Sei sulla pagina 1di 7

Emittente TV

VIDEO
Canale 286

Canale 678

Quotidiano della Provincia di Siracusa

Sicilia

66

mail: libertasicilia@gmail.com
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
venerd 20 gennaio 2017 Anno XXx N. 16 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit locale: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 1,00
www.libertasicilia.it

Vasta attivit preventiva sulla detenzione di armi in tutta la provincia aretusea

Carabinieri, sequestrate
nel 2016 pi di 360 armi
16 sono state le persone arrestate e 87 quelle denunciate
L
a brillante attivit
vestigativa condotta

vermexio

indai
Carabinieri di Augusta
conclusasi pochi giorni fa
con unoperazione in cui
stato arrestato su provvedimento cautelare emesso
dallautorit giudiziaria, un
giovane pregiudicato di
Lentini per detenzione di
stupefacente e di due kalashnikov, armi da guerra
tristemente note per la loro
pericolosit, lennesimo
riscontro
dellattenzione
posta dal Comando Provinciale dei Carabinieri di
Siracusa nellattivit.

Il consorzio Ambiente
2.0-Tech Servizi chiede
lappalto igiene urbana
T

orna in primo piano la


gara per laffidamento del
servizio di igiene urbana in
citt, il consorzio Ambiente
2.0 - Tech Servizi ha chiesto
allamministrazione
comunale di perfezionare
laffidamento dellappalto
per il servizio di spazzamento, raccolta e trasporto
dei rifiuti differenziati e indifferenziati del Comune di
Siracusa per la durata di 7
anni. Lo ha fatto attraverso
una lettera formale inviata,
tra gli altri, al primo cittadino, Garozzo e allufficio regionale per lespletamento
delle gare per lappalto di
lavori pubblici.
Il riferimento al contenzioso che scaturito
dallaggiudicazione
dellappalto.
La
prima
udienza, fissata dal Tar per
trattare il ricorso.
A pagina quattro

In foto, una parte di armi sequestrate.

politica

A pagine due

ritornare il mercato
ittico a Siracusa, lidea del
deputato regionale Giambattista Coltraro che trova.
A pagina quattro

Piano Giovani,
al via la seconda
finestra
R

iattivata procedura per


la seconda finestra del Piano Giovani destinata a 800
tirocinanti. Ad annunciarlo
stato lassessore regionale
allIstruzione e alla Formazione professionale, Bruno
Marziano.

uova udienza luned per il processo a carico di funzionari e dipendenti dellInda accusati, a vario titolo di truffa aggravata per il
conseguimento di erogazioni pubbliche in concorso e di falso in
atto pubblico in concorso. Gli imputati compariranno davanti al gup
del tribunale di Siracusa, Carmen Scapellato.

A pagina tre

A pagina cinque

In foto, Palazzo della Corte di Cassazione.

Servizio civico pubblicato


lavviso per lanno 2017

politica

ontinua limpegno
dellassessorato alle Politiche
Sociali con attivit,
interventi e progetti
di supporto alle parti pi sfavorite della
societ siracusana.

Il

Comune di Siracusa,
nonostante le avvertenze
dellAnac e la Delibera della stessa Anac.
A pagina tre

Contributi Inda,
Corte Cassazione
rigetta ricorso

regione

Si punta a rilanciare Bando servizio


la marineria
idrico, il Comune
siracusana
brancola nel buio
Deve

La Procura, ci sono gli elementi probatori

Da sinistra: Castagnino, Alota e lon. Vincenzo Vinciullo

A pagina tre

Focus 2
L
a brillante attivit
investigativa condot-

ta dai Carabinieri di
Augusta conclusasi
pochi giorni fa con
unoperazione in cui
stato arrestato su
provvedimento cautelare emesso dallautorit giudiziaria, un
giovane pregiudicato
di Lentini per detenzione di stupefacente
e di due kalashnikov,
armi da guerra tristemente note per la
loro pericolosit,
lennesimo riscontro
dellattenzione posta
dal Comando Provinciale dei Carabinieri
di Siracusa nellattivit di contrasto alla
detenzione
illegale
delle armi che viene
giornalmente compiuta dai militari dellArma nel territorio di
competenza. Solo nel
2016 i servizi svolti,
anche con lausilio
delle unit cinofile,
hanno consentito ai
Carabinieri di sequestrare 114 armi detenute illegalmente a
qualsiasi titolo, e che
avrebbero potuto essere utilizzate per il
compimento di numerosi reati.
Nellanno appena trascorso, complessivamente sono state sottratte alla circolazione
pi di 360 le armi da
fuoco, tra fucili, pistole/rivoltelle, e quasi
1500 le cartucce di
vario calibro, sequestrate, ritirate cautelativamente o versate
volontariamente dai
cittadini per la distruzione; ben 16 sono
state le persone arrestate e 87 quelle
denunciate in stato
di libert allAutorit
Giudiziaria,
poich
responsabili a vario
titolo di porto e detenzione illegale di armi
comuni e da sparo,
alterazione di armi,
detenzione e porto di
arma clandestina.
Buona parte delle
armi e delle munizioni sono state ritirate
cautelativamente
a
persone, resisi responsabili di dei reati
di stalking, maltrattamenti in famiglia, minacce, ecc., soggetti
ritenuti potenzialmente capaci di abusarne.
questultimo provvedimento cautelare,
rispondente a prioritarie esigenze di tutela della pubblica e
privata incolumit e
finalizzato a prevenire la commissione di
reati e, in generale, di
fatti lesivi della pubblica sicurezza, che
risulta certo di non facile applicazione ed
quindi frutto di attenta
ponderazione e di rigorosa valutazione di
qualsiasi circostanza
che consigli ladozione del provvedimento poich incide nella

Sicilia 20 gennaio 2017, venerd

16 sono state le
persone arrestate
e 87 quelle denunciate in stato di
libert allAutorit
Giudiziaria, poich
responsabili
a vario titolo di
porto e detenzione illegale di armi
comuni e da sparo
In foto, una parte
di armi sequestrate

Sequestrate nel 2016


dai Carabinieri
pi di 360 armi

Vasta attivit preventiva sulla detenzione


di armi in tutta la provincia aretusea
sfera soggettiva dei
diritti di libert, in parte
limitandola.
La materia delicata e
risponde ad una serie
di disposti normativi
contemplati nellambito del Codice Penale,
del Testo Unico delle
Leggi di Pubblica Sicurezza (T.U.L.P.S.),
di provvedimenti normativi tra cui la Legge
18 aprile 1975, n. 110
ed il D.lgs. 29 settembre 2013 nr. 121 relativo al controllo delle
modalit di acquisizione e detenzione di
armi.
Diverse sono anche le
motivazioni alla base
dei
provvedimenti
di sequestro che, in
parte, rispondono a
dettami dellA.G. in
relazione ad armi e
munizioni costituenti a vario titolo corpo
di reato, oppure a disposizioni di natura
preventiva/cautelare
a seconda che le armi
siano di pertinenza
al reato. Basilare allo
scopo si rivela lattivit
informativa a cura del
personale dellArma in
servizio alle Stazioni
che, pi di tutti, si trova a stretto contatto
con la popolazione.
Un plauso merita certamente la sensibilit
dei cittadini verso la
detenzione e possesso di armi da fuoco.
Sono infatti numerose, tra fucili e pistole,
efficienti o meno, le
armi consegnate dai
privati presso i vari
Comandi
Stazione
Carabinieri
dislocati

nella Provincia, poich rinvenute allinterno di abitazioni di


vecchia costruzione
o, il pi delle volte,
avute in eredit da
precedenti detentori
ma che, comunque,
si preferisce non tenere. Il loro destino
la distruzione in appositi centri specializzati
dellEsercito Italiano
dove, con specifici
servizi, vengono indirizzate periodicamente dal Comando Provinciale Carabinieri di
Siracusa.
Riguardo il delicato
settore utile fornire
al cittadino alcuni utili
consigli. E pi precisamente:
prima di detenere un'arma si deve
comprarla e per fare
ci la legge impone
il possesso di unautorizzazione di polizia: Licenza di porto
d'armi o Nulla osta.
Lautorizzazione serve anche a chi riceve
larma in eredit o da
un privato. Poich la
denuncia di detenzione ha uno scopo
diverso dalla licenza
di porto darmi, anche chi munito di
questultimo titolo
tenuto alla denuncia,
comunicazione obbligatoria per informare
l'Autorit di pubblica
sicurezza sul luogo in
cui le armi e le munizioni verranno custodite;
il porto d'armi o il
nulla osta occorrono
anche per acquistare
armi proprie diverse

