Sei sulla pagina 1di 3

INTRODUZIONE

Le automobili oggigiorno acquistabili con un budget medio stanno sostituendo la ruota


o il ruotino di scorta fino ad adesso in dotazione con un kit di riparazione pneumatici.
In questi kit non sono pi presenti i dispositivi di sollevamento che prima erano
presenti in dotazione, questi dispositivi oltre ad essere utilizzati in caso di foratura di
un pneumatico erano occasionalmente utilizzati anche per piccoli lavori di
manutenzione domestici come il cambio dellolio dei freni o le pasticche.
Ci aspettiamo quindi di assistere, nei prossimi anni, a un incremento della domanda
per cric ad uso automobilistico, economici e che siano comodi da usare, facilmente
riponibili e sicuri.
Si richiede quindi il progetto di un dispositivo di sollevamento cric che consenta il
sollevamento laterale di un qualsiasi autoveicolo presente negli attuali listini di vendita
e il suo riappoggio a terra e che sia conforme alla norma UNI EN 1494:2009 si richiede
inoltre di fornire o suggerire aziende che possano fornire i dispositivi atti al collaudo
del sollevatore.

GENERALITA
Il sollevatore progettato deve essere del tipo idraulico a carrello ad azionamento
manuale
E previsto lutilizzo settimanale del sollevatore per almeno 15 anni
Il sollevatore deve possedere i seguenti requisiti:

Martinetto idraulico a carrello azionabile e spostabile manualmente


La massima forza manuale applicata deve risultare inferiore a 250N
Deve essere gi assemblato allutilizzatore finale e completo di istruzioni per
luso
Deve avere uno spazio dedicato alla riposizione di una chiave a tubo del 17
Deve essere utilizzato con gli opportuni Dispositivi di Protezione Individuale

PRESTAZIONI RICHIESTE
Pesi e ingombri
Peso massimo del dispositivo: 50 kg
Ingombro massimo : 800x350x160 mm
Alzata minima: 70 mm
Alzata massima: 500 mm
Interfacce
Azionamento manuale tramite leva con massima forza applicata inferiore a 250N
Linterfaccia tra martinetto e telaio costituita dal tampone di sollevamento
Il dispositivo deve ritornare allalzata minima senza nessun carico esterno applicato
azionando semplicemente la leva di abbassamento del carico
Condizioni di carico
Carico nominale: 2000 Kg
Carico massimo ammissibile: 2500 Kg
Il carrello non mobile una volta applicato il carico
Il comando deve essere ad azione mantenuta grazie alla valvola di non ritorno nel
cilindro
Velocit media massima ammissibile di discesa, con carico nominale, pari a 0.15 m/s
Prescrizioni legali e normative
Conforme alla norma UNI EN 1494:2009 che specifica requisiti e provvedimenti tecnici
di sicurezza relativi ai martinetti spostabili o mobili e agli apparecchi di sollevamento
associati.

Prescrizioni di unificazione
Tutte le componenti e le filettature devono essere a norma UNI EN
Il manuale duso e manutenzione deve essere conforme alla norma 6.5 della EN ISO
12100-2:2003

Prescrizioni ambientali
Il prodotto deve poter essere usato da -20C a +40C, deve essere resistente alle
intemperie e poter essere lasciato in un ambiente esterno

Prescrizioni ergonomiche

Deve essere usato singolarmente e non insieme ad altri sollevatori, di nessun


genere
Deve poter essere usato da una singola persona, senza preparazione alcuna e in
modo semplice e rapido
Durante il sollevamento loperatore deve rimanere ad una distanza sufficiente
dal veicolo e nessun suo arto deve rischiare uno schiacciamento, deve inoltre
poter sollevare e abbassare lauto restando in piedi senza chinarsi
Devono essere apposti adesivi chiari che indichino il corretto comportamento da
tenere
E prevista la presenza di un dispositivo di sicurezza che non consenta
allutilizzatore di sollevare un carico superiore al carico massimo previsto come
in normativa
Dispositivi di sicurezza

Utilizzo di valvole di non ritorno nel cilindro di sostegno


Deve essere installata una valvola di sicurezza contro il sovraccarico tarata al
valore pi basso possibile compreso tra il 100% e il 125% del carico nominale
La valvola di sicurezza deve essere a reinnesco automatico
La valvola deve inoltre essere protetta da interventi di regolazione effettuati da
persone non autorizzate
Dispositivo di fine corsa
Ogni dispositivo deve essere marcato in modo permanente e leggibile secondo
norma

COLLAUDO
Il dispositivo deve essere collaudato e verificato come indicato da norma UNI EN
1494:2009 in appendice B

MONTAGGIO
Il montaggio e il caricamento dellolio deve avvenire in azienda, deve essere previsto il
montaggio nella maniera pi agevole possibile per loperatore nellazienda

MANUTENZIONE E RIPARAZIONE
Deve essere prevista la ricarica del sistema idraulico osservando le caratteristiche del
liquido idraulico usato dal fabbricante
Gli interventi di manutenzione e riparazione dei martinetti devono essere eseguiti solo
da personale qualificato.