Sei sulla pagina 1di 14

COMUNE DI RIGNANO SULLARNO

REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO SU COPERTURA DI IMMOBILE COMUNALE


PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE STRUTTURALE

Pagine

Pratica

Identificativo

Elaborato

13

04 11 PO

RA 01 520

EB

A
Rev

Maggio 2011
Data

PRIMA EMISSIONE
Motivazione

PARLANTI
Redatto

MAIOLATI
Verificato

PLACCHI
Approvato

PERNA
autorizzato

Questo documento di nostra propriet esclusiva. E proibita la riproduzione parziale e la cessione a terzi senza la nostra autorizzazione.

Comune di RIGNANO SULLARNO Impianto fotovoltaico Immobile Comunale RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE
pag. 1/13

RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE


Opera in esecuzione:

IMPIANTO FOTOVOLTAICO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA REALIZZARSI SULLA COPERTURA DELLIMMOBILE COMUNALE DI RIGNANO SULLARNO (FI) SITO IN VIA PIAN DELLISOLA.

PROGETTO ESECUTIVO

Navacchio, Maggio 2011

Il Progettista ( Ing, Fabrizio Maiolati ) POLO NAVACCHIO SPA

Comune di RIGNANO SULLARNO Impianto fotovoltaico Immobile Comunale RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE
pag. 2/13

1. PREMESSA ................................................................................................................................. 3 2. DESCRIZIONE E ANALISI DELLO STATO ATTUALE....................................................... 4 3. DESCRIZIONE DELLINTERVENTO ..................................................................................... 4 4. CLASSIFICAZIONE DELLOPERA COME INTERVENTO LOCALE ........................... 5 5. NORMATIVA DI RIFERIMENTO ............................................................................................. 7 6. ANALISI DEI CARICHI............................................................................................................... 8 6.1 CALCOLO DELLE AZIONI DELLA NEVE........................................................................................... 8 6.2 CALCOLO DELLE AZIONI DEL VENTO ............................................................................................ 8 7. RIEPILOGO SUI MATERIALI ................................................................................................ 11 7.1 SCHEMA DI CAPITOLATO NUOVA COPERTURA:........................................................................... 11 7.2 SCHEMA DI CAPITOLATO STRUTTURE PER LIMPIANTO FOTOVOLTAICO: ..................................... 12 7.3 SCHEMA DI CAPITOLATO PARAPETTO DI SICUREZZA: .................................................................. 13 7.3.1 Requisiti generali ............................................................................................................... 13 7.3.2 Specifiche della fornitura ................................................................................................... 13

Comune di RIGNANO SULLARNO Impianto fotovoltaico Immobile Comunale RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE
pag. 3/13

1. PREMESSA
La presente relazione redatta a corredo del progetto esecutivo per i lavori di manutenzione straordinaria relativi al Rifacimento della copertura dellimmobile comunale, situato nel Comune di Rignano sullArno in Via Pian dellIsola.

Scopo dellintervento, oltre ad eliminare interamente la copertura in eternit attualmente presente, ripristinare la copertura rimossa e prevedere linstallazione (e la messa in esercizio) di un impianto fotovoltaico fisso, su cavalletti ancorati alle travi vibrocompresse, portanti delle strutture del magazzino. Si provveder inoltre alla posa di un parapetto di sicurezza permanente, perimetrale a tutta la copertura del magazzino, tale da permettere e garantire laccesso al tetto per i futuri lavori di manutenzione ordinaria o straordinaria. Laccesso, il transito e lesecuzione avverr in condizioni di sicurezza, in conformit al D.P.G.R. Toscana 62/R del 23/11/2005.

Le nuove coperture (a coppelle) che vanno a sostituire quelle in amianto, saranno realizzate con elementi in acciaio zincato di almeno 0,80mm di spessore, completamente pedonabili e fissati direttamente alle travi vibro compresse. Lintervento verr realizzato nel rispetto della normativa vigente. Larea ricade in zona sismica 3s, cos come definito dalla Delibera della Giunta Regionale n. 431 del 19.06.2006, ed a cui si fatto riferimento per la corrispondente classificazione sismica. La zona in cui sorge il fabbricato si trova ad una quota di circa +110m s.l.m.

