Sei sulla pagina 1di 1

I detersivi tradizionali per il bucato hanno un effetto purtroppo negativo sulle risorse del

pianeta, però con certi accorgimenti possiamo diminuire l'impatto della lavatrice
sull'ambiente avendo comunque alla fine un bucato pulito e profumato.
Per primo dobbiamo fare attenzione alle quantità di detersivo ad essere usata. Più detersivo
non pulisce di più, anzi, sporca, visto che si l'eccesso si deposita sui vestiti insieme alle
particelle di sporco, e al contatto con il caldo del ferro da stiro o con la luce, i tessuti si
rovinano e si sbiadiscono.
Ci sono infatti, varie alternative valide per farci risparmiare la dose di detersivo, e anche per
smacchiare, igienizzare e ammorbidire senza necessariamente dover ricorrere a dei prodotti
chimici:
Smacchiatori: lo smacchiatore universale in assoluto è il sapone di marsiglia. basta strofinare
la zona macchiata con il panetto inumidito, aspettare alcuni minuti o anche 1 ora e mettere i
capi in lavatrice. Il sapone appunto, è un ottimo smacchiatore per colo e polsini. Per le
macchie di ruggine usate sale e limone e per le macchie sui tessuti bianchi acqua ossigenata
da 40V o limone.
Additivi: Gli additivi non sono altro che un normale detersivo super concentrato (senza la
polvere inerte), e servono per sgrassare e levare le macchie. Al posto di questi additivi,
aggiungete al detersivo in polvere, 2 cucchiai di sale grosso, o inseritelo direttamente al
cestello se usate del detersivo liquido. Il sale fissa i colori, smacchia, aiuta a sbiancare e
diminuisce la quantità di schiuma dentro alla lavatrice.
Per lavare i tessuti più resistenti e sporchi, aggiungete al detersivo anche 2 cucchiai di soda
solvay.
Candeggianti: da evitare la candeggina e il perborato perchè sono altamente inquinanti e
aggressivi per il bucato. la candeggina ad esempio ingiallisce i tessuti quando questi
vengono a contatto con la luce. Al loro posto usate il percarbonato (sbiancante all'ossigeno
attivo a 30 gradi), o dell'acqua ossigenata da 40V. Inserite 2 cucchiai di uno o dell'altra
insieme al detersivo e regolate la temperatura a 40 gradi.
Anticalcare: il bicarbonato ha la capacità di addolcire l'acqua, aumentando di conseguenza il
potere pulente del detersivo. Va messo 1 cucchiaio insieme al detersivo.
Ammorbidente: l'ammorbidente tradizionale non tratta le fibre, ma le avvolge con una
pellicola scivolosa per dare una sensazione di morbidezza, però questa patina impedisce al
detersivo di penetrare fino in fondo al tessuto non lavandolo a dovere. Inoltre gli
ingredienti usati nella fabbricazione degli ammorbidenti sono scarsamente biodegradabili e
creano delle "palline di plastica" dentro alla lavatrice che assorbono un po' tutto: calcare,
detersivo e sporco. Al posto dell'ammorbidente va usata una miscela di 2 parti d'aceto
bianco e 1 di acqua fino a riempire la vaschetta dell'ammorbidente. L'aceto non va messo
insieme al detersivo.
I panni non saranno d'aceto, anzi, si conserverà l'odore del detersivo, e i tessuti saranno
puliti a fondo e risulteranno molto morbidi, specialmente i jeans e i tessuti più pesanti.
L'aceto ha la proprietà di neutralizzare i cattivi odori e igienizzare.
Igienizzanti: al contrario di quello che dice la pubblicità, il normale lavaggio in lavatrice è
sufficiente per igienizzare i tessuti visto che leva via il 98% della carica batterica. Il capo
lavato è libero di germi che possano fare male ai bambini e adulti. Se volete proprio usare
qualche igienizzante aggiungete 5 gocce di olio essenziale di tea tree all'ammorbidente
(aceto). L'acqua ossigenata e il percarbonato sono antibatterici.
Cura lavatrice: 1 o 2 volte al mese, fattela fare un ciclo a vuoto a 90 gradi, con 500 ml d'aceto
bianco messo direttamente dentro del cestello. L'aceto sciogli calcare, residui di detersivo,
sporco e grasso, impedendo la formazione di cattivi odori.
Una grossa quantità di prodotti chimici messi insieme: detersivo, additivo, candeggiante,
igienizzante ecc sono difficili da risciacquare e rimangono sui tessuti causando non solo
delle inspiegabili reazioni allergiche, specialmente ai bambini, ma anche una grande carica di
inquinamento alle acqua.