Sei sulla pagina 1di 9

BANDO DI CONCORSO A.A. 2013/14 PER IL CONFERIMENTO DI N.

200 BORSE DI STUDIO RISERVATE AGLI STUDENTI ISCRITTI AD ANNI DI CORSO REGOLARE SUCCESSIVI AL PRIMO PRESSO LUNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO

Visti lart. 6, comma 1, lettera l) e lart. 8, comma 4 del Decreto legislativo 29 marzo 2012, n. 68; Visto il D.P.C.M. 9 aprile 2001; Vista la delibera del Consiglio di Amministrazione del giorno 30 aprile 2013; Vista la delibera del Senato Accademico del giorno 29 aprile 2013;

E indetto, per conto dellUniversit degli Studi di Milano, il concorso per il conferimento di 200 borse di studio, destinate allincentivazione e alla razionalizzazione della frequenza universitaria degli studenti capaci e meritevoli privi di mezzi, iscritti dal 2 al 6 anno regolare dei corsi di laurea, laurea magistrale e laurea magistrale a ciclo unico. Limporto di ciascuna borsa pari a 5.052,00.

SCADENZE E MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda di partecipazione al concorso deve essere presentata via web, collegandosi al sito www.consorziocidis.it - Sportello on line, improrogabilmente entro il 30 settembre 2013

REQUISITI NECESSARI PER LA PARTECIPAZIONE AL CONCORSO Le borse sono assegnate agli studenti che siano iscritti per la.a. 2013/14: al secondo anno di tutti i corsi di laurea, laurea magistrale e laurea magistrale a ciclo unico, al terzo anno dei corsi di laurea e laurea magistrale a ciclo unico, al quarto, quinto e sesto anno dei corsi di laurea magistrale a ciclo unico, che si trovino nelle seguenti condizioni: 1)Requisiti di merito per linserimento nella graduatoria Aver sostenuto entro il 30 settembre 2013 almeno il 75% dei crediti previsti dal manifesto degli studi degli anni precedenti a quello di iscrizione, con riferimento ad un carico didattico convenzionale di 60 crediti allanno e con media ponderata di 27/30
CIDiS via Santa Sofia, 9 - 20122 Milano, Italia - P. Iva 06426350960 Tel. 02.5820.721 - fax 02.5820.7224 www.consorziocidis.it - protocollo@pec.consorziocidis.it

Concorrono, ai fini della determinazione del requisito di merito e della media, tutti gli esami superati e verbalizzati entro il 30 settembre 2013 (compresi gli esami fuori piano ), ad eccezione delle attivit formative senza data e dei crediti formativi derivanti da esami sostenuti prima della data di immatricolazione. Per il calcolo della media la votazione 30 e lode si conteggia 30.Gli esami con votazione non espressa in trentesimi non concorrono alla formazione della media, mentre sono considerati validi per determinare il numero di crediti posseduto. In deroga al termine del 30 settembre 2013, lesame di Tirocinio dei corsi di laurea per le professioni sanitarie viene conteggiato ai fini del requisito di merito anche se sostenuto e verbalizzato entro il 31 ottobre 2013 (sar necessario comunicare, successivamente alla presentazione della domanda e non oltre il 10 novembre 2013, il nuovo requisito di merito posseduto comprensivo dei crediti e della media derivanti dal sostenimento dellesame di tirocinio)

2) Requisiti di reddito per linserimento nella graduatoria: Le condizioni economiche dello studente sono individuate sulla base dellIndicatore della Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E.), di cui al decreto legislativo 31 marzo 1998 n. 109 modificato con decreto legislativo 3 maggio 2000, n. 130, relativamente ai redditi e alla situazione patrimoniale del 2012. LI.S.E.E. calcolato utilizzando lindicatore di situazione economica (dato dalla somma dei redditi percepiti dai componenti del nucleo familiare maggiorata del 20% dei valori patrimoniali) rapportato al numero dei componenti del nucleo familiare (scala di equivalenza). A integrazione di quanto previsto dalla normativa riguardante lintroduzione di criteri unificanti per la valutazione della situazione economica (I.S.E.E.) verranno considerate le seguenti situazioni particolari che determinano la modifica dellI.S.E.E. in I.S.E.E.U.: il reddito e il patrimonio dei fratelli e/o sorelle appartenenti al nucleo familiare dello studente richiedente, concorrono alla formazione di tutti gli indicatori della situazione patrimoniale ed economica nella misura del 50%; il reddito e il patrimonio mobiliare di componenti il nucleo familiare percepiti allestero nel corso del 201 2 saranno valutati sulla base del cambio medio del 2012; il patrimonio immobiliare localizzato allestero, posseduto alla data del 31 dicembre 2012, valutato solo nel caso di fabbricati ed considerato sulla base del valore di 500,00 al metro quadrato.

