Sei sulla pagina 1di 20

Lelettricit in tutta sicurezza

Si pu parlare di elettricit sicura?


S, ma a patto di rispettare sempre le
norme di sicurezza.
La presente pubblicazione contiene
le informazioni di base sulla sicurezza
nell'uso dell'elettricit.

Suva
Sicurezza sul lavoro
Casella postale, 6002 Lucerna
Tel. 041 419 51 11
Informazioni
Electrosuisse, tel. 044 956 11 11
www.electrosuisse.ch
info@electrosuisse.ch
Ordinazioni
www.suva.ch/waswo-i
Fax 041 419 59 17
Tel. 041 419 58 51
Lelettricit in tutta sicurezza
La presente pubblicazione nata dalla collaborazione
tra la Suva ed Electrosuisse.
Riproduzione autorizzata con citazione della fonte
1a edizione marzo 2011
Edizione riveduta novembre 2011
3a edizione ottobre 2013 da 3500 a 5000 copie
Codice
44087.i

Indice

Nozioni di base per luso pratico

Conoscete i pericoli?
Chi non vuole rischiare deve sapere dove si nascondono
Quali sono le situazioni di pericolo pi frequenti?
Tre tipi di infortunio
In quali condizioni ci si pu ferire gravemente?
Come si sviluppa un incendio?

5
5
5
6
7

I dispositivi di protezione salvano la vita


Ma solo se li usiamo nel modo giusto
Una breve introduzione allelettrotecnica
Linterruttore differenziale: semplice ed efficace
Come funzionano i dispositivi di protezione contro
le sovracorrenti (ad es. fusibili)?
Classi di isolamento per apparecchi elettrici

12
13

Consigli per la sicurezza


I consigli pi importanti per il lavoro quotidiano

14

Manutenzione e controlli
Manutenzione di macchinari e apparecchiature
Controllo degli impianti elettrici
Come avviene un controllo visivo?

15
15
15
16

Chi pu eseguire installazioni elettriche?

17

Bibliografia

18

8
8
10

1 Nozioni di base per luso pratico

Usiamo tutti i giorni lelettricit senza pensare ai pericoli


che comporta perch la consideriamo sicura.
Questo ci fa per dimenticare che lelettricit sicura
solo se la usiamo in maniera sicura. La fretta ci pu indurre a sottovalutare i pericoli e a ignorare le norme di
sicurezza.
Un difetto apparentemente insignificante di un cavo pu
avere esiti fatali. Inoltre, lelettricit invisibile e inodore e
i pericoli sono poco evidenti. Anche questo pu far s che
non valutiamo correttamente i rischi elettrici.

La presente pubblicazione vuole attirare lattenzione su


questi pericoli presentando situazioni tipiche e ricordando le principali norme di sicurezza.
Non destinata agli elettricisti, bens a chi usa
quotidianamente apparecchi elettrici da profano,
per esempio un operaio; poich labitudine pu troppo
facilmente far dimenticare quanto possa essere pericolosa lelettricit, si rivolge anche ai pi esperti.
Le riparazioni di apparecchi e impianti elettrici devono
essere effettuate unicamente da persone autorizzate.
Lutilizzatore comune deve comunque essere in grado di
riconoscere subito una situazione di pericolo e rivolgersi
tempestivamente ad un esperto.

2 Conoscete i pericoli?
Chi non vuole rischiare deve sapere
dove si nascondono

Quali sono le situazioni


di pericolo pi frequenti?

Tre tipi di infortunio

Si ha una situazione di pericolo quando una persona


tocca un elemento sotto tensione, ad esempio quando:

Elettrocuzione: quando una persona tocca un elemento sotto tensione, la corrente ne attraversa il corpo con
conseguenti ustioni e alterazioni del ritmo cardiaco. Il pericolo proporzionale allintensit della corrente e alla durata del passaggio.

manca una copertura


le coperture e gli alloggiamenti sono danneggiati
gli apparecchi sono difettosi
la testa del fusibile danneggiata
non si procede con la dovuta cautela durante
la sostituzione di lampadine o cartucce di fusibili
si entra in contatto con conduttori scoperti o
con elementi sotto tensione
vengono scoperti elementi sotto tensione, ad esempio
rimuovendo coperture, elementi dellalloggiamento ecc.

