Sei sulla pagina 1di 6

9/11/2016

ConsiglioRegionaledellaValled'AostaLeggeregionale7giugno1999,n.11Testovigente

Leggieregolamentiregionali
Leggeregionale7giugno1999,n.11Testovigente

Leggeregionale7giugno1999,n.11
Testounicoinmateriadiprovvidenzeeconomicheafavorediinvalidicivili,ciechicivilie
sordomuti.
(B.U.15giugno1999,n.27).
Art.1
(Finalit).
1. La Regione autonoma Valle d'Aosta esercita tutte le funzioni amministrative relative
all'erogazione di provvidenze economiche a favore di invalidi civili, ciechi civili e
sordomuti, ai sensi della legislazione statale di settore, fermo restando quanto disposto
dall'articolo10dellalegge26maggio1970,n.381(Aumentodelcontributoordinariodello
Stato a favore dell'Ente nazionale per la protezione e l'assistenza ai sordomuti e delle
misure dell'assegno di assistenza ai sordomuti) e dall'articolo 19 della legge 30 marzo
1971, n. 118 (Conversione in legge del D.L. 30 gennaio 1971, n. 5 e nuove norme in
favoredeimutilatiedinvalidicivili).
2. L'attuazione delle disposizioni previste dalla presente legge affidata alla struttura
regionalecompetenteinmateriadipolitichesociali.
Art.2
(Procedimenti).
1. L'erogazione delle provvidenze di cui all'articolo 1, comma 1, subordinata
all'accertamentodellostatodiinvaliditcivile,cecitcivileesordomutismodapartedelle
commissionimedichecollegialidicuiagliarticoli4e5.
2.L'istanzadiaccertamentodeglistatidicuialcomma1,nonchdell'handicapaisensi
dell'articolo 4 della legge 5 febbraio 1992, n. 104 (Leggequadro per l'assistenza,
l'integrazionesocialeeidirittidellepersonehandicappate),presentatadagliinteressati
alla struttura competente, corredata della documentazione sanitaria attestante la natura
dell'infermitinvalidante.
3.Lacommissionemedicacollegialeprocede,entrocentoventigiornidallapresentazione
dell'istanza, alla verifica dello stato invalidante. Il termine sospeso in caso di ulteriori
accertamentisanitari.
4.All'esitodelprocedimentosanitario,ecomunquenonoltretrentagiornidadettoesito,il
dirigentedellastrutturacompetenterichiedeall'interessatoladocumentazioneattestanteil
possesso dei restanti requisiti di legge. Il dirigente provvede in ordine alla concessione
delleprovvidenzeentrosessantagiornidalricevimentodellapredettadocumentazione(1).
Art.3
(Erogazionedelleprovvidenzeecontrolli).
1. Le provvidenze economiche di cui all'articolo 1, comma 1, decorrono dal mese
successivoalladatadipresentazionedelleistanzedicuiall'articolo2,comma2.
2. L'amministrazione regionale corrisponde, sulle prestazioni dovute, gli interessi legali,
secondolenormeprevistedalcodicecivile.
3.Ibeneficiaridelleprovvidenzeeconomichedevono:
a) comunicare alla struttura competente, entro trenta giorni, ogni mutamento delle
condizioni e dei requisiti di assistibilit previsti dalla legge per la concessione delle
provvidenzestesse
http://www.consiglio.regione.vda.it/app/leggieregolamenti/dettaglio?pk_lr=2533&versione=V#

