Sei sulla pagina 1di 13

SHRI MATAJI E LA MEDITAZIONE

Dispensa IX
Consigli per la meditazione e meditazioni guidate da Shri Mataji

Consigli di Shri Mataji al Chelsham Road Ashram, Londra (UK), 26 ottobre 1980.
Voi dovete sapere che rappresentate Me Provate ad assorbire alcune delle Mie qualit alcune
delle Mie qualit. Dovete portare pazienza. Ora il modo migliore sarebbe di pregare. La preghiera
una cosa molto grande per i sahaja yogi. Pregate col cuore.
Per prima cosa, dovete chiedere la forza da Madre: dammi la forza cosicch possa essere genuino,
affinch non inganni me stesso. Voi ingannate voi stessi dalla mattina alla sera. Dammi la forza di
affrontare me stesso, e ditelo con cuore, che prover a migliorare me stesso. Perch questi sono
difetti che non vi appartengono. Sono esterni, se cadono giu, vi sentirete a posto. Sareti perfetti.
Ora chiederete il perdono, pregate per il perdono, ci dovrebbe essere preghiera. Dite, Perdonami,
perch sono stato ignorante. Non sapevo cosa fare, ho fatto degli errori. Cos, per favore,
perdonami. Questa la prima cosa che uno dovrebbe chiedere, il perdono.
Poi la seconda cosa chiedete, Dammi una lingua dolce. Un modo grazie al quale diventi
comunicativo con gli altri. Cos gli altri mi rispettano, piaccio loro, sono compiaciuti della mia
presenza.
Dammi la forza, dammi amore, dammi la bellezza della cultura, la bellezza di comprendere che tutti
mi amano, mi vogliono. Chiedete in preghiera. Nella preghiera chiedete che, O Signore, dammi il
senso di sicurezza, del mio SPIRITO, cos che non mi sento insicuro e perci importuno gli altri, o
mi arrabbio. Dammi il senso della mia dignit, cos che non mi sento sminuito, o che qualcuno mi
ha sminuito, se voi siete in una posizione pi alta, nessuno pu sminuirvi. Potete essere sminuiti
solo dalle vostre sciocchezze. Chiedete per la forza, che mi dia uno stato di testimonianza.
Dammi soddisfazione, chiedete la soddisfazione, fammi sentire la mia soddisfazione per quello che
ho, qualsiasi cosa ho, qualsiasi cosa mangio, tutto. Diverti la mia attenzione da tutte queste cose.
Voi sapete che la vostra attenzione nello stomaco, e coloro che sono molto interessati al cibo,
avranno problemi col fegato in ogni caso, qualsiasi cosa voi proviate.
In ogni cosa cos, dovunque la mia attenzione stia andando, per favore dammi la forza di ritrarla
Chitta Nirodh. Insegnami come evitare le cose che mi tentano, che allontanano la mia attenzione.
Porta via i miei pensieri, dammi uno stato di testimonianza in modo che possa vedere lintero
dramma. Fa che non ferisca mai gli altri, che non critichi mai gli altri.
Fammi vedere i miei sbagli, non quelli degli altri. Fammi vedere perch gli altri non sono contenti
con me. Dammi la forza di avere una lingua dolce e una natura molto dolce, cos che gli altri
gioiscano della mia compagnia. Fammi essere come un fiore e non come una spina.
Dovete pregare. Tutte queste preghiere vi aiuteranno. Poi rivolgete la pi grande preghiera che
potreste rivolgere, Per favore, tienimi lontano dallEGO, che mi da idee di essere superiore agli
altri, o in un certo modo che tiene lontano la mia mitezza e la mia umilt.
Dammi una naturale umilt, tramite la quale posso penetrare nei cuori della gente. Solo dovete
piegare il vostro capo e arrivate al cuore, dove risiede lo SPIRTO, essere con lui. Se voi siete in
qualche modo feriti nellego o se ferite quello di qualcun altro, la stessa cosa. Vi comportate alla
stessa maniera, la stessa egoistica maniera. Cos, provate a capire che queste cose devono andare
via. Ma cosa migliore d pregare e chiedere aiuto. La preghiera davvero una grande cosa, ma con
il cuore, pregate, che Dio mi dia la forza e quella crescita che rende felice nostra Madre qualche
volta. Noi vogliamo fare contenta nostra Madre, vogliamo vederLa felice. Lunica cosa che che Mi
renderebbe davvero felice il modo in cui vi amo, voi vi amiate luno con laltro.
100

