Sei sulla pagina 1di 2

Progetto di gestione alternativa dei rifiuti per

Parma senza inceneritore e con adozione di


impianto ad estrusione finale del secco residuo. 
Coordinamento Gestione Corretta Rifiuti e Risorse

Quantità  di rifiuti da trattare per anno: 68.882 Ton

La composizione merceologica di questi rifiuti è:

✓ 3.150 Ton sono rifiuti ingombranti (4,57%)

✓ 57.750 Ton sono rifiuti indifferenziati residui (83,84%)

✓ 7.982 Ton sono rifiuti da scarto della raccolta plastiche


(11,59%) 

Sottoponendo queste quantità  ad ulteriore selezione meccanica


a freddo (senza trattamenti termici) abbiamo questo ulteriore
recupero di materia

✓ 22.428 Ton di materiali recuperati da consegnare ai consorzi


Conai

✓ 46.454 Ton di rifiuti residui restano da trattare 

L’impianto tratterà  quindi 46.454 Ton/anno di rifiuti composti da

✓ 1.732 Ton di ingombranti (3,73%)

✓ 37.538 Ton di rifiuti indifferenziati (80,81%)

✓ 7.184 Ton di scarto da raccolta plastiche (15,46%) 

Questi materiali entrano nell’impianto di riciclo, vengono sottoposti a trattamento di


estrusione. Abbiamo così questi flussi in uscita

✓ 2.322 Ton di scarto (5%)

✓ 8.362 Ton di calo processo (18%)

✓ 35.770 Ton di granulo estruso (77%) 

web: http://www.gestionecorrettarifiuti.it e-mail: gestionecorrettarifiuti@gmail.com


Progetto di gestione alternativa dei rifiuti per
Parma senza inceneritore e con adozione di
impianto ad estrusione finale del secco residuo. 
Coordinamento Gestione Corretta Rifiuti e Risorse

Il granulatore è  una macchina che trasforma i rifiuti secchi residui in sabbia sintetica senza
alcuna combustione ma con un processo di triturazione, sfregamento e omogeneizzazione
che porta alla produzione di un salsicciotto a base plastica che viene poi triturato secondo le
esigenze.

Il processo avviene ad una temperatura di 140-180 gradi. 

Il granulo, sostanza stabile e sanificata, certificata a norma Uni


dall’Università  di Padova, viene venduto e quindi pagato
dall’industria delle costruzioni e dello stampaggio plastico.

Il rifiuti si è quindi trasformato da costo a guadagno. 

La linea di estrusione prevista per il territorio di Parma


è composta da:

✓ 1 linea di selezione trattamento meccanico a freddo

✓ 1 linea di estrusione con 2 impianti di trattamento (granulatore grande) 

Il costo complessivo dell’impianto per Parma è di 10 milioni di euro contro i 180


dell’inceneritore .

La messa in opera è  di 6 mesi dalle autorizzazioni contro i 3 anni dell’inceneritore 

Non ci sono emissioni in atmosfera dato che non c'è alcuna combustione. 

Lo scarto del 5% è  costituito da materia secca stabile sanificata che non ha alcuna emissione
in atmosfera ne percolazione di alcun genere non essendo composta da sostanza organica
putrescibile.

web: http://www.gestionecorrettarifiuti.it e-mail: gestionecorrettarifiuti@gmail.com