ) = f (v1 , w1 ) + f (v2 , w1 );

2. f (v1 , w1 + w2 ) = f (v1 , w1 ) + f (v1 , w2 );

3. f (av1 , w1 ) = af (v1 , w1 ) = f (v1 + aw1 ).

Il termine bilineare `e giustificato dal fatto che, come si vede immediatamente,


una funzione f : V V K `e bilineare se e solo se, per ogni v, w V , le
applicazioni
fv : V K
(15.1) {y1}
w 7 f (v, w)
e
fw : V K
(15.2) {y2}
v 7 f (v, w)
sono lineari.
Osserviamo che fv e fw sono elementi del duale V di V e le applicazioni

f : V V
(15.3) {y3}
v 7 fv
e
f : V V
(15.4) {y4}
w 7 fw

215
216 CAPITOLO 15. FORME BILINEARI E ISOMETRIE

sono lineari.
f si dice degenere se esiste un vettore z in V tale che f (zv) = 0 per ogni
v V.

Lemma 15.1.1 Le seguenti affermazioni sono equivalenti:

1. f `e non degenere;

2. ker(f ) = {0};

3. ker(f ) = {0};

Sia ora
(v1 , v2 , . . . , vn )
una base di V e sia
(v1 , v2 , . . . , vn )
la sua base duale. Se la forma bilineare f non `e degenere, lapplicazione f `e un
isomorfismo tra V ed il suo duale V e quindi, posto, per ogni i {1, . . . , n},
1)
vi := (vi )f ,

la n-upla
{dualbasef} (v1 , v2 , . . . , vn ) (15.5)
`e una base di V tale che

{dualbase} f (vi , vj ) = i,j per ogni i, j {1, . . . n} (15.6)

dove i,j `e il Delta di Kronecker. Chiameremo la base 15.5 base duale ri-
spetto alla forma f della base (v1 , v2 , . . . , vn ). Osserviamo che le condizioni
15.6 caratterizzano completamente la base 15.5. Infatti si poteva dimostrare
direttamente che esiste un unica n-upla di vettori (v1 , v2 , . . . , vn ) che verifica
le condizioni 15.6 e tale n-upla `e una base di V . Osserviamo infine che, in ge-
nerale, (vi ) non coincide con vi (ad esempio, se f `e alternante, (vi ) = vi ).
Ciononostante, nei casi delle forme blineari che ci interessano soprattutto, le
forme bilineari simmetriche o alternanti (o forme sesquilineari), sar`a sempre

{sdualframe} h(vi ) i = hvi i. (15.7)


{elementisom1}
Lemma 15.1.2 Sia (v1 , ..., vn ) una base di V . f `e completamente determinata
dai valori che assume sulle coppie (vi , vj ), ossia dalla matrice (f (vi , wj ))i,j di
n righe e n colonne a coefficienti in K.

Dimostrazione. Se
n
X n
X
v= ai vi e w = bj v j ,
i=1 j=1
15.1. FORME BILINEARI 217

la tesi si ottiene sviluppando per bilinearit`a f (v, w).

Con le notazioni precedenti, la matrice

Gf := (f (vi , vj ))i,j

si dice matrice di Gram associata a f rispetto alla base (v1 , ..., vn ) di V . Posto

a := (a1 , ..., an )

e
b := (b1 , ..., bn )
f (v, w) `e uguale al prodotto righe per colonne

aGf bt ,

(dove bt `e la trasposta della n-upla riga (b1 , .., bm )). Osserviamo che la matrice
di Gram Gf coincide con la matrice associata a f rispetto alla base (v1 , ..., vn )
ed alla sua base duale (v1 , ..., vn ) dello spazio duale V . In particolare

Lemma 15.1.3 Con le notazioni precedenti f `e non degenere se e solo se Gf


`e non degenere

15.1.1 Forme bilineari riflessive


In questa sezione f `e una forma bilineare riflessiva su V , cio`e una forma
bilineare su V che verifica la seguente propriet`a:

f (v, w) = 0 implica che f (w, v) = 0.

Il nucleo (o radicale) di f `e linsieme

rad(f ) := {z V |f (v, z) = 0 per ogni v V }.

Si vede facilmente che rad(f ) `e un sottospazio di V e f `e degenere se e solo se


rad(f ) 6= {0}. Se W `e un sottospazio di V linsieme

W := {v V |f (v, w) = 0 per ogni w W }

si dice ortogonale di W . Chiaramente V = rad(V ). Se U e W sono sottospazi


di V tali che U W e U W = {0} diremo che il sottospazio U +W `e somma
diretta ortogonale di U e W .
I seguenti due risultati dovrebbero essere ben noti. La facile dimostrazione
segue dalle definizioni ed `e lasciata al lettore.

Lemma 15.1.4 Se U e W sono sottospazi di V risulta

1. U W se e solo se W U ,
218 CAPITOLO 15. FORME BILINEARI E ISOMETRIE

2. W (W ) .

Se f `e non degenere, abbiamo una relazione precisa tra un sottospazio W ed


il suo ortogonale:
{WWort}
Lemma 15.1.5 Sia f `e non degenere e siano U e W sottospazi di V , allora
1. dim(W ) = dim(V ) dim(W ),
2. W = (W ) ,
3. se W W = {0}, V `e somma diretta ortogonale di W e W
4. hU , W i = (U W ) e U W = hU W i
{witt1}
Lemma 15.1.6 Sia f non degenere e U un sottospazio isotropo di V e sia X
un complemento di U in U . Allora X X = {0}.

Dimostrazione. Poiche X U , risulta

U X ,

quindi, per il punto 4 del Lemma 15.1.5,

hX , Xi = hX , U, Xi = hX , U i = (W U ) = {0} = V

{dualsupport}
Lemma 15.1.7 Sia f non degenere, (v1 , . . . , vn ) una base di V e (v1 , . . . , vn )
la sua base duale rispetto a f . Se W = hv1 , . . . , vk i, allora W = hvk+1

, . . . , vn i

Dimostrazione. Chiaramente

hvk+1 , . . . , vn i W = hv1 , . . . , vk i

e quindi la tesi segue dal punto 1. del Lemma 15.1.5.

Un sottospazio W di V si dice isotropo (o totalmente isotropo ) se W


W (o, equivalentemente, se f induce la forma nulla su W , cio`e f (w1 , w2 ) = 0
per ogni w1 , w2 W ). Un vettore w di V si dice isotropo se hwi `e isotropo.
Osserviamo che se Z `e un sottospazio di V , allora f induce una forma
bilineare (che, come al solito, indichiamo ancora con f ) su V /Z, ponendo, per
ogni v, w V ,
f (v + Z, w + Z) := f (v, w).
Infatti questa applicazione `e ben definita perch`e Z V ed `e chiaramente
bilineare (lasciamo le facili verifiche per esercizio).
{xyx}
Lemma 15.1.8 Sia f una forma bilineare riflessiva su uno spazio V , sia Z
V e W un sottospazio di V contenente Z. Allora
15.1. FORME BILINEARI 219

1. W `e isotropo se e solo se W/Z `e isotropo;

2. in particolare f induce una forma bilineare non degenere su V /V ;

3. Se U `e un sottospazio di V con Z U Z , allora Z U e (U/Z) =


U /Z.

Dimostrazione. Tutte le affermazioni seguono immediatamente dallos-


servazione precedente.

Un sottospazio U di V si dice piano iperbolico se ha dimensione 2 ed esiste


una base (u, v) di U tale che u e v sono isotropi e f (u, v) = 1. In tal caso diremo
che la coppia di vettori (u, v) `e una coppia iperbolica . Un sottospazio H di
V si dice iperbolico spazio iperbolico se H `e somma diretta ortogonale di piani
iperbolici.

15.1.2 Forme bilineari alternanti


In questa sezione f `e una forma bilineare f alternante su V , cio`e una forma
bilineare su V tale che

f (v, v) = 0 per ogni v V. (15.8) {alternante}

Se v e w sono vettori di V , sviluppando per bilinearit`a f (v + w, v + w),


otteniamo

0 = f (v + w, v + w) = f (v, v) + f (w, w) + f (v, w) + f (w, v) = f (v, w) + f (w, v),

cio`e
f (v, w) = f (w, v) per ogni v, w V. (15.9) {alternante1}
In particolare:

Lemma 15.1.9 Ogni forma bilineare alternante su V `e riflessiva.

Se la caratteristica di K `e diversa da 2, si pu`o dimostrare facilmente che la


15.9 implica la 15.8, se la caratteristica `e 2 la condizione 15.8 `e pi`
u forte della
condizione 15.9.
{pianoiperb}
Lemma 15.1.10 Sia v un vettore di V non contenuto in rad(f ). Allora esiste
un vettore u tale che (u, v) sia una coppia iperbolica.

Dimostrazione. Se w V \ hvi , allora, posto

u := f (v, w)1 w,

la coppia (u, v) `e iperbolica.


220 CAPITOLO 15. FORME BILINEARI E ISOMETRIE

{Ehipbas}
Proposizione 15.1.11 Sia H un sottospazio iperbolico massimale di V . Allora
V = (H ) ed `e somma diretta ortogonale di H e H . In particolare, se f `e
non degenere, V = H ed ha dimensione pari.

Dimostrazione. Segue per induzione su dim(V ), il Lemma 15.1.5 ed il


Lemma 15.1.10

Uno spazio simplettico `e una coppia (V, f ) dove V `e uno spazio vettoriale
e f `e una forma bilineare alternante non degenere su V . Come al solito, quando
non sar` a necessario specificare la forma f , useremo il simbolo V per indicare lo
spazio simplettico (V, f ).
Se f `e non degenere, abbiamo visto che V ha dimensione pari. Sia dim(V ) =
2n con n N \ {0}. Una base (u1 , w1 , . . . , un , wn ) di V si dice iperbolica
le coppie (ui , wi ) sono iperboliche e V `e somma diretta ortogonale dei piani
iperbolici
hui , wi i.
{selfdualbase}
Lemma 15.1.12 Se (u1 , w1 , . . . , un , wn ) `e una base iperbolica di V , allora

(u
1 , w1 , . . . , un , wn ) = (w1 , u1 , . . . , wn , un )

Dimostrazione. Segue immediatamente dalla definizione di base iperbo-


lica e dallunicit`
a della base duale.

Matrici di Gram associate ad una forma simplettica


Chiaramente la matrice di Gram associata ad f rispetto ad una base iperbolica
(u1 , w1 , . . . , un , wn ) di V `e una matrice diagonale a blocchi del tipo

T 0 . . . 0
0 T . . . 0

0 0 . . . 0
{gramalt1}
0 0 . . . 0
(15.10)

0 0 . . . 0
0 0 . . . T

dove T `e la matrice  
0 1
. (15.11)
1 0
In seguito, per visualizzare alcuni sottogruppi del gruppo delle isometrie di
V , come sottogruppi di matrici sono utili anche altre due basi che si ottengono
permutando gli elementi della base (u1 , v1 , . . . , un , vn ): una `e la base

{base1} (u1 , u2 , . . . , un , v1 , v2 , . . . , vn ); (15.12)


15.2. ISOMETRIE 221

rispetto a questa base la matrice di Gram associata a f diventa:


 
0 I
{gramalt2} (15.13)
I 0
dove I `e la matrice identica n n. Laltra `e la base
{base2} (u1 , u2 , . . . , un , vn , vn1 , . . . , v1 ); (15.14)
rispetto a questa base la matrice di Gram associata a f diventa:
 
0 J
(15.15) {gramalt3}
J 0
dove J `e la matrice
0 0 . . . 0 1

0 0 . . . 1 0

0 0 . . . 0 0
.
(15.16) {gramalt1}

0 0 . . . 0 0

0 1 . . . 0 0
1 0 . . . 0 0

15.2 Isometrie
{17}
In quanto segue, K `e un campo, V , `e uno spazio vettoriale su K e f `e una
forma bilineare su V .
Sia W uno spazio vettoriale su K e g: W W K una forma bilineare su
W . Unisomorfismo di spazi vettoriali : V W si dice (f, g)-isometria (o,
semplicemente isometria) se, per ogni (v, w) V V ,
g(v , w ) = f (v, w).
In tal caso diremo che gli spazi V e W sono (f, g)-isometrici isometrici, spazi (o
isometrici). Unisometria di V (o isometria su V ) `e una (f, f )-isometria di
V in se stesso. Linsieme delle isometrie di V `e un sottogruppo del gruppo degli
automorfismi di V e si chiama gruppo delle isometrie gruppo delle isometrie
di (V, f ) e si indica con O(V, f ). In generale (O(V, f ) `e un sottogruppo proprio
di Aut(V ), per` o, se f `e la forma costantemente nulla i due gruppi coincidono:
{triviso}
Lemma 15.2.1 Se f (v, w) = 0 per ogni v, w in V , allora O(V, f ) = Aut(V, f ).
{elementisom}
Lemma 15.2.2 Sia (v1 , ..., vn ) una base di V , sia W unaltro spazio vettoria-
le sul campo K e sia g una forma bilineare su W . Un isomorfismo di spazi
vettoriali : V W `e unisometria di se e solo se, per ogni i, j {1, . . . , n},
f (vi , vj ) = g(vi , vj ).
Dimostrazione. Se
n
X n
X
v= ai v i e w = bj vj ,
i=1 j=1
222 CAPITOLO 15. FORME BILINEARI E ISOMETRIE

la tesi si ottiene sviluppando per bilinearit`a f (v, w) e g(v , w ).

{prec}
Corollario 15.2.3 Sia (v1 , u1 , . . . , vn , un ) una base iperbolica di V e Aut(V ).
Allora O(V, f ) se e solo se

(v1 , u1 , . . . , vn , un )

`e unaltra base iperbolica di V


{simpdim}
Teorema 15.2.4 Due spazi simplettici sono isometrici se e solo se hanno la
medesima dimensione.

Dimostrazione. Segue immediatamente dal Corollario 15.2.3 e dalla


Proposizione 15.1.11

Se in GL(V ), G `e la matrice di Gram associata a f ed M `e la matrice


associata a entrambe rispetto alla base (v1 , ..., vn ), allora

{MGMt} f (v , w ) = aM GbM t = aM GM t bt . (15.17)

In particolare, `e unisometria di (V, f ) se e solo se la 15.17 vale per ogni


a, b K n , cio`e se e solo se
{MGMt1} M GM t = G. (15.18)
Dalla 15.18, poich`e det(M ) = det(M t ), segue

Lemma 15.2.5 Siano ed M come sopra. Se f `e non degenere, allora det(M )


{1, 1}.

