Sei sulla pagina 1di 32

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE

Provincia di Macerata

Nota integrativa
al bilancio di previsione 2017-2019
(articolo 11, commi 3 e 5, decreto legislativo n. 118/2011)
INDICE

1 Premessa pagina 3

2 Gli strumenti di programmazione pagina 3

3 Gli stanziamenti di bilancio


3.1 Valori complessivi equilibri di parte corrente e capitale pagina 4
3.2 Criteri di valutazione adottati per la formulazione delle previsioni di bilancio
3.2.1 Titolo 1 - Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa pagina 10
3.2.2 Titolo 2 - Entrate da trasferimenti pagina 13
3.2.3 Titolo 3 - Entrate extratributarie pagina 14
3.2.4 Titolo 4 - Entrate in conto capitale pagina 16
Finanziamento della spesa corrente mediante utilizzo dei proventi delle
3.2.5 pagina 16
concessioni edilizie e delle sanzioni
3.2.6 Titolo 6 - Accensione di prestiti pagina 17
3.2.7 Titolo 1 - Spese correnti pagina 18
3.2.8 Titolo 2 - Spese in conto capitale pagina 21
3.2.9 Interventi previsti nel piano degli investimenti pagina 22
3.2.10 Titolo 4 - Spese per rimborso di prestiti pagina 24

Criteri di determinazione degli stanziamenti riguardanti il fondo crediti di


4 pagina 25
dubbia esigibilit (FCDE)

5 Risultato di amministrazione presunto dellesercizio 2016 pagina 26

6 Fondo pluriennale vincolato (FPV) pagina 27

7 Elenco garanzie sussidiarie prestate dallEnte pagina 28

8 Oneri derivanti da contratti relativi a strumenti derivati pagina 28

9 Gruppo Amministrazione Pubblica pagina 28

10 Altre informazioni riguardanti le previsioni


10.1 Pareggio di bilancio pagina 30
10.2 Rinegoziazione mutui pagina 32

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 2
1 - Premessa
Larticolo 11, comma 3, del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, novellato dallarticolo 1,
comma 1, lettera m) del decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126, e il principio contabile
applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del decreto legislativo n.
118/2011) prevede, per gli enti che adottano la contabilit finanziaria potenziata, la stesura della
nota integrativa al bilancio di previsione, ovvero una relazione esplicativa dei contenuti del
bilancio.
La nota integrativa, redatta in conformit al comma 5 del citato articolo 11, vuole arricchire il
bilancio di previsione di informazioni integrandolo con dati quantitativi o esplicativi al fine di
rendere maggiormente chiara e comprensiva la lettura dello stesso.
La relazione finalizzata a verificare il rispetto dei principi contabili e a motivarne eventuali
scostamenti, con particolare riferimento allimpatto sugli equilibri finanziari del bilancio annuale e
pluriennale.

2 - Gli strumenti di programmazione


II nuovo sistema contabile ha comportato importanti innovazioni dal punto di vista finanziario,
contabile e programmatico e gestionale, tra le quali, appunto, la stesura della presente nota
integrativa la quale vuole arricchire il bilancio di previsione, regolarmente predisposto in
conformit allegato n. 9 di cui allarticolo 11, comma 1, lettera a) del decreto legislativo n.
118/2011, come sostituito dallarticolo 1, comma 1, lettera m), del decreto legislativo n. 126/2014,
e costituito:
dalle previsioni delle entrate e delle spese, di competenza e di cassa del primo esercizio
dalle previsioni delle entrate e delle spese di competenza degli esercizi successivi
dai relativi riepiloghi, e dai prospetti riguardanti il quadro generale riassuntivo e gli equilibri
di informazioni integrandolo con dati quantitativi o esplicativi al fine di rendere maggiormente
chiara e comprensiva la lettura dello stesso.
Si rammentano le innovazioni pi importanti:
il Documento Unico di Programmazione (DUP);
gli schemi di bilancio con una diversa struttura delle entrate e delle spese;
le previsioni delle entrate e delle spese in termini di cassa per il primo esercizio di riferimento;
la competenza finanziaria potenziata, la quale comporta nuove regole per la disciplina nelle
rilevazioni delle scritture contabili;
la costituzione del Fondo Crediti di Dubbia Esigibilit (FCDE) e del Fondo Pluriennale Vincolato
(FPV), secondo regole precise;
limpostazione di nuovi piani dei conti integrati sia a livello finanziario che a livello economico-
patrimoniale.
Larticolo 12 del decreto legislativo n. 118/2011 prevede che le amministrazioni pubbliche
territoriali adottino schemi di bilancio articolati per missioni e programmi che evidenzino le finalit
della spesa, allo scopo di assicurare maggiore trasparenza e confrontabilit delle informazioni
riguardanti il processo di allocazione delle risorse pubbliche e la destinazione delle stesse alle
politiche pubbliche settoriali.
Le missioni rappresentano le funzioni principali e gli obiettivi strategici perseguiti dalle
amministrazioni pubbliche territoriali, utilizzando risorse finanziarie, umane e strumentali ad esse
destinate, e sono definite in relazione al riparto di competenze di cui agli articoli 117 e 118 del
Titolo V della Costituzione, tenendo conto anche di quelle individuate per il bilancio dello Stato.

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 3
I programmi rappresentano gli aggregati omogenei di attivit volte a perseguire gli obiettivi definiti
nellambito delle missioni.
Al fine di consentire lanalisi coordinata dei risultati dellazione amministrativa nel quadro delle
politiche pubbliche settoriali e il consolidamento anche funzionale dei dati contabili, larticolo 14 del
decreto legislativo n. 118/2011 prevede, tra laltro, che i programmi siano raccordati alla
classificazione Cofog di secondo livello (gruppo Cofog), come definita dai relativi regolamenti
comunitari.
Nella definizione delle missioni e dei programmi lEnte si attenuto al glossario definito dalla
normativa che fornisce una descrizione dei contenuti dei singoli programmi di ciascuna missione e i
gruppi Cofog, e la relativa codifica, ad essi raccordabili.
Relativamente alle entrate, la tradizionale classificazione avviene per titoli e per tipologie.
Il bilancio di previsione 2017-2019 stato redatto sulla base delle linee strategiche ed operative di
cui al Documento Unico di Programmazione (DUP) che viene sottoposta allapprovazione della
Giunta Comunale unitamente alla proposta di schema di bilancio di previsione finanziario 2017-
2019 da approvarsi ai sensi dellarticolo 174, comma 1, del decreto legislativo n. 267/2000.
Tale documento costituisce la guida strategica ed operativa dellente e, inoltre, presupposto
indispensabile per lapprovazione del bilancio di previsione.
Il DUP, predisposto nel rispetto di quanto previsto dal principio applicato dalla programmazione di
cui allallegato n. 4/1 del d.lgs. 118/2011 e successive modificazioni, si compone di due sezioni:
la Sezione Strategica (SeS), che ha un orizzonte temporale di riferimento pari a quello del
mandato amministrativo del Sindaco e quindi fino al 2019;
la Sezione Operativa (SeO), il cui arco temporale coincide con quello del bilancio di previsione
e quindi fino al 2019.

Stante il livello di estrema sintesi del bilancio, la relazione integrata con una serie di tabelle con
lobiettivo di ampliarne la capacit informativa.

3 - Gli stanziamenti del bilancio

3 1- Valori complessivi - equilibri di parte corrente e in conto capitale

I principali equilibri di bilancio da rispettare in sede di programmazione e di gestione sono:


il principio dellequilibrio generale, secondo il quale il bilancio di previsione deve essere
deliberato in pareggio finanziario, ovvero la previsione del totale delle entrate deve essere
uguale al totale delle spese;
il principio dellequilibrio della situazione corrente, secondo il quale la previsione di entrata dei
primi tre titoli che rappresentano le entrate correnti, al netto delle partite vincolate alla spesa in
conto capitale, deve essere pari o superiore alla previsione di spesa data dalla somma dei titoli
1 (spese correnti) e 4 (spese rimborso quota capitale mutui e prestiti);
il principio dellequilibrio della situazione in conto capitale, secondo il quale le entrate dei titoli
4 e 5, sommate alle entrate correnti destinate per legge agli investimenti, devono essere pari
alla spesa in conto capitale.
Per ciascuna delle annualit considerate i valori complessivi del bilancio di previsione e gli equilibri
di parte corrente e in conto capitale sono rilevabili dalle tabelle 1, 2 e 3 che seguono, dalle quali si
evince che il principio del pareggio complessivo rispettato, cos come quello inerente allequilibrio
economico-finanziario di parte corrente e di parte capitale come desumibile rispettivamente dalla
tabella 3 e 4.

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 4
TABELLA 1

QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO PREVISIONI ANNO 2017


Entrate Spese
Avanzo di Amministrazione - Disavanzo di Amministrazione 143.451,75

Fondo Pluriennale Vincolato 3.694.181,48

Titolo I - Entrate correnti di natura tributaria


27.541.000,00 Titolo I - Spese correnti 37.610.455,45
contributiva e perequativa

Titolo II - Trasferimenti correnti 5.929.658,00 Titolo II - Spese in conto capitale 10.276.024,80

Titolo III - Spese per incremento di attivit


Titolo III - Entrate Extratributarie 5.377.310,93 1.000.000,00
finanziarie

Titolo IV - Entrate in Conto Capitale 7.619.849,59

Titolo V - Entrate da riduzione di attivit


1.000.000,00
fianziarie

TOTALE ENTRATE FINALI 47.467.818,52 TOTALE SPESE FINALI 48.886.480,25

Titolo VI - Accensione di prestiti 1.000.000,00 Titolo IV - Rimborso di prestiti 3.132.068,00

Titolo V - Chiusura Anticipazioni da istituto


Titolo VII - Anticipazioni da istituto cassiere 8.000.000,00 8.000.000,00
cassiere

Titolo IX - Entrate per conto terzi e partite di TitoloVII - Spese per conto terzi e partite di
11.400.000,00 11.400.000,00
giro giro

TOTALE TITOLI 67.867.818,52 TOTALE TITOLI 71.418.548,25

TOTALE COMPLESSIVO ENTRATE 71.562.000,00 TOTALE COMPLESSIVO SPESE 71.562.000,00

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 5
TABELLA 2

QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO PREVISIONI ANNO 2018


Entrate Spese
Avanzo di Amministrazione - Disavanzo di Amministrazione 143.451,75

