Sei sulla pagina 1di 6
Comunità di Piumazzo Parrocchia San Giacomo www.parrocchiapiumazzo.com

Comunità di Piumazzo

Parrocchia San Giacomo

www.parrocchiapiumazzo.com

Comunità di Piumazzo Parrocchia San Giacomo www.parrocchiapiumazzo.com

Anno XLIV N°CCCXXVII

Ottobre/Novembre n°5

L’OTTAVA BEATITUDINE E’ DEI GIOVANI

Un sabato pomeriggio, mentre il gruppetto dei giovani dell'oratorio sale le scale delle Sale, un anziano signore guarda e commenta: “sono pochi, ma per fortuna ci sono”. Vogliamo dedicare ad essi l’apertura di questo bollettino, nella prospettiva della Festa del

Ringraziamento.

Che i giovani in parrocchia siano pochi, può non essere un problema, addirittura

risultare una benedizione. Ci è stato insegnato che "Dio agisce attraverso poche persone". (Caffarra)

Importante è che essi siano veri!

Carissimi giovani, non spaventa né il vostro numero, né che siate persone “normali”, con difetti, timidezze, paure. Siete belli così. Importante che siate aperti, con una visione positiva degli altri e la volontà di crescere. Dite che é difficile essere cristiani con i coetanei; che a scuola, fra gli amici, l’andare in parrocchia può significare esclusione o disprezzo. Vi chiediamo di non fermarvi a questa prima fase. Considerate chi siete e chi sono gli altri, interpretando il senso della difficoltà. Il disprezzo per la chiesa, potrebbe avere, ahimè, qualche buona ragione, ma in fondo nasce da una considerazione alta di essa. Nel profondo di ogni cuore, Gesù è stimato da tutti. È molto doloroso dunque venire emarginati, ma potrebbe essere anche motivo di fierezza. In letteratura sono belli i “divergenti”. “Quello che non volete sia fatto a voi, anche voi non fatelo loro” Pertanto voi non escludete nessuno, non disprezzate nessuno, stimate tutti, ascoltate tutti. Siate umili, forti e amorevoli. Dal vostro sguardo si veda la libertà, la soddisfazione di includere, maturare. Quelli che oggi vi disprezzano, domani saranno i vostri estimatori, forse i vostri discepoli. Vi mettono ora alla prova, giustamente, per vedere se veramente credete, o lo fate solo per inerzia o fuga. Siate allora sereni, allegri e fiduciosi. La gente ama le persone forti. Con la preghiera e le opere buone, otterrete la sicurezza della fede. Dio non sarà più un’idea, ma presenza viva nella vostra vita. La fede dona un immenso coraggio. State bene in gruppo. Una di voi recentemente ha esclamato: “Se avessi conosciuto prima questo gruppo!” State bene fra di voi, ma non chiudetevi, non proteggete troppo la vostra pace e le vostre conquiste. Avete eletto Papa Francesco come guida, allora seguiamolo fino in fondo, nel suo programma di “uscita”. Vi ringraziamo della presenza e attività che fate, ogni sabato pomeriggio, ogni domenica, con un programma serio, gioioso, profondo. I frutti del vostro operare sono già tanti: quella folla di coetanei, bambini e genitori che vi seguono ad Estate Ragazzi non conta niente? E’ un piccolo segno, ma basta per affrontare anche ogni tipo di difficoltà. L’ottava beatitudine del vangelo dice: “beati voi, quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e diranno ogni sorta di male contro di voi, per causa mia; rallegratevi ed esultate perché grande è la vostra ricompensa nel cielo. L’ottava beatitudine, la più grande, è un po’ anche la vostra. Don Remo Resca

è la vostra ricompensa nel cielo . L’ottava beatitudine, la più grande, è un po’ anche

