Sei sulla pagina 1di 111

RISCOPRIRE

LENIN
Il pensiero del grande rivoluzionario
russo in una piccola antologia
A cura di Alessandro Pascale

INDICE
Introduzione

p.3

CheFare?

p.5

1.Dogmatismoelibertdicritica

p.5

2.Laspontaneitdellemasseelacoscienzadellasocialdemocrazia

p.9

3.Politicatradunionistaepoliticasocialdemocratica

p.12

4.Ilprimitivismodeglieconomistiel'organizzazionedeirivoluzionari

p.21

5."Piano"diungiornalepoliticopertuttalaRussia

p.28

L'ImperialismoFaseSupremaDelCapitalismo

p.32

I.Laconcentrazionedellaproduzioneeimonopoli

p.32

II.Lebancheelaloronuovafunzione

p.35

III.Capitalefinanziarioeoligarchiafinanziaria

p.38

IV.L'esportazionedelcapitale

p.40

V.Laspartizionedelmondotraicomplessicapitalistici

p.41

VI.Laspartizionedelmondotralegrandipotenze

p.42

VII.L'imperialismo,particolarestadiodelcapitalismo

p.45

VIII.Parassitismoeputrefazionedelcapitalismo

p.48

IX.Criticadell'imperialismo

p.50

StatoeRivoluzione

p.53

I.LasocietclassistaeloStato

p.53

II.LoStatoelarivoluzione.L'esperienzadel18481851

p.58

III.LoStatoelarivoluzione.l'esperienzadellaComunediParigi(1871).L'analisidi
Marx

p.63

IV.Seguito.SpiegazionicomplementaridiEngels

p.69

V.Lebasieconomichedell'estinzionedelloStato

p.76

VI.Ladegradazionedelmarxismonegliopportunisti

p.83

L'Estremismo:MalattiaInfantileDelComunismo

p.87

I.Inqualsensosipuparlaredellimportanzainternazionaledellarivoluzionerussa?

p.87

II.Unadellecondizioniprincipalidelsuccessodeibolscevichi

p.88

III.Letappeprincipalinellastoriadelbolscevismo

p.88

IV.Lottandoconqualinemiciinsenoalmovimentooperaioilbolscevismo
cresciuto,sirafforzatoetemprato?

p.91

V.Ilcomunismo"disinistra"inGermania.Icapi,ilpartito,laclasse,lemasse

p.94

VI.Irivoluzionaridevonolavorareneisindacatireazionari?

p.96

VII.Sidevepartecipareaiparlamentiborghesi?

p.98

VIII."Nessuncompromesso"?

p.100

IX.Ilcomunismo"disinistra"inInghilterra

p.103

X.Alcuneconclusioni

p.106

APPENDICEIV.Falseconclusionidagiustepremesse

p.109

INTRODUZIONE
Moltipenseranno:perchattardarsiancora,adistanzadiunsecolodallarivoluzionerussadel
1917,aleggerelepaginescrittedaLenin?Larispostaprestodetta:ilsuopensiero,epiin
generale quello riconducibile al marxismo, ancora oggi la migliore chiave di lettura per
interpretare la realt odierna. Non intendo dare in questa sede una dimostrazione di questo
assunto. Per tale scopo rimando piuttosto alla dispensa di formazione di "Introduzione al
Marxismo, Socialismo, Comunismo" scritta con il compagno Flavio Di Schiena e facilmente
reperibileonlineegratuitamentedadiversisitiweb.Inquell'operacisiamosforzatidirendere
evidenteefacilmenteintelligibilel'attualitdicertecategorieeparadigmiculturali,mettendolia
confronto con la realt storicopolitica contemporanea. Questa piccola antologia del pensiero
leninianoconsigliataquindianzituttopertutticolorochedisponganogidellebasicognitive
minime della teoria marxista e vogliano iniziare ad approfondirle attraverso l'approccio con
quellechesonounanimementeritenuteleopereprincipalidiLenin:"CheFare?","L'Imperialismo
fase suprema del capitalismo", "Stato e Rivoluzione" e "L'Estremismo: malattia infantile del
comunismo".Nonacasoneglianni'70lastoricaEditoriRiunitifacevauscireunfamosocofanetto
incuiraccoglievalequattroopereinformatointegrale.
indubbiochemanchinoquindimolteopereescrittiincuiLeninapprofondiscetematichequi
assenti(adesempioilrapportoconlareligione;unapresentazionesistematicadelmaterialismo
dialettico;l'atteggiamentodatenereversoleguerre;unarticolofondamentaledianalisisulla
possibilitdellaparolaastrattaperl'epocadegli"StatiUnitid'Europa",ecc).D'altrondequesto
lavoro intende proporsi nient'altro che come una preziosa introduzione, sia pur corposa, ai
cardini fondamentali del pensiero di Lenin; non quindi la pretesa di una sua sistematica ed
esaustiva presentazione (compito peraltro assai difficile data la mole di scritti lasciati dal
rivoluzionariorusso),unprogettoquest'ultimochecomunquemeriterebbediessereaffrontato
datal'immensaereditteoricadiquestopiccolograndecondottierochecambipersemprela
storiadel'900.
Nonostanteleinevitabililacunelequattrooperequipropostefornisconounquadrod'insieme
completosualcuniaspettiessenzialiperchiunqueintendaporsituttorailtemadell'analisidella
realt presente e del tentativo di organizzarne il superamento attraverso l'abbattimento del
regimecapitalistico.Il"CheFare?"(1902),l'operasicuramentepiosticadaleggereperi"non
specialisti"eglieventualilettori"ideologicamenteoccasionali",peressenzialeneltracciarela
concezione dell'organizzazione rivoluzionaria del proletariato, ossia il partito. Quali rapporti
debbatenereconimovimenti,comedebbacondurrelabattagliaperl'egemoniaeperchsia
indispensabilelasuapresenzastrutturataedautonomaperorganizzarelarivoluzione...sonotutti
temidiestremaattualitnonsoloinItalia,maintuttoilmondo.Sintomaticocheannipitardi
AntonioGramsci,scrivendosull'OrdineNuovo,arrivasseallestessedirettriciideologichedifondo,
purnonavendomaiavutolafortunadireperiretaletestoscrittoquasivent'anniprima.
"L'Imperialismo"(1916),oltreaconcluderefelicementealcuneintuizionidiMarxeadescrivere
perfettamentelecaratteristichedelcapitalismodellasuaepoca(infondononpoicosdiverso
dalla nostra) anche il manifesto di come un marxista dovrebbe condurre un'analisi
politicoeconomicadiunasociet.Perquestohoritenutoutileriportareneiprimiduecapitoli
alcunetabellestatistichelequalimostranobeneilmetododilavoroedipresentazionedeidati
elaborati,basatisuunarigorosascientificitesuunenormelavoropreparatorio.
"StatoeRivoluzione"(1917)rappresentaquellochesecondomolti ilsaltonell'utopia,ossai
l'operapiestrema,allimitedell'anarchismo,incuiattraversounaminuziosapresentazionee
rielaborazione del pensiero di Marx ed Engels, Lenin ci spiega come si debba procedere a
costruirelasocietsocialista,dandodirettriciinparteassaiconcrete,inparteunpo'piastratte,
seppurindicandosemprechiaramenteilparadigmadiriferimentoversocuitenderenegliannia
venire.
"L'Estremismo" (1920) invece uno dei testi pi misconosciuti di Lenin, nonostante sia
fondamentalepervarimotivi:scrittonelquartoannorivoluzionario,emerge,dopola"sbornia
ideologica"di"StatoeRivoluzione",l'altroaspettodiLenin:ilsuoestremopragmatismoelasua

capacit di saper passare dall'impensabile assalto al Palazzo d'Inverno alla pi furbesca


realpolitik. Un testo dimenticato consapevolmente da molti quindi, perch estremamente
scomodonelleindicazionirigorosedatealleorganizzazionieaimilitanticomunisti.Inessosi
spiega la necessit di lavorare in maniera organizzata e paziente nei sindacati, anche i pi
reazionari;ildoveredipartecipareallalottaparlamentare,rifiutandoilprincipioastensionistadi
marcabordighista(ecosdiffusotutt'oggitratantissimicompagni);lanecessitdisapersipiegare
adeicompromessiquandoritenutoutile,oltrechedisaperrispettareladisciplinapiferrea
all'insegnadelcentralismodemocratico.Tuttaunaseriediaspetticherisultanoparticolarmente
indigesti perla societ odierna, immantata di individualismo, pressapochismo, edonismo edi
"idealismo"(intendendotaletermineinsensofilosofico,ossianegativoperLenin,comeespresse
inmanierarigorosainMaterialismoedEmpiriocriticismo).Caratteristichesocialiche,comela
ScuoladiFrancofortehabenmessoinevidenza,altrononsonocheconseguenzestrutturalidei
rapportidiproduzionecapitalistici.
C'chihafattonotarechecitandoLeninsipudiretuttoeilcontrarioditutto.Facendounuso
esasperato e distorto delle sue citazioni sicuramente questo possibile. In realt una lettura
attenta di Lenin permette di capire e assimilare non una serie di dogmi, bens un metodo
anzituttoanaliticoesuccessivamentepratico,ingradodifornireunaformamentiscapacedi
adattarsi ad ogni contesto. Questo il senso profondo del leninismo, termine troppo spesso
abusato,fraintesoenoncapito.Illeninismoanzituttounmetodocheperfezionaulteriormente
quelgrandecantiereteoricoapertodaMarx,dandogliconcretezzamaterialenell'azionepoliticae
analitica nei riguardi del capitalismo del primo '900, ma facendolo anche avanzare a livello
programmaticoeprescrittivoinalcunisettoricheMarxnonavevapotutoovolutoaffrontare(un
esempiosututti:laquestionedell'organizzazionedelproletariato).
Nonvoglioperdilungarmitroppoconquestaintroduzione.Tanti,troppiforse,sonoitestidi
interpretazione del leninismo. Scopo di questo lavoro invece quello di mettere in diretto
contattolenuovegenerazioniconlepaginescrittedirettamentedaLenin,lasciandochesiano
lorostesseaparlaredasole.Neltestononsonoquindipresentinote,aggiunteointerventida
partedelcuratore.Ilsolocompitoavutoinquestolavorostatoquindidiprocederedapprima
allaraccoltadelmateriale(perilqualesifattoampioricorsoalprogettomarxist.org),poiad
unapaziente"selezione"e"depurazione"dellesuddetteopere,inmododarenderlepifacilmente
godibili,usufruibilieleggibiliperchiunque.Nelprocedereataledelicatoenoncertofacilelavoro
hocercatodieliminareilpipossibileiriferimentiaipersonaggieallevicendedeltempo,salvo
laddove fosse di interesse storicopolitico non irrilevante mantenerli (quale ad esempio la
polemica feroce verso Kautsky), cercando in ogni caso di lasciare esplicitati ed integrali i
ragionamentieleconclusionipolitichediLenin.
Peralleggerireunpo'ilformatograficodiquestocentinaiodipaginehopensatodiallietarelo
scorrimentodellepagineinserendoalcuneimmaginiestrattedallapaginafacebookdamegestita
de"IMaestridelSocialismo".Unapagina,fruttodiunlavorochevaavantidaoltredueannidi
raccolta di dati e materiali, impostata nell'ottica di fornire "pillole" di formazione politica,
ideologicaeculturale,alfinedifarconoscereirudimentistoriciefilosoficidelsocialismo,del
comunismoedelmovimentooperaio.Nonpossoquindiesimermidalricordarechealcunedelle
immagini qui riportate sono state il frutto dell'elaborazione grafica del compagno Davide
Migliaccio,cheringraziocalorosamenteperilsuogenerosoimpegnomilitante.
Ricordochequestolavoroesentedafinidilucroedoffertoinformatogratuitosulweb,alfine
difavorirneunalargadiffusione.L'ulteriorediffusionedeicontenutidiquestaantologiaquindi
nonsoloconsentitamaancheconsigliataeauspicata,conlasolarichiestadiriportaresemprela
fontee,richiestaquestasimprorogabilealfinedievitarsiazionilegali,dimantenereilformato
gratuitodelladiffusione.consentitalastampacartacea(conrelativavenditaaprezzodicosto)
qualoraessasiausatadaorganizzazionivarienell'otticadellaformazionepoliticoideologicadei
propri militanti. Per ogni richiesta e/o segnalazione possibile contattarmi alla mail
peasyfloyd@hotmail.com.Nonmirimaneoracheaugurarvibuonalettura,sperandochecome
mepossiaterimanerefolgoratidallagrandezzaintellettualediquellochestatosenzadubbioil
pigrandegeniopoliticodelXXsecolo.

CHEFARE?(1902)
Dallaprefazione:
...Lalottadipartitodaunpartitoforzaevitalit;lamaggiorprovadidebolezzadiunpartito
la sua dispersione e la scomparsa di barriere nettamente definite; epurandosi, un partito si
rafforza...

(DaunaletteradiLassalleaMarx,24giugno1852)

1.Dogmatismoelibertdicritica
a)Checosasignificalibertdicritica
Libert di critica: questa, incontestabilmente, la parola d'ordine pi di moda in questo
periodo,quellachepifrequentementericorrenellediscussionifrasocialistiedemocraticiditutti
ipaesi.Aprimavista,noncisipurappresentarenientedipistranodiquestisolennirichiamidi
unadellepartiincontesaallalibertdicritica.Possibilechedallefiledeipartitiavanzatisisiano
levatedellevocicontroquellaleggecostituzionaleche,nellamaggiorpartedeipaesieuropei,
garantiscelalibertdellascienzaedell'investigazionescientifica?Quigattacicova!,sidirchi,
essendoestraneoalladiscussioneesentendoripetereadognipisospintoquestaparolad'ordine
di moda, non abbia ancora penetrato l'essenza del dissenso. Questa parola d'ordine
evidentementeunadiquelleparoleconvenzionaliche,alparideinomignoli,sonolegittimate
dall'usoediventanoquasideinomicomuni.Inrealtnonunmisteropernessunochenella
modernasocialdemocraziainternazionalesisonoformateduetendenzeechelalottafradiesse
orasiriaccendeeardedifiammavivissima,orasicalmaecovasottolacenerediimponenti
risoluzioni di tregua. In che cosa consista la nuova tendenza che critica il marxismo

vecchio, dogmatico, Bernstein lo ha detto, e Millerand lo ha dimostrato con sufficiente


precisione. La socialdemocrazia deve trasformarsi da partito di rivoluzione sociale in partito
democraticodiriformesociali.Bernsteinhaappoggiatoquestarivendicazionepoliticacontutta
una batteria di "nuovi" argomenti e considerazioni abbastanza ben concatenati. Si nega la
possibilitdidareunfondamentoscientificoalsocialismoediprovareche,dalpuntodivista
dellaconcezionematerialisticadellastoria,essonecessarioeinevitabile;sinegailfattodella
miseriacrescente,dellaproletarizzazione,dellinasprimentodellecontraddizionicapitalistiche;si
dichiarainconsistenteilconcettostessodi"scopofinale"esirespingecategoricamentelideadella
dittaturadelproletariato;sinegalopposizionediprincipiotraliberalismoesocialismo;sinegala
teoriadellalottadiclasse, chesarebbeinapplicabileinunasocietrigorosamentedemocratica,
amministratasecondolavolontdellamaggioranza,ecc.
Linvocatasvolta decisiva dalla socialdemocraziarivoluzionariaalsocialriformismoborghese
quindiaccompagnatadaunasvoltanonmenodecisivaversolacriticaborgheseditutteleidee
fondamentalidelmarxismo.[...]Quantoalcontenuto,questatendenzanonhadovutonprender
forma n svilupparsi; essa stata direttamente trasferita dalla letteratura borghese nella
letteraturasocialista.[...]selasocialdemocraziainsostanzanoncheilpartitodelleriformee
deveavereilcoraggiodiriconoscerlofrancamente,unsocialistanonsoltantohaildirittodi
entrareinunministeroborghese,madevesempresforzarsidientrarvi.Sedemocraziasignifica
essenzialmentesoppressionedeldominiodiclasse,perchunministrosocialistanondovrebbe
affascinare tutto il mondo borghese con discorsi sulla collaborazione di classe? Perch non
dovrebberestarenelministeroanchequandoglieccididioperaicompiutidaigendarmihanno
dimostrato, per la centesima e per lennesima volta, il vero carattere della collaborazione
democraticadelleclassi?Perchnondovrebbeprenderepartepersonalmentealricevimentodi
unozarcheisocialistifrancesiogginonchiamanoaltrimenticheeroedelknut,dellaforcaedella
deportazione(knouteur,pendeuretdportateur)?Eincompensodiquestoabissodiignominiae
diautodenigrazionedelsocialismodavantialmondo,diquestopervertimentodellacoscienza
socialistadellemasseoperaieunicabasechepossagarantircilavittoriacisipresentanoasuon
ditrombaprogettidiriformemiserabili,cosmiserabilichesipotutootteneredipidaigoverni
borghesi!
Chinonchiudeintenzionalmentegliocchinonpunonvederechelanuovatendenza"critica"del
socialismononaltrocheunanuovavarietdiopportunismo.Esesigiudicalagentenondalla
brillanteuniformechehaindossoodalnomediparatachesidata,madalmododiagireedalle
ideecheeffettivamentepropaga,sivedrchiaramentechela"libertdicritica"lalibertdella
correnteopportunisticanellasocialdemocrazia,lalibertditrasformarelasocialdemocraziainun
partitodemocraticodiriforme,lalibertdiintrodurrenelsocialismoleideeborghesiegliuomini
dellaborghesia.Lalibertunagrandeparola,masottolabandieradellalibertdellindustriasi
sonofatteleguerrepibrigantesche,sottolabandieradellalibertdellavoroilavoratorisono
staticostantementederubati.Limpiegocheoggisifadellespressione"libertdicritica"implicalo
stessofalsosostanziale.Chifosseeffettivamenteconvintodiaverfattoprogredirelascienzanon
rivendicherebbe per le nuove concezioni la libert di coesistere accanto alle vecchie, ma
esigerebbe la sostituzione di queste con quelle. Lodierno strillare: "Viva la libert di critica!"
ricordadavicinolafavoladellabottevuota.
Piccologruppocompatto,noicamminiamoperunastradaripidaedifficiletenendociconforza
permano.Siamodaognipartecircondatidanemiciedobbiamoquasisempremarciaresottoil
fuoco.Cisiamouniti,invirtdiunadecisioneliberamentepresa,alloscopodicombatterei
nostrinemiciedinonsdrucciolarenelvicinopantano,icuiabitanti,findalprimomomento,ci
hannobiasimatoperavercostituitoungruppoaparteepreferitolaviadellalottaallaviadella
conciliazione.Edeccochetalunideinostrisimettonoagridare:"Andiamonelpantano!".E,sesi
incominciaaconfonderli,ribattono:"Chegentearretratasiete!Nonvivergognatedinegarcila
libertdinvitarviaseguireunaviamigliore?".Oh,s, signori,voi sieteliberinonsoltantodi
invitarci,madiandarevoistessidovevolete,anchenelpantano;delrestopensiamocheilvostro
postoproprionelpantanoesiamoprontiadarviilnostroaiutopertrasportarviivostripenati.
Malasciatelanostramano,nonaggrappatevianoienoninsozzatelanostragrandeparoladella
libert,perchanchenoisiamo"liberi"diandaredovevogliamo,liberidicombatterenonsolo

controilpantano,maanchecontrocolorochesiincamminanoversodiesso.[]
b)Inuovidifensoridella"libertdicritica"
[][dallasestanotadelparagrafo]:QuandoEngelsattaccDhring,moltirappresentantidella
socialdemocrazia tedesca accettavano le opinioni di quest'ultimo ed Engels fu ripetutamente
accusatodiviolenza,diintolleranza,dipolemicanondacompagni,ecc.,persinopubblicamente
alcongressodelpartito.Mosteconsortiproposero(alcongressodel1877)dinonpubblicaresul
Vorwrts gli articoli di Engels perch non offrivano interesse per l'enorme maggioranza dei
lettori,eVahlteichdichiarchelapubblicazionediquestiarticoliavevarecatograndannoal
partito,cheancheDhringaveva resodeiservizialla socialdemocrazia:Dobbiamoutilizzare
tuttinell'interessedelpartito,eseiprofessoridiscutonofradiloro,ilVorwrtsnondeveessere
l'arenadiquestedispute(Vorwrts,n.65,6giugno1877).Comevedete,anchequestoun
esempio della difesa della libert di critica, e i nostri critici legali, nonch gli opportunisti
illegalichesirichiamanocosvolentieriall'esempiodeitedeschi,nonfarebberomaleameditare
suquestoesempio.[]
c)LacriticainRussia
LaparticolaritfondamentaledellaRussia,quantoalproblemacheciinteressa,stanelfattoche
l'iniziostesso del movimento operaiospontaneodaunlatoedella svoltadelpensierosociale
d'avanguardiaversoilmarxismodall'altrolatosonostaticontrassegnatidall'anionedielementi
manifestamenteeterogeneisottounabandieracomuneeperlalottacontrouncomunenemico
(concezioni politichee sociali superate). Vogliamo parlare della luna di mieledel marxismo
legale. [...] Soltanto chi non ha fiducia in se stesso pu aver paura di stringere alleanze
temporanee anche con elementi incerti. Nessun partito politico potrebbe esistere senza tali
alleanze.Orbene,lalleanzacoimarxistilegalifuincertoqualmodolaprimaalleanzaveramente
politica della socialdemocrazia russa. Grazie a quell'alleanza si ottenne una vittoria
straordinariamente rapida sul populismo e una diffusione prodigiosa delle idee marxiste (per
quantoinformavolgarizzata).Inoltre,quell'alleanzanonfuaffattoconclusasenzacondizioni.
[...]Macondizionenecessariaditalealleanzaperisocialistilapienapossibilitdisvelarealla
classeoperaiacheisuoiinteressiequellidellaborghesiasonoopposti,ostili.Ilbernsteinismo,
invece,elatendenzacriticaacuisicontagiosamenteconvertitalamaggioranzadeimarxisti
legalieliminavanoquestapossibilitepervertivanolacoscienzasocialista,svilendoilmarxismo,
predicando la teoria dell'attenuazione degli antagonismi sociali, dichiarando che l'idea della
rivoluzionesocialeedelladittaturadelproletariatoinsensata,riducendoilmovimentooperaio
elalottadiclasseaungrettotradunionismoeallalottarealistaperpiccoleriformegraduali.
Ci equivaleva, da parte della democrazia borghese, a negare il diritto all'indipendenza del
socialismoe,quindi,ilsuodirittoall'esistenza;cisignificava,inpratica,sforzarsiditrasformare
ilmovimentooperaio,aisuoialbori,inun'appendicedelmovimentoliberale.Naturalmente,in
questecondizionilarotturaeranecessaria.[...]
Leparoled'ordinecontrol'ortodossiaevivalalibertdicritica[...] diventaronosubitodi
modaes'imposeropersinoallacensuraedaigendarmi[].Isocialdemocraticiavevanoallorail
compitodicombatterelanuovacorrente,compitogidipersdifficileeresoincredibilmentepi
difficiledagliostacolipuramenteesteriori.Maquestacorrentenonsilimitavaallaletteratura.La
svolta verso la critica coincideva con la propensione dei militanti socialdemocratici per
l'economismo.[...]latendenzapoliticafondamentaledell'economismo:glioperaidebbono
condurreunalottaeconomica(opiesattamentetradunionista,cheabbracciaanchelapolitica
specificamente operaia), gli intellettuali marxisti debbono fondersi coi liberali per la lotta
politica.[...]lamaggioranzadeglieconomisti,conperfettasincerit,nonvededibuonocchio(e,
data la sostanza stessa dell'economismo, non pu che vedere malvolentieri) ogni discussione
teorica,ognidissensodifrazione,ognivastaquestionepolitica,ogniprogettodiorganizzarei
rivoluzionari,ecc.Lasciamotuttociall'estero!,midicevaungiornouneconomistaabbastanza
conseguente,einquestomodoegliesprimevalaseguenteopinionemoltodiffusa(epuramente
tradunionista):quelcheciinteressailmovimentooperaio,sonoleorganizzazionioperaiedel
nostropaese,tuttoilrestononcheinvenzionedidottrinari,sopravvalutazionedell'ideologia.
[] Da noi, in Russia, critici ed economisti sono per la conservazione di ci che esiste: i

criticivoglionocontinuareadessereconsideraticomedeimarxistieagoderedellalibertdi
criticadellaqualehannoapprofittatonelsensopiampio(perchinfondoessinonhannomai
riconosciutonessunlegamedi partito ed'altrapartenonavevamounorganoriconosciutoda
tutto il partito il quale potesse limitare, almeno con dei consigli, la libert di critica); gli
economisti vogliono che i rivoluzionari riconoscano il pieno diritto del movimento nell'ora
presente,ciolalegittimitdell'esistenzadicicheesiste;chegliideologinoncerchinodi
far deviare il movimento dalla strada determinata dal giunco reciproco degli elementi
materialiedell'ambientemateriale[...];chesiriconoscacomedesiderabilecondurrequellalotta
cheglioperaipossonocondurresoltantoincircostanzedeterminateecomepossibilequella
cheessiconduconoeffettivamentenelmomentopresente[...].Percontro,noi,socialdemocratici
rivoluzionari,nonsiamosoddisfattidiquestasottomissioneallaspontaneit,ossiaacicheesiste
nelmomentopresente.Noiesigiamolamodificazionedellatatticaprevalsainquestiultimi
anni; dichiariamo che prima di unirsi, e per unirsi, necessario innanzi tutto definirsi
risolutamente e nettamente [...]; noi esigiamo la modificazione dell'attuale stato di cose
respingendolasottomissioneelarassegnazioneacicheesistenelmomentopresente.[...]
d)Engelselimportanzadellalottateorica
"Ildogmatismo,ildottrinarismo","lafossilizzazionedelpartitosonoilcastigoinevitabiledella
violentacompressionedelpensiero":eccoinemicicontroiqualiscendonoinlizzaicampioni
della"libertdicritica"[...]. Siamofelicissimichetalequestionesiastatapostaallordinedel
giorno;maproporremmodicompletarlaconlaseguente:Chisonoigiudici?[...]legrandifrasi
controlafossilizzazionedelpensiero,ecc.dissimulanoinrealtlindifferenzaelimpotenzanei
riguardi dello sviluppo del pensiero teorico. [...] la famosa libert di critica non significa la
sostituzionediunateoriaconunaltra,masignificalibertdaogniteoriacoerenteeponderata,
eclettismo e mancanza di princpi. Chiunque abbia una conoscenza anche limitata della
situazione di fatto del nostro movimento non pu non vedere che la grande diffusione del
marxismostataaccompagnatadauncertoabbassamentodellivelloteorico.Moltagente,lacui
preparazioneteoricaerainfimaepersinoinesistente,haaderitoalmovimentograzieallasua
importanzapraticaeaisuoiprogressipratici.Ognunopudunquevederequantomanchiditatto
ilRaboceieDieloquandoagitatrionfalmentelafrasediMarx:"Ognipassodelmovimentoreale
pi importante di una dozzina di programmi". Ripetere queste parole in un momento di
sbandamentoteorico,come"faredellospiritoaunfunerale".Questeparole,daltraparte,sono
estratte dalla lettera sul programma di Gotha, nella quale Marx condanna categoricamente
leclettismonellenunciazionedeiprincpi.SenecessariounirsiscrivevaMarxaicapidelpartito
fateaccordialloscopodiraggiungereifinipraticidelmovimento,manonfatecommerciodei
princpienonfate"concessioni"teoriche.QuestoerailpensierodiMarx,efranoisitrovadella
gentechenelsuonometentadisminuirelimportanzadellateoria!Senzateoriarivoluzionaria
nonvipuesseremovimentorivoluzionario.Nonsiinsistermaitropposuquestoconcettoinun
periodoincuilapredicazioneopportunisticavenutadimoda accompagnatadallesaltazione
delleformepiangustediazionepratica.[]proprioinquestiultimianni[...]citroviamodi
fronte ad una reviviscenza delle tendenze rivoluzionarie non socialdemocratiche. In siffatte
condizioni,unerrore,cheaprimavistasembra"senzaimportanza",puaverelepideplorevoli
conseguenze;ebisognaesserebenmiopipergiudicareinopportuneesuperfluelediscussionidi
frazioneelarigorosa definizionedellevarietendenze.Dalconsolidarsi dellunapiuttostoche
dellaltra"tendenza"pudipendereperlunghiannilavveniredellasocialdemocraziarussa.In
secondoluogo,ilmovimentosocialdemocraticoperlasuastessasostanzainternazionale.Ci
nonsignificasoltantochedobbiamocombatterelosciovinismonazionale.Significaanchechein
unpaesegiovaneunmovimentoappenanatopuaveresuccessosoloseapplicalesperienzadegli
altripaesi. Maperapplicarlanonbastaconoscerla olimitarsi acopiareleultimerisoluzioni.
Bisognasapervalutarecriticamenteeverificaredasestessiquestaesperienza.[...]solounpartito
guidatodaunateoriadiavanguardiapuadempierelafunzionedicombattentediavanguardia.[...]
Ricordiamo le osservazioni di Engels (1874) sullimportanza della teoria nel movimento
socialdemocratico.SecondoEngels,esistononondueformedellagrandelottasocialdemocratica
(politicaedeconomica)comesipensaabitualmentefranoi,matre,ponendosiaccantoaqueste
anche la lotta teorica. La raccomandazione che egli fa al movimento operaio tedesco, gi

rafforzatosipraticamenteepoliticamente,talmenteistruttiva,dalpuntodivistadellequestioni
ediscussioniattuali,cheillettoreciscuserseriportiamoillungobranoseguente [...] che
diventatodamoltotempounararitbibliograficaeccezionale:
[...]lalottavienecondottaunitariamente,coerentementeesecondounpianochesisvolgesu
trelinee:teorica,politicaepraticoeconomica(resistenzaaicapitalisti).Laforzaelinvincibilit
delmovimentotedescostaprecisamenteinquestoattaccochepotremmodireconcentrico.[...]
occorrecheglisforzisianoraddoppiatiinognicampodellalottaedellagitazione.Precisamente
sardoveredituttiidirigentichiariresemprepituttelequestioniteoriche,liberarsisemprepi
completamentedallinflussodellefrasifattepropriedellavecchiaconcezionedelmondo,etener
sempre presente Cheilsocialismo, da quando diventato una scienza, va trattato comeuna
scienza,ciovastudiato.Malimportantesarpoidiffonderetralemasse,conzeloaccresciuto,la
concezione che cos si acquisita e che sempre pi si chiarita, e rinsaldare sempre pi
fermamentelorganizzazionedelpartitoedeisindacati...[]

2.Laspontaneitdellemasseelacoscienzadellasocialdemocrazia
[] L'atto di accusa [] afferma: Sottovalutazione dell'importanza dell'elemento oggettivo e
spontaneodellosviluppo.[]laquestionedelrapportotracoscienzaespontaneitpresentaun
interessegeneraleimmensoedesigeunostudioparticolareggiato.
a)Iniziodell'ascesadelmovimentospontaneo
[]vispontaneitespontaneit.[]infondol'"elementospontaneo"non chela forma
embrionale della coscienza. Anche le rivolte primitive esprimevano gi un certo risveglio di
coscienza: gli operai perdevano la loro fede secolarenella solidit assoluta del regimeche li
schiacciava;cominciavano...nondiracomprendere,maasentirelanecessitdiunaresistenza
collettivaerompevanorisolutamenteconlasottomissioneservileall'autorit.Etuttaviaquesta
erabenpiunamanifestazionedidisperazioneedivendettacheunalotta.Gliscioperidellafine
delsecolo,invece,rivelanobaglioridicoscienzamoltopinumerosi:sipongonorivendicazioni
precise,sicercadiprevedereilmomentopifavorevole,sidiscutonoicasiegliesempinotidelle
altrelocalit,ecc.Mentreprimasitrattavasemplicementediunarivoltadigenteoppressa,gli
scioperisistematicirappresentavanogidegliembrionimasoltantodegliembrionidilottadi
classe. Presi in s, questi scioperi costituivano una lotta tradunionista, ma non ancora
socialdemocratica;annunciavanoilrisvegliodell'antagonismofraoperaiepadroni;maglioperai
nonavevanoenonpotevanoancoraaverelacoscienzadell'irriducibileantagonismofrailoro
interessi e tutto l'ordinamento politico e sociale contemporaneo, cio la coscienza
socialdemocratica.Gliscioperidellafinedelsecolodunque,malgradoilprogressoimmensoche

rappresentavano in confronto con le "rivolte" anteriori, restavano un movimento puramente


spontaneo.
Abbiamodettocheglioperai nonpotevano ancorapossedere unacoscienzasocialdemocratica.
Essapotevaessereloroapportatasoltantodall'esterno.Lastoriadituttiipaesiattestachela
classeoperaiacollesuesoleforzeingradodielaboraresoltantounacoscienzatradunionista,
ciolaconvinzionedellanecessitdiunirsiinsindacati,dicondurrelalottacontroipadroni,di
reclamare dal governo questa o quella legge necessaria agli operai, ecc... La dottrina del
socialismo sorta da quelle teorie filosofiche, storiche, economiche che furono elaborate dai
rappresentanticoltidelleclassipossidenti,gliintellettuali.Perlaloroposizionesociale,glistessi
fondatori del socialismo scientifico contemporaneo, Marx ed Engels, erano degli intellettuali
borghesi.[]chiarochenonaffattonellenostreintenzionidirimproverareaimilitantidi
quel tempo la loro impreparazione; ma per trarre profitto dall'esperienza del movimento e
ricavarnedellelezionipratichebisognarendersibencontodellecauseedelsignificatodiquestao
quelladeficienza.[]L'esperienzarivoluzionariaelacapacitorganizzativasonocosechesi
acquistano.Basta volersviluppareins lequalit necessarie!Basta avercoscienza dei propri
errori,coscienzache,nellequestionirivoluzionarie,equivalegiadunamezzacorrezione!Mail
mezzo male diventa un male effettivo quando questa coscienza comincia ad oscurarsi [],
quandoc'dellagenteepersinodeigiornalisocialdemocraticicheprontaapresentarele
deficienzecomevirtepersinoatentardigiustificareteoricamentelapropriasottomissioneservile
allaspontaneit.tempodifareilbilanciodiquestatendenza,moltoinesattamentedefinitacol
terminedieconomismo,chetropporistrettoperesprimernetuttoilcontenuto.
b)Lasottomissioneallaspontaneit.
[] Si proclama che la base economica del movimento oscurata dall'aspirazione a non
dimenticaremail'idealepolitico,chelaparolad'ordinedelmovimentooperaio:Lottaperle
condizionieconomiche(!),oppuremeglioancora:Glioperaiperglioperai;sidichiarachele
cassediscioperohannoperilmomentopivalorediuncentinaiodialtreorganizzazioni[].
Leformulecomequellachelachiavedivoltadellasituazionedeveesserenonilfioredegli
operai,mal'operaiomedio,l'operaiodimassa,ocome:Lapoliticaseguesempredocilmente
l'economia ecc, acquistarono gran voga ed ebbero un'influenza irresistibile sulla massa dei
giovani venuti al movimento alla vigilia e che, per la maggior parte, conoscevano soltanto
frammentidelmarxismoattraversol'esposizionechenefacevanolepubblicazionilegali.Cosla
coscienza era completamentesoffocata dalla spontaneit []. Lefrasi di questogeneresono
sempre state l'arma preferita di quei borghesi dell'Europa occidentale i quali, odiando il
socialismo,lavoravanoessistessi[]atrapiantarenelloropaeseiltradunionismoinglese,ed
affermavanoaglioperaichelalottaesclusivamentesindacaleprecisamenteunalottaperse
periproprifigli,enonperunaqualchegenerazionefutura,perunqualchesocialismofuturo.
[] i partigiani del "movimento puramente operaio", i fautori del legame pi stretto e pi
"organico"[]conlalottaproletaria,gliavversaridituttigliintellettualinonoperai(anchese
socialisti) sono costretti, per difendere le loro posizioni, a ricorrere agli argomenti dei "puri
tradunionisti" borghesi. [] ogni sottomissione del movimento operaio alla spontaneit, ogni
menomazione della funzione dell'"elemento cosciente", della funzione della socialdemocrazia
significa dipersnonimporta losivogliaonounrafforzamentodell'influenzadell'ideologia
borghese sugli operai. Tutti coloro che parlano di "sopravvalutazione della ideologia", di
esagerazione della funzione dell'elemento cosciente, ecc., immaginano che il movimento
puramente operaio sia di per s in grado di elaborare ed elabori in realt una ideologia
indipendente;checichepicontasiacheglioperai"strappinodallemanideidirigentileloro
sorti".Maquestounprofondoerrore.[]Dalmomentochenonsipuparlarediunaideologia
indipendente, elaborata dalle stesse masse operaie nel corso stesso del loro movimento, la
questionesipuporresolamentecos:oideologiaborgheseoideologiasocialista.Nonc'viadi
mezzo (poich l'umanit non ha creato una "terza" ideologia, e, d'altronde, in una societ
dilaniatadagliantagonismidiclasse,nonpotrebbemaiesistereunaideologiaaldifuorioaldi
sopradelleclassi).Eccoperchognimenomazionedell'ideologiasocialista, ogniallontanamento
da essa implica necessariamente un rafforzamento dell'ideologia borghese. Si parla della
spontaneit; ma lo sviluppo spontaneo del movimento operaio fa s che esso si subordini

10

all'ideologia borghese, [] il tradunionismo l'asservimento ideologico degli operai alla


borghesia.Perciilnostrocompito,ilcompitodellasocialdemocrazia,consistenelcombatterela
spontaneit,nell'allontanareilmovimentooperaiodallatendenzaspontaneadeltradunionismoa
rifugiarsisottol'aladellaborghesia;ilnostrocompitoconsistenell'attirareilmovimentooperaio
sottol'aladellasocialdemocraziarivoluzionaria.[]
Ricordate l'esempio della Germania. Qual stato il merito storico di Lassalle nel movimento
operaio tedesco? Di avere allontanato il movimento dal tradunionismo progressista e dal
cooperativismo verso i quali si dirigeva spontaneamente (con la benevola collaborazione degli
SchulzeDelitsch e consorti). Per riuscirvi, stato necessario ben altro che qualche frase sulla
sottovalutazione dell'elemento spontaneo, sulla tatticaprocesso, sul gioco reciproco degli
elementiedell'ambiente,ecc.occorsaunalottaaccanitacontrolaspontaneit,esoltantodopo
lunghi,lunghissimiannidiquestalottasigiuntiafare,dellapopolazioneoperaiadiBerlino,per
esempio, che era un baluardo del partito progressista, una delle migliori fortezze della
socialdemocrazia. E questa lotta non terminata nemmeno ora [], ma l'ideologia
socialdemocratica non ha potuto ottenere e non potr conservare questa supremazia se non
attraversounalottainstancabilecontrotuttelealtreideologie.
Maperchdomanderillettoreilmovimentospontaneo,ilmovimentocheseguelalineadel
minimosforzo,conducealpredominiodell'ideologiaborghese?Perlasempliceragioneche,per
lesueorigini,l'ideologiaborghesebenpianticadiquellasocialista,essameglioelaboratain
tuttiisuoiaspettiepossiedeunaquantit incomparabilmentemaggioredimezzididiffusione.E
quantopigiovaneilmovimentosocialistadiundeterminatopaese,tantopienergicadeve
essere la lotta contro tutti i tentativi di consolidare la ideologia non socialista, tanto pi
risolutamente bisogna premunire gli operai contro i cattivi consiglieri che gridano alla
"sopravvalutazionedell'elementocosciente",ecc.[]
c)Il"gruppodiautoemancipazione"edilRaboceieDielo
[]Chiunqueconvintodellapropriaopinioneecredediportarequalchecosadinuovo,scrive
confogaeinmododadarerilievoaipropripuntidivista.Soltantochivuolstarsedutofradue
sediemancadifogaepuoggirimproverareaisuoiavversarilavivacitdellapolemica[].
Nonsipumettereindubbiocheilmovimentodimassaunfenomenomoltoimportante;ma
tuttalaquestionestanelmododiintenderecomequestomovimentodeterminericompiti.La
cosa si pu intendere in due modi: o nel senso che si debba sottomettere il movimento alla
spontaneit,cioridurrelasocialdemocraziaadesseresemplicementel'ancelladelmovimento
operaiocometale[];oppurenelsensocheilmovimentodimassaciponenuovicompititeorici,
politici e organizzativi, molto pi complessi di quelli di cui potevamo accontentarci prima
dell'apparizionedelmovimentodimassa.
[]quelprogramma[]cosenunciato:desiderabilelalottachepossibile;epossibilela
lotta che si svolge in questo momento. Questa appunto la tendenza del pi illimitato
opportunismo, che si adatta passivamente alla spontaneit. La tatticapiano contraddice allo
spirito fondamentale del marxismo! Questa una calunnia, una caricatura del marxismo,
analoga a quella che ci era presentata dai populisti in guerra contro di noi. appunto una
svalutazionedell'iniziativaedell'energiadeimilitanticoscienti,mentre,alcontrario,ilmarxismo
stimolainmodoformidabilel'energiael'iniziativadelsocialdemocratico,aprendoglilepilarghe
prospettive,mettendoasuadisposizione(secossipudire)leforzeformidabilidimilionie
milioni di operai che scendono spontaneamente in lotta! La storia della socialdemocrazia
internazionalepulluladipianipropostidaquestoodaquelcapopolitico,pianicheoraattestano
lachiaroveggenzaelagiustezzadelleopinionipoliticheeorganizzative,orasvelanolacecitegli
errori politici dei loro autori. [] Quando i socialisti tedeschi furono colpiti dalle leggi
eccezionali,MosteHasselmannavevanounpiano,l'appellopuroesempliceallaviolenzaeal
terrore;Hochberg,Schramme(inparte)Bernsteinneavevanounaltro:sidetteroapredicareai
socialdemocraticiche,poichavevanoprovocatoconlaviolenzainconsiderataeconillorospirito
rivoluzionario la legge che li colpiva, dovevano ora ottenere il perdono con una condotta
esemplare;esistevainfineunterzopiano:quellodegliuominichepreparavanoeattuavanola
pubblicazione di un giornale illegale. [] dire che la tatticapiano contraddice allo spirito

11

fondamentale del marxismo significa non soltanto degradare teoricamente il marxismo, ma


anche,praticamente,tirareindietroilpartito.
Ilcongressoconsideraintempestivoilterrorismooffensivosistematico[].Cometuttoci
meravigliosamentechiaroecoerente!Nonciopponiamo,malodichiariamointempestivo;elo
dichiariamo in modo tale da non includere il terrorismo non sistematico e difensivo nella
risoluzione. Bisogna riconoscere che una simile risoluzione non affatto pericolosa e
pienamentegarantitadaglierrori,coscomegarantitodaglierroriunuomocheabbiaparlato
pernondirenulla!Eper compilareunasimilerisoluzioneoccorresoltantounacosa:sapersi
tenere alla coda del movimento. [] E infatti, quale pretesa e quale sopravvalutazione
dell'elemento cosciente: risolvere dapprima i problemi teoricamente, per poi convincere della
giustezzadiquestasoluzionel'organizzazione,ilpartitoelemasse!Altracosa rimasticarele
cosevecchie,nonimponendonullaanessuno,sottomettersiadognisvolta,tantodallaparte
dell'economismo, quanto dalla parte del terrorismo. [] In ogni caso, la funzione della
socialdemocrazianonditrascinarsialla codadelmovimento:cosachenelmiglioredeicasi
inutile,e,nelpeggiore,estremamentenocivaperilmovimentostesso.IlRaboceieDielo,daparte
sua, non si limita a seguire questa tatticaprocesso, ma la erige a principio, sicch la sua
tendenzadeveesseredefinitanontantoopportunismoquanto(dallaparola:coda)codismo.Certo
sichedellagentefermamentedecisaastaresempredietroalmovimentocomeunacoda
assolutamenteepersempregarantitacontrolasottovalutazionedell'elementospontaneodello
sviluppo. Abbiamo dunque costatato che l'errore fondamentale della "nuova tendenza" della
socialdemocraziarussadisottomettersiallaspontaneit,dinoncomprenderechelaspontaneit
dellemasseesigedanoi,socialdemocratici,unaltogradodicoscienza.Quantopigrandela
spintaspontaneadellemasse,quantopiilmovimentosiestende,tantopiaumenta,inmodo
incomparabilmentepirapido,ilbisognodicoscienzanell'attivitteorica,politicaeorganizzativa
dellasocialdemocrazia.[]Irivoluzionarisono rimastiindietro alprogressodelmovimento,e
nelleloro"teorie"enellaloroattivitnonsonoriuscitiacreareunaorganizzazionechenonabbia
soluzionidicontinuit,un'organizzazionepermanentecapacedidirigerel'insiemedelmovimento.

3.Politicatradunionistaepoliticasocialdemocratica
a)L'agitazionepoliticaelasualimitazionedapartedeglieconomisti
Atuttinotochelagrandeestensioneeilrafforzamentodellalottaeconomicadeglioperairussi
hannoprocedutodiparipassoconlosbocciarediuna"letteratura"didenunceeconomiche(di

12

fabbricaedimestiere).I"fogli"denunciavanoprincipalmenteilregimedelleofficine,ebenpresto
simanifestfraglioperaiunaveraepropriapassioneperquestedenunce.Nonappenaglioperai
costatarono che i circoli socialdemocratici volevano e potevano offrir loro dei fogli di nuovo
genere,chedicevanotuttalaveritsullalorovitamiserabile,illorolavoroestenuanteeilloro
asservimento,cominciarono,sipudire,ainondarcidicorrispondenzedifabbricaediofficina.
Questa "letteratura accusatrice" produceva un'impressione enorme non soltanto nella fabbrica
dellaqualequeldeterminatofogliofustigavailregime,maintuttelefabbrichedovesierasentito
parlaredeifattidenunciati.E,poichibisognielesofferenzedeglioperaidellediverseaziendee
mestierihannomoltipunticomuni,la"veritsullavitaoperaia"impressionavatutti.Unavera
passione di "farsi stampare" s'impadron anche degli operai pi arretrati, nobile passione per
questaformaembrionalediguerracontrotuttol'attualeregimesociale,costruitosullaspoliazione
esull'oppressione.Ei"fogli"eranoeffettivamente,ilpidellevolte,unadichiarazionediguerra,
perchlelororivelazioniprovocavanounfermentoterribilefraglioperai,liincitavanoaesigere
la eliminazione delle ingiustizie pi stridenti e suscitavano in loro la volont di sostenere le
proprierivendicazionicondegliscioperi.Glistessiindustriali,infindeiconti,furonocostrettia
vedereinquestifogliunadichiarazionediguerra,tantochefrequentementenonvolleroneppure
attenderelaguerraveraepropria.Perilsolofattodiesserepubblicate,questedenunce,come
sempre,furonoefficaci,ebberoilvalorediunafortepressionemorale.Pidiunavoltaaccadde
chelapubblicazionediunsolofogliofusufficienteperottenerechefosserosoddisfattetuttele
rivendicazioniounapartediesse.Inunaparola,ledenunceeconomiche(sullefabbriche)erano,
econtinuanoaessere,unostrumentonotevoledilottaeconomica:ecossarfinchesisteril
capitalismo,ilqualeincitanecessariamenteglioperaiadifendersidas.Neipaesieuropeipi
avanzatisipuosservareancoraadessocheladenunciadiintollerabilicondizionidilavoroin
qualche"mestiere"poconoto,oinqualchebrancadilavoroadomicilioacuinessunopensa,
diventa il punto di partenza di un risveglio della coscienza di classe, l'inizio di una lotta
professionaleedelladiffusionedelsocialismo.
[] si dimenticato che questa attivit di per s, sostanzialmente, non ancora
socialdemocratica,masoltantotradunionista.Ledenuncesiriferisconoinsostanzaunicamenteai
rapportitraglioperaidiunadatacategoriaeiloropadronienonhannoaltrorisultatoche
d'insegnare ai venditori di forzalavoro come vendere pi vantaggiosamente questa "merce" e
comelottarecontrol'acquirentesulterrenopuramentecommerciale.Questedenuncepossono
servirecomepuntodipartenzaeparteintegrantedell'attivitsocialdemocratica(acondizionedi
essereconvenientementeutilizzatedall'organizzazionedeirivoluzionari),mapossonoanche(e,
secisisottometteallaspontaneit,devono)sboccareinunalotta"puramentetradunionista"ein
unmovimento operaio non socialdemocratico. La socialdemocrazia dirige la lotta della classe
operaia non soltantoper ottenerecondizioni vantaggiosenella vendita della forzalavoro, ma
anche per abbattere il regime sociale che costringe i nullatenenti a vendersi ai ricchi. La
socialdemocraziarappresentalaclasseoperaianonneisuoirapporticonundeterminatogruppo
d'imprenditori,maneisuoirapporticontutteleclassidellasocietcontemporanea,conloStato,
come forza politica organizzata. dunque evidente che i socialdemocratici non soltanto non
possono limitarsi alla lotta economica, ma non possono nemmeno ammettere che
l'organizzazione di denunce economiche sia la parte prevalente della loro attivit. Dobbiamo
occuparci attivamente dell'educazione politica della classe operaia, dello sviluppo della sua
coscienzapolitica.[]
Macisichiede:inchecosadeveconsisterel'educazionepolitica?Cisipulimitareadiffondere
l'ideachelaclasseoperaiaostileall'autocrazia?Certamenteno.Nonbastaspiegareaglioperai
lalorooppressionepolitica(allostessomodochenonbastaspiegareilcontrastodeilorointeressi
conquellideipadroni).Bisognafaredell'agitazioneapropositodiognimanifestazioneconcreta
diquestaoppressione[].Epoichquestaoppressionesiesercitasullepidiverseclassidella
societ,poichsimanifestaneipidiversicampidellavitaedell'attivitprofessionale,civile,
privata,familiare,religiosa,scientifica,ecc.,nonforseevidentechenonadempiremmoilnostra
compitodisvilupparelacoscienzapoliticadeglioperaisenonciincaricassimodiorganizzarela
denuncia politica dell'autocrazia sotto tutti i suoi aspetti? Ma per fare dell'agitazione sulle
manifestazioniconcretedell'oppressione,nonforsenecessariodenunziarequestemanifestazioni
(allostessomodochepercondurrel'agitazioneeconomicabisognadenunziaregliabusicommessi

13

nellefabbriche)?
Sembrachelacosasiachiara;mainrealtrisultachelanecessitdisviluppareintuttiisensila
coscienzapoliticariconosciuta"datutti"soltantoaparole.[]veroononverochelalotta
economica,ingenerale,"ilmezzopilargamenteapplicabile"pertrascinarelemassenellalotta
politica?completamentefalso.Tuttelemanifestazionidell'oppressionepoliziescaedell'arbitrio
assolutista,qualichesiano(enonsoloquellelegateallalottaeconomica),sonomezzinon"meno
largamenteapplicabili".Perchglizemskienacialnikielepunizionicorporaliinflitteaicontadini,
lacorruzionedeifunzionariedilmodocomelapoliziatrattail"bassopopolo"dellecitt,lalotta
contro gli affamati e la repressione delle aspirazioni del popolo alla cultura e alla scienza,
l'estorsioneditributidiognisorta,lepersecuzionicontrolesette,laduradisciplinadeisoldati,i
metodisoldateschicongliintellettualiliberali,perchtuttequesteemillealtremanifestazioni
dell'oppressione,nondirettamentelegateallalotta"economica",sarebberoingeneralemezzie
motivimeno"largamenteapplicabili"perl'agitazionepolitica,pertrascinarelemassenellalotta
politica?[]Nonsarebbestatopilogicodireanchequichesidevecondurrelalottaeconomica
nelmodopivastopossibile,chesidevesempreutilizzarlaperl'agitazionepolitica,machenon
v'nessunanecessitdiconsiderarelalottaeconomicacomeilmezzopilargamenteapplicabile
perattirarelemasseallalottapoliticaattiva?[]
Cos,dunque,lafrasepomposa:"Dareallastessalottaeconomicauncaratterepolitico"dissimula
in realt, sotto la sua apparenza "spaventosamente" profonda e rivoluzionaria, la tendenza
tradizionaleadabbassarelapoliticasocialdemocraticaallivellodellapoliticatradunionista![]
Inrealt,lafrase:"Dareallastessalottaeconomicauncaratterepolitico"noncontienenull'altro
che la lotta per le riforme economiche. [] La socialdemocrazia rivoluzionaria ha sempre
compresoecontinuaacomprenderenellapropriaazionelalottaperleriforme,maapprofitta
dell'agitazione"economica"nonsoltantoperpresentarealgovernorivendicazionidiognigenere,
maanche(einnanzitutto)perrivendicarelasoppressionedelregimeautocratico.Essaritiene
inoltre suo dovere presentarealgoverno quest'ultima rivendicazione non soltanto sul terreno
della lotta economica, ma su quello di tutte le manifestazioni della vita politica e sociale.
Insomma, essa subordina la lotta per le riforme alla lotta rivoluzionaria per la libert e il
socialismo,comelapartesubordinataaltutto.Martynov,invece,riesumasottoaltraformala
teoriadeglistadisforzandosidiprescrivereallalottapoliticadiseguireassolutamente,percos
dire, la via economica. Presentando, nel momento della spinta rivoluzionaria, la lotta per le
riformecomeun"compito"as,eglispingeindietroilpartitoefailgiocodell'opportunismo
"economista"eliberale.[]
Leconcessioni(opseudoconcessioni)economichesonoevidentementelemenogravoseelepi
vantaggioseperilgoverno,poichessosperadiguadagnarsicoslafiduciadellemasseoperaie.
Maprecisamenteperquestonoisocialdemocraticinondobbiamo innessunmodofarnascere
l'idea (o il malinteso) che le riforme economiche ci stiano pi a cuore delle altre, che le
consideriamocomelepiimportanti,ecc.[]
b)OvesiraccontacomeMartynovhaapprofonditoPlekhanov
[] Finora avevamo pensato [] che se il propagandista tratta, per esempio, della
disoccupazione, deve spiegare la natura capitalistica delle crisi, dimostrare perch esse sono
inevitabilinellasocietmoderna,provarelanecessitdellatrasformazionediquestasocietnella
societsocialista,ecc.Eglidevedare,inunaparola,molteidee,uncosgrandenumerodiidee
che,nelloroinsieme,potrannoessere assimilatesolodaunnumerorelativamentepiccolodi
persone.L'agitatore,all'opposto,trattandolastessaquestione,prendel'esempiopinoto,quello
chepi colpisceisuoiascoltatori peresempiounafamigliadidisoccupatimortadifame,
l'aumentodellamendicit,ecc.e,approfittandodiquestofattoginoto,sisforzadidarealle
masse unasolaidea: quelladell'assurdocontrastofral'aumentodellaricchezzael'aumento
della miseria, si sforza di suscitare il malcontento, l'indignazione delle masse contro questa
stridenteingiustiziaelascia alpropagandistailcompitodidareunacompleta spiegazionedi
questocontrasto.Eccoperchilpropagandistaagiscesoprattuttocongli scritti, el'agitatorecoi
discorsi. Nonsirichiedonoalpropagandistalestessequalitchesirichiedonoadunagitatore.
KautskyeLafargue,peresempio,sonodeipropagandisti.BebeleGuesdedegliagitatori.Trovare

