Sei sulla pagina 1di 1

Eventi Luned 17 febbraio 2014

Scelte vincenti

Fare impresa a Nordest

13

Vendere in Russia, Bielorussia e Kazakhistan


Il supporto di IC&Partners alle imprese italiane

Condizionamenti sicuri
la mission di Aria srl di Pordenone

V
Luisella Lovecchio, direttore generale di Ic&Partners le. Ic&Partners ora presente in questo importante ambito e continua nella propria mission - afferma Luisella Lovecchio, direttore generale e responsabile del coordinamento commerciale -. Garantire una continua ed efficiente assistenza globale alle imprese italiane da sempre il nostro compito e il nostro obiettivo. La Russia, territorio in cui gi siamo radicati - prosegue Roberto Corciulo, presidente di Ic&Partners - sempre di pi un mercato di riferimento per lexport italiano e continua ad avere un ruolo importante dal punto di vista economico e politico anche per i Paesi a essa confinanti: la neo costituzione societaria rappresenta quindi un continuum di forte valenza strategica in grado di offrire unulteriore soluzione a tutti quegli imprenditori italiani che intendono affrontare con successo i mercati dellex Unione Sovietica.

C&Partners, societ che da oltre dieci anni offre assistenza operativa alle imprese che vogliono sviluppare progetti di internazionalizzazione nei Paesi dellEuropa Centro-Orientale, dellarea Balcanica, Russia, Cina, Brasile e Stati Uniti ha recentemente costituito una nuova societ denominata Ic Trade con sede a Mosca. Lobiettivo quello di fornire supporto alle aziende italiane che intendano vendere nei Paesi della Comunit degli Stati Indipendenti e in particolare in Russia, Bielorussia e Kazakh-

Roberto Corciulo, presidente di Ic&Partners

stan. La loro recente Unione Doganale, che copre 20 milioni di chilometri quadrati e 170 milioni di consumatori, sta modificando le modalit operative di ingresso su questi mercati, con particolare riferimento al settore dei macchinari industriali e delle attrezzature elettriche, per il quale i cambiamenti normativi in materia di certificazione di qualit sono stati maggiori nel corso del 2013. Le opportunit offerte dallo spazio economico comune e il nuovo sistema normativo in materia di certificazione, che segna il passaggio da un regime certificativo a uno dichiarativo, sono stati oggetto di quattro incontri che Ic&Partners ha organizzato a Verona, Milano, Vicenza e Treviso nel mese di febbraio in collaborazione con Confindustria e la Camera di Commercio Italo Russa di Milano. In dette occasioni Ic&Partners ha inoltre messo a disposizione delle aziende presenti un esperto russo di certificazione per inquadrare i singoli casi e cercare il percorso certificativo pi agile, sicuro e dal costo ragionevo-

alutare i rischi che gli impianti di climatizzazione comportano nei luoghi di lavoro, studio, ricovero e svago con particolare attenzione alla parte tecnica e legislativa, al fine di offrire servizi a elevato contenuto tecnologico e rispondere in modo concreto alle esigenze di benessere delle persone, degli edifici e dei processi produttivi. la mission di Aria srl, azienda in provincia di Pordenone operante in tutta Italia. formata da un team di professionisti che ogni giorno si confrontano con enti pubblici, realt private e studi di progettazione per trovare la soluzione pi idonea alla salubrit degli ambienti di vita e di lavoro. La valutazione dei rischi degli impianti di climatizzazione implementata da Aria

srl si basa sul Testo Unico sulla Sicurezza (D.Lgs. 81/2008), sui testi pubblicati in Gazzetta Ufficiale in merito alla qualit dellaria e alla manutenzione degli impianti aeraulici e su norme tecniche di settore. Il monitoraggio degli impianti di climatizzazione unoperazione fondamentale perch ci consente di valutare lo stato duso e di igiene dellimpianto, la sua funzionalit ed eventuali problemi tecnici e igienici specifici, spiega Elena Borean, presidente del cda. Per garantire risultati altamente oggettivi abbiamo intrapreso una collaborazione con il corso in Tecniche della Prevenzione dellUniversit degli studi di Udine. Il risultato di questa partnership il Metodo A.r.i.a. (Attribuzione dei Rischi per gli
foto di Annalisa Mansutti - www.annalisamansutti.com

Impianti Aeraulici), che nella pratica si traduce in una serie di tabelle di valutazione contenenti un insieme di valori concreti e oggettivi. Dopo aver valutato tutte le criticit, Aria fornisce al committente una panoramica quanto pi oggettiva possibile della situazione dellimpiantistica aeraulica al fine di poter programmare azioni correttive mirate e manutenzioni oggettivamente necessarie. Tra le attivit svolte da Aria srl rientrano la verifica dellaccumulo di polvere e particolato depositato allinterno del sistema aeraulico, la rilevazione di parametri microbiologici, gravimetrici e impiantistici, le prove di tenuta secondo norma Uni En 1507, la bonifica igienica degli impianti aeraulici, la pulizia e santificazione di Unit di Trattamento Aria e Ventilconvettori. Gli step operativi comprendono la raccolta di dati e documentazioni relative agli impianti aeraulici, il prelievo di campioni per la verifica microbiologica, la presenza di amianto, legionella, lispezione video delle condotte aria. Dallelaborazione dei dati raccolti si stila una dettagliata relazione tecnica comprensiva di valutazione dei rischi per lavoratori, ospiti e clienti derivanti dallimpianto di climatizzazione. Da questa base si pu partire quindi con le azioni correttive e le manutenzioni ordinarie e straordinarie sugli impianti di climatizzazione. Per maggiori informazioni: www.ariasrl.net.

