Sei sulla pagina 1di 187

Patrocini

Con il contributo di:


Brescia 8 novembre 2012
Acciaio strutturale:
la normativa in evoluzione.
Come identificarlo, certificarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il nuovo Regolamento Europeo
CPR 305/2011

Con il contributo di:
I centri di trasformazione dell'acciaio nelle norme tecniche
per le costruzioni
La qualifica dei procedimenti di saldatura, dei saldatori e il rilascio dei
patentini come richiesto dalle NTC e dalla 3834
La marcatura CE delle strutture in acciaio: La Direttiva 89/106/CEE, il
DPR 246/93 e il nuovo Regolamento Europeo 305/2011 sui prodotti da
costruzione
Indice
Il DL e la documentazione da richiedere in cantiere per il prodotto
acciaio: accettazione del materiale e requisiti previsti dalla normativa
Tecnova: Evercem
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
1
I CENTRI DI TRASFORMAZIONE DELL'ACCIAIO
NELLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI
Brescia, 8 Novembre 2012
D.M. 14 GENNAIO 2008
Circolare 2 febbraio 2009 n. 617 del C.S. LL.PP.
Geom. Raffaello Dellamotta
Tel. 0541-322.234
r.dellamotta@giordano.it
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
2
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
3
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
4
Esempio di chi RIENTRA tra i presagomatori C.A.
Coloro che ricevono il tondino allesterno di un cantiere, in
un impianto che pu essere fsso o mobile e lo lavorano
(tagliano, piegano, legano, assemblano) rientrano nella
defnizione di Centri di trasformazione.
Esempio di chi NON RIENTRA tra i presagomatori C.A.
Coloro che ricevono il tondino direttamente in cantiere e
allinterno di questo cantiere lo lavorano (tagliano,
piegano, legano, assemblano) non rientrano nella
defnizione di Centri di trasformazione.
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
5
Esempio di chi RIENTRA tra le offcine di carpenteria
metallica
Coloro che ricevono profili e/o lamiere allesterno di un
cantiere, in un impianto che pu essere fisso o mobile e lo
lavorano (tagliano, calandrano, saldano, assemblano)
per la produzione di lamiere grecate e profilati formati a
freddo, i centri di prelavorazione di componenti strutturali, le
officine di produzione di carpenterie metalliche, le officine di
produzione di elementi strutturali di serie (es. strutture portanti,
scale esterne di emergenza, ecc ) e le officine per la
produzione di bulloni e chiodi, rientrano nella definizione di
Centri di Trasformazione
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
6
Esempio di chi NON RIENTRA fra le offcine di
carpenteria metallica
Coloro che ricevono direttamente in cantiere i profli e/o le
lamiere e allinterno di questo cantiere lo lavorano
(tagliano, calandrano, assemblano) non rientrano nella
defnizione di Centri di trasformazione.
Non rientrano neppure coloro che costruiscono ringhiere,
parapetti, scale metalliche da interno, scale a chiocciola
ecc , purch identifcate e progettate come opere non
strutturali.
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
7
CIRCOLARE del Servizio tecnico centrale 14 FEBBRAIO 1974,
N.11951
OGGETTO: Legge 5 novembre 1971, N. 1086.
Norme per la disciplina delle opere di conglomerato cementizio armato
normale e precompresso ed a struttura metallica. Istruzioni per
l'applicazione.
[] Pu tornare utile invece, esaminare qualche esemplificazione, tenuti
presenti i casi che hanno dato adito a maggiore incertezza esegetica, e ci
nel solo intento di fornire un orientamento di massima per meglio
comprendere lo spirito delle Norme.
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
8
Impianti industriali: sono soggette alla Legge di cui
trattasi le opere edilizia ad uso industriale, riguardanti le
fabbriche, le officine, gli stabilimenti, i cantieri, gli opifici
ecc., i magazzini, i depositi, i capannoni, le tettoie, le
pensiline, i sili, le torri, le ciminiere, i portali di sostegno dei
macchinari e di opere similari.
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
9
Opere idrauliche e marittime: sono soggette alla
Legge le seguenti opere: gli sbarramenti di ritenute (dighe e
traverse), le conche di navigazione, i bacini di carenaggio, i
pontili, i ponti-canale, i ponti-tubo, i serbatoi, i fari, le torri
piezometriche ed in genere i manufatti edilizi relativi ad
acquedotti, oleodotti, fognature, impianti idroelettrici
escluse condotte forzate, le tubazioni di ogni tipo e le
macchine pi avanti descritte.
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
10
Opere stradali: sono soggette alla Legge i ponti e
viadotti (comprese le centine), i tombini, i sottovia, le
passerelle, le gallerie artificiali, i muri di sostegno, i
manufatti stradali ed edilizi in genere anche se riguardano
gli impianti per il rifornimento di carburante e le stazioni di
servizio, escluse le pensiline e le tettoie di modesta portata,
(quando assolvono la sola funzione di protezione dagli
agenti atmosferici delle colonnine di distribuzione).
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
11
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
12
Per lidentifcazione e la qualifcazione
possono confgurarsi i seguenti casi:
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
13
A. Marcatura CE
Materiali e prodotti per uso strutturale per i quali sia
disponibile una norma europea armonizzata il cui
riferimento sia pubblicato su GUUE. Al termine del
periodo di coesistenza il loro impiego nelle opere
possibile soltanto se in possesso della marcatura CE,
prevista dalla Direttiva 89/106/CEE Prodotti da
costruzione (CPD), recepita in Italia dal DPR
21/04/1993, n. 246, cos come modificato dal DPR
10/12/1997, n. 499
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
14
B. Qualificazione Nazionale
Materiali e prodotti per uso strutturale per i quali non sia
disponibile una norma armonizzata ovvero la stessa
ricada nel periodo di coesistenza, per i quali sia invece
prevista la qualificazione con le modalit e le procedure
indicate nelle NTC. fatto salvo il caso in cui, nel
periodo di coesistenza della specifica norma
armonizzata, il produttore abbia volontariamente optato
per la Marcatura CE
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
15
C. Marcatura CE con BTE o Certificato di
Idoneit Tecnica
Materiali e prodotti per uso strutturale innovativi o
comunque non citati nel presente capitolo e non
ricadenti in una delle tipologie A) o B). In tali casi il
produttore potr pervenire alla marcatura CE in
conformit a Benestare Tecnici Europei (ETA), ovvero, in
alternativa, dovr essere in possesso di un Certificato di
Idoneit Tecnica allImpiego rilasciato dal Servizio
Tecnico centrale sulla base di linee Guida approvate dal
Consiglio Superiore dei lavori Pubblici.
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
16
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
17
Attestato di qualificazione
Acciaio per cemento armato laminato a caldo
27
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
18
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
19
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
20
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
21
ACCIAIO PER STRUTTURE SALDATE
11.3.4.4 Acciaio per strutture saldate
11.3.4.5 Processo di saldatura
Oltre alle prescrizioni applicabili di cui al 11.3.1.7 il costruttore deve corrispondere ai seguenti
requisiti.
In relazione alla tipologia dei manufatti realizzati mediante giunzioni saldate, il costruttore deve
essere certificato secondo la norma UNI EN ISO 3834:2006 parti 2 e 4: il livello di conoscenza
tecnica del personale di coordinamento delle operazioni di saldatura deve corrispondere ai
requisiti delle normativa di comprovata validit.
I requisiti sono riassunti nel Tab. 11.3.X.
La certificazione dellazienda e del personale dovr essere operata da un Ente terzo, scelto, in
assenza di prescrizioni, dal costruttore secondo criteri di indipendenza e di competenza.
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
22
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
23
Art. 64, Comma 3, del DPR 380/01
Progettazione, direzione, esecuzione, responsabilit
3. L'esecuzione delle opere deve aver luogo
sotto la direzione di un tecnico abilitato, iscritto
nel relativo albo, nei limiti delle proprie
competenze stabilite dalle leggi sugli ordini e
collegi professionali.
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
24
Ing. Bruno Santoro Dirigente Divisione Tecnica III del STC
DICEMBRE 2010
In merito alla sua richiesta, rappresento quanto segue.
Il D.M. 14.01.2008, stabilisce che Direttore tecnico di uno stabilimento di un centro di
trasformazione per l'acciaio, "operer secondo il disposto dell'art. 64, comma 3, del DPR
380/2001".
Ci sta a significare che, come precisato dalla Presidenza del Consiglio Superiore dei
Lavori Pubblici, .(omissis)tale figura professionale deve assolvere alle funzioni
tecniche e di controllo, con le conseguenti responsabilit, proprie del Direttore dei lavori, che
a memoria del predetto comma 3 dellart. 64, del DPR 380/2001 deve essere un tecnico
abilitato, iscritto allalbo, nei limiti delle proprie competenze stabilite dalle leggi sugli ordini e
collegi professionali.
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
25
Conseguentemente, ad avviso di questo Consiglio
Superiore dei Lavori Pubblici, il Direttore tecnico di
un Centro di trasformazione deve essere in possesso
della laurea o diploma superiore di indirizzo
tecnico, nonch essere iscritto al relativo albo
professionale.
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
26
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
27
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
28
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
29
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
30
TIPOLOGIE
DI
CENTRI DI TRASFORMAZIONE
Presagomatori di tondini per c.a.
Fili, trecce, trefoli, barre per C.A.P.
Produttori di lamiere grecate e profilati formati a freddo
Centri di prelavorazione di componenti strutturali
Officine di produzione di carpenterie metalliche
Officine di produzione di elementi strutturali di serie
Officine per la produzione di bulloni e chiodi
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
31
D.M. 14.01.2008 Norme Tecniche per le Costruzioni Cap. 11
Acciai Centri di Trasformazione
*Documentazione da presentare ai fni del rilascio
dellAttestato di denuncia attivit
CENTRI TRASFORMAZIONE ACCIAI MODELLO DOMANDA CA (12-05-02)
CENTRI TRASFORMAZIONE ACCIAI MODELLO DOMANDA LAMINATI giu 2012-2 (12-07-31)
CARTA INTESTATA DELLAZIENDA

Presidenza del Consiglio Superiore


dei Lavori Pubblici
Servizio Tecnico Centrale
Via Nomentana 2 00161 Roma
Luogo e data
Il sottoscritto (nome e cognome), in qualit di Legale Rappresentante della
Ditta con sede legale in (indirizzo completo)
CHIEDE
Il rilascio dellAttestato di Denuncia Attivit per i centri di trasformazione degli ACCIAI PER
CEMENTO ARMATO di cui ai p.ti 11.3.1.7 e 11.3.2.6 del D.M. 14.01.2008.
A tal scopo DICHIARA:
1. Lattivit di trasformazione svolta nello stabilimento sito in (indirizzo
completo)
2. I prodotti lavorati sono i seguenti:
B450A diametro minimo diametro massimo..
B450C diametro minimo diametro massimo..
3. Tutti gli acciai lavorati da questa Ditta sono qualificati ai sensi del p.to 11.1.B) e sono forniti
con la documentazione di accompagnamento prevista al p.to 11.3.1.5 del DM 14.1.2008.
4. Sono effettuati i controlli obbligatori previsti per ogni fornitura di acciaio lavorato nelle
modalit previste al p.to 11.3.2.10.3 del DM 14.1.2008 e i risultati sono conservati in apposito
registro.
5. (da inserire solo nel caso siano effettuate saldature): I processi di saldatura, effettuati in
conformit alle norme europee, sono tali da non alterare le caratteristiche originarie dei
prodotti.
6. Il Diretto Tecnico di stabilimento incaricato il Geom./Ing./Arch. .
(nome e cognome)
7. Di sollevare questa Amministrazione da ogni responsabilit per eventuali diritti di terzi sui
prodotti in questione.
Si allega alla presente richiesta:
All. 1: Copia del documento di identit del legale rappresentante e del direttore tecnico.
All. 2: Relazione descrittiva del tipo di attivit svolta, dellorganizzazione dello
stabilimento e delle modalit di effettuazione dei controlli (sia sul materiale base
che sul materiale lavorato).
All. 3: planimetria dello stabilimento (con indirizzo), completa della localizzazione dei
macchinari.
All. 4: Copia dellestratto del registro relativo ai controlli obbligatori di cui al p.to
11.3.2.10.3 (prove di trazione e piega).
All. 5: Immagine chiara delletichetta di identificazione della Societ non compilata
(fronte e retro) che accompagna la fornitura, con indirizzo dello stabilimento. Ove
la Societ disponesse di pi stabilimenti di lavorazione, ogni etichetta dovr essere
riferita al singolo stabilimento.
All. 6: Copia aggiornata della certificazione del Sistema di Gestione della Qualit del
prodotto, che sovrintende al processo di trasformazione, predisposto in coerenza
con la norma UNI EN ISO 9001, certificato da parte di un Organismo terzo
indipendente, di adeguata competenza ed organizzazione, che opera in coerenza
con la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17021:2006.
All. 7: Organigramma con indicazione del nominativo del Responsabile della Qualit
aziendale e degli eventuali Responsabili delle singole procedure di controllo di
lavorazione.
All. 8: Dichiarazione del Direttore Tecnico dello stabilimento attestante liscrizione al
relativo ordine o collegio professionale.
In fede
Il Legale Rappresentante
(nome e cognome)
(timbro e firma)
Per accettazione dellincarico di Direttore Tecnico:
(nome e cognome)
(timbro e firma)
2
CARTA INTESTATA DELLAZIENDA

Presidenza del Consiglio Superiore


dei Lavori Pubblici
Servizio Tecnico Centrale
Via Nomentana 2 00161 Roma
Luogo e data
Il sottoscritto (nome e cognome), in qualit di Legale Rappresentante della
Ditta con sede legale in (indirizzo completo)
CHIEDE
Il rilascio dellAttestato di Denuncia Attivit per i centri di trasformazione degli ACCIAI PER
CARPENTERIA METALLICA di cui ai p.ti 11.3.1.7 e 11.3.4.10 del D.M. 14.01.2008.
A tal scopo DICHIARA:
1. Lattivit di trasformazione svolta nello stabilimento sito in (indirizzo completo)
2. Le lavorazioni riguardano:
1. Carpenteria metallica
2. Produzione di profilati formati a freddo
3. Taglio e filettatura di tubi per micropali
4. Produzione di lamiere grecate
5. Produzione di lamiere grecate da impiegarsi in solette composte
3. I materiali base lavorati sono i seguenti:
1. Acciai in conformit alla UNI EN 10025 sp. min. sp. max..
2. Acciai in conformit alla UNI EN 10210 e 10219 diam. min. diam. max
sp. min. sp. max
3. Lamiere di sp. inferiore ai 4 mm di cui alla UNI EN 10346 in possesso dellattestato di
qualificazione rilasciato dal Servizio Tecnico Centrale
4. Tutti gli acciai lavorati da questa Ditta sono qualificati ai sensi del p.to 11.1.A) (prodotti 1. e 2.)
o 11.1.B) (prodotti 3.) del DM 14.1.2008 e sono forniti al Cliente con la documentazione di
accompagnamento prevista al p.to 11.3.1.5 e al p.to C11.3.1.5 della Circolare 02.02.2009 n.
617/C.S.LL.PP.
5. Solo per i centri di produzione di carpenteria metallica:
Sono effettuati i controlli obbligatori previsti per ogni fornitura di acciaio lavorato nelle
modalit previste al p.to 11.3.4.11.2 del DM 14.1.2008 e i risultati sono conservati in apposito
registro.
6. I processi di saldatura in stabilimento sono effettuati in conformit a quanto previsto al p.to
11.3.4.5.
(Solo Se non si effettuano saldature): le lavorazioni e le trasformazioni effettuate in
stabilimento sui prodotti NON prevedono alcun tipo di saldatura.
7. Il Direttore Tecnico di stabilimento incaricato il Geom./Ing./Arch. . (nome e cognome)
8. Di sollevare questa Amministrazione da ogni responsabilit per eventuali diritti di terzi sui
prodotti in questione.
Si allega alla presente richiesta:
All. 1: Copia del documento di identit del Legale Rappresentante e del Direttore Tecnico.
All. 2: Relazione descrittiva del tipo di attivit svolta, dellorganizzazione dello
stabilimento e delle modalit di effettuazione dei controlli (sia sul materiale base
che sul materiale lavorato).
All. 3: planimetria dello stabilimento (con indirizzo), completa della localizzazione dei
macchinari.
All. 4: Solo per i centri di produzione di carpenteria metallica:
Copia dellestratto del registro relativo ai controlli obbligatori di cui al p.to
11.3.4.11.2.3 (prove di trazione).
Ove detto Registro non fosse predisposto per i materiali marcati CE, al fine di dare evidenza della
effettiva esecuzione dei controlli obbligatori di cui al citato p.to 11.3.4.11.2.3, in alternativa
necessario produrre una specifica Procedura relativa agli effettivi controlli, sia cartacei che
eventualmente sperimentali, effettuati sui materiali in entrata, anche se marcati CE.
All. 5: Solo per i centri di produzione di lamiere grecate da impiegare in solette
composte:
Adeguata sperimentazione al fine di determinare la resistenza al taglio
longitudinale di progetto
u,Rd
della lamiera grecata (conforme alle prescrizioni
dellAppendice B.3 UNI EN 1194-1-1:2005) e copia del catalogo prodotti
(riportante integralmente il rapporto di prova).
Ove la ditta non realizzi lamiere grecate per luso sopra indicato, occorre una specifica
dichiarazione del Legale Rappresentante.
All. 6: Immagine chiara delletichetta di identificazione della Societ non compilata
(fronte e retro) che accompagna la fornitura, con indirizzo dello stabilimento. Ove
la Societ disponesse di pi stabilimenti di lavorazione, ogni etichetta dovr essere
riferita al singolo stabilimento.
All. 7: Copia aggiornata della certificazione del Sistema di Gestione della Qualit del
prodotto, che sovrintende al processo di trasformazione, predisposto in coerenza
con la norma UNI EN ISO 9001, certificato da parte di un Organismo terzo
indipendente, di adeguata competenza ed organizzazione, che opera in coerenza
con la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17021:2006.
All. 8: Organigramma con indicazione del nominativo del Responsabile della qualit
aziendale e degli eventuali Responsabili delle singole procedure di controllo di
lavorazione.
All. 9: Dichiarazione del Direttore Tecnico dello stabilimento attestante liscrizione al
relativo ordine o collegio professionale.
All. 10: Copia aggiornata della certificazione relativa alla qualificazione dei procedimenti
di saldatura, coerente con le vigenti Norme tecniche per le Costruzioni (DM
14.1.2008).
All. 11: Copia aggiornata delle qualifiche dei saldatori (patentini), coerenti con le vigenti
Norme tecniche per le Costruzioni (DM 14.1.2008).
In fede
Il Legale Rappresentante
2
(nome e cognome) (timbro e firma)
Per accettazione dellincarico di Direttore Tecnico:
(nome e cognome) (timbro e firma)
3
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
32
DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE
A CURA DEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE
AI FINI DELLA CONFERMA ANNUALE DELLATTESTAZIONE
DI DICHIARAZIONE DI ATTIVIT RILASCIATA DAL
SERVIZIO TECNICO CENTRALE
(D.M. 14.01.2008 P.to 11.3.1.7 Acciaio Centri di
Trasformazione)
DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE A CURA DEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE
AI FINI DELLA CONFERMA ANNUALE DELLATTESTAZIONE DI DICHIARAZIONE
DI ATTIVITA RILASCIATA DAL SERVIZIO TECNICO CENTRALE
(D.M. 14.01.2008 P.to 11.3.1.7 Acciaio - Centri di Trasformazione)
Ai fini della dichiarazione di conferma annuale dellattivit, di cui al punto 11.3.1.7 del DM
14.1.2008, i Centri di trasformazione dovranno inviare al Servizio Tecnico Centrale, entro e non
oltre 60 giorni dalla scadenza annuale della data riportata in calce allAttestazione gi rilasciata, la
seguente documentazione:
- Dichiarazione resa dal Legale rappresentante che conferma lattivit del Centro di trasformazione ed,
altres, dichiara che nulla variato rispetto a quanto dichiarato in sede di prima denuncia dellattivit
stessa; tale dichiarazione deve essere accompagnata dalla copia del documento di identit firmata del
dichiarante;
in alternativa
- Dichiarazione resa dal Legale rappresentante che conferma lattivit del Centro di trasformazione
ed, altres, dichiara le variazioni eventualmente intervenute; a tale dichiarazione deve essere allegata
la relativa documentazione riguardante tali variazioni (al riguardo si deve far riferimento allelenco
della documentazione presentata ai fini del rilascio dellAttestazione di denuncia dellattivit); tale
dichiarazione deve essere accompagnata dalla copia del documento di identit firmata del dichiarante.
Ove il Centro di trasformazione non avesse gi provveduto in sede di denuncia dellattivit, dovr
inoltre trasmettere:
- Dichiarazione del Direttore Tecnico dello stabilimento attestante liscrizione al relativo ordine o
collegio professionale; tale dichiarazione deve essere accompagnata dalla copia del documento di
identit firmata del dichiarante.
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
33
Attestato di denuncia dell'attivit
del centro di trasformazione
- Fercol (presagomatore)
- Soltech (carpenteria metallica)


ATTESTATO DI DENUNCIA DELLATTIVITA DI
CENTRO DI TRASFORMAZIONE
N. 006/09

In conformit al DM 14 gennaio 2008 Norme Tecniche per le Costruzioni si attesta che la Ditta:

FERCOL S.R.L

per il proprio stabilimento di:

Via Castelluccio, 12 B -65010 Collecorvino (PE)

ha depositato presso il Servizio Tecnico Centrale la documentazione inerente il possesso dei
requisiti richiesti dalla norma per la lavorazione dellacciaio finalizzata alla :

SAGOMATURA FERRO PER C.A.

Ogni confezione del prodotto lavorato riconducibile alla Ditta di cui sopra, con tutte le
informazioni utili ad individuare la commessa, attraverso la seguente etichetta:



Il presente attestato di deposito ha il solo obiettivo di identificare il Centro di Trasformazione.
In tal senso lattestato di deposito non finalizzato a certificare la concreta idoneit tecnica del
prodotto di lavorazione alle diverse utilizzazioni cui pu essere destinato e non pu trasferire
la responsabilit del Centro di Trasformazione e del progettista al Servizio Tecnico Centrale,
restando nella responsabilit delle figure suddette ogni specifica applicazione del prodotto.
Il presente attestato ha validit sino a che le condizioni iniziali, sulla base delle quali stato
rilasciato, non subiscano modifiche significative.

Roma, 20.04.2009
IL DIRIGENTE DEL
SERVIZIO TECNICO CENTRALE
Ing. Antonio LUCCHESE

ORGANISMO DI CERTIFICAZIONE ED ISPEZIONE SUI PRODOTTI DA COSTRUZIONE
AI SENSI DELLART.8 DEL D.P.R. 246/93 (NOTIFICA COMMISSIONE EUROPEA N. 0969)
ORGANISMO DI BENESTARE TECNICO EUROPEO (MEMBRO EOTA) AI SENSI DELLART.5 DEL D.P.R. N.246/93.
ORGANISMO DI BENESTARE TECNICO NAZIONALE AI SENSI DEL D.M. 14.09.2005

VIA NOMENTANA, 2 -00161 ROMA-
TEL. 06.4412.4101 FAX 06.4426.7383




ATTESTATO DI DENUNCIA DELLATTIVITA DI
CENTRO DI TRASFORMAZIONE
N. 1121/11

In conformit al DM 14 gennaio 2008 Norme Tecniche per le Costruzioni si attesta che la Ditta:

SOLTECH Srl

per il proprio stabilimento di:

Via Pantanelli, 175 61025 MONTELABBATE (PU)

ha depositato presso il Servizio Tecnico Centrale la documentazione inerente il possesso dei
requisiti richiesti dalla norma per la lavorazione dellacciaio finalizzata alla :

OFFICINA PER LA PRODUZIONE DI CARPENTERIA
METALLICA

Ogni confezione del prodotto lavorato riconducibile alla Ditta di cui sopra, con tutte le
informazioni utili ad individuare la commessa, attraverso la seguente etichetta:



Il presente attestato di deposito ha il solo obiettivo di identificare il Centro di Trasformazione.
In tal senso lattestato di deposito non finalizzato a certificare la concreta idoneit tecnica del
prodotto di lavorazione alle diverse utilizzazioni cui pu essere destinato e non pu trasferire
la responsabilit del Centro di Trasformazione e del progettista al Servizio Tecnico Centrale,
restando nella responsabilit delle figure suddette ogni specifica applicazione del prodotto.
Il presente attestato ha validit sino a che le condizioni iniziali, sulla base delle quali stato
rilasciato, non subiscano modifiche significative.

Roma, 10.01.2011
IL DIRIGENTE DELLA DIVISIONE III DEL
SERVIZIO TECNICO CENTRALE
Ing. Bruno SANTORO

ORGANISMO DI CERTIFICAZIONE ED ISPEZIONE SUI PRODOTTI DA COSTRUZIONE
AI SENSI DELLART.8 DEL D.P.R. 246/93 (NOTIFICA COMMISSIONE EUROPEA N. 0969)
ORGANISMO DI BENESTARE TECNICO EUROPEO (MEMBRO EOTA) AI SENSI DELLART.5 DEL D.P.R. N.246/93.
ORGANISMO DI QUALIFICAZIONE AI SENSI DEL D.M. 14.01.2008

VIA NOMENTANA, 2 -00161 ROMA-
TEL. 06.4412.4101 FAX 06.4426.7383


Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
34
GRAZIE
PER
LATTENZIONE
Geom. Raffaello Dellamotta
Tel. 0541 322.234
r.dellamotta@giordano.it
1
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
LA QUALIFICA DEI PROCEDIMENTI DI SALDATURA, DEI
SALDATORI ED IL RILASCIO DEI PATENTINI COME
RICHIESTO DALLE NTC E DALLA ISO 3834
BRESCIA, 8 NOVEMBRE 2012
Geom. Raffaello
Dellamotta
Tel. 0541-322.234
r.dellamotta@giordano.it
2
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Istituto Giordano inizia la sua storia nella
saldatura come Organismo Notificato per le
apparecchiature in pressione.
In seguito, grazie alla pluriennale e riconosciuta
esperienza nel campo delle costruzioni,
incomincia anche lavventura nelle saldature in
ambito edile.
3
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
4
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
11.3.4.5 Processo di saldatura
La saldatura degli acciai dovr avvenire con uno dei procedimenti
allarco elettrico codifcati secondo la norma UNI EN ISO 4063:2001.
E ammesso luso di procedimenti diversi purch sostenuti da
adeguata documentazione teorica e sperimentale.
I saldatori nei procedimenti semiautomatici e manuali dovranno
essere qualifcati secondo la norma UNI EN 287-1:2004 da parte di un
Ente terzo. A deroga di quanto richiesto dalla norma UNI EN 287-
1:2004, i saldatori che eseguono giunti a T con cordoni dangolo
dovranno essere specifcamente qualifcati e non potranno essere
qualifcati soltanto mediante lesecuzione di giunti testa-testa.
5
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Gli operatori dei procedimenti automatici o robotizzati dovranno
essere certifcati secondo la norma UNI EN 1418:1999. Tutti i
procedimenti di saldatura dovranno essere qualifcati secondo la
norma UNI EN ISO 15614-1:2005.
Le durezze eseguite sulle macrografe non dovranno essere superiori a
350 HV30.
Per la saldatura ad arco di prigionieri di materiali metallici (saldatura
ad innesco mediante sollevamento e saldatura a scarica di
condensatori ad innesco sulla punta) si applica la norma UNI EN ISO
14555:2001: valgono perci i requisiti di qualit di cui al prospetto A1
della appendice A della stessa norma.
Le prove di qualifca dei saldatori, degli operatori e dei procedimenti
dovranno essere eseguite da un Ente terzo; in assenza di prescrizioni
in proposito lEnte sar scelto dal costruttore secondo criteri di
competenza e di indipendenza.
6
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Sono richieste caratteristiche di duttilit, snervamento, resistenza e
tenacit in zona fusa e in zona termica alterata non inferiori a quelle
del materiale base.
Nellesecuzione delle saldature dovranno inoltre essere rispettate le
norme UNI EN 1011:2005 parti 1 e 2 per gli acciai ferritici e della
parte 3 per gli acciai inossidabili. Per la preparazione dei lembi si
applicher, salvo casi particolari, la norma UNI EN ISO 9692-1:2005.
Le saldature saranno sottoposte a controlli non distruttivi fnali per
accertare la corrispondenza ai livelli di qualit stabiliti dal progettista
sulla base delle norme applicate per la progettazione.
In assenza di tali dati per strutture non soggette a fatica si adotter il
livello C della norma UNI EN ISO 5817:2004 e il livello B per strutture
soggette a fatica.
7
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Lentit e il tipo di tali controlli, distruttivi e non distruttivi, in aggiunta
a quello visivo al 100%, saranno defniti dal Collaudatore e dal
Direttore Lavori; per i cordoni ad angolo o giunti a parziale
penetrazione si useranno metodi di superfcie (ad es. liquidi penetranti
o polveri magnetiche), mentre per i giunti a piena penetrazione, oltre a
quanto sopra previsto, si useranno metodi volumetrici e cio raggi X o
gamma o ultrasuoni per i giunti testa a testa e solo ultrasuoni per i
giunti a T a piena penetrazione.
Per le modalit di esecuzione dei controlli ed i livelli di accettabilit si
potr fare utile riferimento alle prescrizioni della norma UNI EN
12062:2004.
Tutti gli operatori che eseguiranno i controlli dovranno essere
qualifcati secondo la norma UNI EN 473:2001 almeno di secondo
livello.
8
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Oltre alle prescrizioni applicabili di cui al precedente 11.3.1.7. il
costruttore deve corrispondere ai seguenti requisiti.
In relazione alla tipologia dei manufatti realizzati mediante giunzioni
saldate il costruttore deve essere certifcato secondo la norma UNI
EN ISO 3834:2006 parti 2 e 4; il livello di conoscenza tecnica del
personale di coordinamento delle operazioni di saldatura deve
corrispondere ai requisiti della normativa di comprovata validit. I
requisiti sono riassunti nella Tab. 11.3.XI di seguito riportata.
La certifcazione dellazienda e del personale dovr essere operata da
un Ente terzo, scelto, in assenza di prescrizioni, dal costruttore
secondo criteri di indipendenza e di competenza.
9
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
ALCUNE DELLE PRINCIPALI NORME RIPORTATE DAL
DM 14/01/2008
UNI EN ISO 15614-1:2008 (QUALIFICA PROCEDURA) Specifcazione e
qualifcazione delle procedure di saldatura per materiali metallici -
Prove di qualifcazione della procedura di saldatura - Parte 1:
Saldatura ad arco e a gas degli acciai e saldatura ad arco del nichel e
leghe di nichel
UNI EN 287-1:2007 (PATENTINI) Prove di qualifcazione dei saldatori -
Saldatura per fusione - Parte 1: Acciai
UNI EN ISO 5817:2008 (LIVELLI DI QUALITA)Saldatura - Giunti saldati
per fusione di acciaio, nichel, titanio e loro leghe (esclusa la saldatura
a fascio di energia) - Livelli di qualit delle imperfezioni
UNI EN ISO 3834:2006 (QUALITA NELLA SALDATURA)Requisiti di
qualit per la saldatura per fusione dei materiali metallici - Parti da 1 a
5
10
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
ULTERIORI NORME
UNI EN 1011:2005 (SALDATURA) Saldatura - Raccomandazioni per la
saldatura di materiali metallici - Parti da 1 a 3;
UNI EN 9692-1:2005 (LEMBI) Saldatura e procedimenti connessi -
Raccomandazioni per la preparazione dei giunti - Parte 1: Saldatura manuale
ad arco con elettrodi rivestiti, saldatura ad arco con elettrodo fusibile sotto
protezione di gas, saldatura a gas, saldatura TIG e saldatura mediante fascio
degli acciai;
UNI EN 473:2008 (QUALIFICA PERSONALE) Prove non distruttive -
Qualifcazione e certifcazione del personale addetto alle prove non
distruttive. Principi generali.
UNI EN 14731:2007 (COORDINATORE DELLA SALDATURA) Coordinatore delle
attivit di saldatura Compiti e responsabilit.
Senza dimenticare la norma alfabeto:
UNI EN 22553 (DISEGNI) Giunti saldati e brasati. Rappresentazione simbolica
delle saldature sui disegni.
11
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
NORME RIGUARDANTI LA SALDATURA DEGLI ACCIAI PER C.A.
UNI EN ISO 17660-1:2007 Saldatura - Saldatura degli acciai
d'armatura - Parte 1: Giunti saldati destinati alla trasmissione del
carico
UNI EN ISO 17660-2:2007 Saldatura - Saldatura degli acciai
d'armatura - Parte 2: Giunti saldati non destinati alla trasmissione del
carico
Ci si assicura che il processo di saldatura nel caso della parte 2 della
UNI EN ISO 17660 non alteri le caratteristiche di resistenza del
materiale originale. Nel caso della parte 1 ci si assicura che la
saldatura sia in grado di sostenere i carichi per cui progettata.
12
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
FAC-SIMILI DOCUMENTI
WPS (UNI EN ISO 15609-1) - Specifca del procedimento di saldatura del
costruttore.
WPQR (UNI EN ISO 15614-1:2005) Certifcato approvazione procedura
di saldatura.
QUALIFICA SALDATORE (UNI EN 287-1 OPPURE UNI EN 1418)
Patentino.