14

un terzo campo o una terza funzione dell'attivit pratica, che consisterebbe nell'appello alle
masseperdeterminateazioniconcrete,lapigrandeassurdit,perchl'appello,comeatto
isolato, o il completamento naturale e inevitabile del trattato teorico, dell'opuscolo di
propaganda,deldiscorsodiagitazione,oppureadempieunafunzionepuramenteesecutiva.[]

c)Denuncepolitichee"tirocinioallattivitrivoluzionaria"
[]Lacoscienzadellemasseoperaienonpuessereunaveracoscienzadiclasseseglioperai
non imparano a osservare, sulla base dei fatti e degli avvenimenti politici concreti e attuali,
ognunadellealtreclassisocialiintuttelemanifestazionidellavitaintellettuale,moraleepolitica;
se non imparano ad applicare in pratica lanalisi e il criterio materialistico a tutte le forme
dattivitedivitaditutteleclassi,stratiegruppidellapopolazione.Chiinducelaclasseoperaia
arivolgerelasuaattenzione,ilsuospiritodiosservazioneelasuacoscienzaesclusivamente,o
ancheprincipalmente,susestessa,nonunsocialdemocratico,perchperlaclasseoperaiala
conoscenzadisestessaindissolubilmentelegataallaconoscenzaesattadeirapportireciprocidi
tutteleclassidellasocietcontemporanea,econoscenzanonsoloteorica,anzi,nontantoteorica,
quantoottenutaattraversolesperienzadellavitapolitica.Eccoperchlapredicazionedeinostri
economisti,iqualisostengonochelalottaeconomicailmezzopilargamenteapplicabileper
trascinarelemassenelmovimentopolitico,cosprofondamentereazionarianeirisultatipratici.
Perdiventaresocialdemocratico,loperaiodeveavereunachiaravisionedellanaturaeconomica,
della fisionomia politica e sociale del grande proprietario fondiario e del prete, dellalto
funzionarioedelcontadino,dellostudenteedelvagabondo,conoscerneilatifortiequellideboli,
saperdiscernereilsignificatodelleformuleedeisofismidiognigenereconiqualiogniclassee
ogni strato sociale maschera i propri appetiti egoistici e la propria vera "sostanza", saper
distinguerequaliinteressileleggieleistituzionirappresentano,ecomelirappresentano.Manon
sipotrtrovareinnessunlibroquesta"chiaravisione":lapotrannodaresologliesempitratti
dallavita,ledenuncechebattanoilferromentrecaldoechetrattinodicicheavvieneintorno
anoiinundatomomento,dicichesidiceesisussurraneicrocchi,dicichedimostrano
questo o quel fatto, certe cifre e certe sentenze dei tribunali, ecc. Queste denunce politiche
relativeatuttelequestionidellavitasocialesonolacondizionenecessariaefondamentaleper
educarelemasseallattivitrivoluzionaria.
[]Senonabbiamosaputoorganizzarevaste,clamorose,rapidedenunceditanteinfamie,la
colpa nostra, delnostroritardo sulmovimentodellemasse.Selofaremo(dobbiamoe
possiamofarlo),l'operaio,ancheilpiarretrato,comprendero sentir chelostudenteechi
appartieneadunasettareligiosa,ilcontadinoeloscrittoresonooppressieperseguitatidalla
stessaforzatenebrosacheloavvolge,l'opprimeinognimomentodellavita,esentendoquesto,
vorr, vorr irresistibilmente, intervenire egli stesso, e sapr oggi deridere i censori, domani
partecipare a una manifestazione davanti al palazzo di un governatore che ha represso una
sommossacontadina,dopodomanidareunalezioneaigendarmiinsottanaaddettiallavorodella

15

SantaInquisizione,ecc.Finoadoggiabbiamofattomoltopoco,nonabbiamofattoquasinullaper
lanciare fra le masse operaie denunce attuali e su tutte le questioni. Molti di noi non
comprendononeppureancorachequestoilloro dovere esitrascinanoinconsciamentedietro
alla grigia lotta quotidiana racchiusa entro i ristretti limiti della fabbrica. [] Quanto
all'appelloallemasseperl'azione,essoverrdas,quandocondurremoun'energicaagitazione
politicaefaremodenunceviveeimpressionanti.Coglierequalcunoinflagrantedelittoebollarlo
immediatamentedinanziatuttiedappertuttocosapiefficacediqualsiasiappello,eprovoca
talvoltarisultatitalicheinseguitodiventaimpossibilestabilirechihapropriamentelanciato
l'appelloallafollaechiprecisamentehalanciatoquestaoquellapropostadi,manifestazione,
ecc.L'appellononingenerale,mainconcretopusserelanciatosolosulluogostesso
dell'azione; solo chi d l'esempio immediatamente pu incitare gli uomini ad agire. Il nostro
doveredipubblicistisocialdemocraticiconsistenell'approfondire,nell'estendereenelrafforzarele
denuncepoliticheel'agitazionepolitica.
[]Lanostra"attivit",l'attivitdinoioperaichevoivoleteaiutarelanciandorivendicazioni
concretetalidaoffrirerisultatitangibili,esisteginelnostropaese;nellanostrapiccolaazione
tradunionistaquotidiananoistessipresentiamosiffatterivendicazioniconcrete,senzabisogno,
nellamaggiorpartedeicasi,dell'aiutodegliintellettuali.Ma questa attivitnoncibasta;non
siamo dei bambini che possono essere nutriti solo con la pappa della politica puramente
"economica"; vogliamo sapere tutto quanto sanno gli altri, vogliamo conoscere
particolareggiatamente tutti gli aspetti della vita politica e partecipare attivamente ad ogni
avvenimento politico. Bisogna quindi che gli intellettuali ci ripetano un po' meno ci che
sappiamogi ecidianounpo' pi diciche ignoriamoancora,di cichela nostravita di
fabbricaelanostraesperienza"economica"noncipermettonomaidiimparare:lecognizioni
politiche.Questecognizioni,voiintellettuali,poteteacquistarleedovetetrasmetterlecentoemille
volte pi generosamente di quanto abbiate fatto finora. Dovete trasmettercele non solo con
ragionamenti,opuscoli,articoli(chesonospessoperdonatelanostrafranchezzaalquanto
noiosi),maanchecon denunce vivaci dicichefanno,proprioinquestomomento,ilnostro
governo e le nostre classi dominanti in tutti i campi della vita. Assolvete con un po' pi di
entusiasmoquestocompitocheilvostro,eparlateunpo'menodi"elevarel'attivitdellemasse
operaie". Attivitnediamomoltopidiquantononpensiateesappiamodifendereconlalotta
apertanellepiazzeanchelerivendicazionichenonoffronoalcun"risultatotangibile".Enonstaa
voi"elevare"lanostraattivit,perchvoistessinonsieteabbastanzaattivi.Nonprosternatevitanto
dinanziallaspontaneitepensateunpo'dipi,osignori,adelevarelavostraattivit!
d)Checosahannoincomuneleconomismoeilterrorismo
[]ingenerale,traglieconomistieiterroristiesisteunlegamenonaccidentale,manecessario,
intrinseco, del quale dovremo ancora occuparci parlando della educazione dellattivit
rivoluzionaria. Gli economisti e i terroristi della nostra epoca hanno una radice comune: la
sottomissioneallaspontaneitdicuiabbiamoparlatonelcapitoloprecedente[].Economistie
terroristi si prosternano davanti ai due poli opposti della tendenza della spontaneit: gli
economisti dinanzi alla spontaneit del "movimento operaio puro", i terroristi dinanzi alla
spontaneit e allo sdegno appassionato degli intellettuali che non sanno collegare il lavoro
rivoluzionarioeilmovimentooperaio,ononnehannolapossibilit.infattidifficile,perchinon
hapifiduciaintalepossibilitononvihamaicreduto,trovarealpropriosdegnoeallapropria
energiarivoluzionariaunosboccodiversodalterrorismo.[]Fareappelloalterrorismoofare
appelloachesiadatoallastessalottaeconomicauncaratterepolitico,sonoduemodidiversidi
sottrarsi al dovere pi imperioso dei rivoluzionari russi: lorganizzazione di una multiforme
agitazionepolitica.[]
e)Laclasseoperaia,combattentedavanguardiaperlademocrazia
Abbiamovistocheunagitazionepoliticapivasta,equindianchelorganizzazionedidenunce
politichediognigenere,uncompitoassolutamentenecessario,ilcompitopiimperiosamente
necessariodiattivit,sequestaattivitdeveveramenteesseresocialdemocratica.Maaquesta
conclusionesiamoarrivatipartendosolamentedalbisognopiimmediatochelaclasseoperaia
ha di acquisire cognizioni politiche e una educazione politica. [] "Tutti riconoscono" che

16

necessariosvilupparelacoscienzapoliticadellaclasseoperaia.Macome?Echeoccorreperfarlo?
Lalottaeconomica"spinge"glioperaiaporsisoltantoiproblemicheconcernonoirapportitra
governoeclasseoperaia.Perci,perquantisforzifacciamoper"dareallastessalottaeconomica
uncaratterepolitico",nonpotremomai,mantenendociinquestilimiti,svilupparelacoscienza
politicadeglioperai(finoallivellodellacoscienzapoliticasocialdmocratica)perchilimitistessi
sono troppo ristretti. [] lerrore capitale di tutti gli economisti: la convinzione che si pu
sviluppare la coscienza politica di classe degli operai, per cos dire, dallinterno, con la lotta
economica,partendociosolo(oalmenoprincipalmente)datalelotta,basandosisolamente(o
almenoprincipalmente)sutalelotta.Questopuntodivista radicalmentesbagliato[].La
coscienzapoliticadiclassepuessereportataalloperaiosolodallesterno,ciodallesternodella
lottaeconomica,dallesternodellasferadeirapportitraoperaiepadroni.Ilsolocampodalquale
possibileattingerequestacoscienzailcampodeirapportiditutteleclassiedituttiglistrati
dellapopolazioneconloStatoeconilgoverno,ilcampodeirapportireciprociditutteleclassi.
Perci alla domanda: che cosa fare per dare agli operai cognizioni politiche? Non ci si pu
limitare a dare una sola risposta, a dare quella risposta che nella maggior parte dei casi
accontentaimilitanti,soprattuttoquandoessipencolanoversoleconomismo,ecio:"andaretra
glioperai".Perdareaglioperaicognizionipolitiche,isocialdemocraticidevonoandarefratuttele
classidellapopolazione,devonoinviareintutteledirezioniidistaccamentidelloroesercito.[]

Prendete il tipo di circolo socialdemocratico che da qualche anno il pi diffuso e vedetelo


all'opera.Essohadeilegamiconglioperaiesilimitaaquesto,pubblicandodeifoglineiquali
flagella gli abusi che si commettono nelle fabbriche, la parzialit del governo in favore dei
capitalistieleviolenzepoliziesche.Nelleriunioniconglioperai,ladiscussionedisolitononsi
allontanaoquasinonsiallontanadaquestiargomenti;leconferenzeeleconversazionisulla
storia del movimento rivoluzionario, sulla politica interna ed estera del nostro governo,
sull'evoluzioneeconomicadellaRussiaedell'Europa,sullasituazionedell'unaodell'altraclasse
nella societ contemporanea, ecc. sono rarissime e nessuno pensa a stabilire e sviluppare
sistematicamentedeilegamiconaltreclassisociali.Insomma,ilmilitanteideale,perimembridi
un circolo simile, somiglia nella maggior parte dei casi molto pi a un segretario di una
qualunquetradeunioncheauncapopoliticosocialista.[]
Ma ritorniamoalnostro assunto. Se il socialdemocratico non solo aparoleper losviluppo
integraledellacoscienzapoliticadelproletariato,eglideve,abbiamodetto,andarefratuttele
classidellapopolazione.Sorgonoledomande:macome?abbiamoforzesufficientiperfarlo?

17

esisteunterrenoperquestolavoro?nonsignificherquestoononsigiungerconquestoaun
abbandonodelpuntodivistadiclasse?Fermiamocisuquestequestioni.Dobbiamo"andarefra
tutte le classi della popolazione" come teorici, come propagandisti, come agitatori e come
organizzatori.Nonvidubbiocheillavoroteoricodeisocialdemocraticideveessererivoltoallo
studioditutteleparticolaritdellasituazionesocialeepoliticadellevarieclassi.Masifamolto
pocodaquestopuntodivista,inrelazioneaquantosifaperlostudiodelleparticolaritdellavita
di fabbrica. Nei comitati e nei circoli incontrerete persone che si specializzano persino nello
studiodiunabrancaqualsiasidellametallurgia,manontroveretequasimaiesempidiiscrittialle
nostre organizzazioni (obbligati, come capita spesso, per una ragione o per laltra, ad
abbandonarelattivitpratica)iqualisioccupinoinmodoparticolarediraccoglierematerialisu
unaquestionesocialeepoliticadiattualitchepossadareallasocialdemocrazialoccasionedi
lavorare fra altri strati della popolazione. Quando si parla della scarsa preparazione della
maggioranza degli attuali dirigenti del movimento operaio, non bisogna dimenticare questo
aspettodellaloropreparazione,poichanchessocollegatoalmodo"economista"diintenderelo
"strettolegameorganicoconlalottaproletaria".Malaquestioneprincipale senzadubbiola
propaganda e lagitazione in tutti gli strati del popolo. Per i socialdemocratici dellEuropa
occidentale, questo compito facilitato dalle riunioni e dalle assemblee popolari, alle quali
partecipanotutticolorochelodesiderano,edallesistenzadelparlamento,nelqualeildeputato
socialdemocraticoparladinanziairappresentantiditutteleclassi.[]nonsocialdemocratico
colui il quale di fatto dimentica che "i comunisti appoggiano dappertutto ogni movimento
rivoluzionario" e che, per conseguenza, noi dobbiamo esporre e sottolineare i nostri compiti
democraticigeneralidinanzi atuttoilpopolo,senzanascondereneppureperunmomentole
nostreconvinzionisocialiste.Nonsocialdemocraticochidimentica,inpratica,ilpropriodovere
diessereallatestadituttiquandosideveporre,approfondireerisolverequalsiasiquestione
democraticagenerale.
[] Nonbastadirsiavanguardia,distaccamentoavanzato;bisognaancheagireinmodoche
tuttiglialtridistaccamentivedanoesianocostrettiariconoscerechenoisiamoallatesta.Enoi
chiediamoallettore:forsecheirappresentantideglialtridistaccamentisonocosstupidida
credere sulla parola che noi siamo l'avanguardia? Immaginatevi un po' concretamente una
scenasimile.Aundistaccamentodiradicalirussicoltiedicostituzionalistiliberalisipresenta
unsocialdemocraticoedice:noisiamol'avanguardia;adessodavantianoisiponeilcompito:
come dare nella misura del possibile un carattere politico alla stessa lotta economica. Un
radicaleouncostituzionalistaunpo'intelligente(etrairadicalieicostituzionalistirussivisono
molti uomini intelligenti) si limiterebbe a sorridere di fronte a un simile discorso e direbbe
(naturalmente fra s, perch nella maggioranza dei casi un esperto diplomatico): Gi,
abbastanzasempliciottaquesta"avanguardia"!Noncomprendeneppurechequesto ilnostro
compito,ilcompitodeirappresentantiprogreditidellademocraziaborghese:dareallastessalotta
economica degli operai un carattere politico. Anche noi, come tutti i borghesi dell'Europa
occidentale, vogliamo trascinare gli operai alla politica, ma precisamente soltanto alla politica
tradunionista enona quella socialdemocratica. La politica tradunionista della classeoperaia
precisamente la politica borghese della classe operaia. E la formulazione da parte di questa
"avanguardia"delsuocompitoprecisamentelaformulazionedellapoliticatradunionista.Perci
possonoanchedefinirsisocialdemocraticifinchevogliono.Nonsonounbambino,infindeiconti,
da scaldarmi per l'etichetta! Basta che non subiscano l'influenza di questi malvagi dogmatici
ortodossi, basta che lascino la "libert di critica" a coloro che inconsciamente trascinano la
socialdemocrazianellacorrentetradunionista!.Eilrisolinobeffardodelnostrocostituzionalista
si trasformer in una risata omerica quando sapr che i socialdemocratici, i quali parlano di
avanguardia della socialdemocrazia in questo momento di quasi completo dominio della
spontaneitnelnostromovimento, hannopaurapidi ogni cosaalmondodicircoscrivere
l'elementospontaneo,hannopauradidiminuirel'importanzadellosviluppoprogressivodella
grigialottaquotidianainconfrontoallapropagandadelleideebrillantiebendefinite,ecc.ecc!
Distaccamentoavanzatoilqualehapaurachelacoscienzaprecorralaspontaneit,chetemedi
presentareunpianoaudacechecostringaalriconoscimentogeneraleanchecolorochenonla
pensanocos!Nonconfondonoessiforselaparolaavanguardiaconlaparolaretroguardia?
Proseguiamo. Abbiamo noi forze sufficienti per svolgere la nostra propaganda e la nostra

18

agitazione fra tutte leclassi della popolazione? Certamente. I nostri economisti, che tendono
spessoanegarlo,dimenticanoilgigantescopassoinavanticheilnostromovimentohacompiuto
dal1894(circa)al1901."Codisti"incorreggibili,vivonoancoraconleideedelperiodo,damolto
tempochiuso,incuiilnostromovimentoeraagliinizi.Alloranonavevamoeffettivamenteche
pochissime forze, ed era naturale e legittimo limitarci al lavoro tra gli operai e condannare
severamenteogniallontanamentodaesso,perchalloralessenzialeeradiaffermarcifralaclasse
operaia.Oggivengonotrascinatenelmovimentoforzegigantesche,vengonoanoituttiimigliori
rappresentantidellagiovanegenerazionedelleclassicolte;dovunque,intutteleprovince,sono
costretti a rimanere inattivi uomini che hanno preso parte o che vogliono prendere parte al
movimentoechesimpatizzanoperlasocialdemocrazia(mentrenel1894sipotevanocontarei
socialdemocratici russi sulle dita di una mano). Uno dei nostri difetti politici e organizzativi
fondamentali che non sappiamo utilizzare tutte queste forze, non sappiamo assegnare a
ciascunoillavorochegliadatto(torneremoampiamentesullaquestionenelprossimocapitolo).
Lastragrandemaggioranzadiquesteforzenonhaalcunapossibilitdi"andaretraglioperai",e
nonvidunqueneppuredatemerechevenganosottrattealnostrocompitoessenziale.Maper
poterdareaglioperaicognizionipolitichevere,complete,vive,necessarioaveredappertuttoi
"nostriuomini",averedeisocialdemocraticiintuttelecategoriesociali,sututteleposizioniche
permettonodiconosceregliingranaggidelmeccanismodelloStato.Eabbiamobisognoditali
uomininonsoloperlapropagandaelagitazione,maancheesoprattuttoperlorganizzazione.
Esisteunterrenochecipermettediagireintutteleclassidellapopolazione?Chinedubitaprova
che la sua coscienza in ritardo rispetto allo slancio spontaneo delle masse. Negli uni il
movimento operaio ha suscitato e suscita ancora malcontento, in altri la speranza che esso
appoggil'opposizione,inaltriancoralaconsapevolezzadell'inconsistenzadelregimeautocratico,
dell'inevitabilitdelsuocrollo.Saremmodeipoliticiedeisocialdemocraticisoloaparole(come
capitainrealtmoltospesso)senoncomprendessimoche nostrocompitoutilizzaretuttele
manifestazionidimalcontento,edelaboraretuttelepipiccoleproteste,ancheembrionali.Non
parliamopoideimilioniemilionidicontadinilavoratori,diartigiani,ecc.cheascolterebbero
sempre con grande interesse la propaganda di ogni socialdemocratico pi o meno abile. Ma
potresteindicarciunasolaclassedellapopolazionenellaqualenonsitrovinouomini singoli,
circoli e gruppi insoddisfatti del regime di oppressione e di arbitrio, e quindi accessibili alla
propagandadelsocialdemocratico,portavocedelleaspirazionidemocratichegeneralipiurgenti?
Eachivorravereun'ideadelmodocomeconcretamentesipossasvilupparel'agitazionepolitica
del socialdemocratico in tutte le classi e in tutti gli strati della popolazione, indicheremo le
denuncepolitichenelsensolargodellaparola,chesonoilmezzoprincipale(manonilsolo)per
taleagitazione.[]Ilpubblicoidealeperledenuncepoliticheprecisamentelaclasseoperaia,
chehabisognoinnanzituttoesoprattuttodicognizionipoliticheviveemultiformiechelapi
attaatrasformarequestecognizioniinunalottaattiva,anchesenzalaprospettivadirisultati
tangibili.[]Ledenuncepolitichesonodunque,dipers,unmezzopotenteperdisgregareil
regimenemico,perstaccaredalnemicoisuoialleaticasualiotemporanei,perseminarel'ostilit
elasfiduciatraicetichepartecipanopermanentementealpotereautocratico.
Solo il partito cheorganizzer veramente delledenuncecheinteressino tuttoilpopolopotr
diventarel'avanguardiadelleforzerivoluzionarie.Equesteparole:tuttoilpopolohannoun
significato molto vasto. L'immensa maggioranza dei denunciatori che non appartengono alla
classe operaia (poich per diventare avanguardia dobbiamo attirare le altre classi) sono dei
politicisensati,deitranquilliuominid'affari.Sannoperfettamentequantosiapericolosolagnarsi
anchediunpiccolofunzionarioe,amaggiorragione,dell'onnipotentegovernorusso.Edessi
rivolgeranno a noi le loro proteste solo quando vedranno che possono raggiungere qualche
risultato,chenoisiamoveramenteunaforzapolitica.Perdiventareunaforzapoliticaagliocchi
del pubblicononbastaappiccicarel'etichettaavanguardiaaunateoriaeaunapraticada
retroguardia,mabisognalavoraremoltoetenacemente,perelevarelanostracoscienza,ilnostro
spiritodiiniziativaelanostraenergia.
Macidomanderannoegicidomandanoipartigianitroppozelantidellegamestrettoed
organico con la lotta proletaria se noi dobbiamo incaricarci di organizzare denunce che
interessino veramente tutto il popolo, come si manifester il carattere di classe del nostro

19

movimento?Simanifesterappuntonelfattochel'organizzazioneditalidenuncepopolarisar
operanostra,dinoisocialdemocratici,nelfattochel'esposizionedituttelequestionisollevate
nell'agitazione sar fatta con uno spirito coerentemente socialdemocratico e senza nessuna
concessione alle deformazioni, volute o no, del marxismo, nel fatto che questa multiforme
agitazionepoliticasarsviluppatadaunpartitochelega,inuntuttoindissolubile,l'offensiva
contro il governo in nome di tutto il popolo, l'educazione rivoluzionaria del proletariato, la
salvaguardia della sua indipendenza politica, la direzione della lotta economica della classe
operaiael'utilizzazionedegliurtispontaneiconisuoisfruttatori,urtichesollevanoeattraggono
continuamentenelnostrocamposemprenuovistratiproletari.[]
In occasione del quarantesimo anniversario dell'emancipazione dei contadini abbiamo parlato
dellanecessitdiportarelalottadiclassenellecampagne(n.3);apropositodelpromemoria
segretodiWitte,abbiamodimostratoilcontrastofondamentalecheesistetral'autonomialocalee
l'autocrazia(n.4);apropositodellanuovalegge,abbiamoattaccatoigrandiproprietariterrieri
feudalieilgovernochealloroservizio(n.8),abbiamoapplauditoalcongressoillegaledegli
zemstvoedincoraggiatoimembrideglizemstvoapassaredalleumilirichiesteallalotta(n.8):in
occasionedelmanifestodelComitatoesecutivodeglistudentidiMosca,del25febbraio,abbiamo
incoraggiatoglistudentiche,cominciandoacomprenderelanecessitdellalottapolitica,hanno
senz'altro iniziato questa lotta (n. 3), e nello stesso tempo abbiamo fustigato la grossolana
incomprensione di coloro che esortano gli studenti a rimanere sul terreno puramente
universitarioeanonpartecipareallemanifestazionidistrada(n.3);abbiamosvelatoisogni
assurdi e l'ipocrisia dei farisei liberali della Rossia (n. 5), e nello stesso tempo abbiamo
stigmatizzatoilfuroredelgovernochefacevagiustiziasommariadipacificiscrittori,divecchi
professoriescienziati,dimembrideglizemstvonoticomeliberali(n.5,Unaspedizionepoliziesca
contro la letteratura);abbiamo denunciato ilvero significato delprogramma di sollecitudine
delloStatoperilmiglioramentodeltenoredivitadeglioperaiemessoinrilievolapreziosa
confessionecheprevenirelerivendicazionidalbassocondelleriformedall'alto meglioche
attenderle(n.6);abbiamoincoraggiatoglistatisticinelleloroproteste(n.7)ebiasimatogli
statisticicrumiri(n.9).Considerarequestatatticacomeunoscuramentodellacoscienzadiclasse
delproletariatoecomeuncompromessoconilliberalismo,significadimostrarechenonsicapisce
assolutamente la sostanza del programma del Credo, significa applicare di fatto quel
programma, pur dichiarandovisi contrari a parole. Infatti con ci stesso si trascina il
socialdemocraticoallalottaeconomicacontroipadroniecontroilgovernoesirecededinanzial
liberalismo, rinunciando a intervenire attivamente e a definire il proprio atteggiamento
socialdemocraticoinogniquestioneliberale.
f)Ancoraunavoltacalunniatori,ancoraunavoltamistificatori
[]qualsiasiabbassamentodellapoliticasocialdemocraticaallivellodellapoliticatradunionista
equivaleapreparareilterrenoperlatrasformazionedelmovimentooperaioinstrumentodella
democraziaborghese.Dipers,ilmovimentooperaiospontaneononpuchegenerare(egenera
immancabilmente) il tradunionismo, e la politica tradunionista della classe operaia
precisamentelapoliticaborghesedellaclasseoperaia.Lapartecipazionedellaclasseoperaiaalla
lotta politica ed anche alla rivoluzione politica non basta a dare a tale politica un carattere
socialdemocratico.[]
Il RaboceieDielo, econessogliautoridellaletteraeconomicapubblicataneln.12dell'Iskra,
dovrebberodomandarsiperchgliavvenimentidellaprimaverahannoprovocatounacosforte
recrudescenzadelletendenzerivoluzionarienonsocialdemocraticheinvecedirafforzarel'autorit
edilprestigiodellasocialdemocrazia.Lacausastanelfattochenoinonsiamostatiall'altezza
delcompito,chel'attivitdellemasseoperaieandataaldildellanostra,chenonabbiamo
avuto abbastanza dirigenti e organizzatori rivoluzionari ben preparati i quali conoscessero
perfettamentelostatod'animodituttiglistratisocialidell'opposizioneesapesseromettersialla
testa del movimento, per trasformare una manifestazione spontanea in una manifestazione
politica, allargarne il carattere politico, ecc. Fino a quando questa situazione perdurer, i
rivoluzionarinonsocialdemocraticipiabili,pienergici,approfitterannoinevitabilmentedella
nostraarretratezza,eglioperai,perquantograndisianolaloroenergiaelaloroabnegazione

20

nellelottecontrolapoliziaecontroletruppe,perquantorivoluzionariesianoleloroazioni,non
costituirannocheunpuntodiappoggioperirivoluzionarinonsocialdemocratici.Sarannosolola
retroguardia della democrazia borghese e non l'avanguardia socialdemocratica. []

4. Il primitivismo degli economisti e l'organizzazione dei


rivoluzionari
a)Checos'ilprimitivismo?
Cerchiamo di rispondere a questa domanda tracciando un quadro dell'attivit di un circolo
socialdemocratico tipico tra il 1894 e il 1901. Abbiamo gi accennato all'entusiasmo per il
marxismo che animava la giovent universitaria d'allora. Tanta passione era naturalmente
suscitata,pichedalmarxismocometeoria,dallarispostacheilmarxismodavaalladomanda:
"chefare?",dall'appelloamarciarecontroilnemico.Einuovicombattentis'accingevanoallalotta
conunapreparazioneeconarmistraordinariamenteprimitive.Perlopilearmieranopocheela
preparazione mancava del tutto. Si andava in guerra come contadini mai staccatisi prima
dall'aratro,armatisolodiunbastone.Senzanessunlegameconivecchimilitanti,senzalegami
conicircolidelle altrecitteneppureconquellideglialtririoni(odelle altrescuole)della
propria citt, senza nessun coordinamento tra le varie parti del lavoro rivoluzionario, senza
nessunpianodiazionesistematicoperunperiodopiomenolungo,ilcircolostudentescosi
mette in contatto con degli operai e incomincia il lavoro. Sviluppa progressivamente una
propaganda e un'agitazione sempre pi intense; si attira cos, per il solo fatto della sua
costituzione,lasimpatiadiunnumeroabbastanzagrandedioperai,lasimpatiadiunacertaparte
deicetisocialicolti,chedannodeldenaroemettonoadisposizionedel"comitato"semprenuovi
gruppi di giovani. Ilprestigiodel"comitato"(o dell'"Unionedilotta") aumenta, ilsuocampo
d'azionesiallargaelasuaattivitsiestendespontaneamente.Coloroche,unannooqualche
mese prima, parlavano nei circoli studenteschi, decidono sul cammino da seguire, creano e
mantengonorapporticonglioperai,preparanoelancianodeimanifestini,simettonoincontatto
conaltrigruppidirivoluzionari,siprocuranodellastampa,comincianoapubblicareungiornale
locale,comincianoaparlarediorganizzareunamanifestazione,passanoinfinealleostilitaperte
(sar,secondolecircostanze,unprimofogliodiagitazione,ilprimonumerodiungiornaleouna
primamanifestazione);maallora,edisolito,l'aperturadelleostilitprovocailcrolloimmediatoe
completo.Immediatoecompletoproprioperchquelleoperazionimilitarinoneranoilrisultato

21

di un piano sistematico per una lotta lunga ed accanita, precedentemente meditato e


minuziosamentepreparato,masemplicementelosviluppospontaneodellavorodiuncircolosu
unabasetradizionale;perchlapoliziaquasisempreconoscevainquelladeterminatalocaliti
principali dirigenti che avevano gi "fatto parlare di s" sui banchi delle universit e perch,
attendendoilmomentopropizioperunavastaretata,avevalasciatocheilcircolocrescesseesi
sviluppassealfinediaverenellesuemaniil corpusdelicti eognivoltaavevaintenzionalmente
lasciataliberaqualchepersonaconosciuta"perilseme"(l'espressionetecnicausata,perquanto
io sappia, sia dai nostri che dai gendarmi). Questa guerra ricorda la marcia delle bande
contadine,armatedibastoni,controunesercitoregolare.Enonsipucheammirarelavitalitdi
un movimento che si ingrandiva, si estendeva e riportava vittorie nonostante la completa
mancanzadiognipreparazionedapartedeicombattenti.Ilcarattereprimitivodell'armamento
era,vero,nonsoloinevitabileall'inizio,maanchestoricamentelegittimo,perchpermettevadi
attirareungrannumerodicombattenti.Maappenacominciaronoleoperazioniserie(equeste
cominciaronocongliscioperidell'estatedel1896)idifettidellanostraorganizzazionedivennero
semprepievidenti.Dopounmomentodisorpresaedopoavercommessotuttaunaseriedi
errori(comel'appelloall'opinionepubblicacontroimisfattideisocialisti,ladeportazionedegli
operaidallecapitalineicentriindustrialidiprovincia),algovernononoccorsemoltotempoper
adattarsiallenuovecondizionidilottaeperdisporreneipuntiopportunilepropriesquadredi
provocatori,dispieedigendarmifornitideimezzitecnicipiperfezionati.Leretatediventarono
cos frequenti, colpirono tanta gente, fecero un tale "repulisti" nei circoli locali che la massa
operaiaperdetteletteralmentetuttiidirigenti,ilmovimentosidisorganizzinmodoincredibilee
fuimpossibilemantenerequalsiasicontinuiteorganicitnellavoro.Lastraordinariadispersione
deimilitantilocali,ilfattocheicircolieranocompostidagentecapitatavipercaso,lamancanza
dipreparazioneel'orizzonteristrettonelcampoteorico,politicoeorganizzativo:tuttocifuil
risultatoinevitabiledellecondizionidescrittepisopra.Incertiluoghi,datalanostramancanza
diprecauzioneedimisurecospirative,glioperaigiunseroadallontanarsi,perdiffidenza,dagli
intellettuali:la loroavventatezza essi dicevanoprovoca inevitabilmentegliarresti!Questo
primitivismo,comesachiunqueconoscapiomenoilmovimento,statofinalmentegiudicato
datuttiisocialdemocraticiragionevolicomeunaveramalattia.[]
b)Primitivismoedeconomismo
[] ilprimitivismononconsistesolonellamancanzadipreparazione;siriscontraanchenella
ristrettezza del lavoro rivoluzionario in generale, nella incomprensione del fatto che tale
ristrettezzaostacolalaformazionediunabuonaorganizzazionerivoluzionariaeinfineedla
questione principale si riscontra nei tentativi di giustificare tale ristrettezza e di farne una
"teoria", cio nella sottomissione alla spontaneit anche in questa materia. Fin da quando si
manifestarono tentativi in questa direzione, divenne evidente che il primitivismo era legato
all'economismo, e che noi non ci saremmo sbarazzati della nostra ristrettezza, nel lavoro
organizzativo, senza esserci prima liberati dell'economismo in generale (cio della ristretta
interpretazionedellateoriamarxista,dellafunzionedellasocialdemocraziaedeisuoicompiti
politici).[]Altri,lontanidaogni"gradualismo",hannodetto:noipossiamoedobbiamo"farela
rivoluzionepolitica",maatalfinenonv'nessunbisognodicreareunaforteorganizzazionedi
rivoluzionaricheeduchiilproletariatoaunalottacontinuaedaccanita;bastacheciarmiamo
tuttidiunbastone"accessibile"efamiliare.Perparlaresenzametafore,dobbiamoorganizzarelo
scioperogeneraleostimolarecon"unterrorismoincitante"ilmovimentooperaioche unpo'
addormentato. Queste due tendenze (opportunistica e "rivoluzionaria") cedono di fronte al
primitivismo dominante, non vedono il nostro compito pratico pi urgente: creare
un'organizzazionedirivoluzionaricapacedigarantireallalottapolitical'energia,lafermezzaela
continuit.
[]Ilnostroerrorecapitaleconsistenell'abbassareinostricompitipoliticiedorganizzativiallivello
degli interessi immediati, tangibili, concreti della lotta economica d'ogni giorno. [] Che
abbiatefattotuttoquantovierapossibilenonhomaisognatodinegarlo.Hoaffermatoedaffermo
cheivostrilimitidelpossibilesonoangustiacausadellamiopiadellevostreconcezioni.ridicolo
anchesoltantoparlarediunaorganizzazionedicombattimentoperlalottaperlerivendicazioni
politicheimmediateeperlalottaeconomicacontroipadroniecontroilgoverno. [] Questi

22

operaicheformanol'elementomediodellemasse,inunosciopero,inunalottadistradacontrola
poliziaecontroletruppe,possonodarprovadiun'energiaediun'abnegazionesenzapari,possono
(edessisololopossono)decideredell'esitodituttoilnostromovimento;malalottacontrolapolizia
politicaesigequalitspeciali,esigedeirivoluzionaridiprofessione.Edobbiamofareinmodochela
massaoperaianonsoloavanzilerivendicazioniconcrete,magenerianchedeirivoluzionaridi
professioneinnumerosemprepigrande.[]Dalfattochelamassaspontaneamentetrascinata
nelmovimentononscaturiscechel'organizzazionedellalottasiamenonecessaria.Diventainvece
ancorapinecessariaperchnoisocialisti,mancheremmoainostriobblighidirettiversolamassase
nonsapessimoimpedireallapoliziaditenersegreto(ese,talvolta,nonpreparassimosegretamente
anche noi) unosciopero od una manifestazione qualsiasi. Noi possiamofarlo appunto perch la
massa che si ridesta spontaneamente all'azione far sorgere anche dal proprio seno un numero
semprepigrandedirivoluzionaridiprofessione[].

c)Organizzazionedeglioperaieorganizzazionedeirivoluzionari
[]l'organizzazionedeirivoluzionaridevecomprendereprimadituttoeprincipalmenteuomini
lacuiprofessionesial'azionerivoluzionaria(edperquestocheioparlodiun'organizzazionedi
rivoluzionari,riferendomiairivoluzionarisocialdemocratici).Perquestacaratteristicacomuneai
membri dell'organizzazione nessuna distinzione deve assolutamente esistere fra operai e
intellettuali, e a maggiorragionenessuna distinzione sulla basedel mestiere. [] Nei paesi
politicamenteliberiladifferenzafral'organizzazionetradunionistael'organizzazionepolitica
evidente, come evidente la differenza tra i sindacati e la socialdemocrazia. I rapporti di

23

quest'ultimaconleorganizzazionisindacalivarianonecessariamentedapaeseapaese,secondole
condizionistoriche,giuridiche,ecc.;possonoesserepiomenostretti,complessi,ecc.(devono
essere,secondoilnostropuntodivista,quantopistrettiequantomenocomplessipossibile);
maneipaesiliberil'organizzazionesindacaleequelladelpartitosocialdemocraticononpossono
coincidere.[]mancanodisensopolitico,perch,invecedivolersostituireicattividirigenticon
buonidirigenti,l'autorevuolesostituirliingeneraleconlafolla.Questountentativodifarci
fare macchina indietro nel campo organizzativo, cos come si tenta di farci retrocedere
politicamente sostituendo lo stimolante terroristico all'agitazione politica. [] Per maggior
chiarezza comincer con un esempio. Ecco i tedeschi. Non negherete, spero, che la loro
organizzazione abbraccia la folla, che tutto viene dalla folla, che il movimento operaio ha
imparatoinGermaniaacamminaredasolo.Cinonostante,quantosonoapprezzatidaquella
folladiparecchimilionidiuominiisuoidiecicapipoliticiprovati!Comesistringeattornoad
essi!Quantevolteisocialistinonsisonosentitiirridereinparlamentodaideputatiavversari:Bei
democratici!Convoiilmovimentodellaclasseoperaianonesistecheaparole:inrealtsempre
lostessogruppodicapichefatutto.Ognianno,dadecinedianni,semprelostessoBebel,sempre
lostessoLiebknecht!Ivostridelegati,chesidiconoelettidaglioperai,sonopiinamovibilidei
funzionarinominatidall'imperatore!.Maitedeschihannoaccoltoconsprezzanteironiaquei
tentatividemagogiadicontrapporrelafollaaicapi,dirisvegliarenellaprimagliistinticattivi
evanitosieditoglierealmovimentolasoliditelastabilitminandolafiduciadellamassain
una decina di teste forti. Essi sono politicamente abbastanza educati, hanno sufficiente
esperienzapoliticapercomprenderechesenzaunadecinadiabilicapi(egliuominiabilinon
sorgonoacentinaia),provati,professionalmentepreparatiedistruitidaunalungaesperienza,
che siano d'accordo fra loro, nessuna classe della societ contemporanea pu condurre
fermamentelasualotta.Hannoavutotradilorodeidemagoghichelusingavanolecentinaiadi
imbecilli,liponevanosopraledecineditesteforti,glorificavanoilpugnomuscolosodella
massa,spingevano(come Most o Hasselmann)lamassaadattirivoluzionarisconsideratie
seminavano la sfiducia nei capi energici e risoluti. E solo in seguito a una lotta tenace,
implacabile,controtuttiglielementidemagogiciesistentinelsuoseno,ilsocialismotedesco
cresciutoesirafforzato.Orbene,proprioquandotuttalacrisidellasocialdemocraziarussasi
spiega con ilfatto chele masse, entrate spontaneamente in movimento, non hanno dirigenti
abbastanza preparati, sviluppati ed esperti, ecco i nostri sapientoni venirci a dire con tono
sentenzioso:unmalecheilmovimentononsorgadalbasso!.
"Uncomitatodistudentinonserve:troppoinstabile".Benissimo!Malaconseguenzacheci
occorre un comitato di rivoluzionari di professione. Studenti od operai, poco importa; essi
saprannofaredisestessideirivoluzionaridiprofessione.Lavostraconclusioneinvecechenon
bisogna stimolare dallesterno il movimento operaio. Nella vostra ingenuit politica non vi
accorgetedifarecosilgiocodeinostrieconomistiedelnostroprimitivismo.Inchemodoinostri
studentihanno"stimolato"finoadoggiglioperai?Permettetemidiporvilaquestione.Solamente
portando ad essi le briciole di cognizioni politiche che essi stessi avevano, le bricioledi idee
socialistecheavevanopotutoraccogliere(perchilprincipalenutrimentospiritualedeglistudenti
contemporanei,ilmarxismolegale,hapotutodarlorosoltantolabbicc,soltantodellebriciole).
Questo "stimolo esterno" del nostro movimento non stato eccessivo, ma scarso,
vergognosamente scarso; fino ad oggi ci siamo cotti nel nostro brodo, ci siamo servilmente
prosternatidinanzialla"lottaeconomicadeglioperaicontroipadroniecontroilgoverno". Di
questo"stimolo"noi,rivoluzionaridiprofessione,dobbiamooccuparciecioccuperemomoltodi
pi. Ma con la vostra espressione odiosa, "stimolo dallesterno", che inevitabilmente ispira
alloperaio(almenoalloperaiopocosviluppatocomevoi)lasfiduciaverso tutti colorochegli
portanodaldifuorilecognizionipoliticheelesperienzarivoluzionariaesuscitaistintivamentein
luilavogliadicacciarelontanodastutticolorochelostimolano,voifatedella demagogiaei
demagoghisonoipeggiorinemicidellaclasseoperaia.S,s!Enonprotestatecontrosistemi
polemici"inammissibilifracompagni!".Nonsospettolapurezzadellevostreintenzioni;hogi
dettochesipudiventaredemagogoanchesoloperingenuitpolitica.Mahodimostratochevoi
siete scesi fino alla demagogia. E non mi stancher mai di ripetere che i demagoghi sono i
peggiorinemicidellaclasseoperaia.Ipeggiori,perchrisveglianoicattiviistintidellafollae
perchimpossibileaglioperaiarretratidiriconoscerequestinemicichesipresentano,equalche

24

voltaanchesinceramente,comeamici.Ipeggiori,perchinquestoperiododidispersioneedi
tentennamenti, nel quale il nostro movimento cerca ancora se stesso, facilissimo trascinare
demagogicamentelafolla,allaqualesololeprovepiamarepotrannoinseguitoapriregliocchi.
[]
"pifacilearrestareunadecinaditesteforticheuncentinaiodiimbecilli".Questomagnifico
assioma(cheviprocurersempregliapplausidelcentinaiodiimbecilli)[]vidirchemolto
pi difficile impadronirsi di una decina di teste forti che non di un centinaio di imbecilli. E
sosterr questa mia affermazione, qualunque cosa facciate per eccitare la folla contro la mia
"antidemocrazia".Per"testeforti"inmateriadiorganizzazionebisognaintendere,comehogi
dettopidiunavolta,soloi rivoluzionaridiprofessione,pocoimportasestudentiodoperaidi
origine. E affermo: 1) che non potr esservi un movimento rivoluzionario solido senza
unorganizzazionestabiledidirigenticheneassicurilacontinuit;2)chequantopinumerosa
lamassaentrataspontaneamentenellalotta,lamassachelabasedelmovimentoepartecipaad
esso, tanto pi imperiosa la necessit di siffatta organizzazione e tanto pi questa
organizzazionedeveesseresolida(sarfacile,altrimenti,aidemagoghitrascinareconsglistrati
arretratidellamassa);3)chetaleorganizzazionedeveesserecompostaprincipalmentediuomini
iqualiabbiano comeprofessione lattivitrivoluzionaria;4)cheinunpaeseautocraticosar
tantopidifficile"impadronirsi"disiffattaorganizzazionequantopine ridurremo glieffettivi,
fino ad accettarvi solamente i rivoluzionari di professione, educati dalla loro attivit
rivoluzionariaallalottacontrolapoliziapolitica;5)cheintalmodo,tanto pinumerosisaranno
gli operai e gli elementi delle altre classi che potranno partecipare al movimento e militarvi
attivamente.
[]associazionioperaiedimestiere,circolioperaidiistruzioneediletturadellepubblicazioni
illegali, circoli socialisti e anche democratici per tutti gli altri ceti della popolazione, ecc.
Dappertuttovinecessitdiquesticircoli,associazionieorganizzazioni;bisognacheessisianoil
pi possibile numerosi, con i compiti pi diversi, ma assurdo e dannoso confonderli con
lorganizzazionedeirivoluzionari,cancellareladistinzionechelisepara,spegnerenellamassala
convinzionegidebolissimacheper"servire"unmovimentodimassasononecessariuominii
quali si consacrino specialmente e interamente allazione socialdemocratica, si diano
pazientemente, ostinatamente uneducazione di rivoluzionari di professione. [] Un
rivoluzionariofiacco,esitantenellequestioniteoriche,conunorizzontelimitato,chegiustifichila
propriainerziaconlaspontaneitdelmovimentodimassa,pirassomiglianteaunsegretariodi
tradeunionchenonauntribunodelpopolo,incapacedipresentareunpianoarditoevastoche
costringa al rispettoanche gli avversari, un rivoluzionario inesperto e malaccorto nelproprio
mestiere [],puforsechiamarsiunrivoluzionario?No. solounpoveroartigiano.Nessun
militante deve offendersi di questo epiteto severo: per quanto riguarda limpreparazione, lo
applicoprimadituttoamestesso. [] Equandoripensoalcocentesentimentodivergogna
provato allora, sento salire in me lamarezza contro quegli pseudosocialdemocratici, la cui
propaganda"disonorailnomedirivoluzionari"echenoncomprendonocomeilnostrocompito
nonconsistanellabbassareilrivoluzionarioallavorodellartigiano,manellelevarequestultimoal
lavorodelrivoluzionario.
d)Ampiezzadellavorodiorganizzazione
[]inguerra,noto,occorreinnanzituttoinfonderenelproprioesercitolafiduciainsestesso,
ma occorre anche farsi tenere in grande considerazione dal nemico e da tutti gli elementi
neutrali, perch una neutralit benevola pu talvolta decidere della vittoria. Con una tale
organizzazione,costituitasuunabaseteoricasolida,eungiornalesocialdemocraticoapropria
disposizione,nonsidovrpitemerecheilmovimentosiasviatodainumerosielementichevi
avrannoaderito.Inunaparola,laspecializzazionepresupponeilcentralismo,easuavoltalo
esigeinmodoassoluto.
[] il nostro primo obbligo, il nostro obbligo pi imperioso, consiste nel contribuire alla
formazionedirivoluzionarioperai,iquali, perquantoriguardalattivitdelpartito, sianoallo
stesso livello dei rivoluzionari intellettuali. (Sottolineiamo: per quanto riguarda lattivit del
partito,perchneglialtricampinonperglioperaincosfacilencosurgente,benchsia

25

necessario,raggiungereuntalelivello.)Percibisognachenoilavoriamosoprattuttoperelevare
glioperaiallivellodirivoluzionarienonbisognacheciabbassiamo,noi,allivellodella"massa
operaia",comevoglionoglieconomisti,allivellodegli"operaimedi" [].Naturalmente,non
negoaffattolanecessitdiunaletteraturapopolareperglioperaiediunaltraultrapopolare(ma
nonvolgare,certo)perglioperaipiarretrati.Mamidisgustaquestasovrapposizionecontinua
delladidatticaallequestionipoliticheeorganizzative.

[] Per prepararsi completamente ai propri compiti, loperaio rivoluzionario deve diventare


ancheluiunrivoluzionariodiprofessione.[]Qualunqueagitatoreoperaiocheabbiauncerto
ingegnoe"diadellesperanze" nondeve lavorareundicioreinofficina.Dobbiamofareinmodo
cheeglivivaaspesedelpartito,chepossa,quandosarnecessario,passareallavitaillegale,
trasferirsiinaltrecitt.Senzadicinonacquistermaiunagrandeesperienza,nonallargheril
suoorizzonte,nonresistersenonperqualcheanno,nellalottacontrolapolizia.Viaviachela
spintaspontaneadelmovimentooperaiosirafforzaesiestende,lemasseoperaieciforniscono
semprepinonsolodegliagitatori,maanchedegliorganizzatori,deipropagandistidiingegnoe
dei"pratici" [].Quandoavremodeigruppidioperairivoluzionari,opportunamentepreparati
da un lungo addestramento (beninteso in "tutte le armi" dellazione rivoluzionaria), nessuna
polizia al mondo potr liquidarli, perch quei gruppi di uomini, devoti anima e corpo alla
rivoluzione,godrannoanchedellafiduciaillimitatadellepilarghemasseoperaie.Sespingiamo
troppopocoglioperaisuquestavia,sullaviadelladdestramentorivoluzionariochecomunea
loroedagli"intellettuali",selitratteniamotroppospessocondeidiscorsistupidisuquelloche
"accessibile" alla massaoperaia, agli"operai medi",la colpa ricadedirettamente su noi.Sotto
questo, come sotto gli altri rapporti, la ristrettezza del lavoro organizzativo certo
indissolubilmentelegataalrestringimentodellanostrateoriaedeinostricompitipolitici(per
quanto questo legamenon sia percepito dalla immensa maggioranza degli "economisti" edei
militantialliniziodellorolavoro).Lasottomissioneallaspontaneitgeneraunaspeciedipaura
diallontanarsianchediunpassodaciche"accessibile"allamassa,dielevarsitroppoaldi
sopra del semplice soddisfacimento dei suoi bisogni immediati. Non abbiate questa paura,
signori!Ricordateche,perquantoriguardalorganizzazione,citroviamoaunlivellocosbasso
cheassurdopensarechepotremmospingercitroppoinalto.
e)Organizzazione"cospirativa"e"democrazia"
[]sololapigrossolanaincomprensionedelmarxismo[]potevafarcrederecheilsorgeredi
un movimento operaio di massa spontaneo ci esonerasse dal dovere di costituire
unorganizzazionerivoluzionariasolida[].Questodovereciinveceimpostodalmovimento,

26

perchlalottaspontaneadelproletariatodiventerunavera"lottadiclasse"soloquandosar
direttadaunaforteorganizzazionedirivoluzionari.[]sigiungeallaconclusionepositivache
una forte organizzazione rivoluzionaria assolutamente necessaria per rendere stabile il
movimento e per premunirlo contro la possibilit di attacchi inconsulti. Proprio in questo
momento,datalamancanzadiunasimileorganizzazione,datoilrapidosviluppospontaneodel
movimentooperaio, sipossonoginotare dueestremi(che,comenaturale,"sitoccano"):un
economismo assolutamente inconsistente, che predica la moderazione, e un "terrorismo
stimolante"chealtrettantoinconsistenteecerca"diprovocareartificialmenteisintomidellafine
diunmovimentoilqualeinprogressocontinuo,maancorapivicinoalpuntodipartenzache
nonalpuntodiarrivo"(VeraZasulic,nellaZari,n.23,p.353).
[] eccodeimilitantichesivantanodelloro"sensodellarealt"e sottolineano inunasimile
situazionenonlanecessitdiunsegretorigorosoediunaselezionerigorosa(equindiristretta)
degliiscritti,mail"principiodiunalargademocrazia"!Cheaberrazione![]sicomprenderche
una"largademocrazia"inunaorganizzazionedipartitochevivenelletenebredellautocrazia,nel
regimedellaselezionepoliziesca,noncheunbaloccoinutileedannoso.Inutile,perchnessuna
organizzazionerivoluzionariahamaiapplicato,n,anchevolendo,potrmaiapplicare,unalarga
democrazia. Dannoso, perch i tentativi di applicare effettivamente il "principio di una larga
democrazia"servonosoloafacilitarelelargheretate,aperpetuareilregnodelprimitivismo,a
distogliereimilitantidalpensierodellorocompitoserioedimpellente,checonsistenelformare
la propria educazione di rivoluzionari di professione, per concentrarlo su quello della
compilazione di statuti particolareggiati e "cartacei" sui sistemi elettorali. Solo allestero, ove
spessosiraccogliegentechenonhalapossibilitdisvolgereunverolavoroattivo,spotuto
manifestarequael,esoprattuttoneidiversipiccoligruppi,questo"giocoallademocrazia".[]
Peri militantidelnostromovimento, ilsoloprincipio organizzativoserio devessere:rigorosa
clandestinit, scelta minuziosa degli iscritti, preparazione di rivoluzionari di professione. Con
questequalitavremoanchequalcosadipidella"democrazia":avremounafiduciacompletae
fraternafrarivoluzionati.[]
Sideveinoltrenotarechel'ingenuitsecondasorgenteditalidiscorsilaconseguenzadi
un'idea abbastanza confusa sulla natura della democrazia. L'opera dei coniugi Webb sul
tradunionismocontieneuncapitolocuriososullademocraziaprimitiva.Gliautoriviraccontano
che gli operai inglesi nel primo periodo d'esistenza dei loro sindacati consideravano come
condizionenecessariadellademocrazialapartecipazionedituttigliiscrittiatuttiiparticolari
dell'amministrazionedelsindacato. Tutte lequestioni erano risolte mediante il votodi tutti i
membrielecarichestesseeranocoperte,aturno,datuttigliiscritti.Funecessariaunalunga
esperienza storica perch gli operai comprendessero l'assurdo di una simile concezione della
democrazia e la necessit di organi rappresentativi da una parte e di funzionari sindacali
dall'altra.Occorseroparecchifallimentidicassesindacaliperfarcomprendereaglioperaichela
questionedelrapportodirettofralequoteversateeisussidiaccordatinonpotevaessererisolta
solo da un voto democratico, ma che era necessario il consiglio di una persona esperta nei
problemi delle assicurazioni sociali. Prendete il libro di Kautsky sul parlamentarismo e la
legislazionepopolareevedretecheleconclusionicuigiungeilteoricomarxistaconcordanoconla
lungaesperienzadelmovimentooperaiospontaneo.Kautskysilevarisolutamentecontrola
concezionerudimentaledellademocraziasostenutadaRittinghausen,scherniscecolorochesono
prontiadomandare,innomediunasimiledemocrazia,cheigiornalipopolarisianoredatti
direttamentedalpopolo,dimostralanecessitdigiornalisti professionali, diparlamentari,ecc.
per la direzione socialdemocratica della lotta di classe proletaria, attacca il socialismo degli
anarchici e dei letterati che, mirando all'effetto, esaltano il potere legislativo esercitato
direttamente dal popolo e non comprendono che l'applicazione di questo principio molto
relativanellasocietattuale.Chihalavoratopraticamentenelnostromovimentosaquantosia
diffusalaconcezioneprimitivadellademocrazianellamassadellagioventuniversitariaedegli
operai. Nulla di strano quindi che essa appaia anche negli statuti e nella letteratura. Gli
economisti della scuola di Bernstein scrivono nel loro statuto: 10. Tutte le questioni che
interessano l'intera organizzazionesonodecise da tutti gli iscritti a maggioranza di voti. Gli
economistideltipoterroristaripetono,seguendoli:necessariocheledecisionideicomitati

27

passinopertuttiicircoliprimadiessereobbligatorie(Svoboda,n.1,p.67).Notatecheaquesta
richiesta di una larga applicazione del referendum si unisce quella di una struttura di tutta
l'organizzazione basata sul principio elettivo! Naturalmente, con ci non vogliamo affatto
condannarequeimilitantichehannoavutotroppopochepossibilitperconoscerebenelateoriae
lapraticadelleorganizzazioniveramentedemocratiche.[]
f)Lavorolocaleelavoronazionale
[] inquestiultimianniilnostromovimentosi trovatoindebolitoproprioperilfattochei
militanti locali sonotroppo assorbiti dal lavorolocale, che quindi assolutamente necessario
spostarealquantoilcentrodigravitversoillavoronazionaleechequestospostamentonon
indebolir, ma rafforzer i nostri legami con la massa e la continuit della nostra agitazione
locale.Perdimostrarlo,esaminiamolaquestionedelgiornalecentraleedeigiornalilocali.Non
dimentichiperillettorechelastampapernoisoloun esempio perillustraretuttalazione
rivoluzionaria,infinitamentepivastaemultiforme.
[] Selo stessonumero digiornalifossestatopubblicatonondagruppilocalidispersi,mada
unorganizzazioneunica,avremmoeconomizzatounanotevolequantitdiforzeeilnostrolavoro
sarebbestatoincomparabilmentepistabileecontinuo.Eccounaconstatazionemoltosemplice,
dicuitroppospessonontengonocontoqueimilitantichelavoranoattivamentequasisoltantoper
igiornalilocali(disgraziatamente,nellastragrandemaggioranzadeicasi,lasituazione oggi
ancoraquesta)[]Nonlimitatevidunqueadaffermazioniincontestabili,matroppogeneriche,
sullutilitdeigiornalilocaliingenerale,maabbiateancheilcoraggiodirilevarneapertamentei
latinegativi,messiinlucedallesperienza[].Lesperienzadimostrache,nellenostrecondizioni,
igiornalilocalisonoperlopitentennantidalpuntodivistadeiprincipi,senzaimportanza
politica, troppo onerosi per il dispendio di forze rivoluzionarie che esigono e per nulla
soddisfacentitecnicamente(nonparlo,beninteso,dellatecnicatipografica,madellafrequenzae
della regolarit della pubblicazione). E tutti questi difetti non dipendono dal caso, ma sono
linevitabilerisultatodiquellospezzettamentoche,daunaparte,spiegalaprevalenzadeigiornali
localinelperiodoinquestionee,dallaltra,perpetuaquestaprevalenza.Unorganizzazionelocale
isolatanonhalaforzadiassicurarealpropriogiornalelafermezzadalpuntodivistadeiprincpi,
n di farne un organo politico nel vero senso della parola, non pu raccogliere e utilizzare
materiali sufficienti per mettere in luce tutta la nostra vita politica. Largomento che
comunementesiadduceneipaesiliberipergiustificarelanecessitdinumerosigiornalilocali:
basso costo (perch sono fatti da operai del posto), larghezza e rapidit di informazioni alla
popolazionelocale;questoargomento,comeprovatodallesperienza,siritorcenelnostropaese
controigiornalilocali.[]Laprevalenzadellastampalocalesullastampacentraleunsegnoo
dipovertodilusso:dipovert,quandoilmovimentononhaancoradatoforzesufficientiperla
produzioneingrande,quandovegetaancoranelprimitivismoedquasisommersodai"fatterelli
dellavitadofficina";dilusso,quandogiriuscitoaadempiereipropricompitididenunciaedi
agitazionemultiformeequando,oltrealbisognodiunorganocentrale,sifasentireilbisognodi
numerosigiornalilocali.[]

5."Piano"diungiornalepoliticopertuttalaRussia
b)Puungiornaleessereunorganizzatorecollettivo?
[]ilfattoche,pereducarefortiorganizzazionipolitiche,nonvialtromezzoallinfuoridiun
giornale[]"Lunificazionedellattivitlocaledapartediorganicentraliunaquestionechesi
aggirainuncircolovizioso,scrivesentenziosamenteNadezdin.Perlunificazioneoccorrono
elementiomogenei;malomogeneitstessapuesserecreatasoltantodaqualcosacheunifica.
Questoqualcosapernonpuesserecheilprodottodifortiorganizzazionilocali,lequaliin
questomomentononsidistinguonodavveroperomogeneit".Veritrispettabileeincontestabile
quantolaffermazionedellanecessitdicrearefortiorganizzazionipolitiche!Maveritnonmeno
sterile!Ogniquestione"siaggirainuncircolovizioso"perchtuttalavitapoliticaunacatena
senza fine composta di un numero infinito di anelli. Tutta larte delluomo politico consiste
precisamente nel trovare e nellafferrare saldissimamente lanello che pi difficilmente pu

28

esserglistrappato,cheilpiimportanteinqueldatomomentoechemegliogligarantisceil
possessodituttalacatena.Seavessimoungruppodimuratoricapaci,abbastanzaallenatial
lavoro collettivo per poter porre le pietre dove necessario, senza alcun filo (astrattamente
parlando,nonimpossibile),potremmoforseaggrapparciaunaltroanello.Ilmale chenon
abbiamoancoradeimuratorisimili,chespessolepietresonocollocateacaso,senzalaguidadi
unfiloeinmodocosscompostocheilnemicopudisperderle,comegranidisabbia,conun
soffio.