Fondo Pluriennale Vincolato 1.800.000,00

Titolo I - Entrate correnti di natura tributaria


27.861.000,00 Titolo I - Spese correnti 36.121.551,25
contributiva e perequativa

Titolo II - Trasferimenti correnti 5.354.948,00 Titolo II - Spese in conto capitale 9.551.517,00

Titolo III - Spese per incremento di attivit


Titolo III - Entrate Extratributarie 5.043.052,00 -
finanziarie

Titolo IV - Entrate in Conto Capitale 7.979.000,00

Titolo V - Entrate da riduzione di attivit


-
fianziarie

TOTALE ENTRATE FINALI 46.238.000,00 TOTALE SPESE FINALI 45.673.068,25

Titolo VI - Accensione di prestiti - Titolo IV - Rimborso di prestiti 2.221.480,00

Titolo V - Chiusura Anticipazioni da istituto


Titolo VII - Anticipazioni da istituto cassiere 8.000.000,00 8.000.000,00
cassiere

Titolo IX - Entrate per conto terzi e partite di TitoloVII - Spese per conto terzi e partite di
11.400.000,00 11.400.000,00
giro giro

TOTALE TITOLI 65.638.000,00 TOTALE TITOLI 67.294.548,25

TOTALE COMPLESSIVO ENTRATE 67.438.000,00 TOTALE COMPLESSIVO SPESE 67.438.000,00

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 6
TABELLA 3

QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO PREVISIONI ANNO 2019


Entrate Spese
Avanzo di Amministrazione - Disavanzo di Amministrazione 143.451,75

Fondo Pluriennale Vincolato 3.770.000,00

Titolo I - Entrate correnti di natura tributaria


28.151.000,00 Titolo I - Spese correnti 35.896.535,25
contributiva e perequativa

Titolo II - Trasferimenti correnti 4.915.564,00 Titolo II - Spese in conto capitale 8.705.702,00

Titolo III - Spese per incremento di attivit


Titolo III - Entrate Extratributarie 5.029.436,00 -
finanziarie

Titolo IV - Entrate in Conto Capitale 5.144.000,00

Titolo V - Entrate da riduzione di attivit


-
fianziarie

TOTALE ENTRATE FINALI 43.240.000,00 TOTALE SPESE FINALI 44.602.237,25

Titolo VI - Accensione di prestiti - Titolo IV - Rimborso di prestiti 2.264.311,00

Titolo V - Chiusura Anticipazioni da istituto


Titolo VII - Anticipazioni da istituto cassiere 8.000.000,00 8.000.000,00
cassiere

Titolo IX - Entrate per conto terzi e partite di TitoloVII - Spese per conto terzi e partite di
11.400.000,00 11.400.000,00
giro giro

TOTALE TITOLI 62.640.000,00 TOTALE TITOLI 66.266.548,25

TOTALE COMPLESSIVO ENTRATE 66.410.000,00 TOTALE COMPLESSIVO SPESE 66.410.000,00

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 7
TABELLA 4

EQUILIBRIO DI PARTE CORRENTE


EQUILIBRI ECONOMICO FINANZIARI ANNO 2017 ANNO 2018 ANNO 2019

A) Fondo Pluriennale Vincolato di entrata per spese correnti + 506.366,27 - -

AA) Recupero disavanzi di Amministrazione esercizi precedenti - 143.451,75 143.451,75 143.451,75

B) Entrate Titoli 1.00 -2.00 - 3.00 + 38.847.968,93 38.259.000,00 38.096.000,00

C) Entrate Titolo 4.02.06 - Contributi agli investimenti direttamente destinati


+ 751.640,00 - -
al rimborso dei prestiti da amministrazioni pubbliche

D) Spese Titolo 1.00 - Spese correnti - 37.610.455,45 36.121.551,25 35.896.535,25

di cui:

- fondo pluriennale vincolato - - -

- fondo crediti dubbia esigibilit 1.489.768,00 1.809.003,00 2.139.023,00

E) Spese Titolo 2.04 - Trasferimenti in conto capitale - 100.000,00 - -

F) Spese Titolo 4.00 - Quote capitale ammortamento mutui e prestiti


obbligazionari
- 3.132.068,00 2.221.480,00 2.264.311,00

G) Somma finale (G=A-AA+B+C-D-E-F) - 880.000,00 - 227.483,00 - 208.298,00

ALTRE POSTE DIFFERENZIALI, PER ECCEZIONI PREVISTE DA NORME DI LEGGE, CHE HANNO EFFETTO SULL'EQUILIBRIO
EX ARTICOLO 162, COMMA 6, DEL TESTO UNICO DELLE LEGGI SULL'ORDINAMENTO DEGLI ENTI LOCALI

H) Utilizzo avanzo di amministrazione per spese correnti + - - -

I) Entrate di parte capitale destinate a spese correnti in base a specifiche


+ 1.631.640,00 964.000,00 980.000,00
disposizioni di legge
L) Entrate di parte corrente destinate a spese di investimento in base a
- 736.517,00 771.702,00
specifiche disposizioni di legge

O) EQUILIBRIO DI PARTE CORRENTE (O=G+H+I-L+M) 751.640,00 - -

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 8
TABELLA 5

EQUILIBRIO DI PARTE CAPITALE


EQUILIBRI ECONOMICO FINANZIARI ANNO 2017 ANNO 2018 ANNO 2019

P) Utilizzo avanzo di amministrazione per spese di investimento + - - -

Q) Fondo Pluriennale Vincolato di entrata per spese in conto capitale + 3.187.815,21 1.800.000,00 3.770.000,00

R) Entrate Titoli 4.00 - 5.00 - 6.00 + 9.619.849,59 7.979.000,00 5.144.000,00

C) Entrate Titolo 4.02.06 - Contributi agli investimenti direttamente destinati


- 751.640,00 - -
al rimborso dei prestiti da amministrazioni pubbliche
I) Entrate di parte capitale destinate a spese correnti in base a specifiche
- 1.631.640,00 964.000,00 980.000,00
disposizioni di legge

S1) Entrate Titolo 5.02 per Riscossioni crediti di breve termine - - - -

S2) Entrate Titolo 5.03 per Riscossioni crediti di medio-lungo termine - - - -

T) Entrate titolo 5.04 relative a Altre entrate per riduzioni di attivit finanziarie - 1.000.000,00 - -

L) Entrate di parte corrente destinate a spese di investimento in base a


+ - 736.517,00 771.702,00
specifiche disposizioni di legge
M) Entrate da accensione di prestiti destinate a estinzione anticipata dei
+ - - -
prestiti

U) Titolo 2.00 - Spese in conto capitale - 10.276.024,80 9.551.517,00 8.705.702,00

V) Spese Titolo 3.01 per Acquisizioni di attivit finanziarie - - - -

E) Spese titolo 2.04 - Trasferimenti in conto capitale + 100.000,00 - -

EQUILIBRIO DI PARTE CAPITALE


- 751.640,00 - -
(Z=(P+Q+R-C-I-S1-S2+L-M-U-V+E))

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 9
32- Criteri di valutazione adottati per la formulazione delle previsioni di
bilancio

3.2.1 - Titolo 1 Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa

Larticolo 1, comma 42, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, ha prorogato al 31 dicembre 2017 il
blocco dell'aumento delle aliquote tributarie (IMU e TASI) e delladdizionale comunale allIRPEF,
con esclusione della TARI e delle entrate che hanno natura patrimoniale; conseguentemente:
a) il gettito IMU stato previsto sulla base dellandamento degli introiti del precedente triennio.
E prevista la conferma delle aliquote per gi in vigore negli anni 2015 e 2016 che, pertanto,
risultano determinate come di seguito indicato:
aliquota fattispecie
6,00 abitazione principale di categoria catastale A1-A8-A9 e relative pertinenze
10,60 altri immobili/terreni agricoli/aree edificabili
agevolazione prevista dalla delibera di consiglio comunale n. 67 del 31/10/2012 per le unit
4,60
immobiliari da anziani o disabili che acquisiscono la residenza presso un parente o affine

E prevista la conferma della seguente detrazione per lapplicazione dell IMU nell'anno 2017:
per l'unit immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo e per le relative
pertinenze, si detraggono, fino a concorrenza del suo ammontare, euro 200 rapportati al
periodo dell'anno durante il quale si protrae tale destinazione; se l'unit immobiliare adibita
ad abitazione principale da pi soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi
proporzionalmente alla quota per la quale la destinazione medesima si verifica.
E confermata:
lesclusione dallIMU dellabitazione principale e delle relative pertinenze (art. 13, comma 2,
D.L. n. 201/2011) salvo che per gli immobili classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e
A/9 (abitazioni di lusso) per i quali vige la detrazione sopra indicata;
la riserva allo Stato del gettito IMU derivante dagli immobili ad uso produttivo classificati
nel gruppo catastale D, calcolato ad aliquota standard del 7,60, esclusi quelli posseduti
dai Comuni che insistono sul proprio territorio.
Per quanto concerne le aree fabbricabili, per lanno 2017 prevista la conferma dei i valori in
essere per lanno 2016.
b) il gettito delladdizionale comunale allIRPEF stato determinato adottando, in via prudenziale,
il criterio previsto dal punto 3.7.5 del Principio contabile applicato concernente la contabilit
finanziaria e, quindi, per un importo minore rispetto allaccertamento dellanno 2015.
c) Per quanto concerne la TASI prevista la conferma delle aliquote in vigore per lanno 2016,
come da tabella che segue, tenuto conto della modifica del presupposto impositivo introdotta
dal comma 14 dell'articolo unico della legge 28 dicembre 2015, n. 208, che, si rammenta, ha
escluso dall'applicazione del tributo i terreni agricoli e l'abitazione principale, come definiti ai
sensi dell'imposta municipale propria di cui all'articolo 13, comma 2, del decreto-legge 6
dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214,
escluse quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 (abitazioni di lusso):
aliquota fattispecie
fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale
2,40
destinazione e non siano in ogni caso locati
1,00 fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all'articolo 13, comma 8, del decreto-legge n. 201/2011
0,00 fabbricati diversi da quelli sopra indicati e aree fabbricabili

