Sei sulla pagina 1di 3

Tribunale di Crotone

In composizione collegiale nelle persone dei signori magistrati: Dott.ssa Maria Luisa Mingrone Presidente Dott.ssa Antonia Mussa Giudice delegato coordinatore rel. Dott.ssa Arcangela Romanelli Giudice delegato Alla Cancelleria Fallimentare A tutti i Curatori/Commissari/Avvocati del Tribunale

Disposizioni in ordine alla domanda prenotativa di concordato preventivo o accordo di ristrutturazione ex art. 161 comma 6 s.s. l. fall. come introdotta dal D.L. n. 83/2012 convertito in legge n. 134/2012. Si esaminano i seguenti punti: 1) Domanda prenotativa. La domanda prenotativa e la relativa documentazione (bilanci relativi agli ultimi tre esercizi o scritture obbligatorie, dichiarazioni fiscali IVA e dei redditi, visura camerale aggiornata) deve essere depositata nella Cancelleria del Tribunale competente secondo gli art. 9 s.s. l. fall. Il Presidente nomina un giudice Relatore che rester lo stesso nelleventuale succe ssiva procedura di concordato preventivo o accordo di ristrutturazione. Nel caso in cui risulti pendente procedimento prefallimentare a carico del ricorrente il Presidente nomina Giudice Relatore il Giudice Delegato in fase prefallimentare il quale, con decreto, provveder alla riunione dei procedimenti. Si ritiene necessaria lassistenza legale alla presentazione della domanda di prenotativa trattandosi di ricorso. Al fine di verificare la regolarit formale della domanda il ricorrente deve dimostrare la sussistenza dei necessari poteri in capo al soggetto che ha sottoscritto il ricorso eventualmente producendo delibere assembleari e il verbale previsto dallart. 152 l. fall.
1

E necessario che la domanda presenti un contenuto minimo che permetta al Tribunale di valutare la sussistenza dei presupposti di legge, in particolare i limiti dimensionali ex art. 1 l. fall. e lo stato di crisi dellimpresa ricorrente. E necessario altres che la domanda delinei, anche in maniera semplice, quale tipo di procedura il ricorrente voglia predisporre: se concordato preventivo (liquidatorio, con cessione dei beni o in continuit) o accordo di ristrutturazione. E necessario che nella domanda sia espressamente richiesto il termine, il quale potr essere anche inferiore a 60 giorni essendo stabilito nellinteresse del ricorrente. E necessario che, in caso di richiesta di un termine superiore a 60 giorni, si forniscano al Tribunale elementi idonei a valutarne la congruit, in mancanza verr concesso il termine minimo di 60 giorni. Il Giudice Relatore pu chiedere integrazioni e informazioni/chiarimenti alle parti. La domanda prenotativa, il decreto del Tribunale di concessione del termine o di inammissibilit, le relazioni informative periodiche, le eventuali richieste di proroga o autorizzazioni ad atti di straordinaria amministrazione devono essere comunicate al P.M., considerata linibizione dei diritti di tutela dei creditori in tale procedura. Le richieste di proroga devono essere presentate prima della scadenza del termine concesso e dovranno essere ampiamente motivate e documentate, in mancanza saranno rigettate de plano dal Collegio. Alla scadenza del termine e in mancanza del deposito della proposta di concordato o dellaccordo di ristrutturazione il Collegio fisser udienza ex art. 162 commi 2 e 3 con decreto che verr comunicato al P.M. Parimenti in caso di mancato deposito delle relazioni informative predisposte dal Collegio si fisser udienza ex art. 162 commi 2 e 3 con decreto che verr comunicato al P.M. 2) Adempimenti della Cancelleria. Al momento del deposito del ricorso la Cancelleria, dopo avergli dato il numero di ruolo, dovr annotare sulla copertina DOMANDA PRENOTATIVA. Dovr altres annotare sulla copertina se risultano pendenti procedimenti prefallimentari e se il ricorrente abbia gi depositato nei due anni precedenti una domanda prenotativa dichiarata inammissibile. Parimenti, in caso di procedura prefallimentare pendente, dovr annotare sulla copertina della procedura prefallimentare lavvenuto deposito della domanda prenotativa e la data di deposito.

A seguito del decreto del Tribunale di concessione del termine la Cancelleria provveder ad annotare sulla copertina della domanda prenotativa la scadenza del termine concesso e, nel caso di proroga, la scadenza successiva. Alla scadenza del termine, e in mancanza di deposito di proposta di concordato preventivo o di accordo di ristrutturazione, la Cancelleria dovr riconsegnare il fascicolo al Giudice Relatore. Entro il giorno successivo al deposito della domanda prenotativa la Cancelleria deve predisporre gli adempimenti necessari alla pubblicazione nel Registro delle Imprese. Si dispone l'affissione della predetta circolare in Cancelleria. Crotone, 17.1.2013 Il Presidente (dott.ssa Maria Luisa Mingrone) Il Giudice coordinatore est. (dott.ssa Antonia Mussa)

Il Giudice delegato (dott.ssa Arcangela S. Romanelli)