Sei sulla pagina 1di 2

Immaginate la mappa della Romania , che era allegato con Bessarabia e la Transnistria.

Siamo nel 1942, quando Antonescu deportava zingari su del fiume Prut ed la regione Transnistria era gestito dei rumeni. Da 25.000 zingari deportati in Transnistria allora, solo 11.000 sono sopravvissuti, secondo lo storico Viorel Achim, che ha dedicato un progetto di ricerca sulla deportazione degli zingari. "Hanno vissuto in condizioni disumane, vivono in capanne di paglia, senza i suoi vestiti. Sono morti di fame, freddo, sono stati sottoposti a regime di lavori forzati. Molti di zingari sono stati contratto il tifo, morto dopo il primo inverno trascorso in Transnistria. I medici ebraici gli sono stati vaccinati troppo tardi, dopo che la maggior parte aveva gi contratto ", dice il storico. "Ci sono molte storie di zingari in Transnistria, compreso l'amore. Ci sono un sacco di documenti in archivi e che sarebbe avventurato in grado di produrre anche un film Deportazioni in Transnistria hanno cominciato al 1 giugno 1942, prima con i gruppi nomadi, poi rroma(zingari) chiamato "sedentario". Le condizioni di vita in Transnistria sono stati molto duri.Per i rroma non erano abbastanza cibo e la razione fornite dal governo non stato rispettato, e talvolta non distribuito per settimane. non previsto legna per il riscaldamento e la cottura, e l'abbigliamento era un grosso problema, soprattutto perch con il loro rimozione da casa , i rroma non sono autorizzati a prendere vestiti o oggetti personali. Deportati rroma sono stati risolti in tre contee della Transnistria - Golta Otchakov Berezovsca, occupando diversi villaggi da che erano stati evacuati parte della popolazione ucraina. Si noti che alcuni villaggi rimangono liberi dopo lo sterminio degli ebrei nel 1941, inviati sul regime di Antonescu, per esempio Crasneanca campo. Va anche detto che c'erano ebraico misto e campi nomadi, come Tridubi ei rapporti tra loro sono stati pi volte a dura prova. "E 'stato differenze culturali. Gli ebrei hanno avuto cibo e famiglia e condividere la giornata in modo da ottenere una settimana mentre gli zingari stavano mangiando tutti in una volta e poi rubato dall'ebraico ", dice lo storico Viorel Achim divertito. Mentre erano in caserma nei villaggi zingari, i deportati vivevano in un disordine terribile. "Sono stati mal nutriti. Sono stati somministrati 400 grammi di pane a quelli che hanno lavorato e 200 grammi per anziani e bambini.", dicono i documenti provenienti dagli archivi di Odessa e Mykolaiv. Hanno lavorato nelle fattorie e riparare le strade.La maggior parte degli zingari sono stati utilizzati per la manodopera agricola nelle aziende agricole, strade riparate, i fabbri, pettine, sobari. "Le case Transnistria aveva stufe. Sembravano proprio come la Romania prima che il regolamento organico (1831-1832). Come gli zingari erano specialisti in stufe in lamiera hanno fatto per s e per la popolazione ucraina(tazze e altri oggeti domestichi dal metalo di allune machine agricole rubate) Possiamo dire quindi che ha agito come un fattore di civilizzazione in Transnistria ", dice lo storico Viorel Achim. Ha detto per che gli Zingari ha lasciato in Transnistria (1944) e fino ad ora, i villaggi non hanno realmente cambiato" Durante questo progetto ho fatto e "turismo culturale" in Transnistria e ho avuto modo di vedere i posti dove queste

persone hanno sofferto. non sono radicalmente cambiata ", ha detto. Anche se quasi vissuto in un campo, il loro sistema di vita era pi piacevole di quella degli ebrei nel 1941. "Per esempio, erano sorvegliati da gendarmi, ma i villaggi non erano stati circondati da filo spinato e coloro che cercano di fuggire sono stati girati e puniti.Punizioni fisiche si facevano per un certo numero di scatti ", afferma Achim. Anche gli zingari hanno avuto il loro sistema di corte, presieduta da Bulibaa. Per la violazione applicata comprese di mutilazioni." In gran parte, hanno conservato la loro struttura tribale del XIX secolo " , spiega Achim.