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 10
E prevista la conferma nella misura del 10% della quota del tributo dovuta dall'occupante e
conseguentemente al 90% la quota dovuta dal titolare del diritto reale sull'immobile.
d) Il gettito della TARI deriva dal piano finanziario degli interventi e tariffe relative al servizio di
gestione dei rifiuti urbani per lesercizio 2017, opportunamente predisposto e da sottoporre
allapprovazione del Consiglio Comunale, che prevede la integrale copertura del costo del
servizio pari ad 7.450.000,00.
Il presupposto della TARI il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali o di aree
scoperte, a qualsiasi uso adibite, suscettibili di produrre rifiuti urbani; il tributo dovuto da
chiunque possieda o detenga tali locali ed aree, considerando le superfici gi dichiarate o
accertate ai fini del precedente prelievo sui rifiuti. Nella determinazione della superficie
tassabile non si tiene conto, comunque di quella parte in cui si formano di regola rifiuti speciali
al cui smaltimento sono tenuti a provvedere a proprie spese i relativi produttori.
LEnte, nella commisurazione della tariffa, ha lobbligo di copertura integrale dei costi di
investimento e di esercizio, ad esclusione dei costi relativi ai rifiuti speciali al cui smaltimento
provvedono a proprie spese i relativi produttori; ne consegue che le utenze vengono distinte
in utenze domestiche ed utenze non domestiche e la tariffa per ciascuna tipologia composta
da una parte fissa, determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio
riferite in particolare agli investimenti per le opere e dai relativi ammortamenti e da una parte
variabile rapportata alle quantit di rifiuti conferiti, al servizio fornito e allentit dei costi di
gestione, in modo che sia assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di
esercizio.
Viene sottoposta al Consiglio Comunale una proposta di modifica del Regolamento IUC per
introdurre una riduzione forfettaria delle superfici tassabili relative alla categoria economica
dei cantieri navali.
Le tariffe TARI per il 2017 sono previste nella stesa misura di quelle in vigore nellanno 2016 e
risultano dalla tabella che segue:
tariffa
categoria
(/mq)
A1 MUSEI ARCHIVI SENZA COM. -COP 0,80
A1 BIS FIERE E IMPIANTI SPORTIVI 0,47
A2 SALE TEATRALI E CINEM. -COP 1,12
A3 SCUOLE PUBB. E PRIV -COP 1,27
A4 ATT DI ASSOC. E ORD. PROFESS.POLIT. -COP 1,44
A5 MAGAZZINI E DEPOSITI DISTACCATI -COP 3,43
A5 MAGAZZINI SPEDIZ. RIDUZIONE 3,43
A6 ALTRE ATT.AUTORIMESSE PARCHEGGI -COP 2,41
A7 DEP.DOGAN.,DI MACCHINE E MAT.MILITARE -COP 1,61
B1 INGROSSO BENI ALIMENTARI E DEPERIBILI -COP 8,19
B2 INGR. DI PRODOTTI NON ALIM. SUP.ESP. -COP 5,56
B3 CONCESSIONARIE AUTO -AUTOSAL. 1,64
B3 CONCESSIONARIE AUTO -SCOP.AT. 1,64
B4 BIS STABILIMENTI BALNEARI -SCOP 0,99
B4 STABILIMENTI BALNEARI -COP 3,27
B4 TER STAB. BALNEARI -SCOP.UTIL. NON INTENS 0,49
B5 BIS CAMPEGGI -SCOP 0,49
B5 CAMPEGGI -COP 3,27
C1 ABITAZIONI -ABIT 1,83
C1 ABITAZIONI -CANTINA 1,83
C1 ABITAZIONI -GARAGE 1,83
C1 ABITAZIONI -SOFFITTA 1,83

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 11
tariffa
categoria
(/mq)
C2 LOC.DIV. DA C3,CASERME,IST.CARC. -COP 2,46
C3 ALBERGHI CON RISTORAZIONE -COP 4,01
C4 ALBERGHI SENZA RISTOR. -COP 2,41
C4-BIS BED & BREAKFAST E AFFITTACAMERE 2,14
D1 AMB.MEDICI,ANALISI,TOLETTA ANIM.PAR.,SIM. 3,27
D2 ST.PROF,TEC.RADIOTV.AG.DI GIOCO STAT -COP 4,42
D3 CIRC.SPORT E RICR.CON RISTOR. E/O BAR -COP 7,21
D4 CIRC.SPORT E RICR.SENZA RISTOR. E BAR -COP 5,60
D5 ATT. E LOC. NON COMPRESI PREC. -COP 4,80
E1 LAB.ART. O BOTTEGA SENZA VEND. AL MIN -COP 3,27
E1 LAB.ART. O BOTTEGA SENZA VEND. AL MIN -COP 3,27
E2 LAB. ARTIGIANO SENZA VEND.- RIDUZIONE 3,99
E2 LAB. E BOTTEGHE ART. CON VEND. DETT. -COP 3,99
D5 ATT. E LOC. NON COMPRESI PREC. -COP 4,80
E3 STABILIMENTI INDUSTRIALI -COP 3,99
E4 COMM. BENI NON ALI. NE DEPERIBILI -COP 5,73
E5 AREE PER COMMERCIO AL DETTAGLIO DI BENI NON ALIMENTARI 7,18
F1 RIST.TRATT.ROST.MENSE CA.,FAST-FOODS -COP 9,82
F2 PAN,PIZZ,GEL.BAR,SALE BALLO CON BAR -COP 9,02
F3 FRUTTA-VERD.FIORI UOVA PESCE SUP.ALIM -COP 11,46
F4 FRUTT FIORI UOVA PESCE SUPERM.ALIM AMB.COP 12,00
F5 VEND.DETT. GEN.AL. DEPER. DIVERSI F3 -COP 9,82
F6 AREE VENDITA AL DETTAGLIO GENERI ALIMENTARI/DEPERIBILI DIVERSI 10,36
DA F.4

e) Il Fondo di Solidariet Comunale (FSC) stato determinato sulla base di quanto anticipato dal
Ministero dellInterno con comunicato del 7 febbraio 2017 sulla base dellintesa raggiunta nella
seduta della Conferenza Stato-citt ed autonomie locali del 19 gennaio 2017.
La tabella che segue evidenzia le previsioni dei tributi nel bilancio 2017-2019 raffrontate con gli
accertamenti definitivi dellanno 2015 e con le previsioni assestate dellanno 2016, mentre il
successivo grafico analizza lincidenza.

Lo scostamento pi significativo quello relativo alla Fondo di solidariet comunale (FSC) il cui
importo, seppure ancora provvisorio, stato comunicato dal competente Ministero sulla base
dellintesa raggiunta nella seduta della Conferenza Stato-citt ed autonomie locali del 19 gennaio
2017.

accertato assestato previsione anno


descrizione 2015 2016 2017 2018 2019

imposta municipale unica (IMU) 8.798.457,18 10.070.000,00 9.800.000,00 9.820.000,00 9.870.000,00


addizionale comunale allIRPEF 4.035.000,00 3.790.000,00 3.800.000,00 3.800.000,00 3.800.000,00
TARI 7.753.960,00 7.590.000,00 7.450.000,00 7.590.000,00 7.590.000,00
imposta comunale sulla pubblicit 1.000.756,22 1.105.000,00 1.105.000,00 1.125.000,00 1.185.000,00
fondo di solidariet comunale (FSC) 1.803.560,00 3.158.445,00 3.550.000,00 3.650.000,00 3.750.000,00
TOSAP permanente 307.824,16 330.000,00 330.000,00 330.000,00 330.000,00
TOSAP temporanea 360.462,84 375.000,00 380.000,00 390.000,00 400.000,00
altre entrate 3.304.325,44 682.000,00 1.126.000,00 1.136.000,00 1.146.000,00

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 12
10.000.000,00
9.000.000,00
8.000.000,00
IMU

7.000.000,00
6.000.000,00
TARI
5.000.000,00
4.000.000,00
3.000.000,00 add.IRPEF
2.000.000,00 FSC
1.000.000,00
pubblicit altre
-
anno 2017

add.IRPEF IMU FSC TARI pubblicit altre

3.2.2 - Titolo 2 Entrate da trasferimenti

La previsione complessiva del titolo per il 2017 pari a 5.929.658,00; di seguito si riportano le
principali tipologie:

previsione anno
descrizione
2017 2018 2019

distribuzione fondo statale compensativo IMU-TASI 988.000,00 988.000,00 988.000,00


rimborso somme anticipate per elezioni statali 126.000,00 126.000,00 126.000,00
gestione area portuale 125.836,00 127.934,00 127.934,00
contributi statali per finalit diverse 266.435,00 266.435,00 266.435,00
di cui (*):
(*) contributo per minori introiti IRPEF cedolare secca 109.000,00 109.000,00 109.000,00
(*) contributo per riduzione base imponibile IMU - immobili
merce (DM 20 giugno 2014)
50.283,00 50.283,00 50.283,00
(*) contributo per minor gettito IMU terreni agricoli 54.435,00 54.435,00 54.435,00
contributi regionali su mutui in ammortamento 204.555,00 150.429,00 25.045,00
contributo regionale per persone in condizione di handicap
ex L.R. n. 18/1996
280.000,00 280.000,00 280.000,00
contributi regionali per attivit sociali rivolte ai minori - L.R
n. 7/1994
116.500,00 118.500,00 118.500,00
contributi regionali per attivit varie nel campo sociale 200.550,00 200.550,00 200.550,00
contributi regionali per attivit diverse 332.361,59 144.000,00 144.000,00
contributo della provincia per il servizio di trasporto
pubblico locale
741.500,00 741.500,00 741.500,00
contributi riconducibili allattivit dellA.T.S. 14 2.435.320,92 2.099.000,00 1.911.000,00
di cui (*):
(*) progetti Home Care Premium 867.320,00 500.000,00 500.000,00
(*) fondo non autosufficienza per disabilit gravissime 300.000,00 300.000,00 300.000,00
(*) fondo inclusione attiva - PON 150.000,00 215.000,00 150.000,00
(*) fondo implementazione e miglioramento servizi - POR 250.000,00 334.000,00 250.000,00
altri trasferimenti da enti diversi 112.599,49 112.600,00 112.600,00

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 13
2.500.000,00
2.250.000,00
2.000.000,00 ATS 14
1.750.000,00
1.500.000,00
1.250.000,00 Stato
1.000.000,00
750.000,00 Regione
500.000,00 Provincia
250.000,00 altri
-
anno 2017