Una propriet`a importante delle isometrie `e che, se G `e un gruppo disometrie


che fissa un sottospazio W , chiaramente G lascia invariato anche il sottospazio
W e le due azioni indotte da G rispettivamente su W e su V /W , sono legate
luna con laltra come si pu`o evincere dal seguente risultato. Pi` u avanti, nel
caso delle forme simplettiche, daremo la relazione precisa tra queste due azioni.
{Mattias}
Teorema 15.2.6 Proprieta ` Fondamentale delle Isometrie Sia f una
forma bilineare riflessiva su uno spazio vettoriale V , sia G un sottogruppo di
O(V, f ) e siano U e W sottospazi di V .

1. Se [U, G] W , allora [W , G] U .

2. In particolare, se f `e non degenere,

[U, G] W se e solo se [W , G] U .
15.2. ISOMETRIE 223

Dimostrazione. Poiche `e unisometria, se [U, G] W , per ogni z W ,


G e u U , risulta

f (u, [z, ]) = f (u, z + z ) = f (u, z) + f (u, z ) =


1 1
= f (u, z) + f (u , z) = f (u + u , z) =
= f ([u, 1 ], z) = 0

da cui segue la prima affermazione. La seconda segue immediatamente dalla


prima scambiando rispettivamente U e W con W e U e tenendo presente
che, poiche f `e non degenere, per ogni sottospazio X di V risulta X = X .

{CorMat}
Lemma 15.2.7 Se V e G sono come nel Teorema 15.2.6, allora

[V, G] (CV (G)) .

Se f `e non degenere, allora vale luguaglianza:

[V, G] = (CV (G)) .

Dimostrazione. Poiche

[CV (G), G] = {0}

e
V = {0} ,
la tesi segue immediatamente dal Teorema 15.2.6.

Sia W un sottospazio di V e sia H il normalizzante di W in O(V, f ). Se f `e


una forma bilineare riflessiva non degenere, la relazione tra le azioni indotte da
H su W e, rispettivamente, sullo spazio quoziente V /W pu`o essere descritta
precisamente utilizzando lazione duale: Siano infatti lazione indotta da H
su W , sia la sua azione duale (vedi 14.7) su V e sia rho lazione indotta da
H sullo spazio quoziente V /W . Sia, infine, f definita come in 15.3.
{W,Wperp/W}
Lemma 15.2.8 Con le notazioni precedenti lapplicazione f `e un omomorfi-
smo suriettivo da V in W il cui nucleo `e W ed inoltre induce un isomorfismo
di H-insiemi tra (V /W , ) e (W , ).

Dimostrazione. Abbiamo gi`a visto che f `e lineare ed `e suriettivo con


nucleo W perche f `e non degenere. Se H, indichiamo con limmagine
di tramite la rappresentazione duale . Allora, per ogni v, w W ,
f 1 f
w(v )
= f (v , w) = f (v, w ) = w(v )
,

cio`e
(v )f = (v f ) ,
224 CAPITOLO 15. FORME BILINEARI E ISOMETRIE

da cui la tesi.

Abbiamo gi` a sottolineato che, quando si studia una rappresentazione di un


gruppo su una certa struttura, `e importante studiare le relazioni tra questa rap-
presentazione e quelle indotte sulle sottostrutture e sulle strutture quozienti. Il
risultato principale in questo senso sar`a il Lemma di Witt che dimostreremo
nella prossima sezione nel caso delle forme simplettiche. Chiudiamo ora, dimo-
strando alcuni risultati elementari ma che ci saranno molto utili in seguito. In
particolare ci permettono di ridurre lo studio dei gruppi di isometrie a quelli che
conservano una forma bilineare non degenere.
{ortdirectsum}
Lemma 15.2.9 Sia f una forma bilineare riflessiva su uno spazio V , sia G :=
O(V, f ), sia V la somma diretta ortogonale di due sottospazi Z e U e siano
rispettivamente O(Z, fZ ) e O(U, fU ). Allora esiste ununico elemento
G che induce per restrizione su Z e su U . In particolare

NG (Z) NG (U )
= O(Z, fZ ) O(U, fU ).

Dimostrazione. Poiche V `e la somma diretta di Z e U , esiste ununica


applicazione lineare che induce per restrizione su Z e su U . Chiaramente
`e unisomorfismo e, se z1 , z2 Z e u1 , u2 U , allora

f ((z1 + u1 ) , (z2 + u2 ) ) = f (z1 + u1 , z2 + u2 ) = f (z1 , z2 ) + f (u1 , u2 ) =


= f (z1 , z2 ) + f (u1 , u2 ) = f (z1 + u1 , z2 + u2 ),

cio`e G.

{firstext}
Corollario 15.2.10 Sia f una forma bilineare riflessiva su uno spazio V , sia
G := O(V, f ) e sia U un complemento di V in V . Allora

1. V `e invariante per lazione di G;

2. siano rispettivamente GL(V ) e O(U, f ), allora esiste ununico


elemento G che induce per restrizione su V e su U .

3. NG (U )
= GL(V ) O(U, f ),

4. se G e `e lapplicazione lineare indotta da sullo spazio quoziente


V /V , cio`e
(v + V ) := v + V ,
allora O(V /V , f );

5. lapplicazione da G in O(V /V , f ), che a ciascun G associa , `e un


omomorfismo suriettivo di gruppi;
15.2. ISOMETRIE 225

Dimostrazione. Poiche V `e G-invariante e gli elementi di G sono isome-


trie, anche V `e G-invariante. Da questo e dal Lemma 15.2.9 seguono facilmente
tutte le restanti affermazioni, tenendo presente, per il punto 5, che lapplicazio-
ne, che a ciascun u in U associa u+V , `e unisometria tra O(U, f ) e O(V /V , f ).

15.2.1 Il Lemma di Witt per gli spazi simplettici


In quanto segue (V, f ) e (W, g) sono spazi simplettici di dimensione 2n sul
medesimo un campo K (in particolare V e W sono isometrici). Se U `e un
sottospazio di V (di W ), indichiamo con fU la restrizione di f (di g) a U U .
Chiaramente fU (gU ) `e una forma bilineare alternante su U ed `e non degenere
se e solo se U U = {0}. Se U e Z sono sottospazi rispettivamente di V e W ,
per unisometria tra U e Z intendiamo una (fU , gZ )-isometria.
{witt0}
Lemma 15.2.11 Siano U e Z sottospazi rispettivamente di V e W e : U Z
unisometria. Se U U = {0}, allora esiste unisometria : V W che estende
.

Dimostrazione. Poiche U U = {0} e `e unisometria tra U e Z, anche


Z Z = {0}. In particolare

V = U U = Z Z . (15.19) {tasman}

Poiche dim(U ) = dim(Z), segue che anche U e Z sono spazi simplettici


ed hanno la medesima dimensione. Per il Teorema 15.2.4, esiste unisometria
: U Z . Per 15.19, ogni vettore v di V si decompone in modo unico come
somma di un vettore xv in U e di un vettore yv in U . Sia : V V definita,
per ogni v V , da
v := x
v + yv .

Allora `e unisometria di V che estende .

{witt2}
Lemma 15.2.12 Sia U un sottospazio isotropo di V e sia (u1 , . . . , ut ) una base
di U . Sia X un complemento di U in U . Allora esistono w1 , . . . , wt in V tali
che (u1 , w1 , . . . , ut , wt ) sia una base iperbolica di X .

Dimostrazione. Per induzione su dim(V )/2. Se dim(V ) = 2 la dimo-


strazione segue immediatamente dal fatto che ogni vettore isotropo appartiene
ad una base iperbolica di V . Supponiamo dim(V ) > 2. Per il Lemma 15.1.6
XX = {0} e, poiche X U , U `e un sottospazio (isotropo) di X . Possiamo
quindi supporre che
V = X ,
quindi
X = {0} e U = U .
226 CAPITOLO 15. FORME BILINEARI E ISOMETRIE

Sia
W := hu2 , . . . , ut i.
Allora W `e un iperpiano di U e U `e un iperpiano di W . Sia Y un complemento
di W in W contenente il vettore u1 . Per il Lemma 15.1.6
Y Y = {0}
e quindi Y `e un piano iperbolico. Sia w1 Y tale che (u1 , w1 ) sia una coppia
iperbolica di Y . Poiche V `e somma diretta ortogonale di Y e Y e poiche
W `e un sottospazio isotropo di Y , esistono dei vettori w2 , . . . , wt tali che
(u2 , w2 , . . . , ut , wt ) sia una base iperbolica di Y . Ma allora
(u1 , w1 , u2 , w2 , . . . , ut , wt )
`e una base iperbolica di X .

{witt3}
Lemma 15.2.13 Siano U e Z sottospazi rispettivamente di V e W e sia : U
Z unisometria. Se U `e isotropo, allora esiste unisometria : V W che
estende .
Dimostrazione. Poiche U `e isotropo, anche Z `e un sottospazio isotropo
di W . Siano X e Y complementi rispettivamente di U in U e di Z in Z .
Allora
dim(X) = dim(U ) dim(U ) = dim(Z ) dim(Z) = dim(Y ).
Siano
(u1 , . . . , ut ) e (z1 , . . . , zt )
basi rispettivamente di U e di Z. Per il Lemma 15.2.12 esistono dei vettori
(v1 , . . . , vt ) e (w1 , . . . , wt )
rispettivamente in X e in Y , tali che
(u1 , v1 , . . . , ut , vt ) e (z1 , w1 , . . . , zt , wt )
siano basi iperboliche rispettivamente di X e Y . Sia : X Y , lappli-
cazione lineare definita, per ogni i {1, . . . , t} da
(ui ) = zi e (vi ) = wi .
Per punto 2. del Lemma 15.2.2 `e unisometria e, poiche X X = {0}, per
il Lemma 15.2.11, si estende ad unisometria tra V e W .

{witt}
Teorema 15.2.14 (Lemma di Witt per gli spazi simplettici) Siano (V, f )
e (W, g) spazi simplettici della medesima dimensione, sia U un sottospazio di
V e sia : U W unapplicazione lineare che induca una (f |U , g|U )-isometria
tra U e U . Allora esiste una (f, g)-isometria : V W tale che |U = .
15.2. ISOMETRIE 227

Dimostrazione. Per induzione su dim(U ). Se U `e isotropo, (in particolare


se dim(U ) 1) la tesi scende dal Corollario 15.2.13. Supponiamo quindi che
dim(U ) > 1 e U non sia isotropo. Allora esiste un sottospazio non nullo X di U
tale che X X = {0} e quindi V `e somma diretta ortogonale di X e X . Per
la Legge Modulare di Dedekind, risulta U = (U X ) X, dunque i sottospazi
sono disposti come nel seguente diagramma:

V
r
@
@
U r @r X
@
@
X r @r U X
@
@
@r
{0}

In particolare, poich`e X 6= {0}, U X < U . Per ipotesi induttiva |U X si


estende ad unisometria
: X (X ) .
Per ogni vettore v di V sia
v = xv + xv
la decomposizione unica di v come somma di un vettore xv di X e di un vettore
xv di X e sia
: V W
lapplicazione lineare definita, per ogni v V da

v := x
v + xv .

Allora `e unisometria e, come si vede facilmente, |U = .

Chiudiamo questa sezione con una conseguenza del Lemma 15.2.12 che ci
servir`
a per dimostrare alcune propriet`a dei telai simplettici.
{witt4,5}
Lemma 15.2.15 Sia X un sottospazio iperbolico di V e sia U un sottospazio
isotropo massimale di X . Allora X `e un complemento di U in U

Dimostrazione. Poich`e X `e iperbolico, V `e somma diretta ortogonale di


X e X . In particolare

U X X X = {0} e hU, Xi U .

Quindi resta da dimostrare che U hU, Xi o, equivalentemente per la Legge


Modulare di Dedekind, che
U = U X .
228 CAPITOLO 15. FORME BILINEARI E ISOMETRIE

Ora, se x U X , lo spazio hU, xi `e isotropo e quindi, per la massimalit`a di


U coincide con U , da cui la tesi.

{witt5} Lemma 15.2.16 (Completamento delle basi iperboliche) Sia X un sot-


tospazio iperbolico di V e sia W un sottospazio isotropo di X . Sia

(x1 , w1 , . . . , xk , wk )

una base iperbolica di X e sia

(wk+1 , . . . , wk+t )

una base di W . Allora esistono dei vettori xk+1 , . . . , xn e wk+t+1 . . . , wn tali


che
(x1 , w1 , . . . , xn , wn )
sia una base iperbolica di V

Dimostrazione. Poiche X `e iperbolico, V `e somma diretta ortogonale di


X e di X . Basta quindi provare che la base

(wk+1 , . . . , wk+t )

di W pu`o essere completata ad una base iperbolica di X . Sia U un sottospazio


isotropo massimale di X contenente W . Per il Teorema di Completamento
delle Basi esistono wk+t+1 , . . . , wk+t+l U tali che

(wk+t+1 , . . . , wk+t+l )

sia una base di U . Per il Lemma 15.2.15 X `e un complemento di U in U e


quindi la tesi segue dal Lemma 15.2.12.
Capitolo 16

Gruppi Simplettici

In questo capitolo V `e uno spazio vettoriale di dimensione 2n sul campo K e f


`e una forma bilineare alternante non degenere su V .

16.1 Il Gruppo Simplettico


Il gruppo simplettico Sp(V ) `e il gruppo delle isometrie di V . Studieremo la
struttura dei gruppi simplettici sulla linea di come abbiamo fatto per i gruppi
lineari. Incominciamo con determinare lordine di Sp(V ): come abbiamo fatto
nel caso di GL(V ) proveremo che Sp(V ) agisce in modo regolare sullinsieme
delle basi simplettiche e calcoleremo il numero di queste basi.
{ordSp}
Teorema 16.1.1 Sia V uno spazio simplettico di dimensione 2n su un campo
K di ordine q con q = pk , dove p `e un numero primo. Allora
n n
Y 2 Y
|Sp(V )| = (q 2i 1)q 2i1 = q n (q 2i 1)
i=1 i=1
{ipbasaction}
Lemma 16.1.2 Sp(V ) agisce regolarmente sullinsieme delle basi iperboliche.