1/6

9/11/2016

ConsiglioRegionaledellaValled'AostaLeggeregionale7giugno1999,n.11Testovigente

b) trasmettere alla struttura competente, ogni due anni, un certificato del medico di
medicinageneraleattestanteilpropriostatodisalutealfinedellavalutazionedellostatodi
invalidit.
4. Le disposizioni di cui al comma 3, lettera b), non si applicano alle persone
ultrasettantenni, ai minori nati affetti da patologie e per i quali stata determinata una
invaliditparialcentopercentoeaisoggettiaffettidapatologieirreversibili.
5. La struttura competente accerta la permanenza dei requisiti non sanitari prescritti per
usufruiredelleprovvidenzeeconomiche.
6. Fermo restando quanto disposto dai commi 3 e 5, le commissioni di cui all'articolo 4
hanno facolt, in ogni tempo, di accertare la sussistenza delle condizioni sanitarie per il
godimentodelleprovvidenzeeconomiche.
7. Nel caso di accertata insussistenza dei requisiti prescritti per il godimento delle
provvidenzesidluogoallaimmediatasospensionecautelativadellestesse,danotificarsi
entro trenta giorni dalla data di sospensione. Il successivo formale provvedimento di
revoca produce effetti a partire dalla data in cui sono venuti meno i requisiti prescritti e
disponelarestituzionedellesommeindebitamentepercepite(2).
7bisInderogaaquantoprevistodallanormativaregionalevigenteinmateriadipagamenti
rateali,larateizzazionedellesommedarestituireammessa,surichiestadell'interessato,
fino ad un massimo di centoventi rate mensili, fatto salvo il caso in cui l'indebita
percezionesiadovutaadolodell'interessato(3).
7ter. La ripetizione esclusa nel caso in cui il debitore, entro sessanta giorni dal
ricevimentodellacomunicazionedelprovvedimentodirevoca,comprovidipossedereun
indicatore regionale della situazione economica (*), con esclusione dell'importo del
beneficiorevocato,parioinferioreallasogliadiaccessoalleprestazioniteseagarantireil
minimo vitale di cui all'articolo 3 della legge regionale 27 maggio 1994, n. 19(Normein
materiadiassistenzaeconomica),fattosalvoilcasoincuil'indebitapercezionesiadovuta
adolodell'interessato(4).
Art.4
(Commissionimedichecollegiali).
1. Il procedimento di accertamento sanitario degli stati di invalidit civile, cecit civile,
sordomutismo e handicap svolto dalle commissioni mediche collegiali, istituite con
decreto del Presidente della Giunta regionale, dislocate sul territorio regionale. Le sedi
delle commissioni sono individuate dalla Giunta regionale. Le commissioni durano in
caricaperuntriennio.
2. Le commissioni di cui al comma 1 attendono ai compiti previsti dall'articolo 3 della l.
381/1970, dall'articolo 10 della legge 27 maggio 1970, n. 382 (Disposizioni in materia di
assistenzaaiciechicivili),dall'articolo8dellal.118/1971edall'articolo4dellal.104/1992.
3. Le commissioni sono composte da un medico specialista in medicina legale ovvero
apicale del ruolo medico legale degli enti previdenziali, che assume le funzioni di
Presidente, e da tre medici membri effettivi, di cui uno designato, rispettivamente,
dall'Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili (ANMIC) per la commissione invalidi
civili,dall'UnioneItalianaCiechi(UIC)perlacommissioneciechicivili,dall'EnteNazionale
Sordomuti (ENS) per la commissione sordomuti. Per l'accertamento di cui all'articolo 4
dellal.104/1992,lecommissioni,integratedaunoperatoresocialeedaunespertonella
patologia relativa a ciascun caso da esaminare, designati dalla Giunta regionale,
accertano la gravit della situazione di handicap nonch la capacit lavorativa e
relazionale.
4. Le commissioni deliberano con la presenza minima di tre membri. L'assenza
ingiustificatacomportaladecadenzadall'organoqualorasiripetapertrevoltenell'ambito
http://www.consiglio.regione.vda.it/app/leggieregolamenti/dettaglio?pk_lr=2533&versione=V#