Stato Regione Provincia ATS 14 altri

3.2.3 - Titolo 3 Entrate extratributarie

La previsione complessiva del titolo per il 2017 pari a 5.377.310,93; di seguito si riportano le
tipologie pi significative raffrontate con le risultanze dellesercizio finanziario 2015 e con le
previsioni assestate dellanno 2016:

accertato assestato previsione anno


descrizione
2015 2016 2017 2018 2019
vendita di beni e servizi e
proventi derivanti dalla gestione 3.703.006,53 3.735.408,00 3.498.230,00 3.283.230,00 3.273.230,00
dei beni
proventi derivanti dallattivit di
controllo e repressione delle 939.418,11 1.579.000,00 1.094.000,00 1.094.000,00 1.094.000,00
irregolarit e degli illeciti
altre entrate da redditi di
188.500,00 211.272,00 190.000,00 190.000,00 190.000,00
capitale
rimborsi e altre entrate correnti 817.603,07 706.647,00 592.080,93 478.822,00 469.206,00

4.000.000,00

3.500.000,00

3.000.000,00 beni/serv.
2.500.000,00

2.000.000,00

1.500.000,00

1.000.000,00

500.000,00 controllo redd.capitale


altre entrate
-
anno 2017

beni/serv. controllo redd.capitale altre entrate

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 14
I principali proventi derivanti dalla vendita di servizi, diversi dai servizi pubblici a domanda
individuale, e dalla gestione dei beni sono i seguenti:

descrizione accertato assestato previsione anno


2015 2016 2017 2018 2019

proventi dal servizio gas metano 463.917,28 467.000,00 467.000,00 467.000,00 467.000,00
proventi dal servizio acquedotto 338.721,98 300.000,00 286.000,00 265.000,00 265.000,00
proventi per canoni concessori occupazioni
aree pubbliche
341.187,52 191.340,00 185.440,00 185.440,00 185.440,00
proventi relativi al servizio di smaltimento dei
rifiuti ingombranti e dai rifiuti destinati al 9.737,00 10.000,00 140.000,00 140.000,00 140.000,00
recupero
fitti di fabbricati 211.673,89 133.000,00 163.000,00 163.00,00 163.000,00
canoni da concessioni cimiteriali 586.270,21 499.637,00 420.500,00 226.500,00 226.500,00

I proventi correlati allattivit di controllo e repressione delle irregolarit e degli illeciti sono i
seguenti:

accertato assestato previsione anno


descrizione 2015 2016 2017 2018 2019

sanzioni amministrative per violazione


di norme del codice della strada
907.779,18 1.535.000,00 1.053.000,00 1.053.000,00 1.053.000,00

sanzioni amministrative per violazione


di regolamenti comunali
11.638,93 41.000,00 41.000,00 41.000,00 41.000,00

In merito alle altre entrate da redditi di capitale si precisa che le stesse sono riconducibili alle
quote di dividendi di societ partecipate stimati negli importi di cui alla tabella che segue:

descrizione previsione anno


2017 2018 2019

ATAC s.p.a. 150.000,00 150.000,00 150.000,00


CIVITA.S s.r.l. 40.000,00 40.000,00 40.000,00

Infine, con riferimento alle entrate extratributarie, si evidenziano le principali voci attinenti alla
tipologia rimborsi e altre entrate correnti:

previsione anno
descrizione
2017 2018 2019

recupero IVA su pagamento fatture per servizi commerciali 178.000,00 133.000,00 133.000,00

rimborso spese per personale comandato presso altre


87.973,00 40.411,00 30.611,00
amministrazione pubbliche
rimborso spese per personale comandato presso lASP Paolo
86.500,00 82.000,00 82.000,00
Ricci

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 15
3.2.4 - Titolo 4 - Entrate in conto capitale

Nel titolo sono comprese le entrate derivanti da trasferimenti, da alienazioni, da oneri di


urbanizzazione; le relative tipologie sono le seguenti:
previsione anno
tipologia
2017 2018 2019
contributi agli investimenti 1.711.089,59 4.660.000,00 2.000.000,00
altri trasferimenti in conto capitale 480.000,00 270.000,00 270.000,00
entrate da alienazioni di beni materiali e immateriali 2.959.760,00 730.000,00 500.000,00
altre entrate in conto capitale 2.469.000,00 2.319.000,00 2.374.000,00
totale entrate in conto capitale 7.619.849,59 7.979.000,00 5.144.000,00

3.2.5 - Finanziamento della spesa corrente mediante utilizzo dei proventi delle
concessioni edilizie e delle sanzioni

La citata legge n. 232/2016 ha stabilito, a partire dal 1 gennaio 2018, la destinazione esclusiva e
senza vincoli temporali dei proventi dei titoli abilitativi edilizi e delle sanzioni in materia edilizia
(oneri di urbanizzazione) ai seguenti interventi (cfr. articolo 1, commi 460 e 461):
realizzazione e la manutenzione ordinaria e straordinaria delle opere di urbanizzazione
primaria e secondaria;
risanamento di complessi edilizi compresi nei centri storici e nelle periferie degradate;
interventi di riuso e di rigenerazione; interventi di demolizione di costruzioni abusive;
acquisizione e realizzazione di aree verdi destinate a uso pubblico;
interventi di tutela e riqualificazione dell'ambiente e del paesaggio, anche ai fini della
prevenzione e della mitigazione del rischio idrogeologico e sismico e della tutela e
riqualificazione del patrimonio rurale pubblico;
interventi volti a favorire l'insediamento di attivit di agricoltura in ambito urbano.
Per lanno 2017, operando ancora la disposizione di cui al comma 737 della legge n. 208/2015, che
stabilisce che detti proventi possono essere utilizzati per una quota pari al 100 per cento per
spese di manutenzione ordinaria del verde, delle strade e del patrimonio comunale, nonch per
spese di progettazione delle opere pubbliche, previsto lutilizzo dei proventi delle concessioni
edilizie nella misura di 880.000,00 per il finanziamento delle seguenti spese correnti:

missione programma previsione

Servizi istituzionali, generali di 1 Organi istituzionali 429,00


1
gestione 5 Gestione beni demaniali/patrimoniali 41.000,00
3 Ordine pubblico e sicurezza 1 Polizia locale e amministrativa 20.856,00
1 Istruzione prescolastica 7.000,00
4 Istruzione e diritto allo studio
2 Altri ordini di istruzione 6.000,00
Sviluppo sostenibile e tutela 2 Tutela, valorizzazione recupero ambientale 419.385,00
del territorio
9 3 Rifiuti 30.000,00
4 Servizio idrico integrato 90.000,00
10 Trasporti e diritti mobilit 1 Viabilit e infrastrutture stradali 207.880,00

Diritti sociali, politiche sociali e 1 Interventi per l'infanzia e i minori 450,00


12
famiglia 9 Servizio necroscopico e cimiteriale 57.000,00
totale spese correnti finanziate con OO.UU. 880.000,00

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 16
3.2.6 - Titolo 6 Accensione di prestiti

Nellannualit 2017 del triennio di riferimento prevista laccensione di un mutuo di 1.000,000,00


da concedersi, a tasso zero, dallIstituto per il Credito Sportivo.
Landamento dellindebitamento del Comune nel triennio 2014-2016 e nel prossimo triennio 2017-
2019 risulta dalla tabella che segue:

descrizione 2014 2015 2016 2017 2018 2019


debito residuo 56.485.910,46 53.431.958,81 50.821.281,15 46.870.139,76 44.738.071,76 42.516.591,76
nuovi prestiti - - 694.991,48 1.000.000,00 - -
prestiti rimborsati 3.053.951,65 2.610.677,66 2.556.481,06 3.132.068,00 2.221.480,00 2.264.311,00
estinzione anticipata - - 2.089.651,81 - - -
totale annuale 53.431.958,81 50.821.281,15 46.870.139,76 44.738.071,76 42.516.591,76 40.252.280,76

Nellimporto dei prestiti rimborsati nellesercizio 2017 confluiscono anche i previsti proventi delle
dismissioni immobiliari di beni propri e di beni derivati dal demanio statale secondo le percentuali
da destinare obbligatoriamente alla riduzione dellindebitamento.
Come desumibile dal prospetto dimostrativo di seguito riportato rispettato il limite previsto
dallarticolo 204 del decreto legislativo n. 267/2000 in quanto lattuale percentuale di
indebitamento pari al 5.602% che scaturisce dal seguente rapporto:
ammontare interessi passivi (compreso garanzia ex art. 207 TUEL e interessi leasing immobiliare)
accertamenti entrate correnti (titolo 1 2 e 3) penultimo anno precedente

2.170.956,00
5,602
38.751.113,04

descrizione
ENTRATE RELATIVE AI PRIMI TRE TITOLI ANNO 2017 ANNO 2018 ANNO 2019
(art. 204, comma 1, decreto legislativo n. 267/2000)

Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa (Titolo I) + 28.064.705,00 27.900.445,00 27.541.000,00

Trasferimenti correnti (Titolo II) + 5.035.994,84 6.881.377,79 5.929.658,00

Entrate extratributarie (Titolo III) + 5.650.413,20 6.235.327,00 5.377.310,93

TOTALE ENTRATE PRIMI TRE TITOLI 38.751.113,04 41.017.149,79 38.847.968,93

Livello massimo di spesa annuale (10%) + 3.875.111,30 4.101.714,98 3.884.796,89

Ammontare interessi per mutui, prestiti, aperture di credito e garanzie di cui


- 83.065,00 80.137,00 77.067,00
all'articolo 207 del TUEL autorizzati fino al 31/12/2016

Ammontare interessi per leasing immobiliare in costruendo - 181.000,00 181.000,00 181.000,00

Contributi erariali in conto interessi + - - -

Ammontare degli interessi riguardanti debiti espressamente esclusi dai limiti di


+ - - -
indebitamento

Ammontare disponibile per nuovi interessi 3.611.046,30 3.840.577,98 3.626.729,89

Totale debito dell'Ente contratto al 31/12/2016 1.906.891,00 9.551.517,00 8.705.702,00

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 17
3.2.7 - Titolo 1 - Spese correnti