Meditazione guidata da Shri Mataji

Londra 5 Ottobre 1984

Qualsiasi cosa facciate, dovrebbe compiacermi. Questo uno dei modi: dovrebbe compiacermi.
uno dei segnali. E come possiamo farlo? Mettetemi nel vostro cuore, cercate proprio di mettermi nel
vostro cuore. molto semplice. Adesso io sono qui dinanzi a voi, in persona!
Proprio oggi stavo cercando di dare la realizzazione ad uno dei miei parenti, e gli ho detto di non
chiudere gli occhi. Mi ha risposto: No, non sto guardando il tuo viso, perch quando lo guardo,
penso che sei mia zia. Ma guardo i tuoi piedi, cos non ti sento pi come mia zia. Tu sei davvero
grandiosa, ed il tuo viso mi fa cadere nellillusione. Si reso conto che una Mahamaya, perci mi
ha detto: Guardo soltanto i tuoi piedi. E solo grazie ai tuoi piedi posso superare questa barriera,
questa sensazione.
Allo stesso modo, visto che io sono Mahamaya, so di esserlo, ho dovuto esserlo! Ma voi dovete
mettere i miei piedi nel vostro cuore. Proprio i miei piedi nel vostro cuore. Poich la mia foto, il mio
viso, ogni cosa, potrebbe essere unillusione. Magari, vedendo il mio volto, potreste non superare le
vostre barriere.
Dire: Devo vedere Madre, devo fare questo, Madre deve venire a casa mia, deve mangiare a da me,
deve visitare la mia casa, tutto cos stupido che non riesco a capire che cosabbia questa gente.
Madre, Ti prego, vieni nel mio cuore. Fa che io purifichi il mio cuore affinch Tu possa risiedervi.
Poni i Tuoi Piedi nel mio cuore. Fa che i Tuoi Piedi siano venerati nel mio cuore.
Fa che io non viva nellinganno. Allontanami dalle illusioni. Mantienimi nella realt.
Rimuovi il velo lucente della superficialit.
Fa che io gioisca dei Tuoi Piedi nel mio cuore.
Fa che io veda i Tuoi Piedi nel mio cuore.
Soltanto queste personePersino Brahma, Vishnu, Mahesha (Shiva, ndt) lhanno fatto: non pensate
di doverlo fare anche voi?
Quindi diventate umili. Diventate umili nel cuore. Diventate umili nel vostro cuore. Gioite della
vostra umilt, gioite delle vostre virt. La massima virt di un sahaja yogi lumilt. Ormai avete
visto tante cose per convincervi, ma non pu implicare in nessun caso una specie di sottomissione.
Perch, che genere di sottomissione potete offrirmi? Pensateci. Quando ogni sottomissione una
benedizione, che genere di sottomissione avete dato? Ogni sentimento del cuore una benedizione
proprio ora la sentite, provate la gioia nel vostro cuore. Quindi, che sottomissione la vostra? E a
cosa?
Posso capire i nuovi arrivati, che non sanno nulla; ma voi non siete alla periferia! Alcuni, per,
finiscono ai margini in un batter docchio. Se si d qualche incarico a qualcuno, finita. Se mi
comporto dolcemente con qualcuno, finita. Se incontro qualcuno, finita. Insomma, cos troppo!
Non posso nemmeno essere gentile con voi!
E se commettete qualche errore o altro, vi viene il Vishuddhi sinistro. Avete commesso errori, va
bene, adesso basta!
Voi mi amate. Forse vi qualcosa di sbagliato nel modo di amare, o forse successo qualcosa, ma
non importa.(Dovete dire:) Adesso sar cauto. Non commetter pi errori. Come ho potuto farli?
perch non amavo pienamente. Se avessi amato, non avrei commesso questi errori.
Bene, sviluppate dunque il vostro amore. Invece no, direte: Mi sento in colpa perch ho fatto una
certa cosa. Cos perdete entrambe le occasioni. Perci i vostri errori diventano nuovamente una
barriera. Non sentitevi in colpa! Dobbiamo progredire ancora! Dimenticate il passato, dimenticate il
passato, dimenticate il passato. Dobbiamo ascendere. Dobbiamo essere persone serie. Quando
parliamo, dovremmo parlare con la dignit di quel timore reverenziale.
molto importante, e quando lo avrete sviluppato, il vostro problema di Agnyaa scomparir.
Pensate semplicemente al timore reverenziale. Sentite il silenzio, e la gioia; e la gioia di questa
soggezione molto profonda, molto profonda, come il mare. Il mare in superficie molto
turbolento, ma allinterno silenzioso, assolutamente silenzioso. Sentite quella profondit! Senza
questo timore reverenziale, non potete addentrarvi in profondit.

101

CONSIGLI PER PRINCIPIANTI

Shri Mataji Nirmala Devi

La meditazione non facile da padroneggiare, ma preserva e pu rivelarsi la cosa pi gratificante


che possiate fare mai per voi stessi. Ci vuole pratica per raggiungere uno stato pacifico dellessere e
non c' dubbio che la pazienza una componente chiave del nostro progresso attraverso la
meditazione. Qui abbiamo raccolto 10 grandi suggerimenti che possono essere molto utili per le
vostre meditazioni quotidiane.
1 Stabilite una pratica regolare. Realizzate l'importanza della vostra meditazione quotidiana e
abbracciatela pienamente mentalmente ed emotivamente: " E 'per il mio vantaggio; che sia un
piacere e una cura per il mio cuore, la mia mente, il mio corpo e la mia anima. Io gioisco di pi e la
rispetto". Stabilite una pratica regolare e rimanete pazienti; sentirete come la meditazione diventa pi
forte con la ripetizione. Potete essere flessibili con il tempo, ma fate in modo di avere 15 minuti al
giorno per "incontro con me stesso". Pensate a questo: come possiamo perdere facilmente 15 minuti
al giorno .. per quanto riguarda il salvataggio - e ancor pi - di investire, questa volta?
2 Iniziare la giornata con una breve meditazione del mattino. Iniziando la giornata in uno stato di
pace e silenzio, tutta lintera giornata andr meglio. Troverete molto facile andare in consapevolezza
senza pensieri e sentire le vibrazioni, se ci si alza presto la mattina e meditate per 10 minuti.
Troverete che la maggior parte dei vostri chakra si pulir nella meditazione del mattino.
3 Apritevi durante la meditazione, permettete a voi stessi di essere un sistema aperto. Ricevete e date
energia. Stabilite una comunicazione completa attraverso tutto il vostro essere con le palme aperte.
4 Stabilite la qualit del perdono dentro di voi. Se ancora vengono i pensieri alla vostra attenzione
dite: "Io perdono, perdono". Quando dite questo, aiutate la Kundalini a tenere i pensieri lontano per
voi. Ricordate! Il perdono la porta di consapevolezza senza pensieri.
5 Uso di candela e musica di meditazione. Per cominciare usate degli aiuti come la candela o la
musica meditativa per aiutare a stabilizzare la vostra attenzione.
6 La meditazione lasciar andare. La meditazione non concentrazione, ne focalizzazione, ne
visualizzazione o cercare di fermare i vostri pensieri. E solo lasciarsi andare e abbandonarsi al
silenzio interiore.
7 Cercate di fare pediluvi con acqua e sale regolari nelle vostre meditazioni serali, prima di andare a
dormire, e sentirete la differenza. Questa semplice pratica uno dei metodi pi potenti che possiate
usare per aiutare la vostra meditazione e la maggior parte delle persone quando la provano segnalano
risultati sorprendenti in quanto dormono meglio e comunque si risvegliano pi svegli e riposati.
8 Parlate con la vostra Madre Kundalini per entrare in uno stato d'animo meditativo. La meditazione
pu anche essere una parte della vostra vita quotidiana; ogni volta che durante il giorno sentite di
farla (la meditazione) si pu andare a uno stato d'animo meditativo se, mentre si lavora davanti al
computer o guidate l'auto ... comunicate con la Kundalini (mettete lattenzione sulla kundalini),
entrate in uno stato d'animo meditativo - e Le permetterete di portarvi in consapevolezza senza
pensieri. La Kundalini il Potere che viene attivato dall'energia del nostro Puro Desiderio. Lei
agisce quando Le chiediamo l'Evoluzione, lEquilibrio / lEvoluzione spirituale. Nella meditazione,
parlate con la vostra Madre Kundalini, chiedeteLe di salire dentro voi e di collegarvi con l'universo.
9 Lasciate tutte le vostre preoccupazioni alla vostra Madre Kundalini. Durante la meditazione, ogni
pensiero o preoccupazione vi sia venuta, basta abbandonarla alla vostra Kundalini, lasciatele a Lei.
Lasciate che Lei cancelli i vostri problemi. Potete dire: "Madre Kundalini, mi arrendo a Te. Lascio
tutte le mie preoccupazioni a Te."
10 Imparate ad usare il vostro Sahasrara (area limbica) come il 6 senso. Cercate di ricordarvi del
vostro Sahasrara durante tutta la giornata; controllate le vibrazioni sopra la testa di tanto in tanto, e
vedrete che la vostra attenzione si stabilisce al di l della vostra mente, nel Sahasrara. Imparate a
precepire qualunque cosa vedete o sentite dal vostro Sahasrara e come reagisce con brezza fresca o
calda? Imparate ad usare l'area limbica come il vostro 6 senso.

