Sei sulla pagina 1di 396

Cineamazine Cronache dellaltro cinema (Vol.

1, 2011)
Chiara tringali e il team di cineama.it

manufactured by

The original blog can be found at http://cineamabeta.com/cineamazine/

All rights reserved by the author. No part of this publication may be reproduced, stored in a retrieval system, or transmitted, in any form or by any means, electronic, mechanical, photocopying, recording and/or otherwise without the prior written permission of the author. This book may not be lent, resold, hired out or otherwise disposed of by way of trade in any form, binding or cover other than that in which it is published, without the prior consent of the author. Manufactured by on 8 gennaio 2012

Indice
Fabrizio Mosca racconta Cineama al Moviecamp Torino . . . . Finanziamenti per Il cinema italiano e le coproduzioni allestero Cinema Italiano, tra arte ed industria . . . . . . . . . . . . . . . Heartbeat navigation . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Tweet social bookmarks . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Cineama per tutti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Finanziamenti in Italia: Tax credit interno ed esterno. Interviene Laura Nicotra, delegata di produzione . . . . . . . . . . . . . . Come trasformare la mancanza di mezzi in opportunit: Berardo Carboni racconta la genesi del suo film Shooting Silvio. . . . . . Open cinema o il cinema plurale . . . . . . . . . . . . . . . . . Cineama around you . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dal set chitchat troupe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Intervista a Francesco Trento, sceneggiatore. Il coraggio, il talento, la determinazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Distribuzione non convenzionale: conversazione con Fabio Fidanza, creatore di Social Distribution . . . . . . . . . . . . . . Dal Giappone con furore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Progressive login . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Un codice di navigazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Architettura dellorganizzazione un concept . . . . . . . . . . Aprire un loft di produzione, personalizzarlo, ospitare e collaborare Che cosa serve a identificare e valutare un progetto in pre-produzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Flows di registrazione per i diversi utenti . . . . . . . . . . . . . I Nuovi Scenari di visione cinematografica negli anni 10 raccontati da Paolo Peverini ed Emiliana De Blasio . . . . . . . Il film? Unopera collettiva! . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Un laboratorio in vetrina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . fake#factory: quando la produzione diventa social . . . . . . . . 1 2 4 6 7 8 9 11 15 18 19 20 23 24 26 33 35 40 43 45 53 58 60 64

Termometro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Tweet-a-phrase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Enhanced reading . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Back to the line . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Interactive intreccio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Rip!: A remix Manifesto. La cultura in rete non mai stata cos smart . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Considerazioni sulla navigazione e linterazione nel web di oggi Stray Cinema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Home sweet home ipotesi di wireframe con contenuti . . . . . Matteo Berdini ci racconta il documentario commedia allitaliana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Nuove possibilit ed articolazioni del diritto dautore: le licenze Creative Commons . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . partito il contest per il logo cineama: creativi accorrete! . . . . Remix cinema: un workshop per esplorare le pratiche di remix collaborativo nella cultura audio-visiva digitale . . . . . . . . . Senza raccordo, i ragazzi dello Zoccolo Duro . . . . . . . . . . La Banca Nazionale dellinnovazione, una grande sfida per il futuro del nostro Paese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Santos, una storia di passioni, contestazioni e camorra. . . . . . I viral video e la forza della comicit in rete . . . . . . . . . . . Il sogno di unItalia diversa: il crowdsourcing come antidoto alla crisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sognando Into Paradiso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La verit che la gente non riesce pi a guardarsi negli occhi, intervista allattore Francesco Di Leva . . . . . . . . . . . . . . Libera, Democratica e Creativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dispersi: non unordinaria distribuzione . . . . . . . . . . . . A Torino cercano i nuovi Mille per rifare lItalia . . . . . . . . . Flashforward . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Cineama @Remix Cinema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Diario di bordo di una Cineamatrice: vi racconto il cinema al tempo del web . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La cultura del remix e le nuove esperienze europee: ecco come evolve il consumo creativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Indipendente e low budget? Si tratta di ZooSchool! . . . . . . .

66 67 68 69 70 71 75 80 81 88 91 92 94 96 97 99 100 102 104 106 107 109 112 114 115 116 119 121

ii

I David di Donatello 2011: le candidature premiano il buon cinema italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Scommettiamo che? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Diario di bordo di una Cineamatrice: a Reggio Emilia tempo di Remix! . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Cineama racconta a Working Capital come la sua avventura ha avuto inizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Giovane, unconventional e indipendente: stiamo parlando del Kino! . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Working Capital a Palermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Stefano Martina e le isole creative del festival Arcipelago . . . . Poveri cristi? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Community style . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CeltX, applicativo open source (e gratuito) per scrivere sceneggiature 1/3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Produrre e distribuire collettivamente? El Cosmonauta! . . . . . CeltX, applicativo open source (e gratuito) per scrivere sceneggiature 2/3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Se non c il budgetci pensa No Film School! . . . . . . . . . Fare titoli unarte! . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il cinema underground non morto. Unintervista a Gregory J. Rossi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . E se arrivano gli alieni? Ci pensa Gipi con Lultimo Terrestre . . CeltX, applicativo open source (e gratuito) per scrivere sceneggiature 3/3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . The Sol Cinema: piccolo, in movimento e funziona con lenergia del sole! . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Lironia? Un modo di stare al mondo. Unintervista al regista Lucio Pellegrini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Libero, creativo, indipendente? il Low&No budget videofilm festival! . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Libera la tua creativit, adesso anche su YouTube, in pieno stile Creative Commons! . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Freaks! La prima series made in Italy e nata sul web . . . . . . . Clandestino, irriverente, coinvolgente: Secret Cinema! . . . . Lardito fascino del minimal . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Contaminazioni visive in 8 bit . . . . . . . . . . . . . . . . . . Gli hashtag e i reply in Cineama . . . . . . . . . . . . . . . . .

125 128 136 141 143 148 149 151 152 154 156 160 162 164 166 169 171 173 175 176 178 181 184 186 188 190

iii

I laboratori di Cineama . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Cineama @ Firmware 2.0 al festival Arcipelago . . . . . . . . . Il progetto Cineama . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Cineama Time Machine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il pranzo di Natale un docu-film partecipato che incontra la forza della Rete e il mondo del cinema . . . . . . . . . . . . . . Alessandro Baricco, il rito solitario della scrittura e le nuove contaminazioni tra cinema e web . . . . . . . . . . . . . . . . . Beat pick: musica e creativit in un gioco corretto, al suono di bit 2.0! . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Cosa nasconde il Sottobosco? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Soundworks collection: un viaggio alla scoperta dei luoghi magici del suono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Subvertising contro il logorio della pubblicit moderna . . . . . Raffinatezza ed estro in minimal style? Soup. magazine . . . . Adattamenti, trasformazioni, manipolazioni . . . . . . . . . . . We love lego . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Se per voi Helvetica non solo un carattere tipografico . . . . . Takashi Murakami: eccesso pop . . . . . . . . . . . . . . . . . E il naufragar m dolce in questArchivio . . . . . . . . . . . . Nostalgia analogica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . tempo di mobilitare, tempo di occupare, tempo di cambiare. The Selby is in your place . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Come compilare il proprio profilo. . . . . . . . . . . . . . . . . Interviste e visioni: chi sono i nuovi cineamatori? . . . . . . . . Interviste e visioni: Pierluca Di Pasquale, regista . . . . . . . . . E se poi te ne penti? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Raw Raw edizioni:miscellanee di hand made e fotografia indipendente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Derive psicogeografiche on the road . . . . . . . . . . . . . . . Megunica : lincredibile viaggio di BLU in Sud America . . . . Se il feltro prende vita e di mezzo c Spike Jonze . . . . . . . . Filmmaker indipendenti per veri colossal fatti in casa . . . . . . Con Radio Vertigo tutta unaltra musica . . . . . . . . . . . . Gente da spiaggia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Street art Lovers . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Cineama changelog . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Se anche Hollywood scopre il Social Cinema . . . . . . . . .

192 194 197 199 202 205 206 208 210 211 215 217 222 225 228 230 232 236 239 241 242 245 247 248 252 255 258 260 263 267 270 273 278

iv

Una separazione: distribuzione 2.0. Porta il film nella tua citt . Una separazione. Distribuzione 2.0. Istruzioni per luso . . . . . Quando il film diventa riciclabile . . . . . . . . . . . . . . . . . Chi sono i nuovi Cineamatori? Il fuoco sui filmmakers! . . . . Cineama, oggi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Lultimo Terrestre: unintervista ad Anna Bellato, attrice extra-ordinaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45 ore: il tempo che ci vuole per diventare un videomaker! . . A Supernatural pic nic . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Esperienze migliori da migliori narrazioni . . . . . . . . . . . . Guida galattica per la compilazione del proprio profilo . . . . . Alice diventa icona della Postmodernit . . . . . . . . . . . . . Adotta un film . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Novit! La sezione progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Chi sono i nuovi Cineamatori? Il fuoco sugli sceneggiatori! . . Le interviste di Cineama: Raphael Tassin de Montaigu con il corto Dentro & Fuori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Cineama al Festival Internazionale del Film di Roma . . . . . . Le interviste di Cineama: Davide Potente con il corto Teoria del Ritardo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Quando Pop Art e cinema sincontrano . . . . . . . . . . . . . . Berta Film. Storie ai confini della citt . . . . . . . . . . . . . . Registi e Filmmakers su cineama.it . . . . . . . . . . . . . . . . MakingOf. Uno sguardo dentro il mondo del cinema . . . . . . 3, 2, 1 My script on line! . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MashRome Film Fest: il primo festival italiano dedicato al Mash Up . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Cineamatori doc! . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . LUltima Foglia e la via del low budget . . . . . . . . . . . . . tempo di remake: in bianco e nero e alla Tim Burton! . . . . . Frammenti. Oltre lesistenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Nuovi titoli per le proiezioni su richiesta! . . . . . . . . . . . . Unintervista collettiva ai ragazzi di Big Horn . . . . . . . . . . Alice Postmoderna: parte il mash up video contest! . . . . . . .

280 282 283 285 289 292 295 298 302 303 305 307 311 314 317 320 322 327 332 337 343 345 346 348 351 356 358 365 368 374

Fabrizio Mosca racconta Cineama al Moviecamp Torino


mercoled 1 dicembre 2010 cinema

Lanno 2010 stato segnato da una crisi generalizzata che ha toccato anche il settore cinematografico. E sempre pi difficile produrre film, e soprattutto per giovani autori realizzare i loro progetti in un contesto cos precario. Insieme a vari amici appassionati di cinema e di internet vorremmo trasformare queste difficolt in energie, permettendo a chi ama il cinema di saperne di pi, di informarsi e di partecipare, e di realizzare i propri progetti. Questidea si chiama Cineama. Fabrizio, dal divano del suo studio, racconta la sua idea di Cineama al MovieCamp di Torino.

Finanziamenti per Il cinema italiano e le coproduzioni allestero


mercoled 1 dicembre 2010 cinema

Chiara Tringali intervista il produttore Fabrizio Mosca1 Quali sono le diverse modalit di finanziamento per il cinema in Italia ? Le strade sono infinite, chiunque abbia un progetto valido o la credibilit
1 http://http://www.acabaproduzioni.com/

maturata con lesperienza pu trovar un modo. Non ci sono strade predefinite. Ci sono esempi di film finanziati in maniera non convenzionale, come Shooting Silvio, finanziato in parte con soldi raccolti organizzando concerti e dj sessions . Purtroppo in Italia contrariamente ad altre cinematografie, come quella francese e nord europea, vige il duopolio Rai-Medusa. Ci comporta nella pratica che, se il progetto non viene accolto da uno dei due poli, si avranno enormi difficolt nel vederlo distribuito e realizzato. Questo processo va soprattutto a discapito dei giovani cineasti. Come funziona il sostegno allo sviluppo e alla produzione dei progetti cinematografici da parte del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali? Va presentata una domanda alla Direzione Cinema del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, con scadenza quadrimestrale. Tra i progetti presentati ne vengono selezionati circa 20, il contributo varia e va restituito solo nel caso in cui il film venga realizzato, altrimenti si tratta di un finanziamento a fondo perduto. In che modo si arriva a costruire una coproduzione internazionale? Prima di tutto convincendo un partner internazionale che il progetto pu attrarre pubblico e interesse nel suo paese e che sia commercialmente valido per il coproduttore. La commissione europea ha creato meccanismi virtuosi che stimolano i paesi della comunit europea ad avere vantaggi nel coprodurre film. Ci sono organismi come Eurimages che selezionano dei progetti, sulla base di finanziamenti gi ottenuti. Le societ internazionali che coproducono con lItalia hanno dei vantaggi, e se s, quali? Bisogna partire dalla storia. Ad esempio Una vita tranquilla, un film italiano, ma girato in Germania. La coproduzione diventa in questo caso una necessit, visto che, ad esempio, ti avvarrai del supporto di troupe locali. Coprodurre con lestero comunque sempre una ricchezza perch ci si confronta con unaltra realt, un altro modo di lavorare, creare, quindi fare cinema.

Cinema Italiano, tra arte ed industria


mercoled 1 dicembre 2010 cinema

Tania Innamorati intervistaClaudio Cupellini2 , regista di Una vita tranquilla Quali sono le difficolt pi grandi che incontra un regista quando si avvicina ad un progetto? Dipende dal momento in cui si avvicina al progetto. Se si avvicina nel momento in cui il progetto va ancora scritto, ovviamente la prima difficolt quella di riuscire a scrivere una storia molto bella. Se si trova davanti una sceneggiatura, si tratta del un momento in cui il film gi stato pensato. Adesso mettere in piedi un film in Italia non una cosa semplicissima. Bisogna essere molto consapevoli delle difficolt e tirare fuori un progetto che abbia allo stesso tempo delle qualit artistiche molto grandi, ma anche delle capacit di mercato, di stare dentro al mercato, per poter essere venduto. Nella fase creativa di un film, che importanza ha, per un regista, il pubblico a cui il progetto rivolto? Nel mio caso non ha molta importanza. Cerco di fare le cose per come le sento pi giuste, pi belle, pi avvincenti. Se penso che tutto questo possa funzionare con il mio gusto, credo che funzioner anche col gusto del pub2 http://www.film.it/claudio-cupellini

blico. Dopodich di solito ci si fa un bel segno della croce, si aspetta e si spera (sorride ndr). Quanto incide la mancanza di fondi sul processo creativo? Il processo creativo qualcosa che si divide in parti molto diverse. La scrittura, le riprese, il montaggio la creativit una risorsa, aiuta anche nei momenti in cui manca qualcosa. E in un film c sempre un momento in cui qualcosa manca. Lunico istante in cui si ha tutto, quando si scrive, perch serve solo una penna, un pezzo di carta. La creativit serve proprio a questo, a supplire la mancanza di altri mezzi. Cosa manca al cinema italiano doggi rispetto al cinema del passato? Niente, si continuano a fare dei bei film e continuano ad uscire dei film che sono pi votati al mercato, pi votati ad un successo semplicemente commerciale, che quindi hanno una vita pi breve. Ci sono dei registi molto bravi, seppur giovani, come Virz, Sorrentino, Crialese, Garrone, ma anche registi che pur essendo arrivati da molto tempo alla maturit, come Olmi e Bellocchio, continuano a fare dei bellissimi film. Si pu parlare di crisi della creativit? Non credo, alla fine di ogni anno ci sono almeno un paio di film che restano. Se pensiamo alla filmografia degli anni sessanta, c stato sicuramente un momento doro per il cinema italiano. Ma non credo che oggi ci sia una mancanza di creativit, di bei film. C stato un periodo pi difficile, negli anni ottanta, negli anni novanta. Per mi sembra che adesso, la cinematografia italiana sia solida, forte, bella.

Heartbeat navigation
gioved 2 dicembre 2010 piermaria

Stiamo cercando un modo per rendere pi utile e gradevole lesperienza di lettura di uno script on line. Lidea consiste nel dare allutente la percezione che lo script sia una cosa viva, pulsante, in continua evoluzione, che come unessere vivente che fa parte di unambiente scambia con esso parti di se evolvendosi. Gli utenti potranno sottolineare e commentare emozionalemente parti dello script, il sistema prender questi commenti e basandosi su vari paramentri creer una cardiogramma dellintensit dello script. Gli utenti basandosi sui colori e i picchi dintensit potranno scorrere e interpretare lo script in maniera pi emozionale. We are looking for a way to make the experience of reading a script on line more useful and enjoyable. The idea is to give the user the perception that the script is a living thing, pulsing, evolving, and as a being living is part of an environment with whom its exchanging and sharing itself evolving. Users can highlight and comment emotional parts of the script, the system will take these comments and based on various parameters of the intensity of the script it will create a cardiogram.

Users based on the color intensity and peak flow and can interpret the script in a more emotional way.

Tweet social bookmarks


sabato 4 dicembre 2010 piermaria

Leggendo la sceneggiatura, in una colonna laterale compariranno solo i tweet legati a quel capitolo, e a quel pezzo della sceneggiatura, permettendo di contestualizzare i messaggi ed i commenti nella sceneggiatura (per riconoscere i tweet di quella pagina verr usato un meta-dato contenuto nei tweet). Reading the script, in a sidebar will appear only tweets related to that chapter, and that piece of script, allowing you to contextualize messages and comments in the script (to recognize the tweet of that page we will use a meta-data contained in a tweet ).

Cineama per tutti


domenica 5 dicembre 2010 cinema

Questa era una delle prime idee che ci venuta per la fase di pre-lancio, un tetto sopra il nostro progetto, dove accovacciarsi e ascoltare, tante piccole finestre rivolte al cinema fatto e discusso dalle persone. Pagina unica, design spartano. In alto il nome del progetto, al centro una frase che spiega la pagina (esempio: Hai una idea per un film. Immagina una piattaforma che ti aiuta a realizzare questa idea, dalla sceneggiatura, al finanziamento, alla scelta degli attori e la comunicazione. Di cosa avresti bisogno?). Sotto, lista delle diverse idee apportate dagli utenti suddivise per categorie. Per ora la pagina dedicata solo allascolto perch crediamo che sia una cosa fondamentale, ascoltare le persone quando sono ignare di essere ascoltate fantastico, tra un po implementeremo anche la capacit di aggiungere contenuti in tempo reale. Se volete ascoltare anche voi LIVE3 This was one of the first ideas that came to us for the pre-launch, a roof over our project, where lie down and listen to many small windows facing the movies made and discussed by people.
3 http://cineamabeta.com/?page_id=90

Single page, spartan design. Above the name of the project, the center, a sentence that says the page (example: Do you have an idea for a film. Imagine a platform that helps you to realize this idea, the script, financing, choice of actors and communication . What would you need? ). Below, the list of users that aggregate different ideas divided into categories. For now, the page is dedicated only to listen because we believe it is a fundamental thing, listening to people when they are unaware of being heard is great, a soon we will implement the ability to add content in real time. If you want to listen too LIVE4

Finanziamenti in Italia: Tax credit interno ed esterno. Interviene Laura Nicotra, delegata di produzione
luned 6 dicembre 2010 Chiara

Chiara Tingali intervista Laura Nicotra, delegata di produzione. Come si possono utilizzare gli innovativi strumenti del tax credit e del tax shelter?
4 http://cineamabeta.com/?page_id=90

Si basa su algoritmi molto semplici, poich realizzando un film si genera ricchezza e consumo. Bisogna distinguere tra il tax credit interno ed esterno: quello interno si rivolge alle produzioni italiane e a produzioni esecutive sul territorio italiano, quello esterno si rivolge a societ che non fanno parte del settore audiovisivo. un credito dimposta generato dalle spese effettuate sul film. Per quanto riguarda le produzioni italiane, pari al 15% dei costi ammissibili, finalizzati alla produzione della copia campione, una quota di spese generali, escluso il producer fee. Lutilizzo previsto attraverso la compensazione tra il credito dimposta e i debiti verso lerario (oneri sociali, irpef, Iva, inps). Nello specifico, di quali vantaggi beneficiano le societ esterne allindustria cinematografica? Per le societ esterne rappresenta uninteressante opportunit, perch in questo modo beneficiano dei dividendi di un prodotto cinematografico. Ma anche vero che si tratta di un capitale a rischio qualora il film non generasse utili. Quando il tax credit stato proposto in Italia che tipo di riscontro ha ottenuto? Inizialmente non tutti lhanno saputo interpretare e quindi applicare, adesso che qualcuno ha cominciato ad utilizzarlo, non si sa se verr rinnovato dalle autorit competenti. Come si pone lItalia, rispetto il mercato internazionale, nellutilizzo di questa nuova risorsa? Il tax credit una fonte di finanziamento largamente utilizzata in gran parte dei paesi europei, ormai da anni. In Italia stiamo imparando a conoscerlo solo adesso, nonostante le difficolt iniziali; spero che sia confermato come strumento finanziario utile, direi fondamentale per lindustria cinematografica. Per chi volesse approfondire largomento, di seguito il link con la modulistica scaricabile dal sito del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali:

10

Modulistica tax credit5

Come trasformare la mancanza di mezzi in opportunit: Berardo Carboni racconta la genesi del suo film Shooting Silvio.
luned 6 dicembre 2010 Chiara

Tania Innamorati intervista Berardo Carboni, regista. Come sei approdato alla regia? Non ci sono arrivato, una cosa che volevo fare da quando ero molto piccolo, quando vidi per la prima volta ET. Ho iniziato facendo cortometraggi amatoriali, poi sono passato a progetti pi seri finch hanno iniziato a pagarmi per fare questo lavoro. Ora si pu dire che sono ufficialmente un regista. Come nata lidea di Shooting Silvio? nato da un profondo disagio che avevo nei confronti del sistema italiano rappresentato in modo icastico da Berlusconi, lui lItalia degli ultimi ventanni. Nel bene o nel male la figura pi rappresentativa e carismatica,
5 http://www.cinema.beniculturali.it/moduli/modulistica.asp

?mod=TX

11

il volto dellItalia in cui sono cresciuto Io mi sono sentito sempre molto distante dal sistema di valori che Berlusconi incarna e di cui lesponente simbolico, quindi volevo esprimere un punto di vista diverso: si pu essere italiani e pensarla in maniera radicalmente differente. Shooting Silvio stato sempre visto con diffidenza dallestablishment, vuoi spiegarci di cosa parla esattamente il tuo film? La sinossi molto semplice, la caratteristica principale del film, che ne da un lato un vantaggio e dallaltro uno svantaggio. la storia di uno scrittore frustrato che non riuscendo a scrivere un libro credibile contro Berlusconi e avendo dei problemi personali decide di rapirlo e ucciderlo. Il protagonista del film un personaggio negativo, tutto il film estremamente nichilista, porta ad un annientamento, ad un omicidio suicidio. La parte positiva tutta attorno al film e quindi in qualche modo parte del film, nel meccanismo per cui il film esiste che si pu scorgere qualcosa di diverso, anche leggendo trasversalmente la storia del film si avverte la possibilit di qualcosa di diverso, che possa esistere un mondo migliore. o non un film politico? Dipende da che punto di vista, non un film che ha unideologia o una linea politica, non riconducibile ad un partito. per un film di protesta, un film volutamente molto provocatorio e in questo senso unazione politica. Credo che nel film arrivi forte il senso di disagio delle persone che sono cresciute in questi anni e arrivi altrettanto forte il fatto che questo disagio non possa essere espresso. Cos come viene criticato radicalmente il berlusconismo, per, viene criticata la possibilit di una reazione violenta. In che modo sei riuscito a produrre un film cos difficile? Inizialmente avevo seguito delle strade convenzionali, mi sono rivolto a produttori con cui avevo collaborato in precedenza, ma tutto procedeva a rilento. Trattando un argomento cos sensibile non potevo ammettere delle incidenze profonde. Un produttore ad esempio mi disse: si va bene lo facciamo, ma anzich Berlusconi deve essere il Papa, chiaramente cambiava tutto Quindi ho pensato a un sistema dal basso, quasi da terra. I primi soldi sono arrivati attraverso una colletta popolare: abbiamo realizzato un sito attraverso cui era possibile acquistare delle quote del film, abbiamo organizzato delle feste dove chiunque poteva versare un obolo anche minimo per produrlo Questo meccanismo ha portato qualche decina di migliaia di euro ma soprattutto ha innescato un movimento mediatico che poi ha fatto s che ci siano stati degli investitori non provenienti dal circuito cinematografico che hanno investito delle cifre basse ma comunque importanti,

12

20-30.000 euro, (considerando che il film ne costato 140.000) A questo si unita la disponibilit di cast e crew a lavorare a costo zero o con un rimborso spese minimo entrando in partecipazione. Per quanto riguarda la distribuzione, che tipo di strategia avete adottato? Inizialmente abbiamo adottato una strategia simile. Il film stato girato in digitale ma poi diventato in un modo o nellaltro un film in 35mm. Ha avuto da subito una visibilit ed unimpatto mediatico anomali per un film indipendente, gi prima che uscisse, per cui ci sembrava una follia non riuscire a distribuirlo. Daltra parte per come funziona il sistema distributivo italiano era impensabile trovare qualcuno che portasse in film in sala. Per cui si siamo organizzati per distribuirlo noi contattando direttamente i cinema. Alcuni esercenti, pochissimi, si sono appassionati al progetto e hanno rischiato, altri hanno voluto da parte nostra un minimo garantito, che noi abbiamo potuto dare poich organizzavamo feste anche per distribuire il film, per cui avevamo venduto molti i biglietti prima ancora che il film uscisse. Inoltre quando uscito andato abbastanza bene, e a quel punto sono stati gli stessi esercenti a chiamarci. A cosa pensi sia dovuta la crisi che sta attraversando il cinema italiano? Il problema riguarda il sistema produttivo e distributivo o anche una crisi creativa? una crisi globale, penso sia principalmente del comparto produttivo e distributivo e di conseguenza del comparto creativo visto che sono collegati. Per quanto riguarda il comparto creativo a se stante, penso che il problema dipenda dal fatto che ci sono pochi autori che hanno qualcosa da dire perch ne sentono la necessit, il bisogno. Inoltre chi fa questo mestiere perch ne sente il bisogno si scontra con unidea di cinema meramente commerciale. Spesso lunico parametro con cui si giudica un film sono gli incassi, e allinterno di questa problematicit lidea preconcetta che incassano solo una determinata categoria di film sbagliata. Si pensa che ad incassare sia solo quel tipo film totalmente defaticante, totalmente commerciale, nel senso pi bieco del termine, ma solo unabitudine mentale che va scardinata. Io credo che sia difficile prevedere il successo di un film in ogni caso, sia per i film spazzatura sia per i film che nascono con delle velleit. Sappiamo che stai lavorando ad un nuovo progetto, ce ne vuoi parlare? Durante la distribuzione di Shooting, che ha avuto vita molto lunga, ho iniziato a concepire questo nuovo progetto che un doppio film. Da un lato unanimazione girata allinterno di un mondo virtuale, con una telecamera

13

virtuale, allinterno di un contesto fatto a mo di videogioco. Questa prima parte del film gi stata realizzata e ha avuto una sua visibilit anche se di nicchia, essendo un prodotto di ricerca e non commerciale non abbiamo cercato una distribuzione tradizionale. Ci fa parte di un progetto pi ampio che dovrebbe andare a compimento il prossimo anno quando verr realizzato il film in cui le parti ambientate davvero nei mondi virtuali rimarranno tali mentre le altre saranno recitate da attori in carne e ossa. La prima parte del film servita un po da volano. Questi due film fanno parte di un unico progetto filmico, ed a mio avviso un esperimento interessante anche dal punto di vista del linguaggio, capire come un regista possa lavorare passando dal mondo reale a quello virtuale. Il progetto si chiama Volavola, nei primi mesi del 2012 si potr volare nelle sale a vederlo. Quale nuova relazione potrebbe nascere tra cinema, nuove tecnologie ed internet? Il cinema pu essere fatto in vari modi, tutti legittimi. Si pu fare un film tipo Natale in India, si pu fare un film alla Olmi o si pu fare un film come quelli che cerco di fare io. Non necessariamente devono esserci delle interrelazioni tra cinema, rete e nuove tecnologie. Nel cinema che cerco di fare, e che penso possa essere una parte importante del cinema del futuro, queste interrelazioni sono fondanti il cinema stesso. Un film dovrebbe essere veicolato prima, mentre e dopo la sua realizzazione su canali e piattaforme diverse. Certamente la sala rimane la punta delliceberg, ma tutte le altre piattaforme sono parte della storia del film. Nei miei film, non solo vengono veicolati (ed anche in parte prodotti) attraverso questi canali non convenzionali, ma addirittura li assorbono, si possono infatti trovare pezzi di internet, pezzi di televisione I vari media entrano nel film con un meccanismo di rimediazione, io lo chiamo cinema del mashup; il progetto filmico non solo il film ma tutto il percorso. Lo spettatore alla fine lo pu vedere in sala nella maniera pi tradizionale, ma il mio rapporto con lutente presuppone una conoscenza della storia, della sua genesi e della sua evoluzione, perch marketing e processo produttivo non solo strumenti commerciali ma veri e propri strumenti espressivi del film.

14

Open cinema o il cinema plurale


marted 7 dicembre 2010 federico

Lavvento di Internet, della Rete e delle tecnologie informatiche a basso costo sta cambiando radicalmente loggetto filmico e il pubblico delle opere cinematografiche, non pi soggetto passivo ma realizzatore e veicolo di manipolazioni e deformazioni creative che ridefiniscono il concetto stesso di film. Open cinema. Scenari di visione cinematografica negli anni 106 (2010, Edizioni Fondazione Ente dello Spettacolo), frutto di una attenta ricerca diretta dai due autori, Emiliana De Blasio7 e Paolo Peverini8 con i contributi di Agnese Vellar, Donatella Selva, Giorgia Pavia, Mariacristina Sciannamblo ed Enrico Gandolfi vuole esplorare tramite carotaggi mirati quellampio e accidentato territorio in cui sta avvenendo levoluzione-trasformazione del
v3_s2ew_CONSULTAZIONE.mostra_pagina?id_pagina=797 7 http://docenti.luiss.it/sociologia-deblasio/ 8 http://docenti.luiss.it/peverini/
6 http://www.entespettacolo.org/pls/eds/

15

cinema in tutti i suo aspetti e, soprattutto, focalizzare lattenzione sullItalia, patria di una delle cinematografie pi importanti ma al tempo stesso in preda a una crisi culturale, sociale ed economica che non risparmia certo il settore cinema. La domanda su cosa accada a un film quando il pubblico se ne appropria e lo manipola condividendolo attraverso le varie reti sia informatiche che sociali il punto di partenza della ricerca. Le varie forme di reworking audiovisivo, dalla semplice selezione e confronto di scene topiche, al rimontaggio, rielaborazione e mash-up delle stesse, dalla creazione di colonne sonore alternative fino al remake autoprodotto testimoniano la volont dallaudience di creare una propria narrativa, un proprio racconto alternativo o complementare che si moltiplica e si diffonde creando un nuovo strumento critico e valutativo dellopera originale; cos come nellambito della cultura orale una narrazione originale si ramificava in mille versioni dando origine a mitologie complesse (e quindi di successo, tramandate attraverso i secoli) cos un film come pu essere Batman Begins9 pu considerarsi un successo se esce dal suo contesto e diviene loggetto di un contest potenzialmente illimitato venendo visto anche attraverso la deriva ludica delle sue deformazioni come osserva Peverini alla fine della sua attenta analisi sul fenomeno del re-mixing cinema. La cultura partecipativa, gli user generated content10 , la crossmedialit stanno contaminando gi da tempo anche le produzioni cinematografiche hollywoodiane che sempre pi sperimentano modelli di peering, di apertura e condivisione attraverso la Rete dei contenuti come base per la costruzione di una community che non solo sostenga e promuova il film fin dalle primi fasi del ciclo produttivo ma partecipi alla costruzione del significato dellopera stessa. Due significativi capitoli sono cronache da universi paralleli al mondo della cinematografia tradizionale: quello dei funsubbers11 , le comunit di sottotitolatori amatoriali e del machinima12 , larte di creare opere animate sfruttando le tecnologie ei software a basso costo derivanti dai videogiochi.
9 http://en.wikipedia.org/wiki/Batman_Begins 10 http://en.wikipedia.org/wiki/User-generated_content 11 http://it.wikipedia.org/wiki/Fansub 12 http://www.machinimaitalia.com/

16

Il core del libro affronta la situazione italiana con una serie di interviste a personaggi di primo piano dellindustria cinematografica e con una ricerca sul campo su un piccolo campione di fruitori del cinema in sala e di prosumers, utenti attivi che producono e distribuiscono contenuti alternativi legati al cinema. Quale panorama emerge da questo doppio sguardo al mondo del cinema italiano alle prese con queste trasformazioni dirompenti? Partiamo dallopinione degli addetti ai lavori. In sostanza, rilevano gli autori, accanto a timori e riserve specie sul lato tutela del diritto dautore, i professionisti cominciano a rendersi conto che i nuovi modelli di creazione, produzione e distribuzione delloggetto filmico imposti dalla Rete e dalle sue filosofie partecipative e collaborative sono allorigine di nuove possibilit nellasfittico mercato italiano. Ma la presa di coscienza ancora troppo lenta, come testimoniano le sconsolanti statistiche sullutilizzo del Web e dei social media da parte dei produttori e dei distributori come canali di promozione e di costruzione dellaudience per i propri film. La quasi totale assenza di spazi nella Rete dedicati ai film italiani in uscita preclude la possibilit di creare intorno al film quella comunit di fanmade e di mashuppers ormai parte integrante del prodotto filmico. Questa assenza, questo sottovalutare le dinamiche emergenti caratterizzanti delle nuove tecnologie rende ancora marginali quelle strategie di unconventional marketing13 che mirano a coinvolgere e stimolare gli utenti alla partecipazione e alla promozione, puntando sullaspetto passionale e di identificazione del rapporto film-spettatore. Questo un peccato, sottolineano a pi riprese gli autori, perch i dati e le statistiche presenti nel libro testimoniano come lo spettatore-attivo, che crea contenuti e partecipa al buzzing di Rete non solo fa parte dello zoccolo duro dei fruitori di contenuti cinematografici online ma colui che tende a conservare pi degli altri labitudine alla fruizione in sala, per non perdere la funzione socializzante della visione di un film. Moltiplicare questa tipologia di spettatore attraverso la ridefinizione del processo produttivo, distributivo e promozionale dovrebbe essere un imperativo per lindustria cinematografica italiana. Il cinema lunica forma darte nella quale le opere si muovono e lo spettatore rimane immobile diceva Ennio Flaiano: questo libro, ricco di spun13 http://en.wikipedia.org/wiki/Guerrilla_marketing

17

ti e di informazioni, stimola professionisti del cinema e cinefili a esplorare nuovi e innovativi sentieri che permettono allo spettatore di muoversi insieme ai film nello stesso universo creativo ed emozionale.

Cineama around you


marted 7 dicembre 2010 piermaria

Lidea incentrata sul far sentire lutente parte della comunit di Cineama, e rendere facile la ricerca di contenuti localizzati attorno a lui. Immettendo nella mappa la propria citt, mostrer tutti i contenuti inerenti a quella citt, i progetti, le proiezioni, eventi, mostre e i commenti di tweeter legati a Cineama o ad un particolare progetto, si potr filtrare i contenuti e adattarli ai propri gusti. The idea is focused on making the user feel part of the community Cineama, and make it easy to search for localized content around him. Entering their city on the map will show all the content relating to that city, plans, projections, events, exhibitions and comments related to Cineama, tweets referred to a particular project, the user will be able to filter the content and tailor them to his taste.

18

Dal set chitchat troupe


mercoled 8 dicembre 2010 piermaria

Il cast, gli addetti ai lavori, il regista, sono invitati a twittare gli status e cosa succede di giorno in giorno nel backstage del film. La meccanica si basa sul fatto che chi tweetta, lo fa senza sapere di far parte di una conversazione precisa, invece sul sito i tweet vengono raccolti tutti assieme, quindi si ha una visione dinsieme di cosa succede a tutta la troupe. The cast, the insiders, the director, are invited to tweet their status and what happens every day in the backstage of the film. The mechanism is based on the fact that those who Tweet, doesnt know to be part of a specific conversation, but the site tweets are collected together, then you have an overview of what happens to the whole crew.

19

Intervista a Francesco Trento, sceneggiatore. Il coraggio, il talento, la determinazione.


gioved 9 dicembre 2010 Chiara

Chiara Tringali intervista Francesco Trento14 Come hai iniziato la tua carriera di sceneggiatore e che difficolt hai incontrato? Ho iniziato scrivendo un documentario,Matti per il calcio15 , insieme a Volfango De Biasi. La storia era bellissima: una squadra composta da pazienti psichiatrici, che giocava a calcio come forma di terapia, allenata per di pi da uno psichiatra. Pensavamo di trovare con facilit una produzione, ma ci sbagliavamo. E che si fa, in questi casi? Boh. Allinizio ci si dispera (ride, ndr). Per poi ci si fa forza. E quindi, allennesimo no, abbiamo rotto il salvadanaio e lo abbiamo prodotto noi,
14 http://www.cinemaitaliano.info/pers/009091/francesco-

trento.html 15 http://www.mattiperilcalcio.it/

20

incontrando musicisti fantastici che ci hanno dato gratis i loro pezzi, un montatore e un cameraman che si sono appassionati al progetto e hanno lavorato per mesi senza nessuna certezza di essere pagati, eccetera eccetera. Lunico produttore che ci ha aiutati stato Mosca: dopo aver visto un premontato ci ha dato duemila euro dicendo: non posso produrlo, ma mi piace molto quello che state facendo ed giusto che abbiate una chance. Se lo vendete, me li ridate. Alla fine siamo riusciti a venderlo alla Rai, e a pagare tutti quelli che ci avevano regalato il loro tempo. E abbiamo anche ridato i soldi a Mosca (ride, ndr) Nel momento in cui scrivi un racconto, o una sceneggiatura, che importanza assume il pubblico a cui il tuo lavoro sar rivolto? Nel momento in cui scrivo un racconto quasi zero. Quando scrivo narrativa penso soprattutto a scrivere qualcosa che piaccia a me, qualcosa che mi appassioni o mi diverta. Mi davvero difficile pensare in termini di what the public wants, costruire un libro a tavolino pensando a cosa avr maggior successo. un po come fare la politica coi sondaggi: un partito dovrebbe dirmi cosa pensa, e convincermi che giusto, non telefonarmi per sapere cosa penso io e poi adattare il suo programma (e spesso la sua etica) per prendere pi voti. Non fraintendermi, ho profondo rispetto del pubblico, ma proprio per questo cerco di non inseguire il suo gusto, che peraltro sempre presunto. Anche per le sceneggiature, lideale sarebbe tendere allo zero di cui sopra. ovvio che un film unimpresa, e a nessuno piace incassare meno di quel che ha speso, quindi la pressione tanta. Ma credo che preoccuparsi preventivamente del pubblico limiti la creativit. Ecco, secondo te si pu parlare di una crisi della creativit nel cinema italiano? No. Ma forse si pu parlare di una crisi del coraggio. Come dicevo ci si preoccupa troppo, preventivamente, di cosa piacer al pubblico. Col risultato che moltissime idee vengono bocciate a priori prima ancora di esplorarle. Proponi un film, ma troppo di nicchia, ne proponi un altro e ti rispondono: bello, bellissimo, ma in Italia non ci sono attori per quel ruolo. Una storia troppo dura, laltra ha unironia che andrebbe benissimo in Francia ma qui no, ed tutto un fiorire di commenti tranchant come il magico non funziona, il calcio non fa botteghino, e via dicendo. Col risultato che spesso anche noi sceneggiatori finiamo per autocensurarci, e che registi potenzial-

21

mente bravi finiscono a girare delle commediole innocue perch nessuno gli finanzia il film drammatico che hanno nel cassetto da dieci anni. Che consiglio daresti ad un giovane aspirante sceneggiatore? Quello che darebbe il nostro premier: trovatevi un partner ricco (ride, ndr) No, scherzo. Di trovarsi dei buoni maestri, studiare molto, e soprattutto vivere molto. Di fare mille esperienze. E di avere il coraggio di credere in un progetto anche quando gli altri non ci credono, se buono. Ti ho detto di Matti per il calcio, ma nel mio curriculum ho unesperienza ancora pi folle: con Franco Fracassi, qualche anno fa volevamo fare un film sull11 settembre. Un documentario internazionale che mettesse alla prova la versione ufficiale. Ma costava troppo, ovviamente, e nessuna major aveva interesse a produrlo o a distribuirlo. Allora un produttore indipendente, Thomas Torelli, ha messo su un sistema di propriet diffusa del film, vendendo quote a privati cittadini. Alla fine, pi di 500 persone possedevano una piccola parte del film. Quote minime, anche di cento euro. Dario Fo ha lavorato in cambio di quote, Moni Ovadia e Lella Costa idem, e cos via, fino ai cameraman, ai ricercatori, ai doppiatori E ha funzionato? Beh, direi di s, anche se in Italia non se ne accorto nessuno (ride, ndr): grazie alle quote vendute persino su ebay, siamo alla fine riusciti a produrre Zero, inchiesta sull11 settembre16 . Nonostante il film sia passato alla Festa del Cinema di Roma, nessuna major ha voluto distribuirlo ed uscito in poche sale, ma allestero ha fatto pi di 50 milioni di spettatori tra cinema, tv e dvd. Quale pensi sia lingrediente fondamentale per raccontare una storia di successo? Agli studenti del mio corso di sceneggiatura direi senza dubbio: il conflitto. Se posso completare il podio direi anche: lironia e la passione.

16 http://www.zerofilm.info/

22

Distribuzione non convenzionale: conversazione con Fabio Fidanza, creatore di Social Distribution
venerd 10 dicembre 2010 Tania

Tania Innamorati intervista Fabio Fidanza, direttore creativo di Macaroni Bros17 che ha ideato una nuova forma di distribuzione partecipativa: lo spettatore distribuisce il film e prende parte agli incassi Questa la Social Distribution.18 Distribuzione non convenzionale: conversazione con Fabio Fidanza

17 http://www.macaronibros.com/ 18 http://www.socialdistribution.org/

23

Dal Giappone con furore


luned 13 dicembre 2010 federico

Tra le migliaia di film stranieri che hanno difficolt a trovare distribuzione in Italia vi un genere che fa la felicit dei nativi degli anni 70 (o di coloro che negli stessi anni erano gi bimbi teledipendenti, come me).

24

Sto parlando della trasposizione sullo schermo, con attori in carne e ossa, di famose serie anime19 dantan realizzate in Giappone. A differenza di analoghi progetti americani (come lo Speed Racer20 dei fratelli Wachowski21 ) queste produzioni, realizzate con budget di tutto rispetto, rimangono di solito confinate nellisola del Sol Levante fuori dalla portata degli ex ragazzi e ragazze della Goldrake-Lady Oscar generation. Leggendo su cineblog.it22 ho scoperto per esempio limminente uscita di Space Battleship Yamato23 pardon, Star Blazers24 in Italia un nippokolossal da 22 milioni di dollari che narra le gesta della rediviva portaerei della seconda guerra mondiale Yamato trasformata in nave spaziale per difendere lumanit dai tostissimi alieni agli ordini del supremo Desslock. Un altro cartone molto noto e particolarmente bizzarro, Yattaman25 , stato trasposto in live action ed gi uscito in patria raggiungendo 30 milioni di dollari di incassi in patria26 . In questo caso Ganchan e la sua ragazza Janet27 riusciranno ad arrivare in Italia, ma solo in digitale, grazie alle Officine Ubu28 . Nota molto personale a proposito di trasposizioni da cartoni giapponesi: a quando un film su Lady Oscar29 ? Dimenticando il penosofilm franco nipponico30 del 79 con una giovanissima Patsy Kensit31 sarebbe interessante vedere cosa uscirebbe fuori affidandone la direzione a registi co19 http://it.wikipedia.org/wiki/Anime 20 http://it.wikipedia.org/wiki/Speed_Racer 21 http://it.wikipedia.org/wiki/Fratelli_Wachowski

-sala-con-space-battleship-yamato-ecco-il-trailer-e-la- locandina 23 http://www.cineblog.it/post/20337/primissimo-teaser- trailer-per-il-live-action-di-space-battleship-yamato 24 http://it.wikipedia.org/wiki/Star_Blazers 25 http://www.youtube.com/watch?v=Kd6AdGqnu_s 26 http://www.cineblog.it/tag/yattaman 27 http://www.youtube.com/watch?v=rofUhIc3mFw 28 http://www.officineubu.com/nuovosito/officine_UBU/ Yattaman_-_il_film_-_sinossi.html 29 http://it.wikipedia.org/wiki/Lady_Oscar 30 http://it.wikipedia.org/wiki/Lady_Oscar_%28film%29 31 http://it.wikipedia.org/wiki/Patsy_Kensit
22 http://www.cineblog.it/post/23367/star-blazers-arriva-in

25

me, non so, Alejandro Amenbar32 o Zack Snyder33 . Voi avete candidature alternative?

Progressive login
mercoled 15 dicembre 2010 piermaria

La pagina di registrazione da sempre uno dei pi grossi scogli da affrontare, per lutente un passo difficile, le domande che sorgono molte: perch dovrei dare i miei dati?, ma questa procedura lunghissima!!!, io voglio solo vedere quel contenuto perch devo fare tutta questa trafile?, cos questo campo? cosa ci devo mettere dentro?, dallaltro punto di vista chi gestisce il sito vorrebbe avere pi informazioni possibili sui suoi fruitori. Come gestire quindi questo conflitto dinteressi? Abbiamo deciso di affrontare la questione gi dalle prime fasi di progettazione, prima generando un concept che racchiudesse lidea che volevamo realizzare e cio, in poche parole:
32 http://it.wikipedia.org/wiki/Alejandro_Amen%C3%A1bar 33 http://www.imdb.com/name/nm0811583/

26

Una procedura di registrazione che alleggerisce lincarico dividendosi in varie fasi e piccoli pesi. Lutente ha voglia di immettere delle informazioni che siano sensibili o private o generiche solo quando ne vede il motivo e solo quando effettivamente vuole compiere un gesto che richiede quelle informazioni. E come se nella vita reale entrando in un centro commerciale vi chiedessero gi il nome, cognome dove vivete, la partita iva, lIBAN, allentrata, senza aver ancora comprato niente, vi darebbe fastidio, perch? Perch non ne vedete la necessit. Se invece prendete unarticolo sarete ben felici di dare i dati necessari. Allo stesso modo, unutente che vuole navigare il sito e commentare, non serve che abbia certe informazioni nel profilo, se quellutente invece vuole creare un progetto, servono altre informazioni per creare una credibilit e sicurezza in quellutente. Lesempio qui sopra, lesatto contrario di quello che vogliamo create. perch unutente dovrebbe gi sapere che tipo di utente , che grado di esperienza ha e che tipo di interventi vorrebbe fare sul sito? Per questo stiamo cercando di capire come creare una registrazione pi organica. Per organica intendiamo la capacit di un utente di evolversi e cambiare la sua condizione allinterno della community. The registration page has always been one of the biggest stumbling blocks to be addressed, the user is a difficult step, many questions arise: why should I give my data?, Wow this procedure is very long!, I just want to see that content why do I have to fill all this info?, what is this field? what should I put in? On the other side who owns the site would have more information on its users. Then how to manage this conflict of interest? We decided to tackle the issue from the earliest planning stages, first generating a concept that enclose the idea that we wanted to achieve and that in a nutshell is:

27

A registration process that lightens the task by splitting it into several light phases. You want to enter the private or sensitive information only when the user sees the reason and only when he or she actually want to perform an act that requires that information. It s like going into a mall and you already been asked to say your name, surname, where you live, the VAT number, the IBAN, without having yet bought anything, you will be bother, why? Because we do not we see the need. If you buy an article on the other side you will be happy to provide the necessary data. Similarly, a user who wants to browse the site and comment, doesnt need to have certain information in the profile, but if that user wants to create a project, he or she need more information to create trust and security in that user. The example above is the exact opposite of what we create. Why should a user already know what type of account, what kind of experience and what kind of interventions he or she would like to do on the site? For this reason we are trying to figure out how to create a more organic registration. With more organic we are planning a users ability to evolve and change its status in the community.

28

Come si pu notare in questo estratto di architettura delle informazioni34 gli utenti che arrivano sul sito sono sempre non riconoscibili e possono comunque navigarlo. Nel momento in cui decidono di interagirci con commenti ad esempio gli viene richiesto di diventare utenti riconoscibili con un form a comparsa di questo genere As can be seen in this extract information architecture, users who arrive on the site are not always visible and can still navigate the site. The moment you decide to interact for example with comments, the user is required to become a knowledgeable user with a modal window of this kind.

Come si pu vedere le informazioni sono quelle strettamente necessarie per poter riconoscere unutente, nessuna domanda pretenziosa o confusionale.
34 http://cineamabeta.com/2010/12/15/un-codice-di-

navigazione/

29

Il form a comparsa perch cos non perdo il contesto e la posizione allinterno del mio sito. Un ulteriore altro problema che volevamo affrontare, infatti, quello dellimmediato post-registrazione in cui unutente non sa se deve ritornare indietro dopo il login oppure cercare qualche riferimento per ritornare alla pagina in cui era: abbiamo verificato nella nostra esperienza passata che gli utenti fanno login o si registrano in un sito principalmente quando devono compiere unazione che lo richiede altrimenti la maggior parte delle volte se ne dimenticano. Per evitare che quando durante una registrazione o un login si finisca su di unaltra pagina, inducendo confusione, la registraizione che stiamo sviluppando in una modal window35 . Lutente registrato riconoscibile: ovviamente quando ritorna sul sito, se la cache ancora disponibile e se non un computer pubblico, effettuer il login in maniera automatica altrimenti una modal window simile a quella della registrazione, ma solo di login, apparir quando necessario. Quando invece utente specificher la volont per esempio di partecipare ad un progetto, quindi di diventare collaboratore il form che apparir quando cliccher su collabora sar il seguente: As you can see the information is strictly necessary to identify a user, not pretentious or confusing questions. The modal windows is poppin because the user do not lose the context and the position within the site. Another problem is that, in the immediate post-recording a user does not know whether to go back after logging or search for a reference to return to the previous page, we checked into our past experience that users are logging in, or register on a site mainly when they have to do something that requires their attention elsewhere they forget about it. To avoid that and dont cause confusion, we are developing it in a modal window.
35 http://www.smashingmagazine.com/2009/05/27/modal-windows-

in-modern-web-design/

30

The registered user can be recognized: of course when it returns to the site, if the cache is still available and if it is a public computer, and automatically logs in, otherwise will appear a modal window similar to that of the registration, but only to login. However, when the user will specify, for example, to participate in a project and then to become contributing the form that appears when you click to cooperate is the following:

Con informazioni specifiche per evolvere il suo stato (o accenderlo da zero) alla condizione di collaboratore. In questo modo login/register vengono integrati contestualmente allinterno della pagina, senza dover pi registrarmi o fare login anticipatamente rispetto alle mie aspettative.