Dimostrazione. Segue immediatamente dal Lemma 15.2.2 e dal Teorema


di Estensione per Linearit`
a.

Dimostriamo ora il Teorema 16.1.1.


Per il Corollario 10.2.4 segue che lordine di Sp(V ) coincide con la cardinalit`a
dellinsieme delle basi iperboliche di V . Osserviamo che V possiede

(q 2n 1)

vettori isotropi diversi dal vettore nullo. Se u1 `e un vettore isotropo non nullo,
V \ hu1 i ha
(q 2n q 2n1 )

229
230 CAPITOLO 16. GRUPPI SIMPLETTICI

elementi e linsieme
{hwi \ {0}|w V \ hu1 i }
`e una partizione di V \ hu1 i in cui ciascun elemento contiene esattamente q 1
vettori e di questi uno solo forma una coppia iperbolica con u1 . Ne segue che
una coppia iperbolica (u1 , w1 ) di V pu`o esser scelta in esattamente

(q 2n 1)(q 2n q 2n1 )(q 1)1 = (q 2n 1)q 2n1

modi distinti. Posto


U = hu1 , w1 i,
abbiamo che
V = U U ,
e U `e anchesso simplettico. Quindi, per ipotesi induttiva, U possiede
n1
Y
(q 2i 1)q 2i1
i=1

basi simplettiche. La tesi segue allora perche

(u1 , v1 , u2 , v2 , . . . , un , vn )

`e una base simplettica di V se e solo se

(u2 , v2 , . . . , un , vn )

`e una base simplettica per U .

16.2 Conseguenze del Lemma di Witt


{wittiso}
Lemma 16.2.1 1. Sp(V ) agisce transitivamente sui sottospazi isotropi della
medesima dimensione di V ,
2. pi`
u in generale, Sp(V ) agisce transitivamente sulle bandiere del medesimo
tipo di sottospazi isotropi di V .
3. Il nucleo dellazione di Sp(V ) sullinsieme degli spazi isotropi di V ha
ordine `e generato dallapplicazione che manda ogni vettore di V nel suo
opposto.

Dimostrazione. Chiaramente linsieme dei sottospazi isotropi di V `e


invariante per lazione di Sp(V ) e lo stesso vale per linsieme delle bandiere di
sottospazi isotropi di V e Sp(V ) conserva le dimensioni le inclusioni e (quindi) i
tipi. La transitivit`
a segue immediatamente dal Lemma di Witt, poich`e qualsiasi
applicazione lineare biiettiva tra spazi isotropi `e unisometria. Infine, se
Sp(V ) fissa tutti i sottospazi isotropi di V , allora fissa tutti i sottospazi di
dimensione 1 e quindi, per la Proposizione 14.3.1, `e unapplicazione scalare.
16.2. CONSEGUENZE DEL LEMMA DI WITT 231

Poich`e `e unisometria, se (u, v) `e una coppia iperbolica, devessere (u , v )


{(u, v), (u, v)}, da cui la tesi.

Segue, da questo lemma, che un oggetto naturale su cui rappresentare Sp(V )


`e linsieme dei di sottospazi isotropi di V e lo spazio delle bandiere ad essa asso-
ciato. Il nucleo Z di questa azione ha ordine 1 o 2 a seconda che la caratteristica
di K sia 2 u un primo dispari ed il gruppo Sp(V )/Z si indica con P Sp(V ) e si
chiama gruppo proiettivo simplettico su V . Faremo uso in seguito di questa
rappresentazione, che formalizzeremo nella sezione 16.3. Concludiamo questa
sezione con due conseguenze del Lemma di Witt sullazione di Sp(V ) sui punti
di P (V ) che useremo nella sezione 16.6.
{witt5}
Lemma 16.2.2 Sia U un sottospazio di dimensione 1 di V e sia H lo stabiliz-
zatore in Sp(V ) di U . Allora le H-orbite di U sono

{U }, {W |dim(W ) = 1, W U , W 6= U } e {W |dim(W ) = 1, W 6 U }

Dimostrazione. Siano

A := {W |dim(W ) = 1, W U , W 6= U } e B := {W |dim(W ) = 1, W 6 U }.

Chiaramente {U }, A e B sono invarianti per H. Proviamo che H `e transitivo


su A e B. Sia C {A, B} e W e Z in C. Siano u, w, z elementi non nulli
rispettivamente di U , W e Z e, se C = B, sia z scelto in modo che f (u, z) =
f (u, w). Allora lapplicazione lineare

: hU, W i hU, Zi

definita da u = u e w = z `e unisometria tra hU, W i e hU, Zi. Per il Lemma


di Witt si estende ad un elemento di H.

{witt6}
Lemma 16.2.3 Sp(V ) agisce in modo primitivo sui punti di P (V ).

Dimostrazione. Sp(V ) `e transitivo sui punti di P (V ) per il Corollario


16.2.2. Sia B un blocco di imprimitivit`a e siano U, W due elementi distinti di
B. In particolare

U 6= W e quindi(V \ U ) 6= (V \ W ) (16.1) {primitif}

Se U e W sono ortogonali tra loro, per il 16.2.2, B contiene tutti i sottospazi di


dimensione 1 ortogonali a W . Tra questi, per 16.1, ce ne sono di non ortogonali
a U . Sia X uno di questi. Allora B contiene {U, X} e {U, W } e quindi, per
il Lemma 16.2.2, tutto V . Se U e W non sono ortogonali tra loro, B contiene
tutti i sottospazi di dimensione 1 non ortogonali a W . Come sopra, per 16.1,
esiste almeno un sottospazio Y che `e ortogonale a U e di nuovo si conclude per
il Lemma 16.2.2.
232 CAPITOLO 16. GRUPPI SIMPLETTICI

{witt4}
Lemma 16.2.4 Ogni sottospazio isotropo massimale di V ha dimensione n.

Dimostrazione. Se

(u1 , w1 , u2 , w2 , . . . , un , wn )

`e una base iperbolica di V , il sottospazio

hu1 , u2 , . . . , un i

`e chiaramente isotropo massimale ed ha dimensione n. Basta quindi dimostrare


che i sottospazi isotropi massimali di V hanno tutti la medesima dimensione.
Siano infatti U e Z due sottospazi isotropi massimali di V . Possiamo supporre
che dim(U ) dim(Z). Allora ogni applicazione lineare iniettiva da U in Z
induce unisometria tra U e U e tale isometria, per il Lemma di Witt 15.2.14
si estende ad unisometria di V . Poich`e U `e isotropo massimale, anche U `e
isotropo massimale e quindi U = Z, da cui la tesi.

16.3 La geometria simplettica


{polargeom}
In questa sezione V `e uno spazio vettoriale di dimensione 2n sul campo K e f `e
una forma bilineare alternante non degenere su f . Chiaramente Sp(V ) GL(V )
e quindi Sp(V ) agisce sulla geometria proiettiva GP (V ). Questo, per`o, non `e
loggetto ideale su cui rappresentare Sp(V ): osserviamo infatti che ogni isome-
tria di (V, f ) manda sottospazi isotropi in sottospazi isotropi. Poich`e, se n > 2
esistono sottospazi isotropi e non isotropi della medesima dimensione, Sp(V )
non `e transitivo sullinsieme dei sottospazi di una dimensione fissata (e quindi
tanto meno sulle bandiere di GP (V )). Daltra parte, come abbiamo accennato
nella sezione precedente, il fatto che Sp(V ) agisce anche sullinsieme GSp(V )
dei sottospazi isotropi di V suggerisce di rappresentare Sp(V ) su una partico-
lare sottogeometria di Tits di GP (V ): la geometria simplettica associata a
(V, f ). Questa `e la tripla (GSp(V ), dim, ) dove dim: GSp(V ) {1, . . . , n} `e
la funzione che ad ogni sottospazio associa la sua dimensione e `e la relazione
dincidenza definita, per ogni U, W GSp(V ) da U W se e solo se U W op-
pure W V . Questa `e evidentemente una sottogeometria di GP (V ) e, come al
solito, indicheremo la tripla (GSp(V ), dim, ) semplicemente con GSp(V ). Co-
me esempio, per mostrare i vantaggi della geometria simplettica sulla geometria
proiettiva per rappresentare Sp(V ), osserviamo che, se U e W sono sottospazi
isotropi di V , ogni isomorfismo tra gli spazi vettoriali U e W `e unisometria e
quindi, per il Lemma di Witt (Lemma 15.2.11), si estende ad unisometria di
(V, f ). In particolare,
{transimplex}
Lemma 16.3.1 GL(n, K) Sp(2n, K) e Sp(V ) `e transitivo sullinsieme dele
bandiere del medesimo tipo di GSp(V ).
16.3. LA GEOMETRIA SIMPLETTICA 233

16.3.1 Bandiere e telai simplettici


Bandiere simplettiche
Una bandiera simplettica `e una bandiera nella geometria di Tits GSp(V ),
quindi un insieme {Wi |1 i k} dove, per ogni i {1, . . . , k}, Wi `e un
sottospazio isotropo non nullo e
W1 < W2 < . . . Wk . (16.2) {flagsuc}
Come per le bandiere in P G(V ), useremo la serie 16.2 per indicare la bandiera
{W1 , . . . Wk }. Analogamente le camere simplettiche ed i muri simplettici
sono rispettivamente le camere in GSp(V ) ed i muri in GSp(V ). Si osservi che,
per il Lemma 16.2.4, le bandiere e le camere simplettiche di V sono rispettiva-
mente le bandiere e le camere proiettive dei sottospazi isotropi massimali di V .
In particolare, le camere simplettiche hanno rango n. Indicheremo con S(V )
linsieme delle bandiere simplettiche di V .
Dal Lemma 15.1.5 segue immediatamente che, se
F := {Wi |1 i k}
`e una bandiera (camera) simplettica, con
W1 < W2 < . . . < Wk1 < Wk ,
allora
{Wi |1 i k} {Wi |1 i k}
`e una `e una bandiera (camera) proiettiva, che indicheremo con F , tale che
W1 < . . . < Wk Wk < Wk1

< . . . < W2 < W1 .
Indicheremo con S (V ) linsieme {F |F S(V )}.
Osserviamo che, se Sp(V ) normalizza un sottospazio W di V , allora
deve normalizzare anche il suo ortogonale W . Da questo segue che GSp(V )
`e invariante per lazione di Sp(V ) e lapplicazione F 7 F `e un isomorfismo di
Sp(V )-insiemi tra S(V ) e S (V ) che, inoltre, conserva le inclusioni tra bandiere.
Linsieme F ci servir`
a per definire i telai e gli appartamenti simplettici.
{thicksimplx}
Lemma 16.3.2 Ogni muro di GSp(V ) `e contenuto in almeno tre camere di
GSp(V ).
Dimostrazione. Sia B un muro simplettico e
F := W1 < W2 < . . . < Wn1 < Wn
una camera simplettica contenente B. Osserviamo che, se Wn B, allora B \
Wn `e un muro proiettivo di GP (Wn ) e ogni camera proiettiva di GP (Wn ) `e
una camera simplettica di GSp(V ). Se, invece, Wn 6 B, allora B `e un muro

proiettivo di GP (Wn1 ) e ogni camera proiettiva di GP (Wn1 ) contenente B `e
anche una camera simplettica di GSp(V ). La tesi segue allora dal Lemma 8.4.1.
234 CAPITOLO 16. GRUPPI SIMPLETTICI

Telai ed appartamenti simplettici


Un telaio simplettico `e un insieme del tipo

{hui i|1 i n} {hvi i|1 i n},

dove (u1 , v1 , . . . , un , vn ) una base iperbolica di V . Se `e un telaio simplettico,


lappartamento simplettico Sp () associato a `e linsieme delle bandiere
simplettiche supportate da :

Sp () = () S(V ).
{nsimpcha}
Lemma 16.3.3 Se `e un appartamento simplettico in GSp(V ), allora
contiene esattamente 2m (n!) camere simplettiche.

Dimostrazione. Con le notazioni precedenti, possiamo supporre che :=


Sp (). Sia
W1 < . . . < Wn
una camera simplettica contenuta in . Poich`e Wn `e un sottospazio isotropo di
dimensione n, devessere
|Wn {uj , vj }| = 1
per ogni j {1, . . . , n}. Inoltre se k {1, . . . , n} `e tale che Wn hWn1 , Pk i,
allora
Wn1 hR1 , . . . , Rk1 , Rk+1 , . . . , Rn i.
Procedendo in questo modo, per induzione si ottiene che esiste una permutazione
Sn tale che
Wi {uj , vj } = 1
per ogni j {1, . . . , i}, e quindi

Wi = hWi {uj , vj }|1 j i}i.

Viceversa, comunque si prenda una permutazione Sn e comunque si scelga


ej {uj , vj }, linsieme

{he1 , . . . , ei i|i {1, . . . , n}}

`e una camera simplettica. Poich`e ci sono n! scelte per la permutazione e


2m scelte di ej {uj , vj } al variare di j {1, . . . , n}} e poiche scelte distinte
danno luogo a camere distinte, esistono esattamente 2m (n!) camere simplettiche
in .

{thinsimplx}
Lemma 16.3.4 Se `e un appartamento simplettico, ogni muro di `e conte-
nuto in due camere di GSp(V ).
16.3. LA GEOMETRIA SIMPLETTICA 235

Dimostrazione. Sia M un muro simplettico, sia Sia

F := W1 < . . . < Wn

una camera simplettica contenente M, sia j {1, . . . , n} tale che

M = W1 < . . . < Wj1 < Wj+1 < . . . < Wn

e sia (u1 , v1 , . . . , un , vn ) una base iperbolica tale che Wi = hui i per ogni i
{1, . . . , n}. Allora lunica altra camera contenente M supportata dal telaio
simplettico
{hu1 i, hv1 i, . . . , hun i, hvn i}
`e
W1 < . . . < Wj1 < hWj1 , vj i < Wj+1 < . . . < Wn .