Indicatore di situazione economica equivalente universitario (I.S.E.E. o I.S.E.E.U.) Gli studenti che richiedono il beneficio devono avere per lanno 2012, con riferimento al nucleo familiare: lindicatore di situazione economica equivalente universitario (I.S.E.E. o I.S.E.E.U.) non superiore a 23.000,00.

Nucleo familiare Il nucleo familiare definito ai sensi del D.P.C.M. 7 maggio 1999, n. 221, art. 1 bis e D.P.C.M. 9 aprile 2001, art. 5. Secondo tale normativa ogni individuo pu appartenere ad un solo nucleo familiare ai fini ISEE/ISEEU. In particolare, con riferimento alla data di sottoscrizione dellISEE/ISEEU, il nucleo familiare composto in ogni caso: a) dallo studente richiedente la Borsa di Studio; b) da tutte le persone presenti nello stato di famiglia del richiedente, anche se non legate da vincolo di parentela o affinit, ad eccezione di chi, maggiorenne, risulta fiscalmente a carico al 100% di soggetti terzi non presenti nello stato di famiglia; c) dai soggetti non presenti nello stato di famiglia del richiedente ma fiscalmente a carico al 100% di uno (o pi) dei componenti dello stato di famiglia d) dal soggetto che, eventualmente, ha fiscalmente a carico al 100% il richiedente ma non compare nello stato di famiglia del richiedente;

e) eventuali soggetti in affidamento ai genitori dello studente alla data di sottoscrizione dellISEE/ISEEU anche se non presenti nello stato di famiglia inoltre, se non ricorrono le condizioni di studente indipendente: dai genitori del richiedente, se non legalmente separati o divorziati, e i figli a loro carico ai fini Irpef anche se non presenti nello stato di famiglia;

f)

Attenzione: per i minori di anni 18 vale esclusivamente levidenza anagrafica e non si considera il carico fiscale Studente indipendente Lo studente non coniugato o legalmente separato o divorziato potr dichiararsi indipendente dal nucleo familiare dorigine e produrre attestato ISEE/ISEEU in cui compare senza i genitori (ma facendo comunque riferimento alle altre regole di composizione sopra indicate, solamente se ricorrono entrambi i seguenti requisiti: a) residenza, risultante dallevidenza anagrafica, esterna allunit abitativa della famiglia di origine, stabilita da almeno due anni rispetto alla data di presentazione della domanda e in un immobile non di propriet di un componente del nucleo familiare di origine; b) redditi propri derivanti da lavoro dipendente o assimilato, non prestato alle dipendenze di un familiare, fiscalmente dichiarati negli ultimi due anni, non inferiori a 7.766,00 annui. In assenza di uno o di entrambi i requisiti, al fine di tenere adeguatamente conto dei soggetti che sostengono lonere di mantenimento dello studente, il nucleo familiare dello studente sar integrato con quello dei genitori e delle altre persone individuate secondo quanto previsto dal capitolo Nucleo familiare. Studente coniugato Lo studente coniugato forma sempre nucleo familiare autonomo dalla famiglia dorigine e per esso si considerano solo le persone presenti nello stato di famiglia ed eventuali soggetti a carico delle stesse. Casi particolari In caso di studente non indipendente: a) residente in un nucleo anagrafico comprendente il genitore, legalmente separato o divorziato, che percepisce gli assegni di mantenimento (es. la madre) ma fiscalmente a carico al 100% dellaltro genitore (il padre), lo studente viene attratto, per il carico fiscale, nel nucleo anagrafico del padre (art. 1 bis, comma 2, norme ISEE). In applicazione poi dellart. 5, comma 5, DPCM 9.4.2001, il nucleo cos formato viene integrato con quello della madre; b) residente in un nucleo anagrafico non comprendente alcuno dei genitori coniugati e non legalmente separati, in assenza di carico fiscale di questi ultimi, il nucleo dello studente viene integrato con entrambi i genitori (ed eventuali altre persone presenti nei rispettivi stati di famiglia o fiscalmente a carico); c) residente in un nucleo anagrafico non comprendente alcuno dei genitori non coniugati o legalmente separati o divorziati e in assenza di carico fiscale di questi ultimi, il nucleo dello studente viene integrato con il nucleo del genitore tenuto agli alimenti in misura maggiore ai sensi dell'art. 441 del Codice Civile Lo studente che ritenga di appartenere a un nucleo familiare non contemplato dalle regole sopra esposte invitato a contattare lUfficio Assistenza prima di inoltrare la domanda al fine di chiarire la corretta composizione ai fini ISEE/ISEEU del nucleo da dichiarare. Valutazione della condizione economica e patrimoniale prodotta allestero e per gli studenti stranieri Documenti necessari