31

Lo chiamiamo progressive login come una variante del principio di usabilit nella navigazione web che viene chiamata progressive disclosure (qui una descrizione critica36 ). With specific information for developing its own state (or turn it from scratch) the condition of collaborator. In this way login / register are integrated within the same page, without having to register or log in advance of my expectations. We call it progressive login as a variant of the principle of usability in the web browser that is called progressive disclosure (here for a technical description37 ).

/2004/03/progressive_dis.html 37 http://experiencedynamics.blogs.com/site_search_usability /2004/03/progressive_dis.html


36 http://experiencedynamics.blogs.com/site_search_usability

32

Un codice di navigazione
mercoled 15 dicembre 2010 irene

Questo diagramma un ulteriore componente del concept architettonico della piattaforma e descrive i flussi operativi allinterno del sistema. Abbiamo identificato, dopo progressive semplificazioni due tipologie di registrazione e 4 ruoli, con diverse prerogative. La strategia di registrazione in due step descritto qui38 . Linterfaccia ancora da definire. I ruoli sono: - utente non identificato: accede al sito e non riconosciuto (mai effettuato il login o la cache stata ripulita). Pu navigare ovunque. Al momento di compiere determinate azioni, tuttavia, gli viene richiesto di assumere unidentit tracciabile; - utente riconoscibile: fornisce credenziali basic, possibilmente mutuandole da altri social networks, e pu votare, commentare, esprimere la propria ap38 http://cineamabeta.com/2010/12/15/progressive-login/

33

provazione attraverso sistemi Like, condividere materiale attraverso social network. Non solo importante che chi effettua queste azioni abbia unidentit sociale (relativa, quindi, e non assoluta) ma anche importante verificare che dietro ognuna di queste azioni ci sia per lo meno un essere umano e non una macchina; - utente collaboratore: costui si autoseleziona per collaborare ad un progetto e proporre contenuti per lo stesso. E importante da una parte dargli lopportuit di essere selezionato a sua volta come collaboratore in base alle proprie competenze e al proprio portfolio, e dallaltra dare ai potenziali partners alcuni elementi di valutazione del suo profilo. Per questo chiediamo che inserisca una forma di CV, che nel nostro caso sar principalmente composto da links a altri siti ove sia possibile rintracciare referenze del suo lavoro e/o un portfolio; - utente direttore creativo: avremmo potuto chiamarlo autore, ma quello che abbiamo in mente pi un ruolo di propulsore e direttore di un processo creativo. Colui che inaugura un progetto e a cui spetta sempre lultima decisione, ma non necessariamente lideatore unico e il produttore unico dei contributi di cui si compone la complessa opera cinematografica. Il concetto di autore (unico) stato sfruttato e abusato dagli attivisti del copyright, nonch da una scuola di pensiero39 che ne assolutizza il ruolo. Pu darsi che direttore creativo sia troppo prosaica come definizione. Quello che conta rendere giustizia alla complessit autorale dellopera cinematografica (e non solo, ma meglio non far esondare la polemica!). Ci immaginiamo anche un database con gli utenti della comunit. Come questultimo sia strutturato, accessibile e facilmente consultabile nellagenda delle decisioni ancora da prendere. Le prerogative di ciascun ruolo citate nel diagramma si arricchiranno man mano che il concept del progetto stesso si arricchir di nuove opportunit per gli utenti.

39 http://en.wikipedia.org/wiki/Auteur_theory

34

Architettura dellorganizzazione un concept


mercoled 15 dicembre 2010 irene

Un sito web prima di tutto un sito, e come ogni sito si progetta partendo da un concept che riguarda larchitettura, la distribuzione degli spazi e le relazioni funzionali tra di essi. Quando il sito si trova in una dimensione immateriale come il web, si parla di architettura delle informazioni40 , che riguarda: analisi e progettazione dellorganizzazione generale del sistema e del modello di interazione tra le parti, dei vari flussi operativi e processi compresi nel sistema, partendo dallanalisi dei compiti e degli obiettivi degli utenti e dellinterfaccia che presenta dati, contenuti e strumenti di interazione per lutente. La veste grafica e le soluzioni specifiche di interaction design, insomma la parte pi divertente, si appoggia su riflessioni in bianco e nero, ma non per questo meno interessanti! Limmagine sopra si riferisce ad una proposta per lorganizzazione generale del sito.

40 http://it.wikipedia.org/wiki/Architettura_dell%27

informazione

35

Ci immaginiamo unarchitettura della navigazione il pi possibile orizzontale. Lorizzontalit una metafora di una struttura organizzativa di pari, in cui i vincoli gerarchici non sono preimpostati ma assurgono da una condizione egualitaria di partenza in cui tutti hanno le stesse possibilit. La home potrebbe essere una copertina di 9 elementi, 7 dei quali fanni riferimento ad eventi di produzione, mentre i rimanenti 2 sono touch points per contenuti extra. Ci immaginiamo che i contenuti extra rappresentino unevoluzione del blog esistente su cui vi trovate adesso. Ogni sezione si sviluppa a sua volta in modo orizzontale, lungo una direttrice nord-sud tipica della lettura sullo schermo del pc orientato verticalmente. Un possibile modello di riferimento per questo specifico scorrimento (detto progressive vertical layout) potrebbe essere kaeidoscopeapp41 o dannyblackman42 . In questo sito43 invece si pu apprezzare un modello simile che si sviluppa in direzione est-ovest: se vi trovate ad un pc facile sperimentare che pi facile e gradevole, con un mouse e uno schermo verticale, andare dallalto in basso e viceversa che da destra a sinistra. Non trovate? Lesplorazione sarebbe aiutata da ancore44 dislocate nei punti opportuni. Le 7 sezioni di produzione offrono touch points diversi per ogni esigenza identificata per ora45 da parte di possibili ruoli-utente. Il centro nevralgico della piattaforma la raccolta/vetrina di progetti. Un progetto si identifica con una soggetto e una sceneggiatura, almeno, e con un owner o direttore creativo che potrebbe essere un regista o uno sceneggiatore. Ci immaginiamo ogni pagina progetto con uno sfondo e una grafica personalizzata dal project owner (rif. flavour.me46 o about.me47 ).

41 http://www.kaleidoscopeapp.com/ 42 http://www.dannyblackman.com/ 43 http://www.sursly.com/#work 44 http://webusability-blog.com/anchor-links-dos-and-donts/ 45 http://cineamabeta.com/2010/12/15/un-codice-di-

navigazione/ 46 http://flavors.me/ 47 http://about.me/

36

La linea tratteggiata fa riferimento ad un progetto aperto ai contributi esterni, che possono venire (si veda48 sempre), da collaboratori registrati. Pur essendo il process owner, in quanto responsabile artistico del progetto, lunico in grado di approvare i contributi esterni, chiunque pu proporsi. Si parla di video, immagini, suoni, etc. In una contesto di auto-selezione delle collaborazioni e di creazione distribuita, importante che la responsabilit creativa sia invece accentrata in un singolo individuo. Questo principio della cosiddetta benevolent dictatorship49 , distillato per quanto riguarda il web nel caso delle comunit di OSS (Open Source Software), ancora pi urgente se il prodotto in questione di tipo artistico: al quale, cio, si applicano criteri di valutazione di qualit in gran parte soggettivi. La linea continua fa riferimento a progetti congelati, ovvero in fase di lettura e valutazione. E sempre possibile commentare i contenuti e interagire con il team di progetto, anche in queste fasi, pur senza alterare lo stato e la variet dei contributi stessi. Questo per 2 mesi, fino a quando il bando si schiude. La linea spessa identifica i progetti che hanno passato la fase di valutazione e si candidano al crowd-sourcing/crowd-funding. La linea punteggiata invece identifica progetti inseriti direttamente nella sezione crowd-funding per il gap-financing (esempio50 ). Da analisi compiute precedentemente ci immaginiamo che per ogni bando venga selezionato e finanziato solo un progetto. Poich la fase di produzione e post produzione dura il doppio delle altre, in ogni istante prevediamo che ci siano due progetti in corso di produzione. La sezione visioni ospita lanci di film appena prodotti, anteprime, e comunque contiene larchivio delle produzioni e di altri contributi audiovisivi eventuali. La sezione risorse corrisponde allevoluzione, notevolmente arricchita da elementi aggiuntivi come lezioni, archivio professionale etc, dellattuale blog.
48 http://cineamabeta.com/2010/12/15/un-codice-di-

navigazione/ 49 http://www.oss-watch.ac.uk/resources/ benevolentdictatorgovernancemodel.xml 50 http://www.touscoprod.com/

37

A parte la vetrina del progetti, le altre sezioni si potrebbero identificare sostanzialmente con un filtro avanzato. Tutte dovrebbero rimandare, nel momento in cui si volesse esplorare la storia del progetto attraverso i diversi stati o contribuire allo stesso, alla vetrina, che d laccesso a tutte le informazioni sul progetto e alla possibilit di contribuire allo stesso. A website is primarily a site, and as each site is designed from a concept which covers the architecture, the distribution of spaces and the functional relationships among them. When the site is located in an intangible dimension as the web, we talk about information architecture, which involves: analysis and design of the overall organization of the system and the model of interaction between the parties, the various operational flows and processes included in the system, starting from users tasks and objectives as well as the interface which offers data, content and tools for user interaction. The graphics and interaction design solutions, in short the amazing part, is based on reflections in black and white, but no less interesting! The image above plays as a proposal for the general organization of the site. We imagine the architecture of the navigation as horizontal as possible. The horizontality is a metaphor for a peer-to-peer organizational structure, where hierarchical relationships are not preset but rise from a egalitarian condition where everyone has the same opportunities. The home page could be thought as a cover of 9 issues, 7 of which refer to events of production, while the remaining two are touch points for extra content. We imagine that the extra features represent an evolution of existing blog on which you are now. Each section in turn spread horizontally along a north-south typical reading direction on a PC screen vertically oriented. A possible model for this particular scrolling put (known as progressive vertical layout) may bekaeidoscopeapp51 or dannyblackman52 . In this site53 instead you can enjoy a similar model that is developed in an east-west way: If you are at a
51 http://www.kaleidoscopeapp.com/ 52 http://www.dannyblackman.com/ 53 http://www.sursly.com/#work

38

PC you may experience that is easier and more pleasant with a mouse and a vertical screen, to go up and down and vice versa rather than from right to left. Do not you think? The exploration is supported by anchors located wherever appropriate. The production facilities are 7 different touch points for every need so far identified for possible user-roles. The kernel of the platform is the collection of featured projects. A project is identified with a subject and a script, at least, and with an owner or creative director which could be a movie director or a screenwriter. We imagine each page with a background and a project custom graphics asily set the project owner (ref. flavour.me or about.me). The dotted line refers to a project open to external input, which can come from registered collaborators. Although the process owner, as artistic director of the project, is the only one entitled to approve the external contributions, anyone can add proposals. We mean video, images, sounds, etc.. In a context of self-selection of collaboration and distributed authoring, it is important that the creative responsibility is rather centralized in a single individual. This principle of so-called benevolent dictatorship, distilled as far as the web for communities of OSS (Open Source Software), is even more urgent if the product is artistic: which is, if applies criteria for quality assessment that are largely subjective. The solid line refers to the projects frozen, that is being read and evaluated. Its always possible to comment on the content and interact with the project team, even in these stages, but without altering the status and diversity of the contributions themselves. This is for 2 months, until the call closes. The thick line identifies the projects that have passed the evaluation stage and are applying to crowd-sourcing/crowd-funding. The dense dotted line identifies projects instead inserted directly in the crowd-funding for the gapfinancing. From the analysis carried out previously we imagine that each call is selected and funded only one project. Since the phase of production and post production lasts twice the others, in every moment we expect that there are two projects currently under production development.

39

The section called visions features launches of movie just produced, premieres, and still contains an archive of audio-visual productions and other possible contributions. The resources section is though as an evolution of the current blog, dramatically enhanced by additional elements such as lectures, professional storage etc, . Apart from the showcase of the projects, other sections could be identified essentially as advanced filters. All other sections when you want to explore the history of the project through the various states or contribute to it - should eventually redirect to the showcase, which gives access to all project information and the ability to contribute to it.

Aprire un loft di produzione, personalizzarlo, ospitare e collaborare


mercoled 15 dicembre 2010 irene

40

Le informazioni necassarie per abitare uno spazio di progettazione consistono nelle credenziali del direttore creativo (a capo del team), nel titolo del progetto e nella descrizione del sogetto. Prima di aprirlo e renderlo visibile da terzi attraverso la vetrina, occorre tuttavia fare lo sforzo di inserire la sceneggiatura. E un compito che potrebbe richiedere del tempo e unoperazione di trasferimento di dati e metadati (cos come succede su Final Draft54 per esempio) che dovrebbero rendere il materiale manipolabile e fruibile in diverse forme (ci soffermeremo su questo aspetto in futuro). Per ora la considerazione che ci sentiamo di esprimere : non vorremmo scendere a compromessi per rendere questo passaggio il pi veloce e immediato possibile. Vorremmo che lautore ci si dedicasse con cura, attenzione, rispetto per il proprio lavoro e per chi vorr fruirlo. Per questo i dati che ci sentiamo di chiedere per dare le chiavi, se cos si pu dire, di un laboratorio, sono pochi e di facile immissione, in modo che il proprietario possa prendersi il tempo che vuole, al suo interno, per prepararlo allapertura. Una volta aperto, i visitatori potranno entrarci, discutere e proporre della collaborazioni artistiche . Ad un certo punto, quando tutti saranno pronti alla prova del pubblico, il progetto verr esposto ad un processo di valutazione. Sempre secondo il principio del progressive login55 , se il direttore creativo non ancora un utente identificato o un collaboratore56 , al momento della richiesta della chiavi gli sar chiesto di descriversi e offrire qualche referenza che possa aiutare poi collaboratori o valutatori a riconoscerlo. Domande: - occorre mettere una lunghezza massima al soggetto? A parte la sceneggiatura, i contenuti che possono definire un progetto cinematografico nella sua fase di pre-produzione possono essere di varia natura. Per ora ne abbiamo identificato alcuni, che discuteremo nei prossimi post.
54 http://www.finaldraft.com/ 55 http://cineamabeta.com/2010/12/15/progressive-login/ 56 http://cineamabeta.com/2010/12/15/un-codice-di-

navigazione/

41

The information requested to live a design space are basically the credentials of the creative director (head of team), the project title and subject description. Before you open it and make it visible by third parties through the showcase browsing, you may need to make an effort to place the script. It a task that may take some time and a laborious transfer of data and metadata (e.g. as with Final Draft) that should enable the script to be accessible and manipulated in various ways (we will focus on this aspect in the future). For now, the consideration that we would like to point out is: we do not want to compromise to make this transition as fast as possible and immediate. We would like the author to dedicate to it with care, attention, respect for their work and for those who access to it. Data the user needs to provide to get the keys, so to speak, of a lab, are few and easy to enter, so the owner can take the time he wants, within it, to prepare the opening. Once opened (= once ate least the script is there), visitors can get in, discuss and propose their artistic collaborations. At some point, when all will be ready to test the public, the project will be exposed to a process of evaluation. Also according to the principle of progressive login, if the creative director is not yet an user or a staff member identified at the time of the request of the keys, he will be asked to describe and offer contacts and references who can then help others to recognize/evaluate him. Questions: - We need to put a maximum length for the subject? Apart from the script, content that can define a film project in its preproduction can be varied. For now, we have identified some that will be discussed in the next posts.

42

Che cosa serve a identificare e valutare un progetto in pre-produzione


mercoled 15 dicembre 2010 irene

Questo wireframe raccoglie le informazioni che ci immaginiamo compongano un progetto nella fase di incubazione, ovvero prima di esporsi alla valutazione per poi accedere al finanziamento. La sceneggiatura, come gi specificato, obbligatoria, mentre gli altri campi sono opzionali. Pi un progetto curato, completo, accessibile nelle sue varie medialit, pi almeno questa lassunzione sono le chances che lo stesso venga selezionato dal pubblico per la valutazione (e quindi attiri attenzione) e quindi valutato. I contenuti extra possono essere offerti da collaboratori, previa registrazione e dialogo con il direttore creativo. La funzione dei contenuti extra non solo perfezionare limmagine del progetto, ma soprattutto rendere la fruizione pi accessibile da utenti con un

43

tasso di permanenza nella pagina diverso e comunque con un profilo (demografico e comportamentale) diverso. Masimizzando il tasso di fruizione, vorremmo aiutare il direttore creativo ad aumentare anche il tasso di interesse e partecipazione al progetto stesso. Contenuti exrtra: - moodboard: immagini e grafiche di ispirazione/descrizione. Una di queste pu essere selezionata come copertina del progetto/immagine di sfondo della pagina progetto. - video: pu essere una nota di regia, una presentazione, o qualunque intervento costituisca materiale di descrizione o ispirazione per il progetto. Uno di questi pu essere selezionato come teaser del progetto stesso. E da decidere se si vuole che il teaser, anche se breve, debba essere obbligatorio per la sottomissione del progetto a valutazione; - soundscape: ispirazioni sonore. In tutti i casi si potrebbe trattare di contenuti originali e non (come gestire i diritti?) This wireframe collects information we imagine make up a project at the stage of incubation, or before exposure to the evaluation and then access to finance. The script, as explained above, is mandatory, while other fields are optional. The more a project is curated, comprehensive, accessible in its various media channels, more at least this is the assumption are the chances that it is selected for evaluation by the public (and therefore attract attention) and then voted. Extra content can be proposed by collaborators, subject to registration and dialogue with the creative director. The function of extra content not only enhance the image of the project, but also make it more accessible to users with a different permanence rate on the page or anyhow with a different profile (demographic and behavioral). Maximizing the usage rate of the content, we would like to help the creative director to also increase the rate of interest and participation in the project. Extra content:

44

- moodboard pictures and graphics of inspiration / description. One of these may be selected as a cover of the project / project background image of the page. - video: it may be a short presentation from the director or screenwriter, or any work constitutes a description of / inspiration for the project. One of these may be selected as a teaser of the project. Still to decide whether we want the teaser, though short, to be mandatory for the submission of project evaluation or not; - soundscape: Inspirational sounds. In all cases it could be original content or not (how to deal with rights management?)

Flows di registrazione per i diversi utenti


gioved 16 dicembre 2010 piermaria

Allinterno della piattaforma attualmente abbiamo 2 gruppi di utenti: - utenti non riconoscibili (non sono registrati e arrivano da n siti) - utenti riconoscibili (si sono registrati o utilizzano facebook/twitter/n connect ) questo il primo divario tra gli utenti e determina il tipo di esperienza che potranno fare allinterno del sito:

45

- utenti non riconoscibili: navigare, esplorare e farsi unidea di cosa sia il sito. - utenti riconoscibili base: votare i progetti, commentare i contenuti, proporre contenuti, essere parte della community. Per utenti riconoscibili di base intendiamo quelli che hanno un utente allinterno del sito e hanno dato i dati basilari per creare un account. Quando un utente non registrato fa click su una funzionalit a cui non pu accedere o che non pu sfruttare, compare una modal window che spiega le modalit di registrazione o di accesso tramite login come nella figura di seguito: - English Inside the platform we currently have two groups of users: - Not Recognizable users (they are not registered and come from n sites) - Recognizable users(or have registered using Facebook / Twitter / n connect) this is the first gap between users and determines the type of experience you can do within the site: - Not Recognizable users surf, explore, and get an idea of what the site. - Recognizable users basic rate projects, comment on the contents, submit content, be part of the community. Recognizable people are those who have a user within the site and have given the basic data to create an account. When a not recognizable user click on a feature that can not access or cant take advantage, you see a modal window that explains how to register or login through login as shown below:

46

Di conseguenza i vari casi sono: -utente non riconoscibile: entra nel sito, naviga, vuole votare un progetto, gli viene richiesto di registrarsi (diventare quindi utente riconoscibile tramite nome, cognome, mail etc) altrimenti non pu votare. -utente registrato ma non loggato: entra nel sito, naviga, vuole votare un progetto, gli viene richiesto di fare login (ritornare quindi utente riconoscibile, se il browser non ha il login automatico o se lutente ha cambiato computer) Per utenti registrati si intende di qualsiasi tipo da quelli base ai collaboratori ai direttori creativi. Di conseguenza per diventare un collaboratore o un direttore creativo bisogna prima avere unutente riconoscibile base. Lutente quindi vuole creare un progetto: - utente non riconoscibile: ha navigato il sito e lo trova interessante, vuole partecipare e creare un progetto, fa click su crea progetto, compare prima limmagine vista sopra con la richiesta di registarsi prima comeutente riconoscibile di base, poi di inserire i dati necessari a diventare un utente

47

riconoscibile direttore artistico. Una volta finita questa fase acceder alla parte di creazione di un progetto automaticamente. -utente riconoscibile base: un utente, che si era registrato precedentemente al sito per commentare un progetto, si interessa sempre pi e vuole crearne uno proprio. Facendo clik su crea progetto ( gi loggato) appare la richiesta di immettere le informazioni necessarie per diventare un utente direttore creativo con la seguente modal window: -English As a result, various cases are: Recognizable user enter the site, navigate, wants to vote for a project, he is asked to register (and then he become recognizable, giving name, email etc) may not vote otherwise. -Registered but not logged in: enter the site, navigate, wants to vote for a project, he is required to login ( if theyr browser does not have automatic login or if you have changed computer) For registered users we intend any type: generic, collaborators, creative directors. Therefore to become a collaborator or a creative director you must first have a recognizable user. The user then wants to create a project: - Not recognizable user navigte the site and find it interesting, he wants to get involved and create a project, he clicks on Create Project, before appears the image seen above with a request to register to become a recognizable user, then to enter the necessary data to become a recognizable art director. After finishing this phase he will go automatically into create a project form. -Recognizable user: a user who had previously registered to the site to comment on a project, he is more and more interested and wants to create his own one. By cliking on create project (he is already logged in)he is prompted to enter the necessary information to become an art director with the following modal window:

48

Qui vengono richiesti solo i dati necessari per passare a quel tipo di utente (nome e cognome li sappiamo gi perch unutente registrato). Dopo questa fase il direttore creativo accede alla pagina di creazione del progetto (vedere prossimo esempio). - Utente registrato direttore creativo: Un utente gi registrato come direttore creativo (ha fatto un progetto in precedenza) vuole crearne uno nuovo, va direttamente alla seguente pagina: -English Here are required only data necessary to switch to that type of user (no name and email because we know already them). After this phase, the art director access to the project creation page (see next example). - Recognizable user art director: A user already registered as a creative director (he did a project earlier) wants to create a new one, he goes directly to this page:

49

Lultima ipotesi se un utente vuole collaborare ad un progetto gi esistente: -English The final assumption is if a user wants to collaborate on a project that already exists:

Fa click su diventa collaboratore:

50

-utente non riconoscibile: compare la modal window di registrazione base+collaboratore. -English He click on become collaborator: Not recognizable user shows the modal window with registration form for base + collaborator.

Una volta registrato accede alla pagina del progetto per mettere i suoi contenuti (previa approvazione del direttore artistico). -utente riconoscibile di base: compare la modal window di registrazione come collaboratore, senza la parte di utente di base (nome, cognome, mail), una volta evoluto in collaboratore accede alla pagina progetto per mettere i suoi contenuti (previa approvazione del direttore artistico). -utente riconoscibile collaboratore: accede alla pagina progetto per aggiungere i suoi contenuti (previa approvazione del direttore artistico). Riassumento i due gruppi di utenti sono:

51

- non riconoscibili -riconoscibili Base possono votare, commentare Collaboratori (evoluto da base) + proporre contenuti ai progetti iscritti Direttori artistici (evoluto da base) + creare contenuti + amministrare gli unteti collaboratori del progetto Queste rappresentano i flow di base ipotetici che i diversi utenti potrebbero incontrare allinterno della piattaforma. Servono per analizzare e vedere se i percorsi filano senza eccezioni. Una volta fortificati creeremo una mappa completa dei flow di registrazione con tutte le eventuali possibilit scalata alle diverse posizioni allinterno del sito e ai diversi entry points e access point. -English Once registered he access to the project page to put contents in (subject to the approval of the art director). Recognizable user: appears the modal window for registration as a collaborator, without the base part(name, address), once evolved in collaborator he access the page to add contents (subject to the approval of art director). Recognizable collaborator user access the page to add contents (subject to the approval of the art director). Summing up the two user groups are: - Unrecognizable -Recognizable Basic can vote, comment Collaborators (evolved from base) + deliver content to subscribers projects Art directors (evolved from base) + create content, administer project, team

52

These are the basic hypothetical flow that different users may encounter within the platform. They are used to analyze and see if the paths spin without exception. Once fortified we will create complete map of the flow of registration with all possible opportunities to scale into several positions within the site and the various entry points and access points.

I Nuovi Scenari di visione cinematografica negli anni 10 raccontati da Paolo Peverini ed Emiliana De Blasio
gioved 16 dicembre 2010 Chiara

Chiara Tringali e Tania Innamorati intervistano il prof.Paolo Peverini57 , docente di Semiotica e Semiotica della Comunicazione visiva presso la LUISS Guido Carli e la prof. ssa Emiliana De Blasio58 , docente di Media Research e coordinatrice scientifica del CMCS (Centre for Media and Communication Studies Massimo Baldini59 ) presso la LUISS Guido Car-

57 http://docenti.luiss.it/peverini/ 58 http://http://docenti.luiss.it/sociologia-deblasio/ 59 http://communication.blogs.luiss.edu/

53

li, curatori del libro Open Cinema. Scenari di visione cinematografica negli anni 1060 Di seguito una sintesi della video intervista Cosa sintende con lespressione open cinema? P. P: Con lespressione open cinema, si intendono molte cose sia le forme di scrittura e produzione aperta, quindi i cosiddetti film collaborativi, sia unapertura del cinema non a monte, ma a valle, il momento in cui lutente decide di non accontentarsi di vedere il film, n di parlarne, ma di rielaborarlo. In questo caso il film diviene oggetto di una serie di manipolazioni. Le esigenze e i modi di farlo sono differenti, a volte si tratta di forme di consumo creativo che nascono dal piacere ludico di prolungare lesperienza della visione, altre volte diventano forme di manifestazioni di competenze sul piano tecnico, come le pratiche di mash up e remix. E. D: Il cinema nasce allaperto, in luoghi socializzanti e spettacolarizzati come i mercati e le fiere di paese, e viene chiuso pi o meno negli anni 10 del 900. Si rintracciano strutture narrative che hanno bisogno di essere organizzate in un altro modo, si passa dal cinematografo al cinema, il film dura di pi e lunico modello di fruizione possibile sembra essere allinterno di una sala. Oggi il pubblico cambiato, la fruizione non pi quella spettatoriale, ma ce ne sono altre, anche altamente socializzanti. Il pubblico rinchiuso esce dalla sala, e ritorna in qualche modo nei luoghi del passato. Come sta evolvendo il rapporto tra il pubblico attivo, quello che contamina lopera cinematografica con le sue manipolazioni e gli autori, registi, sceneggiatori e professionisti in generale; prevalgono gelosie e paure o alleanze e complicit? P. P: S tratta di un terreno mobile, le reazioni sono molto differenziate. Con internet esplodono pratiche che in realt non sono nate oggi. Ci sono forme di rielaborazione dellaudio, del video, forme di rimontaggio, i cosiddetti mash up, ossia due film appartenenti a generi completamente diversi che vengono rimontati, trasformati e in qualche modo contaminati. Laccademia generalmente non studia queste forme di manipolazione. Ma desso produttori ed autori tentano di capire chi hanno davanti, di seguire il lettore
60 http://cineamabeta.com/2010/12/07/open-cinema-o-il-cinema

-plurale/

54

modello, il destinatario ideale. cos che si studia il marketing non convenzionale, osservando le pratiche che nascono dal basso. A volte ci sono forme di chiusura da parte dellindustria cinematografica, a volte no. Ma molto raramente lindustria culturale riesce a riprodurre pratiche che partono dal basso, proprio perch difficile capire fino in fondo quali siano le logiche che le determinano. E. D: C stato un tempo in cui per ascoltare una storia si stava vicino un fuoco, e chi raccontava la storia era il vecchio saggio. Con la comunicazione di massa questa cosa un po cambiata. Nella narrazione delle storie c uno scontro per il potere. Chi ha il potere di raccontare la propria storia, la propria verit, ha anche il potere sul futuro. Oggi questa popolarizzazione delle forme da la possibilit di raccontare unaltra storia. Come reagiscono gli altri astantinei casi pi intelligenti reagiscono bene. La collaborazione avviene anche nella volont di partecipare alla narrazione. I produttori che ho intervistato qualche volta lo riconoscono altre no. Ma danno per consolidato un meccanismo produttivo e distributivo che probabilmente non sar valido tra dieci anni. Quindi stiamo a vedere, devono reagire bene per forza, perch le cose stanno cambiando. Come cambiano le strategie di markenting rispetto questi nuovi scenari? P. P: Molto spesso quando si parla di marketing cinematografico e industria culturale si pone laccento sulle tecniche, sul fatto che ci sono nuovi modi per promuovere un prodotto. Il problema che non esiste il decalogo del marketing non convenzionale, nonostante una vulgata diffusa e di successo cerchi di dire il contrario. Oggi va di moda parlare del marketing non convenzionale. Uno dei motivi che questo marketing costa di meno, ma non vuol dire che sia pi funzionale. Ci dovrebbe essere un ragionamento su quello che sta succedendo nelle pratiche di fruizione attraverso il pubblico. Spesso questi tentativi non funzionano, perch bisognerebbe capire che c una relazione relazione tra il film che sintende promuovere e il tipo di pubblico che si spera di coinvolgere. Consumo creativo stabilire una collaborazione tra gli utenti, il film, chi lha costruito, la community dei fan. Ma non esiste un pubblico, esistono i pubblici, che sono molto differenti. E. D: E laudience non mai necessariamente tutta attiva, trasversale. C una pluralizzazione di forme.

55

P. P: Il marketing non convenzionale cerca di sfruttare delle logiche che preesistono, ma non semplice. Le forme pi interessanti sono sempre quelle meno mappabili. Spesso viene fuori una specie di cecit da parte dei protagonisti del cinema italiano. Pochi ragionano sul fatto che chi mette le mani sul film, non danneggia lindustria cinematografica, perch spesso chi conosce meglio il film. Il marketing non convenzionale funziona quando viene fatto uno studio su come il pubblico si approccia al film in maniera creativa. E. D: Un nuovo medium sempre unopportunit, ma la costruzione della credibilit attraverso la rete assolutamente diversa rispetto gli altri media, e per capirlo bisogna conoscerla. Per quanto riguarda il problema del copyright, della propriet intellettuale, che ruolo assume lItalia? E. D: C molta deregolamentazione. Si allontanata una intera generazione dallidea di pagare il pedaggio per accedere alla cultura. C molta offerta generalista. Ma veramente quello che vuole il pubblico? La legge un problema, ma il problema anche fronteggiare la crisi. E si pu parlare di crisi? Per me solo un cambiamento. E a livello internazionale, rispetto le pratiche di mashup, il remixing di contenuti cinematografici come ci si rapporta? P. P: Noi siamo partiti anche da rip: a remix manifesto61 , un documentario che ha vinto molti premi e nasce da una teoria: il copyright implica un controllo, un controllo sullindustria culturale. Questo diviene anche un problema legato alla democrazia. C una visione restrittiva intorno downloading e copyright, ma c anche un problema di attacco da parte delle major nei confronti degli utenti creativi che con queste pratiche decidono di rileggere il film. Spesso chi detiene i diritti di un film ha attaccato gli utenti creativi che rileggendo una sequenza ne smontano il funzionamento interno. Eppure paradossale perch parliamo di forme di collage. Il mash up, diverso dal remix, un fenomeno affascinante, selezioni e fai esplodere testi che appartengono a generi differenti. C voluto molto tempo prima che nel campo discografico queste pratiche fossero considerate dotate di un

61 http://ripremix.com/

56

qualche spessore sul piano estetico, ma sul campo cinematografico siamo molto lontani. Non esiste ancora il fatboy slim62 del cinema. E. D: E spesso questi creativi vengono inclusi dallindustria. In un futuro potranno esserci delle forme di accordo su alcune cose, per il momento il copyright sembra essere molto stretto, come se non ci si potesse muovere. Da un lato mi si chiede di partecipare, dallaltro, mi si vieta di uploadare quello che faccio. Chi viola veramente oggi chi uploda, chi decide da solo, tramite montaggio e remix cos importante di quel film. P. P : Noi abbiamo assimilato lestetica del montaggio, e non c niente da fare, non si torna indietro. Quando le persone imparano a smontare e montare un testo capiscono effettivamente cos un testo, dal latino appunto textum, trame, fili divertente il momento in cui li fai a pezzi e li ricostruisci. E. D: Per la ricerca che abbiamo fatto ho intervistato una bambina di cinque anni, per capire come questa generazione guarda la televisione, se usa internet. Lei citava indistintamente tot e peppino divisi a berlino, rapunzel, le winx. E non faceva nessuna differenza che uno fosse in bianco e nero, laltro in 3D. Il futuro questo, forse. Un mix delle varie forme di fruizione.

62 http://http://fatboyslim.net/

57

Il film? Unopera collettiva!


venerd 17 dicembre 2010 Chiara

Tania Innamorati intervista Elisabetta Rocchetti63 , attrice e regista Lattrice Elisabetta Rocchetti, esordisce alla regia con :18 anni il mondo ai miei piedi64 , un film indiscutibilmente low buget (per realizzarlo ci sono voluti 10mila euro), uno sguardo altro sul mondo degli adolescenti oggi. Ci racconta le difficolt di portare avanti un progetto in cui si crede fermamente e le limitazioni imposte da unindustria culturale elitaria e settoriale come quella italiana.

63 http://www.elisabettarocchetti.it/ 64 http://www.officineubu.com/nuovosito/officine_UBU/

Diciottanni.html

58

La regista parla del film come di unopera collettiva, in costante evoluzione, qualcosa con unanima a se stante che riesce a vivere grazie la passione e la grinta delle persone coinvolte. Senza la partecipazione e laiuto di chi, come lei ha creduto e crede nel film come il frutto di un processo collettivo, questo modo di far cinema non esisterebbe. il poster stato preso da officineubu65

65 http://www.officineubu.com/nuovosito/officine_UBU/

Diciottanni_-_foto.html#grid

59

Un laboratorio in vetrina
venerd 17 dicembre 2010 irene

Avviso ai naviganti: non fatevi ingannare dalla grafica, si tratta pur sempre di un wireframe e rappresenta la pagina di un progetto in fase di valuatazione da parte del pubblico. Abbiamo sempre in mente una struttura a sfogliamento verticale (progressing vertical layout). Linterazione: lutente vede la pagina di copertina del progetto, che in questo caso corredata da un video di presentazione, e accede al resto del materiale spostandosi su descrizione. In questo modo pu leggere la sceneggiatura, consultare altri video e proposte multimediali associate al progetto, conoscere il team ed esprimere commenti. Oltre che, ovviamente, votare o meno il progetto per candidarlo alla fase di finanziamento. Si posso votare molti progetti ma una sola volta ciascuno (o solo uno su tutti?). Durante la fase di valutazione di si pu offrire la propria collaborazione al progetto, ma il contenuto dello stesso dovrebbe rimanere immutato per 2 mesi. La conversazione avviene attraverso i commenti e la lettura attiva della sceneggiatura.

60

Nel caso il progetto non fosse in fase di valutazione (prima o dopo) ci immaginiamo una pagina molto simile, con magari pi campi (per esempio le risorse: quali? location? attori? maestranze?) ma in continua evoluzione grazie al lavoro del team. Vorrei soffermarmi su questo punto: abbiamo detto nei post precedenti che ci immaginiamo che prima di esporsi alla valutazione il progetto attraversi una fase di laboratorio, pubblico, in cui i contributi originari inseriti dal direttore creativo vengono commentati, criticati, arricchiti da un gruppo di collaboratori autocandidatesi e selezionati dal direttore. Domanda: da cosa composta lunit elementare del progetto? la piattaforma su cui si appoggia tutta la struttura collaborativa? Possibili risposte: (1) da un direttore creativo, un soggetto, una sceneggiatura; Pro: il progetto ha una spina dorsale solida e il direttore creativo dimostra a sua volta di essere determinato e concreto. Contro: vengono esclusi dal network delle collaborazioni possibili tutti le persone che hanno solo una buona idea/o un soggetto e non uno sceneggiatore. Inoltre a meno del caso in cui un primo team si costruisce off line i direttori creativi saranno tendenzialmente tutti sceneggiatori. (II) da un direttore creativo e un soggetto. Pro: scenggiatori alla ricerca di idee possono andare a caccia di spunti (ma succede davvero cos in pratica? che il momento di generazione di una sceneggiatura separato da quello della generazione del soggetto?). Contro: un solo soggetto non garantisce robustezza allidea ed ha molte brobabilit di essere abbandonato e compromettere la geografia di Cineama con zone a scarsa densit di interazione. Possibili soluzioni di compromesso: a. si comincia con una soluzione di tipo (I) ed eventualmente si allarga a (II) b. viceversa

61

c. si implementa una soluzione di tipo (II) con una scadenza: se il soggetto non diventa una scenggiatura in X mesi(4?) allora la pagina progetto viene chiusa; d. solo gli utenti registrati come collaboratori (vedi qui66 ) possono vedere i soggetti semplici (ovvero senza sceneggiatura) ed eventualmente filtrarli o nasconderli. e. c+d Altre soluzioni? Chi ha elementi di valutazione si faccia avanti, grazie! Warning: Do not be muddled by the graphics, it is still a wireframe of the page where a project in a evaluation phase offer itself to the public. We always think of progressive vertical layout67 . Cocept of interaction: user sees the cover page of the project, which in this case features a video presentation, and access the rest of the contest moving on description. In this way she can read the script, see video and other multimedia adds-on associated with the project proposal, meet the team and address comments. Besides, of course, voting to nominate the project to the financing stage. Each identified user can vote many projects, but only once each (or just only one?). During the evaluation she can offer her collaboration to the project, provided that porjects contents should remain unchanged for two months. The conversation takes place through feedback and active reading of the script. If the project is not right in the evaluation stage (before or after) we imagine a very similar page, with perhaps more fields (eg resources, what? Location? Actors? Staff?), but in constant evolution due to team interactions.

66 http://cineamabeta.com/2010/12/16/flows-di-registrazione-

per-i-diversi-utenti/ 67 http://cineamabeta.com/2010/12/15/concept-design- architettura-e-organizzazione/

62

I will touch on this point: we have imagined in previous posts that before exposure to the evaluation, the project goes through a phase called laboratory or incubation, in which it is criticized and enriched by a group of self selected collaborators. Question: What information constitutes the project kernel? What is the platform on which stands the entire collaborative structure? Possible answers: the kernel is made (1) by a creative director, a subject, a script; Pro: The project has a solid backbone and the creative director proves itself to be determined and committed. Cons: people who have only a good idea or a subject are excluded from the network of possible collaborations. Moreover except in the case where a team merges offline the creative directors tends to identify with the role of screenwriter (which sometime might not have creative managerial skills?) . (II) by a creative director and a subject. Pros: screenwriters looking for ideas can go hunting (does it realy happen in practice? Is the generation of a script really separated from the generation of the subject?). Cons: just a subject doesnt guarantee robusteness to the project, which turns out to have quite many chances to be abandoned and to compromise the geography of Cineama with areas of very loose interaction. Possible compromises: a. we start with (I) and possibly extends to (II) b. vice versa c. we implement a solution (II) with a deadline: if the subject does not become a script in X months (4?) then the project page gets closed; d. Only users registered as collaborators can see the plain subjects (ie without a script) and possibly filter or hide them. e. c + d Other possibilities? Any guess of what could work best? Thanks!

63

fake#factory: quando la produzione diventa social


sabato 18 dicembre 2010 Chiara

Intervista a Cristiano Gerbino68 , produttore indipendente Giovani, carini ed occupati in un progetto indipendente: fake#factory69 propone e sviluppa idee per il cinema innovativo ed arrabbiato.

68 http://www.imdb.com/name/nm3560633/ 69 http://www.fakefactory.it/

64

E un esperimento: Grouco, una sala cinematografica salvata dalloblio. La nuova Kino, nasce da un progetto sociale che coinvolge appassionati cineamatori con il sogno comune di una nuova realt. Non solo una sala, ma un luogo dincontro per annullare i gradi di separazione. Un festival permanente che si propone di offrire le opere pi interessanti che vengono ignorate dalla distribuzione italiana. Un modo di svecchiare la vecchia sala. Non solo vedere un film, ma poterlo vivere, parlarne, discuterne. Una risposta alla crisi. Altri modi di vedere e fare il cinema, altre voci con la voglia di farsi sentire. [iframe: src=http://player.vimeo.com/video/17952161?title=0\& byline=0\&portrait=0\&color=f8585e width=400 height=300 frameborder=0]

65

Termometro
sabato 18 dicembre 2010 piermaria

La sceneggiatura viene data ai visitatori in capitoli molto brevi. Ogni capitolo pu essere comentato, o almeno valutato (star system di amazon, like di facebook, ecc.). Al numero di valutazioni viene assegnato un colore, che permette di valuttare le parti migliori dellopera in modo visuale. -English The script is given to visitors in very short chapters . Each chapter can be commented, or at least evaluated (Amazons star system, like facebook, etc). Based on the number of comment and the rating a color will be assigned, which allows to visually scan for best part of the script.

66

Tweet-a-phrase
sabato 18 dicembre 2010 piermaria

Si pu selezionare una parte del testo e twittarlo dal sito stesso. Se lutente ha un account twitter, il tweet verr pubblicato da lui e dal profilo ufficiale di cineama (in caso contrario, il tweet verr pubblicato solo da cineama). -English You can select some text and twit from the site. If you have a twitter account, elsewhere your tweet will be published on an account owned by Cineama.

67

Enhanced reading
sabato 18 dicembre 2010 piermaria

Il sistema facilita la lettura delle sceneggiature mostrando un discorso alla volta con colori diversi i diversi personaggi e luoghi, allinizio si pu configurare la velocit delle slide, lo stesso sistema potr essere scalato per visualizzare facilemente le sceneggiature sul cellulare. -English The system facilitates the reading of scripts showing a speech at a time with different colors, different characters and places, at the beginning you can configure the speed of the slide, the same system can easily be scaled to display the scripts on the phone or tablet.

68

Back to the line


sabato 18 dicembre 2010 piermaria

Un sistema permetter di selezionare una o pi frasi, espandendo la selezione seguendo la punteggiatura, sar poi possibile twittare la selezione che verr convertira in una sequenza formata dalla posizione del carattere iniziale e quello finale, e verr convertito in un shorten url e un hashtag. Lutente cos avr spazio per poter commentare il pezzo, gli altri visualizzatori del tweet, clikkando sulla shorten url, ritorneranno esattamente al punto in cui stato fatto il commento. -English A system will allow you to select one or more sentences, expanding the selection following the punctuation, you can then tweet the selection. It will be converted into asequence formed by the start and end character position, and will be converted toshorten URL and a hashtag. The user does have space to comment on the piece, the other viewers of the tweeter collection by clicking on the shorten URL, will return exactly to the point where the user has made the comment.

69

Interactive intreccio
luned 20 dicembre 2010 piermaria

Basandosi su di un template di immissione della sceneggiatura, si riesce a costruire una mappa dellintreccio, mostra i personaggi e i dialoghi tra di loro man mano che si spostano nei vari luoghi della sceneggiature, lo sceneggiatore al momento dellupload potr scegliere le icone per i luoghi e le persone oppure caricare immagini, la lettura della mappa sar agevolata da un movimento a step sequenziali. -English Based on a template where the text should be placed, the system will build a map of the plot, showing the characters and the dialogues between them as they move into various parts of the script, the writer at the time of the upload can choose icons for places and people or upload images, map reading will be facilitated by a movement in sequential steps.

70

Rip!: A remix Manifesto. La cultura in rete non mai stata cos smart
marted 21 dicembre 2010 Chiara

Forme di creativit diffusa si aggirano per la rete, pratiche di mash up cinematografico e remix creativo si contrappongono allusurata teoria del copyright e della propriet intellettuale. A testimoniarlo, oltre i numerosi filmati culto che circolano su YouTube, c il documentario del canadeseBrett Gaylor70 : Rip! A remix Manifesto71 . Il titolo decisamente esplicativo, il discorso dellattivista e filmmaker verte attorno al concetto di remix culturale, e Gaylor ci illustra le restrizioni che esso incontra nei sistemi legislativi (americani e canadesi) e lemergere di una nuova generazione di utenti che dalla fruizione passiva, tipica dei media tradizionali, si oggi evoluta alla condizione attiva di prosumer, utenti dalla natura un po ibrida che li vuole sia consumatori che produttori di contenuti. Il documentario ha inizio con una voce fuori campo, quella del regista: Questo film parla di una guerra, una guerra sulle idee. Il terreno di questa battaglia internet

70 http://http://www.etherworks.ca/ 71 http://ripremix.com/

71

Una nuova battaglia che ha al centro il tema della cultura open source, una cultura dove gli utenti assumo un ruolo decisivo allinterno del testo, partecipando davvero alla stesura definitiva del prodotto culturale remixando e condividendo materiali. Le funzioni di ogni manifesto che si rispetti sono da sempre quelle di esporre i principi e gli obiettivi di un movimento, ma la prerogativa principale senza dubbio quella di definire unidentit condivisa da quanti vi aderiscono. E il manifesto del remix, per Gaylor ha 4 regole fondamentali: 1. La cultura si basa sempre sul passato 2. Il passato condiziona il futuro 3. Il nostro futuro sempre meno libero 4. Per costruire societ libere necessario limitare il controllo del passato

72

La scelta narrativa adottata dal filmmaker quella di partire da un caso specifico, la storia di Girl Talk72 dj, produttore e sostenitore della pratica del mash up, che lo vuole un vero e proprio sarto impegnato nel taglia e cuci di generi musicali completamente differenti, per allargare il discorso alla libera circolazione del sapere, presupposto fondamentale perch cultura e societ possano definirsi libere. Il documentario realizzato su pi livelli, aggrega il materiale raccolto da Gaylor nellarco di sei anni, una serie di video visibili e scaricabili online, e una piattaformaopensourcecinema.org73 per la condivisione di materiale audio video da parte degli utenti con lintento finale della partecipazione dellaudience per la costruzione di una nuova extended version. E il tutto ovviamente pubblicato sotto la licenza Creative Commons74 . Ad arricchire il film le interviste e il contributo di alcune voci autorevoli come quelle di:Lowrence Lessig75 , fondatore e amministratore delegato di Creative Commons, il media guruCory Doctorow76 , lex ministro della cul72 http://www.myspace.com/girltalk 73 http://opensourcecinema.org/ 74 http://it.wikipedia.org/wiki/Creative_Commons 75 http://www.lessig.org/blog/ 76 http://craphound.com/

73

tura brasiliano e musicista di fama mondiale Gilberto Gil77 , il leggendario cartoonist indipendente Dan ONeill78 , e molti altri ancora. Un manifesto che ha come personaggi principali un video blogger, un professore universitario e uno dj/studente dingegneria biomedica, animati da una sogno comune: la divulgazione e la circolazione dei saperi. Un vero e proprio atto rivoluzionario nei confronti del copyright e il diritto dautore, in grado di scontrarsi con le pi grandi multinazionali dellintrattenimento e dellofferta culturale. Ma a farla da veri protagonisti sono ancor di pi i suoni, i linguaggi e le immagini di un prodotto digitale completamente nuovo e differente dagli originali. Remix e mash-up sono le moderne frontiere della creativit musicale, ma diventeranno anche le basi per una nuova cultura cinematografica in grado di annullare confini tra chi produce unopera e chi la fruisce? A voi lardua sentenza. Ma rigorosamente open content79 , sintende. Per approfondire largomento leggete questarticolo su Rapporto Confidenziale80 . Ecco a voi alcuni link ai mash up e remix cinematografici pi divertenti: Kubrick vs Scorsese81 from Leandro Copperfield82 on Vimeo83 .

77 http://www.gilbertogil.com.br/ 78 http://danoneillcomics.com/ 79 http://en.wikipedia.org/wiki/Open_content 80 http://www.rapportoconfidenziale.org/?p=6066 81 http://vimeo.com/12432238 82 http://vimeo.com/videotape 83 http://vimeo.com

74

Considerazioni sulla navigazione e linterazione nel web di oggi


marted 28 dicembre 2010 piermaria

Si dice in giro che il web sia morto! E vero. Ma cosa significa esattamente questa affermazione? Significa che il modo in cui vedevamo il web fino ad un paio di anni fa cambiato talmente tanto che non lo riconosciamo pi. Fino a pochi anni fa, dal punto di vista dellinterazione, il web era usato per ben poche cose: accedere a vetrine di altre realt, parlare con qualche amico virtuale, giocare in qualche mondo parallelo, condividere immagini e video e poche altre cose. Se vediamo cosa accade oggi, avere un sito online non sembra il modo fondamentale per vivere il web in prima persona, perch il nostro modo di approcciarlo cambiato. Salviamo, condividiamo, creiamo direttamente sulla rete senza neanche preoccuparci di dove quei dati saranno posizionati effettivamente.