Sicilia 3

20 gennaio 2017, venerd

da quelle da sparo
quali, ad esempio,
spade, pugnali, sciabole, stiletti, sfollagente, mazze ferrate,
bastoni animati, storditori elettrici, tirapugni, ecc.. Per questo
genere di armi la legge impone l'obbligo
della denuncia e non
prevede limiti nella
quantit e, di conseguenza, non necessita dell'ulteriore licenza
di collezione;
acquistata l'arma o le
munizioni, queste devono essere immediatamente denunciate
in Questura, in Commissariato, o presso
i Comandi Stazione
Carabinieri nei territori
in cui non presente
un Commissariato di
P.S.;
le armi e le munizioni vanno conservate
adottando ogni possibile cautela e modalit
di custodia potenzialmente idonee ad impedirne la sottrazione.
Ci significa che preferibile dotarsi di una
cassaforte a muro o
di un armadio blindato
al cui interno riporre i
fucili e, soprattutto le
pistole, generalmente
pi appetibili per i malintenzionati;
assicurarsi che la
cassaforte e/o larmadio siano ancorati al
muro, per evitare che
vengano caricati dai
malintenzionati direttamente e velocemente su un mezzo ed
aperti in seguito con
pi calma ed in luogo
pi sicuro;

non custodire armi


e/o munizioni riponendole negli armadi tra
i vestiti, sopra le ante
dei mobili, allinterno
di teche in vetro, sotto
al letto, o in ogni altro
luogo a vista o facilmente raggiungibile.
Occultare in luogo
separato le chiavi di
apertura delle casseforti o degli armadi,
meglio se portate al
seguito;
detenere le armi/
munizioni nellabitazione in cui si dimora
stabilmente
(evitare
di denunciare la detenzione di armi nelle
c.d. seconde case,
disabitate per diversi
periodi di tempo);
non si possono consegnare armi a minori,
incapaci di intendere
o volere, a chi non
ha licenza di porto
d'armi, alle persone
dedite all'alcool o agli
stupefacenti, o ancora
a persone con turbe
psichiche, dunque a
tutti quei soggetti che
potrebbero creare un
pericolo per se stessi
o per gli altri;
per lacquisto delle
armi ad aria compressa o gas con potenza
inferiore ai 7,5 joule
e repliche di armi ad
avancarica a colpo
singolo non occorre
alcun titolo essendo
sufficiente dimostrare
la maggiore et, ad
eccezione di quelle
in grado di sparare a
raffica o in grado di
sparare sfere di plastica contenenti liquidi
macchianti destinate

ai giochi di guerra;
il D. Lgs. n. 204 del
2010 ha introdotto
lobbligo di denuncia
anche per la detenzione di parti indispensabili al funzionamento
dellarma (la canna, il
fusto o la carcassa, il
carrello o il tamburo,
l'otturatore o il blocco
di culatta,) nonch dei
silenziatori per arma
da fuoco;
per trasporto si deve
intendere lo spostamento delle armi fuori
dalla propriet privata, senza averne la
disponibilit
all'uso
(es. l'arma chiusa nel
portabagagli); solo i
titolari delle licenze di
porto d'armi per difesa
personale
possono,
invece, portare l'arma
per farne uso. I titolari
di porto di fucile uso
caccia sono legittimati
a farlo solo per andare
a caccia (ovviamente,
in questo caso, il porto limitato alle sole
armi da caccia e alle
discipline ad essa collegate);
il titolare di un nulla
osta autorizzato a
trasportare l'arma solo
dal luogo di acquisto a
quello di detenzione,
mentre chi ha un qualsiasi porto d'armi pu
trasportare fino ad un
massimo di 6 armi
contemporaneamente
senza vincoli di orario
o di percorso;
il D.lgs. 29 settembre
2013 nr. 121, entrato
in vigore il 5 novembre 2013, ha introdotto per i meri detentori di armi, non titolari
di abilitazioni al porto,
l'obbligo di produrre
la certificazione medica di idoneit psicofisica alla detenzione
prevista dall'art. 35
del T.U.L.P.S. per il
rilascio del Nulla Osta
all'acquisto di armi,
rilasciata dal settore
medico-legale
delle
A.S.P., o da un medico militare o della
Polizia di Stato o del
Corpo Nazionale dei
Vigili del Fuoco.
Pertanto, ogni cittadino che detenga
unarma presso il proprio domicilio, non in
possesso di licenza
in corso di validit di
porto darmi per difesa personale, di porto di fucile per uso
caccia od uso sportivo, dovr presentare
presso la Questura
ed i Commissariati
di P.S. oppure, ove
non presenti, presso
il Comando Stazione
dellArma dei Carabinieri competente per
territorio, il previsto
certificato medico. In
caso di mancata presentazione, ne conseguir una diffida e,
successivamente, la
segnalazione al Prefetto per leventuale
revoca dellautorizzazione alla detenzione.

La segreteria provinciale
del Pd da prova
di vecchie logiche
prive di lungimiranza
e di innovazione

Ancora una volta, la segreteria


provinciale del Pd, invece, che tendere all'unit, senza alcuna remora
di natura politica, da prova di vecchie logiche prive di lungimiranza
e di innovazione, cos in una nota
Michelangelo Giansiracusa, componente assemblea regionale PDarea Renzi Siracusa.
Dopo le epurazioni unilaterali,
pare abbiano deciso di nominare
la commissione per il tesseramen-

to lasciando completamente fuori la


componente renziana del pd, quella
che fa riferimento al sottosegretario
Faraone.
Inaccettabile per chi, come noi,
nonostante i soliti giochi e gli stessi
identici nomi da venti anni a questa
parte, continua a credere in una sinistra moderna, resiliente e capace
di incidere nella vita dei cittadini.
A questi cittadini e a tutti coloro che
amano il Partito Democratico ci ri-

SiracusaCity

volgiamo per contribuire ad una dialettica costruttiva all'interno del partito. Non possiamo, tuttavia, che
stigmatizzare la decisione della segreteria provinciale. Le commissioni
per il tesseramento devono essere
garanzia di tutte le aree, invece, si
privilegia inserire due componenti
della stessa area (Biamonte/Sudano) per lasciarne una completamente fuori. Tesseramento che gi
viziato nei metodi e nella sostanza.

Servizio civico
pubblicato avviso
Lintervento economico, il cui importo
massimo di 500 euro ed finalizzato al
reinserimento dei soggetti svantaggiati

ontinua limpegno dellassessorato alle Politiche


Sociali con attivit,
interventi e progetti
di supporto alle parti pi sfavorite della
societ siracusana.
Ieri infatti stato
pubblicato
lavviso, sottoscritto insieme al sindaco
Giancarlo Garozzo,
finalizzato allinclusione sociale a contrasto della povert
attraverso
lassegno economico per
Servizio Civico in
favore di persone
che versino in un
particolare stato di
emarginazione
o
grave disagio: lo
dichiara lassessore
Giovanni Sallicano.
Lintervento economico, il cui importo
massimo di 500
euro ed finalizzato al reinserimento
dei soggetti svantaggiati,
prevede
lo svolgimento di
attivit
lavorative
a carattere socioassistenziale, quali
quelle di supporto
al
miglioramento dei servizi comunali, le piccole
manutenzioni
di
edifici comunali, le
manutenzioni di arredamenti e attrezzature
dellEnte.
Sar svolta per 50
ore
complessive,
articolate su 3 giorni settimanali, per 5
ore giornaliere.
Destinatari
del
Servizio
civico
sono i nuclei familiari o le persone
sole e/o con figli
minori con grave
disagio e a rischio

di grave emarginazione sociale, residenti in citt, di et


compresa tra i 18 e
i 65 anni, nei limiti
di un solo componente a famiglia,
che dichiarino la disponibilit al lavoro
allatto della domanda, producano
idonea certificazione ISEE, completa
di
Dichiarazione
Unica Sostitutiva in
corso di validit, e
che abbiano lidoneit
psico-fisica
attestante la capacit a svolgere
le attivit oggetto

dellavviso.
La domanda dovr
essere presentata,
entro trenta giorni
dalla pubblicazione
del bando e, quindi,
entro il prossimo 18
febbraio esclusivamente
attraverso

Il

Procedendo di proroga in proroga, rifiutandosi di predisporre gli atti

Comune
di
Siracusa, nonostante
le avvertenze dellAnac e la Delibera della stessa Anac, con
la quale viene diffidato dal proseguire con
la gestione nei modi
e nelle forme attualmente in essere, non
ha ancora predisposto il bando di rilevanza europea per la
gestione del servizio
idrico della citt di
Siracusa. Lo denunciano lon. Vincenzo
Vinciullo, Presidente
della Commissione
Bilancio e Programmazione allARS e i
Consiglieri Comunali
Fabio Alota e Salvatore Castagnino.
Ancora una volta,
siamo costretti a richiamare lattenzione dellAmministrazione Comunale su
questa vicenda per
ribadire la necessit
che si predisponga il
bando, che deve essere ad evidenza europea, perch non
possibile che si possa procedere con la

In foto, lassessore Giovanni Sallicano.

lapposito modulo
disponibile presso
gli uffici delle Circoscrizioni di appartenenza, allegando
la documentazione
richiesta.
La graduatoria, fino
allesaurimento del-

le risorse disponibili
(che
dovrebbero
soddisfare oltre 200
richiedenti), verr
redatta in base al vigente Regolamento
comunale che disciplina il servizio di
Assegno Civico.

Bando per gestione del servizio idrico


il Comune brancola nel buio

Da sinistra: Salvatore Castagnino, Fabio Alota e lon. Vincenzo Vinciullo

gestione del servizio


idrico cos come sta
accadendo adesso.
Stupisce che dopo
gli interventi dellAssessore al ramo,
che aveva sollevato
perplessit sulla lettura corretta da parte
nostra della Delibera
dellAnac, si possa
procedere ancora in
questo modo, come

se anzich amministrare un Ente pubblico si amministrasse


una masseria.
Per questo, hanno
concluso
Vinciullo,
Castagnino e Alota, saremo costretti
a rivolgerci nuovamente allAnac, per
ribadire il fatto che la
gestione di un servizio pubblico non pu

esser affidato intuitu


personae, ma attraverso un bando di
gara a cui tutti possono
partecipare,
per far s che vi sia
la maggiore convenienza possibile per
tutti i cittadini che
sono costretti a subire costi altissimi nella
gestione del servizio
idrico.

regione

Piano Giovani,
al via
la seconda
finestra
Riattivata

procedura per la seconda finestra del


Piano Giovani destinata a 800 tirocinanti. Ad annunciarlo
stato lassessore
regionale allIstruzione e alla Formazione professionale,
Bruno Marziano.
In 79 hanno gi rinunciato ad aderire
e attualmente, dei
721 giovani rimanenti, per 227 stata gi completata
la verifica e le imprese sono pronte
ad assumerli, per i
restanti 494 si sta
verificando la disponibilit sia dei
tirocinanti che delle
aziende.
Il quadro definitivo
del Piano Giovani
regionale vede 335
tirocinanti nella prima finestra, di cui
25 gi impiegati, ed
altri 721 nella seconda finestra.
Con lattivazione
delle procedure della seconda finestra
ha dichiarato lassessore regionale
Bruno Marziano -,
pi di mille giovani potranno essere
immessi nel mondo
del lavoro e procedere con il loro
tirocinio. A conclusione della II finestra questo assessorato si ripromette
di avviare la terza e
conclusiva finestra
che riguarder un
numero di giovani
variabile in grado di
completare il monte
totale di tirocinanti stabilito in 2 mila
200 giovani. Esprimo
soddisfazione
perch quello che
sembrava un diritto
negato si trasformato nella possibilit data a tanti
giovani siciliani di
formarsi professionalmente in ambito
lavorativo.