Altroparagone:"Ilgiornalenonsolounpropagandistaeunagitatorecollettivo,maancheun
organizzatorecollettivo.Sottoquestoultimoaspetto, losipuparagonarealleimpalcature che
rivestonounedificioincostruzione,manelascianoindovinarelasagoma,facilitanoicontattitra
icostruttori,liaiutanoasuddividersiillavoroearendersicontodeirisultatigeneraliottenuticon
illavoroorganizzato".Nonsembrerebbechequiilletterato,luomospecializzatonellavoroa
tavolino,esagerilapropriafunzione?Leimpalcaturenonsonoaffattonecessarieperledificioin
s;sonofattecolmaterialepeggiore,innalzateperuntemporelativamentebreveegettatenel
fuoco quando nelle sue grandi linee lopera finita. Per quanto concerne ledificazione di
organizzazionirivoluzionarie,lesperienzadimostra(peresempionegliannisettanta)chesiriesce
talvoltaacostruiresenzaimpalcature.Maogginonpossiamoneppurepensareallapossibilitdi
elevaresenzaimpalcatureledificiochecinecessario.[]Esenoiriuscissimoadottenereche
tuttiolamaggiorpartedeicomitati,gruppiecircoli localisiunisseroattivamentenellopera
comune, potremmo in breve tempo organizzare un settimanale regolare, diffuso a decine di
migliaiadicopieintuttalaRussia.Ungiornalesimilesarebbeunapiccolapartediungigantesco
mantice,capacediattizzareogniscintilladellalottadiclasseedellindignazionepopolareper
farne divampare un immenso incendio. Intorno a questopera ancora semplice e minuta, ma
regolare e veramente collettiva, si recluterebbe sistematicamente e addestrerebbe un esercito
permanentedicombattentiprovati.[]
Eccochecosabisognasognare!"Bisognasognare!".Scrivendoquesteparolesonostatopresodalla
paura.MisembratoditrovarmialCongressodiunificazioneediavereinfacciaameiredattori
ed i collaboratori del Raboceie Dielo. Ed ecco il compagno Martynov alzarsi ed esclamare
minacciosamente: "Scusate! Una redazione autonoma ha il diritto di sognare senza

29

lautorizzazionepreventivadeicomitatidelpartito?".PoisialzailcompagnoKricevski,ilquale
(approfondendofilosoficamenteilcompagnoMartynovchehadamoltotempoapprofonditoil
compagnoPlekhanov)continuaancorapiminaccioso:"Dirdipi.Vidomando:haunmarxista
ildirittodisognaresenonhadimenticatoche,secondoMarx,lumanitsiponesempredegli
obiettivirealizzabili echelatattica ilprocessodisviluppodegli obiettivichesi sviluppano
insiemeconilpartitostesso?".Lasolaideadiquestedomandeminacciosemifavenirelapelle
doca,enonpensocheatrovareunnascondiglio.CerchiamodinascondercidietroPisariev.
"CcontrastoecontrastoscrivevaPisarievapropositodelcontrastofrailsognoelarealt.Il
miosognopuprecorrereilcorsonaturaledegliavvenimenti,maanchedeviareinunadirezione
versolaqualeilcorsonaturaledegliavvenimentinonpumaicondurre.Nellaprimaipotesi,non
recaalcundanno;anzi,puincoraggiareerafforzarelenergiadellavoratore...Inqueisogninon
cnullachepossapervertireoparalizzarelaforzaoperaia;tuttalcontrario.Seluomofosse
completamente sprovvisto della facolt di sognare in tal maniera, se non sapesse ogni tanto
andareoltreilpresenteecontemplareconlimmaginazioneilquadrocompiutodelloperache
abbozzatadallesuemani,qualeimpulso,midomando,lindurrebbeacominciareeacondurrea
terminegrandiefaticosilavorinellarte,nellascienzaenellavitapratica?...Ilcontrastotrail
sognoelarealtnonaffattodannososechisognacredesulserioalsuosogno,seosserva
attentamente la realt, se confronta le sue osservazioni con le sue fantasticherie, se, in una
parola,lavoracoscienziosamenteperattuareilsuosogno.Quandoviuncontattotrailsognoe
lavita,tuttovaperilmeglio".Disognidiquestogenerevenesonodisgraziatamentetroppo
pochinelnostromovimento.Enehannocolpasoprattuttoirappresentantidellacriticalegalee
del"codismo"illegale,chefannopompadellaloroponderatezza,delloro"sensodelconcreto".
c)Qualetipodiorganizzazionecioccorre?
Daquantoprecede,illettorecomprendecheilnostro"pianotattico"lanegazionedellappello
immediatoallassaltoedesprimelesigenzadiun"assedioregolaredellafortezzanemica";inaltre
paroleesigelaccentramentodituttiglisforziperraccogliere,organizzareemobilitareunesercito
permanente. [] il giornale si naturalmente scagliato contro di noi accusandoci di
"dottrinarismo",diincomprensionedeldovererivoluzionario,diappelloallaprudenza,ecc.Certo,
taliaccuse,lanciatedagenteche,nonavendoprincipisolidi,cercariparodietrolasuaprofonda
"tatticaprocesso",noncihannoaffattomeravigliato.
[] proprioperch "lafollanonconnoi",irragionevoleedinopportunoparlaredi"assalto"
immediato,perchlassaltoloperazionediunesercitoregolare,nongilesplosionespontanea
diunafolla.Eproprioperchlafollapotrspazzareetravolgereletrupperegolari,noidobbiamo
"fareintempo"asecondarneloslanciospontaneoea"organizzareinmodosolidoesistematico"
questetruppe,perchquantopi"faremointempo",tantomenoessecorrerannoilrischiodi
esseretravoltedallafollaetantomaggiorisarannoleloroprobabilitdimarciareallatestadella
folla e di dirigerla. [] unorganizzazione terroristica impedirebbe alle nostre truppe di
avvicinarsiallafolla,chepurtroppononancoranostraechepurtroppononcidomandaoci
domandamoltoraramentequandoecomebisogneraprireleostilit.[]Sicommetterebbeun
graveerroresenellorganizzazionedelpartitosifacesseassegnamentosoltantosuesplosioniesu
lotte di strada o soltanto sullo "sviluppo progressivo della grigia lotta quotidiana". Dobbiamo
svolgere sempre il nostro lavoro quotidiano ed essere sempre pronti a tutto, perch quasi
impossibileprevederelavvicendarsideiperiodidiesplosioneedeiperiodidicalma,equandoci
possibile non si pu approfittarne per rimaneggiare lorganizzazione, dato che in un paese
autocratico la situazione pu mutare improvvisamente, magari in seguito a una incursione
notturnadigiannizzerizaristi.Enonsipupensarechelarivoluzionesisvolgainunsoloatto
[]:larivoluzionesarunasuccessionerapidadiesplosionipiomenoviolente,alternantisicon
fasidicalmapiomenoprofonda.Perciilcontenutoessenzialedellattivitdelnostropartito,il
fulcrodellasuaattivit,deveconsisterenellavorochepossibileenecessariosianeiperiodi
delle esplosioni pi violente che in quelli di calma completa, cio in unagitazione politica
unificata[],cheilluminituttigliaspettidellavitaesirivolgaallemassepilarghe.Maquesto
lavoro non pu essere compiuto [] senza un giornale [] che si pubblichi molto spesso.
Lorganizzazione che si costituir di per s intorno al giornale, lorganizzazione dei suoi
collaboratori (nel senso largo della parola, cio di tutti coloro che se ne occuperanno) sar

30

precisamente pronta a tutto, sia a salvare lonore, il prestigio e la tradizione del partito nei
momenti di peggiore "depressione" rivoluzionaria che a preparare, a decidere e ad attuare
linsurrezionearmatadituttoilpopolo.[]

31

L'IMPERIALISMOFASESUPREMA
DELCAPITALISMO(1916)

I.Laconcentrazionedellaproduzioneeimonopoli
Unodeitrattipicaratteristicidelcapitalismocostituitodall'immensoincrementodell'industria
edalrapidissimoprocessodiconcentrazionedellaproduzioneinimpresesemprepiampie.Gli
ultimicensimentiindustrialioffronoragguaglicompletieesattisutaleprocesso.InGermania,per
esempio,suognimilleimpreseindustrialisiavevano,nel1882,tregrandiaziende,cioconpi
di 50 operai salariati; sei nel 1895; nove nel 1907. Erano dipendenti dalle grandi aziende,
rispettivamenteil22%,il30%eil37%dituttiglioperai.Ma illavoronellegrandi aziende
essendomoltopiproduttivo,laproduzionesiconcentramoltopiintensamentedellamano
d'opera,comedimostratodaidatichesihannosullemacchineavaporeesuimotorielettrici.Se
sitiencontodituttocicheinGermaniasidesignacomeindustria,nelsensopiampiodella
parola,includendoviilcommercio,imezzidicomunicazione,ecc.,siottieneilquadroseguente:
Numero

Milioni Forzavapore
Elettricit in

dioperai inmilionidicavalli milionidichilowatt

Impreseingenerale 3.265.623 14,4

8,8

1,5

Grandiaziende

30.588

5,7

6,6

1,2

Percentuale

0,9

39,4

75,3

80

Menodiunacentesimapartedelleaziendedisponedipiditrequartidellaquantittotaledella
forzavapore e dell'energia elettrica! Alle 2.970.000 piccole aziende (con non pi di cinque
operai) che costituiscono il 91% del numero totale delle aziende, spetta in tutto il 7% della
forzavapore e dell'energia elettrica! Alcune decine di migliaia di grandi aziende sono tutto;
milionidipiccoleaziende,niente.Nel1907v'eranoinGermania586aziendeconmilleepi
operai, ed esse disponevano di quasi un decimo (1.380.000) del numero complessivo dei
lavoratori e di quasi un terzo (32% del totale di forzavapore e di energia elettrica. Come
vedremo,ilcapitalemonetarioelebancherendonoancorapiopprimente,nelsensoletterale
dellaparola,questapreponderanzadiunpiccologruppodigrandiaziende;ciomilionidipiccoli,

32

medie,inparte,perfinoalcunideigrandi"padroni"sitrovanointeramentealledipendenzedi
pochecentinaiadimilionaridell'altafinanza.Ancorapirapidoilprocessodiconcentrazione
dellaproduzioneinunaltrodeipaesiavanzatidelmodernocapitalismo,cionegliStatiUniti
d'America.Quilastatisticadistinguel'industriainsensostretto,eraggruppaleaziendesecondoil
valoredellaproduzioneannua.Annoverandotralegrandiaziendetutteleimpreseaventiuna
produzioneannuadioltreunmilionedidollari,sihailseguentequadro:
Numero Milionidilavoratori Produzione annua
inmiliardididollari
1904:
Impreseingenerale.... 216.180 5,5

14,8

Grandiaziende....

1.900

1,4

5,6

Percentuale....

0,9

25,6

38

1909
Impreseingenerale.... 268.491 6,6

20,7

Grandiaziende......

3.060

2,0

9,0

Percentuale.......

1,1

30,5

43,8

Quasilametdell'interaproduzioneditutteleimpresedelpaesenellemanidiunacentesima
partedelnumerocomplessivodelleaziende!Equeste3milaaziendegiganteschelavoranoin268
ramidell'industria.Dacirisultachelaconcentrazione,auncertopuntodellasuaevoluzione,
porta, per cos dire, automaticamente alla soglia del monopolio. Infatti riesce facile a poche
decinediimpresegiganteschediconcluderereciprociaccordi,mentre,d'altrolato,sonoappunto
legrandidimensionidellerispettiveaziendecherendonodifficilelaconcorrenzaesuscitano,esse
stesse, la tendenza al monopolio. Questa trasformazione della concorrenza nel monopolio
rappresentaunodeifenomenipiimportantiforseanziilpiimportantenellaeconomiadel
capitalismomodernoenoinonpossiamofareamenodiesaminarlaampiamente.Maanzitutto
dobbiamoeliminareunpossibileequivoco.
La statistica americana parla di 3.000 imprese gigantesche in 250 rami industriali, sicch a
ciascun ramo spetterebbero 12 grandi imprese. Ma cos non in realt. Non in tutti i rami
industriali esistono grandi aziende, e inoltre una delle pi importanti caratteristiche del
capitalismogiuntoalsuomassimogradodisviluppocostituitadallacosiddetta combinazione,
ciodall'unioneinun'unicaimpresadidiversiramiindustriali,siachesitrattidifasisuccessive
dellalavorazionedellematerieprime(peresempio,estrazionedellaghisadalmineralediferro,
produzionedell'acciaioedeventualmentefabbricazionediprodottidiversiinacciaio),siachesi
trattidiramiindustrialiausiliaril'unorispettoall'altro(peresempio,lalavorazionedicascamie
disottoprodotti,lafabbricazionedimaterialidaimballaggio,ecc.).
[]disommaimportanzailfattocheanchenelpaeseclassicodellalibertdicommercio,in
Inghilterra, la concentrazione dirige il monopolio, sebbene un po' pi tardi e forse in forma
diversa.[]AllorchMarx,mezzosecolofa,scrivevail Capitale,lagrandemaggioranzadegli
economisti considerava la libert di commercio una "legge naturale". La scienza ufficiale ha
tentatodiseppellireconlacongiuradelsilenziol'operadiMarx,che,mediantel'analisiteoricae
storicadelcapitalismo,hadimostratocomelaliberaconcorrenzadeterminilaconcentrazione
dellaproduzione,ecomequesta,asuavolta,auncertogradodisviluppo,conducaalmonopolio.
Oggiilmonopoliounarealt.Glieconomistiscrivonomontagnedilibriperdescriverelediverse
manifestazionidelmonopolioenondimenoproclamanoincorocheil"marxismoconfutato".Ma
ifattisonoostinatidiconogliinglesieconessi,volereono,sidebbonofareiconti.Ifatti
provanocheledifferenzetraisingolipaesicapitalistici,peresempioinrapportoalprotezionismo

33

e alla libert degli scambi, determinano soltanto differenze non essenziali nelle forme del
monopolio,onelmomentoincuiappare,mailsorgeredeimonopoli,pereffettodelprocessodi
concentrazione, , in linea generale, legge universale e fondamentale dell'odierno stadio di
sviluppodelcapitalismo.[]irisultatifondamentalidellastoriadeimonopolisonoiseguenti:
1)18601870,apogeodellaliberaconcorrenza.Imonopolisonosoltantoinembrione.
2)Dopolacrisidel1873,ampiosviluppodeicartelli.Sonoperancoral'eccezioneenonsono
ancorastabili.Sonounfenomenoditransizione.
3)AscesadegliaffariallafinedelsecoloXIXecrisidel19001903.Icartellidiventanounadelle
basidituttalavitaeconomica.Ilcapitalismositrasformatoinimperialismo.
I cartelli si mettono d'accordo sulle condizioni di vendita, i termini di pagamento, ecc. Si
ripartiscono i mercati. Stabiliscono la quantit delle merci da produrre. Fissano i prezzi.
Ripartisconoiprofittitralesingoleimprese,ecc.[]Neicartellieneitrustsiconcentranotalora
perfino i sette od otto decimi dell'intera produzione di un determinato ramo industriale. Il
sindacatocarboniferorenanovestfaliconel1893,annodellasuafondazione,forniva1'86,7%e
nel1910giil95,4%dell'interaproduzionedicarbonedellaregione.Ilmonopolio,intalguisa
creatosi,assicuraprofittigiganteschieconduceallaformazionediunittecnichediproduzionedi
enormi dimensioni. [] La concorrenza si trasforma in monopolio. Ne risulta un immenso
processo di socializzazione della produzione. In particolare si socializza il processo dei
miglioramentiedelleinvenzionitecniche.
Cigiqualchecosadibendiversodall'anticaliberaconcorrenzatraimprenditoridispersie
sconosciutil'unoall'altro,cheproducevanoperlosmerciosumercatiignoti.Laconcentrazioneha
fattoprogressitali,cheormaisipufareuncalcolo approssimativodiquasituttelefontidi
materieprime(peresempioimineralidiferro)diundatopaese,anzi,comevedremo,diuna
seriedipaesieperfinodituttoilmondo.Enonsolosiprocedeauntalecalcolo,maleminiere,i
territori produttori vengono accaparrati da colossali consorzi monopolistici. Si calcola
approssimativamente la capacit del mercato che viene "ripartito" tra i consorzi in base ad
accordi.Simonopolizzalamanod'operaqualificata,siaccaparranoimiglioritecnici,simettono
le mani sui mezzi di comunicazione e di trasporto: le ferrovie in America, le societ di
navigazione in America e in Europa. Il capitalismo, nel suo stadio imperialistico, conduce
decisamente alla pi universale socializzazione della produzione; trascina, per cos dire, i
capitalisti, a dispetto della loro coscienza, in un nuovo ordinamento sociale, che segna il
passaggiodallalibertdiconcorrenzacompletaallasocializzazionecompleta.
Vienesocializzatalaproduzione,mal'appropriazionedeiprodottirestaprivata.Imezzisocialidi
produzionerestanoproprietdiunristrettonumerodipersone.Rimaneintattoilquadrogenerale
della libera concorrenza formalmente riconosciuta, ma l'oppressione che i pochi monopolisti
esercitano sul resto della popolazione viene resa cento volte peggiore, pi gravosa, pi
insopportabile. [] sommamente istruttivo dare almeno uno sguardo all'elenco dei mezzi
dell'odierna,modernaecivile"lottaperl'organizzazione"acuiricorronoiconsorzimonopolistici.
Essisono:
1)Privazionedellematerieprime(..."unodeipiimportantimetodicoercitiviperfarentrarenei
cartelli").
2) Privazione della mano d'opera mediante "alleanze" (cio accordi tra organizzazioni di
capitalistiedioperaipercuiquestiultimisiobbliganoalavoraresoltantoperimpresecartellate).
3)Privazionedeitrasporti.
4)Chiusuradisbocchi.
5)Accaparramentodeiclientimedianteclausolediesclusivit.
6)Metodicoabbassamentodeiprezzialloscopodirovinaregli"autonomi",leaziendecioche
nonsisottomettonoaimonopolisti;sigettanoviadeimilionivendendoperqualchetempoal
disottodelprezzodicosto(nell'industriadellabenzinasisonodaticasidiriduzioneda40a22
marchi,cioquasidellamet).

34

7)Privazionedelcredito.
8)Boicottaggio.
Questanonpilalottadiconcorrenzatraaziendepiccoleegrandi,traaziendetecnicamente
arretrateeaziendeprogredite,maloiugulamento,peroperadeimonopoli,dichiunquetentidi
sottrarsialmonopolio,allasuaoppressione,alsuoarbitrio.[]l'evoluzionedelcapitalismo
giuntaatalpuntoche,sebbenelaproduzionedimercicontinuicomeprimaa"dominare"ead
essereconsideratacomebasedituttal'economia,essainrealtgiminataeimaggioriProfitti
spettanoai"geni"dellemanovrefinanziarie.Baseditalioperazionietrucchilasocializzazione
dellaproduzione,mal'immensoprogressocompiutodall'umanit,affaticatasipergiungereatale
socializzazione,tornaavantaggio...deglispeculatori.[]Ilmonopoliosifastradadappertuttoe
contuttiimezzi,daqueste"modeste"sommedibuonuscita,all'"impiego",all'americana,della
dinamitecontroiconcorrenti.Cheicartellielimininolecrisi unaleggendadeglieconomisti
borghesi,desiderosidigiustificareadognicostoilcapitalismo.Alcontrario,ilmonopolio,sortoin
alcuni rami d'industria, accresce e intensifica il caos, che proprio dell'intera produzione
capitalisticanellasuaquasitotalit.[]
Maalorovoltalecrisidiognispecie,eprincipalmentequelledinaturaeconomicasebbenenon
questesolerafforzanograndementelatendenzaallaconcentrazioneealmonopolio.[]
Imonopolisonol'ultimaparoladella"recentissimafasedisviluppodelcapitalismo".Malanostra
rappresentazione della forza reale e dell'importanza dei moderni monopoli sarebbe assai
incompleta, insufficiente e inferiore alla realt, se non tenessimo conto della funzione delle
banche.

II.Lebancheelaloronuovafunzione
La fondamentale e originaria funzione delle banche consiste nel servire da intermediario nei
pagamenti; quindi le banche trasformano il capitale liquido inattivo in capitale attivo, cio
produttorediprofitto,raccogliendotuttelerenditeindenaroemettendoleadisposizionedei
capitalisti.Ma,amanoamanochelebanchesisviluppanoesiconcentranoinpocheistituzioni,
sitrasformanodamodestemediatriciinpotentimonopoliste,chedispongonodiquasituttoil

35

capitaleliquidodituttiicapitalistiepiccoliindustria,ecospuredellamassimapartedeimezzi
diproduzioneedellesorgentidimaterieprimediundatopaeseedituttaunaseriedipaesi.
Questatrasformazionedinumerosipiccoliintermediariinungruppettodimonopolisticostituisce
unodeiprocessifondamentalidellatrasformazionedelcapitalismoinimperialismocapitalista.
[]Legrandiaziende,especialmentelebanche,nonsilimitanoaingoiarelepiccolebanche,ma
sele"annettono",leassoggettano,leincludononel"loro"gruppo,nelloro"consorzio"(Konzern
l'espressione tecnica tedesca) mediante la "partecipazione" ai loro capitali, comprando o
scambiandoazioni,creandounsistemadirapportididebiti,ecc.ecc.[...]vogliamorecareun
esempioconcretodelsistemadella"partecipazione".
Il"gruppo"dellaDeutscheBank,cheprendiamoaconsiderare,traipigrandigruppibancari,
senonaddiritturailpigrande.Pertenercontodeiprincipalifilichecolleganotuttelebanchedi
questogruppo,occorredistinguereuna"partecipazione"diprimo,secondoeterzogradoo,ci
che lo stesso, una dipendenza di primo, secondo e terzo grado delle piccole banche dalla
DeutscheBank.Siottieneilseguentespecchietto.
Dipendenza Dipendenza
diIgrado
diIIgrado

Dipendenza
diIIIgrado

La DeutscheBank
partecipa

dicui9partecipano dicui4partecipano
permanentemente a17banche adaltre34
adaltre7
per un tempo
indeterminato
a5banche
ditantointanto

a8banche

dicui5partecipano dicui2partecipano
adaltre14
adaltre2

Totale

a30banche

dicui14partecipano dicui6partecipano
adaltre48
adaltre9

Alleottobanche"dipendentiinprimogrado",soggette"ditantointanto"allaDeutscheBank,
appartengono tre banche straniere: una austriaca, il Wiener Bankverein, e due russe (Banca
commercialedellaSiberiaeBancarussaperilcommercioestero).Incomplessoappartengonoal
consorziodellaDeutscheBank,direttamenteoindirettamente,totalmenteoparzialmente,ben87
banche,edessodisponecosdiuncapitalecomplessivo,trailproprioel'altrui,dadueatre
miliardidimarchi.Evidentementeunabancachesitroviallatestadiunsimilegruppoeconcluda
accordi con mezza dozzina di altre banche poco meno grandi, per operazioni finanziarie
particolarmenteragguardevolievantaggiose,qualiperesempioiprestitistatali,hagismessola
funzionedi"intermediaria"esitrasformatainunalegadiunpugnodimonopolisti.
ConqualerapiditsisiacompiutainGermania,precisamentetralafinedelsecoloXIXegliinizi
del XX, la concentrazione bancaria, si pu rilevare dai seguenti dati di Riesser, che qui si
espongonoinmodoabbreviato:
SeigrandibanchediBerlinoavevano
Casse di deposito Partecipazionepermanente Totale di
Anno Filiali
inGermania oagenziedicambio abancheazionarietedesche tutteleaziende
1895 16

14

42

1900 21

40

80

1911 104

276

63

450

Si vede con quanta rapidit si formi una fitta rete di canali che abbracciano tutto il paese,

36

centralizzano tutti i capitali ed entrate in denaro e trasformano migliaia e migliaia di aziende


economichesparpagliateinun'unicaaziendacapitalisticanazionaleepoiinun'aziendacapitalistica
mondiale.[...]
Mezzo secolo fa Marx scriveva (Il Capitale, III, 2) che "le banche creano la forma di una
contabilitgeneraleediunadistribuzionegeneraledeimezzidiproduzionesuscalasociale,ma
soltantolaforma".Idatidanoiriferitiintornoall'incrementodelcapitalebancario,all'aumento
delnumerodellefilialiedelleagenziedellemaggioribanche,delnumerodeiconticorrenti,ecc.,
cimostranoinmodoconcretoquesta"contabilitgenerale"dell'interaclassedeicapitalisti,eanzi
nondiessisoli,perchlebancheraccolgonoinssiapuretransitoriamentetuttelepossibili
entrateindenaro,cosdeipiccoliproprietaricomedegliimpiegatiediunpiccolostratoelevato
dellaclasselavoratrice.La"ripartizionegeneraledeimezzidiproduzione":eccocicherisultase
siconsideralacosasottol'aspettoformaledallosviluppodellegrandibanchemoderne,lepi
importantidellequali,innumeroda3a6inFranciaeda6a8inGermania,dispongonodi
miliardiemiliardi;masesiconsiderala sostanza,questaripartizionedeimezzidiproduzione
non"sociale",bensprivata,cioconformataagliinteressidelgrandecapitaleeinparticolare
delpigrande,delcapitale.monopolisticocheagisceinquestamanieramentrelemassepopolari
vivono mezzo affamate [...]. Del resto la sostituzione dell'antico capitalismo, dominato dalla
liberaconcorrenza,colnuovocapitalismo,dominatodalmonopolio,trovalasuaespressionenella
decadenzadellaBorsa:
"La Borsa si legge nella rassegna Die Bank da lungo tempo ha cessato di essere
quell'indispensabile intermediario di scambi che essa fu un tempo, quando le banche non
potevanoancoracollocarenellapropriaclientelalamaggiorpartedeititoliemessi."OgniBanca
una borsa". Questo detto moderno tanto pia vero, quanto pi cospicua la banca, e pi
progredita la concentrazione dell'industria bancaria. "Mentre un tempo, nel decennio
18701880,laBorsa,conlesueintemperanzegiovanili[un"garbato"accennoallacrisiborsistica
del 1873, all'epoca degli scandali delle grandi speculazioni finanziarie, ecc. ecc.], inizi
l'industrializzazionedellaGermania,oggiinvecebancheeindustriapossono"camminaredas".
"Il dominio delle nostre grandi banche sulla Borsa... non che l'espressione della completa
organizzazione dello Stato industriale tedesco. Mentre cos si riduce il campo delle leggi
economiche operanti automaticamente e si amplia in modo straordinario quello della
regolamentazionecoscienteperoperadellebanche,cresceadismisuralaresponsabilitdipoche
testedirigentiversol'economianazionale".
Cos scrive il professore tedesco SchulzeGaevernitz, l'apologeta dell'imperialismo tedesco,
un'autoritpergliimperialistidituttoilmondo,unuomochetentadicelarele"inezie",valea
direchequesta"coscienteregolamentazione"peroperadellebancheconsistenelfattocheun
gruppetto di monopolisti, "integralmente organizzati", spoglia letteralmente il pubblico. Il
professore borghese non si propone di svelare l'intero meccanismo e di mettere in chiaro gli
imbroglideimonopolistibancari,bensdinasconderli.
[]Negliambientiindustrialiecommercialis'odonofrequentilagnanzesul"terrorismo"delle
banche.Nonc'dameravigliarsichesiodanotalivoci,unavoltachelebanche"comandano"
nellamanierachesidimostrercolseguenteesempio.Il19novembre1901unadellecosiddette
bancheDdiBerlino(lequattromaggioribancheberlinesicomincianoconlaletteraD)invialla
direzionedelSindacatodeicementidellaGermaniacentronordoccidentalelaseguentelettera:
"Dalla notificazione della Loro societ nel Reichsanzeiger del 18 corrente apprendiamo che
nell'assemblea generale del Loro Sindacato che si terr il 30 p. v. potranno esser prese
deliberazioniatteadapportarenellaLoroaziendamodificazionichenonpossiamoaccettare.Per
tal motivo ci vediamo obbligati con nostro vivo dispiacere, a ritirar Loro, con la presente, il
credito concesso... Tuttavia se nella accennata assemblea generale non si approveranno
provvedimenti che sono per noi inammissibili, e ci verranno date in tal senso convenienti
garanzie anche per l'avvenire, ben volentieri ci dichiariamo pronti ad entrare con Loro in
trattativecircalaconcessionediunnuovocredito".
Insostanzasonolestesselagnanzedelpiccolocapitalecontrol'oppressionedelgrandecapitale,

37

con la sola differenza che in questo caso un intero sindacato ridotto alla parte di "piccolo
capitale"! l'antica lotta tra grande e piccolo capitale, riprodotta a un grado di evoluzione
immensamentepialto.Legrandibanchedisponendodimiliardisonoingradodipromuovere
nelleloroimpreseiprogressitecnicibenpirapidamenteche,ipredecessori.Amo'd'esempio,le
banche istituiscono speciali societ di studi tecnici, dei cui lavori, naturalmente, beneficiano
soltantoleimpreseindustriali"amiche".[]Pertantol'iniziodelsecoloXXsegnailpuntocritico
delpassaggiodall'anticoalnuovocapitalismo,daldominiodeicapitaleingeneralealdominiodel
capitalefinanziario.

III.Capitalefinanziarioeoligarchiafinanziaria
[]Concentrazionedellaproduzione;conseguentimonopoli;fusioneesimbiosidellebanchecon
l'industria:incisicompendialastoriadellaformazionedelcapitalefinanziarioeilcontenuto
delrelativoconcetto
Oradovremoesporrecomelo"spadroneggiare"deimonopolicapitalistici,nell'ambitogenerale
della produzione di merci e della propriet privata, metta inevitabilmente capo al dominio
dell'oligarchiafinanziaria.daosservarecheirappresentantidellascienzaborghesetedescae
non di quella sola [], sono, senza eccezione, apologeti dell'imperialismo e del capitale
finanziario. Essi non svelano, anzi occultano e abbelliscono il "meccanismo" della formazione
dell'oligarchia, i suoi metodi, l'entit delle sue entrate (cos "lecite" come "illecite"), la sua
collusione con i parlamenti, ecc. Essi sfuggono alle "questioni maledette" con frasi ampollose
quantooscure,richiamandosial"sensodiresponsabilit"deidirettoridibanche,levandoalle
stelle il "senso del dovere" dei funzionari prussiani e occupandosi con grande seriet dei
particolari di progetti di legge poco seri sul.. "sorveglianza" e sulla "regolamentazione" e di
frascherieteoriche[].
Mainrealtl'esperienzadimostrachebastapossedereilquarantapercentoditutteleazioniper
dominare l'andamento degli affari di una societ per azioni, giacch una parte dei piccoli
azionisti,disseminatiquael,nonhalapossibilitdiintervenirealleassembleegenerali,ecc.La
"democratizzazione" dei possesso di azioni, dalla quale i sofisti borghesi e gli opportunisti
"pseudosocialdemocratici"siripromettono(ofingonodiripromettersi)la"democratizzazionedel
capitale", l'aumento d'importanza e di funzione della piccola produzione, ecc., nella realt
costituisce un mezzo per accrescere la potenza dell'oligarchia finanziaria. precisamente per

38

questocheneipiprogreditiopiantichied"esperti"paesicapitalisticilalegislazionepermette
l'emissionedelleazionipipiccole.[]
Ilcapitalefinanziario,concentratoinpochemaniegodendounmonopoliodifatto,ritraeredditi
giganteschi e sempre maggiori da ogni fondazione di societ, dall'emissione delle azioni, dai
prestiti statali, ecc. e consolida l'egemonia delle oligarchie finanziarie, imponendo a tutta la
societuntributoafavoredeidetentoridelmonopolio.[]Ilcapitalismo,chepreselemossedal
capitale usurario minuto, termina la sua evoluzione mettendo capo a un capitale usurario
gigantesco."Ifrancesisonogliusuraidell'Europa",diceLysis.Pereffettodiquestatrasformazione
delcapitalismo,tuttelecondizionidellavitaeconomicasoggiaccionoadunprofondomutamento.
Nonostantelastasidelmovimentodellapopolazione,delcommercio,dell'industriaedeitrasporti
marittimi,il"paese"puarricchirsiaforzad'usura.[]
Mentre nei periodi di prosperit industriale i profitti del capitale finanziario aumentano a
dismisura,inquellididecadenzaindustrialeleimpresepiccoleedebolivannoapicco;allorale
banche"partecipano"allacomperaabuonmercatodiquestepiccoleaziendeoal"risanamento"e
alla "riorganizzazione" delle imprese dissestate. Nel "risanamento" delle imprese dissestate "il
capitaleazionariovienesvalutato,ilchesignificachegliutilivengonosuddivisisuuncapitalepi
ristretto.Nelcasopoichenonvisiaalcunutile,vieneraccoltonuovocapitaleilquale,insiemea
quellogipossedutoesvalutato,riescedinuovoaprodurreunutilesufficiente.Vanotato,a
questo proposito aggiunge Hilferding che questo riassestamento e questa riorganizzazione
hanno per le banche una duplice importanza: in primo luogo perch rappresentano affari
vantaggiosie,insecondoluogo,perchoffronolorol'occasionediassoggettarequellesocietche
sisianorivoltealoroperaiuti".
[]Unadellepiredditizieoperazionidelcapitalefinanziario costituitadallaspeculazione
fondiaria sui terreni posti nelle vicinanze di citt in rapido sviluppo. In questo campo il
monopoliobancariosifondecolmonopoliodellarenditafondiariaecolmonopoliodeimezzidi
comunicazione, giacch l'aumento dei prezzi dei terreni, la possibilit di venderli
vantaggiosamente a parcelle, ecc., dipende anzitutto dalla comodit delle comunicazioni col
centrodellacitt,eimezzidicomunicazionesitrovanonellemanidigrandisociet,chealoro
voltasonolegateallebanchemedianteilsistemadellapartecipazioneedelladistribuzionedei
posti di direttore. Ne risulta ci che stato indicato col nome di "pantano" da L. Eschwege,
collaboratore della rivista Die Bank, che ha studiato in modo speciale le operazioni di
compravenditadeifondi,illoropignoramento,ecc.:freneticaspeculazionesuiterrenisuburbani,
fallimentodelleimpreseedilizie[].
Alprincipiodel1914siparlavaaBerlinodiformareun"trustdeitrasporti",valeadiredistabilire
una"comunitdiinteressi"traletreimpreseberlinesiditrasporti,dellaferroviaelettrica,dei
tramedegliomnibus."CheesistessetaleintenzionescrivevaDieBanksisapevafindalgiornoin
cuifunotochelamaggioranzadelleazionidellaSocietdegliomnibuserapassatanellemani
dellealtreduesocietdeitrasporti.Sipusenz'altroconcedereaipromotoridiquestopianoche
essimediantelaregolarzzazioneunitariadeimetodiditrasportosiproponganodiconseguire
economie,unapartedellequali,infindeiconti,potrebbeandareabeneficiodelpubblico.Mala
questionecomplicatadalfattochedietroaltrustdeitrasportiinviadiformazioneesistonodelle
banche, le quali, volendo, possono porre i mezzi di comunicazione da loro monopolizzati a
servizio dei propri interessi di speculazione fondiaria. Per convincersi della veridicit di tale
supposizione,bastaricordarsicome,gialmomentodellafondazionedellaSocietperlaferrovia
elettrica urbana, vi fosseroimplicatigliinteressi dellagrandebanca cheneaveva favoritola
fondazione.Eprecisamentegliinteressidiquell'impresaditrasportos'intreccianocongliinteressi
dellaspeculazionefondiaria.Ilfattochedallalineaorientaledellaferroviaelettricafuronofatti
percorrereterreniiquali,dopochefuassicuratalacostruzionedellaferrovia,furonovenduti
dallabancacongrandebeneficioperseperalcunialtricompartecipidell'affare...".
Ilmonopolio,nonappenacreato,disponedimiliardi,penetranecessariamentetuttiicampidella
vita pubblica, indipendentemente dalla costituzione politica del paese e da altri consimili
"particolari".[]Similicasicostringonoilnostroautoreborgheseadammettereche"gifind'ora
laliberteconomicagarantitadallaCostituzionegermanica,inmolticampidellavitaeconomica

39

del paese non che una frase priva di contenuto" e che, dato l'esistente imperare della
plutocrazia,"neppurelapiampialibertpoliticapusalvarcidaldiventareunpopolodiuomini
nonliberi...".[]
In generale il capitalismo ha la propriet di staccare il possesso del capitale dall'impiego del
medesimonellaproduzione,distaccareilcapitaleliquidodalcapitaleindustrialeeproduttivo,di
separareilrentier,chevivesoltantodelprofittotrattodalcapitaleliquido,dall'imprenditoreeda
tutti coloro che partecipano direttamente all'impiego del capitale. L'imperialismo, vale a dire
l'egemonia del capitale finanziario, quello stadio supremo del capitalismo, in cui tale
separazione raggiunge dimensioni enormi. La prevalenza del capitale finanziario su tutte le
rimanentiformedelcapitaleimportaunaposizionepredominantedel rentier edell'oligarchia
finanziaria,elaselezionedipochiStatifinanziariamentepi"forti"deglialtri.[]
Dobbiamo ora esaminare con attenzione particolare la parte che nella creazione della rete
internazionale della dipendenza e dei nessi del capitale finanziario rappresentata
dall'esportazionedelcapitale.

IV.L'esportazionedelcapitale
Per il vecchio capitalismo, sotto il pieno dominio della libera concorrenza, era caratteristica
l'esportazionedimerci;perilpirecentecapitalismo,sottoildominiodeimonopolidiventata
caratteristical'esportazionedicapitale.
Ilcapitalismolaproduzionemercantilealsuomassimogradodisviluppo,quandoanchela
forzalavoro diventata una merce. Segno caratteristico del capitalismo l'aumento dello
scambiodellemercicosall'internodelpaesecome,specialmente,sulmercatointernazionale.Nel
capitalismosonoinevitabililadisuguaglianzaeladiscontinuitnellosviluppodisingoleimprese,
disingoliramiindustriali,disingolipaesi.Primadituttidivennepaesecapitalisticol'Inghilterra;
equesta,intornoallametdelsecoloXIX,allorchintrodusseilliberocommercio,pretendevadi
esercitarelafunzionedi"opificiodituttoilmondo",dirifornirediprodottimanufattia,tuttii
paesi,cheincambiodovevanofornirlematerieprime.Ma questo monopoliodell'Inghilterraera
gi profondamente vulnerato nell'ultimo quarto del secolo XIX, poich una serie di paesi,
garantitisicondazi"protettivi",sisvilupparonocomepaesicapitalisticiindipendenti.Sullimitare
del secolo XX troviamo la formazione di nuovi tipi di monopolio; in primo luogo i sindacati
monopolisticideicapitalistiintuttiipaesiacapitalismoprogredito,insecondoluogolaposizione
monopolistica dei pochi paesi pi ricchi, nei quali l'accumulazione del capitale ha raggiunto

40

dimensionigigantesche.Sideterminneipaesipiprogreditiun'enorme"eccedenzadicapitale".
Senzadubbioseilcapitalismofosseingradodisvilupparel'agricoltura,cheattualmenterimasta
dappertuttoassaiindietrorispettoall'industria,epotesseelevareiltenoredivitadellemasse
popolariche,nonostanteivertiginosiprogressitecnici,vivacchianodappertuttonellamiseriae
quasi nella fame, non si potrebbe parlare di un'eccedenza di capitale. E questo appunto
l'"argomento" sollevato di solito dai critici piccoloborghesi del capitalismo. Ma in tal caso il
capitalismo non sarebbe pi tale, perch tanto la disuguaglianza di sviluppo che lo stato di
semiaffamamento delle masse sono essenziali e inevitabili condizioni e premesse di questo
sistema della produzione. Finch il capitalismo resta tale, l'eccedenza dei capitali non sar
impiegataaelevareiltenoredivitadellemassedelrispettivopaese,perchciimporterebbe
diminuzione dei profitti dei capitalisti, ma ad elevare tali profitti mediante l'esportazione
all'estero,neipaesimenoprogrediti.Inquestiultimiilprofittoordinariamenteassaialto,poich
colvisonopochicapitali,ilterrenovirelativamenteabuonmercato,isalaribassielematerie
primeapocoprezzo.Lapossibilitdell'esportazionedicapitaliassicuratadalfattocheunaserie
dipaesiarretrati giattrattanell'orbitadelcapitalismomondiale,cheinessisonogistate
aperteleprincipalilineeferroviarie,o nealmenoiniziatalacostruzione,sonoassicuratele
condizionielementariperlosviluppodell'industria,ecc.Lanecessitdell'esportazionedelcapitale
creatadalfattocheinalcunipaesiilcapitalismodiventato"pichematuro"ealcapitale(data
l'arretratezzadell'agricolturaelapovertdellemasse)nonrimanepicampoperuninvestimento
"redditizio".[...]
L'esportazione di capitali influisce sullo sviluppo del capitalismo nei paesi nei quali affluisce,
accelerandotalesviluppo.Pertantosetaleesportazione,sinoauncertopunto,pudeterminare
unastasinellosvilupponeipaesiesportatori,tuttavianonpunondareorigineaunapielevata
eintensaevoluzionedelcapitalismointuttoilmondo.[...]
Ilcapitalefinanziariohacreatol'epocadeimonopoli.Maquestirecanoovunqueconsprincpi
monopolistici:inluogodellaconcorrenzasulmercatoaperto,apparel'utilizzazionedelle"buone
relazioni"allo scopodi concludereaffari redditizi. Lacosa pi frequentenella concessionedi
crediti quella di mettere come condizione che una parte del denaro prestato debba venire
impiegatonell'acquistodiprodottidelpaesecheconcedeilprestito,specialmentedimaterialeda
guerra,navi,ecc.LaFrancianegliultimiduedecenni(18901910)haspessoricorsoatalemezzo.
L'esportazionedicapitaleall'esterodiventaunmezzodifavorireanchel'esportazionedellemerci.
[...]
Intalguisailcapitalefinanziariostendeletteralmente,sipudire,isuoitentacoliintuttiipaesi
del mondo.Ataleriguardorappresentanounaparteimportantissimale banchefondatenelle
colonieelelorofiliali.[]Ipaesiesportatoridicapitalisisonospartitiilmondosullacarta,ma
ilcapitalefinanziariohacondottoancheaunadivisionedelmondoveraepropria.

V.Laspartizionedelmondotraicomplessicapitalistici
Leassociazionimonopolistichedeicapitalisticartelli,sindacati,trustanzituttospartisconotradi
loroilmercatointernoesiimpadronisconodellaproduzionedelpaese.Mainregimecapitalistail
mercatointernoinevitabilmenteconnessocolmercatoesterno.Dalungotempoilcapitalismo
ha creato un mercato mondiale. E a misura che cresceva la esportazione dei capitali, si
allargavano le relazioni estere e coloniali e le "sfere d'influenza" delle grandi associazioni
monopolistiche,"naturalmente"siprocedevasemprepiversoaccordiinternazionalitradiessee
versolacreazionedicartellimondiali.Questounnuovogradinodellaconcentrazionemondiale
delcapitaleedellaproduzione,ungradinomoltopielevatodelprecedente.[...]
Alcuniscrittoriborghesi(acuisi unitoK.Kautskychehacompletamentetraditalapropria
posizionemarxistadel1909,peresempio)sostengonocheicartelliinternazionali,poichsonola
manifestazionepi evidente dell'internazionalizzazione del capitale, possonodaresperanza di
pacetraipopoliinregimecapitalista.Quest'opinioneteoricamenteunassurdo,epraticamente
unsofisma,unadisonestadifesadelpeggioreopportunismo.Icartelliinternazionalimostrano
sinoaqualpuntosisianosviluppatiimonopolicapitalistici,equalesiailmotivodellalottatrai
complessi capitalistici. Quest'ultima circostanza particolarmente importante, giacch essa

41

soltantociilluminasulverosensostoricoeconomicodegliavvenimenti.Infattipumutare,edi
fattomutacontinuamente,la forma dellalotta,asecondadelledifferenticondizioniparzialie
temporanee;mafinchesistonoclassinonmutamaiassolutamentelasostanzadellalotta,ilsuo
contenutodiclasse.Certamenteinteressa,peresempio,allaborghesiatedesca(acuisiunitoin
sostanza Kautsky coi suoi ragionamenti teorici [e di questo diremo dopo]) di nascondere il
contenutodell'odiernalottaeconomica(ciolaspartizionedelmondo)edimettereinevidenza
orauna,oral'altraformadellalotta.LostessoerrorecommetteKautsky.Nsitrattasolodella
borghesiatedesca,madiquelladituttoilmondo.Icapitalistisispartisconoilmondononperla
lorospecialemalvagit,bensperchilgradoraggiuntodallaconcentrazionelicostringeabattere
questavia,se vogliono otteneredeiprofitti.Elaspartizionesicompie"proporzionalmenteal
capitale","inproporzioneallaforza",poichinregimediproduzionemercantileedicapitalismo
nonpossibilealcunaltrosistemadispartizione.Malaforzamutaperilmutaredellosviluppo
economicoepolitico.Percapiregliavvenimenti,occorresaperequaliquestionisianorisolteda
unmutamentodipotenza;chepoitalemutamentosiadinatura"puramente"economica,oppure
extraeconomica(peresempiomilitare),ci,ins,questionesecondaria,chenonpumutar
nulla nella fondamentale concezione del pi recente periodo del capitalismo. Sostituire la
questionedelcontenutodellalottaedellestipulazionitraleleghecapitalisticheconquelladella
formaditalelottaeditalistipulazioni(cheoggipuesserepacifica,domanibellica,dopodomani
nuovamentepacifica),significacadereallivellodelsofista.
L'et del pi recente capitalismo ci dimostra come tra le leghe capitalistiche si formino
determinatirapportisulterrenodellaspartizioneeconomicadelmondo,e,diparipassocontale
fenomeno e in connessione con esso, si formino anche tra le leghe politiche, cio gli Stati,
determinatirapportisulterrenodellaspartizioneterritorialedelmondo,dellalottaperlecolonie,
della"lottaperilterritorioeconomico".

VI.Laspartizionedelmondotralegrandipotenze
[]Perl'Inghilterrailperiododellepigrandiconquistecolonialicadetrail1860eil1880,ed
essesonoancoracospicuenegliultimivent'annidelsecoloXIX.PerlaFranciaelaGermaniasono
importantispecialmentequestiultimiventianni.Abbiamogivedutocheilperiododimassimo
sviluppodelcapitalismopremonopolistico,colpredominiodellaliberaconcorrenza,cadetrail
sestoeilsettimodecennio.Oravediamochespecialmentedopotaleperiodos'iniziaunimmenso

42

"sviluppo"delleconquistecolonialiesiacuisceall'estremolalottaperlaripartizioneterritoriale
del mondo. quindi fuori discussione il fatto che al trapasso del capitalismo alla fase di
capitalismomonopolisticofinanziario collegato uninasprimentodellalottaperlaripartizione
delmondo.
[]CecilRhodes,standoaquantoraccontaunsuointimoamico,ilgiornalistaStead,avrebbe
detto nel 1895, a proposito delle sue idee imperialistiche: "Sono andato ieri nell'East End
[quartiereoperaiodiLondra]auncomiziodidisoccupati.Vihouditodiscorsiforsennati.Eraun
solo grido: pane! pane! Ci pensavo ritornando a casa, e pi che mai mi convincevo
dell'importanzadell'imperialismo...Lamiagrandeideaquelladirisolverelaquestionesociale,
ciodisalvareiquarantamilionidiabitantidelRegnoUnitodunamicidialeguerracivile.Noi,
politici colonialisti, dobbiamo perci conquistare nuove terre, dove dare sfogo all'eccesso di
popolazioneecrearenuovisbocchiallemercicheglioperaiinglesiproducononellefabbrichee
nelleminiere.L'imperoiol'hosempredetto unaquestionedistomaco.Senonsivuolela
guerracivile,occorrediventareimperialisti".
Cosparlavanel1895CecilRhodes,milionario,redellafinanzaeresponsabileprincipaledella
guerradell'Inghilterracontroiboeri.[]Nel1876treStatinonavevanoalcunacolonia,eun
altro, la Francia, quasi nessuna. Nel 1914 questi quattro paesi possedevano colonie per 14,1
milionidiKm.quadrati,ciocircaunavoltaemezzol'Europa,conunapopolazionedicirca100
milioni di uomini. Pertanto l'ineguaglianza dell'estensione dei possedimenti coloniali molto
grande.[]Accantoaipossedimenticolonialidellegrandipotenzenoiabbiamomessolepiccole
coloniedegliStatiminori,lequaliformanol'oggettopiimmediato,percosdire,diunapossibile
eprobabilenuova"spartizione"dellecolonie.
PerlamaggiorpartequestiStatiminoriconservanolelorocoloniesoltantograzieall'esistenzafra
igrandiStatidiantagonismid'interessiediattriti,cheimpedisconounaccordoperladivisione
delbottino.PercicheriguardagliStati"semicoloniali",essisonounesempiodiquelleformedi
transizionenelle quali ci imbattiamoin tutti i campi, cos della natura come della societ. Il
capitalefinanziariounapotenzacosragguardevole,anzisipudirecosdecisiva,intuttele
relazioni economiche ed internazionali, da essere in grado di assoggettarsi anche paesi in
possessodellapienaindipendenzapolitica,comedifattoliassoggetta;nevedremobenpresto
degliesempi.Manaturalmenteessotrovalamaggior"comodit"eimaggioriprofittiallorchtale
assoggettamento accompagnatodallaperditadell'indipendenzapoliticadaparte deipaesie
popoli asserviti. Sotto tale rapporto i paesi semicoloniali costituiscono un caratteristico "quid
medium". chiaro che la lotta per questi paesi semicoloniali diventa particolarmente acuta
nell'epocadelcapitalefinanziario,allorchilrestodelmondogispartito.
Politicacolonialeeimperialismoesistevanoancheprimadelpirecentestadiodelcapitalismo,
anziprimadelcapitalismostesso.Roma,fondatasullaschiavit,condusseunapoliticacoloniale
ed attu l'imperialismo. Ma le considerazioni "generali" sull'imperialismo, che dimentichinole
fondamentali differenze tra le formazioni economicosociali o le releghino nel retroscena,
degeneranoinvuotebanalitoinrodomontatesultipodelconfrontotra"lagrandeRomaela
grandeBritannia".Perfinolapoliticacolonialedei precedenti stadidelcapitalismosidifferenzia
essenzialmentedallapoliticacolonialedelcapitalefinanziario.
Lacaratteristicafondamentaledelmodernissimocapitalismocostituitadaldominiodelleleghe
monopolistichedeigrandiimprenditori.Talimonopolisonospecialmentesolidiallorchtuttele
sorgenti di materie prime passano nelle stesse mani. Abbiamo visto lo zelo con cui le leghe
internazionali dei capitalisti si sforzano, a pi non posso, di strappare agli avversari ogni
possibilitdiconcorrenza,diaccaparrareleminierediferroelesorgentidipetrolio,ecc.Soltanto
ilpossessocolonialeassicuraalmonopolio,inmodoassoluto,ilsuccessocontroognieventualit
nellalottaconl'avversario,perfinocontrolapossibilitchel'avversariositrinceridietroqualche
legge di monopolio statale. Quanto pi il capitalismo sviluppato, quanto pi la scarsit di
materieprimesensibile,quantopiacutaintuttoilmondolaconcorrenzaelacacciaalle
sorgentidimaterieprime,tantopidisperatalalottaperlaconquistadellecolonie.[]
Senzadubbioiriformistiborghesi,efradiessiinprimoluogoikautskianidioggi,tentanodi
svalutare l'importanza di questi fatti rilevandoche"si potrebbero"avere le materie primesul

43

liberomercatosenzala"costosaepericolosa"politicacoloniale,eche"sipotrebbe"aumentare
immensamente l'offerta di materie prime con il "semplice" miglioramento dell'agricoltura in
generale. Ma simili rilievi, ben presto, non diventano altro che panegirici e imbellettamenti
dell'imperialismo,giacchessisonopossibiliinquantonontengonocontodellapiimportante
caratteristicadelcapitalismomoderno:imonopoli.Illiberomercatoappartienesemprepial
passato, ed sempre pi ridotto dai sindacati e trust monopolistici, mentre il "semplice"
miglioramentodell'agricolturarichiedechesianomiglioratelecondizionedellemasse,elevatii
salarieridottiiprofitti.Doveesistono,fuorichenellafantasiadeisoaviriformisti,trustcapacidi
curarsidellasituazionedellemasse,anzichdiconquistarecolonie?
Perilcapitalefinanziariosonoimportantinonsololesorgentidimaterieprimegiscoperte,ma
anchequelleeventualmenteancoradascoprire,giacchainostrigiornilatecnicafaprogressi
vertiginosi,eterrenioggiinutilizzabilipossonodomaniessermessiinvalore,appenasianostati
trovatinuovimetodi(eatalfinelagrandebancapuallestirespecialispedizionidiingegneri,
agronomi,ecc.)enonappenasianostatiimpiegatipiforticapitali.Lostessosipudiredelle
esplorazioniincercadinuovericchezzeminerarie,dellascopertadinuovimetodidilavorazione
ediutilizzazionediquestaoquellamateriaprima,ecc.Dacinasceinevitabilmentelatendenza
delcapitalefinanziarioadallargareilproprioterritorioeconomico,eancheilproprioterritorioin
generale.Nellostessomodocheitrustcapitalizzanolaloroproprietvalutandoladueotrevolte
aldisopradelvero,giacchfannoassegnamentosuiprofitti"possibili"(manonreali)delfuturoe
sugliulterioririsultatidelmonopolio,cosilcapitalefinanziario,ingenerale,sisforzadiarraffare
quantopiterritoriopossibile,comunqueedovunque,incercasoltantodipossibilisorgentidi
materieprime,conlapauradirimanereindietronellalottafuriosaperl'ultimolembodellasfera
terrestrenonancoradiviso,perunanuovaspartizionedeiterritorigidivisi.