Sia
:= {P1 , . . . , P2n }
un telaio proiettivo di V ,
(e1 , . . . , e2n )
una base di V tale che
Pi = hei i.
e
Per ogni i {1, . . . , n}, sia
i `e definito come in 15.5, e indichiamo con Pi il
sottospazio hei i, e con linsieme {P1 , . . . , P2n

}. Chiaramente `e un telaio
proiettivo e, se `e un telaio simplettico di V , allora = . Per il Corollario
15.1.7, se F `e una bandiera simplettica supportata dal telaio , allora F `e
supportata anche dal telaio .
{bilocalesimp}
Lemma 16.3.5 Se F e F 0 sono due bandiere simplettiche in GSp (V ), allora
esiste un appartamento simplettico che le contiene entrambe.

Dimostrazione. Possiamo supporre che F e F 0 siano camere simplettiche.


Sia
F := W1 < . . . < Wn
e sia
F 0 := U1 < . . . < Un .
Per il Lemma 8.4.3 esiste un telaio che supporta sia F che F 0 e, per losserva-
zione precedente, anche supporta sia F che F 0 . Lidea della dimostrazione
`e costruire due sottoinsiemi Wn e
n rispettivamente di e di in modo
che Wn n possa essere completato fino ad ottenere un telaio simplettico con
a che ogni sottospazio di F e F 0 sia generato da un sottoinsieme di
la propriet`
W n
n.
236 CAPITOLO 16. GRUPPI SIMPLETTICI

Se X `e un sottospazio di V sia

X := {P |P X}

e, se j {1, . . . , n}, sia


j := {P |P Uj e P 6 Wn }.

Chiaramente
Wi = hWi i
e, per il Lemma 8.4.4,
Wi Uj = hWi Uj i.
Dunque
Uj = hWi Uj
j i.

Sia P j . Poich`
e Wn `e un sottospazio isotropo massimale di V e poiche
(P ) Wn ha codimensione 1 in Wn , esiste un unico P Wn tale che
P 6 (P ) . Sia

n := {P1 , . . . , Pk }

e sia
Wn := {P1 , . . . , Pn }
con gli indici scelti in modo che, per ogni j {1, . . . , k}, hPj , Pj i sia un sotto-
spazio iperbolico di V . Chiaramente possiamo scegliere dei generatori wi di Pi ,
con i {1, . . . , n}, e dei generatori xj di Pj , con j {1, . . . , k} che soddisfano
le ipotesi del Corollario 16.2.2. Esistono quindi dei vettori xk+1 , . . . , xn tali che

(x1 , w1 , . . . , xn , wn )

sia una base iperbolica di V . Posto

Pt := hxt i

per ogni t {k + 10 . . . , n}, linsieme

{P1 , P1 . . . Pn , Pn }

`e un telaio simplettico che supporta sia F che F 0 .

16.4 Sottogruppi parabolici di Sp(V )


In questa sezione, analogamente a quanto fatto per i gruppi lineari, definiremo
i sottogruppi di Borel, i sottogruppi parabolici ed i loro radicali unipotenti in
Sp(V ). Il Lemma di Witt ed il fatto che ogni automorfismo di un sottospa-
zio isotropo `e unisometria ci permetteranno di sfruttare gli analoghi risultati
16.4. SOTTOGRUPPI PARABOLICI DI SP (V ) 237

dimostrati per i gruppi lineari. I sottogruppi di Borel di Sp(V ) sono i nor-


malizzanti in Sp(V ) delle camere simplettiche, e i sottogruppi parabolici di
Sp(V ) sono normalizzanti in Sp(V ) delle bandiere simplettiche non massimali.
In tutta questa sezione poniamo

G := Sp(V )

ed inoltre F `e la bandiera simplettica

W1 < . . . < Wk ,

dove, per ogni i {1, . . . , n}, Wi `e un sottospazio isotropo di V . Poniamo inotre

W0 := {0} e Wk+1 := Wk .

Come abbiamo osservato sopra,

NG (F) = NG (F ),

dove F `e la bandiera

W1 < . . . < Wk Wk < . . . < W1 .


{controvSp}
Lemma 16.4.1 Se H e `e una bandiera simplettica di V , con H F, allora
NG (F) NG (H).

Dimostrazione. Segue immediatamente dal Lemma 14.4.1 ed il fatto che


NSp(V ) (H) = NGL(V ) (H) Sp(V ).

{thick1}
Lemma 16.4.2 Se W `e un sottospazio isotropo non nullo e non contenuto in
F, allora esiste NG (F) tale che W 6= W .

Dimostrazione. Si adatti, per esercizio, la dimostrazione del Lemma


14.4.2, usando il fatto che ogni isomorfismo lineare tra sottospazi isotropi di V
si pu`
o estendere, per il Lemma di Witt, ad unisometria di V .

{serveperQSp}
Teorema 16.4.3 Siano V e G come sopra, sia FSp (V ) linsieme delle bandie-
re simplettiche di V e sia P linsieme dei sottogruppi parabolici di G. Allora
lapplicazione
: FSp (V ) P
H 7 NG (H)
`e biiettiva e inverte le inclusioni. In particolare, i sottogruppi parabolici mas-
simali di G sono tutti e soli i normalizzanti dei sottospazi isotropi non nulli di
V.
238 CAPITOLO 16. GRUPPI SIMPLETTICI

Dimostrazione. Se F `e come sopra, per il Lemma 16.4.2, W1 , . . . , Wk sono


tutti e soli i sottospazi isotropi non nulli di V normalizzati da NG (F), da cui
segue che `e biiettiva. Per il Lemma 16.4.1 inverte le inclusioni.

Proposizione 16.4.4 G agisce transitivamente per coniugio sullinsieme dei


suoi sottogruppi di Borel.

Dimostrazione. Segue immediatamente dalla Proposizione 16.3.1 e dal-


lEsercizio 10.5.6.

Il radicale unipotente
Il centralizzante di F in G `e il centralizzante della serie

W0 < W1 < W2 < . . . < Wk+1

e lo indicheremo con CG (F). Come per i gruppi lineari, CG (F) si dice anche
radicale unipotente del gruppo NG (F).
{flagcentrSp}
Proposizione 16.4.5 CG (F) `e un p-sottogruppo normale di NG (F).

Dimostrazione. Per il Lemma 15.2.6

CG (F) CG (F ) CGL(V ) (F )

e, quindi, la tesi segue dal Teorema 13.3.1

{KolchinSp}
Lemma 16.4.6 Se T `e un p-sottogruppo di G, allora T centralizza una bandiera
simplettica di V .

Dimostrazione. Per induzione sulla dimensione di V . Sia

W := CV (T ).

Per il Lemma 10.2.5 W 6= {0}. Poich`e gli elementi di T sono isometrie (o per il
Lemma 15.2.6), T normalizza W e quindi, ancora per il Lemma 10.2.5

CW (T ) 6= {0}.

Poniamo
W1 := CW (T ).
Poich`e
W1 W CV (T ) = W W,
W1 `e isotropo. Per il Lemma 15.1.8 f induce su W1 /W1 una forma bilineare
non degenere e, chiaramente, alternante. Sia V lo spazio quoziente W1 /W1 .
16.4. SOTTOGRUPPI PARABOLICI DI SP (V ) 239

Poich`e T normalizza W1 e W1 , T agisce su V e, per come `e definita la forma


bilineare indotta da f su V , gli elementi di T inducono delle isometrie su V .
Per ipotesi induttiva T centralizza una serie

{0} = W 1 < W 2 < W 3 < . . . < W k1 < W k W k+1 = W k

in V . Per ogni i {2, . . . , k + 1}, sia Wi lantiimagine di W i in V . Per il


Lemma 15.1.8 Wi `e isotropo per ogni i {1, . . . , k} e Wk+1 = Wk . Quindi T
centralizza la bandiera simplettica W1 < . . . < Wk .

{EpsylSp}
Lemma 16.4.7 Se F e H sono bandiere di V , allora

H F se e solo se CG (H) CG (F).

Dimostrazione. Segue immediatamente dalle definizioni.

Corollario 16.4.8 I p-sottogruppi di Sylow di G sono tutti e soli i centralizzanti


delle camere, pi`u precisamente lapplicazione che a ciascuna camera di V associa
il suo centralizzante in G `e una biiezione tra linsieme delle camere e linsieme
dei p-sottogruppi di Sylow di G

Azione di NSp(V ) (W ) sulla bandiera {0} < W W < V


Sia W un sottospazio isotropo di V e sia H := NG (W ). Poich`e W `e isotropo,
per il Corollario 15.2.10, ogni elemento di GL(W ) si estende ad unisometria di
W ed ogni isometria dello spazio quoziente W /W `e indotta da unisometria
dello spazio W . Poiche W /W `e uno spazio simplettico, H induce su W /W
tutto il gruppo Sp(W /W ). Infine, per il Lemma 15.2.8, H induce su V /W
tutto GL(V /W ) e le azioni di H su W e su V /W sono come descritte nel
Lemma 15.2.8.

Matrici associate
Sia W un sottospazio isotropo di dimensione k di V e sia

(w1 , u1 , . . . , wn , un )

una base iperbolica di V tale che

(w1 , . . . wk )

sia una base di W (una tale base esiste per il Lemma di Witt, oppure per il
Lemma 16.2.2). Rispetto alla base

(w1 , w2 , . . . , wn1 , wn , un , un1 , . . . , u2 , u1 ) (16.3) {basalt}

le matrici associate agli elementi di NG (W ) sono del tipo


240 CAPITOLO 16. GRUPPI SIMPLETTICI


A 0 0
C B 0 . (16.4) {Parab}
D C0 A0
Dove A e A0 sono due matrici k k, la matrice A pu`o essere scelta arbitraria-
mente in GL(k, K) e la matrice A0 `e completamente determinata dalla matrice
A (e viceversa). Similmente le matrici C e C 0 sono legate tra loro: la scelta di
una, che pu`o essere arbitraria, determina quella dellaltra. Infine la matrice B
o essere scelta come una qualsiasi matrice in Sp(n k, K) e la matrice D `e
pu`
una qualsiasi matrice k k a coefficienti in K. Se Q `e radicale unipotente di
NG (W ) in G, cio`e il centralizzante

CG (W ) CG (W /W ) CG (V /W )

della serie
{0} < W W < V,
le matrici associate agli elementi di Q rispetto alla base 16.3, sono matrici
del tipo 16.4, con le ulteriori condizioni che A, A0 e B sono matrici identiche.
Lasciamo al lettore le verifiche ed il compito di trovare la precisa relazione tra
le matrici A ed A0 e, rispettivamente C e C 0 , usando la relazione 15.18, dove M
`e una matrice del tipo 16.4 e Gf `e la matrice 15.15.

16.5 Sottogruppi radice simplettici


In questa sezione V `e uno spazio vettoriale di dimensione 2n sul campo K, f `e
una forma bilineare alternante non degenere su V e G = Sp(V ).
Nel capitolo sui gruppi lineari, se L := NGL(V ) (W ) `e un parabolico massi-
male di GL(V ), abbiamo usato i sottogruppi radice RZ,U , con Z W U , per
studiare la struttura di L, in particolare per provare il Teorema di Borel-Tits.
Nel caso dei gruppi simplettici, se H := NG (W ) `e un sottogruppo parabolico
massimale di G, con W sottospazio proprio ed isotropo di V , e Q `e il suo radicale
unipotente, ci sono due tipi di sottogruppi radice contenuti in Q: i sottogruppi
associati a radici lunghe e quelli associati a radici corte (il motivo di questa
terminologia sar` a spiegato nella sezione 17.2.1). I sottogruppi associati a radici
lunghe sono quelli generati da trasvezioni simplettiche (cio`e trasvezioni che sono
anche isometrie di V ) aventi il medesimo centro (e quindi, essendo isometrie, il
medesimo asse). Gli elementi non identici dei sottogruppi associati alle radici
corte si ottengomo, invece, estendendo a V le trasvezioni dei sottospazi isotropi
massimali di V (come abbiamo gi`a osservato pi` u volte, se Y `e un sottospazio
isotropo massimale di V , per il Lemma 16.3.1, ogni GL(Y ) si estende ad
unisometria di V , in particolare questo vale anche per le trasvezioni di Y ). Pu`o
essere utile visualizzare fin dora le matrici associate agli elementi di tali gruppi:
usando le notazioni alla fine della sezione precedente, vedremo che le trasvezioni
simplettiche generano il sottogruppo di Q i cui elementi sono associati a matrici
16.5. SOTTOGRUPPI RADICE SIMPLETTICI 241

del tipo
1 0 0
{Parab1} 0 1 0 . (16.5)
D 0 1
Agli elementi che generano i gruppi associati a radici corte sono associate matrici
del tipo
1 0 0
C 1 0 . (16.6) {Parab2}
0 C0 1
per opportune matrici C e C 0 che dipendono luna dallaltra (vedi sezione prece-
dente). Si osservi che linsieme delle matrici del tipo 16.6 non `e un sottogruppo,
ma genera un sottogruppo il cui derivato si pu`o dimostrare essere linsieme delle
matrici del tipo 16.5.

16.5.1 Gruppi di radici lunghe e trasvezioni simplettiche


Una trasvezione in G si dice trasvezione simplettica. Se `e una trasvezione
simplettica, per la Propriet`
a Fondamentale delle Isometrie,
CV ( ) = [V, ] .
Come si pu`o vedere facilmente, questo implica che, se [V, ] = hui, esiste un
elemento a K \ {0} tale che, per ogni v V ,
v = v + a f (v, u)u. (16.7) {simptrasv}
Viceversa, una qualsiasi trasvezione che verifica la 16.7 per un opportuno
scalare a , `e simplettica. Fissato un sottospazio U di dimensione 1 il sottogruppo
XU,U generato dalle trasvezioni di G di centro U , si dice gruppo di radice
lunga. Si verifica immediatamente che XU,U `e abeliano isomorfo al gruppo
additivo (K, +).
Sia T il sottogruppo di G generato dalle trasvezioni simplettiche di V .
Vogliamo mostrare che T = G.
{trasvsimp1}
Lemma 16.5.1 T `e transitivo su V \ {0}.
Dimostrazione. Siano u e w in V \ {0}. Se f (u, w) 6= 0, sia : V V la
trasvezione simplettica definita, per ogni v V , da
v = v + f (u, w)1 f (v, u w)(u w).
Allora
u = w.
Se f (u, w) = 0, sia
z V \ (hui hwi ).
Per la prima parte, esistono due trasvezioni simplettiche e tali che u = z e
z = w, da cui la tesi.
242 CAPITOLO 16. GRUPPI SIMPLETTICI

{trasvsimp15}
Lemma 16.5.2 G `e transitivo sullinsieme dei gruppi di radici lunghe di V .
{trasvsimp2}
Lemma 16.5.3 T `e transitivo sulle coppie iperboliche di V .