Comune di RIGNANO SULLARNO Impianto fotovoltaico Immobile Comunale RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE
pag. 4/13

2. DESCRIZIONE E ANALISI DELLO STATO ATTUALE


LImmobile Comunale oggetto di intervento si trova in Via Pian dellIsola ed formato da due corpi di fabbrica contigui e comunicanti, realizzati in tempi diversi.. La copertura di questi volumi costituita da coperture in cementoamianto a coppelle fissate alle travi portanti vibrocompresse tramite barrette filettate e bullonatura. Le coppelle non presentano uno stato di degrado eccessivo: solo in alcuni piccoli punti si notano delle crepe e smussature degli angoli. Nellimmobile pi piccolo sono presenti dei pannelli in policarbonato trasparenti per aumentare lingresso della luce solare, il loro stato estremamente degradato dalla sporcizia accumulata dagli anni e dallopacizzazione del policarbonato. Inoltre sempre in questo immobile presente una controsoffittatura, anche essa realizzata in cemento amianto, e quindi anchessa oggetto di rimozione. In alcuni punti questo controsoffitto presenta delle rotture che mostrano la coibentazione posta tra la copertura superiore ed il controsoffitto.

3. DESCRIZIONE DELLINTERVENTO
Lintervento consiste nella rimozione (e smaltimento a discarica) delle attuali coperture contenenti eternit, inclusa la rimozione del controsoffitto (anchesso contenente amianto) presente nel capannone pi piccolo. A smaltimento completato, si prevede la posa di una nuova copertura in acciaio zincato di spessore minimo di 0,80mm per entrambi i capannoni a coppelle in sostituzione di quella rimossa. Non si provveder invece alla posa di un nuovo controsoffitto (e strato coibentante) in quanto, come chiaramente indicato dagli utilizzatori, lassenza di un sistema di riscaldamento, la continua apertura delle porte esterne e la quasi totale assenza di personale al lavoro, continuativo, in tali capannoni non giustifica questo intervento oneroso. Parimenti non si provveder alla posa di nuove coperture in policarbonato trasparente in quanto non richieste dallAmministrazione comunale.

Comune di RIGNANO SULLARNO Impianto fotovoltaico Immobile Comunale RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE
pag. 5/13

Durante le operazioni di rimozione vecchia copertura e posa della nuova copertura verr posto in essere un parapetto temporaneo in rete, di protezione del bordo. Veloce e facile da montare questo parapetto verr tesato tra due paletti fissati sul bordo, in corrispondenza dei tratti ove sussiste il pericolo di caduta, in conformit alla Norma UNI-EN12631 UNI-EN13374 classe A e B.

A copertura rifatta si provveder alla posa di un impianto fotovoltaico con i moduli policristallini fissati su cavalletti con una inclinazione di 30. I cavalletti di supporto saranno ancorati direttamente alle travi vibro compresse, impiegando sistemi di inghisaggio chimico tra barre filettate in acciaio e trave in cls. In questo modo limpianto FV non andr a gravare sulle nuove coperture in acciaio zincato. Dopo la posa della nuova copertura prevista linstallazione di un parapetto di sicurezza conforme alla norma UNI EN 795: 2002, si prevede il fissaggio alla struttura mediante supporti in alluminio posati sulla veletta perimetrale sottocopertina, mediante lutilizzo di tasselli meccanici dimensionati per loccorrenza o barre filettate e resina bicomponente.

4. CLASSIFICAZIONE DELLOPERA COME INTERVENTO LOCALE


In generale, gli interventi che riguardano singole parti e/o elementi della struttura e interessano porzioni limitate della costruzione possono essere classificati come interventi locali.