Ustioni: sono causate da temperature superficiali troppo


elevate o da archi elettrici.
Infortuni secondari: provocati da elettrocuzione o
ustioni, ad esempio quando una persona, dopo aver subito unelettrocuzione si ferisce cadendo da una scala.

Se si toccano elementi sotto tensione, lesito fatale soprattutto se sussiste un buon collegamento verso terra,
ad esempio quando ci si trova vicino allacqua o a piedi
nudi su un prato bagnato o sul pavimento.

Fig. 1: elemento in ceramica difettoso,


rischio di elettrocuzione

Fig. 2: copertura difettosa, rischio


di elettrocuzione

Fig. 3: esito fatale, soprattutto se manca


linterruttore differenziale

In quali condizioni ci si pu ferire


gravemente?
Nel caso degli infortuni causati dallelettricit, la gravit
delle lesioni dipende soprattutto da due fattori: dallintensit della corrente e dalla durata del passaggio attraverso
il corpo.
Il passaggio della corrente particolarmente pericoloso
se il flusso di corrente verso terra viene favorito da elementi metallici, terra o prato umidi. Suole di gomma o
pavimenti resistenti al passaggio della corrente quali parquet o pavimenti in materia sintetica riducono leggermente il pericolo.

Sullintensit della corrente che attraversa il corpo


influiscono i seguenti fattori:
la tensione cui sottoposto lelemento che
viene toccato
la durata del passaggio della corrente
il percorso della corrente attraverso il corpo
(mani-piedi, mano-mano, ecc.)
le resistenze di contatto, per esempio scarpe,
indumenti, superficie cutanea
lambiente circostante (luogo, umidit, ecc.)

Effetti sulluomo delle varie intensit di corrente

Valori indicativi

Effetto

Fino a 1 mA

Soglia percettiva. La corrente non praticamente percepita.

5 mA

Formicolio. ancora possibile lasciar andare il conduttore toccato.

15 mA

Crampi. Si possono manifestare crampi muscolari e difficolt respiratoria.


Non probabilmente pi possibile lasciar andare il conduttore. In casi rari
la difficolt respiratoria pu provocare la morte per soffocamento.

50 mA

Soglia di allarme. Insufficienza respiratoria che pu essere seguita, poco


tempo dopo, da arresto cardiaco o fibrillazioni ventricolari. Se la persona
non viene subito soccorsa, muore dopo pochi minuti.

Da 80 mA

Morte. Probabile decesso (fibrillazioni ventricolari) dopo 0,31 secondi.

Tensione
In Svizzera viene usata una tensione di rete di 230 volt
(V) che, in caso di contatto, pu essere estremamente
pericolosa e spesso anche mortale.
Le tensioni inferiori ai 50 V non comportano in generale nessun pericolo perch non sono sufficienti a generare unintensit di corrente pericolosa nel corpo (ad es.
illuminazione alogena a basso voltaggio di 12 V).

Correnti
Le correnti di contatto elevate provocano gravi ustioni;
quando sono superiori a 50 mA (equivalenti alla corrente assorbita da una lampadina da 10 watt!) possono
provocare fibrillazioni ventricolari. Se la persona che ha
subito lelettrocuzione non viene soccorsa immediatamente muore dopo pochi minuti.
Sono per necessarie correnti molto pi elevate per far
scattare un fusibile o un interruttore magnetotermico
che quindi, nel caso di un contatto con elementi sotto
tensione, non offre alcuna protezione.

Come si sviluppa un incendio?


La corrente elettrica la causa di incendio pi frequente. In Svizzera, il volume dei danni provocati da simili incendi ammonta tutti gli anni allincirca a 100 milioni di
franchi, pari al 25 per cento dei costi complessivi causati ogni anno dagli incendi. Come si sviluppano questi
incendi?
Spesso sono riconducibili a un guasto tecnico. In tal
caso pu succedere che la corrente fluisca al di fuori
del percorso stabilito (lo specialista parla di corrente di
guasto) e causi quindi un incendio.
Anche una sollecitazione eccessiva degli apparecchi elettrici pu portare a un surriscaldamento
pericoloso e provocare danni.
Notoriamente con la corrente elettrica si produce calore. Il calore pu essere prodotto anche involontariamente. In caso di guasto, un morsetto allentato o
lisolamento difettoso di un cavo possono provocare un
surriscaldamento che pu dare origine a un incendio.