Dimostrazione. Siano (u, x) e (w, y) due coppie iperboliche, vogliamo


provare che esiste un elementoo in T tale che (u , x ) = (w, y). Per il Lemma
16.5.1, posso supporre che u = w e trovare in CT (u). Se f (x, y) 6= 0 sia
: V V definita, per ogni v V , da

v = v + f (x, y)1 f (v, x y)(x y).

Poich`e (x y) hui , `e una trasvezione simplettica che centralizza u e,


inoltre, x = y. Se f (x, y) = 0, come nel Lemma 16.5.1, sia

z V \ (hxi hyi ).

Per la prima parte, esistono due trasvezioni simplettiche e in CT (u) tali che
x = z e z = y, da cui la tesi.

{trasvsimp3}
Lemma 16.5.4 Siano U e W sottospazi di V tali che V somma diretta orto-
gonale di U e W .
{trasvsimp31}
1. CG (U )
= Sp(W ).
{trasvsimp32}
2. Sia una trasvezione simplettica di W , allora si estende ad una trasve-
zione simplettica di V .

Dimostrazione. Esercizio 16.12.7

{genspv}
Teorema 16.5.5 Sp(V ) `e generato da trasvezioni simplettiche

Dimostrazione. Per induzione su dim(V ). Sia (u, v) una coppia iperbolica


di V , sia U = hu, vi e sia H = CG (U ). Per largomento di Frattini ed il
Lemma 16.5.3, G = T H. Se dim(V ) = 2, U = V e quindi H = {1} da cui la
tesi. Supponiamo che dim(V ) > 2. per il Lemma 16.5.4.1 H = Sp(U ). Per
ipotesi induttiva Sp(U ) `e generato da trasvezioni simplettiche di U e, per il

Lemma 16.5.4.2, queste si estendono a trasvezioni simplettiche di V . Quindi H


`e generato da trasvezioni simplettiche di V , da cui la tesi.

Matrici associate
Siano u e come sopra. Siano u := u1 e sia v1 V tale che (u1 , v1 ) sia una cop-
pia iperbolica. Per il Corollario 16.2.2 esistono dei vettori u2 , . . . , un , v2 , . . . , vn
tali che
(u1 , v1 , u2 , v2 , . . . , un , vn )
16.5. SOTTOGRUPPI RADICE SIMPLETTICI 243

sia una base iperbolica di V . Riordinando la base come in 15.14, otteniamo che
la matrice associata a rispetto alla base

(u1 , u2 , . . . , un1 , un , vn , vn1 . . . , v2 , v1 )

`e

1 0 0 . . . 0 0 0

0 1 0 . . . 0 0 0


0 0 1 . . . 0 0 0


. . . . . . . . .
(16.8) {shortrootmat}

0 0 0 . . . 1 0 0

0 0 0 . . . 0 1 0
1 0 0 . . . 0 0 1

16.5.2 Gruppi di radici corte


Sia a K \ {0}, siano u e z in V tali che

f (u, z) = 0

e sia (a,u,z) lapplicazione da V in V definita, per ogni v V da

v (a,u,z) := v + a(f (v, u)z + f (v, z)u). (16.9) {shorttrans}

Lasciamo al lettore la facile verifica che (a,u,z) G. Definiamo

Xu,z := {(a,u,z) |a K \ {0}, v V e u hvi } {1}}.

Si vede facilmente che Xu,z `e un sottogruppo di G isomorfo al gruppo (K, +) e


si dice sottogruppo associato ad una radice corta di G. Osserviamo che,
se b, c K \ {0},

v (a,bu,cz) = v + a(f (v, bu)cz + f (v, cz)bu) =


= v + abc(f (v, u)z + f (v, z)u) = v (abc,u,z) ,

in particolare, per ogni b, c K \ {0},

Xu,z = Xbu,cz .
{CSPTAU}
Lemma 16.5.6 Siano U := hui, Z := hzi, := {(a,u,z) e H := NG (U )

1. normalizza U e Z e quindi normalizza anche U e Z ;


2. induce su U una trasvezione di centro Z U .
3. induce sullo spazio quoziente V /U una trasvezione di centro hZ, U i/U
ed asse U /U
4. CH ( ) normalizza U , U e induce la medesima applicazione scalare su U
e su U /(Z U ).
244 CAPITOLO 16. GRUPPI SIMPLETTICI

5. CH ( ) normalizza hU, Zi e induce su hZ, U i/U e su V /U la medesima


applicazione scalare.

Dimostrazione. I punti 1, 2 e 3 seguono immediatamente dalle definizio-


ni. I punti 3 e 4 seguono rispettivamente dai punti 2 e 3 e dal punto 2 della
Proposizione 14.5.3.

Matrici associate
Poniamo u := u1 e z := vn1 . Per il Lemma 16.2.2 esistono dei vettori
u2 , . . . , un , v1 , v2 , . . . , vn2 , vn tali che

(u1 , v1 , u2 , v2 , . . . , un , vn )

sia una base iperbolica di V . Come sopra, riordinando la base come in 15.14,
otteniamo che la matrice associata a (a,u1 ,v2 ) `e

1 0 0 . . . 0 0 0
a 1 0 . . . 0 0 0

0 0 1 . . . 0 0 0

{shortrootmat} . . . . . . . . . (16.10)

0 0 0 . . . 1 0 0

0 0 0 . . . 0 1 0
0 0 0 . . . 0 a 1

16.6 Semplicit`
a di P Sp(V )
{sempSp}
In questa sezione useremo il Criterio di Iwasawa per dimostrare il seguente
teorema:
{PSpVsimple}
Teorema 16.6.1 Sp(2n, q) `e semplice tranne i casi Sp(2, 2), Sp(2, 3) e Sp(4, 2).

Prima di iniziare la dimostrazione vogliamo discutere le tre eccezioni. Le


prime due sono conseguenza della seguente uguaglianza:
{SL2=Sp2}
Lemma 16.6.2 SL(2, p) = Sp(2, p)
Dimostrazione. Questo segue dal fatto che, in dimensione 2, se Gf `e la
matrice  
0 1
1 0
la condizione 15.18 si verifica se e solo se det(M ) = 1. La terza eccezione

segue dalla seguente immersione:


Lemma 16.6.3 Se n 2, allora S2n+2 `e isomorfo ad un sottogruppo di Sp(2n, 2).
In particolare SL(4, 2) = S6
` DI P SP (V )
16.6. SEMPLICITA 245

Dimostrazione. Sia un insieme di ordine 2n + 2 e sia V linsieme


delle partizioni {A, B} di tali che A abbia ordine pari. Osserviamo che,
se 4 `e la differenza simmetrica, e {Ai , Bi } V , per i {1, 2}, allora anche
{A1 4A2 , B1 4B2 } V e lapplicazione

+: V V V
({A1 , B1 }, {A2 , B2 }) 7 {A1 4A2 , B1 4B2 }

`e unoperazione associativa che definisce su V una struttura di 2-gruppo abeliano


elementare (e quindi di spazio vettoriale sul campo GF (2) di ordine 2). Inoltre
lapplicazione

f: V V GF (2)
({A1 , B1 }, {A2 , B2 }) 7 |{A1 A2 | + 2Z,

`e una forma bilineare alternante non degenere su V . Poiche, come si verifica


immediatamente, S2n+2 agisce fedelmente come gruppo di isometrie di (V, f ),
segue la prima affermazione. La seconda affermazione si ottiene dalla prima
confrontando gli ordini dei rispettivi gruppi.

Proviamo che Sp(V ) soddisfa le ipotesi del Criterio di Iwasawa. Per il Lem-
ma 16.2.3 Sp(V ) agisce in modo primitivo sullinsieme dei punti della geometria
proiettiva GP (V ). Per il Lemma ?? G `e generato da trasvezioni simplettiche
e quindi dai sottogruppi XU,U associati alle radici lunghe (dove U `e un sotto-
spazio di dimensione 1 di V ) che sono isomorfi al gruppo additivo di K e quindi
abeliani. Per il Lemma ?? i sottogruppi associati alle radici lunghe formano
ununica classe di coniugio. Infine il sottogruppo XU,U `e contenuto nel norma-
lizzante in Sp(V ) di U . Per il Criterio di Iwasawa resta quindi da dimostrare
che Sp(V ) `e perfetto, ovvero che ogni trasvezione simplettica `e un commutatore
di elementi di Sp(V ). Ora, se |K| > 3, questo `e gi`a vero in dimensione 2 per il
Lemma 16.6.2, e quindi `e vero per ogni dimensione di V . Per |K| = 2
246 CAPITOLO 16. GRUPPI SIMPLETTICI

16.7 La Decomposizione di Levi nei parabolici


di Sp(V )
16.8 Azione sul radicale di un parabolico mas-
simale di Sp(V )
16.9 Il reticolo dei sottogruppi contenenti un
Borel in Sp(V )
16.10 Sottogruppi parabolici di P Sp(V )
16.11 Teorema di Borel-Tits per P Sp(V )
In questa sezione G := Sp(V ).
{BTSp1}
Lemma 16.11.1 Sia P un p-sottogruppo non identico di G e T := NG (P ) un
sottogruppo p-locale di G. Allora esiste un sottogruppo parabolico massimale H
di G che contiene T .

Dimostrazione. Per lesercizio 10.2.5 U := CV (P ) `e diverso da {0}.


Poich`e P G e P normalizza U , P e T normalizzano anche U e quindi, di
nuovo per lesercizio 10.2.5,CU (P ) `e non identico. Poich`e CU (P ) U U ,
il sottospazio CU (P ) `e isotropo e chiaramente

T = NG (P ) NG (CU (P )),

che `e parabolico massimale in G.

Sia ora W un sottospazio proprio non isotropo di V , H := NG (W ) e Q il


radicale unipotente di H.
{genQ}
Lemma 16.11.2 Q contiene tutte le trasvezioni simplettiche di centro conte-
nuto in W e tutti i sottogruppi Xu,z associati a radici corte tali che u W e
z W

Dimostrazione. Una trasvezione simplettica di centro Z centralizza Z


e V /Z. Se Z W , allora
W W Z .
Quindi centralizza W e V /W , in particolare, centralizza anche W , W /W e
V /W . Sia ora Xu,z un sottogruppo associato ad una radice corta con u W
e z W . Poiche
hu, zi = W ,
segue che
Xu,z CG (hui hzi ) CG (W ).
16.12. ESERCIZI 247

Per il Lemma 15.2.6, segue che

Xu,z CG (V /W ).

Infine, poich`e u W e z W , segue, dalla 16.9, che

Xu,z CG (W /W ).

{BTSP2}
Lemma 16.11.3 Sia `e un elemento di ordine coprimo con p di CG (Q), allora
`e unapplicazione scalare.

Dimostrazione. Per il Lemma 16.11.2, ogni sottospazio di dimensione


1 di W `e centro di una trasvezione simplettica in W ed ogni iperpiano di V
contenente W `e asse di una tale trasvezione. Quindi fissa tutti i sottospazi
di W e di V /W . Ne segue, come nel Lemma 14.8.1 che induce su W e su
V /W la medesima applicazione scalare. Sia questa la moltiplicazione per lo
scalare a. Per il Lemma 16.5.6 induce la moltiplicazione per a su ciascun
hZ, U i/U con U W e Z W , quindi induce la moltiplicazione per a anche
su W /W . Quindi `e il prodotto della moltiplicazione per lo scalare a con un
elemento unipotente che centralizza la serie

{0} < W < W < V.

Ma ha ordine coprimo con p, quindi = 1 e `e la moltiplicazione per a.

Corollario 16.11.4 Teorema di Borel-Tits per P Sp(V ) Se V `e uno spa- {BTSpV3}


zio vettoriale di dimensione 2n su un campo di caratteristica p, allora P Sp(V )
`e un gruppo di caratteristica locale p.

16.12 Esercizi
{radf}
Esercizio 16.12.1 Sia f una forma bilineare riflessiva su uno spazio V di di-
mensione finita. Si provi che f induce una forma bilineare non degenere (che
continuiamo a chiamare f ) sullo spazio quoziente V /radf ponendo, per ogni
v, w V ,
f (v + rad(f ), u + rad(f )) = f (v, u).
Si provi inoltre che la forma indotta su V /rad(f ) `e non degenere. Osservazione:
questo fatto permette di restringere lo studio delle forme bilineari riflessive allo
studio delle forme riflessive non degeneri
{xwitt1}
Esercizio 16.12.2 Si dimostri il Lemma 15.1.6.
{ChamSp}
Esercizio 16.12.3 Si provi che, se F `e una camera simpettica, allora F `e una
camera proiettiva.
248 CAPITOLO 16. GRUPPI SIMPLETTICI

{SylpSp}
Esercizio 16.12.4 Si provi che per ogni S Sylp (Sp(V ) esiste S Sylp (GL(V ))
tale che S = S Sp(V ).
{ZSylpSp}
Esercizio 16.12.5 Si provi che, se `e una trasvezione simplettica in Sp(V ),
allora esiste S Sylp (Sp(V ) tale che Z(S).
{NZSylpSp}
Esercizio 16.12.6 Si provi che un sottogruppo associato ad una radice lunga
di Sp(V ) non `e contenuto nel centro di un p-Sylowq di Sp(V ).
{trasvsimpex3}
Esercizio 16.12.7 Si dimostri il Lemma 16.5.4

16.12.7
Capitolo 17

Sistemi di Tits

La teoria dei sistemi di Tits permette di trattare in modo uniforme diversi


aspetti dei gruppi finiti di tipo Lie: nei capitoli precedenti, abbiamo determinato
la struttura normale e la struttura parabolica dei gruppi lineari e simplettici,
quegli stessi risultati, come mostreremo ora, si potevano ottenere in generale
con la teoria dei sistemi di Tits. Non svolgeremo tutte le dimostrazioni, ma per
alcune di queste daremo solo indicazioni bibliografiche.

17.1 Sistemi di Tits


Un sistema di Tits o coppia BN `e una quadrupla (G, B, N, S) dove G `e un
gruppo, B ed N sono sottogruppi di G ed S `e un insieme finito di classi laterali
di B N in N tali che le seguenti condizioni siano soddisfatte:

1. B N `e un sottogruppo normale di N ,

2. N/(B N ) `e generato da S

3. G = hB, N i,

4. per ogni s S e w N/(B N ), allora

sBw BwB BswB,

5. per ogni s S
B s 6= B.