In base al D.P.R. 31 agosto 1999, n. 394, la condizione economica e patrimoniale per gli studenti stranieri non appartenenti allUnione Europea valutata sulla base del cambio medio del 2012. Lautocertificazione relativa a redditi o patrimoni esteri non pu essere presentata dagli studenti stranieri che pertanto, per la valutazione delle condizioni economiche/patrimoniali familiari, devono presentare, entro e non oltre il 30.9.2013, pena lesclusione dalla graduatoria, unattestazione I.S.E.E.U. per redditi e patrimoni eventualmente detenuti in Italia, integrata da: documento attestante la composizione della famiglia; reddito dellanno solare 2012 di ciascun componente la famiglia (il documento, rilasciato successivamente all1.1.2013, deve chiaramente riportare che i redditi sono riferiti allanno solare 2012; qualora uno o pi componenti, di et superiore o uguale a 18 anni nel corso del 2012, non abbiano percepito reddito nellanno 2012, fatto comunque obbligo di presentare una dichiarazione in tal senso); fabbricati di propriet della famiglia con lindicazione dei metri quadrati o certificato di assenza di propriet di fabbricati per ogni membro di et superiore o uguale a 18 anni nel corso del 2012; attestazione del patrimonio mobiliare posseduto dalla famiglia (espresso in titoli, dividendi, partecipazioni azionarie, frazione di patrimonio netto di eventuali aziende possedute, ecc.)