13
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
I requisiti tecnico contrattuali possono essere defniti
quasi interamente allinterno del disegno. In ogni modo
questi requisiti riguardano principalmente:*
Normative di riferimento utilizzate;
Procedure di saldatura, di controlli non distruttivi e di eventuali
trattamenti termici da utilizzare;
Tipo di materiale da utilizzare;
Procedimento di saldatura da utilizzare e qualifche dello stesso;
Preparazione dei lembi da saldare;
Livello di qualit richiesto;
Modalit di trattamento delle non conformit.
(*) Attenzione praticamente tutti i requisiti sono resi obbligatori dallapplicazione del DM 14/01/2008
14
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Da qualunque punto di vista si voglia osservare una
struttura saldata esistono comunque dei capisaldi
immutabili:
1.Il progettista deve defnire le specifche necessarie per la
saldatura;
2.I materiali costituenti la saldatura devono essere qualifcati;
3.La procedura di saldatura deve esistere ed essere qualifcata;
4.Il personale che salda deve essere qualifcato (patentato);
5.Al termine delle saldatura, prima del montaggio devono essere
portati a termine dei controlli (collaudi) sui particolari saldati.
Solo in questo modo si sicuri di avere una struttura sicura
15
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
GRAZIE
PER
LATTENZIONE
Geom. Raffaello Dellamotta
Tel. 0541 322.234
r.dellamotta@giordano.it
16
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
1
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
LA MARCATURA CE DELLE STRUTTURE IN ACCIAIO:
LA DIRETTIVA 89/106/CEE, IL DPR 246/93 E
IL NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO CPR 305/2011
SUI PRODOTTI DA COSTRUZIONE
BRESCIA, 8 NOVEMBRE 2012
Geom. Raffaello Dellamotta
Tel. 0541-322.234
r.dellamotta@giordano.it
2
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
LA MARCATURA CE
LA DIRETTIVA 89/106/CEE E IL DPR 246/93
SUI PRODOTTI DA COSTRUZIONE
LA DIRETTIVA 89/106/CEE STATA RECEPITA DALLITALIA
CON DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
N246 DEL 21/04/1993 (246/93) E SUCCESSIVE MODIFICHE
CON D.P.R. 10 DICEMBRE 1997 n. 499.
3
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
REGOLAMENTO (UE) N. 305/2011
DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO
del 9 marzo 2011
che fissa condizioni armonizzate per la
commercializzazione dei prodotti da costruzione e che
abroga la direttiva 89/106/CEE del Consiglio
Il regolamento entrer pienamente in vigore
il 1 luglio 2013
4
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
NTC DM 14 Gennaio 2008
Norma di riferimento per le costruzioni
Impiego di materiali e prodotti per uso strutturale
-Capitolo 11 delle NTC
Circolare n. 617, per il capitolo 11.
[] si intende per prodotto per uso strutturale qualsiasi materiale o
prodotto che consenta ad unopera, ove questo incorporato, di
soddisfare il requisito essenziale n. 1 Resistenza meccanica e stabilit
[]
La Direttiva definisce materiale da costruzione qualsiasi prodotto che
venga incluso in modo stabile nelle costruzioni industriali, commerciali o
di uso civile
5
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Prodotto da costruzione
o prodotto per uso strutturale
la discriminante
la destinazione duso
6
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
NTC DM 14 Gennaio 2008
Il materiale ed i prodotti per uso strutturale utilizzati nelle opere
devono rispondere ai requisiti indicati nelle normative
Il materiale e i prodotti per uso strutturale devono essere:
- Identificati univocamente a cura del produttore, secondo le procedure
applicabili.
- Qualificati sotto la responsabilit del produttore
- Accettati dal Direttore dei lavori mediante acquisizione e verifica della
documentazione di qualificazione, nonch mediante eventuali prove
sperimentali di accettazione.
N.B. produttore colui che immette un determinato prodotto sul mercato, per
un determinato impiego, assumendosene le relative responsabilit
(conformit, etc.).
7
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Le norme prevedono tre casi
8
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
A. Marcatura CE
Materiali e prodotti per uso strutturale per i quali sia
disponibile una norma europea armonizzata il cui
riferimento sia pubblicato su GUUE. Al termine del
periodo di coesistenza il loro impiego nelle opere
possibile soltanto se in possesso della marcatura CE,
prevista dalla Direttiva 89/106/CEE Prodotti da
costruzione (CPD), recepita in Italia dal DPR
21/04/1993, n. 246, cos come modificato dal DPR
10/12/1997, n. 499
9
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
B. Qualificazione Nazionale
Materiali e prodotti per uso strutturale per i quali non sia
disponibile una norma armonizzata ovvero la stessa
ricada nel periodo di coesistenza, per i quali sia invece
prevista la qualificazione con le modalit e le procedure
indicate nelle NTC. fatto salvo il caso in cui, nel
periodo di coesistenza della specifica norma
armonizzata, il produttore abbia volontariamente optato
per la Marcatura CE
10
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
C. Marcatura CE con BTE o Certificato di
Idoneit Tecnica
Materiali e prodotti per uso strutturale innovativi o
comunque non citati nel presente capitolo e non
ricadenti in una delle tipologie A) o B). In tali casi il
produttore potr pervenire alla marcatura CE in
conformit a Benestare Tecnici Europei (ETA), ovvero, in
alternativa, dovr essere in possesso di un Certificato di
Idoneit Tecnica allImpiego rilasciato dal Servizio
Tecnico centrale sulla base di linee Guida approvate dal
Consiglio Superiore dei lavori Pubblici.
11
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA CPD
LA DIRETTIVA SI APPLICA AI
PRODOTTI E ALLE FAMIGLIE DI
PRODOTTI SECONDO LELENCO
STABILITO DALLA COMMISSIONE
DI SEGUITO RIPORTATO
12
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
FAMIGLIE DI PRODOTTI:

Adesivi e sigillanti;

Aggregati (Naturali, da frantumazione, da processo


industriale e riciclati);

Ancoraggi/Ancorati (Metallici, plastici, a iniezione, ecc.);

Apparecchi igienico sanitari;

Appoggi strutturali e dispositivi anti-sismici;