102

MEDITAZIONE GUIDATA DA SHRI MATAJI

SHOODY CAMP, 18.6.1988

Oggi il giorno in cui dobbiamo fare questa introspezione, quindi meditiamo. Per favore, chiudete
gli occhi. Voi tutti, chiudete occhi. Oggi faremo una meditazione simile a quella che facciamo
durante i programmi pubblici.
Per prima cosa, dovete mettere la mano sul cuore, dalla parte sinistra, dove risiede lo Spirito.
Innanzitutto mettete la mano sul cuore. Nel cuore risiede lo Spirito, c' lo Spirito.
Dovete ringraziare il vostro Spirito che ha illuminato la vostra attenzione, perch siete Santi e la
luce che venuta nel vostro cuore deve illuminare il mondo intero.
Per favore, ora, nel vostro cuore preghiamo: "Fa che questa luce del mio amore del Divino si
diffonda nel mondo Intero.
Con tutta sincerit e sapendo che siete connessi con il Divino e qualsiasi cosa desideriate, accadr.
Con piena fiducia in voi stessi.
Mettete la mano destra sulla parte superiore dell' addome, sul lato sinistro, sulla parte superiore
dello stomaco, nella parte sinistra. E questo il centro del vostro dharma. Ora dovete pregare
(dicendo):."Fa che Nirmala Dharma si diffonda nel mondo intero. Fa che la gente veda la luce
attraverso la nostra vita darmica, attraverso la nostra rettitudine. Fa che la gente la veda e accetti
VISHWA NIRMALA DHARMA con la quale otterr l' illuminazione e il bene di una vita superiore
e il desiderio di ascendere".
Mettete ora la mano sulla parte inferiore dell' addome, dello stomaco, sulla parte sinistra e premete.
Questo il centro della pura conoscenza. Qui dovete dire, come Sahaja Yogis, che la nostra Madre
ci ha dato l' idea completa di come il Divino opera. Ci ha dato tutti i Mantras e tutta la Pura
Conoscenza che possiamo recepire e capire. "Fa che io sia perfettamente informato al riguardo".
Tutti noi. Ho visto che se l' uomo leader, la moglie non s neppure una parola di Sahaja Yoga. Se
le donna conosce Sahaja Yoga, il marito non ne sa nulla: "Fa che io sia competente e esperto di
questa Conoscenza, in modo da poter dare la Realizzazione agli altri, da poter far loro capire cos
la Legge Divina, cos Ia Kundalini, e cosa sono i Chakras. Fa che la mia attenzione sia molto pi
su Sahaja Yoga che su tutte queste cose mondane".
Mettete la mano destra sulla parte superiore dell' addome. Chiudete gli occhi. Ora, qu, sulla parte
sinistra, premete. Ora, qu (dite): "Madre mi ha dato lo Spirito ed io ho il mio proprio Guru che lo
Spirito e sono maestro di me stesso. Fa che non vi siano abbandoni. Fa che vi sia dignit nel mio
carattere. Fa che vi sia generosit nel mio comportamento. Fa che vi sia in me compassione e
amore per gli altri Sahaja Yogis. Fa che non sia esibizionista,,,. ma che abbia una grande, profonda
conoscenza dell' Amore di Dio e delle sue opere, di modo che quando gli altri vengono da me io
possa essere in grado di parlare loro di Sahaja Yoga e trasmettere loro questa grande conoscenza
con umilt e amore".
Portate ora la mano destra sul cuore. Qui dovete ringraziare Dio perch avete sentito l' oceano di
gioia, e avete sentito l' oceano del perdono e la capacit di perdonare che ha vostra Madre. Se avete
visto........ fa che l mio cuore si espanda e possa andare al di l dell' universo intero e il mio amore
possa il nome di Dio. E il mio cuore possa esprimere, in ogni momento, la bellezza dell' Amore di
Dio".
Mettete ora la mano destra sul Vishuddi Chakra sinistro, fra il collo e la spalla, nell' angolo. "Non
indulger nella falsit dei sensi di colpa perch so che una falsit, non fuggir di fronte ai miei
difetti, ma li affronter e li sradicher. Non cercher di trovare i difetti negli altri, ma con la mia
propria conoscenza di Sahaja Yoga, f che possa togliere questi difetti. Disponiamo di tanti di quei
mezzi con i quali, in segreto, possiamo eliminare i difetti degli altri. "F che la mia collettivit
diventi cos grande che l' intera razza di Sahaja Yoga sia la mia famiglia, i miei figli, la mia casa, il
mio tutto. F che abbia la percezione completamente innata, dentro di me, (del fatto) che io sono
parte e particella del tutto, perch noi tutti abbiamo una sola Madre. E fa che mi occupi del mondo
intero per conoscere quali sono i problemi e come posso, con il potere del mio puro desiderio,
risolverli. Fa che io senta i problemi del mondo nel mio cuore e in modo innato per risolverli tutti,
alla base dove sono stati generati. Fa che io vada alla radice di tutti questi problemi e cerchi di
risolverli con i miei poteri di Sahaja Yoga con i miei poteri di santit".
103

