Sei sulla pagina 1di 36

Il Fulmine

Guida alla scelta e applicazione di SPD

www.dehn.it

Premessa
Nellarco di un anno, particolarmente durante il periodo
estivo con lelevato numero di temporali, si sentono spesso
commenti sul fulmine e sulle sue conseguenze su persone
e animali, ma anche su apparecchiature elettriche ed elettroniche. Sullargomento sorgono tantissime domande alle
quali molto difficile trovare delle risposte, visto che esiste
poca documentazione scritta in modo semplice su questo
fenomeno.
Per il suddetto motivo stata elaborata questa guida, volendo dare a progettisti, installatori e a tutti quelli che si interessano del fenomeno fulmine, in modo molto semplice
e con pochi commenti, unimmagine degli effetti provocati
dalle scariche atmosferiche e le soluzioni da adottare.

Il fulmine
Nel 1752 linventore americano Benjamin Franklin scopr,
durante un esperimento molto pericoloso con un aquilone,
che il fulmine una scarica elettrica.
Oggi sappiamo che il fulmine pu scaricarsi tra una nuvola
ed il terreno (fulmine a terra, fulmine discendente), tra terreno e nuvola (fulmine ascendente) oppure tra nuvola e nuvola. La maggior parte delle scariche atmosferiche rilevate
sono i cosidetti fulmini discendenti negativi: questo tipo
di scarica viene causata dalla differenza fra la polarit negativa della nuvola e la polarit positiva del terreno. Con questa scarica il flusso della corrente avviene dal terreno verso la
nube. I fulmini ascendenti (negativi o positivi) possono verificarsi normalmente solo da strutture alte oltre i 60 metri.

Fisiologia del fulmine


Con il Sistema Italiano di Rilevamento dei Fulmini (SIRF)
presso il CESI di Milano ormai stato rilevato che ogni anno
il territorio italiano viene colpito da ca. 1.500.000 fulmini.
Altre prove sulle scariche atmosferiche hanno dimostrato
che la temperatura massima di un fulmine pu arrivare a
valori di ca. 30.000C per una durata di ca. un milionesimo
di secondo. Questa temperatura supera pi di quattro volte
quella della superficie del sole.
Il diametro della scarica visibile del fulmine dellordine di
30-40 cm; valutazione approssimativa in quanto rilevata
solo per mezzo di fotografie. La lunghezza di una scarica
verticale normalmente da 5 a 7 chilometri, mentre scariche orizzontali possono avere delle lunghezze da 8 fino a
16 chilometri.
In confronto alla velocit della luce di 300.000 km/sec., la
velocit del fulmine pu variare da un decimo fino ad un
terzo di questo valore. Anche i parametri elettrici sono enormi: il valore di picco della corrente, pi alto rilevato, di
350.000 A. La tensione tra nuvola e terra, prima dellinnesco della scarica, pu arrivare a valori di qualche centinaio di
milioni di Volt.

Misure di protezione
Come evidenziato, la natura aleatoria del fulmine, definita solamente da valori statistici, ci costringe a progettare
e dimensionare limpianto di protezione in modo tecnicamente corretto, altrimenti il pericolo di danni pu essere
aggravato.
La soluzione efficace contro gli effetti delle fulminazioni
consiste sia nella protezione esterna mediante parafulmine
(LPS esterno), sia in quella interna (LPS interno), secondo la
Norma CEI EN 62305 (classificazione CEI 81-10).

Scopo ed esecuzione dellLPS interno


Lo scopo dellLPS interno di evitare differenze di potenziale tra i vari punti dellimpianto, mediante lequipotenzialit
sistematica di tutti i corpi metallici e dei conduttori attivi
tramite scaricatori.
Linserzione di SPD nei diversi sistemi di distribuzione deve
tenere per conto delle misure adottate per la protezione
dai contatti indiretti delle persone e delle esigenze di garantire, per quanto possibile, la continuit desercizio. Sappiamo che nelle reti TT, per raggiungere unadeguata sicurezza
comunemente diffuso il rel differenziale, ma con linserzione di SPD spesso si verificano aperture intempestive che
non garantiscono pi la continuit desercizio. Per ottimizzare queste esigenze, stato appositamente studiato un
nuovo metodo dinserzione degli SPD: il 3+1.
Esso consiste nellinstallazione di tanti SPD quanti sono i
conduttori di fase (tre SPD nel sistema trifase), tra i conduttori stessi ed il neutro, il quale poi viene riferito al condut-

tore di protezione mediante uno specifico scaricatore N-PE


(uno scaricatore), che garantisce la separazione galvanica
(richiesto dalla norma CEI 64-8 - 534 e la Guida CEI 37-11;
2014-11) in quanto spinterometrico.
I vantaggi sono evidenti:
con leventuale fuori servizio di uno SPD, la corrente di guasto
si richiude sempre e solo sul neutro, facendo intervenire le
protezioni da sovracorrente; per questo motivo possibile
linserzione a monte del rel differenziale con conseguente
protezione del rel stesso, e leliminazione delle aperture
intempestive;
linserzione di un solo SPD collegato tra fase e neutro
(vedi schemi di principio) offre un livello di protezione
migliore nei confronti delle sovratensioni trasversali.

Cataloghi prodotti
Cataloghi prodotti

Software per la Valutazione del rischio

Per i dati tecnici del materiale illustrato nel Fulmine vi preghiamo di consultare:

Certi che questo manuale sar di aiuto a tecnici che operano


nel settore, cogliamo loccasione per ricordare il nostro software
DEHNsupport: esso facilita la progettazione della Protezione
delle strutture contro i fulmini, seguendo il metodo di calcolo
per la valutazione dei rischi secondo la CEI EN 62305-2 (CEI 8110/2). e successive varianti. Inoltre offre la possibilit di calcolare
captatori, la distanza di sicurezza, modulo toolbox e i dispersori,
secondo la CEI EN 62305-3 (CEI 81-10/3).