[]Anchegliinteressid'esportazionedelcapitalespingonoallaconquistadicolonie,giacchsui
mercaticolonialipifacilmente(etalvoltaunicamente)sipossonoeliminareiconcorrenti,col
sistema del monopolio, assicurare a s le forniture, fissare in modo definitivo le necessarie
"relazioni".[]Taleepocacaratterizzatanonsoltantodaiduegruppifondamentalidipaesi,
ciopaesipossessoridicolonieecolonie,maanchedallepisvariateformedipaesiasservitiche
formalmentesonoindipendentidalpuntodivistapolitico,macheinrealtsonoavviluppatida
unaretedidipendenzafinanziariaediplomatica.Abbiamogiaccennatoaunadiquesteforme,
quelladellesemicolonie.[]

44

Una forma un po' diversa di dipendenza finanziaria e diplomatica, pur con la indipendenza
politica,cioffertadalPortogallo.QuestounoStatoindipendenteesovrano,madifattoda
oltreduecentoanni,ciodaltempodellaguerradisuccessionespagnola(17001714),sitrova
sotto il protettorato dell'Inghilterra. L'Inghilterra assunse le difese del Portogallo e delle sue
colonie per rafforzare la propria posizione nella lotta contro le sue rivali, Spagna e Francia,
ottenendoincompensoprivilegicommerciali,miglioricondizioniperl'esportazionedellemercie
specialmentedelcapitalenelPortogalloenellesuecoloniee,infine,lapossibilitdiusarnele
isole,iporti,icavitelegrafici,ecc.SimilirapportitraisingoligrandiepiccoliStatiesistettero
sempre, ma nell'epocadell'imperialismocapitalisticoessi diventanosistemagenerale, sonoun
elementoessenzialedellapoliticadella"ripartizionedelmondo",esitrasformanoinanellidella
catenadioperazionidelcapitalefinanziariomondiale.[]

VII.L'imperialismo,particolarestadiodelcapitalismo
Dobbiamoormaitentaredisintetizzarequantosinquiabbiamodettointornoall'imperialismoedi
concludere. L'imperialismo sorse dall'evoluzione e in diretta continuazione delle qualit
fondamentalidelcapitalismoingenerale.Mailcapitalismodivenneimperialismocapitalistico
soltanto a un determinato e assai alto grado del suo sviluppo, allorch alcune qualit
fondamentalidelcapitalismocominciaronoamutarsinelloroopposto,quandopienamentesi
affermaronoesirivelaronoisintomideltrapassoaunpielevatoordinamentoeconomicoe
sociale. In questo processo vi di fondamentale, nei rapporti economici, la sostituzione dei
monopolicapitalisticiallaliberaconcorrenza.Laliberaconcorrenza l'elementoessenzialedel
capitalismoedellaproduzionemercantileingenerale;ilmonopolioildirettocontrappostodella
liberaconcorrenza.Mafuproprioquest'ultimachecominci,sottoinostriocchi,atrasformarsiin
monopolio, creando la grande produzione, eliminando la piccola industria, sostituendo alle
grandi fabbriche altre ancor pi grandi, e spingendo tanto oltre la concentrazione della
produzioneedelcapitale,chedaessasorgevaesorgeilmonopolio,cioicartelli,isindacati,i
trust,fusiconilcapitalediunpiccologruppo,diunadecinadibanchechemanovranomiliardi.
Nello stesso tempo i monopoli, sorgendo dalla libera concorrenza, non la eliminano, ma
coesistono,originandocosunaseriediaspreeimprovvisecontraddizioni,diattritieconflitti.Il
sistemadeimonopoliilpassaggiodelcapitalismoaunordinamentosuperiorenellaeconomia.
Se si volesse dare la definizione pi concisa possibile dell'imperialismo, si dovrebbe dire che
l'imperialismolostadiomonopolisticodelcapitalismo.Taledefinizioneconterrebbel'essenziale,
giacch da un lato il capitale finanziario il capitale bancario delle poche grandi banche
monopolistiche fuso col capitale delle unioni monopolistiche industriali, e d'altro lato la
ripartizionedelmondosignificapassaggiodallapoliticacoloniale,estendentesisenzaostacoliai
territorinonancordominatidanessunapotenzacapitalistica,allapoliticacolonialedelpossesso
monopolisticodellasuperficieterrestredefinitivamenteripartita.Matutteledefinizionitroppo
concisesonobenscomode,comequellechecompendianol'essenzialedelfenomenoinquestione,
masidimostranotuttaviainsufficienti,quandodaessedebbonodedursiitrattipiessenzialidel
fenomenodadefinire.Quindinoisenzatuttaviadimenticareilvaloreconvenzionaleerelativodi
tutteledefinizioni, chenonpossonomaiabbracciareimolteplicirapporti,inognisenso,del
fenomenoinpienosviluppodobbiamodareunadefinizionedell'imperialismo,checontengai
suoicinqueprincipalicontrassegni,ecio:
1)laconcentrazionedellaproduzioneedelcapitale,cheharaggiuntoungradotalmentealtodi
sviluppodacreareimonopoliconfunzionedecisivanellavitaeconomica;
2) la fusione del capitale bancario col capitale industriale e il formarsi, sulla base di questo
"capitalefinanziario",diun'oligarchiafinanziaria;
3)lagrandeimportanzaacquistatadall'esportazionedicapitaleinconfrontoconl'esportazionedi
merci;
4) il sorgere di associazioni monopolistiche internazionali di capitalisti, che si ripartiscono il
mondo;

45

5)lacompiutaripartizionedellaterratralepigrandipotenzecapitalistiche.
L'imperialismodunqueilcapitalismogiuntoaquellafasedi'sviluppo,incuisi formatoil
dominiodeimonopoliedelcapitalefinanziario,l'esportazionedicapitalehaacquistatogrande
importanza,cominciatalaripartizionedelmondotraitrustinternazionali,edgicompiutala
ripartizionedell'interasuperficieterrestretraipigrandipaesicapitalistici.
Vedremoinseguitocomedell'imperialismopossaedebbadarsiunadiversadefinizione,quando
nonsiconsiderinosoltantoiconcettifondamentalipuramenteeconomici(aiqualisilimitala
riferita definizione), ma si tenga conto anche della posizione storica che questo stadio del
capitalismo occupa rispetto al capitalismo in generale, oppure del rapporto che corre tra
l'imperialismoeleduetendenzefondamentalidelmovimentooperaio.Occorresubitorilevare
come l'imperialismo, concepito in tal senso, rappresenti un particolare stadio di sviluppo del
capitalismo.Perdareallettoreunarappresentazionepisaldamentefondatadell'imperialismo,
abbiamoappositamentecercatodicitarequantopigiudizisipotevanodieconomisti borghesi,
chesivedonocostrettiariconoscereifattiineccepibilidellanuovissimaeconomiacapitalistica.
Allostessofineabbiamoprodottodatistatisticicircostanziati,chemostranofinoaqualpuntosi
siaaccresciutoilcapitalebancario,ecc.einchecosasisiamanifestatoiltrapassodallaquantit
alla qualit, dal capitalismo altamente sviluppato all'imperialismo. Senza dubbio, tanto nella
naturaquantonellasocietognilimiteconvenzionaleemobile,cosicchnonavrebbesenso
discutere, per esempio, sulla questione dell'anno e del decennio in cui l'imperialismo si sia
"definitivamente"costituito.
Nondimeno bisogna discutere sulla definizione dell'imperialismo, innanzi tutto col maggiore
teoricomarxistadelperiododellacosiddettaIIInternazionale,ciodei25annidal1889al1914,
conKarlKautsky.Ginel1915,eperfinodalnovembre1914,Kautskysischierrisolutamente
controilconcettofondamentaleespressonellanostradefinizione,allorchdichiarnondoversi
intendereperimperialismouna"fase"ostadiodell'economia,bensunapolitica,bendefinita,una
certapolitica"preferita"dalcapitalefinanziario,enondoversi"identificare"l'imperialismocol
"moderno capitalismo", sostenendo che la questione della necessit dell'imperialismo per il
capitalismosiriduceaduna"piattatautologia",allorchs'intendanosottoilnomediimperialismo
"tuttiifenomenidelcapitalismomoderno",icartelli,idaziprotettivi,ildominiodeifinanzierie
lapoliticacoloniale,giacchintalcaso"naturalmentel'imperialismo,perilcapitalismo,una
necessitvitale",ecc.PeresprimereconlamassimaesattezzailpensierodiKautsky meglio
riportarneladefinizione,laqualedirettapropriocontrolasostanzadelleideedanoisvolte
(giacchleobiezionisollevatedaimarxistitedeschi,chedaannipropugnavanoideesimili,sono
notedalungotempoaKautskycomeobiezionidiunadeterminatacorrentedelmarxismo).
Eccoladefinizionekautskiana:
"L'imperialismoilprodottodelcapitalismoindustriale,altamentesviluppato.Essoconsistenella
tendenzadiciascunanazionecapitalisticaindustrialeadassoggettarsieadannettersiunsempre
pi vasto territorio agrario [corsivo di Kautsky] senza preoccupazioni delle nazioni che lo
abitano".
Questadefinizionenonvaleun'acca,poichunilaterale,arbitrariamentediscernesoltantola
questionenazionale(laqualedelrestodellamassimaimportanzasiains,cheinrelazione
all'imperialismo),arbitrariamenteed erroneamente connettetalequestione soltantocol capitale
industrialedeipaesicheannettonoaltrenazioni,ealtrettantoarbitrariamenteederroneamente
metteinrilievol'annessionediterritoriagrari.
L'imperialismolatendenzaalleannessioni:aquestosiriducelapartepoliticadelladefinizione
kautskiana. esatta, ma molto incompleta, poich, politicamente, imperialismo significa, in
generale,tendenzaallaviolenzaeallareazione.Maquinoicipreoccupiamospecialmentedel
lato economico dellaquestione,inclusodaKautsky stesso nella sua definizione.Glierroridella
definizione kautskiana saltano agli occhi. Per l'imperialismo non caratteristico il capitale
industriale,maquellofinanziario.NonpercasoinFrancia,inparticolareilrapidoincrementodel
capitalefinanziario,mentreilcapitaleindustrialedecadevadal1880inpoi,ha,determinatoun
grande intensificarsi della politica annessionista (coloniale). caratteristica dell'imperialismo

46

appuntolasuasmanianonsoltantodiconquistareterritoriagrari,madimettermanoanchesu
paesi fortemente industriali (bramosie della Germania sul Belgio, della Francia sulla Lorena),
giacchinprimoluogoilfattochelaterragispartitacostringe,quandoincorsounanuova
spartizione, ad allungare le mani su paesi di qualsiasi genere, e, in secondo luogo, per
l'imperialismocaratteristicalagaradialcunegrandipotenzeinlottaperl'egemonia,cioperla
conquista di terre, diretta non tanto alproprio beneficio quanto a indebolirel'avversario e a
minarelasuaegemonia[].
LadefinizionediKautskynonsoltanto erroneaenonmarxista,maservedibaseatuttoun
sistema di concezioni che sono in aperto contrasto con la teoria e la prassi marxista. Di ci
riparleremoinseguito.,privadiqualunqueserietladisputasollevatadaKautskylaqualeha
peroggettosoltantodelleparole:seilrecentissimostadiodelcapitalismodebbadenominarsi
"imperialismo"oppure"fasedelcapitalismofinanziario".Comunquelosivogliadenominare,lo
stesso. L'essenziale che Kautsky separa la politica dell'imperialismo dalla sua economia
interpretandoleannessionicomelapolitica"preferita"delcapitalefinanziario,econtrapponendo
ad essa un'altra politica borghese, senza annessioni, che sarebbe, secondo lui, possibile sulla
stessabasedelcapitalefinanziario.Siavrebbecheimonopolinellavitaeconomicasarebbero
compatibili con una politica non monopolistica, senza violenza, non annessionista; che la
ripartizione territoriale del mondo, ultimata appunto nell'epoca del capitale finanziario e
costituentelabasedellaoriginalitdelleodierneformedigaratraimaggioriStaticapitalistici,
sarebbecompatibileconunapoliticanonimperialista.Intalguisasivelanoesiattutisconoi
fondamentalicontrasticheesistonoinsenoalrecentissimostadiodelcapitalismo,inluogodi
svelarnelaprofondit.Invecedelmarxismosihadelriformismoborghese.
Kautskypolemizzacontroiragionamenti,altrettantogoffiquantocinici,delpanegiristatedesco
dell'imperialismo,Cunow,ilqualeargomentacos:l'imperialismoilmodernocapitalismo;lo
sviluppodelcapitalismoinevitabileeprogressivo;dunquel'imperialismoprogressivo,esideve
strisciareservilmentedavantiadessoedesaltarlo.Ciricordalacaricaturacheipopulistinel
18941895facevanodeimarxistirussi,dicendochepoichquestiultimiritenevanoinevitabilee
progressivoilcapitalismoinRussia,dovevanoaprirbottegaededicarsiadimpiantarvelo.Kautsky
"obietta"aCunow:no,l'imperialismononilcapitalismomoderno,masemplicementeunaforma
della politica del moderno capitalismo, e noi possiamo e dobbiamo combattere tale politica,
dobbiamocombatterecontrol'imperialismo,controleannessioni,ecc.
L'obiezionesipresentabene,etuttaviaessanoncheunapiraffinataecoperta(epercipi
pericolosa) propaganda per la conciliazione con l'imperialismo, giacch una "lotta" contro la
politicadeitrustedellebanchechenoncolpiscalebasieconomichedeitrustedellebanchesi
riduceadunpacifismoeriformismoborgheseconditodiquietiquantopiidesideri.Unsaltarea
pparigliantagonismiesistenti,undimenticareipiimportanticontrasti,invecedisvelarliin
tutta la loro profondit; ecco la teoria di Kautsky, la quale non ha niente in comune col
marxismo.Edcomprensibilecheunatal"teoria"nonpuservirecheadifenderel'accordoconi
Cunow.[]
Ilcapitalefinanziarioeitrustacuiscono,nonattenuano,ledifferenzenellarapiditdisviluppo
deidiversielementidell'economiamondiale.Manonappenairapportidiforzasonomodificati,
inqualealtromodoinregimecapitalisticosipossonorisolvereicontrastisenonconlaforza?[]
L'Inghilterra,grazieallesuecolonie,haaumentatola"sua"reteferroviariadi100milaKm.,cio
quattrovoltepidellaGermania.Etuttaviainquestostessoperiododitempolosviluppodelle
forzeproduttiveespecialmentedell'industriaminerariaesiderurgicafunotoriamenteassaipi
rapido in Germania che in Inghilterra, per tacere della Francia e della Russia. Nel 1892, la
Germania produceva 4,9 milioni di tonnellate di ghisa. L'Inghilterra 6,8; ma gi nel 1912
rispettivamente 17,6 contro 9,0: vale a dire un poderoso sopravvento della Germania! Si
domanda:qualealtromezzoesisteva,in regimecapitalista,pereliminarelasproporzionetralo
sviluppodelleforzeproduttiveel'accumulazionedicapitaledaunlato,edall'altrolaripartizione
dellecoloniee"sfere"d'influenza,all'infuoridellaguerra?

47

VIII.Parassitismoeputrefazionedelcapitalismo
[] Parliamo del parassitismo, che proprio dell'imperialismo. Comeabbiamo visto, la base
economicapiprofondadell'imperialismoilmonopolio,originatodalcapitalismoetrovantesi,
nell'ambiente generale del capitalismo, della produzione mercantile, della concorrenza, in
perpetuo e insolubile antagonismo con l'ambiente medesimo. Nondimeno questo monopolio,
come ogni altro, genera la tendenza alla stasi e alla putrefazione. Nella misura in cui
s'introducono,siapurtransitoriamente,iprezzidimonopolio,vengonoparalizzati,finoadun
certo punto, i moventi del progresso tecnico e quindi di ogni altro progresso, di ogni altro
movimento in avanti, e sorge immediatamente la possibilit economica di fermare
artificiosamenteilprogressotecnico.[]
L'imperialismol'immensaaccumulazioneinpochipaesidicapitaleliquido,che,comevedemmo,
raggiungeda100a150miliardidifranchidititoli.Dacisegue,inevitabilmente,l'aumentare
dellaclasseomegliodelcetodeirentiers,ciodipersonechevivonodel"tagliodicedole",non
partecipanoadalcunaimpresaedhannoperprofessionel'ozio.L'esportazionedicapitale,uno
degliessenzialifondamentieconomicidell'imperialismo,intensificaquestocompletodistaccodel
cetodeirentiersdallaproduzioneedun'improntadiparassitismoatuttoilpaese,chevivedello
sfruttamentodellavorodipochipaesiecolonied'oltreoceano.[]
Nelpaesepi"commerciale"delmondoiprofittidei rentiers superanodi cinquevolte quellidel
commercioestero!Incistal'essenzadell'imperialismoedelparassitismoimperialista.Pertale
motivonellaletteraturaeconomicasull'imperialismodiusocorrenteilconcettodi"Statorentier"
(Rentnerstaat)oStatousuraio.IlmondosidivideinunpiccologruppodiStatiusuraieinuna
immensamassadiStatidebitori.[]
Lo Stato rentier lo Stato del capitalismo parassitario in putrefazione. Questo fatto
necessariamenteinfluiscesututtiirapportipoliticosocialideirelativipaesi,equindianchesulle

48

duecorrentiprincipalidelmovimentooperaioingenerale.Perdimostrarecinellamanierapi
evidente,lasciamolaparolaaHobson,ilqualeilpi"sicuro"cometestimone,poichnonglisi
pu rimproverare alcuna predilezione per l'"ortodossia marxista"; inoltre egli inglese e
conoscitoredellecosedelsuopaese,cheilpiriccocosdicoloniecomedicapitalefinanziario
ediesperienzaimperialistica.Sottol'impressioneancorfrescadellaguerracontroiboeri,Hobson
descrivelaconnessionedell'imperialismocongliinteressidegliuominidifinanza,dell'aumento
deiprofitticongliappaltieleforniture,ecc.eatalepropositoscrive:
"Colorochefissanoladirezioneaquestaesplicitapoliticaparassitariasonoicapitalisti:magli
stessimoventiesercitanolaloroefficaciaanchesudeterminatecategoriedioperai.Inmoltecitt
ipiimportantiramid'industriadipendonodallecommissionigovernative,equestaunadelle
nonultimeragionidell'imperialismodeicentridelleindustriemetallurgicaenavale".
[]L'imperialismo,chesignificalaspartizionedituttoilmondoelosfruttamentononsoltanto
dellaCina,chesignificaaltiprofittimonopolisticiabeneficiodiunpiccologruppodipaesipi
ricchi,crealapossibiliteconomicadicorrompereglistratisuperioridelproletariato,e,intal
guisa,dialimentare,foggiareerafforzarel'opportunismo.D'altrapartenonsidevonodimenticare
leforze,naturalmenteneglettedalsocialliberaleHobson,lequalioperanoinsensocontrario
all'imperialismoingeneraleeall'opportunismoinparticolare.Unopportunistatedesco,Gerhard
Hildebrand, che a suo tempo venne espulso dal partito socialdemocratico per aver difeso
l'imperialismo, ma che oggi potrebbe benissimo essere tra i capi del partito cosiddetto
"socialdemocratico" di Germania, completa brillantemente Hobson col far propaganda per gli
"StatiUnitid'Europa"(senzalaRussia),precisamentealloscopodiazioni"incomune"contro...i
negridell'Africa,controil"grandemovimentoislamico",permantenere"unesercitoeunaflotta
poderosi",controuna"coalizionecinogiapponese",ecosvia.[]
Una delle particolarit dell'imperialismo, collegata all'accennata cerchia di fenomeni, la
diminuzione dell'emigrazione dai paesi imperialisti e l'aumento dell'immigrazione in essi di
individui provenienti da paesi pi arretrati, con salari inferiori. [] L'imperialismo tende a
costituiretra ilavoratori categorieprivilegiateea staccarledalla grandemassadei proletari.
OccorrerilevarecomeinInghilterralatendenzadell'imperialismoascinderelaclasselavoratrice,
arafforzareinessal'opportunismo,equindiadeterminareperqualchetempoilristagnodel
movimentooperaio,sisiamanifestataassaiprimadellafinedelXIXedegliinizidelXXsecolo.
Ivi,infatti,ledueimportanticaratteristichedell'imperialismo,cioungrandepossessocolonialee
unaposizionedimonopolionelmercatomondiale,apparverofindallametdelsecoloXIX.Marx
edEngelsseguironoperdecenni,sistematicamente,laconnessionedell'opportunismoinsenoal
movimentooperaioconlepeculiaritimperialistedelcapitalismoinglese.PeresempioEngels
scrivevaaMarxil7ottobre1858:
"...l'effettivo,progressivoimborghesimentodelproletariatoinglese,dimodochequestanazione,
chelapiborgheseditutte,sembravogliaportarelecosealpuntodaavereun'aristocrazia
borgheseeunproletariatoaccantoallaborghesia.Inunanazionechesfruttailmondointero,ci
incertoqualmodospiegabile".
Circaunquartodisecolopitardi,inunaletteradell'11agosto1881egliparladelle"peggiori
Tradeunionsinglesichesilascianoguidaredauominichesonovendutiallaborghesiaoperlo
menopagatidaessa".InunaletteraaKautskydel12settembre1882,Engelsscriveva:
"Ellamidomandachecosapensinoglioperaidellapoliticacoloniale.Ebbene:precisamentelo
stesso che della politica in generale. In realt non esiste qui alcun partito operaio, ma solo
radicali,conservatorieradicaliliberali,eglioperaisigodonotranquillamenteinsiemeconessiil
monopoliocommercialeecolonialedell'Inghilterrasulmondo".
LostessodiceEngelsanchenellaprefazioneallasecondaedizione(1892)dellaSituazionedella
classeoperaiainInghilterra.Quisonosvelatichiaramentecauseedeffetti.Cause:1)sfruttamento
delmondointeroperoperadiundeterminatopaese;2)suaposizionedimonopoliosulmercato
mondiale;3)suomonopoliocoloniale.Effetti:1)imborghesimentodiunapartedelproletariato
inglese;2)unapartedelproletariatosifaguidaredacapichesonocompratioalmeno,pagati
dallaborghesia.[]

49

Lasituazioneodiernacontraddistintadall'esistenzadicondizionieconomicheepolitichetalida
accentuare necessariamente l'inconciliabilit dell'opportunismo con gli interessi generali ed
essenziali del movimento operaio. L'imperialismo, che era virtualmente nel capitalismo, s'
sviluppatoinsistemadominanteimonopolicapitalisticihannopresoilprimopostonell'economia
e nella politica; la spartizione del mondo ultimata, e d'altro lato in luogo dell'indiviso
monopoliodell'Inghilterraosserviamolalottadiunpiccolonumerodipotenzeimperialisticheper
lapartecipazionealmonopolio,lottachecaratterizzatuttol'iniziodelXXsecolo.Innessunpaese
l'opportunismopupirestarecompletamentevittoriosonelmovimentooperaioperunalunga
seriedidecenni,comefuilcasoperl'InghilterranellasecondametdelsecoloXIX;mainvecein
unaseriedipaesil'opportunismodiventatomaturo,stramaturoefradicio,perchesso,sotto
l'aspettodisocialsciovinismo,sifusointeramenteconlapoliticaborghese.

IX.Criticadell'imperialismo
[]Poichlacorrezioneriformistaallebasidell'imperialismonon cheuninganno,un"pio
desiderio",edatocheirappresentantiborghesidellenazionioppressenonvanno"pi"avanti,il
rappresentante borghese della nazione dominante va "pi" indietro, verso il servilismo nei
confrontidell'imperialismo,mascheratoconunpreteso"spiritoscientifico".Bella"logica"!
Nellacriticadell'imperialismolequestionifondamentalisono:lapossibilitomenodimutarele
basi dell'imperialismo mediante riforme, e l'opportunit di spingere verso un ulteriore
inasprimento e approfondimento degli antagonismi generati dall'imperialismo o di tentarne,
invece,un'attenuazione.Siccomeleparticolaritdell'imperialismosono:reazionepoliticasututta

50

la linea e intensificazione dell'oppressione nazionale. conseguenze del giogo dell'oligarchia


finanziariaedell'eliminazionedellaliberaconcorrenza,cosall'iniziodelXXsecoloinquasituttii
paesiimperialisticisorseun'opposizionedemocraticapiccoloborghese.ElarotturadiKautskye
delvastomovimentokautskianointernazionaleconilmarxismoconsisteappuntonelfattoche
non solo Kautsky non ha pensato di contrapporsi a questa opposizione riformistica
piccoloborghese,reazionarianeisuoifondamentieconomici,maanzisitotalmenteconfusocon
essa.[]
Dapartedeglieconomistiborghesiunasimileingenuitnondevefarmeraviglia;infatti hanno
interesseafargliingenuie,conaria"seria",aparlardipacesottol'imperialismo.Machecosa
rimastodimarxismoinKautsky,quandoneglianni19141916difendelostessopuntodivistadei
riformisti borghesi e afferma che "tutti" (imperialisti, pseudosocialisti e socialpacifisti) "sono
d'accordo" nella questione della pace? Invece dell'analisi e della denuncia dei profondi
antagonismidell'imperialismotroviamoil"piodesiderio"riformistadinonsaperenienteditali
antagonismi,disbarazzarseneconun'alzatadispalle.[]
"Dal momento che il capitale scrive Hilferding non pu fare altra politica che quella
imperialistica,ilproletarionondevecontrapporreaquellaimperialisticaunapoliticaegualea
quelladeitempiincuiilcapitaleindustrialedominavaincontrastato:ilcompitodelproletariato
non consiste nel contrapporre alla politica capitalistica pi progredita quella, ormai superata,
dell'eradelliberoscambioedellaopposizionealloStato.Larispostadelproletariatoallapolitica
economica del capitale finanziario, la risposta all'imperialismo, non pu essere il
liberoscambismo, ma soloil socialismo. Non l'idealeormai divenutoreazionariodelripristino
della libera concorrenza, ma solo il completo superamento della concorrenza mediante il
completosuperamentodelcapitalismopuesserel'obiettivodellapoliticaproletaria".
Kautskyharottodefinitivamenteognilegamecolmarxismo,difendendoperl'epocadelcapitale
finanziario un "ideale reazionario", la "pacifica democrazia", il "semplice peso dei fattori
economici",giacch,obiettivamente,simileideaciricacciaindietro,dalcapitalismomonopolistico
alcapitalismononmonopolistico,edunafroderiformista.[]Altrettantoretrogradaanche,
comeabbiamovisto,lafamosateoriadell'"ultraimperialismo"escogitatadaKautsky.Confrontate
ilragionamentodiKautskysuquestotemanel1915conquellodiHobsonnel1902.
Kautsky: "Nonpotrebbela politicaimperialista attualeesseresostituita dauna politicanuova
ultraimperialista che al posto della lotta tra i capitali finanziari nazionali mettesse lo
sfruttamento generale nelmondoper mezzo delcapitale finanziariointernazionaleunifcaro?
Talenuovafasedelcapitalismoinognicasepensabile.Noncisonoperpremessesufficienti
perdecidereseessarealizzabile".
Hobson:"IIcristianesimo,consolidatosiinpochiegrandiimperifederali,ognunodeiqualihauna
seriedicolonienonciviliedipaesidipendenti,sembraamoltilosviluppopiconformealleleggi
delletendenzeattuali,anzi,losviluppochepudaremassimasperanzadipacepermanentesulla
solidabasedell'interimperialismo".
Kautskychiamaultraimperialismoosuperimperialismociche,tredicianniprimadilui,Hobson
chiamavainterimperialismo.Apartelaformazionediunanuovaparolaeruditapermezzodella
sostituzionediunaparticellalatinaconun'altra,ilprogressodelpensiero"scientifico"diKautsky
consistesoltantonellapretesadifarpassarepermarxismocicheHobsondescriveinsostanza
come ipocrisia dei pretucoli inglesi. Dopo la guerra contro i boeri era del tutto naturale che
questoreverendissimocetosi sforzassesoprattutto di consolare i piccoli borghesi e gli operai
inglesicheavevanoavutononpochimortinellebattagliedell'AfricadelSudecheassicuravano,
conunaumentodelleimposte,pialtiguadagniaifinanzieriinglesi.Equaleconsolazionepoteva
esseremigliorediquesta,chel'imperialismononerapoitantocattivo,cheessosiavvicinava
all'inter(oultra)imperialismocapacedigarantirelapacepermanente?Qualichepotessero
essereipiidesiderideipretucoliinglesiedelsentimentaleKautsky,ilsensoobiettivo,valeadire
reale,sociale,dellasua"teoria"unosolo:consolarenelmodopireazionariolemasse,conla
speranzadellapossibilitdiunapacepermanentenelregimedelcapitalismo,sviandol'attenzione
dagli antagonismi acuti edagli acuti problemi di attualit e dirigendo l'attenzione sulle false
prospettivediunqualsiasisedicentenuovoefuturo"ultraimperialismo".Ingannodellemasse:

51

all'infuoridiquesto,nonv'assolutamentenullanellateoria"marxista"diKautsky.[]
Pertanto, nella realt capitalista, e non nella volgare fantasia filistea dei preti inglesi o del
"marxista"tedescoKautsky,lealleanze"interimperialistiche"o"ultraimperialiste"nonsonoaltro
cheun"momentodirespiro"traunaguerrael'altra,qualsiasiformaassumanodettealleanze,sia
quelladiunacoalizioneimperialistacontroun'altracoalizioneimperialista,siaquelladiunalega
generaletratuttelepotenzeimperialiste.Lealleanzedipacepreparanoleguerreealorovolta
nasconodaqueste;leuneelealtreformesideterminanoreciprocamenteeproducono,sudiun
unico eidentico terreno, dei nessi imperialistici edei rapporti dell'economia mondiale e della
politicamondiale,l'alternarsidellaformapacificaenonpacificadellalotta.[]
La tendenza di Kautsky a stendere l'ombra sui profondi antagonismi dell'imperialismo
atteggiamentoche,inevitabilmente,sitrasformainabbellimentodell'imperialismosirispecchia
anchenellacriticach'eglifadelleparticolaritpolitichedell'imperialismo.L'imperialismol'era
delcapitalefinanziarioepoideimonopoli,chesviluppanodappertuttolatendenzaaldominio,
nongiallalibert.Datalitendenzerisultaunaintensareazione,intuttiicampi,inqualsiasi
regimepolitico,comepureunostraordinarioacuirsidituttiicontrastiancheinquestocampo.
Specialmentesiacuiscel'oppressionedellenazionalitelatendenza alleannessioni,cioalla
soppressione della indipendenza nazionale (giacch annessione significa precisamente
soppressionedell'autodecisionedellenazioni).Hilferdingrilevagiustamenteilnessoesistentetra
l'imperialismoel'inasprimentodell'oppressionenazionale.
"Anche nei paesi da poco aperti alla penetrazione degli Stati pi progrediti egli scrive il
capitalismo importato acuisce i contrasti eccitando in quei popoli, che vengono risvegliati al
sentimentonazionale,unasemprepiaccanitavolontdiresistenza,chepuanchespingerliad
adottareprovvedimentinociviagliinteressidel capitalestraniero.Lavecchiastruttura sociale
vienetotalmentesovvertita;iceppicheinchiodavanodamillennile"nazionisenzastoria"aduna
economiameramenteagricolasiinfrangonoequestenazionivengonorisucchiatenelcalderone
capitalistico.Apocoapoco,per,lostessocapitalismofiniscecolsuggerireaipopoliassoggettati
iprincpieimetodidellaloroliberazione.Quellacheuntempoerastatalapialtaaspirazione
delle nazioni europee, e cio la costituzione di Stati unitari per la conquista della libert
economica e culturale, incomincia a diffondersi anche tra quei popoli. Simili aspirazioni
indipendentisticheminaccianoilcapitaleeuropeoproprioneiterritoripiricchidirisorsenaturali
ediprospettivedisfruttamento,eilcapitalepermantenereilsuodominiosivedecostrettoa
rafforzarecontinuamenteisuoistrumentiegemonici".
Bisogna aggiungere che non solo nei paesi scoperti di recente, ma anche negli antichi
l'imperialismo porta ad annessioni e all'inasprimento dell'oppressione nazionale, e, per
conseguenza, all'intensificazione della resistenza. Kautsky, polemizzando contro l'inasprimento
della reazione politica da parte dell'imperialismo, lascia nell'ombra la questione, diventata
ardente e attuale, dell'impossibilit, nell'epoca dell'imperialismo, di rimanere uniti con gli
opportunisti. [] Cos l'analisi teorica dell'imperialismo fatta da Kautsky come la sua critica
economica e politica dell'imperialismo sono tutte impregnate di uno spirito inconciliabile col
marxismo,spiritorivoltoacelareeadattutireipifondamentalicontrasti,tendenzaamantener
salvaadognicostoladissolventesiunitconl'opportunismonelmovimentooperaioeuropeo.
[]

52

STATOERIVOLUZIONE(1917)
LadottrinamarxistadelloStato
eicompitidelproletariatonellarivoluzione

I.LasocietclassistaeloStato
1.LoStato,prodottodell'antagonismoinconciliabiletraleclassi
[]Leclassidominantihannosemprericompensatoigrandirivoluzionari,durantelalorovita,
conincessantipersecuzioni;lalorodottrinastatasempreaccoltaconilpiselvaggiofurore,con
l'odiopiaccanitoeconlepiimpudenticampagnedimenzogneedidiffamazioni.Ma,dopo
morti,sicercaditrasformarliiniconeinoffensive,dicanonizzarli,percosdire,dicingerediuna
certaaureoladigloriailloronome,a"consolazione"emistificazionedelleclassioppresse,mentre
sisvuotadel contenuto lalorodottrinarivoluzionaria,senesmussalapunta,lasiavvilisce.La
borghesiaegliopportunistiinsenoalmovimentooperaiosiaccordanooggipersottoporreil
marxismoauntale"trattamento".Sidimentica,sirespinge,sisnaturaillatorivoluzionariodella
dottrina, la sua anima rivoluzionaria. Si mette in primo piano e si esalta ci che o pare
accettabileallaborghesia.Tuttiisocialsciovinistinonridete!sonooggi"marxisti".[]Cos
stando le cose, e dato che le deformazioni del marxismo si sono diffuse in modo inaudito,
compitonostro,innanzitutto,ristabilirelaveradottrinadiMarxsulloStato.Cominciamocon
l'operapidiffusadiF.Engels,L'originedellafamiglia,dellaproprietprivataedelloStato[...]:
"LoStatodunquediceEngels,arrivandoalleconclusionidellasuaanalisistoricanonaffattouna
potenzaimpostaallasocietdall'esternoenemmeno"larealtdell'ideaetica","l'immagineelarealt
della ragione", come afferma Hegel. Esso piuttosto un prodotto della societ giunta a un
determinatostadiodisviluppo,laconfessionechequestasocietsiavvoltainunacontraddizione
insolubileconsestessa,chesiscissainantagonismiinconciliabilicheimpotenteaeliminare.Ma
perchquestiantagonismi,questeclassiconinteressieconomiciinconflitto,nondistrugganosestessi
elasocietinunasterilelotta,sorgelanecessitdiunapotenzachesiainapparenzaaldisopra
dellasociet,cheattenuiilconflitto,lomantenganeilimitidell'"ordine";equestapotenzacheemana
dallasociet,machesiponealdisopradiessaechesiestraneasemprepidaessa,loStato"

53

Quiespressa,inmodoperfettamentechiaro,l'ideafondamentaledelmarxismosullafunzione
storicaesulsignificatodelloStato.LoStatoilprodottoelamanifestazionedegliantagonismi
inconciliabili traleclassi.LoStatoapparel,nelmomentoeinquanto,dove,quandoenella
misura in cui gli antagonismi di classe non possono essere oggettivamente conciliati. E, per
converso, l'esistenza dello Stato prova che gli antagonismi di classe sono inconciliabili.
precisamente su questo punto di capitale e fondamentale importanza che comincia la
deformazionedeImarxismo,deformazionechesegueduelineeprincipali.
Daunlatogliideologiborghesi,esoprattuttopiccoloborghesi,costrettiariconoscere,sottola
pressionedifattistoriciincontestabili,cheloStatoesistesoltantodoveesistonoantagonismidi
classeelalottadiclasse,"correggono"MarxinmodotalecheloStatoapparecomel'organodella
conciliazione delleclassi.PerMarx,selaconciliazionedelleclassifossepossibile,loStatonon
avrebbe potuto n sorgere n continuare ad esistere. Secondo i professori e pubblicisti
piccoloborghesiefilisteichemoltospessosiriferisconoconcompiacimentoaMarxproprio
loStatoaconciliareleclassi.PerMarxloStatol'organodel dominio diclasse,unorganodi
oppressione di una classe da parte di un'altra; la creazione di un "ordine" che legalizza e
consolida questa oppressione, moderando il conflitto fra le classi. Per gli uomini politici
piccoloborghesil'ordineprecisamentelaconciliazionedelleclassienonl'oppressionediuna
classedapartediun'altra;attenuareilconflittovuoldireperessiconciliareenongiprivarele
classioppressedideterminatistrumentiemezzidilottaperrovesciareglioppressori.[]
Innumerevoli risoluzioni e articoli di uomini politici [] sono profondamente impregnati di
questateoriapiccoloborgheseefilisteadella"conciliazione".CheloStatosial'organodidominio
diunaclassedeterminata,chenonpuessereconciliatacolsuoantipode(laclassechealpolo
opposto),lademocraziapiccoloborghesenonsarmaiingradodicapirlo.[]D'altraparte,la
deformazione"kautskiana"delmarxismomoltopisottile."Teoricamente"nonsicontestache
loStatosial'organodeldominiodiclasse,nchegliantagonismidiclassesianoinconciliabili.Ma
si trascura o attenua quanto segue: se lo Stato un prodotto dell'inconciliabilit degli
antagonismidiclasse,seessounaforzachestaaldisopradellasocieteche"siestraneasempre
pi dallasociet",evidentechelaliberazionedellaclasseoppressaimpossibilenonsoltanto
senzaunarivoluzioneviolenta,maanchesenzaladistruzionedell'apparatodelpoterestataleche
statocreatodallaclassedominanteenelqualequesta"estraneazione"simaterializzata.[]
2.Distaccamentispecialidiuominiarmati,prigioni,ecc.
[]Engelssviluppalanozionediquesta"forza",chiamataStato,forzachesortadallasociet
machesiponealdisopradiessaeseneestraneasemprepi.Incheconsisteprincipalmente
questaforza?Essaconsisteanzituttoindistaccamentispecialidiuominiarmatichedispongonodi
prigioni,ecc.[]L'esercitopermanenteelapoliziasonoiprincipalistrumentidiforzadelpotere
statale.Mapotrebbeforseesserealtrimenti?[]lasocietciviledivisainclassiostili,eperdi
piinconciliabilmenteostili,ilcuiarmamento"autonomo"determinerebbeunalottaarmatafradi
esse. LoStatosi forma;si crea una forza distinta, si creano distaccamenti speciali di uomini
armati;eognirivoluzione,distruggendol'apparatostatale,cidimostracontuttaevidenzacomela
classedominantesisforzadiricostruiredistaccamentispecialidiuominiarmatichelaservano,e
comelaclasseoppressasisforzadicreareunanuovaorganizzazionedellostessogenere,capace
diservirenonpiglisfruttatori,maglisfruttati.[]Matorniamoall'esposizionediEngels.Egli
mostrachetalvolta[...]ilpoterepubblico debole (sitrattadiun'eccezioneassairaranella
societcapitalistica[]),mache,ingenerale,essovarafforzandosi:
[Laforzapubblica]"...sirafforzanellamisuraincuigliantagonismidiclasseall'internodelloStato
siacuisconoegliStatitraloroconfinantidiventanopigrandiepopolosi.Bastaguardarelanostra
Europadioggi,incuilalottadiclasseelaconcorrenzanelleconquistehaportatoilpoterepubblico
aun'altezzadacuiminacciadiinghiottirel'interasocieteperfinoloStato".
Questerighefuronoscrittepocodopoil1890,nonpitardi.[]Sindal1891Engelsaveva
saputodenunciarela"concorrenzanelleConquiste"comeunadellepiimportanticaratteristiche
della politica estera delle grandi potenze, mentre i mascalzoni del socialsciovinismo, nel
19141917,quandoappuntoquestarivalit,diventataancorapiacuta,hageneratolaguerra
imperialista,copronolalorodifesadegliinteressipredatoridella"loro"borghesiaconfrasisulla

54

"difesadellapatria",sulla"difesadellarepubblicaedellarivoluzione",ecc.!
3.LoStato,strumentodisfruttamentodellaclasseoppressa
Permantenereunpoterepubblicospeciale,postoaldisopradellasociet,sononecessariedelle
imposteeundebitopubblico.[]Siponequilaquestionedeiprivilegideifunzionariquali
organidelpoterestatale.Ilpuntoessenzialequesto:checosaliponealdisopradellasociet?
[...]
"...Lo Stato, poich nato dal bisogno di tenere a freno gli antagonismi di classe, ma
contemporaneamentenatoinmezzoalconflittodiquesteclassi,,perregola,loStatodellaclasse
pipotente,economicamentedominanteche,permezzosuo,diventaanchepoliticamentedominante
ecosacquistaunnuovostrumentoperteneresottomessaepersfruttarelaclasseoppressa"...Non
sololoStatoanticoeloStatofeudaleeranoorganideIlosfruttamentodeglischiaviedeiservi,ma
anche"loStatorappresentativomodernolostrumentoperlosfruttamentodellavorosalariatoda
partedelcapitale.Eccezionalmentetuttavia,visonodeiperiodiincuileclassiinlottahannoforze
pressocheguali,cosicchilpoterestatale,inqualitdiapparentemediatore,momentaneamente
acquistaunacertaautonomiadifronteadentrambe".[]
NellarepubblicademocraticacontinuaEngels"laricchezzaesercitailsuopotereindirettamente,
mainmanieratantopisicura",inprimoluogoconla"corruzionedirettadeifunzionari"(America),
insecondoluogocon"l'alleanzatragovernoeBorsa"[]
Nelmomentoattuale,l'imperialismoeildominiodellebanche"hannosviluppato"sinoafarne
un'arte raffinata, in qualsiasi repubblica democratica, questi due metodi di difesa e di
realizzazione dell'onnipotenza della ricchezza. [] L'onnipotenza della "ricchezza" , in una
repubblicademocratica,tantopisicurainquantonondipendedauncattivoinvolucropolitico
del capitalismo. La repubblica democratica il migliore involucro politico possibile per il
capitalismo;perquestoilcapitale,dopoessersiimpadronito[]diquestoinvolucroche il
migliorefondailsuopotereinmodotalmentesaldo,talmentesicuro,chenessuncambiamento,
ndipersone,ndiistituzioni,ndipartitinell'ambitodellarepubblicademocraticaborghese
puscuoterlo.
BisognaancorarilevarecheEngelsdefinisceinmodocategoricoilsuffragiouniversalecomeuno
strumentodidominiodellaborghesia.Ilsuffragiouniversale,eglidice,tenendoevidentemente
contodellalungaesperienzadellasocialdemocraziatedesca, "lamisuradellamaturitdella
classeoperaia.PinonpunpotrmaiesserenelloStatoodierno".
Idemocraticipiccoloborghesi[...]condividonoeinculcanonelpopololafalsaconcezionecheil
suffragiouniversalepossa"nelloStatoodierno"esprimererealmentelavolontdellamaggioranza
deilavoratorieassicurarnelarealizzazione.[]Nellasuaoperapipopolare,Engelsdun
riassuntoconclusivodellesueconcezioniconleparoleseguenti:
"LoStatononesistedunquedall'eternit.Visonostatesocietchenehannofattoamenoechenon
avevanoalcunaideadiStatoedipoterestatale.Inundeterminatogradodellosviluppoeconomico,
necessariamentelegatoalladivisionedellasocietinclassi,proprioacausadiquestadivisionelo
Statodiventatounanecessit.Ciavviciniamoora,arapidipassi,adunostadiodisviluppodella
produzionenelqualelaesistenzadiquesteclassinonsolohacessatodiessereunanecessitma
diventaunostacoloeffettivoallaproduzione.Perciessecadrannocosineluttabilmentecomesono
sorte.ConessecadrineluttabilmenteloStato.Lasociet,cheriorganizzalaproduzioneinbasea
unaliberaedegualeassociazionediproduttori,relegal'interamacchinastatalenelpostochedaquel
momentolespetta,cionelmuseodelleantichitaccantoallaroccaperfilareeall'asciadibronzo".
[]
4."L'estinzione"delloStatoelarivoluzioneviolenta
Leparoledi Engelssull'"estinzione" dello Statogodonodi unacos larga notoriet, sonocos
spesso citate, mettono cos bene in rilievo l'essenza stessa della falsificazione abituale del
marxismoacconciatoallamanieraopportunista,chenecessariosoffermarsisudiesseinmodo
particolare.Citiamotuttoilpassodacuisonotratte:

55

"IlproletariatosiimpadroniscedelpoteredelloStatoeanzituttotrasformaimezzidiproduzionein
proprietdelloStato.Macossopprimesestessocomeproletariato,sopprimeognidifferenzadiclasse
e ogni antagonismo di classe e sopprime anche lo Stato come Stato. La societ esistita sinora,
muoventesi sul piano degli antagonismi di classe, aveva necessit dello Stato, cio di una
organizzazionedellaclassesfruttatriceinogniperiodo,perconservarelecondizioniesternedellasua
produzione e quindi specialmente per tener con la forza la classe sfruttata nelle condizioni di
oppressionedatedalmodovigentediproduzione(schiavit,servitdellagleba,semiservitfeudale,
lavorosalariato).LoStatoerailrappresentanteufficialedituttalasociet,lasuasintesiinuncorpo
visibile,maloerainquantoeraloStatodiquellaclassecheperilsuotemporappresentava,essa
stessa, tutta quanta la societ: nell'antichit era lo Stato dei cittadini padroni di schiavi, nel
medioevoloStatodellanobiltfeudale,nelnostrotempoloStatodellaborghesia.Ma,diventando
allafineeffettivamenteilrappresentantedituttalasociet,sirende,essostesso,superfluo.Non
appenanoncisonopiclassisocialidamantenerenell'oppressione,nonappenaconl'eliminazione
deldominiodiclasseedellalottaperl'esistenzaindividualefondatasull'anarchiadellaproduzione
sinoraesistente,sarannoeliminatianchelecollisionieglieccessichesorgonodatuttoci,nonci
sardareprimerepinientedicicherendevanecessariaunaforzarepressivaparticolare,uno
Stato.IlprimoattoconcuiloStatosipresentarealmentecomerappresentantedituttalasociet,
ciolapresadipossessodituttiimezzidiproduzioneinnomedellasociet,aduntempol'ultimo
suoattoindipendenteinquantoStato.L'interventodiunaforzastataleneirapportisocialidiventa
superfluosuccessivamenteinognicampoepoivienemenodasestesso.Alpostodelgovernosulle
personeapparel'amministrazionedellecoseeladirezionedeiprocessiproduttivi.LoStatononviene
"abolito":essosiestingue.Questol'apprezzamentochedevefarsidellafrase"Statopopolarelibero",
tantoquindiperlasuagiustificazionetemporaneainsedediagitazione,quantoperlasuadefinitiva
insufficienzainsedescientifica;equestodelparil'apprezzamentochedevefarsidell'esigenzadei
cosiddettianarchicicheloStatodebbaessereabolitodall'oggialdomani"(Antidhring.[...])
Si pu dire senza timore di sbagliare che di tutto questo ragionamento di Engels,
straordinariamentericcodiidee,ipartitisocialistidiogginonhannoveramenteacquisitonelloro
pensierochelaformulasecondocui,perMarx,loStato"siestingue",incontrapposizionealla
dottrina anarchica dell'"abolizione" dello Stato. Amputare in tal modo il marxismo vuol dire
ridurloall'opportunismo,poich,dopounatale"interpretazione"nonrimanecheilconcettovago
diuncambiamentolento,uguale,graduale,senza sussultintempeste,senzarivoluzione.La
"estinzione"delloStatonelconcettocorrente,generalmentediffuso,dimassa,secossipudire,
senzadubbiolascomparsa,senonlanegazione,dellarivoluzione.
Ebbene,questa"interpretazione"lapiugrossolanadeformazionedelmarxismo,utilesoloalla
borghesia,[...]Engelsdicecheilproletariato,impadronendosidelpoteresopprimeconci"Lo
StatoinquantoStato".[...]inquesteparoleespressainformaincisival'esperienzadiunadelle
pigrandi rivoluzioniproletarie,l'esperienzadellaComunediParigidel1871[...].Inrealt,
Engels parla qui di "soppressione" dello Stato della borghesia per opera della rivoluzione
proletaria,mentrecich'eglidicesull'estinzionedelloStatoriguardairestidelloStatoproletario
che sussisteranno dopo la rivoluzione socialista. Lo Stato borghese, secondo Engels, non "si
estingue";essoviene"soppresso"dalproletariatonelcorsodellarivoluzione.Cichesiestingue
dopoquestarivoluzione,loStatoproletarioosemiStato.
Secondo.LoStatouna"forzarepressivaparticolare".QuestadefinizionediEngels,meravigliosa
einsommogradoprofonda,quienunciataconperfettachiarezza.Enederivachequesta"forza
repressivaparticolare"delproletariatodapartedellaborghesia,dimilionidilavoratoridaparte
diunpugnodiricchi,deveesseresostituitadauna"forzarepressivaparticolare"dellaborghesia
da partedel proletariato (dittatura delproletariato). In ciappuntoconsiste "la soppressione
dello Stato in quanto Stato". In ci consiste 1'"atto" della presa di possesso dei mezzi di
produzione in nome della societ. ovvio che questa sostituzione di una "forza particolare"
(quella della borghesia) con un'altra "forza particolare" (quella del proletariato), non pu
avvenirenellaformadi"estinzione".
Terzo. Questa "estinzione", o, per parlare con pi risalto e pi colore, questo "assopimento",
Engelsloriferisceinmodochiaroedevidentealperiodochesegue"lapresadipossessodituttii

56

mezzidiproduzioneinnomedellasociet",cioalperiodocheseguelarivoluzionesocialista.
notoatuttinoichelaformapoliticadello"Stato"intalemomentolademocraziapicompleta.
Maanessunodegliopportunistichesnaturanosfrontatamenteilmarxismovieneinmenteche
quisitrattaquindi,inEngels,dell'"assopimento"edell'"estinzione"dellademocrazia.Aprimavista
ci pare molto strano; ma "incomprensibile" soltanto per chi non ricordi che anche la
democraziaunoStatoecheanch'essa,quindi,scomparequandoscompareloStato.Solola
rivoluzione pu "sopprimere" lo Statoborghese. Lo Stato in generale, ciola democrazia pi
completa,nonpuche"estinguersi".
Quarto.Enunciandolasuacelebretesi:"LoStatosiestingue",Engelssiaffrettaaprecisareche
essadirettaecontrogliopportunistiecontroglianarchici.InoltredaEngelspostainprimo
piano quella conclusione dalla tesi sull'"estinzione dello Stato" che diretta contro gli
opportunisti.
Si pu scommettere che su diecimila persone che hanno letto o hanno sentito parlare
dell'"estinzione" dello Stato, novemilanovecentonovanta ignorano assolutamente o hanno
dimenticatocheEngelsdirigevaleconclusionidiquestatesinonsoltantocontroglianarchici.E
sullediecicherestano,cenesonocertamentenovechenonsannochecosasia"loStatopopolare
libero",eperchmainell'attaccocontroquestaparolad'ordinecontenutounattaccocontrogli
opportunisti.Cossiscrivelastoria!Cossialterainsordinalagrandedottrinarivoluzionaria
accomodandolaallamanieradelfilisteismodominante.Laconclusionecontroglianarchicistata
millevolteripetuta,banalizzata,conficcatanelmodopisemplicistaneicervelliehaacquistato
latenaciadiunpregiudizio.Elaconclusionecontrogliopportunisti statamessainombrae
"dimenticata"!
Lo"Statopopolarelibero"eraunarivendicazioneprogrammatica,unaparolad'ordinecorrente
dei socialdemocratici tedeschi degli anni 18701880. In questa parola d'ordine non v' alcun
contenuto politico salvo una pomposa enunciazione piccoloborghese della nozione di
democrazia.Inquantoessafacevalegalmenteallusioneallarepubblicademocratica,Engelsera
dispostoa"giustificarla""temporaneamente"dalpuntodivistadell'agitazione.Maquestaparola
d'ordine era opportunista, non soltanto perch imbelliva la democrazia borghese, ma anche
perchesprimeval'incomprensionedellacriticasocialistadiogniStatoingenerale.Noisiamoper
larepubblicademocratica,inquantoessa,inregimecapitalista,laformamigliorediStatoperil
proletariato,manonabbiamoildirittodidimenticarechelasorteriservataalpopolo,anchenella
pidemocraticadellerepubblicheborghesi,laschiavitsalariata.Proseguiamo.OgniStato
una"forzarepressivaparticolare"dellaclasseoppressa.QuindiunoStato,qualunqueessosia,non
liberoenonpopolare.MarxedEngelsl'hannospiegatocentovolteailorocompagnidipartito
neglianni18701880.
Quinto.LastessaoperadiEngels,incuisitrovailragionamentosull'estinzionedelloStatoche
tuttiricordano,contieneancheunaconsiderazionesulsignificatodellarivoluzioneviolenta.La
valutazione storica della sua funzione si trasforma in Engels in un vero panegirico della
rivoluzioneviolenta.Nessuno"senericorda";neipartitisocialisticontemporaneinonusaparlare
dell'importanza di questa idea e nemmeno pensarvi; nella propaganda e nell'agitazione
quotidiana fra le masse queste idee non trovano nessun posto. Eppure esse sono
indissolubilmentelegateall'ideadell'"estinzione"delloStato,conlaqualeformanountutto.Ecco
questaconsiderazionediEngels:
"...chelaviolenzaabbianellasocietancoraun'altrafunzione[oltrealmalecheessaproduce],una
funzionerivoluzionaria,cheessa,secondoleparolediMarx,sialalevatricediognivecchiasociet
gravidadiunanuova,cheessasialostrumentoconcuisicompieilmovimentodellasociet,eche
infrangeformepoliticheirrigiditeemorte,dituttoquestonelsig.Dhringnonsitrovaneancheuna
parola.Soloconsospiriecongemitiegliammettelapossibilitcheperabbatterel'economiadello
sfruttamentosar forse necessaria la violenza...purtroppo! Infatti [secondoDhring]ogni usodi
violenzademoralizzacoluichelausa."[...]
Come unire nella stessa dottrina questo panegirico della rivoluzione violenta, tenacemente
presentatodaEngelsaisocialdemocraticitedeschidal1878al1894,ciofinoallasuamorte,ela
teoriadell'"estinzione"delloStato?

57

[Dall'edizionecuratadaValentinoGerratanadel1970diEditoriRiuniti,tuttoraunadellepi
diffuse, si faceva notare la presente fondamentale nota, di cui si riportano gli stralci pi
importanti:

"InrealtEngelsmor,comenoto,il5agosto1895eddiquell'annolasuaIntroduzionealle
LottediclasseinFranciadiMarx(trad.it.Roma,EditoriRiuniti,1962)cheLenin,evidentemente
diproposito,noncitanricordamaiinStatoerivoluzione.Questotestoinfattierabenpresentea
Lenin,ecirisultadagliappuntidelquadernoIlmarxismosulloStato,dovepersisottolineapi
diunavoltalaragionepercuiquestoscrittodiEngelsnonvenivapresoinconsiderazione,datele
tendenziosemutilazionicheavevasubitonelcorsodellasuapubblicazione.Questotestoinfatti
erabenpresenteaLenin,ecirisultaanchedagliappuntidelquadernoIlMarxismosulloStato,
dovepersisottolineapidiunavoltalaragionepercuiquestoscrittodiEngelsnonveniva
presoinconsiderazione,dateletendenziosemutilazionicheavevasubitonelcorsodellasua
pubblicazione.[]InunaltropuntodelquadernoLenintrascrivealcunipassidiletterediEngels
relativi alle vicende della sua Introduzione alle Lotte di classe in Francia: 3. IV. 1895: "X...
[Liebknecht]mihagiocatounbeltiro.DallamiaIntroduzioneagliarticolidiMarxsullaFrancia
del18481859eglihapresotuttocichepotevaservirglipersostenerequellatatticaaognicosto
pacifica e nonviolenta, che gli fa comodo predicare da qualche tempo, soprattutto in questo
momento,incuisipreparanoaBerlinoleggieccezionali.Maquestatatticaiolapredicosoloper
laGermania dioggiedelresto contutteleriservedelcaso.InFrancia,Belgio,Italia,Austria,
questa tattica non potrebbe essere seguita integralmente, e per la Germania pu diventare
inadattadomani"(corsivodiEngels)[]Cfr.[]letteradiEngelsaKautskydel1.IV.1895:
"ConmiasorpresavedoogginelVorwartsunestrattodellamiaIntroduzione,pubblicatosenza
dirminullaecossconciatocheioviappaiocomeunpacificofautoredellalegalitaognicosto.
TantopivorreicheiltestointegraleapparisseorasullaNeueZeit,inmododacancellarequesta
vergognosaimpressione.DiraLiebknechtinmodomoltoprecisolamiaopinioneaproposito,ed
ancheatutticoloro,chiunqueessisiano,cheglihannooffertoquestapossibilitdideformareil
miopensiero"]
[]ladottrinadiMarxediEngelssullanecessitdellarivoluzioneviolentasiriferiscealloStato
borghese.QuestononpuesseresostituitodalloStatoproletario(dittaturadelproletariato)per
viadi"estinzione";puesserlounicamente,comeregolagenerale,permezzodellarivoluzione
violenta.IlpanegiricoconcuiEngelsesaltalarivoluzioneviolentaconcordapienamenteconle
numerose dichiarazioni di Marx (ricordiamo la conclusione della Miseria della filosofia e del
ManifestodelPartitocomunista cheproclamafieramenteecategoricamentel'ineluttabilitdella
rivoluzioneviolenta;ricordiamolacriticadelprogrammadiGothanel1875,circatrent'annipi
tardi, dove Marx flagella implacabilmente l'opportunismo di questo programma). Questo
panegiricononpernullaeffettodiuna"infatuazione",nunadeclamazione,nunatrovata
polemica.Lanecessitdieducaresistematicamentelemasseinquestaeprecisamenteinquesta
ideadellarivoluzioneviolenta,allabasedituttaladottrinadiMarxediEngels.Iltradimento
della loro dottrina perpetrato dalle tendenze socialsciovinista e kautskiana oggi dominanti si
esprime con particolare rilievo nell'oblio di questa propaganda, di questa agitazione da parte
dell'unaedell'altra.
La sostituzione dello Stato proletario allo Stato borghese non possibile senza rivoluzione
violenta.LasoppressionedelloStatoproletario,ciolasoppressionediogniStato,nonpossibile
che per via di "estinzione". Marx ed Engels svilupparono queste concezioni in modo
particolareggiatoeconcreto,studiandoognisituazionerivoluzionariaparticolare,analizzandogli
insegnamentifornitidall'esperienzadiognirivoluzione.[...]