75

In primo luogo ora ci connettiamo attraverso una moltitudine di devices, smartphones, tablet, computer, console, quasi qualsiasi oggetto che abbia uno schermo ha anche una connessione! In secondo luogo sorta una moltitudine di servizi online che hanno reso il web indispensabile nella gestione della vita di tutti i giorni e che implicano uno scambio continuo di dati tra noi e la rete: dai calendari di google, alle mail, al social bookmarking, alle pagine di facebook, allo streaming di twitter. Oramai non siamo solo fruitori della rete, ma siamo piccoli produttori indipendenti di micro network. Salviamo, condividiamo e modifichiamo moltissimi dei nostri dati di tutti i giorni direttamente online. Si tratta di un passo immenso pensando solo a pochi anni fa, anche se tendiamo a non accorgecene perch tutto avviene in maniera sempre pi seamless online. Ma cosa implica, tra le altre cose, questo cambiamento a livello culturale? Implica che stiamo familiarizzando col fatto che i devices sono solo finestre sulla rete: vediamo la mail sullo smartphone, sul pc, sul mac, ovunque e pretendiamo che sia cos. La forma ed il contenuto si adattano alla forma della finestra, dello schermo, garantendo il comfort dellinterazione e, allo stesso modo, ci aspettiamo di adattare le gesture che usiamo sullo smartphone anche sugli altri devices. Facendo un piccolo esempio, scrollare non pi un cos grosso dilemma come lo era pochi anni fa, perch diventato pi naturale: non devo pi andare sulla scrollbar e trascinare il quadratino, basta girare la wheel del mouse o passare due dita sul trackpad o un dito verticalmete su di un tablet e compiere la stessa azione virtuale, scendere nella pagina. Poich, quindi, le aspettative dellutente sono cresciute rispetto alle interazioni e alla forma dei contenuti, anche gli interaction designer devono evolversi e indagare nuove forme pi sensibili e attente dal punto di vista dellusabilit, dellestetica e dellinterazione. E loro compito creare una nuova realt di cui non si notino i contorni della realt virtuale, ma la qualit della sostanza. La griglia uno degli elementi fondamentali su cui lavorare per assolvere questo compito. Vari modelli di griglie che rappresenteranno il nostro menu visuale della piattaforma.

76

I tre modelli di griglia sottostanti rappresentato delle opzioni, i cui tratti comuni sono: - Collegamenti grandi, accessibili da qualsiasi device - Ordine intuitivo nella modalit di lettura dei contenuti - Segmentazione delle informazioni in capsule ben definite e distinguibili - Riempire lo spazio senza intasarlo - Creare un focus sul menu eliminando le distrazioni

La lettura avviene naturalmente da sinistra a destra, andando di riga in riga, in questo caso le immagini che saltano allocchio per prime sono la prima e lultima. Lequa spaziatura tra le celle rende molto statica la griglia.

77

La composizione irregolare porta ad una lettura verticale della griglia di colonna in colonna, equalizza il peso delle celle suggerendo una lettura veloce di tutte le colonne. La cella pi in evidenza la prima in alto a sinistra perch quella da cui si inizia a leggere la griglia. Lirregolarit suggerisce un certo movimento e porta gli occhi a seguire maggiormente il percorso che collega le celle.

Valgono gli stessi principi della griglia superiore, ma in questo caso leliminazione degli spazi tra le celle crea una maggiore organicit e immersivit.

78

Gli occhi tendono a seguire gli spazi e le verticalit/orrizontalit degli elementi per scandirli, vuol dire che nel leggere un quadrato gli occhi partiranno da uno spigolo per passare da almeno uno dei lati prima di osservarne la parte centrale. Leliminazione dello spazio tra le celle crea uno squilibrio nel leggere con facilit la pagina, ma allo stesso tempo mette in risalto la differenza di pesi e lirregolarit tra le grandezze delle celle, creando unaltra scala in profondit.

Anche qui valgono in parte i principi della griglia precedente, in quanto la griglia molto organica ed irregolare, la stessa irregolarit di grandezza diventa la chiave di lettura, seguire pesi diversi diventa facile per gli occhi perch non si confondono tra forme regolari. La differenza di grandezza crea diverse profondit ed importanza tra le celle. Una volta riempita la nostra griglia/menu visuale con i vari contenuti della piattaforma, saremo pronti per vari test di usabilit.

79

Stray Cinema
mercoled 29 dicembre 2010 federico

Irene mi ha ricordato laltro giorno le sperimentazioni sul remix cinema che da qualche anno stanno facendo i ragazzi di Stray Cinema84 . Secondo la loro definizione Stray Cinema : un film open source, un esperimento che combina il filmmaking con la condivisione di informazioni online. Abbiamo fatto un film e depositato il girato qui nel sito, cos tu lo possa scaricare per realizzare la tua versione del film! Le opere inviate, che devono essere realizzate seguendo alcune linee guida85 , sono valutate da una community e le migliori cinque saranno mostrate durante un evento che nel 2011 si terr a Barcellona. Profilo basso ma molta qualit re-interpretativa.

84 http://straycinema.com/ 85 http://straycinema.com/guidelines/

80

Home sweet home ipotesi di wireframe con contenuti


domenica 2 gennaio 2011 piermaria

Cos ci immaginiamo la struttura della homepage usando il modello del vertical progressive layout. La navigazione tra le pagine avviene in maniera verticale, riducendo il rischio di perdita dellorientamento che solitamente dovuta al lasciare bruscamente la pagina seguendo un link per andare ad una nuova. I contenuti vengono presentati secondo un metodo di approfondimento delle informazioni, sfruttando accordions, espansione di elementi e modal windows per segmentare le informazioni e garantire un adeguato livello di approfondimento. Il layout verticale inoltre favorisce la visione su dispositivi mobile e tablet in quanto usando le gestures, lo scrolling verticale diventa estremamente facile.

81

Il movimento allinterno della pagina agevolato da navigazioni secondarie quali quella da tastiera e delle frecce ancorate al lato inferiore e superiore dello schermo che permettono di andare di sezione in sezione senza lutilizzo di wheels o trackpad. Le pagine verranno caricate progressivamente per alleggerire loperazione e per garantire una priorit di visualizzazione. - English This is how we imagine the structure of the homepage using the model of progressive vertical layout. Navigating between pages is done vertically, reducing the risk of disorientation which usually happen when you leave the page by following a link to go to a new one. The contents are presented according to a method of depth of information, using accordions, growth factors and modal windows to segment the information and ensure an appropriate level of detail. The vertical layout also supports viewing on mobile devices and Tablet PCs using gestures, vertical scrolling is extremely easy. The movement on the page which is facilitated by secondary navigation with keyboard and arrow anchored to the top and bottom of the screen that allow you to go from section to section without the use of wheels or trackpad. The pages will be loaded progressively to ease the operation and to provide adisplay priority.

82

83

84

85

86

87

Matteo Berdini ci racconta il documentario commedia allitaliana


luned 10 gennaio 2011 Chiara

Com nata lidea del documentario commedia allitaliana? Il progetto nasce da unidea dell agpc86 (associazione giovani produttori) dei 100 autori87 . Visto che ci riempiamo sempre la bocca di statistiche ed informazioni, dati che vengono dallEuropa, da Stati considerati pi virtuosi di noi, abbiamo pensato: perch non andare personalmente a chiedere ai diretti interessati come funzionano le cose? Pierpaolo Piciarelli e Lorenzo Damico sono stati daccordo nel dire s, i 100 autori forniscono i mezzi umani e la gpc fornisce il denaro per gli spostamenti. Cos a fine luglio-inizio agosto siamo andati in 4 Paesi europei: Spagna, Francia, Germania e Romania; modelli a cui spesso ci si rif quando si parla di nuove leggi sul cinema in Italia. Abbiamo messo insieme queste
86 http://www.facebook.com/group.php?gid=154098961113 87 http://www.100autori.it/

88

quattro esperienze cercando di trovare il modo migliore per drammatizzarle, scegliendo di adottare uno stile che non fosse autocommiserativo, ma una strada intermedia. Lo abbiamo chiamato commedia allitaliana perch ci piaceva lidea di capire come il nostro paese tratta oggi la cultura . Con la speranza che, come in tutte le commedie allitaliana, quelli che non hanno voglia di far niente, gli antieroi, vengano messi nelle condizioni di compiere un atto eroico, di riscatto nei confronti della comunit. Ne venuto fuori un film-documentario che potrebbe essere anche definito film horror, perch il panorama che si prospetta effettivamente desolante. Ci rendiamo conto che, quanto noi abbiamo visto e vissuto nellultimo periodo, una conseguenza di anni dignoranza della materia cultura, in un Paese che si stava orientando verso altro. Verso il new business, la new economy, verso un capitalismo allarrembaggio, dove la cultura non ha pi il suo posto e non viene considerata patrimonio collettivo. Paesi come la Francia, la Spagna, la Germania, si prodigano affinch un loro film possa arrivare alle platee straniere, considerandolo il migliore ambasciatore allestero della propria identit, un veicolo attraverso il quale, chi non conosce quella cultura, pu arrivare a scoprirne gli elementi dinteresse. Essere ambasciatore del proprio Paese allestero, significa portare curiosit verso il proprio territorio, e dare un po di carburante anche attraverso il turismo. Una volta in Italia era cos. Come dice il regista spagnolo che abbiamo intervistato, quella italiana per molto tempo stata la terza cinematografia mondiale, dopo quella americana e quella francese. Ad un certo punto lItalia ha pensato di averne abbastanza, e ha deciso di dare pi importanza alla televisione. Al contrario in Francia si facevano delle leggi che riequilibravano lo scompenso lasciato dallavvento del nuovo mezzo. I francesi hanno tassato le tv generaliste, facendo pagare loro un 5 % del fatturato al centro nazionale per il cinema. Unaltra tassa quella sul biglietto. Una parte del prezzo pagato va a finire al cnc (centro nazionale per il cinema), e gli esercenti ne sono felici, dato che un giorno se vorranno avvalersi di nuove tecnologie, potranno ricorrere allaiuto del cnc. La terza tassa, del 3 %, sui video on demand, per tutti quelli che distribuiscono video su internet. Sono tutte conseguenze di un patto tra esercente, distributore e cnc. Tutto ci corrisponde a una logica semplice e sana.

89

I film low budget potrebbero essere unalternativa per fronteggiare la crisi del cinema in Italia? In Italia si pensa che per fronteggiare la crisi si debba ricorrere necessariamente al low budget, ma non lo si pu considerare esclusivamente come unalternativa alla mancanza di unindustria. La maggior parte dei progetti di questo tipo allestero hanno ragione di essere prodotti perch, se il film buono, la cnc decide di premiarli, incentivandone la distribuzione. Tutto ci genera un meccanismo virtuoso che rende possibile lidea di pensare a storie pi piccole, pi intime. Il low budget quindi, non dovrebbe essere visto come unalternativa rispetto le produzioni di mercato, ma una conseguenza diretta. Cosa ne pensi dellidea di un cinema che si fonda sulla collaborazione e sulla possibilit di coinvolgere attivamente il pubblico a cui si rivolge? Lidea di un cinema collaborativo potrebbe essere una risposta alla crisi. Quando ho montato questo documentario ero da solo, ed ho sentito la mancanza di una spalla. Lapporto di persone diverse migliora il lavoro. La bellezza del cinema anche questa. Ad esempio, una sceneggiatura collaborativa pu aprire scenari che tu non hai pensato. Se laltra persona ha un approccio immaginifico, se riesce a visualizzare quello che hai scritto, potrebbe realizzarsi un livello ottimale di collaborazione. In verit in America questo gi si fa. Un gruppo ristretto di persone visiona il film, e poi viene somministrato loro un questionario. Il regista in seguito decider come agire. Interfacciarsi a molte persone in uno spazio virtuale come internet potrebbe essere una strada semplice da percorrere per raggiungere un risultato difficile come quello di aver accesso a pi esperienze, sensibilit, pensieri. Basta solo trovare il modo giusto per incrementarla affinch sia fruibile e allettante. Per quanto riguarda il coinvolgimento dello spettatore magari attraverso la Rete fin dai primi momenti del processo creativo posso dire che condividere il mio lavoro su una piattaforma specializzata, che pu tutelare lopera intellettuale, rappresenta per me unassicurazione, piuttosto che un rischio. Il futuro del cinema potrebbe verificarsi gi adesso, nel moltiplicarsi delle possibilit di creazione.

90

Nuove possibilit ed articolazioni del diritto dautore: le licenze Creative Commons


gioved 13 gennaio 2011 Chiara

Deborah De Angelis, avvocato specializzato in tematiche riguardanti la propriet intellettuale88 e il diritto delle nuove tecnologie, interviene per spiegare e chiarire i dubbi sulle licenze creative commons89 , applicabili alle opere creative di artisti, giornalisti, docenti, istituzioni, e in generale a chiunque desideri condividere e divulgare il proprio lavoro, per contrapporsi alla ormai usurata teoria del copyright.

88 http://it.wikipedia.org/wiki/Propriet%C3%A0_intellettuale 89 http://www.creativecommons.it/

91

partito il contest per il logo cineama: creativi accorrete!


sabato 15 gennaio 2011 Chiara

In pieno rispetto della filosofia su cui si basa lidea di Cineama, siamo portati a pensare che la sinergia di un gruppo di persone pu ottenere risulta-

92

ti migliori rispetto che il lavoro di un solo, singolo individuo. Per la realizzazione del nostro logo ci siamo rivolti quindi al sito di design contest iamascource.com90 Il Design Contest un termine coniato per identificare un nuovo modello di business che nasce dalla filosofia del crowdsourcing91 , termine composto da crowd (folla) e outsourcing che la pratica tipica delle aziende di esternalizzare una parte delle proprie attivit a soggetti esterni. Il funzionamento di questa tipologia di siti semplice: gli inserzionisti che indicono il contest pubblicano il progetto, inserendo un brief che contiene tutti i dettagli, come la descrizione dellazienda e del servizio offerto, il target di riferimento, i possibili vincoli e suggerimenti. Infine fissano il budget che sono disposti a pagare. Chi invece vorr partecipare al contest avr sia la possibilit di ricevere costantemente feedback sul proprio lavoro da parte del committente, che lopportunit di confrontarsi online con gli altri creativi durante la fase di realizzazione. Il vincitore definitivo godr di pi vantaggi: farsi conoscere e farsi strada allinterno del proprio settore dinteresse, garantirsi la visibilit allinterno del progetto a cui si lavorato assicurata dai committenti che hanno indetto la gara e infine ovviamente la vincita del premio in denaro. Ecco illink92 al contest Non aspettiamo altro che le brillanti e fantasiose proposte di creativi, grafici, designer e di tutti quelli che si lasceranno coinvolgere ed appassionare a questo progetto.

90 http://www.iamasource.com 91 http://it.wikipedia.org/wiki/Crowdsourcing 92 http://www.iamasource.com/it/FindContests/ContestDetail.

aspx?ContestId=d7ba6793-0262-49c3-a321-9e65010e5c16

93

Remix cinema: un workshop per esplorare le pratiche di remix collaborativo nella cultura audio-visiva digitale
gioved 20 gennaio 2011 Chiara

Si terr ad Oxford il 24 e 25 Marzo 2011, un workshop93 per indagare, conoscere e approfondire le nuove pratiche di collaborazione e manipolazione dei contenuti audiovisivi digitali. Uno sguardo sulle dinamiche e le tendenze emergenti di quello che viene chiamato Remix cinema, e il modo in cui la rete facilita la diffusione di nuove forme artistiche. Il concetto di remix descrive un ampio insieme di pratiche sociali e culturali incentrato sulla frammentazione e il riordinamento di contenuti gi esistenti e nuovi, sia che si tratti di testi, suoni o immagini. Questo workshop multi-disciplinare di 2 giorni, si concentra su diverse pratiche creative, con un particolare riferimento al contesto dei social media. rivolto a chiunque sia interessato a capire e modellare, e perch no fare il cinema del remix: studenti, studiosi, artisti, o semplici curiosi. Si approfondiranno vari argomenti, come luso di nuovi metodi di sostegno economico per produrre contenuti culturali (ad esempio il crowdfunding94 )
93 http://remixcinema.org/ 94 http://it.wikipedia.org/wiki/Crowd_funding

94

e le sfide metodologiche e teoriche che confluiscono nei numerosi studi, seppure ancora spesso empirici, sul cinema del remix. Organizzato dallInternet Institute OII95 (Universit di Oxford) in collaborazione con UNIA Prcticas Digitales y Culturas96 (Universidad Internacional de Andaluca UNIA) e finanziato dal Beyond Text programme of the Arts & Humanities Research Council97 , levento ospiter una serie di esperti del settore e chiunque vorr partecipare ed esporre il proprio progetto. Speaker deccezione saranno: Stefan Sonvilla-weiss98 , professore di visual culture alla School of Art and Design di Helsinki, autore, tra gli altri, del libro mashup cultures99 Antoni Roig100 , ricercatore delluniversit Oberta de Catalunya Mia Makela (a.k.a SOLU)101 artista, professore, ricercatore e cultural activist. Non resta che registrarsi, iniziare a preparare le valigie e partire!

95 http://www.oii.ox.ac.uk/ 96 http://practicasdigitales.unia.es/ 97 http://www.ahrc.ac.uk/Pages/default.aspx 98 http://www.sonvilla-weiss.org/ 99 http://www.springer.com/architecture+%26+design/arts/book

/978-3-7091-0095-0 100 http://uoc.academia.edu/AntoniRoigTelo 101 http://www.wj-s.org/mia-makela-solu

95

Senza raccordo, i ragazzi dello Zoccolo Duro


luned 24 gennaio 2011 Chiara

Una irriverente autointervista, nel tipico stile dei ragazzi dello Zoccolo duro102 , casa di produzione indipendente impegnata nella creazione e nella lavorazione di prodotti cinematografici, serie web e televisive, spot e pubblicit. Si parler di crisi del cinema italiano e dei possibili modi per aggirarla, del coinvolgimento e della partecipazione lutente al processo creativo, di canali alternativi di distribuzione, di licenze creative commons, di cinema del futuro. Ma non serve aggiungere altro Buona visione!

102 http://www.youtube.com/LoZoccoloDuro

96

La Banca Nazionale dellinnovazione, una grande sfida per il futuro del nostro Paese
gioved 27 gennaio 2011 Chiara

97

Una Working Capital Conference si terr giorno 2 febbraio alla Camera dei Deputati, per discutere la possibile realizzazione di un Banca Nazionale di finanziamento dedicata alle proposte di tutte le persone che linnovazione vogliono metterla in atto davvero. In Italia infatti, ogni anno vengono stanziati milioni di euro da destinare ai progetti innovativi dei talenti e delle startup, ma spesso si perdono di vista quelli realmente interessanti. A risolvere e svecchiare lattuale modello di finanziamento pubblico, interviene la proposta formulata da Edmund Phelps103 , Premio Nobel per lEconomia 2006, che ha ideato, e gi sperimentato in Israele, la Banca Nazionale dellInnovazione, un modello di finanziamento che unisce il settore pubblico a quello privato, in grado di attivare un sistema virtuoso di finanziamenti per valorizzare le imprese ad alto potenziale innovativo per lo sviluppo del territorio. Per proporre questo modello anche in Italia, Working Capital ospiter, il prossimo 2 febbraio, Edmund Phelps in persona, che parler ed esporr il suo progetto in esclusiva alla Camera dei Deputati. Interverranno Gianfranco Fini, presidente della Camera, ad introdurre i lavori, e Riccardo Luna, direttore di Wired Italia come moderatore. Per ulteriori informazioni ecco illink104 al sito di working capital Per seguire la conference in diretta web streaming visitate questo canale105 Inoltre potete seguire il live twitting106 costantemente aggiornato che permetter di porre le pi svariate domande ai partecipanti

103 http://www.columbia.edu/~esp2/ 104 http://www.workingcapital.telecomitalia.it/2011/01/per-

rifare-litalia-2/ 105 http://workingcapital.webcasting.it/ 106 http://twitter.com/#%21/workingcapital

98

Santos, una storia di passioni, contestazioni e camorra.


marted 1 febbraio 2011 Chiara

Abbiamo intervistato il cast di Santos, spettacolo teatrale tratto da un romanzo di Roberto Saviano. Santos la storia di un sogno, quello di fuggire alla camorra, per coltivare la propria passione, che quella di giocare a calcio. Ma anche la storia di quanto sia difficile distaccarsi dal proprio passato che in qualche modo, inequivocabilmente, ritorna. I protagonisti ci hanno parlato delle loro esperienze, di quello che manca al teatro oggi, di come si potrebbero migliorare le cose. E voi cosa ne pensate, inseguire un sogno pu veramente cambiare la vita e in qualche modo salvarla?

99

Santos, una storia di passioni, contestazioni, camorra.107 from Cineama108 on Vimeo109 .

I viral video e la forza della comicit in rete


gioved 3 febbraio 2011 Chiara

107 http://vimeo.com/19442381 108 http://vimeo.com/user5089057 109 http://vimeo.com

100

Marcello Macchia, meglio noto come Maccio Capatonda, geniaccio indiscusso della comicit italiana, deve il suo successo alle produzioni destinate a Mai direcon la Gialappas, che hanno contribuito a renderlo fenomeno cult del web con migliaia di visualizzazioni sul you toube. Sul suo canale myspace si definisce montauttoregista, sintesi appunto di 3 tipi di ruoli differenti: montatore, attore, regista. Unesplosione di comicit che si esprime soprattutto con il formato del cortometraggio, adattissimo per il web, dove tra laltro dopo aver fondato la shortcut productions110 insieme a Enrico Venti, produce filmati perfloptv111 , una delle web tv a sfondo umoristico pi seguite, che si anche conquistata un Webby Award. Perfino la comicit in rete sta cominciando ad avere i suoi riconoscimenti, garantiti soprattutto dai giovani, in fuga dalla tv generalista. Su flop tv potete trovare spassosi spunti parodistici su cinema e tv. I corti di Marcello shakerano i pi svariati generi televisivi, musicali e cinematografici, rivelandone una approfondita conoscenza. Esempi della popolarit del personaggio sono i cliccatissimi video in rete degli Spot Piccol, sketch apparsi in Mai dire Grande Fratello Show, in cui viene fatta una parodia degli spot della nota catena di supermercati Lidl, proponendo offerte improbabili a prezzi spesso esagerati o resi con giochi di parole (ad esempio un kg di euro, sedicenti euro, solo per oggi, ma a partire da domani ). O le riletture comiche e a tratti surreali che prendono spunto da noti trailer cinematografici ( la febbra, il sesto scemo, luomo che usciva la gente, ) legate allutilizzo di strampalati codici linguistici. I bizzarri nomi dei personaggi tra cui Riccardino Fuffolo, Mariottide, Bruno Liegi Bastonliegi, Ando Vais, Alejandro Raminez Inariditu, confermano ed esaltano la potenza della reinterpretazione comica di noti codici e stili. Ma i corti di Marcello non sono gli unici esempi di quanto si stia diffondendo anche per merito della rete, la rilettura comica e parodistica dei generi. Ad esempio a imperversare sulle bacheche facebook negli ultimi giorni The Arcores night, parodia nel noto film Grease e evidente critica sociale dei fatti che stanno accadendo negli ultimi tempi in Italia.
110 http://www.short-cut.it/ 111 http://www.floptv.tv/

101

A fruirli locchio di uno spettatore esperto, abituato ed assuefatto ai generi proposti dallindustria culturale, che adesso in quale modo affronta il suo riscatto con la possibilit di diventare un consumatore attivo, in grado di utilizzare determinati codici di stile, di smontarli e rimontarli generando infinite nuove possibilit e chiavi di lettura. Come una conferma del fatto che remix, mashup, reinterpretazione parodistica dei generi, sono parte delle moderne frontiere della creativit in rete pronta a strizzare locchio allo spettatore, rendendolo complice e in qualche modo partecipe di un gioco creativo che non mai stato cos divertente!

Il sogno di unItalia diversa: il crowdsourcing come antidoto alla crisi


marted 8 febbraio 2011 Chiara

Unaltra Italia possibile, sognarla, immaginarla, ma soprattutto farla. Ce ne siamo resi conto ieri alla Social Media Week112 di Roma, durante il dibattito Noi rete: la generazione collaborativa ed il crowdsourcing113 , promosso da TheBlogTV114 e CrowdEngineering115 .
112 http://www.socialmediaweek.it/ 113 http://www.amiando.com/NoiRete.html 114 http://www.theblogtv.it/ 115 http://www.crowdengineering.com/

102

Un evento per capire effettivamente cosa c sotto la tanto discussa forza dellintelligenza della folla. E laria che si respirava era decisamente innovativa e propositiva. Molti progetti vincenti hanno premiato la collaborazione degli utenti che finalmente possono ottenere uno spazio e soprattutto delle riconoscenze rispetto le loro capacit, grazie alle forme di aggregazione disintermediate, orizzontali e meritocratiche garantite dalla Rete. Stando alle parole dellespertoJames Surowiecki116 , i gruppi di persone sono pi intelligenti di qualsiasi esperto, e quando le nostre capacit di giudizio (per quanto imperfette) si aggregano nel modo giusto, la nostra intelligenza collettiva pu essere eccezionale. A confermalo i progetti vincenti presentati alla social media week, nonch le infinite possibilit anche in termini di avanzamento economico, garantite dalle filosofie partecipative (gli americani se ne sono accorti come sempre gi da un po, e sfruttano il fenomeno a proprio vantaggio). Si tratta delle vera rivoluzione democratica che tutti vorremmo, unavveniristica visione del mondo dove il popolo, la gente il potere delle persone, ha la meglio in vista di una cultura attraversata da un processo veramenteorizzontale, che scorre veloce tra le maglie della rete. Cineama, fa parte di questi progetti. stato presentato come un innovativa idea di produzione e distribuzione slegata dalle majors e da chi comanda, e ridata in mano ai soggetti fondamentali, ossia ai creatori e ai fruitori di quella meravigliosa opera che il cinema. Cineama crede nella forza e nel potere della gente, nel coraggio dellinnovazione e dellindipendenza. Speriamo di continuare ad essere in tanti a sognare unItalia migliore, e di unire finalmente le forze nel tentativo di realizzarla.

116 http://www.fusiorari.it/surowiecki.htm

103

Sognando Into Paradiso


venerd 11 febbraio 2011 Chiara

Cosa accade se metti insieme un ricercatore (Gianfelice Imparato117 ) un po avanti con gli anni, che appena stato licenziato, un politico (Peppe Servillo118 ) alle prese con la campagna elettorale VOTA VINCENZO CACACE, un ex campione di cricket (Saman Anthony119 ) in cerca di fortuna nella Bella Napoli, e il mafioso di turno che si mette di mezzo e rivoluziona tutti i piani iniziali? Ne viene fuori una commedia multietnica, colorata e appassionata in grado di coinvolgere in un perfetto mix fantasioso e immaginifico, storie di immigrazione, precariet e camorra. Un esordio cinematografico brillante quello della registaPaola Randi120 , che con un tocco delicato e sapiente ci conduce in un terrazzo scrilankese nascosto tra i tetti e le viuzze di una meravigliosa Napoli multietnica.

117 http://it.wikipedia.org/wiki/Gianfelice_Imparato 118 http://it.wikipedia.org/wiki/Peppe_Servillo 119 http://www.mymovies.it/biografia/?a=157895 120 http://www.mymovies.it/biografia/?r=25409

104

Personaggi che sincontrano e si trovano a condividere una piccola sfortuna che li unisce, li avvicina e li porta a scoprire uno la cultura dellaltro, e a sperare ancora into paradiso. I sogni e le evasioni del protagonista Alfonso (Gianfelice Imparato), resi dalla visionaria e poetica macchina da presa della regista, ci fanno riscoprire una capacit tutta nostrana di raccontare storie che ancora sanno far commuovere, sorridere e respirare a pieni polmoni laria di un talentuoso cinema italiano, che non morto, ma vivo, pulsante e soprattutto conserva ancora unanima. Tutti al cinema (da venerd 11 Febbraio.)

105

La verit che la gente non riesce pi a guardarsi negli occhi, intervista allattore Francesco Di Leva
gioved 17 febbraio 2011 Chiara

Francesco Di Leva attore rivelazione del cast di Una vita tranquilla121 , impegnato nel teatro (ha recitato nelladattamento teatrale di Gomorra, adesso in scena con Santos, spettacolo tratto da un racconto di Saviano) e nel sociale, ha fondato un teatro il NesT nella periferia est di Napoli, dove prova ad avvicinare i ragazzi alla fotografia e alla recitazione. Dagli occhi vispi e pieni di vita di un uomo appassionato e innamorato del suo lavoro, un punto di vista divergente, in grado di trasmettere forza, entusiasmo e la determinazione di poter cambiare le cose.

121 http://www.cinemaitaliano.info/unavitatranquilla

106

Libera, Democratica e Creativa


sabato 26 febbraio 2011 Chiara

La Rete oggi. Com, come vorremmo che fosse, e come ci piace sperimentarla. Viaggi in territori nuovi, inesplorati e pieni di possibilit. Una parte sociale abitata da hacktivist, scrittori, artisiti, creativi precari, con la voglia di diffondere le loro bellezze e i loro saperi, sperimentando altre forme di condivisione. Soggetti liberi, creatori e fruitori di contenuti, svincolati e in qualche modo disintermediati dalle vecchie logiche produttive e distributive affidate alle majors. Un contesto che propone le leggi del Creative Commons122 e del Copyleft, in grado di svecchiare i meccanismi spesso rigidi e restrittivi in materia di propriet intellettuale e copyright. Come ha immaginato provocatoriamente Yoko Ono123 nel lontano 1964: Let people copy or photograph your paintings. Destroy the originals. Ma quanto in Italia sentita questa esigenza di condividere, quanto siamo pronti ad affrontare questo processo da protagonisti, e che ruolo svolgono
122 http://www.creativecommons.it/ 123 http://it.wikipedia.org/wiki/Y%C5%8Dko_Ono

107

in questo contesto le istituzioni, con le loro forme pi o meno evidenti di controllo? Cineama, ci sta provando, in questo cambiamento ci crede veramente e ha avuto modo di farsi conoscere in un evento che qualche settimana fa ha interessato la notte Capitolina. Una kermesse sulla cultura del Copyleft promossa dallassociazione culturale Beba do Samba124 , dal fronte popolare per la musica libera fpml125 e dalle etichette copyleft Sub terra126 eImago Sound127 . A salire sul palco l hactivistArturo di Corinto128 , per presentareI nemici della Rete129 (di Arturo di Corinto e Alessandro Gilioli autore del blogpiovono rane130 in collaborazione con lEspresso).

124 http://www.bebadosamba.it/ 125 http://www.fpml.it/ 126 http://www.subterralabel.com/ 127 http://www.myspace.com/imagosoundproductions 128 http://www.dicorinto.it/

_i_nemici_della_rete_gilioli_di_corinto.html 130 http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/


129 http://bur.rcslibri.corriere.it/libro/4275

108

Un elogio alle possibilit offerte dalla Rete e un modo per capire meglio il ruolo dellItalia in questo percorso verso la conquista dellInternet come diritto irrinunciabile, terra e frontiera della democrazia. Un inchiesta che da un lato ci svela i limiti della politica italiana e della burocrazia, con lintenzione di nascondere e frenare questo cammino verso levoluzione, e dallaltro ci mostra i coraggiosi che vedono in Internet una grande risorsa in grado di esprimersi e di attualizzarsi nei termini di creativit diffusa, produzione dal basso, condivisione di conoscenze ed idee, logica collaborativa. Cineama si sente parte viva e pulsante di questa rivoluzione. Partecipazione allora diventa la parola dordine. Partecipazione per creare nuove forme di incontro, nuove possibilit e nuovi territori. Condivisi, emozionali, liberi e democratici.

Dispersi: non unordinaria distribuzione


marted 1 marzo 2011 Chiara

Il cinema indipendente (internazionale e non) quello fatto bene, quello fuori dai canoni, quello che non ci fanno vedere. Grandi e piccole storie che ci parlano di mondi diversi, parti duniverso e di pensiero cos lontane eppure cos vicine. Racconti di frontiera riscoperti da un occhio attento in di grado di svelare quello che non sempre viene detto, ma che vale la pena di sapere per assaporare nuove idee e punti di vista.

109

Un viaggio nellunderground del cinema ci porta lontano dal classico film da botteghino di successo con i soliti attori gi visti, gi sentiti e shakerati in milioni di salse diverse di cui consociamo il sapore. Come se ci fosse qualcuno in grado di decidere per noi cosa meritevole desser visto o di rimanere sugli scaffali dimenticati dellintrattenimento globalizzato finch non se ne perde memoria Dispersi prima di tutto un occhio altrove, un elogio ai cineasti meno conosciuti, ma non per questo meno interessanti. Le opere di questi coraggiosi creativi indipendenti che sfidano le regole del mainstream a colpi di macchina da presa, sono state raccolte, selezionate e catalogate in un libro: Dispersi. Guida ai film che non vi fanno vedere131 , una dettagliata rassegna che propone 100 titoli mai distribuiti in Italia, con i dovuti approfondimenti e contenuti speciali, solo una piccola selezione delle migliaia di film che si producono ogni anno nel mondo.

131 http://www.hideout.it/dispersi/?page_id=302

110

Dispersi nasce come una sezione allinterno del webzine Hideout132 , il successo che riscuote tra i pi curiosi e assetati di pellicole introvabili, cresce grazie anche alla collaborazione della community italiana dei sottotitoli Italian Sub Addicted133 che in nome della filosofia del dono, si adopera per tradurre le pellicole in lingua originale selezionate dal sito. Ma i salvatori di pellicole non si fermano qui. E nasce la prima edizione delDispersival134 , una manifestazione tutta italiana per valorizzare il cinema indipendente che si conclusa a Milano questo Febbraio, con una grande affluenza di pubblico e happening dincontro e discussione sulla distribuzione italiana oggi, sul suo possibile futuro. Un panorama affollatissimo, energico, e incontrollabile quello del cinema indipendente che merita di essere ricordato, di acquisire un posto nella personale agenda di appassionati e curiosi. Un modo di guardare lontano, di perdersi in nuove scoperte, di andare un po alla deriva, combattendo la mala distribuzione e assaporando la magia del cinema.

132 http://www.hideout.it/ 133 http://www.italiansubs.net/ 134 http://www.dispersival.it/il-festival/

111

A Torino cercano i nuovi Mille per rifare lItalia


luned 14 marzo 2011 Chiara

Innovazione passione entusiasmo fiducia responsabilit. Il 18 marzo a Torino si parte per un nuovo viaggio: Il Tour dei Mille per rifare lItalia. La prima parte del tour presenter i progetti e gli esperimenti di quelle persone che si sono trovate unite da spirito costruttivo e rivoluzionario, per dimostrare che unaltra Italia concretamente possibile da realizzare. Basta crederci, volerlo e unire le forze. Con energia, coraggio e passione.

112

Ci sar chi, come Antonio Presti, ha cercato di rivalutare un quartiere disagiato come il librino di Catania, coinvolgendo i bambini nel gioco-creazione di una struttura chiamata La Porta della Bellezza. Chi costruir robottini umanizzati in grado di dare una mano in pi alluomo, come Roberto Cingolani, dellIstituto Italiano di Tecnologia. Chi metter a disposizione di tutti le proprie scoperte, come Ilaria Capua dellIstituto Zooprofilattico delle Venezie O chi, come Paolo Barberis, ci racconter il modo e la passione con cui ha dato vita ad una delle esperienze pi significative dellindustria del web. Se anche voi volete armarvi di camicia rossa, di entusiasmo e buona volont, siete invitati a Torino il 18 marzo alle Officine Grandi Riparazioni135 in occasione della mostra Stazione futuro Ecco il link136 per seguire tutte le tappe dellevento. Ricordatevi che dati i posti limitati, per partecipare siete invitati ad inviare una mail, con il vostro nominativo e un numero di telefono allindirizzo: info.workingcapital@telecomitalia.it. E per chi non potr raggiungere Torino fisicamente, sar possibile seguire levento live137 in streaming Alcuni link utili: Il sito working capital138 e la pagina facebook dellevento139

135 http://http://www.officinegrandiriparazioni.it/ 136 http://http://www.workingcapital.telecomitalia.it/eventi/ 137 http://http://workingcapital.webcasting.it/

/2011/03/tour-dei-mille-si-parte-con-un%E2%80%99 inaugurazione-molto-speciale/ 139 http://www.facebook.com/event.php?eid=196107330409836&ref =ts


138 http://http://www.workingcapital.telecomitalia.it

113

Flashforward
marted 22 marzo 2011 federico

114

Cineama @Remix Cinema


gioved 24 marzo 2011 federico

Andare ad Oxford sempre unesperienza particolare, quasi mistica visto che ci si trova in uno dei sancta sanctorum della cultura e della scienza mondiale. Se poi ci si va per parlare di cinema, delle nuove frontiere delloggetto filmico nel workshop Remix Cinema140 , beh, la cosa diventa stuzzicante. I cineamatori Tania Innamorati141 e Fabrizio Mosca142 hanno accompagnato Irene Cassarino143 che confronter le esperienze di A swarm of angels144 e di Cineama nel suo intervento dal titolo: Remix Cinema: a design issue. Comparative analysis of two extreme experiences145 . Il programma146 molto interessante: dai machinima al riuso degli archivi audiovisivi, dal ruolo della critica nellera digitale a molti casi di studio del fenomeno remixing. Mi piace segnalare lintervento147 di Emiliana De
140 http://remixcinema.org/ 141 http://www.facebook.com/profile.php?id=1555646588 142 http://www.acabaproduzioni.com/ 143 http://www.facebook.com/irene.cassarino?ref=ts 144 http://aswarmofangels.com/

comparative-analysis-of-two-extreme-experiences/ 146 http://remixcinema.org/programme/ 147 http://remixcinema.org/open-cinema-transforming-audiences /


145 http://remixcinema.org/remix-cinema-a-design-issue-

115

Blasio e Paolo Peverini148 basato sul loro bel libro Open Cinema. Scenari di visione cinematografica negli anni 10149 . Il tag dellevento : #RmxC2011

Diario di bordo di una Cineamatrice: vi racconto il cinema al tempo del web


luned 28 marzo 2011 Chiara

Cari Cineamatori, la redazione mi sta costringendo a scrivere un post sulla mia laurea, sono cose che di solito non faccio (anche perch mi dispiacerebbe sembrare un tantino egocentrica), ma essendo lultima arrivata sono succube delle scelte della mia collega Tania

cinematografica-negli-anni-10-raccontati-dai-proff-paolo -peverini-ed-emiliana-de-blasio/ 149 http://cineamabeta.com/2010/12/07/open-cinema-o-il-cinema -plurale/


148 http://cineamabeta.com/2010/12/16/scenari-di-visione-

116

Scherzi a parte, la laurea, quella definitiva, unesperienza senza dubbio emozionante! Tutto cominciato con il mio arrivo qui in redazione, ma prima ancora vivo il ricordo del colloquio, Federico e Antonio che mi raccontano il progetto e il mio immediato entusiasmo per questa nuova idea dintendere il cinema, collaborativa, partecipativa, svincolata dai meccanismi produttivi e distributivi legati alle grandi majors dellintrattenimento per me stato amore dal primo momento! Ricordo la telefonata di Tania, e le sue parole: Chiara, ti informo che sei stata scelta, entrerai a far parte del team di Cineama! Benvenuta a bordo! Da quel giorno il mio interesse per questa nuova relazione e nuovo intreccio tra cinema e web cresce, e aumenta la voglia di capire ed esplorare le pratiche partecipative e la manipolazione dei contenuti audiovisivi attraverso il social web. Da qui la scelta dellargomento e il titolo (lunghissimo) della tesi in Semiotica della Comunicazione Visiva, accettata dal prof.Paolo Peverin150 i: Levoluzione del cinema ai tempi del social web: cultura partecipativa e unconventional marketing nelle nuove pratiche di appropriazione delloggetto filmico.

150 http://cineamabeta.com/2010/12/16/scenari-di-visione-

cinematografica-negli-anni-10-raccontati-dai-proff-paolo -peverini-ed-emiliana-de-blasio/

117

Foto di Miriam Di Domenico Un tentativo di mappare territori e pratiche in continua trasformazione messe in atto dagli utenti pi attivi in Rete, e ovviamente il progetto Cineama, perfetta sintesi di questa innovazione dal punto di vista della creazione, produzione, distribuzione e manipolazione dei contenuti audiovisivi. Devo dire che ho avuto un sostegno molto forte dal team dei Cineamatori, e una grande felicit nel percepire linteresse di tutti in commissione intorno a qualcosa di cos dirompente e diverso rispetto al passato. Non resta che sperare, anzi credere nella forza di questa nuova ondata di partecipazione, e avere fiducia nellenergia di un gruppo di persone appassionate, che pu cambiare le cose, determinare nuove forme, e nuovi modi dintendere il cinema. E allora lunga vita a Cineama, ai progetti coraggiosi, avveniristici e allentusiasmo di chi, come noi, sta facendo in modo di realizzarli.

118

La cultura del remix e le nuove esperienze europee: ecco come evolve il consumo creativo
sabato 2 aprile 2011 Chiara

Cari Cineamtori, come sappiamo il progetto Cineama stato presentato ad Oxford, durante un workshop sulla cultura del remix e sulle nuove pratiche di manipolazione e di consumo creativo. I nostri inviati speciali (Tania, Fabrizio ed Irene), si sono trovati a confrontarsi con altre realt, fuori dal territorio nazionale, che come noi, stanno esplorando queste nuove forme e nuovi metodi per creare e far circolare larte e la creativit. Tra i progetti presentati quello di Maynou & Steele151 , duo di artisti che esplora le pratiche di de-costruzione e ricostruzione dei testi audiovisivi, considerando il Remix come una forma necessaria e rilevante della produzione culturale e della ri-produzione. In Burn, Run & Hide, il protagonista, cambiando volti e generi, attraversa la storia del cinema. Una corsa eterna, creata dal riutilizzo di diversi film, crea un collage visivo che funziona come un nuovo intero continuum. La coerenza visiva e ritmica del film, realizzato attraverso un processo di attenta modifica, fa riferimento al potere di manipolazione dei supporti audio-visivi. In Art in progress il duo artistico si appropia di elementi filmici che vengono decontestualizzati e ricontestualizzati. Il lavoro gioca sulla pratica del mon151 http://www.josepmaynou.com/maynousteele

119

taggio e smontaggio di filmati per creare un nuovo prodotto. Il processo di costruzione, e non il prodotto finito diventa allora il tema principale. Questo lavoro non terminato non potr mai essere di propriet di qualcuno, in quanto enfatizza proprio il processo del divenire. Art in progress una riflessione sul furto, la copia, lautenticit e i modi della produzione artistica contemporanea evidenziando il processo dellappropriazione dellartista nelle pratiche di remix. La loro ricerca artistica volta decostruire la cultura e analizzare, criticare e costruire di nuovo, con nuove idee, desideri, speranze e sogni, e perch no, favorendo un interazione intelligente e creativa con il nostro mondo in modo da proporre sostenibilit e libert artistica. Ma oltre progetti di remix culturale, ci siamo imbattuti in esperimenti di produzione e distribuzione portati a termine grazie al crowdfunding. Emblematico lesempio del film collettivo El Cosmonauta, un progetto lungo, che durato circa 3 anni, ma che riuscito a sopravvivere grazie ai finanziamenti, e alla fiducia del suo pubblico. Altri esperimenti collettivi sono le serie video Everything Is A Remix, prodotti da Kirby Ferguson, filmmaker di New York. Una vera e propria esplorazione delle moderne frontiere della musica e dei film, uno sguardo verso nuove idee e nuovi concetti, altri modi di vivere, sentire e manipolare lopera darte. Personali, intimi e sopratutto condivisibili. Se vi hanno incuriosito queste pratiche di remix e mash up audiovisivo, questo unlink152 che potrebbe fare al caso vostro, con le migliori selezioni del vimeo filmfestival 2010 Auguriamo ad ognuno di voi di seguire il suo buon ritmo!