Catalogo generale
Protezione da
sovratensioni
Protezione da fulmini
Antinfortunistica

Catalogo generale
Protezione da sovratensioni Protezione da fulmini Antinfortunistica

www.dehn.it

BLITZPLANER
Manuale per la protezione
contro i fulmini, che offre
nella progettazione e
nellesecuzione, un aiuto
nella conoscenza approfondita della nuova serie
di norme CEI 62305.

Il programma fornibile su CD-ROM e pu essere installato su


qualsiasi Personal Computer provvisto di Microsoft Windows
XP / Vista / Windows 7 / Windows 8 - 8 Pro.

BLITZPLANER

www.dehn.it

Indice

Indice
Premessa2
Misure di protezione3
Cataloghi prodotti

Indice5
Supporto rapido di selezione prodotti
Impiego degli SPD nelle reti di energia elettrica
Sicurezza pianificata
Come si scelgono gli SPD

6-7
8
9
10-11

Misure di protezione
Trasformatore M.T.
Quadro generale/ Power Center
Quadro secondario 
PLC/ Controllore programmabile
Rete di cablaggio strutturato

12
13
14
15
16

Impianto telefonico ISDN (S0), HDSL (24V)


Protezione utenze finali
Quadro generale
Quadro di distribuzione
Impianto telefonico civile analogico/ ADSL
Impianto TV centralizzato/ SAT - TV singolo
Impianto di rilevazione incendio
Impianto dallarme
Impianto TV a circuito chiuso
Videocitofono/ Cancello automatico
Impianto fotovoltaico
Inverter fotovoltaico
Inverter fotovoltaico - edificio industriale
Illuminazione pubblica

17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Impianto LPS esterno

31

Errori di installazione e soluzioni


Prescrizioni per il collegamento - sezioni di collegamento

32-33
34-35

Quadro generale

Scaricatore
combinato
SPD tipo 1

Impiego innovativo di scaricatori combinati nel sistema energetico anche per la


protezione diretta di utenze elettroniche finali

Supporto rapido di selezione prodotti


Scaricatori combinati - Tipo 1

fase

neutro

Descrizione

Art.

Descrizione fase

Art.

DEHNventil M TT 255

951 310

DEHNvenCI 1 255

961 200

DEHNventil M TT 255 FM

951 315

DEHNvenCI 1 255 FM

961 205

DEHNventil M TT 2P 255

951 110

DEHNventil M TT 2P 255 FM

951 115

Descrizione neutro

Art.

DEHNgap Maxi 1 255

900 180

DEHNgap Maxi 1 255 FM

900 185

Descrizione

Art.

DEHNshield TT 255

941 310

DEHNshield TT 2P 255

951 110

Gli scaricatori (SPD) combinati DEHNventil sono coordinati con tutti gli altri SPD della linea Red/Line e con le utenze finali.

Quadro secondario

Utenza finale

Limitatore
di sovratensione
SPD tipo 2

Limitatore
di sovratensione
SPD tipo 3

Impiego di limitatori di sovratensione nel sistema energetico

Limitatore di sovratensione - Tipo 2

Limitatore di sovratensione - Tipo 3

Descrizione

Art.

Descrizione

Art.

DEHNguard M TT 275

952 310

DEHNrail M 4P 255

953 400

DEHNguard M TT 275 FM

952 315

DEHNrail M 4P 255 FM

953 405

DEHNguard M TT 2P 275

952 110

DEHNrail M 2P 255

953 200

DEHNguard M TT 2P 275 FM

952 115

DEHNrail M 2P 255 FM

953 205

Descrizione

Art.

Descrizione

Art.

DEHNguard M TT CI 275

952 322

DEHNflex A 255

924 389

DEHNguard M TT CI 275 FM

952 327

DEHNguard M TT 2P CI 275

952 171

DEHNguard M TT 2P CI 275 FM

952 176

Impiego degli SPD nelle reti di energia elettrica


secondo la norma

- la prova con tensione impulsiva 1,2/50 per scaricatori


ad innesco (spinterometri);
- la prova della tensione residua con corrente impulsiva
8/20 per limitatori di sovratensione a varistore.
Nel primo caso lo scaricatore spinterometrico viene sollecitato
con 10 impulsi che conducono alla scarica. La media dei 10
picchi determina il livello di protezione, che verr indicato
sullSPD.
Nel secondo caso invece, il limitatore di sovratensione a
varistore viene sollecitato con la corrente impulsiva nominale di scarica In. AllSPD viene applicata una sequenza
di questa corrente, registrando un oscillogramma di tensione ed uno di corrente. I valori di picco devono essere riportati in
un grafico con la corrente di scarica in funzione della tensione
residua. Il livello di protezione dato dalla tensione pi elevata
sul grafico (vedi figura).

SPD combinato ad innesco Tipo 1 DEHNventil


Tensione residua
2

Ures [kV]

25

30

SPD combinato ad innesco Tipo 1 DEHNshield


Tensione residua
2

Ures [kV]
0

10

20

In [kA]

20

Iimp [kA]

livello di protezione indicato

max. sollecitazione per


polo 12,5 kA (10/350)

0,99

0,8
0,6

10

1,25

1,13

1,0

max. sollecitazione per


polo 25 kA (10/350)

1,5

1,6

1,2

Esempio: corrente impulsiva/ tensione residua


DEHNguard 275

1,4

livello di protezione indicato

1,5

Ures [kV]

Livello di protezione UP
Il livello di protezione , secondo la norma di prodotto CEI EN
61643-11, il parametro che caratterizza la prestazione dellSPD
nel limitare la tensione tra i suoi terminali. Per la determinazione di questo valore vengono previsti due tipi di prova:

30

0
0

10

12,5

20

Iimp [kA]