La documentazione sopra elencata deve essere rilasciata dalle competenti autorit del Paese in cui i redditi sono stati prodotti, deve essere tradotta in italiano e legalizzata secondo le normative di seguito riportate. IMPORTANTE: per gli studenti albanesi, in considerazione dellordinamento amministrativo del loro Paese, obbligatorio, per ogni componente maggiorenne il nucleo familiare, produrre due documenti relativi allesistenza o meno di redditi nel 2012: il primo, rilasciato dal locale Istituto della previdenza sociale (Instituti i sigurimeve shoqerore), che si occupa dei redditi da lavoro dipendente o da pensione; il secondo, rilasciato dal Ministero delle finanze, per quanto attiene ai redditi da lavoro autonomo. Legalizzazione dei documenti La legalizzazione dei documenti differente da Paese a Paese. Le normative si riconducono a 4 grandi aree: A - Paesi la cui documentazione esente da legalizzazione. B - Paesi la cui documentazione prevede lesenzione dal timbro consolare/diplomatico dellAmbasciata italiana, ma obbligo di timbro Apostille: i documenti che vengono rilasciati da autorit locali di uno di questi Paesi, in base alla Convenzione dellAja del 1961, sono esenti da legalizzazione allAmbasciata italiana ma devono obbligatoriamente riportare il timbro Apostille cos come previsto dallart. 6 della Convenzione citata. C - Studenti appartenenti a Paesi particolarmente poveri. Per gli studenti stranieri provenienti da Paesi particolarmente poveri (specificati con decreto del 28.5.2012 del Ministero per listruzione, luniversit e la ricerca scientifica dintesa con il Ministero per gli Affari esteri e di seguito riportati) la valutazione della condizione economica effettuata sulla base di una certificazione della Rappresentanza italiana nel paese di provenienza che attesti che lo studente non appartiene a una famiglia notoriamente di alto reddito e di elevato livello sociale. Tale certificazione pu essere rilasciata anche dalluniversit di iscrizione estera collegata da accordi o convenzioni con gli Atenei o da parte di enti italiani abilitati alla prestazioni di garanzia di copertura economica di cui alle vigenti disposizioni in materia di immatricolazione degli studenti stranieri nelle universit italiane. In questultimo caso lente certificatore si impegna a restituire la borsa per conto dello studente in caso di decadenza della stessa. D Tutti gli altri Paesi che non rientrano nei gruppi A, B, C: obbligo di legalizzazione attraverso Ambasciata o Consolato italiano nel Paese dorigine. Tutti gli studenti appartenenti a Nazioni non presenti nei punti precedenti devono far legalizzare i documenti rilasciati nel loro Paese dorigine attraverso lAmbasciata o Consolato italiani. Repubblica Moldova, Svezia: per questi due Paesi, firmatari della Convenzione di Londra del 1968, vige una legislazione a parte. Sono esenti dallobbligo di legalizzazione i documenti rilasciati solo ed esclusivamente dalle autorit diplomatiche e consolari (presenti sul territorio italiano).
4

Albania: dal 1 luglio 2011 i documenti albanesi che devono essere presentati in Italia non devono pi essere previamente legalizzati dalle Rappresentanze diplomatico-consolari italiane in Albania ma devono essere muniti del timbro dellApostille da parte del Ministero degli Affari Esteri albanese. Si rimanda ai siti web dellambasciata dItalia a Tirana (http://www.ambtirana.esteri.it) e dei consolati di Scutari (http://www.consitalia-scutari.org) e Valona (http://www.consvalona.esteri.it) per informazioni dettagliate circa liter obbligatorio da seguire. Nellappendice n. 1 al Bando di Concorso disponibile lelenco generale delle Nazioni con indicata la lettera di riferimento ai gruppi sopra citati. Le Nazioni non presenti ricadono nel gruppo D. Qualora lo studente, solo per comprovati motivi, abbia difficolt a reperire i documenti nel Paese dorigine, pu rivolgersi all'autorit consolare straniera in Italia. In questo caso la legalizzazione avviene presso la Prefettura competente per territorio, cio la Prefettura della citt in cui ha sede il Consolato straniero che ha rilasciato il documento. In questo caso, la dichiarazione consolare deve far espresso riferimento ai documenti provenienti dal Paese dorigine (non saranno cio valide autocertificazioni di condizioni economiche scritte dallo studente o da altri soggetti e presentate al Consolato) che dovranno comunque essere prodotte al CIDiS in copia e tradotte. In ogni caso il reddito dichiarato dagli studenti stranieri non potr essere inferiore a 5.577,00 corrispondente ai mezzi minimi di sostentamento che devono essere comprovati ai fini della richiesta del visto dingresso in Italia per motivi di studio (D.I. 20.11.2001, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 283 del 5.12.2001 e succ. aggiornamento). Tale valore costituir pertanto la soglia minima ai fini della valutazione dei requisiti relativi alle condizioni economiche. Rifugiati politici Per gli studenti ai quali stato riconosciuto lo status di rifugiato politico non necessaria alcuna documentazione estera del Paese dorigine. Lo studente dovr munirsi di un attestato ISEE/ISEEU, riferito al nucleo familiare anagrafico in Italia. Alla domanda dovr poi essere allegata copia della certificazione di status di rifugiato politico.