Lalluminio pressofuso che non teme concorrenti


Lazienda veneta Industrie Metalpres vince per qualit, know-how e servizi a 360 gradi, battendo anche i competitor di Paesi a bassi costi produttivi
un prima e c un dopo nella storia di Metalpres di Castelgomberto (Vi). Una storia che comincia nell1987 come Metalpres Cenzato, azienda produttrice di getti pressofusi in alluminio. In breve tempo si crea un

coraggiosi dipendenti, Luca Rubega e Marco Penzo, decidono di rilevare la vecchia struttura con un contratto di affitto di ramo aziendale e di ripartire fortemente motivati allinnovazione e allaffermazione sui mercati esteri. Na-

Industrie Metalpres ha presse che vanno da 250 a 1.250 tonnellate interessante portafoglio clienti, ma negli ultimi anni viene travolta dagli effetti della generale crisi economica. Il dopo comincia nella primavera 2013 quando due sce Industrie Metalpres, mantenendo la produzione nei due preesistenti stabilimenti di Castelgomberto e Buzau, in Romania. Abbiamo conservato il prezioso know-how

e il servizio di eccellenza - dice lad Luca Rubega -, inoltre abbiamo salvato il posto di lavoro della maggior parte dei dipendenti della struttura vicentina. Oltre alla produzione di particolari pressofusi in alluminio, con il tempo lazienda aveva implementato attivit di complemento come lavorazioni meccaniche, trattamenti termici, verniciature e molto altro, in modo da fornire al cliente un servizio completo. Oggi partiamo dalla progettazione e arriviamo alla realizzazione degli stampi e al prodotto finito - commenta Marco Penzo, plant manager -. La produzione il nostro core business. Lo stabilimento di Buzau esisteva gi e ancora oggi ci permette la vicinanza con importanti multinazionali che hanno delocalizzato in Romania. Dunque una scelta dettata non solo dai costi pi accessibili, ma dalla strategia di essere vicini al cliente per offrire un servizio di qualit rapido ed efficiente. Il settore principale in cui Industrie Metalpres opera quello dellautomotive dal quale ricava circa il 60% del

Complessit di un pezzo completo di lavorazioni meccaniche e trattamenti termici fatturato. Poi spazia in svariati settori, dai motori elettrici, ai motoriduttori, ai generatori di corrente, tutti i settori in cui ci sia bisogno di alluminio pressofuso. Esportiamo in tutto il mondo, in Europa, Usa, Messico e addirittura Cina - prosegue Rubega -. Il 70% del fatturato destinato allestero. Lavoriamo sia con multinazionali sia con piccole imprese locali e artigiani, ma dobbiamo sempre vincere il confronto con produttori di Paesi in cui il costo del lavoro davvero bassissimo. Dunque dobbiamo combattere ad armi impari, ma vinciamo grazie alla competenza, la qualit e il servizio. Per essere competitivi occorrono anche ingenti investimenti in tecnologia. Quando si lavora con contratti importanti, soprattutto nellautomotive, il cliente chiede inoltre la continuit produttiva. Facciamo stock a magazzino per il cliente che in questo modo ha garantita la continuit produttiva - conclude Penzo -. Gli stock sono gestibili grazie a una piattaforma logistica evoluta. proprio offrendo un servizio cos articolato che riusciamo a soddisfare la clientela pi complessa ed esigente. Siamo riusciti a portare avanti questo progetto innanzitutto grazie al sostegno dei clienti che hanno sempre creduto in noi - dice ancora Rubega -. Ora abbiamo in previsione di strutturarci con un nuovo assetto societario che prevede lingresso di un nuovo socio, un importante gruppo industriale italiano, in grado di apportare liquidit. Questo ci permetter non solo di essere solidi a lungo termine, requisito indispensabile per clienti di un certo tipo, ma anche di poter effettuare investimenti ingenti in tecnologia sia in Italia sia in Romania. Attualmente lazienda fattura circa 25 milioni di euro, il piano industriale, grazie anche allingresso del nuovo socio, prevede di arrivare in 2 o 3 anni a oltre 40 milioni di euro. I nuovi investimenti si tradurranno anche nella prospettiva di altri posti lavoro - conclude lad -. Inoltre con la superiorit tecnologia e il nostro know-how sapremo competere con qualunque concorrenza e continuare ad avere commesse dai maggiori produttori di auto.