30

LPZ 0 A
LPZ 0 B

LPZ 2

LPZ 1

LPZ 2

LPZ 0 B
LPZ 3
LPZ 1

LPZ 2
LPZ 1
EBB

LPZ 2

EBB

Equipotenzialit antifulmine
scaricatore per corrente di fulmine

Sistema di alimentazione di bassa tensione

Equipotenzialit locale
limitatore di sovratensione

Equipotenzializzazione

Zona di protezione da fulminazione

Linea d'alimentazione

Barra equipotenziale principale

Schermatura

Sistema informatico

Sistema di captazione

Sicurezza pianificata
Per garantire una continua disponibilit di sistemi energetici
o informatici complessi anche in caso di influenza di scariche
dirette, basta su un impianto parafulmine, sono necessarie
ulteriori provvedimenti di protezione di sistemi elettrici ed elettronici. Importante la presa in considerazione di tutte le cause
delle sovratensioni. Per fare questo viene utilizzato il Concetto
di Protezione a Zone (zona di protezione) come descritto nella
IEC ed EN 62305, parte 4, ossia nella CEI 81-10/4 (figura 5).
In questo concetto una struttura viene suddivisa in zone a
rischio diverso. Sulla base di queste zone possono essere definite le varie misure di protezione, specialmente possono essere
determinati gli apparecchi ed i componenti per la protezione
contro il fulmine e le sovratensioni.
Per un concetto di protezione a zone che soddisfa lEMC
appartengono la protezione esterna (con captatore, calate
e dispersore), lequipotenzialit, la schermatura dei vani e la
protezione contro le sovratensioni per i sistemi energetici ed
informatici.
Per la definizione del concetto di protezione a zone valgono le
determinazioni indicate in tabella 1.
Conformemente alle esigenze e sollecitazioni richieste agli
apparecchi per la protezione dalle sovratensioni in riferimento
al punto di installazione, queste sono suddivise in scaricatori
per corrente di fulmine, limitatori di sovratensione e scaricatori
combinati.
Lesigenza pi alta, in riferimento alla capacit di scarica, vengono richieste agli scaricatori per corrente di fulmine e a quelli
combinati, i quali devono realizzare linterfaccia della Zona di
protezione 0A alla Zona 1, ossia dalla Zona 0A alla Zona 2.
Questi scaricatori devono essere in grado di scaricare correnti
parziali di fulmine con impulso a forma donda 10/350 s, pi
volte senza distruggersi ed evitare cos che la corrente parziale
di fulmine distruttiva entri sugli impianti elettrici della struttura.

Allinterfaccia della Zona di protezione 0B e 1 ossia a valle dello


scaricatore di fulmine allinterfaccia 1 e 2 e superiore vengono
utilizzati i limitatori di sovratensione per proteggere dalle sovratensioni. Il loro compito di limitare sia il valore restante dei
gradini di protezione precedenti come anche proteggere limpianto dalle sovratensioni indotte e quelle generate in proprio.
I provvedimenti di protezione dalle sovratensioni ai confini
delle Zone di protezione di fulmini trovano il loro utilizzo sia
per le reti energetiche che quelle informatiche. Con la totalit
di un sistema a prova di EMC viene garantita und duratura
disponibilit degli impianti in una infrastruttura moderna.
Per ulteriori, dettagliate informazioni tecniche Vi possiamo
inviare il nostro libro BLITZPLANER.

CEI EN 62305-4 (classificazione CEI 81-10/4)


Zone esterne:
LPZ 0

Zona in cui il pericolo costituito dallinterno campo elettromagnetico non


attenuato del fulmine e dove gli impianti interni possono essere interessati da
impulsi dovuti a tutta o parte della corrente di fulmine.

LPZ 0 suddivisa in:


LPZ 0A

Zona in cui il pericolo costituito dalla fulminazione diretta e dallintero campo elettromagnetico non attenuato del fulmine. Gli impianti interni possono
essere interessati da impulsi dovuti allintera corrente di fulmine.

LPZ 0B

Zona protetta contro la fulminazione diretta, ma dove persiste il pericolo


dellintero campo elettromagnetico non attenuato del fulmine. Gli impianti
interni possono essere interessati da impulsi dovuti a frazioni significative
della corrente di fulmine.

Zone interne (protette contro le fulminazioni dirette):


LPZ 1

Zona in cui gli impulsi di corrente sono limitati dalla ripartizione della corrente di
fulmine e da interfacce isolanti e/o da SPD al confine della zona stessa. Schermi
locali possono attenuare il campo elettromagnetico.

LPZ 2 ... n Zona in cui gli impulsi sono ulteriormente limitati dalla ripartizione della corrente
di fulmine e da interfacce isolanti e/o da SPD addizionali al confine delle zone
stesse. Schermi locali addizionali possono attenuare ulteriormente il campo
elettromagnetico.

Come si scelgono gli SPD


Di quale tipo di struttura si tratta?
casa in collina con alimentazione aerea struttura in
centro abitato industria
Qual la forma della rete elettrica?
rete TT (3 fasi + neutro) rete TT (1 fase + neutro)
rete TNS (3 fasi + neutro distribuito)
rete TNC (3 fasi + PEN)
Dove va installato?
quadro generale quadro di distribuzione utenza finale
Cosa deve essere protetto?
alimentazione elettrica linea telefonica impianto TV/SAT
cancello automatico
1) La struttura in collina:
- Quadro generale: SPD Tipo 1
cavo interrato
DEHNshield TT 2P 255...........art. 941 110 (rete TT monofase)
DEHNshield TT 255 ...............art. 941 310 (rete TT trifase)
cavo aereo
DEHNventil M TT 2P 255.......... art. 951 110 (rete TT monofase)
DEHNventil M TT 255............... art. 951 310 (rete TT trifase)
- Quadri di distribuzione: SPD Tipo 2
DEHNguard M TT 2P 275......art. 952 110 (rete TT monofase)
DEHNguard M TT 275...........art. 952 310 (rete TT trifase)
2) La struttura situata in centro abitato:
- Quadri di distribuzione: SPD Tipo 2
DEHNguard M TT 2P 275......art. 952 110 (rete TT monofase)
DEHNguard M TT 275...........art. 952 310 (rete TT trifase)