152 http://remixcinema.org/select-remixes-2/

120

Indipendente e low budget? Si tratta di ZooSchool!


mercoled 6 aprile 2011 Chiara

Abbiamo intervistato Andrea Tomaselli, regista e sceneggiatore di ZooSchool, film indipendente che ha deciso di utilizzare gli strumenti del crowdfunding Andrea, raccontaci del tuo film, com nata lidea, che difficolt hai incontrato? Le difficolt le ho incontrate prima di scrivere questo film. Nel senso che le sceneggiature scritte prima di Zooschool erano sceneggiature su cui avevo lavorato seguendo unicamente la mia ispirazione. LItalia un paese cinematografico dove il registro comico fagocita gran parte dei progetti su cui si decide di investire, e la mia ispirazione era legata a registri drammatici. LItalia un paese in cui poi, anche quando si investe sui registri drammatici, difficile sperimentare (si resta legati a prodotti definiti nellottica del marketing), e la mia ispirazione invece si ostinava a voler sperimentare, a volere abitare territori dove lapproccio autoriale e quello di genere si mescolano in continuazione. Ci ho messo qualche anno a capire che le cose stavano cos, dopo di che o mi mettevo a scrivere quello che il mercato italiano chiedeva, oppure continuavo a scrivere quello che mi interessava ma

121

iniziavo a scriverlo in modo tale da poterlo realizzare senza una grande casa di produzione alle spalle. Cos ho scritto Zooschool: un film quasi no budget, girato tutto in una scuola, un film corale dove era possibile impiegare diversi attori dando a ognuno di loro la possibilit di investire sul progetto stando sul set pochi giorni (non dovendo cos rinunciare ad altri lavori). Fatto questo, le difficolt di sempre sono diventate opportunit. Ho trovato un gruppo di persone entusiaste di sperimentare (il mio un film che sta tra lhorror e il film di denuncia sociale). I produttori esecutivi come gli attori, la truccatrice, come il direttore della fotografia, erano attratti dal lavorare a una produzionerealmente indipendente, a uscire dalla fabbrica del cinema

Avete scelto di utilizzare i paramentri del manifesto Coproducers153 , puoi spiegarci meglio di cosa si stratta? Fondamentalmente il contrario di quello che succede di solito. Di solito il set affollato di gente che l perch un lavoro. Gliene frega poco e a volte non sanno neanche come va a finire la storia a cui stanno lavorando. Col sistema dei Coproducers il coinvolgimento devessere totale. Nessuno pagato, ognuno investe il proprio talento, le proprie capacit, in un film di cui diventa anche produttore. Si convinti, tutti insieme, di fare qualcosa in cui si crede. Lo si fa bene perch se il film alla fine funzioner tutti ne avranno un guadagno. Solo se il film funzioner.
153 http://www.thecoproducers.org/thecoproducersma.html

122

E perch avete deciso di rivolgervi ad indiegogo154 ? Avevamo bisogno di una piattaforma che potesse farci da vetrina e dove potevamo proporre il nostro progetto e raccogliere i pochi fondi necessari a realizzarlo. Indiegogo ci parso quello che ci dava le garanzie maggiori, sia per la sua visibilit internazionale, sia perch non ti costringeva a raggiungere il budget prefissato per poter usufruire dei fondi raccolti. Anche se tu dici di avere bisogno di 20 mila dollari ma ne ottieni solo 10 mila puoi comunque usare i 10 mila raccolti (su altre piattaforme questo non ti permesso). Questo significa che puoi utilizzare altri canali per trovare il resto, ma senza ripartire da zero. Nella situazione attuale (tagli al FUS, crisi generale in cui versa il settore dello spettacolo, poco spazio e poca fiducia lasciata ai giovani e innovativi talenti), quale pensi potrebbe essere una soluzione per salvare il settore cinematografico? Io credo proprio in percorsi simili a quello che stiamo sperimentando noi: film a bassissimo costo, indipendenti, lutilizzazione di piattaforme per la raccolta fondi che ti mettano a contatto diretto con la gente. Spesso gli addetti ai lavori, gli operatori culturali, dimenticano di cosa la gente ha bisogno. Si concentrano su ci che la gente vuole. Ma larte (e il successo quello vero) si perseguono solo concentrandosi su ci di cui la gente ha bisogno. chiaro da una parte che strade come queste non possono essere le uniche, perch vanno bene solo per un certo tipo di storie (anche se va detto che se un movimento indie riesce a dimostrare che la gente desidera profondamente ed capace di apprezzare dei film diversi da quelli che si soliti proporre loro, questo potrebbe attivare un circuito virtuoso che consapevolizzi le grandi produzioni e le incoraggi a sperimentare esse stesse con progetti che non potrebbero realizzarsi a basso budget); dallaltra parte le produzioni molto low budget sono possibili solo qualora il gruppo di lavoro sia veramente unito. Nel caso di Zooschool per esempio, io sto potendo portare avanti il progetto grazie alla solidit di collaborazioni (col direttore delal fotografia, con la responsabile make up, con gli attori, col montatore) che ho coltivato negli anni, attraverso la realizzazione di corti, videoclip, booktrailer. Non sono certo forme di produzione che si creano dal nulla. Ci vuole tempo, pazienza, capacit di collaborare e di valorizzarsi a vicenda.
154 http://www.indiegogo.com/ZooSchool-The-Movie#

123

Cosa ne pensi della relazione tra cinema e web? Vedi un futuro con maggiori possibilit dinterazione? Assolutamente s. Quello che a me spaventa landazzo di vedere i film unicamente sugli schermi dei computer (ma mi spaventa anche lidea di vederli unicamente sullo schermo della tv). Se invece web e cinema diventano complementari, senza snaturarsi, allora la relazione non pu che democraticizzare il processo produttivo delle storie da raccontare. Sono profondamente convinto che se la gente pu effettivamente scegliere, sceglie sempre per il meglio; magari ci vuole del tempo ma alla fine quello il risultato. Il cinema come lo conosciamo un processo troppo costoso per valorizzare la democraticit dello stesso; ma il cinema del futuro, che si avvale di videocamere digitali e promozioni tramite web, pu abbassare di molto i suoi costi, ritagliarsi una nicchia pi elastica e vicina alle esigenze reali del pubblico, e fare da apripista per il suo vecchio farruginoso parente. Se anche tu vuoi sostenere il film visita il sito: ZooSchoo The Movie155 o partecipa al finanziamento direttamente da Indiegogo156
155 http://www.zooschoolthemovie.com/ 156 http://www.indiegogo.com/ZooSchool-The-Movie

124

I David di Donatello 2011: le candidature premiano il buon cinema italiano


gioved 7 aprile 2011 Chiara

LAccademia Del Cinema Italiano al saluto caloroso del presidente Gian Luigi Rondi: Il cinema italiano vivo!, presenta le candidature ufficiali per il David di Donatello 201. La cerimonia di premiazione si terr il 6 maggio a Roma e sar presentata da Tullio Solenghi. Ma veniamo alle candidature nostrane, ben 4 nomination a testa per i film Una vita tranquilla e Into paradiso prodotti dallAcaba produzioni157 di Fabrizio Mosca158 , tra i co-fondatori ed ideatori del progetto Cineama:

157 http://www.acabaproduzioni.com/ 158 http://cineamabeta.com/2010/12/01/37/

125

Miglior film: Una vita tranquilla

126

Miglior regista: Claudio Cupellini159 (Una vita tranquilla) Miglior regista esordiente:Paola Randi (Into paradiso)160 Miglior sceneggiatura: Filippo Gravino, Guido Iuculano, Claudio Cupellini Una vita tranquilla Miglior attore non protagonista:Francesco Di tranquilla Migliore musicista: Fausto Mesolella Into Paradiso Migliore scenografo: Paki Meduri Into Paradiso Migliori effetti speciali visivi: Paola Trisoglio e Stefano Marinoni per VISUALOGIE, Paola Randi, Daniele Stirpe Jost Into Paradiso Un premio tutto italiano destinato al buon cinema, quello coraggioso, quello che vorremmo vedere pi spesso nelle sale. Buona fortuna a tutti e lunga vita al cinema italiano di qualit! A voi illink162 per sbirciare tutte le candidature Leva161 Una vita

159 http://cineamabeta.com/2010/12/01/word/ 160 http://cineamabeta.com/2011/02/11/sognando-into-paradiso/

gente-non-riesce-piu-a-guardarsi-negli-occhi-intervista- allattore-francesco-di-leva/ 162 http://www.daviddidonatello.it/candi2011.htm


161 http://cineamabeta.com/2011/02/17/la-verita-e-che-la-

127

Scommettiamo che?
mercoled 13 aprile 2011 Chiara

Cineamatori si accettano scommesse su chi vincer le ambite statuette del cinema italiano: su chi puntate tra i candidati dei David di Donatello 2011? MIGLIOR FILM BASILICATA COAST TO COAST prodotto da Isabella Cocuzza e Arturo Paglia per Paco Cinematografica, Mark Lombardo per Eagle Pictures, Elisabetta Olmi per Ipotesi Cinema per la regia di Rocco Papaleo BENVENUTI AL SUD prodotto da Medusa in collaborazione con Cattleya per la regia di Luca Miniero NOI CREDEVAMO

128

prodotto da Carlo Degli Esposti con Conchita Airoldi e Giorgio Magliulo per la regia di Mario Martone LA NOSTRA VITA prodotto da Riccardo Tozzi, Giovanni Stabilini, Marco Chimenz per la regia di Daniele Luchetti UNA VITA TRANQUILLA prodotto da Fabrizio Mosca per Acaba Produzioni in collaborazione con RaiCinema per la regia di Claudio Cupellini MIGL IORE REGISTA Marco BELLOCCHIO Sorelle mai Saverio COSTANZO La solitudine dei numeri primi Claudio CUPELLINI Una vita tranquilla Michelangelo FRAMMARTINO Le quattro volte Paolo GENOVESE Immaturi Daniele LUCHETTI La nostra vita Mario MARTONE Noi credevamo Luca MINIERO Benvenuti al Sud MIGL IORE REGISTA ES ORD IENTE Aureliano AMADEI 20 Sigarette Massimiliano BRUNO Nessuno mi pu giudicare Edoardo LEO Diciotto anni dopo Rocco PAPALEO Basilicata coast to coast Paola RANDI Into Paradiso MIGL IO RE SCENEGGIATURA

129

Rocco PAPALEO, Valter LUPO Basilicata coast to coast Paolo GENOVESE Immaturi Mario MARTONE, Giancarlo DE CATALDO Noi credevamo Sandro PETRAGLIA, Stefano RULLI, Daniele LUCHETTI La nostra vita Filippo GRAVINO, Guido IUCULANO, Claudio CUPELLINI Una vita tranquilla MIGL IO RE PRODUTTORE Tilde CORSI, Gianni ROMOLI, Claudio BONIVENTO 20 Sigarette Isabella COCUZZA e Arturo PAGLIA per Paco Cinematografica, Mark LOMBARDO per Eagle Pictures, Elisabetta OLMI per Ipotesi Cinema Basilicata coast to coast MEDUSA in collaborazione con Cattleya Benvenuti al Sud Angelo BARBAGALLO per Bibi Film Tv, Isaria Productions con la collaborazione di RAI Cinema Gianni e le donne Carlo DEGLI ESPOSTI con Conchita AIROLDI e Giorgio MAGLIULO Noi credevamo Gregorio PAONESSA e Marta DONZELLI perVivo Film (Italia), Susanne MARIAN e Philippe BOBER per Essential Filmproduktion (Germania), Gabriella MANFRE per Invisibile Film (Italia), Elda GUIDINETTI e Andres PFAEFFLI per Ventura Film (Svizzera) Le quattro volte MIGL IO RE ATTRICE PROTAG ONISTA Paola CORTELLESI Nessuno mi pu giudicare Sarah FELBERBAUM Il gioiellino

130

Angela FINOCCHIARO Benvenuti al Sud Isabella RAGONESE La nostra vita Alba ROHRWACHER La solitudine dei numeri primi MIGL IORE A TTORE PROTAGONISTA Antonio ALBANESE Qualunquemente Claudio BISIO Benvenuti al Sud Elio GERMANO La nostra vita Vinicio MARCHIONI 20 Sigarette Kim ROSSI STUART Vallanzasca gli angeli del male MIGL IORE A TT RICE NON PROTAG ONISTA Barbora BOBULOVA La bellezza del somaro Valeria DE FRANCISCIS BENDONI Gianni e le donne Anna FOGLIETTA Nessuno mi pu giudicare Valentina LODOVINI Benvenuti al Sud Claudia POTENZA Basilicata coast to coast MIGL IORE A TTORE NON PROTAG ONISTA Giuseppe BATTISTON La passione Raoul BOVA La nostra vita Francesco DI LEVA Una vita tranquilla Rocco PAPALEO Nessuno mi pu giudicare Alessandro SIANI Benvenuti al Sud MIGL IORE DIRETTORE D EL L AFOTO GRAF IA Vittorio OMODEI ZORINI 20 Sigarette Luca BIGAZZI Il gioiellino Renato BERTA Noi credevamo

131

Fabio CIANCHETTI La solitudine dei numeri primi Arnaldo CATINARI Vallanzasca gli angeli del male MIGL IO RE MUSICISTA Rita MARCOTULLI, Rocco PAPALEO Basilicata coast to coast Umberto SCIPIONE Benvenuti al Sud Teho TEARDO Il gioiellino Fausto MESOLELLA Into Paradiso Hubert WESTKEMPER Noi credevamo MIGL IO RE CANZONE ORIG INALE MENTRE DORMI testi di Gimmi CANTUCCI e Max GAZZE musica e interpretazione di Max GAZZE Basilicata coast to coast LAMORE NON HA RELIGIONE musica, testi, interpretazione di Luca MEDICI Che bella giornata IMMATURI musica, testi, interpretazione di Alex BRITTI Immaturi CAPOCOTTA DREAMIN musica di Maurizio FILARDO testi ed interpretazione di Massimiliano BRUNO e Marco CONIDI Nessuno mi pu giudicare QUALUNQUEMENTE musica di Peppe VOLTARELLI, Salvatore DE SIENA, Amerigo SIRIANNI, testi di Peppe VOLTARELLI, Antonio ALBANESE, Piero GUERRERA, interpretata da Antonio ALBANESE Qualunquemente MIGL IORE SCEN OGRA FO Francesco FRIGERI Amici miei come tutto ebbe inizio Paola COMENCINI Benvenuti al Sud Paki MEDURI Into Paradiso Emita FRIGATO Noi credevamo Tonino ZERA Vallanzasca gli angeli del male

132

M I GL IO RE C O ST U M IS TA Alfonsina LETTIERI Amici miei come tutto ebbe inizio Nan CECCHI Christine Cristina Francesca SARTORI La passione Ursula PATZAK Noi credevamo Roberto CHIOCCHI Vallanzasca gli angeli del male MIGL IO RE TRUCCATORE Vincenzo MASTRANTONIO Amici miei come tutto ebbe inizio Lorella DE ROSSI Gorbaciof Vittorio SODANO Noi credevamo Gianfranco MECACCI La passione Francesco NARDI, Matteo SILVI Vallanzasca gli angeli del male M I GL IO RE A C C ON C IA TO RE Ferdinando MEROLLA Amici miei come tutto ebbe inizio Maurizio TAMAGNINI Christine Cristina Aldo SIGNORETTI Noi credevamo Teresa DI SERIO Qualunquemente Massimo GATTABRUSI La solitudine dei numeri primi Claudia PALLOTTI, Teresa DI SERIO Vallanzasca gli angeli del male MIGL IO RE MONTATORE Alessio DOGLIONE 20 sigarette Jacopo QUADRI Noi credevamo Mirco GARRONE La nostra vita Francesca CALVELLI Sorelle mai Consuelo CATUCCI Vallanzasca gli angeli del male

133

MIGL IO RE FONICO DI PRESA DIRETTA Mario IAQUONE 20 sigarette Francesco LIOTARD Basilicata coast to coast Gaetano CARITO, Maricetta LOMBARDO Noi credevamo Bruno PUPPARO La nostra vita Paolo BENVENUTI, Simone Paolo OLIVERO Le quattro volte M I GL IO RI E F F ET T I SPE C IA LI VISIVI REBEL ALLIANCE 20 sigarette CANECANE Amici miei come tutto ebbe inizio RESET VFX Christine Cristina Paola TRISOGLIO e Stefano MARINONI per VISUALOGIE, Paola RANDI, Daniele STIRPE JOST Into Paradiso Gianmario CATANIA, Corrado VIRGILI avventura Winxclub 3D magica

MIGL IOR FILM DELLUN IONE EUROPEA ANOTHER YEAR di Mike LEIGH (BIM) IL DISCORSO DEL RE di Tom HOOPER (Eagle Pictures) IN UN MONDO MIGLIORE di Susanne BIER (Teodora Film) IL SEGRETO DEI SUOI OCCHI di Juan Jos CAMPANELLA (Lucky Red) UOMINI DI DIO di Xavier BEAUVOIS (Lucky Red) MIGL IOR FILM STRA NIERO IL CIGNO NERO di Darren ARONOFSKY (20th Century Fox) LA DONNA CHE CANTA di Denis VILLENEUVE (Lucky Red) HEREAFTER di Clint EASTWOOD (Warner Bros) INCEPTION di Christopher NOLAN (Warner Bros)

134

THE SOCIAL NETWORK di David FINCHER (Sony Pictures) M I GL IO R D OC U M E NT AR IO DI LUNGOME TRAGGIO E STATO MORTO UN RAGAZZO. Federico Aldrovandi che una notte incontr la polizia di Filippo Vendemmiati RITRATTO DI MIO PADRE di Maria Sole Tognazzi THIS IS MY LANDHEBRON di Giulia Amati e Stephen Natanson LULTIMO GATTOPARDO: RITRATTO DI GOFFREDO LOMBARD di Giuseppe Tornatore WARD 54 di Monica Maggioni MIGL IOR CORTOMETRA GGIO CAFFE CAPO di Andrea Zaccariello IO SONO QUI di Mario Piredda JODY DELLE GIOSTRE di Adriano Sforzi SALVATORE di Bruno e Fabrizio Urso STAND BY ME di Giuseppe Marco Albano Oltre 6000 giovani delle scuole superiori di tutta Italia votano per il D A V I D G I O V A N I 20 SIGARETTE di Aureliano Amadei BENVENUTI AL SUD di Luca Miniero NOI CREDEVAMO di Mario Martone UN ALTRO MONDO di Silvio Muccino VALLANZASCA GLI ANGELI DEL MALE di Michele Placido ASPETTIAMO LE VOSTRE PROPOSTE!

135

Diario di bordo di una Cineamatrice: a Reggio Emilia tempo di Remix!


marted 19 aprile 2011 Chiara

Il viaggio promette bene: Reggio Emilia una bella citt, la gente gira in bici, sono tutti disponibili e sorridenti, gli aperitivi costano poco e c addirittura un discobus che ti porta in giro per i locali della provincia, inoltre fanno delle tigelle buonissime (un tipico piatto emiliano a base di salumi e formaggi)! Ma divertimenti a parte, come ex studentessa e cineamatrice, ho avuto la fortuna di partecipare ad un interessantissimo convegno organizzato dai docenti Nicola Dusi e Lucio Spaziante della Facolt di Scienze della Comunicazione e dellEconomia di Reggio Emilia. Tra le loro pubblicazioni il libroRemix- Remake. Pratiche di replicabilit163 ,164 unesplorazione interessante delle rielaborazioni e interconnessioni sonore e audiovisive.
pratiche.html 164 http://http://www.ibs.it/code/9788883534997/remix-remake- pratiche.html
163 http://www.ibs.it/code/9788883534997/remix-remake-

136

Ma torniamo a noi e alla giornata di studi dal titolo: AfteRemix: etiche(tte) della ricomposizione e memoria mediale. Introduce Lucio Spaziante, e ci spiega il perch della afteremix: definizione

Il remix una pratica popolare, un tipo di fenomeno che nasce dal basso dentro la riproduzione tecnica, dentro gli studi di registrazione nellambito del reggae e del dub in Giamaica. Il 2005-2006 sono anni particolari in cui nascono e si sviluppano Youtoube e i social network. Il mondo da allora completamente cambiato. Quello che sembrava un fenomeno particolarmente innovativo, oggi gi un pezzo di tradizione, diventato prassi. I media remixano. Perch etichette? Tutto remix, tutto manipolabile, la questione come fare questo? Quali regole bisogna darsi quando si usano questo tipo di prodotti? Con quali intenzioni si pu lavorare sul remix? Altra questione la memoria. La rete diventa un mega archivio di ci che i media hanno fatto precedentemente. I media producono media. Dentro internet troviamo un buon pezzo della tv passata, che non solo archivistica, ma anche elaborazione di nuovi prodotti e memoria sociale. Tutto ci che siamo stati, e un modo diverso di guardarci da un punto di vista storico. Queste nuove tecnologie hanno portato a un certo sviluppo dei media. Nicola Dusi: Oggi si parla di culture partecipative dove tutti usano i contenuti nel modo che preferiscono. Il remix riguarda ogni tipo di manipolazione di culture esistenti, anche se ancora considerato una forma di replicabilit pari al furto, ma musica, moda, design, arte, cibo, sono remix-collage. Se il post moderno la cifra degli anni 80, il remix quella degli anni 90. Bricolage trasformazione, ripetizione, performance mediale che si trova in rete e fa parte dellinterattivit. Tra aggiustamenti e rinegoziazioni. ripresentare in modo nuovo cose pre-esistenti. diffusione e non contagio, ogni nuovo utente moltiplicatore. Il termine bricolage viene ripreso dallopera di

137

Levis Strauss, Il pensiero selvaggio: come utilizzare residui e frammenti di eventi. Lidea del bricoleur ricomporre elementi eterogenei. Riaprire materiali e riorganizzarli. Interviene Leonardo Gandini, storico del cinema americano e critico cinematografico. Parla di un cinema liofilizzato, ossia reso solubile (proprio come il Nescaf), attraverso modalit di consumo estemporanee, evoca la necessit di ridefinire la testualit e di nuove fenomenologie della visione. Anche se loggetto film rimane impiantato su un criterio forte di narrativit. Il cinema non ha aperto la porta allastrattismo. La fenomenologia della visione decreta un aumento dei luoghi e degli spazi di visione, visioni sempre pi singole anzich collettive. La liofilizzazione permette che una materia ritorni solubile solo grazie a chi la utilizza, quindi al contributo dello spettatore. Una volta che un prodotto liofilizzato si apre a nuove possibilit di consumo. Il testo sanziona e autorizza questa possibilit. La costruzione di percorsi emotivi ed emozionali sintonizzati sulla lunghezza donda della narrativit. Dopo una breve pausa pranzo, ovviamente a base di piadina, la parola passa al prof. Paolo Peverini, delluniversit Luiss di Roma, con unintervento sul consumo creativo e sulle pratiche di manipolazione audiovisiva: Numerosi sono gli utenti che intervengono per riaprire la forma chiusa dei testi. Utenti creativi che concepiscono il testo come un territorio da riscrivere, nel tentativo di dar vita a un nuovo tipo di cinema collaborativo, in vista di una propriet comune e di guadagni individuali, un modo per garantirsi una visibilit, oltre il destino che conosciamo di un film. Ci parla di kinetic typography165 , una tecnica danimazione in movimento dove lo sfondo e il tipo di font utilizzato entrano in relazione con luniverso cinematografico di riferimento, perch rimontare un film in certo senso anche riaprirne i processi di significazione.

165 http://en.wikipedia.org/wiki/Kinetic_typography

138

Secondo Spaziante il testo viene deformato con una libert quasi anarchica, ma comunque attenta, filologica, opera di mani esperte che ben conoscono il prodotto di partenza. Potranno queste pratiche come i mashup, i fake trailer, i remix di cui abbiamo spesso parlato, divenire i nuovi protagonisti della scena mediale? Per Spaziante forse un giorno saranno le istituzioni narrative a morire, ma di sicuro non le storie, non le narrazioni e i diversi modi di raccontarle. Cineama si augura proprio questo: la nascita e la diffusione di un cinema collaborativo e di frontiera, dove i protagonisti saranno effettivamente creatori e manipolatori, narratori di un nuovo tipo di storie. E dopo il convegno, allo Spazio Gerra, Remix remake remodel una mostra interattiva per esplorare i suoni della citt! Passeggiate sonore che ci conducono dentro i suoni della quotidianit. Perch ogni cosa un remix metto insieme, smonto, rimonto, condivido e riscrivo, costruisco il mio film, la mia colonna sonora!

139

140

Cineama racconta a Working Capital come la sua avventura ha avuto inizio


gioved 21 aprile 2011 Chiara

La cineamatrice e coordinatrice del progetto Tania Innamorati166 racconta a Working Capital167 levoluzione di Cineama. In effetti di cambiamenti ce ne sono stati, e parecchi, dalla prima presentazione della startup allora con il nome YouProduce alla tappa bolognese del tour Working Capital 2010. Stiamo parlando del progetto di Telecom Italia e PNI Cube che sostiene i giovani talenti dellinnovazione italiana. Purtroppo uno dei pochissimi eventi in grado di rintracciare e premiare

166 https://www.facebook.com/profile.php?id=1555646588 167 http://www.workingcapital.telecomitalia.it/2011/04/c%

E2%80%99e-anima-nel-cinema-tania-innamorati-racconta- cineama/

141

le menti pi brillanti e le idee pi innovative nellambito del web, delle tecnologie ecosostenibili, delle nanotecnologie e delle social innovation. Ma vi lascio allintervista di Tania 168 che ci racconta il cinema al tempo del remix, la passione per questo progetto, le idee, i progressi attuali e le ambizioni future.

168 http://www.workingcapital.telecomitalia.it/2011/04/c%

E2%80%99e-anima-nel-cinema-tania-innamorati-racconta- cineama/

142

Giovane, unconventional e indipendente: stiamo parlando del Kino!


venerd 22 aprile 2011 Chiara

Quando si dice che lunione fa la forza e che il cinema non pi quello di una volta Noi di Cineama crediamo fortemente in questo modo rivoluzionario di fare e in questa voglia di cambiare le cose, quindi siamo andati ad intervistare alcuni dei soci-ideatori di questo progetto indipendente

143

Tutte le foto sono di Stefano Spina Il Kino169 un esperimento giovane e intelligente, una sala cinematografica diversa da tutte le altre. Un bistrot dove incontrarsi e sorseggiare un buon bicchiere di vino prima e dopo il film. Unoccasione per parlare, discutere di cinema, confrontarsi e in qualche modo aumentare e prolungare il piacere della visione. Il luogo dove assaporare e scoprire tante proposte purtroppo tagliate fuori dal circuito mainstream.

169 http://www.ilkino.it/

144

La filosofia del Kino quella di dare una risposta, unalternativa forte e diversa ad un periodo di crisi, un modo per far emergere talenti ed opere che altrimenti resterebbero nascoste, piccoli gioielli ma di grande valore, proprio come lo spazio del Kino. Finalmente qualcosa inizia a muoversi, e la collaborazione rimane una delle parole fondamentali, per dar vita a progetti coraggiosi in grado dirrompere nella stasi in cui, per certi versi, si trova il settore dello spettacolo, lopportunit di portare una fresca ondata di cambiamento.

145

Nuovi stimoli, tante proposte, tante idee e voglia di fare. Questa lenergia che anima il Kino! C ancora qualcuno ad essere convinto che la cultura non serva a niente?

Perch come recita il manifesto:

146

Il Kino appena nato e forse non sa ancora bene chi . Il Kino vuole crescere. Il Kino ha bisogno di tutti. Al Kino tutti possono partecipare, decidere, inventare rassegne, proporre programmi. Siete pronti ad augurare con noi lunga vita al Kino170 ? Ecco a voi lintervista ai Kiniani : alla cassa dallentrata Serena Sostegni, alla cassa del bar Andrea Garello, in poltrona Cristiano Gerbino

170 http://www.facebook.com/pages/Il-KiNO/169865713056347

147

Working Capital a Palermo


luned 2 maggio 2011 federico

Gli amici di Working Capital171 sbarcano in Sicilia, a Palermo, con una giornata, quella di domani 3 maggio, dedicata alla creativit, allimprenditoria davanguardia e al giornalismo di denuncia. Uno sguardo a una Sicilia dinamica e coraggiosa che cerca di costruirsi il suo futuro ridefinendo non solo la sua immagina ma soprattutto la sua sostanza. Oltre che numerosi esponenti della giovane imprenditoria isolana interverranno, tra gli altri la regista Roberta Torre172 , Aldo Pecora, fondatore del movimento Ammazzateci Tutti173 e il blogger web strategist Tony Siino174 . Qui la pagina con lelenco completo degli interventi175 e qui lindirizzo per seguire lo streaming dellevento176 .

171 http://www.workingcapital.telecomitalia.it/ 172 http://www.robertatorre.com/ 173 http://www.ammazzatecitutti.org/ 174 http://www.deeario.it/ 175 http://www.workingcapital.telecomitalia.it/2011/04/tour-

dei-mille-gli-ospiti-della-tappa-di-palermo/ 176 http://workingcapital.webcasting.it/

148

Stefano Martina e le isole creative del festival Arcipelago


marted 3 maggio 2011 Chiara

Stefano Martina, direttore artistico di Arcipelago- Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove Immagini,177 racconta gli esordi del festival, le libert date dalla possibilit di esplorare la produzione sotterranea e meno omologata del cinema, i nuovi linguaggi espressivi dellaudiovisivo.

Stefano ci parla di quanto la forma breve del cortometraggio si presti allesplorazione, data la sua doppia identit che lo vuole tanto un territorio
177 http://www.arcipelagofilmfestival.org/site/

149

libero dai vincoli produttivi e di linguaggio quanto il biglietto da visita di un giovane talento per entrare nel cinema ufficiale. Un terreno da coltivare che proprio per la sua libert consente di mettere a punto nuovi modi di raccontare le storie che spesso il cinema ufficiale non ha ancora adottato. Il festival da sempre molto sensibile alle forme espressive date dalluso delle nuove tecnologie tanto che dal 2000 possibile partecipare a un concorso di cortometraggi online dedicato ai formati digitali. Inoltre ci racconta dellAFIC-Associazione Festival Italiani di Cinema178 , che si occupa di rappresentare i festival di cinema italiani e di tutelarli dai tagli al FUS e alla cultura. Arcipelago si fa portavoce di esperienze audiovisive variegate che spesso si fondono. Le nuove tendenze e sperimentazioni sono lobiettivo della sua ricerca.

Lappuntamento per la 19 edizione del festival 179 dal 17 al 23 giugno al cinema Intrastevere di Roma.180 update: Le nuove date del festival Arcipelago: dal 20 al 24 giugno, sempre al cinema Intrastevere di Roma181

178 http://www.aficfestival.it/ 179 http://www.aficfestival.it/ 180 http://www.arcipelagofilmfestival.org/site/ 181 http://www.arcipelagofilmfestival.org/site/

150

Poveri cristi?
marted 10 maggio 2011 federico

Un manicomio. Un giovane psichiatra. Tre persone che si credono Ges. Questa notizia letta ieri su Repubblica182 ha scatenato la nostra fantasia. Abbiamo cominciato, noi di Cineama, a immaginare protagonisti e regista di un film basato sulla storia raccontata dal prof. Milton Rokeach nel suo libro I tre Cristi di Ypsilanti. Volete divertirvi con noi? Provate a indicare, nei commenti a questo post, con i primi tre nomi gli attori che potrebbero interpretare i Cristi, con il quarto lo psichiatra, il quinto il regista, il sesto definisce il genere del film (drammatico, commedia, horror ecc.). Possono essere nomi internazionali o nostrani, naturalmente (e immagino che tra i Cristi ci possa anche essere una donna). E se poi qualcuno avesse voglia di scrivere un soggetto o una sceneggiatura (diritti permettendo ), magari attualizzata, behpreparatela e poi inviatecela a luglio nella sezione apposita di Cineama!
182 http://www.repubblica.it/scienze/2011/05/06/news/

esperimento_tre_cristi-15811242/

151

Intanto i nomi proposti da me, Tania e Chiara; Federico: Philip Seymour Hoffman, Jack Black, Tracy Morgan, psicologo Ben Stiller, registi fratelli Farrely, commedia Tania: Maccio Capatonda, Nanni Moretti, Maria Paiato, psicologo Roberto Citran, regista Maurizio Nichetti, commedia Chiara: Owen Wilson, Sam Rockwell, Susan Sarandon, psicologo Adam Sandler, regista Wes Anderson, commedia/noir ps lo so, allepoca gi stata scritta una sceneggiatura (oltre che opere e lavori teatrali) ma la differenza che forse con il vostro aiuto potremmo riuscire a realizzarlo, il film update: gi che ci siamo, scegliamo anche il titolo

Community style
luned 16 maggio 2011 Chiara

Oltre ad essere un modo nuovo per creare, produrre, distribuire film indipendenti, Cineama sar anche una community che riunir addetti ai lavori, appassionati, curiosi uniti dallamore per il cinema. Ma come vorremmo che fosse la comunit di Cineama?

152

Noi la immaginiamo come uno spazio libero dove poter conversare, confrontarsi, chiedere consigli a professionisti ed esperti del cinema, cercare eventuali collaborazioni, realizzare un progetto, e perch no..formare online la propria squadra! Ma una community per funzionare bene deve essere uno spazio di confronto trasparente, anche se libero e senza troppe regole, e deve soprattutto creare intorno a s unatmosfera onesta e collaborativa. Ma per fare questo abbiamo bisogno prima di tutto del contributo di tutti i nuovi Cineamatori!

Ci piacerebbe che gli iscritti usassero i loro veri nomi come username, sia in segno di fiducia, sia perch la cosa agevolerebbe la ricerca di eventuali collaboratori che lavorano nel settore. OgniCinematore infatti avr un profilo personale che potr riempire con tutte le informazioni relative alle sue competenze e alle sue esperienze lavorative. Speriamo molto nel contributo di tutti gli iscritti, in modo tale da garantire la pi totale trasparenza nella comunicazione e la possibilit che tutti i canali di partecipazione siano aperti a nuove possibili collaborazioni. Allinterno della community potranno essere creati da ogni Cineamatore dei laboratori: gruppi di discussione e sperimentazione che permetteranno di concretizzare idee o riunire persone intorno a un progetto. Ci saranno molti canali di comunicazione: dalle bacheche ai forum, dai commenti alla messaggistica interna, dai Mi piace alle votazioni tramite stellette. Vorremmo poter usare al minimo la moderazione e ancor meno la censura quindi auspichiamo un linguaggio libero e creativo, discussioni

153

anche accese ma senza insulti, offese o, in generale, comportamenti maleducati; ogni Cineamatore potr segnalare contenuti inopportuni tramite un flag. La comunit insomma sar una sorta di microcosmo dove scambiarsi notizie interessanti, discutere delle ultime novit e tendenze del mondo del cinema, scambiarsi pareri e punti di vista. Una condivisione di idee, esperienze, conoscenze e contatti. E allora che aspettiamo?! Make it rock!

CeltX, applicativo open source (e gratuito) per scrivere sceneggiature 1/3


mercoled 18 maggio 2011 federico

Cari Cineamatori, una delle caratteristiche pi innovative della nostra piattaforma prossima ventura sar la possibilit di inviare i propri soggetti e le proprie sceneggiature per sottoporle al vaglio della community di Cineama; non vi preoccupate, tra breve spiegheremo in dettaglio tutte le fasi del processo che offrir la possibilit, alle migliori sceneggiature, di essere prodotte con laiuto della trib dei Cineamatori.

154

Per ora sappiate che le sceneggiature dovranno essere inviate in un formato particolare che potr essere ottenuto lavorando con un software open source, Celtx183 . Nicola Selenu184 , curatore della versione italiana, ha scritto una serie di tre brevi post/tutorial per introdurvi alle funzionalit di base di CeltX. Guida rapida a CeltX Introduzione Scrivere una sceneggiatura ci impone di rispettare una serie di regole relative alla tabulazione, indentatura (rientri) e spaziatura, per cui un comune word processor capace di gestire adeguatamente questi elementi sarebbe senzaltro di grande aiuto. Gli standard attuali sono dettati dai software commerciali pi diffusi, come Final Draft e Movie Magic Screenwriter. Questi programmi, per, sono molto cari (soprattutto se siete alle prime armi). Nessun problema! ci viene in aiuto CeltX, un software gratuito e opensource che copre buona parte del processo di pre-produzione, dando filo da torcere ai software commerciali. Scarichiamo CeltX Se non lavete gi fatto, scaricate e installate il programma direttamente dal sito celtx.com185 ! per chi se lo stesse chiedendo.. s, questo software non fa torti a nessuno ed disponibile per Windows, OS X e Linux, oltre che in numerose lingue (italiano compreso). Il processo di download e installazione molto lineare, sar sufficiente seguire le indicazioni che appariranno nello schermo. Avviamo il programma Una volta avviato CeltX, vedrete la schermata di benvenuto ed una lista di tipologie di progetto. Oltre al modello per scrivere un film, ad esempio, CeltX offre modelli anche per opere teatrali, radiofoniche, fumetti e molto altro. In questo momento il segreto per usare CeltX con successo proprio ignorare tutti i fronzoli e le altre funzionalit, concentrandosi su quello che interessa a noi in questo

183 http://celtx.com/ 184 http://www.nicolaselenu.com/ 185 http://celtx.com/

155

preciso momento: scrivere una sceneggiatura. Nessuno ci vieta di tornare a esplorare il resto del programma in un secondo tempo. Nicola Selenu186 CeltX, applicativo open source (e gratuito) per scrivere sceneggiature 2/3187 CeltX, applicativo open source (e gratuito) per scrivere sceneggiature 3/3188

Produrre e distribuire collettivamente? El Cosmonauta!


gioved 19 maggio 2011 Chiara

186 http://www.nicolaselenu.com/

-applicativo-open-source-e-gratuito-per-scrivere- sceneggiature-23/ 188 http://cineamabeta.com/cineamazine/2011/05/30/celtx- applicativo-open-source-e-gratuito%E2%80%A6-per-scrivere -sceneggiature-33/


187 http://cineamabeta.com/cineamazine/2011/05/23/celtx

156

El Cosmonauta un lungometraggio prodotto da Riot Cinema Collective. un nuovo modello di finanziamento, produzione e distribuzione, e pu arrivare in tutti i media di comunicazione disponibili: internet, social network e community mobile. El cosmonauta si avvicinato al pubblico a partire dalla nascita del progetto, creando un rapporto stretto e trasparente, invitando tutti a partecipare al processo di produzione del film e a far parte di una comunit attiva attraverso luso e la distribuzione del materiale che si pu trovare sotto licenza Creative Commons189 allinterno del sito . E uno dei primi (e speriamo non ultimi) progetti al mondo che tenta di creare un nuovo modello di business basato sulla collaborazione e la partecipazione.

El Cosmonauta190 nato 3 anni fa ed riuscito a sopravvivere grazie ai finanziamenti e alla fiducia del pubblico. Il trailer ufficiale191 stato pre articolazioni-del-diritto-dautore-le-licenze-creative- commons/#190 http://elcosmonauta.es/ 191 http://remixcinema.org/the-cosmonaut/
189 http://cineamabeta.com/2011/01/13/nuove-possibilita-ed-

157

sentato ad Oxford durante il workshop Remix Cinema, a cui era presente anche Cineama192 ! La nostra unepoca di grandi cambiamenti tecnologici, mai come oggi i creatori hanno a disposizione strumenti potenti per la creazione e la distribuzione che consentono di produrre contenuti audiovisivi di qualit a costi molto bassi, ed anche il contatto col pubblico si fa pi diretto efficace e produttivo. Il crowdfunding permette di cogliere lenorme potenziale di internet e di unirlo alla capacit dimpegnarsi in una semplice partecipazione e coproduzione attraverso lapporto di micro finanziamenti da parte di chiunque creder nel valore cultura e vorr vedere crescere questo tipo di progetti veramente orizzontali e lontani dalle realt mainstream.

Tutto questo genera, anche molto prima dellusicta in sala, la creazione di una grande comunit di appassionati che, attraverso la loro partecipazione ad eventi e attivit di social networking pu contribuire a promuovere il film che finalmente sar distribuito, in modo innovativo, grazie alle licenze Creative Commons193 e ad Internet. El Cosmonauta, in piena ottica crossmediale, una volta terminato sar distribuito contemporaneamente in DVD / Blu-ray, Internet (gratis e in HD), in TV e nei cinema.

192 http://cineamabeta.com/2011/03/24/cineama-remix-cinema/#193 http://cineamabeta.com/2011/01/13/nuove-possibilita-ed-

articolazioni-del-diritto-dautore-le-licenze-creative- commons/#-

158

I ragazzi di Riot Cinema Collective194 , credono nel potere del cinema e delle persone, nel rischio, nellinnovazione, e nella forza della cultura. Ci credi anche tu?

194 http://www.elcosmonauta.es/equipo.html

159

CeltX, applicativo open source (e gratuito) per scrivere sceneggiature 2/3


luned 23 maggio 2011 federico

Entriamo nel vivo della stesura Scoprirete che per scrivere la vostra prima sceneggiatura con CeltX potrebbe essere sufficiente usare opportunamente il tasto invio. Non ci credete? Questa guida introduttiva ve lo dimostrer! Avviate CeltX e selezionate il template FILM. Fatto questo, il nostro script inizier con unintestazione di scena (Scene Heading): lo riconoscerete facilmente perch segnato da una linea grigia che si estende lungo larea di lavoro. Inoltre, dovreste leggere Intestazione Scena dentro un box nella parte superiore dello schermo. Per cominciare una sceneggiatura, per, probabilmente non avete bisogno di unintestazione di scena. Seguendo perfettamente la tradizione hollywoodiana, qualunque sceneggiatura deve iniziare con un FADE IN (DISSOLVENZA IN APERTURA). Perci, cliccate sul box e scegliete Transizione. A questo punto lallineamento del testo spostato a destra. Scrivete FADE IN ed fatta! (tralaltro, nel rispetto del formato standard delle sceneggiature, CeltX scrive automaticamente le transizioni in maiuscolo, facendoci risparmiare anche lo sforzo di premere shift o capslock).

160

Premendo invio dopo il FADE IN, CeltX inserir lelemento pi logico, ovvero, unintestazione di scena con la tipica barra grigia. Scrivete un breve titolo che descriva lambiente, tipo EST. PARCO GIORNO e ancora una volta il programma avr cura di scriverlo in maiuscolo. Stavolta, premendo invio dopo lintestazione di scena, CeltX inserir un elemento di tipo azione (rispettando quindi una precisa logica). A questo punto siete a tutti gli effetti dentro la vostra prima scena! Fino ad ora abbiamo visto situazioni in cui ovvio cosa dovremmo aspettarci dopo aver premuto invio. Altre volte per, abbiamo ci troviamo davanti a pi opzioni. Se ad esempio abbiamo finito di scrivere unazione potremmo voler scrivere una nuova azione, far parlare un personaggio o iniziare una nuova scena. CeltX offre sempre la scelta pi logica, per cui si aspetta che a questo punto vogliate inserire unaltra azione, ma se desiderate una nuova scena sar sufficiente premere nuovamente invio ed ecco comparire unintestazione di scena. Se volete che qualcuno parli, premete TAB eCeltX introdurr automaticamente un nome per voi. A questo punto avete due scelte: la prima, e pi comune, scrivere un dialogo (per cui ci che il programma restituir di default). La seconda possibilit che voi vogliate introdurre un parentetico (una frase tra parentesi, come questa, per dare spiegazioni su come verr enunciata la battuta). Bene, se volete un parentetico sar sufficiente aprire una parentesi perch il programma capisca ci di cui avete bisogno! Quando premete invio dopo una linea di dialogo, CeltX si prepara alla scrittura di un altro nome di personaggio e rispettiva battuta; se invece volete inserire nuovamente unazione, vi baster premere nuovamente invio. Facile, no? Come detto precedentemente, quasi tutte le cose di cui avete bisogno per buttare gi la prima bozza di sceneggiatura sono controllate dalluso del tasto invio (e talvolta del tab), grazie allottima capacit del programma di predisporre la formattazione sulla base di ci che pi logico aspettarsi. I primi tempi, per, potreste fare un po di confusione. Nessun problema: potete facilmente cambiare manualmente il tipo di elemento selezionandolo dal menu a tendina che si apre cliccando sul box nella parte superiore dello schermo (quello in cui avevamo precedentemente notato la scritta intestazione scena).

161

Nicola Selenu195 CeltX, applicativo open source (e gratuito) per scrivere sceneggiature 1/3196 CeltX, applicativo open source (e gratuito) per scrivere sceneggiature 3/3197

Se non c il budgetci pensa No Film School!


marted 24 maggio 2011 Chiara

No Film School198 un sito per registi indipendenti e creativi fai da te. Prende vita dallidea di Koo199 , giovane graphic designer con la passione per il cinema, anche se di certo non si riferisce a quello accademico che ti insegnano nelle scuole
195 http://www.nicolaselenu.com/

celtx-applicativo-open-source-e-gratuito-per-scrivere- sceneggiature-13/ 197 http://cineamabeta.com/cineamazine/2011/05/30/celtx- applicativo-open-source-e-gratuito%E2%80%A6-per-scrivere -sceneggiature-33/ 198 http://nofilmschool.com/ 199 http://nofilmschool.com/about/
196 http://http://cineamabeta.com/cineamazine/2011/05/18/

162

Il sito si concentra sul dispensare consigli e suggerimenti su strumenti e tecnologie utili per scrittori, registi, editori, produttori, direttori della fotografia, blogger, designer e imprenditori, e su come portare avanti il vostro progetto a basso budget. Se fate parte di uno di questi settori (o pi duno) proprio il posto che fa per voi! E se siete interessati al cinema e in particolare alle nuove tendenze tecnologiche, la prima cosa da fare scaricare una copia (gratuita!!!), della DSLR Cinematography Guide200 , una guida elettronica di 100 pagine, che dispensa tutti i consigli pi utili per realizzare un nuovo tipo di cinema, digitale e dirompente.

Il Manifesto201 parla chiaro e la domanda principale dei creativi diventa: come posso realizzare il mio film senza dover fare affidamento a finanziatori esterni, i cui interessi commerciali spesso ostacolano la mia visione artistica? Uno degli obiettivi di NoFilmSchool infatti proprio quello di scoprire il metodo migliore per realizzare il vostro sogno registico, rimanendo indipendenti.
200 http://nofilmschool.com/dslr/ 201 http://nofilmschool.com/2010/04/the-nofilmschool-

manifesto/

163

Puntare su questo tipo di cinema oggi possibile per diversi motivi, legati soprattutto alle nuove tecnologie: perch i film possono essere prodotti in digitale, il che garantisce una notevole riduzione dei costi di realizzazione rispetto la pellicola, perch lacquisto on line facilita notevolmente la diffusione di questo tipo di contenuti, per non parlare della pubblicit che possiamo fare al nostro progetto attraverso il web, realizzando siti appositi e con lattivit di social networking. Il risultato finale quello di ottenere un potere minore di intermediari e distributori e uno maggiore nelle mani dei creatori indipendenti. Un viaggio verso un altro progetto ci fa pensare e credere che realizzare il nostro film indipendente possibile!

Fare titoli unarte!


mercoled 25 maggio 2011 Chiara

Cineamatori oggi vorremmo proporvi un fantastico sito che raccoglie i migliori titoli di testa della storia del Cinema, contemporaneo e non. Ad onorare il lavoro di designer, grafici e artisti, spesso sconosciuti ai pi, ci pensa Art of the title202 , per soddisfare gli occhi e i palati dei divoratori di film pi esigenti.
202 http://www.artofthetitle.com/

164

Il tutto arricchito da chicche, curiosit ed interviste sulla realizzazione di quelle che sono delle vere e proprie seppur brevi opere darte. E devo dire che ce ne sono di veramente belli e per tutti i gusti: pulp, misteriosi e poetici, fantasy, in stile cartoons Ma se proprio volete saperne di pi sulla storia del title design questa Brief History potrebbe fare al caso vostro:

Aguzzate gli occhi Cineamatori, ne vedrete delle belle!

165

Il cinema underground non morto. Unintervista a Gregory J. Rossi


gioved 26 maggio 2011 Chiara

Il Kino203 ospita Cineama, che continua con le sue interviste a indirizzare lo sguardo verso un altro tipo di cinema: quello di frontiera, quello collettivo, quello underground, quello senza budget, quello fatto con passione.

203 http://www.ilkino.it/

166

Gregory J. Rossi204 presidente e fondatore di NeroFilm205 , casa di produzione indipendente che nasce nel 2005 con la missione di produrre opere fuori dai tradizionali circuiti mainstream, sia nel panorama televisivo che in quello cinematografico, ci racconta la storia del Bosco fuori206 , il suo primo lungometraggio da produttore, le difficolt incontrate, i dubbi e le speranze verso un futuro cinematografico sempre pi tecnologico e interattivo.

204 http://www.nerofilm.it/chi-siamo 205 http://www.nerofilm.it/ 206 http://www.nerofilm.it/cosa-facciamo/lungometraggi

167

La storia di un altro progetto che riuscito a concretizzarsi e prendere vita grazie alla collaborazione e agli sforzi di chi ci ha creduto, quasi volesse risvegliare e ritagliarsi un posto nellimmaginario orrorifico troppo spesso trascurato dal cinema italiano degli ultimi anni. E ai veri amanti dellhorror pi creativo e radicale, un piccolo assaggio de Il Bosco Fuori

168

E se arrivano gli alieni? Ci pensa Gipi con Lultimo Terrestre


venerd 27 maggio 2011 Chiara

Le abili mani di Gianni Pacinotti, in arte Gipi207 , realizzatore di fumetti e cortometraggi, stavolta abbandonano la penna per dedicarsi alla macchina da presa. Proprio in questi giorni infatti termina il girato del suo primo lungometraggio Lultimo Terreste. Siamo in Tirrenia (Toscana) poco distanti dalla base americana di Camp Darby. Il protagonista, un misogino disperato che vuole solo rimanere ancorato nella sua quotidiana routine, vive in un paese dellEuropa in crisi, che pare non essere minimamente interessato dallinvasione di nuove forme di vita. Stiamo parlando di normali extra-terrestri n buoni, n cattivi, ma con una extra-ordinaria coscienza della differenza tra ci che bene e ci che male.

207 http://it.wikipedia.org/wiki/Gipi

169

Il film tratto dai lavori di un altro fumettista, Giacomo Monti,208 in particolare dalle storie raccolte inNessuno mi far del male, e potrebbe arrivare profeticamente in sala nel 2012 (magari proprio il 21 dicembre?)

E se volete scoprire i retroscena del film date unocchiata al blog209 di Gipi, di cui allego un simpatico breviario delle 10 cose che hanno caratterizzato le riprese: 10 cose 01- Tutti i miei vestiti odorano di allevamento di maiali. 02- Un bove di varie tonnellate ha cercato di assassinare una nostra attrice. Lei non se n accorta. La macchina da presa si. 03- Per tre giorni il catering ci ha portato solo schiacciatine degli anni settanta e tramezzini con le fette imbarcate. Ora tutti noi li odiamo. Hanno una settimana per recuperare il nostro affetto. 04- Abbiamo girato una rissa con crimine finale tutto in piano sequenza. Il mio operatore mi ha detto una cosa che non dimenticher mai. 05- Ho avuto lonore di premere un tasto del sintetizzatore (il sol) mentre un grande pianista ci improvvisava sopra. 06- Ho un debole per il 25.
208 http://www.flashfumetto.it/artisti/professionisti_pagina/

id-76 209 http://giannigipi.blogspot.com/

170

07- Temo la fine delle riprese tanto quanto la desidero. 08- Ho cambiato il finale la notte prima di girarlo. Ora ho gli incubi. 09- La fatica e le sigarette mi hanno trasformato in una specie di Capo Giuseppe. 10- I soldi sono tutto.

CeltX, applicativo open source (e gratuito) per scrivere sceneggiature 3/3


luned 30 maggio 2011 federico

La forza dellautomatismo Oltre alla capacit di formattare adeguatamente la vostra sceneggiatura, CeltX210 offre unampia gamma di funzionalit per pianificare, organizzare e gestire uninfinit di aspetti della pre-produzione; sicuramente troppi per essere trattati adesso (ma prometto di dedicargli delle guide specifiche in futuro). Come abbiamo avuto modo di intravedere oggi, sono molti anche gli aspetti in cui il programma interviene automaticamente per facilitarci la vita.

210 http://www.celtx.com/

171

Ogni volta che aggiungiamo una scena, lintestazione associata verr aggiunta con un numero progressivo in un riquadro in basso a sinistra dellarea di lavoro. Quando avrete un numero considerevole di scene, sar facile navigare tra esse doppiocliccando quella desiderata, ma non tutto: potrete anche riorganizzarle rapidamente cambiandone lordine! Un altro ottimo esempio il Catalogo Principale dei personaggi. Sopra a sceneggiatura nel riquadro in alto a sinistra chiamato Libreria del Progetto, c un link chiamato Catalogo Principale. Ogni volta che un vostro personaggio parla per la prima volta, questo personaggio viene aggiunto al catalogo principale. Se aprite il catalogo, troverete una scheda dedicata ad ogni personaggio (a cui potrete aggiungere appunti, foto, etc.). Il consiglio sempre quello di concentrarsi sulle funzionalit base prima di disperdere energie su mille funzionalit che rischiano di rubare tempo prezioso alla scrittura. Salvataggio I progetti vengono salvati in un formato speciale, unico a CeltX (ndr: questo sar il formato da utilizzare per inserire le sceneggiature in Cineama). Qualora aveste necessit di inviare il vostro lavoro a qualcuno (cosa decisamente auspicabile) potete comodamente esportare la sceneggiatura in pdf, probabilmente il pi comune e compatibile formato al mondo. Non farete torti a nessuno. Cliccando sulla linguetta inferiore dello schermo che recita TypeSet avrete possibilit di avere unanteprima di stampa che vi dar unidea abbastanza fedele di come dovrebbe apparire ben formattato il vostro testo su carta: questa pagina non permette di effettuare modifiche, ma da qui facile esportare in pdf con lapposito bottone Salva PDF. Nicola Selenu211 CeltX, applicativo open source (e gratuito) per scrivere sceneggiature 1/3212

-applicativo-open-source-e-gratuito-per-scrivere- sceneggiature-13/ 212 http://cineamabeta.com/cineamazine/2011/05/18/celtx -applicativo-open-source-e-gratuito-per-scrivere- sceneggiature-13/


211 http://cineamabeta.com/cineamazine/2011/05/18/celtx

172

CeltX, applicativo open source (e gratuito) per scrivere sceneggiature 2/3213

The Sol Cinema: piccolo, in movimento e funziona con lenergia del sole!
marted 31 maggio 2011 Chiara

The Sol Cinema un piccolo cinema itinerante costruito allinterno di una roulotte dotata di confortevoli divani per ospitare pi o meno 8 adulti (e qualche bambino in pi). Ma la vera novit che questa sala in movimento viene alimentata esclusivamente con lenergia proveniente dal sole, grazie a delle batterie a litio che la immagazzinano giorno e notte, in modo tale da non rimanere mai a corto!

213 http://cineamabeta.com/cineamazine/2011/05/23/celtx-

applicateneggiature-23/

173

Oltre a fornire una library di contenuti divertenti, originali e di sensibilizzazione per lambiente, il cinema pu essere noleggiato per mostrare film durante festival, eventi e party (chiss se la piccola roulotte riuscir ad arrivare anche in Italia). Un video della BBC mostra questo splendido esperimento di film itineranti azionati dal potere del sole: Il progetto nasce dallidea no profit di un gruppo di ragazzi di Birmingham, con il supporto degli artisti Ami Marsden214 e Beth Marsden215 Ma se volete saperne di pi questo il link del sito ufficiale: The Sol Cinema216

214 http://www.amimarsden.com/ 215 http://www.amimarsden.com/ 216 http://www.thesolcinema.org/

174

Lironia? Un modo di stare al mondo. Unintervista al regista Lucio Pellegrini


mercoled 1 giugno 2011 Chiara

Lucio Pellegrini, regista di fortunate pellicole come Allora mambo!217 , Ora o mai pi218 ,Figli delle stelle219 e de La vita facile220 , ma anche autore televisivo e socio della Pupkin Production, racconta il cinema dal suo punto di vista, le esperienze con il low budget, la passione per i film americani e italiani degli anni 70, quando la commedia riusciva a prestare attenzione alla realt e a quel modo personale di rappresentarla. E del perch fare un film veramente un processo collaborativo: Come fare un viaggio con un gruppo di persone con cui hai sintonia. La cosa necessaria riuscire a capirsi, capire che tipo di viaggio si sta intraprendendo.

