Sei sulla pagina 1di 2

COMUNE DI FANO ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI

CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI STATUTO

ART. 1 - FINALIT La Consulta si propone la finalit di promuovere la partecipazione attiva dei giovani alle politiche avviate dal Comune di Fano e di favorire lo sviluppo della rete di relazioni tra i giovani della citt, nel rispetto di quanto definito dalla Legge Regionale 5 dicembre 2011, n.24 e dagli artt. 45 e 46 dello Statuto Comunale. La Consulta ispira la propria attivit ai Principi sanciti nella Carta europea riveduta della partecipazione dei giovani alla vita locale e regionale adottata dal Congresso dei poteri locali e regionali dEuropa il 21 maggio 2003, con unattenzione particolare alla promozione della partecipazione senza discriminazioni alla vita locale da parte di giovani in situazioni di svantaggio sociale o appartenenti a minoranze etniche. ART. 2 - FUNZIONI La Consulta ha lo scopo di :

affiancare l'Assessorato alle Politiche Giovanili nella definizione delle sue scelte in materia di politiche per i giovani;

fornire all'Amministrazione Comunale l'indicazione delle priorit degli interventi e dei servizi da avviare a favore dei giovani, con riferimento a tutti gli aspetti della vita cittadina; elaborare e gestire progetti che, attraverso la collaborazione degli uffici comunali competenti e con limpegno ed il coinvolgimento di istituti scolastici di istruzione secondaria, associazioni e singoli, creino le condizioni per una piena realizzazione dei principi di cittadinanza attiva e di socializzazione dei ragazzi e delle ragazze; raccogliere e diffondere materiale ed informazioni per perseguire gli scopi per cui si formata, svolgendo altres attivit di indagine per la conoscenza sulla condizione giovanile nel territorio comunale; promuovere progetti educativi rivolti ai giovani con finalit di promozione del benessere; sostenere opportunit di conoscenza dei percorso di inserimento dei giovani nella vita sociale e nel mondo del lavoro; incoraggiare lo sviluppo di organizzazioni giovanili.

ART. 3 - ORGANI La Consulta Comunale dei Giovani composta da : - Assemblea; - Gruppo di Coordinamento. Tutti i componenti degli organi della Consulta svolgono il loro compito gratuitamente. ART.4 - RISORSE La Consulta Giovanile si avvale, per il suo funzionamento amministrativo e per quanto inerente i suoi fini istituzionali, del supporto degli operatori e delle attrezzature tecniche messe a disposizione dal Comune di Fano- Assessorato alle Politiche Giovanili. ART.5 SEDUTA ISTITUTIVA La prima riunione alla quale partecipano i componenti della Consulta Giovanile, indetta dall'Assessore alle politiche Giovanili alla presenza del servizio competente, nel corso della quale verr presentato il progetto. ART. 6 - ASSEMBLEA L' Assemblea della Consulta composta da giovani compresi tra i 16 e i 35 anni rappresentanti delle diverse realt giovanili presenti sul territorio di Fano. La Consulta costituita da: - rappresentanti provenienti da ognuno degli istituti di istruzione secondaria superiore presenti a Fano; - rappresentanti delle sedi di partecipazione giovanile del Comune di Fano; - rappresentanti della Pastorale Giovanile; - rappresentanti di organizzazioni giovanili formalmente costituite operanti anche nel settore dei giovani nel territorio di Fano. I rappresentanti dei giovani non devono aver compiuto il trentacinquesimo anno di et al momento della nomina. I rappresentanti eletti durano in carica per due anni e possono essere rieletti, fatti salvi i casi di scadenza naturale delle proprie designazioni. La composizione della Consulta sar aggiornata trimestralmente sulla base di eventuali nuove richieste pervenute da parte di soggetti aventi titolo. ART. 7- GRUPPO DI COORDINAMENTO I rappresentanti dei giovani provvederanno ad eleggere tra loro un Coordinatore e 2 vice Coordinatori che costituiranno il Gruppo di Coordinamento. Al Coordinatore, o in sua assenza ad uno dei vice Coordinatori, spetta il compito di presiedere la Consulta. Il Coordinatore e i due vice Coordinatori vengono eletti ogni due anni nella prima riunione di insediamento. ART. 8 SEDE L'Assemblea ha sede presso la Sala Teatro Cubo nel centro Commerciale S.Lazzaro. Il Comitato di Coordinamento ha sede presso lo spazio di partecipazione Sant'Arcangelo in C.so Matteotti. ART.9 - FUNZIONAMENTO Le modalit di funzionamento saranno definite dai componenti della Consulta in un apposito regolamento interno approvato a maggioranza dei 2/3 degli aventi diritto al voto. ART. 10 - PUBBLICIT E VALIDITA' DELLE SEDUTE Le sedute dellAssemblea della Consulta dei Giovani sono pubbliche, anche se il pubblico non pu prendere parte n alla discussione n alla votazione. In prima convocazione le sedute dellAssemblea e dellEsecutivo si intendono valide in presenza dei 2/3 dei membri con diritto di voto. In seconda convocazione (indetta trenta minuti dopo la prima) le sedute si intendono valide in presenza di un qualsiasi numero dei membri con diritto di voto. ART. 11 - VOTAZIONE Ciascun componente dell'Assemblea ha diritto ad un solo voto, qualsiasi sia lorganismo rappresentato. Non sono ammesse deleghe alla votazione. Le proposte che sono soggette a votazione verranno approvate a maggioranza assoluta dei presenti con diritto di voto. In caso di votazione con parit di favorevoli e contrari, la proposta si intende respinta con possibilit per chiunque di richiedere una immediata nuova discussione e votazione.

Art. 12 - MODIFICHE DELLO STATUTO Lo Statuto della Consulta Giovanile viene approvato dal Consiglio Comunale e pu essere modificato ogni qualvolta ragioni di legittimit ed opportunit ne rendano necessario l'adeguamento. La Consulta Giovanile pu formulare proposte di modifiche dello Statuto con proprio documento approvato a maggioranza dei 2/3 dei componenti dell'Assemblea. ART. 13 - DISPOSIZIONI FINALI Per quanto non previsto dal presente regolamento, si rinvia alle normative e disposizioni vigenti in materia, in quanto applicabili e compatibili con la natura del presente atto.