10

3) La struttura un impianto industriale:


- Quadro generale / Power Center: SPD Tipo 1
DEHNventil M TT .../TNS .../TNC..., art. 951 310, 951 400, 951 300
DEHNvenCI 1 255............... art. 961 200 +

DEHNgap Maxi 1 255.......... art. 961 180
- Quadri di distribuzione: SPD Tipo 2
DEHNguard M TT 275.......... art. 952 310 (rete TT trifase)
DEHNguard M TT CI 275........ art. 952 322 (rete TT trifase, I > 63A)
- Apparecchi finali: SPD Tipo 3
DEHNrail M 2P 255................. art. 953 200 (montaggio guida DIN)
DEHNflex A 255.................. art. 924 389 (canalina per cavi,

scatola sotto intonaco)

- UPS
DEHNrail M 2P 255............. art. 953 200
- Borchia Telecom:
linea ISDN
DEHNlink ISDN I.................. art. 929 024
linea analogica
DEHNlink TC ECO RJ11/12... art. 929 081
- Impianto TV
a monte dellamplificatore
DEHNgate FF TV.................. art. 909 703
sullapparecchio finale
DPRO 230 TV...................... art. 909 300
- Cancello elettrico: SPD Tipo 3
DEHNcord L 2P 275............. art. 900 430
- Centralina antincendio: SPD Tipo 3
DEHNflex A 255.................. art. 924 389
BLITZDUCTOR BSP M4 BD 24, composto da:

elemento base .................... art. 920 300

modulo di protezione BD 24..... art. 926 344 (per loop con tensione < 30 V dc)
- Centralina antintrusione: SPD Tipo 3
DEHNflex A 255.................. art. 924 389
DEHNconnect SD2 ME 12.... art. 917 920 (per loop con tensione < 12 V dc)

Scarica diretta/avvicinata:

Scarica remota:

Scarica nellimpianto parafulmine,


strutture metalliche di impianti
industriali, cavi ecc.

Scarica su linea aerea


di media tensione

Caduta di tensione allimpedenza


impulsiva di terra Rst

Sovratensione su linea aerea


in forma di onde migranti
causate da fulmini nube-nube

Tensioni indotte in spire

Campi del canale di scarica

L1
L2
L3
PEN

20 kV

utenza

Rst
Equipotenzialit antifulmine
Scaricatore per corrente di fulmine

Sistema di alimentazione di bassa tensione


Sistema informativo

LPS esterno

Fulminazione Fulminazione
indiretta
diretta

Classificazione degli apparecchi di protezione

struttura S1
e
servizio S3
struttura S2
e
servizio S4

LPL I

LPL II

LPL III / IV

B.T.

DV M TT (2P) 255

DV M TT (2P) 255

DV M TT (2P) 255

TLC

BXT ML2 BD 180 + BXT BAS;


DBX U2 KT BD S 0-180

BXT ML2 BD 180 + BXT BAS;


DBX U2 KT BD S 0-180

BXT ML2 BD 180 + BXT BAS;


DBX U2 KT BD S 0-180

B.T.

DG M TT (2P) 275

DG M TT (2P) 275

DG M TT (2P) 275

TLC

BSP M2 BD 180;
DLI TC ECO

BSP M2 BD 180;
DLI TC ECO

BSP M2 BD 180;
DLI TC ECO

11

1
2
4
3

Trasformatore M.T.
Protezione dellimpianto elettrico contro la scarica diretta ed indiretta (LPS interno)

Descrizione

Art.

L1

1 Linea M.T. in entrata


Scaricatore di media tensione tipo
DEHNmid ...N*

990 1...

L2

3 Supporto isolato tipo BF IH

994 060

L3

4 Unit di sezionamento tipo DIC 10

994 003

5 Trasformatore media tensione


6 Verso limpianto di terra
B.P.T

Schema di principio

Tensione nominale sistema


10 kV
15 kV
20 kV
24 kV

12

Scaricatori in gomma siliconica per la media tensione


Scaricatore tipo
Tensione nominale scaricatore
Applicazione
DMI 12 10 1 N
DMI 18 10 1 N
DMI 24 10 1 N
DMI 30 10 1 N

12 kV
18 kV
24 kV
30 kV

esterna/interna
esterna/interna
esterna/interna
esterna/interna

Art.
990 104
990 106
990 108
990 110

000 235

2
*
L1

L1

L1

L1

L1

L1

verso il quadro secondario

3
4

Quadro generale/Power Center


Protezione dellimpianto elettrico contro la scarica diretta ed indiretta (LPS interno)

Descrizione
1
2

Art.

L1

Interruttore magnetotermico generale

L2

Distribuzione del Power Center in barre di rame

L3

Scaricatore combinato multipolare


tipo DEHNventil M TT 255

Verso la barra equipotenziale principale pi


vicina (max 50 cm, min 16 mm2)

UPS - gruppo statico di continuit

Verso le utenze

951 310

EBB

Nota:
Per le sezioni di collegamento vedi a pag. 34.
In mancanza di spazio per il montaggio dello scaricatore combinato
DEHNventil M TT 255, si consiglia luso di custodie isolanti.

Schema di principio

* Lo scaricatore combinato DEHNventil M TT 255 in grado di interrompere,


senza alcun fusibile di protezione, una corrente di corto circuito fino a 50 kAeff.