Volendo ricordare quanto afferma la normativa D.M.14/01/2008 si riporta uno stralcio del paragrafo C8.4.3 contenuto nella Circolare n. 617/CSLLPP del 2 febbraio 2009: C8.4.3 RIPARAZIONE O INTERVENTO LOCALE .. Pu rientrare in questa categoria anche la sostituzione di coperture e solai, solo a condizione che ci non comporti una variazione significativa di rigidezza nel proprio piano, importante ai fini della ridistribuzione di forze orizzontali, n un aumento dei carichi verticali statici. Inoltre, ad integrazione delle sopracitate norme, utile seguire le linee guida fornite dalla Regione Toscana in merito agli interventi di riparazioni o intervento locale esplicitate nel documento Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti.

Comune di RIGNANO SULLARNO Impianto fotovoltaico Immobile Comunale RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE
pag. 6/13

In particolare, per classificare lopera fra gli interventi locali, si dovr: mantenere, se possibile, la stessa orditura; non aumentare significativamente il peso a mq (<10% della somma dei pesi permanenti e portati), mantenendo anche inalterato il valore del carico di esercizio relativo alla destinazione duso; non modificare significativamente la rigidezza di piano.

Le indicazioni sopra riportate sono rispettate in quanto il progetto prevede di: mantenere la stessa orditura strutturale; lintervento nel complesso non aumenta significativamente il peso/ mq del sistema di copertura (in quanto i materiali individuati sono caratterizzati da una notevole leggerezza se comparati a quelli preesistenti, oggetto di rimozione); essendo la nuova copertura realizzata con elementi metallici senza soletta in c.a. di completamento, questa non determina una sensibile variazione della rigidezza globale di piano. Il peso complessivo dellimpianto fotovoltaico (cavalletti, profili longitudinali, morsetti, bulloneria e moduli fotovoltaici) determina un aumento di peso di circa 10 kg/mq su tutta la struttura del magazzino.

Nel rispetto di queste ipotesi progettuali, lintervento pu essere classificato come intervento locale; la presente relazione pu essere limitata alle sole parti interessate dallintervento ed a quelle con esse interagenti.

Comune di RIGNANO SULLARNO Impianto fotovoltaico Immobile Comunale RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE
pag. 7/13

5. NORMATIVA DI RIFERIMENTO
LImmobile Comunale, essendo ubicato nel Comune di Rignano sullArno, ricade, come definito dalla delibera della Giunta Regionale n. 431 del 19.06.2006, in zona sismica 3s, a cui si fatto riferimento per la classificazione sismica della zona.

Per la progettazione delle opere strutturali si fatto riferimento alle seguenti normative: _ D.P.R. 380 del 06/06/2001 "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia." _ D.M. 14/01/2008 (NTC) "Norme tecniche per le costruzioni". _ C.M. LL.PP. 02/02/2009 Istruzioni per lapplicazione delle <<Nuove norme tecniche per le costruzioni>> di cui al decreto ministeriale 14 gennaio 2008. _ L.R. n.24 del 21/06/2006 Modifiche alla legge regionale 3 gennaio 2005, n.1 (Norme per il governo del territorio) in materia di costruzioni realizzate in zone sismiche. _ Delibera della Giunta regionale n.431/2006 approvata in data 19/06/2006 Riclassificazione sismica del territorio regionale.

Comune di RIGNANO SULLARNO Impianto fotovoltaico Immobile Comunale RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE
pag. 8/13

6. ANALISI DEI CARICHI


6.1 Calcolo delle azioni della neve Normativa di riferimento: Norme tecniche per le costruzioni D.M. 14 gennaio 2008 e Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Area di ubicazione dell'edificio: Area 2 Arezzo, Ascoli Piceno, Bari, Campobasso, Chieti, Ferrara, Firenze, Foggia, Genova, Gorizia, Imperia, Isernia, La Spezia, Lucca, Macerata, Mantova, Massa Carrara, Padova, Perugia, Pescara, Pistoia, Prato, Rovigo, Savona, Teramo, Trieste, Venezia, Verona.

