Sei sulla pagina 1di 18

Innovazione sociale

e il valore dei luoghi.


#SharingRimini
PAOLO VENTURI

Una definizione

Innovazione sociale
(Stanford University)

una soluzione innovativa ad un problema


sociale, pi ecace, eciente, sostenibile e
giusta di quelle esistenti, che produce valore
per la societ nel suo complesso piuttosto che
per i singoli individui

Economia e le relazioni
Paradigma Relazionale delleconomia: Aristotele: La vita delluomo si regge su
u

1 Propensione compagnia con Altri (espressivit)

2 Utilit che si trae a vivere con Altri (razionalit)

La scienza economica in omaggio allutilitarismo, da almeno 100, anni ha separato


sociale ed economico. La felicit pubblica e viene sostituita con lutilit pubblica.
Valore = max profitto
Innovazione solo in una logica profittevole (tecnologica)

Tragic choices

Andamento Debito pubblico (su Pil) e Tasso di fecondit totale. Italia 1965-2015.
6

A. Rosina 2016

Sociale, che produce valore


u Linnovazione

sociale come meccanismo per


RI-generare valore.
u Necessita di passare da paradigmi di crescita a
paradigmi di sviluppo Co-economy
Nuovi meccanismi di produzione del valore che vedono il sociale
come input non pi come esternalit (RSI)
Fine della verticalit dei processi di produzione del valore e inizio di
una nuova fase: condivisione.

sociale : meccanismo per


produrre Valore. Come ?
95 tesi)1. Mercati sono
conversazioni
(

Istituzioni producono valore conversando e ricombinando : (economico- socialepubblico)


Valore nasce da percorsi circolari.
Cambiano le istituzioni :
Imprese coesive
PA - collaborative
Sociale comunitario

1.

Coesione competizione ( Unioncamere- Symbola


2016 )

2.

Produzione un fatto sociale ( G.Beccattini 2015) cio


una manifestazione della cooperazione fra i soggetti.

3.

Impresa come opera aperta.(H.Chesbrough 2003)

istituzioni ibride e nuovi percorsi di


sviluppo.
Imprese (valore condiviso): sharing economy 206 piattaforme di cui 68
crowdfunding - 6600 start up innovative (114 SIAVS) Benefit Corporation
Nuove imprese sociali ( riforma del terzo settore) monete complementari
worker byout co-working, ecc
PA ( co-produzione): Patti collaborativi, baratto amministrativo, rigenerazione
comunitaria periferie e community asset, crowdfunding civico, living lab, bilanci
partecipativi, progetti di housing sociale, ecc
Sociale (collaborativo) : social street, civismo e cittadinanza attiva, welfare
comunitario, cooperative di comunit, community hub, ecc.
ESTERO: Germania ( 48% energia rinnovabile imprese comunitarie) - Grecia
( coop sociali come attori di sviluppo locale) Francia ( contratti impatto sociale)
- UK (community right diritto prelazione alla comunit, su beni abbandonati)

Lo sviluppo endogeno o non


(sostenibile)
processi di sviluppo endogeno sono tutti
community based
Citt attrattive postulano la partecipazione
Costruzione di comunit un atto
consapevole (E.Manzini)
Laboratorio Aperto

Citt come luogo

Investimento su nuove generazioni (capacitazione - A.Sen)


Per catalizzare la domanda e il desiderio di partecipare,
servono Luoghi che infrastrutturano i legami (sense
making) e il cambiamento. . Come? condividendo.

Laboratori aperti: da Spazi a Luoghi


Generare comunit.(vocazione territorio intorno ad attrattori )
u

Soggettualit imprenditoriale collettiva ( ibrida)

Mutisettore e multistakeholder

Innovazione aperta come metodo

Tecnologia come piattaforma abilita

Strategia eco-sistemica e co-progettazione

Socializzare e valorizzare risorse diverse ( risorse latenti)

Laboratori aperti: da Spazi a Luoghi


1.

AGIRE sullo SPAZIO PUBBLICO - Costruire luoghi come dispositivi


del cambiamento ( imprenditorialit)

2.

Cittadini da target (interazioni sociali) a co-produttori ( relazioni


interpersonali)

3.

Cultura come piattaforma: linnovazione radicale, richiede di


stabilire connessioni impreviste (ambiti bisogni - motivazioni
tecnologie differenti) e di attivare il pensiero critico.

4.

Nuova generazione di servizi/prodotti: comunitari, collaborativi e


esperienziali.

Sharing Rimini: beni come esperienza.


la materia di cui disponiamo oggi identica a quella dei predecessori
ominidi del Paleolitico. Ci che fa la differenza il modo con cui tale
materia ordinata, e quindi il suo contenuto di informazione: un prodotto ,
in ultima analisi, una forma di immaginazione cristallizzata. ( Pierluigi Sacco)
La capacit dinnovazione ( competitivit) dipende qualit e quantiti
dinformazioni legate al valore di quel territorio che si riesce ad infondere
nei prodotti /servizi .
u

Dilatare il dna produttivo significa dilatare le informazioni e connessioni


legate ai prodotti..

Trasformare i sistemi di produzione e distribuzione di beni, ovvero le


nostre economie, in veri e propri depositi sociali di conoscenza legati al
saper fare, tradizione, stili di vita,

SHARING Rimini

Occasione unica non solo per rigenerare uno SPAZIO, ma


per ridefinire il proprio percorso di sviluppo, welfare e
civico,
ri-partendo dalla condivisione e dalla comunit.

GRAZIE!
Paolo Venturi
Paolo.venturi7@unibo.it

La sfida dice Horowitt passare da un ego-sistema ad un ecosistema, da una organizzazione classica basata su posizioni e ruoli
codificati a una organizzazione che si basa pi sui tempi e linterazione
tra gli attori. Dove tutti hanno ruolo importante e alla pari. Un sistema
non pi predittivo ma piuttosto adattivo
Bisogna superare il paradigma classico incita Horowitt e passare
da predire e ripetere a imparare e adattarsi, passare dalla
pianificazione alla sperimentazione, un sistema dove anche
linsuccesso e il fallimento sono prodotti collaterale dellinnovazione.