3 I dispositivi di protezione salvano la vita


Ma solo se li usiamo nel modo giusto

Una breve introduzione


allelettrotecnica
Nozioni di base
Un circuito elettrico composto essenzialmente da una
fonte di tensione (fonte di corrente), da un cavo e da
utenze.
La tensione U si misura in volt [V]. Nella nostra rete
pari a 230 V fra conduttore e polare e conduttore neutro
e 400 V tra i conduttori esterni polari.
La corrente I si misura in ampere [A] e dipende dal
carico collegato e dalla resistenza [R]. Con laumentare
del carico diminuisce la resistenza e di conseguenza aumenta lintensit della corrente.

Fig. 4: circuito elettrico con fonte di tensione (fonte di corrente),


cavo e utenza

La potenza P si misura in watt [W] e si ottiene moltiplicando la tensione per la corrente.


Esempio
Faretto alogeno: P = U I 230 V 2,2 A = 506 W
Il consumo energetico si misura in wattore [Wh]
e si ottiene moltiplicando la potenza per il tempo.
Esempio
Faretto alogeno: Lavoro = P t 500 W 4 h = 2 kWh

Struttura di una rete di distribuzione


di energia elettrica
La nostra rete di distribuzione a bassa tensione
(3 x 400 V / 230 V) costituita come sistema collegato
a terra. La corrente fluisce solo allinterno di un circuito
chiuso. In caso di guasto, la terra e gli elementi a essa
collegata fungono da conduttori di ritorno.

L1
L2 2)
L3
N
PE

1)

4)

3)

Fig. 5: rappresentazione semplificata della struttura di una rete di distribuzione di energia elettrica

Il punto di separazione tra la rete della centrale elettrica


fornitrice e limpianto rappresentato dallo sganciatore
di sovracorrente (figura 5, n. 1).
Gli impianti degli edifici vengono eseguiti con il cosiddetto sistema a 5 conduttori (corrente trifase):
3 conduttori esterni (conduttori polari) (L1, L2, L3) (n. 2)
1 conduttore neutro (N) (ora azzurro o blu, in passato giallo)
1 conduttore di protezione (PE) (bicolore verde/giallo)

I fili per lilluminazione e le prese (per lampade, elettrodomestici, apparecchi elettronici audio e video, utensili ecc.)
vengono collegati tra un conduttore polare e il conduttore
neutro e alimentati con 230 V (n. 3).
Le utenze di corrente trifase (n. 4) quali motori, boiler,
forni, lavatrici ecc. vengono collegate ai conduttori polari
e quindi alimentati con 400 V.

Linterruttore differenziale:
semplice ed efficace
Il principio di funzionamento dellinterruttore differenziale (RCD1) si basa sul confronto tra le correnti entranti
e le correnti uscenti nel conduttore polare e nel conduttore neutro. Se questo equilibrio viene disturbato, ad
esempio se si ha un passaggio di corrente attraverso
un corpo umano o verso il conduttore di protezione,
linterruttore differenziale interrompe subito la corrente.

Ogni interruttore differenziale reca lindicazione di verificare regolarmente il tasto di controllo. Un momento indicato per il controllo degli interruttori differenziali ad esempio il passaggio dallora solare allora legale e viceversa.

Questo dispositivo estremamente efficace: quando, nel 1976, linterruttore differenziale venne reso obbligatorio in tutti i cantieri svizzeri, il numero degli infortuni
mortali dovuti a elettrocuzione scese in breve tempo da
10 a 2 allanno.

Fig. 6: interruttore differenziale a 4 poli

RCD: nella normativa viene normalmente usata la


dicitura inglese RCD (Residual Current Protective Device, letteralmente dispositivo di protezione contro la
corrente residua).

