Sei sulla pagina 1di 2

LA LINEAZIONE MINERALOGICA

E' costituita da minerali ed aggregati di minerali allungati.


I minerali pi comuni sono le miche, il quarzo, l' anfibolo
ed il feldspato.La lineazione mineralogica si trova sul
piano di scistosit (piano XY dell'ellissoide dello strain:
vedi figura a fianco). Poich i minerali tendono a crescere
nella direzione che gli pi favorevole, la lineazione
mineralogica indica la direzione di massimo allungamento (asse Y dell'ellissoide dello strain). La direzione della
lineazione mineralogica non cambia durante la deformazione anche se il piano di scistosit ruota fino a
parallelizzarsi con i limiti della superficie di taglio. La
lineazione mineralogica quindi ci indica la direzione (ma
non il verso!!!) del trasporto tettonico; ha lo stesso
significato delle strie sui piani di faglia.

ZONE DI TAGLIO DUTTILI


La scistosit e la lineazione
trovano la loro massima
espressione nelle zone di taglio duttili e cio in zone tabulari
di una larghezza definibile ed
in cui lo strain considerevolmente pi elevato che nelle
zone circostanti. Nelle zone di
taglio duttili la deformazione si
sviluppa senza perdita di coesione. Esse sono caratterizzate da una elevata componente

di taglio semplice cosi' che esiste sempre spostamento relativo. La deformazione, in una
zona di taglio duttile, pu essere omogenea (a) od eteregonea (b). Notare, all'interno della
zona di taglio, la rotazione del piano XY dell'ellissoide e la conseguente deflessione del
piano di scistosit

LE TETTONITI
Le rocce metamorfiche che sono caratterizzate da scistosit e lineazioni mineralogiche,
vengono definite tettoniti. Si distinguono: S-tettoniti (rocce la cui tessitura dominata
dalla foliazione - a
-), L-tettoniti (rocce la cui tessitura
dominata dalla
lineazione mineralogica - b -), L-S
tettoniti (rocce che
posseggono una
lineazione ed una foliazione particolarmente ben espresse - c- ).

LA SCISTOSITA
E' una foliazione secondaria su cui si
sviluppa cristallizzazione. I nuovi minerali risultano spesso allungati secondo
una direzione prefrenziale (lineazione
mineralogica). La scistosit quindi si
sviluppa in condizioni metamorfiche.
Diversi processi deformativi coesistono
determinando lo sviluppo della
foliazione. Essi sono: rotazione di minerali,
ricristallizzazione
e
schiacciamento di elementi pre-esistenti. Consideriamo una roccia costituita
da minerali casualmente orientati. Sotto l'effetto dello stress applicato ed in
condizioni metamorfiche, i minerali tenderanno a ruotare disponendosi in piani
ortogonali
alla
direzione
di
raccorciamento. Il processo di rotazione pu essere accompagnato, a seconda delle condizioni di temperatura, da
Sviluppo della scistosit per meccanismo di
ricristallizzazione il cui sviluppo determi- taglio semplice e di taglio puro. La linea grigia
na il cambio di forma del minerale ed un indica il piano XY. a) orientazione iniziale
nuovo habitus, allungato nella direzione casuale dei minerali; b)orientazione preferendi massima estensione. I processi per cui ziale iniziale; c) minerali inizialmente
la ricristallizzazione procede dipendono equidimensionali e sviluppo di una nuova
dalla temperatura, dalla presenza di flui- tessitura
di (che favoriscono la dissoluzione dei minerali: calcite -> quarzo -> feldspati ->
clorite -> biotite -> muscovite -> opachi) e da difetti del reticolo cristallino.
Diagramma schematico
che riassume alcuni
importanti processi
formativi la scistosit:
a) pre-deformazione;
b) deformazione. 1 cristalli originariamente
allungati ruotano e si
sviluppano oppure si
raccorciano o si piegano se paralleli alla
direzione di
raccorciamento; 2) i
minerali cambiano
forma: se si realizzano
processi di dissoluzione, il materiale dissolto
tende a depositarsi
nelle zone di low strain
(area bianca); 3 minerali cambiano
forma ma non si sviluppa dissoluzione (es. il raccorciamento provvede all'allontanamento
delle vacanze atomiche ed il minerale cambia forma); 4 - in un aggregato mineralogico si
sviluppano i casi 1+2; 5 - rotazione e riorientazione con cristallizzazione di miche; 6 crescita di minerali di neoformazione secondo l'ellisse della deformazione; 7 - crescita
mimetica di minerali di neo-formazione; 8 - ricristallizzazione guidata dalla presenza di
minerali orientati.