Cappellano all’Ospedale di Castelfranco Emilia

Cari parrocchiani, continuando il servizio pastorale a Piumazzo, mi è stato chiesto dai Superiori di essere anche cappellano dell’Ospedale di Castelfranco Emilia, subentrando a don Enzo Stefanelli. Sappiamo tutti che la struttura sta cambiando, orientandosi alla forma Hospice e Lungodegenza. Sappiamo del dibattito in merito, ma intanto i malati vanno assistiti, anche spiritualmente. L’incarico comporta un maggior radicamento nella terra di Castelfranco, in una direzione particolarmente intima

e sacra: il servizio alle persone più

deboli. Vocazione sempre delicata e preziosa, che commuove capiti proprio nel nostro Anno della Misericordia. Ne deriva la necessità per il sacerdote di riorganizzare gli impegni, in una diminuzione oggettiva di tempo ed energie. Anche per questa ragione, soprattutto per un valore pieno del servizio, è importante la condivisione coi confratelli e parrocchiani tutti. Già i sacerdoti di Castelfranco si sono resi

disponibili, per la messa al giovedì in Ospedale e al sabato in Casa Protetta, poi è bene costruire

gradualmente la presenza d’altri, col risultato che questo cammino di carità, non fa solo bene ai malati, ma anche a tutta la comunità. Un grazie a chi accompagna con la preghiera questo inizio, nella continuità

e nella comunione.

questo inizio, nella continuità e nella comunione. Don Remo Resca LA CONCLUSIONE DEL CONGRESSO EUCARISTICO

Don Remo Resca

LA CONCLUSIONE DEL CONGRESSO EUCARISTICO VICARIALE

L'appuntamento è stato di quelli davvero importanti! Domenica 5 ottobre la parrocchia di Castelfranco Emilia ha ospitato la solenne Concelebrazione Eucaristica Vicariale di chiusura dell'anno del congresso Eucaristico per il vicariato Persiceto - Castelfranco che ha avuto come tema “L'Eucarestia sorgente di comunione con Cristo e fra di Noi”. Il Congresso Eucaristico ha anche coinciso per la nostra comunità parrocchiale con l'anno pastorale dedicato al Sacramento della Eucaristia. La conclusione ha anche visto, da sabato pomeriggio 4 ottobre a domenica mattina 5 ottobre, un appuntamento speciale per i giovani del vicariato dal tema “Dal corpo al Corpo, i giovani riuniti attorno all'Eucarestia”. Al termine di questo intenso cammino, parrocchiale e vicariale, vogliamo ricordare e portare con noi, perché mai si affievolisca la fierezza di appartenere alla Chiesa e di condividerne la sua fede, le parole del Cardinale Arcivescovo Carlo Caffarra ai fedeli in occasione dell'inizio del congresso eucaristico vicariale: “Sì l'Eucarestia è manifestazione della nostra condivisione della fede della Chiesa Cattolica e Apostolica, perché in mezzo a noi radunati dall'amore del Padre c'è Cristo Signore; perché nutrendoci della sua parola e del sacramento del Suo Corpo e Sangue siamo sempre più uniti a Lui e al Suo Corpo Mistico, la Chiesa; perché sostenuti dalla forza del Suo Santo Spirito diventiamo gioiosi testimoni e annunciatori del Suo Vangelo nella vita ordinaria facendo dei nostri giorni un 'offerta, un sacrificio di lode a Dio”.

Vangelo nella vita ordinaria facendo dei nostri giorni un 'offerta, un sacrificio di lode a Dio”.

Il Gruppo Giovani

Catechismo: cammino della fede

Catechismo: cammino della fede Iniziamo con molto entusiasmo il nuovo anno del catechismo! Sia da parte

Iniziamo con molto entusiasmo il nuovo anno del catechismo! Sia da parte dai bambini, dei genitori e delle catechiste. I Bambini che sono al primo anno di catechismo hanno la curiosità di capire che cosa è il catechismo! Catechismo è andare alla messa? Imparare le preghiere? Conoscere Gesù? Ricevere i sacramenti? I genitori che portano i bambini al catechismo pensano che i bambini imparino a star buoni ad essere educati e obbedienti. Le catechiste che accolgono i bambini hanno la preoccupazione di trasmettere loro la fede attraverso l’insegnamento, attività e giochi. Un caloroso benvenuto ai bambini di 2° elementare che iniziano il primo anno di catechismo e ai loro genitori. La curiosità fa bene, piano piano capiremo che cosa è il catechismo. Quest’anno la nostra parrocchia celebra l’anno della Misericordia. Scopriremo il volto misericordioso del nostro Dio; quel volto che ci ha fato vedere Gesù suo Figlio. Il volto di un Padre che ci ama come siamo, ci guida, ci affianca, ci consiglia durante nel nostro cammino e dà il senso alla nostra vita. Noi possiamo fidarci ciecamente di Lui. Questo cammino di conoscenza di Dio lo facciamo insieme: bambini, genitori, catechiste e la comunità intera. Ognuno di noi ha la responsabilità verso chi inizia il cammino di fede. Facciamo conoscere Dio ai bambini insegnando loro, accogliendoli come sono, amandoli e soprattutto dando la testimonianza della fede ed essendo coerenti con la nostra vita. Il nostro papa ci dice “aiutare i bambini, i ragazzi, i giovani, gli adulti a conoscere e ad amare sempre di più il Signore è una delle avventure educative più belle, si costruisce la Chiesa”… E Gesù dice: “Andate io sono con voi”. Ecco questa è la nostra forza! Noi andiamo a portare il suo vangelo con amore e Lui camminerà con noi.

