Sei sulla pagina 1di 7

COPERTINA

ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI “LUIGI EINAUDI”

PROGETTO MATERIE PLASTICHE

1 Poliolefine -PO-
È il termine generico usato per descrivere una famiglia di polimeri derivati da un
gruppo particolare di sostanze chimiche di base, note come olefine.
La famiglia delle poliolefine include il polipropilene e il polietilene, differenziati per le
loro caratteristiche fisico meccaniche e in parte per il processo di polimerizzazione.
Attraverso il processo di polimerizzazione i monomeri vengono trasformati in
polimeri.
A temperatura ambiente, i monomeri di base, etilene e propilene, sono allo stato
gassoso, ma legandosi tra loro diventano materiali plastici resistenti e flessibili
utilizzabili in una vasta gamma di applicazioni.
I prodotti più conosciuti ed usati sono PE e PP.

ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI “LUIGI EINAUDI”


Via Prati 2 – 42015 Correggio (RE)

Pagina 1 di 6
ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI “LUIGI EINAUDI”

PROGETTO MATERIE PLASTICHE

1.1 Polietilene -PE-


Polimero termoplastico ottenuto per polimerizzazione dell’ etilene.
Differenziando il processo di polimerizzazione si può ottenere:
LDPE : polietilene a bassa densità .
LLDPE : polietilene a bassissima densità. Generalmente LDPE e LLDPE vengono
utilizzati per la produzione di casalinghi, giocattoli, contenitori.

HDPE : polietilene ad alta densità. Questa materia plastica ha un'elevata resistenza


meccanica e una buona rigidità.Può essere impiegato per numerose applicazioni
grazie alla sua facile lavorabilità, viene utilizzato per articoli tecnici, contenitori, fibre e
tubi e serbatoi per carburante.

1.1.1 Polipropilene -PP-


Polimero termoplastico ottenuto per polimerizzazione del propilene. Polimero molto
versatile utilizzato per la produzione di componenti per auto, contenitori,
arredamento, mobili da giardino. Grazie alle sue qualità viene utilizzato per la
realizzazione di pezzi meccanici resistenti alla trazione e soprattutto alla corrosione.
Per la sua resistenza agli acidi è spesso utilizzato nell’industria chimica. Dopo il
polietilene è la materia plastica più diffusa.

1.1.1.1 Differenze tra polietilene e polipropilene

Le maggiori differenze tra il PE e il PP :

● Struttura/ densità/ cristallinità/ MWD

● Temperatura di fusione / cristallizzazione

● Resistenza termica ( può contenere imballaggi di liquidi caldi fino a temperatura di


100 gradi)

● Rigidità / resistenza a trazione / resistenza all’urto

● Resistenza all’invecchiamento

● Resistenza allo stress cracking ( resistenza alle sollecitazioni di rottura)

2 Polimeri
Il termine Polimero indica una molecola con una struttura a catena costituita da
gruppi chimici legati fra loro da legami di tipo covalente.

ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI “LUIGI EINAUDI”


Via Prati 2 – 42015 Correggio (RE)

Pagina 2 di 6
ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI “LUIGI EINAUDI”

PROGETTO MATERIE PLASTICHE

2.1 Struttura
Ogni materiale possiede una struttura, cioè una precisa disposizione o architettura
dei suoi componenti interni, legati da specifiche interazioni. Più la struttura del
polimero è complessa, tanto più le prestazioni dello stesso saranno elevate.

2.1.1 Proprietà
Le proprietà di un materiale sono le risposte che esso fornisce quando viene
sottoposto a sollecitazioni ben definite.

2.1.1.1 Gruppi funzionali


I gruppi funzionali sono i gruppi necessari per consentire la polimerizzazione,
possono essere due funzioni organiche diverse, in grado di reagire tra loro per
concatenarsi.

2.2 Macromolecole
Una macromolecola è una molecola di grandi dimensioni con un perso molecolare
molto elevato. La configurazione di una macromolecola è fissata in fase di
polimerizzazione. Da queste configurazioni dipende la possibilità di formare strutture
cristalline. La lunghezza delle macromolecole e la capacità delle macromolecole di
assumere conformazioni spaziali estremamente aggrovigliate sono caratteristiche
importanti che influiscono sulle proprietà dei polimeri. Non sempre le macromolecole
polimeriche sono semplici sequenze lineari di unità ripetitive. Quando la struttura
chimica lo consente, è frequente la possibilità che ramificazioni laterali si sviluppino
dando origine a strutture molecolari ramificate.

2.3 Catene polimeriche(lineari, ramificate, reticolate)


• Un polimero viene detto reticolato se esistono almeno due cammini diversi per
collegare due punti qualsiasi della sua molecola; in caso contrario viene detto

ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI “LUIGI EINAUDI”


Via Prati 2 – 42015 Correggio (RE)

Pagina 3 di 6
ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI “LUIGI EINAUDI”

PROGETTO MATERIE PLASTICHE

lineare o ramificato, a seconda che sulla catena principale siano innestate o


meno catene laterali.
swwdwdwdsve

Un polimero lineare(a sinistra) e uno reticolato(a destra) messo a confronto. I


cerchietti neri indicano i punti di reticolazione.

2.4 Omopolimeri e copolimeri


Gli omopolimeri sono costituiti da unità ripetitive tutte uguali o di reagenti che si
concatenano in sequenze obbligate(reazione tra lo stesso tipo di polimeri). I
copolimeri sono costituiti da due o più unità ripetitive differenti o di reagenti che non
si concatenano i sequenze obbligate(reazioni tra due o più polimeri diversi).

ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI “LUIGI EINAUDI”


Via Prati 2 – 42015 Correggio (RE)

Pagina 4 di 6
ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI “LUIGI EINAUDI”

PROGETTO MATERIE PLASTICHE

Bibliografia
Schede Dr. Fiocca
Wikipedia (http://www.wikipedia.it)
Lyondellbasell (http://nuke.lyondellbasellferrara.com/)

ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI “LUIGI EINAUDI”


Via Prati 2 – 42015 Correggio (RE)

Pagina 5 di 6
ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI “LUIGI EINAUDI”

PROGETTO MATERIE PLASTICHE

Indice

1 Poliolefine -PO-.........................................................................................................1
1.1 Polietilene -PE-....................................................................................................2
1.1.1 Polipropilene -PP-.........................................................................................2
1.1.1.1 Differenze tra polietilene e polipropilene................................................2
2 Polimeri.......................................................................................................................2
2.1 Struttura...............................................................................................................3
2.1.1 Proprietà........................................................................................................3
2.1.1.1 Gruppi funzionali.....................................................................................3
2.2 Macromolecole.....................................................................................................3
2.3 Catene polimeriche(lineari, ramificate, reticolate)...............................................3
2.4 Omopolimeri e copolimeri ...................................................................................4
Bibliografia....................................................................................................................5

Baccilieri Matteo, Fornaciari Luca, Braglia Mattia

ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI “LUIGI EINAUDI”


Via Prati 2 – 42015 Correggio (RE)

Pagina 6 di 6