217 http://it.wikipedia.org/wiki/E_allora_mambo! 218 http://it.wikipedia.org/wiki/Ora_o_mai_pi%C3%B9 219 http://it.wikipedia.org/wiki/Figli_delle_stelle_(film) 220 http://www.comingsoon.it/Film/Scheda/Trama/?key=48157&

film=La-vita-facile

175

Vi lascio alla video intervista (ancora una volta dai divani del Kino!) a Lucio Pellegrini, a cui Cineama augura un grande in bocca al lupo per i suoi progetti attuali e futuri:

Libero, creativo, indipendente? il Low&No budget videofilm festival!


venerd 3 giugno 2011 Chiara

176

Internazionale, un po underground, innovativo e indipendente, torna il Low&No Budget short film festival.221 La partecipazione aperta a tutti, unico requisito per accedere il tempo del corto che deve durare un massimo di 15 minuti. I film presentati saranno visionati in anteprima da un nutrito pubblico di pre-fan che sceglier i migliori 50 da proiettare durante il festival. Le date previste sono: Il 15 luglio a Heilbronn, il 29 e 30 luglio a Stoccarda, e nel mese di ottobre a Mainz.

Il tutto rigorosamente no-profit, il ricavato dei biglietti venduti infatti servir esclusivamente a coprire i costi sostenuti. Altro aspetto del festival la sua mobilit: gli organizzatori girano trasportandolo per la Germania come un circo mobile, cercando di ritagliarsi quella fetta di pubblico pi curioso e meno commerciale. Filmmakers creativi ed idealisti con lopportunit di presentare i loro prodotti a vaste audience che potranno apprezzarli dal vivo, anche al di la del web. Sette anni di un festival che continua, nonostante le avversit dovute ai tagli alla cultura e alle arti, a sfidare le istituzioni culturali con il suo umorismo e le sue proposte irriverenti. Perch di fronte alle difficolt c solo da rimboccarsi le maniche e perch nofarsi una bella risata! Per chi volesse saperne di pi, e magari fare un salto in Germania per assistere dal vivo, ecco il link al sito: film-sharing.net222
221 http://www.film-sharing.net/festival-2011.html 222 http://www.film-sharing.net/index.html

177

Libera la tua creativit, adesso anche su YouTube, in pieno stile Creative Commons!
luned 6 giugno 2011 Chiara

Se anche YouToube decide di adottare le licenze Creative Commons, allora forse proprio il momento giusto per una piccola rivoluzione che permetter agli utenti della generazione del tubo di aggirarsi comodamente tra i vari materiali disponibili per riutilizzarli a loro piacimento, cimentandosi ad esempio nelle tecniche di223 remix e mash up audiovisivo224 di cui vi abbiamo spesso parlato Ecco allora che un video tutorial interviene per spiegare cosa si pu e non si pu fare con le licenze Creative Commons:

223 http://creativecommons.org/ 224 http://cineamabeta.com/2010/12/21/rip-a-remix-manifesto-

la-cultura-in-rete-non-e-mai-stata-cosi-smart/

178

Nel nuovo video editor di YouTube potrai remixare le tue creazioni con immagini e filmati pubblicati sotto licenzaCC-BY 3.0225 , una delle pi liberali tra le varie alternative proposte dalla doppia C (CC)226 , lorganizzazione no profit dedicata allespansione e alla diffusione delle opere dellingegno e della creativit. La licenza 3.0 permetter che altri copino, distribuiscano, mostrino ed eseguano copie dellopera e dei lavori derivati da questa, a patto che vengano mantenute le indicazioni di chi lautore.

225 http://creativecommons.org/licenses/by/3.0/ 226 http://it.wikipedia.org/wiki/Creative_Commons#

Attribuzione_.28by.29

179

Una tabella per spiegare le diverse articolazioni delle leggi CC Le clip in CC potranno essere tagliate, montate, remixate, editate, e andranno a confluire in una vera e propria library di contenuti consultabile on line. E per ottimizzare il rispetto delle regole di attribuzione YouTube metter a fianco di ogni nuova opera dei link che rimanderanno alle citazioni di quelle originali. Un vero e proprio passo avanti contro il vecchio sigillo del copyright e a favore della libera circolazione delle idee! Il team di Cineama segue questa buona onda e affiancato dal parere di unesperta nazionale del tema CC227 tuteler tutte le proposte e i progetti che inserirete allinterno del sito. Vi aspettiamo presto on line: creativi, originali, liberi e numerosi!!!

227 http://cineamabeta.com/2011/01/13/nuove-possibilita-ed-

articolazioni-del-diritto-dautore-le-licenze-creative- commons/#-

180

Freaks! La prima series made in Italy e nata sul web


marted 7 giugno 2011 Chiara

Sono cinque, sono geek e si muovono con dimestichezza tra social network e nuovi linguaggi audiovisivi. E soprattutto sono i protagonisti di Freak! 228 la prima web series nostrana lanciata nella rete l8 Aprile di questanno, che si avvale della meritocrazia del social web. Forse il popolo dei pi informati conosceva gi i volti dei protagonisti. A lanciarli infatti stato il celebre tubo e la popolarit sui propri siti di social networking. Cos il web si fa strada anche in Italia, pronto a divenire pigmalione di ognuno di questi ragazzi, forse tra i primi attori-nativi digitali.

228 http://www.freakstheseries.com/

181

Ovviamente i riferimenti ai cugini doltralpe sono parecchi. Molti li hanno accusati di aver copiato (peraltro con scarsi risultati) la celebre series anglossassone Misfits229 . Ma la citazione del resto evidente, come dicono le info della loropagina facebook230 : Superpoteri e quotidianit questi sono gli ingredienti della web series che si ispira a Misfits e Heroes231 . Un black out li ha colpiti cambiando le loro vite e anche qui c un misterioso eroe senza volto

229 http://it.wikipedia.org/wiki/Misfits_(serie_televisiva) 230 http://www.facebook.com/pages/Freaks-The-series

/140108282726345?sk=wall 231 http://it.wikipedia.org/wiki/Heroes

182

Ma novit pi interessante forse questa: i giovani protagonisti sembrano aver intuito le potenzialit del web nel promuovere volti, e perch no, lanciare talenti che si confrontano faccia a faccia con una delle giurie pi dure e a tratti spietate. Del resto si sa il popolo di Internet non perdona, e ti lascia anche poche chance per reagire al colpo e al giudizio degli affamati geek. Adesso giudicate da voi Vi lascio alla prima puntata di questo esperimento giovane e tutto italiano:

183

Clandestino, irriverente, coinvolgente: Secret Cinema!


mercoled 8 giugno 2011 Chiara

La notte pi cool di Londra, la citt che non dorme mai, ospita mensilmente un evento segreto in grado di coinvolgere totalmente gli appassionati, i curiosi, gli amanti del cinema, e stavolta non pi in da comode e reclinabili poltrone, ma trasportandoli direttamente fin dentro la magia del film! Una vera e propria esperienza multisensoriale che coinvolger lo spettatore stimolando interamente tutti i suoi sensi. Lunico e fondamentale dettaglio? La segretezza della locantion, che verr fornita di volta in volta solo agli iscritti al sito, tramite un sms che riveler il luogo dell incontro (e forse qualche informazione in pi)

184

Posti bizzarri come parchi giochi, garage, e perfino tetti di palazzi, ospiteranno unintera crew di attori pronti a stupirvi con musiche, installazioni e spettacoli dal vivo che accompagneranno lesperienza di visione. Il catalogo in programma prevede film vecchi e nuovi, ma solitamente sempre veri e propri cult dautore come: Ghostbuster di Ivan Reitman, o Bladerunner di Ridley Scott e i pi attuali Paranoid Park di Gus Van Sant e Watchmen di Dave Gibbons.

Un viaggio nel cinema, ma un viaggio a sorpresa, perch con Secret Cinema non sai mai quello che ti aspetta. Ma di una cosa puoi star certo: sar unesperienza incredibilmente coinvolgente e divertente!

185

Ancora una volta la popolarit dellappuntamento garantita e dalla visibilit sui social network, e quindi anche dal buzz che genera la possibilit di partecipare a unesperienza simile. Tutti gli spettatori inoltre sono invitati a condividere in rete foto e video dellevento. Questo il link al sito: http://www.secretcinema.org/ Prepariamo la valigia per il prossimo viaggio a Londra, in attesa di una nuova location, sempre rigorosamente top secret! Nellattesa vi lascio con questo piccolo assaggio:

Lardito fascino del minimal


gioved 9 giugno 2011 Chiara

186

La locandina? Questa volta ultraminimal. Da unidea di Patrik Svensson232 designer svedese, con poche regole, ma molta classe. Pochi e decisi segni grafici, addirittura solo la prima lettera del titolo, o un unico oggetto, che da solo basti a rappresentare la trama del film. Roba da veri intenditori insomma.

Per esplorare la gallery completa visita il sito: http://www.princehat.se /usual.html Anche i colori sono ridotti al minimo, o al massimo se consideriamo il bianco e nero come la summa di tutta la scala cromatica Ad ognuno il suo film, contemporaneo, raffinato e sobrio (forse troppo?) E se siete dei veri geek del cinema, provate per un attimo a individuare quale famosa pellicola rappresenta ognuno di questi discreti, regolari geometrici dettagli!

232 http://www.princehat.se/usual.html

187

Contaminazioni visive in 8 bit


venerd 10 giugno 2011 Chiara

Arrivano 8 bit a invadere la terra nelle opere dellillustratore Jamie Sneddon233 del fotografo Kevin Rozario-Johnson234 . Con un riferimento gigante al mondo dei videogames 8 bit, il sodalizio artistico ha creato una serie di 8 stampe in edizioni limitata, dove dominano immersi nel tessuto urbano contemporaneo, i personaggi delliconografia digitale pi retr.

233 http://www.jamiesneddon.co.uk/ 234 http://www.images-everything.co.uk/

188

Per i pi nostalgici, appassionati e romantici dei famosi games di fine anni 80, la possibilit di acquistare le opere direttamente dal loro sito web235 !

Tutte le immagini sono state prese da: http://www.8bitscapes.com/ index.html

235 http://www.8-bitscapes.com/index.html

189

E se siete amanti delle vecchie consolle, e avete voglia di una bella partita, questo sito fa per voi : Nintendo 8236 vi permette di giocare on line gratis e senza scaricare nessun software con i videogiochi che hanno fatto la storia di casa Nintendo e forse anche quella di qualcuno di noi

Gli hashtag e i reply in Cineama


luned 13 giugno 2011 federico

Gli utenti abituati a frequentare Facebook e soprattutto a Twitter sanno gi cosa sono e come si utilizzano. Per i (pochi) altri due parole sugli hashtag e sul reply, due utilissimi strumenti per catalogare e condividere informazioni e discussioni che saranno presenti anche sulla piattaforma Cineama. Un hashtag serve a identificare una discussione nelle varie bacheche personali e dei gruppi; per esempio quando si parla di un certo evento si potrebbe decidere di usare in tag del tipo #eventox, oppure se si vuole identificare un certo film in progetto lo si contraddistingue con #filmy. Questo permette di raggruppare tutti i frammenti di informazioni riguardo un argomento e
236 http://nintendo8.com/

190

distribuite nelle varie sezioni della community in maniera facile e veloce. Alcuni tag verranno utilizzati dalla redazione: un hashtag del tipo #cineamadistr, opportunamente comunicato a tutti i Cineamatori, permetter di monitorare i film di cui si parla nella community e che gli utenti vorrebbero distribuiti da Cineama. Per il momento gli hashtag non sono operativi nei forum di discussioni del gruppo ma cercheremo di attivarli al pi presto. Il reply utilizzato per comunicare a un Cineamatore che si sta parlando di lui o di qualcosa che lo interessa. Se durante un post in bacheca o in una discussione nel forum vogliamo comunicare al Cinematore Luca Rossi che largomento potrebbe interessarlo basta aggiungere alla frase @luca.rossi, ammettendo che lo username sia luca.rossi (consigliamo di utilizzare come username la forma nome.cognome visto che questa community serve anche da un punto di vista professionale). Spero di essere stato chiaro, ma naturalmente potete scriverci per qualsiasi chiarimento.

191

I laboratori di Cineama
marted 14 giugno 2011 federico

Quando parliamo di Cineama puntiamo molto sullaspetto partecipativo e collaborativo che dovr animare la community. Pi di un semplice spazio di incontro online, pi di una comunit di pratica237 lensamble eterogeneo e creativo che si ritrover da noi sar una sorta difactory warholiana238 (ok, magari senza alcuni eccessi239 , un meta-laboratorio dedicato al cinema, allaudiovisivo, al crossmediale. Lincontro tra i professionisti del settore, gli aspiranti tali, gli appassionati e i fan lelemento catalizzatore di reazioni che produrranno nuovi progetti come cortometraggi e lungometraggi, favoriranno le sperimentazioni e le
237 http://it.wikipedia.org/wiki/Comunit%C3%A0_di_pratica 238 http://it.wikipedia.org/wiki/The_Factory 239 http://blog.panorama.it/culturaesocieta/2007/03/01/il-

lato-oscuro-di-andy-warhol/

192

discussioni, permetteranno la conoscenza e linterazione tra professionalit sparse per lItalia (o vi faranno scoprire il direttore della fotografia che abita nel palazzo di fronte). Elementi essenziali di questo crogiolo digitale sono i laboratori presenti nella piattaforma Cineama prossima ventura. Il laboratori sono gruppi che ogni utente, pardon, ogni Cineamatore pu aprire e gestire. Le motivazioni che possono spingere ad aprire o a diventare membro di un laboratorio sono tanti: dalla volont di sviluppare unidea in un progetto (di corto/lungometraggio, di documentario, di opera transmediale) alla necessit di trovare professionisti (troupe, cast), materiali e location per la propria opera prima, dal desiderio di discutere di argomenti specifici (il cinema mitologico italiano degli anni 60, le migliori macchine digitali per la ripresa, le colonne sonore dei film ecc.) a quello di creare tutorial autoprodotti (come scrivere una sceneggiatura, come gestire la parte economica e finanziaria di un film ecc.). Gli strumenti gi disposizione in ogni laboratorio, quali la bacheca, i forum di discussione, la possibilit di embeddare video, foto e musica, pi quelli che verranno via via aggiunti anche seguendo le indicazioni dai cineamatori permettono di creare gruppi efficienti e affiatati. I contenuti creati nei laboratori vengono visualizzati anche nella homepage, la vetrina di Cineama e della sua community. La redazione andr in cerca dei gruppi pi vivaci e interessanti creando dei post con interviste e approfondimenti per la nostra rivista online Cineamazine. Mi raccomando, futuri Cineamatori: quando create un laboratorio riempite per bene tutti i campi, dalla descrizione alla categoria, dalla citt (se un laboratorio territoriale) ai tag240 che descrivono con precisione la natura del laboratorio (per esempio: cortometraggio, horror, troupe, colonna sonora). Queste informazioni servono per le ricerche e per suggerire ai Cineamatori laboratori di loro interesse.

240 http://it.wikipedia.org/wiki/Tag_%28metadato%29

193

Cineama @ Firmware 2.0 al festival Arcipelago


marted 14 giugno 2011 Chiara

Cari cineamatori appassionati di cinema e social web, vi segnaliamo un evento che di certo non pu sfuggirvi, si tratta del workshop Firmware 2.0 un altro audiovisivo possibile organizzato per la diciannovesima edizione del Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove Immagini Arcipelago241 .

Foto di Fabio Gaigher


241 http://www.arcipelagofilmfestival.org/site/

194

Levoluzione dei filmidi: cinema e Rete nellera dei social media si concentrer sulla rivoluzione che le filosofie partecipative e collaborative originarie della Rete esplose definitivamente grazie ai social media e alle community online come Facebook stanno portando in ogni livello del mondo dellentertainment. Cambiano i modelli di produzione, cambiano i modelli di creazione di unopera (ideazione, sviluppo, produzione, marketing, distribuzione, vendita), e cambia il pubblico che da consumatore diventa un collaboratore sempre pi attivo E se gli argomenti sono questi Cineama non poteva di certo mancare! Fabrizio Mosca242 , produttore cinematografico (I cento passi, Nuovomondo, Una vita tranquilla) e socio-fondatore di Cineama, presenter la piattaforma grazie alla quale si potranno sperimentare nuovi modelli di creazione, produzione e distribuzione cinematografia basati sul crowdsourcing e sul crowdfunding. Il giovane team di Cineama, composto da Tania Innamorati (responsabile della comunicazione), Antonio Badalamenti (CEO), Federico Bo (responsabile IT) e Irene Cassarino (responsabile sviluppo) illustreranno il progetto nel dettaglio.

242 http://cineamabeta.com/2010/12/16/scenari-di-visione-

cinematografica-negli-anni-10-raccontati-dai-proff-paolo -peverini-ed-emiliana-de-blasio/

195

Inoltre parteciperanno, con altri interessanti interventi tra cinema e web 2.0: Emiliana De Blasio Paolo Peverini243 : Cinema e Web 2.0: Downloading, uploading, collaborazione. Deborah De Angelis244 : Creative Commons. Un approccio collaborativo alla creazione, produzione e distribuzione di un film Monica Repetto, Giusto Toni: OnTheDocks245 , indipendenti nel VOD. Il cinema del reale oltre la coda lunga. Vi aspettiamo per il workshop del Festival Arcipelago, gioved 23 giugno, al Cinema Intrastevere Vicolo Moroni 3/a Roma dalle 15.00 alle 18.00 (qui la pagina dellevento su Facebook246 ). Uniti dalla passione e dalla voglia di dar vita a un nuovo tipo di cinema: giovane, indipendente, collaborativo e love budget!

cinematografica-negli-anni-10-raccontati-dai-proff-paolo -peverini-ed-emiliana-de-blasio/ 244 http://cineamabeta.com/2011/01/13/nuove-possibilita-ed- articolazioni-del-diritto-dautore-le-licenze-creative- commons/ 245 http://www.onthedocks.it/it/index.html 246 https://www.facebook.com/event.php?eid=179022675489459
243 http://cineamabeta.com/2010/12/16/scenari-di-visione-

196

Il progetto Cineama
venerd 17 giugno 2011 irene

Cineama unoccasione nuova e semplice per creare, produrre e distribuire film indipendenti. Se sei un professionista, aspiri a diventarlo o semplicemente vuoi giocare a fare il produttore potrai dar vita a un progetto cinematografico e collaborare alla sua realizzazione e diffusione. Crediamo che il cinema possa essere unesperienza collettiva e vogliamo che un film nasca dalla collaborazione dei suoi veri protagonisti: chi lo crea e chi lo fa vivere. Cineama un laboratorio aperto a tutti: agli addetti ai lavori, agli appassionati, ai super-informati, ai curiosi, in poche parole a chiunque ami il cinema! Nella community di Cineama troverai infatti uno spazio in cui conversare e confrontarti con altri appassionati, chiedere consigli a esperti e professionisti del cinema, cercare collaborazioni per i tuoi progetti, contribuire con le tue proposte alla creazione di un catalogo di film da vedere online e in sala. Cineama sar una piattaforma digitale in cui potrai: - come regista o sceneggiatore, proporre un progetto cinematografico, trovare collaboratori per farlo crescere e raccogliere finanziamenti per realizzarlo (attraverso i meccanismi del crowdsourcing, la pratica collaborativa

197

di produzione di contenuti e del crowdfunding, ossia il supporto alla produzione del film attraverso i contributi economici degli stessi futuri spettatori.). - vivere lesperienza del produttore cinematografico selezionando le sceneggiature, investendo piccole o grandi somme per la loro realizzazione, seguendo tutte le fasi di un film, dallo sviluppo, alla produzione fino alla distribuzione. - metterti alla prova come distributore cinematografico scovando dei film da proporre ad altri appassionati e contribuendo alla loro diffusione sia online che nelle sale attraverso il meccanismo delle proiezioni su richiesta. - trovare informazioni, proporre notizie e discutere di cinema con gli altri membri della community, che a noi piace chiamare Cineamatori. - cominciare a sperimentare i nuovi linguaggi crossmediali, partendo dalle pratiche di remix e mashup (riutilizzare e mescolare immagini, suoni e formati per dar vita un contenuto nuovo e originale). - avere la possibilit di adottare un film contribuendo al restauro e alla digitalizzazione di opere cinematografiche altrimenti destinate alloblio. Cineama vuole essere prima di tutto una factory aperta e libera. Se sei un professionista del settore cinematografico un regista, uno sceneggiatore, un attore, uno scenografo, un costumista potrai riempire la tua pagina profilo con tutte le informazioni necessarie per farti conoscere e apprezzare allinterno della community. Oppure potrai semplicemente utilizzare gli strumenti della community per trovare persone con gusti affini che vivono nella tua zona, per scoprire gruppi (laboratori) che trattano argomenti di tuo interesse, per tenerti informato sui diversi progetti o per metterti in gioco partecipando ai contest online che verranno proposti di volta in volta sul sito. Se anche a te, come noi, piace il cinema, se hai un progetto da proporre, se credi che per realizzare un bel film non servano milioni di euro, se vuoi conoscere altri appassionati o farti conoscere come professionista, se vuoi contribuire a rendere concreta unidea, se vuoi vedere film che altrimenti non vedresti, pazienta ancora un po e poi diventa anche tu un Cineamatore! Cineama un progetto sostenuto da Telecom Italia nell ambito del programma247 Working Capital248 .
247 http://www.cineamabeta.com/theproject/

198

Cineama Time Machine


sabato 18 giugno 2011 irene

La nuova casa di Cineama, come i pi attenti avranno notato, in corso di trasloco allindirizzo cineamabeta.com, fino a poco tempo fa occupato dal blog di progetto. Il blog rimane, ma entra a far parte di unarchitettura pi complessa che giorno dopo giorno, release dopo release, approssimer sempre di pi le ambizioni del progetto Cineama: essere una piattaforma di conversazione, produzione e distribuzione attorno al cinema. La creanza prima di tutto: Benvenuti! e scusate il disagio. Il trasloco ci occuper per alcuni giorni. Come gli operai che sistemano le strade, tendiamo ad intervenire sul sito la notte e nel week-end, ma questo riesce solo ad attutire leffetto del processo in corso. Abbiamo prefabbricato il sito altrove e adesso Pier e Ricky stanno spostando tutti i moduli dove vi trovate in questo momento. Li stiamo disponendo nellordine corretto stabilito dai progettisti (tutti noi). Miguel, in particolare, si sta occupando di tutto linterior design, in modo che troviate
248 http://www.workingcapital.telecomitalia.it/

199

i pezzi darredo, i colori, la tappezzeria, i servizi da t esattamente dove lui li ha pensati per voi. E un lavoro meticoloso e lungo, molto lungo. Non ci fermeremo mai, in practica. I siti web, specie quelli di iniziative complesse e con tanta progettualit nelle vene, sono in continua evoluzione. Al momento del lancio, in particolare, sono proprio da considerare come una versione beta di unapplicazione, o una bozza di un testo: materiale duttile da sbozzare. Divertitevi a giocare con la macchina del tempo di internet per ricordarvi comera il sito di Repubblica al momento del lancio novembre 1996249 , o quello di Twitter nel settembre 2006250 , o quello di Google, nel novembre 1998251 , quando ancora era un progetto delluniversit di Stanford. Anche su cineamabeta.com, per nostra nostra e vostra delizia, scoprirete quasi giorno dopo giorno delle evoluzioni. A volte si tratter di dettagli, a volte sar la conseguenza di una vostra segnalazione (qualcosa che non funziona o che potrebbe funzionare meglio, per esempio), a volte saranno funzionalit nuove o intere nuove ali dellarchitettura, come la possibilit di sviluppare progetti cinematografici o il canale di distribuzione. In cosa consiste la piattaforma Cineama, alla sua prima release? Dalla home page252 potrete avere una panoramica, selezionata giornalmente dalla redazione, di quello che capita nella comunit Cineama. Cosa dicono i Cineamatori? Di cosa parlano nei Laboratori? cosa Twittano? Chi sono i nuovi membri della comunit e da dove vengono? Di cosa scrive la redazione nella gazzetta di bottega, Cineamazine? Potrete inoltre accedere alle tre stanze principali della casa la reception, in cui potrette fare domande e ottenere risposte, i laboratori e cineamazine e informarvi sugli architetti del progetto. Chi sono, da dove vengono, cosa fanno. Dalla home, cos come da qualsiasi altro luogo del sito, potrete unirvi anche

repubblica.it/ 250 http://web.archive.org/web/20060930214639/http://twitter. com/ 251 http://web.archive.org/web/19981111184551/http://google. com/ 252 http://cineamabeta.com/


249 http://web.archive.org/web/20000408035559/http://www.

200

voi alla comunit di Cineama, aprendo il menu in alto. E facile e veloce, specie se avete gi un account Facebook. I Laboratori253 sono dei gruppi di discussione aperti. Chiunque, una volta loggato, pu fondarne uno o iscriversi e seguirne le attivit. Nei Laboratori, per esempio, potete commentare un film che avete visto, raccogliere linteresse dei vostri amici attorno ad un argomento che vi sta a cuore, o organizzare una proiezione off line. Dalla sezione Cineamatori254 potete esplorare i profili dei vostri colleghi ed arricchire il vostro di informazioni preziose. Se lavorate, o vorreste lavorare, nel cinema, considerate Cineama come uno strumento di promozione professionale, in cui altri professionisti probabilmente si affacceranno per sapere di pi a proposito di voi. Parlate di voi e segnalate i vostri progetti! Infine, il blog, Cineamazine255 , attraverso cui la nostra agguerrita redazione si prodiga ogni giorno, dallo scorso novembre, per servirvi notizie, riflessioni, intreviste sul Cinema indipendente e non. Cineama ha anche un canale twitter @cineama / #cineama, e una pagina facebook256 . Probabile che tra qualche anno sorrideremo a ripescare dalla macchina del tempo questo beta-morfismo della piattaforma:) Per ora ne siamo molto fieri e vi invitiamo a costruirne, insieme a noi, le evoluzioni!

253 http://cineamabeta.com/laboratori/ 254 http://cineamabeta.com/cineamatori/ 255 http://cineamabeta.com/cineamazine/ 256 https://www.facebook.com/pages/Cineama/148028938568178

201

Il pranzo di Natale un docu-film partecipato che incontra la forza della Rete e il mondo del cinema
mercoled 22 giugno 2011 Chiara

Continuano le interviste di Cineama, con un argomento che ci sta molto a cuore e ci riguarda da vicino stiamo parlando di nuove frontiere e punti dincontro tra il mondo del cinema e il web 2.0. Questa volta la parola tocca aAntonietta De Lillo257 , regista e fondatrice della marechiarofilm258 , societ di produzione che fin dai suoi albori, nel 2007, si mostra sensibile alle nuove tecnologie digitali e ai sistemi di condivisione e collaborazione on line.

257 http://www.mymovies.it/biografia/?r=6605 258 http://www.marechiarofilm.it/

202

Il pranzo di Natale259 un docu-film partecipato, unopera corale realizzata grazie ai contributi degli utenti in Rete, che diventer un lungometraggio fatto di tanti piccoli tasselli, destinato a una distribuzione vera e propria sia on line che nelle sale. Sulla scia dei maestri doltreoceano ( lesperimento di Ridley Scott Life in a day260 presentato al Sundance film festival ), lidea di Pranzo di Natale261 nasce dallesigenza di fornire un affresco multisfaccettato della nostra Italia oggi. Il tema e filo conduttore dellopera proprio il Natale, rito collettivo, carico di significati, pulsioni, speranze, desideri e punti di vista sul mondo. A testimoniarlo uno dei documentari selezionati a far parte del progetto, dal titolo: Caro Babbo Natale regalaci un futuro262 che ci racconta un dicembre particolarmente caldo per tutti gli studenti. Sta per essere approvata infatti la riforma Gelmini

259 http://www.marechiarofilm.it/index.php?option=com_content

&view=article&id=1&Itemid=2&lang=it 260 http://www.youtube.com/user/lifeinaday 261 http://vimeo.com/17634839 262 http://www.facebook.com/notes/progetto-film-partecipato -il-pranzo-di-natale/22-giungo-ore-21-festival- arcipelago-proiezione-del-documentario-caro-babbo-nata /162306753835036

203

Ma vi lascio allintervista alla registaAntonietta De Lillo che ci racconta la nascita della sua idea e l attenzione che da sempre nutre nei riguardi di questo nuovo modo di fare cinema democratico e condiviso. Colgo loccasione per ricordarvi che anche questo progetto legato e che molto deve alla filosofia della Rete e del social web verr presentato al workshop Firmware 2.0. Un altro audiovisivo possibile263 , organizzato dal 19 Festival di Cortometraggi e Nuove Immagini Arcipelago264 , a cui sar presente anche Cineama.

263 http://www.facebook.com/event.php?eid=179022675489459 264 http://www.arcipelagofilmfestival.org/site/

204

Alessandro Baricco, il rito solitario della scrittura e le nuove contaminazioni tra cinema e web
luned 27 giugno 2011 Chiara

Cineama incontra Alessandro Baricco265 , in unintervista che prova a scoprire qualcosa di pi sul rapporto tra il celebre scrittore ( e regista) e il web nella sua accezione pi social, e la sua idea di scrittura che da rito e visone solitaria pu divenire, nel caso del cinema, esperienza collettiva e condivisa. Ancora una volta a far da cornice il Kino, stavolta nella sua piccola e intima sala proiezioni, in occasione di la Carte Blanche266 , appuntamento preso in prestito dai cinema parigini, che da appunto carta bianca ad un personaggio del mondo dello spettacolo, per decidere le proiezione del cinema, tra film preferiti, registi stimati e piaceri proibiti. Alessandro Baricco ci racconta anche di uno dei suoi primi incontri ravvicinati con il web avvenuto con la promozione del libro City267 . La strada che lo scrittore ha scelto di percorrere nellormai lontano 2000, stata quella di un lancio poco convenzionale, fatto in anteprima tramite un sito tramite un
265 http://it.wikipedia.org/wiki/Alessandro_Baricco 266 http://www.ilkino.it/carte-blanche-a%E2%80%A6-alessandro-

baricco/ 267 http://www.labcity.it/

205

apposito sito che ne ha permesso la promozione, e la diffusione non solo in Italia, ma nel mondo. Saperi condivisi, visioni intime, scrittura collettiva, e nuove sperimentazioni, potrebbero confluire e generare una vera e propria opera collaborativa, fatta di tanti piccoli tasselli, esperienze del mondoche ne dite, ci proviamo Cineamatori?

Beat pick: musica e creativit in un gioco corretto, al suono di bit 2.0!


marted 28 giugno 2011 Chiara

Beat pick268 una net label di music licensing e una sfida al rigido monopolio della Siae. Il suo scopo quello di aiutare i giovani e indipendenti talenti nella diffusione delle loro opere musicali proponendole a case di produzioni cinematografiche, agenzie pubblicitarie, societ di produzione di videogame e grandi catene commerciali.
268 http://www.beatpick.com/

206

Aggirando lesclusivit che la legislazione nazionale affida alla Siae, Beat pick seleziona prodotti di elevata qualit artistica, propone musiche per film, serie tv e pubblicit (tra i suo clienti figurano giganti del calibro di Mercedes, Toyota, Lufthansa, 20th Century Fox e molti altri) e ne aumenta la diffusione tramite un radio store che propone musica in filo diffusione per grandi supermercati ed esercizi commerciali.

Lideatore litalianissimo Davide dAtri269 (anche lui uno di quei cervelli brillanti fuggiti inesorabilmente allestero in cerca di fortuna) che dopo lestenuate esperienza di guidatore di camion, una laurea in Economia a Londra e un master conseguito nell autorevoleCass Business School, nel 2006 fonda la sua societ in Inghilterra, garantendole un discreto spazio dazione anche in Italia. Vi state chiedendo quale sia il segreto del suo successo e lasso nella manica? Dare la possibilit a chi mette la propria musica in Creative Commons270 di avere un riconoscimento di tipo economico che permetta allartista di continuare a produrre nuovi brani. Il download infatti gratuito per chi non utilizza la musica di Beat pick a scopo di lucro. Lobiettivo assicurare a chi crea un rientro minimo garantito, e offrire a chi compra prodotti musicali selezionati e di alto livello.
269 http://www.linkedin.com/in/davidedatri 270 http://www.creativecommons.it/

207

Un meccanismo virtuoso in grado di svecchiare i meccanismi di business su cui si regge il diritto dautore, ma con la forza, nel contempo, di promuovere i giovani talenti pagandoli bene, e puntualmente. Un bisogno di libert e giustizia tradotto in un modello economico che funziona, e anche bene!

Cosa nasconde il Sottobosco?


gioved 30 giugno 2011 Chiara

Delizie di ogni genere, ma la cosa bella che sono condivise e ce n per tutti e per tutti i gusti! Sottobosco271 un progetto web e un grande appartamento open. Una piattaforma indipendente per la progettazione culturale in grado di ospitare e dare visibilit a giovani artisti che sviluppano open content272 . I criteri su cui si basa lidea di Sottobosco sono chiari e semplici: uno spazio senza centro, collaborativo, condiviso e collettivo.

271 http://www.sottobosco.net/fragoline/ 272 http://it.wikipedia.org/wiki/Contenuto_libero

208

Che offre: un archivio aggiornato273 dei giovani e talentuosi nomi dellarte contemporanea, servizi di formazione che danno ai giovani artisti indicazioni utili su come valorizzare il loro lavoro (attivando ad esempio un sistema di corrispondenza con curatori e gallerie), un servizio di room sharing274 , che fornisce ospitalit a chi si trova nei dintorni di Venezia. Allinterno di Sottobosco c anche unidea di crowdfunding per la realizzazione di un Project Space275 tramite la riqualificazione di un vecchio stabile in disuso. Lo scopo quello di renderlo uno spazio aperto alla produzione artistica, agli allestimenti, e di coinvolgere attivamente anche i comitati di quartiere e le associazioni che operano nel territorio di Venezia. A rendere pi chiara lazione questi artisti negli Actions Archive276 c Metti in Rete i desideri277 , un progetto che riflette sullo spazio pubblico, sulle sue condizioni duso e sul valore attivo di cittadinanza. Insomma ridiamo ai cittadini il proprio spazio, e proviamo capire cosa vogliono veramente.

com_content&view=section&id=1&Itemid=3&lang=it 274 http://www.sottobosco.net/fragoline/index.php?option= com_content&view=category&id=88&Itemid=33&lang=it 275 http://www.produzionidalbasso.com/pdb_623.html 276 http://www.sottobosco.net/fragoline/index.php?option= com_content&view=section&id=2&Itemid=21&lang=it 277 http://www.sottobosco.net/fragoline/index.php?option =com_content&view=category&id=81%3Ametti-in-rete-i- desideri&Itemid=21&layout=default&lang=it
273 http://www.sottobosco.net/fragoline/index.php?option=

209

Creativit allo stato puro, open space e pi azione per le produzioni dal basso Questo il mood che piace a noi di Cineama!

Soundworks collection: un viaggio alla scoperta dei luoghi magici del suono
luned 4 luglio 2011 Chiara

Soundworks278 una collezione di profili di sound designer, ossia i creatori di quella parte nascosta del mondo dellaudiovisivo, ma che accompagna le nostre visioni spesso eccitandoci, a volte rendendoci malinconici, altre strappandoci un sorriso. Lobbiettivo di Soundworks quello di condurci, tramite unaccurata selezione allinterno delle pi geniali menti del suono di tutto il mondo, per evidenziarne il loro contributo, portandoci dietro le quinte della post produzione audio del cinema, del sound design dei videogame, e della composizione della colonna sonora originale. Una serie di video esclusivi che si concentra su chi da vita ad alcuni tra i pi interessanti progetti audio del mondo. Il sito nasce nel 2009 da un idea di Michael Coleman, in partnership con MIX Magazine279 , diverse scuole per lo studio di creazioni di colonne sonore e post produzioni per il cinema, e il supporto delle worldwide community del suono di tutto il mondo.
278 http://soundworkscollection.com/ 279 http://www.mixonline.com/

210

Vi lascio alla scoperta di questo mondo, spesso poco conosciuto, ma sorprendentemente emozionante. Ecco un piccolo assaggio allinterno della creazione della colonna sonora di Black Swan:

Subvertising contro il logorio della pubblicit moderna


marted 5 luglio 2011 Chiara

Black block280 un blog che ama la comunicare, sma non aspettatevi la classica campagna benpensante fatta di buone parole, promesse e sogni di gloria.
280 http://subvertising.noblogs.org/

211

Black block non di certo quella che si potrebbe definire una comunicazione politically correct. Cartelloni patinati che invitano allacquisto? Campagne di comunicazione politica che vendono sogni e speranze in confezione spray? Black block la voce controvento nel mare magnum dellillusione pubblicitaria, una doccia fredda che ti riporta alla realt.

Larma della guerrilla urbana? Il messaggio stesso. Metabolizzato, fatto a pezzi e ricucito ad arte. Una vera e propria battaglia semiotica, che studia il nemico, combattendo ad armi pari, urlando in faccia allo spettatore (forse adesso il caso di chiamarlo ConsumAttore?) nel tentativo di svegliarlo dal torpore in cui lo vuole immerso la comunicazione di oggi.

212

Questo spazio vive grazie ad A/I (autistici/inventati).281 Il loro manifesto282 parla chiaro: Vogliamo socializzare i saperi senza fondare poteri. Vogliono saperi diffusi e conoscenze condivise che si organizzano attraverso la diffusione sistematica, organizzata e gratuita di materiali creativi. In poche parole anche tra loro continua la battaglia contro il copyright, a favore delle licenze libere e dei software aperti. A/I si auto-sostengono e autogestiscono tramite le sottoscrizioni volontarie di chiunque ritiene importante il progetto. Ovviamente non c un vertice, tutti gli aspetti tecnici vengono decisi tramite una mailing list nella maniera pi trasparente e orizzontale possibile. Ad ospitare il tutto piano R*283 un network di comunicazione resistente, che inoltre offre la possibilit di dare unocchiata a un manuale di sopravvivenza e difesa della propria privacy sul web .
281 http://www.autistici.org/it/ 282 http://www.autistici.org/it/who/manifesto.html 283 http://www.autistici.org/it/who/rplan/index.html

213

Black block Autistici Inventati sono voci fuori dal coro che parlano ai consumAttori attivi, intelligenti, uniti nella lotta, ma soprattutto consapevoli della propria attivit di subADVertiser. Per sostenerli, anche con un piccolo contributo, clicca questolink284 , e buona guerrilla semiotica a tutti!

Tutte le immagini sono state prese da: http://subvertising.noblogs.org/

284 http://www.autistici.org/it/join/donate.html

214

Raffinatezza ed estro in minimal style? Soup. magazine


mercoled 6 luglio 2011 Chiara

Soup magazine285 un punto di vista sul mondo. Uno sguardo ricercato verso ci che di pi interessante pu offrire il panorama musicale, artistico, culturale di oggi.

285 http://www.soupmag.it/

215

Linee chiare e decise e unaccurata scelta delle immagini accompagnata da contenuti selezionatissimi. Il focus su: spazi urbani che offrono momenti di extra-ordinaria rilassatezza, il nuovo business newyorkese del vinile, lultima imperdibile esposizione per i veri amanti dei vernisage pi cool, le immagini dei fotografi pi amati (quelle che lasciano il segno), la ricerca di installazioni mozzafiato, gli oggetti di design per veri geek, fino ad approdare alle nuove e imprevedibili forme dellarte generativa.

le immagini sono state selezionate da: http://www.soupmag.it/

216

Se La bellezza salver il mondo (una delle pi celebri frasi della letteratura mondiale, fatta pronunciare da Dostoevskij286 al principe Mikin, che gode di una fiducia smisurata nei confronti dellarte) il vostro stile di vita, allora siete nel posto giusto. Dimenticatevi tutto ci che ovvio, banale, noioso, scontato ed affidatevi al piacere della vista e dei sensi. Allora navigate, navigate e naufragate, naufragate

Adattamenti, trasformazioni, manipolazioni


gioved 7 luglio 2011 Chiara

286 http://it.wikipedia.org/wiki/Lidiota_(Dostoevskij)

217

In un recente articolo del Guardian online dal titolo: How to film a graphic novel287 Marjane Satrapi288 , dopo lappassionato adattamento cinematografico della sua graphic novel Persepolis289 , ci offre poche, semplici e divertenti regole da tenere ben a mente prima di avventurarsi in questimpresa. La prima e pi importante regola di Marjane Satrapi: The first thing to remember is that its not a graphic novel, its a comic. La graphic novel, ossia il fumetto dautore, le cui storie sono pi lunghe e spesso destinate ad un pubblico adulto, rimane pur sempre un fumetto, anche se spesso associamo questa parola a un uomo adulto, baffuto e con la coda di cavallo, il genere lo stesso! 2: Find your material La seconda regola si concentra sulla ricerca del materiale, ossia quando tutto nella nostra testa e deve essere tradotto in immagini. Questo un momento strettamente personale, non ci sono strategie giuste o sbagliate da seguire. Realizzare un film come fare una scommessa e non possiamo sapere in anticipo se stiamo giocando la carta vincente.

287 http://www.guardian.co.uk/film/2011/jun/16/how-to-film-a-

graphic-novel 288 http://it.wikipedia.org/wiki/Marjane_Satrapi 289 http://it.wikipedia.org/wiki/Persepolis_(film)

218

3: Remember: comics are not animation. Animazioni e fumetti sono come due falsi fratelli, che si somigliano molto a vicenda, cos come moltoi diverso il rapporto che lo spettatore ha con queste due arti: Il lettore del fumetto sempre attivo, nella ricerca di immaginare costantemente i movimenti che legano tra di loro i diversi e statici fotogrammi; lo spettatore del film passivo, tutte le informazioni sono gi li dentro, non occorre trovarne altre. Quindi sta al buon adattamento cinematografico trovare il giusto ritmo per accompagnare i fotogrammi. 4: Choose your visual style Ognuno trova il suo. Madame Satrapi ha scelto di utilizzare un disegno astratto e poco specifico, in cui ognuno poteva identificarsi. Liberare la fantasia seguire il proprio gusto estetico la regola numero 4.

219

5: Avoid other movies Evitare di basarsi su altri adattamenti. Per quanto la regista abbia apprezzato trasposizioni del calibro di Sin City, o il Batman di Tim Burton, la sua regola numero 5 dice che ognuno ha il proprio modo di immaginare la realt, cos come ognuno ha il proprio modo di parlare. Its not so much what you say as the way you say it. 6: Be a people person Essere Umani e abituarsi al lavoro in team che caratterizza la realizzazione di un film. Per Madame Satrapi, che viene dal mondo solitario del fumetto, stato molto difficile allinizio (soprattutto al mattino), ma ci si pu adattare a tutto, ovviamente tante teste equivalgono a molte idee, ma difficile relazionarsi con esse e tenerle in qualche modo a bada. Simpaticamente Marjame dice che : I started loving my team, but then it was too late, as it was the end of the project.

220

7: Hear voices Ovviamente le voci degli attori dovranno corrispondere a dei disegni che saranno animati, ma in seguito. Allora il lavoro registico diventa molto divertente, come dirigere le voci degli attori, senza badare ai loro movimenti. 8: Sell it Vendere la tua idea. E non sempre facile stare dietro alle esigenze dei distributori e soprattutto dietro i giornalisti durante la promozione del film. Spesso sono tanti, noiosi e fanno le stesse, identiche domande. Madame Satrapi lo trova decisamente poco piacevole.

9: Think about the future Quella dellartista come sappiamo tutti e come ci ricorda M. Satrapi una vita instabile, spesso non un lavoro che pu accompagnarti per tutta la

221

vita. La soluzione proposta? Aprirsi a nuove innumerevoli opportunit e desideri. Ad esempio il sogno nel cassetto di Marjane quello di rapinare una banca senza ferire e far male a nessuno. E il tuo?

We love lego
venerd 8 luglio 2011 Chiara

I Lego290 , quei simpatici e coloratissimi mattoncini da costruire che tanto ci ricordano la nostra infanzia, con quel loro stile vintage, ma sempre molto attuale, sono tornati da qualche tempo alla ribalta e non solo tra i desideri dei pi piccoli. Il popolo geek e nerd del web tra i protagonisti di questo impulso a dare una seconda vita ai famosi mattoncini con gambe e braccia orientabili, il viso giallo e un sorriso accogliente.

290 http://it.wikipedia.org/wiki/LEGO

222

Oltre ad essere il feticcio delle mirabili gesta di architetti nerd come Kevin Walter che ci costruiscono interi castelli, ispirandosi a loscura fortezza di Sauron, descritta nei romanzi di Tolkien, i lego entrano a far parte dellimmaginario cinematografico, diventando i protagonisti di alcune celebri saghe, veri e propri cult movies come appunto il Signore degli anelli, Harry Potter, i Pirati dei Caraibi o Batman.

223

Piccoli capolavori di creativit e tecnica come il cortoPirates spopolano su you toube, remixando alcuni dei passaggi cinematografici pi noti e popolari a suon mattoncini.

Tra le pi amate e per i veri nostalgici sicuramente c la saga di Star wars, che oltre ai numerosi e divertenti rifacimenti video, vanta unwidget291 che permette di realizzare veri e propri mash up con i pezzi dei protagonisti, e la possibilit di utilizzare i nuovi e divertenti avatar su i-phone e social network.

291 http://us.dk.com/static/cs/us/11/101009/widget.html

224

Ecco che il popolo del web continua a sfidarsi in una vera e propria guerra creativa, fino alultimo Lego.

Se per voi Helvetica non solo un carattere tipografico


luned 11 luglio 2011 Chiara

Correva lanno 2007 quando usc il film indipendenteHelvetica292 (proprio cinquantanni dopo la creazione del pi diffuso e conosciuto carattere tipografico), il documentario nacque dallidea del filmmaker Gary Hustwit293 di celebrare la tipografia, il disegno grafico e la cultura visiva globale. Quando i caratteri non sono solo lettere con forme e dimensioni diverse, ma servono a caratterizzare e definire un vero e proprio stile comunicativo,
292 http://www.helveticafilm.com/index.html 293 http://www.helveticafilm.com/director.html

225

pronto a variare a seconda del tipo di messaggio che si intende mandare, e del pubblico destinato a riceverlo. Come svolgono il proprio lavoro i progettisti della comunicazione, qual il processo creativo, la scelta stilistica che porta ad utilizzare un font piuttosto che un altro? Il film una esplorazione degli spazi urbani e del modo di abitare le diverse citt, ma anche una discussione con alcuni tra i designer pi famosi al mondo, per indagare il loro lavoro creativo e il perch di alcune scelte estetiche. Una carrellata che attraversa il mondo del design, della comunicazione e perfino della psicologia, e un invito a guardare con pi attenzione le parole che fanno parte del nostro mondo ogni giorno.

Non solo semplici caratteri tipografici, ma veri e propri vestiti dei testi, che influenzano profondamente il nostro modo di percepire, anche se spesso non ce ne accorgiamo. Un film per grafici e designer, e per chi volesse sapere di pi del mondo della comunicazione visiva. Helvetica intorno a noi ogni giorno, potreste averlo visto nella metropolitana della vostra citt, o leggendo il giornale del mattino, o nel tentativo di aprire o chiudere la porta del vostro ufficio. Ma come ha fatto un carattere tipografico disegnato da un designer svedese nel 1957 a divenire uno

226

dei pi popolari al mondo e a continuare ad esserlo cinquantanno dopo? E quali sono le ripercussioni di questa sua popolarit, ha forse portato alla globalizzazione della nostra cultura visiva? Perch confermando quanto diceva McLuhan : Essa parola scritta non risponde pi al bisogno dellinformazione totale. stata inghiottita dall immagine. Unimmagine che ci circonda, che abita il nostro spazio e in qualche modo prova a raccontare una storia, uno stile di vita.

227

Takashi Murakami: eccesso pop


marted 12 luglio 2011 Chiara

Il re del pop giapponese torna a far parlare di s. E dopo la sua castigata esposizione294 nella reggia di Versailles dellanno scorso, lerede di Jeff Koons295 del Sol Levante non ha sicuramente deciso di mettere la testa apposto e stavolta torna per stupire con una personale ospitata dalla londinese Gagosian Gallery296 (dal 27 giugno al 4 agosto).

murakami-versailles-141503.shtml?uuid=AYZjkYPC 295 http://it.wikipedia.org/wiki/Jeff_Koons 296 http://www.gagosian.com/exhibitions/2011-06-27_takashi- murakami/


294 http://www.ilsole24ore.com/art/cultura/2010-09-13/

228

Per confermare il suo bisogno deccesso interviene la protagonista dellesposizione: 3 m Girl, una gigantesca statua che mescola fiberglass e altri materiali, ondeggia in un miscuglio bipolare di sensualit e innocenza davanti gli occhi inebetiti dello spettatore. E ad accompagnare questa spumeggiante e appariscente manga, Takashi Murakami297 espone dipinti in acrilico
297 http://it.wikipedia.org/wiki/Takashi_Murakami

229

su tavola ispirati allo Shunga, arte erotica popolare del periodo Edo298 (dal 1603 al 1867) in una rilettura davvero particolare, ma non voglio aggiungere altro.

Se avete voglia di un viaggio estivo nella grigia e fredda Londra miscelato a scoppiettanti e fumettose tinte fluo, fate un salto da Murakami, anche se le sue ultime prodezze di certo non serviranno a placare i vostri bollenti spiriti

E il naufragar m dolce in questArchivio


mercoled 13 luglio 2011 Chiara

Cos lArchivio Caltari299 ?


298 http://it.wikipedia.org/wiki/Periodo_Edo

230

Una selezione delirante di materiale dannata. Per i veri amanti dei contenuti doc. Al suo interno puoi trovare: derive psicogeografiche300 in cui perderti per andare in giro a piedi, senza meta e senza orario, affidandoti al solo piacere dei sensi; scritture301 , narrazioni, memorie302 che si muovono controtempo; culture fatte di relazioni303 extra-gender; tipografie304 che sono segni dei tempi, ma che a volte sfuggono al tempo; stanze di scrittori pi o meno conosciute e pi o meno inesplorate.

Il tutto condito da un gusto vagamente retr fatto di appunti e suggestioni sparse in attesa di essere archiviate, come se si trovassero su di una grande scrivania impolverata prima di essere riordinate in un nuovo spazio virtuale, pi comodo e a Formula Potenziata.305

299 http://www.archiviocaltari.it 300 http://www.archiviocaltari.it/category/psicogeografie/ 301 http://www.archiviocaltari.it/category/scritture/ 302 http://www.archiviocaltari.it/category/memorie-2/

/ 304 http://www.archiviocaltari.it/category/tipografie/ 305 http://www.archiviocaltari.it/2011/07/11/archivio-caltari -nuova-formula-potenziata/


303 http://www.archiviocaltari.it/category/generi-e-relazioni

231

Accomodatevi pure, vi permesso curiosare, sbirciare tra gli scaffali, sporcarvi le mani, e perfino perdervi un po.