Suor Pavana

LA TERZA FESTA MULTIETNICA

Il 28 settembre, a Piumazzo si è celebrata la terza edizione della festa multietnica intitolata “Ogni uomo è mio fratello”. Il tema scelta dal gruppo organizzatore guidato dalla signora Gisella, sull’iniziativa del parroco, è stato “La Tavola” (il cibo). Già il giorno prima c’erano le bandiere dei ben nove paesi partecipanti (Albania, Burkina Faso, Ghana, India, Marocco, Nigeria, Olanda, Polonia e Tanzania) che sventolavano nella via tra la chiesa e il Bar. La festa è stata suddivisa in due parti. La prima parte è stata religiosa con la Santa Messa nella mattina e quest’anno le comunità straniere che hanno animato con canti, preghiere e processioni sono state quelle del Ghana, della Nigeria, del Burkina Faso, della Tanzania e della Polonia. La seconda parte è stata nel pomeriggio con spettacoli, assaggi dei piatti provenienti dai diversi paesi e musica multietnica. Con un grande applauso incitato dal presentatore Thomas McCarthy (originario del Ghana e abitante di Piumazzo dal 2005) sul palcoscenico molto colorato da rappresentazioni di terra,erba, fiori ed anche dal messaggio “dalla buona terra, pane e vino per una tavola fraterna” (il tutto realizzato dalle nostre

Suore), si è dato l’avvio alla festa. Si sono esibiti alcuni paesi con spettacoli legati al tema tavola: la corale

alcuni paesi con spettacoli legati al tema tavola: la corale di Piumazzo ha cantato “Aggiungi un

di

Piumazzo ha cantato “Aggiungi un posto alla tavola” e ha organizzato un piccolo concorso per realizzare

lo

zabaione più buono, la comunità tanzanese ha eseguito un ballo tradizionale, l’India ha eseguito

anch’essa un ballo tradizionale con alcuni ragazzi, la comunità ghanese ha fatto un teatrino su come si cucina “Ampese” (un piatto misto di verdure bollite) seguito da un canto e da un ballo tradizionale e infine la comunità marocchina ha fatto uno spettacolo sulla festa del matrimonio tradizionale. Gli spettacoli sono stati vivacemente animati da Thomas che con barzellette, battute e giochi ha intrattenuto per circa un’ora e mezzo. Alla conclusione degli spettacoli i partecipanti si sono spostati fuori nel campo da tennis dove erano allestiti sui tavoli tanti cibi preparati dai membri dei nove paesi partecipanti. Thomas McCarthy

PROGRAMMA OTTOBRE e NOVEMBRE 2014

DOMENICA 26 OTTOBRE S . Messe ore 9,30 e 11,00

27

L Incontro Catechisti alle Budrie e a Castelfranco Emilia ore 20,30

28

M Rosario ore 20,30 in cripta

30

M Messa ore 20.00 Rosario alle 20,30 in cripta

30

G Sacerdote a disposizione per Confessioni 16,00-19,00 in teatro

31

V S.Messa prefestiva ore 18.00 Rosario ore 20,30 in cripta SABATO 1 NOVEMBRE Solennità di Ognissanti S . Messa unica ore 10.00 e alle 18.00 S. Messa prefestiva DOMENICA 2 NOVEMBRE Solennità dei Defunti S. Messa unica al Cimitero ore 9,00 a seguire Benedizione delle tombe