II.LoStatoelarivoluzione.L'esperienzadel18481851
1.Lavigiliadellarivoluzione
[]Vediamoquiformulataunadellepinotevolieimportantiideedelmarxismoaproposito
delloStato,l'ideadella"dittaturadelproletariato"(espressionecheMarxedEngelscominciano
adusaredopolaComunediParigi)vitroviamoinseguitounadefinizionedelloStatodelpialto

58

interesseechefaanch'essapartedelle"paroledimenticate"delmarxismo:"loStato,valeadireil
proletariatoorganizzatocomeclassedominante".QuestadefinizionedelloStatononsolononmai
stata commentata nella letteratura di propaganda e di agitazione che predomina nei partiti
socialdemocratici ufficiali. Peggio ancora, essa stata dimenticata appunto perch
assolutamente inconciliabile col riformismo e perch contrasta in modo irriducibile con i
pregiudiziopportunisticiabitualieconleillusionipiccoloborghesisullo"sviluppopacificodella
democrazia".
Il proletariato ha bisogno di uno Stato, ripetono tutti gli opportunisti, i socialsciovinisti e i
kautskiani,assicurandochequestaladottrinadiMarx,ma"dimenticando"diaggiungereche
innanzi tutto il proletariato, secondo Marx, ha bisogno unicamente di uno Stato in via di
estinzione,organizzatocioinmodotalechecominci subitoadestinguersi,enonpossanon
estinguersi. E, in secondo luogo, che i lavoratori hanno bisogno dello "Stato", "cio del
proletariatoorganizzatocomeclassedominante".LoStatoun'organizzazioneparticolaredella
forza,l'organizzazionedellaviolenzadestinataareprimereunacertaclasse.Qual,dunque,la
classecheilproletariatodevereprimere?Evidentementeunasola:laclassedeglisfruttatori,vale
adirelaborghesia.IlavoratorihannobisognodelloStatosoloperreprimerelaresistenzadegli
sfruttatori,esoloilproletariatoingradodidirigereediattuarequestarepressione,perchil
proletariato lasolaclasserivoluzionariafinoinfondo,lasolaclassecapacedi unire tuttii
lavoratorietuttiglisfruttatinellalottacontrolaborghesia,persoppiantarlacompletamente.Le
classisfruttatricihannobisognodeldominiopoliticoperilmantenimentodellosfruttamento,vale
adirenell'interesseegoisticodiun'infimaminoranzacontrol'immensamaggioranzadelpopolo.
Le classi sfruttate hanno bisogno del dominio politico per sopprimere completamente ogni
sfruttamento, vale a dire nell'interesse dell'immensa maggioranza del popolo, contro l'infima
minoranzadeimodernischiavisti:iproprietarifondiarieicapitalisti.
Idemocraticipiccoloborghesi,questisedicentisocialistichehannosostituitoallalottadelleclassi
le loro fantasticherie sull'intesa fra le classi, si sono rappresentati anche la trasformazione
socialistacomeunafantasticheria;noncomel'abbattimentodeldominiodellaclassesfruttatrice,
ma come la sottomissione pacifica della minoranza alla maggioranza, consapevole dei propri
compiti.Questautopiapiccoloborghese,indissolubilmentelegataalriconoscimentodiunoStato
aldisopradelleclassi,praticamentenonhaportatoadaltrochealtradimentodegliinteressi
delleclassilavoratrici,comestatoprovato,peresempio,dallastoriadellerivoluzionifrancesi
del 1848 e del 1871, come stato provato dall'esperienza della partecipazione "socialista" ai
ministeriborghesiinInghilterra,inFrancia,inItaliaealtroveallafinedelsecolodecimononoe
all'iniziodelsecoloventesimo.Marxlotttuttalavitacontrountalesocialismopiccoloborghese,
risuscitato oggi in Russia dai partiti socialistarivoluzionario e menscevico. Marx svilupp la
dottrinadellalottadiclasseinmodocoerente,ricavandodaessaladottrinadelpoterepolitico,
delloStato.[]
Ladottrinadellalottadiclasse,applicatadaMarxalloStatoeallarivoluzionesocialista,porta
necessariamenteariconoscereildominiopoliticodelproletariato,lasuadittatura,ilpoterecio
ch'essonondivideconnessunoechesiappoggiadirettamentesullaforzaarmatadellemasse.
L'abbattimento della borghesia non realizzabile se non attraverso la trasformazione del
proletariato in classe dominante, capace di reprimere la resistenza inevitabile, disperata della
borghesia,diorganizzareperunnuovoregimeeconomicotuttelemasselavoratriciesfruttate.
Ilpoterestatale,l'organizzazionecentralizzatadellaforza,l'organizzazionedellaviolenza,sono
necessarialproletariatosiaperreprimerelaresistenzadeglisfruttatori,siaperdirigerel'immensa
massa della popolazione contadini, piccola borghesia, semiproletariato nell'opera di
"avviamento" dell'economia socialista. Educando il partito operaio, il marxismo educa una
avanguardia del proletariato, capace di prendere il potere e di condurre tutto il popolo al
socialismo,capacedidirigereediorganizzareilnuovoregime,d'essereilmaestro,ildirigente,il
capodituttiilavoratori,dituttiglisfruttati,nell'organizzazionedellalorovitasocialesenzala
borghesiaecontrolaborghesia.L'opportunismooggidominanteeducainveceilpartitooperaioin
mododafarneilrappresentantedeilavoratorimeglioretribuiti,chesistaccanodallemasse,"si
sistemano" abbastanza comodamente nel regime capitalistico e vendono per un piatto di
lenticchie il loro diritto di primogenitura, rinunciando cio alla loro funzione di guida

59

rivoluzionariadelpopolonellalottacontrolaborghesia.
"LoStato,valeadireilproletariatoorganizzatocomeclassedominante",questateoriadiMarx
indissolubilmentelegataatuttalasuadottrinasullafunzionerivoluzionariadelproletariatonella
storia.Questafunzioneculminanelladittaturaproletaria,neldominiopoliticodelproletariato.
MaseilproletariatohabisognodelloStatoinquantoorganizzazioneparticolaredellaviolenza
contro la borghesia, ne scaturisce spontaneamente la conclusione: la creazione di una tale
organizzazioneconcepibilesenzachesiaprimaannientata,distruttalamacchinadelloStatoche
laborghesiahacreato pers?Il ManifestodelPartitocomunista conducedirettamenteaquesta
conclusione,eddiquestaconclusionecheMarxparlaquandofailbilanciodell'esperienzadella
rivoluzionedel1848l851.

2.Ilbilanciodiunarivoluzione
SulproblemadelloStatocheciinteressa,Marx,nellasuaoperaIl18BrumaiodiLuigiBonaparte,
faconquestoragionamentoilbilanciodeirisultatidellarivoluzionedel1848l851.
"[]Larepubblicaparlamentare,infine,sividecostrettaarafforzarenellasualottacontrola
rivoluzione,assiemeallemisuredirepressione,glistrumentielacentralizzazionedelpoteredello
Stato.Tuttiirivolgimentipoliticinonfecerocheperfezionarequestamacchina,invecedispezzarla".
"Ipartitichesuccessivamentelottaronoperilpotereconsideraronoilpossessodiquestoenorme
edificiodelloStatocomeilbottinoprincipaledelvincitore"[...].
Inquestoammirevoleragionamentoilmarxismofaungrandissimopassoinavantiinconfrontoal
ManifestodelPartitocomunista.IlproblemadelloStatonelManifestoerapostoinmodoancora
troppoastratto,innozionieterminideipigenerici.Quiilproblemapostoconcretamenteela
conclusione estremamente precisa, ben definita, praticamente tangibile: tutte le rivoluzioni
precedenti non fecero che perfezionare la macchina dello Stato, mentre bisogna spezzarla,
demolirla.Questaconclusionelacosaprincipale,essenzialedelladottrinamarxistasulloStato.
[...]
Nel Manifesto del Partito comunista si ricavano gli insegnamenti generali della storia; questi
insegnamenticimostranoloStatocomel'organodeldominiodiunaclasseeciportanoaquesta
necessaria conclusione: il proletariato non potrebbe rovesciare la borghesia senza aver prima
conquistatoilpoterepolitico,senzaessersiassicuratoildominiopolitico,senzatrasformarelo
Statoin"proletariatoorganizzatocomeclassedominante";equestoStatoproletariocomincerad

60

estinguersisubitodopolasuavittoria,poichloStato inutileedimpossibileinunasociet
senzaantagonismidiclasse.Ilproblemadideterminareinchecosaconsistadalpuntodivista
dellosviluppostoricoquestasostituzionedelloStatoproletarioalloStatoborghesequinon
posto.
[] Il potere statale centralizzato, proprio della societ borghese, apparve nel periodo della
cadutadell'assolutismo.Ledueistituzionipicaratteristichediquestamacchinastatalesono:la
burocraziael'esercitopermanente.[]Laburocraziael'esercitopermanentesonodei"parassiti"
sul corpo della societ borghese, parassiti generati dalle contraddizioni interne che dilaniano
questasociet,maparassitiappuntochene"ostruiscono"iporivitali.L'opportunismokautskiano,
oggi prevalente nella socialdemocrazia ufficiale, ritiene che questa concezione dello Stato,
considerato come organismo parassitario, sia propria degli anarchici, ed esclusivamente degli
anarchici. Questa deformazione del marxismo certo, estremamente vantaggiosa ai piccoli
borghesichehannoportatoilsocialismoall'inauditavergognadigiustificareediimbellirela
guerra imperialistica applicandole il concetto di "difesa della patria", ma rimane tuttavia una
deformazioneincontestabile.
[] Ma pi si procede a "nuove spartizioni" dell'apparato amministrativo fra i diversi partiti
borghesi e piccoloborghesi [], e con maggiore evidenza appare alle classi oppresse, e al
proletariatocheneilcapo,laloroostilitirreducibileallasocietborghesenelsuoinsieme.Di
quilanecessitpertuttiipartitiborghesi,ancheipidemocraticie"democraticirivoluzionari",di
accentuare la repressione contro il proletariato rivoluzionario, di rafforzare l'apparato di
coercizione,cioquestastessamacchinastatale.Questocorsodegliavvenimentiobbligapercila
rivoluzionea"concentraretuttelesueforzedidistruzione"controilpoteredelloStato;leimponeil
compitonondimigliorarelamacchinastatale,madidemolirla,didistruggerla.Nonlededuzioni
logiche,mailcorsorealedegliavvenimenti,l'esperienzavissutadel18481851,hannocondottoa
porreilproblemainquestitermini.FinoachepuntoMarxsiattengastrettamenteallabasereale
della esperienza storica, dimostrato dal fatto che nel 1852 egli non si domanda ancora in
concreto checosa sidebbasostituireaquestamacchina delloStatochedeveesseredistrutta.
L'esperienzanonavevaallorafornitodegliesempichepotesserofarsorgerequestaquestione,che
solo pi tardi, nel 1871, la storia mise all'ordine del giorno. Nel 1852 si poteva unicamente
constatare, con la precisione propria delle scienze naturali, che la rivoluzione proletaria
affrontavailcompitodi"concentraretuttelesueforzedidistruzione"controilpoteredelloStato,
ilcompitodi"spezzare"lamacchinastatale.[...]
L'imperialismoepocadelcapitalebancarioedeigiganteschimonopolicapitalistici,epocaincui
ilcapitalismomonopolisticositrasformaincapitalismomonopolisticodiStatomostrainmodo
particolarelostraordinarioconsolidamentodella"macchinastatale",l'inauditoaccrescimentodel
suoapparatoburocraticoemilitareperaccentuarelarepressionecontroilproletariato,sianei
paesimonarchicicheneipiliberipaesirepubblicani.Lastoriauniversaleponeoggi,senzaalcun
dubbio,esuscalaincomparabilmentepiampiacheneI1852,ilcompitodella"concentrazionedi
tutteleforze"dellarivoluzioneproletariaperla"distruzione"dellamacchinastatale.Conche
cosailproletariatolasostituir?LaComunediParigicihafornitoaquestopropositogliesempi
piistruttivi.
3.ComeMarxponevalaquestionenel1852
Mehringpubblicavanel1907nellaNeueZeit(XXV,2,164)alcuniestrattidiunaletteradiMarxa
Weydemeyer,del5marzo1852.Questaletteracontienefral'altroilseguenteimportantissimo
passo:
"Perquellochemiriguarda,amenonappartienenilmeritodiaverscopertol'esistenzadelle
classinellasocietmodernanquellodiaverscopertolalottatradiesse.Gimoltotempoprima
dimedeglistoriciborghesiavevanoespostolaevoluzionestoricadiquestalottadelleclassi,e
deglieconomistiborghesiavevanoespostol'anatomiaeconomicadelleclassi.Quelcheiohofatto
dinuovostatodidimostrare:l.chel'esistenzadelleclassisoltantolegataadeterminatefasidi
sviluppostoricodellaproduzione[historischeEntwicklungsphasenderProduktion];2.chelalottadi
classe necessariamente conduce alla dittatura del proletariato; 3. che questa dittatura stessa
costituiscesoltantoilpassaggioallasoppressioneditutteleclassieaunasocietsenzaclassi...".

61

[]L'elementoessenzialedelladottrinadiMarxlalottadiclasse.Cossidiceesiscrivemolto
spesso.Maquestononveroedaquestaaffermazioneerrataderiva,disolito,unadeformazione
opportunistadelmarxismo,untravestimentodelmarxismonelsensodirenderloaccettabilealla
borghesia.perchladottrinadellalottadiclassenonstatacreatadaMarx,madallaborghesia
prima diMarx.epu,ingenerale, essereaccettata dallaborghesia.Coluiche siaccontenta di
riconoscerelalottadelleclassinonancoraunmarxista,epudarsibenissimocheeglinonesca
dailimitidelpensieroborgheseedallapoliticaborghese.Ridurreilmarxismoalladottrinadella
lottadelleclassi,vuoldiremutilareilmarxismo,deformarlo,ridurloacichelaborghesiapu
accettare.Marxistasoltantocoluiche estende ilriconoscimentodellalottadelleclassisinoal
riconoscimentodelladittaturadelproletariato.Inquestoconsisteladifferenzapiprofondatrail
marxista eilbanalepiccoloborghese(eancheilgrande). questoilpuntoattornoalquale
bisognamettereallaprovalacomprensioneeilriconoscimentoeffettividelmarxismo.Enonvi
dameravigliarsiche,nelmomentoincuilastoriadell'Europahacondottolaclasseoperaiaa
porsipraticamentequestaquestione,nonsolotuttigliopportunistieiriformisti,maanchetuttii
"kautskiani" (gente che oscilla tra ilriformismoeilmarxismo) abbiano rivelato di essere dei
miserabilifilisteiedeidemocraticipiccoloborghesicheneganoladittaturadelproletariato.[]
L'opportunismo non porta il riconoscimento della lotta di classe sino al punto precisamente
essenziale, sino al periodo del passaggio dal capitalismo al comunismo, sino al periodo
dell'abbattimentodellaborghesiaedelsuoannientamentocompleto.Inrealt,questoperiodo
inevitabilmenteunperiododilottadiclassediun'asprezzainaudita,unperiodoincuileformedi
questalottadiventanoquantomaiacute,equindiancheloStatodiquestoperiododeveessere
uno Stato democratico in modo nuovo (per i proletari e i non possidenti in generale), e
dittatorialeinmodonuovo(controlaborghesia).
Ancora.L'essenzadelladottrinadelloStatodiMarxpuesserecompresafinoinfondosoltanto
dacoluichecomprendecheladittaturadiunasolaclassenecessarianonsoloperognisociet
classistaingenerale,nonsoloperil proletariato dopoaverabbattutolaborghesia,maperun
intero periodostorico,cheseparailcapitalismodella"societsenzaclassi",dalcomunismo.Le
formedegliStatiborghesisonostraordinariamentevarie,malalorosostanzaunica:tuttiquesti
Statisonoinunmodoonell'altro,mainultimaanalisi,necessariamente,una dittaturadella

62

borghesia. Il passaggio dal capitalismo al comunismo, naturalmente, non pu non produrre


un'enormeabbondanzaevarietdiformepolitiche,malasostanzasarinevitabilmenteunasola:
ladittaturadelproletariato.

III.LoStatoelarivoluzione.l'esperienzadellaComunediParigi
(1871).L'analisidiMarx
1.Inchecosaconsistel'eroismodeltentativodeicomunardi?
[] L'unico "emendamento" che Marx giudic necessario apportare al Manifesto del Partito
comunista, lo fece sulla base dell'esperienza rivoluzionaria dei comunardi di Parigi. L'ultima
prefazioneaunanuovaedizionetedescadelManifestodelPartitocomunistafirmatainsiemedai
dueautoriportaladatadel24giugno1872.InquestaprefazioneKarlMarxeFriedrichEngels
diconocheilprogrammadelManifestodelPartitocomunista"oggiquaelinvecchiato"."...La
Comune,specialmente,essiaggiungono,hafornitolaprovache"laclasseoperaianonpu
impossessarsipuramenteesemplicementediunamacchinastatalegiprontaemetterlainmoto
perisuoiproprifini"..."
[] Cos, a questo insegnamento principale e fondamentale della Comune di Parigi, venne
attribuita da Marx ed Engels un'importanza talmente grande da trarne un emendamento
sostanziale al Manifesto del Partito comunista. [] Qui basta rilevare che l'"interpretazione"
corrente,volgare,dellafamosaformuladiMarx,danoicitata,cheMarxviavrebbesottolineato
l'idea dell'evoluzione lenta, in contrapposizione con la conquista del potere, ecc. In realt,
proprioilcontrario.L'ideadiMarxchelaclasseoperaiadeve spezzare,demolire la"macchina
statalegipronta",enonlimitarsisemplicementeadimpossessarsene.Il12aprile1871,valea
direprecisamentedurantelaComune,MarxscrivevaaKugelmann:
"...Se tu rileggi l'ultimo capitolo del mio 18 Brumaio troverai che io affermo che il prossimo
tentativo della rivoluzione francese non consister nel trasferire da una mano ad un'altra la
macchinamilitareeburocratica,comeavvenutofinoadora,manellospezzarla"(ilcorsivodi
Marx;zerbrechennell'originale)"echetalelacondizionepreliminarediognirealerivoluzione
popolaresulContinente.Inquestoconsistepureiltentativodeinostrieroicicompagniparigini"
[]
"Spezzare la macchina burocratica e militare": in queste parole espresso in modo incisivo
l'insegnamentoprincipaledelmarxismosuicompitidelproletariatonellarivoluzioneperciche
riguarda lo Stato. E proprio questo l'insegnamento che non solo stato assolutamente
dimenticato, ma addirittura deformato dall'"interpretazione" dominante, kautskiana, del
marxismo![]interessantesegnalaresoprattuttoduepuntidelpassocitatodaMarx.Anzitutto
Marx limita la sua conclusione al Continente. Questo era comprensibile nel 1871, quando
l'Inghilterraeraancorailmodellod'unpaesecapitalisticopuro,masenzamilitarismoeinmisura
notevolesenzaburocrazia.PerciMarxescludeval'Inghilterra,dovelarivoluzione,eancheuna
rivoluzionepopolare,sipresentavaederaallorapossibile senza lacondizionepreliminaredella
distruzionedella"macchinastatalegipronta".Attualmente,nel 1917,nell'epocadellaprima
grandeguerraimperialista,questariservadiMarxcade:l'Inghilterrael'America,cheerano,in
tuttoilmondo,lemaggiorieleultimerappresentantidella"libert"anglosassoneperquanto
riguarda l'assenza di militarismo e di burocrazia, sono precipitate interamente nel lurido,
sanguinosopantano,comuneatuttaEuropa,delleistituzionimilitarieburocratichechetutto
sottomettonoasetuttocomprimono.[]
Insecondoluogo,meritaun'attenzioneparticolarelaosservazionestraordinariamenteprofonda
di Marx che la distruzionedella macchina burocratica e militare delloStato "la condizione
preliminarediognirealerivoluzionepopolare".Questoconcettodirivoluzione"popolare"sembra
stranoinboccaaMarx[]Nell'Europadel1871,ilproletariatononformavalamaggioranzadel
popolo in nessun paese del Continente. Una rivoluzione poteva essere "popolare", mettere in
movimento la maggioranza effettiva soltanto a condizione di abbracciare il proletariato e i
contadini.Questedueclassicostituivanoallorail"popolo".Questedueclassisonounitedalfatto

63

chela"macchinaburocraticaemilitaredelloStato"leopprime,leschiaccia,lesfrutta. Spezzare
questamacchina, demolirla,eccoilverointeressedel"popolo",dellamaggioranzadelpopolo,
degli operai e della maggioranza dei contadini, ecco la "condizione preliminare" della libera
alleanzadeicontadinipovericoniproletari.Senzaquest'alleanzanonpossibileunademocrazia
salda,nonpossibileunatrasformazionesocialista.
notochelaComunediParigisieraapertaunastradaversoquestaalleanza,manonraggiunse
ilsuoscopoperragionidiordineinternoedesterno.Parlandoquindidiuna"realerivoluzione
popolare", senza dimenticare affatto le particolarit della piccola borghesia (delle quali parl
moltoespesso),Marxtenevadunquerigorosamentecontodeirealirapportidiforzafraleclassi
dellamaggiorpartedegliStaticontinentalidell'Europadel1871.D'altraparteeglicostatavache
glioperaieicontadinisonoegualmenteinteressatia spezzare la macchina statale,checili
unisceeponedifrontealoroilcompitocomunedisopprimereil"parassita"edisostituirlocon
qualchecosadinuovo.Conchecosaprecisamente?

2.Conchecosasostituirelamacchinastatalespezzata?
AquestadomandaMarxnondavaancora,nel1847,nelManifestodelPartitocomunista,cheuna
risposta puramente astratta;per megliodireindicava i problemi enon i mezzi per risolverli.
SostituirelamacchinadelloStatospezzatacon1'"organizzazionedelproletariatocomeclasse
dominante",conla"conquistadellademocrazia":questaeralarispostadelManifestodelPartito
comunista.Senzacaderenell'utopia,Marxaspettavadall'esperienzadiunmovimentodimassala
risposta alla questione: quali forme concrete avrebbe assunto questa organizzazione del
proletariatocomeclassedominanteeinchemodoprecisamentequestaorganizzazioneavrebbe
coincisoconlapicompletaeconseguente"conquistadellademocrazia".
[]Inchecosaconsistevaquestaforma"positiva"direpubblicaproletaria,socialista?Qualeera
loStatoch'essaavevacominciatoacreare?"...IlprimodecretodellaComunefulasoppressione
dell'esercitopermanente,elasostituzioneadessodelpopoloarmato..."
Questa rivendicazione figura oggi nel programma di tutti i partiti che desiderano chiamarsi
socialisti. [] La Comune avrebbe dunque "semplicemente" sostituito la macchina statale
spezzata con una democrazia pi completa: soppressione dell'esercito permanente, assoluta
eleggibiliterevocabilitdituttiifunzionari.Inrealtcisignifica"semplicemente"sostituire
operagigantescaaistituzionidiuncertotipoaltreistituzionibasatesuprincpidiversi.questo
precisamente un caso di "trasformazione della quantit in qualit": da borghese che era, la

64

democrazia,realizzataquantopipienamenteeconseguentementesiaconcepibile,diventata
proletaria; lo Stato (forza particolare destinata a opprimere una classe determinata) s'
trasformatoinqualchecosachenonpipropriamenteunoStato.
Ma la necessit di reprimere la borghesia e di spezzarne la resistenza permane. [...] Ma qui
l'organodirepressionelamaggioranzadellapopolazione,enonpilaminoranza,comeera
semprestatonelregimedellaschiavit,delservaggioedellaschiavitsalariata.Edalmomento
chelamaggioranzastessadelpopolochereprimeisuoioppressori,nonc'pibisognodiuna
"forzaparticolare"direpressione!InquestosensoloStato cominciaadestinguersi.Invecedelle
istituzioni speciali di una minoranza privilegiata (funzionari privilegiati, capi dell'esercito
permanente),lamaggioranzastessapucompieredirettamentelelorofunzioni,equantopiil
popolostessoassumelefunzionidelpoterestatale,tantomenosifarsentirelanecessitdi
questopotere.
AquestopropositodanotareinparticolarmodounprovvedimentopresodallaComuneeche
Marx sottolinea: la soppressione di tutte le indennit di rappresentanza, la soppressione dei
privilegipecuniarideifunzionari,lariduzionedeglistipendiassegnatia tutti ifunzionaridello
Statoallivellodi"salaridaoperai".Quiappuntosifasentireconspecialerilievola svolta dalla
democrazia borghese alla democrazia proletaria, dalla democrazia degli oppressori alla
democraziadelleclassioppresse,dalloStatocome"forzaparticolare"destinataareprimereuna
classe determinata, alla repressione degli oppressori ad opera della forza generale della
maggioranzadelpopolo,deglioperaiedeicontadini.[...]
La riduzione delle retribuzioni degli alti funzionari pare "semplicemente" l'esigenza di un
democratismo ingenuo, primitivo. [...] il passaggio dal capitalismo al socialismo impossibile
senzauncerto"ritorno"aldemocratismo"primitivo"(comesipotrebbealtrimentifarcompiere
allamaggioranzadellapopolazione,epoiallainterapopolazione,lefunzionidelloStato?);in
secondo luogo, che il "democratismo primitivo" sulla base del capitalismo e della civilt
capitalisticanonildemocratismoprimitivodelleepochepatriarcalieprecapitalistiche.Lacivilt
capitalisticahacreatolagrandeproduzione,leofficine,leferrovie,laposta,iltelefono,ecc.;esu
questabase,l'immensamaggioranzadellefunzionidelvecchio"poterestatale"sisonoatalpunto
semplificateepossonoessereridotteacossemplicioperazionidiregistrazione,d'iscrizione,di
controllo,dapoteresserebenissimocompiutedatuttiicittadiniconunminimodiistruzionee
per unnormale"salario da operai"; si pu (e si deve) quindi togliere a queste funzioni ogni
minimaombrachedialoroqualsiasicaratterediprivilegioedi"gerarchia".
Eleggibilit assoluta, revocabilit in qualsiasi momento di tutti i funzionari senza alcuna
eccezione,riduzionedeilorostipendiallivelloabitualedel"salariodaoperaio":questisemplicie
"naturali"provvedimentidemocratici,mentrestringonopienamenteinunacomunitdiinteressi
glioperaielamaggioranzadeicontadini,servonoinparitempodapasserellatrailcapitalismoe
ilsocialismo.Questiprovvedimenticoncernonolariorganizzazionestatale,puramentepolitica,
dellasociet;maessi,naturalmente,assumonotuttoillorosignificatoetuttalaloroimportanza
soloinlegameconla"espropriazionedegliespropriatori"realizzataopreparata;inlegamecio
conlatrasformazionedellaproprietprivatacapitalisticadeimezzidiproduzioneinpropriet
sociale.[]
3.Lasoppressionedelparlamentarismo
"La Comune scrisse Marx non doveva essere un organismo parlamentare, ma di lavoro,
esecutivoelegislativoallostessotempo...Invecedidecidereunvoltaognitreoseianniquale
membro della classe dominante dovesse mal rappresentare [ver und zertreten] il popolo nel
Parlamento, il suffragio universale doveva servire al popolo costituito incomuni cos come il
suffragio individuale serve ad ogni altro imprenditore privato per cercare gli operai e gli
organizzatoridellasuaazienda".
Questamirabilecriticadelparlamentarismo,fattanel1871,appartieneoggianch'essa,grazieal
dominio del socialsciovinismo e dell'opportunismo, alle "parole dimenticate" del marxismo.
Ministrieparlamentaridiprofessione,traditoridelproletariatoesocialisti"d'affari"deinostri
tempihannoabbandonatoaglianarchiciilmonopoliodellacriticadelparlamentarismoeper

65

questaragione,dieccezionalesaviezza,hannoqualificatodi"anarchismo" qualsiasi criticadel


parlamentarismo! [...] Marx seppe romperla implacabilmente con l'anarchismo per la sua
incapacit di utilizzare anche la "stalla" del parlamentarismo borghese. soprattutto quando
evidentechelasituazionenonrivoluzionaria;maegliseppeinparitempodareunacritica
veramenteproletariaerivoluzionariadelparlamentarismo.Decidereunavoltaogniqualcheanno
qualmembrodellaclassedominantedebbaopprimere,schiacciareilpopolonelParlamento:
ecco la vera essenza del parlamentarismo borghese, non solo nelle monarchie parlamentari
costituzionali,maanchenellerepubblichelepidemocratiche.
[...]il"socialdemocratico"contemporaneo(silegga:ilrinnegatocontemporaneodelsocialismo)
veramente incapace di concepire altra critica del parlamentarismo che non sia quella degli
anarchici o dei reazionari. Senza dubbio la via per uscire dal parlamentarismo non nel
distruggereleistituzionirappresentativeeilprincipiodell'eleggibilit,maneltrasformarequeste
istituzionirappresentativedamulinidiparoleinorganismiche"lavorino"realmente."LaComune
nondovevaessereunorganismoparlamentare.madilavoro,esecutivoelegislativoallostesso
tempo". Un organismo "non parlamentare, ma di lavoro": questo colpisce direttamente voi,
moderni parlamentari e"cagnolini" parlamentari della socialdemocrazia!Considerate qualsiasi
paeseparlamentare,dall'AmericaallaSvizzera,dallaFranciaall'Inghilterra,allaNorvegia,ecc.:il
verolavoro"diStato"sicompiefralequinte,esonoiministeri,lecancellerie,glistatimaggiori
che lo compiono. Nei Parlamenti non si fa che chiacchierare, con lo scopo determinato di
turlupinareil"popolino". [...] Nelgovernosiballaunaquadrigliapermanente,daunlato,per
sistemareaturnoattornoalla"torta"deiposticiniremunerativieonorificiilpigrannumero
possibiledisocialistirivoluzionariedimenscevichi;d'altrolato,per"occuparel'attenzione"del
popolo,Enellecancellerie,neglistatimaggiori"sisbrigano"lefaccende"delloStato".[...]
La Comune sostituisce questo parlamentarismo venale e corrotto della societ borghese con
istituzioni in cui la libert di opinione e di discussione non degenera in inganno; poich i
parlamentaridebbonoessistessilavorare,applicareessistessileloroleggi,verificarneessistessii
risultati,risponderneessistessidirettamentedavantiailoroelettori.Leistituzionirappresentative
rimangono,mailparlamentarismo,comesistemaspeciale,comedivisionedellavorolegislativo
ed esecutivo, come situazione privilegiata per i deputati, non esiste pi. Noi non possiamo
concepireunademocrazia,siapurunademocraziaproletaria,senzaistituzionirappresentative,
mapossiamoe dobbiamo concepirlasenzaparlamentarismo,selacriticadellasocietborghese
non per noi una parola vuota di senso, se il nostro sforzo per abbattere il dominio della
borghesiaunosforzoserioesinceroenonunafrase"elettorale"destinataascroccarevotidegli
operai,comeloperimenscevichieisocialistirivoluzionari[...].
InMarxnonv'unbriciolodiutopismo;eglinoninventa,nonimmaginaunasociet"nuova".No,
eglistudia,comeunprocessodistorianaturale,lagenesidellanuovasocietchesorgedall'antica,
leformeditransizionetra l'una el'altra. Egli sibasa sui fatti,sull'esperienza delmovimento
proletario di massa e cerca di trarne insegnamenti pratici. Egli "si mette alla scuola" della
Comune, come tutti i grandi pensatori rivoluzionari non esitavano a mettersi alla scuola dei
grandimovimentidellaclasseoppressa,senzamaifarloropedantementela"morale"[...].
Nonsarebbepossibiledistruggeredipuntoinbianco,dappertutto,completamente,laburocrazia.
Sarebbe utopia. Ma spezzare subito la vecchia macchina amministrativa per cominciare
immediatamente a costruirne una nuova, che permetta la graduale soppressione di ogni
burocrazia,nonutopia,l'esperienzadellaComune,ilcompitoprimordialeeimmediatodel
proletariato rivoluzionario. Il capitalismo semplifica i metodi d'amministrazione "dello Stato",
permettedieliminarela"gerarchia"ediridurretuttoaun'organizzazionedeiproletari(inquanto
classedominante)cheassume,innomedituttalasociet,"operai,sorvegliantiecontabili".Noi
non siamo degli utopisti. Non "sogniamo" di fare a meno, dall'oggi al domani, di ogni
amministrazione, di ogni subordinazione; questi sono sogni anarchici, fondati
sull'incomprensionedeicompitidelladittaturadelproletariato,sognichenullahannodicomune
conilmarxismoechedifattoservono unicamentearinviare larivoluzione socialistafinoal
giorno in cui gli uomini saranno cambiati. No, noi vogliamo la rivoluzione socialista con gli
uominiqualisonooggi,echenonpotrannofareamenondisubordinazione,ndicontrollo,n
di"sorveglianti,ndicontabili".

66

Ma bisogna subordinarsi all'avanguardia armata di tutti gli sfruttati e di tutti i lavoratori: al


proletariato. Si pu e si deve subito, dall'oggi al domani, cominciare a sostituire la specifica
"gerarchia"deifunzionaristataliconlesemplicifunzioni"disorvegliantiedicontabili",funzioni
chesonosindaoraperfettamenteaccessibiliallivellogeneraledisviluppodegliabitantidelle
citt e possono facilmente essere compiute per "salari da operai". Organizziamo la grande
industriapartendodacicheilcapitalismohagicreato;organizziamolanoi stessi,noioperai,
fortidellanostraesperienzaoperaia,imponendounarigorosadisciplina,unadisciplinadiferro,
mantenutapermezzodelpoterestataledeilavoratoriarmati;riduciamoifunzionaridelloStato
allafunzionedisempliciesecutorideinostriincarichi,allafunzionedi"sorvegliantieaicontabili",
modestamenteretribuiti, responsabili erevocabili(conservandonaturalmenteitecnicidiogni
specieediognigrado):questoil nostro compitoproletario;daquestochesipuesideve
cominciare facendo la rivoluzione proletaria. Questo inizio, fondato sulla grande produzione,
portadaseallagraduale"estinzione"diogniburocrazia,allagradualeinstaurazionediunordine
ordinesenzavirgolette,ordinediversodallaschiavitsalariataincuilefunzioni,semprepi
semplificate,disorveglianzaedicontabilitsarannoadempiuteaturno,datutti,diverranopoi
un'abitudineefinalmentescomparirannoinquantofunzionispecialidiunaspecialecategoriadi
persone.[...]
Tutta l'economianazionaleorganizzatacomelaposta;itecnici,isorveglianti,icontabili,come
tutti ifunzionaridelloStato,retribuiticonunostipendiononsuperioreal"salariodaoperaio",
sottoilcontrolloeladirezionedelproletariatoarmato:eccoilnostrofineimmediato.Eccolo
Stato, ecco la base economica dello Stato di cui abbiamo bisogno. Ecco ci che ci dar la
distruzionedelparlamentarismoeilmantenimentodelleistituzionirappresentative,eccociche
sbarazzerleclassilavoratricidellaprostituzionediquesteistituzionidapartedellaborghesia.

4.L'organizzazionedell'unitnazionale
[] semplicemente mostruoso! Confondere le concezioni di Marx sulla "soppressione del
potere dello Stato parassita" col federalismo di Proudhon! Ma non per caso, giacch
all'opportunistanonvienenemmenoinmentecheMarxquinonparlaaffattodelfederalismoin
opposizionealcentralismo,madellademolizionedellavecchiamacchinadelloStatoborghese

67

esistente in tutti i paesi borghesi. All'opportunista viene in mente soltanto ci che egli vede
attornoase,nelsuoambientedifilisteismopiccoloborgheseedistagnazione"riformista",valea
direlesole"municipalit"!Quantoallarivoluzionedelproletariato,l'opportunistahadisimparato
persinoapensarci.[...]
NelleconsiderazionidiMarxgicitatesull'esperienzadellaComunenonc'laminimatracciadi
federalismo.Marxd'accordoconProudhonpropriosuunpuntochel'opportunistaBernstein
nonvede;MarxdissentedaProudhonproprioldoveBernsteinvedelaconcordanza.Marxd'
accordoconProudhoninquantoentrambisonoperla"demolizione"dell'attualemacchinastatale.
Questaconcordanzadelmarxismoconl'anarchismo(siaconProudhoncheconBakunin)non
vogliono vederla n gli opportunisti n i kautskiani, perch su questo punto essi si sono
allontanatidalmarxismo.
MarxdissentesiadaProudhonchedaBakuninappuntoapropositodelfederalismo(pernon
parlare poi della dittatura del proletariato). In linea di principio, il federalismo deriva dalle
vedutepiccoloborghesidell'anarchismo.Marxcentralista.Eintuttiipassicitatinonsitrover
laminimarinunciaalcentralismo.Soltantogenteimbevutadiunavolgare"fedesuperstiziosa"
nello Stato pu scambiare la distruzione della macchina borghese con la distruzione del
centralismo!
Maseilproletariatoeicontadinipoverisiimpadronisconodelpoterestatale,siorganizzanoin
pienalibertnellecomuniecoordinanol'azionedituttelecomunipercolpireilcapitale,spezzare
laresistenzadeicapitalisti,rimettereatuttalanazione,atuttalasocietlaproprietprivatadelle
ferrovie,delleofficine,dellaterra,ecc,nonquestoforsecentralismo?Nonforseilcentralismo
democraticopiconseguente,e,conci,uncentralismoproletario?Bernsteinsemplicemente
incapacediconcepirelapossibilitdiuncentralismovolontario,diun'unionevolontariadelle
comuniinnazione,diunavolontariafusionedellecomuniproletarienell'operadidistruzionedel
dominioborgheseedellamacchinastataleborghese.Bernstein,comeognifilisteo,sirappresenta
ilcentralismocomeunqualcosache,venendounicamentedall'alto,nonpuessereimpostoe
mantenutosenondallaburocraziaedalmilitarismo.
Marx,quasiavesseprevistochelesueideepotevanoesseretravisate,sottolineaintenzionalmente
che accusare la Comune di aver voluto distruggere l'unit nazionale e sopprimere il potere
centrale equivale a commettere scientemente un falso. Marx adopera intenzionalmente
l'espressione "organizzare l'unit della nazione" per contrapporre il centralismo proletario
cosciente,democratico,alcentralismoborghese,militare,burocratico.Ma...nonc'peggiorsordo
di chi non vuol sentire. Gli opportunisti della socialdemocrazia contemporanea non vogliono
appuntosentirparlaredidistruggereilpoteredelloStato,diamputarequestoparassita.
5.LadistruzionedelloStatoparassita
[] "Distruzione del potere totale", questa "escrescenza parassitaria", "amputazione",
"demolizione" di questo potere, "il potere dello Stato ormai diventato superfluo": in questi
terminicheMarxparladelloStato,giudicandoeanalizzandol'esperienzadellaComune.[...]Le
conclusionicheMarxtrassedall'ultimagranderivoluzionech'eglivisse,sonostatedimenticate
proprioquandogiuntal'oradinuovegrandirivoluzionidelproletariato.
"...LamolteplicitdelleinterpretazionichesidannodellaComuneelamolteplicitdegliinteressi
chenellaComunehannotrovatolaloroespressione,mostranocheessafuunaformapolitica
fondamentalmente espansiva, mentre tutte le precedenti forme di governo erano state
unilateralmenterepressive.Ilsuoverosegretofuquesto:cheessafuessenzialmenteungoverno
della classe operaia, il prodotto della lotta della classe dei produttori contro la classe
appropriatrice, la forma politica finalmente scoperta. nella quale si poteva compiere la
emancipazione economica del lavoro... Senza quest'ultima condizione, la costituzione della
Comunesarebbestataunacosaimpossibileeuninganno..."
Gliutopistisisonosempresforzatidi"scoprire"leformepolitichenellequalidovevaprodursila
trasformazionesocialistadellasociet.Glianarchicisisonodisinteressatidellaquestionedelle
formepoliticheingenerale.[]LaComunelaforma"finalmentescoperta"dallarivoluzione
proletariasottolaqualepotevaprodursilaemancipazioneeconomicadellavoro.LaComuneil

68

primotentativodellarivoluzioneproletariadi spezzare lamacchinadelloStatoborghese;la


formapolitica"finalmentescoperta"chepuedevesostituirequelchestatospezzato.Vedremo
piavantichelerivoluzionirussedel1905edel1917continuano,inunasituazionedifferente,
in altre condizioni, l'opera della Comune e confermano la geniale analisi storica di Marx.

IV.Seguito.SpiegazionicomplementaridiEngels
1."Laquestionedelleabitazioni"
Nellasuaoperasullaquestionedelleabitazioni(1872)Engelssibasagisull'esperienzadella
Comunequando,apiriprese,sisoffermasuicompitidellarivoluzioneneiconfrontidelloStato.
[...]
"Comerisolveredunquelaquestionedelleabitazioni?Nell'odiernasociet,esattamentecomesi
risolve qualsiasi altra questione sociale: mediante la graduale perequazione economica di
domandaedofferta,soluzionechecreasemprenuovamentelastessaquestione,echequindinon
unasoluzione.Lasoluzionechedarebbeallaquestioneunarivoluzionesocialenondipende
soltantodallecondizionidelmomento,maancheconnessaadunaseriediquestionidimolto
maggiorampiezza[...].Perunfattosicurofindaadesso,eciochenellegrandicittvisono
gisufficientiedificidiabitazionidapermetterediporreimmediatoriparo,conunautilizzazione
razionale delle abitazioni medesime, ad ogni reale "insufficienza di abitazioni". Ci pu
naturalmentefarsisoloacondizionechesianoespropriatigliattualiproprietariosianooccupate
lelorocasedapartedeisenzatettoodeglioperaicheinprecedenzavivevanoammassatiin
numeroeccessivonelleloroabitazioni;enonappenailproletariatoavrconquistatoilpotere
politico. una tale misura prescritta dal bene pubblico sar facile a compiere esattamente
quantosonofacilioggialtreespropriazioniedoccupazionidapartedell'attualeStato"[...] .
Nonsiprendequiinconsiderazioneilcambiamentodiformadelpoterestatale,masoltantoil
contenutodellasuaattivit.AncheperordinedelloStatoattualesiprocedeadespropriazioniea
requisizionidialloggi.Dalpuntodivistaformale,loStatoproletario"ordiner"essopuredelle
requisizioni di alloggi e delle espropriazioni di case. Ma evidente che il vecchio apparato

69

esecutivo,laburocrazialegataallaborghesia,sarebbesemplicementeincapacediapplicarele
decisionidelloStatoproletario.
[]EngelssiesprimeconestremaprudenzadicendocheloStatoproletario"probabilmente",
"almenonelperiodotransitorio",nondistribuirglialloggigratuitamente.L'affittodeglialloggi,
propriet di tuttoilpopolo, a queste o quelle famiglie colcorrispettivodi una certa pigione,
supponedunquelapercezionediquestapigione,uncertocontrolloel'istituzionedicertenorme
di ripartizione degli alloggi. Tutto ci esige una certa forma di Stato, ma non rende affatto
necessario uno speciale apparato militare e burocratico, con funzionari che godano d'una
situazione privilegiata. Il passaggio a uno stato di cose tale in cui gli alloggi possono essere
assegnatigratuitamenteconnessoallatotale"estinzione"delloStato.
[] Il marxismo ha sempre insegnato che con l'abolizione delle classi si compie anche
l'abolizione dello Stato. Il passo a tutti noto dell'Antidhring sull'"estinzione dello Stato"
rimproveraglianarchicinontantodiessereperl'abolizionedelloStato,quantodipretendereche
siapossibileabolireloStato"dall'oggialdomani".[...]
2.Polemicaconglianarchici
Questapolemicarisaleal1873.MarxedEngelsavevanopubblicato,inunaraccoltasocialista
italiana,degliarticolicontroiproudhoniani,"autonomisti"o"antiautoritari"[...].
"...Se la lotta politica della classe operaia scriveva Marx deridendo gli anarchici e la loro
negazione della politica assume forme violente, se gli operai sostituiscono la loro dittatura
rivoluzionaria alla dittatura della classe borghese, essi commettono il terribile delitto di
lesoprincipio, perch per soddisfare i loro miserabili bisogni profani di tutti i giorni, per
schiacciarelaresistenzadellaclasseborghese,invecediabbassarelearmiediabolireloStato,
essiglidnnounaformarivoluzionariaetransitoria..."[...]
controquesta"abolizione"delloStato,esolocontroquesta,cheMarxsilevavanellasua
polemicacontroglianarchici!NoncontroI'ideacheloStatoscompareconlascomparsadelIe
classi,osarabolitoconlaabolizionedelIeclassi,macontrolarinunciadeglioperaiafareuso
dellearmi,dellaviolenzaorganizzata, valeadiredelloStato,chedeveservirea"schiacciarela
resistenzadeIlaclasseborghese".
perch non si travisi il vero significato della sua lotta contro l'anarchismo. Marx sottolinea
intenzionalmente"laformarivoluzionariae transitoria"delloStatonecessarioalproletariato.Il
proletariatohabisognodelloStatosoloperuncertoperiododitempo.Quantoall'abolizionedello
Stato, come fine, noi non siamo affatto in disaccordo con gli anarchici. Affermiamo che per
raggiungerequestofineindispensabileutilizzaretemporaneamente, contro glisfruttatori,gli
strumenti, i mezzi e i metodi delpoterestatale, cos com' indispensabile, persopprimere le
classi,stabilireladittaturatemporaneadellaclasseoppressa.Nelporrelaquestionecontrogli
anarchici,Marxsceglieilmodopiincisivoepichiaro:abbattendoilgiogodeicapitalisti,gli
operaidebbono"deporrelearmi"orivolgerlecontroicapitalistiperspezzarelalororesistenza?E
seunaclassefasistematicamenteusodellearmicontroun'altraclasse,checosaquestosenon
una"formatransitoria"diStato?
[]Engelssviluppalestesseideeinmodoancorpiparticolareggiatoepopolare.Eglideride
innanzituttolaconfusionediideedeiproudhonianichesichiamavano"antiautoritari",negavano
cio ogni autorit, ogni subordinazione, ogni potere. Prendete una fabbrica, una ferrovia, un
piroscafoinaltomare,diceEngels,non evidentechesenzaunacertasubordinazione,e
quindisenzaunacertaautoritouncertopotere,nonpossibilefarfunzionarenemmenounodi
questi complicati apparati tecnici, fondati sull'impiego delle macchine e la metodica
collaborazionediungrannumerodipersone?
"...Allorchiosottoposisimiliargomentiaipifuriosiantiautoritari,scriveEngels,essinon
sepperorispondermichequesto:"Ah!Civero,maquinonsitrattadiun'autoritchenoidiamo
aidelegati, madiun incarico!".Questisignoricredonoavercambiatolecosequandonehanno
cambiatoinomi..."
[...]Engelspassadalleconsiderazionigeneralisull'autoritalproblemadelloStato.

70

"...Segliautonomistiegliscrivesilimitasseroadirechel'organizzazionesocialedell'avvenire
restringerl'autoritaisolilimitineiqualilecondizionidellaproduzionelarendonoinevitabile,
sipotrebbeintendersi;invece,essisonociechipertuttiifatticherendononecessarialacosa,esi
avventanocontrolaparola.
"perchgliantiautoritarinonsilimitanoagridare control'autoritpolitica,loStato?Tuttii
socialistisonod'accordoinci,cheloStatopoliticoeconluil'autoritpoliticascomparirannoin
conseguenzadellaprossimarivoluzionesociale,eciochelefunzionipubblicheperderannoil
loro carattere politico, e si cangieranno in semplici funzioni amministrative veglianti ai veri
interessisociali.MagliantiautoritaridomandanocheloStatopoliticoautoritariosiaabolitod'un
tratto, prima ancora che si abbiano distrutte le condizioni sociali, che l'hanno fatto nascere.
Eglinodomandanocheilprimoattodellarivoluzionesocialesial'abolizionedell'autorit.Non
hanno mai veduto una rivoluzione questi signori? Una rivoluzione certamente la cosa pi
autoritariachevisia;l'attoperilqualeunapartedellapopolazioneimponelasuavolont
all'altrapartecolmezzodifucili,baionetteecannoni,mezziautoritari,secenesono;eilpartito
vittorioso,senonvuolaverecombattutoinvano,devecontinuarequestodominiocolterroreche
lesuearmiispiranoaireazionari.LaComunediParigisarebbedurataunsolgiorno,senonsi
fosseservitadiquestaautoritdipopoloarmato,infacciaaiborghesi?Nonsipualcontrario
rimproverarledinonesserseneservitaabbastanzalargamente?
"Dunque,delleduecosel'una:ogliantiautoritarinonsannocichesidicono,einquestocaso
nonseminanochelaconfusione;oessilosanno,einquestocasotradisconoilmovimentodel
proletariato.Nell'uncasoenell'altroessiservonolareazione".
[]loStatochesiestingue,auncertopuntodallasuaestinzione,puesserechiamatounoStato
nonpolitico.[...]L'ideachesifannoglianarchicidell'abolizionedelloStato confusae non
rivoluzionaria:eccocomeEngelsimpostlaquestione.propriolarivoluzione,nelsuosorgeree
nelsuosviluppo,neisuoicompitispecificirispettoallaviolenza,all'autorit,alpotere,alloStato,
cheglianarchicisirifiutanodivedere.
Perisocialdemocraticicontemporaneilacriticadell'anarchismosiriduceabitualmenteaquesta
purabanalitpiccoloborghese:"NoiammettiamoloStato,glianarchicino!".Naturalmenteuna
tale banalit non pu non suscitare l'avversione degli operai con un minimo di raziocinio e
rivoluzionari.BenaltrocichediceEngels:eglisottolineachetuttiisocialistiriconosconoche
lascomparsadelloStatounaconseguenzadellarivoluzionesocialista.Inseguitoegliponein
modoconcretolaquestionedellarivoluzione,laquestioneappuntocheisocialdemocratici,peril
loro opportunismo, generalmente eludono, abbandonando agli anarchici il monopolio della
pseudo"elaborazione"diquestoproblema.Eponendotalequestione,Engelsprendeiltoroperle
corna:laComunenonavrebbedovutoforseservirsimaggiormentedelpotererivoluzionariodello
Stato,valeadiredelproletariatoarmato,organizzatocomeclassedominante?[...]
3.UnaletteraaBebel
[]EngelsavevascrittoaBebelcriticandoilprogettodelprogrammadiGotha,cheancheMarx
avevacriticatonellasuanotaletteraaW.Bracke.Parlandoinparticolaredelproblemadello
Stato,Engelsscrive:
"...LoStatopopolareliberosi trasformatoinStatolibero.Secondoilsensogrammaticaledi
questeparole,unoStatoliberoquellocheliberoversoisuoicittadini,ciounoStatoconun
governo dispotico. Sarebbe ora di farla finita con tutte queste chiacchiere sullo Stato,
specialmente dopo la Comune che non era pi uno Stato nel senso proprio della parola. Gli
anarchicicihannoabbastanzarinfacciatolo"Statopopolare",benchgiillibrodiMarxcontro
Proudhon e in seguito il Manifesto del Partito comunista dicano esplicitamente che con
l'instaurazionedelregimesocialesocialistaloStatosidissolvedas[sichauflst]escompare.
NonessendoloStatoaltrocheun'istituzionetemporaneadicuicisideveservirenellalotta,nella
rivoluzione, per tener soggiogati con la forza i propri nemici, parlare di uno "Stato popolare
libero"puraassurdit:finchilproletariatohaancora bisogno delloStato,nehabisognonon
nell'interesse della libert, ma nell'interesse dell'assoggettamentodei suoi avversari, e quando
diventapossibileparlaredilibertalloraloStatocometalecessadiesistere.Noiproporremo

71

quindi di mettere ovunque invece della parola Stato la parola Gemeinwesen, una vecchia
eccellenteparolatedesca,checorrispondeallaparolafranceseCommune".
[]"LaComunenonerapiunoStatonelsensopropriodellaparola":eccol'affermazionedi
Engels, fondamentale dal punto di vista teorico. Dopo l'esposizione che precede, questa
affermazioneperfettamentecomprensibile.LaComunecessavadiessereunoStatonellamisura
incuiessanondovevapiopprimerelamaggioranzadellapopolazione,maunaminoranza(gli
sfruttatori);essaavevaspezzatolamacchinadelloStatoborghese;invecediunaforzaparticolare
dioppressione,eralapopolazionestessacheentravaincampo.Tuttocinoncorrispondepiallo
Statonelsensopropriodellaparola.SelaComunesifosseconsolidata,letraccedelloStatosi
sarebbero"estinte"das:laComunenonavrebbeavutobisognodi"abolire"lesueistituzioni:
questeavrebberocessatodifunzionareamanoamanochenonavrebberopiavutonullada
fare.[]

4.CriticadelprogettodelprogrammadiErfurt
[]Isocialdemocraticitedeschihannoagitoperpauradiunrinnovodelleleggieccezionali:
questo il fatto essenziale che Engels pone in primo piano e definisce, senza mezzi termini,
opportunismo,dichiarandoche,appuntoperchinGermanianonv'repubblicaenonv'libert,
sognareunavia"pacifica"cosainsensata.Engelsabbastanzaprudentepernonlegarsilemani.
Egliriconoscecheneipaesirettiarepubblicaochegodonodiunagrandissimalibert"sipu
concepire"(soltanto"concepire"!)un'evoluzionepacificaversoilsocialismo[].
"Questo dimenticare i grandi principi fondamentali di fronte agli interessi passeggeri del
momento, questo lottare e tendere al successo momentaneo senza preoccuparsi delle
conseguenzechenescaturiranno,questosacrificareilfuturodelmovimentoperilpresentedel
movimento,puessereconsideratoonorevole,maerimaneopportunismo,el'opportunismo
"onorevole"forseilpeggioreditutti...
"Seviqualcosadicerto, proprioilfatto cheilnostropartitoe laclasseoperaia possono
giungerealpoteresoltantosottolaformadellarepubblicademocratica.Anzi,questalaforma
specifica per la dittatura del proletariato, come gi ha dimostrato la Grande Rivoluzione
francese..."
Engelsripetequi,mettendolaparticolarmenteinrilievo,l'ideafondamentalecheattraversa,come
un filo ininterrotto, tutte le opere di Marx: la repubblica democratica la via pi breve che
conducealladittaturadelproletariato.Questarepubblica,infatti,benchnonsopprimaaffattoil
dominiodelcapitale,equindil'oppressionedellemasseelalottadiclasse,portainevitabilmente
questalottaaun'estensione,aunosviluppo,aunoslancioeadun'ampiezzataleche,unavolta

72

apparsalapossibilitdisoddisfaregliinteressiessenzialidellemasseoppresse,questapossibilit
sirealizzanecessariamenteeunicamenteconladittaturadelproletariato,conladirezionedi
questemassedapartedelproletariato.[...]
Sul problema della repubblica federativa in relazione con la composizione nazionale della
popolazione,Engelsscriveva:
[...] "A mio giudizio, il proletariato pu utilizzare soltanto la forma della repubblica una e
indivisibile.Larepubblicafederaleancoraoggi,nelcomplesso,unanecessit,datalagigantesca
estensione territoriale degli Stati Uniti, sebbene nella loro parte orientale costituisca gi un
impedimento.SarebbeunprogressoinInghilterra,dovesulledueisolevivonoquattronazioni,e
dovenonostanteunParlamentounicosussistonogioggi,unoaccantoall'altro,tretipidisistemi
legislativi.GidatempoessadivenutaunostacolonellapiccolaSvizzera,sopportabilesoltanto
perchlaSvizzerasiaccontentadiessereunmembropuramentepassivodelsistemadegliStati
europei. Per la Germania una imitazione del federalismo svizzero sarebbe un enorme passo
indietro.DuepuntidividonoloStatofederaledalloStatounitario,cioilfattocheognisingolo
Statofederato,ogniCantone,halaproprialegislazionecivileepenaleelapropriaorganizzazione
giudiziaria,eilfattocheaccantoalParlamentodelpopolo(Volkshaus)esisteunParlamentodegli
Stati(Staatenhaus),nelqualeogniCantone,grandeopiccolo,votacometale".
[] Ben lontano dal disinteressarsi delle forme dello Stato, Engels si sforza al contrario di
analizzareconlamassimaattenzioneproprioleformetransitorie,perdeterminareinognicaso
specifico,inbasealleparticolaritstoricheconcrete,qualepassaggio,dachecosaeversochecosa,
rappresentilaformatransitoriaesaminata
ComeMarx,Engelsdifende,dalpuntodivistadelproletariatoedellarivoluzioneproletaria,il
centralismodemocratico,larepubblicaunaeindivisibile.Egliconsideralarepubblicafederaleo
come un'eccezione alla regola e un ostacolo allo sviluppo, o come una transizione tra la
monarchiaelarepubblicacentralizzata,comeun"passoavanti",incertecondizioniparticolari.E
fraquestecondizioniparticolari,metteinevidenzalaquestionenazionale.
SiainEngelscheinMarx,benchessiabbianocriticatoimplacabilmenteilcaratterereazionario
degli staterelli in quanto tali e l'utilizzazione, in casi concreti, della questione nazionale per
mascherare questo carattere reazionario, non si trover, in nessuno dei loro scritti, neppur
l'ombra della tendenza ad eludere la questione nazionale, tendenza di cui parlano spesso i
marxistiolandesiepolacchi,purpartendodallalottadeltuttolegittimacontroilnazionalismo
angustamentepiccoloborghesedei"loro"piccoliStati.
[]MaEngelsnonconcepisceaffattoilcentralismodemocraticonelsensoburocraticodatoa
questa nozione dagli ideologi borghesi e piccoloborghesi, compresi, fra questi ultimi, gli
anarchici. Per Engels il centralismo non esclude affatto una larga autonomia amministrativa
locale, la quale, mantenendo le "comuni" e le regioni volontariamente l'unit dello Stato,
sopprimerecisamenteogniburocraziaeogni"comando"dall'alto.
[]Engelsproponequindidiformularenelmodoseguentel'articolodelprogrammarelativo
all'autonomia amministrativa: "Amministrazione completamente autonoma nella provincia",
(governatoratooregione)"neidistrettieneicomuni,dapartediimpiegatieletticonsuffragio
universale.AbolizionediogniautoritlocaleeprovincialenominatadalloStato".[...]
molto importante rilevare che Engels, prove alla mano, smentisce con il pi preciso degli
esempi il pregiudizio straordinariamente diffuso specie nella democrazia piccoloborghese,
secondoilqualeunarepubblicafederalesignifichinecessariamentemaggiorelibertdiquanto
nonsiabbiainunarepubblicacentralizzata.falso.IfatticitatidaEngelsrelativiallarepubblica
francese centralizzata del 1792l798 e alla repubblica federale svizzera confutano questa
affermazione.Inrealtlarepubblicacentralizzata,effettivamentedemocratica,diede maggiore
libertchenonlarepubblicafederale.Inaltritermini:lamaggiorelibertlocale,regionale,ecc.,
chelastoriaabbiaconosciutastatadatadallarepubblica centralizzata enondallarepubblica
federale.
Lanostrapropagandaelanostraagitazionedipartitohannodedicatoededicanotuttorauna

73

insufficienteattenzioneaquestofatto,come,ingenerale,atuttoilproblemadellarepubblica
federaleecentralizzataedellaautonomiaamministrativalocale.
5.Laprefazionedel1891alla"Guerracivile"diMarx
[]Un'altrariflessioneincidentalediEngels,anch'essalegataalproblemadelloStato,riguarda
la religione. noto che la socialdemocrazia tedesca, a mano a mano che si incancreniva e
diventava sempre pi opportunista, scivolava con sempre maggiore frequenza verso una
interpretazioneerroneaefilisteadellacelebreformula:"Lareligioneunaffareprivato".Questa
formulainfattierainterpretatacomese, ancheperilpartito delproletariatorivoluzionario,la
questione della religione fosse un affare privato!! Contro questo completo tradimento del
programmarivoluzionariodelproletariatosilevEngels,che,nonpotendoancora,nel1891,
osservarenelsuopartitosenondeidebolissimigermidiopportunismo,siesprimevaquindicon
grandeprudenza:
"ComenellaComunevieranoquasisolooperaiorappresentantiriconosciutideglioperai,cos
anchelesuedeliberazioniavevanounadecisaimprontaproletaria.Odecretavanoriformechela
borghesia repubblicana aveva trascurato soltantoper vilt, ma che rappresentavano una base
necessariaperlalibertd'azionedellaclasseoperaia,comel'attuazionedelprincipiochedifronte
alloStato lareligionenon cheunsempliceaffareprivato;oppureemettevanodeliberazioni
nell'interessedirettodellaclasseoperaia,chetalvoltaincidevanoancheprofondamentesull'antico
ordinamento sociale...". con intenzione che Engels ha sottolineato le parole "di fronte allo
Stato";intalmodoegliattaccavainpienol'opportunismotedescochedichiaravalareligioneun
affare privato di fronte al partito e abbassava cos il partito del proletariato rivoluzionario al
livellodelpivolgarepiccoloborghese"liberopensatore",chedispostoadammetterechesi
possa rimanere fuori della religione, ma rinnega il compito del partito di lottare contro la
religione,quest'oppiocheinebetisceilpopolo.[]Engelssottolineaancoraunavoltachenon
soloinunamonarchia,maanchenellarepubblicademocratica,loStatorimaneloStato;conserva
ciolasuacaratteristicafondamentale:trasformareifunzionari,da"servitoridellasociet"esuoi
organi,inpadronidellasociet.
"...Controquestatrasformazione,inevitabilefinoraintuttigliStati,delloStatoedegliorgani
dello Stato da servitori della societ in padroni della societ, la Comune applic due mezzi
infallibili. In primo luogo, assegn elettivamente tutti gli impieghi amministrativi, giudiziari,
educativi, per suffragio generaledegli interessati econ diritto costantedi revoca da partedi
questi.Insecondoluogo,pertuttiiservizi,altiebassi,pagsololostipendiochericevevanogli
altrilavoratori.Ilpialtoassegnocheessapagavaeradi6.000franchi.Inquestomodoeraposto
unfrenosicuroallacacciaagliimpieghiealcarrierismo,anchesenzaimandatiimperativiperi
delegatiaiCorpirappresentativi,chefuronoaggiuntipersoprappi..."
[]Engelsnoncadepernell'errorechecommettono,adesempio,certimarxistiapropositodel
diritto delle nazioni all'autodecisione: in regime capitalistico, essi dicono, questo diritto
irrealizzabile,einregimesocialistadiventasuperfluo.Questoragionamento,chevorrebbeessere
spiritoso,masoltantosbagliato,potrebbeessereapplicatoa qualsiasi istituzionedemocratica,
compreso il modesto stipendio assegnato ai funzionari, poich un sistema democratico
rigorosamenteconseguentenon possibileinregime capitalistico,einregimesocialistaogni
democraziafinirperestinguersi.[...]
Engelsmettevainguardiaitedeschiperchnondimenticassero,nell'eventualitdellasostituzione
dellamonarchiaconlarepubblica,iprincpidelsocialismosulproblemadelloStatoingenerale.
[] Ancora due osservazioni: 1) Quando Engels dice che nella repubblica democratica "non
meno"chenellamonarchia,loStatorimane"unamacchinaperl'oppressionediunaclasseda
parte di un'altra", ci non significa affatto che la forma d'oppressione sia indifferente per il
proletariato,come"insegnano"certianarchici.Unaformapilarga,pilibera,piaperta,dilotta
di classe e di oppressione di classe facilita immensamente al proletariato la sua lotta per la
soppressionedelleclassiingenerale.2)perchsoltantounanuovagenerazionesaringradodi
scrollarsi dalle spalle tutto il ciarpame statale? Questo problema connesso a quello del
superamentodellademocrazia,delqualeparleremoora.

