Sei sulla pagina 1di 1

metalli o delle loro leghe, viene riserrrata parti-

colare attenzione alla microstruttura'

La struttura policristallina non è tipica soltanto

d.ei metalli, ma catatterizza anche altri solidi: ad

esempio quelii

orientazioni

disposti

ionici' In questo caso, Ie zone con

omogenee sono costituite da ioni

secondo un reticolo imposto dalle di-

mensioni reciproche delle particelle' Taii zorte'

analoghe

ai grani già incontrati nei metalli ma

dette

anche a occhio nudo (Figura 3) grazie alla grandi

dimensioni che le caratterizzano'

invece cristalli, sono spesso ben evidenti

Nanomateriali e nanotecnologie ' UNITA M3

Figura 3

La fluorìte,

CaF, cristallizza

formando

cristalli

macroscopici

compenetrati.

2. Alla scala nanometrica: superfici e meccanica quantistica

Negli ultimi decenni si è scoperto

ridotte di circa 1000 volte, nelle

cambiamenti. Un esempio

che, quando ie dimensioni dei grani vengono

proprietà dei metalli si verificano importanti

è dato dall'oro che, nella sua forma

sciolto facilmente in acqua,

Questa, inoÌtre, assume un

massiccia, ha I'aspetto e

iI colore cui siamo abituati; ma' se si

aggregati disuoi atomi deII'ordine di grandezza dei nano-

i Éffiffiryffitrffi nanograno nanograin

-l

usano

metri (fò:n m), può essere ad esempio

formando una soluzione colloidale.

colore d"ifferente a seconda delle dimensioni delle particelle che Io compongono (Figura 4)'

Le dimensioni delle particelle di cui stiamo par-

lando sono confrontabili con queile degli atomi e

non sono facilmente immaginabili (Figura 5, pagi-

---élÈ

ffi"ffi W

Flashcard

na seguente).

Per fare un paragone, si può considerare che, se

L mm fosse lungo come tutta l'Italia, allora 1 nm

sarebbe lungo

quanto una bicicletta!

da aggregati di queste dimensioni

Se costituiti

(nanograni), tutti i solidi metallici, ionici, cova-

Ienti, semiconduttori o polimerici manifestano

comportamenti 'anomali'. Come si è già accenna- to, ifpassaggio daila scala macroscopica aIIa scala atomica corrisponde infatti, in generale, a muta- menti drastici delle proprietà elettroniche, magne- tiche, ottiche, chimiche e termiche dei materiali'

Una prima spiegazione di questo fatto è che a que-

sto ord.ine di grandezza, quello dei nanometd, as- sumono grande importanza Ie proprietà delle su-

perfici.

uitime siano realtà con caratteristiche

òhe queste

del tutto

scontrarlÀ a proposito dei liquidi, Ia cui superfi-

cie, abbiamo visto, si comporta come un foglio ela-

stico a causa delia tensione superficiale (Unità E3)'

peculiari abbiamo avuto già modo di ri-

mHffiffiffi

.:.r§.,:5i!§;lli;§'i.*&3'{i{rrri'ii!iia3::.:irr:iria.li}rl{lìrarf|l§lìl§'ilarl:§:lll::l'ì'

Figura 4 U-na pepita, nella quale l'oro presenta il suo

utp.ito metallico,

;;ll; rr"

tradiz : -: :

e alcune soluzioni colloidali l:---'-'

nanoparticelle, dalle dimensioni de = :'=r

dipende la colorazione che assumono.

DT