13

2
5
3

dal quadro generale

8
9

Quadro secondario
Protezione dellimpianto elettrico contro la scarica diretta ed indiretta (LPS interno)

Descrizione
Quadro di distribuzione metallico

Interruttore generale (per tutte le correnti)

Rel differenziale

Limitatore di sovratensione tipo


DEHNguard M TT CI 275

952 322

Morsetto per conduttore di protezione tipo SLK

910 099

Interruttori magnetotermici per le diverse utenze

Barra equipotenziale del quadro

Dal quadro generale/ Power Center

Verso le utenze

Nota:
Per le sezioni di collegamento vedi a pag. 35.
In mancanza di spazio per il montaggio del limitatore di sovratensione
DEHNguard M TT CI 275, si consiglia luso di custodie isolanti.

14

Art.

L1
L2
L3

EBB

Schema di principio

L L

N N

IN

FILTER
NETZFI

OUT

N N

L L

6
7
1

PCL/ controllore programmabile


Protezione dellimpianto elettrico contro la scarica diretta ed indiretta (LPS interno)

Descrizione
1

Art.

Alimentazione 230 V

Apparecchio di protezione da sovratensioni tipo DEHNrail M 2P 255

953 200
912 254

Filtro di rete tipo NF 10

PLC/ controllore programmabile

Uscite dal PLC verso i sensori in campo

Morsetto di protezione da sovratensioni DEHNconnect SD2 ME 12, oppure

917 920

Morsetto di protezione da sovratensioni DEHNconnect SD2 ME 24

917 921

Morsetto per conduttore di protezione, tipo SLK

910 099

Barra equipotenziale locale

563 105

15

DEHNpatch
DPA M CAT6
RJ45S 48
No. 929 100
Uc 48V Cat 6

SPD

10
2

DEHNpatch
DPA M CAT6
RJ45S 48
No. 929 100
Uc 48V Cat 6

SPD

11

10

3
4
DEHNpatch
DPA M CAT6
RJ45S 48
No. 929 100
Uc 48V Cat 6

SPD

10

8
7
5

DEHNpatch
DPA M CAT6
RJ45S 48
No. 929 100
Uc 48V Cat 6

SPD

10
6

Rete di cablaggio strutturato


Protezione dellimpianto elettrico contro la scarica diretta ed indiretta (LPS interno)

Descrizione

16

Art.

Rack a 19

Pannello di distribuzione/ patch panel

NET-Protector, limitatore di sovratensione per reti strutturate (classe D), composto da:
modulo di protezione, tipo NET PRO 4TP

929 035

custodia di montaggio EG NET PRO 19

929 034

HUB

Presa multipla per quadri dati a rack 19 con protezione da sovratensioni e filtro di rete, tipo SFL PRO 6X 19

Alimentazione monofase

Unit centrale/ CPU (server)

Cavo di connessione verso gli HUB

Collegamenti verso i posti di lavoro/ PC

909 251

10 Limitatore di sovratensione, tipo DEHNpatch (per Cat. 6 e/o precedenti)

929 100

11 Morsetto per conduttore di protezione, tipo SLK

910 099

INTERF. U
220 V

NT1/ PM

4
1

5
3

Impianto telefonico ISDN (S0), HDSL (24V)

Descrizione
1

Linea telefonica in entrata

Borchia

Cavo di alimentazione 230V

Limitatore di sovratensione DEHNprotector 230

Cavo di collegamento digitale ad alta frequenza

Art.

909 230

Limitatore di sovratensione BLITZDUCTOR SP M4 BD HF 24*, composto da elemento base, tipo BXT BAS
modulo di protezione, tipo BSP M4 BD HF 24

Morsetto per conduttore di protezione, tipo SLK

Verso la centralina telefonica

920 300
926 375
910 099

* Apparecchio di protezione anche adatto per HDSL e CDN

17

PE

8
9

10
11

Protezione utenze finali


Canalina per cavi | Quadro bordo macchina industriale

Descrizione
1

Canalina per cavi

Presa elettrica

Limitatore di sovratensione DEHNflex M 255

Quadro generale

Interuttore magnetotermico generale

Rel differenziale

Limitatore di sovratensione DEHNguard TT 5 275

Verso la barra equipotenziale principale pi vicina (max. 50 cm, min. 16 mm2)

Interuttore generale macchina industriale

10 Pulsante stop emergenza


11 Macchina industriale

18

Art.

924 396

900 455

7
1

7
6

verso il quadro di distribuzione

Quadro generale

Descrizione
1

Linea elettrica in entrata

Quadro generale

Interruttore magnetotermico generale

Scaricatore combinato multipolare,


tipo DEHNventil M TT 2P 255

Rel differenziale

Verso la barra equipotenziale principale pi


vicina (max 50 cm, min 16 mm2)

Verso il quadro di distribuzione

Nota:
Per le sezioni di collegamento vedi a pag. 34.
In mancanza di spazio per il montaggio del limitatore di sovratensione
DEHNventil M TT 2P 255, si consiglia luso di custodie isolanti.

Art.

951 110

Schema di principio

19

6
dal quadro generale

Quadro di distribuzione

Descrizione
1

Quadro di distribuzione

Interruttore magnetotermico generale

Limitatore di sovratensione tipo


DEHNguard M TT 2P 275

Rel differenziale

Interruttori magnetotermici per le diverse utenze

Dal quadro generale

Dalla barra equipotenziale principale

Verso le utenze

Art.

952 110

Schema di principio
Nota:
Per le sezioni di collegamento vedi a pag. 35.
In mancanza di spazio per il montaggio del limitatore di sovratensione
DEHNguard M TT 2P 275, si consiglia luso di custodie isolanti.
Attenzione:
linstallazione del limitatore di sovratensione DEHNguard M TT 2P 275 sempre necessaria:
in mancanza di una protezione come illustrato in pag. 19 Quadro generale; in questo modo si ottiene per solo la protezione dalla scarica atmosferica indiretta;
quando la lunghezza dei cavi posati tra quadro generale - anche se protetto come illustrato in pag. 19 Quadro generale e quadro di distribuzione superiore a 15 m.