SiracusaCity 4

Sicilia 20 gennaio 2017, venerd

Il consorzio Ambiente 2.0-Tech Servizi


chiede al Comune lappalto igiene urbana
Lo ha fatto attraverso una lettera formale inviata,
tra gli altri, al primo cittadino e allufficio
regionale per lespletamento delle gare

orna in primo piano la gara per laffidamento del servizio di


igiene urbana in citt,
il consorzio Ambiente
2.0 - Tech Servizi ha
chiesto
allamministrazione comunale
di perfezionare laffidamento dellappalto
per il servizio di spazzamento, raccolta e
trasporto dei rifiuti
differenziati e indifferenziati del Comune
di Siracusa per la durata di 7 anni. Lo ha
fatto attraverso una
lettera formale inviata, tra gli altri, al primo
cittadino, Garozzo e
allufficio
regionale
per
lespletamento
delle gare per lappalto di lavori pubblici.
Il riferimento al contenzioso che
scaturito dallaggiudicazione dellappalto.
La prima udienza, fissata dal Tar per trattare il ricorso della ditta
Igm Rifiuti industriali,
stata fissata per il
20 aprile, mentre si
in attesa della fissazione delludienza,
sempre davanti al Tar,
per il ricorso presentato dalla seconda
classificata, la Tekra.
Partendo, quindi, dal

fatto che i tempi per


lemissioni delle sentenze sia lungo, la
societ Ambiente 2.0
ha messo nero su
bianco la richiesta di
perfezionare laffidamento con subentro
allattuale esecutrice
a far data dal primo
marzo. Lazienda fa
notare che il termine
di stand still (leffetto sospensivo della
stipula del contratto
pubblico) gi decorso rispetto allaggiudicazione dellappalto avvenuto nel
mese di novembre. Il
Comune, nellattesa
dellesito dei ricorsi al
Tar, ha dato una proroga allIgm che scade il 28 febbraio. In
alternativa, la societ
Ambiente 2.0 ha fatto
presente al Comune, qualora ritenga
di dovere attendere la definizione del
contenzioso prima di
pro- cedere alla contrattualizzazione
di
essere disponibile a
subentrare allattuale esecutrice Igm.
Limpresa ha anche
chiesto al Comune
lelenco del personale che ha il diritto al
passaggio diretto.

Sopra, la raccolta smaltimento rifiuti.

E venuto a mancare il proprietario di Villa Politi

Stamane i funerali
di Giuseppe Carpenzano

E venuto a mancare agli affetti familiari


limprenditore Giuseppe Carpenzano proprietario dellalbergo
storico Villa Politi, aveva 83 anni. Un uomo
dedito alla famiglia ai
due figli maschi che
lo hanno sempre coadiuvato nella gestione.
Giuseppe Carpenzano ebbe a rilevare la
struttura alberghiera
in corso di fallimento

negli anni 80. Forte


stato il sentimento nel
porre le basi per il rilancio del Grand Hotel
Villa Politi, anno di fondazione 1862, il quale
possiede una lunga
tradizione alle spalle.
Un uomo forte che ha
saputo affrontare le
battaglie della vita con
tenacia, con la corazza
da guerriero ha saputo
sconfiggere le avversit che si sono presen-

Siracusa deve riavere il mercato ittico funzionante

Scrofani e Coltraro puntano


al rilancio della marineria
Deve

ritornare il mercato ittico a


Siracusa, lidea del deputato regionale
Giambattista Coltraro che trova terreno
fertile nellamministrazione comunale.
La marineria siracusana, siciliana in
generale afferma il deputato regionale confinata ad un futuro di estinzione, se non si offriranno alle superstiti
famiglie di pescatori i giusti incentivi e i
presupposti logistici per non demordere
dal continuare la loro attivit, messa in
crisi da restrizioni normative e concorrenza sleale, proveniente dai territori extracomunitari. Per Coltraro lassenza a
Siracusa di un mercato ittico cittadino
una grande lacuna locale. Ristoratori e
commercianti ittici del capoluogo, infatti, devono recarsi nel catanese, o nella
zona sud, per i rifornimenti.
Nellottica della valorizzazione della risorsa mare continua Coltraro in vista
del restauro dellantica Tonnara di Santa Panagia, si potrebbe trovare, anche
acquisendo delle aree disponibili limitro-

fe, un terreno dove edificare un nuovo


e moderno mercato ittico, al cui interno
consentire in appositi spazi riservati attivit di ristorazione con pescato fresco,
riqualificando e animando una porzione
di territorio che ha la panoramica deturpata da pontili e ciminiere, ed solo luogo di transito veicolare. Il luogo ideale,
a detta del deputato Ars, sarebbe stato
riallestire a mercato ittico, il dismesso
mattatoio comunale di Targia, destinato
a centro di raccolta rifiuti. Ma essendo
stata scelta, appunto, tale destinazione
duso bisognerebbe trovare lalternativa.
Alternativa che poi non sarebbe altro
che un ritorno al passato, cio al vecchio mercato ittico di Siracusa. Unidea
che vede gi attiva lamministrazione
comunale. Il mercato ittico afferma
lassessore alle Attivit Produttive, Gianluca Scrofani pu assumere una funzione strategica alla luce delle restrizioni
operate dallUe in ordine alle miglia in

Sicilia 5

20 gennaio 2017, venerd

Giuseppe Carpenzano

tate. Legatissimo alla


moglie e ai suoi figli, gli
ha profuso lamore e il
dovere per il lavoro. E
stato per diversi anni
presidente dellassociazione di categoria.
I funerali di Giuseppe
Carpenzano saranno
celebrati stamane alle
10.30, nella chiesa del
Sacro Cuore.

utilizzo nella pesca, lasciando intendere quindi la voglia da parte dellamministrazione di tornare a puntare forte su un
settore al momento in crisi.
Per lassessore necessario valorizzare
la filiera corta e per questo fondamentale riorganizzare il mercato ittico in citt.
Gli uffici hanno gi sviluppato un progetto, pronto a diventare esecutivo non
appena la Regione pubblicher il bando
e si effettueranno i dovuti accorgimenti.
Ho gi fatto visita al dipartimento per
avere notizie pi concrete, ma noi siamo
gi pronti assicura Scrofani -. La speranza quella di poter ottenere un finanziamento per un progetto importante da
oltre 1,5 milioni di euro e che riguarder non solo il mercato vecchia maniera
ma anche con una filosofia nuova, con
una serie di attivit commerciali per consentire che il nostro pesce sia venduto
a Siracusa, vista anche la necessit di
utilizzare la risorsa mare come risorsa
strategica.
Scrofani quindi sembra seguire la traccia lasciata dal suo predecessore Teresa Gasbarro che un anno e mezzo fa
si era recata a Palermo nel tentativo di
individuare fondi per riaprire dopo oltre
10 anni la vecchia sede di via del Porto Grande e chiss che a questo punto
il deputato regionale e lassessore alle
Attivit produttive non possano lavorare
insieme a questo progetto.

Presunta
parentopoli
a Melilli, scoppia
la querelle

Il nostro Movimen-

to politico si chiama
Uniti per cambiare
e non Unirsi per il
cambiamento. Pertanto, non siamo noi
ad aver redatto e inviato agli organi di
stampa il comunicato
sui presunti casi di
parentopoli al Comune di Melilli. La
precisazione arriva
da Nuccio Scollo,
consigliere comunale
di minoranza, il quale fa chiarezza sulle
notizie
pubblicate
qualche giorno fa da
alcuni giornali online
di Siracusa e provincia. Agli indirizzi
email delle redazioni
era infatti pervenuto
un lungo comunicato
stampa, firmato Unirsi per il cambiamento, in cui si faceva
riferimento a possibili
conflitti di interesse
nellassegnazione
dei servizi di trasporto degli alunni da e
per il capoluogo e a
quello della refezione scolastica. Non
solo. Noi le note per
la stampa fa notare Scollo le firmiamo e sottoscriviamo,
inviandole
sempre
dagli indirizzi di posta
elettronica personali
o istituzionali.
In calce al documento anche un breve
dichiarazione del sindaco Giuseppe Cannata, che affermava
di essere pronto a
trasmettere gli atti
allAutorit
Nazionale Anticorruzione.
Il primo cittadino di
Melilli non fa parte di
questo pseudo Movimento Unirsi per il
cambiamento, come
invece erroneamente
riportato sul comunicato e, in ogni caso
sottolinea Scollo
non ha rilasciato
a nessuno dichiarazioni sullargomento.
Non sappiamo chi
siano i componenti di
questo gruppo politico, non li conosciamo
e non abbiamo nulla a
che vedere con loro.
Ripeto: il sottoscritto, il sindaco e altri
esponenti politici melillesi appartengono a
Uniti per cambiare e
forse qualcuno, che
non ha avuto il coraggio di firmarsi, ha
voluto giocare con le
parole inventandosi
questo movimento.