Le previsioni sono state formulate sulla base dei contratti in essere e delle spese necessarie per
lesercizio delle funzioni fondamentali nel rispetto delle normative vigenti ed in particolare:
a) le spese di personale, quantificate sulla base del personale in servizio, della programmazione
del fabbisogno di personale e dei previsti rinnovi contrattuali, rispettano i limiti imposti
dallarticolo 1, comma 557, della legge n. 296/2006 e successive modificazioni;
b) gli stanziamenti del fondo di riserva e del fondo di riserva di cassa rientrano nei rispettivi limiti
previsti rispettivamente dai commi 1 e 2-quater dellarticolo 166 del decreto legislativo n.
267/2000, come desumibile dai prospetti dimostrativi che seguono:
fondo di riserva

descrizione anno 2017 anno 2018 anno 2019

totale previsioni titolo 1


36.729.598,67 36.008.551,25 35.784.535,25
(al netto degli stanziamenti finanziati da FPV)

importo minimo fondo riserva 0,30% (1*) 110.188,80 108.025,65 107.353,61


importo massimo fondo riserva 2% 734.591,97 720.171,03 715.690,71
*) Il fondo di riserva minimo pari allo 0,30% in quanto attualmente il Comune non rientra nella
casistiche di cui allarticolo 195 (utilizzo di entrate a specifica destinazione) e dellarticolo 222
(utilizzo anticipazioni di tesoreria) del decreto legislativo n. 267/2000

fondo di riserva complessivamente stanziato 114.000,00 113.000,00 112.000,00

di cui quota ex articolo 166, comma 2-bis, pari al 50%


55.095,00 54.013,00 53.677,00
della quota minima

fondo di riserva di cassa

descrizione anno 2017

totale spese finali (titolo 1 - 2 e 3) 52.956.00,00

importo minimo del fondo riserva di cassa 0,2% 238.302,00

fondo di riserva di cassa stanziato 750.000,00

c) Le spese per interessi passivi e rimborso di quote capitali sui mutui e prestiti tengono conto
dei piani di ammortamento relativi ai mutui contratti in anni precedenti e sono compatibili con
il limite del 10% delle entrate di parte corrente del penultimo esercizio (per lanno 2017 il
riferimento lanno 2015) previsto dallarticolo 204 del decreto legislativo n. 267/2000 e
successive modificazioni, come verificabile dallapposito prospetto dimostrativo riportato al
precedente paragrafo 3.2.6.
inoltre garantito il rispetto:
dei limiti imposti del decreto-legge n. 78/2010 convertito, con modificazioni, dalla legge n.
122/2014, che, allarticolo 6, sancisce che:
la spesa annua per relazioni pubbliche, convegni, mostre, pubblicit e rappresentanza non
pu essere superiore al 20% di quella sostenuta nellanno 2009 (comma 8);
vietato, dallanno 2011, effettuare spese per sponsorizzazioni (comma 9);

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 18
la spesa per le missioni del personale non pu essere superiore al 50% di quella sostenuta
nellanno 2009 (comma 12);
la spesa per attivit di formazione non pu essere superiore al 50% di quella sostenuta
nellanno 2009 (comma 13);
del limite di cui al combinato disposto dellarticolo 6, comma 14, del citato decreto-legge n.
78/2010 e dellarticolo 5, comma 2, del decreto-legge n. 95/2012, convertito, con
modificazioni, dalla legge n. 89/2014, in base ai quali la spesa per lacquisto, la manutenzione,
il noleggio e lesercizio di autovetture nonch lacquisto di buoni taxi a decorrere dal 1
maggio 2014 non pu essere superiore al 30% di quella sostenuta nellanno 2011. Tale
disposizione non si applica alle autovetture utilizzate per i servizi istituzionali di tutela
dell'ordine e della sicurezza pubblica, per i servizi sociali e sanitari svolti per garantire i livelli
essenziali di assistenza, ovvero per i servizi istituzionali svolti nellarea tecnico-operativa della
difesa;
del limite imposto dallarticolo 14, comma 1, del decreto-legge n. 66/2014, convertito, con
modificazioni, dalla legge n. 89/2014, a mente del quale la spesa annua per studi e incarichi di
consulenza, inclusa quella relativa a studi e incarichi di consulenza conferiti a pubblici
dipendenti, non pu essere superiore all1,4% della spesa di personale risultante dal conto
annuale dellanno 2012;
del limite imposto dallarticolo 1, comma 141, della legge n. 228/2012, come modificato
dallarticolo 10, comma 3, del decreto-legge n. 210/2015, convertito, con modificazioni, dalla
legge n. 21/2016, in forza del quale non si possono effettuare spese di ammontare superiore
al 20 per cento della spesa sostenuta in media negli anni 2010 e 2011 per lacquisto di mobili
ed arredi, se non destinati alluso scolastico e dei servizi allinfanzia, salvo che lacquisto sia
funzionale alla riduzione delle spese connesse alla conduzione degli immobili.

Le spese correnti degli esercizi 2017-2019, riepilogate secondo macroaggregati, sono distinte
come da tabella che segue:

previsione anno

descrizione 2017 2018 2019

redditi da lavoro dipendente 8.395.530,38 8.595.364,00 8.400.990,00

imposte e tasse a carico dellente 552.994,01 548.800,25 536.511,25

acquisto di beni e servizi 21.345.331,06 19.604.330,00 19.476.301,00

trasferimenti correnti 3.299.216,00 3.071.216,00 2.932.216,00

interessi passivi 1.907.891,00 1.858.113,00 1.807.769,00

altre spese per redditi da capitale 35.000,00 35.000,00 35.000,00

rimborsi e poste correttive delle entrate 56.000,00 66.000,00 46.000,00

altre spese correnti 2.018.493,00 2.342.728,00 2.661.748,00

totale spese correnti 37.610.455,45 36.121.551,25 35.896.535,25

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 19
Incidenza macroaggregati della spesa corrente anno 2017

20.000.000,00 beni/serv.
17.000.000,00

14.000.000,00

11.000.000,00

8.000.000,00
redd.lav.dip.
5.000.000,00 trasferimenti
interessi altre spese
2.000.000,00

redd.lav.dip. beni/serv. trasferimenti interessi altre spese

Di seguito si riportano i macroaggregati della spesa corrente raffrontati con le risultanze


dellesercizio finanziario 2015 e con le previsioni assestate dellanno 2016

riferimento all'anno
descrizione 2015 2016 2017
redditi da lavoro dipendente 7.786.536,23 7.934.321,87 8.395.530,38
imposte e tasse a carico dellente 504.357,05 531.321,18 552.994,01
acquisto di beni e servizi 20.102.572,53 22.240.023,42 21.345.331,06
trasferimenti correnti 3.388.368,23 3.813.971,53 3.299.216,00
interessi passivi 2.167.599,76 2.046.634,00 1.907.891,00
altre spese per redditi da capitale - 41.844,00 35.000,00
rimborsi e poste correttive delle entrate 64.214,96 149.300,00 56.000,00
altre spese correnti 478.096,90 2.576.232,06 2.018.493,00
totale spese correnti 34.491.745,66 39.333.648,06 37.610.455,45

Redditi da lavoro dipendente


Sono comprese le retribuzioni del personale, gli oneri previdenziali e assicurativi a carico dellEnte,
il salario accessorio di competenza dell'anno in cui si prevede venga erogato.

Imposte e tasse a carico dellente


La spesa per imposte e tasse a carico dellEnte comprende lIRAP, le imposte di registro e di bollo,
le tasse automobilistiche.

Acquisto di beni e servizi


La spesa comprende gli oneri necessari per acquisire le relative prestazioni da parte di soggetti
terzi per finalit proprie dellente (a titolo meramente indicativo: lapprovvigionamento dellenergia
elettrica, del gas, della telefonia fissa e mobile) e per soddisfare le esigenze della Comunit (a
titolo meramente indicativo: il servizio di raccolta/smaltimento rifiuti il trasporto scolastico le
mense scolastiche).

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 20
Trasferimenti correnti
La spesa relativa allerogazione di somme a favore di enti pubblici, di enti ed associazioni private
e di persone fisiche.

Interessi passivi
La spesa inerente agli oneri conseguenti allammortamento dei mutui accesi in anni precedenti.

Rimborsi e poste correttive delle entrate


La spesa finalizzata a rimborsare somme non dovute.

Altre spese correnti


In questa voce sono classificate tutte le spese che non trovano collocazione nei precedenti
macroaggregati e, tra le altre, sono comprese:
il fondo crediti di dubbia esigibilit, per la cui quantificazione si rinvia al paragrafo 4 della
presente nota integrativa;
il fondo di riserva, determinato come sopra esplicitato.

3.2.8 - Titolo 2 - Spese in conto capitale

Le spese per investimenti previste nel triennio di riferimento, riepilogate secondo macroaggregati,
sono cos distinte:

previsione anno
descrizione 2017 2018 2019
investimenti fissi e lordi e acquisto di terreni 8.201.474,80 5.731.517,00 5.960.702,00
contributi agli investimenti - 50.000,00 -
altri trasferimenti in conto capitale 100.000,00 - -
altre spese in conto capitale 1.974.550,00 3.770.000,00 2.745.000,00
totale spese correnti 10.276.024,80 9.551.517,00 8.705.702,00

Incidenza macroaggregati della spesa in conto capitale anno 2017

8.000.000,00

7.000.000,00

6.000.000,00 inv. fissi/lordi


5.000.000,00

4.000.000,00

3.000.000,00
trasferimenti
2.000.000,00
altre spese
1.000.000,00

inv. fissi/lordi altre spese trasferimenti

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 21
3.2.9 - Interventi previsti nel piano degli investimenti

