Sei sulla pagina 1di 19
4 RegioneLombardia DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Unita Organizzativa Tutela Ambientale Struttura Bonifiche e Siti Contaminati Conferenza di Servizi art. 14 legge 7 agosto 1990, n. 241 e s.m.i. Verbale del 28 febbraio 2017 Osggetto: Comuni di BARLASSINA — BOVISIO MASCIAGO - CESANO MADERNO - DESIO —- MEDA - SEVESO - MB. Progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori concernenti le Tratte Svincolo di Lomazzo, B1, B2, C e D e opere di compensazione del Collegamento autostradale Dalmine - Como - Varese - Valico del Gaggiolo e opere ad esso connesse. Conferenza di Servizi art. 14 legge 7 agosto 1990, n. 241, s.m.l., art. 13 della I.r. 1/2012, per l'approvazione del documento "Sito denominato RAOS — Trasmissione Modello Concettuale, Identificazione dei livelli di contaminazione residua accettabile/Analisi di Rischio e proposta di Riperimetrazione del Sito” delle Aree influenzate dall'incidente ICMESA, trasmesso dalla Societa Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. Visto il Capo IV della legge 7 agosto 1990 n. 241 “Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi” e s.m.i., ‘Conferenza di Servizi, 240/1990— Comuni di BARLASSINA - BOVISIO MASCIAGO - CESANO MADERNO - DESIO-— MEDA ~ SEVESO - MB. Modello Concettuale, [dentificazione dei livlli di contaminazione residva eccetabile/Analisi di Rischo e ‘proposta di Riperimetrazione del Sito™ 28 febbralo 2017 recante disposizioni sulla procedura di semplificazioni dell'azione amministrativa ed in particolare sulla disciplina della Conferenza di Servizi. Visto il provvedimento 2 gennaio 2003 della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per il coordinamento amministrativo, recante disposizioni in materia di Conferenza di Servizi. Vista la legge regionale 1 febbraio 2012, n. 1 “Riordino normativo in materia di procedimento amministrativo, diritto di accesso ai documenti amministrativi, semplificazione amministrativa, potere sostitutivo e potest sanzionatoria” ed in particolare art. 13 — Disciplina della conferenza di servizi. PRESENZE Vedi foglio firme allegato. Soggetto istante: Societa Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A.: PREMESSE Premesso che la Regione Lombardia ha convocato con nota n. 6646 del 6 febbraio 2017 la Conferenza di Servizi sul documento: "Sito denominato RAO5 — Modello Concettuale, identificazione dei livelli di contaminazione residua accettabile/Analisi di Rischio e proposta di Riperimetrazione del Sito" delle Aree influenzate dall'incidente ICMESA, trasmesso dalla Societa Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. nell’ambito della realizzazione delle Tratte Svincolo di Lomazzo, B1, B2, C D e opere di compensazione del Collegamento autostradale Dalmine - Como - Varese - Valico del Gaggiolo e opere ad esso connesse, invitando tutti gli Enti ed Amministrazioni interessate dal procedimento al tavolo odierno. Atteso che nel contesto dell’iter istruttorio, le cul funzioni autorizzatorie sono in capo alla Regione Lombardia, in virti del disposti normativi di cul all'art. 242 del digs 3 aprile 2006, n. 152 quale Amministrazione procedente, esperito congiuntamente agli Enti territorialmente interessati, sono state richieste le manifestazioni di giudizio degli Enti partecipanti, allo scopo di conoscere e recepire le condizioni e prescrizioni da parte dei soggetti coinvolti, per ottenere i conseguenti atti di consenso sul documento di cui trattasi. CConferenza di Servizi |. 240/190 — Comuni di BARLASSINA - BOVISIO MASCIAGO - CESANO MADERNO - DESIO — MEDA - SEVESO - MB, Modello Concettuale, Idenificazione dei livell di contaminazione residua accettabile/Analisi di Rischoe proposta di Riperimetrazione del Sito" 28 febbralo 2017 TUTTO CIO PREMESSO, SI DA’ ATTO QUANTO SEGUE In data 28 febbraio 2017, sono convenuti alla Conferenza di Servizi, presieduta dalla Struttura Bonifiche e Siti Contaminati della Direzione Generale Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile della Regione Lombardia, i soggetti rappresentanti delle Ammninistrazioni e degli Enti interessati come sopra evidenziato. In apertura della Conferenza di Servizi, Ufficio presidente verifica la presenza del atto positivamente della loro legittimazione alla rappresentanza dei rispettivi organi competent, ad esclusione dei rappresentanti della Provincia di Monza e della Brianza assenti ai lavori odierni. II colegio prende atto che durante i lavori della Conferenza di servizi la Provincia di Monza e della Brianza ha fatto pervenire Il proprio parere, tale per cul si ritengono ottemperate le disposizioni previste dalle norme sulla partecipazione al procedimento. L'Ufficio presidente comunica che alla Conferenza di servizi odierna é presente in veste di uditore il rappresentante dell’Istituto per i! Sostentamento del Clero della Diocesi di Milano come da richiesta agli atti regionali con protocollo n. 66379 del 28 dicembre 2016. L'Ufficio regionale presidente, a conclusione delle verifiche di idoneita delle deleghe, di completezza e regolarita delle manifestazioni di volonta degli organi competenti pervenute alla sessione odierna della Conferenza di Servizi, dopo aver chiesto al progettista incaricato dal soggetto istante di illustrare al collegio i contenuti del documento presentato, richiede ad ogni soggetto legittimato presente, di illustrare le determinazioni assunte dal relativi Enti, al fini dell'ottenimento del necessari pareri di consenso, nonché, nei limiti delle procure ad essi conferite, di effettuare eventuali ulteriori deduzioni da rassegnare a verbale. ESPRESSIONE DEI PARERI ‘Conferenza di Servi |. 