10

Fig. 7: interruttore differenziale


combinato con un interruttore magnetotermico (salvavita)

Dove viene impiegato linterruttore differenziale?

Spina o adattatore con interruttore differenziale

Linterruttore differenziale viene impiegato in luoghi in cui


esiste un elevato pericolo per le persone o un pericolo di
incendio. Negli edifici si tratta soprattutto degli ambienti
umidi, bagnati o a rischio di corrosione, allaperto linterruttore differenziale deve essere usato in tutte le applicazioni.

Per garantire la propria sicurezza, gli apparecchi devono


essere usati sempre con un interruttore differenziale. Sui
cantieri e allaperto, limpiego di un interruttore differenziale obbligatorio da vari anni, mentre spesso manca
negli impianti pi vecchi o in caso di ristrutturazioni effettuate prima dellintroduzione di questo obbligo. In questi
casi necessario impiegare una spina o un adattatore
con interruttore differenziale incorporato.

Dal 1985 linterruttore differenziale stato progressivamente reso obbligatorio per i seguenti ambiti:
nei locali con vasca o doccia
allaperto
sui cantieri (dal 1976)
Dal 2010 nei nuovi impianti tutti i circuiti elettrici per prese
di corrente fino a 32 A devono essere provvisti di interruttore differenziale.

Estremamente efficace, ma non protegge


al 100 per cento

Limpiego sistematico di interruttori differenziali permette


di evitare molti infortuni e di ridurre il numero di incendi
equipaggiate quindi i vostri vecchi impianti con un interruttore differenziale, ne vale la pena.

Linterruttore differenziale protegge nella maggior parte


dei casi in cui una persona subisce una elettrocuzione.
Quando, per, il contatto avviene tra il conduttore polare
e il conduttore neutro, e quindi la corrente elettrica passa dal conduttore polare al conduttore neutro, linterruttore differenziale non in grado di distinguere questa
corrente elettrica da quella dovuta ad un carico normale
e quindi non interrompe lalimentazione della corrente.

Fig. 8: spina con interruttore differenziale

Fig. 9: adattatore con interruttore differenziale

11

Come funzionano i dispositivi di


protezione contro le sovracorrenti (ad esempio i fusibili)?
Per dispositivo di protezione contro le sovracorrenti si
intende:
una valvola fusibile (fig. 10)
un interruttore magnetotermico (fig. 11)
un salvamotore (fig. 12)

Non proteggono tuttavia una persona in caso di


contatto con elementi sotto tensione! Le correnti necessarie per attivare il dispositivo di protezione devono
essere molto pi grandi.

I dispositivi di protezione contro le sovracorrenti sono


concepiti per attivarsi in presenza di una determinata
corrente chiamata corrente di apertura. Se lintensit della
corrente supera la corrente di apertura, il flusso di corrente viene interrotto automaticamente. Pi la corrente supera la corrente di apertura, pi rapida la disattivazione.
In caso di guasto, ad esempio, negli apparecchi elettrici
appartenenti alla classe di isolamento I una corrente elevata defluisce attraverso il conduttore di protezione. Il dispositivo di protezione scatta e la corrente viene interrotta.
Fig. 11: interruttore magnetotermico

Protezione contro i sovraccarichi e i cortocircuiti


I dispositivi di protezione contro le sovracorrenti proteggono gli impianti elettrici e i dispositivi elettrici contro il
surriscaldamento provocato da sovraccarichi e cortocircuiti.

Fig. 10: valvola fusibile

12

Fig. 12: salvamotore

Classi di isolamento per apparecchi elettrici


Tabella

Simbolo
0
I
II

Protezione di base

Protezione contro la
corrente di guasto

Isolamento di base

Non presente

Isolamento di base

Collegamento
conduttore di protezione

Isolamento di base

Isolamento supplementare
o rafforzato

Classe di isolamento II
Gli apparecchi appartenenti alla classe di isolamento II (simbolo: ) presentano un doppio isolamento. Sono provvisti di un cavo a due fili e di una spina
a due poli e sono privi del conduttore di protezione.
La protezione contro le correnti di contatto pericolose data dal doppio isolamento.
La classe di isolamento II (simbolo: ) la misura di protezione preferenziale per gli apparecchi elettrici.
Fig. 13: classe di isolamento II
(doppio isolamento)