Mettete la mano destra di traverso sulla fronte. Qu dovete dire, innanzitutto: Devo perdonare tutti
coloro che non sono venuti in Sahaja Yoga, coloro che rimangono alla periferia, che vanno e
vengono, entrano ed escono. Ma soprattutto. devo perdonare tutti i Sahaja Yogis perch sono tutti
migliori di me ed io sono quello/a che cerca di trovare in loro difetti, ma io sono l' ultimo di tutti e li
devo perdonare perch devo sapere che devo continuamente andare molto pi avanti. Sono ancora
molto meno (di loro) e devo migliorarmi". Questa umilt deve penetrare dentro di noi. Ora devo
quindi dire: "F che l' umilt nel mio cuore, nel vero senso, non n modo ipocrita attui questo senso
del perdono di modo che io mi inchini alla realt, a Dio e a Sahaja Yoga.
Ora dovete portare la mano sulla nuca, e spingete indietro la testa e dovete dire "Madre qualsiasi
cosa sbagliata abbia potuto fare, perdonami.......
(con la mano sul Sahasrara).... Grazie mille per le benedizioni del Divino e per farci salire in alto,
molto pi in alto di dove eravamo. E grazie mille anche perch ci sostieni e ci aiuti a migliorare e a
correggerci. E grazie mille infine perch Tu, Madre, sei venuta su questa terra e per tutto il lavoro
che fai - lavori cos tanto per noi, per tutti noi". Premete forte e muovete la mano.
Abbassate la mano..
"Ed ora datevi un bel bandhan,. nel bandhan di Madre..... sinistro sul destro. Comprendendo quello
che siete. Ancora, il secondo..... Ora il terzo.....Ed ora il quarto.....Ed ora il quinto.....
Ora il sesto, ed ora il settimo......Ora alzate la Kundalini. Adagio, molto. adagio... Spingete la testa
all' indietro e fate un nodo. La seconda volta: adagio, molto adagio. Consapevoli di chi siete: siete
dei santi fatelo bene, non in fretta.
Spingete indietro la testa e fate due nodi: uno e due. Ora un' altra volta: la terza volta fate tre nodi.
Molto adagio. Molto adagio. Fatelo bene. Spingete indietro la testa. Fate i tre nodi. Sentite. Ora
sentite le vibrazioni. Sentite le vibrazioni? Tutti i bambini, sentite le vibrazioni? Mettete le mani
cos. Va bene?
Ora Io ricevo le vibrazioni da voi. Possa Dio benedirvi. Grazie mille. Potete mostrare la fotografia
a tutti, in modo che vedano che siete dei Santi.

104

SHRI MATAJI

Brahman Gardens, Earls Court, Londra (UK), 1982

Prana e Mana
Oggi dovrei parlarvi del lato pratico della meditazione. Vediamo in cosa consiste la meditazione,
che cosa dobbiamo fare per meditare. La prima cosa che abbiamo il lato sinistro, Mana Shakti, il
potere delle emozioni. Le emozioni sono connesse anche con il lato destro, il Prana.
Se siete disturbati emotivamenteproprio ora ci siamo sentiti turbati, anche la nostra respirazione
ha accelerato e ci siamo sentiti come se tutto il corpo reagisse; percepivamo la reazione del Prana,
del lato destro che cercava di esprimersi. Ci siamo messi a piangere, le lacrime rappresentano
lelemento acqua. Tutte le emozioni interiori si sono riversate con grande intensit allesterno ed in
questo era coinvolto anche il nostro Prana.
Se, per esempio, siete spaventati, se siete eccessivamente spaventati, anche il vostro respiro accelera
molto e si instaura cos la connessione, se siete spaventati si instaura la connessione con il Prana,
mediante il vostro respiro, e tutto il sistema fisico connesso alle vostre emozioni.
Se vi lamentate troppo o piangete troppo, o se siete tristi, questo traspare dal vostro viso. Anche il
vostro Vishuddhi chakra lo esprime. Non solo Anahata, ma anche il Vishuddhi e, a quel punto,
anche il vostro Agnya va fuori uso. Tutti i chakra riflettono il lato sinistro, tanto che vi anche una
manifestazione fisica a provare che i due lati sono strettamente connessi.
In un modo o nellaltro dobbiamo dissolvere questi due lati, il sinistro e il destro, dentro di noi,
perch se non lo fate rimanete sospesi a met; pertanto dovete dissolverli entrambi. E, per
dissolverli, che cosa dovremmo fare? Che cosa possiamo fare in meditazione? Avete qualche
suggerimento? Abbiamo Prana e Mana. Prana rappresenta il lato destro e Mana Shakti, il lato
sinistro. Devono essere dissolti, Laya, dissolti. Come fare per dissolverli? Essi diventano
interdipendenti dopo la realizzazione, non prima.
Prima della meditazione ci riportiamo in equilibrio osservando qual il lato pi pesante. Se siete
disturbati emotivamente alzate il lato destro sul sinistro. Se siete disturbati sul lato sinistro, se cio il
vostro lato sinistro gelato, alzate il lato (destro sul sinistro. ndt) sinistro e portatevi in equilibrio prima
della meditazione.
In primo luogo esaminiamo quale lato meno pesante. Mettete le mani cos. Siete a posto? Sentite
la brezza fresca? Arriva? Su questo lato no. Ora va meglio? La sentite su questa mano? Qualcosa
si muove? La brezza fresca arriva adesso? C la brezza fresca? C la brezza fresca sulla mano, la
sentite bene?
Dopo esservi dati un equilibrio, la cosa migliore portare lattenzione alle vostre emozioni, Mana
shakti. Osservatele. Potete illuminare le vostre emozioni pensando a vostra Madre. Illuminatele, e
Lei risolver i vostri problemi di Mana, qualunque essi siano.
Quando, dopo esservi connessi con queste emozioni, inizierete ad osservarle in meditazione, le
vedrete crescere dentro di voi e se cercherete di trasferirle su vostra Madre, vale a dire le porrete ai
Piedi di Loto di vostra Madre, esse inizieranno a dissolversi e si espanderanno.
Le dilaterete a tal punto che vi accorgerete di controllarle, di averne il controllo e, controllandole in
questo modo, le vostre emozioni dilatate e illuminate diventano potenti; e quando le percepite in
questo modo, la causa di queste emozioni pu dissolversi.
105