Il ricorso della Procura di Siracusa contro il rigetto da parte del gip del tribunale di Siracusa

Contributi Inda, la Corte


di Cassazione rigetta

Non ha evidenziato vizi logico-giuridici rilevabili

uova udienza luned


per il processo a carico
di funzionari e dipendenti
dellInda accusati, a vario
titolo di truffa aggravata per il conseguimento
di erogazioni pubbliche
in concorso e di falso in
atto pubblico in concorso. Gli imputati compariranno davanti al gup
del tribunale di Siracusa,
Carmen Scapellato, costretta la passata udienza
a rinviarla per un difetto
di notifica. Lavvio del
processo coincide con
il deposito delle motivazioni con cui la Corte di
cassazione ha rigettato
con la sentenza del 29
settembre, il ricorso della Procura di Siracusa
contro il rigetto da parte
del gip del tribunale di
Siracusa e successivamente del tribunale del
riesame di Catania della
richiesta di applicazione
di misure cautelare nei
confronti degli indagati,
coinvolti nellinchiesta per
i contributi della Regione
siciliana allistituto nazionale del dramma antico.
La Corte di cassazione
ha avallato la tesi emersa
nei due gradi di giudizio in
cui i giudici hanno ritenuto insussistenti gli indizi

In foto, Palazzo della Corte di Cassazione.


di colpevolezza dei reati
contestati,
escludendo
che le indagini avessero
messo a fuoco, in pri- mo
luogo, comportamenti di
rilevanza penale commessi dai soggetti che
avevano svolto funzioni
in seno allInda (non solo
le impiegate interessate,
che erano mere impiegate dellistituto, ma anche
i componenti del consiglio damministrazione,
del pari indagati ma non
coinvolti nella procedura incidentale); ci sulla
base di una disamina
della complessa vicenda
burocratica che aveva
condotto alla concessione dei finanziamenti, poi
revocati con provvedimento dellassessorato,

oggetto tuttavia di successivo annullamento da


parte del Tar.
Gip e tribunale del riesame escludevano che
fosse emersa una complicit tra i soggetti legati allInda e i funzionari
regionali che avevano
concesso i finanziamenti, potendosi ravvedere, al contrario, soltanto
ed eventualmente delle
mere irregolarit nelloperato dei funzionari, in
uno alla mancanza di una
prova concreta circa la
volont di favorire lInda.
La Procura di Siracusa,
nel ricorrere per Cassazione aveva dedotto
unerronea valutazione
della gravit indiziaria essendo emersi, tra laltro,

elementi dimostrativi del


fatto che lInda avesse
percepito finanziamenti
pubblici superiori a quelli
idonei a coprire le spese;
un artificioso calcolo al ribasso delle spese dellInda nel conto consuntivo
2009; avere considerato
le manifestazioni da finanziare in un ciclo ancora da compiersi; artifici e
raggiri nella rendicontazione delle spese dellistituto.
Nel rigettare listanza, la
Cassazione specifica che
verrebbe meno la possibile di configurare la truffa
siccome contestata attraverso linduzione in errore
dei funzionari indagati per
effetto dei raggiri posti in
essere dai rappresentanti
dellInda (...) in assenza
di alcuna prova concreta
che i funzionari regionali
fossero in combutta coi
rappresentanti dellInda.
Escluso anche labuso
dufficio in mancanza
di elementi indiziari di un
accordo corruttivo.
La Procura di Siracusa ha
gi puntualizzato che, a
prescindere dallesito dei
ricorsi, ci sono tutti gli elementi probatori per sostenere laccusa in aula nei
confronti degli imputati.

SiracusaCity

Controllo del territorio a Noto


e due denunce per truffa

La Polizia
denuncia sei
persone in citt

genti della Polizia di Stato, in servizio alle Volanti


della Questura di Siracusa, hanno denunciato tre
persone per inosservanza agli obblighi della misura
restrittiva della libert personale cui sono sottoposti
e, altri due, rispettivamente B.F.28 anni e S.G. 32
anni, entrambi siracusani, per il reato di furto aggravato. Infine gli Agenti della Polizia Postale hanno
denunciato un giovane per aver acquistato un telefonino di sospetta provenienza furtiva.
A Noto gli agenti in servizio al Commissariato a seguito di una celere attivit investigativa, hanno denunciato D.S.F. 21 anni e S.M. 43 anni, per il reato
di truffa perpetrato nellambito di una vendita online
di materiali tecnici per ciclisti. In particolare lacquirente, dopo aver versato il denaro, non riusciva pi
a contattare il venditore il quale aveva nuovamente posto in vendita il materiale e riscosso il denaro
versatogli.
Infine sempre a Noto nella mattinata di ieri, nellambito delloperazione di Polizia denominata Trinacria, Agenti in servizio al Commissariato unitamente ai colleghi del Reparto Prevenzione Crimine
di Catania hanno eseguito un servizio straordinario
di controllo del territorio a Noto ed a Rosolini conseguendo i seguenti risultati: 35 persone identificate; 28 veicoli controllati; 3 sanzioni amministrative;
un sequestro amministrativo; una perquisizione e 7
persone sottoposte ad obblighi controllate.

Nellambito dellopera- Al fine di incrementare la percezione di sicurezza tra la popolazione


Intensificati i controlli dei Carabinieri zione
denominata Si-

Arrestati 2 giovani
siracusani per evasione

Giuseppe Caruso e Sebastiano Ranno.

Nella serata di mercoled i Carabinieri della Tenenza di Floridia, grazie ad uno specifico e mirato
servizio finalizzato al contrasto del reato di evasione, hanno arrestato Giuseppe Caruso, 19 anni e
Sebastiano Ranno classe 29 anni, entrambi originari di Siracusa. I due giovani erano stati sottoposti agli arresti domiciliari lo scorso settembre, dopo
aver commesso un furto presso un supermercato di
Priolo Gargallo ove erano intervenuti i Carabinieri di
Priolo, arrestandoli in flagranza di reato.
Ieri i Carabinieri della Tenenza di Floridia, nel corso
di un servizio di prevenzione nel centro abitato del
paese, hanno sorpreso entrambi gli uomini mentre
non erano presenti presso le rispettive abitazioni
per scontare la misura detentiva, e hanno quindi
proceduto al loro arresto.
Accompagnati in caserma per le incombenze di
rito, cos come disposto dallAutorit Giudiziaria di
Siracusa, il Caruso ed il Ranno sono stati sottoposti
nuovamente agli arresti domiciliari.

curezza che, secondo


le direttive impartite dal
Comando Provinciale di
Siracusa, vede impegnati i Carabinieri della
locale Stazione e della
Compagnia di Noto in
serrati servizi di controllo del territorio in tutto il
comprensorio del Comune di Rosolini al fine
di incrementare la percezione di sicurezza tra
la popolazione e garantire una risposta rapida
e concreta alle varie
esigenze rappresentate
dalla cittadinanza, si
svolto questa mattina
il primo incontro tra il
Cap. Sabato Landi ed il
personale della Polizia
Municipale di Rosolini.
Uniniziativa fortemente
voluta dal Comandante
Provinciale dei Carabinieri, Col. Luigi Grasso, al fine di rendere
lazione del personale
della Polizia Municipale
il pi incisiva possibile ed offrire ai cittadini
una risposta sempre pi
concreta e professionale alle loro legittime
esigenze di sicurezza in
un contesto di proficuo
coordinamento tra tutte
le forze di polizia. Nel

Seminario a Rosolini dei Carabinieri


alla polizia municipale locale

Sopra, il seminario di mercoled a Rosolini.


corso dellincontro, in
cui stato fatto il punto
della situazione inerente
il territorio di Rosolini, il
Cap. Landi ha illustrato
brevemente i dati statistici inerenti landamento della delittuosit, trattando i principali aspetti
connessi al coordina-

mento tra le varie forze di polizia, fornendo


massima disponibilit al
personale della Polizia
Municipale nellespletamento di servizi congiunti. Lincontro odierno stato poi incentrato
sulla tematica codice
della Strada: il Coman-

dante dellAliquota Radiomobile ha illustrato


lapplicazione pratica
delle principali norme di
settore fornendo esempi concreti di intervento
in situazioni di particolare criticit.
Liniziativa, che verr
reiterata nei prossimi
giorni affrontando tematiche di attualit e
di interesse tecnico
professionale, si inserisce nella strategia di
sicurezza partecipata
in cui un ruolo molto importante spetta alla cittadinanza: al riguardo,
i Carabinieri invitano
tutta la popolazione a
segnalare al numero di
emergenza 112 qualsiasi situazione dubbia di
cui venga a conoscenza. Ogni informazione,
infatti, pu essere utile
spunto per prevenire o
ripremere ogni forma di
reato.

Nel

Siracusano 6

20 GENNAIO 2017, VENERD

Sicilia 20 GENNAIO 2017, VENERD

Modifiche legislative allinterno del codice di procedura


penale per i reati riconducibili alla violenza di genere
Il movimento V.I.V.I. Vincere Insieme la
Violenza e lIngiustizia rappresentato
da Maria Assunta Strano e nelle persone dei Sottoscritti cittadini firmatari
presentano la seguente Petizione

ome riportato sul


quotidiano Il Corriere della Sera del 14
Luglio 2016 Negli
ultimi 12 anni, 2.000
donne italiane sono
state uccise da partner, ex, o mariti.
questo uno dei dati
che emerge dalla
ricerca
Femicide
across Europe di
Consuelo
Corradi,
Prorettore dellUniversit Lumsa , in
Italia i tassi sono
costanti: tra le 2 e 3
donne vittima di femminicidio per milione.
Ogni 48 ore una
italiana viene uccisa dal partner ; negli
anni migliori, una
ogni 3 giorni.! Pur
consapevoli del fatto
che la Prevenzione
, lInformazione e il
sostegno alle vittime
di violenza familiare ,
lIntervento terapeutico riabilitativo precoce sui maltrattanti e
la Formazione continua degli Operatori
del settore, siano alla
base di un proces-

so di cambiamento
che conduca ad una
cultura
relazionale
basata sui valori del
rispetto e della libert
individuale, riteniamo
necessaria
anche
una modifica dellattuale Legislazione in
materia che preveda
una giusta pena per
coloro che si macchiano di tale delitto.
TI CHIEDIAMO di firmare questa petizione che si propone di
ottenere :
1) Esclusione dellapplicazione del giudizio abbreviato ex art.
438 c.p.p.per i procedimenti per i quali
la Legge prevede la
pena dellergastolo
(proposta di legge
ferma al senato dal
2015 dopo essere
stata approvata dalla
camera) e segnatamente, con specifica
aggravante dellart.
576 c.p.
2) Prevedere la condanna dellergastolo
per chiunque commetta un femmini-