Classe di isolamento I
Negli apparecchi appartenenti alla classe di isolamento I (simbolo: W) gli elementi metallici sono collegati al conduttore di protezione. In caso di guasto,
una corrente elevata passa attraverso il conduttore di protezione e fa scattare il dispositivo di protezione.
In molti casi, gli apparecchi non possono essere provvisti di coperture in plastica perch presentano superfici metalliche troppo grandi o perch i materiali isolanti non possono essere utilizzati a causa delle temperature elevate
o delle sollecitazioni meccaniche (faretto alogeno, tostapane, ferro da stiro,
fornello per raclette).

Classe di isolamento 0
Attenzione: questi apparecchi non dispongono n di un secondo
isolamento n di un conduttore di protezione e devono quindi essere assolutamente sostituiti con apparecchi di classe II ( ) o I (W).
Oggi ne vietata la vendita.
Gli apparecchi vecchi, ad esempio lampade da tavolo in metallo e simili, dispongono solo di un isolamento di base. Presentano spesso un cavo a due
2 fili isolato con tessuto e vecchie spine a 2 poli (tipo 1). Questi apparecchi
devono essere eliminati.

Fig. 14: classe di isolamento I


(con conduttore di protezione)

Fig. 15: classe di isolamento 0


(in questo caso necessario intervenire)

13

4 Consigli per la sicurezza


I consigli pi importanti per
il lavoro quotidiano

Da profani2 in elettrotecnica potete contribuire in maniera determinante alla sicurezza, in particolare osservando la regola seguente:
Fate sempre eseguire gli interventi rischiosi da una
persona autorizzata.
I seguenti interventi non devono mai essere eseguiti da
persone non autorizzate:
installazione di impianti elettrici
modifica di impianti o apparecchi elettrici
manutenzione e riparazione di apparecchi elettrici
Contribuite a garantire la vostra sicurezza osservando
anche le seguenti regole:
Utilizzate solo apparecchi a norma e in perfetto
stato. Controllate lapparecchio, il cavo, la spina
e la presa prima delluso.
Leggete attentamente le istruzioni per luso e le indicazioni relative alla sicurezza in esso contenute.
Utilizzate sempre gli apparecchi elettrici con un
interruttore differenziale, soprattutto in ambienti
umidi, sui cantieri o allaperto.
Fate attenzione alle situazioni pericolose (ad esempio pavimenti umidi) e intervenite subito in caso
di anomalie (ad esempio se scattato un fusibile
o linterruttore differenziale).

2
Si considera un profano in materia di elettrotecnica chi non dispone di una
formazione di elettricista o non una persona addestrata. Si definisce addestrata una persona alla quale un elettricista ha dato le necessarie istruzioni
per eseguire un compito concreto ed quindi informata dei pericoli, dei dispositivi e delle misure di protezione.

14

Fig. 16: usare apparecchi con cavi danneggiati sempre pericoloso

5 Manutenzione e controlli

La manutenzione deve essere effettuata regolarmente!


Un apparecchio non sottoposto a manutenzione o guasto pu rappresentare un grande pericolo. Lo stesso vale
per gli impianti che non sono stati sottoposti a regolare
manutenzione.

Manutenzione di macchine e apparecchiature


Per la manutenzione di apparecchi elettrici bisogna osservare i seguenti punti:
Le istruzioni per luso degli apparecchi contengono
le indicazioni necessarie relative alla manutenzione. Attenetevi a queste indicazioni. Spesso, le istruzioni contengono anche indicazioni sugli intervalli di manutenzione.
Le persone incaricate di eseguire la manutenzione devono disporre di una formazione specifica (elettricisti
o persone addestrate) e, una volta eseguita la manutenzione, sono responsabili dello stato degli apparecchi.
In unazienda nella quale sono presenti vari macchinari
e apparecchi elettrici, necessario seguire una procedura specifica sulla base di un piano di manutenzione. Solo in questo modo si garantisce una manutenzione affidabile e competente.
Nelle aziende il datore di lavoro responsabile dellosservanza delle regole citate.