Altitudine sul livello del mare: 110mt s.l.m. Tipologia di copertura: A elementi curvi Pressione della neve qs = 1*qsk*Ce*Ct Parametri d'input ed intermedi: Categoria del coefficiente d'esposizione: Normale Ce (Coefficiente d'esposizione): 1 Ct (Coefficiente termico): 1 Angolo d'inclinazione della falda: max.15 1 (Coefficiente di forma della copertura): 0.80 Carichi agenti: qsk (Valore di riferimento del carico neve al suolo): 115 KN/mq qs (Carico provocato dalla neve sulle coperture): 92 Kg/mq

6.2 Calcolo delle azioni del vento Normativa di riferimento: Norme tecniche per le costruzioni D.M. 14 gennaio 2008 e Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Comune di RIGNANO SULLARNO Impianto fotovoltaico Immobile Comunale RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE
pag. 9/13

Area di ubicazione dell'edificio: Area 3 Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata, Calabria(esclusa la Provincia di Reggio Calabria).

Tempo di ritorno 50 anni Altitudine sul livello del mare: 110 m slm Altezza dell'edificio: 5,0 <m> Vb,0 (Velocit media del vento): 27 <m/s> a0 (Altitudine media): 500 <m> Ka: 0.02 <1/s> Velocit di riferimento: 27 <m/s> Classificazione della costruzione: Pianta rettangolare con coperture a falde curve. Categoria di esposizione del sito: IV Parametri derivati dalla categoria di esposizione del sito. kr: 0.22 <m> z0: 0.3 <m> zmin: 8 <m> Classe di rugosit del terreno: B Aree urbane (non di classe A), suburbane, industriali e boschive. Angolo alfa: 15.00 <grad> Pressione del vento = qb*ce*cp*cd qb (Pressione cinetica di riferimento): 455,63 N/mq ct (Coefficiente topografico): 1.00 ce (Coefficiente di esposizione): 1.634 cd (Coefficiente dinamico): 1.00 Tipologia di superficie: Una parete con aperture di superficie minore di 1/3 di quella totale Coefficiente di forma o aerodinamico interno cpi: 0.20 Coefficienti di forma o aerodinamici esterni cpe: sopravento: 0.80; sopravento su falda: -0.40; sottovento su falda: -0.40; sottovento:-0.40 Pressione interna: 15.71 <Kg/mq>

Comune di RIGNANO SULLARNO Impianto fotovoltaico Immobile Comunale RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE
pag. 10/13

Pressioni esterne: sopravento: 62.84 <Kg/mq> sopravento su falda: -31.42 <Kg/mq> sottovento su falda: -31.42 <Kg/mq> sottovento: -31.42 <Kg/mq>

6.3 Riepilogo carichi agenti sulle travi vibrocompresse

Carichi permanenti (Gk) Pannelli fotovoltaici e strutture Pannelli in acciaio zincato (sp. 0,80mm)

Calcolo

daN/m2 10 10

Carichi accidentali (qk) Neve Vento Coperture tipo H1 (coperture accessibili per la sola manutenzione)

Calcolo Vedi sopra Vedi sopra 90 -32

NTC 2008 tab 3.1.II

50

Comune di RIGNANO SULLARNO Impianto fotovoltaico Immobile Comunale RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE
pag. 11/13

7. RIEPILOGO SUI MATERIALI

7.1 Schema di capitolato nuova copertura: La copertura sar realizzata con lastre isolanti in acciaio a protezione multistrato tipo Ondulit 850, marchiate CE secondo UNI EN 14782. Le lastre tipo Coverib 850 a profilo grecato, saranno costituite da una lamiera di acciaio zincato (EN 10147) dello spessore di mm 0,80 protetta nella faccia superiore da un rivestimento a base bituminosa (dello spessore di circa mm 1,5) con funzione anticorrosiva ed insonorizzante e da una lamina in alluminio naturale; nella faccia inferiore da un primer bituminoso e da una lamina di alluminio naturale (ovvero preverniciato). Per assicurare la stabilit nel tempo delle caratteristiche prestazionali, la protezione con funzione anticorrosiva e insonorizzante, dello spessore di circa mm 1,5, dovr esser posizionata sullestradosso della lamiera.