Si terr domani, 21 gen-

naio, alle 18,30, nei saloni


dellex Convento del Ritiro,
in via Mirabella 31, la terza ed ultima tappa della
manifestazione "Assaggi
di territorio", organizzata
dalla condotta di Siracusa
di Slow Food, con il patrocinio
dell'assessorato
alle Attivit produttive del
Comune retto da Gianluca
Scrofani.
Protagonisti di questo incontro sono i prodotti del
territorio siracusano che
Slow Food ha deciso di
tutelare e valorizzare attraverso
lo
strumento
dei Presdi: la Mandorla di Noto, la Salsiccia di
Palazzolo Acreide, l'olio
di oliva extravergine dop
Monti Iblei, il Cavolo vecchio di Rosolini, e il miele
di timo degli Iblei. Le degustazioni saranno accompagnate da vini di aziende del
territorio siracusano.
Dopo una breve presenta-

cidio o uccida dopo


anni di maltrattamenti, in reazione a unoffesa allonore proprio
o della famiglia di appartenenza o a causa

di supposta violazione, da parte della vittima, di norme o costumi culturali ,religiosi o


sociali ovvero di tradizioni proprie della co-

munit dorigine.
3) Divieto di concessione dei benefici
dellassegnazione
al lavoro allesterno,
permessi premio e

Conversazione e degustazione sui prodotti dei Presidi Slow Food

Assaggi di territorio, sabato lultimo


appuntamento in via Mirabella

zione dell'iniziativa, curata


dal vice presidente regionale di Slow Food, Carmelo Maiorca, dal fiduciario

della condotta di Siracusa,


Francesco Motta e dal giornalista enogastronomico,
Damiano Chiaramonte, si

potranno assaggiare i prodotti preparati da professionisti del settore accompagnati dalla narrazione di
riferimenti storico-culturali
seguendo in buona sostanza la formula dei Laboratori del gusto. L'iniziativa si
inquadra nelle attivit della
condotta siracusana di Slow
Food volte a sostenere le
aziende agricole, gli artigiani, i pescatori, i ristoratori,
cuochi artigiani e trasformatori che contribuiscono a difendere la ricca biodiversit
del territorio, tramandando
saperi, pietanze, dolci e altre specialit, nel solco della tradizione.
La manifestazione ad accesso gratuito.

delle misure alternative alla detenzione


,previste dal capo VI
della legge sullordinamento penitenziario n. 354/75, per i detenuti condannati per
i reati di cui al punto
1) per i quali si chiede
lesclusione dellapplicazione del giudizio
abbreviato.
4) Prevedere la estensione del reato di maltrattamenti in famiglia
ex art. 572 c.p. anche
ai soggetti della famiglia che non siano
conviventi e a tutti i
soggetti membri della
c.d. famiglia allargata,
con estensione delle
previste aggravanti,
cos come contempla la Convenzione
di Istanbul. Prevedere, altres, la contestazione del reato ex
art. 572 c.p. anche in
caso di cessata convivenza, quando appunto tra lautore del
reato e la vittima vi sia
stata una convivenza.
5) Stabilire che ,qualora si proceda per
taluno dei reati di violenza sulle donne, la
procura debba dare
assoluta priorit al
procedimento, per un
celere
svolgimento
delle indagini, al fine
di addivenire nel minor tempo possibile
al processo, come di
fatto avviene in talune
procure.
6) Prevedere la limitazione del ricorso
agli arresti domiciliari,
all obbligo di dimora
e obbligo di presentazione alla polizia
giudiziaria,
quando
si procede per taluno
dei reati di violenza
contro le donne; stabilire che, nel caso
di concessione degli
stessi, lautore del reato debba scontarli in
un luogo ( paese, citt) diverso da quello
di residenza, domicilio
o dimora della vittima
e dei suoi familiari e ,
che tali soggetti vengano informati sullesatta localit ove lindagato, limputato o il
condannato si trova.
7) Prevedere il divieto
per lautore del reato
di omicidio e femminicidio, di poter beneficiare delleredit della
vittima, nonch della
pensione di reversibilit della stessa,
finch il procedimento
penale a suo carico
non si sia concluso
con sentenza di assoluzione irrevocabile.
(proposta di legge simile gi in Parlamento).

Sicilia 7

Nel

Siracusano

Ismaele La Vardera Marco Ligabue ospiti


a Siracusa per il Progetto di lettura
Non

so che cosa
voi vogliate fare da
grandi e che cosa
fate ogni giorno. Ma
quello che vi dico
Distruggete il mafioso che c in ciascuno
di voi. Questo e altro
ha affermato Ismaele
La Vardera, che insieme a Marco Ligabue
stato a Siracusa,
ospite del Liceo polivalente Quintiliano.
Presso
lauditorium
del museo regionale
Paolo Orsi, 220 ragazzi per il Progetto
di lettura hanno chiacchierato con loro in
una mattinata fredda
ma non banale, ricca
di entusiasmo tipico
dei ragazzi, quando
sono se stessi.
Marco Ligabue, musicista e cantante di
Correggio, con La Vardera ha gi realizzato
il progetto Il silenzio
dolo, che denuncia

Il cantautore e il giornalista hanno raccontato com nata la loro collaborazione,


che cosa li spinge a lavorare per una societ diversa, che quella che tutti vogliamo

le mafie e labitudine
che spesso impolvera gli eventi.
Ismaele La Vardera
di Palermo, blogger,
candidato a sindaco
di Palermo (notizia
trapelata da poche
ore) e giornalista della redazione del programma Tv Le iene,
autore gi del libro Le

Dueppi per la citt che vorrei sul


focus Democrazia e partecipazione

iprendono gli incontri del focus Democrazia


e partecipazione organizzati dallassociazione
cultuale Dueppi per la citt che vorrei, in collaborazione con lIstituto scolastico Insolera
e con il patrocinio dellAssessorato regionale
pubblica istruzione, formazione professionale
ed Universit.
Il primo seminario del 2017 si terr questa mattina 20 gennaio, alle 10: Roberto Fai relazioner su Filosofia al presente.
Venerd 3 febbraio, sempre alle ore 10, si terr il 7 Focus dal titolo Siracusa citt turistica:
analisi dei flussi turistici, sistemi daccoglienza,
servizi - Relatore Giuseppe Rosano, presidente dellassociazione Noi Albergatori Siracusa.
Gli incontri sono cominciati con linizio dellanno scolastico, e come sempre si terranno nella Biblioteca dellIstituto Insolera e saranno
aperti al pubblico. LIstituto parteciper con un
gruppo di studenti delle classi quarte e quinte.
Per i nostri alunni - afferma Maria Ada Mangiafico, dirigente dellIstituto - una grande
opportunit perch rappresenta una modalit
diversa di apprendimento. Gli alunni non sono
semplici spettatori degli incontri, ma protagonisti di Laboratori di partecipazione durante
i quali possono sviluppare il loro senso critico
approfondendo le tematiche su cui argomentano i diversi relatori. Ai partecipanti a tutti gli
incontri verr rilasciato un attestato.

piccole cose fanno la


differenza. Il silenzio
dolo, ha scritto con
Benedetto Zoccola Il
mio nome Zoccola. Il libro, pubblicato
lo scorso novembre,
contro la camorra
ma soprattutto un
libro contro lindifferenza e sulle regole
del vivere civile. Non

pu essere che ci si
indigni per un giorno
e poi tutto passa. Se
qualcosa grave e ci
indigna deve meritare
la nostra attenzione,
la nostra energia e
passione.
Il cantautore e il giornalista hanno raccontato com nata la loro
collaborazione, che

cosa li spinge a lavorare per una societ


diversa, che quella
che tutti vogliamo.
Il primo con una canzone, laltro con un libro, hanno raccontato
la storia di Benedetto
Zoccola, ora vicesindaco di Mondragone
(Caserta). Giovane,
che vive sotto scorta

ormai da quattro anni,


perseguitato dalla camorra perch ne ha
denunciato i misfatti e ha permesso la
cattura del boss che
controllava gli appalti
edili. Ha perso un occhio, ludito, ma vive
ogni giorno per contrastare la cancrena
che la camorra. Non
un eroe ma uno di
noi, un cittadino come
tanti, uno che rompe
gli equilibri. Presente
anche Bruno Piazzese, siracusano testimone di giustizia.
La sua storia ha tenuto alta lattenzione
di questi diciottenni
che spesso difficile
coinvolgere. Un libro,
tanti discorsi, diverse
riflessioni. Poi voce
e chitarra di Marco
Ligabue, che ha cantato Un attimo fa, Il
silenzio dolo e altro
ancora Musica per
cantare, per giocare,
per essere liberi. Di
quella libert che si
sceglie ogni giorno,
che costa, ma che
vale! La lezione per
gli alunni delle quinte
classi del Liceo Polivalente Quintiliano
oggi si svolta cos!