Nei punti 4. e 5. si osservi che B N `e contenuto nel nucleo delle azioni


per moltiplicazione a destra (rispettivamente a sinistra, e per coniugio) di N
sullinsieme delle classi laterali destre di B (rispettivamente sullinsieme delle
classi laterali sinistre e sullinsieme dei coniugati di B). Se w N/B N ,
le notazioni wB, Bw e B w sono da intendere rispettivamente wB, Bw e B w

249
250 CAPITOLO 17. SISTEMI DI TITS

dove w `e un elemento di N tale che w = (B N )w. Questa `e una convenzione


comunemente adottata nella teoria dei sistemi di Tits.
La sezione N/B N si dice gruppo di Weyl e la indicheremo con W . I
gruppi di Weyl, come vedremo, hanno un ruolo centrale nella teoria dei sistemi
di Tits (G, B, N, S).

17.1.1 Sistemi di Tits per i gruppi lineari


In questo paragrafo V `e uno spazio vettoriale di dimensione n su un campo K
e G {GL(V ), SL(V )}. Inoltre
(v1 , v2 , . . . , vn )
`e una base di V , `e il telaio
{hv1 i, hv2 i, . . . , hvn i},
e F la camera
V1 < V2 < . . . < Vn ,
dove
Vi := hv1 , . . . , vi i.
Per comodit` a, se X `e un sottospazio di V , indichiamo con X linsieme {P
|P X}. Indichiamo inoltre con B il sottogruppo di Borel che normalizza la
bandiera F e con N il normalizzante di . N si dice sottogruppo monomiale
di G e le matrici associate agli elementi di V rispetto alla base (v1 , v2 , . . . , vn ) si
dicono monomiali e sono caratterizzate dal fatto di avere esattamente ununica
entrata diversa da zero in ciascuna riga ed in ciascuna colonna (e determinante
uguale a 1). Si osservi che N agisce su permutandone i punti ed il nucleo
dellazione `e B N : infatti, se `e un elemento di N che fissa tutti i punti di
, allora fissa anche ogni bandiera supportata da e quindi `e contenuto in B.
Viceversa, se `e un elemento di B N , allora normalizza Vi per ciascun
i {1, . . . , n}. Poiche
Vi = {hv1 i, . . . hvi i}
segue facilmente per induzione su i che fissa hvi i per ogni i {1, . . . , n} e
quindi `e contenuto nel nucleo dellazione di N su . Poniamo
H := B N e W := N/H
Dalla discussione precedente, segue che W `e isomorfo ad un sottogruppo del
gruppo delle permutazioni di . Daltra parte, per il Teorema di Estensione per
Linearit`
a, ogni permutazione di `e indotta da unapplicazione lineare che
o essere scelta in SL(V ) (perche?). In particolare, poich`e || = n,
pu`
W `e isomorfo a Sn .
Per ogni i {1, . . . , n 1}, sia si la trasposizione di W che scambia hvi i con
hvi+1 i e viceversa e sia
S := {s1 , s2 , . . . , sn1 }.
Per ?? W `e generato da S. Il risultato principale di questa sezione `e il seguente.
17.1. SISTEMI DI TITS 251

{TitsSLV}
Teorema 17.1.1 Sia V uno spazio vettoriale di dimensione n su un campo K e
G {GL(V ), SL(V )}. Siano B, N ed S definiti come sopra, allora (G, B, N, S)
`e un sistema di Tits.
Le prime due condizioni dei sistemi di Tits sono state dimostrate nella di-
scussione precedente. Per le restanti sono necessari alcuni risultati sullazione
di G su P G(V ).
{taylormissing 1}
Lemma 17.1.2 Sia 0 un telaio in P G(V ) che supporta F. Allora esiste un
elemento in B, tale che = 0 (e quindi anche (()) = (0 )).
Dimostrazione. Per induzione su n. Se n = 1 non ce nulla da dimostrare
perch`e = 0 = {F}. Supponiamo che n 2 e sia
0 := {hw1 i, hw2 i . . . , hwn i}.
Poich`e F `e supportata da e da 0 , risulta
hv1 , . . . , vi i = hw1 , . . . , wi i = Vi
per ogni i {1, . . . , n} Ne segue che, \ {vn } e 0 \ {wn } sono due telai in
P G(Vn1 ) contenenti la camera
F := V1 < . . . < Vn2 .
Per il Teorema di Estensione per Linearit`a, esiste un elemento B che manda
\ {vn } in 0 \ {wn }, Poich`e (v1 , . . . , vn ) e (w1 , . . . , wn ) sono basi di V , tale
elemento puo essere scelto in modo che vn = wn .

{taylormissing 2}
Lemma 17.1.3 W `e regolare su ().
Dimostrazione. Segue dal fatto che W `e regolare sullinsieme delle permu-
tazioni di e le permutazioni di sono in biiezione con le bandiere supportate
da .

{mariomanca}
Lemma 17.1.4 G = BN B, in particolare G = hBi.
Dimostrazione. Sia G. Per il Lemma 8.4.3 esiste un appartamento
che contiene F e F. Per il Lemma 17.1.2 esiste un elemento B tale che
= () e quindi
F ().
Per 17.1.3 esiste un elemento N tale che
F = F,
cio`e B. Ma allora
B BN B,
da cui la tesi.
252 CAPITOLO 17. SISTEMI DI TITS

{Suzukibetter}
Lemma 17.1.5 Siano U e W due bandiere supportate da entrambi i telai 1 e
2 . Allora esiste SL(V ) che fissa ciascun sottospazio di U e di W e tale
che (1 ) = 2 .

Dimostrazione. Osserviamo che ogni biiezione tra 1 e 2 `e indotta da


un elemento di SL(V ). Cerchiamo quindi una tale biiezione che fissi anche ogni
sottospazio di U e di W. Sia i {1, 2}. Siano U e W rispettivamente le bandiere
(scritte con gli indici decrescenti)

U1 > U2 > . . . > Uh

e
W1 > W2 > . . . > Wk .
Proviamo la tesi per induzione su n = dim(V ). Se n = 1 la tesi `e ovvia.
Supponiamo che n > 1. Per il Lemma 8.4.4, possiamo supporre che

V = hU1 , W1 i.

Sia Z la bandiera
Z2 > . . . > Zm ,
dove,
{Z2 . . . , Zm } = {Wj U1 |j {i, . . . , k}}.
Per ipotesi induttiva esiste un elemento SL(U1 ) che fissa ciascun sottospazio
delle bandiere U \ {U1 } e Z e tale che

{industep} (1 U1 ) = 2 U1 . (17.1)

Per ogni j {1, . . . , k} sia

i,j = i (Wj U1 )

e
i,j := (i Wj ) \ i,j .
Allora
{gammascende} i,1 i,2 . . . i,k , (17.2)
i Wj `e unione disgiunta di i,j e i,j
e
{disgiunion} i `e unione disgiunta di i U1 e i,j . (17.3)
e quindi Wj `e la somma diretta di hi,j i e hi,j i. Per 17.2 esiste una biiezione
tra 1, 1 e 1,2 tale che
1,j = 2,j ,
per ogni j {1, . . . , k} e quindi, per 17.3, esiste una biiezione tra 1 e 2 tale
che :
P = P se P 1 U1
17.1. SISTEMI DI TITS 253

e
P = P se P 1 \ U1
Se SL(V ) induce , allora soddisfa la tesi.

{mistery}
Corollario 17.1.6 Se w W , s S, allora sBw BwB BswB.

Dimostrazione. Siano e elementi di N tali H = s e H = w e sia


sBw con B. Vogliamo mostrare che

BwB BswB.

Poich`e s S, scambia due punti di e quindi, posto

B := F F ,

B `e un muro in GP (V ). Inoltre

B = B

perche scambia anche F e F tra loro e

B = B

perch`e B = NG (F) NG (B). In particolare

B = B F .

Per il Lemma 8.4.3 esiste un telaio 0 che supporta sia F che F , e quindi
anche B . Daltra parte, poiche supporta sia F che B e normalizza , anche

supporta sia F che B .

Per il Lemma 17.1.5 esiste B che normalizza B tale che

(0 ) = .

Ne segue che F `e una camera di che contiene il muro B . Daltra parte,


per come `e stato definito B, F e F sono due camere che contengono B e,
per il Lemma 8.4.2 sono le uniche camere di che lo contengono. Quindi

F {F , F }.

Se F = F , allora 1 B, cio`e

B1 BB,

se F = F , allora 1 1 B, cio`e

B1 BB,
254 CAPITOLO 17. SISTEMI DI TITS

da cui la tesi.

Possiamo ora completare la dimostrazione del Teorema17.1.1. Infatti il punto


3) della definizione di sistema di Tits segue dal Lemma 17.1.4, il punto 4) segue
dal Lemma 17.1.6 ed il punto 5) segue dal Lemma 17.1.3.
Chiudiamo questo paragrafo con unaltra conseguenza del Lemma 17.1.5.
{rappunico}
Corollario 17.1.7 Siano w1 e w2 in W . Allora Bw1 B = Bw2 B se e solo se
w1 = w2 .

Dimostrazione. Per ogni i {1, 2}, sia i N tale che Hi = wi . Per


ipotesi, esistono 1 , 2 in B tali che

{xserve} 2 = 1 1 2 . (17.4)

Proviamo che
{sigmasigmabeta} {F, F 2 } 2 . (17.5)
Poiche i B = NG (F), otteniamo che

F 2

e, poich`e i NG () dalla 17.4, segue che F 2 e

F 2 = F 1 1 2 = F 1 2 2 ,

il che prova la 17.5 Per il Lemma 17.1.5 esiste B NG (F 2 ) tale che

2 = ,

dunque 2 H E H. Ma allora
1
F 2 = F 1 2 = F 1 2 = F (1 2 1 )v1
= F 1 ,

e quindi 1 21 H, da cui la tesi.

17.1.2 Sistemi di Tits per i gruppi simplettici

17.2 Gruppi di Weyl


17.2.1 Gruppi di riflessioni
{gruppidiriflessioni}
Sia V uno spazio vettoriale su un campo K di caratteristica diversa da 2 e sia

f: V V V

una forma bilineare simmetrica non degenere su uno spazio vettoriale V . Sia
W un iperpiano di V tale che W W = {0}. Una riflessione di asse W `e
unisometria non identica di V che fissa tutti gli elementi di W .
17.2. GRUPPI DI WEYL 255

{mainref}
Lemma 17.2.1 Siano V , f e W come sopra. Allora esiste ununica riflessione
di asse W . Tale riflessione fissa tutti gli elementi di W e manda ogni elemento
di W nel suo opposto.

Dimostrazione. Sia
v W \ {0},
allora
W = hvi e V = W hvi.
Quindi esiste unapplicazione lineare che fissa W e manda ogni vettore di W
nel suo opposto. Tale applicazione `e unisometria di (V, f ), infatti se z V ,
allora esistono w W e k K tali che

z = w + kv. (17.6) {ced}

Ma allora, essendo v e w ortogonali,

f (z , z ) = f (w + kv , w + kv ) = f (w , w ) + f (kv , kv ) =
= f (w, w) + f (kv, kv) = f (w, w) + f (kv, kv) =
= f (w + kv, w + kv) = f (z, z).

Proviamo ora lunicit`


a: Sia una riflessione di asse W . Poiche centralizza
W , normalizza anche W , quindi, se

v W \ {0},

allora
v W = hvi,
dunque esiste uno scalare k in K tale che

v = kv.

Poiche
f (v, v) = f (v , v ) = k 2 f (v, v),
devessere k {1, 1} cio`e
v {v, v}.
Poiche centralizza W ma non V e V = W hvi, devessere

v = v.

Se W `e un iperpiano di V tale che W W = {0} indicheremo con W


lunica riflessione di centro W . La retta W si dice centro di W .
{ordref}
Corollario 17.2.2 Una riflessione ha ordine 2.
256 CAPITOLO 17. SISTEMI DI TITS

Dimostrazione. Sia una riflessione e W il suo asse. Allora 2 lascia fisso


ogni vettore di W e di W , quindi induce lidentit`a su tutto V .

{formula}
Lemma 17.2.3 Sia una riflessione di asse W e sia v W \ {0}. Allora,
per ogni z V , risulta
f (z, v)
z = z 2 v.
f (v, v)
Dimostrazione. Sia z V , si vede facilmente che il vettore
f (z, v)
z v
f (v, v)
`e ortogonale a v e quindi `e contenuto in W . Dunque la decomposizione 17.6
coincide con
f (z, v) f (z, v)
z = (z v) + v.
f (v, v) f (v, v)
Da ci`
o segue che
f (z, v) f (z, v) f (z, v) f (z, v) f (z, v)
z = v + (z v) = v + (z v) = z 2 v,
f (v, v) f (v, v) f (v, v) f (v, v) f (v, v)
Da cui la tesi.

