Sei sulla pagina 1di 9

Argomento Giunto di base secondo prEN 1993 1 8

Redattore Dott. Ing. Simone Caff


Riferimento Eurocodice 3
TECNICA DELLE COSTRUZIONI
Scheda 1 Pagina 1 di 8

1. Giunto di base secondo prEN 1993 1 8
720
160 400 160
2
0
0
9
0
9
0
3
8
0
80 80 400 80 80


1.1. Caratteristiche dei materiali

1.1.1. Colonna HE400B:
Acciaio Fe 430: 275 f
c , y
= [N/mm
2
]
430 f
c , u
= [N/mm
2
]
Altezza della colonna: 400 h
c
= [mm]
Larghezza della colonna: 300 b
c
= [mm]
Spessore delle ali: 24 t
c , f
= [mm]
Spessore dellanima: 5 . 13 t
c , w
= [mm]
Raggio raccordo: 27 r
c
= [mm]
Area della sezione trasversale: 8 . 197 A
c
= [cm
2
]
Modulo di resistenza plastico: 3232 W
c , y , pl
= [cm
3
]

1.1.2. Piastra di base:
Acciaio Fe 430: 255 f
p , y
= [N/mm
2
]
410 f
p , u
= [N/mm
2
]
Altezza della piastra 720 h
p
= [mm]
Larghezza della piastra: 380 b
p
= [mm]
Spessore delle piastra: 45 t
p , f
= [mm]

1.1.3. Bulloni:
Acciaio classe 10.9: 1000 f
b , u
= [N/mm
2
]
Diametro del bullone: 36 d = [mm]
Diametro della rondella: 60 d
w
= [mm]
Area sulla parte filettata: 817 A
s
= [mm
2
]

1.1.4. Calcestruzzo classe 25/30:
Resistenza cilindrica: 25 f
ck
= [N/mm
2
]
Coefficiente di sicurezza: 60 . 1
c
=



Argomento Giunto di base secondo prEN 1993 1 8
Redattore Dott. Ing. Simone Caff
Riferimento Eurocodice 3
TECNICA DELLE COSTRUZIONI
Scheda 1 Pagina 2 di 8

1.2. Caratteristiche di sollecitazione

Forza normale di compressione: 500 N
Sd
= [kN]
Momento flettente in senso orario: 40000 M
Sd
= [kNcm]
Forza di taglio: 300 V
Sd
= [kN]

1.3. Resistenza delle saldature

1.3.1. Forza agente sulle saldature dala:
Poich la forza di compressione eccede il 5% della resistenza plastica della sezione trasversale della colonna necessario
tenerla in conto ai fini delle verifiche di resistenza:

4945
1000 10 . 1
275
10 8 . 197
f
A N
2
0 M
c , y
c c , Rd , pl
=

= [kN]
500 25 . 247 4945 05 . 0 N 05 . 0 N
c , Rd , pl Rd %, 5
< = = = [kN]

La forza agente sulle saldature dala risulta:

1314
2
500
4 . 2 40
40000
2
N
t h
M
F
Sd
c , f c
Sd
Sd , w
= +

= +

= [kN]


1.3.2. Resistenza delle saldature dala:
Si praticano saldature a cordone dangolo con altezza di gola pari a:

17
2
2
24
2
2
t a
c , f f , g
= = = [mm]

La lunghezza del cordone esterno allala pari alla larghezza dellala:

300 b l
c 1 , c
= = [mm]

La lunghezza del cordone interno allala pari:

5 . 232 5 . 13 27 2 300 t r 2 b l
c , w c c 2 , c
= = = [mm]

Resistenza di calcolo della saldatura:

66 . 233
25 . 1 85 . 0 3
430
3
f
f
2 M w
c , u
d , vw
=

=

= [N/mm
2
]
( )
( )
Sd , w d , vw 2 , c 1 , c f , g Rd , w
F 2115
1000
66 . 233 5 . 232 300 17
f l l a F > =
+
= + = [kN]