Attrezzature fisse per la circolazione stradale;
Calcestruzzo, malta e loro componenti;
Camini, condotti e prodotti specifici;
Cementi, calci da costruzione e altri leganti idraulici;
13
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Componenti (Tubi, serbatoi, valvole, ecc.) per impianti gas, riscaldamento, acqua
non potabile;
Coperture, lucernai, abbaini e prodotti accessori;
Facciate continue;
Generatori di calore;
Geotessili e prodotti affini (Geotessili, geosintetici, geomembrane, geocompositi,
geogriglie e georeti);
Membrane impermeabilizzanti;
Murature e prodotti correlati;
Pannelli a base di legno;
Pavimentazioni;
Perni per giunti strutturali;
Prodotti a base di gesso;
Prodotti di legno per costruzioni e loro accessori;
Prodotti di vetro piano/profilato, loro seconde lavorazioni e vetro in blocchi;
14
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Prodotti e sistemi per levacuazione delle acque;
Prodotti e sistemi per lisolamento termico;
Prodotti e sistemi a contatto con acqua destinata al consumo umano;
Prodotti e sistemi di acciaio per cemento armato e precompresso;
Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori;
Prodotti per la costruzione di strade, aeroporti e altre aree trafficate;
Prodotti prefabbricati di calcestruzzo (Per uso strutturale, semi strutturale e non
strutturale);
Reazione e resistenza al fuoco dei prodotti/elementi da costruzione;
Rivestimenti/Finiture di pareti e soffitti;
Serramenti (normali ed industriali), partizioni, facciate continue e relativi
accessori;
Sistemi di rivelazione, segnalazione ed estinzione incendi, sistemi per il controllo
di fumo e di calore e sistemi di prevenzione e protezione dalle esplosioni;
Sistemi di scale prefabbricate (Inclusi: gradini, pianerottoli, corrimani,
barriere/parapetti, elementi di fissaggio, rivestimenti, ecc.).
15
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
NORME ARMONIZZATE
Specificazioni tecniche adottate dagli organismi europei di
normazione su mandato della commissione allo scopo di essere
utilizzate per la verifica dei requisiti essenziali per limmissione dei
prodotti sul mercato.
I riferimenti delle norme armonizzate sono pubblicati sulla Gazzetta
Ufficiale dellUnione Europea (GUUE) e, mediante recepimento
nazionale, sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana (GURI).
(Doc. allegato: elenco norme armonizzate pubblicate in GUUE)
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
Norme in programma 478
Norme approvate
Approvate e citate in GUUE 402
Approvate e non ancora citate in GUUE 14
Approvate ma non ancora emanate 0
Totale 416
Progetti di norma che hanno completato la fase di Voto Formale
Progetti in attesa di Voting Report 0
Progetti con esito del voto negativo 6
Totale 6
Progetti di norma alla fase di Voto Formale
Progetti sottoposti al voto 4
Progetti in attesa di inizio della fase di voto 8
Totale 12
Progetti di norma prima della fase di Voto Formale
Progetti che hanno superato la fase di inchiesta CEN 25
Progetti sottoposti all'inchiesta CEN 2
Progetti in attesa di inizio della fase di inchiesta 4
Progetti non ancora pronti per l'inchiesta 13
Totale 44
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010)
costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
M/100 M/100 Prodotti
prefabbricati di
calcestruzzo
EN1168 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Lastre alveolari EN1168:2005 1,2,5 2+ UNI EN1168:2005 set-05 22/08/2006
M/100 EN1168:2005 +A1:2008 1,2,5 2+ UNI EN1168:2008 mag-08
M/100 EN1168:2005 +A2:2009 1,2,5 2+ 01/12/09 01/12/10 UNI EN1168:2009 apr-09
M/100 EN1520 Componenti prefabbricati armati di calcestruzzo alleggerito con struttura
aperta
EN1520:2002 1,2,3,5,6 2+,4 01/09/03 01/09/04 UNI EN1520:2004 gen-04
M/100 EN1520:2002/AC:2003 1,2,3,5,6 2+,4 01/08/09 01/08/09 UNI EN1520:2004 gen-04
M/100 EN12737 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Lastre per pavimentazioni di stalle EN12737:2004 + A1:2007 1,2 2+ 01/01/09 01/01/10 UNI EN12737:2008 gen-08
M/100 EN12794 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Pali di fondazione EN12794:2005 1 2+ UNI EN12794:2005 lug-05
M/100 EN12794:2005 + A1:2007 1 2+ 01/02/08 01/02/09 UNI EN12794:2007 ott-07
M/100 EN12794:2005 +A1:2007/
AC:2008
1,2 2+ 01/08/09 01/08/09 UNI EN12794:2007 ott-07
M/100 EN12839 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Elementi per recinzioni EN12839:2001 1 4 01/03/02 01/03/03 UNI EN12839:2002 nov-02 01/08/2003
M/100 EN12843 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Antenne e pali EN12843:2004 1 2+ 01/09/05 01/09/07 UNI EN12843:2005 gen-05
M/100 EN13224 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Elementi nervati per solai EN13224:2004 1,2 2+ UNI EN13224:2008 mar-08 22/08/2006
M/100 EN13224:2004/AC:2005 1,2 2+ UNI EN13224:2008 mar-08
M/100 EN13224:2004 + A1:2007 1,2 2+ 01/03/08 01/03/09 UNI EN13224:2008 mar-08
M/100 EN13225 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Elementi strutturali lineari EN13225:2004 1 2+ 01/09/05 01/09/07 UNI EN13225:2005 gen-05 22/08/2006
M/100 EN13225:2004 /AC:2006 1 2+ 01/01/08 01/01/08 in pubblicazione NO
M/100 EN13693 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Elementi speciali per coperture EN13693:2004 1,2,5 2+ UNI EN13693:2005 gen-05 22/08/2006
M/100 EN13693:2004+ A1:2009 1,2,5 2+ 01/05/10 01/05/11 UNI EN13693:2009 set-09
M/100 EN13747 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Lastre per solai EN13747:2005 1,2,5 2+ UNI EN13747:2005 ott-05 22/08/2006
M/100 EN13747:2005 /AC:2006 1,2,5 2+ UNI EN13747:2005 ott-05 NO
M/100 EN13747:2005 + A1:2008 1,2,5 2+ 01/08/09 01/08/10 UNI EN13747:2009 gen-09
M/100 EN13747:2005 + A2:2010 1,2,5 2+ 01/01/11 01/01/11 UNI EN13747:2010 apr-10
M/100 EN13978-1 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Garage prefabbricati di calcestruzzo
Parte 1: Requisiti per garage di calcestruzzo armato realizzati con elementi
monolitici o composti da elementi singoli a tutta dimensione
EN13978-1:2005 1,2,5 2+ 01/03/06 01/03/08 UNI EN13978-1:2005 set-05 22/08/2006
M/100 EN14843 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Scale EN14843:2007 1,2,4,5 2+ 01/01/08 01/01/09 UNI EN14843:2007 set-07
M/100 EN14844 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Elementi scatolari EN14844:2006 1 2+,4 UNI EN14844:2006 dic-06
M/100 EN14844:2006 + A1:2008 1 2+,4 01/08/09 01/08/10 UNI EN14844:2009 gen-09
M/100 EN14991 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Elementi da fondazione EN14991:2007 1 2+ 01/01/08 01/01/09 UNI EN14991:2007 set-07
M/100 EN14992 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Elementi da parete EN14992:2007 1,2,3,4,5 2+,4 01/01/08 01/05/10 UNI EN14992:2007 set-07
M/100 EN15037-1 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Solai a travetti e blocchi - Parte 1:
Travetti
EN15037-1:2008 1,2,5 2+ 01/01/10 01/01/11 UNI EN15037-1:2008 set-08
M/100 EN15037-2 Precastconcreteproducts - Beam-and- blockfloor systems - Part2:
Concreteblocks
EN15037-2:2009 UNI EN15037-2:2009 mag-09
M/100 EN15037-3 Precastconcreteproducts - Beam-and- blockfloor systems - Part3: Clay
blocks
EN15037-3:2009 UNI EN15037-3:2009 mag-09
M/100 EN15037-4 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Solai a travetti e blocchi - Parte 4:
Blocchi di polistirene espanso
EN15037-4:2010 1,2,5 2+ 01/11/10 01/11/11 UNI EN15037-4:2010 feb-10
M/100 EN15050 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Elementi da ponte EN15050:2007 1,2 2+ 01/02/08 01/02/09 UNI EN15050:2007 set-07
M/100 EN15258 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Elementi per muri di sostegno EN15258:2008 1,3 2+ 01/01/10 01/01/11 UNI EN15258:2009 gen-09
M/100 EN15435 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Blocchi cassero di calcestruzzo
normale e alleggerito - Propriet e prestazioni dei prodotti
EN15435:2008 1,2,3,5,6 4 01/02/09 01/02/10 UNI EN15435:2008 set-08
M/100 EN15498 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo - Blocchi cassero di calcestruzzo con
trucioli di legno - Propriet e prestazioni dei prodotti
EN15498:2008 1,2,3,5,6 4 01/02/09 01/02/10 UNI EN15498:2008 set-08
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 1/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/101 M/101 Porte, finestre e
relativi prodotti
EN179 Accessori per serramenti - Dispositivi per uscite di emergenza azionati
mediante maniglia a leva o piastra a spinta - Requisiti e metodi di prova
EN179:1997/ A1:2001 2 1 UNI EN179:2002 ott-02 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 01/08/2003
M/101 EN179:1997/
A1:2001/AC:2002
2 1 UNI EN179:2002 ott-02 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 NO
M/101 EN179:2008 2 1 01/01/09 01/01/10 UNI EN179:2008 apr-08
M/101 EN1125 Accessori per serramenti - Dispositivi antipanico per uscite di sicurezza
azionati mediante una barra orizzontale - Requisiti e metodi di prova
EN1125:1997/ A1:2001 2 1 UNI EN1125:2002 ott-02 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 01/08/2003
M/101 EN1125:1997/
A1:2001/AC:2002
2 1 UNI EN1125:2002 ott-02 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 NO
M/101 EN1125:2008 2 1 01/01/09 01/01/10 UNI EN1125:2008 apr-08
M/101 EN1154 Accessori per serramenti - Dispositivi di chiusura controllata delle porte -
Requisiti e metodi di prova
EN1154:1996 2 1 01/10/03 01/10/04 UNI EN1154:1999 gen-99 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 23/03/2005
M/101 EN1154:1996/ A1:2002 2 1 01/10/03 01/10/04 UNI EN1154:2003 nov-03
M/101 EN1154:1996/
A1:2002/AC:2006
2 1 01/01/10 01/01/10 UNI EN1154:2003 nov-03
M/101 EN1155 Accessori per serramenti - Dispositivi elettromagnetici fermoporta per porte
girevoli - Requisiti e metodi di prova
EN1155:1997 2 1 01/10/03 01/10/04 UNI EN1155:1998 nov-98 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 23/03/2005
M/101 EN1155:1997/ A1:2002 2 1 01/10/03 01/10/04 UNI EN1155:2003 nov-03
M/101 EN1155:1997/
A1:2002/AC:2006
2 1 01/01/10 01/01/10 UNI EN1155:2003 nov-03
M/101 EN1158 Accessori per serramenti - Dispositivi per il coordinamento della sequenza
di chiusura delle porte - Requisiti e metodi di prova
EN1158:1997 2 1 01/10/03 01/10/04 UNI EN1158:2000 gen-00 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 23/03/2005
M/101 EN1158:1997/ A1:2002 2 1 01/10/03 01/10/04 UNI EN1158:2003 nov-03
M/101 EN1158:1997/ A1:2002/
AC:2006
2 1 01/06/06 01/06/06 UNI EN1158:2003 nov-03 NO
M/101 EN1935 Accessori per serramenti - Cerniere ad asse singolo - Requisiti e metodi di
prova
EN1935:2002 2 1 01/10/02 01/12/03 UNI EN1935:2004 gen-04 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 01/08/2003
M/101 EN1935:2002 /AC:2003 2 1 01/01/07 01/01/07 UNI EN1935:2004 gen-04 NO
M/101 EN12209 Accessori per serramenti - Serrature e chiavistelli - Serrature azionate
meccanicamente, chiavistelli e piastre di bloccaggio - Requisiti e metodi di
prova
EN12209:2003 2,3 1 01/12/04 01/06/06 UNI EN12209:2005 mag-05 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 NO
M/101 EN12209:2003/ AC:2005 2,3 1 01/06/06 01/06/06 UNI EN12209:2005 mag-05 NO
M/101 EN13241-1 Porte e cancelli industriali, commerciali e da garage - Norma di prodotto -
Parte 1: Prodotti senza caratteristiche di resistenza al fuoco o controllo del
fumo
EN13241-1:2003 3,4,5,6 1,3 01/05/04 01/05/05 UNI EN13241-1:2004 giu-04 24/04/2008
M/101 EN13561 Tende esterne - Requisiti prestazionali compresa la sicurezza EN13561:2004 4 4 UNI EN13561:2004 ott-04 27/03/2009
M/101 EN13561:2004 + A1:2008 4 4 01/08/09 01/08/10 UNI EN13561:2009 feb-09
M/101 EN13633 Buildinghardware- Electricallycontrolledpanic exitsystems for
useonescaperoutes - Requirements andtestmethods
prEN13633
M/101 EN13637 Buildinghardware- Electricallycontrolledexitsystems for use
onescaperoutes - Requirements andtestmethods
prEN13637
M/101 EN13659 Chiusure oscuranti - Requisiti prestazionali compresa la sicurezza EN13659:2004 4 4 UNI EN13659:2004 ott-04 27/03/2009
M/101 EN13659:2004 + A1:2008 4 4 01/08/09 01/08/10 UNI EN13659:2009 feb-09
M/101 EN14351-1 Finestre e porte - Norma di prodotto, caratteristiche prestazionali - Parte 1:
Finestre e porte esterne pedonali senza caratteristiche di resistenza al
fuoco e/o di tenuta al fumo
EN14351-1:2006 3,4,5,6 1,3,4 01/02/07 01/02/10 UNI EN14351-1:2006 lug-06 27/03/2009
EN14351-1:2006+A1:2010 3,4,5,6 1,3,4 01/12/10 01/12/10 UNI EN14351-1:2010 apr-10
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 2/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/101 EN15685 BuildingHardware- Locks andlatches - Multipointlocks andtheir locking
plates - Requirements andtestmethods
prEN15685
M/101 EN15887 Buildinghardware- UncontrolledDoor ClosingDevices for singleaction
doors - Requirements andtestmethods
prEN15887
M/102 M/102 Membrane EN13707 Membrane flessibili per impermeabilizzazione - Membrane bituminose
armate per l'impermeabilizzazione di coperture - Definizioni e
caratteristiche
EN13707:2004 2,3 1,2+,3,4 UNI EN13707:2007 mar-07 20/11/2007
M/102 EN13707:2004 /A1:2006 2,3 1,2+,3,4 UNI EN13707:2007 mar-07 20/11/2007
M/102 EN13707:2004+A2:2009 2,3 1,2+,3,4 01/04/10 01/10/10 UNI EN13707:2009 ago-09
M/102 EN13859-1 Membrane flessibili per impermeabilizzazione - Definizioni e caratteristiche
dei sottostrati - Parte 1: Sottostrati per coperture discontinue
EN13859-1:2005 2,3 1,3,4 UNI EN13859-1:2005 ago-05 27/03/2009
M/102 EN13859-1:2005 + A1:2008 2,3 1,3,4 01/08/09 01/08/10 UNI EN13859-1:2009 gen-09
M/102 EN13859-1:2010 2,3 1,3,4 01/04/11 01/04/12 UNI EN13859-1:2010 lug-10
M/102 EN13859-2 Membrane flessibili per impermeabilizzazione Definizioni e
caratteristiche dei sottostrati Parte 2: Sottostrati murari
EN13859-2:2004 2,3 1,3,4 UNI EN13859-2:2005 mar-05 27/03/2009
M/102 EN13859-2:2004 + A1:2008 2,3 1,3,4 01/08/09 01/08/10 UNI EN13859-2:2009 gen-09
M/102 EN13859-2:2010 2,3 1,3,4 01/04/11 01/04/12 UNI EN13859-2:2010 lug-10
M/102 EN13956 Membrane flessibili per impermeabilizzazione - Membrane di materiale
plastico e di gomma per l'impermeabilizzazione delle coperture - Definizioni
e caratteristiche
EN13956:2005 2,3 1,2+,3,4 01/07/06 01/07/07 UNI EN13956:2006 feb-06
M/102 EN13956:2005 /AC:2006 2,3 1,2+,3,4 01/01/07 01/01/07 UNI EN13956:2006 feb-06 NO
M/102 EN13967 Membrane flessibili per impermeabilizzazione - Membrane di materiale
plastico e di gomma impermeabili all'umidit incluse membrane di materiale
plastico e di gomma destinate ad impedire la risalita di umidit dal suolo -
Definizioni e caratteristiche
EN13967:2004 2,3 1,2+,3,4 01/10/05 01/10/06 UNI EN13967:2007 mar-07
M/102 EN13967:2004 /A1:2006 2,3 1,2+,3,4 01/01/08 01/01/09 UNI EN13967:2007 mar-07
M/102 EN13969 Membrane flessibili per impermeabilizzazione Membrane bituminose
destinate ad impedire la risalita di umidit dal suolo Definizioni e
caratteristiche
EN13969:2004 2,3 1,2+,3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN13969:2007 mar-07 20/11/2007
M/102 EN13969:2004 /A1:2006 2,3 1,2+,3,4 01/01/08 01/01/09 UNI EN13969:2007 mar-07 20/11/2007
M/102 EN13970 Membrane flessibili per impermeabilizzazione Strati bituminosi per il
controllo del vapore Definizioni e caratteristiche
EN13970:2004 2,3 1,3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN13970:2007 mar-07 20/11/2007
M/102 EN13970:2004 /A1:2006 2,3 1,3,4 01/01/08 01/01/09 UNI EN13970:2007 mar-07 20/11/2007
M/102 EN13984 Membrane flessibili per impermeabilizzazione Strati di plastica e gomma
per il controllo del vapore Definizioni e caratteristiche
EN13984:2004 2,3 1,3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN13984:2007 mar-07
M/102 EN13984:2004 /A1:2006 2,3 1,3,4 01/01/08 01/01/09 UNI EN13984:2007 mar-07
M/102 EN14909 Membrane flessibili per impermeabilizzazione - Membrane di materiale
plastico e di gomma destinate ad impedire la risalita di umidit - Definizioni
e caratteristiche
EN14909:2006 2,3 1,3,4 01/02/07 01/02/08 UNI EN14909:2006 ago-06
M/102 EN14967 Membrane flessibili per impermeabilizzazione - Membrane bituminose per
muratura destinate ad impedire la risalita di umidit - Definizioni e
caratteristiche
EN14967:2006 2,3 1,3,4 01/03/07 01/03/08 UNI EN14967:2006 nov-06 27/03/2009
M/103 M/103 Prodotti per
l'isolamento termico
EN13162 Isolanti termici per edilizia - Prodotti di lana minerale (MW) ottenuti in
fabbrica - Specificazione
EN13162:2001 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13162:2003 giu-03 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 09/04/2004
M/103 EN13162:2001/ AC:2005 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13162:2003 giu-03 NO
M/103 EN13162:2008 2,3,5,6 1,3,4 01/09/09 01/09/10 UNI EN13162:2009 feb-09
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 3/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/103 EN13163 Isolanti termici per edilizia - Prodotti di polistirene espanso ottenuti in
fabbrica - Specificazione
EN13163:2001 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13163:2003 giu-03 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 09/04/2004
M/103 EN13163:2001/ AC:2005 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13163:2003 giu-03 NO
M/103 EN13163:2008 2,3,5,6 1,3,4 01/09/09 01/09/10 UNI EN13163:2009 feb-09
M/103 EN13164 Isolanti termici per edilizia - Prodotti di polistirene espanso estruso (XPS)
ottenuti in fabbrica - Specificazione
EN13164:2001 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13164:2006 mar-06 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 09/04/2004
M/103 EN13164:2001 /A1:2004 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13164:2006 mar-06 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 NO
M/103 EN13164:2001/ AC:2005 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13164:2006 mar-06 NO
M/103 EN13164:2008 2,3,5,6 1,3,4 01/09/09 01/09/10 UNI EN13164:2009 feb-09
M/103 EN13165 Isolanti termici per edilizia - Prodotti di poliuretano espanso rigido (PUR)
ottenuti in fabbrica Specificazione
EN13165:2001 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13165:2006 mar-06 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 09/04/2004
M/103 EN13165:2001 /A1:2004 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13165:2006 mar-06 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 NO
M/103 EN13165:2001 /A2:2004 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13165:2006 mar-06 NO
M/103 EN13165:2001/ AC:2005 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13165:2006 mar-06 NO
M/103 EN13165:2008 2,3,5,6 1,3,4 01/09/09 01/09/10 UNI EN13165:2009 feb-09
M/103 EN13166 Isolanti termici per edilizia - Prodotti di resine fenoliche espanse ottenuti in
fabbrica Specificazione
EN13166:2001 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13166:2006 mar-06 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 09/04/2004
M/103 EN13166:2001 /A1:2004 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13166:2006 mar-06 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 NO
M/103 EN13166:2001/ AC:2005 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13166:2006 mar-06 NO
M/103 EN13166:2008 2,3,5,6 1,3,4 01/09/09 01/09/10 UNI EN13166:2009 mar-09
M/103 EN13167 Isolanti termici per edilizia - Prodotti di vetro cellulare (CG) ottenuti in
fabbrica - Specificazione
EN13167:2001 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13167:2006 mar-06 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 09/04/2004
M/103 EN13167:2001 /A1:2004 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13167:2006 mar-06 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 NO
M/103 EN13167:2001/ AC:2005 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13167:2006 mar-06 NO
M/103 EN13167:2008 2,3,5,6 1,3,4 01/09/09 01/09/10 UNI EN13167:2009 mar-09
M/103 EN13168 Isolanti termici per edilizia - Prodotti di lana di legno (WW) ottenuti in
fabbrica - Specificazione
EN13168:2001 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13168:2006 mar-06 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 09/04/2004
M/103 EN13168:2001 /A1:2004 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13168:2006 mar-06 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 NO
M/103 EN13168:2001/ AC:2005 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13168:2006 mar-06 NO
M/103 EN13168:2008 2,3,5,6 1,3,4 01/09/09 01/09/10 UNI EN13168:2009 mar-09
M/103 EN13169 Isolanti termici per edilizia - Prodotti di perlite espansa (EPS) ottenuti in
fabbrica - Specificazione
EN13169:2001 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13169:2006 mar-06 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 09/04/2004
M/103 EN13169:2001 /A1:2004 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13169:2006 mar-06 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 NO
M/103 EN13169:2001/ AC:2005 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13169:2006 mar-06 NO
M/103 EN13169:2008 2,3,5,6 1,3,4 01/09/09 01/09/10 UNI EN13169:2009 mar-09
M/103 EN13170 Isolanti termici per edilizia - Prodotti di sughero espanso ottenuti in fabbrica
Specificazione
EN13170:2001 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13170:2003 giu-03 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 09/04/2004
M/103 EN13170:2001/ AC:2005 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13170:2003 giu-03 NO
M/103 EN13170:2008 2,3,5,6 1,3,4 01/09/09 01/09/10 UNI EN13170:2009 mar-09
M/103 EN13171 Isolanti termici per edilizia - Prodotti di fibre di legno (WF) ottenuti in
fabbrica Specificazione
EN13171:2001 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13171:2006 mar-06 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 09/04/2004
M/103 EN13171:2001 /A1:2004 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13171:2006 mar-06 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 NO
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 4/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/103 EN13171:2001/ AC:2005 2,3,5,6 1,3,4 UNI EN13171:2006 mar-06 NO
M/103 EN13171:2008 2,3,5,6 1,3,4 01/09/09 01/09/10 UNI EN13171:2009 mar-09
M/103 EN14063-1 Isolanti termici per edilizia - Prodotti di aggregati leggeri di argilla espansa
realizzati in situ - Parte 1: Specifiche per i prodotti sfusi prima della messa
in opera
EN14063-1:2004 2,3,5,6 1,3,4 01/06/05 01/06/06 UNI EN14063-1:2005 mar-05
M/103 EN14063-1:2004 /AC:2006 2,3,5,6 1,3,4 01/01/08 01/01/08 UNI EN14063-1:2005 mar-05 NO
M/103 EN14064-1 Isolanti termici per l'edilizia - Prodotti sfusi di lana minerale (MW) realizzati
in sito - Parte 1: Specifiche per i prodotti sfusi prima dell'installazione
EN14064-1:2010 2,3,5,6 1,3,4 01/12/10 01/12/11 UNI EN14064-1:2010 apr-10
M/103 EN14303 Isolanti termici per gli impianti degli edifici e per le installazioni industriali -
Prodotti di lana minerale (MW) ottenuti in fabbrica - Specificazione
EN14303:2009 2,3,5,6 1,3,4 01/08/10 01/08/12 UNI EN14303:2010 gen-10
M/103 EN14304 Isolanti termici per gli impianti degli edifici e per le installazioni industriali -
Prodotti di espanso elastomerico flessibile (FEF) ottenuti in fabbrica -
Specificazione
EN14304:2009 2,3,5,6 1,3,4 01/08/10 01/08/12 UNI EN14304:2010 gen-10
M/103 EN14305 Isolanti termici per gli impianti degli edifici e per le installazioni industriali -
Prodotti di vetro cellulare (CG) ottenuti in fabbrica - Specificazione
EN14305:2009 2,3,5,6 1,3,4 01/08/10 01/08/12 UNI EN14305:2010 gen-10
M/103 EN14306 Isolanti termici per gli impianti degli edifici e per le installazioni industriali -
Prodotti di silicato di calcio (CS) ottenuti in fabbrica - Specificazione
EN14306:2009 2,3,5,6 1,3,4 01/08/10 01/08/12 UNI EN14306:2010 gen-10
M/103 EN14307 Isolanti termici per gli impianti degli edifici e per le installazioni industriali -
Prodotti di polistirene espanso estruso (XPS) ottenuti in fabbrica -
Specificazione
EN14307:2009 2,3,5,6 1,3,4 01/08/10 01/08/12 UNI EN14307:2010 gen-10
M/103 EN14308 Isolanti termici per gli impianti degli edifici e per le installazioni industriali -
Prodotti di poliuretano espanso rigido (PUR) e di poliisocianurato espanso
(PIR) ottenuti in fabbrica - Specificazione
EN14308:2009 2,3,5,6 1,3,4 01/08/10 01/08/12 UNI EN14308:2010 gen-10
M/103 EN14309 Isolanti termici per gli impianti degli edifici e per le installazioni industriali -
Prodotti di polistirene espanso (EPS) ottenuti in fabbrica - Specificazione
EN14309:2009 2,3,5,6 1,3,4 01/08/10 01/08/12 UNI EN14309:2010 gen-10
M/103 EN14313 Isolanti termici per gli impianti degli edifici e per le installazioni industriali -
Prodotti di polietilene espanso (PEF) ottenuti in fabbrica - Specificazione
EN14313:2009 2,3,5,6 1,3,4 01/08/10 01/08/12 UNI EN14313:2010 gen-10
M/103 EN14314 Isolanti termici per gli impianti degli edifici e per le installazioni industriali -
Prodotti di resine fenoliche espanse (PF) ottenuti in fabbrica -
Specificazione
EN14314:2009 2,3,5,6 1,3,4 01/08/10 01/08/12 UNI EN14314:2010 gen-10
M/103 EN14315-1 Thermal insulatingproducts for buildings - In-situformedsprayedrigid
polyurethane(PUR) andpolyisocyanurate(PIR) foamproducts - Part1:
Specificationfor therigidfoamspraysystembeforeinstallation
prEN14315-1
M/103 EN14316-1 Isolanti termici per edilizia - Isolamento termico realizzato in sito con
prodotti di perlite espansa (EP) - Parte 1: Specifiche per i prodotti legati e
sfusi prima della messa in opera
EN14316-1:2004 2,3,5,6 1,3,4 01/06/05 01/06/06 UNI EN14316-1:2005 mar-05
M/103 EN14317-1 Isolanti termici per edilizia - Isolamento termico realizzato in sito con
prodotti di vermiculite espansa (EV) - Parte 1: Specifiche per i prodotti
legati e sfusi prima della messa in opera
EN14317-1:2004 2,3,6 3,4 01/06/05 01/06/06 UNI EN14317-1:2005 mar-05
EN14317-1:2007 2,3,6 3,4 UNI EN14317-1:2007 lug-07
M/103 EN14318-1 Thermal insulatingproducts for buildings - In-situformeddispensedrigid
polyurethane(PUR) andpolyisocyanurate(PIR) foamproducts - Part1:
Specificationfor therigidfoamdispensedsystembeforeinstallation
prEN14318-1
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 5/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/103 EN14319-1 Thermal insulatingproducts for buildingequipmentandindustrial
installations - In-situformeddispensedrigidpolyurethane(PUR) and
polyisocyanurate(PIR) foamproducts - Part1: Specificationfor therigid
foamdispensedsystembeforeinstallation
prEN14319-1
M/103 EN14320-1 Thermal insulatingproducts for buildingequipmentandindustrial
installations - In-situformedsprayedrigidpolyurethane(PUR) and
polyisocyanurate(PIR) foamproducts - Part1: Specificationfor therigid
foamspraysystembeforeinstallation
prEN14320-1
M/103 EN14933 Isolamento termico e prodotti leggeri di riempimento per applicazioni di
ingegneria civile - Prodotti di polistirene espanso (EPS) ottenuti in fabbrica -
Specificazione
EN14933:2007 2,3,5,6 1,3,4 01/07/08 01/07/09 UNI EN14933:2008 apr-08
M/103 EN14934 Isolamento termico e prodotti leggeri di riempimento per applicazioni di
ingegneria civile - Prodotti di polistirene estruso (XPS) ottenuti in fabbrica -
Specificazione
EN14934:2007 2,3,5,6 1,3,4 01/07/08 01/07/09 UNI EN14934:2008 apr-08
M/103 EN15101-1 Thermal insulationproducts for buildings - In-situformedloose- fill
celluloseproducts - Part1: Specificationfor theproducts beforeinstallation
prEN15101-1
M/103 EN15599-1 Isolanti termici per gli impianti degli edifici e le installazioni industriali -
Isolamento termico realizzato in sito con prodotti di perlite espansa (EP) -
Parte 1: Specifiche per i prodotti legati e sfusi prima della messa in opera
EN15599-1:2010 2,3,5,6 1,3,4 01/04/11 01/04/12 UNI EN15599-1:2010 set-10
M/103 EN15600-1 Isolamenti termici pr gli impianti degli edifici e le installazioni industriali -
Isolamento termico realizzato in sito con prodotti di vermiculite espansa
(EV) - Parte 1 Specifiche pr i prodotti legati e sfusi prima della messa in
opera
EN15600-1:2010 2,3,5,6 1,3,4 01/04/11 01/04/12 UNI EN15600-1:2010 set-10
M/103 EN15732 Lightweightfill andthermal insulationproducts for civil engineering
applications (CEA) - Expandedclaylightweightaggregateproducts (LWA)
prEN15732
M/104 M/104 Appoggi strutturali EN1337-3 Appoggi strutturali - Parte 3: Appoggi elastomerici EN1337-3:2005 1 1,3 01/01/06 01/01/07 UNI EN1337-3:2005 lug-05 Decreto 16
novembre 2009
M/104 EN1337-4 Appoggi strutturali - Parte 4: Appoggi a rullo EN1337-4:2004 1 1,3 01/02/05 01/02/06 UNI EN1337-4:2004 ott-04 Decreto 16
novembre 2009
M/104 EN1337-4:2004/ AC:2007 1 1,3 01/01/08 01/01/08 UNI EN1337-4:2004 ott-04 Decreto 16
novembre 2009
NO
M/104 EN1337-5 Appoggi strutturali - Parte 5: Appoggi a disco elastomerico EN1337-5:2005 1 1,3 01/01/06 01/01/07 UNI EN1337-5:2005 lug-05 Decreto 16
novembre 2009
M/104 EN1337-6 Appoggi strutturali - Parte 6: Appoggi a contatto lineare EN1337-6:2004 1 1,3 01/02/05 01/02/06 UNI EN1337-6:2004 ott-04 Decreto 16
novembre 2009
M/104 EN1337-7 Appoggi strutturali - Parte 7: Appoggi sferici e cilindri di PTFE EN1337-7:2004 1 1,3 01/12/04 01/06/05 UNI EN1337-7:2004 ago-04 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 01/08/2003
M/104 EN1337-8 Appoggi strutturali - Parte 8: Guide e ritegni EN1337-8:2007 1 1,3 01/01/09 01/01/10 UNI EN1337-8:2007 dic-07
M/105 M/105 Camini, condotti e
prodotti specifici
EN416-1 Apparecchi di riscaldamento a gas, a tubo radiante sospeso, con bruciatore
singolo per uso non domestico - Parte 1: Sicurezza
EN416-1:2009 3,4 2+, 4 01/12/09 01/12/10 UNI EN416-1:2009 lug-09
M/105 EN621 Generatori d'aria calda a convezione forzata per il riscaldamento di
ambienti non domestici, alimentati a gas di portata termica riferita al potere
calorifico inferiore, non maggiore di 300 kW, senza ventilatore nel circuito d
combustione
EN621:2009 1,2,3,4 2+,4 01/08/10 01/08/11 UNI EN621:2010 gen-10
M/105 EN777-1 Tubi radianti a gas sospesi con bruciatori multipli per uso non domestico -
Parte 1: Sistema D, sicurezza
EN777-1:2009 3,4 2+, 4 01/11/09 01/11/10 UNI EN777-1:2009 lug-09
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 6/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/105 EN777-2 Tubi radianti a gas sospesi con bruciatori multipli per uso non domestico -
Parte 2: Sistema E, sicurezza
EN777-2:2009 3,4 2+, 4 01/11/09 01/11/10 UNI EN777-2:2009 lug-'09
M/105 EN777-3 Tubi radianti a gas sospesi con bruciatori multipli per uso non domestico -
Parte 3: Sistema F, sicurezza
EN777-3:2009 3,4 2+, 4 01/11/09 01/11/10 UNI EN777-3:2009 lug-09
M/105 EN777-4 Tubi radianti a gas sospesi con bruciatori multipli per uso non domestico -
Parte4: Sistema H, sicurezza
EN777-4:2209 3,4 2+, 4 01/11/09 01/11/10 UNI EN777-4:2009 lug-09
M/105 EN778 Generatori di aria calda a convezione forzata per il riscaldamento di
ambienti domestici, alimentati a gas di portata termica riferita al potere
calorifico inferiore, non maggiore di 70 kW, senza ventilatore nel circuito di
combustione
EN778:2009 1,2,3,4 2-,4 01/08/10 01/08/11 UNI EN778:2009 nov-09
M/105 EN1020 Generatori di aria calda a convezione forzata per il riscaldamento di
ambienti non domestici, alimentati a gas di portata termica riferita al potere
calorifico inferiore, non maggiore di 300 kW, equipaggiati con ventilatore
nel circuito di combustione
EN1020:2009 1,2,3,4 2+,4 01/08/10 01/08/11 UNI EN1020:2009 dic-09
M/105 EN1319 Generatori di aria calda a convezione forzata alimentati a gas, per il
riscaldamento di ambienti domestici, equipaggiati con bruciatore munito di
ventilatore, con portata termica nominale riferita al potere calorifico inferiore
non maggiore di 70 kW
EN1319:2009 1,2,3,4 2+,4 01/10/10 01/10/11 UNI EN1319:2010 feb-10
M/105 EN1457 Camini - Condotti interni di terracotta/ceramica - Requisiti e metodi di provaEN1457:1999 1,2,3,4 2+ 01/08/03 01/08/04 UNI EN1457:2004 feb-04
M/105 EN1457:1999/ A1:2002 1,2,3,4 2+ 01/08/03 01/08/04 UNI EN 1457:2004 feb-04
M/105 EN1457:1999/ AC:2006 1,2,3,4 2+ 01/01/07 01/01/07 UNI EN1457:2004 feb-04 NO
M/105 EN1457:1999/
A1:2002/AC:2007
1,2,3,4 2+ 01/01/08 01/01/08 UNI EN1457:2004 feb-04 NO
M/105 EN1457-1 Chimneys - Clay/ceramic flueliners - Part1: Flueliners operatingunder
dryconditions - Requirements andtestmethods
prEN1457-1
M/105 EN1457-2 Chimneys - Clayceramic flueliners - Part2: Flueliners operatingunder
wetconditions - Requirements andtestmethods
prEN1457-2
M/105 EN1806 Camini - Blocchi di laterizio/ceramica per camini a parete singola - Requisiti
e metodi di prova
EN1806:2006 1,2,3,4 2+ 01/05/07 01/05/08 UNI EN1806:2006 nov-06
M/105 EN1856-1 Camini - Requisiti per camini metallici - Parte 1: Prodotti per sistemi di
camini
EN1856-1:2003 1,2,3,4 2+,4 UNI EN1856-1:2005 apr-05 22/08/2006
M/105 EN1856-1:2003 /A1:2006 1,2,3,4 2+,4 UNI EN1856-1:2007 nov-07
M/105 EN1856-1:2009 1,2,3,4 2+,4 01/03/10 01/03/11 UNI EN1856-1:2009 nov-09
M/105 EN1856-2 Camini - Requisiti per camini metallici - Parte 2: Condotti interni e canali da
fumo metallici
EN1856-2:2004 1,2,3,4 2+ UNI EN1856-2:2006 gen-06
M/105 EN1856-2:2009 1,2,3,4 2+ 01/03/10 01/03/11 UNI EN1856-2:2009 nov-09
M/105 EN1857 Camini - Componenti - Condotti fumari di calcestruzzo EN1857:2003 1,2,3,4 2+ UNI EN1857:2005 mag-05
M/105 EN1857:2003/ AC:2005 1,2,3,4 2+ UNI EN1857:2005 mag-05 NO
M/105 EN1857:2003/ AC:2007 1,2,3,4 2+ UNI EN1857:2005 mag-05 NO
M/105 EN1857:2003 + A1:2008 1,2,3,4 2+ 01/01/09 01/01/10 UNI EN1857:2008 lug-08
M/105 EN1857:2010 1,2,3,4 2+ 01/01/11 01/01/12 UNI EN1857:2010 mag-10
M/105 EN1858 Camini - Componenti - Blocchi di calcestruzzo EN1858:2003 1,2,3,4 2+ UNI EN1858:2005 mag-05
M/105 EN1858:2008 1,2,3,4 2+ 01/09/09 01/09/10 UNI EN1858:2009 apr-09
M/105 EN12446 Camini - Componenti - Elementi esterni di calcestruzzo EN12446:2003 1,2,3,4 2+ 01/02/04 01/02/05 UNI EN12446:2005 mag-05
M/105 EN12446:2009 1,2,3,4 2+ in pubblicazione
M/105 EN13063-1 Camini - Sistemi di camini con condotti di terracotta/ceramica - Parte 1:
Requisiti e metodi di prova per la resistenza al fuoco da fuliggine
EN13063-1:2005 1,2,3,4 2+ UNI EN13063-1:2006 feb-06
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 7/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/105 EN13063-1:2005 +A1:2007 1,2,3,4 2+ 01/05/08 01/05/09 UNI EN13063-1:2007 nov-07
M/105 EN13063-2 Camini - Sistemi di camini con condotti di terracotta/ceramica - Parte 2:
Requisiti e metodi di prova in condizioni umide
EN13063-2:2005 1,2,3,4 2+ UNI EN13063-2:2005 set-05
M/105 EN13063-2:2005 +A1:2007 1,2,3,4 2+ 01/05/08 01/05/09 UNI EN13063-2:2007 nov-07
M/105 EN13063-3 Camini - Sistemi camino con condotti interni di terracotta/ceramica - Parte
3: Requisiti e metodi di prova per sistemi camino a flusso bilanciato
EN13063-3:2007 1,2,3,4 2+ 01/05/08 01/05/09 UNI EN13063-3:2007 nov-07
M/105 EN13069 Camini - Rivestimenti esterni in terracotta/ceramica per camini sistema -
Requisiti e metodi di prova
EN13069:2005 1,2,3,4 2+ 01/05/06 01/05/07 UNI EN13069:2005 set-05 22/08/2006
M/105 EN13084-5 Camini strutturalmente indipendenti - Parte 5: Materiali per condotti interni
di mattoni - Specifiche di prodotto
EN13084-5:2005 1,2,3,4 2+ 01/04/06 01/04/07 UNI EN13084-5:2005 set-05 22/08/2006
M/105 EN13084-5:2005 /AC:2006 1,2,3,4 2+ 01/01/07 01/01/07 UNI EN13084-5:2005 set-05 NO
M/105 EN13084-7 Camini strutturalmente indipendenti - Parte 7: Specifiche di prodotto
applicabili ad elementi cilindrici di acciaio da utilizzare per camini di acciaio
a parete singola e per pareti interne di acciaio
EN13084-7:2005 1,2,3,4 2+ 01/08/06 01/08/07 UNI EN13084-7:2006 gen-06
M/105 EN13084-7:2005/ AC:2009 1,2,3,4 2+ 01/08/09 01/08/09 UNI EN13084-7:2006 gen-06
M/105 EN13502 Camini - Requisiti e metodi di prova per terminali di terracotta/ceramica EN13502:2002 3 4 01/08/03 01/08/04 UNI EN13502:2004 mar-04 22/08/2006
M/105 EN14471 Camini - Sistemi di camini con condotti interni di plastica - Requisiti e
metodi di prova
EN14471:2005 1,2,3,4 1,2+,3,4 01/06/06 01/06/07 UNI EN14471:2005 nov-05
M/105 EN14989-1 Camini - Requisiti e metodi di prova per camini metallici e condotti di
adduzione aria di qualsiasi materiale per apparecchi di riscaldamento a
tenuta stagna - Parte 1: Terminali verticali aria/fumi per apparecchi di tipo
C6
EN14989-1:2007 2,3,4 2+ 01/01/08 01/01/09 UNI EN14989-1:2007 giu-07
M/105 EN14989-2 Camini - Requisiti e metodi di prova per camini metallici e condotti di
adduzione aria di qualsiasi materiale per apparecchi di riscaldamento a
tenuta stagna - Parte 2: Condotti per fumi e aria comburente per apparecch
a tenuta stagna
EN14989-2:2007 2,3,4 2+ 01/01/09 01/01/10 UNI EN14989-2:2008 apr-08
M/106 M/106 Prodotti di gesso EN520 Lastre di gesso - Definizioni, specificazioni e metodi di prova EN520:2004 1,2,3,4,5,6 3,4 UNI EN520:2005 mag-05 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/106 EN520:2004/A1:2009 1,2,3,4,5,6 3,4 01/06/10 01/12/10 UNI EN520:2009 ott-09
M/106 EN12859 Blocchi di gesso - Definizioni, requisiti e metodi di prova EN12859:2001 2,5,6 3,4 UNI EN12859:2002 ott-02 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/106 EN12859:2001/ A1:2004 2,5,6 3,4 UNI EN12859:2008 feb-08 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/106 EN12859:2008 2,5,6 3,4 01/01/09 01/01/10 UNI EN12859:2008 set-08
M/106 EN12860 Adesivi a base di gesso per blocchi di gesso - Definizioni, requisiti e metodi
di prova
EN12860:2001 2 3,4 01/04/02 01/04/03 UNI EN12860:2002 nov-02 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 8/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/106 EN12860:2001/AC:2002 2,3 3,4 01/01/10 01/01/10 UNI EN12860:2002 nov-02
M/106 EN13279-1 Leganti e intonaci a base di gesso - Parte 1: Definizioni e requisiti EN13279-1:2005 2,5,6 3,4 UNI EN13279-1:2006 gen-06 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/106 EN13279-1:2008 2,5,6 3,4 01/10/09 01/10/10 UNI EN13279-1:2008 dic-08
M/106 EN13658-1 Profili metallici - Definizioni, requisiti e metodi di prova - Parte 1: Intonaci
interni
EN13658-1:2005 2 3,4 01/03/06 01/03/07 UNI EN13658-1:2005 nov-05 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/106 EN13658-2 Profili metallici - Definizioni, requisiti e metodi di prova - Parte 2: Intonaci
esterni
EN13658-2:2005 2 3,4 01/03/06 01/03/07 UNI EN13658-2:2005 nov-05 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/106 EN13815 Intonaco a base di gesso rinforzato con fibre - Definizioni, requisiti e metodi
di prova
EN13815:2006 2,3,4,5,6 1,3,4 01/06/07 01/06/08 UNI EN13815:2007 mag-07 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/106 EN13915 Pannelli prefabbricati di lastre di cartongesso con nido d'ape di cartone -
Definizioni, requisiti e metodi di prova
EN13915:2007 2,3,4,5,6 3,4 01/06/08 01/06/09 UNI EN13915:2007 dic-07
M/106 EN13950 Lastre di gesso rivestito accoppiate con pannelli isolanti termo/acustici -
Definizioni, requisiti e metodi di prova
EN13950:2005 2,3,4,5,6 3,4 01/09/06 01/09/07 UNI EN13950:2006 feb-06 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/106 EN13963 Sigillanti per lastre di gesso rivestito - Definizioni, requisiti e metodi di provaEN13963:2005 2,4 3,4 01/03/06 01/03/07 UNI EN13963:2005 nov-05 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/106 EN13963:2005 /AC:2006 2,4 3,4 01/01/07 01/01/07 UNI EN13963:2005 nov-05 NO
M/106 EN14190 Prodotti di trasformazione secondaria di lastre di gesso - Definizioni,
requisiti e metodi di prova
EN14190:2005 1,2,3,4,5,6 3,4 01/04/06 01/04/07 UNI EN14190:2006 gen-06 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/106 EN14195 Componenti di intelaiature metalliche per sistemi a pannelli di gesso -
Definizioni, requisiti e metodi di prova
EN14195:2005 2,4 3,4 01/01/06 01/01/07 UNI EN14195:2005 lug-05 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/106 EN14195:2006 /AC:2006 2,4 3,4 01/01/07 01/01/07 UNI EN14195:2005 lug-05 NO
M/106 EN14209 Cornici di gesso sagomate - Definizioni, requisiti e metodi di prova EN14209:2005 2,4 3,4 01/09/06 01/09/07 UNI EN14209:2006 feb-06 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/106 EN14246 Elementi di gesso per controsoffitti - Definizioni, requisiti e metodi di prova EN14246:2006 2,3,4,5,6 3,4 01/04/07 01/04/08 UNI EN14246:2006 nov-06 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/106 EN14246:2006/ AC:2007 2,3,4,5,6 3,4 01/01/08 01/01/08 UNI EN14246:2006 nov-06 NO
M/106 EN14353 Profili metallici per impiego con lastre di gesso - Definizioni, requisiti e
metodi di prova
EN14353:2007 2,4 3,4 01/01/09 01/01/10 UNI EN14353:2008 apr-08
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 9/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/106 EN14353:2007+A1:2010 2,4 3,4 01/11/10 01/11/10 UNI EN14353:2010 feb-10
M/106 EN14496 Adesivi a base di gesso per pannelli accoppiati termo/acustici e lastre di
gesso rivestite - Definizioni, requisiti e metodi di prova
EN14496:2005 1,2,3,4,5,6 3,4 01/09/06 01/09/07 UNI EN14496:2006 feb-06 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/106 EN14566 Elementi di collegamento meccanici per sistemi a pannelli di gesso -
Definizioni, requisiti e metodi di prova
EN14566:2008 2,4 4 UNI EN14566:2008 apr-08
EN14566:2008+A1:2009 2,4 4 01/05/10 01/11/10 UNI EN14566:2009 ott-09
M/106 EN15283-1 Lastre di gesso rinforzate con fibre - Definizioni, requisiti e metodi di prova -
Parte 1: Lastre di gesso rinforzate con rete
EN15283-1:2008 1,2,3,4,5,6 3,4 UNI EN15283-1:2008 lug-08
M/106 EN15283-1:2008+A1:2009 1,2,3,4,5,6 3,4 01/06/10 01/06/11 UNI EN15283-1:2009 ott-09
M/106 EN15283-2 Lastre di gesso rinforzate con fibre - Definizioni, requisiti e metodi di prova -
Parte 2: Lastre di gesso con fibre
EN15283-2:2008 1,2,3,4,5,6 3,4 UNI EN15283-2:2008 lug-08
M/106 EN15283-2:2008+A1:2009 1,2,3,4,5,6 3,4 01/06/10 01/06/11 UNI EN15283-1:2009 ott-09
M/107 M/107 Geotessili EN13249 Geotessili e prodotti affini - Caratteristiche richieste per l'impiego nella
costruzione di strade e di altre aree soggette a traffico (escluse ferrovie e
l'inclusione in conglomerati bituminosi)
EN13249:2000 1,3,4 2+,4 01/10/01 01/10/02 UNI EN13249:2005 set-05 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 01/08/2003
M/107 EN13249:2000/ A1:2005 1,3,4 2+,4 01/11/05 01/11/06 UNI EN13249:2005 set-05
M/107 EN13250 Geotessili e prodotti affini - Caratteristiche richieste per l'impiego nella
costruzione di ferrovie
EN13250:2000 1,3,4 2+,4 01/10/01 01/10/02 UNI EN13250:2005 set-05 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 01/08/2003
M/107 EN13250:2000/ A1:2005 1,3,4 2+,4 01/06/06 01/06/07 UNI EN13250:2005 set-05
M/107 EN13251 Geotessili e prodotti affini - Caratteristiche richieste per l'impiego nelle
costruzioni di terra, nelle fondazioni e nelle strutture di sostegno
EN13251:2000 1,3,4 2+,4 01/10/01 01/10/02 UNI EN13251:2005 set-05 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 01/08/2003
M/107 EN13251:2000/ A1:2005 1,3,4 2+,4 01/06/06 01/06/07 UNI EN13251:2005 set-05
M/107 EN13252 Geotessili e prodotti affini - Caratteristiche richieste per l'impiego nei sistem
drenanti
EN13252:2000 1,3,4 2+,4 01/10/01 01/10/02 UNI EN13252:2005 ago-05 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 01/08/2003
