Sei sulla pagina 1di 22

Co mi penso a quel povero Marcello,

Poesia scritta per lamico Piero Marcello, che nel 1757 gli Inquisitori avevano condannato a sei anni di carcere per "irreligione e vita scandalosa".

Co mi penso a quel povero Marcello,


che xe l, come un can, in t'un casotto, dalla paura mi me cago sotto a figurarme, se mi fusse in ello. No se vede a vegnir che un baresello, che appena d ve porta '1 magnar cotto, e infin al zorno dopo in quel gabbiotto no se vede tornar altro che quello. L no ghe xe mai lume, n mai fogo per quanto longa, e larga sia la notte, e i sorzi ve fa intorno un brutto zogo No se sente che strepiti, e che botte; ma l pi fiero e terribil de quel liogo, el xe quello che l mai no se fotte.

Riflessibil xe molto la condotta, Riflessibil xe molto la condotta,


che tian i mi avversari, i quai se sforza con rason false dar vigor, e forza ai so argomanti contro della potta. Certamente convien, che mai no i fotta, e che tutto el so cul mai no ghe sforza, cuss pi franchi el dir elli rinforza, ed ultronei supporti elli ve adotta. Ma in massima de lezze, e de rason Ve mostrer el contrario, e ve dir, che repugna natura, e religion. Dir che per la potta el mondo ha moto,

che senza questa ael caos torna, dir, e che ubbidisso Dio, quando mi foto.

Cossa voleu che diga Cossa voleu che diga, caro fio,
de niovo de sti frati buzzaroni? Se non ve zoller ben i bragoni, spesso ghe n'avr qualcun da drio. Cossa voleu che diga, poffardio? Che per la potta e 'l cul sti porconi impegnaria la tonaca e i cogioni, e i manderia la religion a Lio? Ve dir che i va sempre volentiera in compagnia de qualche buzzaron, e che i de tutti i lumi la lumiera; e, se vol chiappar frati a boccon, basta che v, che s una bella ciera, tegnisse el cul fora dal balcon.

Osservo che sti Santi vien depenti Osservo che sti Santi vien depenti
Del so martirio col strumento in man, colle frezze i depenze San Bastian, e tutti i mette in vista i so tormenti. Santa Polonia, che xe sora i denti, ga la tenaggia, e ga po SantAlban la testa, che quel Re, che gera Arian, ga fatto batter zo tra mille stenti. SantAndrea ga la crose, e la graella Ga San Lorenzo, dove i lha puz Per arrostirlo, come una sardella. Mi, se un pittor depenzer me vorr, come go patio tanto per ella, co in man la mona el me depenzer.

Donne credeu che sol pissar Donne credeu che sol pissar
La mona vabbia fatto la natura? La ve lha fatta, perch el mondo dura Facendove dai omeni chiavar. Ogni qualvolta la vol salvar, e che ghe mett su la serratura, che vu f un gran pecc mi go paura, per el qual vabbi el culo da brusar. Tiolelo ancuo piuttosto che diman, che oltre che gavar sto bel sollazzo, far unopera bona da Cristian. Perch, sappi, che come fatto el giazzo Per renfrescarne, e per magnar el pan, cuss la mona fatta per el cazzo.

Quello che vedo, odoro, gusto, e sento, Quello che vedo, odoro, gusto, e sento,
tutto mona me par; se vardo el cielo, e che contemplo quel che gh de belo, me deventa una mona el firmamento. Se terra tocco, o lacqua, o el fogo, o el vento, me apr de toccar la mona col so pelo, e se a sti corpi pensa el mio cervelo se me trasforma in mona ogni elemento. Se naso unerba, un fior, un legno, un frutto, e quanto sa produr la terra, e l mar, sento lodor de mona da per tutto. In somma, se mi voggio specular, quanto in natura gh de bello, e brutto, se me converte in mona anca l pensar. No so dove scampar, e se sconder me voggio in qualche buso, alla mona ghe drento l muso. Se metto la man suso Ancora sulla robba, che se magna, fin se me cangia in mona el pan de Spagna. Ma l mio cuor no se lagna, come fava quel Re, che nol magnava, perch tutta la robba, che l toccava doro ghe deventava. A mi la robba assae pi me contenta Giusto perch una mona la deventa, e mi de pi la tenta, e la meccita tanto lappetito, che la fa che me piasa pi l soffrito, la me move un prorito, che mii magno la cossa anche pi abietta, co la ga della mona la salsetta. Oh mona benedetta! El nettare dei Dei no vale un cazzo Al bon gusto, che ga el to bruazzo; ti meggio del melazzo; altro che samparel, e la melissa, xe una mona, co in bocca la ve pissa! In tel stomego fissa

