Sei sulla pagina 1di 2

Al Presidente del Consiglio Comunale

All’Assessore alla Pubblica Istruzione

I sottoscritti Consiglieri Comunali

Rilevato che in data 28.08.2008 è stata depositata presso la competente Segreteria la


sentenza del Tar Campania sede di i'lapoli IV Sezione (Pres Luigi Domenico Nappi) Il.
4844/2009 (Rg. 1521/2009) che nella seduta del 24 06 2009 ha deciso sulla richiesta di
annullamento del progetto di dimensionamento scolastico territoriale posto in essere dal
Comune di Vico Equense (Na) con la deliberazione del Consiglio co.munale di Vico
Equense n 57 del 28.11.2008 e dalla propedeutica deliberazione della Giunta comunale di
Vico equense n. 223 del 31.\02008 oltre che delle conseguenti determinazioni delle
Autorità scolastiche tutte tese alla chiusura di numerosi plessi scolastici presenti sul
territorio del Comune di Vico Equense ed in particolare quelli ubicati nelle frazioni di
Montechiaro e di Vico Equense (i\Ia).

Rilevato che in particolar.e il Tribunale amministrativo di I\lapoli ha cosi


statuito:".Concfusivamente, il ricorso principale ed il primo ricorso per motivi aggiunti sono
fondati e vanno accolti per quanto di ragione e nei limiti specificati in motivazione. con
conseguenziale annul/amento dei provvedimenti emessi dal Comune nella parte in cui tali
atti provvedono a chiudere il plesso scolastico di Montechiaro e quello di Ticciano. Ilonchè
a costituire nel territon"o comunale due plessi scolastici in luo!Jo dei quattro
precedentemente esistenti ... "

I~ilevato che il Tar Campania, h3 dichiarato la carenza di potere in capo al Comune di


Vico Equense in ordine alla disposta programmazione della rete scolastica sul proprio
territorio: 'O •• Tale materia risultava infatti gia affidata alle eeuioni dn II'n I t 138 clel r/.lfJs
112\2008, I comma, lettera b, in (liehiarata attuazione dell'articolo 118, comma secondo, (/el/;)
Costituzione" stabilendo inoltre che" Come ha avuto modo di rilevare la Corte costituzionale con la
sentenza n. 13 <lei 200-1, tlOflctle, (la IIltimo, con la citata sentenza 2 luglio 2009 n. 200 (con cui, rip
e tesi, è stata dichiarata !"illegittimitò costituzionale clell"é1rt. 64, comma 4. lettera f-bis) e
f-ter) del decreto-legge 25 giugno 2008, n 112). « nel complesso intrecciarsi in ({na stessa
materia di norme generali. pn"ncipi fondamentali. leggi regionali e detem1inaziolJl
autonome (/elle istituzioni scolastiche, si puo assumere per certo che il prescritto ambito di
legislazione regionale sta fJ(oprio nella programmAzione (1el/e rete scolastica. E' infatti
implaLlsibile che il legislatore costituzionale abbia voluto spogliare le Reqioni di una
funzione che era già ad esse conferita nella farina della competellZa delegata dall'art. 138
del decreto legislativo n. 112 del 1998».

Rilevato che deve darsi attuazione alla detta sentenza con il conseguente annullamento
degli atti con i quali il Comune di Vico Equense ha riorganizzato la rete scolastica sul
proprio territorio.

TAI\ITO RILEVATO

CHIEDONO URGENTISSIMA CONVOCAZIONE DEL COI'iSIGLIO COMUNALE

Per consentire al Sindaco e all'assessore alla Pubblica Istruzione di riferire sulle intenzioni
dell'Amministrazione:
NEL CONTEMPO CHIEDONO

Che il Consiglio Comunale si esprima nel senso di dare indirizzo politico alla
amministrazione affinché provveda a dare ottemperanza alla sentenza di cui innanzi
revocando ogni provvedimento contrario prima dell'apertura dell'anno scolastico.