M/107 EN13252:2000/ A1:2005 1,3,4 2+,4 01/06/06 01/06/07 UNI EN13252:2005 ago-05
M/107 EN13253 Geotessili e prodotti affini - Caratteristiche richieste per l'impiego nelle
opere di controllo dell'erosione (protezione delle coste, rivestimenti di
sponda)
EN13253:2000 1,3,4 2+,4 01/10/01 01/10/02 UNI EN13253:2005 ott-05 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 01/08/2003
M/107 EN13253:2000/ A1:2005 1,3,4 2+,4 01/06/06 01/06/07 UNI EN13253:2005 ott-05
M/107 EN13254 Geotessili e prodotti affini - Caratteristiche richieste per l'impiego nella
costruzione di bacini e dighe
EN13254:2000 1,3,4 2+,4 01/10/01 01/10/02 UNI EN13254:2005 ago-05 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 01/08/2003
M/107 EN13254:2000/ AC:2003 1,3,4 2+,4 01/06/06 01/06/06 UNI EN13254:2005 ago-05 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 NO
M/107 EN13254:2000/ A1:2005 1,3,4 2+,4 01/06/06 01/06/07 UNI EN13254:2005 ago-05
M/107 EN13255 Geotessili e prodotti affini - Caratteristiche richieste per l'impiego nella
costruzione di canali
EN13255:2000 1,3,4 2+,4 01/10/01 01/10/02 UNI EN13255:2005 ago-05 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 01/08/2003
M/107 EN13255:2000/ AC:2003 1,3,4 2+,4 01/06/06 01/06/06 UNI EN13255:2005 ago-05 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 NO
M/107 EN13255:2000/ A1:2005 1,3,4 2+,4 01/06/06 01/06/07 UNI EN13255:2005 ago-05
M/107 EN13256 Geotessili e prodotti affini - Caratteristiche richieste per l'impiego nella
costruzione di gallerie e strutture in sotterraneo
EN13256:2000 1,4 2+ 01/10/01 01/10/02 UNI EN13256:2005 ott-05 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 01/08/2003
M/107 EN13256:2000/ AC:2003 1,4 2+ 01/06/06 01/06/06 UNI EN13256:2005 ott-05 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 NO
M/107 EN13256:2000/ A1:2005 1,4 2+ 01/06/06 01/06/07 UNI EN13256:2005 ott-05
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 10/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/107 EN13257 Geotessili e prodotti affini - Caratteristiche richieste per l'impiego in
discariche per rifiuti solidi
EN13257:2000 1,3,4 2+,4 01/10/01 01/10/02 UNI EN13257:2005 ago-05 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 01/08/2003
M/107 EN13257:2000/ AC:2003 1,3,4 2+,4 01/06/06 01/06/06 UNI EN13257:2005 ago-05 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 NO
M/107 EN13257:2000/ A1:2005 1,3,4 2+,4 01/06/06 01/06/07 UNI EN13257:2005 ago-05
M/107 EN13265 Geotessili e prodotti affini - Caratteristiche richieste per l'impiego nei
progetti di contenimento di rifiuti liquidi
EN13265:2000 1,3,4 2+ 01/10/01 01/10/02 UNI EN13265:2005 set-05 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 01/08/2003
M/107 EN13265:2000/ AC:2003 1,3,4 2+ 01/06/06 01/06/07 UNI EN13265:2005 set-05 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 NO
M/107 EN13265:2000/ A1:2005 1,3,4 2+ 01/06/06 01/06/07 UNI EN13265:2005 set-05
M/107 EN13361 Geosintetici con funzione barriera - Caratteristiche richieste per l'impiego
nella costruzione di bacini e di dighe
EN13361:2004 1,3 2+ 01/09/05 01/09/06 UNI EN13361:2005 nov-05 22/08/2006
M/107 EN13361:2004 /A1:2006 1,3 2+ 01/06/07 01/06/08 UNI EN13361:2008 mar-08
M/107 EN13362 Geosintetici con funzione barriera - Caratteristiche richieste per l'impiego
nella costruzione di canali
EN13362:2005 1,3 2+ 01/02/06 01/02/07 UNI EN13362:2005 nov-05 22/08/2006
M/107 EN13491 Geosintetici con funzione barriera - Caratteristiche richieste per l'impiego
come barriere ai fluidi nella costruzione di gallerie e strutture in sotterraneo
EN13491:2004 1,3 2+ 01/09/05 01/09/06 UNI EN13491:2005 nov-05 22/08/2006
M/107 EN13491:2004 /A1:2006 1,3 2+ 01/06/07 01/06/08 UNI EN13491:2008 feb-08
M/107 EN13492 Geosintetici con funzione barriera - Caratteristiche richieste per l'impiego
nella costruzione di discariche per smaltimento, di opere di trasferimento o
di contenimento secondario di rifiuti liquidi
EN13492:2004 1,3 2+ 01/09/05 01/09/06 UNI EN13492:2005 nov-05 22/08/2006
M/107 EN13492:2004 /A1:2006 1,3 2+ 01/06/07 01/06/08 UNI EN13492:2008 feb-08
M/107 EN13493 Geosintetici con funzione barriera - Caratteristiche richieste per l'impiego
nella costruzione di discariche per accumulo e smaltimento di rifiuti solidi
EN13493:2005 1,3 2+ 01/03/06 01/03/07 UNI EN13493:2005 nov-05 22/08/2006
M/107 EN15381 Geosintetici e prodotti affini - Requisiti per l'impiego in pavimentazioni e
strati di usura
EN 15381:2008 1,3,4 2+ 01/01/10 01/01/11 UNI EN15381:2008 nov-08
M/107 EN15382 Geosintetici con funzione barriera - Caratteristiche richieste per l'impiego in
infrastrutture di trasporto
EN15382:2008 1,3 2+ 01/01/10 01/01/11 UNI EN15382:2008 nov-08
M/108 M/108 Facciate continue EN13830 Facciate continue - Norma di prodotto EN13830:2003 2,3,4,5,6 1,3 01/12/04 01/12/05 UNI EN13830:2005 apr-05 22/11/2005
M/109 M/109 Sistemi di
rivelazione, di
segnalazione e di lotta
all'incendio
EN54-2 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 2: Centrale di
controllo e segnalazione
EN54-2:1997 2,3 1 01/01/08 01/08/09 UNI EN54-2:1999 mar-99 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN54-2:1997/ A1:2006 2,3 1 01/01/08 01/08/09 UNI EN54-2:2007 mar-07 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN54-2:1997/ AC:1999 2,3 1 01/01/08 01/01/08 UNI EN54-2:2007 mar-07 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN54-3 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 3: Dispositivi
sonori di allarme incendio
EN54-3:2001 2,3 1 01/04/03 01/06/09 UNI EN54-3:2002 ott-02 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 23/03/2005
M/109 EN54-3:2001/A1:2002 2,3 1 01/04/03 30/06/05 UNI EN54-3:2007 set-07
M/109 EN54-3:2001/ A2:2006 2,3 1 01/03/07 01/06/09 UNI EN54-3:2007 set-07 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN54-4 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 4:
Apparecchiatura di alimentazione
EN54-4:1997 2,3 1 01/10/03 01/08/09 UNI EN54-4:1999 mar-99 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 23/03/2005
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 11/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/109 EN54-4:1997/ A1:2002 2,3 1 01/10/03 01/08/09 UNI EN54-4:2003 set-03
M/109 EN54-4:1997/ A2:2006 2,3 1 01/06/07 01/08/09 UNI EN54-4:2007 nov-07 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN54-4:1997/ AC:1999 2,3 1 01/06/05 01/06/05 UNI EN54-4:2007 nov-07 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN54-5 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 5: Rivelatori di
calore - Rivelatori puntiformi
EN54-5:2000 2,3 1 01/04/03 30/06/05 UNI EN54-5:2002 giu-02 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 22/08/2006
M/109 EN54-5:2000/ A1:2002 2,3 1 01/04/03 30/06/05 UNI EN54-5:2003 mar-03
M/109 EN54-7 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 7: Rivelatori di
fumo - Rilevatori puntiformi funzionanti secondo il principio della diffusione
della luce, della trasmissione della luce o della ionizzazione
EN54-7:2000 2,3 1 01/04/03 01/08/09 UNI EN54-7:2002 mar-02 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 23/03/2005
M/109 EN54-7:2000/ A1:2002 2,3 1 01/04/03 30/06/05 UNI EN54-7:2003 mar-03
M/109 EN54-7:2000/ A2:2006 2,3 1 01/05/07 01/08/09 UNI EN54-7:2007 nov-07 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN54-10 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 10: Rivelatori di
fiamma - Rivelatori puntiformi
EN54-10:2002 2,3 1 01/09/06 01/09/08 UNI EN54-10:2003 set-03 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN54-10:2002/ A1:2005 2,3 1 01/09/06 01/09/08 UNI EN54-10:2006 set-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN54-11 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 11: Punti di
allarme manuali
EN54-11:2001 2,3 1 01/09/06 01/09/08 UNI EN54-11:2003 apr-03 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN54-11:2001/ A1:2005 2,3 1 01/09/06 01/09/08 UNI EN54-11:2006 set-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN54-12 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 12: Rivelatori di
fumo - Rivelatori lineari che utilizzano un raggio ottico luminoso
EN54-12:2002 2,3 1 01/10/03 31/12/05 UNI EN54-12:2003 ott-03 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 23/03/2005
M/109 EN54-16 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 16:
Apparecchiatura di controllo e segnalazione per i sistemi di allarme vocale
EN54-16:2008 2,3 1 01/01/09 01/04/11 UNI EN54-16:2008 ago-08
M/109 EN54-17 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 17: Isolatori di
corto circuito
EN54-17:2005 2,3 1 01/10/06 01/12/08 UNI EN54-17:2006 gen-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN54-17:2005/ AC:2007 2,3 1 01/01/09 01/01/09
M/109 EN54-18 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 18: Dispositivi di
ingresso/uscita
EN54-18:2005 2,3 1 01/10/06 01/12/08 UNI EN54-18:2006 feb-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN54-18:2005 /AC:2007 2,3 1 01/01/08 01/01/08 UNI EN54-18:2006 feb-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN54-20 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 20: Rivelatori di
fumo ad aspirazione
EN54-20:2006 2,3 1 01/04/07 01/07/09 UNI EN54-20:2006 ott-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN54-20:2006/ AC:2008 2,3 1 01/08/09 01/08/09 UNI EN54-20:2006 ott-06
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 12/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/109 EN54-21 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 21:
Apparecchiature di trasmissione allarme e segnalazione remota di guasto e
avvertimento
EN54-21:2006 2,3 1 01/03/07 01/06/09 UNI EN54-21:2006 ott-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN54-22 Firedetectionandfirealarmsystem- Part22: Resettablelinetypeheat
detectors
prEN54-22
M/109 EN54-23 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 23: Dispositivi
visuali di allarme incendio
EN54-23:2010 2,3 1 01/12/10 01/03/13 UNI EN54-23:2010 apr-10
M/109 EN54-24 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 24: Componenti
di sistemi di allarme vocale - Altoparlanti
EN54-24:2008 2,3 1 01/01/09 01/04/11 UNI EN54-24:2008 ago-08
M/109 EN54-25 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 25: Componenti
che utilizzano collegamenti radio
EN54-25:2008 2,3 1 01/01/09 01/04/11 UNI EN54-25:2008 ago-08
M/109 EN54-25:2008/AC:2010 2,3 1 01/01/11 01/01/11 UNI EN54-25:2008 ago-08
M/109 EN54-26 Firedetectionandfirealarmsystems - Part26: Pointfiredetectors using
carbonmonoxidesensors
prEN54-26
M/109 EN54-27 Firedetectionandfirealarmsystems - Part27: Ductsmokedetectors prEN54-27
M/109 EN671-1 Sistemi fissi di estinzione incendi - Sistemi equipaggiati con tubazioni -
Parte 1: Naspi antincendio con tubazioni semirigide
EN671-1:2001 2 1 01/02/02 01/04/04 UNI EN671-1:2003 apr-03 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 23/03/2005
M/109 EN671-1:2001 /AC:2002 2 1 01/01/07 01/01/07 UNI EN671-1:2003 apr-03 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN671-2 Sistemi fissi di estinzione incendi - Sistemi equipaggiati con tubazioni -
Parte 2: Idranti a muro con tubazioni flessibili
EN671-2:2001 2 1 01/02/02 01/04/04 UNI EN671-2:2003 apr-03 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 23/03/2005
M/109 EN671-2:2001 /A1:2004 2 1 01/03/07 01/03/08 UNI EN671-2:2004 set-04 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12094-1 Sistemi fissi di lotta contro l'incendio - Componenti di impianti di estinzione
a gas - Parte 1: Requisiti e metodi di prova per dispositivi elettrici
automatici di comando e gestione spegnimento e di ritardo
EN12094-1:2003 2 1 01/02/04 01/05/06 UNI EN12094-1:2004 mag-04 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 23/03/2005
M/109 EN12094-10 Sistemi fissi di lotta contro l'incendio - Componenti di impianti di estinzione
a gas - Parte 10: Requisiti e metodi di prova per manometri e pressostati
EN12094-10:2003 2 1 01/02/04 01/05/06 UNI EN12094-10:2004 mag-04 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 23/03/2005
M/109 EN12094-11 Sistemi fissi di lotta contro l'incendio - Componenti di impianti di estinzione
a gas - Parte 11: Requisiti e metodi di prova per dispositivi di pesatura
meccanici
EN12094-11:2003 2 1 01/01/04 01/09/05 UNI EN12094-11:2004 mag-04 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 23/03/2005
M/109 EN12094-12 Sistemi fissi di lotta contro l'incendio - Componenti di impianti di estinzione
a gas - Parte 12: Requisiti e metodi di prova per dispositivi di allarme
pneumatici
EN12094-12:2003 2 1 01/01/04 01/09/05 UNI EN12094-12:2004 mag-04 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 23/03/2005
M/109 EN12094-13 Sistemi fissi di lotta contro l'incendio - Componenti di impianti di estinzione
a gas - Parte 13: Requisiti e metodi di prova per valvole di ritegno e valvole
di non ritorno
EN12094-13:2001 2 1 01/01/02 01/04/04 UNI EN12094-13:2002 nov-02 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 23/03/2005
M/109 EN12094-13:2001/AC:2002 2 1 01/01/10 01/01/10 UNI EN12094-13:2002 nov-02
M/109 EN12094-2 Sistemi fissi di lotta contro l'incendio - Componenti di impianti di estinzione
a gas - Parte 2: Requisiti e metodi di prova per dispositivi non elettrici
automatici di comando e gestione spegnimento e di ritardo
EN12094-2:2003 2 1 01/02/04 01/05/06 UNI EN12094-2:2004 apr-04 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 23/03/2005
M/109 EN12094-3 Sistemi fissi di lotta contro l'incendio - Componenti di impianti di estinzione
a gas - Parte 3: Requisiti e metodi di prova per dispositivi manuali di
azionamento e di bloccaggio
EN12094-3:2003 2 1 01/01/04 01/09/05 UNI EN12094-3:2004 apr-04 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 23/03/2005
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 13/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/109 EN12094-4 Sistemi fissi di lotta contro l'incendio - Componenti di impianti di estinzione
a gas - Parte 4: Requisiti e metodi di prova per complesso valvola di
scarica e rispettivi attuatori
EN12094-4:2004 2 1 01/05/05 01/08/07 UNI EN12094-4:2004 dic-04 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 20/11/2007
M/109 EN12094-5 Sistemi fissi di lotta contro l'incendio - Componenti di impianti di estinzione
a gas - Parte 5: Requisiti e metodi di prova per valvole direzionali e loro
attuatori per sistemi a CO2 in alta e bassa pressione
EN12094-5:2000 2 1 UNI EN12094-5:2004 mar-04 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 23/03/2005
M/109 EN12094-5:2006 2 1 01/02/07 01/05/09 UNI EN12094-5:2006 nov-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12094-6 Sistemi fissi di lotta contro l'incendio - Componenti di impianti di estinzione
a gas - Parte 6: Requisiti e metodi di prova per dispositivi non elettrici di
messa fuori servizio per sistemi a CO2
EN12094-6:2000 2 1 UNI EN12094-6:2003 dic-03 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 23/03/2005
M/109 EN12094-6:2006 2 1 01/02/07 01/05/09 UNI EN12094-6:2006 nov-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12094-7 Sistemi fissi antincendio - Componenti per sistemi a CO2 - Parte 7:
Requisiti e metodi di prova per gli ugelli
EN12094-7:2000 2 1 01/10/01 01/04/04 UNI EN12094-7:2005 set-05 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 23/03/2005
M/109 EN12094-7:2000 /A1:2005 2 1 01/11/05 01/11/06 UNI EN12094-7:2005 set-05 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12094-8 Sistemi fissi di lotta contro l'incendio - Componenti di impianti di estinzione
a gas - Parte 8: Requisiti e metodi di prova per raccordi
EN12094-8:2006 2 1 01/02/07 01/05/09 UNI EN12094-8:2006 nov-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12094-9 Sistemi fissi di lotta contro l'incendio - Componenti di impianti di estinzione
a gas - Parte 9: Requisiti e metodi di prova per rivelatori di incendio speciali
EN12094-9:2003 2 1 01/01/04 01/09/05 UNI EN12094-9:2004 mag-04 Decreto 5 marzo
2007
67 21/03/2007 23/03/2005
M/109 EN12101-1 Sistemi per il controllo del fumo e del calore - Parte 1: Specifiche per le
barriere antifumo
EN12101-1:2005 2 1 01/06/06 01/09/08 UNI EN12101-1:2006 lug-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12101-1:2005 /A1:2006 2 1 01/12/06 01/09/08 UNI EN12101-1:2006 lug-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12101-10 Sistemi per il controllo del fumo e del calore - Parte 10: Apparecchiature di
alimentazione
EN12101-10:2005 2 1 01/10/06 01/05/12 UNI EN12101-10:2006 feb-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12101-10:2005 /AC:2007 2 1 01/01/08 01/01/08 UNI EN12101-10:2006 feb-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12101-2 Sistemi per il controllo di fumo e calore - Parte 2: Specifiche per gli
evacuatori naturali di fumo e calore
EN12101-2:2003 2 1 01/04/04 01/09/06 UNI EN12101-2:2004 dic-04 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 23/03/2005
M/109 EN12101-3 Sistemi per il controllo di fumo e calore - Parte 3: Specifiche per gli
evacuatori forzati di fumo e calore
EN12101-3:2002 2 1 01/04/04 01/04/05 UNI EN12101-3:2004 feb-04 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12101-3:2002 /AC:2005 2 1 01/01/06 01/01/06 UNI EN12101-3:2004 feb-04 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12101-6 Sistemi per il controllo di fumo e calore - Parte 6: Sistemi di controllo del
fumo per differenza di pressione - Kit
EN12101-6:2005 2 1 01/04/06 01/04/07 UNI EN12101-6:2005 set-05 NO(opzione NPD
non prevista)
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 14/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/109 EN12101-6:2005 /AC:2006 2 1 01/01/07 01/01/07 UNI EN12101-6:2005 set-05 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12101-7 Smokeandheatcontrol systems - Part7: Smokeductsections prEN12101-7
M/109 EN12101-8 Smokeandheatcontrol systems - Part8: Smokecontrol dampers prEN12101-8
M/109 EN12259-1 Installazioni fisse antincendio - Componenti per sistemi a sprinkler e a
spruzzo d'acqua - Parte 1: Sprinklers
EN12259-1:1999 + A1:2001 2 1 01/04/02 01/09/05 UNI EN12259-1:2005 apr-05 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 23/03/2005
M/109 EN12259-1:1999 +
A1:2001/A2:2004
2 1 01/03/05 01/03/06 UNI EN12259-1:2005 apr-05 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12259-1:1999 +
A1:2001/A3:2006
2 1 01/11/06 01/11/07 UNI EN12259-1:2007 giu-07 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12259-2 Installazioni fisse antincendio - Componenti per sistemi a sprinkler e a
spruzzo d'acqua - Parte 2: Valvole di allarme idraulico
EN12259-2:1999 2 1 01/01/02 01/08/07 UNI EN12259-2:2002 set-02 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 23/03/2005
M109 EN12259-2:1999 /A1:2001 2 1 01/01/02 01/08/07 UNI EN12259-2:2002 set-02
M/109 EN12259-2:1999 /AC:2002 2 1 01/06/05 01/06/05 UNI EN12259-2:2002 set-02 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12259-2:1999 /A2:2005 2 1 01/09/06 01/08/07 UNI EN12259-2:2006 lug-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12259-3 Installazioni fisse antincendio - Componenti per sistemi a sprinkler e a
spruzzo d'acqua - Parte 3: Valvole d'allarme a secco
EN12259-3:2000 2 1 01/01/02 01/08/07 UNI EN12259-3:2002 lug-02 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 23/03/2005
M/109 EN12259-3:2000 /A1:2001 2 1 01/01/02 01/08/07 UNI EN12259-3:2002 lug-02
M/109 EN12259-3:2000 /A2:2005 2 1 01/09/06 01/08/07 UNI EN12259-3:2006 lug-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN12259-4 Installazioni fisse antincendio - Componenti per sistemi a sprinkler e a
spruzzo d'acqua - Parte 4: Allarmi a motore ad acqua
EN12259-4:2000 2 1 01/01/02 01/04/04 UNI EN12259-4:2002 lug-02 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 23/03/2005
M/109 EN12259-4:2000 /A1:2001 2 1 01/01/02 01/04/04 UNI EN12259-4:2002 lug-02
M/109 EN12259-5 Installazioni fisse antincendio - Componenti per sistemi a sprinkler e a
spruzzo d'acqua - Parte 5: Indicatori di flusso
EN12259-5:2002 2 1 01/07/03 01/09/05 UNI EN12259-5:2003 giu-03 Decreto 5 marzo
2007
66 20/03/2007 23/03/2005
M/109 EN12259-8 Fireprotection- Components for automatic sprinkler systems - Part8:
Pressureswitches
prEN12259-8
M/109 EN12259-12 Fixedfirefightingsystems - Sprinkler andwater spraysystems - Part12:
Sprinkler pumps
prEN12259-12
M/109 EN14339 Idranti antincendio sottosuolo EN14339:2005 2 1 01/05/06 01/05/07 UNI EN14339:2006 mar-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN14384 Idranti antincendio a colonna soprasuolo EN14384:2005 2 1 01/05/06 01/05/07 UNI EN14384:2006 mar-06 NO(opzione NPD
non prevista)
M/109 EN14604 Rivelatori autonomi di fumo con avvisatore acustico EN14604:2005 2 1 01/05/06 01/08/08 UNI EN14604:2005 ott-05 NO(opzione NPD
non prevista)
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 15/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/109 EN14604:2005/ AC:2008 2 1 01/08/09 01/08/09 UNI EN14604:2005 ott-05
M/110 M/110 Apparecchi sanitari EN997 Apparecchi sanitari - Vasi indipendenti e vasi abbinati a cassetta, con
sifone integrato
EN997:2003 3,4,5 4 01/12/04 01/12/06 UNI EN997:2007 mar-07 22/08/2006
M/110 EN997:2003 /A1:2006 3,4,5 4 01/01/08 01/01/09 UNI EN997:2007 mar-07
M/110 EN12764 Apparecchi sanitari - Specifica per bagni idromassaggio EN12764:2004 3,4 4 UNI EN12764:2005 apr-05 27/03/2009
M/110 EN12764:2004 + A1:2008 3,4 4 01/01/09 01/01/10 UNI EN12764:2008 mag-08
M/110 EN13310 Lavelli da cucina - Requisiti funzionali e metodi di prova EN13310:2003 3,4 4 01/02/04 01/02/06 UNI EN13310:2004 apr-04 22/08/2006
M/110 EN13407 Orinatoi a parete - Requisiti funzionali e metodi di prova EN13407:2006 3,4 4 01/01/08 01/01/09 UNI EN13407:2007 gen-07
M/110 EN14055 WC flushingcistern EN14055:2010
M/110 EN14296 Apparecchi sanitari - Lavabi a canale EN14296:2005 3,4 4 01/03/06 01/03/08 UNI EN14296:2005 ago-05 27/03/2009
M/110 EN14428 Pareti doccia - Requisiti funzionali e metodi di prova EN14428:2004 3,4 4 UNI EN14428:2005 mar-05 27/03/2009
M/110 EN14428:2004 + A1:2008 3,4 4 01/01/09 01/01/10 UNI EN14428:2008 mag-08
M/110 EN14516 Vasche da bagno per impieghi domestici EN14516:2006 + A1:2010 3,4 4 01/05/11 01/05/12 UNI EN14516:2010 set-10
M/110 EN14527 Piatti doccia per usi domestici EN14527:2006 + A1:2010 3,4 4 01/05/11 01/05/12 UNI EN14527:2010 set-10
M/110 EN14528 Bid - Requisiti funzionali e metodi di prova EN14528:2005 3,4 4 UNI EN14528:2008 gen-08 27/03/2009
M/110 EN14688 Apparecchi sanitari - Lavabi - Requisiti funzionali e metodi di prova EN14688:2006 3 4 01/01/08 01/01/09 UNI EN14688:2007 feb-07
M/110 EN14528:2007 3,4 4 01/01/08 01/01/09 UNI EN14528:2008 gen-08 27/03/2009
M/111 M/111 Attrezzature
stradali
EN40-4 Pali per illuminazione pubblica - Parte 4: Requisiti per pali per illuminazione
di calcestruzzo armato e precompresso
EN40-4:2005 4 1 01/10/06 01/10/07 UNI EN40-4:2006 nov-06
M/111 EN40-4:2005 /AC:2006 4 1 01/01/07 01/01/07 UNI EN40-4:2006 nov-06 NO
M/111 EN40-5 Pali per illuminazione pubblica - Parte 5: Specifiche per pali per
illuminazione pubblica di acciaio
EN40-5:2002 4 1 01/02/03 01/02/05 UNI EN40-5:2003 mag-03 23/03/2005
M/111 EN40-6 Pali per illuminazione pubblica - Parte 6: Requisiti per pali per illuminazione
pubblica di alluminio
EN40-6:2002 4 1 01/02/03 01/02/05 UNI EN40-6:2004 gen-04
M/111 EN40-7 Pali per illuminazione pubblica - Parte 7: Specifiche per pali per
illuminazione pubblica di compositi polimerici fibrorinforzati
EN40-7:2002 4 1 01/10/03 01/10/04 UNI EN40-7:2008 gen-08
M/111 EN1317-5 Barriere di sicurezza stradali - Parte 5: Requisiti di prodotto e valutazione di
conformit per sistemi di trattenimento veicoli
EN1317-5:2007 4 1 UNI EN1317-5:2007 lug-07 27/03/2009
M/111 EN1317-5:2007 + A1:2008 4 1 01/04/09 01/01/11 UNI EN1317-5:2008 ott-08 27/03/2009
M/111 EN1317-6 Roadrestraintsystems - Pedestrianrestraintsystems - Part6: Pedestrian
Parapet
prEN1317-6
M/111 EN1423 Materiali per segnaletica orizzontale - Materiali da postspruzzare -
Microsfere di vetro, granuli antiderapanti e loro miscele
EN1423:1997 4 1 01/05/04 01/05/05 UNI EN1423:1999 apr-99 22/11/2005
M/111 EN1423:1997/ A1:2003 4 1 01/05/04 01/05/04 UNI EN1423:2004 mar-04
M/111 EN1463-1 Materiali per segnaletica orizzontale - Inserti stradali catarifrangenti - Parte
1: Requisiti delle prestazioni iniziali
EN1463-1:1997/ A1:2003 4 1 UNI EN1463-1:2004 apr-04 23/03/2005
M/111 EN1463-1:2009 4 1 01/01/10 01/01/11 UNI EN1463-1:2009 mag-09
M/111 EN1790 Roadmarkingmaterials - Preformedroadmarkings prEN1790:1998rev
M/111 EN1871 Roadmarkingmaterials - Physical properties EN1871:2000rev
M/111 EN12352 Attrezzatura per il controllo del traffico - Dispositivi luminosi di pericolo e di
sicurezza
EN12352:2006 4 1 01/02/07 01/02/08 UNI EN12352:2006 giu-06 27/03/2009
M/111 EN12368 Attrezzatura per il controllo del traffico - Lanterne semaforiche EN12368:2006 4 1 01/02/07 01/02/08 UNI EN12368:2006 giu-06
M/111 EN12676-1 Schermi anti-abbagliamento per strade - Parte 1: Prestazioni e
caratteristiche
EN12676-1:2000 4 3 01/02/04 01/02/06 UNI EN12676-1:2002 mag-02
M/111 EN12676-1:2000 /A1:2003 4 3 01/02/04 01/02/06 EN12676-1:2004 feb-04
M/111 EN12899-1 Segnaletica verticale permanente per il traffico stradale - Parte 1: Segnali
permanenti
EN12899-1:2007 4 1 01/01/09 01/01/13 UNI EN12899-1:2008 gen-08
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 16/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/111 EN12899-2 Segnaletica verticale permanente per il traffico stradale - Parte 2:
Delineatori di ostacolo transilluminati (TTB)
EN12899-2:2007 4 1 01/01/09 01/01/13 UNI EN12899-2:2008 gen-08
M/111 EN12899-3 Segnaletica verticale permanente per il traffico stradale - Parte 3:
Delineatori di margine e dispositivi rifrangenti
EN12899-3:2007 4 1 01/01/09 01/01/13 UNI EN12899-3:2008 gen-08
M/111 EN12966-1 Segnaletica verticale per il traffico stradale - Pannelli a messaggio variabile
Parte 1: Norma di prodotto
EN12966-1:2005 4 1 01/02/06 01/02/07 UNI CEI EN12966-
1:2005
lug-05
EN12966-1:2005/A1:2009 4 1 01/08/10 01/08/10 UNI CEI EN12966-
1:2010
feb-10
M/111 EN14388 Dispositivi per la riduzione del rumore da traffico stradale - Specifiche EN14388:2005 4,5 3 01/05/06 01/05/07 UNI EN14388:2005 nov-05
M/111 EN14388:2005/ AC:2008 4,5 3 01/01/09 01/01/09 in pubblicazione
M/112 Prodotti di legno
strutturale e accessori
EN14080 Strutture di legno - Legno lamellare incollato - Requisiti EN14080:2005 1,2,3 1 01/04/06 01/12/11 UNI EN14080:2005 ott-05
M/112 EN14081-1 Strutture di legno - Legno strutturale con sezione rettangolare classificato
secondo la resistenza - Parte 1: Requisiti generali
EN14081-1:2005 1,2 2+ 01/09/06 01/09/12 UNI EN14081-1:2006 apr-06
M/112 EN14229 Structural timber - WoodPoles for overheadlines EN14229:2010
M/112 EN14250 Strutture di legno Requisiti di prodotto per elementi strutturali
prefabbricati assemblati con elementi di collegamento di lamiera metallica
punzonata
EN14250:2004 1,2 2+ 01/09/05 01/10/10 UNI EN14250:2005 mag-05
M/112 EN14250:2010 1,2 2+ 01/11/10 01/11/10 UNI EN14250:2010 mar-10
M/112 EN14374 Legno strutturale - LVL - Requisiti EN14374:2004 1,2,3 1 01/09/05 01/09/06 UNI EN14374:2055 mag-05
M/112 EN14545 Strutture di legno - Connettori - Requisiti EN14545:2008 1 2+, 3 01/08/09 01/08/10 UNI EN14545:2009 gen-09
M/112 EN14592 Strutture di legno - Elementi di collegamento di forma cilindrica - Requisiti EN14592:2008 1 3 01/08/09 01/08/10 UNI EN14592:2009 gen-09
M/112 EN15497 Finger jointedstructural timber - Performancerequirements andminimum
productionrequirements
prEN15497
M/113 M/113 Pannelli a base di
legno
EN13986 Pannelli a base di legno per l'utilizzo nelle costruzioni - Caratteristiche,
valutazione di conformit e marcatura
EN13986:2004 1,2,3,5,6 1,2+,3,4 01/06/05 01/06/06 UNI EN13986:2005 mag-05
M/114 M/114 Cemento, calci da
costruzione e altri leganti
idraulici
EN197-1 Cemento - Parte 1: Composizione, specificazioni e criteri di conformit per
cementi comuni
EN197-1:2000 1 1+ 01/04/01 01/04/02 UNI EN197-1:2001 giu-01 NO
M/114 EN197-1:2000/ A1:2004 1 1+ 01/02/05 01/02/06 UNI EN197-1:2006 mar-06 22/11/2005
M/114 EN197-1:2000/ A3:2007 1 1+ 01/04/08 01/04/09 UNI EN197-1:2007 nov-07
M/114 EN197-4 Cemento - Parte 4: Composizione, specificazioni e criteri di conformit per
cementi d'altoforno con bassa resistenza iniziale
EN197-4:2004 1 1+ 01/02/05 01/02/06 UNI EN197-4:2005 gen-05 22/11/2005
M/114 EN413-1 Cemento da muratura - Parte 1: Composizione, specificazioni e criteri di
conformit
EN413-1:2004 1 1+ 01/12/04 01/12/05 UNI EN413-1:2004 dic-04 27/03/2009
M/114 EN459-1 Calci da costruzione - Parte 1: Definizioni, specifiche e criteri di conformit EN459-1:2001 1 2 01/08/02 01/08/03 UNI EN459-1:2002 set-02 09/04/2004
M/114 EN459-1:2001/AC:2002 1 2 01/01/10 01/01/10 UNI EN459-1:2002 set-02
M/114 EN459-1:2010 1 2 01/06/11 01/06/11 UNI EN459-1:2010 ott-10
M/114 EN14216 Cemento - Composizione, specificazioni e criteri di conformit per cementi
speciali a calore di idratazione molto basso
EN14216:2004 1 1+ 01/02/05 01/02/06 UNI EN14216:2005 giu-05 22/11/2005
M/114 EN14647 Cemento alluminoso - Composizione, specificazioni e criteri di conformit EN14647:2005 1 1+ 01/08/06 01/08/07 UNI EN14647:2006 gen-06 27/03/2009
M/114 EN14647:2005 /AC:2006 1 1+ 01/01/08 01/01/08 UNI EN14647:2006 gen-06
M/114 EN15743 Cemento sovrasolfatato - Composizione, specifiche e criteri di conformit EN15743:2010 1 1+ 01/11/10 01/11/11 UNI EN15743:2010 feb-10 NO
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 17/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/115 M/115 Acciaio da
armatura e da
precompressione
EN523 Guaine in fogli di acciaio per cavi di precompressione - Terminologia,
prescrizioni, controllo della qualit
EN523:2003 1 4 01/06/04 01/06/05 UNI EN523:2005 giu-05
M/115 EN10138-1 Prestressingsteels - Part1: General requirements prEN10138-1
M/115 EN10337 Zinc andzinc alloycoatedprestressingsteel wires andstrands prEN10337
M/115 EN10348 Steel for thereinforcementof concrete- Galvanizedreinforcingsteel prEN10348
M/116 M/116 Muratura e relativi
prodotti
EN771-1 Specifica per elementi per muratura - Parte 1: Elementi per muratura di
laterizio
EN771-1:2003 1,2,3,5,6 2+,4 01/04/05 01/04/06 UNI EN771-1:2005 giu-05 20/11/2007
M/116 EN771-1:2003/ A1:2005 1,2,3,5,6 2+,4 01/04/05 01/04/06 UNI EN771-1:2005 giu-05 20/11/2007
M/116 EN771-2 Specifica per elementi per muratura - Parte 2: Elementi di muratura di
silicato di calcio
EN771-2:2003 1,2,3,5,6 2+,4 01/04/05 01/04/06 UNI EN771-2:2005 giu-05 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/116 EN771-2:2003/ A1:2005 1,2,3,5,6 2+,4 01/04/05 01/04/06 UNI EN771-2:2005 giu-05 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/116 EN771-3 Specifica per elementi per muratura - Parte 3: Elementi per muratura di
calcestruzzo vibrocompresso (aggregati pesanti e leggeri)
EN771-3:2003 1,2,3,5,6 2+,4 01/04/05 01/04/06 UNI EN771-3:2005 giu-05 22/11/2005
M/116 EN771-3:2003/ A1:2005 1,2,3,5,6 2+,4 01/04/05 01/04/06 UNI EN771-3:2005 giu-05 20/11/2007
M/116 EN771-4 Specifica per elementi per muratura - Parte 4: Elementi di muratura di
calcestruzzo aerato autoclavato
EN771-4:2003 1,2,3,5,6 2+,4 01/04/05 01/04/06 UNI EN771-4:2005 giu-05 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/116 EN771-4:2003/ A1:2005 1,2,3,5,6 2+,4 01/04/05 01/04/06 UNI EN771-4:2005 giu-05 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/116 EN771-5 Specifica per elementi per muratura - Parte 5: Elementi per muratura di
pietra agglomerata
EN771-5:2003 1,2,3,5,6 2+,4 01/04/05 01/04/06 UNI EN771-5:2005 giu-05 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/116 EN771-5:2003/ A1:2005 1,2,3,5,6 2+,4 01/04/05 01/04/06 UNI EN771-5:2005 giu-05 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/116 EN771-6 Specifica per elementi di muratura - Parte 6: Elementi di muratura di pietra
naturale
EN771-6:2005 1,2,3,5,6 2+,4 01/08/06 01/08/07 UNI EN771-6:2006 feb-06 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/116 EN845-1 Specifica per elementi complementari per muratura - Parte 1: Connettori
trasversali, incatenamenti orizzontali, ganci e mensole di sostegno
EN845-1:2003 1,2,3 3 UNI EN845-1:2004 mar-04 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/116 EN845-1:2003 + A1:2008 1,2,3 3 01/01/09 01/01/10 UNI EN845-1:2008 lug-08
M/116 EN845-2 Specifica per elementi complementari per muratura - Parte 2: Architravi EN845-2:2003 1,2,3,5,6 3 01/02/04 01/04/06 UNI EN845-2:2004 mar-04 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 18/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/116 EN845-3 Specifica per elementi complementari per muratura - Parte 3: Armatura di
acciaio per giunti orizzontali
EN845-3:2003 1 3 UNI EN845-3:2004 mar-04 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/116 EN845-3:2003 + A1:2008 1 3 01/01/09 01/01/10 UNI EN845-3:2008 lug-08
M/116 EN998-1 Specifiche per malte per opere murarie - Parte 1: Malte per intonaci interni
ed esterni
EN998-1:2003 2,3,4,6 4 01/02/04 01/02/05 UNI EN998-1:2004 mar-04 27/03/2009
M/116 EN998-1:2003/ AC:2005 2,3,4,6 4 01/06/06 01/06/06 UNI EN998-1:2004 mar-04 NO
M/116 EN998-1:2010 2,3,4,6 4 01/06/11 01/06/12 UNI EN998-1:2010 ott-10
M/116 EN998-2 Specifiche per malte per opere murarie - Parte 2: Malte da muratura EN998-2:2003 1,2,3,6 2+,4 01/02/04 01/02/05 UNI EN998-2:2004 mar-04 27/03/2009
M/116 EN998-2:2010 1,2,3,6 2+,4 01/06/11 01/06/12 UNI EN998-2:2010 ott-10
M/116 EN15824 Specifiche per intonaci esterni ed interni a base di leganti organici EN15824:2009 2,3,4,6 1,3,4 01/04/10 01/04/11 UNI EN15824:2009 ago-09
M/118 M/118 Prodotti per
l'ingegneria delle acque di
scarico
EN124 Gullytops andmanholetops for vehicular andpedestrianareas prEN124rev
M/118 EN295-1 Vitrifiedclaypipes andfittings andpipejoints for drains andsewers - Part
1: Requirements
prEN295-1rev
M/118 EN295-4 Vitrifiedclaypipes andfittings andpipejoints for drains andsewers - Part
4: Requirements for special fittings, adaptors andcompatibleaccessories
prEN295-4rev
M/118 EN295-5 Vitrifiedclaypipes andfittings andpipejoints for drains andsewers - Part
5: Requirements for perforatedvitrifiedclaypipes andfittings
prEN295-5rev
M/118 EN295-6 Vitrifiedclaypipes andfittings andpipejoints for drains andsewers - Part
6: Requirements for vitrifiedclaymanholes
prEN295-6rev
M/118 EN295-7 Vitrifiedclaypipes andfittingandpipejoints for drains andsewers - Part7:
Requirements for vitrifiedclaypipes andjoints for pipejacking
prEN295-7rev
M/118 EN295-10 Tubi ed elementi complementari di gres e relativi sistemi di giunzione,
destinati alla realizzazione di impianti di raccolta e smaltimento di liquami -
Parte 10: Requisiti di prestazione
EN295-10:2005 3,4 4 01/01/06 01/01/07 UNI EN295-10:2005 lug-05 DGD00917
M/118 EN588-2 Tubi di fibrocemento per fognature e sistemi di scarico - Parte 2: Pozzetti e
camere di ispezione
EN588-2:2001 3,4 4 01/10/02 01/10/03 UNI EN588-2:2003 mag-03 NO
(nessun
interesse)
M/118 EN858-1 Impianti di separazione per liquidi leggeri (per esempio benzina e petrolio) -
Parte 1: Principi di progettazione, prestazione e prove sul prodotto,
marcatura e controllo qualit
EN858-1:2002 2,3,4 3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN858-1:2005 ago-05
M/118 EN858-1:2002/ A1:2004 2,3,4 3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN858-1:2005 ago-05
M/118 EN1433 Canalette di drenaggio per aree soggette al passaggio di veicoli e pedoni -
Classificazione, requisiti di progettazione e di prova, marcatura e
valutazione di conformit
EN1433:2002 3,4 3 01/08/03 01/08/04 UNI EN1433:2004 apr-04
M/118 EN1433:2002 /A1:2005 3,4 3 01/01/06 01/01/06 UNI EN1433:2008 feb-08
M/118 EN1825-1 Separatori di grassi - Parte 1: Principi di progettazione, prestazione e
prove, marcatura e controllo qualit
EN1825-1:2004 2,3,4 3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN1825-1:2005 gen-05
M/118 EN1825-1:2004 /AC:2006 2,3,4 3,4 01/01/07 01/01/07 UNI EN1825-1:2005 gen-05 NO
M/118 EN1916 Tubi e accessori di calcestruzzo non armato, rinforzato con fibre di acciaio
e con armature tradizionali
EN1916:2002 3,4 4 01/08/03 23/11/04 UNI EN1916:2004 giu-04 23/03/2005
M/118 EN1916:2003 /AC:2003 3,4 4 UNI EN1916:2004 giu-04 NO
M/118 EN1916:2003 /AC:2006 3,4 4 UNI EN1916:2004 giu-04 NO
M/118 EN1916:2003 /AC:2008 3,4 4 01/01/09 01/01/09 UNI EN1916:2004 giu-04
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 19/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/118 EN1917 Pozzetti e camere di ispezione di calcestruzzo non armato, rinforzato con
fibre di acciaio e con armature tradizionali
EN1917:2002 3,4 4 01/08/03 23/11/04 UNI EN1917:2004 giu-04 23/03/2005
M/118 EN1917:2002 /AC:2003 3,4 4 UNI EN1917:2004 giu-04 NO
M/118 EN1917:2002 /AC:2006 3,4 4 UNI EN1917:2004 giu-04 NO
M/118 EN1917:2002 /AC:2008 3,4 4 01/01/09 01/01/09 UNI EN1917:2004 giu-04
M/118 EN12050-1 Impianti di sollevamento delle acque reflue per edifici e cantieri - Principi
per costruzione e prove - Parte 1: Impianti di sollevamento per acque reflue
contenenti materiale fecale
EN12050-1:2001 3,4,5 3 01/11/01 01/11/02 UNI EN12050-1:2003 dic-03 01/08/2003
M/118 EN12050-2 Impianti di sollevamento delle acque reflue per edifici e cantieri - Principi
per costruzione e prove - Parte 2: Impianti di sollevamento per acque reflue
prive di materiale fecale
EN12050-2:2000 3,4,5 3 01/10/01 01/10/02 UNI EN12050-2:2002 set-02 01/08/2003
M/118 EN12050-3 Impianti di sollevamento delle acque reflue per edifici e cantieri - Principi
per costruzione e prove - Parte 3: Impianti di sollevamento per acque reflue
contenenti materiale fecale ad applicazione limitata
EN12050-3:2000 3,4 3 01/10/01 01/10/02 UNI EN12050-3:2001 ott-01 01/08/2003
M/118 EN12050-4 Impianti di sollevamento delle acque reflue per edifici e cantieri - Principi
per costruzione e prove - Parte 4: Valvole di non ritorno per acque reflue
prive di materiale fecale e per acque reflue contenenti materiale fecale
EN12050-4:2000 3,4,5 3 01/10/01 01/10/02 UNI EN12050-4:2001 nov-01 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/118 EN12380 Valvole di ingresso aria per sistemi di scarico - Requisiti, metodi di prova e
valutazione di conformit
EN12380:2002 3,4 4 01/10/03 01/10/04 UNI EN12380:2004 apr-04 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/118 EN12566-1 Piccoli sistemi di trattamento delle acque reflue fino a 50 PT - Parte 1:
Fosse settiche prefabbricate
EN12566-1:2000 3,4 3 01/12/04 01/12/05 UNI EN12566-1:2002 mar-02 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/118 EN12566-1:2000 /A1:2003 3,4 3 01/12/04 01/12/05 UNI EN12566-1:2004 lug-04
M/118 EN12566-3 Piccoli sistemi di trattamento delle acque reflue fino a 50 PT - Parte 3:
Impianti di trattamento preassemblati e/o assemblati in sito delle acque
reflue domestiche
EN12566-3:2005 3,4 3 UNI EN12566-3:2005 ott-05 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/118 EN12566-3:2005/ A1:2009 3,4 3 01/11/09 01/11/10 UNI EN12566-3:2009 apr-09
M/118 EN12566-4 Piccoli sistemi di trattamento delle acque reflue fino a 50 PT - Parte 4:
Fosse settiche assemblate in sito da kit prefabbricati
EN12566-4:2007 3,4 3 01/01/09 01/01/10 UNI EN12566-4:2008 gen-08
M/118 EN12566-6 Small wastewater treatmentsystems for upto50PT - Part6: Prefabricated
treatmentunits for septic tankeffluent
prEN12566-6
M/118 EN13101 Gradini per camere di ispezione sotterranee - Requisiti, marcatura, prove e
valutazione di conformit
EN13101:2002 4 4 01/08/03 01/08/04 UNI EN13101:2004 gen-04 DGD00915
M/118 EN13564-1 Dispositivi anti-allagamento per edifici - Parte 1:Requisiti EN13564-1:2002 3,4 4 01/05/03 01/05/04 UNI EN13564-1:2003 apr-03 23/03/2005
M/118 EN14396 Gradini fissi per pozzetti di ispezione EN14396:2004 4 4 01/12/04 01/12/05 UNI EN14396:2004 mag-04 DGD00916
M/118 EN15229 Plastics pipingsystems - Pipingsystems for nonpressureunderground
drainageandsewerage- Performancerequirements for thermoplastics
manholes andinspectionchambers
prEN15229
M/119 M/119 Pavimentazioni EN1338 Masselli di calcestruzzo per pavimentazione - Requisiti e metodi di prova EN1338:2003 2,3,4,6 4 01/03/04 01/03/05 UNI EN1338:2004 nov-04 20/11/2007
M/119 EN1338:2003 /AC:2006 2,3,4,6 4 01/01/07 01/01/07 UNI EN1338:2004 nov-04 20/11/2007
M/119 prEN1338rev
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 20/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/119 EN1339 Lastre di calcestruzzo per pavimentazione - Requisiti e metodi di prova EN1339:2003 2,3,4,6 4 01/03/04 01/03/05 UNI EN1339:2005 feb-05 20/11/2007
M/119 EN1339:2003 /AC:2006 2,3,4,6 4 01/01/07 01/01/07 UNI EN1339:2005 feb-05 20/11/2007
M/119 EN1340 Cordoli di calcestruzzo - Requisiti e metodi di prova EN1340:2003 2,3,4,6 4 01/02/04 01/02/05 UNI EN1340:2004 apr-04 20/11/2007
M/119 EN1340:2003 /AC:2006 2,3,4,6 4 01/01/07 01/01/07 UNI EN1340:2004 apr-04 20/11/2007
M/119 EN1341 Lastre di pietra naturale per pavimentazioni esterne - Requisiti e metodi di
prova
EN1341:2001 4 4 01/10/02 01/10/03 UNI EN1341:2003 apr-03 01/08/2003
M/119 EN1342 Cubetti di pietra naturale per pavimentazioni esterne - Requisiti e metodi di
prova
EN1342:2001 4 4 01/10/02 01/10/03 UNI EN1342:2003 apr-03 01/08/2003
M/119 EN1343 Cordoli di pietra naturale per pavimentazione esterne - Requisiti e metodi di
prova
EN1343:2001 4 4 01/10/02 01/10/03 UNI EN1343:2003 apr-03 01/08/2003
M/119 EN1344 Elementi per pavimentazione di laterizio - Requisiti e metodi di prova EN1344:2002 2,3,4,6 4 01/01/03 01/01/04 UNI EN1344:2003 ott-03 20/11/2007
M/119 EN12058 Prodotti di pietra naturale - Lastre per pavimentazioni e scale - Requisiti EN12058:2004 2,4,6 3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN12058:2005 mar-05 24/04/2008
M/119 EN13454-1 Leganti, leganti compositi e miscele realizzate in fabbrica per massetti a
base di solfato di calcio - Parte 1: Definizioni e requisiti
EN13454-1:2004 2,3,4 1,3,4 01/07/05 01/07/06 UNI EN13454-1:2005 gen-05 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/119 EN13748-1 Piastrelle di graniglia - Parte 1: Piastrelle di graniglia per uso interno EN13748-1:2004 2,3,4,6 4 01/06/05 01/10/06 UNI EN13748-1:2005 set-05
M/119 EN13748-1:2004 /A1:2005 2,3,4,6 4 01/04/06 01/10/06 UNI EN13748-1:2005 set-05
M/119 EN13748-1:2004 /AC:2005 2,3,4,6 4 01/06/05 01/06/05 UNI EN13748-1:2005 set-05 NO
M/119 EN13748-2 Piastrelle di graniglia - Parte 2: Piastrelle di graniglia per uso esterno EN13748-2:2004 2,3,4,6 4 01/04/05 01/04/06 UNI EN13748-2:2004 nov-04
M/119 EN13813 Massetti e materiali per massetti - Materiali per massetti - Propriet e
requisiti
EN13813:2002 2,3,4,5,6 1,3,4 01/08/03 01/08/04 UNI EN13813:2004 gen-04 22/11/2005
M/119 EN14016-1 Leganti per massetti a base di magnesite - Magnesia caustica e cloruro di
magnesio - Parte 1: Definizioni, requisiti
EN14016-1:2004 2,4 3,4 01/12/04 01/12/05 UNI EN14016-1:2004 mag-04 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/119 EN14041 Rivestimenti resilienti, tessili e laminati per pavimentazioni - Caratteristiche