3) Criterio di calcolo della graduatoria I concorrenti saranno inseriti in un'unica graduatoria, ordinata per punteggio di merito, derivante dallapplicazione della seguente formula,: (Crediti studente Crediti minimi) X 1000 (Crediti massimi Crediti minimi)

A parit di punteggio si dar la precedenza allo studente con la media delle votazioni pi alta ed infine con il valore ISEEU inferiore. Risulteranno esclusi dal beneficio gli studenti: che non soddisfano i requisiti di merito e reddito previsti ai punti 1 e 2; gi iscritti in anni accademici precedenti al medesimo anno di corso di un corso di pari livello a quello frequentato per la.a. 2013/14, comprese le iscrizioni universitarie allestero; gi beneficiari di analoga borsa di studio per lo stesso anno accademico; gi in possesso di altro titolo di livello pari o superiore rispetto al corso frequentato per la.a. 2013/14, compresi i titoli di studio conseguiti allestero; che abbiano avuto interruzioni della regolare progressione della carriera accademica del livello di studi attualmente frequentato (iscrizione al ripetente, al fuori corso intermedio, ripetizione di anni di corso a seguito di trasferimento, rinuncia agli studi e decadenza); con iscrizione a tempo parziale. PUBBLICAZIONE DELLE GRADUATORIE

La graduatoria provvisoria pubblicata entro il 31 ottobre 2013 sul sito www.consorziocidis.it alla voce SPORTELLO ONLINE e quindi Esito graduatorie 2013/2014 ed esposta presso tutte le sedi del C.I.Di.S. Eventuali documentati ricorsi avverso la graduatoria devono essere presentati allUfficio Assistenza C.I.Di.S. entro e non oltre i 15 giorni successivi alla pubblicazione della graduatoria medesima. I ricorsi verranno vagliati da unapposita Commissione. Lesito dei ricorsi sar pubblicizzato mediante affissione allalbo dellEnte. Completata la procedura relativa ai ricorsi verr esposta la graduatoria definitiva. Ulteriori ricorsi avverso la decisione definitiva dovranno essere presentati agli organismi competenti nei termini previsti dalla normativa vigente. I vincitori indicati nella graduatoria definitiva sono tenuti a depositare, entro 7 giorni dalla pubblicazione della graduatoria definitiva, pena la decadenza dal beneficio, agli sportelli del C.I.Di.S., una DICHIARAZIONE DI ACCETTAZIONE della borsa stessa, su modulo fornito dallUfficio, rinunciando contestualmente al godimento di eventuale borsa di studio C.I.Di.S. per la.a. 2013/14 in quanto le due provvidenze non sono compatibili tra loro. Nel caso di mancata assegnazione di tutte le borse ai vincitori a seguito di non accettazione, le graduatorie saranno riaperte, con convocazione degli studenti idonei utilmente collocati nelle posizioni immediatamente successive ai beneficiari. Il C.I.Di.S. provveder a controllare la veridicit delle dichiarazioni sostitutive, svolgendo le necessarie verifiche anche avvalendosi dellausilio delle competenti Autorit. In caso di dichiarazioni non veritiere si provveder alla decadenza dal beneficio e alla denuncia alle competenti autorit giudiziarie. MODALITA DI PAGAMENTO DELLE BORSE Il pagamento della borsa sar corrisposto in ununica soluzione entro il 31 dicembre 2013. Lo studente potr richiedere laccredito della Borsa di Studio esclusivamente su conto corrente bancario , postale o carta prepagata dotata di IBAN di cui sia intestatario o cointestatario indicando nellapposito spazio nella domanda on line le coordinate bancarie. ESONERO TASSE I beneficiari della borsa di studio hanno diritto allesonero totale dal pagamento della tassa di iscrizione e dei contributi universitari. LUniversit degli Studi di Milano proceder dufficio al rimborso di quanto gi versato. ALTRE INFORMAZIONI Per la compilazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica, ai fini del calcolo dellindicatore di situazione economica equivalente lo studente pu rivolgersi al Comune di residenza, ai Centri di Assistenza Fiscali previsti dal decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, alla sede INPS competente per territorio. La mancata presentazione di un documento nel termine prescritto o la presentazione di un documento irregolare comportano lesclusione dello studente dal presente concorso. Gli studenti sono tenuti a comunicare allUfficio Assistenza, tempestivamente e per iscritto, qualsiasi evento riguardante la Borsa di Studio, che si verifichi in data successiva alla presentazione della domanda (ottenimento di una diversa Borsa di Studio o altro aiuto economico, trasferimento ad altra Universit, impossibilit di proseguire gli studi, ritiro delliscrizione, mutamento dello stato civile ed economico dello studente, ecc.). Per facilitare la presentazione delle domande lUfficio Assistenza C.I.Di.S. attiva presso la sedi di Milano Via Santa Sofia, 9: un servizio di assistenza e consulenza per la compilazione della richiesta di benefici tramite web; alcune postazioni collegate a internet; Le modalit di accesso a tali servizi saranno adeguatamente pubblicizzate sul sito internet www.consorziocidis.it