3

L Ottavario dei Defunti Ore 18,30 S. Messa

4

M Ottavario dei Defunti Ore 18,30 S. Messa MERCOLEDI’ 5 NOVEMBRE Ottavario dei Defunti S. Messa ore 20.00 e alle ore 21.00 SERATA di INSEGNAMENTO SUL SACRAMENTO DELLA CONFESSIONE Casa B.V. Grazie

6

G Sacerdote a disposizione per Confessioni 16,00-19,00 in teatro Ottavario dei Defunti S Messa ore 20.00 e Rosario in cripta

7

V Mattina dedicata ai bimbi Scuola dell’Infanzia Ottavario dei Defunti ore 18,30 S Messa

8

S Incontro Oratorio Giovani e Giovanissimi : ore 16,00 – 18,00 DOMENICA 9 NOVEMBRE FESTA DEL RINGRAZIAMENTO SANTE MESSE ORE 9.30-11.00

10

L Ore 7,30 Preghiera mattutina alle 7,30 nella chiesa della Divina Misericordia ore 18,30 S. Messa ore 20,30 Incontro Catechisti alle Budrie

13

G Sacerdote a disposizione per Confessioni 16,00-19,00 in teatro DOMENICA 16 NOVEMBRE SANTE MESSE ORE 09.30-11.00 CONGRESSO VICARIALE DEI CATECHISTI E DEGLI EDUCATORI ALLE BUDRIE dalle 15,00 alle 18,00 In Parrocchia celebrazione dei Battesimi ore 16,00

17

L Riunione Gruppo Bollettino ORE 20.45

20

G Sacerdote a disposizione per Confessioni 16,00-19,00 in teatro DOMENICA 23 NOVEMBRE SOLENNITA’ CRISTO RE: SANTE MESSE ORE 9.30 e 11.00

27

G “24 Ore per il Signore” Sacerdote a disposizione per Confessioni 16,00-19,00 in teatro

28

V “24 Ore per il Signore” Chiesa aperta per le Confessioni dalle 15,00 alle 18,00 e alla sera dalle 20,30 alle 22,30

29

S “24 Ore per il Signore” dalle 15,00 alle 18,00 Confessioni DOMENICA 30 NOVEMBRE PRIMA DOMENICA di AVVENTO SANTE MESSE ORE 9.30 e 11.00

MERCOLEDI’ 5 NOVEMBRE ore 21.00 presso Casa B. V. delle Grazie Serata di insegnamento sul Sacramento della Riconciliazione

Tutti parrocchiani sono invitati a partecipare per conoscere e vivere meglio il tema della Misericordia che guiderà il nostro anno pastorale.

Nei giorni 27/28/29 NOVEMBRE INIZIATIVA “24 ORE PER IL SIGNORE” Giovedì 27 Sacerdote disponibile per confessioni 16.00-19.00 in teatro Venerdì 28 Chiesa aperta per confessioni 15.00-18.00 e 20.30-22.30 Sabato 29 Disponibilità confessioni dalle 15.00 alle 18.00

DOMENICA 9 NOVEMBRE

festa del RINGRAZIAMENTO 2014

DOMENICA 9 NOVEMBRE festa del RINGRAZIAMENTO 2014 PROGRAMMA della festa MATTINA Apertura della MOSTRA MERCATO nelle
DOMENICA 9 NOVEMBRE festa del RINGRAZIAMENTO 2014 PROGRAMMA della festa MATTINA Apertura della MOSTRA MERCATO nelle
DOMENICA 9 NOVEMBRE festa del RINGRAZIAMENTO 2014 PROGRAMMA della festa MATTINA Apertura della MOSTRA MERCATO nelle

PROGRAMMA della festa

MATTINA Apertura della MOSTRA MERCATO nelle Sale sopra il Bar dalle ore 8.00 alle 17.00 con frutta e prodotti della terra, angolo delle torte pro Missione Diocesana ad Usokami

Mostra del cucito delle “Ragazze del ricamo”

10ª Rassegna piumazzese dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena nell’Oratorio (sede presepe)