essenziali
EN14041:2004 2,3,4,6 1,3,4 01/01/06 01/01/07 UNI EN14041:2004 dic-04 27/03/2009
M/119 EN14041:2004 /AC:2006 2,3,4,6 1,3,4 01/01/07 01/01/07 UNI EN14041:2004 dic-04 27/03/2009
M/119 EN14342 Pavimentazioni di legno - Caratteristiche, valutazione di conformit e
marcatura
EN14342:2005 2,3,4,6 3,4 UNI EN14342:2005 ago-05
M/119 EN14342:2005/ AC:2007 2,3,4,6 3,4 UNI EN14342:2008 ott-08 NO
M/119 EN14342:2005 + A1:2008 2,3,4,6 1,3,4 01/03/09 01/03/10 UNI EN14342:2008 ott-08
M/119 EN14904 Superfici per aree sportive - Superfici multi-sport per interni - Specifiche EN14904:2006 2,3,4 1,3 01/02/07 01/02/08 UNI EN14904:2006 lug-06
M/119 EN15285 Lapidei agglomerati - Marmette modulari per pavimentazioni e scale
(interne ed esterne)
EN15285:2008 2,3,4,6 1,3,4 01/01/09 01/01/10 UNI EN15285:2008 lug-08
M/119 EN15285:2008/ AC:2008 2,3,4,6 1,3,4 01/01/09 01/01/09 UNI EN15285:2008 lug-08
M/119
M/121
M/119 Pavimentazioni
M/121 Finiture di pareti
interne ed esterne e di
soffitti
EN12057 Prodotti di pietra naturale - Marmette modulari - Requisiti EN12057:2004 2,3,4,5,6 3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN12057:2005 mar-05 24/04/2008
M/119
M/121
EN14411 Piastrelle di ceramica - Definizioni, classificazione, caratteristiche e
marcatura
EN14411:2003 2,3,4,6 3,4 UNI EN14411:2004 giu-04
M/119
M/121
EN14411 :2006 2,3,4,6 3,4 01/01/08 01/01/09 UNI EN14411:2007 mag-07
M/120 M/120 Prodotti strutturali
metallici e accessori
EN1090-1:2009 Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio - Parte 1: Requisiti per la
valutazione di conformit dei componenti strutturali
EN1090-1:2009 1,2,3 2+ 01/01/11 01/07/12 UNI EN1090-1:2009 ag-09
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 21/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/120 EN1090-1:2009/AC:2010 1,2,3 2+ 01/01/11 01/01/11 UNI EN1090-1:2009 gen-11
M/120 EN10025-1 Prodotti laminati a caldo di acciaio per impieghi strutturali Parte 1:
Condizioni tecniche generali di fornitura
EN10025-1:2004 1 2+ 01/09/05 01/09/06 UNI EN10025-1:2005 apr-05
M/120 EN10088-4 Acciai inossidabili - Parte 4: Condizioni tecniche di fornitura per
fogli/lamiere e nastri di acciai resistenti alla corrosione da utilizzare nelle
costruzioni
EN10088-4:2009 1 2+ 01/02/10 01/02/11 UNI EN10088-4:2009 lug-09
M/120 EN10088-5 Acciai inossidabili - Parte 5: Condizioni tecniche di fornitura per barre,
vergella, filo, profilati e prodotti finiti a freddo di acciai resistenti alla
corrosione da utilizzare nelle costruzioni
EN10088-5:2009 1 2+ 01/01/10 01/01/11 UNI EN10088-5:2009 giu-09
M/120 EN10210-1 Profilati cavi finiti a caldo di acciai non legati e a grano fine per impieghi
strutturali - Parte 1: Condizioni tecniche di fornitura
EN10210-1:2006 1 2+ 01/02/07 01/02/08 UNI EN10210-1:2006 nov-06
M/120 EN10219-1 Profilati cavi formati a freddo di acciai non legati e a grano fine per strutture
saldate - Parte 1: Condizioni tecniche di fornitura
EN10219-1:2006 1 2+ 01/02/07 01/02/08 UNI EN10219-1:2006 nov-06
M/120 EN10248-1 Hot-rolledsteel sheetpiling- Part1: Technical deliveryconditions prEN10248-1
M/120 EN10249-1 Coldformedsteel sheetpiling- Part1: Technical deliveryconditions prEN10249-1
M/120 EN10340 Getti di acciaio per impieghi strutturali EN10340:2007 1 2+ 01/01/10 01/01/11 UNI EN10340:2008 ott-08
M/120 EN10340:2007/AC:2008 1 2+ 01/01/10 01/01/10 UNI EN10340:2008 ott-08
M/120 EN10343 Acciai da bonifica da utilizzare nelle costruzioni - Condizioni tecniche di
fornitura
EN10343:2009 1 2+ 01/01/10 01/01/11 UNI EN10343 giu-09
M/120 EN13479 Materiali d'apporto per la saldatura - Norma generale di prodotto per i
metalli d'apporto e per i flussi utilizzati nella saldatura per fusione dei
materiali metallici
EN13479:2004 1,3 2+ 01/10/05 01/10/06 UNI EN13479:2006 gen-06
M/120 EN14399-1 Elementi di collegamento strutturali ad alta resistenza adatti al precarico -
Parte 1: Requisiti generali
EN14399-1:2005 1,3 2+ 01/01/06 01/10/07 UNI EN14399-1:2005 mag-05
M/120 EN15048-1 Bulloneria strutturale non a serraggio controllato - Parte 1: Requisiti
generali
EN15048-1:2007 1,3 2+ 01/01/08 01/10/09 UNI EN15048-1:2007 ago-07
M/120 EN15088 Alluminio e leghe di alluminio - Prodotti per applicazioni di strutture per le
costruzioni - Condizioni tecniche di controllo e di fornitura
EN15088:2005 1,3 2+ 01/10/06 01/10/07 UNI EN15088:2006 apr-06
M/121 M/121 Finiture di pareti
interne ed esterne e di
soffitti
EN438-7 Laminati decorativi ad alta pressione (HPL) Pannelli a base di resine
termoindurenti (generalmente chiamati laminati) Parte 7: Laminati
stratificati e pannelli compositi HPL per applicazioni su pareti interne ed
esterne e su soffitti
EN438-7:2005 2,3,4,5,6 1,3,4 01/11/05 01/11/06 UNI EN438-7:2005 lug-05 22/08/2006
M/121 EN492 Lastre piane di fibrocemento e relativi accessori - Specifica di prodotto e
metodi di prova
EN492:2004 2,3,4 3,4 01/01/06 01/01/07 UNI EN492:2007 gen-07 20/11/2007
M/121 EN492:2004 /A1:2005 2,3,4 3,4 01/01/06 01/01/07 UNI EN492:2007 gen-07 20/11/2007
M/121 EN492:2004 /A2:2006 2,3,4 3,4 01/07/07 01/07/08 UNI EN492:2007 gen-07 20/11/2007
M/121 EN494 Lastre nervate di fibrocemento e relativi accessori - Specifica di prodotto e
metodi di prova
EN494:2004 2,3,4 3,4 UNI EN494:2007 gen-07 20/11/2007
M/121 EN494:2004 /A1:2005 2,3,4 3,4 UNI EN494:2007 gen-07 20/11/2007
M/121 EN494:2004 /A2:2006 2,3,4 3,4 UNI EN494:2007 gen-07 20/11/2007
M/121 EN494:2004 /A3:2007 2,3,4 3,4 01/01/08 01/01/09 UNI EN494:2007 dic-07
M/121 EN1469 Prodotti di pietra naturale - Lastre per rivestimenti - Requisiti EN1469:2004 2,3,4,5,6 3,4 01/07/05 01/07/06 UNI EN1469:2005 mag-05 24/04/2008
M/121 EN12467 Lastre piane di fibrocemento - Specifiche di prodotto e metodi di prova EN12467:2004 2,3,4 3,4 01/01/06 01/01/07 UNI EN12467:2007 gen-07 20/11/2007
M/121 EN12467:2004 /A1:2005 2,3,4 3,4 01/01/06 01/01/07 UNI EN12467:2007 gen-07 20/11/2007
M/121 EN12467:2004 /A2:2006 2,3,4 3,4 01/07/07 01/07/08 UNI EN12467:2007 gen-07 20/11/2007
M/121 EN13245-2:2008 Materie plastiche - Profilati di policloruro di vinile non plastificato (PVC-U)
per applicazioni edilizie - Parte 2: Profilati di PVC-Ue di PVC-UEper
finiture su pareti interne ed esterne e su soffitti
EN13245-2:2008 2,3,4 1,3,4 01/07/10 01/07/12 UNI EN13245-2:2009 mar-09
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 22/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/121 EN13245-2:2008/AC.2009 2,3,4 1,3,4 01/07/10 01/07/10 UNI EN13245-2:2009 mar-09
M/121 EN13964 Controsoffitti - Requisiti e metodi di prova EN13964:2004 2,3,4,5,6 1,3,4 01/01/05 01/07/07 UNI EN13964:2007 lug-07 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/121 EN13964:2004 /A1:2006 2,3,4,5,6 1,3,4 01/01/08 01/01/09 UNI EN13964:2007 lug-07 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/121 EN14716 Plafoni in tensione Requisiti e metodi di prova EN14716:2004 2,3 1,3,4 01/01/05 01/10/06 UNI EN14716:2005 mar-05 NO
(nessuna risposta
da OT
competente)
M/121 EN14915 Rivestimenti interni ed esterni di pareti con elementi di legno massiccio -
Caratteristiche, valutazione di conformit e marcatura
EN14915:2006 2,3,5,6 1,3,4 01/06/07 01/06/08 UNI EN14915:2006 dic-06
M/121 EN14915:2006/ AC:2007 2,3,5,6 1,3,4 01/01/08 01/01/08 UNI EN14915:2006 dic-06 NO
M/121 EN15102 Rivestimenti murali decorativi - Prodotti in rotoli e pannelli EN15102:2007 2,3,5,6 1,3,4 01/01/10 01/01/11 UNI EN15102:2008 gen-08
M/121
M/122
M/121 Finiture di pareti
interne ed esterne e di
soffitti
M/122 Coperture, lucernai
e relativi prodotti
EN490 Tegole di calcestruzzo e relativi accessori per coperture e rivestimenti -
Specifiche di prodotto
EN490:2004 2,3,4 3,4 01/09/05 01/06/07 UNI EN490:2005 mar-05
M/121
M/122
EN490:2004/ A1:2006 2,3,4 3,4 01/01/09 01/01/09 UNI EN490:2006 dic-06
M/121
M/122
EN534 Lastre bituminose ondulate - Specifica di prodotto e metodi di prova EN534:2006 1,2,3,4,6 1,3,4 01/04/07 01/04/08 UNI EN534:2006 nov-06
M/121
M/122
EN534:2006+A1:2010 1,2,3,4,6 1,3,4 01/01/11 01/01/11 UNI EN534:2010 apr-10
M/121
M/122
EN544 Tegole bituminose con aggiunta di minerali e/o sintetici - Specifica di
prodotto e metodi di prova
EN544:2005 1,2,3,4 3,4 01/10/06 01/10/07 UNI EN544:2006 feb-06
M/121
M/122
EN1013 Lighttransmittingsingleskinprofiledplastics sheets for internal and
external roofs, walls andceilings - Requirements andtestmethods
prEN1013
M/121
M/122
EN1304 Tegole di laterizio per coperture discontinue - Definizioni e specifiche di
prodotto
EN1304:2005 1,2,3 3,4 01/02/06 01/02/07 UNI EN1304:2005 set-05 20/11/2007
M/121
M/122
EN14509 Pannelli isolanti autoportanti con doppia faccia metallica - Prodotti fabbricat
in stabilimento - Specifiche
EN14509:2006 1,2,3,4,5,6 1,3,4 01/01/09 01/10/10 UNI EN14509:2007 mar-07
M/121
M/122
EN14509:2006/ AC:2008 1,2,3,4,5,6 1,3,4 01/01/09 01/01/09 UNI EN14509:2007 mar-07
M/121
M/122
EN14782 Lastre metalliche autoportanti per coperture, rivestimenti esterni e interni -
Specifica di prodotto e requisiti
EN14782:2006 2,3,4 3,4 01/11/06 01/11/07 UNI EN14782:2006 apr-06 27/03/2009
M/121
M/122
EN14783 Lastre e nastri metallici totalmente supportati per coperture, rivestimenti
esterni e interni - Specifica di prodotto e requisiti
EN14783:2006 2,3 3,4 01/07/07 01/07/08 UNI EN14783:2007 mag-07 27/03/2009
M/122 M/122 Coperture, lucernai
e relativi prodotti
EN516 Accessori prefabbricati per coperture - Installazioni per l'accesso al tetto -
Passerelle, piani di camminamento e scalini posapiede
EN516:2006 2,4 3 01/11/06 01/11/07 UNI EN516:2006 apr-06
M/122 EN517 Accessori prefabbricati per coperture - Ganci di sicurezza da tetto EN517:2006 2,4 3 01/12/06 01/12/07 UNI EN517:2006 apr-06
M/122 EN1873 Accessori prefabbricati per coperture - Cupole monolitiche di materiale
plastico - Specifica di prodotto e metodi di prova
EN1873:2005 2,3,4 1,3,4 01/10/06 01/10/09 UNI EN1873:2006 mag-06
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 23/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/122 EN12326-1 Ardesia e prodotti di pietra per coperture discontinue e rivestimenti - Parte
1: Specifiche di prodotto
EN12326-1:2004 1,2,3 3,4 01/05/05 01/05/08 UNI EN12326-1:2004 dic-04
M/122 EN12951 Accessori prefabbricati per coperture Scale permanentemente fissate
per coperture Specifica di prodotto e metodi di prova
EN12951:2004 2,4 3 01/09/05 01/09/06 UNI EN12951:2005 mag-05 27/03/2009
M/122 EN14963 Coperture - Lucernari continui di materiale plastico con o senza basamenti -
Classificazione, requisiti e metodi di prova
EN14963:2006 1,2,3,4,5,6 1,3,4 01/08/09 01/08/12 UNI EN14963:2007 gen-07
M/122 EN14964 Sottostrati rigidi per coperture discontinue - Definizioni e caratteristiche EN14964:2006 1,2,3,5,6 1,3,4 01/01/08 01/01/09 UNI EN14964:2007 feb-07
M/124 M/124 Materiali stradali EN12271 Trattamenti superficiali di irruvidimento - Requisiti EN12271:2006 1,4,5 2+ 01/01/08 01/01/11 UNI EN12271:2007 feb-07
M/124 EN12273 Trattamenti superficiali con malte a freddo - Requisiti EN12273:2008 1,2,4,5 2+ 01/01/09 01/01/11 UNI EN12273:2008 set-08
M/124 EN12591 Bitume e leganti bituminosi - Specifiche per bitumi per applicazioni stradali EN12591:2009 1,3,4 2+ 01/01/10 01/01/11 UNI EN12591:2009 giu-09
M/124 EN13108-1 Miscele bituminose - Specifiche del materiale - Parte 1: Conglomerato
bituminoso prodotto a caldo
EN13108-1:2006 1,2,4 1,2+,3,4 01/03/07 01/03/08 UNI EN13108-1:2006 lug-06 24/04/2008
M/124 EN13108-1:2006/ AC:2008 1,2,4 1,2+,3,4 01/01/09 01/01/09 UNI EN13108-1:2006 lug-06
M/124 EN13108-2 Miscele bituminose - Specifiche del materiale - Parte 2: Conglomerato
bituminoso per strati molto sottili
EN13108-2:2006 1,2,4 1,2+,3,4 01/03/07 01/03/08 UNI EN13108-2:2006 lug-06 27/03/2009
M/124 EN13108-2:2006 /AC:2008 1,2,4 1,2+,3,4 01/01/09 01/01/09 in pubblicazione
M/124 EN13108-3 Miscele bituminose - Specifiche del materiale - Parte 3: Conglomerato con
bitume molto tenero
EN13108-3:2006 1,2,4,5 1,2+,3,4 01/03/07 01/03/08 UNI EN13108-3:2006 lug-06 27/03/2009
M/124 EN13108-3:2006 /AC:2008 1,2,4,5 1,2+,3,4 01/01/09 01/01/09 in pubblicazione
M/124 EN13108-4 Miscele bituminose - Specifiche del materiale - Parte 4: Conglomerato
bituminoso chiodato
EN13108-4:2006 1,2,4 1,2+,3,4 01/03/07 01/03/08 UNI EN13108-4:2006 lug-06 27/03/2009
M/124 EN13108-4:2006 /AC:2008 1,2,4 1,2+,3,4 01/01/09 01/01/09 in pubblicazione
M/124 EN13108-5 Miscele bituminose - Specifiche del materiale - Parte 5: Conglomerato
bituminoso antisdrucciolo chiuso
EN13108-5:2006 1,2,4,5 1,2+,3,4 01/03/07 01/03/08 UNI EN13108-5:2006 lug-06 24/04/2008
M/124 EN13108-5:2006 /AC:2008 1,2,4,5 1,2+,3,4 01/01/09 01/01/09 UNI EN13108-5:2006 lug-06
M/124 EN13108-6 Miscele bituminose - Specifiche del materiale - Parte 6: Asfalto colato EN13108-6:2006 1,2,4,5 1,2+,3,4 01/03/07 01/03/08 UNI EN13108-6:2006 lug-06 27/03/2009
M/124 EN13108-6:2006 /AC:2008 1,2,4,5 1,2+,3,4 01/01/09 01/01/09 in pubblicazione
M/124 EN13108-7 Miscele bituminose - Specifiche del materiale - Parte 7: Conglomerato
bituminoso ad elevato tenore di vuoti
EN13108-7:2006 1,2,4,5 1,2+,3,4 01/03/07 01/03/08 UNI EN13108-7:2006 lug-06 20/11/2007
M/124 EN13108-7:2006 /AC:2008 1,2,4,5 1,2+,3,4 01/01/09 01/01/09 UNI EN13108-7:2006 lug-06
M/124 EN13808 Bitumi e leganti bituminosi - Quadro delle specifiche per le emulsioni
cationiche bituminose
EN13808:2005 1,3 2+ 01/01/10 01/01/11 UNI EN13808:2005 ott-05
M/124 EN13877-3 Pavimentazioni a base di calcestruzzo Parte 3: Specifiche per elementi
di collegamento da utilizzare nelle pavimentazioni a base di calcestruzzo
EN13877-3:2004 1 4 01/09/05 01/09/06 UNI EN13877-3:2005 mar-05
M/124 EN13924 Bitumi e leganti bituminosi - Specifiche per bitumi di grado duro per
pavimentazioni
EN13924:2006 1,3,4 2+ 01/01/10 01/01/11 UNI EN13924:2006 lug-06
M/124 EN13924:2006/AC:2006 1,3,4 2+ 01/01/10 01/01/10 in pubblicazione
M/124 EN14023 Bitumi e leganti bituminosi - Quadro delle specifiche riguardanti i bitumi
modificati da polimeri
EN14023:2010 ???? ???? 01/01/11 01/01/12 UNI EN14023:2010 mag-10
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 24/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/124 EN14188-1 Filler e materiali per la sigillatura dei giunti - Parte 1: Specifiche per
materiali per la sigillatura applicati a caldo
EN14188-1:2004 1 4 01/07/05 01/01/07 UNI EN14188-1:2004 nov-04
M/124 EN14188-2 Filler e materiali per la sigillatura dei giunti - Parte 2: Specifiche per
materiali per la sigillatura applicati a freddo
EN14188-2:2004 1 4 01/10/05 01/01/07 UNI EN14188-2:2005 apr-05
M/124 EN14188-3 Filler e materiali per la sigillatura dei giunti - Parte 3: Specifiche per
materiali per la sigillatura di giunti preformati
EN14188-3:2006 1 4 01/11/06 01/11/07 UNI EN14188-3:2006 gen-06
M/124 EN14695 Membrane flessibili per impermeabilizzazione - Membrane bituminose
armate per l'impermeabilizzazione di impalcati di ponte di calcestruzzo e
altre superfici di calcestruzzo soggette a traffico - Definizioni e
caratteristiche
EN14695:2010 1,4 2+ 01/10/10 01/10/11 UNI EN14695:2010 feb-10
M/124 EN15322 Bitumi e leganti bituminosi - Quadro di riferimento delle specifiche dei
leganti bituminosi fluidificati e flussati
EN15322:2009 1,4 2+ 01/06/10 01/06/11 UNI EN15332:2009 ott-09
M/125 M/125 Aggregati EN12620 Aggregati per calcestruzzo EN12620:2002 1,3,4 2+,4 UNI EN12620:2003 ott-03 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 09/04/2004
M/125 EN12620:2002 + A1:2008 1,3,4 2+,4 01/01/09 01/01/10 UNI EN12620:2008 set-08
M/125 EN13043 Aggregati per miscele bituminose e trattamenti superficiali per strade,
aeroporti e altre aree soggette a traffico
EN13043:2002 1,3,4 2+,4 01/07/03 01/06/04 UNI EN13043:2004 gen-04 Decreto 16
novembre 2009
23/03/2005
M/125 EN13043:2002/ AC:2004 1,3,4 2+,4 01/06/06 01/06/06 UNI EN13043:2004 gen-04 Decreto 16
novembre 2009
24/04/2008
M/125 EN13055-1 Aggregati leggeri - Parte 1: Aggregati leggeri per calcestruzzo, malta e
malta per iniezione
EN13055-1:2002 1,3,4 2+,4 01/03/03 01/06/04 UNI EN13055-1:2003 apr-03 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 09/04/2004
M/125 EN13055-1:2002/AC:2004 1,3,4 2+,4 01/01/10 01/01/10 UNI EN13055-1:2003 apr-03
M/125 EN13055-2 Aggregati leggeri - Parte 2: Aggregati leggeri per miscele bituminose,
trattamenti superficiali e per applicazioni in strati legati e non legati
EN13055-2:2004 1,3,4 2+,4 01/05/05 01/05/06 UNI EN13055-2:2005 gen-05 Decreto 16
novembre 2009
M/125 EN13139 Aggregati per malta EN13139:2002 1,3,4 2+,4 01/03/03 01/06/04 UNI EN13139:2003 mar-03 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 09/04/2004
M/125 EN13139:2002/AC:2004 1,3,4 2+,4 01/01/10 01/01/10 UNI EN13139:2003 mar-03
M/125 EN13242 Aggregati per materiali non legati e legati con leganti idraulici per l'impiego
in opere di ingegneria civile e nella costruzione di strade
EN13242:2002 1,3,4 2+,4 UNI EN13242:2004 mar-04 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 NO
M/125 EN13242:2002 /AC:2004 1,3,4 2+,4 UNI EN13242:2004 mar-04 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 NO
M/125 EN13242:2002 + A1:2007 1,3,4 2+,4 01/01/09 01/01/10 UNI EN13242:2008 mar-08
M/125 EN13383-1 Aggregati per opere di protezione (armourstone) - Parte 2: Specifiche EN13383-1:2002 1,3,4 2+,4 01/03/03 01/06/04 UNI EN13383-1:2003 ott-03 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 09/04/2004
M/125 EN13383-1:2002/AC:2004 1,3,4 2+,4 01/01/10 01/01/10 UNI EN13383-1:2003 ott-03
M/125 prEN13383-1rev
M/125 EN13450 Aggregati per massicciate per ferrovie EN13450:2002 1,4 2+,4 01/10/03 01/06/04 UNI EN13450:2003 nov-03 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 23/03/2005
M/125 EN13450:2002 /AC:2004 1,4 2+,4 01/01/07 01/01/07 UNI EN13450:2003 nov-03 Decreto 11 aprile
2007
91 19/04/2007 NO
M/127 M/127 Adesivi EN12004 Adesivi per piastrelle - Requisiti, valutazione di conformit, classificazione
e designazione
EN12004:2001/ A1:2002 4 3 UNI EN12004:2003 mar-03 22/11/2005
M/127 EN12004:2001/
A1:2002/AC:2002
4 3 UNI EN12004:2003 mar-03 22/11/2005
M/127 EN12004:2007 4 3 01/06/08 01/06/10 UNI EN12004:2007 dic-07
M/127 EN15274 Adesivi per imgieghi generali negli assemblaggi strutturali - Requisiti e
metodi di prova
EN15274:2007 1,2,3 2+ 01/04/10 01/04/11 UNI EN15274:2008 mag-08
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 25/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/127 EN15275 Adesivi strutturali - Caratterizzazione di adesivi anaerobici per
l'assemblaggio metallico coassiale in edifici e in strutture di ingegneria
civile
EN15275:2007 1,2,3 2+ 01/04/10 01/04/11 UNI EN15275:2008 mag-08
M/127 EN15275:2007/AC:2010 1,2,3 2+ 01/01/11 01/01/11
M/128 M/128 Prodotti relativi a
calcestruzzo, malta e
malta per iniezione
EN450-1 Ceneri volanti per calcestruzzo - Parte 1: Definizione, specificazioni e criteri
di conformit
EN450-1:2005 1,3 1+ UNI EN450-1:2005 giu-05 22/08/2006
M/128 EN450-1:2005 + A1:2007 1,3 1+ 01/01/09 01/01/10 UNI EN450-1:2007 dic-07
M/128 EN934-2 Additivi per calcestruzzo, malta e malta per iniezione - Additivi per
calcestruzzo - Parte 2: Definizioni, requisiti, conformit, marcatura ed
etichettatura
EN934-2:2001 1 2+ UNI EN934-2:2002 mag-02 23/03/2005
M/128 EN934-2:2001/ A1:2004 1 2+ UNI EN934-2:2007 set-07 22/08/2006
M/128 EN934-2:2001/ A2:2005 1 2+ UNI EN934-2:2007 set-07
EN934-2:2009 1 2+ 01/03/10 01/03/11 UNI EN934-2:2009 sett '09
M/128 EN934-3 Additivi per calcestruzzo, malta e malta per iniezione - Parte 3: Additivi per
malte per opere murarie - Definizioni, requisiti, conformit, marcatura ed
etichettatura
EN934-3:2003 1 2+ UNI EN934-3:2004 ago-04 22/08/2006
M/128 EN934-3:2003 /AC:2005 1 2+ UNI EN934-3:2004 ago-04 NO
M/128 EN934-3:2009 1 2+ 01/05/10 01/05/11 UNI EN934-3:2009 ott-09
M/128 EN934-4 Additivi per calcestruzzo, malta e malta per iniezione - Parte 4: Additivi per
malta per cavi di precompressione - Definizioni, requisiti, conformit,
marcatura ed etichettatura
EN934-4:2001 1 2+ UNI EN934-4:2002 apr-02 23/03/2005
EN934-4:2009 1 2+ 01/03/10 01/03/11 UNI EN934-4:2009 sett '09
M/128 EN934-5 Additivi per calcestruzzo, malta e malta per iniezione - Parte 5: Additivi per
calcestruzzo proiettato - Definizioni, specificazioni e criteri di conformit
EN934-5:2007 1 2+ 01/01/09 01/01/10 UNI EN934-5:2008 gen-08
M/128 EN1504-2 Prodotti e sistemi per la protezione e la riparazione delle strutture di
calcestruzzo - Definizioni, requisiti, controllo di qualit e valutazione della
conformit - Parte 2: Sistemi di protezione della superficie di calcestruzzo
EN1504-2:2004 1,2,3,4,6 1,2+,3,4 01/09/05 01/01/09 UNI EN1504-2:2005 feb-05 22/08/2006
M/128 EN1504-3 Prodotti e sistemi per la protezione e la riparazione delle strutture di
calcestruzzo - Definizioni, requisiti, controllo di qualit e valutazione della
conformit - Parte 3: Riparazione strutturale e non strutturale
EN1504-3:2005 1,2,3,4,6 1,2+,3,4 01/10/06 01/01/09 UNI EN1504-3:2006 feb-06 24/04/2008
M/128 EN1504-4 Prodotti e sistemi per la protezione e la riparazione delle strutture di
calcestruzzo - Definizioni, requisiti, controllo di qualit e valutazione della
conformit - Parte 4: Incollaggio strutturale
EN1504-4:2004 1,2,3,4,6 1,2+,3,4 01/09/05 01/01/09 UNI EN1504-4:2005 apr-05 22/08/2006
M/128 EN1504-5 Prodotti e sistemi per la protezione e la riparazione delle strutture di
calcestruzzo - Definizioni, requisiti, controllo di qualit e valutazione della
conformit - Parte 5: Iniezione del calcestruzzo
EN1504-5:2004 1,3 2+,4 01/10/05 01/01/09 UNI EN1504-5:2005 giu-05 22/08/2006
M/128 EN1504-6 Prodotti e sistemi per la protezione e la riparazione delle strutture di
calcestruzzo - Definizioni, requisiti, controllo di qualit e valutazione della
conformit - Parte 6: Ancoraggio dell'armatura di acciaio
EN1504-6:2006 1,2,3 1,2+,3,4 01/06/07 01/01/09 UNI EN1504-6:2007 gen-07 24/04/2008
M/128 EN1504-7 Prodotti e sistemi per la protezione e la riparazione delle strutture di
calcestruzzo - Definizioni, requisiti, controllo di qualit e valutazione della
conformit - Parte 7: Protezione contro la corrosione delle armature
EN1504-7:2006 1,3 2+,4 01/06/07 01/01/09 UNI EN1504-7:2007 gen-07 24/04/2008
M/128 EN12878 Pigmenti per la colorazione di materiali da costruzione a base di cemento
e/o calce - Specifiche e metodi di prova
EN12878:2005 1,3 2+ 01/03/06 01/03/07 UNI EN12878:2005 ago-05 27/03/2009
M/128 EN12878:2005 /AC:2006 1,3 2+ 01/01/07 01/01/07 in pubblicazione NO
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 26/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/128 EN13263-1 Fumi di silice per calcestruzzo - Parte 1: Definizioni, requisiti e criteri di
conformit
EN13263-1:2005 1,3 1+ UNI EN13263-1:2005 set-05
M/128 EN13263-1:2005/ A1:2009 1,3 1+ 01/01/10 01/01/11 UNI EN13263-1:2009 giu-09
M/128 EN14889-1 Fibre per calcestruzzo - Parte 1: Fibre di acciaio - Definizioni, specificazioni
e conformit
EN14889-1:2006 1,3 1,3 01/06/07 01/06/08 UNI EN14889-1:2006 dic-06 27/03/2009
M/128 EN14889-2 Fibre per calcestruzzo - Parte 2: Fibre polimeriche - Definizioni,
specificazioni e conformit
EN14889-2:2006 1,3 1,3 01/06/07 01/06/08 UNI EN14889-2:2006 dic-06 27/03/2009
M/128 EN15167-1 Loppa d'altoforno granulata macinata per calcestruzzo, malta e malta per
iniezione - Parte 1: Definizioni, specifiche e criteri di conformit
EN15167-1:2006 1,3 1+ 01/01/08 01/01/09 UNI EN15167-1:2006 dic-06
M/129 M/129 Apparecchi di
riscaldamento
EN1 Stufe alimentate ad olio con bruciatori a vaporizzazione EN1:1998 2,3,4,6 3 01/01/08 01/01/09 UNI EN1:2000 apr-00
M/129 EN1:1998 + A1:2007 2,3,4,6 3 01/01/08 01/01/09 UNI EN1:2007 set-07
M/129 EN442-1 Radiatori e convettori - Parte 1: Specifiche tecniche e requisiti EN442-1:1995 2,3,4,6 3 01/12/04 01/12/05 UNI EN442-1:1997 mar-97 22/11/2005
M/129 EN442-1:1995/ A1:2003 2,3,4,6 3 01/12/04 01/12/05 UNI EN442-1:2004 dic-04
M/129 EN12809 Caldaie domestiche indipendenti a combustibile solido - Potenza termica
nominale non maggiore di 50 kW- Requisiti e metodi di prova
EN12809:2001 2,3,4,6 3 01/07/05 01/07/07 UNI EN12809:2004 nov-04 22/08/2006
M/129 EN12809:2001/ AC:2006 2,3,4,6 3 01/01/08 01/01/08 UNI EN12809:2004 nov-04 22/08/2006
M/129 EN12809:2001/
A1:2004/AC:2006
2,3,4,6 3 UNI EN12809:2004 nov-04 NO
M/129 EN12809:2001/
A1:2004/AC:2007
2,3,4,6 3 01/01/08 01/01/08 UNI EN12809:2004 nov-04 NO
M/129 EN12809:2001/ A1:2004 2,3,4,6 3 01/07/05 01/07/07 UNI EN12809:2004 nov-04 22/08/2006
M/129 EN12815 Termocucine a combustibile solido - Requisiti e metodi di prova EN12815:2001 2,3,4,6 3 01/07/05 01/07/07 UNI EN12815:2006 feb-06 22/08/2006
M/129 EN12815:2001/ A1:2004 2,3,4,6 3 01/07/05 01/07/07 UNI EN12815:2006 feb-06 22/08/2006
M/129 EN12815:2001/ AC:2006 2,3,4,6 3 01/01/07 01/01/07 UNI EN12815:2006 feb-06 22/08/2006
M/129 EN12815:2001/
A1:2004/AC:2007
2,3,4,6 3 01/01/08 01/01/08 UNI EN12815:2006 feb-06 NO
M/129 EN13229 Inserti e caminetti aperti a combustibile solido - Requisiti e metodi di prova EN13229:2001 2,3,4,6 3 01/07/05 01/07/07 UNI EN13229:2006 ago-06 22/08/2006
M/129 EN13229:2001/ A1:2003 2,3,4,6 3 01/06/06 01/06/07 UNI EN13229:2006 ago-06 22/08/2006
M/129 EN13229:2001/ AC:2006 2,3,4,6 3 01/07/07 01/07/07 UNI EN13229:2006 ago-06 22/08/2006
M/129 EN13229:2001/ A2:2004 2,3,4,6 3 01/07/05 01/07/07 UNI EN13229:2006 ago-06 22/08/2006
M/129 EN13229:2001/
A2:2004/AC:2007
2,3,4,6 3 01/01/08 01/01/08 UNI EN13229:2006 set-06 NO
M/129 EN13240 Stufe a combustibile solido - Requisiti e metodi di prova EN13240:2001 2,3,4,6 3 01/07/05 01/07/07 UNI EN13240:2006 mar-06 22/08/2006
M/129 EN13240:2001/ AC:2006 2,3,4,6 3 01/01/07 01/01/07 UNI EN13240:2006 mar-06 22/08/2006
M/129 EN13240:2001/ A2:2004 2,3,4,6 3 01/07/05 01/07/07 UNI EN13240:2006 mar-06 22/08/2006
M/129 EN13240:2001/
A2:2004/AC:2007
2,3,4,6 3 01/01/08 01/01/08 UNI EN13240:2006 mar-06 NO
M/129 EN14037-1 Strisce radianti a soffitto alimentate con acqua a temperatura minore di 120
C- Parte 1: Specifiche tecniche e requisiti
EN14037-1:2003 2,3,4,6 3 01/02/04 01/02/05 UNI EN14037-1:2005 mag-05 22/11/2005
M/129 EN14785 Apparecchi per il riscaldamento domestico alimentati con pellet di legno -
Requisiti e metodi di prova
EN14785:2006 2,3,4,6 3 01/01/10 01/01/11 UNI EN14785:2006 ott-06
M/129 EN15250 Apparecchi domestici a lento rilascio di calore alimentati a combustibili
solidi - Requisiti e metodi di prova
EN15250:2007 2,3,4,6 3 01/01/08 01/01/10 UNI EN15250:2007 nov-07
M/129 EN15821 Stufa per sauna a carica multipla alimentata con ciocchi di legno - Requisiti
e metodi di prova
EN15821:2010 2,3,4,6 3 01/07/11 01/07/12 UNI EN15821:2010 nov-10
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 27/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/131 M/131 Tubazioni, serbatoi
e accessori non a contatto
con acqua destinata al
consumo umano
EN331 Manuallyoperatedball valves andclosedbottomtaper plugvalves for gas
installations for buildings
EN331:1998+A1:2010
M/131 EN681-1 Elementi di tenuta in elastomero - Requisiti dei materiali per giunti di tenuta
nelle tubazioni utilizzate per adduzione e scarico dell'acqua - Parte 1:
Gomma vulcanizzata
EN681-1:1996 3,4 4 01/01/03 01/01/09 UNI EN681-1:2004 feb-04 NO
M/131 EN681-1:1996/ A1:1998 3,4 4 01/01/03 01/01/04 UNI EN681-1:2006 dic-06
M/131 EN681-1:1996/ A2:2002 3,4 4 01/01/03 01/01/04 UNI EN681-1:2006 dic-06
M/131 EN681-1:1996/ A3:2005 3,4 4 01/01/08 01/01/09 UNI EN681-1:2006 dic-06 NO
M/131 EN681-2 Elementi di tenuta in elastomero - Requisiti dei materiali per giunti di tenuta
nelle tubazioni utilizzate per adduzione e scarico dell'acqua - Parte 2:
Elastomeri termoplastici
EN681-2:2000 3,4 4 01/01/03 01/01/04 UNI EN681-2:2005 nov-05 NO
M/131 EN681-2:2000/ A1:2002 3,4 4 01/01/03 01/01/04 UNI EN681-2:2005 nov-05
M/131 EN681-2:2000/A2:2005 3,4 4 01/01/10 01/01/10 UNI EN681-2:2005 nov-05
M/131 EN681-3 Elementi di tenuta in elastomero - Requisiti dei materiali per giunti di tenuta
nelle tubazioni utilizzate per adduzione e scarico dell'acqua - Parte 3:
Materiali cellulari di gomma vulcanizzata
EN681-3:2000 3,4 4 01/01/03 01/01/04 UNI EN681-3:2005 nov-05 NO
M/131 EN681-3:2000/ A1:2002 3,4 4 01/01/03 01/01/04 UNI EN681-3:2005 nov-05
M/131 EN681-4 Elementi di tenuta in elastomero - Requisiti dei materiali per giunti di tenuta
nelle tubazioni utilizzate per adduzione e scarico dell'acqua - Parte 4:
Elementi di tenuta di poliuretano colato
EN681-4:2000 3,4 4 01/01/03 01/01/04 UNI EN681-4:2005 nov-05 NO
M/131 EN681-4:2000/ A1:2002 3,4 4 01/01/03 01/01/04 UNI EN681-4:2005 nov-05
M/131 EN682 Elementi di tenuta in elastomero - Requisiti dei materiali elastomerici
utilizzati in tubi e raccordi per il trasporto di gas e idrocarburi fluidi
EN682:2002 3,4 3 01/10/02 01/12/03 UNI EN682:2002 ott-02 NO
M/131 EN877 Tubi e raccordi di ghisa, loro assemblaggi e accessori per l'evacuazione
dell'acqua dagli edifici - Requisiti, metodi di prova e assicurazione della
qualit
EN877:1999 2,3,4 4 01/01/08 01/09/09 UNI EN877:2007 gen-07
M/131 EN877:1999 /A1:2006 2,3,4 4 01/01/08 01/09/09 UNI EN877:2007 gen-07
M/131 EN877:1999/ A1:2006/
AC:2008
2,3,4 4 01/01/09 01/01/09 UNI EN877:2007 gen-07
M/131 EN969 Tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e loro assemblaggio per
condotte di gas - Prescrizioni e metodi di prova
EN969:2009 3,4 3 01/01/10 01/01/11 UNI EN969:2009 giu-09
M/131 EN1057 Rame e leghe di rame - Tubi rotondi di rame senza saldatura per acqua e
gas nelle applicazioni sanitarie e di riscaldamento
EN1057:2006 2,3,4 1,3,4 01/03/07 01/03/09 UNI EN1057:2006 lug-06 NO
M/131 EN1057:2006+A1:2010 2,3,4 1,3,4 01/12/10 01/12/10 UNI EN1057:2010 mar-10
M/131 EN1123-1 Tubi e raccordi di tubi di acciaio rivestiti a caldo con saldatura longitudinale
con giunto a bicchiere per sistemi di acque reflue - Parte: 1 Requisiti, prove
e controllo qualit
EN1123-1:1999 2,3,4 4 01/06/05 01/06/06 UNI EN1123-1:2005 ott-05
M/131 EN1123-1:1999/ A1:2004 2,3,4 4 01/06/05 01/06/06 UNI EN1123-1:2005 ott-05
M/131 EN1124-1 Tubi e raccordi di acciaio inossidabile con saldatura longitudinale con
giunto a bicchiere per sistemi di acque reflue - Parte 1: Requisiti, prove e
controllo di qualit
EN1124-1:1999 2,3,4 4 01/06/05 01/06/06 UNI EN1124-1:2005 ott-05
M/131 EN1124-1:1999/ A1:2004 2,3,4 4 01/06/05 01/06/06 UNI EN1124-1:2005 ott-05
M/131 EN1254-1 Copper andcopper alloys - Plumbingfittings - Part1: Fittings withends for
capillarysolderingor capillarybrazingtocopper tubes
FprEN1254-1
M/131 EN1254-2 Copper andcopper alloys - Plumbingfittings - Part2: Fittings with
compressionends for usewithcopper tubes
FprEN1254-2
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 28/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/131 EN1254-5 Copper andcopper alloys - Plumbingfittings - Part5: Fittings withshort
ends for capillarybrazingtocopper tubes
FprEN1254-5
M/131 EN10224 Tubi e raccordi di acciaio non legato per il convogliamento di acqua e di
altri liquidi acquosi - Condizioni tecniche di fornitura
EN10224:2002 2,3,4 4 01/04/06 01/04/07 UNI EN10224:2006 mar-06 20/11/2007
M/131 EN10224:2002 /A1:2005 2,3,4 4 01/04/06 01/04/07 UNI EN10224:2006 mar-06 20/11/2007
M/131 EN10255 Tubi di acciaio non legato adatti alla saldatura e alla filettatura - Condizioni
tecniche di fornitura
EN10255:2004 +A1:2007 2,3,4 3,4 01/01/10 01/01/11 UNI EN10255:2007 ago-07
M/131 EN10311 Giunzioni per la connessione di tubi e raccordi di acciaio per il trasporto di
acqua e altri liquidi acquosi
EN10311:2005 2,3 4 01/03/06 01/03/07 UNI EN10311:2005 ott-05 20/11/2007
M/131 EN10312 Tubi saldati di acciaio inossidabile per il convogliamento di liquidi acquosi
incluso l'acqua per il consumo umano - Condizioni tecniche di fornitura
EN10312:2002 2,3,4 4 01/04/06 01/04/07 UNI EN10312:2007 feb-07 20/11/2007
M/131 EN10312:2002 /A1:2005 2,3,4 4 01/04/06 01/04/07 UNI EN10312:2007 feb-07 20/11/2007
M/131 EN12285-2 Serbatoi di acciaio prefabbricati - Parte 2: Serbatoi orizzontali cilindrici a
singola e a doppia parete per depositi fuori-terra di liquidi infiammabili e non
infiammabili che possono inquinare l'acqua
EN12285-2:2005 1,3 1,3,4 01/01/06 01/01/08 UNI EN12285-2:2005 giu-05
M/131 EN13160-1 Sistemi di rivelazione delle perdite - Parte 1: Principi generali EN13160-1:2003 3,4 3,4 01/03/04 01/03/05 UNI EN13160-1:2004 gen-04 22/08/2006
M/131 EN13341 Serbatoi statici di materiale termoplastico per immagazzinaggio fuori terra
di oli combustibili domestici, cherosene e gasolio - Serbatoi di polietilene
fabbricati per soffiaggio (blowmoulded), di polietilene fabbricati per
stampaggio rotazionale e di poliammide 6 fabbricati tramite
polimerizzazione anionica - Requisiti e metodi di prova
EN13341:2005 1,2,3,4 3 01/01/06 01/01/09 UNI EN13341:2005 lug-05
M/131 EN13349 Copper andcopper alloys - Pre-insulatedcopper tubes withsolidcovering prEN13349rev
M/131 EN13616 Dispositivi di troppopieno per serbatoi statici per combustibili liquidi derivati
dal petrolio
EN13616:2004 3 3,4 01/05/05 01/05/06 UNI EN13616:2004 ott-04 22/08/2006
M/131 EN13616:2004/ AC:2006 3 3,4 01/06/06 01/06/06 UNI EN13616:2004 ott-04 NO(opzione NPD
non prevista)
M/131 EN14680 Adesivi per sistemi di tubazioni non sotto pressione di materiale
termoplastico - Specifiche
EN14680:2006 3,4 4 01/01/08 01/01/09 UNI EN14680:2007 gen-07
M/131 EN14800 Assemblaggi di tubi metallici ondulati di sicurezza per il collegamento di
apparecchi domestici che utilizzano combustibili gassosi
EN14800:2007 2,3,4 1,3 01/01/08 01/01/09 UNI EN14800:2007 ott-07
M/131 EN14814 Adesivi per sistemi di tubazioni di materiale termoplastico per liquidi sotto
pressione - Specifiche
EN14814:2007 3,4 4 01/01/08 01/01/09 UNI EN14814:2007 dic-07 27/03/2009
M/131 EN15013 Plastics pipingsystems - Non-pressuredrainageandseweragesystems
buriedinground- Performancecharacteristics for pipes, fittings andtheir
joints
prEN15013
M/131 EN15069 Assemblaggi di valvole di sicurezza gas per tubi metallici utilizzati per il
collegamento di apparecchi domestici che utilizzano combustibili gassosi
EN15069:2008 2,3,4 1,3,4 01/01/09 01/01/10 UNI EN15069:2009 gen-09
M/131 EN15070 Elastomeric packedmetallic stripwoundsafetygas hoseassemblies for the
connectionof domestic appliances usinggaseous fuels
prEN15070
M/132 M/132 Dispositivi anti-
sismici
EN15129 Dispositivi antisismici EN15129:2009 1 1,3 01/08/10 01/08/11 UNI EN15129:2009 dic-09
M/135 M/135 Vetro in edilizia EN572-9 Vetro per edilizia - Prodotti di base di vetro di silicato sodo-calcico - Parte 9
Valutazione della conformit/Norma di prodotto
EN572-9:2004 2,4,5,6 1,3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN572-9:2005 feb-05 20/11/2007
M/135 EN1036-2 Vetro per edilizia - Specchi di vetro float argentato per uso in interni - Parte
2: Valutazione di conformit; norma di prodotto
EN1036-2:2008 2,4,5,6 1,3,4 01/01/09 01/01/10 UNI EN1036-2:2008 mag-08
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 29/30 costruzioni@uni.com
Marcatura CE dei prodotti da costruzione (Direttiva 89/106)
Norme armonizzate
23/03/2011
M/ Mandato NormaEN Titolo WorkItem Requisiti
Essenziali
secondoil
mandato
Sistema
Attestazion
edi
Conformit
Datadi entrata
invigorecome
norma
armonizzata
(inizio
marcaturaCE
volontaria)
Datadi
scadenzadel
periododi
coesistenza
(inizio
marcaturaCE
obbligatoria)
NormaUNI Datapubb. Decretonazionale
di recepimento
n
GURI
dataGURI Invioschedaa
MSE
1) Per la marcatura CE necessario verificare leffettiva applicabilit di ciascun singolo Requisito Essenziale in funzione della specifica destinazione duso del prodotto, come indicato nellappendice ZAdella norma
M/135 EN1051-2 Vetro per edilizia - Mattoni di vetro per pareti e pavimentazioni - Parte 2:
Valutazione di conformit/Norma di prodotto
EN1051-2:2007 2,4,5,6 1,3,4 01/01/09 01/01/10 UNI EN1051-2:2008 gen-08
M/135 EN1096-4 Vetro per edilizia - Vetri rivestiti - Parte 4: Valutazione della
conformit/Norma di prodotto
EN1096-4:2004 2,4,5,6 1,3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN1096-4:2005 feb-05 20/11/2007
M/135 EN1279-5 Vetro per edilizia - Vetrate isolanti - Parte 5: Valutazione della conformit EN1279-5:2005 2,4,5,6 1,3,4 UNI EN1279-5:2005 set-05 20/11/2007
M/135 EN1279-5:2005/ A1:2008 2,4,5,6 1,3,4 01/09/09 01/09/10 UNI EN1279-5:2009 mar-09
M/135 EN1279-5:2005+A2:2010 2,4,5,6, 1,3,4 01/02/11 01/02/12 UNI EN1279-5:2010 mag-10
M/135 EN1748-1-2 Vetro per edilizia - Prodotti di base speciali - Vetri borosilicati - Parte 1-2:
Valutazione della conformit/Norma di prodotto
EN1748-1-2:2004 2,4,5,6 1,3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN1748-1-2:2005 gen-05 20/11/2007
M/135 EN1748-2-2 Vetro per edilizia - Prodotti di base speciali - Parte 2-2: Vetro ceramica -
Valutazione della conformit/Norma di prodotto
EN1748-2-2:2004 2,4,5,6 1,3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN1748-2-2:2005 gen-05 27/03/2009
M/135 EN1863-2 Vetro per edilizia - Vetro di silicato sodo-calcico indurito termicamente -
Parte 2: Valutazione della conformit/Norma di prodotto
EN1863-2:2004 2,4,5,6 1,3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN1863-2:2005 feb-05 20/11/2007
M/135 EN12150-2 Vetro per edilizia - Vetro di silicato sodo-calcico di sicurezza temprato
termicamente - Parte 2: Valutazione di conformit/Norma di prodotto
EN12150-2:2004 2,4,5,6 1,3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN12150-2:2005 feb-05 20/11/2007
M/135 EN12337-2 Vetro per edilizia - Vetro di silicato sodo-calcico indurito chimicamente -
Parte 2: Valutazione della conformit/Norma di prodotto
EN12337-2:2004 2,4,5,6 1,3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN12337-2:2005 feb-05 20/11/2007
M/135 EN13024-2 Vetro per edilizia - Vetro di borosilicato di sicurezza temprato termicamente
Parte 2: Valutazione della conformit/Norma di prodotto
EN13024-2:2004 2,4,5,6 1,3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN13024-2:2005 feb-05 20/11/2007
M/135 EN14178-2 Vetro per edilizia - Prodotti di base di vetro a matrice alcalina - Parte 2:
Valutazione della conformit/Norma di prodotto
EN14178-2:2004 2,4,5,6 1,3,4 01/09/05 01/09/06 UNI EN14178-2:2005 feb-05 20/11/2007
M/135 EN14179-2 Vetro per edilizia - Vetro di sicurezza di silicato sodo calcico temprato
termicamente e sottoposto a "heat soak test" - Parte 2: Valutazione della
conformit/Norma di prodotto
EN14179-2:2005 2,4,5,6 1,3,4 01/03/06 01/03/07 UNI EN14179-2:2005 set-05 20/11/2007
M/135 EN14321-2 Vetro per edilizia - Vetro di sicurezza a matrice alcalina temprato
termicamente - Parte 2: Valutazione di conformit/Norma di prodotto
EN14321-2:2005 2,4,5,6 1,3,4 01/06/06 01/06/07 UNI EN14321-2:2006 feb-06 27/03/2009
M/135 EN14449 Vetro per edilizia - Vetro stratificato e vetro stratificato di sicurezza -
Valutazione della conformit/Norma di prodotto
EN14449:2005 2,4,5,6 1,3,4 01/03/06 01/03/07 UNI EN14449:2005 set-05 20/11/2007
M/135 EN14449:2005/ AC:2005 2,4,5,6 1,3,4 01/06/06 01/06/06 UNI EN14449:2005 set-05 20/11/2007
M/135 EN15681-2 Glass inbuilding- Basic aluminosilicateglass products - Part2:
Evaluationof conformity/Productstandard
prEN15681-2
M/135 EN15682-2 Glass inbuilding- Heatsoakedthermallytoughenedalkalineearthsilicate
safetyglass - Part2: Evaluationof conformity/Productstandard
prEN15682-2
M/135 EN15683-2 Glass inBuilding- Thermallytoughenedsodalimesilicatechannel shaped
safetyglass - Part2: Evaluationof conformity/Productstandard
prEN15683-2
M/136 Prodotti da costruzione a
contatto con acqua
destianata a consumo
umano
EN598 Tubi, raccordi e accessori di ghisa sferoidale e loro giunti per fognatura -
Requisiti e metodi di prova
EN598:2007 3,4 4 UNI EN598:2007 dic-07
M/136 EN598:2007+A1:2009 1,4 4 01/04/10 01/04/11 UNI EN 598:2009 set-09
Com. CE 2010/C 344/01
(GUUE n. C 344/01 - 17/12/2010) 30/30 costruzioni@uni.com
16
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
PRODOTTI RECANTI LA MARCATURE CE
Nella Gazzetta Uffciale Europea(GUUE n. 2012/C 176/1 del
19/06/2012) possibile trovare lelenco dei prodotti da
costruzione con obbligo di marcature CE, lentrata in vigore
della norma armonizzata (inizio marcatura CE volontaria) e fine del
periodo di coesistenza (inizio marcatura CE obbligatoria):
http://ec.europa.eu/enterprise/newapproach/nando/inderx.cfm?fuseaction=cpd.hs
17
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
REQUISITI DI BASE
1. Resistenza meccanica e stabilit
2. Sicurezza in caso di incendio
3. Igiene, salute e ambiente
4. Sicurezza e accessibilit nell'uso
5. Protezione contro il rumore
6. Risparmio energetico e ritenzione del calore
7. Uso sostenibile delle risorse naturali
18
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
CONDIZIONI DI IMMISSIONE SUL MERCATO
I PRODOTTI POSSONO ESSERE IMMESSI
SUL MERCATO SOLO SE IDONEI
ALLIMPIEGO PREVISTO
I PRODOTTI CHE RECANO LA MARCATURA
CE SI PRESUMONO IDONEI ALLIMPIEGO
PREVISTO
19
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
MARCATURA CE
LA MARCATURA CE E APPOSTA A CURA E CON RESPONSABILITA
DEL FABBRICANTE O DEL SUO MANDATARIO, STABILITO SUL
TERRITORIO DELLA COMUNITA EUROPEA
IL MARCHIO CE E APPOSTO SUL PRODOTTO, SU DI UNETICHETTA
AD ESSO SALDAMENTE FISSATA, SULLIMBALLAGGIO O SUI
DOCUMENTI COMMERCIALI DI ACCOMPAGNAMENTO
20
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
LA MARCATURA CE DEVE ESSERE ACCOMPAGNATA DAI
SEGUENTI DATI:
NOME O MARCHIO DEL FABBRICANTE O DEL MANDATARIO
SE PREVISTE LE INDICAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DEL
PRODOTTO (es. valori dichiarati e classe/categoria o NPD)
LE ULTIME DUE CIFRE DELLANNO DI APPLICAZIONE DELLA
MARCATURA CE
IL NUMERO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA (se necessario)
IL RIFERIMENTO ALLA NORMA EUROPEA
21
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
LATTESTAZIONE DI CONFORMITA E:
UN SISTEMA CHE DEFINISCE LINSIEME DELLE VERIFICHE
E DEI CONTROLLI DA EFFETTUARE SU UN DETERMINATO
PRODOTTO E LE RELATIVE RESPONSABILITA DI
ATTUAZIONE FRA IL FABBRICANTE E LORGANISMO
NOTIFICATO.
TALI VERIFICHE E CONTROLLI COMPRENDONO ALCUNE O TUTTE LE
SEGUENTI ATTIVITA:
- PROVE INIZIALI DI TIPO
- PROVE PERIODICHE DI CONTROLLO
- ATTUAZIONE DI UN SISTEMA FPC
- APPROVAZIONE E SORVEGLIANZA FPC
22
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
I SISTEMI DI ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA (SAC)
SONO IDENTIFICATI CON LE SEGUENTI SIGLE:
1, 1+, 2, 2+, 3, 4
LE NORME ARMONIZZATE STABILISCONO, PER OGNI PRODOTTO,
QUALE SAC APPLICARE E COME SONO SUDDIVISE LE
RESPONSABILITA FRA IL FABBRICANTE E LENTE NOTIFICATO
23
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
LE ATTIVITA DI ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA SI
CONCLUDONO CON LEMISSIONE DEI DOCUMENTI DI
CONFORMITA DEL PRODOTTO NECESSARI ALLA SUA
COMMERCIALIZZAZIONE.
Tali documenti possono essere:
- Dichiarazione CE di conformit del fabbricante
- Certifcato CE del controllo di produzione
- Attuazione di un sistema FPC
- Certifcato CE di conformit del prodotto
(DOC. ALLEGATO: GUIDA K ALLEGATO1)
Sistemi di attestazione della conformit (estratto dalla Linea Guida K)