240/190 — Comuni dl BARLASSINA - BOVISIO MASCIAGO - CESANO MADERNO - DESIO - MEDA ~ SEVESO - MB. Modello Concettuale,Identficazione dei livelli di contaminazione residua eccetabile/Analis di Rischo © ‘proposta di Riperimetrazione del Sito" 28 febbralo 2017 Si da atto, ai fini della valutazione de! documento "Sito denominato RA0S ~ Modelo Concettuale, Identificazione dei livelli di contaminazione residua accettabile/Analisi di Rischio e proposta di Riperimetrazione del Sito" delle Aree influenzate dall'incidente ICMESA, trasmesso dalla Societé Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. nel’ambito della realizzazione delle Tratte Svincolo di Lomazzo, B1, B2, Ce D e opere di compensazione del Collegamento autostradale Dalmine - Como - Varese - Valico de! Gaggiolo e opere ad esso connesse, oggetto dell’odierna Conferenza di Servizi, che sono stati manifestati i seguenti atti infraprocedurali: Regione Lombardia: parere favorevole al documento presentato con le osservazioni espresse dagli Enti di controllo. Provincia di Monza e della Brianza: esprime il proprio parere tecnico di competenza come da nota prot. n. 7320/2017 del 24 febbraio 2017; Comune di Barlassina: esprime il proprio parere come da nota allegata agli atti; Comune di Bovisio Masciago: esprime il proprio parere come da nota allegata agli atti; Comune di Cesano Maderno: esprime il proprio parere come da nota allegata agli atti; Comune di Desio: esprime il proprio parere come da nota allegata agli atti; Comune di Meda: esprime parere favorevole come da nota del 28 febbraio 2017, allegato agli atti; Comune di Seveso: esprime i proprio parere come da nota allegata agli atti; A.R.P.A, Lombardia ~ Dip. di Milano e Monza Brianza: esprime le proprie valutazioni tecniche di competenza come da nota n. 27682 del 23 febbraio 2017; A.T.S. Brianza: esprime le proprie osservazioni come da nota prot. n, 16914/2017 del 28 febbraio 2017; Parco Regionale Bosco delle Querce: si associa al parere espresso congiuntamente dal comuni con esclusione del comune di Meda che ha espresso parere con propria nota. CONSIDERAZIONI FINALI La Conferenza di Servizi in riferimento al documento "Sito denominato RAOS — Modello Concettuale, identificazione dei livelli di contaminazione residua CConferenza di Serviai |. 240/1990- Comunl di BARLASSINA - BOVISIO MASCIAGO - CESANO MADERNO - DESIO- ‘EDA ~ SEVESO ~ MB. Modello Concettuale, Identificazione dei livlli i contaminazione residua accettabile/Analisi di Rischo e roposta di Riperimetrazione del Sito” 28 febbralo 2017 accettabile/Analisi di Rischio e proposta di Riperimetrazione del Sito” delle Aree influenzate dall'incidente ICMESA, trasmesso dalla Societa Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. nell’ambito della realizzazione delle Tratte Svincolo di Lomazzo, B1, B2,C @ opere di compensazione del Collegamento autostradale Dalmine - Como - Varese - Valico del Gaggiolo e opere ad esso connesse, esprime parere favorevole, facendo propri i pareri e le valutazioni espresse nel colegio odierno allegate al presente verbale, se non modificate con quanto di seguito indicato. La Conferenza di Servizi prende atto del documento presentato ed esprime parere favorevole circa la metodologia e l’approccio tecnico-procedurale definito ai fini della presentazione del progetto definitivo di bonifica. I collegio ritiene necessario che ai fini della riperimetrazione delle aree oggetto del proseguimento dell'iter procedimentale di cui all'art. 242 del d.lgs 152/2006 risulta necessario che la parte trasmetta id ‘opportuna cartografia riportante le aree escluse dal proseguimento del procedimento avviato, ovvero la perimetrazione delle aree o comparti risultate potenzialmente contaminate, anche per lotti o fasi progettuali, che tenga conto delle possibili modifiche desumibili dal progetto esecutivo dell’opera, che Ia parte ritiene opportuno considerare al fine della riperimetrazione di cul trattasi. La Conferenza di Servizi evidenzia che la definizione esatta degli areali oggetto di intervento di bonifica sia per quanto riguarda i! raggiungimento delle CSC e delle CSR dovra essere definita a seguito della disponibilita del progetto esecutivo dell’opera autostradale anche tenendo conto delle aree tecniche. La Conferenza di Servizi fa presente che occorre distinguere le attivita di escavazione e movimentazione delle terre dalle attivita interessate dagli interventi di bonifica ambientale per poter procedere ad attivita di scavo, di movimentazione e asportazione delle terre di areali interessati da interventi di bonifica. Sara necessario prima di iniziare tali operazioni disporre della certificazione provinciale di avvenuta bonifica. La Conferenza di Servizi ritiene opportuno che la Parte trasmetta una valutazione di dettaglio circa Ia richiesta dell’ATS e della Provincia di Monza e Brianza in merito allo spessore del terreno utilizzato per il taglio del percorso di contatto diretto, previsto nell’AdR di 20 cm. In considerazione