20

2
3
5

1
4

Impianto telefonico civile analogico/ADSL

Descrizione
1
2

Art.

Linea telefonica in entrata


Limitatore di sovratensione BLITZDUCTOR SP M2 BD 180*, composto da elemento base, tipo BXT BAS
modulo di protezione, tipo BSP M2 BD 180

Morsetto per conduttore di protezione, tipo SLK

Splitter ADSL

Modem/Router WIFI

Limitatore di sovratensione tipo DEHNprotector 230

Cavo di alimentazione 230 V

Verso il modem/router

Verso il telefono

920 300
926 247
910 099

909 230

21

9
8

11

4
10
5

Impianto TV centralizzato/SAT - TV singolo

Descrizione

Art.

Centralino TV

Limitatore di sovratensione DEHNgate FF TV

Morsetto per conduttore di protezione, tipo SLK

910 099

Limitatore di sovratensione DEHNprotector 230*

909 230

Dal quadro di distribuzione

Cavi coassiali verso le TV

Dallantenna terrestre (segnale analogico - digitale)

Dallantenna satellitare (segnale analogico - digitale)

Verso il telefono

909 703

10 Apparecchio di protezione combinata da sovratensione DPRO 230 TV**


* Al posto del DPRO 230 pu anche essere usato il limitatore di sovratensione DEHNrail M 2P 255 in custodia isolante.
** Al posto del DPRO 230 TV pu anche essere usato il limitatore di sovratensione DEHNrail M 2P 255 e DEHNgate FF TV in custodia isolante.

22

909 300

2
2
2

5
4
9
10

1
3
6

Impianto di rivelazione incendio

Descrizione

Art.

Centralina elettronica di rilevazione incendio

Rilevatore di fumo

Pulsante di emergenza

Morsetto per conduttore di protezione tipo SLK

910 099

Scaricatore combinato BLITZDUCTOR BXT ML4 BD 24* - composto da: elemento base, tipo BXT BAS

920 300

modulo di protezione, tipo BXT ML4 BD 24

920 344

Barra equipotenziale locale

563 105

Apparecchio di protezione da sovratensioni, tipo DEHNflex A 255

924 389

Luce demergenza

Limitatore di sovratensione tipo DEHNguard SE DC 60

10 Pettine unipolare, due unit

972 110
900 617

* Indicazione informativa non impegnativa. Dipende dal tipo di centrale/ tensione di lavoro del loop.

23

3
6

8
9
1

2
5

1
2

1
2
2

1
11

10

Impianto dallarme

Descrizione
Centralina elettronica dallarme

Sirena con lampeggiatore

Sensore a raggi infrarossi/ microonde

Morsetto per conduttore di protezione, tipo SLK

910 099

Morsetto di protezione da sovratensioni DEHNconnect SD2 ME 12, oppure

917 920

Morsetto di protezione da sovratensioni DEHNconnect SD2 ME 24

917 921

Conduttori di alimentazione per sirena/ sensori

Conduttori di allarme

Conduttori di sabotaggio/ sicurezza

Conduttore di presenza tensione positiva

10 Barra equipotenziale locale

563 105

11 Apparecchio di protezione da sovratensioni, tipo DEHNflex A 255

924 389

* Indicazione informativa non impegnativa. Dipende dal tipo di centrale/ tensione di lavoro del loop.

24

Art.

4b

4a
4b

7
1

4a
3
6
8

Impianto TV a circuito chiuso

Descrizione
1

Telecamera con alimentazione a 230 V

Telecamera 360 con alimentazione a 12/24 V

Punto comune di messa a terra

Art.

4a Limitatore di sovratensione per cavo coassiale DEHNgate BNC VCID

909 711

4b Limitatore di sovratensione per cavo coassiale DEHNpatch M CLE RJ45B 48

929 121

Apparecchio di protezione da sovratensioni DEHNflex A 255

Cavo coassiale

Cavo dati

Alimentazione 230 V

924 389

* Indicazione informativa non impegnativa. Dipende dal tipo di centrale/ tensione di lavoro del loop.

25

2
1

1
1

1
2
2

1
2
2
2

1
2
2
2

N
L

DEHNcord
DCOR L
1P 275
431
No. 900
SPD
V
Uc 275
In 5 kA
kV
Up 1,5
kA
Imax 10

Videocitofono/ Cancello automatico

Descrizione
Centralina citofono

Centralina videocitofono

Citofono

Posto esterno videocitofono

Morsetto per conduttore di protezione tipo SLK

910 099

Morsetto di protezione da sovratensioni DEHNconnect SD2 ME 12* oppure

917 920

Morsetto di protezione da sovratensioni DEHNconnect SD2 ME 24*

917 921

Motore per cancello automatico

Apparecchio di protezione da sovratensioni, tipo DEHNcord L 2P 275

* Indicazione informativa non impegnativa. Dipende dal tipo di centrale/ tensione di lavoro del loop.

26

Art.

900 430

Impianto fotovoltaico

Le norme di riferimento per la certificazione dei moduli fotovoltaici sono la IEC 61215 per il silicio cristallino e la IEC
61646 per il silicio amorfo. In queste certificazioni vengono
stabilite una serie di test per determinare le caratteristiche
elettriche e termiche dei moduli cristallini.
Tra laltro contenuta una procedura inerente la prova di
tenuta allimpulso che deve essere di almeno 4/6 kVp.
I ns. SPD per impianti fotovoltaici hanno una tensione residua massima inferiore al valore minimo stabilito dalle norme
di cui sopra.