Sistema Compiti del produttore Compiti dellOrganismo Notificato Documenti per marchio CE
4
Prove iniziali di tipo del prodotto
Controllo di produzione in fabbrica

3 Controllo di produzione in fabbrica Prove iniziali di tipo del prodotto
Dichiarazione di conformit del
produttore
2
Prove iniziali di tipo del prodotto
Controllo di produzione in fabbrica
Certificazione del controllo di produzione in fabbrica
sulla base dellispezione iniziale
2+
Prove iniziali di tipo del prodotto
Controllo di produzione in fabbrica
Prove su campioni in accordo ad un
piano di prove prestabilito
Certificazione del controllo di produzione in fabbrica
sulla base di:
- ispezione iniziale
- sorveglianza continua, valutazione ed
approvazione del controllo di produzione in
fabbrica
Dichiarazione di conformit del
produttore
+
Certificazione del controllo di
produzione in fabbrica
1
Controllo di produzione in fabbrica
Ulteriori prove su campioni in
accordo ad un piano di prove
prestabilito
Certificazione di conformit del prodotto sulla base di
compiti dellorganismo notificato e dei compiti
assegnati al produttore

Compiti dellorganismo notificato:
- prove iniziali di tipo del prodotto;
- ispezione iniziale della fabbrica e del controllo di
produzione in fabbrica;
- sorveglianza continua, valutazione ed approvazione
del controllo di produzione in fabbrica.
1+
Controllo di produzione in fabbrica
Ulteriori prove su campioni in
accordo ad un piano di prove
prestabilito
Certificazione di conformit di prodotto sulla base dei
compiti dellorganismo notificato e dei compiti
assegnati al produttore