di quanto sopra, la Conferenza di servizi, evidenziato e viste le determinazioni acquisite agli atti, allegate al presente verbale, e le valutazioni espresse in sede di Conferenza di Servizi sul documento progettuale presentato dalla Societa Pedemontana Lombarda S.p.A., oggetto dell'odierno collegio, chiude i lavori odierni. L’Ufficio presidente dispone al sensi dell’art. 14-ter della legge 241/1990 cosi come richiamato dall’art. 13 della Ir. 1/2012, che l'approvazione e l’autorizzazione del Documento ai riperimetrazione di cui sopra, oggetto della sessione odierna della Confrenza di Srvc | 240/1990 - Comunt di BARLASSINA - BOVISIO MASCIAGO ~ CESANO MADERNO ~ DESIO - MEDA - SEVESO ~ MB, Modello Concetuale,Identficazione dei livlli di contaminazione residua accettabile/ Analisi di Rischo e proposta di Riperimetrazione del Sito” 28 febbraio 2017 Conferenza di Servizi verra formalizzata attraverso provvedimento dirigenziale di questa Giunta Regionale a seguito dell'integrazione cartografica da parte del soggetto istante, cosi come richlesto dal collegio odierno. Letto ¢ sottoscritto dai rappresentanti degli Enti: Milano, 28 febbraio 2017 Regione Lombardia Comune di Barlassina, Comune di Bovisio Masciago_ Comune di Cesano Maderno_ Comune di Desio Comune di Meda, Comune di Seveso, A.R.P.A. Lombardia — Dip. di Milano e Monza Brianza_ A.T.S. Brianza, Parco Regionale Bosco delle Querce_ Soggetto istante: per la Societa Pedemontana Lombarda S.p.A. Conferenza di Servizi 240/190 — Comunt di BARLASSINA - BOVISIO MASCIAGO - CESANO MADERNO - DESIO - MEDA ~SEVESO ~ MB. Modello Concettuale, Identifcazione dei lveli di contaminazione residua accettabile/Anslisi di Rischo e roporta di Riperimetrazione del Sito” 28 febbrato 2017 Maple of Vehae Le oe : Cota, AZ 8 2¢ Cad ofown A” SS PROVINCIA ik Re MONZABRIANZA —-2¢/2/ 201% 20/2f ott ‘Setor Ambion © Patrimonio Spett.le Regione Lombardia Direzione Generale Ambiente, Energia ¢ Sviluppo sostenibile Tutela ambientale Bonifiche Siti Contaminati a, Dott.ssa Confalonieri .2, Dott, Sergio Varisco ambiente@pec.regione lombardia.it Date Peaina Febbraio 2017 1 5 ‘Oggetto: Comuni di Barlassina — Bovisio Masciago - Cesano Maderno - Desio z - Meda ~ Seveso — MB, Progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori . concernenti le tratte Svincolo di Lomazzo, BI, B2, C e D e opere di 3 ‘compensazione del collegamento autostradale Dalmine Como Varese Valico del ; PROVINCIA % MONZA BRIANZA Date Pogina Febbraio 2017 2 ecifica, inoltre, che per tutti poligoni interessati dalle ativita di scavo, ulterior: interventi quali asportazioni di ulteriore materiale e/o riporti sard subordinato alla positiva conclusione delle attvita di bonific Poiché nel documento si comunica che “alcune delle aree perimetrate risultano _potenzialmente contaminate per effeito dell'interpolazione di punti esterni alle aree ‘tessa e che in tali ambiti si dovra verificare l'effetiva preserza di terreni ‘contaminati e che tale attivita potrebbe comportare 10 stralcio dl alcune aree aattualmente comprese tra quelle da bonificare” essendo necessario definire un modello concettuale univoco, si ritiene opportuno che tali indagini vengano effettuate, ove possibile, prima della progettazione definitiva degli interventi. In merito al trasporto ¢ alle vie di migrazione considerate si dichiara che, nonostante vi siano sorgenti di potenziale contaminazione ricadenti nel suolo superficiale, & stato escluso il percorso di esposizione diretta, tale assunzione viene giustificata per la sorgente residua a 0,8 m da p.c. giacente sotto il tracciato dell’ opera ma non per le altre casistiche, in particolare per le aree verdi di mitigazione dove la sorgente rimarrebbe a soli 0,2 m dal piano campagna. Si chiedono chiarimenti. Cid detto, prima di entrare nel merito specifico dell’ analisi di rischio presentate, si ritiene necessario che venga presentato il modello concettuale definitivo. istinti salut 1 Direttore de! Settore Ambiente e Patrimonio Arch. Egidio Ghezzi RPA oven Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente Dipartimenti di Milano e Monza Brianza NDirettore > Fovere dqemTe ae att Vexyour€: ¢€ parte te ayaa te TP Veileale dels CAS. 26f2/20n Class, 11.2 Fascicolo 2017.6.77.198 Qeahmta. 42443 23)z/ e1¥ Spettabile REGIONE LOMBARDIA DIR.GENERALE QUALITA' AMBIENTE U.O, ATT-ESTRATTIVE E BONIFICA, PIAZZA CITTA' DILOMBARDIA, I 20100 MILANO (MI Email: ambiente@pec-regione lomberdia.it PROVINCIA DI MONZA via Grigna,13 20090 MONZA (MI) Email: provincia-mb@pec.provincia.mb it ‘Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. Via del bosco rinnovato 4/A Palazzo U9 20090 ASSAGO (MD Email: pedemontane@pec.it ATS Brianza , Via Novara 3 20832 DESIO (MB) Email: dip prev_medice@pec.asimb it Responsabile del procedimento: Ing. Massimo Leon, telefono 02174872422; e-mail m.eoni@arpalombardiat ‘Responsabile dellstrtora : Fabrizio Tosatti telefono 02/74872441 ; e-mail ftasati@arpalombardiait ‘Dipariznanto d Mano - Via Filppe Fear, 2 Indiizo e-al: milanarpalombardait- India| Dipartimeuto dh Monza Branca - Vi olferino 16 ~ Indiize e-mail monzugarralombartiait-Iedrzzn ‘Sede Leal: Paar Sista - Via Roses, 17-20 20109 Milano: Te: OO7AW7AT- Fae 2 TOAST PEC: dpartientoalan arpcapcs region amber 20300 Monce - Tel 038.3986}! - Fa: 0388546319 PEC: dpatimentemonzsarpacipe repone lobar t 124 MILANO - Tel 02694661 - woew rplombaiait Jo. ‘Agonzia Regional Protezione dalt’Ambient Dipartimenti di Milano e Monza Brianza Oggetto : Autostrada Pedemontana Lombarda tratta 82 nei comuni di Meda, Seveso, Cesano Maderno, Desio, Bovisio Masciago e Barlassina - Piano della caratterizzazione - Elaborazione del modelo concettuale e Analisi di Rischio - Richiesta di riperimetrazione - Valutazione tecnica. Con riferimento ai documenti tecnici relativi al sito della nuova Autostrada Pedemontana Lombarda nel tratto interferente con le aree oggetto dell'incidente ICMESA, ricevuti con ns. protocollo n*11171 del 24/01/2017, si trasmette la valutazione tecnica della competente Unita Organizzativa di questa Agenzia per consentire agli Enti in indirizzo ed al soggetto proponente le decisioni di merito. Distinti saluti MN Direttore FRANCO OLIVIERI Allega: File Astonade Pedemontana Lombard pf ‘iparsento i Nilana Vis Fp Jove 2 — 209 Mino = Te OU7NTRL = Fa OOTOTSAST Intrzzo ema: milnoarplombariint- Inbrzae PEC: dipanimentomlens apap eon lobar it Diparuseate di Menza Brian - Vie Slferno 16~ 20000 Mona - Tel: 039946311 - Fax 39/3946119 India ema: monzddarskenberiait- Indizz PEC: dipartimentomnzaarpaape eon lambada it Sede Leal: Plaszo Site - Vie Roslin, 17-20124 MILANO - Tel 02696661 - www arolobardat lombnriat MRP hmmm Again Regionale pela ProeconederAnbinte Dipartimenti di Milano © Monza Brianza U.O.C. Bonifiche e Auivit Estrattive Fascicolo 2017.6.77.198 Piano della caratterizzazione-Elaborazione del Modelo Concettuale e Analisi di Rischio Proposta di riperimetrazione del sito-Valutazione tecnica Autostrada Pedemontana Lombarda-Collegamento Autostradale tra A8 e A4-Tratta B2 Comuni di Meda, Cesano Maderno, Seveso, Bovisio Masciago, Barlassina e Desio Il Piano della Caratterizzazione del tratto B2 di Autostrada Pedemontana Lombarda, interferente con le aree interessate dall’evento accidentale ex ICMESA awenuto nel 1976 @ stato autorizzato con Decreto Regionale n° 8202 del 08/10/2015 e le modalita di esecuzione in contraddittorio con questa Agenzia sono specificate e condivise nel Protocolo Tecnico ARPA MI MB/PEDEMONTANA S.p.A. sottoscritto in data 22/04/2016. Le attivita di campo in contraddittorio hanno avuto inizio in data 03/05 e si sono concluse il 30/06/2016. Le attivita di sondaggio e di campionamento si sono svolte in ogni loro fase con la presenza del personale tecnico di questa Agenzia che ha proveduto, come prescritto, alla compilazione dei verbali di campionamento e sopralluogo nei quali sono stati annotate le attivita svolte, comprensive delle eventuali variazioni alla posizione dei sondaggi dovute ad esigenze tecniche e di sicurezza. Il documento “relazione tecnica descrittiva” trasmesso in allegato alla nota di Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. prot. 816/17 del 24/01/2017, ns. prot. n° 11171 in pari data, descrive nel capitolo 3.2 lo stato di qualita dei suoli risultante dalla caratterizzazione evidenziando in tabella 21 superamenti di tabella 1/A e 1/B in allegato 5 al Titolo V della Parte quarta del D.Lgs.152/06 con I'i jone, recependo quanto richiesto da questa Agenzia, del valore massimo ottenuto tra i due laboratori, quello di parte e quello di ARPA. Si condivide la metodologia utilizzata per la delimitazione delle sorgenti secondarie di contaminazione configurate secondo i poligoni di Thiessen. Uarea individuata costituisce pertanto, come riportato nel documento, quella di influenza di ciascun punto di campionamento risultato non conforme. sia di Milano - Vin Filippo Juvara 22 -20129 Milano ~ Tel: 02/748721 « Fax: 02/70124857 Anuiiezoc-mait:mitsno@®arpalomibardia it -Inziz0 PEC: dipartimencomiane spa pec regione Jombardiait Dinattinento di Monza Brianize - Vis Solferine 16 ~20900 Monza - Te: Q39/3046311- Fax 03979946319 Inietzza exis wnvaeaPaepalorsbardiait- Indiizzo PEC. cipantimentomenza.arpal pec regione lombaria.it Sede Legale: Palazzo Sistema - Via Rosclini, 17 - 20124 MILANO - Tel. 02 696661 - www.arpalombardin it Inlizzo e-mail: info@arpalombari it - Indiiceo PEC: ema(@pee regione Jombardin.it \2Ph- ‘Agari Rll pra Protezione der Ambi ipartimenti di Milano e Monza Brianza Si rileva che la delimitazione delle aree di influenza dei punti risultati contaminati, per le no stati utilizzati tutti i dati delle indagini svolte dal 2008 ad oggi, @ ricompresa nei confini del tracciato autostradale e delle aree di progetto che racchiudono il sito, cosi come gia individuato nel vigente procedimento. Riguardo a quanto Sopra si evidenzia che, sotto il profilo meramente tecnico, I'estensione dei poligoni di Thiessen sarebbe da individuare con modalita non correlate ai confini geografici deli’area di proprieta o di intervento per la realizzazione dell’opera autostradale. Tenuto conto della peculiarita del sito, della non responsabilita della contaminazione da parte del soggetto proponente e di quanto previsto dagli organi competenti nell’ambito del procedimento autorizzativo dell’ opera, si rimette all’Ente procedente la conferma sulla delimitazione del o dei siti oggetto della procedura ex Titolo V della Parte Quarta del D.tgs.152/06. Al fine di individuare tutte le aree potenzialmente contaminate la parte ha inteso attribuire alle diverse aree di progetto una