74

6.Engelssulsuperamentodellademocrazia
Engelshaavutomododipronunciarsisuquestopuntotrattandodellainesattezzascientificadella
denominazione"socialdemocratico".
Nellaprefazioneallaraccoltadeisuoiarticolideglianni1870sudiversitemi[...]prefazionein
data3gennaio1894,cioscrittaunannoemezzoprimadellasuamorte,Engelsscrivechein
tuttiisuoiarticolieglihaimpiegatolaparola"comunista"e non "socialdemocratico",percha
quell'epocasichiamavanosocialdemocraticiiproudhonianiinFranciaeilassallianiinGermania.
"...PerMarxcomeperme,continuaEngels,eradunqueassolutamenteimpossibileadoperare
un'espressione cos elastica per definire la nostra posizione. Oggi la cosa diversa, e questa
parola"("socialdemocratico")"puforseandare[magpassieren]perquantorimangaimprecisa
[unpassend, impropria] per un partito il cui programma economico non semplicemente
socialistaingenerale,maveramentecomunista;perunpartitoilcuiscopopoliticofinale la
soppressionediogniStatoe,quindi,diognidemocrazia.Delresto,iveri(ilcorsivodiEngels)
partitipoliticinonhannomaiunadenominazionecheloroconvengaperfettamente;ilpartitosi
sviluppa,ladenominazionerimane".
IldialetticoEngelsneldeclinodeisuoigiornirimanefedelealladialettica.Marxedio,eglidice,
avevamoperilpartitounnomeeccellente,scientificamenteesatto,maalloranonc'eraunvero
partito, cio un partito proletario di massa. Ora (fine del secolo decimonono) esiste un vero
partito,malasuadenominazione scientificamenteinesatta.Nonimporta,essa"puandare"
purchilpartitosisviluppi,purchl'inesattezzascientificadelsuonomenonglisfuggaenongli
impediscadisvilupparsiinunagiustadirezione!
[] Ma la questione del nome del partito infinitamente meno importante di quella
dell'atteggiamentodelproletariatorivoluzionarioversoloStato.DiscutendosulloStatosicade
abitualmentenell'errorecontroilqualeEngelsmettequiinguardiaechenoiabbiamogiprima
segnalatodisfuggita:sidimenticaciochelasoppressionedelloStatoanchelasoppressione
dellademocrazia,echel'estinzionedelloStatol'estinzionedellademocrazia.

75

Aprimavistaquestaaffermazioneparedeltuttostranaeincomprensibile:alcunipotrebberoforse
persino temerechenoi auspichiamol'avventodi unordinamentosocialein cui non verrebbe
osservatoilprincipiodellasottomissionedellaminoranzaallamaggioranza;perchindefinitiva
checos'lademocraziasenonilriconoscimentodiquestoprincipio?
No!Lademocrazia non siidentificaconlasottomissionedellaminoranzaallamaggioranza.La
democrazia unoStato chericonoscelasottomissionedellaminoranzaallamaggioranza,cio
l'organizzazionedellaviolenzasistematicamenteesercitatadaunaclassecontroun'altra,dauna
partedellapopolazionecontrol'altra.
NoiciassegniamocomescopofinalelasoppressionedelloStato,ciodiogniviolenzaorganizzata
esistematica, diogni violenza esercitata controgliuomini ingenerale. Noi nonauspichiamo
l'avventodiunordinamentosocialeincuinonvengaosservatoilprincipiodellasottomissione
dellaminoranzaallamaggioranza.Ma,aspirandoalsocialismo,noiabbiamolaconvinzioneche
essositrasformerincomunismo,echescomparirquindiogninecessitdiricorrereingenerale
alla violenza contro gli uomini, alla sottomissione di un uomo a un altro, di una parte della
popolazioneaun'altra,perchgliuominisiabituerannoaosservarelecondizionielementaridella
convivenzasociale,senzaviolenzaesenzasottomissione.[...]

V.Lebasieconomichedell'estinzionedelloStato
Lo studio pi approfondito di questo problema lo troviamo in Marx, nella sua Critica del
programmadiGotha[...].Lapartepolemicadiquestaimportanteopera,checontienelacritica
del lassallismo, ha lasciato per cos dire nell'ombra la parte positiva, cio l'analisi della
connessionetralosviluppodelcomunismoel'estinzionedelloStato.
l.L'impostazionedellaquestioneinMarx
[] Non possibile evidentemente determinare il momento in cui avverr questa futura
"estinzione", soprattutto perch essa sar inevitabilmente un processo di lunga durata.
L'apparentedifferenzatraMarxedEngelssispiegaconladifferenzadegliargomentitrattatie
degli scopi da essi perseguiti. Engels si propone di dimostrare a Bebel, in modo clamoroso,
incisivo, a grandi linee, tutta l'assurdit dei pregiudizi correnti (condivisi in gran parte da
Lassalle) sullo Stato. Marx sfiora soltanto questo problema;unaltroargomento l'interessa: lo
sviluppodellasocietcomunista.
[] Sul fatto che il comunismo generato dal capitalismo, si sviluppa storicamente dal
capitalismo,ilrisultatodell'azionediunaforzasocialeprodottadalcapitalismo.InMarxnonvi
tracciadeltentativodiinventaredelleutopie,difarevanecongetturesuquelchenonsipu
sapere.Marxponelaquestionedelcomunismocomeunnaturalistaporrebbe,peresempio,la
questionedell'evoluzionediunanuovaspeciebiologica,unavoltaconosciutalasuaorigineela
lineaprecisadellasuaevoluzione.
[]Ilprimopunto,stabilitoconlamassimaprecisionedatuttalateoriadell'evoluzionee,in
generale, da tutta la scienza punto che gli utopisti dimenticavano e che dimenticano gli
opportunistiodierni,iqualitemonolarivoluzionesocialeilseguente:storicamentecertoche
fra ilcapitalismo eil comunismo dovr necessariamente esserci uno stadioparticolare o una
tappaparticolareditransizione.
2.Latransizionedalcapitalismoalcomunismo
"...Tra la societ capitalistica e la societ comunista, prosegue Marx, vi il periodo della
trasformazionerivoluzionariadell'unanell'altra.Adessocorrispondeancheunperiodopoliticodi
transizione,ilcuiStatononpuesserealtrocheladittaturarivoluzionariadelproletariato..."
Questaconclusionesibasa,inMarx,sull'analisidellafunzionecheilproletariatohanellasociet
capitalisticaodierna,suidatidellosviluppodiquestasocietesullainconciliabilitdegliopposti
interessi del proletariato e della borghesia. Prima la questione veniva posta in talmodo: per
ottenerelasuaemancipazioneilproletariatodeverovesciarelaborghesia,conquistareilpotere

76

politico,stabilirelasuadittaturarivoluzionaria.Oralaquestionesiponeinmodounpo'diverso:
ilpassaggiodallasocietcapitalistica,chesisviluppaindirezionedelcomunismo,allasociet
comunistaimpossibilesenzaun"periodopoliticoditransizione",eloStatodiquestoperiodo
nonpuesseraltrocheladittaturarivoluzionariadelproletariato.[...]
Lasocietcapitalistica,consideratanellesuecondizionidisviluppopifavorevoli,cioffrenella
repubblicademocraticaunademocraziapiomenocompleta.Maquestademocraziasempre
limitata nel ristretto quadro dello sfruttamento capitalistico, e rimane sempre, in fondo, una
democraziaperlaminoranza,perlesoleclassipossidenti,perisoliricchi.Lalibert,nellasociet
capitalistica,rimanesemprepiomenoquella chefu nellerepubblichedell'anticaGrecia:la
libertperiproprietaridischiavi.Gliodiernischiavisalariati.inconseguenzadellosfruttamento
capitalistico,sonotalmentesoffocatidalbisognoedallamiseria,che"hannoaltropelcapochela
democrazia", "che la politica", sicch, nel corso ordinario e pacifico degli avvenimenti, la
maggioranzadellapopolazionesitrovatagliatafuoridallavitapoliticaesociale.[...]
Democraziaperun'infimaminoranza,democraziaperiricchi:questo ilsistemademocratico
della societ capitalistica. Se osserviamo pi da vicino il meccanismo della democrazia
capitalistica,sivedrannosempredovunquesianei"piccoli"(ipretesipiccoli)particolaridella
legislazione elettorale (durata della residenza, esclusione delle donne, ecc.), sia nel
funzionamentodelleistituzionirappresentative,sianegliostacolidifattoaldirittodiriunione(gli
edifici pubblici nonsonoper i "poveri"!), sia nell'organizzazione puramente capitalistica della
stampaquotidiana,ecc.sivedrannorestrizionisurestrizionialsistemademocratico.Queste
restrizioni,eliminazioni,esclusioni,intralciperipoverisembranopiccolisoprattuttoacoloroche
nonhannomaiconosciutoilbisognoenonhannomaiavvicinatoleclassioppressenlavita
delle masse che le costituiscono (e sono i nove decimi, se non i novantanove centesimi dei
pubblicistiedegliuominipoliticiborghesi),ma,sommate,questerestrizioniescludonoipoveri
dallapoliticaedallapartecipazioneattivaallademocrazia.
Marxafferrperfettamentequestacaratteristicaessenzialedellademocraziacapitalistica,quando,
nellasuaanalisidell'esperienzadellaComune,disse:aglioppressipermessodidecidere,una
voltaogniqualcheanno,qualefrairappresentantidellaclassedominantelirappresentereli
opprimerinParlamento!
Ma l'evoluzione da questa democrazia capitalistica inevitabilmente ristretta, che respinge in
modo dissimulato i poveri, e quindi profondamente ipocrita e bugiarda "a una democrazia
sempre pi perfetta", non avviene cos semplicemente, direttamente e senza scosse come
immaginanoiprofessoriliberaliegliopportunistipiccoloborghesi.No.Losviluppoprogressivo,
ciol'evoluzioneversoilcomunismo,avvienepassandoperladittaturadelproletariatoenonpu
avvenirealtrimenti,poichnonv'nessun'altraclasseenessunaltromezzochepossaspezzarela
resistenzadeicapitalistisfruttatori.
Ora,ladittaturadelproletariato,valeadirel'organizzazionedell'avanguardiadeglioppressiin
classe dominante per reprimere gli oppressori, non pu limitarsi a un puro e semplice
allargamento della democrazia. Insieme a un grandissimo allargamento della democrazia,
divenutaperlaprimavoltaunademocraziaperipoveri,perilpopolo,enonunademocraziaperi
ricchi,ladittaturadelproletariatoapportaunaseriedirestrizioniallalibertdeglioppressori,
deglisfruttatori,deicapitalisti.Costoronoilidobbiamoreprimere,perliberarel'umanitdalla
schiavit salariata; si deve spezzare con la forza la loro resistenza; ed chiaro che dove c'
repressione,dovec'violenza,nonc'libert,nonc'democrazia.
[]Democraziaperl'immensamaggioranzadelpopoloerepressioneconlaforza,valeadire
esclusionedallademocrazia,perglisfruttatori,glioppressoridelpopolo:talelatrasformazione
chesubiscelademocrazianellatransizionedalcapitalismoalcomunismo.
Soltantonellasocietcomunista,quandolaresistenzadeicapitalistidefinitivamentespezzata,
quandoicapitalistisonoscomparsienonesistonopiclassi(nonv'ciopidistinzionefrai
membridellasocietsecondoilororapporticoimezzisocialidiproduzione),soltantoallora"lo
Statocessadiesistereediventapossibileparlaredilibert".Soltantoalloradiventapossibileesi
attuaunademocraziarealmentecompleta,realmentesenzaalcunaeccezione.Soltantoallorala

77

democrazia comincia a estinguersi, per la semplice ragione che, liberati dalla schiavit
capitalistica, dagli innumerevoli orrori, barbarie, assurdit, ignominie dello sfruttamento
capitalistico, gli uomini si abituano a poco a poco a osservare le regole elementari della
convivenzasociale,datutticonosciutedasecoli,ripetutedamillenniintuttiicomandamenti,a
osservarlesenzaviolenza,senzacostrizione,senzasottomissione,senzaquellospecialeapparatodi
costrizionechesichiamaStato.[...]
Lasocietcapitalisticanoncioffredunquecheunademocraziatronca,miserabile,falsificata,una
democrazia per i soli ricchi, per la sola minoranza. La dittatura del proletariato, periodo di
transizioneversoilcomunismo,istituirperlaprimavoltaunademocraziaperilpopolo,perla
maggioranza, accanto alla repressione necessaria della minoranza, degli sfruttatori. Solo il
comunismoingradodidareunademocraziarealmentecompleta;equantopisarcompleta,
tantopirapidamentediventersuperfluaesiestinguerdas.
Inaltritermini:noiabbiamo,nelregimecapitalistico,loStatonelverosensodellaparola,una
macchina speciale per la repressione di una classe da parte di un'altra e per di pi della
maggioranzadapartedellaminoranza.Sicomprendecomeperrealizzareunsimilecompitola
sistematicarepressionedellamaggioranzadeglisfruttatidapartediunaminoranzadisfruttatori
sianonecessarieunacrudelteunaferociadirepressioneestreme:fiumidisangueattraverso
cuil'umanitprosegueilsuocammino,sottoilregimedellaschiavit,dellaservitdellaglebae
dellavorosalariato.
In seguito, nel periodo di transizione dal capitalismo al comunismo, la repressione ancora
necessaria, ma gi esercitata da una maggioranza di sfruttati contro una minoranza di
sfruttatori. Lo speciale apparato, la macchina speciale di repressione, lo "Stato", ancora
necessario, ma gi uno Stato transitorio, non pi lo Stato propriamente detto, perch la
repressionediunaminoranzadisfruttatoridapartedellamaggioranzadeglischiavisalariati di
iericosarelativamentecosfacile,sempliceenaturale,checostermoltomenosanguediquello
checostatalarepressionedellerivoltedischiavi,diserviedioperaisalariati,costermolto
menocaroall'umanit.Edessacompatibileconunademocraziacheabbracciaunamaggioranza
dellapopolazionecosgrandechecominciaascomparireilbisognodiuna macchinaspeciale di
repressione. Gli sfruttatori non sono naturalmentein gradodi reprimere il popolo senza una
macchina molto complicata destinata a questo compito; il popolo, invece, pu reprimere gli
sfruttatoriancheconuna"macchina"moltosemplice,quasisenza "macchina",senzaapparato
speciale,mediantelasempliceorganizzazionedellemasseinarmi(comediremoanticipandoi
Sovietdeideputatioperaiesoldati).
Infine,soloilcomunismorendeloStatocompletamentesuperfluo,perchnonc'dareprimere
nessuno,"nessuno"nelsensodiclasse,nelsensodilottasistematicacontrounapartedeterminata
dellapopolazione.Noinonsiamoutopistienonescludiamoaffattochesianopossibilieinevitabili
eccessiindividuali,comenonescludiamolanecessitdireprimeretalieccessi.Maanzitutto,per
questononc'bisognod'unamacchinaspeciale,diunospecialeapparatodirepressione;lostesso
popoloarmatosiincaricherdiquestafaccendaconlastessasemplicit,conlastessafacilitcon
cuiunaqualsiasifolladipersonecivili,anchenellasocietattuale,separadellepersoneinrissao
nonpermettechevengausatalaviolenzacontrounadonna.Sappiamoinoltrechelaprincipale
causasocialedeglieccessichecostituisconoinfrazionialleregoledellaconvivenzasociale lo
sfruttamentodellemasse,laloropovert,laloromiseria.Eliminataquestacausaprincipale,gli
eccessi cominceranno infallibilmente a "estinguersi". Non sappiamo con quale ritmo e quale
gradualit,masappiamochesiestingueranno.EconessisiestinguerancheloStato.[]
3.Laprimafasedellasocietcomunista
NellaCriticadelprogrammadiGothaMarxconfutaminuziosamentel'ideadiLassallechel'operaio
debbaricevereinregimesocialistailreddito"nonridotto"oil"redditointegraledelsuolavoro".
Marxdimostrachedalprodottosocialecomplessivodituttalasocietbisognadetrarre:unfondo
di riserva, un fondo per l'allargamento della produzione, un fondo destinato a reintegrare il
macchinario"consumato",ecc.;inoltrebisognadetrarredaglioggettidiconsumounfondoperle
spesediamministrazione,perlescuole,pergliospedali,gliospiziperivecchi,ecc.Invecedella
formulanebulosa,oscuraegenericadiLassalle("all'operaioilfruttointegraledelsuolavoro"),

78

Marxstabiliscelucidamentecomedeveesserelagestionediunasocietsocialista.Egliaffronta
l'analisi concreta delle condizioni di vita di una societ in cui non esister il capitalismo, e
aggiunge:
"Quellaconcuiabbiamodafarqui"(analizzandoilprogrammadelpartitooperaio)"unasociet
comunista.noncomesi sviluppata sullasuapropriabase,ma,viceversa,come emerge dalla
societcapitalistica;cheportaquindiancorasottoognirapporto.economico,morale,spirituale,
le"macchie"dellavecchiasocietdalcuisenoessauscita".
questasocietcomunistaappenauscitadalsenodelcapitalismo,echeportaancorasottoogni
rapportoleimprontedellavecchiasociet,cheMarxchiama"laprimafase"ofaseinferioredella
societcomunista.Imezzi diproduzionenonsonogipiproprietprivataindividuale.Essi
appartengonoatuttalasociet.Ognimembrodellasociet,eseguendounacertapartedellavoro
socialmentenecessario,ricevedallasocietunoscontrinodacuirisultach'eglihaprestatotanto
lavoro. Con questo scontrino egli ritira dai magazzini pubblici di oggetti di consumo una
corrispondentequantitdiprodotti.Detrattalaquantitdilavoroversataaifondisociali,ogni
operaioricevequindidallasociettantoquantolehadato.Sidirebbeilregnodell'"uguaglianza".
Maquando,apropositodiquest'ordinamentosociale(abitualmentechiamatosocialismo,eche
Marx chiama prima fase del comunismo), Lassalle dice che c' in esso "giusta ripartizione",
"ugualedirittodiciascunoall'ugualeprodottodellavoro",eglisisbagliaeMarxspiegaperch.Un
"ugualediritto",diceMarx,quieffettivamentel'abbiamo,maancorail"dirittoborghese",che,
comeognidiritto,presupponeladisuguaglianza.Ognidirittoconsistenell'applicazionediun'unica
normaapersone diverse,apersonechenonsono,inrealt,nidentiche,nuguali.L'"uguale
diritto"equivalequindiaunaviolazionedell'uguaglianzaedellagiustizia.Infatti,perunaparte
ugualedilavorosocialefornito,ognunoriceveun'ugualepartedellaproduzionesociale(conle
detrazioniindicatepisopra).Gliindividuipernonsonouguali:unopiforte,l'altropi
debole,unoammogliato,l'altrono,unohapifigli,l'altromeno,ecc.
"...Supposti uguali il rendimento e quindi la partecipazione al fondo di consumo sociale,
concludeMarx,l'unoricevedunquepidell'altro,l'uno pi riccodell'altro ecosvia.Per
evitaretuttiquestiinconvenienti,ildiritto,invecediessereuguale,dovrebbeesseredisuguale.."
La prima fase del comunismo non pu dunque ancora realizzare la giustizia e l'uguaglianza;
rimarrannodifferenzediricchezzeedifferenzeingiuste;manonsarpipossibilelosfruttamento
dell'uomodapartedell'uomo,poichnonsarpipossibileimpadronirsi,atitolodipropriet
privata,deimezzidiproduzione,fabbriche,macchine,terreni,ecc.Demolendolaformulaconfusa
epiccoloborghesediLassallesulla"uguaglianza"ela"giustizia"ingenerale,Marxindicailcorso
dello sviluppo della societ comunista, costretta da principio a distruggere solo
l'"ingiustizia"costituitadall'accaparramentodeimezzidiproduzionedapartedisingoliindividui,
ma incapace di distruggere di punto in bianco l'altra ingiustizia: la ripartizione dei beni di
consumo"secondoillavoro"(enonsecondoibisogni).
Gli economisti volgari, e fra essi i professori borghesi, [...]rimproverano continuamente ai
socialistididimenticareladisuguaglianzadegliindividuiedi"sognare"lasoppressionediquesta
disuguaglianza. Questi rimproveri, come si vede, dimostrano soltanto l'estrema ignoranza dei
signoriideologiborghesi.NonsoloMarxtienecontoconmoltaprecisionediquestainevitabile
disuguaglianzadellepersone,manontrascuranemmenoilfattoche,dasola,lasocializzazione
dei mezzi ai produzione ("socialismo" nel senso abituale della parola) non elimina gli
inconvenienti della distribuzione e la disuguaglianza del "diritto borghese" che continua a
dominarefinoaquandoiprodottisonodivisi"secondoillavoro".
"...Ma questi inconvenienti continua Marx sono inevitabili nella prima fase della societ
comunista,qualeuscita,dopoilunghitravaglidelparto,dallasocietcapitalistica.Ildirittonon
puesseremaipielevatodellaconfigurazioneeconomicaedellosviluppoculturale,daessa
condizionato,dellasociet..."
Cos, nella prima fase della societ comunista (comunementechiamata socialismo), il "diritto
borghese" non completamente abolito, ma solo in parte, soltanto nella misura in cui la
rivoluzioneeconomicacompiuta,ciounicamenteperquantoriguardaimezzidiproduzione.Il

79

"dirittoborghese"riconoscelaproprietprivatasuquestiultimiaindividuisingoli.Ilsocialismo
nefaunaproprietcomune.Inquestamisuraesoltantoinquestamisurail"dirittoborghese"
abolito.
Ma esso sussiste nell'altra sua parte, sussiste quale regolatore (fattore determinante) della
distribuzionedeiprodottiedellavorofraimembridellasociet."Chinonlavoranonmangia":
questo principio socialista gi realizzato; "a uguale quantit di lavoro, uguale quantit di
prodotti":quest'altroprincipiosocialistaancheessogirealizzato.Tuttaviacinonancorail
comunismo,nonabolisceancorail"dirittoborghese"cheattribuisceapersonedisugualieperuna
quantit di lavoro disuguale (di fatto disuguale) una quantit uguale di prodotti. un
"inconveniente",diceMarx,maessoinevitabilenellaprimafasedelcomunismo,inquantonon
sipupensare,senzacaderenell'utopia,cheappenarovesciatoilcapitalismogliuominiimparino,
dall'oggi al domani, a lavorare per la societ senza alcuna norma giuridica; d'altra parte,
l'abolizionedelcapitalismonondsubitolepremesseeconomicheperuntalecambiamento.
Enonvisonoaltrenorme,all'infuoridiquelledel"dirittoborghese".Rimanepercilanecessitdi
uno Stato che, mantenendo comune la propriet dei mezzi di produzione, mantenga
l'uguaglianzadellavoroel'uguaglianzadelladistribuzionedeiprodotti.LoStatosiestinguenella
misuraincuinoncisonopicapitalisti,noncisonopiequindinonpipossibilereprimere
alcunaclasse.MaloStatononsiancoraestintocompletamente,poichrimanelasalvaguardia
del "diritto borghese" che consacra la disuguaglianza di fatto. perch lo Stato si estingua
completamenteoccorreilcomunismointegrale.

4.Lafasesuperioredellasocietcomunista
Marxcontinua:
"...In una fase pi elevata della societ comunista, dopo che scomparsa la subordinazione
asservitrice degli individui alla divisione del lavoro, e quindi anche il contrasto di lavoro
intellettualeefisico;dopocheillavoronondivenutosoltantomezzodivita,maancheilprimo
bisognodellavita;dopocheconlosviluppoonnilateraledegliindividuisonocresciuteanchele
forzeproduttiveetuttelesorgentidellaricchezzacollettivascorronointuttalaloropienezza,
soloalloral'angustoorizzontegiuridicoborghesepuesseresuperato,elasocietpuscrivere
sullesuebandiere:Ognunosecondolesuecapacit;aognunosecondoisuoibisogni!".
Ora soltantopossiamoapprezzaretuttalagiustezzadelleosservazioni diEngels,checolpisce

80

implacabilmente con i suoi sarcasmi l'assurdo accoppiamento delle parole "libert" e "Stato".
Finch esiste lo Stato non vi libert; quando si avr la libert non vi sar pi Stato. La
condizione economica della completa estinzione dello Stato cheil comunismo giunga a un
gradocoselevatodisviluppocheognicontrastodilavorointellettualeefisicoscompaia,eche
scompaiaquindiunadelleprincipalifontidelladisuguaglianzasocialecontemporanea,fonteche
lasolasocializzazionedeimezzi diproduzione,lasolaespropriazionedeicapitalistinonpu
inaridiredicolpo.
Questaespropriazionerenderpossibileunosviluppogigantescodelleforzeproduttive.Evedendo
come, gi ora, il capitalismo intralci in modo assurdo questo sviluppo, e quali progressi
potrebbero essere realizzati grazie alla tecnica moderna gi acquisita, abbiamo il diritto di
affermare con assoluta certezza che l'espropriazione dei capitalisti dar necessariamente un
gigantescoimpulsoalleforzeproduttivedellasocietumana.Manonsappiamoenonpossiamo
sapere quale sar la rapidit di questo sviluppo, quando esso giunger a una rottura con la
divisione del lavoro, alla soppressione del contrasto fra il lavoro intellettuale e fisico, alla
trasformazione del lavoro nel "primo bisogno della vita". Abbiamo perci diritto di parlare
unicamentedell'inevitabileestinzionedelloStato,sottolineandoladuratadiquestoprocesso,la
sua dipendenza dalla rapidit di sviluppo della fase pi elevata del comunismo, lasciando
assolutamenteinsospesolaquestionedelmomentoincuiavverredelleformeconcreteche
questa estinzione assumer, poich non abbiamo dati che ci permettano di risolvere simili
questioni.
LoStatopotrestinguersicompletamentequandolasocietavrrealizzatoilprincipio."Ognuno
secondolesuecapacit;aognunosecondoisuoibisogni",cioquandogliuominisisaranno
talmenteabituati a osservare leregole fondamentali della convivenza socialee illavoro sar
diventato talmente produttivo ch'essi lavoreranno volontariamente secondo le loro capacit.
"L'angustoorizzontegiuridicoborghese",checostringeacalcolareconladurezzadiunoShylock:
nonavrpercasolavoratomezz'orapidiunaltro,nonavrguadagnatounsalarioinferiorea
unaltro?,questoristrettoorizzontesarallorasorpassato.Ladistribuzionedeiprodottinon
render pi necessario che la societ razioni i prodotti a ciascuno: ciascuno sar libero di
attingere"secondoisuoibisogni".Dalpuntodivistaborghese faciledichiararecheuntale
regimesociale"purautopia"ecopriredisarcasmiisocialistichepromettonoaognicittadinodi
riceveredallasociet,senzaalcuncontrollodelsuolavoro,tuttiitartufi,tutteleautomobili,tutti
ipianofortichedesidera.Ancoroggilamaggiorpartedegli"scienziati"borghesiselacavanocon
sarcasmidelgenererivelandointalmodosialaloroignoranzachelalorointeressatadifesadel
capitalismo.
[]Finoall'avventodellafase"pielevata"delcomunismo,isocialistireclamanodallasociete
dalloStatochesia esercitatoilpirigorosocontrollo dellamisuradellavoro,edellamisuradel
consumo;maquestocontrollodevecominciareconl'espropriazionedeicapitalisti,conilcontrollo
deglioperaisuicapitalisti,edeveessereesercitatonondalloStatodeifunzionari,madalloStato
deglioperaiarmati.[]Maladifferenzascientificafrasocialismoecomunismochiara.Marx
chiama"prima"faseofaseinferioredellasocietcomunistacichecomunementevienechiamato
socialismo.Laparola"comunismo"pu essereanchequiusatanellamisuraincuiimezzi di
produzione divengono propriet comune, purch non si dimentichi che non un comunismo
completo. Ci che conferisce un grande pregio all'esposizione di Marx ch'egli applica
conseguentementeanchequiladialetticamaterialistica,lateoriadell'evoluzione,econsiderail
comunismo come unqualcosa chesi sviluppa dal capitalismo. Anzich attenersi a definizioni
"escogitate",scolasticheeartificiali,asterilidisputesuparole(checos'ilsocialismo?checos'il
comunismo?),Marxanalizzaquellichesipotrebberochiamareigradidellamaturiteconomica
delcomunismo.
Nella sua prima fase, nel suo primo grado, ilcomunismo non pu essere, dal punto di vista
economico, completamente maturo, completamente libero dalle tradizioni e dalle vestigia del
capitalismo. Di qui il fenomeno interessante qual il mantenimento dell'"augusto orizzonte
giuridicoborghese"nellaprimafasedelregimecomunista.Certo,ildirittoborghese,perquelche
concerneladistribuzionedeibenidiconsumo,supponepurenecessariamenteunoStatoborghese,

81

poichildirittonullasenzaunapparatocapacedicostringereall'osservanzadellesuenorme.Ne
conseguecheinregimecomunistasussistono,peruncertotempo,nonsoloildirittoborghesema
ancheloStatoborghese,senzaborghesia!Cipusembrareunparadossooungiocodialettico
delpensieroequestorimproverostatospessomossoalmarxismodagentechenonsi mai
datalaminimapenadistudiarnelasostanzaestremamenteprofonda.
Mainrealtlavitacimostraaognipasso,nellanaturaenellasociet,chevestigiadelpassato
sopravvivononelpresente.Marxnonintrodussearbitrariamentenelcomunismounaparticella
deldiritto"borghese";eglisiresecontosoltantodiciche,economicamenteepoliticamente,
inevitabile nella societ uscita dal seno del capitalismo. La democrazia ha una grandissima
importanzanellalottadellaclasseoperaiacontroicapitalistiperlasuaemancipazione.Mala
democrazia non affatto un limite, un limite insuperabile; semplicemente una tappa sulla
stradachevadalfeudalesimoalcapitalismoedalcapitalismoalcomunismo.
Democraziavuoldireuguaglianza.Siarrivaaconcepirequalegrandeimportanzahannolalotta
del proletariato per l'uguaglianza e la parola d'ordine dell'uguaglianza se si comprende
quest'ultimainmodogiusto,nelsensodellasoppressionedelle classi.Mademocraziasignifica
soltantouguaglianzaformale.Eappenarealizzatal'uguaglianzadituttiimembridellasocietper
ci che concerne il possesso dei mezzi di produzione, vale a dire l'uguaglianza del lavoro,
l'uguaglianzadelsalario,sorgerinevitabilmentedavantiall'umanitlaquestionedicompiereun
successivo passo in avanti, di passaredall'uguaglianza formale all'uguaglianza reale, cioalla
realizzazionedelprincipio:"Ognunosecondolesuecapacit;aognunosecondoisuoibisogni".
Noi nonsappiamonpossiamosapereperqualitappe,attraversoqualiprovvedimentipratici
l'umanitandrversoquestofinesupremo.Maquelcheimportavederequantosiafalsal'idea
borghesecorrentecheilsocialismosiaqualchecosadimorto,difisso,didatounavoltaper
sempre,mentreinrealtsoltantocolsocialismoincomincer,intuttiicampidellavitasocialee
privata,unrapido,vero,movimentoprogressivo,effettivamentedimassa,acuiparteciperla
maggioranzadellapopolazioneprima,etuttalapopolazionepoi.
LademocraziaunaformadelloStato,unadellesuevariet.Essaquindi.comeogniStato,
l'applicazione organizzata, sistematica, della costrizione agli uomini. Questo, da un lato. Ma
dall'altrolato,lademocraziailriconoscimentoformaledell'uguaglianzafraicittadini,deldiritto
ugualepertuttidideterminarelaformadelloStatoediamministrarlo.Nederivache,auncerto
grado del suo sviluppo, la democrazia in primo luogo unisce contro il capitalismo la classe
rivoluzionaria,ilproletariato,eglidlapossibilitdispezzare,diridurreinfrantumi,difar
spariredallafacciadellaterralamacchinadelloStatoborghese,ancheseborgheserepubblicano,
l'esercitopermanente,lapolizia,laburocrazia.edisostituirliconunamacchinapidemocratica,
macherimanetuttaviaunamacchinastatale,costituitadallemasseoperaiearmate,epoidatutto
ilpopolochepartecipaallamilizia.
Quila"quantitsitrasformainqualit";arrivataaquestogrado,ilsistemademocraticoescedal
quadrodellasocietborgheseecominciaasvilupparsiversoilsocialismo.Se tutti gliuomini
partecipano realmente alla gestione dello Stato, il capitalismo non pu pi mantenersi. E lo
sviluppo del capitalismo crea a sua volta le premesse necessarie a che "tutti" effettivamente
possano partecipare alla gestione dello Stato. Queste premesse sono, tra l'altro, l'istruzione
generale,girealizzatainmoltipaesicapitalisticipiavanzati,poil'"educazioneel'abitudinealla
disciplina" di milioni di operai per opera dell'enorme e complesso apparato socializzato delle
poste,delleferrovie,dellegrandiofficine,delgrandecommercio,dellebanche,ecc.
Contali premesse economiche,perfettamentepossibile, dopo averrovesciatoicapitalistiei
funzionari,sostituirliimmediatamentedall'oggialdomani,peril controllo dellaproduzionee
delladistribuzione,perlaregistrazionedellavoroedeiprodotti,conglioperaiarmati,contutto
ilpopoloinarmi.(Nonbisognaconfonderelaquestionedelcontrolloedellaregistrazionecon
quelladelpersonaletecnicoscientificamentepreparato,ingegneri,agronomi,ecc.;questisignori
lavoranooggiagliordinideicapitalisti,lavorerannoancormegliodomaniagliordinideglioperai
armati.)
[]Quandolamaggioranzadelpopoloprocederovunqueessastessaaquestaregistrazioneea
questo controllo dei capitalisti (trasformati allora in impiegati) e dei signori intellettuali che

82

avranno conservato ancora delle abitudini capitaliste, questo controllo diventer veramente
universale, generale, nazionale, e nessuno potr in alcun modo sottrarvisi, "non sapr dove
cacciarsi" per sfuggirvi. L'intera societ sar un grande ufficio e una grande fabbrica con
uguaglianza di lavoro e uguaglianza di salario. Ma questa disciplina "di fabbrica" che il
proletariato,vintiicapitalistierovesciatiglisfruttatori,estenderatuttalasociet,nonaffatto
il nostro ideale n la nostra meta finale: essa soltanto la tappa necessaria per ripulire
radicalmente la societ dalle brutture e dalle ignominie dello sfruttamento capitalistico e
assicurarel'ulterioremarciainavanti.
Dalmomentoincuituttiimembridellasociet,oalmenol'immensamaggioranzadiessi,hanno
appresoagestireessistessiloStato,sisonomessiessistessiall'opera,hanno"organizzato"illoro
controllo sull'infima minoranza dei capitalisti, sui signori desiderosi di conservare le loro
abitudinicapitalisteesuglioperaiprofondamentecorrottidelcapitalismo,daquelmomentola
necessit di qualsiasi amministrazione comincia a scomparire. Quanto pi la democrazia
completa,tantopivicinoilmomentoincuiessadiventasuperflua.Quantopidemocratico
lo"Stato"compostodaglioperaiarmati,che"nonpiunoStatonelsensopropriodellaparola",
tantopirapidamenteincominciaadestinguersiogniStato.
Infattiquandotuttiavrannoimparatoadamministrareedamministrerannorealmenteessistessi
laproduzionesociale,quandotuttiprocederannoessistessiallaregistrazioneealcontrollodei
parassiti,deifiglidipap,deifurfantiesimili"guardianidelletradizionidelcapitalismo",ogni
tentativo di sfuggire a questa registrazione e a questo controllo esercitato da tutto il popolo
diventer una cosa talmente difficile, un'eccezione cos rara, provocher verosimilmente un
castigo cosprontoecos esemplare(poichglioperaiarmatisonogentechehannoilsenso
praticodellavitaenondeipiccoliintellettualisentimentali;nonpermetterannochesischerzicon
loro), che la necessit di osservare le regole semplici e fondamentali di ogni societ umana
diventerbenprestouncostume.Sispalancherannoalloraleportechepermetterannodipassare
dallaprimafaseallafasesuperioredellasocietcomunistae,quindi,allacompletaestinzione
delloStato.

VI.Ladegradazionedelmarxismonegliopportunisti
[] Si pu dire in generale che la tendenza a eludere il problema dell'atteggiamento della
rivoluzioneproletariaversoloStato,tendenzavantaggiosaperl'opportunismoch'essaalimentava,
haportatoaltravisamentodelmarxismoeallasuacompletadegradazione.[]
1.LapolemicadiPlekhanovconglianarchici
[]GlianarchicitentaronoappuntodipresentarelaComunediParigicomeunacosapercos
dire"loro",checonfermavalalorodottrina,manoncapirononientedegliinsegnamentidella
Comuneedell'analisicheMarxnefece.Sullequestionipoliticheconcrete:bisogna spezzare la
vecchia macchina dello Stato? e con che cosa sostituirla? l'anarchia non ha dato nulla che si
avvicini, sia pur approssimativamente, alla verit. Ma parlare di "anarchismo e socialismo"
eludendototalmentelaquestionedelloStato,senzavederetuttolosviluppodelmarxismoprimae
dopolaComune,volevadirecadereinevitabilmentenell'opportunismo.Cicheinfattioccorre
all'opportunismocheleduequestionichenoiabbiamoquiindicatenonsianoaffattoposte.Ci
costituiscedipersunavittoriadell'opportunismo.
2.LapolemicadiKautskycongliopportunisti
[]Kautskyconosciutodanoisoprattuttoperlasuapolemicacongliopportunisti,capeggiati
daBernstein.Mac'unfattoquasiignoratoechenonsipupassaresottosilenziosesivuole
studiarecomeKautskyabbiapotutoperderecosvergognosamentelatestaecadere,durantela
grandecrisidel19141915,nelladifesadelsocialsciovinismo.Questofattocheprimadellasua
campagnacontroirappresentantipiinvistadell'opportunismoinFrancia(MillerandeJaurs)e
inGermania(Bernstein),Kautskyavevamanifestatograndiesitazioni.[]
UnaimportanzamoltomaggiorehatuttaviailfattochenellastessapolemicadiKautskycongli

83

opportunisti,nelsuomododiporreeditrattarelaquestione,noicostatiamoora,studiandola
storia del suo recente tradimento verso il marxismo, una deviazione sistematica verso
l'opportunismopropriosulproblemadelloStato.[]
Kautsky non ha affatto capito la differenza fra il parlamentarismo borghese, che unisce la
democrazia (non per il popolo) alla burocrazia (contro il popolo) e il sistema democratico
proletario che prender immediatamente le misure necessarie per tagliare alle radici il
burocratismoesaringradodiapplicarlesinoinfondo,sinoallacompletadistruzionedella
burocrazia,sinoall'instaurazionediunacompletademocraziaperilpopolo.Kautskyhaquidato
prova della solita "venerazione superstiziosa" dello Stato, della solita "fede superstiziosa" nel
burocratismo.

3.LapolemicadiKautskyconPannekoek
Pannekoek,quandoentrinpolemicaconKautsky,eraunodeirappresentantidellatendenza
"radicale di sinistra", che contava nelle sue file Rosa Luxemburg, Karl Radek e altri, i quali,
difendendolatatticarivoluzionaria,concordavanonelriconoscerecheKautskystavapassandoa
unaposizionedi"centro",privadiprincpi,oscillantetrailmarxismoel'opportunismo.[]
"Lalottadelproletariatoegliscrivevanonsoltantounalottacontrolaborghesiaperilpotere
delloStato; ancheunalotta contro ilpoteredelloStato...Larivoluzioneproletariaconsiste
nell'annientare gli strumenti di forza dello Stato e nell'eliminarli [letteralmente: dissolverli,
Auflsung] mediante gli strumenti di forza del proletariato... La lotta cessa soltanto quando,
raggiunto il risultato finale, l'organizzazione dello Stato completamente distrutta.
L'organizzazionedellamaggioranzaprovalasuasuperioritannientandol'organizzazionedella
minoranzadominante".
LeformuleconcuiPannekoekrivestelesueideesonopienedigravidifetti.Mal'ideatuttavia
chiaraedinteressantevedereinchemodoKautskyhacercatodiconfutarla."Finora,eglidice,

84

l'opposizione tra i socialdemocratici e gli anarchici consisteva nel fatto che i primi volevano
conquistareilpoteredelloStato,isecondidistruggerlo.Pannekoekvuolel'unoel'altro".
Sel'esposizionediPannekoekdifettadichiarezzaediconcretezza(pernonparlaredeglialtri
difettidelsuoarticolochenonsiriferisconoaltemaquidiscusso),Kautskydapartesuaaffronta
proprio il principio essenziale del problema accennato da Pannekoek e in questa questione
essenzialediprincipio egliabbandonacompletamenteleposizionidelmarxismoperpassaredel
tutto all'opportunismo. La distinzione che egli stabilisce tra socialdemocratici e anarchici
totalmentesbagliata;ilmarxismoquiassolutamentesnaturatoedegradato.
I marxisti si distinguono dagli anarchici inquesto:1) i primi, purponendosi l'obiettivodella
soppressionecompleta delloStato, non loritengono realizzabilesenon dopo la soppressione
delleclassiperoperadellarivoluzionesocialista,comerisultatodell'instaurazionedelsocialismo
che porta all'estinzione dello Stato; i secondi vogliono la completa soppressione dello Stato
dall'oggi al domani, senza comprendere quali condizioni la rendano possibile; 2) i primi
proclamanolanecessitperilproletariato,dopoch'essoavrconquistatoilpoterepolitico,di
distruggere completamente la vecchia macchina statale e di sostituirla con una nuova, che
consistenell'organizzazionedeglioperaiarmati,sultipodellaComune;isecondi,purreclamando
ladistruzionedellamacchinastatale,sirappresentanoinmodomoltoconfuso conchecosa il
proletariatolasostituirecomeutilizzerilpotererivoluzionario;glianarchicirinneganopersino
qualsiasi utilizzazione del potere dello Stato da parte del proletariato rivoluzionario, la sua
dittatura rivoluzionaria; 3) i primi vogliono che il proletariato si prepari alla rivoluzione
utilizzandoloStatomoderno;glianarchicisonodiparerecontrario.[]
L'essenziale non affatto di sapere se rimarranno i "ministeri" o se saranno sostituiti da
"commissioni di specialisti" o da altre istituzioni: questo non ha assolutamente nessuna
importanza.Laquestioneessenzialedisapereselavecchiamacchinastatale(legataconmille
fili alla borghesia e impregnata di spirito burocratico e conservatore) sar mantenuta oppure
distrutta esostituitaconuna nuova.Larivoluzionenondeveconsisterenelfattochelanuova
classecomandiogovernipermezzodellavecchiamacchinastatale,mache,dopoaverlaspezzata,
comandiegovernipermezzodiunamacchinanuova:questal'ideafondamentaledelmarxismo
cheKautskyfasparireononhaassolutamentecapito.Lasuadomandaapropositodeifunzionari
mostrainmodoevidentech'eglinonhacapitongliinsegnamentidellaComunenladottrinadi
Marx."Noinonpossiamofareamenodeifunzionarinnelpartitonneisindacati"...
Nonpossiamofareamenodeifunzionariinregimecapitalistico,sottoildominiodellaborghesia.Il
proletariato oppresso e le masse lavoratrici sono asservite dal capitalismo. In regime
capitalistico,lademocraziaristretta,compressa,monca,mutilata,datuttol'ambientecreato
dallaschiavitdelsalario,dalbisognoedallamiseriadellemasse.Perquesto,esoloperquesto,
nellenostreorganizzazionipoliticheesindacaliifunzionarisonocorrotti(o,piesattamente,
hannotendenzaaesserlo)dall'ambientecapitalisticoemanifestanol'inclinazioneatrasformarsi
inburocrati,cioinpersoneprivilegiate,staccatedallemasseeposte aldisopra diesse.Qui
l'essenza del burocratismo; e fino a quando i capitalisti non saranno stati espropriati, fino a
quando la borghesia non sar stata rovesciata, una certa "burocratizzazione" degli stessi
funzionaridelproletariatoinevitabile.SecondoKautskyrisultadunqueche,poichvisaranno
impiegati eletti, vuoldire che anchein regime socialista ci saranno dei funzionari, ci sar la
burocrazia!Maproprioquestochefalso.Attraversoappuntol'esempiodellaComune,Marx
dimostr che i detentori di funzioni pubbliche cessano, in regime socialista, di essere dei
"burocrati"dei"funzionari"nellamisuraincuivieneintrodotta,oltreall'eleggibilit,anchelaloro
revocabilitinognimomento,eancora,siriduceillorostipendioalsalariomediodiunoperaioe
ancorasisostituisconogl'istitutiparlamentariconistituti"dilavoro,cioesecutivielegislativiallo
stessotempo".
[]Nelsuolibro Lepremessedelsocialismo,ilrinnegatoBernsteinsiscagliacontrol'ideadella
democrazia "primitiva", contro quello ch'egli chiama "democratismo dottrinario": mandati
imperativi, funzionari non rimunerati, rappresentanza centrale senza poteri, ecc. Per provare
l'inconsistenza di questo sistema democratico "primitivo", Bernstein invoca l'esperienza delle
tradeunionsinglesi,qualeinterpretatadaiconiugiWebb.Neisettant'annidellorosviluppo,le

85

tradeunions,chesisarebberosviluppate"inpienalibert",sisarebberoconvinteappuntodella
inefficacia del sistema democratico primitivo e l'avrebbero sostituito con quello abituale: il
parlamentarismounitoalburocratismo.
In realt le tradeunions non si sono sviluppate "in piena libert", ma in piena schiavit
capitalistica, nella quale, certo, "non si pu farea meno" di una serie di concessioni almale
imperante,allaviolenza,allamenzogna,all'esclusionedeipoveridagliaffaridiamministrazione
"superiore". In regime socialista rivivranno necessariamente molti aspetti della democrazia
"primitiva",perchperlaprimavoltanellastoriadellesocietcivililamassadellapopolazionesi
elever a una partecipazione indipendente, non solo nelle votazioni e nelle elezioni, ma
nell'amministrazione quotidiana. In regime socialista tutti governeranno, a turno, e tutti si
abituerannobenprestoafarschenessunogoverni.
[] "Bisogna pensare unicamente alla distruzione della vecchia macchina statale; inutile
approfondiregliinsegnamenti concreti dellerivoluzioniproletariepassateeanalizzare conche
cosa e come sostituirecichesidistrugge":cosragional'anarchico(ilmiglioredeglianarchici,
naturalmente,enonquelloche,alseguitodeisignoriKropotkinecompagni,sitrascinadietrola
borghesia); e l'anarchico arriva in tal modo alla tattica della disperazione, e non al lavoro
rivoluzionariorisoluto,inesorabile,cheperaltempostessosiponedeicompiticoncretietiene
contodellecondizionipratichedelmovimentodellemasse.Marxciinsegnaadevitarequestidue
errori;ciinsegna adarprovadiillimitatocoraggioneldistruggeretuttalavecchiamacchina
stataleeciinsegnaaltempostessoaporreilproblemainmodoconcreto:inpochesettimane,la
Comune pot incominciare a costruire una nuova macchina statale proletaria; ed ecco i
provvedimentidaessapresiperrealizzareunademocraziapiperfettaesradicarelaburocrazia.
Impariamo dunque dai comunardi l'audacia rivoluzionaria, cerchiamo di vedere nei loro
provvedimenti pratici un abbozzo dei provvedimenti praticamente urgenti e immediatamente
realizzabili e arriveremo allora, seguendo questa strada, alla completa distruzione della
burocrazia.Lapossibilitdiquestadistruzionecigarantitadalfattocheilsocialismoridurrla
giornatadilavoro,eleverlemasseaunavitanuovaemetterlamaggioranzadellapopolazione
incondizionitalidapermettereatutti,senzaeccezione,diadempierele"funzionistatali",ciche
portainultimaanalisiallacompletaestinzionediqualsiasiStatoingenerale.
[]NelsocialismointernazionalevisonotendenzeancorapiadestradiquelladiKautsky[].
Tuttiquestisignori,chehannounaparteassainotevoleemoltospessopreponderantenell'attivit
parlamentareenellastampadelpartito,respingonoapertamenteladittaturadelproletariatoe
rivelanounevidenteopportunismo.Peressila"dittatura"delproletariato "incontraddizione"
conlademocrazia!Infondonientediseriolidistinguedaidemocraticipiccoloborghesi.Abbiamo
quindidirittodiconcluderechelaSecondaInternazionale,nell'immensamaggioranzadeisuoi
rappresentantiufficiali,completamentecadutanell'opportunismo.L'esperienzadellaComune
stata non soltanto dimenticata ma travisata. Invece di infondere nelle masse operaie la
convinzionechesiavvicinailmomentoincuiessedovrannoagireespezzarelavecchiamacchina
statale,sostituirlaconunanuovaefaredellorodominiopoliticolabasedellatrasformazione
socialistadellasociet,siinculcatoinesselaconvinzionecontraria,ela"conquistadelpotere"
statapresentatainmodotalechemillebreccerimanevanoaperteall'opportunismo.[]

86

LESTREMISMO:
MALATTIAINFANTILEDELCOMUNISMO(1920)
Strategiaetatticadelpartitocomunista
I.Inqualsensosipuparlaredellimportanzainternazionaledella
rivoluzionerussa?
Nei primi mesi dopo la conquista del potere politico da parte del proletariato in Russia (25
ottobre7novembre1917),potsembrarechelegrandissimedifferenzeesistentifralaRussia
arretrata e i paesi progrediti dellEuropa Occidentale avrebbero reso la rivoluzione del
proletariatoinquestipaesiassaipocosimileallanostra.Adessoabbiamogidifronteanoiuna
esperienza internazionale considerevole, la quale attesta nel modo pi netto che alcuni tratti
fondamentali della nostra rivoluzione non hanno unimportanza locale e specificamente
nazionale, n esclusivamente russa, ma unimportanza internazionale. E non parlo qui di
importanzainternazionalenelsensolatodellaparola:nonalcuni,matuttiitrattifondamentalie
moltitrattisecondaridellanostrarivoluzionehannounimportanzainternazionale,inquantoessa
hauninfluenzasututtiipaesi.No;parloquinelsensopistrettodellaparola:seperimportanza
internazionalesiintendelaportatainternazionaleolinevitabilitstoricachesiripetasuscala
internazionalecicheaccadutodanoi,sideveattribuiretaleimportanzaadalcunideitratti
fondamentalidellanostrarivoluzione.
Certo,sarebbeungravissimoerrorevoleresagerarequestaverit,estenderlaapidialcunitratti
fondamentalidellanostrarivoluzione.Sarebbealtresunerroretrascurareilfattoche,dopola
vittoriadellarivoluzioneproletariaancheinunodeipaesipiprogrediti,avverrverosimilmente
unabruscasvolta,ciolaRussiacesserinbrevediessereilpaesemodelloesardinuovoun
paesearretrato(dalpuntodvista"sovietico"esocialista).Manelpresentemomentostoricole
cosestannopropriocos:ilmodellorussoindicaatuttiipaesiqualchecosadimoltoessenziale
delloroinevitabileenonlontanoavvenire.Intuttiipaesi,glioperaiprogreditihannocompreso
cidamoltotempo,eancorpispesso,lohannonontantocompresoquantointuito,presentito
conlistintopropriodellaclasserivoluzionaria.Daciderival"importanza"internazionale(nel
senso stretto della parola) del potere sovietico e dei principi della teoria e della tattica del
bolscevismo. Questo non l'hanno compreso i capi "rivoluzionari" della II Internazionale [].

