Sei sulla pagina 1di 4

REGIONE

ABRUZZO

CONSIGLIO REGIONALE
UFFICIO DI PRESIDENZA


Deliberazione N. 71 del 2/07/2014

OGGETTO: Art. 40 l.r. 10 agosto 2010, n. 40 come sostituito dall art. 32 della l.r.
20/11/2013 n. 42 spesa per il personale dei gruppi consiliari,
determinazione tetto massimo e ripartizione budget.

L'anno duemilaquattordici add due del mese di luglio alle ore 10.30 presso la sede
del Consiglio Regionale, Palazzo dell'Emiciclo, si riunito l'Ufficio di Presidenza, cos costituito:
Pres. Ass.
Presidente Giuseppe DI PANGRAZIO SI ___

Vice Presidenti: Lucrezio PAOLINI SI ___

Paolo GATTI SI ___

Consiglieri Segretari: Alessio MONACO SI ___

Giorgio DIGNAZIO SI ___

Assiste la dott.ssa Giovanna Colangelo Segretario

L'UFFICIO DI PRESIDENZA

Visto lart. 21 dello Statuto della Regione Abruzzo che al comma 2 stabilisce Il Consiglio, assicura
ai singoli Gruppi per l'assolvimento delle funzioni la disponibilit di strutture e personale ed
assegna loro contributi a carico del proprio bilancio, con i criteri e le modalit stabiliti con apposito
regolamento;
Vista la L.R. 9 maggio 2001 n. 18 recante Consiglio regionale dellAbruzzo, autonomia e
organizzazione
Visto il decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174 "Disposizioni urgenti in materia di finanza e
funzionamento degli enti territoriali, nonch ulteriori disposizioni in favore delle zone terremotate
nel maggio 2012", convertito con modificazioni dalla legge 7dicembre 2012, n. 213, recante, tra
l'altro, misure per la riduzione dei costi delle istituzioni politiche regionali, per quanto riguarda le
spese del personale dei gruppi consiliari, stabilisce all'articolo 2, comma 1, lettera h) l'obbligo per le
regioni di stabilire:
h) [...] per le legislature successive a quella in corso e salvaguardando per le legislature correnti i
contratti in essere,l'ammontare delle spese per il personale dei gruppi consiliari, secondo un
parametro omogeneo, tenendo conto del numero dei consiglieri, delle dimensioni del territorio e
dei modelli organizzativi di ciascuna regione [...].
Evidenziato, che la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province
Autonome di Trento e Bolzano (in seguito Conferenza Stato-regioni), nella seduta del 6 dicembre
2012, ha individuato nel modo seguente il parametro omogeneo di cui all'articolo 2, comma 1,
lettera h), del decreto legge 174/2012:

[...] il tetto massimo in termini finanziari per la determinazione dell'ammontare complessivo della
spesa per il personale dei gruppi consiliari deve equivalere al costo di un'unit di categoria D,
posizione economica D6 (compresi gli oneri a carico dell'Ente, senza posizione organizzativa) per
ciascun consigliere; il personale a qualsiasi titolo comandato o distaccato da soggetti pubblici o
privati - allorch funzionalmente collocato a disposizione dei gruppi consiliari deve considerarsi
rientrante nei limiti del budget individuato per il gruppo consiliare;

Rilevato che tale disposizione stata recepita dall'articolo 40 della legge regionale L.R. 10 agosto
2010, n. 40 recante Testo unico delle norme sul trattamento economico spettante ai Consiglieri
regionali e sulle spese generali di funzionamento dei gruppi consiliaricome sostituito dallart. 32
della L.R. 20/11/2013 n. 42;
Evidenziato che la predetta norma, tra laltro, prevede:
Comma 1: Ai fini di quanto disposto dall'articolo 2, comma 1, lettera h) del d.l. 174/2012,
convertito con modificazioni dalla l. 213/2012, e secondo quanto stabilito dalla Deliberazione della
Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le provincie autonome di Trento e
Bolzano del 6 dicembre 2012, l'Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale definisce il tetto
massimo in termini finanziari per la determinazione dell'ammontare della spesa per il personale dei
gruppi consiliari in modo tale che non ecceda complessivamente il costo di un'unit di personale di
categoria D, posizione economica D6, senza posizione organizzativa, compresi gli oneri a carico
dell'ente, per ciascun consigliere. Con il medesimo atto ripartisce il budget complessivamente
determinato fra i gruppi consiliari;
comma 4: Le risorse di cui al comma 1 non possono in alcun caso essere destinate ad altre
finalit e le eventuali risorse non utilizzate nell'anno di riferimento per il reclutamento del
personale possono essere utilizzate nell'esercizio finanziario successivo, mediante apposita e
separata reiscrizione alle competenze dell'esercizio successivo fino al termine della Legislatura,
alla cui scadenza eventuali avanzi sono restituiti;
Comma 5: Alle spese di cui al comma 1 non si applicano i limiti stabiliti dall'articolo 9, comma
28, e dall'articolo 14, commi 7 e 9, del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78 "Misure urgenti in
materia di stabilizzazione finanziaria e di competitivit economica",convertito, con modificazioni,
dalla legge 30 luglio 2010, n. 122";
Considerato che, ai fini della determinazione del costo di una unit di categoria D6 (comma 1)
sono valutati i seguenti elementi, ai sensi del CCNNL Regioni ed autonomie locali vigente:
TABELLARE
PER 12 MESI
INDENNITA
VACANZA
CONTRATTUALE
INDENNITA'
DI
COMPARTO
TREDICESIMA
MENSILITA
ONERI
RIFLESSI
TOTALE
28.342,72 212,52 622,80 2.379,60 11.747.74 43.305,38