destinazione d’uso verde/residenziale 0 commerciale/industriale, con riferimento alla tabella 1 in allegato 5 al Titolo V della Parte Quarta del D.Lgs.152/06, in ragione del loro effettivo utilizzo e della fruibilita da parte dell’utenza. Le modalita di approccio e le valutazioni effettuate sono in linea con quelle normalmente utilizzate in casi analoghi, ma anche in questo caso si rimanda alle competenti Amministrazioni Comunali e all’Ente procedente la conferma delle destinazioni d’uso adottate. La procedura utilizzata ha permesso di individuare 35 poligoni di Thiessen di potenziale contaminazione, alcuni sovrapposti tra loro. Il proponente prevede di rimuovere, a seconda che si tratti di aree ove il progetto prevede la realizzazione di opere in rilevato o in trincea, gli spessori di materiale risultato eccedente le CSC di riferimento e di applicare ’analisi di rischio per gli areali per i quali non é prevista la completa rimozione del terreno contaminato. Si concorda con lapproccio adottato specificando che gli spessori da rimuovere per escludere l’areale dall’applicazione delt‘analisi di rischio non dovranno riferirsi unicamente alle previsioni di progetto ma dovranno essere quelli risultati non conformi in ragione delle diverse profondit’ di indagine contemplate nel piano della caratterizzazione (Top soil, intermedio e profondo), criterio che appare in ogni caso adottato dal proponente in ragione di quanto specificato nel dettaglio del documento che identifica le aree escluse dalla procedura di AdR. Le valutazioni di dettaglio saranno comunque oggetto di istruttoria da parte di questa Agenzia alla presentazione del progetto di bonifica. \RP Lm ‘Ageia Regionale pola Proteins dell AmDiete Dipartimenti di Milano e Monza Brianza Si precisa che l'eventuale riperimetrazione del sito, con I'individuazione delle superfici degli areali nei quali insistono le sorgenti di contaminazione, dovra tenere conto non solo delle aree di influenza determinate dai poligoni di Thiessen, ma anche delle superfici necessarie alla realizzazione della bonifica, quali aree di stoccaggio, piste di transito, aree tecniche ecc... La procedura di riperimetrazione individuera gli areali specifici sottoposti al procedimento, escludendo di fatto tutte le altre are, e modificando la perimetrazione del sito nel suo complesso cosi come precedentemente stabilita nella fase di caratterizzazione. Si ricorda che in considerazione di quanto sopra, nella fase di bonifica ogni singolo areale dovra essere considerato come sito a sé stante, e pertanto la movimentazione dei materiall derivanti dalle operazioni di bonifica verso l'esterno dei diversi areali dovra essere effettuata nel rispetto delle norme vigenti. Le aree sottoposte a procedura di Analisi di rischio, in quanto escluse dalla totale rimozione del terreno contaminato, risultano essere solamente 7. Il software utilizzato @ Risk Net 2.0 | bersagli individuati sono I’industriale on site e residenziale off site per le aree di tracciato stradale e per le aree verdi di mitigazione a servizio autostradale, nonché residenziale on site e off site per le aree verdi di mitigazione, con possibilita di fruizione publica, e per le aree tecniche di cantiere; Adottando un criterio estremamente cautelativo in considerazione delle proprieta chimico iche del contaminante, le vie di migrazione considerate sono volatilizzazione vapori e polveri da suolo superficiale, volatilizzazione vapori outdoor da suolo superficiale, dispersione in aria e lisciviazione in falda da suolo superficiale e profondo; E’ stato escluso il percorso di esposizione diretta perché, secondo quanto riportato nel documento, in tutte le aree verranno adottate misure di taglio dei percorsi che garantiranno I'impossibilit de! contatto diretto. Si ritiene pertanto tale condizione essenziale per I'esclusione del percorso le cui modalité di esecuzione verranno valutate nelle successive fasi procedimentali riservandoci di proporre eventuali correttivi; ‘Ad esclusione di alcuni parametri di input ritenuti univoci per i diversi areali, per ognuna delle diverse sorgenti sono stati inseriti parametri sito specifici ottenuti ne! corso della caratterizzazione; Uelaborazione dell’AdR in modalita diretta evidenzia assenza di rischio in tutte le 7 aree sottoposte alla procedura, cosl come le CSR calcolate risultano superiori alle rilevate nelle specifiche sorgenti nel corso della caratterizzazione. 22 ee Regina pela Protzcne Ne consegue che negli areali in questione non risulta necessario alcun intervento di bonifica. Si specifica che i risultati ottenuti sono vincolati dal mantenimento delle condizioni poste alla base dell’elaborazione dell’analisi di rischio e che ogni variazione significativa a quanto esposto dovra necessariamente comportare la nuova elaborazione dell’AdR per Vareale interessato. In conclusione si valutano favorevolmente i documenti tecnici in esame con le indicazioni e considerazioni esposte nella presente, fatte salve le conferme richieste agli altri Enti competenti relativamente alla perimetrazione del sito ed alla destinazione d’uso, che sono condizione essenziale per la presente valutazione, I Tecnico istruttore Il Responsabile della U.O Fabrizio Tasatti Ing. Massimo Leoni ‘Responsable de procedimento: Ing. Massimo Leon, telefono 