Per esempio, proprio ora ci siamo commossi perch ho parlato di quei bambini. Naturalmente,
chiunque lo sarebbe. Ora, quando siete commossi, trasferite il problema di queste emozioni che
nascono in voi, di quelle ondate di emozioni in arrivo, ai Piedi di Loto di vostra Madre, cos esse
vengono toccate, per cos dire, da quel potere. A quel punto le emozioni diverranno illuminate e,
quando diventano illuminate, hanno il potere di risolvere il problema.
Riuscite a cogliere il punto? come se avessero raggiunto la riva dove si trova la luce, e il
problema pu essere risolto. Perch ora non siete pi in una cellula individuale, siete nello spazio,
in Samashti, e poich siete entrati in questo stato, avete i poteri di penetrare nel corpo di unaltra
persona, di vederne le vibrazioni, di alzare la Kundalini; diversamente non avreste potuto farlo.
Per voi molto facile farlo, anche perch Io sono seduta qui di persona, quindi facile trasferire
proprio qui queste emozioni affinch esse si illuminino e i vostri desideri siano esauditi. Poich le
emozioni non sono altro che desideri, desideri insoddisfatti.
Si pu fare anche in altro modo, prendere le emozioni e metterle Le emozioni in realt
rappresentano il lato sinistro che, come ho detto, il desiderio. Si prende quindi qualsiasi desiderio
e lo si mette nel Prana. In che modo lo si mette nel Prana? Controllando il Prana: per questo che
si fa Pranayama1, sapete. Sedetevi molto comodamente; se avete un desiderio, ponete l la vostra
attenzione. Lattenzione importantissima. Lattenzione deve essere trasferita nel Prana; quindi
prendete le emozioni e portatele nella vostra attenzione, in altre parole ora ne siete consapevoli.
Ci che ora dovete fare osservare il vostro respiro. Cercate di ridurre il vostro respiro: espirate,
attendete un po, poi inspirate a lungo, poi espirate. In un minuto, la vostra respirazione diminuir
rispetto alla norma. Provate. Inspirate, ora mettete lattenzione sulle emozioni affinch si stabilisca
una connessione.
Meglio? Vedete, la Kundalini sale.
Ora, tra una respirazione e laltra, vedrete che vi uno spazio intermedio che lasciamo vuoto.
Inspirate. Lasciate il vuoto. Ora espirate. Lasciate il vuoto. Inspirate, trattenete. Poi espirate e
mantenete fuori il respiro. Ora inspirate. Ora iniziate a respirare in modo da sospendere il respiro.
Lattenzione dovrebbe essere sul cuore oppure sulle emozioni. Meglio? Trattenete il respiro per un
po; espirate; poi fuori per un po; poi di nuovo. Allora vi accorgerete che per un po rimarrete senza
respirare. Vi stabilizzate. Fra il vostro Prana e il vostro Mana avviene Laya: le due shakti diventano
una sola. A questo punto, quando siete in silenzio, pensate: la vostra facolt di pensare va persa.
Pensateci, svanita, non esiste pi. Ci che sta accadendo, in realt, che laya, lattenzione, entra
nella mente illuminandola. Osservate: non vi sono pi pensieri. Cercate di trovare la vostra mente
dentro di voi: Dov la mia mente? Cercate di scoprirlo. Non c. Non agisce. Provate ancora.
Agisce, ma diventata Samashti. Essa ora divenuta la collettivit. Capite ora? Avete seguito? Non
vi sono pensieri. Questo esercizio vi dar la consapevolezza senza pensieri, il consolidamento della
consapevolezza senza pensieri. Non vi sono pensieri.
Che Dio vi benedica.

Tecnica di respirazione.

106

COSA E LA MEDITAZIONE
allegato alla dispensa IX
La meditazione spesso definita come un momento di silenzio o di riflessione. La vera meditazione
molto pi di questo. uno stato di profonda pace in cui la mente calma e silenziosa.
Nonostante tutta la sua popolarit, pochi veramente sanno che cosa sia la meditazione. Alcuni credono
che la meditazione sia concentrarsi mentalmente su qualche cosa, altri considerano che meditare sia
immaginare qualche cosa che dia pace o soddisfazione. Tutti questi metodi non sono funzionali
all'arresto dellincessante attivit delle nostre menti.
Esercizi, pose e controllo del respiro, non costituiscono meditazione possono aiutare a stabilire un
equilibrio solo se sotto la guida di un vero maestro (un'anima realizzata). La loro pratica senza un vero
scopo spirituale pu portare a uno squilibrio energetico.
In realt, la meditazione un stato di consapevolezza senza pensieri. Non si fa la meditazione, si in
meditazione. Si pu stare in meditazione esprimendo la propria gioia in una attivit creativa piuttosto
che nella posa del loto sulla cima di una montagna. La vera meditazione uno stato di pace profonda,
in cui la mente calma e silenziosa ma vigile. La consapevolezza senza pensieri realizzata attraverso
il risveglio della Kundalini. Per liberarsi dai blocchi che impediscono la sua ascesa, per, potremo
usare le mani e l'introspezione ma mai lo sforzo mentale (es. la ripetizione continua di " devo fermare i
pensieri"). Questo solo l'inizio di una trasformazione interna che porta luomo ad un livello pi alto
di consapevolezza e al compimento del suo potenziale.

La Meditazione non ...


Concentrazione
La concentrazione uno sforzo per fissare l'attenzione su un particolare oggetto o idea per un periodo
pi o meno lungo.
Perdita di controllo
Suoni, voci, colori e movimenti involontari non hanno nulla a che fare col la vera meditazione e con la
spiritualit. Sono sintomi di perdita di consapevolezza e controllo di alcune parti del nostro essere.
Esercizi
Esercizi posturali e di respirazione non costituiscono la meditazione. Possono aiutare a stabilizzare
alcuni fattori per poi raggiungere la meditazione. Con la pratica di queste tecniche senza una finalit di
crescita spirituale si ottengo risultati molto limitati.
Sforzo mentale
La consapevolezza senza pensieri si ottiene attraverso la Realizzazione del S, risvegliando l'energia
Kundalini. Uno strumento per migliorare la qualit della meditazione l'introspezione e non uno
sforzo mentale.

Benefici della Meditazione


Uno degli effetti benefici di una calma meditazione senza pensieri che il nostro sistema nervoso
autonomo riduce automaticamente ogni attivit fisica in eccesso nel nostro corpo.
Poich questo sistema anche la parte di noi che sovrintende il meccanismo automatico di risposta al
pericolo, (che nel mondo moderno, a causa dello stress, pu essere sovraeccitato in modo dannoso), la
meditazione pu risultare di massimo beneficio per la nostra salute.
Tale beneficio determinato dallincremento del flusso di energia che raggiunge larea limbica (il
Sahasrara Chakra sulla sommit della testa) che collegata al sistema nervoso simpatico.
Il sistema nervoso, che fa parte di un ultra sofisticato meccanismo di controllo, si divide in tre parti:
Sistema Nervoso Centrale, Periferico e Autonomo. Questi sistemi controllano il modo in cui agiamo e
percepiamo il nostro universo, il sistema autonomo governa anche gli automatismi del nostro corpo
attraverso il controllo di funzioni essenziali ma non coscienti come la velocit del battito cardiaco.
Inoltre in coloro che praticano Nirmala Yoga sono stati riscontrati livelli di endorfine pi alti del solito;