Nel Siracusano 8

Sicilia 20 GENNAIO 2017, VENERD

20 GENNAIO 2017, VENERD

Proclamazione astensione
collettiva della categoria
Le Associazioni nazionali dei
commercialisti,
Adc Aidc
Anc Andoc
Unagraco
Ungdcec Unico, firmatarie
del codice di
autoregolamentazione
delle astensioni
collettive dalle
attivit dei Dottori Commercialisti e degli
Esperti Contabili, pubblicato
nella Gazzetta
Ufficiale n. 185
dell11 agosto
2014, proclamano lastensione collettiva
della categoria.
Nonostante al
tavolo di confronto tra le
Associazioni
scriventi ed il
Ministero delle
Finanze, aperto
prima dellapprovazione
della legge di
stabilit e del
decreto fiscale collegato,
siano state
presentate,
discusse, ed in
particolare condivise, numerose proposte di
semplificazione
fiscale e di razionalizzazione
delle scadenze,
gli ultimi provvedimenti legislativi, quali il
D.L. 193/2016 e
la Legge di Stabilit 2017, hanno disatteso le
aspettative di
semplificazioni
aggravando gli
adempimenti e
disconoscendo ancora una
volta il rispetto
dello Statuto
del contribuente. Si rende
pertanto necessaria una azione pi netta e
decisa per dare
voce e corpo
alla protesta ed
al rifiuto della

Le Associazioni nazionali dei commercialisti, Adc Aidc Anc Andoc Unagraco


Ungdcec Unico proclamano lastensione collettiva della categoria

ormai inaccettabile vessazione dei contribuenti e dei


professionisti
che li affiancano per assisterli ed aiutarli.
Lastensione,
gi anticipata

nel corso della


manifestazione
del 14/12/2016,
riguarder le
seguenti attivit: 1) Invio
telematico delle
dichiarazioni
annuali IVA
relative allanno

2016; 2) Rappresentanza in
seno alle Commissioni tributarie.
Lastensione
avr decorrenza dalle ore
24:00 del giorno 26.02.2017

e terminer
alle ore 24:00
del giorno
06.03.2017.
Durante il periodo di astensione saranno
comunque
garantite le
prestazioni in-

dispensabili di
cui allart. 5 del
codice di autoregolamentazione vigente.
E stato richiesto un incontro al MEF ed
allAgenzia
delle Entrate
per illustrare
le modalit di
effettuazione
dellastensione
collettiva e per
concordare ulteriori dettagli
organizzativi.
Sar cura delle
associazioni di
categoria organizzare incontri
sul territorio
per sensibilizzare ed informare i colleghi
sulle corrette
modalit di
astensione.
Marco Luchetti
Maria Paglia
Vice Presidenti
ADC Associazione Dottori Commercialisti
Roberta DellApa
Presidente
AIDC Associazione Italiana Dottori
Commercialisti
Marco Cuchel
Presidente
ANC Associazione Nazionale Commercialisti
Amedeo Sacrestano
Presidente
ANDOC - Associazione Nazionale Dottori
Commercialisti
Giuseppe Diretto
Presidente
UNAGRACO
Unione Nazionale Commercialisti ed
Esperti Contabili
Fazio Segantini
Presidente
UNGDCEC
Unione Nazionale Giovani
Dottori Commercialisti ed
Esperti Contabili
Domenico Posca
Presidente
UNICO Unione Italiana
Commercialisti

on questa iniziativa
politica,
il
Movimento
Siracusa
verso
Sinistra
italiana
intende aprire un
Cantiere politico
a Siracusa, guardando sia alle dinamiche alquanto
mosse, in ambito
nazionale, dentro
il variegato arcipelago della Sinistra
Italiana, dopo la
vittoria del NO al
referendum del 4
dicembre, sia ad
un ampio progetto
di riaggregazione
politico-programmatica
nel
territorio
siracusano, guardando
e
interloquendo
con Associazioni,
movimenti politici,
segmenti e aggregazioni di societ
civile, gruppi sociali, singole personalit, ecc., per
costruire un ampio fronte politicoprogettuale
che
possa invertire il
preoccupante declino economicosociale, istituzionale e strategico
che vive Siracusa
da diversi anni. Il
successo del NO,
il 4 dicembre scorso, oltre al netto rifiuto di una riforma

Ecco

la nuova 'genialata' del


governo Pd e dei
centristi: vogliono
dare lavoro ai clandestini, magari con
qualche ricompensa, invece di pensare di chiudere i
rubinetti degli ingressi dei migranti
e di dare lavoro ai
milioni di disoccupati italiani e risposte alle famiglie in
povert assoluta.
Siamo alla follia.
Qua si continua ad
andare
avanti con i paraocchi, con la tipica
ipocrisia della sinistra. La questione
che oltre il 90 per
cento dei richiedenti asilo illegale, lo sa bene Gentiloni. Tra i quali
emerge sempre di
pi la presenza di
filo terroristi islamici. Invece di accelerare sulle espulsioni e sui rimpatri,

Sicilia 9

Nel

Siracusano

Quale alternativa possibile? Verso Sinistra italiana


conferenza dellon. Alfredo DAttorre, dirigente nazionale

La conferenza si terr questo pomeriggio, venerd 20 gennaio


alle ore 17,30 presso il Salone Jolly Hotel (c.so Gelone) Siracusa

pasticciata e involuta della Costituzione, ha anche significato un chiaro


giudizio politico di
forte sfiducia nei
confronti dei 1.000
giorni del Governo
Renzi e delle stes-

se pretese dellex
Presidente
del
Consiglio e Segretario Naz. del PD di
chiudere alle forze
di sinistra per inaugurare un illusorio
progetto di partito
della nazione, gi

naufragato prima
ancora di poter
prendere corpo.
Ma sono anche visibili, a Siracusa,
i limiti profondi
dellazione amministrativa dellattuale Giunta, gui-

data dal giugno


2013 dal Sindaco
Garozzo, espressione diretta del
PD
provinciale:
entrambi, schiacciati da circa 3
anni nella morsa in
un inconcludente,

Qua si continua ad andare avanti con i paraocchi, con la tipica ipocrisia della sinistra

Migranti. Pagano: Follia


lavoro a clandestini

esasperante conflitto che ha impedito


allopinione
pubblica cittadina
di esercitare una
partecipazione
consapevole sui
temi decisivi di sviluppo della citt.
di
prevederne la custodia cautelare,
proprio in quanto
illegali, il Governo
Renzi/Gentiloni
continua a sostenerli, con pasti e
alloggi
riscaldati
e adesso anche il
lavoro, quale garanzia per un futuro permesso di
rifugiato.
Ma in questo caso
non sarebbe un rifugiato, ma un'altra
cosa. Si conferma
un
Governo complice
e che favorisce l'illegalit. Vogliono
fare il gioco delle
tre carte e continuare a prendere
in giro gli italiani.
Ma presto saranno loro ad essere
espulsi dalla politica. Cos il deputato della Lega
dei Popoli-Noi con
Salvini, Alessandro Pagano.

Speciale 10

Sicilia 20 GENNAIO 2017, VENERD

Fratelli dItalia An. Siracusa: Perplessit sul bando


per laffidamento della cittadella dello sport, va ritirato

l bando di gara sulla


Cittadella dello Sport,
cos com' stato impostato
dall'amministrazione
comunale,
sbagliato - dichiara
Alessandro Spadaro,
portavoce
provinciale AN - ed , a nostro
modesto parere, illegittimo. Lavviso presenta
perplessit sia formali
che politiche. di tutta
evidenza che stiamo
trattando la questione
asetticamente e prima
della conclusione della
procedura proprio per
evitare stupide strumentalizzazioni
che
potrebbero sviare lattenzione su cose futili
piuttosto che su quelle
fondate.
L'avviso pubblicato per
laffidamento della redazione di un progetto
di rigenerazione, riqualificazione e ammodernamento con relativa
esecuzione e successiva gestione dellimpianto sportivo comunale
Cittadella dello Sport e
della palestra Akradina
scadr venerd 20 ed
aperto alle sole societ
sportive. Chiariamo subito che politicamente
riteniamo che bandi per
impianti di queste dimensioni e importanza
debbano anche prevedere linclusione di imprenditori con dimostrabile capacit di risorse
economiche e un recinto definito di azione
per mantenere reale il
controllo dellamministrazione ed un regolamento duso atto a
garantire lutilizzo pubblico degli impianti. La
Cittadella dello Sport,
il Pala Lo Bello, e la
Palestra Akradina non
devono diventare un
circolo privato. Il perimetro dazione dei privati deve essere regolato dal Comune. Troppe
concessioni e deleghe
in bianco porteranno lo
sport siracusano ad essere appannaggio dei
ceti pi abbienti.
Dal punto di vista formale riteniamo, dal nostro modestissimo punto di vista, che la legge
a cui fa riferimento lavviso/bando non prevede
assolutamente liter proposto dallamministrazione e che lutilizzo di
questa legge, che consideriamo quantomeno borderline, sia una

hiariamo subito che politicamente riteniamo che bandi per impianti di queste dimensioni e importanza
debbano anche prevedere linclusione di imprenditori con dimostrabile capacit di risorse economiche

forzatura e rappresenti
una scorciatoia per raggiungere un risultato
che si dimostrer effimero.
Innanzitutto il titolo
dellart. 15 della legge
n. 9 del 22/01/2016 recita: Misure urgenti per

ge predisposta ad hoc
per la realizzazione di
impianti sportivi nelle
periferie urbane (certo,
se Akradina periferia, allora abbiamo una
strana idea di questo
termine) e che in realt questa legge non

ni e le societ sportive
possono
presentare
AGLI ENTI LOCALI,
sul cui territorio insiste
limpianto sportivo da
rigenerare, riqualificare o ammodernare, un
progetto
preliminare
accompagnato da un

mente corrispondente
al valore dellintervento
e comunque non inferiore a cinque anni.
evidente che liniziativa
prevista dalla legge
frutto di una proposta
privata e che lente locale valuta e predispo-

