Sei sulla pagina 1di 1
LA FRANA Era la note de Santa Lucia ¢ i fjoli gia penzavane a Natale cera ‘ntel core tanta nustalgia..- L’aria era invece tragica ¢ fatal Era le dieci e un po’: fori piuveva Paqua scendeva a scrosci piana, piana.. j Ancunetani certo nun credeva che se pudese scatena’ "na frana. Stamane 'n te le case a’pasa’ el tempu cum’ene bituati dopo cena senza cuva’ nisciun presentimentu ¢ la note scendeva gitt serena Tat’an botu al Burghetu ea Pusatora la gente averte tanti schiopi strani... chi penza al vicinatu muratore chi stride che in Ancona ¢’¢ i vilani. Nisciun de lora se Pimaginava quelo che intorno stava per socede... po’ s'é corti che i muri scrichiulava ¢ che le case stavane per cede. Presi alora da panicu e paura Ii per li hane penzatu al taramotu: la note se faceva tropo scura per capi cosa s’era mesta in motu. Intantu gidt al Burghetu se stridev: — Viene giti tuta quanta Pusatora!!! — Vila Balduci pit nun esisteva... Se urlava: — Via, scapate tuti fora E qula pora gente ch’era stracca perché fadiga da matina a sera, in ’un boto se trova tra la calca in preda a la paura e a la bufera. Chi vedeva la casa sprufunda; chi le crepe dei muri che s’apriva, chi per la strada gitt dovea salta’, chi tremava, piagneva o nun capiva... Qualcunu colto in sonu de surpresa credeva dopu svejio de sogna’ altri penzava al giorno de la resa: = La fin del mondu sidonca giunta é gia! — Tuti i fjoli, butati git dal letu, lanciati é mezi nudi ‘ntela via, morti de fredu ¢ senza uno scialetu incuminciane tosto agunia, ancona, 13 dicembre 1982 — Adio caseta mia picina ¢ bela; abitudini e afeti a li racolti, te sai per me pitt dolce de ‘na stela senza de te urmai semo stravolti... Adio gioghi, presepi ed albereli, televisione, amici ¢ cunuscenti, chisa se artornerane i tempi beli. Penzane i fjoli e piagne ¢ sbate i denti. E intantu pian pianinu ognun s’avia verzo chisa che nova abitazione se speza core, strada ¢ feruvia... E’ la tristezza ¢ la disperazione. Adio quartiere miu di fronte al mare coi mumenti pid beli ch*ho incuntratu ogi te posso solo aricurdare giaché te come un sogno sai pasatu. 2 BIANCA CIAMBRIGNONI (insegnante di “Lingua” nelle elassi IV ¢ V) Questa poesia é nata dai raccont di quella teribite notte fatti agli alunni al loro ritorno a seuola, Nella sensibilita dell it segnante, fe parole i ricordie il dolore hanno preso Jorma poctieae Sono stati radon ne ingungs pl vcino erage Gl tardanti anche Ht dialetio anconetano. :