107

alle endorfine si attribuisce un ruolo importante nellattivare il sistema immunitario del corpo e di
conseguenza nellaumentare il livello di anticorpi che aiutano a combattere le malattie.
In situazioni di stress, si hanno benefici immediati grazie ad una sensazione di pace e di appagamento.
Fisicamente, la meditazione aiuta nella prevenzione e nella cura di malattie altrimenti difficili da
guarire dal punto di vista mentale ed emozionale. Aiuta a conseguire un equilibrio spirituale e a
raggiungere il pi alto livello di illuminazione. Coloro che praticano Nirmala Yoga smettono
facilmente di fumare, di bere e di drogarsi e conducono una vita normale, molto equilibrata e morale.
Effetti fisici
il nostro sistema sottile che coordina tutto il lavoro compiuto dagli organi e dalle cellule del corpo.
Quando uno dei nostri centri sottili si blocca, si manifestano disfunzioni fisiche negli organi che esso
controlla. in questo momento che possono manifestarsi la maggior parte delle malattie.
La medicina tradizionale cerca di curare i sintomi mentre la meditazione Sahaj ci permette di
combattere direttamente le cause, riequilibrando il nostro sistema sottile e purificando i nostri centri.
Cos perfino le malattie cosiddette incurabili possono essere guarite in modo spontaneo attraverso il
lavoro di purificazione dellenergia Kundalini.
Effetti mentali
Quando entriamo nello stato meditativo, entriamo nel regno del silenzio; i pensieri che ci assalgono
svaniscono, e la realt del presente si rivela a noi in tutta la sua intensit. I nostri sensi ci mandano
unimmagine diretta del mondo, senza che venga alterata dai nostri condizionamenti o dalla nostra
mente. La mente diventa perfino il servitore illuminato del nostro spirito.
Effetti emozionali
Quando la Kundalini risvegliata e siamo immersi in uno stato meditativo, anche le nostre emozioni
sono portate in equilibrio. Tutte le debolezze che ostacolano lespressione di sentimenti puri e sinceri,
come avidit, insicurezza, gelosia ecc. si riducono quando si percepisce la gioia della meditazione.
Questa gioia assoluta, priva di ogni dualit. Questa stessa gioia diviene la motivazione della nostra
emancipazione.
Effetti spirituali
Infine la meditazione ci rivela lessere eterno, divino che verit, consapevolezza e beatitudine.
Diveniamo parte integrante del tutto, come una goccia nelloceano di amore, e in meditazione ci
uniamo allEssere Primordiale. Questa esperienza lo stadio successivo nellevoluzione della
consapevolezza di un normale essere umano: di una tale persona si dice che nata di nuovo oppure
che realizzata. Ci significa che la nostra essenza spirituale, fino ad ora nascosta, diventa realt.
Possiamo iniziare a purificare il nostro essere interiore grazie alla pura conoscenza insegnata da Shri
Mataji e al rapporto che stabiliamo con Lei nella nostra meditazione. Nella nostra crescita interiore,
lunione con il Divino (Yoga) diventer sempre pi forte e questo senza dubbio il beneficio pi
prezioso che il risveglio della Kundalini possa procurarci. Questa evoluzione sostenuta dalla Kundalini
riverser ogni benedizione su di noi, non soltanto di natura fisica, emozionale o psicologica, ma anche
benefici materiali, sociali e professionali.
Nirmala Yoga uno dei modi pi efficaci per combattere i problemi della vita di tutti i giorni ed al
contempo renderci pi resistenti nellaffrontare i pi disparati attacchi che possano minare la nostra
salute quotidiana. Forse impossibile divenire immuni a qualsiasi tipo di malattia, ma di certo si pu
ricorrere alla meditazione per rendere pi forte il nostro corpo, rinforzando soprattutto il nostro animo,
affinch lo stress ed il ritmo frenetico della vita di tutti i giorni non ci coinvolgano e ci schiaccino sotto
il loro peso, oramai divenuto insostenibile. Nel prenderci cura del nostro sistema sottile e dei nostri
chakra, possiamo disporre di alcune tecniche che completano ed arricchiscono la meditazione.

108

Alcuni esempi di trattamenti.


Attacchi di panico ed affanno
Solitamente questi sintomi sono la causa di un blocco alla zona centrale del cuore, quello che in
Nirmala Yoga chiamiamo cuore centro, collocato esattamente in corrispondenza dello sterno.
Possiamo ruotare la mano destra in senso orario sul chakra alcune volte e poi portare il calore raccolto
verso la Madre Terra. Unaltra tecnica efficace consiste nel mettere la mano destra sullo sterno e
compiere alcune respirazioni profonde: inizialmente inspiriamo a pieni polmoni, poi tratteniamo per
alcuni secondi laria, successivamente espiriamo completamente e restiamo qualche secondo senza
respirare; poi ripetiamo lesercizio per tre, massimo quattro volte.
Dolori cervicali
Essi possono dipendere da unostruzione al chakra del Vishuddi, situato allaltezza del collo e delle
spalle. Per alleggerirci di tutte le tensioni causate dalla nostra abitudine a sentirci in colpa per qualsiasi
cosa, spesso senza averne un motivo reale, portiamo la mano destra sullosso della cervicale, passando
dalla spalla sinistra, e ripetiamo per sedici volte (questo il numero dei sottoplessi che costituiscono il
chakra): Madre Kundalini, io non sono colpevole di niente.
Un altro rimedio efficacissimo consiste nellungere il collo e le spalle con un po di olio, anche
doliva, e massaggiare per alcuni minuti. Dal punto di vista delle qualit interiori del chakra, esso
governa la nostra diplomazia e la capacit che abbiamo di comunicare in modo dolce, diplomatico e
nel contempo sincero. quindi ovvio che una persona che non sia aggressiva, non discuta sempre e
non sia oltremodo dura o sarcastica, esprimer allesterno le caratteristiche di un Vishuddi chakra
aperto ed in ottimo stato.
Mal di testa
Essi di solito derivano da un eccesso della nostra attivit mentale. Ogni qualvolta pensiamo al futuro,
pianifichiamo, progettiamo, studiamo e analizziamo, stiamo utilizzando il nostro emisfero sinistro del
cervello, che di riflesso, a livello energetico va a gonfiare il nostro ego, la nostra razionalit e che
ostruisce il passaggio della Kundalini alla zona dellosso della fontanella, il Sahasrara chakra.
Ugualmente, se pensiamo continuamente al passato, siamo tristi o malinconici, angosciati, fluttuiamo
in balia delle nostre emozioni o stati di umore, o se ci sentiamo inferiori, perseguitati o banalmente
molto scarichi e letargici, ci dipender dal nostro eccessivo utilizzo dellemisfero destro del cervello,
il super-ego. Anche in questo caso come se un grosso pallone non permettesse il passaggio della
nostra Kundalini, provocando in entrambi i casi il mal di testa.
Quando la nostra energia Kundalini ascende al di l dei nostri pensieri, sopra losso della fontanella,
automaticamente veniamo catapultati nel presente, in una condizione di beatitudine, dove assaporiamo
ogni momento con pienezza e sperimentiamo finalmente la realt per quello che , senza le nostre
sovrastrutture che la deformano e la appesantiscono.
Per allentare la pressione dei nostri pensieri, che sono la causa di uno dei dolori pi frequenti e diffusi
del nostro tempo, possiamo massaggiare le tempie e la fronte, anche frizionando con dellolio di
sandalo, ed al contempo raccogliere con le mani il calore ed affidarlo alla Madre terra con un gesto
semplice, come quando si scostano via i capelli dalla fronte.
Uno dei metodi che funziona sempre in questi casi consiste nel portare la mano destra sulla fronte,
abbandonare la fronte stessa alla mano che la sorregge e ripetere per quante volte si desideri: Madre
Kundalini, io perdono tutto, perdono tutti e perdono me stesso. Se dovessimo avvertite un dolore alla
tempia destra, sar sufficiente dare dei colpetti su di essa sulla zona del cervelletto, dietro la nuca e
contemporaneamente dire: Madre, io perdono tutto il mio passato.
Irritazioni agli occhi
Guardando semplicemente il cielo o la natura, come delle grandi distese di verde ad esempio, nelle
persone che abbiano ottenuto il risveglio della Kundalini attraverso Nirmala Yoga, gli occhi si
rilasseranno in modo incredibile e potr accadere persino di venir proiettati istantaneamente nel
presente, con conseguente affrancamento dal bruciore agli occhi, dovuto alleccessiva concentrazione,
spesso richiesta durante il lavoro o nello studio.
109