Se K `e il campo dei numeri reali, una forma bilineare simmetrica f si dice


definita positiva se f (v, v) > 0 per ogni v V \ {0}. Ricordiamo che, a meno
di isometrie esiste ununica forma bilineare simmetrica definita positiva su V ed
esiste una base rispetto alla quale la matrice di Gram associata a questa forma
`e la matrice identica (esercizio 17.3.2). Uno spazio euclideo `e una coppia
(V, f ), dove V `e uno spazio vettoriale di dimensione finita sui numeri reali e f
`e una forma bilineare definita positiva su V . Se (V, f ) `e uno spazio euclideo, e
v, z V , lo scalare f (v, z)/f (v, v) `e il coseno dellangolo tra v e z. Nel caso
degli spazi euclidei reali, la formula del Lemma 17.2.3 si traduce nella seguente,
pi`
u nota ai geometri:
z = z 2 cos()v.
Un gruppo di riflessoni `e un gruppo generato da riflessioni di uno spazio
euclideo. Il prodotto di due riflessioni in uno spazio euclideo si dice rotazione.
Per il Lemma 17.2.2 il gruppo D generato da due riflessioni distinte e
in uno spazio euclideo (V, f ) `e un gruppo diedrale e, per il Teorema 17.2.8, il
sottogruppo generato dalla rotazione `e un sottogruppo normale di indice 2
in D. Per lesercizio 17.3.5 lordine di D dipende solo dallangolo tra i due assi
delle riflessioni

Lemma 17.2.4 Siano infatti y e z due vettori linearmente indipendenti e non


isotropi di V , siano e le riflessioni di asse rispettivamente y e z e sia
langolo formato dai rispettivi assi. Allora `e una rotazione di 2.
17.2. GRUPPI DI WEYL 257

Siano infatti y e z due vettori linearmente indipendenti e non isotropi di V ,


siano e le riflessioni di asse rispettivamente y e z e sia langolo formato
dai rispettivi assi come nel seguente disegno:

y 6




k

QQ

Q
Q

Q z

s
Q

Per il
Ora sia V di dimensione 2 e K il campo dei numeri reali. Sia (v , v ) una
base di V e sia
(, ): V V R
la forma bilineare simmetrica la cui matrice di Gram associata rispetto alla base
(v , v ) `e
 
1 cos(2/k)
cos(2/k) 1
e siano e le due riflessioni di asse rispettivamente v e v
Sia E il piano euclideo reale, cio`e lo spazio vettoriale di dimensione 2 su
R con il prodotto scalare usuale <, >, cio`e la forma bilineare la cui matrice di
Gram associata rispetto alla base canonica di R2 `e
 
1 0
.
0 1

Ricordiamo che, se v E, una riflessione di centro v in E `e unisometria che


manda v in v e fissa puntualmente v . Si vede facilmente che Sia infatti v
e v , due vettori sul piano euclideo reale tali che langolo compreso tra essi sia
2/k e siano

Sistemi di radici

17.2.2 Gruppi di Coxeter


In questa sezione introduciamo brevemente i gruppi di Coxeter. Un gruppo di
Coxeter, di cui daremo tra poco la definizione precisa, `e un gruppo G generato da
un insieme R := {r1 , . . . rn } di involuzioni che soddisfano unicamente a relazioni
del tipo (ri rj )mi,j = 1. I gruppi diedrali ed i gruppi simmetrici sono gruppi di
Coxeter. Limportanza di questa classe di gruppi nei gruppi finiti (cos` come per
258 CAPITOLO 17. SISTEMI DI TITS

lo studio delle algebre di Lie, dei gruppi di Lie e dei gruppi algebrici) discende
soprattutto dal fatto che essi compaiono, nel ruolo di gruppi di Weyl, come
sottogruppi dei gruppi semplici di tipo Lie e ne condizionano profondamente la
struttura: per esempio, i gruppi classici sono quasi sempre determinati dai loro
gruppi di Weyl e dal campo di definizione (le sole eccezioni sono i gruppi di tipo
Bn e Cn che, per n > 2, non sono isomorfi pur avendo gruppi di Weyl isomorfi).
Non daremo unesposizione comprensiva della teoria dei gruppi di Coxeter,
che non rientra nello spirito di un testo introduttivo alla teoria dei gruppi finiti
come questo. Non daremo, quindi, tutte le dimostrazioni, rimandando per que-
ste il lettore alla vasta letteratura sulla teoria dei gruppi di Coxeter: citiamo, ad
esempio la sezione 29 di [1], la monografia [8], il capitolo 1 di [3] o il paragrafo
4 del capitolo 3 della parte I di [13].
Per mantenere questo testo autosufficiente, non useremo esplicitamente la
teoria dei gruppi di Coxeter, ma vogliamo sottolineare come, usando questa
teoria, diversi risultati nei capitoli sui gruppi lineari e simplettici, possono essere
dimostrati in un modo alternativo (e pi` u generale) (vedi ad esempio [1] sezione
43) di cui daremo un cenno.
Sia n un intero positivo. Una matrice di Coxeter di rango n `e una matrice
simmetrica nn a coefficienti interi, in cui le entrate nella diagonale hanno tutte
valore 1 e le altre hanno valore maggiore o uguale a 2. Un Sistema di Coxeter
associato ad una matrice di Coxeter M = (mi,j ) `e una coppia (G, S) dove

1. G `e un gruppo e

2. S := {s1 , . . . , sn } `e un sottoinsieme di G tali che

G = Grp({s1 , . . . , sn } : {(si sj )mi,j |1 i, j n})

Un gruppo G si dice gruppo di Coxeter se esiste un suo sottoinsieme S


tale che (G, S) sia un sistema di Coxeter. La cardinalit`a di S si dice rango di
Coxeter di G.

Lemma 17.2.5 Se (G, S) `e un sistema di Coxeter, gli elementi di S sono


involuzioni.

Dimostrazione. Sia (mi,j , i, j {1, . . . , n}, la matrice di Coxeter associa-


ta a G. Poiche mi,i = 1, gli elementi di S o sono lidentit`a o sono involuzioni.
Proviamo che non sono lidentit`a. Sia hai un gruppo ciclico di ordine 2. Poiche
(aa)mi,j = 1 per ogni i, j {1, . . . , n}, per la propriet`a universale delle presen-
tazioni esiste un unico omomorfismo di gruppi : G H tale che s = a per
ogni s S. Quindi, per ogni s S, s 6 ker(), da cui la tesi.

Se G, S) `e un sistema di Coxeter e r, s sono due elementi distinti di S, allora


rs `e il prodotto di due involuzioni, quindi

sr = rrsr = rsr
17.2. GRUPPI DI WEYL 259

in particolare
|rs| = |sr|
il che spiega la condizione di simmetria imposta alle matrici di Coxeter.
Tutte le informazioni su una matrice di Coxeter possono essere visualizzate
nel suo diagramma di Coxeter: se M := (mi,j ) `e una matrice di Coxeter, il
diagramma di Coxeter associato a M `e un multigrafo (cio`e un grafo in cui
due vertici possono essere connessi da pi`
u lati) composto da n vertici x1 , . . . , xn
tali che xi e xj sono connessi da mi,j 2 lati. Ad esempio, il diagramma di
Coxeter associato alla matrice

1 3 2 2
3 1 3 2

2 3 1 4
2 2 4 1

`e
c c c c (17.7) {Coxdia}
Se due nodi in un diagramma di Coxeter sono connessi da k lati, con k N,
useremo anche la notazione
c k c

Osserviamo che, dato un diagramma di Coxeter con n nodi (con n intero


positivo), per ottenere una presentazione del gruppo Coxeter associato a ,
basta considerare il gruppo generato da n involuzioni s1 , s2 , . . . , sn soggetto
alle relazioni (si sj )mi,j dove mi,j `e il numero dei lati che connettono i nodi
corrispondenti alle involuzioni si ed sj : ad esempio il gruppo di Coxeter G
associato al diagramma 17.7 ha la seguente presentazione:

G = Grp({s1 , s2 , s3 , s4 } : {(s1 s2 )3 , (s2 s3 )3 , (s3 s4 )4 e (si sj )2 se |i j| > 1 })


{conndiag}
Lemma 17.2.6 Sia (G, S) un sistema di Coxeter e il diagramma di Coxeter
associato a G. Siano 1 , . . . , r le componenti connesse di e, per ogni k
{1, . . . , n}, sia Gk il sottogruppo di G generato dagli elementi di S corrispondenti
ai nodi in k . Allora G = G1 G2 . . . Gr .

Dimostrazione. Sia D il prodotto diretto esterno di G1 , G2 , . . . , Gr . Se


s S Gi , indichiamo con s la r-upla (1, . . . , s, . . . , 1) che vale s al posto i e 1
altrove e sia
S := {s|s S}.
Se r e s appartengono a due distinte componenti connesse di allora (rs)2 = 1,
il che equivale a dire che r e s commutano. Quindi G `e il prodotto centrale di
G1 , G2 , . . . , Gr e dunque esiste un omomorfismo suriettivo di gruppi da D su
G tale che
s = s
260 CAPITOLO 17. SISTEMI DI TITS

per ogni s S. Daltra parte |rs| = |rs| per ogni r, s S, quindi, per la
propriet`
a universale delle presentazioni, esiste un omomorfismo suriettivo da
G su D tale che
s = s.
Ma allora `e un omomorfismo che induce lapplicazione identica su S e quindi
`e lapplicazione identica su G, da cui segue che `e un isomorfismo e `e il suo
inverso.

Un gruppo di Coxeter si dice irriducibile se il suo diagramma di Coxeter `e


connesso.
Sia G un gruppo generato da un insieme S. Se g G, la lunghezza di
g relativa allinsieme S `e la minima lunghezza di una parola w nellalfabeto
S S 1 tale che w = g.
{exco}
Lemma 17.2.7 Sia G un gruppo generato da un insieme S di involuzioni. Al-
lora (G, S) `e un sistema di Coxeter se e solo se la seguente condizione `e soddi-
sfatta:
Exchange Condition: Sia si S per ogni i {0, . . . , n} e g = s1 s2 . . . sn .
Se s0 h ha lunghezza minore o uguale a quella di g, allora esiste un indice
k {1, . . . , n} tale che

s0 s1 . . . sk1 = s1 . . . sk1 sk .

Dimostrazione. Vedi [1] 29.4

Questa `e una importante caratterizzazione dei gruppi di Coxeter tra i gruppi


generati da involuzioni: usando il Lemma 17.2.7, si pu`o provare, ad esempio,
che i gruppi di riflessioni finiti (che introdurremo tra poco e tra i quali ci sono
i gruppi simmetrici finiti) sono gruppi di Coxeter.

17.2.3 Gruppi di Coxeter di rango 2 e gruppi diedrali


Innanzitutto osserviamo che, a meno di isomorfismo, esiste un unico gruppo di
Coxeter di rango 1 ed `e il gruppo ciclco di ordine 2 che corrisponde alla ed alla
matrice di Coxeter
(1)
ed il cui diagramma di Coxeter `e
c

I gruppi di Coxeter di rango 2 hanno come matrice associata la matrice


 
1 k
k 1
dove k `e un intero maggiore o uguale a 2, il cui diagramma di Coxeter `e

{dihedralcox} c k c (17.8)
17.2. GRUPPI DI WEYL 261

Questi sono tutti e soli i gruppi diedrali finiti: un gruppo diedrale `e un


gruppo generato da due involuzioni distinte.
Sia G un gruppo generato da due involuzioni r ed s e sia k lordine dellele-
mento rs. Poiche r ed s sono involuzioni,

(rs)r = (rs)s = sr = (rs)1 .

Da questo segue che hrsi `e un sottogruppo normale di indice minore o uguale


a 2 in G. Poiche G possiede due involuzioni distinte, G non `e ciclico, quindi
|G : hrsi| = 2 e |G| = 2k oppure infinito se k `e infinito. Quindi G `e lestensione
spezzante del gruppo hrsi, che `e ciclico di ordine k, con il gruppo hri (o hsi)
che ha ordine 2 e r (o s) induce per coniugio su hrsi lautomorfismo che manda
ogni elemento nel suo inverso. Segue infine che G ha la presentazione

G
= Grp(r, s: r2 , s2 , (rs)k )

e quindi G `e un gruppo di Coxeter di rango 2 il cui diagramma di Coxeter


associato `e come in 17.8.
Il fatto che un gruppo diedrale sia estensione spezzante di un gruppo ciclico
C con un gruppo di ordine 2 il cui generatore opera come linversione su C
ci suggerisce un modo per costruire un gruppo diedrale di ordine infinito o di
ordine 2k per ogni intero k 2. Infatti se hci `e un gruppo ciclico di ordine k
(k 2) oppure di ordine infinito, ed `e lautomorfismo di hci che manda ogni
elemento nel suo inverso, allora, nel prodotto semidiretto G di hci per hi, gli
elementi (, 1) e (, c) hanno ordine 2, generano G e G ha ordine infinito oppure
2k a seconda che lordine di c sia infinito o k.
{maindih}
Teorema 17.2.8 Per ogni intero k maggiore o uguale a 2 esiste, a meno di
isomorfismo, un unico gruppo diedrale di ordine 2k le seguenti condizioni sono
equivalenti

1. G `e un gruppo finito generato da due involuzioni distinte;

2. G possiede un sottogruppo ciclico C normale di indice 2 e se a G \ C


allora a agisce su C per coniugio come lautomorfismo di C che inverte
ogni elemento.

3. G `e un gruppo di Coxeter di rango 2

Teorema 17.2.9 A meno di isomorfismo esiste un unico gruppo diedrale G di


ordine infinito e G possiede un sottogruppo ciclico C normale di indice 2 e se
a G \ C allora a agisce su C per coniugio come lautomorfismo di C che
inverte ogni elemento.

Osserviamo che il gruppo di Klein C2 C2 `e diedrale ed il suo diagramma


di Coxeter `e

c c (17.9) {duecox}
262 CAPITOLO 17. SISTEMI DI TITS

Esiste anche una costruzione geometrica dei gruppi diedrali finiti: se e


sono due riflessioni (vedi la definizione nel paragrafo successivo) nel piano
euclideo reale ed i loro assi formano un angolo di /k, allora il prodotto `e
una rotazione di 2/k. Questo si vede facilmente, e lo lasciamo per esercizio,
scrivendo le matrici di e rispetto ad una base ortonormale del piano euclideo.
La costruzione geometrica dei gruppi diedrali accennata alla fine del para-
grafo precedente pu` o essere generalizzata a tutti i gruppi di Coxeter finiti. Se G
`e un gruppo di Coxeter finito di rango n con matrice di Coxeter associata (mi,j ),
si prendono n vettori v1 , v2 , . . . , vn in uno spazio euclideo reale di dimensione
n in modo che langolo tra vi e vj sia 2/mi,j , per ogni i, j {1, . . . , n}. Il
gruppo generato dalle riflessioni di centro vi , per ogni i {1, . . . , n} si dimo-
stra essere isomorfo a G. Ci sono due ostacoli da superare: uno `e provare che
esistano dei vettori v1 , v2 , . . . , vn che abbiano tali angoli tra loro, laltro `e che le
riflessioni aventi per centro questi vettori generino un gruppo di Coxeter. Nella
discussione che segue daremo una traccia di questa costruzione.