Controllo degli impianti elettrici


Ai sensi dellordinanza concernente gli impianti elettrici
a bassa tensione OIBT, i proprietari dellimpianto sono
responsabili della sicurezza e del buon funzionamento
di esso. Devono fare in modo che gli impianti elettrici rispondano sempre ai requisiti di sicurezza (OIBT art. 3, 4,
5).
Gli intervalli di controllo cambiano a seconda dei potenziali pericoli. Ad esempio, gli ambienti a uso abitativo
vengono ricontrollati solo ogni 20 anni. Per gli ambienti
commerciali e industriali lintervallo pi breve.

Periodo

Esempi

1 anno

Locali a uso medico delle categorie 3 e 4,


zone a rischio di esplosione, cantieri e mercati

5 anni

Laboratori, stazioni di prova, ambienti


corrosivi/umidi, distributori di benzina,
officine, ambienti a rischio di incendio,
cinema, alberghi, ristoranti, teatri, discoteche,
case di riposo, scuole, asili, centri commerciali, centri per il bricolage, piscine coperte e
piscine allaperto

10 anni

Uffici, banche, assicurazioni, musei, chiese,


chioschi, aziende agricole

20 anni

Tutti gli edifici a uso abitativo

Prima dello scadere del periodo di controllo, il gestore


della rete o lIspettorato federale degli impianti a corrente
forte invita i proprietari a far controllare gli impianti da un
organo di controllo indipendente o da un servizio dispezione accreditato.

15

Come avviene un controllo visivo?


Molti difetti delle macchine e degli impianti possono essere riscontrati con un
cosiddetto controllo visivo. Un controllo visivo, contrariamente a quanto potrebbe far pensare lespressione, non deve per essere eseguito solo con gli
occhi, ma con tutti i sensi.

Sono visibili danni?


Involucri, coperture
Elementi di comando
Prese, spine
Cavi (usura, danni, strappi)

Sussiste il rischio di entrare in contatto con elementi sotto tensione?


ATTENZIONE! Non toccare mai gli elementi sotto tensione!
Macchine
Armadi di distribuzione
Interruttori, spine e prese, scatole di derivazione

Si riscontrano temperature superficiali eccessive?


Motori
Cavi
Armadi di distribuzione

Ci sono rumori strani?


Danni a cuscinetti degli elementi di trasmissione
Ronzio di bobine di rel o motori di ventilatori

Ci sono odori strani?


Fusione di un isolamento
Vapori di lubrificanti
Odore di bruciato (lampada alogena troppo vicina
a una tenda, lampadina troppo vicina a elementi
infiammabili)

16

Autorizzazione generale
dinstallazione

Controllo di impianti

Primo controllo

Messa in funzione

Sostituire cartucce
di fusibili NH

Sostituire interruttori
Montare lampade

Panoramica
Sostituire lampadine
e fusibili

I profani non sono autorizzati a eseguire installazioni elettriche. Le eccezioni relative agli ambienti da essi
abitati sono disciplinate dallordinanza concernente gli impianti elettrici a
bassa tensione OIBT che indica anche i lavori di installazione permessi
e chi ne responsabile.

Effettuare installazioni
sotto la guida di un esperto

6 Chi pu eseguire installazioni


elettriche?

Profano
Persona addestrata
Montatore elettricista
Autorizzazione
dinstallazione limitata
Consulente per la sicurezza
Responsabile tecnico
Obbligo di notifica e controllo

Informato sui pericoli

In base allautorizzazione individuale

* Vedi cosa non pu fare nel paragrafo Profano

Profano
Persona priva di una formazione di base in elettrotecnica
o non addestrata. Queste persone possono eseguire
installazioni esclusivamente in locali da esse abitati o annessi e su una rete monofase, sempre che questa sia
protetta da un interruttore differenziale e che gli impianti
siano verificati alla fine da un consulente per la sicurezza.
Persona addestrata
Una persona addestrata se stata istruita per eseguire compiti concreti da un esperto ed informata dei
pericoli, dei dispositivi e delle misure di sicurezza.
Montatore elettricista
una persona che ha concluso il tirocinio di montatore
elettricista e ha conseguito lattestato federale di capacit.
Titolari di unautorizzazione dinstallazione
limitata (OIBT art. 12)
LIspettorato federale degli impianti a corrente forte
(ESTI) pu rilasciare autorizzazioni dinstallazione limitate:
a) per lavori dinstallazione allinterno di unimpresa
(OIBT art. 13)
Autorizzazione per lavori dinstallazione rilasciata alle imprese che impiegano, per lesecuzione di tali lavori, propri
dipendenti (elettricisti di fabbrica)

b) per installazioni speciali (OIBT art. 14)