In merito alle spese in conto capitale si riportano i singoli interventi previsti nel programma
triennale dei lavori pubblici e nellelenco annuale 2017:

n. descrizione 2017 2018 2019

Smaltimento amianto e sostituzione manto


1 200.000,00 --- ---
copertura teatro "Rossini"
Consolidamento, restauro e recupero sede
2 --- 736.517,00 ---
Delegazione - 1 stralcio (compreso ascensore)
Lavori all'edificio ex Tribunale per "Polo Museale"
3 60.000,00 --- ---
- 1 stralcio biblioteca
4 Lavori all'edificio ex Tribunale per "Polo Museale" 230.000,00 --- ---
Ampliamento Scuola materna ed elementare Via
5 220.000,00 --- ---
Ugo Bassi
6 Nuova scuola materna via IV Marine 730.000,00 --- ---
Manutenzioni straordinarie e miglioramento
7 150.000,00 --- ---
termico scuola materna Via Morvillo
Rifacimento impermeabilizzazione scuola
9 125.000,00 --- ---
"Pirandello" e realizzazione impianto fotovoltaico
Campo erba sintetica e spogliatoi calcio
10 Civitanova Alta (mutuo Istituto Credito Sportivo a 1.000.000,00 --- ---
tasso zero)
11 Cimitero Civitanova Alta - realizzazione loculi --- --- 250.000,00
12 Cimitero Civitanova Alta - realizzazione loculi C17 --- 290.000,00 ---
13 Cimitero Civitanova Alta - realizzazione loculi C18 200.000,00 --- ---
Costruzione nuove cappelline cimitero di
14 330.000,00 --- ---
Civitanova Alta
Realizzazione campi a terra Cimitero Civitanova
15 --- 190.000,00 ---
Alta
Realizzazione pavimentazione vialetti cimitero
16 --- 100.000,00 100.000,00
zona porto
Viabilit accesso Via Sonnino - area servizi
sportivi ed altre attrezzature di uso pubblico (a
17 350.000,00 --- ---
cura del privato in attuazione di convenzione
urbanistica vigente)
18 Attraversamento pedonale FF.SS. Via Adua 100.000,00 --- ---
19 Collegamento via Sonnino Via del Torrione --- 1.200.000,00 ---
Pista ciclabile zona sud (progetto destinazione
20 --- 650.000,00 ---
italia)
Riqualificazione urbana Lungomare Nord - lato
21 --- 1.500.000,00 ---
Est - 1 lotto (progetto destinazione italia)
Riqualificazione urbana Lungomare Nord - lato
22 --- 700.000,00 ---
Est - 2 lotto
Riqualificazione urbana Lungomare Nord - lato
23 --- ---- 771.702,00
Est - 3 lotto
Riqualificazione urbana Lungomare Nord - lato
24 --- ---- 170.000,00
Est - 3 lotto
Asfaltatura strade e pavimentazioni zona PEEP
25 350.000,00 ---- ---
Fontespina
Prolungamento Via Castelfidardo sino a traversa
26 ---- 200.000,00 ---
area "Cosmopolitan" compreso acquisizione area
Collegamento carrabile Via Vela - Via Nelson
27 ---- ---- 200.000,00
Mandela

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 22
n. descrizione 2017 2018 2019
Completamento riqualificazione urbana
28 ---- --- 200.000,00
sottopasso Via Buozzi
29 Realizzazione nuova rotatoria casello autostradale 200.000,00 --- ---
Realizzazione nuovo ponte sul fiume Chienti lato
30 est ferrovia (porzione in territorio di Civitanova ---- ---- 1.500.000,00
Marche)
31 Asfaltature e marciapiedi zona Centro ---- 100.000,00 100.000,00
32 Sistemazione Via Marco Polo e Via Bragadin 120.000,00 ---- ----
Contributi per interventi finalizzati alla riduzione
33 240.000,00 ---- ----
del rischio sismico
Interventi straordinari sistemi fognari (Vialetti
34 ---- 100.000,00 100.000,00
piazza XX Settembre, Via Santorre di Santarosa)
Nuovo collettore fognario con attraversamento
35 ferroviario Via Guerini - Via C. Colombo - Via IV --- --- 200.000,00
Novembre
36 Nuova fognatura Via Hermada - Via Vela --- --- 100.000,00
Riallineamento scogliere previsti dal piano come 500.000,00
38 da progetto approvato dalla Regione - 2 e 3 300.000,00 500.000,00
stralcio
Lavori di dragaggio banchina di riva ed ---
39 --- 250.000,00
imboccatura portuale
Lavori di riqualificazione marciapiedi lato est Via ---
40 --- 200.000,00
Leonardo da Vinci
Lavori di realizzazione percorso pedonale molo ---
41 --- 100.000,00
nord
totale complessivo 5.005.000,00 6.936.517,00 4.191.702,00

MODALIT FINANZIAMENTO PIANO DEGLI INVESTIMENTI

previsione anno
descrizione 2017 2018 2019
Accensione mutui 1.000.000,00 - -
Oneri di urbanizzazione 670.000,00 900.000,00 900.000,00
Entrate correnti da economie per rinegoziazione mutui - 736.517,00 771.702,00
Autofinanziamento 530.000,00 580.000,00 350.000,00
Trasferimenti da privati 650.000,00 1.400.000,00 1.500.000,00
Autofinanziamento mediante vendite immobiliari 1.815.000,00 - -
Finanziamenti e/o contributi statali - 2.150.000,00 -
Finanziamenti e/o contributi regionali 340.000,00 1.050.000,00 500.000,00
Monetizzazione aree - 120.000,00 170.000,00
totale spese correnti 5.005.000,00 6.936.517,00 4.191.702,00

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 23
2.000.000,00

1.750.000,00

1.500.000,00
alienazioni
1.250.000,00

1.000.000,00

750.000,00 mutui

500.000,00 oneri
autofinanz. fondi terzi
250.000,00 Regione

mutui oneri alienazioni Regione autofinanz. fondi terzi

3.2.10 - Titolo 4 - Rimborso di prestiti

Il rimborso delle quote di capitale si riferisce ai mutui in ammortamento ed cos distinto:


previsione anno
istituto mutuante
2017 2018 2018
Cassa depositi e prestiti spa 2.055.025,00 2.092.132,00 2.131.138,00
Cassa depositi e prestiti gestione MEF 105.250,00 29.432,00 29.448,00
Istituto per il credito sportivo 65.925,00 68.326,00 70.832,00
Aziende di credito 17.020,00 17.777,00 18.582,00
Istituti speciali 123.877,00 --- ---
Altri finanziatori 13.331,00 13.813,00 14.311,00
totale 2.380.428,00 2.221.480,00 2.264.311,00

Si precisa che il precedente prospetto tiene conto dellestinzione delle quote capitale previste dai
piani di ammortamento e non dellulteriore estinzione correlata allutilizzo dei proventi derivanti
dallalienazione degli immobili come specificato nel precedente paragrafo 3.2.6.

3.2.11 - Entrate/Spese per conto terzi e partite di giro

I servizi per conto di terzi e le partite di giro comprendono le transazioni poste in essere per conto
di altri soggetti in assenza di qualsiasi discrezionalit ed autonomia decisionale da parte dellente,
quali quelle effettuate come sostituto di imposta.
Non comportando discrezionalit ed autonomia decisionale, le operazioni per conto di terzi non
hanno natura autorizzatoria; ai fini dellindividuazione delle operazioni per conto di terzi,
lautonomia decisionale sussiste quando lente concorre alla definizione di almeno uno dei seguenti
elementi della transazione: ammontare, tempi e destinatari della spesa
In deroga alla definizione di Servizi per conto terzi, sono classificate tra tali operazioni le
transazioni riguardanti i depositi dellente presso terzi, i depositi di terzi presso lente, la cassa
economale.

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 24
4- Criteri di determinazione degli stanziamenti riguardanti il fondo crediti di
dubbia esigibilit (FCDE)

Secondo quanto previsto dal principio applicato concernente la contabilit finanziaria (allegato 4/2
al decreto legislativo n. 118/2011), in fase di previsione, per i crediti di dubbia e difficile esazione,
deve essere effettuato un apposito accantonamento al fondo crediti di dubbia esigibilit (FCDE).
Detto fondo da intendersi come un fondo rischi teso ad evitare che entrate di dubbia e difficile
esazione, seppur legittimamente accertabili sulla base dei vigenti principi contabili, siano utilizzate
per il finanziamento di spese esigibili nel corso del medesimo esercizio.
Non effettuato laccantonamento al FCDE per:
a) i crediti da altre amministrazioni pubbliche, in quanto destinate ad essere accertate a seguito
dellassunzione dellimpegno da parte dellamministrazione erogante,
b) i crediti assistiti da fidejussione,
c) le entrate tributarie che, sulla base dei nuovi principi, sono accertate per cassa;
d) le entrate di dubbia e difficile esazione riscosse per conto di altri enti e destinate ad essere
versate al beneficiario finale il quale provveder a costituire il proprio fondo crediti di dubbia
esigibilit;
e) gli oneri di urbanizzazione e monetizzazione e degli standard urbanistici, contributi da privati e
alienazioni in quanto le relative entrate sono accertate per cassa.

Per la determinazione del Fondo sono state individuate le seguenti voci per le quali si prevede
laccertamento dellintero importo del credito:
proventi da accertamenti IMU da attivit di controllo
proventi da TARI ordinaria
proventi da TARSU-TARES-TARI da attivit di controllo
proventi da sanzioni per violazioni al codice della strada.

Avvalendosi della progressivit dellaccantonamento prevista dallarticolo 1, comma 509, della


legge 23 dicembre 2014, n. 190 che, modificando il paragrafo 3.3 dell'allegato 4/2, recante
Principio contabile applicato concernente la contabilit finanziaria, annesso al decreto legislativo
n. 118/2011, ha stabilito che:
Nel 2016 per tutti gli enti locali lo stanziamento di bilanci o riguardante il fondo crediti di dubbia
esigibilit pari almeno al 55 per cento, nel 2017 pari almeno al 70 per cento, nel 2018 pari
almeno all'85 per cento e dal 2019 l'accantonamento al fondo effettuato per l'intero importo

il fondo previsto per il triennio risulta dalla tabella di seguito riportata ed stato costituito
utilizzando la media semplice del rapporto tra accertamenti e riscossioni del quinquennio
precedente:
previsione anno
tipologia
2017 2018 2019
proventi da accertamenti IMU da attivit di controllo 113.243,00 137.509,00 172.560,00
proventi da TARI ordinaria 987.156,00 1.198.689,00 1.410.222,00
proventi da TARSU-TARES-TARI da attivit di controllo 127.093,00 154.327,00 181.561,00
sanzioni per violazioni al codice della strada 262.276,00 318.478,00 374.680,00
totale FCDE 1.489.768,00 1.809.003,00 2.139.023,00

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 25
5- Risultato di amministrazione presunto dellesercizio 2016
Di seguito si riporta il prospetto dimostrativo del risultato presunto di amministrazione con
riguardo allesercizio finanziario 2016.