Compiti dellorganismo notificato:
- prove iniziali di tipo del prodotto;
- ispezione iniziale della fabbrica e del controllo di
produzione in fabbrica;
- sorveglianza continua, valutazione ed approvazione
del controllo di produzione in fabbrica
- prove su campioni prelevati dalla fabbrica, sul
mercato o in cantiere
Dichiarazione di conformit
1
del
produttore
+
Certificato di conformit di prodotto

1
La dichiarazione di conformit sempre richiesta (vedere Linea Guida D)
24
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Sistem
a
Compiti del produttore Compiti dellOrganismo Notificato Documenti per marchio CE
4
Prove iniziali di tipo del prodotto
Controllo di produzione in fabbrica
Dichiarazione di conformit del produttore
3 Controllo di produzione in fabbrica Prove iniziali di tipo del prodotto
2
Prove iniziali di tipo del prodotto
Controllo di produzione in fabbrica
Certificazione del controllo di produzione in fabbrica sulla base
dellispezione iniziale
Dichiarazione di conformit del produttore
+
Certificazione del controllo di produzione in
fabbrica 2+
Prove iniziali di tipo del prodotto
Controllo di produzione in fabbrica
Prove su campioni in accordo ad un piano
di prove prestabilito
Certificazione del controllo di produzione in fabbrica sulla base
di:
-ispezione iniziale
-sorveglianza continua, valutazione ed approvazione del
controllo di produzione in fabbrica
1
Controllo di produzione in fabbrica
Ulteriori prove su campioni in accordo ad
un piano di prove prestabilito
Certificazione di conformit del prodotto sulla base di compiti
dellorganismo notificato e dei compiti assegnati al produttore
Compiti dellorganismo notificato:
-prove iniziali di tipo del prodotto;
-ispezione iniziale della fabbrica e del controllo di produzione
in fabbrica;
-sorveglianza continua, valutazione ed approvazione del
controllo di produzione in fabbrica.
Dichiarazione di conformit
1
del produttore
+
Certificato di conformit di prodotto
1+
Controllo di produzione in fabbrica
Ulteriori prove su campioni in accordo ad
un piano di prove prestabilito
Certificazione di conformit di prodotto sulla base dei compiti
dellorganismo notificato e dei compiti assegnati al produttore
Compiti dellorganismo notificato:
-prove iniziali di tipo del prodotto;
-ispezione iniziale della fabbrica e del controllo di produzione
in fabbrica;
-sorveglianza continua, valutazione ed approvazione del
controllo di produzione in fabbrica
-prove su campioni prelevati dalla fabbrica, sul mercato o in
cantiere
Sistemi di attestazione della conformit (estratto dalla Linea Guida K)
1
La dichiarazione di conformit sempre richiesta (vedere Linea Guida D)
25
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
VIGILANZA
Al fine di verificare la conformit dei prodotti da
costruzione ai requisiti previsti, il Ministero dello Sviluppo
Economico (ex Ministero Attivit Produttive), dellInterno e
il Ministero delle Infrastrutture secondo competenza,
hanno facolt di disporre controlli con spese a carico del
fabbricante o del mandatario mediante i propri uffici
centrali e periferici.
26
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
26
REGOLAMENTO (UE) N. 305/2011
DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO
del 9 marzo 2011
che fissa condizioni armonizzate per la
commercializzazione dei prodotti da costruzione e
che abroga la direttiva 89/106/CEE del Consiglio
Luglio 2013
27
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
27
Riassunto delle innovazioni
maggiormente rilevanti
Dichiarazione di Prestazione
Valutazione della Costanza della Prestazione
Procedure semplifcate
Documentazione tecnica e metodi alternativi
Operatori Economici
Sostanze Pericolose (REACH)
Ruolo dei Technical Assestmant Body (TAB)
Personale degli Enti
28
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
28
Marcatura CE signifca che:
E stata prodotta e fornita una DICHIARAZIONE di
PRESTAZIONE
Il prodotto conforme:
1. Alla DICHIARAZIONE di PRESTAZIONE
2. Al Regolamento 305/2011
3. A tutte le norme armonizzate applicabili
29
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
29
Prestazioni
prestazione di un prodotto da costruzione, la prestazione in relazione alle
caratteristiche essenziali pertinenti, espressa in termini di livello, classe o
mediante descrizione;
Livello, Classe, livello di soglia, ;
30
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
30
MICROIMPRESA
microimpresa, microimpresa come definita nella
raccomandazione della Commissione del 6 maggio 2003 relativa
alla definizione delle microimprese, piccole e medie imprese
(Persone < 10 e fatturato < 2.000.000 /anno);
PROCEDURE MOLTO
SEMPLIFICATE
31
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
31
DOCUMENTAZIONE A CORREDO
DEL PRODOTTO DA COSTRUZIONE

Dichiarazione di prestazione

Marcatura CE
+ Documentazione tecnica (Da conservare)
+ Istruzione e Informazioni sulla sicurezza
( Sostanze pericolose)
32
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
32
DICHIARAZIONE di PRESTAZIONE
Quando un prodotto da costruzione rientra nell'ambito di applicazione di
una norma armonizzata o conforme a una valutazione tecnica
europea:
il fabbricante redige una dichiarazione di prestazione all'atto
dell'immissione di tale prodotto sul mercato,
le informazioni sulla prestazione possono essere fornite solo se
comprese e specificate nella dichiarazione di prestazione (No
scheda tecnica),
il fabbricante si assume la responsabilit della conformit del
prodotto da costruzione a tale prestazione dichiarata.
33
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
33
MARCATURA CE

La marcatura CE apposta solo sui prodotti da


costruzione per i quali il fabbricante ha redatto una
dichiarazione di prestazione

Se la dichiarazione di prestazione non stata redatta dal


fabbricante, la marcatura CE non viene apposta.
34
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
34
OBBLIGHI DEI FABBRICANTI
Redigono una dichiarazione di prestazione
Appongono la marcatura CE
Conservano la documentazione tecnica
Assicurano procedure per garantire la costanza della prestazione
Identificano il prodotto (marchio e lotto)
Comunicano informazioni sulla sicurezza
Correggono o Richiamano i non conformi
Dimostrano la conformit alle autorit
35
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
UNI EN 1090-1:2012
Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio - Parte 1:
Requisiti per la valutazione di conformit dei componenti strutturali
35
36
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
EN 1090-1:2009/AC:2010
Inizio del periodo transitorio
01/01/2011
Fine del periodo transitorio ed inizio dellobbligo
01/07/2014
36
37
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Scopo e campo di applicazione
Questa Norma armonizzata specifica i requisiti per la valutazione della
conformit delle caratteristiche di componenti strutturali in acciaio
e alluminio e per prodotti in kits immessi sul mercato come prodotti
da costruzione.
La valutazione di conformit si riferisce alle caratteristiche del
prodotto e quando applicabile alle caratteristiche strutturali di
progetto.
Questa norma armonizzata copre anche i componenti in acciaio
utilizzati in strutture composte da acciaio e calcestruzzo(tipo travi
REP/PREM che non rientrano nellapposita linea guida del CSLLPP)
La norma si applica a componenti strutturali sia prodotti in serie che
non, inclusi i kits.
37
38
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Quindi,
lattestazione ministeriale sar ancora
applicabile?
38


