Sei sulla pagina 1di 4

Wolfson attuale?

di Tobie Nathan
Traduzione di Enrico Valtellina.
Sulla riedizione, in una nuova versione completa del suo libro: Ma mre,musicienne, est morte
de maladie maligne minuit, mardi mercredi, au milieu du mois de mai mille977 au mouroir
memorial Manhattan
1
Wolfson attuale? Assolutamente attuale, a mio parere vorrei moltissimo che lo fosse, ad oni
modo! "isona che lo sia!
#$ %er &uale raione i libri di Wolfson hanno avuto' hanno un simile impatto?
Wolfson spedisce il suo primo manoscritto, Le schizo et les langues
2
, a (allimard nel #)*+. %er &uale
raione a (allimard? %erch, possedeva nella sua biblioteca un esemplare di l!ombre des "eunes #illes
en #leur. -n manoscritto incredibile, scritto in francese, di una eneria e di una oriinalit. eccezionali.
/imarr. sette anni a circolare nella rete dell0editore, poi in &uella di Temps 1odernes. Verr. letto da
2ueneau 3che se ne innamora$, %aulhan 3che voleva farlielo riscrivere$, 4artre e "eauvoir, che ci si
appassionarono e consiliarono la sua pubblicazione, 5acan, 67onis 1ascolo, /oman 8a9obson e
(illes 6eleuze. -na parte verr. del resto pubblicata nella rivista Les $emps Modernes prima che il libro
completo vena preso in carico da 8. ". %ontalis nella sua nuova collana, :connaissance de
l0;nconscient<.
;l secondo libro, Ma mre, musicienne, est morte de maladie maligne%, viene pubblicato per la
prima volta nel #)=>, sette anni dopo la morte della madre, in francese, in una collana lacaniana
3Navarin$.
5a prima &uestione riuarda innanzi tutto l0effetto prodotto da &ueste due opere. Nel &ossier
'ol#son, un0opera collettiva curata nel ?@@) da Thomas 4imonnet
+
, si scopre, con stupore, che i piA
randi si sono appassionati a &uesti testiB Coucault, %ier Aulanier, %aul Auster, 8. 1. 5e Dl,zio e (illes
6eleuze che ha redatto una prefazione fondamentale una prefazione che annuncia li sviluppi della
sua filosofia.
5e raioni sono moltepliciB
E ;nnanzitutto l0epoca, li albori di una psicoanalisi strutturalista, lacaniana, che va a centrarsi sul
linuaio 3non era molto che 5acan aveva enunciato il suo esoterico :l0inconscio strutturato come
un linuaio<$ e che trover. in &uesto autore una sorta di feticcio. 1a il malinteso totale. Wolfson
non si interessa assolutamente al linuaio, ma alle linue. E non se ne interessa per estasiarsi di
fronte alla loro ricchezza, ma per trovare il modo di privarle della loro capacit. di produrre
sinificazioni. Non mi stupisce che /oman 8a9obson si sia rifiutato di scrivere la prefazione al primo
libro di Wolfson, tanto &uesto autore combatte ostinatamente :l0arbitrariet. del seno<. Ca di tutto per
rendere il seno il meno arbitrario possibile, l0anima stessa del suo :procedimento<.
E 6a nemico iurato deli ps7, Wolfson, pubblicato in una collana di psicoanalisi, diventer.
l0idolo deli ps7. Tutto ciF deve averlo certamente divertito molto'
E -na seconda raione, ancora leata alla cultura francese del tempo. Wolfson detesta l0inlese e
scelie il francese per difendersi dall0intrusione di &uesta linua che lo stupra, che lo penetra, lo invade
e lo disloca. A distanza se ne puF ridere, ma tra il #)*@ e il #)G@ che emere proressivamente l0idea
di una francofonia politica, da contrapporre al DommonHealth e all0invasione mondiale della linua
inlese il ?> lulio #)*G che de (aulle proclama a 1ontr,al :vive le 2u,bec libre<' Wolfson
viene a solleticare e non innocentemente! la tempra chauvinista francese esattamente l. dove piA
prude, incensato dalla crema dell0intellientsia francese dell0epoca. ;ndubbiamente Wolfson ha dei
problemi con sua madre, che parla ad alta voce e fa intrusione con frasi inopinate in inlese, ma se
stato adottato e adulato dai suoi prestiiosi lettori francesi, perch, ha assunto un ruolo cosmico. I
diventato la linua francese stuprata, invasa dall0inlese delle Americhe. Ed ecco il secondo malinteso.
E D0 anche una terza raione, il suo testo folle, ma non la sua scrittura, leibile, intelliibile,
intelliente. Anche &ui il fraintendimento totale. Wolfson non parla affatto di ciF che li ps7
vorrebbero intendere di pap., mamma e di &uesto enere di &uestioni no! Eli prova a
comprendere i meccanismi nascosti del mondo, soprattutto per &uanto riuardano il popolino, la ente
comune. Dome uadanare alle corse di cavalli i >JK del libro Ma mre, musicienne, est morte%
sono consacrati alla ricerca di martinale per vincere al ioco. E le martinale che inventa sono
comunitarie. %er vincere alle corse occorre esaminare l0oriine culturale del fantino, dell0allenatore, il
nome del cavallo e vedere se corrispondono a una festa italiana, una festa ebraica, irlandese,
canadese' I da dire che finir. col uadanare ? milioni di dollari e si calmer. per un luno periodo.
Non si sentir. piA parlare di lui fino a &uando andF in fallimento.