Nostalgia analogica
gioved 14 luglio 2011 Chiara

Una storia lunga, utracentenaria quella della fotografia,306 fatta di acidi, pellicole, liquidi di fissaggio e camera oscura, che sembra quasi soppiantata dalla velocit, dallimmediatezza e dalla perfezione del digitale. Ma c una moda che sta impazzando negli ultimi anni tra gli appassionati e nostalgici delle vecchie pellicole e si chiama Lomografia307 .

306 http://it.wikipedia.org/wiki/Fotografia 307 http://it.wikipedia.org/wiki/Lomografia

232

Limperativo base di questo stile che dispensa foto imperfette, sovraesposte, bruciate agli angoli : non pensare, scatta! per immortalare quei momenti della vita, e in qualche modo trasformali rendendoli personali, intimi, unici. La protagonista di questo movimento che ha iniziato a svilupparsi negli anni 90 e continua a diffondersi fino ad oggi in tutto mondo una macchina fotografica 35 mm, la LOMO. Le sue principali caratteristiche? Un obiettivo, al tempo progettato da un ingegnere sovietico (il costo contenuto e i materiali poveri la rendono eredit dellex Urss ) con una focale di 32 mm, paragonabile a un grandangolo medio e una ridotta luminosit, che permette di realizzare immagini estremamente sature, con una sorta di vignettatura ai lati che crea il cosiddetto effetto tunnel.

233

La diffusione di questa macchina, oggi diventata feticcio super cool tra i veri appassionati di fotografia e simili, la si deve a due studenti di Vienna, che stupiti dallo straordinario risultato fotografico lhanno resa il fenomeno di culto che in tutto il mondo conosciuto con il nome di Lomography308 .

308 http://www.lomography.com/

234

Scattare in maniera spontanea, impulsiva, improvvisa, in ogni momento e in qualsiasi situazione della giornata, magari da vicino e senza guardare nellobiettivo, non preoccupandosi di nessuna regola, tanto meno di queste, sono alcuni dei consigli stilati dai giovani studenti viennesi e donati a noi come una sorta di irrinunciabile promemoria.

Il risultato di questa passione dilagante? Party super cool e immancabili per i veri appassionati, numerose app per liPhone che permettono di eseguire foto dal sapore vintage in perfetto stile lomo, e soprattutto i seguitissimi gruppi309 su facebook, eredi di un sito internet310 , che anche uno shop, un web magazine, una global community, in cui condividere immagini e confrontarsi su design, avanguardie e cultura analogica. Se provate un piacere immenso e irrinunciabile nel fotografare a rotta di collo, nel caricare la pellicola e attendere con speranza e sorpresa lo sviluppo della vostra immaginazione, allora una coloratissima e plasticosa toy camera proprio quello che fa per voi.

309 http://www.facebook.com/Lomography 310 http://www.lomography.com/

235

tempo di mobilitare, tempo di occupare, tempo di cambiare.


venerd 15 luglio 2011 Chiara

Svegliamoci italiani. Qualcosa sta cambiando. E lodore di questa nuova, forte e indipendente spinta partecipativa pi forte e vicino di quello che possiamo pensare. La Roma ladrona, quella der fontanone, quella che nun fa la stupida e ce dona un friccico de luna tutta pe noi, fa da palcoscenico a questo bisogno di condivisione e di cultura.

236

foto di Diego Pirillo C il Teatro Valle311 , occupato il 14 giugno da lavoratori, lavoratrici, precari dello spettacolo che in questi ultimi mesi si sono uniti in una pacifica lotta in barba alla moralista e demod virt della prudenza. Ci sono attori, musicisti, cantanti e scrittori che ogni sera salgono sul palco donando spettacoli unici, irripetibili, perch pieni dellenergia di chi si stancato e ha davvero voglia di cambiare le cose, di chi animato da uno spirito comune che non si dimenticato di salvaguardare un unico grande ideale condiviso: lamore per larte, in tutte le sue forme e sfaccettature. C chi fa il servizio dordine e invita la gente ad accomodarsi in platea, chi prepara ottimi pasti per gli occupanti pi attivi, perfino chi si sveglia al mattino e si preoccupa di ripulire le sala, ma quello che sorprende ancora di pi lincredibile rispetto per il luogo che li ospita, un teatro del 700 che ha fatto la storia ed ha segnato lesordio di alcune tra le pi grandi menti della cultura del passato e del presente.

311 http://www.teatrovalleoccupato.it/

237

foto di Stefano Spina C lex cinema palazzo, oggi Sala Vittorio Arrigoni312 (un omaggio al reporter, scrittore e attivista italiano recentemente scomparso), che oggi festeggia i suoi 3 mesi di occupazione e resistenza, dove si respira la stessa voglia di ribellione e cambiamento, anche se latmosfera ben diversa. Lintera San Lorenzo, (ndr il quartiere romano che ospita la sala), s mobilitato contro lo scempio che vuole un casin in piazza dei Sanniti. Ad occuparlo non solo lavoratori dello spettacolo ma i vecchietti del quartiere che si riuniscono allingresso per un torneo di briscola che vede gareggiare due generazioni lontane e diverse che finalmente sono vicine nel portare avanti la stessa lotta, lo stesso ideale.

312 http://salavittorioarrigoni.wordpress.com/

238

Foto di Stefano Spina Pi cultura e meno paura, restano e resistono come parole dordine in una citt che sta cambiando e che comincia ad ascoltare le voci di chi stanco di non contare niente, e con una grande spinta vitale che da sempre la contraddistingue terreno fertile per le idee e le energie di tutti quelli che stavolta la rivoluzione culturale la stanno facendo davvero, in una resistenza illuminata e pacifica. Forse questa la nuova democrazia, che parte dal basso, ed fatta da tutti, per tutti.

The Selby is in your place


marted 19 luglio 2011 Chiara

Chi siamo, da dove veniamo, ma soprattutto dove abitiamo?

239

Perch le nostre case, luoghi intimi delle nostre pi o meno strampalate abitudini raccontano di noi molto pi di quanto immaginiamo.

E questo lo sa bene Todd Selby aka The Selby313 , un poco pi che trentenne newyorkese che ha abbandonato la sua coltivazione di fragole in California (o almeno cos ama raccontare) per soddisfare le nostre voyerisitche ambizioni da ficcanaso doc e donarci delle vere e proprie sbirciatine nelle case dei creativi pi interessanti.

Selby infatti difficilmente sceglie i luoghi da fotografare in base alla celebrit della persona che li vive, ma sulla scia di quanto possano essere curiosi, particolari, strani. E dalla selezione di appartamenti che troviamo sul sito, intuiamo che certamente lo stile minimal non fa per Tood. Parliamo di soggiorni dove sbucano fiori dalle scarpe, barbie che si tuffano in tazzine da caff, innumerevoli (c che le chiama cianfrusaglie) oggettini da mercatini delle pulci, nani da giardino, funghi imbalsamati, vinili da collezione, libri che fanno da carta da parati e chi pi ne ha pi ne metta, ce n per tutti i gusti!

313 http://www.theselby.com/

240

The Selby viaggia al ritmo di 3 reportage a settimana, girando sia per le case di importanti vip che per quelle degli amici di amici di amici, e oltre ad essere uno dei blog314 pi cliccati del web anche un libro, The Selby is in your place315 , unaccurata selezione di 30 appartamenti doc correlati da aneddoti, disegni, e bizzarre interviste. Buone incursioni visive a tutti miei cari voyeur!

Come compilare il proprio profilo.


marted 19 luglio 2011 federico

Cari cineamatori, ecco le istruzioni per compilare il proprio profilo. Cliccate!316

314 http://www.theselby.com/

tag=theselby-20&linkCode=as2&camp=1789&creative=9325& creativeASIN=0810984865 316 http://cineamabeta.com/questions/come-compilare-il- proprio-profilo/


315 http://www.amazon.com/gp/product/0810984865?ie=UTF8&

241

Interviste e visioni: chi sono i nuovi cineamatori?


mercoled 20 luglio 2011 Chiara

Cineama curioso di conoscere meglio i nuovi Cinematori. Chi sono, cosa amano, cosa sognano, cosa stanno cercando e cosa sperano per il futuro? Raffaele Carro, regia317

317 http://cineamabeta.com/cineamatori/produzioniamenic/

profile/

242

Ha alle spalle un passato molto recente nel mondo dell arte, con un gruppo di attivisti bolognesi, la Falegnameria sociale, che pratica e promuove la giustizia fai-da-te presentando in diversi punti Ikea di tutta Europa, la comoda e pratica ghigliottina Sokkomb a soli 99 euro; ma ha fatto parte anche di IO COSE318 , collettivo che organizza le sue azioni al fine di sovvertire le ideologie, le pratiche e i processi di produzione di significati, utilizzando come mezzo tattico scherzi e bufale. Ha organizzato una mostra darte contemporanea, Flusso, a Gioi, suo paese natale nel Cilento, nel tentativo di riappropriarsi e rivalutare spazi per troppo tempo dimenticati. Con P319 roduzioni Amenic320 inizia la sua sperimentazione nel cinema, con i corti Pietoso Sollievo321 e lultimo in fase di realizzazione, La Panchina322 , per cui Raffaele ha deciso di affidarsi a Produzioni Dal Basso, nel tentativo di reperire delle quote: Perch in Italia nessuno interessato a
318 http://www.iocose.org/

/206323376060210?sk=wall 320 http://www.facebook.com/pages/ProduzioniAmenic /206323376060210?sk=wall 321 http://www.youtube.com/watch?v=2skIKyRRhQc 322 http://www.produzionidalbasso.com/pdb_675.html


319 http://www.facebook.com/pages/ProduzioniAmenic

243

produrre i corti. Alla base de La Panchina c il suo essere sperimentale, e lantinarrazione, ossia quel regime narrativo che si basa su sospensione e stasi. Le ispirazioni di Raffaele? Godard, Scorsese e Wenders, e luso di linguaggi diversi, appartenenti al mondo del cinema, dellarte, del giornalismo; e il suo paese Gioi, dove a breve inizier le riprese: Noi possiamo fare tutto a Gioi, un paese di 1.000 abitanti, ma con forte vena artistica e spinta creativa. Cosa ami del cinema: Il cinema post moderno David Lynch Ma il mio regista preferito rimaneJean Vigo con il suo Zero in condotta, dove i bambini sono i protagonisti e si parla di anarchia, ma con un tocco cos leggero da lasciare a bocca aperta Cosa odi del cinema: Che non ci data la possibilit di fare Il cinema commerciale che propone storie ovvie e banali Il fatto che mi sudano le mani e non posso utilizzare la pellicola Cosa stai cercando? Sceneggiatori. Mi piace raccontare tramite le immagini. E mi piace ingegnarmi. Ad esempio girer la panchina con una canon 7 d, ma ho costruito da me il resto dellattrezzatura. E se potessi esprimere un desiderio per il tuo futuro? Riuscire a trovare una troupe di cui fidarmi. Vengo dai collettivi, quindi la mia idea quella di ricreare un collettivo. Sono per il pensiero Creative Commons, dobbiamo dare, per ricevere.

244

Interviste e visioni: Pierluca Di Pasquale, regista


gioved 21 luglio 2011 Chiara

Pierluca Di Pasquale323 inizia la sua carriera universitaria come studente di filosofia, si laurea, ma ama da sempre il cinema. Partecipa per 2 anni di seguito a Pitching concorso indetto dal Roma Fiction Fest324 , dove hai 15 minuti di tempo per presentare il tuo progetto di series a diversi possibili produttori, e aspettare il responso. Pierluca partecipa con il teaser Mr 7 Minutes in lingua inglese.

323 http://cineamabeta.com/cineamatori/pierluca/ 324 http://www.romafictionfest.it/

245

Stanza 88, un corto che ha girato qualche anno fa, liberamente ispirato ad una novella filosofica di Roberto Casati e Achille C. Varzi: Questo progetto rappresenta un po lemblema del mio ritardo col mondo. Avevo scritto la sceneggiatura 6 anni fa, ci ho messo 6 ore per girarlo e lho montato in 6 giorni. Il suo amore per il cinema deriva da una fortissima passione per Ai confini della realt: La matrice di tutto quello che c stato dopo. Cosa ami del cinema: La pausa pranzo. Sai quando arriva la pizzetta di mezza mattina? come un piccolo riconoscimento per essersi alzati presto. Cosa odi del cinema: La televisione. Quando il cinema, pi che cinema sembra televisione, e dimentica di essere una vera e propria forma darte. Spiegami meglio Negli Stati Uniti, ad esempio, ci sono delle buone idee. Una di queste partire con la tv. Uno prova a trovare tutte le soluzioni pi congeniali perch ci sia un contenuto artistico nel prodotto televisivo che sta realizzando. Dopo aver maturato le giuste conoscenze si pu passare ad altro. Cos si rinnova anche il linguaggio televisivo. In Italia succede lopposto, a fare la televisione sono i vecchi registi, magari frustati, che spesso donano il peggio delle loro possibilit. Qual il sogno che vorresti realizzare, cosa speri per il tuo futuro?

246

Mi piacerebbe che ogni quartiere avesse il suo cinema, e spero solo che non finisca la pellicola.

E se poi te ne penti?
gioved 21 luglio 2011 Chiara

Non hai mai pensato a un tatuaggetto? Recita cos La follia della donna325 , una delle celebri perle di Elio e le Storie Tese. Il problema rimane sempre quello. Cosa faccio se con il tempo comincio a pentirmene e non mi piace pi? Ci ha pensato una startup di Brooklyn a risolvere il tutto. Tattly326 vende online tatuaggi rimovibili, ma dal design accattivante, progettati da celebri maestri dellillustrazione, a prezzi modici.

325 http://www.youtube.com/watch?v=bXTdaWlCY9o 326 http://tatt.ly

247

Lidea nasce da Tina a.k.a swissmiss327 blogger con la passione per il design e la visual art, che dopo lapplicazione di numerosissimi e ammettiamolo bruttini tatuaggi rimovibili sulla pelle della figlia, hai deciso di prendere in mano la situazione. Ed nato Tattly, progettato per i pi piccoli, ma pronto ad appassionare anche i pi grandi, con i colori a tinte fluo e il design indie-geek.

Raw Raw edizioni:miscellanee di hand made e fotografia indipendente


venerd 22 luglio 2011 Chiara

327 http://www.swiss-miss.com/

248

Subculture di genere e panorama underground degli anni 40 e 50 del 900, diedero vita alle fanzine328 ,termine inglese che nasce dalla contrazione di fan e magazine, e si riferisce a quel tipo di riviste amatoriali rivolte ad appassionati di un determinato genere o fenomeno culturale. Con il loro stile ricercato, ma popolare, i costi ridottissimi e la facile riproducibilit, le fanzine rappresentarono a lungo il modo migliore per veicolare contenuti e sottogeneri che altrimenti non avrebbero trovato posto altrove.

Raw Raw edizioni329 un esperimento strano e un po folle in genere e stile, che prova a dare nuova vita agli aspiranti fanziniani degli anni duemila. La home page del sito, immersa nel pi totale minimalismo di un rigoroso b&n, apre le porte a illustrazioni e fotografie veramente di nicchia sia per lo stile dellimpaginazione che per i generi trattati.

328 http://it.wikipedia.org/wiki/Fanzine 329 http://rawraw.it/

249

Bolscevico330 una fanzina dedicata allestremismo contadino, quando il contadino lo metti davanti al pc, un viaggio allinterno di un bar cinese alle 4 di notte quando arrivano gli spifferi dalla porta, e crede in unorganizzazione gerarchica del partito fortemente centralizzata che ha lo scopo di rovesciare lo Zar e di conquistare il potere. (cit. DEMENTED URANIA aka Stefano Sarino)

Rainforest331 un incontro irregolare in diversi luoghi di Roma. Suoni strani e distorti dal post noise al punk new age, alla freak psichedelia: ton330 http://rawraw.it/bolscevico.html 331 http://rawraw.it/rainforest8.html

250

nellate di pedali, la gente che urla nei microfoni, riti pagani, ulcere intestinali Ogni evento legato una fanzine a tiratura limitata dalla band che si esibir quella notte. Il nome della rivista , naturalmente, foresta pluviale (cit. Valerio Mattioli)

Miscellane di ogni tipo dai tratti arrabiati, caotici, al primo sguardo un po infantili, hand made, divertenti, ma incredibilmente sinceri, perch il fascino della carta indipendente, anche ai tempi del web, non pu avere fine.

251

Derive psicogeografiche on the road


luned 25 luglio 2011 Chiara

On the road332 un progetto di fotogiornalismo diAlberto Bolzonetti333 (fotografo e visual designer) che indaga lo spazio che ci circonda da un altro punto di vista: lo scenario che rientra perfettamente nelle misure del finestrino aperto della nostra auto.

=network&utm_medium=project_sidebar&utm_campaign= project_sidebar_references 333 http://bolznet.altervista.org/


332 http://www.behance.net/albertobolzonetti?utm_source

252

Un modo in pi per sentire il vento in faccia e perdersi nel viaggio scattando immagini, intrappolando luoghi, momenti, sensazioni, vagabondando un po alla scoperta del territorio italiano, ma senza filtri o giudizi di sorta. Spazi industriali, campi, pompe di benzina, fabbriche in disuso, e come unico elemento umano altre vetture che per un momento affiancano la nostra, anchesse coi finestrini abbassati quasi a riportarci per qualche attimo nel mondo dellaltro, ma senza invadenza.

Questo viaggio fotografico come una psicogeografia334 indaga il naufragare


334 http://www.wikiartpedia.org/index.php?title=

Psicogeografia

253

dellanimo umano in una esplorazione priva di intenti, se non quello di entrare in relazione con i propri comportamenti interiori, dentro le maglie del tessuto urbano ed extraurbano che a volte sembra somigliarsi pi di quanto sospettiamo, nonostante vaghiamo da tempo da regione a regione.

Una deriva nello spazio che ci circonda, senza meta e senza orario, ma percorsa con lo sguardo di chi osserva il territorio per la prima volta, quando lo spazio diventa un insieme unitario e locchio libero di lasciarsi attrarre dai particolari.

254

Il tutto circola liberamente sul network Behance335 , dove tutti possono condividere il proprio portfolio creativo in rete contro le inefficienze e la disorganizzazione della burocrazia che ostacola spesso le nostre libert espressive oggi. Internet ancora una volta il Mezzo, noi dobbiamo continuare ad essere il Metodo di azione per diffondere le nostre idee e per farle divenire reali.

Megunica : lincredibile viaggio di BLU in Sud America


marted 26 luglio 2011 Chiara

Chi BLU336 ? Uno dei pi importanti street artist italiani del nostro tempo. Non troppi anni fa divenne famoso per i suoi enormi (e illegali) disegni sui muri di Bologna, figure pi o meno umane dai connotati sarcastici e drammatici che reinterpretano e reinventano lo spazio pubblico di alcune tra le maggiori citt italiane e del mondo.

335 http://www.behance.net/ 336 http://www.blublu.org/

255

I suoi lavori sono una perfetta sintesi di disegni artigianali e programmazione informatica, vocabolario pop ed elementi surrealistici, senza mai svincolarsi dal contesto urbano in cui si trovano, anzi in cui si fondono, in un perfetto dialogo con le superfici del luogo che li ospita.

Lorenzo Fonda un acclamato filmmaker di origini italiane, che dopo aver abbandonato il suo skate a Los Angeles, comincia a lavorare per una delle maggiori case di produzione al mondo: lingelse Warp Films337 .

337 http://warp.net/films

256

Tutti i Walls sono stati selezionati da: http://www.megunica.org/walls.php Megunica338 la storia del loro incontro e del loro cammino che attraversa i caldi muri del Sud America, in Messico, Nicaragua, Guatemala, Costa Rica e Argentina. Un viaggio incredibile ripreso con un sapiente tocco registico che mescola stili e generi diversi: dalla grafica, allanimazione, agli effetti digitali. E che prova a scrutare, ma senza andare troppo a fondo, lopera di uno degli artisti pi straordinari e misteriosi dellItalia di oggi. Muto una delle sue prime produzioni video, divenuto in breve tempo pietra miliare di YouTube ne la prova. Guardare per credere.

338 http://www.megunica.org/

257

Se il feltro prende vita e di mezzo c Spike Jonze


gioved 28 luglio 2011 Chiara

Un nuova moda un po radical chic comincia a diffondersi tra le star di Hollywood, che attraversano il red carpet con il loro libro preferito tra le mani sottoforma di borsetta, tra le vittime Nathalie Portman che alla prima di Black Swan sfoggia con eleganza un Lolita di NaboKov vecchia edizione.

La designer di questo accessorio per vere intellettuali alla moda Olympia Le-Tan339 e dalla sua unione creativa con il celebre regista Spike Jon339 http://www.olympialetan.com/collections.cfm

258

ze340 (ci ha donato i fantastici: Essere Jhon Malcovic, Il ladro di orchidee, e lultima e delicatissima storia per bambini un po cresciuti Nel paese delle creature selvagge) nasce un cortometraggio animato presentato allultimo festival di Cannes dal titolo Mourir Auprs de Toi che in uno stile gotico e un po naif racconta la storia dei due protagonisti: uno scheletrino in feltro scappato dal Macbeth di Shakespeare e la Mina fuggita dal Dracula di Bram Stoker.

Due vite si intrecciano tra gli scaffali di una polverosa libreria in una storia damore fatta di fili leggerei e feltro colorato.

Ecco un piccolo assaggio del making off del corto, di cui co-autore anche Simon Cahn, tra hand made, illustrazioni, tanta carta stampata e la passione per le buone letture:
340 http://it.wikipedia.org/wiki/Spike_Jonze

259

Making Mourir Auprs De Toi341 from simon cahn342 on Vimeo343 .

Filmmaker indipendenti per veri colossal fatti in casa


luned 1 agosto 2011 Chiara

Nuove tecnologie intervengono per sostenere e incoraggiare le produzioni creative di giovani filmmaker indipendenti.
341 http://vimeo.com/21352791 342 http://vimeo.com/user819788 343 http://vimeo.com

260

Il nuovo software di video editing Magic Bullet Suite 11 dellaRed Giant344 (nota societ americana), mostra come delle riprese a basso costo posso essere trasformate in veri e propri film per il grande schermo. Il protagonista del video di presentazione del prodotto, in un annoiato pomeriggio trascorso davanti al computer, decide di fare un acquisto quantomeno originale e ordina un plot device ossia un dispositivo trama che per mezzo di un grande pulsante rosso, di volta in volta lo trascina in situazioni cinematografiche diverse.

Cos da protagonista iniziale dellinnocua scena di un film romantico, dove viene raggiunto da una sposa innamorata, si ritrova nel bel mezzo di una sparatoria poliziesca, vittima di un gruppo di zombie inferociti e assetati di sangue umano,

344 http://www.redgiantsoftware.com/

261

e perfino a bloccare, come un vero e proprio eroe dei fumetti, la minaccia di incontri ravvicinati del terzo tipo, segnata dallarrivo di unastronave degna delle pi attuali trasposizioni aliene del mondo dellaudiovisivo.

Insomma con lavvento del digitale, nessuna scusa buona per non fare cinema.

Plot Device345 from Red Giant346 on Vimeo347 .

345 http://vimeo.com/24320919 346 http://vimeo.com/redgiant 347 http://vimeo.com

262

Con Radio Vertigo tutta unaltra musica


marted 2 agosto 2011 Chiara

Cosa succede se un gruppo di giovani videomaker decide di mettere online una web series completamente autoprodotta (per ora) con lo stile, la musica, e il tocco registico che piace a loro?

263

Succede che, quello che fino ad allora era stato solo un sogno, comincia a materializzarsi. Grazie allaiuto del web e delle tecnologie digitali, lepisodio zero di Radio Vertigo online per tutti noi su loro canale YouTube 348 e sulla loro pagina facebook349 La Storia: Lultimo piano di una vecchia palazzina ospita una radio fatta in casa (e diciamolo un po sfigata), gestita da studenti universitari che hanno in testa un unico obbiettivo: quello di mandare in onda solo la musica che piace a loro, fuori dai circuiti commerciali, e senza tanto badare ai cantanti in voga, seguendo lo stile delle vecchie radio pirata anni 70.

348 http://www.youtube.com/user/RadioVertigoLaSerie#p/u/0/

TuEEt-flyjI 349 http://www.facebook.com/radiovertigolaserie

264

Priva di sponsor noti e con pochissimi ascolti Radio Vertigo sembra destinata a chiudere i battenti.

265

Ma ecco che arriva lilluminazione, il colpo di genio, la trovata da super eroe: rapire il cantante sudamericano pi in voga del momento Jhon that is cool (per cui stata pensata una vera hit ad hoc, destinata a diventare il tormentone dellestate) che si trova per un concerto nella capitale, e farlo intervistare dai presentatori per ottenere un boom dascolti dellultimo minuto.

Ma tutto destinato a cambiare quando Loro di stile ne hanno parecchio, la grinta ce lhanno messa tutta, e adesso spetta solo al giudizio popolare, voi cosa ne dite?

266

Gente da spiaggia
gioved 4 agosto 2011 Chiara

Cari lettori, anche per Cineamazine giunta la calda ora di andare in vacanza. Tra ombrelloni, creme solari, pranzi in spiaggia, buone letture, festival da esplorare in giro per lEuropa, camper e campeggi per i veri amanti della na-

267

tura, e mete pi o meno esotiche dove trascorrere le nostre tanto desiderate e attese ferie, liberi da tutto almeno per un po.

A scrutare con il suo obbiettivo i riti da spiaggia ci ha pensato la fotografa spagnola Lucia Herrero350 con il reportage Tribes che verr presentato ad ottobre a Roma durante il festival fotoleggendo351 . Una ricerca quasi antropologica e senza tempo per le coste della penisola iberica, ma fatta di unantropologia fantastica, come la definisce la fotografa, che da situazioni apparentemente banali riesce a ricreare in ogni fotogramma una teatralit quasi artistica.

350 http://www.luciaherrero.com/ 351 http://www.fotoleggendo.it/

268

Ogni immagine infatti conserva un che di surreale in una composizione di colori, ombre e gerarchie.

La luce innaturale del flash in contrasto con quella naturale della spiaggia crea un effetto plastico e altezzoso che da quasi vigore ed energia alle persone ritratte, facendole sentire protagoniste, al centro della scena.

E quindi arrivato il momento di andare, anche se Cineama sar pronto ad accogliervi durante questi giorni di vacanza, ci fermeremo infatti solamente con il magazine, in attesa di tornare con nuove chicche dal web da scovare e condividere. Non mi resta altro che augurarvi:

269

Happy summer hollyday! Buenas vacaciones! Bonnes vacances! Insomma a presto Cineamatori!

Street art Lovers


luned 29 agosto 2011 Chiara

Per tutti i Cineamatori ancora in vacanza e per quelli che si sono gi immersi nel torrido caldo delle metropoli, Cineama propone un assaggio delle migliori selezioni darte di strada per evadere dal logorio della vita urbana e continuare a regalarsi piccoli momenti di sana estasi creativa full color in grado di ridefinire e rileggere lo spazio che abitiamo ed esploriamo ogni giorno in modo diverso, libero e partecipativo. Street art utopia352 seleziona e ripropone le opere di artisti che stanno rivoluzionando il nostro modo di vivere le metropoli, con piccoli e grandi
352 http://www.streetartutopia.com/

270

cambiamenti di un tessuto in evoluzione che trasformiamo con i nostri passi e il nostro vissuto continuamente, in una vera e propria guerrilla urbana in nome dellarte.

Il focus su Yarn Boming353 la nuova street-art alluncinetto che nasce nelle strade di Minneapolis. Lidea arriva a seguito di unincursione notturna e un arresto. Ma lartista in questione non si arrende e decide di sfruttare in maniera legale gli insegnamenti della nonna. Ed ecco che ricopre la citt di cotone colorato con i fili dei gomitoli che legano artisticamente segnaletica stradale, cabine telefoniche e altri oggetti urbani.

353 http://www.streetartutopia.com/?p=3554

271

Cos nasce HOTTEA e lo Yarn Bombing Movement: Il progetto HOTTEA interpreta e raffigura le somiglianze e le differenze di tutti noi. Ho voluto basare il progetto sulla concezione di crescita ed evoluzione. Siamo sempre in crescita come persone e le dinamiche tra persone danno infinite possibilit.

272

In attesa che il movimento arrivi anche in Italia non ci resta che iniziare ad esercitarci o quantomeno a fare tesoro dei consigli di nonna.

WILDLIFE354 from Hot Tea355 on Vimeo356 .

Cineama changelog
mercoled 31 agosto 2011 irene

Ogni estate c sempre qualche demografo che ci illumina sulla progressiva mutazione degli italici costumi vacanzieri: vuoi per la crisi, vuoi per la maggiore flessibilit (cos si dice) delle posizioni contrattuali, vuoi per linarrestabile decadenza del secondo settore, pare che ad agosto buona parte dello stivale sia rimasto a casa. Se questo trend confermato, allora Cineama ci sembrata unafosa citt anni 60, in cui si vede lasfalto riflesso nello strato di vapore sovrastante e lo sferragliare rarefatto del tram si sfrange contro una sostanza densa, ferma, soporifera che riempie dal di dentro la leggendaria cappa agostana.
354 http://vimeo.com/25815512 355 http://vimeo.com/user4805654 356 http://vimeo.com

273

Guardate un po che diaspora: bravi!!

Mentre quindi nellallegra community di cineamatori si consumava un cerimoniale estivo daltri tempi, noi che vogliamo fare i moderni qui al nord abbiamo continuato a presidiare il cantiere di sviluppo: stiamo lavorando a migliorare la piattaforma esistente e a costruire la nuova ala dellarchitettura che permetter di condividere dei progetti cinematografici. Gli interventi migliorativi e il cosiddetto bug-fixing sono chiamati in gergo changelog357 . Un changelog, per essere precisi, un registro che rimane sempre aperto nella vita di un progetto web come Cineama e contiene traccia dei cambiamenti intervenuti siano essi rimozione di errori o introduzione di nuove funzionalit. Durante tutto agosto abbiamo scritto una lunga pagina di questo registro e luned sera, finalmente e con una breve interruzione di servizio di cui pochi di voi si saranno accorti (dite la verit!), labbiamo girata: abbiamo riversato tutti gli interventi confezionati in un server-officina separato sulla piattaforma come la vedete voi. Una piccola antologia dei principali cambiamenti: 1. Abilitati avvisi per tutti gli utenti: adesso se la nostra community manager ha un avviso da diffondere a tutti, questo comparir come un banner temporaneo sul vostro activity stream. Una volta preso nota, lo potete chiudere con un click.

357 http://en.wikipedia.org/wiki/Changelog

274

2. Nuovo vestito per la pagina di login: pochi lo useranno, essendoci la possibilit del login dalla home page ed essendo il login unattivit poco frequente, ma per chi volesse loggarsi da apposita pagina, abbiamo rivestito il modulo che prima appariva con il classico formato workpress. Guardate che carino:

3. # per i laboratori: non mi dilungo a riguardo poich Federico stato esaustivo in questaltro post358 , a cui vi rimando calorosamente. La novit che il riferimento # confezionato automaticamente dal sistema non appena si fonda un laboratorio, ben visibile di fianco al nome e compare ogni volta che si decida di comunicare con riferimento a quel gruppo o pi gruppi un contenuto ricorrendo alla funzione hash vicino lavatar del laboratorio stesso. Il funzionamento uguale agli hash per Twitter359 , con cui in futuro la piattaforma si integrer.
358 http://cineamabeta.com/cineamazine/2011/06/13/gli-hashtag

-e-i-reply-in-cineama/ 359 http://twitter.com/

275

4. Un volto pi umano a chi non ce lha: sono cos belle le vostro foto di profilo, guardatele tutte assieme dalla home page360 ! E un peccato non condividere la propria! Abbiamo comunque deciso di essere buoni con i pi timidi: allinizio lavatar di sistema era un mostriciattolo, rimpiazzato in seguito con una trama geometrica, e, adesso, con un mite faccino capelluto. Non prendetela come una scusa, siete sempre pi belli dal vero

5. Admin bar ripulita da link fantasma e integrata con avatar utente: dovevamo correggere un bug e abbiamo colto lopportunit per impreziosirla.

360 http://www.cineamabeta.com

276

6. Aiuto!? Abbiamo introdotto una nuova iconcina che useremo per collegare alcuni elementi della piattaforma a delle pagine che forniscono indicazioni utili allutilizzo.

Siamo inoltre intervenuti su alcuni tra i pi spiacevoli bug, per i quali sempre ci scusiamo e che potrebbero aver importunato la vostra esperienza su Cineama. Per esempio: - la risposta agli status dava dei problemi su alcuni browsers e per alcune tipologie di utenti: adesso funziona sempre; - la modifica delle informazioni essenziali sul profilo non d pi errore; - il cambio avatar dei laboratori adesso risponde bene; - sono state introdotte funzioni di rich editing nei principali campi testuali del CV e della biografia e i vari problemi di allineamento che talvolta insorgevano sono stati risolti. Prendete una nota mentale: il registro di changelog sempre aperto perch fino a quando ci saranno nuove funzionalit ci saranno anche nuovi bug su cui intervenire e poich ad ogni aggiornamento c sempre quel fatidico qualcosa che prima funzionava perfettamente e poi non funziona pi (sigh!). Quindi non esitate a segnalare e segnalare i problemi che incontrate, siamo qui per questo!

277

Se anche Hollywood scopre il Social Cinema


venerd 2 settembre 2011 Chiara

Flickme361 il nuovo pay-per-stream sociale, protagonista neutro e indipendente dalle major della sempre pi affollata scena di distruzione sperimentale proposta sul web. La sede ha base in California, il fondatore Mitch Galbraith362 , ex direttore generale diFunny or Die363 , leader tra i videoportali comici, ed ha allattivo uno staff di 15 persone, finanziato da Sequoia Capital364 , uno dei pi noti fondi dinvestimento finanziario al mondo.

361 http://flickme.com/ 362 http://www.linkedin.com/in/mitchgalbraith 363 http://it.wikipedia.org/wiki/Funny_or_Die 364 http://www.sequoiacap.com/

278

Ma cosa offre Flickme di cos diverso rispetto gli altri servizi di pay streaming? 1. Una grane libert di scelta e autonomia dazione: il vantaggio sta infatti nel non proporre un abbonamento mensile, ma un men cinefilo a la carte, con pi di 1.000 lungometraggi tratti dalle library Warner e Sony. 2. Un indissolubile legame con Facebook, stimolato da una serie di funzioni volte ad enfatizzare laspetto social della visione. Infatti l imperativo per garantire la diffusione e la funzionalit del servizio lirrinunciabile Connect with facebook. Gli invidiabili prezzi proposti, ad esempio, si basano sul concetto di sharing degli sconti: chi consiglia il film gi visto ad un amico su facebook lo paga la met (1,50 dollari invece di 3-4 dolari)! Alle campagne di marketing virale sul web che precedono e creano buzz intorno le novit cinematografiche in uscita, un nuovo modo di consumare cinema, attraverso i social network, pronto a rendere la visione una vera e propria esperienza collettiva e totalizzante, su cui discutere e cinguettare tramite la Rete. Per poter consumare proprio tutto: men sceltissimi e materiale dannata o la vecchia formula all-you-can-eat a costo fisso, durante tutte le ore del giorno e della notte. Flickme rappresenta una perfetta combinazione tra lindustria cinematografica hollywoodiana, linternet culture e il potere dei social network. I film on line sicuramente non offriranno la magia della sala, dove la dimensione temporale spesso scandita dal chiacchiericcio di una folla inferocita che divora pop corn, ma incredibile vedere come lesperienza della visione digitale sta sempre pi perdendo la dimensione personale, favorendo lelemento sociale, condiviso e collettivo.

279

Una separazione: distribuzione 2.0. Porta il film nella tua citt


luned 5 settembre 2011 Chiara

Cineama tornato dalle vacanze con una sorpresa per tutti! In accordo con la Sacher Distribuzione365 di Nanni Moretti il team di Cineama collabora alla distribuzione de Una separazione366 , il bellissimo film Orso dOro a Berlino del regista iraniano Asghar Farhadi. Lobiettivo quello di prolungare la permanenza del film nelle sale italiane attraverso il coinvolgimento diretto e attivo dei Cineamatori367 e degli spettatori. Vogliamo garantire una visione del film pi capillare, in grado di raggiungere quelle province italiane in cui il cinema dautore non riesce a trovare
365 http://www.sacherfilm.eu/ 366 http://cineamabeta.com/cineamatori/unaseparazione/ 367 http://cineamabeta.com/cineamatori/

280

uno spazio adeguato pur essendo presente un numeroso pubblico di qualit. Sacher e Cineama368 hanno scelto di valorizzare la distribuzione tradizionale attraverso lutilizzo del web, dei social media e della piattaforma stessa. Il meccanismo semplice: ti registri su Cineama369 , se ancora non lo hai fatto, e diventi amico de Una Separazione370 attraverso il plugin arancione in homepage o nellapagina profilo del film371 . Diventando amici de Una separazione esprimi automaticamente il desiderio di vedere il film. Per indicare la citt in cui vuoi vedere Una separazione non devi fare altro che inserire la citt prescelta allinterno del plugin372 oppure compilare la tua pagina su Cineama, fornendo la tua posizione geografica nelle info del profilo. Una volta ricevuta la tua richiesta Cineama individuer la sala disponibile pi vicina alla tua posizione geografica. Ti ricontatteremo quindi al pi presto, allindirizzo e-mail associato alla tua registrazione, per confermarti la prenotazione e darti tutti i riferimenti utili per procedere allacquisto del biglietto e recarti in sala a vedere il film. Non dimenticare di coinvolgere i tuoi amici e altri futuri-spettatori con cui condividere la visione del film nella tua zona di residenza poich per organizzare una proiezione necessario un numero minimo di spettatori! P.s. Aspettiamo il tuo parere sia sul progetto che sul plugin che il nostro team ha sviluppato. Grazie Cineamatore!

-cineama/ 369 http://cineamabeta.com/wp-login.php?redirect_to=http%3A%2 F%2Fcineamabeta.com 370 http://cineamabeta.com/cineamatori/unaseparazione/ 371 http://cineamabeta.com/cineamatori/unaseparazione/ 372 http://cineamabeta.com/cineamatori/unaseparazione/
368 http://cineamabeta.com/cineamazine/2011/06/17/il-progetto

281

Una separazione. Distribuzione 2.0. Istruzioni per luso


gioved 8 settembre 2011 Chiara

Benvenuto nel servizio di proiezione su richiesta di Cineama. Per prenotare la proiezione di Una Separazione nella tua citt dovrai seguire questi semplici passi: REGISTRATI373 (se ancora non lo hai fatto) o accertati di essere loggato (inserisci, in caso contrario, i tuoi dati nel form in home page oppure utilizza il facebook connect ) DIVENTA AMICO DEL FILM374 (lo puoi fare utilizzando il FORM arancione a forma di biglietto in homepage, oppure visitando la pagina profilo del film) Inviaci la richiesta di proiezione nella tua citt compilando lo spazio nel FORM. Puoi darci (o correggere) questa indicazione anche dalla tua pagina profilo, sezione Interessi. Una volta ricevuta la tua richiesta Cineama individuer la sala disponibile pi vicina alla tua posizione geografica. Ti ricontatteremo quindi al pi presto, allindirizzo e-mail associato alla tua registrazione, per confermarti la prenotazione e darti tutti i riferimenti utili per procedere allacquisto del biglietto e recarti in sala a vedere il film prescelto. Ricordati che per portare il film in sala necessario un numero minimo di persone. Attiva quindi il passaparola tra i tuoi amici e condividi con loro la possibilit di portare il film nella tua citt. Infinebuona visione!
373 http://cineamabeta.com/register 374 http://cineamabeta.com/cineamatori/unaseparazione

282

Quando il film diventa riciclabile


marted 13 settembre 2011 Chiara

Film Biz Recycling375 unassociazione no-profit che crea soluzioni socialmente responsabili ed ecosotenibili a partire dai rifiuti dellindustria dei mass media. Lo scopo dellassociazione infatti proprio quello di creare e promuovere delle relazioni con i decision- makers di cinema, teatro e televisioni commerciali per garantire il ri-uso dei materiali utilizzati e quindi una pi lunga durata. Il suo PROP SHOP376 uninteressante vetrina pronta a ricevere tutto il materiale in disuso che proviene dallindustria dellintrattenimento, e ce n per tutti i gusti: segnali stradali, vecchie radio depoca, luci e mobili dallo stile retr, perfino una sedia elettrica per i compratori pi originali ed esigenti! Il Film Biz Recycling ha la sua sede in un magazzino di 10.000 mq a Brooklyn e oltre a sensibilizzare riguardo la causa del riciclaggio, crea e offre numerosi posti di lavoro nel settore dellecosostenibilit. Il suo programma prevede diverse iniziative educative: Seminari sul riuso creativo dei materiali Corsi per diventare manager ecosostenibili
375 http://www.filmbizrecycling.org/ 376 http://www.filmbizrecycling.org/shop

283

E inoltre lopportunit per gli studenti di effettuare stage per la produzione di media, design del prodotto e belle arti Inoltre FBR anche: Una short-list dove vengono segnalati tutti i progetti di produzione creativa per poter essere poi consultati e riproposti Un pubblico spazio dincontro per realt locali e singoli individui Un fornitore gratuito per uffici e piccole imprese Uno spazio espositivo interno che ospita le creazioni di artisti emergenti sul tema del re-cycling Sembra unottima idea non trovate?! Perch non proporre uno shop che riutilizza i materiali dellindustria dellintrattenimento per dar vita a nuove soluzioni creative anche in Italia? In fondo pensare e agire eco non costa nulla!

284

Chi sono i nuovi Cineamatori? Il fuoco sui filmmakers!


mercoled 14 settembre 2011 Chiara

Vi proponiamo una selezione doc dei filmmakers iscritti a Cineama. Cercate collaborazioni nella vostra citt, o qualche abile conoscitore delle pi svariate tecniche registiche? Cosa aspettare a dare unocchiata ai loro profili?! Luigi Montebello @luix90, regista- sceneggiatore: 377

377 http://cineamabeta.com/cineamatori/luix90/profile/

285

Ha 21 anni (ma un curriculum che vanta molte esperienze, soprattutto nellambito della fotografia, analogica e digitale), e studia Arti e Scienze dello Spettacolo (indirizzo cinema) alluniversit La Sapienza di Roma. Appassionato di cinema, musica, fotografia e poesia, predilige lidea di miscelare queste arti, la commistione dei generi e la sperimentazione. Tra i registi preferiti: Fellini, Kubrick, Antonioni, Lynch. Ama ogni inquadratura, purch susciti unemozione. Flavia Cantini @flavia3, aspirante regista: 378

378 http://cineamabeta.com/cineamatori/flavia3/profile/

286

Prigione di silenzio379 from Flavia Cantini380 on Vimeo381 . Il suo sogno quello dentrare a far parte del mondo dellaudiovisivo, e per realizzarlo studia regia alla Scuola dArte Cinematografica di Genova, grazie alla quale ha diretto i suoi due primi cortometraggi: Il filo di Arianna e Prigione di silenzio. anche unappassionata scrittrice fantasy, nel 2011 pubblica il suo romanzo (primo di una trilogia) Notti senza luna, e se volete dare uno sguardo in anteprima, questo il link al suo blog: http://flaviascrittrice.blogspot. com/ I registi preferiti sono Sergio Leone e James Cameron. Il genere? Fantasy ovviamente. Marioandrea Barbantini @mizukovideo, regista-montatore382 :

379 http://vimeo.com/28206924 380 http://vimeo.com/user8268245 381 http://vimeo.com 382 http://cineamabeta.com/cineamatori/mizukovideo/profile/

287

Appassionato del genere horror-pulp, tra i registi preferiti non possono mancare Romero e Tarantino. Si racconta in 3 parole: fotogramma, attimo, delirio. Il suo canale youtube Mizukovideo383 ospita i lavori per cui ha ricevuto diversi riconoscimenti, come il premio del pubblico al film trash festival di Torino nel 1998 con il corto Zombie Mastication e lultima fatica, il lungometraggio Pugni chiusi. Le sue competenze? Compositing, editing, visual effect. Ma la gallery su Cineama parla da s. Continuate a seguirci, parleremo presto di altri cineamatori con competenze diverse e nuove creazioni!

383 http://www.youtube.com/mizukovideo

288

Cineama, oggi.
luned 19 settembre 2011 Chiara

Cari Cineamatori, vorremmo aggiornarvi sullo stato dei lavori allinterno del sito: oggi Cineama prima di tutto una community384 , una factory aperta e libera, che aspira a riunire al suo interno addetti ai lavori, curiosi e appassionati uniti dallamore per il Cinema. Il primo passo da fare quindi quello di iscriversi 385 e compilare il proprio profilo, inserendo unimmagine personale e tutte le informazioni (professionali e non) che occorrono per farsi conoscere e apprezzare allinterno

384 http://cineamabeta.com/cineamatori/ 385 http://cineamabeta.com/wp-login.php?redirect_to=http%3A%2

F%2Fcineamabeta.com

289

della community. A questo link386 troverete tutte le indicazionii necessarie per farlo e organizzare al meglio la vostra attivit su Cineama. Come abbiamo detto tempo fa nel post Community Style387 immaginiamo la nostra comunit come uno spazio libero dove poter conversare, confrontarsi, chiedere consigli a professionisti ed esperti del cinema, cercare eventuali collaborazioni, realizzare un progetto, e perch no..formare online la propria squadra, in uno spazio che crei un confronto trasparente, anche se libero e senza troppe regole, in unatmosfera onesta e collaborativa, che pu realizzarsi soltanto grazie al contributo di tutti i Cinematori. Alcuni dei nostri cineamatori si sono gi attivati per fornire il loro contributo: Davide Potente 388 nel suo lab Teoria del ritardo389 parla di un protagonista che in costante ritardo su tutto. trover il modo di sentirsi al posto giusto e al momento giusto a prescindere dallo spazio e dal tempo? Nel frattempo aspetta critiche, consigli e qualcuno interessato a realizzare quest idea. Tania Innamorati 390 sogna di far diventare il suo Zombie Republic 391 un cortometraggio e nel frattempo ha gi trovato Davide Manca392 , un promettente direttore della fotografia pronta ad aiutarla in questimpresa. Raffaele Carro393 con La Panchina 394 sta realizzando il suo corto, donandoci giorno per giorno piccoli attimi che come in un diario di produzione che si rispetti, ci aggiornano sullo sviluppo del suo progetto con foto, video e dettagli delle riprese sul set.

proprio-profilo/ 387 http://cineamabeta.com/cineamazine/2011/05/16/community- style/ 388 http://cineamabeta.com/cineamatori/davide/ 389 http://cineamabeta.com/groups/teoria-del-ritardo/ 390 http://cineamabeta.com/cineamatori/tania/ 391 http://cineamabeta.com/groups/zombie-republic-un- cortometraggio-in-fieri/ 392 http://cineamabeta.com/cineamatori/davidemancadop/ 393 http://cineamabeta.com/cineamatori/produzioniamenic/ 394 http://cineamabeta.com/groups/la-panchinacortometraggio/
386 http://cineamabeta.com/questions/come-compilare-il-

290

Raphael Tassindemontaigu395 cerca attori e professionalit per Dentro&Fuori396 la storia di un uomo sopravvissuto al terremoto dellAquila, e come sound designer si gi proposto Stefano Raffa397 , un musicista che adora scrivere per immagini. Stefano Mutolo398 con il Mestiere del Produttore 399 ha aperto una discussione su come si diventa produttori cinematografici in Italia, e cerca spunti ed idee sul giusto modello di business e su come si possa fare del buon cinema mantenendo unattivit economica stabile. Aspettiamo anche i vostri progetti e le vostre idee! Le altre sezioni attive allinterno del sito sono: D&R400 (domande e risposte) dove potete trovare tutte le spiegazioni relative ai dubbi e alle curiosit sulla piattaforma e perch no, proporne di nuove. Cineamazine401 la nostra gazzetta ufficiale su ci che accade allinterno della community e nel mondo dellopen cinema. i Laboratori 402 dovete potete iniziare a sperimentare, collaborare, progettare lopen cinema, inserendo i vostri progetti e cercando consigli, collaborazioni e professionalit per realizzarli, ma anche semplicemente aprendo gruppi di discussione sulle nuove tecnologie digitali e low budget, o dando visibilit e promuovendo eventi sul vostro territorio. E ultimo ma non meno importante il servizio di proiezioni su richiesta tramite il quale potrete prenotare la proiezione del film Una se-

tassindemontaigu/ 396 http://cineamabeta.com/groups/corto-a-torino/ 397 http://cineamabeta.com/cineamatori/stefano.raffa/ 398 http://cineamabeta.com/cineamatori/stefano.mutolo/ 399 http://cineamabeta.com/groups/il-mestiere-del-produttore/ 400 http://cineamabeta.com/questions/ 401 http://cineamabeta.com/cineamazine/ 402 http://cineamabeta.com/laboratori/
395 http://cineamabeta.com/cineamatori/raphael.

291

parazione403 nella vostra citt seguendo alcune semplici istruzioni per luso404 . Per quanto riguarda lapertura della pagina PROGETTI, Cineama partir presto con alcuni progetti-pilota che si immoleranno per la nobile causa di verificare le possibilit e le funzionalit offerte dalla piattaforma. Dopo questa prima fase (che dovrebbe concludersi tra un mese circa) tutti i Cineamatori potranno postare i propri lavori e tastarne lenergia creativa allinterno della community. Vi aspettiamo attivissimi, propositivi e pronti allesplorazione! Stay tuned!