Autorizzazione per lavori dinstallazione a impianti la cui
esecuzione richiede conoscenze particolari (ad es. montacarichi, nastri trasportatori, impianti di allarme, insegne
luminose, battelli)
c) per il raccordo di materiali elettrici (OIBT art. 15)
Autorizzazione per il raccordo di elettrodomestici, pompe
di circolazione di impianti di riscaldamento e simili
Consulente per la sicurezza/titolare
di unautorizzazione di controllo
Persona che ha superato lesame professionale di consulente per la sicurezza (un tempo controllore elettricista/capo montatore) (OIBT art. 27).
Sul sito www.esti.admin.ch possibile consultare un
elenco delle autorizzazioni di controllo rilasciate.
Responsabile tecnico/titolare di unautorizzazione
generale dinstallazione
Persona del mestiere chi ha superato lesame superiore (esame di maestria) nella professione di installatore
elettricista.
Sul sito www.esti.admin.ch possibile consultare un
elenco delle autorizzazioni di installazione rilasciate.

17

7 Bibliografia

Leggi federali e ordinanze

Pubblicazioni Suva

RS 734.0
Legge federale concernente gli impianti elettrici a
corrente forte e a corrente debole (legge sugli impianti
elettrici, LIE)

Opuscolo informativo 66084


Attrezzature di lavoro: la sicurezza parte dallacquisto
Lista di controllo 67081
Elettricit sui cantieri

RS 734.2
Ordinanza sugli impianti elettrici a corrente forte
(ordinanza sulla corrente forte)

Lista di controllo 67092


Utensili elettrici portatili

RS 734.26
Ordinanza sui prodotti elettrici a bassa tensione (OPBT)

Piccolo affisso 55178


Intervenite prima che sia troppo tardi!

RS 734.27
Ordinanza concernente gli impianti elettrici a bassa tensione (ordinanza sugli impianti a bassa tensione, OIBT)

Piccolo affisso 55202


La scossa elettrica non dovuta al caso.

RS 832.20
Legge federale sullassicurazione contro gli infortuni
(LAINF)
RS 832.30
Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali (ordinanza sulla prevenzione degli infortuni, OPI)
RS 832.311.141
Ordinanza sulla sicurezza e la protezione della salute
dei lavoratori nei lavori di costruzione (ordinanza sui
lavori di costruzione, OLCostr)
Tutte queste leggi e ordinanze possono essere consultate nella raccolta sistematica del diritto federale (RS) sul
sito www.admin.ch

18

Piccolo affisso 55314


Improvvisarti elettricista pu costarti la vita.
Prospetto 84042 per gli elettricisti
5 + 5 regole vitali per chi lavora con lelettricit
Unit didattica 88814 per gli elettricisti
5 + 5 regole vitali per chi lavora con lelettricit
Queste pubblicazioni possono essere scaricate o
ordinate allindirizzo Internet www.suva.ch/waswo-i.

Il modello Suva
I quattro pilastri della Suva
La Suva pi che unassicurazione perch coniuga

prevenzione, assicurazione e riabilitazione.


La Suva gestita dalle parti sociali: i rappresentanti

dei datori di lavoro, dei lavoratori e della Confederazione siedono nel Consiglio di amministrazione. Questa
composizione paritetica permette di trovare soluzioni
condivise ed efficaci.
Suva
Casella postale, 6002 Lucerna
Telefono 041 419 58 51
www.suva.ch
Codice
44087.i

Gli utili della Suva ritornano agli assicurati sotto forma

di riduzioni di premio.
La Suva si autofinanzia e non gode di sussidi.