02/74872422; e-mail m.leonl@arpolombardlait ‘Responsable dell'struttoria: Fabrizio Tosatti telefono 02/74872442; e-malftosatti@arpalombordiest > Blear aageivh ach aM Ld ees Sistema Socio Sanitario Regione tom bardia ATS Brianza Satie del 7 B.2 20/1} DIREZIONE SANITARIA DIPARTIMENTO DI IGIENE E PREVENZIONE SANITARIA U.O. igiene Edilzia e Ambientale DESIO 20832-ViaNovana, 3 Te. 0362-304872/3 ~Teerax0362-304836 ua: dip.prev_medica@pec asimb it RIF. ‘Spett.le D.G. Ambiente, Energia e Sviluppo Soster Tutela Ambientale ATS Brianza Bonifiche e Siti Contaminati Al irigente: Elisabetta Confaloni ambiente@pec.regione.lombardia.it OGGETTO: Comuni: Barlassina - Boviso M.go - Cesano M.no — Desio - Meda -Seveso ~(MB). Progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori concernente le trate dello svincolo di Lomazzo, 81. 82, C e De opere di compensazione del Collegamento autostradale Dalmine-Como-Varese-Valico de! Gaggiolo e opere connesse. Conferenza dei Servizi art. 14 L. 241/90 e smi, e art. 13 LR1/2012 per I'approvazione del documento “Sito denominato RAO5-Trasmissione Modello Concettuale, identificazione dei livelli di concentrazione residua accettabili/Analisi di Rischio e proposta di Riperimetrazione de! Sito” delle aree influenzate dall'incidente lemesa, trasmesso dalla Soc. Autostrada Pedemontana Lombarda spa. Trasmissione osservazioni. ‘A seguito della convocazione di questa Agenzia Sanitaria ai lavori della conferenza dei Servizi per il procedimento in oggetto indicato indetta per il giorno 28/2/17, con la nota recante prot. T1.2017.0006646 del 06/2/17 pervenuta a questa Agenzia Sanitaria il 07/02/2017 e recante prot. n. 010994/17; © preso atto della documentazione trasmessa dalla Soc. Autostrada Pedemontana Lombarda spa con la nota prot. ATS n. 06299/17 del 24-1-17; © vista la “Relazione Tecnica Descrittiva” allegata al capitolo Modello Concettuale che illustra le conclusioni inerente lo stato di contaminazione dei suoli come risultante dalle attivita di caratterizzazione ambientale svolta negli anni precedenti, che ha permesso di individuare le sorgenti di contaminazione secondaria presenti; © sicondivide la metodica seguita per delimitare le sorgenti di contaminazione secondaria, effettuata in accordo con linee Guida ISPRA mediante t'utilizzo dei poligoni di Thiessen. Mediante tale procedura sono stati individuati 35 poligoni con il suolo potenzialmente contaminato; © si prende atto della delimitazione deli'estensione dei poligoni di Thiessen limitata al perimetro deliinfrastruttura oggetto di progetto anche se alcuni punti oggetto di indagine risultati contaminati, ricadono all’esterno delle aree di progetto; © per quanto concerne le destinazioni d’uso delle aree risultate contaminate con valori al di sopra delle CSC ed oggetto della procedura ex Titolo V della Parte Quarta del .Lgs. 152/06 e smi, assunte dal proponente per la conduzione dell’ Analisi di Rischio Ambientale, se ne richiede conferma alle rispettive Amministrazioni Comunali; © [a societa proponente prevede un intervento di tipo misto per il raggiungimento degli obbiettivi di bonifica per rendere il sito non contaminato, mediante il raggiungimento delle CSC ove il progetto dell'opera prevede gia opere di scavo o in rilevato propone Fasportazione della porzione di strato di terreno contaminato fino al raggiungimento delle CSC di riferimento per il tipo di area, mentre ‘Agenzia di Tutela della Salute (ATS) della Brianza Sede legale e territoriale: Viale Elvezia 2 - 20900 Monza - C.F. e Partita IVA 09314190969 ‘Sede territoriale di Lecco: C0 C. Alberto 120 - 23900 Lecco protocollo@pec.ats-brianza.it Pag. 1.612 Sistema Socio Sanitario J.| Regione Lombardia ATS Brianza DIREZIONE SANITARIA DIPARTIMENTO D1 IGIENE E PREVENZIONE SANITARIA U.0. Igiene Edlzia e Ambientale DDESIO 20832 - Via Novak 3. 0362-304872/3 ~Tesr4x 0362-304836 eat: dip.prev_medica@pec.asimb it propone la valutazione di eventuali rischi residui mediante l'esecuzione dell’Analisi di Rischio Sanitaria Ambientale determinano le CSR, per le aree in cul non sono previsti a progetto interventi di movimentazione dei terreni, provvedendo al solo scotico del top-soil di 20 cm. © a conclusione delle precedenti valutazioni il proponente ha individuato 7 aree potenzialmente contaminate a cui é stata applicata Analisi di Rischio Sanitaria Ambientale mediante ’utilizz0 del software RISK-NET 2.0; ‘2° nel modello concettuale adottato sono state considerate in maniera cautelativa le varie vie di esposizione dei probabili recettori sia per il suolo superficiale che per il suolo profondo; © si prende atto dei risultati dell’AdR condotta in modalita diretta, la quale evidenzia l'assenza di rischio per tutte le 7 aree analizzate mediante tale procedura, infatti le CSR risultano maggiorl della concentrazione rappresentativa di ciascuna sorgente determinata dalle attivita di indagine e caratterizzazione; ‘© ribadito che i risultati ottenuti con AR restano validi e vincolati al mantenimento delle ipotesi concettuall assunte alla base dell'AdR e ogni variazione che possa modificame | risultati deve comportarne una nuova elaborazione; per gli aspetti sanitari di competenza di questa A.T.S. pur condividendo in linea di principio sia il modelo concettuale che I'AdR, proposta si formulano le seguenti osservazioni: 1. Ia rappresentazione grafica degli aerali oggetto di interventi di bonifica o di AdR dovra essere redatta con planimetrie di dettaglio in scala adeguata rispetto a quella proposta, si evidenzia la notevole difformita sia geometrica che di collocazione spaziale dell'zerale equivalente della sorgente A25 ; 2. per quanto concerne il parametro Bo inalazione out-door si chiede di utllizzare i valori pari a 1,5. 