Mi go tanto la mona, e in te la testa, chaltro che mona al mondo no me resta; e se mando alla presta el mio pensier in qualche idea astratta, mapparisse una mona tanto fatta. Cara mona beata, oggetto delle mie consolazion, cossa ti me d gusto anca in vision! Go pi soddisfazion, perch i gusti se pol far colla mente pi belli assae de quel chi xe realmente. In ti continuamente Scovro cosse mirabili a tal segno, che de parlarne lomo no xe degno. Oh del mondo sostegno! Oh centro del piaser, e dei contenti! Oh sollievo dei miseri viventi! Bona per tutti i venti. Oh porta celestial! Oh vaso eletto! Oh solo unico ben senza difetto!

"Lo potremmo considerare il pi grande poeta priapeo mai esistito, ma, al contempo, uno dei massimi poeti lirici". (Apollinaire)

Continua Marchese De Sade

This site is hosted for FREE by FreeWebs.com. Click here to get your own Free Website!

False e vere pene dellinferno


Quando sento sti gran predicatori A predicar le pene dellinferno, Che ghe sar in quel liogo un fuogo eterno, E dei continnui spasemi, e dolori; Che de quei tetri, e spaventosi orrori, Orrendi mostri gaver l governo, Che con rabbia, e con odio sempiterno Dei dannai strazzer a bocconi i cuori; Me par, chi farave assae pi frutto, Sin vece de cazzarne un gran spavento Col figurar quel liogo cuss brutto, I predicasse sol el gran tormento De veder delle mone da per tutto, Senza, che mai gnessun possas andar drento.

Lode alle tette


Care tette, vu se lunica e sola Parte che pi someggia alle culate; Vu se quelle colline delicate Dove in mezzo, co i puol, i oselli svola. Se quella bella vista che consola, Perch proprio pare la via del late; Beati chi ve mette su le zate, Che come cera al fogo se descola. Oh! cari bei festoni della donna, Vu se quelle fatture benedette Che ne fa che piasa pi la mona; Se quella bella mostra che promette Ghe sia de sotto della roba bona, Ch per el pi ha bon cul chi ha bone tette.

Per un innamoramento de do donne


A sentir che do donne innamorae Xe tra de elle, me vien suso la stizza, Perch penso che quando la ghe pizza Altro no le puol far che le monae. Vard che belle matte buzarae, Una con laltra se vuol far novizza, Ma una chizza no puol allaltra chizza, Se no che darghe delle slenguazzae. Voggio ben che la gabbia un gran contento, Ma l so gusto sar sempre imperfetto, Co gnente no le ga da metter drento. Al pi podera per bel diletto Che l come ballar senza instrumento, Chiavarse colla mona a scartozzetto.

Valor dun culo tondo


Fra le fortune che ghe xe a sto mondo, La pi bella fortuna, a mi me par, Che la sia quella, co se puol trovar Una donna che gabbia el culo tondo. Un culo che sia fatto a mappamondo El val tanto oro che se puol pagar, E quando che sel possa buzarar El xe un paese che no gh l secondo. L xe dove va al fresco i porporati, Dove i mette el so ben e la so cura; E se no fusse l culo, grami i frati. Un culo de sta sferica figura Mi lo buzararave a tutti i pati, Sanca me fasse l diavolo paura.

Colloquio tra due ragazze


Vien qua, Tonina, senti una parola. Eh, che non posso... Senti, cara ti, La me spizza, che star no posso pi; Co me la meno el cuor se me consola. Cara, co no ti vuol altro, anca mi La me pizzega sempre, e la se mola; Ma procuro menarmela ogni d, E specialmente quando che son sola. Ah, che me sento che no posso star! St in Cristo, via! Che matta che ti xe! Mettime in mona un deo, ch voi sborar. Senti Anzoletta, piuttosto alla f Femose da qualcun un po chiavar, Ch averla sana o rotta listes.