Sistema isolato da terra oppure pannelli a silicio amorfo


Tensione massima a vuoto del generatore fotovoltaico fino a 1200V

Tipo

utilizzabile fino ad

UCPV
600 V dc
600 V dc
1000 V dc
1000 V dc
1200 V dc
1200 V dc
1000 V dc

Art.

una tensione

DEHNguard M YPV SCI 600


DEHNguard M YPV SCI 600 FM
DEHNguard M YPV SCI 1000
DEHNguard M YPV SCI 1000 FM
DEHNguard M YPV SCI 1200
DEHNguard M YPV SCI 1200 FM
DEHNlimit PV 1000 V2

952 511
952 516
952 510
952 515
952 512
952 517
900 342

27

1
6

8
7

2
3
4a

11

4b

10

DEHNcube
DCU YPV SCI 1000 1M
No. 900 910
UCPV
In
Itotal
Up
IP Code

1000 V
12,5 kA / Pole
40 kA (8/29)
4 kV
IP65

green: ok
red: ok

>

DC +/-

DC -/+

For use in photovoltaic (PV) systems only!

11

Inverter fotovoltaico

Descrizione
1

Arrivo stringhe

Interruttore DC

Morsetti

Art.

4a Con scarica indiretta: Limitatore di sovratensione DEHNguard M YPV SCI ...*

952 51.

4b Con scarica diretta:

900 910

Limitatore di sovratensione in IP 65 DEHNcube YPV SCI 1000 1M

Morsetto per conduttore di protezione tipo SLK

Quadro di terminazione/sezionamento

Inverter

Quadro AC

Interruttore magnetotermico generale

10 Limitatore di sovratensione tipo DEHNguard M TT 2P 275

952 110

11 Verso la barra equipotenziale principale

563 105

* Da scegliere in base alla tensione max a vuoto del generatore fotovoltaico.

28

910 099

<S
1

No. 900 066


UCPV 1000 V

ISCPV
ITotal
Iimp
In
UPV

1000 A
12,5 kA (10/350)
6,25 kA PV [T1]
15 kA PV [T1]
2,5 kV

10

Inverter fotovoltaico - edificio industriale

Descrizione
1

Arrivo stringhe

Interruttore DC

Morsetti

Scaricatore combinato DEHNcombo DCB YPV SCI 1000

Quadro di terminazione/sezionamento

Inverter

Quadro AC

Interruttore magnetotermico generale

Limitatore di sovratensione tipo DEHNguard M TT 2P 275

10 Verso la barra equipotenziale principale

Art.

900 061

952 110
563 105

29

5
4

Illuminazione pubblica

Descrizione

30

Art.

Linea di alimentazione illuminazione pubblica

Quadro di distribuzione

Corpo illuminante a LED (isolamento rinforzato)

Limitatore di sovratensione tipo DEHNcord L 1P 275

900 431

Scaricatore combinato tipo DEHNshield TT 255

941 310

16
4
3

17

1
6
11

10

9
15

2
12

20
18

14
7

19

13

Impianto LPS esterno


composto da maglia di captazione, calate e impianto di terra

Pos. Descrizione articolo


1
2
3

6
7
8
9

Conduttore tondo 8 mm:


DEHNALU, semicrudo
DEHNALU, ricotto-malleabile
Conduttore piatto 30 x 3,5 mm - Fe/tZn
Conduttore tondo 10 mm - INOX AISI 316
Staffa portafilo per tetti in tegola

Art.

840 008
840 018
810 335
860 010
202 020
204 109
204 449
Staffa portafilo per tetti
204 149
204 179
202 010
202 050
DEHNsnap
204 006
DEHNgrip
207 009
Staffa portafilo con vite e tassello
274 160
Staffa portafilo per pareti con isolamento termico 273 740
DEHNhold
274 160
Morsetto per grondaia
339 050
339 059
Morsetto per grondaia con vite unica
339 100
Morsetto MV in Fe/tZn
390 050
Morsetto MV in Inox
390 059
Morsetto per griglia fermaneve
343 000
Collare di messa a terra per pluviali 60-150 mm 423 020
Morsetto KS per il collegamento di conduttori 301 000
Morsetto KS in Inox
301 009

Pos. Descrizione articolo


10
11
12
204 469
206 109
206 349
202 080
206 209
206 309

13
14
15
16
17

339 069

18
19
20

Morsetto MV in AL
Cavallotto di ponticellamento in alluminio
Treccia di ponticellamento in alluminio
Asta di adduzione a terra 16 mm - set
Connettore parallelo
Morsetto a croce
Morsetto SV in Fe/tZn
Morsetto SV in Inox
Staffa porta asta con vite e tassello
Staffa porta asta per pareti con isolamento termico
Targa di numerazione, per la numerazione dei
punti di sezionamento
Asta di captazione con diametro ridotto
Asta di captazione bombata da ambo i lati
Morsetti per asta
Staffa porta asta con vite e tassello
Dispersore di profondit in Fe/tZn
componibile con perno e giunto
Puntazza per dispersori di profondit
Collare di collegamento per dispersori di profondit
collegamento da un lato
Collare di collegamento per dispersori di profondit

Art.
390 051
377 006
377 015
480 150
305 000
319 201
308 220
308 229
274 260
273 731
481 0xx
482 0xx
103 210
483 100
380 020
274 260
620 150
625 150
620 001
620 011
625 011
620 015

306 020

620 151
625 151
625 001

625 015

31

Errori di installazione e soluzioni

Collegamenti
troppo lunghi,
formazione
di spire
(CEI 81-10/4)

L
N

L
N

Nodo di terra nella


scatola di derivazione

PE

PE

Installazione errata

32

Installazione corretta

Posa del conduttore di terra


insieme ai conduttori protetti

Installazione errata

Collegamenti brevi e il pi rettilinei possibili

Obblico della barretta di terra sec. CEI 64/8 cap. ...