1 ‘m3/h rispettivamente per 'adulto e bambino per condurre AdR; 3. per quando concerne aver escluso all'AdR Il percorso di esposizione diretta per quelle aree in cul si prowede al solo scotico del top-soil di 20 cm, quale taglio del percorsi, si ritiene tale soluzione poco cautelativa, pertanto si chiede che venga condotta AdR su tali areali attivando il percorso di contatto diretto, oppure si dovra incrementare adeguatamente lo spessore di terreno di riporto; 4, in ultimo si osserva che a differenza di quanto era emerso nel precedent! incontri tecnicl in merito alla presente procedura, 'area presunta in cui ricade la “fossa di stoccaggio animali abbattuti” ubicata nella zona sud del Comune di Cesano M.no, verrebbe a ricadere al disotto del tracciato stradale, all’interno del presente documento non é stata proposta alcuna attivita di indagine specifica ne di valutazione det potenziali rischi eventualmente indotti dalla futura presenza di carichi su tale manufatto. Nel rimanere a disposizione ove si rendessero necessari ulteriori chiarimenti, si porgono distinti saluti. II Responsabile dell'U.O. I Direttore del Dipartimento Igiene Editizia « Ambientale di Igiene e Prevenzione Sanitaria (ing. Raffaele Manna) (Dr. Roberto Cecchetti) Responsable dol procedimens# di U.O. Dr. Roberts Cacchot 0282 304808 Praia atta da Ing. Ralone Manna eh 0962 304808 ‘Agenzia di Tutela della Salute (ATS) della Brianza Sede legale e territoriale: Viale Elveria 2 - 20900 Monza - C.F. e Partita IVA 09314190969 Sede territoriale di Lecco: C.so C. Alberto 120 - 23900 Lecco, protocollo@pec.ats-brianza.t -Pag.2d12 Diote ocpuiits vee oH dHh borlef iiss Li Noite’ del BB2.2017 ‘Comuni di BARLASSINA - BOVISIO MASCIAGO - CESANO MADERNO - DESIO ~ MEDA - SEVESO - MB. Progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori concernenti le Tratte Svincolo di Lomazzo, B1, B2, C e D e opere di compensazione del Collegamento autostradale Dalmine - Como - Varese - Valico del Gaggiolo e opere ad esso connesse. Conferenza di Servizi art. 14 legge 7 agosto 1990, n. 241, smi, @ art. 13 della Lr, 12012, per "approvazione del documento "Sito denominato RAQS — Trasmissione Modello Concettuale, Identificazione dei livelli di contaminazione residua accettabile/Analisi di Rischlo e proposta di Riperimetrazione de! Sito” delle Aree influenzate dall'incidente ICMESA, trasmesso dalla Sc Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. CONFERENZA DEI SERVIZI DEL 28.02. 2017 PARERE DEI COMUNI Di BARLASSINA, SEVESO, CESANO MADERNO, BOVISIO MASCIAGO, DESIO Gli scriventi Comuni, in relazione ai documenti trasmessi da Autostrada Pedemontana Lombarda, ad integrazione del Progetto Esecutivo e del Piano di Caratterizzazione Tratte B2 e C, denominati Elaborazione del Modello Concettuale de! Sito e Identificazione dei Livelli di Concentrazione Residua Accettabile — Analisi di Rischio, sulla base della richiesta formulata da Regione Lombardia nella Riunione Tecnica del 19.10.16, prendono atto del'elaborazione condotta e condividono la metodica ulilizzata per la perimetrazione delle aree potenzialmente contaminate, allintermo delle aree di intervento autostradale, prend@pjo atto dellidentifcazione di 35 poligoni caratterizzati da superamenti della soglia di 10 ngE/kg nelle aree a destinazione d'uso verdelresidenziale (Concentrazione Soglia di Contaminazione “A” ex D.Lgs. 152/08) ¢ da ‘superamenti della soglia di 100 ngE/kg nelle aree a destinazione d'uso industriale (CSC “B" D.Lgs. 162/06). Si intende sottolineare, perd, che nellelaborazione del MCS e dell AR, si fa riferimento pid volte ad un Progetto Esecutivo che nella sua versione “finale” condiziona e definisce le potenziali interazioni degli interventi relativi alla realizzazione del'autostrada e delle opere connesse, particolarmente per quanto riguarda il sedime occupato e la quota altimetrica degli interventi. L'Analisi di Rischio, in particolare, viene sviluppata in funzione delle aree che non saranno oggetto di bonifica (‘geotecnica 0 propriamente detta) sulla base delle risultanze analitiche della caratterizzazione ma con riferimento al “progetto esecutivo’. Risulta fondamentale, pertanto, conoscere questo progetto per valutare ed esprimere un proprio parere. Nel documento “Modello Concettuale del Sito" ritroviamo un passaggio per il quale “A fronte dei risultati della caratterizzazione il progetto esecutivo dell’opera potrebbe subire delle ottimizzazionf’. Troviamo anche una considerazione finale “ ’individuazione delle aree deriva da valutazioni legate alle concentrazioni di diossina emerse dallattvita di caratterizzazione, e dalle specifiche caratteristiche de! progetto esecutivo. ‘Sulla base di esse sono infatti stati redatti il presente MCS e la successive AdR, owero non sono in tale fase contemplabili eventuali interventi futuri non previst! dal progetto”. “I limiti laterali di queste aree (oggetto di