87

II.Unadellecondizioniprincipalidelsuccessodeibolscevichi
Ecertocheormaiquasituttivedonocheibolscevichinonsisarebberomantenutialpotere,non
dicodueanniemezzo,manemmenoduemesiemezzo, senonfosseesistitaunadisciplina
severissima,veramenteferreadelnostropartito,seilpartitononavesseavutolappoggiototalee
pienodiabnegazionedituttalamassadellaclasseoperaia,ciodituttoquantoviinessadi
pensante,dionesto,didevotofinoallabnegazione,diinfluenteecapacediguidareodiattrarre
glistratiarretrati.Ladittaturadelproletariatolaguerrapieroicaepiimplacabiledellaclasse
nuovacontrounnemicopipotente,controlaborghesia,lacuiresistenzadecuplicatadalfatto
diesserestatarovesciata(siapureinunsolopaese),elacuipotenzanonconsistesoltantonella
forza del capitale internazionale, nella forza e nella solidit dei legami internazionali della
borghesia,maanchenellaforzadellabitudine,nellaforzadellapiccolaproduzione;poich,per
disgrazia, la piccola produzione esiste tuttora in misura molto, molto grande, e la piccola
produzionegenerailcapitalismoelaborghesiacostantemente,ognigiorno,ogniora,inmodo
spontaneo e in vaste proporzioni. Per tutte queste ragioni la dittatura del proletariato
necessaria,elavittoriasullaborghesiaimpossibilesenzaunaguerralunga,tenace,disperata,
per la vita e per la morte, una guerra che richiede padronanza di s, disciplina, fermezza,
inflessibiliteunitdivolere.[]unacentralizzazioneassolutaelapiseveradisciplinadel
proletariatosonocondizioniessenzialiperlavittoriasullaborghesia.
[]E,innanzitutto,sorgeilproblema:suchecosasibasaladisciplinadelpartitorivoluzionario
delproletariato?Inchemodovienemessaallaprova?Inchemodovienerafforzata?Inprimo
luogo, mediante la coscienza dellavanguardia proletaria e la sua devozione alla causa
rivoluzionaria,mediantelasuafermezza,lasuaabnegazione,ilsuoeroismo.Insecondoluogo,
mediantelacapacitdiquestaavanguardiadicollegarsi,diavvicinarsie,sevolete,finoaun
certopunto,difondersiconlegrandimassedeilavoratori,deiproletariinnanzitutto,maanche
con le masse lavoratrici non proletarie. In terzo luogo, mediante la giustezza della direzione
politicarealizzatadaquestaavanguardia,mediantelagiustezzadellasuastrategiaedellasua
tatticapoliticheeacondizionechelegrandimassesiconvincanoperpropriaesperienzadiquesta
giustezza.Senzaquestecondizioni,ladisciplinadiunpartitorivoluzionario,realmentecapacedi
essereilpartitodiunaclassedavanguardiachedeverovesciarelaborghesiaetrasformaretutta
la societ, non realizzabile. Senza queste condizioni, i tentativi di creare una disciplina si
trasformano inevitabilmente in bolle di sapone, in frasi, in commedie. Daltra parte, queste
condizioninonpossonosorgeredicolpo.Essesonoilrisultatodiunlungolavoro,diunadura
esperienza;laloroelaborazionevienefacilitatadaunateoriarivoluzionariagiusta,equesta,a
suavolta,nonundogma,masiformainmododefinitivosoloinstrettolegameconlapraticadi
unmovimentoveramentedimassaeveramenterivoluzionario.[]

III.Letappeprincipalinellastoriadelbolscevismo
Glianni dipreparazionedellarivoluzione(19021905).Dappertuttosisentevicinalagrande
tempesta.Intutteleclassi,effervescenzepreparazione.Allesterolastampadellemigrazionepone
teoricamentetuttelequestionifondamentalidellarivoluzione.Irappresentantidelletreclassi
principali,delletrecorrentipolitichepiimportantilaborgheseliberale,lademocraticapiccolo
borghese(copertadalleinsegnedelletendenze"socialdemocratica"e"social/rivoluzionaria"ela
proletaria rivoluzionaria, annunciano e preparano, con lasprissima lotta delle loro opinioni
tatticheeprogrammatiche,laprossimalottadiclasseaperta.Tuttiiproblemi,attornoaiqualisi
svolselalottaarmatadellamasseneglianni19051907e19171920sipossono(esidevono)
esaminare nella loro forma embrionale, sulla stampa di allora. E naturalmente, oltre le tre
tendenzeprincipali,cisonoinnumerevoliformeintermedie,instabili,ditransizione.Meglio:nella
lotta degli organi di stampa, dei partiti, frazioni e gruppi, si cristallizzano le tendenze
politicoideologichechesonoinrealttendenzediclasse;leclassisiforgianolarmapolitiche
ideologichecheoccorrentiperlefuturebattaglie.
Gliannidellarivoluzione(19051907).Tutteleclassiagisconoapertamente.Tutteleconcezioni
tattiche e programmatiche vengono verificate dallazione delle masse. Scioperi di ampiezza e

88

violenza senza precedenti al mondo. Trasformazione dello sciopero economico in sciopero


politicoedelloscioperopoliticoininsurrezione.Verificapraticadeirapportitrailproletariato
dirigenteeicontadinioscillanti,instabili,daessodiretti.Nellosviluppospontaneodellalotta,
nascela formasovieticadellorganizzazione.Lediscussioni diquelperiodosullafunzionedei
soviet preannunciano la grande lotta degli anni 19171920. La sostituzione delle forme
parlamentari della lotta con quelle non parlamentari, della tattica del boicottaggio del
parlamentarismo con quella della partecipazione al parlamentarismo, delle forme legali della
lottaconquelleillegali,comepureirapportireciprocieilnessotraquestediverseforme:tutto
cisidistingueperunameravigliosaricchezzadicontenuto.Ognimesediquestoperiodo,dal
puntodivistadellinsegnamentodeiprincipidellascienzapolitica,allemasseeaicapi,alleclassi
eaipartiti,equivaleaunannodisviluppo"pacifico","costituzionale".Senzala"provagenerale"
del1905nonsarebbestatapossibilelavittoriadellaRivoluzionediOttobredel1917.
Gli anni della reazione (19071910). Lo zarismo ha vinto. Tutti i partiti rivoluzionari e di
opposizione sono battuti. Scoraggiamento, demoralizzazione, scissioni, decomposizione,
tradimento, pornografia invece di politica. Si rafforza la tendenza allidealismo filosofico; il
misticismo linvolucro che copre le tendenze controrivoluzionarie. Ma appunto la grande
sconfitta,altempostesso,peripartitirivoluzionarieperlaclasserivoluzionariauneffettivaed
utilissimalezione,unalezionedidialetticastorica,unalezionesullacomprensione,lacapacite
larte di condurre la lotta politica. Nella sventura si conoscono gli amici. Gli eserciti battuti
imparanobene.Lozarismovittoriosocostrettoadaffrettareladistruzionedeiresiduidivita
preborghese, patriarcale in Russia. Lo sviluppo borghese in Russia avanza con prodigiosa
rapidit. Le illusioni di potersi situare allinfuori e al di sopra delle classi, le illusioni sulla
possibilitdievitareilcapitalismo,cadonoinfrantumi.Lalottadiclassesipresentainformadel
tuttonuovaeancorapinetta.
I partiti rivoluzionari debbonocompletarela loro istruzione. Essi hanno imparato a condurre
loffensiva.Orabisognacomprenderelanecessitdicompletarequestascienzaconlascienza
della ritirata in buon ordine. Bisogna comprendere e la classe rivoluzionaria impara a
comprendere dalla propria amara esperienza che non si pu vincere senza avere appreso la
scienzadelloffensivaelascienzadellaritirata.Fratuttiipartitidopposizioneerivoluzionari
battuti,ilpartitodeibolscevichisiritirconmaggioreordine,conleminoriperditeperilsuo
"esercito",conservandonemeglioilnucleo,conlescissioniminori(perprofonditeinsanabilit),
conlaminordemoralizzazioneeconlamaggiorecapacitdiriprendereillavoronelmodopi
ampio, giusto ed energico. E i bolscevichi ottennero questo soltanto perch smascherarono e
scacciaronospietatamentetuttiirivoluzionariaparole,iqualinonvolevanocapirechebisognava
ritirarsi, che bisognava sapersi ritirare, che bisognava imparare a qualunque costo a lavorare
legalmente nei parlamenti pi reazionari, nelle pi reazionarie organizzazioni sindacali,
cooperative,diassicurazioniesimili.
Gliannidellaripresa(19101914).Daprincipio,laripresafuincredibilmentelenta;inseguito,
[] nellanno 1912, divenne un po pi rapida. I bolscevichi, superando immense difficolt,
respinseroimenscevichi,lacuifunzionecomeagentiborghesinelmovimentooperaioeragi
stataperfettamentecompresadopoil1905datuttalaborghesia,cheliappoggiavaperci,in
millemodi,controibolscevichi.Maibolscevichinonsarebberomairiuscitiarespingerli,senon
avessero applicato una tattica giusta, la tattica di unire il lavoro illegale con lutilizzazione
obbligatoria delle "possibilit legali". Nella Duma ultrareazionaria i bolscevichi conquistarono
tuttalacuriaoperaia.
La prima guerra imperialista mondiale (19141917). Il parlamentarismo legale, con un
"Parlamento" ultrareazionario, rende un servizio oltremodo utile al partito del proletariato
rivoluzionario, ai bolscevichi. I deputati bolscevichi vanno in Siberia. Nella nostra stampa
dellemigrazione tutte le gradazioni di vedute: il social/imperialismo, il social/sciovinismo, il
social/patriottismo, linternazionali smo incoerente e linternazionalismo conseguente, il
pacifismoelanegazionerivoluzionariadelleillusionipacifiste,trovanolaloropienaespressione.
GlistupidisapientielevecchiecomaridellaIIInternazionaleche,difronteallabbondanzadelle
"frazioni" del socialismo russo e dellasprezza delle loro lotte, avevano sprezzantemente e
boriosamentearricciatoilnaso,quandolaguerralispoglidellastrombazzata"legalit"intuttii

89

pesi progrediti, non furono in grado di organizzare nemmeno in modo approssimativo uno
scambiodiopinionicoslibero(illegale),ounacoslibera(illegale)elaborazionediconcezioni
giuste,comeavevanofattoirivoluzionarirussiinSvizzera e inparecchialtripaesi. Appunto
perci i social/patrioti dichiarati e i "kautskiani" di tutti i paesi, si dimostrarono i peggiori
traditoridelproletariato.Eseilbolscevismo,neglianni19171920,statocapacedivincere,una
della cause fondamentali di questa vittoria fu che il bolscevismo, fin dalla fine del 1914,
smascher senza piet la nefandezza, la vilt, labbiezione del social/sciovinismo e del
"kautskismo"[]echelemasse,poi,siconvinserosemprepi,peresperienzapropria,della
giustezzadelleideedeibolscevichi.
La II rivoluzione in Russia (dal febbraio allottobre 1917). Lincredibile decrepitezza e
fossilizzazione dello zarismo avevano creato (con lausilio dei colpi e del peso di una guerra
crudelissima)unastraordinariaforzadistruttivarivoltacontrodiesso.InpochigiornilaRussiasi
trasforminunarepubblicademocraticaborgheseche,nellecircostanzedellaguerra,erapi
libera di qualsiasi paese del mondo. Il governo, come nelle repubbliche pi "rigorosamente
parlamentari"fucostituitodaicapideipartitidiopposizioneerivoluzionari,eiltitolodicapodi
unpartitodiopposizionenelparlamento,anchesesitrattavadelparlamentopireazionario,
facilitavaatalecapolasuasuccessivafunzionenellarivoluzione.Imenscevichiei"socialisti
rivoluzionari"assimilaronomirabilmente,incapoadalcunesettimanetuttiimetodieimodi,gli
argomenti e i sofismi degli eroi europei della II Internazionale, dei ministerialisti e della
rimanente genia opportunistica. [] La storia si permessa uno scherzo e ha costretto gli
opportunistidiunpaesearretratoaprecorreregliopportunistidiparecchipaesiavanzati.
SetuttiglieroidellaIIInternazionalehannofattobancarottaesisonocopertidivergognanella
questionedellimportanzadellafunzionedeiSovietedelpoteredeiSoviet,seinquestaquestione
sonorimastisvergognatieconfusiinmodoparticolarmente"chiaro"icapideitreimportantissimi
partitiorauscitidallaIIInternazionale[],seessituttisisonorivelatischiavideipregiudizi
dellademocraziapiccolo/borghese(propriocomeipiccoloborghesidel1848chesichiamavano
"socialdemocratici")[inFrancianel1848assunseroquestadenominazioneirappresentantidella
sinistrapiccoloborghese,rivoluzionariaaparole,maincapacediqualsiasiazioneconcreta],noi
avevamogivistotuttocidallesempiodeimenscevichi.Lastoriasipermessaquestoscherzo:
nellanno1905inRussianacqueroiSoviet;dalfebbraioallottobre1917essifuronofalsificatidai
menscevichichefallironoperlaloroincapacitdicomprendernelafunzioneelimportanza;e
oggilideadelpoteresovieticonataintuttoilmondoesidiffondeconinauditarapiditfrail
proletariatodituttiipaesi,mentretuttiivecchieroidellaIIInternazionale,inconseguenzadi
quellastessaincapacitacomprenderelafunzioneelimportanzadeiSoviet,fannodappertuttola
stessa bancarotta dei nostri menscevichi. Lesperienza ha dimostrato che, in alcuni problemi
oltremodoessenzialidellarivoluzioneproletaria,tuttiipaesidovrannofareinevitabilmenteci
chehafattolaRussia.
Ibolscevichihannoincominciatoconmoltaprudenzalalorolottavittoriosacontrolarepubblica
parlamentaredifattoborgheseecontroimenscevichi,el'hannopreparatainunmodotuttaltro
che semplice, allopposto delle opinioni che oggi spesso si sentono esprimere in Europa e in
America. Al principio del periodo ricordato, non invitavamo ad abbattere il governo, ma
spiegavamo limpossibilit di abbatterlo senza dei mutamenti preventivi nella composizione e
nellorientamentodeiSoviet.Nonabbiamoproclamatoilboicottaggiodelparlamentoborghese,
dellaCostituente,mafindallaconferenzadiaprile(1917)delnostropartitoabbiamodetto
ufficialmenteinnomedelpartitocheunarepubblicaborgheseconunaCostituentemiglioredi
unarepubblicaborghesesenzaCostituente,machelarepubblicasovietica"deglioperaiedei
contadini" migliore di qualsiasi repubblica parlamentare democratica borghese. Senza tale
preparazionelunga,previdente,minuziosa,accorta,nonavremmopotutonottenerelavittoria
nellOttobre1917,nmantenerequestavittoria.

90

IV.Lottandoconqualinemiciinsenoalmovimentooperaioil
bolscevismocresciuto,sirafforzatoetemprato?
Anzitutto e principalmente lottando contro lopportunismo che nel 1914 si trasform
definitivamenteinsocial/sciovinismoepassdefinitivamentedallapartedellaborghesiacontroil
proletariato.Quellofunaturalmenteilprincipalenemicodelbolscevismoinsenoalmovimento
operaio.Erimaneancoraoggiilprincipalenemiconelcampointernazionale.[]Allesteronon
ancoraabbastanzanotocheilbolscevismocresciuto,siformatoetempratoinunalottadi
molti anni contro lo spirito rivoluzionario rivoluzionarismo piccoloborghese, che rassomiglia
allanarchismo o ha preso qualcosa da esso, e si allontana, in tutte le cose essenziali, dalle
condizioniedaibisognidiunatenacelottadiclasseproletaria.Inteoria,perimarxisticosadel
tuttocerta[]cheilpiccoloproprietario,ilpiccolopadrone(tiposocialecheinmoltipaesi
europeirappresentatodaunamassamoltovasta)subendosottoilcapitalismounacontinua
oppressionee,moltospesso,unpeggioramentodellasuavitaincredibilmentebruscoerapidoela
rovina, si abbandona con facilit a sentimenti rivoluzionari estremi, ma non capace di
dimostrarefermezza,organizzazione,disciplina,tenacia.Ilpiccoloborghese"infuriato"pergli
orroridelcapitalismounfenomenosocialecaratteristico,comelanarchismo,dituttiipaesi
capitalistici.Linconsistenzaditalementalitrivoluzionaria,lasuasterilit,lasuaproprietdi
trasformarsiprestoinsottomissione,apatia,fantasticheriaeperfinoin"folle"passioneperquesta
o quella corrente borghese "di moda", tutto ci universalmente noto. Ma il riconoscimento
teoricoeastrattodiquesteverit,nonliberapernullaipartitirivoluzionaridaivecchierrori,i
qualirisorgonosemprepermotiviinattesi,informaalquantonuova,inunavesteeincircostanze
primasconosciute,inunasituazioneoriginale(piomenooriginale).Lanarchismofunondi
radounasortadicastigoperipeccatiopportunistidelmovimentooperaio.Leduedeformitsi
completavanoavicenda.[]
Il bolscevismo riprese econtinu la lotta contro il partito cheesprimeva pi di ogni altro le
tendenze dello spirito rivoluzionario piccolo/borghese, cio contro il partito dei "socialisti
rivoluzionari", intorno a tre punti principali. In primo luogo, questo partito, che negava il
marxismo,siostinavaanoncomprendere(forsepiesattodire:nonpotevacomprendere)la
necessitdiponderare,conrigorosaobiettivit,leforzediclasseelororapportireciproci,prima
diqualsiasiazionepolitica.Insecondoluogo,questopartitoravvisavailsuoparticolare"spirito
rivoluzionario",ossiail"sinistrismo",nelriconoscimentodelterroreindividuale,degliattentati
chenoimarxistirespingevamorisolutamente.Noi,sicapisce,respingevamoilterroreindividuale
soltantopermotivipratici,mentrelagentecapacedicondannare"perprincipio"ilterrorismo
dellagrandeRivoluzionefranceseoingenereilterroredapartediunpartitorivoluzionarioche
abbiavintoesiaassediatodallaborghesiadituttoilmondo,questagenteeragistatacopertadi
ridicoloedivergognadaPlekhanov,nel19001903,quandoPlekhanoveraancoraunmarxistae
un rivoluzionario. In terzo luogo, i "socialisti rivoluzionari" ravvisavano il "sinistrismo" nel
dileggiare i peccati opportunisti relativamente piccoli della socialdemocrazia tedesca, pur
imitandogliopportunistiestremidiquelmedesimopartito,peresempio,nellaquestioneagrariae

91

nellaquestionedelladittaturadelproletariato.[]
Induecasilalottadelbolscevismocontroledeviazioni"disinistra"nelpartitobolscevicostesso
preseproporzioniparticolarmentegrandi:nel1908,inmeritoallaquestionedellapartecipazione
al"parlamento"ultrareazionarioeallesocietoperaielegalisottopostealeggiultrareazionarie,e
nel 1918 (pace di Brest) a proposito della questione della ammissibilit di determinati
"compromessi" [Trotsky, che dirigeva la delegazione sovietica alle trattative di pace a
BrestLitovsk,respinselecondizionidipacedelgovernotedesco,puravendoLeninstipulatoun
armistizioil3dicembreesostenendolanecessitdiarrivarerapidamenteallapace.Ripresele
ostilit,lapacepoisiconcluseacondizioniancorapeggiori].Nel1908,ibolscevichidi"sinistra"
furonoespulsidalnostropartitoperchsirifiutavanoostinatamentedicomprenderelanecessit
di partecipare al "parlamento" ultrareazionario. I "sinistri", molti dei quali erano ottimi
rivoluzionari,cheinseguitofurono(esonotuttora)cononoremembridelpartitocomunista,si
facevanospecialmentefortidellavittoriosaesperienzadelboicottaggiofattonel1905.
Quando lo zar nellagosto 1905 annunci la convocazione del "parlamento" consultivo, i
bolscevichi contro tutti partiti di opposizione e contro i menscevichi ne proclamarono il
boicottaggio,erealmentelarivoluzionedellottobre1905lospazzvia.Allora,ilboicottaggio
risultgiusto,nonperchingeneralesiagiustononpartecipareaiparlamentireazionari,ma
perch si era giustamente valutata la situazione obiettiva che conduceva alla rapida
trasformazionedegliscioperidimassadapprimainscioperopoliticoepoirivoluzionarioeda
ultimo in insurrezione. Inoltre, allora si lottava per deciderese si doveva lasciare allozar la
convocazione della prima istituzione rappresentativa o se si doveva tentare di strappare
liniziativadiquestaconvocazionedallemanidelvecchiopotere.Quandovennemeno,enon
potevanonvenirmeno,lacertezzaditrovarsisifronteaunasituazioneobiettivaanaloga,come
purediunaegualetendenzaediunegualeritmonelsuosviluppo,ilboicottaggiocessdiessere
giusto.Ilboicottaggiobolscevicodel"parlamento"nel1905arricchilproletariatorivoluzionario
diunaesperienzapoliticastraordinariamentepreziosa,mostrandochenelcombinareleformedi
lotta legali e illegali, parlamentari ed extraparlamentari, talora utile, e perfino necessario,
sapererinunciareaquelleparlamentari.Matrasportareallacieca,perpuraimitazione,inmodo
noncritico,questaesperienzaincondizionidiverse,inunasituazionediversa, ungravissimo
errore.[]
[notadiLeninneltesto:Sipuapplicareallapoliticaeaipartiti,conlenecessariemodifiche,ci
chesiriferisceallesingolepersone.Saggiononcoluichenonfaerrori:ditaliuomininoncene
sonoenoncenepossonoessere.Saggiocoluichecommetteerrorinontropposostanziali,colui
chesacorreggerlirapidamenteefacilmente.][]
Oggi,quandosiguardaindietro,aquelperiodostoricocompletamentechiuso,lacuiconnessione
coniperiodisuccessivisimostraormainellasuapienezza,sivedeconparticolareevidenzachei
bolscevichi non avrebbero potuto mantenere (non dico neppure: consolidare, sviluppare,
rafforzare)ilsaldonucleodelpartitorivoluzionariodelproletariatoneglianni19081914,se,
attraversoallottapiaspra,nonavesseroaffermatolobbligodicombinareleformeillegalidella
lottaconlesueformelegali,conlapartecipazioneobbligatoriaalparlamentoultrareazionarioe
aduncertonumerodialtreistituzionisottopostealeggireazionarie(cassedassicurazione,ecc.).
Nel1918nonsigiuntifinoallascissione.Icomunisti"disinistra",allora,silimitaronoaformare
ungruppoaparteo"frazione"nelsenodelnostropartito,edaltrondenonpermoltotempo.
Nellostessoannoipinotirappresentantidel"comunismodisinistra",peresempioicompagni
RadekeBukharin,hannoriconosciutoapertamenteilloroerrore.Essiavevanoritenutochela
pace di Brest fosse inammissibile in linea di principio e costituisse un compromesso con gli
imperialisti, dannoso al partito del proletariato rivoluzionario. E in realt quello fu un
compromessocongliimperialisti,maprecisamenteuntalecompromesso,intalicircostanze,era
indispensabile.Oggi,quandoioodogliattacchidei"socialistirivoluzionari",peresempioalla
tatticadanoiseguitasottoscrivendoiltrattatodipacediBrest,oquandoodolosservazionedel
compagno Lansbury, che in una conversazione con me disse"i nostri capi inglesi delle trade
unionsdiconocheicompromessi,sesonoammissibiliperibolscevichi,sonoammissibilianche
perloro",iorispondo,disolito,innanzituttoconunparagonesemplicee"popolare":Immaginate

92

chelavostraautomobilesiafermatadabanditiarmati.Voidateloroildenaro,ilpassaporto,la
rivoltella,lautomobile.Visieteliberatidellapiacevolecompagniadeibanditi.Ilcompromesso
esiste,senzadubbio."Doutdes"(io"do"ateildenaro,larma,lautomobile,"affinchtudia"a
melapossibilitdiandarmenesanoesalvo).Mabendifficiletrovareunuomoinpossessodelle
suefacoltmentalichedichiariunsimilecompromesso"inammissibileinlineadiprincipio",che
proclami la persona che lo ha concluso complice dei banditi (anche se i banditi, installatisi
nellautomobile, possano utilizzare la macchina e larma per nuove grassazioni). Il nostro
compromessoconibanditidellimperialismotedescostatosimileauntalecompromesso.Ma
quandoimenscevichieisocialistirivoluzionari inRussia,glischeidemanniani(einnotevole
misuraikautskiani)inGermania,OttoBauereFriedrichAdlerinAustria(prescindendopoidai
signori Renner e compagni), i Renaudel, Longuet e compagni in Francia, i fabiani, gli
"indipendenti"eil"PartitodelLavoro"("laburisti")inInghilterra,dal1914al1918edal1918al
1920,hannoconclusodeicompromessicoibanditidellaloropropriaborghesiaetalvoltaanche
conquellidellaborghesia"alleata"controilproletariatorivoluzionariodelloropaese,alloras
chetuttiquestisignoriagivanocomecomplicidelbanditismo.
La conclusione chiara: negare "per principio" i compromessi, negare in generale ogni
ammissibilit di compromessi, di qualunque genere essi siano, una puerilit, che perfino
difficile prendere sul serio. Un uomo politico, che desideri essere utile al proletariato
rivoluzionario, deve saper distinguere i casi concreti appunto di quei compromessi che sono
inammissibili,neiqualisiesprimonoopportunismoetradimento,eindirizzaretuttalaforzadella
critica,tuttalacutezzadiunospietatosmascheramentoediunaguerraimplacabilecontroquesti
compromessi concreti, e non permettere agli espertissimi socialisti "affaristi" e ai gesuiti
parlamentari di evitare e sfuggire la responsabilit con disquisizioni sui "compromessi in
generale". [] Vi sono compromessi e compromessi. Si deve essere capaci di analizzare le
circostanzeelecondizioniconcretediognicompromessoediognispeciedicompromesso.Si
deveimparareadistinguereluomochehadatodenaroearmiaibanditiperridurreilmalechei
banditicommettonoefacilitarnelarrestoelafucilazione,dalluomocheddenaroearmiai
banditiperspartireconessilarefurtiva.Nellapolitica,questononsemprecosfacilecomenel
piccoloesempiochehocitatoecheunbambinopucomprendere.Machivolesseescogitareuna
ricettaperglioperai,cheoffrisselorodecisionipreparateinanticipopertuttiicasidellavita,o
promettesselorochenellapoliticadelproletariatorivoluzionariononcisarannomaidifficolte
situazionicomplicate,sarebbesemplicementeunciarlatano.
Per evitare le false interpretazioni, tenter di indicare, sia pure nel modo pi breve, alcune
condizionifondamentaliperlanalisidicompromessiconcreti.Ilpartitoche,firmandolapacedi
Brest, concluse un compromesso con limperialismo tedesco, aveva elaborato il suo
internazionalismo, di fatto dalla fine del 1914. Esso non aveva temuto di proclamarsi per la
sconfittadellamonarchiazaristaedistigmatizzarela"difesadellapatria"nellaguerratradue
predoni imperialisti. I deputati al Parlamento di questo partito andarono in Siberia, anzich
prenderelaviacheconduceaiportafogliministerialiinungovernoborghese.Larivoluzione,che
haabbattutolozarismoecreatolarepubblicademocratica,hamessoilpartitoaunanuovae
grandissimaprova:ilpartitononhastipulatonessunaccordoconi"propri"imperialisti,mane
preparillororovesciamentoeliharovesciati.Inpossessodelpoterepolitico,ilpartitononha
lasciatopietrasupietrandellaproprietfondiaria,ndellaproprietcapitalistica.Dopoaver
pubblicatoeannullatoitrattatisegretidegliimperialisti,questopartitohapropostolapaceatutti
ipopoli,esisottomessoallasoperchieriadeipredonidiBrestsoltantodopochegliimperialisti
anglofrancesi ebbero mandato allaria la pace e i bolscevichi ebbero fatto tutto ci che era
umanamentepossibileperaffrettarelarivoluzioneinGermaniaeneglialtripaesi.Cheunsimile
compromesso,conclusodauntalepartitoeintalicircostanze,siastatoassolutamentegiusto,
cosa che diviene ogni giorno pi chiaro ed evidente per tutti. I menscevichi e i socialisti
rivoluzionariinRussia(comepure,nel19141920,tuttiicapidellaIIInternazionaleintuttoil
mondo)incominciaronoconiltradimento,quandogiustificaronodirettamenteoindirettamente,
la"difesadellapatria",cioladifesadellapropriarapaceborghesia.Essihannocontinuarononel
tradimento quando sentrarono in coalizione con la borghesia del proprio paese e lottarono
insiemeallapropriaborghesia,controilproletariatorivoluzionariodelpropriopaese.Ilblocco
cheessiformaronoinRussiaprimaconKerenskyeicadetti,poiconKolciakeDenikin,comepure

93

ilbloccoformatoallesterodailoroconsimiliconleborghesiedeirispettivipaesi,fuunpassaggio
nelcampodellaborghesiacontroilproletariato.Dalprincipioallafine,illorocompromessoconi
banditi dellimperialismo consistito in questo, che essi si sono resi complici del banditismo
imperialista.

V. Il comunismo "di sinistra" in Germania. I capi, il partito, la


classe,lemasse
I comunisti tedeschi dei quali ora dobbiamo parlare, non chiamano se stessi comunisti "di
sinistra",masenonerro"opposizionediprincipio".Per,dallaseguenteesposizione,sivedr
che essi presentano tutti i sintomi dell'"estremismo malattia infantile del comunismo".
[] Alcune citazioni basteranno per far conoscere al lettore questa sostanza:
"Il partito comunista il partito della pi risoluta lotta di classe" "Politicamente, questo
periododitransizione(trailcapitalismoeilsocialismo)ilperiododelladittaturaproletaria"
"Sipresentalaquestione:chideveesercitareladittatura?Ilpartitocomunistaolaclasseoperaia?
Sideve,inlinea diprincipio,aspirarealladittaturadelpartitocomunista,oaquelladella
classeproletaria?!!"[]"Lopposizionehasceltounaltrastrada.Essasostienechelaquestione
deldominiodelpartitocomunistaedelladittaturadelpartito,soltantounquestioneditattica.
Inognicasoildominiodelpartitocomunista lultimaformadiognidominiodipartito.Per
principiosideveaspirarealladittaturadellaclasseproletaria.Etutteledecisionidelpartito,la
suaorganizzazione,lesueformedilotta,lasuastrategiaetatticasidevonoadeguareaci.
Conformementeaquesto,bisognarespingeredecisamentequalsiasicompromessoconaltripartiti,
qualsiasiritornoalleformedilottadelparlamentarismo,chesonostoricamenteepoliticamente
superate,ognipoliticadidestreggiamentoediaccordi"."Imetodispecificamenteproletaridella
lottarivoluzionariadevonoesseresottolineaticonmaggiorforza.Maperattrarreipilarghi
circoliestratiproletari,chedevonointervenirenellalottarivoluzionariasottolaguidadelpartito
comunista,bisognacrearenuoveformediorganizzazionesullabasepiampiaenellacornicepi
vasta.Questopuntodiraccoltadituttiglielementirivoluzionarilalegaoperaiacostituitasulla
basedelleorganizzazionidifabbrica.Inessadevonounirsituttiglioperaicheseguonolaparola
dordine: fuori dai sindacati! Qui il proletariato combattente si schierer nelle pi vaste
formazioni di battaglia. Il riconoscimento della lotta di classe, del sistema dei Soviet e della
dittaturasufficienteperentrarenellalegaoperaia.Tuttalulterioreeducazionepoliticadelle
massecombattentielorientamentopoliticonellalottacompitodelpartitocomunista,ilquale
stafuoridellalegaoperaia
"Inconseguenza,duepartiticomunististannooradifronte:lunounpartitodicapi,ilqualesi
sforzadiorganizzarelalottarivoluzionariaedidirigerladallalto,arrivandoacompromessieal
parlamentarismo,percrearesituazionitalichepermettanoaicapidientrareinungovernodi
coalizione,nellemanidelqualesitroverebbeladittatura.
"laltroilpartitodellemasse,ilquale,aspettandolascesadellalottarivoluzionariadalbasso,
conosceeadottaperquestalottasoltantoununicometodo,checonducedrittoalloscopo,e
respinge tutti i metodi parlamentari e opportunistici. Questo unico metodo il metodo del
rovesciamentoincondizionatodellaborghesiaperistituirequindiladittaturaproletariadiclasse,
perlarealizzazionedelsocialismo"L,dittaturadeicapi;quidittaturadellemasse!Talela
nostraparoladordine".
QuestesonoletesiessenzialichecaratterizzanoleideedellopposizionedelPartitocomunista
tedesco.Ognibolscevicocheabbiacoscientementepartecipatoallosviluppodelbolscevismodal
1903inpoi,olabbiaosservatodavicino,leggendoquestiragionamentidirsubito:"cherobaccia
vecchiaearcinota!Chebambinate"disinistra"!!"[]Ilsolofattodiporreildilemma"dittatura
delpartitooppuredittaturadellaclasse?Dittatura(partito)deicapioppuredittatura(partito)
dellemasse?",attestaunaincredibileeirrimediabileconfusionediidee.Questagentesisforzadi
escogitarequalchecosadeltuttospeciale,madiventaridicolanellasuazelantesofisticheria.Tutti
sannochelemassesidividonoinclassi;chesipossonocontrapporrelemasseeleclassisoltanto
quando si contrapponga limmensa maggioranza generica, non articolata in base al posto

94

occupato nellordinamento sociale della produzione, alle categorie che occupano un posto
specialenellordinamento sociale della produzione; che le classi sono dirette di solito enella
maggiorpartedeicasi,almenoneipaesicivilimoderni,dapartitipolitici;cheipartitipolitici,
comeregolagenerale,sonodirettidagruppipiomenostabilidipersonerivestitedimaggiore
autorit,dotatediinfluenzaediesperienzamaggiori,eletteaipostidimaggiorresponsabilit,e
chiamatecapi.Tuttocielementare.Tuttocisemplicechiaro.[]
Ilcontrastotrai"capi"ele"masse"simanifestatointuttiipaesiconparticolarechiarezzaed
acutezzaallafinedellaguerraimperialistaedopodiessa.MarxedEngelsavevanospiegatomolte
voltelecauseprofondediquestofenomeno,neglianni18521892,conlesempiodellInghilterra.
LaposizionemonopolisticadellInghilterrasepardalla"massa"un"aristocraziaoperaia",amet
piccolo/borghese,opportunista.Icapidiquestaaristocraziaoperaiapassavanocontinuamente
dallapartedellaborghesia,eranomantenutidaquesta,direttamenteoindirettamente.Marxsi
guadagnlonorificoodiodiquestifarabutti,bollandoliapertamentecometraditori.Ilpirecente
imperialismo (del ventesimo secolo) ha creato per alcuni paesi avanzati una situazione
privilegiataemonopolistica,esuquestoterrenocomparsodappertutto,nellaIIInternazionale,
il tipo dei capi traditori, opportunisti, socialsciovinisti, che difendono gli interessi della loro
corporazione, del loro strato di aristocrazia operaia. Si prodotto un distacco dei partiti
opportunistidalle"masse",ciodaglistratipiestesideilavoratori,dallaloromaggioranza,dagli
operaipeggiopagati.Lavittoriadelproletariatorivoluzionarioimpossibilesenzalottarecontro
questomale,senzasmascherare,svergognareescacciareicapiopportunistiesocial/traditori:
questa la politica fatta dalla III Internazionale. Giungere, per questo motivo, fino a
contrapporre,inlineagenerale,ladittaturadellemassealladittaturadeicapi, unaassurdae
ridicolasciocchezza.Eparticolarmentebuffovedereche,difatto,alpostodeivecchicapi,iquali
hanno delle idee comuni sulle cose semplici, si mettono avanti (protetti dalla parla
dordine:"Abbassoicapi")deinuovicapi,chediconoassurditeincongruenzeinverosimili.[]
La negazione del partito e della disciplina di partito: ecco il risultato al quale giunta
lopposizione.Eciequivalealcompletodisarmodelproletariatoafavoredellaborghesia.Ci
equivaleappuntoaquelladispersione,aquellaincostanza,aquellaincapacitdistarsaldi,di
essereuniti, di coordinare le azioni, chesonoproprie della piccola borghesia e cherovinano
inevitabilmente ogni movimento rivoluzionario del proletariato se vengono trattate con
indulgenza. Dalpuntodi vista delcomunismo, negare la necessit del partito, significa voler
saltaredallavigiliadelcrollodelcapitalismo(inGermania),nonallafasepibassaoaquella
media,maallafasesuperioredelcomunismo.NoiinRussia(nelterzoannodopolabbattimento
dellaborghesia)muoviamoiprimipassisullaviachevadalcapitalismoalsocialismo,ossiaalla
fase inferiore del comunismo. Le classi sono rimaste e rimarranno in vita ancora per anni,
dappertutto,anchedopolaconquistadelpoteredapartedelproletariato. [] Sopprimerele
classinonsignificasoltantocacciareiproprietarifondiarieicapitalisti,cichenoiabbiamofatto
con relativa facilit ma vuol dire eliminare i piccoli produttori di merci, che impossibile
cacciare, impossibile schiacciare, con i quali bisogna trovare unintesa, che si possono (e si
devono)trasformare,rieducaresoloconunlavorodiorganizzazionemoltolungo,moltolentoe
moltoprudente.Essicircondanoilproletariato,daogniparte,diunambientepiccoloborghese,lo
penetranodiquestoambiente,locorrompono,spingonocontinuamenteilproletariatoaricadere
nellamancanzadicarattere,nelladispersione,nellindividualismo,nellealternativedientusiasmo
ediabbattimento,chesonopropriedellapiccolaborghesia.
Occorrelapiseveracentralizzazioneedisciplinainsenoalpartitopoliticodelproletariatoper
controbattere questi difetti, perch il proletariato adempia giustamente, con buon successo,
vittoriosamente, la funzione organizzatrice (che la sua funzione capitale). La dittatura del
proletariatounalottatenace,cruentaeincruenta,violentaepacifica,militareedeconomica,
pedagogica e amministrativa, contro le forze e le tradizioni della vecchia societ. La forza
dellabitudinedimilioniedecinedimilionidiuomini lapiterribiledelleforze.Senzaun
partitodiferro,tempratonellalotta,senzaunpartitochegodalafiduciadituttoquantovidi
onestonellasuaclasse,senzaunpartitochesappiainterpretarelostatodanimodellemassee
influire su di esso, impossibile condurre a buon fine una lotta simile. Vincere la grande
borghesiacentralizzatamillevoltepifacileche"vincere"milioniemilionidipiccolopadroni,i

95

quali, mediante la loro attivit quotidiana, continua, non appariscente, impercettibile,


disgregatrice, pervengono a quei medesimi risultati che sono necessari alla borghesia e che
portanoallarestaurazionedellaborghesia.Chiindebolisce,siapurdipoco,ladisciplinaferreadel
partito del proletariato (soprattutto durante la dittatura del proletariato), aiuta di fatto la
borghesiacontroilproletariato. [] Inmoltipaesi,compresiancheipaesipiprogrediti,la
borghesia fa penetrare e far penetrare indubbiamente molti provocatori nelle file dei partiti
comunisti.Unodeimezziperlottarecontroquestopericolounaintelligentecombinazionedel
lavorolegaleeillegale.

VI.Irivoluzionaridevonolavorareneisindacatireazionari?
I "sinistri" tedeschi, da parte loro, considerano come cosa per loro decisa una risposta
incondizionatamentenegativa a questa domanda. Secondo loro, bastano ledeclamazioni e le
esclamazionidisdegnocontroisindacati"reazionari"e"controrivoluzionari"(cirisultainmodo
specialmente"solido"especialmentescioccoinKarlHorner)per"dimostrare"cheillavorodei
rivoluzionari, dei comunisti nei sindacati gialli, socialsciovinisti, collaborazionisti, fautori di
Legien,controrivoluzionari, inutileeanzi inammissibile. Ma,perquantoi"sinistri"tedeschi
sianopersuasichequestatatticarivoluzionaria,essainrealtradicalmentefalsaenonfatta
di altrochedi frasi vuote. [] Noi temiamo uneccessivo aumento del partito perch in un
partitochealgovernotentanoinevitabilmentediinsinuarsiarrivistieavventurierichemeritano
soltantodiesserefucilati.
[]Nellanostrarepubblicanessunaimportantequestionepoliticaodiorganizzazionevienemai
decisadaunistituzionediStatosenzaledirettivedelComitatocentraledelpartito.Ilpartitosi
appoggianelsuolavorodirettamentesuisindacati,cheoggi,secondoidatidellultimocongresso
(aprile1920),contanopidi4milionidiiscritti,eformalmentesonosenzapartito.Difatto,tutti
gliorganidirettividellimmensamaggioranzadelleleghe,einprimalineadelCentrooUfficio
sindacalepan/russo(consigliocentralepan/russodeisindacati),sonocompostidicomunistied
applicano tutte le direttive del partito. Si ha in definitiva un apparato formalmente non
comunista,flessibileerelativamenteampio,moltopotente,proletario,medianteilqualeilpartito
strettamentecollegatoallaclasseeallemasseeattraversoilquale,sottoladirezionedelpartito,
si realizza la dittatura dellaclasse.Senza ilpi strettocontattoconisindacati,senza illoro
entusiasticoappoggio,senzaillorolavoropienodiabnegazioneperlacostruzionenonsoltanto
economica,maanchemilitare,noinonavremmocertopotutogovernareilpaeseerealizzarela
dittatura, non dico durante due anni, ma neppure durante due mesi. Sintende che questo
strettissimo contatto implica nella pratica un lavoro molto complicato e vario: propaganda,
agitazione,riunionitempestiveefrequenti,nonsoltantoconidirigenti,maancheingeneralecon
i membri attivi e influenti dei sindacati, lotta risoluta contro i menscevichi che fino ad ora
dispongonodiuncertonumero,benchmoltopiccolo,difautorieliinduconoaservirsiditutte
lepossibileinsidiecontrorivoluzionarie,acominciaredalladifesa ideologicadellademocrazia
(borghese)edellapropagandadell'"indipendenza"deisindacati(indipendenzadalpoterestatale
proletario!),perfinireconilsabotaggiodelladisciplinaproletaria,ecc.,ecc.[]
Scempiagginialtrettantoridicoleepuerilinonpossonononsembrareanoianchelechiacchiere,
estremamentedotteeterribilmenterivoluzionarie,dei"sinistri"tedeschiiqualiaffermanochei
comunistinonpossonoenondevonolavorareneisindacatireazionari,chelecitorinunciarea
questolavoro,chebisognausciredaisindacatiecreareassolutamenteuna"legaoperaia"deltutto
nuova,pura,escogitatadacomunistimoltosimpatici(eperlamaggiorparte,verosimilmente,
moltogiovani), ecc,ecc. Ilcapitalismolascia inevitabilmentein eredit alsocialismo, dauna
parte, le vecchie distinzioni professionali e corporative fra gli operai, distinzioni che si sono
stabilite attraverso i secoli; e, dallaltra parte, i sindacati, che possono svilupparsi e si
svilupperannosoltantoconmoltalentezza,nelcorsodimoltianni,insindacatidiproduzionepi
larghi e meno corporativistici (che abbracciano interi rami di produzione e non soltanto una
corporazione,unmestiere,unaprofessione).Inseguito,permezzoditalisindacatidiproduzione,
sipasserallasoppressionedelladivisionedellavorotragliuomini,alleducazione,istruzione,
preparazionediuominisviluppatiepreparatiintuttiisensi,diuominicapacidifartutto.Aci
tendeilcomunismo;aquestodevetendereearriver,masoltantodopounlungoperiododianni.

96

Tentare oggi di anticipare praticamente questo futuro risultato del comunismo pienamente
sviluppato,pienamenteconsolidatoeformato,completamentefloridoematuro, comevoler
insegnarelamatematicasuperioreaunbambinodiquattroanni.Noipossiamo(edobbiamo)
incominciare a costruire i socialismo non con un materiale umano fantastico e creato
appositamentedanoi,maconilmaterialecheilcapitalismocihalasciatoineredit.Cisenza
dubbiomolto"difficile".Maognialtromododiaffrontareilcompito cospocoserio,chenon
valelapenadiparlarne.
I sindacati, alprincipio dellosviluppo del capitalismo, furono ungigantescoprogressoper la
classeoperaia,inquantorappresentaronoilpassaggiodalladispersioneedallimpotenzadegli
operaiaiprimigermidellunionediclasse.Quandoincominciasvilupparsilaformasuprema
dellunione di classe dei proletari, il partito rivoluzionario del proletariato (il quale non sar
degnodelsuonomefinchnonimpareradunireicapiconlaclasseeconlemasse,inunsol
tutto,inqualchecosadiinscindibile),isindacatiincominciaronoinevitabilmentearivelarealcuni
trattireazionari,uncertoangustospiritocorporativo,unacertapropensioneallapoliticismo,una
certafossilizzazione,ecc.Mailproletariato,innessunpaesedelmondo,nonsisviluppato,n
potevasvilupparsialtrimentichepermezzodeisindacati,permezzodellazionereciprocatra
sindacatiepartitodellaclasseoperaia.Laconquistadelpoterepoliticodapartedelproletariato
ungigantescopassoinnanzicheilproletariato,comeclasse,hacompiuto,eilpartitodeveancor
pi,inunaformanuovaenonsoltantocomeprima,educareisindacatiedirigerli,senzaper
dimenticare, nel tempo stesso, che essi sono, e per molto ancora resteranno, una necessaria
"scuoladicomunismo"eunascuolapreparatoriaperlarealizzazione,dapartedeiproletari,della
lorodittatura;unaunionenecessariadeglioperaiperilgradualepassaggiodellamministrazione
dituttaleconomiadelpaesenellemanidellaclasseoperaia(enondisingoleprofessioni),e
quindinellemanidituttiilavoratori.[]
Lartedelluomopolitico(elagiustaconcezionedelpropriocompitodapartediuncomunista)
consisteappuntonelvalutaregiustamentelecondizionieilmomentoincuilavanguardiadel
proletariatopu,conbuonsuccesso,prendereilpotere,incuiessapuottenere,perlapresadel
potereedopolapresadelpotere,unsufficienteappoggiodistratiabbastanzavastidellaclasse
operaiaedellemasselavoratricinonproletarie,incui,dopodici,essariusciramantenereil
suo dominio, a rafforzarlo, a estenderlo per mezzo delleducazione, dellistruzione, della
conquistadimassesemprepinumerosedilavoratori. [] Questalottadeveesserecondotta
senzapiete,comenoiabbiamofatto,deveesserenecessariamentecontinuatafinoacopriredi
vergogna, fino a estirpare completamente dai sindacati tutti i capi incorreggibili
dellopportunismoedelsocial/sciovinismo.Nonsipuconquistareilpoterepolitico(enonsi
devetentarediprenderlo)finoaquandotalelottanonsiastataportataauncertogrado,e
questo"certogrado"nonsarlostessoneidiversipaesieincircostanzediverse;esoltantodei
dirigenti politici del proletariato, riflessivi, competenti ed esperti, possono determinarlo
esattamenteinognisingolopaese.[]
Appuntolabalorda"teoria"dellanonpartecipazionedeicomunistiaisindacatireazionarimostra
nelmodopichiaroconquantaleggerezzaquesticomunisti"disinistra"affrontinolaquestione
dellinfluenzasulle"masse"equaleabusofaccianoneilorosproloquidellaparola"masse".Per
sapereaiutarele"masse"eguadagnarsilasimpatia,ladesioneelappoggiodelle"masse",nonsi
devonotemereledifficolt,gliintrighi,leoffese,lepersecuzionidapartedei"capi"(iquali,come
opportunisti e socialsciovinisti, nella maggior parte dei casi sono legati direttamente o
indirettamenteconlaborghesiaeconlapolizia),elavorareadognicostoldovesonolemasse.
Bisognasapersopportarequalsiasisacrificio,sapersuperareimaggioriostacolipersvolgereuna
propagandaeunaagitazionesistematiche,tenaci,costanti,pazientiproprionelleistituzioni,nelle
societ,nellelegheanchenellepireazionariedovunquesitrovinodellemasseproletarieo
semiproletarie. [] Milionidi operaiinInghilterra,in Francia,inGermania,passanoperla
prima volta dalla completa assenza di organizzazione totalealla forma di organizzazione pi
elementare, inferiore, pi semplice, pi accessibile (per coloro che sono ancora imbevuti di
pregiudizidemocraticiborghesi)ecioaisindacatieicomunistidisinistra,rivoluzionarima
irragionevoli,senestannoaguardareegridano"lemasse!""lemasse!"erifiutanodilavorarein
senoaisindacati!!Rifiutanoconilpretestodel"reazionarismo"deisindacati!!Escogitanouna

97

nuova "Lega operaia" pura, monda di pregiudizi democratici borghesi, senza pecche
corporativistiche e grettezze professionali, una "Lega operaia" che, dicono, sar (sar!) assai
ampiaeperentrarenellaqualesiporrcomecondizionesoltanto(soltanto!)il"riconoscimento
del sistema dei Soviet e della dittatura" (si veda la citazione pi sopra)!! Non possibile
immaginare un insensatezza maggiore, un maggior danno per la rivoluzione di quello che
cagionanoirivoluzionari"disinistra"![]Ilcompitodeicomunisticonsisteinfattituttonelsaper
convincereiritardatari,nelsaperlavorarefraloro,nelnonsepararsidaloroconparoledordine
"disinistra"cervelloticheepuerili.[]

VII.Sidevepartecipareaiparlamentiborghesi?
[]Comedunquesipudireche"ilparlamentarismopoliticamentesuperato",se"milioni"e
"legioni"diproletarinonsoltantosonoperilparlamentarismoingenere,masonoaddirittura
"controrivoluzionari"!? E evidente che in Germania il parlamentarismo non ancora
politicamentesuperato.Echiarochei"sinistri"inGermaniahannoscambiatoillorodesiderio,la
loroposizioneideologicaepolitica,perunarealtobiettiva.Questolerrorepipericolosoper
deirivoluzionari.[]Voisieteindoveredinonscendereallivellodellemasse,allivellodegli
stratiarretratidellaclasse.Questoincontestabile.Voiaveteildoveredidirlorolamaraverit.
Voiaveteildoveredichiamarepregiudiziiloropregiudizidemocraticiborghesieparlamentari.
Ma nello stesso tempo avete il dovere di considerare ponderatamente lo stato effettivo della
coscienza e della maturit della classe tutta intera (e non soltanto della sua avanguardia
comunista),dituttequantelemasselavoratrici(enonsoltantodisingolielementiavanzati).
Anchesenon"milioni"e"legioni",masemplicementeunaminoranzaabbastanzaimportantedegli
operaiindustrialisegueipreticattolici,eunaminoranzaimportantedeilavoratoriagricoliseguei
proprietari terrieri e i contadini ricchi, ne consegue gi in modo indubitabile che il
parlamentarismo[]nonancorasuperatopoliticamente,chelapartecipazionealleelezioni
parlamentarieallalottadallatribunaparlamentareobbligatoriaperilpartitodelproletariato
rivoluzionario,precisamentealfinedieducareglistatiarretratidellapropriaclasse,precisamente
alfinedirisvegliareediilluminarelemasserurali,nonevolute,oppresse,ignoranti.Finchvoi
nonsieteingradodisciogliereilParlamentoborgheseeleistituzionireazionariediognitipo,voi
avete lobbligo di lavorare nel seno di tali istituzioni appunto perch l vi sono ancora degli
operaiingannatidaipretiedallambientedeipiccolicentrisperduti;altrimentirischiatediessere
soltantodeichiacchieroni.[]
Noi abbiamo partecipato alle elezioni del Parlamento borghese della Russia, dellAssemblea
costituentenelsettembrenovembre1917.Estatagiustaononstatagiustalanostratattica?Se

98

non stata giusta, bisogna dirlochiaramentee bisogna provarlo; ci necessario affinch il


comunismo internazionale elabori una tattica giusta. Se stata giusta, bisogna trarne certe
conclusioni.Siintendechenonsipuneancheparlarediunaparificazionedellecondizionidella
Russia con quelle dellEuropa occidentale. Ma nella questione specifica del significato
dellespressione"ilparlamentarismopoliticamentesuperato",necessariotenereesattoconto
dellanostraesperienza,perchconcetti comequestisitrasformanotroppofacilmenteinfrasi
vuotesenonsitienecontodelleesperienzeconcrete.Nonavevamonoi,bolscevichirussi,nel
settembrenovembre 1917, pi di tutti i comunisti doccidente, il diritto di ritenere il
parlamentarismopoliticamentesuperatoinRussia?Naturalmentelavevamo,poichcicheconta
nonseiParlamentiborghesiesistonodapocoodamoltotempo,mafinoaqualpuntolegrandi
masse lavoratrici siano pronte (ideologicamente, politicamente, praticamente) ad accettare il
regimedeiSovieteasciogliereconlaforzailParlamentodemocraticoborghese(oatollerarnelo
scioglimento).CheinRussia,nelsettembrenovembre1917,laclasseoperaiadellecitt,isoldati
eicontadini,inseguitoaunaseriedicondizionispeciali,fosserostraordinariamentepreparati
alladozione del regime dei Soviet e allo scioglimento con la forza del pi democratico dei
Parlamentiborghesi,unfattostoricoassolutamenteincontestabileepienamenteaccertato.E
tuttavia,ibolscevichinonhannoboicottatolAssembleacostituente,mahannopartecipatoalle
elezionitantoprimaquantodopolaconquistadelpoterepoliticodapartedelproletariato.Che
queste elezioni abbiano dato risultati politici quanto mai preziosi (e di grande utilit per il
proletariato),unfattocheioososperareaverdimostratonellarticolosuccitato,analizzando
particolareggiatamenteidatisulleelezioniallAssembleacostituenteinRussia.Dacisgorgauna
conclusioneassolutamenteincontestabile:dimostratocheancoraalcunesettimaneprimadella
vittoria della Repubblica dei Soviet, e anche dopo questa vittoria, la partecipazione a un
Parlamento democratico borghese, non solo non nuoce al proletariato rivoluzionario, ma gli
rendepifaciledimostrareallemassearretrateperchtaliParlamentimeritanodiesseresciolti
conlaforza,rendepifacilescioglierliconsuccesso,rendepifacileil"superamentopolitico"del
parlamentarismoborghese.
[]lazionedellemassecomeperesempioungrandescioperosempreenonsoltantodurante
larivoluzioneoinunasituazionerivoluzionaria,piimportantedellattivitparlamentare.[]
Noi bolscevichi abbiamo partecipato ai Parlamenti pi controrivoluzionari, e lesperienza ha
dimostratochequestapartecipazionestatanonsoltantoutilemaanchenecessariaalpartitodel
proletariatorivoluzionario,appuntodopolaprimarivoluzioneborgheseinRussia(1905),perla
preparazione delle seconda rivoluzione borghese (febbraio 1917), e poi della rivoluzione
socialista(ottobre1917).[]DalfattocheilParlamentodiventaorganoe"centro"(inrealt
essononfumaienonpuessereil"centro")dellacontrorivoluzione,echeglioperaicreanolo
strumentodelloropoterenellaformadeiSoviet,neconseguecheglioperaidevonoprepararsi
prepararsi ideologicamente, politicamente e tecnicamente alla lotta dei Soviet contro il
Parlamento,alloscioglimentodelParlamentoperoperadeiSoviet.Madacinonderivaaffatto
chetalescioglimentovengaresopidifficileoppurenonvengafacilitatodallesistenzadiuna
opposizionesovieticainsenoalparlamentocontrorivoluzionario.[]Sappiamobenissimochelo
scioglimentodellAssembleacostituentedanoi operatoil5gennaio1918nonvenneresopi
difficile,maanzifacilitatodalfattocheinsenoaquestaCostituentecontrorivoluzionariaesisteva
unopposizionesovietica coerente, bolscevica, eunopposizionesovietica inconseguente, quella
deisocialistirivoluzionaridisinistra.[]
NellEuropa occidentale e in America il Parlamento diventato particolarmente odioso ai
rivoluzionari avanzati della classe operaia. Questo incontestabile. Ed ben comprensibile,
poich difficile immaginare cosa pi ignobile, vile, perfida del contegno della schiacciante
maggioranzadeideputatisocialistiesocialdemocraticinelParlamentoduranteedopolaguerra.
Tuttaviasarebbenontantoirragionevole,maaddiritturacriminalecedereaunsimilesentimento
neldeciderelaquestionedelcomesidebbalottarecontroquestomalericonosciutodatutti.In
moltipaesidellEuropaoccidentale,lospiritorivoluzionariooggi,sipudire,una"novit"ouna
"rarit",aspettatatroppoalungo,invanoeconimpazienza,edforseperquestomotivochesi
cedecosfacilmentealsentimento.Certo,senzaunspiritorivoluzionarionellemasse,senzale
condizioni che favoriscono lo sviluppo di tale spirito, la tattica rivoluzionaria non pu
trasformarsi in azione; ma in Russia unesperienza troppo lunga, difficile, sanguinosa, ci ha

99

convintidiquestaverit,chelatatticarivoluzionarianonpuesserefondataunicamentesullo
spirito rivoluzionario. La tattica deve essere fondata sul calcolo ponderato e rigorosamente
obiettivoditutteleforzediclassedelloStatoinquestione(edegliStatichelocircondano,edi
tutti gli Stati su scala mondiale), come pure sulla valutazione dellesperienza dei movimenti
rivoluzionari. Manifestare il proprio "spirito rivoluzionario" unicamente vituperando
lopportunismoparlamentare,unicamenterespingendolapartecipazionealParlamento, molto
facile; ma appunto perch troppo facile, non una soluzione del difficile e difficilissimo
compito.
[]inRussia,nellasituazioneconcretaestoricamenteoriginalissimadel1917,fufacileiniziare
larivoluzionesocialistamentrecontinuarlaecondurlaaterminesarperlaRussiapidifficile
cheperipaesieuropei.Gialprincipiodel1918avevoavutooccasionedisegnalarequestofatto,
elasuccessivaesperienzadidueannihapienamenteconfermatolesattezzadiquestomododi
vedere.Condizionispecifichecome:1)lapossibilitdilegarelarivoluzionesovieticaconlafine
(grazieallarivoluzionestessa)dellaguerraimperialistacheinfliggevaindescrivibilisofferenze
aglioperaieaicontadini;2)lapossibilitdisfruttare,peruncertotempo,lalottamortalefradue
gruppidipredoniimperialisticidipotenzamondiale,iqualinonpotevanounirsicontroilnemico
sovietico; 3) la possibilit di sostenere una guerra civile relativamente lunga, in parte grazie
allenormeestensionedelpaeseeagliscarsimezzidicomunicazione;4)lesistenzafraicontadini
di un movimento rivoluzionario democratico borghese cos profondo, che il partito del
proletariatopotfarproprielerivendicazionirivoluzionariedelpartitodeicontadini(ilpartito
socialistarivoluzionario nettamente ostile, in maggioranza, al bolscevismo) e attuarle
immediatamentegrazieallaconquistadelpoterepoliticodapartedelproletariato;talicondizioni
specifichenonesistonooranellEuropaoccidentale,ntroppofacilecheesse,oaltresimili,si
presentinounaltravolta. Eccoperch, fralaltro,eprescindendodauna seriedi altrecause,
iniziarelarivoluzionesocialistapidifficileperlEuropaoccidentalediquantononfupernoi.
Tentaredi"aggirare"taledifficolt"saltando"ildurocompitodellutilizzazionedeiParlamenti
reazionariascopirivoluzionarisemplicementepuerile.Voivoletecreareunanuovasociet?E
avetepaura delledifficolt che presenta la creazionedi un buongruppo parlamentare inun
Parlamento reazionario, di un gruppo composto di comunisti convinti, devoti, eroici! Non
puerile?[]
La critica la pi aspra, spietata, implacabile delle critiche non deve essere diretta contro il
parlamentarismoocontrolattivitparlamentare,macontroqueicapichenonsannoeancorpi
contro quelli che non vogliono sfruttare in modo rivoluzionario, comunista le elezioni
parlamentari e la tribuna del Parlamento. Soltanto una critica simile, che naturalmente deve
andarecongiuntaconlespulsionedeicapiinettieconlalorosostituzioneconcapiidonei,sar
unlavororivoluzionario,utileefecondo,cheinparitempoeducheri"capi"adesseredegnidella
classeoperaiaedellemasselavoratrici,elemasseadimparareabenorientarsinellasituazione
politicaeacomprendereicompitispessoassaicomplicatieintricatichedaquestasituazione
scaturiscono.