Questo un bando
di gara che non
evidenzia limporto
della gara stessa
e che non specificato se supera
la soglia minima
per levidenza con
pubblicazione su
gazzetta europea

favorire la realizzazione
di impianti sportivi nelle periferie urbane. Per
capirci, questo articolo
serve per costituire un
piano pluriennale di interventi economici di
100milioni di euro per
riqualificare, rigenerare
o ammodernare gli impianti in aree svantaggiate e zone periferiche
urbane, costituito per i
giochi Olimpici (saltati) da affidare al CONI.
Tralasciando il fatto
che si tratta di una leg-

dovrebbe avere nulla a


che vedere con il bando, ci sono altri punti
molto dubbi su cui non
si pu soprassedere.
In primis non riteniamo
che i nostri impianti di
eccellenza rientrino nella suddetta fattispecie.
Al comma 6 di questo
articolo, che il presupposto della procedura
dellavviso del comune, si dice: al di fuori
degli interventi previsti
dal Piano (come detto
sopra). le associazio-

piano di fattibilit economico finanziaria per


la rigenerazione, la
riqualificazione e lammodernamento e per
la successiva gestione
con la previsione di un
utilizzo teso a favorire
laggregazione sociale
e giovanile. Se gli enti
locali riconoscono linteresse pubblico del progetto affidano la gestione gratuita dellimpianto
allassociazione o alla
societ sportiva per una
durata
proporzional-

ne i successivi atti.
Ecco le incongruenze:
In questo AVVISO per
la CITTADELLA E PALESTRA AKRADINA
viene prevista la durata minima e massima
e non solo la minima.
Viene allegato un capitolato prestazionale.
Viene richiesto un progetto preliminare avendo come base la stima
e lindicazione dei lavori
redatta dallufficio infrastrutture sportive. Viene previsto un rimborso

pari al 50% delle utenze per i primi tre anni e


viene anche prevista la
possibilit di modificare
le tariffe dopo i primi tre
anni di gestione solo se
necessario per la sostenibilit economico finanziaria della convenzione. Nulla di questo
o pu essere frutto del
dettato normativo di riferimento che d un indirizzo BEN SPECIFICO.
Questo un bando di
gara che non evidenzia
limporto (seppur un importo deve esserci perch si parla di progetto
di stima dellufficio ma
non allegato allavviso) della gara stessa e
che non specificato se
supera la soglia minima
per levidenza con pubblicazione su gazzetta
europea.
Non c nemmeno rispetto per la memoria.
Gli impianti sportivi voluti dallindimenticabile
Concetto Lo Bello ospitano da sempre gli uffici del settore Sport del
Comune. Uffici, che a
quanto pare leggendo
i chiarimenti ai quesiti
pubblicati sul sito del
comune, verranno trasferiti altrove per dare i
locali al gestore. Questo
inaccettabile. Il Comune DEVE PRESIDIARE
i propri luoghi simbolo
con gli uffici preposti, altrimenti siamo di fronte
ad un atteggiamento di
Pilatesca memoria. Purtroppo dobbiamo prendere atto e constatare,
come del tutto evidente leggendo le cronache politiche locali, che
questa amministrazione
ha rinunciato volontariamente a guidare la citt.
Non appena sorge un
problema sulla gestione
di un servizio, anzich
provare a risolverlo,
come se si avesse una
patata bollente in mano,
immediatamente lo si
affida ai privati svuotando lente della prerogativa fondamentale
di regolare, garantire
e controllare i servizi
per i cittadini. Invitiamo
lamministrazione a ritirare in autotutela questo
avviso prima che si renda pubblica leventuale adesione di societ
sportive e per una volta ad abdicare non alla
politica, come gi fatto,
ma alla superbia con cui
gestisce la citt.

Buone indicazioni dallamichevole di mercoled col Gela


A

michevole o allenamento congiunto


che sia non fa differenza perch il
Siracusa nellincontro di mercoled col
Gela ha dimostrato
di essere in palla e di
aver pienamente ripreso la forma campionato. Buone le
trame e la variet di
gioco, i collegamenti
fra i reparti, la prontezza dei disimpegni
e palpabile la voglia
di ricominciare, le
prime assai gradite
dal pubblico accorso
al De Simone, per
quanto frenato dalle
basse temperature
di questi giorni, la
seconda
condivisa dagli irriducibili
e impagabili tifosi
aretusei.
Sembra
tutto secondo copione per una ripresa allinsegna di un
successo, ma Sottil
non di questo avviso e insiste giustamente sul tasto della
concentrazione che
deve impedire di abbassare la guardia
proprio allinizio di
quel nuovo campionato che partir alla
ripresa delle ostilit,
favorito per molte
squadre dagli arrivi
dei giusti rinforzi fra
i quali si sar pure
chi sar in grado di
cambiare le carte in

Sport
Il Pro Megara
ha battuto
anche
il Cus
Palermo

Sicilia 11

20 gennaio 2017, venerd

Siracusa pimpante e ben rodato


pronto per ripartire alla grande

Situazione stagnante sul fronte delle partenze per la riluttanza pressoch generale
Le ragazze del Pro
Megara hanno sfruta scendere di categoria C invece attesa per qualche promettente giovane juventino tano a dovere il turno

Emanuele Catania, per lui pioggia di richieste.

tavola e chi no. Nel


Siracusa, ad esempio, per un Paulo
Azzi in lotta serrata
col suo connazionale Cassini per un
posto in prima squadra. C il giovanissimo Martin Kuinitten che nonostante
limpegno stenta a
convincere
Sottil
che da parte sua ha
gi dato il benesta-

re ad operazioni in
uscita anche pi importanti, come quelle di Filosa, di Diakit, di Sciannam,
di Di Dio, di De Respinis e di qualche
altro. Il guaio che
pi giorni passano e
pi questi elementi
rischiano di rimanere,
disoccupati
alla chiusura delle
liste, soprattutto per

la loro riluttanza a
scendere di categoria. Ma se richieste
arrivano in societ,
queste riguardano
giocatori
dichiarati incedibili come
Santurro, come Turati, come Valente
o come Catania. E
proprio questultimo,
nonostante let,
lelemento pi richiesto per via della sua

inossidabile classe
e per la sua inalterata dimestichezza col
gol. Sul fronte degli
arrivi venuta meno
la trattativa per lanconitano Malerba,
si punta su un altro
difensore di categoria e con trascorsi
in B, mentre si attendono risposte da
Torino per qualche
elemento
interessante del vivaio juventino. Si ha per
la sensazione che
se qualcosa potr
ancora accadere sul
fronte degli arrivi,
questa si materializzer in prossimit
della chiusura delle
liste di trasferimento allorch il calciomercato si trasferir allATA Hotel di
Rogoredo. Poi non
rester altro che
guardare in direzione degli svincolati,
uneventualit di cui
il Siracusa non ha
proprio bisogno.
Armando Galea

casalingo superando
anche il Cus Palermo.
Il 3-0 conquistato domenica pomeriggio al
Palajonio reca le firme
di Lucrezia Guagenti,
Simona Guardo e Laura Li Noce.
Nel primo tempo abbiamo accumulato tanto possesso palla, creando anche un buon
numero di occasioni
da gol, riuscendo a
segnare con Lucrezia
Guagenti dice il pivot
Tiziana Blandini.
Nella ripresa abbiamo
cambiato marcia, chiarito alcune situazioni
di gioco, mettendo al
sicuro il risultato con le
reti di Simona Guardo
e Laura Li Noce.
Siamo state brave
conclude anche a
contenere il ritorno delle nostre avversarie.
La quinta vittoria di fila
fa balzare il Pro Megara al secondo posto
in condominio con lo
Zafferana; nella lettura della graduatoria va
considerato, per, che
lF24 Messina deve recuperare una gara.

Serie D, domenica match arduo a Mascalucia

Contro Savona sar sicuramente una partita difficile

Under 18, lEurialo vince


e consolida il terzo posto

LOrtigia maschile
ha voglia di reagire

Vittoria netta per lEurialo, che


supera 3-0 lIspica nel campionato under 18 di pallavolo femminile.
A
Belvedere
la
squadra
siracusana ha imposto gioco e
ritmo sin dallinizio, vincendo il
primo set con un perentorio 2510; il secondo stato pi combattuto ed equilibrato e lIspica
arrivata a quota 20, mentre
il terzo si chiuso con 9 punti di vantaggio per le verdebl.
Un successo prezioso perch
consente alle ragazze di Luca
Scandurra di consolidare il terzo
posto nel girone a tre soli punti dalla seconda posizione, che
vale la qualificazione alla fase
interprovinciale. In vetta alla graduatoria, dopo 6 gare di campionato, c infatti lAurora con 17
punti, seguita dallHolimpia con
15 e dallEurialo con 12. Potrebbe risultare decisivo lo scontro
diretto tra queste due squadre,
in programma a Belvedere.
Per quanto riguarda la prima

squadra, test impegnativo domenica mattina alle 11,30 sul


campo della capolista Alus Mascalucia. La formazione etnea
reduce dalla sconfitta subita sabato scorso, 3-2, a Santa Croce. Ci dimostra che in questo
campionato non ci sono squadre imbattibili dice il tecnico
Luca Scandurra LAlus stata
costruita per puntare al salto di
categoria, ma noi non andremo
in campo in tono dimesso. Lotteremo con voglia su tutti i palloni,
provando a mettere in difficolt
le avversarie.
E chiaro che la differenza di
valori c, ma dovremo essere
bravi noi a non farla notare pi
di tanto. Sono fiducioso, anche
se so bene che sar una partita molto complicata. Le ragazze
per si stanno ben comportando
e lo dimostra anche la classifica,
che ci vede in quinta posizione.
Dobbiamo continuare cos per
arrivare prima possibile al traguardo salvezza.

Doppia seduta, ieri, per lOrtigia ma-

schile che si prepara allimpegno casalingo di domani contro il Savona.


Yiannis Giannouris, dopo lallenamento mattutino, dedicher il pomeriggio ad una partitella in famiglia
per riproporre le condizioni di gioco.
Dopo lallenamento condiviso marted scorso con la Nuoto Catania, le
indicazioni sono buone.
Il gruppo ha voglia di reagire e cercare una buona prestazione che
tenga alta la fiducia. A questo punto
del campionato, vicini al giro di boa,
i biancoverdi ripartono da quanto di
positivo fatto fino ad oggi.
Dobbiamo continuare ad essere
squadra dice il tecnico siracusano
Quando abbiamo giocato da squadra siamo riusciti a fare buone cose.
A volte siamo, invece, precipitosi e
concludiamo troppo in fretta perdendo occasioni buone.
I ragazzi sono perfettamente coscienti di tutto questo e continuano a lavorare per fare bene. Contro Savona
sar sicuramente una partita difficile,
inutile negarlo. Ma credo che in casa
abbiamo mostrato carattere e voglia.

Saranno due aspetti determinanti


anche sabato. Abbiamo bisogno
di far bene. Dobbiamo avviarci alla
conclusione di questo girone di andata nel miglior modo possibile. Io
sono ottimista, perch vedo limpegno dei ragazzi e quanto tengono a
questa calottina.
Sabato si comincia alle 15. Savona
arriva dal buon pareggio casalingo
contro la Canottieri Napoli. I liguri
sono quattro punti avanti in classifica e hanno nel greco Gounas uno
dei punti di forza.

