Sei sulla pagina 1di 3

M.Balconi e R.

Fontana, Dispense di Economia:


4) Note sullelasticit della domanda

Note sulla relazione tra pendenza della funzione di domanda


e valore dellelasticit puntuale
X = f(P) la funzione di domanda, che indica come variano le quantit domandate al variare del
prezzo. Lelasticit della domanda il rapporto tra la variazione percentuale della quantit
domandata e la variazione percentuale del prezzo
X
X P
*
= X =
P
P X
P
Il valore dellelasticit generalmente negativo.

(1)

In termini infinitesimali lelasticit definita come

dX P
*
dP X

Per funzione inversa di domanda si intende unespressione del tipo: P = f(X). Quando questa
espressione quella di una retta si ha P = a bX dove b linclinazione costante, ovvero
dP
dX
Partendo dallespressione della funzione inversa di domanda lineare possibile analizzare la
relazione tra elasticit e pendenza della curva di domanda ed evidenziare alcuni casi particolari di
elasticit.
Abbiamo dalla (1) che
dP X
X 1
=b
=
dX P
P
b =

Mentre la pendenza della curva inversa di domanda lineare costante, come abbiamo visto sopra, in
1
X
ogni punto della curva varia il rapporto
. Quindi varia in ogni punto e ovviamente varia anche
P

, in quanto
1 P
=
b X
In generale quando si parla del valore dellelasticit della domanda si fa riferimento al valore
assoluto dellelasticit cio a:
1 P
.
=
b X

M.Balconi e R.Fontana, Dispense di Economia:


4) Note sullelasticit della domanda

=
a

=1

=0
A

a/b
Si noti come:
--In corrispondenza dellintercetta verticale B = (X;P) = (0;a) si ha
P
X =0
=
=
X
a
--In corrispondenza dellintercetta orizzontale A = ;0 si ha
b
P
P=0
= 0 =0
X
a a
--In corrispondenza del punto medio M = ; si ha
2b 2
1 a 2b
= * =1
b2 a
Esistono alcuni beni la cui elasticit della domanda particolare:
--CASO DI DOMANDA VERTICALE (farmaci)
In questo caso, dal momento che dX = 0, la pendenza infinita

dX P
*
dP X

1 P
*
X

dP
= e perci si avr:
dX

=0

Qualunque variazione di prezzo non ha effetti sulla quantit domandata.

M.Balconi e R.Fontana, Dispense di Economia:


4) Note sullelasticit della domanda

--CASO DI DOMANDA ORIZZONTALE (beni con perfetti sostituti)


dP
In questo caso, la pendenza nulla
= 0 e perci si avr:
dX
dX P
1 P
*
=
* =
=
dP X
0 X
Piccolissime variazioni di prezzo determinano variazioni enormi della quantit domandata del bene.
CURVA DI DOMANDA AD ELASTICITA COSTANTE
dX P
Dato =
*
, faccio lipotesi che sia costante. Avr:
dP X
dP dX

=
X
P
Prendo lintegrale di ambo i membri:

ln

P
X
= ln
P0
X0

P
ln
P0
P

P0

X
= ln
X0

X
=
X0

X
definisco a = 0
P0
aP

=X

(2)

Tale espressione rappresenta una curva di domanda ad elasticit costante.


--CASO DI DOMANDA AD IPERBOLE EQUILATERA
In questo caso, la curva di domanda X *P = a,
dove il prodotto X*P corrisponde al ricavo. Quindi avremo:

a/P = X
aP =X
Si tratta di un caso speciale della (2) in cui = 1 in ogni punto. Con elasticit unitaria infatti,
per ogni variazione di prezzo si ha una variazione compensativa delle quantit domandate e
lammontare della spesa totale non varia.
P