2/6

9/11/2016

ConsiglioRegionaledellaValled'AostaLeggeregionale7giugno1999,n.11Testovigente

delladurataincaricadellacommissione.
5.Imembridellecommissionisiassentanonelcasoincuil'accertamentoriguardiipropri
assistitiopropriparentioaffinientroilquartogrado.
6.Perognimembroeffettivonominatounmembrosupplentechepartecipaallesedute
incasodiassenzaoimpedimentodeltitolare.IlPresidentepuesseresostituitodaaltro
membrodellacommissionespecialistainmedicinalegaleovveroapicaledelruolomedico
legaledeglientiprevidenzialio,insubordine,dalmembropianzianodiet.
7.Lecommissioniesaminanoleistanzesecondol'ordinecronologicodipresentazione,a
cui possono derogare solo in presenza di gravi e comprovati motivi di urgenza
specificatamente evidenziati nel certificato medico di cui corredata l'istanza. L'istante
pufarsiassistere,insededicommissione,daunpropriomedicodifiducia.
8. Il Presidente della commissione pu disporre la visita domiciliare della persona
convocata per l'accertamento, sulla base di esigenze obiettive indicate dalla persona
convocata o su richiesta del medico curante. Per le visite domiciliari richiesta la
compresenzadialmenotremembridellacommissione.
9. Nel caso di decesso del richiedente il riconoscimento dello stato di invalido civile, di
cieco civile o di sordomuto, le commissioni possono, su formale istanza degli eredi,
procedere all'accertamento sanitario esclusivamente in presenza di documentazione
medicarilasciatadastrutturepubblicheoconvenzionate,indataantecedentealdecesso,
comprovante, in modo certo, l'esistenza delle infermit e tale da consentire la
formulazionediun'esattadiagnosieduncompiutoemotivatogiudiziomedicolegale.
10. Entro trenta giorni dall'esaurimento della procedura dell'accertamento sanitario, la
strutturacompetentenotificaall'interessato,medianteletteraraccomandataconavvisodi
ricevimento,ilverbaledivisita.
11.Lasegreteriadellecommissioniaffidata,dinorma,adundipendentedellastruttura
competente.
Art.5
(Ricorsi).
1. Avverso i verbali di visita emessi dalle commissioni di cui all'articolo 4 gli interessati
possono presentare, entro trenta giorni dalla notifica del verbale medesimo, ricorso
motivatoallacommissionedisecondaistanza.
2. Il ricorso viene definito, su base documentale, salvo diversa decisione del Presidente
dellacommissione,entrocentocinquantagiornidalladatadipresentazionenelfrattempo
sospeso il termine di cui all'articolo 2, comma 4. Qualora la decisione non intervenga
entrodettotermineilricorsosiintenderespinto.
3. La commissione di seconda istanza per l'invalidit civile, istituita con decreto del
PresidentedellaGiuntaregionale,presiedutadaldirigentemedicodisecondolivellodel
serviziodimedicinalegaleedcompostadaduemedicilegaliomedicidellavoro.
4. Le commissioni di seconda istanza per la cecit civile e il sordomutismo, istituite con
decreto del Presidente della Giunta regionale, sono presiedute dal dirigente di cui al
comma 3 e sono composte, rispettivamente, da due medici oculisti e da due medici
otorinolaringoiatri.
5. La richiesta di un nuovo accertamento sanitario per la medesima patologia sempre
ammessadopochesianosopraggiuntinuovifattorideterminantiuneffettivoepersistente
peggioramentodellostatodisalute,comprovatoconidoneacertificazionemedicaavente
dataposterioredialmenoseimesidallanotificadelverbaledivisitaovverodell'esitodel
ricorso. Il Presidente della commissione autorizza la deroga a tale termine, previa
http://www.consiglio.regione.vda.it/app/leggieregolamenti/dettaglio?pk_lr=2533&versione=V#

3/6

9/11/2016

ConsiglioRegionaledellaValled'AostaLeggeregionale7giugno1999,n.11Testovigente

valutazione del caso, quando si manifesta un improvviso aggravamento dello stato di


salute.
Art.6
(Compensi).
1. Ai membri delle commissioni di cui agli articoli 4 e 5 corrisposto un gettone di
presenza per ogni giornata di seduta ed un compenso per ogni soggetto visitato pari al
settantacinquepercentodelcompensospettantealPresidentedellecommissionistesse,
chedeterminatoinlire150.000lordeperognigiornatadisedutaedinlire15.000lorde
per soggetto visitato. I suddetti importi possono essere adeguati annualmente, con
provvedimentodellaGiuntaregionale,inmisuranonsuperioreallavariazionepercentuale
verificatasinegliindicideiprezzialconsumoperlefamigliedioperaiedimpiegatirilevata
dall'ISTATnelperiodogennaio/dicembredell'annoprecedente.
2. Ai membri delle commissioni residenti in un comune diverso da quello sede della
commissionediappartenenzacorrispostoilrimborsodellespesediviaggiosecondole
stessemodalitprevisteperidirigentiregionali.
3.Ilgettonedipresenzaedilcompensodicuialcomma1nonsonodovutiaidipendenti
dipubblicheamministrazionichepartecipinoallesedutedellecommissionidurantel'orario
diservizioechenonrecuperinoiltempoimpiegatoperl'attivitcommissariale.
Art.7
(Disposizionifinanziarie).
1. L'onere per l'erogazione delle provvidenze di cui alla presente legge, valutato in lire
28.713 milioni (euro 14.829.026,95), a decorrere dal 1999 grava sul capitolo 60950 del
bilancio di previsione della Regione per l'anno 1999 e pluriennale 1999/2001, il cui
stanziamento per gli anni 1999, 2000 e 2001 integrato mediante utilizzo, per lire 700
milioni(euro361.519,83),dellasommaiscrittaalcapitolo60960e,perlire13milioni(euro
6.713,94),dellesommeiscrittealcapitolo60940.
2.L'onereperl'applicazionedell'articolo6,valutatoinlire200milioni(euro103.291,38),a
decorrere dal 1999 grava sullo stanziamento iscritto al capitolo 60955 del bilancio di
previsionedellaRegioneperl'anno1999epluriennale1999/2001.
3.Adecorreredal2002,alladeterminazionedeglionerifinanziariprevistidallapresente
leggesiprovvedeconleggedibilancio.
Art.8
(Variazionidibilancio).
1.Allapartespesadelbilanciopluriennale1999/2001sonoapportate,perciascunanno,
leseguentivariazionidicompetenzae,peril1999,dicassa:
a)indiminuzione:
Capitolo60940"Provvidenzeafavoredegliinabili,mutilatiedinvalidiciviliperl'assistenza
integrativaregionale"
competenzalire13.000.000
cassalire12.000.000
Capitolo60960"Provvidenzeafavorediciechiciviliperl'assistenzaintegrativaregionale"
competenzalire700.000.000
cassalire700.000.000
b)inaumento:
http://www.consiglio.regione.vda.it/app/leggieregolamenti/dettaglio?pk_lr=2533&versione=V#