Lelemento di copertura dovr assicurare i seguenti requisiti prestazionali: - Potere fonoisolante: 28 dB (UNI EN ISO 140-3) - Reazione al fuoco: Classe B-s1, d0 (EN 13823; EN ISO 11925-2) - Resistenza corrosione in nebbia salina: 3000 ore (ISO 9227) f 1/200 L 1650 daN/cm2 Le caratteristiche geometriche dei profili sono state calcolate secondo DM del 14.01.2008, EN 1993-1-3 e EN 1993-1-5 Spessore acciaio 0.80 mm J cm4 /m 14.47 W min cm3/m 6.71 W min cm3/m 6.07

Comune di RIGNANO SULLARNO Impianto fotovoltaico Immobile Comunale RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE
pag. 12/13

7.2 Schema di capitolato strutture per limpianto fotovoltaico: I profili estrusi in alluminio tipo ALUSIC sono realizzati in lega di alluminio primario EN AW6060 (AlMgSi 0.5) EN AW6063 (AlMgSi1). Lo stato metallurgico di fornitura delle barre T6 (solubilizzato, temprato e invecchiato artificialmente). Le tolleranze dimensionali seguite per lestrusione sono in ottemperanza della normativa per estrusi di precisione EN12020-1.

Le caratteristiche meccaniche dopo il trattamento termico sono: Lega 6060 6063 Carico di rottura [N/mm2] 215 245 Snervamento [N/mm2] 160 200 Allungamento [A %] 12 9 Durezza [HB] 70 80

Altre caratteristiche delle strutture in alluminio devono essere: Modulo di elasticit Resistivit elettrica Conducibilit termica Temperatura di fusione Coef. di dilatazione termica 69000 0,033 210 615 - 655 25x10-6 N/mm2 Wmm2/m W/mK C K-1

Per le caratteristiche di dettaglio dei profili si rimanda alle tavole degli elaborati grafici EC allegati

Comune di RIGNANO SULLARNO Impianto fotovoltaico Immobile Comunale RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE
pag. 13/13

7.3 Schema di capitolato parapetto di sicurezza: 7.3.1 Requisiti generali Il parapetto di sicurezza tassellato permanente deve soddisfare ai seguenti requisiti minimi: - ottimizzare la sicurezza per i lavori di manutenzione sulla copertura; - essere idoneo e funzionale alla struttura del tetto; - ridurre al minimo eventuali sollecitazioni sull'operatore in caso di caduta; - essere certificato secondo la Norma UNI EN 795; - essere completo di manuale e istruzioni per il montaggio, compresi i dati tecnici per la verifica della struttura per una corretta progettazione; - essere periodicamente ispezionato (tipicamente ogni 12 mesi) e manutenzionato (con cadenze definite dal produttore nel manuale di uso e manutenzione). 7.3.2 Specifiche della fornitura Fornitura di parapetto certificato secondo la norma ISO-EN-14122-3 da posizionare come da elaborato tecnico allegato. Il parapetto potr essere fissato al manufatto o autoportante con contrappeso in cemento e dovr avere le seguenti caratteristiche: il corrimano sar realizzato in profilato di alluminio a sezione ovoidale. il corrente inferiore sar realizzato in profilato di alluminio a sezione tonda. assemblaggio mediante opportuni raccordi in fusione di alluminio. laltezza minima del parapetto deve essere di 1100 mm in rapporto alla superficie calpestabile e lo spazio libero sotto il corrimano non deve superare i 500 mm. resistenza assiale di 100 daN. resistenza trasversale 30 daN al metro o di 45 daN quando i montanti sono disposti ogni 1500 mm. fermapiede obbligatorio in mancanza di muretto perimetrale o qualora esso sia di altezza inferiore a 150 mm. Progettista Ing Fabrizio Maiolati POLO NAVACCHIO SPA