I gruppi simmetrici come gruppi di Coxeter

Osserviamo innanzitutto che, per ogni intero positivo k, con k 2, esiste un


gruppo diedrale di ordine 2k, infatti se se hci `e un gruppo ciclico di ordine k
(k 2) oppure di ordine infinito, ed `e lautomorfismo di hci che manda ogni
elemento nel suo inverso, allora, nel prodotto semidiretto G di hci per hi, gli
elementi (, 1) e (, c) hanno ordine 2 e generano G, quindi G `e un gruppo
diedrale di ordine infinito (se c ha ordine infinito) oppure 2k (se c ha ordine k).
sia, infatti, G un gruppo generato da due involuzioni r e s tali che (rs)n = 1
per un certo intero non negativo n.
Si osservi che, poiche ri e rj hanno ordine 2, mi,i = 1 e, inoltre, rj ri `e linver-
so di ri rj e quindi ha lo stesso ordine di ri rj , cio`e mi,j = mj,i .Quindi un gruppo
di Coxeter `e completamente descritto dalla matrice simmetrica (mi,j ), che si di-
ce, appunto, matrice di Coxeter. Un altro modo, equivalente, per descrivere un
gruppo di Coxeter `e attraverso il grafo di Coxeter: questo `e un multigrafo il cui
insieme dei vertici coincide con linsieme R e due vertici ri ed rj sono conessi da
mi,i 2 lati. Si pu`o dimostrare che, se il grafo di Coxeter `e sconnesso, il gruppo
di Coxeter corrispondente `e prodotto diretto dei gruppi di Coxeter corrispon-
denti alle componenti connesse. Questo riduce lo studio dei gruppi di Coxeter a
quelli irriducibili, cio`e quelli il cui grafo di Coxeter `e connesso. E` relativamente
facile classificare a meno disomorfismo i gruppi di Coxeter irriducibili finiti (cfr.
[8] o [13]): essi rientrano in quattro famiglie infinite (An , Bn , Cn e I2 (m)) o in
sei casi sporadici (E6 , E7 , E8 , F4 , H3 e H4 ).
I gruppi di Coxeter possono essere caratterizzati dal fatto di essere generati
da involuzioni e soddisfare una particolare condizione sulle parole: la condizione
di scambio (exchange condition. Questo fatto permette di dimostrare che i
gruppi di riflessioni finiti ed i gruppi di Weyl sono gruppi di Coxeter, anzi, nel
caso di gruppi finiti, i gruppi di riflessioni coincidono con i gruppi di Coxeter.
17.3. ESERCIZI 263

17.3 esercizi
Esercizio 17.3.1 Si provi che se V `e uno spazio vettoriale su un campo di
caratteristica diversa da 2 e

(.): V V V

`e una forma bilineare simmetrica non degenere su V , allora ogni isometria ,


tale che dim([V, ]) = 1 `e una riflessione.
{scalar}
Esercizio 17.3.2 Sia V uno spazio vettoriale di dimensione n sul campo dei
numeri reali. Si provi che se f `e una forma bilineare definita positiva, allora
esiste una base di V rispetto alla quale la matrice di Gram associata a f `e la
matrice identica. Suggerimento: se v1 `e un vettore non nullo di V , lo spazio
V si decompone come la somma diretta di hvi e di hvi . Si provi che f induce
una forma bilineare definita positiva su hvi e si provi, per induzione su n che
V possiede una base (v1 , v2 , . . . vn ) i cui vettori siano a due a due ortogonali. Si
normalizzi infine tale base dividendo ciascun vettore vi per la radice quadrata di
f (vi , vi ).

Esercizio 17.3.3 Si classifichino tutte le forme bilineari simmetriche su uno


spazio V di dimensione finita sul campo dei numeri reali.Per lesercizio 16.12.1
, qui e nellesercizio seguente ci si pu`
o restringere alle forme non degeneri

Esercizio 17.3.4 Si classifichino tutte le forme bilineari simmetriche su uno


spazio V di dimensione finita su un campo finito.
{winkeltrans}
Esercizio 17.3.5 Sia (V, f ) uno spazio euclideo e siano r, s, t R\{0} Si provi
che il gruppo delle isometrie di (V, f ) `e transitivo sullinsieme delle coppie di
vettori non nulli (v, w) tali che f (v, v) = r, f (w, w) = s, f (v, w) = t (suggeri-
mento si osservi che V `e somma diretta di hv, wi e di hv, wi che sono spazi
euclidei).
264 CAPITOLO 17. SISTEMI DI TITS
Bibliografia

[1] M. Aschbacher, Finite Group Theory, Cambridge University Press,


Cambridge, 1986.
[2] A. Borel, J. Tits Elements unipotents et sousgroupes paraboliques des
groupes reductifs, Inv. Math. 12 (1971), 97-104.
[3] . N. Bourbaki Lie Groups and Lie Algebras, 4, 5 ,6 Springer Berlin-
Heidelberg 2008.
[4] R. W. Carter Simple Groups of Lie Type John Wiley & Sons - New York
1972.
[5] D. Gorenstein, Finite Groups, Second Edition, Chelsea, New York, 1980.

[6] I. N. Herstein, Algebra, Editori Riuniti, Roma 1984.


[7] J. E. Humphreys, Introduction to Lie Algebras and Representation
Theory, Springer, New York-Berlin-heidelberg, 1972.
[8] J. E. Humphreys, Reflection Groups and Coxeter Groups Cambridge
University Press, Cambridge 1990.

[9] U. Meierfrankenfeld, Finite groups of Local Characteristic p. An Over-


view, Proceedings of the L.M.S. Durham symposium, Durham, UK, July
16-26, 2001. River Edge, NJ: World Scientific (2003) 155-192.
[10] N. Jacobson, Basic Algebra I, W. H. Freeman & Co., 1974

[11] H. Kurzweil, B. Stellmacher, The Theory of Finite Groups, An


Introduction, Springer, New York-Berlin-Heidelberg 2004.
[12] R. Solomon, Abstract Algebra, A.M.S., Providence, 2003.
[13] M. Suzuki, Group Theory I,II, Springer, New York-Heidelberg-Berlin,
1982;1986.
[14] D. E. Taylor, The Geometry of the Classical Groups, Heldermann, Berlin,
1992.

265
Indice analitico

cc-sottogruppo, 143 azione per coniugio, 88


p-gruppo, 40 azione per coniugio su una sezione, 89
p-radicale, 141 azione senza punti fissi, 117
azione unipotente, 156
, 206, 208
R-congruenza, 197 bandiera, 81
R-modulo, 195 camera, 81
R-modulo regolare, 198 centralizzante, 21, 101
congruenza compatibile con una rap- centralizzante di un sottoinsieme, 102
presentazione, 197 centralizzante di una bandiera, 174
modulo quoziente, 197 centralizzante di una serie, 156
omomorfismo di moduli, 197 centralizzante di una sezione, 89
rappresentazione di anelli, 195 centralizzare, 21
rappresentazione regolare di anelli, 198
centro, 14, 88
centro di una riflessione, 235
adiacenti, 79
CGSF, 88
agire, 85
chiusura normale, 63
alfabeto, 225
ciclo, 18
analisi locale, 84 ciclo di Singer, 195
anello degli endomorfismi di un gruppo classe di nilpotenza, 61
abeliano, 77 classe di una permutazione, 18
applicazione scalare, 169 classe laterale destra, 12
applicazione semilineare, 171 classe laterale sinistra, 12
asse di una rotazione, 235 collineazione, 168
automorfismo di P G(V ), 168 commutatore di due elementi, 51
automorfismo di grafi, 80 complemento, 26
automorfismo di gruppi, 15 componente connessa, 80
automorfismo di una struttura, 76 componente di un gruppo, 145
automorfismo di uno spazio di bandie- componente primaria, 41
re, 168 coniugio, 87
automorfismo esterno, 88 controllo dellazione coprima, 154
automorfismo interno, 87, 88 controllo di unazione, 154
azione 2-transitiva, 119 coppia iperbolica, 208
azione coprima, 151 costanti di una struttura, 75
azione di un gruppo, 85 cuore di un sottogruppo, 87
azione fedele, 85
azione indotta sugli endomorfismi, 160 decomposizione additiva di Jordan, 149

266
INDICE ANALITICO 267

decomposizione moltiplicativa di Jor- gruppo alterno, 18


dan, 149 gruppo ciclico, 12
derivato n-esimo, 58 gruppo commutativo, 11
determinante di unapplicazione linea- gruppo completo, 88
re, 167 gruppo degli automorfismi di una strut-
diagramma di Coxeter, 231 tura, 77
difetto di subnormalit` a, 28 gruppo di Coxeter, 231
distanza in un grafo, 80 gruppo di Coxeter irriducibile, 233
distanza tra due parole, 226 gruppo di esponente finito, 10
divisori elementari di un gruppo abe- gruppo di torsione, 10
liano finito, 48 gruppo diedrale, 233
divisori elementari di un modulo, 201 gruppo finitamente presentato, 230
gruppo finito, 10
elementi coniugati, 14 gruppo generale lineare, 165
elemento centrale, 88 gruppo generale lineare proiettivo, 169
elemento coniugato, 14 gruppo generato da un insieme, 12
endomorfismi di una struttura, 76 gruppo liberamente generato, 223
endomorfismo di gruppi, 15 gruppo nilpotente, 60
endomorfismo idempotente, 27 gruppo perfetto, 65
esponente di un gruppo, 10 gruppo primario, 39
estensione di gruppi, 26 gruppo quasisemplice, 144
estensione spezzante, 26, 34 gruppo quoziente, 14
gruppo risolubile, 58
fattori di composizione, 29 gruppo semplice, 28
fattori di una serie, 29 gruppo speciale lineare, 167
fattori invarianti di un gruppo abeliano gruppo speciale lineare proiettivo, 170
finito, 48 gruppo transitivo sulle bandiere, 170
fattori invarianti di un modulo, 201
fattorizzazione come prodotto semidi- identit`a, 9
retto, 26 incidenza di sottospazi, 81
forma bilineare, 205 inclusione tra bandiere, 81
forma bilineare alternante, 209 inclusione tra serie, 29
forma bilineare degenere, 206 indice, 12
forma bilineare riflessiva, 207 insieme indipendente, 81
frame, 81 interderivato, 52
inverso, 9
generatori, 12 involuzione, 10
geometria di Tits, 80 ipercentro, 65
geometria proiettiva, 81 irriducibile, 199
grafo, 79 isometria, 206
grafo delle classi laterali, 83 isomorfismo di gruppi, 15
gruppi isomorfi, 15 isomorfismo di moduli, 197
gruppo, 9 isotropo, 208
gruppo p-primario, 40
gruppo abeliano, 11 lato di un grafo, 79
gruppo abeliano elementare, 78 lunghezza di un cammino, 79
268 INDICE ANALITICO

lunghezza derivata, 59 prodotto di due elementi in un gruppo,


lunghezza di un ciclo, 18 9
lunghezza di una serie, 28 prodotto di parole, 225
lunghezza in un gruppo liberamente ge- prodotto puntuale di funzioni, 20
nerato, 227 prodotto semidiretto, 93
lunghezza in un monoide liberamente proiezione associata ad una decompo-
generato, 225 sizione, 27
lunghezza relativa ad un insieme di ge- proiezione canonica, 14
neratori, 233 propriet`a universale dei gruppi libera-
mente generati, 223
matrice associata ad unapplicazione li- punti proiettivi, 81
neare, 167 punto fisso, 102, 104
matrice di Coxeter, 231
matrice di Gram, 207 radicale di una forma bilineare, 207
modulo ciclico, 196 radicale nilpotente, 142
modulo finitamente generato, 196 radicale unipotente, 174
modulo semplice, 199 raffinamento di una serie, 29
monoide libero, 223 rango di Coxeter, 231
monomorfismo di gruppi, 15 rango di un p-gruppo abeliano elemen-
muro, 81 tare, 78
rango di una bandiera, 81
non-generatore, 95
rango di una matrice di Coxeter, 231
normalizzante, 21
rappresentazione di un gruppo, 85
normalizzante di una bandiera, 173
rappresentazione duale, 172
normalizzante di una serie, 156
rappresentazione lineare, 95
normalizzare, 14
relazione di incidenza, 80
notazione additiva, 11
relazione n-aria, 75
nucleo di un omomorfismo, 13
residuo nilpotente, 66
nucleo di una forma bilineare, 207
residuo risolubile, 65
omomorfismo di gruppi, 13 riflessione, 235
operazione, 9
operazione associativa, 9 scambio, 18
operazione n-aria, 75 scheletro, 81
ordine, 10 semigruppo, 224
ordine di un gruppo, 10 serie abeliana, 58
ortogonale, 207 serie centrale, 59
serie centrale ascendente, 60
parola, 225 serie centrale discendente, 62
periodo, 10 serie delle chiusure normali, 63
permutazione, 9 serie derivata, 58
permutazioni disgiunte, 17 serie di composizione, 28
piano iperbolico, 208 serie di composizione tra due sottogrup-
polinomio caratteristico, 202 pi, 28
polinomio minimo di un endomorfismo, serie equivalenti, 31
202 serie subnormale di un gruppo, 28
INDICE ANALITICO 269

serie subnormale tra due sottogruppi, trasposizione, 18


28
sezione normale, 89 valutazione, 196
sistema di Coxeter, 231 vertice di un grafo, 79
sistema di generatori, 12
somma diretta esterna di moduli, 197
somma diretta interna di sottomoduli,
197
somma ortogonale, 207
sottogruppo, 11
sottogruppo p-locale, 147
sottogruppo caratteristico, 90
sottogruppo commutatore, 54
sottogruppo derivato, 54
sottogruppo di Borel, 173
sottogruppo di Fitting, 142
sottogruppo di Fitting Generalizzato,
146
sottogruppo di Frattini, 90
sottogruppo generato, 12
sottogruppo invariante, 90
sottogruppo normale, 14
sottogruppo normale massimale, 28
sottogruppo parabolico, 173
sottogruppo proprio, 11
sottogruppo quasinormale, 21
sottogruppo radice, 179
sottogruppo subnormale, 28
sottomodulo generato da un insieme,
196
spazio delle bandiere, 81
spazio irriducibile, 195
spazio proiettivo, 81
stabilizzatore di un elemento, 101
stabilizzatore globale, 101
stabilizzatore puntuale, 102
struttura algebrico-relazionale, 75
supporto di un gruppo, 9
supporto di una struttura, 75

Teorema Fondamentale della geometria


Proiettiva, 171
tipo di una bandiera, 81
tipo di una operazione, 75
tipo di una relazione, 75
totalmente isotropo, 208