Mal di gola
Cercate di proteggere la gola dal freddo e dalla polvere, indossando quando possibile una sciarpa.
Anche il parlare troppo pu bloccare il centro del Vishuddi e di conseguenza provocarci mal di gola e
raffreddori. Per chi adoperi molto la voce per professione, o comunque voglia migliorare la propria
capacit comunicativa, pu essere di gran giovamento anche il masticare dei bastoncini di liquirizia o
prendere dei cucchiaini di miele.
Insonnia
Deriva da un iperattivit del canale energetico destro, che si cura della nostra attivit fisica e mentale.
necessario quindi bilanciare i nostri due canali di energia (azione ed emotivit), attraverso la
meditazione, ad esempio alzando la Kundalini con la mano destra, partendo dallosso sacro e
continuando per tutto il canale centrale, fin sopra la testa, per poi scaricare le tensioni del nostro canale
destro, partendo dalla nuca sinistra (visto che i due emisferi si incrociano nella parte del cervello) e poi
scendendo per tutto il fianco destro, fino alla fine.Un vero e proprio toccasana inoltre il pediluvio: la
sera prima di andare a dormire riempire una bacinella di acqua fresca ed inserirvi due pugni di sale
grosso, dopodich stare in meditazione, con i piedi in acqua, per 10-15 minuti. Tutte le tensioni e le
preoccupazioni accumulate durante la giornata si allevieranno notevolmente dopo questo semplice
trattamento quotidiano.
Pensare troppo e continuamente - Fegato caldo
Tutto ci il sintomo di un eccessivo stress del nostro canale deputato allazione, il canale destro. La
nostra attenzione pu risultare eccessivamente disturbata dai troppi stimoli, in tal modo pu risultare
difficile anche restare solamente per cinque minuti in meditazione, con gli occhi chiusi. Inoltre quando
si va a dormire, essendo il nostro cervello incapace di far smettere di colpo il lavorio incessante a cui
lo abbiamo abituato, non si riesce a godere a pieno di un meritato riposo ristoratore.
A tal scopo, oltre al pediluvio, da praticare durante la meditazione serale, pu essere applicato sulla
zona del fegato, sulla parte destra della pancia e dellinguine, del ghiaccio. Esso rinfresca allistante
tutto il calore in eccesso, prodotto dal nostro fegato, organo la cui funzione principale quella di
smaltire tutti i veleni assunti nel nostro corpo e calma tutti i nostri pensieri, ai quali il fegato d
sostentamento. Per comprovare questa stretta relazione, verificate come dopo questi semplici tecniche
vi sentirete pi leggeri, come se vi foste scrollati di dosso, in un colpo solo, tutta la rabbia, la tensione,
lo stress e langoscia quotidiana e finalmente potrete provare la gioia dello stato naturale che proprio
di ogni essere umano, la vera libert, lunione armoniosa della nostra energia con quella infinita che
regola lintero universo, lo yoga. Meditando con regolarit, la mente progressivamente entra in uno
stato di "consapevolezza senza pensieri". L'attenzione diventa come un lago senza increspature e una
profonda pace interiore comincia a manifestarsi. Quando non ci sono increspature sulle acque di un
lago, la sua superficie diventa quasi invisibile in quanto riflette la bellezza del paesaggio. Allo stesso
modo, la mente riflette ancora la bellezza della creazione e si scioglie nella beatitudine e nella pace del
divino. La nostra crescita ci eleva a questo livello di coscienza.
Le scritture indiane descrivono i seguenti quattro stati di coscienza umana:
1. Jagruti: lo stato di risveglio della coscienza.
2. Swapna: lo stato sognante.
3. Sushupti: lo stato di sonno profondo in cui la mente, l'ego e il Superego sono ancora coscienti.
4. Turya: lo stato di consapevolezza senza pensieri.
I primi tre stati di coscienza sono comunemente conosciuti nella nostra vita quotidiana.
Il quarto lo stato di consapevolezza senza pensieri o Nirvichara Samadhi. Questo lo stato in cui il
processo di costante produzione di pensieri nella mente giunge al termine. In un primo momento
compare una minima interruzione tra i pensieri.
Nello stato di consapevolezza senza pensieri siamo totalmente nel momento presente, senza perdere
momenti preziosi della vita a pensare al tempo ormai passato o ancora da venire. Si comincia a gioire
del nostro s, del nostro spirito, della nostra bellezza interiore e della bellezza della creazione. Si
comincia a gioire dellesistenza. Siamo in grado di gioire del canto degli uccelli e del profumo dei fiori
ad un livello molto pi profondo perch non siamo pi bombardati dallinutile chiacchiericcio che
assale la nostra consapevolezza e contamina l attenzione.
110