Responsabile del procedimento renata.ragosta@consorziocidis.it. Milano, 4 luglio 2013

ai

sensi

della

legge

241/90

s.m.i.

Renata

Ragosta,

IL PRESIDENTE DEL C.DA. MARCELLO FONTANESI

Appendice 1 Elenco delle Nazioni per la legalizzazione dei documenti Afghanistan Andorra Angola Anguilla Antartico Britannico Antigua e Barbuda Antille Olandesi Argentina Armenia Aruba Australia Austria Azerbaijan Bahamas Bangladesh Barbados Belgio Belize Benin Bermude Bhutan Bielorussia Bosnia-Erzegovina Botswana Brunei Bulgaria Burkina Faso Burundi Caimane Cambogia Chad Cina (limitatamente a Hong Kong e Macao) Cipro Colombia Comoros Corea del Nord Croazia Danimarca C B C B B B B B B B B A B B C B A B C B C B B B B B C C B C C B A B C C A A Guadalupe Guernsey Guinea Guinea Bissau Guinea Equatoriale Haiti India Irlanda Islanda Isole Cayman Isole Gilbert e Ellice Isole Marshall Isole Normanne Isole Salomone Britanniche Isole Turcks e Caicos Isole Vergini Britanniche Isole Wallis e Futura Israele Jersey Kazakhistan Kenya Kiribati Kyrgyzistan Laos Le Nuove Ebridi Lesotho Lettonia Liberia Liechtenstein Lituania Lussemburgo Macedonia Madagascar Malawi Mali Malta Mauritania Mauritius B B C C C C B A B B B B B B B B B B B B C C C C B C A C A A A A C C C A C B Rep. Ceca Rep. Dem. Del Congo Rep. di Corea (gi Corea del Sud) Rep. di San Marino Repubblica Centro Africana Riunione Romania Russia Rwanda Saint Christopher e Nevis Samoa SantElena Santa Lucia Sao Tome and Principe Senegal Serbia-Montenegro Seychelles Sierra Leone Slovacchia Slovenia Solomon Islands Somalia Spagna Stati Uniti d'America Sud Africa Sudan Sudan del Sud Suriname Svezia Svizzera Swaziland Tajikistan Tanzania Timor Leste Togo Tonga Trinidad e Tobago Turchia A C B A C B B B C B C B B C C B B C A A C C A B B C C B B A B C C C C B B A

Dominica Ecuador El Salvador Eritrea Estonia Etiopia Falkland Fiji Finlandia Francia Gambia Georgia Germania Giappone

B B B C A C B B A A C B A B

Gibilterra Gibuti Gran Bretagna (estesa a Isola di Man) Grecia Grenada

B C A A B

Mayotte Martinica Messico Miquelon Moldova Montserrat Mozambico Myanmar Namibia Nepal Niger Niue Norvegia Nuova Zelanda Olanda (estesa ad Antille Olandesi e Aruba) Panama Polinesia Francese Polonia Portogallo Princip. Monaco

B B B B B C C B C C B A B A

Tuvalu Ucraina Uganda Ungheria Vanuatu Venezuela Vergini Britanniche Yemen Zambia Zimbabwe

C B C A C B B C C C

B B A A B