caratterizzazione) sono definiti dalle piante scavi di Progetto Esecutivo” ma, i Comuni dispongono come ultima informazione in merito, del "Piano di gestione delle terre © rocce di scavo", elaborato nel febbraio 2009, i cui contenuti (movimentazione di oltre 4 milioni di metri cubi di terre) sono stati, verbalmente, ritenuti superati nelle Conferenze dei Servizi del Piano Di Caratterizzazione. ‘Anche in funzione deli'affermazione “L’autostrada dal punto di vista altimetrico infatt! nel primo tratto risulta in rilevato", & fondamentale sapere sino a dove e come tale il "nuovo" progetto modifchi 'interazione con i terreni contaminati da diossina. E' fondamentale, quindi, conoscere il “progetto esecutivo” In ogni caso anche nel tratto “in rilevato' sono previste operazioni di “bonifica” laddove le concentrazioni di diossina definite cn la Caratterizzazione abbiamo rilevato superamenti dei limiti delle CSC relative alla destinazione 'suo del'area nel Top Soil o nello spessore sino 80 cm oggetto di “Bonifica Geotecnica’ Sarebbe da chiarire, infine, il significato della frase ‘la progettazione esecutiva ha tenuto in stretta considerazione tutte le aree che negli anni, sono state variamente interessate da interventi di ricollocamento terre provenienti da interventi di bonifica’, se cid si riferisse anche ad aree esterne al “Bosco delle Querce”. Come conseguenza della richiesta formalizzata da Regione Lombardia, in occasione della riunione tecnica del 19 Ottobre 2016, di procedere alla perimetrazione delle aree contaminate, & previsto che, su di esse, venga elaborato un Progetto Operativo di Bonifica, i cui contenuti sono anticipati dal MCS e dal documento di Analisi di Rischio. Ma sono proprio le aree per le quali non saranno previste attivita di bonifica, quelle che possono essere sottoposte ad Adr, mentre il documento trasmesso gia individua le aree interessate. | contenuti del POB, i dettagli delle operazioni prospettate, la perimetrazione ¢ la quantificazione delle are di bonifica sono elementi fondamentali per la valutazione dei contenuti dell’Analisi di Rischio, a partire dalla individuazione delle are assoggettate in quanto escluse dalle operazioni di bonifica. Elementi che sono altrettanto importanti quanto la conoscenza de! Progetto Esecutivo del’opera che definisce gli areali di potenziale interferenza dei terreni contaminati con I'ntervento autostradale e le opere connesse. Per quanto sopra gli scriventi prendono atto dei contenuti del Modello Concettuale del sito e della perimetrazione delle aree contaminate, come risultanti dal'applicazione delle etaborazioni dei risultati del Piano di Caratterizzazione; esprimono altresi parere favorevole all'impostazione metodologica ed alle modalita di elaborazione dell’Analisi di Rischio riservandosi di esprimere il proprio parere sulle definizione delle aree da sottoporre ad AdR, a seguito della presentazione del progetto esecutivo della tratta B2, con il quale si rapportera Analisi di Rischio, unitamente alla presentazione del Progetto Operativo di Bonifica per le aree dove saranno previste attivita da bonifica, Lattuazione de! POB riteniamo, infine, non potra essere contestuale agli scavi relativi agli interventi: di progetto in quanto la procedura di bonifica dovra anticipare i lavori, con la rimozione dei terreni contaminati, il collaudo del fondo scavo e l'attestazione del raggiungimento delfobiettivo di qualita per la destinazione duso del’area, Operazioni che dovranno essere effettuate anche per tutte le opere cosidette di mitigazione ad Autostrada Pedemontana anche nelle aree esterne agli interventi di cui al progetto esecutivo della tratia B2.e © . Per i comuni di Barlassina Saveso Cesano Maderno Bovisio Masciago Desio Piazza Municipio, 4 ~20821 Meda (Mb) vwwrw.comune.meda.mb it Bree 2 equ, oa Sindaco aK! LM Lor [olen del (22.2 2e17 Sati Spett.Le Regione Lombardia Meda, 28/02/2017 Oggetto: Progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori concernenti le Tratte Svincolo di Lomazzo, BI, B2, C e D e opere di compensazione del Collegamento autostradale Dalmine — ‘Como — Varese — Valico del Gaggiolo e opere ad esso connesse. Conferenza di Servizi art.14 legge 7 agosto 1990, n.241, s.m.i., e art.13 della Lr. 1/2012, per l'approvazione del documento “Sito denominato RAOS — Trasmissione Modello Concettuale, Identificazione dei livelli di contaminazione residua accettabili/Analisi di Rischio e proposta di Riperimetrazione del Sito” delle Arce influenzate dall’incidente ICMESA, trasmesso dalla Societd Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. In relazione alla documentazione relativa alla caratterizzazione dei siti interessati da contaminazione derivante dall’incidente ICMESA che fanno parte delle aree a loro volta interessate dalla realizzazione dell’ Autostrada pedemontana Lombarda richiamando i contenuti del proprio parcre espresso in apertura dei lavori della conferenza di servizio sul piano di caratterizzazione delle are suddette, rilevato che le attivita verranno svolte con espresso riferimento ai vincoli e norme di cui al Digs 152/2006 e suoi allegati, si esprime per quanto di competenza parere favorevole all’approvazione del progetto presentato. Il Sindaco Giovanni Gruseppe Caimi lavori pubblici@comune.meda mb.it- Tel. 0362 396350 Fax 0362 75252