Sei sulla pagina 1di 2

Definizione Il termine coscienza deriva etimologicamente dal latino: Cum (con) scio (che significa sapere, ma anche conoscere

o essere consapevole e quindi essere consapevoli di qualcosa insieme con qualcuno condividere le proprie sensazioni le proprie conoscenze insieme con qualcun altro). Questo concetto pu essere utilizzato per definire anche l'autocoscienza nel momento in cui esaminiamo le nostre personali sensazioni e conoscenze. In questo senso possiamo anche dire che il concetto di coscienza un qualcosa che a che vedere con la socialit ed quindi ben sviluppato nei grandi gruppi di individui con interazioni complessi come appunto la societ umana i cui membri posseggono per definizione il sistema nervoso pi sofisticato in termini di prestazioni; il nostro cervello, infatti, possiede, infatti, un'enorme complessit in termini sia di peso (1,2 Kg in media), sia in termini di sviluppo strutturale (100 miliardi di cellule neuronali e miliardi di collegamenti sinaptici) . Con tali premesse possiamo meglio comprendere il problema della nostra individualit e il rapporto con gli altri. Dal punto di vista storico, d'altra parte, Il concetto di coscienza si evoluto parallalelamente allo sviluppo della filosofia, della psicologia e della neurofisiologia. Ciascuna di queste discipline ha evidenziato di volta in volta aspetti soggettivi, comportamentali e neurofisiologici. Le definizioni rimangono quindi molteplici e controverse, in quanto i differenti tentativi di identificare che cosa sia e che cosa rappresenti il concetto di coscienza in tutte le sue propriet lungi dal trovare una spiegazione definitiva, ma possibile solo pervenire a risposte parziali e limitate ai differenti campo di indagine[i]. Un tentativo di giungere ad una definizione unitaria, e che ha ottenuto un discreto grado di accordo, stata proposta dal neuroscienziato Stanley Cobb (18871968), su ispirazione di W James psicologo e filosofo (1842-1910 ), dove la coscienza viene definita come "Consapevolezza di s stessi e dell'ambiente che ci circonda "; a questa enunciazione il neurologo Fred Plum ( 1994) aggiunse il concetto di tempo "consapevolezza temporalmente ordinata del se e dell'ambiente interno ed esterno".[ii]
Alterazione dello stato di coscienza Nella comune pratica clinica per definire le alterazioni dello stato di coscienza si usano i concetti di vigilanza e consapevolezza. Secondo tale schema, quindi, il coma [i] corrisponde ad un paziente non sveglio privo di ogni consapevolezza: il soggetto sta ad occhi chiusi non in alcun modo "accessibile", non presenta alcuna attivit volontaria (nei gradi pi severi di coma) e con vari livelli di disfunzionalit dei vari apparati, ed in particolare di quello respiratorio, per il quale intubato e ventilato meccanicamente. Il paziente riceve assistenza in specifici reparti di terapia intensiva o rianimazione; la sua sopravvivenza dipende, quindi, in gran parte da un rilevante supporto medico, senza il quale non potrebbe restare in vita.

Nello Stato Vegetativo (SV), al contrario del coma, il paziente sveglio con alternanza di occhi chiusi ed aperti (in occasione di alternanza dei cicli di sonno-veglia), ma non presenta, tuttavia, consapevolezza di se e del mondo esterno, con il quale non sembra interagire. Non sono, comunque, evidenziabili chiari contenuti di coscienza. Rispetto al coma, pu presentare attivit motoria (in assenza di atti del corpo finalizzati o intenzionali) e attivit mimica facciale (anche in questo caso ritenuta di natura riflessa). Le principali funzioni, ed in particolare quella cardiorespiratoria, sono autonome, anche se il paziente rimane in qualsiasi caso dipendente per ogni necessit (quali l'igiene, l'idratazione e la nutrizione alimentazione) da una quipe medico infermieristica. In genere, i soggetti in stato di coma trascorse 3-4 settimane, qualora non si risveglino, passano in stato vegetativo. In seguito alla fase rianimatoria possono essere accolti, quando