S. Messa ore 9.30 in teatro

Benedizione delle macchine agricole in Piazza

S. Messa ore 11.00 in teatro

POMERIGGIO GIOCHI in piazza per tutti i bambini dalle 14.30 alle 17.00

Mostra mercato nelle Sale sopra il Bar

14.45 Premiazione dei prodotti migliori della rassegna dell’aceto balsamico con consegna degli attestati a tutti i partecipanti

Angolo dei giovani con giochi e merenda

DA 25 ANNI IL NOSTRO AIUTO ALLA MISSIONE DIOCESANA DI USOKAMI

DA 25 ANNI IL NOSTRO AIUTO ALLA MISSIONE DIOCESANA DI USOKAMI Sono trascorsi più di venticinque

Sono trascorsi più di venticinque anni da quando Suor Cornelia propose al gruppetto giovani di Piumazzo di aiutare la missione diocesana della Tanzania. L’idea di mandare un piccolo contributo ad Usokami, un paese dell’Africa orientale, piacque subito ai ragazzi che si diedero da fare per allestire durante la tradizionale Festa del Ringraziamento un banchetto di torte il cui ricavato sarebbe stato portato direttamente da Suor Cornelia nella missione. Lì erano soprattutto mamme e bambini a necessitare di

aiuti economici per provvedere alle cure sanitarie. In questi anni la diocesi di Usokami, Iringa, si è ampliata e le condizioni di vita in quei luoghi sono notevolmente migliorate. Ma nonostante questo e anche se Suor Cornelia non

Ma nonostante questo e anche se Suor Cornelia non è più nel nostro paese il legame
Ma nonostante questo e anche se Suor Cornelia non è più nel nostro paese il legame

è più nel nostro paese il legame con questa missione è rimasto

forte e ancora oggi per il Ringraziamento si allestisce un “angolo delle torte” per aiutare i bambini di Usokami. Questo articolo è

per ringraziare tutti coloro che hanno finanziato la missione fino ad oggi facendo offerte per le torte pro Usokami e per far sapere

a tutti che ogni anno la direzione generale delle Suore Minime

dell’Addolorata ringrazia di cuore i giovani e tutta la comunità di

Piumazzo per il loro aiuto e chiede per tutti noi la protezione del Signore.

Il Gruppo Giovani

STIAMO AL PASSO

Sabato 11 ottobre, dopo la pausa estiva, sono riprese le attività dell'oratorio dei giovani di Piumazzo. Il tema che ci guiderà quest'anno sarà "Stai al passo" che paragona la vita ad una danza. Il nostro compagno di ballo è il Signore, il quale ci guida e non ci lascia andare se sbagliamo o dimentichiamo i passi. L'incontro, come negli anni passati, si svolge al sabato pomeriggio e prevede la divisione interna tra Giovanissimi (14-18 anni) e Giovani (dai 18) dalle 16.00 alle 18.00. Come prima attività abbiamo ballato tra di noi su diverse musiche, per superare l'imbarazzo ed entrare meglio nel tema. Subito dopo siamo passati all'ascolto ad occhi chiusi della lettura di un brano del Vangelo e del suo commento. L'attività si è poi conclusa con un interessante dibattito tra di noi con alcune domande poste come

guida sul tema del coraggio e di come viviamo la relazione tra coraggio e fede e quali siano i nostri modelli

di coraggio. E' stata una proposta molto interessante, che ci ha portato alla riflessione su questi temi che

non sempre vengono trattati con lo spazio di cui hanno bisogno. La mattina seguente sono iniziate anche

le attività di catechismo per i ragazzi delle medie. Diversamente dagli altri anni il loro incontro non sarà

più il sabato pomeriggio ma la domenica mattina dalle ore 10.00 per poter poi partecipare tutti insieme alla messa delle 11.00 animata dai Giovani. L'inizio è stato molto promettente con la presenza di ragazzi di

tutti e 3 gli anni delle medie e grazie al sole le attività si sono potute svolgere all'aperto. Ci siamo incontrati per una buona colazione insieme e un gioco per conoscerci meglio. Molto carino il momento iniziale con la presentazione dell'inno che ci accompagnerà per tutto l'anno. Continueranno anche

quest'anno gli incontri con altri ragazzi della zona e speriamo in una grande partecipazione a tutti gli

incontri durante tutto l'anno!

della zona e speriamo in una grande partecipazione a tutti gli incontri durante tutto l'anno! Valentina

Valentina Guizzardi