Che, pertanto, il tetto massimo della spesa annua per il personale dei gruppi consiliari, con
riferimento alla decima legislatura, determinato nellimporto complessivo di 1.342.469,26
( 43.305.38 per 31 consiglieri);
Verificato che i gruppi consiliari costituiti presso il Consiglio regionale sono 10 (dieci) per un
totale di 31 consiglieri;
Viste le adesioni dei singoli consiglieri ai gruppi consiliari;
Vista la tabella A, allegata come parte integrante al presente atto, nella quale sono esposti i dati
relativi alla composizione dei singoli gruppi e al riparto del budget su base annuale e mensile;
Precisato che la suddetta ripartizione decorre dal 01/07/2014 e fino al termine della legislatura;
Ritenuto che gli importi di tabella A possono subire variazioni conseguenti all'andamento del
trattamento economico delle unit di personale assunte a tempo determinato e di quelle a tempo
indeterminato comandato assegnato ai singoli gruppi, ovvero alla composizione dei gruppi
consiliari;
Che, pertanto, saranno sottoposte alla approvazione dellUfficio di Presidenza solo le modifiche
che comportano una diversa quantificazione del budget conseguente alla modifica della
composizione dei gruppi consiliari;
Ritenuto, di demandare al Servizio Organizzazione e Gestione Risorse Umane unitamente al
Servizio Risorse Finanziarie la verifica dellandamento della spesa, il controllo del Budget
assegnato, lerogazione del contributo spettante ai singoli gruppi;
Ritenuto, infine, di dare mandato al Direttore dellArea Amministrativa di determinare con proprio
atto il budget spettante in esito al monitoraggio della spesa di cui al precedente punto, nonch in
esito a eventuali modifiche delle risorse umane utilizzate dai gruppi consiliari con esclusione delle
modifiche che riguardano la composizione dei gruppi;
Visto lart. 20 dello Statuto regionale;
Vista la proposta prot. n. 13900 del 1/07/2014 con la quale il Dirigente del Servizio Risorse
Finanziarie e Strumentali della Direzione Attivit Amministrativa ha espresso parere favorevole in
merito alla regolarit tecnica ed amministrativa della presente deliberazione ed alla sua conformit
alla legislazione vigente;
Con voto unanime, reso nei modi e termini di legge

D E L I B E R A

per le motivazione espresse in narrativa:

1. di definire il costo complessivo della unit di cat. D posizione economica D6, ai sensi del
comma 1 dellart. 40 L.R. 40/2010 in 43.305,46;
2. di stabilire, conseguentemente, il tetto massimo dell'ammontare complessivo della spesa per il
personale dei gruppi consiliari, ai sensi dellart. 40 della legge regionale L.R. 10 agosto 2010,
n. 40 recante Testo unico delle norme sul trattamento economico spettante ai Consiglieri
regionali e sulle spese generali di funzionamento dei gruppi consiliari come sostituito dallart.
32 della L.R. 20/11/2013 n. 42, in 1.342.469,26 ( 43.305,46 per 31 consiglieri);
3. di ripartire la spesa complessiva, cos come determinata nei punti 1 e 2, tra i gruppi consiliari,
come da tabella A che forma parte integrante del presente provvedimento;
4. di stabilire che la suddetta ripartizione decorre dal 01/07/2014 e fino al termine della
legislatura, fatta salva una diversa quantificazione del budget a seguito di una diversa
composizione dei gruppi;
5. di stabilire che eventuali modifiche del budget, derivanti da una diversa composizione dei
gruppi consiliari, saranno sottoposte alla approvazione dellUfficio di Presidenza;
6. di demandare al Servizio Organizzazione e Gestione Risorse Umane unitamente al Servizio
Risorse finanziarie il monitoraggio della spesa del personale assegnato ai Gruppi consiliari e
lerogazione ai singoli gruppi del contributo mensile, previa verifica del budget assegnato;
7. di demandare al Direttore dellArea Amministrativa lemanazione degli atti occorrenti per la
determinazione del budget in esito al monitoraggio di cui al precedente punto e in esito ad
eventuali modifiche delle risorse umane utilizzate dai gruppi consiliari con esclusione delle
modifiche di cui al punto 5;

8. di stabilire che i gruppi consiliari possono impiegare le somme erogate ai fini del finanziamento
dei rapporti di lavoro autonomamente attivati dai gruppi, ai sensi della L.R. 18/2001;
9. di stabilire che le somme non utilizzate nell'anno di erogazione possono essere utilizzate anche
negli esercizi successivi fino al termine della legislatura, alla cui scadenza eventuali avanzi
sono restituiti;
10. di dare atto che la spesa derivante dal presente provvedimento trova copertura nel capitolo 1005
del bilancio di previsione per lanno del 2014 e corrispondente capitolo per gli anni successivi;
11. di pubblicare il presente provvedimento sul sito istituzionale del Consiglio regionale.

IL SEGRETARIO IL PRESIDENTE
F.to Giovanna Colangelo F.to Giuseppe Di Pangrazio