4/6

9/11/2016

ConsiglioRegionaledellaValled'AostaLeggeregionale7giugno1999,n.11Testovigente

Capitolo 60950 "Provvidenze economiche a favore di invalidi civili, ciechi civili e


sordomuti"
competenzalire713.000.000
cassalire712.000.000.
Art.9
(Abrogazioni).
1.Sonoabrogate:
a)laleggeregionale23maggio1973,n.25
b)laleggeregionale12dicembre1975,n.43
c)laleggeregionale9novembre1974,n.40
d)laleggeregionale3gennaio1977,n.2
e)laleggeregionale21giugno1977,n.46
f)laleggeregionale9agosto1979,n.50
g)laleggeregionale17luglio1981,n.44
h)laleggeregionale13agosto1984,n.42
i)laleggeregionale7luglio1995,n.22
j)laleggeregionale10luglio1996,n.14
k)laleggeregionale26maggio1998,n.42.
Art.10
(Disposizionitransitorie).
1. Le provvidenze economiche di cui alle leggi regionali 17 luglio 1981, n. 44, come
modificatadallaleggeregionale13agosto1984,n.42,e9novembre1974,n.40,come
modificata dalle leggi regionali 12 dicembre 1975, n. 43 e 9 agosto 1979, n. 50, sono
trasformate in assegni "ad personam", nella misura erogata al momento dell'entrata in
vigoredellapresentelegge,riassorbitiinmisurapariagliaumentidelleprovvidenzedicui
all'articolo1,comma1.
Art.11
(Dichiarazioned'urgenza).
1. La presente legge dichiarata urgente ai sensi dell'articolo 31, comma terzo, dello
StatutospecialeperlaValled'Aostaedentrerinvigoreilgiornosuccessivoaquellodella
suapubblicazionenelBollettinoufficialedellaRegione.
(*) Ai sensi dell'articolo 9 della L.R. 3 agosto 2015, n. 16, il riferimento all'indicatore
regionaledellasituazioneeconomica(IRSE),ovunqueessoricorra,sostituitoconquello
relativoall'indicatoredellasituazioneeconomicaequivalente(ISEE)dicuiallanormativa
statalevigente.
(1)Commacossostituitodall'art.30dellaL.R.29marzo2007,n.4.
(2)Commacosmodificatodall'art.1,comma1,dellaL.R.17giugno2009,n.17.
(3)Commainseritodall'art.1,comma2,dellaL.R.17giugno2009,n.17.
(4)Commainseritodall'art,1,comma3,dellaL.R.17giugno2009,n.17.
http://www.consiglio.regione.vda.it/app/leggieregolamenti/dettaglio?pk_lr=2533&versione=V#

5/6

9/11/2016

ConsiglioRegionaledellaValled'AostaLeggeregionale7giugno1999,n.11Testovigente

http://www.consiglio.regione.vda.it/app/leggieregolamenti/dettaglio?pk_lr=2533&versione=V#

6/6