1.3.3. Verifica delle saldature dala:
Verifica a presso flessione:

4230 2115 2 F 2 N
Rd , w Rd . w
= = = [kN]
( ) ( ) 79524 4 . 2 40 2115 t h F M
c , f c Rd , w Rd , w
= = = [kNcm]
1 62 . 0
79524
40000
4230
500
M
M
N
N
Rd , w
Sd
Rd , w
Sd
< = + = +

Per assicurare la duttilit della saldatura necessario che la resistenza della saldatura ecceda la resistenza plastica della
colonna, ovvero:

c , Rd , pl Rd , w
N N in questo caso essendo
c , Rd , pl Rd , w
N N < sarebbe necessario aumentare lo spessore delle saldature.
Argomento Giunto di base secondo prEN 1993 1 8
Redattore Dott. Ing. Simone Caff
Riferimento Eurocodice 3
TECNICA DELLE COSTRUZIONI
Scheda 1 Pagina 3 di 8


1.3.4. Resistenza delle saldature danima
Le saldature danima devono essere in grado di assorbire il taglio di progetto.

Si praticano saldature a cordone dangolo con altezza di gola pari a:

5 . 9
2
2
5 . 13
2
2
t a
c , w c , g
= = = [mm]

La lunghezza dei cordoni danima pari allaltezza saldabile della colonna

298 l
w , c
= [mm]

Resistenza di calcolo della saldatura:

66 . 233
25 . 1 85 . 0 3
430
3
f
f
2 M w
c , u
d , vw
=

=

= [N/mm
2
]
Sd d , vw w , c c f , g Rd , w
V 1323
1000
66 . 233 298 2 5 . 9
f l n a F > =

= = [kN]





1.4. Resistenza della piastra di base e del calcestruzzo
E necessario determinare la resistenza a trazione
Rd , 1 , T
F come la minima tra:

La resistenza a flessione della piastra di base:
Rd . pl , t
F
La resistenza a trazione dellanima della colonna:
Rd , wc , t
F

E necessario determinare la resistenza a compressione
Rd , 1 , C
F come la minima tra:

La resistenza a compressione dellala e dellanima della colonna:
Rd . fc , c
F
La resistenza a compressione del calcestruzzo:
Rd , pl , c
F


1.4.1. Resistenza a flessione della piastra di base:
La resistenza a flessione della piastra di base si calcola considerando la resistenza dellelemento a T equivalente di una
flangia non irrigidita estesa oltre lala tesa della colonna:




















Il meccanismo di rottura pu seguire linee di snervamento circolari o meno in funzione della geometria del giunto:


Argomento Giunto di base secondo prEN 1993 1 8
Redattore Dott. Ing. Simone Caff
Riferimento Eurocodice 3
TECNICA DELLE COSTRUZIONI
Scheda 1 Pagina 4 di 8


Modello di rottura circolare:

m
x
e
x
b w w b
e
x
m
x
m
x
e
x
b w
e
e
e
e
e
e


Interasse tra i bulloni: 200 w = [mm]
Distanza dei bulloni dal bordo libero: 80 e
x
= [mm]
90 e = [mm]
Distanza dei bulloni dalla saldatura: 80 . 60 2 a 8 . 0 e 160 m
f , g x x
= = [mm]

Meccanismo 1: 382 80 . 60 2 m 2 l
x cp , eff
= = = [mm]
Meccanismo 2: 371 90 2 80 . 60 e 2 m l
x cp , eff
= + = + = [mm]
Meccanismo 3: 391 200 80 . 60 w m l
x cp , eff
= + = + = [mm]



Modello di rottura non circolare:

w b
e
x
m
x
m
x
e
x
b w w b
e
x
m
x
m
x
e
x
b w
e
e
e
e
e
e
e
e
2
m
x
0
.
6
2
5
e
x