Lultimo Terrestre: unintervista ad Anna Bellato, attrice extra-ordinaria


venerd 23 settembre 2011 Chiara

403 http://cineamabeta.com/cineamatori/unaseparazione/profile

/ 404 http://cineamabeta.com/cineamazine/2011/09/08/una- separazione-distribuzione-2-0-istruzioni-per-luso/

292

Vi avevamo gi parlato di Gianni Pacinott405 i406 (in arte Gipi) realizzatore di fumetti e graphic novel, che stavolta lascia la penna per dedicarsi alla macchina da presa, con il suo primo lungometraggio: Lultimo terrestre407 reduce del festival di Venezia e in questi giorni nelle sale. Ma abbiamo avuto la fortuna dintervistare lattrice protagonista del film,Anna Bellato408 a cui cogliamo loccasione per fare gli auguri, visti gli ultimi successi che sta riscontrando nel panorama cinematografico italiano: Esordisci nel mondo dello spettacolo come attrice teatrale e dopo arriva il debutto sul grande schermo come attrice protagonista di Terre Rosse di Dennis Dellai, poi ti vediamo nel cast diLascia perdere Jhonny, Figli delle Stelle, Un altro mondo. Com stato il passaggio dal teatro al cinema, cosa rimpiangi delluno o ti aspetti dallaltro? In realt il mio non stato un vero e proprio passaggio, spero di continuare a fare entrambe le cose. Forse le esperienze cinematografiche sono maggiori, anche se lo studio arriva da l teatro. Sono due approcci molto diversi, e diversi sono gli strumenti utilizzati. Per necessit tecniche, da una parte devi rendere la tua recitazione molto pi forte, dallaltra la telecamera decide cosa far vedere allo spettatore. Il cinema pi frammentario, va a singhiozzo. Il teatro ti consegna ogni volta unemozione diversa. Il cinema invece rimane per sempre. Qual stata la tua prima impressione riguardo la sceneggiatura deLUltimo Terrestre, cosa ti ha colpito? Cera una sorta di giudizio universale. Larrivo degli alieni, il senso di giustiza che emanava il mio personaggio. Larrivo di qualcuno in grado di capire cosa bene e cosa male. Nel momento storico in cui stiamo vivendo credo che un messaggio del genere sia necessario. Sento una forte sete di giustizia.
arrivano-gli-alieni-ci-pensa-gipi-con-l%E2%80%99ultimo -terrestre/ 406 http://cineamabeta.com/cineamazine/2011/05/27/e-se- arrivano-gli-alieni-ci-pensa-gipi-con-l%E2%80%99ultimo -terrestre/ 407 http://www.mymovies.it/film/2011/lultimoterrestre/ 408 http://www.movieplayer.it/personaggi/anna-bellato_204463/
405 http://cineamabeta.com/cineamazine/2011/05/27/e-se-

293

Come stato rapportarsi con il regista sul set ? Gianni prima di tutto una persona fantastica, un vero e proprio artista. Ha saputo portare sul set gentilezza e grazia. Sul lavoro ha un immaginario poetico e fantasioso, quasi affine allimmaginazione di un bambino. riuscito a protare un pizzico di magia. La cosa che colpisce nel film la magia che rappresenta la realt. In maniera extra-ordinaria. E con gli attori? Io ho lavorato principalemte con Gabriele Spinelli che si definisce un nonattore. Lui nella vita fa tuttaltro. Ha fatto un lavoro eccezionale essendo, nella vita di tutti i giorni, molto diverso dal personaggio che interpreta. Cosa pensi della strategia virale che ha voluto si trasmettesse sul tg 3 la falsa notizia dellarrivo degli alieni (ndr: si tratta anche di una sequenza interna del film) annunciata dalla giornalista Maria Cuffaro e che in breve tempo ha fatto il giro della Rete catturando lattenzione e i sospetti di molti curiosi? Leffetto stato strano. Alcuni si rendevano conto di ci che stava accadendo, altri lo ritenevano impossibile. Un fatto di questo tipo non pu passare inosservato. Invece viene trasmesso come seconda notizia dopo quella sulla nazionale di calcio. In realt non ci stupiamo pi di niente. Ed proprio quello di cui parla il film: un paese dellEuropa in crisi che non sembra minimamente interessato dallinvasione di nuove forme di vita.

Da poco si concluso il festival del Cinema di Venezia, come ci si sente dopo unesperienza del genere?

294

stato alienante. Come vedere dallesterno qualcuno che ti somiglia fortemente. Noi attori abbiamo visto il film per la prima volta insieme nella sala grande. Lapplauso finale di 15 minuti non lo dimenticher facilmente. Cosa pensi del risultato finale, e quali sono state le reazioni del pubblico? Il film uscito nelle sale con 40 copie. La gente che andata a vederlo rimasta in qualche modo toccata. difficile collocare questo film in un genere. Non un caso che vengano scelti degli alieni con le tipiche caratteristiche morfologiche, per rappresentati attraverso dei pupazzoni giganti! un modo per raccontare una cosa attraverso qualcosaltro. Quello che spero invece che la gente continui a farsi delle domande. Oggi ci sono pochi punti interrogativi e molte risposte. Se solo il pubblico uscisse dalla sala ponendosi degli interrogativi, sarebbe una gran bella vittoria.

45 ore: il tempo che ci vuole per diventare un videomaker!


luned 26 settembre 2011 Chiara

La sfida lanciata dalla seconda edizione del 45 giri film festival409 che si terr dal 14 al 21 ottobre a Bologna.
409 http://www.45girifilm.it/

295

Hai solo 45 ore per organizzare la tua troupe, attendere il sorteggio del brano inedito (scelto tra le migliori realt emergenti in collaborazione con il MEI410 , il meeting degli indipendenti) che ti verr assegnato e iniziare a girare! Dopo il successo del 2009, in cui la posta in gioco per questa vera e propria corsa creativa era la realizzazione del videoclip per il brano Ti sorrido mentre affogo411 di Caparezza, questanno il testimonial di 45girifilm sar Daniele Silvestri e con lui lavorer la troupe vincitrice del contest. Lo scopo delliniziativa quello di valorizzare talenti diversi, creando un legame pi forte tra le nuove produzioni musicali e il mondo dei giovani videomakers indipendenti. Partecipare alla sfida semplice, basta inviare entro le ore 12:00 del 13 ottobre una mail a info@45girifilm.it412 indicando: il nome della troupe, il nome del responsabile della troupe, un indirizzo email e un numero di telefono validi. Liscrizione decisamente low cost (20 euro a troupe) e il numero delle persone che possono formare la squadra illimitato! Levento organizzato dallassociazione culturale Mercan-Zia413 in stretto legame con il Meeting degli indipendenti MEI414 che si occupa della selezione delle band emergenti. E si concluder in una serata finale condotta da David Riondino che avr luogo il 21 ottobre allinterno della Cineteca di Bologna (partners delliniziativa). A giudicare il miglior lavoro sar proprio il cantautore romano Daniele Silvestri che entusiasta delliniziativa ha subito detto di s, ancor prima di sapere i dettagli. Il regolamento completo lo puoi trovare su: www.45girifilm.it . Videomakers indipendenti cosa aspettate allora? Avete 45 ore per mettere alla prova la vostra creativit in una corsa contro il tempo, ma rigorosamente a ritmo di musica!

410 http://www.meiweb.it/ 411 http://www.youtube.com/watch?v=pSeINpVbwYo 412 mailto:info@45girifilm.it 413 http://www.mercanzia.net/ 414 http://www.meiweb.it/

296

297

A Supernatural pic nic


marted 27 settembre 2011 Chiara

FRANCESCO SIMETI Toile 2011 courtesy PHLEGMATICs Lestate agli sgoccioli e comincia a sentirsi nellaria quel frizzante odore di autunno che fa cadere e ingiallire le foglie degli alberi. Anche se il fine settimana potrebbe essere un ottimo giorno per partecipare a un pic nic e salutare la bella stagione. Drome magazine415 annuncia cos il suo numero autunnale, che affronter il tema della Catastrofe e il Museo MAXXI416 di Roma ospiter questo pic nic supernaturale per offrire pace al transito dei sensi, in un momento condiviso di pausa, riparo, convivio, spettacolo, festa, scoperta, stupore.

415 http://www.dromemagazine.com/ 416 http://www.fondazionemaxxi.it/

298

Il pic nic (a cui di certo non pu mancare un panierino pensato appositamente per loccasione) organizzato da PHLEGMATICS417 , lo studio che edita DROME418 permettendogli di uscire dalle sue pagine colorate e incontrare il mondo. E sabato primo ottobre nellincanto di un luogo poetico e temporaneo, un arcipelago di isole verdi e fiori rossi regaleranno ombra di giorno ai visitatori e illumineranno i loro volti verso sera. Il nome dellistallazione WATHAMI, realizzata dallo studio romano stARTT419 e vincitrice della prima edizione italiana del concorso YAP- Young Architects Program, rivolto ai giovani architetti emergenti e nato dalla collaborazione tra il MAXXI e il MoMA/MoMa PS1 di New York.

417 http://www.phlegmatics.com/ 418 http://www.dromemagazine.com/ 419 http://www.startt.it/

299

FRANCESCO SIMETI Scene di disordine e confusione, 2010 Courtesy Francesca Minini, Milano Inoltre a rendere latmosfera pi affascinante e soprannaturale, ci penser lirresistibile fagottino limited ediction (per gli ospiti pi puntuali) realizzato dallartista visivo Francesco Simeti420 , che ha creato per loccasione una texture ad hoc in collaborazione con la maestria della Ditta Bonotto.

420 http://www.francescosimeti.com/

300

FRANCESCO SIMETI Scene di disordine e confusione, 2010 Courtesy Francesca Minini, Milano Scene di disordine e confusione saranno proiettate sulla facciata del MAXII e le note di uno sperimentale dj set vi accompagneranno e inebrieranno fino a sera. Lasciamoci trasportare da questo incanto di fiori colorati, panierini dautore, isole temporaneamente in sospensione e un pizzico di magia.

301

Esperienze migliori da migliori narrazioni


gioved 29 settembre 2011 federico

Scrive Nick Bilton nel suo libro, Io vivo nel futuro421 : Il consumatore della prossima generazione pagher online per esperienze migliori, che spesso scaturiscono da migliori narrazioni. A volte questo assume la forma di una relazione [] si entra in contatto con i propri consumatori e si creano nuove comunit. Il processo di creazione di un film esso stesso una narrazione: avvincente, complessa, piena di risvolti e suggestioni. Fino ad oggi per, era una narrazione chiusa, riservata alle persone che vi lavoravano. Uno degli scopi di Cineama proprio quello di creare una sorta di metanarrazione, un racconto quotidiano e condiviso che parta dallidea (il soggetto o la sceneggiatura), passi per la valutazione e lelaborazione critica da parte della comunit di questo film in fieri e arrivi (ma non si fermi) alla realizzazione di una migliore narrazione, il film. Reso migliore perch il processo, intriso di umanit e complicit, ha permesso di far emergere il meglio dallidea originale, accompagnata, sostenuta e condivisa fin dallorigine

421 http://www.codiceedizioni.it/libri/io-vivo-nel-futuro/

302

Conoscere il grande e duro lavoro che c dietro alla realizzazione di opere di qualit abbatte le barriere emotive tra spettatori (i fruitori dellopera) e professionisti (i realizzatori dellopera), consentendo ai primi non solo di affezionarsi e promuovere quel progetto ma rendendoli pi disponibili a sostenerlo, anche economicamente, attraverso le donazioni prima e il pagamento del biglietto per la sala o del corrispettivo per la visione online poi. Per questo sar necessario che sceneggiatori e registi si impegnino fin dalla creazione e gestione delle loro promote pages (tra poco questa sezione sar visibile per la fase di test): curare i contenuti, la parte grafica, la comunicazione, alimentare la discussione, individuare le professionalit migliori con cui collaborare, accettare il confronto facendo tesoro di suggerimenti e critiche (costruttive). In breve, pretendere qualit da se stessi per poterla utilizzare come linea guida e garanzia verso i cineamatori.

Guida galattica per la compilazione del proprio profilo


luned 3 ottobre 2011 Chiara

Cari Cineamatori ecco alcune semplici indicazioni su come compilare il vostro profilo e acquisire visibilit allinterno della Community.

303

Vi ricordiamo che il profilo su Cineama come una vetrina personale. Inserendo il vostro curriculum vitae, i video, le foto, o la musica che avete realizzato, potrete farvi conoscere allinterno della community, aumentando la possibilit di ricevere proposte e collaborazioni di lavoro, o semplicemente confrontarvi con altri professionisti del settore (o aspiranti tali), condividendo riflessioni e nuove idee. Registratevi seguendo questolink422 e provvedete subito ad arricchire e rendere cool il vostro profilo: In alto sulla homepage di Cineama troverete una barra orizzontale, andate su Mio Account->Profilo->Modifica Profilo. Ci sono 3 sezioni da riempire: ESSENZIALI > Potete inserire la vostra data di nascita (non obbligatoria) e la posizione geografica (anche questa non obbligatoria, ma pu essere utile per trovare collaborazioni nella vostra zona di residenza) INTERESSI > Inserite una breve bio (anche originale e fantasiosa), il nome dei vostri registi preferiti e il genere cinematografico che pi sentite affine alla vostra visione del mondo, ci sono anche le 3 parole per descrivere la vita secondo voi (vi sembrano poche?). Carta bianca su tutto: qui estro e fantasia la fanno da padroni! IMPOSTAZIONI PROFESSIONALI > Quest ultima, ma non meno importante sezione da completare (dai ce lavete fatta, vi manca veramente poco!) dedicata soprattutto ai professionisti o aspiranti tali del mondo del cinema, dellaudiovisivo, della fotografia, della musica e ai creativi in generale. Potete inserire un cv dettagliato, comprensivo di link e il ruolo per cui volete essere conosciuti su Cineama (pu essere diverso dalla vostra professione reale); indicare le competenze specifiche (es. esperto Final Cut, esperto Canon 7D, recito in tedesco ); inserire il vostro sito web o la pagina Facebook. Infine la gallery che la vostra vera e propria vetrina, permette di inserire video e foto in maniera semplice: basta copiare lurl (lindirizzo) della pagina contenente il video (da YouTube o da Vimeo) o la foto (da Flickr) e automaticamente verr inserita nella gallery. Ogni volta che si clicca su Aggiungi nuovo file compare un nuovo campo in cui inserire una URL.
422 http://cineamabeta.com/register

304

Non dimenticatevi di sostituirelavatar originale con uno tutto vostro, personale, e figo ovviamente! (il limite massimo di 10 mega, i formati caricabili JPG, GIF o PNG ). Salvate il tutto e cliccate su >PUBBLICO (in alto a destra) per ammirare il vostro profilo nuovo di zecca! Adesso non vi resta che cominciare a navigare e cercare nuovi amici allinterno della Community Buona esplorazione Cineamatori!

Alice diventa icona della Postmodernit


gioved 6 ottobre 2011 Chiara

Si ringrazia per le immagini: Alice nel Paese delle Meraviglie ebook interattivo sulliPad

305

Approda su Cineama un nuovo laboratorio audiovisivo423 , dallidea di Marco Minghetti424 e del suo progetto multidisciplinare e multicanale, nato come percorso formativo per gli studenti del corso di Humanistic Management 425 della facolt di Scienze della Comunicazione dellUniversit di Pavia. Alice postmoderna 426 si propone come una lettura annotata di Alice nel Paese delle Meraviglie, utilizzando le intuizioni di Lewis Carroll per leggere la realt contemporanea. Lobbiettivo sviluppare il tema della postmodernit di Alice attivando lintelligenza collettiva di tutti gli interessati specialisti di letteratura, sociologi, filosofi, semplici appassionati, giovani studenti e ricercatori attraverso gli strumenti del web 2.0. Al blog427 curato da Marco Minghetti su Il Sole 24Ore, alla pagina Alice Annotata428 e al gruppo Facebook429 si aggiunge ora un altro canale di interazione per Alice postmoderna: un LABORATORIO 430 su Cineama. Lidea quella di coinvolgere la nostra community nellideazione, sviluppo e realizzazione di unopera audiovisiva che abbia le sue linee guida nelle tematiche sviluppate attorno al progetto di Alice postmoderna431 , lasciando che le forme finali dellopera emergano dallinterazione e dalle discussioni che nasceranno allinterno del laboratorio audiovisivo432 grazie al contributo di tutti i Cineamatori. Lopera audiovisiva potr essere il risultato di una serie di cortometraggi realizzati grazie ai suggerimenti e alle intuizioni dei vari filmmakers e addetti ai lavori iscritti al sito, con tecniche diverse unite a operazioni di
423 http://cineamabeta.com/groups/alice-postmoderna/ 424 http://marcominghetti.nova100.ilsole24ore.com/ 425 http://cim.unipv.it/web/didattica/programmi/2011-2012-19

/117637958341517/ 427 http://marcominghetti.nova100.ilsole24ore.com/alice- annotata/ 428 http://alice-annotata/http:/www.facebook.com/ aliceannotata?sk=wall 429 http://www.facebook.com/groups/109832952455351/ 430 http://cineamabeta.com/groups/alice-postmoderna/ 431 http://www.facebook.com/groups/109832952455351/doc /117637958341517/ 432 http://cineamabeta.com/groups/alice-postmoderna/
426 http://www.facebook.com/groups/109832952455351/doc

306

mashup tra le molteplici versioni di Alice, fornite dalla cinematografia mondiale nel corso degli ultimi centanni. Tutte le infinite possibilit di realizzazione saranno ispirate da voi cineamatori insomma! Cineama sosterr, promuover e guider questo cammino, seguendo la sua vocazione di piattaforma partecipativa e factory aperta a collaborazioni e sperimentazioni nel campo cinematografico e pi in generale audiovisivo. Vi aspettiamo e invitiamo a iscrivervi al laboratorio433 numerosi, creativi, fantasiosi e bizzarri Stiamo parlando pur sempre del Paese delle Meraviglie no?

Adotta un film
luned 10 ottobre 2011 Chiara

cineama.it nella sua missione di promuovere il cinema di qualit a 360 gradi, diventato partner del progetto Adotta un film434 , creato dalla Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia435 .
433 http://cineamabeta.com/groups/alice-postmoderna/ 434 http://www.adottaunfilm.it/ 435 http://www.fondazionecsc.it/

307

Lobiettivo quello di recuperare, attraverso il restauro e la digitalizzazione, alcune tra le pi antiche e importanti pellicole del cinema italiano conservate presso la Cineteca Nazionale. Liniziativa parte con tre meravigliosi film del patrimonio cinematografico nazionale: Profondo Rosso436

Dario Argento (1975) Un giovane pianista inglese, Marcus Daly, e spettatore involontario dellassassinio di una sensitiva tedesca, Helga Hullmann, che, durante una conferenza, aveva avvertito la presenza di una persona con intenzioni omicide. Non essendo riuscito ad individuare lassassino, Marcus decide di scoprire chi ha ucciso Helga. Divorzio allitaliana437

436 http://www.adottaunfilm.it/context_film.jsp?id_context=7 437 http://www.adottaunfilm.it/context_film.jsp?id_context=2

308

Pietro Germi (1961) Il barone siciliano Ferdinando Cefalu, soprannominato Fefe, si innamora ricambiato di Angela, sua cugina 16enne. Lunico ostacolo al coronamento del loro amore e il fatto che Fefe sia gi sposato con Rosalia, una donna brutta quanto petulante. Amore mio aiutami438

Sordi Alberto (1969)

438 http://www.adottaunfilm.it/context_film.jsp?id_context=3

309

Raffaella e Giovanni vivono la loro vita di coppia in una tranquilla, agiata e borghese quotidianit. Ad un certo punto tutto cambia. Raffaella confida al marito di essersi innamorata di Valerio. Giovanni sembra inizialmente accusare il colpo. Entra nellarea delle Donazioni online 439 e scegli il film che vuoi adottare, potrai effettuare la donazione tramite carta di credito o bonifico bancario. Limporto minimo di 10 euro e tutti di donatori riceveranno Membership Card della Cineteca Nazionale in qualit di sostenitori del cinema italiano. Questa permetter di accedere a eventi unici ed esclusivi della Fondazione CSC, a sconti presso partner aderenti alliniziativa ed altro ancora Invitiamo tutti i cineamatori a visitare il sito adottaunfilm.it440 e a diffondere il progetto al fine di sostenere il cinema italiano e il recupero dei film dautore per garantire la conoscenza del nostro patrimonio cinematografico anche alle generazioni future. Lhashtag del progetto per le vostre conversazioni online #adottaunfilm

439 http://www.adottaunfilm.it/donate.jsp?ID_LINK=9&area=8 440 http://www.adottaunfilm.it/

310

Novit! La sezione progetti


gioved 13 ottobre 2011 irene

Ai tempi dei primi vagiti della piattaforma Cineama, un appassionato Cineamatore, Raphael441 , ci ha rivolto la seguente domanda: Come diavolo funziona442 ? Domanda molto sensata! Abbiamo compensato il coraggio di Raphael con una risposta lunga ed articolata, la cui sostanza, stringi stringi, era: la risposta, ve la darete voi! Eccome se ve la siete data: vi siete trovati e conosciuti, avete scelto e chiesto che un bellissimo film443 venga proiettato nel cinema della vostra citt, e soprattutto avete proposto le vostre idee e i vostri progetti444 allinteresse degli altri cineamatori,
tassindemontaigu/ 442 http://cineamabeta.com/questions/come-diavolo-funziona/ 443 http://cineamabeta.com/cineamatori/unaseparazione/profile / 444 http://cineamabeta.com/laboratori/
441 http://cineamabeta.com/questions/user/raphael-

311

chiedendo opinioni, contributi, ispirazioni, informazioni. Abbiamo faticato a starvi dietro, MA ADESSO, vi riacchiappiamo!:) Vogliamo offrirvi un luogo pi confortevole ed accessoriato per coltivare i vostri porgetti cinematografici e per questo abbiamo aperto e stiamo testando grazie a due volenterosi pionieri di Cineama una nuova sezione del sito:i vostri progetti cinematografici445 .

Si tratta di un posto progettato per curare levoluzione di progetti cinematografici (corti, lunghi, documentari etc) insieme ai vostri collaboratori. Mentre i laboratori sono contenitori generici, nella nuova sezione progetti vi inviteremo a portare le vostre sceneggiature. Esiste infatti un pannello di strumenti ad hoc per permettere ad altri di commentare il vostro lavoro, suggerire ispirazioni, organizzare casting e mettere a punto larticolato e dinamico albero di decisioni necessarie per arrivare ad una stesura definitiva ed un piano di produzione.

445 http://cineamabeta.com/progetti/

312

Dilazioneremo in pi puntate lintroduzione alla sezione progetti, ma ancora una volta sarete voi a scrivere la storia di Cineama e ad insegnarci cosa ci si pu fare: abbiamo coinvolto Davide446 e Raphael447 (sono stati i primi a condividere le loro sceneggiature nei rispettivi448 laboratori449 ) per aiutarci a sperimentare questo nuovo spazio e aiutarci a capire cosa ancora non funziona. A breve si aggiunger anche un lungometraggio, e quando voi ci farete capire che ora, noi avremo risolto la maggior parte di bug, e prodotto la documentazione a supporto, lasceremo a tutti voi la possibilit di caricare i vostri lavori. Per ora provate, provate, provate, e divertitevi a leggere, guardare e collaborare ai corti di Raphael e Davide! E condividete come sempre con noi le vostre opinioni su come la vostra esperienza di cineamatori potrebbe essere migliore, siamo qui per questo

446 http://cineamabeta.com/cineamatori/davide/

tassindemontaigu/ 448 http://cineamabeta.com/groups/teoria-del-ritardo/ 449 http://cineamabeta.com/groups/corto-a-torino/


447 http://cineamabeta.com/cineamatori/raphael.

313

Chi sono i nuovi Cineamatori? Il fuoco sugli sceneggiatori!


marted 18 ottobre 2011 Chiara

Questa volta vi proponiamo una selezione delle migliori penne iscritte a Cineama. Se cercate qualcuno che realizzi e sappia mettere su carta la vostra idea registica, o se siete semplicemente curiosi di sapere come prende vita il processo di scrittura che porter alla realizzazione di unopera audiovisiva date uno sguardo ai loro profili e contattateli! Michele Vicenti450 Ha un curriculum di tutto rispetto e le pi svariate esperienza lavorative: dal montaggio, alla grafica, al web design, alla regia per finire nella scrittura cinematografica. E se avete bisogno di un apporto creativo originale e A-TIPICO ha la testa piena zeppa di idee!
450 http://cineamabeta.com/cineamatori/michelevicenti/profile

314

Ecco il suo showreel Davide Dapporto451 Lavora da subito come assistente alla regia per numerose produzioni televisive, fino a prendere in mano penna e macchina da presa per la realizzazione del suo 41 parallelo. autore di diversi progetti per format e fiction. Nel 2009 fonda ProdAction srl per produzioni televisive e cinematografiche. A voi il suo clown triste:

Vincenzo Pandolfi452 La sua vita in 3 parole? Scrivere, filmare, amare. Ha un diploma di regia conseguito presso la New York Film Academy, nella sede di Londra. autore del cortometraggio ANATOMY, che ha vinto il premio come Best International Film allHorror Dance Film Festival di Houston.e non lunico Ma vi lascio al suo Anatomy

451 http://cineamabeta.com/cineamatori/davidedappo/profile/ 452 http://cineamabeta.com/cineamatori/stradaperduta/profile/

315

Guglielmo Enea453 regista, sceneggiatore e documentarista. Autore del Corso RAI di formazione e riqualificazione per sceneggiatori tenutosi nel 1997 1998 1999. Ha organizzato diversi corsi di sceneggiatura con Leo Benvenuti, Ugo Pirro, Massimo Felisatti, Furio Scarpelli. E vanta numerosissime collaborazioni e lavori alle spalle. Vi lascio a un estratto del suo documentario Amman Rosalia (Indians in Palermo)

453 http://cineamabeta.com/cineamatori/guglielmo.enea/profile

316

Le interviste di Cineama: Raphael Tassin de Montaigu con il corto Dentro & Fuori
mercoled 26 ottobre 2011 Chiara

Continuano le interviste di Cineama, questa volta la parola tocca ai responsabili dei corti protagonisti della sezione Progetti454 che si sono prestati in anteprima per testarne le funzionalit.
454 http://cineamabeta.com/progetti/

317

Uno dei nostri pionieri Raphael Tassin de Montaigu455 ci racconta la sua esperienza: Da dove nasce l esigenza di condividere su cineama.it la sceneggiatura del tuo progetto Dentro&Fuori456 ? Cercavo un modo alternativo di condividere il mio progetto. Allinizio volevo solo avere delle opinioni sulla mia sceneggiatura, critiche costruttive, idee nuove. E ho visto che qualcosa succedeva, che il mio progetto riscontrava un certo interesse. Ho cercato di legare con altri professionisti e di capire come rendere la mia idea concreta. Perch, diciamolo, girare un film, non cosi complicato. Basta una macchina da presa, anche un telefonino, e giri. Pero, fare le cose fatte bene, curare la sceneggiatura, la produzione, sapere scegliere i luoghi dove girare, gli attori, i tempi, la luce, le musiche, il materiale, richiede una buona dose di professionalit. Se vuoi rendere viva e reale la tua visione, diventa un vero e proprio lavoro. Essendo il mio primo progetto, cercavo un luogo dove combinare seriet con un approccio pi libero. In altre parole, cercavo un luogo dove potevo trovare altre persone desiderose di fare nascere un progetto cinematografo. Cineama mi apparso come una piattaforma valida per condividere le mie idee e fare evolvere il progetto in un ambiente dove usufruire di tutte le potenzialit che offre Internet. Mi piace tantissimo condividere questidea del cinema vissuto in modo libero, gratuito, dove ognuno pu trovare il ruolo che lo interessa.

tassindemontaigu/profile/ 456 http://cineamabeta.com/groups/dentro-e-fuori


455 http://cineamabeta.com/cineamatori/raphael.

318

Aggiornaci sullo stato dei lavori (so che ci sar un casting per gli attori il 26 novembre a Torino), come stanno procedendo? Sono molto sorpreso per laccoglienza del progetto. Pensavo di non trovare nessun che si sarebbe interessato al film, invece, attraverso cineama, ho potuto incontrare ogni tipo di professionista del cinema pronto a dare una mano. Oggi sono veramente a buon punto nella fase di produzione. Ho trovato delle persone motivate e molto in gamba, quasi tutto il materiale per girare, le location e spero di trovare anche gli attori il 26 dopo il casting. Poi vorrei organizzare uno o due giorni di preparazione e girare nei primi mesi del 2012 per arrivare al montaggio massimo a met 2012. Mandare avanti questo progetto molto piacevole ed entusiasmante. Parlaci di questa esperienza di condivisione, che risposte stai riscontrando, quali tipo di relazioni si sono instaurate tra te e gli altri membri della community? Ho trovato ogni tipo di condivisione. Dalla semplice accettazione dellamicizia alla vera e propria relazione lavorativa che si trasforma, per esempio, in una lunga telefonata per parlare della visione del progetto e di una certa idea del cinema. Mi piace proprio il concetto della condivisione che mi aiuta tanto a crescere e a imparare. Sappiamo che nella tua vita di tutti i giorni ti occupi daltro, cineama in qualche modo ti ha aiutato in questo passaggio verso le tue ambizioni pi artistiche? Lavoro ogni giorno dalla mattina alla sera facendo tuttaltro. Per dirla tutta, sono controllore di gestione in una multinazionale. Tutto lopposto di una vita artistica Poi, quando torno a casa la sera, mi occupo della mia famiglia e del mio meraviglioso figlio. Non ti nascondo che il mio sogno nel cassetto sarebbe di poter vivere creando progetti, fare film, scrivere, ma non cosi facile, soprattutto in Italia. Diciamo, pi semplicemente, che cerco di mandare avanti il mio primo film e spero che cineama possa aiutarmi a realizzarlo. Ci auguriamo di assistere e seguire passo dopo passo la realizzazione del tuo cortometraggio. Altri sogni o progetti futuri?

319

Sto finendo di scrivere il mio primo romanzo e quando avr finito il libro e il film, potr concentrarmi su altro, magari focalizzarmi su tutte le idee folli che mi vengono in mente ogni giorno. Approfitto di questa intervista per ringraziare di cuore tutte le persone che mi stanno aiutando. Spero che continueranno a farlo e spero che ci saranno altre figure che faranno parte del progetto. Sono ancora in piena fase di produzione e ho sempre bisogno di una mano. Grazie a cineama, alla vostra splendida squadra e a tutti i cineamatori.

Cineama al Festival Internazionale del Film di Roma


gioved 27 ottobre 2011 Chiara

320

Questanno Cineama sar ospite del Festival Internazionale del Film Roma457 in collaborazione con Adotta un Film458 il progetto creato dalla Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia.459 Noi saremo l pronti a rispondere a tutte le vostre curiosit su cineama.it !

Potete trovarci allinterno dello stand info point durante tutti i giorni del Festival che si terr all Auditorium Parco della Musica460 di Roma dal 27 ottobre al 4 novembre, dalle ore 18.00 in poi. Vi aggiorneremo costantemente con notizie e curiosit dal vivo. Seguiteci su Cineamazine461 e sui nostri account social: Facebook462 e Twitter #romafest11)
463

(lhashtag ufficiale del festival su twitter

Vi aspettiamo numerosi per promuovere insieme il cinema giovane, indipendente e di qualit, quello che piace a noi di cineama!

457 http://www.romacinemafest.it/ecm/web/fcr/online/home 458 http://cineamabeta.com/cineamazine/2011/10/10/adotta-un-

film/ 459 http://www.fondazionecsc.it/ 460 http://www.auditorium.com/ 461 http://cineamabeta.com/cineamazine/ 462 http://www.facebook.com/cineama.it 463 http://twitter.com/#!/cineama

321

Le interviste di Cineama: Davide Potente con il corto Teoria del Ritardo


gioved 3 novembre 2011 Chiara

Vogliamo saperne di pi sui responsabili della pagina progetti, allora abbiamo pensato dintervistare Davide Potente464 lo sceneggiatore del cortometraggio Teoria del Ritardo465 , che si rivelato anche un appassionato scrittore tutto fare, e ci ha raccontato com andata Parlaci di Teoria del ritardo, come nasce la tua idea e lesigenza di condividerla su Cineama? Avevo scritto il corto verso la fine dello scorso anno per un concorso a cui poi ho deciso di non partecipare pi, e di provare a trovare comunque un modo per realizzarlo. Poi rimasta per diversi mesi nel cassetto, pur essendo la versione definitiva di cui ero abbastanza soddisfatto o almeno al punto tale da dire: Questo sono io.
464 http://cineamabeta.com/cineamatori/davide/ 465 http://cineamabeta.com/groups/teoria-del-ritardo

-584464164#view

322

Anche se oggi sei arrivato puntuale allintervista, mi aspettavo almeno mezzora di ritardo! S vero, ma non del tutto autobiografico Se non sbaglio hai gi scritto un libro che come macro-tema affronta unaltra teoria S! Si chiamaTeoria del risveglio466 ed ambientato negli anni 20. In comune c lelemento del tempo. Nel corto che ho scritto invece mi interessava parlare della vita di tutti i giorni piuttosto che di qualcosa di astratto, favolistico. Anche se c una componente filosofica sul tempo e sullo spazio, la storia legata alla quotidianit. A tutti capitato di ritardare, almeno una volta. Creare un personaggio che avesse questa caratteristica nel dna mi ha fatto pensare a una tematica molto attuale. Ovviamente ho estremizzato la cosa, un corto ha dei tempi brevi e deve colpire, in pochi minuti devi raccontare una storia. Per caso mi sono imbattuto in Cineama e dato che la scenggiatura sopravvissuta a un periodo di incubazione, ho deciso che era arrivato il momento di condividerla, piuttosto che tenerla in un cassetto. Avevo bisogno di un ritorno di opinioni. Inoltre mi sembrata interessante lidea che ci fosse anche una strada per realizzare il progetto, e anche se i primi contatti allinterno del sito sono virtuali, rappresentano comunque un contributo fondamentale. Un corto non puoi di certo girarlo da solo, al contrario del libro, la cui realizzazione dipendeva solo da me.

466 http://it-it.facebook.com/teoriadelrisveglio

323

Pensi che ti occuperai anche della regia? Ho avuto delle esperienze legate al teatro, me la sentirei di affrontare questo ruolo soprattutto perch lidea venuta da me, quindi ho in mente anche la sua realizzazione effettiva. interessante che Cineama sia stata la molla che ti ha spinto a ritiralo fuori Gi! Lo avevo proposto a un regista, con un idea e un tipo di regia diciamo pi tranquilla. Il corto invece ha un ritmo molto veloce, si discosta parecchio dal suo modo di lavorare e dalle preferenze stilistiche. Avrei voluto proporlo a un bando della Apulia Film Commission, ma ci sono dei vincoli molto severi. Non c apertura per le piccole produzioni low budget, se non hai gi una parte del budget non puoi partecipare, solo che se ce lhai non vai a chiedere altri soldi, e devi dare delle garanzie, ad esempio che il corto venga realizzato e in un certo modo. A me sono mancate sul momento anche delle professionalit che lavorassero sul progetto. A proposito di questo, hai gi trovato tramite cineama qualcuno in grado di aiutarti nella sua effettiva realizzazione?

324

Devo dire di s. Qualcuno si gi proposto a prestare la sua collaborazione a titolo completamente gratuito per le musiche, la fotografia e lorganizzazione generale. Mi piacerebbe incontrare dal vivo queste persone. Ho visto sempre leffettiva realizzazione come una cosa lontana, non voglio farlo in una maniera arrangiata, mi piacerebbe avere dietro una produzione di un certo tipo per garantire a chi lavora con me il giusto trattamento. La sceneggiatura abbastanza aperta si pu girare con diversi budget. Mi piacerebbe trovare qualcuno che mi aiuti anche in questo. tutta una scommessa, la tua come la nostra Ma credo che puntare sulla condivisone in Rete e la successiva ricerca dei contatti sia una possibilit importante. S, per quanto riguarda lo stato di avanzamento del progetto, mi piacerebbe fissare dei parametri, diciamo degli step in base ai quali si pu vedere a che punto siamo. Forse cos si potrebbe essere pi motivati ad avanzare verso un ipotetica linea. Da solo difficile valutare cosa serve. Un paramentro potrebbe riguardare la gente con cui si lavora, quindi se ci sono delle professionalit che mancano oppure no, delle posizioni aperte insomma! Di cosa ti occupi nella tua vita di tutti i giorni? Da quando mi sono traferito a Roma ho fatto un po di tutto. Forse lesperienza pi significativa sono stati i due mesi allEliseo con uno spettacolo teatrale Le allegre comari di Windsor. Ho lavorato come assistente. Una bella esperienza in un teatro di serie A, dove funziona tutto alla perfezione, che mi ha insegnato parecchio, anche una certa disciplina. Lavorare con tante persone diverso. Anche il semplice buongiorno e buonasera non si dovrebbero mai dimenticare. Questa cosa forse mi ha un po viziato, mi sono trovato cos bene e mi sono reso conto di quanto poi sia difficile trovare lavoro, soprattutto in una citt come Roma, che sembra in un certo senso indifferente, forse perch ne ha viste troppe. A Bologna, dove ho studiato, ho creato la mia rete di contatti con pi facilit. Ho scritto per caso anche uno spettacolo per un teatro del centro. Quella forse stata la prima esperienza di scrittura. Ero partito con lidea del giornalismo, e ho scritto di tutto, realizzando contenuti di qualunque tipo, anche per un portale di finanza, ma il linguaggio era eccessivamente tecnico e richiedeva davvero troppo tempo. Sogni o ambizioni future?

325

Per adesso sono concentrato sul libro che uscito da poco in libreria, ma in realt sto gi lavorando allidea di un secondo. Sarebbe davvero il massimo trovare una stabilit, mantenendo comunque del tempo per portare avanti i pi svariati progetti, essendo in un certo modo pi tranquillo sul futuro. Purtroppo la percentuale dei laureati che professionalmente fa qualcosa di coerente col percorso di studi conseguiti piuttosto bassa, si finisce sempre a fare un po di tutto. E se ti va bene sei una persona a cui interessa un po di tutto, quindi in quel caso sei fortunato. Ho un cassetto pieno di cose che prima o poi far, io come molti altri. Intanto vediamo come andr Teoria del ritardo con Cineama Noi ti facciamo un grande in bocca al lupo per la realizzazione del progetto allora! Grazie di tutto e crepi il lupo!

326

Quando Pop Art e cinema sincontrano


marted 8 novembre 2011 Chiara

City Toronto/Artist Lil Tuffy Le relazioni tra il cinema e le arti sono da sempre infinite. Perch non usare la cosa a vantaggio della promozione?

327

City Minnesota/Artist Aesthetic Apparatus Ci ha pensato la Paramount Pictures che per pubblicizzare la commedia Young Adult467 diretta da Jason Reitman468 e scritta da Diablo Cody 469 (lunione cinematografica della coppia nel 2008 aveva creato il celebre successo indipendenteJuno470 , premio oscar nel per la migliore sceneggiatura originale) ha contattato la nota galleria di Los Angeles Gallery 1988471 che ha pensato di affidare a celebri artisti della scena pop americana il compito di reinterpretare loriginale locandina del film:

467 http://www.youngadultmovie.com/ 468 http://it.wikipedia.org/wiki/Jason_Reitman 469 http://it.wikipedia.org/wiki/Diablo_Cody 470 http://it.wikipedia.org/wiki/Juno_(film) 471 http://nineteeneightyeight.com/

328

Il risultato? Delle vere e proprie opere darte limited edition: le Pop Up screening art per inaugurare le proiezioni a sorpresa che si sono tenute tra San Francisco, Chicago, Los Angeles, Toronto, Minneapolis e Austin.

329

City Austin, Texas/Artist Tara Mc Pherson Fonte:screenweek.it blog472 e per saperne di pi su tutti i poster alternativi e gli artisti pop visita:we are movie geek473 Il film arriver in Italia nel marzo del 2012, per adesso vi lascio alla visione del trailer:

bellissimi-poster-dalle-pop-up-screening-art-146573. php?utm_source=Feedburner+Sw+Blog&utm_medium=feed& utm_campaign=Feed%3A+ScreenweekWeblog+%28ScreenWEEK.it +Blog%29 473 http://wearemoviegeeks.com/2011/11/young-adult-pop-up- screening-art/


472 http://blog.screenweek.it/2011/11/young-people-tanti-

330

331

Berta Film. Storie ai confini della citt


mercoled 9 novembre 2011 Chiara

Diventare produttori cinematografici in Italia possibile? La parola a Stefano Mutolo474 che con la sua Berta Film475 ha deciso di raccontarci un certo tipo di storie Come e quando nata la vostra casa di produzione? Berta Film476 nata a inizio 2009 a Macerata, fondata da me e Marco Iannini. Il nome Berta quella di una minuscola frazione di Macerata su una strada provinciale, dove ho vissuto per alcuni anni per lavoro, poco lontano da

474 http://cineamabeta.com/cineamatori/stefano.mutolo/ 475 http://bertafilm.it/ 476 http://bertafilm.it/

332

dove sono nato. Berta un insolito incontro di bellissime zone rurali e centinaia di piccole fabbriche e aziende che hanno saputo armonizzarsi con il paesaggio senza snaturarlo. Farne parte per un po ha dato forza alla nostra idea di cinema come industria cinematografica:lapproccio imprenditoriale che incontra la bellezza, alla maniera di Adriano Olivetti. C chi lo chiama ironicamente Marchethink, perch le Marche sono il punto di incontro ideale tra nord e sud Italia, con la cultura imprenditoriale del nord e lo stile di vita a misura duomo del sud. Il centro di Berta un bar per camionisti, imprenditori, trebbiatori, operai, rappresentanti, contadini, pastori e altri eccentrici personaggi. Un crocevia di storie ed esistenze, che fanno il nostro paese. Il primo progetto arrivato inaspettatamente con il terremoto dellAquila, che ha tragicamente generato centinaia di storie incredibili, destinate a scomparire nelloblio. Con il cortometraggioMiracolo Aquilano477 abbiamo raccontato, attraverso la fiction, almeno la parte che ci sembrava pi importante, ovvero la situazione reale, molto diversa da quella ufficiale, degli aquilani. E la storia di uno sciacallo che, approfittando dellanarchia in citt, si traveste da prete e fa finte benedizioni nelle nuove abitazioni degli sfollati. Si intasca i soldi delle benedizioni e ruba i beni di valore rimasti nelle decine di citt fantasma del territorio aquilano.

477 http://bertafilm.it/?page_id=22

333

Per iniziare col piede giusto abbiamo cercato di stabilire uno standard qualitativo alto, coinvolgendo nella lavorazione tre grandi professionisti, il direttore della fotografia Mario Amura (In Memoria di me, Draquila, Into Paradiso), lattore protagonista Fausto Russo Alesi (La Passione, Vincere, La Doppia Ora) e il montatore Clelio Benevento (Il Capo dei capi, La Passione, LUltimo Terreste). Il film in fase di distribuzione, lo stiamo portando ai festival e vendendo ai broadcasters internazionali. Canal Plus ci ha appena chiesto di acquistarlo per la Francia. Qual stata lesigenza che ti ha spinto a diventare produttore? Dopo aver lavorato per alcuni anni come regista, sceneggiatore, montatore e assistente di produzioni indipendenti, ho capito di sentirmi un po stretto allinterno di un singolo reparto e di voler allargare lo sguardo. Mi piace lidea di poter formare una forte visione del mondo e di s, spremendo fuori il meglio da ogni fase produttiva dello sviluppo di un film, che vediamo come un mezzo potente per dare un po di ordine al caos degli eventi.

334

Il ruolo di producer soddisfa la nostra necessit di non perdere di vista la visione dinsieme, ci interessa sia restare in contatto con il mondo delle imprese che investono che con il processo di scrittura, sia lottimizzazione delle capacit organizzative che il potere di sintesi della comunicazione e del marketing. Abbiamo imparato che il lavoro di squadra porta sempre le soluzioni migliori per il film. Quanta importanza riveste per voi la produzione di cortometraggi? Ho sempre ritenuto la forma breve dignitosa n pi n meno di quella lunga. Raymond Carver uno dei miei scrittori preferiti e ha scritto solo racconti e poesie. Vittorio De Seta, uno dei nostri massimi punti di riferimento, ha realizzato le sue opere pi importanti nel cortometraggio. Per chi non vuole o non pu seguire la classica gavetta sui set, il corto permette di mettere a fuoco il proprio modo di fare un film su piccola scala, senza la complessit della forma lunga. Abbiamo portato un catalogo di distribuzione478 di cortometraggi a Cannes, per la vendita ai buyers internazionali. Abbiamo scoperto che esiste effettivamente un mercato per i corti, seppur piccolo, nel video on demand, nelle web tv e nei canali tematici satellitari. Cannes (ma non solo) riconosce il valore di mercato del cortometraggio e gli dedica molto spazio allinterno del festival, attraverso incontri con buyers, workshops, seminari, lo short film corner, occasioni di networking. Il mercato non ha mai trovato uno spazio importante per il cortometraggio fino ad oggi, ma lo scenario cambiato: la forte partecipazione dal basso nei social media, la crescente richiesta di contenuti dovuta alla proliferazione di broadcasters e la predominanza della forma breve nella fruizione di audiovisivi sul web potrebbero riservare sorprese per il futuro del cortometraggio. Ad esempio, crediamo molto nella forza del crowdfunding, per finanziare e far partire produzioni indipendenti. In Italia arrivato da poco, ma allestero funziona a meraviglia. Uno dei casi pi esemplari di cosa si possa costruire attorno a un cortometraggio fino a crearne un caso nazionale Sposer Nichi Vendo478 http://bertafilm.it/?page_id=71

335

la479 di Andrea Costantino, che ha creato una campagna di marketing di ampio respiro, fino ad essere oggi il primo corto distribuito in libreria (da Feltrinelli). Che tipo di lavori vi interessa produrre, quali storie volete raccontare? Con Miracolo Aquilano iniziata la nostra ricerca di una personale visione cinematografica. Vogliamo raccontare la societ contemporanea dal punto di vista della provincia e delle storie che, dai margini delloccidente moderno ne raccontano la sua essenza. Per questo il nostro slogan Storie ai confini della citt. Dal dramma de LAquila siamo passati alla commedia con il cortometraggio La Stanza dei Bottoni480 di Francesco Faralli, la storia di una ragazzina alle prese con una famiglia maschilista della provincia toscana di inizio anni novanta.

Adesso stiamo preparando il primo lungometraggio (una commedia surreale, tratta da un fatto di cronaca) e due nuovi cortometraggi, pi ambiziosi:
479 http://www.andreacostantino.it/ 480 http://bertafilm.it/?page_id=22

336

un road movie sul mondo dei camionisti, con la stessa squadra di Miracolo Aquilano, e un western alla Cormac McCarty, per raccontare lindividualismo estremo di oggi attraverso un tempo in cui sopravvivere insieme non era unopzione. E se volete saperne di pi su come si diventa produttori cinematografici in Italia, potete intervenire sul suo laboratorio: Il Mestiere del Produttore .481

Registi e Filmmakers su cineama.it


gioved 10 novembre 2011 Chiara

Continua la nostra selezione dei cineamatori che con i loro progetti e le loro professionalit continuano ad arricchire la nostra community di professionisti e amanti del cinema.
481 http://cineamabeta.com/groups/il-mestiere-del-produttore/

forum/topic/il-viaggio-del-producer/

337

Un caleidoscopio di stili e competenze molto diverse tra loro, tanto che vale la pena di dare una sbirciatina ai loro profili, ve lo assicuro! Bonnie Little Saturday 482 (alias Antonella Sabatino) una giovane filmmaker che ha realizzato diversi videoclip483 per gruppi musicali emergenti e indipendenti della scena romana, tra i suoi lavori il Il cielo di Parigi dei Neorichina per cui ha curato regia, montaggio e post produzione.

E il videoclip sperimentale per il brano Supertribe degli Errors che racconta il viaggio allucinatorio di una moderna Alice, studentessa di cinema che, perdendo di vista il confine tra realt e finzione, viene inglobata dagli scenari digitalizzati di Nosferatu, Shining, Twin Peaks e Grease. In collaborazione con Giulio Casadei, Eva Rossetti, Dorella Rutigliano.

482 http://cineamabeta.com/cineamatori/bonnie.little-saturday

/profile/ 483 http://www.myspace.com/nirvanto

338

Emanuele Caruso484 regista e fiducioso sperimentatore delle produzioni dal basso. Nel 2008 apre la casa di produzione Pomodoro e Liquirizia 485 insieme al collega direttore della fotografia Corrado Morando, specializzato in media promozionali per il cinema, le aziende e le grandi imprese. E da allora realizza diversi cortometraggi low budget. Attualmente sta lavorando alla sua opera prima per il cinema: un lungometraggio dal titolo E fu sera e fu mattina486 da girarsi nel 2012 in 10 settimane di riprese in Piemonte con un budget di 300.000 Euro. Il film una produzione dal basso. Per reperire la met del budget sono state messe in vendita al pubblico 3.000 quote da 50 Euro. Acquistando una quota del film si acquistano i diritti pari allo 0,0166% per quota degli incassi che il film register al botteghino una volta uscito nelle sale. E se doveste passare da quelle parti Sabato 12 e Domenica 13 Novembre, ad Alba (CN) i casting per il film. Tutte le info le trovate qui: http://efuseraefumattin.altervista.org/blog/icasting/

484 http://cineamabeta.com/cineamatori/emanuele.caruso/

profile/ 485 http://pomodoroeliquirizia.com/ 486 http://efuseraefumattina.it/

339

Andrea Tomaselli487 nasce a Catania, dove impara da sempre ad amare i fumetti, il vulcano, il mare, i libri, la pasticceria e il cinema. Ha iniziato a scrivere a sedici anni e da allora non ha pi smesso. Ha scritto, diretto e realizzato una decina di corti. Il suo primo lungometraggio da regista Zooschool, un horror di denuncia sociale prodotto grazie al sistema dei coproducers, e alla collaborazione di tecnici e attori che negli anni diventata una famiglia creativa. (Ne abbiamo parlato anche noi di cinema, a questo link488 lintervista rilasciata da Andrea qualche tempo fa)

487 http://cineamabeta.com/cineamatori/andreatomaselli/

profile/ 488 http://cineamabeta.com/cineamazine/2011/04/06/ indipendente-e-low-budget-si-tratta-di-zooschool/

340

Riccardo Papa489 regista, sceneggiatore, ma anche operatore e montatore, ogni tanto pensa: ma chi me lha fatto fare?! Ha realizzato diversi cortometraggi, che hanno ottenuto premi e riconoscimenti sia in Italia che allestero. Ho curato la regia e la scrittura di alcuni documentari, video musicali e qualche spot pubblicitario. Il suo ultimo lavoro il cortometraggio, attualmente in giro per festival, La Fabbrica dei Volti Noti, una commedia nera surreale di 15 minuti. Attualmente fa parte di Ultimo Piano, giovane associazione culturale che si occupa di produzione audiovisiva e di Locomotion Film, casa di produzione cinematografica. Ovviamente, ci ricorda che: c sempre spazio per nuove idee e nuovi progetti.