Questo allegato, introdotto dalle norme in materia di armonizzazione dei bilanci pubblici, impone
agli Enti locali una verifica preliminare del risultato della gestione in corso; qualora dovesse
emergere un risultato negativo (disavanzo di amministrazione) il bilancio di esercizio deve
prevedere uno specifico stanziamento in parte spesa e, quindi, provvedere al ripiano ed alla
copertura.

descrizione importo

1) Determinazione del risultato di amministrazione presunto al 31/12/2016


risultato di amministrazione iniziale dell'esercizio 2016 + 6.673.873,99
Fondo pluriennale vincolato iniziale dell'esercizio 2016 + 7.270.440,12
Entrate gi accertate nell'esercizio 2016 + 51.632.717,59
Uscite gi impegnate nell'esercizio 2016 - 55.013.475,45
Variazioni dei residui attivi gi verificatesi nell'esercizio 2016 - 1.289.619,50
Variazioni dei residui passivi gi verificatesi nell'esercizio 2016 + 471.060,09
risultato di amministrazione dell'esercizio 2016 alla data di redazione del
= 9.744.996,84
bilancio dell'anno 2017
Entrate presunte per il restante periodo dell'esercizio 2016 + -
Uscite presunte per il restante periodo dell'esercizio 2016 - -
Variazioni dei residui attivi presunte per il restante periodo dell'esercizio 2016 +/- -
Variazioni dei residui passivi presunte per il restante periodo dell'esercizio 2016 - -
Fondo pluriennale vincolato finale presunto dell'esercizio 2016 - 3.694.181,48

A) Risultato di amministrazione presunto al 31/12/2016 = 6.050.815,36

2) Composizione del risultato di amministrazione presunto al 31/12/2016


Parte accantonata
Fondo crediti di dubbia esigibilit al 31/12/2016 6.875.750,60
Fondo contenzioso 1.050.000,00
B) Totale parte accantonata 7.925.750,60
Parte vincolata
Vincoli formalmente attribuiti dall'Ente 470.927,33
C Totale parte vincolata 470.927,33
Parte destinata agli investimenti 697.000,00
D) Totale parte destinata a investimenti 697.000,00
E) Totale parte disponibile - 3.042.862,57

Se E) negativo, tale importo iscritto tra le spese del bilancio di previsione come disavanzo da ripianare

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 26
Per effetto del risultato di amministrazione provvisorio 2016, come quantificato nel prospetto che
precede, discende che risulta regolarmente recuperata la quota di 143.451,75, pari a 1/30 del
disavanzo di amministrazione 2014 accertato in complessivi 4.303.552,39 in sede di
riaccertamento straordinario dei residui approvato con atto della Giunta Comunale n. 181 del 30
maggio 2015, come rettificata con deliberazione della Giunta Comunale n. 231 del 13 luglio 2015,
per il quale era stata prevista la copertura in 30 annualit (dal 2015 al 2044) giusta deliberazione
del Consiglio Comunale n. 37 del 30 luglio 2015.
Conseguentemente a ciascuna delle annualit del bilancio di previsione 2017-2019 viene applicata
la sola quota di 143.451,75 pari a 1/30 del disavanzo di amministrazione 2014 scaturito
dalloperazione di riaccertamento straordinario dei residui.

6 - Fondo pluriennale vincolato (FPV)


Il fondo pluriennale vincolato (FPV) un saldo finanziario costituito da risorse gi accertate e
destinate al finanziamento di obbligazioni passive gi impegnate, ma esigibili in esercizi successivi
a quello in cui accertata lentrata.
Secondo il principio contabile della competenza finanziaria potenziata gli impegni finanziati da
entrate a specifica destinazione, di parte corrente o investimenti, sono imputati negli esercizi in cui
lobbligazione diventer esigibile; questo comporta che lo stanziamento di spesa riconducibile
alloriginario finanziamento pu essere ripartito pro-quota in pi esercizi, attraverso limpiego del
cosiddetto Fondo Pluriennale Vincolato (FPV).
Il FPV ha proprio lo scopo di fare convivere limputazione della spesa secondo questo principio
(competenza potenziata) con lesigenza di evitare la formazione di componenti di avanzo o
disavanzo artificiose, e questo a partire dalla nascita del finanziamento e fino allesercizio in cui la
prestazione connessa con lobbligazione passiva avr termine.
Questa tecnica contabile consente di evitare sul nascere la formazione di residui passivi che, nella
nuova ottica, hanno origine solo da debiti effettivamente liquidi ed esigibili sorti nello stesso
esercizio di imputazione contabile.
Il fenomeno dell'accumulo progressivo di residui attivi e passivi di esito incerto e dincerta
collocazione temporale, pertanto, non trova pi spazio nel nuovo ordinamento degli enti locali.
La normativa in materia contabile estende limpiego della tecnica del fondo pluriennale anche a
casistiche diverse da quelle connesse con spese finanziate da entrate a specifica destinazione, ma
solo per limitati casi e circostanze particolari espressamente previste dalla legge.
Per entrare pi nel dettaglio:
nella parte spesa, la quota di impegni esigibili nellesercizio restano imputati alle normali poste
di spese, mentre il FPV accoglie la quota di impegni che si prevede non si tradurranno in debito
esigibile nellesercizio di riferimento, in quanto imputabile agli esercizi futuri.
Limporto complessivo di questo fondo, dato dalla somma di tutte le voci riconducibili a questa
casistica, stato poi ripreso tra le entrate del bilancio immediatamente successivo in modo da
garantire, sul nuovo esercizio, la copertura della parte delloriginario impegno rinviata al futuro.
Viene cos ad essere mantenuto in tutti gli anni del bilancio il pareggio tra lentrata
(finanziamento originario oppure fondo pluriennale vincolato in entrata) e la spesa complessiva
dellintervento previsto (somma dellimpegno imputato nellesercizio di competenza e della parte
rinviata al futuro; questultima, collocata nelle poste correlate al fondo pluriennale di uscita).
Il valore complessivo del fondo pluriennale al 31/12 di ciascun esercizio dato dalla somma
delle voci di spesa relative a procedimenti sorti in esercizi precedenti (componenti pregresse
dellFPV di uscita) e dalle previsioni di uscita riconducibili al bilancio in corso (componente
nuova dellFPV di uscita).

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 27
Il fondo pluriennale vincolato (FPV) iscritto nel bilancio 2017-2019, in attesa del riaccertamento
ordinario dei residui da effettuarsi in sede di rendiconto 2016, cos attualmente composto:

anno 2017 anno 2018 anno 2019


FPV entrata spesa entrata spesa entrata spesa

corrente 506.706,52 --- --- --- --- ---

capitale 6.765.730,60 1.800.000,00 1.800.000,00 3.770.000,00 3.770.000,00 2.745.000,00

totale 7.272.437,12 1.800.000,00 1.800.000,00 3.770.000,00 3.770.000,00 2.745.000,00

7 - Elenco garanzie principali o sussidiarie prestate dallente a favore di enti e


di altri soggetti ai sensi delle leggi vigenti
Con atto di Consiglio Comunale n. 37 del 27 maggio 2014, in relazione ai lavori per la realizzazione
del palazzetto dello sport, stata fornita allIstituto per il Credito Sportivo una fideiussione ai sensi
dellarticolo 207 del decreto legislativo n. 267/2000, per lammontare non superiore agli oneri che
sarebbero stati a carico del Comune in caso di pagamento diretto delle maggiori opere
conseguente alla variante urbanistica approvata con la deliberazione della Giunta Comunale n. 62
del 3 marzo 2014.
Limporto della fideiussione concessa dal Comune, concordata con la ditta realizzatrice nellambito
del pi ampio rapporto negoziale in essere, pari a 2.021.000,00
Il mutuo garantito dalla fidejussione, dellimporto nominale di . 1.800.000,00, entrato in
ammortamento il 31 agosto 2015 con scadenza al 28 febbraio 2035.

8 - Oneri e impegni finanziari stimati e stanziati in bilancio, derivanti da


contratti relativi a strumenti finanziari derivati
LEnte non ha in corso contratti relativi a strumenti finanziari anche derivati.

9- Gruppo Amministrazione Pubblica


Il gruppo Amministrazione Pubblica comprende gli enti e gli organismi strumentali, le societ
controllate, partecipate e vigilate.

SOCIETA PARTECIPATE
quota indirizzo internet di riferimento per la
denominazione attivit
detenuta consultazione del consuntivo 2015
gestione, raccolta, http://www.cosmarimc.it/amministrazione_traspare
Co.Sma.Ri. S.r.l. trasporto, smaltimento, 12,46% nte/bilanci.asp
trattamento rifiuti urbani
S.I. Marche
gestione servizi idrici 3,00% http://www.simarchescrl.it/index.php/bilanci
S.c.r.l.
Societ http://www.acquedottodelnera.it/bilanci/bilancio-
gestione servizi idrici 0,28%
Acquedotto Nera preventivo-e-consuntivo
fornitura di servizi e
TASK S.r.l. prestazioni nel settore 0,02% allegato al bilancio in formato cartaceo
telematico e informatico

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 28
SOCIETA CONTROLLATE
quota indirizzo internet di riferimento per la
denominazione attivit
detenuta consultazione del consuntivo 2015
ATAC Civitanova gestione multiservizi, http://www.atac-civitanova.it/azienda/bilancio-
100,00%
S.p.a. trasporto, servizio idrico sociale/
http://www.gasmarca.it/index.php/la-
Gas Marca S.r.l. vendita gas e energia
51,00% societa/amministrazione-trasparente/category/6-
(1) elettrica
bilancio-2015
Farmacie http://www.farmaciecomunalicivitanovamarche.co
gestione servizio pubblico
Comunali S.p.a. 100,00% m/index.php?option=com_phocadownload&view=
di farmacia
(2) category&id=36:2015
http://servizi.comune.civitanova.mc.it/civitas/index.
gestione accertamento e php/amministrazione-trasparente/category/137-
Civita.S S.r.l. 100,00%
riscossione tributi bilancio-2015

Mercato Ittico
il consuntivo 2015 allegato al bilancio in
Civitanovese Soc. gestione mercato ittico 60,00%
formato cartaceo
Cooperativa
(1) Per quanto concerne la societ Gas Marca s.r.l., la societ Atac SpA ha provveduto ad alienare la quota
di partecipazione del 49%, secondo uno schema di avviso approvato dal CdA dellAtac e validato dalla Giunta
Comunale, in modo di massimizzare il ricavato, a tutela del patrimonio comunale.
(2) Si proceduto in conformit a quanto previsto dal piano di razionalizzazione al conferimento delle
Farmacie Comunali S.p.A. nell'ATAC Civitanova SpA e in data 27 marzo 2017 sar completata loperazione di
fusione; ATAC si configurer come la societ preposta alla gestione di tutti i Servizi Pubblici Locali di
competenza comunale nel rispetto della normativa comunitaria..