Meditazione: un aiuto contro lo stress


Lo stress qualsiasi pressione mentale o fisica che ci induce paura, preoccupazione, apprensione,
ansia, rabbia, anche eccitazione e che causa comportamenti indesiderati e inefficienti del nostro corpo.
Secondo la scienza medica, il 90-95% dei malesseri nellera moderna sono psicosomatici; il 98% dei
mal di testa sono originati dallo stress e questo si manifesta anche in altri disturbi quali dispepsia,
acidit e anche in malattie mortali, come linfarto.
Come si sviluppa lo stress?
Ci sono molte forme e dimensioni di stress che diventato cos diffuso che sembra influenzare tutto e
tutti. Lo stress e le tensioni sono prodotti dal flusso incontrollato dei pensieri relativi al futuro ed al
passato che tengono costantemente la nostra mente sotto pressione. Questi pensieri spostano la nostra
attenzione dal presente, che la sola realt. Solitamente il nostro eccessivo pensare al futuro ed al
passato che ci stanca e non il duro lavoro. Inoltre in coloro che praticano Nirmala Yoga sono stati
riscontrati livelli di endorfine pi alti del solito; alle endorfine si attribuisce un ruolo importante
nellattivare il sistema immunitario del corpo e di conseguenza nellaumentare il livello di anticorpi
che aiutano a combattere le malattie.
In situazioni di stress, si hanno benefici immediati grazie ad una sensazione di pace e di appagamento.
Fisicamente, la meditazione aiuta nella prevenzione e nella cura di malattie altrimenti difficili da
guarire dal punto di vista mentale ed emozionale. Aiuta a conseguire un equilibrio spirituale e a
raggiungere il pi alto livello di illuminazione. Coloro che praticano Nirmala Yoga smettono
facilmente di fumare, di bere e di drogarsi e conducono una vita normale, molto equilibrata e morale.
Gli effetti dello stress
Lo stress causa logoramento fisico come se il nostro corpo dovesse continuamente adattarsi a reali
cambiamenti e questo determina numerosi effetti fisici ed emotivi.
Sintomi fisici:
- Cambiamento dellespressione facciale e della postura del corpo.
- Abbandono o trascuratezza delle relazioni sociali.
- Calo di produttivit (oppure iperproduttivit, che va a scapito della nostra salute fisica e mentale).
- Difetti di pronuncia.
- Sospiri e impossibilit a stare fermi.
- Risate nervose.
Tutti i precedenti sintomi sono originati dallo stress e le cause sono descritte dai pazienti e dagli
esperti medici come:
- Ansia
- Preoccupazioni
- Perdita di sonno
- Disturbi della sfera emotiva
- Aggressivit
- Tensioni
- Fobie
Il risultato finale di tutti questi sintomi e delle loro cause possono condurre a questi problemi fisici:
- Ulcere
- Problemi di cuore
- Perdita di appetito o sovralimentazione
- Sudorazione eccessiva
- Mal di testa
- Comportamenti compulsivi come ad esempio fumare, bere e altri ancora.

111

Come superare lo stress?


La scienza medica non ha nulla per combattere le cause dello stress tranne i tranquillanti e medicinali
simili, che creano assuefazione. Ogni evento che ci troviamo ad affrontare pu diventare cos una sfida
minacciosa e lo stress si manifesta come una reazione interna piuttosto che come un fenomeno
esteriore. Per essere realmente liberi dallo stress dobbiamo sviluppare la consapevolezza di noi stessi.
Sviluppare la conoscenza del nostro s: i suoi gusti, i suoi momenti di armonia e i suoi conflitti. La
chiave per raggiungere la consapevolezza di se stessi risiede in un processo di interiorizzazione
dellattenzione, dal mondo esterno al nostro essere, che include il sistema fisico, emozionale e
spirituale.
La meditazione la migliore tecnica di rilassamento ed una soluzione accettata a livello mondiale
per combattere lo stress efficacemente. Nirmala Yoga un sistema di meditazione unico ed altamente
sviluppato che permette di raggiungere un livello di completa consapevolezza del S.
Come lo Yoga aiuta a combattere lo stress
Nirmala Yoga lavora risvegliando una energia primordiale presente dentro di noi, chiamata Kundalini.
Quando la Kundalini sale e attraversa i sei centri di energia, ci porta in uno stato di consapevolezza
senza pensieri; nessun pensiero dal futuro o dal passato bombarda pi la nostra mente. Tutti i conflitti
che risiedono nella mente e che creano stress, svaniscono. Entriamo in uno stato di calma interiore,
rimanendo nel presente e completamente consapevoli di ci che attorno a noi.
Dentro di noi risiede un corpo sottile che consiste in sette centri e tre canali di energia. Nella vita di
tutti i giorni, ognuno di questi canali pu essere utilizzato eccessivamente, condizionando il nostro
comportamento. Se utilizziamo maggiormente il canale destro, diventiamo iperattivi, nervosi, stressati
e tesi; se utilizziamo maggiormente il lato sinistro, diventiamo depressi e letargici; ma se rimaniamo
nel canale centrale, diventiamo dinamici, energici, conducendo la vita di una personalit integrata. La
pratica costante di Nirmala Yoga ci aiuta ad attivare il canale centrale. Infine, Nirmala Yoga ci
connette al potere onnipervadente. Diventiamo uno con la sorgente denergia che crea, governa e nutre
la natura ed la sorgente originaria dellenergia che chiamata Kundalini. Nel momento in cui siamo
connessi con la fonte dellenergia, i nostri centri di energia sono costantemente nutriti da questo potere
onnipervadente. Cos noi restiamo sempre freschi, allegri e non siamo pi affaticati, stanchi e stressati
e riusciamo a gioire pienamente di ogni attivit in cui siamo coinvolti.
Obiettivi della Meditazione
La meditazione pu ridurre sensibilmente lo stress e migliorare la qualit della vita. La meditazione
vera ci pu condurre a vivere con pi consapevolezza il nostro presente piuttosto che un passato ormai
lontano o un futuro ancora indeterminato. Alcuni obiettivi che la meditazione con Nirmala Yoga
permette di raggiungere:
- Fornire uno strumento atto a raggiungere equilibrio e soddisfazione a livello mentale, fisico, emotivo
e spirituale.
- Permettere alle persone di diventare fonte e forza per lequilibrio e lintegrazione a livello familiare e
collettivo.
- Abbattere le barriere culturali e pregiudiziali di ogni tipo.
- Incoraggiare il rispetto per la terra attraverso stili di vita eco-compatibili.
- Promuovere l'educazione artistica e culturale.
- Fornire strumenti e soluzioni pratiche per superare i problemi comuni della societ.

112