Gusto del chiavar


Non digo che no sia gusto a toccar Un bel culo de qualche buzarona, Che no sia gusto de liccar la mona, Che no sia gusto a farselo menar. Colla so lengua in bocca de sborar No digo no la sia na cosa bona In somma tutto quel che co na dona De pi lascivo al mondo se puol far. Xe tutti quanti gusti bei e boni, Ma quello del chiavar, per mi sostento, Che l sia un gusto tra i gusti buzaroni Perch quando che in mona se xe drento, De tutto el mondo par se sia paroni, E tutto se dara per quel momento.

Lodar una bellezza


Una bellezza mi vorra lodar De quelle se puol dir lultimo biondo, Ma no s da che banda scomenzar, Se da naso, dal petto, oppur dal tondo. A dir, che unaltra Elena la par, Che Venere con ella g el secondo, I xe pensieri vecchia, co l cagar, E piuttosto mi taso, e me nascondo; Ma qualcosa vorra dirghe de bello Per farghe quella lode, che ghe v, E che affatto el pensier fusse novello. Dir, che la g tante qualit, Che a vardarla la f tirar losello; da questo argoment la so belt; Che se tanto la f dimpressionar sora i corpi a sol vardarla, Cosa farala a quei, che puol toccarla, e p anca chiavarla?

Ah!, s, che la g un petto, un collo, un viso, Che tanti pezzi i xe da paradiso; tanto che mi ho deciso, Che se ella fusse stada in quel momento, Che in terra xe vegn tutto contento Giove per andar drento, El savera de questa butt addosso, E el lavera chiavada a pi no posso.

Sora la moda del cavalcar


Ancu stuso de franza xe sorto, Chal par dei cavalieri, e daltra zente, V le donne a cavallo francamente De trotto, e de galloppo, avanti, e in dro. Ma quel, che pi me fa restar stupo, Xe, che sanca la viaza longamente Ma le prova un dolor, n mai le sente, Che la natura soa gabbia pato. Mo come xela? Cha ste donne mate Fiachezza el cavalcar no s causarghe, Quando a tinti ghe diol ossi, e culate?

Altra rason per mi no so trovarghe, Se n questa; perch le xe assuefate A portar spesso le so gambe larghe.

Romperl culo a na donna


Al mio casin son st con una dona, E mho per quantum possum diverto, In primis et ante omnia el fatto mio Ho fatto, id est, mi ghe lho messo in mona. Dopo che ho ben chiav sta buzarona, Me son prov per romperghe el da dro, Ma, come el giera troppo ben cuso, Me son messo a chiavarla alla schiavona. Per un pochetto no go fatto chiasso, Ma dopo aver d fondo a pi dun gotto, Son tron colla donna a tiorme spasso; Che son and de sora, ora de sotto, Po lho voltada colla testa abbasso, N la go fenia ben, che l cul go rotto.

Gusto de goder una ragazza in letto


Chi non sa cosa sia cazzarse in letto Co na ragazza zovene e vistosa, Che sia tondetta, grassa, e buttirosa; No sa cosa che sia gusto perfetto. L se gode ogni ben, ogni diletto, Che dalle spine xe cur la riosa, Che se quella xe po la so morosa, Altro che l paradiso de San Piero! Quando che se scomenza andarghe arrente Una dolcezza tal in sen ne piove, Che de sto mondo no se sa pi gnente Per che se svola, e cose tante e niove Ne rallegra e beatifica la mente, Che no se scambiera col ciel del Giove; Se trova un gusto grando de far un contrabbando, De metterghe in scondon Senza gran suggizion