indicato, in reparti di riabilitazione intensiva presso strutture definite di riabilitazione per gravi cerebrolesioni acquisite. All'interno di tali organismi possono essere presenti particolari nuclei definiti di riabilitazione sub intensiva, specifici per tali pazienti. Attualmente si cerca di non utilizzare terminologie come "persistente" o "permanente", preferendo avvalersi dell'espressione "stato vegetativo dal" (indicando la data di insorgenza) : si tratta, infatti, di evitare di mettere una prognosi irreversibile al posto di una diagnosi probalistica. Pertanto, pur riconoscendo che la definizione di SV pu non essere da tutti accettata, a partire dal contenuto semantico che pu sembrare dispregiativo, preferiamo attenerci alla terminologia attualmente impiegata e maggiormente condivisa dalla comunit medica. Accanto agli stati vegetativi si pone un altro gruppo di soggetti definiti "Minimally Counscioness States" (MCS). In questa condizione, si trovano pazienti che, pur presentando una gravissima alterazione dello stato di coscienza, non corrispondono ai criteri diagnostici individuati per lo stato vegetativo. Gli stessi dimostrano, infatti, presenza di consapevolezza, sebbene in modo minimale e non costantemente riproducibile nel tempo. In questo gruppo rientrano quei pazienti che spontaneamente o a seguito di precise stimolazioni mostrano di avere un'interazione positiva ed adeguata, ancorch transitoria, con l'ambiente circostante. Questa condizione pu essere discontinua ed instabile, e comunque, limitata all'esecuzione di ordini semplici (come ad esempio: "estrai la lingua"), mentre sono preclusi compiti cognitivamente pi complessi e, comunque, interazioni protratte nel tempo. Considerando che dal punto di vista clinico-assistenziale le due condizioni sono abbastanza sovrapponibili, alcuni autori li collocano in un pi ampio gruppo delle condizioni di basso livello neurologico (LLNS: Low level neurological States). Per spiegare queste condizioni, vanno assolutamente evitate altre definizioni utilizzate in passato quali: sindrome apallica, mutismo cinetico, coma prolungato e particolarmente coma vigile.

[i] Cma dal gr. Kma (da koimao, addormento, affine a Keimai, giaccio)

[i] Se pensiamo, ad esempio, sommariamente che a seconda dell'ambito nel quale viene osservata, la coscienza viene intesa nei seguenti modi:

Coscienza, in ambito neurologico, lo stato di vigilanza della mente contrapposta al coma.


Coscienza, in ambito psicologico, lo stato o l'atto di essere consci contrapposta all'inconscio. Coscienza, in ambito psichiatrico, come funzione psichica capace di intendere, definire e separare l'io dal mondo esterno. Coscienza, in ambito etico, come capacit di distinguere il bene e il male per comportarsi di conseguenza, contrapposta all'incoscienza. Coscienza, in ambito filosofico, nel senso di consapevolezza, attivit con la quale il soggetto entra in possesso di un sapere. Autocoscienza, come riflessione del pensiero su se stesso. Coscienza di classe, in ambito sociale, la consapevolezza che gli appartenenti di una specifica classe sociale hanno di s come gruppo.

[ii]In maniera semplificata possiamo anche riassumere le due macro-posizioni, all'interno delle quali si articolano tutta una serie di studi ed orientamenti nel campo di indagine della coscienza: quella del naturalismo, che si basa sull'applicazione di modalit di spiegazioni obiettive e scientifiche, e quella della soggettivit cio la coscienza fenomenica che definisce l'esperienza come soggettiva ed individuale e come tale non obiettivabile.

A cura del dottor Sandro Feller, direttore dell'Unit Operativa di Riabilitazione Neurologica dell'Azienda Ospedaliera "G. Salvini" di Garbagnate Milanese (Milano)