ENTI PUBBLICI VIGILATI


indirizzo internet di riferimento per la consultazione
denominazione attivit
del consuntivo 2015
Azienda Speciale
Teatri di attivit culturali e artistiche http://www.cosmarimc.it/amministrazione_trasparente/bilanci.asp
Civitanova
http://www.paoloricci.org/amministrazione-
prestazioni socio-
ASP Paolo Ricci trasparente/bilanci/bilancio-preventivo-e-consuntivo/bilancio-
assistenziali
consuntivo/bilancio-consuntivo-2015
AATO n. 3 http://ato3marche.it/index.php?option=com_docman&task=cat_vi
servizio idrico integrato
Marche-Macerata ew&gid=114&Itemid=246
ATA n. 3 servizio raccolta e
il primo consuntivo sar quello relativo allanno 2016
Macerata Rifiuti smaltimento rifiuti

ENTI DI DIRITTO PRIVATO CONTROLLATI


indirizzo internet di riferimento per la consultazione
denominazione attivit
del consuntivo 2015
Associazione distribuzione e promozione
http://www.amatmarche.net/trasparenza/docs/2015%20BILANCI
Marchigiana negli ambiti del teatro,
O%20COMPARATO.pdf
Attivit Teatrali della danza e della musica

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 29
10 - Altre informazioni riguardanti le previsioni
10.1 - Pareggio di Bilancio

A mente dellarticolo 1, comma 463, della citata legge n. 232/2016, a decorrere dall'anno 2017
cessa di avere applicazione la disciplina inerente il raggiungimento degli obiettivi di finanza
pubblica, il cosiddetto pareggio di bilancio, introdotta, dallanno 2016, dall'articolo 1, comma 709
e successivi della legge 28 dicembre 2015, n. 208 che, a sua volta, aveva abrogato l'articolo 31
della legge 12 novembre 2011, n. 183, concernente la disciplina del patto di stabilit interno.
Dal 1 gennaio 2017, a mente del comma 466 e successivi, si evidenzia che:
ai fini del concorso al contenimento dei saldi di finanza pubblica, il Comune deve conseguire
un saldo non negativo, in termini di competenza, tra le entrate finali e le spese finali;
deve essere conseguito il saldo non negativo, in termini di competenza, tra le entrate finali e
le spese finali, ai sensi dell'articolo 9, comma 1, della legge 24 dicembre 2012, n. 243;
le entrate finali sono quelle ascrivibili ai titoli 1, 2, 3, 4 e 5 dello schema di bilancio previsto
dal decreto legislativo n. 118/2011, e le spese finali sono quelle ascrivibili ai titoli 1, 2 e 3;
al fine di garantire l'equilibrio, nella fase di previsione, in attuazione del comma 1 dell'articolo
9 della legge n. 243/2012, al bilancio di previsione allegato il prospetto dimostrativo del
rispetto del saldo. A tal fine, il prospetto allegato al bilancio di previsione non considera gli
stanziamenti non finanziati dall'avanzo di amministrazione del fondo crediti di dubbia esigibilit
e dei fondi spese e rischi futuri concernenti accantonamenti destinati a confluire nel risultato
di amministrazione;
in caso di mancato conseguimento del saldo di finanza pubblica:
a) l'ente locale assoggettato ad una riduzione del fondo di solidariet comunale in misura
pari all'importo corrispondente allo scostamento registrato. Tale riduzione applicata nel
triennio successivo a quello di inadempienza in quote costanti. In caso di incapienza, per
uno o pi anni del triennio di riferimento, il Comune tenuto a versare all'entrata del
bilancio dello Stato le somme residue di ciascuna quota annuale, entro l'anno di
competenza delle medesime quote;
b) nell'anno successivo a quello di inadempienza il Comune:
b1) non pu impegnare spese correnti in misura superiore all'importo dei corrispondenti
impegni dell'anno precedente ridotti dell'1%. La sanzione si applica con riferimento agli
impegni riguardanti le funzioni esercitate in entrambi gli esercizi e al netto degli
impegni relativi ai versamenti al bilancio dello Stato effettuati come contributo alla
finanza pubblica;
b2) non pu ricorrere all'indebitamento per gli investimenti;
b3) non pu procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo, con qualsivoglia
tipologia contrattuale, compresi i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa e
di somministrazione, anche con riferimento ai processi di stabilizzazione in atto, fatte
salve le assunzioni di personale a tempo determinato, con contratti di durata massima
fino al 31 dicembre del medesimo esercizio, necessari a garantire l'esercizio delle
funzioni di protezione civile, di polizia locale, di istruzione pubblica e del settore
sociale;
b4) il sindaco e i componenti della giunta in carica nell'esercizio in cui avvenuta la
violazione sono tenuti a versare al bilancio dell'ente il 30 per cento delle indennit di
funzione e dei gettoni di presenza spettanti nell'esercizio della violazione;
per gli anni 2017-2019, nelle entrate e nelle spese finali in termini di competenza
considerato il fondo pluriennale vincolato, di entrata e di spesa, al netto della quota riveniente
dal ricorso all'indebitamento;

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 30
a decorrere dall'esercizio 2020, tra le entrate e le spese finali incluso il fondo pluriennale
vincolato di entrata e di spesa, finanziato dalle entrate finali;
non rileva la quota del fondo pluriennale vincolato di entrata che finanzia gli impegni cancellati
definitivamente dopo l'approvazione del rendiconto dell'anno precedente;
il cosiddetto fondo IMU-TASI, previsto nel triennio per limporto annuo di 988.000,00, non
rileva ai fini del conseguenti mento degli obiettivi di finanza pubblica, per cui il Comune dovr
conseguire un valore positivo del pareggio di bilancio pari almeno alla quota del fondo
assegnata.

Il saldo per ciascuno degli esercizi di riferimento, calcolato secondo le modalit previste dal citato
comma 466, risulta dal prospetto di verifica che segue:
COMPETENZA COMPETENZA COMPETENZA
EQUILIBRIO DI BILANCIO DI CUI ALL'ARTICOLO 9 DELLA LEGGE N. 243/2012 ANNO ANNO ANNO
2017 2018 2019
A1) Fondo pluriennale vincolato di entrata per spese correnti (+) 506.366,27 - -
A2) Fondo pluriennale vincolato di entrata in conto capitale al netto delle quote
(+) 2.492.823,73 1.800.000,00 3.770.000,00
finanziate da debito
A) Fondo pluriennale vincolato di entrata (A1 + A2 + A3) (+) 2.999.190,00 1.800.000,00 3.770.000,00

B) Titolo 1 - Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa (+) 27.541.000,00 27.861.000,00 28.151.000,00

C) Titolo 2 - Trasferimenti correnti validi ai fini dei saldi finanza pubblica (+) 5.929.658,00 5.354.948,00 4.915.564,00

D) Titolo 3 - Entrate extratributarie (+) 5.377.310,93 5.043.052,00 5.029.436,00

E) Titolo 4 - Entrate in c/capitale (+) 7.619.849,59 7.979.000,00 5.144.000,00

F) Titolo 5 - Entrate da riduzione di attivit finanziarie (+) - - -

H1) Titolo 1 - Spese correnti al netto del fondo pluriennale vincolato (+) 37.610.455,45 36.121.551,25 35.896.535,25

H2) Fondo pluriennale vincolato di parte corrente (dal 2020 quota finanziata da entrate finali) (+) - - -

H3) Fondo crediti di dubbia esigibilit di parte corrente (2) (-) 1.489.768,00 1.809.003,00 2.139.023,00
H) Titolo 1 - Spese correnti valide ai fini dei saldi di finanza pubblica
(-) 36.120.687,45 34.312.548,25 33.757.512,25
(H=H1+H2-H3-H4-H5)

I1) Titolo 2 - Spese in c/ capitale al netto del fondo pluriennale vincolato (+) 8.476.024,80 5.781.517,00 5.960.702,00
I2) Fondo pluriennale vincolato in c/capitale al netto delle quote finanziate da debito (dal 2020
(+) 1.800.000,00 3.770.000,00 2.745.000,00
quota finanziata da entrate finali)
I) Titolo 2 - Spese in c/capitale valide ai fini dei saldi di finanza pubblica
(-) 10.276.024,80 9.551.517,00 8.705.702,00
(I=I1+I2-I3-I4)
L1) Titolo 3 - Spese per incremento di attivit finanziaria al netto del fondo pluriennale
(+) - - -
vincolato
L) Titolo 3 - Spese per incremento di attivit finanziaria (L=L1 + L2) (-) - - -

(N) EQUILIBRIO DI BILANCIO AI SENSI DELL'ARTICOLO 9 DELLA LEGGE N.


3.070.296,27 4.173.934,75 4.546.785,75
243/2012

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 31
10.2 - Risorse da rinegoziazione mutui

Con riferimento allindebitamento, nellanno 2015 il Comune ha aderito alla rinegoziazione dei
mutui con la Cassa depositi e prestiti spa, giusta deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 29
maggio 2015.
A tale proposito si precisa che:
a mente dellarticolo 7, comma 2, del decreto legge 19 giugno 2015, n. 78, convertito, con
modificazioni, dalla legge 6 agosto 2015, n. 125, come novellato dallarticolo 4, comma 1-bis,
del decreto legge 30 dicembre 2015, n. 210, convertito, con modificazioni, dalla legge 25
febbraio 2016, n. 21 e dallarticolo 1, comma 440, della legge 11 dicembre 2016, n. 232,
anche per lanno 2017 le risorse proveniente da tale operazione di rimodulazione del debito,
pari nel complesso a 700.808,00, sono integralmente destinate al finanziamento della spesa
corrente;
per gli anni 2018 e 2019, per le risorse derivanti da detta rinegoziazione, quantificate
rispettivamente in 736.517,00 e 771.702,00, previsto lutilizzo per il finanziamento di
spese in conto capitale.

Civitanova Marche, 9 marzo 2017

IL DIRIGENTE SETTORE IV
f.to Marco Passarelli

____________________________________________________________________________________________________________
Nota integrativa al bilancio di previsione 2017-2019 pagina 32