Meccanismo 1: 2 . 343 80 25 . 1 80 . 60 4 e 25 . 1 m 4 l
x x nc , eff
= + = + = [mm]
Meccanismo 2: 6 . 261 90 80 625 . 0 80 . 60 2 e e 625 . 0 m 2 l
x x nc , eff
= + + = + + = [mm]
Meccanismo 3: 190 380 5 . 0 b 5 . 0 l
p nc , eff
= = = [mm]
Meccanismo 4: 6 . 271 200 5 . 0 80 625 . 0 80 . 60 2 w 5 . 0 e 625 . 0 m 2 l
x x nc , eff
= + + = + + = [mm]





Argomento Giunto di base secondo prEN 1993 1 8
Redattore Dott. Ing. Simone Caff
Riferimento Eurocodice 3
TECNICA DELLE COSTRUZIONI
Scheda 1 Pagina 5 di 8


Calcolo della forza di trazione per il modo di collasso A: snervamento della piastra



La lunghezza effettiva di calcolo per il meccanismo di collasso A pari a:

( )
cp , eff nc , eff A , eff
l 190 l min l < = = [mm]

Il modulo di resistenza plastico risulta:

5 . 96187 45 190 25 . 0 t l 25 . 0 W
2 2
p A , eff A , pl
= = = [mm
3
]

Il momento resistente della flangia risulta:

22298011
10 . 1
255
5 . 96187
f
W M
0 M
p , y
A , pl A , Rd
= =

= [Nmm]

La forza di trazione corrispondente al meccanismo di collasso A risulta:





( ) n m
4
d
n m 2
M
4
d
2 n 8
F
x
w
x
A , Rd
w
A
Rd , 1 , T
+

|
|
.
|

\
|

=

dove : ( ) 76 m 25 . 1 ; e min n
x x
= = [mm]



( )
1793
1000
1
76 8 . 60
4
60
76 8 . 60 2
22298011
4
60
2 76 8
F
A
Rd , 1 , T
=
+

|
|
.
|

\
|

= [kN]

Argomento Giunto di base secondo prEN 1993 1 8
Redattore Dott. Ing. Simone Caff
Riferimento Eurocodice 3
TECNICA DELLE COSTRUZIONI
Scheda 1 Pagina 6 di 8


Calcolo della forza di trazione per il modo di collasso C: rottura per trazione dei bulloni



= =
i
Mb
ub s
b Rd , t
C
Rd , 1 , T
1176
1000 25 . 1
1000 817 9 . 0
2
f A 9 . 0
n F F [kN]





Calcolo della forza di trazione per il modo di collasso B: snervamento della piastra e rottura dei bulloni



La lunghezza effettiva di calcolo per il meccanismo di collasso B pari a:

( ) 190 l min l
nc , eff B , eff
= = [mm]

Il modulo di resistenza plastico risulta:

5 . 96187 45 190 25 . 0 t l 25 . 0 W
2 2
p B , eff B , pl
= = = [mm
3
]

Il momento resistente della flangia risulta:

22298011
10 . 1
255
5 . 96187
f
W M
0 M
p , y
B , pl B , Rd
= =

= [Nmm]

La forza di trazione corrispondente al meccanismo di collasso B risulta:

979
1000
1
76 80 . 60
1176000 76 22298011 2
n m
F n M 2
F
x
i
Rd , t B , Rd
B
Rd , 1 , T
=
+
+
=
+
+
=

[kN]


Dai calcoli risulta che il meccanismo di collasso preferenziale quello che predilige la rottura contemporanea sia dei bulloni
che della piastra pertanto:


[ ] 979 F F F min F
C
Rd , 1 , T
B
Rd , 1 , T
A
Rd , 1 , T Rd . pl , t
= = [kN]

Argomento Giunto di base secondo prEN 1993 1 8
Redattore Dott. Ing. Simone Caff
Riferimento Eurocodice 3
TECNICA DELLE COSTRUZIONI
Scheda 1 Pagina 7 di 8


1.4.2. Resistenza a trazione dellanima della colonna
La resistenza dellanima della colonna in trazione deve essere calcolata sulla base della lunghezza effettiva dellelemento a
T equivalente rappresentante la piastra:


=
min , eff wc , t , eff
0 M
c , y c , w wc , t , eff
Rd , wc , t
l b
f t b
F

= =
=


=
[mm] 190 l b
25 . 641
1000 10 . 1
275 5 . 13 190
f t b
F
min , eff wc , t , eff
0 M
c , y c , w wc , t , eff
Rd , wc , t
[kN]

1.4.3. Resistenza minima in zona tesa
La resistenza minima in zona tesa pari al valore minimo tra
Rd , pl , t
F e
Rd , wc , t
F

[ ] 25 . 641 25 . 641 979 min F
Rd , 1 , T
= = [kN]

1.4.4. La resistenza a compressione dellala e dellanima della colonna
La resistenza della colonna nella zona compressa si ricava nel seguente modo:

( ) ( )
2149
1000
1
10 . 1 24 400
275 10 3232
t h
f W
t h
M
F
3
0 M fc c
c , y c , y , pl
fc c
Rd , pl
Rd , fc , c
=


=

= [kN]

1.4.5. La resistenza a compressione del calcestruzzo
La resistenza a compressione del calcestruzzo deve essere determinata nel seguente modo:

eff eff jd Rd , pl , c
l b f F =

dove:
eff
b la larghezza effettiva dellelemento a T equivalente
eff
l la lunghezza effettiva dellelemento a T equivalente
jd
f la resistenza di contatto del giunto

42 . 10
60 . 1
25
3
2 f
f
c
ck
j jd
= =

= [N/mm
2
]

j
il coefficiente di giunto, che pu essere preso uguale a 2/3, purch la resistenza caratteristica della malta non sia
minore di 0,2 volte la resistenza caratteristica del calcestruzzo della fondazione e lo spessore della malta non sia maggiore
di 0,2 volte la larghezza minima della piastra di base in acciaio.

Per la determinazione di
eff
b e
eff
l si deve far riferimento al figura riportata di seguito:


Argomento Giunto di base secondo prEN 1993 1 8
Redattore Dott. Ing. Simone Caff
Riferimento Eurocodice 3
TECNICA DELLE COSTRUZIONI
Scheda 1 Pagina 8 di 8


Lo sbalzo massimo da considerare come efficace per la diffusione delle forze di compressione deve essere assunto pari a :

5 . 122
10 . 1 42 . 10 3
255
45
f 3
f
t c
0 M j
p , y
p
=

=

= [mm]

24
l
e
f
f

=

3
8
0
c = 122.5 c = 122.5
b
eff
= 269


1064
1000
380 269 41 . 10
l b f F
eff eff jd Rd , pl , c
=

= = [kN]

1.4.6. Resistenza minima in zona compressa
La resistenza minima in zona tesa pari al valore minimo tra
Rd , fc , c
F e
Rd , pl , c
F

[ ] 1064 1064 2149 min F
Rd , 1 , C
= = [kN]

1.5. Determinazione del momento resistente del giunto di base



Per prima cosa necessario determinare le distanze dal baricentro della colonna:

280 z
I , T
= [mm]
188
2
24
200 z
r , C
= = [mm]
468 188 280 z z z
r , C I , T
= + = + = [mm]

Si determina poi leccentricit di calcolo assumendo positivo il momento agente in senso orario e negativa la forza normale
se di compressione:

188 z 800
500
400000
N
M
e
r , C
Sd
Sd
= < =

= = [mm]
Argomento Giunto di base secondo prEN 1993 1 8
Redattore Dott. Ing. Simone Caff
Riferimento Eurocodice 3
TECNICA DELLE COSTRUZIONI
Scheda 1 Pagina 9 di 8


Secondo le prescrizioni del prospetto seguente il momento resistente del giunto risulta:



(
(
(
(

=
1
e
z
z F
1
e
z
z F
min M
I , T
rd , 1 , C
r , C
rd , 1 , T
Rd , j


[ ] 400 M 85 . 368 85 . 368 29 . 392
1000 1
800
280
468 1064
1000 1
800
188
468 25 . 641
min M
Sd Rd , j
= < = =
(
(
(
(
(

|
|
.
|

\
|

|
|
.
|

\
|
+

= [kNm]

La verifica non soddisfatta.