489 http://cineamabeta.com/cineamatori/riccardo.papa/profile/

341

Visto che nutrita community di professionisti? Cosa aspettate a iscrivervi? Un saluto e un grande in bocca al lupo a tutti i nostri cineamatori per la realizzazione dei loro progetti!

342

MakingOf. Uno sguardo dentro il mondo del cinema


luned 14 novembre 2011 Chiara

Un viaggio per esplorare i segreti del mondo del cinema, in grado di farti capire davvero com stato creato il tuo film preferito! Su MakingOf490 puoi trovare tutti i dietro le quinte dellindustria americana dellentertainment cinematografico. Interviste a registi, scrittori, produttori, gallery fotografiche, trailer inediti, ed esclusivi filmati di backstage che raccontano lesperienza sul set dal punto di vista di chi lo vive realmente: costumisti, realizzatori di effetti speciali, sceneggiatori, operatori video ecc. Lesigenza da cui nasce MakingOf quella di dar spazio ad un mondo che spesso non accessibile a tutti, con un riguardo particolare nei confronti di

490 http://www.makingof.com/

343

quelli che potremmo definire i geek del cinema, che siano semplici appassionati o giovani filmmaker curiosi di conoscere tutti i trucchi del mestiere e la vita sul set delle piccole e grandi produzioni cinematografiche. I contenuti spaziano dalle grandi majors americane fino alle meno conosciute produzioni indipendenti che hanno partecipato o aspirano a partecipare al Sundance Film Festival.491 In pi una community di informati e addetti ai lavori accoglie le curiosit e le richieste degli iscritti al sito. MakingOf stata fondata da Natalie Portman e Christine Aylward492 , ha sede a San Francisco ed formata da un team appassionato e impegnato a scovare tutti i dietro le quinte pi interessanti del mondo del cinema. Speriamo che questa segnalazione doltralpe possa ispirare la nutrita community di cineamatori che si sta formando e cresce ogni giorno. Condividete i making of dei lavori che avete realizzato, le vostre esperienze, i vostri consigli, e qualunque cosa possa essere daiuto per realizzare un nuovo tipo di cinema: indipendente, innovativo, ma sopratutto fatto da voi Cineamatori!

491 http://www.sundance.org/ 492 http://www.observer.com/term/christine-aylward/

344

3, 2, 1 My script on line!
gioved 17 novembre 2011 Chiara

Cineamatori una notizia importante per tutti voi: da oggi pomeriggio la Sezione Progetti493 sar aperta a chiunque vorr inserire la propria storia. La pagina Progetti un nuovo spazio allinterno del sito progettato per curare levoluzione dei vostri progetti cinematografici, nello specifico ci riferiamo alle vostre sceneggiature. Irene494 Manager Web Designer di Cineama ci parla delle possibilit offerte da questa nuove sezione del sito: Tramite un pannello di strumenti ad hoc permetterete agli altri di commentare il vostro lavoro, suggerire ispirazioni, organizzare casting e mettere a

493 http://cineamabeta.com/progetti/ 494 http://cineamabeta.com/cineamatori/irene/profile/

345

punto larticolato e dinamico albero di decisioni necessarie per arrivare ad una stesura definitiva ed un piano di produzione. A questo link 495 potete trovare una guida con le istruzioni per completare correttamente la vostra pagina Progetto. Enjoy it Aspettiamo le vostre storie! Make a video496 of your own at Animoto.

MashRome Film Fest: il primo festival italiano dedicato al Mash Up


luned 21 novembre 2011 Chiara

Contaminazione e sperimentazione di generi la faranno da padroni per interpretare le nuove tendenze della creativit artistica contemporanea. Stiamo parlando delMashRome Film Fest497 una kermsse che debutter la primavera del 2012 a Roma. Fortemente voluto dalla due organizzatrici Alessandra Lo Russo e Mariangela Matarozzo498 , che da anni si occupano di progettazione, produzione e
495 http://cineamabeta.com/piccola-guida-per-la-sezione-

progetti/ 496 http://animoto.com 497 http://www.mashrome.org/chi-siamo 498 http://www.mashrome.org/chi-siamo

346

organizzazione di eventi cinematografici, il Festival si pone come lopportunit di parlare un linguaggio diverso. Cinema e nuove tecnologie si incontrano e contribuiscono nel rendere gli spettatori soggetti sempre pi attivi che dalla semplice visione passano ad una vera e propria manipolazione dei contenuti audiovisivi.

Il MashRome Film Fest esplora le nuove prospettive e i nuovi linguaggi offerti da queste sperimentazioni, prima tra tutte il mash up499 che copia, ritaglia, trasforma, mixa contenuti di opere pre-esistenti con lobbiettivo di realizzarne ri-letture completamente nuove, diverse, a tratti imprevedibile. La call per accedere al MashRome Film Fest- Mash Up Award 2012 ha avuto inizio il 4 Novembre, potete trovare lapplication form500 per partecipare sul sito. Una giuria internazionale composta da giovani professionisti del cinema e dellarte contemporanea valuter le opere in concorso e conferir i MashRome Awards. Saranno accettati film, documentari, corti, video. La deadline per liscrizione al festival prevista per il 31 marzo 2012, ed tutto assolutamente gratuito. Sperimentate libridazione dei generi, remixate contenuti, create nuove forme artistiche, il MashRome Film Festival aspetta le vostre opere!

499 http://www.mashrome.org/competition 500 http://www.mashrome.org/call-for-entry-application

347

Cineamatori doc!
mercoled 23 novembre 2011 Chiara

Continua la selezione dei nostri Cineamatori doc, date uno sguardo ai loro profili e ai loro interessanti laboratori! Roberto Di Vito501 un filmmaker e uno sperimentatore del no budget, dopo aver vinto diversi premi grazie ai suoi documentari e cortometraggi, ha deciso di realizzareBIANCO502 il suo primo film girato in digitale e autoprodotto. Attento alla composizione della scena estremamente plastica e rigorosa, Roberto esplora il visivo oltre la struttura narrativa del racconto, procedendo verso i territori di un mondo fantastico e onirico. Ma uno dei mini-trailer del suo lungometraggio parla da s:

501 http://cineamabeta.com/cineamatori/robyfilmaker/ 502 http://www.youtube.com/biancofilm

348

Tommaso Sacco503 si appassiona al mondo del cinema da bambino, quando guardano Indiana Jones allet di 5 anni scopr di voler fare larcheologo, ma capendo (grazie ai consigli del padre) che il lavoro di Indiana Jones consistesse nel fare lattore ebbe lilluminazione definitiva! Tommaso decide quindi di puntare sulle sue capacit attoriali504 , studiando e viaggiando nel mondo . Ultimamente si dedicato alla scrittura di sceneggiature e progetti di diversa natura . Su cineama ha in mente di creare un a web series con uno script alquanto originale: ecco a voi il link al suo laboratorioDOUBLE SWING505 ! Giancarlo Scrofani 506 in arte Janka inzia come parrucchiere divenendo presto Fashion Designer per molte aziende di abbigliamento dove sviluppa una sensibilit creativa e visiva che lo porta a dirigere personalmente dei video musicali. Lavorando nella moda si dedica anche alla creazione di backstage e documentari dei dietro le quinte di sfilate e set fotografici. Nellestate del 2011 inziano le riprese del suo primo lungometraggio Girls Gun ora in fase di produzione. Su Cineama con il suo laboratorioIl Sarto507 porta avanti il suo

503 http://cineamabeta.com/cineamatori/basiluzzomalato/ 504 http://www.tommysacco.com/Tommy_Sacco/Home.html 505 http://cineamabeta.com/groups/web-series/ 506 http://cineamabeta.com/cineamatori/jankamusicstudio/

profile/ 507 http://cineamabeta.com/groups/il-sarto/

349

mediometraggio dispirazione horror/thriller, vi lascio al Fake trailer:

350

LUltima Foglia e la via del low budget


venerd 25 novembre 2011 Chiara

Cineama incontra e intervistaBarbara Bruniuna delle produttrici indipendenti del film LUltimafoglia508 lungometraggio low budget del registaLeonardo Frosina509 LUltimafoglia510 unopera prima realizzata grazie a delle produttrici decisamente particolari che decidono d investire le loro energie su un film low budget Barbara ci racconti com iniziata la vostra avventura? Premetto che io, Manila Mazzarini e Leonardo Frosina ci siamo conosciuti partecipando ad un workshop a Berlino nel 2008 (lINFWA, sponsorizzato anche dalla Lazio Film Commission) e abbiamo avuto modo di stringere
508 http://ultimafoglia.com/ 509 http://www.leonardofrosina.com/ 510 http://ultimafoglia.com/

351

una buona intesa sia personale che professionale. Il progetto LUltimafoglia nato in modo molto naturale e non pianificato nel senso che il regista mi ha dato la sceneggiatura per chiedermi dei consigli, ci siamo incontrati per parlarne anche con Manila Mazzarini (che gi stava collaborando con Leonardo) e Silvia Ricciardi, mia amica e collega, per avere anche il suo input, e in pochissimo tempo abbiamo deciso di scommettere sul progetto e sul regista e di costituire insieme una societ per produrre il film. Lurgenza stata dettata dal fatto che alcune location e attori erano gi confermati (grazie al lavoro precedente di Leonardo e Manila) e come si sa, nel low budget, bisogna approfittare delle risorse che si hanno a disposizione sul momento, ma il desiderio di produrre in prima persona progetti che ci stavano a cuore era gi presente in ognuna di noi. Cos nata la nostra societ Josei.

Cosa vi ha spinto a credere in questo progetto? La fiducia nel regista e nelle sua capacit, che avevamo gi avuto modo di constatare ed apprezzare. Avendo gi parecchie esperienze alle spalle, sia di corti che di produzioni pi grandi, conoscevamo le difficolt insite nel low budget, e quindi la necessit di fare grande affidamento nel regista, il quale ha dimostrato di essere allaltezza della situazione. Inoltre, ci interessava la sfida di creare qualcosa di qualit con scarse risorse, per dimostrare che necessario reagire con professionalit, intraprendenza ed entusiasmo alle difficolt di un momento non particolarmente favorevole ai talenti cinematografici emergenti.

352

E come avete fatto a riunire ed avvalervi di tutte queste professionalit del settore cinematografico? Dato il momento, abbiamo avuto la fortuna di riscontrare ladesione di tanti ragazzi professionisti nel settore che condividevano la nostra visione. Alcuni sono stati grandi sostenitori del progetto fin da prima del nostro coinvolgimento, come il direttore della fotografia Sandro Magliano ed il compositore delle musiche originali Nicola Giunta, ed altri si sono appassionati mano mano che lUltimafoglia cresceva e diventava realt. Sicuramente anche in questo caso le capacit e la sicurezza del regista sono stati determinanti, anche per gli attori, tutti professionisti affermati con anni di esperienza alle spalle, che dopo alcuni incontri hanno trovato sintonia con il regista, e hanno dato la disponibilit.

353

Quale spirito ha animato le diverse fasi di produzione? Ti va di raccontarmi qualche aneddoto che avete vissuto sul set? Proprio per i motivi di cui sopra, il clima sempre stato di grande sintonia ed stato animato da uno spirito di collaborazione. Sia gli attori che la troupe hanno fatto molti sacrifici e hanno avuto grande spirito di adattamento, ma siamo state anche contente di vedere che le fatiche e lo stress scomparivano di fronte alla soddisfazione di una scena ben riuscita. Molti aneddoti sono legati alla mancanza di mezzi, come quando abbiamo dovuto attaccare la telecamera (una Canon 5D) alla batteria dellauto del direttore della fotografia per realizzare una scena in timelapse. Oppure quando, dal momento che non avevamo la stessa auto di vigilanza per tutte le scene, il reparto scenografia ha dovuto cercare in tarda sera della pittura lavabile per trasformare gli specchietti da bianchi a neri, dato che altrimenti non si sarebbero raccordati con le scene precedentemente girate. In unaltra occasione, avendo solo unauto di vigilanza e necessitandone due per i nostri metronotte Zeno e Tom, abbiamo dovuto girare un campo e controcampo scambiando gli attori in una stessa macchina, ed usare un modello simile di cui abbiamo ripreso solo gli interni. Quali metodi alternativi state utilizzando per la raccolta fondi? Nonostante lo scarso tempo di preparazione del film, abbiamo sempre sentito che per realizzarlo avremmo avuto necessita di coinvolgere amici e conoscenti, e in generale anche la comunita amante del cinema e sensibile alla promozione di registi emergenti, cercando di farli sentire coinvolti nel

354

progetto, di farli affezionare. In questottica abbiamo creato degli eventi per il film in cui abbiamo venduto delle shopper con il logo de LUltimafoglia. Acquistando la shopper si partecipa anche ad una lotteria per una trapunta americana fatta a mano, prodotta apposta per il film, che estrarremo a sorte prima della fine dellanno. Questi eventi, oltre a finanziarci, costituiscono anche un momento importante per spargere la voce sul film, promuoverlo, e anche per aggiornare e dare qualcosa in cambio a coloro che ci seguono, che potrebbe essere una visione del trailer in anteprima, le shopper, un concerto (come avverra per il nostro prossimo evento il7 Dicembre al Ke Nako a S. Lorenzo511 )

Dato il progetto e la sua storia, avete pensato o state pensando ad una distribuzione unconventional ? Verranno battute le strade tradizionali ovviamente, ma cercheremo anche di puntare sul seguito che ha gia il film, creando piccoli eventi in concomitanza con la proiezione del film nei luoghi dove sappiamo sussiste dellinteresse, e anche cercare di allargare questo pubblico ai fan degli attori e degli artisti musicali che hanno partecipato al film.
511 http://www.facebook.com/event.php?eid=283479475030039

355

Qualche idea per il lancio ufficiale? Per il lancio ufficiale vorremmo coinvolgere degli artisti molto bravi che hanno prestato o creato musiche per il film, quali Herself, i This Harmony, e Sade Mangiaracina e Laura Lala. Sicuramente ti terremmo aggiornata, e lo annunceremo su Cineama.

tempo di remake: in bianco e nero e alla Tim Burton!


luned 28 novembre 2011 Chiara

Frankenweenie512 uno dei primi e pi bei lavori di Tim Burton, una deliziosa favola dalle atmosfere dark, racconta la storia del giovane Victor che dopo la perdita del suo amato cane e compagno di giochi Sparky, si impegna a condurre strambi esperimenti scientifici per riportarlo in vita. Ovviamente lispirazione viene dal famoso film Frankenstein del 1931 che tanto appassion il Burton bambino.

512 http://it.wikipedia.org/wiki/Frankenweenie

356

La pellicola513 sar girata interamente in bianco e nero, in stop motion e si avvarr del 3D. Anche se il regista ha tenuto a precisare che non si tratter dei classici effettacci, ma questa volta la stereoscopia aiuter ad entrare pi facilmente nella narrazione. La scelta stilistica del bianco e nero servir a condurre ed appassionare il pubblico pi giovane in unavventura nuova, interessante e per niente preistorica.

La casa produttrice nuovamente la Disney che lancia cos una nuova scommessa al regista. La data di uscita prevista per lottobre del 2012 negli Stati Uniti. Nellattesa vi invito a rispolverare la prima parte delloriginale Frankenweenie datato 1984:

513 http://www.imdb.com/title/tt1142977/

357

Frammenti. Oltre lesistenza.


marted 6 dicembre 2011 Chiara

358

Vuoi vedere in anteprima il corto di Luigi martedi 13 dicembre tra le 19.00 e le 20.00? Prenotati qui attraverso i commenti! Uno dei nostri primi cineamatori, Luigi Montebello514 riuscito in piena filosofia low budget a realizzare il suo cortometraggio: Frammenti. Oltre lesistenza515 . Noi di Cineama abbiamo pensato dintervistarlo per farci raccontare la sua esperienza. Se il corto e queste immagini riescono ad incuriosirvi, leggete e scorrete fino in fondo la paginac una sorpresa per voi!!! Parlaci del tuo cortometraggio, com iniziata la tua avventura per realizzarlo? Linput per scrivere la sceneggiatura stata luscita in maggio 2011 del bando di concorso per il 1 Festival Universitario Cortometraggio di Roma. Unottima opportunit in quanto dava la possibilit di essere selezionati per il Festival del Cinema. Il concorso era a tema fisso: il valore della vita: difficile per un piccolo corto tentare di spiegare qualcosa di cos grande e inarrivabile, cos io e Pier Francesco Lo Conte, mio grande amico e sceneggiatore ci siamo messi a lavoro, cercando di trovare la nostra interpretazione personale ed unica al tema. Il risultato stato quello di un cortometraggio che non tenta di decidere per lo spettatore qual il senso della vita, ma che traccia delle vie, dei percorsi possibili, dai quali partire. Mette in scena ideologie immobili nella loro fermezza oppure personalit vacue, abbandonate al loro disfattismo, per poi terminare in un finale quasi aforistico che ne lascia del tutto aperta linterpretazione.

514 http://cineamabeta.com/cineamatori/luix90/profile/ 515 http://www.facebook.com/frammentioltrelesistenza

359

Come hai trovato tutte le professionalit di cui avevi bisogno? Un ruolo fondamentale per la nascita di questo cortometraggio stato svolto da due opposti modi di intendere le relazioni sociali: da una parte gli sterminati flussi della Rete, con Facebook a fare da trainodallaltra la piccola realt locale, con una schiera di amicizie e conoscenze sviluppata nel tempo nel mio paese di origine, Ariano Irpino, in provincia di Avellino. Essendo un lavoro estremamente low budget, abbiamo dovuto diffondere la sceneggiatura e chiedere a varie persone di darci una mano a titolo gratuito. Devo dire che abbiamo trovato tanta disponibilit a collaborare e tanto entusiasmo per il progetto che ha trovato subito un riscontro positivo. E stato merito di Facebook se abbiamo trovato un attore professionista, Davide Vallicelli, che ha interpretato la parte del manager, tutti i doppiatori che sono intervenuti in seguito nel corto ed il sound designer. Il resto del cast e della crew invece, composto da amici della mia cittadina, che si sono prestati a lunghe giornate di faticache hanno messo a disposizione il loro tempo, i loro locali, la loro musica, le loro competenze per questo progetto. stato difficile trovare dei finanziamenti per il tuo progetto, a chi ti sei rivolto? Non stato difficile, in quanto il corto estremamente low-budget! In tutto abbiamo speso circa 300 euro, giusto per un costume, le spese di viaggio di Davide (Vallicelli, ndr) e laffitto della sala di doppiaggio. Per c da dire che non avrei mai potuto realizzarlo se non avessi avuto a mia disposizione parte dellattrezzatura di mio padre, fotografo professionista, che non finir mai di ringraziare. Allo stesso tempo, non sarebbe mai stato possibile

360

raggiungere questa qualit senza altri amici che mettessero a disposizione un parco luci, una sala dincisione per le musiche, le location dinterni, o finanche il locale dove pranzare!

Che spirito ha animato i giorni di ripresa, ti va di raccontarmi qualche aneddoto? In tutto abbiamo girato circa una settimana, i primi giorni sono stati molto difficoltosi, in quanto la troupe doveva ancora rodarsi bene, il clima non aiutava affatto e tra amici, si sa, facile perdere le staffe Una volta trovata la concentrazione per filato tutto liscio tranne qualche, chiamiamolo cos, inconveniente naturale: durante la scena 6, quella del mistico, un pastore con un mandria di pecore ha occupato il terreno dove stavamo girando (ovviamente senza permesso), cos abbiamo dovuto attendere il loro passaggiosoltanto che quando siamo ritornati abbiamo trovato dei caldi e profumati ricordini disseminati dappertutto.cos abbiamo dovuto girare nellolezzo generale e stando attenti a dove posizionavamo lattrezzatura. Di certo, a fine giornata, avevamo tutti bisogno di una lunga doccia!!

361

Cosa ami e cosa odi del cinema italiano oggi? Non sono un detrattore assoluto del cinema italiano contemporaneo, guardo molti film del nostro paese ma molto raramente riesco a trovare delle opere che mi colpiscono e mi lasciano qualcosa. LItalia un paese strano secondo me, dove non c una produzione cinematografica mediamente qualitativa ma abbiamo solo eccellenze o cagate pazzesche, come diceva il buon Villaggio. I produttori credono che il cinema italiano sia credibile solo nella parodia di se stesso, nella parodia degli stessi consumatori che andranno a vederlo (vedi cinepanettoni et similia). Credo sia una questione culturale, derivata dal dominio delle televisioni nazionali che impacchettano modelli di vita fatti di una materia pi inconsistente del fumo. Ci sono per degli autori che provano ad emergere dalla mischia come Paolo Sorrentino, che stimo molto per la sua creativit visiva ed il tipo di film che gira. Il suo ultimo lavoro, This Must Be The Place, un capolavoro di inquadrature dal potente valore simbolico mascherate di leggerezza.

362

Ambizioni e progetti futuri? Molti. Sono ancora indeciso se intraprendere la strada della Regia oppure quella della Fotografia cinematografica, diciamo che mi piacerebbe fare tutte due, come il grande Silvano Agosti insegna! Certamente sento lesigenza di raccontare le mie storie, o meglio, raccontare storie che in realt sono solo McGuffin per mettere in scena emozioni e sensazioni, per creare un senso che va al di l delle vicende narratema non riesco a prescindere dallimmagine! Film come The Tree Of Life mi fanno impazzire. Per me il cinema arte visiva prima di tutto, la mia fantasia si manifesta per immagini simboliche e mi piace fare il Kubrick della situazione (senza tutto il suo talento ovviamente) che sinfatua di unobiettivo e non dorme la notte per poter capire come usarlo al meglio. Per adesso voglio fare qualche altro corto (ce ne sono un po in programma) e magari curare la fotografia per qualche cortometraggio altrui, per poi laurearmi al DASS di Roma e provare finalmente ad entrare al Centro Sperimentale, obiettivo di sempre!!! Ed ecco a voi la sorpresa: Con Luigi Montebello inauguriamo la PRIMA PROIEZIONE ONLINE SU CINEAMA. IT! I primi 15 cineamatori che lasceranno un commento a questo post saranno invitati giorno 13 DICEMBRE nell arco di tempo che va dalle ore 19.00 alle 20.00, alla proiezione in anteprima e on line di FRAMMENTI. Oltre lesistenza.

363

Oltre al video, sar disponibile una live chat tramite la quale potrete lasciare i vostri commenti e le vostre ispirazioni. A quanti si prenoteranno verr inviato un link privato (tramite un messaggio su cineama.it) tramite il quale si potr accedere alla proiezione on line e alla live chat. Vi aspettiamo numerosi per sostenere il giovane cinema indipendente italiano! Vi lascio con un piccolo assaggio:

364

Nuovi titoli per le proiezioni su richiesta!


venerd 9 dicembre 2011 Chiara

Continuano le proiezioni su richiesta su cineama.it! Questa volta tocca a due documentari indipendenti: Exit Trough the Gift Shop

365

Un documentario sullo stato dellarte contemporanea, diretto da Banksy516 , il misterioso genio della street art. Presentato nel 2010 al Festival di Berlino e al Sundance Film Festival, il documentario ha ricevuto recensioni estremamente positive e ottenuto molti riconoscimenti dalle associazioni di critici cinematografici statunitensi. E stato definito un disaster movie e rispecchia lo spirito del suo autore: umoristico fino a diventare sarcastico. Exit Through the Gift Shop racconta la storia di Thierry Guetta, un immigrato francese a Los Angeles, e la sua ossessione verso la street art. Guetta documenta costantemente su pellicola ogni minuto della sua vita fino allincontro con suo cugino, lartista Invader, colui che da tempo riempie le strade pi frequentate di Parigi e delle altre capitali europee con dei mosaici raffiguranti le figure squadrate del celebre videogame e con altri rappresentanti della street art: Shepard Fairey, autore del celebre ritratto bicromatico per la campagna elettorale di Obama, e Banksy, la cui voce camuffata per mantenere lanonimato. Exit Through the Gift Shop, sia esso considerato un documentario oppure un mockumentary, riesce a dimostrare ancora una volta la dispersivit scardinante e sovversivamente democratica del concetto di arte, e la relativit assoluta con cui il genio si palesa in ciclo produttivo. Dancing Dreams Sui passi di Pina Bausch

516 http://www.banksy.co.uk/

366

Un film di Anne Linsel e Rainer Hoffmann. Nel 2008, la celebre danzatrice e coreografa Pina Bausch517 selezion 40 teenager, che non sapevano nulla n di lei n di danza, per farli partecipare alla messinscena della sua celebre performance Kontakthof. In 10 mesi e fino alla sera della prima, i giovani danzatori hanno potuto scoprire il genio di Pina Bausch attraverso i loro stessi corpi. Pina Bausch morta nel 2009. questo film la testimonianza del suo lavoro rivoluzionario. Il meccanismo ancora una volta semplice, basta iscriversi ai rispettivi laboratori di Exit Trough the Gift Shop518 e Dancing Dreams519 su cineama.it e specificare la citt nelle quale si vuole vedere il film. Una volta ricevuta la tua richiesta cineama.it individuer la sala disponibile pi vicina alla tua posizione geografica e proceder per verificare la disponibilit di effettuare una proiezione da parte dellesercente. Non dimenticare di coinvolgere i tuoi amici e altri futuri-spettatori con cui condividere la visione del film nella tua citt, poich per organizzare una proiezione necessario un numero minimo di spettatori! Speriamo che questi nuovi titoli possano incuriosirvi e aspettiamo le vostre richieste su cineama.it !
517 http://it.wikipedia.org/wiki/Pina_Bausch 518 http://cineamabeta.com/groups/exit-through-the-gift-shop

-%e2%80%93-banksy/ 519 http://cineamabeta.com/groups/dancing-dreams/

367

Unintervista collettiva ai ragazzi di Big Horn


venerd 16 dicembre 2011 Chiara

Sara Benedetti520 (sceneggiatrice), Francesco Damore 521 (attore, sceneggiatore), Andrea Tomaselli 522 (regista e sceneggiatore),Luciana Maniaci523 (attrice sceneggiatrice) si uniscono e decidono di scrivere insieme a otto mani la prima stesura della sceneggiatura di Big Horn524 , uno dei progetti on line su cineama.it ! Ma facciamoci raccontare com cominciata la loro avventura: Una sceneggiatura scritta a pi mani che racconta di Big Hornuna fabbrica piena di graffiti ed esperienze di vita che sta per essere demolita, quanto di autobiografico c in questa storia?

520 http://cineamabeta.com/cineamatori/sarabenedetti/ 521 http://cineamabeta.com/cineamatori/francescodamore/ 522 http://cineamabeta.com/cineamatori/andreatomaselli/

profile/ 523 http://cineamabeta.com/cineamatori/luciana/profile/ 524 http://cineamabeta.com/groups/big-horn/home/#view

368

FRANCESCO: Molto, anche se a un livello sotterraneo. Il film racconta di un gruppo di writers, di graffittari di strada che hanno occupato una fabbrica che diventato il centro delle loro vite. Ora che vogliono buttarla gi perch fa concorrenza ai centri ufficiali di diffusione della cultura, loro si trovano a un vincolo: lasciare che tutto finisca o scendere a compromessi e legarsi a logiche di mercato, rinunciando cos al cuore del loro lavoro: un arte senza profitto e non statale. Libera. Questo centra con chiunque faccia arte oggi. Io e Luciana Maniaci facciamo teatro. Prima dei tagli alla cultura di cui tanto si parla ora, gi ci risultava difficilissimo interagire col sistema teatrale italiano (anziano, chiuso e clientelistico, che richiede cieca abnegazione e appoggi politici); con la crisi diventato quasi impossibile. Lalternativa alle casse statali il modello commerciale, codardo e anche quello anzianissimo che impone la televisione e il cinema (ormai quasi la stessa cosa). Allora come fare? Morire di fame facendo teatro senza nessun sostegno che non diverso da affidare il proprio messaggio a un muro o vendere lanima? La risposta del film : innanzitutto sapere per cosa si sta combattendo, e se la battaglia giusta (ci risponde alla proprie esigenze profonde) combatterla fino in fondo. La nostra risposta, in questo momento, unirsi con altri battaglieri, altri poveri, altri esclusi e fare cinema indipendente. Per esempio con cineama. LUCIANA: Sono perfettamente daccordo. Lunica cosa che posso aggiungere che, nella mia esperienza personale, solo le poche volte che mi sono trovata in un contesto di condivisione e espressione artistica comune, mi sono sentita felice. E sono arrivata a pensare che nellarte, tutto ci che non centra con la condivisione debole mortifero, soprattutto in una societ che ti spinge sempre pi a una condizione di fragilit dettata dalla solitudine. SARA: C molto di autobiografico perch sotto la superficie drammaturgica di Big Horn si muovono temi con cui ci confrontiamo tutti i giorni. Tra i tanti: possibile essere liberi? Liberi nellarte, nella famiglia, nelle relazioni? Ed utopico pensare a un modello di convivenza diverso da quello imposto dalla societ occidentale contemporanea o bisogna tentare anche se si fallisce perch l risiede una possibilit di salvezza? ANDREA: In Big Horn non c tanta autobiografia reale. Piuttosto si tratta di un luogo che riesce a materializzare le nostre esistenze parallele, quelle temute, desiderate, evitate, quelle rimpiante.

369

Da dove nasce lesigenza di condividere il vostro lavoro su Cineama? ANDREA: Ho realizzato Zoo School (ndr: qui525 potete leggere una nostra intervista), il mio primo lungometraggio, con una coproduzione che ha coinvolto cast tecnico e artistico. Ho messo insieme i tasselli, per anni, con pazienza e fiducia nel lavoro di gruppo. Per me Cineama uno sbocco naturale, ledificazione di un modo altro di fare cinema che ho sperimentato con successo sulla mia pelle. FRANCESCO: Siamo in cerca di compagni. Companeros. LUCIANA: Compagni di viaggio. SARA: Crediamo nelle nuove forme per fare cinema, crediamo che rimanere ancorati a vecchi modelli non funzioni pi, crediamo che un film sia un lavoro per sua natura collettivo e Cineama rende possibile a professionisti che vivono e lavorano lontano di incontrarsi in un progetto di comune interesse.
525 http://cineamabeta.com/cineamazine/2011/04/06/

indipendente-e-low-budget-si-tratta-di-zooschool/

370

Anche Big Horn sar un film a basso budget, come vi state rapportando con il problema della raccolta fondi, che soluzioni avete deciso di adottare? SARA: Al momento siamo in una fase pi creativa che produttiva. Partecipare a Cineama stata unoccasione per misurare la forza della nostra idea. Se ne avr abbastanza, riuscir a farsi realizzare. In che modi, vedremo. ANDREA: Se si decide di scrivere un film a basso budget bisogna introiettare nella scrittura parametri produttivi. Big horn ambientato quasi del tutto in un unico luogo (e questo limita i costi); prevede il coinvolgimento massiccio di realt creative (figurative, musicali, attoriali) che siamo convinti saranno portatrici anche di risorse economiche; infine un film che si rivolge spontaneamente ai ragazzi, che hanno facilit con le rete e noi crediamo che la rete sar una fonte importante per la raccolta fondi. In questa prima fase di creazione dellopera, quanto pensate possa contare laiuto di un pubblico che in anteprima possa ispirarvi e consigliarvi? LUCIANA: E sempre importante uno sguardo esterno di gente appassionata, intenditori puri e professionisti. FRANCESCO: Specialmente quando ci di cui tratti cos legato a tematiche che si sentono proprie. Si rischia di perdere ogni oggettivit e che i segnali non arrivino. Noi ci teniamo molto.

371

SARA: Lesigenza di raccontare nasce dalla voglia di raccontare a qualcuno. La presenza dellaltro imprescindibile. Non ce ne facciamo niente di una sceneggiatura che a noi piace tanto se non riesce a portare fuori quello che abbiamo bisogno di esprimere. I consigli sono preziosi sempre, ancora di pi quando il processo creativo agli inizi.

Parlateci del lavoro in team, come vi siete relazionati e che difficolt avete incontrato nel mettere daccordo tanti pensieri diversi? FRANCESCO: Io e Luciana lavoriamo con Andrea e Sara da tempo. A questo progetto poi siamo legati da tre anni. Avremo scritto almeno quattro versioni, molto diverse luna dallaltra. Ci piace tanto lavorare insieme, specialmente quando c da discutere e ognuno prova a tirare laltro verso la propria posizione. Litighiamo splendidamente. Ci sentiamo molto creativi quando si tratta di litigare per unidea. LUCIANA: Ormai considero il lavoro con i miei tre compagni di scrittura la condizione essenziale per la mia sopravvivenza. SARA: Assolutamente daccordo con quanto stato detto. Il lavoro con Francesco, Luciana e Andrea allo stesso tempo una fatica, unoasi e uno stimolo per crescere. La cosa pi bella che ho imparato in questi anni di varie collaborazioni stato rinunciare a unidea perch ne nascesse una comune, pi forte. Ed essere me stessa perch nellalchimia del gruppo ognuno di noi unico e importante.

372

ANDREA: Lavorare con altri faticoso. Nel cinema non raro, ma rimane un gesto collettivo complesso e invadente. Daltronde, come tutte le fatiche vere, fertile. La solitudine il prezzo della facilit. Dal video di presentazione vedo che alcuni dei personaggi e delle location sono pressoch delineate, come procedono i lavori per la realizzazione dellopera? FRANCESCO: Io so solo che io sono il protagonista. LUCIANA: Io al mio personaggio ho gi comprato le scarpe. SARA: Tutti gli altri aspetti produttivi sono ancora da affrontare. La ex fabbrica piena di graffiti esiste, a Torino e il proprietario ha davvero intenzione di abbatterla per costruire altro. Comunque per girare Big Horn avremo bisogno di uno spazio simile ma vuoto, il bello sar chiamare a raccolta tanti writers perch la scenografia si costruir durante le riprese! ANDREA: Come dice Sara, laspetto pi interessante sar quello di coinvolgere altri creativi: scenografi, writers, musicisti, band, attori, skaters, artisti di strada, filmakers. Big horn pensato per essere una moltiplicazione iperbolica del gesto creativo, con tutti i suoi lati luminosi e oscuri. Di solito il cinema lo di per s: Big horn lo sar allennesima potenza.

373

Sogni ed ambizioni future? Noi come di consueto facciamo un grande in bocca al lupo a tutti voi per la realizzazione di questo interessantissimo progetto! FRANCESCO: Lavorare con uguale libert e maggiore serenit economica. LUCIANA: Sempre noi quattro. SARA: Trovare risposta ai tanti interrogativi sollevati da Big Horn dopo averlo visto al cinema. Insieme. ANDREA: Che Big Horn sia uno dei primi film realizzati tramite Cineama e che ne seguano tanti altri!!!

Alice Postmoderna: parte il mash up video contest!


luned 19 dicembre 2011 Chiara

374

Cineama.it e il MAshRome Film Fest Mash Up Award 2012 526 uniti dal desiderio di esplorare le nuove forme di espressione artistica e i linguaggi crossmediali stringono una collaborazione che parte con il mash up video contest: Alice Postmoderna: le intuizioni di Lewis Carrol come chiave di lettura della contemporaneit da unidea di Marco Minghetti. La community online di cineama.it a partire dal 2012 avr uno spazio allinterno del MAshRome Film Festival, il primo festival in Italia dedicato al mash up cinematografico. Il concorso che inaugura questa collaborazione si svolger allinterno del laboratorio Alice Postmoderna527 : tutti i partecipanti potranno presentare i propri lavori realizzati adottando la tecnica del mash up e del remix e legati alle pi svariate forme artistiche ed espressive. Le opere saranno valutate sia per le loro qualit artistiche e qualitative che per la capacit di attivare forme di partecipazione e collaborazione allinterno di cineama.it! Il tema del mash up video contest: Per il primo anno si scelto di proporre come tema Alice Postmoderna: le intuizioni di Lewis Carroll come chiave di lettura della contemporaneit, proseguendo la collaborazione che cineama.it ha avviato con Marco Minghetti nellambito del suo progetto multidisciplinare: Alice Postmoderna528 . I partecipanti al contest dovranno rappresentare la contemporaneit, e le molte facce di questepoca sospesa prendendo spunto dalle vicende dei personaggi (Alice, il Bianconiglio, la Regina di Cuori, il Cappellaio Matto, ecc) che animano la fiaba, ma utilizzando le regole del mash up: destrutturando, ricomponendo, mixando le opere audiovisive preesistenti di Alice nel paese delle meraviglie, ricomponendole e aggiungendo nuovi materiali, nuovi suoni, nuovi immaginari. Per saperne di pi: Call for video e informazioni su come partecipare529
526 http://www.mashrome.org/ 527 http://cineamabeta.com/groups/alice-postmoderna/ 528 http://www.marcominghetti.com/i-progetti-dello-humanistic

-management/alice-postmoderna/ 529 http://cineamabeta.com/call-for-video/

375

Cos il mash up? ll Mash Up un montaggio di immagini e di suoni (remix), estratti da fonti diverse che vengono copiate, ritagliate, incollate, trasformate, mixate e assemblate per creare una nuova opera. Per remix intendiamo tutto ci che con lausilio dei nuovi linguaggi crossmediali miscela contenuti audiovisivi preesistenti in modo tale che il contenuto modificato assuma un valore creativo e artistico proprio. 530 Il laboratorio Alice Postmoderna531 su cineama.it e laraccolta532 di alcuni materiali audiovisivi dedicati ad Alice I nostri contatti social Facebook : Cineama 533 MAshRome Film Festival 534 Alice Annotata535 di Marco Minghetti Twitter: Cineama536 MAshRome Film Festival 537

530 http://www.mashrome.org/competition 531 http://cineamabeta.com/groups/alice-postmoderna/

/topic/raccolta-di-materiali-audiovisivi-dedicati-ad- alice-video-foto-musiche/ 533 http://www.facebook.com/cineama.it 534 http://www.facebook.com/pages/MAshRome-Film-Fest /290050121008295 535 http://www.facebook.com/groups/109832952455351/ 536 https://twitter.com/cineama 537 https://twitter.com/#!/MAshRome
532 http://cineamabeta.com/groups/alice-postmoderna/forum

376

Indice analitico
3 m girl, 228 3d, 356 8 bit, 188 18 anni il mondo ai miei piedi, 58 18 annii, 58 45 giri film festival, 295 A a swarm of angels, 115 acaba produzioni, 2, 125 adattamento, 217 adotta un film, 307, 320 aldo pecora, 148 alessandra lo russo, 346 alessandro baricco, 205 alice annotata, 305, 374 alice nel paese delle meraviglie, 305, 374 alice post moderna, 305 alice postmoderna, 305, 374 allora mambo, 175 amore mio aiutami, 307 Andrea Tomaselli, 121, 337, 368 anime, 24 anna bellato, 292 anni 80, 188 Antoni Roig, 94 antonietta de lillo, 202 appartamenti, 239 appassionati, 164 archivio caltari, 230 art, 208, 215 art of the title, 164 artist, 298, 327 artisti, 164 artists, 208 asghar farhaidi, 280 attore, 106 attrice, 58 audiovisivo, 210 avvocato, 91 B banca nazionale dellinnovazione, 97 band emergenti, 295 banksy, 365 barbara bruni, 351 beatpick, 206 behance, 252 Berardo Carboni, 11 berta film, 332 beta, 199 big horn, 368 blu, 255 bologna, 295 bonnie little saturday, 337 brett gaylor, 71 brief history, 164

377

C call, 374 camera dei deputati, 97 carte blanche, 205 casa di produzione, 64, 96 case, 239 cast, 192 casting, 311 celtx, 154, 160, 171 cento autori, 88 centro sperimentale, 307 cineama, 92, 141, 152, 156, 162, 164, 166, 173, 178, 181, 184, 186, 188, 197, 202, 205, 206, 208, 210, 215, 217, 222, 228, 230, 236, 239, 247, 248, 252, 280, 282, 289, 303, 307, 314, 317, 320, 322, 327, 332, 343, 345, 346, 348, 351, 368 cineamatori, 152, 164, 242, 245, 285, 289, 303, 337, 343, 345, 348 cineamazine, 215, 217, 228, 230, 236, 239, 245, 247, 248, 252, 258, 260, 263, 267, 289, 320 cinefili, 152, 164 cinema, 9, 106, 116, 154, 160, 164, 178, 186, 192, 194, 205, 210, 327 cinema collaborativo, 156 cinema digitale, 278 cinema in movimenti, 173

cinema indipendente, 64, 162, 166, 197 cinema italiano, 2, 4, 15, 152 cinema itinerante, 173 cineteca nazionale, 307 city, 205 claudio cupellini, 4, 125 collaborazione, 143 colonne sonore, 210 commedia allitaliana, 88 community, 152, 190, 289, 343 condividere, 152 condivisione, 190 contaminazioni, 188 contenuti doc, 230 contest, 128 contest video, 374 coperazioni internazionali, 2 copyleft, 71, 91 copyright, 71, 91, 206 cortometraggio, 192, 317, 358 creative commons, 71, 96, 156, 178, 194, 206 creativi, 239 creativit, 4, 148, 176, 239, 295 crossmediale, 192 crowdengineering, 102 crowdfunding, 94, 102, 114, 121, 156, 162, 197 crowdsourcing, 92, 102, 197 cultura partecipativa, 23, 53, 102, 114, 116 culture, 215 D dancing dreams, 365 daniele silvestri, 295 david di donatello 2011, 125, 128

378

davide dapporto, 314 davide datri, 206 davide potente, 322 Deborah De Angelis, 91 dentroamp;fuori, 317 design, 215, 247 design contest, 92 designer, 92, 164, 186, 225 di corinto, 107 diablo cody, 327 dietro le quinte, 343 digitale, 162 direzione artistica, 149 diritto dautore, 91 dispersi, 109 dispersival, 109 distribuzione, 23, 109 distribuzione 2.0, 280, 282, 365 distribuzione on line, 278 divorzio allitaliana, 307 documentari, 194, 365 documentario partecipato, 202 drome magazine, 298 E ecosostenibilit, 283 edmund phelps, 97 El Cosmonauta|hyperpage, 119, 156 elisabetta rocchetti, 58 emanuele caruso, 337 emiliana de blasio, 15, 53, 115 evoluzioni, 199 ex cinema palazzo, 236 exit through the gift shop, 365 extra-terrestri, 169

F Fabio Fidanza, 23 Fabrizio Mosca, 2, 125 fakefactory, 64 falegnameria sociale, 242 fansubbing, 15 fanzine, 248 festival, 109 festival arcipelago, 149, 194, 202 festival internazionale del film di roma, 320 figli delle stelle, 175 film, 58, 152, 164, 169, 186, 192, 283 film collaborativo, 175, 202 film indipendenti, 343 film sharing, 176 filmmaker indie, 260 filmmakers, 176, 197, 285, 337 films, 255 filmware, 194 final draft, 154, 160, 171 finanziamenti, 2, 9 flickme, 278 flusso, 242 fondazione centro sperimentale di cinematografia, 320 font, 225 forum, 192 fotogiornalismo, 252 fotografia, 239, 252, 267 fotoleggendo, 267 fotovoltaico, 173 FRAMMENTI.oltre lesistenza, 358 francesco damore, 368 Francesco Di Leva, 106 francesco simeti, 298

379

Francesco Trento, 20 frankenweenie, 356 freaks the series, 181 fumettista, 169 funny or die, 278 G gagosian gallery, 228 gallery 1988, 327 geek, 222 giacomo monti, 169 giancarlo scrofani, 348 gianfranco fini, 97 gianni pacinotti, 292 giappone, 24 gilioli, 107 gipi, 169 grafici, 92, 164, 225 graphic novel, 217 gregory j rossi, 166 guardian, 217 guglielmo enea, 314 H harry potter, 222 hastag, 190 helvetica, 225 hideout, 109 I iamasource, 92 idee, 151 il bosco fuori, 166 il pranzo di natale, 202 imprenditoria, 148 Indiegogo, 121 indipendente, 121 indipendenza, 176

industria, 4 innovativo, 64 into paradiso, 125 intrattenimento, 283 iocose, 242 irene cassarino, 115 iscritti, 152 ispirazioni, 311 italiana, 181 J james surowiecki, 102 jason reitman, 327 K kevin walter, 222 kino, 64, 143, 205 koo, 162 L la stanza dei bottoni, 332 la vita facile, 175 laboratori, 192, 289 lawrence lessig, 71 le aziende in-visibili, 305 lego mashup, 222 leonardo frosina, 351 leonardo gandini, 136 lewis carrol, 305 libert, 176 licenza creative commons, 91, 178 live action, 24 lo zoccolo duro, 96 locandine, 186 london, 184 lorenzo fonda, 255 low budget, 121, 162, 351

380

lowamp;no budget short film festival, 176 lowbudget, 166, 358 lucia herrero, 267 luciana maniaci, 368 lucio pellegrini, 175 lucio spaziante, 136 luigi montebello, 358 lultima foglia, 351 lultimo terrestre, 169, 292 lungometraggio, 192, 351 M macaroni bros, 23 machinima, 15 magic bullet suite 11, 260 MakingOf, 343 manga, 228 manila mazzarini, 351 marco minghetti, 305, 374 mariangela matarozzo, 346 marjane satrapi, 217 mash-, 15 mash up, 15, 53, 71, 222, 346, 374 mashrome film fest, 346, 374 mashup, 119, 136 mass media, 283 Matteo Berdini, 88 matti per il calcio, 20 maxxi, 298 Maynou amp; Steele|hyperpage, 119 megunica, 255 mei, 295 metti in rete i desideri, 208 Mia Makela, 94 michele vicenti, 314

minimal, 186 miracolo aquilano, 332 mitch galbraith, 278 mouris auprs de toi, 258 mr 7 minutes, 245 music download, 206 N narrazioni, 302 nativi digitali, 181 nerofilm, 166 nessuno mi far del male, 169 net label, 206 nick bilton, 302 nicola dusi, 136 nintendo 8, 188 no film scholl, 162 O olympia le tan, 258 on the road, 252 onthedocks, 194 open cinema, 15, 53, 152, 194 open content, 208 open source, 154, 160, 171 opera audiovisiva collaborativa, 305 opera collettiva regista, 58 opere creative, 91 oxford, 94 P pagina progetti, 345 pannelli solari, 173 paola randi, 125 paolo peverini, 15, 53, 115, 116, 136 partecipazione, 184

381

patrik svensson, 186 pay streaming, 278 periodo edo, 228 persepolis, 217 phlegmatics, 298 pic nic, 298 pier francesco aiello, 365 pierluca di pasquale, 245 pina bausch, 365 pirates, 222 pop art, 327 post produzione, 96 post produzione audio, 210 poster, 186 produttore, 2 produttore indipendente, 332 produzioni amenic, 242 produzioni italiane, 9 professionisti del cinema, 152 profilo, 241, 303 profondo rosso, 307 progetti, 317, 322 progetto, 152 programmazione indipendente, 143 proiezione, 358 proiezioni su richiesta, 365 project space, 208 promote page, 302 propriet intellettuale, 91 prosumer, 71 psicogeografie, 230, 252 punpkin production, 175 R radio vertigo, 263 raffaele carro, 242 Raphael tassin de montaigu, 317

raw raw edizioni, 248 read giant, 260 recycling, 283 regia, 245 regista, 4, 11, 88, 169, 175, 242 registi, 337, 343 remake, 356 remix, 53, 71, 80, 115, 119, 136 remix cinema, 94, 115, 156 Remix Remake remodel, 136 remixing, 374 reply, 190 reportage, 267 rete, 107 riccardo luna, 97 riccardo papa, 337 riciclaggio, 283 riot cinema collective, 156 rip: a remix manifesto, 71 roberta torre, 148 roberto di vito, 348 Roberto Saviano, 99 roma, 236 room sharing, 208 S sacher, 282 sacher film, 280 sala cinematografica, 143 sala vittorio arrigoni, 236 Santos, 99 sara benedetti, 368 sceneggiatore, 20, 88, 151, 154, 160, 311, 322 sceneggiatori, 242, 314, 343, 345 sceneggiatura, 114, 154, 160, 171, 302, 311 sceneggiature, 345

382

scrittura cinematografica, 314 secret cinema, 184 sequoia capital, 278 serie web, 96 shooting silvio, 11 simon cahn, 258 social distribution, 23 social media, 194 social media week, 102 social network, 184 social networking, 181, 184 social web, 116, 184, 202 sociale, 64 software, 260 soggetto, 154 sogni, 99 sottobosco, 208 sound designer, 210 sound works collection, 210 soup magazine, 215 sperimentazioni, 80 spike jonze, 258 stanza 88, 245 star wars, 222 stARTT, 298 startup, 141, 148 Stefan Sonvilla, 94 stefano martina, 149 stefano mutolo, 332 stop motion, 356 strartup, 97 stray cinema, 80 street art, 255 subculture, 248 sud america, 255 super nintendo, 188 supernatural, 298

T takashi murakami, 228 tania innamorati, 141 tatoo, 247 tattly, 247 tatuaggi, 247 tax credit, 9 tax shelter, 9 teatro, 99, 106 teatro valle occupato, 236 telecom italia, 141 teoria del ritardo, 322 the blog tv, 102 the selby, 239 The sol cinema, 173 tim burton, 356 time machine, 199 title design, 164 titoli di testa, 164 tommaso sacco, 348 tony siino, 148 troupe, 192 U ultraminimal, 186 una separazione, 280, 282, 289 una vita tranquilla, 4, 106, 125 unconventional, 143 unconventional marketing, 116 underground, 166, 248 utenti, 152 V vacanze, 267 venezia, 208 videogame, 210 videogiochi, 188

383

videomaker indipendenti, 263, 285, 295 videomakers, 295 vincenzo pandolfi, 314 W web, 107, 199 web 2.0, 202 web series, 181, 263 working capital, 97, 112, 141, 148 workshop, 94, 119 Y yamato, 24 yap, 298 young adult, 327 youtube, 178, 181 Z zero. inchiesta sull11 settembre, 20 ZooSchool, 121

384