VIII."Nessuncompromesso"?
[]Etristevederecomedegliuomini,iqualiindubbiamentesiconsideranomarxistievogliono
esseremarxisti,abbianodimenticatoleveritfondamentalidelmarxismo.Eccochecosascriveva
nel1874,controilmanifestodei33comunardiblanquistiEngels,ilqualeappartiene,come
Marx,aqueirarierarissimiscrittorineiqualiognifrasediognunadelleoperemaggiorihaun
contenutodiammirevoleprofondit:
"Noi siamo comunisti (hanno scritto i comunardi blanquisti nel loro manifesto) perch
vogliamoraggiungereilnostroscoposenzafermarcinellestazioniintermedie,senzaaddivenirea
compromessi, i quali altro non fanno che allontanare il giorno della vittoria e prolungare il
periododellaschiavit".
"I comunisti tedeschi sono comunisti perch attraverso tutte le stazioni intermedie e tutti i
compromessi, che non sono stati creati da loro, ma dal corso dello sviluppo storico, vedono

100

chiaramenteeperseguonocostantementeloscopofinale:labolizionedelleclassielacreazionedi
unordinesocialeincuinoncisiapipostoperlaproprietprivatadellaterraedituttiimezzidi
produzione. I 33 blanquisti sono comunisti, perch immaginano che, dal momento che essi
voglionosaltarelestazioniintermedieeicompromessi,lacosasiabellefatta,echese(comeessi
credonofermamente)laffare"incomincer"agiornieilpotereverratrovarsinelleloromani,il
giornodopo"sarinstauratoilcomunismo".Inconseguenza,selacosanonsipufarsubito,essi
nonsonocomunisti".

"Quale puerile ingenuit portare come argomento teorico la propria impazienza!" (Friedrich
Engels:"Ilprogrammadeicomunardiblanquisti").
[]Fabbricareunaricettaounaregolagenerale("nessuncompromesso"!)cheservapertuttii
casi,unascempiaggine.Bisognacheognunoabbialatestasullespalle,persapersiorientarein
ognisingolocaso.Limportanzadellorganizzazionedipartitoedeicapidipartitochemeritano
questoappellativo,consisteperlappunto,tralaltro,nellelaboraremedianteunlavorolungo,
tenace, vario, multiforme di tutti i rappresentanti pensanti di una data classe le cognizioni
necessarie,lanecessariaesperienzaeoltrelecognizionielesperienzailfiutopoliticonecessario
perrisolvererapidamenteegiustamentelequestionipolitichecomplicate.
[notadiLenin:inogniclasse,anchelapiprogreditaedotatadiunpoderososlancio,anchenel
paesepicolto,finchvisarannoleclassi,visarannoinevitabilmenterappresentantidellaclasse
stessachenonpensanoenonsonocapacidipensare.Senonfossecosilcapitalismononsarebbe
uncapitalismooppressoredellamasse.]
[]tuttalastoriadelbolscevismo,primaedopolaRivoluzionediOttobre, pienadicasidi
destreggiamenti, di accordi, di compromessi con altri partiti, compresi i partiti borghesi!
Condurrelaguerraperilrovesciamentodellaborghesiainternazionale,guerracentovoltepi
difficile, pi lunga e pi complicata della pi accanita delle guerre abituali tra gli Stati, e
rinunciare in anticipo e destreggiarsi, a sfruttare gli antagonismi di interessi (sia pure
temporanei)traiproprinemici,rinunciareagliaccordieaicompromessicondeipossibilialleati
(siapuretemporanei,pocosicuri,esitanti,condizionati),noncosainfinitamenteridicola?Non
come se nellardua scalata di un monte ancora inesplorato e inaccessibile, si rinunciasse
preventivamenteafartaloradeglizigzag,aritornarequalchevoltasuipropripassi,alasciarela
direzionepresaalliniziopertentaredirezionidiverse?[]
Dopolaprimarivoluzionesocialistadelproletariato,dopolabbattimentodellaborghesiainun
paese,ilproletariatodiquestopaeserestapermoltotempopideboledellaborghesia,anche
semplicementeacausadeiformidabililegamiinternazionalidellaborghesia,poiacausadella

101

ricostruzione,dellarinascitaspontaneaecontinuadelcapitalismoedellaborghesiaadoperadei
piccoliproduttoridimercinelpaesestessochehaabbattutoildominioborghese.Sipuvincere
unnemicopipotentesoltantoconlamassimatensionedelleforzeeallacondizionenecessaria
di utilizzare nella maniera pi diligente, accurata, attenta, abile, ogni bench minima
"incrinatura"trainemici,ognicontrastodiinteressitralaborghesiadeidiversipaesi,traivari
gruppielevariespeciediborghesianellinternodiognisingolopaese,eancheogni minima
possibilit di guadagnarsi un alleato numericamente forte, sia pure temporaneo, incerto,
incostante,instabile,infido,nonincondizionato.Chinonhacapitoquesto,nonhacapitounacca
ndelmarxismo,ndelmodernosocialismoscientificoingenerale.Chinonhapraticamente
dimostrato,duranteunperiododitempoabbastanzalungoeinsituazionipoliticheabbastanza
varie,diesserecapacediapplicarenellapraticaquestaverit,nonhaancoraimparatoadaiutare
laclasserivoluzionarianellasualottaperliberaretuttalumanitlavoratricedaglisfruttatori.E
ci che si detto si riferisce egualmente al periodo anteriore e al periodo successivo alla
conquistadelpoterepoliticodapartedelproletariato.
La nostra teoria non undogma,ma una guidaper lazionedicevanoMarx edEngelseil
massimoerroreeilmassimodelittodeimarxisti"patentati"[]dinonavercompresoquesto,
dinonaverlosaputoapplicareneipiimportantimomentidellarivoluzionedelproletariato.[]
I bolscevichi hanno sempre continuato quella politica. Dal 1905 in poi hanno propugnato
sistematicamentelalleanzadellaclasseoperaiaconicontadini,controlaborghesialiberaleelo
zarismo,senzamairinunciaretuttaviaadappoggiarelaborghesiacontrolozarismo(peresempio
nelleelezionidisecondogradoeneiballottaggi)esenzacessarelalottaideologicaepoliticapi
intransigente contro il partito contadino rivoluzionario borghese, i "socialisti/rivoluzionari",
smascherandoli come democratici piccolo/borghesi che si annoveravano falsamente tra i
socialisti.Nel1907,ibolscevichiconclusero,perbrevetempo,unbloccopoliticoformaleconi
"socialisti/rivoluzionari"perleelezioniallaDuma.Conimenscevichi,nelperiododal1903al
1912,fummoformalmenteunitiparalcunianniinununicopartitosocialdemocratico,senzamai
cessare la lotta ideologica e politica contro di essi, come veicoli dellinfluenza borghese nel
proletariatoecomeopportunisti.[]
Ilcapitalismononsarebbecapitalismoseilproletariato"puro"nonfossecircondatodaunafolla
straordinariamentevariopintaditipiintermeditrailproletarioeilsemiproletario(coluichesi
procura di che vivere solo a met mediante la vendita della propria forza/lavoro) tra il
semi/proletarioeilpiccolocontadino(eilpiccoloartigiano,ilpiccolopadroneingenerale),trail
piccolocontadinoeilcontadinomedio,ecc.;ese,insenoalproletariatostesso,nonvifossero
dellesuddivisioniinstratipiomenosviluppati,dellesuddivisioniperregione,permestiere,
talvoltaperreligioni,ecc.Edatuttociderivalanecessit,lanecessitassolutaeincondizionata
per lavanguardia del proletariato, per la parte cosciente di esso, per il partito comunista, di
destreggiarsi,distringereaccordi,compromessiconidiversigruppidiproletari,conidiversi
partitidioperaiedipiccolipadroni.Tuttostanelsaperimpiegarequestatatticaalloscopodi
elevare, e non di abbassare il livello generale della coscienza proletaria, dello spirito
rivoluzionariodelproletariato,dellasuacapacitdilottareedivincere.Bisognanotarefralaltro
che la vittoria dei bolscevichi sui menscevichi richiese, non soltanto prima della rivoluzione
dellottobre1917,maanchedopodiessa,lusodiunatatticadidestreggiamenti,diaccordi,di
compromessi,naturalmentetalidafacilitare,accelerare,consolidareerafforzareibolscevichia
spese dei menscevichi. I democratici piccolo/borghesi (compresi i menscevichi) oscillano
inevitabilmente tra la borghesia e il proletariato, tra la democrazia borghese e il regime dei
Soviet,trailriformismoelospiritorivoluzionario,tralasimpatiaperglioperaielapauradella
dittatura proletaria, ecc. La giusta tattica dei comunisti deve consistere nellutilizzare queste
oscillazionienonnellignorarle,elaloroutilizzazioneesigechesifaccianodelleconcessionia
quegli elementi che si orientano verso il proletariato nel momento e nella misura in cui si
orientanoversodiesso,lottandoinparitempocontroglielementichesiorientano,invece,verso
laborghesia.Inseguitoallapplicazionediunagiustatattica,ilmenscevismo,danoi,andeva
tuttorasemprepidisgregandosi;vengonoisolatiicapiostinatamenteopportunistiepassanonel
nostrocampoimigliorioperai,imigliorielementidellademocraziapiccolo/borghese.Equesto
un processo di lunga durata, e la frettolosa "risoluzione": "nessun compromesso, nessun
destreggiamento",pusoltantorecardannoalrafforzamentodellinfluenzaeallaccrescimento

102

delleforzedelproletariatorivoluzionario.
[]Legarsianticipatamentelemani,direapertamentealnemico,oggimeglioarmatodinoi,see
quandocibatteremoconlui,unasciocchezzaenonsegnodispiritorivoluzionario.Accettarela
battagliaquandocimanifestamentevantaggiosoperilnemicoenonpernoi,undelitto;e
quei politici della classe rivoluzionaria che non sanno "destreggiare, stringere accordi e
compromessi"perevitareunabattagliamanifestamentesvantaggiosa,nonvalgonounbelniente.

IX.Ilcomunismo"disinistra"inInghilterra
[]InmeritoallapartecipazionealParlamento,lacompagnaSylviaPankhurstsirichiamaaun
articolo pubblicato nello stesso numero, del compagno W. Gallacher, il quale, in nome del
"Consiglio operaio della Scozia" di Glasgow dice: "Questo Consiglio nettamente
antiparlamentareehaconslalasinistradivarieorganizzazionipolitiche.Noirappresentiamoil
movimento rivoluzionario in Scozia, il quale tende alla creazione di una organizzazione
rivoluzionaria nei luoghi di produzione (nei diversi rami della produzione) e di un partito
comunista che si fondi su dei comitati sociali in tutto il paese. Per molto tempo abbiamo
polemizzatoconiparlamentariufficiali.Nonabbiamoritenutonecessariodidichiararelorouna
guerraapertaedessitemonodipassareallattaccocontrodinoiMaunasituazionesimilenon
pudurarealungo.NoivinciamosututtalalineaInScozia,lemassedegliiscrittialPartito
laburistaindipendentehannosemprepiindisgustolideadelParlamento,equasituttiigruppi
localisonoperiSovietoConsiglioperai.Siintendechecihaunagrandissimaimportanzaper
queisignoricheconsideranolapoliticacomeunmezzodiguadagno(comeunaprofessione),e
costororicorronoatuttiimezziperpersuadereiloroaderentiaritornareindietro,ingremboal
parlamentarismo.Icompagnirivoluzionarinondevonoappoggiarequestabanda.Qui,lanostra
lottasarmoltodura.Unodeisuoipeggioriaspettisariltradimentodicoloroperiqualigli
interessipersonalisonounostimolantepifortechenonillorointeresseperlarivoluzione.Ogni
appoggioalparlamentarismocontribuiscesemplicementeafarcadereilpoterenellemanidei
nostri Schiedemann e Noske inglesi. Henderson, Clynes e consorti sono irrimediabilmente
reazionari.Ilpartitolaburistaindipendenteufficialecadesemprepisottoildominiodeiliberali
borghesi,chehannotrovatounrifugiospiritualenelcampodeisignoriMacDonald,Snowdene
consorti.IlPartitolaburistaindipendenteufficialeimplacabilmenteostileallaIIIInternazionale;
la massa invece favorevole ad essa. Appoggiare in un modo qualsiasi i parlamentari
opportunisti, significa semplicemente fare il gioco dei signori sopra citati. Il Partito socialista
britannicononhaquialcunaimportanzaQuioccorronounasanaorganizzazionerivoluzionaria
suiluoghidellaproduzione(industriale)eunpartitocomunistachefondilasuaattivitsubasi
scientifiche, chiare, esattamente determinate. Se i nostri compagni possono aiutarci nella
creazione delluna e dellaltro, accetteremo volentieri il loro aiuto; se non possono aiutarci,
almeno,peramordelcielo,nonseneimmischinoaffatto,senonvoglionotradirelarivoluzione
accordandoilloroappoggioaireazionarichesiadoperanocontantozeloaconseguireiltitolo
"onorevole"(?)dideputati,echeardonodaldesideriodidimostrarecheessipossonogovernare
connonminorsuccessodeglistessi"padroni",ipoliticidellaclassedominante".
Questaletteraallaredazione,secondome,esprimeperfettamentelostatodanimoelopinionedi
giovani comunisti o di operai appartenenti alla massa, che incominciano appena a venire al
comunismo. Tale stato danimo confortante e prezioso al massimo grado; bisogna saperla
apprezzareeappoggiareperchsenzadiessa,larivoluzioneproletariainInghilterra,comein
qualsiasialtropaese,nonavrebbesperanzadivittoria.Lepersonechesannoesprimerequesto
stato danimo della masse, che sanno suscitar nelle masse un simile stato danimo (spesso
assopito,noncosciente,nonancorarisvegliato),devonoesseretrattateconriguardoeaiutatecon
sollecitudineintuttiimodi.Manellostessotempobisognadirlorofrancamente,apertamente,
chelostatodanimodellemassedasolonon bastaperdirigerelemassenellaimmanelotta
rivoluzionaria,echecertierrorichelepersonapidevoteallarivoluzionesonoinprocintodi
commettere o commettono, possono danneggiare la causa della rivoluzione. Nella lettera del
compagnoGallacherallaredazionesivedono,senzaalcundubbio,igermidituttiglierroriche
commettonoi comunisti tedeschidi "sinistra"echefuronocommessi daibolscevichirussi"di
sinistra"neglianni1908e1918.

103

Lautoredellaletteraanimatodaunnobileodioproletario(odiochepercomprensibilee
familiarenonsoltantoaiproletari,maatuttiilavoratori,atuttala"genteminuta",peradoperare
unespressionetedesca)controi"politicidiclasse"borghesi.Questodiodiunrappresentantedelle
masse oppresse e sfruttate in verit il "principio di ogni saggezza", il fondamento di ogni
movimento socialista e comunista e delle sue vittorie. Ma lautore, evidentemente, non tiene
contodelfattochelapoliticaunascienzaeunartechenoncadedalcielomarichiedeuno
sforzo,echeilproletariato,sevuolvincerelaborghesia,deveformaredasipropri"politicidi
classe", proletari, che non siano peggiori dei politici borghesi. Lautore della lettera ha
ottimamente compreso che non il Parlamento, ma soltanto i Soviet operai possono essere lo
strumentoattoaraggiungeregliscopidelproletariato,echinonhaancoracapitoquestosono
certoipeggiorireazionari,ancheselapersonapidotta,ilpoliticopiesperto,ilsocialista
pisincero,ilmarxistapierudito,ilcittadinoeilpadredifamigliapionesto.Malautoredella
letteranonponeneppure,noncredenecessarioporrelaquestione:possibilecondurreiSoviet
alla vittoria sul Parlamento, senza introdurre in seno al Parlamento degli uomini politici
"sovietici"? Senza disgregare il parlamentarismo dallinterno? Senza preparare in seno al
Parlamento il successo dei Soviet nel compito che hanno di sciogliere il Parlamento? Eppure
lautoredellaletteraenuncialidea,deltuttogiusta,cheilpartitocomunistainInghilterradeve
agiresubasiscientifiche.Lascienzaesigeinprimoluogochesiconsiderilesperienzadeglialtri
paesi,soprattuttosequestialtripaesi,anchessicapitalistici,stannocompiendoodapocohanno
compiutounaesperienzamoltosimile;e,insecondoluogo,chesiconsiderinotutteleforze,tutti
igruppi,partiti,classi,tuttelemassecheagisconoinundatopaese,echenonsideterminimaila
politicasoltantoinbaseaidesideriealleopinioni,inbaseallivelloraggiuntodallacoscienzae
dallapreparazioneallalottadiunsologruppoopartito.ChegliHenderson, i Clynes, i Mac
Donald, gli Snowden siano irrimediabilmente reazionari, vero. Altrettanto vero che essi
voglionoprendereilpoterenelleloromani(purepreferendo,delresto,unacoalizioneconla
borghesia),cheessivogliono"governare"secondolevecchienormeborghesi,eche,unavolta
giuntialpotere,sicomporterebberoinevitabilmentecomegliScheidemanneiNoske.Tuttoci
esatto; ma da questo non consegue affatto che lappoggiarli sia un tradimento verso la
rivoluzione; ne consegue invece che i rivoluzionari della classe operaia, nellinteresse della
rivoluzione,devonoaccordareaquestisignoriuncertoappoggioparlamentare.[]
Laleggefondamentaledellarivoluzione,confermatadatuttelerivoluzionieparticolarmenteda
tutteetrelerivoluzionirussedelsecoloventesimo,consisteinquesto:perlarivoluzionenon
sufficientechelemassesfruttateeoppressesianocoscientidellimpossibilitdiviverecomeperil
passato ed esigano dei cambiamenti; per la rivoluzione necessario che gli sfruttatori non
possanopivivereegovernarecomeperilpassato.Soltantoquandogli"stratiinferiori"non
voglionopiviverecomeperilpassatoegli"stratisuperiori"nonpossonopiandareavanticome
prima,soltantoalloralarivoluzionepuvincere.Inaltritermini,questaveritsiesprimecos:la
rivoluzione non possibile senza una crisi di tutta la nazione (checoinvolga cio sfruttati e
sfruttatori).Perlarivoluzionebisogna,dunque,inprimoluogo,chelamaggioranzadeglioperai
(operlomenolamaggioranzadeglioperaicoscienti,pensanti,politicamenteattivi)comprenda
pienamentelanecessitdellarivoluzioneesiaprontaadaffrontarelamorteperessa;insecondo
luogocheleclassidirigentiattraversinounacrisidigovernochetrascininellapoliticaanchele
massepiarretrate(lindiziodiogniverarivoluzionestainquesto,chetralemasselavoratricie
sfruttate,apatichefinoaquelmomento,ilnumerodegliuominiattiallalottapoliticaaumenta
rapidamentedi10eperfinodi100volte),indebolisceilgovernoerendapossibileairivoluzionari
ilrapidorovesciamentodiesso.[]
Parler in modo pi concreto. I comunisti inglesi, secondo me, devono unificare tutti i loro
quattropartitiegruppi(tuttimoltodeboliealcunidebolioltreognidire),inunsolopartito
comunista,sulterrenodeiprincipidellaIIIInternazionaleedellapartecipazioneobbligatoriaal
Parlamento.IlPartitocomunistaproponeagliHendersoneagliSnowdenun"compromesso",un
accordo elettorale: marciamo insieme contro il blocco di Lloyd George e dei conservatori;
dividiamo i seggi parlamentari proporzionalmente al numero dei voti dagli operai al Partito
laburistaoaicomunisti(nonnelleelezioni,mainunavotazioneparticolare);riserviamocilapi
completalibertdiagitazione,dipropaganda,diattivitpolitica.Senzaquestultimacondizione,
si intende, non si deveentrare nelblocco, perchsarebbe un tradimento: i comunisti inglesi

104

devonoassolutamentereclamareeconservarelapienalibertdismascheraregliHendersonegli
Snowden,coscomelhannoreclamataeconservataibolscevichirussi(perquindicianni,dal
1903 al 1917) rispetto agli Henderson e agli Snowden russi, cio ai menscevichi. Se gli
HendersonegliSnowdenaccetterannoilbloccoaquestecondizioni,noiavremoguadagnato,
perchilnumerodeiseggiinparlamentononpernoiaffattoimportante,perchnoinondiamo
lacacciaaiseggiparlamentariesuquestopuntosaremoarrendevoli(mentregliHendersone
specialmenteiloronuoviamicioiloronuovipadroni,iliberali,chesonopassatialPartito
laburista indipendente danno la caccia soprattutto ai seggi). Noi avremo guadagnato perch
porteremolanostraagitazionefralemassenelmomentoincuilostessoLloydGeorgeleha
"messeineffervescenza",enonsoltantoaiuteremoilPartitolaburistaaformarepiprestoun
propriogoverno,maaiuteremoanchelemasseacomprenderepirapidamentetuttalanostra
propagandacomunista,checondurremocontrogliHendersonsenzalimitazioniesenzareticenze.
SegliHendersonegliSnowdenrespingonoilbloccoconnoiaquestecondizioni,noiavremo
guadagnatoancoradipi,perchavremomostratosenzaltroallemasse(sinoticheperfinonel
Partitolaburistaindipendente,schiettamentemenscevico,deltuttoopportunista,lemassesono
periSoviet)chegliHendersonpreferisconoipropribuonirapporticonicapitalistiallunionedi
tuttiilavoratori.Avremodicolpoguadagnatoagliocchidellemasse,lequali,specialmentedopo
le brillanti spiegazioni di Lloyd George, molto giuste e molto utili (per il comunismo),
simpatizzerannoperlunionedituttiglioperaicontroilbloccodLloydGeorgeconiconservatori.
AvremodicolpoguadagnatoperchavremodimostratodavantiallemassechegliHendersone
gliSnowdenhannopauradivincereLloydGeorge,hannopauradiprenderedasoliilpoteree
miranoinsegretoaottenerelappoggiodiLloydGeorge,ilqualeporgeapertamentelamanoai
conservatoricontroilPartitolaburista.[]SegliHendersonegliSnowdenrifiutasseroilblocco
coicomunisti,icomunistisiavvantaggerebberosubitoconquistandolasimpatiadellemassee
screditandogliHendersonegliSnowden;eseanche,inseguitoaquestorifiuto,perdessimo
qualcheseggioinParlamento,cinonavrebbepernoinessunaimportanza.Noicilimiteremmoa
presentareinostricandidatisoltantoinunnumeropiccolissimodicollegiassolutamentesicuri,
nei quali cio la presentazione di candidature nostre non potrebbe portare alla vittoria del
liberalecontroilcandidatolaburista.Noncondurremmolagitazioneelettorale,diffonderemmo
deimanifestiniinfavoredelcomunismoe,intuttiicollegidovenonvifosserocandidatinostri,
inviteremmoavotareperilcandidatolaburistacontroilborghese.IcompagniSylviaPankhurste
Gallachersbaglianoquandovedonoinquestalineadicondottauntradimentodelcomunismoo
unarinunciaallalottacontroisocial/traditori.Alcontrario,lacausadellarivoluzionecomunista
seneavvantaggerebbesenzadubbio.
Oggi,pericomunistiinglesi,spessomoltodifficileperfinoaccostarelemasse,perfinoindurrele
masse ad ascoltarli. Se io mi presento come comunista e dichiaro che invito a votare per
HendersoncontroLloydGeorge,certamentemisiascolter.Epotr nonsoltantospiegarein
forma popolare perch i Soviet sonomigliori delParlamento e la dittatura delproletariato
miglioredelladittaturadiChurchill(mascheratadallinsegnadella"democrazia"borghese),ma
potranche spiegareche io vorrei sostenere Hendersoncol mio voto, proprio come la corda
sostienelimpiccato;chelavvicinarsidelmomentoincuigliHendersonformerannoungoverno
loroproprio,dimostrercheiohoragione,avrpereffettodiattirarelemassedallamiaparte,
affretterlamortepoliticadegliHendersonedegliSnowden,propriocomeavvenutoconiloro
similiinRussiaeinGermania.Esemisiobietta:questa unatatticatroppo"astuta"etroppo
complicata,lemassenonlacomprenderanno,essadisperderespezzetterlenostreforze,ci
impedirdiconcentrarleperlarivoluzionesovietica,ecc.,iorisponderaquesticontraddittori"di
sinistra":nonriversatesullemasseilvostrodottrinarismo! InRussialacultura delle masse
certamentepibassaenonpialtacheinInghilterra.Ecinondimenolemassehannocapitoi
bolscevichi;eseibolscevichiallavigiliadellarivoluzionesovietica,nelsettembre1917,hanno
preparatolelistedeilorocandidatialParlamentoborghese(Assembleacostituente)elindomani
della rivoluzione sovietica, nel novembre 1917, hanno fatto le elezioni per quella stessa
Assembleacostituente,chepoiessiavrebberodispersoil5gennaio1918,questacircostanzanon
statadiostacolomaanzidiaiutoaibolscevichi.
Nonpossoindugiarmiquisulsecondodissensocheesistetraicomunistiinglesiecheconsistenel
dilemma:aderireonoalPartitolaburista.Tropposcarsaladocumentazionedicuidispongono

105

riguardoaquestoproblema,cheparticolarmentecomplicatoinconseguenzadellastraordinaria
originalitdel"Partitolaburista"britannico,troppodissimileperlasuastessastrutturadaipartiti
politiciabitualidelcontinenteeuropeo.Macerto,inprimoluogo,cheancheinquestaquestione
sbaglia inevitabilmente chiunque si metta in testa di dedurre la tattica del proletariato
rivoluzionariodaprincipicomequesti:"Ilpartitocomunistadevemantenerepuralasuadottrina
e immacolata la sua indipendenza dal riformismo; la sua missione di andare avanti, senza
fermarsi e senza deviare dal cammino, di seguire la via diritta che porta alla rivoluzione
comunista".Giacchtaliprincipisonosoltantounaricadutanellerroredeicomunardiblanquisti
francesi,iquali,nel1874,proclamaronola"negazione"diqualsiasicompromessoediqualsiasi
"stazioneintermedia".Insecondoluogo, certocheilcompitoconsiste,inquestocaso,come
sempre,nelsapereapplicareiprincipigeneraliefondamentalidelcomunismoaquellapeculiarit
dei rapporti fra le classi e i partiti, a quella peculiarit nello sviluppo obiettivo verso il
comunismo, che propria di ogni singolo paese e che bisogna sapere studiare, trovare,
indovinare.[]

X.Alcuneconclusioni
[]Enecessariorendersichiaramentecontocheuntalecentrodirigentenonpuinnessuncaso
venirecostituitosuunmodellostereotipato,sullaparificazionemeccanica,sullauniformitdelle
regoletattichedilotta.Finchsussistonodifferenzechedurerannoancoraalungo,moltoa
lungo,anchedopolarealizzazionedelladittaturadelproletariatosuscalamondialelunitdella
tatticainternazionaledelmovimentooperaiocomunistadituttiipaesiesigenonleliminazione
dellediversit,nonlasoppressionedelledifferenzenazionali(nelmomentoattualecisarebbe
balordafantasticheria),maunaapplicazionedeiprincipifondamentalidelcomunismo(potere
dei Soviet e dittatura del proletariato) tale che modifichi giustamente nei particolari detti
principi,liadoperigiustamenteeliadattiallediversitnazionalienazionali/statali.Ricercare,
studiare, discernere, indovinare e cogliere le particolarit nazionali e ci che vi di
specificatamentenazionalenelmodoconcretocheciascunpaesehanellaffrontarelasoluzione
delcompitointernazionaleunicopertutti,ciolavittoriasullopportunismoesuldottrinarismodi
sinistranellinternodelmovimentooperaio,labbattimentodellaborghesia,linstaurazionedella
repubblica dei Soviet e della dittatura proletaria: questo il compito capitale dellattuale
momentostoricointuttiipaesiprogrediti(enonsoltantoinquelliprogrediti).[]Oraoccorre
concentrare tutte le forze, tutta lattenzione [] sulla ricerca delle forma di transizione alla
rivoluzioneproletariaedelleformeperaffrontarequestocompito.
Lavanguardiaproletariaideologicamenteconquistata.Questolessenziale.Senzacinonsi
pufarenemmenoilprimopassoversolavittoria.Madiquiallavittorialadistanza ancora
grande.Conlasolaavanguardianonsipuvincere.Gettarelasolaavanguardianellabattaglia
decisiva,primachetuttalaclasse,primachelegrandimasseabbianopresounaposizioneodi
appoggio diretto dellavanguardia o, almeno, di benevola neutralit nei suoi riguardi e di
completa incapacit diappoggiareisuoiavversari,nonsarebbesoltantounasciocchezza,ma
anche un delitto. Ma affinch effettivamentetutta la classe, affinch effettivamente le grandi
massedei lavoratoriedeglioppressi dalcapitalegiunganoaprenderetaleposizione, lasola
propaganda,lasolaagitazionenonbastano.Perquesto necessarialesperienzapoliticadelle
massestesse.[]
Il compito attuale dellavanguardia cosciente nel movimento operaio internazionale, cio il
compitodeipartiti,dellecorrenti,deigruppicomunisti,stanelsapercondurrelegrandimasse
(oggiancora,nelmaggiornumerodeicasi,sonnolente,apatiche,abitudinarie,inerti,nonancora
risvegliate)versoquestaloronuovaposizioneo,meglio,nelsaperguidare,nonsoltantoilproprio
partito, ma anche queste masse durante il loro avvicinamento, il loro passaggio alla nuova
posizione. Se non si potuto adempiere al primo compito storico (attrarre lavanguardia
coscientedelproletariatodallapartedelregimedeiSovietedelladittaturadellaclasseoperaia)
senzaunapienavittoriaideologicaepoliticasullopportunismoesulsocial/sciovinismo,nonsi
potr adempiere al secondo compito che allordine del giorno e che consiste nel saper
condurre le masse sulla nuova posizione, atta ad assicurare la vittoria dellavanguardia nella
rivoluzione senza liquidare il dottrinarismo di sinistra, senza superare completamente i suoi

106

errori,senzaliberarsidiessi.
Finch si trattava (e in quanto ancora si tratta) di attrarre dalla parte del comunismo
lavanguardia dl proletariato, il primo posto spetta alla propaganda. In questo caso, anche i
circoli, contutteledebolezzepropriedi questogenerediorganizzazione,sonoutiliedanno
risultatifruttuosi.Quandositrattadellazionepraticadellemasse,quandositrattadischierare
misipassilespressioneesercitidimilionidiuomini,didisporretutteleforzediclassediuna
datasocietperl'ultimadecisivabattaglia,allora,conisolimetodidellapropaganda,conlasola
ripetizionedelleveritdelcomunismo"puro",nonsiottienenulla.Inquestocasononsideve
contareamigliaia,comeinsostanzacontailpropagandista,membrodiungrupporistretto,che
nonhaancoradirettolemasse,masidevecontareamilionieadecinedimilioni.[]
Bisognaunirelapiseveradedizionealleideedelcomunismoconlacapacitdiaddivenirea
tuttiicompromessipraticinecessari,dimanovrareedipatteggiare,diprocedereazigzag,di
ritirarsi e cos via, per affrettare la realizzazione e il superamento del potere politico degli
Henderson(deglieroidellaIIInternazionale,senonsivuolepersonalizzare;deirappresentanti
della democrazia piccolo borghese, che si proclamano socialisti); per affrettarne linevitabile
bancarottanellapratica,laqualeeducalemasseappuntosecondoilnostrospirito,appuntonella
direzionedelcomunismo;peraffrettaregliinevitabiliattriti,litigi,conflitti,larotturacompleta
fra gli Henderson, i Lloyd George, i Churchill (fra i menscevichi e i socialisti/rivoluzionari, i
cadettieimonarchici;fragliScheidemann,laborghesia,iseguacidiKapp,ecc.)eperscegliere
giustamente il momento della massima disgregazione fra tutti questi "puntelli della sacra
proprietprivata",alfinedibatterlitutticonunrisolutoattaccodelproletariatoeconquistareil
poterepolitico.Lastoriaingenerale,lastoriadellerivoluzioniinparticolare,semprepiricca
dicontenuto,pivaria,pimultilaterale,piviva,pi"astuta"diquantoimmagininoimigliori
partiti, le pi coscienti avanguardie delle classi pi avanzate. E ci si comprende, giacch le
miglioriavanguardierappresentanolacoscienza,lavolont,lepassioni,lafantasiadidecinedi
migliaiadiuomini;malarivoluzionevieneattuatainunmomentodislancioeccezionaleedi
eccezionaletensionedituttelefacoltumane,dallacoscienza,dallavolont,dallepassioni,dalla
fantasia di molte decine di milioni di uomini spronati dalla pi aspra lotta di classe. Di qui
discendonodueimportantissimeconclusionipratiche.Laprimachelaclasserivoluzionaria,per
adempierealsuocompito,devesapersirenderepadronaditutteleformeodituttiilati,senzala
minima eccezione, dellattivit sociale (e condurre a termine, dopo la conquista del potere
politico, e talvolta con grande rischio e grandissimo pericolo, quel che non era riuscita a
terminareprima);lasecondachelaclasserivoluzionariadeveessereprontaallasostituzione
pirapidaeinattesadiunaformaconlaltra.[]
Soventeirivoluzionariinespertipensanocheimezzilegalidilottasianoopportunistiperchin
questocampolaborghesiahaingannatoebeffatoconmaggiorefrequenzaglioperai(soprattutto
neiperiodi"pacifici",nonrivoluzionari),echeinveceimezziillegalisianorivoluzionari.Manon
vero.Quelcheverocheipartitieicapiiqualinonsannoononvogliono(nondite:non
posso, dite: non voglio) adoperare i mezzi di lotta illegali in circostanze come quelle, per
esempio,dellaguerraimperialistadel19141918,quandolaborghesiadeipaesidemocraticipi
liberiingannavaglioperaiconinauditasfacciataggineeferociaeimpedivadidirelaveritsul
carattere brigantesco della guerra, sono opportunisti e traditori della classe operaia. Ma i
rivoluzionarichenonsannocombinareleformeillegalidilottacontutteleformelegali,sono
pessimi rivoluzionari. Non difficile essere un rivoluzionario quando la rivoluzione gi
scoppiataedivampa,quandotuttiaderisconoallarivoluzione,perunasempliceinclinazione,per
moda,talvoltaancheperragionidicarrierapersonali.Poi,dopolavittoria,ilproletariatosideve
"liberare"diquestirivoluzionarimancati,acostodifatichedurissime,disofferenze,sipudire,di
verimartirii.Ecosamoltopidifficileemoltopipreziosasaperessererivoluzionariquando
non esistono ancora le condizioni per una lotta diretta, aperta, effettivamente di massa,
effettivamente rivoluzionaria; saper propugnare gli interessi della rivoluzione (con la
propaganda,conlagitazione,conlorganizzazione)nelleistituzioninonrivoluzionarie,sovente
addirittura reazionarie, in un ambiente non rivoluzionario, fra una massa incapace di
comprenderesubitolanecessitdelmetodorivoluzionariodiazione.[]
I comunisti, i fautori della III Internazionale in tutti i paesi, sono al mondo appunto per

107

trasformaresututtalalinea,intuttiicampidellavita,ilvecchiolavorosocialista,tradunionista,
sindacalista, parlamentare, in un nuovo lavoro, in un lavoro comunista. Le manifestazioni
opportunistiche,schiettamenteborghesi,icasidiaffarismoeditruffacapitalisticaabbondavano
sempre anche nelle nostre elezioni. I comunisti nellEuropa occidentale in America devono
imparareacreareunparlamentarismonuovo,diversodaquelloabituale,nonopportunistico,non
carrierista:ilpartitodeicomunistilancilesueparoledordine;iveriproletari,conlaiutodella
povera gente non organizzata e completamente schiacciata, diffondano e distribuiscano dei
manifestini,visitinoleabitazionideglioperai,faccianoilgirodellecapannedeiproletariagricoli
edeicasolarisperdutideicontadini(perfortunainEuropaivillaggisperdutisonomoltomeno
numerosichedanoi,einInghilterravenesonopochissimi),penetrinonelleosteriepipopolari,
siintroducanoneisindacati,nellesociet,nelleadunanzeoccasionalipischiettamentepopolari,
parlinoalpopolo,noncomedeidotti(enoninformatroppoparlamentare),nondianopernulla
lacacciaal"posticino"inParlamento,masveglinodappertuttoilpensiero,attragganolemasse,
prendanoinparolalaborghesia,utilizzinolapparatodaessocreato,leelezionidaessaindette,
gliappellidaessarivoltiatuttoilpopolo,faccianoconoscereilbolscevismoalpopolocomenon
simairiuscitiafarloconoscere(sottoildominiodellaborghesia)senonneiperiodielettorali
(eccezione fatta, si intende, nel periodo dei grandi scioperi, durante i quali questo identico
apparatoperlagitazionefratuttoilpopololavoravadanoiconunaintensitancormaggiore).
FarquestonellEuropaoccidentaleeinAmericacosamoltodifficile,difficilissima,masipuesi
devefarlo,poich,ingenerale,icompitidelcomunismononpossonovenireadempiutisenza
fatica, e bisogna faticare per adempiere i compiti pratici, sempre pi multiformi, sempre pi
collegaticontuttiiramidellavitasocialeesemprepiattiastrappareunramodopolaltro,un
campodopolaltrodallemanidellaborghesia.[]
Icomunistidevonosapereche,inognicaso,lavvenireappartieneloro,equindinoipossiamo(e
dobbiamo) unire alla massima passione nella grande lotta rivoluzionaria, la valutazione pi
freddaespassionatadeicolpifuriosidellaborghesia.[]Unutileinsegnamentopotrebbe(e
dovrebbe) essere ci che avvenuto con i capi della II Internazionale, con dei marxisti cos
sapienti e cos devoti alsocialismo, come Kautsky, OttoBauerealtri. Essi erano pienamente
coscienti della necessit di una tattica flessibile, avevano studiato e insegnato agli altri la
dialetticamarxista(emoltodiquantoessihannofattoaquestoriguardorimarrpersempre
preziosopatrimoniodellaletteraturasocialista);manellapplicazionediquestadialetticahanno
commesso un tale errore, ovvero nella pratica si sono dimostrati cos non dialettici, si sono
dimostraticosincapacidivalutareilrapidomutaredelleformeeilrapidoimpregnarsinella
vecchiaformadiunnuovocontenuto,chelalorodestinononmoltopiinvidiabiledellasorte
diHyndmann,diGuesde,diPlekhanov.Lacausaprincipaledellalorobancarottastanelfattoche
essi "sono rimasti in contemplazione" di una determinata forma di sviluppo del movimento
operaioedelsocialismo,hannodimenticatochequellaformaunilaterale,hannoavutopauradi
assistereallabruscasvoltacheeradivenutainevitabileacausadellacondizioniobiettive,ehanno
continuatoaripetereveritsemplicierisapute,aprimavistaincontestabili:tre maggioredi
due. Ma la politica assomiglia pi allalgebra e allaritmetica e pi ancora alla matematica
superiore che alla matematica elementare. In realt, tutte le vecchie forme del movimento
socialistasieranoimpregnatediunnuovocontenuto;davantiallecifreerapercicomparsoun
nuovosegno:il"meno".Maiinostrisapientonicontinuavano(econtinuanotuttoraadaffermare
aseaglialtriche"3pidi"2.
[] E un errore anche il dottrinarismo di sinistra e non soltanto il dottrinarismo di destra.
Naturalmente,lerroredeldottrinarismodisinistranelcomunismo inquestomomentomille
volte meno pericoloso e meno importante dellerrore del dottrinarismo di destra (cio del
social/sciovinismo e del kautskismo); ma meno pericoloso soltanto perchil comunismodi
sinistraunacorrentemoltogiovane,appenanata.Soltantoperquestolamalattia,datecerte
condizioni, pu essere facilmente curata; ed necessario intraprendere questa cura con la
massimaenergia.[]Bastadire,comediconoicomunistidisinistratedeschieinglesi,chenoi
riconosciamo soltanto una via, quella diretta, che non ammettiamo nessun destreggiamento,
nessunaccordo,nessuncompromesso,equestogiunerrorecapacedirecare,echeinparteha
girecatoereca,ungravissimodannoalcomunismo.Ildottrinarismodidestrasiimpantanato
ariconosceresoltantolevecchieforme,eilsuofallimentostatocompletoperchnonhanotato

108

ilnuovocontenuto.Ildottrinarismodisinistrasiimpuntanellanegazioneassolutadideterminate
vecchieforme,enonvedecheilnuovocontenutosiaprelastradaattraversoogniequalsiasi
forma,cheilnostrodovere,comecomunisti, quellodiacquistarelapadronanzadituttele
forme,diapprendereacompletare,conlamassimarapidit,unaformapermezzodellaltra,a
sostituireunaformaconlaltra,adadattarelanostratatticaaqualsiasicambiamentochenonsia
causatodallanostraclasse,ndainostrisforzi.[]
27Aprile1920

APPENDICE
IV.Falseconclusionidagiustepremesse
Ma Bordiga e i suoi amici "di sinistra", dalla loro giusta critica dei signori Turati e consorti,
traggonolafalsaconclusioneche,ingenere,ognipartecipazionealParlamentosiadannosa.I
"sinistri"italianinonpossonoaddurreneppurelombradiunargomentoserioinfavorediquesta
opinione.Essiignoranosemplicemente(ocercanodidimenticare)gliesempiinternazionalidi
una utilizzazione dei Parlamenti borghesi, effettivamente rivoluzionaria e comunista,
incontestabilmente utile alla preparazione della rivoluzione proletaria. Essi non immaginano
neppureuna"nuova"utilizzazionedelparlamentarismoe,ripetendosisenzafine,continuanoe
strepitareapropositodellautilizzazione"vecchia"nonbolscevica,delparlamentarismo.Incista
appuntoilloroerrorefondamentale.Nonsoltantonelcampoparlamentare,maintuttiicampidi
attivit,ilcomunismodeveintrodurre(enonviriuscirsenzaunlungo,eperseverante,tenace
lavoro)cichevidinuovodalpuntodivistadeiprincipi,cicheromperadicalmenteconle
tradizioni della II Internazionale (conservando e sviluppando al tempo stesso ci che la II

109

Internazionalehadatodibuono).
Prendiamo pure, ad esempio lattivit giornalistica. Giornali, opuscoli, manifesti compiono un
lavoronecessariodipropaganda,diagitazione,diorganizzazione.Inunpaesepiomenocivile,
nessunmovimentodimassepufareamenodiunapparatogiornalistico.Enessunostrepito
controi"capi",nessunagiuramentodiserbareimmunilemassedalleinfluenzedeicapipotr
liberarci dalla necessit di utilizzare, per questo lavoro, delle persone che provengono da
ambientiintellettualiborghesi,epotrliberarcidallambiente,dallatmosferadellademocrazia
borghese, della "propriet privata" che quella in cui si svolge questa attivit in regime
capitalista. Due anni e mezzo dopo labbattimento della borghesia e la conquista del potere
politico da parte del proletariato, vediamo ancora intorno a noi questa atmosfera, questo
ambientedirapportidemocratici/borghesi,diproprietprivatatralemasse(fraicontadiniegli
artigiani).
Ilparlamentarismounaformadilavoro;ilgiornalismo,unaltra.Ilcontenutopuinambedue
esserecomunistaedeveesserecomunista,secolorochelavoranonellunoenellaltrocamposono
veramente comunisti, sono veramente membri del partito proletario di massa. Ma nelluno e
nellaltrocampoeinqualsiasisferadilavoroinregimecapitalisticoedurantelatransizionedal
capitalismo al socialismo impossibile evitare qulle difficolt, quei compiti particolari che il
proletariato deve superare e risolvere per utilizzare, ai propri fini, le persone provenienti
dallambienteborghese,pervincereipregiudizieleinfluenzeintellettualiborghesi,perfiaccare
laresistenzadellambientepiccolo/borghese(einseguitotrasformarlocompletamente).Prima
dellaguerradel19141918nonabbiamoforsevistointuttiipaesiunastraordinariaabbondanza
diesempi,incuianarchici,sindacalistiesimiliultra"sinistri"fulminavanoilparlamentarismo,
schernivano i parlamentari socialisti trivialmente imborghesiti, ne staffilavano crudelmente il
carrierismo,ecc.,ecc.,mentrelorostessi,permezzodelgiornalismo,permezzodellavoronei
sindacati, facevano la stessa carriera borghese? Non sono forse tipici gli esempi dei signori
JouhauxeMerrheim,perlimitarciallaFrancia?.
La puerilit della "negazione" della partecipazione al Parlamento sta appunto nel credere di
"risolvere",inquestomodo"semplice"e"facile"epseudo/rivoluzionarioildifficileproblemadella
lottacontroleinfluenzedemocratiche/borghesiinsenoalmovimentooperaio,mentreinrealtsi
fuggesoltantolapropriaombra,sichiudonosoltantogliocchidavantialladifficoltesicerca
soltantodiliberarsenecondelleparole.Ilcarrierismopisfacciato,lutilizzazioneborghesedei
posticiniparlamentari,lasfacciatacontraffazioneriformistadellavoroparlamentare,ilvolgare
consuetudinarismopiccolo/borghese:tuttiquestosono,senzadubbio,itratticaratteristiciabituali
e prevalenti che il capitalismo genera dovunque e non soltanto fuori, ma anche entro il
movimentooperaio.Mailcapitalismoelambienteborghesedaessocreato(echeperfinodopo
labbattimentodellaborghesiascomparesoltantoconmoltalentezzaperchicontadinirinnovano
sempre la borghesia) producono, assolutamente in tutti i campi del lavoro e della vita, un
carrierismo borghese, uno sciovinismo nazionalista, una grettezza piccolo borghese, ecc.
sostanzialmenteidenticiechedifferisconosoloperinsignificantivarietdiforma.
Voisembrateavoistessi"terribilmenterivoluzionari",ocariastensionistieantiparlamentaristi,
ma in realt vi siete spaventati per le difficolt relativamente piccole della lotta contro le
influenzeborghesiinsenoalmovimentooperaio,mentrelavostravittoriaciolabbattimento
dellaborghesiaelaconquistadelpoterepoliticodapartedelproletariatocreerquellestesse
difficoltinmisuraancoramaggiore,incommensurabilmentemaggiore.Visietespaventaticome
bambini per una piccola difficolt che oggi vi sta di fronte, e non capite che, domani o
posdomani,dovretepureimparare,imparareafondo,avincerelestessedifficolt,inproporzioni
incommensurabilmentemaggiori.Inregimesovietico,unnumeroancormaggiorediintellettuali
borghesisiinfiltrerannonelvostroenelnostropartitoproletario.EssisiinsinuerannoeneiSoviet
eneitribunalienellamministrazione,perchilcomunismononsipufondaresenonconil
materialeumanocreatodalcapitalismo,perchnonsipossonometterealbandoeannientaregli
intellettuali borghesi, e bisogna vincerli, rifarli, trasformarli, rieducarli, cos come si debbono
rieducare,nelcorsodiunalungalotta,sulterrenodelladittaturadelproletariato,iproletari
stessi che dei loro propri pregiudizi piccolo/borghesi non si liberano di punto in bianco, per
miracolo,peringiunzionedellamadonnaeneppureperingiunzionediunaparoladordine,di

110

unarisoluzione,diundecreto,masoltantonelcorsodiunalottadimassalungaedifficilecontro
leinfluenzepiccolo/borghesidimassa.NelregimedeiSovietquestistessicompiti,cheoragli
antiparlamentari respingono cos fieramente, cos altezzosamente con tanta leggerezza, cos
puerilmenteconungestodellamano,questistessicompitirisorgonoinsenoaiSoviet,inseno
allamministrazionesovietica,frai"difensorigiudiziari"sovietici,(inRussianoiabbiamoabolito
lavvocatura borghese, e abbiamo fatto bene; ma essa rinasce sotto il manto dei "difensori
giudiziari""sovietici").Fragliingegnerisovietici,fraimaestrisovietici,fraglioperaiprivilegiati,
ciopialtamentequalificatiemegliotrattatinellefabbrichesovietiche,noivediamouncostante
risorgeredituttiassolutamenteitrattinegativichesonopropridelparlamentarismoborghese,e
soltantopermezzodiunalottaripetuta,instancabile,lunga,tenacedellorganizzazioneedelle
disciplinaproletarienoivinciamogradatamentequestomale.
Certo,sottoildominiodellaborghesiamolto"difficile",vincereleabitudiniborghesinelnostro
partito,cionelpartitooperaio.E"difficile"cacciarviadalpartitoisoliticapiparlamentariai
qualicisiassuefattiincurabilmentecorrottidaipregiudiziborghesi; "difficile"sottomettere
alla disciplina proletaria il numero di elementi provenienti dalla borghesia che ci sono
assolutamentenecessari(quandancheinquantitstrettamentelimitata);"difficile"creareinun
Parlamentoborgheseungruppocomunistaperfettamentedegnodellaclasseoperaia;"difficile"
ottenerecheiparlamentaricomunistinonsibalocchinoconigingilliparlamentariborghesi,ma
svolganolurgentelavorodipropaganda,diagitazioneediorganizzazionetralemasse.Tuttoci
"difficile", non c dubbio; stato difficile in Russia ed incomparabilmente pi difficile
nellEuropaoccidentaleeinAmerica,dovelaborghesia,latradizionedemocratica/borghese,ecc.
sonomoltopiforti.
Matuttequestesono"difficolt"veramentedabambinidifronteaicompiti,assolutamentedello
stesso genere, che il proletariato dovr inevitabilmente adempiere per vincere, durante la
rivoluzione proletaria e dopo aver conquistato il potere politico. In confronto a tali compiti,
realmente giganteschi, che si pongono durante la dittatura del proletariato, quando bisogna
rieducare milioni di contadini e di piccoli proprietari, centinaia di migliaia di impiegati, di
funzionari, di intellettuali borghesi, subordinarli tutti allo Stato proletario e alla direzione
proletaria,vincereleloroabitudinietradizioniborghesi,difronteaquesticompitigiganteschi,
ungiocopuerileformareinregimeborghese,inunParlamentoborghese,ilgruppoparlamentare,
effettivamente comunista, del vero partito proletario. Se i compagni di "sinistra" e
antiparlamentarinonimparerannofindoraasuperarenemmenounadifficoltcospiccola,si
pudireconcertezzacheessiononsarannoingradodiattuareladittaturadelproletariatoedi
subordinareaseditrasformaresugrandescalagliintellettualiborghesieleistituzioniborghesi,
o dovranno completare in fretta la loro rieducazione, e con questa fretta recheranno danni
immensiallacausadelproletariato,commetterannounmaggiornumerodierrori,dimostreranno
debolezzaeincapacitsuperioriallamedia,ecosvia.Finchlaborghesianonsarabbattutae
finch,poi,nonsarannodeltuttoscomparselapiccolaaziendaelapiccolaproduzionedimerci,
lambienteborghese,leabitudinidelproletariato,letradizionipiccolo/borghesidanneggerannoil
lavoroproletario,dallesternocomeallinternodelmovimentooperaio,nonsoltantonellasfera
dellattivitparlamentare,mainevitabilmenteintuttiipossibilicampidellattivitsociale,intutti
icampi,nessunoescluso,dellapoliticaedellacultura.Ungravissimoerrorechebisognerpoi
ineluttabilmentescontareiltentativodirespingere,dieludereunodiquesticompitiodiqueste
difficolt"sgradevoli"inuncampodilavoro.Bisognastudiareeimparareadivenirepadronidi
tutti i campi di lavoro e di attivit, senza eccezione, vincere tutte le difficolt e tutte le
consuetudini,letradizioni,leabitudiniborghesisempreedappertutto.Unadiversaimpostazione
dellaquestionesemplicementeunacosapocoseria,semplicementeunapuerilit.
12maggio1920

111