Allora la &uestione Wolfson ci riuarda? 4L, noi, francesi, a cui viene a solleticare li automatismi
chauvinisti, che viene a sposare le nostre derive teoriche piA ridicole, ben prima che ne prendiamo
coscienza'
?$ Wolfson schizo? Non cosL certo!
"isona innanzitutto dire che :schizofrenia< un termine ambiuo. Neli -4A, in &uel periodo,
sinificava :psicotico<, mentre in Crancia davamo al termine un sinificato molto piA ristretto e
preciso. 6un&ue Wolfson psicotico? Dertamente non cosL sicuro. Dertamente ha attraversato deli
episodi, deli :esordi deliranti<, sicuramente &uesti lo hanno portato ad abbandonare i suoi studi e
rifuiarsi in una posizione filosofica.
Wolfson filosofo? "en piA filosofo che psicotico, in oni caso! 1a un filosofo che ha
deliberatamente deciso di utilizzare i meccanismi che intravisto nei suoi episodi deliranti per
decostruire le percezioni immediate del mondo.
5a cosiddetta schizofrenia, che ormai non si incontra piA per il fatto che i malati ricevono
immediatamente deli antipsicotici molto potenti alle prime avvisalie, consiste esattamente in &uesti
processi di decostruzione. 2uesta decostruzione non la creazione, ma la precede, le indispensabile,
ne la condizione di possibilit..
;n ciF 6eleuze non si sbaliato nella sua prefazione, chiamandola :il procedimento<. 2uello a
cui si assiste nel primo libro di Wolfson sulle linue, non ha a che vedere con la follia, ma con la
descrizione, intelliente e dettaliata, del procedimento di decostruzione.
EsempioB come distruere una parola sentita in inlese, che viene a fare irruzione per la
sinificazione che viene ad imporre. Dercandone deli e&uivalenti in due linue altre ad esempio il
francese o il tedesco. E la parola si decostruisce, si distacca dalla sua sinificazione, perdendo la sua
capacit. intrusiva. E il racconto di &uesto procedimento incredibile paziente, intelliente, coerente.
2uindi sul piano clinico, cosa allora Wolfson? Mi diremmo che affetto da 6(4 :disturbi
eneralizzati dello sviluppo<. 6ifficolt. nell0apprendimento della linua, nell0apprendimento della
scrittura e a seuire il portato di &ueste difficolt. nell0et. adulta. Assenza di presa in carico. Trova eli
stesso la soluzione inventandosi dei filtri. 4i mette una cuffia da Wal9man sulle orecchie, ascolta con
un orecchio la frase che li urla la madre e con l0altro le trasmissioni radio reistrate in francese,
tedesco o russo.
Ciltrare le percezioni che provenono violentemente dal mondo esattamente ciF che viene fatto
al iorno d0oi nelle metodiche di rieducazione deli autistici, che a loro volta percepiscono le parole
come invasioni cacofoniche.
Wolfson un autistico che si trattato da s,.
+$ I dun&ue con l0inlese che Wolfson ha problemi?
4i e no! ;n modo immediato, sL! 1a se si riflette, se si compreso il suo procedimento di
decostruzione, di ricerca del nucleo, sta provando a ricostruire una linua che avrebbe dovuto trovarsi
l., nella sua familia, che avrebbe dovuto esserli trasmessaB lo 7iddish! Non sono il primo ad aver
sottolineato come le soluzioni di Wolfson siano una specie di reinvenzione dello 7iddish che , secondo
le parole di 4inerB
-na linua ebraica, composta per lo piA da parole ermaniche, di un certo numero di parole slave
e da un #@N di parole ebraiche e aramaiche. Vi si trovano anche termini in antico francese, in italiano e
anche in arabo. (iunto in America, allo Oiddish si sono aiunte delle parole in inlese'
E anche l. 6eleuze stato il lettore piA attento di Wolfson &uando rileva che Plo studente di
linue schizofrenicoQ si calma &uando ottiene da sua madre che finalmente li parli in 7iddish.
6etto altrimenti, Wolfson porta inoltre la &uestione fondamentale deli emiranti, come erano stati i
suoi enitoriB come restare s, &uando ci si ritrova tanto lontani da &uesto s,, banati da una linua
straniera? Dome preservare il nucleo?
>$ Wolfson comico? Dertamente! 6i un humor acido, corrosivo, alla D,line. 4i potrebbe
descrivere tutta la sua opera come una barzelletta ebraica, come ad esempio &uella che si poteva
leere in un iornale israeliano nel ?@@+B
:5a maestra domanda all0allievoB
%erch, chiamiamo la nostra linua, :linua materna?< 50allievo riflette e &uindi rispondeB
:%erch, il padre non ha niente da dire'<
>
.
MriinaleB
httpBJJtobienathan.Hordpress.comJ?@#?J@KJ#>JactuelEHolfsonJ
#
Don una nuova prefazione di Cr,d,ric 1artin, per le edizioni Attila.
?
5ouis Wolfson, Le schizo et les langues, %aris, (allimard, #)G@.
+
A cura di Thomas 4imonnet, 6ossier Wolfson, ou l0affaire du schizo et les lanues. %aris, (allimard, ?@@).
>
/obert 4amacher, :5ouis Wolfson et le Oiddish<. /echerches en ps7chanal7se, ?@@K, >, #?+E#+K.
httpBJJHHH.cairn.infoJrevueErecherchesEenEps7chanal7seE?@@KE?EpaeE#?+.htm