El so povero cazzo In mona a quel mustazzo De quella so morosa, Che no gnente ritrosa, Che ha quei biondi cavei Che no ghe xe i pi bei, Co quel vago musin Fatto de late e vin, Co quel bocchin ben fatto De rider sempre in atto, Co quelle do tettine Durette e mollesine, Co quel corpetto bello Che xe fatto a pennello: In summa sta ragazza, Co lassa che se fazza, No ghe xe certo al mondo Un piaser pi giocondo. Che se po se ghe mette El muso in te le tette, E per mazor trastulo Un deo nel bus del culo, Allora ve prometto Se va, co se suol dir, tuttin bruetto; Ma cresce el godimento Quando che se xe l per andar drento, Co per metterse in lena Se fa che la ve l mena, e co no la puol pi Se volta l culo in su, Per tutto la se basa, El culo se ghe nasa, Po se ghe salta addosso Col cazzo duro e grosso; E cuss sutto sutto El se ghe para tutto, Se lassa che la traga, La ciga che la faga, E se va drento e fuora Sin tanto che la sbora. Altro che riose e fiori, Che balsamli e liquori, Altro che late e panna, Che zuccaro, che manna! No gh espression che basta; La materia s vasta, Che no ga fin n fondo, Me perdo, me confondo, No so dove mi sia, So che starave in mona in vita mia.

Innamoramento dellautor
Son tanto innamor duna ragazza, Che ghe dara le viscere, e anca iel cuor, A segno tal me xe cress lamor, Che me renegara sta bardazza Come unocca, che in acqua se sbabazza, Mi me sbabazzarave in quellumor, Che ghe vien dalla mona, e in tel odor Del so cul, co la fasse una smeggiazza. Per tutto ghe vorra metter le man, E tanta xe la voggia, che me sento, Che ghe la licarave, come un can. Sent cosa, che digo, e no me pento; Mi me contentarave in fin doman Tegnirghe in mona tutto l muso drento.

Fotte una donna sul letto


Tho pur trov sul letto Despoggi; oh Dio, che gusto! Poderte senza busto Le tette ben palpar. Lassa che la camisa Te leva un poco suso, Che della mona el buso Mi possa contemplar. Che Che Che Che carne, che bianchezza, collo, oh Dio, che tette! cosse morbidette, culo molesin!

Che brazzi, oh Dio, che fianchi! Che panza, dove in fondo Ghe xe un peletto biondo Che pare un peruchin! Via, slarga quelle cosse, Averzile, via, pronta, No me tegnir pi sconta

La reggia dellamor. Care le mie raise, Perch mai vergognarte Che veda quella parte Che me consola el cuor? Da quel morbido pelo, Che ti ha sul pettenecchio, Vedo come in un specchio El centro dogni ben, Ancor ti resisti, Ti tremi che ti fotta? Perch tanto te scotta Darme quel che me vien? Mi l so; ceder ti vuol, Ma ti l vuol far costretta; Acci che mi tel metta Con pi ferocit. Ecco quel liogo dove Amor tien quel sollazzo Che fa provar al cazzo La so felicit. Mi vedo do lavretti Morbidi che i se tocca, Che fa che quella bocca La gabbia del divin; Oh! quando che i se averze, Cosa me mostra amor, Oltre a quel bel color Che supera el rubin! Voi doperar quellarma Che per la bella lotta Da farse colla potta Natura mha form. Cara, e chi puol spiegar El gusto che mi sento! Quando che te son dentro Son tutto imbalsem. Oh come del mio nervo Tincontri ben le botte, Come le mie ballotte

Ti me fa ben ziogar! Che basi, che basoni Che ti me d amorosi, E tanto pi gustosi, Quando ti xe per far. Oh Dio, che l gusto cresce, E pi che lu vien grando, Se va l sangue misciando, E luno in laltro el va, Dal mio voltar dei occhi Ti puol ben concepir, Che mi son per morir; Oh Dio, che gusto! Che odor, oh che fragranza Vien fora da quel vaso, Che dandome in tel naso Me fa l cazzo indurir! Oh! che no posso pi, Cara, supporta e tasi, Ch un novo far de basi Te voggio far sentir. Senti se la mia lengua, Come una viperetta, In questa to cocchetta Sa ben qua e l zirar. Perch menistu tanto Quel to gran bel culletto? Sta quieta, ch l diletto Pi tempo puol durar; Ti disi che me ferma, Perch ti xe domada, Ma unaltra gran sborada Mi voggio farte dar; No voggio colla lengua Pi darte sto sollazzo, Ma a forza del mio cazzo Te voggio far sborar.

This site is hosted for FREE by FreeWebs.com. Click here to get your own Free Website!