Installazione corretta

33

Prescrizioni per il collegamento - sezioni di collegamento


DEHNventil M - DEHNbloc M - DEHNbloc H
1.

COLLEGAMENTO PASSANTE A V
solo ammesso in impianti, in cui la corrente nominale non supera 125 A (interruttore con portata 125A)
1.1

SEZIONI DI COLLEGAMENTO
PARTE DEL COLLEGAMENTO

MORSETTI

VALORE DELLA SEZIONE

S1 (sezione in arrivo)

L1, L2, L3, N


L1, L2, L3, N

max 35 mm2

S2 (sezione in partenza)
S3 (sezione di terra)
1.2

S2

S1
Interruttore
magnetotermico

max 35 mm2

S3

uguale alla sezione di collegamento,


min 16 mm2 - max 35 mm2

FUSIBILE DI PROTEZIONE
non necessario, in quanto linterruttore di linea ( 125 A) funge da protezione

2.

COLLEGAMENTO IN DERIVAZIONE
2.1

PARTE DEL COLLEGAMENTO

MORSETTI

VALORE DELLA SEZIONE

S2 (sezione in derivazione)

L1, L2, L3, N

uguale alla sezione gi presente nellimpianto, max 35 mm2

S3 (sezione di terra)
2.2

S1

SEZIONI DI COLLEGAMENTO

Interruttore
magnetotermico

S2
F

uguale alla sezione di collegamento,


min 16 mm2 - max 35 mm2

FUSIBILE DI PROTEZIONE
DIMENSIONAMENTO

NOTE

per i valori di Icc 50 kAeff

a) non necessario, se garantita la protezione da corto


circuito del cavo di collegamento (S2)
b) 315 A gL/gG, se non garantita la protezione da
corto circuito del cavo di collegamento (S2)

S3

con valore di Icc > 50 kAeff -> 200 A gL/gG

DEHNguard M
1.

1.1

1.2

Interruttore
magnetotermico

SEZIONI DI COLLEGAMENTO
PARTE DEL COLLEGAMENTO

MORSETTI

VALORE DELLA SEZIONE

S2 (sezione in derivazione)

L, N

uguale alla sezione gi presente nellimpianto, max 25 mm2

S3 (sezione di terra)

FUSIBILE DI PROTEZIONE
DIMENSIONAMENTO
interruttore di linea 63 A -> non necessario
interruttore di linea > 63 A -> 125 A gL/gG

34

S1

COLLEGAMENTO IN DERIVAZIONE

S2
F

uguale alla sezione di collegamento,


min 6 mm2 - max 25 mm2

S3

DEHNguard M CI
1.

S1

COLLEGAMENTO IN DERIVAZIONE
1.1

SEZIONI DI COLLEGAMENTO
PARTE DEL COLLEGAMENTO

MORSETTI

VALORE DELLA SEZIONE

S2 (sezione in derivazione)

L, N

uguale alla sezione gi presente nellimpianto, max 25 mm

S3 (sezione di terra)
1.2

S2

Interruttore
magnetotermico

uguale alla sezione di collegamento,


min 6 mm2 - max 25 mm2

S3

FUSIBILE DI PROTEZIONE
DIMENSIONAMENTO
non necessario in nessun caso

DEHNguard M YPV SCI


1.

S1

COLLEGAMENTO IN DERIVAZIONE
1.1

SEZIONI DI COLLEGAMENTO
PARTE DEL COLLEGAMENTO

MORSETTI

VALORE DELLA SEZIONE

S2 (sezione in derivazione)

DC, DC+

uguale alla sezione gi presente nellimpianto, max 25 mm2

S3 (sezione di terra)
1.2

S2

Interruttore
magnetotermico

uguale alla sezione di collegamento,


min 6 mm2 - max 25 mm2

S3

FUSIBILE DI PROTEZIONE
DIMENSIONAMENTO
non necessario in nessun caso

DEHNlimit PV
1.

S1

COLLEGAMENTO IN DERIVAZIONE
1.1

SEZIONI DI COLLEGAMENTO
PARTE DEL COLLEGAMENTO

MORSETTI

VALORE DELLA SEZIONE

S2 (sezione in derivazione)

L1, L2, L3, N

uguale alla sezione gi presente nellimpianto, max 35 mm2

S3 (sezione di terra)
1.2

Interruttore
magnetotermico

FUSIBILE DI PROTEZIONE

S2
F

uguale alla sezione di collegamento,


min 16 mm2 - max 35 mm2

S3

DIMENSIONAMENTO
IPV max 100 A -> non necessario
IPV max > 100 A -> 125 A gR

35

Protezione
da sovratensioni DEHN
DEHN
ITALIA S.p.A.Hans-Dehn-Str.
Via G. di
1/b +49 9181
Tel.906-0
0471 561300
berspannungsschutz
+ SHNE
1 VittorioTel.
Protezione
da fulmini
Fax906-1100
0471 561399
Blitzschutz/Erdung
GmbH + Co.KG.
PostfachI-39100
1640 Bolzano Fax +49 9181
Antinfortunistica
Italia
www.dehn.it
Arbeitsschutz
92306 Neumarkt
info@dehn.de
DEHN protegge.
info@dehn.it
schtzt.
Germany www.dehn.de

actiVsense, BLITZDUCTOR, BLITZPLANER, DEHN, DEHN Logo, DEHNbloc, DEHNcare, DEHNfix, DEHNgrip, DEHNguard, DEHNport,
DEHNquick, DEHNrapid, DEHNshield, DEHNsnap, DEHNventil, HVI, LifeCheck, Red/Line in Germania e/o altri paesi sono marchi
registrati (registered trade marks). Illustrazioni non impegnative. Salvo modifiche tecniche, errori di stampa e omissioni.
DS334/I/0115 COPYRIGHT 2015 DEHN ITALIA S.p.A.