SiracusaCity 12

nstaurare una vera


collaborazione tra consiglio comunale e Giunta sugli impianti sportivi,
soprattutto nel definire
la priorit degli investimenti e il modello di
gestione, con una particolare attenzione al
campo scuola Pippo Di
Natale e alla Cittadella
dello sport. quanto
stato chiesto in maniera
pressoch unanime ieri
sera nel corso di una
seduta che ha avuto
come base discussione una mozione sottoscritta da 23 consiglieri.
Riunita in seconda convocazione, la sessione
si poi chiusa per mancanza di numero legale
mentre si affrontava la
proposta di scioglimento della commissione
Politiche sociali firmata
da Cetty Vinci, Simona
Princiotta e Salvo Sorbello, che nella veste di
consigliere anziano ha
presieduto gran parte
del lavori aperti dal vice
presidente
Giuseppe
Impallomeni.
A dare il via al dibattito
sugli impianti sportivi
stato Francesco Pappalardo, uno dei firmatari
della mozione, il cui ragionamento partito dal
programma elettorale
del sindaco, a suo parere, non ancora messo in
pratica sul punto. A conferma di questa critica,
Pappalardo ha portato
l'esempio della Cittadella, per la quale si cerca
ancora un gestore (il
terzo avviso pubblico
scade domani) e sul
cui modello c' ancora
incertezza. Per il resto,
secondo il consigliere,
l'Amministrazione
ha
fatto una serie di interventi spot che hanno
migliorato
l'efficienza
delle strutture ma non
il loro funzionamento
complessivo.
Di parere diverso l'assessore alle Politiche
sportive, Francesco Italia, intervenuto subito
dopo, secondo il quale
la Giunta sta proprio
applicando quanto detto
in campagna elettorale.
L'attenzione verso la
promozione della pratica sportiva dimostrata, ha detto, dal sostegno dato ai tanti eventi
internazionali tenuti in
questi anni (di pallanuoto e di pallamano, per
portare alcuni esempi) e
soprattutto per Mondiali
di canoa polo, che sono
strati un successo di
gestione e di immagine
per la citt e che, grazie
alla collaborazione dei
campioni siracusani di
tutte le discipline, sono
serviti a lanciare dei
messaggi positivi sullo
sport.
In termini di investimenti Italia ha ricordato i
prossimi interventi di
riqualificazione che saranno effettuati, grazie
al credito sportivo, agli
impianti di Belvedere e
Cassibile, al De Simone

Sicilia 20 gennaio 2017, venerd

Assise cittadina, seduta


sulla gestione degli impianti sportivi

Come base discussione una mozione sottoscritta da 23 consiglieri

Una recente foto del Consiglio comunale di Siracusa.


e al Di Natale, dove finalmente potranno essere omologati i risultati di atletica leggera.
Quanto alla Cittadella,
per l'assessore la gestione in house non
proponibile viste le
risorse finanziarie e
umane di cui dispone
il Comune, mentre la
gestione privata dovr
tenere conto delle indicazioni imposte dalla
Giunta che sono rivolte
al sociale.
In dissenso dall'assessore si pronunciato
Salvatore Castagnino,
per il quale sfuggono i
criteri nella scelta degli
interventi. Quanto alla
Cittadella, l'affidamento ai privati significa
che il Comune intende spogliarsi del suo
ruolo e ci comporter
necessariamente uno
squilibrio nella pratica
sportiva verso alcune
discipline invece di al-

tre. Sfugge a tutti, ha


spiegato, che si tratta
di un impianto unico
in Italia per numero di
discipline che possono
essere praticate, paragonabile a quello di
Acqua Acetosa che
il fiore all'occhiello del
Coni nazionale. Proprio
il Coni, secondo Castagnino, dovrebbe essere
coinvolto nella scelta
del modello di gestione.
A criticare la Giunta
per il mancato dialogo
con il Consiglio sulla
materia degli impianti
sportivi stata Simona
Priciotta, critica ripresa
subito dopo da Gaetano Firenze. La scarsa
attenzione dell'Amministrazione verso lo
sport, ha detto il consigliere, stata evidente
sin dal primo bilancio
di previsione portato in
aula; ma lo sport un
settore talmente ricco
di implicazioni per il

quale non si pu prescindere dal confronto


con il consiglio comunale. Se a Siracusa ha
detto ci sono atleti che
hanno successo, ci
non accade per merito
dell'Amministrazione.
Cetty Vinci ha informato
l'Aula della presentazione di un atto di indirizzo,
firmato anche da Salvatore Castagnino, con il
quale si chiede il ritiro
della bando sulla Cittadella, definendo l'intervento dell'assessore
per nulla convincente
poich non si comprende che la struttura una
vera e propria risorsa
per la citt.
Di parere diverso Elio
Di Lorenzo, secondo il
quale la scelta di affidare all'esterno la gestione
della Cittadella coerente con il programma
elettorale. Piuttosto la
domanda da porsi
perch non lo abbia an-

cora fatto e perch sta


riproponendo un bando
simile al precedente e
che come il precedente
rischia di andare deserto. Le gestione in house
dell'impianto sarebbe,
oltre che non praticabile
per il Comune, un ritorno al passato.
Sulla stessa linea anche Roberto Di Mauro:
Una follia pensare che
il Comune possa gestire la Cittadella. Il punto
che sono stati proposti bandi non adeguati
alle esigenze. Per Di
Mauro, che ha sollevato
il problema della priorit nelle scelte, lo sport
ha molte potenzialit
economiche, specie nel
settore del turismo, ma
nessuno a Siracusa ci
ha mai creduto.
Nulla contro la gestione
esterna della Cittadella
anche per Carmen Castelluccio, ma a patto
che l'Amministrazione
metta i necessari paletti per evitare gli errori commessi con alcuni
impianti periferici, affidati per 20 anni e che
oggi versano in brutte
condizioni. Positivo per
la consigliera la decisione di confermare il Di
Natale come struttura
aperta a tutti.
Infine, Fortunato Minimo che si soffermato
sul metodo, auspicando su altre tematiche
nuovi confronti in Aula
dai quali la Giunta pu
raccogliere indicazioni
importanti.
Dopo
una
replica
dell'assessore Italia per
confermare i programmi

Lo affermano Cetty Vinci e Salvo Sorbello

Gli impianti sportivi


appartengono ai siracusani

Il confronto in consiglio su-

gli impianti sportivi cittadini ci


lascia ampiamente insoddisfatti, perch non servito a
chiarire ai nostri concittadini i
vari aspetti della vicenda, lo
dichiarano i consiglieri Cetty
Vinci e Salvo Sorbello.
Se pensiamo che solo qualche anno fa Siracusa veniva
citata ad esempio in tutto il
Meridione grazie soprattutto
alle opere volute dal grande
Concetto Lo Bello, il degrado attuale appare ancora pi
doloroso ed ingiustificabile.
Prendendo spunto da una
richiesta di venti componenti, il consiglio ha affrontato
il tema della gestione degli

impianti e ci hanno colpito le


parole forti del capogruppo
Pd che ha affermato che si
stanno svendendo come si
svende la frutta deteriorata
al mercato ortofrutticolo ed
ha rilevato un bando che
sembra vestito a misura.
Pensavamo quindi che si
volesse evitare di procedere su una strada che prevede gestioni esterne e su cui
sono state mosse in questi
giorni critiche fondate ed invece la nostra richiesta di sospendere le procedure stata bocciata, perch ancora
una volta prevalso lattaccamento della maggioranza
a questa amministrazione.

Cetty Vinci.

Salvo Sorbello.

Non ci fermeremo, convinti


che gli impianti sportivi, che
appartengono ai siracusani,
devono poter essere fruiti da
tutti.

dell'Amministrazione e
per respingere le accuse di scarsa attenzione verso lo sport, le
conclusioni sono state
tirate da Pappalardo
che ha detto di vedere
molti rischi per il futuro
della Cittadella, sulla
quale pesa l'incertezza
del modello di gestione.
L'impianto, secondo il
consigliere, va tutelato
a prescindere dal fatto che produca reddito
perch va preservato
per il suo valore storico
e sociale. Il rischio, ha
detto, che produca
reddito solo ai gestori
e non porti vantaggio
alla collettivit, ci perch il bando stato approntato senza che sia
stato fatto uno studio
di fattibilit e un piano
economico-finanziario.
Breve stato il confronto sulla proposta
di abolizione della seconda
commissione
(Politiche sociali), da
molti mesi incapace di
eleggere un presidente
e funzionare regolarmente. La mozione
stata illustrata da Vinci,
secondo la quale c' il
sospetto che non la si
voglia mettere a posto
nonostante abbia competenze su tematiche
di importanza fondamentale per la citt.
Responsabili di questa
situazione,
secondo
Vinci, il presidente del
consiglio comunale che
ha tutti gli strumenti per
far funzionare al meglio
gli organismi consiliari.
La proposta di Vinci,
Sorbello e Princiotta
prevede la distribuzione della deleghe alla rimanenti 4 commissioni.
Proprio per l'importanza delle competenze,
secondo Castelluccio
la Seconda non pu
essere sciolta. Ci che
possibile fare, ha
detto, modificarne la
composizione perch
il vero ostacolo al suo
funzionamento l'incapacit ad eleggere il
presidente.
Per Salvatore Castagnino, impensabile
abolire la commissione
solo approvando una
mozione e senza seguire il corretto iter previsto dal regolamento,
rilievo al quale ha risposto Sorbello per chiarire che la mozione, per
definizione, serve ad
avviare una procedura
che porti a un provvedimento.
Ultimo intervento stato di Firenze che, collegandosi a quanto detto
da Castelluccio, ha sottolineato come sia nei
poteri del presidente
del Consiglio sostituire
tutti i componenti di una
commissione.
seguita una richiesta della stessa Vinci
per rinviare l'argomento a un'altra seduta e
durante la votazione
mancato il numero legale.