11.3.4. COMPONENTI IN ACCIAIO PER STRUTTURE METALLICHE E PER STRUTTURE COMPOSTE
11.3.4.1 GENERALITA
Per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte si dovranno utilizzare acciai conformi alle norme
armonizzate della serie UNI EN 10025, UNI EN 10210 e UNI EN 10219-1, recanti la Marcatura CE, cui si applica il
sistema di attestazione della conformit o di valutazione e verifica della costanza della prestazione 2+, e per i quali si
rimanda a quanto specificato al punto A del 11.1. Solo per i prodotti per cui non sia applicabile la marcatura CE si
rimanda a quanto specificato al punto B del 11.1 e si applica la procedura di cui al 11.3.4.11.1.
Per gli acciai inossidabili si veda il 11.3.4.8.
Per la realizzazione di componenti o sistemi strutturali in acciaio in serie nelle officine di produzione di carpenteria
metallica e nelle officine di produzione di elementi strutturali si applica quanto specificato al punto 11.1, caso A), in
conformit alla norma europea armonizzata UNI EN1090-1. Nei casi in cui i tali componenti strutturali sono fabbricati in
conformit ai dettagli di progetto (disegni, specifiche per i materiali, ecc.) predisposti dal progettista delle opere sulla
base delle presenti norme tecniche, per la suddetta marcatura CE si applicheranno le modalit di dichiarazione delle
prestazioni ed etichettatura previste dalle specifiche tecniche armonizzate in applicazione del Metodo 3, Riferimento ai
documenti di progettazione delle opere o dell'ordine del cliente, di cui al Documento Guida L Applicazione degli
Eurocodici concernente la Dir. 89/106/CEE ed emanato dalla Commissione Europea.
Negli altri casi, per la marcatura CE, si applicheranno le modalit di dichiarazione delle prestazioni ed etichettatura
previste dalle specifiche tecniche armonizzate in applicazione del Metodo 1, Indicazione dei dati geometrici del
componente e delle propriet dei materiali e dei prodotti costituenti utilizzati, di cui allo stesso Documento Guida L. In
entrambi i casi il Direttore dei lavori, in fase di accettazione dei componenti o sistemi strutturali, prima della loro
istallazione, verificher la conformit di quanto dichiarato ai requisiti stabiliti dalla presente norma e dai documenti
progettuali.
In alternativa, e comunque non oltre il termine del periodo di coesistenza della predetta norma europea armonizzata UNI
EN 1090-1 pubblicato in Gazzetta ufficiale dellUnione Europea, potr applicarsi quanto riportato al successivo
11.3.4.10.
Per laccertamento delle caratteristiche meccaniche indicate nel seguito, il prelievo dei saggi, la posizione nel pezzo da
cui essi devono essere prelevati, la preparazione delle provette e le modalit di prova devono rispondere alle prescrizioni
delle norme UNI EN ISO 377:1999, UNI ISO/TR 12735-2:2009, UNI EN ISO 6892-1:2009, UNI EN ISO 148-1:2011.
39
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Definizioni
Constituent products (Prodotti costituenti):
Materiali o prodotti utilizzati in produzione che contribuiscono alle prestazioni
o ai calcoli strutturali ovvero risultano coinvolti nelle prestazioni meccaniche
e/o di resistenza al fuoco inclusi gli aspetti di durabilit e funzionalit.
Evaluation method (Metodo di valutazione):
Il metodo di valutazione intende verificare che le caratteristiche dei
componenti possano ottemperare i valori dichiarati e ogni altro valore
utilizzato per la valutazione di conformit per caratteristiche come propriet
dei materiali, geometrie e caratteristiche strutturali. (quando sono effettuate
delle prove deve essere utilizzato il termine metodo di prova),
Manufacturing (Produzione):
Operazioni che portano alla realizzazione del prodotto e possono
comprendere: fabbricazione, saldature, fissaggio meccanico, assemblaggio,
prove e documentazione delle caratteristiche dichiarate (progettazione e
specifiche del componente).
39
40
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Structural characteristics (caratteristiche strutturali):
Propriet dei componenti connesse alla loro capacit di assolvere correttamente il proprio
compito.
Structural components (componenti strutturali):
Componenti utilizzati con caratteristiche portanti progettati per fornire resistenza
meccanica e stabilit e/o resistenza al fuoco inclusi gli aspetti di durabilit e funzionalit
che possono essere utilizzati direttamente come forniti o possono essere incorporati nella
costruzione in opera.
40
41
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
REQUISITI ( 4 UNI EN 1090-1:2012)
Prodotti costituenti
I componenti strutturali in acciaio e in alluminio devono essere
valutati come Prodotti costituenti in accordo con le seguenti norme:
UNI EN 1090-2:2011
Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio - Parte 2: Requisiti
tecnici per strutture di acciaio
UNI EN 1090-3:2008
Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio - Parte 3: Requisiti
tecnici per le strutture di alluminio
41
42
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Sistema di attestazione di conformit
per componenti strutturali in acciaio e alluminio
42
2+
43
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Prove iniziali di tipo
Controllo di produzione
43
- Ispezioni
- Prove
44
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Compiti per la valutazione di conformit
per componenti strutturali in acciaio e alluminio
44
Compiti Contenuti
Clausula
applicabile
Compiti del
fabbricante
Prove iniziali di tipo
Parametri relativi
alle caratteristiche
del prospetto ZA.1
6.2
FPC
Parametri relativi
alle caratteristiche
del prospetto ZA.1
6.3
Campionamento, prove e ispezioni
Caratteristiche
principali del
prospetto ZA.1
Tabella 2
Compiti
dell'organis
mo
Certifcazione del
FPC da parte
dellON sulla base
di
Ispezione
iniziale
Parametri relativi
alle caratteristiche
del prospetto ZA.1
6.3 e annesso B
Sorveglianza
continua
Parametri relativi
alle caratteristiche
del prospetto ZA.1
6.3 e annesso B
45
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
CARATTERISTICHE
STRUTTURALI
CARATTERISTICHE ESSENZIALI
Tolleranze dimensionali e forme
Saldabilit
Carico di rottura e resistenza allimpatto (resilienza)
Capacit portante
Deformazione allo stato limite di esercizio
Resistenza alla fatica
Resistenza al fuoco
Reazione al fuoco
Rilascio di cadmio e suoi composti
Emissione di radioattivit
Durabilit
46
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Tolleranze dimensionali e forme
Le tolleranze vengono specificate nelle rispettive UNI EN 1090-2 e UNI EN 1090-3
e devono essere applicate a tutti i componenti. Se vengono applicate tolleranze
differenti deve essere specificato.
Saldabilit
Quando i prodotti vengono dichiarati saldabili devono essere realizzati con
materiali costituenti conformi alle UNI EN 1090-2 o EN 1999-1.
Carico di rottura e resistenza allimpatto (resilienza)
Le caratteristiche meccaniche dei componenti costituenti devono soddisfare i
requisiti meccanici richiesti, quando i materiali costituenti soddisfano i requisiti
di carico di rottura si considerano soddisfatti anche i requisiti di resistenza
allimpatto.
46
47
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Capacit portante
E necessario dichiarare la capacit portante del prodotto o sotto forma del
carico di progetto, o come carico che il prodotto in grado di sopportare o in
riferimento alla resistenza della sezione trasversale del componente.
Deformazione allo stato limite di esercizio
La deformazione limite deve essere valutata considerando la combinazione delle
azioni (variabili e permanenti). I limiti, verticali e orizzontali, devono essere
definiti nel progetto o si fa riferimento alle Specifiche Europee.
Resistenza alla fatica
La dichiarazione della resistenza alla fatica di un componente strutturale deve
specificare il riferimento a quale forza/azione si riferisce.
47
48
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Resistenza al fuoco e Reazione al fuoco
La Resistenza al fuoco (caratteristica strutturale) e la Reazione al fuoco vengono
valutate rispettivamente secondo le norme EN 13501-2 e EN 13501-1.
Rilascio di cadmio e suoi composti ed Emissione di
radioattivit
Se i prodotti costituenti soddisfano i requisiti specificati nella UNI EN 1090-2 per i
prodotti in acciaio e nella UNI EN 1090-3 per i prodotti in alluminio il requisito si
considera soddisfatto a meno che non venga utilizzato un materiale di
rivestimento per il quale non disponibile stabilire possibili emissioni in maniera
indiretta (ad es: schede tecniche).
Durabilit
Non viene definito un metodo diretto per questa prestazione che viene valutata in
maniera indiretta considerando lesposizione dei componenti e valutando i
requisiti di protezione superficiale forniti nelle specifiche dei componenti.
48
49
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Dichiarazione di conformit
Una volta ottenuta la conformit e una volta che l'ente autorizzato ha
redatto il certificato menzionato di seguito, il produttore o il suo
agente designato nella EEA deve elaborare e conservare una
dichiarazione di conformit che autorizzi il produttore ad apporre la
marcatura CE.
Tale dichiarazione deve includere:
nome e indirizzo del produttore, e luogo di produzione;
descrizione del prodotto e una copia delle informazioni di accompagnamento
della marcatura CE;
disposizioni a cui il prodotto conforme (appendice ZA della presente EN);
condizioni particolari applicabili all'uso del prodotto (per esempio disposizioni
per l'impiego del prodotto in determinate condizioni, ecc.);
numero del certificato di accompagnamento del controllo della produzione di
fabbrica;
nome e qualifica della persona incaricata di firmare la dichiarazione per
conto del produttore o del suo rappresentante autorizzato.
50
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
La dichiarazione deve essere accompagnata da un certificato di
controllo della
produzione di fabbrica redatto dall'ente autorizzato che deve
contenere quanto segue:
- nome e indirizzo dell'ente autorizzato;
- numero del certificato di controllo della produzione di fabbrica;
- condizioni e periodo di validit del certificato, se necessario;
- nome e qualifica della persona incaricata di firmare il certificato.
La dichiarazione sopra citata deve essere presentata nella lingua o
nelle lingue ufficiali dello Stato Membro in cui il prodotto deve
essere impiegato.
51
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Eti
chettatura
I
Il produttore o il suo rappresentante autorizzato con sede nella EEA
responsabile dell'applicazione della marcatura CE. Il simbolo di
marcatura CE da applicare deve essere conforme alla Direttiva
93/68/CE e deve figurare sull'etichetta, sull'imballaggio o sui
documenti commerciali di accompagnamento, per esempio una bolla
di consegna.


Il
simbolo di marcatura CE deve essere accompagnato dalle
informazioni seguenti:
52
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
Etichettatura
- numero di identificazione dell'ente di certificazione dellFPC;
- nome o marchio identificativo e indirizzo registrato del produttore;
- le ultime due cifre dell'anno di applicazione della marcatura;
- numero del certificato del controllo della produzione di fabbrica;
- riferimento della presente norma europea (EN 1090-1:2009+A1:2011);
- descrizione del prodotto: nome generico, materiale, dimensioni e impiego
previsto;
- informazioni sulle caratteristiche essenziali rilevanti elencate nei prospetti ZA.1;
"Nessuna prestazione determinata" per caratteristiche ove ci sia rilevante;
la Classe di Esecuzione in conformit alle norme UNI EN 1090-2 e UNI EN 1090-3;
riferimenti alle specifiche dei componenti.
Informazioni aggiuntive
E' necessario, in funzione del metodo di marcatura, fornire informazioni tecniche
aggiuntive sul prodotto.
53
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
ESEMPIO DI MARCETURA CE CON IL METODO 3-A
(ZA.3.4) PER CHI REALIZZA LE STRUTTURE SU
PROGETTO DI ALTRI
54
Acciaio strutturale: la normativa in evoluzione.
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011
www.giordano.it
GRAZIE
PER
LATTENZIONE
Geom. Raffaello Dellamotta
Tel. 0541 322.234
r.dellamotta@giordano.it
1
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
IL DL E LA DOCUMENTAZIONE DA RICHIEDERE IN
CANTIERE PER IL PRODOTTO ACCIAIO:
ACCETTAZIONE DEL MATERIALE E REQUISITI
PREVISTI DALLA NORMATIVA
Brescia, 8 Novembre 2012
D.M. 14 Gennaio 2008
Circolare 2 Febbraio 2009 n. 617 del C.S. LL.PP.
Geom. Raffaello Dellamotta
Tel. 0541-322.234
r.dellamotta@giordano.it
2
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
3
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
4
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
NTC DM 14 Gennaio 2008
Il materiale ed i prodotti per uso strutturale utilizzati nelle opere
devono rispondere ai requisiti indicati nelle normative
Il materiale e i prodotti per uso strutturale devono essere:
- Identificati univocamente a cura del produttore, secondo le procedure
applicabili.
- Qualificati sotto la responsabilit del produttore
- Accettati dal Direttore dei lavori mediante acquisizione e verifica della
documentazione di qualificazione, nonch mediante eventuali prove
sperimentali di accettazione.
5
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
11.3 ACCIAIO
11.3.1 PRESCRIZIONI COMUNI A TUTTE LE TIPOLOGIE DI ACCIAIO
11.3.1.1 Controlli
Le presenti norme prevedono tre forme di controllo obbligatorie:
- in stabilimento di produzione, da eseguirsi sui lotti di produzione;
- nei centri di trasformazione, da eseguirsi sulle forniture;
- di accettazione in cantiere, da eseguirsi sui lotti di spedizione.
A tale riguardo si definiscono:
Lotti di produzione: si riferiscono a produzione continua, ordinata cronologicamente mediante apposizione di
contrassegni al prodotto finito (rotolo finito, bobina di trefolo, fascio di barre, ecc.).
Un lotto di produzione deve avere valori delle grandezze nominali omogenee (dimensionali, meccaniche, di
formazione) e pu essere compreso tra 30 e 120 tonnellate.
Forniture: sono lotti formati da massimo 90 t, costituiti da prodotti aventi valori delle grandezze nominali
omogenee.
Lotti di spedizione: sono lotti formati da massimo 30 t, spediti in ununica volta, costituiti da prodotti aventi
valori delle grandezze nominali omogenee
6
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
TONDINI
C11.3.2.10.4 Controlli di accettazione in cantiere
7
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
I CERTIFICATI DEI TONDINI
La domanda di prove al laboratorio autorizzato deve essere sottoscritta da Direttore dei
Lavori e deve contenere indicazioni sulle strutture interessate da ciascun prelievo.
In caso di mancata sottoscrizione della richiesta di prove da parte del Direttore dei
Lavori, le certificazioni emesse dal laboratorio non possono assumere valenza ai sensi
del presente decreto e di ci ne deve essere fatta esplicita menzione sul certificato
stesso.
I certificati emessi dai laboratori devono obbligatoriamente contenere almeno:
- lidentificazione del laboratorio che rilascia il certificato;
- una identificazione univoca del certificato (numero di serie e data di emissione) e di
ciascuna sua pagina, oltre al numero totale di pagine;
- lidentificazione del committente dei lavori in esecuzione e del cantiere di riferimento;
- il nominativo del Direttore dei Lavori che richiede la prova;
8
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
- la descrizione e lidentificazione dei campioni da provare;
- la data di ricevimento dei campioni e la data di esecuzione delle prove;
- lidentificazione delle specifiche di prova o la descrizione del metodo o procedura
adottata, con lindicazione delle norme di riferimento per lesecuzione della stessa;
- i valori delle grandezze misurate e lesito delle prove di piegamento.
I certificati devono riportare, inoltre, lindicazione del marchio identificativo rilevato a
cura del laboratorio incaricato dei controlli sui campioni da sottoporre a prove.
Ove i campioni fossero sprovvisti di tale marchio, oppure il marchio non dovesse
rientrare fra quelli depositati presso il Servizio Tecnico Centrale, le certificazioni
emesse dal laboratorio non possono assumere valenza ai sensi delle presenti
norme e di ci ne deve essere fatta esplicita menzione sul certificato stesso.
9
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
acciaio
E consentito esclusivamente luso di acciai saldabili ad aderenza migliorata
Due nuove tipologie di acciai
B 450 C B 450 A
f
y nom
450 N/mm e tensione di rottura f
t nom
540 N/mm
diametri da 5 a 10 mm
diametri da 6 a 40 mm
10
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
acciaio
In zona sismica possibile utilizzare solo B450C.
Il Decreto Ministeriale 15 Novembre 2011 ammette luso dellacciaio
B450A, con diametri compresi tra 5 e 10 mm, oltre che per le reti e i tralicci,
anche per le staffe per strutture in CD B
11
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
E possibile quindi impiegare tale acciaio nella realizzazione
di staffe nel caso in cui la struttura abbia comportamento
strutturale dissipativo ma rientrante esclusivamente nel
seguente livello:
-Classe di Duttilit bassa (CD B).
Negli altri casi se ne consente luso per larmatura
trasversale unicamente se rispettata almeno una delle
seguente condizioni:
- elementi in cui impedita la plasticizzazione mediante il
rispetto del criterio di gerarchia delle resistenze;
- elementi secondari di cui al 7.2.3;
- strutture poco dissipative con fattore di struttura q <= 1,5.
12
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
Controllo acciaio
Fornitura
barre diritte
Attestazione S.T.C
ogni fornitura deve essere accompagnata dalle attestazioni del
Servizio Tecnico Centrale di qualifica nazionale
IMPRESA : deve accertare che gli attestati di
qualifica riportino gli estremi del D.D.T. cui
sono allegati.
accettazione Controllo di accettazione
IMPRESA : non deve pi effettuare i controlli
sui gruppi di diametri ma sui lotti di spedizione
Responsabilit Direzione Lavori
Il D.L. compila un
apposito verbale con i dati del prelievo
Il verbale un documento obbligatorio.
Certificazione ISO 9001
lotto di spedizione = quantit pari a 30t di acciaio con
caratteristiche omogenee simili (ferriera di produzione,
tipo di acciaio, diametro)
deve essere eseguito su ogni lotto di spedizione
13
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
Controllo acciaio
fornitura da
presagomatore
Attestazione S.T.C * ogni fornitura deve essere accompagnata dalle attestazioni
del Servizio Tecnico Centrale, quale Centri di Trasformazione
* dichiarazione sulla bolla degli estremi dell'attestato di
avvenuta dichiarazione di attivit, rilasciato dal STC, con logo e
marchio del centro di trasformazione;
* attestazione inerente l'esecuzione delle prove di controllo
interno fatte eseguire dal Direttore Tecnico del centro di
trasformazione recanti i giorni in cui la lavorazione stata
effettuata
IMPRESA : deve accertare che gli vengano
consegnati i documenti qui a fianco riportati.
accettazione Controllo di accettazione deve essere eseguito su ogni lotto di spedizione
lotto di spedizione = quantit pari a 30t di acciaio con
caratteristiche omogenee simili (ferriera di produzione,
tipo di acciaio, diametro)
IMPRESA : non deve pi effettuare i controlli
sui gruppi di diametri ma sui lotti di spedizione
Certificazione ISO 9001
14
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
Controllo acciaio
Esempio di attestato di qualificadel Servizio Tecnico Centraleche deve accompagnare le forniture di acciaio
27
15
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
FAC-SIMILE ATTESTATO DENUNCIA ATTIVITA'
DEL CENTRO DI TRASFORMAZIONE


ATTESTATO DI DENUNCIA DELLATTIVITA DI
CENTRO DI TRASFORMAZIONE
N. 1121/11

In conformit al DM 14 gennaio 2008 Norme Tecniche per le Costruzioni si attesta che la Ditta:

SOLTECH Srl

per il proprio stabilimento di:

Via Pantanelli, 175 61025 MONTELABBATE (PU)

ha depositato presso il Servizio Tecnico Centrale la documentazione inerente il possesso dei
requisiti richiesti dalla norma per la lavorazione dellacciaio finalizzata alla :

OFFICINA PER LA PRODUZIONE DI CARPENTERIA
METALLICA

Ogni confezione del prodotto lavorato riconducibile alla Ditta di cui sopra, con tutte le
informazioni utili ad individuare la commessa, attraverso la seguente etichetta:



Il presente attestato di deposito ha il solo obiettivo di identificare il Centro di Trasformazione.
In tal senso lattestato di deposito non finalizzato a certificare la concreta idoneit tecnica del
prodotto di lavorazione alle diverse utilizzazioni cui pu essere destinato e non pu trasferire
la responsabilit del Centro di Trasformazione e del progettista al Servizio Tecnico Centrale,
restando nella responsabilit delle figure suddette ogni specifica applicazione del prodotto.
Il presente attestato ha validit sino a che le condizioni iniziali, sulla base delle quali stato
rilasciato, non subiscano modifiche significative.

Roma, 10.01.2011
IL DIRIGENTE DELLA DIVISIONE III DEL
SERVIZIO TECNICO CENTRALE
Ing. Bruno SANTORO

ORGANISMO DI CERTIFICAZIONE ED ISPEZIONE SUI PRODOTTI DA COSTRUZIONE
AI SENSI DELLART.8 DEL D.P.R. 246/93 (NOTIFICA COMMISSIONE EUROPEA N. 0969)
ORGANISMO DI BENESTARE TECNICO EUROPEO (MEMBRO EOTA) AI SENSI DELLART.5 DEL D.P.R. N.246/93.
ORGANISMO DI QUALIFICAZIONE AI SENSI DEL D.M. 14.01.2008

VIA NOMENTANA, 2 -00161 ROMA-
TEL. 06.4412.4101 FAX 06.4426.7383


16
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
ACCIAIO PER STRUTTURE SALDATE
11.3.4.4 Acciaio per strutture saldate
11.3.4.5 Processo di saldatura
Oltre alle prescrizioni applicabili di cui al 11.3.1.7 il costruttore deve corrispondere ai
seguenti requisiti.
In relazione alla tipologia dei manufatti realizzati mediante giunzioni saldate, il
costruttore deve essere certificato secondo la norma UNI EN ISO 3834:2006 parti 2 e
4: il livello di conoscenza tecnica del personale di coordinamento delle operazioni di
saldatura deve corrispondere ai requisiti delle normativa di comprovata validit.
I requisiti sono riassunti nel Tab. 11.3.X.
La certificazione dellazienda e del personale dovr essere operata da un Ente terzo,
scelto, in assenza di prescrizioni, dal costruttore secondo criteri di indipendenza e di
competenza.
20
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
Check list
controllo acciaio
da cemento armato
Check list controllo acciaio da cemento armato


1. DDT n. ..delFornitore..

2. Diametri presenti: ...

3. Acciaierie di origine: ..

4. Sul DDT sono riportati gli estremi degli
Attestati Qualificazione acciaierie? S No
- Attestato: ..
- Attestato: ..

5. presente lattestazione inerente lesecuzione delle prove
di controllo interno fatte eseguire dal DTS con lindicazione
dei giorni nei quali la fornitura stata lavorata?

S No

6. Sono stati effettuati prelievi di spezzoni? S No
- verbale di prelievo n. .

PER ACCIAIO SAGOMATO IN OFFICINA

7. Lacciaio sagomato? S No


8. Sul DDT sono riportati gli estremi dell"Attestato denuncia
Attivit del presagomatore?
- Attestato:
.
S No

PER ACCIAIO SAGOMATO IN CANTIERE

9. Sono rispettati i diametri minimi dei mandrini per la piega
dei ferri?
- 4 per diam. 16 mm S No
- 7 per diam. > 16 mm S No


21
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
Check list
controllo carpenterie metalliche
Check list controllo carpenterie metalliche


1. DDT n. ..delFornitore..

2. I materiali arrivati sono dotati di Marcatura CE?
- materiale base S No
- bulloneria S No

3. Sono presenti i Certificati 3.1 del materiale base? S No


4. Sul DDT sono riportati gli estremi dellAttestato denuncia attivit
dellofficina? S No
- Attestato: .

5. Sul DDT sono riportati gli estremi dell"Attestato denuncia
Attivit del produttore di lamiera grecata? S No
- Attestato: .

6. stato consegnato un dossier sulle saldature contenente almeno i seguenti
documenti?
- procedure di saldatura qualificate S No
- patentini dei saldatori/operatori di saldatura S No
- elenco saldatrici/macchine per saldatura S No
- copia certificazione UNI EN ISO 3834 S No
- certificazioni CE materiale apporto saldatura S No
- qualifica degli operatori addetti alle PND S No
- risultati delle PND S No

7. presente lattestazione inerente lesecuzione delle prove
di controllo interno fatte eseguire dal DTS con lindicazione
dei giorni nei quali la fornitura stata lavorata?

S No

22
Acciaio Strutturale: la normativa in evoluzione
Come identifcarlo, certifcarlo e controllarlo
attraverso le NTC e il CPR 305/2011
www.giordano.it
GRAZIE
PER
LATTENZIONE
Geom. Raffaello Dellamotta
Tel. 0541 322.234
r.dellamotta@giordano.it
ATTI SEMINARIO ACCIAIO STRUTTURALE: LA
NORMATIVA IN EVOLUZIONE
BRESCIA, 8 NOVEMBRE 2012
1. DPS - Sigillante di profondit - un prodotto in spray, ecologico e
impermeabile, per la protezione del calcestruzzo. Si applica sul calcestruzzo e
sulle superfici cementizie per proteggere, impermeabilizzare, rinforzare e indurire
le zone trattate.
2. TS - Top Seal sigillante idrorepellente per tutte le superfici in calcestruzzo e
pietra naturale.
3. EW - Everwood protettivo che rende le superfici in legno pi resistenti ai
funghi, alla muffa e ai danni causati dagli insetti. Indurisce le superfici,
aumentandone robustezza e resistenza alle abrasioni.
.
Applicato sul calcestruzzo indurito, il sigillante DPS Evercem penetra nella superficie,
diventandone parte integrante per effetto di una reazione chimica con l'idrossido di calcio
(CaOH2) o con il sodio e il potassio presenti nel calcestruzzo, dando origine a idrati di silicato
di sodio, dotati di propriet cementanti e impermeabilizzanti. All'interno dei pori e dei capillari
del calcestruzzo si forma cos uno strato di sigillante insolubile, che sigilla permanentemente
il calcestruzzo, impedendo che l'umidit possa penetrarvi, ma consentendo allo stesso tempo
al calcestruzzo di respirare.
La reazione del sigillante DPS Evercem avviene al disotto dello strato superficiale di
calcestruzzo: in tal modo, le caratteristiche naturali del conglomerato non vengono alterate.
2 3 cm
1. Il calcestruzzo trattato con il sigillanet Evercem DPS migliora notevolmente- di
oltre il 99% - la permeabilit e l'assorbimento del calcestruzzo sottoposto ai test
a norma BS 1881
(Test di permeabilit e di assorbimento - BSI 1881.
Pt 5 1970 ISAT)
1. Testato in conformit alla procedura di Test BT001- Maggio 92 dell'Alberta
Transport and Utilities, Bridge Materials. Il calcestruzzo trattato con il sigillante
Evercem DPS ha mostrato una riduzione nell'assorbimento di acqua di oltre
l'83% (v. grafico sottostante). Assorbimento dell'acqua
Ore del giorno
Test eseguiti in conformit alla norma ASTM C672/C 672N-03
(600 ore)
Calceatruzzo non trattato
Calcestruzzo trattato
con sigillante DPS di
Evercem
Il segreto della lunga durata del calcestruzzo
PER 7 ANNI
Calcestruzzo
trattato
Calcestruzzo non
Resta pulito e
trattato
bianco dopo
l'applicazione dei Rapida ricomparsa di muffe
prodotti della e alghe sul calcestruzzo
gamma Evercem pulito a causa del pH
quali Deep Clean, superficiale basso.
DPS eTS.
Calcestruzzo non trattato
Calcestruzzo trattato con il
sigillante DPS di Evercem
Questa immagine mostra l'ingresso di un autolavaggio. Dopo 14
anni di innumerevoli cicli di gelo/disgelo e continui contatti con
l'acqua e azioni abrasive, il calcestruzzo trattato (met inferiore)
appare ancora nuovo rispetto al calcestruzzo non trattato (met
superiore).
Metodo di applicazione:
1. Il prodotto va applicato su superfici in calcestruzzo prive di oli, grasso e polvere
2. Agitare bene prima dell'uso
3. Preumidificare il calcestruzzo
4. Spruzzare il primo e il secondo strato. Per applicazioni su aree estese, utilizzare uno spruzzatore meccanico
5. Per applicazioni sui muri, spruzzare il prodotto dal basso verso l'alto; per i pavimenti, spruzzare
uniformemente fino a ottenere l'effetto bagnato
6. Applicare il secondo strato dopo 24 ore
7. Attendere 7 giorni prima di procedere alla verniciatura o alla piastrelaltura
Esempio di applicazione sul Esempio di applicazione con
Esempio di applicazione
manto autostradale spruzzatore meccanico
su un muro
Dove siamo
Via Monsignor Benedetto Denti 7a/b - 95041 Caltagirone
Tel: + 39(0) 933 334840
Fax: + 39(0) 933 56553
Email: info@evercem.it
www.evercem.it
www.tecnovabuild.it